Sei sulla pagina 1di 10

numero 6 Lunedì 6 Luglio 2009

campionato italiano minialtura


In questo numero…
• A Proposito di… p. 1-3 Nella splendida cornice del
• L’Intervista p. 3 golfo di Pozzuoli, sull’isola di
Nisida, si è svolto dal 18 al
• Sentite in banchi- p. 8-9
21 giugno il Campionato Ita-
na liano Minialtura 2009, orga-
nizzato dalla Sezione Velica
Short News! dell'Accademia Aeronautica,
1 – 3 agosto dalla Lega Navale Italiana
Fiumicino/Ventotene, sezione di Pozzuoli, e dal Na-
Cartago Dilecta Est ples Nato Yacht Club.
www.carthago-cup.com
iscrizioni entro il 15 luglio
Quattro intensi giorni di re-
gate che hanno visto la par- Sparviero
9 – 14 agosto Rolex tecipazione di 25 imbarcazio-
Fastnet Race Cowes – ni, per il primo anno anche i Mete- ci siamo attivati per realizzare
Plymouth, Gran Bretagna or si affacciano con un buon e- questa manifestazione e ritengo
www.regattanews.com sca-
denza 23 luglio
sordio nel circuito minialtura: ri- con buoni risultati a detta di tut-
chiedendo ed ottenendo dall’UVAI ti i circoli che sono pervenuti.
16-23 agosto Palermo un certificato “one designe” valido L’anno scorso abbiamo gareggia-
Montecarlo per la classe, al fine di rimanere to per 17 barche e quest’anno ne
www.palermo- pari tra loro, e registrano un 10° abbiamo registrate 25, quindi
montecarlo.it
iscrizioni entro il 31 luglio
posto. incremento significativo che sta
Grande la soddisfazione da parte ad indicare come, evidentemen-
23 – 29 agosto Gaeta, degli organizzatori così espressa te, gli iscritti hanno previsto una
Italiano Assoluto ORCi dalle parole del Maggiore Fran- buona ospitalità da parte nostra.
cesco Ospite, Direttore Sporti- L’attività di vela è, per i nostri
6 – 12 settembre Maxi
Yacht Rolex Cup Porto
vo della manifestazione: allievi piloti, un’attività comple-
Cervo Bretagna “Questo campionato italiano mi- mentare svolta soprattutto per
www.regattanews.com nialtura di vela 2009 è nato dalla potenziare le loro capacità condi-
vittoria della nostra imbarcazio- zionali. Con la venuta del gene-
7 - 13 settembre ne l‘anno scorso nelle acque di rale Marsiglia questa attività è
Barcellona,
IRC MED CHALLENGE,
Santa Marinella vicino Roma, divenuta quasi principale dal
Mediterranean l’equipaggio è formato da militari punto di vista addestrativo e non
Commodore's Cup dell’Accademia Aeronautica sulla di efficienza fisica: è un’attività
www.uncl.com barca che si chiama Sparviero. che aumenta lo spirito di gruppo
iscrizioni entro il 31 luglio La federazione ha inteso come di e la capacità di fare squadra, la
18-27 settembre Trieste,
diritto chiedere se eravamo in- possibilità quindi di ottenere un
Settimana Velica Adriaco tenzionati ad organizzare questo buon risultato attraverso il
http://www.ycadriaco.it/ campionato. contributo di ognuno.
index.php?regate Noi non abbiamo mai organizza- continua a pag.2
to campionati velici e quest’anno
1
A proposito di...
Campionato Italiano Minialtura
c o n t r i b u t o premiazione Blu Moon Econova Minialtura e commentata da Guglielmo Giorda-
di ognuno. per poi formare no, Tattico di Break Wind:
Su invito del degli equipaggi “Le condizioni del vento sono state
generale che porterò al bellissime, abbiamo avuto un vento
Marsiglia trofeo accade- intorno ai 10 nodi per tutte le prove;
abbiamo mico Città di soltanto durante l’ultima c’è stato
implementa- Livorno come un po’ più di vento, intorno ai 12 –
to sia la flot- loro allenatore. 14 nodi e il poco vento in più ci ha
tiglia, da 2 Speriamo poi avvantaggiato perché il nostro JPH
siamo pas- ci sia la possi- viaggia bene con queste condizioni.
sati a 4 J24, bilità di con- Ma è anche ovviamente merito no-
sia il nume- correre appun- stro: siamo stati bravi!
ro di allievi to nel 2010 sul Le regate sono state abbastanza fa-
che si sono Garda.” cili, il vento era termico, quasi sem-
appassionati Proprio dal La- pre il bordo era a destra ed è stato
a questo sport. Con l’istruttore go di Garda e più esattamente da abbastanza facile non abbiamo fatto
Chiattelli, appositamente fatto tra- Gargnano, proviene il secondo classi- niente di particolare.
sferire qui dal Centro Velico ficato, L’Ufo 22 Blu Moon Econova, Una bella soddisfazione: abbiamo
dell’Aeronautica Militare di Roma, con il simpaticissimo armatore Gior- fatto quasi tutti primi, 5 primi un
siamo riusciti a portare ad buon gio Zorzi che così ha commentato il secondo e un 4 di oggi che scartia-
livello un congruo numero di allievi. proprio posizionamento: mo. Temevamo molto il J24
Da qui nasce la partecipazione a “Purtroppo non sono stato bene e, dell’Aeronautica Militare Sparviero,
questo torneo che, comunque vada non sentendomi in grado di timona- campione in carica minialtura, che
tecnicamente sarà un successo poi- re il primo giorno di regata, ho la- però con poco vento non aveva pos-
ché, dal punto di vista organizzativo sciato la barra. E’comunque andata sibilità di vincere.”
riteniamo di aver dato il massimo.” benone e siamo molto soddisfatti. Tra i protagonisti della manifestazio-
Il J24 dell’Aeronautica Militare Spar- L’organizzazione è stata splendida: ne anche il nuovo Comet 21, Caim-
viero, campione in carica 2008 è arri- tutti sono molto ospitali e ci siamo mafà!, appena varato , del progetti-
vato in questo campionato al terzo divertiti. Le condizioni del mare so- sta napoletano Sergio Luppoli, che è
posto. Nonostante non sia riuscito a no state favorevoli per tre giorni e riuscito a rimanere nel gruppo dei
bissare il successo dello scorso anno dunque non potevamo davvero spe- migliori nonostante un inizio stenta-
ha regalato grande soddisfazione, rare di più! to. Il nuovo Comet armato da Massi-
sia al giovanissimo equipaggio, sia Noi veniamo dal lago di Garda, da mo Guardigli, con al timone Dario
al Maggiore Federico Chiattelli, Gargnano per la precisione, circolo Desiderio, campione Nazionale Me-
timoniere di Sparviero nonché loro realizzatore del teor, si è
allenatore dell’Accademia Aeronauti- +39 della Cop- guadagnato
ca: pa America. un meritatis-
“L’anno scorso è stata una sorpresa Abbiamo in s i m o
vincere il campionato con il J24: in programma per 11esimo po-
13 anni di Minialtura infatti è stata il prossimo fu- sto. Abbiamo
la prima volta che un J24 vinceva. turo un calen- parlato del
La vittoria è stata quindi per noi dario molto ric- progetto pro-
grande motivo di lustro. Abbiamo co: l’Europeo, e prio con Da-
avuto poi l’onore di poter organizza- poi a settem- rio Desiderio:
re il campionato qui da noi; erava- bre, l’Italiano a “La barca è
mo in lizza con Riva del Garda, dove Cattolica; di molto pro-
quindi si disputerà l’anno prossimo. seguito la 100 mettente, ha
Rispetto all’anno scorso c’è stato un miglia sul Gar- Caimmafà! un grosso
po’ meno vento e dunque siamo sta- da e a ottobre potenziale
ti un po’ svantaggiati rispetto alle spero di essere ai mondiali parao- che sarà espresso pienamente sol-
altre due barche che sono più legge- limpici ad Atene. tanto dopo un lungo lavoro di mes-
re: siamo andati infatti molto bene Inoltre collaboro con l’associazione sa a punto e ottimizzazione: Caim-
nella seconda prova in cui siamo Leepul e sono loro testimonial.” mafà! è un prototipo ed è stata va-
arrivati primi ed in quella di oggi rata solo la notte precedente il cam-
con vento più forte. Vincitore indiscusso della manifesta- pionato che nemmeno era tra i no-
La vela per l’Accademia Aeronautica zione il Platu 25 Break Wind, di Ugo stri programmi! Avendolo in casa
è un’attività istituzionale per gli al- Giordano, che con più di 10 punti di abbiamo poi deciso di far competere
lievi quindi in estate faremo corsi di distacco si è aggiudicato il titolo di la barca in via del tutto sperimenta-
vela, per ricominciare a ottobre con Campione Italiano Minialtura 2009. le. C’è ancora molto lavoro da fare,
il campionato invernale di La vittoria è stata così commentata ad esempio, mettere a punto
2
il piano di deriva e tutto il piano ve- vede su barche molto più importanti Caimmafà! poiché l’obbiettivo è
lico… insomma la strada è ancora e grandi, da regate oceaniche e di quello di dar vita ad una classe mo-
lunga ma promettente: siamo soddi- altura; dare la possibilità ad arma- notipo. C’è molto interesse da que-
sfatti perché partiamo, tutto som- tori, diciamo così, di circolo di avere sto punto di vista non solo a Napoli
mato, già da un buon punto. tali soluzioni innovative sperimenta- ma anche sull’Adriatico ed un pò
Caimmafà! presenta caratteristiche te solitamente su barche più presti- più a nord. Dunque per il momento
totalmente innovative: dal piano di giose anche dal punto di vista eco- prevediamo un lungo lavoro di otti-
deriva particolare, praticamente un nomico, è tanto e aumenta senza mizzazione dopodiché, una volta
profilo Naca molto estremo, al siluro dubbio l’impegno tecnico ma anche soddisfatti, vedremo cosa mettere in
profondo quasi da Coppa America, il divertimento del team. agenda di interessante!”
dalla randa completamente steccata Per il futuro più prossimo è previsto
all’albero rotante che permette una un grande lavoro di messa a punto
serie maggiore di efficienze aerodi- per cui ci ritireremo a lavorare nel
namiche sulle vele. Quest’ultimo “retrobottega” e testeremo, inoltre,
soprattutto è un elemento che si anche le due barche gemelle di

