Sei sulla pagina 1di 11

Calcolo infinitesimale e differenziale

Gli esercizi indicati con l’asterisco (*) sono pi`u impegnativi.

1 Limiti e continuit`a

Si ricorda che per una funzione di pi`u variabili, la definizione di continuit`a in un punto p 0 2 R n `e:

8" > 0 9 > 0 t.c. | f ( p ) f ( p 0 ) | < " se | p p 0 | < ;

analogamente si dice che lim 0 f ( p ) = L se

p ! p

8" > 0 9 t.c. | f ( p ) L | < " se | p p 0 | < ,

p 6= p 0 .

In due o pi`u variabili non `e immediato definire i “limiti all’infinito”. Un modo

`e il seguente: si dice che

lim !1 f ( x, y ) = L se

x 2 +y 2

8" > 0 9 M > 0 t.c. | f ( x, y ) L | < " se | x 2 + y 2 | > M.

Esercizio 1. Studiare il campo di esistenza e segno delle seguenti funzioni.

f ( x, y ) = p 1 x 2 y 2

f ( x, y ) = p xy 1 · log(5 2x )

f ( x, y ) =

f ( x, y ) =

1

x 2 y +1

(sin x ) y log( x +y )

f ( x, y ) = log sin x y f ( x, y, z
f ( x, y ) = log sin x
y
f ( x, y, z ) = p 1 z 2
x 2 +y 2

Esercizio 2. Dire se le seguenti funzioni sono prolungabili con continuit`a in zero.

f ( x, y ) =

x

3

x

2

+y 2

f ( x, y ) = x 4 + y 3

x 2 + y 2

f ( x, y ) = e p x 2 + y 2 1+ x 2 ( )

p x 2 +y 2

Esercizio 3. Discutere la continuit`a delle seguenti funzioni .

f ( x, y ) =

f ( x, y ) = (

xy

x

2

+y 2

0

y ) 6=

( x, y ) =

(

x,

(0, 0)

(0, 0)

x 2 ( y 1)

x 2 +( y

1

1) 2

y ) 6=

( x, y ) = (0

(

x,

(0, 1)

, 1)

f ( x, y ) = x 2 y

0

f ( x, y ) =

1

0

xy 6= 0 xy = 0

x 2 <y< 2x 2 altrove

Esercizio 4. Calcolare il limite per ( x, y ) ! (0, 0) e per x 2 + y 2 ! 1 delle seguenti funzioni.

f

f

( x,

y ) =

y x 2 +y 4 +x 6 x 2 +y 2

( x, y ) = x sin( y )+y cos(x ) x 2 +y 2

1

f

f

( x,

y ) =

y +x +x 2 +y 3

x

+ y

( x, y ) = x + y +x 5

x 3 +y 2

Esercizio 5. Calcolare, se esistono, i seguenti limiti.

(

lim

x,y ) ! (1 , 1)

sin( x

y )

x 2 y 2

1

[ 2 ]

(

lim

x,y ) ! (0 , 0)

log(1+ x +y x 2 +y 2 )

x

+y

lim

( x,y ) ! (0 , 0) e

x 2 + y 2

xy

3

lim

( x,y ) ! (0 , 0) e

x 2 + y 2 x 2 y 2

lim

x 2 +y 2 !1

x 2 +y 2 xy

lim !1 x 2 y 2

x 2 +y 2

(

(

(

(

(

(

lim

x,y ) ! (0 , 0)

lim

x,y ) ! (0 , 1)

lim

x,y ) ! (0 , 0)

lim

x,y ) ! (0 , 0)

lim

x,y ) ! (0 , 0)

lim

x,y ) ! (0 , 0)

x

+y

p x 2 +

y 2 [ @ ]

x

y

+ y 1

+1

x

x | +| y |

sin 2 ( x )

|

x

4

y

xy

2

x

2

+y 4

y

2

|

x | + | y |

(

lim

x,y ) ! (0 , 0)

sin 2 ( x y ) x 2 y 2

[

@

]

lim

x 2 +y 2 !1

e 3 x +y x 2 2 y 2

(

lim (0 , 0) log | log

x,y ) !

