Sei sulla pagina 1di 99

1

Il Potere di Adesso
di Eckhart Tolle

Sommario
Il Potere di Adesso ............................................................
.................................... 1
Noi non siamo la nostra mente ................................................
..........................................3
Il pensiero involontario (incessante, ineluttabile, ineludibile) ..........
................................. 3
Trovare un ingresso .......................................................
...................................................... 6
La mente uno strumento ....................................................
................................................7
Illuminazione .............................................................
.......................................................... 8
Le emozioni non osservate si materializzano ...............................
....................................... 8
Osservando le emozioni si scoprono i pensieri .............................
...................................... 9
Ma la gioia e l'amore non sono emozioni positive? .........................
...................................10
Natura del desiderio ......................................................
...................................................... 11
Consapevolezza: la via d'uscita dal dolore ...................................
.............................. 13
Non creare nuovo dolore nel presente.......................................
......................................... 13
Dissolvere il dolore passato (corpo di dolore) ............................
........................................ 14
Origine della paura .......................................................
...................................................... 16
Il senso di Incompletezza e di Mancanza ...................................
........................................ 17
Entrare in profondit nell'adesso ..............................................
.................................... 19
Non ricercare il S nella mente .............................................
.............................................. 19
Il tempo e la mente .......................................................
...................................................... 19
Chiavi d'ingresso nella dimensione spirituale .............................
...................................... 20
L'osservazione di s.........................................................
................................................... 22
Liberazione dal tempo psicologico .........................................
........................................... 23
Negativit e sofferenza nascono dal tempo ...................................
.................................... 24
Meditazione ...............................................................
......................................................... 26
Tutti i problemi sono illusioni della mente ...............................
........................................ 26
La gioia dell'Essere.......................................................

...................................................... 27
Strategie mentali per evitare l'adesso ....................................
............................................ 29
Inconsapevolezza ordinaria e inconsapevolezza profonda ....................
........................... 30
Dissolvere l'inconsapevolezza ordinaria ...................................
.......................................... 31
Libert dall'infelicit .......................................................
................................................... 32
Dovunque siamo, dobbiamo esserci totalmente ...............................
................................ 33
Evitiamo lo stress ........................................................
....................................................... 35
L'attesa ..................................................................
............................................................. 36
Il nostro scopo interiore..................................................
................................................... 37
Il passato non pu sopravvivere in nostra presenza ..........................
............................... 37
Lo stato di presenza .........................................................
................................................... 39
Non come pensiamo .........................................................
............................................... 39
Il significato esoterico di Attesa ........................................
................................................. 39
La Bellezza nasce nella quiete della nostra presenza ......................
.................................. 40
Realizzare la consapevolezza pura .........................................
............................................. 41
Cristo: la realt della nostra presenza divina ..............................
...................................... 42
Il corpo interiore ...........................................................
....................................................... 44
L'Essere il nostro s pi profondo ............................................
...................................... 44
Abitare il corpo ..........................................................
......................................................... 44
Entrare in sintonia con il corpo interiore. ...............................
.......................................... 45

2
La trasformazione attraverso il corpo ........................................
....................................... 46
Prima di entrare nel corpo, perdonare ........................................
...................................... 48
Il legame con il Non Manifestato .............................................
.......................................... 49
Rallentare il processo d'invecchiamento ......................................
..................................... 50
Uso creativo della mente......................................................
.............................................. 52
L'arte di ascoltare ..........................................................
..................................................... 53
Ingressi nel Non Manifestato ...................................................
........................................ 54
Entrare in profondit nel corpo ................................................
......................................... 54
La fonte del Qi ..............................................................
...................................................... 55
Sonno senza sogni ............................................................
.................................................. 56
Altri Ingressi................................................................
....................................................... 56
Silenzio .....................................................................
...........................................................57
Spazio .......................................................................
.......................................................... 58
La vera natura di spazio e di tempo ..........................................
......................................... 60
Morte consapevole ............................................................
.................................................. 61
Rapporti affettivi illuminati ..................................................
.......................................... 63
Entrare nell'adesso da dove ci si trova ......................................
........................................ 63
Rapporti di Amore/odio .......................................................
............................................. 64
La dipendenza e la ricerca di completezza ....................................
.................................... 65
Dai rapporti dipendenti a quelli illuminati ..................................
..................................... 66
I rapporti affettivi come pratica spirituale .................................
....................................... 67
Perch le donne sono pi vicine all'illuminazione ................................
............................ 70
Dissolvere il corpo di dolore collettivo femminile ...........................
.................................. 70
Rinunciare al rapporto con se stessi .........................................
......................................... 72
Oltre la felicit e l'infelicit vi la pace ........................................
............................... 74
Al di l del bene e del male ...................................................
............................................. 74
Perdono ......................................................................
........................................................ 74
La fine del dramma di vita ...................................................
...............................................75
La transitoriet e i cicli della vita ..........................................

............................................. 76
Utilizzare e abbandonare la negativit .........................................
..................................... 78
La natura della compassione ..................................................
........................................... 80
Meditazione:..................................................................
......................................................81
Il significato dell'abbandono ..................................................
......................................... 86
Accettazione dell'Adesso .....................................................
............................................... 86
Dall'energia mentale all'energia spirituale ..................................
...................................... 88
L'abbandono nei rapporti personali ...........................................
....................................... 89
Trasformare la malattia in illuminazione .....................................
..................................... 90
Trasformare la sofferenza in pace ............................................
......................................... 92
La via della croce ...........................................................
..................................................... 94
Il potere di scegliere .......................................................
.................................................... 95

3
Noi non siamo la nostra mente
Il pensiero involontario (incessante, ineluttabile, ineludibile)
L'identificazione con la propria mente, che rende ineluttabile il pensiero. No
n
essere capaci di smettere di pensare un'afflizione terribile, ma non ce ne
rendiamo conto perch quasi tutti ne soffrono, per cui considerato normale.
Questo rumore mentale incessante ci impedisce di trovare quel regno di quiete
interiore che inseparabile dall'Essere. Crea inoltre un falso s generato dalla
mente che getta su di noi un'ombra di paura e di sofferenza.
Chi obbligato a pensare, il che significa quasi tutti, vive in uno stato di
apparente separatezza, in un mondo follemente complesso di continui problemi
e conflitti, in un mondo che riflette la sempre crescente frammentazione della
mente.
L'illuminazione uno stato di totalit, di essere "in unione" e pertanto in pace.
In unione con la vita nel suo aspetto manifesto, il mondo, e con il proprio s pi
profondo e la vita non manifestata: in unione con l'Essere. L'illuminazione non
soltanto la fine della sofferenza e del conflitto continuo interiore ed esterior
e, ma
anche la fine della terribile schiavit del pensiero incessante.
Quale incredibile liberazione!
L'identificazione con la mente crea uno schermo opaco di concetti, etichette,
immagini, parole, giudizi e definizioni che blocca ogni vero rapporto personale.
Si intromette tra noi e il nostro essere, fra noi e il prossimo, fra noi e la na
tura,
fra noi e Dio. questo schermo di pensiero a creare l'illusione di separatezza,
l'illusione che vi siano un "io" e un "altro" totalmente separato. Allora
dimentichiamo che sotto il livello delle apparenze fisiche noi siamo in unione
con tutto ci che esiste.
Per "dimenticare" intendo che non percepiamo pi questa unit come realt
evidente di per s. Possiamo credere che sia vera, ma non sappiamo pi che
vera. Credere pu darci conforto, ma soltanto attraverso la nostra esperienza
diventa liberatorio. Pensare diventato una malattia. La malattia si sviluppa
quando le cose presentano uno squilibrio. La mente uno strumento eccezionale
se utilizzata nel modo giusto. Usata nel modo sbagliato diventa per oltremodo
distruttiva.
Per essere pi precisi, il problema non tanto che noi utilizziamo la mente in
modo sbagliato, quanto che non la usiamo affatto.

4
la mente a usare noi.
Questa la malattia. Noi riteniamo di essere la nostra mente. Questa
l'illusione. Lo strumento si impadronito di noi.
Sappiamo liberarci della mente quando vogliamo? Abbiamo scoperto il
pulsante per spegnerla? No, non ci riusciamo, se non per un attimo. Allora la
mente a usare noi. Inconsapevolmente ci identifichiamo con la nostra mente, per
cui non sappiamo nemmeno di essere schiavi. quasi come essere posseduti
senza saperlo, per cui scambiamo per noi stessi l'unit che ci possiede.
L'inizio della libert capire che noi non siamo l'entit che ci possiede, quella
che pensa. Saperlo ci consente di osservare tale entit.
Nel momento in cui cominciamo a osservare l'entit pensante,
si attiva un pi elevato livello di consapevolezza.
Allora cominciamo a capire che vi un vasto regno di intelligenza al di l del
pensiero, che il pensiero soltanto un aspetto minuscolo di tale intelligenza.
Capire che le cose davvero importanti (amore, bellezza, gioia, creativit, pace
interiore) nascono al di l della mente. Cos cominciamo a risvegliarci.
Ognuno di noi sente continuamente una voce o diverse voci nella testa: i
processi di pensiero involontari che non ci rendiamo conto di poter fermare.
Monologhi e dialoghi continui.
Questa voce commenta, opera congetture, giudica, confronta, si lamenta,
esprime preferenze e avversioni, eccetera. La voce non necessariamente
pertinente alla situazione in cui ci troviamo in quel momento; pu rivivere il
passato prossimo o remoto oppure preparare o immaginare possibili situazioni
future. Qui spesso immagina cose che vanno storte o esiti negativi: quella che
chiamiamo "preoccupazione". Talvolta questa colonna sonora accompagnata
da immagini visive o "filmati mentali". Anche se la voce pertinente alla
situazione contingente, la interpreter nei termini del passato.
La mente condizionata.
Questo perch la voce appartiene alla nostra "mente condizionata", che il
risultato di tutta la nostra storia passata oltre che dalla mentalit culturale
collettiva che abbiamo ereditato. Pertanto noi vediamo e giudichiamo il presente
con gli occhi del passato e ne ricaviamo una visione totalmente distorta.

5
Molte persone vivono con un torturatore nella testa che le attacca di continuo
e
le punisce sottraendo loro energia vitale. la causa di innumerevoli sofferenze e
infelicit, nonch di malattie.
La buona notizia che
possiamo davvero liberarci dalla mente.
questa l'unica vera liberazione. Possiamo cominciare subito, ascoltando la
voce nella nostra testa quanto pi spesso possibile. Dobbiamo prestare
particolare attenzione a eventuali schemi di pensiero ripetitivi, quei vecchi di
schi
di grammofono che ci suonano in testa da molti anni.
questo che intendo per "osservare l'entit pensante", il che un altro modo
per dire: bisogna ascoltare la voce nella testa,
essere l come presenza testimone.
Dobbiamo ascoltarla in maniera imparziale, senza dare giudizi. Non dobbiamo
giudicare o condannare ci che sentiamo, perch questo vorrebbe dire che la
stessa voce rientrata dalla porta di servizio. La voce l e noi siamo qui ad
ascoltarla. Questo senso della propria presenza non un pensiero, nasce al di l
della mente.
Cos, quando ascoltiamo un pensiero, siamo consapevoli non soltanto del
pensiero ma anche di noi stessi come testimoni del pensiero. subentrata una
nuova dimensione di consapevolezza. Ascoltando il pensiero, si avverte una
presenza consapevole dietro e sotto il pensiero. Il pensiero allora perde il suo
potere su di noi e rapidamente si placa, non forniamo pi energia alla mente con
la nostra identificazione con essa.
Questo l'inizio della fine del pensiero involontario e ineluttabile.
Quando un pensiero si placa, si ha esperienza di una discontinuit nel flusso
mentale, un intervallo "senza mente". Dapprima gli intervalli saranno brevi, sol
o
pochi secondi, ma a poco a poco si faranno pi lunghi. Quando si verificano
questi intervalli, si avverte una certa quiete e pace interiori.
Questo l'inizio del nostro stato naturale
di unione intuitiva con l'Essere
che di solito oscurato dalla mente. Si sentir allora nascere dal profondo una
sottile emanazione di gioia: la gioia dell'Essere.

6
In questo stato di sintonia interiore si molto pi vigili, pi svegli rispetto all
o
stato di identificazione con la mente. Si totalmente presenti.
Inoltre, questo stato innalza la frequenza di vibrazione
del campo energetico che d vita al corpo fisico.
Addentrandosi pi in profondit in questo regno senza mente, come viene
chiamato in Oriente, si giunge a uno stato di consapevolezza pura, in cui si
avverte la propria presenza con una tale intensit e una tale gioia che tutti i
pensieri, tutte le emozioni, il corpo fisico e l'intero mondo esterno diventano
al
suo confronto relativamente insignificanti.
Trovare un ingresso
Abbiamo visto come sia facilmente accessibile uno stato di non-mente, come
possiamo entrare nel momento presente attraverso l'osservazione della mente.
Osservare i nostri pensieri la "porta" che ci conduce nell'unico tempo che
esiste: quello presente. Esistono altri "ingressi"?
Invece di "osservare l'entit pensante" si pu anche creare un intervallo nel
flusso mentale semplicemente rivolgendo il centro dell'attenzione all'adesso.
Basta infatti divenire intensamente consapevoli del momento presente. una
cosa che d profonda soddisfazione. In questo modo si allontana la
consapevolezza dall'attivit mentale e si crea un intervallo senza mente in cui si

altamente vigili ma non si sta pensando.


Questa l'essenza della meditazione.
Nella vita quotidiana possiamo... prendere ogni attivit di routine, che
normalmente solo un mezzo per raggiungere un fine, e dedicarvi la nostra
massima attenzione. Ogni volta che saliamo o scendiamo le scale cerchiamo di
prestare grande attenzione a ogni passo, a ogni movimento, perfino alla
respirazione, in modo da essere totalmente presenti. Oppure quando ci laviamo
le mani cerchiamo di prestare attenzione a tutte le percezioni sensoriali legate
a tale attivit: il suono, le sensazioni tattili dell'acqua, il movimento delle ma
ni,
il profumo del sapone e cos via.
O, ancora, quando saliamo in automobile, dopo aver chiuso la portiera,
soffermiamoci per qualche secondo a osservare il flusso del nostro respiro,
diventando consapevoli di un senso muto ma potente di presenza. Vi un certo
criterio con cui misurare il proprio successo in questa pratica:
il livello di pace che si avverte interiormente.

7
Il viaggio verso l'illuminazione comincia con l'imparare a non identificarsi c
on
la propria mente.
Ogni volta che creiamo un intervallo nel flusso mentale,
la luce della nostra consapevolezza si intensifica.

La mente uno strumento


La mente uno strumento, un attrezzo. Esiste per essere utilizzata per un
compito specifico, e quando il lavoro terminato deve essere deposta. Il 90 per
cento del pensiero, per la maggior parte di noi, non soltanto ripetitivo e inuti
le,
ma in gran parte negativo e dannoso. Se osserviamo la nostra mente scopriremo
che cos. Ci causa una grave perdita di energia vitale.
Questo genere di pensiero ineluttabile in realt una dipendenza, come nel
caso di una droga. Che cosa caratterizza una dipendenza? Semplicemente
questo: non ci rendiamo pi conto di avere la possibilit di farne a meno.
Sembra pi forte di noi.
Riteniamo che se smettessimo di pensare
cesseremmo di esistere.
Diventando adulti ci formiamo un'immagine mentale di noi stessi basata sul
nostro condizionamento personale e culturale. Possiamo chiamare "io" questo s
fantasma. costituito dall'attivit mentale e pu essere mantenuto in vita
soltanto con un pensiero continuo.
Per l'io il momento presente quasi non esiste. Soltanto il passato e il futuro
sono considerati importanti. Si preoccupa sempre di mantenere vivo il passato,
perch senza di esso chi siamo noi? Si proietta costantemente nel futuro per
garantirsi la propria sopravvivenza e per cercarvi qualche genere di liberazione
o
di appagamento.
Anche quando l'io sembra preoccuparsi del presente, non il presente ci che
vede: lo percepisce in modo completamente sbagliato perch lo osserva con gli
occhi del passato. Oppure riduce il presente a un mezzo rivolto a un fine, un fi
ne
che sta sempre nel futuro proiettato dalla mente. Se osserviamo la nostra mente
vediamo che opera proprio in questo modo.
Il momento presente custodisce la chiave per accedere alla liberazione. Ma non
possiamo trovare il momento presente fintanto che ci identifichiamo con la
nostra mente.

Illuminazione
La supremazia della mente non che una fase nell'evoluzione della
consapevolezza. Adesso dobbiamo passare con urgenza alla fase successiva;
altrimenti saremo distrutti dalla mente, che diventata un mostro.
Illuminazione significa elevarsi oltre il pensiero.
Pensiero e consapevolezza non sono sinonimi. Il pensiero soltanto un piccolo
aspetto della consapevolezza. Il pensiero non pu esistere senza la
consapevolezza, ma essa non ha bisogno del pensiero. Illuminazione significa
elevarsi oltre il pensiero. Nello stato illuminato si continua a usare la mente
pensante quando necessario, ma in maniera molto pi concentrata ed efficace
rispetto a prima. La si usa per lo pi a scopi pratici, ma si liberi dal dialogo
interno involontario, vi quiete interiore.
Quando necessaria una soluzione creativa, si oscilla a intervalli di qualche
minuto fra il pensiero e la quiete, fra la mente e l'assenza di mente. L'assenza
di
mente consapevolezza senza pensiero. Soltanto in questo modo possibile
pensare creativamente, perch soltanto in questo modo il pensiero ha potere
reale. Il pensiero da solo, quando non in sintonia con il vasto regno della
consapevolezza, rapidamente diventa arido, folle, distruttivo. Tutti i veri arti
sti
creano a partire da un luogo senza mente, dalla quiete interiore.
La mente allora d forma all'intuizione
o all'impulso creativo.
Dentro di noi vi all'opera un'intelligenza molto pi grande della mente. E
quando la mente ritorna in sintonia con tutto questo, diventa uno strumento
meraviglioso. Allora si mette al servizio di qualcosa di pi grande della mente
stessa.

