Sei sulla pagina 1di 270

Avvertenze

CloudCUBE un prodotto software in ambiente AutoCAD. Prima di installare CloudCUBE quindi necessario
avere installato una versione di AutoCAD tra quelle elencate nei requisiti di sistema della corrente versione
del software.
Il software descritto in questo manuale stato fornito con contratto di licenza e pu essere utilizzato solo in
conformit ai termini di contratto.
La documentazione tecnica stata redatta da Virtualgeo s.r.l., non ha scopo di istruire alluso di AutoCAD e
non costituisce un corso di topografia o di modellazione tridimensionale. La documentazione tecnica viene
fornita senza garanzia di alcun tipo. Virtualgeo s.r.l. non fornisce alcuna garanzia sulla precisione o
sullutilizzo di tali informazioni. Questo vale anche per ogni persona coinvolta nella creazione, produzione e
distribuzione della stessa. Virtualgeo s.r.l. si assume il diritto di modificare, in qualsiasi momento e senza
alcun preavviso o comunicazione, le informazioni contenute in questo manuale.
La riproduzione, anche parziale, di questo manuale vietata ai sensi di legge, salvo autorizzazione scritta da
parte di Virtualgeo s.r.l.
AutoCAD un marchio registrato dalla Autodesk, Inc. Altri nomi di prodotti citati in questo manuale sono
riconosciuti come marchi delle rispettive societ produttrici.

Sommario
Premessa ...........................................................................................................................................8
Definizioni .........................................................................................................................................9
Organizzazione del manuale...........................................................................................................11
Convenzioni .....................................................................................................................................11
Filosofia di lavoro di CloudCUBE.....................................................................................................11
MODULO MANAGER.........................................................................................................................13
Comandi generali .........................................................................................................................16
Input/Output.............................................................................................................................17
IMPC Import Point Clouds............................................................................................. 17
IMPAP Import from AutoCAD Points ............................................................................. 20
CONV2009 Convert to 2009 Format .............................................................................. 21
EXPC Export Point Clouds.............................................................................................. 22
Visualizzazione ..........................................................................................................................24
TGCW Toggle Cloud Window ......................................................................................... 24
SDYN Switch Dynamic Redraw...................................................................................... 25
VIZTP Show Triangles ................................................................................................... 26
ACTC Activate/Deactivate Clouds ................................................................................. 27
ACTST Activate/Deactivate Triangles Shade................................................................. 28
SHNR Show/Hide Normals for Active Clouds ................................................................ 29
Organizzazione ..........................................................................................................................30
MAKEC Make Child......................................................................................................... 30
MAKEB Make Brother..................................................................................................... 31
DELPT Delete Selected Points ....................................................................................... 32
DELTR Delete Selected Triangles .................................................................................. 33
Strumenti di selezione ..............................................................................................................34
AHIST Apply Selection History ...................................................................................... 34
DESEL Deselect Clouds .................................................................................................. 35
Filtri ...........................................................................................................................................36
FINO Filter Noise ........................................................................................................... 36
FIRY Filter Redundancy................................................................................................. 38
FIPTS Filter Points Number ........................................................................................... 39
FISM Filter Smooth........................................................................................................ 41
Purge .........................................................................................................................................42
PURGER Purge Repositories .......................................................................................... 42
PURGET Purge Temporaries .......................................................................................... 43
PURGEA Purge All .......................................................................................................... 44
Undo/Redo ................................................................................................................................45
SUND - Switch Undo/Redo ............................................................................................... 45
La Clouds Palette..........................................................................................................................46
Tree............................................................................................................................................46
1. Menu del nodo .............................................................................................................. 50
2. Menu per la colorazione delle nuvole ........................................................................... 51
3. Menu dei figli del nodo ................................................................................................. 52
4. Menu degli UCS............................................................................................................. 53
5. Menu principale ............................................................................................................ 54
Comandi degli alberi......................................................................................................... 55
1. Comandi del Menu del nodo........................................................................................55
Activate Clouds ............................................................................................................55
Deactivate Clouds........................................................................................................56
Show Clouds ................................................................................................................56
Hide Clouds ..................................................................................................................56
Show Bounding-boxes of Hidden Clouds....................................................................57
Hide Bounding-boxes of Hidden Clouds .....................................................................57
Paste Selection Points to Clouds.................................................................................57
Move Selection Points to Clouds .................................................................................58
Unify Subtree ...............................................................................................................58
Clouds Segmentation ..................................................................................................58
Slice Segmentation......................................................................................................59
3

Resample Clouds .........................................................................................................59


Zoom Visibile Clouds ...................................................................................................60
Delete Clouds Triangulation........................................................................................60
Delete Clouds...............................................................................................................60
2. Comandi del Menu per la colorazione delle nuvole ....................................................60
True Color Clouds ........................................................................................................61
Single Color Clouds......................................................................................................61
False Color Clouds .......................................................................................................61
Partition Color Subtree................................................................................................62
3. Comandi del Menu dei figli del nodo...........................................................................63
Create New Child .........................................................................................................63
Import as a Child .........................................................................................................63
Import as a Child and Split..........................................................................................64
4. Comandi del menu degli UCS ......................................................................................64
Make UCS Active ..........................................................................................................65
Delete UCS ...................................................................................................................65
5. Comandi del Menu principale......................................................................................65
Import..........................................................................................................................66
Export...........................................................................................................................66
Create New Empty Cloud.............................................................................................66
Delete Selected Points.................................................................................................66
Make World UCS Active ...............................................................................................67
Create New UCS by Three Points ................................................................................67
Create New UCS by Selection Points Plane ................................................................69
Create New UCS by Selection Triangles Plane............................................................70
Properties ..................................................................................................................................71
1. Maximum Number of Points to Display ........................................................................ 72
2. Dynamic Redraw Time.................................................................................................. 72
3. Points/Triangles Numbers............................................................................................ 72
4. False Color Parameters................................................................................................. 72
Selection ....................................................................................................................................74
La finestra Selection ......................................................................................................... 74
Selezione di punti ............................................................................................................76
Selezione di triangoli.......................................................................................................77
Strumenti di selezione...................................................................................................... 78
Selezione tramite rettangolo ..........................................................................................78
Selezione tramite cerchio................................................................................................79
Selezione tramite poligono .............................................................................................79
Selezione tramite slice ....................................................................................................80
Selezione di singolo triangolo .........................................................................................80
Selezione per un punto su un piano................................................................................81
Selezione tramite polilinea..............................................................................................84
Slice ...........................................................................................................................................86
Slice Visualization............................................................................................................. 86
Utilizzo della Properties Palette di AutoCAD ..........................................................................87
MODULO MESH................................................................................................................................89
Comandi........................................................................................................................................90
Creazione e modifica .................................................................................................................90
CTRI Compute Cloud Triangulation............................................................................... 90
ADDTR Add Triangle to Mesh......................................................................................... 92
MATM Materialize Mesh................................................................................................. 93
Analisi delle mesh computate ...................................................................................................94
FIAF Find Abnormal Faces ............................................................................................. 94
FIRF Find Irregular Faces .............................................................................................. 96
FISF Find Singular Faces ............................................................................................... 97
Gestione dei buchi delle mesh computate................................................................................98
LOCHL Locate Mesh Holes ............................................................................................. 98
FILHL Fill Mesh Holes .................................................................................................. 100
Filtri su mesh computate ........................................................................................................ 102
FIMDEC Filter Mesh Decimation .................................................................................. 102
4

FIMSM Filter Mesh Smooth.......................................................................................... 104


Gestione delle normali ............................................................................................................ 106
FIXNR Fix Normals ...................................................................................................... 106
INVNR Invert Normals ................................................................................................ 108
MODULO DRAW ............................................................................................................................. 109
Comandi...................................................................................................................................... 110
CloudCUBE Draw ........................................................................................................................ 110
CAD Transformation ................................................................................................................ 110
MVECS Move Entity by ECS.......................................................................................... 110
APP3P Approximate Entity by 3D Polyline .................................................................. 112
APPP Approximate Entity by Polyline.......................................................................... 113
CAD Computation .................................................................................................................... 114
OFF3P Offset of a 3D Polyline...................................................................................... 114
DEC3P Decimate 3D Polyline ....................................................................................... 116
SM3P Smooth 3D Polyline ........................................................................................... 117
CAD Triangulation ................................................................................................................... 118
TBV Triangulate by Vertices ........................................................................................ 118
TB3P Triangulate between 3D Polylines ..................................................................... 120
TC3P Triangulate a Closed 3D Polyline........................................................................ 122
CAD Section ................................................................................................................................ 123
SECH Horizontal Section.............................................................................................. 125
SECMH Multiple Horizontal Section............................................................................. 126
SECV Vertical Section .................................................................................................. 128
SECMV Multiple Vertical Section ................................................................................. 130
CNTLN Contour Lines................................................................................................... 133
ROTS Rotate Selected Polylines .................................................................................. 136
CloudCUBE Draw II ................................................................................................................. 138
Draw Section ........................................................................................................................... 138
CMPSEZ Compound Section......................................................................................... 138
CMPPLN Compound Plan ............................................................................................. 144
ELEV Elevation ............................................................................................................. 147
DWAXO Axonometric Projection ................................................................................. 150
GETCUT Cut 3D Model ................................................................................................. 152
MODSEG Model Segmentation..................................................................................... 155
MODCPS Model Copy and Paste .................................................................................. 158
EXVERT Vertical Extrusion........................................................................................... 159
Comandi...................................................................................................................................... 163
Quad ........................................................................................................................................ 163
QUADSU Compute and Materialize Quad Surface on Cloud ........................................ 163
QUADMP Compute and Materialize Quad Surface on Cloud Selection ........................ 165
QUADEX Materialize Quad Surface by Extrusion ......................................................... 166
LOCQH Locate Quad Surface Holes ............................................................................. 171
UNQSU Unify Quad Surfaces........................................................................................ 173
PEQSU Perforate Quad Surface ................................................................................... 174
EXTQSU Extend Quad Surface with Quadrangles........................................................ 176
SPLQS Split Quad Surfaces .......................................................................................... 178
JNQSU Join Quad Surfaces .......................................................................................... 180
INTQSU Intersect Quad Surfaces ................................................................................ 182
TQTT Transform Quadrangles in Triangles .................................................................. 184
LODQSU Import Quad Surface .................................................................................... 185
Region...................................................................................................................................... 186
FITRE Fit Region .......................................................................................................... 186
REEX Fit Regions by Extrusion .................................................................................... 189
EXTRES Extend Regions .............................................................................................. 193
SPLRES Split Regions .................................................................................................. 194
SPLQSR Split Quads-Region ........................................................................................ 198
PERRE Perforate Region with Polyline ........................................................................ 201
REGPRO Region Profile................................................................................................ 202
TRIRES Triangulate Regions ....................................................................................... 203
FLIPRES Flip Regions................................................................................................... 204
5

APPENDICE - 3DUTILITIES TOOLKIT ........................................................................................... 205


Premessa ....................................................................................................................................... 205
Definizioni ..................................................................................................................................... 206
Layers Group ........................................................................................................................... 208
CCOGL Organizing Layers into Groups........................................................................................ 208
Survey...................................................................................................................................... 217
CCIPR[XY] Import Survey Points .................................................................................................. 219
CCPGM[XY] Point Generated Manually.......................................................................................... 222
CCRBP[XY] Report Point Blocks.................................................................................................... 223
CCPRV[XY] Virtual Survey Points.................................................................................................. 226
CCEBP[XY] Elevate Point Blocks ................................................................................................... 228
CCEPP[XY] Elevate Polylines on Points .......................................................................................... 229
Entity Managing ...................................................................................................................... 232
CCEPQ0[XY] Elevate Points with Elevation 0 ................................................................................. 232
CCMPP Edit Polyline or 3d Polyline ............................................................................................. 234
CCUNILIN Unify 3d Polylines ..................................................................................................... 236
Multiple Section....................................................................................................................... 237
CCBMLIN Build a Sequence of Section Lines ................................................................................ 237
CCBSLIN Build Single Section Line .............................................................................................. 239
Graph Managing ...................................................................................................................... 240
CCGRAPH Build Graph on Section ............................................................................................... 240
CCMGRAPHS Build Graphs on Section Lines ................................................................................. 246
CCEGRAPH Edit Graph ............................................................................................................... 251
CCRGRAPH Rebuild Edited Graph................................................................................................ 252
Triangular Models.................................................................................................................... 253
CCIMMT[XY] Intersection between Triangle Digital Models............................................................. 255
CCSCL[XY] Contour Line Texts..................................................................................................... 257
CCCVI[XY] Volume Calculation by Intersection .............................................................................. 262
CCCA[XY] Area Calculation .......................................................................................................... 269
CCADS[XY] Angles, Distances, Slope ............................................................................................ 270

Premessa
CloudCUBE un plugin AutoCAD sviluppato con lobiettivo di permettere limportazione, lelaborazione e la
gestione di dati (denominati nuvole di punti) restituiti da strumentazione di tipo laser scanner. CloudCUBE
compatibile con tutti i modelli di laser scanner presenti sul mercato in grado di esportare dati in formato
ascii.
Le modalit con cui possono essere richiamati i comandi di CloudCUBE sono diverse:
selezionando unicona nella toolbar di CloudCUBE;
selezionando una voce nel menu a tendina (menu CloudCUBE);
utilizzando la Clouds Palette (solo per il modulo Manager);
digitando il nome del comando dalla tastiera ( possibile utilizzare sia il nome per esteso che il relativo
alias).
Si sottolinea una caratteristica molto importante di CloudCUBE, ossia la possibilit di lavorare sulle nuvole di
punti utilizzando due diverse modalit di visualizzazione (si veda il comando SDYN).
La prima modalit prevede un ridisegno delle nuvole ogni qualvolta avviene una modifica nella vista,
permettendo cos di lavorare sul dettaglio. Le nuvole vengono infatti ridisegnate nellarea di disegno al
cambiamento della vista (Zoom, Pan, ecc.) dopo un intervallo di tempo (Dynamic Redraw Time) di
inattivit. La durata di tale intervallo pu essere personalizzata dallutente.
La seconda modalit, invece, disegna i punti delle nuvole cos come vengono visualizzate inizialmente,
mantenendo questa immagine dei punti qualunque spostamento venga successivamente effettuato
dallutente (ad esclusione dellOrbit).
CloudCUBE stato pensato per agevolare lutente durante la modellazione delle nuvole di punti. noto che
tale operazione sia resa complessa dalla difficolt di interpretazione dei dati. Per questo motivo sono stati
introdotti degli strumenti di visualizzazione e organizzazione a supporto dellutente completamente
personalizzabili.
CloudCUBE permette di creare e attivare in qualsiasi momento dei piani di lavoro (UCS) con una particolare
modalit. Quando un UCS attivo infatti, CloudCUBE, oltre a renderlo corrente (secondo la definizione usata
da AutoCAD), imposta come relativo ad esso tutti gli Ortographics UCSs. Attivando il comando AutoCAD
Ucsman possibile eventualmente modificare, tramite un menu a tendina, la voce Relative to di ciascun
Ortographics UCSs.

Definizioni
Albero
Un albero una struttura dati costituita da nodi interconnessi e organizzati secondo una precisa gerarchia.
Un albero caratterizzato da un nodo padre detto nodo radice, che pu avere uno o pi nodi figli, i quali
possono essere a loro volta radici (e quindi padri) di altrettanti sotto-alberi. Ogni nodo pu avere un solo
padre. Un albero pu avere un solo nodo radice (lunico nodo senza padre). Due nodi figli della stessa radice
si dicono fratelli.
Albero di nuvole
Lalbero di nuvole utilizzato allinterno della Tab Tree della Clouds Palette (Figura 5) per strutturare
gerarchie di nuvole di punti. Un albero di nuvole gode delle stesse propriet di una normale struttura dati ad
albero (si veda la definizione in questa sezione). Per una descrizione pi approfondita degli alberi di nuvole
fare riferimento alla sezione relativa alla Tab Tree della Clouds Palette.
Area di disegno
In AutoCAD larea dove sono visualizzabili e modificabili i disegni. La grandezza dellarea influenzata,
oltre che dalla forma e dalla dimensione del monitor, anche dallestensione degli altri elementi dellinterfaccia
di AutoCAD, ad esempio le toolbar o la Clouds Palette di CloudCUBE.
Clouds Palette
la palette usata in CloudCUBE per visualizzare alcuni importanti elementi usati dal programma, quali la Tab
Tree contenente gli alberi di nuvole, gli strumenti di selezione, ecc. La palette, per impostazione predefinita,
viene visualizzata sulla parte sinistra dello schermo.
File dwg
il formato standard di AutoCAD in cui vengono salvati i dati in formato vettoriale.
Mesh
Una mesh una nuvola di punti triangolata.
Mesh materializzata
Per mesh materializzata si intende unentit AutoCAD Block Reference che raggruppa un insieme di entit
3D Face. Esistono due tipi distinti di mesh materializzate: una prodotta con il modulo Mesh e una prodotta
con il modulo Surface (Quad Surface). Dopo la creazione, una mesh materializzata pu essere editata con il
Block Editor di AutoCAD, cambiando rispetto alla triangolazione originale.
Nuvola di punti
Una nuvola di punti un insieme di punti definiti da una precisa collocazione nello spazio ed eventualmente
(in seguito a specifiche post-elaborazioni) da un colore in RGB. Essa pu riprodurre la geometria
tridimensionale di un edificio, di un sito archeologico, di una statua, dellandamento di una porzione di
territorio, ecc.
Nuvola di punti triangolata
Una nuvola di punti triangolata una nuvola i cui punti sono stati relazionati tra loro con degli edge
(segmenti) formando dei triangoli. Triangolare una nuvola di punti serve a formare dei piani passanti per i
punti della nuvola, creando cos una superficie che approssimi loggetto modellato.
Quad Surface
La Quad Surface una mesh a maglia quadrangolare materializzata con il gruppo di comandi Quad del
modulo Surface.

Repository
I repository sono i database di CloudCUBE in cui vengono salvati i punti di ciascuna nuvola importata nel
software.
Stati delle nuvole di punti
Le nuvole di punti possono essere visibili o invisibili, attive o disattivate, secondo le combinazioni elencate.
Invisibile: una nuvola si dice invisibile quando non visualizzata nellarea di disegno. In questo caso la
nuvola risulta anche disattivata.
Visibile disattivata: una nuvola si dice visibile ma disattivata se i suoi punti sono visibili e la struttura
di tale nuvola non pu essere in alcun modo selezionata o modificata. Inoltre, una nuvola visibile
disattiva mostra per default un numero inferiore di punti e li colora di grigio. I cambiamenti nella
colorazione sono possibili, tuttavia non risultano osservabili finch la nuvola non resa attiva.
Attiva: una nuvola si dice attiva se, oltre a essere visibile, pu essere selezionata e quindi modificata
attraverso i comandi di CloudCUBE.
UCS (User Coordinate System)
un sistema di coordinate fissato dallutente che definisce lorientamento degli assi X,Y,Z nello spazio 3D di
AutoCAD.
UCS attivo
Per UCS attivo, in CloudCUBE, si intende:
che lUCS corrente, secondo la definizione usata da AutoCAD;
che gli Orthographics UCSs (viste) vengono impostati come relativi a tale UCS corrente.

Organizzazione del manuale


Nei prossimi capitoli vengono analizzati nel dettaglio tutti i comandi presenti nel programma. La descrizione
di ciascun comando , per comodit di consultazione, suddivisa nelle seguenti sezioni:
Funzionalit e caratteristiche, descrive lo scopo del comando, le sue funzionalit ed eventuali
caratteristiche che lo contraddistinguono;
Modalit duso, spiega le fasi di esecuzione del comando;
Consigli e osservazioni, fornisce consigli per un uso proficuo del comando evidenziando eventualmente
alcune osservazioni.
Allinterno della sezione Modalit duso viene data una descrizione delluso del comando a partire dalle
modalit di attivazione principali (la toolbar, il menu a tendina, la linea di comando e, limitatamente al
modulo Manager, la Clouds Palette). Per quanto riguarda linserimento da tastiera, infine, i comandi oltre ad
avere dei nomi di attivazione estesi (ad esempio _CUBO_IMPORTCLOUD), hanno un alias che li caratterizza
univocamente (ad esempio IMPC).

Convenzioni
Nella stesura del manuale sono state adottate le seguenti convenzioni:
i termini generici nuvola e albero fanno riferimento rispettivamente a una nuvola di punti e a un albero
di nuvole;
lespressione attivare il comando, nella Modalit duso relativa a toolbar, linea di comando e menu a
tendina, va intesa in uno dei seguenti modi:
cliccare la relativa icona nella toolbar;
digitare il nome (o alias) del comando da tastiera e premere Enter;
cliccare la voce relativa al comando nel menu a tendina CloudCUBE;
i comandi vengono di norma indicati con il relativo alias nellintento di rendere pi veloce la
consultazione del manuale.

Filosofia di lavoro di CloudCUBE


Il primo principio su cui si basa larchitettura di CloudCUBE la convenienza di suddividere unentit in
sottoparti, rendendola cos pi facilmente controllabile. Per questa ragione, al fine di meglio gestire le nuvole
di punti stata ideata la struttura gerarchica a nodi degli alberi di nuvole. Il secondo principio quello di
lavorare con ordine (dal punto di vista organizzativo) e con efficacia (dal punto di vista della performance
dellhardware che si impiega) attivando la nuvola di interesse e nascondendo tutte le altre, in modo da
ridurre la quantit di memoria impiegata e agevolare la modellazione.
CloudCUBE composto da quattro moduli, il primo (Manager) propedeutico a tutti gli altri, e consente di
organizzare e visualizzare le nuvole di punti. Gli altri tre moduli, Mesh, Draw (composto dai sottomoduli Draw
e Draw II), Surface (composto dai sottomoduli Quad e Region) forniscono quattro differenti tecniche di
modellazione sulle nuvole di punti, perfettamente integrabili tra loro.
CloudCUBE comprende, inoltre, ai una serie di funzionalit (3DUtilities) per la gestione di rilievi eseguiti con
strumentazione topografica radizionale (GPS e stazione totale) e la loro integrazione con i rilievi laser
scanning.

10

11

MODULO MANAGER

Il modulo Manager di CloudCUBE mette a disposizione dellutente una serie di comandi volti a rendere
intuitivo e veloce il processo di gestione delle nuvole di punti. In particolare stato sviluppato uno specifico
strumento, lalbero di nuvole, tramite il quale organizzare il processo di elaborazione delle nuvole in base a
una gerarchia pi o meno complessa, a seconda delle esigenze dellutente (per una descrizione approfondita
degli alberi di nuvole, si faccia riferimento alla sezione corrispondente). Di seguito vengono presentati
brevemente alcuni dei concetti fondamentali relativi alla release 2009 di CloudCUBE, che si consiglia di
leggere con attenzione per ottimizzare limpiego del software.
Lo strumento Clouds Palette
Pur dando agli utenti massima libert nella scelta degli strumenti da utilizzare per attivare i comandi del
programma, va sottolineata la comodit duso della Clouds Palette (pannello di controllo visualizzato alla
sinistra dellimmagine precedente), strumento specifico del modulo Manager di CloudCUBE. Grazie alla
Clouds Palette possibile controllare e modificare i dati relativi alla struttura dellalbero di nuvole, le
propriet del documento, gli strumenti di selezione utilizzabili e la visualizzazione tramite slice (per una
descrizione completa della Clouds Palette si rimanda alla sezione dedicata).

12

Lorganizzazione delle nuvole: distinzione tra nuvole importate e nuvole di lavoro


In CloudCUBE ogni entit nuvola di punti pu essere creata per importazione da file esterni o per
spostamento/copiatura, nella nuvola target (che allinizio pu essere vuota), di punti gi importati in altre
nuvole. Grazie alla struttura ad albero possibile, ad esempio, creare un nodo radice vuoto (con Create New
Empty Cloud) che funga da contenitore, rinominarlo Imported e importare come suoi figli (con Import as a
Child) tutte le nuvole acquisite con laser scanner. possibile procedere oltre, creando una serie di nodi
contenitore figli di Imported, ognuno con un nome significativo, dove importare in modo ancora pi
organizzato le varie scansioni. Ad esempio, le scansioni potrebbero essere divise per zona di scansione, per
tipo di oggetto scansionato, per strumento di scansione, o altro ancora, in base alle specifiche esigenze. La
successiva fase, ovvero quella dellorganizzazione (segmentazione) delle nuvole di punti, potrebbe essere
svolta in un altro albero (o pi alberi distinti), ad esempio creando un altro nodo radice vuoto, associandogli
il nome Work e creando una serie di figli e sotto-figli (con Create New Child), formando una struttura ad
albero dove copiare (con Paste Selected Points to Cloud) i punti desiderati, selezionandoli sulle nuvole
dellalbero Imported. Cos facendo in Imported si manterrebbero sempre tutti i punti scansionati originali,
non modificati e reperibili in qualsiasi momento, mentre in Work si potrebbe operare liberamente,
eliminando, filtrando o spostando i punti in nodi e sotto-nodi per semplificare le operazioni di modellazione o
creare modelli a diverso livello di dettaglio.
Come importare un elevato numero di punti in CloudCUBE
Vi sono dei limiti sul numero massimo di punti caricabili contemporaneamente in uno stesso dwg , che sono
legati alla RAM disponibile sul PC in uso, ma sufficiente spegnere di volta in volta (con Hide Clouds) le
nuvole di punti che non servono operativamente in quel momento per liberare memoria e permettere quindi
limportazione o il caricamento di altri punti. Ci si sposa perfettamente con la filosofia di lavoro di
CloudCUBE, che appunto basata sulla suddivisione della nuvola in sotto-parti in modo da operare
singolarmente e con maggiore efficienza su ciascuna parte. Ci permette di fatto limportazione nel
medesimo dwg di un numero di punti molto grande, suddivisi in nuvole con una determinata dimensione. Di
conseguenza, proprio perch il numero di nuvole importabili pu essere elevato, fondamentale lavorare in
modo organizzato, tenendo accese solo quelle necessarie e sfruttando la possibilit di visualizzare i
bounding-box di contenimento (con Show Bounding-boxes of Hidden Clouds) per identificare dove siano
collocate spazialmente una o pi nuvole spente.
Il sistema di controllo di CloudCUBE
Sempre in relazione al fatto che il numero di punti importabili pu essere elevato, stato introdotto un
sistema di controllo che verifica periodicamente se il numero di punti correntemente caricati (quelli delle
nuvole che non sono spente, ovvero che sono visibili o attive) superi il valore Max Safe Loadable Points,
impostabile nella Properties Palette. In tal caso viene mostrato un messaggio di avvertimento che consiglia
di annullare loperazione, spegnere le nuvole visibili o attive non necessarie e ripetere loperazione. Tale
controllo viene eseguito anche in fase di importazione o visualizzazione/attivazione delle nuvole, in modo da
prevenire il caricamento di un elevato numero di punti che possa generare errori di Out of Memory e
richiedere il riavvio del CAD. Anche se vivamente sconsigliato per motivi di sicurezza, comunque consentito
allutente di procedere volontariamente con loperazione di importazione/visualizzazione o attivazione.
buona norma che lutente imposti il numero massimo di punti caricabili (identificato dal parametro Max
Safe Loadable Points) per ogni singolo dwg, al fine di garantire un ampio margine di sicurezza dallOut of
Memory sia in relazione al computer in uso sia al tipo di operazioni che vengono compiute. Per default tale
valore, operativamente testato dai tecnici di Virtualgeo s.r.l. su PC con 2GB RAM con un unico CloudCUBE in
esecuzione e lavorando con un singolo dwg aperto, impostato a 10 milioni di punti.

13

Lorganizzazione della sezione manuale relativa al modulo Manager


Nei prossimi capitoli sono analizzati nel dettaglio tutti i comandi presenti nel modulo Manager di CloudCUBE,
suddivisi in due sezioni principali.
Comandi generali: descrive tutti i comandi che possono essere richiamati tramite tastiera, toolbar,
menu a tendina e, spesso, anche dalla Clouds Palette.
Clouds Palette: descrive tutti i comandi che possono essere richiamati tramite una delle tab presenti
nella Clouds Palette. In alcuni casi questi comandi hanno anche un corrispettivo tra i comandi attivabili
da toolbar e da tastiera. In questa sezione viene data, oltre a una descrizione precisa dei comandi, una
presentazione generale della Clouds Palette e delle tab di cui composta.
Cosa fare in caso di Recover
Si supponga di lavorare con CloudCUBE sul file name.dwg e che tale file contenga almeno una nuvola di
punti. Ipotizzando di aver salvato almeno una volta il file dwg , nel suo stesso percorso di Windows deve
esserci una cartella di nome name.CCDIR contenente i database di CloudCUBE (repository). Se durante
lutilizzo di name.dwg si verificasse un errore irreversibile e fosse chiesto di salvare il dwg, a una risposta
affermativa, viene creato un file name_recover.dwg nello stesso percorso di Windows.
Per aprire il file name_recover.dwg si proceda come segue:
rinominare il file name.dwg, ad esempio in name_old.dwg;
rinominare il file name_recover.dwg in name.dwg;
avviare AutoCAD e aprire il file name.dwg: viene eseguito il Recover del file alla fine tutte le nuvole
sono utilizzabili.
La rinomina del file name_recover.dwg in name.dwg necessaria al fine di poter accedere
correttamente ai database di CloudCUBE contenuti in name.CCDIR.

14

Comandi generali
In questa sezione viene data una descrizione dei comandi di CloudCUBE attivabili dalla toolbar, da console o
dal menu a tendina (in alcuni casi hanno un corrispettivo tra i comandi attivabili dalla Clouds Palette). I
comandi sono suddivisi nelle categorie:
Input/Output;
Visualizzazione;
Organizzazione;
Strumenti di selezione;
Filtri;
Purge;
Undo/Redo.
Nota
Per ottimizzare le prestazioni di CloudCUBE, i seguenti comandi di AutoCAD non hanno effetto sulle nuvole
di punti:
operazioni di Copia/Incolla su nuvole;
creazione di Block Reference contenenti nuvole.

15

Input/Output
Questo gruppo di comandi permette di effettuare operazioni di importazione ed esportazione delle nuvole di
punti.

IMPC Import Point Clouds


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_IMPORTCLOUD
IMPC
CloudCUBE 2010\InputOutput\Import Cloud

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di importare un file esterno in cui stata salvata una nuvola di punti. Il programma
compatibile con tutti i modelli di laser scanner che possono esportare i dati in formato ascii. Le estensioni
supportate sono: rve, asc, txt, xyz, pts, stl, ply, obj, 3dd, ptx.
Qualora la nuvola originale ne sia dotata, il comando permette di importare i punti con colore.
Nel caso di importazione di file in formato ascii (asc, txt, xyz, pts) o ptx il comando consente, se desiderato,
di colorare i punti importati sulla base dellintensit.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando: nella versione CloudCUBE 2010 e successive appare un messaggio di avviso il
quale spiega allutente che per importare le scansioni necessario ricorrere alla Clouds Palette al fine
di organizzare limportazione in modo gerarchico. In pratica non pi possibile importare le nuvole di
punti direttamente attivando il comando dalla toolbar, ma necessario creare un nuovo nodo nella
Tab Tree, rinominandolo ad esempio Imported, e quindi cliccare con il tasto destro del mouse sulla
cartella Children del nodo appena creato e selezionare Import as a child. Il pulsante di importazione
stato mantenuto nella toolbar per evitare che lutente abituato ad attivare il comando da questa
posizione possa essere in difficolt, tuttavia in futuro sar rimosso. Il messaggio davviso che compare
allattivazione del pulsante e il link alle istruzioni supplementari per lorganizzazione delle nuvole,
rappresentano il raccordo verso il sistema definitivo di organizzazione gerarchica delle nuvole di punti
importate. Tale sistema consente di mantenere ordine e razionalit soprattutto quando il numero delle
scansioni importate risulta elevato.
CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca della Tab Tree per far comparire il menu
principale della Tab Tree;
se non esiste ancora il nodo padre per l'importazione, selezionare la voce Create New Empty Cloud e
rinominare il nuovo nodo con il nome desiderato (ad esempio Imported).
Se si desidera, possibile ripetere a piacimento il processo di creazione di nuovi sottonodi vuoti allo
scopo di creare una struttura organizzata daccesso al dato. Per creare un sottonodo di Imported,
selezionare con il testo destro del mouse la cartella Children del nodo Imported e cliccare la voce
Create New Child.
Selezionare con il tasto destro del mouse la cartella Children del nodo padre (ossia il nodo che
conterr le nuvole importate) e selezionare la voce Import as a Child;
dalla finestra di dialogo selezionare il file da importare assicurandosi che abbia una delle estensioni
elencate nel menu a tendina File Type in fondo alla finestra;
premere il pulsante Open.
Dopo aver selezionato il file contenente la nuvola da importare occorre procedere come segue.
Nel caso non si stia importando un file in formato ascii (estensioni: asc, txt, xyz, pts) e ptx il comando
avvia direttamente limportazione.
Nel caso si stia importando un file in formato ascii (ad esclusione del pts, che per default passa subito
al dialogo di Figura 2) viene visualizzato il messaggio di Figura 1. Viene chiesta conferma della corretta
struttura del formato del file, di seguito descritta:
le colonne siano, nellordine, quelle delle X, delle Y e delle Z (XYZ), ed eventualmente, quelle delle
componenti di colore R, G, B (XYZRGB) o di intensit I (XYZI);
16

il separatore utilizzato sia lo spazio;


le coordinate siano espresse in metri.
Se cos, premere Yes, Import Now e limportazione viene avviata (in tal caso la velocit
dimportazione superiore). Altrimenti scegliere No, Set Separator per visualizzare in cascata i due
dialoghi di Figura 2 e Figura 3.
Nel dialogo di Figura 2 possibile indicare lunit di misura con cui sono state esportate le coordinate del
file (per default il metro). Si faccia attenzione alla scelta di questo parametro, in quanto determina la
corretta scalatura della nuvola di punti importata.
Nel dialogo di Figura 3 possibile:
analizzare come strutturato il file premendo su Show File Preview: in questo caso viene aperto
un dialogo in cui vengono visualizzate le prime righe del file in modo da permettere all'utente di
capire se ci siano o meno righe di intestazione da ignorare, quale sia il carattere separatore usato,
ed eventualmente la modalit di colorazione dei punti (nessuna, RGB, intensit);
indicare quante righe di intestazione ignorare nel file, settando il parametro Ignore first raws;
specificare il tipo di separatore utilizzato (Space, Comma, Semicolon, Tabulation o Other)
spuntando la relativa casella del gruppo Fields. Nel caso sia selezionata l'opzione Other viene
automaticamente abilitato il campo a fianco per permettere l'inserimento del simbolo separatore
da utilizzare. La tabella Preview che si trova sulla destra del dialogo viene automaticamente
aggiornata sulla base del separatore selezionato. Ogni riga della tabella corrisponde a una riga del
file da importare, opportunamente suddivisa in colonne sulla base del carattere separatore
utilizzato;
associare ogni colonna della tabella Preview al campo desiderato trascinando dal campo Fields
lopportuno simbolo (x, y, z, r, g, b, i) in cima alla corrispondente colonna, per ogni colonna che si
intende importare;
premendo Ok si avvia limportazione.

Figura 1 Finestra di dialogo per la scelta del tipo di formattazione.

Figura 2- Finestra di dialogo per lindicazione delle unit di misura delle coordinate dei punti presenti nel file da
importare.

17

Figura 3 - Finestra di dialogo per limpostazione dei parametri di importazione.

Note
possibile organizzare la struttura gerarchica delle nuvole importate a piacimento. Ad esempio si possono
creare dei nodi figli del nodo principale Imported e importare le nuvole di punti come figli di ognuno di
questi nodi. Ci pu essere conveniente, ad esempio, per raggruppare le nuvole importate a seconda del
tipo di scansione, delle parti scansionate, dello strumento utilizzato, etc.
Le nuvole di punti vengono sempre importate sul layer corrente. Per impostazione predefinita il programma
disattiva le nuvole di punti importate. Importando file ptx e pts le nuvole vengono nascoste a causa della
possible quantit di punti importati. sufficiente usare il comando ACTC (Activate Clouds) per attivarle.
La corretta importazione di nuvole di punti le cui coordinate sono in ununit di misura diversa dal metro,
possibile solo con il formato ascii (estensioni: asc, txt, xyz, pts) e solo con limportazione personalizzata
(scegliendo No, Set Separator quando compare il dialogo rappresentato in Figura 1).
Nel caso di importazione da file ptx, le coordinate associate ai punti sono quelle dellUCS utilizzato per
lesportazione del file.
Consigli e osservazioni
Quando si importa in un file dwg una nuvola strutturata (ossia che ha una definita gerarchia di nodi), il
programma crea nella Clouds Palette un nodo radice per ogni nodo della nuvola strutturata.
Se una nuvola di punti appena importata e attivata non viene ridisegnata a ogni spostamento/zoom della
stessa, verificare che il comando SDYN (Switch Dynamic Redraw) sia attivo.

18

IMPAP Import from AutoCAD Points


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_IMPORT_ACADPOINTS
IMPAP
CloudCUBE 2010\InputOutput\Import AutoCAD Points

Funzionalit e caratteristiche
Questo comando consente di creare una nuova nuvola di punti a partire da un insieme di entit AutoCAD
Point selezionate dallutente. Per ogni entit Point presa in considerazione dal comando esiste, nella nuvola
creata, un punto corrispondente ovvero un punto con le medesime coordinate X, Y e Z.
A differenza del comando di importazione IMPC, che permette di creare una nuvola di punti a partire da file
esterni ad AutoCAD (generalmente frutto di rilievo con strumentazione laser scanner), il comando IMPAP
permette di ottenere una nuvola di punti da entit Point di AutoCAD contenute direttamente in un file dwg.
Trasformare un insieme di entit Point in nuvola di punti significa poter sfruttare tutti i comandi di gestione e
trattamento dei punti messi a disposizione da CloudCUBE, cosa indispensabile nel caso ci si trovi in presenza
di un grande numero di entit Point (gi 100.000 entit Point risultano difficili da gestire e trattare con i
mezzi standard messi a disposizione da AutoCAD).
Modalit duso
CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare tutte le entit Point desiderate;
premere il tasto Enter.

19

CONV2009 Convert to 2009 Format


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_CONVERT_TO2009FORMAT
CONV2009
CloudCUBE 2010\InputOutput\Convert to 2009 Format

Funzionalit e caratteristiche
Rispetto alle precedenti versioni CloudCUBE 2009 stato radicalmente modificato nel core del programma.
Esso ora consente, infatti, di associare a uno stesso dwg un numero di punti molto grande. Tale modifica
rende incompatibile, per CloudCUBE 2009, la lettura delle vecchie versioni.
Si quindi reso necessario introdurre il comando CONV2009 che consente di convertire le nuvole di punti dal
formato di CloudCUBE 2008 (o precedenti versioni) nel formato di CloudCUBE 2009.
Modalit duso
CONSOLE / MENU
Creare un nuovo dwg con CloudCUBE 2009 e salvarlo con il nome desiderato (diverso dal nome del file
da convertire o, se uguale, con un differente percorso di Windows);
attivare il comando;
nella finestra che appare selezionare il file dwg da convertire;
premere Ok. La conversione ha inizio e potrebbe richiedere del tempo, in relazione alla quantit di
punti associati al vecchio file dwg.
Al termine della conversione nel nuovo dwg, le varie nuvole di punti sono state importate e spente.
Per visualizzare tali nuvole aprire la Clouds Palette e fare riferimento ai nodi figli del nodo Imported.
Per copiare nel nuovo dwg tutte o parte delle entit create nel vecchio dwg sufficiente: aprire il
vecchio dwg, cliccare Ok per tutti i messaggi visualizzati e scegliere No nel Warning di AutoCAD (che
chiede se fare il Cancel dellapertura e fare il Recover del file), accendere i layer delle entit AutoCAD
che si intende trasferire nel nuovo dwg, selezionare e copiare tali entit, passare al nuovo dwg ed
eseguire Incolla su Coordinate Originali (Paste to Original Coordinates).

20

EXPC Export Point Clouds


Intro

Toolbar :
--Nome esteso :
_CUBO_EXPORTCLOUD
Alias :
EXPC
Menu :
CloudCUBE 2010\InputOutput\Export Cloud
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di esportare una o pi nuvole di punti, scegliendo tra i formati disponibili. possibile
optare per due diverse modalit di esportazione.

All: esportazione delle nuvole di punti attive. In questo caso, una volta attivato il comando, il
programma esporta tutte le nuvole di punti associate ai nodi attivi degli alberi presenti nella Tab Tree.
Selection: esportazione dei punti selezionati. In questo caso il programma esporta tutte le selezioni
presenti nel file dwg in uso.
I formati con cui possibile effettuare lesportazione sono: rve, asc, stl, ply, obj, vrml.
Il programma, a seconda del tipo e del numero di nuvole che si desidera esportare, disabilita alcuni di questi
formati, in particolare:
se si vuole esportare pi di una nuvola non sono abilitati i formati di tipo ascii (asc, txt, xyz, ply, stl);
se tra le nuvole da esportare ne esiste almeno una non triangolata sono disabilitati i formati stl e obj.
Modalit duso
CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
dalla finestra di dialogo inserire il nome del file da esportare nella casella File Name, scegliendo
lestensione dello stesso tra quelle presenti nel menu a tendina Save As in fondo alla finestra;
nella successiva finestra (visibile, per lesportazione in formato vrml, in Figura 4) selezionare il
checkbox All per esportare tutte le nuvole di punti attive, oppure il checkbox Selection per esportare i
punti selezionati;
premere il pulsante Ok per procedere con lesportazione.

21

Figura 4 Finestra di dialogo per lesportazione delle nuvole di punti.

CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca della Tab Tree per far comparire il menu
principale della Tab Tree;
selezionare la voce Export Cloud;
nella finestra di dialogo inserire il nome del file da esportare nella casella File Name, scegliendo
lestensione tra quelle presenti nel menu a tendina Save As in fondo alla finestra;
nella successiva finestra selezionare il checkbox All per esportare tutte le nuvole di punti attive oppure
il checkbox Selection per esportare i punti selezionati;
premere il pulsante Ok per procedere con lesportazione.

22

Visualizzazione
Allinterno di questo gruppo sono presenti tutti i comandi necessari alla visualizzazione delle nuvole di punti.

TGCW Toggle Cloud Window


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_TOGGLE_CLOUDSWND
TGCW
CloudCUBE 2010\Visualization\Open\Close CloudsPalette Windows

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di visualizzare o nascondere la Clouds Palette (si veda Figura 5), posizionata per
impostazione predefinita nella parte sinistra dello schermo.

Figura 5 Esempio di Clouds Palette.

Modalit duso

TOOLBAR / CONSOLE / MENU


Attivare il comando per mostrare/nascondere la Clouds Palette.
Nota
Per una dettagliata descrizione delle funzionalit della Clouds Palette si rimanda alla sezione a essa dedicata.

23

SDYN Switch Dynamic Redraw


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SWITCH_DYNAMICREDRAW
SDYN
CloudCUBE 2010\Visualization\Switch Dynamic Redraw

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di abilitare/disabilitare alternativamente il ridisegno dinamico delle nuvole dopo un
cambiamento della visuale. Se il comando attivo, ogni volta che avviene un cambiamento nella visuale
(Zoom, Pan, etc.), il programma ridisegna le nuvole di punti visibili sullo schermo.
Il processo di ridisegno dinamico funziona nel modo seguente: dopo ogni spostamento il programma si
mette in attesa per un tempo pari al Dynamic Redraw Time (tempo di ridisegno dinamico, modificabile dalla
Tab Properties). Se dopo questo intervallo di tempo non avvengono altri spostamenti viene fatto un
ridisegno delle nuvole, altrimenti il programma ritorna in attesa, azzerando la variabile di conteggio a ogni
verificarsi di evento e il processo si ripete.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando per abilitare/disabilitare il ridisegno automatico.
Consigli e osservazioni
Il comando pu essere utilizzato per incrementare le prestazioni di AutoCAD in determinate fasi del lavoro.
Ad esempio, se si sta lavorando su una nuvola di punti che rappresenta la facciata di un palazzo e si vuole
operare su un particolare (ad esempio una finestra), risulta utile, dopo avere zoomato sullo stesso,
disabilitare il comando per fare in modo che non venga ridisegnato tutto lo spazio circostante.
consigliabile non utilizzare valori di Dynamic Redraw Time troppo piccoli (ridisegni troppo frequenti
bloccano infatti il normale flusso di lavoro) o troppo grandi (causano tempi di attesa troppo lunghi prima che
si verifichi il ridisegno).

24

VIZTP Show Triangles


Intro

Toolbar :
Alias :
Nome esteso :
Menu :

VIZTP
_CUBO_VIZ_TRGS_PTS
CloudCUBE 2010\Visualization\Switch Triangles\Points Visualization

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di abilitare/disabilitare alternativamente la visualizzazione dei triangoli di una nuvola di
punti triangolata (mesh). Se viene abilitata sono visibili tutti i triangoli di una mesh. Al contrario, se risulta
disabilitata, la nuvola triangolata viene visualizzata tramite punti.
Ci sono per due casi in cui i triangoli di una nuvola non sono visibili, anche se stato attivato il comando
VIZTP, per cui CloudCUBE visualizza la nuvola solo tramite punti:
nel caso in cui il punto di vista della nuvola triangolata sia lontano (rispetto allattuale punto di vista, la
lunghezza media degli edge dei triangoli inferiore alla distanza tra due pixel dello schermo);
nel caso si stia effettuando unoperazione di Orbit.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la nuvola di punti sulla quale si intende applicare il comando;
la finestra di dialogo che compare avverte che il cambiamento di visualizzazione pu richiedere lunghi
tempi di calcolo;
premere Yes per proseguire.
Consigli e osservazioni
Poich la visualizzazione dei triangoli di una nuvola pu essere particolarmente costosa in termini di risorse
di computazione, si consiglia di visualizzare la mesh solo quando sia strettamente necessario.

25

ACTC Activate/Deactivate Clouds


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_ACTIVATECLOUDS
ACTC
CloudCUBE 2010\Activate\Deactivate Clouds

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di attivare/disattivare le nuvole di punti relative a uno o pi nodi degli alberi della Tab
Tree.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse sul nome di un nodo;
selezionare la voce Activate Clouds per attivare il nodo;
selezionare la voce Deactivate Clouds per disattivarlo.
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare, utilizzando i consueti metodi di selezione di AutoCAD, una o pi nuvole di punti;
digitare Enter;
specificare, scegliendo tra Activate (digitare A) e Deactivate (digitare D), se attivare o disattivare le
nuvole selezionate;
digitare Enter.
Consigli e osservazioni
Il comando per lattivazione/disattivazione delle nuvole di punti offre nel menu contestuale degli alberi due
ulteriori funzionalit, Activate Subtree e Deactivate Subtree, che svolgono la stessa funzione ma agiscono
oltre che sul nodo selezionato anche sui nodi dei sottoalberi figli (si veda la sezione relativa ai comandi degli
alberi).
Nota
Tramite gli alberi della Tab Tree possibile, utilizzando il comando Activate Subtree, rendere attive tutte le
nuvole. Si applichi la seguente sequenza di comandi:
tenere premuto il tasto Shift ;
cliccare sul nome dei nodi radice degli alberi presenti nella Tab Tree;
sempre tenendo premuto il tasto Shift, cliccare con il tasto destro del mouse sul nome di uno dei nodi
selezionati;
scegliere il comando Activate Subtree per attivare tutti i nodi selezionati e i rispettivi sottoalberi.

