Sei sulla pagina 1di 18

Le regole di gestione

dello studio
odontoiatrico: rischio
biologico e sicurezza
sul lavoro
(L.Checchi M.Montevecchi F.Violante D.Raimondo
P.Legnani V.Checchi)

HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO di Martello Francesco


Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876
www.hiluxsoluzionidentali.it - info.hilux@gmail.com
CCIAA 36269 REA 131569 R.I. FE53469 INPS 18888681YK INAIL 1879690/40
P.IVA 01101830386 C.F. MRTFNC64T15E974I REG.MIN.SALUTE ITCA01026556

HI-LUX

Pagina 1

20/06/2013

1. Introduzione
Un esame accurato dello studio odontoiatrico e delle regole ad esso sottese evidenzia unattivit
ed unorganizzazione lavorativa assolutamente non uniforme sul piano nazionale: accanto ad
ambulatori ben programmati in relazione a protocolli operativi scientifici, coesistono ambienti di
lavoro ove prevalgono disordine e disorganizzazione. Non aiuta, inoltre, il fatto che leggi e
regolamenti sul lavoro non siano nati per lodontoiatria, ma piuttosto per ambienti di tipo industriale
o al limite ospedalieri. Lodontoiatria, quindi, ha dovuto recepirli ed il pi delle volte anche adattarli
a quello specifico ed unico habitat che lo studio odontoiatrico. Altro motivo della mancata
standardizzazione di uomini e mezzi lestrema complessit della pratica odontoiatrica, poich
lodontoiatria deve adattarsi a differenti ruoli (anestesista, chirurgo, protesista, endodontista,
ortodontista, ), ognuno dei quali richiederebbe ambienti, personale e conoscenze specialistiche,
come peraltro avviene in campo medico.
Questa situazione cos composita ha contribuito a forgiare un dentista autonomo, autosufficiente,
ma non sempre pronta a confrontarsi e quindi a resettarsi in materia di organizzazione del lavoro.
Non meno importante lestrema pericolosit, ancora sottovalutata, di questa professione, in cui al
rischio biologico degli agenti coinvolti si pensi alla semplice rimozione del tartaro con la
contemporanea liberazione di batteri, virus e funghi si aggiungono quello chimico con la tossicit
dei materiali dentali e quello fisico-meccanico associato per esempio a raggi X, rumori, vibrazioni,
per finire alle problematiche psicologiche e stress-dipendenti, cos ricorrenti specie negli ultimi
anni.
Di qui la necessit di elaborare una serie di dossier nei quali vengano elencati e descritti quei
protocolli che sono alla base della scientificit e della sicurezza del lavoro ed a cui lodontoiatra
debba far riferimento per la sua organizzazione lavorativa interna, nonch per la sicurezza sua e
del personale di riferimento. Unattenta e moderna iconografia, unitamente ad unaggiornata
bibliografia rendono indispensabili questi contributi per tutti quei colleghi odontoiatri che vogliono
mantenersi aggiornati.

2. Rischio biologico, chimico, fisico


Presso lo studio odontoiatrico vengono svolte differenti attivit lavorative, che comportano
inevitabilmente lesposizione a molteplici rischi di natura professionale.
Le figure professionali coinvolte in tale attivit (odontoiatra, igienista dentale, assistente alla
poltrona, tecnici di laboratorio) sono quindi esposte a molteplici rischi con potenziale danno alla
salute personale, che tende a intensificarsi con let [1].
Queste problematiche possono essere meglio distinte in rischi per la sicurezza e rischi per la
salute.
I rischi per la sicurezza riguardano la possibilit di infortunio sul lavoro (lesione dellintegrit
psicofisica prodotta da una causa che agisce in modo concentrato ne tempo) e si possono
classificare in rischi derivanti da:
carenze strutturali dellambiente di lavoro;
carenze di sicurezza relative a macchine ed apparecchiature;
manipolazione di sostanze pericolose;
carenza di sicurezza elettrica;
incendio e/o esplosione.
I rischi per la salute attengono alla possibilit di insorgenza di malattia da lavoro (lesione
dellintegrit psicofisica prodotta da una causa che agisce in modo graduale ne tempo) e si
possono classificare in rischi derivanti da:
agenti fisici;
agenti chimici;
agenti biologici;
fattori biomeccanici;
fattori relazionali.
Ampia letteratura scientifica documenta da molti anni lesistenza di tali specifici fattori di rischio cui
sono potenzialmente esposte numerose figure professionali in ambiente odontostomatologico
(tabella 1).

HI-LUX

Pagina 2

20/06/2013

Tabella 1 Fattori di rischio professionali in odontoiatria


Tipo di rischio
Agenti coinvolti
Conseguenze
Infezione
Batteri
Bioaerosol infettivi (da procedure dentali),
Virus
aria condizionata e ambiente confinato
Funghi
Prioni
Epatite B, C, D
Esposizione a fluidi corporei infetti per
HIV
incidenti da esposizione percutanea
Influenza
Malattie respiratorie ed altre malattie
CMV
infettive, per esempio influenza, verruche,
Morbillo
herpes labiale
Parotite
Rosolia
HPV
HSV
Chimico
Mercurio
Effetti tossici da materiali dentali, inclusa
Metilmetacrilato
lipersensibilit respiratoria
Cianoacrilato
Glutaraldeide
Effetti tossici da metodi di sterilizzazione
Alcol
Ossido di etilene
Iodio
Protossido di azoto
Effetti tossici da gas anestetici
Alotano
Polveri
Effetti tossici da particelle aerodisperse
Detergenti per le mani
Dermatite da contatto
Solventi
Irritazioni
Polveri
Lattice
Dermatiti allergiche o da lattice
Acrilati
Mercurio
Agenti sterilizzanti
Medicinali
Fisico
Raggi X
Lesioni da radiazioni ionizzanti
Luce blu/ultravioletti
Lesioni da radiazioni non ionizzanti
Rumore
Ipoacusia da rumore
Vibrazioni
Neuropatia periferica
Calore
Ustioni e scottature da autoclave
Ergonomico
Posture incongrue
Disturbi muscolo-scheletrici (inclusi disturbi a
collo, spalle schiena)
Stazione eretta prolungata
Vene varicose, emorroidi
Movimenti ripetitivi
Sindrome del tunnel carpale e altri disturbi
dellarto superiore correlati al lavoro
Lesione
Schegge
Lesioni agli occhi e congiuntiviti
Psicologico
Interventi prolungati
Stress
Procedure complesse
Relazioni tra pazienti e staff
Aspetti economici
Legenda: HIV = Human Immunodeficiency Virus; CMV = Cytomegalovirus; HPV = Human Papilloma Virus; HSV = Herpes Simplex
Virus.
Fonte: modificata da Leggat PA, et al. Ind Health 2007;45(5):611-21

2.1. Rischio biologico


Per incidenza e importanza, le principali infezioni occupazionali in ambiente odontoiatrico sono
rappresentate dalle epatiti virali (Hepatitis B Visus, HBV; Hepatitis C Virus, HCV) e dallinfezione
da virus dellimmunodeficienza umana (Human Immunodeficiency Virus, HIV) [2].

HI-LUX

Pagina 3

20/06/2013

In generale, i veicoli di infezione occupazionale possono essere costituiti da sangue o fluidi


biologici ematici, saliva, secrezioni respiratorie, strumentario odontoiatrico e chirurgico, aghi,
taglienti, nonch superfici ambientali, aria e acqua dellambiente operativo e dei circuiti del riunito
dentale.
Per una maggiore chiarezza descrittiva lOccupational Safety and Health Administration (OSHA), la
principale agenzia federale statunitense incaricata della sicurezza e legislazione sanitaria, ha
introdotto una dicitura mirante a raggruppare tutti i materiali organici con potenziale infettante
differenti dal sangue [3]. La definizione Other Potentially Infections Materials (OPIM) tradotta in
italiano come Altri materiali potenzialmente infetti e comunemente citata con lacronimo AMPI.
Rientrano in tale categoria i seguenti materiali:
vari fluidi corporei tra cui la saliva stessa o comunque qualsiasi liquido corporeo visibilmente
contaminato da sangue;
qualsiasi tessuto o organo umano (vivente o morto);
colture cellulari o tessutali contenenti HIV;
mezzi di coltura o altre sostanze/materiali contenenti HIV o HBV;
sangue, organi e altri tessuti provenienti da animali infetti da HIV o HBV.
I contagi non coinvolgono solo il paziente, ma anche gli operatori, spesso esposti a rischi occulti
come i portatori cronici di HBV e HCV [4].
I microrganismi potenzialmente trasmissibili sono comunque numerosi [5] e nella tabella 2
vengono elencati quelli che assumono maggiore importanza per frequenza e per severit
delleventuale infezione.
Tabella 2 Microrganismi potenzialmente trasmissibili durante le procedure odontoiatriche
Microrganismi presenti nel sangue
Malattia
HBV
Epatite B
CV
Epatite C
HIV
Immunodeficienza umana
Microrganismi presenti nella saliva e nelle
Malattia
secrezioni respiratorie
HSV
Herpes Simplex
CMV
Infezioni da Cytomegalovirus umano
Treponema pallidum
Sifilide
Mycobacterium tuberculoisis
Tubercolosi
Streptococchi, stafilococchi, meningococchi, Infezioni da agenti microbici che hanno come
virus influenzali e parainfluenzali, Candida
habitat le secrezioni salivari o delle vie
respiratorie
Microrganismi presenti nelle acque
Malattia
Legionella, Pseudomonas spp. e
Infezione da microrganismi che possono
Acinebacterium spp
colonizzare le condutture di aria/acqua delle
attrezzature odontoiatriche
Prione
Encefalopatie spongiformi trasmissibili
Legenda: HBV = Hepatitis B Virus; HCV = Hepatitis C Virus; HIV = Human Immunodeficiency Virus; HSV = Herpes Simplex Virus; CMV
= Cytomegalovirus.
Fonte: modificata da Tarozzi M. Dental Assistant 2010;3:2-8.

