Sei sulla pagina 1di 26

Windows segreto:

esperti in 100 mosse


Utilizzare Windows sempre
pi semplice di release in
release, ma non lo altrettanto
padroneggiarne le infinite
funzioni. In questo articolo
vi presentiamo una raccolta
di cento trucchi e suggerimenti
che vi permetteranno di
trasformarvi in superesperti
del sistema operativo.
A cura di

Daniele Marino

Levoluzione dei sistemi operativi Windows si muove su


due diversi fronti: allaumento delle feature e degli accessori integrati si affianca il tentativo di rendere il Pc
sempre pi semplice da usare. Windows XP, lultimo nato in casa Microsoft, innegabilmente un sistema semplice da utilizzare, in grado di guidare anche i meno
esperti nelle pi comuni operazioni e ricco di funzioni rivolte al mondo della multimedialit.
Avere un sistema tanto ricco e amichevole pu portare
ad accontentarsi di impostazioni, funzionalit e applicazioni standard, quelle cio che ogni utente si trova davanti appena dopo linstallazione. Come molti dei nostri
lettori sanno, Windows nasconde da sempre dietro la sua
colorata interfaccia decine e decine di segreti: funzioni
non documentate, accessori annidati tra le cartelle di sistema o anche semplicemente opzioni poco note al grande pubblico permettono di intervenire in diversi modi
sul sistema operativo, che pu cos adattarsi in modo pi
completo al modo di lavorare di ciascuno.
In questo articolo abbiamo raccolto 100 trucchi e suggerimenti dedicati non solo allinstallazione e alla configurazione di Windows, ma anche alluso del computer nella vita di tutti i giorni e alla sua connessione in rete.

SOFTWARE

Installazione e configurazione
Alcuni semplici e utili accorgimenti per rendere pi agevole lambiente di lavoro,
dalle scelte precedenti linstallazione fino alla modifica dellinterfaccia di Windows.
1 > Le ricerche comerano una volta
Con Windows XP nella finestra
di ricerca di file e cartelle apparso un cagnolino animato che
tenta di aiutare lutente con una
procedura guidata, a nostro parere poco utile specie per i pi
esperti. Ecco la procedura da
seguire per tornare alla vecchia
interfaccia: basta aprire una finestra di ricerca (attraverso il
menu Start o con la combinazione di tasti Win + F), cliccare su
Cambia preferenze, quindi su
Cambia opzioni di ricerca file e
cartelle e infine su Avanzata. In
questo modo, anche se il cagnolino virtuale rimane al suo posto, le opzioni della finestra ritornano quelle a
cui si era abituati prima dellavvento di Windows XP. Per eliminare il personaggio animato, bisogna invece cliccare, dopo il Cambia
preferenze, su Senza personaggio: il cagnolino scompare cos dallo schermo scodinzolando, con
buona pace dei suoi non troppi sostenitori.

Il cagnolino che su Windows


XP guida alla ricerca di file
simpatico ma forse non
troppo gradito ai pi esperti.

appendice al sistema operativo. Con Tweak UI si


possono modificare molte opzioni nascoste del sistema
operativo, come il log-in automatico di un utente, la
configurazione del focus delle applicazioni (cio delle
applicazioni che tendono a portarsi in primo piano in
presenza di determinati messaggi o eventi) o quella del
raggruppamento dei pulsanti nella barra delle
applicazioni. Tweak UI e tutti gli altri PowerToys si
possono scaricare gratuitamente dal sito di Microsoft,
www.microsoft.com. Gli Url per il download sono due:
www.microsoft.com/ntworkstation/downloads/PowerTo
ys/Networking/NTTweakUI.asp (per tutte le versioni di
Windows eccetto XP) e www.microsoft.com/windowsxp
/pro/downloads/powertoys.asp (per Windows XP).

4 > Tweak UI: ritorno alle origini


Da Windows 95 fino a Windows 2000 lutility Microsoft
Tweak UI sempre stata raggiungibile allinterno del
Pannello di controllo del sistema operativo. Sotto Windows XP questo piccolo programma viene invece installato come una normale applicazione, con tanto di
icona allinterno del menu Programmi. Per poter lanciare Tweak UI dal Pannello di controllo bisogna intervenire sul Registro di configurazione: la via pi rapida

2 > Cercare bene, cercare presto


Windows XP e Windows 2000 dispongono di un servizio in grado di indicizzare cartelle e file per rendere le
ricerche pi veloci e flessibili. Tale processo gira in
background e occupa costantemente una piccola parte
delle risorse di sistema e del disco rigido, e se non si
utilizzano troppo spesso le funzioni di ricerca quindi
opportuno disabilitarlo. Per controllare lattuale stato
di tale servizio si pu aprire una finestra di ricerca e
cliccare su Cambia preferenze e leggere tra le opzioni
che si hanno a disposizione: se possibile attivare lindicizzazione, questa al momento evidentemente ferma (e viceversa).

3 > Tweak UI:


un tool irrinunciabile

Basta una piccola modifica al


Registry e anche sotto Windows
XPTweak UI si sposta nel
Pannello di controllo .

Tweak UI il pi noto tra i PowerToys, la serie di


accessori distribuiti gratuitamente da Microsoft come

344

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Chi ben comincia a met dellopera


5 > Quale versione scegliere?
La quasi totalit dei nuovi Pc viene oggi venduta in bundle
con Windows XP, Home o la Professional. Bisogna perci capire anche in caso di upgrade di una vecchia macchina quale sia la versione pi adatta ai propri scopi. A nostro parere, il
pi economico Windows XP Home basta a soddisfare la maggior parte degli utenti. Il kernel e linterfaccia utente sono peraltro identici tra i due sistemi, e le normali applicazioni girano in modo identico su entrambe. Windows XP Professional
offre tutte le feature del fratello minore e in pi ha alcune funzionalit non presenti in questultimo. Tra le feature implementate nella versione Professional ma non in quella Home le
pi significative sono il supporto ai sistemi biprocessore, la
possibilit di collegarsi a un dominio Windows NT, la presenza del server Web IIS 5.1, il supporto al protocollo di gestione
delle reti Snmp e la funzionalit di Remote Desktop per il controllo remoto di un altro Pc.

6 > Un sistema operativo sempre aggiornato


Qualunque sia il sistema operativo utilizzato, davvero opportuno installare sempre gli aggiornamenti resi via via disponibili dal produttore. Nel caso
di uninstallazione fresca di
Windows XP, anzich scaricare
file su file tramite Windows
Update vale la pena di approfittare del recente rilascio del
Service Pack 1, disponibile sul
sito Microsoft ormai da qualche
settimana e contenente tutti gli
aggiornamenti usciti fino allinizio dellestate. Il Service
Pack 1 di Windows XP modifi-

ca anche alcuni aspetti del sistema, ad esempio permettendo


di disabilitare alcuni componenti del sistema operativo; i lettori di PC Professionale hanno trovato questo corposo aggiornamento nel secondo Cd allegato allo scorso numero della rivista, il 140 di novembre 2002.

7 > Il miglior file system


Quando si creano nuove partizioni sullhard disk compresa
quella sulla quale verr istallato il sistema operativo Windows offre una scelta tra due diversi file system: Fat32 e Ntfs.
Fat32 una versione potenziata del vecchio file system basato
sulla Fat (File Allocation Table) in uso ai tempi di MS-DOS.
Ntfs (NT File System) invece una tecnologia nata in tempi
pi recenti e utilizzata da Windows NT, 2000 e XP.
Ntfs pi affidabile e sicuro, dispone di meccanismi per aumentare la stabilit del sistema e permette di impostare permessi di accesso ai file differenti per ciascun utente molto utili
specie in ambito aziendale. Uno dei limiti di Ntfs consiste nelle prestazioni, leggermente inferiori a quelle di Fat32; se sulla
macchina sono installati altri sistemi operativi, questi potrebbero inoltre avere problemi a leggere o a scrivere in partizioni
di questo tipo, non riconosciute ad esempio da Windows 9x e
gestite in modo parziale da Linux.
Tale problema non si presenta invece con Fat32, riconosciuto da tutti i sistemi operativi Microsoft (esclusi il
vecchio Dos, Windows 95 e Windows NT) e non; Fat32
per un file system pi debole, senza particolari funzionalit orientate alla sicurezza o allintegrit dei dati,
quindi meno adatto alluso su computer aziendali condivisi o alla protezione di dati sensibili.
Tutti gli update di Windows XP
pubblicati fino alla scorsa estate
sono riuniti nel Service Pack 1.

creare con il blocco note un file chiamato tweakui.reg


e scrivere al suo interno le seguenti righe:

[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{D14ED2E1-C75B-443c-BD7CFC03B2F08C17}\Shell\Open\command]
@=tweakui.exe

Windows Registry Editor Version 5.00


[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{D14ED2E1-C75B-443c-BD7CFC03B2F08C17}]
@=Tweak UI
InfoTip=Tweak UI, il pi utile dei PowerToys...

[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{D14ED2E1-C75B-443c-BD7CFC03B2F08C17}\ShellFolder]
Attributes=dword:00000030

[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{D14ED2E1-C75B-443c-BD7CFC03B2F08C17}\DefaultIcon]
@=%SystemRoot%\\\\System32\\\\tweakui.exe,0

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Current
Version\Explorer\ControlPanel\NameSpace\{D14ED2E1-C75B-443cBD7C-FC03B2F08C17}]
@=Aggiungi Tweak UI al Pannello di Controllo

[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{D14ED2E1-C75B-443c-BD7CFC03B2F08C17}\Shell]

Una volta salvato il file basta fare su di esso un semplice doppio clic e rispondere affermativamente nella finestra di dialogo che appare a video, per vedere unicona Tweak UI anche allinterno del Pannello di controllo.
(Per risparmiarvi la fatica di digitarlo ed evitarvi errori

[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{D14ED2E1-C75B-443c-BD7CFC03B2F08C17}\Shell\Open]

346
4

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Ad ogni errore delle


applicazioni Windows
XP chiede di inviare
una segnalazione via
Internet a Microsoft.

di scrittura abbiamo inserito una copia del file sul


Cd-Rom allegato a questo numero di PC Professionale:
potrete trovarlo nella sezione Nella rivista/Prove/Windows Segreto).

Servizi e togliere la spunta


dalla riga Servizio di segnalazione errori. In questo modo dal successivo avvio di Windows non comparir pi alcun messaggio di fronte ad errori di Windows o di qualunque altro
programma.

8 > Personalizzare le cartelle


Windows XP offre varie nuove visualizzazioni per le cartelle di dati, come
lanteprima dei documenti o lo slide
show, in cui si vedono in contemporanea le miniature delle immagini e lingrandimento di quella selezionata. Per
i file multimediali molto utile la visualizzazione Propriet, che permette
di vedere dati come le dimensioni delle
immagini o il titolo dei brani musicali.
Per scegliere i campi di informazioni
da visualizzare bisogna aprire la cartella desiderata, selezionare la voce Propriet dal menu Visualizza e fare clic
con il tasto destro su uno dei campi gi visibili (ad
esempio Nome o Dimensione).

11 > Pi controllo sui componenti del sistema

Le cartelle offrono
ora modalit di
visualizzazione
specifiche per ogni
tipo di documento.

9 > Un freno ai messaggi di Windows


Alcune delle funzioni di Windows XP lusano di tooltip
che partono dallarea messaggi del sistema operativo
per comunicare con lutente: in questo modo si viene
avvisati ad esempio della presenza di icone non utilizzate sul desktop, della mancanza di spazio su disco,
della presenza di aggiornamenti per Windows e via dicendo. Se si ritiene di non avere bisogno di tali note da
parte del sistema operativo, si possono disabilitare in
blocco i messaggi nellarea di sistema. Per questo bisogna lanciare leditor del registro di configurazione, attraverso il comando regedit, e spostarsi sulla chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced. La voce
DWord da creare si chiama EnableBalloonTips ed assegnargli il valore 0. Se dopo aver eliminato i suggerimenti si desidera tornare sui propri passi, necessario
solamente aprire nuovamente leditor del Registro,
aprire la medesima chiave e cancellare la voce creata
in precedenza.

