Sei sulla pagina 1di 42

N O R M A

I T A L I A N A

CEI

Norma Italiana

CEI EN 61175
Data Pubblicazione

Edizione

1997-06

Prima

Classificazione

Fascicolo

3-37

3092 R

Titolo

Designazione di segnali e connessioni

Title

Designation for signals and connections

NORMA TECNICA

ELETTROTECNICA GENERALE E MATERIALI PER USO ELETTRICO

COMITATO
ELETTROTECNICO
ITALIANO

CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AEI ASSOCIAZIONE ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

SOMMARIO
La presente Norma stabilisce regole per la composizione delle designazioni e dei nomi che identificano i
segnali e le connessioni nel campo dellelettrotecnica e similari.
La presente Norma costituisce la ristampa senza modifiche, secondo il nuovo progetto di veste editoriale,
della Norma pari numero ed edizione (Fascicolo 2461).

DESCRITTORI DESCRIPTORS
segnale signal; designazione di segnali signal designation; connections connessioni;

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI


Nazionali
Europei
Internazionali

(IDT) EN 61175:1993-08;
(IDT) IEC 1175:1993-07;

Legislativi

INFORMAZIONI EDITORIALI
Norma Italiana

CEI EN 61175

Stato Edizione

In vigore

Varianti

Nessuna

Ed. Prec. Fasc.

Nessuna

Comitato Tecnico
Approvata dal

Sottoposta a
Gruppo Abb.

Pubblicazione
Data validit

Norma Tecnica
1995-2-1

Carattere Doc.
Ambito validit

Europeo

Chiusa in data

1995-9-30

3-Documentazione e segni grafici


Presidente del CEI

in Data

1995-1-11

CENELEC

in Data

1993-3-9

inchiesta pubblica come Documento originale


1

Sezioni Abb.

ICS
CDU

LEGENDA

(IDT) La Norma in oggetto identica alle Norme indicate dopo il riferimento (IDT)

CEI - Milano 1997. Riproduzione vietata.


Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente Documento pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi senza il consenso scritto del CEI.
Le Norme CEI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione sia di nuove edizioni sia di varianti.
importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dellultima edizione o variante.

Europische Norm Norme Europenne European Standard Norma Europea

EN 61175
Agosto 1993

Designazione di segnali e connessioni

Designation for signals and connections

CENELEC members are bound to comply with the


CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate
the conditions for giving this European Standard the
status of a National Standard without any alteration.
Up-to-date lists and bibliographical references concerning such National Standards may be obtained on
application to the Central Secretariat or to any CENELEC member.
This European Standard exists in three official versions (English, French, German).
A version in any other language and notified to the
CENELEC Central Secretariat has the same status as
the official versions.
CENELEC members are the national electrotechnical
committees of: Austria, Belgium, Denmark, Finland,
France, Germany, Greece, Iceland, Ireland, Italy, Luxembourg, Netherlands, Norway, Portugal, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.
CENELEC 1993 Copyright reserved to all CENELEC members.

I Comitati Nazionali membri del CENELEC sono tenuti, in accordo col regolamento interno del CEN/CENELEC, ad adottare questa Norma Europea, senza alcuna modifica, come Norma Nazionale.
Gli elenchi aggiornati e i relativi riferimenti di tali
Norme Nazionali possono essere ottenuti rivolgendosi
al Segretario Centrale del CENELEC o agli uffici di
qualsiasi Comitato Nazionale membro.
La presente Norma Europea esiste in tre versioni ufficiali (inglese, francese, tedesco).
Una traduzione effettuata da un altro Paese membro,
sotto la sua responsabilit, nella sua lingua nazionale
e notificata al CENELEC, ha la medesima validit.
I membri del CENELEC sono i Comitati Elettrotecnici
Nazionali dei seguenti Paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda,
Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.
I diritti di riproduzione di questa Norma Europea sono riservati esclusivamente ai membri nazionali del CENELEC.

C E N E L E C
Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica
Secrtariat Central:
Comit Europen de Normalisation Electrotechnique
European Committee for Electrotechnical Standardization rue de Stassart 35, B - 1050 Bruxelles Europisches Komitee fr Elektrotechnische Normung

CONTENTS

INDICE

Rif.

Topic

Argomento

SCOPE

CAMPO DI APPLICAZIONE

NORMATIVE REFERENCES

RIFERIMENTI NORMATIVI

GENERALIT
Struttura della designazione del segnale .............................
Caratteri raccomandati ..................................................................
Lunghezza ..........................................................................................

3.3

GENERAL
Structure of a signal designation ...........................................
Recommended characters .........................................................
Length .................................................................................................

APPLICATION OF ITEM DESIGNATION

APPLICAZIONE DEL BLOCCO DI IDENTIFICAZIONE


3
DEI MATERIALI
Designazioni del segnale in una gerarchia ........................ 4
Codice di identificazione dei materiali utilizzati per
indicare il materiale entro il quale il nome del segnale
viene definito, contrapposto a quello utilizzato per
indicare lorigine, la destinazione o il materiale
interessato dal segnale ................................................................. 5

3.1
3.2

Fig. 1
Fig. 2

Signal designations in a hierarchy ........................................


Item designations used to denote the item within
which the signal name is defined versus those used to
denote the source, destination or target item of the
signal
................................................................................................................

5
5.1
Fig. 3

5.2
Fig. 4
Fig. 5

Fig. 6

Fig. 7

SIGNAL NAME
General ...............................................................................................
Similar signals (STOP1 and STOP2)
and signal versions .......................................................................
Basic signal name .........................................................................
Example of names for controlling signals ........................
Example of signal designations
in an a.c. power supply system .............................................
Example of signal names
in a feedback control circuit ...................................................
Example of coded signal names for analogue
signals - a circuit measuring nonelectrical quantities
................................................................................................................

Fig. 8

Tab. 1
Fig. 9
Fig. 10

Example of coded signal names for analogue


signals a circuit measuring electrical quantities .........
States and signal names (single logic convention) ......
Example of signal names for multifunction signals .....
Parts of a signal name that apply in different modes
................................................................................................................

5.3
5.4
Fig. 11
Fig. 12
Tab. 2

Signal version identifier .............................................................


Signal level indication .................................................................
Polarity indications and signal levels ..................................
Mismatched polarity indications ............................................
States, levels, and signal names
(direct logic polarity indication) ............................................

Pag.

1
2
3

6
NOME DEL SEGNALE
Generalit ........................................................................................... 6
Segnali simili (STOP1 e STOP2)
e versioni del segnale ................................................................... 6
Nome del segnale di base .......................................................... 7
Esempio di nomi per i segnali di comando ...................... 7
Esempio di designazioni del segnale in un sistema
di alimentazione in c.a. ................................................................ 9
Esempio di nomi del segnale
in un circuito di regolazione a reazione ............................. 9
Esempio di nomi del segnale codificati per segnali
analogici - circuito che misura grandezze
non elettriche .................................................................................. 10
Esempio di nomi del segnale codificati per segnali
analogici circuito che misura grandezze elettriche .. 10
Stati e nomi del segnale (convenzione logica singola) ... 12
Esempio di nomi del segnale per segnali multifunzione 13
Parti di un nome del segnale che si applicano
in modi diversi ............................................................................... 14
Identificatore della versione del segnale .......................... 16
Indicazione del livello del segnale ...................................... 16
Indicazioni di polarit e livelli del segnale ...................... 17
Indicazioni di polarit discordi .............................................. 18
Stati, livelli e nomi del segnale
(indicazione di polarit logica diretta) ............................... 18

ANNEX/ALLEGATO

informative
informativo LETTER

A.1
Tab. A.1

A.2
Tab. A.2

A.3
Tab. A.3

A.4

CODES AND MNEMONICS


FOR USE IN SIGNAL NAMES
Letter codes for variables ..........................................................
Letter codes for variables ..........................................................
Special letter codes for electrical variables ......................
Special letter codes for electrical variables ......................
Letter codes used as modifiers ...............................................
Letter codes used as modifiers ...............................................
Identification of terminations
of certain designated conductors ..........................................

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina iv

CODICI LETTERALI E ABBREVIAZIONI DA UTILIZZARE


NEI NOMI DEL SEGNALE
19
Codici letterali per variabili ...................................................... 19
Codici letterali per variabili ...................................................... 19
Codici letterali speciali per variabili elettriche ............... 20
Codici letterali per variabili ...................................................... 20
Codici letterali utilizzati come modificazione ................. 20
Codici letterali utilizzati come modificazione ................. 20
Identificazione delle terminazioni
di alcune designazioni dei conduttori ................................ 21

Tab. A.4

A.5

Identification of terminations
of certain designated conductors ..........................................
Mnemonics for use in descriptive signal names
.................................................................................................................

Tab. A.5

Tab. A.5/it

Tab. A.5/en

Signal name mnemonics


alphabetically by mnemonic ....................................................
Signal name mnemonics
alphabetically by meaning in Italian .....................................
Signal name mnemonics
alphabetically by meaning in English .................................

Identificazione delle terminazioni


di alcune designazioni dei conduttori ...............................
Abbreviazioni da utilizzare nei nomi
del segnale descrittivi .................................................................
Abbreviazioni mnemoniche dei nomi del segnale
in ordine alfabetico per abbreviazione .............................
Abbreviazioni mnemoniche dei nomi del segnale
in ordine alfabetico per significato in italiano ................
Abbreviazioni mnemoniche dei nomi del segnale
in ordine alfabetico per significato in inglese .................

21
21
22
26
30

ANNEX/ALLEGATO

normative Other International Publications quoted


ZA normativo

in this Standard with the references


of the relevant European Publications

Altre Pubblicazioni Internazionali menzionate


nella presente Norma con riferimento
alle corrispondenti Pubblicazioni Europee
34

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina v

FOREWORD

PREFAZIONE

The text of document 3B(CO)48, as prepared


by Sub-Committee 3B: Documentation, of IEC
Technical Committee 3: Documentation and
graphical symbols, was submitted to the
IEC-CENELEC parallel vote in March 1992.
The reference document was approved by CENELEC as EN 61175 on 9 March 1993.
The following dates were fixed:
n
latest date of publication of an identical national standard
(dop)
01/07/1994
n
latest date of withdrawal of conflicting national standards
(dow)
01/07/1994

Il testo del documento 3B(CO)48, nella versione


preparata dal Sottocomitato 3B: Documentazione
elettrotecnica ed elettronica, del CT 3 della IEC:
Documentazione e segni grafici, stato sottoposto al voto parallelo IEC-CENELEC nel marzo 1992.
Il documento di riferimento stato approvato dal
CENELEC come EN 61175 il 9 marzo 1993.
Le date di applicazione sono le seguenti.
n
data ultima di pubblicazione di una Norma
nazionale identica
(dop)
01/07/1994
n
data ultima di ritiro delle Norme nazionali
contrastanti
(dow)
01/07/1994

Annexes designated normative are part of the


body of the standard.
Annexes designated informative are given
only for information.
In this standard, Annex A is informative and Annex ZA is normative.

Gli Allegati designati come normativi sono parte


integrante del corpo della Norma.
Gli Allegati designati come informativi sono riportati a titolo di informazione.
Nella presente Norma, lAllegato A informativo
e lAllegato ZA normativo.

ENDORSEMENT NOTICE

AVVISO DI ADOZIONE

The text of the International Standard IEC 1175


(1993) was approved by CENELEC as a European Standard without any modification.

Il testo della Pubblicazione IEC 1175 (1993) stato approvato dal CENELEC come Norma Europea
senza alcuna modifica.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina vi

3.1

SCOPE

CAMPO DI APPLICAZIONE

This standard establishes rules for the composition of designations and names that identify signals and connections in electrotechnical and related fields.

La presente Norma stabilisce regole per la composizione delle designazioni e dei nomi che identificano i segnali e le connessioni nel campo
dellelettrotecnica e similari.

NORMATIVE REFERENCES

RIFERIMENTI NORMATIVI

The following normative documents contain provisions which, through reference in this text, constitute provisions of this International Standard. At
the time of publication, the editions indicated were
valid. All normative documents are subject to revision, and parties to agreements based on this International Standard are encouraged to investigate
the possibility of applying the most recent editions
of the normative documents indicated below(1).
Members of IEC and ISO maintain registers of currently valid International Standards.

Le Norme sottoelencate contengono disposizioni


che, tramite riferimento nel presente testo, costituiscono disposizioni per la presente Norma. Al
momento della pubblicazione della presente Norma, le edizioni indicate erano in vigore. Tutte le
Norme sono soggette a modifiche e/o revisione, e
gli utilizzatori della presente Norma sono invitati
ad applicare le edizioni pi recenti delle Norme
sottoelencate(1). Presso i membri della IEC e
dellISO sono disponibili gli elenchi aggiornati
delle Norme in vigore.

GENERAL

GENERALIT

A signal designation shall identify uniquely a


simple functional or electrical connection
among a set of points (for example terminals,
junctions) within a collection of items, assemblies, equipments, plants, installations, or other
systems being documented.
For the purposes of this standard, the term signal designation includes designations for power and other constant-level connections.

La designazione di un segnale deve identificare unicamente una semplice connessione, funzionale o


elettrica, tra un insieme di punti (per es. terminali,
giunzioni) allinterno di un assieme di materiali, apparecchi, equipaggiamenti, impianti, installazioni o
altri sistemi oggetto di una documentazione.
Ai fini della presente Norma, il termine designazione del segnale include le designazioni relative
alle connessioni elettriche e ad altre connessioni a
livello costante.

