Sei sulla pagina 1di 10

Edizione Novembre

La Nuova Ebe
Giornale d’informazione Indipendente e autonomo.

Ponte sullo Stretto:


PPM: opportunità e/o minaccia?
Berlusconi: a dicembre la prima pietra. L’opinione pubblica è in fermento
il caso PRO CONTRO
Di Domenico Zappia Di Domenico Solano Di Antonio Luca Riso
La costruzione del So li t ame nt e ne ll e
Sono passati ormai due Ponte sullo Stretto è discussioni che
mesi dall’apertura delle divenuta oggetto di una r i g u a r d a n o
scuole e ancora i disagi odiosa strumentaliz- l’opportunità o meno di
zazione politica, ormai realizzare il ponte di
dei pendolari, causati
degenerata in una Messina si assiste allo
dalle navette, non
co nt r appo siz io ne scontro tra convinzioni
sembrano essersi
pregiudiziale tra due granitiche che non
affievoliti più di tanto. ammettono punti di
fazioni.
Ogni giorno, infatti, i Segue a pag 6 e 7 incontro.
ragazzi che non Segue a pag 9
risiedono nel comune
di Palmi prendono i
mezzi della Ppm,
venendo portati dalle
Le scuole palmesi sotto shock
scuole, site in centro, Vandalismo e pestaggi davanti e dentro gli istituti superiori
all’apposito terminal. Di Irene Costantino
In questo modo a non
Gli istituti superiori palmesi sono stati teatro degli stessi: l’IIS Corrado Alvaro è stato
circolare sono i bus di vergognosi eventi, non sempre ripetutamente allagato, mentre l’IIS Nicola
degli altri privati. Fin adeguatamente condannati dalle istituzioni. Pizi è stato cosparso da acido muriatico e
qui la cosa potrebbe L’IIS Corrado Alvaro e l’IIS Nicola Pizi “decorato” con “artistici” disegni osceni ed
apparire normale. hanno subito una duplice intollerabile offesa. “epigrammi” grotteschi.
Segue a pag 3 Da una parte sono state molestate le strutture Segue a pag 5

Strasburgo dice no al Elezioni Seminaresi


Di Dario Costantino
Di Teresa Surace crocefisso Ho sempre guardato alle elezioni
comunali come a qualcosa di diverso, più
Strasburgo dice No al crocifisso nelle Lautsi cittadina italiana di origini intimo rispetto alle elezioni politiche, o le
aule, è di circa due settimane fa la finlandesi ader ent e all’'Uaar varie regionali ed europee. Le elezioni
notizia che divide attualmente lo (Unione atei e agnostici razionalisti), dei comuni si ricoprono di quel fascino
stivale in due parti distinte e separate. che già nel 2002 aveva presentato particolare da cui ti ritrovi
La Corte europea dei diritti dell'uomo istanza all’istituto “Vittorino De impotentemente catturato a partire dalle
ha stabilito che la presenza dei Feltre” con l’esplicita richiesta di presentazioni delle liste per arrivare ai
Crocifissi nelle aule è una violazione eliminare i Crocifissi dalle aule della comizi di piazza.
della libertà di religione degli alunni. scuola frequentata peraltro dai figli. Segue a pag 4
La questione è stata sollevata da Soile Segue a pag 8
Pagina 2 La Nuova Ebe

Mille i muri Berlino da abbattere


Mentre 20 anni fa crollava il muro che divideva Oriente ed Occidente, oggi si frappongono altri limiti insuperati

Il Muro di Berlino (in tedesco: Berliner Principe”, paragona l’uomo ad un che faticano a mantenere e sono
Mauer), il cui nome ufficiale era fulmine. Sì, ad un fenomeno naturale assai uniti tra loro. Dicono che
Barriera di protezione antifascista (in perfettamente conoscibile e, per siano dediti al furto e, se
tedesco: antifaschistischer Schutzwall, quanti ne facciano oggetto di studio, ostacolati, violenti. Le nostre
termine coniato nel 1961 da Horst uguale nel corso dei secoli. Secondo donne li evitano non solo perché
Sindermann), era una barriera in lo scrittore gli errori dell’uomo si poco attraenti e selvatici ma
cemento alta circa tre metri che ripetono nella storia dal momento perché si è diffusa la voce di alcuni
separava Berlino Est, capitale della che, per superbia o per manie di stupri consumati dopo agguati in
Repubblica Democratica Tedesca protagonismo, i più grandi leader di strade periferiche quando le donne
(Germania Est), da Berlino Ovest, tutto il mondo perdono il contatto con tornano dal lavoro..." (Relazione
exclave della Repubblica Federale di quella che molti considerano con dell'Ispettorato per l'Immigrazione
Germania (Germania Ovest), reverenza, ”la maestra di vita” del Congresso americano sugli
circondata dal territorio della facendo tutt’altro che imparare dal immigrati italiani). Quanto scritto
Repubblica Democratica Tedesca. È passato che però ha sempre molto da sopra, risale ad un esposto di una
considerato il simbolo della Cortina di insegnarci. donna statunitense e riguarda
ferro, linea di confine europea tra la proprio i nostri antenati, i
zona d'influenza statunitense e quella famigerati “ZII D’A MERICA” coloro
sovietica durante la guerra fredda. Il 9 che dovettero abbandonare la loro
novembre 1989, dopo diverse vita e talvolta la loro dignità, per
settimane di disordini pubblici, il lottare credendo in un avvenire
Governo della Germania Est annunciò migliore per i loro figli. Viene
che le visite in Germania e Berlino spontaneo il paragone con i
Ovest sarebbero state permesse. Dopo commenti e le opinioni pubbliche
questo annuncio una moltitudine di che ogni giorno offendono e
cittadini dell'Est si arrampicò sul muro denigrano gli extra comunitari che
e lo superò, per raggiungere gli come fecero gli italiani nel vicino
abitanti della Germania Ovest.. 900 scappano dalla fame e dalla
Dall'altro lato in un'atmosfera festosa: miseria. Non spetta a noi decidere
la caduta del muro di Berlino aprì la per le loro vite, non spetta a noi
strada per la riunificazione tedesca, decidere per la loro storia:
che fu formalmente conclusa il 3 rispettiamo dunque i flussi
ottobre 1990. Una barriera che, negli migratori che esistono fin dalla
anni immediatamente successivi alla notte dei tempi e applichiamo il
fine delle ostilità della guerra fredda, modello del 9 novembre alla
aveva come unico fine ideologico “Generalmente sono di piccola statura società odierna! Non avere paura
quello di separare la Germania dell’ est e di pelle scura. del diverso, rispettalo in quanto
da quella dell’ ovest, tenere lontano il Non amano l'acqua, molti di loro essere umano e giudicalo in
diverso. Proporre l’esempio del muro di puzzano perché tengono lo stesso quanto tale! Dimostriamo con la
Berlino al sistema odierno dovrebbe vestito per settimane. Si costruiscono tempra e il carattere che ci
esaltare tutti noi cittadini del 21esimo baracche di legno e di alluminio nelle contraddistinguono, e che
secolo ad abbandonare la fobia verso il periferie delle città dove vivono, vicini permisero ai nostri antenati di
diverso, e anzi, lottare non per fare gli uni agli altri. Quando riescono ad riacquistare l’orgoglio e la dignità
abbattere (agli altri) le barriere avvicinarsi al centro affittano a caro in quanto lavoratori, dando anche
ideologiche e i pregiudizi. Ma prezzo appartamenti fatiscenti. Si agli immigrati la possibilità di farlo,
cominciando nel nostro piccolo a presentano di solito in due e cercano imparando dunque dalla nostra
domandarci se, per esempio, i 7458 una stanza uso cucina. Dopo pochi stessa storia del secolo scorso.
km di costa dello stato italiano siano giorni diventano quattro, sei, dieci. Abbattiamo i nostri muri costruiti
poi così diversi dal muro di Berlino nei Tra di loro parlano lingue per noi con il pregiudizio e l’odio razziale.
confronti della gente che noi, popolo incomprensibili, probabilmente antichi Antonio solano
italiano, riteniamo diversa e che , con dialetti. Molti bambini vengono
la sola autorità conferitaci da utilizzati per chiedere l'elemosina, ma
un’immensa superbia, rispediamo in sovente, davanti alle chiese, donne
patria. Il più grande maestro della vestite di scuro e uomini quasi sempre
politica di tutti i tempi , Niccolò anziani invocano pietà con toni
Machiavelli, nella sua opera “Il lamentosi e petulanti. Fanno molti figli
Edizione Ottobre pt. 1 Pagina 3

