Sei sulla pagina 1di 53

TECHNICAL MANUAL

TBX
CONDENSING
LOW NOx BOILER

INDEX

GENERALIT.......................................................................................................................................................4

FORNITURA..........................................................................................................................................................4

GENERAL WARNING..........................................................................................................................................6

TECHNICAL SPECIFICATIONS...........................................................................................................................7

INSTALLATION WARNINGS..............................................................................................................................10

INSTALLAZIONE.................................................................................................................................................11

COLLEGAMENTI ELETTRICI............................................................................................................................18

QUADRO COMANDO........................................................................................................................................25

CONFIGURAZIONE RAPIDA QUADRO DI COMANDO...................................................................................27

10 CONFIGURAZIONE CALDAIE IN CASCATA....................................................................................................30


11

MODEM (opzionale)...........................................................................................................................................31

12 UTILIZZO QUADRO eterm................................................................................................................................33


13 BRUCIATORE.....................................................................................................................................................34
14 START UP WARNINGS......................................................................................................................................48
15 OPERATION........................................................................................................................................................49

GENERALIT

Questi gruppi termici a condensazione consentono di sfruttare interamente il calore prodotto dalla
combustione, sottoponendo i fumi sia ad una notevole riduzione di temperatura che ad una deumidificazione
spinta.
Il generatore non impone limitazioni alla temperatura di ritorno.
Il rendimento aumenta riducendo la temperatura di ritorno ed quindi pi elevato negli impianti a pannelli a
pavimento e comunque dove la temperatura di ritorno pi bassa;
Il rendimento resta tuttavia elevato anche con impianti di riscaldamento, di tipo tradizionale, funzionanti ad alta
temperatura (esempio t 80/60 C).
I corpi caldaia, il cui asse risulta inclinato rispetto alla verticale, sono costituiti da:
- Focolare a fiamma passante interamente bagnato;
- Condotti fumo corrugati la cui particolare geometria incrementa la superficie di scambio termico, sviluppa
turbolenza lato fumi e consente la formazione ed il drenaggio della condensa verso la camera di raccolta
posteriore;
- Fasciame di contenimento acqua a cui sono collegati il ritorno a bassa e media temperatura, la mandata
e gli attacchi per gli accessori di controllo e sicurezza;
- La camera fumo che funge anche da raccolta condensa con tronchetto camino in grado di raccogliere la
condensa della canna fumaria e tubo di scarico condensa.
Tutte le parti a contatto con i prodotti della combustione sono in acciaio INOX e quindi resistenti allattacco
acido della condensa.
Laltissima efficienza dovuta al completo sfruttamento dellenergia termica del combustibile e a un
rilevante isolamento costituito da polietilene reticolato espanso ignifugo e autoestinguente,
classificano queste caldaie nella categoria ad altissimo rendimento 4 stelle secondo la Direttiva
Rendimenti 92/42/CEE.
A ogni corpo caldaia viene associato un bruciatore a premiscelazione aria/gas.
La ridotta permanenza dei prodotti della combustione nellampio focolare, limitano la formazione degli ossidi
d'azoto (NOx).

FORNITURA

Questi gruppi termici sono formati da uno fino a tre elementi da collegare in opera con i kit in dotazione.
TBX COSTITUITE DA UN UNICO ELEMENTO TERMICO:
TBX 35 codice 81024035 Potenza utile kW 35*
TBX 50 codice 81024050 Potenza utile kW 50*
TBX 70 codice 81024070 Potenza utile kW 70*
TBX COSTITUITE DA DUE ELEMENTI TERMICI:
TBX 100 codice 81024100 Potenza utile kW 50+50*
TBX 120 codice 81024120 Potenza utile kW 60+60*
TBX 140 codice 81024140 Potenza utile kW 70+70*
TBX COSTITUITE DA TRE ELEMENTI TERMICI:
TBX 150 codice 81024150 Potenza utile kW 50+50+50*
TBX 170 codice 81024170 Potenza utile kW 57+57+56*
TBX 190 codice 81024190 Potenza utile kW 63+63+64*
TBX 210 codice 81024210 Potenza utile kW 70+70+70*

* con mandata 50C e ritorno 30C


Per ottimizzare il funzionamento del generatore di calore modulare (due o tre elementi termici collegati in
cascata) necessario che tutti i bruciatori abbiano i potenziometri di regolazione della velocit del ventilatore
regolati sugli stessi valori (vedi paragrafo REGOLAZIONE POTENZA).
La potenza complessiva della caldaia data dalla somma dei singoli elementi termici, quindi per raggiungere
valori intermedi posizionare i trimmer in maniera adeguata.

COMPONENTI DI SERIE ASSEMBLATI


Sicurezze INAIL
Inseriti nel quadro di comando:
Termometro
Termostato di regolazione fondo scala 100 C
Termostato di sicurezza a 110 C
Manometro
Montati a bordo caldaia:
Valvola di sicurezza con imbuto di scarico
Pressostato di massima
Pressostato di minima
Valvola intercettazione combustibile
Quadro di comando con elettronica eterm
Sonda caldaia
Termostato fumi
ACCESSORI DI SERIE E DOCUMENTI
Rubinetto porta manometro INAIL (da installare a cura del cliente su collettore esterno)
Sonda esterna
Sonda collettore di cascata (per versione 2 o 3 corpi caldaia)
Targa dati del gruppo termico, applicata su pannello di finitura
Manuale gruppo termico *
* Per la configurazione della scheda elettronica, i cui parametri dipendono dal firmware caricato, si veda il
manuale relativo alla scheda di gestione caldaia ETERM01 scaricabile dal sito www.icicaldaie.com:
Sezione Download NEREIX ETERM Manuali IT_Manual ETERM01.pdf ,
Per il download e necessaria la registrazione gratuita.
Gli accessori di serie e i documenti sono contenuti allinterno dellimballo in cartone, sulla parte
superiore della caldaia.
COMPONENTI DI SERIE PER ASSEMBLAGGIO
TBX COSTITUITE DA UN ELEMENTO TERMICO:
Kit scarico fumi
TBX COSTITUITE DA DUE ELEMENTI TERMICI:
Kit scarico fumi codice TBX V140.50
Kit collettori codice TBX V140.30
Kit accessori codice 90082020
TBX COSTITUITE DA TRE ELEMENTI TERMICI:
Kit scarico fumi codice TBX V210.50
Kit collettori codice TBX V210.30
Kit accessori codice 90082030

GENERAL WARNING

Each boiler is provided with a manufacturers plate that can be found in the envelope with the boiler
documents. The plate lists:
Serial number or identification code
Rated thermal output in kcal/h and in kW
Furnace thermal output in kcal/h and in kW
Types of fuels that can be used (natural gas or lpg)
Max operating pressure.
A manufacturers certificate is also provided which certifies the hydraulic test.
Linstallazione deve essere fatta in ottemperanza alle norme vigenti da personale professionalmente
qualificato, cio personale avente specifica competenza tecnica nel settore dei componenti degli impianti di
riscaldamento ad uso civile e produzione di acqua calda, in particolare, un Centro di Assistenza autorizzato
ICI CALDAIE.
Incorrect installation may cause damage to persons, animals or objects for which the manufacturer cannot be
held responsible.
At the first start up, all regulation and control devices positioned on the control panel should be checked for
efficiency. The guarantee shall be valid only upon compliance with the instruction given in this manual.
Our boilers have been built and tested in observance of EEC requirements and, as a consequence, CEmarked. EEC directives are as follows:

Directive on
Directive on
Directive on
Directive on

Gas 2009/142/CE
Output 92/42/EEC
Electromagnetic Compatibility 2004/108/CE
Low Voltage 2006/95/CE

This boiler has been designed to heat water to a temperature less than the
boiling temperature of water at atmospheric pressure (100C) and must be
connected to a heating plant and/or a domestic hot water plant within the
limits of its performance and output.

THE BOILER MAY ONLY BE INSTALLED IN A ROOM


WHICH COMPLIES WITH THE APPROPRIATE
VENTILATION REQUIREMENTS. READ THE
INSTALLATION AND USER INSTRUCTION BEFORE
INSTALLING AND LIGHTING THE BOILER.

