Sei sulla pagina 1di 201

Limpegno ENEA

per i Beni Culturali

Novembre 2006

A cura di
Marianna Adamo, Giovanna Adorni, Paolo Auer, Loretta Bacchetta, Maria Cristina
Baracca, Mauro Basili, Massimo Berico, Luciana Bordoni, Stefania Bruni, Giacomo
Buffarini, Beatrice Calosso, Michele Arturo Caponero, Emanuela Caiaffa, Paola
Carrabba, Fiorello Cavallini, Marco Citterio, Paolo Clemente, Francesco Colao, Riccardo
DOrazi, Giuseppe Delmonaco, Antonio Bruno Della Rocca, Barbara Di Giovanni, Paolo
Di Lazzaro, Antonio Di Lorenzo, Luca Falconi, Styliani Fanou, Roberta Fantoni, Gaetano
Fasano, Patrizia Federici, Stefano Ferriani, Vincenzo Fiasconaro, Giorgio Fornetti, Paola
Giaquinto, Francesco Immordino, Maurizio Indirli, Martino Labanti, Giuseppe Magaudda,
Giuseppe Maino, Claudio Margottini, Carmine Marinucci, Alessandro Martelli, Guido
Martini, Silvio Migliori, Pietro Moioli, Lorenzo Moretti, Claudio Moriconi, Lucia Naviglio,
Paola Negri, Laura Padovani, Antonio Palucci, Salvatore Paolini, Franca Persia, Sergio
Petronilli, Angela Piegari, Samuele Pierattini, Massimo Poggi, Massimo Puccini, Claudio
Puglisi, Dario Rinaldis, Roberto Rosa, Claudio Seccaroni, Augusto Screpanti, Sandro
Serafini, Anna Rosa Sprocati, Sandro Taglienti, Edi Valpreda

Indice
Introduzione ....................................................................................................................................................... 5
1
LE COMPETENZE ENEA NEL SETTORE DEL PATRIMONIO CULTURALE ....................................... 6
1.1
Diagnostica avanzata....................................................................................................................... 6
1.1.1
Diagnostica avanzata per materiali e tecniche della cultura artistica ...................................... 6
1.1.2
Diagnostica avanzata per la conoscenza, la conservazione ed il miglioramento sismico del
patrimonio architettonico........................................................................................................ 10
1.1.3
Tecnologie innovative per la caratterizzazione di superfici ................................................... 12
1.2
Information and Communications Technology............................................................................... 12
1.2.1
Sistemi Informativi di catalogazione ed e-learning ................................................................ 12
1.2.2
Intelligenza Artificiale ............................................................................................................. 13
1.2.3
Osservazioni aerospaziali e sistemi informativi territoriali ..................................................... 14
1.3
Conservazione e tutela .................................................................................................................. 15
1.3.1
Il filtraggio della luce in ambito museale ................................................................................ 15
1.3.2
Il trattamento digitale delle immagini per i beni culturali ........................................................ 16
1.3.3
La protezione antisismica innovativa del patrimonio culturale............................................... 19
1.3.4
Tutela dei Beni Culturali dalle dinamiche idrogeologiche ...................................................... 22
1.3.5
Applicazioni trasversali di reverse engineering nei beni culturali .......................................... 23
1.3.6
Nuove tecnologie per la memoria .......................................................................................... 29
1.3.7
Le scienze della terra per la conservazione dei monumenti del Patrimonio dellUmanit
dellUNESCO ......................................................................................................................... 33
2
GLI AMBITI DI RICERCA ...................................................................................................................... 35
2.1
Identificazione tecnologico-strutturale e protezione sismica.......................................................... 35
2.2
Il settore documentale.................................................................................................................... 38
2.3
Il settore beni artistici e museali ..................................................................................................... 39
2.4
Il settore archeologico .................................................................................................................... 41
2.5
LENEA ed il bene culturale digitale ............................................................................................... 41
2.5.1
Caratterizzazione morfologica e strutturale con sistemi di visione a vario livello .................. 42
2.5.2
Visualizzazione 2D e 3D di opere darte per studi e fruizione multimediale.......................... 45
2.5.3
Caratterizzazione spettroscopica degli strati esterni di rivestimento ..................................... 46
2.5.4
Analisi chimica elementale della composizione dei primi strati mediante LIBS .................... 47
2.5.5
Pulizia laser delicata per rimozione di strati superficiali ........................................................ 48
2.5.6
Caratterizzazione strutturale mediante tecniche laser interferometriche o sistemi in fibra
ottica....................................................................................................................................... 48
2.6
La Realt Virtuale per i Beni Culturali ............................................................................................ 49
2.6.1
LENEA e la Realt Virtuale ................................................................................................... 50
2.6.2
Il sistema di acquisizione ....................................................................................................... 51
2.7
Realt Virtuale 3D ed i Beni Culturali............................................................................................. 51
2.8
Progetto illuminotecnico e ricostruzione in Realt Virtuale con rendering 3D della Chiesa dei
SS. Vitale ed Agricola (Bologna) ................................................................................................... 56
2.9
Inquinanti atmosferici e la caratterizzazione fisica del particolato ................................................. 58
2.10
Laccesso ai Siti Archeologici remoti.............................................................................................. 58
2.11
Il laboratorio Protocenter................................................................................................................ 59
2.12
Monitoraggio e analisi di dati microclimatici................................................................................... 61
2.13
Simulazione termodinamica e supporto alla progettazione di interventi di recupero..................... 62
2.14
Indagini diagnostiche: microscopia ottica, elettronica e microanalisi applicata ai beni culturali.... 63
2.15
Sistemi di monitoraggio dei Beni Culturali in aree soggette a dissesto idrogeologico................... 66
2.16
Consolidamento del dissesto idrogeologico di siti archeologici e centri storici di elevato pregio
con sistemi a basso impatto ambientale........................................................................................ 67
3
I PROGETTI E GLI INTERVENTI.......................................................................................................... 69
3.1
Il Progetto SIGEC........................................................................................................................... 72
3.2
Il Progetto e-SIGEC........................................................................................................................ 73
3.3
Il Sistema Informativo della catalogazione della Regione Siciliana ............................................... 75
3.4
Il Progetto for-CULT ....................................................................................................................... 76
3.5
Il Progetto MOSAICO ..................................................................................................................... 79
3.6
Il Progetto COVAX ......................................................................................................................... 80
3.7
Il Progetto TECSIS ......................................................................................................................... 81
3

3.8
3.9
3.10
3.11
3.12
3.13
3.14
3.15
3.16
3.17
3.18
3.19
3.20
3.21
3.22
3.23
3.24
3.25
3.26
3.27
3.28
3.29
3.30
3.31

Il Progetto SIDART......................................................................................................................... 83
Progetti CULTURE 2000................................................................................................................ 85
Il Progetto RESIS ........................................................................................................................... 87
Il Progetto CAMPEC WP2.............................................................................................................. 88
Il Progetto TREMA ......................................................................................................................... 93
Progetto CICLOPE ......................................................................................................................... 96
Progetto SCRIGNO ........................................................................................................................ 98
Il Progetto SABRINA ...................................................................................................................... 99
LAggregato Progettuale PSICHE ................................................................................................ 101
LAggregato Progettuale P9AX .................................................................................................... 104
SITAC: SIT per la tenuta presidenziale di Caselporziano............................................................ 105
Il Progetto TRIDENT .................................................................................................................... 106
Il Progetto NEREA........................................................................................................................ 107
Il Progetto Protezione delle opere darte dal danno da radiazione............................................ 110
Progetto Un viaggio nell'Italia della Scienza.............................................................................. 112
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali ......................................................... 113
Attivit di Diagnostica................................................................................................................... 114
Diagnostica per immagini............................................................................................................. 119
NODAN: Controlli non distruttivi mediante radiografia con neutroni............................................ 120
Biotecnologie microbiche per la conservazione ed il restauro..................................................... 122
Aerofotogrammetria per aggiornamenti catastali ......................................................................... 124
Catalogazione: utilizzabilit dei dati ............................................................................................. 125
Utilizzo di radiazioni ionizzanti per la bonifica di materiale bibiografico-documentale................. 126
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la Conservazione dei siti e delle
emergenze architettoniche / archeologiche................................................................................. 128
3.32
Progetto ISHTAR: Software MODA ............................................................................................. 132
3.33
La tutela dei centri storici darte dai rischi naturali:una chiave di lettura per lo sviluppo sociale
ed economico delle comunit locali............................................................................................. 136
3.34
MATER - Monitoraggio Architettonico e Ambientale mediante Tecniche di Elaborazione di
immagini Radar............................................................................................................................ 138
3.35
Linee guida per la salvaguardia dei beni culturali dai rischi naturali............................................ 139
3.36
V.I.P. Valutazione di Impatto sul Paesaggio ............................................................................. 141
3.37
Sistemi a basso impatto ambientale per il consolidamento Civita di Bagnoregio........................ 142
3.38
Monitoraggio dellassetto statico strutturale dei beni culturali con tecniche satellitari a nullo
impatto ambientale ...................................................................................................................... 144
3.39
INTERFRASI - Interferometria radar terrestre e satellitare per la salvezza dellinsediamento
INCA di Machu Picchu -Per....................................................................................................... 146
3.40
Analisi geologiche e beni culturali precolombiani ........................................................................ 148
3.41
Inquadramento geologico-geomorfologico: la rupe ed i Buddha di Bamyian (Afghanistan):....... 149
3.42
Valorizzazione turistica del sito di Leptis Magna - Libia............................................................... 151
3.43
Messa in sicurezza delle chiese rupestri patrimonio UNESCO Lalibela (Ethiopia) ..................... 152
3.44
Conservazione delle tombe di Koguryo (North Korea) ................................................................ 155
3.45
Studio di impatto ambientale: Aksum (Ethiopia) .......................................................................... 157
3.46
Messa in sicurezza del minareto: Jam (Afghanistan) .................................................................. 160
Glossario........................................................................................................................................................ 163
4
CONVEGNI E MOSTRE (2000-2006) ................................................................................................. 164
5
BIBLIOGRAFIA .................................................................................................................................... 173
5.1
Diagnostica Avanzata .................................................................................................................. 173
5.2
Information and Communications Technology............................................................................. 175
5.3
Conservazione e tutela ................................................................................................................ 178

Introduzione
Il presente documento si propone come momento di raccordo tra la rassegna,
necessariamente non esaustiva, delle attivit svolte dallENEA in oltre venti anni nel
settore della Cultura e la proposta di scenari evolutivi in grado di garantire allEnte
lindispensabile sintonia con un fenomeno in continua, naturale evoluzione.
Seguendo un percorso analogo a quello che ha portato a rivedere la definizione dei beni
culturali, dalla iniziale definizione di beni che costituiscono testimonianza materiale
avente valore di civilt, per allargarla alla attuale, pi completa, organizzazione del
Patrimonio Culturale costituito dai Beni Culturali e dai Beni Paesaggistici, lENEA ha
portato a sistema le esperienze maturate nei settori delle Nuove Tecnologie, lEnergia e
lAmbiente e le ha proficuamente adattate, ottimizzandole, alle specificit del contesto
culturale.
Tale percorso di ottimizzazione, personalizzazione ed approfondimento che ha portato
lENEA a raggiungere livelli di eccellenza nazionali ed internazionali, testimoniati anche
da brevetti di invenzione e copyright, viene esposto nel presente documento nei
seguenti capitoli:
Le competenze ENEA nel settore del patrimonio culturale. In tale capitolo
lattitudine dellENEA ad operare nel panorama della Cultura viene
contestualizzata in funzione delle tematiche della conoscenza, conservazione
e valorizzazione del Patrimonio Culturale.
Gli ambiti di ricerca. Le competenze maturate dallENEA si concretizzano in
specifici ambiti di ricerca dei quali, nel presente capitolo, viene esposta una
breve sintesi.
I progetti e gli interventi. Nel presente capitolo viene riportata una rassegna
dei progetti e degli interventi svolti nelle pi che ventennali attivit di ricerca
svolte dallEnte nellambito del Patrimonio Culturale.
Convegni e mostre (2000-2006). Contiene una rassegna della
partecipazione ENEA ai principali eventi nazionali ed internazionali degli ultimi
anni.
Bibliografia. Indice delle pubblicazioni realizzate dai ricercatori dellENEA
negli ultimi anni nellambito delle specifiche discipline e tematiche del
Patrimonio Culturale.

1 LE COMPETENZE ENEA NEL SETTORE DEL PATRIMONIO


CULTURALE
Il ruolo dellENEA rispetto alle tematiche legate alla conoscenza, alla salvaguardia ed
alla valorizzazione del Patrimonio Culturale nazionale e internazionale, inteso come
insieme integrato di beni culturali e paesaggistici, scaturisce direttamente dalla
valorizzazione del proprio patrimonio di competenze sviluppate nellambito delle attivit
istituzionali dellEnte.
Seguendo un percorso analogo a quello che ha portato a rivedere la definizione dei beni
culturali, dalla iniziale definizione di beni che costituiscono testimonianza materiale
avente valore di civilt, per allargarla alla attuale, pi completa, organizzazione del
Patrimonio Culturale costituito dai Beni Culturali e dai Beni Paesaggistici, lENEA ha
portato a sistema le esperienze maturate nei settori delle Nuove Tecnologie, lEnergia e
lAmbiente e le ha proficuamente adattate, ottimizzandole, alle specificit del contesto
culturale.
Lelenco delle competenze viene articolato nei seguenti ambiti disciplinari:
Diagnostica Avanzata
Information and Communications Technology
Conservazione e tutela

1.1

Diagnostica avanzata

1.1.1 Diagnostica avanzata per materiali e tecniche della cultura artistica


(P. Moioli, P. Negri, F. Persia, C. Seccaroni)

Lattivit di diagnostica (radiografie, gammagrafie e fluorescenza x) quella di pi lunga


durata nel campo delle applicazioni fornite dallEnte al settore dei Beni Culturali. Tale
attivit ha avuto inizio negli anni 80 e tra i primi interventi si cita quello della Buona
Ventura del Caravaggio, conservata presso la Pinacoteca Capitolina di Roma (XRF e
radiografia).
Oltre alle tecniche menzionate, al principio sono state favorite e sviluppate altre tecniche
di origine nucleare quali attivazione neutronica e
cattura radiativa di neutroni. Successivamente il
settore di attivit stato ampliato, utilizzando
anche tecniche non di origine nucleare, distruttive
e microdistruttive (tecniche spettroscopiche,
chimiche, dimmagine ecc.).
Successivamente alla nascita di un nucleo di
coordinamento allinterno dellente, lENEA si
dotato di una divisione autonoma dedicata allo
studio e qualificazione dei materiali, che ha
ampliato sempre pi il campo interdisciplinare dei
beni culturali, promuovendo questa attivit
Esecuzione di misure XRF su una pala
allinterno dellEnte stesso e svolgendo sia un
daltare

ruolo di coordinamento allinterno dei differenti laboratori dellEnte, sia fungendo da


interfaccia con le realt esterne quali il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, con i
suoi organi centrali (Istituto Centrale per il Restauro, Istituto Centrale per il Catalogo e la
Documentazione, Opificio delle Pietre Dure, Centro di Fotoriproduzione, Legatoria e
Restauro degli Archivi di Stato, Istituto Nazionale per la Grafica, Istituto per la Patologia
del Libro) e periferici (le varie Soprintendenze), i musei, il mondo del restauro ecc.
Il gruppo di competenze diagnostiche ENEA ha operato inizialmente per lo sviluppo e la
messa a punto delle tecniche diagnostiche, poi, in ragione della esperienza e della
competenza acquisita sempre in collaborazione con storici dellarte, archeologi e
restauratori, ha conseguito un primato di eccellenza nel settore, ampiamente
riconosciuto sia a livello nazionale che internazionale.

Campagne di misure XRF su dipinti su tavola presso lOpificio delle Pietre Dure di Firenze

Le richieste pi frequenti che giungono a tale gruppo concernono soprattutto il settore


dei dipinti (su differenti supporti, tela, tavola, muro ecc.) e le indagini radiografiche o
gammagrafiche su oggetti tridimensionali. Attualmente sui dipinti si effettuano anche
indagini riflettografiche e misure colorimetriche.
La fluorescenza x una tecnica analitica che consente la valutazione della
composizione superficiale di un oggetto, irraggiandolo con raggi x di opportuna energia.
Il gruppo di diagnostica dellENEA ha raccolto in oltre venti anni di attivit una casistica
eccezionale su ceramiche, vetri, leghe metalliche, mosaici e dipinti eseguiti su supporti
di differente natura (tele, tavole, muro, cuoio, lapidei, carta ecc.). Nel caso dei dipinti,
quindi, essa in grado di mettere a fuoco la tavolozza utilizzata.

Generatore di raggi x, densitometro ottico per lastre radiografiche, immagine radiografica di un


dipinto su tavola trecentesco

Tra le opere di maggior rilievo indagate con la


radiografia si segnalano il gruppo fittile etrusco con
lApollo e lEracle di Vejo, al Museo Nazionale di
Villa Giulia a Roma; per i dipinti lelenco potrebbe
invece risultare eccessivo, comprendendo opere di
Giotto, Raffaello, Michelangelo, Tiziano, Correggio,
Caravaggio ecc.
La gammagrafia una tecnica radiografica che fa
impiego di sorgenti gamma che consentono di
indagare la struttura interna di oggetti molto spessi
Esecuzione delle gammagrafie sul
e/o pesanti; tra le opere di maggior rilievo indagate
Giove egioco (Museo Nazionale
si segnala il bronzo etrusco della Chimera di Arezzo
Romano, Roma)
e due gruppi marmorei di Michelangelo Buonarroti: il
David e la Piet del Museo dellOpera del Duomo di Firenze.

La Chimera di Arezzo ed esecuzione dellirraggiamento panoramico mediante sorgente gamma

La riflettografia infrarosso una tecnica dimmagine in


grado sui dipinti di indagare quanto presente sotto lo
strato pittorico pi esterno, se esso risulta trasparente
alla radiazione IR. Con tale tecnica possibile
ricostruire il percorso intellettuale dellartista attraverso
la visione di disegni preparatori, dei pentimenti, delle
annotazioni di colore, di date, firme. La lettura
riflettografica complementare alla radiografia per la
visione dei pentimenti su dipinti su tela a tavola. Tra le
indagini effettuate si segnala La caccia di Diana del
Domenichino, esposta alla Galleria Borghese di Roma
e cinque thangka tibetane della collezione Tucci del Museo Nazionale di Arte Orientale
di Roma; la foto mostra la sovrapposizione di un
riflettogramma allimmagine nel visibile in cui
evidente lannotazione per il colore, una notazione
alfabetica usata per contrassegnare il colore (e non il
pigmento) nella realizzazione delle thangka.
Evidenza del disegno preparatorio sul braccio di san
Giuseppe nellAdorazione del Bambino di Fra
Bartolomeo della Galleria Borghese di Roma. Le
riprese riflettografiche nella figura della Madonna

hanno rivelato lutilizzo di un cartone per la realizzazione della figura.


Sulla figura del Bambino invece stato messo in evidenza un pentimento per poter
spostare la figura a sinistra e dare centralit al Bambino posto tra san Giuseppe e la
Madonna.
La spettrofotometria colorimetrica una tecnica che, attraverso la misura del colore in
se stesso, permette la valutazione delle variazioni cromatiche di superfici pittoriche,
effettuando misure prima e dopo il restauro o confrontando medesimi colori scaturiti da
pigmenti diversi. La conoscenza dello spettro di riflettanza di un particolare punto, con
lovvia disponibilit di una banca dati, pu contribuire alla caratterizzazione dei pigmenti.
Tra le campagne effettuate si citano le misure sulla Pala di Pesaro del Savoldo della
Pinacoteca di Brera di Milano e quella sugli affreschi pompeiani della villa di Arianna a
Stabia.
Nellambito del progetto SIDART stato condotto uno studio sui meccanismi di degrado
di biacca, minio, cinabro e azzurrite nei dipinti murali.
I provini sono stati preparati secondo le procedure
tradizionali della pittura murale antica e invecchiati a
differenti condizioni climatiche per verificare il
contributo di umidit e temperatura nel viraggio
cromatico.
La foto accanto mostra un provino di azzurrite
sottoposto ad invecchiamento accelerato in camere
climatiche. evidente linsorgere di un viraggio in
verde nei cristalli di pigmento.
Unaltra attivit di ricerca ha riguardato i pigmenti
gialli artificiali che sono stati preparati in laboratorio,
seguendo procedimenti descritti nelle fonti sulle
tecniche artistiche. Tale attivit ha consentito di
verificare una serie di anomalie riscontrate
sperimentalmente su un cospicuo gruppo di opere
del Rinascimento e mettendo a fuoco la
composizione di pigmenti non altrimenti noti nella
letteratura
scientifica
sullargomento.
Al momento attuale le
ricerche sono indirizzate sui pigmenti a base di cobalto.
Una ricerca in corso riguarda le caratteristiche fisiche e
meccaniche di provini realizzati in terra cruda. Alcuni campioni
preparati con terra argillosa, proveniente dal Marocco,
consolidati con materiali tradizionali (sabbia e calce) e con
prodotti artificiali usati nel restauro sono stati invecchiati in
camera climatica per valutare per confronto lefficacia degli
additivi usati.

1.1.2 Diagnostica avanzata per la conoscenza, la conservazione ed il


miglioramento sismico del patrimonio architettonico
(M. Poggi)

Negli ultimi dieci anni lENEA ha messo a disposizione specifiche competenze e


strumentazione di eccellenza per sviluppare una linea di ricerca caratterizzata dalla
messa a punto di innovative ed appropriate configurazioni strutturali di protezione
sismica degli edifici con vincolo storico-artistico, con lausilio di metodologie di
progettazione basate sullo studio dei principali fattori strutturali ed architettonici che
influenzano la risposta sismica.
Queste analisi hanno un valore preventivo, devono cio essere in grado di definire, a
priori, quali potrebbero essere i danni subiti dal patrimonio edilizio storico in caso di
sisma ed indicare i possibili interventi per ridurne la vulnerabilit ed effettuarne le
relative stime dei costi.
Un gruppo di lavoro, composto da architetti ed ingegneri, ha svolto nel settore
dellingegneria sismica un lavoro di raccolta dei dati tecnico-costruttivi relativi alle
tecniche di rinforzo per le murature in pietra di differenti aree colpite da sisma (fascia
appenninica dellItalia centro-meridionale) e alle caratteristiche meccaniche del
materiale prima e dopo lintervento, con lobiettivo molto concreto di fornire indicazioni
per la progettazione degli interventi di consolidamento e per il controllo in cantiere della
loro efficacia.
Nello specifico per ciascun cantiere pilota vengono definiti i seguenti parametri:
il tipo di materiale da costruzione ed i litotipi;
la tipologia di lavorazione dei materiali;
il tipo di posa in opera, l'apparecchiatura che i materiali lapidei, ma anche i
laterizi, assumono nel sistema facciavista;
le dimensioni dei singoli pezzi e la loro misura media, elaborata
statisticamente;
le tecniche di finitura del materiale, soprattutto lapideo, attraverso le tracce
lasciate, sulla superficie in vista, dallo strumento;
il tipo di malta e soprattutto il tipo dei componenti che costituiscono le malte
(leganti, aggregati, etc.).

I principali obiettivi da raggiungere sono:


1. attraverso accertamenti visivi in situ, ricostruzioni geometriche e prove non
distruttive, definizione e la catalogazione dei materiali (blocco costitutivo e
legante) e delle tecniche costruttive storiche presenti nel sistema strutturale di
riferimento;

10

2. attraverso le ispezioni in situ e le indagini condotte con gli strumenti,


definizione dello stato di conservazione dei materiali ed individuazione
delleventuale quadro fessurativo in facciata e sulle murature perimetrali
(dissesti quiescenti o in corso).
3. attraverso accertamenti visivi in situ, ricostruzioni geometriche e prove non
distruttive, lindividuazione degli eventuali interventi di rinforzo che si sono
succeduti sulla struttura muraria della facciata principale (stuccature, iniezioni
con miscele consolidanti,iniezioni armate, tirantature metalliche);
4. attraverso le informazioni raccolte in situ ed i risultati delle indagini
diagnostiche, configurazione virtuale di un progetto di riabilitazione strutturale
e di miglioramento sismico del sistema facciata-murature di spina, per rendere
efficace il collegamento delle pareti resistenti; realizzazione di vincoli bilaterali
tra elementi contigui, in modo da garantire il comportamento scatolare
delledificio con il conseguente ottimale sfruttamento delle risorse strutturali
disponibili; pertanto, il progetto volto al miglioramento del comportamento a
lastra delle pareti, non pu prescindere dalla valutazione del comportamento
globale e della misura delleffettiva collaborazione degli elementi strutturali.
Alla configurazione del Progetto Esecutivo di miglioramento sismico di ciascun sistema
strutturale di riferimento proposto dall ENEA si arriver attraverso varie fasi di studio,
sintetizzabili nei seguenti punti:

Conoscenza del supporto originario, sia in relazione ai singoli


costituenti (malta, pietre, laterizio) che come materiale composito
(tessitura, morfologia); tale fase si avvale dei metodi di indagine in
situ (carotaggi, endoscopie) e delle prove di laboratorio sui materiali
estratti.
Determinazione dello stato di conservazione del sistema
strutturale di riferimento (degrado e dissesto). Considerazioni sullo
stato di conservazione del manufatto (comprensione dei fenomeni in
atto o quiescenti) sulla base delle informazioni raccolte.

Scelta dellintervento: la scelta riguarda limpiego di materiali


compatibili con il supporto murario, legati a tecniche tali da migliorare
la prestazione strutturale senza alterare in maniera eccessiva il
comportamento originario (si pensi, ad esempio, agli effetti
dellincremento di rigidezza delle pareti in edifici soggetti a sisma).

Conoscenza del comportamento della struttura muraria prima e


dopo lintervento: la conoscenza della costruzione e del
comportamento sotto azione sismica consente di mettere in luce le
possibili deficienze strutturali per la scelta dellintervento pi
adeguato, in relazione alle prestazioni volute; in ogni caso,
importante non sottovalutare gli effetti dellintervento sul
comportamento originario della costruzione, al fine di prevedere, con
modelli di comportamento meccanico delle strutture portanti in campo
statico ed in campo dinamico, il funzionamento della muratura
consolidata.

Verifica dellefficacia dellintervento attraverso il modello


matematico e le verifiche su tavola vibrante: la fase di controllo
delleffettivo miglioramento prestazionale della muratura per effetto
dellintervento si avvale del supporto offerto dalle simulazioni e
possibilmente anche dalla sperimentazione in situ, volta a valutare la
resistenza a compressione e a taglio della muratura prima e dopo il
consolidamento.

11

1.1.3 Tecnologie innovative per la caratterizzazione di superfici


(R. Fantoni, G. Fornetti)

Questa linea comprende una serie di attivit di diagnostiche laser sviluppate presso
lENEA Frascati su progetti di sviluppo tecnologico (ricerca applicata e ricerca
industriale) per il Sud (TECSIS, SIDART) ed utilizzata in campagne di misura afferenti o
ai medesimi progetti o ad azioni comunitarie (COST G7, CULTURE 2000).
Partendo da finanziamenti principalmente mirati allo sviluppo di tecnologie, stata
realizzata a Frascati strumentazione trasportabile (sensori ottici, principalmente laser)
adatta allutilizzo in situ durante campagne di misura esterne per la raccolta di dati in
maniera assolutamente non invasiva (modelli 3D) o microdistruttiva (analisi chimiche
superficiali e stratigrafia) operanti sia localmente che remotamente.
Le attivit in corso o recentemente concluse sono riconducibili a linee tematiche distinte,
ciascuna per utilizzo remoto o semi-remoto in situ, sia in ambiente terrestre che marino:
Caratterizzazione morfologica e strutturale con sistemi di visione a vario livello
Caratterizzazione spettroscopica degli strati esterni di rivestimento
Analisi chimica elementare della composizione dei primi strati mediante LIBS
Caratterizzazione strutturale mediante tecniche laser interferometriche o
sistemi in fibra ottica
Pulizia laser delicata per rimozione di strati superficiali.
in corso anche lintegrazione fra queste tecniche per lutilizzo congiunto o in
combinazione con altre diagnostiche di uso corrente sui beni culturali.
La strumentazione realizzata presentata nel documento assieme ad alcune sue
applicazioni significative.

1.2

Information and Communications Technology

1.2.1 Sistemi Informativi di catalogazione ed e-learning


(B. Calosso, A. Di Lorenzo, C. Marinucci)

Le capacit e le competenze dellENEA, rese operative mediante lapplicazione di


tecnologie informatiche per la catalogazione e la fruizione dei beni culturali,
contribuiscono efficacemente alla valorizzazione, alla tutela ed alla diffusione della
conoscenza del patrimonio culturale conservato in musei, Istituzioni e collezioni. Tali
tecnologie, inoltre, sono sostenute da unoperazione di formazione continua per la
diffusione di professionalit specializzate nel campo della catalogazione del patrimonio
culturale italiano.
Le attivit di Convenzione tra Ente e il competente Ministero per i Beni e le Attivit
Culturali (MiBAC) possono vantare ormai una operativit quindicennale senza soluzione
di continuit ed hanno consentito allENEA di realizzare il progetto di massima e di
fornire consulenza per la realizzazione del Sistema del Catalogo Nazionale dei Beni
Culturali (SIGEC). Tale sistema informativo viene utilizzato su tutto il territorio nazionale
dalle istituzioni preposte alla catalogazione e gestisce le informazioni relative ad oltre
due milioni di beni culturali.
Altrettanto fondamentali sono state le collaborazioni con le Regioni: ad esempio, la
progettazione del sistema di catalogazione della Regione Siciliana, svolta dallENEA, ha
12

consentito la realizzazione di un sistema integrato regionale per la catalogazione, che


costituisce un network di 75 istituzioni (Soprintendenze, Musei, Gallerie) distribuite sul
territorio regionale.
La valorizzazione di queste attivit attraverso modalit di formazione a distanza che
applicano strumenti e metodologie e-learning, e la collaborazione con il MiBAC hanno
consentito la realizzazione del percorso formativo e-SIGEC, che integra organicamente
la conoscenza delle norme di catalogazione nazionale con lutilizzo del sistema SIGEC.
La comprovata pluriennale esperienza maturata dallENEA nellambito della
catalogazione informatizzata, cos come nella realizzazione di corsi e-learning per i beni
culturali, ha ottenuto un riconoscimento nella formalizzazione dei Protocolli dIntesa in
essere tra lENEA e:
Ministero per i Beni e le Attivit Culturali (MiBAC)
la Conferenza dei rettori delle Universit Italiane (CRUI)
lAssociazione nazionale dei Musei Scientifici (ANMS)
Tali protocolli dintesa consentono finalmente di ricondurre le diverse iniziative gi in atto
nellEnte in un quadro organico di riferimento, basato sulle specifiche esigenze espresse
dalle Istituzioni che operano nel settore dei beni culturali.
1.2.2 Intelligenza Artificiale
(L. Bordoni)

Limpiego di strumenti computazionali nellambito dei beni culturali un tema di


crescente importanza nella ricerca attuale. LENEA da numerosi anni impegnata nello
svolgimento di attivit riguardanti la realizzazione di sistemi avanzati per il settore dei
beni culturali. Le biblioteche, i musei, ed i siti archeologici sono i contesti un cui
maggiormente le tecnologie avanzate dellinformatica sono state applicate cos come gli
ambiti della conservazione e del restauro di materiale storico-artistico.
Agli inizi degli anni '80 l'ambiente umanistico e quello informatico sembravano ancora
essere due ecosistemi del tutto distinti, impermeabili e tendenzialmente antagonisti e
irriducibili.
Soltanto negli ultimi anni la crescente attenzione da parte del mondo umanista
all'informatica ha fatto nascere la consapevolezza che il settore dei beni culturali sia
indubbiamente un contesto in cui tecnologie informatiche avanzate, quali quelle
dellIntelligenza Artificiale (IA) possono contribuire ad ottenere delle soluzioni
significative. La ricerca, in particolare quella che si colloca nell' IA, ha ultimamente
prodotto, in numerosi settori dei beni di interesse culturale, un valore aggiunto tramite il
conseguimento di nuove conoscenze. Attivit di studio e di ricerca nellambito
dellapprendimento automatico, dellelaborazione del linguaggio naturale, dei sistemi
agenti, della percezione e del ragionamento automatico hanno consentito di concepire,
progettare, e realizzare soluzioni indirizzate al miglioramento di specifici momenti di
analisi, diagnosi, rappresentazione e utilizzazione della conoscenza. Sul piano della
fruizione, questi strumenti hanno fatto compiere un vero e proprio salto qualitativo nei
rapporti tra le istituzioni culturali e il pubblico. Essi permettono di offrire allutente
straordinarie occasioni per costruire efficaci percorsi personali di qualificazione e di
apprendimento; lidea stessa di museo, di biblioteca e di archivio ha subito delle
profonde alterazioni. In Archeologia numerosi i problemi affrontati e risolti con lutilizzo
delle reti neurali, la logica fuzzy, le tecniche della realt virtuale.
13

Recenti sviluppi nelle tecniche di visualizzazione e di ricostruzione virtuale hanno


contribuito allo sviluppo di strumenti software in grado di fornire un valido aiuto al lavoro
degli archeologi cos come a quello dei restauratori. possibile dare vita ad un modello
di restauro, di risistemazione delle componenti, senza che il bene reale subisca la
bench minima alterazione. possibile pertanto presentare il risultato, consentendo a
ciascuno di viverci dentro e di valutare, a priori, quali sarebbero gli effetti di unazione
reale, modulando le soluzioni e potendo recepire in anticipo critiche e suggerimenti. Nel
seguito saranno presentate le attivit, significative per i risultati da esse prodotte, svolte
per il settore documentale, archeologico e artistico.
1.2.3 Osservazioni aerospaziali e sistemi informativi territoriali
(P. Auer, A. B. Della Rocca)

Alcune categorie di beni culturali manifestano forti legami e reciproche interazioni con il
territorio e con lambiente che li circonda. A titolo di esempio, si possono citare i beni
ambientali, architettonici, archeologici artistici e storici, eccetera.
In questo ambito tematico, alcune tecnologie davanguardia permettono attualmente di
progettare e realizzare formidabili strumenti di conoscenza ed analisi, utili a fornire un
concreto apporto informativo e gestionale per il patrimonio artistico e culturale nazionale.
Si tratta dei Sistemi Osservativi e dei Sistemi Informativi Territoriali.
Sistemi Osservativi
Le moderne tecnologie aerospaziali di osservazioni della Terra, costituiscono degli
strumenti di monitoraggio, analisi, conoscenza del territorio e dellambiente, in grado di
fornire informazioni estremamente dettagliate e temporalmente aggiornate.
Nel caso specifico dei suddetti beni culturali, le tecnologie di osservazione permettono di
pianificare ed attuare efficacemente funzioni quali la ricerca, lindividuazione e la
caratterizzazione geometrico-geografica, sia del bene, sia del territorio su cui i beni sono
collocati.
Sistemi Informativi Territoriali
I Sistemi Informativi Territoriali sono delle strutture informatiche espressamente
progettate e realizzate per:
raccogliere, memorizzare e gestire tutte le informazioni territoriali inerenti il
bene;
raccogliere, memorizzare e gestire tutte le informazioni che caratterizzano il
bene dal punto di vista culturale (catalogazione);
pianificare la gestione e lutilizzo ottimale del bene anche dal punto di vista
della sua corretta fruizione;
ottenere informazioni supplementari utili come elementi di supporto alle
decisioni dellautorit (DSS);
conoscere ed analizzare la vulnerabilit dei beni dovuta ai rischi ambientali,
pianificare una vasta gamma di interventi mirati alla loro salvaguardia.
Lintegrazione tra i Sistemi Informativi Territoriali, le moderne tecnologie aerospaziali di
osservazioni della Terra e i sistemi di localizzazione (GPS/GALILEO) permette di
realizzare innovativi e concreti strumenti per lindividuazione, la gestione e lefficace
tutela dei beni culturali in esame.
14

1.3

Conservazione e tutela

1.3.1 Il filtraggio della luce in ambito museale


(A. Piegari)

Lilluminazione delle opere darte allinterno dei musei un argomento che suscita da
molti anni lattenzione degli operatori del settore. Di solito per viene privilegiato
laspetto estetico mentre il danno che tale illuminazione pu creare alle opere esposte,
viene spesso sottovalutato. Esistono comunque da tempo delle regole da seguire per
ridurre gli effetti negativi delle radiazioni provenienti da sorgenti di luce naturale o
artificiale. Queste regole purtroppo si basano, nella maggior parte dei casi, sul valore di
quantit fotometriche correlate alla sensibilit dellocchio (considerando ad esempio
lilluminamento, vedi tabella seguente), senza particolare attenzione alle lunghezze
donda della radiazione emessa al di fuori dallo spettro visibile. Il risultato che si rischia
di inviare una gran parte di radiazione ultravioletta sullopera, pur rientrando nei limiti di
illuminazione consigliati. noto invece che le radiazioni con particolari lunghezze donda
possono indurre effetti peggiori di altre, a parit di intensit. Inoltre ci sono alcuni
intervalli dello spettro della radiazione, emessa dalle sorgenti, che non sono visibili per
locchio umano (come lultravioletto e linfrarosso) e quindi assolutamente inutili per la
visione.
Da ci deriva la necessit di bloccare tali radiazioni non utili e ci pu essere realizzato
in vari modi. In particolare si pu agire sulla sorgente di illuminazione con opportuni filtri
da posizionare davanti alle lampade, nel caso di illuminazione artificiale, oppure si pu
agire sui vetri delle finestre in caso di illuminazione naturale. Si potrebbe cos restringere
lintervallo di lunghezze donda solo a quelle essenziali per losservazione. Un ulteriore
approccio consiste nellutilizzare uno schermo per le radiazioni dannose, posto davanti
allopera darte nel caso di dipinti o intorno ad essa nel caso di oggetti, salvaguardando
ovviamente la visione. In tutti i casi suddetti la soluzione consiste nelleffettuare un
trattamento apposito su una superficie di vetro.
LENEA ha una ventennale esperienza nel settore dei trattamenti superficiali su vetro
che vengono eseguiti con la tecnologia dei film sottili. Il funzionamento del prodotto
finale si basa su fenomeni di interferenza della radiazione elettromagnetica e le tecniche
utilizzate per la sua realizzazione consistono nella deposizione in vuoto di materiali
selezionati, sulla superficie del vetro. In tal modo si possono realizzare sia i filtri per le
lampade, sia opportuni rivestimenti sui vetri delle finestre. Nel caso in cui si voglia
ignorare il tipo di sorgente di illuminazione, perch difficile da modificare, si pu agire sui
vetri che vengono tipicamente usati per proteggere le opere da atti vandalici. Un
rivestimento di tali vetri se opportunamente studiato, ha lulteriore vantaggio di ridurre i
tipici riflessi che disturbano losservatore quando loggetto esposto protetto da un
vetro. In questo ambito anche importante unanalisi colorimetrica per non indurre
modifiche nella resa di colore.

15

Categoria
fotosensibilita
1
Molto Bassa

2
Media

3
Alta

4
Molto Alta

Materiali
Reperti e manufatti relativamente sensibili alla luce
Metalli, materiali lapidei e stucchi senza strato di finitura,
ceramiche, gioielleria. smalti, vetri, vetrate policrome,
reperti fossili
Reperti e manufatti moderatamente sensibili alla
luce
Pitture ad olio e a tempera verniciate. affreschi. materiali
organici non compresi nei gruppi 3 e 4 come quelli in
avorio, osso, corno, legno
Reperti e manufatti altamente sensibili alla luce
Tessili. costumi, arazzi. tappeti, tappezzeria, acquerelli,
pastelli, stampe, libri, cuoio tinto, pitture e tempere non
verniciate, pittura a guazzo, pitture realizzate con
tecniche miste, disegni a pennarello;
piume, pelli e reperti botanici, materiali etnografici e di
storia naturale di origine organica o tinti con prodotti
vegetali; carta, pergamena, legni bagnati
Reperti e manufatti estremamente sensibili alla luce
Mummie, sete, inchiostri. coloranti e pigmenti a maggior
rischio di scoloritura come lacche ecc.

Illuminamento massimo
raccomandato
Superiore a 300 lux con
limitazioni sugli effetti
termici in particolare per
stucchi smalti, vetrate e
fossili

150 lux

50 lux

50 lux

Valori di illuminamento massimi raccomandati

1.3.2 Il trattamento digitale delle immagini per i beni culturali


(P. Auer, A. B. Della Rocca, S. Ferriani)

Il trattamento digitale delle immagini fornisce un sempre pi valido contributo all'opera di


restauro, conservazione e salvaguardia del patrimonio artistico. Questa tecnica si avvale
di metodi di indagine non invasivi che spesso si basano sull'interpretazione e l'analisi di
immagini. Infatti, per valutare lo stato di conservazione di un'opera d'arte, quasi sempre
si utilizzano radiografie, tomografie, termografie, fotografie, immagini all'infrarosso e
all'ultravioletto.
Per questo, le tecniche di trattamento digitale delle immagini trovano una vasta
possibilit di impiego in questo settore e le loro potenzialit sono emerse in molti degli
interventi che l'ENEA ha condotto nella sua ventennale
attivit per i Beni Culturali.
Alcuni studi sulla salvaguardia del patrimonio artistico sono
stati condotti in collaborazione con il Ministero dei Beni
Culturali, la Soprintendenza alle Belle Arti e l'Istituto
Centrale del Restauro.
Nel caso di opere pittoriche, come l'intervento effettuato sul
Tondo Doni di Michelangelo, la prima fase ha previsto
rilevamenti radiografici. Successive elaborazioni hanno
consentito di evidenziare le zone della radiografia in cui
Il Tondo Doni
16

sono presenti rapide variazioni delle tonalit di grigio e


quindi di ottenere valutazioni sull'uniformit delle
pennellate originali, come possibile rilevare nel
dettaglio.
A lato mostrato un altro esempio di elaborazioni
indirizzate alla salvaguardia del patrimonio artistico.
Anche in questo caso lo studio stato condotto in
collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali, la
Soprintendenza alle Belle Arti e l'Istituto Centrale del
Restauro.
L'immagine in pseudo-colore mostrata a fianco, elaborata
tramite il sistema EDI, mostra un mosaico termografico
ove sono posti in evidenza i danneggiamenti presenti nel Palazzo dei Consoli di Gubbio.
Palazzo dei Consoli di Gubbio

Nel caso delle indagini radiografiche condotte allinizio degli anni 90 sulla tela La
Buona Ventura del Caravaggio, stato possibile uniformare i livelli di grigio delle
radiografie ottenendo unimmagine radiografica complessiva dellopera di pi facile
lettura e che ha rilevato, sotto la superficie pittorica del capolavoro, lesistenza di
unopera precedente che raffigura una Madonna (figura seguente).

Figura A - Radiografie de La Buona Ventura. A sinistra la riproduzione dellopera, al centro le radiografie


originale e a destra la versione digitale dopo loperazione di uniformazione dei livelli di grigio

Tecniche di filtraggio spaziale consentono di leggere pi facilmente i reperti radiografici,


come mostrano le immagini di figura B che si riferiscono alla frattura della zampa
posteriore destra della Chimera dArezzo, uno dei massimi capolavori dellarte del
bronzo che fu sottoposto, nei laboratori della Centro Ricerche ENEA della Casaccia, ad
una indagine diagnostica completa e sistematica.
Lelaborazione delle immagini ha consentito di evidenziare il perno utilizzato per lantico
restauro dellopera e di ricostruire il procedimento seguito: in un primo momento il perno
fu ancorato allarto con una amalgama metallica, successivamente la zampa fu
riposizionata sulla statua e una colata interna inglob la parte superiore del perno,
saldandola al corpo dellanimale.

17

(a) (b) (c) (d)

Figura B - Radiografie de La Chimera dArezzo


Particolare della frattura della zampa posteriore sinistra (a), radiografia della frattura (b), radiografia elaborata con
accentuazione dei contrasti (c) e con la tecnica dello pseudocolore (d)

Nel 1992 l'ENEA condusse un'indagine gammagrafica sul David di Michelangelo


nell'ambito di una complessa e approfondita campagna di studio e analisi del capolavoro
i cui risultati hanno costituito il supporto scientifico del lungo processo di restauro che si
concluso un paio di anni fa.
La figura C illustra il posizionamento delle gammagrafie del braccio sinistro del David
che nel 1527 venne accidentalmente colpito e distaccato dalla statua, restaurata 16 anni
dopo, nel 1543.
Le gammagrafie hanno mostrato nel dettaglio l'estensione delle fratture e i lavori di
restauro del passato. Il trattamento delle immagini ha aumentato il contrasto e la
definizione, che nel caso di gammagrafie sono generalmente di bassa qualit a causa
del lungo tempo di esposizione e del materiale diffusivo. In particolare, sempre in figura
C, riprodotta la gammagrafia della mano nella quale, laumento del contrasto e
laccentuazione dei contorni, hanno reso ben visibili i piccoli perni utilizzati per il
riassemblaggio delle dita.

(a)

(b)

(c)

Figura C - Gammagrafie del David. Posizionamento delle gammagrafie del braccio (a), gammagrafia
originale della mano (b) e versione elaborata (c) con ben visibili i frammenti e i perni usati per la
ricomposizione

Unaltra tecnica diagnostica nella quale il trattamento delle immagini gioca un ruolo
chiave lanalisi multispettrale. Questa tecnica, di tipo non invasivo, consente di rilevare
la presenza di disegni preparatori o ripensamenti da parte dell'autore. Essa sfrutta la
propriet della radiazione luminosa di interagire con strati diversi della superficie
pittorica, a seconda della propria lunghezza d'onda. La figura D mostra i risultati ottenuti
applicando la tecnica al Crocifisso di San Damiano.

18

(a)

(b)

(c)

Figura D - Immagini multispettrali del Crocifisso di San Damiano, radiazione


infrarossa (a), visibile (b) e di fluorescenza ultravioletta (c). Sono visibili in (a) e (c) le
aree leggermente pi scure interessate da lavori di restauro del passato

Il trattamento delle immagini ha inoltre consentito di


combinare le immagini multispettrali con limmagine
radiografica (figura E) dellopera evidenziando che le zone
Il crocefisso di San Damiano interessate da restauri sono situate in corrispondenza delle
giunzioni della struttura lignea, nei punti in cui lopera ha
subito le maggiori sollecitazioni meccaniche.
Figura E - Particolare del Crocifisso di
San Damiano. Nellimmagine a sinistra
le zone di interesse sono evidenziate in
falsi colori, in viola le zone relative alla
fluorescenza ad ultravioletti, in rosso le
zone relative all'infrarosso e in giallo le
zone comuni alle due radiazioni;
nellimmagine a destra visualizzata la
radiografia delle zone di interesse

1.3.3 La protezione antisismica innovativa del patrimonio culturale


(A. Martelli, M. Indirli, D. Rinaldis, E. Valpreda)

Le competenze della divisione di protezione antisismica sono multidisciplinari e


riguardano, in generale, la prevenzione di catastrofi naturali, la valutazione di
pericolosit e rischio integrati dovuti a disastri naturali. In questo ambito, sono state
sviluppate professionalit di punta, concernenti la protezione antisismica innovativa di
impianti nucleari, industriali, edilizia residenziale e patrimonio culturale (anche alla luce
della O.P.C.M. n. 3274/2003 e successive modifiche ed integrazioni), nellambito di
progetti e contratti nazionali e internazionali.
Per quanto concerne nella fattispecie il patrimonio culturale, le competenze
specialistiche riguardano la progettazione di interventi di adeguamento e miglioramento
sismico, la realizzazione di sistemi e dispositivi antisismici innovativi (isolamento
sismico, leghe a memoria di forma e altri sistemi dissipativi), la conoscenza delle
tecniche convenzionali di costruzione e dei materiali (in particolare muratura, legno,
gomma e acciaio), lanalisi numerica, la realizzazione di campagne sperimentali in situ e
in laboratorio, il rilievo geometrico e del danno, lo studio delle evidenze sismiche nei
monumenti antichi. Particolare attenzione dedicata allarmonizzazione, spesso

19

problematica, dei criteri di protezione sismica con i requisiti di conservazione


indispensabili per il patrimonio storico-artistico.

Reggio Emilia e Modena 1996

Marche e Umbria 1997

Molise 2003

Supporto alla Protezione Civile nellemergenza post-sismica

Una notevole esperienza stata maturata nella valutazione della vulnerabilit strutturale
e del danno sismico (con particolare riferimento ai beni culturali), a seguito sia della
partecipazione a diverse campagne di indagine tecnico-scientifiche dopo grandi eventi
sismici (esempi: Loma Prieta 1989 e Northridge 1994, California, USA; Kobe 1995,
Giappone; Kokaeli 2000, Turchia), sia dell'organizzazione e del coordinamento di
squadre ENEA a supporto della Protezione Civile dopo terremoti (Reggio EmiliaModena 1996; Umbria-Marche 1997/1998; Molise 2002/2003; Emilia-Romagna 2003). In
particolare per San Giuliano di Puglia, si cita lorganizzazione e il coordinamento del
gruppo tecnico-scientifico a supporto dellAmministrazione Comunale di (Campobasso,
Molise) nella fase di post-emergenza, e la consulenza tecnico-scientifica al Soggetto
Attuatore della Ricostruzione (Ministero dei Lavori Pubblici) tuttora in corso.

Loma Prieta, 1989

Northridge, 1994

Kobe, 1995

Campagne di indagini tecnico-scientifiche dopo grandi eventi sismici

Le attivit hanno consentito e consentono di collaborare con diverse Soprintendenze (tra


cui Marche, Umbria, Molise, Lazio) ed in particolare con la Direzione Regionale per i
Beni Culturali e Paesaggistici dellEmilia-Romagna del Ministero per i Beni Culturali e
Paesaggistici, a cui stato fornito in diverse occasioni un supporto tecnico-scientifico.
Ampia , inoltre, la collaborazione con le universit e altri istituti di ricerca, nellambito di
progetti internazionali, europei e nazionali, nonch di attivit di formazione (tesi di
laurea, dottorati e tirocini).

20

Importanti sono anche le attivit di disseminazione e comunicazione scientifica, rivolte a


esperti, amministrazioni pubbliche, associazioni di progettisti, imprese, effettuate
nellambito di associazioni quali ASSISi (Anti-Seismic Systems International Society) e
GLIS (Gruppo di Lavoro Isolamento Sismico), rispettivamente presieduta e coordinato
dallIng. Alessandro Martelli, responsabile dellUnit. Oltre alla realizzazione di seminari,
conferenze e workshop internazionali e nazionali, si vuole citare il supporto tecnicoscientifico ai seguenti filmati: Il Cantiere dellUtopia, filmato di E. Bellani prodotto dalla
Giotto Film per la RAI sul restauro della Basilica di San Francesco in Assisi; Storia di un
terremoto, filmato sullevento sismico a San Giuliano di Puglia, frutto di una
collaborazione tra RAI ed ENEA.
Pi in dettaglio, le competenze PROT-PREV riguardano:

caratterizzazione dellinput sismico;


microzonazione sismica;
analisi delle vibrazioni indotte dal traffico veicolare;
caratterizzazione sperimentale in situ di edifici;
sviluppo e progettazione di sistemi e dispositivi antisismici innovativi, anche
tridimensionali, per la protezione di edifici storici, monumenti e anche singole
opere darte (principalmente isolatori in gomma armata ad alto smorzamento,
dispositivi in Leghe a Memoria di Forma Shape Memory Alloys, dispositivi a
dissipazione di energia); per quanto riguarda lisolamento sismico di edifici
storici e monumentali, sono state sviluppate tecniche di sottofondazione per
linstallazione di isolatori sismici, al fine di armonizzare i requisiti di protezione
sismica con i principi di conservazione;
caratterizzazione, qualifica ed accettazione sperimentale di detti dispositivi;
applicazioni pilota, in collaborazione con i progettisti e con le sovrintendenze,
di moderni sistemi antisismici succitati;
supporto ingegneristico alla progettazione e realizzazione di interventi di
consolidamento, restauro ed installazione di dispositivi antisismici, in
particolare su opere danneggiate dal sisma o con problemi statici, inclusa la
ricostruzione di borghi antichi distrutti dal terremoto;

Restauro antisismico dei timpani del transetto della Basilica di San Francesco di Assisi, danneggiata
dal terremoto del 1997, mediante linserimento di dispositivi innovativi in Leghe a Memoria di Forma

simulazione dinamica numerica, sulla scorta dei dati sulla geometria, sui
particolari strutturali, sulle propriet dei materiali e sui risultati delle prove, al
21

fine di determinare livello di vulnerabilit ed i relativi meccanismi di collasso


che potrebbero manifestarsi in un edificio (procedimenti quantitativi: azione
sismica sullintera struttura tramite analisi a spettro di risposta, modellazione
della struttura, analisi statica lineare, analisi dinamica modale);
sviluppo di GIS ed analisi spaziali con GIS ed Image Processing (analisi di
immagini satellitari) per la valutazione del rischio integrato dovuto a catastrofi
naturali, in particolare mediante la realizzazione di banche dati geografiche e
di sistemi informativi territoriali adatti ad essere di supporto a decisori che
hanno responsabilit della gestione del territorio.
1.3.4 Tutela dei Beni Culturali dalle dinamiche idrogeologiche
(G. Delmonaco, L.Falconi, C. Margottini, C. Puglisi)

La distribuzione diffusa dei Beni Culturali sul territorio italiano ha indotto lo sviluppo della
richiesta di competenze nellambito della tutela dalle dinamiche idrogeologiche. Tali
fenomeni costituiscono, infatti, una delle cause pi diffuse di dissesto del territorio
nazionale. Le competenze sviluppate sui Beni Culturali permettono agli esperti del
settore di essere richiesti ed operare efficacemente anche allestero.
Le tecniche afferenti alla Geologia e Geomorfologia Applicata costituiscono uno
strumento necessario per la valutazione del rischio idrogeologico cui un Bene Culturale
soggetto. La filiera del sistema che conduce allanalisi del rischio parte con lanalisi del
fenomeno in essere tramite attivit di rilevamento e monitoraggio integrato (in
sottosuolo, superficiali, radar-satellitari), per condurre poi tramite modellazioni
geomorfologiche e geotecniche, alla previsione spaziale e temporale dellevoluzione del
fenomeno e, nel caso, anche della sua magnitudo (energia, volume e velocit), al fine di
fornire i dati di base necessari per porre in essere opere strutturali e non strutturali di
protezione del bene stesso. A supporto delle attivit di analisi del rischio vengono
sviluppate tecniche GIS avanzate (3D, Tablet PC) e fotogrammetriche, sviluppo di
software di modellazione numerica. Gli output sono individuabili nella redazione di
cartografia tematica, sviluppo di linee guida per la valutazione del rischio, sviluppo di
Sistemi di Supporto alle Decisioni (DSS), metodologie per la mitigazione funzionale e
sostenibile.
Lesperienza nellanalisi del rischio idrogeologico del territorio nazionale, sviluppata
nellambito di attivit di supporto al Ministero dellAmbiente e di collaborazioni con
Universit, Centri di Ricerca ed Autorit di Bacino, ha permesso ad ENEA di fornire una
competenza specializzata anche nellambito della conservazione dei BB. CC.
Nellambito della difesa dal rischio idrogeologico sono state sviluppate numerose attivit
sia in ambito nazionale sia soprattutto internazionale integrando, secondo un criterio
innovativo, competenze afferenti alla geomorfologia applicata e alla geologia applicata ai
BB.CC. In particolare tali competenze sono state utilizzate in attivit di supporto al
Ministero dei BB. CC., al Ministero della Ricerca ed alle Soprintendenze, sviluppando
progetti di ricerca mirati alla tutela di siti archeologici, centri storici. In particolare:
Linee guida per la salvaguardia dei beni culturali dai rischi naturali,
consistente nello sviluppo ed elaborazione di linee guida per la definizione del
rischio da fenomeni naturali dei BB. CC., a beneficio del Ministero dei Beni
Culturali, Ministero della Ricerca, Ministero dellAmbiente, Soprintendenze,
Amministrazioni locali. Il progetto stato condotto attraverso la realizzazione
di rilievi diretti, installazione di sistemi di monitoraggio a terra, lo sviluppo di
22

sistemi informativi territoriali e modellazioni geotecniche per la determinazione


delle condizioni di rischio idrogeologico di 12 siti italiani (centri stotrici e siti
archeologici)
V.I.P. Valutazione di Impatto Paesaggistico, sviluppo di uno strumento per il
contenimento dellimpatto paesaggistico degli interventi di messa in sicurezza
dei BB.CC. interessati da fenomeni franosi. Il progetto ha costituito un
supporto alle attivit del Ministero dei Beni Culturali, delle Soprintendenze e
delle Amministrazioni locali e uno stimolo per le PMI del settore ricerca
applicata allInformatica e del settore dellIngegneria Civile. Il progetto stato
mirato allo sviluppo di un sistema esperto (DSS) in grado di valutare e
proporre soluzioni che minimizzino limpatto sul paesaggio degli interventi di
mitigazione del dissesto idrogeologico, contribuendo cos alla conservazione,
restauro e/o recupero funzionale e turistico di insediamenti archeologici e
centri storici darte a rischio, degradati da interventi pregressi o da sottoporre
a consolidamento statico. La ricerca si sviluppata attraverso la realizzazione
di rilievi diretti, installazione di sistemi di monitoraggio a terra, lo sviluppo di
sistemi informativi territoriali e lelaborazione di banche dati e rendering
fotografici. I risultati del progetto costituiscono un strumento di notevole aiuto.
1.3.5 Applicazioni trasversali di reverse engineering nei beni culturali
(S. Petronilli)

Le competenze utilizzate afferiscono allanalisi, monitoraggio, previsione spaziotemporale, pianificazione territoriale e progettazione di interventi sostenibili strutturali e
non strutturali. Tali competenze sono state sviluppate attraverso campagne di indagini di
sito in Italia e in contesto internazionale (rilevamenti geomorfologici, geotecnici, di
geologia strutturale, indagini del sottosuolo con metodi diretti e indiretti) e indirette
(analisi di fotoaeree in stereoscopia digitale, analisi di immagini satellitari), analisi della
magnitudo (volume, velocit. energia) dellevoluzione di fenomeni in essere e potenziali
fenomeni di neoformazione, sviluppo di modelli numerici, applicazione di tecniche di
rilevamento avanzato (GIS 3d e tablet PC), metodi innovativi per lanalisi della
vulnerabilit da frana dei BB.CC, analisi di rischio e progettazione di opere di
mitigazione.
Nellambito della salvaguardia dei beni culturali, ed in particolare di quelle opere dove
laspetto morfologico assume un ruolo primario, un sempre maggiore interesse viene
rivolto a quelle tecnologie proprie del mondo industriale, in grado di offrire nuove
opportunit di studio e di valorizzazione del patrimonio artistico e culturale. In
particolare, luso di sistemi di acquisizione digitale e di tipo CAD/CAM consentono, sotto
opportune condizioni, sia di ottenere preziose informazioni sulle caratteristiche
morfologiche dellopera darte che di eseguire interventi di simulazione e pianificazione
dellazione di restauro. Le attivit del laboratorio Protocenter, dellUnit di Agenzia per lo
Sviluppo Sostenibile dellENEA di Bologna, che da diversi anni si occupa di queste
tematiche, sono finalizzate al trasferimento tecnologico nellambito delle tecniche di
Prototipazione Rapida (PR) e Reverse Engineering (RE) rivolte a diversi settori, come il
meccanico, lorafo, il biomedicale ed in particolare nella conservazione dei beni artistici e
culturali, mettendo quindi in evidenza la flessibilit e trasversalit delle tecnologie
applicate.

23

Analisi comparativa e ricostruzione virtuale di due elementi lapidei


(con il contributo di Simona Mazzotti, Facolt di Conservazione dei Beni Culturali, Universit degli Studi di
Bologna, sede di Ravenna)

Nellambito del restauro virtuale la ricerca ha avuto come oggetto un manufatto in pietra
costituito da una lapide funeraria cristiana ricavata da una pi antica lapide ebraica, che
originariamente stata separata in due parti, una delle quali rilavorata con iscrizione
cristiana. Obiettivo dello studio stato quindi di verificare, con strumenti e metodologie
proprie dellingegneria inversa, la tesi di comune appartenenza delle due lapidi e di
ricostruzione virtuale di una porzione di quella ebraica compresa la parte relativa

Fig. 1

Fig. 2

Fig. 3

alliscrizione. Essendo le due lapidi conservate in luoghi diversi, lunico modo possibile
per avere informazioni aggiuntive di tipo morfologico, rispetto a quelle derivanti da
semplici immagini bidimensionali, o da misure eseguite manualmente stato quello di
confrontare i modelli digitali delle due lapidi ricostruiti mediante sistema di scansione a
triangolazione laser.
Come mostrato in figura 1, relativamente alla lapide ebraica, le acquisizioni sono state
eseguite in loco e memorizzate direttamente utilizzando la memory card disponibile nello
strumento mentre, successivamente, sono state eseguite le operazioni di riallineamento
(figura 2), editing e merge delle scansioni eseguite. A livello metodologico, per quanto
riguarda la fase di pianificazione della campagna di acquisizione, le singole lapidi sono
state divise in livelli e su ogni livello sono state eseguite un numero di scansioni in modo
tale da ricoprire lintero livello ed avere un grado di sovrapposizione pari a circa il 50%
cos da rendere minimi gli errori di riallineamento. Nelle porzioni di lapide nelle quali
sono presenti decorazioni con elevato livello di dettaglio, sono state eseguite scansioni
aggiuntive ad una risoluzione pi elevata cos da consentire una facile gestione del file
risultante e al contempo mantenere la coerenza morfologica tra la il modello geometrico
e quello reale.
A partire dai modelli tridimensionali, figura 3 e 4, quindi possibile eseguire misurazioni
geometriche su un qualsiasi piano di sezione consentendo il confronto diretto delle
geometrie per un approfondito studio morfologico, cos come rappresentato in figura 5
e 6, nel quale messa in evidenza una generica sezione relativa allaccoppiamento
delle due lapidi nella stessa disposizione nella quale doveva trovarsi la lapide ebraica
prima della divisione.
La seconda parte del lavoro ha riguardato invece la ricomposizione della iscrizione
ebraica che, come mostrato nella parte evidenziata in figura 4 (rettangolo rosso), mostra
una porzione mancante sostituita nella fase di restauro della lapide, da una malta per
conferire allopera una maggiore stabilit statica. Una volta ricostruita la struttura
geometrica della lapide stessa mediante lutilizzo di software di modellazione CAD di
24

tipo free-form, stato analizzato, figura 7, landamento della geometria dei caratteri in
modo da realizzare un font che fosse il pi vicino possibile a quello scolpito nella lapide
stessa. Da questo, mediante un estrusione solida del profilo, figura 8, stato ottenuto il
modello tridimensionale della scritta che, dopo il riposizionamento sulla struttura
ricostruita della lapide, figura 9, e lapplicazione di unoperazione booleana di
sottrazione, ha permesso di ricomporre completamente la scritta presente riportando la
lapide alla sua geometria originale, figura 10.

Fig. 4

Fig. 7

Fig. 5

Fig. 6

Fig. 8

Fig. 9

Fig. 10

Ricostruzione digitale di un mosaico


(Con il contributo di Manuela Savioli, Facolt di Conservazione dei Beni Culturali, Universit degli Studi di
Bologna, sede di Ravenna)

Nello studio dei mosaici invece, le tecniche di ingegneria inversa consentono di ottenere
elementi morfologici e dimensionali delle superfici che, nella documentazione relativa a
questo manufatto, non avevano trovato ancora opportune metodologie di indagine. Lo
scopo stato quello di verificare, mediante un sistema a triangolazione laser, la
possibilit di riprodurre fedelmente in 3D una porzione di una superficie musiva
parietale, caratterizzata da una geometria che, a prima vista, pu risultare non
estremamente complessa, ma che in realt presenta due problemi non trascurabili:
lesistenza di ridotti interstizi tra le tessere rende lacquisizione particolarmente difficile
dando luogo a lacune, figura 11 (zone non acquisite nelle quali il sensore non riesce a
rilevare il segnale emesso dalla sorgente e riflesso dalla superficie), ed inoltre, la
presenza di tessere di colore molto scuro tende a ridurre la componente riflessa del
fascio laser.

25

Fig. 11

Fig. 13

Fig. 12

Per questo particolare tipo di manufatto, cos come per tutte le opere di interesse
artistico, chiaramente impensabile lapplicazione di uno spray o di una vernice di tipo
primer, che, anche quando possa essere facilmente eliminato dalla superficie delle
tessere, sarebbe comunque assorbito dalla porosit della malta di supporto rendendolo
di fatto non pi rimovibile. La soluzione adottata per entrambi i problemi stata quella di
eseguire un elevato numero di scansioni cambiando ogni volta langolo di incidenza del
fascio laser rispetto alla superficie del mosaico. Lintegrazione di questa metodologia
con lapplicazione di algoritmi di editing per leliminazione di piccolissime anomalie
topologiche, dovute ad esempio ad inclinazioni in sottosquadro delle pareti delle tessere
rispetto alla normale della malta di allettamento, consente di ottenere un modello
digitale, figura 12, estremamente significativo e completo. Nella successiva figura 13,
viene mostrata lintegrazione del modello tridimensionale con linformazione colore
mappata in maniera continua mediante la ricostruzione di una texture map dalle
immagini fotografiche della parte acquisita.

Fig. 14

Fig. 15

La realizzazione di modelli virtuali di piccole porzioni, rappresentative delle composizioni


cui appartengono, consente di poter effettuare indagini comparative fra cicli musivi,
giungendo a quantificare affinit e differenze in termini di trattamento e resa superficiale
del mosaico. Dal modello virtuale, attraverso luso di features caratteristiche dei
programmi di modellazione CAD e che consentono la creazione di entit geometriche
provenienti da sezioni sul modello stesso, figura 14, stato possibile effettuare
misurazioni esatte sulla grandezza delle tessere, sulla loro distanza e sullinclinazione
delle facce superficiali, figura 15, che costituisce uno dei parametri in grado di
influenzare la resa cromatica della tessera stessa.
Analisi morfologica di una tavola lignea mediante sistema di scansione a triangolazione laser
(con il contributo di Alessandro Gelli, Facolt di Conservazione dei Beni Culturali, Universit degli Studi
Bologna, sede di Ravenna)

Lanalisi di tipo morfologico ottenibile dallapplicazione di tecniche di RE risulta


particolarmente interessante per quei manufatti che presentano geometrie specifiche al
di fuori di quelle standard per la tipologia di opera considerata, come ad esempio la
tavola lignea del 1500 di figura 16, avente una particolare geometria curvilinea. La
realizzazione del relativo modello 3D, figura 17, ha permesso di determinare lesatta

26

morfologia dellopera, figura 18, consentendo ad esempio lo svolgimento sia delle


misure relative al raggio di curvatura che allandamento dello spessore, figura 19.

Fig. 16

Fig. 17

Fig. 18

Fig. 19

A riprova inoltre della trasversalit delle tecnologie di RE e di come metodologie gi


consolidate in ambito industriale possano essere mutuate in quello dei beni culturali,
stato determinato landamento delle deformazioni e lo spessore della lamina doro posta
sulla superficie anteriore, figure 20 e 21, utilizzando una procedura messa a punto ed
impiegata per la catalogazione dei difetti nel cuoio.

