Sei sulla pagina 1di 6

CUORE

Il cuore un muscolo cavo ed lorgano che troviamo topograficamente nel mediastino


anteriore. Il cuore lorgano principe che ci garantisce la circolazione sanguigna ed al
centro di una grossa componente cio la componente di ossigenazione degli organi. Siamo
soliti dividere due grosse circolazioni: grande e piccola circolazione. Funzionalmente siamo
soliti distingue una circolazione ossigenante tutto il corpo umano cio la circolazione che
garantisce lossigeno a tutto il corpo, cio grande circolazione e circolazione ossigenante il
sangue cio piccola circolazione. Al centro delle due circolazioni c il cuore. Il rapporto
anatomico della grande circolazione cuore corpo umano, il rapporto anatomico della
piccola circolazione cuore apparato respiratorio, in particolare il polmone, di conseguenza
abbiamo una continuit funzionale tra il cuore e tutto lapparato respiratorio e cuore e tutto
il corpo umano. Il cuore garantisce lossigenazione a tutto il corpo umano grazie a vie dette
arterie e grazie ad esse il sangue ossigenato arriva ai visceri. Il sangue non ossigenato
torna al cuore grazie alle vene. il sangue per essere ossigenato viene portato al polmone.
Dunque a livello del polmone io ho due circoli: il circolo ossigenante il sangue: il circolo
polmonare figlio delle arterie e vene polmonari, il circolo ossigenante il polmone: il circolo
bronchiale, di conseguenza troviamo le arterie bronchiali che mantengono in vita il
polmone.
Le arterie sono vie attraversate da sangue ossigenato, le vene attraversate da sangue ricco
di anidride carbonica. Per quando parliamo di circolo polmonare, larteria polmonare
trasporta sangue ricco di anidride carbonica, mentre le vene polmonari sangue ossigenato.
Quando andiamo a considerare un organo, ogni organo presenta lilo e nellilo entra larteria
ossigenante la stanza e dallilo esce la vena che porta fuori sangue ricco di anidride
carbonica.
Il cuore un muscolo cavo presenta 4 stanze distinte che per motivi didattici ne
consideriamo 2 superiori e due inferiori. Poich il cuore in realt poggia obliquamente sul
diaframma va dallalto in basso da destra verso sinistra. distinguiamo un margine ottuso
e un margine acuto: il margine ottuso il margine sinistro e il margine acuto destro ed
dove va a poggiarsi sul diaframma. Quando parliamo del cuore dobbiamo distinguere il
cuore come elemento muscolare diviso dalla componente vascolare con una tangente
allorigine dei vasi. Distinguiamo quindi una base che si trova in alto.
Le due camere superiori e le due camere inferiori tra loro non comunicano. Le due camere
superiori che non sono in comunicazione tra loro durante la vita embrionale invece si. Le
due camere superiori sono dette atri le due inferiori ventricoli. Le due camere superiori
sono in afferenza cio tutto ci che arriva al cuore (facendo riferimento alla componente
sanguigna) deve arrivare necessariamente alle due camere superiori, invece le due camere
inferiori sono in efferenza cio il sangue lascia il cuore sempre a partire dalle sue camere
inferiori. tale struttura ha ragion dessere se tra atrio destro e ventricolo destro esiste una
continuit e tra atrio sinistro e ventricolo sinistro esiste una continuit. Allatrio destro
arriva tutto il sangue ricco di anidride carbonica della circolazione umana e arriva grazie a
tre strade fondamentali:

la vena cava inferiore, trasporta tutto il sangue refluo dalla porzione


sottodiaframmatica;
la vena cava superiore, trasporta tutto il sangue refluo dalla porzione
sopradiaframmatica;
seno coronario: sangue refluo della circolazione cardiaca.