Systems must be cleaned in accordance with British Standard Code of Practice BS


7593:1992, Code of practice for treatment of water in central heating systems

TECHNICAL SPECIFICATIONS

DIMENSIONS

TBX COSTITUITA DA UN ELEMENTO TERMICO:

TBX COSTITUITA DA DUE ELEMENTI TERMICI:

TBX COSTITUITA DA TRE ELEMENTI TERMICI:

1
2
3
4
5
6
7

POS.
- SCARICO FUMI
- SCAR. COND. CAMINO
- GAS
- MANDATA
- RITORNO MEDIA TEMP.
- RITORNO BASSA TEMP.
- SCARICO CONDENSA

1 ELEM.
80
3/4"
1-1/4"
1"
1-1/4"
28

2 ELEM.
160
25
1-1/2"
DN65
DN50
DN65
40

3 ELEM.
160
25
1-1/2"
DN65
DN50
DN65
40

ACCESSORI INAIL

POS.
1
2
3
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17

DENOMINAZIONE
CORPO TBX V70.00 SEMIFINITO
TUBO GOMMA SCARICO COND.L=1500 "STELT"
VALVOLA DI SCARICO M 1/2" - CON PORTAGOMMA
PRESSOSTATO M 1/4 (0.2 - 6 BAR)
RIDUZIONE MF 1/2" X 1/4"
PRESSOSTATO SIC. R.M. (1-5 BAR) F1/4"
TEE 1/2"
VALVOLA SICUREZZA 3,5 BAR - F 1/2"
NIPPLO 3/4" L=33
IMBUTO DI SCARICO 3/4"
RACCORDO PORTAGOMMA 3/4" X TUBO 20
NIPPLO 1/2"
VALVOLA RITEGNO X TERMOID. 1/2" - 1/4"
FASCETTA STRINGITUBO 15-25-9
NIPPLO RIDOTTO 1/2" X 1/4" FERRO ZINCATO
TUBO GOMMA TRASP.20X28 (V.SCAR.WALL)

10

CODICE
71028070
14000195
18022810
L4553490
7050051
16031008
7040013
13091569
40000320
13052045
14000414
60000255
20000070
10050102
7025152
14000446

Q.TA'
1
1
1
1
1
1
2
1
1
1
1
1
1
1
1
1

INSTALLATION WARNINGS

Before connecting the boiler, the following operations must be completed:


- Thoroughly clean all the system pipes in order to remove any foreign matter that could affect correct
operation of the boiler;
- Check that the flue has an adequate draught, that there is no narrowing of passages and that it is free from
debris; also check that other appliances do not release into the flue (unless designed to serve several utilities).
See the regulations in force.

THERMAL PLANT
BOILER ROOM
As a rule, regulations in force should be always observed. Premises in which boilers will be installed should be
sufficiently ventilated and guarantee access for ordinary and extraordinary maintenance operations.

EXTERNAL INSTALLATION
It is possible to utilise a special base (optional) for external installation to further weatherproof the thermal plant.

CHIMNEY
The pressurised boiler, is so-called, because it uses a burner provided with fan. The fan introduces into the
combustion chamber, the exact amount of air necessary in relation to the fuel and maintains an pressurisation in
the furnace equivalent to all the internal resistances of the flue gas path as far as the boiler exhaust. At this point
the fan pressure should have dropped to zero to prevent the flue connection pipe and the lower area of the flue
itself from being under pressure and combustion gas leaks occurring in the boiler room.
The connection pipe from the boiler to the flue must slope incline in the direction of the flue gas flow with
recommended gradient of no less than 10%. Its path must be as short and straight as possible with the bends and
fittings rationally designed in accordance with air duct criteria.
WARNING
The flue gas temperature of this boiler (between 35 and 120C) is very low compare to the traditional noncondensing boilers, therefore, there is a very high humidity density. For this reason the boiler chimney
must be water resistant, acid condense resistant and insulated to warrant sufficient draught.

HYDRAULIC CONNECTIONS
Ensure that the hydraulic pressure measured after the reduction valve on the supply pipe does not exceed the
operating pressure specified on the rating plate of the component (boiler, heater etc.).
As the water contained in the heating system increases in pressure during operation, ensure that its maximum
value does not exceed the maximum hydraulic pressure specified on the component rating plate (5 bar).
Ensure that the safety valve outlets of the boiler and hot water tank, if any, have been connected to drain in
order to prevent the valves from flooding the room if they open.
Ensure that the pipes of the water and heating system are not used as an earth connection for the electrical
system as this can seriously and very rapidly damage the pipes, boiler, heater and radiators.
Once the heating system has been filled, you are advised to close the supply cock and keep it closed so that any
leaks from the system will be identified by a drop in hydraulic pressure indicated on the system pressure gauge.
Nella caldaia singola, nel caso non venga utilizzato il neutralizzatore di condensa
(opzionale), necessario controllare la presenza di un sifone sul tubo di scarico
condensa, allinterno della caldaia, per impedire luscita dei fumi.
NOTE: IF ONLY ONE RETURN IS REQUIRED, ALWAYS USE THE LOW TEMPERATURE ONE

ELECTRICAL CONNECTIONS
Electrical systems of thermal plants designed only for heating purposes must comply with numerous legal
regulations which apply to in general as well as specifically to each application or fuel type.
Per il collegamento del quadro di comando, vedere gli schemi elettrici riportati nel presente manuale.
BRUCIATORE PREMIX
Il bruciatore premiscelato che equipaggia la caldaia viene fornito gi montato sulla caldaia opportunamente
tarato per una pressione del gas a 20mbar.
Per il montaggio necessario eseguire il controllo dei parametri di combustione (CO e CO 2).
Per le istruzioni del bruciatore consultare il capitolo BRUCIATORE di questo manuale.
ISOLAMENTO CORPO CALDAIA
Lisolamento del corpo caldaia e della parte superiore del portellone costituito da uno strato coibentante di
polietilene reticolato espanso ignifugo ed autoestinguente.

11

INSTALLAZIONE

SMONTAGGIO RIVESTIMENTO

12

ROTAZIONE E FISSAGGIO QUADRO COMANDO

13

Kit accessori TBX per tre elementi termici codice 90082030 (in figura)
Kit accessori TBX per due elementi termici codice 90082020

A
B
C

Attacco vaso espansione


Vite e dado per blocco leva
Valvola aperta

14

POS.

DENOMINAZIONE

TEE 3/4"

RIDUZIONE 3/4"X3/8" MF ZINCATA

RIDUZIONE MF 1" X 3/4"

BOCCHETTONE 1"1/2" MF DIR. CONICO OTTONE

BOCCHETTONE MF 1" DRITT.PIANO

BOCCH.1"1/4 FF DIRITTO PIANO GHISA F/331

TAPPO 3/4" M. FERRO ZINCATO

TAPPO 1"1/2" F FERRO ZINC.

CODICE

Q.TA
90082020

90082030

07040004(3-4)

07050013 (MF 3-4 X 3-8)

07050014 (MF 1 X 3-4)

7060104

07060251 (MF 1)

07060260 (FF 1-1.4)

7070204

07070355 (1-1.2 F)

TUBO FLES. GAS MF L=130-220 mm GIALLO

7080201

10

TUBO FLESS. AVC32 1''1/4 L=245 ATT. MF

7080217

11

TUBO FLESS. AVC32 1''1/4 L=480 ATT. MM

7080218

12

TUBO FLESS. AVC25 1'' L=550 ATT. MM

7080219

13

GUARNIZIONE BOCCH. 3/4 - 38 X 29 X SP.2

9060046

14

DADO 5M CIECO

10031040

15

PIEDINO REGOLABILE 30 M10

10050020

16

COLLARE FISSATUBO X TUBO 1"1/2"

10050303

17

INSERTO FILET. M10X19 FTT/C FORO 12 ACC.

10050518

18

GRANO 8X20 C/PUNTA ZINC. UNI5923

10050716

19

RONDELLA 8X14 C60 DENTELL. ZN BRUNITA

10060010

20

RONDELLA 5X10 PIANA ZINCATA UNI6592

10060042

21

VITE M5X16 TC CROCE ZINCATA DIN7985

10071516

22

ATTUATORE ELETTRICO 220V - PER VALVOLA A SFERA

13020090

23

RUBINETTO MF 3/8 PORTAMAN ACC 3VIE MOD.690300

13032040

24

VALVOLA A SFERA M/F 3/4" GAS

13080036

25

VALVOLA A SFERA 1"1/4 MF

13080057

26

VALVOLA A SFERA MOTORIZZATA MM 1"1/4"

13080062

27

VALVOLA 3 VIE 1" A "T"

13080071

28

RACCORDO PORTAGOMMA 3/4" X TUBO 20

14000414

29

GUAINA PORTASONDA 1/2 X 3 TUBI L=90 D=8

14002030

30

GUARN BOCCH.1 44X34X3 ECOL.005 RACC.11/2

18050050

31

GUARN BOCCH.11/4 56X42X3 ECOL.005

18050120

32

GUARNIZIONE 23,5X15,5XSP.2 - RACC.3/4"

50000820

33

ASSIEME COLLETORI ACQUA TBX V210 VERNICIATO NERO

TBX V210.30

34

COLLETTORE GAS TBX V210 VERNICIATO GIALLO RAL 1004

TBX V210.33

35

GUSCIO COLLETTORI i75 L= 1000

TBX V210.35

36

GUSCIO COLLETTORI i 60 L= 1000

TBX V210.37

15

FASE 1
Posizionare i collettori idraulici e gas.
Fissare i collettori alla parete con le viti in dotazione utilizzando le asole (1)

FASE 2
Montare gli isolamenti sui collettori idraulici.