Fig. 21

Fig. 20

Ipotesi di restauro virtuale applicate ad un bronzetto romano

Un altro caso di studio nellambito dei Beni Culturali, ha riguardato un applicazione di


restauro virtuale eseguito in una statua romana in bronzo. Dal modello tridimensionale
del reperto, stato possibile ricostruire, mediante lapplicazione delle feature specifiche
dei programmi di elaborazione di nuvole di punti, sia alcune parti del viso deteriorate da
processi corrosivi, figura 22 e 23, che il riposizionamento virtuale del braccio della statua
reso necessario dal non perfetto riallineamento eseguito durante la prima opera di
restauro, figura 24.

Fig. 22

Fig. 24

Fig. 23

Le operazioni di editing applicate al braccio sinistro della statua, hanno consentito di


ripristinare la configurazione della geometria originale mediante misure antropometriche
eseguite sul modello digitale, imponendo cio una lunghezza dellavambraccio pari a
quella misurata sul braccio destro, figura 25. Sono state quindi costruite, come fatto in
precedenza nel caso dei mosaici, delle entit geometriche, figura 26, che sono servite
per inserire delle patch tra i due monconi in modo tale da rispettare il vincolo di tangenza
27

e ripristinare la continuit del braccio, come mostrato in figura 27, nel confronto tra la
geometria originale e quella ricostruita.

Fig. 25

Fig. 26

Fig. 27

Inoltre, la stretta collaborazione con larcheologo, resa possibile mediante lo scambio via
rete del modello digitale opportunamente modificato mediante software di modellazione
CAD, ha consentito di proporre nuove interpretazioni di tipo storico e morfologico sulla
esatta composizione dellopera darte senza la necessit di disporre fisicamente del
reperto originale.
Integrazione tra le tecnologie di RE e PR

Le attivit del laboratorio nellambito dei Beni Culturali, hanno riguardato inoltre le
modalit di integrazione tra le tecnologie di RE e quelle di PR applicate ad esempio
nella riproduzione, in un caso, di tavolette assiro-babilonesi in scrittura cuneiforme al
fine di facilitarne sia lo studio che la didattica (figura 28) e in un altro, in un bozzetto in
gesso di una statua, riprodotta in bronzo in scala 1:3, al fine di incrementare un mercato,
quello delle sculture, che attualmente copre solo il 5% circa delle transazioni
complessive di opere darte ad alto valore artistico (figura 29).

Fig. 28

Fig. 29

28

1.3.6 Nuove tecnologie per la memoria


(S. Petronilli)

Il laboratorio Protocenter dellENEA di Bologna impegnato nella riproduzione digitale


delle sculture di Luciano Minguzzi.
Il contesto

Nel 60 della ricorrenza della battaglia di Porta Lame il Comune di Bologna, Progetto
Nuove Istituzioni Museali, in collaborazione con lENEA di Bologna, Unit di AgenziaProgetti di Trasferimento Tecnologico per le PMI, ha promosso la realizzazione della
copia in scala del Monumento al Partigiano e alla Partigiana (1947) dello scultore
Luciano Minguzzi.
Queste sculture costituiscono un episodio di assoluto rilievo nella ricostruzione della
memoria della Resistenza, sia per limportanza dellautore, sia perch fuse con il bronzo
della statua di Mussolini a cavallo gi collocata allo Stadio Comunale di Bologna, a sua
volta realizzata con alcuni cannoni che i Bolognesi sottrassero agli Austriaci nella
battaglia dell8 Agosto 1848.
Il supporto tecnologico

Gli esperti che hanno svolto tale lavoro sono gli


Ingegneri Sergio Petronilli e Carlo Poli del
Laboratorio Protocenter dellENEA di Bologna
afferente allUnit dellEnte, il cui responsabile la
Dr.ssa Mafalda Valentini. Questa Unit svolge
attivit
di
diffusione
dell'innovazione
e
trasferimento tecnologico con lobiettivo di
sviluppare azioni di supporto e di fornire servizi
avanzati al sistema produttivo, con particolare
riferimento alle piccole e medie imprese. Le azioni
Fig. 1 - Il monumento al Partigiano e alla
previste consistono nella realizzazione e nella
Partigiana di Porta Lame -Bologna
gestione di strumenti che permettano un processo
rapido ed efficace di trasformazione dei risultati della ricerca in soluzioni applicative per
l'innovazione del tessuto imprenditoriale e per il benessere della comunit.
Le tecnologie usate e la loro applicazione nei Beni Culturali

Nellambito della salvaguardia dei beni culturali, ed in particolare di quelle opere dove
laspetto morfologico assume un ruolo primario un sempre maggiore interesse viene
rivolto a quelle tecnologie proprie del mondo
industriale, in grado di offrire nuove opportunit di
studio e di valorizzazione del patrimonio artistico. In
particolare, luso di sistemi di acquisizione digitale e
di tipo CAD/CAM consentono, sotto opportune
condizioni, sia di ottenere preziose informazioni
sulle caratteristiche morfologiche dellopera darte,
che di eseguire interventi di simulazione e
pianificazione dellazione di restauro. In questo
lavoro il percorso seguito passa attraverso due fasi
distinte: quella di acquisizione della geometria del
Fig. 2 - Simulazione della fase di
monumento e quella di prototipazione rapida nel
allestimento della copertura di protezione
29

caso in cui si voglia riprodurre delle copie in scala, conformi alloriginale.


Con il termine ingegneria inversa (Reverse Engineering) si individua quella tecnologia
che, a partire da un modello fisico, consente di risalire alla sua descrizione matematica
costituita dalle coordinate dei punti sulla sua superficie. Il crescente interesse per questa
tecnologia nei beni culturali deriva dal fatto che lacquisizione digitale pu avvenire
senza contatto fisico con la superficie del reperto, nel pieno rispetto della sua integrit. Il
risultato di questa operazione una rappresentazione tridimensionale del reperto visibile
con i moderni sistemi CAD o fruibile attraverso internet, mediante lutilizzo di opportuni
plug-in legati a software specifici. Un primo importante uso del modello virtuale quello
della catalogazione dellopera darte che permette di monitorare nel tempo linvarianza
della geometria, alla quale, in funzione della risoluzione e del sistema usati, possono
essere aggiunte informazioni sullo stato di conservazione della superficie e sul colore.
La seconda fase, che segue quella di acquisizione, consiste nella realizzazione di una
copia del reperto con tecnologie di prototipazione rapida (Rapid Prototyping). Con
questo termine si definisce quella tecnologia che, a partire da una rappresentazione
tridimensionale del reperto, consente la costruzione del modello fisico, mediante
laggiunta uno strato di materiale sullaltro. Si ricorre a tecniche additive, proprie della
prototipazione rapida, rispetto a quelle di tipo sottrattivo che utilizzano macchine utensili
tradizionali, perch normalmente i reperti hanno superfici estremamente complesse che
necessitano di unimpegnativa programmazione del percorso utensile e presentano
sottosquadri che non sono facilmente raggiungibili dalla fresa per lasportazione del
materiale. La possibilit offerta dalle tecniche di prototipazione rapida di realizzare
qualsiasi geometria, comunque complessa, presenta quindi indubbi vantaggi sulla
variet dei reperti realizzabili.
Quando occorre proteggere una statua in pietra o in marmo dalla corrosione degli agenti
atmosferici, loriginale pu essere musealizzato e sostituito con una copia realizzata
nello stesso materiale, facendo uso di macchine
utensili a controllo numerico costituite da robot
antropomorfi. In questo caso le parti in sottosquadro,
non raggiungibili dallutensile, devono essere
comunque scolpite e rifinite manualmente.
Nuove tecnologie per la memoria: i Partigiani di Porta Lame

La fase relativa allacquisizione digitale del


Monumento al Partigiano e alla Partigiana, costituite
da due statue in bronzo di quasi tre metri di altezza,
stata svolta mediante lutilizzo del sistema di
scansione a triangolazione laser senza contatto, in
dotazione al laboratorio Protocenter dellENEA di
Bologna, capace di acquisire ad ogni scansione una
grande quantit di punti con elevata precisione, cos
da mantenere la fedelt geometrica tra le sculture
Fig. 3 - Fase di scansione digitale
reali e quelle virtuali. Per la ricostruzione dei modelli
della Partigiana
digitali tridimensionali sono state eseguite, per
ognuna delle due statue, pi di trecento scansioni successivamente riallineate mediante
lutilizzo di marker di riferimento, facendo uso di software dedicati al fine di ottenere il
modello geometrico completo.

30

Lutilizzo di tecnologie digitali risulta


importante non solo nella fase di
creazione
del
modello
tridimensionale ma anche in quella
di pianificazione delloperazione di
scansione. Dato che le due statue si
trovano allaperto stato necessario
utilizzare
una
copertura
di
protezione
per
riparare
la
strumentazione dalle intemperie. La
scelta della struttura ottimale che
consentisse di eseguire le scansioni
al coperto, senza che fosse di
ostacolo al posizionamento dello
Fig. 4 - Modelli digitali tridimensionali
scanner, stata eseguita mediante
una simulazione virtuale dello scenario che avremmo trovato durante le operazioni di
scansione. stata quindi ricostruita con software CAD (Computer Aided Design), sia la
struttura di protezione che la figura di ingombro delle due statue (ottenute da semplici
immagini digitali) permettendo di avere informazioni utili sia per la scelta della copertura
pi idonea, che per il suo posizionamento. Uno dei problemi maggiori incontrati nella
fase di ricostruzione dei modelli digitali stato il completamento della geometria dei
modelli nelle zone in sottosquadro. Il fascio laser dello scanner, pur realizzando prese
della stessa zona da diverse angolazioni, non riesce infatti ad acquisire completamente
le informazioni geometriche di parti nascoste come ad esempio, la parte interna del
gomito o linterno del palmo della mano. Per ovviare a questo problema, stata messa a
punto una metodologia che consente di ricostruire parti incomplete di un modello digitale
tridimensionale mediante luso di un programma di modellazione CAD di tipo free-form.
Una volta ultimata la fase di ricostruzione dei modelli digitali, si passati alla fase di
prototipazione rapida utilizzando un sistema multigetto (MJM-Multi Jet Modeling,
Thermojet) che deposita strati di un materiale
termoplastico simile alla cera, dello spessore di circa
0,04 mm. Questo tipo di materiale presenta buone
caratteristiche di applicazione nel processo di
microfusione a cera persa, in quanto non genera
residui allinterno del guscio ceramico dopo la fase
di scolatura, comportandosi come la cera
tradizionale e consentendo di ottenere delle fusioni
di ottima qualit. La capacit massima di lavoro
della macchina di prototipazione rapida definita da
un
parallelepipedo
di
dimensioni
x,y,z
rispettivamente pari a 250 x 190 x 200 mm3. Oggetti
di dimensioni maggiori possono essere ottenuti
scomponendo il modello digitale in pi parti da
riassemblare successivamente. Obiettivo della fase
di prototipazione rapida quindi quello di ottenere, a
Fig. 5 - Parte superiore del partigiano alla
partire dal modello digitale tridimensionale
fine della fase di prototipazione rapida
opportunamente
scalato,
un
modello
in
prototipazione rapida da utilizzare come copia sacrificale nel processo di microfusione a
cera persa. In questo caso non volendo realizzare il modello pieno, sia per motivi legati
al peso che per i problemi relativi alla fusione, stato necessario creare sul modello
31

digitale un opportuno spessore interno di 4.5 mm, corrispondente a quello minimo in


genere usato dalla fonderia Venturi Arte per questa tipologia di oggetti. La costanza
dello spessore che consente di ottenere un riempimento regolare della forma da parte
del metallo fuso, stata ottenuta mediante lapplicazione di un algoritmo di off-set della
superficie esterna del modello digitale.
A causa della complessit della geometria
dei modelli, lalgoritmo non riesce per a
trimmare le superfici di auto-intersezione, per
cui stato necessario mettere a punto una
procedura che consentisse di creare le
condizioni geometriche ottimali affinch
questa operazione andasse a buon fine. Dato
che le limitate dimensioni di lavoro della
macchina non consentono di ottenere dei
modelli di dimensioni tali da fornire un
aspetto estetico soddisfacente, si deciso di
realizzarli con un altezza di circa 500 mm
utilizzando un fattore di scala pari a 0,2 (1:5),
prima dellapplicazione dellalgoritmo di offset. Questa soluzione ha comportato la
divisione del modello in due parti da
riassemblare in un secondo tempo, prima
Fig. 6 - Posizionamento e fissaggio sul modello in
della fase di fusione e la creazione di un
cera dei canali di colata relativi alla fase di fusione
opportuno accoppiamento geometrico, al fine
di consentire il corretto riallineamento del componente superiore con quello inferiore.
Particolare attenzione stata posta nella disposizione del modello rispetto al piano di
crescita della macchina di prototipazione rapida, al fine di ottenere sia la migliore qualit
superficiale, sia la rimozione ottimale dei supporti depositati dalla macchina per
sostenere le parti geometriche in sottosquadro. Per la
realizzazione di ogni componente, dei quattro in cui sono
state divise le due statue, sono occorse circa 18 ore di
lavoro della macchina di prototipazione rapida
(Thermojet), in pratica poco pi di tre giorni, in quanto la
macchina pu lavorare in condizioni non presidiate
anche durante la notte.
Dopo la fase di prototipazione si passati alla fase di
desupportazione consistente nellasportazione del
materiale di supporto e a quella di finitura superficiale,
allo scopo di preparare i modelli alla successiva fase di
fusione. Questultima operazione stata realizzata nella
fonderia Venturi Arte di Bologna che vanta una grande
esperienza nella tecnica della fusione a cera persa
applicata alla riproduzione di questa tipologia di oggetti.
Il passo successivo quindi la realizzazione della
struttura che viene a definire linsieme della materozza,
dei canali di alimentazione e di quelli di scarico per i gas
Fig. 7- Fase di scolatura della cera
e cottura del rivestimento ceramico
che si formano durante la fase di colata. Lultima fase
prima di questa quella di realizzazione del guscio in
materiale ceramico ottenuto per immersione successiva dei modelli in cera, allinterno di
32

bagni ceramici a porosit crescente. Il guscio cos ottenuto viene quindi inserito in forno
per la scolatura della cera e la cottura del rivestimento ceramico al fine di conferirgli la
resistenza sufficiente per resistere alle sollecitazioni indotte dal metallo fuso durante la
colata. Terminata la fase di colata del bronzo fuso, si passa a liberare il metallo
solidificato dal rivestimento ceramico e successivamente alloperazione di tranciatura dei
canali di alimentazione e della materozza,
seguita dalla pulitura del grezzo di fusione con
una particolare pallinatura che, senza
apportare
alcuna
alterazione,
pulisce
perfettamente la superficie della scultura. I
modelli in bronzo cos ottenuti, vengono
sottoposti ai successivi trattamenti termici e di
ossidazione al fine di conferire alla superficie la
patina con il colore desiderato. In questo caso,
la scelta delle patine stata effettuata con la
consulenza del Direttore dellAccademia di
Belle Arti di Bologna consentendo di ottenere
un effetto estetico simile a quello delle statue
originali del Monumento.
Il percorso seguito mostra che possibile,
mediante
lutilizzo
delle
tecnologie
di
ingegneria inversa e di prototipazione rapida,
Fig. 8 - Riproduzione in scala 1:5 dei partigiani
riprodurre in scala opere darte di grandi
di Porta Lame realizzati in bronzo a partire dai
dimensioni e di alto valore storico, mantenendo
modelli in cera prodotti con tecnologie digitali e
inalterato il senso artistico dellopera stessa.
Quello presentato nellesperienza di Porta Lame quindi un lavoro pilota destinato sia a
suscitare linteresse della comunit artistica e scientifica impegnata nelle ricerca di
nuove applicazioni tecniche, sia a trasformarsi in unoccasione per riscoprire e
valorizzare unopera darte insieme alla sua memoria storica.
1.3.7 Le scienze della terra per la conservazione dei monumenti del Patrimonio
dellUmanit dellUNESCO
(G. Delmonaco, L. Falconi, C. Margottini, C. Puglisi)

La ricchezza del patrimonio storico, artistico e paesaggistico mondiale, la sua


disseminazione sul territorio nella forma di un reticolo fortemente integrato, la sua
rilevanza per la "memoria storica" dellumanit tutta, pone problemi complessi per
quanto riguarda la tutela e la conservazione.
Frane, terremoti, alluvioni, come pure episodi bellici rappresentano ormai gli eventi con
cui si confrontano i principali beni culturali della terra, specialmente quando localizzati in
aree interessate da conflitti armati oppure con limitata disponibilit di risorse finanziarie,
da destinare soprattutto al soddisfacimento dei bisogni primari delle popolazioni. Si
assiste quindi, senza poter intervenire, alla distruzione di testimonianze storiche ed
archeologiche di inestimabile valenza culturale, che hanno segnato la storia delluomo
nel corso di secoli e che non riescono a sopravvivere alla societ del XXI secolo. In
questo quadro scoraggiante lUNESCO da sempre si muove in prima linea, cercando di
intervenire ogniqualvolta elementi significativi della memoria collettiva dellumanit,
rischiano di scomparire. stato cos nel 2001, durante la campagna mediatica
organizzata dai talebani e che ha preceduto la distruzione dei Buddha di Bamiyan, in
33

Afghanistan; ma anche in occasione di disastri annunciati e, fortunatamente mai


verificatisi, come a Machupicchu, oppure durante lunica grande operazione di
restituzione di un bene culturale trafugato in epoca storica, lobelisco di Aksum,
recentemente restituito allEtiopia dal Governo italiano. In tutte queste iniziative
lUNESCO si avvalso di competenze scientifiche ENEA in grado di coprire tutte le
problematiche connesse. Specificatamente, quando il degrado dei beni culturali legato
a motivi ambientali oppure quando la ricostruzione dipendeva da competenze geologico
tecniche, ENEA ha svolto un ruolo operativo nello studio, monitoraggio, progettazione e
realizzazione degli interventi di consolidamento. In particolare:
dopo la distruzione dei Buddha di Baniyan stato effettuato un accurato
studio geologico tecnico che ha portato alla definizione di un progetto di
consolidamento della rupe dove questi erano collocati. Tale rupe era difatti a
rischio incipiente di crollo, minacciando di far scomparire anche le ultime
testimonianze della civilt buddista afgana del V-VI secolo d.C.; gli interventi
esecutivi sono stati poi realizzati con successo nel corso del 2003 e 2004,
attraverso limpiego di rocciatori/alpinisti che hanno operato in pareti acclivi
effettuando perforazioni per chiodature, tiranti e cementazioni di miscele
appositamente studiate;
nel sito di Machu Picchu, dopo lallarme mondiale del 2001, lanciato dal
giornale inglese New Scientist, secondo cui il sito era a rischio di scomparsa
per una disastrosa frana, stato progettato e realizzato un sistema di
monitoraggio innovativo a basso impatto ambientale, da satellite e da
postazioni lontane dal sito che, unitamente a dettagliati studi geologici e
geomorfologici, hanno dimostrato la mancanza di basi sicure degli allarmi
la restituzione dellobelisco di Aksum, da parte del Governo italiano a quello
etiope, ha richiesto una serie di dettagliate indagini archeologiche, geologiche
e geofisiche, in grado identificare tutti gli insediamenti aksumiti sepolti, non
ancora conosciuti. Il sito , infatti, una antica area cimiteriale, e gli obelischi
costituivano appunto le steli funerarie. Allintorno del sito, dove dovr essere
ricollocato lobelisco, si reso necessario investigare le condizioni geologiche
e geotecniche, ma anche svolgere sofisticate indagini geofisiche, in grado di
evidenziare le eventuali tombe non ancora scoperte, le quali potrebbero subire
seri danneggiamenti durante la cantierizzazione del sito. Tali informazioni
hanno costituito la base per una valutazione di impatto ambientale, intorno alla
quale si sviluppata una ipotesi di riqualificazione paesaggistica dellarea.
Questi esempi, unitamente ad altre esperienze condotte in Korea del Nord (Tombe di
Koguryo), Afghanistan (minareto di Jam) ed Etiopia (chiese rupestri di Lalibela) sempre
afferenti al patrimonio dellumanit dellUNESCO, evidenziano il forte contributo delle
scienze della terra alla conservazione di importanti insediamenti archeologici ed
architettonici, sottolineando per nel contempo, la necessit di approcci integrati
multidisciplinari dove lobiettivo finale si persegue sola con la partecipazione olistica di
specializzazioni complementari.

34

2 GLI AMBITI DI RICERCA


Loriginalit del ruolo svolto nel panorama nazionale dallENEA nel settore della Cultura
risiede nella capacit dellEnte di portare a sistema le esperienze maturate nei settori
istituzionali delle Nuove Tecnologie, lEnergia e lAmbiente, di adattarle, combinandole
organicamente e di ottimizzarle, sulla base della specificit del contesto culturale e
dellintervento richiesto.
importante evidenziare che lofferta ENEA nel settore Cultura caratterizzata
contemporaneamente sia da vertici di eccellenza in ambiti specifici, che hanno portato
anche a brevetti dinvenzione, sia dalla completezza della offerta: due estremi di uno
spettro amplissimo che, opportunamente combinati, consentono allEnte di proporsi
come interlocutore completo in ambito nazionale ed internazionale sia per interventi
sistemici, che prevedono lintegrazione delle diverse tecnologie, sia come risolutore
specialistico per rispondere alle richieste del sistema Paese con interventi mirati in
specifici ambiti operativi.
Vivere il patrimonio culturale un obiettivo concreto che lENEA si pone e che impone
lindividuazione di distinti passi di un percorso conoscitivo in ambito culturale in grado di
veicolare le tipologie di richieste, espresse ed inespresse, degli stakeholder del settore.
Nei paragrafi seguenti viene riportata una sintesi delle linee di attivit e dei diversi ambiti
operativi che costituiscono il patrimonio dellENEA relativamente alla tematica dei Beni
Culturali e Paesaggistici.

2.1

Identificazione tecnologico-strutturale e protezione sismica


(M. Poggi)

Gli studi e le verifiche sperimentali sui sistemi di rinforzo strutturale e di miglioramento


sismico del patrimonio storico- artistico si inseriscono concretamente nelle attivit di
ricerca promosse dallENEA per la salvaguardia antisismica del territorio nazionale.
I beni culturali sono esposti ai rischi di danno strutturale perch generalmente di grandi
dimensioni, di forme complesse ed a comportamento non lineare, ma soprattutto perch
rappresentano la sommatoria degli eventi storici, sismici e dell'invecchiamento.
I criteri di conservazione molto spesso non sono compatibili con i requisiti di una corretta
progettazione antisismica; luso di metodi convenzionali, pur costituendo un importante
referente al quale affidarsi per un buon approccio allintervento di consolidamento, ha
portato, in un recente passato, a delle soluzioni inefficaci o troppo invasive, nello
sbilanciato tentativo di trovare un accordo tra tradizione ed innovazione.
Questo conflitto stato purtroppo dimostrato dal fatto che numerose strutture in
muratura restaurate in modo convenzionale, a seguito dei danni subiti in occasione di
terremoti, sono state di nuovo seriamente danneggiate da successivi eventi sismici.
Spogliandosi della cultura dellingegneria moderna e rivalutando quella cultura propria
degli antichi costruttori, basata sul concetto di equilibrio e sullosservazione
dellesistente, si pu arrivare alla formulazione di interventi idonei alle caratteristiche
della muratura ed allo schema statico attuale.

35

Partendo da queste considerazioni lENEA si impegnata in unattivit di studio e


ricerca su materiali, tecnologie e tecniche di protezione per:
definire interventi di rinforzo con materiali innovativi, al fine di renderne minima
linvasivit;
validare applicazioni di moderne tecniche antisismiche, al fine di ridurre le
azioni dinamiche trasmesse dal terremoto, piuttosto che incrementare la
resistenza strutturale.
La Ricerca e lo Sviluppo tecnologico nel settore della conoscenza, conservazione e
protezione sismica delledilizia storica vengono quindi portati avanti attraverso le
seguenti attivit svolte in laboratori dedicati ed in situ:
Monitoraggio strutturale in regime statico e dinamico finalizzato
allidentificazione del comportamento strutturale di un organismo architettonico
con pregio storico-artistico, o di una parte di esso, in risposta ad una
determinato input vibrazionale indotto.

Rilievo architettonico, ricostruzioni tridimensionali e definizione delle


mappature del degrado e dei quadri fessurativi del dissesto, informazioni da
utilizzare e comparare con gli esiti degli specifici accertamenti strumentali
effettuati in situ.

Diagnostica avanzata a carattere integrato sui manufatti con pregio storicoartistico o monumentale, in grado di fornire risultati qualitativi, quantitativi e
comparativi in merito: ad una preliminare verifica di sicurezza, alla
caratterizzazione strutturale e tecnologica dellimpianto, alla determinazione
dello stato di conservazione dellopera.

Simulazione dinamica numerica che, sulla scorta dei dati sulla geometria, sui
particolari strutturali, sulle propriet dei materiali e sui risultati delle prove,
determina il livello di vulnerabilit ed i relativi meccanismi di collasso che
potrebbero manifestarsi nelledificio, secondo i seguenti procedimenti
36

quantitativi: azione sismica sullintera struttura (spettro di risposta),


modellazione della struttura, analisi statica lineare, analisi dinamica modale
(O.P.C.M. 20 Marzo 2003).

Definizione di strategie per la protezione, la riabilitazione strutturale ed il


miglioramento sismico del patrimonio architettonico storico-monumentale ed
archeologico, attraverso lo studio e la messa a punto di materiali e tecnologie
rispettose dellidentit storico-culturale ed ambientale del manufatto, in termini
di compatibilit architettonica e reversibilit previsti dai vincoli normativi. Nello
specifico: sistemi di confinamento e placcatura allestradosso di manufatti in
muratura (pilastri, volte, colonne, etc); sistemi di cucitura attiva delle
murature(CAM); tecniche di riparazione e rafforzamento con resine e malte
epossidiche fibrorinforzati; schermatura alla base con dedicati isolatori sismici;
sistemi di isolamento delle coperture con materiali a memoria di forma;
controventi per la dissipazione dellenergia indotta dal sisma.

Caratterizzazione, messa a punto e validazione in laboratorio di materiali e


tecnologie destinate alla protezione ed al rinforzo sismico degli organismi
architettonici, per la verifica dellincremento di resistenza indotto e per la
configurazione di protocolli di qualificazione e linee guida di riferimento per
ulteriori integrazioni normative.

Attivit dimostrative ed applicazioni pilota in accordo con le amministrazioni e


gli istituti di vigilanza sul patrimonio architettonico, attraverso lindividuazione
di cantieri per la conservazione ed il restauro di un manufatto con pregio
storico-artistico in cui risulta possibile effettuare una campagna diagnostica e
validare in situ, su piccole e significative porzioni di muratura, le tecnologie per
la riabilitazione ed il rinforzo sismico dellimpianto.

37

Definizione e certificazione di sistemi, strumenti integrati e percorsi


metodologici per un approccio sostenibile alla mitigazione del rischio sismico
dei centri storici e delle emergenze monumentali, con specifiche linee guida
operative per il recupero della memoria storica del nucleo e per permetterne
laccesso e la fruizione.

2.2

Il settore documentale
(L. Bordoni)

La ricerca di informazione un problema cruciale sia nel mondo dei documenti cartacei
che in quello informatico. Grazie allesplosione di Internet poi, una quantit enorme di
informazione viene messa a disposizione degli utenti in modo immediato, facile ed
economico.
Fino a pochi anni fa linformatica in biblioteca si esauriva nella automazione delle
tradizionali funzioni bibliotecarie: acquisizioni, catalogazione, consultazione del catalogo,
prestito, statistiche ecc. Levoluzione degli strumenti informatici da mainframe a server,
e laffermazione dellarchitettura client-server e delle interfacce grafiche, ha reso
evidente la necessit di una evoluzione dei tradizionali strumenti delle biblioteche.
Anche la tipologia della consultazione in sede, tradizionalmente limitata al solo materiale
posseduto e conservato dalla biblioteca, ha subito un cambiamento: ora pu
trasformarsi in consultazione e possibile rielaborazione da parte dellutente non solo
delle notizie ricavate dal materiale posseduto dalla biblioteca, ma anche delle
informazioni ricavate dallaccesso in rete.
La biblioteca digitale consente una gestione dei documenti diversa da quelle tradizionali;
la sua organizzazione permette allutente finale di avere una visione nuova delle risorse
che la biblioteca rende disponibili. In questo modo, lutente finale non pi il
consumatore passivo di documentazione ma un protagonista attivo della sua ricerca. La
dimensione e complessit del problema connesso allorganizzazione e accesso
all'informazione disponibile richiedono forme evolute di rappresentazione, gestione e
supporto all'utente. Linformazione veicolata dai documenti di tipo testuale e le forme
implicite con cui il linguaggio esprime conoscenze e dati richiedono strumenti complessi
di analisi, acquisizione, rappresentazione ed estrazione dell'informazione. Per
soddisfare queste esigenze necessario sviluppare strumenti in grado anche di
automatizzare alcuni processi di raffinamento autonomo della conoscenza connessi alla
natura dinamica delle forme linguistiche di comunicazione (ad esempio, il trattamento di
neologismi, di parole sconosciute e di nuovi tipi di testi). Anche la possibilit di accedere
pi facilmente e pi velocemente a grandi quantit di informazioni da sempre stato un
requisito molto sentito. I sistemi tradizionali di ricerca dellinformazione non sono sempre
idonei a supportare tali fenomeni. Nasce cos la necessit di investigare modalit efficaci
atte a dotare l'ambiente di interazione di una biblioteca digitale delle appropriate forme di
38

rappresentazione del contenuto, in modo da fornire agli utenti degli opportuni


suggerimenti per localizzare i dati desiderati. I vari paradigmi per rappresentare il
contenuto vanno da una descrizione testuale di quanto immagazzinato nella sorgente
informativa, sino a forme di rappresentazione strutturate che utilizzano linguaggi di
rappresentazione della conoscenza.
La modellazione dellutente costituisce una delle funzionalit pi importanti ed utili in
molti sistemi in cui linterazione con lutente ha un ruolo fondamentale. Il settore della
modellazione dellutente ha fatto un considerevole progresso durante la sua esistenza di
pi di un quindicennio proponendo e applicando tecniche di IA sempre pi sofisticate.
Applicazioni delle tecniche di modellazione dellutente si trovano descritte in molti campi.
Attualmente uno dei settori pi innovativi per lapplicazione delle tecniche di
modellazione rappresentato dal World Wide Web. Nella letteratura sono state
proposte parecchie definizioni di modello dellutente che differiscono per il contenuto, la
rappresentazione, il ruolo. In generale, un modello dellutente deve contenere le
informazioni esplicite su tutti gli aspetti dellutente corrente che possono essere rilevanti
per adattare il comportamento di un sistema interattivo allutente.
Il sistema WIFS una fra le tante realizzazioni svolte nellambito dellattivit riguardante
la ricerca di informazione nelle biblioteche, archivi e musei. Tale sistema di Information
Filtering stato sviluppato nell'ambito di una collaborazione con l'Universit di Roma
Tre. Esso in grado di selezionare documenti in formato HTML/testo dal World Wide
Web in accordo con gli interessi (ed i non interessi) dell'utente, cos come desunto dal
sistema attraverso l'interazione. Per fare ci il sistema fa uso di una shell di
modellazione utente, particolarmente adatta per utenti di Internet. Unaltra realizzazione,
svolta in collaborazione con il Dipartimento di Informatica dellUniversit di Bari, ha
riguardato la produzione di un sistema per la personalizzazione di un servizio quale
quello della biblioteca digitale per la ricerca di informazione, basato sulla estrazione di
profili utente.
Studi ed approfondimenti sono stati condotti nel settore della ricerca multilingue
dellinformazione. Numerosi i casi di studio presi in esame per la sperimentazione di
risorse lessicali (lessici computazionali, reti semantico-concettuali multilingui ecc.) per la
lingua inglese, tedesca e russa. Sono stati utilizzati i database lessicali WORDNET e
GERMANET per lanalisi interpretativa di contesti letterari, in particolare sono state
esaminate alcune opere letterarie di scrittori tedeschi e russi (Karl Kraus e Vladimir
Nabokov).
In collaborazione con il Dipartimento di Informatica dellUniversit La Sapienza di
Roma stata costruita una ontologia per il dominio artistico. Lontologia costituisce il
primo passo per lingresso della semantica nel Web. stata prodotta in Protg una
ontologia sui colori, in particolare per il colore blu.

2.3

Il settore beni artistici e museali


(L. Bordoni)

Uninteressante applicazione informatica, nellambito del restauro, realizzata presso


lUDA/Advisor in collaborazione con i tecnici della CBC (Conservazione Beni Culturali)
ha riguardato lanalisi delle giornate di esecuzione di un affresco. Con il termine
"giornata" comunemente intesa la porzione di affresco eseguita su un'estensione di
intonaco limitata alla singola unit secondo cui stata "costruita" un'intera decorazione

39

ad "affresco". Lanalisi delle giornate di esecuzione e la loro resa grafica ormai da


tempo entrata a far parte della documentazione di un corretto intervento di restauro di
affreschi. I dati che se ne ricavano, spesso ovvi e ininfluenti per dipinti di piccole
dimensioni, possono assumere rilevanza notevole nel caso di decorazioni pittoriche
complesse, in cui la ricostruzione di una sorta di cronologia interna pu essere di utile
confronto con dati documentari e interpretazioni stilistiche. Ma proprio nel caso di
decorazioni complesse si avverte con
maggiore urgenza la necessit, da un
lato di un controllo scientifico della
coerenza del rilevamento, dallaltro dello
sviluppo di un sistema di elaborazione
dei dati e di una rappresentazione pi
soddisfacente
della
successione
esecutiva della pittura.
Il sistema software realizzato, basato
sulla formulazione matematica del
problema
e
sulla
conseguente
modellizzazione, consente di individuare
la sequenza realizzativa delle giornate e
di fornire un valido aiuto in loco per il
restauratore. Tale strumento dimostra di
essere particolarmente utile qualora la
conoscenza da parte del restauratore
sia incompleta e la soluzione adottata in
Fig. 1 - Ricostruzione del polittico di SantAgostino
casi
precedenti
del Perugino
possa essere di
aiuto; stato applicato con risultati significativi presso la Loggia di
Palazzo Rospigliosi Pallavicini a Roma e la Cappella di San Brizio
nel Duomo di Orvieto.
Numerosi gli interventi realizzati anche per la ricostruzione
virtuale di opere pittoriche, fra le pi interessanti: il polittico di
SantAgostino del Perugino (in collaborazione con la
Soprintendenza per i Beni Culturali di Perugia) (Fig. 1), il polittico
di San Michele di Niccol lAlunno (in collaborazione con la
Soprintendenza per i Beni Culturali di Perugia) (Fig. 2) e
lAnnunciazione di Antonello da Messina (in collaborazione con
lIstituto Centrale per il Restauro).
Con queste esperienze stato possibile dare vita ad un modello
di restauro, di risistemazione delle componenti, senza che il
bene reale ne subisse le bench minime alterazioni.

Fig. 2 - Ricostruzione del


Polittico di San Michele di
Niccol lAlunno

Per quanto riguarda i musei, si sta procedendo alla realizzazione di un sistema per la
personalizzazione dei percorsi di visita. In questo caso la tecnologia di riferimento la
modellazione utente inserita in un dispositivo mobile.

40

2.4

Il settore archeologico
(L. Bordoni)

Tecniche di ricomposizione virtuale hanno consentito di realizzare, in collaborazione con


il CNR-ISCIMA (Istituto di studi sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico) e la
Soprintendenza Archeologica per il Lazio, la
formulazione di ipotesi di ricostruzione di una
lastra funeraria, detta lastra con guerriero di
Caere (Fig. 3). La ricostruzione stata utilizzata
come punto darrivo di un lungo processo di
studio, analizzando tutte le informazioni relative
ai reperti restituiti dalla campagna di scavo,
dando vita ad alcune ipotesi di restauro e di
ricontestualizzazione. La ricostruzione della
lastra, grazie ad una serie di informazioni
Fig.3 - Ricostruzione della lastra
generali sullinsediamento e sul suo contesto
storico-archeologico, ha dimostrato di essere uno
strumento di ricerca innovativo nelle prospettive dindagine e di studio dei materiali.
Sono stati presi in esame, inoltre, gran parte dei reperti archeologici ritrovati nelle
diverse fasi di scavo nellarea geografica di
Cerveteri e di tutta lEtruria centro meridionale.
stata anche effettuata una ricostruzione della lastra
in 3D attraverso la rivisitazione della sua
collocazione ambientale (Fig. 4).
Anche nel settore dellarcheologia industriale si
reso proficuo lutilizzo di tecnologie di ricostruzione
virtuale di contesti culturali, unesperienza
interessante stata realizzata per la Centrale
Montemartini a Roma svolta in collaborazione con
lUniversit della Tuscia di Viterbo.
Fig.4 - Ricostruzione della collocazione
Attualmente nellambito di un protocollo dintesa
ambientale della lastra
siglato tra lENEA e la Soprintendenza
Archeologica di Roma in atto la realizzazione di un sistema WebGIS che consente di
effettuare un itinerario virtuale tra le epigrafi della Via Appia.

2.5

LENEA ed il bene culturale digitale


(R. Fantoni, G. Fornetti)

Alcune delle attivit istituzionali dellENEA hanno portato allo sviluppo di competenze,
tecnologie e metodiche che presentano un campo di applicazione estremamente pi
ampio di quello per cui sono state sviluppate. Nel campo specifico della digitalizzazione
di oggetti ed ambienti, nellanalisi delle immagini, nella realizzazioni di ambienti sintetici
(Virtuali), nellarchiviazione dei dati e nei sistemi di visualizzazione tridimensionali,
lENEA detiene conoscenze, infrastrutture, strumenti specifici e brevetti in grado da
coprire lintera catena digitale. Queste competenze e strumenti nel loro insieme possono
essere utilizzate efficacemente per le tematiche relative al bene culturale digitale
e_beneculturale.

41

Un aspetto sentito nellambito della catalogazione conservazione di Beni Culturali


quello dellarchiviazione informatica dei dati relativi, delle immagini e dei modelli relativi
allo stato del manufatto in una definita situazione spazio temporale di conservazione (ad
esempio al suo ritrovamento, prima e dopo un intervento di restauro, prima e dopo il suo
trasporto per unesposizione, prima e dopo la sua apertura al pubblico, ecc). Questo
ha portato alla messa a punto di tecnologie per la raccolta di dati digitali (modelli 3D,
immagini) e la loro restituzione informatica con possibilit di accesso a pi livelli
(estetico, conservativo strutturale, composizionale in superficie ed internamente, ecc)
eventualmente sovrapponibili con opportune tecniche di visualizzazione e rilascio, e
fruibili anche in rete (musei virtuali).
La catena digitale si articola in:
Acquisizione
Elaborazione ed archiviazione
Fruizione
2.5.1 Caratterizzazione morfologica e strutturale con sistemi di visione a vario
livello
(G. Fornetti)

Sistema Radar Topologico ad Immagine


(ITR)
Nei laboratori del Centro Ricerche
dellENEA di Frascati stato sviluppato un
sistema sensoriale laser ad alta risoluzione,
il Radar Topologico ad Immagine, (ITR
dallinglese Imaging Topological Radar)
che, per la qualit e laccuratezza delle
informazioni che in grado di fornire e per
le sue caratteristiche di non invasivit
particolarmente adatto alla realizzazione di
indagini diagnostiche ed attivit di
monitoraggio di beni artistici e culturali.
LITR utilizza un fascio laser per effettuare
la scansione delloggetto da studiare ed
acquisire nuvole di punti ad alta densit
spaziale
per la ricostruzione al computer di
Fig. 1- Ricostruzione 3D della cappella di San
Teodoto in Santa Maria Antiqua mediante
modelli
tridimensionali
dei
soggetti
registrazione di tre scansioni laser
sottoposti a scansione. Diversamente dai
sistemi industriali per lacquisizione di
immagini ad elevata risoluzione che ben si prestano ad essere utilizzati per applicazioni
di reverse engineering e prototipazione, rapida, il prototipo messo a punto dallENEA
non solo fornisce dati metrologici accurati sulloggetto scannerizzato ma realizza modelli
virtuali suscettibili di trasformazioni continue, cio di tipo topologico, che consentono lo
studio di superfici oltre che di nuvole di punti. Questo consente lo studio di spazi e
superfici con le loro propriet di posizione e referenziazione reciproca e losservazione
di caratteristiche interne o esterne alle superfici studiate non rilevabili con altri sistemi.
Tali informazioni risultano poi necessarie per la comprensione di eventuali danni o
alterazioni subite dal reperto e quindi alla pianificazione di interventi di restauro.
42

LITR caratterizzato dalla configurazione monostatica delle ottiche di lancio e ricezione


del raggio laser, che consente di evitare le occlusioni tipiche dei sistemi a triangolazione.
Questo, unito alla bassa incidenza di aberrazioni ottiche e allelevato rapporto
segnale/rumore nei processi di misura, garantisce lelevata accuratezza nella
determinazione delle distanze e unalta capacit intrinseca di zoom e di profondit di
campo.
Per la sua possibilit di autoreferenziarsi, lITR in grado di effettuare analisi
multisensoriali di layers ottenuti con diverse tecnologie di indagine radioscopica e
fotografica. Infatti in grado di fornire le informazioni geometriche necessarie per la
collocazione spaziale di immagini colorimetriche, di fluorescenza laser e di fotografie
digitali ad alta risoluzione, anche non effettuate con macchine metriche.
Inoltre per la semplicit dello schema ottico e per la robustezza delle apparecchiature, il
sistema adatto alluso in ambienti ostili o di scarsa possibilit di accesso e ha ampie
prospettive di utilizzo nella realizzazione di sistemi di visione per la robotica
Nella figura seguente sono illustrate rispettivamente la scansione laser 3D, la
sovrapposizione fotografica a colori e la sovrapposizione della mappatura LIF ottenute
durante lintervento in Romania nellambito del programma Culture 2000 presso la
Chiesa della Resurrezione del Monastero di Sucevita. Le tre figure evidenziano la
possibilit dellITR di autoreferenziarsi anche rispetto ad altri sistemi sensoriali, oltre che
allambiente, e quindi di dare un riferimento spaziale molto preciso di dati multisensoriali.
Questa tecnica applicabile ad ogni tipo di analisi diagnostica permettendo cos una
visualizzazione multilayer anche con dati termografici, vibrometrici etc.

Fig. 2 Modello 3D con immagine di riflettivit


(sinistra), foto digitale sovrapposta al modello
con metodi fotogrammetrici (destra), Immagine
LIBF resa in falsi colori sovrapposta al modello
3D (in basso)

Nellambito del progetto SIDART,


Sistema Integrato per la Diagnostica dei
beni ARTistici, lITR stato utilizzato
per la realizzazione di indagini e per il
monitoraggio della parete absidale e
della cappella dei SS. Quirico e Giulietta, detta anche di Teodoto, a sinistra dellabside
della Chiesa di Santa Maria Antiqua, ai Fori Romani. Infatti larea, interessata da
problemi di equilibrio termodinamico a causa della diretta prossimit con la rupe

43

palatina, ospita dipinti parietali di valore storico ed artistico che saranno prossimamente
soggetti ad interventi di restauro promossi dalla Soprintendenza Archeologica di Roma.
con il finanziamento del World Monuments Fund.
Sistema Proscenio
I radar ottici da sviluppare nel programma di applicazioni nel campo dei beni artistici
sono capaci di giocare in questo compito un ruolo, che per le loro altissime risoluzioni e
la loro possibilit di fornire in modo nativo dati simultanei di intensit e range, li colloca
ben al di l di dispositivi reperibili in commercio previsti per applicazion di questo tipo. Lo
stato attuale dello sviluppo in campo commerciale generalmente concentrato su
dispositivi a triangolazione impieganti luce strutturata e telecamere (non contact 3D
laser scanners). Le risoluzioni relative ottenibili sono limitate dal numero dei pixels dei
CCD e di conseguenza gli angoli di vista esplorabili con risoluzione di interesse
metrologico sono molto limitati (es. immagini di 20 x 10 cm a 1 m di distanza con CCD
640x480 pixels): i dati ottenuti sono ristretti a quelli di solo range ai quali vengono
associati files da telecamera per il colore. Il dispositivo qu presentato invece
progettato come sistema integrato sensore scena da usarsi in laboratorio per visione
ad alta risoluzione e generazione di files per reverse engineering e creazione di musei
virtuali. Il dispositivo descritto opera in ambiente strutturato, nel quale la posizione del
punto nodale della testa ottica, quella del pixel in rilevamento ed ogni angolo del fascio
sonda sono predisposti mediante micrometri ed encoders con accuratezze di 10-4 e
monitorati on line durante la scansione. Questi dati sono poi disposti nell header del file
di dati di range e intensit in modo da permettere la generazione automatica di immagini
tridimensionali ispezionabili in cui le tre viste sono gi incollate e renderizzate all output
del programma di postproduzione e di presentazione. I soggetti da esaminare sono
collocati all interno dello spazio cilindrico individuato da una base di 30 cm di diametro e
un altezza di 40 cm. In queste condizioni l ispezione avviene sulle tre viste senza
occlusioni del fascio da parte di parti sporgenti del soggetto. Ogni riga della scansione
contiene i dati delle tre viste e linsieme dei dati sull intero soggetto ottenuto
spostando verticalmente il soggetto nell ambiente. Il programma effettua poi le
operazioni di traslazioni, rotazioni e riflessioni delle viste prima della saldatura finale
delle stesse ottenuta impiegando i dati geometrici memorizzati nell header.
Applicazioni del Sistema Proscenio
Il principio di funzionamento quello di un radar a
scansione che si basa sulla la ripresa simultanea di dati in
intensit e range al fine di ottenere immagini
tridimensionali a risoluzione elevata con rendering in livelli
di grigio su tre viste ogni scansione. L apparecchio
consiste in una configurazione integrata tra una scena
fortemente strutturata con sorgente, camera di scansione,
specchi e bersaglio; la camera di scansione indirizza il
Fig. 3 - Risultato della digitalizzazione 3D eseguita sul sistema
Proscenio, di una testa di manichino colorato, ottenuta da una
singola multiscansione. Le tre viste ottenute dal procedimento di
rilevazione vengono registrate e renderizzate on line. E possibile
riprodurre reperti fino ad una dimensione di 30cm. di diametro di
base e 40 cm. di altezza

44

fascio su una linea (riga) orizzontale, mentre la scansione verticale ottenuta variando
lentamente la quota del bersaglio mediante un attuatore di precisione che fa rientrare il
proscenio verticalmente e senza rotazioni.
Un sistema di due specchi rettangolari a striscia, disposti ortogonalmente tra di loro e
perpendicolari alla base del layout permettono la scansione del bersaglio sulle viste non
accessibili alla scansione diretta. In questo modo ogni riga del videosegnale fornisce i
dati sullintensit e sul range delle tre viste e lintera mappatura del bersaglio effettuata
durante la discesa del proscenio.
In bersagli con superfici abbastanza complesse possono esistere porzioni significative di
viste mancanti di dati per effetto delle occlusioni del fascio. Si possono scegliere almeno
due soluzioni che dovranno essere valutate a seconda che il tempo di acquisizione sia o
meno il fattore determinante; la figura pu cio essere terminata con procedimenti di
interpolazione per generare i pixels mancanti, o con lacquisizione di nuove viste sulle
regioni mancanti dei dati.
Laser radar subacqueo
Un nuovo dispositivo ottico stato progettato e utilizzato in misure preliminari in acqua
per applicazioni al Progetto PON-FESR TECSIS. Attualmente in corso di verifica la
possibile applicazione dei radar ottici, di tipo Imaging Topological Systems a
modulazione di ampiezza (AM-ITR), sviluppati nei Laboratori del Centro Ricerche
Frascati alla ispezione di reperti collocati sul fondo marino. Limaging sottomarino in
questo caso mirato alla visione a media risoluzione (dellordine di mezzo millimetro), alla
mappatura a corto range (<10 m) di reperti o fondali. Lispezione e la misura riguardano
sia reperti archeologici isolati che relitti navali, in questultimo caso si potrebbe rivelare
necessaria unindagine del contenuto dello scafo in vista di un previsto recupero, per
tutte queste azioni si ipotizza lutilizzo dellapproccio di visione tridimensionale basata su
sistemi laser. Va ricordato che ispezioni di questo tipo devono essere condotte in modo
da non provocare danni allambiente e di preservare al massimo lintegrit del reperto.
Lattivit ENEA fin qui descritta stata condotta dal seguente personale ENEA: L. De
Dominicis, M. Ferri De Collibus, G. Fornetti, M. Guarneri, M. Nuvoli, E. Paglia, C. Poggi,
R. Ricci in collaborazione con ospiti e laureandi che si sono avvicendati nel laboratorio
(come risulta nella bibliografia).
2.5.2 Visualizzazione 2D e 3D di opere darte per studi e fruizione multimediale
(V. Fiasconaro)

Obiettivo: Implementazione su display commerciali di modelli di opere darte.


Destinatari: Sovrintendenze e musei, allestitori di mostre.
Tecnologie: proiettori ottici per ologrammi e immagini convenzionali, display
volumetrici a Voxel
Indicatori di successo: partecipazione su invito a mostre.

45

Alle attivit di acquisizione dati mediante


radar topologici e rending 2D e 3D dei
medesimi si affianca unattivit di
visualizzazione, basata su tecniche ottiche
tipo olografico e non per una fruizione
multimediale delle opere darte. In questa
linea si colloca la realizzazione del sistema
interattivo LIMEN di fruizione di immagini
virtuali che stato coperto dal brevetto
ENEA Apparato per la generazione di un
quadro sinestetico (autore Ing. V.
Fiasconaro) depositato il 1.12.2004 n.
RM2004A000591,
in
cui
tecnologie
optoelettroniche sono state messe a punto
Sistema LIMEN
per fare dellarte unesperienza multiSchema di allestimento mueale per la fruizione di
sensoriale e dare vita alle opere con suoni,
un quadro sinestetico: limmagine virtuale viene
generata nel pannello centrale
odori, calore e colori. LIMEN integra fra loro
le varie tecnologie adattandole nellunico
apparato capace di rendere lesperienza estetica di guardare unopera darte
unesperienza sinestetica.
2.5.3 Caratterizzazione spettroscopica degli strati esterni di rivestimento
(A. Palucci)

stato sviluppato un sistema laser non invasivo a scansione LIF scanning per la
raccolta a distanza (2- 20 m) di immagini di fluorescenza UV multispettrali, capaci di
mettere in evidenza anche su substrati dipinti la presenza di rivestimenti protettivi
originali o dovuti a precedenti restauri (es. paraloyd) e linsorgere di biodegrado sulle
superfici (microalghe e funghi).

Figura Identificazione di zone attaccate da alghe


(rosso) e funghi (blu) nellimmagine in falsi colori
raccolta con il sistema LIF scanning (a destra), a
sinistra la foto della superficie esaminata (la stessa
a cui si riferiscono i dati in fig. 2), in basso la
combinazione dellimmagine LIF sul modello
raccolto sul medesimo sito dal sistema ITR previa
reciproca referenziazione geometrica.

46

Il sistema realizzato si basa su un laser a stato solido compatto (Nd:YAG) dotato di


cristalli moltiplicatori di armoniche con possibilit di operazione nellUV a due diverse
lunghezze donda (355 nm o 266, selezionabili in alternativa). Il sistema compatto, di
dimensioni (40 x 30 x 25 cm) e peso contenuti (< 10kg incluso il PC portatile per
lacquisizione dati), comprende lottica di trasmissione dotata di uno scanner passopasso motorizzato e quella coassiale di ricezione che focalizza il segnale raccolto su
una fibra ottica accoppiata allingresso di un rivelatore ottico multicanale (array di
fotodiodi) che disperde e registra lo spettro della radiazione rimessa da ciascun punto
del campione.
Lattivit ENEA descritta in questo paragrafo stata condotta dal seguente personale
ENEA: P. Aristipini, F. Colao, R. Fantoni, L. Fiorani, A. Palucci, S. Ribezzo, in
collaborazione con laureandi e borsisti stranieri che si sono avvicendati nel laboratorio
(come risulta nella bibliografia).
2.5.4 Analisi chimica elementale della composizione dei primi strati mediante
LIBS
(F. Colao)

La tecnica LIBS (Laser Induced Breakdown Spectroscopy) stata sviluppata per


permettere analisi rapide in situ di strati superficiali senza pretrattamento del campione.
La radiazione di un sistema laser impulsato di alta potenza, focalizzato fino a densit di
energia dellordine di qualche GW/cm2 (a 1064 nm), colpisce il campione da analizzare
evaporandone una piccola frazione che nel processo ultrarapido (10 ns) viene eccitata
fino a raggiungere lo stato di plasma. Al termine dellimpulso laser, per effetto delle
collisioni con il gas nellatmosfera circostante il plasma si raffredda e nel processo parte
dellenergia accumulata viene riemessa su canali ottici (visibile ed ultravioletto) sulle
righe caratteristiche degli atomi presenti nello strato evaporato. Lopportuna scelta della
finestra temporale di osservazione dello spettro di emissione del plasma (condizioni di
equilibrio termico locale) e lutilizzo di metodologie
analitiche (basate curve di calibrazione o propriet di
chiusura) consente di arrivare a determinazioni
quantitative della maggior parte degli elementi presenti
nel campione, sia come costituenti principali che in
traccia (fino a qualche decina di ppm per gli elementi
pesanti). Un tipico sistema LIBS composto dalla
sorgente laser di eccitazione, da un sistema ottico di
focalizzazione (eventualmente in cima ad un braccio
mobile per la propagazione del fascio), da un sistema di
raccolta del segnale di emissione (coassiale o biassiale
con il precedente) che comprende una fibra ottica
focalizzata
sulla
fenditura
dingresso
del
monocromatore, da un rivelatore di tipo CCD,
preferibilmente dotato di ununit di controllo della
Figura - Frammento di piatto da
pompa di Deruta (d29) del XVI
finestra temporale (intensificatore) e da un sistema di
secolo le cui decorazioni blu e
acquisizione ed analisi dati computerizzato. Nei
dorate sono state analizzate
laboratori ENEA sono stati realizzati e validati su
mediante LIBS
materiali di interesse per i Beni Culturali.
Lattivit ENEA descritta in questo paragrafo stata
condotta dal seguente personale ENEA: L. Caneve, F. Colao, R. Fantoni, L. Fornarini,
47

V. Lazic, S. Spizzichino in collaborazione con ospiti e borsisti stranieri che si sono


avvicendati nel laboratorio (come risulta nella bibliografia).
2.5.5 Pulizia laser delicata per rimozione di strati superficiali
(P. Di Lazzaro)

Obiettivo: Rimozione di strato ossidati o comunque degradati da agenti


atmosferici su superfici esterne di monumenti e reperti. Rimozione di leganti, lacce
e vernici trasparenti protettive su superfici dipinte. Rimozione di ritocchi da
precedenti restauri.
Destinatari: Sovrintendenze e musei, custodi di opere dipinte anche in edifici
monumentali.
Tecnologie: Ablazione laser con impulsi di radiazione ultravioletta spazialmente
omogeneizzati.
Indicatori di successo: interesse dellICR
In collaborazione con lIstituto Centrale del Restauro (Roma) il Laboratorio Eccimeri
dellENEA Frascati ha effettuato irraggiamenti laser per rimuovere in modo controllato e
selettivo strati sottili di vernice senza danneggiare le pitture sottostanti. Gli esperimenti
sono stati effettuati su un certo numero di pitture ad olio sovrapposte, e coperte da uno
strato di lacca di garanza. Il substrato di legno ruvido stato preparato in precedenza
con lantica ricetta basata su talco di Bologna, olio di lino cotto diluito in acqua ragia e
colla di coniglio.Gli irraggiamenti sono stati realizzati usando la laser facility Hercules
(eccimero XeCl, lunghezza donda di emissione 308 nm, durata del singolo impulso
laser 130 ns). La densit di energia laser ottimale del laser Hercules per rimuovere lo
strato esterno di pittura ad olio senza danneggiare la vernice sottostante risultata pari
a 1 J/cm2.
La qualit dei risultati di rimozione stata ulteriormente migliorata grazie alluso di un
sistema ottico omogeneizzatore di luce laser a focale variabile (brevetto ENEA
internazionale: D. Murra, S. Bollanti, P. Di Lazzaro: Optical system for the
homogenization of light beams, with variable cross-section output United States patent
No.: US 6,639,728 (U.S. P.T.O., October 28, 2003); European patent application
publication EP 1150156 A2 31 Dec 2001).
2.5.6 Caratterizzazione strutturale mediante tecniche laser interferometriche o
sistemi in fibra ottica
(M. Caponero)

Obiettivo: Raccolta di informazioni sullo stato di degrado strutturale dei materiali


costituenti un reperto o un edificio monumentale.
Destinatari: Sovrintendenze e musei, custodi di opere e di edifici monumentali.
Tecnologie: Interferomentria Olografica e a Speckle, sensori di Bragg in Fibra
Ottica (FBG)
Indicatori di successo: partecipazione su invito a campagne italiane,
pubblicazione dei risultati su riviste internazionali
Le tecniche interferometriche ottiche a prospezione di immagine, fra cui lInterferometria
Olografica e la Interferometria Speckle, sono tecniche diagnostiche di tipo non distruttivo
applicabili su oggetti e componenti per la esecuzione di controlli difettoscopici, per la

48

misura dei parametri strutturali e per la determinazione degli effetti delle perturbazioni
ambientali.
I sensori in fibra ottica FBG (Fiber Bragg
Grating) sono dei sensori di Strain, ovvero dei
sensori di deformazione. Utilizzando i sensori
FBG possibile determinare fra laltro: se una
struttura vibra ed a che frequenza ha luogo la
vibrazione; se una struttura si deforma e di
quanto si deforma; se una crepa si propaga e di
quanto si propaga; se aumenta la pressione su
di un basamento e di quanto aumenta.
Figura Posizionamento di sensori FBG sulla statua equestre bronzea del Colleoni

Lintervento eseguito sulla statua del Colleoni avvenuto durante il lavoro di restauro
della statua equestre: stato applicato un sistema di sensori FBG per il monitoraggio
strutturale a lungo termine di frattura della zampa anteriore destra. Il sistema ha
consentito di verificare la sollecitazione strutturale durante le fasi di riposizionamento del
cavaliere. Il sistema di 4 sensori FBG stato collaudato e calibrato tramite campagne di
misura sperimentali mediante sollecitazioni controllate termiche e meccaniche.
Sensori FBG sono stati utilizzati anche con successo a Venezia su strutture
monumentali. In particolare i sensori installati presso la Scola Grande di San Rocco
sono dedicati al monitoraggio della subsidenza del colonnato esterno, mentre i sensori
installati presso la Chiesa di S.Giacomo dellOrio sono dedicati al monitoraggio della
subsidenza del colonnato della navata e delle vibrazioni della torre campanaria.
Lattivit riportata in questo paragrafo stata svolta dal seguente personale ENEA: E.
Bacchi, M. Caponero, affiancato da numerosi laureandi ed ospiti.

2.6

La Realt Virtuale per i Beni Culturali


(S. Migliori, G. Adorni, C. Baracca, S.Pierattini)

La Realt Virtuale una tecnologia che offre al settore dei Beni Culturali molteplici
opportunit: dalla catalogazione di oggetti tridimensionali allallestimento di musei e
mostre virtuali, dalla documentazione di interventi di restauro alla ricostruzione di siti
archeologici e di ambienti complessi di interesse storico-culturale. La ricostruzione via
software di scene tridimesionali arricchite di immagini digitali ad alta risoluzione, oggetti
tridimensionali, effetti sonori, pu raggiungere un elevato grado di realismo.
Altro elemento essenziale della Realt Virtuale
linterattivit che consente allutente di muoversi in un
ambiente, cambiare visuale e compiere alcune azioni
(codificate) come se fosse presente nella scena.
Inoltre possibile arricchire una scena virtuale
mediante laccesso interattivo ad informazioni
contenute in documenti di testo, audio e immagini.
Pertanto, in una stessa applicazione possibile
implementare diversi percorsi predefiniti con
contenuti e informazioni multimediali appropriati al
contesto di fruizione ed alle diverse possibili tipologie
49

di utenti.
Le possibilit di strutturare ed organizzare le informazioni in modo appropriato, anche
secondo la tipologia di utente, rende la Realt Virtuale un potente e flessibile strumento
di comunicazione e di diffusione della conoscenza. Le applicazioni di Realt Virtuale nel
settore dei Beni Culturali che, per loro carattere, necessitano di un elevato grado di
realismo traggono grande vantaggio, nella fase di fruizione, dallutilizzo di sistemi per
visualizzazione stereoscopica che permettono di percepire la profondit della scena
visualizzata come avviene nella realt dando allutente la sensazione di essere
realmente immerso in quellambiente.
2.6.1 LENEA e la Realt Virtuale
In ENEA, lintroduzione di sistemi avanzati per la Realt Virtuale ha avuto inizio nel 1998
con lacquisto e listallazione del primo sistema di visualizzazione semi-immersivo
ImmersaDesk-R2 nel centro di Frascati.
I sistemi successivamente istallati negli altri
Centri ENEA oltre ad un sistema portatile
utilizzato in vari eventi sia interni che esterni
allente, sono stati progettati in ENEA e realizzati
in collaborazione con aziende nazionali,
adeguandoli, di volta in volta, allevoluzione della
tecnologia e delle necessit interne.
Attualmente i Centri di Bologna, Casaccia,
Frascati, Trisaia, Portici e Brindisi sono dotati di
sale grafiche con sistemi (semi-immersivi) di
visualizzazione stereoscopica attiva o passiva
gestiti da computer ad alte prestazioni integrati nella Grid ENEA che consente agli utenti
laccesso e la condivisione di tutte le risorse informatiche, hardware e software.
In particolare, la condivisione delle applicazioni in via di sviluppo nonch dei diversi
ambienti di software grafico per applicazioni 3D (sia di contenuto tecnico-ingegneristico,
sia di contenuto artistico-culturale) consente una modalit di lavoro cooperativo a
distanza.
Ci vale a dire che tutte le professionalit
coinvolte in una attivit possono esprimere i
propri contributi collaborando dalle loro sedi
abituali e che le relative implementazioni del
software sono disponibili a tutti in tempo reale.
Per quanto riguarda linterattivit, lattivit
recente ha permesso la realizzazione di un
sistema retroproiettato con stereoscopia
passiva, integrato con sistemi di tracking, che
permette allutente linterazione con la scena
visualizzata.
Le professionalit sviluppatesi, anche con la partecipazione a progetti finanziati, nelluso
di software avanzati e strumenti di digitalizzazione, quali fotocamera digitale e scanner
laser 3D, completano il quadro delle competenze ENEA che attualmente in grado di

50

gestire e sostenere, sia per quanto riguarda le professionalit sia per la strumentazione
necessaria, tutte le fasi di acquisizione, elaborazione e sviluppo per la realizzazione di
applicazioni di Realt Virtuale.
2.6.2 Il sistema di acquisizione
La riproduzione di scenari complessi
senza luso delle moderne tecnologie
comporta un lungo e faticoso processo di
misurazione degli elementi da riportare poi
manualmente su una rappresentazione
grafica in scala. Recenti sviluppi nella
tecnologia di elaborazione delle immagini
permettono di acquisire direttamente dati 3D
dagli oggetti esistenti: la scansione al laser di
scene e oggetti 3D, lavora efficacemente in
modo istantaneo, estremamente accurato e dettagliato, generando informazioni
composte da un insieme di punti raccolti dal raggio
laser riflesso dagli elementi presenti allinterno del
campo visivo del laser. Nellottica di acquisire uno
strumento che, integrato con le risorse
informatiche gi presenti in ENEA, consentisse di
semplificare lo sviluppo di applicazioni di Realt
Virtuale e quindi di affrontare settori in cui la
complessit e la richiesta di precisione sono
peculiari, recentemente si proceduto allacquisto
di uno scanner laser 3D di tipo ambientale (LeicaGeosystem HDS3000) adatto al rilevamento anche
di grandi strutture che richiedano un elevato grado
di dettaglio.

2.7

Realt Virtuale 3D ed i Beni Culturali


(G. Adorni)

Nel settore dei beni culturali, la Realt Virtuale (Virtual Reality, VR) rappresenta
unalternativa importante, poco costosa e sicura per testare praticamente nuove
tecnologie o fare valutazioni di fattibilit.
Alcune ragioni che motivano luso della Realt Virtuale in realtime possono essere:
La riproduzione di un museo virtuale 3D,
La catalogazione di immagini in 3D,
La riproduzione in Realt Virtuale 3D di un archivio soddisfacente ad interessi
culturali e scientifici,
La ricostruzione in Realt Virtuale 3D utile per preparare un futuro restauro,
La ricostruzione in Realt Virtuale 3D di un bene andato perduto o
danneggiato (restauro virtuale),
La ricostruzione in Realt Virtuale 3D integrata con la presentazione di misure
e dati provenienti da esami diagnostici e utile per successive diagnosi.
51

La Realt Virtuale un nuovo potente strumento che ci permette di visualizzare in modo


tridimensionale e ad alta risoluzione ambienti ed oggetti.
Per mezzo della Realt Virtuale possibile rendere visibili e interattivi in tempo reale e
con una sensazione di immersione totale, fenomeni che pur appartenendo al mondo di
tutti i giorni, non sono tuttavia facilmente visibili o comprensibili sia per le loro
dimensioni, sia anche perch non percepibili immediatamente, sia ancora perch al di
fuori della portata dei nostri sensi.
Molti sono gli strumenti software che vengono usati per riprodurre ambienti
tridimensionali: alcuni per la loro semplicit sono rivolti ad un uso pi commerciale, ma
offrono una ridotta resa di immagini; altri, molto pi complessi, richiedono
unapprofondita conoscenza degli stessi, ma permettono la realizzazione di scenari
elaborati.

Ricostruzione virtuale 3D del Cortile di Pilato:


vista del cortile e dalla porta di ingresso della
Cappella della Consolazione

Ricostruzione virtuale 3D del Cortile di Pilato: vista


del cortile dalla porta di ingresso

In ENEA sono presenti dei software molto complessi ed innovativi che rappresentano
uno degli strumenti pi completi finalizzati alla Realt Virtuale; infatti, grazie alle loro
caratteristiche, vengono utilizzati in molteplici settori che vanno dalluso industriale a
quello artistico e che vedono la loro applicazione con altissimi risultati nel settore dei
Beni Culturali.
Luso di questi software permette di creare ambienti 3D tramite lacquisizione di
immagini e la riproduzione, mediante geometrie complesse, di strutture tridimensionali.
inoltre possibile, definendo le metodiche di movimento, ottenere la navigazione libera
allinterno degli ambienti costruiti.
Per navigazione libera si intende la possibilit, utilizzando un mouse o altri strumenti
sensoriali, di muoversi al di fuori di un percorso prestabilito ottenendo in tempo reale il
cambio dello scenario, grazie alla potenzialit del software di navigazione, che calcola
per ogni frame il modello tridimensionale contenuto allinterno del campo visivo definito.
Questi software, proprio per queste loro caratteristiche, offrono, nel settore dei beni
culturali, la possibilit di ottenere le pi svariate e complesse applicazioni.
Possono rappresentare una frontiera innovativa in Archeologia, Archeometria, Restauro
ecc.: infatti, partendo da una raccolta di immagini si pu ricostruire un sito archeologico
o, pi genericamente, eseguire un restauro virtuale, che permetta di sperimentare e
verificare i risultati e gli effetti prima di procedere ad un restauro o ad una ricostruzione
reale. Si pu in sintesi dire che la Realt Virtuale permette di analizzare limpatto degli
interventi prima di agire invasivamente.
52

Particolare della ricostruzione virtuale 3D


della Cappella della Consolazione: lato altare

Particolare della ricostruzione virtuale 3D della


Cappella della Consolazione: la volta a vela

La versatilit delle tecnologie della visualizzazione tale che il loro uso si molto
esteso: oggi, con potenti software, possibile fare esperienze di sistemi virtuali anche
per generare, navigare ed esplorare ambienti ricostruiti dinteresse storico-culturale.
Con luso di queste nuove tecnologie si possono visualizzare e presentare ricostruzioni
di ambienti del passato, comprendenti edifici ed artefatti.
Oppure si pu pensare di definire dei parametri di catalogazione di immagini in modo da
ottenere un archivio informatizzato che permetta di passare dal bidimensionale al
tridimensionale. Con un archivio cos strutturato si possono vedere ambienti nelle tre
dimensioni ponendo anche, eventualmente, oggetti allinterno degli ambienti stessi e
ottenendo cos una visione di insieme molto simile alla realt.
Partendo da un archivio opportunamente costruito si possono ottenere varie applicazioni
quali un museo virtuale che offre la possibilit di unire oggetti (quadri, vasi, affreschi,
statue ecc.) sparsi ovunque nel mondo. Per capire il potenziale che una ricostruzione 3D
pu offrire, basti pensare a quante opere nate nel territorio italiano sono ora custodite ed
esposte allestero, oppure a quanti siti artistici ci siano in Italia anche in localit sperdute
e poco visitate.
Contemporaneamente si pu far uso della digitalizzazione del patrimonio di documenti
detenuti dagli istituti culturali anche ai fini di conservazione e di migliore gestione.
La storia, larchitettura, larcheologia sono discipline che sperimentano continuamente la
necessit di ricostruire mondi non pi visibili e da qui linteresse e limportanza della
Realt Virtuale applicata ai Beni e alle Attivit Culturali.