Le emozioni non osservate si materializzano


L'emozione nasce nel punto d'incontro fra corpo e mente. la reazione del
corpo alla nostra mente o, si potrebbe dire, un riflesso della mente nel corpo.
Il
pensiero di essere minacciati, fisicamente o psicologicamente, induce il corpo a
contrarsi, e questo il lato fisico di ci che chiamiamo paura. Le emozioni forti
determinano dei cambiamenti biochimici nel nostro organismo.

9
Di solito non siamo consapevoli di tutti i nostri schemi di pensiero, e spesso
soltanto osservando le nostre emozioni riusciamo a portarli al livello della
consapevolezza.
Pi ci identifichiamo col pensiero, con le nostre preferenze e avversioni, con i
giudizi e le interpretazioni, pi forte sar la carica emotiva. Se non riusciamo a
provare emozioni, se ne siamo tagliati fuori, prima o poi ne avremo esperienza a
un livello puramente fisico, sotto forma di un disturbo o di un sintomo.
Chi si porta dentro molta collera senza esserne consapevole e senza esprimerla
ha maggiori probabilit di essere attaccato, verbalmente ma anche fisicamente,
da altre persone incollerite (sintonia negativa), e spesso senza un motivo
apparente. Chi si trova in tale situazione presenta una forte emanazione di
collera che certe persone avvertono in maniera sublimale e che innesca la loro
collera latente.

Osservando le emozioni si scoprono i pensieri


Se veramente vogliamo conoscere la mente, il corpo ce ne dar sempre un
riflesso veritiero, per cui bisogna osservare l'emozione o piuttosto sentirla ne
l
corpo. Se vi un apparente conflitto, il pensiero sar la menzogna, l'emozione
sar la verit relativa al nostro stato d'animo del momento.
Il conflitto tra pensieri superficiali e processi mentali inconsapevoli
certamente comune. Possiamo non essere in grado di portare l'attivit mentale
inconsapevole allo stato di consapevolezza, ma essa sar sempre riflessa nel
corpo sotto forma di emozioni, delle quali invece possiamo renderci conto.
Questo il limite del pensiero positivo, la superficialit della new-age.
Non possibile arrivare all'illuminazione attraverso la mente.
Osservare un'emozione sostanzialmente la stessa cosa che osservare un
pensie-ro. L'unica differenza che, mentre il pensiero nella nostra testa,
l'emozione ha una forte componente fisica e pertanto viene avvertita
principalmente nel corpo.
Possiamo allora consentire all'emozione di esistere senza per questo sottostar
e
al suo controllo. Noi non siamo pi l'emozione; noi siamo l'entit che la guarda,
la presenza che osserva. Se ci eserciteremo in questo,
ci che in noi inconsapevole verr portato alla luce.

1
0
Bisogna prendere l'abitudine di domandarsi: che cosa sta avvenendo dentro di
me in questo istante? Tale interrogativo ci indirizzer verso la strada giusta. Ma
non dobbiamo analizzare, soltanto osservare, concentrare la nostra attenzione
verso l'interno, percepire l'energia dell'emozione. Se non presente alcuna emo zione, possiamo portare la nostra attenzione pi in profondit nel campo energetico del corpo.
la porta d'accesso all'Essere.
Se durante l'osservazione ci lasciamo sopraffare dall'emozione perch non
siamo presenti, ci identifichiamo in essa, l'emozione temporaneamente diventa
noi. Spesso si crea un circolo vizioso fra pensiero ed emozione: si alimentano
recipro-camente. Il pensiero fornisce energia all'emozione e viceversa.
Sostanzialmente, tutte le emozioni sono variazioni di un'unica emozione
primordiale indifferenziata che ha origine nella perdita di consapevolezza di ci
che siamo al di l del nome e della forma. Per via della sua natura
indifferenziata, difficile trovare un termine adeguato. "Paura" il termine che
ci va pi vicino, ma anche "dolore" altrettanto valido.
Uno dei compiti principale della mente combattere o eliminare quel dolore
emotivo, il che una delle ragioni della sua attivit incessante, ma ci che
ottiene solo di nasconderlo temporaneamente. Pi la mente si sforza di
sbarazzarsi del "dolore" pi grande il dolore stesso.
La mente non pu trovare la soluzione
poich essa stessa la causa del problema.
Non saremo mai liberi da tale dolore finch non smetteremo di trarre il nostro
senso del s dall'identificazione con la mente, vale a dire dall'io. Solo allora
l'Essere si riveler come nostra vera natura.

Ma la gioia e l'amore non sono emozioni positive?


La gioia e l'amore non sono emozioni,
ma un effetto della nostra presenza,
condizioni che si manifestano quando siamo consapevoli.
Sono inseparabili dal nostro stato naturale di sintonia interiore con l'Essere
.
Barlumi di amore e di gioia, o brevi momenti di pace, sono possibili quando si
creano intervalli nel flusso dei pensieri.

11
Per la maggior parte di noi, simili intervalli si presentano di rado e solo pe
r
caso, in attimi in cui la mente rimane "senza parole", a volte innescati da uno
spettacolo di grande bellezza, da uno sforzo fisico o perfino da un grande
pericolo. All'improvviso vi quiete interiore.
E in tale quiete vi una gioia sottile ma intensa,
vi amore, vi pace.
Ma la mente riprende subito la sua attivit rumorosa che chiamiamo pensiero.
Amore, gioia e pace non possono prosperare finch non ci liberiamo dal dominio
della mente. Ma queste non si chiamano emozioni, si trovano al di l, a un livello
molto pi profondo.
Amore, gioia e pace sono stati profondi dell'Essere.
Amore, gioia e pace sono stati profondi dell'Essere, o meglio tre aspetti dell
o
stato di sintonia interiore con l'Essere. In quanto tali non hanno contrari.
Nella condizione non illuminata di identificazione con la mente, ci che
talvolta viene chiamato "gioia" l'aspetto piacevole, solitamente di breve durata
,
del ciclo continuo e alterno di dolore e piacere. Il piacere deriva sempre da
qualcosa che al di fuori di noi, mentre la gioia nasce dall'interno. La stessa c
osa
che ci d piacere oggi ci dar dolore domani, oppure ci abbandoner, e la sua
assenza ci procurer dolore.
Ci che spesso viene chiamato "amore" pu essere piacevole ed entusiasmante
per un po', ma un attaccamento che causa dipendenza, una situazione di
estremo bisogno che pu trasformarsi nel suo contrario in un batter d'occhio.
Il vero amore non fa soffrire.
Come potrebbe?
Non si trasforma improvvisamente in odio, cos come la vera gioia non si
trasforma in dolore. La vera gioia e il vero amore o una profonda pace interiore
sono aspetti della nostra vera natura, che di solito oscurata dalla mente.
L'amore e la gioia non sono un'illusione, e non possiamo perderli. Fanno parte
del nostro stato naturale, che pu essere oscurato ma mai distrutto dalla mente.

Natura del desiderio


Il desiderio la mente che cerca salvezza o appagamento
nelle cose esteriori e nel futuro

12
come sostituti per la gioia dell'Essere.
Fintanto che io sono la mia mente, io sono questi desideri. Perfino il mio
desiderio di liberazione o illuminazione non che un'ulteriore brama di
appagamento o completamento nel futuro. Per cui non bisogna cercare di
liberarsi dal desiderio di "raggiungere" l'illuminazione.
Bisogna essere presenti.
Bisogna diventare consapevoli della mente.
Invece di citare il Buddha, bisogna essere il Buddha,
essere "il risvegliato".
Gli esseri umani sono in balia del dolore da millenni, da quando hanno
perduto lo stato di grazia sono entrati nel regno del tempo e della mente e hann
o
perduto la consapevolezza dell'Essere. A quel punto hanno cominciato a
percepire se stessi come frammenti insignificanti in un universo estraneo,
disgiunti dalla Fonte e separati gli uni dagli altri.
Il dolore emotivo la causa principale del dolore fisico e della malattia. Esso

inevitabile finch ci si identifica con la mente. Esistono due livelli di dolore:


il
dolore che noi creiamo adesso e il dolore proveniente dal passato che ancora viv
e
nella nostra mente e nel nostro corpo.
Smettere di creare dolore nel presente
e dissolvere il dolore del passato
sono il nostro obiettivo.

13
Consapevolezza: la via d'uscita dal dolore
Non creare nuovo dolore nel presente
La maggior parte del dolore umano superflua.
Si crea da s fintanto che a gestire la nostra vita la mente non osservata.
sempre dovuto a qualche forma di non accettazione, qualche forma di resistenza
inconsapevole a ci che esiste. A livello del pensiero, la resistenza una qualche
forma di giudizio. A livello emotivo, una qualche forma di negativit.
L'intensit del dolore dipende dal grado di resistenza
al momento presente,
e questo dipende dalla forza con cui ci identifichiamo con la nostra mente. La
mente cerca sempre di negare l'adesso e di sfuggirlo. In altri ter mini, pi ci
identifichiamo con la mente, pi soffriamo. Invece, pi siamo in grado di
onorare e di accettare l'adesso, pi siamo liberi dal dolore, dalla sofferenza.
La mente, per assicurarsi di rimanere in posizione dominante, cerca in
continuazione di nascondere il momento presente sotto il passato e il futuro. E
nel momento in cui la vitalit e l'infinita potenzialit creativa dell'Essere
(inseparabili dall'adesso) vengono nascoste dal tempo, la nostra vera natura
viene oscurata dalla mente.
Nella mente umana si accumulato un fardello di tempo sempre pi pesante.
Soffriamo a causa di questo carico, ma continuiamo ad incrementarlo negando il
presente. L'accumulo di tempo nella mente individuale e collettiva racchiude
una grande quantit di dolore residuo proveniente dal passato.
Se non vogliamo creare altro dolore, non dobbiamo pi creare altro tempo, o
almeno non pi di quanto sia necessario per affrontare gli aspetti pratici della
vita.
Come si fa a smettere di creare il tempo?
Basta capire che il momento presente tutto ci che abbiamo, rendere l'adesso
il fulcro principale della nostra vita.

14
Mentre prima ci soffermavamo nel tempo e compivamo brevi visite
nell'adesso, dobbiamo ora dimorare nell'adesso e compiere brevi visite nel
passato e nel futuro, per affrontare gli aspetti pratici della vita.
Dobbiamo sempre dire s al momento presente.
Che cosa potrebbe essere pi futile, pi folle, che creare resistenza interiore a
qualcosa che gi esiste? Che cosa potrebbe essere pi folle che opporsi alla vita
stessa, che adesso e sempre adesso? Abbandoniamoci a ci che esiste. Diciamo
di s alla vita, e vedremo come la vita all'improvviso comincer a lavorare per noi
anzich contro di noi.
Anche se il presente sembra inaccettabile, spiacevole o terribile bisogna
consentirgli di esistere. Bisogna prima accettare e poi agire. Qualunque cosa
comporti il momento presente, dobbiamo accettarlo come se l'avessimo scelto
noi. Dobbiamo sempre operare con il momento presente, non contro di esso.
Facciamone il nostro amico e alleato, non il nostro nemico. Cos si trasformer
miracolosamente l'intera nostra vita.

Dissolvere il dolore passato (corpo di dolore)


Finch non siamo in grado di accedere alla potenza dell'adesso, ogni dolore
emotivo si lascia dietro un residuo di dolore che continua a vivere in noi. Si
mescola al dolore proveniente dal passato che si annida nella mente e nel corpo.
Questo ovviamente include il dolore che abbiamo sofferto da bambini, causato
dall'inconsapevolezza del mondo in cui siamo nati.
Questo dolore accumulato un campo di energia negativa che occupa il corpo
e la mente. Se lo consideriamo un'entit invisibile a s stante, ci avviciniamo
molto alla verit.
il corpo di dolore emotivo.
Alcune persone vivono quasi interamente attraverso il loro corpo di dolore,
mentre altre potranno averne esperienza solo in certe situazioni, come in
rapporti amorosi o in situazioni legate a eventi passati caratterizzati da lutto
o
abbandono, danni fisici o emotivi e cos via. Qualunque cosa pu innescarlo.
Quando pronto per risvegliarsi dal suo stato latente, pu essere attivato perfino
da un pensiero o da un commento innocente espresso da qualcun altro che ci sta
vicino.
Alcuni corpi di dolore sono sgradevoli ma innocui, altri sono malevoli e
distruttivi. Alcuni manifestano una violenza fisica; molti altri una violenza
emotiva. Alcuni attaccano persone che ci circondano o che ci sono care, mentre

15
altri attaccano noi che li ospitiamo. Pensieri e sentimenti che abbiamo nei
confronti della vita allora si fanno profondamente negativi e autodistruttivi.
Malattie e incidenti si creano spesso in questo modo.
Stiamo in guardia per scoprire eventuali segni d'infelicit in noi, sotto
qualunque forma: pu essere il corpo di dolore che si sveglia. Pu assumere la
forma di irritazione, impazienza, malinconia, desiderio di offendere, collera,
furore, depressione, necessit di avere qualche dramma nei rapporti personali e
cos via. Cerchiamo di coglierlo nel momento in cui si risveglia dallo stato
latente.
Il corpo di dolore vuole sopravvivere, al pari di ogni altra entit esistente,
e
pu sopravvivere soltanto se ci induce a identificarci inconsapevolmente con
esso. Allora pu risollevarsi, impadronirsi di noi, "diventare noi" e vivere
attraverso di noi. Si nutrir di ogni esperienza che entri in risonanza col suo
tipo di energia, ogni cosa che crei ulteriore dolore sotto qualunque forma. Cos
il corpo di dolore, quando si impadronito di noi, crea nella nostra vita una
situazione che riflette la sua frequenza energetica. Il dolore pu alimentarsi
soltanto di dolore. Non pu alimentarsi di gioia, la trova indigeribile.
Il Corpo di Dolore ha paura di essere scoperto.
Il corpo di dolore, che l'ombra tenebrosa proiettata dall'io, in realt ha paura
della luce della consapevolezza. Ha paura di essere scoperto. La sua
sopravvivenza dipende dalla nostra identificazione inconsapevole con esso,
nonch dalla paura di affrontare il dolore che vive in noi. Ma se non lo
affrontiamo, se non portiamo nel dolore la luce della nostra consapevolezza,
saremo costretti a riviverlo ripetutamente. Questo dolore sembra un mostro
pericoloso, ma posso assicurare che un fantasma inconsistente, il quale non
pu prevalere sulla forza della nostra presenza.
Quando lo osserviamo, il corpo di dolore perde il suo potere.
Anche il corpo del dolore non vuole che lo osserviamo direttamente e che lo
vediamo per ci che . Nel momento in cui lo osserviamo, ne avvertiamo in noi il
campo energetico e vi rivolgiamo la nostra attenzione, l'identificazione
interrotta. Si introdotta una dimensione di consapevolezza pi elevata. Io la
chiamo presenza. Adesso noi siamo testimoni od osservatori del corpo di dolore.
Abbiamo trovato la nostra forza pi intima.
Abbiamo raggiunto il potere di adesso.
Quando ci pervade un umor nero e cominciamo ad assumere uno schema
mentale negativo e a pensare quanto sia orribile la nostra vita, significa che i
l

16
pensiero si allineato al corpo di dolore e siamo diventati inconsapevoli e
vulnerabili all'attacco del corpo di dolore.
Essere inconsapevoli
implica una totale assenza dell'osservatore.
Un'attenzione consapevole continuata spezza il legame tra il corpo del dolore
e
i nostri processi di pensiero e avvia il processo di trasformazione. come se il
dolore divenisse combustibile per la fiamma della consapevolezza, che di
conseguenza brucia pi vivida. Dobbiamo concentrare l'attenzione sulla
sensazione dentro di noi. Sapere che si tratta del corpo di dolore. Accettare la
sua esistenza. Non dobbiamo pensarci, non dobbiamo lasciare che la sensazione
diventi pensiero.
Questo il potere di adesso,
la potenza della nostra presenza consapevole.
Una volta capito il principio fondamentale dell'essere presenti come
osservatori di ci che avviene dentro di noi, abbiamo a disposizione il pi
potente strumento per la trasformazione. Soltanto noi possiamo farlo. Nessuno
pu farlo per noi. Ma se siamo abbastanza fortunati da trovare qualcuno che
intensamente consapevole, se possiamo starci assieme e unirci al suo stato di
presenza, questo pu esserci utile e accelerare le cose. In questo modo la nostra
luce si rafforzer rapidamente.

