Sei sulla pagina 1di 82

LAN IEEE 802.

3
(Ethernet)

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

LAN Ethernet - IEEE 802.3


Architettura di LAN pensata per bus broadcast a 10 Mb/s
Nata come Ethernet (Xerox-Intel-Digital)
Standardizzata agli inizi degli anni 80 come IEEE 802.3
Ha avuto notevole successo e diverse estensioni

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

Protocollo Ethernet - IEEE 802.3


Il protocollo daccesso la variante 1-persistent

del CSMA-CD
Se al momento del comando di trasmissione il canale

sentito libero, si trasmette effettivamente


Se al momento della trasmissione il canale sentito

occupato, si attende la fine e poi si trasmette


Se si scopre la collisione, la trasmissione viene abortita, non

prima di aver trasmesso altri 32 bit (jamming sequence)

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

Protocollo Ethernet - IEEE 802.3


I tempi vengono misurati in unit di 51.2 s, dette slots

(niente a che vedere con gli slots TDMA)


uno slot pari al tempo di trasmissione di 512 bit
A seguito di una collisione la trasmissione viene ritentata

dopo X time slots


X scelto fra 0 e 2K

con K minimo fra il numero di


collisioni consecutive e 10 (exponential binary backoff)

Sono consentiti fino a 16 tentativi

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

Protocollo Ethernet - IEEE 802.3


Il back-off esponenziale tende a scaricare la rete in

caso di collisione (dirada i tentativi di accesso)


ma crea un comportamento diverso fra gli utenti

facilitando laccesso a chi lha gi avuto (K basso)


rispetto a chi ha provato e ha fallito (K alto)
Miglioramenti vengono introdotti nel 802.11 (WLAN)

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

La trama Ethernet IEEE 802.3


la minima lunghezza della trama MAC di 512 bit
(slot) pari a 51.2 s
la velocit di propagazione media di 2 x 108 m/s
(5 s/Km)
ne segue una distanza massima teorica di 5 Km
con i ritardi negli apparati si fissa il diametro a 2.5 Km
7
Sync

SD Destinaz.

Gennaio 2003

Sorgente

Length

0-1500
payload

F. Borgonovo: La rete Ethernet

4
PAD

802.3

FCS

La trama Ethernet IEEE 802.3


7
Sync

SD Destinaz.

Sorgente

Length

0-1500
payload

4
PAD

IFS

FCS

Sync composto da 7 bytes contenenti 10101010


SD il byte 10101011
Il massimo payload di 1500 byte
Il PAD serve ad aggiungere byte per raggiungere la
minima lunghezza di trama
Il campo Length misura il payload (senza padding)
IFS: Inter Frame Spacing: silenzio di almeno 9.6 s
Il primo bit trasmesso di ogni ottetto il meno significativo
(regola canonica)
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

La trama Ethernet
7

Sync

SD Destinaz.

Sorgente

Ethertype

46-1500
payload

IFS

FCS

Ethernet una realizzazione prestandard


ancora usata da IP
la trama differisce nelluso del campo lunghezza
qui chiamato Ether-type. Serve per multiplare
direttamente senza far uso di LLC ed passato dal
protocollo sovrastante
Ether-type
0800 - Internet Protocol
0805 - protocollo X.25
0806 - protocollo ARP
8035 - protocollo RARP
Gennaio 2003

Si distingue dal 802.3 perch i


valori sono maggiori di 1536 (hex
0600) (max lungh)
F. Borgonovo: La rete Ethernet

Livello fisico 802.3 10Base5/2


router

la versione 10Base5 utilizza cavi coassiali max 500 m


il grosso cavo non raggiunge la scheda di rete
esiste un transceiver che connesso alla scheda di rete
Obsoleto
la versione 10Base2 utilizza cavi coassiali thin, max 185 m
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

Livello fisico 802.3 10Base5/2


router

I cavi coassiali hanno il vantaggio di essere flessibili


La rete pu essere espansa facilmente
La ricerca dei guasti complicata

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

10

Livello fisico 802.3 10BaseT


HUB

router

Utilizza due doppini di categoria 3 per ogni postazione


uno per TX e uno per RX
connessi a un HUB centrale che provvede la connessione a bus
a una distanza massima di 100 m (norme del cablaggio strutturato)
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