Particolare della ricostruzione virtuale 3D della


Cappella della Consolazione: lato ingresso

Particolare della ricostruzione virtuale 3D della


Chiesa del SS. Sacramento: lato altare

Sempre con la Realt Virtuale si possono unire lambiente visibile e ci che non si vede,
cio il mondo reale e il risultato di analisi come possono essere le immagini
53

radiografiche. Si pu, in pratica, creare uno scenario che ci porta a vivere, ad esempio,
nel mondo che sta sotto i dipinti o gli affreschi.
Una ricostruzione virtuale ha valore storico, didattico, scientifico e pu anche essere
utilizzata per valutare nel tempo leventuale deterioramento degli ambienti stessi
confrontando ricostruzioni 3D fatte utilizzando immagini che ritraggono in tempi diversi i
medesimi ambienti.
Un potere aggiuntivo che ha una ricostruzione 3D, oltre alle potenzialit gi menzionate,
quello di offrire una capacit di dettaglio superiore: navigando allinterno di un
ambiente 3D ci si pu muovere liberamente alzandosi e avvicinandosi a pareti e ad
oggetti posti in posizioni difficilmente raggiungibili ottenendo informazioni di dettaglio
pari alla visione che si otterrebbe stando a pochi centimetri di distanza dagli oggetti
stessi.
Applicazioni della Realt Virtuale nel settore dei beni culturali sono state realizzate nel
centro ENEA di Bologna. Si tratta della ricostruzione virtuale di alcune parti dellantico
complesso delle Sette Chiese, oggi conosciuto come Chiesa di S. Stefano (Bologna).
Lintervento ha riguardato: la Cappella della Consolazione, il Cortile di Pilato, la Chiesa
del SS. Sacramento e la Chiesa dei SS. Vitale e Agricola.
Le applicazioni sviluppate sono state di notevole interesse per la comunit artistica in
quanto la scelta del complesso della Chiesa di Santo Stefano, storicamente tra le pi
antiche chiese di Bologna, ha permesso di provare le varie tecniche di Realt Virtuale in
differenti scenari. Infatti la Cappella della Consolazione per la presenza degli affreschi, il
Cortile di Pilato per la presenza di un portico in ambiente esterno, la Chiesa del SS.
Sepolcro per la ricchezza di dettagli e la chiesa dei SS. Vitale e Agricola per la muratura
grezza, hanno offerto la possibilit di sperimentare la Realt Visuale in svariati tipi di
ambiente.
La realizzazione di unapplicazione di Realt Virtuale molto complessa e richiederebbe
molta argomentazione per spiegarla in dettaglio.
Volendo esporre in sintesi cosa implica, bisogna innanzitutto porre lattenzione su ci
che si vuole ottenere e su ci che si disposti ad investire. Si intende che lambiente da
riprodurre pu essere pi o meno vasto oppure, pi o meno ricco di particolari; tutto
questo comporta un tempo di lavoro e una raccolta di dati che dipende molto da ci che
si vuole realizzare. possibile, ad esempio, focalizzare lattenzione su dettagli definiti
importanti affidando le restanti parti dellambiente ad effetti meno particolareggiati.
Il lavoro proseguito con la ricerca delle planimetrie, per avere le esatte misure, e con il
rilevamento sul posto, per ottenere tutti quei dettagli utili alla ricostruzione ma non
evidenziati sui documenti cartacei. poi stata fatta una campagna fotografica per avere
tutte le immagini necessarie ad ottenere, in seguito, le textures.
Va precisato che non necessario avere il bene da ricostruire nella sua completezza
poich nel fare la modellazione viene riprodotto tutto virtualmente, e quindi pu essere
ricreato anche ci che non esiste. Per le textures, poi, possibile ricavarle anche da
fotografie delle poche parti esistenti o addirittura da immagini di archivio.
Tornando alle nostre applicazioni, a questo punto, essendo stato raccolto tutto il
materiale necessario, si proceduto alla ricostruzione dellambiente tridimensionale.
Con un primo software si preparata la struttura che stata, poi, rivestita con le
textures ottenute dallelaborazione delle fotografie precedentemente fatte.
54

La ricostruzione di tale struttura rappresenta il momento pi delicato e importante; in


questa fase, infatti, che si definiscono i livelli di dettaglio, che si possono aggiungere
parti strutturali mancanti riproducendo quello che dovrebbe essere il restauro, oppure si
pu fare la ricostruzione completa del bene perduto.

Particolare della ricostruzione virtuale


3D della Chiesa dei SS. Vitale e
Agricola: lato altare

Ricostruzione virtuale 3D del Cortile di


Pilato: lato Nord

Questo software di modellazione opera basandosi su figure geometriche complesse:


questo significa che si dovuto ricostruire tutta la struttura riconducendola a cerchi, a
quadrati, a poligoni, a sfere ecc.. Ad esempio, le vele dei soffitti della Cappella e del
portico del Cortile sono state ottenute tramite lintersezione di cilindri opportunamente
tagliati, oppure, altro esempio, i capitelli e i basamenti delle colonne del chiostro sono
stati ottenuti, in parte, con figure geometriche tridimensionali, sono, cio, stati usati dei
cubi sovrapposti e tagliati con delle sfere o dei cilindri, mentre una parte del basamento
stata ottenuta con la rivoluzione di un poligono, opportunamente costruito, intorno
allasse della colonna stessa.
Il secondo software usato ci ha permesso di realizzare la navigazione allinterno
dellambiente opportunamente modellato in precedenza.
In sintesi, il software di navigazione rielaborando tutta la geometria, individua il fascio
visivo, cos come farebbe locchio umano, e calcola per ogni movimento tutto il
complesso delle variazioni: cambio prospettiva, luci, livello di dettaglio ecc.. Nel nostro
caso, ad esempio, stata inserita anche una colonna sonora che, definita come se
venisse dallinterno della cappella, cresce o decresce di intensit quando ci si avvicina o
ci si allontana per raggiungere il massimo livello di intensit quando si entra. Sono stati
inoltre predisposti, mediante opportune definizioni, dei tasti che, se utilizzati, azionano
lapertura e la chiusura delle porte della Cappella cos come, per dare maggiore
realismo allo scenario, stato introdotto leffetto del cielo con le nuvole che si muovono.
In conclusione, si pu capire che molte sono le varianti che giocano un ruolo importante
nella costruzione di un ambiente 3D e la scelta determina, ovviamente, il risultato che,
per questo, va attentamente considerato e definito allinizio del lavoro.
Le immagini seguenti sono state estrapolate dallo scenario prodotto con il software di
modellazione, non sono quindi fotografie ma immagini 3D, eppure, per la loro
precisione, danno quasi la sensazione di essere delle fotografie, dimostrando, cos,
come la Realt Virtuale possa avvicinarsi e, in un certo senso, superare la realt.
Esaminando le applicazioni risulta evidente che la Realt Virtuale offre molte possibilit
di intervento nel settore dei Beni Culturali, applicazioni che, viste in unottica di ricerca e
di innovazione, possono anche rivoluzionare quella che lattuale concezione di

55

restauro, di museo, di archivio ecc. e possono indurre una rilettura di vecchi documenti
storici traendo da tutto ci informazioni inimmaginabili altrimenti.

2.8

Progetto illuminotecnico e ricostruzione in Realt Virtuale con


rendering 3D della Chiesa dei SS. Vitale ed Agricola (Bologna)
(fonte G. Adorni)

La Realt Virtuale abbinata alla navigazione con rendering 3D in real time ha permesso
di avvicinare ed analizzare un problema molto sentito nellambiente museale e pi in
generale nel settore dei beni culturali.
Lilluminazione rappresenta un problema da non sottovalutare in quanto le luci possono
danneggiare le superfici e per questo motivo occorre fare attenzione al loro
posizionamento e alla frequenza donda delle fonti luminose utilizzate. Con la Realt
Virtuale possibile fare uno studio preventivo analizzando e provando il posizionamento
e gli effetti delle fonti di luce prima della loro effettiva installazione.
Con questo progetto illuminotecnico stato analizzato linterno della Chiesa dei SS.
Vitale ed Agricola (Bologna).
La chiesa, appartenete al romanico-longobardo del VI-VII secolo e ripristinata nel 500 e
800, ben conservata e suggestiva. Si presenta al visitatore con unatmosfera soft,
data, perlopi, dalla luce che filtra attraverso le finestre superiori diffondendosi poi, sulla
muratura, materiale dominante dalla superficie poco rifinita.
Lidea progettuale nasce proprio qui, dallintento di non sconvolgere questarmonia ma,
al contrario, di supportarla e di riprodurla anche nella configurazione serale e notturna.
Ledificio non completamente esposto alla radiazione solare diretta, se non per le
monofore superiori della navata centrale, il livello dilluminazione medio quindi molto
basso e senza forti accenti che obbliga, entrando, a soffermarsi e ad abituare un po la
vista.
Sono state studiate due scenografie:
Scenografia di base: visita turistica e funzione occasionale. stato scelto un
tono lieve e non invasivo con illuminamento medio di circa 25 lx con accenti
vari fino a 50 lx sulle zone di maggior interesse, per esempio laltare e le
cappelle. Questa scelta determina unimportanza maggiore delle navate
laterali, che divengono pi accoglienti ed invitano losservatore a percorrerle e
scoprire man mano i reperti interessanti come il crocifisso, patibolo di S.
Agricola, i sarcofagi dei Santi, gli affreschi e lo strato musivo, risalente al
tempio pagano dedicato ad Iside su cui fu eretta la chiesa.
Seconda scenografia: cerimonia religiosa. In questo caso si richiede una
media di 40 lx nella navata centrale, tale da permettere una facile lettura e
garantire pi attenzione alla scena lasciando le navate laterali in secondo
piano. Si tratta di eventi occasionali della durata di poche ore, questo
suggerisce luso di faretti alogeni, a supporto dei LED, per garantire
lilluminamento maggiore pur contenendo i costi.
A supporto delle analisi fatte in merito al posizionamento e alla natura delle fonti
luminose sono stati studiati la planimetria e gli alzati della chiesa ed stata fatta la

56

ricostruzione virtuale 3D. Sul modello ottenuto sono state fatte tutte le prove necessarie
di illuminazione valutando anche lilluminance (lx) opportuno.
Per completare il lavoro progettuale stata realizzata la navigazione virtuale in real time
con rendering 3D che ha permesso di sperimentare in modo virtuale leffetto visivo delle
scelte fatte.
Le planimetrie sono state utilizzate, sia, al momento della ricostruzione virtuale, per la
modellazione, sia per lo studio della luce solare, sia per la tipologia e il posizionamento
delle fonti di illuminazione naturale.

Si deciso che la temperatura colore nelle zone alte della


navata centrale, adiacenti quindi lingresso della luce
naturale, sia di 5000K miscelato a 3200K mentre nel resto
delledificio sia solo 3200K per garantire unatmosfera pi
calda ed accogliente.

Ricostruzione virtuale 3D: vista della navata a 180 dallaltare


allingresso con studio delle fonti di illuminazione
Studio dellilluminance sul modello virtuale 3D

Ricostruzione virtuale 3D:


vista della navata verso le
monofore di facciata

Ricostruzione virtuale
3D: interno della
chiesa

57

Ricostruzione virtuale
3D: vista dal basso

Ricostruzione virtuale 3D:


vista dallalto

2.9

Inquinanti atmosferici e la caratterizzazione fisica del particolato


(M. Berico)

Le attivit relative allinquinamento atmosferico sono articolate in due principali approcci


che si integrano e sostanziano vicendevolmente: lo sviluppo di modelli di dispersione e
trasformazione chimica degli inquinanti atmosferici e la caratterizzazione fisica del
particolato outdoor e indoor. Tali competenze hanno permesso di effettuare esperienze
applicate allo studio degli effetti dellinquinamento ambientale sui beni culturali. In
particolare stato realizzato un modello di deposizione del particolato outdoor,
AERBOX (prodotto con giudizio eccellente panel 15e CIVR), che si caratterizza per la
descrizione estremamente dettagliata
della chimica e della fisica del particolato
atmosferico, che stato applicato allo
studio delle deposizioni di materiale sulle
aree monumentali, in particolare sulla
citt di Firenze. Nella stessa esperienza
stato
determinato
il
campo
di
concentrazione degli inquinanti intorno
agli edifici del Duomo (esposizione delle
superfici),
utilizzando
un
modello
fluidodinamico in dominio a geometria
complessa (MERCURE). in fase
avanzata lo sviluppo di un modello fisico
Distribuzione del CO da traffico veicolare
per la valutazione del rateo di deposizione
del particolato sulle superfici indoor. In particolare la validazione effettuata tramite
misure dello spettro dimensionale del particolato outdoor e indoor (permeabilit del
contenitore) e con deposimetri, orizzontali e verticali indoor. In particolare vengono
effettuate la determinazione dei metalli, del carbonio organico ed elementare e i relativi
rapporti isotopici (assorbimento atomico AAS, analisi elementare CHNS-O, spettrometro
isotopia massa IRMS).
Presso la sezione PROT IDR esiste, inoltre, lattivit di catalogazione e acquisizione e
trattamento immagini di opere darte: sono stati creati gli archivi multimediali dellarchivio
fotografico di Benvenuto Supino, e della raccolta di manifesti di Massimo Cerulli.

2.10 Laccesso ai Siti Archeologici remoti


(C. Moriconi)

Laccesso, lesplorazione, la fruizione dei beni culturali del Paese, particolarmente i siti
legati ad attivit di tipo archeologico pongono in modo rilevante il problema di strumenti
ad alto contenuto tecnologico in grado di operare in situ laddove laccessibilit risulti
limitata per motivi diversi (ostilit ambientale, necessit di proteggere lequilibrio
ambientale locale, intrinseca delicatezza o intrasportabilit del bene archeologico). Il
problema stato affrontato con un progetto approvato dal Ministero della ricerca nel
2002, ora giunto alla conclusione che ha sviluppato i presupposti tecnologici per la
realizzazione di strumenti in grado di dare una risposta alle problematiche sopra
enunciate.

58

2.11 Il laboratorio Protocenter


(S. Petronilli)

LUDA-PMI di Bologna ha attivato fin dal 1998, un laboratorio denominato Protocenter,


con lobiettivo di svolgere attivit di innovazione e trasferimento tecnologico alle PMI
nellambito delle tecnologie CAD/CAM con particolare riferimento a quelle di
prototipazione rapida e di ingegneria inversa. I settori di intervento sono quelli che
hanno una grande importanza per il sistema paese, come quello meccanico, del design
industriale, biomedicale, orafo e dei Beni Culturali.
In particolare, in questo settore sono state messe a punto procedure innovative di
applicazione di queste tecnologie relativamente ad opere monumentali e reperti, volte
alla realizzazione di modelli virtuali tridimensionali e la riproduzione di copie, in scala
reale o ridotta, mediante tecniche di prototipazione rapida.
La realizzazione di modelli virtuali tridimensionali che il laboratorio in grado di mettere
a disposizione nellambito dei Beni Culturali offre i seguenti vantaggi:
pianificare lintervento di restauro al fine di valutarne in anticipo limpatto
consentendo al team di esperti, provenienti da discipline diverse, di
ottimizzare le varie attivit;
acquisire in maniera obiettiva e non invasiva la morfologia di porzioni
dellopera al fine di monitorare nel tempo lo stato di degrado superficiale
(esempio conci di gruppi monumentali, etc.);
valorizzare il patrimonio culturale mediante gli strumenti dellIT al fine di
ottenere una maggiore potenzialit comunicativa ed una fruizione pi
completa da parte dellutente legando il modello 3D alle informazioni
multimediali di vario tipo;
ricostruire, con il contributo dellesperto, parti incomplete di opere darte
mediante integrazione di tecniche di acquisizione 3D con la modellazione
CAD
realizzare una catalogazione incentrata sul modello 3D offrendo una
descrizione dellopera pi esaustiva rispetto a quelli che sono i metodi di
archiviazione usati attualmente.
Lintegrazione, inoltre, dellingegneria inversa con la prototipazione rapida, ci consente
di riprodurre delle copie perfettamente conformi alloriginale per il raggiungimento di
svariati scopi:
musealizzare opere di particolare importanza che si trovano sottoposte alle
azioni atmosferiche, attraverso la sostituzione con un copia in scala reale e
con materiale uguale o simile alloriginale (esempio statue in materiale
lapideo, etc.);
mettere a disposizione degli esperti per fini di studio, o dei Musei, per
lorganizzazione di mostre, opere uguali alloriginale (esempio tavolette in
scrittura cuneiforme nel primo caso, o di opere in precario stato di
conservazione nel secondo, etc.);
porre a disposizione dei Musei delle copie in scala, conformi agli originali, da
mettere in vendita allinterno degli Shop;
consentire la fruizione di opere di particolare valore storico-artistico anche ai
non vedenti.

59

Per queste attivit il laboratorio dotato di un sistema di scansione a triangolazione


laser ad alta risoluzione di tipo trasportabile per lacquisizione di modelli che vanno da
pochi centimetri fino ad alcuni metri. Inoltre, dispone di un software dedicato per la
elaborazione dei dati acquisiti e la modellazione tridimensionale e di due macchine di
prototipazione rapida per la costruzione del relativo modello fisico.
Nel seguito sono sinteticamente indicate alcune delle attivit svolte nel settore dei Beni
Culturali dal laboratorio Protocenter:
Progetto Situla della Certosa finalizzato alla realizzazione del modello
tridimensionale e di un modello in scala 1:1 mediante tecnologia di
prototipazione rapida dellomonimo vaso etrusco custodito presso il Museo
Archeologico di Bologna;
riproduzione della Protezione per testa di Cavallo, custodita presso il Museo
Archeologico di Pontecagnano, e messa a punto di una metodologia per la
ricostruzione della sua copia omologa rinvenuta parzialmente distrutta;
applicazione delle tecnologie di ingegneria inversa e prototipazione rapida di
tavolette assiro-babilonesi sia per la realizzazione di un catalogo virtuale che
per la riproduzione in scala mediante tecnologie di Rapid Tooling;
realizzazione del modello tridimensionale di un elemento lapideo custodito
presso il Cimitero Monumentale della Certosa e ricostruzione virtuale della
geometria originale della stele ebraica da esso ottenuta e attualmente
custodita presso il Museo Civico Medievale di Bologna;
applicazione delle tecnologie di ingegneria inversa nel restauro virtuale di un
bronzetto romano custodito presso il Museo di Zuglio (UD) al fine di fornire
allarcheologo la possibilit di avere a disposizione diverse soluzioni
geometriche per una migliore e corretta interpretazione storica del reperto;
realizzazione dello studio morfologico di una tavola lignea del 1500 mediante
tecnologie di ingegneria inversa al fine sia di verificare lidoneit dei punti di
sostegno, sia di quantificare le deformazioni e lo spessore della lamina doro
in essa presente;
applicazione dellingegneria inversa ai mosaici e messa a punto di una
metodologia innovativa per definire il posizionamento spaziale delle tessere al
fine di consentire il ripristino degli effetti cromatici originali esistenti prima del
restauro;
realizzazione in scala di una copia del Nettuno custodita presso lAccademia
di Belle Arti di Bologna mediante lintegrazione dellingegneria inversa e della
prototipazione rapida con la tecnologia della microfusione a cera persa messa
a punto presso la Fonderia Venturi Arte;
riproduzione in scala mediante tecnologie di ingegneria inversa e di
prototipazione rapida del gruppo monumentale I partigiani di Porta Lame
dello scultore Luciano Minguzzi per il 60 Anniversario della battaglia di Porta
Lame;
applicazione dellingegneria inversa nel restauro virtuale di reperti ceramici del
Museo della Ceramica di Faenza e messa a punto di una metodologia per la
realizzazione del modello tridimensionale completo a partire dai frammenti del
reperto stesso;
nellambito del progetto Museo Virtuale della Certosa, svolto in
collaborazione con il Comune di Bologna-Progetto Nuove Istituzioni Museali e

60

il Cineca, riproduzione dei modelli tridimensionali della collezione etrusca della


Certosa di Bologna costituita da steli, tombe strappate ed arredi funerari;
riproduzione mediante tecnologie di ingegneria inversa e di prototipazione
rapida di una copia in scala della scultura marmorea Athena Lemnia
custodita presso il Museo Archeologico di Bologna al fine di consentire la
realizzazione di copie in gesso di elevata qualit da mettere in vendita presso
lo Shop del museo;
realizzazione del modello tridimensionale del gruppo marmoreo della 1
Guerra Mondiale custodito presso il cimitero monumentale della Certosa di
Bologna;
realizzazione del modello tridimensionale della parte centrale del monumento
Ossario ai caduti partigiani dello scultore Piero Bottoni e custodito presso la
Certosa di Bologna;
realizzazione dei modelli tridimensionali delle tombe monumentali del Chiostro
terzo della Certosa di Bologna
svolgimento di seminari tematici e tesi di laurea sulle tecnologie CAD/CAM
applicate ai Beni Culturali presso lAccademia di Belle Arti di Bologna e le
Facolt di Ingegneria dellUniversit di Bologna e Forl.
svolgimento di un caso di studio in collaborazione con lAccademia di Belle
Arti di Bologna per la realizzazione di una copia in scala della scultura
bronzea denominata Angelo, opera del Direttore dellAccademia di Bologna
Mauro Mazzali, allo scopo di dimostrare lapplicabilit delle tecnologie
CAD/CAM nella commercializzazione di copie di opere darte di alto contenuto
artistico.

2.12 Monitoraggio e analisi di dati microclimatici


(M. Citterio)

Lattivit essenziale per la caratterizzazione delle condizioni di conservazione dei beni,


per lindividuazione delle possibili cause di degrado e del conseguente indice di rischio.
Lattivit viene svolta con limpiego di sistemi di acquisizione fissi (FLUKE, BABUC) e
portatili (THERMOS DATA), con possibilit di controllo da remoto.
Mediante i citati sistemi possibile acquisire le principali grandezze microclimatiche sia
interne che esterne allambiente di conservazione:
Grandezza
Temperatura dellaria
Temperatura superficiale
Umidit Relativa
Radiazione solare
Direzione e velocit del vento
Pioggia
Velocit dellaria (filo caldo)
Velocit dellaria (ultrasuoni)
Illuminamento
UV
Inquinanti (CO2)

61

Interno
X
X
X

X
X
X
X
X

Esterno
X
X
X
X
X
X
X

I dati acquisiti vengono archiviati in databases ed analizzati secondo le procedure


individuate dalla norma UNI 10969 al fine dellindividuazione dellindice di rischio di
conservazione tipico per ciascuna delle grandezze individuate:

Termico
Igrometrico
Termo-igrometrico superficiale
Da radiazioni luminose e UV
Da presenza di inquinanti.

I dati acquisiti ed analizzati vengono inoltre impiegati nello svolgimento della attivit di
simulazione ed ausilio alla progettazione.

2.13 Simulazione termodinamica e supporto alla progettazione di


interventi di recupero
(M. Citterio)

Lattivit in oggetto orientata alla simulazione termodinamica e al supporto alla


progettazione di interventi di recupero di edifici storico museali e di realizzazione di
strutture di protezione di siti archeologici (coperture)
Limpiego dei modelli di simulazione dinamica (TRNSYS e COMIS) consente di
calcolare su base oraria le principali grandezze microlimatiche che si determinino
allinterno di un ambiente confinato, una volta che siano noti:
il clima esterno,
le caratteristiche termo-fisiche delle pareti e degli elementi trasparenti che
delimitano lo spazio di conservazione,
le condizioni duso dellambiente (presenza
di persone, accensione di impianti etc.).
Lattivit viene svolta in ausilio dei progettisti al fine
di prevedere i possibili scenari delle condizione di
conservazione che si determinano in conseguenza di
un intervento di recupero edilizio o della creazione di
una struttura nuova.
Alcuni esempi di attivit svolte riguardano:
Monitoraggio, analisi dei dati e modelli di simulazione dei seguenti musei:

Capodimenote (NA)
Villa Giulia (RM)
Civico (Viterbo)
Villa Chigi (Ariccia)
Progetto Museo Aperto (in collaborazione con Istituto
Centrale per il Restauro)

Monitoraggio ed analisi dei dati dei siti:


Villa Arianna (Castellammare di Stabia)
Villa del Casale (Piazza Armerina)
Villa Romana (Corfinio)
62

Villa Romana (Varignano)


Sito Miceneo (Vivara NA)
Consulenza alla progettazione e realizzazione di coperture di siti archeologici
Limpiego dei modelli di simulazione consente di individuare la configurazione ottimale
della struttura del manto di tenuta e della disposizione delle aperture di ventilazione, al
fine di ottenere le migliori condizioni microclimatiche possibili e limitare il rischio di
formazione di condensa

Realizzazione della copertura del sito di Villa Arianna

2.14 Indagini diagnostiche: microscopia


microanalisi applicata ai beni culturali

ottica,

elettronica

(S.Bruni)

Lapplicazione della microscopia ottica ed elettronica come diagnostica artistica nel


campo dei Beni Culturali ha fornito un contributo scientifico di estremo interesse. Infatti,
nellambito di progetti di ricerca sia nazionali che europei (GIANO), essa stata
applicata per indagini diagnostiche finalizzate sia al restauro (individuazione di tecniche
artistiche, analisi della componente pittorica, analisi di materiale artistico di varia natura,
ecc) sia alla conservazione di opere di notevole prestigio storico-artistico.
Lutilizzo di questi strumenti ha permesso, infatti, levidenziazione di particolari non
facilmente rilevabili ad occhio nudo, fornendo, quindi, informazioni di notevole utilit
durante i processi di restauro delle opere darte.
La diagnostica artistica si basa, principalmente, su due tipi di tecniche analitiche: a)
analisi non invasive, che utilizzano metodi di indagine che non richiedono alcun prelievo
di campioni; b) analisi invasive, che comportano il campionamento di frammenti di
dimensioni piccolissime, che spesso coincidono con quelle che si staccano o si
sollevano naturalmente per i processi di degradazione in atto in unopera.
La microscopia ottica, la microscopia elettronica a scansione e la microanalisi elettronica
si collocano tra le tecniche diagnostiche di tipo invasivo.
Microscopia ottica - Lanalisi al microscopio ottico di un campione fornisce
unimportante serie di informazioni riguardanti sia la tecnica esecutiva che lo
stato di conservazione. Le opere darte sono costituite, generalmente, da una
struttura a strati sovrapposti dei quali solo alcuni, la superficie esterna, sono
63

visibili ad occhio nudo; gli stessi interventi di restauro hanno una


localizzazione a strati. Colore, forma e posizione dei materiali nel contesto
strutturale sono gli elementi analitici utilizzati. perci notevolissimo il
contributo che lanalisi al microscopio di una sezione di un frammento,
prelevato da unopera, fornisce per la conoscenza di questa.
Microscopia elettronica a scansione e microanalisi elettronica - Tali tipi di
analisi hanno lo scopo specifico di approfondire le conoscenze sulla
costituzione e sull'intima struttura dei materiali. Il microscopio elettronico a
scansione permette, infatti, di osservare la superficie di oggetti solidi con
grande risoluzione nei dettagli ed a ingrandimenti elevati. La microsonda
elettronica , invece, una tecnica di microanalisi elementale dei materiali, non
distruttiva per il campione. Dallanalisi elementale si risale al composto,
oppure si possono mettere in evidenza particolari relativi alla tecnica pittorica
o fenomeni di alterazione del materiale o di degrado dellopera darte.
possibile, quindi, trovare nellambito di qualche millimetro o in spessori anche
assai minori di un campione artistico, una molteplicit di materiali differenti
ognuno con un proprio ruolo positivo o negativo, intenzionale o indotto, nel
contesto generale dellopera.
Sia le tecniche di microscopia ottica che elettronica a scansione e microanalisi sono
state applicate allo studio di opere di varia tipologia e diverso materiale.
da sottolineare lanalisi dei materiali costitutivi e della tecnica di esecuzione eseguita
durante il restauro della tavola lignea di Giorgio Vasari,: Cristo in casa di Marta e
Maria, conservata attualmente presso la Pinacoteca di Bologna; lanalisi delle vetrate di
Duccio da Boninsegna, conservate presso il Duomo di Siena e le vetrate di Cabrini
presso San Petronio a Bologna, che hanno messo in evidenza fenomeni di
deterioramento e alterazione del vetro, che difficilmente potevano essere rilevati.
L'analisi stratigrafica di campioni eseguita sulle opere di Ubaldo e Gaetano Gandolfi,
sec. XVI, due illustri artisti della scuola bolognese dei Carracci.
La caratterizzazione delle essenze di sculture lignee del XII secolo. Tale ricerca stata
oggetto di studio per una tesi di specializzazione in Archeometria, svolta nell'ambito di
una collaborazione ENEA con il Departement des Archomateriaux de l'Universit Michel
de Montaigne, Bodeaux, Francia. Tale collaborazione, tuttora in corso, ha creato le basi
per ulteriori programmi di ricerca relativi applicazione della microscopia sui Beni
Culturali.
L'analisi stratigrafica di campioni eseguita sulle
opere di Ubaldo e Gaetano Gandolfi, sec. XVI, due
illustri artisti della scuola bolognese dei Carracci.

1
2

7
3

L'analisi dei materiali e lo studio delle tecniche


fotografiche eseguite sul fondo fotografico di Igino
Benvenuto Supino, presso l'Archivio fotografico
dell'Universit di Bologna; tali indagini, fino ad ora
mai applicate su questo tipo di materiali (pellicole
fotografiche), hanno permesso di individuare
tecniche
fotografiche
di
pellicole
storiche,
difficilmente definibili ad occhio nudo. Tali tecniche
diagnostiche sono state anche oggetto sia di tesi di
laurea che, di seminari, presso LUniversit di

Punti di prelievo dei campioni analizzati


64

Bologna, Facolt di Conservazione dei Beni Culturali, a Ravenna, permettendo la


formazione e la preparazione di tecnici ed operatori del settore del restauro e della
conservazione delle opere darte. Qui di seguito sono mostrati alcuni dei risultati relativi
alle indagini diagnostiche, utilizzate per identificare la tecnica di esecuzione pittorica
dell'artista, Giovanni da Modena. Le analisi sono state svolte sulle opere nelle Cappelle
di S.Giorgio o dei dieci di Balia e Bolognini (sec.XV) della Basilica di San Petronio,
Bologna.
Microscopio ottico (MO)
Foto. n.1: MO 30x. Dall'alto verso il basso si
notano due differenti strati:
1) strato pittorico (cinabro);
2) supporto (gesso).

Microscopio elettronico a scansione (SEM)

Foto. n.2: SEM. Limmagine monocromatica, in scala di


grigio, quindi consigliabile unosservazione
comparata con le immagini al MO.
Dall'alto verso il basso si notano due strati:
1) strato pittorico (cinabro);
2) supporto (gesso).

Microanalisi elettronica (EDS):

EDS n.2: Elementi presenti:


- zolfo e calcio (intonaco);
- carbonio e ossigeno (colla di origine
animale).

EDS n.1: Elevata concentrazione di zolfo e


di mercurio. Il pigmento identificato
il cinabro (o vermiglione).

65

Conclusioni
I risultati delle indagini eseguite al microscopio ottico, elettronico a scansione e
microanalisi hanno messo in evidenza un importante aspetto della tecnica pittorica
utilizzata dall'artista, Giovanni da Modena, attivo nel XV sec. Si ritiene, infatti, che le
opere analizzate siano state realizzate anche a secco e non interamente a buon fresco,
come da secoli considerate, in relazione alla presenza di uno spesso strato di colla
animale, riscontrato puntualmente in ogni campione esaminato ed alla facilit di distacco
dello strato pittorico. Queste caratteristiche sono, infatti, difficilmente presenti nella
tecnica canonica dell'affresco.

2.15 Sistemi di monitoraggio dei Beni Culturali in aree soggette a


dissesto idrogeologico
(G. Delmonaco, L. Falconi, C. Margottini, C. Puglisi)

Molti fenomeni franosi sono attualmente monitorati con lausilio di strumentazione


dedicata al rilevamento di dati utili allo studio e alla sorveglianza dei loro movimenti. I
dati rilevati permettono di definire in dettaglio le tendenze evolutive dei processi franosi,
consentendo l'individuazione delle soluzioni pi adeguate per prevenire disastri e
realizzare interventi di mitigazione.
Le tecnologie sviluppate per il settore civile si confrontano con un fattore condizionante
in pi nel campo dei BB. CC.: la necessit di individuare soluzioni a minor invasivit
possibile. I sistemi di monitoraggio, infatti, possono richiedere di essere fisicamente
impattanti con il bene da preservare e determinare forme molteplici di degrado del bene
stesso, temporanee o, nel peggiore dei casi, definitive. Spesso, l'utilizzazione di comuni
strumenti di misura e monitoraggio, quali estensimetri superficiali, a filo o a braccio,
possono alterare la percezione visiva del bene monitorato, arrecando un danno alla
fruizione del bene stesso.

Rappresentazione schematica di diversi tipologie di estensimetro superficiali

La ricerca nel settore dei sistemi di monitoraggio di siti archeologici, centri storici e beni
monumentali soggetti a dissesto idrogeologico orientata verso l'individuazione di
soluzioni che evitino possibili alterazioni fisiche del bene oltre che tutelarne la fruibilit
66

turistica. necessario lo sviluppo di tecnologie avanzate, principalmente afferenti al


campo delle onde elettromagnetiche, che permettano di monitorare movimenti relativi
occorrenti su beni o nel loro intorno, senza lederne l'integrit fisica o essere percepiti dal
visitatore. ENEA ha condotto numerose ricerche nel campo, in collaborazione con
partner all'avanguardia nel settore (ENEL Hydro, TRE, ), mettendo a punto procedure
e ottenendo risultati altamente apprezzati dagli attori della salvaguardia dei BB. CC.
Alcune delle applicazioni sviluppate sono, ad esempio:
le tecnologie dell'interferometria, sia satellitare che terrestre, dei pemanent
scatterers e del laser scanner nel monitoraggio della rupe di Civita di
Bagnoregio e dell'insediamento Inca di Machu Picchu;
gli strumenti estensimetrici installati nel sottosuolo lungo i versanti dell'area del
centro storico di Craco e del sito archeologico di Varano presso
Castellammare di Stabbia.

2.16 Consolidamento del dissesto idrogeologico di siti archeologici e


centri storici di elevato pregio con sistemi a basso impatto
ambientale
(G. Delmonaco, L. Falconi, C. Margottini, C. Puglisi)

Il consolidamento dei centri abitati instabili ha da sempre privilegiato la risoluzione dei


problemi di risanamento del dissesto idrogeologico, rispetto alle necessit di inserimento
paesaggistico delle opere che si andavano realizzando. Tale politica di intervento sul
territorio ha avuto la maggiore espansione negli anni 60-70, anche per la limitata
coscienza ambientale sia dei tecnici incaricati della progettazione (come pure della
popolazione), sia dei funzionari dellepoca incaricati di approvare e gestire lesecuzione
degli interventi. Con il passare degli anni e lacquisizione di una sempre maggiore
sensibilit alle problematiche ambientali, anche la conservazione del territorio e la difesa
del suolo hanno cominciato a ripensare forme e metodi di intervento, nellottica di
risolvere i problemi di dissesto, salvaguardando per i caratteri estetico-paesaggistici
dellarea. Questo approccio non ha comunque avuto lo sviluppo desiderato: la necessit
di coniugare la risoluzione dei problemi con la disponibilit finanziarie, come pure la
necessit di formare, sin dallUniversit, tecnici in grado di guardare i fenomeni franosi
dalla parte dellambiente, hanno impedito una larga generalizzazione di tali principi.
Questo stato di cose ha influito negativamente sulle pratiche di salvaguardia dei BB. CC.
dai fenomeni di dissesto idrogeologico. In molti casi, infatti, aree di notevole pregio sono
state fortemente penalizzate, se non deturpate, dagli interventi mirati alla difesa dei beni
culturali presenti. I casi del sito archeologico della collina di Varano e del centro storico
di Craco sono esemplificativi di questa problematica

67

La valutazione dell'impatto paesaggistico costituisce uno strumento a disposizione degli


operatori della salvaguardia dei BB. CC. che tenta di applicare le procedure sviluppate
nell'ambito dell'impatto ambientale, ad un campo in cui necessario fare riferimento a
canoni specifici.
necessario sviluppare attivit di ricerca nel campo, individuando procedure per la
selezione deller soluzioni possibili che tutelino, se non addirittura valorizzino i beni
soggetti ad interventi di sistemazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico.
L'applicazione di interventi a basso impatto costituisce di per s un esempio a
disposizione degli operatori del settore. La realizzazione di Linee Guida, banche dati e
strumenti di supporto alle decisioni costituisce un ambito di ricerca mirato a fornire un
ulteriore contributo all'attivit del Ministero dei BB. CC., dell'ICR e delle Soprintendenze
ai BB. CC.

68

3 I PROGETTI E GLI INTERVENTI


In questo capitolo sono brevemente descritti esempi di attivit e progetti svolti dallENEA
nellambito della tematica della salvaguardia, valorizzazione e fruizione di beni culturali.
Le suddette attivit coprono uno spettro molto vasto di discipline e, utilizzando
metodologie e strumenti tecnologici avanzati, forniscono un quadro degli ambiti operativi
nei quali lEnte ha fattivamente operato sinergicamente con la Pubblica
Amministrazione, Enti Locali, Istituzioni Museali e privati.
Nella tabella seguente viene fornita una matrice di correlazione tra
tecnologie/metodologie ed ambiti applicativi che pu consentire una chiave di accesso
efficace per la consultazione diretta dei contenuti dei progetti.
Tecnologie / Metodologie

Ambiti Applicativi

Analisi elementale
Analisi delle superfici

Analisi microbiologiche

Analisi climatiche
Analisi per attivazione neutronica
Apprendimento automatico
Archiviazione multimediale
Assorbimento atomico
Caratterizzazione
tavola vibrante

sismica

su

Case-based reasoning
Digitalizzazione
Documentazione
culturali
Colorimetria
Diffrazione x

Endoscopia

dei

beni

Progetto CULTURE 2000


Progetto SIDART
Progetto CULTURE 2000
Progetto SIDART
Progetto CULTURE 2000
Utilizzo di radiazioni ionizzanti per la bonifica di materiale
bibiografico-documentale
Progetto SCRIGNO
Progetto CICLOPE
Progetto SIDART
NODAN: Controlli non distruttivi mediante radiografia con neutroni
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Progetto SIGEG
Sistema Informativo della catalogazione della Regione Sicilia
NODAN: Controlli non distruttivi mediante radiografia con neutroni
Progetto RESIS
Progetto CAMPEC WP2
Progetto TREMA
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Progetto SIGEC
Sistema Informativo della catalogazione della Regione Sicilia
Progetto MOSAICO
Progetto SIGEC
Progetto NEREA
Progetto Un viaggio nell'Italia della Scienza
Diagnostica per immagini
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
Progetto CAMPEC WP2
Progetto TREMA
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche

69

segue

Tecnologie / Metodologie
Formazione blended-learning
Filtraggio di informazione
Fluorescenza x
Gammagrafia

Georadar

Information retrieval

Invecchiamento e durabilit in
camera climatica

Interferometria
Irraggiamento Gamma

Laser-scan

Linguistica computazionale
Logica fuzzy
Microscopia
elettronica
a
scansione con microanalisi x
Microscopia ottica
Modellazione utente
Modelli
di
deposizione
di
inquinanti
Modelli di dispersione degli
inquinanti atmosferici
Monitoraggio
del
patrimonio
edilizio
Monitoraggio micro- e macroclimatico

Monitoraggio strutturale
Ontologia
Osservazione del territorio

Ambiti Applicativi

Progetto for-CULT
Progetto e-SIGEC
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
NODAN: Controlli non distruttivi mediante radiografia con neutroni
Progetto CAMPEC WP2
Progetto TREMA
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Progetto COVAX
Progetto CAMPEC WP2
Progetto RESIS
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
MATER
INTERFRASI
Utilizzo di radiazioni ionizzanti per la bonifica di materiale
bibiografico-documentale
Progetto CAMPEC WP2
Progetto TREMA
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali

Biotecnologie microbiche per la conservazione ed il restauro


Biotecnologie microbiche per la conservazione ed il restauro
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Progetto ISHTAR SW MODA
Progetto ISHTAR SW MODA
Aerofotogrammetria per aggiornamenti catastali
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
Progetto TREMA
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Aerofotogrammetria per aggiornamenti catastali

70

segue

Tecnologie / Metodologie
Protezione sismica e valutazione
integrata dei rischi naturali
Radar
Radar satellitare
Radioscopia
Realt virtuale
Reti neurali

Ricostruzione di immagini 2D e
3D

Riflettografia I.R.
Rivestimenti a film sottile su vetro
Robotica
Sistemi Informativi Territoriali
Spettrometria massa
Spettrometria x
Spettrofotometria

Termografia

Trattamento digitale delle


immagini

Ultrasuoni

Valutazione della sicurezza e


criteri di verifica

Ambiti Applicativi

Progetto SABRINA
Aggregato progettuale PSICHE
Aggregato progettuale P9AX
MATER
Monitoraggio dellassetto statico strutturale dei beni culturali con
tecniche satellitari a nullo impatto ambientale
Progetto Protezione delle opere darte dal danno da radiazione
Gruppo di lavoroIA nei BC
TRIDENT
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali
TRIDENT
Progetto CAMPEC WP2
Progetto TREMA
Progetto TECSIS
Progetto SIDART
Protezione delle opere darte dal danno da radiazione
Protezione delle opere darte dal danno da radiazione
Protezione dei beni culturali
Visione ottimizzata delle opere darte
Progetto TECSIS
SITAC
Progetto RESIS
MATER
VIP
Biotecnologie microbiche per la conservazione ed il restauro
Biotecnologie microbiche per la conservazione ed il restauro
Protezione delle opere darte dal danno da radiazione
Progetto CAMPEC WP2
Progetto RESIS
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
NODAN: Controlli non distruttivi mediante radiografia con neutroni

Progetto CAMPEC WP2


Progetto TREMA
Progetto RESIS
Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la
Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
Progetto CAMPEC WP2
Progetto TREMA
Progetto NEREA

71

3.1

Il Progetto SIGEC
(B.Calosso, A. Di Lorenzo, C. Marinucci)

Titolo
Obiettivo

Progetto SIGEC
Progettazione del Sistema Informativo Generale del Catalogo
Nazionale

Destinatari

MiBAC Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

Tecnologie

Nellambito della realizzazione del sistema SIGEC sono state


organicamente
integrate:
componenti
alfanumeriche,
cartografiche e multimediali, sfruttando le possibilit di Internet
per una fruizione modulata sulle molteplici tipologie di utenza.

Metodologie

Il sistema SIGEC garantisce il costante allineamento tra le


schede prodotte e le relative normative di catalogazione emesse
dallICCD, che costituiscono lo standard nazionale per la
catalogazione del patrimonio culturale nazionale.

Indicatori di
successo

Oltre due milioni di beni culturali catalogati e disponibili alla


fruizione su Internet differenziata in funzione delle tipologie di
utenza e della riservatezza sui dati trattati.

Il SIstema GEnerale del Catalogo - SIGEC, gi dalle fasi iniziali del suo percorso di
sviluppo e di diffusione, ha avuto un grande impatto sulle modalit di attuazione del
processo di catalogazione in ambito nazionale. , infatti, con la realizzazione del SIGEC
che si concretizza per la prima volta la completa integrazione del corpus normativo
prodotto dallIstituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione ICCD, per la
catalogazione del patrimonio dei beni culturali, con un sistema informativo multilivello
distribuito in ambito nazionale.
ALFANUMERICO
ALFANUMERICO

UTENTE
UTENTE

Il SIGEC stato realizzato


Fruizione
dallICCD
organo
del Normative
integrata dei Beni
. Metadati
Ministero per i Beni e le Attivit Controlli
Analisi
Flussi
Multidimensionale
Culturali (MBAC) - con la Relazioni tra
Cooperazione tra
Beni
sistemi
consulenza dellENEA in tutte Validazione
le
diverse
fasi
della
progettazione: dal progetto di Entit
Cartografia
massima iniziale, allesple- Multimediali
Georeferenzazione
Metadati
Metadati
tamento delle procedure di Qualit
Geo-vocabolari
Watermarking
aggiudicazione per la realizza- Ricerca VIR
zione del sistema, alle attivit
MULTIMEDIALE
CARTOGRAFICO
scientifiche per lo sviluppo di
CARTOGRAFICO
MULTIMEDIALE
due dei quattro sottosistemi
Figura 1 I quattro sottosistemi di SIGEC
che compongono il sistema,
per arrivare fino alla sua attuale diffusione e valorizzazione. (Fig. 1)
La realizzazione e la diffusione del SIGEC hanno consentito di conseguire importanti
obiettivi quantitativamente misurabili per il sistema Paese, nellambito della
catalogazione dei beni culturali nazionali:

SIGEC
SIGEC

72

La Pubblica Amministrazione stata dotata di tecnologie innovative,


innalzando il livello della catalogazione, sia da un punto di vista qualitativo che
quantitativo (Fig. 2);
stata resa possibile la piena integrazione dei sistemi gi operanti nellambito
della catalogazione dei beni culturali - Regioni, Enti Locali e Ecclesiastici,
Universit ed Enti di Ricerca - garantendo la piena interoperabilit, sia a livello
di strumenti di produzione e di elaborazione di dati, sia per quanto riguarda la
loro fruizione attraverso Internet;
Sono state garantite prospettive di evoluzione e di sviluppo del sistema
SIGEC, sia grazie alla completa armonizzazione delle componenti informative
che descrivono il bene culturale, sia grazie allutilizzo di tecnologie avanzate
che ne consentono la piena condivisione e fruizione tra i diversi sistemi che
compongono il network informativo nazionale.
3
3Livello
Livello

Strumenti per la Catalogazione


Data Entry

2
2Livello
Livello

1
1Livello
Livello

Controlli Formali

Sistemi per le Soprintendenze


Data Base Locale

Normalizzazione

Verifica Dati

Gestione Invii

Sistema Centrale ICCD


Data Base Centrale

Validazione Dati

Gestione Normative

Vocabolari

Normalizzazione

Flusso Informativo

Unit autonome
Formato di
Soprintendenze
di
ICDD
Trasferimento
Catalogazione

Figura 2 Il processo di catalogazione informatizzata

3.2

Il Progetto e-SIGEC
(B.Calosso, A. Di Lorenzo, C. Marinucci)

Titolo

Progetto e-SIGEC

Obiettivo

Formazione blended-learning sul Sistema SIGEC

Destinatari

MiBAC Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione;


Universit

Tecnologie

Piattaforma Learning Management System - ENEA

Metodologie

Linee guida CNIPA

Indicatori di
successo

Numero di Atenei che adotteranno i moduli e li inseriranno in


corsi di laurea, di perfezionamento e master.

Lo sviluppo del progetto e-SIGEC trova la sua motivazione principale nellesigenza di


garantire una formazione di qualit avanzata ed uniforme, nellambito dellintero territorio
nazionale, per tutti gli operatori che utilizzano il sistema informativo SIGEC come
73

strumento nelle attivit di catalogazione del patrimonio culturale italiano. Unesigenza


forte, connessa alla necessit di creare una vera e propria cultura della catalogazione,
ha fatto s che il progetto e-SIGEC si trasformasse in unoperazione culturale. stato
quindi sviluppato un articolato progetto formativo, che prevede:
Il coinvolgimento dellUniversit e del mondo della ricerca;
Il coinvolgimento degli enti museali e delle regioni;
Ladozione di metodologie e strumenti innovativi per lapprendimento
collaborativo blended-learning (Fig. 1), basati sul ricorso alle tecnologie di rete
e sulla comunicazione mediata da Tutor on line;

Figura 1 Struttura blended-learning del percorso e-SIGEC

La creazione di una vera e propria Learning Community sulla catalogazione,


fulcro di una serie di attivit orientate alla sensibilizzazione sulle
problematiche inerenti il settore.
Gli obiettivi del progetto e-SIGEC si possono riassumere nei seguenti punti:
Lo sviluppo di competenze specialistiche per lutilizzo del sistema SIGEC;
Il miglioramento della qualit delle attivit di catalogazione;
Il coordinamento tra le diverse competenze presenti sul territorio nazionale
inerenti Le operazioni di catalogazione del patrimonio culturale;
La definizione di una metodologia condivisa per le attivit di formazione e per
la didattica.
Durante lanno accademico 2004/2005 e 2005/2006, il corso e-SIGEC stato fruito dai
partecipanti al laboratorio di Informatica applicata ai beni culturali, rivolto agli studenti
di Archeologia e Storia dellArte, iscritti allUniversit degli studi di Bari. I partecipanti
hanno completato con successo il corso nel tempo prestabilito di tre settimane,
ottenendo cos crediti formativi.
La prima edizione del laboratorio ha ottenuto buoni risultati, raccolti mediante il
questionario di Customer Satisfaction con il quale stato possibile valutare il grado di
soddisfazione e di risposta alle esigenze dei partecipanti. Lefficacia del corso cos
monitorata stata tale da ripetere lesperienza anche nellanno accademico successivo.
Gli studenti iscritti hanno fruito delle lezioni on-line collegandosi al Learning
Management System da ENEA C@mpus (www.campus.ENEA.it), mediante il quale
74

hanno anche partecipato al Forum tematico specifico su i contenuti del corso e-SIGEC. I
partecipanti avevano, perci, la possibilit di incontrarsi nel Forum on-line tra loro e con
il Tutor (ENEA), il quale si rendeva per rispondere ad eventuali chiarimenti e per
stimolare la discussione sulle tematiche affrontate. Il laboratorio, inoltre, includeva anche
una serie di lezioni in presenza dintroduzione alla catalogazione, al sistema informativo
per la catalogazione SIGEC ed allutilizzo dello strumento multimediale per la fruizione
dei contenuti on-line, tenute da esperti ICCD e dal tutor e-SIGEC.
Il corso e-SIGEC , inoltre, parte integrante del Master universitario di I livello in
Catalogazione Informatica di Beni Culturali promosso dallUniversit di Trieste. Il
master, con durata annuale, prevede lezioni frontali, on line, esercitazioni e interazioni
sul forum virtuale guidate dal Tutor (ENEA). Leffettiva applicazione dei contenuti
avverr durante il periodo di tirocinio, da effettuarsi presso le strutture aderenti al
Sistema Museale dellAteneo di Trieste e presso le istituzioni operanti sul territorio,
compresi biblioteche e archivi.
Analogamente, presso la Facolt di Scienze e Tecnologie delluniversit degli Studi di
Camerino il corso stato erogato nellambito de laboratorio di informatica applicata alla
catalogazione dei Beni Culturali, incentrato sulla la metodologia e gli strumenti didattici
del corso e-SIGEC. I partecipanti al laboratorio svolgeranno, inoltre, uno tirocinio presso
alcune istituzioni museali e territoriali che si occupano di conservazione del patrimonio
culturale.
Nellambito della formazione continua, per il personale gi esperto in catalogazione,
finalizzata allaggiornamento professionale sul sistema informatizzato SIGEC, il corso on
line e-SIGEC stato fruito da un gruppo di rappresentanti delle Soprintendenze di
diverse regioni italiane.

3.3

Il Sistema Informativo della catalogazione della Regione


Siciliana
(A. Di Lorenzo)

Titolo
Obiettivo
Destinatari
Tecnologie

Metodologie
Indicatori di
successo

Sistema Informativo della catalogazione della Regione Sicilia


Progettazione di massima e consulenza per la realizzazione del
Sistema Informativo Generale del Catalogo della Regione Sicilia
Regione Sicilia Centro Regionale per il Catalogo e la
Documentazione (CRICD)
Un unico sistema integrato consente la fruizione mediante
internet dellintero patrimonio culturale della Regione Siciliana,
linserimento e laggiornamento dei dati catalografici multimediali
prodotti nelle 75 sedi del sistema.
Il sistema garantisce il costante allineamento tra le schede
prodotte e le relative normative di catalogazione nazionali e
quelle regionali emesse dal CRICD.
Settantacinque sedi istituzionali collegate nel sistema.
Oltre mezzo milione di beni culturali catalogati e disponibili alla
fruizione su Internet differenziata in funzione delle differenti
tipologie di utenza e della riservatezza sui dati trattati.

LENEA ha realizzato il progetto di massima del Sistema Informativo della catalogazione


della Regione Sicilia con lobiettivo di progettare un sistema in grado di inserirsi
75

armonicamente e consentire lo scambio delle informazioni e la fruibilit delle banche di


dati presenti nellambito delle amministrazioni, indipendentemente dalla loro
collocazione fisica, nel rispetto della riservatezza delle informazioni e con la massima
attenzione alla sicurezza logica e fisica dei dati.
Il sistema si configura pertanto come un sistema geograficamente distribuito, flessibile e
modulare che utilizza unarchitettura flessibile, sicura ed affidabile, che consente di
integrare strumenti di programmazione avanzati, al fine di aumentare sia il livello
dinterattivit tra le strutture organizzative, sia le funzionalit daccesso e di fruizione
delle informazioni, da parte delle categorie dutenza interessate.
Nel sistema, che si interfaccia con il sistema informativo nazionale, sono organicamente
integrate le seguenti realt istituzionali distribuite geograficamente nellambito del
territorio regionale:

3.4

1 sede dellAssessorato;
3 sedi di Centri Regionali;
18 sedi di Soprintendenze;
17 sedi di Zone Archeologiche;
11 sedi di Musei;
2 sedi di Gallerie Regionali;
10 sedi di Biblioteche Regionali;
10 sedi di Biblioteche Comunali;
1 sede di Parco Archeologico e Paesaggistico;
1 sede del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale;
1 sede del Soprintendenza del Mare.

Il Progetto for-CULT
(B.Calosso, A. Di Lorenzo, C. Marinucci)

Titolo

Progetto for-CULT

Obiettivo

Creazione di percorsi e-learning ad hoc per la divulgazione delle


pratiche catalografiche informatizzate e delle norme per la
catalogazione

Destinatari

Pubblica Amministrazione/ Universit / Enti di Ricerca / Musei

Tecnologie

Piattaforma Learning Management System - ENEA

Metodologie

Linee guida CNIPA

Indicatori di
successo

Istituzioni coinvolte e numero di corsi erogati.

FOR-CULT costituisce un progetto formativo organico e modulare che si concretizza


nella creazione di percorsi e-learning custumerizzati, specifici per la divulgazione
sistematica delle pratiche catalografiche informatizzate. Ogni percorso formativo FORCULT pensato per essere di volta in volta adattato ai fabbisogni di un target di utenza
con specifiche esigenze formative. Ogni utenza, infatti, potr costruirsi il piano formativo
pi coerente con il settore culturale specifico in cui opera. Questa customerizzazione
76

possibile in quanto ogni percorso si compone di una catena di moduli didattici ciascuno
dei quali approfondisce una particolare tipologia di beni.
Il progetto si articola in quattro macro livelli (vedi figura), ciascuno dei quali sottende alla
creazione di una serie di raggruppamenti di percorsi formativi con strategie ed obiettivi
interdipendenti.
Il progetto sostenuto dal Protocollo dIntesa tra Ministero per i Beni e le Attivit
Culturali Dipartimento per la ricerca, linnovazione e lorganizzazione - ed ENEA in
tema di ricerca, studi, formazione e trasferimento tecnologico nel settore dei beni
culturali.
FOR-CULT ha come obiettivo primario la formazione di competenze incentrate sulla
conservazione e valorizzazione dei beni culturali, con programmi didattici universitari
finalizzati alla creazione di nuovi profili professionali ed allaggiornamento delle
competenze gi presenti nelle Pubbliche Amministrazioni, impegnate nella
catalogazione.
normative

catalogazione

musei

conservazione
catalogazione

Standard Nazionali BC

musei

conservazione

Standard Internazionali BC

Livelli Formativi

Standard

B. Urb.Terr.
B. Mobili

B.Immobili

Stand. Foto.
Patr.Scient.

Stand. Infor.

Normative Nazionali di Catalogazione

Sist. Inf.

N
Sist. Inf.

Enti Locali Istituzioni Universit


Minist.
Reg.
P.A.

Musei

Stage presso Istituzioni

Livello Attuativo

SIGEC

Sistemi Informativi

Il raggiungimento di tale obiettivo reso possibile grazie alla costituzione di una rete di
accordi tra ENEA, Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, Universit, Istituzioni
museali e culturali, per meglio rispondere alle emergenti esigenze dinnovazione
culturale per gli strumenti e metodi catalografici.
LIVELLO 1 - GLI STANDARD. Sono compresi i moduli didattici finalizzati alla
divulgazione di tutti i modelli e le applicazioni gi in utilizzo nelle Istituzioni, sia
nazionali che internazionali, impegnate nellambito della catalogazione del
patrimonio cultuale. In particolare, sono coinvolti: Enti Pubblici preposti alla
catalogazione, musei e Istituzioni che si interessano di conservazione del
patrimonio culturale. Lobiettivo quello di formare categorie di personale
esperto, al fine di applicare gli standard dinteresse per condividerli allinterno di
accordi di collaborazione, che facilitino ed intensifichino linterscambio tra
Istituzioni a livello internazionale.
LIVELLO 2 - LE NORMATIVE NAZIONALI DI CATALOGAZIONE. Comprende
tanti moduli didattici quante sono le normative di catalogazione emanate a livello
nazionale e applicate per la rilevazione e conservazione delle diverse tipologie di
beni. Attualmente sono state realizzati i moduli per la formazione blendedlearning sulla normativa Patrimonio scientifico e tecnologico (Scheda PST) che
verr quindi erogato nelle universit interessate, in primo luogo nellambito del
77

Master universitario di I livello in Catalogazione Informatica di Beni Culturali


presso lUniversit degli Studi di Trieste (inizio gennaio 2007). in fase di
progettazione il modulo didattico incentrato sui Beni Naturalistici ed in particolare
sulla catalogazione del settore Botanica.
LIVELLO 3 - I SISTEMI INFORMATIVI. Sono trattati i sistemi informativi che
gestiscono le operazioni di catalogazione del patrimonio culturale. I moduli
didattici afferenti a questo livello sono diversificati in base alle caratteristiche
proprie di ciascun sistema informativo. Lobiettivo quello di diffondere e
valorizzare lutilizzo di questi strumenti informatici realizzati per la catalogazione e
basati sullapplicazione degli standard catalografici nazionali. Allinterno di questo
livello rientra anche il modulo e-SIGEC, gi realizzato ed erogato in modalit
blended-learning.
LIVELLO 4 STAGE PRESSO LE ISTITUZIONI. Compimento attuativo delliter
di formazione, lo stage consente di applicare in un contesto operativo concreto
ci che si appreso. I partecipanti al progetto FOR-CULT avranno in tal modo
lopportunit di entrare direttamente in contatto con la realt lavorativa di cui si
interessano partecipando anche al Programma di tirocinio ENEA Universit
Italiane. Obiettivo della Convenzione tra ENEA e la fondazione CRUI mettere a
disposizione del Sistema Universitario Nazionale tutti quei servizi finalizzati
allavvicinamento del mondo accademico a quello produttivo e della ricerca.
I sistemi informativi gestiscono gli standard catalografici che, a loro volta, sottendono
alle normative. Ne consegue uninterdipendenza dei moduli didattici che afferiscono ai
tre livelli e la necessaria costruzione di percorsi formativi completi delle tre componenti:
standard, normative e sistemi informativi. I diversi target di utenza hanno, in questo
modo, lopportunit di completare un iter formativo, iniziando dalla descrizione teorica
dei principi normativi per la catalogazione e giungendo, infine, alla loro applicazione
pratica durante gli stage svolti presso le Istituzioni che operano nel contesto della
catalogazione sul territorio nazionale.
Tale strategia stata messa in pratica per la progettazione del Master universitario di I
livello in Catalogazione Informatica di Beni Culturali (organizzato dallUniversit di
Trieste con il sostegno dellENEA) che integra il modulo e-SIGEC ed il modulo
Patrimonio scientifico e tecnologico PST, dando vita ad un percorso completo di nozioni
informatiche e catalografiche; questultime trovano, inoltre, unefficace applicazione
durate il tirocinio che i partecipanti svolgeranno presso i musei universitari.
Analogamente, il Laboratorio di catalogazione informatizzata dei beni culturali,
organizzato presso il polo museale dellUniversit degli Studi di Camerino (Facolt di
Scienze e Tecnologie), incentrato sul modulo didattico e-SIGEC e comprende circa 30
ore di stage, oltre alle 30 ore di formazione blended-learnng.

78

3.5

Il Progetto MOSAICO
(S. Ferriani)

Titolo

Progetto MOSAICO

Obiettivo

Realizzazione di un una banca dati multimediale per la


conoscenza, lo studio e la valorizzazione delle decorazioni
musive

Destinatari

CIDM - Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico,


sezione del MAR (Museo dArte della Citt di Ravenna)

Tecnologie

Tecnologie web basate su software open source: Java, Struts,


Tomcat, MySQL.

Metodologie

Sviluppo ed implementazione di schede catalografiche


specifiche per mosaici, basate sugli standard ICCD, verifica del
sistema mediante la catalogazione di una consistente parte del
patrimonio musivo della citt di Ravenna.

Indicatori di
successo

Flessibilit del sistema, indipendenza dalle piattaforme HW/SW,


campagna di catalogazione in corso con alcune centinaia di
schede memorizzate. Utilizzo del sistema per la realizzazione di
una banca dati relativa ai mosaicisti contemporanei.

Il CIDM, in collaborazione con ENEA, ha promosso e coordinato la realizzazione di un


sistema informatico per la conoscenza, lo studio e la valorizzazione delle decorazioni
musive. Il progetto ha avuto come obiettivo primario la realizzazione di una base di dati
capace di documentare tutte le tipologie di mosaico. Sebbene esistessero modelli
precedenti di schede relative ai mosaici, le istituzioni preposte alla loro catalogazione,
pur tenendo conto in linea generale degli svariati aspetti dellopera musiva, finivano poi
per privilegiarne alcuni, congruentemente agli obbiettivi prefissati.
Partendo da queste esperienze pregresse e, soprattutto, dagli standard catalografici ed
informatici licenziati dallICCD, si ritenuto opportuno progettare e realizzare una nuova
scheda esaustiva. I suoi campi scaturiscono quindi da unattenta sintesi degli standard
ministeriali, laddove ritenuti funzionali alla descrizione della materia, integrati da un
puntuale approfondimento delle caratteristiche peculiari degli aspetti materici, tecnici
nonch della conservazione e del restauro, attraverso linserimento di campi dedicati,
aprendo la strada a conseguenti elaborazioni scientifiche di vocabolari e tassonomie di
riferimento.
Le scelte operate per la realizzazione del sistema informatico hanno privilegiato la
modularit e la flessibilit, ci ha condotto ad un sistema aperto, multipiattaforma e
basato sullopen source, che privilegia linterattivit e nel quale gli aspetti multimediali
possono seguire il rapido evolversi delle tecnologie.
La struttura adottata per la realizzazione del database non solo ha consentito una
importantissima libert dazione nella fase di studio e sviluppo della scheda informativa,
ma conferisce al sistema la capacit di implementare, senza sostanziali e profonde
modifiche, schede informative dedicate ad altri tipi di beni culturali. Il sistema,
attualmente operativo presso la sede del CIDM, si profila cos, da un lato, come un
79

valido strumento di sviluppo che offre un supporto agli esperti per lo studio e
lelaborazione di nuove schede e, dallaltro, il sistema che operativamente si prende
carico della gestione dell informazione.

3.6

Il Progetto COVAX
(L. Bordoni)

Titolo

Progetto COVAX

Obiettivo

Costruzione di un sistema globale di ricerca su Web contenente


materiale descrittivo e digitalizzato posseduto da biblioteche,
archivi e musei

Destinatari

Commissione Europea nell'ambito del programma Tecnologie


della Societ dell'Informazione (IST).

Tecnologie

XML

Metodologie

Sviluppo ed implementazione di software per la


standardizzazione di formati

Indicatori di
successo

Realizzazione di un prototipo contenente un campione


significativo di tutti i differenti tipi di documenti (testo, immagine,
suono)

Un consorzio internazionale ha dato vita a COVAX (Contemporary Culture Virtual


Archive in XML), progetto finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del
programma Tecnologie della Societ dell'Informazione (IST).
Lo scopo principale di COVAX stato quello di mettere insieme il materiale descrittivo e
digitalizzato posseduto da biblioteche, archivi e musei per costruire un sistema globale
di ricerca e reperimento dell'informazione. Il progetto ha dimostrato la sua fattibilit
attraverso la realizzazione di un prototipo contenente un campione significativo di tutti i
differenti tipi di documenti. L'idea fondamentale risiede nell'applicazione di XML e dei
vari DTD definiti nelle biblioteche, archivi e musei. L'utilizzo di XML ha consentito la
standardizzazione, l'interoperabilit e l'interconnettivit fra biblioteche, archivi e musei
durante le fasi di interrogazione, ricerca e reperimento di tutti i documenti. L'ENEA ha
partecipato per l'Italia al progetto (responsabile scientifico L. Bordoni).
Quattro gli obiettivi principali che COVAX ha inteso raggiungere:
la disseminazione del patrimonio artistico culturale, consentendo ai cittadini
europei l'accesso alle sorgenti primarie del patrimonio intellettuale, culturale e
scientifico posseduto presso archivi, biblioteche e musei;
l'utilizzazione attraverso Internet delle esistenti infrastrutture culturali;
l'uso di standards nel campo della strutturazione e del reperimento
dell'informazione;
l'interoperabilit fra sistemi (accesso a risorse distribuite) basata sulla
complementarit delle potenzialit di ogni partecipante al progetto.
COVAX stato progettato per dimostrare la fattibilit di accedere a delle risorse
distribuite e consente di ottenere su Web semplici ed avanzate ricerche di collezioni
80

elettroniche. I partecipanti al progetto hanno implementato i loro database XML.