Structure of a signal designation

Struttura della designazione del segnale

A signal designation contains a signal name


and, if necessary, a preceding item designation.
The signal name, in turn, contains a basic signal
name followed, if necessary, by a signal version
identifier. For binary logic signals on circuit diagrams using direct logic polarity indication, the
signal name also contains a signal level indication following the remainder of the signal
name.

Una designazione del segnale contiene un nome del


segnale e viene preceduta, se necessario, da un
blocco di identificazione dei materiali. A sua volta, il
nome del segnale contiene un nome del segnale di
base seguito, se necessario, da un identificatore della versione del segnale. Nel caso di segnali logici binari sugli schemi dei circuiti che utilizzano lindicazione di polarit logica diretta, il nome del segnale
contiene anche unindicazione del livello del segnale
scritto di seguito al resto del nome del segnale.
Queste parti della designazione del segnale sono
illustrate come segue:

These parts of the signal designation are shown


as follows:
i

where
i
;

(1)

( l

dove
is the item designation (see clause 4)
is the item designation separator

Editors Note: For the list of Publications, see Annex ZA


CEI EN 61175:1997-06
42

i
;

(1)

il blocco di identificazione dei materiali


(vedi art. 4)
il separatore del blocco di identificazione
dei materiali
N.d.R. Per lelenco delle Pubblicazioni, si rimanda allAllegato ZA.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 1 di 36

b
:

is the signal version separator


v

()

b
:

is the signal version identifier (see 5.3)

il nome del segnale di base (vedi 5.2)


il separatore della versione del segnale

lidentificatore della versione del segnale


(vedi 5.3)

is the signal level separator (only one


method shown, see 5.4)

()

is the signal level indication (see 5.4)

Parts b through l together form the signal


name.
Examples of signal designations:
=A1A2;CNTEN1:A(H)
START(H)
ON
=T1;230V_L1

lindicazione del livello del segnale


(vedi 5.4)
Insieme, le parti da b a l formano il nome del
segnale.
Esempi di designazioni del segnale:
=A1A2;CNTEN1:A(H)
START(H)
ON
=T1;230V_L1

Recommended characters

Caratteri raccomandati

Signal designations should be composed from


standard character sets, excluding lowercase letters. Different mnemonics, abbreviations, identifiers, suffixes, etc., within a signal name may be
separated by a single space or by an underline
( _ ) to increase readability. To maintain compatibility with computer processing, character
sets should be restricted to those characters in
the ISO/IEC 646 7-bit character set, basic code
table, excluding control characters and national
replacement characters(1). If the computer and
communication systems that are to be used are
restricted to those that can process 8-bit character sets, ISO 8859-1 is recommended for supplementary characters.

Le designazioni del segnale dovrebbero essere composte da gruppi di caratteri standard, lettere minuscole escluse. Abbreviazioni, sigle, identificatori, suffissi ecc., allinterno di un nome del segnale,
possono essere separati da uno spazio singolo o
preferibilmente da un tratto inferiore ( _ ), per aumentarne la leggibilit. Per mantenere la compatibilit con lelaborazione informatica, i gruppi di caratteri dovrebbero essere limitati ai gruppi di caratteri a
7 bit contenuti nella tabella dei codici di base di cui
nella Pubblicazione ISO/IEC 646, escludendo i caratteri di controllo o di comando e quelli nazionali
di sostituzione(1). Se i sistemi informatici e di comunicazione che devono essere utilizzati sono limitati a
quelli che possono utilizzare gruppi di caratteri a 8
bit, si raccomanda la Norma ISO 8859-1 per quanto
riguarda i caratteri aggiuntivi.
I caratteri consigliati comprendono quanto segue:

3.2

is the basic signal name (see 5.2)

The recommended characters include the following:


n
capital letters A through Z;
n
digits 0 through 9;
n
negation characters: macron ( )(2), (3), logic negation ( )(2),(3), or, where 7-bit characters must be used, tilde ( ~ )(4). (For negation methods, see 5.2.3.1.);

n
n
n

spacing characters: underline ( _ ) or space;

item designation separator: semicolon ( ; );

signal version separator: colon ( : );

(1)

(1)

(2)

National replacement characters are character codes to which individual National Committees may assign graphic characters other
than those tentatively assigned in ISO/IEC 646.
Included in ISO 8859-1. Not part of ISO/IEC 646.

(3)
(4)

May occupy the same position as tilde ( ~ ) in some character sets.


National replacement character in ISO/IEC 646.

(3)
(4)

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 2 di 36

il separatore del livello del segnale (viene riportato solo un metodo, vedi 5.4)

(2)

lettere maiuscole dalla A alla Z;


cifre dallo 0 al 9;
caratteri di negazione: macron ( )(2),(3), negazione logica ( )(2),(3) oppure, quando devono
essere utilizzati caratteri a 7 bit, tilde ( ~ )(4). (Per
i segnali che comportano una negazione, vedi
5.2.3.1.);
caratteri di spaziatura: tratto inferiore ( _ ) o
spazio;
separatore del blocco di identificazione dei
materiali: punto e virgola ( ; );
separatore della versione del segnale: due
punti ( : );
I caratteri nazionali di sostituzione sono codici di caratteri a cui i singoli
Comitati Nazionali possono attribuire caratteri grafici diversi da quelli
proposti nella Pubblicazione ISO/IEC 646.
Compreso nella Norma ISO 8859-1. Non fa parte della Pubblicazione
ISO/IEC 646.
In alcuni gruppi di caratteri pu occupare la stessa posizione della tilde ( ~ ).
Il carattere nazionale di sostituzione riportato nella Pubblicazione
ISO/IEC 646.

n
n
n

3.3

algebraic operators: hyphen/minus ( ),


plus ( + );
Boolean operators: raised dot ( )(1);
special characters:
! %& ()*,./<=>?

n
n
n

operatori algebrici: trattino/meno ( ), pi


( + );
operatori booleani: punto in apice ( )(1);
caratteri speciali:
!%&()*,./<=>?

Length

Lunghezza

Computer processing and space requirements


in documentation usually place practical limits
on the length of signal designations. This
should be taken into account when composing
these designations.
The signal name portion of the signal designation (see clause 5) should be restricted to 24
characters or fewer.

Di solito, lelaborazione informatica e le esigenze


di spazio nella documentazione pongono limiti
pratici alla lunghezza delle designazioni dei segnali. Di ci si dovrebbe tener conto nella composizione di tali designazioni.
La porzione del nome del segnale nella designazione del segnale (vedi art. 5) dovrebbe essere limitata a 24 caratteri o meno.

APPLICATION OF ITEM DESIGNATION

APPLICAZIONE DEL BLOCCO DI


IDENTIFICAZIONE DEI MATERIALI

A signal designation may begin with an item


designation. This shall be separated by a semicolon ( ; ) from the remainder of the signal designation, i.e., the signal name.

Una designazione del segnale pu iniziare con un


blocco di identificazione dei materiali. Questo
deve essere separato da un punto e virgola ( ; )
dal resto della designazione del segnale, vale a
dire il nome del segnale.
La porzione del blocco di identificazione dei materiali nella designazione del segnale viene utilizzata per
identificare un particolare materiale, apparecchio,
equipaggiamento, impianto o installazione in un insieme di componenti ecc. allinterno del quale la
porzione del nome del segnale della designazione
del segnale diventa unica. Per esempio, vedi Fig. 1.
I blocchi di identificazione dei materiali devono
essere stabiliti conformemente a quanto stabilito
nella Pubblicazione IEC 750.

The item designation portion of the signal designation is used to identify a particular item, assembly, equipment, plant, or installation in a
collection of items, etc., within which the signal
name portion of the signal designation becomes
unique. For example, see Fig. 1.
Item designations shall be constructed according to the rules of IEC 750.
Note/Nota When a signal designation is shown on a document, the

Likewise, the item designation part of the signal designation


may be abbreviated by omitting the part that is common to
all items shown within a boundary frame in a diagram or
within a section in a signal list. See Fig. 1.

Quando la designazione del segnale viene riportata su un documento, la parte della designazione del segnale relativa al
blocco di identificazione dei materiali pu essere abbreviata,
purch ci non crei confusione, omettendo la parte del blocco
di identificazione dei materiali che si applica allintero documento o alla pagina del documento (per es. una parte comune
riportata nel titolo)(1).
Allo stesso modo, la parte relativa al blocco di identificazione dei
materiali pu essere abbreviata, omettendo la parte in comune a
tutti i materiali rappresentati entro un contorno poligonale in uno
schema o entro una sezione in una lista di segnali. Vedi Fig. 1.

(1)

(1)

item designation part of the signal designation may be abbreviated, it no confusion is likely, by omitting the part of the
item designation that is applicable to the whole document or
to the document page (for example a common part shown in
the title block)(1).

Detailed guidance on this subject is under consideration in the context of IEC 1082 and the revision of IEC 750.

Istruzioni dettagliate relative a questo soggetto sono allo studio nel contesto
della Pubblicazione IEC 1082 e della revisione della Pubblicazione IEC 750.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 3 di 36

Fig. 1

Signal designations in a hierarchy

Designazioni del segnale in una gerarchia

=A11; STOP MOTOR 1


= A11
= A1

= A3

F456
OUT

F123
STOP IN

STOP MOTOR 1

= A4

= A2

F456
OUT

F123
STOP IN

STOP MOTOR 2

Fig. 1a
=A11; STOP MOTOR 2

STOP IN

F123

OUT

F456

Fig. 1b

=A11=A1; OUT

= A11; STOP MOTOR 1

=A11=A3; STOP IN

=A3

=A1
OUT

STOP IN

STOP MOTOR 1

=A4

=A2
OUT

STOP MOTOR 2

STOP IN

Fig. 1c
=A11=A2; OUT

Fig. 1a shows a portion of a diagram that uses


two instances each of two pre-engineered circuits (F123 and F456). Fig. 1b shows, in part,
the diagrams for F123 and F456. Fig. 1c shows a
more detailed (exploded) form of Fig. 1a.
Each signal can be uniquely identified by any of
the three complete signal designations shown.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 4 di 36

=A11; STOP MOTOR 2

=A11=A4; STOP IN

La Fig. 1a illustra una porzione di uno schema


che utilizza due esempi con due circuiti precablati
(F123 e F456). La Fig. 1b illustra, in parte, gli
schemi di F123 e di F456. La Fig. 1c illustra una
forma pi dettagliata (esplosa) della Fig. 1a. Ciascun segnale pu essere identificato unicamente
da una qualsiasi delle tre complete designazioni
dei segnali rappresentati.

Fig. 2

Item designations used to denote the item within


which the signal name is defined versus those
used to denote the source, destination or target
item of the signal

Codice di identificazione dei materiali utilizzati per indicare il materiale entro il quale il nome del segnale
viene definito, contrapposto a quello utilizzato per indicare lorigine, la destinazione o il materiale interessato dal segnale

=S1 WATER SUPPLY STSTEM


= P1 PUMPING SYSTEM
A1
PROGR.
CONTROLLER

Means the signal name


START PUMP. SYS. 1
(within =S1) or the signal
name START within =P1
(within =S1)

Q1
RUN-M1 or RUN MAID PUMP
M1 OVERLOADED

M1

Ci indica il nome del segnale


START PUMP SYS. 1 (allinterno
di =S1) oppure il nome del segnale
START allinterno di =P1
(allinterno di =S1)

MAIN PUMP

=A1
DISTR.
COMPUTER

START PUMP SYS 1 or = P1; START


=P1; RUNNING
=P1; MALFUNCTION

START

RUN M2

RUNNING

M2 OVERLOADED

Q2

MALFUNCTION
M

= S1; START or START WTR SPLY SYS 1


= S1; RUNNING

M2

START
RUNNING

= S1; MALFUNCTION

MALFUNCTION

COOL ING FAN


Q3
RUN M3
M3 OVERLOADED

M
M3

LUBR. OIL PUMP

=P2; START
=P2; RUNNING
SAME AS =P1
=P2; MALFUNCTION
= S1P1; FAULT

=P2; FAULT

= S1P2; FAULT

=P2; FAULT

Fig. 2 shows the difference between signal designations (such as =P1;FAULT), containing
item designations that indicate the item within
which the signal name portion of the signal
designation is defined, and signal designations
(such as RUN-M1) that include in the signal
name portion the item designation of a source,
destination, or target item for the signal.

La Fig. 2 illustra la differenza tra le designazioni del


segnale (come =P1;FAULT), contenenti i blocchi
di identificazione dei materiali in cui viene definita
la porzione del nome del segnale, e le designazioni
del segnale (come RUN-M1) che sottintendono nella porzione del nome del segnale il blocco di identificazione dei materiali di unorigine, di una destinazione o di un materiale interessato dal segnale.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 5 di 36

SIGNAL NAME

NOME DEL SEGNALE

5.1

General

Generalit

A signal name shall identify uniquely a simple


functional or electrical connection among a set
of points (for example, terminals, junctions)
within the boundaries of one item, assembly,
equipment, plant, installation, or other system
being documented.
A signal name contains a basic signal name
(see 5.2) and may contain a signal version identifier (see 5.3) and/or a signal level indication
(see 5.4).
Identical signal names shall not be applied to
different signals no matter how similar the functions. The following rules apply:
a) Similar signals in similar circuits shall have
different signal names. Suitable suffixes may
be added to the basic signal name (see 5.2)
to distinguish the different circuits. For example, in Fig. 3 two motor-control circuits
each have a signal that stops their respective motors. These different signals are
named STOP1 and STOP2.