11

Livello fisico 802.3 10BaseFP


HUB

router

Analogo al precedente ma i doppini sono sostituiti da due fibre


una per TX e una per RX
connessi a un HUB centrale che provvede la connessione a bus

ottico
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

12

Livello fisico 802.3 10BaseFB


utilizza fibre per il backbone fino a 1 Km

router

Gennaio 2003

Hub

Hub

F. Borgonovo: La rete Ethernet

13

Il repeater 802.3
Repeater
bit

Store and forward dei bit

Ha lo scopo di estendere il raggio fisico della trasmissione


non un semplice amplificatore
rigenera il segnale (riceve e trasmette i bit)
esegue il forwarding dei bit in modo broadcast

(su tutte le porte)


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

14

Il repeater 802.3
repeater

Esegue altre funzioni non propriamente fisiche


ricostruisce il preambolo (mangiato in acquisizione sync)

(pu portare fino 7 byte di ritardo)


per ogni collisione presunta applica la sequenza

di jamming (96 bit) su tutte le porte


filtra le trame non conformanti
pu partizionare le porte (comodo per la ricerca dei guasti)
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

15

Il repeater 802.3
repeater

nelle strutture ad HUB trova posto nellHUB stesso


realizza la somma dei segnali (BUS) elettronicamente

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

16

Configurazione 802.3
Versione base
max round trip 49.9 micros
Max 4 ripetitori in cascata
max. numero di segmenti 5 (di cui max 3 coax)
max 500 m coax
max 100 m UTP
max 1000 m fibra (scende a 3 il max ripetitori)

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

17

Estensione della LAN mediante bridge


IEEE 802.1D

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

18

Bridge
Il raggio dazione dei protocolli di accesso multiplo

si rivela troppo limitato


Occorrono meccanismi per estendere le propriet

tipiche della LAN


congiungendo diversi domini di accesso multiplo

(domini di collisione)
attraverso i bridge che operano in modalit store and

forward
Dominio a

bridge

Dominio c

Dominio b
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

19

Bridge
IP ARP

IP ARP

LLC

Bridge

MAC

MAC relay
MAC

Livello 1

Livello 1

LLC

Livello 1

Dominio a

Gennaio 2003

MAC

MAC

Livello 1

Dominio b

F. Borgonovo: La rete Ethernet

20

Differenza fra Repeater e Bridge


Repeater
bit

Store and forward dei bit

Bridge
trame

Store and forward dei pacchetti


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

21

Transparent Bridging 802.1D


Dominio a

bridge

Dominio c

Dominio b

Si vuole mantenere la trasparenza rispetto allutente

non va introdotta nessuna trama di livello di routing


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

22

Transparent Bridging
Dominio a

bridge

Dominio c

Dominio b

Mantenere linstradamento broadcast mantiene la

stessa capacit anche se le dimensioni aumentano


Si scelto di effettuare instradamento (filtraggio)

sulla base dellindirizzo MAC di destinazione


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

23

Transparent Bridging
Per effettuare instradamento servono le tabelle di

routing

Tabelladidirouting
routing
Tabella
MAC address 1
MAC address 2
MAC address 3

porta di uscita A
porta di uscita B
porta di uscita C

Lutente deve essere raggiunto ovunque nella LAN

(mobilit dei terminali)


Linformazione delle tabelle di routing deve essere

aggiornata dinamicamente e automaticamente


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

24

Bridge: apprendimento
Il bridge vede tutte le trame sul Dominio verso il quale

ha una porta
e registra nelle tabelle gli indirizzi MAC sorgente e la porta

attraverso il quale il traffico osservato


la registrazione ha una validit limitata nel tempo
Porta 1

Bridge

Porta 2
Gennaio 2003

Porta 3

Porta 4
F. Borgonovo: La rete Ethernet

25

Bridge: forwarding
per ogni trama ricevuta si verifica se il MAC di

destinazione nelle tabelle.


Se si, si effettua linstradamento (se il caso)

sulla porta corretta.


