Sei sulla pagina 1di 19

NORMA DI PROVA

Pagina:

1 di 19

Data:

27/04/2004

BRUNACCI GIUSEPPE

P&PE - EMM

011 0033874

GESTORE:

MAURIZIO CRISTINA

P&PE - EMM

011 0030925

Edizione

Mod.

--

SUPERVISORE:

PGE

7-G2000

Classe

normazione

DETERMINAZIONE DELLA
RESISTENZA ALLA COMBUSTIONE DEI
MATERIALI NON METALLICI PER
PARTICOLARI INTERNO ABITACOLO
AUTOVEICOLI

Data

Descrizione della modifica

Mar. 96

Edizione 1 Nuova, redatta secondo procedura di Memoria Tecnica.


Annulla e sostituisce la Norma 50433.
(AN)

27/04/04

Edizione 2 Variato nominativo del Gestore (era Ajmar). Eliminato paragrafo


"Tempistica esecuzione prova".
(AN)

IN CASO DI STAMPA LA COPIA E' DA RITENERSI NON CONTROLLATA, PERTANTO, E' NECESSARIO VERIFICARE L'AGGIORNAMENTO NELL'APPOSITO SITO WEB

REALIZZAZIONE EDITORIALE A CURA DI SATIZ - NORMAZIONE

RISERVATO
IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTO N PORTATO A
CONOSCENZA DI TERZI SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELLA FIAT AUTO S.p.A.

Modifica

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Criteri di utilizzo della norma


La norma finalizzata alla determinazione della resistenza alla combustione dei materiali non metallici
impiegati allinterno dellabitacolo autoveicoli, concordemente alle prescrizioni delle norme internazionali Fed.
Std. 302 e ISO 3795.
La normativa internazionale si fonda sul principio secondo cui quanto maggiore la resistenza alla
combustione dei materiali impiegati, tanto minore il rischio che si sviluppi un incendio.
La valutazione dellinfiammabilit si basa sulla determinazione della velocit di combustione orizzontale di un
provino esposto allazione di una fiamma di modesta energia per un tempo determinato.
La velocit di combustione definita come il rapporto fra la distanza bruciata ed il tempo necessario alla
fiamma per percorrere tale distanza.
La norma si applica a materiali ed elementi di rivestimento interno vettura, individualmente od in
combinazione, fino ad uno spessore di 13 mm. Utilizzare campioni di spessore superiore ai 13 mm
costituisce sempre violazione.

Normativa richiamata nel testo


FMVSS 302

Federal Motor Vehicle Safety Standard 302.

UNI - ISO 3795

Veicoli stradali, trattrici, macchine agricole e forestali: Determinazione del comportamento


alla combustione dei materiali allinterno dei veicoli.

50451/01

Invecchiamento accelerato alla luce solare.

7-G0030

Metodo per la valutazione della significativit degli oggetti di prova.

00801

Valutazione del livello tecnologico degli oggetti di prova.

Pagina 2 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Strumentazione necessaria per la prova


Banco di prova per misura della velocit di combustione costituito dai seguenti componenti descritti in Help:

Camera di combustione [H1]

Portaprovetta [H1]

Bruciatore [H1]

Cappa di aspirazione fumi [H1]

Pettine [H1]

Cronometro

Nota: il cronometro deve consentire una precisione di misura di 0,5 s.

Data:

Violazione: NO [ ] SI [ ]

Nome Tecnico:

Firma:

Pagina 3 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Descrizione dell'oggetto di prova


RESISTENZA ALLA COMBUSTIONE DEI MATERIALI NON METALLICI
PER INTERNI
Laboratorio plastici:

[ ]

Laboratorio tessili:

[ ]

Laboratorio elastomeri:

[ ]

Ente richiedente:
Nominativo:
Tel.:

Dati descrittivi delloggetto


Veicolo Tipo:
Componente:
Disegno :
Fornitore:
Materiale:
Semplice: [H2]

[ ]

Composito: [H2]

[ ]

Tabella:
Isotropo: [H2]

[ ]

Anisotropo: [H2]

[ ]

Richiesta autoestinguenza (SI/NO):


Condizionamento provini (SI/NO):

PROVINI
Provino N.