Alcuni componenti di Windows XP possono sembrare


del tutto impossibili da disinstallare: il caso ad esempio del Media Player o di Windows Messenger, che non
appaiono nella lista dei componenti disinstallabili del
sistema operativo. Ricordiamo che lelenco dei componenti di Windows si pu richiamare dal Pannello di
controllo, tramite la scheda Impostazioni accesso ai programmi dellapplet Installazione applicazioni. Esiste in
realt un modo per far apparire anche i componenti inizialmente nascosti allinterno di tale elenco: aprire il file Sysoc.inf, che si trova nella cartella \Windows\Inf. ed
eliminare tutte le occorrenze della parola HIDE che si
trovano sotto letichetta [COMPONENTS].
Raccomandiamo di agire con cautela nelleliminazione
arbitraria di componenti di Windows: alcuni di essi contengono infatti moduli richiamati da altre applicazioni,
e cancellarli a cuor leggero pu impedire a queste ultime di funzionare correttamente. Unalternativa pi sicura quella di sfruttare una delle feature del Service
Pack 1 di Windows XP: la nuova scheda Impostazioni
accesso ai programmi inserita nellapplet Installazione
applicazioni del Pannello di controllo. Questa permette
di bloccare laccesso (senza disinstallarli) a determinati
programmi il cui uso non sia strettamente legato a
quello del sistema operativo e a cui esistano alternative
di altri produttori. In particolare possibile disattivare

Con linstallazione
del Service Pack 1
diventa pi
semplice liberarsi
di alcuni
componenti di
Windows XP.

10 > Non parliamo degli errori


Ogni volta che sotto Windows XP unapplicazione genera un errore, il sistema operativo propone di inviare
a Microsoft una segnalazione di quanto accaduto,
per consentire agli sviluppatori di individuare potenziali problemi da risolvere in futuro. Se non si intende
inviare alcun tipo di segnalazione magari perch
non si ha un Pc sempre connesso a Internet bisogna
avviare il tool Utilit di configurazione di sistema con
il comando msconfig, quindi spostarsi sulla scheda

348

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Internet Explorer, Outlook Express, Windows Media


Player, Windows Messenger e la Java Virtual Machine
Microsoft.

Windows XP su macchine di qualche


generazione fa) bisogna richiamare
lapplet Sistema dal Pannello di controllo, selezionare la scheda Avanzate,
quindi fare clic sul pulsante Impostazioni nella sezione Prestazioni. Le opzioni di questa finestra permettono di
regolare laspetto del sistema operativo in modo automatico utilizzando le
tre configurazioni predefinite o di
attivare e disattivare uno ad uno i vari
effetti grafici.

12 > Windows Messenger e Outlook Express


Windows Messenger uno dei componenti meno disposti a mettersi da parte, e a volte riesce nonostante
tutto a ripresentarsi sullo schermo; ad esempio quando
si apre Outlook Express il Messenger riappare nella
tray area, anche se stato in precedenza disattivato.
Per evitare il suo utilizzo si deve aprire il registro di
configurazione, spostarsi sulla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Outlook Express e creare al suo interno il valore DWord Hide
Messenger, da impostare a 2.

13 > Eliminare il superfluo (1): ci che si vede


XP ha un look sicuramente pi attraente rispetto alle
precedenti versioni di Windows, ma come noto tutto
ha un costo: alcuni effetti come lombreggiatura del
cursore del mouse, le dissolvenze sui menu e via dicendo rendono in qualche modo pi bello il sistema
operativo, ma occupano per scopi non particolarmente
utili una parte delle risorse di sistema. Per disabilitare
gli effetti che si ritengono non propriamente vitali per
il proprio lavoro (ottima idea specialmente se si utilizza

Disabilitando alcuni
degli effetti grafici di
Windows le
prestazioni del Pc
possono migliorare
sensibilmente.

14 > Eliminare il superfluo (2): ci che non si vede


In tutte le versioni di Windows buona abitudine cancellare regolarmente i file che si trovano nelle directory
della cache e dei file temporanei: tali file occupano infatti spazio su disco (spesso inutilmente), causano un
aumento della frammentazione dei dati e possono rallentare lesperienza duso del Pc. Per effettuare questa
operazione in modo sicuro, piuttosto che agire a mano
consigliabile luso dellutility Pulitura disco, situata allinterno delle Utilit di sistema nel menu Start, che
permette di liberare lo spazio occupato su disco da file

SOFTWARE

inferiori. Per modificare questa impostazione si deve


aprire il registro di configurazione di Windows, spostarsi alla chiave HKEY_CURRENT_USER\Control
Panel\Desktop e modificare il valore intero MenuShowDelay in essa contenuto.
La procedura di Pulitura
disco permette di
eliminare i file inutili e
riguadagnare lo spazio
perduto.

17 > Fermare i task non necessari


Il Task Manager di Windows sempre richiamabile con
la storica combinazione di tasti Ctrl-Alt-Canc o tramite
il menu contestuale della barra
delle applicazioni permette di
arrestare in modo sicuro processi
e applicazioni che a causa di
qualche malfunzionamento possono arrivare a bloccare lintero
Pc. Questa non per lunica funzione di tale componente: una
delle sue feature meno utilizzate
forse quella dellimpostazione
della priorit dei processi, con cui
si possono ad esempio porre dei
limiti ad applicazioni poco importanti ma che tendono ad impegnare una quantit eccessiva di
risorse.

non strettamente necessari ad esempio il contenuto


del cestino, la cache del browser, i file di log delle installazioni e via dicendo.

15 > Ridurre i tempi di avvio


Al momento dellavvio di Windows vengono lanciati in
modo automatico decine di processi: moduli residenti
di programmi, applicazioni che girano costantemente
in background, servizi di sistema e via dicendo possono occupare una buona parte delle risorse di sistema
senza che lutente se ne accorga. Ecco come liberarsi
dai programmi che non si usano troppo spesso e che
quindi probabilmente non vale la pena di tenere costantemente attivi ad impegnare parte della preziosa
memoria del Pc.
Alcuni processi partono perch presenti nel gruppo
Esecuzione del menu Programmi e sono facili da individuare ed eliminare (basta un clic del tasto destro sullicona e la selezione della voce Elimina). Per altri programmi il comando di avvio si trova invece nel Registry di Windows, alla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run: possibile cancellare direttamente tutte le
voci non desiderate, magari avendo laccortezza di farne prima un backup con il comando Esporta
delleditor del registro.
Uno strumento rapido per disattivare lavvio
automatico di alcuni programmi lUtilit
configurazione di sistema, tool che si lancia
con il comando msconfig. La scheda Avvio di
questa pratica utility mostra lelenco dei programmi lanciati assieme al sistema operativo
e ne permette la disattivazione selettiva con
un semplice clic del mouse.

Il Task Manager
permette di
interrompere tutti
i processi non
strettamente
necessari.

Per aumentare la
velocit dei dischi
bisogna accertarsi
che la modalit di
trasferimento dati
Dma sia attiva su
tutte le unit.

18 > Far partire a mano i servizi


Sui computer non collegati ad una rete possibile impostare determinati servizi di Windows in modalit Manuale, in modo che questi vengano avviati non assieme
al sistema operativo ma solo nel momento in cui servono davvero. Per modificare la modalit di avvio di un
servizio bisogna fare clic con il tasto destro del mouse
su Risorse del computer e selezionare Gestione, quindi
aprire la voce Servizi e applicazioni e cliccare su
Servizi. La finestra delle impostazioni per ciascun servizio si raggiunge con un semplice doppio clic.
Alcuni dei servizi da impostare in modalit Manuale
possono essere ad esempio Helper NetBIOS di TCP/IP,
Servizi IPSEC, Registro di sistema remoto e se installato IIS quelli relativi ai server Web e Ftp.

19 > Ma il Dma attivo?


Praticamente tutte le
unit non obsolete collegabili al controller Eide
supportano la modalit
Dma per il trasferimento
dati. Spesso Windows si
ostina per ad impostare
alcuni dischi nel vecchio
Pio Mode anche se questi supportano modalit di
trasferimento pi rapide
come lUltra Dma con
effetti negativi sulle prestazioni. Per verificare la
configurazione di dischi e

16 > Un menu Start scattante


Un modo estremamente semplice per rendere pi rapido lavvio dei programmi quello
di velocizzare lapertura delle cartelle del
menu Start. Il tempo dattesa predefinito per
lapertura di una cartella su cui si sofferma il puntatore
del mouse di 400 millisecondi, ma per molti utenti
possono tranquillamente essere adatti tempi di molto

350

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

lettori, in Windows 2000 e XP bisogna aprire lapplet


Sistema del Pannello di controllo, cliccare sul pulsante
Gestione periferiche nella scheda Hardware e aprire il
menu dei Controller IDE, quindi fare doppio clic sul
canale primario e configurare correttamente le opzioni
in Impostazioni avanzate. Lo stesso procedimento va
eseguito anche sul canale secondario.
In Windows 98 e Me si deve agire in modo simile, ma
nella scheda Gestione periferiche bisogna agire sulle
propriet non dei canali del controller bens su quelle
delle singole unit disco.

20 > Ottimizzare il file di paging


Il file di paging viene utilizzato da Windows come
estensione della memoria di sistema, e permette di tenere attive contemporaneamente (pur con rallentamenti dovuti alla differenza di velocita tra Ram e dischi) pi applicazioni di quanto permetterebbe la sola
memoria realmente installata. Per migliorare le prestazioni di tale file si pu intervenire sulla sua configurazione spostandolo su un disco diverso da quello di
Windows e rendendolo di dimensioni fisse, in modo da
evitare i problemi di ridimensionamento e frammentazione.
Sotto Windows 2000 e XP bisogna aprire lapplet Sistema del Pannello di controllo, quindi selezionare la
scheda Avanzate e fare clic sul pulsante Impostazioni

nella sezione Prestazioni. Nella finestra che si apre, allinterno della scheda Avanzate, presente il pulsante
Cambia, che consente di modificare le impostazioni del
file di paging per tutte le unit riconosciute. Con Windows 98 e Me la strada pi breve: sufficiente aprire
lapplet Sistema, quindi spostarsi sulla scheda Prestazioni e infine cliccare sul pulsante Memoria virtuale.
Per quanto riguarda le dimensioni del file, il nostro consiglio di calcolare un valore tra il 150% e il 200% della memoria installata. Questo significa, ad esempio, che
per una macchina con 256 MByte di Ram un file di
swap dovrebbe variare tra i 384 e i 512 MByte. Perch i
cambiamenti effettuati abbiano effetto necessario
riavviare il Pc, sotto qualunque versione di Windows.

21 > Comprimere il registro


Con linstallazione di nuove applicazioni il registro di
configurazione di Windows 98 cresce in modo molto rapido; quando si cancellano alcune voci, lo spazio da
queste occupato su disco non viene per liberato in modo automatico. Comprimere i file del Registry comunque unoperazione semplice: basta riavviare temporaneamente il sistema in modalit Ms-Dos e quindi lanciare il comando scanreg /opt.

SOFTWARE

22 > Ottimizzare Vcache


circa un quarto della memoria di sistema; sui sistemi
con pi di 128 MByte di Ram consigliamo comunque di
limitarsi ad assegnare 32 MByte di memoria alla cache,
dato il minimo incremento di prestazioni che un ammontare superiore pu garantire.

Vcache il driver utilizzato da Windows 9x per gestire


la cache dei dischi. Purtroppo il sistema operativo non
si dimostra troppo oculato nel decidere le dimensioni
della cache, assegnandole di volta in volta troppo o
troppo poco spazio in Ram. Per modificare le impostazioni del driver bisogna aprire il file di testo System.ini
allinterno della directory di Windows, quindi cercare
letichetta tra parentesi quadre [vcache] e modificare i
valori riportati appena sotto questultima corrispondenti alla quantit di memoria minima e massima da
riservare alla cache dei dischi. Una buona regola
quella di impostare tali valori alla stessa cifra, pari a

23 > Disinstallare s, ma...