FASE 3
Montare i pozzetti sul collettore di mandata e il gruppo con il T :
- Rubinetto per manometro campione INAIL
- Attacco per vaso despansione

16

FASE 4
Collegare i collettori agli attacchi delle caldaie utilizzando i rubinetti in dotazione.

FASE 5

A
B
C
D

TUBO GAS: montare in entrata il bocchettone 11/2 ottone e allestremit il tappo F 11/2
Scegliere Dx o Sx per luscita del tubo scarico condensa ed eliminare i pretranci sul basamento
Inserire il tubo flessibile-scarico condensa caldaia
Inserire il tubo in gomma-scarico valvola di sicurezza

17

FASE 6
Collegare lo scarico fumi su ogni singolo elemento termico.

Inserire il bulbo del termostato fumi nel pozzetto sul tubo scarico fumi

Montare il collettore fumi in dotazione per TBX da due e tre moduli.

18

COLLEGAMENTI ELETTRICI
MORESETTIERA

SERIGRAFIA
MORSETTO

FUNZIONE

ALTA TENSIONE

X1

X2

X3

X4

L
T
N
1
2
3
T
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16

BR
(MARRONE)
BU
(BLU)
X VM
GN
(VERDE)
WH
(BIANCO)
PN
(ROSA)
BASSA TENSIONE / SEGNALI
17
18
19
20
21
X5
22
23
24
25
26
27
28
29
30
X6
31
32
33

ALIMENTAZIONE GENERALE QUADRO


SICUREZZE ESTERNE
ALIMENTAZIONE BRUCIATORE
CONSENSO BRUCIATORE
SEGNALAZIONE 1 STADIO
SEGNALAZIONE 2 STADIO (NON UTILIZZATO)
SEGNALAZIONE BLOCCO
COMANDO A 3 PUNTI
(CONFIGURABILE PER MISCELATRICE)

L
T
N
IN
OUT
L
T
N
T1
T2
B4
B5
S3
T6
T7
T8

NON UTILIZZATI
CONTATTO PULITO OUT R2

IN
OUT
L

ALIMENTAZIONE VALVOLA MOTORIZZATA


N
COMANDO VALVOLA MOTORIZZATA

L1
FC

FINE CORSA VALVOLA MOTORIZZATA


FC

PT1 Sonda Caldaia (PT1000)


PT2
PT3
NTC
IN 0-10 V
OUT 0-10 V
(MODULAZIONE BRUCIATORE)
RS485 (RS1)
RS485 (RS2)

19

1
2
1
2
1
2
1
2
+
+
A
B
A
B
C

20

21

22

23

24

25

QUADRO COMANDO

COMANDO BRUCIATORE
MANUALE
SPENTO
AUTOMATICO

DISPLAY

TERMOSTATO
REGOLAZIONE

INTERRUTTOR
E GENERALE
COMANDO
USCITE
R1 R2
MANUALE
SPENTO
AUTOMATICO

TERMOMETRO

USB

TERMOSTATI DI SICUREZZA A RIARMO MANUALE

TERMOSTATO
SICUREZZA
ACQUA
TERMOSTATO
SICUREZZA
FUMI

26

TASTIERA

MANOMETRO

DOTAZIONE DI SERIE E CODICI PRINCIPALI RICAMBI DEL QUADRO COMANDO


- Manuale scheda elettronica gestione caldaia ETERM01.................................................... Cod. ricambio
- Scheda elettronica .. Cod. ricambio
- Display LCD . Cod. ricambio
- Interruttore generale Cod. ricambio
- Commutatore funzionamento bruciatore (Manuale / Off / Automatico).. Cod. ricambio
- Commutatore funzionamento delle 2 uscite programmabili (Manuale / Off / Automatico).. Cod. ricambio
- Sonda PT1000 di caldaia .. Cod. ricambio
- Termostato di regolazione CE / ISPESL fondo scala 100C Cod. ricambio
- Termostato di sicurezza CE / ISPESL 110 C ... Cod. ricambio
- Termostato di sicurezza fumi 110 C Cod. ricambio
- Termometro CE / ISPESL . Cod. ricambio
- Manometro a quadrante. Cod. ricambio
- Sonda esterna . Cod. ricambio

93120332
17120273
17120274

16111247
16090029
16090032
16080209
17120012

Accessori (Opzionali) per il quadro comando


Quadro gestione impianto per implementazione ingressi e uscite . Cod. QETERM02
Sonda di temperatura PT1000 . Cod. 16111247
Sonda ad immersione per bollitori, zona miscelata, pannelli solari, ecc..
Sonda di temperatura NTC ... Cod. 18022218
Sonda ad immersione per bollitori, zona miscelata, ecc.
Sonda di temperatura fumi PT1000. Cod. CB1093
Sonda di temperatura da canale PT1000 ... Cod. CB1091
Sonda per canali di ventilazione
Sonda di temperatura da canale NTC Cod. CB1092
Sonda per canali di ventilazione
KIT Modem completo di antenna con cavo da 1,5 metri . Cod. CB876
Per installazione allinterno del quadro caldaia
Antenna per modem con cavo da 10 metri .... Cod. CB913
Modem per stazione PC .... Cod. CB916
Per comunicazioni fra computer remoto e modem dellimpianto

27

CONFIGURAZIONE RAPIDA QUADRO DI COMANDO

Il firmware caricato sulla scheda elettronica aggiornabile e quindi le funzioni possono essere implementate.
Per maggiori dettagli si veda il manuale relativo alla scheda di gestione caldaia ETERM01 scaricabile dal sito
www.icicaldaie.com:
relativo alla scheda di gestione caldaia ETERM01 scaricabile dal sito www.icicaldaie.com :
Sezione Download NEREIX ETERM Manuali IT_Manual ETERM01.pdf ,
Per il download e necessaria la registrazione gratuita.

Laggiornamento del firmware e la configurazione a mezzo pc si eseguono con il programma


etermPCmanager disponibile su www.eterm.it e su www.icicaldaie.com

DISPLAY
STATO USCITA BRUCIATORE

TEMPERATURA DI CALDAIA

MODULAZIONE IN SALITA

GIORNO DELLA SETTIMANA


ORE : MINUTI : SECONDI

CONSENSO SICUREZZE ESTERNE

SET POINT CALDAIA

MODULAZIONE IN DICESA
OFF / MANUALE /
AUTOMATICO / FORZATURA

VISUALIZZAZIONE FUNZIONE DEI TASTI INFERIORI


PROCEDURA DI VERIFICA COLLEGAMENTI ELETTRICI
Per le uscite R1 e R2:
Posizionare i commutatori meccanici in:
- Manuale e verificare che i dispositivi collegati a R1 e R2 si azionino
(su R1 pu essere collegata la valvola di cascata)
- 0 e verificare che i dispositivi collegati a R1 e R2 si arrestino
Per il comando bruciatore, ponendo in manuale il commutatore:
- Verificare che il termostato di regolazione provochi la partenza del bruciatore
Sonde
Le sonde da collegare dipendono dalla configurazione che si andr ad eseguire, la sonda di caldaia comunque
sempre necessaria e la sua lettura visualizzata in alto a destra (temperatura di caldaia).
Segnalazioni bruciatore:
Verificare che alimentando gli ausiliari del bruciatore appaia sul display il simbolo

Verificare che in caso di blocco del bruciatore appaia sul display il simbolo

Verificare che quando il bruciatore acceso (presenza fiamma) appaia sul display il simbolo
In caso di anomalia (esempio sonda non collegata o in corto), allicona menu si alterna licona allarme
Per verificare il tipo di allarme in corso selezionare il menu Allarmi istantanei.