Pippo Dalla Vecchia


L’intervista Presidente del Real Yacht Club Canottieri Savoia
Il Trofeo Banca Aletti quest’anno è punto tale che
stato un vero successo con il record quest’anno è come se si
di 28 partecipanti effettivi e fosse realizzata piena-
l’inserimento, per il primo anno, tra mente la visione del ci-
le tappe del Circuito del Mediterrane- nese che sulla sponda
o Occidentale. Quando e come è nata del fiume, dopo una lun-
questa manifestazione e, soprattutto, ga attesa, vede finalmen-
qual è il segreto del suo successo? te passare il cadavere del
suo avversario… Altra
Fino all’anno scorso c’era soltanto grande difficoltà supera-
un circuito italiano per le vele ta è stata l’enorme resi-
d’epoca che prevedeva eventi in Ita- stenza dell’Associazione
lia, qualcuno in Francia ed uno a Italiana Vele d’Epoca
Foto di Francesco Rastrelli © 2009”
Minorca, sotto l’alta protezione an- che, sostenuta da Pane-
che economica delle Officine Pane- rai, ci siamo trovati sempre contro. permesso di arrivare ad un succes-
rai. Noi come circolo abbiamo, qual- Dopo anni di controversie abbiamo so simile è stato l’aver capito che un
che anno fa, pensato di organizzare finalmente ottenuto il contatto di- partner come la Marina avrebbe no-
una manifestazione sportiva legata retto con i soci dell’AIDE e così il bilitato ancor più l’evento poiché si
alle vele d’epoca qui a Napoli, dove raduno è cresciuto al punto tale che tratta di un corpo militare che ha
mai nessuno aveva pensato di occu- molti degli armatori giunti a Napoli un peso enorme nella storia d’Italia
parsene, e ci trovammo di fronte al per la prima volta si sono sincera- dal punto di vista culturale, storico,
dilemma: entrare a far parte del Cir- mente pentiti di non aver preso par- politico.
cuito Panerai oppure no? Da parte te alla manifestazione anche in pre- La Marina accettò la proposta e, dal
mia capii subito che entrando nel cedenza. E’, infatti, difficile trovare 2005, il raduno è organizzato dal
Circuito ci sarebbe stato il rischio un raduno paragonabile a questo: Circolo Savoia e dalla Sezione Velica
che il circolo risultasse praticamen- ospitalità eccezionale a zero costi, dello stato maggiore della Marina
te “asservito” alle Officine. Per evita- eventi, happy hour, open bar, serate Militare. La Marina ci invia le sue
re ciò, ho sempre rifiutato il loro danzanti, cene di gala, premi barche: quest’anno sono tre, l’anno
sostegno nonostante tutti i miei a- d’argento strepitosi, un’accoglienza prossimo saranno cinque… è un po’
mici e collaboratori mi ritenessero, dove per la prima volta si realizza il come se fosse il loro raduno… par-
per questo, un pazzo. Nel 2005 ab- sogno dell’armatore, cioè scendere tecipano ovviamente anche ad altre
biamo trovato la Banca Aletti, ema- dalla barca e trovarsi praticamente regate, ma questa è quella a cui ten-
nazione della Banca Popolare di No- nel circolo! gono di più!
vara con sede a Milano, che ha pen- Sono convinto che l’anno venturo Sono molti comunque gli armatori
sato bene di inserirsi in questo gio- dovremmo cominciare a rifiutare che preferiscono partecipare al ra-
co delle vele d’epoca sfruttando delle iscrizioni perché non abbiamo duno napoletano: adesso sanno di
l’esperienza, l’anzianità e molto spazio a disposizione: siste- saper scegliere e poter scegliere… ci
l’aristocrazia velica del Circolo Sa- miamo 30 barche con enormi diffi- abbiamo messo sei anni per rag-
voia; dunque ci siamo incontrati, coltà e, proprio facendo uno sforzo, giungere questo risultato!
piaciuti e, infine, uniti con succes- potremmo arrivare a 40 barche.
so. Il binomio ha funzionato e ha Penso però che l’anno prossimo a- Il Circolo Savoia è, dal punto di vista
fatto si che questo raduno, comin- vremo più di 40 richieste di parteci- organizzativo e agonistico, attivissi-
ciato con molte difficoltà perché gli pazione poichè questa rimane mo. Quali sono le attività previste per
armatori di vele d’epoca, in un pri- l’unica manifestazione, valida per il prossimo anno?
mo momento, prediligevano ancora l’aggiudicazione del titolo di Cam-
il Circuito Panerai, divenisse un pione del Mediterraneo, rimasta sul Per quanto riguarda le Vele d’Epoca
successo assoluto. Abbiamo comin- continente in quanto l’altro raduno ci ritroveremo come di consueto
ciato con poche barche iscritte e è a Porto Rotondo. l’ultima settimana di giugno
piano piano siamo cresciuti al Altro elemento importante che ha dell’anno prossimo.
3
Da qui all’inizio dell’autunno conti- durare nel tempo
nuerà l’attività della scuola vela e poiché, anche se
parteciperemo ad un’intensa attività i problemi per
agonistica fuori casa: Campionati far sì che conti-
del mondo ed europei Optimist, nuino a vivere
Campionati del mondo ed europei sono tantissimi,
della classe 420. preferiamo af-
Stiamo inoltre definendo i program- frontarli e risol-
mi per il prossimo anno per cui ab- verli e non sem-
biamo chiesto di ospitare i campio- plicemente elimi-
nati del mondo X40. nare la causa
Proprio oggi l’assemblea degli arma- delle difficoltà
tori prenderà la decisione che ci ri- alla radice. Le
guarda. istituzioni citta-
Nel 2010 ritroveremo inoltre gli ap- dine purtroppo
puntamenti fissi del circolo: il Trofe- in ciò non aiuta-
o Campobasso, le regate che si svol- no e sembrano
gono tra Natale e Capodanno, la addirittura non
Coppa Aloy, la Coppa Fritz Gianni- essere interessa-
ni, la Coppa Alisio per i Dinghy te… I nostri e-
classici di legno..dunque molta car- venti sono in
ne a cuocere, non regatine sociali grado di portare
ma eventi per essere presenti nella a Napoli 300
vela che conta, italiana e mondiale persone ma dalla
Il trofeo Campobasso per esempio è c i t t à ,
un evento di portata internazionale provincia o re-
che, giunto alla XVI edizione con gione neanche
diciannove nazioni coinvolte, riscuo- un riconosci-
te talmente tanto successo che sia- mento, e non
mo costretti a limitare le iscrizioni, intendo sul pia-
cosa che facciamo a malincuore poi- no economico,
ché è difficile rifiutare l’invito a ra- ma semplice-
gazzi così giovani di tutto il mondo il mente formale! Nonostante ciò mi poi tanto corrispondente al vero.
cui sogno è parteciparvi! piace pensare che quando i nostri
La prossima sarà la diciassettesima ospiti lasciano Napoli ripartono con
edizione! Tutte le nostre manifesta- il dubbio che tutto ciò che di brutto
zioni hanno la cocciutaggine di si vede e si sente della città non sia

Classici maggiori di
15 metri, che hanno
Le Vele D’Epoca a Napoli ottenuto i migliori
piazzamenti durante
Trofeo Banca Aletti 2009 tutta la settimana.
Così commentati da
Quattro splendidi giorni di sole, Bruno Puzone Biful-
vento che ha oscillato dai 15 nodi co, Capitano di Va-
del primo giorno al 10-12 degli ulti- scello: “Io dirigo tutte
mi, con mare sempre calmo, insom- e due le barche, sia-
ma uno scenario ideale per la sesta mo sempre in testa è
edizione delle Vele d’Epoca a Napoli, una bella soddisfazio-
manifestazione voluta con grande ne.
forza e tenacia da Pippo Dalla Vec- Foto di Francesco Rastrelli © 2009” Nel complessivo Cha-
chia, presidente del Reale Yacht plin è la punta di dia-
Club Savoia. cutter Marconi del 1931. Una barca mante della barche d’epoca della
28 barche che per 4 giorni si sono che 80 anni fa partecipava al Fasnet marina militare.
date battaglia nel golfo di Napoli e che oggi con le condizioni di vento In più ci è stata regalata dalla fami-
incantando pubblico e passanti con giuste può ancora volare. Arrivata glia Novi un anno fa e sta diventan-
la loro eleganza e maestosità. seconda nella categoria Barche do molto napoletana, resterà infatti
Amessi alla competizione erano gli D’epoca maggiori di 15 metri. a Napoli con equipaggio mezzo sici-
Yacht in legno o in metallo, d’Epoca E poi ancora Javelin, un 24 metri liano mezzo napoletano. Ho deciso
quelli con anno di varo anteriore al progettato da Arthur Edward Payne, di riportarla a Napoli perchè così
1950 e Classici, quelli con anno di varato nel 1897, terza arrivata subi- pote va sic ura me nte riv ede re
varo anteriore al 1976. Ed ecco allo- to dopo Patience. l’antichità in mezzo alle barche
ra che si sono viste le regine del ma- Ma le dominatrici assolute di questa d’epoca. I ragazzi poi la stanno por-
re come Patience, progettata da edizione sono state le due belle bar- tando molto bene, è una barca che
Charles Nicholson e appartenente che della Marina Militare, Chaplin e se ben portata può ancora regatare
alla famiglia Falchetti che ha curato Stella Polare, prime e seconda ri- e vincere. Chaplin sta facendo non
il restauro di questo splendido spettivamente nella categoria Yacht solo Napoli ma tutto il circuito del