Postazioni di lavoro sono state istituite a Londra, Roma (ENEA-Casaccia), Salisburgo,
Graz e Madrid.

3.7

Il Progetto TECSIS
(C. Moriconi)

Titolo

Progetto TECSIS

Obiettivo

Sviluppo di Tecnologie di mobilit, diagnostica avanzata e


remotizzazione per la valorizzazione del patrimonio culturale nel
Sud dItalia

Destinatari

MIBAC SOVRINTENDENZE ALLE BELLE ARTI REGIONALI E


PROVINCIALI DI PUGLIA, SICILIA E CAMPANIA

Tecnologie

Sistemi di diagnostica e robotica da campo sia su terreno che in


ambiente sottomarino, sistemi Laser per la manutenzione in
campo, Diagnostica X, rendering 3D per la fruizione remota delle
immagini, televisita di siti remoti

Metodologie
Indicatori di
successo

Numero di unit installate presso le amministrazioni, servizi svolti


dalle societ del consorzio con le tecnologie TECSIS

Il progetto che ha finanziato gli sviluppi citati nella motivazione il progetto TECSIS che
ha visto una partecipazione equilibrata della Sezione LAS per la parte di diagnostiche e
della Sezione ROB per la parte di automazione e robotica.
Il progetto TECSIS ha introdotto per primo il concetto di Museo Remoto inteso come
evoluzione e perfezionamento del Museo Virtuale: mentre questultimo, infatti, consente
solo la visita virtuale su materiale registrato in precedenza e reso disponibile al pubblico
il Museo Remoto si basa sul concetto di telepresenza e rende possibile effettuare una

Attivit svolta da ENEA in


ambito TECSIS - ricostruzione
dinsieme (con decimazione dei
dati) della prima sala del II
corridoio della Grotta dei Cervi
a Porto Badisco, nel dettaglio
una zona con pitture rosse
ricostruita ad alta risoluzione

vera visita live in siti non accessibili al turista (es: siti archeologici sottomarini) per il
tramite di piccole unit robotiche che possono essere o teleoperate direttamente
dallutente (che sceglie un percorso liberamente) o autoguidate su percorsi prestabiliti
dal gestore del Museo.

81

In ambito TECSIS sono stati sviluppati sistemi in


grado di operare in modo autonomo e teleoperato
in ambito marino sia in basse profondit (Medusa)
che in acque profonde (SARA). Per quanto
riguarda gli aspetti legati ad ambienti terrestri sono
state messe a punto tecnologie per lesplorazione
e la misura di ambienti di grotta sia con veicoli
ruotati (in caso di grotte con terreno agibile), sia
con velivoli di tipo blimp (dirigibili) laddove
laccessibilit via terra non sia praticabile, e sono
Le piattaforme di moto in TECSIS: il
state sviluppate in modo particolare gli aspetti di dirigibile e il robot autonomo di terra.
autolocalizzazione dei dispositivi attraverso
limpiego di fusione dati relativa a metodi di triangolazione radio combinata con luso di
visione artificiale. Inoltre sono in fase di sviluppo sistemi terrestri in grado di rintracciare
autonomamente e di inseguire il tracciato di grotte sotterranee sino a circa 20 metri sotto
il livello del suolo. La tecnologia basata sullimpiego di veicoli robotici ruotati combianti
con apparecchiature GPR, ma pensabile estendere il concetto di blimp anche a questa
applicazione, purch sia possiible operare in aria calma.
Progetti in corso
Il progetto TECSIS (PON-FERS) attualmente in chiusura, ma sono comunque allo
studio progetti non specificamente destinati allarcheologia sottomarina, per i quali
esplicitamente prevista una sperimentazione finalizzata a questo settore archeologico.
Tali progetti prevedono il miglioramento delle facilities gi disponibili (SARA,
completamento di MEDUSA) e lo sviluppo di un sistema di visualizzazione sottomarino
in grado di fornire immagini ad alta risoluzione anche in acque torbide, tali da creare
difficolt anche a sommozzatori umani (progetto STSS500, sviluppato in collaborazione
con Alenia Sistemi Navali e con lUniversit Federico II di Napoli). Inoltre il progetto
TECSIS ha preso contatto con il progetto Archeomar, del Ministero Beni Culturali, per un
follow-up delle attivit dei due progetti che consenta una sinergia di grande potenzialit:
laddove il progetto Archeomar quasi unicamente destinato alle attivit archeologiche
utilizzando la tecnologia unicamente come risorsa esistente, le unit che hanno preso
parte allo sviluppo del progetto Tecsis hanno invece messo a punto nuovi mezzi di
indagine che potranno essere resi disponibili alle attivit di archeologia medesime.
prevista dunque la sottomissione congiunta di un nuovo progetto con queste
caratteristiche al Ministero BC.
Pacchetto dofferta attuale
La strumentazione realizzata disponibile per campagne esterne a tal fine possibile o
ricorrere a modesti finanziamenti di enti locali interessati (per sostenere le spese di
logistica) o a progetti che tuttavia devono essere ancora avviati (come nel caso
dellaccordo preliminare con Archeomar)
Prospettive di sviluppo
Gli aspetti che richiedono un maggior impegno di sviluppo da parte ENEA (e che
saranno sviluppati nellambito dei progetti gi citati) sono quelli legati alla sistemistica
per ladattamento allambiente (nuovi sensori, sviluppo di carrier ad hoc o scelta di
carrier sul mercato, sviluppo di sistemi intelligenti per la guida e loperazione adattati
allambiente di operazione). Su questi temi lunit gi dispone di una consistente

82

esperienza, maturata anche nellambito di sviluppo di veicoli robotici per ambienti


estremi (Antartide).

3.8

Il Progetto SIDART
(R. Fantoni,G. Fornetti)

Titolo
Obiettivo

Destinatari
Tecnologie

Metodologie

Indicatori di
successo

Progetto SIDART - Sistema Integrato per la Diagnostica dei beni


ARTistici e Culturali
Progettazione e realizzazione di nuove tecnologie per il rilievo
3D di superfici di grande ampiezza con informazioni di riflettivit
e metodi di referenziazione con altri dati diagnostici in ambienti
multisensoriali e visualizzazione scientifica a multilayer.
Sovrintendenze regionali alle belle arti (Lazio, Toscana,
Campania, Puglia) e Istituti di restauro o Opificio delle Pietre
Dure.
Sono stati sviluppati i sistemi ITR (Imaging Topological Radar)e
Proscenio gi in avanzato stato di prototipazione funzionante sul
campo.
Relativamente ai prodotti sviluppati sono stati depositati due
brevetti di invenzione ENEA:
1) RM 2003 A000588 (Sistema radar laser multispeckle
dotato di trasporto coerente)
2) RM 1999 A000424 (Sistema laser per la metrologia e
visione tridimensionale)
E tre copyright software relativi ai prodotti sviluppati per il
controllo. Lelaborazione e la fruizione delle tecnologie descritte:
1) N. deposito 0601326 del 28-06-2006 (Isis ply viewer
software per la visualizzazione 3D, manipolazione e
analisi
2) N. deposito 0601327 del 28-03-2006 (Isis builder software
per la renderizzazione, visualizzazione e manipolazione
3) N. deposito 0601328 del 28-03-2006 (Isis scan system
piattaforma software per il controllo dei sistemi radar
I sistemi permettono interventi in situ per la rilevazione
metrologica a scopo di diagnostica sia di grandi superfici per
studi di difetti, stati di degrado e indicatori di intervento, che di
reperti di dimensioni limitate a scopo di riverse engineering e
rapid prototyping.
Richieste di intervento in vari siti archeologici nazionali ed
internazionali da parte delle sovrintendenze. Partecipazione
Workshops e richiesta di corsi a esperti del restauro di belle arti.
Sistemi sviluppati ed in corso di sviluppo: ITR, Proscenio

Il progetto per la quota ENEA FIM FISLAS finanzia la realizzazione di sensori laser di
tipo ITR finalizzati ad:
acquisizioni remote di modelli 3D di intere parete, anche affrescate per la
diagnostica morfologica.

83

acquisizioni in ambienti strutturati di modelli 3D di oggetti di medie dimensioni


a scopo di riverse engineering e rapid prototyping.
Metodologie di referenziazione multisensoriali a scopo di visualizzazioni
scientifiche a layer multipli.
Attivit svolte in campagne esterne utilizzando il sistema ITR realizzato allENEA:

Mappamondo del Danti (Firenze) ottobre 2003


Chiesa rupestre SS. Stefani Poggiardo (Lecce) dicembre 2003
Croce di Rosano (Firenze) marzo 2004
Chiesa Paleocristiana S. Maria Antiqua (Roma) dicembre 2004, marzo 2005
Tomba dei Demoni Blu (Tarquinia) dicembre 2005, aprile 2006
Villa di Oplonti (Pompei) giugno 2006

Progetti successivi: BLUARCHOESYS, presentato da CETMA ai sensi della legge 297 e


gi approvato dal CTS del MIUR, riguardante lo sviluppo di tecnologie di visione e
diagnostica sottomarina per archeologia.
Nellambito di questo progetto previsto per lunit FIM FISLAS lo sviluppo di un Laser
Radar Subacqueo.
Ulteriori prospettive di sviluppo: Realizzazione di un sistema ITR a colori.

Figura - Scansione laser 3D monocromatica dellabside centrale e del


palinsesto e scansione a colori della nicchia con crocifisso. La figura a colori
ottenuta con la sovrapposizione di una foto digitale. La referenziazione
stata ottenuta con target di riferimento calibrati.

84

3.9

Progetti CULTURE 2000


(R. Fantoni, G. Fornetti)

Titolo

Progetti CULTURE 2000

Obiettivo

Raccolta di informazioni sullo di degrado dello strato superficiale


di materiali e reperti dipinti:
- rivelazione di bioattacchi e allevidenziazione di
precedenti restauri mediante LIF
- Misure stratigrafiche LIBS nei primi 100 micron sotto la
superficie.
Diagnostiche on-line durante i processi di pulizia delicata.

Destinatari

Sovrintendenze e musei, custodi di opere dipinte anche in edifici


monumentali o sotterranei

Tecnologie

Fluorescenza indotta da laser, raccolta di dati multispettrali,


restituzione di immagini in falsi colori, analisi spettrale con
tecniche di regressione Spettri di emissione atomica misurati in
funzione del ritardo dallimpulso laser. Misure dello spessore
penetrato dalla radiazione laser durante lablazione degli strati
superficiali pi esterni.
Integrazione dei dati raccolti in forma di immagine su modelli 3D
da laser scanner, in particolare dal sistema ENEA ITR, con
produzione di modelli multilayer.

Metodologie

I sistemi permettono interventi in situ per la rilevazione


metrologica a scopo di diagnostica sia di grandi superfici per
studi di difetti, stati di degrado e indicatori di intervento, che di
reperti di dimensioni limitate a scopo di riverse engineering e
rapid prototyping.

Indicatori di
successo

Partecipazione su invito a campagne europee, pubblicazione dei


risultati su riviste internazionali

Attivit svolte in campagne esterne svolte utilizzando i sistemi LIF scanner e LIBS

Cappella B4 Monastero rupestre di Basarabi (Romania) ITR, aprile 2004


Cripta Bizantina Tomis (Romania) - ITR e LIF, aprile 2004
Museo di Hystria (Romania) LIBS, aprile 2004
Monastero di Sucevita (Romania) ITR e LIF, luglio 2006
Monasteri di Popauti e Balinesti (Romania) LIF, luglio 2006

Nellambito delle azioni europee CULTURE 2000 sono state svolte in Romania due
campagne intitolate rispettivamente Advanced On-Site Laboratory for European
Antique Heritage Restoration (Costanza, Romania 15 - 29 aprile 2004), e Saving
Sacred Relics of European Medieval Cultural Heritage (Suceava, Romania 16 -29 luglio
2006), miranti principalmente alla catalogazione e tutela di chieste rupestri, tombe e
cripte (I campagna) e monasteri affrescati (II campagna).
Il sistema LIBS da campo stato utilizzato nella prima azione su reperti di epoca grecoromana e per assistere operazioni di pulitura laser. Il sistema si rivelato adatto ad
85

eseguire caratterizzazioni microdistruttive su substrati fragili, quali vetro e tessuto. Il


vetro romano risultato formato principalmente da magnesio, alluminio, calcio,
manganese e ovviamente Si, mentre la doratura del frammento di tessuto risultata
dovuta alla presenza di una lega argento-rame.

Figure 4.11.1 Campioni fragili


esaminati al museo di
Histria (durante la
campagna CULTURE
2000, aprile 2004

Il sistema LIF scanner da campo stato realizzato appositamente per i progetti, in due
versioni successive, e lintegrazione con il sistema ITR ENEA stata messa a punto in
tale ambito. Su affreschi murali il sistema, operante In regime multispettrale (fino a 100
canali di acquisizione nel visibile vicino ultravioletto), accoppiato ad un software
originale di ricostruzione di immagini RGB permette, con unopportuna scelta dei canali
spettrali, di mettere in evidenza:

presenza di microorganismi (bioattacco)


zone di discolorazione (carenze di pigmenti)
utilizzo di pigmenti differenti (in precedenti restauri)
utilizzo di consolidanti (in precedenti restauri)
Figura 4.11.2 Particolare di un affresco
nella Chiesa di S. Nicola (Monastero di
Balinesti). Immagine di fluorescenza RGB
(sinistra) eccitazione laser a 355nm e foto
digitale(destra).
Limmagine
RGB
permette di identificare regioni sottoposte
a bio-attacco (punti rossi), fluorescenza
da Sali (punti blu) e discolorazione dei
pigmenti (punti gialli).

86

3.10 Il Progetto RESIS


(P. Giaquinto, M. Poggi)

Titolo

Progetto RESIS

Obiettivo

Ricerca e Sviluppo per la sismologia e lIngegneria sismica in


Regioni Obiettivo 1. Conoscenza e riduzione del rischio sismico
attraverso metodi e strumenti per la valutazione della
vulnerabilit del patrimonio architettonico, dalla scala territoriale
a quella compartimentale dei centri storici.

Destinatari

INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Tecnologie

SISTEMA SISDIA.

Metodologie

Sistemi per la caratterizzazione speditiva in situ, il controllo ed il


successivo
miglioramento
sismico
degli
organismi
architettonici, in risposta allesigenza di contenimento degli effetti
vibrazionali indotti nelle strutture, anche da eventi non
eccezionali.
Caso Studio: Comune di Sant Angelo dei Lombardi (AV).

Indicatori di
successo

1
configurazione
SOFTWARE

Realizzazione di un sistema informativo geografico GIS per


la gestione degli ambienti urbani, in grado di integrare e
restituire in forma di mappe tematiche i dati necessari alla
comprensione dei fenomeni sismici ed alla previsione degli
effetti attraverso la conoscenza del livello di vulnerabilit del
costruito storico e della priorit degli interventi ai fini della
sicurezza.
Realizzazione di un sistema per la definizione ed
applicazione di procedure di diagnostica strumentale ai fini
della sicurezza, in grado di guidare lutente nella scelta dello
strumento e del metodo di prova in relazione alla patologia o
al danno rilevato in situ.
Individuazione di tecnologie e metodologie dintervento per il
rinforzo strutturale ed il miglioramento sismico dei sistemi in
muratura di pregio storico-artistico, con lausilio delle FRP.

acquisizione
STRUMENTAZIONE

specifiche
ATTIVIT DIAGNOSTICA

Protocollo diagnostico, che specifica:


tipo di prova, strumento, punti di prova e
programmazione economico-temporale.

Giudizio sullo stato di fatto di un organismo


edilizio articolato in cinque livelli di gravit

87

SISDIA

Obiettivi:

Analisi visiva
dello stato di fatto

Esecuzione del rilievo


sistematico
delledificio tramite lutilizzo della
scheda di rilievo (input).

Correlazione
dei dati

Formulazione di giudizi e
protocolli diagnostici (output)

Esecuzione delle indagini


diagnostiche tramite
lapplicazione delle procedure
messe a punto dal sistema

Indagini in campo

3.11 Il Progetto CAMPEC WP2


(P. Giaquinto, M.Poggi)

Titolo

Progetto CAMPEC WP2

Obiettivo

Studi e validazioni in laboratorio per lapplicazione dei materiali


fibrorinforzati a matrice polimerica (FRP) negli interventi di
riabilitazione strutturale e di miglioramento sismico del
patrimonio storico-artistico e monumentale.

Destinatari

Pubblica Amministrazione, PMI, Sovrintendenze.

Tecnologie

FRP fibrorinforzati a matrice polimerica.

Metodologie

Messa a punto di una Metodologia ENEA in grado di integrare i


risultati della Diagnostica avanzata per la progettazione ed
esecuzione di idonei interventi di miglioramento sismico sul
Patrimonio Culturale, nel pieno rispetto dellidentit storicomonumentale del manufatto. Caso Studio: Chiesa di San
Giacomo a Tarquinia (VT), Case a Schiera Cicala a Messina.

Indicatori di
successo

Campagna diagnostica non distruttiva in situ in collaborazione


con la Soprintendenza ai Beni Architettonici ed al Paesaggio del
Lazio e prove di caratterizzazione sismica su tavola vibrante, in
collaborazione con le Universit di Palermo e Messina, per la
conoscenza del comportamento di alcune tipologie di strutture in
muratura e la validazione di innovativi sistemi per il rinforzo
sismico non invasivo.

88

Lo sviluppo del progetto CAMPEC ha trovato la sua motivazione principale


nellaccresciuta sensibilit sociale per la sicurezza strutturale dei manufatti costituenti il
patrimonio architettonico, attraverso limpiego di nuovi materiali ed innovative tecnologie.
Nellattivit di ricerca applicata sono stati individuati e validati sistemi innovativi ed
efficaci procedimenti di laminazione atti a migliorare le caratteristiche fisiche e
meccaniche delle tradizionali strutture delledilizia storica, nel rispetto dei principi e dei
vincoli normativi specifici per il patrimonio artistico ed architettonico, ottimizzando le
prestazioni in termini di reversibilit, compatibilit, durabilit.
Tra gli elementi costruttivi particolare attenzione stata posta allo studio dei sistemi
voltati, realizzati in muratura di pietrame e laterizio (con geometrie che variano dal
semplice profilo a botte fino alle pi complesse configurazioni a crociera e a schifo con
sesto fortemente ribassato) e dei setti murari.
Il programma sperimentale stato articolato in prove di carattere meccanico su porzioni
di murature di pietrame, in laterizio e mista di pietrame con paramenti di mattoni, prima e
dopo un eventuale rinforzo con materiale fibrorinforzato, ma anche in prove di carattere
dinamico su tavole vibranti per diversi elementi strutturali in scala, atti a determinare i
reali meccanismi di rottura e di collasso al fine di progettare idonei interventi di
consolidamento o adeguamento sismico. La ripetizione dei test sismici e il confronto
delle risposte strutturali prima e dopo il consolidamento con materiale innovativo hanno
mostrato il grado di miglioramento delle capacit di resistenza al terremoto.
Come noto in ambito scientifico presente una cospicua letteratura relativa
allapplicazione di materiali innovativi per il rinforzo strutturale di elementi in cemento
armato, mentre risulta scarsa la conoscenza delle problematiche concernenti lutilizzo
dei materiali compositi in strutture murarie.
Per questa ragione si ritenuto opportuno approfondire gli studi su questa tipologia di
substrato, cercando di fornire dati oggettivi che possano risultare utili alle valutazioni dei
progettisti interessati ad utilizzare i materiali compositi negli interventi di riabilitazione
strutturale e di miglioramento sismico.
Con questo tipo di studi, che si inserisce concretamente nelle attivit di ricerca
promosse dallENEA per la salvaguardia antisismica del territorio nazionale, sono state
approfondite le conoscenze relative alle applicazioni dei materiali fibrorinforzati a matrice
polimerica (FRP) a strutture di particolare pregio, analizzando i seguenti requisiti:

caratteristiche di resistenza meccanica;


comportamento nel tempo;
comportamento al fuoco/alte temperature;
comportamento al gelo/basse temperature;
comportamento sotto eventi dinamici (sisma);
grado di fragilit;
compatibilit supporto-materiale composito (modulo elastico E);
problemi di interfaccia (aderenza).

Il programma di caratterizzazione sperimentale stato articolato in:


prove di invecchiamento accelerato in camera climatica del sistema substratomateriale innovativo;

89

prove meccaniche su porzioni di murature di pietrame, in laterizio e mista di


pietrame con paramenti di mattoni, prima e dopo un progettato intervento di
rinforzo con materiale composito;
prove sismiche su tavole vibranti di modelli in scala 1:2 riferiti ad esistenti
organismi architettonici di interesse storico-artistico, atti a determinare i reali
meccanismi di rottura e di collasso; con la ripetizione dei test sismici, si
confronteranno le risposte strutturali prima e dopo il consolidamento con
materiale innovativo, definendone il grado di miglioramento delle capacit di
resistenza al terremoto.

90

Caso studio: Chiesa di San Giacomo, Tarquinia (VT)


Conoscenza delledificio e del relativo stato di
conservazione: rilievo metrico e rilievo storico-critico
integrati con una metodologia messa a punto per la
caratterizzazione non distruttiva dellorganismo
architettonico e la determinazione del degrado dei
materiali e del dissesto delle strutture (endoscopia,
ultrasuoni, termografia, georadar, scanner-laser)
38.5 C

30

24.0 C

Tecnologia e tipologia dintervento.


La tecnologia studiata e valicata sperimentalmente in
laboratorio quella del wrapping (fasciatura)
realizzata con lausilio di materiali composisiti. Il
confinamento di colonne ed il rinforzo a flessione ed
a taglio delle travi si ottiene con facilit ed efficienza
cinturando o placcando gli elementi strutturali con
tessuti impregnati di resina. Per le murature storiche
le volte e le cupole possono ottenere un aiuto di
incalcolabile efficacia se placcate con composito
quando sottoposte ad azione sismica.

Verifica sperimentale: Ia verifica del miglioramento


prestazionale offerto dalla tecnologia alla muratura
storica verr effettuata attraverso le simulazioni
scaturite dallanalisi modale ed i risultati dei test
sismici su tavola vibrante a cui verr sottoposto il
modello in scala (sistema piedritti-volta a crociera).

91

Caso studio: Case a schiera Cicala, Messina.

Prospetto Frontale

Prospetto Posteriore

Edificio campione e sistema strutturale di


riferimento. Gli esempi di tipo misto messinese
che si sono conservati fino ad oggi
rappresentano una preziosa testimonianza
storica della ricostruzione della citt di Messina
dopo la disastrosa serie sismica del 1783.
Gli studi e le verifiche sperimentali si sono
concentrate su una cellula abitativa del suddetto
impianto a schiera, che verr riprodotta in scala
per le caratterizzazioni dinamiche e per le
verifiche
sullintervento
di
riabilitazione
strutturale e di miglioramento sismico.
Gli interventi di rinforzo in questi edifici
dovrebbero sempre coniugare la richiesta di una
maggiore sicurezza con il rispetto della
autenticit della fabbrica muraria, impiegando il
pi possibile soluzioni leggere (legno ed FRP,
ad esempio), senza mai stravolgerne loriginaria
concezione statica.

Prospetti Laterali

Valutazione della sicurezza e criteri di


verifica (analisi statica e dinamica modale).
Come da quanto indicato dalla normativa
vigente, si partiti dalla modellazione dellintero
sistema a schiera con un programma agli
elementi finiti (F.E.M) SAP 2000, per poi
eseguire delle analisi con lo Spettro di Risposta;
lanalisi modale ha caratterizzato la risposta
dellintero sistema e della singola cellula
abitativa (assimilabili) allazione sismica ed ha
evidenziato lefficacia della tecnologia innovativa
proposta nelle zone maggiormente sollecitate.
Progettazione e costruzione del modello.
Il provino in scala 1:2, con dimensioni in pianta
di 350 260 cm, e con una volta a botte
intermedia stato realizzato con lassemblaggio
di mattoni pieni e malta pozzolanica. Allinterno
dellimpianto sono stati inseriti dei tiranti metallici
per annullare la spinta della volta, simulando
cos leffetto della contro-spinta data nella realt
dalle volte nelle unit adiacenti.
Caratterizzazione sismica. I test sismici su
tavola vibrante, ante e post-intervento di
riabilitazione strutturale e di miglioramento
sismico con nastri di fibre di carbonio annegate
in matrice polimerica, hanno dimostrato
lefficacia del sistema per il contenimento delle
sollecitazioni orizzontali indotte dallazione
dinamica, con una prestazione di quattro volte
superiore a quella iniziale.

92

3.12 Il Progetto TREMA


(M. Poggi)

Titolo

Progetto TREMA

Obiettivo

Materiali, tecnologie e tecniche dintervento per la riduzione del


rischio sismico del Patrimonio architettonico

Destinatari

Protezione
Civile,
Sovrintendenze.

Tecnologie

CAM, Cucitura Attiva delle Murature.

Metodologie

Definizione di una Metodologia ENEA integrata per


ldentificazione strutturale e la caratterizzazione morfologica dei
manufatti con pregio storico-artistico, dedicata allindividuazione
di idonei e compatibili interventi di miglioramento sismico delle
murature. Caso Studio: Chiesa di Santa Maria in Gradi

Indicatori di
successo

Attivazione di uno specifico Accordo Esecutivo MATQualSoprintendenza ai Beni Architettonici ed al Paesaggio del Lazio,
per il monitoraggio ai fini della sicurezza statica, la
caratterizzazione tecnologico-costruttiva dei sottosistemi, la
determinazione del relativo stato di conservazione, per lo studio
e lo sviluppo di sistemi, dispositivi e materiali destinati agli
interventi di miglioramento sismico.

Pubblica

Amministrazione,

PMI,

La finalit dellattivit di ricerca stata quella di studiare e verificare in situ il


comportamento degli edifici storici in caso di terremoto, inseriti in unarea a rischio
sismico come quella del Viterbese (recente riclassificazione 3), con lambizione di
mettere a punto di innovative ed appropriate configurazioni strutturali di protezione
sismica degli edifici con vincolo storico-artistico, con lausilio di metodologie di
progettazione basate sullo studio dei principali fattori strutturali ed architettonici che
influenzano la risposta sismica.
Queste analisi hanno un valore preventivo, devono cio essere in grado di definire a
priori quali potrebbero essere i danni subiti dal patrimonio edilizio storico in caso di
sisma ed indicare i possibili interventi per ridurne la vulnerabilit ed effettuarne le
relative stime dei costi.
Per poter procedere alla verifica ed alla validazione dellincremento di resistenza indotto
dai materiali innovativi proposti applicati sui sistemi strutturali in muratura e riscontarne
lefficacia, risultato necessario individuare un cantiere pilota, caratterizzato da
operazioni volte al recupero ed al consolidamento di un organismo architettonico con
pregio storico-artistico.
In concerto con la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici della Regione
Lazio econ la Facolt di Architettura dellUniversit La Sapienza di Roma stata
selezionata e messa a disposizione delle attivit di studio e sperimentazione la Chiesa
di Santa Maria inGradi a Viterbo, unimportante testimonianza della cultura, della vita
religiosa e civile della citt che, pur essendo considerato il maggiore monumento dopo il
Palazzo Ducale, stato per oltre 120 anni estraneo alla vita della Citt con la quasi
totale perdita di cognizione dei luoghi e della memoria storica; lessere considerato dagli
93

storici come uno dei capolavori dellarchitetto settecentesco Nicola Salvi non stato un
deterrente per luso improprio che si fatto delle sue strutture.
Il complesso architettonico stato preso in considerazione come caso studio per una
serie di ragioni:
lindiscusso valore storico- artistico contrapposto allavanzato stato di
degrado ed abbandono ed alluso improprio che si fatto delle sue strutture
nel tempo;
la recente riclassificazione sismica prevista dall OPCM 20 Marzo 2003 del
territorio comunale ove la chiesa sorge (zona 3).
la prioritaria esigenza di configurare un piano di messa in sicurezza
delledificio, ottemperando a quanto disposto nellOPCM 3431 del 3 Maggio
2005;
lagibilit del sito e del cantiere;
la possibilit di promuovere, congiuntamente alla Soprintendenza Regionale
ed allUniversit La Sapienza di Roma, studi, attivit di ricerca aventi ad
oggetto la protezione e conservazione del patrimonio culturale (art. 118
Codice Urbani).
Unitamente ai rappresentanti della Soprintendenza e dellUniversit La Sapienza
di Roma, si deciso di concentrare le attivit di analisi e sperimentazione su uno dei
nodi strutturali che interagiscono allinterno dellorganismo architettonico: la connessione
tra la facciata principale dimpianto medievale e le ortogonali murature perimetrali, ivi
compreso lo studio del portico antistante e relativa funzione nel corso dei secoli.

94

Caso studio: la Chiesa di Santa Maria in Gradi, Viterbo


Verifiche dimensionali e ricostruzioni attraverso il
rilievo tradizionale ed il 3D del sistema facciatamurature perimetrali.

Rilievo
storico-critico
e
cronologia
avvicendamenti
tecnologico-costruttivi
fabbrica.

degli
della

Ricostruzioni geometriche e verifiche dimensionali


speditive sul portico antistante con la tecnologia
offerta dal laser-scanner.

Identificazione del comportamento strutturale e


campagna
diagnostica
non-distruttiva
sulle
murature della facciata e dei stti portanti ortogonali
alla stessa (georadar, endoscopia, ultrasuoni).

Analisi della vulnerabilit del sistema selezionato


ed individuazione delle tipologie di meccanismi di
collasso in caso di sisma.

Raccolta, organizzazione delle informazioni e


correlazioni per la configurazione di schede
riassuntive circa il dimensionamento, la tipologia e
lo stato di conservazione di ciascuna porzione di
muratura che caratterizza il sistema selezionato.

C.A.M., Cucitura Attiva delle Murature, il sistema


innovativo oggetto delle verifiche in situ ed in
laboratorio, da validare e rendere compatibile per la
progettazione e lesecuzione di interventi di
miglioramento sismico di edifici soggetti a vincolo.

95

3.13 Progetto CICLOPE


(L. Padovani, P. Carrabba, B. Di Giovanni)

Titolo
Obiettivo

Destinatari
Tecnologie

Metodologie

Indicatori di
successo

Progetto CICLOPE
Lobiettivo finale del progetto quello di permettere lo sviluppo di
un sistema - basato su metodologie innovative e soluzioni
tecnologiche idonee allo scopo - per il rilevamento, la trasmissione
e la successiva gestione di dati inerenti aree protette, di difficile
accesso, a bassissimo impatto antropico ed ambientale e/o
comunque di difficile gestione con le procedure e le tecnologie
attualmente disponibili.
Gestori di Aree Protette, Gestori di Aree ad accesso controllato
Il sistema, consister in un insieme integrato di metodi e tecnologie,
autonomo, no cable, basato sullutilizzo della banda larga
caratterizzato da punti di rilevamento dei dati in situ, senza
lintervento umano, secondo frequenze e con modalit
programmate e controllate da remoto, completamente autonome. I
punti di rilevamento dovranno essere localizzati ove il valore dei
parametri selezionati significativo ai fini dellindividuazione degli
indicatori utili agli scopi prefissati.
Il sistema, nel suo insieme, si baser sullo studio e la
sperimentazione di elementi distinti, complementari fra loro:
parametri, indicatori e misure inerenti le aree di
sperimentazione;
metodologie e tecnologie non impattanti di rilevamento dei dati;
metodologie e tecnologie non impattanti di trasmissione dei dati;
metodologie e tecnologie per lelaborazione, la gestione e la
fruizione dei dati, a livello di soggetto gestore (o interessato) alle
aree ed agli ambienti di sperimentazione e di tutti i soggetti, a
diverso titolo, portatori di interesse.
Capacit del sistema di operare in aree distinte - non vicine o
correlate fra loro - e relative ad ambienti ed ecosistemi diversi;
Capacit di funzionamento automatico, con gestione da remoto,
con un numero massimo di interventi umani in loco;
Autosufficienza dal punto di vista dellalimentazione energetica;
Infrastruttura network autosufficiente, e su una rete geografica
autonoma, non impattante;
Capacit di gestione autonoma ed intelligente nella raccolta,
storage ed invio dei dati;
Corrispondenza fra le prestazioni attese e ed i risultati ottenuti:
precisione nelle misurazioni, frequenze, errori etc.;
Contenimento dei costi del sistema, sulla base delle previsioni di
costo effettuate, la rispondenza del sistema ai budget previsti
sar elemento di successo;
Aumento percentuale del numero e della qualit di dati
disponibili rispetto ai sistemi attualmente applicati nelle aree di
sperimentazione

96

Il progetto stato realizzato in collaborazione con il CUTGANA (Centro Universitario per


la Tutela e la Gestione degli Ambienti Naturali e degli Agroecosistemi) dellUniversit di
Catania.
Gli ambiti di interesse del progetto riguardano aree ad alta valenza ambientale e con
caratteristiche specifiche e/o particolari esigenze di approccio e gestione; ma
lapplicabilit pu essere estesa ad un notevole numero di ambienti e settori, in quanto
riuscire ad intervenire nelle zone oggetto della ricerca (che rappresentano casi eccellenti
in fatto di necessit di abbattimento di impatto antropico ed ambientale, nonch difficolt
geomorfologiche notevoli per laccesso e lapplicabilit dei comuni sistemi di rilevamento
e gestione dei dati), permetter di acquisire conoscenze scientifiche e tecniche tali da
poterne permettere la riproducibilit, con successo, nella maggioranza dei casi in cui vi
sia la necessit di rilevare ed elaborare dati inerenti contesti differenziati: aree urbane,
aree montane, marine, lacustri, fluviali etc., anche se non rientranti nella protezione
integrale di tipo A.
In sintesi, lo studio e sperimentazione deve quindi prima individuare i parametri, gli
indicatori e le misure in grado di descrivere al meglio lo stato delle aree e gli elementi di
interesse al fine della salvaguardia e della gestione in genere, creare procedure
automatiche di rilevamento e trasmissione, basate su tecnologie autonome e gestite da
remoto, con il minor impatto ambientale ed antropico possibile; creare un sistema
complesso per il ricevimento, la elaborazione e la gestione dei dati, finalizzato alla
creazione di data base storici, accessibili a pi livelli e finalizzati ad aiutare tutti i soggetti
portatori di interesse nella strategia decisionale e gestionale delle problematiche nel
settore di riferimento. Da non sottovalutare la tipologia dei dati raccolti ed inviati,
consistenti in immagini fisse, audio, immagini in movimento, dati numerici etc.: il tutto
proveniente da aree dove non vi disponibilit di infrastrutture di tipo tradizionale.

97

3.14 Progetto SCRIGNO


(P. Crin, L. Bacchetta)

Titolo
Obiettivo

Destinatari

Tecnologie

Metodologie

Indicatori di
successo

Progetto SCRIGNO
Recupero e caratterizzazione di risorse genetiche autoctone afferenti
ai prodotti tipici italini di specie orfrutticole. Sviluppo di un atlante
multimediale per la catalogazione e descrizione delle accessioni
genetiche coltivate in territori tipici di produzione.
Regioni, Ministeri, Istituzioni di ricerca, Universit, Associazioni di
produttori, Consorzi di Tutela dei prodotti tipici, Associazioni
consumatori, enti di tutela aree protette, Comunit montane, Enti di
Sviluppo regionali.
Questionari ed indagini in loco. Collezioni in situ della biodiversit
locale individuata. Analisi biometriche di caratteri varietali distintivi.
Analisi di caratterizzazione varietale con marcatori molecolari (AFLP,
ISSR, SSR, RAPDs). Determinazioni qualti-qualitative di sostanze
naturali mediante HPLC, cromatografia etc.
Indagini storico-conoscitive del patrimonio genetico culturale presente
nella zona. Recupero e strategie di conservazione in situ e on farm
delle risorse autoctone. Tecnologie di genetica per la
caratterizzazione morfofisiologica, molecolare e biochimica del
patrimonio genetico tradizionale. Sviluppo di un sistema informatico
interattivo in rete Internet
Salvaguardia di risorse genetiche abbandonate ed a rischio di
erosione genetica.
Recupero del patrimonio culturale legato alle tradizioni e costumi
del territorio.
Individuazione di agro-biodiversit mediante metodologie
genetiche
Uso sostenibile del territorio attraverso la valorizzazione di
economie locali.
Individuazioni di percorsi gastronomici-culturali ad uso turistico.
Disponibilit di un sistema informatico interattivo facilmente
consultabile e da implementare con risorse legate alla
valorizzazione del territorio.

Il progetto stato finanziato dal MIUR ed stato svolto in collaborazione tra ENEA,
CNR ed Universit, con la partecipazione di 20 Istituti di Ricerca operanti sul territorio
nazionale con attivit inerenti alle principali specie ortofrutticole mediterranee. stato
sviluppato un atlante multimediale che collega le risorse genetiche locali al territorio di
coltivazione. Tale banca dati consente di avere informazioni sul patrimonio geneticotradizionale legato ai prodotti tipici e sul valore culturale ad essi associato. Tra le
prospettive future, si ravvede la possibilit di implementare tale catalogo con i beni
Culturali presenti sul territorio.
Tra i progetti in itinere si segnala il Progetto sulla Valorizzazione delloasi Tssint Regione di Tata (Marocco), che prevede la valorizzazione delle risorse genetiche locali
e dei beni artistici (arti rupestri) caratteristici del territorio attraverso lindividuazione di
percorsi eco-turistici.

98

3.15 Il Progetto SABRINA


(A. Martelli, M. Indirli, D. Rinaldis, E. Valpreda)

Titolo
Obiettivo

Destinatari
Tecnologie
Metodologie
Indicatori di
successo

Progetto SABRINA
Il progetto ha avuto come scopo principale la progettazione e la
realizzazione di sistemi di supporto alle decisioni per la
selezione degli interventi da effettuare sui beni culturali
sottoposti a maggiore rischio. In particolare esso prevedeva i
seguenti punti, identificati come altrettanti sottoprogetti:
a) messa a punto di linee guida per la salvaguardia dei beni
culturali da rischi naturali;
b) analisi e valutazione del rischio sismico a cui esposto il
patrimonio culturale;
c) messa a punto di criteri e prescrizioni per la protezione
sismica degli oggetti d'arte esibiti in musei ed in edifici di
interesse storico-artistico;
d) sviluppo e la realizzazione di un sistema di supporto alle
decisioni per la previsione degli eventi idraulici ed
atmosferici catastrofici e per la prevenzione e mitigazione
dei loro effetti sui beni culturali.
Enti Locali (Comuni, Soprintendenze Beni Culturali)
Realizzazione del sito internet per le Linee Guida per la
salvaguardia dei beni culturali dalle catastrofi naturali
Stesura delle linee guida per la salvaguardia dei beni culturali
dalle catastrofi naturali;
Il successo del progetto verr misurato mediante: Attivazione di
un accordo con lUniversit di Roma La Sapienza Dipartimento
di Scienze Naturali e con il CERI (Centro di ricerca previsione,
prevenzione e controllo dei rischi geologici) per la realizzazione
di un laboratorio di sperimentazione sismica (anche a fini
didattici) su strutture e modelli di strutture di interesse storicoartistico.

Conseguenze delle catastrofi naturali sul patrimonio culturale ed ambientale:


Analisi a scala locale dei siti campione: misure di sismica a rifrazione, di
geoelettrica e dellamplificazione delle onde sismiche su terreno mediante
strumentazione velocimetrica, per lanalisi e la simulazione della risposta
sismica locale di unarea campione nella piana alluvionale di Cerreto di
Spoleto (Perugia);

99

Analisi dinamica sperimentale: elaborazione delle registrazioni velocimetriche


e accelerometriche deledificio sede del CEDRAV (Monastero di San
Giacomo) e di altri edifici storico-monumentali colpiti dal sisma umbro
marchigiano del 1997 nel centro storico di Cerreto di Spoleto e confronto con
modello numerico.

100

3.16 LAggregato Progettuale PSICHE


(A. Martelli, M. Indirli, D. Rinaldis, E. Valpreda)

Titolo

Progetto PSICHE

Obiettivo

Progettazione Sismica Innovativa del Cultural HEritage

Destinatari

EU, MiBAC, Amministrazioni Pubbliche, Privati

Tecnologie

Sistemi e dispositivi di protezione sismica innovativa per il


patrimonio storico-artistico, in armonia con i principi di
conservazione.

Metodologie

Sistemi e dispositivi di Isolamento Sismico con sottofondazione,


con Leghe a Memoria di Forma (Shape Memory Alloy - SMA) e
a dissipazione di energia.

Indicatori di successo

Applicazione a beni monumentali (es. Basilica di Assisi),


archeologici (barca lignea Romana di Ercolano), centri storici
colpiti dal terremoto (Mevale di Visso).

Laggregato progettuale PSICHE contiene diverse azioni inerenti la protezione sismica


innovativa dei Beni culturali, in armonia con i requisiti di conservazione.
In particolare, si citano i seguenti progetti (ultimati, in corso o in via di acquisizione):
Progetto ISTECH Development of Innovative Techniques for the
Improvement of Stability of Cultural Heritage, in Particular Seismic Protection,
EC Project PL950852, EC Contract ENV4-CT95-0106, 1996-2000, che ha
visto lapplicazione, per la prima volta al mondo, di dispositivi in leghe a
memoria di forma (SMA, Shape Memory Alloys) nella Basilica di Assisi e al
campanile di San Giorgio a Trignano (San Martino in Rio, Reggio Emilia),
strutture gravemente danneggiate da eventi sismici (rispettivamente il
terremoto umbro-marchigiano del 1997-98 e il terremoto di Reggio-EmiliaModena, 1996).
Progetto REEDS Optimization of Energy Dissipation Devices, Rolling
Systems and Hydraulic Couplers for Reducing Seismic Risk to Structures and
Industrial Facilities, EC Contract BRPR-CT96-0141, Project BEE1031, 19962000, che ha visto lapplicazione di dispositivi Shock Transmitters nellambito
del rinforzo delle pareti murarie della Basilica di Assisi.
Progetto SPACE Semi-active and Passive Control of the Dynamic Behaviour
of Structures subjected to Earthquakes, Wind and Vibrations, EC Contract no.
EVG1-CT-1999-00016, 1999-2003, che ha visto la realizzazione di dispositivi
tridimensionali di Isolamento Sismico per la barca lignea Romana di Ercolano.
Progetto del sistema di supporto comprensivo dellisolamento sismico 3D per
la barca romana lignea di Ercolano, nellambito del restauro complessivo e
della nuova musealizzazione, contratto ENEA-Soprintendenza Archeologica
di Pompei (2000-2002).
MUSICA MUltimediale per lo sviluppo di Sistemi Innovativi per Costruzioni
Antisismiche, Contratti ENEA/GLIS con la Societ Giotto Film (2000-2003),
gamma di filmati sulle moderne tecnologie antisismiche, sviluppata
congiuntamente dallENEA e dal GLIS (Gruppo di Lavoro Isolamento Sismico)
e che illustra le principali applicazioni di tali tecnologie anche nel settore dei
beni culturali.
101

Progetto PROSEESM, MIUR-Programma Parnaso, Sviluppo e Applicazione


di Tecnologie Innovative Integrate e Messa a Punto di Metodologie di
Confronto, per Ottimizzare gli Interventi di Protezione Sismica dellEdilizia
Storico-Monumentale nel Rispetto dei Requisiti di Sicurezza e di
Conservazione, 2000-2003; questo progetto ha visto linstallazione, con la
collaborazione dellENEA, di dispositivi SMAD nella chiesa di San Serafino a
Montegranaro (AP). Per le chiese di San Giovanni Battista ad Apagni e di
Santa Croce a Casematte, entrambe in provincia di Perugia (danneggiate dal
terremoto umbro-marchigiano del 1997-98), lENEA ha progettato lisolamento
sismico con sottofondazione.
Uso di tecniche antisismiche innovative per la ricostruzione del borgo storico
di Mevale di Visso (MC) con materiali originari e nel luogo originario, distrutto
dal terremoto umbro-marchigiano del 1997-98, Contratto ENEA Regione
Marche, 2000-2003. Costituisce un esempio di ricostruzione di borghi antichi,
effettuato con lisolamento sismico alla base, al fine di permettere luso dei
materiali e dei metodi costruttivi originari. LENEA ha effettuato uno studio
dettagliato di fattibilit, comprensivo di computo metrico, che stato approvato
dal Comitato Tecnico Scientifico della Regione Marche per quanto attiene alla
ricostruzione di almeno una schiera di abitazioni.
Progettazione del sistema di supporto e dei dispositivi di isolamento sismico
3D per la Barca Lignea Romana di Ercolano, Contratto ENEA
Soprintendenza Archeologica di Pompei Ercolano.
Supporto al Comune di San Giuliano di Puglia nella post-emergenza e nella
ricostruzione, Contratto ENEA-Comune di San Giuliano di Puglia (2003).
Supporto al Soggetto Attuatore (Ministero dei Lavori Pubblici) della
Ricostruzione di San Giuliano di Puglia, 2003 in corso, Contratto ENEA
Provveditorato alle Opere Pubbliche; consulenza tecnico-scientifica per i
progetti di miglioramento sismico di Palazzo Marchesale ed altri edifici del
centro storico della cittadina, danneggiati dal terremoto del Molise e della
Puglia del 2002.
Storia di un terremoto, Contratto ENEA-RAI per il film sul terremoto a San
Giuliano di Puglia (2003).
Progetto COST, Action C26 Urban Habitat onstructions under Catastrophic
Events, EC Contract, 2006-2010.
Lo sviluppo ed applicazione di metodologie integrate di analisi spaziale e di
analisi iperspettrali per la valutazione della vulnerabilit e del rischio integrato
di centri storici (Progetto Manejo de Riesgos en Valparaiso, Servicios
Tcnicos, ATN/II-9816-CH, Progetto BID-Banco Interamericano di Sviluppo,
appena acquisito; Progetto terremoto e ricostruzione a San Giuliano di
Puglia: proposta di un database georeferenziate a scala comunale, in corso di
contrattazione) e di beni paesaggistici (Progetto Littorisk- Interreg B- Zona
Sud).
Sono iniziate attivit, in collaborazione fra lENEA, lUniversit di Perugia e la
societ ALGA, per lo sviluppo di un sistema disolamento sismico del David di
Michelangelo.
Attivit a supporto della propriet e della Direzione Regionale dellEmiliaRomagna per i Beni Culturali e Paesaggistici, per il restauro delle due Torri di
Montorio (Monzuno, Bologna) danneggiate dal terremoto del 2003.

102

Attivit, in collaborazione con lUniversit Mediterranea di Reggio Calabria,


per ladeguamento sismico con isolamento dellIran Bastan Museum di
Tehran.
Un corso di formazione, riguardante le problematiche sismiche e le altre
tematiche di carattere ambientale, stato anche gi svolto, allinizio del 2006,
per il personale della Direzione Regionale dellEmilia-Romagna per i Beni
Culturali e Paesaggistici.

Supporto alla Protezione Civile nellemergenza post-sismica a San Giuliano di Puglia

Progetto per la valutazione del rischio dovuto a catastrofi naturali a Valparaiso (Cile)

103

3.17 LAggregato Progettuale P9AX


(A. Martelli, M. Indirli, D. Rinaldis, E. Valpreda, F. Immordino, A. Screpanti, E. Caiaffa, S. Serafini)

Titolo

Valutazione rischi naturali e mitigazione effetti

Obiettivo

Applicazione di tecniche e metodi innovativi (GIS, DGPS, Image


Processing ecc.) per la valutazione del rischio geologico
specifico e integrato e per la programmazione degli interventi di
mitigazione

Destinatari

EU, MiBAC, MAT, Amministrazioni Pubbliche, Privati

Tecnologie

GIS, DGPS, Image Processing ecc.

Metodologie

Analisi spaziale multitemporale e multitematica; fuzzy logic


applicata allImage Processing, elaborazioni dinamiche
tridimensionali, banche dati geografiche, metadati.

Indicatori di successo

Realizzazione di banche dati fruite da amministrazioni pubbliche


nel processo di pianificazione del territorio (Lecce, Brindisi,
Taranto); completamento di programmi di ricerca internazionale
(Progetto EU SELSY, Progetto MIUR-Dune Nazionali, Progetto
Interreg LITTORISK, Progetto Archeomar-Regione Molise).

Valutazione della pericolosit dovuta a catastrofi naturali: esempio di mapping e costruzione di


banche dati su base GIS nel caso di hazard di erosione costiera.

104

3.18 SITAC: SIT per la tenuta presidenziale di Caselporziano


(P. Auer, A.B. Della Rocca)

Titolo

Progetto SITAC

Obiettivo

Monitoraggio Ambientale della Tenuta presidenziale di


Caselporziano.

Destinatari

Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica.

Tecnologie

Sistemi informativi territoriali

Metodologie

SIT e D.B.M.S. integrato

Indicatori di
successo

Il successo del progetto riscontrabile mediante i seguenti


indicatori:
- l'Ente ha risposto ad una esigenza, con elevato contenuto di
ricerca scientifica e di sviluppo tecnologico, espressa da un
alto Organismo della Pubblica Amministrazione italiana;
- lesperienza ha permesso ai ricercatori dell'Ente di maturare
un ottimo bagaglio di competenze in un settore ricco di
innovazione tecnologica e riversabile in altre situazioni in cui
l'Ente impegnato.

Nel 1995 stato istituito il Programma di Monitoraggio


Ambientale della Tenuta (coordinato dallAccademia
Nazionale delle Scienze, detta "dei XL") che ha previsto la
progettazione e lo sviluppo del SITAC (Sistema Informativo
Territoriale Ambientale Castelporziano). Tale progetto aveva
l'obiettivo di coniugare la salvaguardia dell'ambiente e degli
ecosistemi con le esigenze di una corretta e moderna
gestione del suo territorio ivi inclusi i beni culturali
archeologici che vi sono collocati.
Nellambito del Programma sono stati creati sei Gruppi di
Lavoro, ognuno con lo scopo di svolgere studi e ricerche su
problematiche riguardanti, rispettivamente, l'Atmosfera, la
Fauna, l'Idrogeologia, l'Impatto Antropico, il Suolo e la
Vegetazione. L'istituzione di un ulteriore GdL, avente lo
specifico compito di progettare e realizzare il Sistema
Informativo Territoriale ha permesso di far confluire e
armonizzare tutti i dati e le informazioni derivanti dalle
ricerche condotte sul territorio della Tenuta. Le attivit svolte hanno avuto, pertanto, un
forte carattere trasversale, poich hanno richiesto una continua interazione con tutti gli
altri Gruppi di ricerca coinvolti. Nellambito dei beni culturali, le competenze tecnicoscientifiche acquisite in questo progetto possono essere trasferite alla realizzazione di
SIT connessi ad aree di particolare interesse (es.: vaste aree archeologiche) al fine di
conservare e gestire efficacemente tutte le informazioni, territoriali, tematiche e storiche.
da sottolineare che alcuni strumenti tecnologici, realizzati nellambito del progetto
stesso, possono essere pienamente adattati a nuovi progetti inerenti i beni culturali
(campagne di rilevamento GPS, algoritmi per la georeferenziazione di dettaglio ecc.).

105

3.19 Il Progetto TRIDENT


(P. Auer, A.B. Della Rocca)

Titolo

Progetto TRIDENT (Three-dimensional Restitution via Internet of


Digital Elevation Networks in Towns)

Obiettivo

Aerofotogrammetria, DEM e realt virtuale: ricostruzione


fotorealistica tridimensionale di edifici in aree urbane.

Destinatari

Progetto nellambito del V Programma Quadro (Sottoprogramma


IST- Information Society Technologies) dellUnione Europea.

Tecnologie

Sviluppo di modelli virtuali 3D fotorealistici accessibili in internet.

Metodologie

Metodologie DEM e Web-GIS prototipo.

Indicatori
successo

di uno strumento di supporto alla pianificazione urbana, dalla


progettazione di infrastrutture a rete fino alle valutazioni di
impatto ambientale di nuove edificazioni e permette di
individuare le "anomalie volumetrico-catastali", fornire statistiche
sugli indici di urbanizzazione dell'area e su altri dati aggregati e
di esaminare le caratteristiche volumetriche di singoli edifici.

Avere a disposizione in formato digitale i parametri geometrici e geografici necessari per


descrivere, a scala di dettaglio catastale, la tridimensionalit dei singoli edifici costituisce
un'esigenza primaria da finalizzare poi verso i pi svariati tipi di applicazioni.
L'obiettivo di automatizzare il pi possibile la fase
di
restituzione,
riducendo
l'intervento
dell'operatore umano, stato affrontato presso il
laboratorio EDI (ENEA Digital Imagery) del C.R.
ENEA Casaccia, conducendo allo sviluppo di
tecniche
numeriche
e
metodologie
di
aerofotogrammetria digitale, finalizzate alla
produzione di specifici modelli digitali delle
elevazioni (DEM). Partendo da rilevamenti aerei
stereoscopici, stata ottenuta la ricostruzione
fotorealistica della tridimensionalit degli edifici di
un'area-test di Roma. I dati geometrici e
geografici ricavati dai DEM sono confluiti in un Geo-Database progettato e strutturato in
maniera tale da poter gestire e rendere fruibili dati aventi diversa origine (andamento
altimetrico del suolo, altezza edifici rispetto al suolo e tipologia di copertura degli stessi
derivanti dal DEM, attributi desunti dalle mappe catastali, odonomastica ricavata dal
grafo stradale ecc.), ma concorrenti a descrivere in modo esaustivo sia gli edifici, sia il
territorio oggetto di interesse nella sua complessit.
Il passo successivo consistito nel progetto e lo sviluppo di innovativi e originali
algoritmi e nella messa a punto di metodologie di elaborazione dei dati finalizzate a
rendere fotorealistica la "scena urbana" descritta nelle consistenze volumetriche
attraverso i DEM di suolo ed edifici. A tal fine, il modello degli edifici stato completato
con l'inserimento dei rilievi fotografici delle facciate degli edifici. Il modello urbano nel
suo complesso stato utilizzato e reso disponibile in internet in un WebGIS prototipo,
finalizzato al monitoraggio urbano ed alla pianificazione territoriale.

106

Nellambito dei beni culturali, le competenze tecnico-scientifiche acquisite in questo


progetto possono essere trasferite alla ricostruzione tridimensionale di edifici di
particolare valore culturale. Tale ricostruzione potrebbe avvalersi di rilevanti informazioni
strettamente connesse con la tipologia del territorio circostante.

3.20 Il Progetto NEREA


(G. Maino)

Titolo
Obiettivo

Progetto NEREA - Network per il Restauro Avanzato


Il risultato finale del progetto NE.RE.A. sar la costituzione del Centro di
Eccellenza per il restauro. Il Centro avr le seguenti attivit:
1. Centro di documentazione e banca dati riferito a:
- Inventario dei maggiori restauri realizzati in Italia con particolare
riferimento agli ultimi ventanni esplicitando il confronto tra il
prima ed il dopo, in collegamento con le scuole di
specializzazione delluniversit di Roma.
- Elenco di tutti i metodi di rilevamento e delle relative tecnologie
innovative
- Documentazione sui sistemi di indagine conoscitiva non
distruttivi e micro-distruttivi con riferimento ai produttori, agli
utilizzatori e ai casi di studio di maggiore rilevanza in
collegamento con la Fiera del Restauro di Ferrara e
Imprenditoria ad essa collegata.
- Identificazione delle patologie dei materiali e omologazione dei
processi di acquisizione delle informazioni relative.
- Identificazione delle patologie di tipo strutturale e omologazione
dei metodi dindagine e di rilevazione anche a distanza.
2. Collegamento con i centri di ricerca e con i laboratori operativi per
lapplicazione dei sistemi diagnostici.
3. Interventi di restauro (terapie)
- Valutazione comparata delle tecniche dintervento relative
alle metodologie indicate mettendo a confronto.
- A) efficacia
- B) durevolezza o durabilit
- C) eventuale reversibilit
Operando confronti fra le prestazioni sviluppate dai diversi
operatori in tutti i campi del restauro.
4. Formazione e certificazione. Il Centro di eccellenza conterr un
Laboratorio Europeo di Restauro per la definizione e la
sperimentazione di una certificazione pan-europea delle PMI che
operano nel settore del restauro con possibile interscambio
conoscitivo in emulazione virtuale con alcuni laboratori di restauro
remoti.

Destinatari

Soprintendenze, Enti pubblici, Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali,


Imprese sia grandi sia medio-piccole attive nel settore del restauro
Loperativit verr garantita dallutilizzo di strumentazioni gi presenti nei
laboratori riconosciuti della Universit di Bologna, dal Laboratorio SIGMA
dellENEA; si potr altres ricorrere a laboratori collegati in rete sia pubblici

Tecnologie

107

che privati soprattutto per quanto riguarda settori di alta specializzazione


e di riconosciuta validit, al fine di concentrare gli investimenti richiesti dal
presente bando su settori particolarmente definiti sulla base delle forze
presenti in Regione. Strumentazioni specialistiche, non presenti e non
facilmente utilizzabili in ambito regionale potranno essere poste in
dotazione del nuovo laboratorio.
Metodologie Quella rilasciata dal Centro di eccellenza sar sia una certificazione di
metodo sia una certificazione di qualit. La struttura tecnica del Centro di
eccellenza dovr innanzitutto elaborare dei protocolli operativi, suddivisi in
classi omogenee di intervento, che permettano di ottenere la soluzione
delle problematiche tecniche legate al restauro limitando al minimo la
possibilit di commettere errori, elevando al massimo la qualit dei
risultati e con il minor dispendio di tempo e di energie intellettuali. Compito
del Centro di eccellenza sar quello di sovrintendere alla corretta
applicazione dei protocolli, certificando alla fine del processo produttivo la
coerente applicazione del protocollo.
Indicatori di Consulenze per soprintendenze ed imprese, pubblicazioni scientifiche
successo
Il settore del Restauro dei Beni architettonici e dei Beni artistici nella Regione Emilia
Romagna ha avuto una affermazione a livello europeo convalidata da esperienze
pratiche molto sofisticate, si pensi ai restauri quali quelli del Duomo di Ferrara o dei Cicli
pittorici di Pellegrino Tibaldi a Palazzo Poggi a Bologna o dei restauri musivi a Ravenna.
Va anche segnalata la capacit di affermazione delle maestranze e della piccola
imprenditoria presente nel settore in maniera molto diffusa sia sul territorio nazionale sia
nei Paesi europei. Il successo della Fiera del Restauro che si tiene annualmente a
Ferrara una ulteriore testimonianza dellimpegno e della efficacia della presenza
regionale in questo settore, che anche dal punto di vista economico riveste
unimportanza sempre maggiore e impiega sistemi tecnologici sempre pi innovativi
utilizzando personale sempre pi specializzato.
Limportanza dei Beni Culturali presenti nella Regione Emilia Romagna, la vocazione a
collegarsi con i Paesi Adriatici concretizzata con il programma Uniadrion dellUniversit
di Bologna con sede a Ravenna, la presenza di centri di eccellenza quali il Laboratorio
dei Beni Culturali dellENEA e del Laboratorio per la Conservazione del Mosaico a
Ravenna, le attivit rivolte alla classificazione e alla costruzione di banche dati sulle
attivit restaurative dellIBACN nonch la recente istituzione della Cattedra di Restauro
presso il Corso di Laurea Edile Architettura della Facolt di Ingegneria della Universit di
Bologna ed il Corso di laurea in Tecnologie per la Conservazione e Restauro dei Beni
Culturali istituito a Ravenna della Facolt di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, ci
induce allistituzione di un centro di eccellenza per il restauro avanzato che si baser su
un laboratorio virtuale, con applicazioni web operante sulla futura rete a banda larga
della Regione Emilia Romagna
Tale Centro di eccellenza si dedicher alla costruzione di una rete primaria (regionale)
ed una rete secondaria (nazionale) da attivare fra alcuni centri di ricerca e laboratori
operativi nelle varie attivit connesse a quelle restaurative con la finalit di diffondere e
valutare la qualit dei diversi tipi di materiali e metodi di applicazione con particolare
attenzione al rapporto con le PMI che operano nel settore del restauro architettonico,
artistico ed archeologico. Il Progetto NEREA coinvolger sia la Provincia di Bologna sia
108

la Provincia di Ravenna. Principale obiettivo operativo quello di attrezzare il Centro per


produrre certificazioni di valenza europea per le PMI che operano nel settore.
Il Centro che si costituisce come luogo deccellenza rivolto a tutti coloro che
sinseriscono nei nuovi settori del RESTAURO e che hanno bisogno di un
aggiornamento legato alla gestione, alla capacit organizzativa, alle abilit dintervento
si prefigura di:

Sviluppare un nuovo network di imprese e centri di ricerca che trasmettano


tutte le pi sofisticate tecnologie collegate al restauro.
Identificare i punti deccellenza di interesse artistico-culturale nelle diverse
possibili aree all'interno del patrimonio pubblico e privato della Regione
attivando degli specifici protocolli.
Sviluppare un software innovativo per il monitoraggio degli edifici storici e
testarlo con lapporto degli enti coinvolti e collegati via web. In particolare il
software gestir i flussi di dati in entrata ed in uscita dai vari fornitori dei servizi
di diagnostica, garantendo la corretta applicazione del protocollo di
monitoraggio e supportando i tecnici fruitori delle informazioni nella fase
elaborativa ed interpretativa.
Arrivare ad una certificazione per le imprese che operano nel settore del
restauro di beni storici.

109

3.21 Il Progetto Protezione delle opere darte dal danno da


radiazione
(A. Piegari)

Titolo

Protezione delle opere darte dal danno da radiazione

Obiettivo

Proteggere le opere darte dal danneggiamento dovuto


allilluminazione e allo stesso tempo migliorarne la visione da parte
dellosservatore.

Destinatari

Musei, Gallerie darte, Sovrintendenze, Associazioni che offrono


servizi per i Beni Culturali.

Tecnologie

Trattamenti superficiali dei materiali: deposizione di rivestimenti


ottici a film sottili, su lastre di vetro.

Metodologie

Lapproccio prescelto stato quello di proteggere lopera darte dal


danno dovuto allilluminazione indipendentemente dalla sorgente di
luce utilizzata nellesposizione. Ci possibile se si riesce a
eliminare tutta la radiazione non utile per la visione, prima che
raggiunga lopera esposta. In particolare la radiazione ultravioletta
e infrarossa possono essere bloccate da un opportuno
rivestimento sul vetro di protezione antivandalica. Inoltre tale
rivestimento anche in grado di ridurre i riflessi del vetro e quindi
di migliorare la visione da parte dellosservatore

Indicatori di successo

Richieste di utilizzo da parte di operatori che offrono servizi per i


Beni Culturali e di Musei e Gallerie

Il Progetto Trattamenti ottici per la protezione e la fruizione delle opere darte nei musei
stato sviluppato in collaborazione con il CNR-INOA di Firenze, con il coinvolgimento di
alcuni musei dellarea fiorentina e la partecipazione di unazienda leader nella
produzione di lampade per lilluminazione degli interni.
Il progetto nato dalla considerazione che le opere darte esposte in musei e gallerie
sono soggette a un danneggiamento derivante dallambiente circostante e, uno dei
fattori che pu provocare danni significativi lilluminazione delle opere stesse. Infatti, la
radiazione elettromagnetica proveniente dalla luce naturale o dalle lampade, induce
tipicamente lo sbiadimento dei colori nei dipinti, limbrunimento della carta nelle opere
grafiche, il distacco della vernice dal supporto e cos via.
Lapproccio attualmente pi utilizzato per ridurre tale danno consiste nellabbassare
lintensit dellilluminazione e diminuire il tempo di esposizione delle opere. Per questo
accade spesso che le esposizioni vengano effettuate in ambienti con illuminazione
bassa oppure siano limitate ad alcuni periodi dellanno. Queste strategie sono utili, ma si
possono individuare elementi aggiuntivi.
Lobiettivo del progetto stato quello di proteggere le opere darte dal danneggiamento
dovuto allilluminazione e allo stesso tempo di migliorarne la visione da parte
dellosservatore. Partendo dal fatto che frequentemente vengono utilizzate lastre di vetro
per proteggere da atti vandalici le opere in esposizione, stato realizzato con la
tecnologia dei film sottili uno speciale rivestimento ottico sul vetro stesso (brevetto
ENEA 2004), che possa ridurre la radiazione elettromagnetica incidente sullopera, sia in
110

illuminazione naturale sia artificiale. In particolare necessario bloccare


contemporaneamente la radiazione ultravioletta, una parte di quella visibile non
rilevabile dallocchio umano e la radiazione nel vicino infrarosso; in pratica tutto ci che
non sia utile per la visione. In tal modo luso del prodotto risulta indipendente dal tipo di
illuminazione, che diversa da un Museo allaltro ed allestita appositamente per le
esposizioni non permanenti. Ovviamente tale vetro pu essere usato in combinazione
con opportuni filtri sulle lampade o sulle finestre, ma particolarmente utile quando tali
filtri non sono presenti. Il rivestimento ottico sul vetro progettato in modo da unire alla
funzione di protezione dellopera anche un miglioramento della sua fruizione da parte
dellosservatore. Questo trattamento infatti in grado di ridurre, allo stesso tempo, i
fastidiosi riflessi tipici dei vetri tradizionali senza per alterare i colori dellopera in
osservazione (Fig. 1). Un ulteriore importante risultato rappresentato dalla facilit di
realizzazione del prodotto finale con costi non molto elevati.

Fig. 1

Ritratto di Luca Pacioli con vetro


tradizionale e vetro antiriflesso (a destra)

Per verificare lefficacia del prodotto, oltre alla misure strumentali, sono stati effettuati
anche alcuni test psicofisici con un panel di osservatori, per valutare la percezione del
colore e delle sue eventuali variazioni con luso di tali vetri, scegliendo alcuni colori di
riferimento nel diagramma dei colori CIE (Fig 2).
Grande interesse per i risultati stato mostrato da operatori dellassociazione Civita, che
gestisce alcuni musei e offre servizi relativi ai beni culturali e dal Museo dellAccademia
di Firenze che, assieme ad altri musei e gallerie darte, possono costituire un ampio
bacino di utilizzatori finali.

Fig. 2 - Alcuni colori di riferimento


(circoletti) selezionati nel diagramma
standard CIE

111

3.22 Progetto Un viaggio nell'Italia della Scienza


(B. Calosso, A. Di Lorenzo, C. Marinucci)

Titolo

Mostra itinerante Un viaggio nella Scienza

Obiettivo

organizzazione di eventi, esposizioni e prodotti multimediali per


la divulgazione - su scala nazionale ed internazionale dei
risultati ottenuti dallENEA e dalla ricerca scientifica nel nostro
Paese nellambito del Patrimonio Culturale.

Destinatari

Comunit scientifica; mondo universitario; scuole; utenza


generica.

Tecnologie

Strumenti multimediali per la comunicazione; portale multilingue;


ricostruzioni 3D

Metodologie

Metodologie per la comunicazione, lallestimento e lesposizione

Indicatori di
successo

Numero visitatori; numero Istituzioni partecipanti alle iniziative.

Il progetto prevede lorganizzazione di eventi, esposizioni e prodotti multimediali tali da


consentire la divulgazione - su scala nazionale ed internazionale dei risultati ottenuti
dalla ricerca scientifica nel nostro Paese, delle competenze e delle infrastrutture
sviluppate per la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale. Tale viaggio,
si concretizza mediante un insieme diversificato - ma organico - di strumenti per la
comunicazione e la condivisione delle conoscenze e delle attivit presenti nel settore. Si
rivolge a target di utenza molteplici e perci si muove su livelli di comunicazione
differenti per massimizzarne lefficacia.
Il progetto articolato in tre macro attivit:

Attivit generali: progettazione della comunicazione; progettazione di

mostre itineranti; portale multilingue; visita virtuale della mostra


(rappresentazione 3D); pubblicazioni; iniziative seminariali; Libro Bianco sulle
competenze, le tecniche, tecnologie e le infrastrutture di ricerca presenti in
Italia sul tema.