xy

x 2 + y 2 |

(

(

lim

x,y,z ) ! (0 , 0 , 0)

x y + z 2 2 z

x

+y + z

lim

x,y ) ! (0 , 0)

x 2 y 2 x 2 + y 4

(

lim

x,y ) ! (0 , 0)

xy +x 2 sin

1

x 2 + y 2

p x 2 +y 2

2 Derivate e di erenziali

Una funzione di due variabili f ( x, y ) ammette derivate parziali nel punto p = ( x 0 , y 0 ) se esistono finiti i seguenti limiti

@ lim

@

@ lim

@ y

f

x

f

( x 0 , y 0 ) :=

( x 0 , y 0 ) :=

! 0

h

! 0

h

f ( x 0 + h, y 0 ) f ( x 0 , y 0 )

h

f ( x 0 , y 0 + h ) f ( x 0 , y 0 )

;

h

.

Dato v = ( v 1 , v 2 ) con | v | = 1 si definisce la derivata direzionale (di direzione v ) nel punto p = ( x 0 , y 0 ) come

@

f

@

v

( p ) := lim

h

! 0

f ( p + hv ) f ( p )

h

= lim

h

! 0

f ( x + hv 1 , y 0 + hv 2 ) f ( x 0 , y 0 )

h

.

I concetti di derivata parziale e derivata direzionale per funzioni di N variabili sono ovvie generalizzazioni delle due precedenti.

Il concetto pi`u importante del calcolo per le funzioni di pi`u variabili `e quello

di di erenziale. Una funzione f : R N ! R si dice di erenziabile in p 2 R N se

esiste un’applicazione lineare L : R N ! R tale che, per ogni v 2 R N valga

f ( p + v ) f ( p ) L ( v )

lim

| v | ! 0

|

v |

= 0.

ovvero, chiamato v = h ,

k

lim

( h,k ) ! (0 , 0)

f ( x + h, y + k ) f ( x, y ) L h

k

p h 2 + k 2

= 0.

In tal caso si dice che L `e il di erenziale di f in p e si indica L = d p f

2

Esercizio 6. Mostrare che se f : R 2 ! R `e di erenziabile in p allora, dato v = ( v 1 , v 2 ) 2 R 2 con | v | = 1 allora f ammette derivata direzionale in p e vale

@ @ ( p ) = d p f ( v ) = @ f ( p ) v 1 + @ f ( p ) v 2 ( )

f

v

@ x

@ y

Esercizio 7. Calcolare le derivate parziali prime ed il di erenziale delle seguenti funzioni.

f ( x, y )=( x + y ) e x y

f ( x, y, z ) =

z f ( x, y, z ) = log( xyz ) 2

ye

p x 2 + y 2

Esercizio 8. Mostrare che la funzione f ( x, y ) = p | x | `e continua in R 2 ma non `e sempre parzialmente derivabile.

Esercizio 9. Studiare continuit`a, derivabilit`a parziale e direzionale e di eren- ziabilit`a nel punto (0, 0) delle seguenti funzioni.

f ( x, y ) =

x y +y 2 2

2

x

4

f ( x, y ) =

+y 2 ( )

x

2

2

x y

f ( x, y ) =

x 3 y x 2 +y 2

f ( x, y ) = x log( y 2 + 1)

f ( x, y ) = | x + y | 2

f ( x, y ) = | x + 1 | y ( )

Esercizio 10. Dire se le seguenti funzioni sono di erenziabili in (0,0) e, quando possibile, calcolarne il di erenziale.

f ( x, y ) = p xy

f ( x, y ) = p x 2 + y 2

f ( x, y ) = p | x sin( y ) |

f ( x, y ) = p x 4 + y 4

f ( x,

f ( x,

y ) = y 2 sin( x )

y

y ) = x 3 + y 2 sin( y ) x 2 + y 6 +5

Esercizio 11. Dire se le seguenti funzioni possono essere prolungate nel punto (0,0) in modo da risultare di erenziabili. E continue?

f ( x, y ) =

x 2 y

p x 2 +y 2

f ( x, y ) =

y

3

x 2 + y 2

f ( x, y ) =

xy

p x 2 +y 2

Esercizio 12. Data f ( x, y ) = p x 2 + y 2 trovare, se esiste, il piano tangente in

A = (1, 2, p 5) e B = (0, 0, 0).

