Sei sulla pagina 1di 96

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

FEDERICO II
FACOLTA DI SOCIOLOGIA
Corso di laurea in Sociologia

TESI DI LAUREA
IN
SOCIOLOGIA DELLARTE E DELLA LETTERATURA

LEVIRATA CANZONE
Farinelli e luso della quarta voce nellopera occidentale

Relatore

Candidato

Ch.mo Prof.

Matr. 551/6428

Luigi Caramiello

Raffaella Di Bonito

ANNO ACCADEMICO 2010/2011

INDICE
Introduzione
Capitolo I

Pag. 1
STORIA DELLA CASTRAZIONE

1.1

Dalle Origini al declino

Pag.

1.2

I castrati nella tradizione musicale occidentale

Pag.

12

1.3

Lo scenario musicale barocco

Pag.

18

Farinelli: vita di un evirato cantore

Pag.

27

2.1.1

Perch il nome Farinelli

Pag.

36

2.1.2

La citt dei castrati: Napoli

Pag.

40

2.1.3

La scuola di Porpora

Pag.

44

2.1.4

Il rapporto col fratello Riccardo

Pag.

47

2.2

Il canto di Farinelli e il suo gemello caro

Pag.

51

2.3

Una leggenda per i musici successivi

Pag.

57

2.4

Il famosissimo incontro con Mozart

Pag.

61

Il film di Gerard Corbiau

Pag.

64

La critica al film

Pag.

69

3.2

I sopranisti moderni

Pag.

74

3.3

Il fascino di una voce daltri tempi

Pag.

79

Capitolo II
2.1

Capitolo III
3.1
3.1.1

IL SIGNORE DEL PALCOSCENICO

LA VOCE REGINA: I MODERNI

Conclusioni

Pag. 84

Bibliografia

Pag. 90

Siti consultati

Pag. 94

Introduzione

Il mio lavoro opera una riflessione di carattere sociologico su una pratica che
occupa un posto importante nella storia della musica e che ha una lunga tradizione
che risale agli antichi Sumeri: la castrazione.
Sviluppo questo tema in tre capitoli: nel primo racconto la storia della pratica, le
sue origini, iniziate nel periodo Neolitico come metodo per lallevamento e la
domesticazione degli animali, sino ad arrivare al periodo dellimpero Ottomano,
quando tale pratica viene applicata anche agli esseri umani.
Racconto quindi degli Eunuchi, i guardiani dellharem, impiegati anche in
importantissimi incarichi politici, civili o militari, in quanto la scelta di occuparli
in tali ruoli evitava cosi forme di nepotismo.
Concludo il primo capitolo con il primo declino della pratica castrativa, avvenuta
probabilmente nellanno 1204 con la presa di Costantinopoli, per poi ricomparire
pi di tre secoli dopo.
Nel secondo capitolo, quindi racconto la ripresa della pratica verso la fine 500
che si protrarr fino alla fine dell800, quando la pratica viene applicata agli
essere umani, ma non a persone adulte, bens ai bambini di circa otto-dieci anni,
per arrestare il loro sviluppo sessuale e conseguentemente la muta della voce,
divenendo cosi Evirati Cantori.
Sviluppo questo secondo capitolo, raccontando la storia di questi bambinetti
indifesi, delle loro famiglie, del perch del loro infame destino. Ma soprattutto del
comportamento della chiesa nei confronti dellimpiego della pratica, dei gusti
musicali del secolo seicentesco e settecentesco, e di tutto lo scenario operistico ed
artistico barocco, che permettendo questo orribile scempio sono andati contro
quelli che sono i diritti delluomo. I diritti universali di inviolabilit del proprio
corpo, di inalienabilit, di piena consapevolezza delle proprie scelte e soprattutto
di libert. Diritti che non possono essere subordinati a nessuna cosa. In questo
caso tali diritti sono stati subordinati dagli stessi uomini ad una pratica barbara
che ha condannato migliaia e migliaia di bambini. Una pratica assurda impiegata
per fini economici, nascondendosi sotto quel falso velo di servire larte e la
musica, e celandosi dietro quelle bellezze (le voci dei castrati) che riusc a creare,
e che non sono assolutamente da rimpiangere. Voci dal timbro angelicato e

sublime, voci mistiche e straordinarie, ma nate dal marcio. Il marcio che ha


soffocato il diritto. Quel marcio che ha negato lessere bambini, lessere uomini.
Racconto tutto questo, sulla scia della vita del pi grande castrato della storia:
Carlo Broschi in arte Farinelli. Parlo della sua voce angelica e di quanta
sofferenza e gloria gli abbia provocato allo stesso tempo.
Parlo della scuola che frequent, la scuola del grande maestro napoletano Antonio
Porpora, quindi racconto di Napoli come in assoluto la citt dei castrati, dei suoi
quattro conservatori, dei sui personaggi come il principe di Sansevero Rimondo
Di Sangro o di Casanova, delle frivolezze di questa citt e delle sue contraddizioni
viventi ancora oggi tra bellezza ed orrore.
Tutto questo alternando in un gioco continuo con la vita di Farinelli, delle sue
vicissitudini: alternanze tra momenti di tristezza e spruzzi di serenit ma mai di
felicit. Delle sue esibizioni nei pi grandi teatri dEuropa e del mondo, dei suoi
continui spostamenti, del suo lungo soggiorno protrattosi per ventidue anni alla
corte madrilena nel 1737. Dei suoi rapporti pi importanti, come quello col
fratello Riccardo, col maestro Porpora, con i compositori pi importanti tra cui
Haendel, col grande poeta Metastasio che chiamava il suo gemello caro.
Chiudo questo secondo capitolo con la fine definitiva della pratica della
castrazione, accompagnandomi (anche se i periodi non coincidono) con gli ultimi
incontri di Farinelli tra cui uno dei pi importanti fu quello con Mozart, che in
quel periodo era ancora un bambinetto prodigio pieno di speranze e di voglia di
ascoltare i consigli del grande maestro che con tanto amore e altrettanta durezza
gli regala nel salotto della sua villa di Bologna, luogo del suo definitivo ritiro e
della sua morte avvenuta nel 1782.
Il terzo ed ultimo capitolo invece ambientato nellepoca moderna, lera dei
grandi metodi comunicativi e dei mass media. Questo terzo capitolo infatti
diviso in due parti: una prima parte in cui mi accingo a parlare del film del 1995
prodotto dal regista belga Gerard Corbiau sulla vita del Farinelli, ed una seconda
parte dove discuto dei sopranisti e soprano moderni.
Per quanto riguarda la prima parte, essa caratterizzata da una critica che faccio al
film in quanto non corrispondente e fedele alla realt storica, ma allo stesso tempo
cerco di carpire le vere intenzioni del regista nel non essere veritiero, e di mettere

comunque in risalto la sua bravura estetica ed esteta per quanto concerne i costumi
e le scenografie del film che invece riproducono a mio parere, in maniera
eccellente lepoca barocca.
Nella seconda parte invece chiarisco le differenze tra i castrati e i falsettisti
controtenori del nostro periodo. E risaputa infatti la presenza ancora oggi di
moltissimi soprano uomo, o meglio sopranisti controtenori, che cantano con voce
opposta al loro sesso, e quindi con voce femminile, ma ci non dovuto alla
castrazione, bens a delle loro patologie e malformazioni alla laringe o
allapparato riproduttivo.
Racconto della loro inclinazione, assieme a molto soprano donna come litaliana
Cecilia Bartoli, di rilanciare e nello stesso tempo riprendere e ricordare il
repertorio del barocco, repertorio scritto nella maggior parte dei suoi spartiti per i
castrati dai pi grandi compositori seicenteschi e settecenteschi.
Espongo le mie opinioni e pensieri personali sulle somiglianze, ma soprattutto
sulle differenze tra le voci delle soprano e dei sopranisti soprattutto, e quelle dei
castrati.
Cerco di immaginare come queste siano state a loro tempo, avendo studiato la
struttura dalla quale fuoriuscivano: una cassa toracica da maschio adulto che
spingeva allinfuori questo suono infantile che diveniva acutissimo in modo quasi
sovrumano, cosa irriproducibile oggi. E pertanto molto differente rispetto a quelle
dei sopranisti moderni che non sono stati vittime dellevirazione.
Cerco comunque di cogliere delle somiglianze tra essi e i castrati dellepoca. In un
certo senso loro antenati. Somiglianze che ritrovo nella poca conoscenza su questo
tema da parte delle persone e del pubblico che ritrovandosi ad ascoltare il canto di
un sopranista moderno, pensa erroneamente di star ascoltando un castrato
barocco.
Tutto ci si svolge appunto in un immaginario collettivo che si consuma da secoli,
in quelle che furono a loro tempo le curiosit, le fantasie, le idiozie, le credenze
assurde sulle figure dei castrati vittime di tale ignoranza, e ancora oggi in quelle
che sono le immaginazioni e le false convinzioni di parte del pubblico sulle figure
dei sopranisti contemporanei.

Il fulcro centrale di tutto il mio lavoro comunque sta nel secondo capitolo, dove
dallindice si evince che il periodo del barocco stato il momento in cui tale
pratica stata pi impiegata, assumendo una piega artistica.
A differenza del primo capitolo, in cui mi limito a raccontare e descrivere eventi
storici realmente accaduti; e del terzo capitolo in cui espongo le mie opinioni
personali sul film e sullimpiego dei sopranisti moderni e di alcuni soprano donna
nel rilanciare il repertorio dei castrati, cogliendo cosi somiglianze e differenze con
questi ultimi, nel secondo capitolo tento di ricostruire la storia del grande castrato,
e di ipotizzare (studiando i vari eventi della sua vita), il perch di alcune sue scelte
(come il perch del suo lungo soggiorno a Madrid), e di come fosse il suo
rapporto col fratello Riccardo soprattutto, suo creatore in quanto suo carnefice.
Provo quindi a sperimentare, a cercare di capire con lausilio dello studio fatto e
dei libri letti, sulla sua persona e sul profondo del suo animo tormentato ed
afflitto.
La mia scelta infatti, di aver voluto intraprendere questo argomento, non stata
una scelta casuale. Non si pu essere casuali sulla scelta di un tema cosi specifico.
Mi trovavo infatti nei pressi del conservatorio di Napoli, reduce da una lunga
chiacchierata svoltasi alluniversit su quale sarebbe potuto essere largomento
della mia tesi.
Passando appunto per la strada del conservatorio, avendo frequentato varie volte
quel luogo nella mia vita, decisi che sarebbe stato meraviglioso da parte mia
scegliere un tema sulla storia della musica, cosi da fondere insieme le mie due
passioni: la sociologia ed il canto.
E quale argomento in particolare mi chiedevo sulla storia della musica?.
Stavo per abbandonare lidea, quando pensai che un argomento cera in me,
avendolo casualmente affrontato giorni prima durante un colloquio alluniversit:
gli evirati cantori. E cosi iniziai a raccogliere informazioni su di essi, sulla loro
storia e su quella della castrazione, notando che sulla castrazione di informazioni
ce ne erano, ma ben poco su quella dei castrati e delle loro storie pi in
particolare.
Tutto su questi, era trattato in modo molto generale, risaputo, nei vari racconti e
descrizioni, mi sembravano tutti uguali. Ma non cosi.

Non ricordo precisamente come arrivai poi alla figura di Farinelli e alla scelta di
porlo come fulcro centrale del mio lavoro, dato che su di lui le informazioni
scarseggiano.
Avevo in mio possesso un intero libro che raccontava della storia di Porporino,
altro grande castrato, successore di Farinelli (si potrebbe dire), ma optai per
Farinelli, e non so come. Ma so per certo che mi ha affascinato molto la sua
misteriosit e loblio dal quale offuscato. Un oblio che lui stesso si creato non
avendo mai lasciato informazioni su se stesso. Quindi nonostante morto, ho
limpressione come se fosse ancora vivo (almeno in me lo ), essendo stato capace
di aver smosso nella mia mente lintenzione di ricordarlo e cercare di dare una
spiegazione a molti eventi e rapporti della sua vita, forse quasi a tutti. E di chiarire
e sfatare i miti costruitisi intorno a lui e a tutti gli altri castrati. Ma soprattutto il
mio intento quello di lasciare un messaggio significativo su quelli che sono i
diritti, i nostri diritti che non ci possono essere tolti o negati, e che non esiste
nessunaltra forza superiore che possa soffocarli, che non c niente che sia cosi
importante o talmente bello, che possa giustificare la loro condanna. Non potendo
rimanere passiva alla sofferenza e alle ingiustizie che ha inflitto la castrazione ho
deciso quindi di farlo argomento della mia tesi e di affiancarlo al nome di
Farinelli, un personaggio, pensai, romanzesco quasi inventato, diventato oggi
leggenda, ma non per la sua voce, ma per il suo diritto negato al quale dovette per
forza rassegnarsi.

Capitolo 1

STORIA DELLA CASTRAZIONE

1.1 Dalle origini al declino


La castrazione (dal latino castrare, castrare, parola imparentata anche col
sanscrito castram, coltello) una pratica eseguita fin da tempi remoti per motivi
non sempre chiari, ma di norma a sfondo magico-rituale o anche come mezzo di
soggiogazione, schiavit o genere di punizione. Il suo impiego risale agli antichi
Sumeri.
Ancor prima dei Sumeri, le prime evidenze di questa usanza si hanno nel
Neolitico, quando la castrazione era uno dei metodi per lallevamento e la
domesticazione degli animali, un sistema che pratichiamo ancora oggi.
Ben presto, per i motivi sopra citati, venne applicata agli esseri umani. Listituto
dellevirazione per gli esseri umani ha caratterizzato un gran numero di societ e
di culture umane in et antica: in Europa, Asia e Africa. infatti a partire dal primo
periodo dellimpero bizantino si sa dellesistenza degli eunuchi. Il termine
eunuchi indica quegli uomini che furono sottoposti ad interventi di mutilazioni
parziali o totali in et prepuberale o puberale cosi da condurli ad unimpotenza,
come limpossibilit di fecondare o di avere un erezione. In casi di evirazione
puberale, nella cultura islamica ad esempio, questi furono impiegati per compiti di
sorveglianza dei ginecei o degli harem (luoghi inviolabili), dai califfi o dai sultani
divenendo normale corredo di questi. Lampante infatti

il significato di

eunuco, dal greco: eunouchos, guardiano del letto, composto di eune, letto,
e da echos conservo. Originariamente erano camerieri segreti dei principi
orientali e furono presenti anche in Grecia e a Roma con funzioni analoghe.
Nellimpero bizantino ricoprirono non di rado, funzioni delicate come quelle
politiche, civili, militari e religiose, cosi da evitare forme di nepotismo.

Anche durante limpero cinese furono impiegati alla cura dellimperatore e della
sua famiglia, ma ottennero spesso anche cariche importanti nella burocrazia
imperiale. Se non bastasse, in quel tempo gli eunuchi ebbero la funzione di killer,
come accadde ad Artaserse III, re di Persia che nel 338 a.C. mor avvelenato da
un potente eunuco egiziano.
In casi di evirazioni prepuberali invece, furono impiegati per esaltare il registro
alto canoro. Nell400 infatti limperatrice Elia Eudossia aveva un maestro di coro
eunuco, Brisone, che si presume, istitu luso dei castrati nei cori bizantini, anche
se non noto se egli stesso sia stato un cantante.
Per quanto riguarda invece gli scopi religiosi, possiamo elencare un gran numero
di culti tra cui il pi famoso quello di Cibele che aveva il centro principale in
Pessinunte, in Asia minore. In seguito il suo culto passo in Grecia e specialmente
a Creta, sotto il nome di Rea. Il culto collegato al mito appunto della Dea Cibele
(la parola vuol dire caverna) versione greca della Dea Madre anatolica, divenuta
poi la Magna Mater dei romani (dove fu venerata a partire dal 205 a. C. come
simbolo di fecondit). Era la Dea che aveva generato il cosmo, bench vergine.
Ma ci non gli impediva di essere lamante di Attis, suo uomo e figlio nello stesso
tempo, il quale in un primo momento aveva ricambiato il suo amore. Ma
successivamente si evir, preso dal dolore e dal senso di colpa per aver giaciuto
con unaltra donna per giunta mortale. Nonostante il tradimento, la grande madre
lo perdon tenendolo accanto a se come servo. Non per da ignorare il fatto che
vi sono molte varianti del mito, ma la versione pi conosciuta comunque quella
che vuole che Cibele abbia ottenuto solamente lasessualit del corpo di Attis. La
castrazione rituale, di origine antichissima quindi era collegata al culto della Dea
Madre e riguardava gli uomini che nelle societ matriarcali si sottomettevano al
potere castrativo della Grande Madre in emulazione estatica di Attis: scagliando i
loro attributi sanguinanti sulla statua della divinit (Caramiello, 2009, p. 4).
Presso i sacerdoti di Cibele

lautomutilazione era praticata in entrambi i sessi,

nella convinzione che disponesse a un godimento superiore. Altri culti molto


simili a questo sono ad esempio quello di Artemide nellmar Egeo, di Ecate in
Grecia, di Astarte e di Atargatis in Siria, di Milytta in Babilonia, di Osyride in
Egitto, che vede i custodi del suo tempio sottomettersi a tale sacrificio. Tutto il

senso della pratica stava comunque in una trasposizione su un piano mistico del
soggetto, che rinunciava alla normalit umana in favore di unanormalit che lo
metteva in contatto col divino.
Abbiamo detto tra laltro che la pratica veniva praticata anche come punizione
degli adulteri e dei sacrilegi, ci soprattutto in Egitto e in India, ed anche come
mezzo di soggiogamento. A questo proposito mi viene alla mente la castrazione,
accompagnata dallasportazione del pene che dovette subire Pietro Abelardo.
Affascinante e famoso maestro alla scuola di teologia di Notre-Dame a Parigi, che
intrecci con Eloisa (fanciulla di eccezionali qualit) una memorabile relazione
amorosa che ebbe tragica conclusione per opera di Fulberto, zio di Eloisa e
canonico della cattedrale di Notre-Dame. Costui infatti lo fece evirare notte
tempo inviando dei sicari che entrarono nella camera da letto di Abelardo grazie
alla connivenza di un servo (Mancinelli, 2004, p. 97). Con la morte di Abelardo
ci troviamo nellanno 1142, e la castrazione si mantenne fino alla presa di
Costantinopoli nellanno 1204. Dopo questanno la pratica cadde in disuso, per
poi ricomparire (senza precise ragioni) pi di tre secoli dopo, nella seconda met
del 500, e si manterr per oltre 350 anni. Una castrazione del tutto sacrosanta
che fu praticata in Europa, e soprattutto in Italia, appunto fra il XVI e il XVIII
secolo e oltre: i ragazzi dotati di una bella voce venivano talvolta castrati perch
potessero cantare in chiesa a causa probabilmente di una bolla pontificia nel 1588
con il Papa Sisto V che vietava di utilizzare cantanti donne, per lesito non del
tutto soddisfacente che si otteneva sostituendole con bambini o con falsettisti,
inducendo cosi molti maschi alla castrazione per la sostituzione di queste.
Nascono cosi le voci bianche da una mutilazione sessuale tipica delle peggiori
ragioni.
Noto a parte che ai castrati (come agli uomini sterili) era vietato il matrimonio. A
tal proposito, famosissimo fu il caso del castrato Gaetano Guadagni che
presentando una richiesta per avere il permesso di sposarsi a sua Santit,
spiegando che loperazione non fu eseguita bene, il Papa rispose: che si castri
meglio! (Fernandez, 2008, p. 109). Tale aberrante disposizione stata abrogata
solo nel 1977 da Paolo VI. Infatti dal 27 settembre 1589, nellavviare la

10

riorganizzazione della Cappella Giulia, la bolla Cum pro nostro pastorali


munere ammette la presenza dei castrati nel coro liturgico in servizio a San
Pietro e, con ci fa iniziare una prassi che determin: la vita normale delle
cappelle musicali a servizio della liturgia per i successivi secoli sino quasi ai
giorni nostri (Cappelletto, 1995, p.164). Va da s che la pratica della castrazione
venne cosi tacitamente ammessa, anche se mai legalizzata, dalla Chiesa al fine di
piegare la natura umana al servizio di Dio.
Il divieto vigente negli Stati Pontifici di far cantare le donne non fu applicato solo
in chiesa, ma anche in scena, e ci favor limpiego dei castrati anche in teatro, e
fu proprio in campo operistico che essi ebbero grande diffusione e fortuna,
sebbene questa pratica restasse limitata allItalia.
Per un certo periodo i castrati costituirono la maggiore attrazione di uno
spettacolo operistico per il timbro artificiale, astratto, che pur conservando la
penetrante chiarezza di quello infantile aveva per una diversa potenza ed
estensione. La tessitura e luso dei registri di testa e di petto erano diversi da quelli
femminili. Inoltre il castrato spesso si dedicava con tutte le energie a
perfezionare la tecnica vocale, fino a conseguire risultati sbalorditivi, che
identificarono in questo tipo di cantante la massima incarnazione del bel canto
(Cfr., Fernandez, 2008, pp. 75-77).
La chiesa ha avuto il ruolo principale nella storia dei castrati, ed di estrema
importanza prendere atto e capire quali sono state le impalcature mentali che
hanno portato a fare scelte cosi orribili. Questo infatti il momento in cui i
canonici sborsavano denaro alle famiglie dei ragazzi come guadagno per la futura
evirazione di essi, con piena soddisfazione di tutti tranne che dei diretti interessati.
Troppo piccoli per capire e per difendersi, condannati allinfelicit e spesse volte
anche allumiliazione, non a caso vi sono stati casi in cui tali ragazzi cadevano nei
giri di prostituzione.
La castrazione veniva praticata con una profonda incisione allinguine, dalla quale
erano estratti il cordone e i testicoli. I cordoni venivano strettamente legati prima
del taglio e, talvolta, bruciati, per evitare mortali emorragie dalle arterie

11

spermatiche. Ad operare venivano chiamati, soprattutto, i norcini (macellai


specializzati nella lavorazione del maiale) e i barbieri. Allepoca non esisteva
anestesia; al pi si stordiva il ragazzo con del laudano (tintura di oppio). La
mancanza di bisturi (se cosi possono essere chiamati) sterilizzati, provocava
infezioni e anche il tetano, che si credeva derivassero dalle sofferenze.
Limportanza e la diffusione dellopera nella vita sociale settecentesca resero vani
per molti anni i divieti e le polemiche contro la castrazione. Uno dei tentativi di
abolirla vi fu, per volere di Benedetto XIV, che tent di vietare la presenza di
castrati nelle chiese, ma la loro popolarit allepoca era tale che un provvedimento
simile avrebbe avuto come risultato un drastico calo nella frequentazione delle
chiese. Il culmine di questassurda pratica e soprattutto dellassurda posizione
ecclesiastica si ha verso la fine del secolo XVIII, con Benedetto XVI il quale
afferm che lesclusione dei castrati dai cori liturgici fosse una grande perdita per
la chiesa e motivo possibile di irrequietudine popolare. Nonostante le varie
critiche che vennero fatte da numerosissime persone illuminate come il Muratori,
che si scagliarono con veemenza nei confronti di una prassi musicale cosi
sconveniente, non fu mai redatta una vera norma che la vietasse. Fra gli uomini
della chiesa vi era ormai il timore di perdere il favore delle masse popolari e
prendere posizioni chiare su molti punti delicati della questione. Vi era tra laltro
una devozione male intesa nei confronti dei superiori che degenerava nel
servilismo e sfociava nella paura di non raggiungere i propri scopi di carriera, e
sfociando cosi nellipocrisia. Quellipocrisia che uccide e che annullava il vero
senso dellevangelicit. Se qualcuno di essi tentava di uscire da quei peccati
mortali o di ribellarsi, veniva subito richiamato a prendere le posizioni originarie
sulla base di unincondizionata fede, disciplina e sottomissione. La storia quindi
dei cantori evirati e della castrazione, il segno di unorrenda e squallida
conferma, di quanto il malgoverno ecclesiastico, ed anche di tutte le persone che
trovavano assenso in esso, possano aver compiuto. Unirresponsabilit tale nel
disprezzo dell uomo e di Dio che aboliva ogni critica fastidiosa (Cappelletto,
1995, p. 164).

12

Verso la fine del XVIII secolo, cambiamenti nel gusto musicale e operistico e
levoluzione dei costumi segnarono la fine per i castrati. Perdurarono per anche
dopo la fine dellancien rgime. Con lunit dItalia nel 1861, la castrazione venne
dichiarata ufficialmente illegale (il neonato Stato italiano aveva adottato un codice
di leggi francesi che vietava espressamente una tale mutilazione). Nel 1878, papa
Leone XIII proib lingaggio di castrati da parte della Chiesa; solo nella Cappella
Sistina e in altre basiliche papali il loro impiego sopravvisse ancora per qualche
anno. Nel 1902 Leone XIII ribad il suo divieto, portando poi alla fine ufficiale
per i castrati che avvenne il 22 novembre 1903, quando il nuovo papa, Pio X,
promulg un motu proprio sulla musica sacra. Tra le sollecitudini, in cui si legge:
Se dunque si vogliono adoperare le voci acute dei soprani e contralti, queste
dovranno essere sostenute dai fanciulli, secondo luso antichissimo della Chiesa
(Celletti, 1986, p. 112).
La castrazione quindi stata una forma di violenza su bambini innocenti,
colpevoli di essere poveri e indifesi, mutilati nellinconsapevolezza pi assoluta di
cosa ci comportasse per un ipotetico ed incerto guadagno, diritto ingiustamente
praticato su di loro proprio da chi invece avrebbe dovuto difenderli, ossia la
famiglia.
Di certo quello che sto per dire potrebbe (come suol dire) farmi uscire fuori
traccia, ma la barbarie storica che ho voluto trattare in questo velocissimo
excursus, non ci risulta poi cosi estranea. In forme diverse, una pratica ancora
presente nella cultura di molte societ. Mi riferisco per esempio allinfibulazione
per le donne, alla circoncisione dei maschi presso alcune culture africane, o in
posti come la Cambogia, Vietnam, Tailandia dove le ragazzine vengono messe al
bando: nude, sventrate offerte nelle immagini. Collocate in un business
milionario di sporchi faccendieri (Ackermann, 2011, p. 3), prostituite, per poi
dopo essere ricucite e rivendute vergini in quanto secondo linumana
cultura: le vergini fungono da elisir di lunga vita e giovinezza. Quindi mi
permetto di dire che un ipocrisia scandalizzarsi o provare tenerezza soltanto per
quei bambini negati, i castrati. Ed ancor pi unipocrisia sentirsi appagati dal
fatto che tale pratica non la si usi pi oramai. Esiste ancora. Ed forse pi
barbara di prima e non ha quella piega artistica come nel 700. Con questo mi

13

permetto di fare una critica al musicista e compositore (ormai defunto) Igor


Stravinsky, il quale durante un dialogo con il papa Paolo VI, che chiedeva cosa la
Chiesa potesse fare a favore della musica, il compositore russo rispose: Santit
restituisca alla musica i castrati! (Cappelletto, 1995, p. 168). Vorrei dire che in
realt proprio questo che a me personalmente scandalizza: unaffermazione del
genere, fatta per di pi da un musicista che (e non vorrei dirlo!), nel momento in
cui pronunci tali parole, ha forse dimenticato per un momento il senso della
musica. La musica che ci eleva attraverso le naturali bellezze, e non ci fa
sprofondare ancor pi nella barbarie dove gi siam fin troppo sommersi, con la
creazione di bellezze invece artificiali, contro natura, orribili, orrende che hanno
inflitto molte, troppe sofferenze, per mano anche di molti compositori mediocri. E
quando uso il termine mediocri non mi riferisco solo ai vari compositori e al
loro modo di aver fatto musica a quel tempo, ma al loro modo sbagliato di averla
intesa, e soprattutto a quelletica mancata di tutti coloro che ne assecondarono
luso.

