Sei sulla pagina 1di 24

Indagini sulla popolazione e sulle abitazioni.

Dati e indicatori per alcune elaborazioni di base.

Insegnamento di Ingegneria del Territorio 1 (prof. Paolo Pileri)

POLITECNICO DI MILANO 2003.2004

FACOLT D I
INGEGNERIA
CIVILE E AMBIENTALE
CORSO DI
INGEGNERIA
PER LAMBIENTE
E IL TERRITORIO

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Driving
Forces
Modello
Modello

DPSIR
DPSIR

Pressure

COMPONENTE ABITATIVA

State

Corso di ingegneria del territorio 1 -

COMPONENTE ANTROPICA
(demografica, insediativa e
sociale)
COMPONENTE PRODUTTIVA

prof. Paolo Pileri

>>popolazione<<
Caratteristiche morfologiche
Consistenza e Distribuzione della popolazione sul territorio
Densit Territoriale
Andamento nel tempo

Caratteristiche strutturali
collettive (famiglia)
individuali (stato civile, fasce et)
socioeconomiche

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Analisi Sincronica
Classi di ampiezza demografica

Popolazione media per


comune
2919 ab./comune

DPSIR

Legenda
0 - 500
501 - 1000
1001 - 2000
2001 - 5000
5001 - 8500
>8500

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Fonte dati

http:\\www.ring.lombardia.it (2001)

Fonte: Istat

Analisi Sincronica
Classi di ampiezza demografica

Tabella dettagliata
dei Comuni

Considerando tutti
i Comuni:

DPSIR

Escludendo Crema,
Cremona e Casalmaggiore:
Min
Max
Media
Dev. Std.

Min
294
Max
71421
Media
2919
Dev. Std. 7369

294
8911
1941
1796
Popolazione totale della provincia (al 31/12/2000)

335700
Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Analisi Sincronica
Analisi di frequenza
N e % di comuni caratterizzati dalle diverse
classi di ampiezza demografica

popolazione
< 500
500 - 1500
1500 - 3000
3000 - 5000
5000 - 10000
> 10000
totale comuni
Corso di ingegneria del territorio 1 -

1991
comuni
n.
12
54
28
10
8
3
115

2001
comuni
%
10.43
46.96
24.32
8.70
6.96
2.61
100.00

n.
10
54
27
13
8
3
115

%
8.70
46.96
23.48
11.30
6.96
2.61
100.00

prof. Paolo Pileri

Analisi Sincronica
N e % di comuni caratterizzati dalle diverse
classi di ampiezza demografica

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Analisi Sincronica
% di popolazione residente in ogni comune rispetto
al totale del territorio di studio (es: provincia)

Quota popolazione residente

Q PR =

POPi
POPi

[%]

i = comune

DPSIR

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Densit Territoriale
ab/kmq

La struttura di una voce della


banca dati annuario statistico
regionale a livello comunale

Regione Lom bardia. Codici ISTAT dei com uni e dei principali azzonam enti di appartenenza (5)