Lunghezza (mm):

Larghezza (mm):

Spessore (mm):

Data:

Violazione: NO [ ] SI [ ]

Nome Tecnico:

Firma:

Numero strati:

Pagina 4 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Significativit dei componenti di prova


PESO COMPONENTI E LORO CARATTERISTICHE AL FINE DELLA
VALUTAZIONE DELLA SIGNIFICATIVIT DELLA PROVA.
Tipo di
Componente
Attivo

Valore % di
significativit
A

Peso
%B
100

Componente che
influisce sulla
significativit della prova
Provino

Caratteristiche
significative

Minimo
livello
tecnologico

Materiale, Tipologia
(Semplice o
composito),
Spessore, Adesione
tra i vari strati, Colore,
Trattamento
superficiale

La significativit dell'oggetto di prova la sommatoria dei valori di {A x B} % =

..................%:

NOTA: Per ogni componente valutare la % di significativit su tre gradini discreti (100, 50, 0) indicati dalla
Norma 7-G0030 riportandone i valori nella colonna A; per il livello tecnologico consultare la norma
00801 (classe TFO).

Data:

Violazione: NO [ ] SI [ ]

Nome Tecnico:

Firma:

Pagina 5 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Preparazione della prova


Controllo attrezzatura
Controllare il corretto funzionamento del bruciatore, della cappa d'aspirazione e
provvedere ad un'adeguata pulizia della camera di combustione e dei suoi accessori.

Addetto prova [ ]

Realizzazione dei provini


Ricavare, dai campioni in esame, almeno 5 provette piane di 100 mm di larghezza,
350 mm di lunghezza, con lo spessore del materiale di prova se 13 mm.

Addetto prova [ ]

Se lo spessore del campione supera i 13 mm, occorre ridurlo a tale valore


asportando meccanicamente del materiale dal lato opposto a quello della faccia
esposta.
Nel caso di provette che, data la configurazione dei campioni da cui sono ricavate,
non risultano perfettamente piane, particolare cura deve essere posta nel controllare
che in ogni punto lo spessore non sia 13 mm. [H2]

Tecnico [ ]

Qualora non sia possibile ricavare provette standard, a causa delle ridotte dimensioni
dei campioni, ammessa lesecuzione della prova su provini pi piccoli, purch di
lunghezza 150 mm e larghezza 60 mm.
Nel caso in cui non sia possibile rispettare neanche questa condizione, la prova deve
essere eseguita su provette standard 100 356 mm prodotte a parte con lo stesso
materiale dei campioni in esame.
Nota: limpiego di provini stampati a parte non previsto dallo Std. 302 e quindi deve essere preso in
considerazione solo in caso di necessit.
Materiali semplici e compositi
Nei campioni costituiti da pi strati differenti, che non risultano per vincolati fra di
loro in ogni punto di tutta la superficie di contatto (materiali semplici sovrapposti),
ciascuno strato deve essere preso in esame separatamente.
Nel caso di materiali compositi, la prova deve essere condotta sullinsieme
risultante, a meno di diversa richiesta sui capitolati dei particolari.
In entrambi i casi citati, sono da provare tutti i materiali compresi allinterno dello
spessore dei 13 mm a partire dalla faccia esposta.
In help 3 sono disponibili gli schemi esplicativi da seguire nel caso di materiali
stratificati. [H2] [H3]

Tecnico [ ]

Le provette ricavate da un materiale che presenta effetti direzionali tali da influenzare


il risultato di prova (anisotropo), devono essere tagliate in modo da essere
sottoposte alla prova orientate nelle condizioni pi critiche. [H2]

Tecnico [ ]

Condizionamento dei provini


Condizionare ogni provino, indipendentemente dal suo stato (nuovo di produzione,
invecchiato, ricavato dal materiale indefinito o da un particolare) per 24 h alla
temperatura di 23 1 C ed umidit relativa del 50%. [H2]

Addetto prova [ ]

Verificare che allinterno della camera di combustione si abbiano le seguenti


condizioni ambientali: temperatura 23 1 C; umidit relativa 50%. [H2]

Addetto prova [ ]

Data:

Violazione: NO [ ] SI [ ]

Nome Addetto prova:


Nome Tecnico:

Firma:

Pagina 6 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Esecuzione della Prova


Nel caso di materiali con superficie felpata o pelosa, posizionare i provini su di un
piano e pettinarli per due volte in senso contrario allandamento dei peli.