4
trofeo Panerai e Aive, ha vinto ad e il segreto della Brindisi Corfù: il
Aiaccio, ad Antibes, La Spezia, Mar- suo essere una via di mezzo fra la Le Classifiche
ciana Marina e adesso vediamo il Coppa America e la Barcolana, dove
finale qui a Napoli. Si fermerà due c’è spazio per chi sulla sua barca XXIV Regata Intenazionale
mesi e ripartirà con Porto Rotondo, carica tre casse di vino, e chi invece
Montecarlo, Monaco, Cannes, Saint raziona l’acqua e rinuncia pure alle Brindisi –Corfù
Tropez. dotazioni di sicurezza (si, ci sono, Classifica Overall
Se a fine di tutte le regate manterrà credetemi sulla parola). Tutti trova-
la testa come fatto fin ora vincerà no una ragione per esserci e parte-
sia il trofeo AIVE che il trofeo Pane- cipare, o competere, e questo fa del- -1° Classificato Gaios di Amoroso –
rai.” la manifestazione un’autentica festa De Vanna
Terza della categoria Bufeo Blanco, per quelli che amano la vela.
la barca del Reale Yacht Club Ca- Reduci da due edizioni terminate
-2° Classificato Spirit of Red Mullet di
nottieri Savoia. mestamente a motore acceso, siamo
così partiti con l’ambizione di classi- Massimiliano Rella
Il prestigioso Trofeo Banca Aletti, va ficarci e magari fare una discreta
alla barca con miglior tempo in rea- figura. Forti di uno skipper agguer-
-3° Classificato 10 Yearsfather di
le nell’arco di tutte le prove e rito, il grande Jerry Capozza di On-
quest’anno è stato conquistato dallo dabuena, abbiamo quindi affrontato Durovic Aleusandar
Sloop Marconi Peter di Claudio Me- le procedure di partenza in modo
alli, progettato da Jarv Lindblom, combattivo riuscendo a conquistare Per le altre classifiche
varato nel 1939, con 6 ore e 36 mi- una buona posizione in boa, e pur
nuti che ha preceduto di ¼ d’ora dando acqua a un po’ di barche do- www.brindisi-corfu.it
Chaplin. po la virata, con un buon passo sia-
mo riusciti a sfilare il grosso degli gennaker, e pur con un’andatura di
Una manifestazione che ha regalato equipaggi uscendo così dal porto in soli due o tre nodi abbiamo comun-
alla città grandi emozioni e che si è una discreta posizione. Altra cosa que navigato fino alle due di notte,
conclusa domenica con la parata di rispetto alle precedenti edizioni, quando è entrato deciso il maestra-
tutte queste splendide barche. quando somigliavamo un po’ ai ca- le, con diciotto, venti nodi e raffiche
rabinieri che battono le piste da sci fino a venticinque. Lì è iniziata la
Brindisi – Corfù alla chiusura degli impianti. Supe- parte più entusiasmante della rega-
di Corrado Agusto rato il trombillo, con un vento che ta, con Comegira a surfare sulle on-
sembrava spirava giusto da Corfù, de per quattro ore, mai scendendo
le barche si sono separate secondo sotto i nove nodi, con punte di velo-
La XXIV edizione della regata Brin-
mura, con alcuni a puntare dritto cità fino a oltre 11. Una notte indi-
disi Corfù ha avuto inizio in una
verso l’Albania, e altri invece a scen- menticabile: per la prima volta in
splendida giornata dal sapore estivo
dere lungo la costa brindisina, qua- tre partecipazioni abbiamo sentito
con oltre trenta gradi di temperatu-
si come una classica regata a basto- di far parte della regata, di poter
ra e vento leggero da E SE con pre-
ne. Dopo aver febbrilmente consul- competere con gli altri, che final-
visione di entrata di un deciso ven-
tato le previsioni meteo di ogni sito mente saremmo arrivati almeno a
to di maestrale nel corso della notte.
del pianeta, abbiamo scelto di rima- vedere il nostro nome nell’ordine
La barca giuria ha iniziato le proce-
nere sotto costa, ci siamo messi d’arrivo! (Personalmente, ore e ore
dure di partenza poco dopo le 13
mure a sinistra e abbiamo comin- passate a pompare al gennaker,
per i Maxi-yacht, quindi subito a
ciato a rincorrerci con la ciminiera contento come un bambino alle gio-
seguire per tutti noi altri “umani”
di Cerano, fedele compagna di viag- stre). Ma la parte più difficile della
con una boa molto più favorevole
gio per tutto il primo tratto della regata doveva ancora arrivare. Con
della barca giuria. Questo solo per
regata. il sole ormai sorto dietro i monti
l’ufficialità delle cose, perché in re-
Abbiamo cominciato così a misurare dell’Albania, ci siamo ritrovati verso
altà la regata è cominciata per il no-
la capacità della nostra barca misu- le sei del mattino al centro
stro equipaggio molto tempo prima.
rando il nostro passo di bolina, e dell’imboccatura del canale verso
Per me da almeno sei mesi, almeno
quello della nostra fame, spedendo Kassiopi, a sole sette otto miglia
da quando ho programmato turni di
due membri dell’equipaggio a prepa- dall’arrivo in un improvviso buco di
lavoro e ferie per essere certo di po-
rare i primi panini della giornata. vento. Dall’Albania fino alla costa di
tervi partecipare, per la terza volta.
Perché sia chiaro, per noi un panino Corfù una ventina di barche sono
Ed è proseguita nelle settimane se-
con salame e formaggio val bene un con la nostra dispiegate lungo il
guenti, quando finalmente è arriva-
po’ di assetto...e non sapevamo an- canale alla ricerca disperata di un
ta la barca, la NOSTRA barca, un
cora che sarebbero stati gli ultimi! refolo che le faccia avanzare verso
Bavaria 38 chiamato “Comegira”, e
Con un vento che cominciava a ca- l’arrivo. Una strambata interminabi-
abbiamo cominciato ad amarla, e ad
lare, senza però mutare direzione, le, a un nodo scarso di velocità, si