Origine della paura


Qui non parliamo della paura fisica ma di quella psicologica. La condizione
psicologica di paura separata da ogni pericolo immediato, vero, concreto. Si
presenta sotto varie forme: disagio, preoccupazione, angoscia, tensione,
nervosismo, terrore, fobia etc. Questo genere di paura sempre di qualcosa che
potrebbe accadere, non di qualcosa che sta accadendo ora.
Noi siamo nel momento presente,
mentre la nostra mente nel futuro.
Questo crea un divario di ansia.
Quando ci identifichiamo con la mente e abbiamo perduto il contatto con la
potenza e la semplicit dell'adesso, questo divario di ansia ci accompagner
sempre. Possiamo far fronte al momento presente, ma non possiamo
fronteggiare qualcosa che soltanto una proiezione della mente:

17
non possiamo far fronte al futuro.
Anche se l'io esternamente molto sicuro di s, egli si sente vulnerabi le e
continuamente minacciato. Ora si rammenti che un'emozione la reazione del
corpo alla mente. Quale messaggio riceve continuamente il corpo dalla mente?
Pericolo, sono minacciato. E quale emozione viene generata in noi da questo
messaggio continuo? La paura, naturalmente.
Anche se la paura sembra avere molte cause,
in definitiva essa la paura che ha l'io della morte,
dell'annullamento.
Per l'io, la morte sempre dietro l'angolo. In questo stato identificato con la
mente, la paura della morte influenza ogni aspetto della vita. Quando ci
identifichiamo con una posizione mentale e viene messa in dubbio una nostra
convinzione, il nostro io si sente minacciato di annullamento. Per questo il
nostro ego non pu permettersi di avere torto. Avere torto significa morire.
Il nostro ego non pu permettersi di avere torto.
Dobbiamo stare in guardia contro ogni genere di atteggiamento difensivo
dentro di noi. Che cosa stiamo difendendo? Un'identit illusoria, un'immagine
nella nostra mente, un'entit fittizia. Rendendosi consapevoli di questo schema,
essendone testimoni, eliminiamo la nostra identificazione con esso. Alla luce
della nostra consapevolezza, lo schema inconsapevole si dissolver rapidamente.
Questa la fine di tutti i giochi di potere, che sono tanto corrosivi per i rappo
rti
personali.
Chiunque si identifichi con la propria mente e sia separato dal vero potere, d
al
s pi profondo radicato nell'Essere, sar costantemente accompagnato dalla
paura. Il numero delle persone che sono andate al di l della mente finora
estremamente piccolo, per cui
possiamo supporre che praticamente tutti coloro che
incontriamo o conosciamo vivano in uno stato di paura.
Varia soltanto la sua intensit. La maggior parte di noi ne diventa consapevole
soltanto quando la paura assume una delle forme pi acute.

Il senso di Incompletezza e di Mancanza

18
Un altro aspetto del dolore emotivo un radicato senso di mancanza o di
incompletezza, di non integrit. In alcune persone questo consapevole, in altre
inconsapevole. Se consapevole si manifesta come la sensazione continua e
inquietante di non essere sufficientemente degni o buoni. Se inconsapevole,
sar percepito soltanto in maniera indiretta come intensa brama, desiderio e
bisogno. In entrambi i casi si entrer in una ricerca ineluttabile di gratificazio
ne
dell'io e di cose con cui identificarsi per colmare questa cavit che si avverte
interiormente.
Allora ci si sforza di ottenere beni, denaro, successo, riconoscimento, potere
o
un rapporto affettivo speciale. Ma anche quando si raggiungono tutte queste
cose, si scopre ben presto che la cavit ancora l, che senza fondo. Fintanto
che la mente a gestire la nostra vita, non possiamo essere veramente a nostro
agio; non possiamo sentirci in pace o appagati se non per brevi intervalli quand
o
abbiamo ottenuto ci che volevamo, quando un desiderio stato appena
esaudito.
Ma tutte queste cose dovremo abbandonarle prima o poi. Forse per il
momento lo si trover difficile da credere, e io certamente non invito a credere
che la nostra identit non possa essere trovata in alcuna di queste cose esterne a
noi. Ognuno conoscer la verit per conto suo. La conoscer al pi tardi quando
sentir avvicinarsi la morte. La morte un'asportazione di tutto ci che non
noi.
Il segreto della vita "morire prima di morire"
e scoprire che non vi morte.

19
Entrare in profondit nell'adesso
Non ricercare il S nella mente
I problemi della mente non possono essere risolti a livello della mente. Una
volta capita la disfunzione fondamentale, non vi in realt molto di pi da
imparare. L'identificazione con la mente, che crea un falso s, l'io, come sostitu
to
del vero s radicato nell'Essere.
Quando cerchiamo il nostro S nella mente.
Quando riconosciamo la radice dell'inconsapevolezza nell'identificazione con
la mente (comprese le emozioni), ne usciamo fuori. Diventiamo presenti.
Quando siamo presenti, possiamo consentire alla mente di essere cos com'
senza lasciarcene intrappolare. La mente di per s non presenta disfunzioni.
uno strumento meraviglioso. La disfunzione interviene quando noi vi cerchiamo
il nostro s e la scambiamo per la nostra identit.
La mente si impadronisce della nostra vita.
Il tempo e la mente
Tempo e mente sono inseparabili. Se alla mente togliamo il tempo, la mente si
ferma, a meno che non decidiamo di utilizzarla. Identificarsi con la mente
significa essere intrappolati nel tempo:
l'ineluttabilit di vivere quasi esclusivamente
attraverso il ricordo e l'attesa.
Ci crea una preoccupazione infinita nei riguardi del passato e del futuro e una
indisponibilit a onorare e riconoscere il momento presente e a lasciarlo esistere
.
Tale ineluttabilit nasce perch il passato ci fornisce un'identit e il futuro
racchiude la promessa di salvezza, di appagamento sotto qualsiasi forma.
Entrambi sono illusioni.
Il tempo non prezioso perch un'illusione. Ci che noi percepiamo come
prezioso non il tempo ma l'unico punto che al di fuori del tempo: l'adesso.

20
Questo davvero prezioso. Pi siamo concentrati sul tempo (passato e futuro),
pi ci sfugge l'adesso, la cosa pi preziosa che esista.
Il presente eterno
lo spazio entro cui si svolge l'intera nostra vita.
Perch il PRESENTE la cosa pi preziosa? In primo luogo perch l'unica
cosa. tutto ci che esiste. Il presente eterno lo spazio entro cui si svolge
l'intera nostra vita. L'unico fattore che rimane costante. La vita adesso. Non v
i
mai stato un tempo in cui la nostra vita non fosse adesso, n vi sar mai. In
secondo luogo l'adesso l'unico punto che possa condurci al di l dei confini
limitati della mente.
l'unico punto di accesso
al regno senza tempo e senza forma dell'Essere.
Niente mai avvenuto nel passato; avvenuto nell'adesso. Ci che
consideriamo come passato una traccia di memoria, conservata nella mente, di
un adesso precedente. Quando ricordiamo il passato, riattiviamo semplicemente
una traccia di memoria. Il futuro un adesso immaginato, una proiezione della
mente. Quando arriva il futuro, arriva sotto forma di adesso. Quando noi
pensiamo al futuro, pensiamo adesso. Passato e futuro non hanno realt
autonoma.
Passato e futuro sono soltanto pallidi riflessi della luce, della potenza e
della
realt dell'adesso. L'essenza di ci che sto dicendo non pu essere capita
mente. Nel momento in cui la si afferra vi un trasferimento di coscienza
lla
mente all'Essere, dal tempo alla presenza. All'improvviso tutto appare
vivo,
irradia energia, emana Essere.

Chiavi d'ingresso nella dimensione spirituale


In situazioni di emergenza, il trasferimento di coscienza dal tempo alla
presenza avviene spontaneamente. La personalit che ha un passato e un futuro
arretra momentaneamente e viene sostituita da un'intensa presenza cosciente.
Qualunque reazione sia necessaria, allora nasce da questo stato di
consapevolezza. Ecco perch molti amano affrontare attivit pericolose.
Ma non necessario scalare la parete nord dell'Eiger.
Possiamo entrare in tale stato adesso.

dalla
da

21
Pur essendo stato insegnato da tutti gli antichi maestri spirituali, il modo p
er
entrare nella dimensione dello spirito rimasto segreto. L'intera essenza dello
Zen consiste nel camminare sul filo del rasoio dell'adesso; essere cos
totalmente, completamente presenti che nessun problema, nessuna sofferenza,
nulla che non sia ci che siamo, pu sopravvivere in noi. In questo istante, in
assenza di tempo, tutti i nostri problemi si dissolvono.
La sofferenza necessita del tempo per sopravvivere.
Il grande maestro Zen Rinzaj, per distogliere l'attenzione dei suoi allievi da
l
tempo, spesso domandava lentamente:
"Che cosa manca in questo momento?"
"Se non ora, quando?"
Quando osservi il mondo senza la mente, tutto ti appare pi luminoso. Per un
attimo sei stato libero dal tempo. Sei entrato nell'adesso e hai percepito le co
se
senza lo schermo della mente. La consapevolezza dell'Essere divenuta parte
della tua percezione.
Con la dimensione senza tempo arriva un diverso tipo di sapere, il quale non
"uccide" lo spirito che vive in ogni creatura e in ogni cosa. Un sapere che non
distrugge la sacralit e il mistero della vita, ma racchiude un amore e una
reverenza profondi per tutto ci che esiste.
Un sapere di cui la mente non sa nulla.
La mente non pu conoscere l'albero. Pu conoscere solo fatti o informazioni
riguardo all'albero. La mia mente non pu conoscere te, soltanto etichette,
giudizi, fatti e opinioni riguardo a te.
Soltanto l'Essere conosce direttamente.
Vi un posto per la mente e la conoscenza mentale. nel regno pratico della
vita quotidiana. Tuttavia, quando si impadronisce di tutti gli aspetti della nos
tra
vita, compresi i nostri rapporti con gli altri esseri umani e con la natura, div
enta
un parassita mostruoso che, incontrollato, pu finire con l'uccidere tutta la vita
sul pianeta e infine se stesso uccidendo la persona che lo ospita.
Tu hai avuto un bagliore di come l'assenza di tempo possa trasformare le
percezioni. Ma un'esperienza non basta, per quanto bella e profonda.
Ci che serve e ci che ci interessa qui
un mutamento permanente della consapevolezza.

2
2
Allora dobbiamo spezzare il vecchio schema di negazione del momento
presente e di resistenza a ci che accade; abituarci a distogliere l'attenzione da
passato e futuro quando non sono necessari;
uscire dalla dimensione temporale
per quanto possibile nella vita quotidiana.
L'osservazione di s
Se troviamo difficile entrare direttamente nell'adesso, cominciamo osservando
la tendenza abituale della mente a sfuggire dal presente. Scopriremo che il
futuro viene di solito immaginato migliore o peggiore del presente. Se il futuro
immaginato migliore, ci d speranze e aspettative piacevoli. Se peggiore crea
ansia. Entrambi sono illusori.
Attraverso l'osservazione di s, automaticamente entra nella nostra vita una
maggiore presenza. Nel momento in cui ci si rende conto di non essere presenti,
si presenti. Ogni volta che si pu osservare la propria mente, non si pi
intrappolati in essa. comparso un altro fattore, qualcosa che non della
mente:
la presenza testimone.
Dobbiamo essere presenti come osservatori della mente: dei pensieri e delle
emozioni nonch delle nostre reazioni in varie circostanze. Notiamo quanto
spesso la nostra attenzione rivolta al passato o al futuro. Non dobbiamo
giudicare n analizzare ci che osserviamo. Non facciamone un problema
personale. Allora percepiremo qualcosa di pi potente di ognuna delle cose che
osserviamo: la presenza tranquilla e osservatrice stessa dietro il contenuto del
la
mente, l'osservatrice silenziosa.
Quando le cose vanno storte,
tendiamo a diventare inconsapevoli.
Ecco che in questi casi necessaria una forte presenza. Quando la reazione o
l'emozione s'impadroniscono di noi, noi diventiamo tale reazione o emozione. O
meglio la recitiamo, ma non siamo noi. Comunque sia, l'identificazione con la
mente le d maggiore energia; l'osservazione della mente le sottrae energia.
L'identificazione con la mente crea altro tempo; l'osservazione della mente
dischiude la dimensione di assenza di tempo.

2
3
L'energia sottratta alla mente si trasforma in presenza.
Quando si percepisce che cosa vuol dire essere presenti, diventa molto pi
facile scegliere semplicemente di uscire dalla dimensione temporale ogni volta
che il tempo non necessario per scopi pratici.

Liberazione dal tempo psicologico


Bisogna imparare ad usare il tempo negli aspetti pratici della vita (tempo
orario) ma a ritornare subito alla consapevolezza del momento presente quando
si sono risolte tali questioni. In questo modo non vi sar accumulo di "tempo
psicologico", che l'identificazione con il passato e la proiezione continua e
ineluttabile verso il futuro.
Ma anche nella sfera della vita pratica, dove non possiamo fare a meno del
riferimento a passato e futuro, il momento presente rimane il fattore essenziale
:
ogni lezione del passato diventa pertinente e viene applicata adesso. Ogni
pianificazione e ogni azione per raggiungere un particolare obiettivo vengono
intraprese adesso. Il fulcro dell'attenzione della persona illuminata sempre
l'adesso, ma tale persona ancora marginalmente consapevole del tempo.
In altri termini continua ad usare il tempo orario
ma libera dal tempo psicologico.
altres necessario praticare il perdono. Se abbiamo commesso un errore
nel passato e lo ricordiamo per non ripeterlo va bene; ma se ci soffermiamo
mentalmente su questo, facendo nascere autocritica, rimorso o senso di colpa,
allora creiamo tempo psicologico. L'assenza di perdono indica necessariamente
un pesante fardello di tempo psicologico.
Se ci poniamo un obiettivo e lavoriamo per raggiungerlo, utilizziamo il tempo
orario. Siamo consapevoli di dove vogliamo andare, ma onoriamo e dedichiamo
la nostra massima attenzione al passo che stiamo compiendo in questo istante.
Se invece ci concentriamo troppo sull'obiettivo, magari perch in esso
cerchiamo felicit, appagamento, o un pi completo senso del s, l'adesso non
viene pi onorato. Viene ridotto a un semplice gradino verso il futuro. Allora il
tempo orario si trasforma in tempo psicologico. Il viaggio della vita non pi
un'avventura, ma solo un bisogno ossessivo di arrivare, di raggiungere, di
"farcela". Non annusiamo pi i fiori sul ciglio della strada, n siamo consapevoli
della bellezza e del miracolo della vita che si manifesta attorno a noi quando
siamo presenti nell'adesso.

24
Il tempo psicologico una malattia della mente
grave e pericolosa.
E per capirlo meglio, osserviamo come opera questo schema mentale nella
nostra vita.
1) Cerchiamo sempre di andare da qualche parte diversa da dove siamo?
2) La maggior parte del nostro agire soltanto un mezzo rivolto a un fine?
3) L'appagamento sempre dietro l'angolo o limitato a piaceri di breve
durata, come sesso, cibo, bevande, droghe o emozione ed entusiasmo?
4) Siamo sempre concentrati sul divenire, raggiungere e ottenere, o
andiamo a caccia di qualche nuova emozione o piacere?
5) Riteniamo che se acquisissimo pi cose ci sentiremmo pi appagati, buoni
e psicologicamente completi?
6) Stiamo aspettando che un uomo o una donna diano significato alla
nostra vita?
In questo caso, la potenza e le infinite potenzialit creative racchiuse
nell'adesso sono completamente oscurate. La nostra vita allora perde la sua
vibrazione, la sua freschezza, il suo senso di meraviglia.
I vecchi schemi di pensiero vengono recitati in commedie ripetute infinite
volte, come copioni nella nostra mente che ci forniscono un'identit di qualche
tipo ma distorcono o nascondono la realt dell'adesso.
La mente allora crea un'ossessione per il futuro
come fuga dal presente insoddisfacente.
Negativit e sofferenza nascono dal tempo
Di solito il futuro una replica del passato. Sono possibili cambiamenti
superficiali, ma la vera trasformazione rara e dipende dalla possibilit di essere
sufficientemente presenti per dissolvere il passato accedendo alla potenza
dell'adesso.
Ci che percepiamo come futuro una parte intrinseca del nostro stato di
consapevolezza adesso. Se la mente porta un pesante fardello del passato,
avremo di nuovo esperienza delle stesse cose.

25
Il passato si perpetua attraverso la mancanza di presenza.
La qualit della nostra consapevolezza in questo momento ci che plasma il
futuro il quale pu essere vissuto solamente come adesso. Il nostro grado di
presenza adesso l'unico luogo in cui possa avvenire il vero cambiamento e in
cui possa essere dissolto il passato.
Ogni negativit causata da un accumulo di tempo psicologico e dalla
negazione del presente. Disagio, ansia, tensione, stress, preoccupazione (tutte
forme di paura) sono causati da un eccesso di futuro e da un insufficiente
presente. Senso di colpa, rimorso, risentimento, rancore, tristezza, amarezza e
ogni forma di mancato perdono sono causati da un eccesso di passato e da
un'insufficienza di presente.
La maggior parte di noi
consapevolezza totalmente
liberato a cui punta ogni
n
futuro illusorio ma qui e

trova difficile credere che sia possibile uno stato di


libero da ogni negativit. Eppure questo lo stato
dottrina spirituale. la promessa di salvezza, non in u
ora.