Esercizio 13. Calcolare, se esistono, le derivate direzionali di f ( x, y ) = | x | nel punto (0 , 0) secondo le direzioni

u = (1, 0)

v = ( 1 , 0)

w = (1/ p 2, 1/ p 2) .

Esercizio 14. Calcolare, se esistono, le derivate direzionali di

f ( x, y ) = (

x 3

y

0

y 6= 0;

y = 0;

in (1, 2) secondo la direzione del vettore v = (3 /5, 4/ 5). Mostrare inoltre che f ha tutte le derivate direzionali in (0 , 0) pur non essendo ivi continua.

3

Esercizio 15. Calcolare le derivate parziali prime e seconde delle seguenti fun- zioni.

f ( x,

y ) =

y 3 x 2 (sin( x ) cos( y ))

f ( x,

y ) =

e

x

f ( x, y, z )

= log( x 4 + 1) zy 2

f ( x, y ) = x 2 e y sin( x )

f ( x,

y ) =

p x 2 + y 2 + tan( x 2 )

f ( x, y ) = e y x 2

f ( x,

y ) =

x

+ y

f ( x,

y ) =

x 3 + xy 3 y 5

1+x 2 +y 2

x 4 +x 2 y 2 +y 4 +4

Esercizio 16. Calcolare lo sviluppo di Taylor in (0, 0) delle seguenti funzioni, arrestandosi al secondo ordine.

f ( x, y ) = sin( x ) + cos( y 2 )

f ( x, y ) = x 3 + x 2 y 2 y

f ( x, y ) = y log( x 2 + 1)

f ( x, y ) =

8

<

:

1 e x 2 + y 2

( x, y ) 6= (0, 0)

0 ( x, y ) = (0, 0)

(

)

Esercizio 17. Verificare se per le seguenti funzioni vale

@ 2 f @ x @

y (0 , 0) =

@ 2 f @ y @

x (0 , 0)

f ( x, y ) =

f ( x, y ) =

8

<

:

8
<

:

y 2 arctan x

y

0

y 6= 0

 

( ) f ( x,

y ) =

y = 0

8

<

:

x 3 y +xy 3

x 2 + y 2

( x, y ) 6= (0, 0)

0 ( x, y ) = (0, 0)

x 3 y

x 2 +y 2

( x, y ) 6= (0, 0)

f ( x, y ) = e ( x 2 +y 2 )2 y

0 ( x, y ) = (0 , 0)

4

Studio di massimo e minimo di funzione

Gli esercizi indicati con l’asterisco (*) sono pi`u impegnativi.

Esercizio 1. Sia f ( x, y ) continua su R 2 . Cosa si pu`o dire sull’esistenza di massimi e minimi di f se:

1. lim !1 f ( x, y ) = 1;

x 2 +y 2

2. lim !1 f ( x, y )=0e f ( x, y ) > 0;

x 2 +y 2

3. lim !1 f ( x, y )=0e f ( x, y ) assume valori sia positivi che negativi.

x 2 +y 2

Esercizio 2. Studiare massimi e minimi delle seguenti funzioni

f ( x, y ) =

f ( x, y ) =

x

x 2 +y 2 +1

e ( x 2 + y 2 )

f ( x, y ) = y x 2

f ( x, y ) = sin x sin 2 y

f ( x, y ) = x 4 + y 4 4xy

f ( x, y )=( x 2 + y 2 )(1 log( x 2 + y 2 ))

Esercizio 3. Studiare la convessit`a in P = (0, 1) delle seguenti funzioni:

f ( x,

y ) =

x 3 + x 2 y + y 2 + 1

f ( x, y ) = x 4 + y 2 2y + 3

f ( x,

y ) =

sin( x ) + cos( y )

f ( x, y ) = e y

Esercizio 4. Studiare la funzione f ( x, y ) = x 3 + y 3 3xy e trovare i massimi

e minimi sul quadrato di equazione 0 x, y 2. Quanto valgono l’estremo inferiore e l’estremo superiore di f su R 2 ?

Esercizio 5. Studiare la funzione f ( x, y ) = y 4 x 2 ( y 2 + 1) e trovare massimi

e minimi di f sul cerchio di raggio unitario.