armarla con l’obiettivo di fare una
all’altezza del parco eolico di Tor- rivelerà provvidenziale: riusciremo a
discreta figura, e culminata con
chiarolo abbiamo deciso di virare, muoverci verso la costa di Corfù e a
l’arrivo in banchina a Brindisi la
con l’idea di scommettere sul mae- trovare un po’ d’aria prima di tanti
sera precedente, con una cambusa
strale in arrivo per puntare Kassiopi altri, ancora “infognati” dietro di
degna di croceristi, più che di rega-
dal centro del canale d’Otranto. noi. A dritta e davanti a noi, venia-
tanti, ma con un entusiasmo e
Scelta che,probabilmente, si rivelerà mo sfilati però dalle barche più vici-
l’infantile felicità che solo gli hobby
azzeccata. ne a Corfù: sotto costa c’è più aria,
coltivati dopo i quarant’anni d’età
Appena il vento ha cominciato a gi- e chi è risalito da Otranto sotto Fa-
possono regalare.
rare verso destra, abbiamo issato il nò se ne avvantaggia rispetto a noi.
E questi se vogliamo sono la magia
5
Stremati dalla fatica, e cotti dal sole
che ci picchia forte in faccia, chiu- Giraglia Rolex Cup
diamo la regata alle 10:40 ora di
Corfù, spinti da un maestrale che Si è svolta dal 14 al 20 giugno da commentato l’evento “è sempre diffi-
nel canale di nuovo spira con forza Saint Tropez a Genova la Giraglia cile arrivare a Genova, ma abbiamo
dietro di noi. Le urla di concitazione Rolex Cup, una regata tra le più at- deciso di dirigerci sotto costa al lar-
diventano improvvisamente hurrà di tese e amate, giunta quest’anno alla go di Portofino e ci è andata bene.”
gioia, e le nostre facce segnate dalla 57esima edizione. Per una settima- Il Trofeo Beppe Croce assegnato alla
stanchezza e dalla tensione possono na le barche iscritte si sono dispu- prima barca a doppiare la Giraglia è
finalmente sciogliersi nel sorriso di tate l’ambito trofeo tra le acque di stato assegnato a Group Bel, l’Open
chi sa di aver fatto tutto quello che Saint Tropez e del golfo di Genova: 60 di Kito De Pavant.
poteva, e forse di più. la Giraglia, infatti, prevede, nell’arco Per la Categoria ORC primo classifi-
Scopriremo presto di esserci classi- di una cato Ove-
ficati al ventisettesimo posto in settima- rall è Au-
“reale”, pur superati nelle ultime na, 3 rora di Pa-
due miglia da almeno sei barche, giorni di olo Bono-
fino ad allora dietro di noi. regate su mo e Ro-
Noni nella classifica compensata, boe nel berto Ber-
terzi nella categoria holiday, e se- golfo di ruto che
condi nella Bavaria cup, secondi S a i n t così hanno
con Ondabuena nella graduatoria Tropez e commen-
dei circoli velici, in più ci aspettano dal 4 tato: “E'
ancora due giorni a Corfù di auten- giorno, la un equi-
tica vacanza, di divertimento, di ri- vera è paggio di
sate, di grandi bevute, e alla fine propria non pro-
saremo pure premiati: che si può Giraglia, Photo by: Rolex / Carlo Borlenghi fessionisti,
volere di più dalla vita? regata sono ama-
lunga 243 miglia nautiche che pren- tori, ma con grande esperienza, 30-
de il nome dall’isolotto al nord della 35 anni… un po' vecchiotti ma tutti
Corsica che i concorrenti devono animati da grande passione. È una
doppiare una volta partiti dallo sto- barca che si comporta molto bene,
Le Classifiche rico porto di Saint Tropez prima di non è al top della linea ma final-
arrivare a Genova. mente abbiamo ottenuto un buon
-Risultati Overall della Giraglia Rolex Il suggestivo isolotto, monumento risultato. È un Canard 41, ogni an-
Cup ufficiale francese e importante pun- no lo aggiorniamo e l'anno scorso
to di riferimento per tutte le imbar- abbiamo sostituito chiglia e timo-
Vincitore dei Line Honours cazioni che migrano da una costa ne.”
Alegre (Andres Soriano) all’altra della Corsica e dal Mediter- Roberto Berruto ha aggiunto:
Tempo di percorrenza: 36 ore 58 raneo al Tirreno, è situato un miglio “amiamo la Girgalia, abbiamo parte-
minuti e 45 secondi e mezzo a nord-est del minuscolo cipato a quasi tutte le edizioni sin
porto di Tollare, si erge 60 metri so- dal 1986; nel 2006 ci siamo piazzati
-Risultati Overall della Giraglia Race pra il livello del mare ed è costante- secondi, poi ci siamo presi un anno
di 243 miglia (tempo compensato mente esposto a venti provenienti di sosta. Quando siamo tornati nel
IRC) da ogni direzione 2008 ci siamo piazzati di nuovo se-
1. Calima - Javier Pujol (ESP) - S&S Diversi i premi previsti ogni anno condi! È una regata lunga, quindi
43 - 48:48:22 per i vincitori, il Rolex Trophy e il devi mantenere la calma e non per-
René Levainville Trophy sono andati dere la concentrazione. È molto
ad Alegre di Andres Soriano, primo competitiva, ma ci vuole anche un
2. Genapi - Jean Luc Boixel (FRA) - po' di fortuna.”
in tempo reale.
Swan 42 - 49:22:00
Vincitore Overall nella categoria più Infine il Trofeo Challenge Nucci No-
numerosa, la IRC, è stato Calima di vi, destinato al vincitore della com-
3. White Goose - Mauro Pelaschier Javier Pujol, alla sua settima Gira- binata i tre giorni di regate inshore
(ITA) - Arya 415 - 50:39:01 glia sempre con ottimi piazzamenti: a St. Tropez e la Giraglia Race da
è stata la 60esima barca a doppiare St. Tropez a Genova, è stato asse-
-Risultati Overall della Giraglia Race l’isolotto ed ha poi dovuto affrontare gnato al Marten 49 Pace.
di 243 miglia (tempo compensato gli stessi problemi di vento debole
ORC) del resto della flotta. Pujol ha così
1. Aurora - Bonomo-Berruto (ITA) -
Canard 41 - 08:31:43