PPM, il caso
Infuria ancora la vicenda tra comune e studenti
Sono passati ormai due mesi dall’apertura mezz’ora di ritardo, o anche più. È successo perde il treno e si arrabbia. È successo che noi
delle scuole e ancora i disagi dei pendolari, che quando ho la fortuna di trovare un studenti non vogliamo più accettare ciò che
causati dalle navette, non sembrano essersi passaggio per la mia città, vedo studenti accade.. È successo che Palmi deve prendere
affievoliti più di tanto. Ogni giorno, infatti, raggiungere il terminal (un paio di in considerazione il fatto che potrebbe perdere
i ragazzi che non risiedono nel comune di chilometri fuori Palmi) a piedi. È successo il numero degli studenti iscritti. È giusto
Palmi prendono i mezzi della Ppm, che sempre più persone non approvano la salvare un’azienda, ma non è nobile se lo si fa
venendo portati dalle scuole, site in centro, situazione persistente. È successo che delle a discapito di qualcun altro. È successo che il
all’apposito terminal. In questo modo a non corse palmesi “stranamente” saltano e 17 novembre ci sarà un altro corteo, mosso
circolare sono i bus degli altri privati. Fin sempre stranamente negli orari di punta, anche per questo. Faremo sentire la voce dei
qui la cosa potrebbe apparire normale. quando si devono andare a prendere i figli a giovani.
Tuttavia le navette dell’azienda, la cui “m” scuola. È successo che qualcuno per questo Domenico Zappia
sta per multiservizi, creano parecchi disagi
ai pendolari. Infatti i mezzi messi a
disposizione, oltre ad essere di dubbia
sicurezza, sono anche pochi. Parlando di
numeri, possono raccogliere all’incirca
Cetraro: caso chiuso
300, al massimo 400 pendolari, che a Palmi
sono più di 1400. Parlando di disagi, per
manifestare contro l’ordinanza sindacale si
nonostante i dubbi
sono mobilitati 600 studenti, che si sono
riversati in strada e in piazza e piantonati di
Ennesimo scandalo archiviato dalla procura , quale sarà il prossimo?
fronte al comune per ottenere risposte che
tardano ad arrivare. Infatti il sindaco, Ennio (Roma,29 ottobre) L’ assemblea presso Quel che ancora oggi indispone gli stessi
Gaudio, nonostante abbia rivelato che la corte nazionale antimafia, presieduta cittadini sono i primi dubbi riguardanti il
l’ordinanza è stata emanata sopratutto per dal ministro dell’ambiente Stefania presunto piroscafo affondato nel 1916, ossia
salvare la ppm dal fallimento (ricordiamo, Prestigiacomo, rivela il responso delle le differenze di grandezza presunte dello
quindi, di aver ascoltato il discorso di un analisi e degli accertamenti riguardante il stesso relitto in questione. Grandezze
signore, riguardo le sue doti di “ caso della cosiddetta nave dei veleni, contrastanti dalle descrizioni del modello
businessman”e come ci sia apparso un ritrovata al largo delle coste di Cetraro, effettivo della nave sopracitata (Cunsky, ndr)
tentativo di presa in giro non riuscito) in Calabria . Secondo i rilievi quella con quella ritrovata sul fondale marino.
mantiene le sue posizioni. Inoltre il Dubbi e incertezze scaturite dalle obiezioni
riemersa non sarebbe una nave
consiglio comunale non ha voluto ascoltare del procuratore Giuseppe Borrelli, in merito
i nostri interventi, nonostante le continue inquinante bensì il relitto di un vecchio
piroscafo, Catania, costruito nel 1906 e alla stiva controllata in precedenze dal pilota
richieste. La maggioranza della giunta ha del Rov secondo il quale sarebbe piena;
approvato una mozione nella quale afferma affondato durante la prima guerra
vuota, invece, per il procuratore. Perché il
di voler convocare un tavolo di mondiale nei pressi della costa calabrese.
pentito di mafia avrebbe inventato l’intera
negoziazione con le parti, ma nessuno ci ha Secondo il procuratore antimafia Piero
vicenda? Per rischiare ancor più la sua vita da
convocato. Noi aspettiamo. Attendendo Grasso sono assolutamente da escludere “traditore” o solo perché, da egocentrico
però, vogliamo mettere in evidenza ciò che le ipotesi che il mare di Cetraro sia
è accaduto e che accade. È successo che
narcisista, gode nello stare al centro
contaminato, il che dovrebbe rendere la dell’attenzione? La situazione è drammatica
abbiamo avuto più volte dei faccia a faccia popolazione calabrese più tranquilla per
con chi di dovere e ottenuto solo false non solo a Cetraro, ma in più zone della
quanto riguarda la sicurezza delle nostre nostra ormai compianta regione dove la
promesse. È successo che i vigili urbani del
coste . Altri accertamenti dichiarano che mobilitazione delle più alte cariche dello
comune di Palmi hanno multato le navette
perché trasportavano persone oltre i la stiva al momento del ritrovamento del stato è scarsa o quasi assente, e le campagne
parametri consentiti dalla legge (ricordiamo relitto era completamente vuota , e ciò sono cimiteri aperti per le più svariate scorie
che la capienza di una navetta è all’incirca rende inattendibili le parole del pentito di radioattive. La popolazione sente gravare
la metà di quella di un autobus di linea). È mafia Fonti, il quale dichiarava che la enormemente sulle proprie spalle questa
successo che queste navette intasano il nave trovata nei fondali Cetraresi assenza e percepisce sempre più la
traffico non meno di come succedeva con i corrispondeva alla Cunsky, fatta contaminazione pesante e ingombrante della
normali bus. È successo che proposte che affondare dalla mafia qualche anno mafia. Secondo la procura il caso è
migliorano la viabilità non sono state messe prima per evitare di smaltire i fusti sostanzialmente chiuso, ma non ci sarà caso
in pratica. È successo che non si sa se ci radioattivi al suo interno, operazione chiuso finché la mafia non cesserà di esistere
sono i fondi per acquistare mezzi che troppo costosa per i malavitosi. Durante e inquinare. Il responso ufficiale dichiara la
rispettino la dignità della persona che ci vicenda di Cetraro una fatto ormai archiviato,
l’assemblea il ministro dell’ambiente ha
sale. È successo che molte volte noi quindi aspettiamo, ansiosi , un nuovo
pendolari rimaniamo a piedi perché le inoltre aggiunto <<Situazioni come
questa vanno seguite con prudenza, scandalo per sentirci ancora fieri di essere
navette partono troppo presto, di italiani e calabresi. Spero che l’ironia
conseguenza aspettiamo che ritornino e sindaci e assessori hanno lavorato con
ostilità verso il governo, ora è giusto colpisca più della cupezza
rischiamo di rimanere al terminal. È
rassicurare il popolo calabrese>>. Andrea Patamia
successo che torniamo a casa anche con
Pagina 4 La Nuova Ebe
“La speramza”