Come abbiamo visto, Windows fa in modo che alcuni
componenti del sistema operativo non compaiano allinterno dei moduli di cui possibile la disinstallazione. Allo stesso modo possibile e utile specialmente
su postazioni di lavoro condivise fare in modo che de-

Lottimizzazione automatica di Windows


24 > Aggiornare il sistema in modo automatico
Con tutte le versioni di Windows possibile avviare manualmente la ricerca di aggiornamenti attraverso licona Windows
Update presente nel menu
Start. Windows XP e 2000 offrono per una feature di aggiornamento automatico che consente anche ai meno attenti di
avere un sistema operativo sempre al passo con gli ultimi update. In Windows XP possibile
avviare tale funzione dallapplet
Sistema del Pannello di controllo, alla scheda Aggiornamenti
automatici. In questa schermata
bisogna semplicemente selezionare la voce Effettua il download automatico e avvia quando
pronti per linstallazione o Avvisa prima di effettuare il download degli aggiornamenti e priCon Windows Update si scaricano dal Web
ma di installarli. La seconda oppatch e aggiornamenti del sistema operativo.
zione forse pi prudente, anche se il nostro consiglio quello di installare almeno tutte le patch relative alla sicurezza nel
momento stesso in cui queste vengono rese disponibili. In Windows 2000 esiste nel pannello di controllo unapplet dedicata,
chiamata Aggiornamenti automatici, che offre la medesima lista
di opzioni.

25 > Usare spesso il Pc


Per migliorare le prestazioni di Windows XP una delle operazioni pi immediate utilizzarlo. Apparentemente sembra una frase priva di senso, ma lultimo sistema operativo Microsoft dispone di una funzione che riordina i file e i programmi su disco in
base alla frequenza del loro utilizzo: ci che viene utilizzato pi
spesso viene spostato in modo da essere pi facilmente raggiun-

gibile, cos da ridurre in qualche misura i tempi di caricamento


del sistema stesso. Inoltre viene utilizzato un meccanismo di
prefetch che allavvio di Windows e dei programmi carica in anticipo le librerie che questo utilizza di norma nei primi secondi
dopo il lancio; queste risultano cos immediatamente disponibili
nel momento in cui si cerca di utilizzarle la prima volta, rendendo pi rapidi i tempi di risposta delle applicazioni.

26 > Deframmentare i file di avvio


La funzione di deframmentazione dei file di avvio quella che
cerca di piazzare in settori contigui i file utilizzati da Windows al
momento del boot viene attivata in modo automatico sulla
maggior parte dei Pc. A volte capita per che durante linstallazione del sistema tale impostazione salti, e che i suoi benefici
non vengano quindi sfruttati a dovere. Per controllare lo stato di
questa funzione bisogna lanciare leditor del registry, aprire la
chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Dfrg\
BootOptimizeFunction e verificare che il valore Enable corrisponda alla lettera Y (o modificarlo in questo modo nel caso sia
impostato a N). In questo modo al successivo avvio della macchina lottimizzazione dei file di avvio pu cominciare a compiere il proprio dovere.

27 > Occhio alle informazioni di prefetch


Le routine di precaricamento dei file di cui dotato Windows
XP, a cui si accennato al punto numero 26 di questo articolo,
utilizzano le informazioni contenute in una serie di file residenti
nella directory Windows\Prefetch. Se si soliti installare e disinstallare molte applicazioni dal proprio computer, il numero di
questi documenti tende a crescere esponenzialmente. Leggendo
lelenco dei file contenuti in questa cartella si possono perci eliminare tutti i riferimenti a programmi ormai disinstallati, riferimenti che ormai non fanno altro che occupare inutilmente spazio su disco. La cancellazione di tali file si pu peraltro compiere
a cuore relativamente leggero: anche eliminando per sbaglio
informazioni relative a programmi ancora utilizzati non si provoca alcun danno al sistema, il quale provveder a ricrearli automaticamente al successivo avvio di ciascuna applicazione.

352

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Con un piccolo
intervento sul
registro possibile
nascondere alcuni
programmi
dallelenco delle
applicazioni
disinstallabili.

terminati programmi non appaiano allinterno della finestra Installazione applicazioni del Pannello di controllo. Per fare questo bisogna aprire il registro di configurazione e spostarsi sulla chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Wi
ndows\CurrentVersion\Uninstall e navigare allinterno
delle cartelle che questa contiene. Ogni cartellina corrisponde ad un programma, e la corrispondenza tra
cartelle e applicazioni si pu intuire dal nome stesso
delle cartelle o dalla voce DisplayName presente allinterno di ciascuna di esse. Per eliminare una voce
dallelenco di Installazione applicazioni sufficiente
cancellare la chiave di registro in questione.
Tale accorgimento utile anche nelle situazioni in cui,
una volta eliminata unapplicazione dal sistema, un riferimento ad essa rimane allinterno dellelenco dei
programmi disinstallabili.

28 > Usare il rollback dei driver


Laggiornamento di un driver non ha sempre e necessariamente un buon effetto sul sistema operativo: a volte
questa semplice ma delicata operazione pu ad esempio portare a problemi come crash della macchina o
malfunzionamenti delle applicazioni e delle periferiche.
Se ci accade, con Windows XP possibile sfruttare il
meccanismo di rollback, che permette di ripristinare in
tali casi il driver usato in precedenza. Bisogna cio
aprire lapplet Sistema del Pannello di controllo, cliccare su Gestione periferiche nella
scheda Hardware e rendere visibile la periferica su cui si intende lavorare. A questo punto richiamata con un doppio clic la relativa finestra delle propriet necessario fare clic sulletichetta Driver e
quindi sul pulsante Ripristina driver nella finestra che appare.

29 > Eliminare DoubleSpace


e DriveSpace

Con Windows XP
possibile porre
rimedio con pochi
clic del mouse
allinstallazione di
un driver difettoso.

DoubleSpace e DriveSpace (questultimo unevoluzione pi recente del primo) sono due vecchi
software che permettono di memorizzare pi dati di
quanto previsto dai dischi, utilizzando un meccanismo
di compressione e decompressione istantanea. Oggi come oggi nessuno utilizza pi questi strumenti di compressione: hard disk di capacit elevate hanno un prezzo ormai pi che abbordabile, e utility simili non sembrano avere pi senso. Windows 98 dispone per anco-

Un uso attento del registry


30 > Fare un backup dei file di sistema
Per mettere in pratica molti dei suggerimenti di queste pagine si deve
passare per la modifica del registry di Windows, operazione che rimane
tra le pi delicate che si possano compiere.
sempre consigliabile salvare una copia di scorta delle chiavi su cui si intende intervenire: il menu File dellEditor del registro di configurazione
offre per questo il comando Esporta, che permette di salvare in un file con
estensione .reg il contenuto di interi rami di chiavi. Se qualcosa va storto,
tale file si pu reinserire nel registro in modo rapido, con un semplice
doppio clic sulla sua icona.
Windows Me e XP dispongono del Ripristino configurazione di sistema,
una utility situata tra gli accessori di Windows con cui creare snapshot dei
file critici di sistema del sistema operativo (tra cui, per lappunto, il registry) e di ripristinarli in caso di problemi, utile anche in molte situazioni disperate. Per ripristinare una configurazione stabile di Windows bisogna lanciare lutility e selezionare la voce Ripristina uno stato precedente; se il danno invece tale da impedire lavvio del sistema operativo inoltre possibile interrompere la sequenza di boot con il tasto F8 e avviare il sistema in modalit provvisoria per aggirare un possibile problema o in Windows XP eseguire direttamente il ripristino attraverso la voce Ultima configurazione sicuramente funzionante del menu di avvio.

354

PC Professionale - dicembre 2002

Prima di intervenire in modo


pesante sui file di
configurazione del sistema
bene creare un punto di
ripristino, in modo da poter
poi annullare eventuali danni
compiuti inavvertitamente.

SOFTWARE

ra di driver per lutilizzo di tali programmi, che vengono sempre caricati assieme al sistema operativo. Per
evitare luso di questi driver dal nome rispettivamente di dblspace.bin e drvspace.bin basta cancellarli da
entrambe le posizioni in cui questi si trovano, vale a
dire la directory principale del disco C: e la cartella
Windows\Command.

31 > Una parola: deframmentare


Forse non c bisogno di ripetere quali siano gli effetti
benefici di una deframmentazione regolare dei dati e
dello spazio libero dei dischi. La velocit a cui ci hanno abituati controller e hard disk delle ultime generazioni, tuttavia, potrebbe far pensare a qualcuno che
tale operazione si possa evitare, ma proprio le grandi
moli di dati che oggi si in grado di archiviare la rendono quanto mai utile e attuale. Una partizione di
enormi dimensioni magari utilizzata per salvare i
documenti scaricati tramite programmi di file sharing
pu infatti diventare in poco tempo infestata di
frammenti di file, che rallentano le operazioni di lettura e scrittura e stressano la testina del disco con un
carico di lavoro eccessivo. Una buona idea pu essere
quella di programmare nel tempo (attraverso laccessorio Operazioni pianificate di Windows) scansioni a
cadenza almeno mensile, in modo da essere sicuri di
mantenere i dischi sempre in perfetta efficienza senza
doversi preoccupare di avviare manualmente lutility
di deframmentazione.
Il Visualizzatore eventi di Windows
permette di sapere tutto ci che accade al
sistema operativo e alle applicazioni.

32 > Leggere il diario di Windows


Windows 2000 e
XP scrivono in
modo dettagliato
su alcuni file di
log tutti i warning, i messaggi
di errore e gli altri eventi generati dai programmi o dallo stesso
sistema operativo. Questi file
diventano in
pratica una sorta
di diario su cui
Windows annota
tutte le informazioni utili nel
momento in cui le applicazioni danno qualche segno
di malfunzionamento. I dati contenuti nei file di log
sono preziosi specialmente per gli utenti pi esperti,
che possono intuire dalla loro lettura lorigine dei
problemi verificatisi. Tali dati si possono visualizzare
in modo rapido attraverso lapplet Visualizzatore
eventi, uno degli Strumenti di amministrazione che
si trovano allinterno dellomonima sottodirectory del
Pannello di controllo.

355

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Usare Windows
Dopo aver installato e configurato il sistema operativo, bisogna fare in modo di tenerlo e
in perfetta efficienza. Ecco i nostri migliori consigli, per il principiante e lutente esperto.
35 > ...e tutto sempre in ordine

33 > Aggiungere (o eliminare)


le icone sul desktop
Quando si installa Windows XP, a differenza di quanto
accadeva in passato, sul desktop compare inizialmente
solo licona del Cestino, e le Risorse del computer, i
Documenti e via dicendo restano raggiungibili solamente attraverso il menu Start. Per chi ne sente la
mancanza, aggiungerle sul desktop comunque molto
semplice: basta fare clic sul desktop con il tasto destro
del mouse e selezionare la voce Propriet, quindi spostarsi sulla scheda Desktop e premere il pulsante Personalizza desktop. In questa finestra cos
possibile selezionare uno per uno
i componenti da mostrare come
icone sulla scrivania.

Il nuovo menu Start


di Windows XP pu
essere
personalizzato in
ogni dettaglio.

34 > Nel menu Start tutto ci


che serve...
[Immagine: Start.tif]
In Windows XP il menu Start
ancora pi importante che in passato, in quanto contiene riferimenti diretti ai programmi pi
usati, alle cartelle di sistema e a diversi comandi.
quindi importante personalizzare laspetto e il funzionamento di questo componente dellinterfaccia secondo i propri gusti, facendo clic con il tasto destro
sul pulsante Start e selezionando la voce Propriet. Nella finestra che appare si pu scegliere
tra il nuovo modello di menu e uno pi simile a
quello di Windows 2000, e inoltre possibile selezionare uno per uno gli elementi da mostrare
allinterno del menu: attraverso il pulsante Personalizza relativo al nuovo menu di avvio possibile impostare la dimensione delle icone, i programmi da visualizzare come browser e client di
e-mail e nella scheda Avanzate quali cartelle
di sistema includere nel menu e come mostrarle
(se come semplici collegamenti o come veri e
propri sottomenu).

