Sei sulla pagina 1di 9

SENSOSTRICTIVE

SENSORE DI MICRODEFORMAZIONI INTRINSECAMENTE WIRELESS


BREVETTO ITALIANO PD2001A000204: "SENSORE E METODO DI MISURA DI MICRODEFORMAZIONI STATICHE E DINAMICHE"
INTERNATIONAL PATENT NR. WO/2003/016891: STATIC AND DYNAMIC MEASUREMENTS METHOD AND SENSOR

Sommario
1. Proposta......................................................................................................................................................... 2
1.1

Idea concettuale ................................................................................................................................ 2

1.2

Proponente ........................................................................................................................................ 3

1.3

Competenze chiave del team di lavoro ............................................................................................. 4

2. Potenziali prodotti ......................................................................................................................................... 4


2.1 Descrizione, caratteristiche e vantaggi dei potenziali prodotti ............................................................... 4

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

1. Proposta
1.1 Idea concettuale
I sensori di microdeformazioni ad onde magnetoelastiche risonanti sviluppati fino ad oggi dalla PROMETE
S.r.l., in collaborazione con il gruppo di magnetismo dellUnit di Napoli dellIstituto Nazionale per la Fisica
della Materia (INFM-CNR), sono costituiti da nastri di vetri metallici ferromagnetici con una caratteristica
frequenza di risonanza delle onde magnetoelastiche.
Per tali sensori la PROMETE ha ottenuto il brevetto italiano PD2001A000204: "Sensore e metodo di misura
di microdeformazioni statiche e dinamiche" e linternational patent nr. WO/2003/016891: Static and
dynamic measurements method and sensor
Fig. 1 Sensore magnetostrittivo wired fissato alla struttura metallica
di cui misurare la microdeformazione.
La frequenza di risonanza di questo tipo di sensori magnetoelastici dipende in
modo critico dalla lunghezza del nastro di vetro metallico e varia sensibilmente
in funzione di una deformazione micrometrica (microstrain) del nastro.
Attualmente per ciascun sensore necessario, in analogia ad altri dispositivi
commerciali, unalimentazione elettrica ed una circuiteria per la rilevazione e
acquisizione dei segnali (bobina di eccitazione, bobina di pick-up, collegamenti
elettrici, circuiti amplificazione, filtri, etc.). Ma, recenti sviluppi nel campo della
tecnologia dei sensori magnetoelastici per lanalisi della densit, dellumidit e
della viscosit rendono possibile la realizzazione di una nuova generazione di
sensori magnetoelastici completamente wireless (senza fili) e passivi (non alimentati) per la misura di
microdeformazioni.
Lidea di base di questa applicazione tecnologica che i sensori magnetoelastici per le loro caratteristiche
intrinseche possono essere eccitati e interrogati tramite metodi magnetici e/o acustici (ultrasuoni), senza
luso di fili e la necessit di una alimentazione elettrica dedicata per ciascun sensore, utilizzando soltanto un
unico apparato centrale complesso ma portatile. Il costo unitario di ciascun sensore, cos semplificato
nella progettazione, sarebbe molto basso.
La tipologia totalmente nuova di sensore di microdeformazioni intrinsecamente wireless che intendiamo
sviluppare, apre un ampio spettro di applicazioni commerciali, specialmente nel campo del monitoraggio
degli edifici civili dove sempre pi forte la richiesta di sistemi economici e di facile installazione ed
utilizzo.

E possibile inglobare allinterno del corpo di un edificio una rete di tal genere di sensori a basso costo,
senza alcun tipo di connessione elettrica n alimentazione, e ciascuno di essi distinguibile dalla sua
specifica frequenza di risonanza pu fornire la misura delle microdeformazioni locali e la loro variazione
nel tempo - attraverso la lettura in remoto della frequenza di risonanza, tramite un apposito apparato.
PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE
Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