Seminara: il momento dell’orgoglio


L’ex comune sciolto per mafia si accinge, il 29 novembre, a dare una prova di maturità e senso dello stato

Ho sempre guardato alle elezioni loro esigenze che puntuali rasentano culturale, ‘ndrangheta, ma soprattutto
comunali come a qualcosa di diverso, più l’impossibilità e la grigia monotonia assenza, diffidenza, sconforto totale dei
intimo rispetto alle cittadini. Il prossimo Sindaco di
elezioni politiche, o le Seminara dovrà avere la capacità di
varie regionali ed impersonare la figura che Bastian è
europee. Le elezioni dei per il racconto. Avrà il compito più
comuni si ricoprono di difficile da ottemperare: riportare la
quel fascino particolare fantasia. L’effervescenza fra la gente e
da cui ti ritrovi il sorriso fra i bambini. Il Primo
impotentemente Cittadino dovrà adoperarsi affinché le
catturato a partire dalle persone facciano quadrato, creino una
presentazioni delle liste solidarietà sociale fondamentale per la
per arrivare ai comizi di resurrezione. Come una fenice o quasi,
piazza. Ti avvicini ai Seminara dovrà scrollarsi di dosso
manifesti elettorali e tutta la cenere accumulata e con un
leggi nomi di persone battito di ali prendere il volo per
di cui hai ben presente ricominciare a essere padrona di sé
viso e corpo, pensiero e stessa e maturare, fino al punto di
ideali. Sì è vero, il essere capace di strappare con i denti
paese sotto un certo punto di vista si quotidiana. Si stanno gettando le basi l’autonomia che da tempo ha perduto a
divide, ma è particolare la capacità fondamentali affinché sia possibile dare il scapito dei cittadini, che lentamente
romantica con cui avviene questa via ad un percorso importante, abbandonano le case e la piazza. Sono
contrapposizione. Devo ammettere, però, fon dam en ta l e e n ecessar i o a ll a convinto che le carte in tavola sono
di avere una particolare debolezza nei sopravvivenza cittadina. Riscattarsi da un vincenti, che i tempi per l’apertura di un
confronti di un piccolo paesino recente passato per scommettere su un nuovo capitolo, di una nuova storia sono
preaspomontano che quando si accinge ad lontano futuro, queste le carte fondamentali maturi e pronti. Seminara si accinge a
andare incontro a eventi importanti cattura per una valorizzazione della nostra terra. crescere, compirà la maturità e per le
la mia totale attenzione. Quel paesino è Ogni tanto mi capita di pensare strade, di notte, sotto i lampioni e nei
Seminara, il legame familiare viaggia di curiosamente ad un film e di ricollegare la vicoli si respira un’aria di svolta.
pari passo con quello affettivo. Ha sua trama con la realtà seminarese. Il film è Dario Costantino
sofferto molto quel comune, e forse per “La storia infinita” dell’84 diretto da
questo serbo un particolare sentimento di Wolfgang Petersen. Nella pellicola abbiamo
tenerezza e amicizia nei suoi confronti. Bastian che legge un racconto particolare,
Sono stati due anni difficili. Abbiamo tutti originale. In un mondo fantastico avanza un
sopportato l’indignazione e la vergogna male inarrestabile, assoluto e canceroso: Il
del commissariamento per infiltrazioni Nulla. Atreyu e l’imperatrice lottano allo
mafiose, quasi come fosse passato un stremo per sconfiggere il dilagare di
treno, il solito, e ci avesse investito in quest’onda nera, instancabile divoratrice di
piena fronte. Abbiamo parlato di ultima sogni e sentimenti. Il mondo che vanno a
spiaggia, di un punto di non ritorno. Gli difendere è infinito, costruito sui sogni degli
anni passati sotto il commissariamento esseri umani, ma quest’ultimi hanno perso
hanno trasportato il paese verso diffidenza la capacità di sognare, non hanno più ideali,
delle istituzioni, la loro credibilità ha sono soggiogati alla volontà dei potenti.
subito un duro colpo e la ripartenza è Bastian intento nella lettura però si rivela la
difficile, lontana e sfiancante. Ma molti soluzione, la cura, con la sua fantasia ridarà
seminaresi sono ancora lì, e a qualcuno linfa al mondo di fantàsia e riporterà
brilla la luce della speranza e la speranza in un mondo fantastico
cocciutaggine di una giovinezza che tarda trasformandosi da semplice lettore e
a scomparire. Non si parla di ‘ndrangheta, protagonista del racconto del libro. So di
del vecchio sindaco Marafioti o della aver suscitato qualche sorriso, ma
cosca Gioffrè. Per eliminarli, per voltare consiglierei ai candidati di rivedere il film.
pagina e valorizzare il pese i protagonisti Il mondo di Fantàsia, in questo caso
di ogni discorso e pensiero devono essere Seminara, ha subito il dilagare reale del
ancora e unicamente i seminaresi, con le Nulla. Spopolamento, decentralizzazione

Mandateci le vostre
impressioni e i vostri dubbi Lanuovaebe@gmail.com
Pagina 5 La Nuova Ebe
EPISODI DI VANDALISMO E PESTAGGI DAVANTI E DENTRO
LE SCUOLE PALMESI
Contro le risse e la deturpazione delle strutture pubbliche il ruolo dello Stato e della Coscienza individuale