Sembra una raccomandazione inutile, ma lesperienza


di tutti i giorni suggerisce il contrario: per essere davvero funzionale, il menu Start deve essere sempre in ordine. Questo significa innanzitutto eliminare ci che non
serve: ogni programma installato pone nel menu Start
una nuova cartella, con collegamenti a file di documentazione, routine di disinstallazione, siti Web e altri elementi che non vengono usati praticamente mai. Per
rendere pi comodo il menu si possono eliminare tutti i
collegamenti inutili, magari riunendo le icone dei programmi in ununica cartella: per modificare il menu
Start sufficiente fare clic con il tasto destro del mouse
sul pulsante Start e selezionare la voce Esplora (insieme a Esplora cartella utenti, nei sistemi operativi multiutente). Un ulteriore modo di tenere in ordine il menu
Start quello di riordinare periodicamente le icone in
ordine alfabetico: dopo un clic del tasto destro del mouse sul pulsante Start si deve scegliere la voce Propriet,
quindi cliccare su Ordina. In Windows XP tale pulsante
non compare immediatamente, ma solo selezionando
per un istante il Menu di avvio classico e cliccando su
Personalizza.

36 > Un altro menu: Invia a...


Fin da Windows 95 nel menu contestuale di Windows
XP esiste la voce Invia a, che permette di trasferire in
modo rapido i documenti
allinterno delle cartelle
pi utilizzate e di aprirli
con determinate applicazioni. Tale menu si pu
personalizzare in modo
molto semplice, inserendo nuovi collegamenti (o
cancellando alcuni di
quelli esistenti) nella
cartella SendTo presente
allinterno della directory di Windows o in
Windows XP e 2000, ma
Nel menu Invia a... si possono
inserire collegamenti alle cartelle e
alle applicazioni pi usate.

356

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Gli extra di Windows XP


37 > Le sorprese del Cd di installazione

39 > Installazioni rapide e automatiche

Il Cd da cui si installa Windows XP in entrambe le versioni Home e Professional ha al suo interno una cartella
chiamata Valueadd, in cui si trovano diversi accessori utili in varie situazioni: gestione del Pc, controllo del traffico
di rete, il protocollo NetBEUI (utile per comunicare con i
sistemi operativi meno recenti) e unutility di backup installata solo nella versione Professional. Solo sul disco di
Windows XP Professional si trova inoltre uno snap-in per
la console di sistema da utilizzare per lautenticazione degli utenti in un dominio. Purtroppo la cartella Valueadd
non presente su molti dischi venduti in bundle con i
nuovi computer.
Alcuni programmi possono essere installati inoltre direttamente dal Pannello di controllo di Windows, lanciando
lapplet Installazione applicazioni e cliccando sul pulsante Installazione componenti di Windows.

Un altro componente utile, in particolar modo per gli


utenti pi esperti, lIExpress Wizard, un modulo per la
creazione di routine di setup automatizzate. IExpress permette di inserire tutti i file coinvolti nellinstallazione allinterno di archivi compressi autoestraenti, dotati anche
di funzioni quali il lancio di comandi prima e dopo il setup, linstallazione delle informazioni contenute in appositi file .inf, la visualizzazione di eventuali accordi di licenza e cos via.

38 > Caratteri personalizzati con XP


Oltre ai tool nascosti sul Cd di installazione di Windows
XP, ne esistono altri addirittura installati sul Pc ma non
segnalati nel menu start n in altre cartelle del sistema. Il
primo di questi lEditor di caratteri personalizzati, che si
lancia con il comando eudcedit. Questa utility permette
di creare e modificare un intero set di caratteri da utilizzare allinterno di
testi e documenti,
ad esempio una
propria sigla, uno
smiley o un logo
aziendale. Il funzionamento del
programma non
in verit troppo
chiaro: al suo avvio
viene presentata
allutente una tabella contenente i
caratteri gi creati
(quindi inizialmente vuota), con la richiesta di selezionare quello su cui
Leditor di caratteri personalizzati permette di utilizzare
si intende lavorare.
bitmap di 50x50 pixel come normali caratteri di Windows.
Scelto il carattere,
si apre una griglia
di 50x50 pixel, in cui disegnare il proprio carattere personalizzato. Una volta terminato il lavoro bisogna quindi
salvare le modifiche (attraverso la voce Salva carattere
del menu Modifica); limmagine creata diventa cos disponibile allinterno della Mappa caratteri, raggiungibile
nel menu Start allinterno della cartella Utilit di sistema,
se si seleziona come nome del font Tutti i tipi di carattere
(Caratteri personalizzati).

40 > Un tuffo nel passato (1): Media Player


Il Windows Media Player 8, usato di default in Windows
XP, un programma davvero completo, dotato di funzionalit avanzate per la riproduzione e la catalogazione dei
media. Specie su computer non velocissimi, il Media
Player pu dimostrarsi per unutility piuttosto pesante, e
molti utenti farebbero a meno di alcune delle pi esotiche
feature per rendere il
programma pi scattante. Non tutti sanno
per che con Windows XP viene installata anche la vecchia
versione 6.4 di questo
player, leggera come
in passato ma naturalmente dotata di
Se il Media Player 8 troppo pesante, tra le cartelle dei
tutti i codec aggiorprogrammi si pu trovare anche la versione 7.1, aggiornata
nati dellultima vercon tutti i codec pi recenti.
sione. Questa si trova
allinterno della cartella Programmi\Windows Media
Player e si lancia con il comando wmplayer2.exe.

41 > Un tuffo nel passato (2): NetMeeting


Windows Messenger ha soppiantato in Windows XP il
vecchio NetMeeting, e offre funzioni come la lavagna
condivisa e la possibilit di parlare in videoconferenza
on-line. Windows Messenger per purtroppo compatibile solo con se stesso: anche se permette di inviare messaggini su tutta la rete di MSN Messenger, le feature pi
avanzate non possono essere usate n con chi usa questultimo instant messenger n con chi usa Netmeeting
(che pure di tali funzioni era dotato). Per comunicare con
gli utenti Netmeeting, non resta che utilizzare questo
stesso programma, installato anche sotto Windows XP ma
non riportato nel menu Start: per fare questo basta aprire
una finestra di comando e lanciare il programma conf.

358

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

anche in Windows 98 e Me se utilizzati in modalit


multiutente allinterno della directory relativa al
proprio profilo.

scrivere il nome desiderato. Windows aggiunge in questo modo come suffisso un numero ordinale, che permette di distinguere tra loro i vari file.

42 > I temi di Windows 2000

44 > I comandi si completano da soli

Windows 2000 non dispone di una applet per modificare ai temi del desktop. O meglio: un accessorio simile esiste ma non viene visualizzato allinterno del Pannello di controllo. Per richiamare tale finestra di gestione sufficiente digitare il comando themes allinterno
di una finestra di comando.

Lautocompletamento dei comandi una funzione di


cui i sistemi Unix dispongono da anni ma che solo recentemente approdata in Windows. Attivandola
possibile evitare di digitare i nomi interi dei file nelle finestre di comando, lasciando che sia Windows a completarli alla pressione del tasto Tab in base ai primi caratteri inseriti. Per questo bisogna aprire il registro di
configurazione con un account con privilegi di amministratore, spostarsi sulla chiave HKEY_LOCAL_MACHIN/SOFTWARE/Microsoft/Command Processor e
modificare in 9 il valore CompletionChar.

43 > Rinominare pi file con un clic


Windows XP dispone di una rudimentale funzione per
rinominare interi gruppi di file in una volta sola, utile
ad esempio per mettere un po dordine in collezioni di
documenti o di immagini. Per questo sufficiente selezionare un gruppo di file, quindi premere il tasto F2 e

45 > Gli shortcut per le applicazioni

Rinominare pi file in una


volta sola semplice, anche
se il controllo su questa
operazione non
particolarmente elevato.

Per rendere pi veloce il lancio delle applicazioni da


parte degli utenti, il menu Start di Windows XP contiene i collegamenti alle applicazioni lanciate pi spesso.
Un meccanismo ancora pi rapido per lanciare i programmi disponibile sotto tutte le versioni di Windows
per quello delle
scorciatoie da tastiera: ad
ogni collegamento si pu
cio assegnare una diversa combinazione di
tasti che permetta di richiamarlo senza neppure
passare dal menu Start.
Per questo bisogna fare
clic con il tasto destro sul
collegamento prescelto,

I tasti di scelta rapida


46 > Gli shortcut di Windows
Praticamente tutte le funzioni di Windows e dei suoi programmi si possono controllare con il mouse. A volte per
usare una semplice combinazione di tasti pu velocizzare alcune operazioni, come richiamare il menu Start, spostarsi tra le finestre e via dicendo. Ecco alcuni degli shortcut a nostro parere pi utili nel lavoro quotidiano.
Ctrl-A o
Ctrl-5 (tastierino)
Maiusc-Freccia
Ctrl-C
Ctrl-X
Ctrl-V
Ctrl-Esc
Alt-Tab
Alt-Esc
Ctrl-F6

Seleziona tutto il contenuto della finestra


Seleziona pi file contemporaneamente. Per selezionare solo determinati file si pu usare Ctrl-Freccia e premere
una volta Spazio su ogni file da aggiungere.
Copia la selezione negli appunti
Copia la selezione negli appunti e la elimina dalla posizione originale
Incolla il contenuto degli appunti
Richiama il menu Start (utile con le tastiere senza i tasti Windows)
Visualizza tutte le applicazioni aperte e permette di spostarsi tra loro ciclicamente (in ordine inverso premendo Maiusc)
Porta in primo piano ciclicamente tutte le finestre e le applicazioni aperte (in ordine inverso premendo Maiusc)
Porta in primo piano ciclicamente tutti i documenti aperti nellapplicazione attiva (in ordine inverso premendo Maiusc)

359

PC Professionale - dicembre 2002

Ad ogni applicazione
possibile assegnare una
combinazione di tasti di
scelta rapida.

SOFTWARE

selezionare la voce Propriet e


scrivere nel campo Tasto di
scelta rapida la combinazione
desiderata.

47 > Una schermata di


benvenuto vecchio stile
La schermata di logon di Windows XP sicuramente pi colorata e simpatica di quelle di
Windows NT o 2000, ma semplifica un po il compito di eventuali intrusi fornendo un
elenco completo degli utenti riconosciuti sul Pc. per
possibile ritornare ad una visualizzazione classica di tale schermata due campi di testo, uno per il nome
utente e uno per la password in modo semplice: bisogna lanciare lapplet Account utente dal Pannello di
controllo, quindi cliccare su Cambia modalit di accesso e disconnessione e togliere la spunta alla casella Usa
la schermata iniziale. Passare per tale schermata , per
inciso, necessario nel caso in cui si debba accedere al
sistema come utente Administrator, che non viene visualizzato nella finestra di benvenuto standard. Per
raggiungere la vecchia schermata di logon quando
attiva la schermata iniziale, basta premere per due volte la combinazione di tasti Ctrl-Alt-Canc.

La schermata di
benvenuto di Windows
XP pu essere resa pi
sicura e identica nel
funzionamento a
quella di Windows
2000.

48 > Rendere pi sicuro il logon


Una misura ulteriore per proteggere il proprio sistema
da attacchi (ad esempio da cavalli di Troia che cerchino di farsi riconoscere da Windows come regolari
utenti) quella di chiedere ad ogni utente di premere
la combinazione di tasti Ctrl-Alt-Canc per far apparire
la schermata di logon. In Windows XP tale opzione
non attivabile dalle finestre del pannello di controllo,
ma solamente dal registro di configurazione: bisogna
lanciare leditor (attraverso il comando regedit), spostarsi sulla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\
SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Winlogon e creare al suo interno la voce DisableCAD, a cui va assegnato il valore DWord 0.
Per evitare poi che venga visualizzato il nome dellultimo utente ad aver avuto accesso alla macchina bisogna inoltre spostarsi sempre allinterno del registro di
configurazione alla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\policies\system, in cui bisogna creare il valore
DWord DontDisplayLastUserName, da impostare a 1.

Le funzioni di accesso
facilitato permettono
di usare in modo pi
agevole il mouse e la
tastiera del Pc.

volte capita di dover rispondere


alla domanda installo per tutti
gli utenti o solo per quello corrente?: la prima scelta crea un
collegamento nel menu personale, la seconda in quello comune.
Pi spesso tale domanda non viene invece posta in alcun modo, e
la routine di installazione effettua questa scelta in modo autonomo. Per nascondere ma solo
per quanto riguarda il menu Start
un programma agli altri utenti
basta comunque spostare il collegamento ad esso relativo dalla cartella Documents and Settings\All
Users\Start Menu alla cartella Documents and Settings\<nome_utente>\Start Menu.