28

IMPOSTAZIONE SCHEDA ELETTRONICA


Il significato dei tasti variabile, fare riferimento allicona corrispondente sul display.
Nel firmware della scheda elettronica sono precaricate delle configurazioni standard che possono essere
usate come base di partenza per la configurazione del vostro impianto, in particolare per la TBX potranno
essere utilizzate le seguenti configurazioni precaricate:
- TBX:
imposta automaticamente i parametri adatti ad una caldaia TBX singola
- TBX Master:
imposta automaticamente i parametri adatti ad una caldaia TBX master di cascata
- TBX Slave 1 o 2: imposta automaticamente i parametri adatti ad una caldaia TBX slave
consigliato eseguire sempre un setup rapido prima di iniziare una configurazione (anche attraverso PC).
Questa operazione permette di cancellare precedenti impostazione eseguite per errore o da terzi.
Dopo un setup rapido tutti i parametri sono comunque modificabili.
Entrare nei menu

e scorrere con le frecce fino al menu Setup rapido

Entrare nei menu premendo


Tenere premuto il tasto

e selezionare quindi il setup predefinito che si desidera eseguire.


fino a provocare il riavvio della scheda elettronica.

PRINCIPALI PARAMETRI DA VERIFICARE


Alcuni parametri possono essere bloccati per evitare manomissioni della configurazione.
Ci sono a tal fine due livelli (utente e tecnico). Di fabbrica la centralina a livello tecnico
e consente quindi la completa libert di configurazione.
Per il cambio di livello vedi manuale scheda elettronica caldaia eterm (Codice 93120301).
Menu Configurazione generale
Contiene i parametri relativi a:
- Lingua
- Indirizzamento (se necessario)
- Alla sonda esterna (si / no / da sistema: se la scheda slave di un master con sonda esterna)
- Modalit caldaia (singola / master / slave)
- Parametri di cascata (se il dispositivo master di cascata)
- Contrasto display
Menu Parametri bruciatore
- Tipo bruciatore: il setup rapido per TBX imposta la centralina per bruciatore comandato da segnale 0-10 Volt
- Tempo da potenza minima a potenza massima: il setup rapido per TBX imposta il valore corretto
- Sonda fumi: abilitazione ingresso (off = nessuna sonda fumi) ed eventuale soglia spegnimento bruciatore.
Menu Tipo di funzionamento
In questo menu viene configurata la modalit di determinazione del setpoint in regime automatico.
Il menu si espande con i parametri necessari quando vengono abilitate le varie funzioni:
- Punto fisso 1 o 2: presuppone lutilizzo degli ingressi con funzione digitale (aperto / chiuso)
Abilitando questa funzione viene poi richiesta la temperatura da associare alla chiusura del contatto e
leventuale programmatore orario a cui condizionare la richiesta.
Un ingresso non pu essere utilizzato contemporaneamente come digitale e come analogico
(sonda di temperatura o ingresso 0-10 Volt). La programmazione a mezzo PC consente di
evitare incongruenze di configurazione
- Funzionamento a programma: temperature fisse (comfort / ridotta / off) in funzione della programmazione
oraria, occorre scegliere il programmatore associato e le temperature (in off la caldaia seguir leventuale
temperatura antigelo).
- Curva climatica caldaia: Selezionare la curva climatica (OFF = funzione non attiva) e selezionare poi
eventuali consensi digitali e/o programmatore orario a cui condizionare la richiesta.
- Funzionamento 0-10 Volt: Selezionare funzione, la temperatura corrispondente a 10 Volt ed eventualmente
consensi digitali e/o programmatore orario a cui condizionare la richiesta (0 volt corrisponde sempre a 0C).
- Tempi e temperature: Consente di impostare
- Temperature massime e minime di caldaia
- Temperatura antigelo
- Limiti del setpoint in funzione manuale e della curva climatica
- Post circolazione pompe
- Offset delle varie sonde (correzione della lettura visualizzata)

29

Menu Acqua sanitaria


Da configurare se presente un bollitore
Menu Configurazione uscite
Per associare alle uscite R1 e R2 le vari possibili logiche:
- Pompa caldaia (o valvola)
- Pompa cascata
- Pompa anticondensa
- Pompa bollitore
- Pompa solare
(impostando questa funzione PT2 viene associata al pannello solare e PT3 alla sonda accumulo solare).
- Per allarme (il contatto si chiude se c un allarme rilevato dalla scheda: sonde, bruciatore, comunicazione bus)
(impostando la scheda da PC possibile configurare ulteriori condizioni di allarme come chiusura / apertura
contatti, limiti di temperatura, ecc.)
- Pompa impianto
- Climatico diretto
- Climatico mix
- Punto fisso 1/2
- Programma orario 1-2-3
Menu Acqua sanitaria
Da configurare se presente un circuito miscelato.
Forzature
Consente di forzare uscite digitali e analogiche al fine di verificare la funzionalit della scheda e/o degli utilizzatori
collegati.
Stato caldaia
Consente di visualizzare tutte le informazioni di funzionamento e i contatori.
Data / ora / stagione
Attenzione:
- Le impostazioni non sono modificabili se il dispositivo configurato come slave.
- Il funzionamento climatico attivo solo in inverno.
Programmi orari
Sono disponibili 3 programmi orari settimanali e possono essere associati alle distinte funzioni:
- Tipo di funzionamento
- Bollitore
- Valvola miscelatrice
Allarmi istantanei
Visualizza gli allarmi in corso (attualmente presenti).
Storico allarmi
Visualizza gli ultimi 50 allarmi (resettabile da PC e da tastierino vedi manuale scheda elettronica caldaia eterm
Codice 93120301).

30

10 CONFIGURAZIONE CALDAIE IN CASCATA


In una cascata il setpoint del master (manuale o automatico) rappresenta il setpoint del collettore di mandata.
Occorre verificare che la sonda del collettore sia collegata allingresso PT2 del master e che siano eseguiti
correttamente i collegamenti bus.
Utilizzare i setup rapidi specifici:
- TBX Master
- TBX Slave 1 o 2
Una volta eseguito il setup rapido per tutti gli slave accedere, dal master, al menu Indirizzamento e tenere
premuto il tasto
Se le configurazioni sono corrette e se il bus collegato correttamente apparir, sul display del master, la lista
delle matricole presenti nella cascata.
La configurazione da PC si esegue, invece, digitando le matricole delle schede sulla lista degli indirizzi.
Si consiglia comunque di eseguire il setup rapido anche prima di una configurazione attraverso il PC.
La matricola delle schede indicata nel trasformatore ed appare sul display durante lo start up del quadro
comando.
Dopo lindirizzamento sul master appare

e sugli slave

Se gli slave non sono indirizzati o se c uninterruzione del bus appare

Nei dispositivi i simboli di cascata compaiono ad intermittenza.


Quando sono accesi il setpoint visualizzato quello di cascata (determinato dal master).
Quando sono spenti il setpoint visualizzato quello di caldaia.
Ogni singola caldaia va poi configurata come descritto nel paragrafo precedente con particolare attenzione ai
parametri del bruciatore e alla configurazione uscite.
I Tipi di funzionamento saranno impostabili solo da master (che determina il set point del collettore).
Nella configurazione del master (menu Configurazione generale) verificare questi fondamentali parametri:
- Tempo inversione cascata:
OFF = nessuna rotazione di priorit
0
= inversione di priorit ad ogni interruzione / ripristino della richiesta
xx ore= inversione di priorit dopo xx ore e comunque dopo una interruzione / ripristino della richiesta
- Aggiustamento iniziale collettore: differenziale iniziale della temperatura di setpoint fra caldaie e collettore

31

11 MODEM (opzionale)
TUTTE LE OPERAZIONI DI MONTAGGIO E CABLAGGIO VANNO ESEGUITE IN ASSENZA DI TENSIONE

CARATTERISTICHE GENERALI DEL MODEM


Il modem, attraverso il flat, alimentato direttamente dalla scheda.
Togliere lalimentazione durante il collegamento del modem e durante linserimento della scheda SIM.
La scheda SIM dovr essere abilitata al traffico dati (non voce!!).
La SIM deve essere spinta fino a fine corsa: un click determiner lavvenuto inserimento.
Prima di inserire la SIM disattivare il PIN utilizzando un telefono cellulare.
Principali caratteristiche:
Modulo MODEM GSM - GPRS Quad-Band
LED di stato registrazione alla rete GSM
Buzzer per segnalazioni acustiche (disabilitate)
Interfaccia TTL
Compatibile con la scheda Master NEREIX
CARATTERISTICHE RADIO
Quad-band EGSM 850/900/1800/1900 MHz
Potenza di emissione:
classe 4 (2W) @ 850/900 MHz
classe 1 (1W) @ 1800/1900 MHz
Sensibilit:
107 dBm (tip.) @ 850/900 MHz
106 dBm (tip.) @ 1800/1900 MHz
CARATTERISTICHE GPRS
GPRS classe 10
Stazione mobile di classe B
Schemi di codifica: da 1 a 4
Supporto PBCCH
Il LED verde di stato ha il seguente significato:
LAMPEGGIO VELOCE = In ricerca rete
LAMPEGGIO LENTO
= Registrato alla rete
ACCESO CONTINUO = Connessione dati in corso

Per applicare lantenna con prolunga opzionale, rimuovere quella di serie tirando il connettore direttamente dal
connettore del modulo e inserire quella nuova.
Inserire lantenna dellapposito foro (nel caso si utilizzi lantenna con prolunga utilizzare un pressa cavo per luscita
della stessa dal quadro comando).