1.2 Proponente

Promete Srl, spin-off company dell'Istituto Nazionale per la Fisica della


Materia (INFM-CNR) opera nel campo dell'innovazione e del
trasferimento tecnologico, con l'obiettivo strategico di rafforzare il
collegamento fra mondo della ricerca e tessuto produttivo, attraverso la strutturazione di attivit di
trasferimento di know-how alle imprese. Lo status di Spin off Company consiste in una convenzione con
INFM riguardante l'utilizzo dei laboratori dell'Unit di Ricerca di Napoli dell'Istituto per attivit di ricerca
industriale, di sviluppo prototipi e di servizi connessi all'utilizzo diretto e/o indiretto della strumentazione
scientifica in dotazione ai laboratori. Il laboratorio Promete - Certif. Qualit ISO 9001:2000 n4719/05
Ricerca e Sviluppo Sperimentale nel Campo della Fisica - inoltre, accreditato all'Albo Regionale dei
Soggetti abilitati all'erogazione dei servizi di consulenza e commesse di ricerca a sostegno dell'innovazione
e dello sviluppo scientifico e tecnologico delle P.M.I. della Campania (decreto dirigenziale n. 450 della
Regione Campania del 13/07/2005).
La specificit della PROMETE si sostanzia anche nell'integrazione delle competenze necessarie per svolgere
le attivit di sviluppo previste:

Il know-how tecnico-scientifico per quanto riguarda la scelta degli opportuni materiali ferromagnetici
amorfi con caratteristiche magnetiche e meccaniche ottimali per le applicazioni volute, nonch per la
realizzazione dellelettronica che costituir la stazione di eccitazione-ricezione;

Il know-how specializzato sulla tematica centrale del progetto dei partners scientifici storici della
PROMETE sia nazionali che internazionali - oltre al gi citato Gruppo di Magnetismo del Dipartimento di
Scienze Fisiche dellUniversit Federico II di Napoli ad esempio lIstituto Elettrotecnico Nazionale
Galileo Ferraris, il National Institute of Research and Development for Technical Physics, Iasi
(Romania), Questultima istituzione, ad esempio, detiene un brevetto internazionale sulla produzione di
fili ferromagnetici amorfi ricoperti di vetro (normalmente i vetri metallici ferromagnetici sono prodotti
in forma di nastro e non sono ricoperti di vetro).

Numerose pubblicazioni internazionali nel campo dei materiali ferromagnetici amorfi, e loro
applicazioni come sensori.

PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE


Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

1.3 Competenze chiave del team di lavoro


Roberto Germano. Fisico della materia, fondatore e CEO di PROMETE Srl - CNR Spin off
Company. Autore di numerosi articoli di fisica sperimentale su riviste scientifiche
internazionali (H-index=5), e di brevetti per invenzione industriale. Vincitore dell'edizione
2004 del premio "Roberto Marrama", concorso alla ricerca di giovani talenti
imprenditoriali. Advisor della Rivista Trasferimento Tecnologico, membro della
International Society for Condensed Matter Nuclear Science (ISCMNS), fondatore e
membro del Comitato Tecnico Scientifico dellAssociazione NOI - Napoli Open
Innovation, esperto per il Trasferimento Tecnologico nellAlbo del Ministero dello
Sviluppo Economico. Autore dei saggi "Fusione Fredda, Moderna storia d'inquisizione e d'alchimia"
(Bibliopolis, 2000, seconda ed. 2003) prefazione di Giuliano Preparata e "AQUA, L'acqua elettromagnetica
e le sue mirabolanti avventure" (Bibliopolis, 2006), coautore di "Il Trasferimento Tecnologico" (Franco
Angeli, 2010), e di Manuale tascabile del Trasferimento Tecnologico (Il Denaro, 2010). E membro del
Comitato Scientifico dellIC-MAST - the International Conference for Materials and Applications for Sensors
and Transducers.

2. Potenziali prodotti
2.1 Descrizione, caratteristiche e vantaggi dei potenziali prodotti
SENSOSTRICTIVE: Nuova Tecnologia di Sensori intrinsecamente Wireless e Passivi
Lapplicazione dei materiali magnetoelastici quali sensori di tensione meccanica e microdeformazioni
stato argomento di diversi studi negli ultimi decenni. In tali applicazioni il parametro di misura utilizzato la
variazione dellintensit di magnetizzazione, che funzione della tensione meccanica indotta nel materiale
del sensore. In tal modo viene sfruttato il solo effetto magnetostrittivo inverso connesso alla ben nota
stress sensitivity.
Il sensore magnetoelastico brevettato da PROMETE basato invece sullaltissima sensibilit dellampiezza e
della frequenza delle onde magnetoelastiche ad ogni deformazione indotta dallesterno.
Lelemento core dei sensori magnetoelastici consiste tipicamente in nastri o fili costituiti da una lega
ferromagnetica amorfa, tipicamente a base ferro un esempio sono le leghe Fe40Ni38Mo4B18 (Metglas
2826MB) e Fe81B13.5Si3.5C2 (Metglas 2605SC). Tali leghe hanno bassi costi (ad esempio leghe similari sono
utilizzate estensivamente nelle tag antitaccheggio usa e getta), inoltre vantano la caratteristica di
unaltissima resistenza alla trazione meccanica (~1000-1700 MPa), un alto coefficiente di accoppiamento
magnetoelastico, dellordine di 0.98, e una magnetostrizione intorno a 10xE5.

PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE


Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

Queste leghe, come tutti i materiali magnetostrittivi, si deformano meccanicamente quando sono
sottoposti ad un impulso di campo magnetico, generando onde elastiche la cui intensit maggiore alla
frequenza di risonanza meccanica e pu, in principio, essere rilevata da remoto tramite un microfono
ultrasonico. Daltro canto la deformazione meccanica produce una variazione di flusso magnetico che pu
anche essere rilevata in remoto utilizzando un sensore di campo magnetico.
Lelevato accoppiamento magnetoelastico delle leghe ferromagnetiche amorfe permette inoltre una
conversione molto efficiente tra energia elastica e magnetica, e viceversa. Infatti, quando il materiale
eccitato da un campo magnetico variabile nel tempo, lelevata magnetostrizione permette al materiale di
cui composto di esibire una risonanza (onde magnetoelastiche risonanti) che pu essere rilevata in
remoto sia con metodi acustici che con metodi magnetici.
La microdeformazione locale si pu misurare sia inseguendo la frequenza di risonanza del sensore che
misurando lampiezza delle onde magnetoelastiche risonanti.
Lo stato magnetico del sensore e quindi la sua dipendenza dalla tensione meccanica e dalla temperatura,
sono controllabili effettuando un trattamento termico in campo magnetico trasverso, o cambiando il
campo magnetico statico di polarizzazione e/o mutando la lunghezza del nucleo amorfo del sensore cosa
che a sua volta determina il suo fattore demagnetizzante.
La vibrazione meccanica del sensore magnetoelastico si genera attraverso leffetto magnetoelastico
inviando un segnale magnetico che varia nel tempo. Mediante leffetto magnetoelastico, la vibrazione del
sensore genera a sua volta un flusso magnetico variabile nel tempo, che pu essere misurato da bobine o
sensori magnetici di ricezione. Il segnale nel dominio nel tempo pu essere allora convertito nel dominio
della frequenza effettuando una Trasformata di Fourier (FFT), e viene cos determinata la frequenza di
risonanza. La frequenza di risonanza del sensore eccitato pu anche essere determinata grazie al conteggio
delle intersezioni con lo zero del segnale di risposta del sensore in un dato intervallo di tempo.
In alternativa, il sensore pu essere interrogato nel dominio della frequenza effettuando una scansione in
frequenza e misurando lampiezza per ciascuna frequenza incrementale.
Oltre a generare un flusso magnetico, le vibrazioni meccaniche del sensore generano anche unonda
acustica che pu essere rilevata da un microfono ultrasonico.
Il metodo di rilevamento magnetico ha la massima precisione, ma per un sensore lungo circa 1 cm ha un
limite massimo di 30 cm, mentre lo stesso sensore pu essere rilevato acusticamente tramite un microfono
ultrasonico fino a circa 2 m.
La nostra attivit si propone di sviluppare una nuova tipologia di sensori di microdeformazioni wireless,
passivi e interrogabili in remoto, oltre che poco costosi, adatti in particolare per applicazioni nel campo
dellingegneria civile.

PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE


Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

9
10

11

12

Visione schematica di un insieme di N sensori di microdeformazioni, immersi nella struttura da monitorare,


con sistema remoto di rilevamento.

PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE


Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

Il principio di funzionamento dei sensori ad onde magnetoelastiche consente di implementare le suddette