Esercizio 6. Studiare le seguenti funzioni e trovarne i punti critici, estremo inferiore e superiore.

f ( x, y ) =

x y

1+( x y ) 2

f ( x, y ) = x 4 + y 4

f ( x, y ) =

xy

1+ x 2 +y 2

f ( x, y )=( x + 3 y ) e ( x 2 +y 2 )

f ( x, y )=( y x 2 + 1) 2 y 3

f ( x, y ) = 2( x 4

+ y 4 + 1) ( x + y ) 2

f

f

( x, y ) =

xye x 2 +y

( x, y ) =

xy (1 x 2 y 2 )

f ( x, y )=( x + y ) log( x + y )

f ( x, y ) = sin( p x 2 + y 2 )

f

( x, y ) = log( x 2 +y 2 ) ( x 2 +y 2 )

f ( x, y ) = (2x y )[3 (2 x y ) 2 ] ( )

Esercizio 7. Si dimostri che il campo di esistenza di f ( x, y ) = p x 2 + xy + y 2

`e tutto R 2 . Si trovino poi il massimo ed il minimo di f sul cerchio di raggio 1.

`

La funzione ha derivate parziali nell’origine? E di erenziabile in (0, 0)?

1

Esercizio 8. Trovare massimo e minimo della funzione f ( x, y ) nel dominio A nei casi seguenti

f ( x, y ) = x 2 + xy + y 2

f ( x, y ) = x 2 y + xy 2 xy

f ( x, y ) =

x

+y 2

x 2 + y 2

+1

f ( x, y ) = | x | 1 / 4 + | y | 1 / 4

A = x 2 + y 2 1

A = ( x, y ) 2 R 2 : x 0, y 0, x + y 1

A = {x + y = 3}

A = x 2 + y 2 1

Esercizio 9. Determinare i punti critici delle seguenti funzioni. Cosa succede quando l’Hessiano si annulla?

f ( x, y )=( x 2 + y 2 ) e ( x 2 +y 2 )

f ( x, y ) = x 2 y 4

f ( x, y ) = | x + y |

Esercizio 10. Studiare le seguenti funzioni (dove definite)

f ( x, y ) = x 2 y 2

f ( x, y ) = | x + y |

f ( x, y ) = p x + ye ( x 2 +y 2 )

f ( x, y )=( x 2 + y 2 ) e ( x 2 + y 2 )

Esercizio 11. Date le seguenti funzioni

f ( x, y ) = p x 5 x 4 y

p

x y

f ( x, y ) = sin( x y )

f ( x, y ) = xy log( xy )

f ( x, y ) = sin( x )

y

f ( x, y ) = x 4 +y 3

x 2 +y 2

se ne determini il campo di esistenza D

si studino i massimi e minimi di f sull’insieme A = D \ x 2 + y 2 1

Esercizio 12. Si determini il valore massimo ed il valore minimo di f su D .

f ( x, y ) = y p 1 + x

f ( x, y ) = ( sin y 2

y

0

y 6= 0

y = 0

D = { 1 x 2, 1 y 3}

D = 0 x y 2 , 0 y p

( )

f ( x, y ) = sin x cos y

D = {0 x, y }

f ( x, y ) = x 2 y + y 3

D = { 0 x 2, 2 y 1 }

Esercizio 13. Si determinino i punti di massimo e di minimo di f su D

f ( x, y ) = x + y 2

f ( x, y ) = x 2 ( x 2 + y 2 ) 2

D = 1 x 2 + y 2 4

D = 1 x 2 + y 2 2

f ( x, y )=2xy

D = x 2 + y 2 9, y x, x 0

f ( x, y ) = xy 3

D = {1 xy 2 , x y 2x } ( )

f ( x, y, z )=1

D = x 2 + y 2 + z 2 1

2

Curve e funzioni

Gli esercizi indicati con l’asterisco (*) sono pi`u impegnativi.