32

MONTAGGIO DEL MODEM


Rimuovere i due dadini centrali che fissano la scheda nella parte inferiore (adiacenti ai tasti).
Montare le 2 torrette esagonali (A).
Posizionare la scheda modem dopo aver rimosso lantenna.
Fissare la scheda con i 2 dadini (B) precedentemente rimossi.
Collegare il flat sulla scheda e sul modem.

CAVETTO ANTENNA

FLAT

Lantenna in dotazione pu essere fissata internamente al pannello (con il suo biadesivo) o portata allesterno
compatibilmente con la lunghezza del cavo in dotazione.
Se necessario, per captare il segnale fuori dal locale, utilizzare lantenna opzionale con prolunga da 10 metri
(codice CB913)

33

12 UTILIZZO QUADRO eterm


Se la centralina non configurata o guasta il bruciatore pu essere controllato dal termostato meccanico
ponendo il commutatore meccanico del bruciatore su MAN
Analogamente si possono attivare i dispositivi collegati su R1 e R2.
Una volta configurata la centralina elettronica, tutti i commutatori elettronici vanno posizionati su AUTO.
La scheda elettronica ha tre modalit di funzionamento, selezionabili con una prolungata pressione del tasto
pi a sinistra (dalla schermata principale):
Standby = attiva solo la funzione antigelo.
Manuale = il setpoint di caldaia (o di collettore se la caldaia master di cascata) impostabile
manualmente con i tasti + e .
Automatico = il setpoint di caldaia o di collettore (se la scheda elettronica master di cascata) viene
determinato automaticamente in base alle configurazioni eseguite (tipi di funzionamento acqua sanitaria
valvola miscelatrice).
Se lo slave di cascata si trova in:
Standby = attiva solo la funzione antigelo.
Manuale = il setpoint di caldaia impostabile manualmente con i tasti + e e la caldaie svincolata
dai comandi del master di cascata.
Automatico = il setpoint di caldaia dipende esclusivamente dai comandi del master
In una cascata gli slave saranno normalmente in Automatico.
Per lutente predisposto uno specifico menu in cui sono rappresentati solo i parametri utili per la configurazione
corrente.
In automatico, dalla schermata principale, possibile accedere rapidamente ai programmatori orari premendo il
tasto

Durante il funzionamento possono apparire le seguenti icone:

se attiva una richiesta di produzione di acqua calda sanitaria.

se attiva una richiesta da circuito miscelato.


Se ci sono pi richieste concomitanti i simboli si alternano.

34

13 BRUCIATORE
Garanzia e responsabilit
Il costruttore garantisce il bruciatore secondo le normative vigenti.
I diritti alla garanzia ed alla responsabilit decadono, in caso di danni a persone e/o cose, qualora i danni stessi
siano riconducibili ad una o pi delle seguenti cause:
- messa in funzione, uso e manutenzione del bruciatore non corretti;
- utilizzo improprio, erroneo ed irragionevole del bruciatore;
- intervento di personale non abilitato;
- esecuzione di modifiche non autorizzate allapparecchio;
- utilizzo del bruciatore con dispositivi di sicurezza difettosi, applicati in maniera scorretta e/o non funzionanti;
- installazione di componenti supplementari non collaudati unitamente al bruciatore;
- alimentazione del bruciatore con combustibili non adatti;
- difetti nellimpianto di alimentazione del combustibile;
- utilizzo del bruciatore anche a seguito del verificarsi di un errore e/o unanomalia;
- riparazioni e/o revisioni eseguite in maniera scorretta;
- modifica della camera di combustione mediante lintroduzione di inserti che impediscano il regolare sviluppo
della fiamma stabilito costruttivamente;
- insufficiente ed inappropriata sorveglianza e cura dei componenti del bruciatore maggiormente soggetti ad
usura;
- utilizzo di componenti non originali, siano essi ricambi, kits, accessori ed optionals;
- cause di forza maggiore.
Il costruttore inoltre declina ogni e qualsiasi responsabilit per la mancata osservanza di quanto riportato nel
presente manuale.
Addestramento del personale
Lutente la persona, o lente o la societ, che ha acquistato la macchina e che intende usarla per gli usi concepiti
allo scopo.
Sua la responsabilit della macchina e delladdestramento di quanti vi operano intorno.
Lutente:
- si impegna ad affidare la macchina esclusivamente a personale qualificato ed addestrato allo scopo;
- tenuto a prendere tutte le misure necessarie per evitare che persone non autorizzate abbiano accesso alla
macchina;
- si impegna ad informare il proprio personale in modo adeguato sullapplicazione e osservanza delle prescrizioni
di sicurezza. A tal fine egli si impegna affinch chiunque per la propria mansione conosca le istruzioni per luso e
le prescrizioni di sicurezza;
- deve informare la Ditta Costruttrice nel caso in cui riscontrasse difetti o malfunzionamenti dei sistemi
antinfortunistici, nonch ogni situazione di presunto pericolo.
- Il personale deve usare sempre i mezzi di protezione individuale previsti dalla legislazione e seguire quanto
riportato nel presente manuale.
- Il personale deve attenersi a tutte le indicazioni di pericolo e cautela segnalate sulla macchina.
- Il personale non deve eseguire di propria iniziativa operazioni o interventi che non siano di sua competenza.
- Il personale ha lobbligo di segnalare al proprio superiore ogni problema o situazione pericolosa che si dovesse
creare.
- Il montaggio di pezzi di altre marche o eventuali modifiche possono variare le caratteristiche della macchina e
quindi pregiudicarne la sicurezza operativa. La Ditta Costruttrice pertanto declina ogni e qualsiasi responsabilit
per tutti i danni che dovessero insorgere a causa dellutilizzo di pezzi non originali.

35

DESCRIZIONE BRUCIATORE

POS.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21

DENOMINAZIONE
NIPPLO RIDOTTO 3/4"X1/2"
CONTRODADO 3/4"
DIFFUSORE ARIA GAS BRUCIATORE - TBX V70
VENTILATORE BRUCIATORE G 70 MXH PREMIX-UNIT
VALVOLA INTERCETTAZIONE COMBUSTIBILE 3/4 CAP.5 M
TUBO BRUCIATORE G 70 MXH PREMIX-UNIT
NIPPLO 3/4" L=33
TUBO ESTENSIBILE GIALLO MF 3/4X 3/4 GAS L=7500
VITE 8X25 TE CL8.8-ZN ZINCATA TUTTO FILETTATA
RONDELLA 8X15 PIANA ZINCATA UNI6592
RONDELLA 5X10 PIANA ZINCATA UNI6592
VITE 5X20 TBEI CL-10.9-ZN ZINCATA
DADO 5M ALTO CL8-ZN ZINCATO
GUARNIZIONE BRUCIATORE
GUARNIZIONE 23,5X15,5XSP.2 RACCORDO 3/4"
MATERASSINO CERAMICO L= 610 INSULFRAX-S BLANKET
PORTELLONE
OBLO' SPIA FIAMMA 1" ZINCATO (AQ-3001)
GUARN 30X22X1,5 OMNIA BLU SPIA PORTELLONE
PRESA DI PRESSIONE GAS EN 150
VETRO SPIA CONTROLLO FIAMMA D=30X5 MM

36

CODICE
7025309
18030310
TBX V70.37
17010190P1
13052048
17010190P2
40000320
07080203 (MF 3-4)
10070835
10060009
10060042
10070519
10031051
R3020294
18050020
92070600
TBX V70.05
7080801
9060040
18052114
16010201

Q.TA'
1
1
1
1
1
1
1
1
4
4
4
4
4
2
1
1
1
1
2
1
1

ALIMENTAZIONE DEL COMBUSTIBILE


I bruciatori sono abbinati a valvole gas monoblocco di tipo pneumatico proporzionale, che consentono di modulare
la quantit di gas erogata e quindi la potenza sviluppata.
Un segnale di pressione rilevato al circuito aria portato alla valvola gas pneumatica, la quale eroga una quantit
di gas proporzionale alla portata di aria elaborata dal ventilatore.
La rampa gas, per ottimizzare gli ingombri, assemblata direttamente sul corpo del bruciatore.
GRUPPO RAMPA GAS
Il collegamento valvola-collettore consente di compensare laccidentale occlusione dellaspirazione mediante la
riduzione del gas erogato.