Quindi tutto il sangue portato da queste vie si raccoglie nellatrio destro, ora se c una
continuit tra atrio e ventricolo, e se questa continuit resta aperta latrio non si pu
riempire. Ecco che la continuit funzionale tra atrio e ventricolo regolata da un sistema
valvolare che durante la fase di riempimento si chiude in modo che si pu avere la fase di
riempimento atriale. A livello dellatrio di destra io ho una pressione maggiore rispetto al
ventricolo sottostante e questa differenza di pressione fa si che la valvola si apra e il
sangue passa dallatrio al ventricolo sottostante. Dunque, il sistema che regola il sangue
dallatrio al ventricolo un sistema valvolare e il sangue refluo deve passare al ventricolo
sottostante perch tale sangue per ossigenarsi deve andare al ventricolo perch il
ventricolo la via di efferenza che porta fuori il sangue. Il sangue dallatrio al ventricolo
passa per differenza pressoria. Man mano che la pressione aumenta pigia sulle valvole e il
sangue passa nel ventricolo e man mano che il sangue riempie il ventricolo spinge in alto i
lembi fin quando si alzano e in questo modo si chiusa la valvola e il ventricolo si
riempito. Di conseguenza la stessa pressione del circolo venoso che da la possibilit di
aprire la valvola e di chiuderla dopo la fase di riempimento ventricolare destro. Il ventricolo
destro si riempito e il sangue sporco a questo punto deve andare al polmone perch il
circolo cuore polmone quello che va ad ossigenare il sangue. Tutto il sangue che ormai ha
riempito il ventricolo destro deve andare ai polmoni, per andare ai polmoni esiste la strada
che dal ventricolo destro va al polmone, ovvero larteria polmonare. Si chiama arteria
polmonare per pur chiamandosi arteria essa porta sangue refluo. Se vero che ho una
fase di riempimenti ventricolare vuol dire che la continuit tra ventricolo e arteria
polmonare, anchessa deve essere controllata da un sistema valvolare, perch non avremo
mai riempimento ventricolare destro se la continuit fosse continua. Ecco che tra ventricolo
destro e arteria polmonare c un sistema valvolare che durante la fase di riempimento
ventricolare chiuso quando si ha lo svuotamento ventricolare si apre e il sangue passa dal
ventricolo allarteria polmonare. Dunque le camere sono anatomicamente in continuit tra
loro, ma funzionalmente esiste un sistema valvolare che consente il riempimento delle
varie cave. Di conseguenza il sistema tra atrio e ventricolo detto sistema valvolare
cuspidale e il sistema tra ventricolo e vi di efferenza si chiamano valvole semilunari.
Quando parliamo di valvola parliamo di un sistema costituito da un anello fibroso. Anello
fibroso sul quale vanno nel caso delle semilunari vanno ad inserirsi tre lembi. Lanello pi i
lembi forma la valvola semilunare.
Grazie allarteria polmonare il sangue va al polmone per lo scambio ossigeno anidride
carbonica, ci avviene a livello degli alveoli. Quindi il sangue va al polmone cede anidride
carbonica e si arricchisce di ossigeno e a questo punto pronto per essere portato in circolo
per ossigenare tutto il corpo. Torna al cuore grazie a 4 vene, le vene polmonari che a
differenza di tutte le altre vene portano sangue ossigenato. Due di ritorno dal polmone di
destra e due di ritorno dal polmone di sinistra. Esse arrivano al cuore e vanno allatrio
sinistro e la continuit atrio sinistro ventricolo sinistro chiusa fin quando abbiamo la fase
di riempimento dellatrio di sinistra. finita la fase di riempimento la valvola atrio
ventricolare di apre il sangue passa nel ventricolo sottostante si ha il riempimento
ventricolare sinistro e possiamo avere la spinta del sangue in quello che il grosso vaso
che porta il sangue ossigenato, laorta. I primi rami che nascono dallaorta sono le arterie
coronarie che servono per la nutrizione del cuore. Anche laorta ha un sistema valvolare
come larteria polmonare.
La fase di riempimento si chiama diastole, la fase di svuotamento detta sistole. La sistole
ventricolare di destra quella che spinge il sangue dal ventricolo destro al polmone, la
sistole ventricolare di sinistra quella che spinge il sangue dal cuore a tutto il corpo umano,