Attivit svolte in ambito nazionale. La promozione delle attivit di ricerca

applicata al patrimonio culturale si completa nellambito di una sinergica


interazione e cooperazione tra lENEA e gli Istituti Centrali afferenti al MiBAC,
nonch con enti ed istituzioni presenti su tutto il territorio italiano ed attivi nel
medesimo
ambito
applicativo.
Tale
promozione
si
concretizza
nellorganizzazione della mostra itinerante Tecnologie innovative per la
cultura: ha lobiettivo di dare testimonianza degli oltre mille interventi effettuati
per conto ed in collaborazione con gli Istituti Centrali del MiBAC, le
Soprintendenze, Musei, Enti locali, Fondazioni, privati, riguardanti la
diagnostica, gli studi per la protezione dai sismi, le indagini e i progetti per il
recupero di edifici e centri storici, gli studi del microclima in ambienti museali, la
catalogazione informatica e molte altre ancora. La mostra si articoler in tre
aree tematiche: Diagnostica Avanzata; Information and Communications
Technology (ICT); Conservazione e tutela. La mostra sar allestita in cinque

112

sedi: Trieste, Ferrara, Napoli, Lecce e Roma. Parteciperanno attivamente


allorganizzazione dei singoli eventi (workshop e seminari) le Universit e le
Istituzioni ospitanti. In ciascuna sede la mostra si arricchir del contributo in
termini di materiale espositivo, divulgativo e degli interventi seminariali che
testimoniano le attivit ed i progetti sostenuiti nellambito di ricerche specifiche
dellarea territoriale.
Attivit svolte in ambito internazionale. Una volta conclusasi la mostra
sopradescritta, ed una volta che saranno stati organicamente riorganizzati
tutti i contributi apportati dalle diverse istituzioni nazionali partecipanti, la
mostra itinerante dar vita ad un analoga iniziativa internazionale dal titolo
Tecnologie innovative italiane per la cultura che poggia sullattivazione,
per mezzo del MAE, della rete degli Istituti di Cultura e degli Addetti
scientifici. Questa Mostra sar affiancata da una serie di seminari e
workshop sui temi affrontati, per consentire e facilitare il dialogo tra la nostra
Comunit Scientifica e quella del Paese ospitante. Le sedi espositive
saranno gli stessi Centri di Cultura (in quanto promotori delliniziativa), per cui
sar necessario prevedere la produzione di materiale espositivo in lingua
(Inglese, Francese, Spagnolo).

3.23 Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali


(L. Bordoni)

Titolo

Gruppo di lavoro Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali

Obiettivo

Diffondere le potenzialit delle tecniche dellIA in ambito culturale

Destinatari

Istituzioni preposte alla gestione e conservazione del patrimonio


artistico e culturale

Tecnologie

Logica fuzzy, reti neurali, case-based reasoning, modellazione


utente, machine learning, ontologia, realt virtuale

Metodologie

Individuazione ed applicazione delle tecnologie dellIA per offrire


delle soluzioni alle problematiche riguardanti l ambito culturale

Indicatori di
successo

Realizzazione di strumenti innovativi per una pi efficace


produzione e fruizione della cultura

Nellambito dellAssociazione Italiana per lIntelligenza Artificiale nel 2002 si costituito


un gruppo di lavoro (responsabile Luciana Bordoni) sui Beni Culturali il cui obiettivo
principale di diffondere alle istituzioni preposte alla gestione e conservazione del
patrimonio culturale le potenzialit delle tecniche di intelligenza artificiale allo scopo di
provocare dei mutamenti
nella produzione
e fruizione della cultura.
http://studi131.casaccia.ENEA.it/ENEA/aiia/index.html

113

3.24 Attivit di Diagnostica


(P. Moioli, P. Negri, F. Persia e C. Seccaroni)

Titolo

Attivit di Diagnostica

Obiettivo

Sviluppo e applicazione di metodologie non distruttive e


microdistruttive per la caratterizzazione, per lo studio delle
tecniche di esecuzione, dello stato di conservazione e dei
processi di degrado dei materiali di interesse artistico e culturale;
correlazione tra le informazioni provenienti dalle diverse tecniche

Destinatari

Soprintendenze, Musei, Istituti Centrali del MiBAC;laboratori di


restauro pubblici e privati; universit, enti di ricerca

Tecnologie

Fluorescenza x per lo studio della composizione superficiale di


oggetti o di superfici policrome; radiografia e gammagrafia per lo
studio della struttura di manufatti e la comprensione della tecnica
esecutiva; riflettografia infrarossa per lo studio dellunderdrawing
in dipinti; spettrofotometria colorimetrica per lo studio dei colori;
attivazione neutronica per la determinazione degli elementi in
traccia e microtraccia; assorbimento gamma per la
determinazione della composizione delle leghe; cattura radiativa
di neutroni per lo studio della composizione e degli inquinanti in
strutture murarie

Metodologie

Messa a punto, applicazione di tecnologie e processi per il


raggiungimento dellObiettivo; analisi testuale delle fonti;
metodologie archeometriche applicate alle tecniche di
esecuzione di superfici policrome (dipinti, affreschi, mosaici ecc.)
e alle tecniche di produzione dei pigmenti

Indicatori di
successo

Continue richieste di interventi, collaborazioni e seminari da


parte degli enti destinatari.
Entit e qualit delle pubblicazioni esterne, mediamente 1015/anno.
Richiesta di partecipazione a commissioni e comitati.
Richiesta di intervento come referee in riviste internazionali.
Interventi effettuati allestero: Museo del Louvre (Parigi),
National Gallery (Londra), Biblioteca di Adriano (Atene),
Cattedrale di S. Giovanni (La Valletta, Malta)

Attualmente il nucleo ENEA totalmente dedicato alla diagnostica per i beni culturali, nato
agli inizi degli anni 80, opera allinterno della Divisione Qualificazione dei Materiali al,
applicando principalmente tecniche non distruttive e per immagini, quali fluorescenza x,
radiografia, gammagrafia, riflettografia IR, termografia, assorbimento gamma e
colorimetria. Altre tipologie di analisi anche microdistruttive quali attivazione neutronica,
diffrazione x, microscopia elettronica a scansione vengono sinergicamente applicate a
manufatti di diversa tipologia, provenienza e cronologia in collaborazione con altre Unit
dellEnte.

114

200

Distribuzione cronologica dei


dipinti analizzati

150

In totale su opere darte di


diversa tipologia quali dipinti,
bronzi, ceramiche, mosaici,
vetri, statuaria in marmo con
50
le
tecniche
della
fluorescenza x, riflettografia
0
IR,
radiografia
e
secolo
gammagrafia
sono
stati
effettuati, fino al settembre
2006, 1020 interventi di diagnostica, di cui 708 con la fluorescenza x, 30 con la
riflettografia, 272 con la radiografia e 10 con la gammagrafia. Nel grafico riportata la
distribuzione della cronologia dei dipinti indagati, i cui dati insieme a quelli ottenuti nelle
indagini su altre tipologie di opere darte costituiscono una banca dati contenente oltre
15.000 punti di analisi di fluorescenza x.
XX

XVIII

XVI

XIV

XII

IX

IV

a.C.

100

Per quanto riguarda le strutture monumentali, quali chiese, palazzi, acquedotti romani
ecc. essi sono stati indagati sia con le tecniche non distruttive quali termografia, cattura
radioattiva di neutroni, endoscopia e diffrazione x portatile, sia analizzandone i campioni
da essi prelevati. In totale sono stati effettuati circa 50 interventi su monumenti, per
alcuni dei quali negli anni scorsi stato eseguito anche il controllo microclimatico. Inoltre
sono state realizzate ricerche sugli effetti dei parametri ambientali (microclima e qualit
dellaria) su campioni di materiali di interesse dei beni
culturali (marmi, malte, adobe ecc.).
Le indagini mediante radiografia e gammagrafia su
manufatti hanno riguardato oltre 120 oggetti di diversa
natura, provenienza e dimensione, tra cui il Davide e la
Piet di Michelangelo.
Lattivit svolta nel corso degli anni stata realizzata
talvolta in collaborazione con altre unit dellEnte, sia
del dipartimento Materiali che di altre dipartimenti. Ci
ha permesso al personale in oggetto di acquisire una
notevole esperienza sulle tecnologie per i beni culturali
e sulle diverse problematiche di degrado che
concorrono a definire lo stato di conservazione in
relazione allambiente esterno.
Immagine scattata durante lesecuzione di
radiografie su un dipinto su tavola presso i
laboratori dellIstituto Centrale per il Restauro

115

Raffaello, Stendardo della Trinit Citt di Castello, Pinacoteca Civica, particolare del lato con la
Creazione di Eva e della relativa immagine radiografica

Si sottolinea al riguardo che lattivit di ricerca, diagnostica e intervento sui beni culturali
presuppone un elevato grado di interdisciplinariet e sinergia tra le diverse competenze
tecnico-scientifiche e tra queste e quelle umanistiche.
Allinterno del gruppo presente una competenza umanistica, che segue lo studio delle
fonti e delle tecnologie antiche sulla base della documentazione testuale antica, sia
classica che proveniente dallambito Vicino Orientale e svolge anche attivit di
interfaccia nel campo della archeologia. Fanno parte del gruppo anche due tecnici con
funzioni di supporto tecnico nelle operazioni in campo.
Nel corso degli anni e fino ad oggi lattivit si ampliata e diversificata con:
1. attivit di ricerca e di diagnostica su:
superfici pittoriche
materiali lapidei naturali e artificiali
metalli
ceramiche
2. partecipazione a progetti di ricerca in ambito nazionale e internazionale:
Progetto STEP (Unione Europea, contratto CEE-STEP n. 0143 su effetto
degli inquinanti su lapidei esposti allaperto, modelli di diffusione degli
inquinanti)
Campagna SALVALARTE di Legambiente
Progetto ISTECH (Unione Europea, contratto n. ENV4-CT95-0106 su
protezione sismica con dispositivi innovativi quali leghe ad effetto memoria)
Progetto ART-CO2 (CNR applicazione di nuove tecnologie per il restauro e
la conservazione dei materiali ossei provenienti da scavi archeologici)
Progetto Coperture (MURST Legge 488 su tecniche di progettazione di
materiali/componenti per la conservazione e la fruizione di siti archelogici)
Progetto Parnaso (MURST collaborazione con PROT per la Carta del
Rischio)
Progetto Sidart (Fondi MIUR su alterazioni cromatiche su dipinti murali)
Progetto Duplicazione e Rinascita (MAE per Museo di Baghdad)
3. attivit di formazione, cresciuta nel corso degli anni in relazione allampliamento
dei corsi di laurea in Conservazione o in discipline affini (sia nella classe 13 che
41). Le collaborazioni sono state realizzate con le seguenti universit e
istituzioni:
Universit La Sapienza di Roma
116

Universit della Tuscia di Viterbo


Universit Cattolica di Milano
Universit di Perugia
Universit Statale di Pisa
Universit di Genova
Universit di Ferrara
Universit Suor Orsola Benincasa di Napoli
University College di Londra
Istituto Centrale per il Restauro
Collaborazioni con scuole secondarie inferiori e superiori
Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale" di Torino

4. attivit editoriale con molti contributi in libri relativi a grandi restauri o mostre o
in monografie di artisti; sono stati inoltre pubblicati i seguenti manuali relativi a
tre specifiche tecniche diagnostiche:
Pietro Moioli, Claudio Seccaroni FLUORESCENZA X Prontuario per lanalisi
XRF portatile applicata a superfici policrome, Nardini Editore, 2002
Omarini Sergio, La diagnostica con i colori; ENEA, Roma 2003
Pietro Moioli, Claudio Seccaroni Tecniche radiografiche applicate ai beni
culturali ENEA Editore 2004
Allinterno della collana Materiali della cultura artisticaApprofondimenti nel 2006 stato pubblicato il libro di
Claudio Seccaroni Giallorino, storia dei pigmenti gialli di
natura sintetica, De Luca Editore.
Sono in corso di pubblicazione:
IL GUERRIERO DI CERI. Studi interdisciplinari su un
capolavoro della pittura etrusca su terracotta, a cura
di G. F. Guidi, V. Belleli, G. Trojsi, ENEA Ed., 2006
Cura e pubblicazione degli atti del Convegno
internazionale sulla pittura murale del Quattrocento
(autunno 2006)
5. promozione e diffusione dellattivit attraverso lorganizzazione di convegni e
giornate di studio e la cura dei relativi atti.
Lattivit di ricerca e di servizio (prevalentemente per la
committenza pubblica) stata svolta costantemente nel
corso di tutti questi anni e ha portato alla effettuazione
di pi di 1000 interventi su opere darte. Le ultime
campagne sono state effettuate a:
Assisi, affreschi di Giotto, Cimabue e altri
Firenze, Santa Croce, Cappella Baroncelli
Milano, Pinacoteca di Brera, dipinti di
Andrea Mantegna e Giovanni Bellini
Citt di Castello, Gonfalone della Trinit,
Raffaello (RX presso ICR)
Giotto, Angelo, Citt del Vaticano, Grotte Vaticane (punti indagati mediante analisi XRF)

117

Genova, Museo di palazzo Bianco, Gerard David, polittico della Cervara e


Madonna della pappa
Citt del Vaticano, San Pietro, frammento musivo con angelo, dalla
Navicella di Giotto
Torino, Musei Civici, Antonello da Messina, ritratto di uomo (presso OPD)
Firenze, 8 dipinti presso OPD
Roma, Galleria Borghese, Garofalo, Fra Bartolomeo, Raffaello, Battistello
Caracciolo
Roma, Museo Nazionale dArte Orientale, 30 dipinti rituali tibetani (thangka)
Attualmente sono in corso di realizzazione oltre all attivit di diagnostica in campo
anche collaborazioni per ricerche con i seguenti organismi:
Universit La Sapienza di Roma
Universit di Tor Vergata di Roma
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Universit della Tuscia di Viterbo
Universit di Modena
Universit di Perugia
Universit Suor Orsola Benincasa di Napoli
Istituto Centrale per il Restauro
Opificio delle Pietre Dure.
Prospettive future
Lesperienza acquisita, la rete di relazioni e di collaborazioni sviluppatesi nel corso degli
anni ha permesso lo stabilirsi di una costante richiesta di attivit di servizio che
presumibilmente continuer nei prossimi anni. Si presuppone anche che tutte le attivit
sopraelencate (oltre alla gi menzionata attivit di servizio per la committenza esterna)
possano proseguire, sia in termini di progetti interni ENEA, che con la partecipazione a
programmi di ricerca finanziati dallesterno. Al riguardo sar necessario effettuare
lupdating della strumentazione e per quanto possibile sviluppare nuovi dispositivi per la
diagnostica in particolare non distruttiva.

Raffaello, Deposizione, Roma, Galleria Borghese (foto scattata


durante la campagna in situ di misure XRF)

118

In ambito intenazionale attualmente sono stati avviati contatti con lUniversit di


Granada e con il Ministero della Cultura del Marocco per la realizzazione di progetti di
interesse comune. Per il futuro prossimo sono in programma alcune campagne di
indagini a Oplontis (nell'ambito del progetto SIDART), ad Arezzo e presso l'Opificio delle
Pietre. Nell'ambito della collaborazione con il Museo Nazionale di Arte Orientale di
Roma il Personale ENEA sta lavorando alla stesura di un quaderno scientifico sui dipinti
tibetani, che verr edito in occasione di una mostra programmata a Roma nell'inverno
2006-2007.
L'attivit relativa allo studio delle fonti e delle tecnologie antiche, iniziata con la
pubblicazione del volume sui pigmenti gialli (del quale stata programmata una
presentazione a Firenze in settembre-ottobre 2006), proseguir con la stesura di lavori
equivalenti sull'impiego dei minerali di cobalto dall'antichit sino al XVIII secolo. Si
prevede altres la stesura di lavori e la predisposizione di DB relativi a documentazione
testuale antica, inclusa quella proveniente dallambito Vicino Orientale.Si prevede inoltre
l'avvio di una stretta collaborazione con la Soprintendenza di Bologna, in particolare con
la Pinacoteca Nazionale, finalizzata allo studio di opere presenti nelle loro collezioni e
alla diffusione dei risultati mediante seminari e workshop.

3.25 Diagnostica per immagini


(S. Ferriani)

Titolo

MIA - Analisi multivariata di immagini multispettrali (MIA)

Obiettivo

Sviluppo di metodi per lanalisi delle immagini multispettrali di


superficie pittoriche al fine di rendere pi precise ed affidabili le
diagnosi

Destinatari

Enti di ricerca, centri di diagnostica, operatori del settore

Tecnologie

La tecnica impiegata quella dellanalisi multivariata, o analisi


delle componenti principali, che consente di sintetizzare ed
estrarre le informazioni utili dalla vasta mole di dati contenute
nelle immagini

Metodologie

Sviluppo dei metodi e loro verifica mediante lapplicazione a


immagini diagnostiche multispettrali di opere pittoriche

Indicatori di
successo

Il successo del metodo si misura su:


1. facilit di impiego
2. utilizzo di strumenti HW/SW standard
3. capacit di estrarre indicazioni diagnostiche altrimenti
difficilmente rilevabili

La valutazione dello stato di conservazione delle opere darte fa largo uso di metodi di
indagine basati sullanalisi e sullinterpretazione di immagini. A questa categoria
appartengono le tecniche di indagine multispettrali utilizzate per lo studio e la diagnosi
degli strati pittorici di un dipinto. Lindagine prevede lacquisizione di immagini dellopera
con radiazioni monocromatiche a lunghezza donda prefissata. Ciascuna immagine
lunghezza donda fornisce informazioni su uno o pi strati pittorici presenti nel dipinto. In
particolare la radiazione ultravioletto fornisce informazioni sugli strati superficiali
119

evidenziando eventuali interventi di restauro, mentre linfrarosso vicino mette in


evidenza gli strati pi profondi, rilevando la presenza di disegni preparatori o
ripensamenti.
La procedura di analisi e comparazione richiede tempi e risorse considerevoli, e la
precisione ed affidabilit della diagnosi dipende fortemente dallesperienza
dellesaminatore. Un possibile superamento di questi limiti rappresentato dallutilizzo
dellanalisi multivariata delle immagini multispettrali (MIA). Questa tecnica di analisi
consente la riorganizzazione delle immagini diagnostiche in una nuova serie di
immagini, che rendono pi semplice il confronto e meno soggettiva la valutazione dello
stato di conservazione dellopera dalle quali lestrazione delle informazioni ed il
confronto risultano facilitati e pertanto la valutazione dello stato di con seriazione resa
meno sogg.
In collaborazione con lUniversit di Ferrara, sono stati messi a punto dei metodi di
analisi multivariata delle immagini multispettrali verificandone lefficacia sulle indagini del
Crocifisso di San Damiano e della Madonna Trivulzio del Mantenga, le immagini di
questultima sono state acquisite dallINOA utilizzando uno scanner ad alta risoluzione a
32 lunghezze donda diverse nellintervallo 380800nm.
I risultati mostrano che la compressione dellinformazione prodotta dalla MIA consente,
innanzitutto, una pi semplice e razionale estrazione dellinformazione dalla semplice
analisi visiva delle immagini rendendo pi affidabile la diagnosi. Inoltre essa in grado
di fornire un'informazione puntuale sulle diverse regioni dell'immagine esaminata.
Questa caratterizzazione, eseguita a partire dalle propriet spettrali di ciascun pixel
dell'immagine, permette di mettere in evidenza le caratteristiche comuni a tutta
l'immagine e, separatamente, delle regioni danneggiate o sottoposte a precedenti
interventi di restauro.

3.26 NODAN: Controlli non distruttivi mediante radiografia con


neutroni
(R. Rosa)

Titolo
Obiettivo
Destinatari
Tecnologie
Metodologie
Indicatori di successo

NODAN Analisi non distruttive con neutroni


Sviluppo e applicazioni di tecniche topografiche con utilizzo di
fasci di neutroni, anche in combinazione con altre sorgenti di
radiazione
Soprintendenze, Musei, Istituti Centrali del MiBAC; laboratori di
restauro pubblici e privati; universit, enti di ricerca
Radiografia con neutroni, raggi X e gamma;
Ricostruzioni tomografiche con metodologie di retroproiezione
filtrata (FBP) ottimizzate per la radiazione utilizzata;
visualizzazione 3-D con di strutture interne
Inclusione nel Network Europeo delle facilities di radiografia
neutronica.
Numerose pubblicazioni e partecipazioni a convegni specifici
della radiografia neutronica.
Richiesta di intervento come referee in riviste internazionali.
Richiesta di intervento come scientific committee member in
conferenze internazionali.
120

Presso i reattori TRIGA RC-1 e TAPIRO del Centro Ricerche Casaccia sono disponibili
fasci di neutroni collimati che, in combinazione con i metodi di imaging e con i software
di ricostruzione tomografica disponibili, consentono lesecuzione di controlli non
distruttivi mediante la tecnica basata sulla radiografia con neutroni. Differenti dimensioni
dei fasci, flussi ed energie dei neutroni possono garantire un ampio range di materiali e
di campioni da investigare.

Ricostruzione in 3D di una copia di manufatto di bronzo mediante tomografia neutronica

Sezione virtuale di un manufatto di ottone mediante tomografia neutronica: localizzazione di un


difetto di riempimento nella fase di fusione

Sezione virtuale di una ammonite mediante tomografia neutronica

Sono in corso attivit di analisi di fattibilit applicate a piccoli oggetti bronzei di


provenienza laziale mentre stata gi avviata lattivit di integrazione di una delle
postazioni disponibili presso TRIGA con un fascio collimato di raggi X provenienti da un
generatore di tipo industriale (300 kV). La doppia esposizione (neutroni termici + X),
combinata con due indipendenti sistemi di imaging, offrir una ancor pi vasta possibilit
di analizzare le strutture interne dei campioni, consentendo la localizzazione di difetti o
di particolari mediante la tomografia e lispezione virtuale degli oggetti stessi. Essendo
121

tutta lattivit di imaging (sincronizzata con il controllo di posizione dei campioni) basata
sullimpiego di PC, si sta procedendo, partendo dalla semplice remotizzazione del
controllo, alla gestione via rete dellintero processo, avendo come obiettivo una
integrazione con il sistema e-GRID. Applicazioni client-server in corso di sviluppo
consentiranno la telegestione delle misure, permettendo alle istituzioni che avranno
accesso alle facilities la visualizzazione e lacquisizione dei dati, con possibilit di
sviluppare tecniche di ricostruzione proprietarie o specifiche. Va rilevato limportante
aspetto del training specialistico per questi controlli non distruttivi. La disponibilit di
condivisione delle risorse strumentali, integrate nella costituenda infrastruttura di ricerca
europea EURICA, congiunta alla partnership con universit e istituti di ricerca, potr
agevolare la formazione di nuove professionalit a supporto della conservazione del
patrimonio artistico.

3.27 Biotecnologie microbiche per la conservazione ed il restauro


(A. R. Sprocati)

Titolo

Obiettivo
Destinatari
Tecniche
e
Tecnologie

Caratterizzazione microbiologica di opere (o siti) per un'analisi


descrittiva dei microorganismi colonizzatori e per la ricerca di
ceppi di interesse biotecnologico per applicazioni nella
conservazione e nel restauro.
Individuare i microorganismi presenti, definire il loro ruolo nei
processi di alterazione e le potenziali applicazioni nella
conservazione e nel restauro
Comunit scientifica, Soprintendenze, Restauratori
-Tecniche classiche per lsolamento di microorganismi coltivabili,
mediante terreni selettivi
-Impiego della PCR (Polymerase Chain Reaction) per il rilevamento
della presenza dei microorganismi presenti, ma non coltivabili e
per lanalisi delle sequenze molecolari, ai fini dellidentificazione
dei ceppi microbici isolati

-Dgge, Tgge, T-Rflp per lanalisi dei "profili molecolari" delle


comunit microbiche presenti
-Sistema Biolog TM per lo studio dei profili metabolici di
singoli ceppi microbici isolati e a livello di comunit
-Bioreattori per la produzione di biomassa microbica
-Microscopia ottica
Vengono usate inoltre: microscopia elettronica (SEM),
spettrofotometria colorimetrica e difrattometria a raggi X in
polvere.
Metodologie
Indicatori di
successo

Approccio polifasico attraverso luso integrato di Microbiologia


Classica, Biologia Molecolare, Ecologia Molecolare, Analisi
fenotipica globale
Richieste di collaborazione da parte dellUniversit La
Sapienza per lo svolgimento di tesi di laurea ed assegnazione di
incarico per linsegnamento di Microbiologia Ambientale
allinterno del corso di Laurea specialistica in Scienze Applicate
ai Beni Culturali e alla Diagnostica per la loro Conservazione
dellUniversit di Roma La Sapienza
122

Le attivit di microbiologica condotte nel campo dei beni culturali sono state avviate di
recente e rappresentano al momento unattivit di tipo esplorativo, collaterale alle linee
di ricerca principali della sezione Sviluppo di metodi innovativi per lanalisi ambientale,
che riguardano il settore ambientale. Allinterno della microbiologia ambientale, la
microbiologia dei beni culturali sta assumendo un ruolo importante in quanto la flora
microbica, che in grado di colonizzare quasi qualunque nicchia ecologica del pianeta,
cresce e prolifera anche sulle opere darte, usando come substrato di crescita o
direttamente i materiali di cui costituita lopera o i materiali di rivestimento, di supporto
o usati per passati restauri.
Come conseguenza della presenza dei microorganismi si pu osservare un duplice
effetto: da una parte il biodeterioramento del bene, dallaltra, invece, uninfluenza
positiva. Una migliore conoscenza dei microorganismi esistenti e la comprensione del
loro ruolo ecologico aprono la strada allo sviluppo di metodi per il controllo del
biodeterioramento e, contemporaneamente, allimpiego della flora microbica come
possibile soluzione per il restauro e la conservazione. Le biotecnologie microbiche,
attraverso lo sfruttamento di alcune delle molteplici capacit metaboliche dei
microorganismi, stanno apportando un interessante contributo alle tecnologie di
restauro. A titolo di esempio si riportano alcune delle capacit metaboliche di interesse
applicativo nel settore: biodegradazione di colle e patine, rimozione di precipitati
metallici, precipitazione di calcite attraverso la biocarbonatogenesi.
Le indagini finora condotte dal gruppo di microbiologia ENEA hanno riguardato una
caratterizzazione microbiologica di due ambienti ipogei: una stanza nella Villa dei Papiri
di Ercolano e la tomba della Mercareccia di Tarquinia.

Ceppo microbico TPBS 4

Ceppo microbico:TSC 8

La caratterizzazione della tomba della Mercareccia, per la quale si sta progettando un


futuro restauro, importante in quanto rappresenta per cos dire un punto 0 prima
dellapertura al pubblico e fornir la base per un monitoraggio del luogo per la sua
salvaguardia nel tempo. La caratterizzazione microbiologica di un ipogeo permette,
infatti, di determinare quali microorganismi hanno colonizzato il monumento nel corso
degli anni, in assenza di interventi. Questo un punto di partenza necessario per ogni
trattamento di restauro, in quanto rende possibile una ragionevole previsione sul modo
in cui la comunit microbica si potr sviluppare ed evolvere nel tempo, fornendo cos la
base per stabilire un protocollo di monitoraggio della velocit di colonizzazione
microbica e del cambiamento della popolazione microbica come funzione della
composizione dei substrati, delle condizioni ambientali e del restauro. In questo modo
sar possibile salvaguardare il monumento nel tempo e prevenire il deterioramento
associato allo sfruttamento culturale del bene artistico.
123

Dalla Mercareccia sono stati isolati circa 150 ceppi microbici eterotrofi e, tra questi,
sono state selezionate due categorie di ceppi su cui approfondire lo studio: i ceppi in
grado di sciogliere i carbonati, in quanto potenzialmente correlati al deterioramento della
roccia stessa ed i ceppi in grado di precipitare carbonati di calcio, sottoforma di calcite.
La condizione metabolica del primo gruppo in natura meno frequente ed infatti, mentre
sono stati isolati solo 6 ceppi in grado di solubilizzare i carbonati, ne sono stati isolati
circa 70 in grado di precipitare cristalli. I cristalli prodotti sono attualmente oggetto di
indagine per determinare le caratteristiche della calcite prodotta. In vista di valutare la
potenzialit applicativa di questi ceppi, nellambito delle biotecnologie microbiche per il
restauro, alcuni dei ceppi precipitatori di carbonati sono attualmente impiegati in
sperimentazioni su provini di pietra di Lecce per valutarne lefficacia nel depositare la
calcite. Le immagini a lato mostrano due diverse forme di calcite prodotte da due ceppi
isolati, nei laboratori ENEA, dalla tomba della Mercareccia. La diversit del cristallo
prodotto a partire dallo stesso terreno di crescita indice del fatto che la
bioprecipitazione sia governata da un processo attivo, dipendente dal metabolismo
microbico.

3.28 Aerofotogrammetria per aggiornamenti catastali


(P. Auer, A. B. Della Rocca)

Titolo

Aerofotogrammetria per aggiornamenti catastali

Obiettivo

Aggiornamento delle informazioni cartografiche catastali e


intensificazione della maglia secondaria di "punti fiduciali".

Destinatari

Tecnologie

Ministero delle Finanze


- Dipartimento del Territorio
- Direzione Centrale del Catasto, dei Servizi
Geotopocartografici e della Conservazione dei Registri
Immobiliari
Elaborazione immagini Osservazione del territorio

Metodologie

Riprese aeree stereoscopiche

Indicatori di
successo

Il progetto ha dimostrato la reale capacit della


areofotogrammetria digitale di soddisfare le esigenze.

La Direzione Centrale del Catasto, dei Servizi


Geotopocartografici e della Conservazione dei Registri
Immobiliari ha richiesto sistemi (hardware e software) per la
gestione e laggiornamento di tutte le informazioni catastali
relative sia ai terreni, sia agli edifici, nonch
lintensificazione della maglia secondaria di "punti fiduciali",
i quali costituiscono la rete topografica di dettaglio del
Catasto Italiano.
L'obiettivo fondamentale dell'applicazione stato lo studio e
la sperimentazione di sistemi e metodi di elaborazione di
riprese aeree stereoscopiche.

124

Il progetto ha permesso anche di valutare le principali voci di costo che gravano su


unapplicazione operativa di metodi e di sistemi sperimentali di questo tipo, mettendoli in
relazione con i principali benefici:
la rapidit di ottenimento delle informazioni rispetto alla ampiezza delle aree
territoriali da rilevare;
la capacit di aggiornare i dati con la periodicit necessaria.
Nellambito dei beni culturali, gli strumenti e le competenze tecnico-scientifiche acquisite
in questo progetto possono essere trasferite alla realizzazione di applicazioni
direttamente connesse con la dettagliata collocazione nel territorio di beni culturali ed
archeologici.

3.29 Catalogazione: utilizzabilit dei dati


(L. Moretti, R. DOrazi)

Le attivit relative alla catalogazione sono state sviluppate sulla base di specifiche
esigenze della committenza. stato perseguito il fine di massima utilizzabilit da parte
dellutente, anche non esperto. Le odierne dotazioni tecnologiche permettono lo sviluppo
di interfacce semplici e potenti su diversi tipi di uscita: software, CD-ROM, DVD-video,
Web, telefonini ecc.
Un grosso sforzo stato proprio quello di trasferire informazioni gi esistenti ma
difficilmente utilizzabili verso una platea pi vasta possibile con una interfaccia
estremamente semplificata. Nello specifico, stato creato un software e un CD-ROM
per l'archivio multimediale del fondo fotografico "Igino Benvenuto Supino" appartenente
all'Universit di Bologna, nell'ambito del progetto UE GIANO. Nelle schermate si
possono vedere quali e quante possibilit si riescono ad ottenere solamente nella
visione di un grande archivio fotografico.

Esempio di ricerca

Esempio di scheda di foto storica

CD-ROM dellarchivio fotografico Igino Benvenuto Supino

Sulla base di queste esperienze stato realizzato lo studio per la catalogazione di un


imponente archivio di manifesti storici, una nuova tipologia di opera d'arte, che si
espander, in una fase successiva, verso settori differenti come ad esempio leditoria
darte attraverso luso del linguaggio XML.

125

3.30 Utilizzo di radiazioni ionizzanti per la bonifica di materiale


bibiografico-documentale
(M. Adamo, G. Magaudda)

Titolo

Utilizzo di radiazioni ionizzanti per la bonifica di materiale


bibiografico-documentale

Obiettivo

Sviluppo di un processo innovativo per la bonifica dei beni culturali


(materiale bibliografico-documentale, manufatti in legno, tela,
lapidei, etc.) da artropodi, microrganismi (funghi microscopici,
batteri ed alghe) e vegetali superiori per mezzo di radiazioni
ionizzanti. Si tratta di validare, nel campo dei beni culturali, un
sistema di intervento conservativo, attraverso una sperimentazione
in riferimento sia agli organismi da combattere, sia al materiale da
trattare, sia sulla fattibilit tecnico-economica, sia, infine, alla
trasferibilit dei risultati della ricerca alle industrie del settore e alle
Istituzioni competenti perch ne stabiliscano le norme applicative.

Destinatari

Soprintendenze, Biblioteche, Archivi, Fototeche e tutto il settore dei


musei.

Tecnologie

Dosimetria per la ricerca della geometria e delle condizioni pi


idonee al trattamento.
Irraggiamento gamma per la disinfezione e disinfestazione dei beni
culturali.
Analisi microbiologiche pre-post irraggiamento per la valutazione
della carica microbiologica.
Prove di radioresistenza su insetti.
Messa a punto, applicazione di tecnologie e processi per il
raggiungimento dellObiettivo; ricerca bibliografica

Metodologia
Indicatori di
successo

Richieste di collaborazione da parte delle Istituzioni destinatarie.


Pubblicazioni esterne.

LItalia, come noto, possiede una buona percentuale dellintero patrimonio mondiale di
beni culturali. Tuttavia lestrema distribuzione di questi beni nel territorio e le particolari
caratteristiche orografiche del Paese (da aggiungere alla cronica trascuratezza della
mano pubblica nello stanziare fondi per le pratiche di una ordinaria conservazione) ne
rendono assai difficile la tutela in casi particolari. Infatti, con preoccupante frequenza
fenomeni naturali di eccezionale intensit ad esempio la piovosit, costituiscono la
causa scatenante di smottamenti e inondazioni.
In conseguenza di questi eventi non raro che anche il patrimonio culturale venga
travolto dalle acque per essere cos predisposto ad un rapido quanto ineluttabile
biodeterioramnento.
Occorre quindi predisporre efficaci piani che, in casi di emergenze ambientali ci colgano
preparati anche ad interventi straordinari sui beni culturali e in particolare quello librario,
documentario e fotografico.

126

Largomento interessa pi di un paese e lo studio delle soluzioni pi efficaci presuppone


un approccio multidisciplinare di tecnologi e specialisti di varie discipline scientifiche
nonch di responsabili della conservazione.
Negli ultimi anni la sensibilit di molti governi sulla questione ambientale e gli
approfondimenti delle conoscenze sugli effetti nocivi degli agenti chimici nei confronti
dellambiente e della stessa salute umana, hanno spinto i Paesi pi avanzati ad
emanare disposizioni e normative sempre pi stringenti.
Il Protocollo di Montreal, siglato nel 1991 dai Paesi maggiormente industrializzati
prevede la riduzione e/o la messa al bando di alcuni fumiganti. Anche lossido di etilene
che viene attualmente utilizzato di routine in Italia per la sterilizzazione di libri e
documenti sar presto bandito perch rivelatosi mutageno, cancerogeno e dannoso per
lambiente.
Lefficienza dellirraggiamento come agente disinfettante/disinfestante e addirittura
sterilizzante ha fatto decollare la relativa tecnologia arrivando anche ad influenzare le
abitudini e lo stile di lavoro di alcuni comparti; basti pensare allimpiego di materiale
monouso nei laboratori biologici o dei prodotti usa e getta in campo medico.
Questa linea di attivit, che si basa sul principio di azione fisica delle radiazioni
ionizzanti, vuole dimostrare la fattibilit pratica di un processo tecnologico al servizio di
chi ha la responsabilit della conservazione del patrimonio artistico e culturale, processo
che sia al tempo stesso efficace e sostenibile nei confronti dei materiali artistici e
storici, cos come del materiale bibliografico-documentale.
Lobiettivo da conseguire non solo quello di rimuovere le cause di degrado e bloccare i
processi distruttivi in atto ma soprattutto la possibilit di trattare grosse quantit di
materiale biodeteriorato con tempi ridotti e procedure controllate e codificate (soprattutto
in caso di calamit naturali quali alluvioni, terremoti, eventi bellici ecc.).
Sullargomento si gi riscontrata una convergenza di interessi che vede collaborare da
tempo lENEA con lIstituto Centrale per la patologia del Libro, con lIstituto Poligrafico e
Zecca dello Stato e attualmente stata attivata una convenzione con il Centro di
Fotoriproduzione Legatoria e Restauro degli Archivi di Stato.
In particolare si sono effettuate ricerche congiunte con lo scopo di misurare le
caratteristiche meccaniche e chimiche di diversi tipi di carta, dopo averli irraggiati,
mettendoli a confronto con quelli invecchiati o non trattati affatto. Abbiamo controllato la
solidit del colore di inchiostri da stampa e le eventuali variazioni di colore degli stessi.
Negli ultimi anni ci parso utile indagare se- come avviene per il trattamento con ossido
di etilene anche usando le radiazioni ionizzanti i biodeteriogeni che riusciamo ad
eliminare con questo trattamento fossero in grado di arrecare danni pi gravi, rispetto al
materiale non trattato, quando nel successivo tempo di conservazione tali organismi
dovessero entrare in contatto con la carta infestandola nuovamente. Con questo ultimo
obiettivo abbiamo condotto delle ricerche su insetti blattoidei della specie Perplaneta
americana e su microfunghi cellulosolitici del genere Penicillium (P.chrysogenum).
Gli ultimi due anni sono stati dedicati allo studio delle alterazioni prodotte nella cellulosa
e nella carta a lunga conservazione (permanente e durevole) da trattamenti di
invecchiamento, idrolisi ed irraggiamento gamma anche tra loro associati.
Attualmente sono state condotte prove preliminari su materiale fotografico che sar
oggetto di studio per i prossimi due anni.
127

I risultati di tutta lattivit sperimentale da noi fin qui condotta indicano le radiazioni
ionizzanti estremamente efficaci nelleradicazione di insetti nocivi e nella bonifica dalla
microflora fungina. ugualmente incoraggiante aver dimostrato che, alle dosi
necessarie per un efficace trattamento (indicativamente 0,2-0,5 kGy per gli insetti e 3
kGy per i funghi microscopici) non si riscontrato alcun effetto significativamente
negativo sulle caratteristiche meccaniche e fisiche della cellulosa pura e della carta
permanente, sugli inchiostri da stampa, sulla vulnerabilit del materiale trattato quando
veniva nuovamente sottoposto sia alla infestazione che allinfezione da parte dei
biodeteriogeni. Altre prove sperimentali sono in corso.

3.31 Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la


Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
(S. Fanou)

Titolo
Obiettivo

Destinatari
Tecnologie e
Tecniche

Metodologie
Indicatori di
successo

Metodologie e Tecnologie Innovative e Sostenibili per la


Conservazione dei siti e delle emergenze architettoniche /
archeologiche
Sviluppare ed applicare metodologie integrando gli impatti di
energia, del clima e degli inquinanti con le tecnologie
diagnostiche (di controllo non distruttivo e/o microdistruttive) per
la caratterizzazione materica, la definizione dello status
conservativo, la individuazione di eventuali cause del degrado
finalizzato alla progettazione di interventi di restauro e/o
recupero di siti archeologici - singole emergenze architettoniche
- centi storici, la loro fruizione sostenibile e la loro gestione.
Soprintendenze, edifici museali, Istituti Centrali del MiBAC,
Comuni, Regioni.
Sistemi di acquisizione dati micro- e macro-climatici e staticostrutturali in regime statico e/o dinamico, Laser-scan, restituzione
iconica 2D, 2,5D, 3D, tecnologie endoscopiche, Termografia,
Ultrasuoni, Diffrazione X, Georadar, Processi di invecchiamento
e di durabilit materiali in camera climatica, utilizzo modelli
deposizione e dispersione inquinanti atmosferici.
Applicazione delle tecnologie summenzionate e messa a punto
di metodologie di carattere interdisciplinare per il conseguimento
degli obiettivi.
Richieste di partecipazione a progetti interdisciplinari di istanza
energetico-architettonico-ambientale,
riguardanti
interventi
innovativi e sostenibili in siti archeologici, emergenze
architettoniche, centri storici; richieste di partecipazioni a
seminari e Master dalle Istituzioni di Tutela, le Municipalit e le
Universit; Assegnazione di incarico per linsegnamento della
specifica disciplina di Restauro Architettonico dalla parte
dellUniversit degli Studi di Roma La Sapienza, Facolt di
Ingegneria. Richieste d collaborazioni da diverse Universit per
lo svolgimento di tesi di laurea; partecipazione a workshop,
commissioni e comitati; pubblicazioni esterne.
128

Lattivit dedicata alla correlazione degli aspetti


energetici
con
quelli
specifici
finalizzati
alla
Conservazione del Patrimonio Culturale, stata
inizialmente intrapresa nellambito del Dipartimento
Energia in accordo con la Unit ART sin dal 1996.
Attualmente, si svolge allinterno della Divisione
Qualificazione dei Materiali e, a volte, in collaborazione
con altre Unit dellEnte.
Nel corso degli anni sono state svolte molteplici linee di
intervento esplicitate attraverso lo studio e il controllo dei
parametri micro- e macro- climatici di ambienti confinanti
ed ospitanti opere eminenti e vulnerabili, la modellistica
del comportamento energetico ambientale (attraverso
il codice di simulazione SUNCODE PC Building Load Simulation Programme /I/) degli
edifici vincolati dalle leggi di tutela, linserimento di alcune applicazioni di automazione e
di sistemi intelligenti al controllo dellenergia, del comfort, delle funzioni degli edifici
vincolati.

NECROPOLI DI PORTA
VESUVIO, POMPEI:
TOMBA DI VESTORIUS
PRISCUS

129

Progettazione di una struttura protettiva, ad involucro geometrico e simulazione ante operam


delle prestazioni energetiche per la conservazione del ciclo pittorico e del manufatto stesso

Parallelamente ed in sinergia con le precedenti sono state effettuate indagini riguardant,


in maniera prevalente, la caratterizzazione della materia e leventuale danno subito,
attraverso interventi di endoscopia, elaborazione digitale delle imagini, fluorescenze XRXD, indagini termografiche ultasoniche.

Termogramma e Segnale Ultrasonoro (A-scan) rilevato


nel punto P3 di parete tardo 400sca del Palazzo
Todesco, centro storico di Serravalle

TREVISO, COMUNE DI VITTORIO VENETO, RECUPERO ENERGETICOARCHITETTONICO


AMBIENTALE SOSTENIBILE DEL CENTRO STORICO DI SERRAVELLE. PROGETTO PILOTA

130

57,5

0
Foro
microcarotagg

Materiale litoide

Vuoti

Gesso

Caementa

57

Lapplicazioni
di
queste
tematiche
consente
di
intervenire in diversi settori del
Patrimonio Culturale, quali la
protezione e la conservazione,
fruizione sostenibile e gestione
degli
edifici
di
pregio
architettonico, artistico e storico,
dei giacimenti archeologici, il
controllo del microclima di
ambienti confinanti ed ospitanti
opere eminenti e vulnerabili, il
recupero conservativo e/o di
trasformazione dei centri storici
(ambiente, statica degli edifici,
ecc).

Schematizzazione grafica di sezioni murarie, ottenute dalle indagini endoscopiche ed


ultrasoniche e comparazione con i relativi microprelievi murari. Indagini mineralogiche
petrografiche e caratterizzazioni. Palazzo Todesco, Centro Storico di Serravalle

57,

T
Foro
microcarotaggio

Onda
ultrasonora

Strumento Ultrasonoro

Il successivo inserimento delle dinamiche ambientali complessive sulle variabili


valutative per la conservazione del Patrimonio Culturale ha permesso di estendere
lapproccio sistemico ad una scala pi grande (territoriale), di siti aventi comunque
vincoli di tutela. Il calcolo dellimpronta ecologica, strumento efficace per la stima dei
consumi di materia e di energia che caratterizzano la presenza e le attivit antropiche
sul territorio, contribuisce ulteriormente a controllare e valutare linserimento dei pricipi
dello Sviluppo Sostenibile nellambito del Patrimonio Culturale e distinguere le
valutazioni temporali in breve, medio e lungo termine.

131

3.32 Progetto ISHTAR: Software MODA


(S. Fanou)

Titolo

SOFTWARE MODA (MONUMENT DAMAGE), realizzato


nellambito del progetto ISHTAR (attivit WP: impatto
dellinquinamento atmosferico sulla materia monumentale)

Obiettivo

Stimare il danno provocato sui monumenti dallinquinamento


atmosferico e verificare le strategie delle politiche ambientali
riguardo la protezione della materia monumentale e la riduzione
dei costi di restauro e di manutenzione.

Destinatari

Soprintendenze, Comuni, Regioni, Specialisti della materia di


Restauro ed operatori del campo, pianificatori

Tecnologie e
Tecniche

v. sotto

Metodologie

v. sotto

Indicatori di
successo

Richieste di applicazione da parte delle Istituzioni destinatarie.


Richieste di partecipazioni a convegni nazionali ed internazionali

Il S/W denominato MODA, MOnument DAmage, si riferisce allimpatto dellinquinamento


atmosferico sui materiali delle superfici storiche e monumentali. Questo modulo,
realizzato appositamente nellambito del Progetto ISHTAR stato sviluppato dallENEA
in collaborazione con la PHAOS srl ed ha le seguenti capacit:
calcolare il potenziale danno sui monumenti in base alle equazioni
sperimentali disponibili;
registrare levoluzione del danno e le attivit di restauro / manutenzione dei
monumenti;
registrare le condizioni del contesto monumentale (per esempio: condizioni
microclimatiche, inquinamento atmosferico, condizioni del costruito intorno al
monumento);
esaminare limpatto dei diversi livelli dellinquinamento atmosferico sulle
alterazioni dei monumenti (per esempio: diverse concentrazioni di inquinanti
dovuti a diverse pianificazioni e programmazioni del traffico);
calcolare il costo del restauro di una determinata alterazione rispetto alle
buone pratiche manutentive o rispetto a scenari di riduzione degli inquinanti.

132

ARCHITETTURA DI BASE DEL S/W MODA E CONNESSIONE CON LA SUITE ISHTAR

Per rispondere alle diverse esigenze degli utenti sono previste due diverse opzioni che
diferiscono per il livello di approfondimento su ogni monumento.
LOpzione 1 calcola il danno della materia e si basa su determinate condizioni descritte
dallutente, senza considerare un specifico monumento, bens considerando solo
categorie di materiali (p.e: materiali calcarei). Questa Opzione si presta per valutare
limpatto del traffico e degli inquinanti sui materiali in una determinata area e comunque
su grande scala.
Calcolo del danno - Opzione 1

LOpzione 2 calcola il danno su uno specifico monumento e valuta come una


determinata concentrazione di inquinanti possono lederlo. Lopzione pi adatta per
uno specialista in Restauro che ad un decisore di pianificazione. Labilit di questa
opzione sta nel fatto che lo specialista pu formulare i propri giudizi sulleventuale danno
e pu associare i rischi dovuti allinquinamento con fattori specifici della materia
conservativa.

133

Calcolo del danno - Opzione 2

Metodologia per lOpzione 1

134

Metodologia per lOpzione 2

Oltre il modulo inserito nellISHTAR Suite, MODA pu funzionare anche


autonomamente. Inoltre, il data base riguardante i monumenti pu essere usato come
strumento autonomo, per archiviare informazioni sulle condizioni dei monumenti (per
esempio dati storici, restauri, manutenzioni ecc.).
Si segnala che al giorno doggi non sono disponibili altri, analoghi o simili tools o s/w, o
parte di essi, che possono essere amplificati, integrati, modificati e/o usati come base
e/o esempio. Il s/w MODA stato realizzato esclusivamente per le necessit del
Progetto ISHTAR e nellambito dellattivit del WP7, inerente allimpatto degli inquinanti
sulla materia monumentale. Nonostante ci, oltre al modulo incorporato nella Suite
ISHTAR, il MODA stato pensato ed anche realizzato per funzionare come un
autonomo tool (ed eventualmente come un autonomo s/w).
La versione autonoma del s/w funziona con Microsoft Access ed scritta in Visual
Base.

135

3.33 La tutela dei centri storici darte dai rischi naturali:una chiave di
lettura per lo sviluppo sociale ed economico delle comunit locali
(C. Margottini, G. Delmonaco)

Titolo

Centri storici minori

Obiettivo

Tutelare e Valorizzare i centri storici d'arte

Destinatari

Amministrazioni pubbliche locali, Enti Parco, GAL

Tecnologie

GIS

Metodologie

Economia ambientale

Indicatori di
successo

Incremento turistico e benefici economici nei centri d'arte minori

Il progressivo affermarsi del paradigma dello sviluppo sostenibile ha determinato la fine


del ciclo espansivo della societ industriale e del connesso fenomeno dellurbanesimo,
imponendo nuove strategie volte al recupero del patrimonio esistente ed
allottimizzazione del suo uso.
Sia in campo urbanistico che territoriale/ambientale, pertanto, tendono ormai a prevalere
gli investimenti mirati alla conservazione, al restauro, al recupero e alla
rifunzionalizzazione del patrimonio architettonico ed ambientale esistente, con
particolare riguardo per quello caratterizzato da importanti valori storico-culturali e/o
naturalistico-ambientali.
Il recupero dei centri storici, maggiori e minori; la creazione di parchi naturali e culturali;
il restauro dei monumenti; la musealizzazione e la valorizzazione delle testimonianze pi
tipiche della cultura materiale; larcheologia industriale; limposizione o elevazione degli
standard di qualit nella gestione di tutte le attivit che impattano direttamente o
indirettamente sulla conservazione del patrimonio culturale e ambientale; la
programmazione sistematica della manutenzione dei beni; e ancora molte altre tipologie
di intervento sul patrimonio, hanno finito per impegnare buona parte degli investimenti
riguardanti le citt ed il territorio. Queste azioni, almeno fino ad oggi, non sono state
condotte con una logica di sistema ma hanno semmai seguito lapproccio degli interventi
puntuali. Intervenire in forma integrata in tale settore richiede invece un approccio
globale che individui gli obiettivi di medio e lungo periodo e, allinterno di questi,
definisca le azioni necessarie per una corretta conservazione e valorizzazione del
patrimonio del paese.
La programmazione strategica di uno sviluppo socio-economico locale integrato passa
quindi attraverso lidentificazione e la delimitazione di un contesto territoriale (Valentino,
1999) dove, in conseguenza di un habitat naturale e geografico preesistente e di uno
sviluppo storico di tipo architettonico, urbanistico, sociale, culturale anche condizionato
dalle perturbazioni dellambiente fisico, si individuino omogenee distribuzioni di indicatori
caratteristici (paesaggio culturale).
Dal punto di vista strettamente socio-economico lunit omogENEA di paesaggio
culturale (anche definibile sistema territoriale) si caratterizza oltretutto per essere un
insieme finito e strutturato di risorse e di attivit per le quali possibile individuare
interrelazioni funzionali forti e significative rispetto a un determinato programma di
sviluppo.
136

Quando si parla di paesaggio culturale, quindi, si prescinde dalle delimitazioni


amministrative esistenti, visto che i fattori storici e geografici rappresentano le condizioni
al contorno da cui partire per identificare il distretto stesso. Essi costituiscono,
solitamente, le determinanti fondamentali di ogni processo di identificazione culturale e
ambientale che sono alla base del sistema sociale, entro cui continuare ad esprimere i
significati economici e funzionali del sistema stesso.
Pertanto quando si parla di identit storico-geografica o di patrimonio culturale e
ambientale, si fa riferimento ad un vero e proprio sistema di valori che identifica una
micro-cultura a livello locale, appunto il paesaggio culturale.
Le perturbazioni che subiscono le unit di paesaggio culturali sono molteplici ma
sicuramente i rischi naturali hanno rappresentato e rappresentano tuttora un forte
elemento destabilizzante. Ci in quanto i disastri naturali, siano essi terremoti, frane,
alluvioni, ed altro, provocano sia il danneggiamento e/o la distruzione del singolo bene
culturale, nellimmediato periodo, sia un forte condizionamento allo sviluppo dellarea,
nel medio lungo periodo, la quale viene a mancare di quegli elementi di attrazione
esclusivi in grado di costituire il volano di tutta leconomia locale.
Le strategie politiche sviluppate negli scorsi decenni per la salvaguardia dei beni
culturali dai rischi naturali prevedevano quasi esclusivamente interventi mirati, ad opera
degli addetti ai beni culturali, posteriormente a fenomeni che avevano pregiudicati
lassetto statico strutturale dei manufatti, siano essi monumenti archeologici, edifici di
particolare interesse storico ancora in uso (beni architettonici), contenitori di beni o citt
darte.
Il passaggio che ancora deve essere compiuto, e che ci si prefigge di effettuare con il
sistema dei paesaggi/distretti culturali, consiste invece nellintegrare il bene culturale nel
complesso del territorio, avviando quindi parallelamente le politiche di tutela,
valorizzazione e fruizione. Ovviamente nelle analisi e nelle valutazioni loggetto di
indagine deve migrare dal singolo bene al contesto, introducendo quindi le componenti
ambientali, come pure come pure il sistema socio-economico-infrastrutturale (es. il
centro storico). In questo caso tutti gli aspetti di base scientifica entrerebbero a far parte
di una metodologia sistemica, in quanto costituiscono ciascuno un tassello necessario
sia alla valutazione del rischio sia allindividuazione delle eventuali strategie di
prevenzione.
La stessa fruizione non deve essere confinata esclusivamente negli aspetti architettonici
ma, sin dal primo istante, deve contestualizzare il bene culturale nel sistema fisico e
geografico, evidenziare le criticit ambientali e gli scenari di rischio attesi, facendo quindi
ricorso al forte impatto mediatico che lecologia delle catastrofi ha nella mente umana,
fino ad illustrare le politiche di prevenzione, con sistemi a basso impatto ambientale, che
sono state adottate.
Partendo da tali considerazioni quindi possibile comprendere finalit e natura di un
progetto integrato darea, e di conseguenza limportanza del patrimonio culturale e
ambientale come motore dello sviluppo locale in aree a rischio. Le politiche di tutela,
valorizzazione e fruizione dei singoli beni devono quindi incorporare:
lo sviluppo sostenibile locale;
le strategie di prevenzione dei rischi naturali;
lo sviluppo di nuove occupazioni e professionalit finalizzate alla mitigazione
sostenibile dei rischi naturali;

137

la fruizione ampia che si basi sullinsieme dei caratteri costitutivi del


paesaggio/distretto culturale.
Limportante non confinare la tutela al solo assetto statico del bene culturale,
perdendo vista il contesto ambientale e quindi le perturbazioni naturali a cui questo
potrebbe andare incontro.

3.34 MATER - Monitoraggio Architettonico e Ambientale mediante


Tecniche di Elaborazione di immagini Radar
(C. Margottini,G. Delmonaco, C. Puglisi, L. Falconi)

Titolo

MATER - MONITORAGGIO ARCHITETTONICO E AMBIENTALE MEDIANTE


TECNICHE DI ELABORAZIONE DI IMMAGINI RADAR

Obiettivo

Validazione dei sistemi di monitoraggio radar ed ottimizzazione


delle tecniche tradizionale per il controllo dellinstabilit dei
versanti franosi

Destinatari

Ministero dei Beni Culturali, Ministero della Ricerca, Ministero


dellAmbiente, Soprintendenze, Amministrazioni locali, PMI del
settore ricerca applicata

Tecnologie

Radar, Interferometria SAR, Sistemi di monitoraggio a terra,


Sistemi informativi territoriali

Metodologie

Analisi comparativa dei diversi sistemi di monitoraggio

Indicatori di
successo

Interessamento dei destinatari finali allo sviluppo della


tecnologia. Estensione della metodologia ad altri siti (Machu
Picchu)

Obiettivo del progetto la validazione della strumentazione radar e lottimizzazione delle


tecniche di monitoraggio tradizionale per il rilevamento ed il controllo di movimenti del
terreno legati a processi erosivi e frane. Lanalisi viene condotta attraverso lapplicazione
al sito di Civita di Bagnoregio (VT).
Il monitoraggio, effettuato con la innovativa metodologia radar denominata
Interferometria SAR, viene integrato con un piano di controlli e misure, basate su
tecniche tradizionali. Lutilizzazione di tali tecniche funzionale alla verificare dei reali
movimenti della rupe su cui sorge il centro storico e alla conferma dei risultati delle
misure radar.

138

Il progetto ha installato un completo sistema di monitoraggio, consentendo il controllo


praticamente in continuo di diversi parametri geotecnici, geofisici e meteorologici, e la
relativa elaborazione conoscitiva dei dati rilevati.
Le metodologie applicate hanno permesso di:
approfondire le conoscenze relative ai fenomeni di dissesto della rupe di Civita
di Bagnoregio;
sviluppare un sistema integrato di monitoraggio che, sulla base dei risultati
sperimentali, consenta di valutare le condizioni di rischio e fornire le
informazioni in tempo reale per scopi di protezione civile con lausilio di
modelli;
approfondire le conoscenze specifiche delle carte del rischio idrogeologico
dellarea circostante il sito.
Il progetto di ricerca, costituito da indagini preliminari, monitoraggio degli spostamenti e
delle condizioni di stress dellammasso roccioso, confronto dei dati tradizionali con quelli
ottenuti con la metodologia radar innovativa, unitamente agli studi per la definizione di
modelli evolutivi del versante e carte del rischio, ha fornito un prototipo facilmente
trasferibile ad altri insediamenti del territorio nazionale con problemi analoghi di
instabilit.

3.35 Linee guida per la salvaguardia dei beni culturali dai rischi
naturali
(C. Margottini, G. Delmonaco, L. Falconi, G. Martini, S. Paolini, C. Puglisi)

Titolo

Linee guida per la salvaguardia dei beni culturali dai rischi


naturali

Obiettivo

Sviluppo ed elaborazione di linee guida per la definizione del


rischio da fenomeni naturali dei BB. CC.

Destinatari

Ministero dei Beni Culturali, Ministero della Ricerca, Ministero


dellAmbiente, Soprintendenze, Amministrazioni locali

Tecnologie

Rilievi diretti, sistemi di monitoraggio a terra, sistemi informativi


territoriali, modellazione geotecnica

Metodologie

Determinazione di scenari regionali e indagini a livello locale.

Indicatori di
successo

Adozione delle Linee Guida (Metodo ENEA) da parte dellIstituto


Centrale per il Restauro (ICR) e dellUNESCO

Il progetto ha inteso sviluppare ed elaborare uno studio quadro sulla pericolosit e


vulnerabilit da fenomeni naturali nei siti di interesse storico e architettonico, per fornire,
attraverso lo strumento delle Linee Guida, indicazioni sulle modalit da seguire per la
definizione delle condizioni di rischio ad uso delle autorit competenti (Soprintendenze,
Regioni,ecc.).
Le attivit sono state condotte in due fasi: in prima istanza la determinazione di scenari
regionali, attraverso la macrozonazione, e secondariamente le indagini a livello locale.

139

Il primo approccio stato realizzato utilizzando carte del rischio a scala nazionale (es.
Carta del rischio idrogeologico, Mappa sismica dItalia, Carta dei fenomeni eolici
eccezionali, progetto AVI) e sovrapponendole alla distribuzione spaziale del patrimonio
culturale (Mappa del rischio dellICR). stato cos possibile individuare le zone di pregio
pi vulnerabili del territorio nazionale e selezionare, in accordo con le soprintendenze e i
soggetti coinvolti, le aree campione per gli studi locali

La seconda fase stata indirizzata allanalisi a scala locale dei 12 siti campione,
costituiti da centri storici e siti archeologici.
Sono state condotte indagini multi-disciplinari mirate a:
definire le caratteristiche di pericolosit, principalmente sismica ed
idrogeologica, dei siti, approfondendo le conoscenze disponibili sulle aree e
producendo nuova cartografia tematica di dettaglio;
valutare la vulnerabilit specifica dei beni ubicati nei siti (reperti, edifici,
manufatti ), estendendo in maniera innovativa questo tipo di analisi
allambito dei fenomeni franosi.
La ricerca ha permesso lo sviluppo di linee guida, specificatamente tarate sulla
salvaguardia dei BB. CC., per:
la previsione degli eventi naturali catastrofici,
linterpretazione della risposta dei beni alla forzante naturale (terremoti,
alluvioni e, per la prima volta, frane),
la definizione delle condizioni di rischio specifiche per tipologia di bene (centro
storico, sito archeologico o contenitore) e di fenomeno naturale (terremoto,
alluvione, frana)
la prevenzione e mitigazione dei loro effetti sui beni culturali.

140

3.36 V.I.P. Valutazione di Impatto sul Paesaggio


(G. Delmonaco, C. Margottini, L. Falconi, G. Martini, S. Paolini, C. Puglisi, A. Trocciola)

Titolo

V.I.P. Valutazione di Impatto Paesaggistico

Obiettivo

Realizzazione di un DSS per il contenimento dellimpatto


paesaggistico degli interventi di messa in sicurezza dei BB.CC.
interessati da fenomeni franosi

Destinatari

Ministero dei Beni Culturali, Ministero della Ricerca, Ministero


dellAmbiente, Soprintendenze, Amministrazioni locali, PMI del
settore ricerca applicata allInformatica, PMI del settore
Ingegneria Civile

Tecnologie

Rilievi diretti, sistemi di monitoraggio a terra, sistemi informativi


territoriali, rendering fotografici

Metodologie

Analisi di sito distinta per tipologia di bene (centro storico, sito


archeologico), Fuzzy Logic, procedure di addestramentoapprendimento, reti neurali

Indicatori di
successo

Realizzazione di un software dedicato al Supporto delle


Decisioni (DSS), Collaborazione attiva con le Soprintendenze di
Pompei e della Basilicata

Il progetto stato mirato allo sviluppo di un sistema esperto in grado di valutare e


proporre soluzioni che minimizzino limpatto sul paesaggio degli interventi di mitigazione
del dissesto idrogeologico, contribuendo cos alla conservazione, restauro e/o recupero
funzionale e turistico di insediamenti archeologici e centri storici darte a rischio,
degradati da interventi pregressi o da sottoporre a consolidamento statico.

Il sistema stato sviluppato:


con le pi recenti metodologie della Fuzzy Logic e delle reti neurali,
attraverso una fase di addestramento - apprendimento di opportuni rendering
progettuali multiscala/multilevel,
attraverso il confronto con una banca dati delle potenziali tipologie di
intervento.

141

Il sistema messo a punto ha permesso una valutazione dellimpatto sul paesaggio dei
sistemi di protezione, indirizzando la scelta verso le tecnologie e i sistemi non invasivi a
basso inquinamento visivo (mitigazione sostenibile). Il sistema esperto, infatti, analizza
le varie componenti di cui lintervento si compone e tramite opportune matrici filtro, ne
valuta il grado di contrasto sul sistema fisico, vegetazionale ed infrastrutturale.
Il sistema esperto di supporto alle decisioni VIP trasforma i dati dinput in una o pi
proposte attuative progettuali a basso impatto. La scelta tra le varie proposte di
mitigazione sostenibile viene definita in base ai parametri che ogni scelta comporta in
termini di costi/benefici, tempi di realizzazione, etc., anche questi forniti dai rendering di
output.

3.37 Sistemi a basso impatto ambientale per il consolidamento Civita


di Bagnoregio
(C. Margottini, G. Delmonaco, L. Falconi, C. Puglisi.)

Titolo

Sistemi a basso impatto ambientale per il consolidamento

Obiettivo

Sistemi a basso impatto ambientale per il consolidamento Civita


di Bagnoregio

Destinatari

Comune di Bagnoregio, Ministero dei Beni Culturali,


Soprintendenze, Amministrazioni locali, PMI del settore
Ingegneria Civile

Tecnologie

Pozzi strutturali, tiranti

Metodologie
Indicatori di
successo

Rifinanziamento dellattivit dopo la prima serie di pozzi realizzati

ENEA
collabora
alla
realizzazione di un centro pilota
per lo studio dei fenomeni
franosi,
con
lobiettivo
di
dimostrare che il consolidamento
del dissesto idrogeologico pu
coniugarsi con la riqualificazione
paesaggistica degli interventi.

142

Tale centro si inserisce perfettamente


nellarea di Civita di Bagnoregio dove
le continue frane, causate da una
velocit esasperata dei processi
geomorfologici,
consentono
di
investigare, in pochi anni, i processi in
atto da cui elaborare un modello
evolutivo
accurato,
di
basilare
importanza nellidentificazione delle
pi opportune strategie di mitigazione
dei fenomeni. Inoltre, la valenza
storico-artistica
di
Civita
di
Bagnoregio, rende ancor pi evidente
la necessit di una strategia di
mitigazione del dissesto che non impatti negativamente nellequilibrio storicoarchittonico-ambientale dei luoghi.
Nel corso degli ultimi anni stato avviato il risanamento di un settore della rupe tufacea
di Civita, attraverso pozzi cavi strutturali in c.a.; tali pozzi rappresentano lanello di
collegamento tra un sistema di tirantature attive e chiodature passive del bordo esterno
della rupe con un sistema di tirantature attive orientate verso linterno dellammasso
tufaceo.
La
realizzazione
delle
opere
di
consolidamento attraverso tale approccio
oltre ad aver eliminato qualsiasi impatto
cantieristico nella valle dei calanchi e sulle
pendici di Civita, ha realizzato un
consolidamento
che
le
tradizionali
metodologie operative avevano difficolt ad
eseguire.
Lintervento necessita attualmente di essere
completato attraverso una serie di tre
aggiuntivi pozzi strutturali che permettano di:
consolidare esaustivamente il settore settentrionale della rupe;
dimostrare esaustivamente lefficacia del nuovo sistema di consolidamento e
trasferire i risultati ad altre realt del Paese (si segnala che lUNESCO ha
valutato la possibilit di applicare tale innovazione per il consolidamento della
parete contenente le statue dei Buddha distrutti dai Talebani in Afghhanistan,
come pure la Regione Umbria vuole usare un sistema similare per il
consolidamento della cascata delle Marmore in Terni)
migliorare laccesso al borgo di Civita attraverso la costruzione di una mobilit
alternativa che sfrutti uno dei pozzi previsti con funzione di ascensore.