Se no, la trama inviata su tutte le altre porte
Porta 1

Bridge

Porta 2
Gennaio 2003

Porta 3

Porta 4
F. Borgonovo: La rete Ethernet

26

Bridge: rete ad albero


La procedura funziona se la rete di LAN ha una topologia

ad albero (nessun cammino chiuso);


altrimenti le trame broadcast e le trame la cui destinazione

non nel database vengono ritrasmesse indefinitamente


pu nascere il broadcast storm quando le trame si

moltiplicano

bridge

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

27

Bridge: spanning tree


Ma le topologie magliate servono per affidabilit e

flessibilit
Soluzione: i bridge rendono inattive alcune porte in

modo da ridurre la rete ad albero nel funzionamento


normale
eseguendo periodicamente (tipicamente ogni 2 secondi)

un protocollo (spanning tree 802.1D)

bridge

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

28

Entit Bridge
Le entit che eseguono il protocollo Spanning Tree

accedono al SAP LLC con indirizzo 42


il MAC deve riconoscere le trame spanning tree
si assegna un indirizzo MAC multicast 01-80-c2- 00-00-00
Entit bridge

Entit bridge
LLC

LLC

LLC

MAC
MAC relay MAC

MAC
MAC relay MAC
Livello 1

Gennaio 2003

LLC

Livello 1

Livello 1

F. Borgonovo: La rete Ethernet

Livello 1

29

Messaggi dellentit Bridge


Configuration BPDU
Protocol ID
Version
BPDU type
Flags

I messaggi che le entit si

scambiano sono chiamate


Bridge PDU

Root identifier
Root path cost
Bridge identifier

Campi aggiornati

7
Sync

Destinaz.
Multicast
DSAP SSAP Contr.
SD 01-80-c2 Sorgente Length 42
42
00-00-00

Gennaio 2003

Port ID
Message Age
Max Age
Hello time
Forward delay

F. Borgonovo: La rete Ethernet

4
BPDU

FCS

30

Meccanismo di definizione
dellalbero

Root
bridge

root port
A

root port
blocked port

Designated
bridge

designated port
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

31

Bridge: passi dello spanning tree


La configuration BPDU viene emessa dal root bridge
se arrivano BPDU con root identifier diversi viene considerato

root bridge quello che ha identificativo minore


16 bit

48 bit

Priorita

Bridge MAC Address

Root Identifier

Il campo Priorit impostabile dallamministratore di rete.


Il Bridge MAC Address corrisponde al pi piccolo tra i

MAC Address unicast delle porte del Bridge.


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

32

Selezione della Root Port


Dalle BPDU ricevute ciascun Bridge identifica

la sua porta pi vicina al Root Bridge come


Root Port.
La distanza espressa in termini di costo tramite il

parametro Root Path Cost, e, a parit di costo dei


diversi link (situazione comune nelle reti locali)
corrisponde al numero di hop attraversati
effettua il forwarding delle BPDU aggiornando

il root path cost


(Root path cost)T = (Root path cost)R
+ costo del nuovo hop
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

33

Esempio: selezione delle root port

root port
A

2 BPDU
costo 0

Root
bridge
1 BPDU
costo 0

3 BPDU
costo 3

root port

root port
B
D

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

34

Esempio: selezione delle root port

root port

Root
bridge

root port
costo 0

costo 3

7 BPDU
costo 4

root port
costo 0

4 BPDU
costo 1
5 BPDU
costo 2

6 BPDU
costo 4

root port
D
8 BPDU
costo 1

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

35

Selezione della Designated Port


Per i messaggi ricevuti sulle port non root
il bridge conosce le distanze dal Root dei bridge adiacenti.
Se possiede una porta con distanza minore quella

diventa la Designated Port e lui il Designated Bridge,


cio il bridge che inoltra da quel segmanto di LAN
A pari distanza si sceglie il bridge con minor ID
Tutte le altre porte sono bloccate