La via pi comune di potenziale contaminazione da parte di agenti infettivi a trasmissione


ematogena quella determinata dal contatto diretto con sangue e con fluidi biologici contenenti
sangue, attraverso le lesioni percutanee, lesposizione di cute non integra e il contatto con superfici
mucose.
Le procedure di controllo delle infezioni, come lattenzione alligiene generale, uno smaltimento
appropriato dei rifiuti sanitari, ladozione da parte del personale di adeguate misure di protezione,
la sterilizzazione o disinfezione e la vaccinazione HBV, rimangono la miglior difesa non solo per
lodontoiatra, ma anche (per contribuire a prevenire la trasmissione di agenti infettivi) tra i pazienti
odontoiatrici.
Queste procedure sono gi largamente adottate dagli odontoiatri, sebbene continuino a verificarsi
incidenti da esposizione percutanea, soprattutto nei giovani odontoiatri [1].

HI-LUX

Pagina 4

20/06/2013

I Centers for Disease Control (CDC) statunitensi raccomandano al personale sanitario operante in
ambiente odontostomatologico ladozione delle seguenti misure di immunoprofilassi attiva, salvo
controindicazioni specifiche:
vaccinazione per HBV;
vaccinazione per morbillo, rosolia, parotite epidemica e varicella;
vaccinazione antinfluenzale.
Per quanto concerne la profilassi pot-esposizione al virus HBV, sulla base delle raccomandazioni
emanate dai CDC nel 2003 [6,7] necessario analizzare le modalit di esposizione e la
condizione del paziente, come sintetizzato nella tabella 3.
Tabella 3 Profilassi post-esposizione al virus HBV
Operatore
Paziente
HBsAg positivo
HBV non noto
Non vaccinato
Ig anti-HBV + 3 dosi di vaccino Ciclo vaccinale completo
Vaccinato HBsAb > 10
Nulla. Valori protettivi
Nulla. Valori protettivi
Vaccinato HBsAb < 10
Ig anti-HBV + 3 dosi di vaccino Come nel caso del paziente
(se precedente ciclo vaccinale HBsAg positivo noto, se alto
incompleto)
rischio di infezione da HBV
Ig anti-HBV + 2 dosi di vaccino
a distanza di 30 giorni
(se effettuato ciclo vaccinale
completo in precedenza e
loperatore non responder)
Fonte: Manfredi R, et al. Ital Med Lav Ergon 2007;29(1):11-20.

Per quello che riguarda il rischio di trasmissione occupazionale del virus HCV, bisogna tener
presente che al momento attuale non sono disponibili n vaccini n immunoglobuline efficaci nella
profilassi post-esposizione. Le procedure da adottare dopo incidente professionale intervenuto con
paziente con infezione da HCV confermata sono conseguentemente [2,4-8]:
leffettuazione di sierologia per HCV al temo 0 (e la sua ripetizione dopo 4 e 6 mesi);
leventuale ricerca di HCV-RNA (tramite PCR) a 4 e 6 settimane di distanza dallincidente;
in caso di positivit della sierologia per HCV risulta necessario procedere alla determinazione
della carica virale plasmatica (HCV-RNA);
se anche la viremia per HCV risulta positiva (HCV-RNA plasmatico positivo), si pu prendere in
considerazione uneventuale terapia farmacologica per HCV.
Le linee guida promosse dal Ministero della Salute italiano per la chemioprofilassi post-esposizione
nei confronti dellinfezione da HIV (tabella 4) sono anchesse distinte a seconda della modalit di
esposizione e della condizione del paziente [9].
Tabella 4 Linee guida del Ministero della
esposizione da HIV
Modalit di esposizione
Ferita con ago o altro tagliente
Contaminazione congiuntivele
Contaminazione di cute leso o mucose
Ferita da morso umano
Contaminazione di cute integra
Paziente fonte
Paziente HIV positivo noto
Paziente con situazione HIV non nota o riferita
negativa
Paziente con situazione HIV non nota o non
disponibile
Paziente negativo noto

HI-LUX

Salute italiano per la chemioprofilassi postProfilassi post-esposizione


Raccomandata
Raccomandata
Da considerare
Da considerare
Sconsigliata
Profilassi post-esposizione
Raccomandata
Da considerare
Da considerare
Sconsigliata

Pagina 5

20/06/2013

2.2. Rischio chimico


In ogni studio odontoiatrico comune lutilizzo di molteplici sostanze, miscele di sostanze o
materiali quali per esempio metalli e loro leghe, cementi, gessi, resine, porcellane, ceramiche,
paste, adesivi, saponi, disinfettanti, sterilizzanti, anestetici locali, abrasivi, reagenti per lo sviluppo e
la stampa di pellicole radiografiche. Lintuibile complessit di tale gruppo, estremamente
eterogeneo, necessiterebbe di una specifica ed estesa trattazione, che nel presente lavoro verr in
parte ovviata discutendo i prodotti dentali pi diffusi, le forme patologiche pi frequenti e le
peculiari vie di contatto con tali agenti insite nellattivit odontoiatrica. Esiste unampia variet di
materiali dentali attualmente utilizzati in ambito odontoiatrico, molti dei quali sottoposti a una vasta
gamma di test, sia prima sia dopo luso [1]. Alcuni materiali vengono dispersi sotto forma di
aerosol durante le operazioni di taglio ad alta velocit e di finitura e possono quindi essere inalati
dal personale. Altri materiali sono volatili e possono dal luogo a effetti dermatologici e respiratori.
Sebbene gli amalgami contenenti mercurio non vengano pi utilizzati come in passato e le
moderne tecniche di lavoro abbiano consentito di ridurre notevolmente lesposizione professionale
del personale sanitario, tuttavia possibile che durante alcune procedure odontoiatriche vi sia
ancora un pericolo di esposizione.
Le patologie della cute costituiscono un problema rilevante negli studi odontoiatrici.
La letteratura scientifica ricca di contributi che dimostrano la notevole incidenza e prevalenza di
dermatiti da contatto allergiche e irritative e di casi di orticaria, generalmente a carico delle mani.
La prevalenza di dermatosi tra gli odontoiatri varia, a seconda degli studi, da 15 al 33% [1]. Uno
studio condotto in Svezia su 3500 odontoiatri ha evidenziato come circa il 15% degli stessi
segnalasse la presenza di eczema a carico delle mani [10], mentre in studi condotti in Nuova
Zelanda, Inghilterra, Queensland e altri Stati australiani circa 1/3 degli operatori ha riportato
sintomi di dermatite a carico delle mani nellultimo anno [12].
In generale le dermatosi sono favorite da diversi fattori, quali il contatto con numerose sostanze, i
frequenti lavaggi della mani con detergenti, lusura o i microtraumi da lavoro, lutilizzo di guanti
talcati, la non perfetta asciugatura delle mani, ecc.
Le cause pi frequenti di dermatiti di tipo irretivo sono i detergenti/disinfettanti, gli acrilati, lacido
fluoridrico, i materiali plastici e le aldeidi.
Gli agenti pi frequentemente responsabili di dermatiti allergiche da contatto sono gli acrilati; altre
cause possono essere rappresentate dalluso di anestetici locali, colofonia, per solfato di ammonio,
matildiclorobenzene sulfonati, derivati sulfonati del toluene, idrochinoni, fragranze, balsami, ftalati,
metalli quali cobalto, cormo, nichel, palladio e mercurio, derivati della gomma, resine, aldeidi
(fig.1a,b).