Il nome del segnale deve identificare unicamente


una semplice connessione, funzionale o elettrica,
tra un insieme di punti (per es. terminali, giunzioni) allinterno di un insieme di materiali, apparecchi, equipaggiamenti, impianti, installazioni o altri
sistemi oggetto di una documentazione.
Un nome del segnale contiene un nome del segnale di base (vedi 5.2) e pu contenere un identificatore della versione del segnale (vedi 5.3) e/o
unindicazione del livello del segnale (vedi 5.4).
Non devono essere applicati a segnali con funzioni differenti nomi identici di segnale, non avendo
importanza se le funzioni sono simili. Si applicano le regole che seguono.
a) Segnali simili in circuiti simili devono avere
differenti nomi del segnale. Per distinguere i
differenti circuiti, possono essere aggiunti suffissi adatti al nome del segnale di base (vedi
5.2). Per esempio, in Fig. 3 due circuiti di comando motore hanno ciascuno un segnale
che ferma i loro rispettivi motori. Questi differenti segnali sono chiamati STOP1 e STOP2.

Similar signals (STOP1 and STOP2) and signal


versions

Segnali simili (STOP1 e STOP2) e versioni del segnale

Fig. 3

STOP1:1

M1_RUNNING

&

STOP1:2

STOP1
HALT

STOP2:1
1
STOP2:1
&
1

STOP2:2

M2_RUNNING
STOP2

b) A signal name shall be altered whenever a


signal is amplified, inverted, gated with another signal, delayed, chopped, stored, or
changed in any way. This change may take
the form of a change in the basic signal
name (see 5.2) or of the addition of a signal
version identifier to the basic signal name
(see 5.3).
c) If the same signal is generated more than
once, amplified, level shifted, or passed
through a conductive device, each occurNORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 6 di 36

b) Un nome del segnale deve essere cambiato


ogniqualvolta un segnale viene amplificato, invertito, combinato a un altro segnale, ritardato,
interrotto, memorizzato o modificato in qualsiasi
modo. Questa modifica pu essere una modifica
nel nome del segnale di base (vedi 5.2) o unaggiunta di un identificatore della versione del segnale al nome del segnale di base (vedi 5.3).
c) Se lo stesso segnale viene generato pi di una
volta, amplificato, spostato di livello o passato
attraverso un dispositivo conduttore, ogni vol-

rence of the basic signal should have the


same basic signal name, but with different
signal version identifiers (see 5.3). For example, in Fig. 3 the signal STOP1 drives
two amplifiers. The outputs of those amplifiers are named STOP1:1 and STOP1:2.
d) If a binary logic signal (see 5.2.3) is merely
negated or inverted, the basic signal name
shall remain unchanged except for the addition (or deletion) of a negation indication. If
direct logic polarity indication is used, the
signal level indication (see 5.4) may be
changed instead. If a signal is inverted more
than once, different version identifiers shall
be used (see 5.3) to distinguish different inverted or noninverted versions of a signal.
For example, see Fig. 3, signals STOP2:1,
STOP2 : 1, and STOP2:2.

5.2

Fig. 4

ta che si incontra il segnale di base si dovrebbe dare lo stesso nome del segnale di base,
ma con differenti identificatori della versione
del segnale (vedi 5.3). Per esempio in Fig. 3 il
segnale STOP1 aziona due amplificatori. Le
uscite di quei due amplificatori vengono chiamate STOP1:1 e STOP1:2.
d) Se un segnale logico binario (vedi 5.2.3) viene
semplicemente negato o invertito, il nome del
segnale di base non deve essere modificato tranne che nellaggiunta (o nelleliminazione) di
unindicazione di negazione. Se si utilizza lindicazione di polarit logica, al suo posto pu essere modificata lindicazione del livello del segnale
(vedi 5.4). Se un segnale viene invertito pi di
una volta, devono essere utilizzati differenti
identificatori della versione (vedi 5.3) per distinguere differenti versioni invertite o non invertite
di un segnale. Per esempio, vedi Fig. 3, segnali
STOP2:1, STOP2:1 e STOP2:2.

Basic signal name

Nome del segnale di base

The basic signal name in a signal designation


identifies a single piece of information that may
be transmitted through several different physical signals within a circuit. The unique name
for each such physical signal should be formed
using the same basic signal name that describes
the common piece of information.
A basic signal name shall indicate the information carried by the signal or the function performed.
Signals of a reporting nature, such as status signals, should be named based on the information they convey. For example, a signal reporting whether or not motor M2 is running might
be named M2_RUNNING.
Signals of a commanding or controlling nature
should be named based on the function they
perform, rather than on the signals or functions
used to generate them. For example, if a signal
RUN_EN is gated with another signal CLK6 to
produce a signal that sets a bistable element
named RUN, the function is obvious if the output signal is named SET_RUN. However, if the
output signal is named RUN_EN_CLK6, its function is open to speculation.

Il nome del segnale di base in una designazione del


segnale identifica una singola informazione che
pu essere trasmessa attraverso parecchi segnali fisici differenti allinterno di un circuito. Il nome unico
per ciascuno di questi segnali fisici dovrebbe essere
formato utilizzando lo stesso nome del segnale di
base che descrive linformazione comune.
Un nome del segnale di base deve indicare linformazione riportata dal segnale o dalla funzione
effettuata.
I segnali di informazione, come i segnali di stato,
dovrebbero ricevere un nome basato sulle informazioni che esse danno. Per esempio, un segnale
che indichi se il motore M2 o non in funzione
potrebbe essere chiamato M2_RUNNING.
I segnali di comando o di controllo dovrebbero ricevere un nome basato sulla funzione che essi effettuano piuttosto che sui segnali o sulle funzioni utilizzati
per generarli. Per esempio, se un segnale RUN_EN
viene combinato a un altro segnale CLK6 per produrre un segnale che regola un elemento bistabile
chiamato RUN, la funzione risulta ovvia se il segnale
di uscita viene chiamato SET_RUN. Tuttavia, se il segnale di uscita viene chiamato RUN_EN_CLK6, la
sua funzione diventa oggetto di interpretazioni.

Example of names for controlling signals

Esempio di nomi per i segnali di comando

CLK6

&
SET_RUN

RUN_EN

RUN

R
RUN

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 7 di 36

Every effort should be made to use mnemonic


names, standard abbreviations, and standard
letter symbols. Mnemonics, abbreviations, and
letter symbols shall be explained in the document in which the signal name appears or in
supporting documentation, or a reference shall
be made to the International Standard(s) where
they are explained.
If space permits, easy-to-understand mnemonics should be used instead of over-short abbreviations. For example, SELDEV1 better conveys
the meaning select device 1 than does SD1.

Si dovrebbe compiere ogni sforzo per utilizzare


nomi abbreviati, sigle standard e segni letterali
standard. Tali nomi abbreviati, sigle e segni letterali devono essere esplicati nel documento in cui
appare il nome del segnale o nella documentazione di supporto, oppure si deve fare riferimento
alla o alle Pubblicazioni Internazionali in cui tali
termini appaiono.
Se lo spazio lo permette, dovrebbero essere utilizzate abbreviazioni comprensibili anzich sigle troppo
corte. Per esempio, SELDEV1 rende di pi lidea di
select device 1 (dispositivo di selezione 1) di
quanto non la renda SD1.

Note/Nota Mnemonics, abbreviations, and letter symbols that are inter-

Nomi abbreviati, sigle e segni letterali che sono stati internazionalmente normalizzati sono considerati indipendenti da una
singola lingua e quindi adatti per essere utilizzati in qualsiasi lingua. Altri nomi abbreviati e sigle possono al contrario dipendere
da una lingua. Se vengono utilizzati in lingue diverse da quella
originale, la loro propriet mnemonica pu andare perduta.

nationally standardised are considered to be language-independent and suitable for use in any language. Other mnemonics and abbreviations may be language-dependent. If
used in languages other than the original, their mnemonic
property may be lost.

5.2.1

Power and other constant-level connections


The principles for naming power-supply and
other constant-level connections are the same
as for analogue and binary-logic signals.
Each designation shall apply to only one supply
in an installation or equipment.
Constant-level connections should be named
according to the characteristics of the constant-level physical quantity they carry. This
can be either a numerical value with a unit of
measure or a commonly understood abbreviation that implies a nominal numerical value
and may also imply a tolerance or other additional properties. For example, a ground connection may be named 0V or GND. A TTL supply voltage connection may be named +5V or
VCC. A power main connection may be named
50HZ 230V L1.
Mnemonics and abbreviations should be derived from letter symbols given in IEC 747 or
IEC 445, if applicable. For convenience, IEC 445
conductor markings are included in Annex A,
table A.4.
Fig. 5 is an example of signal designations in an
a.c. power supply system.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 8 di 36

Connessioni elettriche e altre connessioni a livello


costante
I principi di denominazione delle connessioni di
alimentazione e di altre connessioni a livello costante sono le stesse sia per i segnali analogici
che per quelli logici binari.
Ciascuna designazione deve applicarsi a ununica
alimentazione in uninstallazione o equipaggiamento.
Le connessioni a livello costante dovrebbero ricevere un nome basato sulle caratteristiche della grandezza fisica a livello costante che esse danno. Questo nome pu essere o un valore numerico con
ununit di misura, o unabbreviazione comunemente compresa che implica un valore numerico nominale e pu anche implicare una tolleranza o altre
propriet aggiuntive. Per esempio, una connessione
a terra pu essere chiamata 0V o GND. Una connessione di tensione di alimentazione TTL pu essere
chiamata +5V o VCC. Una connessione elettrica di
rete pu essere chiamata 50HZ 230V L1.
Le abbreviazioni o le sigle dovrebbero derivare
dai simboli letterali riportati nelle Pubblicazioni
IEC 747 o 445, se applicabili. Per comodit, le
marcature dei conduttori di cui alla Pubblicazione
IEC 445 sono riportate in Tab. A.4 dellAllegato A.
La Fig. 5 un esempio delle designazioni del segnale
in un sistema di alimentazione in corrente alternata.

Fig. 5

Example of signal designations in an a.c. power


supply system

Esempio di designazioni del segnale in un sistema di


alimentazione in c.a.

=E1W10

m
=E1T1-Q1
=E1W10;5L1
ITEM DESIGNATION; BUS
OUTLET SECTION 5
PHASE L1 (TABLE A.4)

=E1W10;5L1, =E1W10;5L2 and =E1W10; 5L3


=E1T1;1L1

=E1T1;1L2

and =E1T1;1L3

=E1T1;2L1,

=E1T1;2L2

and =E1T1; 2L3

=E1T1-Q2

=E1T1-T1
=E1T1;3L2 and =E1T1;3L3

=E1T1;3L1,
ITEM DESIGNATION
TRANSFORMING SUB-SYSTEM
SECTION 3
PHASE L3 (TABLE A.4)

5.2.2

Fig. 6

=E1T1;3L3

=E1T1-Q3

Analogue signals
Analogue signals have a continuous range of
possible physical values. Names for analogue
signals should describe the variable or function
represented by the signal.
The name for an analogue signal should be
based on plain language or, if coded, be formed
in accordance with an applicable International
Standard as limited by clause 2 of this standard.
For example, see Fig. 6.

Segnali analogici
I segnali analogici hanno un campo continuo di
valori fisici possibili. I nomi dei segnali analogici
dovrebbero descrivere la variabile o la funzione
rappresentata dal segnale.
Il nome di un segnale analogico dovrebbe essere
basato su un linguaggio chiaro oppure, se in codice, essere formato conformemente a una Pubblicazione Internazionale applicabile secondo
quanto indicato dallart. 2 della presente Norma.
Per esempio, vedi Fig. 6.

Example of signal names in a feedback control circuit

Esempio di nomi del segnale in un circuito di regolazione a reazione

CURR

POSREF

A3
A1
A2
CURR CNTL
+
SPOREF

CURR REF

+
+
POSITION

CURRENT
SPEED

h
M

n1
n2

SPO

G
POS

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 9 di 36

For coded names of measuring transducer output signals (used in process control industry applications or elsewhere, if suitable), the following standards apply:
n
for nonelectrical quantities: ISO 3511-1. See
Annex A, table A.1, letter codes for variables;
n
for electrical quantities: the letter symbols
for quantities and units in IEC 27 and ISO
31-5. See Annex A, table A.2, special letter
codes for electrical variables;

For examples, see Fig. 7 and 8.

Per i nomi in codice dei segnali di uscita dai trasduttori di misura (utilizzati nellindustria del controllo di processo o altrove, se possibile), si applicano le Pubblicazioni seguenti:
n
per grandezze non elettriche: Norma ISO
3511-1. Vedi Tab. A.1 dellAllegato A, codici
letterali per variabili;
n
per grandezze elettriche: i segni grafici letterali per le grandezze e le unit della Pubblicazione IEC 27 e della Norma ISO 31-5. Vedi
Tab. A.2 dellAllegato A, codici letterali speciali per variabili elettriche;
n
per i modificatori: Norma ISO 3511-1. Vedi
Tab. A.3 dellAllegato A, codici letterali utilizzati come modificatori.
Per esempio, vedi Fig. 7 e 8.

Example of coded signal names for analogue signals - a circuit measuring nonelectrical quantities

Esempio di nomi del segnale codificati per segnali analogici - circuito che misura grandezze non elettriche

Fig. 7

for modifiers: ISO 3511-1. See Annex A, table A.3, letter codes used as modifiers.