1.2

I castrati nella tradizione musicale occidentale

I castrati raramente venivano chiamati con questo appellativo, pi frequentemente


venivano usati i sinonimi di evirati cantori, musici o ancor pi raffinatamente
di quarta voce, dopo le voci bianche, le voci femminili e le voci maschili.
I primi castrati, iniziarono a comparire in Italia alla met del XVI secolo. Infatti
nel 1589, con la bolla Cum pro nostri temporali munere, papa Sisto V riorganizz
il coro di S. Pietro allo scopo di ammettere castrati nella sua composizione. Nel
1599 entrarono ufficialmente nel coro della Cappella Sistina, i primi due cantori,
Girolamo Rossini e Pietro Paolo Folignato, tanto voluti dal Papa Clemente VII per
le voci angeliche. Il cantore evirato si distingueva in due tipi di registri:
sopranista e contraltista. Due tipi vocali dallo stesso registro vocale della donna
che segnarono unepoca: lEpoca dOro dei castrati. Le loro divennero le voci pi
ricercate, impostate su una potenza sonora della cassa toracica del maschio,
tirando fuori una possibilit acustica molto pi al di sopra delle ottave di un
soprano donna (Cfr., Caramiello, 2009, p. 3). Tali caratteristiche si dovevano al
14

fatto che le corde vocali non avevano il normale ingrossamento portato dalla
sviluppo fisico, mantenendo allo stesso tempo ferma la caratteristica stritola ed
elastica di quelle dei bambini. La loro corporatura, a causa dello squilibrio
ormonale causato dalleliminazione dei testicoli, si sviluppava enormemente senza
perdere anche qui, le caratteristiche del corpo infantile che permettevano di
sviluppare un fisico, affascinante, possente e dotato appunto di una capacit
polmonare davvero incredibile.
La caratteristica distintiva di tutta lepoca barocca fu proprio la loro presenza, nei
teatri di tutta Europa, di quelle figure enigmatiche e misteriose che davano origine
al bel canto italiano: gli evirati cantori. Questi ultimi, inizialmente, come gi ho
avuto

modo

di

sottolineare,

cantavano

esclusivamente

nelle

Cappelle

ecclesiastiche, dopo che Papa Sisto V proib lesibizione pubblica alla donna in
tutto lo Stato Pontificio (1588), suscitando tanto sbalordimento nei fedeli che
assistevano alla messa, rapiti dallo stupore che il loro canto provocava, a tal punto
che ogni volta che un castrato cantava in occasioni particolari in chiesa, la folla, in
estasi, si faceva sempre pi numerosa alle funzioni liturgiche dando vita, molto
spesso, a vere e proprie crisi di massa.
Da qui alla loro presenza sulle scene teatrali il passo fu breve, mutando cos la
facciata musicale dEuropa. Tra il 1600 e il 1640 le corti vollero i castrati in tutti
gli spettacoli lirici, e musicisti famosi come Georg Frederich Haendel, Claudio
Monteverdi e Giacomo Rossini scrissero ruoli per loro. Fin dalle prime opere vi
furono ruoli per essi, ma si trattava ancora di ruoli di sfondo, come quello di
Euridice nellOrfeo di Monteverdi nel 1607. Al pi tardi, agli anni Ottanta del
XVII secolo, per, essi avevano completamente accaparrato le normali voci
maschili nei ruoli principali, e mantennero il loro (ormai) potere per circa un
secolo.
A causa della popolarit e del successo dellopera italiana nellEuropa del XVIII
secolo e degli inizi del successivo, cantanti come Baldassarre Ferri, Matteo
Sassano, Nicol Grimaldi, Senesino, Farinelli, Gaspare Pacchierotti, Giovanni
Battista Velluti divennero i primi divi dellopera, guadagnando somme
considerevoli e generando veri e propri fenomeni di adorazione isterica. La
concezione drammaturgica dellepoca era basata sullirrealt , pertanto sempre pi

15

spesso nei protagonisti (personaggi della mitologia o della storia romana) non vi
era alcun rapporto fra sesso e ruolo; i castrati dunque potevano interpretare sia
parti maschili che femminili, perch ci che contava era la voce: lorganizzazione
rigida dell'opera seria favoriva le voci acute per la rappresentazione delle virt
degli eroi (sebbene i castrati venissero anche spesso presi in giro per il loro
aspetto strano o la cattiva recitazione), mentre le voci maschili tradizionali del
basso e del tenore baritonale erano considerate troppo realistiche e perci
volgari, poco portate al virtuosismo, e adatte solo a ruoli secondari o comici.
Quindi erano pochi i ruoli che corrispondevano alla figura dei castrati, infatti solo
quando furono impiegati nel ruolo dellOrfeo nelle sue varie versioni, la scelta di
un musico per sostenere un ruolo maschile, non soltanto non nuoceva alla vera
somiglianza, ma si rivelava congruente alla particolare natura del personaggio,
alla sua pi intima e profonda verit. In questo caso la voce di soprano non
comprometteva Orfeo, perch esso era al di sopra della natura: Musico,
musicista: in quel ruolo il gioco di parole corrispondeva ad una verit profonda
(Fernandez, 2008, pp. 259-260).
Questo il periodo doro per i castrati, lepoca barocca: con il passaggio dalla
polifonia alla monodia, nuovo genere in cui laria solista era in testa come mezzo
despressione, che si sarebbe ancora pi accentuata con il successivo avvento del
melodramma. I castrati divennero quindi i protagonisti di uno dei momenti di
massimo splendore di quel genere e della storia della musica cantata in genere. Fu
proprio il melodramma che lanci i castrati definitivamente fuori dal repertorio
solenne, ed anche lo sviluppo dellopera seria, soprattutto nel periodo del grande
Metastasio, il quale era inzuppato di personaggi idealizzati, presi direttamente
dalla mitologia classica, e senza realismo, quel genere di musical storico (come
diremmo oggi!) sembrava fatto apposta per ospitare quei mostri di bravura dalla
voce potente, esseri in grado di arrivare con una sola presa di fiato dalle note gravi
del tenore a quelle acute del soprano, spesso con agilit in grado di risolvere gli
spartiti pi difficili. Insomma, degli Dei scesi in terra per interpretare gli Dei del
cielo.
Come ho gi detto, la loro presenza sul palcoscenico era dovuta alle esigenze
teatrali di un teatro e di una scrittura musicale che cercava (e trovava) nelle loro

16

abilissime capacit vocali e nel loro fascino neutro la via di mezzo per rendere
quella superiorit e quella astrazione adatti a far rivivere i numerosi eroi dellet
classica. I castrati, ancora una volta col melodramma, divennero i padroni
indiscutibili del teatro musicale: per loro i compositori erano chiamati a comporre
le pagine pi difficili e la loro presenza era richiesta in tutti i teatri pi importanti
dEuropa con contratti da favola. Basti pensare che nel 1737 il grande Farinelli si
vide offrire dal re di Spagna uno stipendio annuo di 50.000 franchi: rimase al suo
servizio per venticinque anni col compito di cantare tutte le sere le stesse quattro
arie (Cappelletto, 1995, P. 62).
Diventati divinit del palcoscenico, i castrati cominciarono a vivere un lento
declino con lavvento della riforma operata da Christoph Willibald Gluck.
Togliendo dal teatro musicale trame prive di fili logici e riportando i singoli
personaggi verso una posizione sempre pi umana, conservando maggior
importanza per il senso del testo e escludendo ornamenti in pi, la riforma operata
dal maestro pose i castrati ai lati del palcoscenico a favore di una pulizia vocale
che non poteva declinarsi in quelle voci incredibili e soprattutto in quei caratteri
capricciosi.
Inoltre, con il crescente successo del repertorio buffo e farsesco, che preferiva le
avventure quotidiane di servette svelte e furbi parrucchieri a quelle greche e
romane, il castrato venne pian piano lasciato al suo destino, diventando poco pi
che un gioco da salotto, da esibire in belle occasioni di puro divertimento. Basti
ricordare che per interpretare giovani paggi o ragazzotti prestanti, i compositori di
nuova generazione (Wolfgang Amadeus Mozart in testa) preferirono ricorrere a
mezzosoprani in travesti piuttosto che ai castrati. Il travesti indica
linterpretazione di un personaggio da un attore di sesso opposto. Luso del
travesti ebbe grande voga allinizio dellOttocento, quando, per il morire dei
castrati sulle scene dell'opera lirica, il loro ruolo di primo musico nelle
compagnie operistiche venne assunto in primo luogo da mezzosoprani o contralti,
alle quale ci si rifer con la denominazione di contralto musico, e le quali erano
in grado, sia di eseguire le parti scritte appositamente per loro, sia di riprendere
naturalmente i ruoli scritti in precedenza per castrati. Tale fenomeno riguard
principalmente Rossini ed i compositori suoi contemporanei. Tuttavia, ancora agli

17

inizi del XIX secolo, i castrati trovarono ancora qualche penna disponibile: nel
1813 lo stesso Rossini scrisse il ruolo di Arsace nellAureliano in Palmira per
Giovanni Battista Velluti, lultimo grande castrato della storia.
I castrati avevano una preparazione perfetta e conoscevano ottimamente la
musica. Alcuni di loro per non arrivavano al successo e finivano nel giro dei
teatri dopera di provincia, oppure diventando maestri di canto. Celebre fu il caso
di Girolamo Crescentini, grande evirato che calc le scene pi importati per poi
ritirarsi allinsegnamento diventando maestro di musica di Vincenzo Bellini ed
altre cantanti donne.
Inutile dire che i mariti preferivano per le loro mogli e figlie, insegnanti eunuchi,
che invece attraenti giovanotti freschi di conservatorio. A tal proposito va inoltre
precisato che raramente il castrato restava del tutto illibato allatto sessuale. Si
hanno infatti notizie di evirati cantori sposati e dal noto appetito sessuale (fu il
caso di Caffarelli). Pare inoltre che facessero non poche vittime acchiappando
senza distinzione tra uomini e donne. Ma queste informazioni rimangono pur
sempre nel vago e nellinsicurezza storica.
A dispetto della loro condizione di star, i castrati dovevano affrontare risentimenti,
gelosie e perfino odio. I colleghi invidiosi e il grande pubblico disprezzavano la
loro neutralit sessuale, li accusavano di ammaliare gli uomini e non sopportavano
la loro arroganza e la loro vanit. Molti castrati erano famosi farinielli, con file
e file di spasimanti donne desiderose di giacere con un uomo che non le avrebbe
messe incinte e curiose di vedere come erano quei famosi genitali. Ma in realt
essi avevano una modestissima capacit sessuale. Tutta questa attenzione
femminile, ovviamente, non migliorava limmagine dei castrati presso gli uomini
sessualmente intatti. Tra i quindici e i ventanni, dopo aver superato una serie di
prove, il castrato ben riuscito faceva il suo debutto nellopera lirica. La sua
giovinezza, il fisico un po effeminato e la voce valente, gli conquistavano subito
la stima e il successo del pubblico. I fan lo perseguitavano, nobildonne e
nobiluomini si innamoravano di lui. Casanova descrisse cos la sua impressione:
Con un busto ben fatto, aveva la vita di una ninfa e, sembra quasi incredibile, il
suo petto non era per nulla inferiore, n per forma n per bellezza, a quello di una

18

qualsiasi donna. Ed era proprio con questi mezzi che linfame compiva tante
stragi (Fernandez., 2008, pp. 143).
Nonostante i vari pettegolezzi sui quali ho voluto accennare una breve parentesi,
gli evirati cantori non erano e non sono famosi per questo, ma proprio per la loro
voce innaturale, angelica ma potente, che sembrava pensata apposta per lasciare i
fedeli a bocca aperta durante le esecuzioni delle liturgie, diventando un
magnifico strumento intermediario tra lUomo e Dio, in un primo momento e poi
calcando i palcoscenici di tutta lEuropa. Famosi in realt per la loro sofferenza,
sia emergendo diventando appunto dei grandi della musica lirica, sia non
emergendo. Per me le ragioni per le quali i castrati erano e sono famosi ancora
oggi, si riferiscono a quella sofferenza che furono condannati ad avere, quella
sofferenza che aveva unapparenza bella, meravigliosa, insuperabile che erano le
loro voci. Quelle voci che tutti ascoltavano con ammirazione, con stima ma che
nessuno invidiava e nessuno avrebbe mai voluto possedere. Forse perch in fondo
si sapeva che quello che fu fatto sul corpo di quei bambini era un delitto, una
violazione di quelle che sono le liberta, i diritti delluomo e dellinviolabilit del
proprio corpo. Come era scritto nel Habeas Corpus Act gi emanato nel XII secolo
e poi nel XVII, precisamente il 27 maggio 1678 proprio nel periodo in cui la
castrazione aveva gi fatto numerose vittime. Poich questa meraviglia
musicale aveva i suoi costi, in quanto vi furono casi di molti ragazzi uccisi da
operazioni non riuscite che venivano spacciate per incidenti, e una quantit
maggiore di ragazzi che non erano pi in grado di fare una vita normale e
risultavano inadatti al teatro musicale. Non uomini e non donne, pochi di essi
arrivavano al successo: il sacrificio fatto non garantiva infatti una carriera. Ci
dipendeva dalla qualit della voce, dallesito dei pesanti studi e dalle capacit di
attore del ragazzo.
L Habeas Corpus (che tu abbia il corpo) non aveva insegnato niente, non era
bastato, perch barbaramente si era convinti che la castrazione non era un delitto,
non andava contro quelli che erano i diritti universali delluomo, perch questa
serviva larte, la musica e superava limpossibile e non vi era niente di pi bello.
Bugia. La verit che quella bellezza aveva una solo compagno e non era la
musica, bens lorrore. La bellezza pu convivere con lorrore ma in questo caso si

19

aveva il diritto di rifiutarla. I castrati non ebbero questa possibilit, e credo


fermamente che la chiesa che fu la prima carnefice di questi, e tutti i suoi umili
servitori, sapevano nel loro profondo che tale pratica era peggio di un delitto e
tacevano perch conveniva.
Chi se ne importava di quei bambini che una volta cresciuti si sarebbero trovati di
fronte una realt che li avrebbe relegati per sempre ad una prigione, quella voce
che per quanto potente e bella sarebbe sempre stato meglio non averla. Quella
voce da Dio, da Angelo, cosi come venivano denominati per nascondere
probabilmente che i castrati erano in realt Uomini ai quali fu negato il diritto pi
importante, quello di aver vissuto nella piena consapevolezza delle proprie scelte,
nella pi totale libert. Niente pu essere pi giusto o pi bello se annienta il
diritto umano della libert, dellinviolabilit.
La storia di questi interpreti tra le pi misteriose dOccidente (soprattutto a
Napoli come ci descrive Dominique Fernandez): sotto gli occhi di tutti, eppure
nascosta, o avvolta nei meandri di un sentimento di imbarazzo, e malinconia,
oppure di una presa in giro, oppure, in altri casi, di un alienazione sino ad odiare
se stessi.

1.1

Lo scenario musicale barocco

Il termine barocco in campo musicale utilizzato per classificare la musica


composta durante il periodo di diffusione del barocco nellarte. Il barocco con
particolare riferimento alla musica si sviluppa a partire dagli inizi del seicento fino
(possiamo dire) alla met dellottocento.
I principali compositori che oggi vengono considerati barocchi sono Bach,
Haendel e Antonio Vivaldi. Quindi il Barocco unesperienza europea che nasce e
si afferma contemporaneamente nelle principali culture: dalla Spagna alla
Germania, dallItalia allInghilterra, allEst. Vive di unesperienza totale, nel
significato che interessa non soltanto la letteratura, ma le arti, la musica, il
costume e la mentalit. E contemporaneamente rappresenta lanticonformismo,
ed anche la trasgressione, ed proprio in questesagerazione che sta il motivo del
suo fascino.

20

Il limite maggiore del Barocco fu quello di volere a tutti i costi stupire e


impressionare, ricorrendo alla esasperazione nelle arti, e ad immagini irreali,
oppure affrontando le storie pi improbabili, e bizzarre con un risultato che spesse
volte, larte barocca diventava solo esibizione di bravura (ci lo dimostra appunto
limpiego dei castrati in ruoli che non corrispondevano alla loro figura). La
musica, che non aveva alle spalle nessuna grande tradizione dalla quale
sciogliersi, trova nellet barocca la sua nascita.
Senza per allargare troppo i nostri confini, vorrei attirare lattenzione soprattutto
sulla prima met del Seicento musicale sacro in Italia, con riferimento ai centri
pi importanti della cultura musicale sacra di quel periodo: Roma e Venezia. La
scuola romana e veneziana, continuarono a fare la tradizionale musica liturgica,
con riferimento a quella del cinquecento. Musiche interpretate, secondo
quellepoca, da quegli angeli del canto senza sesso (Cappelletto, 1995 p. 148)
che erano i castrati ( con o senza il coro di voci bianche dei fanciulli). Tale
impiego anche soprattutto legato alle novit nel campo musicale che diedero
origine alluso della monodia.
La chiesa non fece tardi a capire cosa avrebbe potuto essere la monodia per le
funzioni liturgiche, cosi che il cantore fu uno strumento di comunicazione di
massa, cosi da trasmettere (secondo la cultura del tempo) i valori evangelici in un
modo pi vicino a Dio. La donna, che tranne nello Stato Pontificio si esibiva in
tutti i teatri di prosa e lirici europei, si trov presto di fronte un forte rivale sulla
scena teatrale, levirato. La musica nel periodo barocco diventa un fatto di
costume, entrando a far parte della vita quotidiana a qualsiasi livello: aumentano
cosi i teatri che danno spazio ai sempre numerosi musicisti professionisti, ma
aumentano anche i musicisti dilettanti; non dimentichiamo che non esistendo
allepoca nessun mezzo di riproduzione del suono si suonava spesso a casa o in
gruppo. Esisteva una vera e propria produzione musicale che si svolgeva anche a
casa, solo per divertimento. Ed proprio da questo che nasce la musica da
camera in cui il ruolo dello strumento sempre individuale, destinato quindi a
consentire uneducazione vocale fra le pareti domestiche (Battaglia, 1999, p. 5).
Ed proprio questa prima forma di canto barocca che contiene la via per
apprendere il recitar cantando e non solo il cosiddetto bel canto degli evirati

21

nelle chiese. Da qui nasce cosi il melodramma (dal greco melos: canto e
dramma: azione scenica) detto anche opera lirica o, pi semplicemente, opera,
lo spettacolo in cui la recitazione teatrale si svolge attraverso il canto e la musica:
una conseguenza della monodia accompagnata. Quindi esso nasce appunto a
Firenze verso la fine del XVI secolo ed grazie al genio di Claudio Monteverdi,
che ha enorme diffusione in et barocca, affermandosi soprattutto a Roma, a
Venezia e successivamente (a partire dagli ultimi decenni del Seicento), a Napoli.
Spettacolo inizialmente riservato alle corti, e dunque destinato ad una cerchia di
intellettuali e aristocratici, acquista poi carattere di intrattenimento a partire
dallapertura dei primi teatri. Nasce allora un gusto per la variet delle musiche,
delle situazioni, dei personaggi, degli intrecci, mentre la forma dellaria, dalla
melodia superba e occasionale di esibizione canora, d sempre pi spazio ai
dialoghi recitati, mentre il canto si fa sempre pi fiorito. Si incomincia ad
utilizzare il termine Belcanto che generalmente designa un tipo di vocalit a
sfondo virtuosistico o comunque rilevante per levigatezza e flessibilit di suono,
per limpeccabile uso di mezze voci e smorzatore, per la propriet dei legati, dei
portamenti e simili (Battaglia, 1999, p. 6).
Per analogia si designano belcantisti i cantanti che si distinguono in un simile tipo
di vocalit. Questa astrattezza timbrica, elemento fondamentale del belcanto,
coincide con un altro aspetto del gusto musicale barocco e cio una certa tendenza
allambivalenza sessuale. Il suo potere stava proprio nellincarnare personaggi
femminili e maschili e di renderli credibili non attraverso il corpo dellinterprete,
ma grazie alla vocalit che li evoca. In definitiva, il belcanto, con la sua estrema
suscettibilit nei confronti dei suoni pesanti, metallici, caratterizza i ruoli in base
alla caratteristica del timbro e alle capacit virtuosistiche e non in base al sesso,
come avverr quando il Romanticismo si far promotore di istanze realistiche. Il
Belcanto richiede sia il virtuosismo sia lespressione patetica a tutti i tipi di voce,
ma ritiene, perci che solo le voci bianche degli evirati e delle donne abbiano la
malleabilit e la flessibilit necessaria ad una suggestionabile esecuzione sia degli
ardenti virtuosismi che delle melodie delicate che caratterizzavano le parti di
amoroso e di amorosa. Perci mentre agli illuministi e, pi ancora, ai romantici
sembreranno assurdi i personaggi di eroi e di amorosi incarnati da evirati o da

22

donne, il belcanto trover altrettanto assurdo che cantino da amoroso le due voci
maschili del tenore baritonale e del basso, perch esse suonano pesanti, e non si
conformano con le melodie e con i sentimenti dellamoroso.
Grazie alla diffusione del melodramma, i cantanti erano diventati una categoria di
persone ricche e famose; spesso la loro notoriet bastava a fare riempire un teatro
e trasformare la prima di un nuovo spettacolo in un sicuro successo. Anche i
compositori, del resto, esageravano spesso nelluso di abbellimenti e di effetti
musicali, intenti a stupire e meravigliare il pubblico. Tutto questo andava a
sfavore della stessa comprensione dellopera: spesso, infatti, il pubblico, distratto
dalla lunghezza di unaria o di un duetto, che facevano vedere la bravura di un
cantante, perdeva il filo della vicenda. appunto il caso dellOrfeo di
Monteverdi musico incantatore, raccontato con ricchezza di particolari
(Delfrati, 1979, p. 106).
Contemporaneamente alla diffusione del melodramma nacque la figura dell'
impresario, che scritturava poeti, musicisti, cantanti, strumentisti, scenografi,
ballerini e organizzava la rappresentazione dellopera. Tra laltro, sempre verso la
fine del Seicento gli autori, per intrattenere e divertire il pubblico, cominciarono
ad inserire tra un atto e laltro di uno spettacolo, gli intermezzi musicali, brevi
scenette che narravano in modo comico episodi presi dalla vita quotidiana. Questo
tipo di intrattenimento era molto voluto dal pubblico e, nellarco di poco tempo,
divent un nuovo genere teatrale: lopera buffa. Rispetto allopera seria, lopera
buffa era molto pi libera da schemi precostituiti: i compositori si rifacevano a
vicende legate alla vita di tutti i giorni che il pubblico capiva con maggior facilit,
riuscendo ad identificarsi nei personaggi. La nascita dellopera buffa si deve
soprattutto al poeta Pietro Metastasio, che stabilisce una serie di canoni formali,
relativi allimpianto drammaturgico come alla struttura metrica delle arie,
applicando le cosiddette unit aristoteliche e dedicandosi solo al genere serio. La
scelta di Metastasio di escludere ogni elemento comico dal teatro musicale serio
determina la nascita dellopera comica, dapprima in forma di intermezzo, poi
come opera buffa e dramma giocoso. Lopera lirica quindi un dramma serio o
divertente, unazione scenica che ha uno svolgimento unitario; la musica
contribuisce molto a mettere in risalto i personaggi e a far capire i loro sentimenti.

23

Importante quindi il ruolo del librettista. Lautore del libretto, il librettista, un


letterato con una profonda esperienza teatrale e musicale: egli infatti deve saper
tenere conto non soltanto delle esigenze sceniche, ma anche di quelle musicali e
alternare in modo giusto i recitativi, ovvero le recitazioni cantate a verso libero, le
arie, cio i brani melodici e a strofe, i duetti, i terzetti, i quartetti e i concertati,
ossia i brani per pi voci e orchestra. I due elementi che stanno alla base
dell'intera opera sono il recitativo e laria. Nel recitativo, detto anche parlato
melodico, la musica strettamente legata alle parole del discorso; quasi una
recitazione cadenzata, che permette al pubblico di capire le varie situazioni della
vicenda. Nel recitativo, dunque, la parola pi importante del canto.
Laria, invece, un brano completamente cantato, molto varia e agile e che perci
permette al cantante di manifestare la sua bravura. Nellaria, la musica accaparra
le parole, in quanto lespressione musicale dei sentimenti dei vari personaggi.
Nasceranno successivamente sempre nel periodo barocco altre forme musicali;
stavolta per strumentali che hanno in comune col melodramma un solista
virtuoso come: il concerto grosso, il concerto solista, la suite, loratorio. Li
analizzo brevemente. La genesi del concerto grosso va cercata in una sorta di
espansione sonora della sonata a tre, e risale allincirca alla met del Seicento, e
venne messo a punto a Roma, verso gli anni ottanta del Seicento. Questa forma
musicale formata da, un gruppo di solisti chiamato concertino o soli che si
contrappone allintera composizione dellorchestra, chiamato grosso o tutti.
Non una contrapposizione casuale, basata sul semplice contrasto di sonorit, ma
una calcolata divisione del lavoro: al grosso spetta il ritornello, al concertino i
momenti solistici, secondo lordine delle parti che verr poi ripresa dal concerto
solistico. Il concerto solistico appunto (di solito si individua in Antonio Vivaldi
linventore del concetto di concerto solista) ossia lo stadio avanzato del concerto
grosso verso una forma musicale che prevede uno o pi strumenti solisti ai quali
data una partitura obbligata o una sezione (chiamata sequenza), dedicata
allimprovvisazione dellesecutore. E da questo non dimentichiamo che una delle
principali caratteristiche del barocco era proprio quella di divertire, e ci avveniva
tramite lusanza dellimprovvisazione soprattutto il modo in cui lo facevano i
castrati.

24

La suite che si confonde con la pratica antichissima di accompagnare e sostenere


la danza con un numero pi o meno elevato di voci o di strumenti. Ed infine
loratorio che era una forma musicale drammatica, che prevede la narrazione di
un evento sacro, con personaggi e dialoghi; tale genere non destinato, per, alla
rappresentazione: viene cantato da solisti e coro immobili, senza scene e costumi,
ma con accompagnamento orchestrale. Veniva rappresentato in locali detti
oratori.
Nel Seicento si affermarono definitivamente strumenti gi noti da tempo, come
l'organo, il clavicembalo e il violino. Organo e clavicembalo erano considerati
molto vicini: alcune pagine musicali erano scritte appositamente per essi, e spesso
gli esecutori erano in grado di passare dalluno allaltro senza difficolt.
Bisogna inoltre ricordare che la pi caratteristica forma di accompagnamento
strumentale del periodo barocco prese il nome di basso continuo: era formata da
una successione di accordi suonati in modo continuo; inoltre il suono pi grave di
tali accordi veniva poi anche intonato da uno strumento grave, in modo da
sostenere meglio gli accordi stessi, anche perch con lavvento delle varie forme
musicali e della musica per danza si senti la necessit di misurare la durata dei
suoni (CFR., Carella, 1977, p. 11). Conseguenza di questa affermazione della
musica strumentale fu lo sviluppo nella costruzione degli strumenti stessi. Primo
fra tutti fu il violino, che si impose nei confronti degli altri strumenti ad arco
grazie anche ad abilissime scuole di liuteria soprattutto a Cremona.
Sono queste le forme musicali (e non solo) che porteranno al momento pi
significativo della musica barocca, e non dimentichiamo al periodo in cui i castrati
furono pi in voga assieme ai pi grandi musicisti e compositori che vollero
scrivere per loro. Tra i numerosi autori di melodrammi ricordiamo: Claudio
Monteverdi e Giovanni Battista Pergolesi; per le composizioni strumentali:
Johann Sebastian Bach, Georg Friedrich Haendel, Antonio Vivaldi e Arcangelo
Corelli e Giacomo Carissimi. Nel Seicento, dominano la scena Arcangelo Corelli,
ritenuto il grande fondatore della moderna tecnica violinistica e Giacomo
Carissimi (1605-1674), organista, compositore di numerosi oratori. Tra Seicento e
Settecento Antonio Vivaldi, oltre a perfezionare la tecnica violinistica, compose
pi di cinquecento opere strumentali: le pi significative sono i concerti, che

25

hanno il merito di aver costruito le basi per la struttura del concerto moderno,
dando eccentricit alla parte solistica e stabilendo la classica divisione in tre tempi
(Allegro-Adagio-Allegro). Del primo Settecento invece Giovan Battista
Pergolesi, autore di numerose opere tra cui spiccano lo Stabat Mater e
lintermezzo comico La serva padrona. La vita musicale europea tra Seicento e
prima met del Settecento per gira attorno alle grandi figure di Bach e di
Haendel, che incarnano splendidamente, sia nel carattere sia nella produzione,
lideale barocco a cui tutti i compositori del tempo fanno riferimento. Johann
Sebastian Bach, organista e clavicembalista di raro valore, uno dei pi grandi
compositori di tutti i tempi. Nellarte perfetta di Bach si fondono tutte le
esperienze precedenti: la tradizione polifonica, la monodia, larmonia, la moderna
tonalit. Georg Friedrich Haendel , autore di musica da camera e per organo e di
melodrammi, noto soprattutto per uno dei suoi 23 oratori.
Verso la fine della prima met del Settecento, Christoph Willibald Gluck
intraprese la riforma del melodramma, spogliandolo di tutto ci che serviva da
pretesto per una pura esibizione di virtuosismo e facendo s che musica e canto
esprimessero invece i sentimenti e la vicenda che si svolgeva sulla scena. In
sintesi la riforma e rivoluzione del teatro musicale di Gluck, si ripropone i
seguenti obbiettivi: 1 Il soggetto dellopera deve essere patetico, tragico, terribile,
sublime, riferito a grandi eventi, a forti passioni a personaggi straordinari, secondo
la maniera greca, nei limiti della semplicit, della verosimiglianza e della
naturalezza applicabili ovviamente a una forma d'arte

ruotante attorno a

unazione sola e coerente, non disturbata da interruzioni o divagazioni. 2 Delicato


il rapporto fra la poesia e la musica, che un legame di necessit, la seconda al
servizio della prima. 3 la musica incaricata della resa sonora di questi elementi
letterario-teatrali: il canto deve astrarsi dalle esigenze puramente esibizionistiche
dei cantori e concentrarsi sullespressione, gli interpreti devono essere appositi e
adeguati, con fedelt al testo (quindi calma negli abbellimenti, nessun
cambiamento, nessuna aggiunta). 4 Il libretto non richiesto di perfezione
letteraria o nei versi, bens, di una generica musicalit, di una teatralit spoglia
efficace e varia nelle situazioni, e di una moralit esatta. Per quanto riguarda il
canto, la riforma di Gluck abroga tutti quelli che furono i capricci dei cantori, mi

26

viene alla mente il caso del Velluti. La leggenda racconta che Rossini, sconcertato
dai capricci di quel divo isterico sempre pi ingordo di abbellimenti e virtuosismi
improvvisati, decise di scrivere per intero le parti da cantare per non lasciare pi
liberi i cantanti di piazzare abbellimenti qua e l a loro capriccio.
Alla fin fine, la rivoluzionaria riforma di Gluck non poi altro che la
altolocazione estrema del melodramma anche se in quel periodo, la
subordinazione di musica a poesia, ormai voleva dire subordinazione del
sentimento alla ragione; ossia una concezione che d la priorit assoluta al
pensiero sulla fantasia, al simbolo sul fenomeno, con lesclusione di tutti quegli
elementi che per loro natura sfuggono al controllo della ragione e si collocano
nella sfera dellindividuale. Insomma, nelle opere di Gluck si assiste quasi sempre
ad unavventura intellettuale prima che musicale. Proprio a questo proposito
Gluck dice: limitazione della natura, il fine comune che si debbono proporre il
poeta ed il musico. Volli ridurre la musica alla sua vera funzione liberandola dai
superflui ornamenti; cosi pure tanto pi defficacia accresce la musica alla poesia
quante volte alluna allaltra bene associata (Parisotti, 2004, p. 6).
A partire della seconda met del Settecento si assiste a un rinnovamento totale dei
valori artistici barocchi che culmina in quello che verr definito periodo classico.
Massimi esponenti di questa nuova corrente musicale, caratterizzata dal trionfo
della forma sonata e della moderna sinfonia, sono Haydn e Mozart che pi di altri
comprendono il bisogno di equilibrio artistico, inteso come supremo ideale
compositivo, e la necessit di riconquistare quelle regole fisse buttate via dagli
sconvolgimenti barocchi. Ma nonostante questa nuova ricerca, a mio parere mi
permetto di affermare il fatto che la musica abbia avuto la sua vera nascita e preso
una vera forma proprio in questo lunghissimo periodo barocco, il quale nonostante
gli sfarzi, gli eccessi, le trasgressioni ha lasciato davvero un segno nella storia
della musica. Proprio come il famosissimo squarcio sulla tela. Di certo come tutte
le cose, tutti i periodi prima o poi passano per lasciare il posto a momenti nuovi,
forse pi moderni o pi semplici o viceversa, certo anche vero il fatto che
lessenza barocca abbia continuato anche negli anni successivi a sopravvivere,
tramite anche quei cantori come il Farinelli oramai ritirati a vita privata. Con i
loro consigli i loro punti di vista e la loro eterna preparazione messa a

27

disposizione degli incontri che hanno continuato a fare poi con i compositori
successivi. Famosissimo per esempio lincontro tra Mozart e Farinelli (che
racconter a breve nel secondo capitolo), il quale oramai vecchio, stanco e
malinconico, dar a Mozart, allepoca dellincontro ragazzetto prodigio, dei
preziosissimi consigli sulla stesura di una delle sue prime opere. Descriver come
il piccolo Mozart ascolter con ammirazione e massima considerazione il grande
maestro, sottomettendosi anche alle parole dure e alle piccole critiche, ma
grandemente costruttive che gli vennero fatte. Con questo ribadisco quanto
rimanga eterno il ricordo di quei cantori, punte di diamante della musica,
incastonati in quella perla imperfetta che tanto li rappresentava: il barocco.

28

Capitolo 2
IL SIGNORE DEL PALCOSCENICO

2.1 Farinelli: vita di un evirato cantore


Carlo Maria Michelangelo Nicola Broschi, detto Farinelli, nasce ad Andria il 24
Gennaio del 1705 da Salvatore, compositore e maestro di cappella nel Duomo
della cittadina pugliese, e da Caterina Barrese. Salvatore Broschi era un grande
appassionato ed esperto di musica, tant vero che il duca dAndria, appartenente
ad una delle pi prestigiose famiglie napoletane, volendolo onorare, fece da
padrino al pi piccolo dei suoi tre figli, Carlo appunto.
La famiglia Broschi, trasferitasi a Napoli fin dal 1711, manda Riccardo il
primogenito al Conservatorio di S. Maria di Loreto, dove si former come
compositore, mentre Carlo, protetto dalla famiglia Farina, famiglia di avvocati ed
amanti della scuola musicale a Napoli, viene introdotto presso il pi famoso
maestro di canto napoletano, Niccol Porpora, insegnante al Conservatorio di S.
Onofrio, gi operista affermato in Europa, dal lui infatti si formeranno i castrati
Giuseppe Appiani, Felice Salimbeni, Gaetano Majorano, oltre a Regina Mingotti e
Vittoria Tesi, e appunto Carlo Broschi. La famiglia Farina pagher le lezioni di
canto al piccolo Carlo subito dopo aver subito la castrazione.
Lepisodio della castrazione del Farinelli molto vaga. Non si hanno certezze sul
quando, e per mano di chi stata fatta. Limprovvisa morte di Salvatore Broschi a
36 anni, il 4 Novembre del 1717, e la conseguente perdita della sicurezza
economica della famiglia, potrebbe essere stata la causa della decisione

29

dellevirazione di Carlo, allora dodicenne e quindi prossimo a cambiare voce.


Quella voce dalle doti promettenti, che sarebbe potuta essere la soluzione ai
problemi familiari, con lingresso delladolescente nel mondo dei castrati, le cui
carriera per tutto il XVIII secolo saranno garantite dal loro impiego come cantori
nelle funzioni liturgiche e dalla produzione musicale-oratoriale della Chiesa, e
soprattutto dallegemonia italiana del melodramma in tutto il mondo. Ma
considerando i vari racconti, la decisione di sottoporre il piccolo Carlo
alloperazione, fu presa dal fratello maggiore Riccardo, ormai passato a
capofamiglia. Questaltra versione quella secondo cui Riccardo, fanatico della
composizione, volle che Carlo mantenesse per sempre pura la sua voce, e che in
futuro cantasse le sue arie. Si racconta infatti che un giorno Riccardo avendo
somministrato delloppio a Carlo, gi gravemente ammalato, approfitt dello stato
di incoscienza di questultimo e lo castr, sommergendolo poi in un secondo
momento in una grossa tinozza di latte. Questa la versione pi sicura che non
vede i problemi economici familiari la causa di tale decisione, ma la follia del
fratello, che per i suoi slanci artistici e mediocri, vedeva nella voce di Carlo la sua
e la loro fortuna, quale la fama ed il successo.
Da quel momento in poi, Carlo Broschi ammesso alla scuola di Niccol
Porpora, conquistando tra 1717 e 1720 (lanno dellesordio come cantante nella
serenata Angelica e Medoro di Metastasio a Napoli), un ruolo di primo piano tra
gli evirati allievi del maestro napoletano, e a 15 anni, si avvia ad una delle pi
straordinarie carriere nella storia dellopera italiana che lo porter prima in tutti i
pi importanti teatri italiani, poi successivamente anche a Vienna, Londra, Parigi,
ed infine a Madrid. Da questo suo primo ed indimenticabile debutto parte una
fortissima relazione amichevole, quasi fraterna con il poeta Metastasio che durer
fino alla morte. Dopo lesordio, nella parte secondaria di Tirsi nellAngelica di
Metastasio, Farinelli prosegue i suoi studi con il Porpora, e due anni dopo, nel
1722, a Roma al Teatro Aliberti protagonista in travesti (secondo la
disposizione della chiesa che vietava alle donne la presenza sulle scene), nella
Sofonisba di Luca Antonio Predieri. Le doti eccezionali della vocalit musicale
impareggiabile di Carlo Broschi Farinelli quindi emergono proprio in questo
periodo, da vero e proprio professionista del canto. Particolarmente significativa

30

la testimonianza del flautista, compositore e teorico della musica Johann Joachim


Quantz: Farinelli possiede una voce di soprano penetrante, piena, brillante e ben
modulata, che si estende dal la2 fino al do5. Lintonazione era chiara, il trillo
bello, straordinario il controllo del fiato, agilissima la sua gola, cos che poteva
coprire anche gli intervalli pi ampi con la massima facilit e sicurezza
(Cappelletto, 1995, pp. 15-16). Famosissimo infatti lepisodio di una celebre
contesa tra lui ed una tromba. Si racconta infatti che durante una serata prima
dellinizio dello spettacolo, Farinelli si mise a gareggiare con un bravissimo
trombettista. Ambedue emettevano una nota, per dar prova della forza dei loro
polmoni tentando di superare il rivale in vivacit e potenza. Allo strenuo della
gara, il trombettista esausto e convinto che anche il suo rivale lo fosse altrettanto,
perse, con il risultato che quella sfida divenne unattrattiva irrinunciabile per il
pubblico.
Questo appunto per dire che Farinelli possedeva una voce forte il cui appoggio
stava proprio nella forza dei suoi polmoni, della sua capacit tecnica che gli
permetteva di estendersi dal suono pi grave al suono pi acuto con massima
facilit. Sono quindi gli anni romani a dare a Farinelli la fama ed il successo,
soprattutto per la sua partecipazione anche in molte opere del maestro Porpora
come ad esempio: Berenice regina dEgitto, Eumene, Flavio Onicio Olibrio,
Semiramide regina dellAssiria e lAdelaide.
A Farinelli verranno da questo momento in poi assegnati ruoli di primo piano.
Tuttavia la collaborazione di Farinelli con Niccol Porpora, intensa tra il 1722 e il
1724, tra Roma e Napoli, va rarefacendosi, probabilmente per limpiego da parte
del compositore, degli altri sopranisti della sua scuola: il Caffarelli soprattutto, il
Salimbeni e lAppiani, ma anche di Giovanni Carestini. Peraltro, gli anni
compresi tra il 1726 e il 1729 sono assai densi di impegni per il sopranista, che,
calca le scene dei teatri italiani, da Parma a Milano, da Roma a Bologna. Qui
Carlo Broschi entra in contatto canoro con il famoso e pi anziano castrato
Antonio Maria Bernacchi, non riuscendo nelloccasione a dimostrare ai bolognesi
la sua superiorit canora e virtuosistica, ma conquistandosi lamicizia del rivale:
si accorse Bernacchi di esser provocato...e feceli sentire che egli non era ancora a
tempo di eguagliarlo, non che di superarlo (Cappelletto, 1995, p. 17 ). Come

31

affermarono i suoi biografi tra cui Giovenale Sacchi, Johann Joachim Quantz,
Charles Burney e Giovan Battista Marini, che a quel tempo nonostante la
grandezza canora di Farinelli, egli era ancora un musico giovinetto che studiava,
e questo pu aiutarci a comprendere le fasi del progressivo cambiamento del
sopranista non solo nello stile del suo canto ma anche nellintera impostazione
artistica e culturale: Egli studiava, come tutti i musici fanno, di eccitar
meraviglia, e di porger diletto al senso materiale delludito pi che allanimo;
cercava il difficile pi che il bello, e amava di far ostentazione della voce, e
dellarte (Sacchi, 1784, p. 225).
Tra il 1729 e il 1732 Farinelli arriva a Vienna dove ha un importantissimo
incontro con il Re Carlo V che chiude la lunga fase dei successi. Oramai il
sopranista sulla scena da pi di dieci anni, e nonostante la giovane et, 27
primavere, si pu considerare per successo, affermazioni e fama conseguite, un
veterano del riconoscimento del pubblico ruolo come cantante tra i pi richiesti
nel teatro dellopera italiana.
A Vienna il cantante si esibisce a corte, testimonianza di questo evento fu una
lettera inviata al conte Sicinio Pepoli proprio dal Farinelli, tra le cui righe scrive:
Sabbato se ietta lo biso: sabato dovr togliermi la maschera (Vitali, 2000, P.
171). Tale affermazione sta proprio a significare che stavolta lartista non si
esibir su un palcoscenico teatrale con uno dei suoi costumi sfarzosi, bens in
borghese alla corte del Re Carlo. Ma di certo anche qui non manc loccasione
teatrale che ben presto arriv: alla Cappella imperiale con lopera Sedecia nel
ruolo appunto di Sedecia, e nella Morte di Abel nel ruolo di Abel, ambedue di
Antonio Caldara. Ritorna per un breve periodo in Italia dove il suo successo
oramai di casa, per poi iniziare una lunga esperienza londinese (anche questa
molto importante) dal 1734 al 1737. Arriva proprio durante la stagione operistica
della compagnia rivale di Haendel.
Anche sul rapporto tra il compositore Haendel e il sopranista Farinelli, sono state
costruite un sacco di leggende se non pettegolezzi. Si racconta infatti di una
rivalit tra i due artisti. In realt dalle varie documentazioni pervenuteci, stato
chiarito che tale rivalit non quasi mai esistita, e la causa che ha fatto pensare
invece che tale inimicizia esistesse, stata lespulsione (per varie vicissitudini), di

32

Haendel come direttore artistico dal Teatro della Nobilt, che vedr
successivamente Porpora al suo posto.
La compagnia di Porpora per non ebbe molto successo al teatro inglese, fin
quando non fu scritturato Farinelli, che si esib per quella compagnia anche
nellOttone haendeliano, ma non cant mai sotto la direzione di questo. Sono state
quindi, pure e semplici casualit dovute allappartenenza dei due artisti a due
teatri diversi: Farinelli al teatro della Nobilt ed Haendel spostatosi al Convent
Garden.
Si pu dire quindi che la rivalit stava nella direzione dei due teatri, quindi tra
Porpora ed Haendel. La lotta continu fino a quando dopo il fallimento di Haendel
avvenuto per la scelta di Porpora di scritturare il Farinelli, decise di sterzare per
lOratorio.
Su Farinelli si pu dire che avrebbe avuto la possibilit di lavorare con Haendel,
ma la sua scelta di optare per il Teatro della Nobilt non fu obbligata, n dovuta a
ragioni di astio nei confronti del compositore tedesco, semplicemente se la
precluse negandosi la possibilit di entrare in contatto con un autore che proprio
in quegli anni conosceva una fase di rinnovamento. Nel 1737, stanco dalle
incessanti rivalit che opponevano i due gruppi teatrali, Farinelli, accett l'invito
che aveva appena ricevuto da Isabella Farnese, moglie di Filippo V di Spagna, ma
prima di ritirarsi alla corte spagnola sotto la protezione del monarca, il cantante
soggiorn qualche tempo anche a Versailles, presso la corte di luigi XV dove si
esib in vari concerti.
A Madrid risiedette per molti anni, divenendo l'idolo incontrastato del re Filippo V
a servizio del quale svolse molteplici ruoli da quello di cantante a quelli di
impresario, direttore teatrale e persino segretario particolare. Aveva 32 anni il
Farinelli quando decise di trasferirsi a Madrid. Quei ventidue anni che scelse di
trascorrere alla corte spagnola, si occup di curare lipocondria del Re Filippo V,
il quale soffriva di una forma di schizofrenia maniaco-depressiva non priva di
attacchi e crisi deliranti. La regina Elisabetta Farnese, ebbe una grande intuizione
nel pensare che solo la voce di Farinelli potesse curare la patologia che a
quellepoca veniva identificata come una forma di malinconia. Tant vero che il
re non pot pi fare a meno della voce angelica del cantante, il quale fu costretto a

33

cantare sempre le stesse quattro arie ogni sera per farlo addormentare: Mi bevo
tutte le sante sere otto, nove arie in corpo (Cappelletto, 1995, p. 59).
Elisabetta Farnese aveva molta attenzione per la salute del marito, per il quale
dato il suo stato psichico non molto stabile, rinunciare al trono era diventato
unazione abituale. La prima volta che abdic infatti, il titolo di monarca passo a
Luigi, nato dallunione con la sua prima moglie, la Principessa sabauda Maria
Luisa Gabriella. Ma luigi non fu Re per molto tempo a causa del vaiolo. Stando la
possibilit di poter ancora abdicare, il trono sarebbe poi passato a Ferdinando VI,
fratello di Luigi. Nato dallunione con Elisabetta Farnese era invece Carlo III, che
grazie al progetto della madre riusc a diventare Re.
Farinelli ebbe la possibilit di vivere i primi due troni, quello di Filippo V e del
figlio Ferdinando VI, ipocondriaco anche questultimo. La musica era una delle
sue passioni e proprio Ferdinando VI fu il pi grande e generoso tra i protettori del
celebre cantante evirato napoletano Farinelli la cui voce era in sintonia con il
carattere malinconico del monarca. Il Farinelli divenne a tal punto influente e
ricco che chiunque avesse avuto bisogno di un favore dal sovrano doveva
rivolgersi a lui se voleva ottenerlo, pur mantenendo ad ogni modo un equilibrio di
onest raro per quei tempi. Fin quando non giunse Carlo III presso il quale non era
gradito, ed allora decise di lasciare Madrid: raggiunse subito Napoli ma presto si
trasfer a Bologna (1761) e nella villa splendida che si fece costruire intrattenne
amichevoli contatti coi pi prestigiosi personaggi della sua epoca.
Si spense il 16 settembre 1782, qualche mese dopo il suo amico Metastasio,
lasciando una collezione d'arte e di strumenti musicali che fu sfortunatamente
dispersa dai suoi eredi, tra cui un violino di Antonio Stradivari che citato nel suo
testamento.
Rimane tuttavia difficile capire il perch Farinelli decise di abbandonare le scene
nel pieno del suo successo, e di privarsi della possibilit di cimentare la sua voce
in nuove opere o nuove invenzioni musicali cosi da accrescere la sua carriera.
Forse in realt quella vita gli stava stretta, essendo la conseguenza della sua
negazione pi grande. Questa lunica ragione pi logica in quanto non sembra
nemmeno che fosse interessato alla ricerca di soddisfazioni diverse come la
politica. In realt presso la piccola cerchia della famiglia reale di Spagna, egli fu

34

solo una pedina nelle mani di Elisabetta, che grazie alla sua voce, riusc a
persuadere il marito a non abdicare cosi da compiere il suo scacco matto.
Non riesco a credere per che Farinelli non abbia capito la falsa amicizia della
scaltra regina. Forse nella scelta di rinchiudersi nella monotonia della corte di
Spagna, vi era anche un bisogno pi alto da parte del sopranista, qualcosa di
moralmente pi nobile rispetto alle rappresentazioni teatrali, che desse un senso
alla sua vita e non a quelle dei compositori, quale poteva esser per lui una
missione salvifica.
E se posso aggiungere, a mio parere penso che la sua scelta sia stata la prima
forma di musicoterapia, un modo di curare le diverse forme di insicurezza,
ipocondria, depressione, che sta acquisendo molta considerazione nel campo delle
scienze mediche-curative oggi.
Il suo quindi stato un modo di sopravvivere a se stesso, ponendo larte della
musica e del canto su un piano diverso, pi etico. Ecco si, il suo obiettivo forse
fu quello di mandare un messaggio implicito, ossia quello di riportare la musica
ed il canto al suo posto originale, come forma di arte che ci eleva, ci migliora, ci
appassiona, ci emoziona, ma soprattutto ci fa vivere guarendo, e non vivere
morendo allo stesso tempo. Cosi visse Farinelli, morendo allo stesso tempo. Non
essendosi mai sentito un uomo a tutti gli effetti, non potendo avere la possibilit di
piacevoli notti oscure (Cappelletto, 1995, p. 146). Privato quindi della
possibilit di crearsi una discendenza che portasse avanti il suo nome e che
conservasse tutti i suoi tesori, come le tante tabacchiere, simbolo di souvenir dei
tanti luoghi presso i quali ha fatto ascoltare la sua ugola doro.
Di lui resta solo qualche bel ritratto e le lettere che aveva inviato ai suoi amici che
lo pregavano di redigere le sue memorie ed ai quali aveva risposto: A che pro?
Mi basta che si sappia che non ho avuto pregiudizi su nessuno, che si aggiunga
anche il mio dispiacere di non aver potuto fare tutto il bene che mi sarei
augurato... (Celletti, 1986, p. 80).
Malgrado la leggenda che alleggia intorno a lui, Farinelli resta un personaggio
relativamente misterioso. Forse anche per questo che stato dimenticato, come

35

sono stati dimenticati tanti altri evirati cantori che con le loro voci hanno superato
dei confini naturali che molti di loro non avrebbero mai voluto varcare, come
appunto il Farinelli che soffr fino alla sua morte di solitudine e malinconia.
Dimenticati anche perch quando parliamo di musica , siamo soliti pensare alle
arie dei pi grandi compositori come Mozart, Beethoven, Bach, Hendel e molti
altri, dimenticando i registri e le voci per le quali le loro musiche sono state
scritte. Cosi facendo si commette un errore imperdonabile, in quanto ad ogni
singolo spartito corrisponde un tipo di timbro, un colore, una sfumatura, ma
soprattutto una personalit ed unanima Ci che trasmette e ci che da essa
traspare. La voce cantata lo strumento-mezzo pi diretto attraverso il quale
vengono proiettate verso lesterno tutte le emozioni e gli stati danimo di una
persona. E attraverso le sensazioni che ci vengono trasmesse che impariamo a
conoscere il cantante o anche il compositore e tutte le sue pulsioni nascoste o
manifeste, o represse o imprigionate. Forse Farinelli non ha voluto scrivere le sue
memorie proprio per questo: far morire le sue emozioni con lui, essere
dimenticato di proposito cosi da trovare quella pace tanto sognata, tanto desiderata
attraverso loblio.
Non avremmo mai la possibilit di riascoltare la sua voce angelica cosi come
veniva definita, ed a pieno non potremo capire ci che provava, come non lo
capiva la maggior parte del pubblico che lo ascoltava, in quel periodo di grandi
sfarzi e lussi, quando il castrato era solo un essere particolare, un diverso. Forse
un Dio o forse un Demonio, un perverso, attorno al quale sono stati costruiti
tantissimi miti. In realt la perversione stava solo nelluso di quella pratica per
fini economici, per arricchire le famiglie, oppure per portare alla fama quei
compositori mediocri come lo stesso fratello del Farinelli: Riccardo Broschi, suo
creatore in quanto suo carnefice.
Tutti coloro che hanno voluto portare la propria mano a tanto, hanno cercato di
imitare il creatore, con la differenza di infliggere sofferenza e non di certo gioia.
Come ho gi detto precedentemente, poco si pu dire dello stato danimo degli
evirati, ma tanto si pu dire invece di quello dei loro maledetti boia: egocentrici,
egoisti, egotisti. Sempre e solo il loro ego, mai quello degli altri. Mai quello di

36

quei poveri bambinetti negati, impiegati come vere e proprie macchine per
cantare, negati della loro felicit, per la felicit degli altri. E non pochi furono i
casi di molti senza talento, destinati a cadere nellarea del rimosso collettivo.
Il mio paradosso ora, e forse anche la mia incoerenza sta nel dire che Farinelli fu
fortunato. Stando a quanto scrive Burney citato nel libro di Bouvier: la voce di
Farinelli non era soltanto di prodigiosa agilit, tanto da poter competere con un
clarino, forte e di grande estensione, ma si piegava all'espressione degli effetti con
toccante tenerezza (Bouvier, 1943, p. 132). Egli possedeva una fenomenale
estensione vocale, una grande versatilit nei vari stili del canto, uneccezionale
tenuta di fiati, un trascendentale virtuosismo e grandi doti di attore.
La sua figura quindi la dimostrazione di un connubio tra bellezza e sublimit.
Per di pi, non aveva mai ceduto alla moda dei capricci che tutti gli evirati cantori
seguivano. Si distinse quindi da tutti gli altri non solo per la sua grandissima
capacit artistica, ma anche per la sua umilt e la sua seriet: una bravissima
persona, un grande professionista, diremmo oggi. Un vero e proprio esempio
di vita, non solo per chi auspica ad emergere nel campo musicale, ma per tutti
quelli che dovranno debuttare nella vita. Essere pronti ad ammettere i propri
limiti, restare con i piedi per terra, non avere slanci di superiorit, capire che il
mondo ti pu schiacciare da un momento allaltro. Il mondo di Farinelli era il
pubblico, il pi passionale degli amanti, ed in quanto amante aveva la possibilit
di amarlo o di odiarlo a suo piacimento. Il mostro terribile che si impossessa di te,
dal momento in cui ti entra da sotto le unghie e ti avvelena pian piano, portandoti
ad annullare te stesso, a causa della paura di fallire, per la paura che possa esserci
un altro migliore di te, per il terrore di credersi pi grandi di quanto effettivamente
si . Quanti artisti abbiamo visti fare questa fine, e quanti ne vediamo ancora
oggi. Farinelli fu un genio, aveva intuito cosa fosse il successo, la fama, la stima
degli altri: tutte cose che prima o poi passano, e bisogna esser pronti a lasciarli, o
ancora meglio a mandarli via prima che questi prendano il sopravvento su di te.
Farinelli aveva gi subto fin troppe sofferenze, per poter subire anche la sua
decadenza artistica, cosi che lascio prima, molto prima. Ed involontariamente,
senza neanche saperlo, lasci qualcosa in sospeso, di non finito, che lo rende

37

ancora eterno oggi.


Infatti nel 1998 si costituito a Bologna il Centro Studi Farinelli con il proposito
di ricordare la figura del grande artista promuovendo varie manifestazioni e
organizzando spettacoli in cui vengono riproposte le pi famose arie che furono
da lui cantate. Di certo impossibile poter raggiungere lo stesso risultato
raggiunto dal grande evirato a suo tempo. Ma tali manifestazioni sono degne di
grande stima e di considerazione, poich sono modi per poter far rivivere la
musica di quel tempo, cosi minuziosa e meticolosa nella composizione e
nellarmonia. Potrebbero essere dei modi per rieducare la musica alla
strumentazione e allorchestra, visto che oggi questo sta incominciando a morire.
Oltre ad organizzare spettacoli in onore del sopranista, il centro studi di Bologna
si propone anche di: promuovere pubblicazioni inerenti alla figura del Farinelli e
di altri celebri cantanti castrati, nonch di approfondire le problematiche connesse,
e di promuovere convegni, incontri di studio, seminari e mostre, nonch ricerche
darchivio e ogni altra iniziativa specifica sull'argomento.
Bologna resta la citt dove Farinelli ha trascorso gli ultimi anni della sua faticosa
vita fino alla morte, ma non dimentichiamo che nonostante i viaggi, i tour, egli
vissuto nella nostra citt, la citt di Napoli.
Ed proprio presso il conservatorio di san Pietro a Majella che ogni venerd sera
si consumano concerti dalle pi straordinarie tematiche, in onore dei pi grandi
artisti di ogni tempo, tra cui anche il Farinelli. Napoli cosi bella ed immensa,
Napoli dalle mille storie, dalle mille canzoni, dalle mille contraddizioni, dove ogni
parola della sua lingua ha un significato che rimanda a tempi addietro, come
anche il significato del termine farinielli dal quale deriva lequivoco collegato
appunto al nome darte Farinelli e che analizzer pi avanti.
Voglio giustificare il mio umile tentativo di riportare qui la vita di Farinelli, in
quanto molte cose sono state tralasciate da me, ad esempio lintero repertorio del
cantante. Il mio obiettivo infatti era quello di raccontare i momenti pi salienti
della vita dellartista, quelli che in un certo qual modo hanno dato una ragione ed
un senso ai suoi modi di essere, e a me lillusione di interpretarli.

38

2.1.1 Perch il nome Farinelli


Nella delicatissima et preadolescenziale (cruciale per la costruzione dellidentit
di ognuno di noi), il suo processo di crescita si era declinato, non per acquisizioni,
ma per perdite. In quel periodo aveva perduto la virilit, la figura paterna ed anche
il proprio nome. Dopo lintervento infatti si completava lopera con
limposizione del nome darte. Questo era simbolo di distinzione della propria
diversit, o meglio, simbolo per evocare il virtuosismo del cantante. La scelta del
nome darte era libera, e prevedeva una serie di vezzeggiativi e diminutivi, in
onore dei propri maestri, oppure legati ad un episodio di grande interpretazione
del evirato, che lo richiama alla memoria di tutti. Ad esempio levirato Antonio
Uberti che scelse il nome Porporino in onore del grande maestro di Farinelli,
che in quello stesso anno della scelta, mor. Oppure posso citare Giovanni
Francesco grossi col nome Siface, o ancora Nicol Grimaldi, Nicolino.
Sulla scelta del nome Farinelli sono state fatte tre ipotesi, tra queste due sono
sicuramente da scartare: la prima ipotesi quella che vede la scelta di tale nome
legato ai Farinel, famiglia di illustrissimi violinisti, ai quali si pensava il
cantante voleva rendere omaggio. La seconda si pensava fosse legata invece al
lavoro del padre Salvatore Broschi, ma in realt il suo lavoro non lo portava in
alcun modo a lavorare con della farina. La terza e la pi ovvia e sicura, quella
che vede la riconoscenza del cantante nei confronti della famiglia Farina, ceppo
di avvocati e giuristi, che prese sotto la sua protezione Carlo fin da piccoletto,
pagandogli le costosissime lezioni di canto presso il maestro Porpora.
Sul nome darte si insicuri se egli si facesse chiamare Farinelli o con il finale
in o. Farinello. Sta di fatto che nel suo testamento il cantante si firma col
finale in i, ma stando alle cronache del tempo, i vari personaggi che lo
incontrarono nel corso della loro vita lo chiamavano anche come Farinello.
Dalla quale probabilmente nasce lequivoco del Fareniello a Napoli, con il
quale si identifica un uomo di bellaspetto, cascamorto ed intrigante oltre ogni
limite di decenza, un bellimbusto che crede, con il suo comportamento, di apparire
spiritoso, ma risultando poi estremamente antipatico.

39

E interessante conoscere l'origine di questo vocabolo. Deriva dal fatto che nel
corso delle varie rappresentazioni teatrali, cera il personaggio dellamatore che
doveva essere, per esigenze di copione, sempre di aspetto giovanile. Il carattere ed
il comportamento da Don Giovanni, lo facevano grande conquistatore di cuori
femminili. Per lattore che interpretava la parte, andava bene finch era giovane.
Quando queste qualit incominciavano a mancare, il povero ex-giovane attore
doveva in qualche modo evitare che il pubblico vedesse sul suo volto i segni del
tempo. Non esistendo ancora tutto lapparato delle luci che schiacciavano i difetti
del volto, si spargeva sul viso di questo quantit enormi di farina (non esistendo
nemmeno ancora i trucchi teatrali come il pan kake o il pan stick). Cosi
infarinato lattore poteva mascherare let e continuare ad interpretare
lamatore. Da qui lorigine di fareniello o farinello, cio di persona che vuole
apparire ci che non affatto. Luso della farina che fungeva da cipria sul volto
infatti nacque nel periodo settecentesco il periodo appunto degli evirati, che nelle
loro numerose rappresentazioni teatrali (sia nel ruolo di donna, sia nel ruolo di
amoroso o amatore) si infarinavano. In realt il vero senso del Fariniello lo si
pu dare utilizzando il termine di Casanova, derivante dal cognome di Giacomo
Casanova, che fece del suo cognome sinonimo di seduttore, di sciupafemmine
come si dice a Napoli, non a caso anche il nome Giacomo in dialetto napoletano
jacuvell indica appunto lintrigo, la moina.
Dopo questa parentesi, che ho reputato necessario fare, in quanto spesso siamo
soliti utilizzare termini di cui non ne conosciamo nemmeno il significato,
ritorniamo appunto al nome Farinelli e di come tale scelta non sia stata solo di
omaggio ai suoi protettori, ma anche un modo per il cantante di liberarsi di se
stesso completamente, di abbandonare per sempre ci che era prima
dellintervento e ci che sarebbe stato senza la sottomissione ad esso: Carlo
Broschi, difatti muore definitivamente a quindici anni, quando il gi
meraviglioso cantore nasce in arte come Farinello (Cappelletto, 1995, p. 145146).
Il cambiamento del nome fa riferimento infatti anche agli antichi rituali magici,
religiosi, artisticicome rigenerazione simbolica. Cosi infatti il modo per aver

40

successo dei castrati, coincideva proprio in questo cambiamento, in questo nuovo


battesimo dove il padrino era il pubblico, che li relegava ad un eterna infanzia.
Mi capitato spesso infatti, durante la lettura di alcuni libri su di essi, di pensarli
sempre come dei bambini anche nelle pagine che raccontano della loro vecchiaia,
un processo psicologico alquanto normale suppongo e alquanto giustificabile,
dato che il concetto che ricorre sempre nella descrizione dei loro stati psichici,
quello di essersi fermati ad unora prima di aver subito loperazione.
La cerimonia per la scelta del nome, come racconta Porporino (altro celebre
castrato postero del Farinelli) nel libro di Dominique Fernandez, di solito
avveniva allaperto con tutti i ragazzi che tenendosi per mano a formare un
cerchio intorno ad una palma, venivano chiamati dal rettore ad uno ad uno a dire il
proprio pseudonimo, dopo il quale, lasciandosi le mani uscivano fuori dal cerchio.
Luscita dal cerchio quindi poteva essere simbolo di transizione, di passaggio da
unidentit ad unaltra (Fernandez, 2008, p. 83).
Farinelli come quasi tutti gli altri, non avrebbe voluto riconoscersi in questa sua
nuova identit. La prova di ci sta nellabbandono delle scene avvenuto nel 1732
con il ritiro a Madrid, oppure per quanto riguarda tutti gli altri castrati, del loro
modo di fare i capricci, cosi forse da darsi un senso, dato che questa era di
caratteristica comune a tutti loro: una possibile, quanto fondamentale,
traduzione di un ancor pi complesso fenomeno, lautorappresentazione, che
possiede una sua specifica caratterizzazione cognitiva; una dimensione
immaginaria ancor pi profonda dellimmagine stessa, quella del proprio corpo
e quella di ogni altra cosa (Caramiello, 2009, p. 1). Un illusione forse, oppure
una debolezza?
Oggi non possiamo dire di essere deboli, vulnerabili o condannati ai limiti che il
destino ci impone: le nostre storie, la nostra biologia o il sesso anatomico che ci
viene dato dalla natura. Tutto questo lo possiamo cambiare per davvero. In modo
concreto, lo possiamo constatare pensando allesercito dei travestiti o ancor
meglio dei trans che affollano le nostre strade. La chirurgia plastica e quella
estetica oggi fa miracoli! Capace di passare da un sesso allaltro, da uomo a
donna, e viceversa.

41

Lepoca quindi cambiata non si piega pi la propria mente al proprio destino


infame, non ci si rinnega pi cercando di rimuovere il vero essere se stessi,
oppure illudendosi di essere qualcosa. Come invece cercarono di fare gli evirati
settecenteschi con i loro capricci, che non indicavano unimmagine da divi, bens
tutte le loro frustrazioni, e le sofferenze, che cercavano di acquietare mettendo in
pratica questo orribile gioco dellillusione. Un gioco che li imprigionava in una
continua domanda: chi sono?, sono maschile, sono femminile, sono neutro o
bisessuale?. Non lo sapevano. Quale altra frustrazione pi grande pu esistere, se
non quella di non sapere chi siamo? Nemmeno gli altri lo sapevano: compositori,
protettori, mecenati, pubblico, nessuno. Per questo venivano denominati angeli.
Gli angeli non hanno sesso, la divinit pura, un mistero. In effetti ad un livello
esteriore, essi apparivano come degli ermafroditi, cerature angelicate e totipotenti,
ma in realt non erano altro che vittime di una devastante mutilazione dellanima
prima che del corpo (Cappelletto, 1995, p. 145).
Ma se gi possedevano un aspetto femminile dovuto allo squilibrio ormonale,
perch venivano dati loro ruoli virili, dalla grande mascolinit? E perch venivano
truccati da donna se ci poteva anche essere evitato? E perch loro stessi
sottostavano a queste esigenze di scena? Era solo per darsi un carattere tramite il
personaggio che veniva loro assegnato? Era solo per cercare di essere pi vicino
allirrealt? Era per riempire il teatro? O un modo forse appunto per annullare
completamente il pensiero di quella specificit che gli era stata tolta per sempre,
cercare di non soffrire pi, sottomettendosi a dei ruoli che non somigliavano mai a
loro stessi, e nello stesso tempo trovare forza e consolazione nellarte che
amavano di pi, quale il canto?
Di sicuro era una mescolanza continua di bene e di male. Questo fu il risultato
attraverso la scelta di un altro nome per tutti loro: laver indossato una maschera
che li avrebbe protetti anche dai sentimenti di vergogna e di umiliazione, aver
scaturito da parte di chi li osservava il dubbio di chi fossero per davvero, lessere
stati (richiamandomi un po a Pirandello), uno, nessuno e centomila.
Ci spiega Il rifiuto totale della persona che comporta la frantumazione dellio.
Pieno di significati il loro non ribellarsi al cambiamento del proprio nome, anzi
quasi si pu dire che il nome di battesimo lo rifiutavano. Il rifiuto del nome, che

42

falsifica ed imprigiona la realt in forme illusorie dei divi, degli angeli, degli Dei,
dei grandi. Forse solo ed esclusivamente per identificarsi in ogni personaggio o
ruolo, in una completa alienazione da se stessi, dal maschile e dal femminile, e in
una totale estraniazione dal loro passato e dalle forme coatte che esso ha imposto
loro.

2.1.2 La citt dei castrati: Napoli


Napoli la citt della canzone, ed infatti Napoli fu la citt dei castrati.
Il fenomeno degli evirati a Napoli divenne di grande portata nel 700, tant vero
che esistevano botteghe con linsegna: qui si castrano fanciulli. Questo per non
provato storicamente, come infatti ci testimonia il musicologo Burney che
durante il suo viaggio a Napoli: cercava spasmodicamente tali botteghe, ma
lesito fu negativo (Fubini, 1979, p. 267).
Anche se comunque facile pensare che in una citt piena di difficolt, con
orfani, e famiglie disastrate economicamente, la castrazione dei giovani fosse
considerata unancora di salvezza, unoccasione di carriera per loro e di ricchezza
per le famiglie finalmente.
Infatti i napoletani nei primi decenni del secolo, dovettero abituarsi a convivere
con un potere precario con continui passaggi di mano. Nel 1707 infatti come
conseguenza della guerra di successione spagnola, la corona di Spagna cede
allimpero asburgico il dominio del regno. Tutto ci tra laltro, port al risultato di
una perenne migrazione in varie parti di Italia e alcune volte anche allestero di
musicisti napoletani, che nella sfortuna contribuirono a far conoscere la canzone
napoletana anche al di fuori. La maggior parte dei castrati quindi furono di
fabbrica napoletana poich la miseria ed il fascino del profitto, resero il popolo
abbastanza crudele da mutilare in questo modo i propri figli, tanto pi se i maschi
sono i pi numerosi. Questo lo dimostrano le varie storie dei castrati, ed il perch
essi siano arrivati a sottoporsi a tale sacrificio, o meglio chi li avrebbe costretti,
giocando sulla loro psicologia infantile. Ad esempio, Senesino che fu venduto dai
propri genitori ad un maestro di cappella. Fu proprio il nascente melodramma e, in
particolare, il teatro napoletano del Settecento a svilupparne la presenza in modo

43

esponenziale, in nome di un gusto artistico incline al senso della festa e al piacere


sensuale che mira alla conquista della bellezza pura.
Non un caso infatti che vi fu la presenza di personaggi famosi come Haendel e
Senesino, che non reputarono completa la loro carriera se prima non avessero
avuto la possibilit di esibirsi anche in un teatro di Napoli. Cosi Napoli veniva
denominata castrapolis, e non chiamata partenopea (come sarebbe dovuto
essere). La citt che aveva dato i natali ai pi grandi compositori e ai pi
straordinari cantanti, tra cui: Porpora, Sacchini, Pergolesi, Cimarosa , Farinelli,
Caffarelli, il quale si era fatto incidere sul frontone della sua casa, in un vicolo di
Toledo, tale scritta: Amphion Thebas. Ego domus , paragonandosi ad Anfione
che con il suono della sua lira aveva smosso le pietre per la costruzione di Tebe,
cosi lui con la sua voce aveva comprato una casa grandissima. Ma subito al di
sotto di quella scritta seguiva: ille cum. Tu sine, ossia: lui con (Anfione), tu
senza (Caffarelli). Ci spiega come la loro madre (Napoli) li aveva sfruttati e
derisi ed amati per convenienza.
Lo sviluppo geografico del fenomeno ben pi ampio di quanto si potrebbe
credere, abbracciando gli Stati Pontifici, il Regno di Napoli, la Toscana e la
Lombardia. Ma il centro pi importante per la loro formazione fu appunto di
sicuro Napoli, la capitale indiscussa della musica con i suoi quattro Conservatori i
quali originariamente erano degli orfanotrofi: Santa Maria di Loreto,
SantOnofrio, I poveri di Ges Cristo, La piet dei Turchini. Il SantOnofrio
infatti, era costituito da castrati, bambini scogliati, come venivano chiamati in
gergo dialettale, che presentavano spesso turbe psichiche, stati depressivi ed erano
oggetto dello scherno o delle invidie dei coetanei. Venivano per di pi sorvegliati
dagli altri allievi del conservatorio, in quanto spesso assumevano comportamenti
di fuga e di follia con gesti ancora pi estremi. Ad essi erano riservate le stanze
pi comode e pi calde, dove potevano studiare e consumare i pasti al caldo, ed
evitare il freddo del refettorio per la loro voce e salute. Questi usignoli in gabbia
erano infatti preziosissimi per il sostentamento dei conservatori e per i
compositori, loro maestri, tra cui il pi famoso, insegnante del SantOnofrio
appunto, era Niccol Porpora.

44

Coloro che castravano i ragazzi a Napoli, erano i norcini, a questa categoria


appartenevano i macellai o ancor di pi i barbieri. Un barbiere molto noto si
chiamava Alessandro Liguoro il barbaro-barbiere, che aveva l'attivit in un
negozio, in via Toledo a Napoli. Egli fu creatore del castrato Matteuccio, del
quale si affezion e ne divenne suo tutor, facendolo studiare al conservatorio dei
Poveri di Ges Cristo, presso il quale il barbiere era solito portare i ragazzini.
Testimonianza di quanto la citt di Napoli fosse stata senza scrupoli nel compiere
tali delitti, ce la offre Porporino altro grande castrato destinato a succedere
Farinelli. Sullo sfondo di una citt raffinata e sudicia, capitale dellarchitettura e
delle arti, punto dincontro dellEuropa illuminata al pari di Parigi e Londra, si
incontrano vari personaggi, tra cui lalchimista Raimondo di Sangro, Principe di
San Severo che fu il suo protettore. Porporino racconta di quanto fosse dura la vita
a Napoli e di quanto fosse altrettanto comoda. Lui e i suoi compagni alternati tra il
durissimo studio, e i vari incontri che si trovavano a fare tramite i loro protettori.
Questi incontri si basavano su una grande stima verso i ragazzetti, ma allo stesso
tempo anche sulla curiosit di capire molte cose su essi. Forte esempio di ci fu
lincontro con Casanova, attratto da Porporino, diviso tra le donne e i castrati, fino
al punto di vivere una crisi personale sulla propria sessualit, stroncata poi sul
nascere.
Fu Napoli che ha dato vita a questo fenomeno sociale, morale e politico, prima
ancora che musicale e culturale, di fondamentale importanza nella storia europea
del XVII e del XVIII secolo e non i castrati, perch furono pochi, da quello che ho
potuto ricostruire dalle varie documentazioni, i ragazzi che di loro spontanea
volont chiesero di essere sottoposti alloperazione, ad esempio Caffarelli, figlio
di un povero agricoltore, destinato alla stessa sorte. Fu un appassionato di musica
fin da bambino, una passione che lo portava sempre ad ascoltare i canti nelle
chiese, scappando dalle punizioni familiari. Fu scoperto da Caffaro (un musicista,
dal quale poi prese il nome darte in suo omaggio), che lo prese con se facendolo
studiare e poi inviandolo a Napoli dal Porpora. Uno dei pochi che non odio il suo
destino, anzi se lo scelse con assoluta libert e consapevolezza, a differenza di
molti altri, e che amava Napoli, sua maestra. Alquanto notevole ed insolita la

45

storia del Caffarelli rispetto a tutte le altre vicende dei castrati che volevano
fuggire da Napoli.
Che grande somiglianza riesco a cogliere nello scrivere queste righe, tra il passato
ed il presente. Anche oggi si vuole fuggire da Napoli, si voluto sempre fuggire.
Chi rimane ci rimette sempre qualcosa. Mi rendo conto di quanto ancora oggi
laria che si respira in questa citt soffochi, con quel tanfo di miseria e di
disperazione che porta alle cose pi impensate. Napoli ha sempre messo al bando i
propri corpi. Dominique Fernandez nel suo libro racconta di quanto fosse
abitudinale a San Donato la visita di alcune donne, le visitatrici appunto, che
vendevano i loro corpi per mezzora agli uomini del posto. Si mettevano al bando
per inclinazione o per disperazione? Forse questultima. Anche nel film la pelle
di Liliana Cavani del 1981 tratto dal romanzo omonimo di Curzio Malaparte, vi
rappresentata una Napoli del 1944, tra disastri e macerie di una citt appena
liberata, che doveva avviarsi verso una sua ricostruzione. Da dove cominci la
ricostruzione? Mi rimase impressa la scena di una bambina la vergine di Napoli,
messa in vendita dal proprio padre ad un lungo serpentone di soldati. Lei cosi
piccola ed inconsapevole, cosi triste e rassegnata da pensare di essere apprezzata
dal padre per quello che era stata messa a fare. Cosi i castrati, e cosi ancora oggi
molte ragazze e donne adulte nei bassi di Napoli praticano la vita.
Da non dimenticare anche i femminielli, i ricchioni, che nella Napoli
tradizionalista furono delle vere e proprie scuole per i ragazzi che si accingevano
ad affacciarsi per la prima volta ai piaceri sessuali (Cfr., Caramiello, 2009, p. 7 ).
Napoli ha sempre pensato ed agito cosi, dietro il suo falso moralismo, la sua falsa
tradizione della verginit che le ragazze mantenevano perch sottostavano al fatto
che i loro fidanzati andassero con altre donne oppure addirittura con i femminielli.
Tutto questo ci fa capire di quanto questa citt stata fin dalle epoche antiche.,
piena di contraddizioni, Ma Napoli anche la musica, il canto, come ci ricorda
questa deliziosa statua in marmo(Fernandez, 2008, p. 220). La statua della Dea
Partenope, emblema della citt allepoca, la pi antica cantante, la prima, che si
riconosce nei suoi figli pi adorati: i castrati.
Stendhal afferma che Napoli sia assieme a Parigi, lunica capitale. Per la sua
grandezza storica, per la sua nascita, per le sue ricchezze, per la sua cultura

46

architettonica, artistica, musicale, ma soprattutto per i suoi misteri. I misteri di


Napoli come ci suggerisce il titolo del libro di Dominique Fernandez, dal quale
riusciamo a capire molte cose. Citt con i suoi scheletri nellarmadio possiamo
dire, Regina decaduta per i suoi delitti, per le sue infamie, dove la dignit si
perde assieme allintelletto, gioiosa perch ad essa conviene esserlo, cosi da
nascondere i suoi peccati.

2.1.3 La scuola di Porpora


Nicola Antonio Porpora nacque a Napoli nel 1686. Il padre era un libraio, titolare
di una bottega sita in San Biagio dei librai. Date le condizioni benestanti della
famiglia, pot studiare al conservatorio dei Poveri di Ges Cristo. Qui vi rimase
dieci lunghi anni ricevendo anche una forte istruzione letteraria. Finiti gli studi il
successo di Porpora si diffuse in tutta Italia con la sua scuola per castrati,
guadagnandosi ben presto la nomea di educatore delle migliori voci del settecento,
grazie al suo quintetto di allievi: Farinelli, Caffarelli, Salimbeni, Appianini e
Porporino. Infatti fu questo uno dei motivi che spinse le famiglie dei ragazzini a
lasciare la propria citta natale per raggiungere Napoli. Come appunto questi che
ho appena citato, i quali si sottoposero al severo metodo di Porpora, diventando i
pi osannati cantanti napoletani assieme.
La loro entrata nella scuola avveniva subito dopo il tempo necessario affinch la
ferita provocata dalla operazione si rimarginasse. La maggior parte dei ragazzi
sperava di entrare in conservatorio dopo lintervento, ma poich la domanda
superava lofferta, questo passaggio veniva spesso monetizzato, con reciproci
vantaggi: sia per la famiglia che si alleggeriva del mantenimento di un figlio, sia
per il tutor che voleva questa sorte per il ragazzo cosi per poi venderlo ai maestri
di canto con cospicuo guadagno.
La scuola belcantista di Porpora durava in media dai sei agli otto anni, e si
basava su alcuni punti basilari, tra cui il raggiungimento della massima purezza e
limpidezza del suono, la massima estensione e l'attenzione agli abbellimenti e
ornamenti virtuosistici, elemento imprescindibile nell'opera melodrammatica che
a Napoli cominci ad espandersi (Cfr., Florimo, 1882, p. 261). Per raggiungere
tali risultati, il maestro aveva un suo metodo, usato ancora oggi da vari maestri di
47

canto. Spesse volte infatti Porpora faceva studiare per anni lallievo su di un unico
spartito, composto da tutte le difficolt musicali, quali ad esempio: scale, trilli,
mordenti, appoggiature, picchiettati etc. Una sorte che tocco ad uno dei suoi
allievi preferiti, Caffarelli che difatti divenne uno dei pi preparati cantanti evirati
tra la vasta schiera. Napoli o meglio la scuola di Porpora divenne il banco di
prova, la sfida decisiva per chi decidesse di frequentarla. Solo chi riusciva a
sopportare quel pesantissimo studio, con orari assurdi ed estasianti sarebbe potuto
diventare un grande della musica.
Le giornate erano insopportabili: sveglia alle sei e mezzo, subito unora di studio
o di ripasso degli esercizi e delle lezioni fatte il giorno prima. Sette e mezzo:
funzione in cappella, alle otto una prima colazione con pane e latte. Otto e mezzo:
cera il contrappunto. Nove e mezzo: letteratura. Dieci e mezzo: vocalizzi col
maestro davanti ad uno specchio per essere bene attenti agli errori di respirazione
e non commetterli cosi da sviluppare quegli organi a dimensioni eccezionali
cosicch si esalavano fiati che muovevano corde vocali e laringi pi esili, pi
vibratili. L si generava il controllatissimo fascino della messa di voce
(Cappelletto, 1995, p. 9). Undici e mezzo: esercizi strumentali e corali. Mezzo
giorno e mezzo: pausa. Ore tredici: pranzo. Dopo il pranzo si proseguiva fino alla
cena alle nove con un ora per ogni materia, ossia: letteratura, storia, ginnastica
vocale, solfeggio, composizione, fisica acustica, calligrafia, contegno e buone
maniere. A letto alle dieci e mezzo. Tutte queste altre materie che venivano trattate
per lintero pomeriggio sfatavano il mito che i castrati fossero degli ignoranti
analfabeti. In realt anche se partivano con un analfabetismo totale (poich
provenienti dalle fasce meno abbienti e pi disastrate), questi venivano sottoposti
ad una formazione, ossia ad una rieducazione non culturale ma colta. Una rigida
educazione militare si potrebbe dire. Non vi era il tempo per passeggiate,
giochi, o scherzi tra compagni di scuola. Per di pi durante la settimana, una volta
ogni due giorni il capoclasse chiamato maestrino, fungeva da maestro, e alla
lavagna spiegava le pesantissime lezioni. Al metodo scolastico era collegato anche
il tipo di pasto che gli allievi dovevano consumare. Infatti insalata, tonno e sardine
era il normale men degli allievi non evirati, mentre a questi ultimi toccavano il
pollo, le uova e del vino.

48

Come racconta Porporino: Cimarosa mi supplicava di tenergli in serbo un pezzo


di pollo o un goccio di vino (Fernandez, 2008, p. 76). Per fare questo per,
venivano pagati, e i soldi che guadagnavano, contribuivano in buona parte al loro
mantenimento allinterno della scuola Alcune volte capitava che lorganizzazione
didattica cambiava, cosi venivano organizzate delle ore in cui i giovani castrati
dovevano esercitarsi al clavicembalo per comporre musica vocale, sacra o profana
a seconda della loro inclinazione. Questo programma cos esigente faceva s che,
se sufficientemente dotati di talento, i ragazzi fossero in grado di fare il proprio
debutto negli anni centrali dell'adolescenza con una tecnica perfetta e una voce
dalla flessibilit e dalla potenza che nessuna donna o normale cantante maschio
poteva eguagliare. Come capito a molti di loro basta pensare a Farinelli che
debutto per la prima volta nellAngelica e Medoro a soli diciassette anni. Tra i
quindici e i ventanni quindi, dopo aver superato una serie di prove, il castrato ben
riuscito faceva il suo debutto nellopera lirica.
Oltre alle varie lezioni, i ragazzi dovevano servire messa, e partecipare a feste
parrocchiali e processioni. Spesso vestiti da angioletti con tunica bianca e fascia di
lustrini nei capelli, con ali di vere penne alle spalle. Tutto questo per vegliare sui
cadaveri dei bambini morti e per restare intere notti inginocchiati a pregare
dandosi il cambio di mezzora alla volta. Come dei veri angeli, degli angeli
controvoglia.

2.1.4 Il rapporto col fratello Riccardo


Ho gi accennato al fratello Riccardo Broschi precedentemente, limitandomi a
dire che fu il creatore di Farinelli proprio perch suo carnefice. Non ci pervengono
informazioni esaustive sulla sua persona, ne sul suo rapporto col fratello minore.
Possiamo per cercare di capire qualcosa, tenendo conto della loro situazione
familiare nei tempi antecedenti loperazione, e soprattutto tenendo conto della loro
scarsa collaborazione artistica. Un altro indicatore importante che pu aiutarci a
capire il rapporto tra i due fratelli, il modo in cui veniva valutato dallopinione
pubblica di quel tempo il fratello Riccardo come compositore.
Analizziamo il primo punto: la situazione familiare nei tempi precedenti
allevirazione del fratello Carlo.
49

Ho spiegato nel corso di questo lavoro quali furono le ragioni che spinsero le
famiglie ad accettare di sottoporre i propri figli ad un tale intervento invasivo. Tra
le ragioni pi esaustive abbiamo: la situazione difficile nella Napoli tra seicento e
settecento e quindi una precariet, una miseria che affliggeva gli abitanti, e che
conseguentemente portava alla necessit di vendere il proprio figlio ad un maestro
di cappella o a qualche norcino, ottenendone cosi un guadagno e liberandosi del
peso del mantenimento di almeno un figlio che conseguentemente entrava in
conservatorio.
Al contrario della maggioranza dei fanciulli destinati allevirazione per decisione
paterna, o per richiesta di qualche impresario interessato anche lui al loro
successivo sfruttamento, i fratelli Broschi non erano poveri, ma alquanto
benestanti avendo un padre compositore e maestro di cappella. Non ci risulta
nemmeno che fosse stato per volere del padre sottoporre Carlo ad un cosi crudele
destino, anzi la coincidenza vuole che, il piccolo fu sicuramente castrato poco
dopo la morte del padre. Fu sicuramente il fratello maggiore quindi a volere
levirazione del fratellino pi piccolo, anzi si dice che sia stato proprio lui un
giorno a castrarlo somministrandogli delloppio, approfittando di una malattia di
Carlo, che si trovava gi in uno stato di incoscienza e delirio.
Chiss se al suo risveglio, non gli raccont la storiella della caduta da cavallo
come giustificazione dello stato di convalescenza. Infatti una cosa molto curiosa
che al momento successivo allintervento, quando questi bambini chiedevano il
perch dello loro stato, gli veniva detto che loperazione era stata necessaria per
salvare loro la vita dopo una caduta da cavallo che non riuscivano a ricordare in
quanto tale caduta aveva avuto conseguenza anche sulla loro memoria: da
medesimi documenti apparisce che egli non fu sottoposto al taglio nella puerizia
per conservare la mollezza della voce, e cosi venderla a maggior prezzo; ma bens
per conservare la vita in un grave pericolo corso per la sua fanciullezza vivacit,
saltando sopra un cavallo, onde cadde, e fu anche offeso nella fronte
(Cappelletto, 1995, p. 3). A tale storiella fingeva di credere anche la societ
ipocrita di quel periodo, ma chiaro che quando questi bambini diventavano
adulti venivano a scoprire tutto. Tale storiella non lunica, a questa si
aggiungono: il morso di un animale (preferibilmente un cinghiale o un maiale),

50

oppure ad una menomazione che predisponeva naturalmente il soggetto a quella


professione.
In realt quindi fu proprio per lingordigia di Riccardo che Farinelli divenne un
castrato, ma soprattutto anche per la non considerazione (da quello che ci appare)
della madre che fu sempre in disparte, infatti di lei non si ha nessuna
informazione, n storica n personale, mai nominata da ambedue i fratelli,
soprattutto tra le numerose lettere di Farinelli non ci perviene nessuna lettera che
fosse destinata alla madre. Riccardo approfitt subito della posizione in cui si
trovava: sia di essere diventato il capofamiglia, sia della malattia del fratellino,
cosicch la sua voce rimanesse pura per sempre, in modo forse da cantare le sue
opere in un prossimo futuro, che per Riccardo in realt non fu molto prospero.
Infatti i due fratelli non lavorarono molto tempo assieme, durante il grande
periodo del Farinelli il quale era destinato da sempre a brillare pi del fratello alle
cui opere non sembrava cosi interessato.
Riccardo

apprese

fondamenti

della

musica

dal

padre,

compiendo

successivamente i suoi studi nel conservatorio di S. Maria di Loreto a Napoli,


probabilmente nel decennio 1712-1722, con i maestri Gaetano e Giovanni
Veneziano, Perugini e Mancini . Il 3 febbraio 1725 esord come compositore di
musica sacra per la festivit di San Biagio nella chiesa di S. Maria del Popolo
neglIncurabili e la sua scelta musica a pi cori venne accolta con applauso
universale. Tuttavia egli fu considerato, da allora in poi, come il fratello del
celebre sopranista Carlo Broschi (Zapperi, 1972, p. 30) sebbene avesse un suo
personale valore.
Possiamo dare breve accenno della loro collaborazione operistica: tra 1731 e il
1732 furono a Torino con lEzio, e la sua opera pi importante Merope, nel
1734 fu a Londra sempre con il fratello Carlo, dove costui fece il suo debutto nel
palcoscenico inglese con lArtaserse, pasticcio prodotto dal Riccardo in
collaborazione con Johann Adolf Hasse. Di questo lavoro si ricorda laria di
bravura Son qual nave ch'agitata composta dal compositore napoletano. Nel
1737 fu attivo per un breve periodo come compositore di musica alla corte del
duca Carlo Alessandro di Wurttemberg. Tornato a Napoli, mise in scena il suo
ultimo dramma, Demetrio, composto in collaborazione con Leonardo Leo; non

51

riuscendo nella citt partenopea ad ottenere importanti commissioni, nel 1739


decise di raggiungere il fratello Carlo a Madrid, dove nel 1737 questultimo era
diventato cantante di corte al servizio del sovrano Filippo V. Qui abbandon la
propria carriera musicale per intraprendere quella diplomatica come commissario
della guerra e della marina. Tuttavia alcune lettere rinvenute presso l'archivio di
stato di Napoli rivelano che Riccardo Broschi nel 1744 tent di acquisire la carica
di maestro di cappella della corte reale napoletana.
Come possiamo notare quindi non ebbe vita lunga, ebbe tra laltro sempre un
continuo bisogno dellappoggio del fratello Carlo pi amato ed ammirato. La
ragione sta sia nella valutazione mediocre che veniva data a Riccardo come
compositore, sia per la volont inconscia del Farinelli forse di non voler lavorare
con lui. E chiss se forse non fosse per una qualche sorta di rancore da parte del
sopranista nei confronti del fratello, tuttavia non ci perviene nessuna notizia di
risentimento o di odio del cantante. Sappiamo per certo che Riccardo non era
stimato da parte del pubblico, infatti ancora oggi viene ricordato non perch abbia
lasciato un segno nellopera europea, ma semplicemente perch affiancato al
nome di Carlo, e per la sua breve collaborazione con esso, che fu probabilmente
fin troppo misericordioso nel cantare le sue opere. Infatti Farinelli era
preparatissimo nellarte del canto e della composizione, e mi viene da essere quasi
certa che anche lui non stimasse i lavori di Riccardo. Anzi possiamo dire che se
Riccardo viene ancora un tantino ricordato solamente per il delitto che consum
sul fratello.
Non abbiamo nessun evento eclatante che riguarda lunione dei due fratelli, anzi
ancor pi significativo di come ci appare per niente fraterna la loro situazione
rispetto poi invece allamore che tiene legato Farinelli al poeta Metastasio,
chiamato dal sopranista non fratello, ma addirittura gemello. Un rapporto che va
ancora pi oltre di qualsiasi legame di sangue, quel sangue che trad Farinelli.
Di certo Farinelli amava la musica, e non penso che odiasse la sua voce, forse e
per questo che riusc a mantenere una sorta di rapporto col fratello. Ma anche
vero che non spese mai ne parole di rabbia o di odio, ne di sentimenti affettuosi ed
amorevoli nei confronti del fratello maggiore. Anche la figura di Riccardo, a parte
il suo delitto e la sua mediocrit nello stile musicale resta un personaggio

52

relativamente misterioso. Ma il suo mistero non pieno di leggende, di miti, di


storie o di fascino, come lo invece, il mistero che aleggia attorno alla figura del
fratello. Infatti il mistero di Farinelli, un mistero voluto, un mistero volontario
da parte del sopranista, che non volle mai redigere le sue memorie nonostante le
varie richieste che lo pregavano di farlo, mentre invece il mistero di Riccardo
sembra essere voluto dagli altri che non hanno mai voluto approfondire le poche
notizie che si avevano e si hanno di lui. Non si mai voluto capire se la sua
ossessione sia stata la musica a se, oppure la voce del fratello (anche perch non
bisogna dimenticare che se Riccardo non avesse perpetrato lorrore sul fratellino,
questultimo non sarebbe diventato Farinelli). A mio parere opterei pi per
lossessione per la voce del Farinelli, in quanto ad un certo punto della sua vita,
Riccardo abbandon il meraviglioso mondo della musica. Ma labbandono fu
dovuto perch si rese conto anche lui che la sua musica non funzionava, o perch
non vi fu nessuna volont del Farinelli di lavorare con lui? Una domanda a cui
non si pu dare risposta, si pu solo cercare di capire, di immaginare, di
ricostruire, di ipotizzare, ma mai di sapere per davvero le vicissitudini dei due
fratelli e del loro rapporto. Come non si mai capito bene, se labuso di Riccardo
sul fratellino labbia compiuto perch sperava in un futuro brillante assieme, o
perch secondo la moda di quel tempo, gli sembrava un grande peccato che quella
voce cosi sublime venisse invece sostituita dalla voce della maturit. Forse
ambedue le cose, forse una o forse nessuna, ma di sicuro da quel delitto non ne
voleva trarre beneficio economico da parte di un impresario o maestro di cappella.
Non sappiamo quindi per certo cosa abbia persuaso Riccardo ad agire, sappiamo
per certo che fu lui ad agire, da solo senza nessun altro, di sua spontanea volont e
di nessun altro: ne della madre completamente assente, ne della sorella Dorotea
della quale si sa solo che ebbe molti figli, ne soprattutto del padre. Scrive Sacchi
(contemporaneo di Farinelli), citato da Sandro Cappelletto infatti: del padre che
egli perdette in tenerissima et, conserv lunga memoria e ne parlava con piet
somma, benedicendo la severit colla quale era stato da lui educato ed istruito
(Cappelletto, 1995, p. 7). da notare in queste poche righe, nelle quali si
intravede tutto il pensiero del sopranista che la piet somma di cui parlava non
risultava riferita invece al fratello Riccardo.

53

2.2 Farinelli e il suo gemello caro


Io non so esprimermi meglio che dicendovi che vamo quanto merita dessere
amato Farinello (Cappelletto, 1995, p. 80). Sono le parole che con tanto affetto
scrive Metastasio in una delle tante lettere inviate a Farinelli. Quante volte il
cantante, come rimedio alla malinconia profondissima e agli ulceranti bruciori di
stomaco suo eterno persecutore (Vitali, 1992, p. 62), avr riletto queste righe
inviategli dal suo gemello caro Metastasio?
Il loro incontro avvenne in una sera dagosto, durante una festa privata in
occasione del compleanno dellimperatrice Elisabetta Cristina moglie di Carlo VI
dAustria, da quel momento nacque un legame professionale e un affetto che i due
artisti non vorranno mai pi dimenticare. Tant vero che, sessanta anni dopo,
lultima lettera del poeta sar indirizzata allamico a Bologna.
Il connubio professionale tra i due inizi concretamente, proprio con il debutto di
Farinelli nella serenata Angelica e Medoro di Metastasio, quando il cantante
aveva appena 15 anni e il poeta 22. Lintensa continua interazione reciproca tra i
due gemelli, nati insieme alla carriera del teatro musicale e destinati a lasciare
unimpronta duratura nella storia del melodramma, prender forma ed espressione
completa per molti anni dopo nel 1747. Prima di quel periodo, il cantante si
trovava a Madrid presso il Re Filippo V, mentre il poeta a Vienna dove era a
servizio come Poeta Cesareo, alla corte di Carlo VI. Stringeranno quindi una forte
relazione fraterna tra il 1747 e il 1759, una tra le pi straordinarie intese artistiche
che la storia sia riuscita a conservare e a tramandarci.
Tale collaborazione un capitolo decisivo per la comprensione dellopera italiana
del XVIII secolo, ovvero della poesia destinata allintonazione e al teatro
musicale. Nel 1746 infatti muore il Re Filippo V, ed senzaltro per Farinelli
loccasione di riscatto, di rinascere a vita nuova e di liberarsi dal ricatto morale
della Regina madre Elisabetta Farnese, che costretta a ritirarsi in convento per
ordine di Ferdinando VI, successore di Filippo V e figlio della prima moglie di
questultimo, avrebbe voluto portare con se in esilio anche il cantante. Ma
Farinelli opta per la libert diventando direttore dellopera italiana ad Aranjuez,

54

cercando di ridare senso alla sua vita dartista se non pi come voce sublime e
inarrivabile. Cogliendo cos lopportunit di divenire finalmente arbitro assoluto
della vita artistica e musicale di Madrid e della sua corte, riprendendo i contatti
con il Metastasio (non dimentichiamo infatti che Farinelli era gi stato a Vienna,
in collaborazione con Metastasio nella Morte di Abel nel 1732), ponendosi come
interprete diretto e assiduo dei drammi del Poeta Cesareo, contribuendo
indirettamente anche alla vita musicale a Vienna, dove Metastasio in quegli anni si
trovava.
La collaborazione Farinelli-Metastasio a Vienna, perseguita dai gemelli anche a
distanza, costituisce non solo il riannodo dei fili della memoria artistica ed
esistenziale, ma anche la nascita di una nuova stagione per la produzione teatralemusicale di entrambi. La collaborazione con Farinelli si rivela quindi decisiva
soprattutto per il poeta Pietro Metastasio, al quale la morte di Carlo VI nel 1740,
la guerra di Successione austriaca, la momentanea occupazione di Vienna da parte
dei prussiani, la diffusione di epidemie di peste, colera e vaiolo nella citt, hanno
limitato e bruscamente interrotto la regolare scritturazione dei drammi per musica,
feste teatrali, e oratori.
Lobiettivo di entrambi infatti era quello di ridare allopera italiana una versione
integrale, ma la difficolt per entrambi non fu tanto la distanza geografica, ma la
distanza del troppo tempo intercorso dal 1732 (loro ultimo incontro) al 1747, una
ripresa di contatti solo epistolare. Non dimentichiamo infatti che negli anni
precedenti, Farinelli cant solo per curare lipocondria del re spagnolo
rinunciando ed abbandonando le scene, mentre Metastasio a Vienna era molto in
voga. Tuttavia fu un occasione per entrambi tale collaborazione.
Nella posizione di Farinelli, avere la disponibilit del poeta che gli scritturava
nuovi libretti anche revisionati per le esigenze teatrali che il sopranista richiedeva,
fu la sua grande occasione di rilanciarsi, avere di nuovo successo, ed organizzare
grandi stagioni teatrali a Madrid, facendone un vero centro darte e spettacolo ed
accrescendo il ruolo della corte spagnola. Metastasio e Broschi, si accingono cosi
a creare una vera e propria alleanza artistica e spettacolare, attingendo anche agli
aiuti provenienti dallesterno, come ad esempio alle amicizie di unintera vita,
sparse in tutta Europa (ma in particolare a Napoli), anche a delle astuzie, dai

55

servizi e favori a membri delle rispettive casate reali di Vienna e Madrid, ai loro
protettori, al sostegno di cantanti e artisti reciprocamente preferiti. Prende vita
cosi un gioco complesso, un triangolo artistico formato dalle corti di Vienna,
Madrid e Napoli allo scopo sempre di rilanciare lopera italiana e a fare spazio
alla riforma ventura di Pietro Metastasio.
La prima collaborazione tra i due si ha con il Demofoonte a Madrid, intonato da
Baldassare Galuppi, sul quale Metastasio aveva dei dubbi. Tant vero che lopera
fu portata anche a Napoli lanno successivo con le musiche dellamato Hasse e
Gaetano Latilla. Sempre nello stesso anno abbiamo Asilo dAmore, testo di
Metastasio e musiche di Corselli. Uno dei pi importanti successivamente fu
lAttilio Regolo messo in scena per la prima volta alla corte borbonica di Napoli
e poi a Madrid. Nel 1749 posso citare altre tre opere, ossia: Armida placata, La
danza, Il nido degli amori. Vi e poi il Demetrio portato in scena a Madrid nel
1751 con il supporto compositivo dello Jomelli.
Metastasio ebbe un grande successo alla corte spagnola, e soprattutto
lammirazione della regina Barbara di Braganza, stimata allo stesso tempo dal
poeta per la sua forte capacit critica. Ancora in onore dellonomastico di Filippo
VI, va in scena Festa cinese nel 1752. Per il compleanno invece, rivista da
Metastasio, Didone abbandonata, con la musica di Baldassarre Galuppi, veniva
messa in scena al teatro del Buen Retiro, il 23 Settembre 1752. Seguono ancora
Semiramide riconosciuta, lIsola disabilitata e Siroe tra il 1753 e il 1754, e
il Nitteti, lEroe cinese e il Temistocle tra il 1755 e il 1757.
Il 1757 , infatti, lanno dellinizio della guerra dei sette anni in Europa, del
riavvicinamento degli Asburgo ai Borbone di Francia e in Europa in funzione antiprussiana. Attraverso Madrid, con laiuto e la regia artistico-musicale di Carlo
Broschi, Metastasio fa dei suoi drammi, una rappresentazione delle vicissitudini
politiche e diplomatiche del proprio tempo. Anche per Farinelli questo modo di
fare, conferir senso e significato politico generale alla propria vita.
Entrambi sono, in quel finire degli anni Cinquanta, non solo indipendenti ed
autonomi arbitri del proprio destino, ma in grado di dettare le condizioni di un
gioco in cui lespressione artistica, la cura di essa cara al Poeta Cesareo e al suo
caro Carlucciello divenga forma e sostanza di un progetto politico collettivo e

56

generale. La collaborazione tra i due si avvia verso la fine sempre in questo stesso
anno (1757) con Il Re Pastore e Adriano in Siria.
Con lavvento poi del nuovo sovrano spagnolo Carlo III si determina
definitivamente lallontanamento di Farinelli dalla corte di Madrid. Un
allontanamento condizionato dallaccettazione imposta al figlio di Elisabetta
Farnese di non unire mai sotto un unico potere le corone di Napoli e della penisola
iberica. Cosi lesperienza madrilena in stretta collaborazione fraterna con il
Metastasio si conclude. Fu proprio quindi la separazione delle prospettive
politiche di Spagna e di Napoli, a determinare la fine della prospera
collaborazione tra il cantante ed il poeta.
Forse Il periodo pi bello nella vita di Farinelli, il periodo in cui pot respirare un
aria pi familiare, pi fraterna. Lo dimostrano le 166 lettere di Metastasio inviate
al sopranista, le cui lettere sono quasi tutte perdute: io soglio condannare al fuoco
tutte quelle lettere alle quali ho risposto, quando non richiudono affari pendenti
(Cappelletto, 1995, p. 80).
Oltre Metastasio, non ci fu nessunaltra persona, che fosse un maestro, un
compositore, un mecenate, un cantante, un musicista, che strinse un cosi stretto
rapporto con il sopranista. Mi ha molto affascinata questo rapporto cosi simbiotico
nonostante la distanza che li separava. Ho riflettuto molto sul perch Farinelli
chiamasse Metastasio il suo gemello caro e non lo chiamasse invece fratello.
Credo che non sia solo per lesigenza di rendere meglio lidea di una cosi grande
somiglianza nellarte, nel gusto o nello stile con il poeta. Credo che usasse questo
modo di chiamarlo per distinguerlo proprio forse dal vero suo fratello: Riccardo.
O meglio credo che usasse il termine gemello perch diverso da fratello, un
termine che forse gli ricordava la sua triste infanzia, un termine di cui non ne
conosceva il significato emozionale, ed emotivo. Metastasio da parte sua lo
ricambiava: quello che far per voi non lo far per nessuno de viventi
(Cappelletto, 1995, p. 107).
Dotato di uno straordinario talento per la composizione e di un senso per la
poetica, non trov nessuna difficolt nello scrivere le sue opere. I suoi libretti non
sempre erano capolavori letterari, ma appena messi in musica diventavano vere e
proprie opere eccellenti, tant' che i migliori cantanti facevano a gara per poterli

57

interpretare. Ma il poeta sottost solo al suo arci amabilissimo gemello, solo lui
poteva ben rendere le sue opere. Ci lo dimostra lesperienza artistica che ebbe
Metastasio col sopranista Caffarelli, i cui capricci non avevano nulla a che fare
con lumilt e la seriet di Farinelli, al quale forse influenzato dalla profonda
amicizia, Metastasio confermava il suo primato (Cappelletto, 1993, pp. 204-205).
Per Metastasio infatti era il canto di Farinelli a svelare la vera indole delle parole.
Le arie di Metastasio infatti non nacquero per essere dette in un teatro di prosa, o
in un intermezzo comico, ma per lopera in musica, alle quali dovevano rivelarsi
funzionali, senza mai dimenticare lindispensabile veicolo e vincolo rappresentato
dallinterprete, dai suoi limiti, qualit e pretese. Tutto questo non poteva esser
applicato meglio del Farinelli per le opere del poeta.
Nel cercare di ricostruire il periodo brillante della collaborazione tra i due artisti,
ho voluto citare le opere pi conosciute portate in scena sia a Madrid sia a Napoli,
tutte le altre non sono state citate da me semplicemente per limpossibilit di farlo
visto lenorme numero di esse.
Mi sembrato giusto e doveroso ritagliare un piccolo spazio esclusivo per questo
periodo particolare di Farinelli, in quanto la messa in pratica dellidea
riformatrice di Metastasio che mirava a ridare dignit al testo, attribuendo ai versi
unautonomia poetica ed espressiva funzionale alla partitura musicale e non
secondaria a questa, e la sua volont arcadica di creare opere di maggior respiro,
che trattassero argomenti seri e fossero dotate di un intreccio complesso.
Metastasio fu di un temperamento idillico. Pertanto, il mondo tranquillo e
decoroso e galante dellArcadia e le facili e superficiali commozioni sentimentali
della vita mondana del Settecento trovarono in lui l'espressione pi felice e
genuina (Cfr., Reinhard, 1991, p. 197). Fu perci il poeta pi rappresentativo e
pi fortunato del Settecento italiano. Le sue canzonette A Nice e La partenza,
sono tra le cose migliori della lirica arcadica. Ma la gloria piuttosto che dalla lirica
gli venne dal melodramma, che egli port a vera opera d'arte, indipendentemente
dalla musica; alcuni suoi melodrammi, infatti, furono spesso recitati come
tragedie. Metastasio aspir alla semplicit e alla potenza drammatica della
tragedia greca, di cui considerava il melodramma come legittimo erede, ma si
accost di pi, per la qualit del suo temperamento, alla tragedia francese, nella

58

fusione delleroico col galante e nella grazia e nel decoro del dialogo. E sebbene
altamente drammatiche nella sua opera siano le situazioni, costruite con grande
abilit, tuttavia il dramma non scaturisce dallanima dei personaggi, nei quali i
sentimenti si ammorbidiscono nel patetico, quando non assumono toni oratori e si
risolvono in musica; questo suo modo di fare musica raggiunse lapice nel periodo
di collaborazione col sopranista, visto che tali volont del poeta erano gi state
messe in pratica un tempo prima, ma non con la stessa intensit che non
dimenticher mai. Ci dimostrato dalla volont del poeta di scrivere le sue
ultime righe prima di morire nellaprile 1782 allamico a Bologna, che, chiss se
sia solo un caso, lo raggiunse lo stesso anno cinque mesi dopo.

2.3 Una leggenda per i musici successivi


Farinelli fu una figura molto importante nella vita degli artisti di quel periodo.
Soprattutto per i compositori. Fu soprattutto un rivale per i musici suoi
contemporanei, e un esempio per quelli che lo hanno succeduto.
Tra i musici suoi contemporanei spiccano ad esempio le personalit del Bernacchi,
di Senesino, Caffarelli (Gaetano Majorano), il Manfredini, Guadagni e
Pacchierotti. Nonostante la sorte comune, le loro voci e soprattutto i loro caratteri,
erano totalmente diversi. Nel caso di Caffarelli ad esempio si sa che fu molto
capriccioso nei confronti dei suoi compositori, famoso per i suoi scatti di ira
dentro e fuori del palcoscenico, e per le sue storie amorose con molte nobildonne
del tempo. Lo scrive anche il Metastasio in una delle sue lettere destinate al
Farinelli, lamentandosi delle sue assurdit e della sua fragilitas.
A quel tempo Metastasio scriveva al Farinelli: trovano la sua voce molta ma
falsa, stridula e disubbidiente, a segno che non sforzandola non attacca, e
sforzandola riesce per lo pi aspraha cattivo gusto ed anticone recitativi pare
una monaca vecchia, in tutto quello chegli canta regna sempre un tono
lagrimevole di lamentazioni da far venire laccidia allallegria (Cappelletto,
1995, p. 109). E chiaro che non tutti la pensavano allo stesso modo del poeta, ma
anche vero che mai nessuno si azzard mai a criticare Farinelli se non sul suo

59

aspetto buffo. La voce di Farinelli era inimitabile, amatissima e richiestissima da


numerosi compositori e direttori artistici. Per non parlare poi del Bernacchi,
celebre cantante castrato contralto, nato a Bologna verso il 1700, godette di
grande reputazione come interprete e professore di canto. Ebbe la fortuna di
incontrarsi con Farinelli, al quale diede lezioni di canto, in quanto per la grande
umilt di questultimo, il Bernacchi risult pi bravo e pi capace nel canto.
Espertissimo nei gorgheggi, fu lunico che accaparr Farinelli. C da dire per
che allepoca del loro incontro il Bernacchi aveva gi in buona parte fatto
esperienza teatrale, mentre Farinelli ancora acerbo sarebbe stato destinato dopo
qualche anno alla sua bravura incommensurabile.
Altro castrato famoso fu Senesino, che durante la sua carriera lavor molto con
Haendel, con il quale aveva un rapporto abbastanza burrascoso. Cant diciassette
arie di Haendel, ma ben presto ritorno in Italia dove era visto alquanto antiquato
nel modo di cantare. Dalla personalit molto bizzarra anche lui, al momento del
suo ritiro volle prendere con se un servitore nero, una scimmietta, ed un
pappagallo, e i suoi ultimi anni della sua vita furono tormentati dalle numerose
dispute con i parenti, in particolar modo con un nipote.
Infine il Manfredini che, come il Farinelli, ebbe lonore di incontrare Mozart (ma
a differenza di Farinelli, si rec il cantante dal giovane compositore austriaco), ed
il Pacchierotti, valutato positivamente dallopinione pubblica settecentesca, e
celebre per la sua rivalit con il Caffarelli.
Le storie di questi castrati che ho voluto citare sono molto differenti da quella del
Carlo Broschi, anche per quanto riguarda la situazione familiare, e il perch della
scelta dellevirazione. Ora non voglio dilungarmi sul dire che lavoro facessero i
loro padri, ma mi basta dire che la maggior parte di loro cantava in chiesa e che
provenivano da famiglie povere, quindi per la maggior parte di essi (come vuole
la tradizione), la decisione di sottoporsi allintervento non fu voluto da loro
bens da terzi. Solo nel caso del Caffarelli, tale decisione fu voluta espressamente
da lui, in quanto appassionato di musica. Ma chiss se possiamo denominarlo
pazzo o fanatico per questa sua volont. Nonostante infatti lattivit di
agricoltore del padre e quindi la miseria della sua casa, non gli fu mai chiesta una

60

cosa del genere, o meglio non gli fu mai imposta da nessuna. Anzi fu il Caffarelli
a dover convincere il padre.
Storie diverse quindi, ma a tutte rimane comune un velo di mistero. Non si sa se
questi erano felici o infelici, se amavano il proprio canto oppure no, se avrebbero
mai voluto ritornare indietro e ribellarsi, oppure nel caso di Caffarelli se si fosse
mai pentito. Di certo i loro capricci non erano solo il sintomo del divismo che
sentivano sulla propria persona, ma anche una valvola di sfogo, per poter in
qualche modo sopperire alla loro sofferenza, ed infliggerne un po anche agli altri,
ossia ai compositori, continuamente costretti a dover cambiare gli spartiti ed
assecondare le loro necessit ed esigenze se non ordini e ricatti.
Su Farinelli sappiamo di per certo che capricci non ne faceva, anzi al contrario
dava ascolto ai suoi maestri e ai compositori che lo scritturavano. Ed anche la sua
decisione di lasciare le scene nel pieno del suo successo per recarsi dal
ipocondriaco Filippo V in Spagna, fa capire che non gli importava di porsi sul
piedistallo come un divo. Le sue frustrazioni rimanevano dentro di lui
probabilmente, e chiss se queste non avrebbero mai voluto uscire fuori e
scoppiare. Se lui non avesse voluto urlarle e sbatterle in faccia al mondo, come
appunto urlava il suo stomaco suo persecutore da sempre, nel quale forse le
reprimeva con la conseguenza che tutto quel male gli si riversava sullintero
corpo.
Tra gli evirati che non poterono esser rivali di Farinelli, ma solamente porlo come
esempio da seguire (a mio parere non solo per il canto ma anche per personalit),
abbiamo Giovan Battista Velluti, Alessandro Moreschi. Questi due, nacquero
quando il Farinelli aveva lasciato definitivamente le scene. Non ci risultano molto
chiare le loro vicissitudini familiari e personali, ma sta il fatto, che nonostante
siano trascorsi parecchi anni dai primi grandi castrati, latteggiamento divistico e
capriccioso di questi rimane ancora molto alla moda.
Per quanto riguarda il Velluti, rimangono poco chiare le circostanze della sua
evirazione, forse conseguenza di un errore medico, anche perch pare che i
genitori lo avessero destinato, in un primo tempo, alla carriera militare. Divenne
noto, oltre che per le sue eccezionali doti artistiche, per i suoi atteggiamenti
difficili e divistici, anche di fronte a personaggi di rango venuti per ascoltarlo,

61

come l'imperatore Napoleone, o a compositori come Gioachino Rossini.


Nonostante la sua condizione, Velluti ebbe numerose avventure erotiche, e la sua
relazione con una giovane nobildonna milanese, nel 1809, suscit un certo
scandalo. Di lui si racconta che decise di ritirarsi definitivamente dalle scene,
perch durante le sue esibizioni capitavano episodi frequenti di insulti e offese
sulla sua persona.
Infine Alessandro Moreschi diventato poi in seguito Domenico Mustaf. Fu
lultimo grande castrato della storia, che ebbe i suoi natali artistici quando lera
dei castrati era ormai in declino. Di lui infatti si conservano delle registrazioni,
unica testimonianza di quelle voci. Domenico Mustaf L'angelo di Roma,
alludendo con questo appellativo sia alla sua voce soave che al suo verosimile
status di purezza sessuale. Tra laltro adott un figlio che divenne poi
successivamente tenore e attore cinematografico. Alcuni critici moderni non
hanno molto apprezzato lo stile del cantante. E chiaro che tali opinioni sono state
date dopo aver ascoltato le registrazioni, ma si deve anche pur dire che al tempo
delle incisioni il cantante fosse ormai in una fase di declino causata dallet non
pi giovane.
Una cosa molto importante da tenere in conto e che le differenze tra i vari castrati
della storia, non erano differenze solo riferite ai loro comportamenti o al loro stile,
ma sappiamo che i castrati si distinguevano in sopranisti e contralti, e ci
dipendeva dallet in cui fu praticata loro la castrazione. Prima avveniva infatti e
prima aumentava la possibilit di ottenere un buon sopranista. Se si aspettava un
po di pi, maggiori erano le probabilit che la voce si avvicinasse pi alla sfera
contraltista. Poi si deve anche dire che una volta determinata la voce, essa non
rimaneva costante (come appunto dimostr Farinelli alcuni anni dopo lincontro
col Bernacchi): ci fu infatti chi inizi con tonalit gravi contraltistiche, per
giungere man mano ai livelli sopranili e viceversa; chi non poteva pi affrontare le
difficolt teatrali, e si dedicava dunque allinsegnamento oppure alle pi semplici
partiture di sfera ecclesiastiche. Furono molti i casi di evirati che non fecero
carriera, relegandosi allinsegnamento ed anche alla prostituzione in alcuni casi.
La voce dei castrati tra laltro era molto diverse da quella della donna, ed ovvio
come ancora oggi quando si cerca di mettere in scena opere scritte appositamente

62

per i castrati, le donne non arrivino a quei livelli cosi assurdi, sia per acutezza
della voce, sia per sublimit, non si mai pi parlato oggi in epoca moderna dei
deliri di massa, o degli orgasmi artistici.
Voglio accennare il fatto che oggi esistono sopranisti, come pure esistevano anche
allora ma si preferirono i sopranisti castrati e non quelli naturali. Proprio perch
anche la voce dei sopranisti naturali anchessa molto diversa da quella che fu la
voce degli evirati settecenteschi.
Ancora oggi se si decidesse di utilizzare un sopranista naturale per cantare un
Orfeo non si raggiungerebbe lo stesso risultato. Sono voci che appartengono al
passato oramai e che non ritorneranno mai pi per nostra fortuna, nonostante
sicuramente ancora oggi sia presente da qualche parte un qualche folle che
vorrebbe che tali voci resuscitassero. E c da dire che oggi sono presenti molti
musicologi, o esperti di canto e di musica, che stentano a credere che tali timbri
siano state figlie della naturalezza, provenienti esclusivamente dalla bravura del
ragazzetto che aveva avuto il dono di possederla. Ed io non posso non dare loro
ragione. In realt tale dono non lo si pu chiamare tale. Il dono e un qualcosa che
ci stato regalato dalla natura, dalla fortuna, da qualcuno che ce lo ha trasmesso o
anche da Dio se vogliamo. Tali timbri invece non sono stati altro che una forzatura
da parte delluomo, la cui tendenza sempre stata quella di imitare il creatore, o di
superarlo addirittura, senza piet e senza limiti. Ma non ci riuscir mai, in quanto
soltanto la natura o Dio (se esso esiste), possono riuscirci senza infliggere
sofferenza.
La mia intenzione infatti sino ad ora stata quella di raccontare la vita di Farinelli
e descrivere la sua voce meravigliosa, perch obiettivamente essa lo era ma
sempre ribadendo che quella era una bellezza che conviveva con lorrido, figlia di
un delitto che alienava il castrato non pi uomo ma macchina per cantare.

2.4 Il famosissimo incontro con Mozart


Ritiratosi a Bologna dopo lesperienza madrilena vissuta assieme allamico
Metastasio, Farinelli trascorse gli ultimi anni della sua vita, nella sontuosa villa
che si era fatto costruire, circondato dai suoi meravigliosi quadri, e da oggetti di
valore tra cui le numerose tabacchiere finemente decorate, regalategli dalle tante
63

personalit importanti che incontro nel corso della sua vita e che lo ascoltarono
cantare. Il periodo bolognese parte dal 1761 fino allanno della sua morte nel
1782. Durante questo periodo il cantante ricevette numerose visite, tra cui quella
del compositore austriaco Wolfgang Amadeus Mozart, allora ragazzetto prodigio.
Un incontro molto significativo, in quanto dal colloquio che ebbero quel giorno, si
riescono a capire molte cose sullammirazione del piccolo compositore che
ascoltava con attenzione i consigli del grande maestro, ma soprattutto traspare
quanto Farinelli abbia lasciato un segno nel cuore delle importanti personalit che
sarebbero successivamente appartenute al suo stesso mondo, quello della musica,
e che avrebbero anche esse lasciato un contributo fondamentale.
Lincontro inizia con la figura di Farinelli seduto sulla poltrona con di fronte le
numerose tabacchiere le cui pietre brillavano ad intermittenza, ed un solo
candelabro acceso. Mozart rimase colpito da questa primo approccio, soprattutto
quando il cantante si alz per accoglierli, ormai stanco, incurvato ed un po
pallido, ma sempre molto grande e bello. Farinelli nella prima parte di
quellincontro accompagna il piccolo Mozart nelle varie stanze del palazzo,
volendogli mostrare tutti i doni che gli vennero fatti durante i suoi innumerevoli
tour. Farinelli aveva gi sentito parlare del ragazzetto prodigio, cosi inizi con lui
subito una lunga conversazione sulla musica e sullopera che il compositore aveva
intenzione di intraprendere. Mozart spieg subito al celebre sopranista quali
fossero le sue intenzioni, e soprattutto come sarebbe iniziata la sua opera: ho il
soggetto, i personaggi, la scena. Siamo in Creta. Il re di quel paese ritornando
dalla guerra di Troia, naufragato davanti allisola. Suo figlio Idamante, convinto
che suo padre sia morto sfoga il proprio dolore. Farinelli: mi sembra di capire
che Idamante sar il nome delleroe, il dessus quindi. La vostra opera ragazzo sar
un fiasco completo! Fate alzare il sipario sul primo attore, lo fate cantare mentre la
gente arriva, si siede, fa baccano. Nessuno di noi sar il vostro uomo.
(Fernandez, 2008, p. 137). Ho voluto riportare qui, un pezzo del dialogo avvenuto
tra i due artisti, a mio parere la parte pi significativa, in cui si pu cogliere la
durezza di Farinelli nellessere molto franco nei confronti del ragazzino dilettante.
In quel momento infatti Farinelli si rese subito conto di quanto il piccolo
compositore (nonostante bravo), avesse ancora molto da imparare e da

64

sperimentare, non solo a livello di studio, ma di esperienza, e soprattutto di come


fosse ancora completamente inconsapevole ed ignaro di quel mondo con il quale
aveva deciso di lavorare: il mondo dei castrati. Mozart a quel tempo, non sapeva
ancora del divismo di cui i sopranisti soffrivano, dei loro capricci e della
subordinazione a cui erano costretti i compositori per poterli accontentare e non
rischiare di non mettere in scena le loro opere. Tra laltro Mozart non pot avere
la fortuna di cantare con un Farinelli al quale i capricci erano estranei. Cosi subito
il cantante gli consiglio di cambiare la scena iniziale, e di ritardarla di qualche
tempo, il tempo necessario affinch tutto il teatro sarebbe stato in silenzio,
cosicch nessun castrato avrebbe rifiutato quel ruolo.
Il sopranista continuo a dare consigli al futuro celebre compositore, consigli
riguardanti la scelta dei personaggi, il numero dei protagonisti, fino al punto di
aprire un discorso sullopera italiana, la cui decadenza fu causata in primis dai
capricci e dalle vanit degli evirati che si ostinavano a cambiare le scene, e dal
pubblico che non avrebbe mai apprezzato unopera che non fosse gi stata portata
in scena trenta-quaranta volte.
Farinelli capi subito che Mozart aveva buoni sentimenti nei confronti della
musica, dei sentimenti che per Farinelli rendevano pi infelici che felici e che
sarebbe stato meglio non averli. Le aspirazioni musicali di Mozart per Farinelli,
erano sante quanto disgraziate. Egli ne aveva lesperienza, aveva passato anni a
contatto con il pubblico, con gli scenografi e con gli altri cantanti. La sua
schiettezza nei confronti del compositore non era cattiveria o un modo per deviare
i desideri del futuro artista, ma un comportamento di stima quasi paterna che
metteva in guardia il pianista, che di parte sua capi immediatamente queste sincere
intenzioni, ascoltandolo a lungo ed in silenzio, facendo tesoro di tutti i consigli.
Mozart ebbe la certezza di ci quando, dimostrando tutta la sua ammirazione per
il cantante, quest ultimo rispose che era sprecata e mal riposta.
Farinelli non era come tutti gli altri suoi contemporanei ed emuli, a lui era stata
rubata larte, spesa per interi anni (quasi un quarto di secoli), cantando le stesse
quattro arie tutte le sere per curare la malattia psico-fisica di due Re. Forse fu una
scelta voluta, consapevole, per lui era la stessa cosa cantare facendo da terapia, e
cantare per un pubblico mediocre, se non meglio. Quel pubblico che li derideva,

65

quel pubblico sovrano di ogni cosa: dei loro scarpini, dei loro trucchi, delle loro
parrucche, dei loro comportamenti capricciosi e divertenti. Ecco perch abbiamo
avuto la meglio sui giovani musicisti che, entusiasti e animati da una fede come la
vostra, hanno tentato di scrivere per noi una musica che scaturisse dal cuore
(Fernandez, 2008, p. 140).
Mozart tent invano di trascinare il cantante a parlare di qualche episodio della
sua vita. Dimostrandogli che forse aveva denigrato troppo la categoria dei castrati,
ma il compositore era troppo piccolo per capire, troppo puro. Lincontro si
conclude con le lacrime di Mozart che seppe trattenersi, dal dolore che prov
guardando quella celebre figura alla quale restavano solo le sue tabacchiere,
simbolo di gloria e derisione di una vita sacrificata alla musa pi bella, afflitto dai
ricordi e da un pensiero pessimista. Ormai vecchio e senza nessun interesse nel
parlare in modo cosi severo e cosi veritiero.

Capitolo 3
LA VOCE REGINA: I MODERNI

3.1 Il film di Gerard Corbiau


Farinelli voce Regina il titolo di un film del 1995 del regista belga Grard
Corbiau, di produzione italo-francese, sulla vita del celebre cantante castrato del
XVIII secolo Carlo Broschi, in arte Farinelli. Il film stato premiato come miglior
film straniero ai Golden Globe e ha ricevuto una nomination allOscar.
Lattore Stefano Dionisi, che interpreta il protagonista, recita le battute di dialogo,
mentre nelle parti cantate, per riprodurre la particolarissima voce di un castrato,
sono state registrate separatamente le voci di un soprano donna, Ewa MaasGodlewska, e di un controtenore uomo, Derek Lee Ragin, e poi mixate insieme
con mezzi digitali.
Pur presentandosi come una biografia del celebre castrato, allinterno del film
sono presenti parecchie inesattezze. Il film si apre con la presenza del cantante in
Spagna, per poi proseguire con un lunghissimo flashback che si protrarr fino a
quasi la fine del film. A Napoli, nei primi anni del 700, con il padre vivono

66

Riccardo e Carlo Broschi: il primo ha dieci anni pi del fratello e scrive canzoni
sacre e pezzi doccasione, ma non certo con il talento di molti musicisti operanti
in quella coltissima citt, mentre il fratellino, che fa parte di una cantoria in
Chiesa, possiede per natura una voce dangelo. Un giorno non riesce a farsi uscire
dalla gola un solo suono davanti al grande Nicola Antonio Porpora (che ha
accettato di sentirlo, perch colpito dal suicidio di un amico cantore, terrorizzato
dalla castrazione, di cui si abusava quando le donne non potevano in Chiesa
ricoprire ruoli vocali femminili). Riccardo Broschi, per ambizioso com (ha
cominciato a comporre "l'Orfeo"), profittando di una malattia di Carlo, ridotto in
stato di incoscienza, gli somministra delloppio, lo immerge in una tinozza di latte
e lo castra. La sua voce gli preme troppo: essa deve restare per sempre purissima e
con Carlo, ribattezzato Farinelli, i due condividono onori e gloria per anni e anni.
Cominciano cos i concerti gremiti ed i fastosi spettacoli teatrali a Napoli, a
Vienna, a Londra e, con la protezione del Re, in Spagna.
A Londra pontifica Georg Friedrich Haendel, che detesta Farinelli, diventato
ormai il pi splendente degli astri. Le donne cadono in delirio per il cantante
napoletano, ma il castrato trionfante sulla scena, ai vertici della celebrit non
felice: egli sa di non essere un uomo completo e la malinconia lo incupisce. Una
bella vedova inglese, Margareth Hunter, non accetta la richiesta di sposarlo e
Carlo ripiega sulla nipote Alexandra Keene, innamorata di lui.
Intanto ferve a Londra la lotta tra il pubblico del Covent Garden, regno di
Haendel, e quello del Teatro della Nobilt, dove Porpora ha moltissimi
ammiratori.
Tre anni dopo Riccardo ha ultimato il suo faticosissimo Orfeo; lo offre al
fratello, che lo rifiuta. Ormai a Madrid egli canta solo per Re Filippo V che,
malato, crede di trovare in Farinelli la sola medicina efficace a calmarlo. Riccardo
si taglia le vene durante uneclissi solare ed ecco che il cantante gli
fraternamente vicino: i due non possono separarsi. Poi come accaduto in passato
con tante altre donne, Carlo, innamoratosi di Alexandra lascia al fratello di
completare e rendere fertile la propria vana passione. Un bambino deve nascere,
mentre Riccardo fugge a cavallo da Madrid dopo aver distrutto lo spartito de
lOrfeo.

67

Gi da questo breve riassunto si capisce di quanto sia poco coerente il film con la
vera storia del grande cantante, e di quanto sia impossibile rimanerne passivi e
non criticare. Ma ho riservato a dopo lo spazio per la critica, piuttosto ora voglio
cercare di capire quali fossero le vere intenzioni del regista belga e coglierne i lati
positivi.
Guardando il film mi sono accorta che le inesattezze riguardano la vita di Farinelli
e non altro. Nel senso che, conoscendo la storia del cantante e paragonandola con
quella del film, possiamo appieno affermare che non si tratta di esso. Ma se
guardiamo oltre la vera vita del cantante, possiamo dire che quelle inesattezze
cinematografiche non siano poi cosi inesatte, se dallaltra parte consideriamo
anche tutte le fantasie del pubblico settecentesco che circondavano i castrati e che
il regista belga ha rappresentato nel suo film. Ha commesso per lerrore di
andare troppo oltre, fino alla trasgressione di spacciarle per vere.
Credo fermamente infatti, che il regista abbia voluto non raccontare la vita di
Farinelli, bens raccontare appunto le fantasie sui castrati, e abbia voluto prendere
come figura protagonista il Farinelli semplicemente perch stato il pi
straordinario, ma la sua straordinariet non affatto rappresentata, ma solo
nominata.
Forse il regista a mio parere ha cercato di fondere ambedue le cose: ricordare la
figura di Farinelli (nominandolo soltanto, dato che c ben poco di lui nel film), e
ricordare anche tutti gli altri castrati, non nominandoli come Corbiau ha fatto con
Farinelli, ma rappresentando e mettendo in scena tutte quelle perversioni, fantasie
e anche il successo che circondava i musici in quel periodo.
Continuando ad analizzare il film ho notato comunque una certa bravura del
regista belga nellessere molto attento nella costruzione delle scenografie, dei
costumi, dei trucchi. Non solo attento ma anche preparato e competente nel
riprodurre quel periodo. Per quanto riguarda quindi lestetica del film, non ho
notato nessuna stonatura, il tutto e stato ben curato nei minimi dettagli. Una
particolare attenzione e stima anche nei confronti delle parti scritte, o meglio al
modo in cui sono state scritte. Mi hanno molto colpito infatti quei dialoghi in
particolar modo quelli tra Haendel e Farinelli, nei quali si notava quella punta di
volgarit corretta (se cosi la si pu definire per rendere meglio il concetto), o

68

meglio una volgarit non volgare. Riporto qui due battute di Haendel nel film
interpretato da Jeroen Krabbe: Senza musica, voi non esistete pi. Non siete che
un animale senza coglioni, n uomo n donna. La vostra voce la sola
giustificazione della vostra esistenza. Quello che avete qui (indica la sua gola)
un organo del quale la natura vi permette di godere... per farvi dimenticare il
ridicolo dell'altro. La voce di un castrato la manifestazione di una natura derisa,
distolta dal suo scopo per truffa!. Non soffermandomi troppo sulla scelta del
termine coglioni in quanto a mio parere per come era il contesto della scena non
si poteva usare altra parola pi adatta, non ho trovato niente di volgare nei vari
dialoghi e monologhi degli attori.
Ci che ho trovato completamente inadatto e volgare stata la scelta di dare tale
battuta ad Haendel, il quale ho gi raccontato di quanto stimasse i castrati per i
quali scrisse molte delle sue opere, piuttosto che darla ad un qualsiasi nobile o
personaggio del popolo.
Il concetto al quale voglio arrivare quindi la mia ipotesi iniziale sulle intenzioni
del regista: cio che abbia voluto rappresentare le fantasie e anche le offese e i
pensieri del pubblico di quel periodo nei confronti dei castrati, immaginari
collettivi che furono costruiti a loro tempo anche sul rapporto tra Farinelli ed
Haendel, pensati come due rivali, ma in realt come ho gi spiegato i due illustri
appartenevano solo a due teatri diversi, e per questo si preclusero la possibilit di
lavorare insieme, ma ci non fu per inimicizia. Ci infatti poi confermato in
unaltra battuta di Farinelli rivolgendosi ad un nobile che rideva dellinsuccesso
del teatro di Haendel: Voi siete un asino, signore! Non meritate di possedere
delle orecchie! Quando i posteri avranno perduto da anni il ricordo della vostra
misera esistenza, pronunceranno il nome di Haendel con un infinito rispetto!.
Altra battuta del Farinelli (Stefano Dionisi) che voglio qui riportare quella
durante una discussione col fratello Riccardo (Enrico Lo Verso): Tu rimpiazzi
l'ispirazione con il virtuosismo! Tutti questi ornamenti, queste fioriture che
moltiplichi, queste complessit che gravano sulle partiture! Dimentica la mia
voce! tempo di pensare alla musica! Devi toccare cuori, trovare lemozione
giusta, essenziale. Vorrei che la tua musica facesse fremere quella parte di infinito
che dorme dentro la gente. questo che ti chiedo, Riccardo. Anche qui

69

completamente infondata la confidenza tra i due fratelli nellavere dialoghi cosi


accesi nella storia. Non abbiamo nessuna notizia di come fosse veramente il loro
rapporto. Per appunto linesattezza anche qui sta solo riferendosi alla vita di
Farinelli e al suo rapporto in questo caso col fratello, ma per quanto riguarda la
musica barocca e soprattutto le musiche create per i castrati, le fioriture, le
complessit degli spartiti e il virtuosismo che si andava a sostituire allispirazione
come accennato nella battuta, erano elementi che effettivamente caratterizzavano i
melodrammi del barocco.
In ultima analisi sui dialoghi voglio riprendere altre due battute. La prima
dellamico suicida del piccolo Carlo quando non era ancora castrato che cantava
nella cantoria della chiesa: Non cantare pi, Carlo! Non cantare pi! Non
lasciarti fare questo! C la morte nella tua gola!. La seconda del Carlo oramai
castrato anche esso: A forza di incarnare gli dei, sono arrivato a credere di poter
essere un uomo. Appieno queste due battute rappresentano la disperazione, la
tristezza, la desolazione e la delusione della vita, causati dalla pratica della
castrazione. Voglio ricordare in effetti di quanti casi di ragazzini suicidi sono
pervenuti sino ai nostri giorni, e soprattutto di come Farinelli e tutti gli altri (quasi
tutti) non si siano mai sentiti uomini a tutti gli effetti, e sfociavano appunto in quel
divismo frivolo, capriccioso e permaloso che apparteneva solo ad essi, visti come
appunto degli Dei, cosi da darsi una specificit non essendo ne uomini e ne
donne (Celletti, 1986, p. 356) . Non a caso il genere che Gerard Corbiau d al
suo film : drammatico-biografico. Poich appunto probabilmente ha voluto
rappresentare sulla scia di questo velo biografico sottilissimo sulla vita di
Farinelli, la drammaticit della vita di tutti i castrati, vittime del loro lusso (unica e
sola cosa che forse li amava davvero) e delle fantasie pregiudiziose della gente e
del pubblico che non rendeva omaggio a loro ma a se stessi, alle loro curiosit, e
divertimenti.
Per quanto riguarda ancora il film, stato davvero un piacere per le mie orecchie
ascoltare le arie dopera scelte per le scene di debutto dal regista. Possiamo infatti
notare: Qual guerriero in campo armato (da Idaspe di Riccardo Broschi), Ombra
fedele anchio (da Idaspe di Riccardo Broschi), Son qual nave (da Artaserse di
Hasse), Se al labbro mio non credi di Riccardo Broschi, De torrente (da Dixit

70

Dominus di Georg Friedrich Hndel), Cara sposa (da Rinaldo di Georg


Friedrich Hndel), Venti turbini (da Rinaldo di Georg Friedrich Hndel),
Lascia ch'io pianga (da Rinaldo di Georg Friedrich Hndel), Overture da
Artaserse (di Johann-Adolf Hesse), Generoso risvegliati oh core (da Cleofide di
Johann-Adolf Hasse), Salve regina di Giovanni Battista Pergolesi, Alto Giove
(da Polifemo di Nicola Porpora). Credo che non si poteva fare scelta migliore, in
quanto sono le opere pi famose di quel periodo che ancora oggi sono portate in
scena dalle cantanti soprano e sopranisti moderni per rilanciare il repertorio
barocco dei castrati.
Non ho gradito per la scelta di mixare le voci di un soprano e di un controtenore,
semplicemente per il fatto che non ne vedo il motivo, ma approfondir meglio tale
questione pi avanti.
La mia scelta infatti, stata quella di cogliere tra tante inesattezze la ragione di
queste ultime. Ma non voglio screditare completamente il regista, che rimane pur
sempre bravo e piacevole, ed anche preparato, nonostante le falsit che ha
rappresentato, quelle falsit che comunque lasciano intravedere unintenzione ed
anche una passionalit per il tema e soprattutto una sensibilit. Ho voluto infatti,
in questa prima parte del capitolo cogliere il lato positivo nel negativo.

3.1.1 La critica al film


Fino ad ora ho voluto affermare il fatto che le inesattezze presenti nel film si
riferissero esclusivamente alla biografia del grande castrato, e che nonostante tali
tratti, al regista rimane comunque il merito di aver fornito una descrizione inedita
dellepoca barocca. Ad ogni modo, mettendo da parte questa mia abituale
predisposizione nel cogliere i lati positivi, non posso rimanere muta di fronte alle
scelte del regista di rappresentare comunque parecchie falsit biografiche. Posso
dire quindi che nonostante una sufficiente coerenza estetica (a parte la scelta degli
attori principali), come ad esempio le scenografie che sono senza dubbio suntuose,
non si possono nascondere i limiti di una produzione che non ha trovato il
manico pi indicato per poter essere rappresentata a dovere (Ferzetti, 1995).
Vi maggiormente un eccesso di fasto, di costumi, che seppur giusti contrastano

71

con quelli che sono i codici storici completamente miseri. Infatti nel film per
esempio non si accenna neppure al lungo periodo di ritiro di Farinelli alla corte di
spagna, e i suoi rapporti con le varie personalit della sua vita sono talmente
enfatizzati da sfociare in errori grossolani, che sembra quasi che il regista fosse
completamente impreparato.
Di certo non abbiamo molte informazioni sulla vita dellevirato, ma non per
questo bisogna approfittarne a tal punto da risultare completamente fantasiosi e
romanzeschi (Rondi, 1995).
Magari il regista belga sarebbe stato pi coerente se non avesse proprio accennato
alla figura del Farinelli, limitandosi a raccontare tutte le credenze che
circondavano i sopranisti settecenteschi. Come ad esempio le fantasia delle donne
sulle loro altissime prestazioni sessuali, ma sempre ponendo tali fantasie come
tali, e non costruirmi una scena dove un Farinelli fa sesso in modo cosi prestante
con varie donne che arrivano ad avere orgasmi lunghissimi. Ci assurdo sia
biograficamente sia scientificamente. Vi sono infatti allinterno del film varie
scene in cui Farinelli possiede donne una dopo laltra come un qualsiasi maschio
non castrato, e ci fa cadere il vero significato per cui i castrati sono diventati
celebri, ossia la loro insoddisfazione ed infelicit per la vita, dovute alla negazione
del loro elemento virile, in cambio del quale hanno conservato le loro voci
infantili.
Riguardo alla voce tra laltro non vedo la necessit di fondere insieme
computerizzandole, la voce di un soprano donna e di un controtenore moderno,
visto che del tutto assente la possibilit di ascoltare ancora una volta quelle voci,
e di capire quale fosse effettivamente il loro vero timbro, soprattutto data la
scarsezza di registrazioni antiche. Forse limmaginazione del regista, pensare
che la voce di un avo castrato fosse stata uguale o almeno somigliante alla voce
computerizzata allinterno del suo film? Beh, chi pu dirlo? Forse ha ragione
forse si sbaglia! Ma sarebbe stato meglio per me utilizzare la voce di una Cecilia
Bartoli o di una Vivica Geneaux, impegnate da anni nellera moderna a
rispolverare il repertorio dei castrati, o utilizzare voci dei moderni sopranisti. Di
certo non sarebbe stata la stessa cosa, ma almeno non cosi artificiale e virtuale.
Per riprodurre quella tonalit impossibile da tre ottave e mezzo, Corbiau ha

72

sintetizzato al computer e rielaborato con processo inedito due canti, quello di Eva
Godlewska e di Derek Lee Ragin. Stefano Dionisi ha dovuto anche allenarsi ad
alterare il suono della voce parlata che sarebbe altrimenti risultato incongruo
rispetto al tono acuto del cantato. La voce, ancora la voce. E il motivo dominante
del film di Corbiau. La voce umana e lo strumento pi coinvolgente ed
emozionante che esista. E la voce del castrato pura magia, la dimostrazione
ideale dell'armonia, della complementariet e della divergenza dei sessi (Celletti,
1986, p. 401).
Forse stato questo lintento del regista: fondere il femminile e landrogino
insieme. Ma forse Corbiau nel 1995 non sapeva che la voce del sopranista
moderno (frutto di allenamento, e per questo artificiale) diversa da quella di
un castrato (frutto di una deviazione fisiologica e per tanto naturale).
Corbiau forse credeva che la sua creazione virtuale sarebbe stata la chicca, la
ciliegina sulla torta del suo film che lo avrebbe portato al successo, come poi
effettivamente avvenuto. Ma a mio parere immeritato. Un successo vittima
ancora oggi dopo secoli, delle credenze, delle fantasie e della poca informazione e
documentazione sui castrati, strumentalizzati anche nel film, attraverso la
virtualizzazione moderna che coincide con quella che un tempo veniva chiamata
divinizzazione(Ferzetti, 1995, p. 44). Anche nel film, posti come trascendentali,
quando in realt non sono stati altro che bambinetti vittime dellinumana cultura e
del business che si venne a creare su di essi per la troppa speculazione di norcini,
dei maestri, dei preti e delle famiglie. sempre quello il bandolo della matassa!
Per non parlare delle rappresentazioni dei rapporti di Farinelli con le donne,
completamente inesistenti nella vita sentimentale di Farinelli, se non per
collaborazione artistica. Addirittura nel film Farinelli desidera un figlio dalla
donna che poi sar la sua compagna per la vita Alexandra (Elsa Zylberstein), che
viene fecondata dal fratello Riccardo nel film durante una sottospecie di orgia,
dove Carlo ha il ruolo di far godere la donna e Riccardo d il seme, scena
totalmente ridicola e imbarazzante peggio di un film alla Tinto Brass.
Anche il rapporto con Porpora (Omero Antonutti), al quale non viene data
enfatizzazione e importanza in quanto fu fino alla fine presente nella vita del
cantante, ma che nel film sembra sia solo unombra di passaggio. Del suo

73

rapporto con Haendel (Jeroen Krabbe), posto come nemico di Farinelli, e che in
realt lavoravano semplicemente per due teatri diversi. Haendel che dirigeva la
Royal Opera House, il teatro rivale della Opera of Nobility di Porpora, in cui si
esibiva Farinelli. Hendel fu nemico di Porpora e non di Farinelli. Le diatribe
musicali di Haendel e Porpora sono date spesso in modo approssimativo, le
continue esibizioni in teatro di Farinelli si riducono a uno sfoggio ridondante di
costumi settecenteschi e di gorgheggi da cantante sopranista, insistiti, ripetitivi,
non sempre ben collegati allevolversi della vicenda (Rondi, 1995).
Ed infine il rapporto col fratello, dove lunica verit allinterno del film sta nella
costruzione della scena della castrazione del Farinelli per mano di esso.
Nel film infatti si ha limpressione che Farinelli abbia lavorato esclusivamente
con e per il fratello, quando in realt fu un periodo molto breve, e sembra
addirittura che Riccardo sia un compositore grandioso, quando invece risultava
piuttosto mediocre. Vi una continua rappresentazione di un bisogno spasmodico
del fratello minore Carlo nei confronti del maggiore e viceversa, e soprattutto di
una complicit vincente sia in scena che nella vita con il loro gioco continuo e
diventato insopportabile e disgustoso di dividersi le donne. Lo scontro fra i due
fratelli al momento della rivelazione del misfatto serve quasi soltanto ad
aggiungere alcune scene madri alle tante che, costellano il racconto; con qualche
momento intenso quando ci si raccoglie attorno alla disperazione di Farinelli di
non essere un uomo completo.
Per farne una critica completa, voglio soffermarmi anche sulla scelta degli attori,
con un riferimento particolare ai due principali: Stefano Dionisi nella parte di
Farinelli, ed Enrico Lo Verso in quella del fratello Riccardo. Il primo pi bravo
del secondo, ma non esageratamente, entrambi bambocci inespressivi in molte
scene. Bravo il Dionisi nel labiale cantato che per doppiare ha dovuto prendere
lezioni di canto per due mesi, molto mediocre Lo Verso nellinterpretazione di
battute madri e nelluso della pronuncia straniera. Per quanto possano riuscire
comunque ad uscirne, e possano essere potuti anche piacere, le loro bellezze e
fisicit non si avvicinano minimamente a quelle originali (Levantesi, 1995). Due
scelte molto azzardate, ancora una volta per mantenere coerente la linea estetica
ed esteta adottata dal regista.

74

Candidato allOscar per il miglior film straniero, con il David di Donatello per
migliore costumista ad Olga Berlutti, due Premi Csar 1995 come miglior
scenografia e miglior sonoro, ed anche premiato come miglior film straniero
Golden Globes, Farinelli un prodotto spettacolare che nelle scenografie di
Gianni Quaranta, molto ben fotografate, da Walter Van den Ende, divulga in
maniera sontuosa un capitolo della musica europea, merito di questo lo si deve
dare anche al sonoro utilizzato, e alle musiche suonate dallorchestra Les Talents
Lyriques diretta da Christophe Rousset.
Infine bisogna dire che anche la cronologia temporale non risulta cosi lineare. Con
continui salti nel tempo non ordinati. Nel guardare il film avevo continuamente la
sensazione che mancasse sempre la chiave che chiarisse il perch di un successivo
evento; mancante sempre di molti pezzi di storia importantissimi per chiarire le
scelte di vita prese dal castrato a suo tempo. Il problema che nel mettere in scena
il suo teorema sul rapporto fra arte e vita, la sceneggiatura pi pretenziosa che
convincente: poco ci interessano dei furori di Haendel, impersonato da Jeroen
Krabbe, e poco i rimorsi di Riccardo, che fu causa dellevirazione del fratello. In
tutto il resto quindi prevale solo limpegno di far spettacolo con le musiche, i
costumi, le scenografie e ripeto che sono completamente coerenti con lestetica di
quel periodo, ma trascurando troppo spesso l'analisi delle psicologie, pur affidate,
almeno quelle dei due fratelli, a delle problematiche precise.
Un impasto anche di cose giuste quindi, ma che probabilmente per la troppa ansia
della prestazione del regista Corbiau, non vengono trattate e collegate con
coerenza, dove i vari codici non combaciano ad incastro. Un film dove forse il
regista avrebbe potuto fare un pochino meglio, ma non pi di tanto, in quanto la
mia impressione nel guardarlo stata quella di una furbizia da parte sua di dare
importanza totale a quei codici immediatamente comunicativi, come appunto i
trucchi, i costumi, le scenografie, la voce mixata che avrebbero nascosto le
inesattezze. Un approfittazione quindi di codici forti, immediati che avrebbero
sicuramente impressionato a tal punto da offuscare le bugie. Soprattutto anche per
la scelta di due attori italiani troppo belli per incarnare tali figure. Un duro lavoro
solo ed esclusivamente sullestetica appunto, che diventando il perno centrale nel
film, avrebbe sicuramente subordinato ad essa le verit storiche e soprattutto la

75

sensibilit nellaffrontare certi temi, una sensibilit mancata, che sarebbe dovuta
essere ancora pi strutturata e profonda, data la difficolt di rappresentare una
tematica cosi delicata e allo stesso tempo cosi misteriosa e pertanto bisognosa di
una profondit elevata attraverso la cinematografia.

3.2 I sopranisti moderni


Secoli fa con il termine sopranista si intendeva indicare la categoria dei castrati in
ragione della tessitura vocale che questi uomini possedevano e che era
paragonabile a quella dei soprani. Il XIX secolo ha visto la fine della barbara
pratica della castrazione ed ha portato alla luce questa triste verit storica. Il
termine per ancora in uso bench oggi per sopranista si intende: il controtenore,
ovvero un uomo tenore che canta arrivando alla tessitura vocale tipica del
soprano.
I moderni sopranisti si cimentano per lo pi nei ruoli seicenteschi e settecenteschi
scritti in origine per la voce dei cantori evirati soprani o contralti. A differenza dei
cantori eunuchi, i sopranisti attuali non sono castrati; questi ultimi sono
praticamente scomparsi nel Novecento con Alessandro Moreschi. Oggi uno dei
nomi pi illustri quello di Philippe Jaroussky. Philippe Jaroussky (MaisonsLaffitte, 13 febbraio 1978) un sopranista e controtenore francese. Studia violino,
pianoforte e composizione al Conservatorio di Versailles e dal 1996 inizia la
formazione vocale con il soprano Nicole Fallien, entrando al Dipartimento di
Musica Antica del Conservatorio di Parigi lanno successivo, e continuando gli
studi con Michel Laplenie, Kenneth Weiss e Sophie Boulin. Si diploma in canto
nel 2001. Dal 2003 il suo registro vocale cambia in quello di controtenore
(estensione: sol2-si4) riversando il suo interesse nel repertorio operistico e
oratoriale barocco. Esordisce nel 1999 al festival musicale di Royaumont e
Ambronay come sopranista nelloratorio inedito di Alessandro Scarlatti Sedecia,
re di Gerusalemme. Nel 2007 vince il premio Artista Lirico Francese dellanno,

76

cantando laria di Antonio Vivaldi Vedr con mio diletto dallopera Giustino.
Importantissima nel suo repertorio la musica barocca, in particolar modo Vivaldi e
Haendel.
Al nome di Philippe Jaroussky, possiamo affiancarne molti altri. Ad esempio Max
Emanuel Cencic, Aris Christofellis, Tomotaka Okamoto.
Max Emanuel Cencic un giovane promettente controtenore croato, istruito
vocalmente al canto fin da piccolo. Esibitosi per la prima volta allet di 6 anni.
Dal 1987 al 1992 Cencic stato uno dei Piccoli Cantori di Vienna e in seguito ha
intrapreso la carriera da solista e, grazie ad una tecnica particolare, riuscito a
cantare anche come soprano. Fino al 1997 Cencic si esibito con successo come
sopranista in Giappone, America ed Europa. Nel 2001 cambia definitivamente
categoria entrando a far parte cos della categoria dei controtenori. In questo
nuovo registro vocale si esibisce in sede teatrale e concertistica, nonch in campo
discografico, dove pu vantare un ricco repertorio. E stato impegnato nel ruolo di
Ottone nellIncoronazione di Poppea di Monteverdi con la direzione di William
Christie. Cencic si esibito anche in sede concertistica con importanti recital con
musiche di Handel, Mozart e Rossini.
Aris Christofellis (Atene, 5 febbraio 1960) un sopranista greco. Dopo aver
compiuto gli studi pianistici ad Atene e a Parigi, si concentra sulla sua voce e sullo
studio dei castrati settecenteschi. Ha debuttato a Bordeaux nel 1984. Nel 1985 ha
cantato lExultate jubilate di Mozart al concerto inaugurale del Cannes Midem
Classique, dove la sua interpretazione stata ritenuta entusiasmante sia dalla
critica che dal pubblico. Ha cantato, inoltre, in molti festival di musica e opera
barocca: Il trionfo dellonore di Alessandro Scarlatti a Parigi (Thtre du
Chatelet); LOlimpiade di Antonio Vivaldi a Parigi (Teatro Champs lisee); a
Barcellona (Palao de la Musica) nelle olimpiadi del 92 e nellArminio di Georg
Friedrich Haendel (Festival de Montpellier). Ha cantato in Francia, Italia, Spagna,
Inghilterra, Germania, Austria, Ungheria, Israele e Marocco. Il suo repertorio
varia dal barocco alla musica contemporanea, ma, in particolar modo,
specializzato nellopera italiana barocca.
Tomotaka Okamoto (Sukumo, 3 dicembre 1976) un controtenore giapponese. Si
iscrive al Conservatorio Francis Poulenc di Parigi e lo porta a termine col

77

massimo dei voti. celebre per gli abiti buffi e vistosi che indossa durante le sue
esecuzioni.
Ho voluto riportare qui dei piccoli accenni biografici per far notare che gli studi
compiuti da questi quattro sopranisti (che reputo i pi importanti dellepoca
moderna) siano avvenuti in Francia dove allepoca barocca fu vietato lutilizzo dei
castrati. Tra laltro possiamo notare anche delle somiglianze con i castrati
barocchi. Ad esempio il fatto che anche i moderni hanno portato le arie
settecentesche cantate da loro in tutto il mondo, e di come alcuni di essi (io ho
accenato solo a Tomotaka Okamoto) riprendano luso degli abiti sfarzosi, seppur
in modo diverso dai veri abiti barocchi, ma conservano un tipo di stile (forzato a
mio parere) per differenziarsi dagli altri come se lo facessero di proposito
(Cfr., Benedetto, 1994, p 342).
In epoca contemporanea ci troviamo spesso di fronte ad artisti molto particolari
con stili appariscenti e sfarzosi per citarne alcuni un po pi trascorsi come il
grande Renato Zero con i suoi costumi fusi tra somiglianze animalesche e abiti
settecenteschi, o ancora negli anni 80 con il gruppo spagnolo Locoomia formato
da quattro cantanti gay i cui costumi univano lo stile di un torero e quello di un
nobile barocco.
Non posso fare a meno di pensare che tali stili provengano (o almeno riprendano e
ricordano) da quello dei castrati. E cosi ancora oggi i sopranisti moderni cercano
di mimare quello stile se non con gli abiti, ma con la loro voce. Anche questi
spesso vittime dellignoranza della gente, derisi e identificati come omossessuali,
o come addirittura castrati da chi pensa di saperne un po di pi. Di certo non
derisi come venivano derisi i castrati settecenteschi, ma rimangono comunque
vittima dello sbigottimento del pubblico che non ha mai sentito parlare di quei
cantanti inimitabili, e milioni e milioni di volte ancora pi particolari in epoca
barocca. E di certo non vagheggiati e ammirati come veniva fatto con Farinelli o
con Caffarelli.
I sopranisti quindi sono diversi dai castrati, se non lopposto, anzi sono lopposto,
ma allo stesso tempo comunque molto vicini. Essi sono comunque ragazzi
competenti, professionisti, che conoscono la musica alla pari o forse ancor meglio
di qualsiasi altro cantante leggero o tenorile, visto che comunque attraverso lo

78

studio quotidiano hanno sviluppato quel senso canorile che rimane in ogni caso
opposto al loro sesso. Ad essi va il merito di sensibilizzare con le loro voci e di
istruire il pubblico musicale ad una storia dimenticata, anche se spesse volte
dimenticano o vogliono dimenticare di essere completamente diversi dai divi del
melodramma barocco (Cfr., Benedetto, 1994, p. 267). Anche essi quindi affetti da
una sorta di divismo che li porta ad immaginarsi alla pari o anche migliori ai loro
avi.
Come dimostra il titolo di un album di Philippe Jaroussky intitolato Opium,
titolo molto glamour (cos come la patinatissima copertina che raffigura il divo
con lo sguardo vago e distratto, la pelle levigata e diafana, e le labbra pi lucide e
carnose del solito semiaperte, sullo sfondo di un broccato da tappezzeria di
albergo di lusso. Il titolo fa riferimento forse alloppio utilizzato da Riccardo
Broschi per la castrazione del fratello Farinelli, oppure implicitamente vuole
affermare che il repertorio dei castrati che loro (tentano) di riportare in scena
come loppio, un canto che ti riporta indietro che ti fa entrare in un modo diverso
fatto di passaggi veloci, fioriture, imbellimenti;
Anche se tutte queste caratteristiche non vengono e non possono essere ripetute o
resuscitate, e questo un tema che chiarir per bene pi avanti. Oggi oltre ai
cantanti maschi sopranisti ci sono anche molte soprano donne che si sono
appassionate a questo repertorio bellissimo, il pi bello forse nella storia di tutte le
arie e periodi artistici-musicali.
Voglio ricordare Cecilia Bartoli una delle pi famose mezzosoprano italiane. Le
sue grandi doti le consentono di spaziare su vasti repertori, ma soprattutto nel
repertorio protoromantico, in particolare nei ruoli mozartiani e rossiniani ed in
quelli di coloratura. Cecilia Bartoli anche uninterprete di musica barocca.
Apprezzata in tutto il mondo non solo per i suoi virtuosismi di cantante, ma anche
per le sue doti di attrice, la Bartoli ha collezionato numerosi premi e
riconoscimenti, tra cui il disco di platino in Francia per Opera proibita.
In virt del suo impegno per la diffusione dellopera barocca tra un pubblico
sempre pi vasto, recentemente ha portato in scena anche il suo repertorio di trilli
e contrappunti seicenteschi. Ha lavorato con importanti direttori dorchestra, e
presso le pi importanti sale da concerto e teatri del mondo, quali il Metropolitan

79

di New York, il Covent Garden di Londra, il Teatro alla Scala di Milano, la


Bavarian State Opera di Monaco, e lOpera di Zurigo.
Da notare il fatto che si esibita nei teatri dove si esibirono al loro tempo molti
castrati famosi, quegli stessi teatri diretti dai pi importanti compositori. Da
notare il il Covent Garden di Londra diretto da Haendel nel periodo di Farinelli,
dove la Bartoli si esibita rilanciando il repertorio seicentesco e settecentesco
cantando ed interpretando le arie scritte per i castrati. Proseguendo limpegno
nella diffusione dellopera barocca, la cantante arriva a toccare sempre nuove citt
in tutto il mondo. Da oltre due decenni Cecilia Bartoli indiscutibilmente una
delle artiste pi importanti nel campo della musica classica. I suoi ruoli operistici,
i suoi programmi concertistici e i suoi progetti discografici sono sempre attesi
con grande entusiasmo e curiosit nel mondo intero. Questi successi le hanno
consentito di avvicinare la musica ai cuori di milioni di persone in tutto il mondo.
Inoltre, grazie alla loro immensa popolarit, i suoi progetti musicali hanno dato
luogo ad unampia rivalutazione e riscoperta di compositori trascurati e di un
repertorio caduto nell'oblio e che Cecilia Bartoli ha riproposto al mondo musicale
per una discussione: Riscopro tante arie perdute. Molti castrati venivano evirati
su consiglio di impresari senza scrupoli. E poi a teatro il pubblico gridava:
Evviva il coltellino! Il marketing vorrebbe far passare divi pop come la Jenkins
e Potts per artisti lirici: ma senza microfono non potrebbero esibirsi. (Persivale,
2008).
Da ricordare il suo album Sacrificium, che la Bartoli dedica alle migliaia di
ragazzi, spesso provenienti da famiglie povere, che andarono sotto i ferri del
chirurgo per raggiungere la celebrit, ma che invece spesso finirono indigenti ed
isolati dalla societ. In questo album, la Bartoli canta delle arie rare, talune mai
registrate in precedenza. Arie scritte specificatamente per essere cantate da
castrati. Fra gli autori troviamo Handel ed il napoletano Nicola Porpora che
diresse, a Napoli, la pi importante scuola per questo tipo di cantanti. Lalbum
musicale, costituito da due CD con quindici arie straordinarie delle quali undici
inedite, accompagnato da un libro intitolato Evviva il coltellino!, grido che i
fans dei castrati usavano urlare allindirizzo dei loro beniamini al termine
dellesibizione. Poco pi di unora e mezzo di musica da ascoltare, magari in pi

80

spezzoni, mentre si scorrono le pagine del libro che ci narra di quei poveri ragazzi
che furono sacrificati per la gloria dellopera sinfonica.
La cantante per non molto conosciuta in Italiacome appunto afferm in
unintervista: Il mondo mi ama lItalia mi ignora! e prosegue lintervista
affermando ancora: forse in patria sono troppo impegnati a seguire le canzonette,
ed artisti che hanno davvero poco a che fare con la musica, ma fanno audience
(Mattioli, 2008). A mio, parere non posso darle torto! La Bartoli unartista come
gli altri che ho citato in questo spazio, a trecentosessanta gradi. Unartista e allo
stesso tempo una diva che non profeta in patria (Mattioli, 2008). Continua a
dare davvero un grande contributo affermato da essa stessa: rendo onore ai
castrati del Belcanto vere vittime dellarte (Persivale, 2009).
Ma non bisogna ignorare il fatto che comunque non si raggiunger mai quel tipo
di arte. Non si arriver mai pi a quei risultati canori e musicali. Si pu solo
cercare di sensibilizzare di pi le persone e ad educarle ad avvicinarsi con pi
conoscenza a questo tema e a queste musiche, ma non di pi, a meno che non si
voglia restituire la musica ai castrati come affermato dal compositore Igor
Stravinsky ai giorni nostri quando fortunatamente limpiego della pratica
castrativa era stata gi abolita da quasi un secolo, e al cui compositore ho gi fatto
una critica abbastanza dura e severa come oggettivamente stato giusto fare da
parte mia. A tale critica mi sento di aggiungere che non sarebbero restituiti i
castrati alla musica come afferm il musicista, bens la musica ritornerebbe ad
essere restituita ai castrati, diventando un abbominio o meglio un miscuglio di
sublime ed orrore, ed il sublime non sempre bellezza. O meglio ancora un fatto
che la bellezza pu convivere con lorrore. Ma in questo caso di ha il diritto anche
di rifiutarla.

3.2 Il fascino di una voce daltri tempi


Sino ad ora mi sono limitata ad utilizzare esclusivamente il termine sopranista
per motivi di semplicit, in quanto la mia intenzione stata quella di elencare le
personalit contemporanee che hanno dato un contributo culturale nel rilanciare le
musiche e le arie scritte per castrati nel barocco e ricordare la loro storia spesso
dimenticata. Ho spiegato tra laltro quanto sia impossibile riprovare le stesse
81

emozioni ascoltando un sopranista contemporaneo, non approfondendo per le


ragioni specifiche di tale limite. Mi sembra opportuno quindi spiegarle e fare delle
chiarificazioni non pi limitandomi ad utilizzare solo il termine sopranista.
Oggi un sopranista fondamentalmente un controtenore il cui falsetto molto pi
esteso e meglio sviluppato rispetto a quello di un normale controtenore, ma
esistono rari casi nei quali anche uomini adulti possono essere in grado di cantare
in questa gamma con la voce piena a causa di disfunzioni endocrine, o in presenza
di una laringe non completamente sviluppata.
Precisiamo che al giorno doggi i sopranisti veri e propri sono rari, perch la
maggior parte dei controtenori canta nelle gamme di contraltista e mezzosoprano.
Con il termine contraltista si definiscono i cantanti di sesso maschile che cantino
nel registro di contralto. L'etimologia deriva dalla musica polifonica, in cui si
denominava contratenor altus o contra altus la parte medio-acuta delle
composizioni, originata dal contratenor. Per estensione, colui che cantava tale
parte, o voce, fu chiamato infine contralto. Chi cantava la parte del tenor,
chiamato a volte tenorista, non era assimilabile al tenore moderno, quanto
piuttosto a una voce maschile che canti su un registro centrale, normale. Chi
cantava una parte di altus (o di contratenor altus, detto a volte contratenorista)
sfruttava le note acute della voce maschile molto pi del tenorista, ricorrendo al
falsetto. Nel linguaggio musicale quindi, il contraltista era una voce maschile
corrispondente al registro di contralto che un registro con forte timbro
femminile, usata soprattutto in alcuni ruoli che un tempo erano propri dei cantanti
castrati.
Ma bisogna proprio a questo punto chiarificare che il contraltista o mezzo
sopranista non erano sempre dei castrati, ma per loro natura avevano la tendenza
verso un timbro falsettista, che permetteva loro di sfruttare le note acute (tipiche
delle donne) anzich quelle gravi (tipiche invece degli uomini).
Possiamo finalmente dire che sopranista era un cantore adulto di sesso maschile
che, naturalmente (in passato tramite evirazione) o artificialmente (sviluppando il
registro di falsetto), era dotato di voce acuta adatta a sostenere parti di soprano.
I castrati quindi non erano dei falsettisti. Essi non avevano bisogno del falsetto, ne
di svilupparlo, dato che per questo ci aveva pensato il norcino con loperazione

82

castrativa, ed per questo che vengono definiti come voci naturali. I falsettisti
invece hanno dovuto svilupparlo con lo studio e lesercitazione, diventando cosi o
contraltisti o mezzosopranisti, spesse volte riuscendo a passare da un registro
allaltro.
A questo punto sorge spontanea la domanda: oltre a questa differenza di
artificialit o naturalit, quale altra differenza vi tra i castrati e i falsettisti? E
perch venivano preferiti i primi a questi ultimi? Analizziamone meglio le
differenze per capire: i cosiddetti controtenori o falsettisti artificiali utilizzano
un falsetto rinforzato ottenuto aggiungendo a tale meccanismo un abbassamento
della scatola laringea che consente, tramite un incremento dei fenomeni armonici
(per guadagno di spazio di risonanza), lemissione di un suono pi ricco e rotondo
nel quale sono tuttavia facilmente riconoscibili le caratteristiche del falsetto.
A questo proposito utile chiarire che la distinzione compiuta da Rodolfo Celletti
per distinguere tra falsettisti e castrati, attribuendo ai primi il termine di falsettisti
artificiali e ai secondi quello di falsettisti naturali, non del tutto appropriata. Il
naturale conseguente risultato della castrazione infatti la mancata crescita
laringea e delle corde vocali che pertanto mantengono pressoch lestensione
dellet infantile, estensione che per una voce maschile dopo la pubert possibile
imitare solo attraverso il ricorso al registro di falsetto. Ma cos come il
registro delle voci bianche infantili un registro pieno su unestensione acuta,
anche il registro del castrato un registro pieno, vero, in tal senso naturale, e
non una imitazione in falsetto.
Il castrato non era un falsettista, semplicemente perch non usava un registro di
falsetto. Daltro lato non comprendo perch luso del falsetto, nella voce maschile
adulta, debba essere etichettato come artificiale: un registro legittimo, un modo
per emettere suoni in acuto, falsetto e basta.
Ecco perch la definizione di falsettisti, eventualmente distinti in sopranisti e
contraltisti in base allestensione, ci sembra la pi adeguata a individuare le voci
maschili che si muovono su tessiture di ambito tonale femminile.
La resa vocale del falsettista, su tutta la gamma tonale, comunque diversa, e per
alcuni musicologi insufficiente, rispetto a quella che doveva essere un tempo la
vocalit del castrato: sia per volume, che per estensione, che per pienezza di suono

83

(cio ricchezza armonica), spessore nel registro grave, qualit demissione (suoni
penetranti ma aspri nel falsettista), lontana comunque dalla particolarit e
ricchezza di colori dei castrati.
In effetti luso del falsetto professionale su tutta la gamma impone al falsettista
una certa uniformit di emissione (e perci maggiore rigidit di gestione delle
cavit di risonanza). Questa differenza faceva si appunto che i castrati fossero
preferiti ai falsettisti, in quanto bisogna tener conto che questi erano dotati di una
voce bianca, acuta, infantile che fuoriusciva da una cassa toracica di adulto del
tutto sviluppata, e ci rendeva le arie di una qualit armonica pi ricca, un suono
in un certo senso pi pieno (Cfr., Cappelletto, 1995, p. 99). Questo non poteva
avvenire con i falsettisti data la loro integrit fisica, ma ci non giustifica il fatto
che essi debbano essere etichettati come artificiali, anzi penso che siano pi
naturali dei castrati, in quanto sicuramente questi ultimi (non volendo screditare la
scuola di Porpora), non abbiano dovuto lavorare tantissimo sulla voce in quanto
gi la possedevano senza sforzi, senza dover cambiare niente o migliorare ancora
di pi. Gli studi durissimi che essi erano costretti a svolgere probabilmente era un
eccesso inutile, quasi di formalit di prassi, ma non del tutto necessario ed
inevitabile. Vittime dei loro creatori, dei loro maestri e delle loro famiglie. Infatti
ricordiamo che al di sotto dello studio vi era un business in quanto si studiava e si
partecipava alle cerimonie ecclesiastiche per essere pagati e mandare parte di quei
soldi alle famiglie e ai conservatori che li ospitava. Quindi forse potevano anche
non studiare cosi tante ore al giorno. Opposta invece la situazione dei falsettisti i
cui studi erano e sono necessari per sviluppare quel falsetto.
Daltra parte oggi non si pu fare lerrore di spacciare un falsettista per castrato o
dire che siano la stessa cosa. Ricordiamo che i falsettisti vennero impiegati prima
dei castrati, per poi lavorare insieme ad essi fino a quando per alla fine del 500,
i castrati si sostituirono ai falsettisti artificiali, da cui si distinsero per le particolari
capacit di resistenza polmonare, dolcezza, pienezza e duttilit di suono.
I castrati, per cui il mondo civile impazziva, che da San Pietroburgo a Madrid, da
Londra a Roma, diventavano gli idoli di teatri, corti, regge e palazzi nobiliari,
contesi da re e imperatori, principi e cardinali. Semidei che suscitavano ovunque
furori e svenimenti, per cui si formavano fazioni e partiti, ma anche oggetto di

84

intrighi, invidie, rivalit, ricchezza, onori, drammi e tragedie. Questo era il mondo
dei castrati: un intreccio di musica meravigliosa, politica, eccessi, miserie,
passione, scandalo, un romanzo storico. Come pensare di ritrovare anche qualche
frammento di tutto questo variopinto e mutevole mondo nelle voci degli odierni
falsettisti? Nessuno di noi, ovviamente, ha mai ascoltato un castrato cantare: ci
resta per la musica scritta per loro dai grandi compositori (musica di enorme
difficolt che richiede dei veri fuoriclasse) e le testimonianze e i giudizi dei loro
contemporanei. Su ci che ci resta si deve ragionare e valutare. E da tutto questo
non si pu che evincere come limpiego di tali falsificazioni vocali ( nel caso
dellimpiego dei falsettisti odierni in arie scritte a loro tempo per castrati) sia assai
scorretto, e per fattori fisici e per ragioni musicali. I primi sono dovuti
chiaramente al fatto che gli effetti che levirazione comportava sulla crescita e lo
sviluppo della persona non sono riproducibili oggi. E mi sento di aggiungere un
menomale. La voce dei castrati non era semplicemente una creazione
insuperabile alla frankenstein, ma un canto evirato, evirato non solo della sua
integrit naturale, ma evirato della sua verit, di ci che realmente possibile in
natura.
Non si conosce il senso vero dellarte, ma possiamo cercare di darle un senso.
Possiamo provare a selezionare gli elementi che le appartengono, i pezzi necessari
a darle unidentificazione e che la rendono funzionale per una sensibilizzazione e
per una acculturazione generale e collettiva, ma soprattutto una morale ed
uneticit. E credo fermamente che la castrazione non sia un elemento o una parte
di essa.
Le voci angeliche che la castrazione ha creato non erano altro che fiamme
demoniache, che hanno devastato chi le possedeva. Portatrici di bellezza e
sublimit, detentrici di impossibilit inaccessibili alluomo comune. E pertanto un
peso che stato troppo grande da portare e sopportare.
Qui timbri luciferi di tutto il firmamento musicale barocco, che avevano
unapparenza o un aspetto straordinario, incantatore, ma che in realt
nascondevano lorrido, la sofferenza, il brutto. Tutto quello che non poteva essere
musica, essere arte. I canti pi belli che si siano mai sentiti, si diceva allora, che si
siano cosi vagheggiate. Le voci figlie non della natura, non della musica, non

85

dellarte, ma di una pratica barbara, che non distingueva gli uomini dagli animali.
Quella pratica che negava i diritti universali degli uomini, della piena libert e
dellinalienabilit umana.
Il marcio che ha condannato e imprigionato i corpi. Quelle bestie dentro. Quelle
voci, padrone terribili che domavano i loro stessi padroni, vittime deboli,
assuefatti dal loro irresistibile potere, a cui non vi era nessun rimedio, se non
quello di rassegnarsi ad esse, odiarle sempre, ma allo stesso tempo amarle come
delle belt maliarde.

Conclusioni

Ai nostri giorni diventata ormai prassi comune suonare la cosiddetta musica


antica con gli strumenti dellepoca. Sono stati copiati gli strumenti dei musei,
quando non si sono potuti usare direttamente gli originali; sono stati ricostruiti
fedelmente i modi di suonare sulla base dei trattati e di tutte le testimonianze
disponibili. Possiamo quindi avere molto pi di un

tempo la

pretesa di

avvicinarci alla fedelt storica nellesecuzione della musica barocca.


A completare il mosaico manca tuttavia un tassello fondamentale, la cui
importanza viene tuttora inspiegabilmente sottovalutata. Questo elemento, che
per noi impossibile da ricostruire, sono le voci dei cantanti castrati. Per tutta
lepoca barocca lo spettacolo musicale per eccellenza

fu lopera lirica, e la

musica scritta per il melodramma la parte di gran lunga predominante di tutta la


musica dellepoca. Se quindi

lopera, almeno quantitativamente, domina la

scena, i protagonisti assoluti di essa dai primi del 600 alla fine del 700 sono
appunto i castrati, allepoca detti semplicemente musici, capaci di commuovere
le folle, di suscitare entusiasmi pari a quelli delle star del cinema e del rock di
oggi, considerati dal popolo e dai sovrani quasi dei semidei o per lo meno degli
angeli. Come giustamente le ha definite Sandro Cappelletto nel suo libro sulla
vita di Farinelli si tratta di voci perdute, di cui ci rimangono solo testimonianze
scritte. Testimonianze su bambinetti innocenti, che molto spesso erano coristi
delle cantorie parrocchiali.
La storia della chiesa cattolica infatti, non solo piena di colpe, riguardo alle
punizioni e alla morte a cui portava i cosiddetti peccatori, ma piena di atti di
86

umiliazione verso i corpi del loro gregge, che spessissimo sfruttava per tessere
le lodi di se stessa.
Moltissimi bambini infatti, venivano accolti nei cori di voci bianche, e quelli
ritenuti pi promettenti subivano unoperazione, che li portava a divenire cantori
del papa. Angeli controvoglia, creati dalla Chiesa: i Castrati.
Le voci dei castrati erano assolutamente le principali, le pi ricercate e anche le
pi pagate dellepoca Barocca, a cui seguivano a ruota quelle dei soprani.
Tuttavia questa crudele pratica nacque molto prima. Nellera del Neolitico infatti,
possiamo ritrovare le prime forme di metodi castrativi sugli animali per la loro
domesticazione. E successivamente durante limpero Ottomano, con gli eunuchi, i
guardiani del letto, o meglio degli harem. La pratica si arrest intorno lanno
1204, per poi ricomparire pi di tre secoli dopo, intorno alla fine del 1500. Ma fu
il seicento a produrre una quantit enorme di evirati cantori, poich molte
famiglie che versavano in tristi condizioni economiche, erano disposte a
sacrificare le possibilit generative del figlio per un eventuale guadagno
economico elevato che avrebbe sistemato per sempre la famiglia dellevirato se il
giovane cantore avesse avuto successo; tuttal pi se la voce del piccolo dopo la
castrazione non risultava idonea al teatro (che ripeto dava ottimi guadagni),
rimaneva per il piccolo cantore nel suo futuro, un impiego meno redditizio ma
sicuro allinterno del coro di qualche cappella.
Tuttavia dobbiamo tener presente che solo una piccola percentuale dei cantori
evirati giungeva al successo, ossia si faceva conoscere a livello europeo, ma
quando questo accadeva, neppure i soprani potevano contrastare la loro fama:
erano le star assolute. Spesso si andava a teatro solo per sentire cantare il castrato,
gli altri cantanti passavano cos in secondo piano.
Tuttavia la castrazione non assicurava assolutamente una carriera, anche perch
solo dopo loperazione e lo studio si poteva decretare se una voce aveva le tonalit
angeliche del castrato, oppure se era qualcosa di mediocre e quindi destinato ad un
futuro modesto.
La maggioranza dei bambini castrati, non possedevano una voce adatta a calcare i
palcoscenici, ed erano perci destinati a vivere una vita repressa nei cupi meandri

87

della Chiesa, per dedicarsi a canti ecclesiastici, molto meno remunerativi e


appaganti.
I cantanti castrati impersonavano, spesso, eroi maturi, molto virili, capi di stato o
condottieri, bench la tonalit vocale che li riguardava era una miscela tra quella
maschile e quella femminile.
Il cantore evirato si distingueva in due categorie: sopranista e contraltista. Due
tipologie vocali dallo stesso registro vocale della donna che segnarono unepoca:
lEpoca d'Oro dei castrati.
Infatti, una nota distintiva di tutta lepoca barocca fu proprio la presenza, nei
teatri di tutta Europa, di quelle figure enigmatiche che diedero origine al
belcantismo italiano: gli evirati cantori.
Questi ultimi, inizialmente, come gi ho avuto modo di sottolineare, cantavano
esclusivamente nelle Cappelle ecclesiastiche, dopo che il veto di Papa Sisto V
(1588) proib lesibizione pubblica alla donna in tutto lo Stato Pontificio,
suscitando tanta meraviglia nei fedeli che assistevano alla messa, rapiti dallo
stupore che il loro canto destava, a tal punto che ogni volta che un castrato si
esibiva in occasioni particolari in chiesa (la notte di Natale, per es.) la folla,
estasiata, si faceva sempre pi numerosa alle funzioni liturgiche dando vita, molto
spesso, a veri e propri deliri di massa.
Successivamente sulle scene teatrali mutarono il volto musicale dEuropa. Ma
soprattutto il nascente melodramma e, in particolare, il teatro napoletano del
Settecento a svilupparne la presenza in modo esponenziale, in nome di un gusto
artistico incline al senso della festa e al piacere sensuale che mira alla conquista
della bellezza pura; una bellezza che si basa su suoni morbidi, rotondi, omogenei
nel passaggio dalle zone gravi a quelle acute, sulluso di grande agilit sia di
fraseggio che di ornamentazione, ma anche di potenza vocale costante, ben oltre
la possibilit delle voci femminili.
E non un caso che a cancellarne la presenza con un brusco colpo di spugna sar
invece lavvento del romanticismo, quando dal mondo dellarte scompariranno lo
spazio dellillusione e la dimensione dellartificio, il gioco del travestimento la
sottile sfera dellambiguit vocale.

88

Nel mio lavoro ho voluto dare grande spazio al pi celebre degli angeli, al pi
grande: Carlo Broschi in arte Farinelli. Egli divenne il pi celebre sopranista dei
suoi tempi. Acclamato sulle scene di tutta Europa per le sue eccezionali facolt
naturali, la sua raffinata tecnica, la sua intelligenza e cultura. Fu per ventidue anni
alla corte di Spagna, e si ritir poi (1761) a Bologna.
Fu legato da grande amicizia al Metastasio al quale diede la sua collaborazione
artistica in numerose occasioni.
Castrato dal suo stesso fratello: il compositore Riccardo Broschi, e da l inizi la
sua scalata verso il successo e allo stesso tempo la sua via cruscis.
La sua personalit e la sua stessa vita un connubio tra bellezza e sublimit, tra
meraviglia ed orrore, tra gloria ed infelicit. Una vita, una personalit sdoppiata,
che rimane ancora oggi misteriosa.
Larte del Broschi fu giudicata da chi lo ascolt. Assolutamente inarrivabile, la sua
fama pu paragonarsi solo a quella del suo illustre gemello Metastasio,
ambedue tipici rappresentanti del sec XVIII, ricco di grandi figure.
Come cantante ebbe voce di sopranista naturale, dallestensione di tre ottave, di
timbro chiarissimo, dolce e penetrante, che allinizio della sua carriera adoper
per suscitare pi meraviglia che per far musica. Amava, infatti, variare, secondo la
moda del resto, tutte le arie, ma lo faceva con gusto e abilit, essendo egli stesso
un buon musicista.
Colto e raffinato (conosceva benissimo le lingue francese, inglese, tedesca e
spagnola), fu anche di bellaspetto ed elegante. Divulgatore della cultura italiana,
aiut generosamente gli artisti italiani ad affermarsi ovunque i suoi impegni
allestero lo conducessero. Il complesso stesso delle sue eccezionali qualit di
uomo e di artista ne fecero un fenomeno unico e irrepetibile.
Dal 1723 al 1734 apparve nei principali teatri europei, acclamatissimo dal
pubblico e ricercato dai maggiori operisti del tempo. Decise di ritirarsi ad un certo
punto della sua vita nel 1735, quando stava nel culmine del suo successo, a
Madrid presso il re Filippo V ipocondriaco e depressivo. Farinelli rimase alla
corte madrilena per quasi ventidue anni fino al 1759, cantando ogni sera le stesse
identiche arie, nella stanza del re, tentando di farlo guarire dalla sua malattia
psichica.

89

Fu il pi eccezionale, non solo per le sue doti di cantante, ma anche per la sua
personalit modesta ed umile, non affetta dal divismo che divorava la maggior
parte dei suoi colleghi a quel tempo. E questa la ragione che lo fa grande. Nel
1759 si ritir in una splendida villa presso Bologna; il suo salotto fu frequentato
da uomini illustri come Gluk, Padre Martini, Mozart, Casanova. L vi rimase fino
alla sua morte avvenuta nel 1782 in completa solitudine e malinconia, sue due
uniche compagne fin dallinizio della sua gloria.
Oggi impossibile poter riprodurre quelle stesse voci se non riproponendo luso
della castrazione. impossibile anche avvicinarsi ad esse, al limite si pu credere
di imitare quelle voci angeliche, ma in questo senso imitare significa illudersi.
Sono numerosi nella nostra epoca cantanti sopranisti che riportano e rilanciano il
repertorio seicentesco e settecentesco dei castrati. Ma tale repertorio spesso o
quasi sempre vittima (come giusto che sia), delle continue modificazioni o
di abbassamenti di tono dei spartiti, in quanto per i sopranisti moderni, per quanto
la loro voce sia femminile ed acuta (dovuta a malformazioni congenite alla laringe
o allapparato riproduttivo), sarebbe impossibile arrivare a quegli acuti.
Come gi ho spiegato su questi non stata applicata la castrazione e non verr mai
applicata fortunatamente. Lunica cosa che essi possono fare, assieme anche a
molti soprano donna che si accingono continuamente a studiare le arie barocche,
quella di riproporre il repertorio dei castrati, che il pi bello, il pi minuzioso ed
il pi ricco che sia mai stato composto nella storia della musica. Quella musica
che sarebbe bastata a se stessa e allarte, non aveva bisogno di voci evirate.
Tra laltro queste opere sono le creazioni dei pi grandi compositori e musicisti
mai esistiti, che a mio parere non si vedranno ne ascolteranno pi. Posso provare
una certa tristezza nei confronti dei compositori e musicisti del passato la cui
bravura e il cui stile non ritorneranno mai pi. Oggi si contano davvero sule dita
di una mano i musicisti ed i compositori irripetibili, i veri professionisti che
hanno capito il vero senso della musica e dello studio costante.
Ma non posso provare tristezza per il non ritorno dei castrati. I castrati non
furono dei cantanti, o dei sopranisti o degli attori, o di artisti eccellenti. E se lo
sono stati, fu solo perch privati della loro libert e negati dei loro diritti. Non
furono degli angeli cosi come venivano chiamati, perch possedevano una voce

90

celestiale. Ma furono degli angeli perch bambini innocenti, vittime delle loro
stesse famiglie e di chi avrebbe dovuto volerli pi bene e proteggerli. Bambini
negati della loro crescita per un futuro incerto che non assicurava il successo, il
successo che non sopravvivenza. Si pu essere famosi e tristi allo sesso tempo,
cosi come si pu essere vivi e morti allo stesso tempo. Questo erano i castrati,
uomini ai quali fu negato il diritto, quel diritto che una volta tolto non lo si pu
pi avere. E allora cosa rimase loro? Solamente quella voce, amata e odiata allo
stesso tempo, soltanto la rassegnazione a quel destino, nemmeno lo sfogo di
scagliarsi contro qualcuno o qualcosa. A quei pochissimi che sono riusciti, al
Farinelli, al Senesino, al Pacchierotti, al Ferri, al Caffarelli, al Crescentino, al
Porporino, al Manzoletto riservata la menzione storica, per loro si costruita
una vera e propria epopea artistica.
Ma forse lomaggio pi giusto e pi grande che luomo deve a questi castrati e
alle tante creature innocenti, vittime della Storia, non il ricordo delle loro voci,
ma di aver lasciato linsegnamento pi grande che potevamo mai avere dal
passato, e che abbiamo raggiunto e dobbiamo continuare a

preservare nel

presente, i diritti umani, la libert, lautonomia, linviolabilit della persona.


Poich non esiste niente e nessuno per qualsiasi motivo che sia esso politico,
religioso, economico, sociale, o artistico che possa mai violarli.

91

Bibliografia
Ackermann A.,

Donne violate. Interviste Teatrali


Ricordi, Napoli, 2011

Benedetto M.,

Il teatro alla moda o sia metodo sicuro e facile per ben


comporre ed eseguire le opere italiane in musica
alluso moderno, (a cura di S. Miceli)
Castelvecchi, Roma, 1994, Ediz. originale 1720

Bouvier R.,

Farinelli Chanteur des rois


Albin Michel, Parigi, 1943

Burney C.,

Viaggio musicale in Italia, (a cura di E. Fubini),


Edizioni Torino, Torino 1979, Ediz. originale 1771

Cappelletto S.,

La voce perduta. Vita di Farinelli evirato Cantore


Edizioni Torino, Torino 1995.

Cappelletto S.,

Un astro del belcanto settecentesco Gaetano


Guadagni,
Edizioni Torino, Torino 1993

Caramiello L.,

Homo e trans. Sociologia di un fenomeno globale in


Salvatore Esposito trasmutazioni
Paparo, Napoli, 2009

92

Carella S.,

Elementi fondamentali di teoria musicale


Edizioni Boccia, Salerno, 1977

Celletti R.,

Storia del belcanto


La Nuova Italia, Firenze, 1986

Delfrati C.,

Progetti sonori
Morano editore, Napoli, 1979

DAmico S.,

Storia del teatro drammatico


Garzanti, Milano, 1950

De Angelis A.,

Domenico Mustaf. La cappella Sistina e la


societ musicale Romana
Zanichelli, Bologna 1926

De Angelis A.,

Nella Roma papale il Teatro Alibert o delle Dame


Edizioni Chicca,Tivoli,1951

Della Valle P.,

Discorso sopra la musica antica e moderna, (a cura di


G. Mei), Forni, Roma, 2000, Ediz. originale 1641

Fernandez D.,

Porporino. Ovvero i misteri di Napoli


Colonnese Editore , Napoli, 2008

Ferzetti F.,

Farinelli: Cinema o film


Il Messaggero, 1995

Florimo F.,

La scuola musicale di Napoli e i suoi conservatori


Forni, Bologna 2002.

Fubini E.,

Lestetica musicale. Dallantichit al settecento


Einaudi, Torino, 1976

Gallarati P.,

Musica e maschera. Il libretto italiano nel settecento


edizioni Torino, Torino 1986

93

Levantesi A.,

Dramma della mascolinit perduta scommessa vinta da


Dionisi
La Stampa, 1995

Mancinelli L.,

I fantasmi di Challant
Einaudi, Torino,2004

Mattioli A.,

Il caso della diva che non profeta in patria


La Stampa, 2008

Metastasio P.,

Tutte le opere, (a cura di B. Brunelli),


Mondadori, Milano, 1947, Ediz. originale 1781

Moroni A.,

Il celebre cantante Farinelli alla corte di Parma


Aurea Parma, Parma,1962

Muresu G.,

La parola cantata
Bulzoni, Roma, 1982

Parisotti A.,

30 Arie
Ricordi, Torino, 2004

Persivale M.,

Cecilia Bartoli: rendo onore ai castrati del bel canto


vittime dellarte
Il corriere della sera, 2008

Reinhard W.,

Le revisioni di Metastasio di alcuni drammi e la


musica per melodramma negli anni 50 del 700, in
Metastasio e il mondo musicale
Edizioni Firenze, Firenze 1991

Rondi G.,

La Regina candidata allOscar


Il Tempo, 1995.

Sacchi G.,

Vita del Cavalier don Carlo Broschi detto Farinello, (a

94

cura di A. Abbate), Edizioni Venezia, Venezia, 1994,


Ediz. originale 1784

Tosi P.,

Opinioni dei Cantori Antichi e Moderni, (A cura di L.


Leonesi), Forni, Bologna, 1997, Ediz. originale 1723

Uberti G.,

Contrasto Musico, (a cura di G. Rostirolla),


Forni, Bologna 1997, Ediz. originale 1630

Vaccay.,

Vaccay. Metodo pratico di canto, (a cura di E.


Battaglia), Ricordi, Torino,1999, Ediz. originale 1883

Vitali C.,

La solitudine amica. Lettere di Carlo Broschi al Conte


Siconio Pepoli,
Sellerio, Palermo , 1992

Zapperi A.,

Broschi Carlo e Broschi Riccardo


Edizioni Roma, Roma, 1972

95

Siti consultati
http://www.treccani.it/enciclopedia/castrazione_%28Universo_del_Corpo%29/
http://www.treccani.it/enciclopedia/eunuco_%28Universo-del-Corpo%29/
http://www.treccani.it/scuola/dossier/2010/Librettistica/2_badolato_600.html
http://www.haendel.it/interpreti/old/farinelli.htm
http://www.ilgiornale.it/cultura/sopranisti_transgender_belcanto/14-062007/articolo-id=185671-page=0-comments=1

96