26

ACTST Activate/Deactivate Triangles Shade


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_SHADETRGS
ACTST
CloudCUBE 2010\Visualization\Activate\Deactivate Triangles Shade

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di abilitare/disabilitare alternativamente la visualizzazione in modalit Shade dei
triangoli di ogni nuvola di punti attiva triangolata (mesh). Nel caso sia attiva la visualizzazione a triangoli
della nuvola e sia attiva la modalit Shade di AutoCAD, abilitando tale opzione (ACTST), ogni triangolo
viene visualizzato come faccia triangolare.
Ci sono tre casi in cui le facce triangolari della mesh non sono visibili, anche se stato attivato il comando
ACTST, per cui CloudCUBE visualizza la nuvola solo tramite punti:
nel caso in cui il punto di vista sia lontano dalla nuvola triangolata;
nel caso si stia effettuando unoperazione di Orbit;
nel caso non sia attiva la modalit Shade di AutoCAD.
Modalit duso
MENU
Attivare il comando per abilitare/disabilitare la visualizzazione dei triangoli in modalit Shade.
Consigli e osservazioni
Poich la visualizzazione dei triangoli in modalit Shade pu essere particolarmente costosa in termini di
risorse di computazione, si consiglia di visualizzare la mesh solo quando sia strettamente necessario.
Quando si disabilita la visualizzazione in modalit Shade dei triangoli si ricordi anche di disabilitare lo Shade
di AutoCAD. Lasciarlo attivo infatti riduce pesantemente le prestazioni del software.

27

SHNR Show/Hide Normals for Active Clouds


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_SHOWNORMALS
SHNR
CloudCUBE 2010\Visualization\Show\Hide Normals of Active Clouds

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di abilitare/disabilitare alternativamente la visualizzazione delle normali per ogni nuvola
di punti attiva triangolata. Quando tale opzione viene abilitata, per ogni punto della nuvola triangolata viene
visualizzata una freccia che indica lorientamento spaziale dei vertici dei triangoli passanti per quel punto,
come esemplificato in Figura 6.
Modalit duso
MENU
Attivare il comando per abilitare/disabilitare la visualizzazione delle normali per tutte le nuvole attive
triangolate.

Figura 6 Esempio di visualizzazione delle normali di una nuvola triangolata.

Consigli e osservazioni
Poich la visualizzazione delle normali dei triangoli pu essere particolarmente costosa in termini di risorse di
computazione, si consiglia di visualizzarle solo quando sia strettamente necessario.
Poich le normali vengono calcolate in base ai triangoli, per poterle visualizzare necessario che una nuvola
sia triangolata.

28

Organizzazione
I comandi di questa sezione permettono di effettuare operazioni di modifica sulle nuvole di punti e sulla loro
organizzazione negli alberi.

MAKEC Make Child


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_MAKECHILD
MAKEC
CloudCUBE 2010\Organization\Make Child

Funzionalit e caratteristiche
Rispetto allorganizzazione degli alberi, il comando permette di rendere il primo nodo selezionato figlio di un
secondo nodo selezionato. Un esempio di applicazione del comando MAKEC visualizzato in Figura 7, dove
evidente la variazione della struttura ad albero nella Tab Tree.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una nuvola associata al nodo che si vuole diventi figlio;
selezionare una nuvola associata al nodo che deve fungere da padre.

Figura 7 Esempio di modifica della struttura di un albero della Tab Tree in seguito allapplicazione del comando
MAKEC.

29

MAKEB Make Brother


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_MAKEBROTHER
MAKEB
CloudCUBE 2010\Organization\Make Brother

Funzionalit e caratteristiche
Rispetto allorganizzazione degli alberi della Tab Tree, il comando permette di rendere fratelli due nodi
selezionati che non lo sono, rendendo il primo nodo selezionato fratello del secondo nodo selezionato, a
condizione che il primo nodo si trovi a un livello pi basso nella gerarchia dellalbero.
Nel caso il secondo nodo sia la radice di un albero, il primo nodo selezionato verr reso radice di un nuovo
albero. Un esempio dellapplicazione del comando MAKEB visualizzato in Figura 8, dove evidente la
variazione della struttura ad albero nella Tab Tree.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una nuvola associata al nodo da rendere fratello del secondo;
selezionare una nuvola associata al secondo nodo di riferimento.
Nota
Per lapplicazione del comando MAKEB, sempre necessario selezionare per primo il nodo che si trova al
livello pi basso nella gerarchia.

Figura 8 Esempio di modifica dellorganizzazione di un albero della Tab Tree in seguito allapplicazione del comando
MAKEB.

30

DELPT Delete Selected Points


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_DEL_SELPTS
DELPT
CloudCUBE 2010\Organization\Delete Selected Points

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di cancellare tutti i punti selezionati da tutte le nuvole attive.
Modalit duso
Prima di attivare il comando si selezionino, utilizzando gli strumenti di selezione di CloudCUBE, i punti da
cancellare, quindi procedere come segue:
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel caso la modalit Undo\Redo non sia stata attivata compare una finestra di dialogo che fa presente
limpossibilit di annullare loperazione una volta eseguita;
premere Yes se si desidera proseguire ugualmente.
CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca della Tab Tree per far comparire il menu
principale della Tab;
selezionare la voce Delete Selected Points from Clouds;
la finestra di dialogo che appare elenca il nome delle nuvole coinvolte nelloperazione di cancellazione
dei punti;
premere Ok.
Consigli e osservazioni
Il comando DELPT non permette di cancellare unintera nuvola di punti ma solo una o pi aree evidenziate
da una selezione. Se si desidera eliminare unintera nuvola possibile utilizzare il comando Delete Clouds,
richiamabile dal menu contestuale degli alberi della Tab Tree cliccando con il tasto destro del mouse sul
nome del nodo cui la nuvola appartiene.
consigliabile accertarsi che sia attivo il comando SUND (Switch Undo/Redo) in modo da permettere, in
caso di errore, di ritornare alla situazione precedente allesecuzione del comando.

31

DELTR Delete Selected Triangles


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_DEL_SELTRGS
DELTR
CloudCUBE 2010\Organization\Delete Selected Triangles

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di cancellare tutti i triangoli selezionati da tutte le nuvole attive.
Modalit duso
Prima di attivare il comando si selezionino i triangoli da cancellare utilizzando gli strumenti di selezione di
CloudCUBE, quindi procedere come segue:
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel caso la modalit Undo/Redo non sia stata attivata compare una finestra di dialogo che fa presente
limpossibilit di annullare loperazione una volta eseguita;
premere Yes se si desidera proseguire ugualmente.
Consigli e osservazioni
Il comando DELTR non permette di cancellare i punti delle nuvole attive ma solamente i triangoli costruiti su
tali punti e selezionati.
consigliabile accertarsi che sia attivo il comando SUND (Switch Undo/Redo) in modo da permettere, in
caso di errore, di ritornare alla situazione precedente allesecuzione del comando.

32

Strumenti di selezione
Questo gruppo comprende i comandi che permettono di effettuare delle operazioni che agiscono su selezioni
di nuvole di punti.
Nota
In questa sezione non sono descritti gli strumenti di selezione di CloudCUBE per nuvole di punti, per i quali
rimandiamo al capitolo relativo alla Tab Selection.

AHIST Apply Selection History


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SELHISTORY
AHIST
CloudCUBE 2010\Selection Tools\Apply Selection History

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di visualizzare lultima sequenza di selezioni effettuate prima di una qualsiasi modifica
applicata alle nuvole di punti selezionate.
AHIST pu essere utile ad esempio per applicare pi operazioni alla medesima selezione (al termine di ogni
operazione, la selezione su cui si ha lavorato viene infatti deselezionata).
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando per caricare lultima serie di selezioni effettuate.
Consigli e osservazioni
Il comando pu essere utile nel caso, ad esempio, si sia utilizzato il comando DESEL (Deselect Clouds) per
annullare tutte le selezioni. Il comando AHIST permette in questo caso di ritornare alla situazione
precedente.
Il comando utile inoltre per applicare pi modifiche alla stessa zona di selezione.

33

DESEL Deselect Clouds


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_DESELCLOUDS
DESEL
CloudCUBE 2010\Selection Tools\Deselect Clouds

Funzionalit e caratteristiche
Il comando serve ad annullare le selezioni presenti su tutte le nuvole, o sulle nuvole di punti indicate
dallutente, relative a uno o pi nodi.
Nota
Si presti attenzione al fatto che disattivando una nuvola di punti, le relative selezioni verranno rimosse,
ottenendo cos indirettamente lo stesso risultato di DESEL.
Se ci sono pi selezioni attive e si desidera annullare solamente lultima effettuata, possibile utilizzare uno
degli strumenti di selezione per deselezionare l'area interessata, premendo preventivamente il tasto Shift
(per una descrizione pi dettagliata si veda il capitolo relativo Selection).
Modalit duso
TOOLBAR \ CONSOLE \ MENU
Attivare il comando;
specificare, scegliendo tra All (digitare A) e Clouds (digitare C), se deselezionare i punti di tutte le
nuvole o solamente di quelle indicate;
premere Enter;
nel caso si sia scelto di deselezionare i punti delle nuvole indicate, procedere con la selezione di una o
pi nuvole;
premere Enter per eseguire il comando.
Nota
Il comando utilizzabile per selezioni di punti. Se si desidera annullare una selezione di triangoli si pu
utilizzare il relativo strumento di selezione, premendo una volta il tasto Shift (si veda la sezione relativa agli
strumenti di selezione della Clouds Palette).
Consigli e osservazioni
Questo comando annulla le selezioni presenti nelle nuvole di punti, non cancella i punti contenuti nelle
selezioni.
Il comando DESEL non permette di effettuare lUndo per annullarne leffetto, tuttavia possibile utilizzare il
comando AHIST (Apply Selection History) per tornare alla situazione precedente allapplicazione del
comando.

34

Filtri
I comandi di questa sezione servono a effettuare filtraggi sulle nuvole di punti, ovvero a eliminare
determinati punti delle nuvole in base ai diversi criteri di filtraggio proposti. Lo scopo rimuovere dalle
nuvole i punti in eccesso, non significativi, rendendole cos pi leggere.

FINO Filter Noise


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FILTERCLOUD_NOISE
FINO
CloudCUBE 2010\Clouds Filters\Cloud Noise

Funzionalit e caratteristiche
Tale filtro rimuove il rumore dalle nuvole di punti, ovvero elimina i punti isolati da tutte le nuvole attive.
possibile applicare tale filtro a tutte le nuvole attive o solamente ai punti selezionati. Per eseguire tale
operazione sono disponibili due metodi di filtraggio.
Filtro per piccoli gruppi: rimuove dalla nuvola tutti i gruppi di punti la cui distanza dal resto della
nuvola superiore alla distanza indicata dallutente (distanza espressa in unit di distanza media tra
vertici adiacenti) e tutti i gruppi che sono composti da un numero di punti inferiore a quello indicato
dallutente.
Filtro anisotropo: possibile usare un filtraggio anisotropo settando il limite di filtraggio attraverso
lapposito parametro. Ci permette di di individuare e cancellare i vertici in base alle misure locali
anisotrope delle nuvole di punti, ossia di filtrare le parti effettivamente rumorose della nuvola che non
formano piccoli gruppi (cluster) separati.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella finestra di dialogo (si veda la Figura 9) occorre decidere se applicare il filtro a tutte le nuvole
attive o solamente ai punti selezionati;
se si desidera eliminare i piccoli gruppi isolati, abilitare il filtro per piccoli gruppi Enable Cluster

Filtering;

settare tramite il parametro Cluster Size il minimo numero di punti che un gruppo deve contenere
per non essere rimosso;
settare il parametro Min Cluster to Cluster Distance per indicare la minima distanza che deve avere
un gruppo di punti dal resto della nuvola per venire rimosso;
se si desidera utilizzare un filtro anisotropo, abilitare lopzione Enable Anisotropy Filtering e specificare
linfluenza del filtro attraverso il parametro Anisotropy Limit settando un valore compreso nellintervallo
[0.0, 0. 3 ].

35

Figura 9 Dialogo di impostazione parametri di filtraggio.

Consigli e osservazioni
Se non abilitata nessuna delle due modalit di filtraggio descritte, il filtro non produce alcun effetto sulla
nuvola.
Non possibile applicare il filtro su nuvole di punti triangolate, per cui se si desidera procedere al filtraggio
occorre prima eliminare la triangolazione.
Una volta applicato il filtro possibile annullarne leffetto utilizzando il comando Undo di AutoCAD, ma solo
nel caso la modalit Undo di CloudCUBE sia stata precedentemente attivata tramite il comando SUND
(Switch Undo/Redo).

36

FIRY Filter Redundancy


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FILTERCLOUD_REDUNDANCY
FIRY
CloudCUBE 2010\Clouds Filters\Cloud Redundacy

Funzionalit e caratteristiche
Questo filtro permette di eliminare i punti coincidenti, o troppo vicini, da tutte le nuvole attive. Due punti
vicini sono considerati ridondanti quando la loro distanza risulta inferiore a quella indicata dallapposito
parametro.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella finestra di dialogo (si veda la Figura 10) settare il parametro Min Resulting Points Distance per
fissare la minima distanza consentita tra due punti adiacenti dopo loperazione di filtraggio.

Figura 10 Dialogo di impostazione parametri di filtraggio.

Consigli e osservazioni
Una volta applicato il filtro possibile annullarne leffetto utilizzando il comando Undo di AutoCAD, ma solo
nel caso la modalit Undo di CloudCUBE sia stata preventivamente attivata tramite il comando SUND (Switch
Undo/Redo).

37

FIPTS Filter Points Number


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FILTERCLOUD_PTSNUMBER
FIPTS
CloudCUBE 2010\Clouds Filters\Cloud Points Number

Funzionalit e caratteristiche
Questo filtro permette di eliminare una certa percentuale di punti da tutte le nuvole attive. Per mezzo di un
apposito parametro possibile decidere la percentuale di punti che deve rimanere nella nuvola. possibile
scegliere tra i seguenti metodi di filtraggio:
Stocastico, i punti sono eliminati casualmente fino a che la nuvola risulti composta dalla percentuale
desiderata di punti;
Densit di punti uniforme, riduce la dimensione della nuvola in modo tale da garantire una densit di
punti uniforme o dipendente dalla curvatura. In particolare, se il Curvature Sensitivity Coefficient zero,
la densit di punti tende a essere uniforme. Incrementando tale valore, invece, si consente di lasciare
pi punti nelle zone ad alta curvatura e meno nelle zone piatte;
Decimazione, riduce la dimensione della nuvola preservando i punti presenti nelle zone con raggio di
curvatura minore. simile alla decimazione di mesh, la modalit con qualit pi elevata ma anche la pi
lenta. Questo risulta essere solo rafforzato regolando il Curvature Sensitivity Coefficient. Dunque,
quando si usa qesto metodo consigliabile porre a zero il valore di Curvature Sensitivity Coefficient.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella finestra di dialogo (si veda la Figura 11) settare il parametro Share of Vertices to Leave per
decidere la percentuale di punti da lasciare nella nuvola;
settare il tipo di filtro da utilizzare: Stochastic (Stocastico), Density Equalization (Densit di punti
uniforme), Decimation (Decimazione);
nel caso si sia scelto di utilizzare i metodi Density Equalization o Decimation, occorre settare il
parametro Curvature Sensitivity Coefficient per regolare laccuratezza del filtro nelle zone di curvatura. Si
noti che il metodo di decimazione ha il suo valore intrinseco di precisione della curvatura anche quando il
Curvature Sensitivity Coefficient zero. In questo caso il metodo di equalizzazione tende a lasciare
uniforme la distribuzione di vertici.
nel caso si utilizzi il metodo Decimation possibile settare il parametro Preserve Vertex Coordinates in
modo che il filtro non modifichi la posizione dei vertici rimanenti.

Figura 11 Dialogo di impostazione parametri di filtraggio.

38

Consigli e osservazioni
Utilizzando il sistema Decimation i punti rimanenti della nuvola vengono riposizionati sulla base del valore del
parametro Curvature Sensivity Coefficient, a meno che non venga abilitata lopzione Preserve Vertex
Coordinates. Gli altri due metodi, Stochastic e Density Equalization, non modificano la posizione dei vertici
preservati.
Una volta applicato il filtro possibile annullarne leffetto utilizzando il comando Undo di AutoCAD solo nel
caso la modalit Undo di CloudCUBE sia stata preventivamente attivata tramite il comando SUND (Switch
Undo/Redo).

39

FISM Filter Smooth


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FILTERCLOUD_SMOOTH
FISM
CloudCUBE 2010\Clouds Filters\Cloud Smooth

Funzionalit e caratteristiche
Questo filtro permette di lisciare o smussare una nuvola di punti. I punti non vengono eliminati, ma le
coordinate di ogni singolo punto vengono ricalcolate sulla base dei punti adiacenti. Il filtro agisce, a
discrezione dellutente, su tutte le nuvole attive o solo sui punti selezionati.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella finestra di dialogo che appare (come in Figura 12) occorre decidere se eseguire il filtraggio su
tutte le nuvole attive (All Active Clouds) oppure su tutti i punti selezionati (Selected Points);
abilitare il parametro Smooth only High Curvature Vertices nel caso si voglia lisciare solamente le
zone con raggio di curvatura elevato;
abilitare il parametro Smooth Preserving Volume nel caso si intenda preservare le caratteristiche della
nuvola quali spigoli, raccordi, etc.;
settare il parametro adimensionale Smoothing Weight per aumentare o diminuire il peso dei punti
adiacenti (incrementando o abbassando il valore) durante il calcolo delle coordinate del punto preso in
considerazione al momento del filtro con una singola iterazione;
settare il parametro Smoothing Iteration Number per decidere quante volte deve essere ripetuto il
processo.

Figura 12 Dialogo di impostazione dei parametri di filtraggio.

Consigli e osservazioni
Una volta applicato il filtro possibile annullarne leffetto utilizzando il comando Undo di AutoCAD, ma solo
nel caso la modalit Undo di CloudCUBE sia stata precedentemente attivata tramite il comando SUND
(Switch Undo/Redo).

40

Purge
Come gi accennato, CloudCUBE 2009 stato modificato in modo sostanziale rispetto alle versioni
precedenti, al fine di poter associare a un singolo dwg un numero di punti molto elevato. Nelle versioni
precedenti a un Drawing1.dwg venivano affiancati e associati automaticamente due file Drawing1.vpc e
Drawing1.vpo (database di CloudCUBE). Con CloudCUBE 2009 al file dwg viene associata una cartella
(folder) Drawing1.CCDIR contenente altre cartelle, utilizzate non solo per lo storage dei dati ma anche per
varie operazioni di conversione/importazione, etc. La cartella CCDIR include due sottocartelle: Repositories,
che contiene i database di CloudCUBE, e Temp, utilizzata come cartella temporanea dove vengono creati i
file ausiliari.
Il gruppo Purge comprende un set di comandi per la pulizia di tali cartelle. Sono comandi che eliminano i dati
obsoleti, ovvero non pi utilizzati da CloudCUBE, permettendo cos di liberare spazio nellhard disk.

PURGER Purge Repositories


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_PURGE_REPOSITORIES
PURGER
CloudCUBE 2010\Purge\Repositories

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di fare il purge del folder .CCDIR\Repositories associato al dwg corrente. Esso cancella
i dati di CloudCUBE non pi associati a nessuna delle nuvole esistenti. Ad esempio, quando una nuvola di
punti viene cancellata in AutoCAD, i relativi punti non vengono rimossi dal database di CloudCUBE poich
potrebbero essere necessari per eseguire unoperazione di Undo. Per liberare lo spazio occupato da tali punti
, quindi, necessario eseguire il purge dei repository.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
viene visualizzato un dialogo che elenca il numero di file cancellati e la quantit di memoria liberata.
Consigli e osservazioni
Si consiglia di eseguire il purge dei repository solo dopo essersi assicurati di non dover ripristinare nuvole di
punti cancellate in precedenza.

41

PURGET Purge Temporaries


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_PURGE_TEMP
PURGET
CloudCUBE 2010\Purge\Temporaries

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di fare il purge del folder .CCDIR\Temp associato al dwg corrente. In sostanza esso
cancella i dati di CloudCUBE che sono stati creati durante importazioni con split, conversioni, etc.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
viene visualizzato un dialogo che elenca il numero di file cancellati e la quantit di memoria liberata.
Consigli e osservazioni
Si consiglia di eseguire periodicamente il purge dei file temporanei per liberare memoria nellhard disk.

42

PURGEA Purge All


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_PURGE_CLOUDCUBE
PURGEA
CloudCUBE 2010\Purge\All

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di fare il purge di tutti i folder contenuti in .CCDIR, ovvero richiama tutti i comandi di
purge precedentemente descritti.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
viene visualizzato un dialogo per ogni purge eseguito, che elenca il numero di file cancellati e la
quantit di memoria liberata.

43

Undo/Redo
Questa sezione contiene il comando che serve per abilitare o disabilitare le operazioni di Undo e Redo sulle
nuvole di punti.

SUND - Switch Undo/Redo


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SWITCH_UNDOREDO
SUND
CloudCUBE 2010\Switch Undo/Redo

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di abilitare/disabilitare alternativamente le operazioni di Undo e Redo per le nuvole di
punti. Quando il comando non attivo sono comunque permesse operazioni di Undo/Redo su alcuni
comandi, quali la colorazione dei nodi dellalbero, la visualizzazione di triangoli/punti, etc., tuttavia per poter
effettuare lUndo/Redo su operazioni che agiscono sui punti di una nuvola, ad esempio il comando DELPT
(Delete Selected Points), necessario abilitare il comando SUND (Switch Undo/Redo). Per impostazione
predefinita, questo comando viene disabilitato dal programma perch la sua attivazione pu richiedere
notevoli risorse di memoria.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando per abilitare/disabilitare le operazioni di Undo e Redo.
Consigli e osservazioni
Si consiglia di attivare il comando SUND (Switch Undo/Redo) solo su nuvole con un numero limitato di punti
e dove non sia necessario compiere operazioni particolarmente pesanti.
Si consiglia di attivare il comando se si sta per eseguire operazioni di filtraggio o cancellazione di punti il cui
esito sia incerto e possa richiedere un Undo per tornare alla situazione precedente.

44

La Clouds Palette
La Clouds Palette un importante strumento a disposizione dellutente che permette di eseguire numerose
operazioni sulle nuvole di punti, come ad esempio, selezioni, impostazioni di visualizzazione, modifiche della
struttura degli alberi di nuvole, etc.
La Clouds Palette composta da quattro tab:
Tree, che contiene gli alberi di nuvole;
Properties, tramite cui possibile modificare alcune propriet del documento;
Selection, che contiene un insieme di strumenti per effettuare operazioni di selezione su nuvole di
punti e/o su mesh;
Slice, con cui si pu visualizzare la nuvola come fosse affettata rispetto a due piani paralleli allasse Z
e con uno spessore definito dallutente (Slice Visualization).

Tree
La finestra Tree la prima tab della Clouds Palette, dove sono visualizzati gli alberi che rappresentano la
struttura gerarchica delle nuvole su cui lavora lutente.
Gli alberi di nuvole sono stati pensati per fare in modo che lutente possa dividere una nuvola di punti su cui
sta lavorando in parti pi piccole, quindi pi semplici da gestire, associando nella Tab Tree ciascuna di
queste parti a un nodo distinto di un albero. In questo modo si crea una struttura gerarchica in cui a ciascun
nodo corrisponde una diversa nuvola di punti. inoltre possibile creare strutture pi complesse inserendo
pi di un albero nella Tab Tree.
Lorganizzazione delle nuvole in una gerarchia definita fornisce un valido aiuto ai tecnici perch permette di
suddividere il lavoro in parti logicamente distinte, in modo del tutto personalizzabile.
Si elencano di seguito alcune nozioni di base per la definizione di albero, un esempio del quale visibile in
Figura 13:
elemento fondamentale di un albero il nodo. Ogni nodo costituisce ununit a s stante ed
associato a una e una sola nuvola di punti (eventualmente vuota);
ogni albero costituito da un solo nodo radice;
ogni nodo pu avere zero, uno o pi nodi figli;
ogni nodo pu avere zero, uno o pi nodi fratelli.

45

Figura 13 - Esempio di albero di nuvole di punti, dove il primo albero ha un nodo radice (Palace Mesh) che il padre di
due figli (Palace_Mesh_West e Palace_Mesh_East), tra loro fratelli. A sua volta Palace_Mesh_West ha un figlio
(Palace_Mesh_Front), mentre Palace_Mesh_East non ha nessun figlio. Palace_Mesh_South la radice di un altro
albero.

Nota
Per una descrizione della procedura da seguire per inserire un nodo in un albero si veda la sezione
corrispondente.
Nella Tab Tree, dal punto di vista grafico un nodo identificato da:
un piccolo quadrato a sinistra dellicona che permette di aprire o chiudere il sottoalbero che parte dal
nodo stesso;
unicona che indica se il nodo attivo (pallino verde a sinistra del nome del nodo), disattivato ma
visibile (pallino grigio scuro), invisibile senza visualizzazione del bounding-box di contenimento (pallino
grigio chiaro) o invisibile con visualizzazione del bounding-box di contenimento (pallino grigio chiaro con
al centro disegnato un piccolo cubo);
un nome che lo identifica univocamente.

46

Come visibile nel dettaglio riprodotto in Figura 14, ogni nodo inoltre caratterizzato da:

Figura 14 - Esempio di nodo di un albero.

Colore, ovvero la descrizione dello stato attuale della colorazione della nuvola associata al nodo. La
colorazione pu essere di tipo True Color, Single Color, False Color. Nel caso sia applicata una
colorazione di tipo True Color, ma la nuvola non sia colorata, appare la dicitura Uncolored;
Numero di punti della nuvola/Numero di punti selezionati della nuvola;
Numero di triangoli della mesh creata sulla nuvola/Numero di triangoli selezionati sulla mesh;
Cartellina UCSes con la lista di UCS associati al nodo;
Cartellina Children in cui sono inseriti tutti i figli del nodo.
Per alcuni di questi nodi possibile, cliccando con il tasto destro del mouse, accedere a diversi menu
contestuali che sono riepilogati in Figura 15 e descritti in dettaglio nei paragrafi seguenti.

Figura 15 - Schema dei menu contestuali.

47

1. Cliccando sul nome di un nodo si accede al Menu del nodo, ossia ai comandi che permettono di
effettuare operazioni di visualizzazione dei nodi e di modifica dellorganizzazione dellalbero in cui il
nodo si trova.
2. Cliccando sulla riga in cui indicata la colorazione del nodo si accede al Menu per la colorazione,
dov possibile modificare le caratteristiche di colorazione della nuvola associata a un nodo.
3. Cliccando nella cartellina Children si accede al Menu dei figli del nodo, da cui possibile inserire un
nuovo nodo vuoto o crearne uno per importazione.
4. Cliccando sulla riga indicante il nome di un UCS (i nomi degli UCS associati a un nodo sono
contenuti allinterno della cartellina UCSes), si accede al Menu degli UCS, da cui possibile rendere
attivo o eliminare un UCS creato con gli appositi comandi di CloudCUBE.
Infine, allinterno della Tab Tree, possibile accedere a un ulteriore menu contestuale:
5. Cliccando nella parte bianca della Tab Tree esterna agli alberi, si accede al Menu principale, in cui
sono presenti dei comandi per limportazione/esportazione delle nuvole di punti, per la creazione di
un nuovo nodo radice vuoto, per nascondere i bounding-box di tutte le nuvole spente, per la
cancellazione dei punti selezionati, oltre a una serie di comandi per la creazione e la gestione degli
UCS.

48

1. Menu del nodo


Cliccando con il tasto destro del mouse sul nome del nodo si accede a un menu contestuale, come si vede in
Figura 16.

Figura 16 - Esempio di Menu del nodo.

Gran parte delle funzionalit attivabili da questo menu hanno il comportamento descritto di seguito. Se i nodi
selezionati non hanno sottoalberi, la funzionalit viene applicata direttamente a tutti e soli i nodi selezionati.
Se almeno uno dei nodi selezionati ha almeno un sottoalbero, viene mostrato un dialogo con due bottoni
Selected e Subtree. Scegliendo Selected la funzionalit viene applicata ai soli nodi selezionati, mentre
scegliendo Subtree la funzionalit viene applicata ai nodi selezionati e ai loro sottoalberi figli.
Di seguito vengono brevemente descritti tutti i comandi cui si pu accedere tramite questo menu.. Per una
spiegazione pi approfondita degli stessi si faccia riferimento al capitolo dedicato ai Comandi degli alberi.
Activate Clouds: attiva la nuvola dei nodi selezionati e/o dei loro sottoalberi figli;
Deactivate Clouds: disattiva la nuvola dei nodi selezionati e/o dei loro sottoalberi figli;
Show Clouds: mostra, se non gi visibili, le nuvole associate ai nodi selezionati e/o ai loro sottoalberi
figli;
Hide Clouds: nasconde, se visibili, le nuvole dei nodi selezionati e/o dei loro sottoalberi figli;
Show Bounding-boxes of Hidden Clouds: visualizza i bounding-box di contenimento delle nuvole
spente associate ai nodi selezionati e/o ai loro sottoalberi figli;
Hide Bounding-boxes of Hidden Clouds: rende non visualizzati i bounding-box di contenimento delle
nuvole spente associate ai nodi selezionati e/o ai loro sottoalberi figli;
Paste Selection Points to Cloud: crea una copia dei punti selezionati nella nuvola associata al nodo su
cui si esegue il comando. Per poter utilizzare tale comando necessario selezionare preventivamente dei
punti delle nuvole attive con gli strumenti di selezione di CloudCUBE;
Move Selection Points to Cloud: sposta (cancellandoli dalle nuvole originali) i punti selezionati nella
nuvola associata al nodo su cui si esegue il comando. Per poter utilizzare il comando necessario aver
preventivamente selezionato dei punti delle nuvole attive con gli strumenti di selezione di CloudCUBE;
Unify Subtree: unisce il nodo selezionato a tutti i nodi dei sottoalberi figli;
Cloud Segmentation: pemette di segmentare le nuvole di punti isolando le parti di interesse;
Slice Segmentation: pemette di ottenere delle fette di punti di spessore desiderato, come fossero
delle sezioni;
Resample Clouds: crea una nuova nuvola (detta di resampling), come unione delle nuvole
selezionate, filtrata in modo da contenere al pi un numero di punti pari alla met di Max Safe Loadable
Points;
Zoom Visible Cloud: fa uno Zoom sullo schermo della nuvola associata al nodo selezionato e/o ai suoi
sottoalberi figli;
49

Delete Clouds Triangulation: elimina la triangolazione della nuvola associata al nodo selezionato e/o ai
suoi sottoalberi figli;
Delete Clouds: cancella la nuvola del nodo selezionato.

2. Menu per la colorazione delle nuvole


Cliccando con il tasto destro del mouse sulla riga che definisce la colorazione del nodo, si accede al menu
contestuale di Figura 17.

Figura 17 - Esempio di Menu per la colorazione delle nuvole.

Gran parte delle funzionalit attivabili da questo menu hanno il seguente comportamento. Se i nodi
selezionati non hanno sottoalberi, la funzionalit viene applicata direttamente a tutti e soli i nodi selezionati.
Se almeno uno dei nodi selezionati ha almeno un sottoalbero, viene visualizzato un dialogo con i bottoni
Selected e Subtree. Scegliendo Selected la funzionalit viene applicata ai soli nodi selezionati, scegliendo
Subtree la funzionalit viene applicata ai nodi selezionati e ai loro sottoalberi figli.
Nella lista che segue sono elencati tutti i comandi a cui possibile accedere tramite il menu in questione,
con una breve descrizione. Per una spiegazione pi approfondita degli stessi si faccia riferimento al capitolo
dedicato ai Comandi degli alberi.
True Color Clouds: colora la nuvola del nodo selezionato (e/o dei sottoalberi figli) con i colori reali dei
punti;
Single Color Clouds: colora la nuvola del nodo selezionato (e/o dei sottoalberi figli) con un unico
colore, impostabile tramite una finestra di dialogo;
False Color Clouds: colora la nuvola del nodo selezionato (e/o dei sottoalberi figli) con una colorazione
di tipo false color, cio con una gradazione di colori che va dal rosso al blu;
Partition Color Subtree: colora la nuvola del nodo selezionato e le nuvole associate a tutti i nodi dei
sottoalberi figli con colori diversi, attribuiti in modo casuale.

50

3. Menu dei figli del nodo


Cliccando con il tasto destro del mouse nella cartella Children del nodo si accede al menu contestuale di
Figura 18.

Figura 18 - Esempio di Menu dei figli del nodo.

Nella lista che segue sono elencati tutti i comandi a cui possibile accedere tramite il menu in questione,
con una breve descrizione. Per una spiegazione pi approfondita degli stessi si faccia riferimento al capitolo
dedicato ai Comandi degli alberi.
Create New Child: crea un nodo figlio vuoto con nome preimpostato;
Import as a Child: permette di importare una nuvola di punti da vari formati collocandola in un nodo
figlio del nodo selezionato;
Import as a Child and Split: permette di importare una nuvola di punti da un file di testo con
formattazione personalizzata, collocandola in uno o pi nodi figli del nodo selezionato. Ogni nuovo nodo
creato contiene al pi un numero di punti pari alla met del valore di Max Safe Loadable Points (per
maggiori dettagli si faccia riferimento alla descrizione della Tab Properties).

51

4. Menu degli UCS


Cliccando con il tasto destro del mouse sulla riga che definisce il nome di un UCS associato a un nodo, si
accede al menu contestuale di Figura 19.

Figura 19 - Esempio di menu per la gestione di un UCS.

Di seguito sono elencati tutti i comandi a cui possibile accedere tramite il menu in questione, insieme a
una breve descrizione. Per una spiegazione pi approfondita degli stessi si faccia riferimento al capitolo
dedicato ai Comandi degli alberi.
Make UCS Active: rende corrente lUCS associato;
Delete UCS: elimina lUCS associato.

52

5. Menu principale
Cliccando con il tasto destro del mouse nella Tab Tree, nello spazio bianco esterno agli alberi compare un
menu contestuale come quello di Figura 20.

Figura 20 - Esempio di Menu principale.

Di seguito sono elencati tutti i comandi presenti nel menu in questione, insieme a una breve descrizione. Per
una spiegazione pi approfondita degli stessi si faccia riferimento alla sezione riguardante i comandi relativi
agli UCS.
Import: importa una nuvola di punti, svolge la stessa funzione del comando IMPC;
Export: esporta una nuvola di punti, svolge la stessa funzione del comando EXPC;
Create New Empty Cloud: crea una nuova nuvola di punti vuota e il nodo associato nellalbero delle
nuvole;
Hide All Bounding-boxes: nasconde tutti i bounding-box di contenimento delle nuvole spente che
fossero attualmente visualizzati;
Delete Selected Points from Clouds: cancella i punti selezionati, svolge la stessa funzione del comando
DELPT;
Make WCS Active: rende attivo il WCS (il sistema di coordinate predefinito di AutoCAD);
Create New UCS by Three Points: crea un nuovo UCS dati tre punti. Una volta attivato il comando, il
programma richiede di specificare un punto di origine, lindicazione del verso positivo dell asse X e
dellasse Y;
Create New UCS by Selection Points Plane: crea un nuovo UCS da una o pi selezioni di punti
effettuate dallutente;
Create New UCS by Selection Triangles Plane: crea un nuovo UCS da una o pi selezioni di triangoli
effettuate dallutente.

Comandi degli alberi


In questo capitolo vengono descritti i principali comandi attivabili tramite gli alberi, suddivisi in cinque
sezioni:
Comandi del Menu del nodo, in cui sono descritti i comandi che permettono di modificare
lorganizzazione e la visualizzazione dei nodi di un albero;
Comandi del Menu per la colorazione delle nuvole, in cui sono descritti i comandi per colorare le
nuvole di punti;
Comandi del Menu dei figli del nodo, in cui sono descritti i comandi che permettono di modificare
lorganizzazione dei nodi di un albero;
Comandi del Menu degli UCS, in cui sono descritti i comandi per la gestione degli UCS associati al nodo
attualmente selezionato;
Comandi del Menu principale, in cui sono descritti i comandi per limportazione/esportazione delle
nuvole di punti, per la creazione di un nuovo nodo vuoto, per nascondere i bounding-box delle nuvole
spente, per la cancellazione di punti di una nuvola, per la gestione e la creazione di UCS, etc.

1. Comandi del Menu del nodo


In questa sezione vengono descritti i comandi richiamabili dal menu contestuale che compare cliccando con
il tasto destro del mouse sul nome di un nodo di un albero. Questi comandi permettono di effettuare
operazioni che modificano la struttura degli alberi di nuvole o la visualizzazione dei rispettivi nodi (Figura 16).
Gran parte delle funzionalit attivabili da questo menu hanno il seguente comportamento. Se i nodi
selezionati non hanno sottoalberi, la funzionalit viene applicata direttamente a tutti e soli i nodi selezionati.
Se almeno uno dei nodi selezionati ha almeno un sottoalbero, viene mostrato un dialogo con i due bottoni
Selected e Subtree. Scegliendo Selected la funzionalit viene applicata ai soli nodi selezionati, scegliendo
Subtree la funzionalit applicata ai nodi selezionati e ai loro sottoalberi figli.
Nota
I comandi del Menu del nodo possono essere applicati a pi nodi contemporaneamente seguendo la
seguente procedura:
premere il tasto Shift, tenendolo premuto fino allultimo punto della sequenza descritta;
cliccare sui nomi dei nodi a cui si vuole applicare il comando;
cliccare con il tasto destro del mouse sul nome di uno dei nodi selezionati;
scegliere il comando desiderato da applicare a tutti i nodi selezionati.

Activate Clouds
Funzionalit e caratteristiche
Il comando serve per attivare la nuvola di punti associata ai nodi selezionati e/o ai suoi sottoalberi figli. Solo
quando una nuvola attiva pu essere infatti selezionata e modificata.
Durante le varie fasi di modellazione buona regola tenere attive solo le nuvole strettamente necessarie, sia
per agevolare il processo di modellazione sia per incrementare le prestazioni di visualizzazione, quindi la
velocit operativa.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Activate Clouds per attivare la nuvola di punti del nodo (se il nodo gi attivo la voce
disabilitata).

54

Deactivate Clouds
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di disattivare le nuvole di punti associate ai nodi selezionati e/o ai loro sottoalberi figli.
Se disattive, le nuvole sono visibili (con pochi punti di colore grigio) ma i loro punti non sono selezionabili.
Non quindi possibile, in tal caso, operare alcuna modifica della nuvola, salvo la cancellazione della
medesima.
Disattivare le nuvole pu essere comodo per averne una visione dinsieme rispetto alla nuvola attiva su cui si
sta lavorando, senza che possano ostacolare le operazioni di selezione dei punti. Una nuvola disattiva
ancora completamente caricata in memoria, quindi per liberare memoria necessario spegnere la nuvola.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di un nodo;
scegliere Deactivate Clouds per disattivare la nuvola di punti del nodo.

Show Clouds
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di visualizzare, se non gi visibili, le nuvole di punti dei nodi selezionati e/o dei loro
sottoalberi figli. Come per il comando Deactivate Clouds, le nuvole oggetto delloperazione sono visibili ma
non attive. Si faccia riferimento ai suggerimenti duso relativi al comando Deactivate Clouds.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Show Clouds per rendere visibile la nuvola di punti del nodo selezionato.

Hide Clouds
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di nascondere le nuvole di punti dei nodi selezionati e/o dei loro sottoalberi figli.
Quando una nuvola viene spenta la corrispondente memoria viene liberata, tale comando dovrebbe essere
perci sempre impiegato, quando possibile, per garantire le massime prestazioni del sistema. Di una nuvola
spenta sempre possibile conoscere la posizione nello spazio visualizzando il relativo bounding-box di
contenimento con il comando Show Bounding-boxes of Hidden Clouds descritto in seguito.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Hide Clouds per nascondere la nuvola di punti del nodo selezionato.

Show Bounding-boxes of Hidden Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di visualizzare i bounding-box di contenimento dei nodi spenti selezionati e/o dei loro
sottoalberi figli. I bounding-box vengono mostrati con colori differenti, generati in modo casuale, e
permettono di identificare la posizione nello spazio di ogni nuvola, anche se non caricata in memoria (ossia
non visibile e non attiva).
Quando il bounding-box di una nuvola visualizzato, il relativo nodo della Clouds Palette rappresentato da
una icona grigio chiaro contenente un cubo

Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Show Bounding-boxes of Hidden Clouds per visualizzare il bounding-box della nuvola
spenta.

Hide Bounding-boxes of Hidden Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di nascondere i bounding-box di contenimento dei nodi spenti selezionati e/o dei loro
sottoalberi figli.
I bounding-box permettono di identificare la posizione nello spazio di una nuvola spenta, ma possono essere
di intralcio durante la modellazione tridimensionale. Per tale motivo si messo a disposizione un comando
che permetta di nasconderli in modo selettivo. Quando il bounding-box di una nuvola non visualizzato, il
relativo nodo nella Clouds Palette rappresentato da unicona grigio chiaro

Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Hide Bounding-boxes of Hidden Clouds per nascondere il bounding-box della nuvola
spenta.

Paste Selection Points to Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di fare una copia nel nodo selezionato di tutti i punti selezionati nel file dwg corrente.
Questa operazione trova la sua pi frequente applicazione nella fase di organizzazione (segmentazione) per
copiare i punti desiderati da una o pi nuvole importate in un nodo di lavoro. Ad esempio, una volta
importate due scansioni con una parte in comune (che riguarda un bassorilievo), per isolare il bassorilievo
dal resto sar sufficiente selezionarne i punti delle due nuvole importate, creare un nodo con nome
significativo (per esempio Bassorilievo) e copiare tali punti in nuovo nodo (tasto destro sul nodo
Bassorilievo e scegliere Paste Selection Points to Clouds).
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Effettuare una o pi selezioni sui punti delle nuvole attive utilizzando gli strumenti di selezione di
CloudCUBE;
in uno degli alberi della Tab Tree cliccare con il tasto destro del mouse sul nome del nodo in cui si
vogliono copiare i punti selezionati;
scegliere la voce Paste Selection Points to Clouds, in questo modo tutti i punti selezionati vengono
copiati e associati al nodo scelto.

Move Selection Points to Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di associare al nodo selezionato tutti i punti selezionati nel file dwg corrente,
rimuovendoli dalle nuvole dorigine. Questa operazione sconsigliata nel caso si stia agendo su una nuvola
che non sia di lavoro, ovvero derivata direttamente da unimportazione di punti. In questo modo ci si
garantisce che le nuvole originariamente importate rimangano invariate e, quindi, i punti originari siano tutti
disponibili in qualsiasi momento.
Loperazione invece consigliata su nuvole di lavoro, nel caso non si vogliano creare inutili copie degli
stessi punti su nuvole diverse.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Effettuare una o pi selezioni sui punti delle nuvole attive utilizzando gli strumenti di selezione di
CloudCUBE;
in uno degli alberi presenti nella Tab Tree cliccare con il tasto destro del mouse sul nome del nodo in
cui si vogliono spostare i punti selezionati;
scegliere Move Selection Points to Clouds, in questo modo tutti i punti selezionati vengono associati al
nodo scelto e rimossi dai nodi cui erano precedentemente associati.

Unify Subtree
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di unire al nodo dellalbero dal quale lutente esegue il comando tutte le nuvole dei
nodi dei suoi sottoalberi figli.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse sul nome del nodo scelto come radice (nodo target);
selezionare Unify Subtree per effettuare lunificazione;
nella finestra di dialogo cliccare su Yes per confermare loperazione.

Clouds Segmentation
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di segmentare, ossia dividere in parti, una o pi nuvole di punti attive o visibili oppure
nascoste ma con bounding-box visibili, in base a selezioni effettuate con polilinee chiuse. Le selezioni
avvengono rispetto allECS delle polilinee.
Il comando si comporta in modo differente a seconda che si selezioni una sola polilinea o pi polilinee. Nel
caso di una sola polilinea i punti vengono posti nel nodo selezionato. Nel caso di pi polilinee vengono creati
altrettanti sottonodi che hanno per nome quello del layer della corrispondente polilinea. quindi possibile
disegnare a priori tutte le polilinee chiuse necessarie (indicando le porzioni da isolare) e porre ciascuna su un
layer con il nome che si vuole associare alla porzione. Il comando inserisce ogni segmento di nuvola nel
nodo con il nome desiderato.
Ciascun segmento contiene al massimo un numero di punti selezionati pari alla met del Max Safe Loadable
Points. Nel caso il numero di punti selezionati superi tale paramentro il comando esegue la segmentazione
creando nella cartella Children un numero opportuno di sotto-nodi.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza di un nuovo nodo vuoto dove si desidera
creare la segmentazione e attivare il comando selezionando Clouds Segmentation;
selezionare le polilinee chiuse preventivamente tracciate per delimitare le porzioni di nuvole di punti di
interesse e premere Enter;
il comando viene eseguito e le nuove nuvole create vengono rese inattive o spente. Le nuvole originali
vengono nascoste e i bounding-box spenti.

Slice Segmentation
Funzionalit e caratteristiche
Il comando consente di ottenere una fetta di punti (a partire da nuvole di punti attive, visibili o con
bounding-box visibile) con spessore desiderato i lungo piani definiti da una polilinea disegnata dallutente. In
questo modo possibilie isolare una sezione di punti a partire da una grande quantit di dati.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nuovo nodo vuoto dove si vuole vengano
copiati i punti;
accendere tutti e soli i boundig-box delle nuvole da dove devono essere presi i punti;
selezionare la polilinea preventivamente tracciata da utilizzare per il calcolo della fetta di punti;
specificare lo spessore della fetta (Thickness) in unit di disegno;
il comando viene eseguito e al termine i punti della fetta ricavata si trovano nel nodo target spento.

Resample Clouds
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare una nuova radice dellalbero contenente lunione dei punti delle nuvole
selezionate, filtrati in modo tale che il loro numero sia minore o uguale alla met del valore Max Safe
Loadable Points.
Il comando risulta utile per creare delle preview di un elevato numero di punti, che altrimenti non sarebbero
visualizzabili contemporaneamente. Pu essere utilizzato anche per creare un set di punti sufficienti a
calcolare la vista nuvola di una sezione o di una pianta composte (si faccia riferimento ai comandi del
modulo Draw).
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Cliccare con il tasto destro del mouse sul nome del nodo o dei nodi sui quali punti si vuole calcolare il
resampling (ricampionamento);
selezionare Resample Clouds per eseguire il resampling;
se il numero totale di punti contenuti nelle nuvole indicate inferiore alla met del valore Max Safe
Loadable Points, appare un dialogo che spiega che, in tal caso, loperazione effettua solo lunione di tutti
i punti, senza applicare ricampionamenti. possibile continuare comunque scegliendo Yes;
compare un dialogo con il riepilogo del totale dei punti contenuti nelle nuvole selezionate e con il
numero finale dei punti che si ottengono dal resampling. Cliccare Ok per continuare;
compare un dialogo che avverte che, continuando con loperazione, le nuvole visibili o attive vengono
automaticamente spente per liberare spazio in memoria. Se si desidera continuare comunque premere

Yes;

al termine del calcolo, che pu richiedere parecchi minuti nel caso i punti siano molti (a seconda,
anche, del computer in uso), se la nuvola di resampling generata ha unestensione superiore alle 1.600
unit disegno, viene visualizzato un messaggio di avvertimento. Infatti, sopra le 1.600 unit disegno, al
crescere della dimensione della nuvola cresce lerrore di rappresentazione delle coordinate dei punti. In
sostanza, i nuovi punti possono avere coordinate diverse rispetto a quelli originari e questo scostamento
dipende dallestensione della nuvola. Tale errore, quantificabile misurando la distanza tra i punti originali
e quelli corrispondenti di resampling, pu considerarsi influente o meno a seconda delluso che si intende
fare della nuvola. Nel caso in cui il messaggio di avvertimento venga visualizzato si consiglia di utilizzare
la nuvola di resampling a solo scopo di visualizzazione. Per questo, a promemoria dellutente, al nome
della nuvola viene aggiunto _EXTENSION_WARNING.

Zoom Visibile Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di fare lo Zoom-Extent (Zoom per estensione) sulla nuvola associata al nodo dal quale
si lanciato il comando e/o sui suoi sottoalberi figli.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Zoom Visibile Clouds per centrare nello schermo la nuvola di punti associata al nodo in
questione.