ecco che la parete del ventricolo sinistro 3 volte pi spessa di quella del ventricolo di
destra perch il ventricolo di sinistra imprime pi spinta per irrorare.
Il sistema nervoso sul cuore ha solo il ruolo di accelerare o di diminuire il battito,ma la
contrazione del cuore indipendente dal sistema nervoso.
Il cuore ha un impalcatura che detta scheletro cardiaco che non un scheletro osseo, ma
uno scheletro fibroso.
Quando parliamo di cuore parliamo di due sistemi valvolari: sistema cuspidale = atrio
ventricolare e sistema semilunare = ventricolo arteria, ventricolo aorta.
A destra la cuspide prende il nome di tricuspide e a sinistra prende il nome di bicuspide,
perch a destra i lembi cuspidali sono tre, a sinistra i lembi cuspidali sono due.
Latrio destro presenta lo sbocco della vena cava superiore, vena cava inferiore e seno
coronario. La parete mediale , cio la parete che divide latrio destro dallatrio sinistro, il
setto interatriale, noto il residuo dellorifizio che mette in continuit atrio destro con latrio
sinistro durante la vita intrauterina. Lo sbocco delle vene presentano dei lembi valvolari
sempre perch la continuit regolata da valvole, i lembi valvolari atriali destri non sono
ben definiti come nellatrio ventricolare e nelle arterie,ma sono appena accennati. Tali
valvole sono la valvola di Tebesio e la valvola di Eustachio che servono per regolare
lapertura della vena cava inferiore ed la valvola di Eustachio e del seno coronario la
valvola di Tebesio. il ventricolo destro caratterizzato da una parte rugosa e una liscia, la
parte rugosa caratterizzata dai muscoli papillari che vanno ad inserirsi sul lembo delle
valvole cuspidali che troviamo sia nel ventricolo destro che sinistro, questi muscoli papillari
sono colonne carnose muscolari di varie dimensioni. In particolare abbiamo colonne carnose
di:

Primo ordine: uguale al muscolo papillare, essa ha una base e dei tendini, tendini che
si inseriscono sulla faccia inferire dei lembi della valvola cuspidale (infatti per tale
ragione se si considerano le valvole cuspidali si pu facilmente verificare qual la
faccia superiore e qual quella inferiore perch la faccia inferiore rugosa perch si
inseriscono i tendini del muscolo papillare), a destra abbiamo tre lembi e quindi
abbiamo tre muscoli papillari di primo ordine, a sinistra ne abbiamo due. A differenza
degli altri muscoli che nella contrazione agiscono per chiudere in questo caso essi
servono solo per mantenerlo in modo tale che non si ribaltino i lembi nellatrio. Di
conseguenza, funzionalmente non ci da lapertura atrio ventricolare, ma impedisce il
riflettersi durante la sistole dei lembi in cavit atriale;

Secondo ordine: un ponte che ha due punti fissi e dei tralicci;

Terzo ordine: ha la forma di una collina.

Nel ventricolo destro distinguo una parte rugosa e una parte liscia. La parte rugosa la
parte di afflusso ventricolare perch ci sono i muscoli, di conseguenza lafflusso atri
ventricolare rugoso per la componente muscolare. La spinta sistolica che andr
nellarteria polmonare ci da una parte liscia. Di conseguenza il ventricolo destro presenta
una parte rugosa e una liscia, la parte liscia la zona dove il sangue dal ventricolo entra
nellarteria, la parte rugosa e quella sotto le valvole. Quindi, il ventricolo destro presenta
una zona di afflusso e una zona di efflusso, la zona di afflusso rugosa, la zona di efflusso
liscia perch il passaggio del sangue dal ventricolo allarteria polmonare avviene grazie a
una spinta sistolica e di conseguenza stesso la spinta che va a levigare la faccia interna
del ventricolo. Nella met sinistra lorganizzazione, funzionalmente parlando identica,