50 > Usare i tasti permanenti


Tutte le versioni di Windows dispongono di feature di
accesso facilitato: tra queste ce n una a nostro parere
molto utile a chi si trova in difficolt con luso degli
shortcut che prevedono la pressione contemporanea di
pi tasti. Attivando la funzione tasti permanenti, le
combinazioni che coinvolgono i tasti Ctrl, Alt e Win
non devono cio pi essere eseguite con gesti da pianista, ma possono essere premute comodamente in
sequenza. Per fare un esempio, la combinazione di tasti Ctrl-C (equivalente alla copia negli appunti) non
deve essere pi letta necessariamente come tieni premuto Ctrl e nel frattempo premi una volta il tasto C,
ma pi semplicemente come premi una volta Ctrl,
quindi rilascia il pulsante e premi il tasto C. Per attivare tale funzione bisogna aprire lapplicazione Accesso facilitato nel Pannello di controllo, quindi selezionare la casella Usa tasti permanenti, eventualmente configurando tale feature cliccando sul corrispondente
pulsante Impostazioni.

51 > Un mouse preciso come una


tastiera
Unaltra funzione di accesso facilitato,
questa volta utile ai meno abili con il
mouse, quella che
permette di muovere
il puntatore di questultimo attraverso i
tasti cursore sulla tastiera. Tale feature
comoda in particolar

49 > Tenere per s il menu Start


Il menu Start di ogni utente Windows 2000 e XP
dato dallunione del menu personalizzato (residente
allinterno di ciascun profilo) e di quello comune a
tutti gli utenti, che si trova nella directory Documents and Settings\All Users\Start Menu. Al momento dellinstallazione di un nuovo programma, a

360

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

53 > Di chi questo


disco?

modo quando si effettuano lavori di precisione (come il


ritaglio di parti di immagine con Paint), e permette di
avere sul puntatore un controllo maggiore di quello
consentito dalla periferica di puntamento. Per attivare
questa feature bisogna aprire come indicato in precedenza la finestra di Accesso facilitato, quindi spostarsi sulla scheda Mouse e selezionare la casella Usa
Controllo puntatore.

52 > Attivazione? S, ma...


Lattivazione delle copie di Windows XP sicuramente
nota alla gran parte dei nostri lettori. Uno degli effetti
pratici di tale meccanismo la necessit di farsi fornire
un codice per attivare il sistema operativo ad ogni installazione anche se effettuata pi volte sulla stessa
macchina di Windows XP. Se si reinstalla Windows
XP su un Pc senza cambiarne la configurazione
hardware, per possibile evitare una seconda attivazione del prodotto, facendosi una copia di scorta del file wpa.dbl creato proprio nel momento della prima attivazione nella cartella Windows\System32, quindi ricopiandolo nella medesima posizione allinterno del sistema operativo reinstallato. Naturalmente tale accorgimento non funziona copiando il file wpa.dbl tra due
computer diversi: il processo di attivazione legato in
modo indissolubile alla macchina su cui viene eseguito.

I dischi formattati con


file systemm Ntfs
possono avere un
proprietario, da
scegliere tra gli utenti
registrati nel sistema
operativo.

Lavorando con Windows XP su dischi Ntfs


si pu indicare chi sia
lutente proprietario di
ciascun volume. Questo permette, su una
macchina condivisa tra
pi persone, di gestire
in modo pi semplice i
permessi di accesso sui
diversi dischi, in quanto al proprietario viene
riservato per default e in modo automatico sugli elementi di ciascun disco. Per selezionare il proprietario di
un disco bisogna accedere al Pc con un account con
privilegi di amministrazione, fare clic con il tasto destro
sullicona delle Risorse del computer e scegliere la voce
Gestione, quindi spostarsi alla voce Gestione disco. A
questo punto basta selezionare lunit desiderata, visualizzare la finestra delle sue propriet (con un clic del
tasto destro e la voce Propriet del menu contestuale),
spostarsi sulla scheda Protezione e cliccare sul pulsante
Avanzate. Nella finestra cos aperta bisogna cliccare su
Proprietario e quindi sul nome dellutente prescelto,
terminando con il pulsante Ok o Applica.

Lavorare meglio con le toolbar


Uno degli elementi di sicuro pi comodi dellinterfaccia di Windows la
barra delle applicazioni, che si pu personalizzare attraverso laggiunta
di altri moduli. Per questo basta fare clic con il tasto destro del mouse su
una zona libera della barra delle applicazioni, selezionare la voce Barre
degli strumenti e scegliere la nuova barra che si intende utilizzare. Ecco
in dettaglio il loro funzionamento.

disponibili a
portata di clic.
Inserendo il
modulo Collegamenti nella barra delle applicazioni questi si
possono raggiungere anche da questultima, in modo davvero
molto rapido.

54 > Indirizzo

Subito dopo linstallazione di Windows XP si nota nella barra


delle applicazioni la Barra della lingua, vale a dire un indicatore
(inizialmente impostato sulla sigla It) che permette di visualizzare e modificare le attuali impostazioni linguistiche della tastiera.
Le opzioni disponibili per default permettono di utilizzare una
tastiera con layout italiano e inglese, ma nulla vieta di eliminare
una delle due o anche di aggiungerne altre. Il nostro consiglio
di lasciare la possibilit di scegliere tra i due layout solamente
se questi servono realmente, lasciando altrimenti il solo il layout
italiano: per questo bisogna aprire le Opzioni relative a questa
barra e disinstallare direttamente il modulo riservato alla tastiera inglese. In caso contrario, si noter che a volte Windows decide in modo inspiegabile di modificare per qualche minuto il set
di caratteri da utilizzare, con conseguenze a volte un po noiose.

La barra Indirizzo mette nella toolbar di Windows un semplice


campo di testo attraverso cui lanciare comandi, collegarsi a indirizzi Web, aprire dischi e cartelle e via dicendo. Si tratta di uno
strumento molto comodo anche grazie al completamento automatico dei comandi: iniziando a digitare un qualunque comando, Windows cerca tra i comandi gi eseguiti quelli che possono
adattarsi ai caratteri gi inseriti e ne propone un elenco.

55 > Collegamenti
Se Windows chiama Preferiti i segnalibri del browser Web, i
Collegamenti possono essere visti come i preferiti tra i Preferiti:
lutente dovrebbe cio copiare allinterno della cartella Collegamenti i link ai siti visitati pi spesso, in modo da averli sempre

56 > Barra della lingua

362

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

<segue>

57 > Desktop

59 > Barre personalizzate

Il desktop di Windows contiene spesso molti file, ma per raggiungerli bisogna di solito ridurre a icona tutte le applicazioni e
le finestre aperte: la barra di strumenti Desktop permette invece
di raggiungere con un clic del mouse, direttamente dalla toolbar
di Windows, tutti gli elementi che si trovano sulla scrivania del
computer.

Con la medesima funzione della barra Avvio veloce si possono


aggiungere alla barra delle applicazioni nuove toolbar, ciascuna
delle quali pu ad esempio contenere collegamenti ad applicazioni di una determinata categoria, a cartelle sul computer locale, ad altre macchine dislocate sulla rete locale.

60 > PowerToys: Desktop Manager


e Taskbar Magnifier

58 > Avvio veloce


Allinsegna dellesecuzione rapida delle applicazioni pi usate,
la barra Avvio veloce serve per avere sempre a portata di puntatore le icone dei programmi utilizzati pi di frequente. Inizialmente questa barra (posta accanto al pulsante Start) contiene
un collegamento a Internet Explorer, uno ad Outlook Express,
uno al Media Player e un pulsante per ridurre a icona tutte le finestre. Per aggiungere programmi ad Avvio veloce basta trascinare con il mouse le nuove icone direttamente su una posizione
libera della toolbar.

I PowerToys di Windows XP, gi citati in questo articolo, hanno


ben due componenti che vanno a posizionarsi nella barra delle
applicazioni: il Desktop Manager e il Taskbar Magnifier. Il primo un tentativo (buono ma non eccelso, per rapidit e per
complessit delle feature) di dotare Windows XP di pi desktop
virtuali, in modo da dividere su pi vedute della scrivania le applicazioni e le finestre aperte. Il secondo invece pi utile
quando la barra delle applicazioni divisa su pi righe trasforma il puntatore del mouse in una vera e propria lente di ingrandimento, preziosa ad esempio per ritoccare dettagli di fotografie o per leggere parti di testi scritte con caratteri minuscoli.

propria postazione. Per fare questo bisogna lanciare


lapplicazione Microsoft System Information allinterno
delle Utilit di sistema del menu Start, quindi aprire il
menu Visualizza e selezionare la voce Computer remoto. A questo punto basta indicare lindirizzo Ip o il nome assegnato al Pc in rete per vedere le informazioni
relative alla macchina desiderata.

61 > Gestire le associazioni dei file


Le associazioni dei file indicano al sistema operativo
quali siano le applicazioni da utilizzare normalmente
per lapertura di ciascun tipo di documento: in questo
modo quando si lancia un file facendo un doppio clic
sulla sua icona, Windows sa quale programma utilizzare. Non sempre la scelta di Windows per la migliore; se si desidera utilizzare un programma diverso da
quello standard per visualizzare o modificare un tipo
di file (ad esempio se si vuole riprodurre un file Mp3
con un player differente da quello del sistema operativo) bisogna fare clic con il tasto destro su un file del tipo indicato e selezionare la voce Apri con. In Windows
98 per far apparire tale voce necessario tenere premuto il tasto Maiusc mentre si fa clic con il mouse; in
Windows XP si pu invece selezionare una delle applicazioni suggerite dal sistema o cliccare sulla voce Programma. A questo punto su Windows 98, Me e 2000
bisogna cliccare sul pulsante Sfoglia per navigare tra
le risorse del computer e selezionare lapplicazione voluta; Windows XP presenta invece in questa finestra
un pi comodo elenco delle applicazioni installate, tra
cui scegliere quella pi appropriata. Per rendere permanente la propria scelta, bisogna inoltre selezionare
la casella Usa sempre il programma selezionato per
aprire questo tipo di file.

63 > Proteggere i dati

Windows XP dispone
di una procedura
guidata per il backup
di file e impostazioni.

62 > Informazioni anche sui sistemi remoti


Windows XP permette di accedere alle informazioni
relative a tutti i computer della rete senza lasciare la

364

Il backup dei dati unattivit importante per tutti coloro che utilizzano un Pc. Le varie versioni di Windows offrono tool pi o meno evoluti per questa operazione, ma il pi semplice da utilizzare sicuramente
quello di Windows XP, che si raggiunge attraverso licona nel menu Start, tra le Utilit di sistema. Tale programma dispone di una procedura guidata che permette di salvare (o ripristinare)
sul momento una copia di
scorta delle cartelle di sistema, dellintero disco rigido
o di una selezione dei file
pi importanti che naturalmente devono essere
scelti dallutente. Al termine
della procedura guidata si
pu inoltre cliccare sul pulsante Avanzate, con cui selezionare il tipo di backup
(normale, incrementale, giornaliero e via dicendo), impostare le opzioni di verifica dei dati o programmare
le operazioni per essere eseguite in un momento in cui
il Pc non al lavoro.

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Tra le periferiche del sistema


possibile visualizzare alcune
interessanti voci nascoste.

Le ultime versioni
delleditor del registro
di configurazione
permettono di definire
segnalibri per spostarsi
velocemente tra le
chiavi pi importanti.