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

36

Esempio: selezione delle root port

root port

Root
bridge

root port
costo 0

costo 3

7 BPDU
costo 4

root port
costo 0

4 BPDU
costo 1
5 BPDU
costo 2

6 BPDU
costo 4

root port
D
8 BPDU
costo 1

designated bridge and port


Gennaio 2003

designated bridge and port

F. Borgonovo: La rete Ethernet

37

Esempio: selezione delle root port

Root
bridge

root port
costo 0

costo 3

10 BPDU
costo 3

root port

9 BPDU
costo 2

root port
costo 0

4 BPDU
costo 1
5 BPDU
costo 2

root port
D
8 BPDU
costo 1

designated bridge and port


Gennaio 2003

designated bridge and port

F. Borgonovo: La rete Ethernet

38

Protocollo spanning tree


I parametri dello spanning tree sono memorizzate per un

certo tempo (tipico 20 s)


Le Configuration BPDU vengono generate periodicamente

(tipico ogni 2s)


vengono inoltrate con una ritardo minimo di 1 s dalla

precedente e i parametri riaggiornati


solo se i parametri trasportati non sono peggiorati
Se i parametri memorizzati scadono la procedura si

reinizializza, il bridge ritiene di essere il root bridge ed


emette BPDU

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

39

Protocollo spanning tree


Se un bridge si accorge di un cambiamento nella

topologia emette una trama detta Topology Change


Notification (BPDU type 80-00) che viene propagata al root,
il quale rigenera le Configuration BPDU con un flag alzato
Lo sblocco delle porte temporizzato (tipico 15 s)
i ritardi nelle varie fasi limitano il diametro della bridged

LAN in numero di bridge attraversati (raccomandati max 7)

Procedure di questo genere sono difficilmente applicabili a

grandi reti)

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

40

Segmentazione di domini di accesso multiplo


I bridge sono anche usati per segmentare una LAN

in pi domini di accesso multiplo

Bridge

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

41

Segmentazione di domini di accesso multiplo


Il traffico massimo SM smaltibile in un dominio di accesso

multiplo sia indipendente dalla dimensione e dagli


utenti

Se la frazione di traffico che esce da un dominio

uniformemente diretta verso gli altri domini, e X il


massimo traffico smaltibile dal dominio segmentato
deve essere

S M = X (1 ) + X + X = X (1 + )
traffico
interno
Gennaio 2003

traffico
uscente

traffico
entrante

F. Borgonovo: La rete Ethernet

42

Segmentazione di domini di accesso multiplo


Il nuovo traffico smaltibile da un dominio diventa dunque

SM
X=
1+
E, se la partizione in N parti il nuovo traffico massimo

totale

S 'M

NS M
=
1+

Gennaio 2003

NS M

per = 0

NS M /2

per = 1

F. Borgonovo: La rete Ethernet

43

Collocazione dei bridge


I bridge trovano posto spesso nellHUB insieme al

(ai) repeater
e sono connessi da backbone

Gennaio 2003

Bridge

Bridge

Repeater

Repeater

F. Borgonovo: La rete Ethernet

44

Layer two switches


In alcune soluzioni commerciali i terminali sono

connessi direttamente ai bridge eliminando i ripetitori

Bridge

Gennaio 2003

Bridge

F. Borgonovo: La rete Ethernet

45

Layer two switches


ed stata introdotta, con i mezzi trasmissivi che lo

consentono, es. con doppini, la modalit di


funzionamento in full-duplex (802.3x), previa
disabilitazione del CD e loopback
Questa modalit pu essere usata anche in

collegamenti backbone punto-punto


Funzionamento normale
half-duplex

Funzionamento full-duplex
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

46

Layer two switches


In questo modo il dominio di accesso multiplo viene

eliminato e il traffico a disposizione del singolo utente di


10 Mb/s pieni (allinterno del bridge)
soluzione completamente switched
Bridge

Gennaio 2003

Bridge

F. Borgonovo: La rete Ethernet

47

Bridge con MAC diversi


IP ARP

IP ARP

LLC

Bridge

MAC1

MAC relay
MAC1

Livello 1

Livello 1

LLC
MAC2

MAC2
Livello 1

Dominio a

Livello 1

Dominio b

La funzione relay deve operare il cambiamento di

trama MAC e il ricalcolo del FCS


Non pu effettuare la segmentazione
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