Se tutti i nostri problemi o le presunte cause di sofferenza o di infelicit ci


venissero miracolosamente tolti oggi, ma noi non fossimo diventati pi presenti,
pi consapevoli, ben presto ci ritroveremmo con un'analoga serie di problemi o
di cause di sofferenza, come un'ombra che ci segue dovunque andiamo. In
definitiva vi un solo problema: la mente legata al tempo.
La paura un'ombra che segue ovunque
chi non vive nel presente.
Non potrai mai raggiungere un punto in cui sarai totalmente libero e felice
perch ti trovi gi adesso in quel punto. Non vi salvezza nel tempo. Non
possiamo essere liberi in futuro. La presenza la chiave per accedere alla libert,
per cui possiamo essere liberi soltanto adesso.
Non puoi essere infelice
e allo stesso tempo pienamente presente nell'adesso.
Quando non sei presente non stai vivendo, non ti trovi nella vita. Ci che tu
chiami la tua "vita" in realt dovrebbe essere meglio chiamata la tua "situazione
di vita". il tempo psicologico: passato e futuro.
Certe cose nel passato non sono andate come volevi che andassero. Stai ancora
opponendo resistenza a quello che avvenuto nel passato, e ora opponi
resistenza a quello che esiste. La speranza ci che ti fa andare avanti, ma la

26
speranza ti mantiene concentrato sul futuro, e questa concentrazione continuata
perpetua la tua negazione dell'adesso e pertanto la tua infelicit.
Dimentica per un po' la tua situazione di vita e presta attenzione alla tua vit
a.
Che differenza c'?
La tua situazione di vita esiste nel tempo.
La tua vita adesso.
La tua situazione di vita creata dalla mente.
La tua vita reale.
Quando siamo pieni di problemi, non vi spazio per lasciare entrare niente di
nuovo, non vi spazio per una soluzione. Allora, quando possiamo, ogni volta
che possiamo, creiamo un po' di spazio per trovare la vita dietro la nostra
situazione di vita.

Meditazione
Guardiamoci attorno, limitandoci a guardare, senza interpretare.
Osserviamo la luce, le forme, i colori, le strutture. Prendiamo consapevolezza
della presenza silenziosa di ogni cosa, dello spazio che consente ad ogni cosa d
i
esistere. Ascoltiamo i suoni, ma senza giudicarli; ascoltiamo il silenzio dietro
i
suoni. Tocchiamo qualcosa, qualunque cosa, e percepiamone e riconosciamone
l'Essere. Osserviamo il ritmo della nostra respirazione; percepiamo l'aria che
entra ed esce, percepiamo l'energia vitale dentro il nostro corpo. Consentiamo
a ogni cosa di esistere, dentro di noi e al di fuori. Consentiamo l'"essere cos"
di
tutte le cose. Entriamo in profondit nell'adesso.
Ci stiamo lasciando alle spalle il mondo mortale dell'astrazione mentale, del
tempo. Stiamo uscendo dalla mente folle che ci svuota di energia vitale, cos
come lentamente avvelena e distrugge la Terra. Ci stiamo risvegliando dal sogno
del tempo, entrando nel presente.

Tutti i problemi sono illusioni della mente


Rendiamoci conto che non esistono problemi, ma solo situazioni da affrontare
adesso o da lasciare stare e da accettare come parte dell'essere cos del momento
presente.

27
Concentriamo l'attenzione sull'adesso
e vediamo quale problema abbiamo in questo momento.
Non vi una risposta perch impossibile avere un problema quando la nostra
attenzione pienamente nell'adesso. "Problema" significa che ci soffermiamo
mentalmente su una situazione senza che vi sia una vera intenzione o possibilit
di intraprendere un'azione adesso e che noi inconsapevolmente ne facciamo una
parte del nostro senso di s. Ci portiamo nella mente il fardello folle di cento
cose che dovremo o potremo fare in futuro anzich concentrare la nostra
attenzione sull'unica cosa che possiamo davvero fare adesso.
Quando creiamo un problema, creiamo dolore. Tutto ci che serve una
semplice scelta, una semplice decisione:
Qualunque cosa accada, non creer pi dolore per me stesso.
Non creer pi problemi.
Se non creiamo pi dolore per noi stessi, non creiamo pi dolore per gli altri.
Inoltre non contaminiamo pi la bellissima Terra, il nostro spazio interiore e la
psiche collettiva umana con la negativit della creazione di problemi.
Quando ci troviamo in una situazione grave, di vita o di morte, la mente non
ne far un problema. In una vera emergenza la mente si ferma; noi diventiamo
totalmente presenti nell'adesso, e prende il sopravvento qualcosa di
infinitamente pi potente.
Ci che stiamo facendo qui fa parte
di una profonda trasformazione che sta avendo luogo
nella consapevolezza collettiva del pianeta e oltre;
la fine del tempo.
Stiamo spezzando schemi mentali che dominano la vita umana da millenni.
Schemi mentali che hanno creato sofferenza inimmaginabile su vasta scala.

La gioia dell'Essere
Domandiamoci se vi sono gioia, serenit e leggerezza
in ci che stiamo facendo?

2
8
Se non ve ne sono, allora il tempo non sta nascendo nel momento presente, e
la vita viene percepita come fardello o come lotta.
Possiamo quindi cambiare quello che stiamo facendo o come lo stiamo
facendo. Il "come" sempre pi importante del "che cosa". Vediamo se possiamo
prestare pi attenzione al fare che non al risultato che vogliamo ottenere
attraverso il fare.
Dedichiamo la massima attenzione a ci che offre il momento.
Questo implica che accettiamo ci che esiste, perch non possiamo dedicare la
nostra attenzione a qualcosa e nello stesso tempo opporvi resistenza.
Non appena onoriamo il momento presente, ogni infelicit e ogni sforzo si
dissolvono, e la vita comincia a scorrere con gioia e serenit. Quando agiamo
sulla base della consapevolezza del momento presente, qualunque cosa facciamo
si impregna di un senso di qualit, di sollecitudine e amore, anche l'azione pi
semplice.
Allora non preoccupiamoci dei frutti della nostra azione, limitiamoci a presta
re
attenzione all'azione stessa. I frutti verranno da soli. Questo un potente
esercizio spirituale.
Il non attaccamento ai frutti delle proprie azioni si chiama "Karma Yoga". Ed
definito come via d'azione consacrata. (Scrivere la pi bella ricompensa per
ogni scrittore)
Quando lo sforzo ineluttabile di allontanarsi dall'adesso viene meno, la gioia
dell'Essere fluisce in ogni cosa che facciamo. Nel momento in cui la nostra
attenzione si rivolge all'adesso, avvertiamo una presenza, una tranquillit, una
pace. Non dipendiamo dal futuro per trovare appagamento e soddisfazione, non
guardiamo pi al futuro per trovare salvezza.
Nel mondo, a livello della nostra situazione di vita, possiamo effettivamente
diventare ricchi, acquisire conoscenza, avere successo, liberarci da questo o da
quello, ma
nella dimensione profonda dell'Essere
siamo completi e integri adesso.
Questo il mondo della forma, del guadagno e della perdita. Ma a un livello
pi profondo noi siamo gi completi, e quando ce ne rendiamo conto vi una
energia allegra e gioiosa dietro tutto ci che facciamo.

2
9
Quando il nostro pi profondo senso del s derivato dall'Essere, quando
siamo liberi dal "divenire" come bisogno psicologico, n la nostra felicit n il
nostro senso del s dipendono dal risultato,
per cui vi libert dalla paura.
Non ricerchiamo cose permanenti dove non possono esservene: nel mondo
della forma, del guadagno e della perdita, della nascita e della morte. Non
esigiamo che situazioni, condizioni, luoghi o persone ci rendano felici, n
soffriamo quando questi non sono all'altezza delle nostre aspettative.
Ogni cosa viene onorata, ma nulla importante. Le forme nascono e muoiono,
eppure noi siamo consapevoli di ci che in eterno dietro le forme.
Sappiamo che "niente di reale pu essere minacciato"
Quando questo il nostro stato dell'Essere, come possiamo non avere
successo? Abbiamo gi avuto successo.

Strategie mentali per evitare l'adesso


La perdita dell'adesso il problema, o meglio: la causa che trasforma una
semplice emozione o un evento in un problema personale e in sofferenza.
La perdita dell'adesso la perdita dell'Essere.
Quando ogni cellula del corpo presente al punto di sentirsi vibrante di vita, e
quando noi possiamo percepire questa vita in ogni momento come gioia
dell'Essere, allora possiamo dire di essere liberi dal tempo.
Essere liberi dal tempo rappresenta la trasformazione di consapevolezza pi
profonda che si possa immaginare. In certi rari casi questo mutamento avviene
in modo spettacolare e radicale, una volta per sempre. Quando cos, di solito si
verifica attraverso un abbandono totale nel mezzo di una intensa sofferenza.
Quando abbiamo colto i primi bagliori dello stato di consapevolezza senza
tempo, cominciamo a spostarci avanti e indietro fra le dimensioni del tempo e
della presenza.
Da principio diventiamo consapevoli di quanto raramente la nostra attenzione
davvero nell'adesso. Ma sapere di non essere presenti un grande successo:
quel sapere presenza. Poi, con frequenza crescente, noi scegliamo di

30
concentrare la nostra consapevolezza sul momento presente anzich sul passato
o sul futuro.
Perdiamo l'adesso e vi ritorniamo, ripetutamente.
Alla fine la presenza diventa il nostro stato predominante.
Per la maggior parte delle persone la presenza non viene mai percepita oppure
lo solo accidentalmente e brevemente. Quasi tutti gli esseri umani presentano
un'alternanza solo fra diversi livelli di inconsapevolezza.

Inconsapevolezza ordinaria e inconsapevolezza profonda


Allo stato di veglia quasi tutti oscilliamo fra l'inconsapevolezza ordinaria e
quella profonda. Ci che chiamo inconsapevolezza ordinaria l'identificarsi
con i propri processi di pensiero e le proprie emozioni, reazioni, desideri e
avversioni. In tale stato siamo gestiti dalla mente incentrata sull'io e siamo
inconsapevoli dell'Essere.
uno stato di quasi continuo disagio, noia, malcontento o nervosismo.
Questo disagio si trasforma nel dolore della inconsapevolezza profonda
quando le cose "vanno storte", quando l'io minacciato o vi sono un pericolo o
una perdita, reali o immaginari, oppure un conflitto in un rapporto personale.
L'inconsapevolezza profonda significa che stato innescato il corpo di dolore
e che noi ci siamo identificati con quest'ultimo.
La violenza fisica sarebbe impossibile senza l'inconsapevolezza profonda. Pu
anche avvenire facilmente quando e dove una folla di persone o perfino un'intera
nazione generano un campo collettivo di energia negativa.
Il miglior indicatore del nostro livello di consapevolezza dato da come
affrontiamo le situazioni minacciose della vita quando si presentano. Attraverso
queste situazioni, una persona gi inconsapevole tende a diventarlo ancora pi
in profondit,
e una persona consapevole tende a diventare ancora pi
presente.
Se non riusciamo a essere presenti nemmeno in circostanze normali, come
quando stiamo seduti da soli in una stanza, passeggiamo nei boschi o ascoltiamo
qualcuno, certamente non saremo in grado di rimanere consapevoli quando

31
qualcosa "va storto" o ci troviamo ad affrontare persone o situazioni difficili,
caratterizzate da perdita o minaccia di perdita.
Queste situazioni minacciose sono le nostre prove.
Soltanto il modo in cui le affrontiamo dimostrer a noi e agli altri a che punto
siamo per ci che riguarda il nostro stato di consapevolezza, e non quanto a
lungo sappiamo stare seduti con gli occhi chiusi o quali visioni percepiamo.
Pertanto essenziale apportare maggiore consapevolezza nella nostra vita
ordinaria in cui tutto procede con relativa tranquillit. In questo modo si
acquisisce maggiore intensit di presenza.
Questa genera in noi e attorno a noi un campo energetico di elevata
frequenza di vibrazione. Nessuna inconsapevolezza, nessuna negativit,
nessuna discordia o violenza possono entrare in questo campo e sopravvivere,
cos come il buio non pu sopravvivere in presenza della luce.
Quando impariamo a essere testimoni dei nostri pensieri ed emozioni
possiamo restare sorpresi quando per la prima volta ci renderemo conto del
rumore di fondo dell'inconsapevolezza ordinaria e quanto di rado siamo
veramente a nostro agio con noi stessi.

Dissolvere l'inconsapevolezza ordinaria


Siamo sempre alla ricerca di qualcosa. Che cosa stiamo cercando? Perch
siamo sempre in ansia? Pu la preoccupazione aggiungere un solo giorno alla
nostra vita?
Non siamo mai contenti.
Questa disfunzione collettiva ha creato una civilt assai infelice e
straordinariamente violenta che diventata una minaccia non soltanto per se
stessa ma anche per l'intera vita di questo pianeta.
Possiamo liberarci da questa afflizione?
Rendendola consapevole!
Osservando i molti modi in cui disagio, malcontento e tensione nascono in noi
attraverso il giudizio superfluo, la resistenza verso ci che esiste e la negazion
e
dell'adesso.

32
Ogni cosa inconsapevole si dissolve quando noi la rischiariamo con la luce
della consapevolezza. Quando sappiamo come si dissolve l'inconsapevolezza
ordinaria, la luce della nostra presenza briller fulgida, e sar molto pi facile
affrontare l'inconsapevolezza profonda quando ne avvertiamo l'attrazione
gravitazionale.
Inizialmente l'inconsapevolezza non sar facile da individuare perch il
nostro stato normale. Abituiamoci a sorvegliare lo stato mentale-emotivo
attraverso l'auto-osservazione.
Sono a mio agio in questo momento?
Che cosa sta avvenendo dentro di me in questo momento?
Se l'interno va bene, l'esterno andr a posto a sua volta. La realt primaria
dentro, la realt secondaria fuori.
Che genere di pensieri sta producendo la nostra mente? Che cosa percepiamo?
Rivolgiamo la nostra attenzione all'interno del corpo.
Vi tensione?
Cerchiamo di vedere in che modo stiamo evitando, opponendo resistenza o
negando la vita, mediante la negazione dell'adesso. Vi sono molti modi in cui si
pu resistere inconsapevolmente al momento presente.
Libert dall'infelicit
Proviamo risentimento per ci che facciamo? Stiamo forse celando un
risentimento inespresso verso una persona che ci sta vicino? Ci rendiamo conto
che l'energia cos emanata tanto dannosa che stiamo contaminando noi stessi e
le persone che ci circondano? Diamo una bella occhiata dentro. Vi anche la pi
lieve traccia di risentimento, di riluttanza?
Se vi , osserviamola a livello mentale ed emotivo. Quali pensieri crea la nostr
a
mente attorno a tale situazione? Guardiamo l'emozione che la reazione del
corpo a tali pensieri. Ci sembra piacevole o spiacevole? un'energia che
sceglieremmo di avere dentro di noi?
Forse qualcuno si approfitta di noi, forse l'attivit cui ci dedichiamo davvero
noiosa, forse qualcuno che ci sta vicino davvero disonesto, irritante o
inconsapevole, ma tutto ci irrilevante.

33
Il fatto che opponiamo resistenza a ci che esiste.
Facciamo del momento presente un nemico.
Creiamo infelicit, conflitto fra il nostro interno e l'esterno.
La nostra infelicit inquina non soltanto il nostro essere interiore e le person
e
che ci circondano ma anche la psiche collettiva umana di cui siamo parte
inseparabile. Smettiamo di fare quello che stiamo facendo, parliamo con la
persona interessata ed esprimiamo pienamente ci che proviamo o eliminiamo
la negativit che la mente ha creato riguardo questa situazione. La negativit non
mai il modo ottimale d'affrontare qualsiasi situazione. In effetti essa ci
mantiene invischiati al suo interno, bloccando ogni reale cambiamento.
Tutto ci che viene fatto con energia negativa ne viene contaminato e col
tempo d origine a nuovo dolore, nuova infelicit. Ogni stato interiore negativo
contagioso: l'infelicit si diffonde pi facilmente di una malattia fisica.
Attraverso la legge di risonanza, innesca e alimenta la negativit latente in altr
i,
a meno che non siano immuni, vale a dire consapevoli.
Stiamo inquinando il mondo o ripulendolo?
L'inconsapevolezza deve essere trasformata attraverso l'accettazione, unita al
la
luce della nostra presenza, della nostra attenzione costante. Tutto questo impli
ca
che dobbiamo essere in grado di accedere alla potenza di adesso. Senza questo,
non abbiamo scelta.
Una volta che uno schema mentale, un'emozione o una reazione sono l,
bisogna accettarli. Non siamo colpevoli per quanto ci successo. Ci siamo
comportati cos perch non eravamo consapevoli. Possiamo uscirne subito.
Guarigione e redenzione sono disponibili subito.
Pratichiamo l'accettazione e il perdono e passiamo alla fase successiva: esser
e
sempre pi presenti.

Dovunque siamo, dobbiamo esserci totalmente


Vediamo se possiamo sorprenderci a lamentarci, ad alta voce o col pensiero,
riguardo a una situazione in cui ci troviamo, a ci che fanno o dicono altre
persone, al nostro ambiente, alla nostra situazione di vita, perfino alle condiz
ioni
atmosferiche.
Lamentarsi sempre una mancata accettazione di ci che esiste.