2. Sea Wonder 007 - Vittorio Urbinati


(ITA) - GP42 - 08:35:44 La tua pubblicità su Saphira?
3. I. Nova - Alberto Franchella (ITA) -
Comet 45S - 09:02:01 Scrivici all’indirizzo: saphiranews@gmail.com

6
Rolex Farr 40 World Championship Porto Cervo 24 – 27 giugno
Non si può chiedere molto di più di probabilmente un po' troppo con- nuovamente a sinistra. Mezzaroma
così. Condizioni di regata fantasti- servativi in partenza e ci siamo infi- ha dichiarato che la loro strategia
che, un Maestrale crescente e mare lati in un brutto punto, troppo vicini non è cambiata in virtù della loro
mosso, accentuato dall'assillante a un'altra barca. Abbiamo dovuto posizione rispetto al leader:
attenzione degli spettatori. Porto virare per liberarci e poi gli altri ci "avevamo un punto di svantaggio e
Cervo ha dato il meglio di sè e i hanno virato sopra parecchie volte; non avevamo la possibilità di con-
campionati mondiali Rolex Farr 40 abbiamo navigato per un po' com- trollarlo. Quindi abbiamo dovuto
hanno offerto uno spettacolo mozza- pletamente coperti." fare la nostra regata." A bordo di
fiato. Il nuovo campione mondiale è Questi sono i momenti in cui i cam- Barking Mad, il richiamo della sini-
l'americano Barking Mad, seguito in pionati si vincono o si perdono. stra non era così forte. Questo, d'al-
classifica dall'italiano Nerone. Doppiando la boa di bolina a metà tro canto, era un equipaggio conser-
Nella giornata conclusiva del cam- flotta, l'equipaggio americano si sa- vativo.
pionato, sono state disputate due rà probabilmente chiesto se questa Secondo Richardson, immediata-
prove con vento da nord ovest di era la regata che avrebbe compro- mente prima della partenza, "ci sia-
circa 25 nodi che ha sfiancato gli messo il loro campionato. mo guardati in faccia l'un l'altro e ci
equipaggi, già affaticati dalle prece- Ma Richardson e il
suo equipaggio Photo by: Rolex / Kurt Arrigo
denti giornate di gara. La scena era
degna di un finale di campionato e i avevano un piano
due leader hanno dato ampio spet- ben preciso e non
tacolo prima di calare il sipario sul- avevano alcuna
la regata. intenzione di mol-
Nerone ha segnato il suo territorio lare il colpo, come
vincendo la prima prova della gior- ci ha spiegato Hu-
nata. Mascalzone Latino, già tre vol- t c h i n s o n :
te campione mondiale, ha vinto la "avevamo la sen-
regata conclusiva, ma il risultato sazione di poter
più significativo è stato quello di vincere questo
Jim Richardson e Barking Mad che campionato sin
hanno tagliato il traguardo davanti dall'inizio della
a Nerone di Massimo Mezzaroma, settimana. Tutta-
conquistando il terzo titolo mondia- via, sensazioni e
le. Questa è la prima volta che una fatti sono due cose ben distinte. siamo detti che questo era il motivo
barca americana vince il campiona- Quando il primo giorno ci siamo per cui eravamo qui. Siamo qui per
to mondiale fuori dalle acque di ca- allineati sulla partenza, avevamo un l'opportunità di vincere il campiona-
sa. passo che ci mancava da parecchio to nell'ultima prova. Che cosa pos-
Oggi ha dominato chi è riuscito a tempo. Il nostro obiettivo era essere siamo volere di più?" Qualsiasi om-
gestire meglio la tensione. Senza prudenti e il nostro mantra questa bra di dubbio è stata nascosta bene,
dubbio, entrambi i leader volevano settimana è stato semplicemente sebbene dopo la regata Richardson
assolutamente vincere. Anche Joe centrare l'obiettivo senza fare nulla abbia ammesso di aver avuto qual-
Fly (ITA) - secondo nel 2008 - non di spettacolare, colpire nel segno e che preoccupazione: "non ho mai
poteva essere dato per scontato. Un avanzare sugli avversari." Centrare dubitato l'abilità del mio equipaggio.
distacco di 16 punti dal leader della l'obiettivo in questa regata avrebbe Ma il fatto di regatare in un testa a
classifica poteva essere colmato fa- richiesto parecchio lavoro. Ma l'e- testa aggiunge stress ad ogni prova.
cilmente se chi era davanti non riu- quipaggio non dava alcun segno d'e- Nel 1999, eravamo i leader della
sciva a mantenere il sangue freddo sitazione. "Abbiamo dimostrato pa- classifica all'inizio dell'ultima regata
fino alla fine. recchia forza con la nostra rimonta, ma abbiamo finito il campionati ter-
Nerone è partito in quarta. Una vol- che ci ha consentito di finire la re- zi, e questo pensiero continuava a
ta ancora ha scelto la parte sinistra gata sesti in classifica e di mantene- ronzare nella mia testa. Tuttavia,
del percorso, partendo in boa; il tat- re un vantaggio di un punto," ha ero abbastanza sicuro di poter effet-
tico Vasco Vascotto ha fatto affida- dichiarato Richardson con sollievo. tuare una bella partenza in questa
mento sulla grande conoscenza che Senza dubbio, alla partenza della prova e completare il percorso in
ha di queste acque, prendendo su- regata conclusiva le menti di en- buona forma. Certamente non a-
bito l'iniziativa: "regato qui da trambi gli equipaggi erano in pieno vremmo mollato il colpo. L'impresa
vent'anni e solitamente con queste fermento e Mezzaroma racconta: non sarebbe stata facile, sapevamo
condizioni devi andare a sinistra." "all'ultima regata avevamo uno che dovevamo regatare bene ed è
Ha avuto perfettamente ragione. svantaggio di un punto e chi dei due quello che abbiamo fatto."