Gli istituti superiori palmesi sono stati lo studente di scappare (ha ricevuto un L’unico spiraglio di buon senso è
teatro di vergognosi eventi, non sempre ceffone/pugno in faccia mentre portava pervenuto da un’iniziativa di Mimmo
adeguatamente condannati dalle gli occhiali). All’entrata dell’IIS Nicola Solano, rappresentante dei genitori
istituzioni. L’IIS Corrado Alvaro e l’IIS Pizi, invece, giorno 17 ottobre un gruppo presso l’IIS Corrado Alvaro:
Nicola Pizi hanno subito una duplice di ragazzi, pare di Seminara, hanno un’Assemblea d’Istituto aperta, tenutasi
intollerabile offesa. Da una parte sono picchiato un tranquillissimo ragazzo di il 29 Ottobre 2009, intesa come momento
state molestate le strutture degli stessi: Gioia Tauro, Francesco Modaffari, che è di riflessione e confronto circa le vicende
l’IIS Corrado Alvaro è stato stato costretto alla fuga. Il tutto è che hanno interessato gli istituti palmesi.
ripetutamente allagato, mentre l’IIS avvenuto mentre lo spiazzale della scuola All’evento, partecipato prevalentemente
Nicola Pizi è stato cosparso da acido era rigorosamente pullulante di ragazzi da studenti dell’IIS Corrado Alvaro e dai
muriatico e “decorato” con “artistici” che hanno assistito, disgustati ma docenti dello stesso, hanno preso parte
disegni osceni ed “epigrammi” impotenti, alla scena. I pestaggi sono stati diversi assessori comunali e il
grotteschi. È ovvio che chi ha atti animaleschi e hanno a priori spogliato vicesindaco, nonché alcuni ragazzi
commesso questi atti di vandalismo di dignità chi li ha commessi. Ma anche dell’IIS Nicola Pizi, per mostrare la
debba avere una consapevolezza scarsa noi, e soprattutto noi, riceviamo quelle necessità e la volontà di percorrere un
delle proprie azioni e una moralità botte centuplicate nella gravità della cammino comune verso la risoluzione
dubbia o, quantomeno, fondata su nostra colpa. Senza prenderci in giro, delle problematiche di interesse generale.
lacunose basi. I danni procurati alle ammettiamo di essere corresponsabili di Alcuni studenti hanno espresso la propria
infrastrutture sono stati notevolissimi, e tali comportamenti. Se c’è chi si permette fermezza: sono pronti ad agire isolando
ancora maggiore è la ferita aperta nella di allagare la scuola, è perché si sente gli elementi che hanno causato i
sensibilità comune del cittadino per grande e onorato nel farlo; lo stesso valga pestaggi, secondo una sorta di odio
bene ed attivo, sdegnato dal mancato per gli artisti dei disegni perversi e razziale verso chi fomenta gli episodi di
rispetto dell’Istituzione Pubblica e della dell’acido muriatico. Se c’è chi si violenza. Ma non dobbiamo in nessun
persona. Il vandalo è disinibito da ogni permette il “lusso” di varcare la soglia di caso sottovalutare la necessità di
pudore a causa della totale assenza del un edificio scolastico e pestare uno recuperare quei soggetti, in quanto più
senso dello Stato nella sua formazione studente davanti a tutti, è perché si sente degli altri hanno bisogno di essere
culturale e umana. Egli scarica le onnipotente. È perché sa che nessuno lo educati alla civiltà, tramite l’impegno
proprie frustrazioni nella deturpazione fermerebbe, che gli altri si manterrebbero personale e quello di chi regge la cosa
della cosa pubblica, perché la sente nel ruolo di spettatori inabili. Anche chi pubblica.
come altro da sé, anziché concepirla ha organizzato e compiuto la rissa Purtroppo, spontaneamente, senza la
come bene di uso comune, proprietà di all’entrata di scuola dell’IIS N. Pizi si è spinta di un genitore particolarmente
tutti. L’offesa è dunque inoltrata disinteressato della presenza di eventuali attivo, le istituzioni non hanno reagito. E
all’intera popolazione scolastica e a persone per bene: ha messo sotto i piedi forse questa assenza dello Stato, questo
tutti i cittadini che pagano le tasse. Gli la sensibilità altrui, imponendo la propria bisogno di imporre campi gravitazionali
studenti si sono visti negare il proprio animalità. E noi abbiamo lasciato che ciò ed equilibri, questo senso di abbandono
diritto allo studio, e un consistente accadesse, ne abbiamo creato i da parte di una re-publica alienizzata
numero di ragazzi ha mostrato una presupposti. I ragazzi si sono recati nelle dalla concretezza della realtà e dai reali
maturità tale da condannare classi, e hanno in breve dimenticato di bisogni della popolazione, hanno
apertamente gli atti di vandalismo avere appena assistito al pestaggio di un prodotto l’inciviltà che ci rende vittime
compiuti, tirandosi fuori da quella proprio compagno di scuola. Un altro dell’arroganza altrui e della nostra stessa
logica spicciola e comune che vede gravissimo episodio si è verificato inerzia. Dunque lo Stato deve sì
nello studente lo scapestrato che nell’ITC di Palmi: una rissa tra ragazzi è riproporsi come garante di sicurezza e
accoglie di buon grado ogni scusa per degenerata nell’utilizzo del coltello. <<Si moralità, e non solo come limite della
saltare le lezioni. D’altra parte, ancora sono presi a coltellate>>, si sente dire. libertà individuale; ma è fondamentale
più tristi sono gli altri episodi che <<Ma dove? Fuori o dentro la scuola?>>; che ogni singolo cittadino, al di là dei
hanno interessato parallelamente diversi beh, <<Fuori e dentro>>. Viviamo in una collettivismi, riesca a liberarsi dalle
istituti. Imbarazzante è un elegante realtà militarizzata sotto il punto di vista inibizione che la mentalità dell’omertà e
eufemismo che non esprime burocrate, ma anarchica moralmente. Le della sottomissione ha diffuso
pienamente la bassezza dei gesti istituzioni si sono dimostrate, più che inesorabilmente. Gli altri enti
compiuti alle porte degli edifici evasive, completamente assenti. Non un istituzionali non saranno mai vicini al
scolastici. Fabio Randazzo, studente messo inviato alle famiglie colpite dagli cittadino, non educheranno mai alla
dell’IIS Corrado Alvaro, è stato attentati intimidatori che hanno civiltà, se tacciono quando, invece, ci
malmenato nell’orario di uscita della infiammato la notte palmese. Non un sarebbe da urlare. Ogni cittadino deve
sua scuola da un gruppo di ragazzi di accenno alla condanna del pestaggio sentire come oltraggio personale la
San Ferdinando, nell’affollato cortile avvenuto nello spiazzale dell’IIS Nicola violenza psichica e psicologica
della scuola. Anche il segretario della Pizi. Non un’azione di protesta nei commessa su ogni altro uomo.
stessa è stato ferito, mentre tentava di confronti di atti, quelli delle coltellate, Irene Costantino
impedire al ragazzo che aveva picchiato imputabili come tentato omicidio.
La Nuova Ebe