F 1
FLOW RATE (TABLE A.1)
NUMBER 1

PRESSURE (TABLE A.1)


DIFFERENCE (TABLE A.3)
NUMBER 1

F1

PD1

P D1

P1

L1

L 1
LEVEL (TABLE A.1)
NUMBER 1

Esempio di nomi del segnale codificati per segnali


analogici circuito che misura grandezze elettriche

Example of coded signal names for analogue signals a circuit measuring electrical quantities

U 1
VOLTAGE (TABLE A.2)
NUMBER 1

U1
UR1

VOLTAGE (TABLE A.2)


RESIDUAL (TABLE A.3)
NUMBER 1

U R 1

U2

U3

U4
3

Fig. 8

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 10 di 36

Binary logic signals


Binary logic signals are signals having only two
states, which may be represented by two nonoverlapping ranges of physical values for the
signal. These two ranges are called levels.
For binary logic signals, the basic signal name
should be an abbreviation of a statement or expression that can be evaluated to be true or
false (or 1 or 0). For example, the name ALARM
is an abbreviation of the statement alarm is active.
The truth-value obtained from evaluating the
statement or expression represented by the basic signal name is called the signal state the
logic state of the signal.

Segnali logici binari


I segnali logici binari sono segnali che hanno solo
due stati, che possono essere rappresentati da
due campi non sovrapposti di valori fisici per il
segnale. Questi due campi sono chiamati livelli.
Per i segnali logici binari, il nome del segnale di
base dovrebbe essere una abbreviazione di una
frase o espressione che possa essere considerata
vera o falsa (oppure 1 o 0). Per esempio, il nome
ALARM unabbreviazione della frase alarm is
active.
Il valore-verit ottenuto dalla valutazione della
frase o espressione rappresentata dal nome del
segnale di base viene chiamato stato del segnale
lo stato logico del segnale.

Note/Nota The term external logic state as used in IEC 617-12 is simi-

lar, but not identical, to signal state. Binary logic signals


on circuit diagrams that use direct logic polarity indication
do not have external logic states. However, all binary logic
signals that have names have signal states.

Il termine stato logico esterno, utilizzato nella Pubblicazione


IEC 617-12 simile, ma non identico, al termine stato del segnale. I segnali logici binari sugli schemi dei circuiti che utilizzano lindicazione di polarit logica diretta non hanno
stati logici esterni. Tuttavia, tutti i segnali logici binari che
hanno un nome hanno degli stati del segnale.

The true value of the statement represented by


the basic signal name corresponds to the 1-state
of the signal. The false value of the statement
represented by the basic signal name corresponds to the 0-state of the signal. For example,
the signal name ALARM means that alarm is active is true when the signal is in its 1-state and
false when the signal is in its 0-state. See table
1, rows 1 and 2.

Il valore vero della frase rappresentata dal nome


del segnale di base corrisponde allo stato 1 del
segnale. Il valore falso della frase rappresentata
dal nome del segnale di base corrisponde allo stato 0 del segnale. Per esempio, il nome del segnale
ALARM indica che la frase alarm is active vera
quando il segnale nel suo stato 1 ed falsa
quando il segnale nel suo stato 0. Vedi Tab. 1,
colonne 1 e 2.

Negated signals

Segnali che comportano una negazione

Signal names that embody an inherent negative,


such as NORUN, are difficult to understand. It requires some mental somersaults to say whether
the corresponding statement no run is active
is true or false. If possible, such names should
be made inherently true. For example, STOP or
IDLE could be substituted for NORUN.
However, sometimes an action should take
place when a certain condition is not true. The
preferred methods of indicating negation in a
signal name are as follows:
n
place a negation bar over the portion of the
name representing the expression to be negated. For example, RUN. This method is
preferred. However, this method is often impractical in computer processing of signal
names, and one of the following in-line notations is recommended in such applications.
n
precede the appropriate portion of the
name by the mathematical sign for logic negation. For example, RUN. The tilde ( ~ )
may be substituted on computer systems
that do not have the logic negation symbol
as part of their character sets;
n
follow the appropriate portion of the name
by N. For example, RUNN;
n
use another notation explained in the document or in supporting documentation.

I nomi del segnale che comportano una negazione


intrinseca, come NORUN, sono difficili da comprendere. Si richiede una certa ginnastica mentale per
dire se la frase corrispondente no run is active sia
vera o falsa. Se possibile, tali nomi dovrebbero essere resi intrinsecamente veri. Per esempio, NORUN potrebbe essere sostituito da STOP oppure IDLE.
Tuttavia, talvolta unazione dovrebbe verificarsi
quando una data condizione non vera. I metodi
preferiti per indicare la negazione in un nome del
segnale sono i seguenti:
n
porre un tratto continuo di negazione sopra la
porzione del nome che rappresenta lespressione da negare. Per esempio, RUN. Questo
il metodo preferito. Tuttavia, tale metodo
spesso non praticabile nellelaborazione informatica dei nomi del segnale, quindi si raccomanda una delle seguenti notazioni:
n
far precedere la porzione in questione del
nome dal segno matematico di negazione logica. Per esempio, RUN. Nei sistemi informatici che non hanno il simbolo di negazione logica tra i loro caratteri, si pu utilizzare in
sostituzione la tilde ( ~ );
n
far seguire la porzione appropriata del nome
da N. Per esempio, RUNN;
n
utilizzare unaltra notazione spiegata nel documento o nella documentazione di supporto.

5.2.3

5.2.3.1

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 11 di 36

Tab. 1

RUN corresponds to the statement run is not


active. Note that the basic signal name includes
the negation indication. RUN means that run is
not active is true when the signal is in its
1-state and false when the signal is in its 0-state.
This further implies that run is active is true
when the signal RUN is in its 0-state and false
when the signal RUN is in its 1-state. See table 1,
rows 3 and 4.

RUN corrisponde alla frase run is not active. Notare che il nome del segnale di base include lindicazione di negazione. RUN indica che la frase
run is not active vera quando il segnale nel
suo stato 1 e falsa quando il segnale nel suo stato 0. Ci sottintende inoltre che la frase run is active vera quando il segnale RUN nel suo stato
0 e falsa quando il segnale RUN nel suo stato 1.
Vedi Tab. 1, colonne 3 e 4.

States and signal names (single logic convention)

Stati e nomi del segnale (convenzione logica singola)

N.

Ingresso (o uscita)

Condizione del sistema

No.

Input (or output)

System condition

1
ALARM

2
ALARM

3
ALARM

4
ALARM

Relazione definita dalla presenza o


Stato del
dallassenza del segno di negazione
segnale
Relationship defined by presence or absence of
(valore-verit)
negation symbol
Signal state
(truth-value)

allarme

vero =1

alarm

true

nessun allarme

falso =0

no alarm

false

allarme

vero =1

alarm

true

nessun allarme

falso =0

no alarm

false

allarme

falso =0

alarm

false

nessun allarme

vero =1

no alarm

true

allarme

falso =0

alarm

false

nessun allarme

vero =1

no alarm

true

Stato logico esterno Stato logico interno


External logic state

Internal logic state

Note_s:
1.

Quando lo stato del segnale vero, lo stato logico esterno sempre 1.


The signal state being true always corresponds to the external logic state being 1.

2.

Quando lo stato del segnale falso, lo stato logico esterno sempre 0.


The signal state being false always corresponds to the external logic state being 0.

With in-line notations, if confusion is likely regarding which portion of the signal name is to
be negated, that portion of the name, together
with the negation indication, may be placed inside parenthesis. The scope of the negation is
as follows:
a) With a prefixed negation indication, the negation applies to the string to the right of
the indication up to the first occurrence of
one of the following:
1) an unmatched closing (right) parenthesis; or
2) a solidus that is itself not enclosed within a matching pair of parentheses; or
3) the end of the string.

Nel caso di annotazioni allineate, se probabile


che si crei confusione riguardo a quale porzione
del nome del segnale debba essere negata, tale
porzione, assieme allindicazione di negazione,
pu essere posta tra parentesi. Lo scopo della negazione il seguente:
a) con unindicazione della negazione come prefisso, la negazione si applica alla stringa di caratteri a destra dellindicazione fino al primo
dei caratteri seguenti:
1) una parentesi isolata di chiusura (a destra); oppure
2) una barra obliqua posta dopo una coppia
di parentesi; oppure
3) la fine della stringa di caratteri.

Examples:
n
XY is equivalent to XY
n
(X)Y is equivalent to XY
n
(X)Y is equivalent to X Y
n
(X)Y is equivalent to XY
n
X/Y is equivalent to X/Y

Esempi:
n
XY equivale a XY
n
(X)Y equivale a XY
n
(X)Y equivale a X Y
n
(X)Y equivale a XY
n
X/Y equivale a X/Y

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 12 di 36

(X/Y) is equivalent to X/Y


((X/Y)/Z) is equivalent to X Y Z
b) With a suffixed negation indication, the negation applies to the string to the left of the
indication back to the nearest preceding occurrence of one of the following:
1) an unmatched opening (left) parenthesis; or
2) a solidus that is itself not enclosed within a matching pair of parentheses, or
3) the beginning of the string.

(X/Y) equivale a X/Y


((X/Y)/Z) equivale a X Y Z
b) con unindicazione della negazione come suffisso, la negazione si applica alla stringa di caratteri a sinistra dellindicazione a ritroso fino
al pi vicino dei caratteri seguenti:
1) una parentesi isolata di apertura (a sinistra); oppure
2) una barra obliqua posta prima di una
coppia di parentesi; oppure
3) linizio della stringa di caratteri.

Examples:
n
XYN is equivalent to XY
n
X(YN) is equivalent to XY
n
XN(YN) is equivalent to X Y
n
X(YN)N is equivalent to XY
n
X/YN is equivalent to X/Y
n
(X/Y)N is equivalent to X/Y
n
(X/(Y/Z)N)N is equivalent to X Y Z

Esempi:
n
XYN equivale a XY
n
X(YN) equivale a XY
n
XN(YN) equivale a X Y
n
X(YN)N equivale a XY
n
X/YN equivale a X/Y
n
(X/Y)N equivale a X/Y
n
(X/(Y/Z)N)N equivale a X Y Z

n
n

5.2.3.2

Fig. 9

n
n

Multifunction signals

Segnali multifunzione

Some signals perform several functions, each of


which is best described by a separate name. Alternative names or expressions may be included within a basic signal name and shall be separated by solidi. For example, if the 1-state of a
signal enables counting, shifting, and both
counting and shifting, the signal may be named
CNTEN/SFTEN. For example, see Fig. 9.

Alcuni segnali effettuano parecchie funzioni, ciascuna delle quali descritta nel modo migliore con un
nome separato. Allinterno di un nome del segnale
di base possono essere inclusi nomi o espressioni
alternativi, che devono essere separati da barre oblique. Per esempio, se lo stato 1 di un segnale permette conteggi, spostamenti oppure sia conteggi
che spostamenti, il segnale pu essere chiamato
CNTEN/SFTEN. Per esempio, vedi Fig. 9.

Example of signal names for multifunction signals

Esempio di nomi del segnale per segnali multifunzione

CNTEN/SFTEN
EN1
CNTEN/SFTEN

M2

CNT/SFT
1(2+/2

It is not necessary that all alternative names be


applicable simultaneously. For example, see
Fig. 10.

Non necessario che tutti i nomi alternativi siano


applicabili simultaneamente. Per esempio, vedi
Fig. 10.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 13 di 36

Fig. 10

Parts of a signal name that apply in different


modes

Parti di un nome del segnale che si applicano in


modi diversi

CTRDIV 16
UP/ DOWN

M1 [UP]
M2 [DOWN]

CLK
1+/21(CT=15)/2(CT=0)

MAX, corresponding to CT = 15, will be applicable when the counter is in the up mode, that
is, when M1 stands at the 1- state. MIN, corresponding to CT = 0, will be applicable when
the counter is in the down mode, that is,
when M2 stands at the 1-state.
A signal name shall not contain an inherent
contradiction. If the signals ON and OFF are
complementary, that is, if ON is always true
when OFF is false and OFF is always true when
ON is false, then the name ON/OFF implies a
statement that is always true and is not likely to
be useful.
Negation indications may be used to make the
signal states of all the parts consistent. For example, both parts of ON/OFF will be true (or
false) simultaneously. That is, if on is active is
true, off is not active will also be true, meaning off is active will be false.

5.2.3.3

MAX/MIN

Another use of the solidus is to separate alternative results that are not inherently opposite. For
example, if the 1-state of a signal enables a circuit to count, and the 0-state causes it to shift,
CNTEN/SFTEN would be a correct name.

MAX, corrispondente a CT = 15, si applicher


quando il contatore sar nel modo up, vale a
dire quando M1 sar al suo stato 1. Invece MIN,
corrispondente a CT = 0, si applicher quando il
contatore sar nel modo down, vale a dire
quando M2 sar al suo stato 1.
Un nome del segnale non deve contenere unimplicita contraddizione. Se i segnali ON e OFF sono
complementari, cio se ON sempre vero quando
OFF falso e OFF sempre vero quando ON
falso, allora il nome ON/OFF implica una frase
che sempre vera e quindi poco probabile che
si riveli utile.
Si possono utilizzare le indicazioni di negazione
per rendere omogenei gli stati del segnale di tutte
le parti. Per esempio, entrambe le parti di
ON/OFF saranno vere (o false) simultaneamente.
Ci significa che, se la frase on is active vera,
anche la frase off is not active vera, poich significa che la frase off is active falsa.
Un altro uso della barra obliqua quello di separare
risultati alternativi che non sono intrinsecamente opposti. Per esempio, se lo stato 1 di un segnale abilita
un circuito a fare conteggi, e lo stato 0 lo fa spostare, allora CNTEN/SFTEN sarebbe un nome corretto.