MISCELATORE ARIA/GAS
La miscelazione del gas con laria comburente avviene allinterno del circuito di ventilazione (miscelatore), a
partire dallingresso della bocca di aspirazione.
Attraverso la rampa gas il combustibile viene inserito nella vena daria in aspirazione e con lausilio di un mixer ha
inizio una miscelazione ottimale.
VALVOLA GAS

37

CORRENTE DI IONIZZAZIONE
La corrente minima per far funzionare lapparecchiatura di 5 A.
Il bruciatore d una corrente nettamente superiore, tale da non richiedere normalmente alcun controllo.
Qualora, comunque, si voglia misurare la corrente di ionizzazione, bisogna aprire il connettore (CN1) inserito nel
filo rosso ed inserire un microamperometro.

Valori ottimali di taratura

Note sulla sicurezza per la prima messa in funzione


La prima messa in funzione del bruciatore deve essere effettuata da personale abilitato e
autorizzato da ICI CALDAIE SpA, secondo quanto riportato nel presente manuale ed in conformit
alle norme e disposizioni di legge vigenti.
Verificare la corretta funzionalit dei dispositivi di regolazione, comando e sicurezza.
REGOLAZIONI PRIMA DELLACCENSIONE
Le regolazioni da eseguire sono:
- Aprire le valvole manuali poste a monte della rampa del gas.
- Sfiatare l'aria dalla tubazione del gas mediante la vite sulla presa P1.
- Verificare le impostazioni dei potenziometri posti sullapparecchiatura.
AVVIAMENTO BRUCIATORE
Chiudere il termostato ed alimentare elettricamente il bruciatore.
Il bruciatore si avvia in modalit di preventilazione al valore MAX, dopo 30 secondi si porta alla velocit di START
ed avviene laccensione.
Se invece il ventilatore si avvia ma alla fine del tempo di sicurezza non compare la fiamma, lapparecchiatura
permette la ripetizione del programma di avviamento (start-up) per un massimo di 2 tentativi.
Al terzo tentativo, se non avviene laccensione, il bruciatore va in blocco.
Sbloccare ed attendere un nuovo tentativo di avviamento.
Se laccensione continua a mancare pu essere che il gas non arrivi alla testa di combustione entro il tempo di
sicurezza di 5s.
Ruotare leggermente (non pi di 360) in senso antiorario la vite V1 posta sul miscelatore della valvola gas.
Ad accensione avvenuta, passare alla completa regolazione del bruciatore.

38

REGOLAZIONE POTENZA
La modulazione basata sulla tecnologia della velocit variabile.
Attraverso la variazione del numero dei giri del motore si ottiene la regolazione della portata dellaria comburente.
La rampa gas proporzionale, in funzione della pressione rilevata nel circuito di ventilazione, eroga la corretta
quantit di combustibile.
Quindi, attraverso la variazione della velocit di rotazione del motore avviene la regolazione della potenza
erogata.
La velocit del motore si pu regolare agendo sui tre potenziometri a bordo bruciatore
Gli aggiustamenti si possono rendere necessari in base allinstallazione.
La portata termica del bruciatore non deve superare la potenza della caldaia.
MIN Determina la velocit del ventilatore al minimo della modulazione
MAX Determina la velocit del ventilatore al massimo della modulazione
START Determina la velocit del ventilatore nella fase della partenza
La regolazione di MIN subentra istantaneamente a termine della preventilazione delineata dallapertura della
valvola e dalla presenza della scarica.
Labilitazione alla modulazione massima con MAX avviene circa 10 sec dallapertura della valvola.
Potenza
utile
Taratura
Taratura
Taratura
nominale*
trimmer
trimmer
trimmer
Caldaia
MIN
MAX
START
kW
35
2
3.5
5
40
2
4
4.5
50
2
5
4
60
2
6
3.5
70
2
7
3
(*) Temperatura di mandata 50C e ritorno 30C
Per ottimizzare il funzionamento del generatore di calore modulare (due o tre elementi termici collegati in cascata)
necessario che tutti i bruciatori abbiano i potenziometri di regolazione della velocit del ventilatore regolati sugli
stessi valori.
La potenza complessiva della caldaia data dalla somma dei singoli elementi termici, quindi per raggiungere
valori intermedi posizionare i trimmer in maniera adeguata.
REGOLAZIONE VALVOLA GAS
La regolazione della portata di gas ottenuta utilizzando le due viti V1 e V2.
Per variare la portata massima di gas agire sulla vite V1.
- Per aumentare la portata: ruotare la vite in senso antiorario (non pi di 360 rispetto alla taratura di fabbrica).
- Per ridurre la portata: ruotare la vite in senso orario (non pi di 360 rispetto alla taratura di fabbrica).
Per variare la portata minima di gas agire sulla vite V2 presente sulla valvola gas.
Rimuovere la vite di protezione e agire sulla vite interna con chiave a Torx.
- Per aumentare la portata: ruotare la vite in senso orario (non pi di 360 rispetto alla taratura di fabbrica).
- Per ridurre la portata: ruotare la vite in senso antiorario (non pi di 360 rispetto alla taratura di fabbrica).

39

REGOLAZIONE BRUCIATORE
Per ottenere una regolazione ottimale del bruciatore necessario effettuare lanalisi dei gas di scarico della
combustione alluscita della caldaia. Lapplicazione del bruciatore alla caldaia, la regolazione e il collaudo, devono
essere eseguiti nellosservanza del manuale distruzione del generatore stesso, compreso il controllo della
concentrazione di CO e CO2 nei fumi e della loro temperatura.
Verificare in successione:
- Potenza massima
- Potenza minima
- Potenza di accensione
La potenza massima dovr corrispondere a quella richiesta dalla caldaia utilizzata. Per aumentare o diminuire il
suo valore agire sul potenziometro MAX posto sullapparecchiatura.
Misurare la portata di gas al contatore per individuare esattamente la potenza bruciata.
Mediante un analizzatore dei fumi misurare il valore della CO2 o del O2 al fine di ottimizzare la taratura del
bruciatore.
I valori corretti sono: CO2 8.5 9% oppure O2 55.5%.
Per correggere tali valori agire sulla valvola gas (non pi di 360 dalla taratura di fabbrica) nel seguente modo:
- Per aumentare la portata gas e la CO2: ruotare la vite V1 in senso antiorario.
- Per ridurre la portata del gas e la CO2: ruotare la vite V1 in senso orario.
La potenza minima dovr corrispondere a quella richiesta dalla caldaia utilizzata. Per aumentare o diminuire il
suo valore agire sul potenziometro MIN posto sullapparecchiatura.
Misurare la portata di gas al contatore per individuare esattamente la potenza bruciata.
Mediante un analizzatore dei fumi misurare il valore della CO2 o del O2 al fine di ottimizzare la taratura del
bruciatore.
I valori corretti sono: CO2 8 8,2% oppure O2 5,5 6%.
Per correggere tali valori agire sulla valvola gas (non pi di 360 dalla taratura di fabbrica) nel seguente modo:
- Per aumentare la portata gas e la CO2: ruotare la vite V2 in senso orario.
- Per ridurre la portata del gas e la CO2: ruotare la vite V2 in senso antiorario.
La potenza di accensione pu essere variata agendo sul trimmer START posto sullapparecchiatura.
Testa di combustione
La testa di combustione costituita da un cilindro ad alta resistenza termica, sulla cui superficie sono praticati
numerosi fori ed avvolto da una maglia metallica.
La miscela aria-gas spinta allinterno del cilindro ed attraverso i fori perimetrali fuoriesce verso lesterno della
testa.
Linizio della combustione avviene attraverso laccensione della miscela aria-gas ad opera della scintilla
dellelettrodo.
La maglia metallica costituisce lelemento fondamentale della testa di combustione in quanto migliora
notevolmente le prestazioni del bruciatore.
La fiamma sviluppata sulla superficie della testa perfettamente agganciata ed aderente alla maglia nel
funzionamento al massimo.
Questo permette alti rapporti di modulazione fino ad arrivare a 6:1, evitando il pericolo di ritorno di fiamma al
minimo di modulazione.
La fiamma caratterizzata da una geometria estremamente compatta che consente di evitare qualsiasi rischio di
contatto tra la fiamma e le parti della caldaia e di conseguenza il rischio del fenomeno di cattiva combustione.
La struttura della fiamma consente lo sviluppo di camere di combustione dalle dimensioni contenute, studiate per
sfruttare questa caratteristica.
Emissioni
I valori di emissione dei bruciatori risultano abbondantemente inferiori ai limiti imposti dalle pi severe normative.
La distribuzione della fiamma e la sua estensione su unampia superficie, consente di contenere la formazione
degli NOx termici, principali responsabili dellemissione inquinante.