64 > Le chiavi di registro preferite


Chi mette mano spesso al registro di configurazione sa
che ci sono alcune chiavi utilizzate pi spesso di altre:
ad esempio molti dei nostri suggerimenti riguardano
lalbero contenuto nelle chiavi HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows e
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows, mentre pochissime volte facciamo riferimento al
contenuto di HKEY_CLASSES_ROOT e di
HKEY_CURRENT_CONFIG. Leditor fornito con Windows 2000 e XP, linossidabile regedit, permette di definire dei segnalibri allinterno del registry in modo da
raggiungere con un clic del mouse posizioni annidate
allinterno dellalbero delle cartelle. Per definire un
nuovo segnalibro bisogna spostarsi sulla chiave desiderata, aprire il menu Preferiti e selezionare la voce
Aggiungi a Preferiti.

e quindi sul pulsante


Gestione periferiche.
Questa veduta non mostra per tutte le risorse del sistema, ma soltanto quelle a cui si intende fare pi spesso
riferimento. Per avere accesso anche alle risorse nascoste bisogna aprire il menu Visualizza e selezionare la
voce Mostra periferiche nascoste. In questo modo si
possono vedere informazioni come lelenco dei driver
non Plug and Play utilizzati, delle interfacce di rete utilizzate dal sistema e i volumi di archiviazione riconosciuti.

67 > Installare senza problemi driver non firmati


Ogni volta che si tenta di installare su Windows XP un
driver o unapplicazione che agisce a basso livello sul
Pc senza che in essi sia presente una firma digitale, il
sistema operativo informa lutente dei possibili problemi che si possono verificare.
Se si eseguono molte installazioni e soprattutto se si
sempre assolutamente certi delle operazioni che si
compiono si pu scegliere di disattivare questo tipo di
avvisi: basta aprire lapplet Sistema del Pannello di
controllo, spostarsi sulla scheda Hardware e cliccare sul
pulsante Firma driver. Da questa finestra di configurazione si pu indicare a Windows come comportarsi di
fronte a un driver non firmato, se presentare a video la
consueta finestra di avviso, se accettare sempre i driver
o impedirne sistematicamente linstallazione.

65 > Identificare tutti i processi


Gi si parlato di come il task manager di Windows
permetta di vedere lelenco dei processi attivi sul Pc e
di bloccare quelli ritenuti inutili per ci che si sta facendo.
Sotto Windows XP il numero delle informazioni che
questo componente pu fornire per maggiore di
quanto si creda: il Task Manager che si richiama con
la combinazione di tasti Ctrl-Alt-Canc dispone di una
finestra di selezione delle colonne raggiungibile nel
menu Visualizza. Questa finestra permette di selezionare i campi ritenuti pi interessanti, da indicare poi
nel Task Manager stesso: per ciascun processo si possono conoscere oltre al nome dellutente che lo ha
lanciato, al tempo di Cpu e alla quantit di memoria
utilizzati i byte scritti e letti su disco, i thread aperti,
la memoria virtuale impegnata e decine di altre informazioni utili per capire a fondo cosa sta accadendo nel
sistema operativo.

Con Windows XP si
possono nascondere le
icone meno usate tra
quelle allinterno della
tray area.

66 > Vedere tutti i device


La finestra delle propriet del sistema contiene un
elenco dei dispositivi hardware installati sul Pc: questo
si raggiunge attraverso lapplet Sistema del Pannello
di controllo, facendo clic prima sulletichetta Hardware

366

68 > Prendersi cura dellarea di sistema


Una delle novit dellinterfaccia di Windows XP la
possibilit di nascondere dallarea di sistema (chiamata
anche area messaggi o tray area) le icone meno usate tra quelle dei programmi
costantemente in esecuzione.
Windows si basa sulle statistiche di utilizzo di ciascuna icona per distinguere
quelle da mostrare da quelle da nascondere alla vista: il nostro consiglio invece quello di scegliere manualmente le
icone da avere sempre in primo piano,
in modo da avere un ambiente di lavoro
pi aderente al proprio modo di lavorare. Per questo bisogna fare clic con il tasto destro del mouse sul pulsante Start,
selezionare la voce Propriet e spostarsi
sulla scheda Barra delle applicazioni;
cliccando sul pulsante Personalizza si pu cos indicare
per ogni icona attualmente presente loperazione
da compiere, scegliendo tra Mostra sempre, Nascondi
sempre ed eventualmente il valore predefinito Nascondi se inattivo.

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Windows e i Pc portatili
Windows XP un sistema operativo con molte funzioni dedicate al mondo dei portatili,
come la gestione intelligente della batteria e quella di un eventuale secondo monitor.
69 > Raddoppiare il desktop

linea, seguendo poi le istruzioni della procedura guidata


del sistema operativo. Lopzione File non in linea disponibile solo per i documenti memorizzati su un server che
supporta il protocollo Smb (come tutti i server Windows).

I notebook delle ultime generazioni


permettono di espandere lo spazio del
desktop attraverso la connessione ad
un monitor esterno. Dopo aver collegato il secondo monitor al computer
bisogna richiamare la finestra delle
propriet dello schermo, facendo clic
con il tasto destro sul desktop e selezionando la voce Propriet: nella
scheda Impostazioni si dovrebbero
vedere raffigurati due monitor, uno a
fianco allaltro. Con un clic del tasto
destro del mouse sul monitor numero
2 appare un menu, in cui bisogna selezionare la voce Collegato. A questo punto si pu passare allimpostazione delle consuete propriet del monitor: risoluzione, colori, frequenza di refresh e via dicendo. In ultimo si deve indicare a Windows, semplicemente trascinando i due monitor allinterno della finestra,
quali siano le loro posizioni: in questo modo il sistema
operativo pu rendere coerenti il movimento del mouse
e il posizionamento delle finestre tra i due schermi.

71 > Lunga vita alla batteria

Luso di due monitor


previsto dal sistema
operativo ed
consigliabile per tutti gli
utenti di Pc portatili.

70 > File sempre in linea


I documenti su cui si lavora quotidianamente sono spesso memorizzati su una Lan. Con Windows 2000 o XP
per semplice e rapido copiarli in locale rimanendo per
sicuri di utilizzarne sempre le versioni pi recenti.
La prima operazione da compiere lattivazione dei File
non in linea: per questo bisogna aprire una qualunque
cartella e selezionare la voce Opzioni cartella dal menu
Strumenti, quindi selezionare la casella Abilita file non
in linea. A questo punto diventano attive tutte le relative
opzioni prima oscurate, che possono adattarsi alle abitudini di lavoro di ciascuno: ad esempio si pu decidere di
sincronizzare i documenti in rete con quelli salvati in locale al momento della connessione e della disconnessione, oppure ad intervalli regolari di tempo. Per rendere
una cartella di rete disponibile anche quando si off-line
basta quindi fare clic su di essa con il tasto destro del
mouse e selezionare Disponibile in modalit non in

Un uso attento degli strumenti di power management


pu allungare sensibilmente la durata delle batterie di
qualunque notebook. Allinterno del tool Opzioni risparmio energia del Pannello di controllo si trovano varie
schede, il cui layout pu variare leggermente a seconda
della marca e del modello del notebook. Prima di tutto
necessario assicurarsi che sia attivata la modalit
Standby, in cui il sistema arresta la maggior parte delle
attivit e utilizza la batteria solamente per tenere attiva la
memoria del computer. Un computer in standby consuma
mediamente tra il 10 e il 15% della propria batteria in 24
ore. Lavorando con Windows Me, 2000 o XP inoltre
possibile usufruire della Sospensione del Pc, un vero e
proprio spegnimento della macchina (in cui cio le batterie non si consumano) che prevede la copia integrale su
disco del contenuto della Ram. La sospensione permette
di riavviare il Pc dallo stato in cui lo si lasciato e in tempi molto brevi, ma impegna costantemente su disco una
quantit di spazio pari alla dimensione della memoria.
Per lentrata automatica in modalit Standby o Sospensione bisogna utilizzare due menu a tendina presenti nella scheda Combinazioni risparmio energia. La sospensione non sempre attiva per default, e in tal caso bisogna
porre manualmente il segno di spunta alla voce Attiva sospensione nella scheda Sospensione.

72 > Sicurezza in pratica


Chi utilizza un Pc portatile deve prestare particolare attenzione ad alcune regole per garantire la sicurezza dei
propri dati: una di queste senza dubbio disabilitare il
supporto alle reti wireless quando non si ha in programma di collegarsi a un network di tale genere. Per farlo, bisogna controllare se presente nellarea messaggi licona
di una connessione di rete chiamata LAN (Wireless),
quindi cliccare su di essa con il tasto destro del mouse e
selezionare la voce Disattiva. Questa procedura permette
di chiudere qualche porta aperta a potenziali malintenzionati e effetto secondario ma certo gradito di guadagnare fino a 20 minuti in pi di durata della batteria.

368

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Un sistema operativo multimediale


Codec aggiornati, un Media Player tuttofare e molte funzioni rivolte allaudio e al
video: Windows ha una spiccata vocazione multimediale, ecco come metterla a frutto.
73 > Occhio alla privacy (1)

duzione di un file se sul Pc non installata la relativa licenza. In pratica ci significa che quando si effettua il rip
di un Cd (il termine gergale per indicare la copia su disco
rigido di audio o video dai supporti originali) si ottengono
file non utilizzabili su altri Pc, a meno di esportare e importare la licenza per ciascun brano. Fortunatamente le
funzioni di protezione si possono disattivare direttamente
dalla finestra del player. Basta aprire il menu Strumenti e
selezionare la voce Opzioni: a questo punto, spostandosi
sulla scheda Copia musica, basta disattivare lopzione
Proteggi contenuto.

Windows Media Player,


nelle sue versioni 7.1 e
8.0, invia un codice di
identificazione ai siti
Web da cui si cercano di
scaricare stream audio o
video. Anche se le informazioni inviate non permettono di risalire ai dati dellutente, possibile
impedire al Media
Player di inviare tale codice: bisogna semplicemente lanciare il Media
Player, selezionare la
Windows Media Player tenta di inviare ai
voce Opzioni dal menu
siti Web un codice di identificazione unico.
Strumenti e quindi deselezionare la casella Consenti ai siti Internet di identificare in modo univoco il
lettore multimediale.

76 > Mettere al sicuro le licenze di Media Player

74 > Occhio alla privacy (2)


Una misura ulteriore per impedire al Media Player (e a
tutto ci che gli gira attorno) la raccolta di informazioni
sul Pc in cui viene usato bloccare tutti i cookie che il
sito WindowsMedia.com cerca di salvare su hard disk.
Internet Explorer 6.0 permette infatti di accettare o rifiutare selettivamente i cookie sito per sito: bisogna
lanciare lapplet Opzioni Internet del Pannello di controllo, spostarsi sulla scheda Privacy e quindi cliccare
sul pulsante Modifica nella parte inferiore della finestra. A questo punto sufficiente indicare WindowsMedia.com come indirizzo del sito da bloccare e cliccare sul pulsante Blocca.

Per non trovarsi con file


audio inutilizzabili, bene
creare un backup delle
proprie licenze.

Per chi sceglie di proteggere i propri file, necessario salvare una copia della licenza generata automaticamente:
in questo modo anche se si reinstalla il sistema operativo
non si rischia di non poter pi ascoltare la musica estratta
dai Cd, semplicemente copiando di nuovo le licenze al loro posto. Bisogna per questo aprire il Media Player, aprire
il menu Strumenti e selezionare la voce Gestione Licenze.
Le licenze vengono copiate nella cartella che si indica in
questa finestra, sotto forma di file con estensione .bak. Su
tali file viene impostato lattributo Nascosto, per cui pu
capitare che Esplora risorse non li mostri assieme agli altri documenti. Ricordiamo che con Windows XP per visualizzare i file nascosti bisogna aprire una finestra qualunque di Esplora risorse (ad esempio la cartella Documenti), quindi selezionare Opzioni cartella dal menu
Strumenti e nella scheda Visualizzazione attivare la
casella Visualizza cartelle e file nascosti.
Per ripristinare il backup delle licenze il procedimento
analogo a quello del salvataggio: giunti alla finestra di
gestione delle licenze bisogna semplicemente cliccare
su Ripristina invece che su
Esegui backup.