Comuni

Cod. Istat

AGRA

12001

Cod. Istat Popolazione Superficie


9 province 31.12.1999
kmq
12001

375

3,04

Provincia
12

Varese

Classe di ampiezza
demografica
1

Fino a 999

Zona altimetrica
1

Montagna

Sistema locale del lavoro


73 Luino

Circoscrizione per l'impiego


36

Luino

99

ALBIZZATE

12002

12002

4.932

3,84

12

Varese

5.000-19.999

Collina

72 Gallarate

34

Gallarate

ANGERA

12003

12003

5.487

17,58

12

Varese

5.000-19.999

Collina

74 Sesto Calende

38

Sesto Calende

99

ARCISATE

12004

12004

9.360

12,16

12

Varese

5.000-19.999

Montagna

75 Varese

32

Varese

99

ARSAGO SEPRIO

12005

12005

4.472

10,35

12

Varese

1.000-4.999

Collina

72 Gallarate

34

Gallarate

AZZATE

12006

12006

3.856

4,72

12

Varese

1.000-4.999

Collina

75 Varese

32

Varese

99

AZZIO
BARASSO
BARDELLO

12007
12008
12009

12007
12008
12009

713
1.696
1.237

2,25
4,02
2,32

12
12
12

Varese
Varese
Varese

1
2
2

Fino a 999
1.000-4.999
1.000-4.999

1
1
2

Montagna
Montagna
Collina

74 Sesto Calende
74 Sesto Calende
74 Sesto Calende

35
32
35

Laveno Monbello
Varese
Laveno Monbello

99
99
99

Indicatore di pressione antropica:


ab/kmq
Possibile classificazione [ab/kmq]
classe 1
0-10
classe 2
10-30
classe 3
30-50
classe 4
50-100
classe 5
100-300
classe 6
300-500
classe 7
>500 una

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Classificazione per
zona altimetrica

DPSIR

Classificazione per ampiezza demografica

classificazione che esalta la distribuzione tra piccoli comuni: es: buona per ambiti extraurbani

Densit Territoriale
ab/kmq

DPSIR

ab/kmq
Legenda
29 - 78
78 - 137
137 - 223
223 - 343
343 - 580
580 - 1016

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Densit Territoriale netta


ab/kmqurb

Superficie urbanizzata
kmqurb

abitanti
ab.

Densit Territoriale netta


ab/kmqurb
Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Analisi Diacronica
Tasso di crescita della popolazione
Tasso di crescita della
popolazione

TP =

(POP

t1

POPt 0

POPt 0

[%]

1991-2001

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

a nda m e nto popola zione

Analisi Diacronica
Andamento della
popolazione nel tempo

20000
1921

18000

1931
1936

n abitanti r e s id e n ti

16000
14000

1961

12000

1971

1951

1911
1901

10000

1981
1991

8000
6000

y = -41,61x + 94026

4000

R2 = 0,1551

2000
0
1890

1900

1910

1920

1930

1940

1950

1960

1970

1980

1990

2000

e p o ca ce n s im e nto

a nda m e nto popola zione

abitan ti r e s id e nti

20000
15000
10000
5000

y = -97,863x + 204642
R2 = 0,826

0
1880
Corso di ingegneria del territorio 1 -

1900

1920

1940

1960

1980

2000

e po ca ce ns im e n to
prof. Paolo Pileri

Dinamica demografica
Le due forze
I processi demografici sono azionati da due forze indipendenti,
una biologica, laltra sociale

Componente naturale

Componente migratoria

Natalit
Mortalit

Immigrazione (iscrizioni anagrafiche)


Emigrazione (cancellazioni anagrafiche)

SALDO NATURALE (Sn)

SALDO MIGRATORIO (Sm)

SALDO ANAGRAFICO TOTALE


(Stot)
Corso di ingegneria del territorio 1 -

DPSIR

prof. Paolo Pileri

Dinamica demografica
Le due forze

VN =

Variazione naturale

Variazione migratoria o
Mobilit residenziale

(N M )t t
1

POPt 0

VR o MR =

(Sn )t t
1

(I C)t t
1

POPt 0

POPt 0

[%]

(Sm )t t
1

POPt 0

[%]

Questi indicatori forniscono rispettivamente informazioni sulla dinamica naturale o


migratoria della popolazione rispetto alle condizioni iniziali (t0).
L indicatore di Variazione migratoria o mobilit residenziale, inoltre, si pu ottenere
distinguendo tra la tipologia dei trasferimenti a seconda che siano coinvolti i trasferimenti
di residenza interni alla regione di studio, alla nazione o anche i trasferimenti da e verso
lestero.
Corso di ingegneria del territorio 1 -

DPSIR

prof. Paolo Pileri

Dinamica demografica
annuale
www.ring.lombardia.it
http://censimenti.istat.it/html/pop_home.asp
La struttura di una voce della banca dati
annuario statistico regionale a livello
comunale

