Sei sulla pagina 1di 3

CONGIUNTIVO

Carissimo/a, come stai?


Oggi affronter un argomento di grammatica alquanto spinoso: il
congiuntivo. Il congiuntivo un modo verbale usato soprattutto in
frasi dipendenti, per esprimere possibilit, desiderio, timore,
dubbio e opinione soggettiva. Molti italiani conoscono poco il
congiuntivo e tendono a sostituirlo con il modo indicativo. Come se,
utilizzando lindicativo presente, il loro parere fosse pi vero, anche se
grammaticalmente non corretto.
Ecco le forme del congiuntivo dei verbi regolari.

Quando le prime tre persone singolari coincidono, utile


esprimere anche il pronome personale.
-are
- ere
ire
provare
prendere
sentire
che io
provi
prenda
senta
che tu
provi
prenda
senta
che lui/lei provi
prenda
senta
che noi
proviamo
prendiamo
sentiamo
che voi
proviate
prendiate
sentiate
che loro provino
prendano
sentano

Il congiuntivo si usa nelle frasi subordinate, dipendenti da


verbi che esprimono:
- opinione, per esempio "credere", "pensare", "immaginare":
Penso che tu sia molto intelligente
- speranza, per esempio "sperare", "aspettarsi":
Mi aspetto che voi veniate a cena da me stasera
-desiderio, per esempio "volere", "preferire":
Preferisco che vada tu, io sono molto stanco
- dubbio, per esempio "dubitare"
Dubito che lui possa essere puntuale

- emozione, per esempio "aver paura", "essere contento"


Ho paura che la benzina costi sempre di pi
Il congiuntivo si usa, poi, con alcune locuzioni o verbi
impersonali:
meglio che
meglio che tu vada
facile che
facile che lui vinca se gioca cos
difficile che
difficile che lui mi dia dei soldi se vince
necessario che
necessario che tutti siano pi generosi
inutile che
inutile che tu suoni, qui non c nessuno
possibile che
possibile che tu vinca la gara
impossibile che
impossibile che tu perda se gareggi da solo
Non giusto/ non sicuro / non detto che
Non sicuro che lui venga direttamente qui
Pu darsi che
Pu darsi che lui prenda laereo delle nove
Sembra che
Sembra che lei sia veramente felice con lui
Si dice che
Si dice che loro abbiano il desiderio di vivere a Milano
Peccato che
Peccato che tu debba andare via proprio ora
Si usa il congiuntivo in proposizioni subordinate finali,
concessive e condizionali, introdotte da congiunzioni come:
Bench / sebbene / nonostante che
Bench io sia stanca, vengo lo stesso

A meno che
A meno che tu vada a lavorare domani mattina, non hai fatto
niente in questi giorni
A patto che / purch
Vengo, a patto che voi mi compriate il biglietto
Senza che
Sono usciti senza che abbiano chiesto il permesso
Prima che
Prima che tu dica qualcosa , faccio entrare Maria