Delete Clouds Triangulation


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di eliminare tutti i triangoli della nuvola di punti associata ai soli nodi selezionati.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Delete Clouds Triangulation per cancellare tutti i triangoli della nuvola di punti associata al
nodo selezionato.

Delete Clouds
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di eliminare un nodo selezionato e la relativa nuvola di punti e/o i suoi sottoalberi figli.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse in corrispondenza del nome di
un nodo;
selezionare Delete Clouds per cancellare il nodo dallalbero e la relativa nuvola di punti.

2. Comandi del Menu per la colorazione delle nuvole


I comandi di questa sezione servono a modificare la colorazione delle nuvole relative al nodo di un albero o
di interi sottoalberi. Per visualizzare la lista dei comandi cliccare con il tasto destro del mouse in
corrispondenza della riga che definisce la colorazione del nodo (Figura 17).
Gran parte delle funzionalit attivabili da questo menu hanno il seguente comportamento: se i nodi
selezionati non hanno sottoalberi, la funzionalit viene applicata direttamente a tutti e soli i nodi selezionati.
Se almeno uno dei nodi selezionati ha almeno un sottoalbero, viene mostrato un dialogo con i bottoni
Selected e Subtree. Scegliendo Selected la funzionalit viene applicata ai soli nodi selezionati, scegliendo
Subtree la funzionalit viene applicata ai nodi selezionati e ai loro sottoalberi figli.
Nota
Una volta colorata una nuvola nella modalit di visualizzazione per punti, la stessa colorazione viene
applicata anche ai triangoli nel momento in cui la modalit di visualizzazione viene modificata.

True Color Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di colorare la nuvola associata a un nodo selezionato (e/o ai suoi sottoalberi figli) con i
colori reali in RGB. Per colori reali si intendono i colori originariamente associati ai singoli punti delle nuvole,
dovuti al rilievo fotografico con la fotocamera digitale incorporata alla strumentazione, delloggetto acquisito
con laser scanner. Non tutti i laser scanner tuttavia permettono di associare una colorazione ai singoli punti.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse sulla riga che definisce la
colorazione di un nodo;
selezionare True Color Clouds per effettuare la colorazione true color della nuvola del nodo
selezionato.
Consigli e osservazioni
Se la nuvola di punti importata priva di colorazione, i punti della nuvola vengono colorati di bianco.

Single Color Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di colorare con un colore scelto dallutente la nuvola di punti associata a un nodo
selezionato e/o ai suoi sottoalberi figli.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse sulla riga che definisce la
colorazione di un nodo;
selezionare la voce Single Color Clouds;
dalla finestra di dialogo selezionare il colore desiderato tra quelli proposti (in alternativa, possibile
definire un colore personalizzato cliccando sullopzione corrispondente);
premere Ok per confermare.

False Color Clouds


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di applicare alla nuvola di punti relativa al nodo selezionato (e/o ai suoi sottoalberi figli)
una colorazione di tipo false color disponibile in due diverse modalit:
una gradazione di colori che passano dal rosso al blu in maniera ciclica e per fasce di spessore
desiderato, che vengono applicate a tutta la nuvola (seguendo l'orientamento dell'asse Z) in maniera
automatica dovendo scegliere unicamente lo spessore delle fasce di colore;
una gradazione di colori che va dal blu al rosso lungo lasse Z della vista dellUCS corrente e che non
viene applicata su tutta la nuvola, ma allinterno di un intervallo di valori riferiti sempre allasse Z, il Red
Bound e il Blue Bound, modificabili usando lomonima opzione nella Tab Properties della Clouds Palette.

Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Per poter applicare la colorazione di tipo false color, che viene orientata rispetto allasse Z, necessario
prima di tutto modificare lUCS corrente (utilizzando ad esempio i comandi di attivazione degli UCS di
CloudCUBE), in modo da far corrispondere lasse Z con la direzione nel disegno lungo cui si vuole applicare la
colorazione. In secondo luogo bisogna selezionare la tipologia di false color desiderata (a fasce cicliche o
impostando il Red Bound e Blue Bound).
Nel primo caso impostare lo spessore delle fasce di colore desiderato tramite la casella di testo del
parametro Strip Depth;
nel secondo caso definire i parametri che indicano lintervallo di colorazione riferito allasse Z,
modificando opportunamente le voci Red Bound e Blue Bound. Tali valori possono essere impostati sia
manualmente, inserendo i valori numerici nel campo di testo, sia utilizzando i due pulsantini pick point
posti a fianco delle caselle di testo. Grazie a questi pulsanti lutente pu modificare i valori di Red Bound
e Blue Bound cliccando direttamente nellarea di disegno. Per utilizzarli basta premere sul pulsantino di
interesse e selezionare (con attivo Osnap su punti) un punto della nuvola: il comando legge
automaticamente la coordinata Z del punto (rispetto allUCS corrente) e la imposta come valore del
parametro. In alternativa possibile usare il bottone Auto che permette di estendere automaticamente
la colorazione rispetto ai bounding-box delle nuvole considerate.
Una volta eseguite queste operazioni si pu procedere come segue:
in uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse sulla riga che definisce la
colorazione di un nodo;
selezionare False Color Clouds per applicare la colorazione di tipo false color alla corrispondente nuvola
di punti.
Consigli e osservazioni
Applicare una colorazione di tipo false color a una nuvola pu essere utile, ad esempio, per associare
visivamente punti che si trovano alla stessa altezza (rispetto allasse Z) o, al contrario, per differenziare quelli
che si trovano ad altezze diverse.
Per applicare una colorazione di tipo false color pu essere talvolta necessario modificare il punto di vista
della nuvola su cui si sta lavorando per poter selezionare gli estremi dellintervallo di colorazione Red Bound
e Blue Bound. In questo caso consigliabile utilizzare lo strumento AutoCAD Orbit.

Partition Color Subtree


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di colorare la nuvola di punti associata a un nodo selezionato e quelle associate a tutti i
nodi dei sottoalberi figli con colori casuali, facendo in modo che nuvole di nodi diversi abbiano colori
differenti.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
In uno degli alberi della Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse sulla riga che definisce la
colorazione di un nodo;
selezionare Partition Color Subtree per applicare la colorazione casuale.
Consigli e osservazioni
Questo comando pu essere utilizzato per associare visivamente una nuvola di punti al relativo nodo
dellalbero in cui si trova, come mostrato dalla Figura 21.

Figura 21 - Esempio di colorazione di una nuvola con il comando Partition Color Subtree. A ogni nuvola figlia della
nuvola Cloud stato associato un colore diverso che, evidenziato nello stesso albero di nuvole, permette di collegare
visivamente le nuvole di punti ai relativi nodi.

3. Comandi del Menu dei figli del nodo


Create New Child
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare un nuovo nodo figlio del nodo indicato, cui viene associata una nuova nuvola
di punti vuota (Figura 18).
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree cliccare con il tasto destro del mouse sulla cartellina Children del nodo a cui si vuole
aggiungere un figlio;
selezionare Create New Child per creare il nuovo figlio.

Import as a Child
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di importare da un file esterno una nuvola di punti, associandola a un nodo figlio di
quello indicato. Nel caso vengono importati file con estensioni ptx o pts e il numero di punti da importare sia
superiore alla met del valore Max Safe Loadable Points, il comando procede creando un opportuno numero
di sotto-nodi, ciascuno contenente al pi un numero di punti pari alla met di Max Safe Loadable Points.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree cliccare con il tasto destro del mouse sulla cartellina Children del nodo a cui si vuole
aggiungere un figlio;
selezionare Import as a Child;
62

dalla finestra di dialogo che appare, selezionare il file da importare assicurandosi che abbia una delle
estensioni elencate nel menu a tendina File Type;
premere il pulsante Open per avviare limportazione.
Nota
Si faccia riferimento alla descrizione del comando di importazione IMPC per una dettagliata descrizione delle
modalit di importazione.

Import as a Child and Split


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di importare i punti da un file di testo esterno (in formato ascii, estensioni: asc, txt,
xyz), creando una o pi nuvole di punti associate ad altrettanti nodi figli di quello indicato. Il numero di
nuvole creato relativo al numero di punti contenuti nel file di testo. In particolare, ogni nuvola contiene al
pi un numero di punti pari alla met del valore Max Safe Loadable Points (si faccia riferimento alla Tab
Properties della Clouds Palette).
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree cliccare con il tasto destro del mouse sulla cartellina Children del nodo a cui si vuole
aggiungere un figlio;
selezionare Import as a Child and Split;
dalla finestra di dialogo che appare, selezionare il file da importare assicurandosi che abbia una delle
estensioni elencate nel menu a tendina File Type;
viene visualizzato il dialogo di Figura 2 (relativa al comando IMPC) dove possibile indicare lunit di
misura con cui sono state esportate le coordinate del file (per default il metro). Si faccia attenzione alla
scelta di questo parametro, in quanto determina la corretta scalatura della nuvola di punti importata;
viene quindi visualizzata la finestra mostrata in Figura 3 (relativa al comando IMPC) dove possibile:
analizzare come strutturato il file premendo su Show File Preview;
indicare quante righe di intestazione ignorare nel file;
specificare il tipo di separatore utilizzato (Space, Comma, Semicolon, Tabulation o Other Symbol);
trascinare dal campo Fields il simbolo corrispondente (x, y, z, r, g, b, i) in cima alla corrispondente
colonna, per ogni colonna che si intende importare;
premere Ok per avviare limportazione.

4. Comandi del menu degli UCS


I comandi di questa sezione servono a effettuare operazioni sugli UCS, che sono i sistemi di riferimento
(piani di lavoro) definibili dallutente (Figura 19).
Nota
Si consiglia di usare solo i comandi di CloudCUBE per creare e richiamare gli UCS, in quanto essi agiscono
contemporaneamente su:
current UCS;
current relative to dellOrthographic UCS.
Ogni UCS caratterizzato in AutoCAD da un nome univoco che negli alberi rappresentato da un alias (il
nome dellUCS presente nellalbero delle nuvole). Lalias di un UCS negli alberi univoco solo allinterno della
cartellina UCSes del nodo cui associato. Se il nome univoco dellUCS AutoCAD dovesse essere cambiato, il
corrispondente alias delle Tab Tree non riuscir pi a fargli riferimento.

63

Make UCS Active


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di rendere attivo lUCS indicato (per la definizione di UCS attivo si faccia riferimento alla
sezione Definizioni).
Nota
Se lutente non ha impostato nessun UCS viene normalmente usato il WCS, ossia lUCS che AutoCAD utilizza
come impostazione predefinita.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree cliccare con il tasto destro del mouse sul nome dellUCS che si vuole attivare. Gli UCS
associati a un nodo sono contenuti nella cartellina UCSes del nodo stesso. Per visualizzare gli UCS
contenuti nella cartella occorre cliccare con il tasto sinistro del mouse sul quadratino con il simbolo +,
che si trova a sinistra dellicona che simboleggia la cartellina degli UCS;
selezionare Make UCS Active per rendere attivo lUCS selezionato.

Delete UCS
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di cancellare lUCS indicato.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree cliccare con il tasto destro del mouse sul nome dellUCS che si vuole cancellare. Gli UCS
associati a un nodo sono contenuti nella cartella UCSes del nodo stesso. Per visualizzare gli UCS
contenuti nella cartellina occorre cliccare con il tasto sinistro del mouse sul quadratino con il simbolo +
a sinistra dellicona che simboleggia la cartellina degli UCS;
selezionare Delete UCS per eliminare lUCS selezionato.
Consigli e osservazioni
Se si cancella un UCS con il comando AutoCAD Ucsman, il relativo alias usato negli alberi non viene
immediatamente cancellato. Lalias dellUCS viene eliminato a una successiva operazione di aggiornamento
degli alberi, ad esempio chiudendo e riaprendo la Clouds Palette.

5. Comandi del Menu principale


I comandi di questa sezione servono a permettere limportazione/esportazione di nuvole di punti, a
cancellare i punti selezionati di una nuvola, a creare nuovi UCS e a gestirne lorganizzazione. Alcuni comandi
di questa sezione servono a effettuare operazioni sugli UCS, che sono i sistemi di riferimento (piani di lavoro)
definibili dallutente (Figura 20).
Nota
Si consiglia di usare solo i comandi di CloudCUBE per creare e richiamare gli UCS, in quanto essi agiscono
contemporaneamente su:
current UCS;
current relative to dellOrthographic UCS.
Ogni UCS caratterizzato in AutoCAD da un nome univoco che negli alberi rappresentato da un alias (il
nome dellUCS presente nellalbero delle nuvole. Lalias di un UCS negli alberi univoco solo allinterno della
cartellina UCSes del nodo cui associato. Se il nome univoco dellUCS AutoCAD dovesse essere cambiato, il
corrispondente alias delle Tab Tree non riuscir pi a fargli riferimento.

Import
Funzionalit e caratteristiche
Fino alla versione 2009 del software il comando permetteva di importare una nuvola di punti da un file
esterno e di associarla a un nodo radice della Clouds Palette.
Nella versione CloudCUBE 2010 e successive appare un messaggio di avviso che richiede allutente di
organizzare limportazione in modo gerarchico. In pratica non pi possibile importare le nuvole di punti
direttamente attivando il comando, ma necessario creare un nuovo nodo nella Tab Tree e quindi cliccare
con il tasto destro del mouse sulla cartella Children del nodo appena creato e selezionare Import as a Child.

Export
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di esportare le nuvole di punti attive o le selezioni di punti sulle nuvole attive. Per una
descrizione dettagliata delle caratteristiche e delle modalit duso del comando si veda la descrizione di
EXPC.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca esterna agli alberi;
selezionare Export Clouds per esportare le nuvole di punti attive nel formato desiderato.

Create New Empty Cloud


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare un nuovo nodo a cui associata una nuova nuvola vuota, il nuovo nodo cos
inserito non risulta essere figlio di nessun altro nodo.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca esterna agli alberi;
selezionare Create New Empty Cloud per creare un nuovo nodo associato a una nuova nuvola vuota.

Delete Selected Points


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di cancellare i punti di una nuvola selezionati dallutente. Per una descrizione
dettagliata delle caratteristiche e delle modalit duso del comando si veda la descrizione di DELPT.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca esterna agli alberi;
selezionare Delete Selected Points per cancellare i punti selezionati.

65

Make World UCS Active


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di rendere attivo il WCS, cio lUCS che AutoCAD utilizza come impostazione
predefinita.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca esterna agli alberi;
selezionare Make World UCS Active per rendere attivo il WCS.
Nota
Il comando agisce anche sugli Orthographic UCSs, che vengono cos riferiti al WCS.

Create New UCS by Three Points


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare un nuovo UCS sulla base di tre punti specificati dallutente. LUCS viene
individuato da tre parametri: lorigine degli assi, il verso positivo dellasse X e il verso positivo dellasse Y.
Questi valori vanno inseriti dallutente nellordine elencato, semplicemente cliccando nellarea di disegno i
punti interessati.
Il nuovo UCS creato viene automaticamente associato al nodo attivo pi in alto nella gerarchia di uno degli
alberi. Si presti attenzione al fatto che il programma non permette di creare un nuovo UCS qualora ci siano
due o pi alberi con almeno un nodo attivo (si veda la Figura 22). In questo caso necessario disattivare
tutti i nodi attivi degli alberi su cui non si interessati a creare lUCS (comandi Deactivate Subtree o Hide
Subtree).
LUCS viene inserito nella cartella UCSes del nodo attivo pi alto nella gerarchia dellalbero interessato e
automaticamente reso attivo (per la definizione di UCS attivo si faccia riferimento alla sezione Definizioni),
come evidenziato nella Figura 23.

Figura 22 In questo caso la struttura ad albero non consente la creazione di un nuovo UCS: esiste infatti pi di un
nodo radice tra in nodi attivi. La freccia rossa indica lopzione del menu relativa alla creazione di un UCS per tre punti
che, come si pu notare, disabilitata.

Figura 23 Esempio di creazione di un UCS per tre punti. A sinistra presente una struttura ad albero in cui tutti i nodi
attivi hanno un genitore comune. Tale struttura consente di creare un nuovo UCS che, come si vede nella parte destra
dellimmagine, viene associato alla radice dellalbero.

Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Disattivare o spegnere tutti gli alberi su cui non si sta lavorando, tenendo acceso e attivo solo lalbero
al quale va associato lUCS;
nella Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca esterna agli alberi;
selezionare Create New UCS by Three Points, se lopzione fosse disabilitata accertarsi che ci sia un solo
albero con almeno un nodo attivo;
nel dialogo UCS Creation che appare, inserire il nome che si desidera dare allalias del nuovo UCS e
premere Ok;
selezionare il punto dove si vuole giaccia lorigine degli assi;
selezionare un secondo punto per indicare il verso positivo dellasse X;
selezionare un ultimo punto per indicare il verso positivo del semipiano dellasse Y.
Consigli e osservazioni
Una volta creato, il nuovo UCS viene automaticamente associato dal programma al nodo attivo pi alto nella
gerarchia dellalbero che si sta considerando, quindi, prima di attivare il comando necessario accertarsi:
che il nodo cui vogliamo associare il nuovo UCS sia attivo e non abbia nodi attivi tra quelli che si
trovano pi in alto nella gerarchia dellalbero;
che tutti gli altri eventuali alberi siano disattivati o spenti.
Attivare lopzione Osnap su punti se si intende far combaciare i tre punti di creazione UCS con punti della
nuvola.
Nota
Il meccanismo per cui un nuovo UCS viene automaticamente associato al nodo attivo pi in alto nella
gerarchia di un albero stato pensato per mantenere il maggiore ordine possibile nel lavoro. LUCS creato
viene infatti automaticamente associato alla nuvola dove si sta lavorando, supponendo che essa sia lunica
attiva in quel momento.

67

Create New UCS by Selection Points Plane


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare un nuovo UCS sulla base di una o pi selezioni di punti effettuate dallutente.
In questo caso lUCS viene individuato da tre parametri. I primi due sonolorigine degli assi e il verso positivo
dellasse X. Il terzo parametro un piano mediatore, calcolato dal programma per approssimazione dei
punti di una o pi selezioni fatte dallutente. Queste selezioni devono essere fatte su punti che si trovano
approssimativamente sullo stesso piano, altrimenti il risultato ottenuto non sar quello desiderato.
Il nuovo UCS creato viene automaticamente associato al nodo attivo pi alto nella gerarchia di uno degli
alberi.
Il software consente di creare un nuovo UCS con questa modalit solo se vi uno ed uno solo nodo attivo.
Si rende quindi necessario disattivare tutti i nodi attivi degli alberi su cui non si interessati a creare lUCS
(comandi Deactivate Subtree o Hide Subtree). LUCS viene inserito nella cartella UCSes del nodo attivo pi
alto nella gerarchia dellalbero interessato e viene reso automaticamente attivo (per la definizione di UCS
attivo si faccia riferimento alla sezione Definizioni).
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Disattivare o spegnere tutti gli alberi su cui non si sta lavorando, tenendo acceso e attivo solo il nodo
al quale va associato lUCS;
selezionare i punti delle nuvole attive sulla base dei quali si vuole costruire il piano mediatore;
nella Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca esterna agli alberi;
selezionare Create New UCS by Selection Points Plane, se lopzione fosse disabilitata accertarsi che ci
sia un solo albero con almeno un nodo attivo;
nel dialogo UCS Creation che appare, inserire il nome che si desidera dare allalias del nuovo UCS e
premere Ok;
selezionare nellarea di disegno il punto dove si vuole giaccia lorigine degli assi;
il comando chiede se si voglia settare lUCS parallelo al piano XY del WCS:
scegliendo Yes (digitare Y) possibile procedere con il comando e, in un secondo passaggio,
invertire (digitare Y) o meno (digitare N per confermare la creazione dellUCS e concludere il
comando) il verso dellUCS;
altrimenti scegliere No (digitare N) e proseguire come di seguito;
selezionare un punto per indicare il verso positivo dellasse X;
ripetere il passo precedente se non si soddisfatti della direzione dellasse X o premere Enter per
confermare la creazione dellUCS.

68

Create New UCS by Selection Triangles Plane


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare un nuovo UCS sulla base di una o pi selezioni di triangoli effettuate
dallutente. In questo caso lUCS viene individuato da tre parametri. I primi due sono lorigine degli assi e il
verso positivo dellasse X. Il terzo parametro sar un piano mediatore, calcolato dal programma per
approssimazione dei triangoli di una o pi selezioni fatte dallutente. Queste selezioni dovranno essere fatte
su triangoli che si trovano approssimativamente sullo stesso piano, altrimenti il risultato ottenuto non sar
quello desiderato.
Il nuovo UCS creato viene automaticamente associato al nodo attivo pi alto nella gerarchia di uno degli
alberi.
Il software consente di creare un nuovo UCS con questa modalit solo se vi uno ed uno solo nodo attivo.
Si rende quindi necessario disattivare tutti i nodi attivi degli alberi su cui non si interessati a creare lUCS.
Una volta creato con una delle modalit descritte, lUCS viene inserito nella cartellina UCSes del nodo attivo
pi alto nella gerarchia dellalbero interessato e viene reso attivo (per la definizione di UCS attivo si veda la
sezione Definizioni).
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Disattivare o spegnere tutti gli alberi su cui non si sta lavorando, tenendo acceso e attivo solo il nodo
al quale va associato lUCS;
selezionare sulle nuvole attive i triangoli sulla base dei quali si vuole costruire il piano mediatore;
nella Tab Tree, cliccare con il tasto destro del mouse nella parte bianca esterna agli alberi;
selezionare Create New UCS by Selection Triangles Plane, se lopzione fosse disabilitata accertarsi che
ci sia un solo albero con almeno un nodo attivo;
nel dialogo UCS Creation che appare, inserire il nome che si desidera dare allalias del nuovo UCS e
premere Ok;
selezionare nellarea di disegno il punto dove si vuole giaccia lorigine degli assi;
il comando chiede se si voglia settare lUCS parallelo al piano XY del WCS:
scegliendo Yes (digitare Y) possibile procedere con il comando e, in un secondo passaggio,
invertire (digitare Y) o meno (digitare N per confermare la creazione dellUCS e concludere il
comando) il verso dellUCS;
altrimenti scegliere No (digitare N) e proseguire come di seguito;
selezionare un punto per indicare il verso positivo dellasse X;
ripetere il passo precedente se non si soddisfatti della direzione dellasse X o premere Enter per
confermare la creazione dellUCS.

69

Properties
La finestra Properties la seconda tab della Clouds Palette e contiene una serie di campi di testo, tramite cui
possibile modificare alcune propriet di visualizzazione delle nuvole di punti (in Figura 24 riportato un
esempio di Tab Properties).

Figura 24 - Esempio di Tab Properties.

Le propriet sono divise in quattro sezioni:


1. Maximum Number of Points to Display;
2. Dynamic Redraw Time;
3. Points/Triangles Numbers;
4. False Color Parameters.

70

1. Maximum Number of Points to Display


I campi di testo presenti in questa sezione si riferiscono alle variabili che permettono di adattare le modalit
di visualizzazione delle nuvole in funzione della grandezza delle stesse e delle prestazioni del computer in
uso. Di seguito sono descritti i quattro campi presenti.
Inside Visible Area, il numero massimo di punti visualizzabili allinterno dellarea di disegno per ogni
singola nuvola di punti.
Outside Visible Area, il numero massimo di punti visualizzabili allesterno dellarea di disegno. Questi
punti non sono normalmente visibili se non si modifica il punto di vista, ma lo possono diventare nel
momento in cui si effettua uno Zoom o un Pan.
Inactive Clouds, il numero massimo di punti visualizzabili per ogni nuvola di punti visibile ma non
attiva.
While Orbit, il numero massimo di punti visualizzati per ogni nuvola nel momento in cui si effettuano
degli spostamenti di visuale con lo strumento Orbit.

2. Dynamic Redraw Time


In questa sezione presente un campo di testo dove possibile modificare il Dynamic Redraw Time, cio il
tempo (espresso in secondi) che il programma aspetta dopo uno spostamento della visuale (Zoom, Pan,
ecc.) prima di ridisegnare le nuvole di punti, nel caso sia attivo il comando SDYN.
Nel momento in cui lutente effettua uno Zoom o un Pan, se il comando SDYN attivo, il programma si
mette in attesa per un tempo pari al Dynamic Redraw Time. Se in questo intervallo di tempo non avvengono
altri spostamenti, le nuvole di punti nellarea di disegno vengono ridisegnate, in caso contrario il programma
ritorna in attesa e il processo si ripete. Per default questo parametro impostato a 1,4 secondi.

3. Points/Triangles Numbers
Questa sezione permette di monitorare il numero di punti e di triangoli associati al dwg corrente. Per i punti
e per i triangoli viene fatta la distinzione tra gli elementi che sono caricati in quel momento (Loaded, ovvero
la somma di tutti i punti/triangoli delle nuvole di punti attive o visibili) e quelli associati al disegno
(Associated, ovvero tutti i punti/triangoli che sono associati al disegno, appartenenti a nuvole spente o attive
o visibili).
Allinizio della sezione vi , inoltre, il parametro personalizzabile Max Safe Loadable Points che fa parte del
sistema di controllo di CloudCUBE descritto nellintroduzione del modulo Manager. Si tratta di una nuova
funzionalit introdotta per aiutare lutente a comprendere quale sia il limite massimo di punti gestibili dal
proprio PC, in relazione ai tipi di lavoro che si soliti eseguire, per evitare di superare tale soglia e generare
errori di Out of Memory (evenienza probabile, visto che con CloudCUBE 2009 possibile associare un elevato
numero di punti a uno stesso dwg).

4. False Color Parameters


In questa sezione possibile scegliere tra due tipi di colorazione in false color: scegliendo il primo la
colorazione viene applicata automaticamente a tutta la nuvola (seguendo l'orientamento dell'asse Z) ed
necessario scegliere unicamente lo spessore delle fasce di colore. In questa modalit i colori passano dal
rosso al blu in maniera ciclica fino alla colorazione dell'intera nuvola lungo l'asse Z (si veda Figura 25) .
Scegliendo la seconda modalit di colorazione in false color necessario compilare due campi di testo,
relativi rispettivamente al Red Bound e al Blue Bound. Tali variabili rappresentano i valori delle coordinate da
colorare in rosso e in blu, riferiti allasse Z rispetto alla vista dellUCS corrente, entro i quali dovr essere
effettuata la colorazione di tipo false color di cui la Figura 26 un esempio.
In alternativa all'inserimento manuale dei valori di Z possibile cliccare sui pulsanti a lato dei campi di testo
e quindi selezionare direttamente nell'area disegno i punti riferiti al Red Bound e al Blue Bound (per la
selezione di punti sulle nuvole deve essere attivo l'Osnap node). Lopzione Auto, invece, setta
automaticamente tali variabili rispetto ai bounding-box delle nuvole considerate. Per una spiegazione
dettagliata di come applicare una colorazione false color si veda la sezione corrispondente nel capitolo
dedicato ai comandi per la colorazione dei nodi.

Figura 25 - Esempio di colorazione false color, le fasce di colore si ripetono ciclicamente lungo tutta la porzione di
nuvola considerata.

Figura 26 - Esempio di colorazione false color di una nuvola, il pallino rosso e il pallino blu indicano i punti selezionati
dallutente per indicare i limiti di colorazione false color.

72

Selection
In questa sezione viene data una panoramica sulla Tab Selection della Clouds Palette, che mette a
disposizione gli strumenti per effettuare selezioni sulle nuvole di punti o sulle mesh create sulle nuvole
(strumenti di selezione di CloudCUBE).
Le prime tre parti sono dedicate a una descrizione generale della finestra. In Strumenti di selezione sono
invece descritte nel dettaglio tutte le operazioni di selezione disponibili.

La finestra Selection
La finestra Selection la terza tab della Clouds Palette e contiene gli strumenti per effettuare selezioni sulle
nuvole di punti. Il metodo con cui le nuvole possono essere selezionate presenta alcune importanti
differenze rispetto alle consuete operazioni di selezione di AutoCAD:
prima di effettuare ciascuna selezione sempre necessario scegliere il tipo di selezione da effettuare;
non c distinzione tra la selezione da sinistra e da destra, ossia tra finestra di selezione e selezione a
intersezione.
Nota
Non possibile applicare loperazione di Undo sulle zone selezionate, tuttavia possibile annullare tutte le
selezioni effettuate su una nuvola di punti disattivando il nodo a cui la nuvola associata o, in alternativa,
utilizzando il comando DESEL. Se in una nuvola sono presenti pi selezioni e si desidera annullare l'ultima
fatta, si pu procedere nel modo seguente:
attivare il comando di selezione;
premere e tenere premuto il tasto Ctrl per trasformare la selezione in deselezione;
effettuare una selezione che racchiuda la selezione da annullare.
In questo modo verr effettuata una deselezione dell'area selezionata (si veda la sezione Strumenti di
selezione).
La finestra Selection, come visibile in Figura 27, si divide in due parti distinte:
la parte superiore contiene gli strumenti per selezioni di punti;
la parte inferiore contiene gli strumenti per selezioni di triangoli.
Nelle sezioni successive sono descritte in dettaglio i sistemi di selezione nelle due modalit disponibili.
Nota
Le selezioni hanno effetto solo su nuvole di punti attive.

Figura 27 - Esempio di Tab Selection.

74

Selezione di punti
Come in Figura 28, allinterno del riquadro Points Selection sono presenti:
tre bottoni che permettono di eseguire le principali operazioni di selezione:
By Rectangle, per selezionare la nuvola tramite un rettangolo;
By Circle, per selezionare la nuvola tramite un cerchio;
By Polygon, per selezionare la nuvola tramite un poligono, specificandone i vertici.
il riquadro By Slice da cui possibile eseguire unoperazione di selezione tramite slice, ossia una
selezione su una fascia della nuvola di punti. La fascia di selezione creata sar parallela allasse Z della
vista dellUCS corrente e avr unampiezza definita dai valori nelle due caselle di testo presenti nel blocco
stesso;
il riquadro By Point on Plane da cui possibile eseguire un'operazione di selezione dei punti della
nuvola partendo da un piano medio calcolato prendendo un intorno di punti (ossia una zona circolare il
cui raggio regolabile a piacere) con centro su un punto selezionato dall'utente. I punti saranno
selezionati, inoltre, rispetto ad uno spessore sull'asse Z regolabile a piacere;
il riquadro By Polyline da cui possibile eseguire una selezione dei punti della nuvola a partire da una
polilinea tracciata dall'utente e contenuti all'interno di un piano medio che approssima la polilinea
tracciata (la quale potrebbe, ad esempio, non definire un piano) e considerando uno spessore sull'asse Z
regolabile a piacere;
il bottone Invert Points Selection tramite il quale possibile generare il reciproco dei punti
selezionati. Se stata selezionata una parte della nuvola, attivando il comando viene selezionata la parte
residua e deselezionata la parte precedentemente selezionata.

Figura 28 Porzione di Tab Selection riferita alla selezione di punti.

Per una descrizione pi approfondita dei comandi si faccia riferimento al capitolo in cui vengono descritte le
operazioni di selezione.

75

Selezione di triangoli
Il riquadro per la selezione di triangoli analogo a quello per la selezione di punti, con i comandi applicati in
questo caso a selezioni di triangoli. Lunica differenza laggiunta del checkbox Select Only Visible e del
pulsante Single Triangle Selection (si veda la Figura 29).
Lattivazione del checkbox Select Only Visible permette di effettuare selezioni solo su triangoli che siano
visibili rispetto alla vista corrente (ovvero non nascosti da altri triangoli). Se ad esempio si intende effettuare
una selezione di triangoli su una sfera, con lopzione Select Only Visible attivata possibile selezionare solo i
triangoli della parte visibile di sfera, mentre quelli che sono nascosti da altri triangoli non vengono
selezionati.
Il tasto Single Triangle Selection consente di selezionare un singolo triangolo, lopzione Select Only Visible
non ha alcun effetto sulla selezione di un singolo triangolo, nel senso che la selezione di un singolo triangolo
ha effetto solo sul triangolo in primo piano e non su quelli che si trovano dietro.

Figura 29 - Porzione di Tab Selection riferita alla selezione di triangoli.

76

Strumenti di selezione
I comandi in questa sezione si trovano nella Tab Selection della Clouds Palette e servono a effettuare
selezioni sulle nuvole attive.
Nota
Le operazioni di selezione si annullano se la nuvola su cui sono state effettuate viene disattivata. Se per
errore si disattiva una nuvola possibile tornare a visualizzare le selezioni precedenti con il comando AHIST.
Per annullare una selezione effettuata procedere come segue:
per annullare le selezioni effettuate con i bottoni By Rectangle, By Circle o By Poligon tenere premuto
il tasto Ctrl attivando nuovamente il bottone e selezionando i punti precedentemente selezionati i quali
vengono cos deselezionati;
per annullare le selezioni effettuate con le funzioni By Point on Plane e By Polyline tenere premuto il
tasto Ctrl e premere nuovamente il bottone di attivazione della funzione di selezione.

Selezione tramite rettangolo


Funzionalit e caratteristiche
Permette di selezionare una porzione di nuvola di punti tramite uno strumento di selezione rettangolare.
Nota
Le successive istruzioni sono riferite sia al blocco Points Selection (nel caso si intenda effettuare una
selezione di punti) sia al blocco Triangles Selection (per una selezione di triangoli) della Tab Selection.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Selection premere il pulsante By Rectangle;
cliccare con il tasto sinistro del mouse nellarea di disegno;
se si vuole effettuare una deselezione premere e tenere premuto il tasto Ctrl, altrimenti passare al
punto successivo;
trascinare il mouse fino alla posizione desiderata;
cliccare di nuovo con il tasto sinistro.

77

Selezione tramite cerchio


Funzionalit e caratteristiche
Permette di selezionare una porzione di nuvola di punti tramite uno strumento di selezione circolare.
Nota
Le successive istruzioni sono riferite sia al blocco Points Selection (nel caso si intenda effettuare una
selezione di punti) sia al blocco Triangles Selection (per una selezione di triangoli) della Tab Selection.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Selection premere il pulsante By Circle;
cliccare con il tasto sinistro del mouse nellarea di disegno (il punto cliccato il centro del cerchio);
se si vuole effettuare una deselezione premere e tenere premuto il tasto Ctrl, altrimenti passare al
punto successivo;
trascinare il mouse fino alla posizione desiderata, indicando in questo modo il raggio del cerchio;
cliccare di nuovo con il tasto sinistro.

Selezione tramite poligono


Funzionalit e caratteristiche
Permette di selezionare una porzione di nuvola di punti tramite uno strumento di selezione poligonale.
Nota
Le successive istruzioni sono riferite sia al blocco Points Selection (nel caso si intenda effettuare una
selezione di punti) sia al blocco Triangles Selection (per una selezione di triangoli) della Tab Selection.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Selection premere il pulsante By Polygon;
se si vuole effettuare una deselezione premere e tenere permuto il tasto Ctrl, altrimenti passare al
punto successivo;
cliccare con il tasto sinistro del mouse dove si vuole fissare il primo vertice del poligono;
ripetere il procedimento per tutti gli altri vertici del poligono (il numero di vertici a discrezione
dellutente, purch non inferiore a tre);
cliccare con il tasto destro del mouse (oppure premere Enter) per chiudere il poligono ed eseguire la
selezione.

Selezione tramite slice


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di selezionare una porzione di nuvola di punti tramite uno strumento che seleziona una
fascia di punti o triangoli. La fascia selezionata sar calcolata rispetto allasse Z e dovr essere compresa tra
due valori che possono essere inseriti dallutente tramite le due caselle di testo presenti nel groupbox By
Slice.
Nota
Le successive istruzioni sono riferite sia al blocco Points Selection (nel caso si intenda effettuare una
selezione di punti) sia al blocco Triangles Selection (per una selezione di triangoli) della Tab Selection.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Allinterno del sottoblocco By Slice, presente un pulsante per eseguire la selezione di slice e due caselle di
testo per indicare il limite massimo e il minimo entro i quali deve essere effettuata la selezione. Questi valori,
analogamente a quanto avviene per loperazione di colorazione in false color delle nuvole, sono calcolati
lungo lasse Z, per cui opportuno modificare lUCS corrente in modo da avere lasse Z nella corretta
direzione rispetto alla selezione da effettuare.
I parametri di limite possono essere impostati sia manualmente, inserendo i valori numerici nei campi di
testo, sia utilizzando i due pulsantini pick point posti a fianco delle caselle di testo. Grazie a questi pulsanti
lutente pu modificare i due valori cliccando direttamente nellarea di disegno. Per utilizzarli premere sul
pulsantino di interesse, quindi selezionare (con attivo Osnap su punti) un punto della nuvola. Il valore
numerico corrispondente varia in funzione della Z del punto selezionato rispetto alla vista dellUCS corrente.
Premere infine il pulsante By Slice allinterno del blocco per procedere con la selezione.
Nota
Se si desidera effettuare una deselezione tramite slice, utile per annullare tutte le selezioni presenti in una
fascia di una nuvola di punti, tenere premuto il tasto Ctrl mentre si clicca il tasto che avvia la selezione per
slice.

Selezione di singolo triangolo


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di effettuare la selezione di singoli triangoli.
Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Selection premere il pulsante Single Triangle Selection;
cliccare con il tasto sinistro del mouse nellarea compresa allinterno del triangolo che si intende
selezionare;
premere il tasto Esc per uscire dalla modalit di selezione di singoli triangoli.
Consigli e osservazioni
Lopzione Select Only Visible non ha alcun effetto su questo tipo di selezione: la selezione di un singolo
triangolo permette, infatti, di selezionare solo i triangoli in primo piano e non quelli nascosti.

Selezione per un punto su un piano


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di selezionare dei punti della nuvola partendo da un piano medio calcolato prendendo
un intorno di punti (ossia una zona circolare il cui raggio regolabile a piacere) con centro in un punto
selezionato dall'utente. I punti sono selezionati, inoltre, rispetto a uno spessore sull'asse Z regolabile a
piacere.

Figura 30 - Porzione di Tab Selection riferita alla selezione di punti su un piano medio, calcolato ripetto a un punto
dato.

Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella Tab Selection operare nel riquadro By Point on Plane (si veda Figura 30) impostando i valori
desiderati nelle seguenti caselle di testo.
Premere il pulsante a lato delle caselle di testo indicanti i valori di X, Y e Z, spostarsi nell'area disegno
e cliccare su un punto prescelto della nuvola (accertarsi che sia attivo l'Osnap node) il quale viene
identificato come il centro della selezione. ora possibile determinare il raggio dell'area circolare
all'interno della quale si vuole operare la selezione semplicemente trascinando il mouse e cliccando sul
punto finale del raggio (esattamente come nella tracciatura di un cerchio su AutoCAD). Si nota ora che
all'interno delle caselle di testo corrispondenti agli assi X, Y e Z e al raggio della selezione (Radius)
compaiono i valori delle coordinate del centro e della misura del raggio selezionati.
Proximity Radius: rappresenta il raggio dell'area circolare, intorno al punto centrale della selezione che
viene attivata dall'utente, entro la quale calcolato il piano medio di riferimento per la selezione dei
punti effettivamente selezionati. possibile visualizzare la zona corrispondente al valore del Proximity
Radius impostato (da non confondere con il raggio della zona dei punti che saranno oggetto della
selezione effettiva, Radius) premendo il pulsante adiacente alla relativa casella di testo (Figura 31).
Plane Thickness: rappresenta lo spessore, riferito all'asse Z, della parte di nuvola all'interno della quale
vengono effettivamente selezionati i punti.
attivare la selezione effettiva premendo il pulsante nell'angolo in basso a sinistra del riquadro By Point
on Plane (Figura 32).
Sono ora visualizzati i punti effettivamente selezionati dal comando unitamente alla zona riferita al
Proximity Radius (Figura 33).

Figura 31 Visualizzazione del parametro Proximity Radius.

Figura 32 Selezione per un punto su un piano: selezione effettiva dei punti.

81

Figura 33 Selezione per un punto su un piano: selezione effettiva dei punti con visualizzazione del Proximity Radius.

Nota
La selezione By Point on Plane additiva nel senso che possono essere operate molteplici selezioni di questo
tipo che sommano i punti selezionati a quelli oggetto di selezioni precedenti.
Consigli e osservazioni
Si consiglia di impostare un Proximity Radius tale per cui siano considerati solo punti che giacciono sul piano
che si vuole individuare.
Questo comando risulta molto utile per selezionare i punti di una parete, senza considerare quelli di finestre,
porte o qualsiasi altro oggetto sporgente o pi profondo.

82

Selezione tramite polilinea


Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di selezionare una fetta di punti, di spessore desiderato, passante per il piano medio
dei vertici della polilinea o polilinea 3D selezionata, i cui vertici sono interni alla polilinea stessa.

Figura 34 - Porzione di Tab Selection riferita alla selezione di punti allinterno di una polilinea o una polilinea 3D.

Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Tracciare nell'area di disegno una polilinea che racchiuda i punti della nuvola che si vogliono
selezionare;
premere il pulsante accanto alle caselle di testo riferite ai valori Mean Deviation e Maximum Deviation
e quindi selezionare la polilinea precedentemente tracciata. A questo punto nelle corrispondenti caselle
di testo appaiono i valori di Mean Deviation e Maximum Deviation che indicano la variazione media e
massima del piano medio calcolato rispetto a quello definito dalla polilinea. Se i valori risultano molto
bassi i punti racchiusi all'interno della polilinea definiscono praticamente un piano.
Nella Tab Selection operare nel riquadro By Polyline impostando il valore desiderato nella casella di
testo Plane Thickness che rappresenta lo spessore, riferito all'asse Z, della parte di nuvola all'interno
della quale saranno effettivamente selezionati i punti;
attivare la selezione premendo il pulsante nell'angolo in basso a sinistra del riquadro By Polyline.
Nota
Operando questo tipo di selezione vengono eliminate eventuali selezioni precedenti. Tuttavia possibile
operare altre selezioni di diverso tipo (ad esempio tramite rettangolo, cerchio, poligono etc.) dopo la
selezione tramite polilinea, in questo modo i punti selezionati vengono sommati.

Figura 35 - Tracciamento della polilinea allinterno della quale deve essere fatta la selezione.

Figura 36 Selezione effettiva dei punti allinterno della polilinea.

84

Slice
La finestra Slice (Figura 37) la quarta tab della Clouds Palette e mette a disposizione gli strumenti per
visualizzare i punti/triangoli delle nuvole limitatamente a una slice (fetta) indicata dallutente, nascondendo i
punti/triangoli che ricadono al di fuori di questa.

Slice Visualization
Funzionalit e caratteristiche
La Slice Visualization pu essere utilizzata quando si desidera concentrare il lavoro su una precisa fascia di
punti/triangoli delle nuvole. La visualizzazione slice ha effetto sia su nuvole attive che su nuvole non attive
ma visibili.

Figura 37 - Finestra per la Slice Visualization.

Modalit duso
CLOUDS PALETTE
Nella parte alta della finestra presente un checkbox per abilitare/disabilitare la visualizzazione slice.
Sono poi presenti due caselle di testo in cui devono essere inseriti i limiti massimo e minimo entro i
quali si vuole visualizzare la nuvola. Tali valori sono calcolati rispetto allasse Z della vista dellUCS
corrente, per cui necessario modificare lUCS corrente in modo da far corrispondere lasse Z con la
direzione lungo cui si vuole applicare la visualizzazione slice. Questi parametri possono essere impostati
sia manualmente, inserendo i valori numerici nel campo di testo, sia utilizzando i due pulsantini pick
point posti a fianco delle caselle di testo. Grazie a questi pulsanti lutente pu modificare i due valori
cliccando direttamente nellarea di disegno. Per utilizzarli premere sul pulsantino di interesse, quindi
selezionare un punto della nuvola (con Osnap attivato). Il valore numerico corrispondente varia in
funzione della Z del punto selezionato rispetto alla vista dellUCS corrente.
A fianco di ciascuna casella di testo ci sono due frecce che permettono di aumentare o diminuire il
valore presente nel campo di testo di un intervallo impostato automaticamente da CloudCUBE. Questi
pulsanti possono essere utilizzati nel caso sia necessario effettuare dei piccoli aggiustamenti nella
visualizzazione. Per modifiche pi ampie si pu procedere in uno dei seguenti modi:
cambiare manualmente i valori nelle caselle di testo;
disabilitare la Slice Visualization, modificare i valori delle due caselle di testo tramite le frecce o i
pulsantini pick point, quindi riabilitare la Slice Visualization.
Infine, a destra delle frecce, presente una barra di scorrimento tramite la quale possibile, cliccando
sui due tasti che si trovano alle estremit, spostare verso lalto o il basso lintervallo in cui avviene la
visualizzazione.

85

Utilizzo della Properties Palette di AutoCAD


Oltre agli strumenti messi a disposizione dalla Clouds Palette, lutente pu utilizzare la Properties Palette di
AutoCAD per visualizzare alcune propriet delle nuvole (si veda per esempio la Figura 38). Dopo aver
aperto la Properties Palette, cliccando su un punto di una nuvola presente nel foglio di lavoro, possibile
visualizzare una serie di informazioni sulla nuvola selezionata, in particolare:

Figura 38 - Esempio di Properties Palette, selezionata una nuvola di punti.

Nella prima tabella (General) sono presenti informazioni generali sul disegno impostate da AutoCAD,
dove la voce TrueColor indica il colore della nuvola di punti.
Nella seconda tabella (Cloud) sono elencati alcuni parametri che definiscono le caratteristiche generali
della nuvola di punti selezionata:
Name, contiene il nome del nodo cui la nuvola selezionata associata. possibile editare questo
campo, inserendo il nome che si vuole attribuire al nodo, solo se la nuvola attiva o visibile;
Active, indica se la nuvola attiva. Questo parametro modificabile inserendo il valore Yes per
attivare la nuvola, No per disattivarla;
Shown, indica se la nuvola visibile. Questo parametro pu essere modificato inserendo Yes per
visualizzare la nuvola, No per nasconderla;
Colored, indica se la nuvola colorata. Questo valore non pu essere modificato;
Points Count, indica il numero di punti presenti nella nuvola;
Selected Points Count, indica il numero di punti selezionati della nuvola;
Triangles Count, indica il numero di triangoli presenti nella nuvola;
Selected Triangles Count, indica il numero di triangoli selezionati della nuvola.
86

Nota
Si consiglia di non utilizzare la Properties Palette selezionando nuvole di cui si visualizzano grosse quantit di
punti, perch l'aggiornamento dei valori delle tabelle pu richiedere lunghi tempi di computazione.
Se si selezionano due o pi nuvole, la Properties Palette indica *VARIES* in corrispondenza di propriet quali
Name, Points Count, etc.

87

MODULO MESH

Il modulo Mesh di CloudCUBE mette a disposizione dellutente una serie di comandi per la creazione di mesh
triangolari sulle nuvole di punti e per la loro gestione. Tutti i comandi di questo modulo hanno effetto
solamente sulle nuvole di punti attive.
Le mesh vengono calcolate per triangolazione di tutti i punti della nuvola e vengono salvate nel database
esterno (nel folder .CCDIR) insieme ai punti della nuvola. Esse possono essere visualizzate in AutoCAD e
possono essere editate solo con gli strumenti messi a disposizione da CloudCUBE (comandi Find Holes, Fill
Holes, etc.). Affinch tali mesh possano essere disponibili come entit AutoCAD (insiemi di 3D Face) sar
necessario materializzarle con il relativo comando di CloudCUBE.

88

Comandi
In questa sezione viene data descrizione dei comandi contenuti nel modulo Mesh di CloudCUBE attivabili
dalla toolbar, da console o dal menu a tendina. I comandi sono suddivisi nelle seguenti categorie:
Creazione e modifica;
Analisi delle mesh computate;
Gestione dei buchi delle mesh computate;
Filtri su mesh computate;
Gestione delle normali.

Creazione e modifica
Questo gruppo di comandi permette di triangolare le nuvole di punti, generando delle mesh triangolari che
uniscono tutti i punti della nuvola.