40

FUNZIONAMENTO NORMALE

41

BLOCCO PER MANCATA ACCENSIONE

BLOCCO PER PRESENZA DI FIAMMA O SIMULAZIONE DI FIAMMA DURANTE LA PRE-VENTILAZIONE

TIPOLOGIE DI BLOCCO E TEMPI DINTERVENTO IN CASO DI GUASTO DEL BRUCIATORE

FUNZIONE DI RICICLO IN CASO DI SPARIZIONE DI FIAMMA IN FUNZIONAMENTO


Lapparecchiatura permette il riciclo, ossia la ripetizione completa del programma di avviamento
Se dopo il tempo di sicurezza dallultimo riciclo non presente la fiamma, il bruciatore eseguir un blocco.
FUNZIONE DI RI-ACCENSIONE PER MANCATA ACCENSIONE
Lapparecchiatura permette la ripetizione del programma di avviamento (start-up) per un massimo di 3 tentativi, se
alla fine del tempo di sicurezza non vi formazione di fiamma.
Unulteriore mancanza di fiamma dopo il quarto tentativo di accensione determina il blocco del bruciatore alla fine del
tempo di sicurezza.

42

CONTROLLO DEL NUMERO DI GIRI DEL MOTORE


Verifica del funzionamento del motore se supera il numero di rotazioni per minuto minimo (900 rpm).
Se il motore non supera il numero di giri minimo, si verifica il blocco dopo 20 secondi.
SBLOCCO APPARECCHIATURA (DA PULSANTE INTEGRATO)
Per effettuare lo sblocco dellapparecchiatura procedere come segue:
Premere il pulsante di sblocco per un tempo compreso tra 1 e 2 secondi.
SBLOCCO APPARECCHIATURA (DA COLLEGAMENTO REMOTO)
E previsto lutilizzo dellingresso RS della morsettiera X1 per lo sblocco a distanza dellapparecchiatura.
NOTE SULLA SICUREZZA PER LA MANUTENZIONE
La manutenzione periodica essenziale per il buon funzionamento, la sicurezza, il rendimento e la durata del
bruciatore.
Essa consente di ridurre i consumi, le emissioni inquinanti e di mantenere il prodotto affidabile nel tempo.
Prima di effettuare qualsiasi operazione di manutenzione, pulizia o controllo:
PROGRAMMA DI MANUTENZIONE
PERICOLO
Gli interventi di manutenzione e la taratura del bruciatore devono essere effettuati esclusivamente da personale
abilitato ed autorizzato da ICI CALDAIE SpA, secondo quanto riportato nel presente manuale ed in conformit alle
norme e disposizioni di legge vigenti.
PERICOLO
togliere lalimentazione elettrica al bruciatore, agendo sullinterruttore generale dellimpianto;
PERICOLO
chiudere il rubinetto di intercettazione del combustibile
Frequenza della manutenzione
Limpianto di combustione va fatto controllare almeno una volta allanno da un incaricato della ICI CALDAIE SpA o da
altro tecnico specializzato.
Tubi flessibili
Verificare che non ci siano occlusioni o strozzature nei tubi di alimentazione del combustibile, nelle zone di
aspirazione aria e nei condotti di evacuazione dei prodotti della combustione.
Collegamenti elettrici
Verificare la corretta esecuzione dei collegamenti elettrici del bruciatore e della rampa gas.
Fughe di gas
Controllare che non vi siano fughe di gas nelle seguenti zone:
- sul condotto contatore-bruciatore
- sullaccoppiamento valvola-miscelatore
- sulla flangia di fissaggio bruciatore in corrispondenza della guarnizioni.
Testa di combustione
Visionare la testa di combustione e verificare che il tessuto sia integro, privo di forature o corrosioni estese e
profonde.
Controllare inoltre che non vi siano deformazioni dovute allalta temperatura.
Rampa gas
Verificare la taratura della valvola e la proporzionalit di funzionamento mediante lanalisi dei gas di scarico.
Controllare il tubo di compensazione valvola/collettore.

43

Gruppo elettrodi
In caso di verifica e/o sostituzione degli elettrodi verificare che gli elettrodi e la sonda non presentino accentuate
deformazioni e ossidazioni superficiali. Controllare che le distanze indicate in figura siano ancora rispettate,
eventualmente riportarle a misura.

Se necessario eliminare lossido superficiale sulla sonda mediante carta abrasiva.


Non ruotare lelettrodo, posizionarlo come indicato nella figura; se l'elettrodo posto vicino
alla sonda di ionizzazione, l'amplificatore dellapparecchiatura potrebbe essere danneggiato.
Combustione
Lasciare funzionare il bruciatore a pieno regime per circa dieci minuti, tarando correttamente tutti gli elementi
indicati nel presente manuale.
Quindi effettuare unanalisi della combustione verificando:
Percentuale di CO2 (%);
Contenuto di CO (ppm);
Contenuto NOx (ppm);
Corrente di ionizzazione (A);
Temperatura dei fumi al camino.
Regolare il bruciatore se i valori della combustione trovati all'inizio dell'intervento non soddisfano le Norme
vigenti o, comunque, non corrispondono ad una buona combustione.
Scrivere in una apposita scheda i nuovi valori della combustione, saranno utili per i successivi controlli.
ANOMALIE / RIMEDI
Si elencano alcune cause e i possibili rimedi a una serie di anomalie che potrebbero verificarsi e portare ad un
mancato o non regolare funzionamento del bruciatore. Unanomalia, nel funzionamento nella maggior parte dei
casi, porta allaccensione della segnalazione allinterno del pulsante di sblocco dellapparecchiatura di comando
e controllo.
Allaccendersi di questo segnale, il bruciatore potr funzionare nuovamente solo dopo aver premuto a fondo il
pulsante di sblocco; fatto ci, se avviene unaccensione regolare, si pu imputare larresto ad una anomalia
transitoria e non pericolosa. Al contrario, se il blocco persiste si dovr ricercare la causa dellanomalia e attuare i
rimedi illustrati nelle tabelle seguenti.
Anomalie di funzionamento

44

Difficolt di avviamento

Avvertenze di sicurezza
Al fine di garantire una combustione col minimo tasso di emissioni inquinanti, le dimensioni ed il tipo di camera
di combustione del generatore di calore, devono corrispondere a valori ben definiti.
pertanto consigliato consultare il Servizio Tecnico di Assistenza prima di scegliere questo tipo di bruciatore per
labbinamento con un generatore. Il personale abilitato quello avente i requisiti tecnico professionali indicati dalla
legge 5 marzo 1990 n 46.
Lorganizzazione commerciale dispone di una capillare rete di agenzie e servizi tecnici il cui personale partecipa
periodicamente a corsi di istruzione e aggiornamento presso il Centro di Formazione aziendale.
Questo bruciatore deve essere destinato solamente alluso per il quale stato espressamente realizzato.
esclusa qualsiasi responsabilit contrattuale ed extracontrattuale del costruttore per danni causati a persone,
animali o cose, da errori dinstallazione, di regolazione, di manutenzione e da usi impropri.