34
Invariabilmente porta con s una carica negativa inconsapevole. Quando ci
lamentiamo, facciamo di noi stessi delle vittime.
Quando diciamo chiaramente ci che pensiamo, siamo in nostro potere. Per
cui cerchiamo di modificare la situazione intraprendendo un'azione o
parlandone chiaramente se necessario o possibile.
Dobbiamo abbandonare la situazione oppure accettarla.
Tutto il resto follia.
L'inconsapevolezza sempre legata alla negazione dell'adesso. L'adesso,
naturalmente, implica anche il qui.
Stiamo opponendo resistenza al qui e ora?
Dovunque siamo, dobbiamo esserci totalmente. Se troviamo intollerabili il
nostro qui e ora e questo ci rende infelici, abbiamo tre possibilit:
1) allontanarci dalla situazione;
2) modificarla;
3) accettarla totalmente.
Se intraprendiamo un'azione, eliminiamo dapprima la negativit. L'azione che
nasce dalla comprensione profonda pi efficace dell'azione che nasce dalla
negativit. Un'azione qualunque spesso migliore dell'assenza di azione, specie
se siamo invischiati da molto tempo in una situazione infelice.
la paura a impedirci di intraprendere un'azione? In tal caso dobbiamo
riconoscere la paura, osservarla, rivolgerle la nostra attenzione, essere
pienamente presenti di fronte alla paura.
Non lasciamo che la paura si innalzi fino alla nostra mente.
Utilizziamo il potere di adesso: la paura non potr avere il sopravvento.
Se davvero non vi nulla che possiamo fare per modificare il nostro qui e ora e
non possiamo allontanarci dalla situazione, allora accettiamo totalmente il
nostro qui e ora lasciando cadere ogni resistenza interiore.
L'abbandono non debolezza. Vi in esso una grande forza. Soltanto chi
pratica l'abbandono ha potenza spirituale. Attraverso l'abbandono saremo liberi

35
internamente dalla situazione. Possiamo allora scoprire che la situazione cambia
senza sforzo alcuno da parte nostra. In ogni caso siamo liberi.

Evitiamo lo stress
Oppure vi qualcosa che dovremmo fare ma non facciamo? Alziamoci e
facciamola subito. In alternativa, accettiamo completamente la nostra inattivit,
pigrizia o passivit. Se tale la nostra scelta, entriamoci dentro pienamente.
Godiamocela. Restiamo pigri e inattivi pi che possiamo. In questo caso non vi
conflitto interiore, n resistenza, n negativit.
Lo stress causato dall'essere qui e nel contempo voler essere "l" o dall'essere
nel presente ma voler essere nel futuro. una spaccatura che ci lacera
interiormente.
Creare e vivere con una tale spaccatura folle.
Se siamo costretti, possiamo muoverci rapidamente, lavorare rapidamente, o
perfino correre, senza proiettarci nel futuro e senza opporre resistenza al
presente. Se ci muoviamo, lavoriamo, corriamo, facciamolo totalmente.
Godiamoci il flusso di energia. Allora non siamo pi stressati, non ci spacchiamo
pi in due. Semplicemente ci muoviamo, corriamo, lavoriamo divertendoci.
Oppure possiamo lasciare tutto e sederci su una panchina al parco. Ma se lo
facciamo, osserviamo la nostra mente. Potr dirci: "Dovresti essere al lavoro.
Stai perdendo tempo".
Osserviamo la mente, sorridendoci sopra.
Siamo preoccupati? Pensiamo spesso "e se succede... "? Ci identifichiamo con
la nostra mente, che proietta se stessa in una futura situazione immaginaria e
crea paura? Non vi modo di fare fronte a una tale situazione, perch non esiste.
un fantasma mentale. Possiamo fermare questa follia che corrode la salute e la
vita semplicemente riconoscendo il momento presente.
Percepiamo l'aria che entra ed esce dal corpo. Percepiamo il nostro campo
energetico interiore. Tutto ci che dobbiamo affrontare e gestire nella vita
reale questo momento. Possiamo sempre fare fronte all'adesso, ma non
possiamo mai fare fronte al futuro, n siamo tenuti a farlo. La risposta, la
forza l'azione giusta o la risorsa saranno l quando ne avremo bisogno, n
prima n dopo.

36
L'attesa
Il nostro obiettivo assorbe tanta parte della nostra attenzione che riduciamo
il
momento presente a un mezzo rivolto a un fine? Questo toglie la gioia al nostro
agire? Stiamo aspettando di cominciare a vivere? Se sviluppiamo un tale schema
mentale, qualunque cosa otteniamo o realizziamo, il presente non andr mai
abbastanza bene; il futuro sembrer sempre migliore. Siamo abituati ad
"aspettare"?
Quanto della nostra vita trascorre in attesa?
Aspettare la prossima vacanza, un lavoro migliore, aspettare che i figli
crescano, aspettare un rapporto personale veramente significativo, il successo,
l'arricchimento, diventare importanti, diventare illuminati?
L'attesa uno stato d'animo. Significa che noi vogliamo il futuro, non vogliam
o
il presente. Non vogliamo ci che abbiamo.
Con ogni genere di attesa creiamo inconsapevolmente un conflitto interiore fra
il nostro qui e ora, dove non vogliamo essere, e il futuro proiettato, dove
vogliamo essere.
Ma la vita qui, in questo istante, in ogni momento.
La vita il nostro Essere pi profondo.
gi integra, completa, perfetta.
Molte persone attendono la prosperit. Non pu arrivare nel futuro. Quando
onoriamo, riconosciamo e accettiamo pienamente la nostra realt presente,
quando accettiamo pienamente ci che abbiamo, siamo grati per ci che
abbiamo, grati per ci che esiste, grati per Essere. La gratitudine per il momento
presente e la pienezza della vita adesso la vera prosperit. Non pu arrivare nel
futuro. Poi, col tempo, tale prosperit si manifesta a noi in vari modi.
Quando ci scopriamo a scivolare nell'attesa... scuotiamoci da questa situazion
e.
Arriviamo al momento presente. Cerchiamo semplicemente di essere e di
divertirci a essere. Se siamo presenti, non vi mai alcuna necessit di aspettare
alcunch. Allora la prossima volta che qualcuno ci dice "Mi dispiace di averti
fatto aspettare" possiamo rispondere:
"Figurati, non stavo aspettando.
Ero qui a godermi me stesso, la gioia del mio s".

37
Il nostro scopo interiore
L'unica cosa reale riguardo al nostro viaggio il passo che stiamo compiendo
in questo momento. tutto ci che esiste. Lo scopo interiore del viaggio, che non
ha niente a che fare con il dove stiamo andando o con il che cosa stiamo facendo
,
ma riguarda esclusivamente il come. Non ha niente a che fare col futuro ma
riguarda esclusivamente la qualit della nostra consapevolezza in questo
momento.
Lo scopo esteriore appartiene alla direzione orizzontale di spazio e tempo; lo
scopo interiore concerne un approfondimento del nostro Essere nella
dimensione verticale dell'adesso senza tempo.
Il viaggio esteriore pu essere formato da un milione di passi;
quello interiore ne ha uno solo:
il passo che compiamo in questo momento.
Diventando profondamente consapevoli di questo unico passo, ci rendiamo
conto che contiene gi in s tutti gli altri. Quest'unico passo si trasforma allora
in
un'espressione di perfezione, in un atto di grande bellezza. Ci avr condotti
all'Essere, e la luce dell'Essere risplender attraverso di esso. Questo sia lo
scopo sia l'appagamento del nostro viaggio interiore, il viaggio dentro noi stes
si.
Quando avremo capito lo scopo interiore,
lo scopo esteriore sar soltanto un gioco
che potremo continuare a praticare perch ci divertiamo.
anche possibile fallire completamente nello scopo esteriore e allo stesso
tempo avere un successo totale nello scopo interiore. In definitiva, ogni scopo
esteriore destinato a "fallire" prima o poi.
Prima ci rendiamo conto che lo scopo esteriore non pu darci appagamento
duraturo, meglio . Quando abbiamo capito i limiti dello scopo esteriore,
rinunciamo alla nostra aspettativa irrealistica che questo possa renderci felici
, e
lo rendiamo subordinato al nostro scopo interiore.

Il passato non pu sopravvivere in nostra presenza


Solo il presente pu liberarci dal passato. Una maggiore quantit di tempo non
pu liberarci dal tempo. Dobbiamo accedere al potere di adesso. Questa la
chiave.

38
Che cos' il potere di adesso?
Nient'altro che la potenza della nostra presenza, la nostra consapevolezza
liberata dalle forme di pensiero.
Dobbiamo prestare attenzione al presente; prestare attenzione al nostro
comportamento, alle nostre reazioni, ai nostri stati d'animo, pensieri, emozioni
,
paure e desideri a mano a mano che si verificano nel presente.
questo il passato dentro di noi.
Se riusciamo ad essere sufficientemente presenti per osservare tutte queste
cose, non in maniera critica o analitica ma senza giudizi, allora affrontiamo il
passato e lo dissolviamo attraverso la potenza della nostra presenza.
A mano a mano che diventiamo maggiormente consapevoli della nostra realt
presente, possiamo renderci conto del perch il nostro condizionamento operi in
questi particolari modi; perch i nostri rapporti umani seguano certi schemi.
Questo va bene e pu essere utile, ma non essenziale.
Ci che conta la nostra presenza consapevole.
Questa, e solo questa, dissolve il passato.
l'agente della trasformazione. Il passato non pu sopravvivere in nostra
presenza. Pu sopravvivere soltanto in nostra assenza.

39
Lo stato di presenza
Non come pensiamo
Non possiamo pensare alla presenza, e la mente non pu capirla.
Per capirla bisogna essere presenti.
Chiudiamo gli occhi e diciamoci: "Mi domando quale sar il mio prossimo
pensiero". Poi restiamo vigili e aspettiamo il prossimo pensiero. Dobbiamo
essere come un gatto che osserva la tana del topo. Quale pensiero uscir?
Proviamo adesso.
Quando ci troviamo in uno stato di intensa presenza siamo liberi da pensieri e
siamo in quiete. Siamo in quiete, ma altamente vigili.
Nell'istante in cui la nostra attenzione consapevole scende al di sotto di un
certo livello, fa irruzione il pensiero. Ritorna il rumore mentale; la quiete va
perduta. Siamo ritornati nel tempo.
Per rimanere presenti nella vita quotidiana, utile essere profondamente
radicati in se stessi; altrimenti la mente, che ha una forza incredibile, ci tra
scina
via come un fiume impetuoso.
Essere radicati in se stessi, significa abitare pienamente il proprio corpo. A
vere
sempre una parte della nostra attenzione nel campo energetico interiore del
corpo. Sentire il corpo da dentro. La consapevolezza del corpo ci mantiene
presenti. Ci ancora nell'adesso.

Il significato esoterico di Attesa


In un certo senso, lo stato di presenza pu essere paragonato all'attesa.
un'attesa che richiede la nostra totale vigilanza. Pu accadere qualunque cosa in
qualunque momento, e se non siamo completamente svegli, assolutamente
tranquilli, ci sfuggir. In questo stato, tutta la nostra attenzione sull'adesso.
Non ne rimane niente per fantasticare, pensare, ricordare, prevedere. Non vi
tensione n paura, soltanto presenza vigile.

40
Siamo presenti con l'intero nostro Essere, con ogni cellula del corpo. In ques
to
stato, il "s" che ha un passato e un futuro, la personalit, quasi non esiste pi.
Eppure niente di valore va perduto. Siamo ancora essenzialmente noi stessi.
Anzi, solo adesso che siamo veramente noi stessi.
La Bellezza nasce nella quiete della nostra presenza
La presenza necessaria per diventare consapevoli della bellezza, della maest,
della sacralit della natura.
Abbiamo mai rivolto lo sguardo all'infinit dello spazio in una notte limpida,
sgomenti per la sua quiete assoluta e la sua vastit inconcepibile? Abbiamo
ascoltato, veramente ascoltato, il suono di un torrente di montagna nel bosco?
O il canto di un merlo al crepuscolo in una tranquilla serata estiva? Per
divenire consapevole di cose simili, la mente deve essere in quiete. necessaria
la nostra presenza totale.
Al di l della bellezza delle forme esteriori, qui vi di pi: qualcosa che non
pu essere nominato, qualcosa di ineffabile, una qualche essenza profonda,
interiore, sacra. Quando e dove vi bellezza, questa essenza interiore traspare i
n
qualche modo all'esterno. Si rivela solamente a noi quando siamo presenti.
possibile che questa essenza priva di nome e la nostra presenza siano la stessa
cosa? Esisterebbe senza la nostra presenza? Entriamo in profondit in questo.
Scopriamolo da soli.
Quando abbiamo avuto esperienza di quei momenti di presenza, abbiamo
avuto, sia pur brevemente, uno stato di assenza di mente. Senza di esso non
avremmo percepito la bellezza. La mente non pu riconoscere n creare la
bellezza.
Data la ristrettezza dell'intervallo e la mancata vigilanza e di prontezza da
parte nostra, forse non siamo riusciti a vedere la differenza sostanziale tra la
percezione, la consapevolezza in assenza di pensiero, e l'assegnazione di un
nome e la sua interpretazione come pensiero. Nel momento in cui ricomparso
il pensiero, tutto ci che avevamo era un ricordo di tale percezione.
Pi ampio l'intervallo temporale fra percezione e pensiero, maggiore
profondit vi in noi in quanto esseri umani, vale a dire maggiore
consapevolezza acquisiamo.
Molte persone sono cos imprigionate nella loro mente che non sono in quiete,
non sono presenti, non vedono veramente la bellezza di un fiore, non se

41
percepiscono l'essenza, la sacralit, cos come non conoscono se stessi, non
percepiscono la propria essenza, la propria sacralit.
Poich noi viviamo in una tale cultura, dominata dalla mente, l'arte moderna
in gran parte priva di bellezza con pochissime eccezioni. Il motivo che chi crea
queste cose non sa liberarsi dalla mente. Per cui non mai in contatto con quel
luogo interiore in cui nascono la vera creativit e la bellezza. Nessuna civilt ha
mai prodotto tanta bruttezza.

Realizzare la consapevolezza pura


Quando siamo presenti, Dio si sveglia e ricorda la sua natura.
Nel presente si manifesta il potere infinito di Dio. (Aldo)
Quando diventiamo consapevoli dell'Essere, ci che avviene in realt che
l'Essere diviene consapevole di s. Quando l'Essere diviene consapevole di s,
questa la presenza. Poich Essere, consapevolezza e vita sono sinonimi,
potremmo dire che presenza significa consapevolezza che diviene consapevole di
s, o vita che raggiunge la consapevolezza di s.
Nel regno senza tempo in cui dimora Dio, e che anche la nostra dimora, il
principio e la fine, l'Alfa e l'Omega, sono un'unica cosa, e l'essenza di tutto
ci
che mai esistito e mai esister eternamente presente in uno stato non
manifestato di unit e perfezione, totalmente al di l di ogni cosa che la mente
umana possa mai immaginare o comprendere.
Tutto ci che esiste ha l'Essere, ha essenza divina, ha qualche grado di
consapevolezza. Perfino una pietra ha una consapevolezza rudimentale;
altrimenti non esisterebbe, e i suoi atomi e molecole si disperderebbero. Tutto
vivo. Il sole, la terra, le piante, gli animali, gli esseri umani, tutti sono es
pressioni
di consapevolezza in grado variabile, consapevolezza che si manifesta come
forma.
Osserviamo tutte le forme di vita. C' qualcuno o qualcosa che pratica un
gioco, un gioco con la forma? questo che si domandavano gli antichi veggenti
dell'India. Vedevano il mondo come "lila", una sorta di gioco divino che Dio sta
praticando. tragico, crudele? Soltanto se noi creiamo un'identit separata
per ciascuna forma, se dimentichiamo che la consapevolezza essenza divina
che si esprime nella forma. Ma noi non sappiamo questo finch non
realizziamo la nostra essenza divina come consapevolezza pura.
Riusciamo adesso a vedere il grande significato di acquisire presenza come
osservatori della propria mente? Quando osserviamo la mente, allontaniamo
dalle forme mentali la consapevolezza, che diventa allora ci che chiamiamo

42
"l'osservatore" o "il testimone". Di conseguenza il testimone diventa pi forte, e
le formazioni mentali pi deboli.
Quando parliamo di osservare la mente personalizziamo un evento che
veramente di significato cosmico: attraverso noi la consapevolezza si risveglia
dal suo sogno di identificazione con la forma e si allontana dalla forma stessa.
Quando la consapevolezza si libera dalla propria identificazione
con le forme fisiche e mentali,
diventa "Consapevolezza pura" o presenza.
La nuova consapevolezza sta guadagnando terreno su tutto il pianeta. In
questo non v' nulla di personale: io non sto insegnando a nessuno.
Ciascuno di noi consapevolezza, ciascuno ascolta se stesso.
Il silenzio un vettore di presenza ancora pi potente, per cui quando leggete
o ascoltate ci che dico, siate consapevoli del silenzio fra le parole e al di sot
to
di esse. Dobbiamo essere consapevoli delle pause. Ascoltare il silenzio,
dovunque ci troviamo, un modo facile e diretto per divenire presenti.
Ascoltare il silenzio crea immediatamente una quiete dentro di noi. Soltanto la
quiete in noi pu percepire il silenzio esterno. E che cos' la quiete se non
presenza, consapevolezza liberata dalle forme del pensiero?
Ascoltare il silenzio
un modo facile e diretto per divenire presenti.
Cristo: la realt della nostra presenza divina
Cristo la nostra presenza divina, ovvero il s. L'unica differenza fra Cristo e
presenza che Cristo si riferisce alla nostra divinit intrinseca, indipendentemente dal fatto che noi ne siamo consapevoli o no, mentre "presenza" significa
divinit (essenza divina) risvegliata.
Il presente la presenza di Dio.
Ges stato un uomo vissuto duemila anni fa che ha realizzato la presenza
divina, la sua vera natura. E cos ha detto: "Prima che Abramo fosse, io sono".
Non ha detto: "Esistevo gi prima che nascesse Abramo". La sua
un'affermazione di tipo "zen", di grande profondit.
Egli era andato oltre la dimensione di consapevolezza governata dal tempo,
passando nel regno dell'assenza di tempo. Pertanto l'uomo Ges diventato

43
Cristo, veicolo della Consapevolezza pura. Infatti Dio ha detto nella Bibbia: "I
o
sono colui che sono". Non vi tempo qui, solo presenza.
Se Cristo tornasse domani in qualche forma esteriorizzata, che cosa potrebbe
dire di diverso da questo: "Io sono la Via, la Verit e la Vita. Io sono dentro di
voi. Io sono qui. Io sono adesso".
La presenza una.
Anche il lavoro di gruppo pu essere utile per intensificare la luce della nostr
a
presenza. Un gruppo di persone che si riunisce in uno stato di presenza genera
un campo energetico collettivo di grande intensit. Non soltanto innalza il grado
di presenza di ciascun componente del gruppo ma aiuta anche a liberare la
consapevolezza collettiva umana dal suo stato di dominio della mente.