Bus signals and other grouped signals

Segnali di bus e altri segnali raggruppati

Bit and byte labelling within a bus or other set of


grouped signals should include a numeric suffix
to the bus or group name. For buses or groups
with an inherent weighting of the signals within,
the numeric suffixes should represent the actual
weights of the signals, all of which are consistently expressed either as decimal numbers or as
exponents of the powers of 2.
The numeric suffix may be enclosed in angle
brackets(1). For example, the 32 lines of an intermediate register may be named IRBUS<1>
through IRBUS<2147483648>, or IRBUS<00>

I contrassegni per i bit e i byte allinterno di un bus o


di un altro insieme di segnali raggruppati dovrebbero sempre includere un suffisso numerico per il bus
o il nome del gruppo. Per bus o gruppi comprendenti una ponderazione intrinseca dei segnali, i suffissi numerici dovrebbero rappresentare le reali ponderazioni dei segnali, che vengono tutti espressi in
maniera omogenea o come numeri decimali, o come
esponenti di potenza 2.
Il suffisso numerico pu essere racchiuso tra parentesi angolari(1). Per esempio, le 32 linee di un registro
intermedio possono essere chiamate IRBUS<1>
fino a IRBUS<2147483648>, oppure IR-

(1)

(1)

Angle brackets can be formed from the less than ( < ) and greater
than ( > ) charactyers.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 14 di 36

Le parentesi angolari vengono formate dai caratteri di minore ( < ) e di


maggiore ( > ).

5.2.3.4

through IRBUS<31>. The seven lines of a BCD


intermediate register should be named IRBUS<1>, IRBUS<2>, IRBUS<4>, IRBUS<8>,
IRBUS<10>, IRBUS<20>, IRBUS<40>.
Connections representing entire buses, rather
than individual signals within them, may be
named as follows:

BUS<00> fino a IRBUS<31>. Le sette linee di un


registro intermedio BCD dovrebbero essere chiamate
IRBUS<1>, IRBUS<2>, IRBUS<4>, IRBUS<8>,
IRBUS<10>, IRBUS<20>, IRBUS<40>.
Le connessioni che rappresentano interi bus, piuttosto che i segnali individuali al loro interno, possono essere chiamati come segue:

IRBUS<0:31>
or
IRBUS<031>
is equivalent to IRBUS<0>, IRBUS<1>, , IRBUS<31>.

IRBUS<0:31>
oppure
IRBUS<031>
equivale a IRBUS<0>, IRBUS<1>, , IRBUS<31>.

IRBUS<1, 2, 4, 8, 10, 20, 40>


is equivalent to IRBUS<1>, IRBUS<2>, , IRBUS<40>.
If any other convention is used, and the meaning is not obvious, it shall be explained on the
diagram or in supporting documentation. The
same conventions shall be used throughout a
related set of documents.
If several individual connecting lines on a diagram are shown with a single line, and if the individual signal designations are to be shown,
the designations shall be separated by commas,
for example, ON, OFF.
If the item designations are the same for successive signal designations in a list, the signal
names for which the same item designation applies may be grouped within parentheses. For
example:

IRBUS<1, 2, 4, 8, 10, 20, 40>


equivale a IRBUS<1>, IRBUS<2>, , IRBUS<40>.
Se si utilizza una qualsiasi altra convenzione il cui
significato non sia chiaro, questo deve essere
spiegato sullo schema o nella documentazione di
supporto. In un insieme correlato di documenti,
devono essere utilizzate le stesse convenzioni.
Se parecchie linee di connessione individuali su
uno schema vengono mostrate con una singola linea, e se devono essere mostrati le singole designazioni del segnale, tali designazioni devono essere separate da virgole, per esempio ON, OFF.
Se i blocchi di identificazione dei materiali sono gli
stessi per successive designazioni del segnale in una
lista, i nomi del segnale per cui si applica lo stesso
blocco di identificazione dei materiali possono essere raggruppati tra parentesi. Per esempio:

=A1; (ABC, ABD, ABE) is equivalent to


=A1;ABC, =A1;ABD, =A1;ABE

=A1; (ABC, ABD, ABE) equivale a


=A1;ABC, =A1;ABD, =A1;ABE

Arithmetic and logical expressions

Espressioni aritmetiche e logiche

The plus sign ( + ) denotes algebraic addition


and the minus sign ( ) denotes algebraic subtraction; for example, AR+1 may be the mnemonic for address register plus 1.
If it is necessary to use logical expressions in a
signal name, the following rules should be observed.
The plus sign ( + ) should be used to denote
the OR function only if no confusion with algebraic addition is likely. If the context does not
clarify the distinction, the words OR or PLUS, as
appropriate, may be substituted in one or both
of the cases.
A logic AND function may be denoted by a
raised dot ( ), an asterisk ( * ), or, if no confusion is likely, by normal juxtaposition. For example, ENABLE may be the mnemonic for ENABLE A ANDed with BLOCK E; PQ may mean
P ANDed with Q. See also 5.2.

Il segno pi ( + ) indica unaddizione algebrica,


mentre il segno meno ( ) indica una sottrazione
algebrica; per esempio, AR+1 pu essere labbreviazione per address register plus 1.
Se si rende necessario utilizzare espressioni logiche in un nome del segnale, si dovrebbero osservare le regole che seguono.
Il segno pi ( + ) dovrebbe essere utilizzato per
indicare la funzione OR solo se ci non crea confusione con laddizione algebrica. Se nel contesto
la distinzione non chiara, tale segno pu essere
sostituito dalle parole OR oppure PLUS, come appropriato, in uno o in entrambi i casi.
Una funzione logica AND pu essere indicata con
un punto in apice ( ), un asterisco ( * ) oppure,
se non si crea confusione, da una semplice giustapposizione. Per esempio, ENABLE pu essere
labbreviazione di ENABLE A, operazione AND,
con BLOCK E; PQ pu voler dire P, operazione
AND, con Q. Vedi anche 5.2.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 15 di 36

5.2.3.5

5.3

5.4

Parentheses may be used to clarify expressions.


For example, (ENA)BLE is another way to indicate the mnemonic for ENABLE A ANDed with
BLOCK E.

Per chiarire delle espressioni, possono essere utilizzate delle parentesi. Per esempio, (ENA)BLE
un altro modo per indicare labbreviazione di
ENABLE A, operazione AND, con BLOCK E.

Clock signals

Segnali di clock

In signal names for clocks, it is often helpful to


include important characteristics such as period
(or frequency) and phase. For example, if the
basic clock period is 25 ns, the mnemonic
might be CLK_25N. Clocks derived from this
basic clock might then be termed CLK_50N,
CLK_100N, and so on.

Nei nomi del segnale relativi ai clock, spesso


utile includere caratteristiche importanti, quali periodo (o frequenza) e fase. Per esempio, se il periodo di clock di base 25 ns, labbreviazione potrebbe essere CLK_25N. I clock che derivano da
questo clock di base potrebbero essere quindi nominati CLK_50N, CLK_100N e cos via.

Signal version identifier

Identificatore della versione del segnale

A single basic signal may appear physically several times within a system because it has been
generated more than once, amplified, level
shifted, or passed through a conductive device.
In such a case, the basic signal is identified by
the basic signal name, and the different occurrences of the signal are identified by different
signal version identifiers.
The identifier may be any appropriate alphabetic or numeric combination, preceded by a colon
( : ). For example, in Fig. 3 the signal STOP1
drives two amplifiers. The outputs of those amplifiers are named STOP1:1 and STOP1:2.
If a binary logic signal (see 5.2.3) is inverted
more than once, different version identifiers
should be used to distinguish different inverted
or noninverted versions of a signal. For example, see Fig. 3.

Un segnale di base singolo pu presentarsi fisicamente parecchie volte allinterno di un sistema poich stato generato pi di una volta, amplificato,
spostato di livello oppure fatto passare attraverso un
dispositivo conduttore. In tal caso, il segnale di base
viene identificato dal nome del segnale di base, e le
varie volte in cui esso si presenta sono identificate da
differenti identificatori della versione del segnale.
Lidentificatore pu essere unappropriata combinazione alfabetica o numerica, preceduta da due
punti ( : ). Per esempio, in Fig. 3 il segnale STOP1
aziona due amplificatori. Le uscite di tali amplificatori vengono chiamate STOP1:1 e STOP1:2.
Se un segnale logico binario (vedi 5.2.3) viene invertito pi di una volta, si dovrebbero utilizzare
differenti identificatori della versione per distinguere differenti versioni, invertite o non invertite,
di un segnale. Per esempio, vedi Fig. 3.

Signal level indication

Indicazione del livello del segnale

Signal level indications are used only with the


direct logic polarity indication system.

Le indicazioni del livello del segnale sono utilizzate soltanto con il sistema di indicazione diretta
di polarit logica.
Negli schemi dei circuiti che utilizzano una singola convenzione logica (logica positiva o negativa),
il rapporto tra gli stati logici esterni dei segnali e i
corrispondenti livelli logici fisso. Per esempio,
se attivata la convenzione logica positiva, lo stato 1 di un segnale (lo stato vero del nome del segnale) corrisponde sempre al livello H. Per quanto riguarda la convenzione logica negativa, lo
stato 1 corrisponde sempre al livello L.
Se per indicare i livelli del segnale si utilizza una
qualsiasi altra convenzione, e se il significato non
chiaro, questo deve essere spiegato sullo schema o nella documentazione di supporto. In un insieme correlato di documenti, devono essere utilizzate le stesse convenzioni.
Negli schemi dei circuiti che utilizzano lindicazione diretta di polarit logica, i segni logici non sottintendono uno stato logico, ma solo livelli logici.
Perci, ciascun nome del segnale logico dovrebbe
includere unindicazione di quale livello logico

In circuit diagrams using a single logic convention (positive or negative logic), the relationship
between the external logic states of the signals
and the corresponding logic levels is fixed. For
example, if the positive logic convention is in
force, the 1-state of a signal (the true state of
the signal name) always corresponds to the
H-level. For the negative logic convention, the
1-state always corresponds to the L-level.
If any other convention is used to indicate signal levels, and the meaning is not obvious, it
shall be explained on the diagram or in supporting documentation. The same conventions
shall be used throughout a related set of documents.
In circuit diagrams using direct logic polarity indication, the logic symbols do not imply any external logic state, only logic levels. Therefore,
each logic signal name should include an indication of which logic level corresponds to the
NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 16 di 36

1-state (true-state) of the signal. The preferred


method for doing this is to place an indication of
that logic level (for example, H or L) at the end
of the signal name, either enclosed in parentheses, or preceded by an underline or by a space.

corrisponde allo stato 1 (stato vero) del segnale. Il


metodo preferito per questo porre unindicazione di quel livello logico (per es. H o L) alla fine
del nome del segnale, o racchiuso tra parentesi, o
preceduto da una sottolineatura o da uno spazio.

Examples:
n
ALARM(H) means alarm is active is true
when the logic level of the signal is high
and is false when the logic level is low.
n
ALARM(H) means alarm is not active is
true when the logic level is high and is false
when the logic level is low. This further implies that alarm is active is true when the
logic level of the signal is low and false
when the logic level is high. See table 2 for
all combinations.
n
STOP(L) means stop is active is true
when the logic level of the signal is low and
is false when the logic level is high.
A signal whose true-state corresponds to a high
level may be referred to as a true-when-high
signal.
A signal whose true-state corresponds to a low
level may be referred to as a true-when-low signal.
If all signal names on a diagram are
true-when-high, the logic level indications may
be omitted from the signal names.
A signal designation that can be derived by applying both logic negation and level inversion
to another signal designation is equivalent to
that other signal designation and therefore shall
not be used to identify a different signal. For
example:
STOP(L) is equivalent to STOP(H)
ALARM(H) is equivalent to ALARM(L)
n
RD/WR(H) is equivalent to RD/WR(L)
To reduce the amount of mental translation
necessary in interpreting a logic circuit diagram,
the signal name is usually constructed so that its
level indication agrees with the logic polarity indication on the symbol at the source of the signal. See Fig. 11.

Esempi:
n
ALARM(H) indica che la frase alarm is active
vera quando il livello logico del segnale elevato ed falsa quando il livello logico basso.
n
ALARM(H)indica che la frase alarm is not active vera quando il livello logico elevato
ed falsa quando il livello logico basso. Ci
sottintende inoltre che la frase alarm is active vera quando il livello logico del segnale
basso e falsa quando il livello logico elevato. Vedi Tab. 2 per le varie combinazioni.
n
STOP(L) indica che la frase stop is active
vera quando il livello logico del segnale basso ed falsa quando il livello logico elevato.
Un segnale il cui stato vero corrisponda a un livello elevato pu essere considerato un segnale
vero se elevato.
Un segnale il cui stato vero corrisponda a un livello basso pu essere considerato un segnale
vero se basso.
Se tutti i nomi dei segnali su uno schema sono
veri se elevati, le indicazioni di livello logico possono essere omesse dai nomi del segnale.
Una designazione del segnale, che pu essere derivata mediante applicazione sia della negazione
logica che dellinversione di livello ad unaltra designazione del segnale, equivalente a questaltra
designazione del segnale, e quindi non deve essere utilizzata per identificare un segnale diverso.
Per esempio:
n
STOP(L) equivale a STOP(H)
n
ALARM(H) equivale a ALARM(L)
n
RD/WR(H)equivale a RD/WR(L)
Per ridurre la mole di traduzione mentale necessaria allinterpretazione di uno schema di circuito
logico, il nome del segnale viene di solito costruito in modo che la sua indicazione di livello sia
conforme allindicazione di polarit logica sul segno alla sorgente del segnale. Vedi Fig. 11.