Fig. 1a,b Immagini di dermatite da contatto riconducibile alluso di guanti con mescole di lattice inidonee,
associate a lubrificante di amido di mais

Un cenno a parte meritano le frequenti dermatiti da uso dei guanti in lattice, in particolare quando
associati a polvere lubrificante. Lallergia ai guanti in lattice la pi frequente causa di dermatite
nel personale odontoiatrico in vari studi svolti in tutto il mondo [1]. Uno studio americano ha
riportato una prevalenza del 15% di reazioni avverse conseguenti allimpiego di guanti in lattice in
un importante centro odontoiatrico [13].
Sono comunque disponibili specifici test per valutare leventuale sensibilizzazione al lattice e ai
derivati della gomma. Lallergia alle proteine del lattice lunica patologia atopica indotta dalla
gomma naturale, ma non la sola che questo prodotto pu provocare [14]. Gli additivi della
gomma sono i maggiori responsabili di dermatite allergica da contatto, come pure alla polvere
lubrificante vengono ricondotte talune manifestazioni di tipo irritativo [15].
La componente principale del lattice inerte e non d adito ad alcuna reazione avversa; si tratta di
una macromolecola (1-4 cispolisoprene) che viene sottoposta al processo industriale di

HI-LUX

Pagina 6

20/06/2013

vulcanizzazione finalizzato a conferirle le caratteristiche di resistenza ed elasticit che


contraddistinguono i manufatti di gomma in commercio. Questa lavorazione richiede per che il
lattice venga additivato con sostanze chimiche a basso peso molecolare (tiouramici, carbammati,
tiouree, mercaptobenzotiazolo, parafenilendiamina) aventi funzioni di coloranti, antiossidanti e
acceleranti del processo di lavorazione. Si tratta di apteri a elevato potere sensibilizzante i quali,
legandosi a proteine della cute, possono innescare meccanismi di immunoreazione cellulomediata, che sono propri della dermatite allergica da contatto.
La gomma, inoltre, tende a aderire alle superfici cutanee con cui viene a contatto ed quindi
necessario utilizzare lubrificanti per favorire il distacco di superfici affrancate, il pi comune dei
quali la polvere di amido di mais, immessa direttamente sul prodotto alla fine della lavorazione.
Alla polvere di amido di mais stata attribuita unazione irritativa diretta sulla cute a causa della
sua spiccata alcalinit [10]; le lesioni che ne conseguono possono essere potenziate da diversi
meccanismi imputabili sia allazione occlusiva dei guanti, sia allimpiego di altri agenti irritanti quali
disinfettanti e detergenti. La dermatite irritativa da contatto strettamente circoscritta alle sedi
tipiche della dermatite allergica, pur privilegiando le regioni palmari e volari. Anche lesordio,
caratterizzato da un quadro eritemato-edematoso, accomuna le diverse dermatiti; la forma irritativa
si differenzia per la maggiore uniformit evolutiva delle lesioni e per la ridotta intensit del prurito,
oltre che per la negativit dei patch test per gli additivi chimici.
Orticaria localizzata e edema da contatto, congiuntivite, rinite, asma e reazioni sistemiche di
orticaria, angioedema e shock anafilattico costituiscono, con frequenza decrescente, i quadri clinici
indotti dallallergia alle proteine del lattice.
Lorticaria da contatto presente nel 75-100% del casi [16].
Lasma frequentemente preceduta da sintomi rinitici, forse a causa del articolato veicolato
dallallergene, che tende a depositarsi nelle prime vie aeree [17].
Le reazioni sistemiche interessano il 6-8% dei soggetti allergici [18] e si verificano soprattutto nel
corso di interventi invasivi.
Per quanto riguarda il sesso, la prevalenza delle dermatosi professionali risultata essere pi
elevata tra le femmine, cos come tra gli odontoiatri pi giovani e meno esperti [1].
Unanamnesi positiva per condizioni allergiche risultata, inoltre, esser correlata con una
maggiore prevalenza di dermatite alla mano, cos come la pratica di alcuni hobby che implicano
luso di solventi espone a un pi alto rischio di riportare sintomi [1,12].
La letteratura descrive vari casi di patologie respiratorie di natura allergologica in personale
sanitario degli studi odontoiatrici, la cui prevalenza in aumento [19].
Gli agenti sensibilizzanti pi frequentemente in causa sono gli acrilati e il lattice. Altre possibili
cause sono lesposizione alla coramina T, al talco o a tracce di metalli tossici come il berillio,
presente in alcune leghe dentali [19,20].
In questi casi, unadeguata ventilazione dello studio odontoiatrico potrebbe aiutare a prevenire
lesposizione e lirritazione degli occhi, delle vie respiratorie e della cute [21].
2.2.1. Aerosol
I termini aerosol e splatter sono stati introdotti da Micik e colleghi con due lavori pionieristici
nellambito dellaerobiologia dentale, citati da Herrel et al. [22]. In questi articoli il termine aerosol
definisce le particelle aventi diametro inferiore a 50m. Particelle di tali dimensioni sono
abbastanza piccole da rimanere sospese nellaria per un lungo periodo di tempo prima di
depositarsi sulle superfici ambientali o nel tratto respiratorio. Le particelle pi piccole di un aerosol
(0,5m) hanno la capacit di penetrare nelle vie respiratorie e insediarvisi, presentando cos il
maggior potenziale di trasmissione di infezioni.
Con il termine splatter Micik e colleghi definiscono particelle aventi diametro superiore a 50m.
Gli autori sostengono che queste particelle sono troppo grandi e rimangono sospese in aria
solamente per un breve periodo. La possibilit di una distinzione basata sulla dimensione delle
particelle costituenti ha suggerito anche lindividuazione di due termini di uso oramai comune in
ambito odontoiatrico, vale a dire macroaerosol e microaerosol [23].
Il maggiore potenziale infettante spetta quindi agli aerosol dentali, anche se le particelle
classificabili come splatter devono pur sempre essere considerate una potenziale minaccia nella
trasmissione di malattie quali la tubercolosi, la sindrome acuta respiratoria severa (SARS), il
morbillo e lherpes.

HI-LUX

Pagina 7

20/06/2013

La maggior parte delle procedure odontoiatriche che richiedono strumentazione meccanica


produce particelle aerodisperse nel sito dutilizzo [22]. Strumenti odontoiatrici quali trapani, scaler a
ultrasuoni, apparecchi per air polishing ed air abrasion producono gli aerosol pi visibili (fig.2a,b).

Fig.2a,b Produzione di inquinamento aereo da strumenti odontoiatrici: si noti la differente distribuzione del getto, unitamente
alleterogeneit dimensionale delle particelle prodotte

Ognuno di questi strumenti rimuove dal campo operatorio materiale che diventa aerosol mediante
lazione dello strumento rotante, delle vibrazioni ultrasoniche o dellazione combinata di spruzzi
dacqua e aria compressa. Il getto dacqua di solito la parte dellaerosol pi visibile a occhio
nudo.
Unanalisi qualitativa e quantitativa della composizione degli aerosol sprigionati durante le
procedure odontoiatriche estremamente difficile; tale composizione, infatti, altamente
condizionata sia dal paziente sia dalla manovra operativa. Tuttavia, ragionevole supporre che
negli aerosol siano presenti componenti salivari, ematiche, secreti nasofaringei, placca dentale e,
insieme a questi, tutti i materiali impiegati nelle procedure dentali [22].
Sono stati condotti molteplici studi al fine di determinare quale, fra le procedure odontoiatriche,
produca un pi alto rischio di contaminazione batterica del materiale aerodisperse [24-29]. stato
dimostrato che la maggiore contaminazione deriva dallutilizzo di scaler a ultrasuoni, seguito da
quello della turbine e di altri dispositivi tipo ari polisher e siringa aria-acqua [22,30,31].
La tabella 5 elenca gli strumenti e le procedure dentali che producono la maggiore quantit di
aerosol.
Tabella 5 Dispositivi dentali e procedure che producono contaminazione aerea
Strumenti sonici e ultrasonici
Considerati come la principale fonte di contaminazione di
aerosol; lutilizzo di un dispositivo di aspirazione a elevata
capacit ridurr la contaminazione aerea di oltre il 95%
Air polishing
Le conte batteriche indicano che la contaminazione aerea
quasi uguale a quella da scaler a ultrasuoni; anche in questo
caso un buon dispositivo di aspirazione pu ridurre la
contaminazione aerea di oltre il 95%
Siringa aria-acqua
Le conte batteriche indicano che la contaminazione aerea
quasi uguale a quella da strumenti a ultrasuoni; nuovamente si
consiglia luso di dispositivi di aspirazione a elevata capacit
Preparazione dentale con turbina La contaminazione aerea riesce a essere considerevolmente
abbattuta qualora si usi la diga dentale
Preparazione dentale via air La contaminazione batterica non nota; stata comunque
abrasion
dimostrata unampia contaminazione delle particelle abrasive
Fonte: Harrel SK, et al. J Am Dent Assoc 2004 ;135(4) :429-37