44
Il corpo interiore
L'Essere il nostro s pi profondo
Il corpo pu diventare un punto di accesso al regno dell'Essere. Ecco perch
opportuno abitare il corpo. L'Essere non pu diventare oggetto di conoscenza.
Nell'Essere,
soggetto e oggetto si fondono formando un tutt'uno.
L'Essere pu essere percepito come l'onnipresente "io sono" che al di l di
nome e forma. Sentire e pertanto sapere che "siamo" e dimorare in questo stato
profondamente radicato "l'illuminazione", la verit che secondo Ges ci
render liberi.
Liberi dall'illusione di essere il corpo e la mente. Questa "illusione del s"
l'errore fondamentale. Liberi dalla paura nei suoi innumerevoli maschera-menti.
La paura il nostro torturatore continuo fintanto che noi traiamo il nostro senso
del s unicamente da questa forma effimera e vulnerabile.
E liberi dal "peccato", cio dalla sofferenza che, inconsapevolmente,
infliggiamo a noi stessi e agli altri fintanto che questo senso illusorio del s
governa ci che pensiamo, diciamo e facciamo.

Abitare il corpo
Il corpo che possiamo vedere e toccare non pu condurci all'Essere. Ma quel
corpo visibile e tangibile soltanto un involucro esterno, o meglio una
percezione limitata e distorta di una realt pi profonda.
Abitare il corpo.
Nel nostro stato naturale di sintonia con l'Essere, questa realt pi profonda
pu essere percepita in ogni momento, come corpo interiore invisibile, presenza
animatrice dentro di noi. Cos "abitare il corpo" significa sentire il corpo da
dentro, sentire la vita dentro il corpo e in tal modo arrivare a sapere che noi
siamo al di l della forma esteriore.
Al di sotto della nostra forma esteriore, siamo in sintonia con qualcosa di co
s
vasto, cos incommensurabile e sacro, che non pu essere concepito o descritto;

4
5
eppure ne sto parlando adesso. Ne sto parlando non per fornire qualcosa in cui
credere ma per mostrare come possiamo conoscerlo.
Distogliere l'attenzione dal pensiero
e indirizzarla verso il corpo.
Siamo tagliati fuori dall'Essere finch la mente assorbe tutta la nostra
attenzione. La mente assorbe tutta la nostra consapevolezza e la trasforma in
sostanza mentale. Non riusciamo a smettere di pensare. Il pensiero ineluttabile
diventato una malattia collettiva.
Allora, la nostra identit diventa una costruzione mentale vulnerabile e sempre
bisognosa, che crea la paura come emozione fondamentale dominante. E viene
cos a mancare l'unica cosa veramente importante: la consapevolezza del nostro
s pi profondo, della nostra realt invisibile e indistruttibile.
Per diventare consapevoli dell'Essere dobbiamo liberare la consapevolezza
dalla mente. Questo uno dei compiti essenziali del nostro viaggio spirituale. Un
modo assai efficace di farlo semplicemente distogliere l'attenzione dal pensiero
e indirizzarla verso il corpo, dove l'Essere pu essere sentito in primo luogo
come campo energetico invisibile che d vita a ci che noi chiamiamo come
corpo fisico.

Entrare in sintonia con il corpo interiore.


Chiudiamo gli occhi.
Rivolgiamo la nostra attenzione all'interno del corpo.
Cerchiamo di sentirlo da dentro. vivo? Vi vita nelle mani, nelle braccia,
nelle gambe e nei piedi, nell'addome, nel torace? Riusciamo a sentire il sottile
campo energetico che pervade l'intero corpo e dona vita vibrante a ogni organo e
a ogni cellula? Riusciamo a sentirlo contemporaneamente in tutte le parti del
corpo come unico campo di energia?
Continuiamo a concentrarci per qualche istante sulla percezione del corpo
interiore. Non pensiamoci. Dobbiamo percepirlo. Pi attenzione vi dedichiamo,
pi chiara e forte diverr tale percezione. Ci sembrer che ogni cellula diventi
pi viva, e se abbiamo un forte senso visivo potremo percepire un'immagine del
nostro corpo che diventa luminoso.
Sebbene questa immagine possa esserci utile temporaneamente, dobbiamo
rivolgere maggiore attenzione alla sensazione che non a qualunque immagine

46
possa nascere. Un'immagine, per quanto bella e potente, gi definita nella sua
forma, per cui vi meno spazio per penetrare pi in profondit.
La percezione del proprio corpo interiore informe,
illimitata e insondabile.
Possiamo andare sempre pi in profondit. Se non riusciamo a percepire
granch in questa fase, prestiamo attenzione a ci che effettivamente sentiamo.
Forse vi soltanto un lieve formicolio alle mani o ai piedi. Per il momento pu
bastare.
Concentriamoci su questa sensazione.
Il nostro corpo sta diventando vivo.
Adesso apriamo gli occhi, ma manteniamo una certa attenzione verso il campo
energetico interiore del corpo anche mentre ci guardiamo attorno nella stanza. I
l
corpo interiore si trova sulla soglia fra la nostra identit di forma e la nostra
identit di essenza, la nostra vera natura.
Cerchiamo di non perdere mai il contatto con quest'ultima.
La trasformazione attraverso il corpo
Nessuno ha mai raggiunto l'illuminazione negando o combattendo il corpo o
attraverso un'esperienza extracorporea.
La trasformazione avviene attraverso il corpo.
La verit stessa si trova in esso.
Se combattiamo il nostro corpo, combattiamo la nostra realt. Noi siamo il
nostro corpo. Ma ci che possiamo vedere e toccare soltanto un sottile velo
illusorio. Al di sotto vi il corpo interiore invisibile, la porta che conduce
all'Essere, alla Vita non-manifestata. Attraverso il corpo interiore, siamo
inseparabilmente connessi a questa unica Vita non manifestata, priva di nascita
e di morte, eternamente presente.
Attraverso il corpo interiore,
noi siamo per sempre in unione con Dio.
La chiave sta nell'essere in uno stato di sintonia permanente con il proprio
corpo interiore: percepirlo in ogni momento. Questo approfondir e trasforme-

47
r rapidamente
interiore, pi
luce che si fa
cos il flusso

la nostra vita. Pi consapevolezza indirizziamo verso il corpo


elevata diventa la frequenza di vibrazione, analogamente a una
pi intensa quando si agisce sull'interruttore graduale aumentando
di elettricit.

La consapevolezza del corpo interiore


protegge dalla negativit
A questo pi elevato livello di energia, la negativit non pu pi influenzarci, e
noi tendiamo ad attrarre circostanze nuove che riflettono questa frequenza pi
elevata.
Se manterremo il pi possibile l'attenzione rivolta al corpo, saremo ancorati
nell'adesso. Verificate dove si trova la vostra attenzione in questo momento.
Mi state ascoltando,
o state leggendo queste parole in un libro?
Manteniamo parte della nostra attenzione all'interno. Non lasciamola
fuoriuscire completamente. Percepiamo il nostro corpo dall'interno, come un
unico campo di energia. quasi come ascoltare o leggere con l'intero corpo.
Questa dovrebbe essere la nostra esercitazione
per i giorni e le settimane che seguono.
A tutti i costi concentriamoci su ci che stiamo facendo, ma cerchiamo di
percepire, allo stesso tempo, anche il corpo interiore.
Rimaniamo radicati interiormente.
Ogni volta che rimaniamo in attesa, dovunque ci capiti, usiamo questo tempo
per percepire il corpo interiore. In questo modo gli ingorghi stradali e le code
diverranno molto piacevoli. Invece di proiettarci mentalmente lontano
dall'adesso, entriamo pi in profondit nel presente entrando pi
profondamente nel corpo.
L'arte della consapevolezza del corpo interiore si svilupper in un modo di
vivere completamente nuovo, uno stato di sintonia permanente con l'Essere, e
apporter alla nostra vita una profondit che non avevamo mai conosciuto.
facile restare presenti come osservatori della propria mente quando si
profondamente radicati nel corpo.

48
Qualunque cosa accada all'esterno,
niente pu pi sconvolgerci.
Questo vale specialmente quando le cose "vanno storte" o vi qualche perdita
o sconvolgimento. Quando si presentano queste minacce, come avviene spesso,
abituiamoci a entrare interiormente subito e a concentrarci il pi possibile sul
campo energetico interiore del nostro corpo. Non dovrebbe richiedere molto,
appena qualche secondo. Ma dobbiamo farlo nel momento in cui si presenta la
minaccia.
Immediatamente diventiamo tranquilli e presenti mentre allontaniamo la
consapevolezza dalla mente.
Come il sole infinitamente pi luminoso
della fiamma di una candela,
cos vi infinitamente pi intelligenza nell'Essere
che nella nostra mente.
Prima di entrare nel corpo, perdonare
Quando ti assale un'emozione negativa, prestale attenzione. Si pu trattare di
un vago senso di disagio, tristezza o solitudine. Una cosa a met strada tra
un'emozione fisica e una sensazione fisica. Tu prestale attenzione.
L'attenzione la chiave per accedere alla trasformazione, e l'attenzione piena
implica anche l'accettazione. L'attenzione come un fascio di luce: il potere
concentrato della nostra consapevolezza che trasforma ogni cosa in se stessa.
In un organismo sano, un'emozione ha una vita molto breve. come una
increspatura o un'onda momentanea sulla superficie del nostro Essere.
Quando non siamo nel nostro corpo, per, un'emozione pu sopravvivere
dentro di noi per giorni o settimane, o unirsi ad altre emozioni di frequenza
analoga che si sono fuse e sono diventate il corpo di dolore, un parassita che
pu vivere dentro di noi per molti anni, alimentarsi della nostra energia,
condurre a malattie fisiche e rendere miserevole la nostra vita.
Il Corpo di Dolore un parassita che si alimenta
della nostra energia.
Conduce a malattie fisiche e rende miserevole la vita.

49
Rivolgiamo l'attenzione alla nostra emozione e verifichiamo se la nostra mente
si aggrappa a uno schema di rancore, come biasimo, autocommiserazio-ne o
risentimento, che alimenta tale emozione.
Se cos, significa che non abbiamo perdonato.
Il mancato perdono spesso rivolto a un'altra persona o a noi stessi, ma pu
riguardare anche qualunque situazione o condizione (passata, presente, futura)
che la nostra mente rifiuta di accettare.
Il perdono significa abbandonare il rancore
e lasciar perdere l'afflizione.
Avviene spontaneamente quando ci rendiamo conto che il rancore non ha altro
scopo che quello di rafforzare il falso senso del s. Perdono significa non opporr
e
resistenza alla vita, consentire alla vita di vivere attraverso di noi. Le alter
native
sono dolore e sofferenza, un flusso di energia vitale fortemente ristretto e in
molti casi una malattia fisica.
Perdono significa non opporre resistenza alla vita
Nel momento in cui perdoniamo veramente, abbiamo liberato la nostra
potenza dalla mente, L'assenza di perdono la natura stessa della mente, cos
come il falso s, creato dalla mente, non pu sopravvivere senza dispute e
conflitti.
La mente non pu perdonare.
Soltanto noi possiamo.
E quando lo facciamo, diventiamo presenti,
entriamo nel nostro corpo,
percepiamo la pace e la quiete vibranti
che promanano dall'Essere.

Il legame con il Non-Manifestato


La Presenza Consapevolezza pura, consapevolezza liberata dalla mente, dal
mondo della forma. Il corpo interiore il nostro legame con il Non-Manifestato
e, nel suo aspetto pi profondo, il Non-Manifestato: la Fonte da cui promana la

50
consapevolezza come la luce promana dal sole. La consapevolezza del corpo
interiore consapevolezza che ricorda la propria origine e ritorna alla Fonte.
Il corpo interiore ci collega alla Fonte.
L'Essere e il Non Manifestato sono la medesima cosa. Siamo sempre noi ad un
livello diverso. Liberare la consapevolezza dalla mente la stessa cosa che dire:
il
risveglio della consapevolezza dal sogno della forma. Dobbiamo essere
consapevoli in profondit dentro di noi dell'assenza di forma e di morte.
Io non posso dirti niente che in profondit,
dentro di te, tu non sappia gi.
Quando abbiamo raggiunto un certo stadio di sintonia interiore, riconoscia-mo
la verit quando la udiamo.

Rallentare il processo d'invecchiamento


La consapevolezza interiore porta altri benefici a livello fisico. Uno di que
sti
un significativo rallentamento dell'invecchiamento del corpo materiale. Mentre
il corpo esteriore cambia con una certa rapidit, quello interiore non cambia col
tempo. Possiamo solo percepirlo diversamente a seconda del livello di
consapevolezza raggiunto.
Non appena il nostro stato abituale passa dall'essere fuori del corpo e
intrappolato nella mente all'essere dentro il corpo e presente nell'adesso,
sentiremo il corpo pi leggero, pi limpido, pi vivo. Poich vi maggiore
consapevolezza nel corpo, la sua struttura molecolare si fa in realt meno densa.
Una maggiore consapevolezza significa una diminuzione dell'illusione della
materialit.
Quando la presenza diventa il nostro modo normale di consapevolezza e
passato e futuro non dominano pi la nostra attenzione, non accumuliamo pi
tempo nella psiche e nelle cellule del corpo.
L'accumulo di tempo, come fardello psicologico del passato e del futuro,
danneggia grandemente la capacit delle cellule di rinnovarsi. Cos, se abitiamo
il corpo interiore, il corpo esteriore invecchier a un ritmo molto pi lento, e
perfino quando invecchier, la nostra assenza di tempo trasparir attraverso la
forma esteriore, e noi non avremo l'aspetto di persone anziane.
Ma vi sono prove scientifiche in questo senso?

51
Sperimentalo, e tu sarai la prova.
Un altro grande beneficio il rafforzamento del sistema immunitario, che ha
luogo quando abitiamo il corpo. Pi consapevolezza apportiamo al corpo, pi
forte diventa il sistema immunitario. come se ogni cellula si risvegliasse e si
rallegrasse.
Il corpo ama la nostra attenzione. Essa anche una potente forma di
autoguarigione. Per la maggior parte, le malattie s'insinuano quando non siamo
presenti nel corpo.
Anche il nostro sistema immunitario psichico migliora notevolmente.
Quest'ultimo ci protegge contro i campi di forza mentali-emotivi negativi degli
altri, che sono altamente contagiosi. Abitare il corpo significa aumentare la
frequenza di vibrazione del nostro campo energetico totale, per cui ogni cosa ch
e
vibra a una frequenza inferiore (paura, collera, depressione, etc.) viene a trov
arsi
in quello che un diverso ordine della realt. Non entra pi nel nostro campo di
consapevolezza.
Non accettate quello che dico, mettetelo alla prova!
Quando si sente la necessit di stimolare il sistema immunitario, si pu
praticare la meditazione di autoguarigione. particolarmente efficace se usata
quando si avvertono i primi sintomi di una malattia, ma funziona anche con le
malattie consolidate se usata con una certa frequenza e attenzione. Inoltre
controbilancer eventuali perturbazioni del nostro campo energetico causate da
qualche forma di negativit.
Essa non pu per sostituire la pratica costante di essere nel corpo; altrimenti
il suo effetto sar solo temporaneo.
Quando si senza niente da fare per qualche minuto, e specialmente la sera
prima di addormentarsi e il mattino appena alzati, possiamo "inondare" di
consapevolezza il nostro corpo.
Chiudiamo gli occhi. Stiamo distesi sulla schiena. Scegliamo parti diverse del
corpo su cui concentrare brevemente la nostra attenzione prima di tutto: mani,
piedi, braccia, gambe, addome, torace, testa eccetera. Percepiamo nel modo
pi intenso possibile l'energia vitale dentro tali parti. Soffermiamoci su
ciascuna parte per una quindicina di secondi. Quindi lasciamo scorrere alcune
volte la nostra attenzione attraverso il corpo come un'onda, dai piedi alla test
a
e ritorno.
Questo dovrebbe richiedere appena un minuto circa. Dopo di che cerchiamo
di percepire il corpo interiore nella sua totalit, come unico campo di energia.
Sosteniamo questa sensazione per qualche minuto. Dobbiamo essere

52
intensamente presenti durante questo periodo, presenti in ogni cellula del
corpo. Non preoccupiamoci se la mente, di quando in quando, riesce ad
attirare la nostra attenzione fuori del corpo e noi ci perdiamo in qualche
pensiero.
Non appena notiamo che successo, riportiamo semplicemente la nostra
attenzione verso il corpo interiore.
Lasciamo che il respiro ci conduca dentro il corpo
Se troviamo difficile entrare in contatto col corpo interiore, possiamo utilizza
re
la respirazione. La respirazione consapevole, che una meditazione potente di
per s, ci metter in contatto con il corpo. Seguiamo il respiro mentre entra ed
esce dal corpo. Quando respiriamo dobbiamo percepire l'addome espandersi e
contrarsi leggermente ad ogni inalazione ed esalazione.
Chi trova facilit nel visualizzare pu chiudere gli occhi e vedersi circondato
dalla luce o immerso in una sostanza luminosa, in un mare di consapevolezza,
quindi respirare in tale luce. Dobbiamo sentire questa sostanza luminosa
colmarci il corpo e renderlo a sua volta pi luminoso. Quindi gradatamente
concentriamoci di pi sulla sensazione.
Adesso siamo nel nostro corpo.
Non dobbiamo aggrapparci ad alcuna immagine visiva.
Uso creativo della mente
Se dobbiamo usare la mente per uno scopo specifico, usiamola in congiunzione
con il corpo interiore. Soltanto se siamo consapevoli e senza pensiero possiamo
usare la mente in maniera creativa, e la via pi facile per entrare in tale stato
attraverso il corpo. Quando necessaria una risposta, una soluzione o un'idea
creativa, smettiamo per un attimo di pensare concentrando l'attenzione sul
nostro campo energetico interiore.
Diventiamo consapevoli della quiete. Quando riprenderemo a pensare, il
pensiero sar fresco e creativo. In qualunque attivit di pensiero, abituiamoci a
passare ripetutamente (a distanza di qualche minuto) dal pensiero a una forma
interiore di ascolto, a una quiete interiore. Potremo cos dire:
non pensiamo soltanto con la mente,
pensiamo con l'intero corpo.