Popolazione, m ovim enti anagrafici, fam iglie. Anno 1999

Codice Comuni
Istat
12001
12002
12003
12004
12005
12006
12007

Movimenti naturali
Nati
Morti

Agra
Albizzate
Angera
Arcisate
Arsago Seprio
Azzate
Azzio

3
52
36
82
36
35
8

3
46
50
76
40
44
4

Movimenti migratori
Iscrizioni da comuni
Cancellazioni per comuni
italiani
esteri
italiani
esteri
14
0
8
0
172
15
192
2
176
37
129
13
280
33
295
13
188
33
122
1
153
13
120
2
27
3
29
0

Saldo naturale Annuale


(N-M)

375
4.932
5.487
9.360
4.472
3.856
713

187
2.381
2.585
4.636
2.217
1.905
349

Famiglie a
fine anno
166
1.901
2.130
3.471
1.753
1.528
299

Suddivisione
per sesso

Saldo Migratorio Annuale


(I-C)

Corso di ingegneria del territorio 1 -

Popolazione a fine anno


Totale
Maschi

Il n di famiglie

DPSIR
prof. Paolo Pileri

Dinamica demografica
www.ring.lombardia.it
http://censimenti.istat.it/html/pop_home.asp

periodica
La struttura di una voce della banca dati annuario
statistico regionale a livello comunale

Popolazione e m ovim enti intercensuari al 1981-1991, per com une

Codice
Istat
12001
12002
12003
12004
12005
12006
12007
12008
12009

Comuni

Popolazione
Movimenti naturali 1981-91
1981
1991
Nati
Morti
351
338
26
52
5.135
5.077
497
454
5.267
5.396
418
606
8.802
8.954
902
690
3.822
4.106
429
352
3.655
3.712
309
339
632
646
48
49
1.524
1.636
109
121
1.268
1.280
104
133

Agra
Albizzate
Angera
Arcisate
Arsago Seprio
Azzate
Azzio
Barasso
Bardello

Corso di ingegneria del territorio 1 -

Saldo
totale
periodico
Stot=(Sn-Sm)

Saldo naturale periodico


Sn=(N-M)

Tasso di crescita periodico


(P1991-P1981)/P1981

DPSIR

Saldi 1981-1991
Naturale
Migratorio
Totale
-26
13
-13
43
-101
-58
-188
317
129
212
-60
152
77
207
284
-30
87
57
-1
15
14
-12
124
112
-29
41
12

Saldo migratorio periodico


Sm=(I-C)
prof. Paolo Pileri

La struttura demografica della popolazione


Composizione per et
Gli indicatori di struttura

Et media
(per ogni comune)

Em

(POP et ) (POP et )
=
=
POP
POP
et i

et i

tot

Fonte dati:

Corso di ingegneria del territorio 1 -

www.ring.lombardia.it
http://censimenti.istat.it/html/pop_home.asp

prof. Paolo Pileri

La struttura demografica della popolazione


Composizione per et

0 - 14

15 - 39

0-14

0 - 500
501 - 1000
1001 - 2000
2001 - 26000

15-39
0 - 500
501 - 1000
1001 - 2000
2001 - 26000

DPSIR
40 - 64

> 65

40-64
0 - 500
501 - 1000
1001 - 2000
2001 - 26000

Corso di ingegneria del territorio 1 -

>=65
0 - 500
501 - 1000
1001 - 2000
2001 - 26000

Fonte dati

prof. Paolo Pileri

http:\\www.ring.lombardia.it (2001)

La struttura socio-demografica della popolazione


Gli indicatori di struttura

Incidenza dellanzianit o anzianit


Indice di vecchiaia
Indice di giovent
Indice di dipendenza
(o carico sociale)
Indice di ricambio
Indice di struttura della
popolazione attiva
Corso di ingegneria del territorio 1 -