HI-LUX

Pagina 8

20/06/2013

La rassegna della letteratura evidenzia come sia importante, per la sicurezza delloperatore e del
paziente, che la nube di aerosol sprigionata dalle procedure odontoiatriche venga opportunamente
controllata. Mentre il rischio infettivo in generale pu essere contenuto con apposite procedure di
controllo, in caso di nube aerosolica il rischio di diffusione pu essere solo ridotto adottando le
necessarie precauzioni relativamente semplici e poco costose. Il team odontoiatrico non dovrebbe
far affidamento su ununica strategia preventiva, ma affidarsi a una serie di norme preventive da
seguire integralmente. Il primo livello di difesa consiste nellutilizzo di dispositivi di protezione
individuale (DPI) quali mascherine, guanti e occhiali. Altro strumento di protezione appare essere il
ricorso di routine a procedure che prevedono risciacqui con antisettici prima del trattamento.
Ulteriori dispositivi che possono essere adottati per ridurre il rischio di contaminazione sono
rappresentati dai sistemi filtranti dellaria ad alta efficienza (High Efficiency Particulate Air, HEPA)
e, quando possibile, dalla diga di gomma. Non va in ultimo trascurata limportanza di unefficace e
corretta aspirazione chirurgica: pu infatti essere un buon ausilio nel ridurre la dispersione
dellaerosol.
La tabella 6 elenca i metodi a disposizione per limitare la contaminazione da aerosol e splatter.
Tabella 6 Metodi per ridurre la contaminazione aerea
Strumento
Vantaggi
Svantaggi
Barriere di protezione
Parte delle precauzioni stan- Le mascherine filtrano solo il
(mascherine, guanti e occhiali) dard
60-95% degli aerosol; la loro
Metodo economico
efficacia condizionata dal
corretto adattamento
Assenza di azione protettiva
alla rimozione
Risciacqui con collutori antiset- Riducono la conta batterica Tendono a essere pi efficaci
tici (per esempio clorexidina) orale, salivare e aerea
sugli organismi liberi; non inprima della procedura odontoia- Metodo economico
fluenzano i microrganismi della
trica
placca dentale, i microrganismi
subgengivale, il sangue nel
locus dellintervento e i microrganismi del rinofaringe
Aspirazione chirurgica
Riduce il numero di batteri nella Quando non disponibile un
aria e rimuove la maggior parte assistente, necessario utilizdel materiale generato dal locus zare un dispositivo di evacuaoperatorio come batteri, sangue zione ad alto volume attaccato
e virus
allo strumento
Metodo economico
Filtri dei particolati dellaria Efficaci nel ridurre il numero di Efficaci solo dopo che gli
ambientale e trattamento ultra- microrganismi nellaria
organismi sono gi nellaria
violetto del sistema di ventiladella stanza
zione
Costo da moderato a elevato
Possono richiedere modifiche
tecniche al sistema di ventilazione
Fonte: Harrel SK, et al. J Am Dent Assoc 2004 ;135(4):429-37

2.3. Rischio fisico


Presso gli studi odontoiatrici viene utilizzata uneterogenea gamma di strumenti quali aspiratori,
compressori, turbine, microtomi, frese, apparecchiature radiogene, ultrasuoni, laser, con
conseguente possibile esposizione a molteplici rischi di tipo fisico [1,32].
2.3.1. Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti
L possibilit di esposizione a radiazioni ionizzanti e non ionizzanti comune in ambiente
odontoiatrico. perci importante che si adottino misure appropriate per proteggere sia il paziente
sia lo staff da tale rischio.
A proposito delle radiazioni ionizzanti, tutto il personale chiamato a rispettare corrette norme
comportamentali quali, per esempio, il ripararsi dietro barriere di protezione durante lemissione

HI-LUX

Pagina 9

20/06/2013

delle stesse. In tale ambito esistono comunque gi da tempo specifiche leggi che impongono
lesecuzione di rigorosi controlli sia delle attrezzature sia degli ambienti dedicati [1,33].
probabilmente per tale motivo che gi da tempo non risultano effetti sulla salute correlati
allesposizione in ambito odontoiatrico.
Visto limpiego sempre pi diffuso di raggi ultravioletti e luce blu, si guarda con crescente
interesse ai rischi connessi alle radiazioni non ionizzanti [32]. Anche lintroduzione nella pratica
clinica odontoiatrica della tecnologia laser [34-37] ha comportato la possibilit di nuovi danni visivi
a vari livelli, sia corneale sia al cristallino o alla retina, secondo la lunghezza donda del fascio.
Schermi di sicurezza e occhiali protettivi dedicati, qualora utilizzati correttamente, sembrano
comunque completamente in grado di prevenire leventuale danno. Occorre per sottolineare
come, per ora, siano pochi gli studi che hanno effettivamente esaminato tale tematica nello
specifico ambito dellodontoiatria; inoltre, la maggior parte delle patologie a oggi riscontrate e
riconducibili a radiazioni di tipo non ionizzante era comunemente osservata nella comunit in
generale e non correlata professionalmente [11].
In generale, un primo problema visivo associato alla professione pu essere rappresentato dal
semplice affaticamento dovuto alla concentrazione prolungata, allilluminazione insufficiente o
allinadeguata posizione della lampada da lavoro [38].
Un altro problema, maggiormente connesso con le fonti luminose utilizzate, pu essere costituito
dallinsorgenza di maculopatia. Fino a poco tempo fa si credeva che la sensibilit alla luce
dipendesse dai soli bastoncelli e coni della retina. Recenti ricerche, tuttavia, hanno mostrato che
alcune cellule gangliari potrebbero funzionare come un terzo tipo di fotorecettori chiamati
fotorecettori retinici gangliari intriseci [39,40]. Queste cellule, sparsamente situate, sono risultate
molto sensibili alla luce blu. Comunemente, quando la luce colpisce un fotorecettore, la cellula
diviene refrattaria ad altri stimoli finch non recupera attraverso un processo metabolico.
Lassorbimento della luce blu, invece, ha dimostrato di invertire tale processo in un modello
animale (roditori). Di fronte a tale stimolo la cellula diventa nuovamente reattiva prima che sia
realmente pronta. Ci aumenta notevolmente il potenziale danno ossidativo, con accumulo di
lipofuxina nellepitelio pigmentato retinico [41].
La luce blu un elemento importante della luce naturale e pu anche contribuire alla nostra
salute psicologica [42]. Da alcune ricerche, tuttavia, emerge che livelli elevati di illuminazione da
luce blu possono essere tossici per le strutture cellulari retiniche [43].
Un ulteriore disturbo rilevato pu essere la cataratta, che una condizione di opacit o perdita di
trasparenza del cristallino. La trasmissione delal luce attraverso il cristallino viene ostacolata e il
risultato costituita dalla formazione di immagini sulla retina fioche, distorte o sfocate e dalla
diminuzione della vista [44]. Le lesioni penetranti e i raggi ultravioletti sono fattori di rischio per
linsorgenza di cataratta.
2.3.2. Vibrazioni
noto che lesposizione umana a vibrazioni meccaniche pu rappresentare un fattore rilevante per
i lavoratori esposti. Le operazioni in cui si impugnano utensili vibranti, o materiali sottoposti a
vibrazioni o impatti, possono indurre un insieme di disturbi neurologici e circolatori digitali e lesioni
osteoarticolari a carico degli arti superiori; linsieme di tali lesioni e definito sindrome da vibrazioni
mano-braccio [45].
La componente vascolare delal sindrome costituita da una forma secondari del fenomeno di
Raynaud definita sindrome del dito bianco indotta da vibrazioni; la componente neurologica
caratterizzata da una neuropatia periferica prevalentemente sensitiva; la componente
osteoarticolare comprende lesioni cronico-degenerative a carico dei segmenti ossei e articolari
degli arti superiori, in particolare a livello dei polsi e dei gomiti.
Le neuropatie periferiche sono sicuramente tra i rischi professionali ai quali gli odontoiatri vanno
incontro in seguito allutilizzo costante di strumenti vibranti. La sensibilit vibrotattile sembra essere
particolarmente compromessa nei soggetti che usano utensili generanti vibrazioni a media e alta
frequenza come, per esempio, quelli odontoiatrici [1,46,47]. I disturbi neurosensoriali da vibrazioni
mano-braccio sembrano essere dovuti ad alterazioni a carico di diversi tipi di fibre, sia mieliniche
sia amieliniche, e di due classi di meccanorecettori cutanei,definiti rispettivamente slow adapting
e fast adapting in rapporto alla rapidit e modalit di risposta allo stimolo meccanico [45,48]. Vi
evidenza epidemiologica di comparsa di parestesie, riduzione della sensibilit tattile, e limitazione
della capacit di manipolazione pi raffinata, in igienisti dentali utilizzanti strumenti rotanti ad alta