53
L'arte di ascoltare
Quando ascoltiamo un'altra persona, facciamolo con l'intero corpo. Cerchiamo
di percepire il campo energetico del corpo interiore. Ci distoglie l'attenzione d
al
pensiero e crea uno spazio tranquillo che ci consente di ascoltare veramente
senza interferenza da parte della mente. Cos diamo spazio all'altra persona,
spazio per esistere.
il dono pi prezioso che possiamo offrire.
La maggior parte delle persone non sa ascoltare, perch gran parte
dell'attenzione assorbita dal pensiero. Prestano pi attenzione a questo e nulla
a quanto conta realmente: l'Essere dell'altro al di sotto delle parole e della
mente. Naturalmente, non possiamo percepire l'Essere di qualcun altro se non
attraverso il nostro.
Questo l'inizio della realizzazione dell'unione che amore.
Al livello pi profondo dell'Essere,
siamo in unione con tutto ci che esiste.
I rapporti umani consistono principalmente da menti che interagiscono fra
loro, non di esseri umani che comunicano, essendo in comunione. Nessun
rapporto pu prosperare in tal modo. Quando la mente gestisce la nostra vita,
conflitti, dissidi e problemi sono inevitabili.
Essere in contatto con il corpo interiore
crea uno spazio limpido di assenza di mente
entro cui il rapporto pu fiorire.

54
Ingressi nel Non Manifestato
Entrare in profondit nel corpo
Una breve meditazione.
Sediamoci su una sedia, ma senza appoggiare la schiena. Manteniamo dritta
la spina dorsale. In questo modo ci sar pi facile rimanere vigili.
Assicuriamoci che il corpo sia rilassato. Chiudiamo gli occhi. Inspiriamo
profondamente alcune volte. Percepiamo il respiro che arriva dal basso
addome. Osserviamo come si espande e contrae leggermente con ogni
inspirazione ed espirazione. Quindi prendiamo consapevolezza dell'intero
campo energetico del corpo.
Non dobbiamo pensarci ma sentirlo. Cos facendo allontaniamo la
consapevolezza dalla mente. Se ci sembra utile, adoperiamo la visualizza-zione
della "luce". Quando possiamo percepire chiaramente il corpo interiore come
singolo campo di energia, lasciamo perdere se possibile le eventuali immagini
visive e concentriamoci unicamente sulla sensazione. Se possibile lasciamo
cadere ogni immagine mentale che possiamo ancora avere del corpo fisico.
Tutto ci che rimane ora sar un senso onnicomprensivo di presenza o
"essenza", e il corpo interiore sembra non avere confine. Dobbiamo entrare in
unione con questo, fonderci col campo energetico, in modo che non vi sia pi
percezione di dualit tra osservatore e osservato, fra noi e il nostro corpo.
Adesso si dissolve anche la distinzione tra interiore ed esteriore, per cui non
vi
pi alcun corpo interiore.
Entrando in profondit nel corpo abbiamo trasceso il corpo. Rimaniamo in
questo regno di puro Essere fintanto che ci appare confortevole; poi riprendiamo
consapevolezza del corpo materiale, del respiro e dei sensi fisici, e apriamo gl
i
occhi. Guardiamo per qualche minuto l'ambiente circostante in modo meditativo
(senza applicare etichette mentali) e continuiamo, cos facendo, a percepire il
corpo interiore.
Avere accesso a questo regno informe davvero liberatorio.
Ci libera dalla schiavit della forma e dell'identificazione con la forma. la vi
ta
nel suo stato indifferenziato precedente alla sua frammentazione nella
molteplicit. Possiamo chiamarlo Non-Manifestato, Fonte invisibile di tutte le
cose. Essere entro ogni essere. un regno di profonda quiete e di pace, ma
anche di gioia e d'intensa vitalit. Quando siamo presenti diventiamo

5
5
trasparenti in qualche misura alla luce, alla consapevolezza pura che promana
da questa Fonte. Ci rendiamo conto che la luce non separata da ci che siamo
ma costituisce la nostra vera essenza.
La fonte del Qi
Il Non-Manifestato la fonte del qi. Il qi il campo energetico interiore del
corpo. il ponte fra il noi esteriore e la Fonte. Si trova a met strada fra il
manifestato (il mondo della forma) e il Non-Manifestato. Il qi pu essere
paragonato a un fiume o a un flusso di energia. Se trasferiamo il fulcro della
consapevolezza in profondit nel corpo interiore, risaliamo il corso di questo
fiume fino alla Fonte. Il qi movimento; il Non-Manifestato quiete.
Quando raggiungiamo un punto di quiete assoluta,
che nondimeno vibrante di vita,
siamo andati al di l del corpo interiore e del qi
fino alla Fonte stessa; il Non Manifestato.
Il qi il legame fra il Non-Manifestato e l'universo fisico. Questo il punto
della nascita e della morte. Quando la consapevolezza diretta verso l'esterno,
nascono la mente e il mondo. Quando diretta verso l'interno, realizza la propria
Fonte e ritorna a dimorare nel Non-Manifestato.
Cerchiamo di percepire il corpo interiore anche quando siamo impegnati in
attivit quotidiane, specialmente nei rapporti umani o quando entriamo in
contatto con la natura. Percepiamo la quiete interiore. Teniamo aperto
l'ingresso.
possibile essere consapevoli del Non-Manifestato
durante tutta la giornata e per tutta la vita.
Lo percepiamo come un profondo senso di pace, una quiete che non ci
abbandona mai, qualunque cosa succeda fuori. Noi diventiamo un ponte fra il
Non-Manifestato e il manifesto, fra Dio e il mondo.
Questo lo stato di sintonia con la fonte
che chiamiamo "illuminazione".

5
6
Sonno senza sogni
Facciamo un viaggio nel Non-Manifestato ogni notte quando entriamo nella
fase di sonno profondo senza sogni. Ci uniamo alla fonte. Ne traiamo l'energia
vitale che ci sostiene per un certo tempo quando ritorniamo nel manifestato.
Quest'energia molto pi vitale del cibo: "Non di solo pane vive l'uomo". Ma
non vi entriamo consapevolmente.
Il Non-Manifestato non ci libera
finch non vi entriamo consapevolmente.
Cerchiamo pertanto di utilizzare il nostro corpo interiore come ingresso. Il
corpo interiore senza tempo. Se non siamo ancora in grado di percepire il
corpo interiore, utilizziamo uno degli altri ingressi, anche se in definitiva so
no
tutti un unico ingresso.

Altri Ingressi
L'Adesso pu essere considerato l'ingresso principale. un aspetto essenziale
di ogni altro ingresso, compreso il corpo interiore. Non possiamo essere nel
nostro corpo senza essere intensamente presenti nell'adesso. Il tempo e il
manifestato sono inestricabilmente legati quanto lo sono l'Adesso senza tempo e
il Non-Manifestato.
Quando dissolviamo il tempo psicologico attraverso un'intensa consapevolezza del momento presente, diventiamo consapevoli del Non-Manifestato sia
direttamente sia indirettamente. Direttamente, lo percepiamo come radiosit e
potenza della presenza consapevole. Indirettamente, percepiamo l'Essenza
divina in ogni creatura, ogni fiore, ogni pietra, e capiamo:
"Tutto ci che esiste sacro".
Un altro ingresso creato attraverso la cessazione del pensiero. Pu
cominciare con una cosa semplicissima, come respirare consapevolmente o
guardare un fiore in uno stato di intensa vigilanza, senza commenti verbali.
Vi sono molti modi
per creare un intervallo nel flusso incessante di pensiero.
questo lo scopo della meditazione.

5
7
Quando siamo interamente presenti, non abbiamo bisogno di preoccuparci
della cessazione del pensiero perch la mente si ferma da sola. Ecco perch
l'adesso un aspetto essenziale di ogni altro ingresso.
Abbandonarsi alla Vita significa
lasciar cadere ogni resistenza mentale emotiva
a ci che esiste.
L'Abbandono diventa quindi un ingresso nel Non-Manifestato. La resistenza
interiore ci taglia fuori dagli altri, da noi stessi, dal mondo che ci circonda.
Rafforza il senso di separatezza da cui dipende l'io per la propria sopravvivenz
a.
Maggiore il senso di separazione, pi siamo legati al mondo della forma.
L'ingresso chiuso, e siamo tagliati fuori dalla dimensione interiore.
Nello stato di abbandono, la nostra identit di forma si ammorbidisce e
diventa molto trasparente, per cui il Non-Manifestato pu rifulgere attraverso
noi. Sta a noi aprire un ingresso che ci dia accesso consapevole al NonManifestato. Entrare in contatto col campo energetico del corpo interiore, esser
e
intensamente presenti, disidentificarci dalla mente, abbandonarci a ci che
esiste; sono tutti ingressi che possiamo usare, ma ci basta usarne uno.
L'amore uno di questi ingressi?
No. Non appena uno degli ingressi aperto, l'amore presente in noi come
comprensione intuitiva dell'Uno. L'amore non un ingresso; ci che passa
attraverso l'ingresso verso questo mondo. Finch siamo intrappolati nell'identit
di forma, non vi pu essere amore.
Il nostro compito non cercare l'amore
ma trovare un ingresso attraverso cui l'amore possa entrare.

Silenzio
Il Non-Manifestato non separato da questo mondo, semplicemente
nascosto dietro le illusioni. Se sappiamo dove guardare, lo troveremo ovunque.
Un ingresso si apre in ogni momento.
Abbiamo sentito quel cane che abbaiava in lontananza? O quell'automobile che
passava? Ascoltiamo attentamente. Avvertiamo in questo la presenza del Non-

58
Manifestato? No? Cerchiamolo nel silenzio da cui provengono e a cui ritornano i
suoni. Prestiamo pi attenzione al silenzio che ai suoni.
Prestare attenzione al silenzio esteriore crea silenzio interiore.
Un ingresso si sta aprendo.
Ogni suono nasce dal silenzio, muore nel silenzio, ed circondato dal silenzio.
Il silenzio consente al suono di esistere. una parte intrinseca ma non
manifestata di ogni suono, ogni nota musicale, ogni canzone, ogni parola.
Il Non-Manifestato presente in questo mondo come silenzio.
Tutto ci che dobbiamo fare prestarvi attenzione.
Anche durante una conversazione, cerchiamo d'essere consapevoli degli
intervalli fra le parole, dei brevi intervalli silenziosi tra le frasi. Cos facen
do,
dentro di noi cresce la dimensione della quiete. Non possiamo prestare
attenzione al silenzio senza, nel contempo, diventare tranquilli dentro di noi.
Silenzio fuori, quiete dentro. Siamo entrati nel Non Manifestato.
Spazio
Come non pu esistere suono senza il silenzio, niente pu esistere senza il
nulla, senza lo spazio vuoto che gli consenta di esistere. Ogni oggetto o corpo
fisico venuto dal nulla, circondato dal nulla e prima o poi ritorner nel nulla.
Perfino dentro ogni corpo fisico vi molto pi nulla che qualcosa. Perfino la
materia solida, compreso il nostro corpo fisico, quasi tutta "spazio vuoto". "La
forma vuoto, il vuoto la forma" afferma il Sutra del cuore.
L'essenza di tutte le cose il vuoto.
Il Non-Manifestato non presente in questo mondo soltanto come silenzio;
permea anche l'intero universo fisico come spazio, interiore ed esteriore. Anche
di questo difficile accorgersi. Ognuno presta attenzione alle cose nello spazio,
ma chi presta attenzione allo spazio in s?
Ma non facciamo del "nulla" un qualcosa. Nel momento in cui pensiamo che il
nulla sia qualcosa, l'abbiamo perso. Il nulla la comparsa del Non-Manifestato
come fenomeno esteriorizzato. Esso non pu diventare oggetto di conoscenza
(convenzionale o comunque verbale).
Il "nulla" pu diventare un ingresso al Non manifestato soltanto

59
Se non cerchiamo di afferrarlo o capirlo.
Lo spazio non ha esistenza, non si pu capire. Ma sebbene in s non abbia
esistenza, consente ad ogni altra cosa di esistere. Allora cosa avviene se noi
distogliamo l'attenzione dagli oggetti presenti nello spazio e diventiamo
consapevoli dello spazio in s? Qual l'essenza di questa stanza? Lo spazio,
naturalmente, lo spazio vuoto. Senza di esso non vi sarebbe "stanza".
Poich lo spazio "nulla", possiamo dire che ci che non c'
pi importante di ci che .
Non pensiamoci. Percepiamolo, solo. Prestiamo attenzione al "nulla". Cos
facendo dentro di noi ha luogo uno spostamento di consapevolezza.
L'equivalente interiore degli oggetti nello spazio (mobili, persone, stanza) son
o i
nostri oggetti mentali: pensieri ed emozioni.
Oggetti nello spazio pensieri, emozioni.
L'equivalente interiore dello spazio la consapevolezza che consente agli
oggetti mentali di esistere, come lo spazio consente a tutte le cose di esistere
.
Spazio esteriore consapevolezza, presenza.
Se distogliamo l'attenzione dalle cose, automaticamente distogliamo
l'ettenzione anche dagli oggetti mentali. Non possiamo pensare e allo stes so
tempo essere consapevoli dello spazio o, se per questo, del silenzio.
Diventando consapevoli dello spazio vuoto attorno a noi, nello stesso tempo
diventiamo consapevoli dello spazio di assenza di mente, della consapevolezza
pura: il Non-Manifestato. Ecco come la contemplazione dello spazio pu
diventare un ingresso.
Spazio e silenzio sono due aspetti della stessa cosa, dello stesso nulla.
Sono un'esteriorizzazione dello spazio interiore, che la quiete:
il grembo infinitamente creativo di ogni esistenza.
La maggior parte degli esseri umani completamente inconsapevole di questa
dimensione.
Senza spazio interiore, non vi quiete.
Queste persone sono in squilibrio. Conoscono il mondo, o pensano di
conoscerlo, ma non conoscono Dio. Si identificano esclusivamente con la loro

6
0
forma fisica e psicologica, inconsapevoli dell'essenza. E poich ogni forma
altamente instabile, vivono nella paura. Questa paura procura una percezione
profondamente errata di loro stessi e degli altri esseri umani, una distorsione
nella loro visione del mondo.
Se qualche sconvolgimento cosmico provocasse la fine del mondo, il NonManifestato rimarrebbe totalmente privo di conseguenze.
Nulla di reale pu essere minacciato.
Nulla d'irreale esiste.
Qui risiede la pace di Dio.
Se rimaniamo in sintonia consapevole col Non-Manifestato, apprezziamo,
amiamo e rispettiamo profondamente il manifestato e ogni forma di vita al suo
interno come espressione dell'Unica Vita al di l della forma.
Sappiamo che ogni forma destinata a dissolversi di nuovo e che alla fine nulla
qui fuori ha tanta importanza. Abbiamo "superato il mondo" come dice Ges,
ovvero per dirla col Buddha, siamo "passati sull'altra sponda".

La vera natura di spazio e di tempo


Se non vi fosse nient'altro che silenzio, per noi non esisterebbe; non sapremm
o
che cosa sia. Soltanto quando compare il suono nasce anche il silenzio.
Analogamente, se vi fosse soltanto lo spazio senza alcun oggetto nello spazio, p
er
noi non esisterebbe. Lo spazio nasce nel momento in cui l'Uno diventa due, e
quando "due" diventano le "diecimila cose", come Lao Tzu chiama il mondo
manifestato, lo spazio diventa sempre pi vasto. Per cui il mondo e lo spazio
nascono contemporaneamente.
Prima del "Big Bang" non vi era uno spazio vuoto in attesa d'essere riempito.
Non vi era spazio, come non vi era alcuna cosa. Vi era soltanto il Non
Manifestato, l'Uno. Quando l'Uno divent le "diecimila cose", all'improvviso lo
spazio sembr essere l e consent al molteplice di esistere. Da dove arrivato?
stato creato da Dio per sistemarvi l'universo? Naturalmente no! Lo spazio
nulla, per cui non mai stato creato.
Usciamo in una notte limpida e osserviamo il cielo. Subito ci apparir
l'imponente infinit dello spazio, la profondit e la quiete che consentono a
questa magnificenza di esistere. Niente potrebbe essere pi imponente e
maestoso dell'inconcepibile vastit e quiete dello spazio, eppure che cos'
questo? Un vuoto, un enorme vuoto.