Primo a doppiare la boa di bolina, sarebbe arrivato per primo sul tra- Nella bolina iniziale Barking Mad
Nerone ha dominato per tutto il per- guardo avrebbe conquistato il titolo era secondo dietro a Fiamma di A-
corso, vincendo davanti a Joe Fly di mondiale. Questo non succede di lessandro Barnaba (ITA), che l'equi-
Giovanni Maspero e Flash Gordon frequente nella vela e dopo nove paggio americano è riuscito a supe-
di Helmut Jahn (USA). Barking prove, con un totale di 250 punti in rare con un'issata di spinnaker da
Mad, nel frattempo, aveva deciso di gioco, un solo punto di distacco era manuale. Gli spettatori hanno ini-
rimanere in centro campo ma, stan- davvero molto emozionante." ziato a contare alla ricerca di Nero-
do a Richardson, le cose non sono Una volta ancora era tutta questio- ne. La sinistra chiaramente non a-
andate proprio come previsto: "nella ne di mantenere la calma e seguire veva pagato. Anzi, aveva sferrato un
prima regata siamo stati il proprio piano. Nerone è andato brutto colpo all'equipaggio italiano.
7
Sarebbe stato necessario ripetere la Hutchinson e Richardson sanno di Nessun precedente vincitore del
miracolosa rimonta del giorno pre- essere stati impegnati in un'incredi- campionato mondiale Rolex Farr 40
cedente, che aveva concesso a Nero- bile battaglia. Quando vinsero l'ulti- ha mai ottenuto una media di piaz-
ne di restare nel gioco. Ma era ma volta a San Francisco lo fecero zamento pari a quattro punti. Come
un'impresa erculea. Il team di Bar- con un margine di 40 punti. sottolineato da Vascotto, anche il
king Mad non stava regatando come Mezzaroma ha ribadito il livello di punteggio di Nerone avrebbe con-
se la loro vita dipendesse da questo, questa sfida: "è stato bellissimo po- quistato il campionato in tutte le
non ne aveva bisogno. Doveva sem- ter competere contro tutti questi p r e ce d en t i e d i zi o ni .
plicemente rimanere tra Nerone e il equipaggi così forti e barche così Per Vincenzo Onorato, l'estroverso
traguardo, come ha spiegato Hu- ben preparate. Questa è la chiave tre volte di fila campione mondiale
tchinson: "il team ha reagito brillan- del successo del Farr 40. Il livello è che, scherzando, ha dichiarato "
temente. Siamo partiti benissimo. sempre altissimo e cresce ogni an- l'ultima regata di questo campiona-
Plenty ci ha dato la possibilità di no." Anche Vascotto è stato molto to è la prima regata del campionato
virargli davanti. Da lì in poi abbia- garbato nonostante la sconfitta: mondiale Rolex Farr 40 del 2010",
mo consolidato ed esteso il nostro "ritengo che abbiamo disputato un questo evento ha scritto "un nuovo
vantaggio. Per fortuna Nerone era bellissimo campionato: tre primi, bellissimo capitolo nella storia della
indietro. Ci ha ripreso un po' nella due secondi, due ottavi - solitamen- classe."
seconda bolina, ma alla boa di sot- te con questi risultati vinci! Questa Dopo quattro giorni di regate, di-
tovento avevamo un buon vantag- volta davanti a noi c'era Barking sputate in un luogo magnifico, con-
gio. A quel punto era solo questione Mad, che è stato condotto alla perfe- sentiamo ai vincitori di tirare le
di minimizzare i danni e disputare zione. Abbiamo fatto del nostro somme: "non c'è niente di meglio di
una buona regata fino all'arrivo." meglio, ma questo fa parte dello così, questo è poco ma sicuro!"
Barking Mad ha raggiunto il tra- sport."
guardo secondo e a quel punto il Per Richardson è il coronamento di
piazzamento di Nerone era irrilevan- un sogno: "Siamo stra-felici. Venire
te; il suo ottavo, tuttavia, è stato in Italia e vincere questo campiona-
sufficiente per consentirgli di rima- to qui a Porto Cervo è una sensazio-
nere secondo nella classifica overall. ne fantastica. Ci sono tantissimi
Una delle caratteristiche della flotta
Farr 40 è la rivalità amichevole tra
team molto forti qui, soprattutto gli
italiani, e il fatto di essere riusciti a
Le Classifiche
gli equipaggi, in mare e a terra. Va- vincere nelle loro acque di casa è
scotto e Hutchinson sono avversari una grande emozione per noi.
Rolex Farr 40 World
da molti anni, ma stamattina prima Championship
di avviarsi sul campo di regata han- Abbiamo cercato di stare calmi per
no trovato il tempo di chiacchierare tutta la settimana. E' facile agitarsi
1. BARKING MAD Jim Richardson
un po'. Hutchinson ha commentato: e lasciarsi prendere dalla foga. La
"ho visto Vasco stamattina e abbia- nostra filosofia di base in tutto il
mo parlato per un paio di minuti. campionato è stata non rischiare. 2. NERONE Massimo Mezzaroma
Non c'era nessuno in giro ed era un Se necessario, agli incroci abbiamo
buon momento per chiacchierare." preferito lasciar passare l'avversario
E' evidente che la stima reciproca piuttosto che forzare la situazione. I 3. JOE FLY Giovanni Maspero
dei regatanti è una cosa rara negli nostri punteggi parziali testimonia-
altri sport. "Regatare contro un av- no la nostra abilità nel condurre la
versario del calibro di Vasco ti rende barca, senza assumere mai alcun
un velista migliore e abbiamo una rischio. Il nostro peggior risultato è
grande stima per quel team," ha ag- stato un sesto e questo non è per
giunto. niente male."