75 > Musica senza limitazioni


Come noto, la versione di Windows Media Player distribuita con Windows XP permette di salvare le tracce
dei Cd audio sul disco rigido sotto forma di file Wma. Secondo le impostazioni di default, il programma crea per
file Wma poco flessibili: il Media Player sfrutta cio il
meccanismo di protezione messo a punto da Microsoft
per le ultime versioni del suo codec, e impedisce la ripro-

370

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

77 > Visualizzare i dettagli giusti


Windows XP permette di configurare a piacimento le
modalit di visualizzazione per le cartelle che contengono file multimediali, in modo da mostrare tutte le informazioni che si ritengono rilevanti. Windows da parte sua
tenta di individuare in modo autonomo il contenuto di
ciascuna cartella immagini, audio, video, documenti o
file generici e configura di conseguenza lo stile di visualizzazione. Per
cambiare le impostazioni predefinite comunque
possibile intervenire manualmente:
per questo bisogna
aprire la cartella in
questione e selezionare la voce
Personalizza cartella allinterno del
menu Visualizza.
Dalla finestra che
appare si pu cos
scegliere uno dei
modelli disponibili, che vanno dalla
Windows XP riesce a leggere i tag di informazioni e
cartella documenti
a dividere gli Mp3 per album o per nome dellautore.
allalbum fotografico, passando per
le raccolte musicali divise per album o per artista. Per un
controllo ancora maggiore sui dati mostrati a video, sempre nel menu Visualizza presente la voce Scelta dettagli, che permette di selezionare uno per uno i campi di
informazioni riconosciuti da Esplora risorse.

In caso di problemi
nellestrazione di audio dai
Cd si pu abilitare tra le
propriet del lettore la
riproduzione digitale.

in grado di riprodurre Cd audio,


ma per fortuna
non pi obbligatorio effettuare tale tipo di collegamento: Windows
2000 e XP gestiscono il trasferimento dei dati direttamente in formato digitale tra lettore e scheda, e permettono a
tutti gli effetti sempre che i lettori installati supportino
tale funzione di fare a meno del famigerato cavetto grigio. Per abilitare luso di audio digitale bisogna lanciare
lapplet Sistema del Pannello di controllo, quindi spostarsi
nella scheda Hardware e cliccare sul pulsante Gestione
periferiche. Nella finestra che appare bisogna aprire la
voce Unit DVD/CD-ROM e per ciascun lettore installato
richiamare con un doppio clic la finestra delle propriet:
in questultima, sotto la voce Propriet presente la casella Abilita riproduzione digitale su questa periferica.
Facciamo notare tra laltro che anche il processo inverso
pu avere senso: se cio tale impostazione attiva per
default ma si riscontrano problemi di lettura dei Cd, si
pu tentare di ricorrere alla vecchia connessione analogica, utilizzando sulla periferica in questione il cavetto di
collegamento con la scheda audio.

78 > Digitale o non digitale?


Un tempo per ascoltare un Cd audio attraverso la scheda
audio del Pc era necessario collegare il lettore Cd alla
scheda audio attraverso un sottile cavo, che trasmetteva i
dati (gi convertiti in formato analogico) alla scheda stessa, pronti per essere riprodotti attraverso le casse. Oggi
in un solo Pc possono tranquillamente esserci pi unit

80 > Gestire la Media Library

Gli shortcut del Media Player


79 > Usare il Media Player senza il mouse
Ctrl-P
Ctrl-S
Ctrl-B
Ctrl-F
Ctrl-Maiusc-B
Ctrl-Maiusc-F
Ctrl-E
Ctrl-U
Alt-Invio

Avvia o mette in pausa la riproduzione del brano (o filmato) corrente


Interrompe la riproduzione del brano corrente
Passa al brano precedente
Passa al brano successivo
Riavvolgimento veloce (solo per i Dvd)
Avanzamento veloce (solo per i Dvd)
Apre il cassettino del lettore Cd (non funziona con lettori multipli)
Richiama la finestra di selezione dei file o degli Url da aprire
Riproduce il video a tutto schermo; per tornare alla visualizzazione
in finestra, premere nuovamente Alt-Invio

371

Le versioni 7.1 e 8 di Media Player permettono di creare


librerie dei file audio e video presenti nel Pc. Se dopo
aver inserito in una libreria un file si sposta questultimo
in una diversa cartella, il Media Player non aggiorna le
relative voci: se, anzi, si cerca di eseguire da una nuova
posizione un file gi inserito nella Media Library, il programma crea per questo una voce distinta, con il risultato di avere delle playlist con molte voci non valide. Per
risolvere questo problema si possono eliminare manualmente i nomi dei file non validi dalla libreria.
In alternativa possibile creare da zero una nuova Media Library: bisogna chiudere tutte le istanze del Media
Player e cercare (attraverso lo strumento di ricerca di file e cartelle presente nel menu Start) il documento wmplibrary_v_0_12.db, che contiene tutte le informazioni
raccolte dal programma. Dopo aver rinominato o eliminato questo documento, si pu riavviare il Media Player
e lanciare il comando Cerca file multimediali dal menu
Strumenti: in questo modo la libreria viene nuovamente
riempita con i riferimenti a tutti i file audio e video memorizzati sui dischi del Pc.

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

Internet e networking
Una serie di consigli e piccoli trucchi per utilizzare bene un Pc connesso in rete,
grazie alle innumerevoli funzionalit offerte da Windows e dai suoi accessori.
81 > Attenzione alla condivisione
(troppo) semplice

83 > Immagini al 100%

Windows XP introduce un nuovo


modo di effettuare la condivisione in
rete di file e cartelle, chiamata Condivisione file semplice. Questa nuova
opzione non prevede la gestione dei
permessi di accesso introdotta con
Windows XP, ma soltanto di aprire
genericamente - in lettura e in scrittura - una o pi cartelle a tutti gli
utenti della rete. Non c bisogno di
dire quanto una politica di questo tipo sia pericolosa in un ambiente di
lavoro (e infatti stupisce che tale opzione sia attivata di default anche in Windows XP Professional): il nostro consiglio pertanto quello di disattivare questo modello di condivisione dei file, aprendo
le Opzioni cartella dal menu Strumenti di Esplora risorse, quindi cliccando su Visualizzazione e infine deselezionando la voce Utilizza condivisione file semplice
(scelta consigliata).

82 > Scegliere la macchina virtuale Java


Microsoft non ha incluso nellinstallazione di Windows
XP una macchina virtuale Java, essenziale per eseguire
le applet scritte in questo linguaggio e inserite nelle
pagine Web. Linstallazione di tale componente viene
proposta allutente nel momento in cui si tenta di eseguire una applet Java: Windows propone cio di scaricare e installare la Java Virtual Machine realizzata da
Microsoft. Questo modulo peraltro ora disponibile anche allinterno del Service Pack 1 di Windows XP. In alternativa, viste anche le controversie riguardanti presunte differenze tra limplementazione Microsoft e le
specifiche originarie di Java, possibile scaricare da
Web la macchina virtuale targata Sun casa madre del
linguaggio Java allindirizzo http://java.sun.com. Se
si installano entrambi i pacchetti possibile scegliere
tra i due attraverso una semplice casella di controllo
nella scheda Avanzate tra le Opzioni Internet del Pannello di controllo.

La condivisione semplice
dei file di Windows XP
non offre alcun controllo
sullaccesso ai dati della
propria macchina.

Con Internet Explorer 6 le


operazioni sulle immagini
si fanno dalla toolbar che
appare su di esse. Le
immagini troppo grandi
per la finestra del browser
vengono rimpiccciolite
automaticamente.

372

Una delle nuove feature di Internet Explorer 6 permette


di ridimensionare in modo automatico le immagini che
risultano troppo grandi per rientrare in una finestra del
browser. Grazie a questo accorgimento alcune pagine
Web diventano pi fruibili specialmente per chi lavora
a risoluzioni non troppo alte. Per espandere unimmagine ridotta basta comunque lasciare su di essa il puntatore del mouse per qualche secondo, quindi premere il
pulsante che appare nella sua estremit in basso a destra. naturalmente possibile disabilitare questa funzione impostata come attiva per default aprendo la
finestra delle Opzioni Internet dal Pannello di controllo,
spostandosi sulla scheda Avanzate e deselezionando la
casella Abilita ridimensionamento automatico delle immagini.

84 > La toolbar delle immagini


Si detto che se allinterno di Internet Explorer 6 il
puntatore del mouse si ferma su unimmagine ridimensionata automaticamente, su questa appare un pulsante
da premere per vederla alle proporzioni originali. Su
tutte le immagini - ridimensionate o meno - compaiono
comunque alcuni altri pulsanti, che il browser presenta
allutente per permettergli di compiere le principali
operazioni sul file corrispondente: possibile cio salvare limmagine su disco, stamparla o inviarla via email, il tutto con un semplice
clic del mouse.
Per chi non utilizza quasi mai
i comandi citati, una buona
idea disabilitare questa vera
e propria toolbar pop-up, la
cui comparsa va inevitabilmente (e a volte con un po di
fastidio da parte dellutente) a
coprire una parte delle immagini: sempre nella scheda
Avanzate delle Opzioni Internet si trova infatti la voce
Abilita barra degli strumenti
Immagini, che si pu disabilitare a piacere. Per modificare
realmente questa impostazione necessario un riavvio

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

della macchina, indipendentemente dalla versione del


sistema operativo usata.

I tasti di scelta rapida

85 > Dov la barra di stato?

88 > Gli shortcut di Internet Explorer

Con Windows XP la barra di stato di Internet Explorer


risulta disabilitata per default. Se anche si riattiva attraverso il menu Visualizza, a volte capita che questa appaia non in tutte le finestre del browser, ma solamente
nella prima. Per far s che la barra di stato sia visibile in
tutte le istanze di Internet Explorer bisogna aprire una
finestra del programma, quindi selezionare la voce Barra di stato nel menu Visualizza. A questo punto necessario chiudere la finestra del browser tenendo nel frattempo premuto il tasto Ctrl, aprire Risorse del computer
e visualizzare anche al suo interno la barra di stato con
il medesimo comando. Infine, lanciata la finestra delle
Opzioni cartella attraverso il menu Strumenti, bisogna
selezionare la scheda Visualizzazione, quindi fare clic
sul pulsante Applica a tutte le cartelle, cliccare su Ok e
chiudere la finestra di Risorse del computer. Il problema
dovrebbe ora essere risolto.

Alt-D o F6
Alt-Sinistra
Alt-Destra
Alt-Home
Ctrl-I
F5
Maiusc-Invio
Ctrl-Invio

Passa alla barra degli indirizzi


Torna alla pagina precedente nel browser
Passa alla pagina successiva nel browser
Apre la pagina iniziale nella finestra corrente
Apre la barra dei Preferiti di Internet Explorer
Aggiorna la pagina corrente
Se usato durante la digitazione di un Url nella barra Indirizzo
della barra delle applicazioni, apre la pagina in una nuova finestra del browser
Se usato durante la digitazione di un Url aggiunge automaticamente
il prefisso http://www. e il suffisso .com ai caratteri inseriti

una password, il browser chiede se si intendano salvare


tali informazioni, e una casella di controllo permette di
rendere automatico il salvataggio di tutte le password
successive. Per ripristinare la domanda di salvataggio
bisogna aprire le Opzioni Internet dal Pannello di controllo o dal menu Strumenti del browser, quindi spostarsi sulla scheda Contenuto, cliccare su Completamento automatico e barrare la casella Richiedi salvataggio password. Nella stessa finestra possibile eliminare tutte le informazioni personali operazione da
compiere ad esempio quando si lascia usare il proprio
Pc ad unaltra persona attraverso il pulsante Cancella
password.

86 > No, Passport non mi interessa


Appena dopo linstallazione di Windows XP, il
sistema operativo spinge
lutente in pi di una occasione a registrarsi
presso il sito Passport:
collegare un account
Passport al proprio account utente permette di
utilizzare alcuni servizi tra cui MSN Messenger senza dover inserire i propri dati, appoggiandosi cio al sistema di autenticazione Passport. Da alcune finestre di
dialogo sembra addirittura che la registrazione su questo network sia un passaggio necessario per il pieno utilizzo di Windows XP, ma ci non risponde a verit. Se si
gi effettuata liscrizione a Passport, possibile eliminare le informazioni ad esso collegate attraverso lapplet Account utente del Pannello di controllo. Per questo bisogna selezionare il nome utente desiderato, quindi fare clic sulla voce Gestione password di rete posta
sulla sinistra e cancellare tutte le voci che terminano
con la parola Passport. Ci beninteso non elimina laccount dal database Microsoft, ma si limita a rimuovere il
collegamento diretto con laccount utente creato allinterno di Windows XP.