CTRI Compute Cloud Triangulation


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_COMPUTETRIA_CLOUD
CTRI
CloudCUBE 2010\Compute Triangular Mesh of a Cloud

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di effettuare la triangolazione della nuvola di punti selezionata. Il comando non
costruisce facce triangolari (entit 3D Face di AutoCAD) ma computa i triangoli che uniscono i punti della
nuvola, memorizzando il risultato allinterno dellentit Point Cloud (nel database esterno). Allavvio del
comando possibile decidere di abilitare le seguenti opzioni (si veda la finestra di dialogo in Figura 39):

Check Face Orientation, esegue un controllo di consistenza relativamente allorientamento dei triangoli
creati. Se si sceglie di disabilitare tale controllo il processo di triangolazione risulta pi veloce, ma le
normali calcolate potrebbero risultare discordi.
Enable High Noise Cloud Filtering, applica un filtraggio per eliminare i punti rumorosi e ottenere
quindi una migliore triangolazione. Disabilitando tale opzione il processo di triangolazione risulta pi
rapido.
Nota
Il comando non viene eseguito nel caso la nuvola selezionata sia gi triangolata. Se si desidera triangolare
nuovamente la nuvola occorre preventivamente cancellare la triangolazione esistente. Si utilizzi a questo
scopo il comando Delete Clouds Triangulation nel menu contestuale, attivabile con un clic destro del mouse
sul nodo associato alla nuvola selezionata presente nella Tab Tree della Clouds Palette.
Una volta eseguito il comando lentit di CloudCUBE Point Cloud passa automaticamente in modalit di
visualizzazione triangoli. Selezionando la nuvola di punti, nel pannello delle propriet di AutoCAD
(Properties Palette) possibile verificare alla voce Triangles Count il numero di triangoli creati. Nel caso sia
attiva la Clouds Palette nella Tab Tree possibile visualizzare il numero di triangoli costruiti nella propriet
Numero di triangoli del nodo associato alla nuvola selezionata.

89

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella finestra di dialogo Triangulate Cloud attivare lopzione Check Face Orientation se si desidera
abilitare il controllo di consistenza per lorientamento delle facce;
nella finestra di dialogo Triangulate Cloud attivare lopzione Enable High Noise Cloud Filtering nel caso
si deva triangolare una nuvola di punti rumorosa, ovvero con un errore medio comparabile alla
distanza media tra i punti;
premere il tasto Ok per avviare il processo.

Figura 39 Finestra di dialogo per la triangolazione di una nuvola di punti.

Consigli e osservazioni
Nel caso una nuvola sia triangolata utilizzare il comando VIZTP (Switch Triangles/Points Visualization) per
passare dalla modalit di visualizzazione a triangoli alla modalit di visualizzazione a punti e viceversa.
possibile che una nuvola di punti attiva e triangolata sia visualizzata in modalit punti pur essendo abilitata
la modalit di visualizzazione a triangoli. Questo accade nel caso sia attiva lopzione SDYN (Switch Dynamic
Redraw) e la nuvola di punti sia piccola rispetto alla vista corrente. Avvicinandosi sufficientemente alla
nuvola per mezzo del comando Zoom, la visualizzazione a triangoli viene riabilitata.

90

ADDTR Add Triangle to Mesh


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_ADDTRGS_MESH
ADDTR
CloudCUBE 2010\Add Triangle To Computed Mesh

Funzionalit e caratteristiche
Il comando serve per aggiungere manualmente nuovi triangoli alla mesh. Affinch il comando possa
funzionare occorre selezionare tre o pi punti (con lOsnap su punti attivo) della stessa nuvola triangolata.
Tali punti diventano i vertici dei nuovi triangoli creati che vengono aggiunti alla mesh.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare un primo punto sulla mesh che coincide con un vertice di un nuovo triangolo;
ripetere la procedura di selezione indicando almeno due punti;
cliccare con il tasto destro del mouse o premere il tasto Enter per concludere la selezione e procedere
con la triangolazione dei punti selezionati.
Consigli e osservazioni
Per selezionare i punti della mesh opportuno attivare la modalit Osnap di AutoCAD.

91

MATM Materialize Mesh


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_MATERIALIZE_MESH
MATM
CloudCUBE 2010\Materialized Triangular Computed Mesh

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di materializzare le mesh, ovvero le triangolazioni costruite sulle nuvole di punti e
memorizzate internamente nellentit Point Cloud di CloudCUBE. Materializzare la mesh significa creare per
ogni triangolo della mesh una faccia triangolare, ovvero unentit AutoCAD 3D Face. Tutte le facce
triangolari cos create vengono raggruppate in unentit Block Reference.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la mesh da materializzare.
Consigli e osservazioni
Per selezionare i vertici della mesh opportuno attivare la modalit Osnap sui punti.

92

Analisi delle mesh computate


In questa sezione sono raggruppati i comandi che permettono di analizzare le mesh per individuare i
triangoli anormali o irregolari che possono essere generati durante il processo di creazione delle mesh. I
triangoli anormali vengono evidenziati in modo tale che lutente possa decidere caso per caso se eliminarli o
meno. Eliminare dalle mesh questi particolari triangoli risulta utile non solo per creare modelli digitali pi
vicini alle proprie esigenze, ma anche per evitare possibili errori di interpretazione durante i processi di
gestione delle mesh (per esempio con le operazioni di filtraggio).

FIAF Find Abnormal Faces


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FINDFACES_ABNORMAL
FIAF
CloudCUBE 2010\Computed Mesh Analyses\Find Abnormal Faces

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di trovare ed evidenziare i triangoli anormali presenti in tutte le mesh attive.

Figura 40 In rosso sono evidenziati due triangoli anormali individuati dal comando FIAF allinterno di una mesh.

Si in presenza di triangoli anormali per esempio nelle situazioni in cui vi sono tre triangoli che hanno un
lato (o una porzione di lato) in comune come a sinistra nella Figura 40, oppure nel caso vi siano triangoli
estranei collegati a un vertice come sulla destra dellimmagine. I triangoli considerati anormali vengono
evidenziati in modo che lutente possa eliminarli o comunque gestirli a propria discrezione.

93

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella console di AutoCAD viene visualizzato un messaggio che indica per ogni nuvola di punti
analizzata il nome e il numero di facce anormali trovate.
Consigli e osservazioni
Le nuvole attive in modalit di visualizzazione a punti che siano state triangolate, vengono ugualmente
analizzate dal comando e il numero di triangoli anormali individuati in queste nuvole viene riportato nella
console di AutoCAD. Occorre passare alla modalit di visualizzazione a triangoli per poter vedere i triangoli
evidenziati dal comando.

94

FIRF Find Irregular Faces


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FINDFACES_IRREGULAR
FIRF
CloudCUBE 2010\Computed Mesh Analyses\Find Irregular Faces

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di individuare i triangoli irregolari in tutte le mesh attive al momento. Per triangoli
irregolari si intendono tutti i triangoli che, seppur validi da un punto di vista topologico, presentano una
forma irregolare, con angoli troppo acuti, altezza e aree piccole o, al contrario, troppo grandi. La forma dei
triangoli valutata come irregolare sulla base di quattro parametri personalizzabili dallutente:

Max Accepted Triangle Edge Length, individua come irregolari tutti i triangoli con un lato pi lungo del

valore specificato;

Max Accepted Triangle Area, individua come irregolari tutti i triangoli con unarea maggiore del valore

specificato;

Max Accepted Triangle Edges Ratio, individua come irregolari tutti i triangoli con un rapporto tra il lato
maggiore e il lato minore pi grande del valore specificato;
Max Accepted Triangle Edge Height Ratio, individua come irregolari tutti i triangoli con un rapporto tra
il lato maggiore e la rispettiva altezza pi grande del valore specificato.

Alla fine del processo viene indicato nella console di AutoCAD il numero di triangoli irregolari trovati per
ogni nuvola attiva. Tali triangoli vengono inoltre evidenziati come selezione nel caso sia abilitata la modalit
di visualizzazione a triangoli.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella finestra di dialogo Find Irregular Faces abilitare il checkbox Max Accepted Triangle Edge Length e
settare il valore per questo parametro se si intende effettuare il controllo sulla lunghezza dei lati dei
triangoli;
abilitare il checkbox Max Accepted Triangle Area e settare il valore per questo parametro se si intende
effettuare il controllo sullarea dei triangoli;
abilitare il checkbox Max Accepted Triangle Edges Ratio e settare il valore per questo parametro se si
intende effettuare il controllo sul rapporto tra i lati dei triangoli;
abilitare il checkbox Max Accepted Triangle Edge Height Ratio e settare il valore per questo parametro
se si intende effettuare il controllo sul rapporto tra il lato maggiore e la rispettiva altezza dei triangoli;
premere il tasto Ok;
nella console di AutoCAD viene visualizzato un messaggio che indica per ogni nuvola di punti
analizzata il nome e il numero di facce irregolari trovate.
Consigli e osservazioni
Le nuvole attive in modalit di visualizzazione punti vengono ugualmente analizzate dal comando e il numero
di triangoli irregolari individuati in queste nuvole viene riportato nella console di AutoCAD. Occorre passare
alla modalit di visualizzazione a triangoli per poter vedere i triangoli individuati dal comando.

95

FISF Find Singular Faces


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FINDFACES_SINGULAR
FISF
CloudCUBE 2010\Computed Mesh Analyses\Find Singular Faces

Funzionalit e caratteristiche
Il comando individua allinterno di tutte le nuvole di punti attive e triangolate i triangoli singolari, ovvero:
triangoli intrecciati, cio i triangoli adiacenti con un lato in comune per i quali langolo compreso tra le
normali sia minore di quello specificato dallapposito parametro personalizzabile dallutente Min Angle
between Faces;
triangoli con due lati sul bordo della mesh;
triangoli o gruppi di triangoli isolati dal resto della mesh. possibile settare attraverso il parametro
Max Vertices Number il numero massimo di vertici che un gruppo di triangoli isolati pu contenere per
essere preso in considerazione dal comando.
Alla fine del processo viene indicato nella console di AutoCAD il numero di triangoli singolari trovati per ogni
nuvola attiva. Tali triangoli vengono inoltre evidenziati come selezione nel caso sia abilitata la modalit di
visualizzazione a triangoli.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nella finestra di dialogo Find Singular Faces abilitare il checkbox Select Interlaced Faces se si desidera
che il comando individui i triangoli intrecciati e, di conseguenza, settare il parametro Min Angle between
Faces;
abilitare il checkbox Select Double Boundaries Faces se si intende individuare i triangoli con due lati sul
bordo della mesh;
abilitare il checkbox Select Small Cluster per far s che il comando selezioni tutti i gruppi di triangoli
separati dal resto della mesh e contenenti un numero di vertici inferiore al valore impostato nel
parametro Max Vertices Number;
premere Ok.
Consigli e osservazioni
Le nuvole attive in modalit di visualizzazione punti vengono ugualmente analizzate dal comando e il numero
di triangoli singolari individuati in queste nuvole viene riportato nella console di AutoCAD. Occorre passare
alla modalit di visualizzazione a triangoli per poter vedere i triangoli individuati dal comando.

96

Gestione dei buchi delle mesh computate


In questa sezione vengono presentati due comandi utili per individuare e riempire eventuali buchi nelle
mesh lasciati dal processo di triangolazione delle nuvole o generati dai processi di filtraggio.

LOCHL Locate Mesh Holes


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_LOCATEHOLES_MESHES
LOCHL
CloudCUBE 2010\Computed Mesh Holes Management\Locate Holes

Funzionalit e caratteristiche
Il comando individua i buchi e i contorni in tutte le nuvole di punti attive e triangolate. I contorni dei buchi
trovati vengono evidenziati per mezzo di entit AutoCAD 3D Polyline, com mostrato in Figura 41, che
vengono create sul layer L3D_HolesBorders. Nel caso tale layer non esista viene automaticamente creato dal
comando. Prima di mandare in esecuzione il processo di individuazione dei buchi, il comando analizza la
mesh alla ricerca di triangoli anormali o singolari che vengono eventualmente segnalati e selezionati. Il
comando viene terminato qualora siano trovati triangoli non validi. Occorre quindi eliminare tutte le anomalie
prima di eseguire nuovamente il comando.

Figura 41 Risultato prodotto dal comando Locate Mesh Holes.

97

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel caso il layer L3D_HolesBorders non esista, appare un messaggio per avvertire lutente che tale
layer verr automaticamente creato dal comando, premere Ok per continuare.
Consigli e osservazioni
Le nuvole attive triangolate in modalit di visualizzazione punti vengono ugualmente prese in considerazione
dal comando.

98

FILHL Fill Mesh Holes


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FILLHOLES_MESHES
FILHL
CloudCUBE 2010\Computed Mesh Holes Management\Fill Holes

Funzionalit e caratteristiche
Il comando esegue una triangolazione allinterno delle 3D Polyline chiuse generate dal comando LOCHL
(Locate Mesh Holes), chiudendo gli eventuali buchi presenti nella mesh. Il comando prende in
considerazione solamente le 3D Polyline selezionate dallutente. possibile scegliere tra due metodi di
riempimento, le cui differenze sono mostrate in Figura 42:

Flat-Based, metodo di chiusura piano, in cui il riempimento avviene per collegamento diretto dei lati
dei triangoli dei bordi della mesh attraverso altri triangoli;
Curvature-Based, metodo di chiusura in curvatura, in cui il riempimento avviene attraverso triangoli
creati estendendo i bordi della mesh in modo da seguirne la curvatura.
Utilizzando il metodo Curvature-Based possibile ottenere una triangolazione migliore, ma il processo pu
non esser portato a termine con successo nel caso di bordi irregolari. Viceversa, il metodo Flat-Based porta a
risultati meno raffinati, ma funziona anche in presenza di bordi frastagliati.

Figura 42 Metodi di riempimento Curvature-Based e Flat-Based.

99

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel dialogo Fill Mesh Holes selezionare il metodo di riempimento desiderato, Flat-Based o CurvatureBased (si veda la Figura 43);
premere il tasto Ok per eseguire il processo.

Figura 43 Finestra di dialogo del comando FILHL.

Consigli e osservazioni
Le nuvole attive triangolate in modalit di visualizzazione punti vengono ugualmente prese in considerazione
dal comando. Occorre passare alla modalit di visualizzazione a triangoli per poter vedere i triangoli aggiunti
dal comando.
Quando si intende chiudere con modalit Curvature-Based una serie di fori, si consiglia di eseguire tale
operazione singolarmente per ogni foro, ricalcolando la polilinea 3D del contorno (con LOCHL, Locate Mesh
Holes) dopo ciascuna chiusura, altrimenti alcune chiusure potrebbero non essere eseguite.

Filtri su mesh computate


Questa sezione contiene due comandi utili per operare filtraggi sulle nuvole di punti triangolate. Essi possono
essere applicati a tutte le nuvole di punti attive o su un insieme di triangoli preventivamente selezionati.

FIMDEC Filter Mesh Decimation


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FILTERMESH_DECIMATION
FIMDEC
CloudCUBE 2010\Computed Mesh Filters\Mesh Decimation

Funzionalit e caratteristiche
Il comando, il cui dialogo riprodotto in Figura 44, consente di decimare tutte le nuvole triangolate attive o
eventualmente tutti i triangoli presenti nelle selezioni preventivamente predisposte dallutente. Tale
decimazione riduce il numero di triangoli preservando per la forma delle mesh. possibile settare
attraverso il parametro Final Number of Triangles il numero di triangoli che dovr contenere la mesh, o la
selezione, alla fine del processo. Lutente pu inoltre decidere se abilitare o meno le seguenti opzioni di
decimazione:

Enable Error Control, la decimazione risultante mantiene una deviazione massima dalla mesh originale
inferiore al valore inserito nel campo Max Allowed Error. In questo caso il numero finale di triangoli
dipende dal limite della deviazione;
Preserve Original Vertex Position, se tale opzione risulta disabilitata possibile che il comando
modifichi la posizione dei punti della nuvola triangolata al fine di ottenere un risultato qualitativamente
migliore;
Preserve Boundaries, abilitando tale opzione il comando opera una decimazione mantenendo inalterati
i bordi delle mesh;
Suppress Skew Triangles, quando possibile il comando evita la formazione di triangoli obliqui, a
discapito della qualit di approssimazione che potrebbe risultare inferiore.

Figura 44 Finestra di dialogo del comando FIMDEC.

101

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel dialogo Decimate Mesh indicare se si desidera eseguire il processo su tutte le nuvole di punti
triangolate attive (All Active Clouds) o sulle selezioni di triangoli (Selected Triangles);
settare il numero finale di triangoli che si vuole ottenere nel campo Final Number of Triangles;
abilitare il checkbox Enable Error Control e settare il valore del parametro Max Allowed Error se si
intende effettuare il controllo sulla massima deviazione dalla mesh originaria. Il processo di decimazione
mantiene la deviazione massima della mesh decimata rispetto alloriginale, garantendo che tale
deviazione sia inferiore a quella specificata nel campo di testo. Quando viene abilitato tale controllo
possibile che il numero finale di triangoli richiesto non possa essere raggiunto al fine di garantire che la
deviazione massima non sia inferiore a Max Allowed Error.
se non si vuole che venga modificata la posizione originale dei punti della mesh abilitare lopzione

Preserve Original Vertex Position;

se si intende preservare i bordi delle mesh abilitare lopzione Preserve Boundaries;


per evitare la creazione di triangoli obliqui settare lopzione Suppress Skew Triangles.

Consigli e osservazioni
Il comando pu calcolare la decimazione solo se le mesh sono topologicamente corrette. Per tale motivo
viene eseguita preventivamente unanalisi della mesh alla ricerca di triangoli anormali. Nel caso la ricerca
abbia esito positivo il comando viene terminato e i triangoli individuati vengono selezionati affinch lutente
possa cancellarli ed eseguire nuovamente la decimazione.

102

FIMSM Filter Mesh Smooth


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FILTERMESH_SMOOTH
FIMSM
CloudCUBE 2010\Computed Mesh Filters\Mesh Smooth

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di lisciare tutte le nuvole triangolate attive o eventualmente tutti i triangoli
preventivamente selezionati. Sono disponibili le seguenti opzioni, da settare tramite il dialogo di Figura 45:

Preserve Boundary Triangle Edges, se si abilita tale opzione vengono mantenuti inalterati i bordi della

mesh;

Preserve Volume, se si abilita viene preservato il volume della mesh. Permette di ottenere risultati di
alta qualit senza alterare le caratteristiche quali spigoli e raccordi, ma il processo di calcolo richiede pi
tempo;
Number of Smoothing Iteration, numero di iterazioni di lisciatura;
Smoothing Weight, peso di lisciatura nel range [0, 1], un parametro non dimensionale che definisce
il grado di influenza dei punti adiacenti rispetto al punto considerato durante una singola iterazione
delloperazione di lisciatura;
Enable Constrain Displacement, abilita un vincolo di spostamento dei punti rispetto ai punti originari.
La massima distanza di spostamento ammessa settabile attraverso il parametro Max Length of Vertex
Displacement.

Figura 45 Finestra di dialogo del comando FIMSM.

103

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel dialogo Mesh Smooth Filter indicare se si desidera eseguire il processo su tutte le nuvole di punti
triangolate attive All Active Clouds o sulle selezioni di triangoli Selected Triangles;
abilitare lopzione Preserve Boundary Triangle Edges per preservare i bordi delle mesh;
abilitare lopzione Preserve Volume se si intende conservare la topologia originaria delle mesh;
settare il numero di iterazioni che si intende eseguire tramite il parametro Number of Smoothing

Iteration;

settare il peso della lisciatura attraverso il parametro Smoothing Weight nel range [0, 1];
abilitare lopzione Enable Constraint Displacement se si desidera che lo spostamento dalla posizione
originaria dei punti sia minore del valore indicato dal parametro Max Length of Vertex Displacement.

104

Gestione delle normali


In questa sezione vengono presentati due comandi per aggiustare e invertire le normali calcolate durante il
processo di triangolazione.

FIXNR Fix Normals


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_FIXNORMALS
FIXNR
CloudCUBE 2010\Normals Management\Fix Normals

Funzionalit e caratteristiche
Il comando corregge la direzione e lorientamento delle normali dei vertici di una mesh in base alla topologia
della mesh stessa, come esemplificato in Figura 46. necessario che lutente indichi il vertice della mesh dal
quale la procedura di sistemazione delle normali deve iniziare. Affinch la funzione produca buoni risultati
occorre che la mesh non contenga triangoli anormali o singolari. Il comando agisce solamente sulla mesh
che viene indicata allorch lutente seleziona il punto dinizio del processo.

Figura 46 Nell'immagine di sinistra si pu osservare la direzione


delle normali originarie e il vertice (evidenziato in rosso) con cui l'utente indica la normale con corretta
direzione, nell'immagine di destra si pu osservare l'aggiustamento locale delle normali prodotto da Fix Normals.

105

Modalit duso
CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
indicare il punto della mesh per cui si desidera avviare il processo di sistemazione delle normali e da
cui lalgoritmo deve iniziare a operare.
Consigli e osservazioni
Le normali vengono calcolate durante il processo di triangolazione della nuvola di punti. A ogni vertice della
mesh associata una normale sulla base dei triangoli in esso incidenti. Per tale motivo non possibile
utilizzare il comando su nuvole di punti non triangolate.
Per abilitare/disabilitare la visualizzazione delle normali utilizzare il comando SHNR (Show Normals) del
modulo Manager.

106

INVNR Invert Normals


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

--_CUBO_INVERTNORMALS
INVNR
CloudCUBE 2010\Normals Management\Invert Normals

Funzionalit e caratteristiche
Il comando inverte la direzione delle normali di una mesh come mostato in Figura 47. necessario che
lutente indichi il vertice della mesh a partire da cui la procedura di inversione delle normali deve iniziare.

Figura 47 Risultato prodotto da Invert Normals, nell'immagine di destra possibile osservare le normali della mesh
dopo l'esecuzione del comando.

Modalit duso
CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
indicare il punto della mesh per cui si desidera avviare il processo di inversione delle normali e da cui
lalgoritmo deve iniziare.
Consigli e osservazioni
Per abilitare/disabilitare la modalit di visualizzazione delle normali utilizzare il comando SHNR (Show
Normals) del modulo Manager.

107

MODULO DRAW

Il modulo Draw di CloudCUBE composto da due barre di comandi.


La prima (CloudCUBE Draw) contiene dei tool:
per eseguire la restituzione 2D direttamente sulle nuvole di punti;
a supporto dei comandi di AutoCAD per la modellazione 3D a filo di ferro, idonea quindi per le parti
regolari, su cui sia agevole disegnare i contorni, come porte, finestre, cornicioni, capitelli, etc.;
di triangolazione, per eseguire il raccordo tra le varie porzioni di modello 3D create con i moduli Draw,
Mesh e Surface.
La seconda barra di comandi (CloudCUBE Draw II) consiste in un set di tool di post-elaborazione, che
permettono di ricavare sezioni, piante e prospetti composti, assonometrie e spaccati del modello a partire dai
modelli tridimensionali generati utilizzando i tre moduli Draw, Mesh e Surface di CloudCUBE.

108

Comandi
In questa sezione viene data descrizione dei comandi contenuti nel modulo Draw di CloudCUBE attivabili
dalla toolbar, dalla console o dal menu a tendina. Le categorie in cui risultano suddivisi sono:
CAD Transformation;
CAD Computation;
CAD Triangulation;
CAD Section;
Draw Section.

CloudCUBE Draw
CAD Transformation
Questo gruppo di comandi permette di trasformare entit AutoCAD quali Polyline e 3D Polyline.

MVECS Move Entity by ECS


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_MOVEENTITYBY_ECS
MVECS
CloudCUBE 2010\CAD Transformation\Move Planar Entities By ECS

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di traslare entit planari Polyline, Line, Arc, Circle, Ellipse, lungo lasse Z rispetto allECS
(Entity Coordinate System) su cui lentit stata creata. Dopo aver selezionato lentit, sufficiente indicare
il punto in cui si intende traslarla e il comando effettua lo spostamento lungo lasse Z dellECS, in modo che
giaccia sul piano parallelo allECS passante per il punto prescelto, come schematizzato in Figura 48.

109

Figura 48 Esempio di funzionamento del comando MVECS, a sinistra si pu notare unentit Arc prima dello
spostamento. Nell'immagine destra l'arco stato traslato lungo l'asse Z del suo ECS in modo da farlo giacere sulla
nuvola di punti.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare le entit che si desidera traslare;
indicare il punto in cui si intende traslarle;
premere Ok per avviare il processo.
Consigli e osservazioni
Per la selezione del punto di traslazione necessario attivare la modalit Osnap su punto di AutoCAD.

110

APP3P Approximate Entity by 3D Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_APPROXENTITYBY_3DPOLY
APP3P
CloudCUBE 2010\CAD Transformation\Approximate Entity by 3D Polyline

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di trasformare in entit 3D Polyline le entit Polyline, Arc, Circle, che vengono
selezionate. Nel caso si decida di trasformare entit contenenti (o composte da) archi, questi vengono
approssimati con un numero di segmenti calcolato in base a un parametro settato dallutente. possibile
scegliere tra due metodi di approssimazione degli archi:

Segment Number, con cui lutente decide con quanti segmenti un arco va approssimato;
Segment Length, con cui lutente decide la lunghezza complanare (rispetto allECS dellentit) dei

segmenti utilizzati per approssimare gli archi.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare le entit che si desidera trasformare in 3D Polyline;
nel dialogo Arc Approximation Parameters abilitare il campo Segment Number se si intende
approssimare ogni arco con un numero fisso di segmenti ed, eventualmente, indicare il numero di
segmenti nella casella di testo abbinata;
abilitare lopzione Segment Length se si intende approssimare gli archi con segmenti di lunghezza fissa
e indicare la lunghezza nella casella di testo abbinata;
premere Ok per eseguire il comando.
Consigli e osservazioni
Il comando non elimina e non modifica le entit originarie, inoltre crea le nuove 3D Polyline sul layer
corrente.

111

APPP Approximate Entity by Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_APPROXENTITYBY_POLY
APPP
CloudCUBE 2010\CAD Transformation\Approximate Entity by Polyline

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di trasformare in entit Polyline le entit Polyline (contenenti archi), Arc, Circle che
vengono selezionate. Nel caso si decida di trasformare entit contenenti (o composte da) archi, questi
vengono approssimati con un numero di segmenti calcolato in base a un parametro settato dallutente.
possibile scegliere tra due metodi di approssimazione degli archi:

Segment Number, in cui lutente decide con quanti segmenti un arco va approssimato;
Segment Length, in cui lutente decide la lunghezza dei segmenti utilizzati per approssimare gli archi.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare le entit che si desidera trasformare in polilinee;
nel dialogo Arc Approximation Parameters abilitare il campo Segment Number se si intende
approssimare ogni arco con un numero fisso di segmenti e indicare il numero di segmenti nella casella di
testo abbinata;
abilitare lopzione Segment Length se si intende approssimare gli archi con segmenti di lunghezza fissa
e indicare tale lunghezza nella casella di testo abbinata;
premere Ok per eseguire il comando.
Consigli e osservazioni
Il comando non elimina e non modifica le entit originarie, inoltre crea le nuove polilinee sul layer corrente.

112

CAD Computation
Questo gruppo di comandi permette di fare loffset, decimare o lisciare le entit AutoCAD 3D Polyline.

OFF3P Offset of a 3D Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_OFFSET
OFF3P
CloudCUBE 2010\CAD Computation\Offset of a 3D Polyline

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di eseguire loffset per la 3D Polyline selezionata dallutente in base allimpostazione di
due e due soli parametri tra i seguenti:

Elevation Difference, differenza di quota, indica il dislivello tra due punti corrispondenti della 3D
Polyline originale e di quella di offset, calcolato rispetto allasse delle Z dellUCS corrente;
Planar Distance, distanza piana, distanza tra due punti corrispondenti della 3D Polyline originale e di

quella di offset, calcolata rispetto alla loro proiezione sul piano XY dellUCS corrente;

Slope, pendenza, equivale al rapporto

Differenza di quota
100 ;
Distanza piana

Slanted Distance, distanza inclinata, distanza tra due punti corrispondenti della 3D Polyline originale e

di quella di offset.

Per una descrizione grafica dei parametri si faccia riferimento alla Figura 49 e alla Figura 50.

Figura 49 - Esempi di corrispondenza (indicati dalle due linee di colore blu) tra due punti della 3D Polyline originale (in
rosso) con i rispettivi punti della 3D Polyline di offset (in verde). Essi giacciono sulla bisettrice dellangolo formato in
corrispondenza del punto considerato sulla 3D Polyline originale. Solo i punti di bisettrici di angoli piatti mantengono le
distanze luno dallaltro specificate dallimpostazione dei parametri di offset.

113

Figura 50 - Descrizione grafica del significato dei parametri di offset richiesti dal comando.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel dialogo Offset abilitare lopzione Elevation Difference (differenza di quota) e settare il valore,
positivo o negativo, se si desidera assegnare una differenza di quota alla 3D Polyline di offset;
abilitare lopzione Slope (pendenza) e settare il valore del parametro associato, in percentuale, se si
vuole creare la 3D Polyline di offset considerando la pendenza indicata;
abilitare lopzione Planar Distance (distanza piana) e assegnare un valore positivo al parametro
associato se si desidera effettuare un offset sulla distanza piana;
abilitare lopzione Slanted Distance (distanza inclinata) e assegnare un valore positivo al parametro
associato se si desidera effettuare un offset sulla distanza inclinata;
selezionare la 3D Polyline di cui si intende eseguire loffset;
indicare con un clic sinistro del mouse il verso dove il comando deve eseguire loffset rispetto al piano
su cui giace la 3D Polyline originaria. Per eseguire loffset contemporaneamente in entrambi i versi (due
offset), selezionare un vertice della 3D Polyline con lopzione Osnap su EndPoint (Fine) attiva;
premere Ok per avviare il processo.
Consigli e osservazioni
Il sistema di riferimento utilizzato dal comando per eseguire loffset lUCS corrente, quindi tutte le distanze
e i parametri sono relativi a tale UCS.

114

DEC3P Decimate 3D Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_DECIMATE3DPOLY
DEC3P
CloudCUBE 2010\CAD Computation\Decimate 3D Polyline

Funzionalit e caratteristiche
Il comando utile per ridurre il numero di punti delle 3D Polyline selezionate. possibile decidere la
percentuale di punti che deve contenere la 3D Polyline finale rispetto al numero di punti della 3D Polyline
originaria attraverso il parametro Final Resulting Vertex. Il comando mette inoltre a disposizione le seguenti
opzioni:

Max Allowed Deviation Check, controllo sulla deviazione massima consentita per la 3D Polyline finale
rispetto alla 3D Polyline originaria, il numero finale di vertici dipende dal limite impostato per la massima
deviazione consentita;
Preserve Vertex Position, i vertici della 3D Polyline risultante mantengono la posizione dei
corrispondenti vertici della 3D Polyline originaria;
Keep Original Polyline, se abilitata la 3D Polyline originaria non viene cancellata.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare tutte le 3D Polyline che si intende decimare;
nel dialogo Decimate Polyline abilitare il controllo Max Allowed Deviation e settare il limite massimo di
deviazione consentito nel range [0, 1] se si desidera venga effettuato tale controllo;
settare la percentuale di punti da mantenere nella 3D Polyline finale tramite il parametro Final
Resulting Vertex;
abilitare lopzione Preserve Vertex Position se si intende mantenere le coordinate originarie dei vertici;
abilitare lopzione Keep Original Polyline per non cancellare la 3D Polyline originaria;
premere Ok per eseguire la decimazione delle entit selezionate.
Consigli e osservazioni
Il comando permette di decidere se eliminare o mantenere (in tal caso inalterate) le 3D Polyline originarie e
di creare le nuove 3D Polyline sul layer corrente.

115

SM3P Smooth 3D Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SMOOTH3DPOLY
SM3P
CloudCUBE 2010\CAD Computation\Smooth 3D Polyline

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di lisciare o smussare le 3D Polyline selezionate e dispone delle seguenti opzioni:

Iterations Number, il comando ripete il processo di lisciatura per il numero di volte specificato;
Smoothing Weight, peso applicato a ogni lisciatura, nel range [0, 1]. un parametro non dimensionale

che definisce il grado di influenza dei punti adiacenti rispetto al punto considerato nelloperazione di
lisciatura;
Preserve Shape, se attivato viene mantenuta il pi possibile la topologia della 3D Polyline originaria;
Keep Original, se attivato la 3D Polyline originaria non viene eliminata.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare tutte le 3D Polyline che si intende lisciare;
nel dialogo Smooth Polyline indicare tramite il parametro Iterations Number il numero di ripetizioni del
processo;
settare il valore del parametro Smoothing Weight nel range [0, 1];
abilitare lopzione Preserve Shape se si desidera preservare la topologia della 3D Polyline originaria;
abilitare lopzione Keep Original se si intende mantenere la 3D Polyline originale.
Consigli e osservazioni
Il comando permette di decidere se eliminare o mantenere (in tal caso inalterate) le 3D Polyline originarie e
di creare le nuove 3D Polyline sul layer corrente.

116

CAD Triangulation
Questo gruppo mette a disposizione dei comandi per eseguire triangolazioni fra tre o pi punti indicati
dallutente, fra due entit 3D Polyline o allinterno di unentit 3D Polyline chiusa, che pu eventualmente
contenere al suo interno (rispetto allUCS corrente) dei punti AutoCAD o dei blocchi punto (si veda il set di
comandi 3DUtilities). Tutti i comandi hanno come risultato la generazione di insiemi di entit 3D Face.

TBV Triangulate by Vertices


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_TRIABY_VERTICES
TBV
CloudCUBE 2010\CAD Computation\Triangulate By Vertices

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di eseguire la triangolazione fra un insieme di almeno tre punti distinti selezionati
dallutente. Il processo di triangolazione produce una superficie formata da un insieme di entit 3D Face
affiancate, i cui vertici coincidono con i punti della selezione.
Durante la fase di selezione, tutti i punti selezionati dallutente vengono temporaneamente collegati da una
serie di spezzate disegnate sullo schermo che scompaiono quando termina la selezione. I vertici di tali
spezzate coincidono, nellordine, con i punti selezionati via via dallutente. Lutente pu decidere di chiudere
la selezione dei punti su:
il primo punto selezionato che viene usato come vertice di chiusura per ogni 3D Face creata
(immagine sinistra di Figura 51);
il secondo punto selezionato, in questo caso viene sempre usato il primo punto come vertice di
chiusura per le 3D Face, ma viene creato un triangolo in pi (immagine destra di Figura 51).

Figura 51 Esempi di chiusura della selezione sul primo punto (a sinistra) e sul secondo punto (a destra).

Per ottenere delle buone triangolazioni si consiglia di effettuare la selezione dei punti in modo tale che la
superficie evidenziata dalla spezzata di selezione sia sempre una superficie convessa.

117

Figura 52 Descrizione grafica del significato di superficie convessa. Nell'immagine il colore verde indica il contorno
definito dallutente selezionando i vertici in senso orario, il blu indica i triangoli costruiti dal comando, il rosso indica i
triangoli costruiti dal comando in modo non corretto. Come si pu notare nellimmagine destra, infatti, sono stati
costruiti due triangoli scorretti a causa della superficie non convessa.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
con il clic sinistro del mouse selezionare tutti i vertici desiderati;
per terminare la selezione dei vertici selezionare nuovamente il primo o il secondo vertice selezionato,
altrimenti eseguire un clic destro del mouse o premere il tasto Enter (in questo caso come fosse stato
selezionato il primo vertice).
Consigli e osservazioni
Lordine di selezione dei punti importante, per ottenere delle buone triangolazioni occorre, infatti,
selezionare i punti desiderati in modo tale che la Polyline passante per i punti via via selezionati e chiusa sul
primo vertice contenga al suo interno una superficie convessa (si veda Figura 52).

118

TB3P Triangulate between 3D Polylines


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_TRIABETWEEN_3DPOLY
TB3P
CloudCUBE 2010\CAD Computation\Triangulate between 3D Polylines

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di eseguire la triangolazione tra due 3D Polyline aperte. Nel caso venga selezionata
una 3D Polyline chiusa, lutente deve indicare il tratto della linea che si intende prendere in considerazione
durante il processo di triangolazione. Per fare questo occorre selezionare sulla linea chiusa gli estremi del
tratto dinteresse e un vertice compreso tra questi. Alla fine del processo viene generata una superficie
composta da entit 3D Face affiancate tra loro i cui vertici coincidono con i vertici delle 3D Polyline indicate,
come visibile in Figura 53.

Figura 53 - In blu riportato il risultato del comando di triangolazione tra due 3D Polyline (in verde).

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
con il clic sinistro del mouse selezionare la prima 3D Polyline desiderata ( indifferente lordine di
selezione);
nel caso la 3D Polyline selezionata sia chiusa, occorre indicarne il tratto che si intende considerare nel
seguente modo:
selezionare un vertice estremo del tratto;
selezionare il secondo vertice estremo del tratto;
selezionare un vertice del tratto compreso tra i due estremi;
con il clic sinistro del mouse selezionare la seconda 3D Polyline desiderata, nel caso sia chiusa
necessario selezionarne un tratto come descritto precedentemente.

119

Consigli e osservazioni
Per ottenere delle buone triangolazioni consigliabile accertarsi che la regione compresa tra le due 3D
Polyline sia convessa, in caso contrario alcune delle 3D Face generate potrebbero sbordare al di fuori di
tale regione (per un esempio si veda Figura 54).

Figura 54 - Triangolazione di una superficie non convessa: il triangolo rosso sborda dalla superficie.

120

TC3P Triangulate a Closed 3D Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_TRIA_CLOSED3DPOLY
TC3P
CloudCUBE 2010\CAD Computation\Triangulate a Closed 3D Polyline

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di eseguire la triangolazione allinterno di una 3D Polyline chiusa. Alla fine del processo
la superficie racchiusa allinterno della 3D Polyline viene piastrellatacon entit 3D Face affiancate tra loro, i
cui vertici coincidono con i vertici della 3D Polyline indicata. Se la 3D Polyline, rispetto alla vista corrente
dellUCS corrente, contiene dei punti AutoCAD (entit Point) oppure dei blocchi punto generati dal set di
comandi 3DUtilities, questi vengono considerati in fase di triangolazione come descritto nella Figura 55.

Figura 55 - Risultato del comando di triangolazione di una 3D Polyline chiusa (a sinistra) e di una 3D Polyline chiusa
che contiene al suo interno, rispetto alla vista dellUCS corrente, alcuni punti (indicati con il crocino rosso).

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
con un clic sinistro del mouse selezionare la 3D Polyline desiderata.

121

CAD Section
Questo gruppo mette a disposizione dei comandi per calcolare linee di sezione su nuvole di punti o su
modelli tridimensionali a facce (triangolari o quadrangolari). I comandi di questo gruppo sono la base per
ottenere la restituzione 2D (ottenuta direttamente sulle nuvole di punti) o la restituzione 3D (ottenuta
passando attraverso la costruzione del modello tridimensionale sulle nuvole di punti) e produrre quindi
piante, sezioni e prospetti del rilevato.
La restituzione 2D pu essere ottenuta calcolando in automatico le apposite sezioni sulle nuvole di punti,
sistemando tali linee di sezione (le linee devono essere ridisegnate in AutoCAD rispetto allUCS di lavoro)
e aggiungendovi le quotature e/o altre simbologie.

La restituzione 3D si ottiene per costruzione del modello tridimensionale sulle nuvole di punti utilizzando in
modo integrato le tre tecniche di modellazione messe a disposizione dai moduli Draw, Mesh e Surface,
sezionando in automatico il modello 3D con il comando delle sezioni e aggiungendo le quotature e/o altre
simbologie alle sezioni ottenute.

122

I comandi di questa sezione operano sulle seguenti entit:


nuvole di punti (entit Points Cloud);
mesh a maglia triangolare o quadrangolare (entit Block Reference contenenti entit 3D Face create
utilizzando CloudCUBE);
facce tridimensionali (entit 3D Face).
Nel caso si decida di eseguire i comandi su entit di tipo Points Cloud possibile far applicare o meno,
durante il calcolo delle sezioni, un filtro per nuvole rumorose. Tale opzione, che non modifica le nuvole di
punti, permette di ottenere linee di sezione meno frastagliate, ma tende a smussare le linee ottenute in
presenza di spigoli (si veda la Figura 56). Per tale motivo lutilizzo di questo filtro viene lasciato alla
discrezione dellutente.

Figura 56 Esempio di calcolo di linee di sezione su una nuvola di punti. La linea blu stata prodotta senza utilizzare
alcun filtro, risulta quindi pi frastagliata ma segue meglio gli spigoli della nuvola. La linea verde stata calcolata con
lausilio del filtro per nuvole rumorose: quindi pi pulita ma tende ad arrotondare gli spigoli della nuvola.

Le linee di sezione generate dai comandi vengono rappresentate in AutoCAD con entit 3D Polyline o
Polyline. Tali entit vengono disegnate su due layer distinti denominati L2D_SectionLines per le entit
Polyline e L3D_SectionLines per le entit 3D Polyline. Nel caso tali layer non siano gi presenti nel file dwg, i
comandi di sezione provvedono a crearli automaticamente. Durante la fase di calcolo i comandi producono
una serie di segmenti che insieme costituiscono una singola sezione. Abilitando unapposita opzione lutente
pu decidere se far operare al comando lunificazione dei segmenti che hanno tra loro estremi coincidenti.
Questo permette di ridurre il numero di entit (3D Polyline o Polyline) che compongono una singola linea di
sezione, ottenendo cos un risultato pi pulito ma con un aumento dei tempi di calcolo.

123

SECH Horizontal Section


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SECTION_HORIZONTAL
SECH
CloudCUBE 2010\CAD Section\Horizontal Section

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ottenere in automatico una sezione orizzontale con elevazione desiderata rispetto
allUCS corrente sulle entit gestite dal comando (si veda la Figura 56). La linea di sezione pu essere
rappresentata tramite entit 3D Polyline, Polyline o con entrambe. Tali entit vengono disegnate
rispettivamente sui layer L3D_SectionLines e L2D_SectionLines (si faccia riferimento allintroduzione del
gruppo di comandi CAD Section).

Figura 57 Risultato del comando per il calcolo di una sezione orizzontale su una nuvola di punti, la linea verde la
sezione orizzontale calcolata.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
il comando effettua un controllo per verificare se ci si trova nella vista dallalto del WCS (il piano
rispetto al quale si calcolano in genere le sezioni). Se non fosse cos avverte lutente che ci si trova in
una vista differente e questultimo pu decidere, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se
procedere con lesecuzione del comando;
selezionare le entit da sezionare con una selezione a finestra e/o singolarmente;
nel caso si voglia effettuare la sezione anche su una entit Points Cloud di CloudCUBE, il comando
chiede se si intenda applicare un filtro per nuvole rumorose (si sottolinea che il filtro non modifica i dati
in input cio la nuvola di punti). Specificare, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se
utilizzare tale filtraggio;
specificare nel dialogo che compare lelevazione del piano di sezione rispetto allUCS corrente.
possibile inserire il dato numericamente nella casella di testo oppure, in alternativa, utilizzare il pick point
posto alla destra della casella di testo e selezionare un punto della nuvola, o di un altro oggetto
preventivamente disegnato, che si trova allelevazione desiderata. Per proseguire premere Ok;
il comando chiede se creare le sezioni come entit Polyline, 3D Polyline o entrambe. Effettuare la
scelta desiderata tra Polyline (digitare P), 3D Polyline (digitare 3D) e Both (digitare B), premere quindi
Enter;
il comando chiede se creare le sezioni come segmenti separati o uniti in un unico oggetto (quando
possibile). Scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), possibile specificare se procedere o meno
con lesecuzione dellunificazione.
124

SECMH Multiple Horizontal Section


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_MULTSECTION_HORIZONTAL
SECMH
CloudCUBE 2010\CAD Section\Multiple Horizontal Section

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ottenere in automatico una serie di sezioni orizzontali costruite sezionando le entit
selezionate (si faccia riferimento allintroduzione del gruppo di comandi CAD Section) secondo piani
equidistanti tra loro e paralleli al piano XY dellUCS corrente (si veda la Figura 58). Lutente deve indicare la
differenza di quota costante che separa due piani di sezione adiacenti e il valore della quota del piano di
sezione di partenza. La prima sezione viene quindi calcolata sul piano parallelo al piano XY dellUCS corrente
che giace alla quota iniziale. Le successive sezioni vengono create sui piani paralleli ottenuti addizionando
ripetutamente alla quota iniziale la differenza di quota indicata (se positiva nel verso positivo dellasse Z
dellUCS corrente, se negativa nel verso opposto). Come per tutti i comandi del gruppo CAD Section, le linee
di sezione sono rappresentate da entit 3D Polyline e/o Polyline che vengono disegnate rispettivamente sui
layer L3D_SectionLines e L2D_SectionLines (si faccia riferimento allintroduzione del gruppo CAD Section).

Figura 58 Risultato del comando per la creazione di sezioni orizzontali multiple, le linee di sezione sono disegnate con
il colore blu. Il pallino rosso indica il punto della nuvola, selezionato dallutente, il cui valore della coordinata Z specifica
la quota da cui il comando parte a calcolare le sezioni. Il valore di elevazione delle varie linee di sezione calcolato
sommando ripetutamente alla quota iniziale la differenza di quota indicata dallutente (nel disegno risulta essere
positiva).

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
il comando effettua un controllo per verificare se ci si trovi nella vista dallalto del WCS (il piano
rispetto al quale si calcolano in genere le sezioni). Se non fosse cos avverte lutente che ci si trova in
una vista differente e questultimo pu decidere, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se
procedere con lesecuzione del comando;
selezionare le entit da sezionare con una selezione a finestra e/o singolarmente;
nel caso si voglia effettuare la sezione anche su una entit Points Cloud di CloudCUBE, il comando
chiede se si intenda applicare un filtro per nuvole rumorose (si sottolinea che il filtro non modifica i dati
in input cio la nuvola di punti). Specificare, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se
utilizzare tale filtraggio;
125

specificare nel dialogo che compare lelevazione del piano di sezione rispetto allUCS corrente.
possibile inserire il dato numericamente nella casella di testo oppure, in alternativa, utilizzare il pick point
posto alla destra della casella di testo e selezionare un punto della nuvola, o di un altro oggetto
preventivamente disegnato, che si trova allelevazione desiderata. Per proseguire premere Ok;
specificare il valore della differenza di quota tra un piano di sezione e il successivo;
il comando chiede se creare le sezioni come entit Polyline, 3D Polyline o entrambe. Effettuare la
scelta desiderata tra Polyline (digitare P), 3D Polyline (digitare 3D) e Both (digitare B), premere quindi
Enter;
il comando chiede se creare le sezioni come segmenti separati o uniti in un unico oggetto (quando
possibile). Scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), specificare se procedere o meno con
lesecuzione dellunificazione.

126

SECV Vertical Section


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SECTION_VERTICAL
SECV
CloudCUBE 2010\CAD Section\Vertical Section

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di calcolare sezioni verticali ottenute sezionando le entit selezionate per mezzo di
piani ortogonali al piano XY dellUCS su cui giace la Polyline indicata dallutente (si veda la Figura 59). Tale
Polyline utilizzata per determinare i piani di sezione: per ogni segmento componente la Polyline viene
creato un piano che lo contiene ortogonale allECS.
Come per gli altri comandi di sezione di CloudCUBE anche in questo caso il risultato pu essere
rappresentato, a discrezione dellutente, tramite entit Polyline o 3D Polyline che vengono disegnate
rispettivamente sui layer L2D_SectionLines e L3D_SectionLines (si faccia riferimento allintroduzione del
gruppo di comandi CAD Section). Nel caso si sia scelto di restituire entit Polyline e sia stata abilitata
lopzione di unificazione, il comando produce almeno una Polyline di sezione per ogni segmento della Polyline
in input: questo perch generalmente a ogni segmento corrisponde una Polyline di sezione con ECS diverso.