143

3.38 Monitoraggio dellassetto statico strutturale dei beni culturali


con tecniche satellitari a nullo impatto ambientale
(C. Margottini, G. Delmonaco, L. Falconi, G. Martini, S. Paolini, C. Puglisi, A. Trocciola)

Titolo

INTERFRASI

Obiettivo

Monitoraggio delle deformazioni dei monumenti derivanti da


movimenti del terreno

Destinatari

Ministero dei Beni Culturali, Soprintendenze, Amministrazioni


locali, PMI del settore ricerca applicata, PMI del settore
Ingegneria Civile

Tecnologie

Radar satellitare, diffusori permanenti (Permanent scatterers)

Metodologie

Monitoraggio e analisi dell'evoluzione temporale dei movimenti

Indicatori di
successo

Richiesta dellUNESCO di applicare la medesima metodologia al


monitoraggio di alcuni siti patrimonio dellUmanit

noto che uno dei vantaggi dei sistemi radar satellitari rispetto ai pi noti sistemi ottici
la possibilit di osservazione continua sia di giorno sia di notte e anche in presenza di
copertura nuvolosa. Sono invece pochi a sapere che i dati radar hanno la potenzialit di
operare misure di deformazione superficiale su vaste aree (migliaia di chilometri
quadrati) con precisione centimetrica o persino millimetrica e con elevata densit
spaziale. A tal fine, necessaria unanalisi estremamente accurata delle immagini radar,
nel tentativo di estrarre gli eventuali contributi relativi alle variazioni di distanza sensorebersaglio a terra. La lettura dei dati poi notevolmente complicata dal fatto che solo su
alcuni bersagli a terra si riescono ad ottenere misure accurate (tipicamente fabbricati,
infrastrutture, rocce esposte ecc.).
La figura mostra un esempio
del monitoraggio del centro
storico di Milano. Le posizioni
dei punti di misura sono
indicate da cerchi colorati
sovrapposti alla mappa della
citt. Il colore dei punti
funzione della velocit media di
spostamento nel periodo 19922000. Sono disponibili punti di
misura sulla maggior parte degli
edifici.
Alcune
strutture
particolari costituiscono ulteriori
capisaldi radar (PS) come, ad
esempio, il monumento a
Leonardo da Vinci nel centro di
Piazza alla Scala (fonte TRE).
I limiti dellapproccio classico, tuttora utilizzato in diversi centri di ricerca, sono proprio
legati al problema dellindividuazione dei bersagli radar su cui si possono ottenere
misure di spostamento affidabili e alla stima accurata delle componenti di moto. Anche
144

per questi motivi, lanalisi dei moti del terreno con immagini radar satellitari non ha
trovato sinora riscontro significativo nel mercato internazionale, se non in poche
applicazioni di nicchia, molto vicine alla ricerca universitaria. Di fatto, il GPS e le
campagne di livellazione ottica hanno continuato ad essere, per quasi tutti gli utenti e le
applicazioni, le sole sorgenti di informazioni relative a moti crostali
Le difficolt di cui sopra sono state in gran parte risolte tramite la tecnica dei diffusori
permanenti (Permanent Scatterers, PS). Una tecnologia italiana superiore, allo stato
attuale, anche a quanto presente nel panorama americano (prova ne che lUNESCO
ha richiesto ad ENEA e ad un raggruppamento di altre aziende italiane di utilizzare tale
metodologia per il monitoraggio dellinsediamento INCA di Machu Picchu).
Lapproccio PS basato sullosservazione che un piccolo sottoinsieme di bersagli radar
(tipicamente fabbricati, elementi metallici, manufatti, rocce esposte ecc.), mostrano
caratteristiche ideali per misure accurate di spostamento. Questi possono essere
individuati attuando tutta una serie di elaborazioni sui dati SAR che, nel loro insieme,
formano un sofisticato algoritmo di stima di moti superficiali che il cuore della tecnica
PS.
La tecnica PS permette di spingersi ai limiti teorici previsti per applicazioni radar
satellitari. Per ogni caposaldo radar (PS) possibile: (1) stimare la velocit di
spostamento (con accuratezza compresa tra 0.1 e 1 mm/anno); (2) ricostruire lintera
serie storica di deformazione, utilizzando con successo tutte le immagini gi acquisite
dai satelliti ESA sin dal 1992 (laccuratezza arriva a 1-2 mm su ogni singola misura).
Anche in questo caso, la tecnica PS unica. Si riescono infatti ad individuare singole
strutture soggette a moto (a differenza di quanto si opera con lapproccio standard,
dove si individuano aree soggette a spostamento). Questo consente di monitorare
singoli edifici. A titolo di esempio, si ricorda che la tecnica PS stata utilizzata, dal
partner TRE, con successo per verificare la stabilit dei palazzi circostanti agli edifici
collassati a Camaiore (1995), Roma (Via Vigna Jacobini - 1998) e a Foggia (Via Giotto 1999), in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile.
Nel presente progetto si intende quindi:
selezionare 50 importanti monumenti ubicati nella citt di Roma ovvero in altre
citt dItalia;
ricostruire, con la tecnica dei Permanent Scatter le deformazioni dei
monumenti avvenute dal 1992 ad oggi;
realizzare una base dati informativa aggiornabile continuativamente;
identificare le cause che hanno portato allinsorgenza delle deformazioni,
quando rilevate (cedimenti strutturali, costipazione del sottosuolo, frane, cavit
ecc.) pervenendo ad una quantificazione delleventuale rischio di collasso;
realizzare un modello concettuale ed operativo da estrapolare, senza costi
aggiuntivi di sperimentazione, a tutti i monumenti del territorio nazionale che si
vorr tenere sotto controllo.

145

3.39 INTERFRASI - Interferometria radar terrestre e satellitare per la


salvezza dellinsediamento INCA di Machu Picchu -Per
(C. Margottini, G. Delmonaco, L. Falconi, G. Martini, S. Paolini, C. Puglisi)

Titolo
Obiettivo

INTERFRASI
Verifica delle potenzialit delle metodologie interferometriche in
aree tropicali e definizione delle condizioni di rischio da frana del
sito di Machu Picchu

Destinatari

UNESCO, Instituto Nacional de Cultura peruviano, Ministero dei


Beni Culturali, Ministero della Ricerca, Ministero dellAmbiente,
Soprintendenze, Amministrazioni locali peruviane, PMI del
settore ricerca applicata, Comunit scientifica

Tecnologie

Monitoraggio interferometrico tramite radar satellitare e terrestre,


monitoraggio GPS, rilievi diretti, sistemi informativi territoriali

Metodologie

Analisi comparata dei dati derivanti dai diversi sistemi di


monitoraggio utilizzati

Indicatori di
successo

Richiesta dellUNESCO di applicare la medesima metodologia


ad altri siti patrimonio dellUmanit

Il progetto ha previsto lapplicazione di


interferometria radar terrestre e
satellitare, integrata da reti GPS ed
altre tecnologie innovative per la
diagnostica
di
insediamenti
archeologici in frana e soggetti ad
eventi sismici, in uno o due siti da
definire tra quelli presentati nel
progetto. Tra questi siti veniva anche
menzionato il ben noto insediamento
Inca di Machu Picchu in quanto,
secondo recentissimi studi eseguiti
dallo Swiss Federal Institute di Ginevra
(Svizzera) e dal Departmet of Prevention and Reserch Institute dellUniversit di Kyoto
(Giappone), sembravano ravvisarsi nellarea indizi di incipienti movimenti di versante,
che potenzialmente avrebbero potuto portare ad un collasso totale del pendio dove
sorge la cittadella di Machu Picchu. Il Governo Peruviano ha chiesto assistenza
allUNESCO in modo da coordinare le possibili iniziative di studio e ricerca, nonch
individuare, a livello mondiale, le migliori professionalit scientifiche in grado di
comprendere effettivamente la gravit dei processi in atto. La scuola geologica e
geotecnica italiana, con il coordinamento dellENEA, stata individuata come il possibile
interlocutore in grado di sciogliere lincertezza.

146

Il progetto INTERFRASI ha contribuito alla risoluzione di un problema che non


appartiene al solo Per, ma di tutta
lumanit. Le tecnologie ivi presentate sono
infatti fortemente innovative, soprattutto per
il basso impatto ambientale ed il basso
livello di invasivit rispetto ai beni osservati.
Analogamente, le competenze professionali
e scientifiche attivate, sono gi da molti anni
coinvolte in problematiche connesse alla
salvaguardia di beni culturali dai rischi
naturali. Machu Picchu diviene quindi un
valore aggiunto con il quale esaltare, ai
massimi livelli mondiali, la comunit
scientifica e tecnologica nazionale. Le conclusioni a cui giunta la ricerca hanno avuto
ricadute dirette sul sistema di gestione e tutela del sito archeologico di Machu Picchu e
sono state oggetto di attivit di dissemination e capacity building sul personale tecnicoscientifico locale
La cittadella di Machu Picchu situata a circa 80 km a NW di Cusco, lantica capitale
Inca e costituisce il centro del grande santuario Inca esteso, circa 32 kmq. La cittadella
si trova collocata su una cresta costituita da graniti bianchi di et pre-cambriana, posta a
quota 2400 m s.l.m. ed circa 600 m. sopra il corso del fiume Urubamba, principale corso
dacqua della regione. Larea rientra nel bacino della foresta amazzonica, caratterizzata
da clima semi-tropicale caldo-umido. Machu Picchu fu scoperta nel 1911 dallesploratore
nord-americano Hiram Bingham, alla ricerca della citt scomparsa di Vilcabamba.
La cittadella posta allinterno di una depressione strutturale generata da un sistema di
faglie dirette con orientazione principale NE-SW con pendenza di circa 70.
Ortogonalmente ad esso, con pendenze variabili da 45 a 60, si sviluppa un sistema
minore responsabile della depressione nella quale si colloca larea della Plaza Mayor.
Le discontinuit generate da questo stesso sistema costituiscono le superfici lungo le
quali si sviluppano fenomeni di scivolamento planare, a varie profondit sino ad un
massimo di circa 150 metri con immersione NE. Nel complesso le dinamiche morfoevolutive sono riconducibili alla formazione di un sackung del tipo singolo CL-CB
(classificazione di Hutchinson). Gli scivolamenti pi superficiali interferiscono
direttamente sulle strutture archeologiche con intensit dellordine di qualche cm/anno e
volumi ridotti. Il piano di scivolamento basale mostra unevoluzione molto pi lenta e
coinvolge volumi potenziali stimabili nellordine di > 10 milioni mc, legata essenzialmente
allinnalzamento delle pressioni interstiziali generate da eventi pluviometrici intensi e
prolungati. Tale situazione morfoevolutiva genera nel versante di SE fenomeni di crollo e
toppling lungo superfici di frattura sub-verticali. Allinterno della coltre superficiale di
alterazione si generano fenomeni di colata rapida quale quella del 1995 che ha coinvolto
ed interrotto parte dellunica strada di accesso alla cittadella.

147

3.40 Analisi geologiche e beni culturali precolombiani


(C. Puglisi)

Titolo

INTERFRASI

Obiettivo

Analisi delle dinamiche geologiche e geomorfologiche di contesti


archeologici precolombiani

Destinatari

UNESCO, Instituto Nacional de Cultura peruviano, Istituto


Nacional de Cultura messicano, Ministero dei Beni Culturali,
Ministero della Ricerca, Comunit scientifica

Tecnologie

Stereoscopia analogica e digitale, datazioni radiometriche

Metodologie

Rilievi diretti (anche con tecniche di alpinismo), analisi da


fotoaerea, fotogrammetria digitale, datazioni assolute

Indicatori di
successo

Ripetizione del progetto in diverse annate


Valle del Colca (Per)
Viene sviluppato un progetto integrato in
collaborazione con lUniversit San Augustin di
Arequipa per la valutazione della suscetibilit da
frana in aree ad alta valenza storico artistica
(paesi di Tapay Maca e Chivay). Data la scarsa
conoscenza di base circa i fenomeni in atto, la
prima fase dello studio costituisce una dettagliata
redazione dei fenomeni in atto in tutta la valle del
Colca, soprattutto tramite stereoscopia digitale.
Particolare attenzione viene posta nel valutare
levoluzione retrogressiva dei fenomeni poich
detti abitati sono ubicati nella parte alta e media
del versante, quindi a monte delle nicchie dei
fenomeni.

Chiapas Occidentale
Il progetto ha come scopo la quantizzazione delle
variazioni morfologiche, quali approfondimento del
Rio La Venta e il drenaggio di vasti bacini lacustri, e
linterferenza che tali modificazioni ambientali hanno
avuto sullo sviluppo della civilt Zoche nellarco di
tempo compreso tra IV-VI e il XVIII D.C. Tale civilt
ha lasciato in questa regione testimonianze di grande
interesse archeologico poste a quote di oltre 200 m
sullattuale livello del fiume, allinterno di una rupe
calcarea alta oltre 400 m, ubicate sia allinterno di
grotte e ripari (sepolcri, offerte sacrificali, ecc) sia in
parete (pitture rupestri). Lanalisi ha portato alla
quantizzazione delle varie fasi di approfondimento del
corso dacqua.
148

3.41 Inquadramento geologico-geomorfologico: la rupe ed i Buddha


di Bamyian (Afghanistan):
(C. Margottini, G. Delmonaco, G. Martini, S. Paolini)

Titolo

Bamyian (Afghanistan)

Obiettivo

Messa in sicurezza dell'area di fondazione (Rupe) delle statue


dei Buddha di Bamyian (Afghanistan) attraverso tecniche di
mitigazione funzionale e sostenibile

Destinatari

UNESCO, Governo afghano, Comunit scientifica

Tecnologie

Tecniche di consolidamento in aree ad elevato rischio geologico


e ambientale, tecniche e strumentazione di monitoraggio su
versanti in roccia, tecniche di analisi mineralogica e petrografica
(Diffrattometrie, sezioni sottili, microscopio elettronico,),
tecnologie sul consolidamento di aree instabili in rupe
(alpinismo), codici di calcolo a differenze finite (Flac), analisi di
laboratorio

Metodologie

Rilevamento delle caratteristiche geologico-tecnico con strumenti


portatili, analisi strutturali e cinematiche, analisi fotogeologica,
tecniche di ingegneria per il consolidamento di versanti in roccia
instabili, analisi e modellazione di pendio in roccia

Indicatori di
successo

Realizzazione del consolidamento in un'area ad elevata


pericolosit geologica in un contesto socio-politico critico
(conflitto bellico), integrazione delle tecniche da parte di
UNESCO per replicabilit futura, consenso della comunit
scientifica, consenso della societ afghana per il recupero di
un'identit culturale altrimenti irrimediabilmente perduta

Il sito archeologico di Bamiyan soggetto a


processi di deformazione geomorfologica che,
con le esplosioni prodotte nel marzo del 2001 dai
Talebani per abbattere le due statue giganti del IIII secolo a.C. raffiguranti Budda, sono stati
notevolmente aggravati. Oltre alla grave perdita
di esemplari di grande valore culturale ed
artistico, le esplosioni ed il collasso delle statue
hanno esasperato linstabilit geologica dellarea.
Tracce di rocce recentemente collassate provano
chiaramente il deterioramento delle condizioni di
stabilit, mentre alcune zone mostrano evidenti
segni che indicano un probabile crollo nel prossimo futuro.
Nella nicchia del piccolo Budda, lesplosione ha causato il crollo di tre massi di piccole
dimensioni e prodotto uno stato di degrado nella parte superiore orientale, dove
situata una scala scavata nella roccia. La sezione tra la scala e la nicchia ha uno
spessore ridotto (circa 30-50 cm) e questa larea che attualmente presenta i maggior
problemi di stabilit. La parte occidentale, grazie ad un contrafforte pre-esistente, non ha
subito danni sostanziali. Solo la parte superiore, a seguito della caduta di alcuni massi,
presenta un certo livello di instabilit.
149

Nella nicchia del grande Budda, le conseguenze


pi rilevanti del bombardamento sono state il
collasso della statua e la susseguente instabilit
della parte posteriore. Alcune piccole rocce sono
precipitate dallalto, sul lato sinistro. Probabilmente
lo spessore pi ampio della sezione che separa la
scala dalla roccia, ha impedito che lesplosione
provocasse danni pi seri.
Con il coordinamento dellUNESCO stato
sviluppato un progetto per la valutazione delle
condizioni di fattibilit di interventi di restauro del sito; si proceduto alla raccolta di dati
sul campo ed alla messa a punto di un sistema per valutare levoluzione delle condizioni
di stabilit dellarea. Nel frattempo sono stati realizzati interventi di consolidamento in
emergenza nelle zone pi suscettibili di crollo, allo scopo sia di evitare eventuali ulteriori
collassi nella seguente stagione invernale, ma anche di consentire che il lavoro di
catalogazione e raccolta dei frammenti delle
statue dei Budda che ancora giacevano sul
fondo delle nicchie, effettuato dagli
archeologi, proseguisse in sicurezza.
Iniziate nellottobre del 2003, le attivit
comprendevano: linstallazione di un sistema
di monitoraggio, la realizzazione di supporti
temporanei per i blocchi rocciosi instabili, la
stabilizzazione dellarea instabile (chiodi di
superficie, ancoraggi di profondit e la
cementazione delle discontinuit per evitare
infiltrazioni dacqua ed aumentare la resistenza al taglio), e la minimizzazione degli
impatti ambientali degli interventi. Gli interventi si sono concentrati sulle parti alte della
nicchia del piccole Budda ed a monte di quella del grande Budda per quanto attiene alla
sola cementazione delle fratture. Gli interventi in emergenza si precede termineranno
nel dicembre 2006.

Al fine di gestire in sicurezza unarea fortemente detensionata ed al limite del collasso


strutturale si ritenuto opportuno impiegare arrampicatori-rocciatori che hanno operato
direttamente sul sito, calandosi dallalto. In questo modo non stato necessario
realizzare alcun ponteggio che, oltre al costo, presentava notevoli problematiche di
sicurezza per i lavoratori che si venivano a trovare al disotto di crolli incipienti.
La soluzione e le tecniche adottate si sono dimostrate soddisfacenti in quanto il sistema
di monitoraggio non ha mai registrato deformazioni importanti nei blocchi instabili
150

durante tutto il periodo dei lavori. Inoltre, gli studi condotti e le soluzioni tecniche
adottate sono state, dalla comunit scientifica internazionale, di estrema qualit e
premiate con il best paper award della rivista scientifica Landslide.

3.42 Valorizzazione turistica del sito di Leptis Magna - Libia


(C. Margottini, G. Delmonaco, G. Martini, S. Paolini)

Titolo

Leptis Magna (Libia)

Obiettivo

Valorizzare le aree costiere libiche dove si collocano i resti delle


citta romane di Leptis Magna e Silin

Destinatari

Governo libico

Tecnologie

Tecniche di analisi delle componenti ambientali

Metodologie

Metodi della geologia applicata, geomorfologia, ingegneria,


recupero e conservazione BB.CC.

Indicatori di successo realizzazione dell'opera


La presente iniziativa si inserisce nelle collaborazioni in atto con il Consorzio Civita.
Larea di Leptis Magna e immediati dintorni, rappresenta, dal punto di vista del
Patrimonio archeologico, un caso eccezionale, nel bacino del Mediterraneo, per
ricchezza dei resti antichi che si estendono dallepoca fenicio-punica a quella araba.
Tali testimonianze si inseriscono in uno scenario ambientale di grande impatto, come
illustra al meglio linsediamento di Silin, dove i manufatti architettonici si integrano con le
caratteristiche del territorio, dando vita ad un paesaggio di rara bellezza.
Gli
imponenti
resti
archeologici
necessitano, allo stato attuale, di una
attenta analisi del loro degrado,
finalizzata al recupero organico delle
risorse culturali, superando finalmente
la logica dellintervento episodico
dettato dallemergenza.
Il territorio presenta grandi valenze
paesaggistiche, al momento penalizzate
da un uso del suolo non armonico con il
patrimonio culturale esistente. A tali
aspetti si coniugano le problematiche di
protezione dei beni da eventi alluvionali,
di erosione costiera e forse addirittura
sismici, particolarmente rilevanti per lelevata vulnerabilit delle strutture. Infine, si
segnala limportanza di una pi efficace gestione delle risorse idrico-potabili)
La conservazione dei beni culturali di Leptis Magna e del suo territorio costiero
necessita di un piano di programmazione (master plan) in grado di coniugarla con lo
sviluppo sostenibile del territorio. In particolare il piano di sviluppo sostenibile dovr
integrare il sistema dei Beni Culturali con il sistema fisico-ambientale dove collocato e
151

con il sistema sociale e culturale peculiare delle popolazioni locali. In questo modo si
eviteranno pericolosi stravolgimenti dellintegrit fisica, culturale e sociale dellarea ma
anzi si favorir una crescita economica generalizzata della quale beneficeranno tutti i
cittadini.
Il master plan prevede, in linea generale:

lo studio delle componenti sociali del territorio


lo studio delle componenti ambientali e dei rischi naturali
lo studio del degrado dei manufatti archeologici
il piano di recupero e salvaguardia dei Beni Culturali
il piano di gestione dei Beni Culturali della citt e del territorio circostante
il piano di valorizzazione turistico-culturale dellarea
il piano di sostenibilit delle infrastrutture
il piano di formazione del personale

Il master plan costituisce la condizione essenziale per attrarre investimenti, nazionali ed


internazionali, pubblici e privati, con cui contribuire al restauro dei monumenti ed al
recupero e valorizzazione del contesto paesaggistico.
Infine, si segnala la convinzione che tale approccio presenti una opportunit unica per la
valorizzazione del territorio Libico e del suo patrimonio, essendo questo tuttora
incontaminato e fortunatamente indenne da una utilizzazione non programmata quale
quella che ha penalizzato molte realt Europee.

3.43 Messa in sicurezza delle chiese rupestri patrimonio UNESCO


Lalibela (Ethiopia)
(C. Margottini,G. Delmonaco, P. Clemente, G. Buffarini)

Titolo
Obiettivo
Destinatari

Lalibela (Etiopia)
Messa in sicurezza delle chiese rupestri patrimonio UNESCO
UNESCO, Governo dell'Etiopia, Commissione Europea, Imprese
del settore
Tecnologie
Tecniche di consolidamento in aree ad elevato rischio geologico e
ambientale, tecniche e strumentazione di monitoraggio su pareti
rocciose, tecniche di analisi mineralogica e petrografica
(Diffrattometrie, sezioni sottili, microscopio elettronico), tecnologie
sul consolidamento di aree instabili, codici di calcolo a differenze
finite pendii instabili(Flac), codici di calcolo analisi strutturale,
analisi di laboratorio, camera climatica
Metodologie
Rilevamento delle caratteristiche geologico-tecniche con strumenti
portatili, analisi strutturali e cinematiche, analisi fotogeologica,
tecniche di ingegneria per il consolidamento di versanti in roccia
instabili, analisi e modellazione di strutture in roccia, analisi
strutturale
Indicatori di successo Realizzazione degli interventi di mitigazione sostenibile,
integrazione delle tecniche da parte di UNESCO per replicabilit
futura, consenso della comunit scientifica, consenso della
comunit locale

152

Lalibela situata nella zona settentrionale dell'Etiopia, approssimativamente 600


chilometri Nord di Addis Ababa nella provincia di Wollo, una delle zone di deficit
alimentare pi critica della regione dellAmhara. La citt, che ha circa 12.000 abitanti,
situata ad un'altezza di 2.500. Nel relativo centro si trova un complesso unico di 11
chiese scavate della roccia, circa 800 anni fa, di cui la costruzione attribuita al re
Lalibela (1167-1207) della dinastia di Zagwe. Le chiese sono ancora utilizzate per le
pratiche religiose, mentre in occasione di importanti festivit religiosa grandi masse di
credenti e pellegrini affollano il sito.
Dal 1978, le chiese e la loro zona circostante sono state incluse nella lista del
Patrimonio dellUmanit dell UNESCO. Le chiese sono scolpite nella roccia vulcanica e
sono collegate da cunicoli e labirinti. Linsieme delle chiese offre una grande variet di
stili: Colonne greche, finestre arabescate, antiche svastiche, sculture con la stella di
David, archi Egiziani.
Il raggruppamento delle 11 chiesa situato nel centro del villaggio -- -- Bet Golgotha/Bet
Mia'el, Bet Maryam, Betk Meskel, Bet Danaghel, Bet Medhane Alem, Bet Amanuel, Bet
Merkorios, Bet Abba Libanos, Bet Gabriel-Rufa'el, and Bet Gyorgis.
La leggenda vuole che Lalibela sia stata costruita in una notte, da angeli muniti di
attrezzi tradizionali. Nessuno conosce la vera storia di come queste chiese siano state
costruite e non esiste, purtroppo, documentazione scritta che ne testimoni la nascita. Gli
archeologi ritengono che il lavoro avrebbe richiesto 40.000 uomini per scavare le chiese
e le cavit dalla roccia madre.
Nel corso degli anni, le chiese sono state esposte al vento, pioggia, cambiamenti del
clima come pure alle attivit umane. Ci ha provocato degrado severo della roccia che
costituisce i monumenti, la maggior parte di cui ora sono considerati in uno stato critico.
La ragione vera del degrado della roccia non mai stata ben chiara. Tuttavia, a causa
del valore eccezionale e della natura dei monumenti, la conservazione delle chiese di
Lalibela si attratta lungamente fa l'interesse della Comunit internazionale. Un primo
tentativo di restauro delle chiese roccia-rock-hewn di Lalibela stato condotto nel 1920.
Successivamente, negli anno 50 e 60 importanti lavori sono stati condotti dal
restauratore italiano Angelici. Pi recentemente, fra 1989-97 cinque chiese, (Bete
Medhane Alem, Bete Maryam, Bete Masqal, Bete Emanuel e Bete Abba Libanos) sono
state coperte dalla pioggia con strutture provvisorie. Tuttavia, i ripari attuali offrono una
protezione insufficiente e la loro durevolezza e resistenza alle forze del vento
discutibile.
Uno studio condotto dallENEA sulle 11 chiesa ha rivelato una elevata complessit ed
articolazione dei fenomeni attivi nella zona. Le cause principali inizialmente si sono
attribuite alla percolazione dell'acqua, senza avere dati molto chiari sul meccanismo
genetico reale. I risultati di analisi diffrattometriche, petrografiche e di anioni/cationi
effettuata sui laboratori italiani, sui campioni prelevati in 2004 hanno rivelato una
presenza importante di montmorillonite (minerale argilloso con formula chimica: (Na,
Ca)(Al, Mg)6(Si4O10)3(OH)6 - nH2O). Si tratta di un prodotto di alterazione che si forma
in rocce povere di silice, come i basalti di Lalibela, per circolazione di acque calde. La
montmorillonite un membro del gruppo minerale pi generale delle argille. Principale
caratteristica e lassorbimento idrico che pu portare ad espansioni volumetriche pari a
10 20 volte il volume originale, da cui il degrado e la disgregazione che oggi si osserva
sui monumenti.

153

Tali fenomeni inducono anche un degrado dei caratteri meccanici della roccia per cui,
chiese originariamente stabili, oggi tendono a crollare per una diminuzione della
portanza delle strutture. Tutti le chiese sono state classificate secondo lo stato di
conservazione e vulnerabilit (Burland ed altri 1977). In tal modo sono state identificate
le priorit di intervento in base allassetto statico strutturale.
Secondo la ricerca il risultato abbastanza critico, poich una chiesa a rischio molto
elevato (Biet Amanuel) e tre chiese sono al rischio elevato (Biet Medhane-Alen, Biet aba
Libanos, Biet Mercurius).

Fenomeni di alveolizzazione in Lalibela

Assetto statico strutturale delle 11 Chiese di Lalibela e modellazione matematica del


comportamento strutturale della Chiesa di Biet Amanuel

154

3.44 Conservazione delle tombe di Koguryo (North Korea)


(C. Margottini)

Titolo

Koguryo

Obiettivo

Protezione di tombe dallumidit ed infiltrazione di acque di falda

Destinatari

UNESCO, KCPC

Tecnologie

Perforazioni, piezometri, GIS, topografia

Metodologie

idrogeologia

Indicatori di successo Riduzione dellumidit e dellinfiltrazione


Limpero di Koguryo uno dei pi antichi delle Corea, durato circa 700 anni con 26 re.
Limpero stato fondato circa il 37 B.C. dalla trib Maek, che risiedeva nellarea del
fiume Yalu. Limpero si sviluppato ininterrottamente dalla sua fondazione, con capitale
Pyomgyang dal 427 A.D.; il territorio, nel momento di massima espansione si estese dal
fiume Armur in Manchuria settentrionale sino al fiume Han, nellattuale Corea del Sud.
Limpero si caratterizz particolarmente per la fusione di culture diverse quali quelle
cinesi, quelle nomadi settentrionali e la religione Buddista.
Rimangono oggi numerose evidenze di questo periodo anche attraverso la presenza di
molte tombe a tumuli, che si localizzano in ben tre Nazioni. Queste tombe sono
tipologicamente dei tumuli, con le camere di sepoltura costruite in blocchi di pietra di
grandi dimensioni e coperte di terra. Le camere possono essere scavate al disotto del
piano campagna, parzialmente scavate, totalmente esterne. In ogni caso la copertura in
terra ne conferisce il caratteristico aspetto a tumulo. Le tombe sono particolarmente
ricche di dipinti e pitture.

In una situazione geologico-stratigrafica quale quella sopradescritta descritta si notano


numerose venute di acqua, principalmente a causa della saturazione del tumulo in terra,
in occasione di precipitazioni molto intense. Inoltre, come nel caso di Yaksu-ri, la
costruzione di un bacino artificiale per lirrigazione ha portato allinsorgenza di una falda
freatica che, seguendo le oscillazioni stagionali del lago, si trovata ad essere a quote
superiori a quelle della tomba.
In sintesi, le tombe ed i relative dipinti murali soffrono di diversi problemi quali:
1. umidit;
155

2. infiltrazioni di acque piovane dal tumulo;


3. risalita di acque di falda;
3. instabilit statico strutturale.
A questi fenomeni naturali si devono poi associare i restauri non appropriati condotti
negli ultimi decenni, i quali hanno provocato la diminuzione della traspirabilit dei tumuli
e lappesantimento statico sui blocchi di roccia che costituiscono le pareti e soffitti delle
tombe.
La tomba di Yaksu-ri si trova
oggi in una piccola penisola
circondata dalle acque di un
bacino lacustre artificiale adibito
ad irrigazione delle coltivazioni di
riso (riproduzione 3D nella figura
seguente).
La penisola composta da diversi materiali quail, partendo dal basso, scisti biotitici
molto alterati con vene quarzifere, limi argillo-sabbiosi e, a copertura del tumulo, un
detrito, definito dagli esperti del KCPC, composto da limo ed argilla. La distribuzione dei
trreni riportata nella figura seguente.

La tomba di Yaksu-ri stata interessata recentemente da numeroso venute dacque. In


seguito a tali fenomeni stata installata una rete di piezometri per studiare la relazione
tra le acque di falda ed il lago. Inoltre sono state investigate le relazioni dirette tra
precipitazioni e venute di acque nella tomba, attraverso la raccolta di dati meteorologici
e la formazione di personale locale in grado di quantificare i volumi di acque infiltrate.
Tutti i dati geologici e topografici raccolti direttamente hanno permesso la costruzione di
una sezione stratigrafica di dettagli che ha consentito di evidenziare:
il rapporto tra la falda freatica ed il livello del lago; In alcuni periodi, quando il
livello era ai massimi valori, la falda coinvolgeva la tomba;
la presenza del limo argillo-sabbioso che, apparentemente impermeabile
avrebbe dovuto garantire lisolamento della tomba rispetto ala falda;
ciononostante, al disotto del lato settentrionale il limo sembra aver spessori
non superiori agli 80 cm, addirittura forse alterato nella compattezza da lavori
di restauro eseguiti nel passato; inoltre la bassa permeabilit del materiale

156

favorisce la risalita capillare, stimabile in alcuni metri in materiali con tali


granulometrie.
la possibilit che nel detrito di copertura si possa instaurare una falda
effimera, in occasione di grandi precipitazioni (es. monsone estivo), capace di
invadere linterno della tomba stessa.
In conclusione, rimangono ancora alcune incertezze quali, ad esempio, la valutazione
della permeabilit del limo argillo-sabbioso da cui la difficolt di comprendere
chiaramente il rapporto tra la falda freatica e la potenziale inondabilit della tomba. In
questo caso, la installazione di un nuovo piezometro, nel settembre 2006, dovrebbe
condurre a conclusioni esaustive.
Nella zona di Koguryo sono inoltre presenti altri problemi come il cattivo assetto statico
strutturale di alcune tombe (es. Annak n. 3) oppure linfiltrazioni in altre tombe dove non
si rinvengono falde freatiche (es. Susan-ri). In queste situazioni si operato con un
monitoraggio delle lesioni, per quanto attiene ad Annak n. 3 ed un rilevo geologico
dettagliato in Susan-ri che ha portato ad evidenziare la possibile insorgenza di una
aldina effimera tra il tumulo e loriginale livello topografico, parzialmente argillificato per
pedogenesi.
Questi esempi confermano il forte ruolo che le scienze della terra giocano nella
salvaguardia dei monumenti e dei beni archeologici.

3.45 Studio di impatto ambientale: Aksum (Ethiopia)


(C. Margottini,G. Delmonaco)

Titolo

Aksum (Etiopia)

Obiettivo

Studio di impatto ambientale (EIS) dell'intervento di ricollocazione


della stele n.2 sul l'area archeologica di aksum, etiopia

Destinatari

UNESCO, Governi italiano ed etiope, Comunit scientifica,


Impresa responsabile del progetto esecutivo

Tecnologie

Aerofotogeologia, tecniche di rilevamento geologico, geotecnico,


strutturale, tecniche di analisi del rumore di fondo, analisi di
laboratorio, sismica a rifrazione, tomografia elettrica, georadar

Metodologie

Rilevamento delle caratteristiche geologiche, geologico-tecniche


con strumenti portatili, analisi strutturali e cinematiche, analisi
fotogeologica, implementazione di un nuovo metodo di valutazione
impatto ambientale su aree archeologiche

Indicatori di successo Realizzazione dell'opera su base (EIS), consenso della comunit


scientifica, consenso autorit e comunit locali, replicabilit su altri
siti UNESCO
Le stele di Aksum segnavano la presenza di una tomba e sono di quattro tipi: il primo
un semplice blocco di pietra grezza, senza alcuna lavorazione, di forma allungata e
schiacciata spesso appuntita; il secondo tipo mostra una parziale lavorazione; il terzo
tipo comprende stele a sezione rettangolare dai fianchi lisci con estremit superiore

157

spesso a semicerchio; il quarto tipo (a cui appartiene la stele "romana") riccamente


lavorato con motivi che ricordano edifici multipiano cosiddetti "a testa di scimmia".

Tutti questi tipi di stele sono presenti e visitabili nel Parco archeologico di Aksum, dove
ancora rimane distesa a terra la stele pi alta e maestosa (33,30 m) dell'antica capitale
etiopica.
Per il patrimonio architettonico etiope la stele romana di Aksum riveste un'importanza
fondamentale, essendo uno dei pochi monumenti di grandi dimensioni di quel Paese
completo in ogni sua parte.
alta 27 metri e rappresenta il secondo "colosso", che la civilt aksumita costru
sull'altopiano etiopico nei pressi dell'antica capitale dopo l'altra stele di 33 metri.
Le decorazioni architettoniche della stele di Aksum sono state incise su tutte e quattro le
facciate alludono schematicamente a un edificio a undici piani, tipico del sistema
costruttivo aksumita.
Il parco archeologico di Aksum, stato costruito nel 1963, modificando quello che era in
origine il cimitero reale del regno aksumita. Il parco ha pertanto un valore storico
inestimabile, dal momento che testimonia il momento di massimo splendore dei re di
Aksum e consente di comprendere lideologia funeraria pre-cristiana del paese.
Il mantenimento e lo studio del sito quindi cruciale per ricostruire i momenti di
maggiore splendore della storia dellEtiopia.
Per far si che la ri-erezione dellobelisco allinterno dello stele Park fosse quindi quanto
meno dannosa possibile per le altre strutture in esso contenute, ossia resti di altre
tombe e altre stele presenti associate ad esse, si provveduto, accanto ad uno studio
accurato delle strutture gi individuate (tipologia e distribuzione) e ad unanalisi
geologico-geomorfologica dellarea, a svolgere analisi geofisiche del terreno, utilizzando
in particolare strumenti come la tomografia elettrica e il georadar.
I problemi principali che si sarebbero potuti presentare al momento della ri-erezione
infatti, riguardavano, da una parte la capacit portante del terreno, dallaltra il rischio di
danneggiare tombe e resti non ancora scavati e presenti allinterno del parco; metodi
dindagine non invasivi come il georadar e la tomografia elettrica si mostravano dunque
stumenti particolarmente idonei a investigare il terreno prima della ricollocazione
158

dellobelisco. Il risultato del lavoro stato configurato in una zonazione delle aree
suscettibili di lavorazione e non, condizionando, cos, i contratti che l'UNESCO andava
stipulando con le imprese esecutrici dei lavori.
In generale, dal punto di vista geologico, allinterno del parco archeologico di Aksum, si
trova un spesso (6-8 m) strato di sedimenti sabbioso-limosi che ricopre una formazione
scistosa,dove probabilmente poggiava in origine la stele.
Gli studi archeologici svolti in precedenza hanno messo in evidenza che le tombe e le
catacombe sono scavate allinterno dello strato sabbioso, a circa 1 o 2 m di profondit
dal piano campagna; i pavimenti si troverebbero pertanto a circa 4-6 m dalla superficie.
Lutilizzo integrato dei due metodi ha permesso di notare come in buona parte del parco
vi siano molte anomalie e cavit (in parte riempite di terra), interpretabili come strutture
archeologiche non ancora investigate, quindi tombe e catacombe; i risultati ottenuti di
fatto confermano e specificano quanto era gi stato in parte evidenziato da Philippson
(2000) e Chittick (1975).
Non detto tuttavia che tutte le cavit investigate abbiano un reale significato
archeologico: quindi necessario uno studio diretto del terreno, ossia una fase di scavo
successiva, per determinare quelle culturalmente rilevanti.
Da quanto esposto appare evidente quanto sia necessario porre grande attenzione
allarea dove ri-ereggere definitivamente lobelisco; nel ricollocamento auspicabile
anche un utilizzo di materiali simili a quelli dellobelisco e il ricorso a tecniche tali da
assicurarne la stabilit contro i fenomeni sismici (ad esempio unendo tra loro i blocchi,
come era stato fatto in Italia, e rafforzando le fondazioni con malta).

Zonazione del parco delle steli di Aksum, in


funzione delle diverse possibilit di
cantierizzazione (verde=totale,blue= cone mezzi leggeri,rosso= non cantierizzabile)

Non essendo tuttavia possibile ricollocare lobelisco esattamente dove si trovava in


origine, dal momento che larea stata fortemente modificata, e tutta la zona presenta
una stratigrafia particolarmente complicata, caratterizzata dalla presenza di varie fasi di
costruzione, per evitare inoltre il possibile danno alle strutture archeologiche presenti,
alcuni autori (tra cui Fattovich) hanno proposto una collocazione non allinterno, ma
allesterno del parco, dal momento che inoltre una ri-erezione dellobelisco allinterno
159

dello stesso originerebbe qualcosa di archeologicamente artificioso, ancor pi per il fatto


che anticamente lobelisco ha subito un fenomeno di crollo e pertanto dovrebbe trovarsi
disteso a terra e frammentato in 5 parti e non in verticale.
Inoltre, negli ultimi 1700 anni, il monumento ha cambiato pi volte la sua funzione e il
suo significato (da stele funeraria degli antichi re aksumiti a bottino di guerra dellepoca
fascista) e quindi, per gli stessi autori, una ri-erezione dellobelisco sarebbe sbagliata
anche culturalmente,dal momento che esso si troverebbe decontestualizzato, essendo
nel frattempo venuto meno il contesto specifico in cui era stato edificato.

3.46 Messa in sicurezza del minareto: Jam (Afghanistan)


(C. Margottini,G. Delmonaco)

Titolo

Jam (Afghanistan)

Obiettivo

Messa in sicurezza del minareto di jam (Afghanistan)

Destinatari

UNESCO, Governo afghano, Comunit scientifica

Tecnologie

Tecniche di consolidamento in aree ad elevato rischio geologico e


ambientale, codici di calcolo a differenze finite, analisi di
laboratorio, sismica a rifrazione, georadar, tomografia elettrica,
strumentazione di monitoraggio strutturale

Metodologie

Rilevamento delle caratteristiche geologico-tecnico con strumenti


portatili, analisi strutturali e cinematiche, analisi fotogeologica,
tecniche di ingegneria per il consolidamento di versanti in roccia
instabili, analisi e modellazione di pendio in roccia, metodi indiretti
di analisi delle caratteristiche fisiche dei materiali

Indicatori di successo Implementazione delle indagini e della fase di progetto esecutivo


per il recupero del minareto in un contesto socio-politico critico
(conflitto bellico), integrazione delle tecniche da parte di UNESCO
per replicabilit futura, consenso della comunit scientifica,
consenso della comunit afghana
Il minareto di Jam ubicato nel centro dell'Afghanistan, 200 km ad est di Herat, ad una
altezza di 1904 m s.l.m., alla conflueza tra l'hari rud e lo jam rud. Le montagne

160

circostanti arrivano alla quota di 2300 m.


Il minareto stato costruito probabilmente tra il 1163 ed il 1203, probabilemnte per
celebrare importanti vittorie dei sultani della dinastia Ghuride. Dopo il passaggio di
Gengis Kan ed una o pi tremende alluvioni rimane l'unica traccia importante delle
originaria citt.
Il minareto soffre attualmente per una serie di problematiche geotecniche connesse alla
stabilit delle fondazioni. Questo sono state presumibilmente scalzate e sifonate dall'hari
rud, che ne ha provocato l'inclinazione di 3,5 verso il fiume stesso. Tale inclinazione,
con l'altezza di circa 63 m, conferisce al monumento un aspetto particolarmente
inquietante.
L'UNESCO ha avviato, da molti anni indagini per comprendere: la causa
dell'inclinazione, la tipologia delle fondazioni, i possibili interventi. L'ENEA stato
attivato per sviluppare gli interventi nel settore geotecnico, in modo da pervenire ad un
possibile progetto di consolidamento..
Il minareto ha un peso totale di 31810 kN e, assumendo una fondazione circolare,
scarica al suolo circa 4.12 kg/cmq. La distribuzione del carico in profondit, per le
condizioni attuali riportato nella seguente figura, costruita con le ipotesi di scarico
tensionale di Boussinnesq.

Distribuzione stress originali (sinistra) e a seguito delle deformazioni del terreno (destra)

I rilievi geologici e geofisici condotti nell'area hanno evidenziato la presenza di una cotre
sedimentaria con spessori fino a circa 20 m. Al disotto presente la formazione delle
granodioriti che affiora in tutto il circondario. L'inclinazione probabilemnte posteriore in
quanto non si rinvengono correzioni all'assetto strutturale tipico di situazioni di crisi
occorse durante la costruzione (es. ultimi piani della torre di Pisa). In queste condizioni
lo stress in profondit va assumendo una configurazione quale quella della figura
successiva, con valori di scarico tensionale che passa da 0 kg/cmq sino a 8.24 kg/cmq
nel lato pi compresso.
Da un punto di vista teorico ci sono differenti condizioni che possono portare ad un
cedimento asimetrico della struttura:
161

azioni sismiche
liquefazioni del terreno in condizioni sismiche
asimmetria stratigrafica di strati compressibili
erosione laterale del fiume alla base del minareto;
modificazione delle propriet geotecniche da condizione drenate a condizioni
non drenate, ad esempio in caso di fenomeni alluvionali;
fondazioni non adeguate;
abbassamento della falda che potrebbe aver prodotto un aumento delle
pressioni totali.
In seguito alle indagini condotte presumibile ascrivere il fenomeno dell'inclinazione del
minareto nella sotto-escavazione del fiume, che potrebbe aver asportato parte del
materiale fine producendo una diminuizione della capacit portante. Inseguito a tali
osservazioni diviene fondamentale procedere con una campagna geotecnica di
perforazioni e caratterizzazione geomeccanica in grado di stabilire il diverso co
portamento geomeccanico dei terreni prossimi all'alveo rispetto a quelli pi distali. le
indagini in corso dovrebbero risolvere tali aspetti ancora non perfettamente definiti.

Foto storica del minareto di Jam. Il fiume scorre molto prossimo all'area di fondazione
(Foto A. Bruno)

162

Glossario
ANIDIS
ANMS
ASSISi
CEO
CIDM
CRICD
CRUI
CNIPA
CUTGANA
DET
EDI
EDS
EOBEM
GIANO
GIS
GIS-ILA
GLIS
GPS
IA
ICCD
ICR
ICTP
IIES
INOA
IST
ITR
LCI
LIBS
LIF
MAR
MiBAC
MIUR
O.P.C.M.
OT
PNRA
PST
SEM
SIGEC
SIT
SITAC
SMAD
TRIDENT

Associazione Nazionale Italiana di Ingegneria Sismica


Associazione Nazionale dei Musei Scientifici
Anti-Seismic Systems International Society
Centre for Earth Observation
Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico
Centro Regionale per l'Inventario, la catalogazione e la documentazione grafica,
fotografica, aerofotografica, fotogrammetrica e audiovisiva dei beni culturali ed
ambientali
Conferenza dei Rettori delle Universit Italiane
Centro Nazionale per lInformatica nella Pubblica Amministrazione
Centro Universitario per la Tutela e la Gestione degli Ambienti Naturali e degli
Agroecosistemi di Catania
Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni
ENEA Digital Imagery
Microanalisi elettronica
Earth Observation for grassland, shrubland and woodland Biomass Estimate And
Management
Progetto per la Grafica Innovativa per il patrimonio Artistico Nazionale e per
lOccupazione giovanile
Geographic Information System
Geographic Information System Italian Logistics in Antarctica
Gruppo di Lavoro Isolamento Sismico
Global Positioning System
Intelligenza Artificiale
Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione
Istituto Centrale per il Restauro
International Centre of Theoretical Physics
International Intitute of Earhquake Engineering and Seismology
Istituto Nazionale di Ottica Applicata
Information Society Technologies dellUnione Europea
Imaging Topologic Radar
Laboratorio Comunicazioni e Immagini
Laser Induced Breakdown Spectroscopy
Laser Induced Fluorescence
Museo dArte della citt di Ravenna
Ministero per i Beni e le Attivit Culturali
Ministero dell'Istruzione, dell'Universit e della Ricerca
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri
Osservazione aerospaziale della Terra
Programma Nazionale di Ricerche in Antartide
Patrimonio Scientifico e Tecnologico
Microscopio Elettronico a Scansione
Sistema Informativo Generale del Catalogo
Sistema Informativo Territoriale ed ambientale
Sistema Informativo Territoriale Ambientale Castelporziano
Shape Memory Alloy Device (dispositivo in lega a memoria di forma)
Three-dimensional Restitution via Internet of Digital Elevation Networks in Towns

163

4 CONVEGNI E MOSTRE (2000-2006)


2006

Seminario ed Esposizione
Applicazioni delle moderne tecnologie antisismiche progettate con la nuova
normativa
Gorizia
6 Ottobre 2006
Workshop:
First European Workshop on Intelligent Technologies for Cultural Heritage
Exploitation
The 17th European Conference on Artificial Intelligence - Riva del Garda Italia
28 agosto 2006
Convegno:
Convegno Nazionale Crolli e affidabilit delle strutture civili
Universit degli studi di Messina, Messina
20-22 aprile 2006
Corso di formazione:
erogazione del corso e-learning e-SIGEC
Laboratorio Informatica applicata ai beni culturali
corso di Laurea in Lettere - Universit degli studi di Bari
Corso di formazione:
erogazione del corso e-learning e-SIGEC
Corso Operativo per le Soprintendenze
MiBAC-ICCD
EXRS 2006, European Conference on X-Ray Spectrometry, Parigi 19-23 giugno
Ferrara Fiere Restauro 2006, marzo-aprile 2006
IV Congresso Nazionale di Archeometria,
Scienza e Beni Culturali, Pisa 1-3 febbraio 2006
Giornata di studio Nel profondo della superficie pittoricaIncontro sulla riflettografia allinfrarosso: esperienze di lavoro e criteri di archiviazioni
Scuola Normale Superiore, Pisa 16 e 17 maggio 2006
Convegno dal titolo: Costruire e intervenire sugli edifici in zona sismica
Centro Servizi Fiera Blocco B Sala Melodia
Bologna 17 marzo 2006
Il recupero, la manutenzione e il consolidamento degli edifici,
Convegno Mapei,
Roma 23 maggio2006
9 Convegno Nazionale Strumentazione e metodi di misura elettroottici,
Frascati (Roma) 6-8 giugno 2006.
SAIE2 Salone Internazionale dellArchitettura, delle Finiture dInterni, del
Recupero e delle Tecnologie per lEdilizia
Bologna Fiera 14 18 marzo 2006
Expo del capitale umano e dellinnovazione 2006
164

Fiera di Milano 15 18 Marzo 2006


SASP 2006 - XV International Symposium on Atomic, Cluster and Surface Physics
February 4-9, Obergurgl (Austria).
Mostra di arte contemporanea Techne 05 (II ed.): Opera KISS ME
7-26 febbraio 2006 Milano.
CULTURE 2000 Worshop and on site laboratory Saving Sacred Relics of European
Medieval Cultural Heritage
July 16-29, Suceava (Romania)
IV Congresso Nazionale di Archeometria Scienza e Beni Culturali
Polo Carmignani Pisa 1- 3 Febbraio 2006
Seminario ENEA/GLIS su Protezione del Patrimonio Storico-Artistico mediante
Tecniche e Metodologie Innovative,
Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dellEmilia-Romagna,
Bologna, 12-13 gennaio 2006.
2005

Seminario
Presentazione del Protocollo dIntesa fra ENEA, Universit di Perugia ed ALGA per
un Programma Comune di Ricerca Finalizzato alla Valutazione del Rischio Sismico
e allo Studio dellIntervento di Messa in Sicurezza del David di Michelangelo,
Centro di Ricerche ENEA della Casaccia, 24 novembre 2005.
Workshop
Catastrofi Naturali e Loro Conseguenze sul Patrimonio Culturale ed Ambientale
Italiano. Mitigazione e Previsione di Alcune Tipologie di Eventi,
ENEA, Roma, 17-18 novembre 2005
Workshop:
AI*IA Workshop for Cultural Heritage
9th Congress of the Italian Association for Artificial Intelligence - Milano Italia
20 settembre 2005
Corso di formazione:
erogazione del corso e-learning e-SIGEC
Laboratorio Informatica applicata ai beni culturali
corso di Laurea in Lettere - Universit degli studi di Bari
8th International Conference on Non Destructive Investigations and Microanalysis
for the Diagnostics and the Conservation of the Cultural and Environmental
Heritage, Lecce, 15-19 maggio 2005.
La tecnologia al servizio dei Beni Culturali.
Nuovi sistemi di catalogazione, visualizzazione e salvaguardia,
Ferrara, 7 aprile 2005.
Seminario ENEA/ASSISi-Italy/GLIS
Protezione Sismica del Patrimonio Culturale mediante Tecniche Innovative,
Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, Roma, 17-18 marzo 2005.
Sviluppo sostenibile e radiazioni. Unalleanza possibile,
165

Bologna, 21 giugno 2005.


Chemya colorum bibliae,
Modena, 18 novembre 2005.
Seminario sulla Diagnostica del restauro ligneo,
Anghiari, 30 aprile 2005.
LI Rencontre.Assyriologique Internationale,
Chicago 18-22 Luglio 2005
Innovazioni tecnologiche per i bei culturali in Italia.
Convegno Nazionale A.I.Ar.
Caserta 16-18 febbraio 2005
Lecce Art 05,
8th International Conference on Non-Destructive Testing and Microanalysis for the
Diagnostics and Conservation of the Cultural and Environmental Heritage
Lecce, 15 19 maggio
III Congresso Nazionale IGIIC - Lo Stato dellArte
Palermo 22- 24 Settembre 2005
Biennale Prove Non Distruttive
Milano 13 15 ottobre 2005
LAT 2005 International Conference on Lasers, Applications, and Technologies
May 11-15, St. Petersburg (Russia).
Workshop Artwork conservation by Laser associato al meeting COST G7
May 19-21, Tulcea (Romania).
Mostra Arte & CoScienza
8-27 giugno, Arezzo.
International Conference Optical methods for Arts and Archaeology
June 13-17, Munchen (Germany).
Conference Optics & Photonics
August 13-17, San Diego (CA, USA).
EMSLIBS III - Euro-Mediterranean Symposium on Laser-Induced Breakdown
Spectroscopy
September 6-9, Aachen (Germany).
LACONA VI - International Congress on Lasers in the Conservation of Artworks
September 21-25, Vienna (Austria).
Strategic workshop COST and Cultural Heritage: crossing borders
October 20-22, Firenze.
COST G7 Workshop Use of Lasers in Conservation and Conservation Science
November 17-19, Ljubljana (Slovenia).
Simposio Italo-Giapponese Nuove Tecnologie sulle Vie della Cultura
December 2-3, Tokyo (Japan).
Kyoto (Giappone). 4th International Symposium on Landslide Risk Mitigation and
Protection of Cultural and Natural Heritage (Gennaio 2005).
166

Kobe (Giappone). World Conference on Disasters Reduction. Organizzazione


Workshop BBCC a rischio, International Consortium on Landslides (Gennaio 2005).
Washington D.C. (USA). 1st International Conference of ICL (Ottobre 2005)
Tuxtla Gutierrez (Chiapas, Messico) - Internacional: Desarrollo del Ecoturismo Rural
en el Estado de Chiapas ((Marzo 2005)
Workshop:
Recupero Sostenibile del centro storico di Serravalle
Sala Esposizioni Palazzo Piazzoni, Serravalle, Comune di Vittorio Veneto, 20 -29
giugno 2005.
2004

Ciclo di Seminari
Accademia delle Belle Arti - Bologna
30 Novembre-20 Dicembre 2004
Tecnologie innovative per la cultura
Accademia delle Belle Arti - Bologna, 30 Nov 2 Dic 2004
Workshop su Sistema Software che Consente lIntegrazione Automatica di Carte
Tematiche sui Beni Culturali ed Ambientali con Scala, Riferimento e Grafia Diversi,
ENEA, Roma, 14 settembre 2004.
Scuola estiva:
Intelligenza Artificiale nei Beni Culturali, Viterbo- Universit della Tuscia
6-10 settembre 2004
Workshop:
Interazione e Comunicazione Visuale nei Beni Culturali - Perugia Italia
15 settembre 2004
Workshop:
Le tecnologie visuali: uno strumento per la ricerca e per la scienza
Centro Ricerche ENEA Casaccia Roma
9 Luglio 2004
Meeting Virtuality
Fiera di Torino 2004
Convegno su La Stabilit delle Grandi Statue: il David di Michelangelo,
Galleria dellAccademia, Firenze, 9 giugno 2004.
Mostra:
Tecnologie per la cultura. Le attivit dellENEA per la salvaguardia e la
conservazione del patrimonio storico, artistico e monumentale. In occasione della
XIV Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica
Centro Informazione Energia Brasimone, Camugnano (Bologna)
19-24 marzo 2004
Il monumento del Cardinale
Guillaume de Braye di Arnolfo di Cambio dopo il restauro, Convegno internazionale,
Roma-Orvieto, 9-11 dicembre 2004.

167

Tecnologie innovative per la cultura


Brasimone, 24 Marzo 2004
Ferrara Fiere Restauro 2004,
marzo 2004
III Congresso Nazionale di Archeometria,
Bressanone, febbraio 2004
SASP 2004 - XIV International Symposium on Atomic, Cluster and Surface Physics
February 1-6, La Thuile (Italia).
Lezioni tenute presso il Centro Laser di Bari sul progetto di formazione parallelo al
progetto di ricerca TECSIS TECnologie diagnostiche e Sistemi Intelligenti per lo
sviluppo dei parchi archeologici del Sud dItalia
Marzo Giugno, Bari.
Workshop Advanced on-site Laboratory for European Antique Heritage Restoration
April 16-29, Constanta (Romania).
Workshop La tecnologia laser per la pulitura di manufatti storico-artistici
11 Maggio, Universit di Roma La Sapienza Roma.
8 Convegno Nazionale Strumentazione e Metodi di misura Elettroottici
15-17 Giugno, Pavia.
ALT04 International Conference on Advanced Laser Technologies,
September 10-14, Roma e Frascati.
International Conference LIBS 2004 (Laser Induced Breakdown Spectroscopy)
September 28 - October 1, Malaga (Spain).
Firenze. 32nd International Geological Congress (Agosto 2004).
2003

Convegno:
Contesti virtuali e fruizione dei Beni Culturali - Napoli Italia
22-23 maggio 2003
Workshop:
Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali - Pisa Italia
23 settembre 2003
Cultural Heritage and the Digital Revolution: new concepts and new tools for a web
based global community,
Biblioteca dellIstituto e Museo di Storia della Scienza,
Firenze 7 aprile 2003
The painting technique of Pietro Vannucci, called il Perugino,
LabS TECH Workshop,
Perugia, 14-15 aprile 2003.
Scienze e Archeologia.
Le Scienze Chimico Fisiche, giornata di studio,
Pompei 19 novembre 2003.
Leonardo Bureau international meeting,
Londra, 29 settembre 1 ottobre 2003.
168

Leonardo Bureau international meeting,


Parigi, 10-11 dicembre 2003.
VIII Colloquio Internazionale sulla Gestione del Patrimonio Culturale
Il Patrimonio inconsueto,
Corigliano Calabro 4-8 Dicembre 2003
FerraraFiere Restauro 2003,
aprile 2003
Nuove opportunit nella caratterizzazione dei materiali di interesse archeologico e
storico-artistico, INFM,
Genova, 23-24 gennaio 2003
Archeometria del costruito - Ledificato storico: materiali, strutture e rischio sismico.
Conferenza Nazionale A.I.Ar.,
Ravello 6-7 febbraio 2003
Biologia e Beni Culturali,
Como, 22-23 settembre 2003
XII Congresso degli Ordini dei Chimici dItalia,
Roma, 23-24 ottobre 2003
Convegno di Grafica Digitale,
7 marzo, Universit di Roma La Sapienza.
International Symposium Optical Metrology for Arts and Multimedia
June 23-26, Munchen (Germany).
ROMOPTO 2003 7 Conference on Optics
September 8-11, Constanta (Romania).
LACONA V - International Congress on Lasers in the Conservation of Artworks
September 15-18, Osnabrueck (Germany).
EMSLIBS-II - Euro-Mediterranean Symposium on Laser-Induced Breakdown
Spectroscopy
September 30 - October 3, Hersonissos (Greece).
Workshop Metodologie Innovative per i Beni Culturali
29 Novembre, Catanzaro.
Vancouver (Canada), Fraser University. International Workshop on Natural
Resources and Landslides (Settembre 2003).
Convegno Il riemerso Decumano di Bovianum
Metodologie e Tecnologie Innovative per la Protezione e Conservazione dei siti
archeologici
Bojano, 22 novembre 2003
2002

7th International Conference on Non Destructive Testing and Microanalysis for the
Diagnostics and Conservation of the Cultural and Environmental Heritage,
Antwerpen, June 2th-6th 2002.
Materiali e tecniche nella pittura murale del Quattrocento. Storia dellarte, indagini
diagnostiche e restauro verso una nuova prospettiva di ricerca,
169

Convegno Internazionale,
Roma 20-22 febbraio 2002,
5th International Topical Meeting on Industrial Radiation and Radioisotope
Measurement Applications. IRRMA-V.
Bologna Italy 9-14 June 2002
European Conference on Energy Dispersive X-Ray Spectrometry EDXRS 2002
Berlin, Germany, June 16 to 21, 2002,
Scienza e Beni Culturali, XVIII, 2002,
Convegno di Studi I mosaici. Cultura, tecnologia, conservazione,
Bressanone, 2-5 luglio 2002.
ART 2002 - 7-th International Conference on Nondestructive Testing and
Microanalysis for the Diagnostics and Conservation of the Cultural and
Environmental Heritage,
Antwerp June 2-6, 2002,
Come sta il David?,
Incontro di Studio sui primi risultati delle indagini scientifiche eseguite al David di
Michelangelo,
Galleria dellAccademia, Firenze, 18 novembre 2002.
Il restauro dei dipinti mobili,
Giornata di studio, Firenze, 17 dicembre 2002.
XLVIII Rencontre.Assyriologique Internationale,
Leida 1-4 Luglio 2002
FerraraFiere Restauro 2002,
aprile 2002
II Congresso Nazionale di Archeometria,
Bologna 29 gennaio- 1 febbraio 2002
ALT02 - International Conference on Advanced Laser Technologies,
September 10-15, Adelboden (Swiss).
3 Gr-I Interantional Conference New Laser Technologies and Applications
September 8-12, Patras (Greece).
7 Convegno Nazionale Strumentazione e metodi di misura elettroottici
29-31 Maggio, Montecatini Terme.
Kyoto (Giappone). International Symposium on Landslide Risk Mitigation and
Protection of Cultural and Natural Heritage
(Gennaio 2002).
Nice (France). XXVII General Assembly of the European Geophysical Society
(Aprile 2002).
Lima/Cusco (Per). XI Congreso Peruano de Geologia. International Workshop on
Geoindicators in Mountaneous Areas
(Ottobre 2002).
2001

170

Seminario:
7th International Seminar on Seismic Isolation, Passive Energy Dissipation and
Active Control of Vibrations of Structures - Assisi
2-5 Ottobre 2001
Lorenzo Lotto.
Il compianto sul Cristo Morto: studi, indagini, problemi conservativi,
Bergamo, 14 dicembre 2001.
Colloque sur Igino Benvenuto Supino (1859-1940), un grand historien de l'art italien.
Istituto Italiano di Cultura.
Parigi, 18 giugno 2001,
CXOM XVI16th International Conference on X-ray Optics and Microanalysis,
Organised by the Vienna University of Technology and the Academy of Fine Arts,
Vienna, July 2nd-6th, 2001
ICOM-CC Congress METAL 2001,
Santiago, Cile, April 2-6 2001.
XIVme Congrs UISPP,
Universit de Lige, Belgique, 2-8 septembre 2001.
Workshop on Environmental Effects on Artworks associato al meeting COST G7,
October 18-21, Iraklyon (Greece).
LACONA IV - International Congress on Lasers in the Conservation of Artworks
September 11-14, Paris (France).
Conferenza Istituto Nazionale di Studi Romani
L'attualizzazione del Cardinal Aquaviva nella basilica di S. Cecilia in Trastevere.
22 maggio 2001, Istituto Nazionale di Studi Romani, Sala Borromini, Roma,
2000

Congresso:
9th Int. Congress on Deterioration and Conservation of Stone - Venezia
19-24 Giugno 2000
Ciclo di seminari:
Tecnologie antisismiche innovative per la sicurezza del patrimonio
culturale,Metodologie di elaborazione di immagini per i Beni Culturali.
Culturalia, Salone sulla valorizzazione del Patrimonio e delle Attivit Culturali.
28 settembre 1 ottobre 2000, Fiera di Roma.
Seminario sulle attivit del progetto ENEA GIANO Sotto il segno di Giano:
conoscenza e conservazione delle opere darte fra passato e futuro
Accademia delle Scienze dellIstituto di Bologna
12 aprile 2000.
Mostra Internazionale Communication
Bologna
1 settembre 5 Novembre 2000
V Congresso Nazionale della SIMAI Societ Italiana di Matematica Applicata e
Industriale
171

Ischia, 5-9 June 2000


Laterizi e terrecotte architettoniche: la conoscenza per la conservazione,
quarta giornata di Archeometria della ceramica,
Milano, 21 marzo 2000.
ART & Chimie, la couleu",
Parigi, 16-18 settembre 1998, (Parigi, CNRS, 2000).
Giallo come loro, le vie dello zafferano, Convegno di studi,
San Gimignano, 14 ottobre 2000.
XXXV Riunione Scientifica dellIstituto Italiano di Preistoria e Protostoria,
Lipari, 2-7 giugno 2000
Corso di qualificazione ASNT al 2 livello per la tecnica radiografica, CND Studio,
Milano 20 novembre-1 dicembre 2000
5th International Symposium on the Conservation of Monuments in the
Mediterranean Basin, Seville (Spain) 5-8 aprile, 2000
China Italy UNESCO Seminar on Technologies for Conservation World Heritage,
Pechino 17-19 ottobre 2000
Moncalieri (TO). GeoBen2000 Geological and Geotechnical Influences in the
Preservation of Historical and Cultural Heritage (Giugno 2000).
Cardiff (Regno Unito). 8th International Symposium on Landslides (Giugno 2000).
Roma. Workshop on The European Multi-Hazard Risk Assessment Project
(TEMRAP) (Novembre 2000).
Convegno internazionale in occasione del 250 anniversario degli scavi di Stabia:
Una metodologia innovatrice, energeticamente consapevole, per la conservazione e
protezione dei siti archeologici
Castellammare di Stabia, (Na), 25 - 26 - 27 marzo 2000
Convegno Salvalarte e tavola rotonda:
Villa Romana del Casale rilievi microclimatici e problematiche relative alla struttura
protettiva
10 -11 - 12 aprile 2000, Sicilia, piazza Armerina, (CT),
Seminario
Conservazione e Recupero: Adeguamenti energetico architettonico del sistema
edificio, impianto, utenza, clima
7-8 novembre 2000, Arezzo.