Polarity indications and signal levels

Indicazioni di polarit e livelli del segnale

n
n

Fig. 11

FIRE (H)
&
WATER (H)

FIRE_OUT (L)
>1

SAFE (H)

SMOKE (L)

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 17 di 36

Fig. 12

Signal names shown on connections with mismatched logic polarity indications should be
consistent with the logic polarity indications on
the portion of the connecting line where the
signal name is shown. See Fig. 12.

I nomi dei segnali mostrati sulle connessioni con indicazioni di polarit logica non combacianti dovrebbero essere conformi alle indicazioni di polarit logica sulla porzione della linea di connessione dove
viene riportato il nome del segnale. Vedi Fig. 12.

Mismatched polarity indications

Indicazioni di polarit discordi

GO (H)

GO (L)

Note/Nota The perpendicular line across the connecting line is used

Tab. 2

here to divide the connecting line into two segments, each of


which has one sense of the polarity indicator. This symbol is
under discussion within the framework of the revision of IEC
617-12.

La linea perpendicolare attraverso la linea di connessione viene utilizzata qui per dividere la linea di connessione in due
segmenti, ciascuno dei quali possiede un unico senso dellindicatore di polarit. Questo segno allo studio nellambito della
revisione della Pubblicazione IEC 617-12.

States, levels, and signal names (direct logic polarity indication)

Stati, livelli e nomi del segnale (indicazione di polarit logica diretta)

N.

Ingresso (o uscita)

Condizione del sistema

No.

Input (or output)

System condition

1
ALARM (H)

2
ALARM (L)

3
ALARM (L)
4
ALARM (H)

5
ALARM (H)

6
ALARM (L)

7
ALARM (L)

8
ALARM (H)

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 18 di 36

Relazione definita dalla presenza o


Stato del
dallassenza del segno di negazione
segnale
Relationship defined by presence or absence of
(valore-verit)
negation symbol
Signal state
(truth-value)

allarme

vero =1

alarm

true

nessun allarme

falso =0

no alarm

false

allarme

vero =1

alarm

true

nessun allarme

falso =0

no alarm

false

allarme

vero =1

alarm

true

nessun allarme

falso =0

no alarm

false

allarme

vero =1

alarm

true

nessun allarme

falso =0

no alarm

false

allarme

falso =0

alarm

false

nessun allarme

vero =1

no alarm

true

allarme

falso =0

alarm

false

nessun allarme

vero =1

no alarm

true

allarme

falso =0

alarm

false

nessun allarme

vero =1

no alarm

true

allarme

falso =0

alarm

false

nessun allarme

vero =1

no alarm

true

Stato logico esterno Stato logico interno


External logic state

Internal logic state

ANNEX/ALLEGATO

informative
A informativo

LETTER CODES AND MNEMONICS FOR USE IN


SIGNAL NAMES

CODICI LETTERALI E ABBREVIAZIONI DA


UTILIZZARE NEI NOMI DEL SEGNALE

A.1

Letter codes for variables

Codici letterali per variabili

The following letter codes are specified by ISO


3511-1 for use in symbols for instruments. They
identify the variable measured by the instrument. They may also be used as the first character of a coded name for a measuring transducer output signal. In this case, they indicate
the variable represented by the signal:

I seguenti codici letterali sono specificati dalla


Norma ISO 3511-1 per essere utilizzati nei segni
grafici relativi agli strumenti. Tali caratteri identificano la variabile misurata dallo strumento. Possono essere utilizzati anche come primo carattere di
un nome in codice per un segnale in uscita di un
trasduttore di misura. In tal caso, essi indicano la
variabile rappresentata dal segnale.

Letter codes for variables

Codici letterali per variabili

Tab. A.1

Prima lettera

Variabile

First letter

Variable

Densit
Density

(1)

Tutte le variabili elettriche


All electrical variables

Portata

Misura, posizione o estensione

Tempo, tempo di programma

Livello

Umidit

Flow rate
Gauging, position or length
Time or time programme
Level
Moisture or humidity

N (2)

A scelta dellutilizzatore
Users choice

(2)

A scelta dellutilizzatore
Users choice

Pressione o depressione
Pressure or vacuum

(2)

Quantit, per es. analisi, concentrazione, conduttivit


Quality, for example analysis, concentration, conductivity

Radiazione nucleare

Velocit o frequenza

Temperatura

Viscosit

Peso o forza

Nuclear radiation
Speed or frequency
Temperature
Viscosity
Weight or force

(2)

(2)

Variabile non classificata


Unclassified variable

A scelta dellutilizzatore
Users choice

Note_s:
1.

Nei nomi del segnale, si raccomanda di utilizzare una lettera di cui in Tab. A.2.
In signal names, a letter in table A.2 should be used instead.

2.

Viene richiesta una nota esplicativa.


Explanatory note required.

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 19 di 36

A.2

Tab. A.2

Special letter codes for electrical variables

Codici letterali speciali per variabili elettriche

The following letter codes are derived from ISO


31-5 and IEC 27. They may be used, in the
same way as the letter codes for variables in
ISO 3511-1, as the first character of a coded
name for a measuring transducer output signal.
These codes indicate the electrical variable represented by the signal:

I codici letterali seguenti sono presi dalla Norma


ISO 31-5 e dalla Pubblicazione IEC 27. Tali codici
possono essere utilizzati nello stesso modo di
quelli per le variabili contenuti nella Norma ISO
3511-1, vale a dire come primo carattere di un
nome in codice per un segnale in uscita di un trasduttore di misura. Questi codici indicano le variabili elettriche rappresentate dal segnale.

Special letter codes for electrical variables

Codici letterali per variabili

Prima lettera

Variabile

First letter

Variable

Frequenza

Corrente

Potenza

Potenza reattiva

Resistenza

U [o V]

Tensione

Impedenza

Frequency
Current
Power
Reactive power
Resistance
Voltage
Impedance

A.3

Tab. A.3

Letter codes used as modifiers

Codici letterali utilizzati come modificazione

The following letter codes are specified by ISO


3511-1 for use in symbols for instruments. They
indicate that the instrument measures some
quantity other than the absolute level of the
identified variable. They may also be used as
the second character of a coded name for a
measuring transducer output signal. In this case,
they indicate that the signal represents some
quantity other than the absolute level of the
variable identified by the first character of the
coded name.

I seguenti codici letterali sono specificati dalla Norma ISO 3511-1 per quanto riguarda lutilizzo nei
segni grafici per gli strumenti. Essi indicano che lo
strumento misura alcune grandezze diverse dal livello assoluto della variabile identificata. Essi possono essere utilizzati anche come secondo carattere di un nome in codice per un segnale in uscita di
un trasduttore di misura. In questo caso, essi indicano che il segnale rappresenta alcune quantit diverse dal livello assoluto della variabile identificata
dal primo carattere del nome in codice.

Letter codes used as modifiers

Codici letterali utilizzati come modificazione

Seconda lettera

Variabile

Second letter

Variable

Differenziale

Rapporto

Integrare o totalizzare

Residuo (non nella Norma ISO 3511-1)

Difference
Ratio
Integrate or totalize
Residual (Not in ISO 3511-1)

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 20 di 36

A.4

Tab. A.4

Identification of terminations of certain


designated conductors

Identificazione delle terminazioni di alcune


designazioni dei conduttori

The following letter codes are specified in


IEC 445 for identifying the terminations of certain designated conductors. They may also be
used as part of the signal designation for signals
corresponding to those conductors.

I seguenti codici letterali sono specificati nella


Pubblicazione IEC 445 per identificare le terminazioni di alcune designazioni dei conduttori. Essi
possono essere utilizzati anche come parte della
designazione del segnale per i segnali corrispondenti a quei conduttori.

Identification of terminations of certain designated


conductors

Identificazione delle terminazioni di alcune designazioni dei conduttori

Marcatura

Conduttore

Marking

Conductor

L1

Fase 1 per alimentazione in c.a.

L2

Fase 2 per alimentazione in c.a.

L3

Fase 3 per alimentazione in c.a.

Neutro per alimentazione in c.a.

L+

Positivo per alimentazione in c.c.

Negativo per alimentazione in c.c.

Punto mediano per alimentazione in c.c.

Conduttore di terra

Phase 1 for a.c. supply


Phase 2 for a.c. supply
Phase 3 for a.c. supply
Neutral for a.c. supply
Positive for d.c. supply
Negative for d.c. supply
Mid-wire for d.c. supply
Earthing conductor

PE

Conduttore di protezione
Protective conductor

PEN

Conduttore di protezione e conduttore neutro combinati


Protective conductor and neutral conductor combined

TE

Conduttore di terra a basso rumore


Low noise earth conductor

MM

Connessione del telaio o della struttura


Frame or chassis connection

CC

Connessione equipotenziale
Equipotential connection

A.5

Mnemonics for use in descriptive signal


names

Abbreviazioni da utilizzare nei nomi del segnale


descrittivi

Tables A.5 and A.5/en are an effort to encourage uniformity in signal names. These tables
necessarily cannot be exhaustive, but suggest
mnemonic codes (mnemonics) for some of the
more common terms used to construct signal
names. These mnemonics may be combined to
represent compound terms and phrases. If necessary, other meanings may be assigned to the
mnemonics listed, and other mnemonics may
be assigned to the meanings, if no ambiguity results. Otherwise, within a related set of documents the same meaning should be assigned to
specific mnemonic and the same mnemonic
used for a specific meaning.

Le Tab. A.5 e A.5/en rappresentano un tentativo di


promuovere luniformit nei nomi del segnale. Tali
tabelle non possono necessariamente essere complete, ma suggeriscono codici mnemonici (abbreviazioni) per alcuni tra i termini pi comuni utilizzati per comporre i nomi del segnale. Tali
abbreviazioni possono essere combinate per rappresentare termini e frasi composti. Se necessario,
alle abbreviazioni elencate possono essere assegnati altri significati, e altre abbreviazioni possono
essere assegnate ai significati, purch non si creino
ambiguit. Altrimenti, allinterno di un assieme collegato di documenti, lo stesso significato dovrebbe
essere assegnato ad una specifica abbreviazione e
la stessa abbreviazione ad uno specifico significato.
Nessuna regola pu evitare al progettista la necessit di utilizzare il buon senso e allutilizzatore la
necessit di sapere come interpretare il significato

No set of rules can avoid the necessity for the


designer to exercise good judgement and for
the user to know how to interpret the signifi-

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 21 di 36

Tab. A.5

cance of signal names. The examples given in


the following tables represent typical usage in
the English language.

dei nomi del segnale. Gli esempi riportati nelle tabelle seguenti rappresentano un utilizzo tipico
nella lingua inglese.

Signal name mnemonics alphabetically by mnemonic

Abbreviazioni mnemoniche dei nomi del segnale in


ordine alfabetico per abbreviazione

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

ACC
ACK
ACT
ADD
ADR
ALI
ALU
AR
ASYNC
ATTN
BCD
BCTR
BG
Bl
BIN
BIT
BLK
BLNK
BP
BUF
BUS
BUSY
BYT
CDSEL
CE
CG
CHK
CI
CK
CLA
CLK
CLR
CMD
CNT
CNTL
CO
COL
COMP
CORR
CP
CPU
CRC
CRY
CS
CTR
CTS
CURR
CYC

Accept; Accumulator
Acknowledge
Activate
Adder
Address
Alarm inhibit
Arithmetic logic unit
Address register
Asynchronous
Attention
Binary coded decimal
Bit counter
Borrow generate
Borrow input
Binary
Bit
Block
Blank
Borrow propagate
Buffer; Buffered
Bus
Busy
Byte
Code select
Chip enable
Carry generate
Check
Carry input
Clock
Carry look-ahead
Clock
Clear
Command
Count
Control
Carry output
Column
Compare
Corrected
Carry propagate
Central processing unit
Cyclic redundancy check
Carry
Chip select
Counter
Clear to send
Current
Cycle

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 22 di 36

Significato
Accettazione; accumulazione
Accusare ricevimento
Attivare
Addizionare
Indirizzo
Inibizione di allarme
Unit logica aritmetica
Registro indirizzi
Asincrono
Attenzione
Decimale codificato in binario
Contatore di bit
Generazione del riporto di sottrazione
Ingresso del riporto di sottrazione
Binario
Bit
Blocco
Spazio
Propagazione del riporto di sottrazione
Buffer
Bus
Occupato
Byte
Selezione di codice
Abilitazione del microcircuito
Generazione del riporto di addizione
Verifica; controllo
Ingresso del riporto di addizione
Orologio
Anticipazione del riporto di addizione
Temporizzare, sincronizzare
Cancellare
Comando; istruzione
Conteggio
Controllo
Uscita del riporto di addizione
Colonna
Comparazione
Corretto
Propagazione del riporto di addizione
Unit centrale di processo
Controllo di ridondanza ciclica
Riporto di addizione
Selettore di microcircuito
Contatore
Pronto a trasmettere
Corrente
Ciclo