caratteristiche. Inoltre, i materiali impiegati (nastro ferromagnetico amorfo quale core del sensore ed
elastomeri per la struttura esterna) garantiscono un'eccellente resistenza alle sollecitazioni meccaniche ed
al degrado causato dall'azione di agenti esterni, anche in ambiente ostile. Il principio di funzionamento,
inoltre, cos semplice da consentire un assemblaggio estremamente facile ed economico a partire dal
materiale di base.
Diversi tipi commerciali di sensori di deformazione, come ad esempio gli strain gauge resistivi o i sensori a
corda vibrante, pur offrendo buone performance almeno per campagne di misura limitate nel tempo,
presentano costi elevati e grandi difficolt di messa in opera. A seconda dei tipi, i sistemi oggi
commercialmente disponibili necessitano di una connessione fisica diretta (cablaggio elettrico) ovvero di un
preciso allineamento tra sensore e rivelatore, come nel caso della telemetria ottica; in generale tali sensori
sono poco robusti e/o non adatti per essere lasciati in situ, e men che mai immersi nella struttura.
Infatti, la necessit di una connessione elettrica tra i sensori commerciali e lelettronica di elaborazione dati
impedisce molte applicazioni in situ, quali per esempio il monitoraggio nel tempo delle deformazioni locali
nelle strutture.
Un grande vantaggio del sensore proposto consiste inoltre nel fatto che esso passivo, cio non ha la
necessit di unalimentazione.

IN SINTESI GLI OBIETTIVI CONSISTONO IN:


1) REALIZZAZIONE PROTOTIPALE DI UNA NUOVA CLASSE DI SENSORI DI MICRODEFORMAZIONI POCO COSTOSI, SENZA
FILI (WIRELESS), PASSIVI (SENZA NECESSIT DI ALIMENTAZIONE ELETTRICA), E CON LA POTENZIALIT DI
IMMERGERLI E ABBANDONARLI NELLA STRUTTURA DA MONITORARE, PER POI INTERROGARLI IN REMOTO.
2) SVILUPPO DELLA STAZIONE DI ECCITAZIONE-RICEZIONE DELLA NUOVA CLASSE DI SENSORI.

PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE


Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

PUBBLICAZIONI INTERNAZIONALI PROMETE

nel campo dei materiali ferromagnetici amorfi e loro applicazioni sensoristiche


-R. Germano, A. DAgostino, V. Iannotti, and L. Lanotte, The use of a magnetoelastic sensor as an alternative
to the resistive strain gauge, in Proceedings of ISEM '99 Non-linear Electromagnetic Systems, P. Di Barba, A.
Savini (Eds.), IOS Press, Amsterdam 2000.
-R. Germano, G. Ausanio, V. Iannotti, L. Lanotte, and C. Luponio, Direct magnetostriction and
magnetoelastic wave amplitude to measure a linear displacement, Sensors and Actuators A: Physical 81, 13, (2000) 134-136.
-R. Germano, L. Lanotte, and V. Iannotti, Magnetoelastic wave amplitude and Young modulus in amorphous
and nanocrystalline Fe73.5Cu1Nb3Si15.5B7, J. Phys. IV France 8 (1998) Pr2-171-Pr2-174.
-A. DAgostino, R. Germano, V. Iannotti, and L. Lanotte, Influence of local magnetization on Young modulus
and correlation with magnetoelastic waves amplitude in ferromagnetic amorphous ribbons, in Non-linear
electromagnetic systems, V. Kose, J. Sievert (Eds.), IOS Press, Amsterdam, 1998.
-G. Ausanio, R. Germano, V. Iannotti, and L. Lanotte, Magnetic, magnetoelastic and structural properties of
Co82P18, Fe80B13Si4C3 and Fe73.5Cu1Nb3Si15.5B7 amorphous ribbons after consecutive heat cycles in
vacuum, Il Nuovo Cimento 20 D, 1, (1998) 63-71.
-L. Lanotte, R. Germano, V. Iannotti, A. Di Nocera, and S. Loreti, DSC evidence of compositional modulation
and giant magnetoelastic wave amplitude in electrodeposited Co-P ribbons, Materials Science and
Technology 14 (1998) 726-731.
-L. Lanotte, and R. Germano, Application of magnetoelastic waves for sensors of displacement, Sensors and
Actuators A: Physical 59 (1997) 337-341.
-L. Lanotte, R. Germano, V. Iannotti, and C. Luponio, Application of Co-P nanostructured multilayers to
detect local inhomogeneity of magnetic field, Material Science Forum 235-238 (1997) 837-842.
-L. Lanotte, Z. Kaczkowski, M. Muller, and R. Germano, Dynamic stress sensitivity of Fe73.5Cu1(Ta or
W)3Si15.5B7 ribbons after heat treatments in vacuum, Il Nuovo Cimento 18 D, 12, (1996) 1455-1461.
-R. Germano, and A. Di Nocera, DSC evidence of non magnetic intercalary films and giant magnetoelastic
wave amplitude in Co-P electrodeposited multilayers, in Magnetic Properties of Matter: Proceedings of the
National School of "New Developments and Magnetism's Applications", L. Lanotte, F. Lucari, L. Pareti (Eds.),
World Scientific, Singapore 1996.
-M. Neagu, M. Lozovan, M. Dobromir, L. Velicu, C. Hison, S. Stratulat Permalloy thin films obtained by
pulsed laser deposition: magnetic and galvanomagnetic behaviour, Journal of Optoelectronics and
Advanced Materials 10 (3) (2008) 632-634
-M. Dobromir, M. Neagu, G. Popa, H. Chiriac, V. Pohoa, C. Hison Surface and bulk magnetic behavior of
Fe-Si-B amorphous thin films, J. Magn. Magn. Mater. 316 (2) (2007) e904-e907
-M. Neagu, M. Dobromir, G. Popa, H. Chiriac, Gh. Singurel, C. Hison, N. Apetroaiei Optical and magnetooptical studies of Fe-Cu-Nb-Si-B amorphous thin films deposited by pulsed laser ablation, Journal of
PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE
Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO

CNR_Spin off Company

ISO9001n4719/05

Optoelectronics and Advanced Materials 8 (5) (2006) 1755-1757


-M. Neagu, H. Chiriac, M. Dobromir, I. Petrou, M. Lozovan, C. Hison, Magnetic and magnetoresistive
properties of Fe-based amorphous thin films, Technical Digest of the Soft Magnetic Materials Conference
(SMMM 17), September 7-9, 2005, Bratislava, Slovakia
-M. Dobromir, Maria Neagu, G. Popa, H. Chiriac, Gh.Singurel, C. Hison, Surface magnetic characterisation
of FeSiB amorphous ribbons Digests of the IEEE International Magnetics Conference (INTERMAG ASIA
Nagoya, Japan, April 2005), 147
-G. Ausanio, C. Hison, V. Iannotti, C. Luponio, L. Lanotte, Mechanical vibrations sensor based on
elastomagnetic composite, Sensors and Actuators A 129 (2006) 25-28
-M. Dobromir, M. Neagu, G. Popa, H.Chiriac, Gh. Singurel, C. Hison, The surface magnetism investigation of
FeSiB amorphous thin films obtained by evaporation technique, Sensors and Actuators A 129 (2006) 172175
-C. Hison, H. Chiriac, N. Lupu, M. Neagu, Nanocrystalline Fe87Zr7Al2B3Cu1 ribbons, Sensors and
Actuators A 129 (2006) 45-49
-G. Ausanio, A. C. Barone, C. Hison, E. Pepe, L. Lanotte, Magnetoelastic sensor for real-time monitoring of
elastic deformation and fractures alarm, Sensors and Actuators A 125 (2005) 10-14
-G. Ausanio, C. Hison, V. Iannotti, A. C. Barone, G. Mannara, L. Lanotte, Magnetoelastic sensor application
in civil buildings monitoring, Sensors and Actuators A 123-124 (2005) 290-295
-M. Salluzzo, C. Aruta, G. Ausanio, A. D'Agostino, U. Scotti di Uccio, "Effect of strain on the structure and
critical temperature in superconducting Nd-doped YBa2Cu3O7- " Physical Review B 66 (2002) 184518
-G. Ausanio, C. Hison, V. Iannotti, C. Luponio, L. Lanotte
Magnetoelastic Stress and Strain Sensors
Encyclopedia of Sensors, Craig A. Grimes, Elizabeth C. Dickey, Michael V. Pishko (Eds.), American Scientific
Publishers, Stevenson Ranch, California, vol 5 (2006) 489-528
-G. Ausanio, V. Iannotti, C. Hison, L. Lanotte, A. DAgostino, and R. Germano, Novel elastic magnets as
actuators core, Applied Electromagnetics and Mechanics 19 (2004) 395-398.
-G. Ausanio, V. Iannotti, L. Lanotte, C. Luponio, R. Germano, A. DAgostino, M. Inverno, and R. Sorrentino,
Potential application of innovative magnetoelastic resonators for vibration
detection, Sensors and Actuators A: Physical 91, 1-2 (2001) 123-125.

PROMETE S.r.l. - I CONSULENTI DELLINNOVAZIONE


Sede legale: Via Buongiovanni, 49 - 80046 S.Giorgio a Cremano (NA)
Sede operativa: Piazz.le V.Tecchio, 45 - 80125 Napoli
Tel/Fax: 081 056851 - www.promete.it
RISERVATO