Sentite in banchina… I parte


Match race:

-Trapani
Cancellata per l’aderenza insufficiente degli equipaggi, la 3° regata Femminile Nazionale match
race di Trapani prevista dal 3 al 5 luglio p.v, di osservazione per la qualificazione al Campionato
Italiano Femminile match race in calendario, a Bari, dal 2 al 4 ottobre 2009.

-Salerno
Sabato 11 e Domenica 12 luglio, senza alcun carattere di ufficialità, non essendovi stata alcuna
richiesta per l'assegnazione del grado, la Lega Navale Sezione di Salerno ospiterà un evento so-
ciale al solo scopo di introdurre gli equipaggi al match racing e con l'auspicio di organizzare a
Settembre un grado 5.
Il programma prevede: Introduzione alle procedure e casi pratici di tattica di partenza; Prove di
partenza a rotazione; Simulazione di match race su imbarcazioni Fiv 555.
Per ulteriori informazioni : sport.lnisa@gmail.com
8
Il Parco Sommerso di Gaiola luoghi da visitare
L’Area Marina Protetta “Parco Som- Per scoprire le meraviglie del Par-
merso di Gaiola” prende il nome dai co insieme agli esperti:
due isolotti che sorgono a pochi metri
di distanza dalla costa di Posillipo, Itinerari con il Battello dal fondo tra-
nel settore nord occidentale del Golfo sparente: - Da Marechiaro a Trenta-
di Napoli. Con una superficie di ap- remi: visite guidate via mare
pena 41,6 ettari, si estende dal pitto- nell’Area Marina Protetta con il bat-
resco Borgo di Marechiaro alla sug- tello a visione subacquea.
gestiva Baia di Trentaremi racchiu- Itinerari In Barca a Vela: - In barca
dendo verso il largo parte del grande a vela dal Maschio Angioino a Nisida
banco roccioso della Cavallara. Il passando per il Parco Sommerso di
Parco deve la sua particolarità alla Gaiola.
fusione di aspetti vulcanologici, biolo- ha riguardato la costa di Posillipo, Itinerari Snorkeling: - Itinerari Sea-
gici e storico-archeologici. Proprio per paradossalmente, mai stata studia- watching di differente durata e diffi-
l’amenità dei luoghi e la bellezza del ta in maniera approfondita. Poiché coltà tra strutture archeologiche
paesaggio a partire da I sec a.C. su le rilevanze biologiche e archeologi- sommerse (il Porto Imperiale, le pe-
questa costa si insediarono sontuose che trovate sono notevoli e, paralle- schiere romane ecc) e variopinte for-
ville dell’aristocrazia romana, la più lamente all’istituzione effettiva del me di vita marina.
importante delle quali fu quella del parco sommerso, ci siamo attivati al Itinerari in Immersione Subacquea: -
Pausilypon eretta da Publio Vedio fine di mettere in piedi e sviluppare Per possessori di brevetto sub il Par-
Pollione mentre, l’estrema complessi- un progetto di valorizzazione e di- co propone diverse immersioni su-
tà geomorfologica dei fondali e la fa- vulgazione scientifica dell’area. Le bacquee, da quelle a carattere pret-
vorevole circolazione delle correnti attività avviate sono numerose: e- tamente biologico, sui fondali della
marine, ha permesso l’insediamento scursioni, visite didattiche, attività Secca della Cavallara (prof. max
di una ricca e variegata comunità con le scuole (solo quest’anno 2000 25m), a quelle a carattere bio-
biologica. bambini hanno visitato il parco), archeologiche (prof. max 16m) par-
laboratori didattici, iniziative in col- tendo dalla Secca della Gaiola.
laborazione con le università di Na-
Durante il Campionato Minialtura poli Partenope e Federico II ecc. La Le attività si svolgono durante tutto
presso l’Isola di Nisida è stata pre- Gaiola è attualmente uno dei parchi il corso dell’anno.
sente anche una rappresentanza del con una mole di attività svolte tra le Per maggiori informazioni e prenota-
C.S.I. Gaiola con Acquavision, bat- più notevoli in Italia e, nonostante zioni - Centro Visite:
tello per la visione subacquea, che ciò, è ancora troppo poco conosciuta
ha offerto il proprio appoggio a visi- e praticamente ignorata dai media. Tel: 081.5754465 - 081.5709949
tatori e giornalisti per raggiungere il Ritengo che questa mancanza di www.areamarinaprotettagaiola.it
campo di regata. informazione e attività di promozio- info@areamarinaprotettagaiola.it
Abbiamo incontrato Maurizio Sime- ne continuativa, che si limita sol- www.gaiola.org
one, Presidente del Centro Studi tanto al mese di Maggio (Maggio dei info@gaiola.org
Interdisciplinari Gaiola: “La nostra è Monumenti, n.d.r.), penalizzi non
un’associazione nata nel 2004 a se- poco questo itinerario unico al mon-
guito di un progetto di ricerca che do!”