45

Regole fondamentali di sicurezza


- vietato luso dellapparecchio da parte di bambini o persone inesperte.
- assolutamente vietato tappare con stracci, carte od altro le griglie di aspirazione o di dissipazione e l'apertura di
aerazione del locale dov' installato l'apparecchio.
- vietato qualsiasi tentativo di riparazione dellapparecchio da parte di personale non autorizzato.
- pericoloso tirare o torcere i cavi elettrici.
- vietata qualsiasi operazione di pulizia prima di avere scollegato lapparecchio dalla rete di alimentazione elettrica.
- Non effettuare pulizie del bruciatore n di sue parti con sostanze facilmente infiammabili (es. benzina, alcool, ecc.).
La pulizia della mantellatura deve essere fatta solamente con acqua saponata.
- Non appoggiare oggetti sul bruciatore.
- Non tappare o ridurre dimensionalmente le aperture di aerazione del locale dov installato il generatore.
- Non lasciare contenitori e sostanze infiammabili nel locale dov installato lapparecchio.
Note sulla sicurezza per i collegamenti elettrici
- I collegamenti elettrici eseguiti in fabbrica non devono essere modificati
- Eventuali verifiche vanno eseguite in assenza di alimentazione elettrica.
- Il costruttore declina ogni responsabilit da modifiche o collegamenti diversi da quelli rappresentati negli schemi
elettrici.
- Non invertire il neutro con la fase nella linea di alimentazione elettrica. Leventuale inversione comporterebbe un
arresto in blocco per mancata accensione.
- La sicurezza elettrica dellapparecchio raggiunta soltanto quando lo stesso correttamente collegato ad un
efficace impianto di messa a terra, eseguito come previsto dalle norme vigenti. necessario verificare questo
fondamentale requisito di sicurezza. In caso di dubbio, far effettuare da personale abilitato un accurato controllo
dellimpianto elettrico.
- Limpianto elettrico deve essere adeguato alla potenza massima assorbita dallapparecchio, indicata in targa e nel
manuale, accertando in particolare che la sezione dei cavi sia idonea alla potenza assorbita dallapparecchio.

Legenda schema elettrico


A1
Apparecchiatura elettrica ESYS S4965V2208-HSI
FCS Controllo velocit girante
G
Convertitore di segnale 0-10 V / 4-20 mA
MV
Motore ventilatore
RS
Pulsante di sblocco remoto
SB
Segnalazione di sblocco
SO
Sonda ionizzazione
TA
Trasformatore di accensione
TB
Terra bruciatore
TL
Termostato/pressostato di limite
TS
Termostato/pressostato di sicurezza
T6A Fusibile alimentazione monofase
Y
Gruppo valvole
Y1
Valvola 1
Y2
Valvola 2
X1
Connettore 10 poli
X2
Connettore 6 poli
X3
Connettore 18 poli
XMB Morsettiera
XP7
Presa a 7 poli
XS7
Spina 7 poli

46

47

48

14 START UP WARNINGS
PRELIMINARY CHECKS
Before starting the boiler, check that:
- The rating plate specifications and power supply network (electricity, water, gas) specifications correspond;
- The burner power range is compatible with the power of the boiler;
- The boiler room also contains the instructions for the burner;
- The flue gas exhaust pipe is operating correctly;
- The air inlet supply is well dimensioned and free from any obstacle;
- The boiler door, the smoke box and the burner plate are closed in order to provide a complete flue gas seal;
- The system is full of water and that any air pockets have therefore been eliminated;
- The anti-freeze protections are operative;
- The water circulation pumps are operating correctly.
- The expansion vessel and the safety valve(s) have been connected correctly (with no interception) and are
properly operating.
- Check the electrical parts and thermostat operation.

WATER TREATMENT
If the boiler is to be installed in an existing system where there could be frequent losses from the system
or if the hardness of the water is greater than 10 F, it will be necessary to use a filter and a softener for
system water and control the pH above 8-9.
The most common phenomena that occur in heating systems are:
Scaling
Scale obstructs heat transfer between the combustion gases and the water, causing an abnormal increase in
the temperature of the metal and therefore reducing the life of the boiler.
Scale is found mostly at the points where the wall temperature is highest and the best remedy, at construction
level, is to eliminate areas that overheat.
Scale creates an insulating layer, which reduces the thermal transfer of the boiler, affecting system efficiency.
This means that the heat produced by burning the fuel is not fully transferred and is lost to the flue.
Scale diagram
Key
%
% fuel not used
mm mm scale
-

Corrosion on the water side


Corrosion of the metal surfaces of the
boiler on the water-side is due to the
passage of dissolved iron through its
ions (Fe+). In this process the presence
of
dissolved gases and in particular of
oxygen and carbon dioxide is very
important. Corrosion often occurs with
softened or de-mineralised water, which has a more aggressive effect on iron (acid water with Ph <7): in these
cases, although the system is protected from scaling, it is not protected against corrosion and the water must
be treated with corrosion inhibitors.

FILLING THE SYSTEM


The water must enter the system as slowly as possible and in a quantity proportional to the air bleeding capacity of
the components involved. In the case of a system with closed expansion vessel, water must be let in until the
pressure gauge indicator reaches the static pressure value, pre-set by the vessel. Heat the water to maximum
temperature. During this operation, the air contained in the water is released through the automatic air separators
or through manual bleed valves. The water released from the system with elimination of the air is made up by the
automatic or manual-filling valve.

49

15 OPERATION
This operation and all regulation, verification, periodic checks and maintenance op-erations
must be performed by professionally-qualified personnel.

OPERATION CHECKS
The heating system must be used suitably, ensuring on the one hand, optimum combustion with reduced emission
to the atmosphere of carbon monoxide, hydrocarbons and soot, and on the other avoiding all damage to persons
and property.
The pressurisation must remain within the limit values shown in the technical data table.
In caso di scarsa tenuta del fumo nella parte superiore della caldaia (portellone superiore), necessario
registrare i tiranti di chiusura .
Do not open the door while the burner is in operation. In all cases wait a few minutes after
stopping the burner for the insulation to cool.

TEMPORARY BOILER STOP


To stop the boiler temporarily, set the main switch on the control panel to OFF. The electrical parts will now be
free of power.

PROLONGED BOILER STOP


Close the gas valve that is fitted upstream of the boiler
During long stoppages in winter, and in order to avoid frost damage, freeing the heating system
is recommended. The adding of antifreeze liquids in proportion to the installation site is
recommended regardless.

PERIODICAL CHECKS
-

Check periodically that there is no air in the heating system


Periodically check the boiler pressure.

MAINTENANCE AND CLEANING


All maintenance and cleaning can only be carried out only after closing the fuel supply and switching off the
electrical supply.
As economic operation depends on the cleanliness of the heat exchanger surfaces and on burner adjustment, it is
recommended to:
- Have the burner settings checked by professionally qualified personnel;
- Analyse the system water and allow for adequate water treatment to avoid the formation of calcareous
incrustations that initially reduce boiler efficiency, and then lead to damage;
- Check that the cladding and the flue gas sealing gaskets are in good order and if not, replace;
- Periodically check the efficiency of the regulation and safety instruments on the system.

50

ICI CALDAIE SpA


Via G. Pascoli, 38
37059 Campagnola di Zevio VR
Telefono 045 8738511
Fax 045 8731148
Info@icicaldaie.com
www.icicaldaie.com
Partita Iva 00227490232
Rag. Soc. n. 6677
C.C.I.A.A. VR n. 69600
Appartenente al Gruppo Finluc
Iscritto R.I. VR 02245640236

DECLARATION OF CONFORMITY WITH


THE EUROPEAN COMMUNITY REGULATIONS
I undersigned Emanuela Lucchini, Managing Director of ICI CALDAIE S.p.A.,
headquarted in via G. Pascoli 38 37059 Campagnola di Zevio (VR) Italy
DECLARE THAT STEEL BOILERS

TBX
comply with the CE certificate and in accordance with the boards regulations:
-

Gas Directive 2009/142/CE


Low Voltage Directive 2006/95/CE
Efficiency Directive 92/42/CEE
EMC Directive 2004/108/CE
S. Maria di Zevio, li 17/01/2013

51

Member of Finluc Group, Bus. Registry VR No. 02245640236

Via G. Pascoli, 38 - Zevio - sect. Campagnola - VERONA - ITALY


Tel +39-045/8738511 - Fax +39-045/8731148
info@icicaldaie.com - www.icicaldaie.com
The data reported are only approximate and are not binding. Our company reserves the right to introduce alterations at any time, as it deems fit and
proper for the development of the product.

93120351-EN Ed. 1-09/13

1 - St. 10- 09/13