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

D
DCD
DEC
DECR
DEST
DET
DEV
DIFF
DIS
DISK
DLY
DMA
DRAM
DRV
DSR
DSRDY
DTR
DTRDY
DWN
EN
ENCD
END
EOF
EOL
EOT
ERR
ERS
ETY
EVT
EXOR
EXT
FF
FIFO
FLD
FLG
FLT
FNC
G
GEN
GND
HALT
HEX
HLD
HORZ
I/O
ID
IN
INCR
INH
INIT
INT
INTFC
INTRPT
IRQ

Data
Decode
Decimal
Decrease; Decrement
Destination
Detect
Device
Difference
Disable
Disk; Disc
Delay
Direct memory access
Dynamic RAM
Driver
Data set ready
Data set ready
Data terminal ready
Data terminal ready
Down
Enable
Encode
End
End of file
End of line
End of tape; End of transmission
Error
Erase
Empty
Event
Exclusive OR
External
Flip-flop
First in, first out
Field
Flag
Fault
Function
Gate
Generate
Ground; Earth
Halt
Hexadecimal
Hold(ing)
Horizontal
Input/output
Identification
In; Input
Increase
Inhibit
Initialisation
Interrupt; Internal
Interface
Interrupt
Interrupt request

Significato
Dati
Decodifica
Decimale
Diminuzione; decremento
Destinazione
Rilevazione
Dispositivo
Differenza
Disabilitazione
Dischetto; disco
Ritardo
Accesso diretto di memoria
Memoria dinamica ad accesso casuale
Driver
Apparecchio pronto
Insieme di dati pronto
Terminale di dati pronto
Terminale di dati pronto
Gi, abbassato
Abilitazione
Codificare
Fine; finire
Fine del file
Fine della linea
Fine del nastro; fine della trasmissione
Errore
Cancellare
Vuoto
Evento
OR esclusivo
Esterno
Flip-flop
Primo dentro, primo fuori
Campo
Indicatore
Guasto
Funzione
Porta
Generare
Terra
Arresto
Esadecimale
Arresto manuale
Orizzontale
Ingresso/uscita
Identificazione
In; ingresso
Aumento
Inibizione
Inizializzazione
Interrompere; interruzione; interno
Interfaccia
Interrompere; interruzione
Richiesta di interruzione
NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 23 di 36

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

KYBD
LCH

Keyboard

LD
LFT
LOC
LRC
LSB
LSBYT
LT
MAX
MEM
MIN
MOT
MRD
MSB
MSBYT
MSK
MSTR
MTR
MUX
NACK
NEG
NO
OCT
OFF
ON
OUT
OVFL
PAR
PC
PCI
PE
POS
PRCS
PRGM
PROC
PU
PWR
RAM
RCIRC
RCVR
RD
RDY
REF
REG
REJ
REQ
RES
RFD
RFSH
RNG
ROM

Load

Latch; Latched

Left
Location
Longitudinal redundancy check
Least significant bit
Least significant byte
Light
Maximum
Memory
Minimum
Motor
Memory read
Most significant bit
Most significant byte
Mask
Master
Motor
Multiplex; Multiplexer
Negative acknowledge
Negative
No
Octal
Off
On
Out; Output
Overflow
Parity
Programme counter
Programme-controlled interrupt
Parity error
Positive; Position
Process; Processor
Program
Process; Processor
Pull-up
Power
Random-access memory
Recirculate
Receiver
Read
Ready
Reference
Register
Reject
Request
Reset
Ready for data
Refresh
Range
Read-only memory

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 24 di 36

Significato
Tastiera
Registro di memorizzazione tempora-nea;
temporaneamente memorizzato
Carico; caricare
Sinistra
Localizzazione
Controllo di ridondanza longitudinale
Bit meno significativo
Byte meno significativo
Segnalazione
Massimo
Memoria
Minimo
Motore
Lettura di memoria
Bit pi significativo
Byte pi significativo
Maschera
Master; principale
Motore
Commutatore; commutare
Mancato riconoscimento,
Negativo
No; nessuno
Ottale
Chiuso
Aperto
Fuori; uscita
Superamento della soglia
Parit
Contatore di programma
Interruzione comandata dal programma
Errore di parit
Positivo; posizione
Processo; processore
Programma
Processo; processore
Pull-up
Potenza
Memoria ad accesso casuale
Ricircolare
Ricevitore
Lettura
Pronto
Riferimento
Registro
Rifiuto
Richiesta
Ripristino
Dati pronti
Rinfrescare, ricaricare
Intervallo
Memoria a sola lettura

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

ROW
RQTS
RST
RT
RTL
RTN
RTZ
RUN
SEL
SET
SEV
SFT
SLV
SODD
SPD
SPLY
SRQ
START
STAT
STDBY
STK
STOP
STOR
STRB
SW
SYNC
SYS
TERM
TG
TRIG
TST
UP
UTIL
VERT
VID
VIRT
VLD
WR
WRD
XCRV
XMIT
XMT
XMTR
XOR

Row
Request to send (data)
Restart
Right
Return to local
Return
Return to zero
Run
Select
Set
Sum even
Shift
Slave
Sum odd
Speed
Supply
Service request
Start
Status
Stand-by
Stack
Stop
Store
Strobe
Switch
Synchronisation
System
Terminate; Terminal
Toggle
Trigger
Test
Up
Utility
Vertical
Video
Virtual
Valid
Write
Word
Transceiver
Transmission; Transmit
Transmission; Transmit
Transmitter
Exclusive OR

Significato
Riga
Richiesta di trasmissione (dati)
Riavvio, ripristino
Destra
Ritorno in locale
Ritorno
Ritorno a zero
Esecuzione
Selezionare
Predisporre
Somma numeri pari
Spostamento
Asservimento
Somma numeri dispari
Velocit
Alimentazione
Richiesta dintervento
Avviamento
Stato
Attesa
Pila
Arresto
Memorizzare
Attivare con impulsi
Interrompere, commutare
Sincronizzazione
Sistema
Terminare; terminale
Impulso di commutazione
Impulso di partenza
Prova
Su, alto
Utilit
Verticale
Video
Virtuale
Valido
Scrittura
Parola
Trasmettitore-ricevitore
Trasmissione; trasmettere
Trasmissione; trasmettere
Trasmettitore
OR esclusivo

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 25 di 36

Tab. A.5/it

Signal name mnemonics alphabetically by


meaning in Italian
Significato
Abilitazione
Abilitazione del microcircuito
Accesso diretto di memoria
Accettazione; accumulazione
Accusare ricevimento
Addizionare
Alimentazione
Anticipazione del riporto di addizione
Aperto
Apparecchio pronto
Arresto
Arresto manuale
Asincrono
Asservimento
Attenzione
Attesa
Attivare
Attivare con impulsi
Aumento
Avviamento
Binario
Bit
Bit meno significativo
Bit pi significativo
Blocco
Buffer
Bus
Byte
Byte meno significativo
Byte pi significativo
Campo
Cancellare
Carico; caricare
Chiuso
Ciclo
Codificare
Colonna
Comando; istruzione
Commutatore; commutare
Comparazione
Contatore
Contatore di bit
Contatore di programma
Conteggio
Controllo
Controllo di ridondanza ciclica
Controllo di ridondanza longitudinale
Corrente
Corretto

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 26 di 36

Abbreviazioni mnemoniche dei nomi del segnale in


ordine alfabetico per significato in italiano

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

EN
CE
DMA
ACC
ACK
ADD
SPLY
CLA
ON
DSR
HALT
STOP
HLD
ASYNC
SLV
ATTN
STDBY
ACT
STRB
INCR
START
BIN
BIT
LSB
MSB
BLK
BUF
BUS
BYT
LSBYT
MSBYT
FLD
CLR
ERS
LD
OFF
CYC
ENCD
COL
CMD
MUX
COMP
CTR
BCTR
PC
CNT
CNTL
CRC
LRC
CURR
CORR

Enable
Chip enable
Direct memory access
Accept; Accumulator
Acknowledge
Adder
Supply
Carry look-ahead
On
Data set ready
Halt
Stop
Hold(ing)
Asynchronous
Slave
Attention
Stand-by
Activate
Strobe
Increase
Start
Binary
Bit
Least significant bit
Most significant bit
Block
Buffer; Buffered
Bus
Byte
Least significant byte
Most significant byte
Field
Clear
Erase
Load
Off
Cycle
Encode
Column
Command
Multiplex; Multiplexer
Compare
Counter
Bit counter
Programme counter
Count
Control
Cyclic redundancy check
Longitudinal redundancy check
Current
Corrected

Significato
Dati
Dati pronti
Decimale
Decimale codificato in binario
Decodifica
Destinazione
Destra
Differenza
Diminuzione; decremento
Disabilitazione
Dischetto; disco
Dispositivo
Driver
Errore
Errore di parit
Esadecimale
Esecuzione
Esterno
Evento
Fine del file
Fine del nastro; fine della trasmissione
Fine della linea
Fine; finire
Flip-flop
Funzione
Fuori; uscita
Generare
Generazione del riporto di addizione
Generazione del riporto di sottrazione
Gi, abbassato
Guasto
Identificazione
Impulso di commutazione
Impulso di partenza
In; ingresso
Indicatore
Indirizzo
Ingresso del riporto di addizione
Ingresso del riporto di sottrazione
Ingresso/uscita
Inibizione
Inibizione di allarme
Inizializzazione
Insieme di dati pronto
Interfaccia
Interrompere, commutare
Interrompere; interruzione
Interrompere; interruzione; interno
Interruzione comandata dal programma
Intervallo
Lettura
Lettura di memoria
Localizzazione

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

D
RFD
DEC
BCD
DCD
DEST
RT
DIFF
DECR
DIS
DISK
DEV
DRV
ERR
PE
HEX
RUN
EXT
EVT
EOF
EOT
EOL
END
FF
FNC
OUT
GEN
CG
BG
DWN
FLT
ID
TG
TRIG
IN
FLG
ADR
CI
Bl
I/O
INH
ALI
INIT
DSRDY
INTFC
SW
INTRPT
INT
PCI
RNG
RD
MRD
LOC

Data
Ready for data
Decimal
Binary coded decimal
Decode
Destination
Right
Difference
Decrease; Decrement
Disable
Disk; Disc
Device
Driver
Error
Parity error
Hexadecimal
Run
External
Event
End of file
End of tape; End of transmission
End of line
End
Flip-flop
Function
Out; Output
Generate
Carry generate
Borrow generate
Down
Fault
Identification
Toggle
Trigger
In; Input
Flag
Address
Carry input
Borrow input
Input/output
Inhibit
Alarm inhibit
Initialisation
Data set ready
Interface
Switch
Interrupt
Interrupt; Internal
Programme-controlled interrupt
Range
Read
Memory read
Location

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 27 di 36

Significato
Mancato riconoscimento
Maschera
Massimo
Master; principale
Memoria
Memoria a sola lettura
Memoria ad accesso casuale
Memoria dinamica ad accesso casuale
Memorizzare
Minimo
Motore
Motore
Negativo
No; nessuno
Occupato
OR esclusivo
Orizzontale
Orologio
Ottale
Parit
Parola
Pila
Porta
Positivo; posizione
Potenza
Predisporre
Primo dentro, primo fuori
Processo; processore
Programma
Pronto
Pronto a trasmettere
Propagazione del riporto di addizione
Propagazione del riporto di sottrazione
Prova
Pull-up
Registro
Registro di memorizzazione tempora-nea;
temporaneamente memorizzato
Registro indirizzi
Riavvio, ripristino
Ricevitore
Richiesta
Richiesta dintervento
Richiesta di interruzione
Richiesta di trasmissione (dati)
Ricircolare
Riferimento
Rifiuto
Riga
Rilevazione
Rinfrescare, ricaricare
Riporto di addizione

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 28 di 36

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

NACK
MSK
MAX
MSTR
MEM
ROM
RAM
DRAM
STOR
MIN
MOT
MTR
NEG
NO
BUSY
EXOR
XOR
HORZ
CK
OCT
PAR
WRD
STK
G
POS
PWR
SET
FIFO
PRCS
PROC
PRGM
RDY
CTS
CP
BP
TST
PU
REG
LCH

Negative acknowledge

AR
RST
RCVR
REQ
SRQ
IRQ
RQTS
RCIRC
REF
REJ
ROW
DET
RFSH
CRY

Address register

Mask
Maximum
Master
Memory
Read-only memory
Random-access memory
Dynamic RAM
Store
Minimum
Motor
Motor
Negative
No
Busy
Exclusive OR
Exclusive OR
Horizontal
Clock
Octal
Parity
Word
Stack
Gate
Positive; Position
Power
Set
First in, first out
Process; Processor
Process; Processor
Program
Ready
Clear to send
Carry propagate
Borrow propagate
Test
Pull-up
Register
Latch; Latched

Restart
Receiver
Request
Service request
Interrupt request
Request to send (data)
Recirculate
Reference
Reject
Row
Detect
Refresh
Carry

Significato
Ripristino
Ritardo
Ritorno
Ritorno a zero
Ritorno in locale
Scrittura
Segnalazione
Selettore di microcircuito
Selezionare
Selezione di codice
Sincronizzazione
Sinistra
Sistema
Somma numeri dispari
Somma numeri pari
Spazio
Spostamento
Stato
Su, alto
Superamento della soglia
Tastiera
Temporizzare, sincronizzare
Terminale di dati pronto
Terminare; terminale
Terra
Trasmettitore
Trasmettitore-ricevitore
Trasmissione; trasmettere
Unit centrale di processo
Unit logica aritmetica
Uscita del riporto di addizione
Utilit
Valido
Velocit
Verifica; controllo
Verticale
Video
Virtuale
Vuoto