Addetto prova [ ]

Serrare ciascuna provetta fra i due telaietti ad U facendo in modo che il lato da
esporre alla fiamma sia a filo con la parte aperta dei telaietti e che la faccia esposta
sia rivolta verso il basso. [H2]

Addetto prova [ ]

Accendere il bruciatore e regolare la fiamma, tenendo chiuso lingresso dellaria, in


modo che raggiunga laltezza costante di 38 mm; lasciarla stabilizzare per 1 3 min.

Addetto prova [ ]

Introdurre il porta - provetta nellarmadietto in modo che il centro del bordo


dellestremit libera della provetta si trovi a 19 mm al di sopra del centro del becco
del bruciatore.

Addetto prova [ ]

Lasciare bruciare per 15 s, spegnendo subito dopo il bruciatore.

Addetto prova [ ]

Osservare landamento della combustione.


Iniziare il cronometraggio nel momento in cui la fiamma raggiunge il primo riferimento
(tacca o spinotto) posto a 38 mm dallestremit libera della provetta.
Se la fiamma si spegne prima di raggiungere il riferimento, il materiale dovr essere
classificato ininfiammabile od autoestinguente in base a quanto prescritto nel modulo
di elaborazione dati.

Addetto prova [ ]

Terminare il cronometraggio quando la fiamma raggiunge laltra tacca o laltro


spinotto posti a 254 mm dai primi; se la fiamma non raggiunge tale punto,
cronometrare la sua avanzata fino a quando essa si estingue.
Con una provetta di lunghezza < 356 mm deve essere cronometrato il tempo
impiegato dalla fiamma a percorrere tutta la sua lunghezza.

Addetto prova [ ]

Compilare il modulo di elaborazione dati eseguendo il calcolo della velocit di


combustione per ciascun provino, annotando eventuali osservazioni.

Tecnico [ ]

Data:

Violazione: NO [ ] SI [ ]

Nome Addetto prova:


Nome Tecnico:

Firma:

Pagina 7 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Elaborazione dati
CALCOLO DELLA VELOCIT DI COMBUSTIONE
Il calcolo della velocit di combustione per ciascun provino viene cos eseguito:
Vc = 60

S
T

Dove:
Vc = velocit di combustione in mm/min.
S = spazio percorso dalla fiamma in mm
T = tempo in secondi impiegato dalla fiamma a percorrere S

CLASSIFICAZIONE
In base allesito della prova, i materiali si classificano secondo le seguenti categorie:

Materiali conformi allo standard U.S.A. 302


Ininfiammabili
Autoestinguenti
Autoestinguenti con tempo di spegnimento prefissato
A lenta velocit di combustione

Materiali non conformi allo standard U.S.A. 302

[H4]
[H4]
[H4]
[H4]
[H4]

MODULO ELABORAZIONE DATI

RESISTENZA ALLA COMBUSTIONE DEI MATERIALI NON METALLICI


PER INTERNI
Laboratorio plastici:

[ ]

Laboratorio tessili:

[ ]

Laboratorio elastomeri:

[ ]

Ente richiedente:
Nominativo:
Tel.:

Pagina 8 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Dati descrittivi delloggetto


Veicolo Tipo:
Componente:
Disegno :
Fornitore:
Materiale:
Semplice: [H2]

[ ]

Composito: [H2]

[ ]

Tabella:
Isotropo: [H2]

[ ]

Anisotropo: [H2]

[ ]

Richiesta autoestinguenza (SI/NO):


Condizionamento provini (SI/NO):

Esito prove
Provino N.:

Spessore (mm):

Velocit di combustione
(mm/min):

Nota: considerare il valore pi sfavorevole.