172

5 BIBLIOGRAFIA
5.1

Diagnostica Avanzata

Verifiche sperimentali dei cinematismi di collasso e della propagazione del danno nei macroelementi
strutturali di edifici storico monumentali, G. De canio, P. Giaquinto, M.L. Mongelli, M. Poggi, N. Ranieri,
G, Zingone Convegno Nazionale Crolli e affidabilit delle strutture civili Universit degli studi di Messina,
Messina 20-22 aprile 2006
Seismic tests for innovative anchorage systems of structural elements in historical monumental cultural
heritage. G. De Canio, P. Giaquinto, N. Ranieri, E. Renzi, R.Volpe. 7th International Seminar on Seismic
Isolation, Passive Energy Dissipation and Active Control of Vibrations of Structures Assisi, Italy, October
2-5, 2001
M. Vendittelli, C. Flamini, R. Fantoni, A. Giardini-Guidoni, A. Mele An experimental comparison of three
non destructive testing diagnostics on pigments and ligands International Conference on Advanced Laser
Technologies, Potenza and Lecce, September 20-24, 1999; published in V. I. Pustovoy and V.I. Konov
Eds. SPIE Proceed. ALT'99, vol. 4070 (Washington 2000) pp. 8-17.
I. Borgia, R. Fantoni, C. Flamini, T.M. Di Palma, A. Giardini-Guidoni, A. Mele Luminescence from
pigments and resins for oil paintings induced by laser excitation Appl. Surf. Sci. 127-129 (1998) 95-100.
I. Borgia, L. M. F. Burgio, M. Corsi, R. Fantoni, V. Palleschi, A. Salvetti, M.C. Squarcialupi, E. Tognoni,
Self-calibrated quantitative elemental analysis by laser induced plasma spectroscopy: application to
pigment analysis, J. Cult. Heritage 1 (2000) S281-S286.
R. Fantoni, A. Palucci, S. Ribezzo, I. Borgia, Diagnosi su manufatti artistici mediante tecnica LIF. Energia
Ambiente Innovazione, 46, 1 pag. 80 (2000).
F. Colao, V. Lazic, R. Fantoni, V.Spizzichino, Laser-induced breakdown spectroscopy for semiquantitative and quantitive analyses of artworks application on multi--layered ceramics and copper
based alloys, Spectrochimica Acta Part B57, 1219 (2002).
V. Lazic, F. Colao, R. Fantoni, A. Palucci, V. Spizzichino, I. Borgia, B. Brunetti, A. Sgamellotti
Characterization of lustre and pigment composition in ancient pottery by laser induced fluorescence and
breakdown spectroscopy J. Cultural Heritage 4 (2003) 303s 308s.
V. Lazic, R. Fantoni, F. Colao, A. Santagata, A Morone, V. Spizzichino, Quantitative laser induced
breakdown spectroscopy analysis of ancient marbles and corrections for the variability of plasma
parameters and of ablation rate, J. Anal. At. Spectrom., 19, 429-436, 2004.
A. De Giacomo, M. DellAglio, F. Colao, R. Fantoni, Double Pulse Laser Produced Plasma in seawater:
basic aspects and analytical approach, Spectrochim. Acta B 59 (2004) 1431-1438.
F. Colao, R. Fantoni, V. Lazic, A. Morone, A. Santagata, A. Giardini, LIBS as a diagnostic tool during the
laser cleaning of ancient marbles from Mediterranean areas, Appl. Phys. A 79, 213-219 (2004).
F. Colao, R. Fantoni, V. Lazic, L. Caneve, A. Giardini, V. Spizzichino LIBS as a diagnostic tool during the
laser cleaning of copper based alloys: experimental results J. Anal. At. Spectrom., 19, 502 504, 2004.
Colao F., Fantoni R., Fiorani L., Palucci A., Gomoiu I. Compact scanning lidar fluorosensor for
investigations of biodegradation on ancient painted surfaces. Journal of Optoelectronics and Advanced
Materials, 7, 3197-3208 (2005).
Lazic, V.; Colao, F.; Fantoni, R.; Spizzicchino, V., Recognition of archeological materials underwater by
laser induced breakdown spectroscopy, Spectrochimica Acta B 60, 1014-1024 (2005).
Giacomo, A. De; DellAglio, M.; Colao, F.; Fantoni, R.; Lazic, V., Double-pulse LIBS in bulk water and on
submerged bronze samples, Applied Surface Science 247, 157-162 (2005).
Fornarini, L.; Colao, F.; Fantoni, R.; Lazic, V.; Spizzicchino, V., Calibration analysis of bronze samples by
nanosecond laser induced breakdown spectroscopy: A theoretical and experimental approach.
Spectrochimica Acta B 60, 1186-1201 (2005).
R.Fantoni, L.Caneve, F. Colao, L.Fornarini, V.Lazic, V.Spizzichino, Laser Induced Breakdown
Sspectroscopy (LIBS) The process, applications to artwork and environment NATO Science series
173

Advances in Spectroscopy for Laser Sensing R. Di Bartolo and O. Forte Eds. (Springer 2006, The
Netherlands 220-254.
V. Lazic, F. Colao, R. Fantoni, L. Fiorani, A. Palucci, J. Striber, A. Santagata, A. Morone, V. Spizzichino,
Spectroscopic monitoring of the laser cleaning applied to ancient marbles from mediterranean areas,
LACONA V Conference Proceedings, K. Dickmann, C. Fotakis, J.F. Asmus Eds., Springer Proceed. in
Physics 100 (Sprinter-Verlag, Berlin 2005) p. 451-456.
L. Bartolini, L. De Dominicis, M. Ferri De Collibus, G. Fornetti, M. Guarneri, E. Paglia, C. Poggi, R. Ricci,
Underwater 3D imaging with an amplitude modulated laser radar at 405 nm wavelength, Appl. Opt. 44,
7130-7135 (2005).
L.Fornarini, V.Spizzichino, F. Colao, R.Fantoni, V.Lazic, Influence of laser wavelength on LIBS diagnostic
applied to the analysis of ancient bronzes, Anal. Bioanal. Chem. 272 (2006) 385.
L. Caneve F. Colao R. Fantoni V. Spizzichino, Laser ablation of copper based alloys by single and double
pulse laser induced breakdown spectroscopy Appl. Phys. A 85, 151157 (2006).
L. Caneve F. Colao R. Fantoni V. Spizzichino, Laser ablation of copper based alloys by single and double
pulse laser induced breakdown spectroscopy Appl. Phys. A 85, 151157 (2006).
R. Fantoni, A. Palucci, S. Ribezzo, I. Borgia, E. Bacchi, M. Caponero, A. Bordone, L. Businaro, M. Ferri
De Collibus, G. Fornetti, C. Poggi Laser diagnostics developed for conservation and restoration of Cultural
Inheritance SPIE Proceed. Conf. ALT'99, V.I. Pustovoy and V.I. Konov Eds., vol. 4070 (Bellingham 2000)
pp. 2-7.
M. Vendittelli C. Flamini, R. Fantoni, A. Giardini-Guidoni, A. Mele An experimental comparison of three
non destructive testing diagnostics on pigments and ligands SPIE Proceed. Conf. ALT'99, V.I. Pustovoy
and V.I. Konov Eds., vol. 4070 (Bellingham 2000) pp. 8-17.
A. Bordone, M. Ferri De Collibus, R. Fantoni, G. Fornetti, M. Guarneri, C. Poggi, R. Ricci, Development of
a high-resolution laser radar for 3D imaging in artwork cataloguing, A. Carabelas, G. Baldacchini, P. Di
Lazzaro, D. Zevgolis Eds., Proc. of SPIE, Volume 5131 (2003) 244-248.
R. Fantoni, A. Bordone, M. Ferri De Collibus, G. Fornetti, M. Guarneri, C. Poggi, R. Ricci High resolution
laser radar: a powerful tool for 3D imaging with potential applications in artwork restoration and medical
prosthesis SPIE Proceed. vol. 5147 ALT'02 International Conference on Advanced Laser Technologies,
H.P. Weber, V.I. Konov and T. Graf Eds. (SPIE Bellingham, WA 2003) 116-127.
M. Ferri De Collibus, R. Fantoni, G. Fornetti, M. Guarneri, C. Poggi, R. Ricci, High-resolution laser radar
for 3D imaging in artwork cataloguing, reproduction and restoration SPIE Proceed., Vol. 5146 Optical
Metrology for Arts and Multimedia Renzo Salimbeni Ed., pp. 62-73 (2003).
F. Colao, L. Fiorani, R. Fantoni, A. Palucci, J. Striber, Diagnostics of stone samples by laser induced
fluorescence, Valentin I. Vlad. Ed., Proced. SPIE Vol. 5581, (2004) p. 455-464.
L. Bartolini, M. Ferri De Collibus, G. Fornetti, M. Guarneri, E. Paglia, C. Poggi, R. Ricci Amplitudemodulated laser range-finder for 3D imaging with multi-sensor data integration capabilities, Proceedings of
SPIE Vol. 5850, p. 152-159, Advanced Laser Technologies 2004; Ivan A. Shcherbakov, Anna Giardini,
Vitali I. Konov, Vladimir I. Pustovoy; Eds (2005).
P. Aristipini, F. Colao, R. Fantoni, L. Fiorani, A. Palucci Compact scanning lidar fluorosensor for cultural
heritage diagnostics, Proceedings of SPIE Vol. 5850, p. 196-203, Advanced Laser Technologies 2004;
Ivan A. Shcherbakov, Anna Giardini, Vitali I. Konov, Vladimir I. Pustovoy; Eds (2005).
F. Colao, R. Fantoni, L.Caneve, l. Fornarini, V. Lazic, A. Santagata, R. Teghil, A. Giardini, Study of laser
produced plasma in Cu-based alloys, International Conference on Advanced Laser Technologies, Rome
and Frascati (I) 10-14 September 2004; in press SPIE Proceedings ALT04, vol. 5850, pag. 51-58, Ivan A.
Shcherbakov, Anna Giardini, Vitali I. Konov, Vladimir I. Pustovoy Eds (2005).
De Giacomo A., M. Dell'Aglio, O. De Pascale, F. Colao, R. Fantoni Optical emission spectroscopy of laser
induced breakdown under water, SPIE Proceedings ALT04, vol. 5850, Ivan A. Shcherbakov, Anna
Giardini, Vitali I. Konov, Vladimir I. Pustovoy Eds (2005).
C. Poggi, M. Guarneri, G. Fornetti, M- Ferri De Collibus, L. De Dominicis, E. Paglia, R. Ricci, Imaging
topological radar for 3D imaging in cultural heritage production and restoration, SPIE Proc. Vol. 5988, p.
11-18 (2005).

174

V. Lazic, L. Caneve, F. Colao, R. Fantoni, L.Fornarini, V. Spizzichino, Quantitative elemental analyses of


archeological materials by laser induced breakdown spectroscopy (LIBS) an overview, R. Salimbeni and
L. Pezzati Eds, SPIE Proceed. Vol. 5857 (SPIE, Bellingham, WA, 2005). pag. H1-H12.
M. Ferri De Collibus, G. Fornetti, M. Guarneri, e. Paglia, C. Poggi, R. Ricci, ITR: an AM laser range finding
system for 3D imaging and multi-sensor data integration, Proceed. of the First International Conference on
Sensing Technologies; G. Sen Gupta, S.C. Mukhopadhyay and C.H. Messon Eds., Printed by Massey
University, Palmerston North, New Zealand, pp. 641-646 (2005).
P. Aristipini, F. Colao, R. Fantoni, L. Fiorani, A. Palucci Scanning lidar fluorosensor for cultural heritage
diagnostics SPIE Proced. International Conference on Lasers, Applications, and Technologies, T. Arecchi,
I.r P. Gurov, T. Yatagai, V. Ya. Panchenko, V. S. Golubev; Eds Vol. 6162 (2006).

5.2

Information and Communications Technology

L.Bordoni, T.Mazzoli: Towards an Ontology for Art e Colours, LREC 2006, V International Conference on
Language Resources and Evaluation, Genova, 24-26 Maggio 2006
L.Bordoni, F.Poggi, S. Rubino: Due ipotesi interpretative, pp. 103-116, in IL GUERRIERO DI CERI Studi
interdisciplinari su un capolavoro della pittura etrusca in terracotta, a cura di G.F. Guidi, V. Bellelli, G.
Trojsi, ENEA, 2006, ISBN 88-8286-195-3
L. Bordoni, S. Rubino " The warrior of Caere: an example of virtual reconstruction", paper accepted at
"The 7th Vast International Symposium on Virtual Reality, Archaeology and Cultural Heritage", Oct.30Nov.4,2006, Nicosia, Cyprus.
L. Bordoni:A virtual archive in XML: the COVAX project, Comma 2004.3-4, International Council on
Archives, pp.177-184, (ISSN 1680-1865)
L. Bordoni curatrice del numero speciale: Intelligenza Artificiale, Anno II n.2 Giugno 2005, ISSN 17248035.
L. Bordoni chairman of AI*IA Workshop for Cultural Heritage, Universit di Milano-Bicocca, 20 Settembre
2005, ISBN 88-900910-0-2.
L. Bordoni, G. Moscara, C. Seccaroni: Reconstruction and modelling the polyptych of San Michele,
Workshop "3D Digital Imaging and Modeling: Applications of Heritage, Industry, Medicine and Land", 1718 May 2005.
Daniela Alderuccio, Luciana Bordoni, Vittorio Loreto: Data compression approach to monolingual GIRT
task: an agnostic point of view, C. Peters et al. (Eds): CLEF 2003, Lecture Notes in Computer Science,
Volume 3237/2004, ISBN: 3-540-24017-9, pp.391-400
L. Bordoni, L. Pasqualini, F. Sciarrone, CheM: A System for the Automatic Analysis of e-mails in the
Restoration and Conservation Domain, LREC 2004, IV International Conference on Language Resources
and Evaluation, 24-30 Maggio 2004, ISBN 2-9517408-1-6, pp. 295-298.
L. Bordoni, Investigation on Semantics to Improve the COVAX System, LREC 2004, IV International
Conference on Language Resources and Evaluation, 24-30 Maggio 2004, ISBN 2-9517408-1-6, pp. 18811885.
D. Alderuccio, L. Bordoni: Multilingual Web Site: Some Considerations, Poster presented at the
Conference Quality for Cultural Web Sites, Parma 20-21 November 2003.
F. Abbattista, L. Bordoni & G. Semeraro. Artificial Intelligence for Cultural Heritage and Digital Libraries.
Applied Artificial Intelligence: An International Journal, 17(8-9):681-686, Taylor & Francis, SeptemberOctober 2003
L. Bordoni, F. Poggi & al. XML for Libraries, Archives, and Museums: the Project COVAX. Applied Artificial
Intelligence: An International Journal, 17(8-9): 797-817, Taylor & Francis, September-October 2003
L.Bordoni, O. Licchelli, P. Lops, F. Poggi, G. Semeraro: Learning preferences of users accessing digital
libraries, Proc. Of the 10th ISPE International Conference on Concurrent Engineering: Research and
Applications, 26-30 July 2003, Madeira, Portugal, J.Cha et al. (eds), pp. 457-465.

175

Daniela Alderuccio, Luciana Bordoni, Vittorio Loreto: Data compression approach to monolingual GIRT
task: an agnostic point of view, Working Notes for the CLEF 2003 Workshop, 21-22 August 2003,
Trondheim, Norway, Volume I, pp. 245-252.
Oriana Licchelli, Floriana Esposito, Giovanni Semeraro, Luciana Bordoni:Personalization to improve
searching in a Digital Library, Proceedings of the 3rd International Workshop on New Developments in
Digital Libraries, NDDL 2003, Angers, France, April 2003, pp.47-55.
Luciana Bordoni, Attilio Colagrossi, Nicolette Mandarano:A Virtual Reality Application for Cultural Assets:
the Scholars Point of View, EVA 2003 Florence, Firenze, Marzo 2003, pp.231-235.
Luciana Bordoni, Sandro Spadaro: The Data Mining Techniques in the Macroeconimic Field,
Proceedings of the 21st IASTED International Conference APPLIED INFORMATICS, February 10-13,
2003, Innsbruck-Austria, pp.38-43.
Luciana Bordoni, Ernesto dAvanzo:Prospects for integration Text Mining and Knowledge Management,
The IPTS report, n. 68, October 2002, pp.21-25.
Luciana Bordoni: COVAX: A Contemporary Culture Virtual Archive in XML, poster presented at 6th
European Conference, ECDL 2002, Roma, Settembre 2002, Maristella Agosti Costantino Thanos (Eds.),
Springer.
Daniela Alderuccio, Luciana Bordoni:"An ontology-based approach in the literary research: two case
studies", LREC (Third International Conference on Language Resources and Evaluation), Las Palmas de
Gran Canaria, Spagna, 29-31/5 2002, pp. 1186-1190.
Maria Laura Bargellini, Luciana Bordoni:"The role of the library in a new learning scenario", The Electronic
Library, vol. 19, n.3, 2001, MCB University Press, pp.153-157.
L. Bordoni:" Cultural heritage and advanced information technology: a promising outlook", The IPTS
report, n.54, May 2001, pp. 33-38.
Luciana Bordoni, Attilio Colagrossi: " Library's unified information system and advanced library service", in
Library Computing, vol. 19, n.3/4 2000, MCB University Press, pp. 207-211.
Luciana Bordoni, Attilio Colagrossi, Giovanna Martellotti, Claudio Seccaroni:" Clustering techniques for the
Analysis of the Execution of a Fresco", in "Digital Environments: Design, Heritage and Architecture",
CHArt Conference Proceedings, volume two, 2000, Editor Tanya Szrajber.
L. Bordoni, A. Colagrossi:" Library's unified information system and advanced library services", CampusWide Information System, 17: 3, 2000, pp.94-98.
L. Bordoni:"Some Applications of Artificial Intelligence Techniques in the Cultural Heritage", Proceedings
of Electronic Imaging & the Visual Arts EVA 2000 Florence, Pitagora Editrice Bologna, pp. 79-83.
M.L. Bargellini, L. Bordoni, A. San: "Libraries: a key role in lifelong learning", The IPTS report n. 41,
February 2000, pp. 10-17.
L.Bordoni, A. Colagrossi:"A Case-Based Reasoning methodology for restoring frescoes", Eighteenth
IASTED International Conference Applied Informatics (AI 2000), Innsbruck, February 14-17, 2000
Bordoni, L. and Colagrossi A. (1999). Some Guidelines for the Design of Multimedia Systems for the
Representation of Figurative Artistic Heritage. In International Cultural Heritage Informatics Meeting,
Washington, DC, September 1999, (pp. 45-50), Archives & Museum Informatics, USA.
Bordoni, L. and Colagrossi A. (1999). A Multimedia Personalized Fruition of Figurative Artistic Heritage by
a GIS-based Methodology. In Proceedings of the IEEE International Conference on Multimedia Computing
and Systems Multimedia Systems, Vol. 2 (pp. 184-188). IEEE Computer Society.
L.Bordoni Intelligent access to document archives, Proceedings of 20th IATUL Conference, Technical
University of Crete, Chania, 17-21 May 1999.
D. Alderuccio, L. Bordoni La biblioteca e il multilinguismo, in: Comunicare la conoscenza ai tempi del
Web: ruolo e responsabilit della biblioteca ibrida, AIB- Sezione Lazio, 2005, pp. 159-168, ISBN: 88-7812148-7.
L. Bordoni, G. Martellotti, M. Minno, R. Saccuman, C. Seccaroni Il polittico di SantAgostino Ragionamenti
e ipotesi ricostruttive, Kermes, n.56, Ottobre-Dicembre 2004, Nardini Editore, pp.41-54

176

L. Bordoni, M. Minno, C. Seccaroni Ipotesi di ricostruzione 3D del polittico di SantAgostino, Conferenza


italiana sui sistemi intelligenti, Perugia 14-17 Settembre 2004, Morlacchi Editore, ISBN:88-89422-09-2
M. Bertinetti, S.Biagini, L. Bordoni, M. Conti, I. Franco, C. Crociani, P.Pagnotta Itinerario virtuale tra le
epigrafi della Via Appia Conferenza italiana sui sistemi intelligenti, Perugia 14-17 Settembre 2004,
Morlacchi Editore, ISBN:88-89422-09-2
L.Bordoni, F. Poggi Un archivio virtuale in XML: il progetto COVAX, Bollettino AIB, Vol. 44, n.1, marzo
2004, pp. 19-26.
L. Bordoni Beni Culturali e Intelligenza Artificiale: un dialogo possibile, Energia Ambiente e Innovazione,
Rivista ENEA, n. 6, 2003, pp. 54-62
L. Bordoni, F. Esposito, O. Licchelli, F. Poggi, G. Semeraro: Personalized Search for Digital Library
Users, In (L. Bordoni e F. Poggi editors), Atti del Workshop "Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali",
Pisa 23 Settembre 2003.
L. Bordoni, L. Pasqualini, F. Sciarrone:Un sistema di analisi automatica di e-mail nel dominio del restauro
e della conservazione, In (L. Bordoni e F. Poggi editors), Atti del Workshop "Intelligenza Artificiale per i
Beni Culturali", Pisa 23 Settembre 2003.
Atti del Workshop "Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali e le Biblioteche Digitali", a cura di L. Bordoni
e F. Poggi, VIII Congresso dellAssociazione Italiana per lIntelligenza Artificiale, Pisa 23 Settembre 2003.
L. Bordoni: Intelligenza Artificiale e Web, Kermes La rivista del restauro, aprile-giugno 2003, Nardini
Editore, pp.63-64.
Atti del Workshop "Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali e le Biblioteche Digitali", a cura di L. Bordoni
e G. Semeraro, VII Congresso dellAssociazione Italiana per lIntelligenza Artificiale, Bari 25 Settembre
2001.
L. Bordoni: "Utilizzo di nuove tecnologie nei beni librari", Contributi e Testimonianze, Fondazione per la
Conservazione e il Restauro dei Beni Librari, Accademia Spoletina, Spoleto 2000, pp.21-27.
L.Bordoni: "L'Intelligenza Artificiale nei beni culturali: problematiche e applicazioni", V Congresso
nazionale della SIMAI, Ischia Porto 5-9 giugno 2000, pp. 512-514.
Atti del Workshop Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali, a cura di L. Bordoni, VI Congresso
dellAssociazione Italiana per lIntelligenza Artificiale, Bologna 14 Settembre 1999.
L.Bordoni, P.Negri Scafa: "Proposte per lo studio di Caratteristiche Grafemiche in Testi Cuneiformi", In (L.
Bordoni editor), Atti del Workshop "Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali", Bologna 1999.
L.Bordoni, A. Micarelli, F. Sciarrone: "Filtraggio Adattivo su Web di Documenti sui Beni Culturali", In (L.
Bordoni editor), Atti del Workshop "Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali", Bologna 1999.
C. Bertorello, L. Bordoni, A. Colagrossi, G. Martellotti, C. Seccaroni:Un sistema software per lanalisi della
sequenza delle giornate negli affreschi, KERMES Arte Conservazione e Restauro, Nardini Editore Anno
X n.29, maggio-agosto1997, pp.41-59
L. Bordoni, A. Colagrossi:Un sistema multimediale iconografico per la didattica della storia dellarte, Atti
DIDAMATICA '97 Informatica per la didattica, Associazione Italiana per l'Informatica ed il Calcolo
Automatico (AICA) Siena, 8-10 Maggio 1997, pp.95-110
Luciana Bordoni collabora alla rivista Kermes Arte Conservazione e Restauro della Nardini Editore, con
la rubricaIntelligenza Artificiale per il restauro
C. Marinucci, A. Di Lorenzo, B. Calosso, SIGEC e-SIGEC: formazione integrata per la catalogazione e la
gestione informatica dei beni culturali, atti del convegno Expo e-learning Ferrara 2004.
C. Marinucci, A. Di Lorenzo, B. Calosso, SIGEC: il sistema per la catalogazione integrata delle collezioni
museali e del contesto territoriale, atti del convegno dAutunno dellAssociazione Nazionale Musei
Scientifici 2004.
C. Marinucci, A. Di Lorenzo, B. Calosso, Il progetto FOR-CULT. Percorsi e-learning per i beni culturali atti
del convegno Expo e-learning Ferrara 2005.

177

C. Marinucci, A. Di Lorenzo, B. Calosso, SIGEC e-SIGEC: e-learning per la catalogazione e la gestione


informatizzata dei beni culturali, atti del convegno dAutunno dellAssociazione Nazionale Musei Scientifici
2005.
A cura di: P.Auer, F. Cavallini, E. Giffi - Normativa per lacquisizione digitale delle immagini fotografiche ICCD 1998
A cura di: P.Auer, E. Giffi, M.L. Mancinelli - Normativa per la documentazione multimediale - ICCD 2005
P.Auer, - Watermark ICCD - ICCD 2003

5.3

Conservazione e tutela

Kniffitz L., Grimaldi E., Maino G., Ferriani S., (2005) Per una banca dati multimediale in rete, dedicata al
mosaico. XI Colloquio AISCOM, Ancona, 16-19 febbraio 2005. Atti, a cura di Claudia Angelelli, Edizioni
Scripta Manent,Tivoli.
Bonifazzi C., Ferriani S., Maino G., Salmaso L., Tartari A., (2003) Three-way Data Analysis of -ray
Spectra: Material Composition Study and Density Imaging.
Cladag, Bologna September 22-24, 2003, Book of Short Papers 63-66.
Bonifazzi C., Ferriani S., Maino G., Tartari A., (2003) Multispectral Examination of Paintings and Works of
Art: A Principal Component Analysis Approach.
Cladag, Bologna September 22-24, 2003, Book of Short Papers.
Biagi Maino D., Bruni S., Ciancabilla L., Ferriani S., G.Gandolfi, Maino G., Visparelli D., Advances in
digital image processing and archiving for works of art, in Proceedings of workshop on Artificial
Intelligence for the Cultural Heritage, Bologna, 14 settembre 1999, L.Bordoni (ed.), Bologna (1999) 109119.
Ciancabilla L., Biagi Maino D., Ferriani S., Maino G., Visparelli D., Successes and limits of X-ray
diagnostics for the cultural heritage, in Proceedings of European Conference on Energy Dispersive X-Ray
Spectrometry, EDXRS-98, Bologna, 7-12 giugno 1998.
Biagi Maino D., Maino G., The GIANO project: Combining hypermedia and network technologies for
applications to the cultural heritage, in Proceedings of International Conference on Multimedia Computing
and Systems, IEEE Multimedia Systems '99, Firenze, 7-11 giugno 1999.
Biagi Maino D., Gandolfi G., Roversi L., Ferriani S., Galli M., Magnani M., Maino G., A.Musumeci,
Visparelli D., C.Zambon, An imaging computing system for handling information about diagnostics and
conservation of paintings, in Proceedings of 6th International Conference on Non-Destructive Testing and
Microanalysis for the Diagnostics and Conservation of the Cultural and Environmental Heritage, ART-99,
Roma, 17-19 maggio 1999, vol. II, Roma (1999) 1247-1262
Ciancabilla L., Biagi Maino D., Ferriani S., Maino G., Mathematical and Computational Aspects of
Nondestructive Diagnostics for the Cultural Heritage, in Proceedings of Minisymposium on Meccanica
Statistica e Termodinamica Computazionale: dai fondamenti alle applicazioni in campo ingegneristico,
ambientale e diagnostico, IV Congresso nazionale della Societ Italiana di Matematica Applicata e
Industriale (SIMAI), Giardini Naxos (Messina), 1-5 giugno 1998, SIMAI, Roma (1998), pp. 269-271.
Atti seminario APAT Effetti dellinquinamento atmosferico sui beni di interesse storico-artistico: le
esperienze, Roma 28 Giugno 2006.
Monforti, Bellasio, Bianconi, Clai, Zanini, An Evaluation of Particle Deposition Fluxes on Monumental Area
of Florence, Italy. Sci. Tot. Env, 2004, 33-34, 61-72
Le nuove tecnologie per la salvaguardia del patrimonio artistico ventitre interventi dellENEA, De Luca
Editore, 1985;
Tecnologia per la cultura- Tecniche di diagnostica avanzata per lo studio e la conservazione dei Beni
Culturali, De Luca Editore, 1988;
Lattivit dellENEA per i beni culturali, 1983-1994, ENEA Ed., 1995

178

Pietro Moioli, Claudio Seccaroni, FLUORESCENZA X Prontuario per lanalisi XRF portatile applicata a
superfici policrome, Nardini Editore, 2002
Omarini Sergio, La diagnostica con i colori ENEA, Roma 2003
Pietro Moioli, Claudio Seccarono, Tecniche radiografiche applicate ai beni culturali ENEA Editore 2004
Claudio Seccaroni Giallorino, storia dei pigmenti gialli di natura sintetica, Materiali della cultura artisticaApprofondimentiDe Luca Editore 2006
Il guerriero di Ceri Studi interdisciplinari su un capolavoro della pittura etrusca su terracotta, a cura di G. F.
Guidi, V. Belleli, G. Trojsi, ENEA Ed., 2006
A.B. Della Rocca - Il Sistema informativo territoriale ambientale Casteporziano (SITAC) - Accademia
Nazionale delle Scienze detta dei XL Scritti e documenti XXVI Vol. (2001)
A.B. Della Rocca et Alii - Computer simulation of the radiographic image forming process: implementation
and applicazions. - Butterworth-Heinemann (1995)
A.B. Della Rocca - Immagini della superficie terrestre rilevate da satelliti - Notiziario ENEA (1985)
A.B. Della Rocca Metodologie innovative per la conoscenza del territorio. Contributi dellosservazione
aerospaziale.- Agenzia per la protezione dellambiente e per i servizi tecnici (APAT). VII conferenza
APAT-ARPA (2003)
A.B. Della Rocca et Alii - Sviluppo di modelli 3D di aree urbane tramite tecniche di aerofotogrammetria
digitale. ASITA Proceedings (2001)
A.B. Della Rocca - Dati da rilevamento satellitare. Osservazione della terra: stato attuale e programmi
internazionali. - ANPA, Roma Atti I conferenza nazionale delle agenzie ambientali. (1998)
Ultraviolet, visible and infrared performance of coated glass for museums, A.Piegari, SPIE Proc. Vol.4094
Optical and infrared thin films (2000) 74-82
Multilayer coatings on glass for painting protection and optimized color rendering, A.Piegari, P.Polato,
OSA Technical Digest Trends in Optics and Photonics, Vol.63 (2001)
Optical coatings on glass for protection and conservation of works of art, A. Piegari, P.Polato, Proc.
Workshop Optical Coating Technologies OCTEC 2001 (Erice-Italy, Sept 2001) 22-28
Multilayer coatings on glass for painting protection and optimized color rendering, A.Piegari, P.Polato,
Applied Optics, 41 (2002) 3319-3326
Wideband optical coatings for artwork protection from ultraviolet and infrared radiation damage, A.Piegari,
P.Polato, SPIE Proc. Vol.4829 (19th Congress of the International Commission for Optics, Firenze-Italy,
August 25-30, 2002) 89-90
Optical coatings in art conservation, A.Piegari, Proc.of 5th Symposium of European Vacuum Coaters,
(Anzio-Italy, September 29-October 1, 2002)
Wideband optical coatings for protecting artwork from ultraviolet and infrared radiation damage, A.Piegari,
P.Polato, Journal of Optics A: Pure and Appl. Optics, 5 (2003) S152-S156
Trattamenti ottici a larga banda per la protezione delle opere darte dal danno indotto da radiazione
ultravioletta e infrarossa,A.Piegari, P.Polato, Rivista Stazione Sperimentale Vetro, 6 (2003) 19-23
Multilayer optical coatings for conservation glass: colour rendering optimization, I.Di Sarcina, A.Farini,
A.Piegari, Rivista Stazione Sperimentale Vetro, 3 (2004) 5-14
Colour rendering in art conservation coated glass, I.Di Sarcina, A.Farini, A.Piegari, U.Schulz, Proc. 6th
Symposium of European Vacuum Coaters (Anzio, 27-29 Sept. 2004)
Componente in vetro comprendente un rivestimentomultistrato di ossidi, da utilizzarsi come vetro di
protezione per opere darte, A.Piegari, I.Di Sarcina, Domanda di Brevetto n. BO2004A000797 (2004)
La tecnologia dei rivestimenti a film sottile su vetro per la protezione delle opere darte, A.Piegari, I.Di
Sarcina, A.Farini, Atti del Convegno Nazionale della Associazione di Archeometria Innovazioni
Tecnologiche per i Beni Culturali in Italia (Caserta, 16-18 Feb. 2005) 17
Optical coatings on glass for preserving artworks from illumination induced damage: design and testing,
A.Farini, R.Arrighi, I.Di Sarcina, A.Piegari, SPIE Proc. Vol. 5857 (Monaco, 12-14 June 2005) 228-234
179

Optical coatings for artwork preservation and enhanced viewing, A Piegari, A.Farini, R.Arrighi, I.Di
Sarcina, SPIE Proc. Vol. 5963 Advances in Optical Thin Films (Jena, 12-16 Sept 2005), 596309-1-8
Valutazione colorimetrica e psicofisica di un trattamento superficiale per vetri utilizzati nei musei, R.Arrighi,
I.Di Sarcina, A.Farini, A.Piegari, Quaderni di Ottica e Fotonica Vol. 13 (2005) 243-250
Characterization of optical coatings for artwork protection by means of neutron reflectometry, I. Di Sarcina,
A. Menelle, E. Nichelatti, A. Piegari, Proc. NATO School Functional Properties of Nanostructured
Materials (Sozopol, Bulgaria, 3 - 14 June 2005) and in Functional Properties of Nanostructured
Materials, R.Kassing et al eds., (Springer, 2006) 359-362
Optical coatings for artworks preservation and enhanced viewing, Roberto Arrighi, Alessandro Farini,
Tiziana Pericoli, Ilaria Di Sarcina, Angela Piegari, Elisabetta Baldanzi, Proc. Lighting Research
Symposium (Florida, 6-10 Feb, 2006)
Trattamenti ottici per la protezione delle opere d'arte dalla luce salvaguardando la percezione cromatica,
Roberto Arrighi, Elisabetta Baldanzi, Ilaria Di Sarcina, Alessandro Farini, Tiziana Pericoli, Angela Piegari,
Atti del Convegno Internazionale di Illuminotecnica AIDI (Venezia, 9-10 ottobre 2006)
P. Moioli, L. Evans, J. Trombka, R. Livingston: Measurements of Pollutants in Historical Walls by
Radiative Neutron Capture. Proceedings of the Meeting New Paths in the Use of Nuclear Techniques for
Art and Archeology, Trieste (Italy) 30 sep-3 oct 1985.
P. Moioli, D. Antonini, R. Scaf, M. Giannini: Misure di distribuzione di elementi in pareti di interesse
storico mediante la cattura radiativa di neutroni. Analisi dei dati sperimentali mediante codici di trasporto di
raggi gamma e neutroni. Atti della 2^ Conferenza internazionale sulle prove non distruttive, metodi
microclimatici e indagini ambientali per lo studio e la conservazione delle opere d'arte. Perugia (Italia) 1720 Apr 1988, II/14.
G. Accardo, G. Capannesi, C. Seccaroni: Valutazioni critiche sulla possibilit di impiego
dell'autoradiografia. 2nd International Conference on "Non-destructive Testing, Microanalytical Methods
and Environment Evaluation for Study and Conservation of Works of Art"; Perugia 17-20 aprile 1988
IV/1.1.
C. Caneva, A. Pampallona, C. Seccaroni: Le PnD per le problematiche inerenti l'esposizione dei manufatti
artistici in ambienti non museali. 2nd International Conference on "Non-destructive Testing,
Microanalytical Methods and Environment Evaluation for Study and Conservation of Works of Art";
Perugia 17-20 aprile 1988 I/15.1.
P. Moioli, C. Seccaroni: Indagini eseguite con la fluorescenza X (XRF) in Due terrecotte romane del
Seicento. Roma, Castel S. Angelo 24 giugno 23 settembre 1989. Fratelli Palombi, Roma, p.35.
M. Massimi, A. Melchiorri, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Indagini non distruttive in Identificazione di un
Caravaggio. Nuove tecnologie per una rilettura del S. Giovanni Battista. Marsilio Editori, 1990, pp. 105118.
G. Capannesi, C. Seccaroni, F. A. Sedda, V. Majerini, S. Musco: Characterization by INAA of Ancient
Mortars. Atti del Convegno internazionale sui problemi e l'analisi di opere edilizie di interesse
archeologico. Atene ottobre-novembre 1989.
F. D'Aversa, M. Ferretti, P. Moioli, R. Scaf: A Multi-Gamma Attenuation Technique for the Quantitative
Characterization of Archaeological Metal Alloys. Proceedings of the European Symposium Science,
Technology and European Cultural Heritage, Bologna (Italy) 13-16 june 1989, 579-582.
G. Accardo, E. Giani, R. Rinaldi, C. Seccaroni: Il microclima come contributo alla definizione di rischio sul
territorio. La Fardelliana, Trapani, anni VIII e IX (1989-1990), pp. 183-190.
M. Ferretti, G. Guidi, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: The presence of antimony in some grey colours of
three paintings by Correggio. Studies in Conservation, 36 (1991) pp. 235-239.
P. Moioli, C. Seccaroni: Campagne di analisi, in La Danae e la pioggia d'oro. Un capolavoro di Antonio
Allegri detto il Correggio restaurato, Multigrafica editrice, Roma, 1991, pp. 65-68.
M. Ferretti, M. Massimi, A. Melchiorri, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Studio dei pigmenti di alcuni
dipinti del Correggio, in La Danae e la pioggia d'oro. Un capolavoro di Antonio Allegri detto il Correggio
restaurato, Multigrafica editrice, Roma, 1991, pp. 68-78.

180

M. Ferretti, G. Guidi, C. Seccaroni: Analisi stratigrafiche al microscopio elettronico a scansione, in La


Danae e la pioggia d'oro. Un capolavoro di Antonio Allegri detto il Correggio restaurato, Multigrafica
editrice, Roma, 1991, pp. 79-83.
G. Capannesi, C. Seccaroni, F. A. Sedda, V. Majerini, S. Musco: Classification of fifteenth- to nineteenthcentury mortars from Gabii using instrumental neutron activation analysis, Archaeometry, (1991) vol. 33,
pp. 255-266.
M. Ferretti, P. Moioli, C. Seccaroni: Esame dei pigmenti con la tecnica della fluorescenza X, in La Croce
giottesca di S. Felice in Piazza, storia e restauro, Marsilio ed., Venezia, 1992, pp. 181-184.
M. Massimi, A. Melchiorri, P. Moioli, A. Tognacci: Le indagini gammagrafiche. In La Chimera di Arezzo. Il
Torchio, Firenze 1992, pp. 99-103.
M. Ferretti, P. Moioli: Le analisi per fluorescenza X (XRF). In La Chimera di Arezzo. Il Torchio, Firenze
1992, pp. 123-125.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Taratura di un sistema di fluorescenza X per lo studio dei dipinti. 3rd
International Conference on "Non-destructive Testing, Microanalytical Methods and Environment
Evaluation for Study and Conservation of Works of Art"; Viterbo, 4-8 ottobre 1992, pp. 1271-1283.
G. Accardo, P. Moioli, C. Seccaroni: Taratura di lastre radiografiche per analisi di dipinti. 3rd International
Conference on "Non-destructive Testing, Microanalytical Methods and Environment Evaluation for Study
and Conservation of Works of Art"; Viterbo, 4-8 ottobre 1992, pp. 21-35.
G. F. Guidi, G. Pasquariello, F. Pierdomonici, C. Seccaroni: Negativi su vetro alla gelatina-bromuro di
argento. Tecniche diagnostiche per la valutazione dello stadio conservazione, 3rd International
Conference on "Non-destructive Testing, Microanalytical Methods and Environment Evaluation for Study
and Conservation of Works of Art"; Viterbo, 4-8 ottobre 1992, pp. 717-732.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Confronti statistici per alcuni elementi di particolare interesse ricavati da
analisi di fluorescenza X eseguite su dipinti antichi,. 3rd International Conference on "Non-destructive
Testing, Microanalytical Methods and Environment Evaluation for Study and Conservation of Works of
Art"; Viterbo, 4-8 ottobre 1992, pp. 423-438.
R. Bassotti, M. Ferretti, M. Laurenzi Tabasso, F. R. Mainieri, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni, G.
Serangeli, R. Varoli Piazza: Un intervento conservativo programmato mediante l'interazione di differenti
metodologie di analisi: la loggia di Psiche alla Farnesina, 3rd International Conference on "Non-destructive
Testing, Microanalytical Methods and Environment Evaluation for Study and Conservation of Works of
Art"; Viterbo, 4-8 ottobre 1992, pp. 605-620.
G. Accardo, G. Cacace, G. D' Ercoli, E. Giani, R. Rinaldi, C. Seccaroni: Monitoraggio ambientale: analisi e
tecniche di intervento strumentale sul territorio, 3rd International Conference on "Non-destructive Testing,
Microanalytical Methods and Environment Evaluation for Study and Conservation of Works of Art";
Viterbo, 4-8 ottobre 1992, pp. 863-879.
M. Ferretti, G. Girardi, M. Massimi, A. Melchiorri, P. Moioli, R. Scaf: Esami diagnostici sulla statua
lapidea 'Giove Egioco' del Museo Nazionale Romano. Atti della 3^ Conferenza internazionale sulle prove
non distruttive, metodi microclimatici e indagini ambientali per lo studio e la conservazione delle opere
d'arte. Viterbo (Italia) 4-8 ottobre 1992, 291-306.
V. Cagnetti, M. Diana, M. Ferretti, P. Moioli: La Chimera di Arezzo: studio di alcuni aspetti metallurgicostrutturali mediante fluorescenza X e termografia ad alta risoluzione. Atti della 3^ Conferenza
internazionale sulle prove non distruttive, metodi microclimatici e indagini ambientali per lo studio e la
conservazione delle opere d'arte. Viterbo (Italia) 4-8 ottobre 1992, 215-228.
G. Guidi, M. Massimi, A. Melchiorri, P. Moioli: Caratterizzazione strutturale e metallografica dell'automa
bronzeo Il Maurizio, proveniente dalla torre del Maurizio di Orvieto. Atti della 3^ Conferenza internazionale
sulle prove non distruttive, metodi microclimatici e indagini ambientali per lo studio e la conservazione
delle opere d'arte. Viterbo (Italia) 4-8 ottobre 1992. 1197-1207.
F. D'Aversa, P. Moioli, R. Scaf: La tomografia assiale computerizzata come tecnica di indagine non
distruttiva su oggetti di interesse artistico. Atti della 3^ Conferenza internazionale sulle prove non
distruttive, metodi microclimatici e indagini ambientali per lo studio e la conservazione delle opere d'arte.
Viterbo (Italia) 4-8 ottobre 1992, 271-284.

181

P. Moioli, C. Seccaroni: Esame delle tracce di pigmenti su alcuni frammenti, in Arte e culture del Sahara
preistorico, a cura di M. Lupacciolu, Quasar ed., 1992, Roma, pp. 109-112.
Persia F. (1992) I pigmenti utilizzati nelle pitture rupestri in Arte e cultura del Sahara preistorico, a cura di
M. Lupacciolu Ed. Quasar, pp. 103-107. ISBN 88-7140-059-3
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Esame dei pigmenti con la tecnica della fluorescenza X, in Carpaccio,
Bellini, Tura, Antonello e altri restauri quattrocenteschi della Pinacoteca del Museo Correr, Electa ed.,
Milano, 1993, pp. 222-233.
M. Diana, F. d'Aversa, F. Persia, C. Seccaroni, C. Perucca, V. Massa, N. Beloyannis: Pilot Greek-Italian
Study of the Effects of the Environmental Pollution on Historic Monuments. Final Report. ECC-STEP
Contract no.0143-IT (MNRE).
P. Moioli, C. Seccaroni: Confronto mediante la fluorescenza X dei pigmenti utilizzati sulle 10 tavole in
Gentile da Fabriano, in Il polittico di Valle Romita, ed. Charta, Milano, 1993, pp. 79-89.
R. Bassotti, M. Ferretti, M. Laurenzi Tabasso, F. R. Mainieri, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni, G.
Serangeli, R. Varoli Piazza: La loggia di Psich la Farnesina: anciennes restaurations et tudes
interdisciplinaires en vue d'une intervention de conservation, Peintures murales. Journes d'tudes de la
S.F.I.I.C". Dijon, 25-27 mars 1993, pp. 153-168.
M. Cordaro, G. E. Gigante, G. F. Guidi, M. Massimi, C. Seccaroni, M. Severi, A. Zappal: Indagini non
distruttive su materiali e tecniche di esecuzione di alcune tempere di Canova, in Canova e l'incisione,
Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, Calcografia 11/11/93-6/1/94, Bassano del Grappa, Museo
Biblioteca Archivio 19/1/94-24-4-94, Ghedina e Tassotti editori, Bassano del Grappa, 1993, pp. 53-64.
G. Accardo, E. Giani, C. Seccaroni: Bioclimatica passiva per la definizione di strutture museali. I Beni
Culturali. Tutela e valorizzazione, Viterbo, anno II n. 2, marzo-aprile 1994, pp. 23-27.
G. Accardo, E. Giani, R. Rinaldi, C. Seccaroni: St. Ciriaco Cathedral in Ancona: Microclimatic ampaign for
the study of stone decay, 4th International Conference "Non-destructive Testing of Works of Art"; Berlino
4-8 ottobre 1994. pp. 678-686.
C. Seccaroni, R. Scaf, P. Moioli, G. F: Guidi, M. Ferretti: L'impiego della fluorescenza X per indagini nondistruttive sui dipinti, I Beni Culturali, Tutela e valorizzazione, Viterbo, Anno II n. 6, novembre-dicembre
1994, pp. 38-44.
M. Ferretti, G. Guidi, P. Moioli, F. Piedominici, C. Seccaroni: Studio della composizione delle lamine
metalliche e degli elementi decorativi del Trittico del Salvatore di Tivoli, Atti e Memorie della Societ
Tiburtina di Storia dell'Arte, vol. LXVII, Tivoli, 1994, pp. 75-85.
P. Moioli, A. Ronchetti, R. Scaf, C. Seccaroni: I vetri medioevali del XIII secolo. Indagine bibliografica on
line sugli aspetti chimici e sui minerali impiegati nella colorazione blu con particolare riguardo a quelli
contenenti indio, Informatica e documentazione, n. 21, novembre 1994, pp. 46-51.
M. Diana, F. Cavallini, M. Ferretti, G. F. Guidi, M. Massimi, A. Matteja, A. Melchiorri, P. Moioli, F. Persia,
A. Sargenti, R. Scaf, C. Seccaroni: L'Attivit dell'ENEA per i Beni Culturali. 1983-1994, Editrice Il Torchio,
Firenze, 1995.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Metodi fisici di indagine: Fluorescenza X, in La Madonna di San Giorgio
alla Costa di Giotto a cura di Marco Ciatti e Cecilia Frosinini, Edifir, Firenze, 1995, pp. 89-92.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni, A. Tognacci: Studio delle paste vitree utilizzate nei mosaici della
Cappella del Sancta Sanctorum, in Sancta Sanctorum, Electa, Milano, 1995, pp. 280-290.
I.M. Marcelli, M. Ferretti, G.F. Guidi, P. Moioli, F. Pierdominici, C. Seccaroni: Il restauro del rivestimento
argenteo del "Trittico del SS. Salvatore": ricerca e innovazione, Kermes, 23 (1995), pp. 53-75.
P. Moioli, C. Seccaroni: Pigmenti a base di rame: fonti storiche e analisi scientifiche, OPD Restauro, 7
(1995), pp. 216-252.
E. Bellia, P. Moioli, C. Seccaroni: Indagini non distruttive su terrecotte di grandi dimensioni, in La scultura
in terracotta. Tecnica e conservazione, a cura di Maria Grazia Vaccari, Centro Di, Firenze, 1996, pp. 146155.

182

Diana M., Metallo M.C., Persia F., Poli A. (1995) Modelli matematici per la valutazione della qualit
dell'aria a supporto della salvaguardia dei siti archeologici "I siti archeologici: un problema di
musealizzazione all'aperto" Gruppo Editoriale Internazionale. Roma, pp. 54-61.
Metallo M.C., Poli A., Diana M., Persia F., Cirillo C. (1995) Air pollution loads on historical monuments: an
air quality model application to the marble Arch of Titus in Rome -The Science of the Total Environment
171, pp. 163-172.
Diana M., Persia F. (1995) L'Italia fra le scienze e le arti di Mario Sironi: l'indagine riflettografica Rivista di
Arte e Critica, anno III, num.6-7, pp. 7-8.
Ponti R., Persia F. (1995) Conservation et datation des oeuvres d'art rupestre prhistorique: l'tude d'un
cas: Tadrart Acacus (Libye) "La nouvelle Revue anthropologique" "Sixime Colloque Eurafricain du
Centres International de Recherches Sahariennes et Sahliennes", Chinquetti (Mauritanie) 13-19 ott., pp.
119-124.
Penna M., Persia F., Fravolini M.E., Diana M. (1995) Porosity measurements by He-stereopycnometer on
different types of marble in press on the Proceedings of the I International Congress on "Science and
technology for the safeguard of cultural heritage in the Mediterranean basin", Acireale (CT) 27 nov.-2 dic,
203.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Analisi di fluorescenza X su sei dipinti di Fra' Bartolomeo, in L'et di
Savonarola Fra' Bartolomeo, Marsilio Editore, Venezia 1996, pp. 314-316.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Le storie della Passione e la Cena in Emmaus. Analisi per fluorescenza
X, in Da Pontormo & per Pontormo. Novit alla Certosa, Centro Di, Firenze, 1996, pp. 62-64.
G. Accardo, E. Giani, C, Seccaroni: Evoluzione della modellistica di vetrine per la conservazione di
manufatti artistici, Materiali e Strutture, anno V n. 3 (1995) pp. 115-126.
E. Giani, C, Seccaroni: Tutti i colori di Caravaggio, Sapere, anno 62 n. 3 (984), giugno 1996, pp. 52-57.
C. Seccaroni, P. Moioli, G. Lanterna: Strati superficiali dei dipinti murali. Studio della composizione, in
Alba Docilia. La villa Romana. Gli affreschi della collezione Schiappapetra, (1996), pp. 65-70.
C. Gaetani, U. Santamaria, P. Moioli, C. Seccaroni, D. Poggi: Relazione tecnica sugli affreschi della
Cappella Bandini in San Silvestro al Quirinale. In Domenichino1581-1641, catalogo della mostra tenutasi
a Roma, Palazzo Venezia, dal 11/1096 al 14/1/97. Electa, Milano (1996) p. 579
C. Seccaroni: L'intervento di Analisi chimico-fisiche sui materiali originali e di restauro. In La Cappella
Nova o di San Brizio nel Duomo di Orvieto. Rizzoli, Milano (1996), pp. 414-415.
G. Accardo, E. Giani, R. Rinaldi, C. Seccaroni: Indagine microclimatica e ambientale, in La Cappella Nova
o di San Brizio nel Duomo di Orvieto, Rizzoli, Milano (1996), pp. 401-405.
M. Diana, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: In situ identification of pigments in mural painting layers
through X-ray fluorescence analysis, 5th International Conference on "Non-destructive Testing,
Microanalytical Methods and Environment Evaluation for Study and Conservation of Works of Art";
Budapest, 24-28 settembre 1996, pp. 237-249.
E. Borrelli, M. Laurenzi Tabasso, P. Moioli, U. Santamaria, R. Scaf, C. Seccaroni, G. Vigliano: Nondestructive and micro-destructive analysis for the study of the painting technique of Tibetan thangkas from
the "Tucci Collection", 5th International Conference on "Non-destructive Testing, Microanalytical Methods
and Environment Evaluation for Study and Conservation of Works of Art"; Budapest, 24-28 settembre
1996, pp. 145-158.
A. Colagrossi, L. Bordoni, C. Seccaroni, R. Varoli Piazza: L'Iconologia di Cesare Ripa: Una base di dati
iconografica multimediale, atti del convegno Sistemi multimediali intelligenti. Beni culturali e formazione,
Ravello 13-15 novembre 1996. pp. 101-132.
Sclocchi M. C., Ruschioni E., Cavallini F., Persia F. (1996) Research on biodeterioration of archivial
assets International Conference on Conservation and Restoration of archivial and library materials
Palumbo Editore, Erice 22-29 aprile, Vol I, pp. 175-190, ISBN Pa10166344.
Doytchinov S., Persia F. (1996) The contribution of the experience of the UN ECE "International
Coopertive Programme on materials including historic and cultural monuments" in the preservation of the
artistic properties presentazione orale al Air Pollution and Conservation II 1986-1996 Swidish -Italian
Symposium Rome 18-19 June.
183

Ferrara V., Persia F. (1996) The Diana's hunt by Domenichino Examination by infrared reflectography and
image processing Proceeding of 5th International Conference On Non-Destructive Testing, Microanalytical
Methods and Environmental Evaluation for Study and Conservation of Art, Budapest, Hungary, 24-28september, pp. 279-286.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: L'impiego di un minerale di cobalto proveniente dalle miniere di Freiberg
come colorante nei vetri prodotti in Italia centrale nei secoli XIII e XIV, atti della quarta giornata: Le
Scienze della Terra e l'Archeometria, Napoli 20-21 febbraio 1997, pp. 317-319.
P. Moioli, C. Seccaroni: Differenze significative in alcune tipologie di tessere in mosaici medievali a Roma,
atti del V colloquio dell'Associazione Italiana per lo Studio e la Conservazione del Mosaico (AISCOM),
Roma, 3-6 novembre 1997, pp. 241-247.
F. Giardino, G.F. Guidi, P. Moioli, P. Negri: Correlazioni mediante spettrometria XRF di reperti in ossidiana
provenienti da Capri con ossidiane del bacino del Mediterraneo. Atti della Quarta Giornata Le scienze
della Terra e l'Archeometria, Napoli 20-21 feb 1997, pg. 295-299.
M. Ferretti, L. Miazzo e P. Moioli: The application of a non-destructive XRF method to identify different
alloys in the bronze statue of the Capitoline Horse. Studies in Conservation 42(1997) 241-246.
C. Bertorello, G. Martellotti, A. Colagrossi, L. Bordoni, C. Seccaroni: Un sistema software per l'analisi della
sequenza delle giornate negli affreschi, Kermes, 29 (1997), pp. 41-59.
G. Bandini, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Studio sulle decorazioni policrome mediante fluorescenza X
di alcune maioliche rinascimentali ritrovate in Roma, Faenza, Bollettino del Museo Internazionale delle
Ceramiche in Faenza, annata LXXXIII (1997), fascicolo IV-VI, pp. 235-252.
G. Agosti, A. Andreoni, B. Fabbri, F. Kumar, G. Lanterna, C. Mingazzini, P. Moioli, R. Moradei, C.
Seccaroni, M.G. Vaccari: Una pala in terracotta invetriata di produzione robbiana: metodi integrati di
Indagine e restauro, OPD Restauro, 9 (1997), pp. 73-90.
F. Bulgarelli, G. Lanterna, P. Moioli, C. Seccaroni: I frammenti di affreschi romani della Villa di Albisola
Superiore: studio della tecnica e sui materiali, OPD Restauro, 9 (1997), pp. 208-220.
Castellano M. G., Medeot R., Manos C., Forni M., Indirli M., Spadoni B., Venturi G., Azevedo J.J., Renda
V., Biritognolo M., Croci G., De Canio G., Persia F., Rinaldis D. (1997) Seismic protection of cultural
heritage through shape memory alloy-based devices EC Project ISTECH, Proceedings of the International
Post-SMiRT Conference Seminar on Seismic Isolation, Passive Energy Dissipation and Active Control of
Seismic vibrations of Structures. Taormina 25-27 August., pp. 213-235.
Persia F., Del Signore G., Militello A., Monte M. (1997) Microbic grow on stone substrate: measurements
of porosity of different marbles inoculated with Thiobacillus thioxidans. Preliminary results. Proceedings of
the 8th workshop EUROCARE-EUROMARBLE EU 496, Roma 15-18 October, pp.127-129.
Ruschioni E., Sclocchi M. C., Cavallini F., Persia F. (1997) "Il biodeterioramento nei depositi degli archivi
di Stato. Indagine sullo stato di conservazione del materiale archivistico" Rassegna degli Archivi di Stato
LVII n.1, pp. 97-111.
L. Bordoni, C. Seccaroni: Esigenze di tecnologie dellintelligenza artificiale nei Beni Culturali: alcune
proposte, atti del Workshop Esperienze e potenzialit di informatica e intelligenza artificiale per i beni
artistici e le biblioteche, Roma 3 aprile 1998, ENEA RT/STUDI/98/1, pp. 5-16.
G.F. Guidi, P. Moioli, P. Negri Scafa, G. Troisi,Correlazione mediante spettromettria XRF non distruttiva
di reperti in ossidiana provenienti da alcuni siti archeologici della Campania e del Lazio con le ossidiane
del bacino del Mediterraneo in C. Piccioli F. Sogliano (edd.), Il Vetro in Italia Meridionale e Insulare. Atti
del I Convegno Multidisciplinare Napoli 1998, pp. 361-366
P. Negri Scafa, C. Seccaroni, La problematica interpretazione di alcune caratteristiche tecnologiche
documentate nelle fonti classiche e medievali, in C. Piccioli F. Sogliano (edd.), Il Vetro in Italia Meridionale
e Insulare. Atti del I Convegno Multidisciplinare, Napoli 1998 pp. 241-250
P. Negri Scafa (ed.). The Italian Archaeological and Archaeometric Activites in Cyprus, Catalogo dela
Mostra tenutasi a Nicosia 2-8 Settembre 1998
Persia F. (1998) La meteorologia ed il sito urbano: i dati climatici e microclimatici che influenzano le scelte
progettuali e la salvaguradia dei beni architettonici e ambientali - Atti del Workshop "Per un codice di

184

autoregolamentazione delle amministrazioni pubbliche per la qualit energetico-ambientale degli edifici e


spazi aperti" Portici 22 maggio, pp. 119-121.
Persia F., Balzamo S., Krage L. (1998) Studio in scala laboratorio dell'influenza di inquinanti ambientali su
campioni di dolomite trattati con protettivi, presentazione orale al IV Congresso Nazionale di Chimica
Ambientale - Interazioni con i beni culturali - Mantova 16-19 giugno.
Persia F., Seccaroni C. (1998) Affidabilit e problematiche delle banche dati nel settore dei beni culturali,
poster presentato al XX AICAT-GICAT National Congress, Roma, 22 dicembre
M. Diana, P. Moioli, C. Seccaroni: Replicas in Caravaggio's paintings: the use of scientific analysis,
(Invited paper) Conference on Scienfitic Detection of Fakery in Art. Santa F, California, 29-30 jan. 1998;
pubblicato in Fakebusters, Scientific Detection of Fakery in Art. SPIE and McCrone Research Institute,
Chicago, 1999, pp. 177-196.
M. Diana, G.F. Guidi, P. Moioli, C. Seccaroni: Un contributo alla conoscenza della tecnica di Dosso Dossi.
Analisi XRF su 7 dipinti della Galleria Estense di Modena, Bollettino AIAr, numero 0, maggio 1999, pp.
10-13.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Analisi XRF sugli affreschi della Cappella Bardi di Vernio in S. Croce a
Firenze, Bollettino AIAr, numero 0, maggio 1999, pp. 16-19.
U. Santamaria, P. Moioli, C. Seccaroni: Some Remarks on Lead-Tin Yellow and Naples Yellow, Bollettino
AIAr, numero speciale, novembre 1999, pp. 32-33.
A. Landau, G. Martellotti, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni, E. Traversa: Identification of a Rich Zinc Earth
in Peruginos late Paintings, Bollettino AIAr, numero speciale, novembre 1999, p. 33.
M. Ferretti, P. Moioli: The Use of Portable XRF Systems for Preliminary Compositional Surveys on Large
Bronze Objects: a Critical Review after Some Years' Experience. Proceedings of the International
Conference on Metal Conservation Metal 98, Draguignan-Figanires, France 27-27 May 1998, James &
James (Science Publishers), 1998, pp. 39-44.
P. Moioli: Limpiego della XRF, Comunicazione al Convegno Luso delle radiazioni a scopo diagnostico
nel campo del patrimonio artistico, Roma 7 novembre 1997, Bollettino della SIRR, anno 1, 1998, 1-3, pp.
13-14.
P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni: Caratterizzazione dei pigmenti tramite indagine XRF, in Lorenzo
Monaco, tecnica e restauro. LIncoronazione della Vergine degli Uffizi, l'Annunciazione di Santa Trinita a
Firenze, Edifir, Firenze, 1998, pp. 134-136.
C. Seccaroni: Alcuni pigmenti scarsamente documentati. Ipotesi e osservazioni in margine ad analisi
condotte su tre tempere di Correggio, Kermes, 34 (1999), pp. 41-59.
M. Ferretti. P. Moioli, C. Seccaroni: Tecniche di indagine per lanalisi del vetro e dei piombi della vetrata.
Misure di fluorescenza X, in De Fabrica, n. 9, 1999, pp. 18-23.
M. Ferretti, P. Moioli: The Non-destructive characterisation of the bronze Chandelier of the Chigi Chapel in
the Church of S. Maria del Popolo. Preprints of the 6th International Conference on Non Destructive
Testing and Microanalysis for the Diagnostics and Conservation of the Cultural and Environmental
Heritage, Rome, May 17th-20th 1999, pp 1475-1486.
A. Colagrossi, F. Sciarrone, C. Seccaroni: Un approccio allanalisi dellopera di Mondrian mediante le reti
neurali, AIIA notizie, Periodico dellAssociazione Italiana per lintelligenza artificiale, anno XII, n. 14,
dicembre 1999, pp. 50-54.
A. Colagrossi, F. Sciarrone, C. Seccaroni: Un approccio allanalisi dellopera di Mondrian mediante le reti
neurali, in AI*IA99 Sesto congresso dellAssociazione italiana per lintelligenza artificiale, Workshop
Intelligenza artificiale per i Beni Culturali, Bologna, 14 settembre 1999, pp. 89-98.
L Bordoni-P. Negri Scafa, Proposte per lo studio di caratteristiche grafemiche in testi cuneiformi, in L.
Bordoni, Workshop Intelligenza Artificiale per i Beni Culturali, Bologna 1999
C. Bernardini, U. Santamaria, C. Seccaroni: Limpiego di bianco di gusci duova in dipinti murali del XVII
secolo, Sapere, an. 65 n. 1, febbraio 1999, pp. 41-49.

185

C. Bernardini, U. Santamaria, C. Seccaroni: The use of eggshells for the production of pigments, 6th
International Conference on "Non-destructive Testing, Microanalytical Methods and Environment
Evaluation for Study and Conservation of Works of Art"; Roma, 1999, pp. 2238-2245.
Persia F., Del Signore G., Monte M., Pierdominici F. (1999) Damage caused by Thiobacillus Thioxidans
on carrara marble samples, Proceedings del 9th Workshop EUROCARE EUROMARBLE EU 496 8-10
october 1998 Munich. Forschungsbericht 17, pp. 71-81.
Persia F., Del Signore G., Monte M., Pierdominici F. (1999) Damage caused by Thiobacillus Thioxidans
on carrara marble samples, Proceedings del 9th Workshop EUROCARE EUROMARBLE EU 496 8-10
october 1998 Munich. Forschungsbericht 17, pp. 71-81.
Del Signore G., Persia F., Monte M. (1999) Marble biocorrosion by Thiobacillus Thiooxidans
EUROMARBLE Proceedings of 10th Workshop Stockholm, October 7-9, National Heritage Board pp. 4854.
Del Signore G., Persia F., Monte M. (1999) Biocorrosione del marmo per effetto della crescita del
Thiobacillus Thioxidans poster presentato al 1 Congresso Nazionale dellAIAr. Verona, 2-4 dicembre.
Persia F. (1999) La necessit di normative specifiche per i beni culturali, poster al 1 Congresso
Nazionale dellAIAr. Verona, 2-4 dicembre.
Monte M., Del Signore G., Persia F. (1999) Damage caused by Microrganisms on marble samples in
Proceedings of the 4th International EFC Workshop Publication N. 29 Microbial Corrosion Portugal, pp.
339-355. ISSN 1354-5116.
Paola Negri Scafa, Ricette per la fabbricazione del vetro: confronti e paralleli fra epoche diverse, in C.
Piccioli F. Sogliano (edd.), Il Vetro in Italia Meridionale e Insulare. Atti del II Convegno Multidisciplinare,
Napoli 2000
P. Moioli: Gammagraphic Examination of the Piet. In Michelangelos Florence Piet, Princeton University
Press, Princeton 2003 pp. 197-199.
M. Ferretti, P. Moioli, C. Seccaroni: Lo studio non distruttivo delle leghe della porta centrale esterna della
Basilica con la tecnica della fluorescenza X, atti del Convegno internazionale di studi, Venezia 16-19
maggio 1995 - Scienza e tecnica del restauro della Basilica di S. Marco (Venezia 16-19 maggio 1995), pp.
817-833.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analsys of Art Objects Using a Portable X-Ray Fluorescence Spectometer, X-Ray
Spectrometry, vol. 29 n. 1 (1999), pp. 48-52.
G.F. Guidi, C. Giraudi, P. Moioli, C. Seccaroni: Problemi di conservazione dellarte rupestre: tre esempi di
approccio per una conoscenza, in Donum Natalicium. Studi in onore di Claudio Saporetti in occasione del
suo 60 compleanno, a cura di P. Negri Scafa e P. Gentili (con la collaborazione di G. Chiera), Borgia
Editore, Roma, 2000, pp. 147-161.
P. Moioli, C. Seccaroni: Caratterizzazione mediante analisi XRF dei pigmenti presenti sullo stendardo del
Savonarola (in appendice a S. Conti, M. Scudieri, M.G. Vaccari, M. Westerman Bulgarella: Lo standeardo
e le vesti del Savonarola: Interventi conservativi e nuovo allestimento), OPD Restauro, 12 (2000), pp.
111-112.
E. Buzzegoli, R. Cardaropoli, D. Kunzelman, P. Moioli, L. Montalbano, M. Piccolo, C. Seccaroni: Valerio
Mariani da Pesaro, il trattato Della Miniatura: primi raffronti con le analisi e le opere. OPD Restauro, 12
(2000), pp. 248-256.
G. Lalli, G. Lanterna, M.G. Vaccari, B. Fabbri, P. Moioli, C. Seccaroni, F. Lucarelli, P. Mand, P. Prati, A.
Zucchiatti: Metodi di indagine integrati per rilievi in terracotta invetriata, in Laterizi e terrecotte
architettoniche: la conoscenza per la conservazione, atti della quarta giornata di Archeometria della
ceramica, Milano, 21 marzo 2000, pp. 57-62.
U. Santamaria, P. Moioli, C. Seccaroni: Some Remarks on Lead-Tin Yellow and Naples Yellow. Convegno
"ART & Chimie, la couleur", Parigi, 16-18 settembre 1998, (Parigi, CNRS, 2000), pp. 34-38.
A. Landau, G. Martellotti, P. Moioli, R. Scaf, C. Seccaroni, E. Traversa: Identification of a Rich Zinc Earth
in Peruginos late Paintings, atti del convegno "ART & Chimie, la couleur", Parigi, 16-18 settembre 1998,
(Parigi, CNRS, 2000), pp. 188-193.