Esercizio 1. Verificare che il gradiente, quando non `e nullo, `e ortogonale alle linee di livello delle seguenti funzioni

f ( x, y ) = y x

f ( x, y ) = e x

f ( x, y ) = y 2 x 2

f ( x, y ) =

xy

x

2

+y 2

0

(0, 0)

( x, y ) = (0, 0)

( x, y ) 6=

Esercizio 2. Si studi l’andamento delle curve di livello delle seguenti funzioni. Si usi il risultato per studiarne il segno.

f ( x, y ) = x + 3 y

f ( x, y ) = sin( x + y ) + sin( x y ) f ( x, y ) = x 2 + y 2

f ( x, y ) = x 2 y 2

f ( x, y ) = x 2 + y 2 ( x + y )

f ( x, y ) = x 2 4 y 2 1

x 2 +y 2 4

Esercizio 3. Data la funzione di erenziabile F ( x, y ), definita su tutto il piano, e data una curva derivabile ( t )=( x ( t ) , y ( t )) a valori nel piano, si calcoli dt F ( ( t )) = dt F ( x ( t ) , y ( t )) . Si provi poi che

d

d

d

dt F ( ( t )) = F 0 ( ( t ))[ 0 ( t )] = hr F, 0 ( t ) i .

Si usi il risultato per dimostrare che le curve di livello di F sono perpendi- colari al suo gradiente ( ⇤⇤ )

Esercizio 4. Date

f ( x, y ) = e x + e y

g ( x, y ) = x 2 + xy

h( x, y ) = sin( x y )

se ne calcolino le derivate rispetto alle seguenti curve

( t ) =

sin t

cos

t

( t ) = t 4

t

3

( t ) =

e

2t

t

Esercizio 5. Si provi che per le seguenti funzioni le curve di livello sono per- pendicolari al gradiente (usare una parametrizzazione della curve di livello e derivare la funzione lungo tale curva)

f ( x, y ) = log( | x | + | y | )

f ( x, y ) = xy 2

f ( x, y ) =

xy

x 2 +y 2

Esercizio 6. Trovare il vettore tangente ed il vettore normale alle seguenti curve piane

( t ) =

e t sin t

e t cos

t

( t ) = e t

t

( t ) = 3t 3t 3

2

Esercizio 7. Trovare la lunghezza delle seguenti curve definite per 0 t .

( t ) =

t

t

sin t

cos

t

( t ) =

t sin t

1 cos

t

( t ) =

1 t 2

t

2

Se cambiamo parametrizzazione la lunghezza cambia? Perch´e?

1

Esercizio 8. Trovare (usando il metodo dei moltiplicatori di Lagrange ) i mas- simi e i minimi della funzione f ( x, y ) con il vincolo g ( x, y ) = 0 nei casi seguenti

f ( x, y ) = xy

g ( x, y ) = x 2 + y 2 2

f ( x, y ) = xy

g ( x, y ) = x 2 + 4 y 2 1

f ( x, y )=( x y ) 2

f ( x, y ) = x y

g ( x, y ) = x 2 + y 2 1

g ( x, y ) = arctan( x 2 + y 2 2) 2 + x y

Esercizio 9. Determinare l’estremo superiore e l’estremo inferiore della fun- zione f ( x, y ) = x 2 y al variare del punto ( x, y ) sulla curva x 2 + y 2 = 1.

Esercizio 10. Trovare, dove possibile, il vettore normale e il vettore tangente alle seguenti curve definite implicitamente

x 2 + 3 y 2 = 4 x 3 + y 3 3 xy

x 2 y 2 = 2 y sin x =0

2

x 3 + 2 xy 1=0 2 x 2 + y 2 e x = 0

Integrali multipli

Gli esercizi indicati con l’asterisco (*) sono pi`u impegnativi.

Esercizio 1. Date le seguenti funzioni

f ( x, y ) = p x 5 x 4 y

p

x y

si calcoli

f ( x, y ) = sin( x y )

Z A f ( x, y ) dxdy

f ( x, y ) = x 4 +y 3

x 2 +y 2

Esercizio 2. Si calcoli l’integrale delle seguenti funzioni sui domini indicati a fianco

f ( x, y ) = y p 1 + x

f ( x, y ) = ( sin y 2

y

0

y 6= 0

y = 0

D = { 1 x 2, 1 y 3}

D = 0 x y 2 , 0 y p

( )

f ( x, y ) = sin x cos y

D = {0 x, y }

f ( x, y ) = x 2 y + y 3

D = { 0 x 2, 2 y 1 }

Esercizio 3. Si calcoli l’integrale delle seguenti funzioni sui domini indicati a fianco.

