Sei sulla pagina 1di 4

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ING.

MECCANICA
CORSO DI COSTRUZIONE DI MACCHINE
SIMULAZIONE DI MACCHINA DI PROVA A FATICA ALTERNATA A RISONANZA
(ANALISI ARMONICA)
Si conduca la simulazione del comportamento dinamico della macchina per prove di fatica alternata
in piena scala su elementi tubolari per batterie di perforazione (Drill Collars) mostrata in Fig. 1.

Fig. 1 Macchina di prova a fatica per elementi tubolari in piena scala.


Lo schema di funzionamento della macchina mostrato in Fig. 2.
La macchina si basa su di un principio di funzionamento a risonanza, per il quale si sfrutta
lamplificazione dinamica di un sistema eccitato in prossimit di una delle sue frequenze proprie al
fine ottenere sollecitazioni significativamente pi elevate di quelle che sarebbero prodotte dagli
attuatori in funzionamento statico. Queste macchine risultano particolarmente indicate per produrre
la rottura a fatica di componenti di grandi dimensioni.
Il sistema vibrante costituito da un elemento elastico (provino in piena scala) e due bracci rigidi,
connessi allestremit del provino tramite morse.
Il sistema viene eccitato da due forze alternate ad andamento sinusoidale agenti in direzione x,
applicate allestremit dei bracci, aventi uguale ampiezza e pulsazione, ma diversa fase.
La fase tra le forze pu essere regolata tramite un apposito dispositivo meccanico, detto appunto
variatore di fase.
Variando la fase possibile regolare di fatto leccitazione del sistema e, quindi, le tensioni agenti
sul provino.

Fig. 1
Sono date le seguenti caratteristiche del sistema:
Dint = 79.2 mm
Diametro interno provino
Diametro esterno provino
Dest =209.6 mm
BF = LB1- LP+ LB2/2
Distanza tra lasse del provino e la retta di azione della forza
GL =1390 mm
Lunghezza provino
WA1 = 550 mm
Larghezza braccio
Larghezza sistema eccitazione
WA2 = 300 mm
HB = 380 mm
Altezza braccio e sistema eccitazione
LB1 = 960 mm
Lunghezza braccio
LB2 = 580 mm
Lunghezza sistema eccitazione
LP = 200 mm
Sporgenza braccio
MB = 1770 kg
Massa braccio
ME = 216 kg
Massa sistema di eccitazione

mecc = 14 kg
recc = 40 mm

Massa del singolo eccentrico


Eccentricit degli eccentrici

Si analizzi la risposta della macchina di prova nel "range" di frequenze da 0 a 40 Hz, al variare della
fase tra le due forze eccitatrici ed assumendo uno smorzamento relativo pari a 0.009. Si supponga
inoltre la massa dei bracci e delleccitatore uniformemente distribuita sul relativo volume.
Si noti che leffettiva forza eccitatrice, derivando dalla rotazione degli eccentrici, risulta
proporzionale al quadrato della frequenza (e non costante con essa).
Dato che ANSYS, nellanalisi armonica standard, non dispone di un apposito comando per la
rappresentazione di un tale tipo di eccitazione, necessario costruirla definendo una serie di Load
Steps (ad esempio spaziati di 1 Hz), a ciascuno dei quali attribuire un diverso valore della forza
eccitatrice.
Le risposte fornite dal sistema, in termini di tensione massima al centro del provino in funzione
della frequenza, sono riportate nelle Figg. 3-5, per fasi di 180, 90 e 0.

Fig. 3 Risposta del sistema per una fase tra le forze pari a 180.

Fig. 4 Risposta del sistema per una fase tra le forze pari a 90.

Fig. 5 Risposta del sistema per una fase tra le forze pari a 0.