Classificazione del materiale


Ininfiammabile

[ ]

Autoestinguente

[ ]

Autoestinguente con tempo di spegnimento prefissato

[ ]

A lenta velocit di combustione (< 100 mm / min.)

[ ]

Non conforme

[ ]

Data:

Violazione: NO [ ] SI [ ]

Nome Tecnico:

Firma:

Pagina 9 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Attivit per il ripristino dell'oggetto di prova/banco/veicolo


Smontare i provini ed archiviarli.

Addetto prova [ ]

Riporre il cronometro.

Addetto prova [ ]

Riordinare e ripulire lattrezzatura ed il banco di prova.

Addetto prova [ ]

Data fine disallestimento:

Violazione: NO [ ] SI [ ]

Nome Addetto prova:


Nome Tecnico:

Firma:

Pagina 10 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

HELP 1
DESCRIZIONE DEI COMPONENTI DEL BANCO DI MISURA
DELLA VELOCIT DI COMBUSTIONE
CAMERA DI COMBUSTIONE
La camera di combustione (Vedi fig. 1) consiste in un armadietto, preferibilmente dacciaio inossidabile,
avente le dimensioni indicate in fig. 2.
La parte anteriore dotata di una finestra di osservazione che pu comprendere tutta la superficie e pu
essere utilizzata come sportello di accesso.
Il fondo della camera munito di fori di ventilazione, sulla parte superiore sono presenti delle fessure
d'aerazione. Sulle pareti laterali sono praticate due aperture, una su un lato per lintroduzione del supporto dei
provini e laltra, sul lato opposto, per il passaggio del tubo darrivo del gas e laccensione del bruciatore. Il
materiale eventualmente fuso raccolto da una vaschetta, sistemata sul fondo della camera in modo da non
occludere i fori di ventilazione (Vedi fig. 3).
Quattro piedini alti 10 mm tengono sollevato il fondo dellarmadietto dal piano dappoggio.

figura 1

Pagina 11 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

figura 2 - camera di combustione

figura 3 - vaschetta di raccolta materiale fuso

Pagina 12 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

SUPPORTO PORTA PROVETTA


Il supporto composto da due telai di metallo ad U, resistenti alla corrosione ed al calore ed aventi le
dimensioni riportate in fig. 4.
Il telaio inferiore dotato di fili di 0,25 mm di diametro, realizzati in materiale resistente al calore, di una
eventuale impugnatura, e di un pannello che, quando il supporto risulta completamente introdotto della
camera di combustione, ne chiude lapposita apertura. Il telaietto inferiore dotato di spinotti, in
corrispondenza dei quali, sul telaio superiore, sono praticati dei fori in modo da consentire un perfetto
accoppiamento tra i due telaietti e quindi un fissaggio pi sicuro delle provette; gli spinotti fungono anche
come riferimento per stabilire, agli effetti della prova, linizio e la fine del percorso della fiamma.

figura 4 - supporto portaprovette

BRUCIATORE
Il bruciatore da utilizzare deve essere del tipo Bunsen con il diametro interno di 9,5 mm.
3
Il gas deve avere un potere calorifico di 38 MJ/m (es. : quello del gas naturale).
Il bruciatore deve essere sistemato nella camera di combustione in modo che il centro del getto si trovi a 19
mm al di sotto del centro del bordo inferiore del lato aperto del provino. (Vedi fig. 2)

CAPPA DI ASPIRAZIONE
La camera di combustione deve essere collocata allinterno di una cappa chiusa su tutti e quattro i lati e
provvista di un aspiratore con velocit di aspirazione dellaria, misurata a 100 mm a monte ed a valle della
zona occupata dal supporto porta - provini, pari a 0,10 0,30 m/s.
La cappa deve avere un volume interno uguale a 20 110 volte quello della camera di combustione.

PETTINE
Il pettine da utilizzare deve essere metallico, lungo almeno 110 mm ed avere sette od otto denti a punta
arrotondata ogni 25 mm.