soltanto che nellatrio sinistro abbiamo lo sbocco delle vene polmonari che hanno il nome di
vene,ma portano sangue ossigenato.
La valvola semilunare: sia a destra che a sinistra forma da tre lembi che hanno una forma
di semiluna. La valvola nel lembo non liscia, ma al centro ha un nodulo. Quando la valvola
si chiude i noduli dei tre lembi si incontrano, rendendo pi completa la chiusura della
valvola stessa. Se la valvola chiusa vuol dire che il ventricolo si sta riempiendo, dal
momento in cui il ventricolo ha finito la fase di diastole spinge il sangue abbiamo la sistole,
il sangue passa schiaccia il lembo valvolare a parete. Dal momento che nel ventricolo la
pressione negativa, la colonna di sangue tenderebbe a tornare indietro, proprio grazie a
questo ritorno di sangue e siccome i lembi aperti della valvola non sono completamente
adesi alla parate a causa del nodo, il ritorno di sangue va a confluire tra la parete e il
lembo, e chiude la valvola.
In senso anteroposteriore abbiamo lanello fibroso per le valvole polmonari, posteriormente
abbiamo lanello fibroso dellaorta, posteriormente allaorta ho due anelli per le valvole
atrio ventricolari. Quattro anelli fibrosi tutte in continuit tra loro, sono mantenuti in sito da
componente fibrosa, cio lanello fibroso della polmonare in continuit con lanello fibroso
dellaortico, laortico in continuit con lanello fibroso della bicuspide e della tricuspide.
Questa impalcatura fibrosa va a costituire lo scheletro cardiaco.
Anteriormente abbiamo lanello fibroso della valvola semilunare polmonare che in
continuit con lanello fibroso aortico. A destra abbiamo il tendine del cono che in
continuit con il margine destro della polmonare e il margine destro dellaortica. Nella
polmonare abbiamo un lembo anteriore, laterale destro e laterale sinistro. Nellaortica
abbiamo un lembo laterale destro, laterale sinistro e posteriore. Tutto ci perch esiste un
armonia anteroposteriore, perci il lembo libero della valvola polmonare lanteriore,
mentre quello dellaortica posteriore. In tutti due i complessi semilunari trovo il lembo
destro e il lembo sinistro, mentre lanteriore specifico del polmonare, il posteriore
specifico dellaorta. Laortico in continuit con lanello fibroso atrio ventricolare destro e
atrio ventricolare sinistro, cio il tramite tra i due sistemi semilunare con i due sistemi
cuspidali. Intervengono due formazioni triangolari che sono: una a base laterale sinistra che
il trigono fibroso sinistro, laltra offre lapice in continuit con lapice di sinistra ed detto
trigono fibroso destro. Il triangolo sinistro lunico che ha la base libera, mentre quello di
destra ha tutti i tre lati occupati. Nel sistema cuspidale lelemento che hanno in comune le
valvole cuspidali il lembo mediale. Infatti nella bicuspide abbiamo: il lembo mediale che
mediale anteriore e il lembo posteriore che laterale posteriore. Invece, nella tricuspide
abbiamo: il lembo anteriore, posteriore e mediale.
FA DISEGNARE!

Sistema di conduzione cardiaca


Il cuore innervato dai rami del nervo vago. Nervo vago che non entra nel sistema di
contrattura. Esiste un sistema che genera limpulso e lo propaga a tutto il cuore che
indipendente da tutto il sistema nervoso e centrale, sistema nervo che sul cuore ha un
effetto o tachicardico e bradicardico, ma non entra nel gioco della contrazione cardiaca.
Questo sistema costituito da tessuto muscolare altamente differenziato, di conseguenza
non tessuto nervoso, ma tessuto muscolare ad alta differenzazione muscolare e serve per
propagare limpulso e per generare limpulso stesso ed ecco che parliamo del tessuto di
conduzione cardiaca. Limpulso nasce a livello dellatrio di destra (in ogni caso) da un nodo
o nodulo che troviamo tra lo sbocco della vena cava superiore e le vena cava inferiore che
il nodo del seno. Nasce a questo livello limpulso ed chiamato anche pacemaker. Da
questo nodo nasce limpulso e tale impulso propagato allatrio sinistro e a tutto latrio
destro, di conseguenza distinguiamo una conduzione interatriale che ci garantita da tre
fasci distinti:

fascio superiore: si porta al setto interatriale, a livello del setto interatriale si divide in
due: uno va allatrio sinistro, laltro corre lungo il setto e si porta al nodo
atrioventricolare;
fascio medio: arriva al setto interatriale, corre lungo il setto e va al nodo
atrioventricolare;
fascio inferiore: non ha rapporto con il setto, ma si porta al nodo atrioventricolare.

Nodo atrioventricolare si trova sempre a destra e riceve limpulso dal nodo del seno.
Limpulso che arrivato al nodo atrioventricolare deve portarsi al ventricolo destro e
ventricolo sinistro. Questo impulso fa un decorso lungo il fascio comune che decorre a
destra nel ventricolo fin quando il setto interventricolare non diventa muscolare, cio
quando il setto interventricolare lascia la parte dello scheletro, di conseguenza lascia la
parte fibrosa e diventa muscolare, la branca comune va a cavaliere del muscolo e si divide
in una branca destra e una branca sinistra. Quindi la branca si mantiene comune nella

porzione fibrosa del setto che la parte pi alta che fa parte dellimpalcatura del cuore,
appena termina la parte fibrosa e entriamo nella parte muscolare abbiamo la branca destra
e la branca sinistra. esiste una differenza tra branca destra e sinistra.

La branca destra: continua come branca unica fino allapice del cuore, allapice del
cuore si divide nei rami terminali;
la branca sinistra: appena nasce da i rami terminali.

Limpulso viene propagato nella prima componente interatriale e poi e atrioventricolare


grazie a un elemento comune.