Figura 59 Nellimmagine a sinistra si pu osservare uno screenshot di una sessione di lavoro AutoCAD in cui sono
presenti una nuvola di punti e una Polyline (blu) rispetto alle quali si vuole eseguire il comando SECV. A destra invece si
pu osservare il risultato prodotto dal comando: stata calcolata la linea di sezione che viene rappresentata con due
entit Polyline distinte (verde e viola).

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare le entit che si vogliono sezionare con una selezione a finestra e/o singolarmente;
nel caso si voglia effettuare la sezione anche su una entit Points Cloud di CloudCUBE, il comando
chiede se si intenda applicare un filtro per nuvole rumorose (si sottolinea che il filtro non modifica i dati
in input cio la nuvola di punti). Specificare, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se
utilizzare tale filtraggio;
selezionare lentit Polyline rispetto alla quale vengono creati i piani di sezione;
il comando effettua un controllo per verificare se lECS della Polyline coincida con la vista dallalto del
WCS (il piano normale rispetto al quale si calcolano in genere le sezioni). Se non fosse cos avverte
lutente che ci si trova in una vista differente e questultimo pu decidere, scegliendo tra Yes (digitare Y)
e No (digitare N), se procedere o meno con lesecuzione del comando;
il comando chiede se creare le sezioni come entit Polyline, 3D Polyline o entrambe. Effettuare la
scelta desiderata tra Polyline (digitare P), 3D Polyline (digitare 3D) e Both (digitare B), premere quindi
Enter;

127

il comando chiede se creare le sezioni come segmenti separati o uniti in un unico oggetto (quando
possibile). Scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), specificare se procedere con lesecuzione
dellunificazione.

128

SECMV Multiple Vertical Section


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_MULTSECTION_VERTICAL
SECMV
CloudCUBE 2010\CAD Section\Multiple Vertical Section

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ottenere automaticamente una serie di sezioni verticali costruite sezionando le entit
selezionate (si faccia riferimento allintroduzione del gruppo di comandi CAD Section) con vari piani normali
rispetto a unentit Polyline indicata dallutente. Tale entit non deve contenere archi al suo interno. Tali
piani vengono creati lungo il percorso della Polyline selezionata in modo da intersecare la medesima in punti
situati ad intervalli di lunghezza costante a partire dallestremo iniziale. inoltre possibile settare, tramite un
apposito parametro, lampiezza delle sezioni calcolate.
Le linee di sezione giacciono quindi su piani ortogonali rispetto al piano su cui giace la Polyline selezionata
dallutente. Ogni piano di sezione costruito in modo tale che il segmento di Polyline intersecato risulta
normale al piano stesso. I piani sono posizionati lungo la Polyline a intervalli di lunghezza fissa Step (indicata
dallutente) a partire dal primo vertice della Polyline. Nel caso lultimo vertice della Polyline cada
internamente alla nuvola di punti (rispetto alla vista Top dellUCS corrente) viene generato un piano di
sezione passante per tale punto. Infine lampiezza di ogni piano di sezione viene limitata dallapposito
parametro Width settato dallutente (si veda la Figura 60).
Come per tutti i comandi del gruppo CAD Section le linee di sezione sono rappresentate da entit 3D Polyline
e/o Polyline che vengono disegnate rispettivamente sui layer L3D_SectionLines e L2D_SectionLines (si faccia
riferimento allintroduzione del gruppo CAD Section).

129

Figura 60 Sezioni multiple verticali generate lungo il percorso di una Polyline.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la Polyline rispetto alla quale si desidera creare le sezioni;
il comando effettua un controllo per verificare se lECS della Polyline coincida con la vista dallalto
dellUCS mondo (il piano normale rispetto al quale si calcolano in genere le sezioni). Se non cos
avverte lutente che ci si trova in una vista differente e questultimo pu decidere, scegliendo tra Yes
(digitare Y) e No (digitare N), se procedere con lesecuzione del comando;
specificare il valore dellampiezza delle linee di sezione;
specificare la distanza che separa una linea di sezione dalla successiva lungo la Polyline indicata;
selezionare le entit da sezionare con una selezione a finestra e/o singolarmente;
nel caso si voglia effettuare la sezione anche su una entit Points Cloud di CloudCUBE, il comando
chiede se si intende applicare un filtro per nuvole rumorose (si sottolinea che il filtro non modifica i dati
in input cio la nuvola di punti). Specificare, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se
utilizzare tale filtraggio;
il comando chiede se creare le sezioni come entit Polyline, 3D Polyline o entrambe. Effettuare la
scelta desiderata tra Polyline (digitare P), 3D Polyline (digitare 3D) e Both (digitare B) e premere quindi
Enter;
il comando chiede se creare le sezioni come segmenti separati o uniti in un unico oggetto (quando
possibile). Scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), specificare se procedere o meno con
lesecuzione dellunificazione.

130

Figura 61 Serie di sezioni verticali generate dal comando SECMV.

131

CNTLN Contour Lines


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_CONTOURLINES
CNTLN
CloudCUBE 2010\CAD Section\Contour Lines

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di calcolare e disegnare le curve di livello sulle nuvole di punti o sui modelli
tridimensionali a facce selezionati dallutente (si veda la Figura 62). Le curve di livello calcolate dal comando
vengono rappresentate, a seconda delle necessit dellutente, tramite Polyline elevate o 3D Polyline. Esistono
tre tipi di curve di livello, Fundamental, Standard e Auxiliary, diverse tra loro per la differenza di quota che
separa due curve vicine dello stesso tipo. La differenza di quota che separa due curve di livello vicine di tipo
Fundamental sempre maggiore della differenza di quota che separa due curve vicine di tipo Standard.
Queste ultime, a loro volta, hanno sempre una differenza di quota maggiore rispetto a quella che separa due
curve vicine di tipo Auxiliary.
Durante lesecuzione del calcolo di una singola curva di livello, in base alla morfologia dellentit selezionata il
comando produce una serie di segmenti. Tutti i segmenti con estremi coincidenti possono essere unificati in
una sola linea spezzata. Tale operazione, per, fa aumentare il tempo di calcolo. Per mezzo di un apposito
parametro lutente pu decidere se far eseguire o meno al comando tale processo di unificazione.
Ogni tipo di curva di livello viene associato a due layer nei quali sono disegnate le entit che compongono le
curve di livello di tale tipo: in uno vengono disegnate tutte le entit Polyline prodotte, nellaltro vengono
create le entit 3D Polyline. Qualora non esistano gi, tali layer vengono creati automaticamente dal
comando. Il comando offre la possibilit di settare le propriet dei layer, come colore e stato (On/Off,
Freeze/Unfreeze, Lock/Unlock, ), utilizzando lapposito pannello attivabile dalla finestra di dialogo Contour
Lines (si veda la Figura 64). Di seguito sono elencati i nomi dei layer utilizzati dal comando:

L2D_Fundamental_Curves contiene tutte le entit Polyline per le curve Fundamental;


L3D_Fundamental_Curves contiene tutte le entit 3D Polyline per le curve Fundamental;
L2D_Standard_Curves contiene tutte le entit Polyline per le curve Standard;
L3D_Standard_Curves contiene tutte le entit 3D Polyline per le curve Standard;
L2D_ Auxiliary_Curves contiene tutte le entit Polyline per le curve Auxiliary;
L3D_ Auxiliary_Curves contiene tutte le entit 3D Polyline per le curve Auxiliary.

132

Figura 62 Risultato dellesecuzione del comando su una nuvola di punti: le linee rosse sono le curve Fundamental
(Step 1 m), con le linee arancioni sono rappresentate le curve Standard (Step 0,5 m), infine, le linee blu rappresentano
le curve Auxiliary (Step 0,1 m).

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
nel caso la vista e lUCS correnti siano diversi dalla vista Top View e dal WCS, il comando chiede
conferma allutente se si intenda procedere con il calcolo delle curve di livello sulla vista e sullUCS
corrente. Specificare, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se procedere o meno con
lesecuzione del comando;
nella finestra di dialogo Contour Lines (si veda la Figura 63) accedere al pannello Process Options (
abilitato di default) che permette di settare i parametri necessari per la creazione delle curve di livello;
abilitare il parametro Fundamental C.L. se si intende disegnare le curve di livello di tipo Fundamental.
Nella casella di testo di fianco al parametro di attivazione Fundamental C.L. settare il valore (Step)
dellelevazione che separa tra loro le curve di livello di tipo Fundamental;
abilitare il parametro Standard C.L. se si intende disegnare le curve di livello di tipo Standard. Nella
casella di testo di fianco al parametro di attivazione Standard C.L. settare il valore (Step) dellelevazione
che separa tra loro le curve di livello di tipo Standard;
abilitare il parametro Auxiliary C.L. se si intende disegnare le curve di livello di tipo Auxiliary. Nella
casella di testo posta di fianco al parametro di attivazione Auxiliary C.L. settare il valore (Step)
dellelevazione che separa tra loro le curve di livello di tipo Auxiliary;
abilitare il parametro Polylines nel gruppo Output Type se si desidera rappresentare le curve di livello
per mezzo di entit Polyline;
abilitare il parametro 3D Polyline nel gruppo Output Type se si desidera rappresentare le curve di
livello per mezzo di entit 3D Polyline;
abilitare lopzione Perform Unification se si vogliono unire i vari segmenti prodotti durante il calcolo di
una singola curva di livello;
cliccare sulla tab Layer Options per visualizzare il pannello di gestione dei layer (si veda la Figura 64)
sui quali vengono disegnate le curve di livello. Tale pannello consente di settare le propriet dei layer e
si rif al pannello di gestione dei layer di AutoCAD;
una volta settati i parametri premere Ok;
selezionare le entit che si vogliono sezionare con una selezione a finestra e/o singolarmente;
nel caso si voglia effettuare la sezione anche su una entit Points Cloud di CloudCUBE, il comando
chiede se si intenda applicare un filtro per nuvole rumorose (si noti che il filtro non modifica i dati in
input cio la nuvola di punti). Specificare, scegliendo tra Yes (digitare Y) e No (digitare N), se utilizzare
tale filtraggio.
133

Figura 63 Dialogo di impostazione parametri per il calcolo delle curve di livello.

Figura 64 Pannello di gestione dei layer del dialogo di impostazione parametri per il calcolo delle curve di livello.

134

ROTS Rotate Selected Polylines


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_ROTSEC_CURUCS
ROTS
CloudCUBE 2010\CAD Section\Rotate Sections By Current UCS

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare una copia rototraslata della linea di sezione Polyline selezionata dallutente (si
veda la Figura 66). La nuova entit viene creata in modo tale che il piano XY dellECS di questa copia
coincida con il piano XY della vista corrente dellUCS corrente e che lasse X dellECS sia parallelo allasse X di
tale vista.
Allutente rimangono da indicare il punto dinserzione, cio il punto del piano XY corrente in cui si vuole
posizionare il primo vertice della nuova entit e il verso dellasse Z del suo ECS. La Polyline pu infatti essere
creata in modo che il verso di tale asse sia concorde od opposto rispetto al verso dellasse Z dellUCS
corrente (si veda la Figura 65).
La Polyline calcolata dal comando viene disegnata sul layer corrente.

Figura 65 Due Polyline ottenute rototraslando la linea di sezione (in rosso). La direzione dellasse Z della Polyline in
alto a destra coincide con quella dellasse Z dellUCS corrente, in tal caso la Polyline si sviluppa a sinistra dellInsertion
Point. Nella Polyline in basso a destra, la direzione dellasse Z dellECS opposta alla direzione dellasse Z dellUCS
corrente e la Polyline si sviluppa a destra rispetto allInsertion Point.

135

Figura 66 - Esempio di esecuzione del comando ROTS. I pallini rossi indicano il primo vertice delle due Polyline. Nel
caso della Polyline creata dal comando ROTS (blu) il primo vertice coincide con il punto di inserimento indicato
dallutente

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la Polyline rappresentante la linea di sezione;
specificare con un clic sinistro del mouse il punto di inserimento (Get First Point Location);
indicare la direzione dellasse Z dellECS relativo alla Polyline. Specificare, scegliendo tra Yes (digitare
Y) e No (digitare N), se lasse Z debba avere lo stesso verso dellasse Z dellUCS corrente o il verso
opposto.

136

CloudCUBE Draw II
Draw Section
Questo gruppo mette a disposizione dei comandi a supporto delle fasi di progettazione, per ricavare in
automatico dai modelli tridimensionali generati con CloudCUBE:
piante e sezioni composte, ossia personalizzabili dallutente che pu decidere se rappresentare a vista,
oltre alle linee sezionate, anche le linee del prospetto o unimmagine della nuvola di punti (in
questultimo caso le nuvole di punti considerate sono quelle visibili o attive);
prospetti;
assonometrie, ossia un disegno bidimensionale a linee che rappresenta il modello tridimensionale dal
punto di vista desiderato;
spaccati del modello, grazie a una funzionalit molto utile soprattutto per la produzione di simulazioni
visive. Ad esempio, possibile tagliare il modello tridimensionale chiuso di unarchitettura per eseguire
poi un render che permetta di vederne gli interni.
I primi due comandi della presente sezione, che permettono di ricavare rispettivamente sezioni e piante
composte, sono simili nel funzionamento e richiedono la spiegazione del concetto di vista nuvola. Una
sezione o pianta con vista nuvola combina alle linee sezionate unimmagine dei punti indicati dallutente che
si trovano nel verso di sezione. Limmagine delle nuvole di punti viene realizzata sulle sole nuvole attive,
oppure non attive ma visibili, oppure nascoste ma con bounding-box visibile. La qualit dellimmagine
dipende dal numero di punti contenuti nelle nuvole di punti considerate.

CMPSEZ Compound Section


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :
Entit gestite:

_CUBO_COMP_SECTION
CMPSEZ
CloudCUBE 2010\Draw Section\Compound Section

Facce 3D, Regioni

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ricavare in automatico una o pi sezioni verticali composte, a partire dal modello 3D
prodotto con CloudCUBE, che vengono salvate su un dwg separato. Per calcolare una sezione necessario
indicare due punti che rappresentano gli estremi della linea di sezione e indicare un punto qualsiasi nel verso
di sezione. possibile decidere il tipo di sezione da calcolare (con prospetto a linee o con vista nuvola) e se
creare varie copie del modello tagliate lungo una o pi linee di sezione.
Ad esempio, dal modello 3D in base alle linee di sezione indicate dallutente in Figura 67, possibile
ottenere:
sezioni con prospetto a linee, come quella di Figura 68;
sezioni con vista delle nuvole di punti, come quella di Figura 69;
spaccati del modello rispetto a un piano di sezione, come quello di Figura 70.

137

Figura 67 Esempio di modello 3D con linee di sezione indicate dallutente.

Figura 68 Esempio di sezione con prospetto a linee.

138

Figura 69 Esempio di sezione con vista delle nuvole di punti.

Figura 70 Esempio di spaccato del modello 3D rispetto a un piano di sezione.

139

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Per calcolare limmagine solo su una parte delle nuvole di punti presenti nel dwg occorre che queste
siano preventivamente rese attive, oppure non attive ma visibili, oppure nascoste ma con bounding-box
visibile. Nel caso si intenda calcolare limmagine su tutte le nuvole di punti non necessario eseguire
preventivamente alcuna operazione.
nel caso si voglia sezionare un modello 3D occorre verificare che questo sia acceso (agendo sui
rispettivi layer);
attivare il comando;
la vista viene impostata in automatico sul Top dellUCS mondo;
indicare il primo vertice estremo della linea di sezione (clic sinistro del mouse);
indicare il secondo vertice estremo della linea di sezione;
indicare un punto qualsiasi nel verso in cui eseguire il calcolo del prospetto o dellimmagine delle
nuvole di punti;
per inserire una nuova linea di sezione digitale Y e premere Enter per ripetere i precedenti tre punti
oppure digitare N e premere Enter per continuare;
indicare, per mezzo della selezione poligonale, larea allinterno di cui giacciono le facce del modello
e/o i punti delle nuvole da considerare nel calcolo;
compare il dialogo di Figura 71 dove possibile scegliere, per ogni linea di sezione, che tipo di
rappresentazione grafica si vuole ottenere. Ogni linea di sezione indicata da una riga della tabella (il
nome delle sezioni editabile), mentre le colonne Lines, Clouds, Cut permettono di abilitare/disabilitare il
calcolo della sezione, rispettivamente con prospetto o con vista nuvola, e dello spaccato del modello.
Il parametro Edge Tolerance Angle un numero che pu variare tra 0 e 180, indicante in gradi langolo
massimo compreso tra due facce triangolari aventi un lato in comune, affinch tale lato venga
rappresentato come segmento nel prospetto (nel caso lopzione Lines sia stata attivata).
Il parametro Slanted Faces Angle (angolo delle facce inclinate) un numero che pu variare tra 0 e 90
gradi. Viene utilizzato nel calcolo dei prospetti a linee e serve a escludere dal calcolo tutte le facce che
sono troppo inclinate rispetto al piano di sezione, questo per avere prospetti pi "puliti". Zero gradi
significa faccia con inclinazione pari al piano di sezione, 90 gradi significa faccia perpendicolare al piano
di sezione. Per stabilire se una faccia troppo inclinata e deve essere quindi scartata viene verificato se
tale angolo sia maggiore o uguale all'angolo specificato dal parametro Slanted Faces Angle. Se Slanted
Faces Angle = 90 vengono considerate tutte le facce del modello, nessuna scartata. Viceversa se
Slanted Faces Angle = 0 nessuna faccia viene considerata, tutte sono scartate.
Premendo il tasto Options possibile accedere ad altre impostazioni, raggruppate nel dialogo di Figura
72. Spuntando Cut Under Section viene cancellata la porzione di vista nuvola che sta al di sotto della
linea di sezione: possibile effettuare la cancellazione scegliendo tra le modalit Architecture (nel caso si
stia sezionando un modello architettonico) o DTM (nel caso di sezioni su modelli ambientali). Spuntando
Perform Unification i segmenti che compongono la linea sezionata vengono uniti (altrimenti, la sezione
viene rappresentata da segmenti). Precision definisce il numero di decimali considerati affinch tale
processo di unione venga eseguito. Le opzioni del gruppo Cloud to Consider permettono di decidere se
eseguire il calcolo dellimmagine delle nuvole su tutte le nuvole del dwg (selezionando l'opzione All)
oppure solo sui sottoinsiemi delle nuvole attive, non attive visibili o non attive con bounding box visibile
(selezionando l'opzione Target). Il gruppo di opzioni Point Dimension permette all'utente di scegliere se
far corrispondere a ogni punto un solo pixel dell'immagine (opzione Small) oppure pi pixel (opzione
Large). Il campo Image Resolution consente di settare la dimensione massima (numero massimo di pixel
in larghezza o in altezza) che l'immagine pu avere. Background Color permette di accedere a un dialogo
da cui scegliere il colore da applicare allo sfondo della vista delle nuvole di punti.
Premendo il tasto Section Names nel dialogo di Figura 71 possibile accedere ad altre impostazioni,
raggruppate nel dialogo di Figura 73, utili se si desidera dare a tutte le sezioni lo stesso nome seguito da
un numero progressivo: nel campo Names possibile specificare il nome da dare alle sezioni, mentre il
campo Section Numeration Starting Number consente di specificare il valore iniziale dei numeri
progressivi agganciati ai nomi delle sezioni.
Una volta impostati i parametri desiderati e confermato il calcolo premendo il bottone Ok, si apre un
dialogo in cui specificare il percorso e il nome da associare ai nuovi file dwg. Scegliendo, ad esempio, il
nome DwgName.dwg e scegliendo Ok viene creato un nuovo file dwg di nome DwgName che
contiene le varie sezioni composte. Inoltre, se spuntata lopzione Cut, vengono creati i file
Cut_SectionName_DwgName.dwg contenenti ognuno il corrispondente modello tagliato in
corrispondenza della linea di sezione, dove SectionName indica il nome della sezione a cui il modello
tagliato fa riferimento.
140

Prima di eseguire limmagine dei punti, per liberare memoria il comando nasconde automaticamente
tutte le nuvole di punti presenti nel dwg. Alla fine del calcolo vengono visualizzati solamente i boundingbox delle nuvole prese in considerazione.

Figura 71 Finestra di dialogo per la scelta del tipo di rappresentazione grafica da eseguire, per ogni linea di sezione
indicata dallutente.

Figura 72 Finestra delle opzioni dei comandi di sezione.

141

Figura 73 - Finestra delle opzioni di rinomina delle sezioni.

Consigli e osservazioni
Quando possibile, per migliorare le prestazioni del CAD, si consiglia di visualizzare solo i bounding-box delle
le nuvole di punti da considerare nel calcolo delle sezioni verticali composte.

142

CMPPLN Compound Plan


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :
Entit gestite:

_CUBO_COMP_PLAN
CMPPLN
CloudCUBE 2010\Draw Section\Compound Plan

Facce 3D, Regioni

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ricavare in automatico, a partire dal modello 3D prodotto con CloudCUBE, una o pi
sezioni orizzontali (piante) composte che vengono salvate su un dwg separato. Per calcolare una pianta
necessario indicare due punti che rappresentano gli estremi della linea di sezione e indicare un punto
qualsiasi nel verso di sezione. possibile decidere il tipo di sezione da calcolare (con prospetto a linee o con
vista punti) e se creare varie copie del modello tagliate lungo una o pi linee di sezione.
Alla prima pianta della serie che il comando permette di calcolare vengono associate nel dwg separato le
coordinate originali del modello 3D.
I risultati ottenibili con il comando Compound Plan sono del tutto simili a quelli di Compound Section, infatti,
cambia solamente lorientamento del piano di sezione.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Per calcolare limmagine solo su una parte delle nuvole di punti presenti nel dwg occorre che queste
siano preventivamente rese attive, oppure non attive ma visibili, oppure nascoste ma con bounding-box
visibile. Nel caso si intenda calcolare limmagine su tutte le nuvole di punti non necessario eseguire
preventivamente alcuna operazione.
nel caso si voglia sezionare un modello 3D occorre verificare che questo sia acceso (agendo sui
rispettivi layer);
attivare il comando;
in automatico la vista viene impostata sul Front dellUCS mondo;
indicare il primo vertice estremo della linea di sezione (clic sinistro del mouse);
indicare il secondo vertice estremo della linea di sezione;
indicare un punto qualsiasi nel verso in cui eseguire il calcolo del prospetto o dellimmagine delle
nuvole di punti;
per inserire una nuova linea di sezione digitale Y e premere Enter per ripetere i precedenti tre punti
oppure digitare N e premere Enter per continuare;
indicare, per mezzo della selezione poligonale, larea allinterno di cui giacciono le facce del modello
e/o i punti delle nuvole da considerare nel calcolo;
compare il dialogo di Figura 74 dove possibile scegliere, per ogni linea di sezione, che tipo di
rappresentazione grafica si vuole ottenere. Ogni linea di sezione indicata da una riga della tabella (il
nome delle sezioni editabile), mentre le colonne Lines, Clouds, Cut permettono di abilitare/disabilitare il
calcolo della sezione, rispettivamente con parti in vista a linee o con vista nuvola, e dello spaccato del
modello.
Il parametro Edge Tolerance Angle un numero che pu variare tra 0 e 180, indicante in gradi langolo
massimo compreso tra due facce triangolari aventi un lato in comune, affinch tale lato venga
rappresentato come segmento in vista non sezionato (nel caso lopzione Lines sia stata attivata).
Il parametro Slanted Faces Angle (angolo delle facce inclinate) un numero che pu variare tra 0 e 90
gradi. Viiene utilizzato nel calcolo dei prospetti a linee e serve a escludere dal calcolo tutte le facce che
sono troppo inclinate rispetto al piano di sezione, questo per avere prospetti pi "puliti". Zero gradi
significa faccia con inclinazione pari al piano di sezione, 90 gradi significa faccia perpendicolare al piano
di sezione. Per stabilire se una faccia troppo inclinata e deve essere quindi scartata viene verificato se
tale angolo sia maggiore o uguale all'angolo specificato dal parametro Slanted Faces Angle. Se Slanted
Faces Angle = 90 vengono considerate tutte le facce del modello, nessuna scartata. Viceversa se
Slanted Faces Angle = 0 nessuna faccia viene considerata, tutte sono scartate.
Premendo il tasto Options possibile accedere ad altre impostazioni, raggruppate nel dialogo di Figura
72. Spuntando Cut Under Section viene cancellata la porzione di vista nuvola che sta al di sotto della
linea sezionata: possibile effettuare la cancellazione scegliendo tra le modalit Architecture (nel caso si
stia sezionando un modello architettonico) o DTM (nel caso di sezioni su modelli ambientali). Spuntando
Perform Unification i segmenti che compongono la linea di sezione vengono uniti (altrimenti, la sezione
viene rappresentata da segmenti). Precision definisce il numero di decimali considerati affinch tale
143

processo di unione venga eseguito. Le opzioni del gruppo Cloud to Consider permettono di decidere se
eseguire il calcolo dellimmagine delle nuvole su tutte le nuvole del dwg (selezionando l'opzione All)
oppure solo sui sottoinsiemi delle nuvole attive, non attive visibili o non attive con bounding box visibile
(selezionando l'opzione Target). Il gruppo di opzioni Point Dimension permette all'utente di scegliere se
far corrispondere a ogni punto un solo pixel dell'immagine (opzione Small) oppure pi pixel (opzione
Large). Il campo Image Resolution consente di settare la dimensione massima (numero massimo di pixel
in larghezza o in altezza) che l'immagine pu avere. Background Color permette di accedere a un dialogo
da cui scegliere il colore da applicare allo sfondo dela vista delle nuvole di punti.
Premendo il tasto Section Names nel dialogo di Figura 74 possibile accedere ad altre impostazioni,
raggruppate nel dialogo di Figura 75, utili se si desidera dare a tutte le sezioni lo stesso nome seguito da
un numero progressivo: nel campo Names possibile specificare il nome da dare alle sezioni, mentre il
campo Section Numeration Starting Number consente di specificare il valore iniziale dei numeri
progressivi agganciati ai nomi delle sezioni.
Una volta impostati i parametri desiderati e confermato il calcolo premendo il bottone Ok, si apre un
dialogo in cui specificare il percorso e il nome da associare ai nuovi file dwg. Scegliendo, ad esempio, il
nome DwgName.dwg e scegliendo Ok viene creato un nuovo file dwg di nome DwgName che
contiene le varie sezioni composte. Inoltre, se spuntata lopzione Cut, vengono creati i file
Cut_SectionName_DwgName.dwg contenenti ognuno il corrispondente modello tagliato in
corrispondenza della linea di sezione, dove SectionName indica il nome della sezione a cui il modello
tagliato fa riferimento.
Prima di eseguire limmagine dei punti, per liberare memoria il comando nasconde automaticamente
tutte le nuvole di punti presenti nel dwg. Alla fine del calcolo vengono visualizzati solamente i boundingbox delle nuvole prese in considerazione.

Figura 74 Finestra per la scelta del tipo di rappresentazione grafica da eseguire, per ogni linea di sezione indicata
dallutente.

144

Figura 75 - Finestra delle opzioni di rinomina delle piante.

Consigli e osservazioni

Quando possibile, per migliorare le prestazioni del CAD, si consiglia di visualizzare solo i
bounding-box delle le nuvole di punti da considerare nel calcolo delle sezioni orizzontali composte.

ELEV Elevation
Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :
Entit gestite:

_CUBO_ ELEVATION
ELEV
CloudCUBE 2010\Draw Section\Elevation

Facce 3D, Regioni

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ricavare in automatico uno o pi prospetti a partire dal modello 3D prodotto con
CloudCUBE. I prospetti vengono ricavati disegnando tutti gli edge corrispondenti ai lati in comune tra le
coppie di 3D Face del modello, il cui langolo compreso tra le due facce sia minore o uguale al parametro
Edge Tollerance Angle che pu variare, in gradi, tra 0 e 180.
In Figura 77 rappresentato un esempio di prospetto ottenuto con il comando Elevation di CloudCUBE a
partire dal modello 3D e dai piani di proiezione, scelti per i prospetti che si vogliono ottenere, visualizzati
dalle linee di Figura 76.

Figura 76 Modello 3D e indicazione dei piani di proiezione scelti per ottenere i prospetti.

146

Figura 77 Esempio di prospetto ottenuto dal modello 3D della figura precedente.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
in automatico la vista viene impostata sul Top dellUCS mondo;
indicare il primo vertice estremo della linea di prospetto (linea indicante il piano di proiezione del
prospetto);
indicare il secondo vertice estremo della linea di prospetto;
digitale Y e premere Enter per ripetere i precedenti due punti e inserire una nuova linea di prospetto o
digitare N e premere Enter per continuare;
selezionare tutte le entit che compongono il modello 3D e premere Enter;
compare il dialogo di Figura 78 in cui possibile specificare:
il valore di Edge Tolerance Angle: ogni edge disegnato in 2D corrisponde a un angolo compreso
tra due 3D Face minore o uguale al parametro Edge Tolerance Angle che pu variare (in gradi) tra
0 e 180;
il valore di Slanted Faces Angle (angolo delle facce inclinate): un numero che pu variare tra 0 e
90 gradi e serve a escludere dal calcolo tutte le facce che sono troppo inclinate rispetto al piano
prescelto per il calcolo del prospetto, questo per avere prospetti pi "puliti". Zero gradi significa
faccia con inclinazione pari al piano, 90 gradi significa faccia perpendicolare al piano. Per stabilire
se una faccia troppo inclinata e deve essere quindi scartata viene verificato se tale angolo sia
maggiore o uguale all'angolo specificato dal parametro Slanted Faces Angle. Se Slanted Faces
Angle = 90 significa che verranno considerate tutte le facce del modello, nessuna scartata.
Viceversa se Slanted Faces Angle = 0 nessuna faccia viene considerata, tutte sono scartate.
Scegliere Ok;
si apre un dialogo dove viene chiesto il percorso e il nome del dwg con cui salvare i prospetti, premere
Save per avviare il calcolo;
i prospetti sono composti da entit Line di AutoCAD e sono salvati nel dwg con il nome e il percorso
precedentemente scelti.

147

Figura 78 Dialogo per la scelta del valore di Edge Tolerance Angle.

148

DWAXO Axonometric Projection


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :
Entit gestite:

_CUBO_DRAW_AXO
DWAXO
CloudCUBE 2010\Draw Section\Axonometric Projection

Facce 3D, Regioni

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ricavare in automatico uno o pi viste assonometriche di un modello 3D ottenuto
con CloudCUBE. simile per funzionalit al comando Elevation, solo che con Axonometric Projection gli edge
vengono determinati rispetto al punto di vista scelto dallutente.
In Figura 80 riportato un esempio di assonometria ottenuta con il comando Axonometric Projection di
CloudCUBE a partire dal modello 3D e dal punto di vista di Figura 79.

Figura 79 Modello 3D e scelta del punto di vista da cui calcolare la proiezione assonometrica.

149

Figura 80 Esempio di assonometria ottenuta a partire dal modello 3D e dal punto di vista della figura precedente.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Posizionare il modello nella vista desiderata con il comando Orbit o con le Viste di AutoCAD;
attivare il comando;
selezionare tutte le entit che compongono il modello e digitare Enter;
compare un dialogo (Figura 78) dove possibile specificare:
il valore di Edge Tolerance Angle: ogni edge disegnato in 2D corrisponde a un angolo compreso
tra due 3D Face minore o uguale al parametro Edge Tolerance Angle che pu variare (in gradi) tra
0 e 180;
il valore di Slanted Faces Angle (angolo delle facce inclinate): un numero che pu variare tra 0 e
90 gradi e serve a escludere dal calcolo tutte le facce che sono troppo inclinate rispetto al piano
prescelto per il calcolo del prospetto, questo per avere prospetti pi "puliti". Zero gradi significa
faccia con inclinazione pari al piano, 90 gradi significa faccia perpendicolare al piano. Per stabilire
se una faccia troppo inclinata e deve essere quindi scartata viene verificato se tale angolo sia
maggiore o uguale all'angolo specificato dal parametro Slanted Faces Angle. Se Slanted Faces
Angle = 90 significa che verranno considerate tutte le facce del modello, nessuna scartata.
Viceversa se Slanted Faces Angle = 0 nessuna faccia viene considerata, tutte sono scartate.
Scegliere Ok;
si apre un dialogo dove viene chiesto il percorso e il nome del dwg con cui salvare i prospetti, premere
Salva per avviare il calcolo;
la vista composta da entit Line di AutoCAD e sono salvati nel dwg con il nome e il percorso
precedentemente scelti.

150

GETCUT Cut 3D Model


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :
Entit gestite:

_CUBO_GET_CUT
GETCUT
CloudCUBE 2010\Draw Section\Cut 3D Model

Facce 3D, Regioni

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ottenere spaccati del modello 3D esattamente come possibile fare con i comandi
Compound Section ed Elevation. La principale differenza rispetto a tali comandi che Cut 3D Model
permette di eseguire tagli rispetto a una generica vista di un generico UCS. Prima di eseguire il taglio
dunque necessario creare (se gi non esiste) lUCS rispetto a cui va effettuato e richiamare la vista corretta,
in quanto il taglio funziona concettualmente come la sezione verticale.
Per effettuare il taglio del modello con il piano rappresentato dalla faccia 3D di Figura 81 necessario
definire lUCS che giace su tale piano come descritto in Figura 82. Per fare questo si pu, ad esempio,
disegnare la faccia 3D con i comandi di AutoCAD e quindi definire un UCS per 3 punti, selezionando tre dei
suoi vertici. Richiamata la vista Left del nuovo UCS e disegnata una linea sul profilo della faccia 3D, come
mostrato in Figura 83, si esegue il comando Cut 3D Model indicando la parte inferiore come quelle da non
cancellare dopo il taglio, ottenendo il risultato di Figura 84.

Figura 81 Modello 3D e piano rispetto cui eseguire il taglio.

151

Figura 82 Definizione del nuovo UCS che giace sul piano di taglio.

Figura 83 Disegno della linea di taglio sulla vista Left del nuovo UCS.

152

Figura 84 Modello 3D tagliato.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Creare (se non esiste) lUCS giacente sul piano di taglio, porsi nella corretta vista e disegnare la linea
di taglio (questultima necessaria come riferimento se il taglio deve essere eseguito esattamente
rispetto al piano desiderato);
attivare il comando;
indicare il primo vertice estremo della linea di taglio (nel caso la linea sia disegnata come nellesempio
precedente, attivare lOsnap sui vertici);
indicare il secondo vertice estremo della linea di taglio;
indicare un punto qualsiasi nella direzione dove i triangoli del modello non devono essere cancellati;
selezionare tutte le entit del modello 3D da considerare e premere Enter;
compare un dialogo dove necessario inserire il percorso e il nome del file con cui salvare il modello
tagliato, premere Save per avviare il calcolo.

153

MODSEG Model Segmentation


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
_CUBO_MODEL_SEGMENTATION
Alias :
MODSEG
Menu :
CloudCUBE 2010\Draw Section\Model Segmentation
Entit gestite:
Facce 3D, Regioni, Quad Surface
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di segmentare un modello 3D o una maglia quadrangolare a partire da una polilinea
tracciata dall'utente. Viene inoltre consentito di scegliere se conservare la parte segmentata contenuta
all'interno della polilinea generando cos due parti del modello, oppure se eliminarla generando, in pratica,
un foro nel modello con la forma della polilinea tracciata. Poich la polilinea tracciata dall'utente potrebbe
non trovarsi esattamente sullo stesso piano del modello da segmentare, un'opzione di questo comando
permette di generare automaticamente una polilinea corrispondente al bordo della segmentazione appena
eseguita.

Figura 85 Comando Model Segmentation: finestra delle opzioni.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Tracciare una polilinea chiusa sul piano di perforazione oppure una polilinea 3D con Osnap sul modello
(il piano considerato il piano medio passante per i vertici della polilinea 3D);
attivare il comando;
selezionare il modello o la maglia quadrangolare da segmentare e premere Enter;
selezionare la polilinea tracciata precedentemente. A questo punto compare una finestra che permette
di scegliere tra le seguenti opzioni (Figura 85):
selezionare Segmentation se si desidera che la parte di modello segmentato racchiusa all'interno
della polilinea non venga cancellata ma posta sul layer corrente. Selezionare Deletion se si
desidera creare un foro e quindi se la parte racchiusa all'interno della polilinea deve essere
cancellata;
se si desidera impostare dei limiti di taglio (o segmentazione) superiore e inferiore riferiti all'asse Z
normale al piano su cui giace la polilinea tracciata dall'utente, attivare la casella Enable Bounding
Planes e impostare i rispettivi valori nelle caselle di testo corrispondenti, oppure utilizzare i pulsanti
di selezione dei punti nell'area di disegno. Se non viene attivata questa opzione il modello viene
tagliato (o segmentato) per la sua intera profondit riferita all'asse Z, normale al piano su cui
giace la polilinea (o al piano medio della polilinea 3D) tracciata dall'utente;
attivare la casella Draw Cut Lines se si vuole che venga disegnata automaticamente una polilinea
che segue esattamente il bordo del taglio (o della segmentazione) in quanto giace esattamente
154

sullo stesso piano del modello tagliato (o segmentato). La polilinea tracciata dall'utente serve per
operare il taglio o la segmentazione ma non giace esattamente sullo stesso piano del modello.

Figura 86 Tracciamento della polilinea che genera il contorno della segmentazione.

Figura 87 Segmentazione di una Quad Surface mantenendo la porzione, posta automaticamente sul layer corrente,
allinterno della polilinea.

155

Figura 88 Segmentazione di una Quad Surface eliminando la porzione allinterno della polilinea.

156

MODCPS Model Copy and Paste


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
_CUBO_MODEL_COPY_AND_PASTE
Alias :
MODCPS
Menu :
CloudCUBE 2010\Draw Section\Model Copy and Paste
Entit gestite:
Facce 3D, Regioni, Quad Surface, Solidi 3D
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette, qualora il file sul quale si sta lavorando sia composto da entit quali 3D Face, Region,
Solid, Quad Surface, contenute in riferimenti esterni (xRef), di operare una selezione di parte del modello (o
dell'intero modello) e di salvarla in un nuovo file fondendo nel modello local tutti i riferimenti esterni, i quali
diventano entit proprie del nuovo file e non pi riferimenti esterni. Il file di origine contenente i riferimenti
esterni non viene alterato.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
indicare tramite selezione rettangolare quale parte del modello deve essere fusa (si pu selezionare
anche l'intero modello);
appare una finestra di dialogo che chiede il nome del nuovo file il percorso dove salvarlo.

EXVERT Vertical Extrusion


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
_CUBO_VERTICAL_SURFACE_EXTRUSION
Alias :
EXVERT
Menu :
CloudCUBE 2010\Draw Section\Vertical Extrusion
Entit gestite:
Polyline, 3D Polyline
Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di estrudere una polilinea o una polilinea 3D in modo personalizzato, scegliendo se
chiudere o meno il top e il bottom e il tipo di estrusione da eseguire.

Figura 89 Vertical Extrusion: finestra delle opzioni.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Tracciare una Polyline o una 3D Polyline;
attivare il comando;
selezionare la polilinea precedentemente tracciata;
appare una finestra che permette di impostare le seguenti opzioni (Figura 89)
selezionando la modalit Elevation la sommit dell'estrusione viene generata tramite una polilinea
alla quota indicata, riferita all'asse Z, definita dall'utente stesso tramite la casella di testo adiacente
o tramite il pulsante di selezione della quota sull'area di disegno, indipendentemente dalla quota
alla quale era stata tracciata la polilinea di partenza. In questa modalit, se la polilinea di partenza
non definisce un piano rispetto all'asse Z ma ha un andamento tridimensionale, la sommit
dell'estrusione risulter comunque una polilinea che definisce un piano sull'asse Z e non verr
riportato l'andamento tridimensionale (si veda Figura 91);
selezionando la modalit Offset la sommit dell'estrusione viene generata tramite un offset della
polilinea di input, a una distanza definita tramite la casella di testo adiacente. In questa modalit,
se la polilinea di partenza non definisce un piano rispetto all'asse Z ma ha un andamento
tridimensionale, la sommit dell'estrusione riporter l'andamento tridimensionale della polilinea di
partenza (si veda Figura 92);
spuntando le caselle della sezione Close by Triangulation possibile decidere se la sommit e/o il
fondo del solido ottenuto per estrusione saranno delle facce chiuse o aperte. Nel caso si decida di
generare delle facce chiuse i punti che definiscono le polilinee costituenti il fondo e la sommit
vengono automaticamente triangolati.

158

Figura 90 Tracciamento della 3D Polyline da estrudere.

Figura 91 Estrusione della 3D Polyline tramite la modalit Elevation.

159

Figura 92 Estrusione della 3D Polyline tramite la modalit Offset.

160

MODULO SURFACE

Il modulo Surface si compone di due differenti tecniche di modellazione, entrambe finalizzate alla creazione
di un modello con pochi poligoni, tenendo conto del maggior numero possibile di punti delle nuvole nella
fase di costruzione di tali poligoni.
La prima tecnica di modellazione Quad Surface (ossia Quadrangular Surface) e permette di:
spalmare una mesh a maglia quadrangolare (Quad Surface), con passo regolare definibile
dallutente, su una nuvola di punti o su una sua selezione, rispetto alla vista dellUCS corrente;
estrudere una polyline tracciata dallutente per seguire un profilo della nuvola di punti, generando
una Quad Surface con passo definibile dallutente che si adatta automaticamente alla nuvola di punti
seguendone landamento.
La Quad Surface un set di entit 3D Face di AutoCAD raggruppate in un Block Reference che pu essere
editato attraverso il Block Editor di AutoCAD. Il modulo Surface comprende una serie di comandi che
permettono di intervenire sulle Quad Surface per ottenere, ad esempio, gli spigoli dei fabbricati o
semplicemente per costruire le giunzioni tra le varie parti modellate a Quad Surface per ottenere cos un
modello unico che, in seguito, in base alle esigenze di lavoro, pu essere convertito tutto a triangoli, oppure
importato come nuvola di punti triangolata nel database esterno di CloudCUBE.
La seconda tecnica di modellazione Region Surface che fornisce un set di tool che permettono di creare ed
editare le entit Region di AutoCAD allo scopo di restituire in 3D porzioni di nuvola planari o assimilabili a
tali. Oltre alla creazione di regioni sul piano medio dei punti selezionati, vi sono strumenti di split tra regioni
o tra regioni e Quad Surface, permettendo cos linterazione e lintegrazione tra le due tecniche di
modellazione del modulo Surface.
161

Comandi
In questa sezione vengono descritti i comandi del modulo Surface di CloudCUBE attivabili dalla toolbar, da
console o dal menu a tendina. Tali comandi sono suddivisi nelle seguenti categorie:
Quad;
Region.

Quad
Questo gruppo di comandi permette di creare mesh materializzate a quadrangoli (Quad Surface) a partire da
nuvole di punti e fornisce tutti gli strumenti necessari per editare tali mesh.

QUADSU Compute and Materialize Quad Surface on Cloud


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_QUADSURFACE_CLOUD
QUADSU
CloudCUBE 2010\Compute and Materialize Quad Surface on Cloud

Funzionalit e caratteristiche
Il comando calcola e materializza una Quad Surface su una nuvola di punti selezionata dallutente o su una
sua selezione di punti. Durante il processo di calcolo, il comando determina una Quad Surface proiettata
rispetto al piano XY relativo allUCS corrente. Il passo della maglia, ovvero la lunghezza calcolata sul piano
XY dei lati di ogni quadrato, viene deciso dallutente. La quota da assegnare a ogni vertice della surface
viene determinata calcolando la media dei valori della coordinata Z per ogni punto della nuvola la cui
proiezione sul piano XY cade nellintorno del vertice della maglia considerata. Un esempio di Quad Surface
materializzata riprodotto in Figura 93. Per ogni quadrato che compone la maglia viene creata unentit 3D
Face che inserita, insieme alle altre, in un Block Reference.

Figura 93 Risultato dell'esecuzione del comando di creazione di una Quad Surface su una nuvola di punti.

162

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare lUCS e la vista rispetto alla quale si vuole proiettare la Quad Surface sulla nuvola di punti. Se
tale UCS non esiste necessario crearlo con gli appositi comandi;
attivare il comando;
selezionare la nuvola di punti sulla base della quale si vuole costruire la Quad Surface;
dalla console indicare la dimensione della maglia della Quad Surface e premere Enter;
nel caso siano stati selezionati in precedenza dei punti sulla nuvola interessata, digitare Y nella console
se si desidera che la Quad Surface sia costruita considerando solo i punti della nuvola selezionati, oppure
N per considerare tutta la nuvola.

163

QUADMP Compute and Materialize Quad Surface on Cloud Selection


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_QUADSURFACE_MEANPLANE
QUADMP
CloudCUBE 2010\Compute and Materialize Quad Surface on Cloud Selection

Funzionalit e caratteristiche
Il comando calcola e materializza una Quad Surface su una selezione dei punti della nuvola effettuata
dallutente. Durante il processo di calcolo, il comando determina il piano di proiezione come piano medio dei
punti selezionati, senza la necessit di indicare a priori un UCS di proiezione. Il passo della maglia, ovvero la
lunghezza calcolata sul piano XY dei lati di ogni quadrato, viene deciso dallutente. La quota da assegnare a
ogni vertice della surface viene determinata dal software calcolando la media dei valori della coordinata Z
per ogni punto della nuvola la cui proiezione sul piano XY cade nellintorno del vertice della maglia
considerata. Un esempio di Quad Surface materializzata riprodotto in Figura 93. Per ogni quadrato che
compone la maglia viene creata unentit 3D Face che inserita, insieme alle altre, in un Block Reference.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Effettuare una selezione dei punti della nuvola sui quali si vuole spalmare la Quad Surface tramite gli
strumenti di selezione illustrati nella corrispondente sezione del manuale;
attivare il comando;
selezionare lorigine degli assi X e Y di riferimento per lorientamento delle maglie Quad Surface;
trascinare il mouse nella posizione desiderata per indicare lorientamento dellasse X (ad esempio a
una distanza qualsiasi dallorigine degli assi appena individuata e parallelo a un bordo della nuvola) e
cliccare con il tasto sinistro del mouse;
specificare lorientamento dellasse Y cliccando il tasto sinistro del mouse in un punto qualsiasi del
verso prescelto per lorientamento rispetto allasse X;
confermare lorientamento degli assi digitando Yes (quindi Enter per accettare) oppure ridefinirlo
digitando No quando viene rivolta la domanda allutente;
indicare la dimensione della maglia della Quad Surface e premere Enter.

164

QUADEX Materialize Quad Surface by Extrusion


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_QUADSURFACE_EXTRUDE
QUADEX
CloudCUBE 2010\Materialize Quad Surface by Extrusion

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di estrudere una Polyline tracciata dallutente per seguire un profilo della nuvola di
punti, generando una Quad Surface con passo definibile dallutente che si adatta automaticamente alla
nuvola di punti seguendone landamento. Il comando risulta dunque molto utile quando si vuole generare la
Quad Surface partendo da un profilo (si pensi, ad esempio, a una scala di cui si traccia una Polyline che
segue il profilo dei gradini) che viene estruso adattandosi per allandamento superficiale della nuvola
considerata, per riprodurre ad esempio eventuali irregolarit od ondulazioni dei gradini (si vedano Figura 94
e Figura 95).
Il comando lavora generando delle copie della polilinea di partenza a una distanza stabilita dallutente e poi
adattando i vertici delle polilinee (anche definendo un numero maggiore di vertici rispetto a quelli della
polilinea di partenza) ai punti della nuvola determinati in un intorno di ogni vertice selezionato tramite due
parametri descritti in seguito.

Figura 94 Tracciamento di una Polyline sul profilo della nuvola di punti e selezione della zona di interesse.