I anz =

Iv =

P>65

P> 65

POPtot

[%]

P<15

I g = <15
P>65

(P + P )

I cs = >65 <15
P1564

Ir = P 6064 / P 1519
Is = P 4064 / P 1539

prof. Paolo Pileri

10

La struttura socio-demografica della popolazione


Composizione per et
Gli indicatori di struttura

Incidenza dellanzianit o anzianit

I anz =

P>65

POPtot

[%]

Questo indicatore permette di valutare lincidenza della sola popolazione anziana identificata
abitualmente sulla base della soglia dei 65 anni - a prescindere dalla distribuzione
percentuale delle restanti classi det. Limportanza di questo indicatore deriva dal fatto
che proprio la variazione della popolazione anziana pu essere associata
significativamente ad alcuni processi sociali di particolare interesse nelle analisi dei
contesti territoriali locali, quali, ad esempio, lo spopolamento delle aree interne o rurali
conseguente a fenomeni di urbanizzazione, di emigrazione, di trasformazione del sistema
produttivo locale. Lutilit di questo indicatore, inoltre, deriva dal fatto che esso permette
di identificare facilmente quei comuni o quelle aree territoriali dove linvecchiamento
della popolazione rappresenta un fenomeno sociale pi accentuato, il quale porta con s
tutta una serie di conseguenze, sia sul piano della composizione delle forze di lavoro e
della conseguente dinamicit delleconomia locale, sia sul piano dellorganizzazione dei
servizi socio-assistenziali.
DPSIR

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

La struttura socio-demografica della popolazione


Composizione per et
Gli indicatori di struttura

Indice di vecchiaia

Iv =

P> 65

P<15

Questo indice rileva efficacemente le differenze nella composizione per et. I valori del
numeratore e del denominatore generalmente variano in senso opposto, mettendo in
evidenza i divari esistenti tra contesti territoriali e periodi diversi.
Inoltre, questo indicatore fornisce un parametro del ricambio generazionale stabilito sulle
due classi det estreme, il quale pu essere utilizzato come base per unanalisi di
proiezione della dinamica e della struttura demografica sul medio-lungo periodo.
Valori relativamente pi elevati di questo indicatore segnaleranno un processo di
senilizzazione della popolazione, mentre valori relativamente pi bassi segnaleranno
lesistenza di una (positiva) dinamica di crescita demografica (alti tassi di natalit o
trasferimenti in loco di famiglie giovani).

Corso di ingegneria del territorio 1 -

DPSIR
prof. Paolo Pileri

11

INDICE DI VECCHIAIA
[Iv= P>65/P<15]

CASALETTO DI SOPRA (0,38)

MIN

0,38

MAX

4,72

MEDIA

1,67

SD

0,68

CAPPELLA DE PICENARDI (4,72)

DPSIR

Legenda
0.38
1.00
2.00
3.00

Corso di ingegneria del territorio 1 -

0.99
1.99
2.99
4.72

Fonte dati

prof. Paolo Pileri

http:\\www.ring.lombardia.it (2001)

La struttura socio-demografica della popolazione


Composizione per et
Gli indicatori di struttura

Indice di dipendenza
(o carico sociale)

I cs =

(P>65 + P<15 )

P1564

Questo indice una misura del carico della popolazione non attiva - e cio gli anziani e i
giovanissimi -, e quindi presumibilmente non autonoma economicamente, sulla
popolazione potenzialmente attiva. Si tratta di un rapporto tra classi det estreme e
classe det centrale.
L'indice di dipendenza molto elevato nelle popolazioni in via di sviluppo, ad alta
fecondit, dove la componente dei giovanissimi prevale di gran lunga su quella degli
anziani.