HI-LUX

Pagina 10

20/06/2013

frequenza e ultrasonici rispetto a gruppi di controllo. Diversi studi, infatti, hanno valutato il rischio
da vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio da strumenti quali trapani e aspiratori, con
riscontro di una lieve neuropatia co diminuzione della sensibilit vibrotattile alla punta delle dita che
impugnano lo strumento, in genera transitoria e di moderata entit [1,31,46,48].
Il deterioramento permanente della sensibilit dei polpastrelli avviene solo dopo molti anni di
costante svolgimento della professione.
Il segno distintivo dovuto a molti anni di lavoro odontoiatrico pare essere una diminuita sensibilit
tattile; allopposto, la sensibilit termica non si modifica molto nel corso del tempo.
Il dito maggiormente interessato il pollice, probabilmente perch esercita pi forza e riceve un
maggior carico di vibrazioni. Sarebbe quindi utile concedere i giusti tempi di riposo e compiere
movimenti che possano scaricare la tensione e restituire ossigeno ai tessuti muscolari contratti.
2.3.3. Rumore
Per quanto riguarda lesposizione al rumore, i livelli di rumore delle apparecchiature delal moderna
odontoiatria sono ormai generalmente scesi sotto 85 dB(A), standard di riferimento ampiamente
utilizzato, al di sotto del quale i rischio di perdita delludito minimo [1,49]. Nonostante ci, alcuni
odontoiatri possono essere ancora a rischio qualora le attrezzature utilizzate siano difettose.
Secondo alcuni studi, limpiego prolungato del manipolo a ultrasuoni pu rappresentare un
potenziale rischio per il sistema uditivo sia degli operatori sia dei pazienti, poich in grado di
provocare linsorgenza di acufeni e cambiamenti temporanei delal soglia uditiva, anche se non vi
sono prove di danna permanenti [31,32].
Una possibile relazione causa-effetto tra luso di apparecchiature odontoiatriche e la perdita
delludito negli odontoiatri stato lobiettivo di molti studi. I risultati di queste ricerche, tuttavia, non
hanno fornito evidenza di ipoacusia da rumore negli odontoiatri. Il grado di rischio pare dipendere
da diversi fattori tra cui let, la suscettibilit personale, lesposizione giornaliera totale,
lesposizione cronica, il fumo, luso di farmaci e lesposizione non professionale.
Diversi studi condotti su nuove attrezzature dentali hanno registrato i livelli sonori delle sorgenti di
rumore comuni in odontoiatria e la tabella 7 ne mostra le conclusioni [32].
Tabella 7 Valori in decibel di alcune delle pi comuni sorgenti di rumore in campo
odontoiatrico
Attrezzatura
dB(A)
Turbina
65,5-93
Micromotore
61,9-77
Strumenti ultrasonici
73-88
Tubo di aspirazione grande
75
Tubo di aspirazione piccolo
73
Unit squadramodelli
93,5
Vibratore
98,5
Unit motore per aspirazione
81,7-86,5
Fonte: Pandis N, et al, Am J Orthod Dentofocial Orthop 2007;132(3):280-92

3. Tutela degli operatori dai rischi professionali (Testo Unico sulla Sicurezza del
Lavoro)
Il sistema delle fonti in tema di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro si presenta
alquanto farraginoso, essendo prevalso il ricorso a una normazione torrentizia e tuttavia
bisognosa di essere, di continuo, integrata e aggiornata.
Il D.Lgs. 81/2008 ha raccolto le varie disposizioni emanate sullargomento a partire dagli anni
Cinquanta del secolo scorso a oggi, tuttavia in materia sono ancora vigenti, in quanto non abrogate
dalla normativa successiva, alcune disposizioni di legge.
Il D.Lgs. 81/2088, entrato in vigore il 15 agosto 2008, recentemente integrato e modificato dal
D.Lgs. 106/2009, in continuit con il D.Lgs. 626/1994 e con la normativa europea, ha riordinato e
coordinato numerose normative relative alla tutela della sicurezza del lavoro.
Si compone di 306 articoli (riuniti in 13 titoli) e 52 allegati.
Lobiettivo di questo sistema organizzato la prevenzione degli infortuni e delle malattie
professionali attraverso lanalisi dei rischi presenti, la loro valutazione e la programmazione di

HI-LUX

Pagina 11

20/06/2013

interventi correttivi di tipo tecnico, procedurale, organizzativo per un miglioramento delle condizioni
di lavoro.
Il D.Lgs. 81/2008 prevede un campo di applicazione che include tutti i settori di attivit, privati e
pubblici, e tutte le tipologie di rischio, tutti i lavoratori e le lavoratrici, subordinati, autonomi e le
imprese familiari. Gli obblighi generali sono quelli elencati nellart.15:
valutare i rischi per la salute e la sicurezza;
eliminare i rischi, possibilmente alla fonte, privilegiando gli interventi di miglioramento degli
ambienti e delle attrezzature rispetto a quelli di protezione delloperatore;
scegliere attrezzature e metodi di lavoro meno pericolosi;
mantenere nel tempo i livelli di sicurezza e salute;
predisporre le manutenzioni regolari di macchine e impianti;
predisporre le misure per le emergenze come infortuni, incendi, ecc;
mantenere informati e addestrati i propri dipendenti.
Per le piccole e medie imprese (quali sono la maggior parte degli studi odontoiatrici non inseriti in
strutture ospedaliere) sono state introdotte disposizioni che consentono di facilitare ladempimento
di alcuni obblighi in base alle dimensioni e al livello di rischio presente:
svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei componenti di prevenzione e protezione
dai rischi, o Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) (art.34);
autocertificazione dellavvenuta valutazione dei rischi e provvedimenti relativi, per le aziende
con meno di 10 dipendenti che non risultino soggette a rischi particolari, al posto della
redazione del documento di valutazione dei rischi (art.29, comma 5);
procedure standardizzate per gli adempimenti documentali (art.29 comma 5 e modello per la
redazione del documento di valutazione dei rischi da D.M. del 5 dicembre 1996).
Nella valutazione dei rischi negli studi odontoiatrici dovranno essere considerate le varie mansioni
e i profili professionali (odontoiatra, assistente alla poltrona, tirocinante, impiegato amministrativo).
Si dovr esaminare lambiente lavorativo per identificare i potenziali rischi: gli studi devono
possedere tutti i requisiti (altezza, superficie, aperture, pavimenti) dettati dal titolo II del D.Lgs.
n.81/2008; gli impianti devono essere conformi alla normativa prevista dal titolo III del D.Lgs.
n.81/2008 e dalla Legge n.46/90. I rischi infortunistici pi frequenti sono rappresentati da tagli,
punture e lesioni da contatto con parti rotanti ad alta velocit e sono correlati allimpiego di
elettrobisturi, turbine, micromotori, siringhe.
Allo stato attuale la legge non prevede esplicitamente, per lattivit odontoiatrica, lobbligo alla
sorveglianza sanitaria e questa, quindi, non pu essere disposta dufficio; la sua attivazione
deriver, invece, dalla valutazione dei rischi.
3.1. Sorveglianza sanitaria
Nel contesto normativo italiano la sorveglianza sanitaria avrebbe lo scopo di accertare,
preventivamente e periodicamente, lassenza di controindicazioni allesposizione a un determinato
fattore di rischio (a livelli che si presume siano contenuti entro quelli considerati legalmente
accettabili).
Lart.41 del D.Lgs n.81/2008 prevede che la sorveglianza sanitaria sia eseguita dal medico
competente:
a) nei casi previsti da leggi, direttive europee o indicazioni fornite dalla Commissione Consultiva
Permanente;
b) qualora il lavoratore ne faccia richiesta e la stessa sia ritenuta dal medico competente correlata
ai rischi lavorativi.
Il D.Lgs. n.81/2008 specifica le categorie di accertamenti incluse ed escluse dalla sorveglianza
sanitaria.
Sono confermate le visite previste dal precedente ordinamento (visite preventive, periodiche, a
richiesta e per cessazione del rapporto di lavoro) e viene introdotta una nuova categoria di visite,
quella per cambio della mansione.
Il giudizio di idoneit alla mansione specifica, atto finale della sorveglianza sanitaria, dovrebbe
essere limitato allattestazione dellidoneit (piena o non piena) o dellinidoneit (temporanea o
permanente) allesposizione ai soli fattori di rischio per i quali la sorveglianza sanitaria sia in esser
(e nullaltro, perch in caso contrario verrebbe a configurarsi una situazione di sorveglianza
sanitaria illegittima in quanto eseguita ad di fuori dei casi tassativamente indicati dal D.Lgs.
n.81/2008).