Ponte sullo Stretto: una risorsa per il Mezzogiorno


La costruzione del Ponte sullo Stretto è sviluppo della Nazione, dovrebbero essere combattono le frane ed il dissesto
divenuta oggetto di un’odiosa affrancat e dalla contrapposizi one idrogeologico, quando ancora le case non
strumentalizzazione politica, ormai ideologica, anche perché i tempi necessari hanno un adeguamento antisismico, quando
degenerata in una contrapposizione per l’iter burocratico e per la costruzione c’è la crisi, quando c’è disoccupazione,
pregiudiziale tra due fazioni. Come sono tali da dover necessariamente quando ancora bisogna combattere la fame
sempre accade in questi casi, ciascuno si coinvolgere diverse legislature. Le grandi nel mondo. Se così fosse non ci sarebbe
sente chiamato e coinvolto in una guerra opere non devono rispondere ad esigenze mai sviluppo, l’uomo non sarebbe mai
santa, una sorta di “serrate le fila” politiche di parte ma soltanto a valutazioni andato sulla luna, gli investimenti in
ideologico e così facendo il confronto tecniche, ingegneristiche, economiche, tecnologia e ricerca sarebbero distrazione
scade nella sterilità di uno scontro tra sociali, commerciali etc. Nel caso del Ponte, di fondi, ma così non è, le grandi opere si
o p p o s t e t i f o s e r i e . dette valutazioni sono state affidate a degli continuano a costruire dappertutto ed anche
Ad aprire la strada verso questo specialisti del settore, con specifiche in Italia e soltanto quando si parla del Ponte
scadimento è stato il Presidente competenze in campo mondiale, gli advisors si ricorre alle malattie ed della fame nel
Berlusconi che ha inteso trasformare la internazionali, i quali si sono pronunciati mondo come priorità da anteporre alla
realizzazione del Ponte nel simbolo della positivamente in merito alla fattibilità costruzione. Sismicità: I detrattori
sua “grandeur” , un’opera funzionale alla economica, finanziaria, trasportistica ed dell’opera sostengono che in una
sua a ut ocel ebr azi on e, una zona così altamente sismica non si
coccarda con cui vantarsi. E’ la debba costruire un Ponte così
storia che si ripete nello stesso avveniristico. Se si fosse motivati da
stile con cui i despoti di ogni un semplice spirito di confronto
t e m p o h a n n o c e r ca t o d i basterebbe rispondere che la
nascondere i propri fallimenti progettazione è calcolata a resistere
politici edificato piramidi, altari, ad un evento sismico di 7,1 gradi
colonnati, mausolei ed altri Rhicter, ossia un terremoto più forte
simboli di vuota grandezza. Alla di quello che nel 1908 distrusse
strumentalizzazione di cui sopra Reggio e Messina. Ma i detrattori
ha corrisposto una frontale pregiudiziali non si scoraggiano e
contrapposizione dalla sinistra sono pronti a fare il salto della
radicale, la quale guarda la quaglia per sostenere la tesi opposta
costruzione nei suoi aspetti ossia: che servirebbe un Ponte che
sim boli ci più del et eri ed rimarrebbe in piedi a collegare due
argomenta con evidenti forzature cimiteri?In buona sostanza che crolli
tecniche il proprio no al Ponte, che o resti in piedi poco importa,
in realtà è un no pregiudiziale, proprio ambientale, ritenendo la soluzione ponte la l’importante è che sia l’una che l’altra
perché rivolto ad un aspetto simbolico e più vantaggiosa rispetto a qualsiasi altro circostanza vengano accompagnate da
non alla costruzione reale. Questo della s c e n a r i o a l t e r n a t i v o . valutazione negativa. Costi: Ogni necessità
sinistra radicale è un errore doppio. Per E’ appena il caso di rilevare che la nomina di spesa diventa buona per essere anteposta
un verso si contrappone ad un’opera che, dei suddetti advisors è stata effettuata dal al Ponte e così in occasione del sisma in
indipendentemente dalle forzature CIPE (Comitato Interministeriale per la Abruzzo, delle frane a Messina, dei fondi
opportunistiche, è essa stessa un simbolo Programmazione Economica) presieduto per la cassa integrazione, dei finanziamenti
positivo. Infatti, da che il mondo è dall’allora Presidente del Consiglio per la ricerca scientifica etc etc c’è sempre
mondo, il ponte è simbolo di pace, è Massimo D’Alema. Detta circostanza qualcuno che pensa di spendere meglio i
simbolo di dialogo, è simbolo di dimostra concretamente come il Ponte abbia finanziamenti destinati al Ponte. Un
progresso. Da sempre, in ogni angolo una storia ed una gestazione complessa ed discorso populistico per una facile quanto
della terra, tutti i popoli e tutte le civiltà articolata ed i meriti per la sua realizzazione effimera ed inconsistente presa
hanno fatto del ponte un simbolo positivo non si possono comprimere nel presunto sull’opinione pubblica. Infatti, i fondi
ormai consolidato nella cultura condivisa. efficientismo berlusconiano, ma vanno destinati al ponte sono specifici per la sua
Per altro verso l’errore della sinistra almeno condivisi con l’impegno realizzazione e non possono essere dirottati
radicale sta proprio nel regalare a ultradecennale di politici ed amministratori a piacimento, seguendo le “bizze” del
Berlusconi quella tanto ambita “patente” che hanno posto in essere i presupposti per sensazionalismo politico.
di uomo “del fare” in contrapposizione ad la sua costruzione. Sulla scia della Si è anche detto che non serve un Ponte
una sinistra che si autoannulla e si contrapposizione pregiudiziale, molte delle quando mancano ancora le strade sui due
impantana “nel dire”. Paradossalmente, è argomentazioni di coloro che avversano la versanti, ma si tratta di un’affermazione
proprio la contrapposizione pregiudiziale realizzazione del Ponte cercano appiglio su superata dai fatti, visto che è stata
e pretestuosa che conferisce al Ponte la una serie di argomentazioni sinteticamente completata e già aperta al traffico
dignità di grande opera, arruolata come riconducibili a: Priorità, Sismicità, Costi, l’autostrada Messina-Palermo, visto che è
spot a sostegno del presunto efficientismo In ut il i tà e Im pa t t o am bi en ta l e. in avanzato stato di realizzazione sia la A3
berlusconiano. Un efficientismo che è Priorità: Una tesi frequentemente Sa-Rc che l’ammodernamento della SS
tutto da dimostrare nei campi ardui della contrapposta è quelle delle priorità. Essa 106, che è ragionevole prevedere saranno
politica sociale, della giustizia, non nega la validità e la funzionalità completate prima della data prevista per
dell’occupazione, della scuola e dello dell’opera ma rimanda per la sua l’ultimazione del Ponte. Inutilità: Si
sviluppo, ma che riesce bene nei campi realizzazione ad un’epoca futuristica sostiene che è inutile realizzare il Ponte
eterei della comunicazione e dei simboli quando ogni altro problema della terra sarà solo per evitare i 20 minuti necessari per
che la veicolano. La mia opinione è che risolto. Secondo questa tesi non ha senso l’attraversamento con il traghetto..Ma il
le grandi opere, strategiche per lo costruire il Ponte quando ancora si problema non sono i 20 minuti, anche se
con le operazioni di imbarco e sbarco ambientali, dall’inquinamento e dal
La Nuova Ebe
frequentemente si raddoppiano e si triplicano, il dissesto idrogeologico di cui siamo Insieme alla convinzione che
problema è l’attraversamento discontinuo che di c ol l et t i va m en t e r espon sa bi l i . In l’Influenza A sia addirittura meno
per sè dilata i tempi di percorrenza per auto e conclusione a queste considerazioni vorrei
pericolosa della comune stagionale, si
soprattutto per i treni. rilevare una nota che riguarda la Provincia
Come si fa a parlare di inutilità a fronte delle file di Reggio C., estremo lembo dell’ultima espande la paura del contagio, che sta
sterminate che si vedono in occasione di tutte le regione del Sud dell’Italia, che a sua vota è mandando tutti i pronto soccorsi in
festività ed in particolare nei mesi estivi, quando il sud dell’Europa. Ultimi tra gli ultimi, tilt e, gradualmente, spopolando le
migliaia di persone, di anziani, di bambini sono abbiamo la possibilità di collegarci scuole che, la Gelmini, non intende
costretti ad un’attesa disumana prima di direttamente ad uno stato - tale può comunque chiudere: la situazione è
imbarcarsi per l’attraversamento? Come si fa a definirsi una regione come la Sicilia che ha sotto controllo! Attualmente il
parlare di inutilità quando per un calabrese, che una popolazione simile a quella della
numero degli influenzati è prossimo
abbia necessità di rapportarsi con una grande Danimarca - e rischiamo di non cogliere