Pagina 13 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

HELP 2
DEFINIZIONI SUI MATERIALI DI PROVA
Si definisce faccia esposta di un provino la superficie del materiale a diretto contatto con labitacolo della
vettura.
Si considera materiale semplice quello costituito da un unico strato macroscopicamente omogeneo nello
spessore. Sono quindi da considerare materiali semplici anche i tessuti o i compositi plastici (es. Woodstock
non rivestito).
Se il materiale oggetto della prova costituito da differenti strati che siano facilmente separabili tra loro,
questi ultimi si trattano come materiali semplici sovrapposti e quindi devono essere provati
separatamente.
Si definisce materiale composito quello costituito da pi strati di materiali, uniti in ogni punto della superficie
di contatto mediante cementazione, incollaggio, avvolgimento, saldatura ecc.
Quando lassemblaggio presenta delle discontinuit (per esempio cuciture, punti di saldatura, rivettature,
ecc.) che permettono il prelevamento di campioni singoli, il materiale non pu essere considerato composito
ma come sovrapposizione di materiali semplici.
Un materiale isotropo presenta le medesime propriet fisico - meccaniche indipendentemente
dallorientamento secondo cui esse sono rilevate.
Un materiale anisotropo ha una struttura orientata secondo direzioni preferenziali che ne condizionano le
propriet fisiche (es. tessuti trama - ordito, laminati ecc.). Nel caso di un materiale in cui le velocit di
propagazione di fiamma siano differenti a seconda della direzione esaminata, la provetta deve essere
ricavata in modo da rilevare la massima velocit di combustione.
La presenza di effetti direzionali agli effetti della velocit di combustione viene rilevata per mezzo di prove
preliminari.

INVECCHIAMENTO AGLI AGENTI ATMOSFERICI DEI MATERIALI DI PROVA


Alcuni materiali, a causa dellambiente con cui vengono a contatto, invecchiando, tendono ad aumentare la
loro velocit di combustione; sulle specifiche norme, salvo altrimenti specificato, pu essere prescritta una
velocit di combustione sul materiale condizionato a:

invecchiato dopo 100 h di Fade - Ometer (resistenza alla luce) secondo norma 50451/01

invecchiato dopo 100 h in forno a 80 2 C

invecchiato in CTUS (Cella termo umido statica) 100 h a 40 C e 80 % U.R.

Pagina 14 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

HELP 3
ESEMPI DI PRELIEVO DI PROVINI DA MATERIALI SOVRAPPOSTI O COMPOSITI

<13

P S

S
13

<13

13

<13

Materiali semplici sovrapposti (strati separabili)

A>13 mm
A<13 mm; B> 13 mm
Si controlla solo il materiale A, Si controllano separatamente
prelevando un provino spesso 13 due strati, prelevando per
mm
materiale A un provino con
proprio spessore e per il B uno
13 mm

A<13 mm; B< 13 mm


i Si
controllano
i
due
strati
il separatamente, ognuno con il
il proprio spessore
di

A
B
C

13

13

Materiali compositi (strati non separabili)

A>13 mm
A<13 mm con A B> 13 mm
Del composito A B C si controlla solo il materiale A, Del composito A B C si controllano unitamente i soli
prelevando un provino spesso 13 mm
strati A e B, prelevando un unico provino spesso 13
mm

Pagina 15 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

13

<13

13

<13

Materiali semplici sovrapposti a materiali compositi

C
A<13 mm; del composito B C, B > 13 mm
Si controllano solo i due strati A e B separatamente,
prelevando per il materiale A un provino con il proprio
spessore e, del composito B C, un provino del solo
materiale B di 13 mm di spessore

A<13 mm; del composito B C, B < 13 mm


Si controllano i tre strati, prelevando un provino del
materiale A con il proprio spessore ed un altro di 13
mm di spessore del composito B C.