Anche se Windows XP
caldeggia liscrizione a
Passport, questa non
affatto necessaria per
lutilizzo del Pc.

87 > Salvare le password


Lopzione di salvataggio delle password di Internet Explorer pu evitare a tutti gli utenti di digitare i dati relativi ai propri account in decine di servizi Web. Ogni
volta che in un sito si inseriscono un nome utente e

89 > Il firewall della connessione a Internet


Microsoft ha integrato allinterno di Windows XP un firewall chiamato Firewall connessione internet per
proteggere le connessioni dellutente. Per attivare tale
firewall sulle singole connessioni bisogna aprire le loro
finestre delle propriet allinterno dellapplet Connessioni di rete del Pannello di
controllo, barrando la casella
corrispondente allinterno della scheda Avanzate. Purtroppo lefficacia di tale firewall
ridotta rispetto a quella di alcuni programmi concorrenti
(gratuiti e non): in particolare
il programma offre un controllo poco approfondito sulle
connessioni in uscita, rivelandosi poco adatto a tenere sotto
controllo le informazioni che il
Pc invia su Internet su richiesta di applicazioni e siti Web.

Il Firewall connessione internet permette di bloccare i


tentativi di connessione al Pc provenienti dallesterno.

374

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

90 > Riparare linstallazione di Tcp/Ip


Con le versioni di Windows precedenti ad XP era
possibile rimediare ad una installazione danneggiata
di Tcp/Ip rimovendo e reinstallando lintero modulo.
Nella maggior parte dei casi i file rimangono infatti
inalterati e tutti i problemi risiedono in qualche chiave del registro messa a posto grazie alla reinstallazione generale delle librerie. In Windows XP non si
pu invece disinstallare il protocollo Tcp/Ip, a cui
fanno riferimento pi componenti del sistema operativo: Microsoft ha reso cos possibile il ripristino della
configurazione Ip iniziale attraverso lutility
NetShell, che va richiamata attraverso la linea di comando netsh int ip reset <nomefile>. Questi parametri riportano tutti i valori relativi a Tcp/Ip alle loro
impostazioni di default: lunica variabile a scelta dellutente <nomefile>, che indica il file di log allinterno del quale il programma deve andare a scrivere
lelenco delle chiavi di registro modificate.

Le funzioni di bridging di Windows XP


permettono di utilizzare il Pc come un ponte
per far comunicare fra loro reti di tipo diverso.

91 > Una configurazione Ip per tutte le postazioni


Se si abituati a utilizzare il computer portatile in due
diverse postazioni di lavoro casa e ufficio la possibilit di utilizzare pi configurazioni offerta da XP pu
essere molto utile. Se una delle due posizioni utilizza
un indirizzo Ip statico e laltra uno dinamico assegnato
tramite Dhcp dal server al momento della connessione,
si pu lasciare selezionata la casella Ottieni automaticamente un indirizzo IP allinterno delle propriet del

SOFTWARE

protocollo Tcp/Ip relative alla connessione, indicando


lindirizzo Ip della macchine, quello del gateway e
quelli dei server Dns (per la connessione con Ip statico) nella scheda Configurazioni alternative. Quando il
computer si avvia, il primo tentativo cos quello di ottenere un Ip dinamico collegandosi ad un server Dhcp:
se non si trova questultimo entra in gioco la configurazione alternativa, che assegna alla macchina lIp statico specificato in precedenza.

non possono per fornire laccesso ad alcune feature


specifiche implementate da ciascun produttore, come la
scelta manuale del canale di comunicazione e le modalit di autenticazione proprietarie. Se si intendono sfruttare queste caratteristiche quindi necessario come
per qualunque altra classe di dispositivi installare i
driver forniti dal produttore della scheda. Nel caso delle
schede di rete wireless, labbandono dei driver Microsoft pu significare perdere la capacit di collegarsi a
qualsiasi tipo di rete senza fili, in quanto alcuni driver
non permettono di effettuare questa operazione senza
modificare manualmente alcuni parametri nella finestra
di configurazione della scheda.

92 > Un ponte tra le varie reti


Se un Pc collegato a vari dispositivi posti su tipi di
rete differenti, possibile utilizzare il computer come
un ponte tra i vari segmenti di rete e permettere alle
diverse macchine di comunicare tra loro. Questa comoda funzionalit chiamata per lappunto bridging
non richiede alcuna particolare configurazione se non
la semplice attivazione: basta cio aprire la finestra
delle connessioni di rete, selezionare tutte le connessioni da coinvolgere nel bridge, fare clic su di esse con
il tasto destro del mouse e selezionare la voce Connessioni con bridging. Possono fare parte del bridge schede Ethernet, FireWire e dispositivi con connessione
Wireless; non possono essere incluse per tutte le
schede su cui sono attivati il Firewall connessione Internet o la Condivisione connessione Internet.

95 > In rete con il FireWire


Anche se le connessioni FireWire sono nate per collegare al Pc periferiche ad alta velocit come dischi rigidi
e lettori Cd, nulla vieta di utilizzarle come interfacce di
rete dalle ottime prestazioni per far comunicare tra loro
due Pc. In effetti gli utenti di Windows XP sanno che il
sistema operativo crea per ciascuna porta FireWire delle connessioni di rete che appaiono come icone di un
gruppo separato allinterno della finestra Connessioni
di rete. A differenza di quanto avviene con le porte Usb
(che richiedono uno speciale cavo incrociato per collegare tra loro due Pc, esattamente come avviene con le
normali interfacce di rete), le connessioni FireWire si
accontentano di un cavo normalissimo e non necessitano di alcun hardware aggiuntivo.

93 > Usare NetBEUI sulle vecchie reti


Windows XP non installa automaticamente come invece fanno le altre versioni del sistema operativo il
protocollo di rete NetBEUI, che permette una condivisione delle risorse tra Pc molto semplice, senza bisogno di specificare nomi, indirizzi di rete e via dicendo.
Questo protocollo di fatto necessario per condividere
file e stampanti con versioni di Windows pi vecchie in
cui non sia installato il protocollo Ip; in caso di necessit va quindi installato a mano direttamente dal Cd di
Windows XP. Ecco le operazioni da compiere.
Bisogna spostarsi, allinterno del disco di installazione
di Windows XP, alla cartella
\ValueAdd\MSFT\Net\NetBEUI, quindi copiare il file
Nbf.sys nella directory C:\Windows\System32\Drivers
e il file Netnbf.inf nella directory C:\Windows\Inf. A
questo punto possibile aggiungere il supporto a NetBEUI a tutte le connessioni di rete esistenti (fatta eccezione per quelle FireWire, non gestite dal protocollo).

96 > Usare i nomi degli Host


Allinterno del file Hosts si
possono indicare a
Windows le associazioni
tra alcuni indirizzi Ip e i
corrispondenti indirizzi di
tipo letterale.

Ogni volta che il Pc si collega a una risorsa su Internet


viene utilizzato un server Dns per tradurre il nome di
un host o un indirizzo Web al corrispondente indirizzo
Ip. Una feature poco conosciuta di Windows 98 e dei
suoi successori permette di mantenere in locale una tabella di indirizzi Ip, che Windows consulta prima di collegarsi ad un server Dns remoto. Il file in questione de-

94 > Configurazione automatica


dei device wireless
Windows XP dispone di driver specifici per molte
schede di rete wireless. Nella maggior parte dei casi
cos possibile inserire la scheda e cominciare ad utilizzarla, praticamente senza alcuna modifica alla configurazione del Pc. Ci che i driver generici Microsoft

376

PC Professionale - dicembre 2002

SOFTWARE

99 > A caccia di intrusi

ve chiamarsi Hosts e va messo nella directory C:\Windows\System32\Drivers\Etc (o semplicemente in


C:\Windows, in Windows 98): si tratta di un semplice
file di testo, in cui su ogni riga va inserito un indirizzo
Ip in formato numerico e di seguito il nome del computer o lUrl. Uno degli utilizzi secondari di questa feature il blocco di determinati siti Web: se si crea una riga che inizia con lindirizzo 127.0.0.1 (lindirizzo di
loopback, che il Pc identifica con se stesso) e lurl di un
sito che solito aprire finestre di tipo pubblicitario,
ogni richiesta di connessione al sito rimander il browser ad un indirizzo in realt inesistente e impedir la
visualizzazione di qualunque messaggio.

Le funzionalit di networking di Windows XP permettono


di condividere in modo facile risorse con altri utenti, che
cos possono accedere al vostro Pc e utilizzare in rete cartelle e stampanti. Purtroppo tali funzioni aprono in qualche modo anche il fianco a potenziali malintenzionati che
vogliano compromettere la sicurezza del vostro sistema.
Una prima linea difensiva dovrebbe essere lutilizzo di un
firewall personale e di un buon antivirus, ma anche con
queste misure a volte trojan, virus della posta elettronica
e altri tipi di attacco possono riuscire a penetrare nel Pc.
Se si sospetta che qualcuno (o qualcosa) stia utilizzando il
Pc attraverso la rete locale o Internet, c un modo semplice per scoprirlo con certezza: lutility a linea di comando Netstat, che permette di conoscere molti dettagli delle
attuali connessioni del computer. Bisogna cio aprire una
finestra di terminale e digitare il comando Netstat -a, per
vedere un elenco completo di tutte le connessioni aperte
in entrata e in uscita del computer.
Naturalmente non bisogna farsi prendere dal panico, anche se il programma indica la presenza di decine di connessioni contemporanee, ma piuttosto analizzare con calma gli indirizzi a cui si risulta collegati; se una connessione in qualche modo sospetta, con Netstat -o si pu vedere il codice dei processi che hanno stabilito collegamenti in rete, e risalire con questo dato attraverso il Task
Manager ai programmi che stanno attualmente comunicando con lesterno.

97 > Da dove viene questa stampante?


La ricerca automatica delle risorse che si trovano sulla
rete locale una feature pensata per semplificare la
vita degli utenti. Questa funzione sonda periodicamente la Lan a cui il computer collegato alla ricerca
di cartelle e di stampanti condivise inserite le prime
allinterno delle Risorse di rete, le seconde nella cartella delle stampanti.
La ricerca automatica si dimostra utile per chi lavora
su una rete piccola e con poche risorse condivise, mentre pu in qualche modo confondere gli utenti delle
Lan aziendali di grosse dimensioni, in cui pu essere
difficile raccapezzarsi tra decine di stampanti e centinaia di cartelle condivise sui Pc dei colleghi.
Disattivare la ricerca automatica delle risorse fortunatamente facile: bisogna aprire le Opzioni cartella dal
menu Strumenti di una qualunque cartella, spostarsi
sulla scheda Visualizzazione e deselezionare la casella
di controllo Cerca automaticamente cartelle e stampanti di rete.

100 > Usare i diagnostici di rete

98 > Trovare il proprio indirizzo Ip


A volte di fronte alla necessit di scoprire il proprio indirizzo Ip molti utenti rimangono spiazzati. In realt si tratta di unoperazione molto semplice: basta usare lutility
Winipcfg sotto Windows 98 e Me o il comando Ipconfig
/all sotto Windows 2000 o XP per vedere in una finestra
di terminale informazioni quali il nome dellhost, il Mac
Address della scheda di rete, lindirizzo Ip della macchina, quello del gateway e quello dei server Dns utilizzati.
Il comando Ipconfig (Winipcfg
sotto Windows 9x) permette di
conoscere tutti i dettagli della
propria connessione alla rete.

Nascosti allinterno dellutility System Information di


Windows XP c un ottimo strumento per lanalisi della propria connessione di rete. Un collegamento a System Information presente nel menu Start, allinterno della cartella Utilit di sistema, e una volta lanciato
il programma bisogna selezionare la voce Diagnostica
di rete nel menu Strumenti. La schermata che appare
permette di verificare che i server Dns, il gateway e
altri indirizzi di server utilizzati dalle applicazioni siano raggiungibili (attraverso una serie di semplici ping)
e indica a video con possibilit di salvare i dati allinterno di un
file di log i
test che sono
stati superati e
quelli che hanno fatto riscontrare dei problemi.

Windows XP dispone di
un tool di diagnostica
che cerca di collegarsi ai
principali nodi della rete
in cerca di problemi.

377

PC Professionale - dicembre 2002