165

Figura 95 Estrusione di una Polyline e adattamento alla nuvola di punti generando una Quad Surface: risultato finale.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Tracciare una polyline lungo il profilo della nuvola dal quale si vuole ricavare la Quad Surface per
estrusione;
effettuare una selezione dei punti da considerare tramite gli strumenti di selezione descritti nella
corrispondente sezione del manuale;
attivare il comando;
selezionare la polilinea da estrudere;
impostare adeguatamente i seguenti parametri, che compaiono in una finestra di dialogo allatto della
selezione della polilinea (si vedano Figura 96 e Figura 97):
Depth Grid Step: rappresenta il passo della maglia quadrangolare nella direzione di estrusione (che
sempre normale rispetto alla direzione del piano su cui giace la polilinea);
Poly Grid Step: rappresenta il passo della maglia quadrangolare rispetto alla direzione del piano su
cui giace la polilinea estrusa. Se non viene impostato questo parametro le maglie quadrangolari,
nella direzione del piano su cui giace la polilinea, verranno determinate in base alle distanze dei
vertici della polilinea stessa;
Selection Cylinder Radius: rappresenta il raggio dei cilindri di selezione (modalit di selezione
propria di questo comando, si veda la Nota) dellintorno dei punti di ogni vertice della maglia
quadrangolare (o della polilinea estrusa, se non definito il Poly Grid Step) per ladattamento
allandamento della nuvola alla quale applicare la Quad Surface;
Selection Cylinder Length (+/-): rappresenta la semi-lunghezza dei cilindri di selezione, il cui
centro posto in corrispondenza di ogni vertice della maglia quadrangolare e/o dei vertici della
polilinea estrusa. La lunghezza totale dei cilindri di selezione dunque pari al doppio del
paramentro impostato in quanto essi guardano sia sopra che sotto ogni vertice;
Show Unprojected Faces: attivare questa casella di spunta se si vuole che vengano evidenziate in
rosso e poste su un layer apposito le facce della maglia quadrangolare estrusa che il programma
non riesce ad adattare alla nuvola (ad esempio perch il cilindro di selezione non trova punti) e
che quindi vengono estruse parallelamente alla polilinea di partenza (si veda Figura 98);
Confermare premendo Ok.

166

Figura 96 Finestra di dialogo per limpostazione dei parametri di creazione della Quad Surface a partire da una
Polyline.

Nota
Il comando lavora a partire da una polilinea tracciata dallutente affinch la Quad Surface si adatti a tale
profilo seguendo contemporaneamente landamento dei punti della parte di nuvola selezionata. La Quad
Surface viene costruita:
generando delle copie della polilinea di partenza ad una distanza stabilita dallutente tramite il
parametro Depth Grid Step;
adattando i vertici della polilinea di partenza e delle copie ai punti della nuvola selezionati nel
seguente modo:
definendo il passo della Quad Surface rispetto alla direzione del piano su cui giace la polilinea
estrusa tramite il parametro Poly Grid Step. Se non viene impostato questo parametro le maglie
quadrangolari, nella direzione del piano su cui giace la polilinea, verranno determinate in base alle
distanze dei vertici della polilinea stessa;
adattando i vertici definiti mediante il parametro Poly Grid Step ai punti della nuvola nel seguente
modo:
determinando un intorno di punti della nuvola rispetto ad ogni vertice della Quad Surface tramite
un cilindro di selezione (uno per ogni vertice della Quad Surface) del quale lutente pu definire il
raggio e la lunghezza tramite i parametri Selection Cylinder Radius e Selection Cylinder Length.
Lorientamento dei cilindri di selezione, al fine di operare la proiezione dei vertici delle polilinee sui
punti della nuvola per ladattamento allandamento degli stessi, avviene automaticamente ed
normale al piano su cui giace ogni faccia della maglia quadrangolare della Quad Surface per i
vertici situati lungo le facce piane, e collocato lungo la bisettrice dellangolo formato dalle facce
adiacenti per i vertici posti in corrispondenza dellunione di due facce.

167

Figura 97 Significato dei parametri per la creazione di una Quad Surface a partire da una Polyline

Figura 98 Evidenziazione in rosso delle maglie quadrangolari della Quad Surface non adattate allandamento della
nuvola per mancato rilevamento di punti

Consigli e osservazioni
Per ottenere buoni risultati nelladattamento della maglia quadrangolare ai punti della nuvola opportuno
impostare correttamente i parametri Selection Cylinder Radius e Selection Cylinder Length. Proponiamo di
seguito due esempi di modellazione in cui limpostazione dei suddetti parametri differisce considerevolmente.
Dovendo modellare una scalinata conveniente impostare i parametri Selection Cylinder Radius e
Selection Cylinder Length su un valore basso, in modo da avere una zona di selezione piuttosto ristretta.
168

In tal modo la proiezione dei vertici sui punti della nuvola, in particolar modo in corrispondenza degli
spigoli dei gradini e della linea di giunzione tra alzata e pedata degli scalini, risulta precisa e non inficiata
da eventuale sporco della nuvola o rumore che si riscontrano dove i punti sono meno fitti
allontanandosi troppo con la zona di selezione e che sono inevitabilmente prodotti in sede di rilievo laser
scanner.
Dovendo modellare una galleria la cui sezione presenta un forte restringimento tra lentrata e luscita,
opportuno aumentare i parametri Selection Cylinder Radius e Selection Cylinder Length affinch
ladattamento dei vertici ai punti della nuvola avvenga lungo tutta la lunghezza. Altrimenti, se la zona di
selezione (in particolare riferendosi al parametro Selection Cylinder Length) troppo ristretta, a un certo
punto lungo la lunghezza della galleria i punti della nuvola non cadono pi nei cilindri di selezione e
ladattamento non sar calcolato. La maglia quadrangolare non viene adattata ai punti della nuvola nelle
zone dove i punti non vengono trovati dai cilindri di selezione e la maglia quadrangolare in tali zone sar
estrusa seguendo il profilo della polilinea di partenza. Per dare maggior controllo sul risultato prodotto,
attivando lapposita casella di spunta queste parti di Quad Surface non adattate alla nuvola sono
evidenziate in rosso (si veda Figura 98).

169

LOCQH Locate Quad Surface Holes


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_LOCATEHOLES_QUADSURFACE
LOCQH
CloudCUBE 2010\Materialization Management\Locate Quad Surface Holes

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di localizzare eventuali buchi nella Quad Surface. I contorni di ogni buco trovato
vengono evidenziati per mezzo di una 3D Polyline chiusa creata sullapposito layer L3D_HolesBorders (si
veda Figura 99). Nel caso tale layer non esista, viene automaticamente creato dal comando. Il comando
evidenzia anche il bordo perimetrale della surface stessa: nel caso non siano rilevate facce mancanti
allinterno della Quad Surface, lunica 3D Polyline disegnata indica il bordo esterno della surface.

Figura 99 Nella parte destra dellimmagine presentato il risultato del comando per trovare i buchi nelle Quad
Surface. Le 3D Polyline in rosso evidenziano il contorno della surface e del buco. Le 3D Polyline create giacciono sul
layer L3D_HolesBorders il cui colore settato per default a ciano.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una Quad Surface;
nel caso il layer L3D_HolesBorders non esista viene visualizzato un messaggio di avvertimento,
premere Ok per proseguire con la creazione del layer e lesecuzione del comando.

170

Consigli e osservazioni
Il risultato prodotto dal comando, ovvero le 3D Polyline indicanti i contorni della surface e dei buchi, pu
essere utilizzato come input per le funzioni di triangolazione del modulo Draw. Utilizzando tali funzioni
possibile costruire in breve tempo le 3D Face necessarie per riempire eventuali buchi di una surface o per
raccordare surface diverse.

171

UNQSU Unify Quad Surfaces


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_UNIFY_QUADSURFACES
UNQSU
CloudCUBE 2010\Materialization Management\Unify Quad Surfaces

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di unificare in un'unica Quad Surface linsieme delle Quad Surface e delle entit 3D
Face (triangolari o quadrangolari) selezionate dallutente, come esemplificato in Figura 100. La Quad Surface
risultante collocata sul layer corrente.

Figura 100 Nellimmagine possibile osservare il risultato prodotto dallesecuzione del comando, nella parte sinistra
sono visibili due Quad Surface separate (in verde e in blu) con alcune 3D Face di raccordo tra le due (in rosso). Sono
inoltre visibili i punti della nuvola sulla base della quale stato costruito il modello a facce. A destra viene mostrato il
risultato del comando UNQSU con cui le surface e le 3D Face sono state unite in ununica Quad Surface di colore blu.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare le Quad Surface e le 3D Face che si intende unificare;
premere Enter per eseguire il comando.

172

PEQSU Perforate Quad Surface


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_PERFORATE_QUADSURFACE
PEQSU
CloudCUBE 2010\Materialization Management\Perforate Quad Surface

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di forare le Quad Surface selezionate. Esse vengono perforate sulla base di unentit
Polyline chiusa indicata dallutente che viene proiettata dal comando sulle surface selezionate, lungo lasse Z
dellUCS della Polyline stessa. Prima di lanciare il comando occorre quindi disegnare la Polyline richiesta dal
processo di perforazione su un UCS con asse Z nella corretta direzione di perforazione.
Dopo aver selezionato le surface e la Polyline, lutente deve inoltre indicare se desidera perforare le surface
internamente oppure esternamente rispetto alla Polyline:
perforazione interna, elimina dalla surface tutte le facce che cadono allinterno della proiezione della

Polyline o che vengono intersecate dalla stessa (si veda la Figura 101);

perforazione esterna, elimina dalla surface tutte le facce che cadono allesterno della proiezione della

Polyline o che vengono intersecate dalla stessa (si veda la Figura 102).

Per ogni surface perforata il comando disegna, sul layer corrente, una 3D Polyline che rappresenta la
proiezione sulla surface della Polyline originariamente indicata dallutente.

Figura 101 Nella parte sinistra dellimmagine sono presenti due Quad Surface (in verde e blu) e la Polyline sulla base
della quale queste vengono perforate. A destra invece visibile il risultato della perforazione. In questo caso si deciso
di perforare la surface internamente rispetto alla Polyline, quindi sono state rimosse tutte le facce che giacevano
allinterno della proiezione della Polyline sulle surface o che venivano da essa intersecate. La 3D Polyline proiettata
sulle surface fa parte delloutput del comando.

173

Figura 102 Nellangolo in basso a destra dellimmagine proposto il risultato di una perforazione esterna delle Quad
Surface rispetto alla proiezione della Polyline disegnata in rosso.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare le Quad Surface che si intendono perforare;
selezionare la Polyline sulla base della quale si vogliono perforare le surface;
nella console indicare se si desidera perforare le surface internamente rispetto alla proiezione della
Polyline, digitando Y, oppure esternamente, digitando N;
premere Enter per eseguire loperazione.
Consigli e osservazioni
Una volta perforata una surface possibile raccordarla con la 3D Polyline di intersezione determinando i
contorni della surface perforata e creando le giunzioni con i comandi di triangolazione del modulo Draw.

174

EXTQSU Extend Quad Surface with Quadrangles


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_EXTENDBYQUAD_QUADSURFACE
EXTQSU
CloudCUBE 2010\Materialization Management\Extend
Quadrangles

Quad

Surface

With

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di estendere una Quad Surface selezionata dallutente. possibile decidere se
estenderla lungo tutto il suo contorno o solamente lungo una porzione indicata. Il metodo applicato nel
processo di estensione il seguente: a ogni faccia con un lato sul contorno della surface viene agganciato
un certo numero di nuove facce quadrangolari indicato dallutente. Le nuove facce sono generate una di
fianco allaltra, adiacenti alle facce della surface cui sono agganciate, in continuit con la curvatura della
surface. La dimensione dei lati delle nuove facce viene calcolata dal comando sulla base delle facce di
confine della surface e della morfologia di questultima.
Nel caso si decida di eseguire il comando solamente lungo una parte del bordo della surface, occorre
indicare il primo e lultimo vertice della parte di contorno che si vuole estendere. Oltre a questi necessario
selezionare un qualsiasi vertice compreso tra i due estremi nella porzione di bordo dove va eseguita
lestensione (si veda la Figura 103).

Figura 103 Limmagine mostra un esempio di estensione di una Quad Surface. In questo caso si deciso di estendere
la surface di sei facce lungo la parte di contorno evidenziata dalla linea rossa. Come si pu evincere dalla figura, le
nuove facce create seguono la morfologia della surface. Le tre sfere rosse indicano i punti della surface selezionati
dallutente per indicare la parte di contorno da estendere.

175

Figura 104 Esempio di estensione della Quad Surface lungo tutto il suo perimetro. La linea rossa indica loriginario
contorno della surface, mentre il processo di estensione ha aggiunto due nuove facce quadrangolari su ogni lato.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la Quad Surface da estendere;
indicare nella console se si intende estendere la surface lungo tutto il contorno (Figura 104), digitando
W, o solamente lungo una parte, digitando P;
nel caso si sia deciso di estendere solo una parte del contorno occorre:
selezionare il primo vertice della parte di contorno desiderata;
selezionare lultimo vertice della parte interessata;
selezionare un vertice compreso tra i due estremi gi indicati nella porzione di bordo da estendere;
nella console indicare il numero di facce con cui si intende estendere la surface;
premere Enter per eseguire il comando.
Consigli e osservazioni
Lesecuzione di estensioni ampie tende ad accentuare le eventuali irregolarit del bordo. Si consiglia quindi di
impostare il lavoro in modo tale che siano necessarie solo piccole estensioni delle surface, ad esempio per
determinare i bordi di un fabbricato.
Nel caso di estensioni lungo una parte del bordo della surface, lintervallo di estensione da indicare deve
essere aperto. Lestensione infatti non coinvolge gli estremi indicati lungo il bordo della surface, ma solo i
vertici compresi allinterno di tale intervallo, come evidenziato in Figura 103.

176

SPLQS Split Quad Surfaces


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SPLIT_QUADSURFACES
SPLQS
CloudCUBE 2010\Materialization Management\Split Quad Surfaces

Funzionalit e caratteristiche
Il comando utilizzato per determinare leventuale linea di intersezione tra due Quad Surface selezionate
dallutente. Tale linea dintersezione viene rappresentata tramite unentit 3D Polyline disegnata sul layer
corrente. Il comando provvede inoltre a eliminare dalle Quad Surface tutte le facce attraversate o toccate
dalla linea calcolata, come si vede in Figura 105.

Figura 105 Nella parte sinistra dellimmagine sono presenti due Quad Surface che si intersecano, mentre nella parte
destra si osserva una copia delle stesse dopo lesecuzione del comando SPLQS. La linea rossa la 3D Polyline
dintersezione calcolata. Come si pu notare, dalle due surface sono state rimosse le facce intersecate dalla 3D Polyline
di intersezione.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una prima Quad Surface;
selezionare una seconda Quad Surface.
Consigli e osservazioni
Utilizzando la 3D Polyline di intersezione e ricavando i nuovi contorni delle Quad Surface risultanti dal
processo di split (utilizzare il comando LOCQH), possibile raccordare velocemente le due surface ricorrendo
ai comandi di triangolazione del modulo Draw. Alcune potenzialit del comando SPLMM, in sinergia con i
comandi dei moduli Draw e Surface, sono illustrate nellesempio di Figura 106.

177

Figura 106 Esempio di modellazione: le due Quad Surface a sinistra sono state ottenute utilizzando i comandi
QUADSU e EXTQSU. Al centro sono presenti le stesse surface dopo lapplicazione del comando SPLQS per determinare la
linea di intersezione. Infine, a destra presentato in rosso il risultato della triangolazione tra la linea di intersezione e i
contorni delle surface.

178

JNQSU Join Quad Surfaces


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_JOIN_QUADSURFACES
JNQSU
CloudCUBE 2010\Materialization Management\Join Quad Surfaces

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di congiungere due Quad Surface generando uno spigolo. Un esempio tipico di utilizzo
di questo comando la creazione di uno spigolo tra due Quad Surface spalmate su pareti adiacenti di un
edificio.
Per ottenere risultati soddisfacenti opportuno che le due Quad Surface da unire siano staccate e non
presentino quindi punti di intersezione.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la prima Quad Surface;
selezionare il punto iniziale, il punto finale ed un punto centrale del bordo che dovr essere congiunto
della prima Quad Surface;
selezionare la seconda Quad Surface;
selezionare il punto iniziale, il punto finale ed un punto centrale del bordo che dovr essere congiunto
della seconda Quad Surface.

Figura 107 Quad Surface prima dellesecuzione del commando Join Quad Surfaces.

179

Figura 108 Quad Surface unite tramite il comando Join Quad Surfaces.

180

INTQSU Intersect Quad Surfaces


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_INTERSECT_QUADSURFACES
INTQSU
CloudCUBE 2010\Materialization Management\Intersect Quad Surfaces

Funzionalit e caratteristiche
Il comando genera uno spigolo tra due Quad Surface che si intersecano e permette di spezzarle in quattro
parti distinte. Ad esempio possibile operare il comando su due Quad Surface che si intersecano
completamente su uno dei lati di ognuna e poi cancellare le parti, di una o di entrambe le Quad Surface, che
sporgono oltre lo spigolo.
Affinch il comando si comporti correttamente, necessario verificare che le due Quad Surface si
intersechino completamente. Se cos non fosse, necessario ricorrere al comando di estensione per far s
che le due Quad Surface si intersechino completamente.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la prima Quad Surface;
selezionare la seconda Quad Surface.
Le due Quad Surface che si intersecavano sono ora suddivise in quattro parti che possono essere modificate
(ad esempio cancellate) separatamente.

Figura 109 Quad Surface che si intersecano prima dellesecuzione del comando.

181

Figura 110 Quad Surface dopo lesecuzione del comando: stata cancellata una delle quattro parti in cui sono
suddivise le due Quad Surface intersecanti.

182

TQTT Transform Quadrangles in Triangles


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_TRANSFORM_QUAD_TO_TRI
TQTT
CloudCUBE 2010\Transform Quadrangles in Triangles

Funzionalit e caratteristiche
Il comando viene utilizzato per trasformare le Quad Surface, costituite anche da facce quadrangolari
(prodotte per esempio utilizzando il comando QUADSU), in Quad Surface a sole facce triangolari, come
nellesempio di Figura 111.

Figura 111 Risultato della trasformazione di una Quad Surface contenente facce quadrangolari in una Quad Surface a
sole facce triangolari.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una Quad Surface a facce quadrangolari;
nella console indicare se si vuole conservare la Quad Surface originale digitando Y, oppure cancellarla
digitando N.
Consigli e osservazioni
possibile utilizzare il comando anche su Quad Surface miste, ovvero composte sia da facce quadrangolari
che triangolari. In tal caso il comando sostituisce con triangoli solamente le facce quadrangolari.

183

LODQSU Import Quad Surface


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_IMPORT_QUAD SURFACE
LODQSU
CloudCUBE 2010\Import Quad Surface

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di importare nel database esterno di CloudCUBE una Quad Surface come una nuova
nuvola di punti: a ogni vertice della surface viene fatto corrispondere un punto della nuvola e viene inoltre
tenuta traccia della triangolazione tra i punti della Quad Surface.

Figura 112 Nellimmagine a sinistra si pu vedere la nuvola di punti e la Quad Surface costruita su essa, mentre a
destra riportata la nuvola di punti generata a partire dalla Quad Surface.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una Quad Surface;
premere Enter per eseguire il comando.
Consigli e osservazioni
Il comando viene utilizzato per generare nuvole di punti pi regolari e meno pesanti da gestire, sulle quali
possibile utilizzare le varie funzionalit del modulo Mesh (filtraggi, sistemazione delle normali, etc.).

184

Region
Questo gruppo di comandi permette di creare regioni a partire da set di punti selezionati dallutente sulle
nuvole attive. Esso fornisce gli strumenti per editare tali regioni e per fare lo split tra Region Surface e Quad
Surface, rendendo cos possibile linterazione tra le due tecniche di modellazione del modulo Surface.
Per modellare con le regioni possibile procedere in uno dei seguenti modi:
Utilizzare il comando Fit Region di CloudCUBE (presentato di seguito) che calcola in automatico il piano
medio dei punti selezionati sulla nuvola attiva e crea una regione di forma rettangolare che si adatta su
tale piano e la cui estensione la minima per contenere i punti selezionati. Tale tecnica ideale per
modellare le pareti delle stanze o, in generale, tutte le forme piane con perimetro rettangolare.
Creare un nuovo UCS come media dei punti selezionati delle nuvole attive con CloudCUBE. Su tale UCS
disegnare una polilinea chiusa della forma desiderata, che rappresenta loggetto da modellare. Utilizzare
il comando Region di AutoCAD per trasformare tale polilinea in regione.
poi possibile utilizzare i comandi di unione, sottrazione e intersezione di AutoCAD sulle regioni
complanari. Ad esempio, per eseguire la modellazione di una stanza, possibile ricavare la volumetria
composta dalle pareti, dal soffitto e dal pavimento con CloudCUBE, quindi su tale volume ottenere le porte e
le finestre procedendo per sottrazioni e triangolazioni. sempre consigliato ricavare la volumetria
complessiva prima di passare alla modellazione dei fori per sottrazione/unione/intersezione, in quanto alcuni
comandi di CloudCUBE, come lestensione o lo split, potrebbero non poter essere eseguiti su regioni
sottratte/unite/intersecate.

FITRE Fit Region


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FIT_REGION
FITRE
CloudCUBE 2010\Fit Region

Funzionalit e caratteristiche
Il comando crea unentit regione di AutoCAD di forma rettangolare che si adatta sul piano medio dei punti
selezionati sulle nuvole attive, la cui estensione la minima necessaria a contenere tali punti.
In Figura 113 descritta la procedura per la creazione di una regione con Fit Region. stata resa attiva, per
comodit di selezione e spiegazione, la sola parete da approssimare, si sono quindi selezionati molti punti
nella parte centrale, dove si sicuri che tali punti rappresentino un piano, si sono selezionati altri punti
giacenti sul piano, allestremit delloggetto da approssimare, per forzare la dimensione della regione da
generare. Si quindi eseguito il comando di Fit Region che ha generato la regione dellultima immagine di
Figura 113.

185

Figura 113 Fasi per la creazione di una regione, dallalto al basso: individuazione della porzione di modello
approssimabile a piano; selezione di un numero sufficiente di punti giacenti sul piano; esecuzione del comando Fit
Region.

186

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Selezionare il maggior numero possibile di punti giacenti sul piano, facendo attenzione a selezionare
anche dei punti sullideale contorno della porzione di oggetto da approssimare con la regione
rettangolare;
eseguire il comando. La regione viene creata sul layer corrente.
Consigli e osservazioni
Il comando crea regioni di perimetro rettangolare. Per generare, invece, regioni con un perimetro generico si
deve operare nel seguente modo: selezionare il maggior numero di punti giacenti sul piano da approssimare
e, con CloudCUBE, generare un UCS che medi tali punti. LUCS si imposta in automatico come corrente
quindi, disattivando lOsnap, disegnare una polilinea chiusa che rappresenti il contorno della regione da
generare e con il comando Region di AutoCAD trasformare la polilinea in regione.
Il comando non crea alcun UCS. Se fosse necessario ricavare lUCS su cui giace la regione (ad esempio per
crearvi altre regioni da sottrarre dalloriginale), sufficiente utilizzare il comando di creazione UCS per
oggetti di AutoCAD e indicare come oggetto di input la regione creata con CloudCUBE.

187

REEX Fit Regions by Extrusion


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FIT_REGION_EXTRUDE
REEX
CloudCUBE 2010\Fit Regions by Extrusion

Funzionalit e caratteristiche
Il comando crea una serie di regioni, per estrusione di una polilinea tracciata dallutente, adattandole
allandamento dei punti della nuvola selezionati dallutente.
Per ogni segmento della polilinea tracciata dallutente il comando crea una regione adattandola ai punti della
nuvola selezionati che giacciono all'interno di un parallelepipedo di selezione costruito su ogni segmento
della polilinea (si vedano Figura 114 e Figura 115). Tutte le regioni create vengono poi intersecate tra loro
per ottenere il risultato finale (si veda Figura 117).

Figura 114 Fit Regions by Extrusion: preparazione allesecuzione del comando.

188

Figura 115 Fit Regions by Extrusion: parallelepipedo di selezione

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Selezionare i punti sui quali si intende eseguire il comando;
disegnare sul piano di estrusione una polilinea che approssimi al meglio il profilo dei punti selezionati;
eseguire il comando;
nel dialogo che appare (Figura 116) settare i seguenti parametri:
Selection thickness: specifica per ogni segmento della polilinea lo spessore del parallelepipedo
che viene utilizzato per determinare i punti necessari alla costruzione del piano della regione;
Selection lenght %: specifica per ogni segmento della polilinea la lunghezza (in percentuale) di
segmento da considerare nella costruzione del parallelepipedo di selezione;
Region Added Depth: specifica il valore (in unit di disegno) delleventuale allungamento
ulteriore di ogni regione lungo la direzione di estrusione rispetto alla selezione di punti effettuata
dallutente. Se tale parametro non viene impostato non vi un allungamento delle regioni e le
regioni sono create solo sulla selezione di punti effettuata dallutente.
Questo parametro utile per estendere in automatico le regioni per intersecarle, ad esempio, con
un muro.

189

Figura 116 Fit Regions by Extrusion: parametri di selezione.

Figura 117 Fit Regions by Extrusion: risultato finale.

190

Consigli e osservazioni:
Per ottenere risultati soddisfacenti si consiglia di impostare adeguatamente i parametri Selection thickness e
Selection lenght %. In particolare per quanto riguarda Selection lenght % si consiglia di non estendere il
parallelepipedo di selezione fino alle estremit del segmento considerato (si veda Figura 115) per evitare che
in corrispondenza degli spigoli, ad esempio di una scalinata, vengano considerati per la pedata punti
dellalzata, falsando cos il piano medio calcolato per lorientamento della regione. Le regioni generate per
ogni segmento saranno intersecate automaticamente.

EXTRES Extend Regions


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_EXTEND_REGIONS
EXTRES
CloudCUBE 2010\Extend Regions

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di estendere di un delta specificato dallutente le regioni selezionate lungo tutto il loro
bordo.

Figura 118 Esempio di estensione della regione ottenuta in Figura 113.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una o pi regioni da estendere;
indicare di quante unit disegno si intende estendere le regioni e premere Enter.
Consigli e osservazioni
Il comando pu essere applicato su qualsiasi regione di AutoCAD, quindi anche sulle regioni che non sono
state create con CloudCUBE.
Il comando utile per rendere intersecanti delle regioni adiacenti e poter utilizzare il comando Split Regions
per ricavarne i relativi spigoli.

192

SPLRES Split Regions


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SPLIT_REGIONS
SPLRES
CloudCUBE 2010\Split Regions

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di dividere lungo la loro linea di intersezione due o pi regioni intersecanti. In Figura
119 descritto il processo di split tra due regioni approssimanti due pareti adiacenti: dopo lestensione (con
il comando Extend Regions) delle due regioni (generate con il comando Fit Region), in modo da renderle
intersecanti, si proceduto allesecuzione del comando Split Regions ottenendo quattro regioni. Due di
queste rappresentano le parti in eccesso, da eliminare (si faccia riferimento alle regioni selezionate
nellimmagine centrale di Figura 119).
In Figura 120 visibile il risultato applicato alle pareti dellintera stanza, ottenuto eseguendo quattro Split
Regions tra coppie di pareti adiacenti ed eliminando le regioni non necessarie ottenute dal processo di
divisione.

193

Figura 119 Esempio di split tra due regioni intersecanti, dallalto al basso: due regioni rese intersecanti con il comando
Extend Regions; le quattro regioni risultanti dallo split delle due regioni precedenti, con selezionate le due regioni da
eliminare; regioni rimanenti che individuano lo spigolo tra le due pareti.

194

Figura 120 Esempio di split per lottenimento delle quattro pareti di una stanza sotto forma di regioni, dallalto al
basso: regioni intersecanti generate con CloudCUBE; esecuzione di quattro split con isolate, in grigio, le regioni da
eliminare; risultato finale della modellazione delle quattro pareti.

195

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una o pi regioni che devono essere divise (definite regioni da dividere);
selezionare la regione che fa da piano di taglio (definita regione di taglio);
se le regioni da dividere sono pi di una, il comando procede separandole lungo la linea di
intersezione con la regione di taglio, senza per che questultima venga divisa. Se invece si
selezionata ununica regione da dividere, il comando chiede se dividere sia la regione da dividere sia
la regione di taglio (digitando B di Both e premendo Enter), oppure se dividere solo la prima regione
selezionata, ovvero la regione da dividere (digitando F di First e premendo Enter).
Consigli e osservazioni
Pu risultare comodo dividere pi regioni rispetto a un'unica regione di taglio, ad esempio per modellare a
regioni le travi del soffitto di una stanza, in modo che sbordino rispetto al muro, per poi tagliarle tutte
rispetto al muro stesso (che rappresentato dalla regione di taglio) eseguendo il comando ununica volta.

SPLQSR Split Quads-Region


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SPLIT_QUADS_REGION
SPLQSR
CloudCUBE 2010\Split Quads - Region

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di dividere una o pi Quad Surface con una regione lungo la loro linea di intersezione.
In questo modo resa possibile linterazione tra le due tecniche di modellazione del modulo Surface. Con le
Region Surface possibile approssimare parti piane, mentre con le Quad Surface possibile approssimare
parti piane o moderatamente curve, con presenza di irregolarit della superficie da rappresentare.
Ad esempio, se in una stanza una delle quattro pareti presenta degli spanciamenti che si intende
rappresentare, comodo utilizzare una Quad Surface, mentre per le restanti pareti piane si possono
utilizzare le Region Surface. Estendendo quindi tali entit ed eseguendo gli split si possono ottenere gli
spigoli della stanza. La Figura 121 mostra un esempio di intersezione tra una Quad Surface (che modella il
soffitto voltato) e una Region Surface (che modella la parete della stanza). In modo del tutto simile si pu
procedere per le altre tre pareti della stanza ottenendo la modellazione dellinvolucro della stanza.

197

Figura 121 Esempio di split tra unentit generata con Quad Surface (il soffitto voltato, curvo lungo il piano dimposta)
e unentit generata con Region Surface (una parete), dallalto al basso: entit rese intersecanti con una opportuna
estensione; divisone delle entit dopo lo split; risultato finale dopo leliminazione delle parti non necessarie.

198

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare una o pi Quad Surface che devono essere divise (definite Quad Surface da dividere);
selezionare la regione che fa da piano di taglio (definita regione di taglio);
se le Quad Surface da dividere sono pi di una, il comando procede separandole lungo la linea di
intersezione con la regione di taglio, senza per che quest'ultima venga divisa. Se invece si
selezionata un'unica Quad Surface da dividere, il comando chiede se dividere sia la Quad Surface da
dividere sia la regione di taglio (digitando B di Both e premendo Enter), oppure se dividere solo la
Quad Surface da dividere (digitando F di First e premendo Enter). Le entit Quad Surface da dividere
vengono cancellate e sostituite da Quad Surface divise, poste sul layer corrente.
Affinch la regione di taglio venga divisa necessario che sia completamente contenuta, in termini di
intersezione, nella Quad Surface.

PERRE Perforate Region with Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_PERFORATE_REGION
PERRE
CloudCUBE 2010\Region\Perforate Region

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di perforare una regione partendo da una polilinea tracciata dallutente e di scegliere se
cancellare la zona contenuta allinterno della polilinea, quella allesterno della polilinea o se conservarle
entrambe.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Tracciare una polilinea secondo il contorno della perforazione che si desidera effettuare e sul piano di
perforazione desiderato;
attivare il comando;
selezionare la regione da perforare;
selezionare la polilinea tracciata in precedenza;
selezionare se si intende conservare entrambe le parti o se si vuole cancellare la zona allinterno della
polilinea oppure allesterno di essa e confermare premendo Enter.

200

REGPRO Region Profile


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_REGION_PROFILE
REGPRO
CloudCUBE 2010\Region\Region Profile

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di generare una polilinea di contorno di una regione selezionata dallutente. La polilinea
generata pu essere spostata, copiata, etc. indipendentemente dalla regione da cui stata creata.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la regione di cui si vuole ottenere il contorno.

201

TRIRES Triangulate Regions


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_TRIANGULATE_REGIONS
TRIRES
CloudCUBE 2010\Triangulate Regions

Funzionalit e caratteristiche
Il comando trasforma le entit regioni selezionate in un insieme di entit 3D Face di AutoCAD. Tale
operazione risulta essenziale nel momento in cui sia necessario avere a disposizione il modello 3D sotto
forma di sole 3D Face, dunque non un modello misto regioni-3D Face, ad esempio per limportazione di tale
modello in un software per la prototipazione rapida.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare tutte le regioni che si intende trasformare e premere Enter;
le regioni selezionate vengono eliminate e sostituite con un insieme di 3D Face poste sul layer
corrispondente alla regione trasformata.
Consigli e osservazioni
Poich le regioni vengono eliminate durante il processo di trasformazione, al fine di mantenere il modello
originale misto regioni-3D Face consigliabile eseguire tale processo su una copia del modello 3D originale.

202

FLIPRES Flip Regions


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_FLIP_REGIONS
FLIPRES
CloudCUBE 2010\Flip Regions

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di invertire le normali di una o pi regioni selezionate dellutente.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare tutte le regioni di cui si intende invertire la normale e premere Enter.
Consigli e osservazioni
Il verso delle normali di una regione pu essere determinata osservando la regione in shade a condizione
che lopzione Discard Back Face sia abilitata in Tools>Options>System> Performance>Settings>Manual
Tune.

203

APPENDICE - 3DUTILITIES TOOLKIT


3DUtilities un set di comandi aggiunti al software CloudCUBE per consentire la gestione di rilievi con
strumentazione tradizionale. In questo modo l'utente pu gestire all'interno dello stesso dwg parti
scansionate con laser scanner e parti rilevate con strumentazione tradizionale, integrandone i risultati. Con
3DUtilities inoltre possibile aggiungere/editare il cartiglio sulle sezioni composte ottenute con CloudCUBE,
aggiungere le scritte sulle curve di livello e calcolare volumi per intersezione di modelli digitali del terreno.

Premessa
Per il corretto funzionamento dei comandi del toolkit 3DUtilities si riportano le seguenti regole generali. Gran
parte dei comandi presentati in questo manuale lavorano in 3d vedendo le entit come insiemi di punti di cui
si conoscono le coordinate cartesiane X, Y e si vuole determinare o modificare la coordinata Z. In sostanza
quindi, tali comandi vedono i punti delle entit posizionate sul piano XY, ai quali associata una elevazione Z
(lelevazione associata a ogni singolo vertice della polilinea e non a tutti i vertici assieme come accade con
le polilinee di AutoCAD). Per tale motivo, in fase di creazione delle entit e in fase di esecuzione dei
suddetti comandi si raccomanda di utilizzare sempre la Top View dellUCS mondo. Per facilitare lUtente, i
comandi che ricadono nella categoria sopra descritta, recheranno la notazione [XY].
Esattamente come in Windows non ammesso avere percorsi di file (ad esempio
C:/Programmi/Virtualgeo/Cube/Help.pdf) la cui estensione superi i 255 caratteri, cos tutti i comandi di
3DUtilities gestiscono stringhe lunghe al massimo 255 caratteri, troncando automaticamente i caratteri in
esubero.
Per il corretto funzionamento di tutti i comandi, lunit di misura che si deve impostare al momento
della creazione del disegno il metro.
Ogni comando che richiede la visualizzazione allinterno di un file dwg di testi ottenuti da conversioni di
numeri reali con virgola, arrotonda il numero visualizzato a quello pi prossimo in relazione alle cifre
significative dopo la virgola richieste: ad esempio, se il comando deve visualizzare il numero reale
123.456 utilizzando due cifre significative dopo la virgola, visualizza la stringa 123.46.
I comandi delle 3DUtilities sono suddivisi in cinque gruppi. Nel prosieguo del manuale sono presentati tali
gruppi e, per ciascuno, vengono descritti i singoli comandi. La descrizione di ogni comando organizzata
secondo lordine seguente:
Nome, appartenenza alla categoria [XY], icona identificativa, alias per lattivazione dalla linea di
comando, nome esteso di attivazione da tastiera, percorso di attivazione dal menu a tendina;
Funzionalit e caratteristiche: scopo del comando, sue funzionalit ed eventuali caratteristiche che lo
contraddistinguono;
Modalit duso: fasi di esecuzione del comando;
Consigli e osservazioni: consigli per un uso proficuo del comando evidenziando eventualmente alcune
osservazioni;
Assunzioni: vincoli che devono essere rispettati per il corretto utilizzo del comando.

204

Definizioni
Le definizioni qui riportate non sono disposte in ordine alfabetico, bens in ordine di apparizione allinterno
della guida al 3DUtilities Toolkit.
Polilinea
Linea complessa costituita da pi segmenti che uniscono tra loro pi vertici. La sua caratteristica quella di
avere tutti i vertici ad una stessa quota (coordinate Z uguali per ogni punto), indicata dal campo
Elevazione.
Polilinea 3d
Linea complessa costituita da pi segmenti che uniscono tra loro pi vertici. La sua caratteristica quella di
poter avere i vertici a quote diverse (le coordinate Z possono essere diverse).
Polilinea chiusa
Polilinea avente il primo e lultimo vertice coincidenti, oppure chiusa con la propriet Chiusa di AutoCAD.
Polilinea 3d chiusa
Polilinea 3d avente il primo e lultimo vertice coincidenti, oppure chiusa con la propriet Chiusa di
AutoCAD.
Polilinea aperta
Polilinea non chiusa.
Polilinea 3d aperta
Polilinea 3d non chiusa.
Modello digitale SDF (Stato Di Fatto)
Ricostruzione tramite modello digitale a triangoli della morfologia di una zona rilevata sul posto attraverso
lapposita strumentazione topografica.
Modello digitale Progetto
Costruzione, attraverso gli appositi comandi, del modello digitale a triangoli rappresentante il progetto,
ovvero il risultato finale che si vuole ottenere dalla trasformazione della morfologia esistente (la morfologia
esistente quella dello SDF).
Superficie piana di un triangolo
Superficie occupata dalla proiezione del triangolo sul piano XY.
Superficie inclinata di un triangolo
Superficie del triangolo calcolata rispetto alle tre coordinate cartesiane X, Y, Z.
Zona di sterro
Zona indicata dal comando di calcolo volumi dove il volume di materiale (differenza tra quello dello Stato Di
Fatto e quello di Progetto) da asportare.
Zona di riporto
Zona indicata dal comando di calcolo volumi dove il volume di materiale (differenza tra quello dello Stato Di
Fatto e quello di Progetto) da riportare.

205

Volume di sterro
Volume di materiale che deve essere tolto dallo Stato Di Fatto per portarlo alle condizioni del Progetto.
Volume di riporto
Volume di materiale che deve essere aggiunto allo Stato Di Fatto per portarlo alle condizioni del Progetto.
Superficie piana di sterro
Superficie piana della zona di sterro individuata tra un modello digitale Stato Di Fatto e il relativo modello
digitale Progetto.
Superficie piana di riporto
Superficie piana della zona di riporto individuata tra un modello digitale Stato Di Fatto e il relativo modello
digitale Progetto.
Superficie inclinata di sterro
Superficie inclinata della zona di sterro individuata tra un modello digitale Stato Di Fatto e il relativo modello
digitale Progetto.
Superficie inclinata di riporto
Superficie inclinata della zona di riporto individuata tra un modello digitale Stato Di Fatto e il relativo modello
digitale Progetto.

206

Layers Group
Questo gruppo di comandi permette di creare e gestire pi agevolmente i layer di AutoCAD.

CCOGL Organizing Layers into Groups


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_OGL
CCOGL
3D Utilities\Layers Group

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di organizzare in gruppi i layer definiti in un file dwg. Lutente pu decidere di
raccogliere in un gruppo (che pu creare e rimuovere a suo piacimento) alcuni dei layer esistenti o creati
sempre tramite il comando, il tutto con la massima flessibilit e possibilit di personalizzazione. A ogni
gruppo associato un nome e su di esso possibile effettuare le operazioni che solitamente vengono
eseguite sui layer, quali spegnimento, accensione, congelamento, scongelamento, etc. Le operazioni
eseguite su un gruppo hanno effetto su tutti i layer in esso contenuti.
Ogni gruppo pu contenere al suo interno, oltre ai layer, anche altri gruppi, dando luogo a una struttura ad
albero in cui il gruppo principale ingloba al suo interno tutti i layer del file dwg opportunamente suddivisi
dallutente in sottogruppi. Lordinamento personalizzato dei layer ottenibile ottimale per facilitare e
velocizzare lindividuazione e la gestione degli stessi.
Modalit duso
Attivando il comando compare la maschera di gestione dei gruppi e dei layer di Figura-3DUtilities 4. Nella
parte sinistra della maschera trova posto il pannello che visualizza la struttura ad albero rappresentante
lorganizzazione dei gruppi del file in uso. Sulla destra collocato il pannello dedicato alle propriet dei layer,
che riprende le funzionalit principali fornite dellinterfaccia di gestione layer di AutoCAD e comprende
inoltre quattro colonne che consentono di associare a ogni layer quattro tipi di codifica (ad esempio, codifica
1: tipo di elemento architettonico; codifica 2: materiale; codifica 3: stato di conservazione; codifica 4:
restauro, etc.) e una quinta colonna nella quale possibile associare a ogni layer una nota di testo.
presente anche una colonna che indica se a quel layer sono state associate delle nuvole di punti (tramite i
comandi illustrati di seguito nel paragrafo Associazione di nuvole ai layer) al fine di accenderle rapidamente
senza doverle cercare, direttamente dal menu della gestione layer. Se al layer associata una nuvola nella
colonna Clouds, alla riga corrispondente sar visualizzato il simbolo altrimenti sar visualizzato il simbolo
. Sotto ciascuno dei pannelli trovano spazio una barra di stato e i pulsanti utili per la gestione degli stessi.
Di seguito vengono descritti singolarmente tutti i componenti dellinterfaccia.
Group management (pannello di gestione dei gruppi) [Figura-3DUtilities 4]: contiene lalbero dei
gruppi, dove sono sempre presenti cinque gruppi predefiniti che danno unorganizzazione di base alla
struttura. Cube il contenitore principale e al suo interno si trovano i sottogruppi: 2D (dedicato al
disegno bidimensionale), 3D (per il disegno tridimensionale), MM (per i Modelli digitali) e Other (un
contenitore generico per tutti gli altri usi). Allinterno dei sottogruppi predefiniti lutente libero di
creare e definire la sua struttura a gruppi, ma non consentito linserimento di nuovi gruppi come
sottogruppi diretti di Cube.

207

Nel pannello di gestione dei gruppi, gli elementi (gruppi o layer) sono simboleggiati da icone diverse in
base alla loro natura: gruppo predefinito, gruppo (definito dallutente) e layer. Di seguito riportato
lelenco di associazione icone-elemento:
gruppo
gruppo
gruppo
gruppo

predefinito chiuso
predefinito aperto
chiuso
aperto

layer non selezionato


layer selezionato
Quando un gruppo aperto, nel pannello appaiono elencati direttamente sotto la sua icona i layer e i
sottogruppi in esso contenuti. Questi non sarebbero visibili se il gruppo fosse chiuso. A gruppo chiuso,
la presenza di layer o sottogruppi al suo interno evidenziata dal simbolo + posto alla sinistra
dellicona che lo rappresenta [Figura-3DUtilities 4(a)]. Cliccando con il tasto sinistro del mouse sul +,
o facendo doppio clic sullicona, possibile aprire il gruppo e visualizzarne il contenuto. possibile
chiudere un gruppo aperto cliccando sul simbolo - a lato dellicona [Figura-3DUtilities 4(b)] o
effettuando un doppio clic sinistro sulla stessa. Tutti i layer creati con il Layer Properties Manager di
AutoCAD vengono inseriti nella struttura allinterno del gruppo principale Cube.
Layers management panel (Pannello di gestione dei layer) [Figura-3DUtilities 4]: elenca le propriet
di tutti i layer inseriti nel gruppo correntemente selezionato nellalbero dei gruppi e nei suoi
sottogruppi (selezionando il gruppo principale Cube vengono elencati tutti i layer del file dwg). Il
pannello consente la modifica delle propriet correnti dei layer, compresa la rinomina degli stessi.
Nellelenco alcuni nomi di layer possono essere visualizzati con due colori diversi dal nero: rosso e
verde. Il rosso utilizzato per indicare i layer contenuti nel gruppo Cube e in nessun altro suo
sottogruppo, il verde indica il layer corrente.
Layers (Pulsantiera dei layer) [Figura-3DUtilities 4(e)]: formata da sei bottoni che agiscono sul
pannello dei layer. Le operazioni implementate sono: la creazione e leliminazione di un layer (tasti
New e Delete); leliminazione di tutti i layer vuoti, fatta eccezione per il layer corrente e il layer 0
(tasto Purge Layers); il settaggio del layer corrente (tasto Current); la selezione nellelenco dei layer
(tasti Select All e Invert Selection).
Layers by groups (Pulsantiera dei gruppi) [Figura-3DUtilities 4(d)]: comprende i tasti di accensionespegnimento, congelamento-scongelamento e blocco-sblocco che agiscono su tutti i layer del gruppo
correntemente selezionato. Il tasto Isolate, sulla destra della pulsantiera, spegne tutti i layer presenti
nel file dwg lasciando accesi solamente quelli contenuti nel gruppo correntemente selezionato nel
pannello di gestione dei gruppi. Il tasto Purge Groups permette di eliminare tutti i gruppi vuoti presenti
nel dwg.
Pulsante Search (Trova) [Figura-3DUtilities 4(g)]: utilizzato per ricercare un particolare layer
allinterno della struttura a gruppi, tale funzione pu risultare utile qualora nel file dwg sia utilizzato un
gran numero di layer. Il nome del layer da cercare (od anche una parte del nome stesso) deve essere
inserito nella casella editabile posizionata a sinistra del bottone Cerca.
Pulsante By Codes [Figura-3DUtilities 4(h)]: attiva un dialogo nel quale possibile accendere,
spegnere, congelare e scongelare i layer associati a una o pi codifiche riferite alle quattro categorie
disponibili (ad esempio, possibile accendere solo i layer riferiti ad un dato materiale o pi materiali e
che presentino un buono stato di conservazione selezionando il materiale desiderato dalla colonna del
codice 1 e lindicazione del buono stato di conservazione dalla colonna 2 e poi premere Accendi o
Scongela). Tramite il pulsante Color possibile far assumere ai layer selezionati per codice ed attivati
un colore a piacere. Sotto a ogni colonna di selezione del codice presente il pulsante Invert Selection
che permette di invertire la selezione. Ad esempio, se si selezionato un codice della colonna
considerata e si preme Invert Selection tale codice viene deselezionato e vengono selezionati tutti gli
altri. Per poter selezionare e quindi accendere e spegnere correttamente i layer tramite questa
modalit necessario selezionare il gruppo di layer interessato (o lintero gruppo riferito al modello
digitale) prima di attivare il pulsante By Codes.
208

Figura-3DUtilities 1 Finestra di gestione per laccensione e lo spegnimento di layer per codice.

Il pulsante Edit del riquadro Codes [Figura-3DUtilities 4(i)] attiva un dialogo nel quale
possibile inserire nuovi codici, rinominare codici esistenti o cancellare codici che non vengono usati,
sempre con riferimento alle quattro colonne disponibili.

Figura-3DUtilities 2 Finestra attivata dal pulsante Edit Codes.

Selezionando un layer e cliccando con il tasto sinistro su una delle quattro colonne dei codici disponibili
possibile cambiare il codice associato a quel layer, associare un nuovo codice o eliminare
lassociazione, per quella colonna intervenendo nellapposito dialogo. Una procedura alternativa
consiste nel cliccare con il tasto destro su un layer selezionato e selezionare Edit Additional Properties
potendo cos modificare in una sola volta tutti i parametri delle codifiche di quel layer tramite il
medesimo dialogo. possibile in questo modo anche la contestuale modifica delle nuvole associate al
layer (si veda il punto successivo) e delle note. Una terza modalit di associazione di un codice ad un
e nella successiva selezione
layer consiste nellattivazione del comando CUBO_ASSPROP
rettangolare delle entit interessate, a questo punto possibile modificare lassociazione operando sul
medesimo dialogo di cui sopra. Si noti che in questultimo caso, lassociazione avviene per tutti e soli i
layer delle entit selezionate. Non importa che per un certo layer siano state selezionate una o pi
entit. Le entit selezionabili sono: 3D Face, Quad Surface, Mesh materializzate, Regioni.