Abbreviazioni

Meaning

Mnemonic

RES
DLY
RTN
RTZ
RTL
WR
LT
CS
SEL
CDSEL
SYNC
LFT
SYS
SODD
SEV
BLNK
SFT
STAT
UP
OVFL
KYBD
CLK
DTR
DTRDY
TERM
GND
XMTR
XCRV
XMIT
XMT
CPU
ALU
CO
UTIL
VLD
SPD
CHK
VERT
VID
VIRT
ETY

Reset
Delay
Return
Return to zero
Return to local
Write
Light
Chip select
Select
Code select
Synchronisation
Left
System
Sum odd
Sum even
Blank
Shift
Status
Up
Overflow
Keyboard
Clock
Data terminal ready
Data terminal ready
Terminate; Terminal
Ground; Earth
Transmitter
Transceiver
Transmission; Transmit
Transmission; Transmit
Central processing unit
Arithmetic logic unit
Carry output
Utility
Valid
Speed
Check
Vertical
Video
Virtual
Empty

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 29 di 36

Tab. A.5/en

Signal name mnemonics alphabetically by


meaning in English
Meaning
Accept; Accumulator
Acknowledge
Activate
Adder
Address
Address register
Alarm inhibit
Arithmetic logic unit
Asynchronous
Attention
Binary
Binary coded decimal
Bit
Bit counter
Blank
Block
Borrow generate
Borrow input
Borrow propagate
Buffer; Buffered
Bus
Busy
Byte
Carry
Carry generate
Carry input
Carry look-ahead
Carry output
Carry propagate
Central processing unit
Check
Chip enable
Chip select
Clear
Clear to send
Clock
Code select
Column
Command
Compare
Control
Corrected
Count
Counter
Current
Cycle
Cyclic redundancy check
Data
Data set ready

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 30 di 36

Abbreviazioni mnemoniche dei nomi del segnale in


ordine alfabetico per significato in inglese

Abbreviazioni
Mnemonic

ACC
ACK
ACT
ADD
ADR
AR
ALI
ALU
ASYNC
ATTN
BIN
BCD
BIT
BCTR
BLNK
BLK
BG
Bl
BP
BUF
BUS
BUSY
BYT
CRY
CG
CI
CLA
CO
CP
CPU
CHK
CE
CS
CLR
CTS
CK
CLK
CDSEL
COL
CMD
COMP
CNTL
CORR
CNT
CTR
CURR
CYC
CRC
D
DSR
DSRDY

Significato
Accettazione; accumulazione
Accusare ricevimento
Attivare
Addizionare
Indirizzo
Registro indirizzi
Inibizione di allarme
Unit logica aritmetica
Asincrono
Attenzione
Binario
Decimale codificato in binario
Bit
Contatore di bit
Spazio
Blocco
Generazione del riporto di sottrazione
Ingresso del riporto di sottrazione
Propagazione del riporto di sottrazione
Buffer
Bus
Occupato
Byte
Riporto di addizione
Generazione del riporto di addizione
Ingresso del riporto di addizione
Anticipazione del riporto di addizione
Uscita del riporto di addizione
Propagazione del riporto di addizione
Unit centrale di processo
Verifica; controllo
Abilitazione del microcircuito
Selettore di microcircuito
Cancellare
Pronto a trasmettere
Orologio
Temporizzare, sincronizzare
Selezione di codice
Colonna
Comando; istruzione
Comparazione
Controllo
Corretto
Conteggio
Contatore
Corrente
Ciclo
Controllo di ridondanza ciclica
Dati
Apparecchio pronto
Insieme di dati pronto

Meaning
Data terminal ready
Decimal
Decode
Decrease; Decrement
Delay
Destination
Detect
Device
Difference
Direct memory access
Disable
Disk; Disc
Down
Driver
Dynamic RAM
Empty
Enable
Encode
End
End of file
End of line
End of tape; End of transmission
Erase
Error
Event
Exclusive OR
External
Fault
Field
First in, first out
Flag
Flip-flop
Function
Gate
Generate
Ground; Earth
Halt
Hexadecimal
Hold(ing)
Horizontal
Identification
In; Input
Increase
Inhibit
Initialisation
Input/output
Interface
Interrupt
Interrupt request
Interrupt; Internal
Keyboard

Abbreviazioni
Mnemonic

DTR
DTRDY
DEC
DCD
DECR
DLY
DEST
DET
DEV
DIFF
DMA
DIS
DISK
DWN
DRV
DRAM
ETY
EN
ENCD
END
EOF
EOL
EOT
ERS
ERR
EVT
EXOR
XOR
EXT
FLT
FLD
FIFO
FLG
FF
FNC
G
GEN
GND
HALT
HEX
HLD
HORZ
ID
IN
INCR
INH
INIT
I/O
INTFC
INTRPT
IRQ
INT
KYBD

Significato
Terminale di dati pronto
Terminale di dati pronto
Decimale
Decodifica
Diminuzione; decremento
Ritardo
Destinazione
Rilevazione
Dispositivo
Differenza
Accesso diretto di memoria
Disabilitazione
Dischetto; disco
Gi, abbassato
Driver
Memoria dinamica ad accesso casuale
Vuoto
Abilitazione
Codificare
Fine; finire
Fine del file
Fine della linea
Fine del nastro; fine della trasmissione
Cancellare
Errore
Evento
OR esclusivo
OR esclusivo
Esterno
Guasto
Campo
Primo dentro, primo fuori
Indicatore
Flip-flop
Funzione
Porta
Generare
Terra
Arresto
Esadecimale
Arresto manuale
Orizzontale
Identificazione
In; ingresso
Aumento
Inibizione
Inizializzazione
Ingresso/uscita
Interfaccia
Interrompere; interruzione
Richiesta di interruzione
Interrompere; interruzione; interno
Tastiera

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 31 di 36

Meaning

Abbreviazioni
Mnemonic

Latch; Latched

LCH

Least significant bit

LSB
LSBYT
LFT
LT
LD
LOC
LRC
MSK
MSTR
MAX
MEM
MRD
MIN
MSB
MSBYT
MOT
MTR
MUX
NEG
NACK
NO
OCT
OFF
ON
OUT
OVFL
PAR
PE
POS
PWR
PRCS
PROC
PRGM
PC
PCI
PU
RAM
RNG
RD
ROM
RDY
RFD
RCVR
RCIRC
REF
RFSH
REG
REJ
REQ
RQTS
RES
RST

Least significant byte


Left
Light
Load
Location
Longitudinal redundancy check
Mask
Master
Maximum
Memory
Memory read
Minimum
Most significant bit
Most significant byte
Motor
Multiplex; Multiplexer
Negative
Negative acknowledge
No
Octal
Off
On
Out; Output
Overflow
Parity
Parity error
Positive; Position
Power
Process; Processor
Program
Programme counter
Programme-controlled interrupt
Pull-up
Random-access memory
Range
Read
Read-only memory
Ready
Ready for data
Receiver
Recirculate
Reference
Refresh
Register
Reject
Request
Request to send (data)
Reset
Restart

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 32 di 36

Significato
Registro di memorizzazione temporanea;
temporaneamente memorizzato
Bit meno significativo
Byte meno significativo
Sinistra
Segnalazione
Carico; caricare
Localizzazione
Controllo di ridondanza longitudinale
Maschera
Master; principale
Massimo
Memoria
Lettura di memoria
Minimo
Bit pi significativo
Byte pi significativo
Motore
Motore
Commutatore; commutare
Negativo
Mancato riconoscimento
No; nessuno
Ottale
Chiuso
Aperto
Fuori; uscita
Superamento della soglia
Parit
Errore di parit
Positivo; posizione
Potenza
Processo; processore
Processo; processore
Programma
Contatore di programma
Interruzione comandata dal programma
Pull-up
Memoria ad accesso casuale
Intervallo
Lettura
Memoria a sola lettura
Pronto
Dati pronti
Ricevitore
Ricircolare
Riferimento
Rinfrescare, ricaricare
Registro
Rifiuto
Richiesta
Richiesta di trasmissione (dati)
Ripristino
Riavvio, ripristino

Meaning
Return
Return to local
Return to zero
Right
Row
Run
Select
Service request
Set
Shift
Slave
Speed
Stack
Stand-by
Start
Status
Stop
Store
Strobe
Sum even
Sum odd
Supply
Switch
Synchronisation
System
Terminate; Terminal
Test
Toggle
Transceiver
Transmission; Transmit
Transmitter
Trigger
Up
Utility
Valid
Vertical
Video
Virtual
Word
Write

Abbreviazioni
Mnemonic

RTN
RTL
RTZ
RT
ROW
RUN
SEL
SRQ
SET
SFT
SLV
SPD
STK
STDBY
START
STAT
STOP
STOR
STRB
SEV
SODD
SPLY
SW
SYNC
SYS
TERM
TST
TG
XCRV
XMIT
XMT
XMTR
TRIG
UP
UTIL
VLD
VERT
VID
VIRT
WRD
WR

Significato
Ritorno
Ritorno in locale
Ritorno a zero
Destra
Riga
Esecuzione
Selezionare
Richiesta dintervento
Predisporre
Spostamento
Asservimento
Velocit
Pila
Attesa
Avviamento
Stato
Arresto
Memorizzare
Attivare con impulsi
Somma numeri pari
Somma numeri dispari
Alimentazione
Interrompere, commutare
Sincronizzazione
Sistema
Terminare; terminale
Prova
Impulso di commutazione
Trasmettitore-ricevitore
Trasmissione; trasmettere
Trasmissione; trasmettere
Trasmettitore
Impulso di partenza
Su, alto
Utilit
Valido
Verticale
Video
Virtuale
Parola
Scrittura

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 33 di 36

ANNEX/ALLEGATO

normative
ZA normativo

Other International Publications


quoted in this Standard
with the references of the relevant
European Publications

Altre Pubblicazioni Internazionali


menzionate nella presente Norma
con riferimento alle corrispondenti
Pubblicazioni Europee

This European Standard incorporates by dated or


undated reference, provisions from other publications. These normative references are cited at the
appropriate places in the text and the publications
are listed hereafter. For dated references, subsequent amendments to or revisions of any of these
publications apply to this European Standard only
when incorporated in it by amendment or revision. For undated references the latest edition of
the publication referred to applies.

La presente Norma include, tramite riferimenti datati e non datati, disposizioni provenienti da altre
Pubblicazioni. Questi riferimenti normativi sono
citati, dove appropriato, nel testo e qui di seguito
sono elencate le relative Pubblicazioni. In caso di
riferimenti datati, le loro successive modifiche o
revisioni si applicano alla presente Norma solo
quando incluse in essa da una modifica o revisione. In caso di riferimenti non datati, si applica
lultima edizione della Pubblicazione indicata.

Note/Nota When the International Publication has been modified by

Quando la Pubblicazione Internazionale stata modificata


da modifiche comuni CENELEC, indicate con (mod), si applica
la corrispondente EN/HD.

common modifications, indicated by (mod), the relevant


EN/HD applies.

Pubbl. IEC
27

Data

Titolo

Date

Title

EN/HD

serie Simboli letterali da usarsi in elettrotecnica

HD 245

1988 Individuazione dei morsetti degli apparecchi


e delle estremit di conduttori designati e
regole generali per un sistema alfanumerico

Date

serie

Norma CEI

EN 60445

1990

Vedi anche
24-1
16-2

3-26

Vedi anche
3-34

series Letter symbols to be used in electrical technology

445

Data

series

Identification of equipment terminals and of terminations of certain designated conductors, including general rules for an alphanumeric system

617-12

1991 Segni grafici per schemi Parte 12: Elementi


logici binari
Graphical symbols for diagrams Part 12: Binary
logic elements

747

serie Semiconductor devices Discrete devices


series Semiconductor devices Discrete devices

750

1983 Codice di identificazione dei materiali da


utilizzare nella tecnologia elettrica
Item designation in eloctrotechnology

Other Publications:
ISO 31-1
ISO 31-5
ISO/IEC 646
ISO 3511-1
ISO/IEC
4873
ISO 8859-1

Altre Pubblicazioni:

1978 Quantities and units of space and time


1979 Quantities and units of electricity and magnetism
1991 Information technology ISO 7-bit coded character set for information processing interchange
1977 Process measurement control functions and instrumentation Symbolic representation
Part 1: Basic requirements
1991 Information technology ISO 8-bit code for information interchange Structure and rules
for implementation
1987 Information processing 8-bit single-byte coded graphic character sets
Part 1: Latin alphabet N 1

Fine Documento

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 34 di 36

NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Pagina 35 di 36

La presente Norma stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano


e beneficia del riconoscimento di cui alla legge 1 Marzo 1968, n. 186.
Editore CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, Milano - Stampa in proprio
Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 4093 del 24 luglio 1956
Responsabile: Ing. E. Camagni

Lire
NORMA TECNICA
CEI EN 61175:1997-06
Totale Pagine 42

156.000

Sede del Punto di Vendita e di Consultazione


20126 Milano - Viale Monza, 261
tel. 02/25773.1 fax 02/25773.222 E-MAIL cei@ceiuni.it