HI-LUX

Pagina 12

20/06/2013

Data la natura periodica della sorveglianza sanitaria, tutti i giudizi di idoneit vanno intesi come
temporanei fino alla successiva scadenza delal visita periodica e ci per lovvia considerazione
della possibilit che nel tempo si modifichino sia le condizioni cliniche del soggetto sia le condizioni
materiali e organizzative del lavoro. In conseguenza di ci, si dovrebbe utilizzare indicazioni
temporali solo allorquando il giudizio debba essere rivisto prima della sua naturale scadenza.
Il giudizio di idoneit ha il significato di assenza di controindicazioni alla destinazione lavorativa
della persona ed , per sua natura, non specificabile (altrimenti diventa, necessariamente, un
giudizio di idoneit parziale).
I giudizi di idoneit parziale possono contenere una prescrizione o limitazione (si noti che
questultimo termine dovrebbe essere usato solo eccezionalmente, in quanto contraddice la
filosofia delal moderna Medicina del Lavoro di attuare, per quanto possibile, misure a sostegno
della capacit lavorativa).
Un tema di grande rilievo attiene al confine tra idoneit parziale e inidoneit. Infatti, mentre i
giudizi di idoneit o non idoneit non pongono difficolt interpretative (tutto o niente), diversi
problemi sono invece stati segnalati, operativamente, in relazione al giudizio di idoneit parziale
(con limitazioni o prescrizioni). In questo caso, infatti, il medico competente pu aver indicato
limitazioni o prescrizioni tali da rendere il soggetto (a cui le stesse si riferiscono) praticamente non
impiegabile, in concreto, nelle attivit alle quali era originariamente addetto, con ovvie possibili
conseguenze sullattivit dello stesso.
Per quanto riguarda la inidoneit alla mansione specifica il D.Lgs. n.81/2008 prevede che, ove
possibile, il datore di lavoro adibisca il lavoratore ad altra mansione compatibile con il suo stato di
salute, mentre non sono previste indicazioni sulla gestione dei casi di inidoneit temporanea al
lavoro.
Per questultimo caso, ove si presenti, lallontanamento temporaneo dallesposizione (prima
normato dallart.8 del D.Lgs. n.277/1991, ora abolito) qualora necessario dovr avvenire mediante
luso degli strumenti a tale scopo previsti dallordinamento o dai contratti di lavoro (malattia
generica, infortunio malattia professionale) a seconda della causa che ha determinato linidoneit
temporanea al lavoro.
3.2. Esempio di protocollo sanitario proposto al medico competente per operatori addetti a
studi odontoiatrici (linee guida 2002 della Regione Lombardia)
Visita medica allinizio dellattivit lavorativa.
Visita medica periodica triennale.
Esami di laboratorio con frequenza triennale comprendenti: emocromo con formula, glicemia,
transaminasi, gamma-GT, marcatori HBV e HCV.
Vaccinazione per HBV.
Visite straordinarie per lavoratori con problematiche particolari (ad esempio, lavoratori
sensibilizzati).
Visite per gli impiegati amministrativi addetti alluso di video-terminale come da titolo VII del
D.Lgs. n.81/2008 (quinquennali per i lavoratori fino al compimento del cinquantesimo anno di
et, biennali per quelli di et superiore o classificati come idonei con prescrizioni o limitazioni,
art.176).
3.3. Rischio biologico
Il datore di lavoro integrer il processo di valutazione dei rischi specificato nella parte generale, ex
art.28 del D.Lgs n.81/2008, con la valutazione specifica dei rischi Agenti biologici prevista dal
titolo X dello stesso decreto.
La prevenzione del rischio infettivo si basa sulladozione sistematica delle misure disposte dal titolo
X del D.Lgs. n.81/2008 e delle misure specifiche disposte dal D.M. del 28 settembre 1990.
Importantissimi sono la corretta igiene delle mani degli operatori e lutilizzo dei mezzi barriera
personali.
3.4. Rischio chimico
In diverse fasi del lavoro odontoiatrico si impiegano sostanze e miscele quali metalli e loro leghe,
cementi, gessi, resine, porcellane, ceramiche, paste, adesivi, saponi, disinfettanti, sterilizzanti,
anestetici locali, abrasivi, glicina, bicarbonato di sodio, reagenti per sviluppo e stampe di pellicole
radiografiche.

HI-LUX

Pagina 13

20/06/2013

Il datore di lavoro integrer il processo di valutazione dei rischi specificato nella parte generale, ex
art.28 del D.Lgs. n.81/2008, con la valutazione specifica dei rischi Sostanze pericolose ex titolo
IX, capo I, dello stesso decreto.
3.5. Rumore
Il rumore in uno studio odontoiatrico prodotto da macchinari, utensili, impianti di aspirazione e
ventilazione.
Il titolo VIII, capo II, del D.Lgs. n.81/2008 prevede che il datore di lavoro effettui la valutazione del
rumore presente nella propria attivit lavorativa almeno ogni 4 anni (Art.181).
Misurazioni del rumore effettuate negli studi odontoiatrici hanno evidenziato unesposizione
quotidiana personale al rumore sempre e ampiamente al di sotto di 80dB(A).
Deve in ogni caso essere tenuta presso lo studio unautocertificazione in cui il datore di lavoro
dichiara che, considerata la tipologia di attivit svolta, le sorgenti di rumore non sono in grado di
produrre un livello di esposizione giornaliera al rumore (LEX,8h) superiore a 80dB(A).
Nellacquisto di nuovi macchinari il contenimento della rumorosit dovr essere attentamente
considerato come un parametro fondamentale.
3.6. Vibrazioni
Anche per questo rischio si pu fondatamente ritenere che lesposizione sia bassa.
Nellacquisto di nuove attrezzature si deve in ogni modo accordare la preferenza a strumenti che
comportino una minore trasmissione di vibrazioni.
I riferimenti normativi per la valutazione di tale rischio sono contenuti nel titolo VIII, capo III, del
D.Lgs. n.81/2008.
Il titolo VIII del D.Lgs. n.81 del 30 aprile 2008 (Attuazione dellarticolo 1 della Legge 3 agosto
2007, n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro), al capo III sulla
protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni, prescrive specifiche metodiche di
individuazione e valutazione dei rischi associati allesposizione a vibrazioni del sistema manobraccio (HAV) e del corpo intero (WBV) e specifiche misure di tutela, che vanno documentate
nellambito del rapporto di valutazione dei rischi prescritto dallart.28 del D.Lgs. n.81/2008.
Lart.202 del D.Lgs. n.81/2008 prescrive in particolare lobbligo, da parte dei datori di lavoro, di
valutare il rischio da esposizione a vibrazioni dei lavoratori durante il lavoro ed previsto che la
valutazione dei rischi possa essere effettuata sia senza misurazioni, sulla base di appropriate
informazioni reperibili presso il costruttore e/o da banche dati accreditate (ISPESL, Regioni), sia
con misurazioni, in accordo con le metodiche di misura prescritte da specifici standard ISO-EN. La
disponibilit di banche dati, ove siano accessibili tali informazioni, rende pi agevole leffettuazione
delal valutazione dei rischi e lattuazione immediata delle azioni di tutela prescritte dal D.Lgs.
N.81/2008, senza dover ricorrere a misure onerose e spesso complesse, a causa di una serie di
fattori ambientali e tecnici che inducono frequentemente artefatti ed errori.
Tale prescrizione di particolare rilevanza nel caso del rischio vibrazioni, in quanto sia nel caso
dellesposizione del sistema mano-braccio sia nel caso dellesposizione del corpo intero, non
esistono DPI antivibrazioni in grado di proteggere i lavoratori adeguatamente e riportare comunque
i livelli di esposizione del lavoratore al di sotto dei valori limite fissati dal Decreto, come per
esempio avviene nel caso delle protezioni auricolari in relazione al rischio rumore. Nel caso delle
vibrazioni, nella maggior parte dei casi la riduzione alla fonte lunica misura da adottare al fine di
ricondurre lesposizione a valori inferiori ai limiti prescritti.
3.7. Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti
Per quanto concerne le radiazioni ionizzanti, le dosimetrie disponibili dimostrano livelli di
esposizione molto bassi; non risultano segnalazioni riferibili a effetti sulla salute dovuti a tali
esposizioni. Tra le radiazioni non ionizzanti, si segnalano i raggi ultravioletti e i laser, per i quali di
recente introduzione lobbligo di valutazione del rischio.