realtà urbana, diventa più agevole raggiungere l ’i m por t anz a di quest a gr an de agli 80.000, mentre le vittime, tutte
Bari o Napoli che non Catania e Palermo che pure opportunità. Il Ponte sullo stretto è l’unico già affette da serie patologie, si
sono molto più vicini? La circostanza che, allo grande investimento infrastrutturale avvicina ai 40; la percentuale è
stato attuale, sia molto contenuto lo scambio previsto per il Sud, mentre il resto delle ancora relativamente bassa se si pensa
interregionale tra Calabria e Sicilia non è a grandi opere, comprendenti la Variante di a coloro che ogni anno muoiono per
sostegno dell’inutilità del Ponte bensì, al contrario, Valico, il Mose, l’Alta Velocità ed il
la normale influenza (8.300 lo scorso
della grande necessità di realizzare un Traforo delle Alpi hanno tutte ubicazione
collegamento continuo che porti gli scambi tra le sostanzialmente settentrionale. Perché mai anno, ndr). perché allora si fa passare
due sponde ai livelli delle altre regioni che hanno tutte le questioni inerenti la spesa, questi ultimi in retroscena, mentre le
confini comuni. Oggi è del tutto normale che l’ambiente, l’utilità etc etc vengono vittime dell’H1N1 sono in prima
cittadini di Napoli si rechino quotidianamente a riservate solo al Ponte, che peraltro non è pagina? Per non parlar poi dei
Roma per lavoro, e la stessa cosa vale per nemmeno il più costoso degli investimenti vaccini: “l’unico modo per arrestare
moltissime città del centro Nord. Perché mai elencati? Io sono a favore della la pandemia è la vaccinazione; le dosi
questa semplice opportunità non è data ad un realizzazione del Ponte, o meglio sono a
vengono sistematicamente distribuite
cittadino di Reggio Calabria o Catanzaro che favore della realizzazione di un’opera che
dovesse lavorare a Catania o a Palermo che pure consenta l’attraversamento stabile e in tutte le regioni e sono sufficienti;
sono molto più vicini? Impatto ambientale: Si continuativo dello stretto. Lo sono perché che si affrettino le categorie a rischio;
sostiene che il Ponte altera e deturpa l’ambiente e amo la mia terra e voglio contribuire al suo vaccini, vaccini, VACCINI!”. Non
pertanto non và costruito. In realtà a pensarci bene sviluppo, lo sono perché la Calabria ha viene raccomandato altro dal
tutte le opere dell’uomo alterano l’ambiente, lo l’opportunità di affrancarsi dalla sua viceministro Fazio e non mancano gli
alterano le strade, le ferrovie, le città, le case, lo marginalità geografica ed economica, lo appoggi dai medici, eppure la
altera l’agricoltura, l’industria etc., ma lo alterano sono perché voglio ragionare in modo
maggioranza di questi rimane scettica
per incrementarne la fruibilità. Alcune opere, libero senza seguire mode e tesi di comodo,
come ad esempio i laghi artificiali della Sila hanno lo sono perché il percorso per costruire un e sulle proprie posizioni: non
cr ea t o un o scon volgim ent o pr ofondo futuro migliore ha anche dei tratti in salita e i nt en don o va c ci n ar si , tr oppe
dell’ambiente determinando condizioni più controcorrente ed è proprio in questi tratti controindicazioni e dubbi sulla
favorevoli alla presenza dell’uomo, alla che bisogna tirare fuori le proprie capacità composizione (per via dell’aggiunta
produzione di energia pulita, all’esercizio di analisi e le migliori energie costruttive. di un particolare adiuvante). E’
dell’attività agricola etc.c. Peraltro, è tutto da Domenico Solano
proprio qui che casca l’asino; la corsa
dimostrare se il Ponte dal punto di vista
ambientale abbia un’incidenza negativa e se alla vaccinazione non sarà forse un
questa supposta negatività sia superiore a quella
determinata dall’intenso andirivieni delle navi
Influenza A ben architettato espediente dovuto ai
soli fini commerciali delle case
traghetto, che giornalmente frullano il mare, farmaceutiche? Avrà dannosi riscontri
consumando decine di tonnellate di combustibile Dubbi e casi in aumento sulla popolazione? Siamo, in fin dei
inquinante. La verità è che dell’ambiente bisogna conti, così in pericolo come
avere una concezione dinamica in cui si possono Dubbi in aumento. E’ questo il vero allarme:
non si ha neanche un minimo punto saldo a sostenuto? Troppe domande, troppe
realizzare delle trasformazioni che vengano
eseguite nel rispetto della sicurezza e della cui far riferimento. Noi, comuni ignoranti in risposte contrastanti.
“vivibilità” del territorio. Un ambiente campo medico, ci andavamo a fidare di gente Intanto ognuno di noi dovrebbe
incontaminato ma invivibile è un non senso “competente” mettendo nelle loro mani la prendersi la briga di informarsi più
lunare. Il Ponte aumenta l’efficacia e l’efficienza nostra salute e, ormai troppe volte, siamo adeguatamente a riguardo; è nostra
del collegamento e pertanto incide positivamente rimasti delusi. Si può dire che tutti, o quasi,
premura incitarvi a non prendere
sulla “vivibilità” dell’ambiente e ne esalta la avevano imparato a convivere, rassegnati, con
un sistema sanitario insufficiente, tutt’altro soluzioni affrettate sciroppando tutto
fruibilità culturale, commerciale ed economica. Vi
che chiaro, trasparente, sicuro, come in realtà ciò che, quotidianamente, viene
sono paesi come Svezia e Danimarca, dove la
sensibilità ambientalista è ormai consolidata nella dovrebbe essere! Ma cosa succede quando ci inculcato dai media. Abbiamo il
cultura dei popoli e proprio tra questi due paesi è veniamo a trovare di fronte a una situazione di diritto di sapere a cosa stiamo
stato realizzato il ponte sull'Oresund, un opera pandemia, inarrestabile diffusione di un virus, andando incontro: attiviamo il nostro
colossale che in parte passa sotto il mare, in parte ad alta percentuale di contagi e, anche se punto di vista critico e, tenendo conto
su un’isola artificiale ed in parte è sospesa sopra la raramente, letale per l’uomo? Anche qui gli
di tutti i pro e i contro, cerchiamo di
superficie dell’acqua. Certo sarebbe veramente esperti non riescono, o non hanno intenzione,
di renderci comprensibile la situazione: raggiungere una Nostra conclusione,
singolare che tutto ad un tratto noi si divenisse
“più realisti del re” ed in tema di ambientalismo ci trovandoci davanti un bivio siamo costretti a evitando, per quanto possibile, una
ponessimo in posizione più avanzata della Svezia scegliere tra l’allarmismo e l’indifferenza a bella fregatura.
e ci sciacquassimo la coscienza dai disastri nostro rischio e pericolo.
Daria Impiombato
Edizione D’Ottobre pt 1 La Nuova Ebe
La nostra giornata mondiale della Mobilitazione
Studentesca
Il 17 novembre è una data di grande valore tornaconti, senza la scomodità di un
simbolico per milioni di studenti in tutto il popolo colto. Perciò, il nostro caro diritto
mondo. Si ricorda infatti il massacro di allo
centinaia di scolari cecoslovacchi che, nel studio, che dovrebbe (qui il condizionale è
1939, vennero uccisi in massa perché si d’obbligo) essere pubblico,
opponevano alla guerra. Così, nel 1941, si diventa privato e il sapere si trasforma in
decise di istituire quello che sarebbe poi un privilegio concentrato nelle mani di
diventato l’International Students’ Day, pochi. Comodo. Ma la cultura è un bene
ovvero “la giornata internazionale di
universale, sottoscritto nella carta
mobilitazione studentesca”. Nel 2004,
duran t e l ’a ssem bl ea st uden t esca costituzionale italiana e nei diritti
internazionale di Bombay, si è stabilito di fondamentali della persona. Proprio per
ripristinare questa data di grande rilevanza, questo l’Unione degli Studenti chiedeal
per renderla uno dei principali momenti di Governo che il diritto allo studio sia un punto
mobilitazione. La cultura, infatti, è uno cardine dell’agenda politica! Che chi di dovere
strumento importantissimo, una potente punti la propria attenzione sulla didattica
arma attraverso la quale l’uomo acquista innovativa, l’edilizia scolastica, su
coscienza della propria condizione, si democraticità e partecipazione nella gestione
emancipa. Avendo in mano la conoscenza, delle scuole e non su tagli che mirano a
l’uomo(o dovremmo dire il ragazzo), è in distruggere la scuola pubblica e la sua
grado di poter cambiare le carte in tavola, funzionalità! Chiediamo forse troppo?
riscattando dunque la propria condizione
sociale e rivendicando i propri diritti. Tutto Angela Chiodo
ciò è pericoloso per i grandi poteri
autoritari. È infatti preferibile che
l’individuo rimanga ignorante, che tutto
gli scivoli addosso. I potenti avranno