209

Figura-3DUtilities 3 Finestra attivata dal comando Edit Additional Properties.

Barra di stato pannello di gestione dei layer [Figura-3DUtilities 4(f)]: utilizzata per fornire
informazioni utili riguardo allo stato dei layer, come per esempio il nome del layer corrente.
Barra di stato pannello di gestione dei gruppi [Figura-3DUtilities 4(c)]: indica il numero di layer
contenuti nel gruppo attualmente selezionato e in tutti i suoi sottogruppi, rispetto al numero totale di
layer presenti nel file dwg (es. SUPPLY NETWORKS:11/41 significa che il gruppo correntemente
selezionato SUPPLY NETWORKS e in questo sono presenti 11 layer su un totale di 41).

Figura-3DUtilities 4 Maschera del comando CCOGL.

210

Gestione dellalbero dei gruppi


Di seguito sono elencate le principali funzionalit e modalit dutilizzo del comando dei gruppi, corredate da
una breve spiegazione.
Creazione di un gruppo: nel pannello di gestione dei gruppi cliccare con il tasto destro del mouse sul
gruppo in cui si vuole creare il nuovo gruppo. Nel men contestuale che appare [Figura-3DUtilities 5]
cliccare con il tasto sinistro del mouse sullopzione Create Group. Letichetta del nuovo gruppo
automaticamente resa editabile ed possibile modificarne il nome.
Creazione di un layer: cliccare il bottone 3D Face nella pulsantiera dei layer, viene cos creato un
nuovo layer nel gruppo correntemente selezionato, il pannello di gestione dei layer automaticamente
aggiornato e il nuovo elemento risulta selezionato.
Creazione di un layer dal pannello di gestione dei gruppi: cliccare con il tasto destro del mouse sul
gruppo in cui si vuole creare il nuovo layer, nel men contestuale che appare [Figura-3DUtilities 5]
cliccare con il tasto sinistro del mouse sullopzione Create Layer. Automaticamente nel pannello di
gestione dei layer vengono elencati i layer del gruppo indicato e risulta selezionato il layer appena
creato.
Eliminazione di un gruppo: nel pannello di gestione dei gruppi cliccare con il tasto destro del mouse sul
gruppo che si intende eliminare, nel men contestuale che si aperto [Figura-3DUtilities 5] cliccare
con il tasto sinistro del mouse sullopzione Delete Group. altrimenti possibile cancellare il gruppo
selezionato premendo il tasto Canc della tastiera.
Eliminazione di uno o pi layer: nellalbero dei gruppi selezionare un gruppo che contenga tutti i layer
da eliminare, successivamente nel pannello di gestione dei layer selezionare tutti i layer da eliminare
utilizzando il mouse e i tasti Shift o Ctrl della tastiera, infine cliccare sul pulsante Delete presente nella
pulsantiera dei layer. altrimenti possibile cancellare i layer selezionati premendo il tasto Canc della
tastiera.
Eliminazione di un layer dal pannello di gestione dei gruppi: nellalbero dei gruppi cliccare con il tasto
destro del mouse sul layer che si intende eliminare, nel men contestuale che appare cliccare con il
tasto sinistro del mouse sullopzione Delete Layer. In alternativa possibile cancellare il layer
selezionato premendo il tasto Canc della tastiera.
Isolare un gruppo di layer: tale funzione ha come effetto laccensione di tutti e soli i layer contenuti
nel gruppo prescelto. Per isolare un gruppo sufficiente selezionarlo nel pannello di gestione dei
gruppi con un clic sinistro del mouse e successivamente premere il tasto Isolate nella pulsantiera dei
gruppi.
Modifica delle propriet di uno o pi layer dal pannello di gestione dei layer: nel pannello citato, oltre
al nome, vengono elencate le varie propriet dei layer (acceso, congelato, bloccato, colore, tipo di
linea, etc.). Come nel dialogo di gestione dei layer di AutoCAD, per modificare lo stato di una delle
propriet dei layer sufficiente cliccare sulla relativa icona modificando istantaneamente il suo stato o,
in relazione alla propriet selezionata, aprire una piccola finestra di dialogo di scelta. Nel caso fossero
selezionati pi layer, le modifiche effettuate su uno di questi agirebbero su tutti gli altri.
Operazioni sui gruppi di layer: accensione

, spegnimento

, scongelamento

, congelamento

, blocco
. Tali operazioni hanno effetto su tutti i layer contenuti nel gruppo selezionato e
sblocco
nei suoi sottogruppi. Per effettuare una delle sei operazioni elencate occorre selezionare il gruppo di
layer scelto con un clic sinistro del mouse, premere quindi sulla pulsantiera dei gruppi il bottone
contraddistinto dallicona corrispondente alloperazione desiderata. In alternativa, dopo aver
selezionato il gruppo, possibile eseguire loperazione selezionandola dal menu contestuale che
appare al clic destro del mouse [Figura-3DUtilities 5].
Ricerca di un layer: in presenza di file dwg che contengono un elevato numero di layer organizzati in
gruppi diversi, pu risultare utile avvalersi della funzione di ricerca. Tale funzione evidenzia il layer
cercato rendendolo visibile sia nel pannello di gestione dei layer che in quello dei gruppi. Lelenco del
primo pannello viene automaticamente aggiornato al contenuto del sottogruppo in cui collocato il
211

layer cercato. Per effettuare la ricerca sufficiente digitare il nome del layer nellapposito spazio
editabile a sinistra del pulsante Search e infine premere questultimo.
Rinomina di un gruppo: selezionare il gruppo da rinominare con il tasto sinistro del mouse, una volta
che questo evidenziato cliccare con il tasto sinistro sulla sua etichetta per renderla editabile, digitare
il nuovo nome e premere Invio o in alternativa cliccare in un punto qualsiasi della maschera del
comando.
Rinomina di un layer: nel pannello di gestione dei layer selezionare il layer da rinominare con un clic
sinistro del mouse, una volta che questo evidenziato eseguire sul medesimo un clic sinistro, a questo
punto letichetta risulta editabile. Digitare il nuovo nome e premere Invio o cliccare in un punto
qualsiasi della maschera del comando.
Rinomina di un layer dal pannello di gestione dei gruppi: nellalbero dei gruppi, selezionare il layer da
rinominare con il tasto sinistro del mouse, una volta che questo evidenziato, cliccare sempre con il
tasto sinistro sulla rispettiva etichetta per renderla editabile. Digitare il nuovo nome e premere Invio o
cliccare in un punto qualsiasi della maschera del comando.
Trascinamento di un gruppo: il pannello di gestione dei gruppi permette di spostare un sottogruppo
dal gruppo in cui si trova a un altro gruppo di destinazione (questo non vale per i gruppi o sottogruppi
predefiniti, per i quali non consentito n lo spostamento n la rinomina). Per operare tale
spostamento sufficiente posizionarsi con il mouse sopra il sottogruppo da spostare e, tenendo
premuto il tasto sinistro del mouse, trascinarlo sopra il gruppo destinazione, infine rilasciare il pulsante
del mouse. Allo stesso modo, sempre operando sul pannello di gestione dei gruppi, possibile
trascinare un layer da un gruppo allaltro.
Trascinamento dei layer da un gruppo a un altro: nel pannello di gestione dei gruppi selezionare con
un clic sinistro del mouse il gruppo contenete i layer che si desidera spostare, di conseguenza verr
aggiornato il pannello di gestione dei layer. Assicurato che nel pannello di gestione dei gruppi sia
visibile il gruppo destinazione, con il mouse e i tasti Shift o Ctrl selezionare nellelenco dei layer quelli
scelti per il trasferimento, quindi con il tasto sinistro del mouse premuto, trascinare la selezione dal
pannello di gestione dei layer a quello di gestione dei gruppi posizionandosi sopra il gruppo di
destinazione e rilasciare il tasto del mouse.

Figura-3DUtilities 5 - Maschera comando gruppi-layer con men contestuale.

212

Associazione di nuvole ai layer


Dalla finestra Layers Group Management possibile associare una o pi nuvole di punti al layer (o ai layer)
corrispondente. La creazione di unassociazione tra nuvole e layer corrispondenti permette di richiamare e
attivare rapidamente la nuvola (o le nuvole) che fa riferimento agli oggetti contenuti nel layer senza doverla
cercare manualmente tramite la Tab Tree.
Modalit duso
Attivare e rendere visibile la nuvola o le nuvole di punti che si desidera associare ai layer;
aprire la finestra del Manager dei gruppi;
selezionare il layer o i layer desiderati tramite la struttura ad albero illustrata nella corrispondente
parte del manuale;
dopo aver evidenziato i layer desiderati cliccare con il tasto destro e selezionare Edit Additional
Properties;
nellarea Clouds Association del dialogo Additional Properties premere il pulsante Associate Current;
la nuvola (o le nuvole) che erano state attivate sono ora associate ai layer selezionati;
Per richiamare le nuvole associate ad un layer procedere come segue:
Aprire la finestra del Manager dei gruppi;
selezionare il layer desiderato: se tale layer associato a delle nuvole di punti nella corrispondente
;
colonna delle propriet sar visibile questa notazione
cliccare con il tasto destro sul layer e selezionare Activate Associated Clouds;
a questo punto verranno spente tutte le altre nuvole eventualmente attive e saranno attivate e
visualizzate solo le nuvole associate al layer selezionato.
Creazione di report
Tramite questo comando possibile esportare un report, sotto forma di foglio di calcolo gestibile da tutti i
programmi di questo tipo, del gruppo selezionato, dal quale ottenere le seguenti informazioni:
Sloped Area: la superficie di sviluppo dellentit considerata (ad esempio di una parete o di un
pavimento). Tale informazione utile per evidenziare la superficie esatta di un oggetto che presenta
delle irregolarit o che comunque non piano;
Horizontal Plane Area: la superficie della proiezione dellentit considerata su un piano orizzonatale,
utile per evidenziare ad esempio pareti fuori piombo;
Vertical Plane Area: la superficie della proiezione dellentit considerata su un piano verticale, utile per
evidenziare ad esempio se un pavimento non perfettamente in piano;
Mean Plane Area: la superficie della proiezione dellentit considerata su un piano medio rispetto ai
vertici dellentit stessa, utile per evidenziare ad esempio la superficie di una parete fuori piombo
proiettata su un piano medio;
Mean Deviation: la media dello scostamento dei vertici dellentit considerata dal suo piano medio,
utile ad esempio per evidenziare il dato medio dellirregolarit o dellinarcamento delloggetto;
Maximum Deviation: la misura dello scostamento massimo dei vertici dellentit considerata dal piano
medio, utile, come al punto precedente, per evidenziare la misura dellirregolarit o della deformazione
degli oggetti.
Modalit duso
Nella finestra della gestione cliccare con il tasto destro nellarea bianca della finestra e selezionare

Create Report;

appare il dialogo Report Properties nella quale possibile scegliere (si veda Figura-3DUtilities 7):
Tipo di report: per gruppi o per codici. Selezionando per gruppi i layer oggetto del report saranno
classificati secondo la distribuzione per gruppi cos come organizzata nel manager dei gruppi di
CloudCUBE. Selezionando lopzione per codici possibile scegliere quale dei quattro codici (si veda
la corrispondente parte del manuale) considerare o se considerare i codici 1 e 2, in questo caso tra
i layer resi visibili verranno presi in considerazione al fine della creazione del report solo quelli
riferiti ai codici selezionati;
Report di tipo architettonico o ambientale (DTM). Il report architettonico prevede tutte le
informazioni prima descritte (Sloped Area, Horizontal Plane Area, Vertical Plane Area, Mean Plane
Area, Mean Deviation e Maximum Deviation), mentre il report ambientale prevede solo i dati
relativi a Sloped Area e Horizontal Plane Area.
Premere Ok e nella finestra che appare per il salvataggio digitare il nome del file e la posizione nella
quale salvarlo.
213

Il file contenete il report pu essere ora aperto con il programma di gestione dei fogli i calcolo
preferito (Excell di Office o Calc di Open Office).
Creazione di report di layer visibili
Tramite questo comando possibile esportare un report, sotto forma di foglio di calcolo gestibile da tutti i
programmi di questo tipo, dei layer selezionati, dal quale ottenere le informazioni relative a: Sloped Area,
Horizontal Plane Area, Vertical Plane Area, Mean Plane Area, Mean Deviation, Maximum Deviation (per la
spiegazioni delle singole voci si veda la sezione precedente, relativa alla creazione di report di un gruppo
selezionato).

Figura-3DUtilities 6 Report dei layers visibili: si notano le categorie di informazioni fornite.

Modalit duso
Dalla finestra della gestione dei gruppi rendere visibili i layer corrispondenti agli oggetti di cui si
desidera ottenere il report;
cliccare con il tasto destro nellarea bianca della finestra e selezionare Create Report by Visibile Layers;
appare il dialogo delle Report Properties nella quale possibile scegliere (si veda Figura-3DUtilities 7).
Tipo di report: per gruppi o per codici. Selezionando per gruppi i layer oggetto del report saranno
classificati secondo la distribuzione per gruppi cos come organizzata nel manger dei gruppi di
CloudCUBE, selezionando lopzione per codici possibile scegliere quale dei quattro codici (si veda
la corrispondente parte del manuale) considerare o se considerare i codici 1 e 2, in questo caso tra
i layer resi visibili verranno presi in considerazione al fine della creazione del report solo quelli
riferiti ai codici selezionati;
Report di tipo architettonico o ambientale (DTM). Il report architettonico prevede tutte le
informazioni prima descritte (Sloped Area, Horizontal Plane Area, Vertical Plane Area, Mean Plane
Area, Mean Deviation e Maximum Deviation), mentre il report ambientale prevede solo i dati
relativi a Sloped Area e Horizontal Plane Area.
premere Ok e nella finestra che appare per il salvataggio digitare il nome del file e la posizione nella
quale salvarlo.
Il file contenete il report pu essere ora aperto con il programma di gestione dei fogli i calcolo
preferito (Excell di Office o Calc di Open Office).
214

Figura-3DUtilities 7 Finestra dei parametri di creazione di un report dei layer.

215

Survey
3DUtilities permette di inserire allinterno del disegno dwg due tipologie di riferimenti di blocco indicanti punti
rilevati in campagna o punti generati manualmente. Essi sono composti da una entit punto di AutoCAD
(indicante le coordinate X,Y del blocco punto) e da alcuni attributi testuali, usati per descrivere le propriet
del blocco.
Un punto di rilievo PR [Figura-3DUtilities 8] unentit AutoCAD riferimento di blocco avente i seguenti
attributi (campi di testo):

POINTCODE (CODICEPUNTO): sigla che descrive il tipo di oggetto su cui stato rilevato il punto (ad
esempio SF sta per Spigolo Fabbricato, PIL sta per Picchetto In Legno, etc.). Tale attributo viene
posto sul layer PR_Codice;
POINTDESCR (DESCRPUNTO): contiene la descrizione per esteso del tipo di oggetto su cui stato
rilevato il punto (ad esempio se POINTCODE= SF, allora POINTDESCR= Spigolo Fabbricato ). Tale
attributo viene posto sul layer PR_Descrizione;
POINTNAME (NOMEPUNTO): contiene il nome associato al punto, generalmente si tratta di un numero
che lo identifica univocamente. Tale attributo viene posto sul layer PR_Nome;
POINTELEVATION (QUOTAPUNTO): contiene la quota relativa al punto (coordinata Z). Tale attributo
viene posto sul layer PR_Quota;
STATION (STAZIONE): contiene il nome della stazione rispetto alla quale stato preso il punto. I nomi
consigliati per le stazioni sono S1, S2, etc. Tale attributo viene posto sul layer PR_Stazione.
Inoltre, al blocco PR associato unentit punto di AutoCAD indicante le coordinate X,Y del blocco, che per
default si trova sul layer PR_Punti.
Un punto generato PG [Figura-3DUtilities 9] un riferimento di blocco con i seguenti attributi:

POINTELEVATION (QUOTAPUNTO): contiene la quota in cui si trova il punto (coordinata Z). Tale
attributo viene posto sul layer PG_Quota;

POINTNAME (NOMEPUNTO): contiene il nome associato al punto. Si consiglia luso di numeri univoci.
Tale attributo viene posto sul layer PG_Descrizione;

Field1 (Campo1): campo ausiliario 1 posto sul layer PG_Campo 1;


Field2 (Campo2): campo ausiliario 2 posto sul layer PG_Campo 2;
Field3 (Campo3): campo ausiliario 3 posto sul layer PG_Campo 3;
Field4 (Campo4): campo ausiliario 4 posto sul layer PG_Campo 4;
Field5 (Campo5): campo ausiliario 5 posto sul layer PG_Campo 5.
Inoltre, al blocco PG associato unentit punto di AutoCAD indicante le coordinate X, Y del blocco, che per
default si trova sul layer PG_Punti.

216

Figura-3DUtilities 8 Esempio di punto di rilevazione PR importato con il comando CCIPR.

Figura-3DUtilities 9 - Esempio di punto di PG generato con il comando CCPGM.

217

CCIPR[XY] Import Survey Points


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_IPR
CCIPR
3D Utilities\Survey\Import Survey Points

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di importare allinterno del disegno dwg corrente tutti i punti contenuti in un file di
testo e prodotti in fase di rilievo. Limportazione avviene sotto forma di blocchi di riferimento PR aventi le
caratteristiche descritte nellintroduzione del presente capitolo. I punti rilevati devono essere contenuti in un
file di testo con estensione txt, xyz, asc, opportunamente formattato: tutte le righe del file devono seguire le
stesse regole di formattazione e ognuna contenere tutte le informazioni relative a un solo punto, divise per
mezzo del carattere separatore scelto. In Figura-3DUtilities 10 visibile una parte di un file dimportazione
dove il carattere di separazione lo spazio.

Figura-3DUtilities 10 Esempio di formattazione del file di testo contenete i punti di rilievo da importare nel file dwg.
Come si pu notare, il carattere separatore utilizzato in questo caso lo spazio.

Lordine delle informazioni relative a un punto rilevato (nome, coordinate X e Y, quota e codice) arbitrario,
ma deve essere mantenuto per tutte le righe del file dimportazione. Nella fase di settaggio dei parametri
dimportazione, lutente deve stabilire le corrette associazioni tra gli attributi dei blocchi di riferimento PR e i
campi informazione dei file.
Modalit duso
Attivato il comando compare il dialogo [Figura-3DUtilities 11] in cui richiesto di indicare il percorso del file
di testo contente le informazioni sui punti rilevati che si intende importare nel disegno. Ogni riga del file deve
contenere coordinate X, Y e quota di un punto di rilievo, pu inoltre contenere il nome e il codice del punto.
Tali dati devono essere separati fra loro da un opportuno carattere separatore.

218

Figura-3DUtilities 11 - Dialogo per la selezione del file di testo contenete i punti rilevati da importare nel file dwg.

Una volta selezionato il file, compare un successivo dialogo (illustrato in Figura-3DUtilities 12) per il settaggio
dei parametri dimportazione. Tali parametri sono necessari per selezionare il corretto carattere separatore
utilizzato nel file di testo e per stabilire le giuste associazioni tra i campi di tale file e gli attributi dei blocchi
PR.

Figura-3DUtilities 12 Dialogo per il settaggio dei parametri dimportazione.

219

Nella parte destra del dialogo si trova una tabella che fornisce unanteprima sulla modalit dimportazione del
file. Ogni colonna della tabella rappresenta uno dei campi in cui viene suddivisa ciascuna riga del file di testo
sulla base del carattere separatore scelto. possibile selezionare il giusto separatore utilizzando le opzioni
presenti nella parte sinistra del dialogo e, una volta operata la scelta, lanteprima viene automaticamente
aggiornata.
Nel caso le prime righe del file di testo contengano unintestazione o comunque altre informazioni non
relative ai punti rilevati necessario settare il parametro Ignore the First Lines (Ignora le prime righe) per
evitare che tali righe siano prese in considerazione in fase di importazione.
Per aiutarsi nella scelta del carattere separatore e del numero di righe da non considerare possibile
premere il tasto Display File (Visualizza File) per visualizzare completamente il file dimportazione.
Una volta che la tabella di anteprima illustra correttamente tutti i campi del file di testo, necessario stabilire
unassociazione tra tali campi e gli attributi dei blocchi punto PR elencati nella lista Attribute (Attributi)
presente nel gruppo Import Parameters (Parametri dimportazione) del dialogo in questione. Per fare ci
sufficiente cliccare sullattributo che si intende associare e trascinarlo sullintestazione della colonna nella
tabella di anteprima. necessario associare almeno gli attributi relativi alle coordinate X, Y e al campo
Elevation (Quota) per far s che i punti vengano collocati nello spazio.
Il dialogo dimportazione permette anche di settare la dimensione del testo degli attributi dei blocchi punto
PR. Una volta settati opportunamente i parametri occorre premere sul tasto Ok per avviare il processo
dimportazione.
Consigli e Osservazioni
Si consiglia di porre molta attenzione nellassociazione dei campi con le opzioni della lista Attribute.

220

CCPGM[XY] Point Generated Manually


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_PGM
CCPGM
3D Utilities\Survey\Point Generated Manually

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare un blocco PG avente le caratteristiche descritte nellintroduzione del presente
capitolo, ovvero unentit rappresentante un punto tridimensionale (la posizione dellentit punto del blocco
rappresenta le coordinate X, Y mentre la Z rappresentata dallattributo POINTELEVATION nel caso che il
blocco non sia in quota).
Modalit duso
Si attivi il comando, compare un dialogo [Figura-3DUtilities 13] per linserimento degli attributi del blocco:
Text size (Dimensione del Testo), valore reale obbligatorio compreso nellintervallo [1.e-003, 50]
rappresentante la dimensione dei testi con cui verranno visualizzati gli attributi del blocco (la
descrizione e la quota del blocco);
Elevation (Quota), valore reale obbligatorio rappresentante la coordinata Z del blocco;
N of Elevation Decimals (Numero decimali della quota), numero di decimali con cui visualizzare il
valore della quota. Il numero di decimali dopo la virgola possono essere 0, 1, 2, 3 o 4. Nel caso si
scelga un numero di decimali dopo la virgola maggiore rispetto alle cifre significative del valore reale
Elevation, vengono aggiunti degli zeri in coda a completare il testo (Elevation = 5, N of elevation
decimals = 2 implica la visualizzazione del testo 5,00). Viceversa, se il numero di decimali dopo la
virgola specificato minore alle cifre significative dopo la virgola del valore reale Elevation, il testo
visualizzato riporter larrotondamento del valore Elevation (Elevation = 5.29 e N of elevation
decimals = 1 implica la stampa del testo 5,3);
Description (Descrizione), breve testo, al massimo di 20 caratteri, per la descrizione del blocco.
Una volta inserite le caratteristiche di visualizzazione e gli attributi del blocco desiderati (nel rispetto dei
vincoli sopra elencati), si scelga Ok e si selezioni infine il punto (le coordinate X, Y) dove inserire il blocco.
Come gi evidenziato nellintroduzione del gruppo di comandi di trasformazione, la posizione X, Y del blocco
rappresentata da unentit punto di AutoCAD. La forma dei punti di AutoCAD pu essere modificata con
il comando Formato>Stile Punto di AutoCAD.
Consigli e Osservazioni
Si consiglia di scegliere come descrizione del testo Description un valore di numerazione del blocco, in modo
da distinguere e identificare univocamente ogni blocco rispetto agli altri (anche rispetto a quelli di rilevazione
PR).

Figura-3DUtilities 13 Dialogo per linserimento degli attributi di un blocco di progetto PG.

221

CCRBP[XY] Report Point Blocks


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_RBP
CCRBP
3D Utilities\Survey\Report Point Block

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di esportare in un file di testo lelenco di tutti i blocchi punto della tipologia selezionata
presenti nel corrente file dwg. Una volta indicato il tipo di blocco punto, tramite il dialogo di Figura3DUtilities 14 possibile selezionare i campi del blocco che si intende esportare, compresi i valori delle
coordinate. Tale dialogo fornisce unanteprima dei dati che verranno esportati nel file di testo in output.

Figura-3DUtilities 14 Finestra di dialogo del comando CCRBP. Tutte le voci in essa visualizzate sono relative ai campi
dei blocchi punto selezionati e verranno visualizzate nel file di testo adottando lo stesso ordine visualizzato nel dialogo
(da sinistra verso destra).

222

Figura-3DUtilities 15 Per variare lordine dei campi nella tabella occorre effettuare unoperazione di Drag and Drop sul
nome della colonna che si intende spostare. In questo caso la colonna POINTNAME al centro della tabella sta per essere
spostata nella posizione tra il campo No. e X, come evidenziato dal triangolino bianco.

Figura-3DUtilities 16 Per cancellare una colonna della tabella occorre fare clic con il tasto destro sullintestazione
della colonna che si intende eliminare e scegliere lopzione Delete Column (Cancella Colonna). Per inserire una nuova
colonna scegliere invece lopzione Insert Columns (Inserisci Colonne).

223

Figura-3DUtilities 17 Porzione di un file desportazione: come si pu notare il carattere separatore scelto lo spazio.

Modalit duso
Si attivi il comando, e si eseguano nellordine le seguenti operazioni.
Si selezioni un qualsiasi blocco punto della tipologia desiderata;
nella finestra di dialogo che compare, e indicata in Figura-3DUtilities 14, vengono visualizzati i dati
contenuti in alcuni dei blocchi punto presenti nel file dwg. Ogni riga della tabella relativa ad un
blocco punto;
tramite i controlli presenti in basso a sinistra nel dialogo possibile impostare il numero di blocchi
punto visualizzati, nellesempio in Figura-3DUtilities 14 sono visibili 20 blocchi;
allapertura del dialogo vengono inseriti nella tabella tutti i campi presenti nella tipologia di blocco
selezionato. Oltre a questi sono presenti i campi per le coordinate relative alla posizione dei blocchi e
un indice per numerarli;
trascinando i nomi delle colonne presenti nellintestazione della tabella possibile modificare lordine
con cui verranno stampati i dati dei blocchi nel file desportazione. Per trascinare i nomi delle colonne
sufficiente effettuare una normale operazione di Drag and Drop sul nome della colonna desiderata.
Durante il trascinamento compare tra i divisori delle colonne un triangolino bianco per indicare la
nuova posizione della colonna da spostare, come osservabile in alto a sinistra nella Figura-3DUtilities
15;
per cancellare una colonna dalla tabella occorre eseguire un clic destro sulla stessa e selezionare
lopzione Delete Column (Cancella Colonna), come descritto in Figura-3DUtilities 16;
per aggiungere una pi colonne alla tabella occorre cliccare con il tasto destro sullintestazione della
tabella e scegliere lopzione Insert Columns (Inserisci Colonne) come descritto in Figura-3DUtilities 16.
Dallelenco contenuto nel dialogo selezionare fra i campi a disposizione quelli desiderati. Se lelenco
vuoto significa che tutti i campi disponibili sono gi presenti nella tabella del dialogo principale;
Premere il tasto Save list (Salva Elenco) per creare il file desportazione. Selezionare quindi il carattere
separatore dei dati relativi a un blocco punto e indicare il nome e il percorso di destinazione del file
desportazione. Per salvare premere il tasto Save (Salva). In Figura-3DUtilities 17 visibile una
porzione del file di testo prodotto.
Nel dialogo principale premere il tasto Close (Chiudi) per terminare loperazione.

224

CCPRV[XY] Virtual Survey Points


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_PRV
CCPRV
3D Utilities\Survey\Virtual Survey Points

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette allutente di creare dei blocchi punto di rilievo PR posizionati sulle coordinate
specificate tramite una selezione ad oggetto (con modalit Snap a oggetto attiva). Il comando stato
pensato per poter eseguire una sorta di rilievo virtuale sulle nuvole di punti restituite da strumentazione
laser scanner.
Modalit duso
Si attivi il comando, viene chiesto di selezionare la posizione dove porre il blocco punto. Compare un dialogo
come quello di Figura-3DUtilities 18 dove possibile specificare nellordine: laltezza del testo dei blocchi
(parametro Text Dimension) ed eventualmente un codice da associare al blocco (parametro Point code). Il
parametro Name (Nome) rappresenta il nome del blocco e non pu essere modificato. Esso viene calcolato
in automatico come numero progressivo legato al dwg sul quale si sta disegnando ed memorizzato nelle
propriet del disegno allinterno della tabella Personalizzato con il nome PR Cube Block N e come valore
un intero rappresentante il numero componente il nome del blocco da creare. Come si pu notare, a tale
numero aggiunto il prefisso N a indicare che tale blocco punto stato creato con il comando CCPRV e
non con limportatore CCIPR. possibile modificare tale valore accedendo alla tabella delle propriet con il
comando _DWGPROPS.
Il parametro Elevation (Quota) una stringa che indicante il valore della quota del punto selezionato rispetto
al piano XY, approssimata secondo la scelta del parametro No. of Elevation Decimals (Numero decimali della
quota). Il valore di Elevation (Quota) coincider con il valore Z associato alla posizione spaziale blocco punto.
Una volta impostati i parametri come desiderato premere Ok per creare il blocco punto, altrimenti premere
Cancel. Dopo la creazione di un blocco il comando rimane attivo per la creazione di altri blocchi punto, per
uscire dal comando premere Esc.

225

Figura-3DUtilities 18 - Finestra per la specifica dei dati del blocco di rilievo.

Consigli e osservazioni
Si faccia attenzione a scegliere un opportuno valore per No. of elevation decimals (Numero decimali della
quota) in relazione alle proprie esigenze, poich il valore della Elevation (Quota) conseguentemente ottenuto
sar quello associato alla coordinata Z del blocco punto.

226

CCEBP[XY] Elevate Point Blocks


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_EBP
CCEBP
3D Utilities\Survey\Elevate Point Blocks

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di modificare la quota (coordinata cartesiana Z) dei blocchi PR e PG selezionati
associandogli il corrispondente numero reale ottenuto dalla conversione della stringa contenuta nella
propriet POINTELEVATION dei blocchi. Ad esempio, se un blocco PR contiene nella propriet
POINTELEVATION la stringa 23,45 il comando associa a tale blocco la coordinata Z=23.45.
Modalit duso
Si attivi il comando, si selezionino a finestra e/o singolarmente i blocchi PR e/o PG e si digiti Enter.
Consigli e osservazioni
Prima di eseguire il comando si consiglia di verificare che tutti i layer, dove sono contenute le entit blocchi,
siano sbloccati.
Assunzioni
La propriet POINTELEVATION dei nodi deve contenere una stringa che codifichi un numero reale (la quota
alla quale elevare il punto) affinch il comando funzioni correttamente.

227

CCEPP[XY] Elevate Polylines on Points


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_EPP
CCEPP
3D Utilities\Survey\ Elevate Polylines on Points

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di elevare delle polilinee rispetto a dei punti di rilievo PR e/o dei punti generati
manualmente PG. Pi precisamente il comando crea una copia delle polilinee sotto forma di polilinee 3d e
associa ai vertici di queste ultime delle quote (coordinate Z) in relazione al valore dellattributo
POINTELEVATION dei blocchi PR/PG che coincidono con i corrispondenti vertici delle polilinee. Per avere la
definizione di coincidenza tra un vertice di una polilinea e un blocco punto si faccia riferimento alla Figura3DUtilities 19 dove il blocco punto PR coincide con il vertice della polilinea. Questo nel caso la distanza D sia
minore o uguale al valore che lutente pu specificare tramite un opportuno dialogo al momento
dellattivazione del comando (come verr approfondito nella sezione Modalit duso).
Lelevazione delle polilinee si basa sulla regola descritta dalla Figura-3DUtilities 20 il comando associa ai
vertici 3, 5 e 6 della nuova polilinea 3d le quote dellattributo POINTELEVATION dei blocchi coincidenti.
Inoltre associa al vertice 4 una quota tale da garantire il rispetto del valore della pendenza Pend 1 tra il
blocco 1 e il blocco 2 (farebbe altrettanto con eventuali altri vertici compresi nellintervallo). Inoltre, poich in
questo caso i vertici estremi 1, 2 e 7 non sono compresi tra due blocchi (quindi non hanno una pendenza
predefinita), ereditano la pendenza dei blocchi pi vicini, ovvero i vertici 1 e 2 prolungano la pendenza
Pend1, mentre il vertice 7 prolunga la pendenza Pend2.

Figura-3DUtilities 19 Il valore D rappresenta la distanza tra il punto di aggancio del blocco PG (a forma di croce) e un
vertice della polilinea riprodotta in figura. In generale tale distanza dovrebbe essere nulla, ma nel caso ci non
accadesse, il comando CCEPP permette di specificare la distanza massima al di sotto della quale considerare il vertice
della polilinea coincidente con il blocco punto.

228

Figura-3DUtilities 20 Data la polilinea (tratteggiata) e i blocchi PG (di colore rosso), il comando crea una polilinea 3d
avente pendenze indicate in figura: se si definisce Pend 1 la pendenza tra il blocco 1 e il blocco 2 e si definisce Pend 2 la
pendenza tra il blocco 2 ed il blocco 3, il comando fa ereditare le pendenze pi vicine (a sinistra Pend 1, a destra Pend
2) tra i blocchi e sui vertici estremi laddove non sono stati posizionati dei blocchi.

Modalit duso
Una volta attivato il comando, compare la finestra di dialogo per linserimento dei parametri di elevazione
riportata in Figura-3DUtilities 21.
I primi parametri da specificare riguardano la precisione con cui approssimare gli eventuali archi di cerchio
contenuti nelle polilinee selezionate:
No. of Segments (Numero di segmenti), numero di segmenti con cui approssimare gli archi (compreso
tra 1 e 1000);
Segments Coplanar Lenght (Lunghezza complanare segmenti), lunghezza complanare (ovvero la
lunghezza della loro proiezione sul piano XY), in unit disegno, che devono avere i segmenti utilizzati
per approssimare gli archi (compresa tra 0.01 e 100).
In basso a sinistra possibile specificare la precisione con cui effettuare i controlli di coincidenza tra i vertici
delle polilinee e i blocchi PG e/o PR. Facendo riferimento alla Figura-3DUtilities 19, il vertice della polilinea
verr considerato associato al blocco nel caso la distanza complanare D (della proiezione sul piano XY) sia
minore o uguale al valore specificato dallutente in Blocks Proximity (Vicinanza Blocchi). Lutente pu
scegliere tra otto valori predefiniti, che attivano il controllo con uguaglianza con tolleranza di,
rispettivamente dallalto verso il basso, 1, 2, 3,, 8 cifre significative dopo la virgola. Quindi, se si rendesse
necessario che lassociazione tra un vertice e un punto venisse individuata solo se fossero estremamente
vicini bisognerebbe selezionare il valore 8 0.00000001. Viceversa se fosse necessario riconoscere come
associati un vertice e un blocco relativamente distanti, il massimo valore selezionabile sarebbe 1 0.1. Il
primo numero indica le cifre significative dopo la virgola usate per il confronto (che poi rappresentato per
esteso dal secondo numero) ed stato introdotto per facilitare la lettura.
In basso a destra nel dialogo possibile specificare il tipo di blocchi che devono essere considerati per la
fase di confronto e la successiva elevazione delle polilinee: quindi possibile attivare/disattivare la lettura dei
blocchi PR o quelli PG (per lattivazione spuntare la relativa opzione). inoltre possibile specificare se
considerare anche i blocchi spenti o meno (per considerare anche i blocchi spenti spuntare lopzione Turned
Off (Spenti) ).
Dopo aver impostato i parametri del dialogo come desiderato, scegliere Ok, quindi selezionare
(singolarmente e/o a finestra) le polilinee e digitare Enter. Le nuove polilinee 3d verranno create sul layer
L3D_NomeLayer dove NomeLayer il nome del layer della corrispondente polilinea purgato di eventuali
prefissi (se ad esempio la polilinea fosse contenuta in L2D_Muro, la polilinea 3d verrebbe posta sul layer
L3D_Muro, mentre se per assurdo la polilinea fosse contenuta in L3D_Muro, la polilinea 3d verrebbe
creata nel medesimo layer). Si noti che le polilinee vengono elevate solo nel caso che il corrispondente layer
di destinazione non sia bloccato.

229

Figura-3DUtilities 21 Dialogo per linserimento dei parametri del comando CCEPP.

Consigli e osservazioni
Il comando CCEPP serve per ricavare il modello digitale a linee (polilinee 3d) tridimensionali a partire dalle
corrispondenti linee bidimensionali (polilinee), note le quote di alcuni vertici delle polilinee (tale informazione
rappresentata dai blocchi punti). Il comando quindi lultima parte della seguente procedura: a partire dai
punti restituiti sotto forma di blocchi PR (ottenuti tramite un rilievo eseguito con strumentazione topografica
tradizionale) oppure inseriti manualmente sotto forma di blocchi di progetto PG attraverso il comando
CCPGM, lutente dovr (seguendo la tipologia e lordine di numerazione dei punti) tracciare delle polilinee
lungo i punti. Alla fine di tale processo, lutente potr utilizzare il comando CCEPP per ottenere le linee
tridimensionali che seguono landamento del terreno come descritto dai blocchi punto.
Si consiglia di utilizzare, come parametro per lapprossimazione degli archi, il valore Segments Coplanar
Lenght (Lunghezza complanare segmenti), in quanto permette di approssimare con lo stesso livello di
precisione (rappresentato dal valore, scelto dallutente, che associato a tale parametro e che, nel caso di
Figura-3DUtilities 21, vale 0.5) tutti gli archi contenuti allinterno delle polilinee selezionate,
indipendentemente dalla grandezza e dalla forma degli stessi.

230

Entity Managing
Questo gruppo di comandi permette di modificare e gestire entit AutoCAD polilinee 3d.

CCEPQ0[XY] Elevate Points with Elevation 0


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_EPQ0
CCEPQ0
3D Utilities\Entity Managing\Elevate Points Whit Elevation Zero

Funzionalit e caratteristiche
Il comando CCEPQ0 molto simile al comando CCEPP, due sono le differenze fondamentali:
la prima che CCEPQ0 lavora direttamente su polilinee 3d aventi vertici con alcune quote note e le
altre, non note, a quota 0. Si assume quindi che la quota 0 non sia valida. Cercando una
corrispondenza con il comando CCEPP, si pu dire che CCEPQ0 considera validi i vertici della polilinee
3d con quota diversa da 0, mentre il comando CCEPP considera validi i vertici delle polilinee con
associato un blocco PR o PG;
la seconda che CCEPQ0 assume che i vertici estremi (il primo e lultimo) di una polilinea 3d siano
validi (con quota diversa da 0), altrimenti il comando non esegue lelevazione per quella polilinea 3d.
Fatte salve le due differenze sopra citate, il comando CCEPQ0 modifica le quote dei vertici non validi delle
polilinee 3d utilizzando lo stesso meccanismo adottato per il comando CCEPP, ovvero associando un valore
alla Z che assicura una pendenza costante tra i due vertici validi pi prossimi (rispetto allordine dei vertici
della polilinea 3d che includono quelli non validi). Per maggiori chiarimenti, si faccia riferimento a quanto
scritto per il comando CCEPP.
Il comando CCEPQ0, inoltre, esegue un controllo interno sulla presenza di vertici adiacenti con coordinate
cartesiane X, Y, Z uguali. In caso affermativo elimina automaticamente i vertici doppione prima di proseguire
nella modifica delle quote dei vertici non validi. Un esempio di funzionamento del comando descritto in
Figura-3DUtilities 22/Figura-3DUtilities 23.

Figura-3DUtilities 22 Esempio di polilinea 3d da elevare con il comando CCEPQ0: i vertici da modificare sono P2 e P4
in quanto hanno quota 0.

231

Figura-3DUtilities 23 Risultato di elevazione della polilinea 3d di Figura-3DUtilities 22 con luso del comando CCEPQ0:
sono state modificate le quote dei vertici P2 e P4 in modo tale che i segmenti P1-P2 e P2-P3 abbiano la stessa
pendenza di P1-P3 e che i segmenti P3-P4 e P4-P5 abbiano la stessa pendenza del segmento P3-P5.

Modalit duso
Si attivi il comando, si selezionino le polilinee 3d da elevare (a finestra e/o singolarmente) e si digiti Enter.
Se tra quelle selezionate vi sono polilinee 3d che hanno almeno un estremo non valido, non vengono elevate
e viene visualizzato un messaggio di avvertimento.

232

CCMPP Edit Polyline or 3d Polyline


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_EPQ0
CCMPP
3D Utilities\Entity Managing\Elevate Polyline or 3d Polyline

Funzionalit e caratteristiche
Il comando agisce sia su polilinee sia su polilinee 3d. Esso permette di editarle sostituendo una porzione
dellentit con unaltra porzione indicata dallutente, secondo le seguenti modalit.
Se lutente indica solo due vertici (che devono necessariamente appartenere alla polilinea, come
indicato nellesempio di Figura-3DUtilities 24), viene chiesto di indicare quanti nuovi punti inserire
lungo il segmento che congiunge tali vertici (per default 0). La porzione di polilinea compresa tra
questi due vertici viene sostituita con una spezzata contenente un numero di vertici, equidistanti luno
dallaltro, pari al numero di punti specificati dallutente. In Figura-3DUtilities 25 riportato il risultato
dellediting eseguito sulla polilinea di Figura-3DUtilities 24, dove lutente ha inserito 5 punti nel
segmento compreso tra i due vertici selezionati.
Se lutente indica pi di due vertici (di cui il primo e lultimo devono appartenere alla polilinea, come
mostrato nella Figura-3DUtilities 26), la porzione della polilinea compresa tra i due vertici estremi viene
sostituita con quella disegnata dallutente. In Figura-3DUtilities 26 viene riportato un esempio di
polilinea originale i cui vertici sono evidenziati in blu. La porzione di polilinea con i vertici in rosso la
polilinea che deve sostituire la porzione originale compresa tra i due vertici selezionati (di colore rosa).
In Figura-3DUtilities 27 riportato il risultato dellediting.
In ogni caso, con lediting di una polilinea 3d, le coordinate dei vertici aggiunti vengono ricalcolate al fine di
garantire uninclinazione costante dei relativi segmenti rispetto alllUCS corrente. quindi importante fare
attenzione a impostare lUCS desiderato prima di eseguire loperazione di editing.

Figura-3DUtilities 24 Polilinea originale e i due vertici selezionati dallutente.

Figura-3DUtilities 25 Risultato dellediting della polilinea di Figura-3DUtilities 24 eseguito con CCMPP, con cui sono
stati inseriti 5 punti lungo il segmento compreso tra i due vertici selezionati.

Figura-3DUtilities 26 Polilinea originale e sequenza di vertici selezionati dallutente.

233

Figura-3DUtilities 27 Risultato dellediting della polilinea di Figura-3DUtilities 26 eseguito con CCMPP.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la polilinea, o polilinea 3d, desiderata;
selezionare un vertice qualsiasi della polilinea, avendo laccortezza di attivare lopzione Osnap di
AutoCAD;
se desiderato, indicare i nuovi punti attraverso i quali dovr passare la polilinea (come fatto, ad
esempio, in Figura-3DUtilities 26). Tali punti non dovranno essere vertici della polilinea;
per chiudere la selezione selezionare un vertice della polilinea;
se sono stati inseriti solo due vertici della polilinea (quello di apertura e di chiusura, come fatto in
Figura-3DUtilities 24) viene chiesto quanti punti inserire nel segmento che unisce i due vertici.
Premendo semplicemente Invio viene accettato il valore di default (cio zero), altrimenti indicare un
intero indicante il numero di punti da inserire e premere Invio.
Consigli e osservazioni
Si ricordi di attivare la modalit di selezione Osnap di AutoCAD per selezionare i vertici della polilinea o
polilinea 3d.
Inoltre, nel caso di editing di una polilinea 3d, le coordinate dei nuovi vertici aggiunti vengono ricalcolate al
fine di garantire uninclinazione costante dei relativi segmenti rispetto allUCS corrente. Si faccia, quindi,
attenzione a impostare lUCS desiderato prima di eseguire loperazione di editing.

234

CCUNILIN Unify 3d Polylines


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_UNILIN
CCUNILIN
3D Utilities\Entity Managing\Unify 3d Polylines

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di unire in automatico due o pi polilinee 3d aventi degli estremi (il primo o lultimo) in
comune. Un esempio di unione di polilinee 3d riportato nella Figura-3DUtilities 28: nellimmagine di sinistra
sono riportate le tre polilinee 3d originarie (colorate di rosso, verde e blu), mentre a destra riportato il
risultato dellunione.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionale le polilinee 3d da unire (con selezione a finestra e/o singolarmente) e digitare Invio;
viene creata una polilinea 3d, risultato dellunione delle polilinee 3d selezionate, posta sul layer
corrente.

Figura-3DUtilities 28 A destra riportato il risultato dellunione, eseguita con il comando CCUNILIN, delle polilinee 3d
rappresentate a sinistra.

235

Multiple Section
Questo gruppo di comandi permette di creare sezioni multiple sul modello 3D lungo una polilinea tracciata
dallutente che indichi il percorso dellasse di dette sezioni.

CCBMLIN Build a Sequence of Section Lines


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_BUILD_MULTILINES
CCBMLIN
3D Utilities\Multi Section\Build a Sequence of Lines

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di ottenere in maniera automatica delle linee di sezione multiple a partire da una
polilinea tracciata dallutente che determini lasse lungo il quale devono essere costruite tali linee. Possono
essere ricavate varie serie di sezioni, ad esempio diverse linee di sezione lungo il corso di un fiume o una
strada, ma in ogni caso la polilinea che determina lasse deve essere unica. Nellesempio appena citato
pertanto consigliabile tracciate lasse per tutta la lunghezza del fiume o della strada (o almeno per tutta la
porzione interessata dalle sezioni multiple) prima di attivare il comando.
Nota
Questo comando funziona in abbinamento con il comando Build Graphs on Section Lines del menu Graph
Managing delle 3DUtilities. Pertanto, attivando il presente comando verranno creati i percorsi delle sezioni
multiple e si proceder quindi allattivazione del comando Build Graphs on Section Lines per la creazione
effettiva delle sezioni con cartiglio.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la polilinea, indicante il percorso dellasse, precedentemente tracciata;
specificare il punto iniziale da cui partire con la generazione delle linee di sezione;
specificare il punto finale della polilinea dove deve terminare la generazione delle linee di sezione;
specificare il valore di Step Value, parametro che specifica ogni quante unit di disegno devono essere
tracciate le linee di sezione;
specificare il valore di Section Width Value, parametro che specifica per quante unit di disegno
devono estendersi le linee di sezione in senso trasversale (ad esempio, impostare un valore pari,
superiore o inferiore rispetto alla larghezza del fiume o della strada).
A questo punto verranno visualizzate le polilinee indicanti il percorso delle linee di sezione con riferimento
alla vista in pianta. Tali polilinee sono delle entit particolari, in quanto contengono le informazioni per
tracciare le sezioni con cartiglio. Per maggior dettagli si veda la parte del manuale dedicata al comando Build
Graphs on Section Lines.

236

Figura-3DUtilities 29 Esecuzione di una multisezione lungo una polilinea indicante lasse di


sezionamento

237

CCBSLIN Build Single Section Line


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_BUILD_SINGLELINE
CCBSLIN
3D Utilities\Multi Section\Build Single Section Line

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di aggiungere una singola linea di sezione lungo un percorso rappresentato da una
polilinea (ad esempio, lasse stradale).
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la polilinea indicante il percorso dellasse precedentemente tracciata;
specificare su detta polilinea il punto in cui si vuole inserire la linea di sezione avendo attivato un
Osnap adeguato (ad esempio Nearest);
specificare il valore di Section Width Value, il parametro che specifica per quante unit di disegno
devono estendersi le sezioni in senso trasversale (ad esempio impostare un valore pari, superiore od
inferiore rispetto alla larghezza del fiume);
A questo punto verr aggiunta la polilinea indicante il percorso della linea di sezione appena aggiunta con
riferimento alla vista in panta. Tale polilinea unentit particolare in quanto contiene le informazioni per
tracciare la corrispondente sezione con cartiglio. Per maggior dettagli si veda la parte del manuale dedicata
al comando Build Graphs on Section Lines.