f

( x, y ) = x + y 2

D = 1 x 2 + y 2 4

f ( x,

y ) = x 2 ( x 2 + y 2 ) 2

D

= 1 x 2 + y 2 2

f ( x, y )=2xy

D = x 2 + y 2 9, y x, x 0

f ( x, y ) = xy 3

D = {1 xy 2 , x y 2x } ( )

f ( x, y, z )=1

D = x 2 + y 2 + z 2 1

Esercizio 4. Calcolare Z D 2 + x , dove D `e la porzione di piano limitata dalla

parabola y = 1 x 2 e dall’asse delle x .

y

Esercizio 5. Calcolare Z D xye y , dove D `e l’insieme delimitato dalla parabola

y = x 2 e dalle rette y =0e x = 1.

Esercizio 6. Calcolare l’integrale delle seguenti funzioni sui domini indicati a fianco

f ( x, y ) = x cos(1 y )

f ( x, y ) = y x 2

D = 0 x 1, x 2 1 y 1 x 2

D = 1 x 1, 0 y 2 p 1 x 2

1

Campi di Vettori

Risolvete i seguenti esercizi. Gli esercizi indicati con l’asterisco (*) sono pi`u impegnativi.

Esercizio 1. Dire per quali funzioni g ( x, y ) di classe C 1 il campo di vettori

F ( x, y ) = x 2 + y 2 ; g ( x, y )

x

`e irrotazionale su R 2 r {(0 , 0) } . Dire poi per quali di queste g ( x, y ) il campo `e conservativo e calcolarne un potenziale. ( )

Esercizio 2. Dire per quali funzioni a ( y ) , b( x ) 2 C 1 ( R ) il campo

F ( x, y )=( xa ( y ) ; yb( x ))

risulta conservativo.

Esercizio 3. Stabilire se il campo di vettori

F ( x, y ) =

y 2 x 2 ) 2 ; ( x 2 + y 2

2 xy ( x 2 + y 2 ) 2

`e irrotazionale, se `e conservativo e in tal caso calcolarne un potenziale.

Esercizio 4. Calcolare il lavoro del campo

F ( x, y ) =

x 2 + y 2 ; x 2 + y 2

y

x

lungo la curva y = cos x sull’intervallo [ , ] orientata in senso antiorario.

Esercizio 5. Dato il campo

2

2

F ( x, y ) =

4x 2 + 4 y 2 4 x + 1 ; 4x 2 + 4 y 2 4x + 1

2 y

2x 1

calcolare al variare di r 6= 1/2 la circuitazione I F · ds dove `e la circonferenza

di centro l’origine e raggio r , percorsa in senso antiorario.

Esercizio 6. Dimostrare che il campo

F ( x, y ) =

y x 2 ; 2( y x 2 )

x

1

`e conservativo sul dominio ( x, y ) 2 R : y>x 2 e calcolarne un potenziale. Cal-

colare poi Z F · ds dove

=

3 +

t sin t con t 2 [0 , /2] .

1

Esercizio 7. Determinare le funzioni a ( x ) 2 C 1 ( R ) tali che il campo di vettori

F ( x, y )=( ya ( x ) ; a ( x ))

risulti conservativo su R 2 , e trovarne il potenziale.

Esercizio 8. Si consideri il campo F ( x, y, z ) = 3x 2 y + yz ; x ( x 2 + z ) ; xy .

1. Verificare se `e irrotazionale, conservativo, ed in tal caso calcolarne un potenziale.

2. Si calcoli R F · ds dove

1

( t ) = 3 t 3 i + t 2 j 2 t k

t 2 (0 , 1)

orientata nel senso delle t crescenti.

3. Si calcoli la lunghezza di

Esercizio 9. Si consideri il seguente campo di forze in R 3

@

F ( x, y, z ) = 0

xz x 2 1

1

2 sin( y ) 2 log( x 2 1)

1

1

A .

1. Si determini se tale campo `e conservativo.

2. Si determinino le componenti connesse del suo dominio di definizione.

3. Si calcolino tutte le sue primitive (se esistono)

4. Si calcoli

Z