48

Half Bridge
Creano una LAN a estensione geografica
Connette due met di un bridge a lunga distanza

tramite tunnel punto-punto o con reti esistenti (X.25,


Frame Relay, IP, HDLC)
LAN unica
Half bridge

Half bridge

Dominio a

Gennaio 2003

Dominio b

F. Borgonovo: La rete Ethernet

49

Half Bridge
Imbusta la trama MAC nei servizi offerti da

collegamenti a lunga distanza


Half Bridge

Half Bridge

MAC relay

MAC relay

MAC
Livello 1

Dominio a

Livello 3

Livello 3

Livello 2

Livello 2

Livello 1

Livello 1
RETE o
punto-punto

MAC
Livello 1

Dominio b

MAC
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

50

Aggiunte successive allo standard


802.3

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

51

Fast Ethernet
E lestensione del 802.3 alla velocit di 100 Mb/s.
Ci non consente linteroperabilit con versione a

10 Mb/s a livello fisico


Per mantenere linteroperabilit a livello Bridge

viene mantenuta la trama MAC della versione a 10


Mb/s, anche nelle lunghezze ammesse
Viene poi usato lo stesso MAC ma si riduce il

raggio dazione a 250 m


Eth. a 10 Mb/s

bridge

2.5 Km
Gennaio 2003

Eth. a 100 Mb/s


250 m

F. Borgonovo: La rete Ethernet

52

Fast Ethernet
Introduce una suddivisione nel livello fisico
Carrier Sense, Collision Detect,
..

MAC
Physical Medium Independent
Physical Medium Dependent

Interfaccia indipendente
dal mezzo trasmissivo

ttrasmettitori, modulatori, codifica di linea, .

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

53

Fast Ethernet 100BaseTX e FX


La 100BaseTX utilizza UTP o STP di categoria 5
TX
100 Mb/s

100BaseTX
RX

repeater

100 Mb/s

La 100BaseFX utilizza fibre multimodali 62.5/125


TX
100 Mb/s

100BaseFX
RX

repeater
Gennaio 2003

100 Mb/s
F. Borgonovo: La rete Ethernet

54

Fast Ethernet 100Base4T


Utilizza il vecchio cablaggio di categoria 3
della rete 10BaseT a 4 coppie
TX
10 Mb/s

10BaseT
RX

repeater

10 Mb/s

TX
100Base4T

33.3 Mb/s

RX

repeater

TX-RX
33.3 Mb/s
TX-RX

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

33.3 Mb/s
55

Fast Ethernet: configurazioni miste

Bridge
shared
10 Mb/s

repeater

Gennaio 2003

Bridge

switched
100 Mb/s

shared repeater
100 Mb/s

F. Borgonovo: La rete Ethernet

56

Giga Ethernet
A fine 98 stato introdotto lo standard 802.3z in

cui le funzionalit CSMA-CD sono state estese a 1


Gb/s
Per mantenere lo stesso MAC ma evitare di ridurre

il diametro della rete a 25 m si aumenta la


dimensione dello slot (e della minima trasmissione
sul canale) da 512 bit a 512 byte
per non aumentare la minima dimensione della

trama (512 bit) si ricorre a una tecnica nota come


carrier extension, trasmettendo portante fino a
che si raggiunto 512 byte
trama

Gennaio 2003

carrier extension
512 byte
F. Borgonovo: La rete Ethernet

t
57

Giga Ethernet
trama

carrier extension
512 byte

Ai fini del protocollo, della scoperta della collisione

etc, il diametro di rete resta 200 m


Lefficienza scende con le trame corte (la carrier

extension uno spreco)


Con le trame lunghe almeno 512 byte non c

carrier extension e non c spreco

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

58

Frame bursting
Per alzare lefficienza si consente a un terminale la

trasmissione di trame multiple alzando il limite del


burst fino a 65536 bit (8192 byte, precedente 1550
byte)
La prima trama deve sottostare comunque alla

regola del carrier extension


Max trama 802.3
1500 byte
trama carrier extension

trama

trama
t

512 byte
8000 byte

Limpiego pensato sprattutto per i backbone


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

59

Controllo del MAC


E stata introdotta la possibilit di inserire uno

strato di controllo fra MAC e LLC o altro utente


MAC
LLC

MAC relay
MAC Control

MAC

Le entit MAC control si scambiano PDU che

vanno multiplate con le PDU degli strati superiori.