Corso di ingegneria del territorio 1 -

DPSIR
prof. Paolo Pileri

12

INDICE DI DIPENDENZA
[Ics= (P>65+P<15)/P1564]

CASALETTO DI SOPRA (0,32)

MIN

0,32

MAX

0,79

MEDIA

0,48

SD

0,08

CINGIA DE BOTTI (0,79)

DPSIR

Legenda
0.32
0.41
0.51
0.61

Corso di ingegneria del territorio 1 -

0.40
0.50
0.60
0.79

Fonte dati

prof. Paolo Pileri

http:\\www.ring.lombardia.it (2001)

La struttura socio-demografica della popolazione


Composizione per et
Gli indicatori di struttura

Indice di ricambio

Ir = P 6064 / P 1519

L'indice di ricambio della popolazione dato dal rapporto tra coloro che stanno per
uscire dalla popolazione in et attiva e coloro che vi stanno per entrare. Questo indice ha
un interesse soprattutto congiunturale; le nuove leve trovano lavoro non solo in funzione
dell'espansione dell'economia e della creazione di nuovi posti, ma anche in funzione dei
posti che vengono resi disponibili da coloro che escono dal mercato del lavoro, soprattutto
per motivi di et e di pensionamento.
Quando l'indice si abbassa, le condizioni di accesso al mercato del lavoro si fanno pi
difficili per le giovani generazioni (pochi escono dall'et attiva in relazione ai molti che vi
entrano, e viceversa). Questo indice, considerando solo due classi quinquennali di et,
soggetto a forti fluttuazioni e quindi risulta molto variabile
Corso di ingegneria del territorio 1 -

DPSIR
prof. Paolo Pileri

13

INDICE DI RICAMBIO
[Ir= P6064/P1519]

PIERANICA (0,74)

MIN

0,74

MAX

2,29

MEDIA

1,40

SD

0,37

DPSIR

SOLAROLO RAINERIO (2,29)

Leg e nd a
0.7 4
1.1 3
1.5 2
1.9 1

Corso di ingegneria del territorio 1 -

1 .1 3
1 .5 2
1 .9 1
2 .2 9

Fonte dati

prof. Paolo Pileri

http:\\www.ring.lombardia.it (2001)

La struttura socio-demografica della popolazione


Composizione per et
Gli indicatori di struttura

Indice di struttura della


popolazione attiva

Is = P 4064 / P 1539

Equivale al rapporto percentuale tra la quota della popolazione attiva pi anziana,


composta cio dalle persone con et compresa tra 40 e 64 anni, e la quota della
popolazione attiva pi giovane, composta dalle persone con et compresa tra 15 e 39 anni.
In qualsiasi popolazione stazionaria o crescente questo rapporto inferiore all'unit ( o al
100%), con valori via via decrescenti quanto pi giovane risulta la struttura della
popolazione in et lavorativa.
Un abbassamento dei valori di questo indice segnaler lesistenza di possibili situazioni
future di
difficolt nellaccesso al mercato del lavoro per le attuali giovani generazioni. In una
popolazione tendenzialmente e fortemente decrescente il rapporto supera il 100%.

Corso di ingegneria del territorio 1 -

DPSIR
prof. Paolo Pileri

14

INDICE DI STRUTTURA
[Is= P4064/P1539]

PIERANICA (0,88)

MIN

0,88

MAX

1,21

MEDIA

1,06

SD

0,06

MOTTA BALUFFI (1,21)

Leg end a
0.8 8
0.9 6
1.0 4
1.1 3

Corso di ingegneria del territorio 1 -

0 .9 6
1 .0 4
1 .1 3
1 .2 1

prof. Paolo Pileri

DPSIR

Fonte dati

http:\\www.ring.lombardia.it (2001)

>>abitazioni<<
Caratteristiche morfologiche
Consistenza e distribuzione delle abitazioni sul territorio
Dotazione effettiva e lorda
Andamento nel tempo

Caratteristiche strutturali
Dotazioni impiantistiche
Disponibilit
Et dello stock

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

15

Il Censimento ISTAT popolazione&abitazioni


Le abitazioni
I dati sulla famiglia disponibili attraverso i
censimenti
n famiglie
n componenti per famiglia