238

Graph Managing
Questo gruppo contiene un set di comandi per linserimento e la modifica dei cartigli nelle sezioni composte
(compound section).

CCGRAPH Build Graph on Section


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_GRAPH
CCGRAPH
3D Utilities\Graph Managing\Build Graph on Section

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di aggiungere il cartiglio alle compound section. Prima di eseguire il comando
CCGRAPH fondamentale che, una volta computata, la compound section non venga spostata dalla
posizione in cui si trova. La sua posizione viene infatti impiegata per ricavare i valori da visualizzare nel
cartiglio.
Per aggiungere il cartiglio alla linea di sezione necessario che quest'ultima sia unica (non spezzata). Prima
di creare il cartiglio si consiglia di editare la linea sezionata, togliendo i punti indesiderati o superflui. inoltre
possibile aggiungere il cartiglio a pi compund section contemporaneamente, selezionandone le
corrispondenti linee sezionate.
Di seguito vengono descritti in dettaglio i dialoghi del comando Build Graph on Section.

Figura-3DUtilities 30 Dialogo principale del comando CCGRAPH.

239

Il dialogo principale costituito da una tabella contenete le informazioni necessarie alla costruzione del
cartiglio e dai pulsanti New Line (Nuova linea), Delete Line (Cancella linea) e Empty List (Svuota lista), utili
per la gestione della tabella. In alto a sinistra presente unopzione per la scelta del separatore, punto o
virgola, che verr utilizzato nel cartiglio per la visualizzazione dei valori decimali. Inoltre, possibile
specificare la scala con la quale creare i cartigli. necessario fare due osservazioni in merito alla scala.
Qualsiasi valore venga specificato per la scala delle quote o delle distanze, il disegno delle distanze
non verr mai modificato. Di conseguenza verranno ampliate o ridotte solo le quote sulla base del
fattore moltiplicativo

Scala Distanze
.
Scala Quote

Se Scala Distanze e Scala Quote sono differenti, il risultato finale non coincide con la linea di sezione
della compound section originale.
Il disegno delle sezioni verr sempre creato in scala 1:1, sar quindi compito dellutente, in fase di
impostazione delle opzioni di stampa, impostare la scala scelta per la creazione delle sezioni.
In Figura-3DUtilities 31 riportato un esempio di sezione creata con due scale differenti.

Figura-3DUtilities 31 Nella figura sono proposte due sezioni dello stesso modello a linee, create lungo la stessa
polilinea di sezione con scala differente. Il disegno con scala delle distanza 10 volte maggiore della scala delle quote
moltiplica di un fattore pari a 10 lampiezza delle quote. Le distanze rimangono invece inalterate.

La tabella di Figura-3DUtilities 30 contiene 7 righe che allavvio del comando sono vuote. Ogni riga inserita
rappresenta la corrispondente riga del cartiglio (come graficamente spiegato in Figura-3DUtilities 32). Il
cartiglio deve essere costituito da almeno una riga fino ad un massimo di sette.

Figura-3DUtilities 32 Corrispondenza tra i valori specificati in una generica riga della tabella del dialogo principale di
Figura-3DUtilities 30 e la corrispondente riga del cartiglio di sezione contenuta nel risultato finale.

Per creare una nuova riga della tabella necessario fare clic sul pulsante New Line (Nuova Riga) o eseguire
un doppio clic su una qualsiasi riga vuota della tabella, viene cos selezionata nella lista la prima riga vuota e
viene aperto il dialogo Data Insertion on the Current Row (Inserimento dati nella riga corrente) [Figura3DUtilities 33] per linserimento dei dati relativi a tale riga.

240

Figura-3DUtilities 33 Dialogo per linserimento dei dati nella riga corrente della tabella del comando Build Graph on
Section.

Il nome del gruppo di sezioni scelte riportato nella casella Group.


Utilizzando il controllo a tendina Data to Print (Dato da stampare), possibile decidere il dato da stampare
per quella riga. Le opzioni possibili vengono elencate con un clic sinistro del mouse sul triangolino rivolto
verso il basso posto a destra della zona editabile. Le voci selezionabili nella lista sono:
Elevation Difference: differenza tra le quote di due punti di sezione adiacenti;
Partials: distanze parziali tra un punto di sezione e il successivo;
Sloped Partials: distanze parziali inclinate tra un punto di sezione e il successivo considerando anche
la coordinata Z;
Slope: pendenza del segmento che unisce due vertici adiacenti;
Stations: distanze progressive dei punti di sezione rispetto al primo;
Sloped Stations: distanze progressive dei punti di sezione rispetto al primo considerando anche la
coordinata Z;
Elevations: quote dei punti di sezione.
Oltre al campo Data to Print vi sono altri parametri da impostare riportati di seguito:

Plot with Scale: permette di adattare automaticamente la dimensione dei testi affinch possano essere
visualizzati correttamente in stampa nella scala desiderata (per default 1:100);
Height of the Table Lines: imposta laltezza della riga del cartiglio;
Height of the Table Characters: imposta laltezza del carattere per il nome del dato da stampare;
Height of the Data Characters: imposta laltezza dei dati calcolati;
Decimals Number: imposta la precisione dei dati, ovvero il numero di cifre decimali dopo la virgola da
utilizzare nella stampa dei valori calcolati.
Per maggiore flessibilit, la modalit di inserimento dati adottata consente di specificare valori diversi per
altezza righe e dimensione caratteri per ogni riga del cartiglio. Per ottenere un risultato omogeneo, si
consiglia comunque di specificare i medesimi valori dimensionali per ogni riga.
Quando tutti i campi della maschera sono stati impostati con i valori desiderati, premere il tasto Ok per
trasferire tali informazioni sulla riga corrente della tabella sezioni. Per ogni riga che si intende inserire nel
cartiglio necessario ripetere tali operazioni.
Una volta specificate le righe del cartiglio che devono essere create possibile premere il pulsante Next
(Avanti) e proseguire con le successive fasi di creazione delle sezioni.
Il dialogo Draw Table Section Lines [Figura-3DUtilities 34] permette di decidere se tracciare o meno le linee
di collegamento tra i punti delle sezioni calcolate e il bordo superiore del cartiglio. Per default verranno
241

tracciate tutte le linee. Per attivare o disattivare la funzione di tracciamento, occorre eseguire un clic sinistro
del mouse sul campo Activate Drawing Lines (Attivazione tracciamento linee) affinch la scritta cambi da Yes
a No o viceversa.
Una volta impostati i valori premere il tasto Next (Avanti). Premendo invece su Back (Precedente) si ritorna
al dialogo precedente.

Figura-3DUtilities 34 Dialogo per lattivazione delle linee del cartiglio.

Il dialogo Reference Elevation Insertion (Inserimento quote di riferimento) [Figura-3DUtilities 35] permette
di specificare, per ogni linea di sezione, la quota di riferimento da usare nel calcolo della sezione. Con quota
di riferimento si intende la quota che deve avere il margine superiore del cartiglio rispetto alla quota della
sezione calcolata, pertanto la quota di riferimento deve essere sempre inferiore alla minima quota presente
nella sezione.

Figura-3DUtilities 35 Dialogo Reference Elevation Insertion per linserimento delle quote di riferimento
di ogni sezione.

242

Le quote di riferimento sono per default impostate a zero. Per modificare il valore di una o pi quote
sufficiente selezionare le linee corrispondenti rappresentate dal Section No. (Numero di sezione), inserire la
quota di riferimento desiderata nella casella di testo collocata a lato del tasto Update Selection e premere il
pulsante Update Selection (Aggiorna selezione).
Per procedere nel calcolo delle sezioni premere il pulsante Execute (Esegui).
La Figura-3DUtilities 36 illustra un esempio di risultato finale dell'aggiunta del cartiglio a una sezione
composta.

Figura-3DUtilities 36 Esempio di aggiunta del cartiglio a una sezione composta con vista nuvola.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
inserire il nome che identifica il gruppo di sezioni: si consiglia di scegliere con attenzione tale nome
identificativo, poich verr utilizzato nelle righe del cartiglio come mostrato dalla Figura-3DUtilities 32;
selezionare le polilinee di sezione ottenute da compound section: se importante l'ordine con cui
dovranno essere numerate le sezioni o se si devono specificare quote di riferimento distinte tra sezione
e sezione, necessario effettuare la selezione con l'ordine desiderato, altrimenti sar possibile
effettuare una seleziona a finestra senza ordine. Si digiti Invio per continuare;
compare il dialogo principale, dove possibile specificare quali righe del cartiglio stampare e in che
ordine;
per inserire una nuova riga possibile premere New Line e si aprir un dialogo per l'inserimento dati
nella riga corrente. Dopo aver scelto i dati desiderati premere Ok per confermare;
per editare una riga esistente fare doppio clic sopra tale riga: si aprir il dialogo per l'inserimento dati
nella riga corrente aggiornato con i dati gi presenti nella riga. Apportare le modifiche desiderate e
premere Ok per confermare;
quando tutte le righe desiderate sono state inserite premere Next per continuare;
compare un dialogo per scegliere se stampare o meno le linee di congiungimento tra la sezione e il
cartiglio. Per default le linee vengono stampate; per cambiare impostazione fare doppio clic sulla riga
da cambiare in corrispondenza della colonna Activate Line Drawings. Premere Next per continuare;
compare un dialogo dove possibile specificare per ogni linea di sezione (nell'ordine di selezione) la
corrispondente quota di riferimento. Per specificare la quota di una o pi linee selezionare le righe
corrispondenti, inserire il valore della quota desiderata nella casella di testo a lato di Update Selection
e premere il tasto Update Selection. Una volta specificate le quote di riferimento per ogni sezione
premere per avviare il calcolo.

243

Per ogni cartiglio calcolato, viene creato un riferimento di blocco (Block Reference) sul layer SEZ_BLOCK,
inoltre le linee che compongono tali grafici sono disposte su layer diversi:
SEC_GRAPH contiene la tabella del cartiglio e le linee di collegamento tra i punti della sezione e il
margine superiore del cartiglio;
SEC_nome gruppo contiene la sezione, i dati e i nomi delle righe del cartiglio a essa riferite, dove
nome gruppo il nome del gruppo inserito dall'utente.
Consigli e osservazioni
Il numero massimo di linee di sezione selezionabili nel disegno 1.000.

CCMGRAPHS Build Graphs on Section Lines


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_MGRAPHs
CCMGRAPHS
3D Utilities\Graph Managing\Build Graphs on Section Lines

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di creare il cartiglio e visualizzare le sezioni generate con il comando Build a Sequence
of Section Lines (si veda la relativa parte di manuale).
Nota
Si faccia riferimento alla parte del manuale relativa al comando Build Graph on Section per quanto riguarda il
significato dei parametri che possibile inserire nel cartiglio e per lutilizzo dei relativi dialoghi.

Figura-3DUtilities 37 Cartiglio di una multisezione, si nota in basso il cartiglio della sezione longitudinale
in coda alle sezioni trasversali.

245

Figura-3DUtilities 38 Dettaglio del cartiglio della sezione longitudinale.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la parte del modello 3D interessato dalle sezioni multiple di cui si vuole creare il cartiglio e
le corrispondenti sezioni;
inserire il nome che identifica il gruppo di sezioni. Si consiglia di scegliere con attenzione tale nome
identificativo, poich verr utilizzato nelle righe del cartiglio;
compare il dialogo principale, dove possibile specificare quali righe del cartiglio stampare e in che
ordine (si veda Figura-3DUtilities 39);
per inserire una nuova riga possibile premere New Line e si aprir un dialogo per l'inserimento dati
nella riga corrente. Dopo aver scelto i dati desiderati premere Ok per confermare;
per editare una riga esistente fare doppio clic sopra tale riga. Si aprir il dialogo per l'inserimento dati
nella riga corrente aggiornato con i dati gi presenti nella riga. Apportare le modifiche desiderate e
premere Ok per confermare;
quando tutte le righe desiderate sono state inserite premere Next per continuare (si veda Figura3DUtilities 41);
compare un dialogo per scegliere se stampare o meno le linee di congiungimento tra la sezione e il
cartiglio. Per default le linee vengono stampate. Per cambiare impostazione fare doppio clic sulla riga
da cambiare in corrispondenza della colonna Activate Line Drawings. Premere Next per continuare (si
veda Figura-3DUtilities 42);
compare un dialogo dove possibile specificare per ogni linea di sezione (nell'ordine di selezione) la
corrispondente quota di riferimento. Per specificare la quota di una o pi linee selezionare le righe
corrispondenti, inserire il valore della quota desiderata nella casella di testo a lato di Update Selection
e premere il tasto Update Selection. Una volta specificate le quote di riferimento per ogni sezione
premere Execute per avviare il calcolo (si veda Figura-3DUtilities 43).
compare un dialogo che permette di scegliere i parametri da visualizzare nel cartiglio riferito alla
sezione longitudinale. Questo dialogo funziona nello stesso modo rispetto a quello per i cartigli delle
sezioni trasversali (si veda Figura-3DUtilities 44);
compare il dialogo per la scelta se stampare o meno le linee di congiungimento per il cartiglio
longitudinale che funziona anchesso come sopra illustrato per le sezioni trasversali;
compare il dialogo per la scelta della quota di riferimento della linea di sezione longitudinale, anche in
questo caso riferirsi al punto precedente delle sezioni trasversali;
per finire, una volta lanciato il calcolo della sezione longitudinale, un dialogo permette di scegliere
lallineamento dei grafici per righe o colonne e il relativo numero (si veda Figura-3DUtilities 45).

246

Per ogni cartiglio calcolato, viene creato un riferimento di blocco (Block Reference) sul layer SEZ_BLOCK,
inoltre le linee che compongono tali grafici sono disposte su layer diversi:
SEC_GRAPH contiene la tabella del cartiglio e le linee di collegamento tra i punti della sezione e il
margine superiore del cartiglio;
SEC_nome gruppo contiene la sezione, i dati e i nomi delle righe del cartiglio a essa riferite, dove
nome gruppo il nome del gruppo inserito dall'utente.
Consigli e osservazioni
Il numero massimo di linee di sezione selezionabili nel disegno 1.000. Se alcuni grafici delle sezioni
trasversali risultano vuoti, dovuto al fatto che la sezione calcolata sul modello 3D non era una linea
univoca, per cui nessuna linea o pi linee spezzate sono state calcolate.

Figura-3DUtilities 39 Dialogo principale di inserimento delle righe del cartiglio

Figura-3DUtilities 40 Dialogo dei parametri per linserimento delle righe del cartiglio

247

Figura-3DUtilities 41 Dopo aver inserito le informazioni desiderate procedere premendo Next.

Figura-3DUtilities 42 Possibilit di disegnare o meno le linee di congiungimento.

Figura-3DUtilities 43 Possibilit di variare le quote di riferimento dei punti delle sezioni.

248

Figura-3DUtilities 44 Inserimento informazioni desiderate per la sezione longitudinale.

Figura-3DUtilities 45 Finestra per lallineamento dei cartigli nellarea di disegno.

249

CCEGRAPH Edit Graph


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_EGRAPH
CCEGRAPH
3D Utilities\Graph Managing\Edit Graph

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di entrare in modalit editing per una sezione con cartiglio generata con il comando
CCGRAPH. In sostanza il comando spezza il cartiglio in due parti:
la polilinea di sezione che, non essendo pi inclusa nel cartiglio, pu essere editata con i comandi di
AutoCAD;
la restante parte del cartiglio, che viene colorata di un unico colore (rosso per default) per indicare che
il cartiglio in editing (si faccia riferimento alla Figura-3DUtilities 46).
Una volta entrati in modalit editing possibile quindi modificare la polilinea di sezione facendo per
attenzione a non cancellarla (ad esempio sostituendola con un'altra) perch contiene delle informazioni
trasparenti all'utente che sono per necessarie per la rigenerazione del cartiglio.

Figura-3DUtilities 46 Esempio di editing di un cartiglio: la polilinea sezionata selezionabile ed editabile in quanto


non pi inclusa nel cartiglio.

Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare la sezione con cartiglio da editare;
compare un dialogo dove possibile specificare il colore di editing del cartiglio. Per cambiare colore,
fare clic sul rettangolo colorato (per default rosso) e scegliere il colore desiderato sulla tavolozza che
compare. Confermare con Ok la scelta del colore per procedere;
il cartiglio assume il colore indicato ed ora possibile editare la polilinea di sezione.
Consigli e osservazioni
possibile editare ma non cancellare la polilinea di sezione. Non bisogna infatti eseguire alcun comando che
la cancelli perch la polilinea originale contiene informazioni trasparenti all'utente ma necessarie alla
rigenerazione del cartiglio.

250

CCRGRAPH Rebuild Edited Graph


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_RGRAPH
CCRGRAPH
3D Utilities\Graph Managing\Rebuild Edited Graph

Funzionalit e caratteristiche
Il comando esegue la rigenerazione di tutti i cartigli del disegno corrente che sono in editing. In sostanza
viene creato un nuovo cartiglio che ingloba la polilinea di sezione e aggiorna il cartiglio in base alle modifiche
apportate alla polilinea di sezione.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Si attivi il comando;
le sezioni con cartiglio che sono in editing vengono rigenerate.
Consigli e osservazioni
Se una sezione con cartiglio che in editing non viene rigenerata, pu essere dovuto al fatto che la
corrispondente polilinea di sezione stata manualmente cancellata durante l'editing (per essere, ad
esempio, sostituita con un'altra polilinea). necessario, infatti, che la polilinea originale non venga cancellata
affinch la rigenerazione vada a buon fine.

251

Triangular Models
Questo gruppo permette di elaborare i modelli digitali a triangoli, in particolare, di eseguire il calcolo dei
volumi, di calcolare le linee di intersezione tra due modelli o di inserire le scritte delle curve di livello. Bisogna
per porre attenzione al fatto che la gestione di modelli digitali a triangoli, soprattutto se di grosse
dimensioni, richiede particolare cura nella costruzione degli stessi, oltre a un utilizzo appropriato dei comandi
stessi. Questi ultimi, infatti, sono stati progettati per funzionare su modelli digitali costruiti con precise
regole, senza triangoli doppi (triangoli uguali, sovrapposti, e appartenenti allo stesso layer) o mal tracciati
(incrociati, anomali, etc., come illustrato in seguito). Eventuali anomalie presenti nel modello possono,
infatti, ripercuotersi sul funzionamento dei comandi di gestione. Pi precisamente si raccomanda di:
non applicare i comandi del gruppo su modelli contenenti facce 3d quadrangolari;
controllare, con il comando SHADE (ombreggiatura piatta) di AutoCAD, che non manchino dei
triangoli (presenza di buchi sul modello digitale);
non tracciare triangoli che si incrociano, come ad esempio viene mostrato in Figura-3DUtilities 47;
non triangolare in modo approssimato, come ad esempio mostrato in Figura-3DUtilities 48;
evitare di creare triangoli molto lunghi e stretti, optando invece per triangoli il pi possibile vicini
allequilatero;
evitare di tracciare triangoli perfettamente verticali (ovvero giacenti su un piano cartesiano
trasversale), in particolare se si deve effettuare il calcolo dei volumi, sufficiente variare leggermente
linclinazione in modo che il triangolo non sia esattamente verticale. Il caso tipico che porta alla
generazione di triangoli perfettamente verticali dovuto alla triangolazione tra due polilinee 3d a
quote differenti ma le cui proiezioni sul piano XY sono coincidenti come mostrato in Figura-3DUtilities
49. In tal caso sufficiente sostituire ad esempio la polilinea 3d con vertici a quota 20 m, con loffset
della stessa a distanza piana di 0.00001 m nella direzione desiderata. La triangolazione tra le polilinee
3d con vertici a quota 0 m e la nuova polilinea 3d generer dei triangoli non pi perfettamente
verticali, ma leggermente inclinati, quanto basta per garantire che il comando per il calcolo volumi non
sbagli nelleffettuare il calcolo della superficie inclinata dei triangoli.

Figura-3DUtilities 47 Nellimmagine superiore presente un triangolo in pi, che non necessario e pu portare a
errori nellutilizzo dei comandi di gestione dei modelli digitali. Nellimmagine inferiore proposto il modello digitale
corretto (senza il triangolo in pi).

252

Figura-3DUtilities 48 Nellimmagine a sinistra evidenziato un esempio di triangolazione approssimata: i triangoli T1


e T2 sono stati creati su un punto (evidenziato con un cerchietto nero) tracciato vicino a un lato del triangolo Tbase.
Questo sbagliato: corretto invece tracciare un unico triangolo T come mostrato nellimmagine a destra.

Figura-3DUtilities 49 Esempio di due polilinee 3d le cui proiezioni sul piano XY coincidono e dove la prima polilinea 3d
ha vertici tutti a quota 0 m, mentre la seconda ha vertici tutti a quota 20 m. La triangolazione tra le due polilinee 3d
genera triangoli perfettamente verticali e ci da evitarsi, in particolare nel caso si debba effettuare un calcolo volumi
su tali triangoli.

253

CCIMMT[XY] Intersection between Triangle Digital Models


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_IMMT
CCIMMT
3D Utilities\Triangular Models\Intersection

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di restituire un insieme di polilinee 3d rappresentanti le zone di intersezione tra due
modelli digitali a triangoli che si compenetrano. Si faccia ad esempio riferimento alla Figura-3DUtilities 50
composta da tre immagini: a partire da due modelli digitali a triangoli, uno rosso e uno verde, che dovranno
essere posti su due e due soli layer distinti, si ottengono, come risultato dellintersezione, le quattro polilinee
3d dellimmagine di destra, in corrispondenza delle zone di intersezione dei modelli digitali di colore rosso e
di colore verde come evidenziato dallo SHADE dei modelli riportato nellimmagine centrale. Generalmente il
comando CCIMMT viene utilizzato per intersecare un modello digitale esistente (denominato modello da
intersecare ) con un piano di taglio disegnato dallutente (denominato piano di taglio). Tutti i triangoli che
compongono il modello da intersecare devono trovarsi su un layer e tutti i triangoli del piano di taglio su un
altro layer, distinto dal primo. Alla fine del processo di intersezione possibile, a discrezione dellutente,
applicare un filtro per eliminare eventualmente alcuni punti (vertici) delle polilinee 3d che non sono ritenuti
significativi sulla base di una serie di controlli descritti in seguito. Infatti, accade spesso che una polilinea 3d
di intersezione passi molto vicino a uno spigolo di un triangolo, implicando cos la presa di due punti molto
vicini tra loro quando in realt potrebbe bastarne solo uno, senza che la precisione del risultato
dellintersezione venga significativamente influenzata. Si allora realizzato un modulo di filtraggio che
esegue i seguenti controlli: sulla distanza media tra i vertici delle singole polilinee 3d, sulla differenza di
pendenza dei segmenti che congiungono i vertici adiacenti e sulla distanza immaginaria, cio la lunghezza
del segmento (rispetto alla sua proiezione sul piano XY) tra il vertice di giunzione di una coppia di segmenti
e il punto del segmento immaginario che congiunge gli estremi esterni dei due segmenti che forma un
angolo retto con il segmento immaginario [Figura-3DUtilities 51]. La distanza media (forzata ad essere
comunque un valore minore o uguale a una unit disegno) serve a individuare linsieme dei possibili vertici
adiacenti candidati ad essere scartati, mentre i controlli sulle variazioni di pendenza (che deve essere minore
o uguale all1%) e sulla distanza immaginaria (che deve essere minore o uguale a 0.2 unit) servono a
determinare i vertici che verranno effettivamente scartati.
Modalit duso
Una volta organizzati i modelli digitali come sopra descritto, si attivi il comando, si selezioni un triangolo
qualsiasi del modello da intersecare, si selezioni quindi un triangolo qualsiasi del piano di taglio. Al termine
del processo di calcolo dellintersezione richiesto se applicare un filtro ai punti (vertici) delle polilinee 3d
individuate o meno: la risposta pu essere s, digitando Y e Invio, oppure no, digitando N e Invio.
Il comando restituisce le polilinee 3d di intersezione sul layer _L3D_LINEA_DI_TAGLIO.

254

Figura-3DUtilities 50 Esempio di risultato ottenuto con il comando CCIMMT: a partire dai due modelli digitali a
triangoli, uno rosso e uno verde (immagine a sinistra), che si compenetrano come evidenziato dallo Shade
(ombreggiatura piatta) dellimmagine centrale, si ottengono le polilinee 3d di intersezione dei due modelli riportate
nellimmagine di destra.

Figura-3DUtilities 51 Definizione grafica della distanza tra il vertice di giunzione di una coppia di segmenti e il
segmento immaginario che congiunge gli estremi esterni dei due segmenti.

Consigli e osservazioni
I parametri utilizzati per effettuare i controlli precedentemente indicati, sono stati scelti e tarati per lavorare
su modelli digitali del terreno tipici, dove i lati dei triangoli del modello digitale hanno lunghezze dellordine
della decina di metri. Se si dovesse lavorare su modelli digitali di diversa natura si consiglia vivamente di non
applicare il filtro dei punti richiamabile alla fine del processo di calcolo dellintersezione.

255

CCSCL[XY] Contour Line Texts


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_SCL
CCSCL
3D Utilities\Triangular Models\Contour Lines Texts

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di inserire le scritte delle quote sulle curve di livello generate con il comando CNTLN. Si
noti che, anche se il comando CNTLN permette di creare le curve di livello sotto forma di polilinee 3d oltre
che di polilinee in quota, il comando CCSCL inserisce le scritte solo sulle polilinee in quota, in quanto le
polilinee 3d non vengono riconosciute come idonee (perch potenzialmente possono avere vertici a quote
differenti). Il principio di funzionamento del comando CCSCL consiste nel permettere allutente di decidere
dove inserire le scritte ed in che modo, ovvero di deciderne la posizione, la direzione e il verso. In questo
modo lutente pu personalizzare il disegno in base alle proprie esigenze. Si considerino ad esempio le curve
di livello dellesempio in Figura-3DUtilities 52. Lutente pu tracciare una o pi polilinee indicanti la direzione
e il verso dove inserire le quote, ad esempio Figura-3DUtilities 52 mostrato il tracciamento di alcune
polilinee di colore bianco e in Figura-3DUtilities 53/Figura-3DUtilities 54 mostrato il risultato del
tracciamento delle scritte. Il verso con cui si tracciano le polilinee indica il verso che avr il testo, ad
esempio, se si considerano le polilinee di Figura-3DUtilities 55, il cui verso uno opposto allaltro, le scritte
risultanti avranno verso indicato dalla Figura-3DUtilities 56.

Figura-3DUtilities 52 Inserimento di alcune polilinee (di colore bianco) indicanti direzione e verso delle scritte delle
quote sulle curve.

256

Figura-3DUtilities 53 Risultato del tracciamento delle scritte delle quote rispetto alla polilinee di direzione e alle curve
di livello di Figura-3DUtilities 52.

Figura-3DUtilities 54 Dettaglio di Figura-3DUtilities 53.

257

Figura-3DUtilities 55 Esempio di due polilinee indicanti le direzioni e i versi delle scritte sulle curve di livello (il verso
indicato seguendo la numerazione dei vertici evidenziati con un cerchietto nero).

Figura-3DUtilities 56 Risultato del tracciamento delle quote sulle curve di livello in corrispondenza delle polilinee di
direzione di Figura-3DUtilities 55: si noti che le scritte seguono il verso di ordinamento dei vertici delle polilinee di
direzione.

258

Modalit duso
Attivato il comando compare il dialogo di Figura-3DUtilities 57: nella parte superiore possibile specificare
come deve essere visualizzato il testo delle quote, ovvero, il tipo di font (Font), se deve essere in grassetto
(pulsante B) o in corsivo (pulsante I), la dimensione del testo (Text Size), il numero di cifre significative dopo
la virgola con cui visualizzare i testi (Accuracy) e infine la posizione del testo rispetto alle curve di livello
(Text Position). Nella parte inferiore a sinistra possibile invece specificare su quali tipi di curve di livello
visualizzare le scritte attivando o meno la pertinente opzione e scegliendo, se non fosse gi impostato
correttamente, il nome del layer sul quale si trova la relativa tipologia di curve. inoltre possibile, spuntando
lopzione Draw Text Frame (Traccia cornice testo), attivare la stampa di una cornice rettangolare intorno a
ogni scritta. Dopo aver specificato i parametri desiderati si scelga Ok, si selezionino quindi le polilinee di
direzione lungo le quali tracciare le scritte e si digiti Invio.

Figura-3DUtilities 57 Dialogo per linserimento dei parametri per il tracciamento delle scritte sulle curve di livello.

Consigli e osservazioni
Come si gi detto nella trattazione del comando CNTLN, possibile addolcire le curve di livello con
lopzione Spline del comando EDITPL di AutoCAD, ma ci deve essere fatto solo dopo il tracciamento delle
scritte sulle curve di livello. Un esempio di addolcimento delle curve di livello di Figura-3DUtilities 54
riportato in Figura-3DUtilities 58.
Assunzioni
Il comando gestisce al massimo 100 polilinee di direzione alla volta, nel caso se ne selezionassero un
numero maggiore, le eccedenti non verrebbero considerate e dovranno essere selezionate
nuovamente con unulteriore esecuzione del comando.
Per il corretto funzionamento del comando necessario che le curve di livello siano in quota.

259

Figura-3DUtilities 58 Risultato delladdolcimento delle curve di livello di Figura-3DUtilities 54 ottenuto con lopzione
Spline del comando EDITPL di AutoCAD.

260

CCCVI[XY] Volume Calculation by Intersection


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_CVI
CCCVI
3D Utilities\Triangular Models\Volumes Calculation by Intersection

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di calcolare il volume compreso tra due modelli digitali a triangoli, che si intersecano
sotto il punto di vista planimetrico (rispetto alle proiezioni sul piano XY), e di ottenere le superfici piane e
inclinate delle zone di sterro e di riporto. Per il corretto funzionamento del comando necessario che i
triangoli dei due modelli digitali siano posti su due e due soli layer distinti, esattamente come necessario
per il comando CCIMMT (Intersection between Digital Triangle Models) precedentemente trattato. Inoltre, si
assume, relativamente a un generico modello digitale, che esso non abbia triangoli (quindi appartenenti allo
stesso layer) che si intersecano planimetricamente (come accade ad esempio in Figura-3DUtilities 59 per lo
SDF), altrimenti i volumi verrebbero calcolati in eccesso allinterno della corrispondente zona di intersezione.
Durante lesecuzione, lavanzamento del calcolo volumi caratterizzato dalla colorazione in tempo reale delle
zone processate di rosso (se zona di riporto), di giallo (se zona di sterro) o di bianco (se zone a volume
zero). Al termine del calcolo, sulla finestra di dialogo alla riga di comando vengono visualizzati i dati:
Cut Volume volume calcolato nella zona di sterro;
Fill Volume volume calcolato nella zona di riporto.
Generalmente la superficie piana del Progetto coincide con quella considerata nel calcolo volumi, ma ci non
vero nel caso in cui una porzione del Progetto non intersechi planimetricamente lo SDF. Inoltre il
programma crea, nella directory dove si trova il file NomeFile.dwg sul quale si sta eseguendo il comando,
due file html di promemoria:
NomeFile_gg_mm_aaaa_oopp_RIEPILOGO.htm: un riepilogo, consultabile e stampabile in ogni
momento, contenente i seguenti dati:
Superficie piana totale del progetto superficie piana calcolata su tutto il progetto;
Superficie piana di sterro + Riporto del progetto superficie piana del progetto che stata
considerata nel calcolo volumi (Sterro + Riporto), ovvero che si interseca planimetricamente
con lo SDF;
Superficie piana di sterro del progetto superficie piana di sterro del progetto;
Superficie piana di riporto del progetto superficie piana di riporto del progetto;
Superficie inclinata di sterro del progetto superficie piana di sterro del progetto;
Superficie inclinata di riporto del progetto superficie Inclinata di riporto del progetto;
Volume di sterro volume calcolato nella zona di sterro;
Volume di riporto volume calcolato nella zona di riporto.
NomeFile_gg_mm_aaaa_oopp_PARZIALI.htm: contiene la lista di tutti i prismi triangolari creati dal
comando in modo tale che ogni nuovo triangolo dello SDF (uno dei due estremi del prisma) abbia
sempre un nuovo corrispondente triangolo del Progetto (laltro estremo del prisma), coincidenti sotto il
punto di vista planimetrico, ma proiettati uno sul modello SDF e uno sul modello Progetto. Questi
nuovi triangoli sono descritti ognuno nellordine da:
N - numero del prisma considerato;
X1 - coordinata X del primo vertice del triangolo dello SDF e del Progetto;
Y1 - coordinata Y del primo vertice del triangolo dello SDF e del Progetto;
Z1sdf - coordinata Z del primo vertice del triangolo dello SDF;
Z1pro - coordinata Z del primo vertice del triangolo del Progetto;
X2 - coordinata X del secondo vertice del triangolo dello SDF e del Progetto;
Y2 - coordinata Y del secondo vertice del triangolo dello SDF e del Progetto;
Z2sdf - coordinata Z del secondo vertice del triangolo dello SDF;
Z2pro - coordinata Z del secondo vertice del triangolo del Progetto;
X3 - coordinata X del terzo vertice del triangolo dello SDF e del Progetto;
Y3 - coordinata Y del terzo vertice del triangolo dello SDF e del Progetto;
Z3sdf - coordinata Z del terzo vertice del triangolo dello SDF;
Z3pro - coordinata Z del terzo vertice del triangolo del Progetto;
261

Vol - volume compreso tra il triangolo dello SDF e quello del Progetto (ovvero il volume del
prisma);
SupInc - superficie inclinata del triangolo del Progetto;
SupPia - superficie piana del triangolo del Progetto.
Si noti che i nomi dei file html ampliano il nome del file dwg originale in modo da riportare:
gg = giorno indicato dallorologio della macchina al momento della creazione del file;
mm = mese indicato dallorologio della macchina al momento della creazione del file
aaaa = anno indicato dallorologio della macchina al momento della creazione del file;
oo = ora indicata dallorologio della macchina al momento della creazione del file;
pp = minuti indicati dallorologio della macchina al momento della creazione del file.
Vengono inoltre creati nel file dwg due entit testo, recanti la scritta PARZIALI e RIEPILOGO, che sono
due collegamenti ipertestuali attraverso i quali possibile accedere ai due file html sopra descritti
(nellordine) senza che lutente debba cercarli personalmente nelle directory di creazione. Ad esempio, per
accedere al file html di riepilogo sufficiente selezionare con un solo clic del mouse la scritta RIEPILOGO,
quindi usare il tasto destro del mouse, scegliere lopzione Collegamenti ipertestuale e quindi la sotto-opzione
Apri NomeFile.
Si vuole preci[are che, vista la facilit di perdita, modifica o manomissione (accidentale o meno) dei suddetti
file, Virtualgeo s.r.l. considera i suddetti file come un promemoria per lutente. Sta quindi a questultimo
gestire in modo corretto e consapevole tali file.
Affinch il comando lavori in modo efficiente e crei i file html effettivamente allinterno della directory
contenente il dwg originale NomeFile.dwg, si proceda come segue:
si crei un nuovo file dwg e si copi allinterno di questultimo i soli triangoli dello SDF e del Progetto
salvati su due e due soli layer distinti;
si elimini la maggior parte dei triangoli dello SDF che non si intersecano planimetricamente con i
triangoli del Progetto: tali triangoli non influiscono sul risultato finale e rallentano il processo di calcolo
dei volumi. Nellimmagine destra di Figura-3DUtilities 60 riportato il risultato della pulitura dello
SDF (in nero) che originariamente era quello dellimmagine di sinistra. Si consiglia di porre la massima
attenzione durante il processo di pulitura: grossolane disattenzioni potrebbero portare ad altrettanto
grossolane perdite di volumi e di superfici nel calcolo;
salvare il file dwg con un nome appropriato e nella cartella desiderata;
chiudere il file dwg;
riaprire il file dwg;
procedere quindi nellesecuzione del calcolo dei volumi con il comando CCCVI.
Nel file dwg dove stato eseguito il calcolo volumi, possono venire creati, in base alle impostazioni scelte
dallutente, nuovi layer tra quelli di seguito descritti:
MM_ColoriVolumi o MM_ColoreVolumeSterro e MM_ColoreVolumeRiporto: contengono le
proiezioni planimetriche sul piano rispetto al quale viene eseguito il calcolo volumi, dei triangoli
generati dal programma (la coordinata Z a cui si trova tale piano viene visualizzata nella finestra di
dialogo per lutente, subito dopo aver selezionato i triangoli dei modelli digitali). I triangoli
corrispondenti a una zona di riporto vengono colorati di rosso, mentre quelli corrispondenti a una zona
di sterro, di giallo. Lutente pu scegliere se stampare i triangoli tutti sul layer MM_ColoriVolumi o su
layer separati, a seconda che siano di sterro (mettendoli quindi in MM_ColoreVolumeSterro) o di
riporto (mettendoli in MM_ColoreVolumeRiporto);
MM_ColoreVolumeZero: contiene le proiezioni planimetriche sul piano rispetto al quale viene
eseguito il calcolo volumi, dei triangoli dei prismi di volume zero;
MM_CV_SDF: contiene i triangoli proiettati sullo SDF dei prismi generati dal programma;
MM_CV_PRO: contiene i triangoli proiettati sul Progetto dei prismi generati dal programma;
TXT_Link: contiene le due scritte dei collegamenti ipertestuali PARZIALI e RIEPILOGO
precedentemente descritte.
Attivando il comando CCOGL, si potr notare come, facendo riferimento allorganizzazione per gruppi dei
layer, il comando CCCVI abbia posto i layer allinterno del gruppo Calcolo Volumi contenuto nel gruppo
predefinito MM.
Un esempio di calcolo volumi riportato in Figura-3DUtilities 59/Figura-3DUtilities 60/Figura-3DUtilities 61:
in Figura-3DUtilities 59 riportato il render di un modello digitale SDF a forma di collina, dove si intravede il
modello Progetto (in blu) che prevede lasportazione del materiale della cima della collina. In Figura262

3DUtilities 61 riportato ci che appare dopo il calcolo volumi (immagine sinistra) e ci che appare dopo
aver spento i modelli digitali SDF e Progetto e aver attivato il comando Shade (ombreggiatura piatta) di
AutoCAD (immagine destra). Infine, in Figura-3DUtilities 62 elencato il riepilogo del calcolo volumi aperto
utilizzando il collegamento ipertestuale RIEPILOGO.
Modalit duso
Si attivi il comando, si selezioni un triangolo qualsiasi dello SDF (modello digitale che rappresenta lo Stato Di
Fatto) e un triangolo qualsiasi del Progetto. Compare quindi il dialogo di Figura-3DUtilities 63: la parte
superiore un semplice riepilogo sui modelli digitali selezionati, ovvero per ogni modello digitale viene
indicato il numero di triangoli che lo compongono e il layer di appartenenza. Nel riquadro Layer for the
Colouring of Cut/Fill (Layer per la colorazione di Sterro/Riporto) possibile scegliere se visualizzare i triangoli
per la colorazione dello sterro e del riporto su un singolo layer MM_VolumesColours (basta selezionare con
un clic del mouse la scritta Single (Singolo) o visualizzare i triangoli di sterro e di riporto su layer distinti
MM_CutVolumeColour e MM_FillVolumeColour (selezionando con un clic del mouse la scritta Split
(Separato)). Nel riquadro Creation Triangles of Prisms Projected on the Mathematical Models (Creazione
estremi prismi proiettati sui modelli digitali) possibile scegliere se creare i layer (e il relativo contenuto
precedentemente descritto) MM_CV_CS e MM_CV_PRO. Per eseguire la creazione necessario spuntare
lopzione Creation (Creazione). Infine, nel riquadro Creation file volumes and surfaces (Creazione file volumi
e superfici) possibile specificare la precisione di visualizzazione dei dati sui file html (numero di cifre
significative dopo la virgola) e se limpostazione da assegnare ai file debba essere adattata per la stampa su
formato A3 o A4. Per default la creazione dei file ottimizzata per il formato A3, ma possibile spuntare
lopzione For A4 Format (Reduced Version) (Per formato A4 (versione ridotta)). Si noti che, per quanto
riguarda la precisione di stampa dei dati, il comando esegue sempre il calcolo dei volumi con la massima
precisione consentita, e utilizza il parametro Precision (Precisione) solo in fase di stampa, arrotondando
sempre il valore a quello pi prossimo consentito (ovvero, se deve stampare il valore 125.234 con precisione
2, stamper il valore 125.23; se invece deve stampare il valore 125.238 con precisione 2, stamper il valore
125.24).

263

Consigli e osservazioni
Dopo il calcolo volumi, sfruttando il comando SHADE (ombreggiatura piatta) lutente pu valutare
visivamente e in qualsiasi momento quale sia lestensione delle zone di sterro e di riporto, semplicemente
osservando la colorazione dei triangoli (come mostrato in Figura-3DUtilities 61). Pu inoltre individuare se si
sono verificati problemi nel calcolo dei volumi: la presenza di buchi (mancanza di triangoli) indica le zone in
cui i volumi non sono stati calcolati. Problemi di questo tipo sono generalmente dovuti a errori in fase di
costruzione dei modelli digitali, quindi losservazione con lo Shade (ombreggiatura piatta) di AutoCAD aiuta
a individuare le zone dove si rendesse eventualmente necessario sistemare il modello digitale.
Si consiglia di disattivare lopzione di stampa For A4 format (Reduced Version) e di adattare la stampa al
formato A4 utilizzando lopzione Proporzioni delle impostazioni di stampa del Page Setup. Inoltre, per
attivare la stampa dei numeri di pagina, si inserisca la stringa &w&bPage &p of &P nel campo Header del
Page Setup (Setup della stampante) di Internet Explorer.
Assunzioni
Per il corretto funzionamento del comando, lunit disegno con cui si crea il file dwg deve essere il
metro.
Per il corretto funzionamento del comando necessario venga eseguito su modelli digitali privi delle
anomalie descritte nellintroduzione del presente gruppo di comandi.
Per la corretta creazione dei file html, necessario che la concatenazione del percorso dove salvato
il file pi il nome del file dwg conti al massimo 228 caratteri, pari allo standard di 256 caratteri
supportati
per
le
cartelle
di
Windows,
sottratto
lo
spazio
utilizzato
da
_gg_mm_aaaa_oopp_RIEPILOGO_ (cio 28 caratteri).
Il comando stato costruito e testato per eseguire il calcolo dei volumi su modelli digitali le cui
dimensioni dei segmenti dei triangoli siano nellordine del metro o della decina di metri. Se si esegue il
comando CCCVI su modelli digitali con segmenti sensibilmente pi piccoli o pi grandi, il risultato
restituito dal calcolo volumi potrebbe non essere significativo.

Figura-3DUtilities 59 Sezione trasversale di due modelli digitali di cui si vogliano calcolare i volumi: lo SDF (Stato Di
Fatto) presenta dei triangoli che si intersecano planimetricamente in corrispondenza della zona compresa tra la doppia
freccia in figura. In corrispondenza di tali intersezioni, il calcolo dei volumi con il comando CCCVI non verr eseguito
correttamente.

264

Figura-3DUtilities 59 Render di un modello digitale Stato Di Fatto (di colore verde dorato) dove si intravede in blu il
progetto, che prevede leliminazione della cima rocciosa della collina dello Stato Di Fatto.

Figura-3DUtilities 60 Nellimmagine a destra riportato il risultato del processo di pulitura del modello Stato Di
Fatto (di colore verde dorato) dellimmagine di sinistra (la cui vista tridimensionale riportata in Figura-3DUtilities 59),
realizzato togliendo parte dei triangoli ininfluenti nel calcolo volumi per intersezione planimetrica dei modelli digitali.
Come si pu immaginare, i triangoli tolti risultavano facilmente e velocemente selezionabili con la selezione a finestra
di AutoCAD.

265

Figura-3DUtilities 61 Risultato del calcolo volumi sui modelli digitali Stato Di Fatto (verde dorato) e Progetto (blu)
dellimmagine destra di Figura-3DUtilities 60. Nellimmagine di sinistra riportato ci che si vede subito dopo il calcolo
dei volumi, nellimmagine di destra invece riportato uno SHADE (comando Ombreggiatura piatta di AutoCAD) dei
triangoli di colorazione dello sterro (giallo), del riporto (rosso) e delle zone a volume zero (bianco).

Figura-3DUtilities 62 File html aperto utilizzando il collegamento ipertestuale RIEPILOGO dellimmagine sinistra di
Figura-3DUtilities 60.

266

Figura-3DUtilities 63 Dialogo per linserimento dei parametri usati per il calcolo dei volumi.

267

CCCA[XY] Area Calculation


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_CA
CCCA
3D Utilities\Triangular Models\ Area Calculation

Funzionalit e caratteristiche
Il comando permette di calcolare e visualizzare larea piana totale (della proiezione sul piano XY) e larea
inclinata totale (quella effettiva delle entit), come risultato della somma delle aree delle entit 3D Face
selezionate. I risultati vengono visualizzati sulla riga di comando.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare a finestra le 3D Face desiderate;
premere Invio per avviare il calcolo.

268

CCADS[XY] Angles, Distances, Slope


Intro

Toolbar :
Nome esteso :
Alias :
Menu :

_CUBO_ADS
CCADS
3D Utilities\Triangular Models\Angles, Distances, Slope

Funzionalit e caratteristiche
Il comando fornisce un insieme di informazioni significative, riguardo alla pendenza, alle distanze e agli
angoli, calcolate rispetto a due punti collocati nello spazio tridimensionale e selezionati dallutente con
modalit Osnap attiva. Di seguito sono elencati i dati calcolati e restituiti dal comando, suddivisi per
categorie, la cui spiegazione grafica riportata in Figura-3DUtilities 64.
Informazioni generali:
Slope (pendenza), espressa in percentuale, tra i due punti;
Angolo formato dal segmento ideale che congiunge i due punti e il piano XY, indicato con la
lettera . La misura dellangolo viene espressa in gradi decimali (deg) e gradianti (grad),
langolo varia tra 0 e 90 per i gradi decimali e tra 0 e 100 per i gradianti;
Angolo formato dalla proiezione sul piano XY del segmento congiungente i due punti e lasse
Y, indicato con la lettera . La misura dellangolo viene espressa in gradi decimali (deg) e
gradianti (grad), si suppone che lo zero sulla circonferenza goniometrica, centrata nellorigine,
coincida con lintersezione della stessa con lasse Y e che i valori aumentino in senso orario.
Informazioni bidimensionali relative al piano XY:
Plane Distance (distanza piana), ovvero la lunghezza della proiezione sul piano XY del
segmento congiungente i due punti;
X, differenza tra il valore della coordinata X del secondo punto selezionato e la coordinata X
del primo punto selezionato;
Y, differenza tra il valore della coordinata Y del secondo punto selezionato e la coordinata Y
del primo punto selezionato.
Informazioni tridimensionali:
Inclined Distance (distanza inclinata), lunghezza del segmento congiungente i due punti
selezionati.
Z, differenza tra il valore della coordinata Z del secondo punto selezionato e la coordinata Z
del primo punto selezionato.
Informazioni sulle coordinate:
Coordinates, valori delle coordinate spaziali X, Y, Z di entrambi i punti.
Modalit duso
TOOLBAR / CONSOLE / MENU
Attivare il comando;
selezionare il primo vertice con Osnap attivo;
selezionare il secondo vertice con Osnap attivo;
compare la finestra di dialogo di Figura-3DUtilities 65 contenente le informazioni su pendenza, angoli e
distanze. Nel dialogo tutte le informazioni visualizzate sono selezionabili con il mouse e consentono le
operazioni di copia-incolla.

269

Figura-3DUtilities 64 - Angoli e distanze misurati dal comando CCADS.

Figura-3DUtilities 65- Dialogo di visualizzazione dati del comando CCADS.

270