Sentite in banchina… II parte


Meteor:
Si disputerà a Settembre, a Napoli, in data ancora da definirsi, la IX edizione del trofeo Challenge
Alessandro Chiodo.
Voluto dalla famiglia Chiodo e da alcuni soci del Club Nautico della Vela che organizza l'evento, il
trofeo ricorda Alessandro, giovane appassionato del mare e della vela, atleta di rilievo del circolo
già nella classe laser e 4.70. Scomparso prematuramente, ogni anno rivive nella costante e senti-
ta presenza dei suoi amici che a questo appuntamento non mancano mai di salutarlo e di fargli
onore combattendo in acqua.
Puntuale è la partecipazione della numerosa flotta di Napoli, che vanta circa 25 barche!
È l'equipaggio di Antonio Braucci, vincitore della scorsa edizione, l'avversario da battere, che, con
A’fenestrella, dopo 4 anni, riportava il trofeo a casa.
"il trofeo cresce di anno in anno nel numero di partecipanti e questo lo rende velicamente avvin-
cente, ma chi vi partecipa resta colpito dalla carica emotiva, dal sentimento di amicizia dei ragaz-
zi che in barca ci andavano con Alessandro!" commenta Gennaro Aversano, presidente del circolo
di piazzetta marinari,e conclude: " ci auspichiamo di accogliere più meteor per questa edizione, e
perché no? Di ospitare anche rappresentanti di altre flotte"
info@clubnauticodellavela.it
9
Appuntamenti

I Miti del Mare

Dal 21 al 26 luglio si terrà presso la banchina del porto antico di Civitavecchia la manifestazione i Miti del mare,
un evento alla sua prima edizione che si pone come obiettivo la riscoperta della risorsa mare, risorsa economica,
turistica e di sviluppo, ponendo in primo piano anche sicurezza e salvaguardia ambientale.

Il Festival ospita le più belle barche d’epoca Amerigo Vespucci, Palinuro, Cisne Branco, Libertad, Esmeralda, Glo-
ria, Italia etc.
Sartie, pennoni, nocchieri schierati in bilico sugli alberi, orchestre, campane a distesa che richiameranno
l’ambiente di un porto di 200 anni fa, sono lo spettacolo principale dell’evento. Il pubblico si potrà immergere in
questa atmosfera di altri tempi e salire a bordo di imbarcazioni leggendarie che rappresentano l’elite delle navi
scuola delle marine militari di diversi paesi.
Il festival offrirà un programma di eventi ed attrazioni tale da poter garantire al pubblico interesse e partecipazio-
ne per tutta la giornata fino a tarda sera.

Ogni mattina alle ore 10 iniziano le visite guidate ai velieri e alle mostre, nel pomeriggio i seminari ed i workshop,
per arrivare alla sera con i concerti, le feste sulle barche ed i fuochi d’artificio.
Contestualmente gli Archivi Alinari e il Sole24ore proporranno una mostra fotografica, allestita all’interno del
Forte Michelangelo che quest’anno festeggia il cinquecentenario dalla costruzione, sul tema dei popoli che si af-
facciano sul mare.

Per info: www.imitidelmare.com

Fano Jazz by the sea

Anche quest’anno per la XVII edizione del Fano Jazz By The


Sea, da tempo riconosciuto come uno dei principali appun-
tamenti jazzistici estivi nazionali, Marina dei Cesari ospiterà
dal 24 al 31 luglio nella suggestiva area della nuova Yacht
House, il “Jazz Village” che sarà la sede di alcuni tra i più
importanti concerti di questa edizione. Concerti che, novità
assoluta, si svolgeranno sopra uno scenografico palcosceni-
co allestito sull’acqua.

Privacy
Ai sensi dell'art. 13 del nuovo codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003), le e-mail informative e le newsletter possono essere inviate solo con il
consenso del destinatario. La informiamo che il suo indirizzo si trova nel database del Bollettino Saphira e che fino ad oggi le abbiamo inviato
informazioni riguardanti le iniziative ed attività di Saphira mediante il seguente indirizzo e-mail: saphiranews@gmail.com . Le informative hanno
carattere periodico e sono comunicate individualmente ai singoli interessati anche se trattate con l'ausilio di spedizioni collettive. I dati non saranno
ceduti, comunicati o diffusi a terzi, e i lettori potranno richiederne in qualsiasi momento la modifica o la cancellazione al Bollettino, scrivendo
“cancellami” all’indirizzo saphiranews@gmail.com.
Una non risposta, invece, varrà come consenso al prosieguo della spedizione della nostra Newsletter.
In redazione: Claudia Campagnano, Francesca Sessa e Paola Vona.

10