I dati sulledilizia disponibili attraverso i censimenti


n abitazioni occupate (e relativo n di stanze)
n abitazioni non occupate (e relativo n di stanze)
n abitazioni non occupate per motivo della non occupazione
(vacanza, studio, inutilizzato, vendita)

Famiglia Unit abitativa


Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

N famiglie sul territorio

La famiglia

nfam ; fam
Dim fam. =

Ampiezza media famiglia

n comp
n fam

comp = n componenti
fam = n famiglie

Questo indicatore fornisce informazioni sulla ampiezza delle famiglie che possono essere
pluricomponenti o monocomponenti a seconda degli stili di vita. Interessante la valutazione
su diverse soglie storiche.

Tasso di crescita delle


famiglie

Corso di ingegneria del territorio 1 -

Tfam =

(fam

t1

fam t 0

fam t 0

prof. Paolo Pileri

16

N famiglie sul territorio

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

tasso di crescita
< - 10%
- 10 0 %
05%
5 - 10 %
> 10 %
totale comuni

comuni
n.
0
14
23
20
58
115

%
0,00
12,17
20,00
17,39
50,43
100,00

Tasso di crescita delle


famiglie

1991-2001

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

17

La famiglia Le abitazioni

(Dot Abz )i, j =

Coefficiente di dotazione
abitativa del territorio

Abz tot

fam

i, j

i = periodo _ censimento
j= comune

Questo indicatore fornisce informazioni sulla dotazione (in termini assoluti) di abitazioni
(qui considerate come n totale di unit abitative o appartamenti esistenti; Abztot) rispetto
al numero di famiglie residenti (fam). In via teorica ad ogni famiglia potrebbe
corrispondere ununit abitativa (Dotabz 1).
Valori superiori allunit (>1) segnaleranno una plusvalenza di abitazioni rispetto al
potenziale fabbisogno; viceversa una minusvalenza di abitazioni rispetto alle esigenze.
Lindicatore potrebbe essere valorizzato utilizzando come dato il solo numero di
abitazioni occupate, invece del numero totale di abitazioni.

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Coefficiente di dotazione
abitativa del territorio

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

18

La famiglia Le abitazioni

Coabitazione

Coabi , j =

1
(Dot Abz )i, j

i = periodo _ censimento
j= comune

Questo indicatore fornisce informazioni sul disagio abitativo.


Infatti qualora pi famiglie abitassero la medesima unit, si potrebbero generare disagi.
Ci potrebbe essere indicativo di uno stile di vita da migliorare. Un necessario
approfondimento riguarda lanalisi utilizzando come dato di riferimento il nucleo
familiare, i componenti e le stanze che compongono lunit abitativa.

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Le abitazioni
Stock abitativo del territorio

Stock Abz = Abz tot

Questo indicatore fornisce informazioni sulla dotazione (in termini assoluti) di abitazioni
(qui considerate come n totale di unit abitative o appartamenti esistenti; Abztot) sul
territorio.

Stock abitativo effettivo


del territorio

Stock eff . =

Abz
Abz

occ
tot

Questo indicatore fornisce informazioni sulla dotazione (in termini percentuali) di


abitazioni effettivamente utilizzate (in quanto dichiarate occupate) sul territorio.

Stock abitativo in eccesso

Stock ecc. =

Abz Abz
Abz
tot

occ

= 1 Stock eff .

tot

Questo indicatore fornisce informazioni sulla dotazione (in termini percentuali) di


abitazioni non utilizzate o utilizzate sporadicamente (es.: seconde case) territorio.
Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

19

Stock abitativo del territorio

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Analisi diacronica
Tasso di crescita delle abitazioni
Tasso di crescita delle
abitazioni