Come fare senza LLC?
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

60

Trama per il controllo del MAC


Le trame destinate allentit di controllo vengono

multiplate col campo Type (valore 8808) come le


trame Ethernet
7

Sync

Gennaio 2003

Destinaz.
unicast
multicast
SD
Pu
dipendere
dal codice

Sorgente

Protoc.
8808

Codice
operazione Parametro

F. Borgonovo: La rete Ethernet

42

PAD

FCS

61

Controllo di flusso
Nei bridge che connettono segmenti di LAN a

velocit diverse pu accadere che una porta a bassa


velocit venga congestionata.
In questo caso il MAC Control pu effettuare

controllo di flusso
Dati
10 Mb/s

100 Mb/s

Bridge
A

Gennaio 2003

Pause

F. Borgonovo: La rete Ethernet

Bridge
B

62

Controllo di flusso sui dati


E effettuato attraverso il MAC Control
Con codice 0001 che indica un messaggio di PAUSE
con lindicazione del tempo di pausa in slot
Il tempo pu essere esteso o annullato con un altro

pacchetto PAUSE
7

Sync

Gennaio 2003

Destinaz.
Multicast
SD 01-c2-80
00-00-01

Sorgente

Protoc. Code
0001
8808 PAUSE

F. Borgonovo: La rete Ethernet

2
Pause
time
(slot)

42

PAD

FCS

63

Controllo di flusso sui dati


E consentito solo in modalit full-duplex
La trama indirizzata a un indirizzo multicast

esplicitamente previsto
non viene inoltrata dai bridge
7

Sync

Gennaio 2003

Destinaz.
Multicast
SD 01-c2-80
00-00-01

Sorgente

Protoc. Code
0001
8808 PAUSE

F. Borgonovo: La rete Ethernet

2
Pause
time
(slot)

42

PAD

FCS

64

Link aggregation (802.3ad)


E stata introdotta la possibilit di inserire uno strato

di aggregazione dei link fra il MAC e i suoi clienti


in modo da poter usare link paralleli nei collegamenti

punto-punto full-duplex (load sharing)


IP

LLC

MAC relay

Link aggregation sublayer


(optional)
MAC Control MAC Control MAC Control
(optional)
(optional)
(optional)

Gennaio 2003

MAC

MAC

MAC

PHY

PHY

PHY

F. Borgonovo: La rete Ethernet

collegamenti
verso un unico
apparato
remoto
65

Link aggregation
Lo strato distribuisce le trame fra i diversi MAC

(inverse multiplexing)
Ha un suo indirizzo MAC usato dai suoi clienti
anche le porte MAC hanno un loro indirizzo usato

dalle entit del substrato per colloquiare e stabilire


la aggregazione
Lordine di ingresso deve essere mantenuto per

ogni Source e Destination Address e priorit


ci fatto utilizzando per questi flussi una sola

porta MAC sottostante (la velocit non si alza)


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

66

Le Virtual LAN 802.1Q

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

67

VLAN
Le VLAN sono un meccanismo per fare coesistere

su una unica Bridged LAN fisica diverse LAN


logiche in modo che non inter-comunichino a
livello MAC Relay

Sono un meccanismo di multiplazione di LAN su

ununica struttura fisica


Le diverse VLAN possono colloquiare solo

attraverso i router
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

68

VLAN a livello fisico


Multiplazione (separazione) fisica, ossia a

divisione di spazio
Separazione fisica
le trame circolano su segmanti diversi
VLAN-2
VLAN-1

Bridge
repeater

Gennaio 2003

repeater

F. Borgonovo: La rete Ethernet

69

VLAN a livello logico


Multiplazione logica. Le trame delle due VLAN

circolano sullo stesso segmento


VLAN-2
VLAN-1

Bridge

repeater

In pratica impostando lindirizzo MAC, terminali sullo stesso segmento possono ancora parlare
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