4. Sicurezza sul luogo di lavoro: ruoli e mansioni


nellambito della pratica odontoiatrica sono identificabili differenti figure professionali alle quali
vanno riconosciute specifiche mansioni e responsabilit. La forma lavorativa pi tradizionale e
ancora oggi pi rappresentativa della professione certamente costituita dallo studio
monoprofessionale; tale condizione vede un odontoiatra (o medico odontoiatra) che, in duplice

HI-LUX

Pagina 14

20/06/2013

veste di lavoratore e datore di lavoro, affiancato da un dipendente comunemente definito


assistente. Levolversi delal professione odontoiatrica, manifestandosi sia nello sviluppo di
strutture lavorative sempre pi complesse, con nuovi rapporti e figure professionali, sia nella
contemporanea maturazione legislativa di settore, ha portato a un forte rinnovamento, per il quale,
oggi pi che mai, risulta indispensabile un chiarimento dei ruoli e del mansioni. A prescindere dal
desiderio di chiarire tutte le eventuali posizioni e figure lavorative che possono riscontrarsi nella
pratica professionale, comunque interesse del presente lavoro focalizzare lattenzione su tre di
esse, in particolare: il datore di lavoro (DL), lassistente ed il collaboratore.
Il D.Lgs. n.81/2008 sulla sicurezza del Lavoro prevede che sia il titolare dellattivit, ovvero il DL, la
figura responsabile anche in senso penale della sicurezza in ambito lavorativo; in quanto tale, il DL
deve farsi carico in primo luogo della Valutazione dei Rischi (VDR), atto preliminare per definire i
provvedimenti intesi a eliminare o ridurre i rischi medesimi. Lo stesso DL chiamato a nominare
un suo braccio destro per la sicurezza, cio il cosiddetto Responsabile del Servizio di
Prevenzione e Protezione (RSPP). Spesso, nelle piccole attivit, il DL pu assumere anche la
carica di RSPP e in tal caso avr lobbligo di frequentare un corso di formazione specifico. Il DL
pu anche nominare RSPP un altro interno alla sua organizzazione, o un esterno, ma in ambedue
i casi sempre richiesta una specifica formazione.
Secondo il D.Lgs. n.81/2008, al DL dovuta anche la nomina di addetti al pronto soccorso/primo
intervento e allantincendio. Entrambe le cariche sono potenzialmente assumibili dal medesimo
titolare. Il DL sarebbe tenuto anche alla nomina della figura del medico competente per la
Sorveglianza Sanitaria (SS). Allo stato attuale nessuna legge e/o nessuna tabella prevede
esplicitamente, per lattivit odontoiatrica, lobbligo alla SS e quindi questa non pu essere
richiesta dufficio ma pu essere eventualmente desunta a seguito della VDR.
Nel caso in cui il professionista operi da solo, in altre parole senza dipendenti n collaboratori, lo
stesso non soggetto a queste norme legislative ed quindi esonerato dallattuare quanto
accennato, salvo utilizzare i DPI e attrezzature a norma. Allopposto, qualora il professionista si
avvalga anche a titolo gratuito dellaiuto di qualcuno, diviene automaticamente soggetto alla
normativa.
Riferendosi al dipendente dello studio odontoiatrico per antonomasia, ci si riferisce alla figura
dellassistente alla poltrona. Tale figura professionale, bench da decenni chiaramente
riconosciuta nella societ, si avvale di un concreto riconoscimento istituzionale solamente dal
1993, con il primo contratto nazionale darea odontoiatrica, nel quale vennero appunto a stabilirsi
le specifiche condizioni di lavoro. Prima di tale contratto lassistente, al momento dellassunzione
nello studio professionale, non aveva un inquadramento preciso: era considerato e assunto,
secondo i casi, come inserviente o impiegata/o dordine, non prevedendo il Contratto Nazionale di
Lavoro degli studi odontoiatrici tale figura. A questa carenza normativa si associava un vuoto
formativo, vale a dire lassenza di una formazione culturale strutturata, compensata solo in parte
da sporadici e brevi corsia spesso a pagamento, gestiti e proposti da associazioni odontoiatriche o
paramediche. Nel tentativo di colmare tale vuoto furono antesignane alcune regioni, come per
esempio lEmilia Romagna che tramite la Provincia di Forl e Cesena rilasci sin dal 1992 la
qualifica professionale di Addetta alla Poltrona Odontoiatrica. Il percorso del riconoscimento
istituzionale, attraverso successive e molteplici tappe, giunto il 22 aprile 2009 alla sottoscrizione
del nuovo e ultimo contratto per gli Addetti Operanti in Studi Tecnici e Professionali. Per la prima
volta vengono a definirsi in modo preciso sia le mansioni sia linquadramento dellAssistente allo
Studio Odontoiatrico (ASO), chiarendo con precisione quali siano i doveri e i diritti di questa figura
cos importante nellattivit odontoiatrica.
LASO, in qualit di dipendente dello studio professionale, pu in base al nuovo contratto
assumere un importante ruolo nellambito della sicurezza, divenendo Rappresentante per la
Sicurezza dei Lavoratori (RLS): figura richiesta per legge in tutte le attivit professionali con
almeno un dipendente (D.Lgs. n.81/2008). Va comunque ricordato che tale ruolo pu essere
assunto solo dopo specifico corso formativo, il quale riconoscer al soggetto un titolo valido per
tutta la vita professionale. LRLS una figura con molteplici compiti nellambito della sicurezza,
sintetizzabili nellinsieme come segue: vigilare sulla sicurezza degli altri dipendenti, trasmettere le
informazioni ricevute e riferire al datore di lavoro e/o RSPP eventuali punti critici sulla questione
sicurezza in modo da evitare incidenti. Lo studio professionale, una volta nominato il RLS, dovr
poi provvedere alla comunicazione dei relativi dati allIstituto Nazionale Assicurazione contro gli

HI-LUX

Pagina 15

20/06/2013

Infortuni sul Lavoro (INAIL). Nel caso in cui nessun dipendente voglia assumere tale ruolo, bene
che venga comunque stilato e sottoscritto uno specifico documento di rinuncia.
Con il termine collaboratore si fa comune riferimento a un igienista dentale o odontoiatra (o
medico odontoiatra) che in qualit di libero professionista con partita IVA, esegue prestazioni
specialistiche presso una struttura di cui non titolare e nella quale non ha un contratto come
lavoratore dipendente. Il rapporto esistente tra il titolare dello studio ed il collaboratore implica
considerazioni sulla sicurezza nel luogo di lavoro non sempre evidenziate preliminarmente. Innanzi
tutto bene sottolineare come in un rapporto di collaborazione professionale non vi sia lobbligo di
stipulare un contratto scritto. altrettanto vero che se ne consiglia vivamente la stipula, cos da
chiarire e responsabilizzare le parti coinvolte, specialmente qualora si verificassero imprevisti. Il
collaboratore, al pari del lavoratore dipendente, una volta allinterno del luogo di lavoro assume
tutti gli obblighi e i diritti in materia di salute e sicurezza vigenti presso la struttura medesima.
Diviene quindi responsabile dellattuazione di tutte le specifiche procedure preposte e della corretta
gestione e utilizzazione dei DPI fornitigli. Il collaboratore dovr, pertanto, essere informato sulle
disposizioni vigenti presso la struttura e aggiornato qualora si verificassero delle modifiche. Se per
il lavoratore dipendente si riconosce nellINAIL lorgano preposto alla gestione dellinfortunio, per il
collaboratore sar lEnte Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri
(EMPAM) con leventuale Responsabilit Civile professionale dello stesso a supportarlo in tale
circostanza.
Conflitto di interessi
Gli autori dichiarano di non aver nessun conflitto di interessi.
Finanziamento allo studio
Gli autori dichiarano di non aver ricevuto finanziamenti istituzionali per il presente studio.