Corso di ingegneria del territorio 1 -

TAbz =

(Abz

t1

Abz t 0

Abz t 0

[%]

prof. Paolo Pileri

20

La correlazione popolazione - abitazioni


correlazione tassi di crescita popolazione e stock abitativo totale
(abz_tot) 1991-2001

tasso crescita abitazioni totali

70,0%
60,0%
50,0%
R2 = 0,7756

40,0%
30,0%
20,0%
10,0%
-20,0%

0,0%
-10,0%
-10,0%0,0%

10,0%

20,0%

30,0%

40,0%

50,0%

60,0%

-20,0%
tasso crescita popolazione

correlazione tassi di crescita popolazione e stock abitativo


disponibile (abz_no_occ) 1991-2001

correlazione tassi di crescita popolazione e stock abitativo


effettivam ente utilizzato (abz_occ) 1991-2001

350,0%

tasso crescita abitazioni


occupate

60,0%
50,0%

R2 = 0,9143

40,0%
30,0%
20,0%
10,0%
-20,0%

0,0%
-10,0%
0,0%
-10,0%

10,0%

20,0%

30,0%

40,0%

-20,0%

50,0%

60,0%

tasso crescita abitazioni non


occupate

70,0%

300,0%
250,0%
200,0%
150,0%
100,0%

-20,0%

0,0%
-10,0%
-50,0%0,0%

10,0%

20,0%

30,0%

40,0%

50,0%

60,0%

-100,0%
-150,0%

tasso crescita popolazione

Corso di ingegneria del territorio 1 -

R2 = 0,0471

50,0%

tasso crescita popolazione

prof. Paolo Pileri

Le abitazioni

Densit delle abitazioni


sul territorio

d Abz tot =

Abz

tot

Kmq

Questo indicatore fornisce informazioni consistenza di abitazioni in rapporto alla


dimensione territoriale. Questa analisi potrebbe essere fatta con maggior precisione
distinguendo tra centri abitati, nuclei abitati e case sparse.

Densit effettiva (o netta)


delle abitazioni sul territorio

d Abz eff . =

Abz

tot

Kmq urb

Questo indicatore fornisce informazioni consistenza di abitazioni in rapporto alla superficie


urbanizzata del territorio (ovvero la sommatoria di tutte le estensioni superficiali
riconducibili alle varie forme di urbanizzazione: centri, nuclei abitati e case sparse)
Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

21

Le abitazioni

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

Le abitazioni

Attivit edilizia

Aed =

(Abzocc )t (Abzocc )t 1
(Abzocc )t 1

[%]

Questo indicatore fornisce informazioni sulla tendenza a realizzare/ripristinare unit


abitative prima inesistenti o non utilizzabili o non utilizzate.

coefficiente di nuovo
sviluppo edilizio

NSe =

(Abz

occepoca>1991 2001

(Abzocc )1991

[%]

Questo indicatore fornisce informazioni sulla tendenza a realizzare nuove unit abitative
prima inesistenti. Rappresenta una misura pertinente con le valutazioni di consumo di
suolo.

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

22

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

La dimensione delle abitazioni

Dimensione media

Dim abz =

Sup [mq]

Ampiezza o
consistenza media

Ampabz =

stanze [n]

Corso di ingegneria del territorio 1 -

abz

Abz tot

tot

Abz tot

prof. Paolo Pileri

23

Dotazione infrastrutturale abitativa


OBIETTIVO
misurare il grado di dotazione infrastrutturale primaria a servizio dellabitazione
z

Dati Necessari
z

n abitazioni occupate e non occupate classificate in base al servizio installato (acqua


potabile, bagno, riscaldamento, acqua calda, allacciamento rete fognaria)

Grado di allacciamento
alla rete fognaria

GRf abz =

Abzfogn
Abz tot

[%]

Abz fogn = n abitazioni allacciate alla fognatura

Indice di possibile
inquinamento civile organico

PCiv abz = 1

Abzfogn
Abz tot

Abz fogn = n abitazioni allacciate alla fognatura

Corso di ingegneria del territorio 1 -

prof. Paolo Pileri

24