70

VLAN: meccanismi di separazione


Come separare le VLAN in modo trasparente

allutente?
La separazione logica fra le VLAN pu essere

fatta sulla base di Caratteristiche delle trame e


dei terminali

posizione fisica
porta daccesso
indirizzo MAC
servizio (protocollo) trasportato
protocollo TCP, UDP, RTP, HTTP, telefonia

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

71

VLAN: meccanismi di separazione


La separazione logica (VLAN) richiede

coordinamento fra bridge negli instradamenti


VLAN A

VLAN A

Bridge

Bridge

VLAN B

VLAN B

Come coordinare gli instradamenti?


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

72

VLAN: meccanismi di separazione


Coordinare gli instradamenti sulla base delle

caratteristiche
rende linstradamento complesso

lento
difficile da configurare
Occorre anche configurare lo spanning tree, uno

per ciascuna VLAN

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

73

VLAN: tagging
E pi efficace prevedere una marcatura esplicita

(tagging) delle trame delle diverse VLAN


primo bridge
tagging

ultimo bridge
forwarding

untagging

Caratte
ristiche

Per trasparenza verso gli utenti il tag pu anche

essere inserito e tolto dagli end point bridge


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

74

TAG IEEE 802.1Q


IP

LLC

MAC relay

MAC VLAN

VLAN Header
un sottostrato del MAC

MAC Ethernet
PHY
2

2-30

Tag Control Inf.

Length/type

RIF (facolt.)

Priority

CFI

12

bit

VID

Canonical Format Id.


Gennaio 2003

VLAN Id.

F. Borgonovo: La rete Ethernet

0 no VLAN
1 default
fff reserved
75

TAG IEEE 802.1Q


IP

LLC

MAC relay

MAC VLAN
MAC Ethernet

Ether Type
81-00

PHY

7
Sync

SD Destinaz.

Gennaio 2003

Sorgente

Type TAG Length


8100 contr type

F. Borgonovo: La rete Ethernet

0-1500
Payload

802.3

FCS

76

Descrizione delle VLAN


Ciascuna VLAN descritta nei bridge da
un Member Set, ossia linsieme delle porte attraverso le
quali si raggiungono gli appartenenti alla VLAN

un Untagged Set ossia linsieme delle porte del Member


Set attraverso le quali le trame vanno trasmesse senza
TAG

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

77

Operazioni in ingresso
La porta dingresso classifica le trame (assegna un

VID)
se non sono taggate pu usare diversi criteri per

assegnare il tag
la porta fisica
lindirizzo MAC
il servizio (protocollo) trasportato
default: classificazione associata alla porta fisica

La porta dingresso pu filtrare le trame la cui

VLAN non include la porta di ricezione nel Member


Set
pu rigenerare ( o assegnare) priorit
Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

78

Forwarding
Il forwarding segue le regole classiche dei bridge
Instrada sullo spanning tree della VLAN
Filtra la trama se la porta di destinazione non

nel Member Set della VLAN


Toglie il TAG se la porta di destinazione

nellUntagged Set della VLAN

Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

79

Esempio
VLAN A

Bridge
802.1Q

VLAN B

VLAN C
unaware stations

Gennaio 2003

VLAN A

Bridge
802.1Q

VLAN C

VLAN B
VLAN-aware stations

Le trame delle VLAN A e B


sono tagged, quelle della C no

F. Borgonovo: La rete Ethernet

80

Interazioni con lo spanning tree


Possono verificarsi casi di incongruenza se lo ST

cambia la configurazione
Incongruenza
se lo ST taglia qui
Bridge
802.1Q
Bridge
802.1Q

VLAN A
unaware stations

VLAN B
unaware stations

Gennaio 2003

Bridge
unaware

F. Borgonovo: La rete Ethernet

OK se lo ST
taglia qui

81

Priorit
I bridge possono implementare diverse code con

priorit di servizio

Le priorit delle code corrispondono alle priorit di

servizio mappate nel tag header 802.1Q


Gennaio 2003

F. Borgonovo: La rete Ethernet

82