Strasburgo boccia il Crocefisso


(Strasburgo dice No al crocifisso nelle quanto numeroso sia, di imporre un proprio esprimere il proprio credo religioso e
aule, è di circa due settimane fa la notizia simbolo in un luogo pubblico. Di politico senza però imporlo a nessun altro
che divide attualmente lo stivale in due conseguenza è una forzatura definire il nel rispetto del prossimo, come d’altronde
parti distinte e separate. La Corte europea Crocifisso effige dell’unità nazionale tanto recita il Cristianesimo. La questione della
dei diritti dell'uomo ha stabilito che la quanto potrebbe esserlo il tricolore o laicità del nostro stato non è certamente
presenza dei Crocifissi nelle aule è una l’immagine del presidente della repubblica. fatto nuovo: da anni infatti si parla di
violazione della libertà di religione degli Inoltre, sappiamo bene che le nostre radici questo problema senza però venirne mai a
alunni. La questione è stata sollevata da sono ben più antiche di quelle del capo. Il reale dilemma però è generato
Soile Lautsi cittadina italiana di origini Cristianesimo: possiamo senza dubbio far dalla “fittizia”laicità dello stato Italiano,
finlandesi aderente all’'Uaar (Unione atei e risalire i nostri albori all’antica Grecia, che pur non avendo nessuna religione come
agnostici razionalisti), che già nel 2002 reale culla della nostra cultura, che non cr ed o a fferma t o ha l ’implicita
aveva presentato istanza all’istituto faceva di certo riferimento alla religione dichiarazione di essere Cristiano, tanto che
“Vittorino De Feltre” con l’esplicita cattolica. Non è possibile definire il l’ora di religione nelle scuole pubbliche è
richiesta di eliminare i Crocifissi dalle aule Crocifisso espressione delle nostre origini. praticamente ora di “Cristianesimo”. I
bambini delle scuole primarie la mattina,
della scuola frequentata peraltro dai figli. Il Sicuramente la nostra storia è stata
appena entrati a scuola, recitano Ave Maria
ricorso è stato respinto dal tribunale fortemente influenzata dalla venuta al
e Padrenostro e dedicano intere giornate ai
Veneto, pertanto Soile si è rivolta alla mondo di Gesù Cristo e la nostra terra ha
preparativi dei ricordini per il Natale e la
Corte Europea. I giudici di Strasburgo le sempre vissuto in primo piano le vicende Pasqua. Ciò su cui quindi dobbiamo
hanno dato pienamente ragione, inoltre la dei Cristiani. La nostra morale e le nostre ragionare non il semplice simbolo del
donna sarà risarcita dal tribunale Italiano tradizioni sono suggestionate dalla Chiesa, Crocifisso appeso nelle aule Italiane, bensì
di cinquemila euro per danni morali. Il ma la nostra stessa costituzione, nel suo l’intero sistema che contraddittoriamente
ministro della pubblica istruzione Maria terzo punto, recita: «Tutti i cittadini hanno con ciò che sancisce la nostra costituzione
Stella Gelmini si è dichiarata contraria alla pari dignità sociale e sono eguali davanti non garantisce l’uguaglianza religiosa agli
decisione presa dal tribunale Europeo, alla legge, senza distinzione di sesso, di uomini. È infine legittimo chiedersi: se la
definendo il Crocifisso simbolo e radice razza, di lingua, di religione, di opinioni base del Cristianesimo è, per l’appunto, il
della nostra cultura ma non un’esplicita politiche, di condizioni personali e rispetto dell’altro, l’accettazione del
costrizione alla scelta del Cristianesimo. sociali>>. Se però facessimo testo alla diverso e delle sue tradizioni non è forse
Dev’essere però necessariamente ribadita scelta maggioritaria del paese questo contraddittoria a tale imposizione?
la laicità dello stato che non permette principio crollerebbe diventando privo di Teresa Surace
quindi a nessun gruppo religioso, per significato. È diritto di ogni uomo
La Nuova Ebe