13

<13

A
B

A
B
C

13

<13

Materiali compositi sovrapposti

D
D
Composito A B <13 mm; composito C D, con C > 13
mm
Si controllano tre strati prelevando un unico provino
dal composito A B con il proprio spessore ed un altro
dal solo materiale C, dal composito C D, con
spessore di 13 mm

Composito A B <13 mm; composito C D, con C < 13


mm
Si controllano i quattro strati, prelevando un unico
provino dal composito A B con il proprio spessore ed
un altro dal composito C D, con spessore di 13 mm

Dove:
S = spessore dei provini in mm
P = profondit di 13 mm da considerare a partire dallo spazio libero dellabitacolo dei veicoli per individuare
gli strati dei materiali

Pagina 16 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

HELP 4
CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI
Ininfiammabile
Il materiale brucia solo nella zona lambita dalla fiamma dinnesco e, allo spegnimento della stessa, non sia
ha proseguimento della combustione.
Parte incenerita
dalla fiamma

Punto
d'innesco
fiamma

Prima tacca di riferimento e


punto d'inizio cronometraggio

Seconda tacca di riferimento

figura 5 - Schema di riferimentoper materiale ininfiammabile

Autoestinguente
Allo spegnimento della fiamma dinnesco, la combustione procede ma si propaga solo nella zona adiacente a
quella lambita dalla fiamma, cio non raggiunge il primo riferimento di misura posto a 38 mm dallestremit
del provino.
38

Punto
d'innesco
fiamma

Prima tacca di riferimento e


punto d'inizio cronometraggio

Seconda tacca di riferimento

Area di spegnimento della


fiamma per materiale
autoestinguente

figura 6 - Schema di riferimento per materiale autoestinguente

Pagina 17 di 19

Norma N: 7-G2000
Componente Tipo:
Fornitore

Livello Tecnologico: A[ ] - B[ ] - C[ ] - D[ ] - E[ ]
Numero Disegno :
Data Ultima Modifica:

Autoestinguente con tempo di spegnimento prefissato


La fiamma supera la tacca di riferimento, ma la combustione cessa entro i 60 s dallinizio della misura ed il
tratto percorso inferiore ai 50 mm.
In questo modo si escludono dallo standard U.S.A. 302 tutti i materiali che bruciano con una fiammata.
50

Punto
d'innesco
fiamma

Prima tacca di riferimento e


punto d'inizio cronometraggio

Seconda tacca di riferimento

Area di spegnimento della


fiamma per materiale
autoestinguente con tempo di
spegnimento prefissato < 60 s

figura 7 - Schema di riferimento per materiale autoestinguente con tempo di spegnimento prefissato

A lenta velocit di combustione


Il materiale brucia con una velocit Vc < 100 mm/min.

Punto
d'innesco
fiamma

Prima tacca di riferimento e


punto d'inizio cronometraggio

Seconda tacca di riferimento


e punto di fine cronometraggio

Area di cronometraggio per


materiale a lenta velocit di
combustione

figura 8 - Schema di riferimento per materiale a lenta velocit di combustione

Non conforme allo standard U.S.A. 302


Il materiale brucia con una velocit Vc > 100 mm/min.

Pagina 18 di 19

Esempio di trasmissione dati di prova


* TRASMISSIONE DATI DI PROVA *
D. A. P. I.
LABORATORI CENTRALI

R. S. V.
R. P. A.
T.L.

N. P1910
Rif.to
Commessa:
Data prova : da

Data

n.int.
Violazione
a

NO [

SI [

CARROZZERIA
FINIZIONI INTERNE

7-G2000
ABS:
PBS:
DETERMINAZIONE DELLA RESISTENZA ALLA COMBUSTIONE DEI MATERIALI
NON METALLICI PER PARTICOLARI INTERNO ABITACOLO AUTOVEICOLI
MUL./PROT./PRESERIE/SERIE/ALTRO
SK. N:
VEICOLO TIPO:
N DIS.:
DUM:
COMPONENTE:
FORNITORE:
NORMA :
TITOLO NORMA:

Esito prova:

POSITIVO/NEGATIVO/INDAGINE CONOSCITIVA

Significativit oggetto di prova:

Considerazioni/osservazioni:

Firma Tecnico:

Firma T.L./Resp.:

All. mod.:

N pag.:

per: