Sei sulla pagina 1di 1

GIOVED 16 APRILE 2015 MESSAGGERO VENETO

Cronaca di Udine

25

sicurezza nelle scuole

LOnu adotta il metodo ideato dallAteneo

Da sinistra Malisan e Grimaz (di Sprint),


Torres e Makarigakis (dellUnesco)

Accordo nel campo della sicurezza globale delle scuole tra


Universit di Udine e Organizzazione delle Nazioni Unite per
leducazione, la scienza e la cultura. La partnership riguarda
ladozione da parte dellUnesco
del metodo di analisi dei rischi
di disastro e di individuazione
delle strategie di miglioramento
delle condizioni di sicurezza, denominato Visus (http://sprint.

uniud.it/ricerca/metodologie/
visus), messo a punto dal laboratorio Sicurezza e protezione
intersettoriale (Sprint) dellateneo. La metodologia consente
di individuare e classificare rapidamente la situazione di rischio
sismico, da alluvioni, incendi
e tornado in termini di problemi riscontrati e di necessit di
intervento, nonch di formulare una prima stima dei costi.

Matrimoni gay
da Roma nuovo ok
alle trascrizioni
di Laura Pigani
Nessun abuso dufficio nella trascrizione dei matrimoni omosex
contratti allestero. La conferma
arriva dalla Procura di Roma,
che ha archiviato il caso, dichiarando che il sindaco Ignazio Marino non ha commesso alcun illecito nel registrare allanagrafe
le unioni gay e confermando (come aveva fatto il Tar) che non
spetta alle prefetture intervenire
dufficio nella cancellazione delle trascrizioni. E trova quindi
conferma anche la correttezza
della linea seguita dal sindaco di
Udine Furio Honsell, che ha trascritto nel registro dellanagrafe
cittadina il matrimonio di Adele
Palmeri e Ingrid Owens.
I primi cittadini di Udine e
Pordenone sono stati coraggiosi
e lungimiranti sottolinea Giacomo Deperu, presidente di Arcigay Friuli e per questo dovrebbero ricevere le scuse di chi
li ha denigrati, mettendo in dubbio la seriert del loro operato.
In molte occasioni, infatti, sono
stati attaccati, anche dalla stessa
maggioranza. Situazioni, in realt, ribadisce Deperu, nate a
causa di un grande vuoto normativo, che il Parlamento dovrebbe colmare.
Di questo convinto anche
Honsell, che vede responsabili
i vari Governi che si sono avvicendati e non hanno garantito
pari opportunit a tutte le coppie, sia quelle con diverso orientamento sessuale, sia quelle di
fatto. Il sindaco si fa forte di
quanto stabilito dal diritto internazionale e ritiene che le
due donne che si sono sposate
allestero hanno diritto alla
pubblicit della loro unione.

C stato un abuso di potere da


parte del Ministero continua
Honsell , non si pu cancellare
la registrazione delle unioni
omosessuali come atto dimperio. Piuttosto, si faccia ricorso al
tribunale. Poi, soffermandosi
sul concetto di famiglia, il sindaco sottolinea come sia paradossale che, in unepoca dove
ci si lamenta della perdita del valore della famiglia, le coppie
omosex sono in realt quelle che
credono di pi nella loro unione. Il fatto di renderla pubblica
un atto di forte responsabilit e
va riconosciuto. Anzi, secondo
Honsell il concetto di famiglia,
nel 21 secolo, passa anche attraverso il bisogno di famiglia di
queste persone. Esattamente come avviene in Slovenia, Gran
Bretagna o nei Paesi nordici.
Sulla decisione del pm romano Felici, interviene anche il deputato friulano Gian Luigi Gigli
del gruppo parlamentare Per
lItalia-Cd: Possiamo anche essere daccordo sulle motivazioni. Resta il fatto che le scenografiche, finte celebrazioni capitoline e quelle pi sobrie di Udine e
di altre citt hanno determinato
situazioni illegittime, come pi
volte ribadito dal Governo e ammesso dal Tar del Lazio. Dunque, non si capisce su cosa lArcigay pretenda le scuse. Piuttosto continua Gigli , assodato
che non sono i prefetti a poter
annullare le trascrizioni, il caso
di chiedersi se non debbano essere procuratori e tribunali ad attivarsi autonomamente di fronte a una notizia di illecito nei registri dello stato civile e se il non
farlo possa configurare una
omissione di atti di ufficio.
RIPRODUZIONERISERVATA

Iscrizioni alla app del Comune


C tempo fino al 22 aprile
Sono tanti i moduli che ristoratori ed esercenti hanno compilato finora affinch il proprio locale sia inserito nella nuova App
citt di Udine. Un successo che
ha spinto il Comune di Udine a
prorogare la scadenza per la
compilazione dei moduli. C
dunque tempo fino a mercoled
22 aprile, e non pi fino a venerd 17.
Allinterno della nuova applicazione per smartphone (a breve messa on line per essere scaricata facilmente), infatti, oltre a
tantissime notizie e informazioni utili a turisti e udinesi, ci sar
anche una parte esplicitamente

dedicata al food and drink (per


avere informazioni su dove andare a cena, fasce di prezzo, orari di apertura). Grazie anche alla
collaborazione con Confcommercio, il Comune ha quindi invitato i titolari degli esercizi pubblici a compilare il modulo online che si trova sulla home page
del sito del Comune (www.comune.udine.it) per inserire il
proprio nominativo. Possono essere utilizzate anche le postazioni internet presenti nelle circoscrizioni cittadine. Per maggiori
informazioni, si pu contattare
gli uffici Servizi informativi e telematici del Comune o via email

( app@comune.udine.it) o al numero 0432-271006 dal luned al


venerd dalle 9 alle 12. Lapplicazione un progetto realizzato da
InfoFactory, spinoff delluniversit di Udine incubata al Parco
scientifico e tecnologico Luigi
Danieli, con il contributo del
Servizio sistemi informativi e telematici. Una App spiega lassessore allInnovazione, Gabriele Giacomini concepita come
un hub, una piattaforma integrata di informazioni sulla citt.
Ospiter non solo informazioni
e servizi del Comune, ma anche
dei partner di progetto come
Net, Saf, Ssm, Turismo Fvg.