Ponte sullo Stretto: tecnicamente


inutile e insostenibile
Solitamente nelle discussioni che statali; ma il ritorno per il pubblico soggetti beneficiati dall’intervento a
riguardano l’opportunità o meno di avviene sotto forma di aumento del costi inferiori. Ovvero, mantenendo lo
realizzare il ponte di Messina si assiste benessere collettivo. Perché non è stesso costo per le finanze pubbliche,
allo scontro tra convinzioni granitiche opportuno fare il ponte, allora? Per delle quegli stessi territori potrebbero ricevere
che non ammettono punti di incontro. mere ragioni economiche. Gli una serie di interventi tale da ottenere un
Nell’offrire il mio contributo alla economisti dicono che l’economia sia incremento del loro benessere e del loro
discussione vorrei premettere che chi “la scienza triste”: e difatti lo è, perché sviluppo incomparabilmente superiore a
scrive non è pregiudizialmente ha per oggetto l’allocazione di risorse quello derivante alla realizzazione del
contrario al Ponte. Non condivido, scarse. In un mondo privo di vincoli di ponte. Gli esempi che si possono fare
innanzitutto, la critica di quanti fattibilità, dove basta esprimere un sono numerosissimi, e vanno dagli
sostengono che un’opera del genere è desiderio perché venga realizzato, il investimenti in capitale umano
irrealizzabile nel nostro territorio ponte rientrerebbe tra le cose da fare. Ma (istruzione) alla realizzazione di altre
poiché il ruolo delle organizzazioni nelle condizioni date bisogna tenere infrastrutture come i collegamenti
criminali è tale che il Ponte finirebbe conto della scarsezza dei fondi pubblici internet a fibra ottica, o più
per essere una fonte di lucro e di e verificare se il loro impiego in semplicemente di strutture idriche,
clientele sotto il loro controllo e per la un’opera del genere sia ottimale. E’ bene sanitarie o viarie all’altezza del resto
loro utilità: seguendo tale dire che si tratta di fondi pubblici, d’Italia. Tra gli altri uno è tuttavia di
impostazione dovremmo arrenderci perché dire il contrario equivale a dire particolare importanza. Il contesto
all’evidenza che nessuna infrastruttura una menzogna. L’intervento è fattuale impone di tenere conto che
è realizzabile al Sud, e dunque non profittevole per i privati solo perché quest’area è la più sismica d’Europa. Gli
potrà mai essere colmato il gap che ci nella concessione delle clausole edifici sulle due sponde dello stretto
divide dalle aree più sviluppate; ma prevedrebbero comunque il diritto al sono assolutamente inidonei a reggere al
soprattutto, ciò che è più importante, percepimento di un certo livello di prossimo terremoto di dimensioni
dovremmo ammettere e tollerare la introiti (la differenza la metterebbe lo catastrofiche che – dice la scienza – di
resa dello Stato che è incapace di Stato) e le Ferrovie dello Stato si sicuro arriverà: solo non sappiamo
affermarsi dinanzi ad entità accollerebbero costi fuori mercato per quando. Questa imprevedibilità agisce
evidentemente più potenti: se così fare transitare i treni. Quale pubblico da disincentivo per il privato che
fosse, un tale Stato non dovrebbe interesse superiore legittima e giustifica preferisce non accollarsi la spesa della
limitarsi solo a non realizzare opere i costi del ponte? Non l’incremento del messa in sicurezza, operazione che
pubbliche, ma dovrebbero prendere turismo, perché dall’Europa di certo i dunque potrebbe solo realizzarsi col
atto della propria irrilevanza e turisti non arrivano in macchina, ma contributo del pubblico. Da un punto di
abbandonare le terre in questione al prendono l’aereo. Né la velocizzazione vista occupazionale, peraltro, tale
loro destino. Ma nessuno che ami il dei collegamenti tra la Sicilia e il resto intervento avrebbe maggiori ricadute del
Mezzogiorno potrà abbracciare tanto d’Italia, perché vale lo stesso discorso, e ponte, in quanto sarebbero
la prima quanto la seconda opzione. in più torna l’argomentazione che le principalmente interessate piccole
Un altro filone critico si fonda infrastrutture al di qua e al di là del imprese quasi esclusivamente locali, al
sull’asserita inutilità del ponte: non ponte, più importanti ai fini in questione, contrario dei grandi conglomerati
avrebbe senso costruire “un’autostrada mancano. La verità è che i miliardi di internazionali interessati al ponte. Se
tra due mulattiere”, e comunque euro investiti nel ponte avrebbero una partiamo dai dati di fatto e dunque dalle
avrebbe poco senso realizzare certa ricaduta prevalentemente per i risorse scarse dobbiamo capire che tra
un’opera che abbrevia i tempi di territori e le popolazione dell’area dello questi due interventi, ad esempio, l’uno
percorrenza tra le due città a un costo stretto, producendo dei risultati in esclude l’altro, e il dibattito pubblico
spropositato, e peraltro solo termini di maggiore benessere e deve responsabilmente scegliere
teoricamente, visto che la collocazione sviluppo, in quanto sarebbero coloro i l’opzione migliore tra quelle possibili.
del ponte renderebbe l’uso del quali fruirebbero dell’opera con Fatto salvo che, ovviamente, tutti noi
traghetto ancora più conveniente, in maggiore frequenza e utilità. Ma una aspettiamo di avere la bacchetta magica
termini di tempo, per i pendolari tra volta condivisa la necessità e per realizzare il ponte, ma anche tutto il
Reggio e Messina. Anche con riguardo l’opportunità di incrementare il resto.
a questa osservazione va osservato che benessere e lo sviluppo dei territori e Antonio Luca Riso
talvolta la politica deve assumersi delle popolazioni dell’area dello stretto
l’onere, a nome della collettività, di siamo scuri che sia questa la soluzione
sostenere spese ingenti e prive di un ottimale? Cioè, in altre parole, non è
ritorno economico, per la realizzazione forse possibile ottenere un maggiore
di interessi pubblici superiori. Non vi è incremento a un minor costo? Sotto ogni
dubbio ad esempio che un sistema evidenza la risposta è si: esistono
sanitario pubblico o la pubblica numerosissimi interventi che potrebbero
istruzione si reggano sui finanziamenti realizzare vantaggi assai superiori per i
Noi possiamo credere nel cambiamento.

“Non sono
Maxi sequestro di droga a Gioia
Tauro
d’accordo
con quello
che dici,
ma lotterò
fino alla
morte Di Angela Chiodo

affinché tu
lo possa
dire”
François
In seguito ad un’importante indagine sugli scambi commerciali tra Italia e sud America, la Guardia
di Finanza ha sequestrato 200 chili di cocaina presso il Porto di Gioia Tauro. La borsoni, e sembra
Voltaire
fosse destinata al commercio del nord Italia. droga era nascosta all'interno di banane, contenute in
sei borsoni. Le banane erano partite dall’Equador, e, ufficialmente, dovevano essere dirette ad
un’azienda siciliana. Resta ora da accertare quale cosca gestisca il traffico della cocaina nella Piana
di Gioia Tauro.

Giornale dedicato a
“Peppino Impastato”

Periodico. Gratuito. Distribuzione interna