186

E. Buzzegoli, D. Kunzelman, C. Giovannini, G. Lanterna, F. Petrone, A. Ramat, O. Sartiani, P. Moioli, C.


Seccaroni: The Use of Dark Pigments in Fra Bartolomeos Paintings, atti del Convegno "ART & Chimie, la
couleur", Parigi, 16-18 settembre 1998, Parigi, CNRS, 2000), pp. 203-208.
R. Varoli, G. Serangeli, F.R. Mainieri, R. Bassotti, U. Santamaria, C. Seccaroni, P. Moioli, L. Barucci, B.
Marocchini, F. Piacentini, T. Sonnino, E. Sorgoni: New information on pigments and colouring materials
used on the frescoes of the Loggia di Psiche: from the work of Raphael's school to later interventions, atti
del convegno "ART & Chimie, la couleur", Parigi, 16-18 settembre 1998, (Parigi, CNRS, 2000), pp. 64-69
Bongiovanni G., Clemente P., Persia F. (2000) Vibrazioni indotte dal traffico sui monumenti Convegno
Nazionale Traffico e Ambiente. Trento, 21-25 febbraio 2000, Progetto Trento Ambiente, pp. 583-590.
Persia F., Del Signore G., Monte M. (2000) Marble biocorrosion caused by Thiobacillus thiooxidans poster
presentato al 5th International Symposium on the Conservation of Monuments in the Mediterranean
Basin, April 5-8, Seville (Spain).
P. Moioli, C. Seccaroni: Indagine sui pigmenti mediante fluorescenza X (XRF), in Giotto, La Croce di
Santa Maria Novella, a cura di Marco Ciatti e Max Seidel, Edifir, Firenze, 2001, pp. 375-379.
S. Angelucci, M. Diana, M. Ferretti, S. Guido, P. Moioli and A. Palmieri: The bizantine door in the Basilica
of St. Paul out of the walls in Rome: compositional study of the alloys and interpretation of the results in
view of its restoration. ICOM-CC Congress METAL 2001, Santiago, Cile, April 2-6 2001.
G.F. Guidi, P. Moioli, G. Trojsi, A.P. Anzidei, G. Carboni: Corrlation par spectromtrie XRF des
obsidiennes en provenance des sites archeologiques de Quadrato di Torre Spaccata et de la zone de
Maccarese (Roma) avec les obsidiennes du bassin de la Mditerrane. Atti del XIVme Congrs UISPP,
Universit de Lige, Belgique, 2-8 septembre 2001, pp. 71-74.
P. Moioli, C. Seccaroni: Caratterizzazione non distruttiva mediante analisi di fluorescenza X dei pigmenti,
in Pinxit Guillielmus, Il restauro della Croce di Sarzana, a cura di Marco Ciatti e Cecilia Frosinini, Edifir,
Firenze, 2001, pp. 83-88.
P. Moioli, S. Omarini, C. Seccaroni: Analisi dei pigmenti presenti sui dipinti, in Caravaggio, Carracci,
Maderno: la Cappella Cerasi in Santa Maria del Popolo a Roma, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo,
Milano, 2001, pp. 148-157.
C. Seccaroni: Lettura radiografica dei dipinti, in Caravaggio, Carracci, Maderno: la Cappella Cerasi in
Santa Maria del Popolo a Roma, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, Milano, 2001, pp. 158-162.
P. Moioli, C. Seccaroni: Pigmenti, vetri e ceramiche nellambone e nel pulpito della Cattedrale di Ravello,
in La Cattedrale di Ravello, a cura di Ruggero Martines, Betagamma editrice, Viterbo, 2001, pp. 51-66.
C. Seccaroni: La Lacha fina del S.re Maestro di Pittura, il P.re Vittore Ghislandi di Bergamo, Kermes, 43
(2001), n. pp. 35-43.
Persia F. (2001) Aspetti della gestione dei beni culturali e delle tecnologie per la conservazione in Cina
Notiziario dellAssociazione Italiana di Archeometria n. 2, pp. 33-36.
Carrara C., Persia F. (2001) Indagini mineragologiche-petrografiche e di diffrazione dei raggi x sulle
incrostazioni calcaree e sulle malte in Gli acquedotti Claudio e Aniene Nuovo nellarea della Banca dItalia
in Via Tuscolana, Ed Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, pp. 193-197.
C. Seccaroni, C. Sanipoli: Realisation of standards for ancient pigments, Proceedings of the 7th
International Conference on Non Destructive Testing and Microanalysis for the Diagnostics and
Conservation of the Cultural and Environmental Heritage, Antwerpen, June 2th-6th 2002.
R. Bellucci, M. Cetica, R. Coppola, P, Moioli, P. Poggi, C. Seccaroni, C. Silvestri: The Fornarina by
Raphael. Comparison of the results from ND-analyses executed at a distance of 18 years. Proceedings of
the 7th International Conference on Non Destructive Testing and Microanalysis for the Diagnostics and
Conservation of the Cultural and Environmental Heritage, Antwerpen, June 2th-6th 2002.
P. Moioli, C. Seccaroni: Addiction to lead-tin-antimony yellow-recent researches and results, Proceedings
of the 7th International Conference on Non Destructive Testing and Microanalysis for the Diagnostics and
Conservation of the Cultural and Environmental Heritage, Antwerpen, June 2th-6th 2002.
P. Moioli, C. Seccaroni: Characterisation of iron based pigments through XRF analysis. Proceedings of
the 7th International Conference on Non Destructive Testing and Microanalysis for the Diagnostics and
Conservation of the Cultural and Environmental Heritage, Antwerpen, June 2th-6th 2002.
187

C. Seccaroni, P. Moioli: Fluorescenza X, Prontuario per lanalisi XRF portatile applicata a superfici
policrome, Nardini Editore, Firenze, 2002.
P. Moioli, C. Seccaroni: Indagine sui pigmenti mediante fluorescenza X (XRF), in LImmagine antica,
della Madonna col Bambino di Santa Maria Maggiore, a cura di Marco Ciatti e Cecilia Frosinini, Edifir,
Firenze, 2002, pp. 152-156.
P. Moioli, C. Seccaroni: X-ray fluorescence (XRF) for analysis of pigments, in Giotto. The Crucifix in Santa
Maria Novella, a cura di Marco Ciatti e Max Seidel, Edifir, Firenze, 2002, pp. 375-379.
P. Moioli, U. Santamaria, C. Seccaroni: I pigmenti verdi, in Raffaello, La loggia di Amore e Psiche, a cura
di R. Varoli-Piazza, ICR (Roma) [Silvana ed., Cinisello Balsamo], 2002, pp. 205-209.
AA.VV.: Materiali e tecniche nella pittura murale del Quattrocento. Storia dellarte, indagini diagnostiche e
restauro verso una nuova prospettiva di ricerca, preprint del Convegno, Roma 20-22 febbraio 2002, voll. I,
II (parte I), II (parte II) e III, (progetto e coordinamento C. Seccaroni) ENEA, Roma, 2002.
G. Galante Garrone, P. dalla Nave, G. Vigliano, F. Talarico, P. Moioli, C. Seccaroni: Artista piemontese
intorno al 1470 e Hans Clemer. Evangelisti, Storie della Vergine, Crocifissione, Chiesa parrocchiale, Elva.
In Materiali e tecniche nella pittura murale del Quattrocento. Storia dellarte, indagini diagnostiche e
restauro verso una nuova prospettiva di ricerca (Roma 20-22 febbraio 2002), preprint vol. II parte II,
ENEA, Roma, 2002, pp. 257-265.
G. Testa, C. Bertorello, C. Seccaroni: Beato Angelico e aiuti. Cristo Giudice; Profeti, Cappella di S. Brizio,
Cattedrale di S. Maria Assunta, Orvieto. In Materiali e tecniche nella pittura murale del Quattrocento.
Storia dellarte, indagini diagnostiche e restauro verso una nuova prospettiva di ricerca (Roma 20-22
febbraio 2002), preprint vol. II parte I, ENEA, Roma, 2002, pp. 107-113.
G. Testa, C. Bertorello, C. Seccaroni: Luca Signorelli. Decorazione della volta, Cappella di S. Brizio,
Cattedrale di S. Maria Assunta, Orvieto. In Materiali e tecniche nella pittura murale del Quattrocento.
Storia dellarte, indagini diagnostiche e restauro verso una nuova prospettiva di ricerca (Roma 20-22
febbraio 2002), preprint vol. II parte II, ENEA, Roma 2002, pp. 283-290.
B. Fabjan, P. dalla Nave, M. Cardinali, M.B. De Ruggieri, C. Falcucci, P. Moioli, C. Seccaroni: Bernardino
di Betto, detto il Pinturicchio, Incoronazione della Vergine; Evangelisti; Sibille e Dottori della Chiesa,
Chiesa di Santa Maria del Popolo, Roma. In Materiali e tecniche nella pittura murale del Quattrocento.
Storia dellarte, indagini diagnostiche e restauro verso una nuova prospettiva di ricerca (Roma 20-22
febbraio 2002), preprint vol. II parte II, ENEA, Roma, 2002, pp. 313-322.
P. Dalla Nave, P. Moioli, C. Seccaroni, F. Talarico, M.G. Vigliano: Le pitture murali della parrocchiale di
Elva, in Hans Clemer, il Maestro di Elva, a cura di G. Galante Garrone e E. Ragusa, Fondazione CRT,
Torino, 2002, pp. 245-261.
P. Moioli, F. Pierdominici, U. Santamaria, C. Seccaroni: I pigmenti gialli, in Raffaello, La loggia di Amore e
Psiche, a cura di R. Varoli-Piazza, ICR (Roma) [Silvana ed., Cinisello Balsamo], 2002, pp. 211-219.
U. Santamaria, C. Seccaroni: Dalle problematiche alle indagini scientifiche, in Raffaello, La loggia di
Amore e Psiche, a cura di R. Varoli-Piazza, ICR (Roma) [Silvana ed., Cinisello Balsamo], 2002, p. 415.
P. Moioli, C. Pelosi, P. Pogliani, C. Seccaroni: Il mosaico parietale negli ambienti sotterranei di San
Martino ai Monti a Roma. Caratterizzazione dei materiali costitutivi e delle tecniche di esecuzione,
Scienza e Beni Culturali, XVIII, 2002, atti del convegno di Studi I mosaici. Cultura, tecnologia,
conservazione, Bressanone, 2-5 luglio 2002, pp. 175-183.
P. Moioli, C. Seccaroni: Caratterizzazione non distruttiva mediante analisi per fluorescenza X (XRF) dei
pigmenti del Compianto sul Cristo Morto di Lorenzo Lotto, in Lorenzo Lotto. Il compianto sul Cristo Morto:
studi, indagini, problemi conservativi Silvana ed., Cinisello Balsamo, 2002, pp. 65-72.
C. Seccaroni: La tempera su tela nelle fonti quattrocentesche e cinquecentesche, in Lorenzo Lotto. Il
compianto sul Cristo Morto: studi, indagini, problemi conservativi, Silvana ed., Cinisello Balsamo, 2002,
pp. 99-109.
A.M. Brignardello, P. Moioli, C. Seccaroni: Osservazioni sulla tecnica di esecuzione del ciclo dellOratorio
del Gonfalone. Giornate, incisioni e pigmenti, in Oratorio del Gonfalone a Roma, a cura di M.G.
Bernardini, Silvana ed., Cinisello Balsamo, 2002, pp. 175-197.

188

Cardinale V., Persia F., Campanella L., Cardellini F., Omarini S. (2002) Storia costruttiva del complesso
monastico di san Vincenzo al Volturno attraverso la determinazione di differenze composizionali nelle
malte. Risultati preliminari Atti del 2 Congresso Nazionale AIAr, Bologna 29 gennaio-1 febbraio 2002, pp.
505-513. ISBN 88-555-2688.
Ponti R., Persia F. (2002) The preservation of rock art in Lybia - Lart avant lhistoire la conservation de
lart prhistorique 10es journes dtudes de la Section franaise de linstitut international de conservation
Paris 23-24 Mai, pp. 127-133. ISBN 2-905430-13-3.
Campanella L., Cardinale V., Omarini S., Persia F., Tomassetti M., (2002) Caratterizzazione e
differenziazione di malte appartenenti al sito archeologico di san Vincenzo al Volturno poster al XVII
Congresso Nazionale Di Chimica Analitica, Viareggio 24-28 giugno 2002.
C. Seccaroni, M. Spesso: Architecture, perspective and scenography in the graphic work of M. C. Escher:
from Vredeman de Vries to Luca Ronconi, in M.C. Eschers Legaci. A Centennial Celebration, a cura di D.
Schattschneider, M. Emmer (Collection of articles coming from the M.C. Escher Centennial Conference,
Universit "La Sapienza", Roma 24-26 giugno 1998), Sprigler Verlag, Berlino-Heidelberg, 2003, pp. 265274.
P. Bracco, O. Ciappi, M. Ciatti, P. Donati, C. Frosinini, P. Moioli, K. Nakahara, C. Seccaroni, L. Sostegni:
Lincoronazione di spine e il suo doppio, OPD Restauro, 14 (2002), pp. 13-42.
R. Bellucci, M. Cetica, R. Coppola, P. Moioli, P. Poggi, C. Seccaroni, C. Silvestri: La Fornarina. Analisi
non distruttive a confronto, Kermes, 49 (2003), pp. 64-72.
S. Nerger, P. Moioli, C. Seccaroni: Laltarolo bifronte del Parmigianino nella Galleria Doria Pamphilj,
Kermes, 51 (2003), pp. 65-70.
M. Ferretti, P. Moioli, F. Pierdominici: Caratterizzazione dei materiali costitutivi e dei prodotti di corrosione
di alcuni oggetti provenienti dalla tomba 101. In A. Bottini, E. Settari: La necropoli di Braida di Vaglio in
Basilicata. Accademia Nazionale dei Lincei, Monumenti Antichi, Serie Miscellanea-Volume VII, G.
Bretschneider Editore, Roma 2003, pp. 119-126.
P. Moioli, C. Seccaroni: La collaborazione tra Opificio delle Pietre Dure ed ENEA. Alcuni risultati delle
indagini in fluorescenza X, in Restauri e ricerche. Dipinti su tela e tavola, Firenze, Edifir, 2003, pp. 107114.
A. Colagrossi, F. Sciarrone, C. Seccaroni: A methodology for automating the classification of works of art
using neural networks, Leonardo, vol. 36 n. 1 (2003), p. 69.
B.G. Brunetti, C. Seccaroni, A. Sgamellotti (a cura di): the painting technique of Pietro Vannucci, called il
Perugino, proceedings of the LabS TECH Workshop, Firenze, Nardini editore, 2004.
C. Seccaroni, P. Moioli, I. Borgia, B.G. Brunetti, A. Sgamellotti: Four anomalous pigments in Peruginos
palette: statistics, context, hypotheses, in The painting technique of Pietro Vannucci, called il Perugino, a
cura di B.G. Brunetti, C. Seccaroni, A. Sgamellotti, Firenze, Nardini editore, 2004, pp. 29-41.
R. Fontana, E Pampaloni, Claudio Seccaroni: The laser profilometry technique: an application for
characterising the tools used to apply gesso ground to some panel paintings by Perugino, in the painting
technique of Pietro Vannucci, called il Perugino, a cura di B.G. Brunetti, C. Seccaroni, A. Sgamellotti,
Firenze, Nardini editore, 2004, pp. 57-63.
P. Moioli, C. Seccaroni, M. Ferretti, S. Ferriani: Four Gammagraphic investigations, in Exploring David.
Diagnostic tests and state of conservation, Firenze, Giunti, 2004, pp. 221-226.
C. Seccaroni: Lazzurro di stagno. Rispondenza tra fonti storiche e dati di composizione, in Filippino Lippi
e Pietro Perugino. La Deposizione della Santissima Annunziata e il suo restauro, a cura di F. Falletti e J.
Katz Nelson, Livorno, Sillabe, 2004, pp. 101-104.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi XRF dei materiali pittorici della Deposizione di Filippino Lippi e Pietro
Perugino, in Filippino Lippi e Pietro Perugino. La Deposizione della Santissima Annunziata e il suo
restauro, a cura di F. Falletti e J. Katz Nelson, Livorno, Sillabe, 2004, pp. 91-100.
E. Borrelli, P. Moioli, C. Seccaroni: Misure colorimetriche e analisi di fluorescenza X sulla Piet e sulla
Flagellazione di Sebastiano del Piombo nel Museo Civico di Viterbo, in Notturno Sublime, Viviani editore,
Roma, 2004, pp. 107-116.

189

M.C. Gaetani, U. Santamaria, C. Seccaroni: The use of Egyptian blue and lapis lazuli in the Middle Ages.
The wall paintings of the San Saba church in Rome, Studies in Conservation, 49 (2004), pp. 13-22.
L. Bordoni, C. Seccaroni: LENEA per il Perugino, Energia, Ambiente e Innovazione, ann. 50, n. 3, 2004,
p. 79.
C. Ricci, I. Borgia, B.G. Brunetti, C. Miliani, A. Sgamellotti, C. Seccaroni, P. Passalacqua: The Peruginos
palette: integration of an extended in situ XRF study by Raman spectroscopy, Journal of Raman
Spectroscopy, 35, 2004, pp. 616-621.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi non distruttive di fluorescenza X, in LAdorazione del Mistero, a cura di A.
Costamagna, Campisano Editore, Roma, 2004, pp. 61-64.
F. Marracino, P. Moioli, C. Seccaroni, A. Tognacci: Lettura radiografica dellAdorazione del Bambino, in
LAdorazione del Mistero, a cura di A. Costamagna, Campisano Editore, Roma, 2004, pp. 65-69.
P. Moioli, C. Seccaroni: Tecniche radiografiche applicate ai Beni Culturali, ENEA, Roma, 2004.
C. Seccaroni: Ricettari quattrocenteschi per coperte, colori e lustri, Faenza, ann. XC (2004), fasc. I-IV,
pp. 197-207.
L. Bordoni, G. Martellotti, M. Minno, R. Saccuman, C. Seccaroni: Il polittico di SantAgostino.
Ragionamenti e ipotesi ricostruttive, Kermes, 56 (2004), pp. 41-54.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi XRF, in A.C. Aloisi, contributo allo studio del popolamento medievale del
territorio di Martignano (secoli IX-XIV), Daidalos (Studi e ricerche del dipartimento di scienze del mondo
antico), Universit degli Studi della Tuscia, 6 (2004), 2005, pp. 339-341.
Bartolini M., Bianchini L., Del Signore G., Monte M., Persia F. (2004) Batteri chemioautotrofi nella
colonizzazione e nel degrado dei substrati lapidei in corso di stampa su Biologia e Archeobiologia nei Beni
Culturali Conoscenze, problematiche e casi studio.
Persia F. (2004) Lettura nel vicino infrorosso dellAdorazione del Bambino in LAdorazione del MisteroFra Bartolomeo nel segno di Leonardo- Il restauro a cura di Alba Costamagna, Ed. Campisano, pp. 55-59.
ISBN 88-88168-22-2.
P. Moioli, C. Seccaroni: I pigmenti degli affreschi del Santuario della Madonna dei Boschi, in AA.VV. Il
Santuario della Madonna dei Boschi di Boves, Primalpe, Cuneo, 2005, pp. 138-145.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi non distruttive di fluorescenza X, in La croce di Bernardo Daddi del Museo
Poldi Pezzoli, a cura di Marco Ciatti, Edifir, Firenze, 2005, pp. 83-84.
C.S. Salerno, P. Moioli, C. Seccaroni: Affreschi di S. Cecilia: la tecnica esecutiva, in S. Cecilia in
Trastevere. Nuovi scavi e ricerche, a cura di Neda Parmigiani e Alberto Pronti, Monumenti di Antichit
Cristiana, Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, II serie, vol. XVI, Citt del Vaticano, 2005, pp. 333344.
R. Fontana, M.C. Gambino, E. Pampaloni, L. Pezzati, C. Seccaroni: Panel painting surface investigation
by conoscopic holography, 8th International Conference on Non Destructive Investigations and
Microanalysis for the Diagnostics and the Conservation of the Cultural and Environmental Heritage,
Lecce, 15-19 maggio 2005 (Book of Abstracts, p. 194 + CD).
S. Ridolfi, C. Seccaroni, C. Viviani: Characterisation of the combined use of two yellow pigments derived
from lead and antimony by applying the FP-EDXRF technique to the analysis of a painting dating from the
second half of the XVII century, 8th International Conference on Non Destructive Investigations and
Microanalysis for the Diagnostics and the Conservation of the Cultural and Environmental Heritage,
Lecce, 15-19 maggio 2005 (Book of Abstracts, pp. 300-301 + CD).
C. Seccaroni: Linchiostratura delle stampe. Due ricette cinquecentesche ricongiunte, Kermes, 57 (2005),
p. 28.
C. Seccaroni: Una ricetta quattrocentesca per dipingere su tela alla maniera fiamminga, Kermes, 58
(2005), p. 20.
C. Seccaroni: La grafite: una fonte rinascimentale e una illuminista a confronto, Kermes, 59 (2005), p. 22.

190

C. Seccaroni: Dalla depurazione del salnitro allo schiarimento del vetro, un refuso emendato, Kermes, 60
(2005), p. 16.
P. Baraldi, C. Seccaroni: Prospettive di ricerca sui pigmenti dei romani, Kermes, 58 (2005), pp. 65-70.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi XRF di pitture e pigmenti rinvenuti in area vesuviana. Considerazioni sulle
impurezze e gli elementi minoritari, in Scienze e Archeologia, giornate di studio (Le Scienze Ambientali,
Pompei 23 ottobre 2003; Le Scienze Chimico Fisiche, Pompei 19 novembre 2003), pp. 139-150.
P. Moioli, C. Seccaroni: Pigmenti identificati mediante analisi XRF non distruttiva in sei dipinti di Giovan
Battista Moroni, in Giovan Battista Moroni. Il Cavaliere in nero. Limmagine del gentiluomo nel
Cinquecento, Skira, Ginevra-Milano, 2005, pp. 132-133.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi di fluorescenza X sulle tavole del polittico della Cervara, Palazzo Bianco,
Genova, in Il polittico della Cervara di Gerard David, Silvana editoriale, Cinisello Balsamo, 2005, pp. 8185.
C. Seccaroni: Materiali artistici, in Metodologie fisiche non distruttive per le indagini sui Beni Culturali,
Universit degli Studi di Roma La Sapienza, Roma, 2005, pp. 21-26.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi XRF di due dipinti su tavola del Rosso Fiorentino: la Pala Dei e la Pala
dello Spedalingo di Santa Maria Nuova, in La Pala Dei del Rosso Fiorentino a Pitti. Storia e restauro, a
cura di M. Ciatti e S. Padovani, Edifir, Firenze, 2005, pp. 95-101.
P. Moioli: La tecnica della Radiografia. In Metodologie Fisiche non distruttive per le indagini sui Beni
Culturali, a cura di G. E. Gigante e M. Diana, Ed Universit degli Studi di Roma La Sapienza, Roma,
2005, pp. 147-160.
Persia F., Falconieri M., Mersedeh Jiojiani, Mancini M.R., Omarini S., Pugliese L. (2005) Problems and
causes in the discoloration of azurite used in wall paintings III Convegno Nazionale A.I.Ar. Innovazione
Tecnologiche per i beni Culturali in Italia, in corso di stampa.
Persia F., Placido M. (2005) Application of two different reflectographic devices: performance evaluation
on paintings and test panel ART05- 8th Int. Conference on Non desctructive Investigations and
Microanalysis for the Diagnostic and conservation of the cultural and environemnetal Heritage, Lecce,
May 15th-19th, 2005, (Book of Abstracts, p. 295 + CD).
C. Seccaroni: I patroni, Kermes, 61 (2006), pp. 55-68.
C. Seccaroni: Un ricettario manoscritto e la scagliola di Carpi, Kermes, 61 (2006), p. 22.
C. Seccaroni: Notazioni tecniche in due disegni preliminari allesecuzione di affreschi, Kermes, 62 (2006),
p. 20.
C. Seccaroni: Sulla precedenza del disegno o dellimprimitura nei dipinti ad olio su tavola, Kermes, 63
(2006), p. 20.
P. Moioli, C. Seccaroni: Analisi XRF su tre opere di Gentile da Fabriano, in Il Gentile risorto. Il Polittico
dellIntercessione di Gentile da Fabriano, a cura di M. Ciatti e C. Frosinini, Edifir, Firenze, 2006, pp. 199211.
I. Borgia, C. Seccaroni: Lazzurro di smalto nella pittura e nelle fonti italiane del XV e del XVI secolo, OPD
Restauro, 17 (2005), pp. 152-164.
C. Seccaroni: Giallorino. Storia dei pigmenti gialli di natura sintetica, De Luca Editori dArte, Roma, 2005.
I. Borgia, B.G. Brunetti, C. Miliani, P. Rocchi, F. Rosi, C. Seccaroni, A. Sgamellotti: Analisi non distruttive
mediante XRF, FT-IR e microfluorescenza UV-vis, in Gli esordi di Raffaello tra Urbino, Citt di Castello e
Perugia, a cura di T. Henry e F.F. Mancini, Edimond, Citt di Castello, 2006, pp. 161-168.
P. Moioli, C. Seccaroni: Lettura radiografica, in Gli esordi di Raffaello tra Urbino, Citt di Castello e
Perugia, a cura di T. Henry e F.F. Mancini, Edimond, Citt di Castello, 2006, pp. 169-172.
Claudio Seccaroni: Ricette per la colorazione dei legni impiegati nelle tarsie rinascimentali, Bollettino
ICR, 12 (2006), pp. 29-35.
R. Bellucci, D. Cauzzi, C. Seccaroni: LEstasi di Santa Cecilia di Raffaello. Novit in merito
alliconografia, alla genesi e allesecuzione del dipinto, Bollettino dArte, 131 (2005), pp. 101-110.

191

P. Moioli, C. Seccaroni: Misure XRF sui dipinti di Andrea Mantegna della Pinacoteca di Brera, in
Mantegna. Madonna dei Cherubini, a cura di M. Olivari, Electa, Milano, 2006, pp. 61-70.
P. Moioli, C. Seccaroni: Il progresso dellanalisi di fluorescenza XRF nello studio della tecnica pittorica:
imprimitura, caratterizzazione e qualit dei pigmenti. La Deposizione Borghese, in La Deposizione di
Raffaello nella Galleria Borghese, a cura di K. Hermann Fiore, Federico Motta Editore, Milano, 2006, pp.
@-@.
P. Negri Scafa, Aspetti relativi alla fruizione del sito di Vivara, in Le Coperture delle Aree Archeologiche
Museo aperto, a cura di M.C. Laurenti, Roma 2006, pp. 313-317
Persia F., Mancini M.R., Ponti R. (2006) Invecchiamenti accelerati in provini di terra cruda: curabilit dei
materiali e problematiche legate alla simulazione delle condizioni reali di invecchiamento poster
presentato al IV Congresso Nazionale di Archeometria, Scienza e Beni Culturali, Pisa 1-3 febbraio 2006
Persia F., Placido M. (2006) Applicazione della riflettografia su diversi supporti pittorici - 9 Convegno
Nazionale Strumentazione e metodi di misura elettroottici, Frascati (Roma) 6-8 giugno 2006, pp-491494.
M. Citterio - Simulazione dinamica di tre ambienti del Museo di Capodimonte RT ENEA 1987
M.G. Messina, M. Citterio - Studio del microclima nei musei con lutilizzo di dati sperimentali e codici di
simulazione dinamica: Museo di Capodimonte - Atti della 2 Conferenza internazionale sulle prove non
distruttive, metodi microanalitici e indagini ambientali per lo studio e la conservazione delle opere darte.
Perugia 17 - 20 aprile 1988.
M. Citterio, M.G. Messina, M.T. Porfiri - Metodologia di analisi del microclima e di progettazione della
climatizzazione in edifici di interesse storico artistico. Science, Technology and European Cultural
Heritage, Bologna 13-16 giugno 1989
M. Citterio, G. Fasano - Studio del microclima nel museo nazionale di Villa Giulia - 49 Congresso
Nazionale ATI. Perugia 26-30 Settembre 1994
M. Citterio, G. M. Fargnoli - Analisi di dati sperimentali di lungo periodo secondo il progetto di norma CTI:
Commenti su una applicazione presso la Galleria Borghese di Roma. Giornata Seminariale AICARR:
Microclima, Qualit dellaria e impiantistica negli ambienti museali Firenze 7 Febbraio 1997
M. Citterio, S. Fanou, G. Fasano, D. Malosti - Protection of Cultural Heritage REBUILD Firenze 1998
M. Citterio, MCA Mario Cucinella Architects, C. Privato e A. Scognamiglio - A project for an Energy
Museum at the foot of the Delphos PV plant - Proceedings of the ISES Solar World Congress 2003
(Gteborg-Svezia, 14-19 giugno)
M. Citterio, E. Giani - A microclimatic study for the design of new shelters for the archaeological site of
Castellammare di Stabia Naples International Conference HERITAGE, WEATHERING AND
CONSERVATION - 2006 (Madrid, 21 24 giugno 2006)
S.Bruni, G.Maino, M.Labanti, G.Martignani, L.Pilotti: Caratterizzazione di strati pittorici e di vetrate dipinte
mediante la microscopia ottica, elettronica e lelaborazione di immagini, V Congresso Nazionale della
SIMAI Societ Italiana di Matematica Applicata e Industriale Ischia-5-9 June 2000
S.Bruni, R.Chiarini: Caratterizzazione delle vetrate dipinte medioevali mediante la microscopia ottica ed
elettronica e lelaborazione di immagini, Salone sulla valorizzazione del patrimonio e delle attivit
culturali, Roma-Coference: Culturalia: 28 September- 1 October 2000
G. Maino, S. Bruni: Le fond photographique d'Igino Benvenuto Supino a l'Universit de Bologna:
methodes et de catalogage Colloque sur Igino Benvenuto Supino (1859-1940), un grand historien de l'art
italien, Parigi, 18 giugno 2001
S. Bruni, G. Maino, S. Guidi, L. Pilotti: Characterization of ancient stained glasses by means of electron
microscopy and microanalysis CXOM XVI16th International Conference on X-ray Optics and
Microanalysis, Organised by the Vienna University of Technology and the Academy of Fine Arts, July 2nd6th, 2001, Vienna, Austria.
Maino G., Bruni S., Ferriani S., Musumeci A., Visparelli D: "Multispectral analysis of paintings and wooden
sculptures" Secondo Congresso Nazionale Scienza dei beni culturali 29 gennaio-1febbraio 2002, Bologna.

192

S. Bruni: "Gaetano e Ubaldo Gandolfi: indagini diagnostiche al microscopio ottico, elettronico a scansione
e microanalisi", Accademia delle scienze, Bologna 23, Aprile, 2002
L. Bitelli, S Bruni: " Rilevamento dello stato di conservazione delle sculture all'aperto della casa Museo
Remo brindisi", Ferrara Fiere RESTAURO 2002
M.Berico, S.Bruni, R.Chiarini, R.D'orazi, S.Ferriani, A.Gessi, R.Giampieri, G.Maino, L.Moretti,
A.Musumeci, C.Petrella, L.Sammartino e D.Visparelli: " Acquisizione ed elaborazione di immagini digitali.
Il restauro virtuale", Ferrara Fiere RESTAURO 2002
S. Bruni, G. Maino G. Martignani and L. Pilotti: "Microanalysis study and elemental composition of
historical photographs", IRRMA-V. 5 th International Topical Meeting on Industrial Radiation and
Radioisotope Measurement Applications. Bologna Italy 9-14 June 2002
S. Bruni, M.Gagliardi, G.Maino and D.Biagi Maino: " Investigation of XV century frescoes by means of
electron microscopy and microanalysis", European Conference on Energy Dispersive X-Ray Spectrometry
- EDXRS 2002 June 16 to 21, 2002 in Berlin, Germany
S.Bruni, G.Maino, G.Martignani and L.Pilotti: " Microanalusis characterization of ancient stained glasses",
European Conference on Energy Dispersive X-Ray Spectrometry - EDXRS 2002 June 16 to 21, 2002 in
Berlin, Germany
S. Bruni, S. Ferriani, G. Maino, L.Moretti A. Musumeci, D. Visparelli: Image processing and multimedia
databases for diagnostics of the cultural heritage, ART 2002 - 7-th International Conference on
Nondestructive Testing and Microanalysis for the Diagnostics and Conservation of the Cultural and
Environmental Heritage, June 2-6, 2002, Antwerp
S. Bruni, R. Giampieri, G. Maino, L. Sammartino, S. Ferriani, A. Musumeci, D. Visparelli, G. Martignani, L.
Pilotti, D. Biagi Maino, L. Forlani, D. Mostacci: Indagini diagnostiche e tecniche di datazione per sculture
lignee ENEA RT/2002/46/FIS
S.Bruni: La microscopia ottica ed elettronica applicata ai beni culturali, ENEA, Brasimone Bologna 24-304
S.Bruni: Indagini diagnostiche di microscopia ottica ed elettronica, Tecnologie innovative per la cultura,
Accademia delle Belle Arti, Bologna 30-11/2-12-04
G. Adorni: Unapplicazione di grafica 3D in Visual Reality: Visita virtuale del Cortile di Pilato e della
Cappella della Consolazione; I gioved della cultura scientifica - Workshop: Le tecnologie visuali: uno
strumento per la ricerca e per la scienza Roma 9 Luglio 2004
G. Adorni: Applicazioni di grafica 3D in Visual Reality; Seminario Tecnologie innovative per la cultura.
Salvaguardia e conservazione del patrimonio artistico, storico e monumentale Bologna 30 Novembre 2
Dicembre 2004
G. Adorni: Realt Virtuale ed Archeometria (Atti); IV Congresso Nazionale di Archeometria Scienza e
Beni Culturali Pisa 1- 3 Febbraio 2006
G. Adorni: Realt Virtuale ed Archeometria (Pubblicazione A.i.A.r.)
L. Barcellona e G. Magaudda (1976), Radiosterilizzazione di tavole dipinte, Atti del congresso int. sulle
Applicazioni dei metodi nucleari nel campo delle opere darte, Roma-Venezia 24-25 maggio 1973, pp 603617. Accademia nazionale dei Lincei
M. Bonetti, G. Magaudda, F. Gallo, C. Marconi, M. Montanari (1976), Lirraggiamento dei materiali librari,
Atti del convegno su Scienza e tecnica per la ricerca del patrimonio culturale, Roma 19-20 ottobre 1976.
CNR
M. Bonetti, F. Gallo, G. Magaudda, C. Marconi e M. Montanari (1979), Essais sur lutilisation des rayons
gamma pour la strilisation des matriaux libraires, Studies in conservation n24, 59-68
G. Magaudda (1980), Latomo al servizio dellarte, Film documentario realizzato dalla Corona
cinematografica, Roma
G. Magaudda (opera collettanea) (1980), Alterazioni macroscopiche dei materiali lapidei: lessico.
Alterazioni dei materiali lapidei e trattamenti conservativi. Proposte per lunificazione dei metodi
sperimentali di studio e controllo, NORMAL 1/80. CNR-ICR
G. Magaudda (opera collettanea) (1980), Materiali lapidei: campionamento, NORMAL 3/80. CNR-ICR
193

S. Lorusso, M. Marabelli, G. Magaudda, G. Viviano (1991), Deterioration of works of art indoors and
previsions for their better conservation, Forum ware VIII- JGWT Symp. Lubecca
G. Magaudda (1994), Il biodeterioramento dei beni culturali, ENEA-Borgia Editori - 375 pag.
M. Adamo, M. Giovannotti, G. Magaudda, M. Plossi-Zappal, F. Rocchetti, G. Rossi (1998), Effect of
gamma rays on pure cellulose paper, Restaurator 19: 1998, 41-59
G. Magaudda (1999), Problemi e tecnologie per la conservazione dei libri, EAI-ENEA n4/99
G. Magaudda, M. Adamo, P. Pasquali e G. Rossi (2000), The effect of ionizing gamma ray radiation on
the biology of the Periplaneta americana, Restaurator 21: 2000, 41-54
M. Adamo, G. Magaudda (2000), Disinfezione/disinfestazione di libri e documenti di archivio:
lirraggiamento gamma in alternativa ai gas fumiganti. Atti del X Congresso SIRR (Soc. ital. per le
ricerche sulle radiazioni), 19-22 novembre 2000. Frascati (Roma)
M. Adamo, M. Brizzi, G. Magaudda, G. Martinelli, M. Plossi-Zappal, F. Rocchetti e F. Savagnone,
Gamma radiation treatment of paper in different environmental conditions, Restaurator 22 (2001), pp 107131.
M. Adamo, G. Magaudda, A. Ricelli, G. Tronelli, A. A. Fabbri and C. Fanelli, Effect on the growth of a
fungus responsible of paper deterioration in gamma-rays irradiated papers, 3 Int. Congress on Science
and Technology for the saveguerd of Cultural Heritage in the Mediterranean, Alcal De Henares (Madrid)
9-14 luglio 2001.
G. Magaudda, M. Adamo, F. Rocchetti, Damage caused by destructive insects to cellulose previously
subjected to gamma- ray irradiation and artificial aging, Restaurator 22 (2001), pp 242-250.
R. Rocchetti, M. Adamo, G. Magaudda, Fastness of printing inks subjected to gamma-ray irradiation
and/or artificial aging, Restaurator 23 (2002), pp 15-26.
M. Adamo, G. Magaudda, Susceptibility of printed paper to attack of chewing insects after gamma
irradiation and ageing, Restaurator 24 (2003), pp 95-105.
M. Adamo, G. Magaudda, P. Trionfetti-Nisini, G. Tronelli, Susceptibility of cellulose to attack of
cellulosolitic microfungi after gamma-rays irradiation and aging, Restaurator 24 (2003), pp 145-151.
G. Magaudda, The recovery of biodeteriorated books and archive documents through gamma radiation:
Some consideration on the results achieved, Journal of Cultural Heritage Vol. 5.1 (2004), pp113-118.
M. Adamo, G. Magaudda, A. Tata, Radiation technology for cultural heritage restoration, Restaurator 25
(2004), pp 159-170.
M. Adamo, G. Magaudda, S. Omarini, Misura, per via biologica, del danno subito dalla struttura intima
della carta dopo irraggiamento gamma, (in stampa).
M. Adamo, M. Bicchieri, G. Magaudda, F. Rocchetti, Studio degli effetti delle radiazioni ionizzanti gamma
su carte invecchiate e sottoposte a trattamento di acidificazione, (in stampa).
M. Adamo, G. Magaudda, D. Mat, E. Ruschioni, M. C. Sclocchi, Susceptibility of photographic material
subjected to gamma-ray irradiation, (in stampa).
Shape Memory Alloys. Advances in modelling and applications, Chapter Shape Memory Alloys RF in
Civil Engineering with particular regard to old Structures; Edited by: F. Auricchio, L. Faravelli, G.
Magonette and V. Torra. CIMNE ed. Barcellona, Spain, 2001, ISBN 84-89925-82-8;
Par. 2: Introduction (M. Indirli, M.G. Castellano)
Par. 6: Comparison between traditional and SMA reinforcement (J. Azevedo, M. Indirli)
Par. 7: Examples of applications to monuments (M. Indirli, P. Clemente, A. Viskovic, M.G. Castellano)
Par. 8: Conclusions (D. Tirelli, M. Indirli)
A. Bertocchi, R. Cami, A. Procaccio and M. Indirli (2001), feasibility Study for the Reconstruction of the
Village of Mevale di Visso Using Seismic Isolation and Original Materials, Relazione invitata, Proc. of the
3rd World Conference on Structural Control, Como, 7-12 April 2002.

194

R. Cami, M. Indirli, M. Muzzarelli, B. Spadoni, P. Clemente, A. Paciello, F. Bettinali, G. Bergamo, H.


Ahmadi, K. Fuller (2004), the Use of an Innovative 3D-Isolation System for Seiemic and Ambient
Vibration to Protect the Roman Ship Excavated at Ercolano, Relazione invitata; Proc. of the Third
European Conference on Structural Control, 3ECSC, 12-15 July 2004, Vienna University of Technology,
Vienna, Austria.
M.G. Castellano e A. Martelli, (2000), The Influence of Shape Memory Alloy Ties on the Seismic
Behaviour of Historical Masonry Buildings, Invited Lecture, Proc. IASS Symposium, Istanbul, Turchia, pp.
271-280.
M.G. Castellano, R. Medeot, M. Forni, M. Indirli, A. Martelli, B. Spadoni, G. Venturi, J.J. Azevedo, V.
Renda, M. Biritognolo, G. Croci, C. Manos, D. Rinaldis, G. De Canio, e F. Persia (1998), Seismic
Protection of Cultural Heritage through SMA-Based Devices, Relazione invitata, in: Seismic Isolation,
Passive Energy Dissipation and Active Control of Seismic Vibrations of Structures - Proceedings of the
International Post-SMiRT Conference Seminar, Taormina, Italy August 25 to 27, 1997, Bologna: GLIS
(1998), A. Martelli, ed., pp. 213-235.
M.G. Castellano, M. Indirli, A. Martelli, J.J. Azevedo, G.E. Sincraian, D. Tirelli, V. Renda, G. Croci, M.
Biritognolo, A. Bonci, and A. Viskovic (2000), Seismic Protection of Cultural Heritage Using Shape
Memory Alloy Devices An EC Funded Project (ISTECH), Relazione invitata, in: Seismic Isolation,
Passive Energy Dissipation and Active Control of Vibrations of Structures - Proceedings of the
International Post-SMiRT Conference Seminar, Cheju, Korea, August 23 to 25, 1999, Seoul: Seoul
National University, Vol. 1, pp. 417-443.
M.G. Castellano, M. Indirli, e A. Martelli (2001), Progress of Application, R&D and Design Guidelines for
Shape Memory Alloy Devices for Cultural Heritage Structures in Italy, Relazione invitata, Proc. SPIE
Smart Systems for Bridges, Structures, and Highways, Newport Beach, California, USA.
M. Dolce, A. Martelli e G. Panza (2005), Proteggersi dal Terremoto: le Moderne Tecnologie e
Metodologie e la Nuova Normativa Sismica, 2a edizione, ISBN 88-87731-28-4, 21mo Secolo, Milano,
ottobre.
M. Dolce, A. Martelli e G. Panza (2006), Moderni Metodi di Protezione dagli Effetti dei Terremoti, ISBN
88-87731-30-6, 21mo Secolo, Milano, giugno.
M. Indirli, M.G. Castellano, P. Clemente e A. Martelli (2001), Demo-Application of Shape Memory Alloy
Devices: the Rehabilitation of the S. Giorgio Church Bell Tower, Relazione invitata, Proc. SPIE Smart
Systems for Bridges, Structures, and Highways, Newport Beach, California, USA.
M. Indirli, M.G. Castellano, A. Viskovic, A. Bonci, M. Biritognolo, G. Croci, S. Infanti, and A. Martelli (2001),
Out-of-Plane Seismic Behaviour of Masonry Walls with Shape Memory Alloy Ties, Relazione invitata,
Proc. ARCHI2000 (More than Two Tousend Years in History of Architecture Safeguarding the Structures
of Our Cultural Heritage), Paris, France
M. Indirli, M. Forni, A. Martelli, B. Spadoni, G. Venturi, C. Alessandri, A. Bertocchi, C. Capelli, A. Baratta,
A. Procaccio, P. Clemente, G. De Canio, B. Carpani, G. Bonacina, G. Franchioni, S. Viani, F. Cesari, and
M. Mucciarella (2002), Further New Projects in Italy for the Development of Innovative Techniques for the
Seismic Protection of Cultural Heritage, Relazione invitata, in: Seismic Isolation, Passive Energy
Dissipation and Active Control of Vibrations of Strctures Proceedings of the 7th International Seminar,
Assisi, Italy, October 2-5, 2001, Bologna, GLIS e TG5-EAEE, Bologna; A. Martelli, M. Forni e A. Parducci,
ed., Vol 1, pp. 746-765.
M. Indirli, A. Bertocchi, R. Cami and A. Procaccio (2001), Ongoing Research Projects at ENEA and Pilot
Applications for the Seismic Protection of Cultural Heritage, Relazione invitata, Proc. of the 3rd World
Conference on Structural Control, Como, 7-12 April 2002.
M. Indirli, P. Clemente, B. Carpani, A. Martelli, B. Spadoni e M.G. Castellano (2004), Research,
Development and Application of Advanced Anti-Seismic Techniques for Cultural Heritage in Italy,
Relazione invitata, 8th World Seminar on Seismic Isolation, Energy Dissipation and Active Vibration
Control of Structures Yerevan, Armenia, October 6-10, 2003 Proceedings, American University of
Armenia, M. Melkumyan ed., pp. 588-616.

195

M. Indirli, A. Viskovic, M. Mucciarella, C. Felez (2004), Innovative Restoration of the Apagni Romanesque
Church, damaged by the 1997 Marche-Umbria Earthquake, Relazione invitata; Proc. of the 13th World
Conference on Earthquake Engineering, Vancouver, Canada, 1-6 August 2004
M. Indirli, P. Clemente, B. Spadoni (2004), The Reconstruction of San Giuliano di Puglia after the October
31st 2002 Earthquake, Relazione invitata; Proc. of the 13th World Conference on Earthquake Engineering,
Vancouver, Canada, 1-6 August 2004
M. Indirli, P. Clemente, B. Spadoni, R. Cami, E. Speranza, M. Mucciarella, F. Pistola (2004), Seismic
protection of historical centers using innovative techniques, with focus on San Giuliano di Puglia after the
2002 Molise earthquake, Relazione invitata; IV International Seminar on Structural Analysis of Historical
Constructions, Possibilities of Numerical and Experimental Techniques, Padova, Italy, 10-13 November
2004.
M. Indirli, E. Valpreda, G. Panza, F. Romanelli, L. Lanzoni, S. Teston, M. Berti, S. Di Bennardo and G.
Rossi (2006), Natural multi-hazard and building vulnerability assessment in the historical centers: the
examples of San Giuliano di Puglia (Italy) and Valparaiso (Chile), Relazione invitata; 7th European
Commission Conference SAUVEUR, Safeguarded Cultural Heritage, Prague, 31st May 3rd June 2006.
M. Indirli, B. Carpani, G. Panza, F. Romanelli and B. Spadoni (2006, Damage evaluation and
rehabilitation of the Montorio medieval tower, damaged by the September 14th, 2003 Bolognese
Appennines earthquake, Relazione invitata; First European Conference on Earthquake Engineering and
Seismology, (a joint event of the 13th ECEE & 30th General Assembly of the ESC), accepted abstract,
paper in progress, Geneva, Switzerland, 3-8 September 2006
A. Martelli (2002), Problemi Connessi con la Sismicit: lo Stato di Fatto ed i Possibili Interventi,
Relazione invitata, Atti del Convegno Le Rocche dei Conti Guidi della Romagna Toscana
Salvaguardia, Restauro, Conservazione, Modigliana (Forl-Cesena), Giugno 2001.
A. Martelli (2003), Tecnologia per lArte, relazione invitata, Atti del Convegno De Divina Proporzione
LUmbria e la Sua Identit, Assisi, Maggio 2002, pp. 94-95.
A. Martelli (2005), Problematiche sismiche, Par. 6 (pp. 115-132) di La Stabilit delle Grandi Statue: il
David di Michelangelo, ISBN 88.496.1561.2, Dei, A. Borri, ed., Roma.
A. Martelli, M. Forni e S. Rizzo (2006), Seismic Isolation: Present Application and Perspectives,
Relazione invitata, Proc. International Workshop on Base Isolated High-Rise Buildings, Yerevan, Armenia,
Giugno.
A. Martelli, M. Dolce e M. Forni (in stampa), Paragrafo 5.2 (Italy) di Summary of State of the Art on
Seismic Isolation and Response Control for Structures, SPON Press, T. Saito, H. Li, W.-Q. Liu e M.
Higashino ed., Londra, UK.
G.Maino, L.Ciancabilla, Progettare il restauro. Tre secoli di indagini scientifiche sulle opere darte, Edifir,
Firenze (2004) 144 pp.
G.Maino, Le due facce della luna. Immaginazione scientifica e sperimentazione artistica a Bologna in et
moderna, Novalis Editore, Bologna (2005) 40 pp.
G.Maino, J.Fernandez, A.Tartari (a cura di), Radiation Physics for Preservation of the Cultural Heritage,
Editrice CLUEB, Bologna (2005) 302 pp.
A.Tartari, C.Baraldi, E.Casnati, C.Bonifazzi, G.Maino, EDXRS study of a new collimator for enhanced
scattering techniques, X Ray Spectrometry 28 (1999) 297-300.
C.Bonifazzi, G.Di Domenico, E.Lodi, G.Maino, A.Tartari, Principal component analysis of large layer
density in Compton scattering measurements, Applied Radiation and Isotopes 53 (2000) 571-579.
A.Tartari, G.Maino, E.Lodi, C.Bonifazzi, ECOSP: An enhanced Compton spectrometer proposal for
frescos inspection, Radiation Physics and Chemistry 61 (2001) 737-738.
C.Bonifazzi, E.Lodi, G.Maino, V.Muzzioli, L.Nanetti, N.Ludwig, M.Milazzo, A.Tartari, Investigation of
defects in fresco substrates by means of the ECoSP imaging system and the principal component image
analysis, Nuclear Instruments and Methods in Physical Research B213 (2004) 707-711.

196

C.Bonifazzi, E.Lodi, G.Maino, V.Muzzioli, L.Nanetti, A.Tartari, Multivariate image analysis of ECoSp
Compton spectra, Nuclear Instruments and Methods in Physical Research B213 (2004) 712-716.
G.Maino, Nuclear techniques in nondestructive analysis of artistic objects, in Proceedings of Seventh
International Seminar on Nuclear Physics, Maiori, 27-31 maggio 2001, A.Covello, ed., Challenges of
Nuclear Structure, World Scientific Publ. Co., Singapore (2002) 583-591.
C.Bonifazzi, G.Maino, A.Tartari, A regularization method for unfolding the measured data of different X-ray
spectrometers in Compton scattering tomography, in Proceedings of 9th International Conference on
Image Analysis and Processing, Firenze, 17-19 settembre 1997, Lecture Notes in Computer Science
1311, vol.II, A.Del Bimbo, ed., Springer Verlag, Berlin - Heidelberg (1997) 436-444.
C.Bonifazzi, G.Maino, A.Tartari, A Monte Carlo code for Compton Scattering evaluation of the density
variation in large object, in Proceedings of Minisymposium on Meccanica Statistica e Termodinamica
Computazionale: dai fondamenti alle applicazioni in campo ingegneristico, ambientale e diagnostico, IV
Congresso nazionale della Societ Italiana di Matematica Applicata e Industriale (SIMAI), Giardini Naxos
(Messina), 1-5 giugno 1998, SIMAI, Roma (1998) 264-268.
A.Tartari, C.Baraldi, E.Casnati, C.Bonifazzi, G.Maino, EDXRS study for low cost highly collimated
enhanced Compton spectrometry, in Proceedings of European Conference on Energy Dispersive X-Ray
Spectrometry, EDXRS-98, Bologna, 7-12 giugno 1998, J.E.Fernndez, A.Tartari (eds.), Bologna (1999)
131-134.
A.Tartari, G.Maino, E.Lodi, C.Bonifazzi, Compton scattering elemental imaging of a deep layer performed
with the principal component analysis, in Proceedings of Roma 2000 15 th World Conference on NonDestructive Testing, Roma, 15-21 ottobre 2000, 261-268.
C.Bonifazzi, S.Ferriani, G.Maino, L.Salmaso, A.Tartari, Three-way data analysis of -ray spectra. Material
composition study and density imaging, in Proceedings of CLADAG 2003 Meeting of the Classification
and Data Analysis Group of the Italian Statistical Society, Bologna, 22-24 settembre 2003, CLUEB,
Bologna (2003) 63-66.
C.Bonifazzi, S.Ferriani, G.Maino, A.Tartari, Multispectral examination of paintings and works of art: A
principal component analysis approach, in Proceedings of CLADAG 2003 Meeting of the Classification
and Data Analysis Group of the Italian Statistical Society, Bologna, 22-24 settembre 2003, CLUEB,
Bologna (2003) 67-70.
C.Bonifazzi, S.Ferriani, A.Romano, G.Maino, A.Tartari, Multispectral Examination of Paintings: A Principal
Component Image Analysis Approach, in Proceedings of ART 2005 8th International Conference on
Non-Destructive Investigations and Microanalysis for the Diagnostics and Conservation of the Cultural and
Environmental Heritage, Lecce, 15-19 maggio 2005.
A.Carile, D.Biagi Maino, S.Ferriani, G.Maino, A.M.Orselli, C.M.Porceddu Cilione, D.Visparelli, Image
processing and pattern recognition techniques applied to the cultural heritage, in Proceedings of Joint
Workshop of the Italian Association for Artificial Intelligence (AI*IA) and the International Association for
Pattern Recognition - Italian Chapter (IAPR-IC) on Artificial Intelligence and Pattern Recognition
Techniques for Computer Vision - IAPRVA98, Ferrara, 6-7 aprile 1998, R.Cucchiara, M.Piccardi, eds.,
Ferrara (1998) 170-175.
L.Ciancabilla, D.Biagi Maino, S.Ferriani, G.Maino, Mathematical and Computational Aspects of
Nondestructive Diagnostics for the Cultural Heritage, in Proceedings of Minisymposium on Meccanica
Statistica e Termodinamica Computazionale: dai fondamenti alle applicazioni in campo ingegneristico,
ambientale e diagnostico, IV Congresso nazionale della Societ Italiana di Matematica Applicata e
Industriale (SIMAI), Giardini Naxos (Messina), 1-5 giugno 1998, SIMAI, Roma (1998) 269-271.
L.Ciancabilla, D.Biagi Maino, S.Ferriani, G.Maino, D.Visparelli, Successes and limits of X-ray diagnostics
for the cultural heritage, in Proceedings of European Conference on Energy Dispersive X-Ray
Spectrometry, EDXRS-98, Bologna, 7-12 giugno 1998, J.E.Fernndez, A.Tartari (eds.), Bologna (1999)
305-310.
D.Biagi Maino, G.Gandolfi, L.Roversi, S.Ferriani, M.Galli, M.Magnani, G.Maino, A.Musumeci, D.Visparelli,
C.Zambon, An imaging computing system for handling information about diagnostics and conservation of
paintings, in Proceedings of 6th International Conference on Non-Destructive Testing and Microanalysis

197

for the Diagnostics and Conservation of the Cultural and Environmental Heritage, ART-99, Roma, 17-19
maggio 1999, vol. II, Roma (1999) 1247-1262.
D.Biagi Maino, G.Maino, The GIANO project: Combining hypermedia and network technologies for
applications to the cultural heritage, in Proceedings of International Conference on Multimedia Computing
and Systems, IEEE Multimedia Systems 99, Firenze, 7-11 giugno 1999, IEEE Computer Society, Los
Alamitos, California (1999) 1102-1105.
G.Maino, D.Biagi Maino, L.Barone, J.L.Sanchez Soler, D.Fanfani, The GIANO project: Multimedia tools for
the cultural heritage, in Proceedings of the 4th International Conference Cultural Heritage Networks
Hypermedia, Politecnico di Milano, 11-14 settembre 1999.
D.Biagi Maino, S.Bruni, L.Ciancabilla, S.Ferriani, G.Gandolfi, G.Maino, D.Visparelli, Advances in digital
image processing and archiving for works of art, in Proceedings of workshop on Artificial Intelligence for
the Cultural Heritage, Bologna, 14 settembre 1999, L.Bordoni (ed.), Bologna (1999) 109-119.
G.Maino, Results of the international research project - GIANO, in Proceedings of Minisymposium on
Recent developments in the techniques of image processing and diagnostic imaging for the cultural
heritage, V Congresso nazionale della Societ Italiana di Matematica Applicata e Industriale (SIMAI),
Ischia (Napoli), 5-9 giugno 2000, SIMAI, Roma (2000) 529-533.
S.Bruni, G.Maino, M.Labanti, G.Martignani, L.Pilotti, Characterization of painted layers and stained
glasses through optical and scanning electronic microscopy and image processing, in Proceedings of
Minisymposium on Recent developments in the techniques of image processing and diagnostic imaging
for the cultural heritage, V Congresso nazionale della Societ Italiana di Matematica Applicata e
Industriale (SIMAI), Ischia (Napoli), 5-9 giugno 2000, SIMAI, Roma (2000) 515-520.
C.Bonifazzi, E.Lodi, G.Di Domenico, A.Tartari, G.Maino, L.Molinari, Mathematical methods for the analysis
of Compton scattering measurements on fresco paintings, in Proceedings of Minisymposium on Recent
developments in the techniques of image processing and diagnostic imaging for the cultural heritage, V
Congresso nazionale della Societ Italiana di Matematica Applicata e Industriale (SIMAI), Ischia (Napoli),
5-9 giugno 2000, SIMAI, Roma (2000) 504-511.
G.Maino, D.Biagi Maino, J.L.Sanchez Soler, F.Sottile, D.Fanfani, The GIANO project: Multimedia tools for
the cultural heritage, in Proceedings of EVA 2002, Firenze, 18-22 marzo 2002, V.Cappellini, J.Hemsley,
G.Stanke (eds.), Pitagora Editrice, Bologna (2002) 270-274.
G.Maino, D.Biagi Maino, Le attivit di ricerca dellENEA sui beni culturali: il progetto GIANO, in
Proceedings of II Congresso Nazionale AIAr Scienza e Beni Culturali, Patron Editore, Bologna (2002) 2336.
G.Maino, S.Bruni, S.Ferriani, A.Musumeci, D.Visparelli, Multispectral analysis of paintings and wooden
sculptures, in Proceedings of II Congresso Nazionale AIAr Scienza e Beni Culturali, Patron Editore,
Bologna (2002) 203-214.
G.Maino, D.Visparelli, Il museo virtuale dei mosaici, in Atti del Convegno Contesti virtuali e fruizione dei
beni culturali, Napoli, 22-23 maggio 2003, pp.6
D.Biagi Maino, G.Maino, Physics and the humanities, in Radiation Physics for Preservation of the Cultural
Heritage, a cura di J.E. Fernandez, G. Maino e A. Tartari, CLUEB, Bologna (2005) 9-12.
C. Bonifazzi, S. Ferriani, G. Maino, L. Salmaso, A. Tartari, Three-way data analysis of gamma-ray spectra:
A material composition study and density imaging analysis, in Radiation Physics for Preservation of the
Cultural Heritage, a cura di J.E. Fernandez, G. Maino e A. Tartari, CLUEB, Bologna (2005) 111-118.
G.Maino, E.Menapace, Nuclear reaction data relevant to ion beam analysis of light elements for cultural
heritage diagnostics, in Radiation Physics for Preservation of the Cultural Heritage, a cura di J.E.
Fernandez, G. Maino e A. Tartari, CLUEB, Bologna (2005) 119-128.
A.Tartari, C.Bonifazzi, G.Maino, E.Lodi, D.Biagi Maino, E.Manservigi, S.Mazzotti, Nondestructive testing
of artworks by Compton backscattering spectrometry, in Radiation Physics for Preservation of the Cultural
Heritage, a cura di J.E. Fernandez, G. Maino e A. Tartari, CLUEB, Bologna (2005) 195-202.

198

S.Bruni, G.Maino, G.Martignani, L.Pilotti, Microanalysis study and elemental composition of historical
photographs, in Radiation Physics for Preservation of the Cultural Heritage, a cura di J.E. Fernandez, G.
Maino e A. Tartari, CLUEB, Bologna (2005) 235-249.
L.Sammartino, A.Gessi, D.Biagi Maino, S.Ferriani, A.Musumeci, D.Visparelli, G.Maino, Multispectral nondestructive analyses of XVIII century paintings, in Radiation Physics for Preservation of the Cultural
Heritage, a cura di J.E. Fernandez, G. Maino e A. Tartari, CLUEB, Bologna (2005) 275-288.
G.Maino, Gli strumenti della memoria: informatica e diagnostica fisica per i beni culturali, rapporto ENEA
RT/2002/35/FIS, novembre 2002, 42 pp.
S.Bruni, R.Giampieri, G.Maino, L.Sammartino, S.Ferriani, A.Musumeci, D.Visparelli, G.Martignani,
L.Pilotti, D.Biagi Maino, L.Forlani, D.Mostacci, Indagini diagnostiche e tecniche di datazione per sculture
lignee, rapporto ENEA RT/2002/46/FIS, gennaio 2003, 86 pp.
D.Biagi Maino, G.Maino, Luigi Galvani: lo scienziato oltre limmagine, in Discorsi e scritti in onore di Luigi
Galvani nel bicentenario della morte, 1798-1998, Accademia delle Scienze dellIstituto di Bologna,
Bologna (1999) 155-167.
G.Maino, Teologia, immaginazione scientifica e pratica artistica a Bologna in et moderna, atti del
convegno di studi su La Chiesa di Bologna e la Cultura Europea, Bologna (2002) 201-217.
G.Maino, SIGMA: un laboratorio integrato per la diagnostica e la modellistica di sistemi complessi, EAI
report Energia, Ambiente e Innovazione 3 (2002) 81-82.
D.Biagi Maino, G.Maino, Gli strumenti della memoria: informatica e diagnostica fisica per i beni culturali, in
Communication: storia e tecnologia della comunicazione, Ufficio del Presidente del CNR, Roma (2002)
86-93.
G.Maino, MIDA: questioni antiche, soluzioni nuove, IBC - Informazioni, Commenti, Inchieste sui Beni
Culturali n. 1, anno XI (gennaio-marzo 2003) 61-66.
G.Maino, Il progetto MIDA, in Economia della Cultura Restauro, catalogo del Salone dellarte del
Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali e Ambientali, Ferrara (2003) 82-85.
S.Bruni, S.Ferriani, A.Gelli, G.Maino, A.Musumeci, S.Petronilli, D.Visparelli, Indagini conoscitive sulla
tavola di Orazio di Jacopo, in Il Museo dellOsservanza di Bologna. Guida alle collezioni darte, a cura di
D.Biagi Maino, Costa Editore, Bologna (2003) 23-25, 87-92.
G.Maino, Utilizzo delle reti neurali e delle indagini multispettrali per gli OCR manoscritti, in Kermes, anno
XVII, n.55, luglio-settembre 2004, p.69.
D.Biagi Maino, G.Maino, Indagini sulla caratterizzazione e la datazione di sculture lignee, in La
Deposizione lignea in Europa. Limmagine, il culto, la forma, a cura di G.Sapori e B.Toscano, Electa
Editori Umbri Associati (2004) 677-711.
G.Maino, Indagini multispettrali, in Scelte e strategie per la conservazione della memoria, Ministero per i
Beni e le Attivit Culturali, Roma, febbraio 2005, pp.228-246.
D.Torcellini, D.Biagi Maino, G.Maino, Il dibattito otto-novecentesco sulla percezione visiva del colore per
la storia e la teoria del restauro, in Colore e colorimetria: contributi multidisciplinari, a cura di A.Raggi, Atti
della 1 Conferenza Nazionale del Gruppo del Colore, Pescara, 20-21 ottobre 2005, Collana Quaderni di
Ottica e Fotonica 13, Centro Editoriale Toscano, Firenze, 2005, pp.203-210.
G.Maino, Immagini per la storia. La documentazione nellet digitale, in Limmagine del Settecento da
Luigi Ferdinando Marsili a Benedetto XIV, a cura di D.Biagi Maino, Archivi di Arte Antica, Umberto
Allemandi Editore, Torino, 2005, pp.129-159.
G.Maino, Igino Benvenuto Supino nella cultura del suo tempo, in Igino Benvenuto Supino 1858-1940.
Omaggio ad un padre fondatore, a cura di Paola Bassani Pacht, Edizioni Polistampa, Firenze, 2006,
pp.xx-xx.
G.Maino, Il Museo che non c, Il Giornale dellArte 253, aprile 2006, p.41.
G.Maino, Per un museo virtuale delle decorazioni musive, Museo informa 26, luglio 2006, p.7.

199

Delmonaco g., Margottini c., Spizzichino d. ((2006). Aksum Stela 2 Re-erection Project. Environmental
Impact Study. UNESCO, Paris, 64 pp. + 5 Annexes.
Mazzoli S., Delmonaco G., Margottini C. (2005). Role of precursor joints in the contractional deformation
of a granite pluton, Machu Picchu Batholith, Eastern Cordillera, Peru. Rendiconti Societ Geologica
Italiana, 1 (2005), Nuova serie, 120-122, 3ff.
Bruciatelli l., De Donatis m., Delmonaco g., Gallerini g. & Susini S. (2005). From digital field work to
GIS/3D map elaboration. A case study: the geology of Craco (Matera Italy). GeoItalia 2005, V Forum
Italiano di Scienze della Terra (FIST) - September 21-23, 2005. Spoleto (Italy).
Canuti P., Margottini C., Mucho R., Delmonaco G., Ferretti A., Lollino G., Puglisi C., Tarchi D. (2005).
Preliminary remarks on monitoring, geomorphological evolution and slope stability of Inca Citadel of
Machu Picchu (C101-1).In: (K. Sassa, H. Fukuoka, F. Wang & G. Wang, Eds.) Landslides: Risk Analysis
and Sustainable Disaster Management. Springer, pp. 39-47.
Delmonaco G., Falconi L., Leoni G., Margottini C., Puglisi c., Spizzichino D. (2005). Multi-temporal and
quantitative geomorphological analysis on the large landslide of Craco village.In: (K. Sassa, H. Fukuoka,
F. Wang & G. Wang, Eds.) Landslides: Risk Analysis and Sustainable Disaster Management. Springer,
pp. 113-118.
Delmonaco G., Margottini C., Spizzichino D. (2005). Slope-structure stability modeling for the rock hewn
church of Bet Aba Libanos in Lalibela (Ethiopia): preliminary results. In: (K. Sassa, H. Fukuoka, F. Wang &
G. Wang, Eds.) Landslides: Risk Analysis and Sustainable Disaster Management. Springer, pp. 213-218.
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Spizzichino D. (2005). Landslide hazard, archaeological heritage
and mitigation measures: the case study of the ancient Stabiae (Italy) Proc. Int. Symp. on Landslide Risk
Mitigation and Protection of Cultural and Natural Heritage, Kyoto, 15-16 Jan. 2005.
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Martini G., Paolini S., Spizzichino D., Todisco L., Trocciola A.
(2005). Dissesto Idrogeologico e Strategie di Mitigazione per i Beni Culturali: il caso studio delle Ville
Romane dellantica Stabiae. Atti Convegno Risorse e rischi geoambientali nella pianificazione territoriale,
Benevento, maggio 2005.
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Spizzichino D. (2004) Landslide risk assessment of the
archaeological site of Varano Hill, Castellammare di Stabia (Italy). 32nd International Geologic Congress
Florence Italy August 20-28, 2004.
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Puglisi C., Spizzichino D. (2004). The dying town of Civita di
Bagnoregio and the killer landslide. 9th International Symposium on Landslides, Rio de Janeiro, Brasil (in
printing).
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Puglisi C., Spizzichino D. (2004). A project of stabilisation for the
mitigation of Cavon Grande Landslide in Civita di Bagnoregio (Italy). IX International Symposium on
Landslides, 28 June 2 July 2004, Rio de Janeiro (Brazil);
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Puglisi C., Spizzichino D. (2004). A geomorphological and
geotechnical approach for the risk assessment of Craco village using GIS. IX International Symposium on
Landslides, 28 June 2 July 2004, Rio de Janeiro (Brazil);
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Martini G., Paolini S., Puglisi C., Spizzichino D. (2004). Landslide
assesment and risk mitigation for the archeological site of Piazza Armerina (Sicily): A Geomorphological
and hydraulic combined approach through a GIS analysis. IX International Symposium on Landslides, 28
June 2 July 2004, Rio de Janeiro (Brazil);
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Spizzichino D. (2004). Landslide assessment and risk mitigation
of the archaeological site of Varano Hill, Castellammare di Stabia (Italy): A GIS and geotechnical
combined approach. IX International Sympsium on Landslides, 28 June 2 July 2004, Rio de Janeiro
(Brazil).
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Spizzichino D., Trocciola A. (2004). Recuperare con la VIP. La
Valutazione dImpatto del Paesaggio applicata al recupero di un insediamento archeologico degradato a
seguito di interventi invasivi effettuati per il consolidamento da dissesto idrogeologico: Collina di Varano
Castellammare di Stabia. Geologi, Bollettino trimestrale Ordine dei Geologi della Campania, n. 1/2004.

200

Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Spizzichino D. (2002). Preservation of Cultural Heritage against
Natural Catastrophes: Development of Guidelines in a Pilot Project of the Italian Minister for Scientific
Research (UNESCO/IGCP 425, sub-project n. 23). Proc. Int. Symp. on Landslide Risk Mitigation and
Protection of Cultural and Natural Heritage, 21-25 Jan. 2002, Kyoto, Japan, pp. 307-328.
Agostini G., Casagli N., Delmonaco G., Fanti R., Focardi P., Margottini C. (2002). Landslide monitoring
and cultural heritage at risk: the case study of S. Miniato hill in Florence. Proc. XXVII General Assembly of
the European Geophysical Society, Nice, 21-26 April 2002.
Agostini G., Casagli N., Delmonaco G., Fanti R., Focardi P., Margottini C. (2002). A review of historical
studies on slope instability in San Miniato hill - Florence. Proc. Int. Symp. on Landslide Risk Mitigation and
Protection of Cultural and Natural Heritage, 21-25 Jan. 2002, Kyoto, Japan, 253-255.
Delmonaco G., Falconi L., Margottini C., Spizzichino D. (2001). Development of guideline for the
preservation of Italian cultural heritages against natural catastrophes: a pilot project of the Italian Minister
for Scientific Research (UNESCO/IGCP sub project n. 23) International Symposium on Landslides, Tokio
2001.
Bandis S., Colombini V., Delmonaco G., Margottini C. (2000). New typology of low environmental impact
consolidation for rock fall prone cliffs through intervention from the underground in historical sites. In E.
Bromhead, N. Dixon and M.L. Ibsen, (editors): Landslides in Research, Theory and Practice. 8th
International Symposium on Landslides, June 2000, Cardiff, UK., Vol 1, p. 107-112.
Casagli N., Delmonaco G., Focardi P., Margottini C., Serafini S. (2000). Analisi dei fenomeni di dissesto a
Civita di Bagnoregio e misure di stabilizzazione. Convegno GeoBen2000, Condizionamenti Geologici e
Geotecnici nella Conservazione del Patrimonio Culturale, Moncalieri 7-9 giugno 2000, p. 351-363.

201