Bibliografia
1. Leggat PA, Kedjarune U, Smith DR. Occupational health problems in modern dentistry: a
review. Ind Health 2007;45(5):611-21.
2. Manfredi R, Calza L, Verucchi G. The health professional in the dental/oral field and exposure
to risk of infection: epidemiology an prevention. G Ital Med Lav Ergon 2007;29(1):11-20.
3. US Department of Labor, Occupational Safety and Health Administration (OSHA). 29 CFR Part
1910.1030. Occupational exposure to bloodborne pathogens; needlesticks and other sharps
injuries; final rule. Federal Register 2001;66:5317-25.
4. Montagna MT, Napoli C, Tat D, De Benedditis M, Petruzzi, Serpico R. Gruppo di Lavoro SITL.
Ligiene in odontoiatria. Dentista Moderno 2006;10:138-49.
5. Tarozzi M. Lesposizione accidentale a malattie infettive in ambiente odontoiatrico. Dental
Assistant 2010;3:2-8.
6. Kohn WG, Collins AS, Cleveland JL, Harte JA, Eklund KJ, Malvitz DM. Centers for Disease
Control and Prevention (CDC). Guidelines for infection control in dental health-care settings2003. MMWR Recomm Rep 2003;52(RR-17):1-61.
7. Mills SE. Dental water quality-The scientific evidence for current CDC guidelines. Tex Dent J
2005;122(10):1054-63.
8. Leao JC, Teo CG, Porter SR. HCV infection: aspects of epidemiology and transmission
relevant to oral health care workers. Int J Oral Maxillofac Surg 2006;35(4):295-300.
9. Working Group of the Office of AIDS Research Advisory Council (OARAC). Guidelines for the
use of antiretroviral agents in HIV-1 infected adults and adolescents. DHHS Panel on
Antiretroviral Guidelines for Adults and Adolescents 2006; October 10.
10. Wallenhammar LM, Ortegren U, Andreasson H, Barregard L, Bjorkner B, Karlsson S, et al.
Contact allergy and hand eczema in Swedish dentists. Contact Dermatitis 2000;43(4):192-9.
11. Chowanadisai S, Kukiattrakoon B, Yapong B, Kedjarune U, Leggat PA. Occupational health
problems of dentists in southern Thailand. Int Dent J 2000;50(1):36-40.
12. Sinclair NA, Thomson WM. Prevalence of self-reported hand dermatoses in New Zealand
dentists. N Z Dent J 2004;100(2):38-41.
13. Rankin KV, Jones DL, Rees TD. Latex glove reactions found in a dental school. J Am Dent
Assoc 1993;124(5):67-71.

HI-LUX

Pagina 16

20/06/2013

14. Prevedi M, Marraccini P. Latex protein allergy and preventive measures. Med Lav
2001;92(2):108-19.
15. Brehler R, Voss W, Muller S. Glove powder affects skin roughness, one parameter of skin
irritation. Contact Dermatitis 1998;39(5):227-30.
16. Turjanmaa K. Incidence of immediate allergy to latex glove in hospital personnel. Contact
Dermatitis 197;17(5):270-5.
17. Prevedi M, Nava CD, Faroli L. Quantificazione allergenica nel particolato aerodisperse dei
manufatti in lattice di gomma naturale. In: Bonifazi F, Pietropaoli P, Bil MB, Antonicelli L.
(editors.) anafilassi in ambiente ospedaliero. Torino: Minerva Medica, 1997:3.
18. Jaeger D, Kleinhans D, Czuppon AB, Baur X. Latex-specific proteins causing immediate-type
cutaneous, nasal, bronchial, and systemic reactions. J Allergy Clin Immunol 1992;89(3):75968.
19. Piirila P, Hodgson U, Estlander T, Keskinen H, Saaolo A, Voutilainen R, Et al. Occupational
respiratory hypersensitivity in dental personnel. Int Arch Occup Environ Health 2002;75(4):20916.
20. Jaakola MS, Leino T, Tammilehto L, Ylostalo P, Kuosma E, Alanko K. Respiratory effects of
exposure to methacrylates among dental assistants. Allergy 2007;62(6):648-54.
21. Messite J. Occupational safety and health in the dental workplace. In: Goldman HS, Hartman
KS, Messite J. (editors.) Occuparional Hazards in Dentristry. Chicgo, IL: Yeat Book Medical
Publisher, 1984:1-19.
22. Harrel SK, Molinari J. Aerosols and splatter in dentistry: a brief review of the literature and
infection control implications. J Am Dent Assoc 2004;135(4):429-37.
23. Checci L, Moreschi A, Montevecchi M, Graziosi F. Dispositivi di protezione delle vie
respiratorie. Contaminazione aerea. Dental Cadmos 2003;8:17-36.
24. Bentley CD, Burkhart NW, Crawford JJ. Evaluating spatter and aerosol contamination during
dental procedures. J Am Dent Assoc 1994;125(5):579-84.
25. Legnani P, Checchi L, Pelliccioni GA, DAchille C. Atmospheric contamination durino dental
procedures. Quintessenze Int 1994;25(6):435-9.
26. Gross KB, Overman PR, Cobb C, Brockmann S. Aerosol generation by two ultrasonic scalers
and one sonic scaler. A comparative study. J Dent Hyg 1992;66(7):314-8.
27. Muzzin KB, King TB, Berry CW. Assessing the clinical effectiveness of an aerosol reduction
device for the air polisher. J Am Dent Assoc 1999;130(9);1354-9.
28. Harrel SK. Clinical use of an aerosol-reduction device with an ultrasonic scaler. Compend
Contin Educ Dent 1996;17(12);1185-93.
29. Barnes JB, Harrel SK, Rivera-Hidalgo F. Blood contamination of the aerosols produced by in
vivo use of ultrasonic scalers. J Periodontol 1998;69(4):434-8.
30. Bennett AM, Fulford MR, Walker JT, Bradshaw DL, Martin MV, Marsh PD. Microbial aerosols in
general dental practice. Br Dent J 2000;189(12):664-7.
31. Trenter SC, Walmsley AD. Ultrasonic dental scaler: associated hazards. J Clin Periodontol
2003;30(2):95-101.
32. Pandis N, Pandis BD, Pandis V, Eliades T. Occupational hazards in orthodontics : a review of
risks and associated pathology. Am J Orthod Dentofacial Orthop 2007;132(3):280-92.
33. smith NJ. Risk assessment: the philosophy underlying radiation protection. Int Dent J
1987;37(1):43-51.
34. Strobl K, Bahns TL, Willham L, Bishara SE, Stwalley WC. Laser-aided debonding of
orthodontic ceramic brackets. Am J Orthod Dentofacial Orthop 1992;101(2);152-8.
35. Rickabaugh JL, Marangoni RD, McCaffrey KK. Ceramic bracket debonding with the carbon
dioxide laser. Am J Orthod Dentofacial Orthop 1196;110(4):388-93.
36. Sarver DM, Yanosky M. Principles of cosmetic dentistry in orthodontics: Part 2. Soft tissue
laser technology and cosmetic gingival contouring. Am J Orthod Dentofacial Orthop
2005;127(1):85-90.
37. Sarver DM, Yanosky M. Priciples of cosmetic dentistry in orthodontics: Part 3. Laser treatments
for tooth eruption and soft tissue problems. Am J Orthod Dentofacial Orthop 2005;127(2):2624.
38. Arai E. Evaluation of dental equipment based on clinical efficiency and eye fatigue. Shikai
Tenbo 1983;61(1):331-40.

HI-LUX

Pagina 17

20/06/2013

39. Berson DM, Dunn FA, Takao M. Phototransduction by retinal ganglion cells that set the
circadian clock. Science 2002;295(5557):1070-3.
40. Hattar S, Liao HW, Takao M, Berson DM, Yau KW. Melanopsin-containing retinal ganglion
calles: architecture, projections, and intrinsic photosensitivity. Science 2002;295(5557):106570.
41. Grimm C, Wenzel A, Willams T, Rol P, Hafezi F, Rem C. Rhodopsin.mediated blue-light
damage to the rat retina: effect of photoreversal of bleaching. Invest Ophthalmol Vis Sci
2001;42(2):497-505.
42. Abbot A. Restless nights, listless days. Nature 2003;425(6961):896-8.
43. Gasyna KA, Rezaei WF, Mieler KA, Rezai P. Blue light induces apoptosis in human fetal retinal
pigment epithelium. Invest Ophthalmol Vis Sci 2006;47 :180.
44. Kanski JJ. Clinical ophthalmology : a systematic approach. London: Butterworth, 1989.
45. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL). Linee guida per la
valutazione del rischio da vibrazioni negli ambienti di lavoro. Roma: ISPESL, 2002.
46. Shahbasin M, Bertrand P, Abarca M, Jacobs R. Occupational changes in manual tactile
sensibilit of the dentst. J Oral Rehabil 2009;36(12):880-6.
47. Akesson I, Lundorg G, Horstmann V, Skerfing S. Neuropathy in female dental personnel
exposed to high frewuency vibrations. Occup Environ Med 1995;52(2):116-23.
48. cherniack M, Brammer AJ, Nilsson T, Lundstrom R, Meyer JD, Morse T, et al. Nerve
conduction and sensorineural function in dental hygienists using high frequency ultrasonic
handpieces. Am J Ind Med 2006;49(5):313-26.
49. Setcos JC, Mahyudding A. Noise levels encountered in dental clinical and laboratory practice.
Int J Prosthodont 1998;11(2):150-7.

HI-LUX

Pagina 18

20/06/2013

Potrebbero piacerti anche