61
Ci che ci appare come spazio nel nostro universo percepito attraverso la
mente e i sensi il Non-Manifestato, esteriorizzato. il corpo di Dio. E il
miracolo pi grande questo:
quella tranquilla vastit che consente all'universo di esistere
non soltanto fuori nello spazio, anche dentro di noi.
Quando siamo completamente e totalmente presenti, la incontriamo come
spazio tranquillo interiore dell'assenza di mente. Dentro di noi vasto in
profondit, non in estensione. L'estensione spaziale in definitiva una
percezione errata della profondit infinita, un attributo dell'unica realt
trascendente.
Secondo Einstein spazio e tempo non sono separati! Esiste il continuum
spazio-temporale. Infatti, quelli che percepiamo come spazio e tempo sono in
definitiva illusori, ma contengono un granello di verit.
Sono i due attributi essenziali di Dio, infinito ed eternit, percepiti come se
avessero un'esistenza esterna al di fuori di noi. Dentro di noi, spazio e tempo
hanno un equivalente interiore che rivela la loro vera natura, nonch la nostra.
Mentre lo spazio il regno tranquillo e infinitamente profondo dell'assenza di
mente, l'equivalente interiore del tempo la presenza, la consapevolezza
dell'adesso eterno.
Rammentiamo che non vi distinzione tra noi e loro. Quindi lo scopo ultimo
del mondo non sta dentro il mondo ma nel trascendere il mondo. Cos come noi
non saremmo consapevoli dello spazio se non vi fossero oggetti in esso, il
mondo necessario per la realizzazione del Non Manifestato. Infatti i buddisti
dicono: "Se non vi fosse illusione non vi sarebbe illuminazione".
attraverso il mondo e in definitiva attraverso di noi che il Non-Manifestato
conosce se stesso. Noi siamo qui per consentire al divino scopo dell'universo di
manifestarsi. Ecco quanto siamo importanti!

Morte consapevole
A parte il sonno senza sogni, vi un altro ingresso involontario. Si apre
brevemente nel momento della morte fisica. Anche se nella vita ci siamo lasciati
sfuggire tutte le altre occasioni per la realizzazione spirituale, ci si dischiu
der
un ultimo ingresso dopo la morte del corpo.

62
Questo ingresso si apre brevemente e, se non abbiamo gi incontrato la
dimensione del Non Manifestato durante la vita, probabilmente ci sfuggir. La
maggior parte della gente porta con s troppa resistenza residua, troppa paura,
troppo attaccamento all'esperienza sensoriale, troppa identificazione col mondo
manifestato.
Allora vedono l'ingresso, se ne allontanano per paura, quindi perdono la
consapevolezza. Alla fine vi sar un altro ciclo di nascita e di morte. La presenz
a
non stata ancora sufficientemente forte per l'immortalit consapevole.
Come per tutti gli altri ingressi, la nostra vera natura radiosa permane, ma n
on
la personalit. In ogni caso, ci che reale o di valore nella nostra personalit
la nostra vera natura che splende attraverso di noi.
Questa non va mai perduta.
Nulla che abbia valore, nulla che sia reale va mai perduto.
L'avvicinarsi della morte e la morte stessa, il dissolvimento della forma fisi
ca,
sono sempre una grande occasione per la realizzazione spirituale.
Ogni ingresso un ingresso di morte, morte del falso s. Quando lo
attraversiamo, smettiamo di trarre la nostra identit dalla nostra forma
psicologica creata dalla mente. Allora ci rendiamo conto che la morte
un'illusione, cos come la nostra identificazione con la forma era un'illusione.
La fine dell'illusione: ecco tutto ci che la morte.
dolorosa solo fintanto che noi ci aggrappiamo ad essa.

63
Rapporti affettivi illuminati
Entrare nell'adesso da dove ci si trova
Molti pensano che la vera illuminazione possibile solo attraverso l'amore in
un rapporto fra un uomo e una donna. Non questo che ci rende nuovamente
completi? Questo vero nella tua esperienza? Ti capitato cos?
Tu stai aspettando che un evento nel tempo ti salvi. Questo l'errore
fondamentale.
La salvezza non altrove nello spazio o nel tempo.
qui e ora.
La vera salvezza significa essere ci che siamo, sentire dentro di noi il bene ch
e
non ha contrario, la gioia dell'Essere che non dipende da niente al di fuori di
s.
Non una presenza fuggevole ma una presenza costante. In linguaggio teistico
significa "conoscere Dio", non come qualcosa al di fuori di noi ma
come nostra essenza intima. La vera salvezza conoscere se stessi come
parte inseparabile dell'Unica Vita senza tempo e senza forma da cui tutto ci che
esiste trae il proprio essere.
La vera salvezza uno stato di libert: dalla paura, dalla sofferenza, da un
presunto stato di mancanza e insufficienza. libert dal pensiero ineluttabile,
dalla negativit, e soprattutto da passato e futuro come bisogno psicologico.
Vediamo il tempo come mezzo verso la salvezza,
mentre in verit
il pi grande ostacolo verso la salvezza.
Noi pensiamo di non essere ancora abbastanza completi o buoni, ma la verit
che il qui e ora l'unico punto da cui possiamo arrivare alla salvezza.
Noi arriviamo l rendendoci conto che ci siamo gi.
Troviamo Dio nel momento in cui ci rendiamo conto che non abbiamo bisogno
di cercare Dio.
Non vi pu essere salvezza lontano da questo momento.

64
Ci sentiamo soli senza un compagno o una compagna? Entriamo nell'adesso da
qui. Stiamo vivendo un rapporto amoroso? Entriamo nell'adesso da qui.
Non vi niente che possiamo mai fare o raggiungere che ci avvicini alla
salvezza pi di quanto sia vicina in questo momento. Nessuna cosa possiamo
aver fatto o sia stata fatta a noi nel passato pu impedirci di dire di s a ci che
esiste e di rivolgere la nostra attenzione in profondit nell'adesso
Non possiamo farlo nel futuro.
Lo facciamo ora o mai pi.
Rapporti di Amore/odio
Fino a che non entriamo frequentemente nella presenza dell'adesso, tutti i
rapporti umani, e in particolare quelli affettivi, saranno profondamente
imperfetti e in definitiva disfunzionali.
Potranno sembrare perfetti per un po', come quando siamo "innamorati", ma
invariabilmente questa apparente perfezione verr sconvolta quando avranno
luogo con frequenza crescente litigi, conflitti, insoddisfazioni e violenze emot
ive
o perfino fisiche. Questo rapporto di odio/amore nella norma.
Il vero amore, invece, non ha contrario perch nasce al di l della mente.
L'amore come stato continuo finora molto raro, altrettanto raro degli esseri
umani consapevoli.
Brevi e sfuggenti barlumi d'amore sono possibili per ogni volta
che vi un intervallo nel flusso della mente.
Quando siamo insieme, ci sentiamo completi. Questa sensazione pu diventare
tanto intensa che il resto del mondo sbiadisce e diventa insignificante. Tuttavi
a,
avremo notato che in tale intensit vi sono un senso di bisogno e una qualit di
attaccamento. Diventiamo dipendenti dall'altra persona, che agisce su di noi
come una droga.
Siamo "su di giri" quando la droga disponibile, ma perfino la possibilit o il
pensiero che tale persona possa non esserci pi per noi pu condurci a gelosia,
ossessivit, tentativi di manipolazione attraverso ricatti emotivi, biasimo e
accuse: paura della perdita.
Se tale persona ci lascia, questo fatto pu far nascere la pi intensa ostilit o
l'afflizione o la disperazione pi profonda. In un attimo la tenerezza affettuosa

65
pu trasformarsi in un attacco selvaggio o in un dolore orribile. Dov' finito
l'amore?
L'amore pu trasformarsi nel suo contrario in un attimo?
Era amore
o soltanto un attaccamento dovuto alla dipendenza?
La dipendenza e la ricerca di completezza
Il motivo per cui il rapporto amoroso un'esperienza tanto intensa e
universalmente ricercata che sembra offrire liberazione da uno stato radicato
di paura, bisogno, mancanza e incompletezza che fa parte della condizione
umana nel suo stato non redento e non illuminato. Vi in questo stato una
dimensione fisica oltre che psicologica. Sul piano fisico, la brama di completez
za
si manifesta come attrazione maschio-femmina. un impulso quasi irresistibile
per l'unione con la polarit energetica opposta.
La radice di questo impulso fisico spirituale: la brama per la fine della
dualit, un ritorno allo stato di completezza. Ma l'unione sessuale non che un
barlume fuggevole della completezza, un istante di beatitudine.
Ma la fine della dualit non pu essere trovata a livello della forma. Ci viene
data l'allettante possibilit di intravedere il paradiso, ma non ci consentito di
dimorarvi, e ci ritroviamo di nuovo in un corpo separato. Finch ci
identifichiamo con la mente, abbiamo un senso del s derivato dall'esterno.
Questo s falso creato dalla mente, l'io si sente vulnerabile, insicuro, ed
sempre alla ricerca di nuove cose con cui identificarsi per ricavarne la sensazi
one
di esistere.
Ma niente mai abbastanza per fornirgli appagamento duraturo. La sua paura
permane; il suo senso di mancanza e di bisogno permane.
Se soltanto sapesse quanto facile accedere nell'adesso alla potenza della
presenza che dissolve il passato e il relativo dolore, la realt che dissolve ogni
illusione!
Se soltanto sapesse quanto vicino si trova alla propria realt,
quanto vicino a Dio!

6
6
Dai rapporti dipendenti a quelli illuminati
Possiamo modificare un rapporto dipendente in uno vero?
S, essendo presenti e intensificando la nostra presenza, portando la nostra
attenzione sempre pi in profondit nell'adesso: che viviamo soli o con un
compagno, questa rimane la chiave.
Perch prosperi l'amore, la luce della nostra presenza deve essere abbastanza
forte cosicch noi non ci lasciamo pi sopraffare dall'entit pensante o dal corpo
del dolore scambiandoli per ci che siamo.
Conoscere se stessi come l'Essere dietro l'entit pensante,
la quiete dietro il rumore mentale,
l'amore e la gioia dietro il dolore, libert, salvezza,
illuminazione.
Nel momento in cui il giudizio si arresta attraverso l'accettazione di ci che
esiste, noi siamo liberi dalla mente. Abbiamo creato spazio per l'amore, per la
gioia, per la pace. Prima smettiamo di giudicare noi stessi; poi smettiamo di
giudicare la persona amata. Il pi grande catalizzatore del cambiamento in un
rapporto affettivo l'accettazione completa dell'altra persona cos com', senza
doverla giudicare o cambiare in alcun modo. Questo ci conduce immediatamente al di l dell'io.
Ogni gioco mentale e ogni attaccamento dipendente vengono meno. Non vi
sono pi vittime n aguzzini, n accusatori n accusati. Questa anche la fine di
ogni dipendenza reciproca, dell'essere attratti negli schemi inconsapevoli d i
qualcun altro consentendo cos a questi di perdurare. Allora ci separeremmo con
amore oppure ci sposteremmo assieme sempre pi in profondit nell'adesso:
nell'Essere. Pu essere cos semplice? S, cos semplice.
L'amore uno stato dell'Essere. Il nostro amore non al di fuori; in
profondit dentro di noi. Non possiamo mai perderlo, e non pu mai
abbandonarci. Non dipende da qualche altro corpo, qualche forma esterna. Nella
quiete della nostra presenza possiamo percepire la nostra realt senza forma e
senza tempo come Vita Non-Manifestata che anima la nostra forma fisica.
Allora possiamo percepire la stessa vita in profondit in ogni altro essere
umano e in ogni altra creatura. Guardiamo al di l del velo di forma e
separazione.
Questa la realizzazione dell'unione. Questo amore.

67
Che cos' Dio?
L'Unica Vita eterna dietro tutte le forme di vita.
Che cos' l'amore?
Sentire la presenza di tale Unica Vita in profondit
in se stessi e in tutte le creature.
Esserla.
Pertanto ogni amore amore di Dio.
L'amore non selettivo. Non rende speciale una persona. Non esclusivo.
L'esclusivit non l'amore di Dio ma l'amore dell'io. Per l'intensit con cui
viene percepito il vero amore variabile. Pu esservi una persona che riflette
verso di noi il nostro amore pi chiaramente di altre, e se tale persona prova la
stessa cosa nei nostri confronti si pu dire che con tale persona siamo in un
rapporto d'amore. Il legame che ci unisce con lei e con gli altri lo stesso. Var
ia
soltanto il grado di intensit con cui lo percepiamo.
Anche in un rapporto caratterizzato da dipendenza vi possono essere momenti
in cui qualcosa di pi reale traspare all'esterno, qualcosa al di l dei nostri
reciproci bisogni di dipendenza. Questi sono momenti in cui la nostra mente e
quella dell'altro si affievoliscono temporaneamente.
Qualunque cosa renda la mente impotente
pu far apparire la magia in un rapporto.
Quando ci avviene, il nostro Essere, che di solito sepolto al di sotto della
mente, si rivela, ed questo che rende possibile la vera comunicazione. La vera
comunicazione comunione; questo amore. Per crearlo si deve rimanere
sufficientemente presenti da tenere fuori la mente e i suoi vecchi schemi.
Non appena ritorna la mente e l'identificazione con la mente, non siamo pi
noi stessi ma un'immagine mentale di noi stessi, e ricominciamo a giocare e a
interpretare ruoli per soddisfare le esigenze dell'io. L'amore non pu prosperare
se non siamo costantemente liberi dall'identificazione con la mente e la nostra
presenza non sufficientemente intensa da aver dissolto il corpo di dolore.

I rapporti affettivi come pratica spirituale


Poich gli esseri umani si identificano sempre di pi con la propria mente, i
rapporti affettivi per la maggior parte non sono radicati nell'Essere e pertanto
si

68
trasformano in una fonte di dolore e giungono a essere dominati da problemi e
conflitti.
Milioni di persone vivono da sole o soltanto con i figli, essendo incapaci di
stabilire un rapporto amoroso o non pi disposte a ripetere il dramma folle delle
relazioni passate. Altre persone passano da una relazione all'altra, da un ciclo
di
piacere e di dolore all'altro, alla ricerca della meta sfuggente dell'appagament
o
attraverso l'unione con la polarit opposta. Altre continuano a stare insieme in
un rapporto disfunzionale per amore dei figli o della sicurezza, per la forza
dell'abitudine, per paura della solitudine o altro.
Tuttavia, ogni crisi rappresenta non soltanto un pericolo ma anche una
occasione. L'occasione che si cela in ogni crisi non si manifesta finch tutti i f
atti
non verranno conosciuti e accettati pienamente.
Con il riconoscimento e l'accettazione dei fatti giunge anche un grado di libe
rt
da quest'ultimi. Quando sappiamo che vi disarmonia e possediamo questo
"sapere", entra in gioco un nuovo fattore, e la disarmonia non pu rimanere
immutata.
Quando sappiamo che non siamo in pace, il nostro sapere crea uno spazio
tranquillo che avvolge la nostra mancanza di pace in un abbraccio affettuoso e
tenero e quindi trasforma in pace la mancanza di pace.
Riguardo la trasformazione interiore non vi nulla che possiamo fare in
proposito. Non possiamo trasformare noi stessi o la persona amata. Tutto ci
che possiamo fare creare uno spazio perch essa avvenga, per far entrare la
grazia e l'amore.
Allora, quando il nostro rapporto non funziona e fa emergere la nostra "pazzia
"
o quella dell'amata dobbiamo esserne contenti. Ci che era inconsapevole viene
portato alla luce. un'occasione di salvezza. In ogni momento, dobbiamo
possedere la conoscenza di quel momento e del nostro stato interiore. Se vi
collera, dobbiamo sapere che vi collera. Se vi sono gelosia, atteggiamento
difensivo, impulso a litigare, bisogno di aver ragione o dolore emotivo di ogni
sorta, dobbiamo conoscere la realt di quel momento e possedere tale
conoscenza.
Il rapporto diventa allora il nostro sadhana, la nostra pratica spirituale. Se
osserviamo un comportamento inconsapevole nella persona amata,
avvolgiamolo nell'abbraccio affettuoso del nostro "sapere" in modo da non
reagire.
Inconsapevolezza e sapere
non possono coesistere a lungo.

69
Se accettiamo che il rapporto sia qui per renderci consapevoli anzich felici,
allora il rapporto ci offrir la salvezza. Non importa se il compagno non vuole
collaborare.
La sanit mentale (consapevolezza) pu venire al mondo soltanto attraverso
noi stessi. Non dobbiamo aspettare che il mondo rinsavisca, o che qualcun altro
diventi consapevole, prima di raggiungere l'illuminazione.
Quando la persona amata si comporta in maniera inconsapevole, si deve
rinunciare a ogni giudizio. Giudizio significa confondere il comportamento
inconsapevole di una persona con la sua identit, oppure proiettare la nostra
inconsapevolezza sull'altro e scambiare questa per la sua identit.
Rinunciare al giudizio non significa che non riconosciamo la disfunzione e
l'inconsapevolezza quando le vediamo. Significa "essere il sapere" anzich
"essere la reazione" e il giudice. Allora saremo totalmente liberi.
Invece di combattere il buio apportiamo luce. Invece di reagire alla illusione
,
vediamo al di l di essa. Essere il sapere crea uno spazio libero di presenza
affettuosa che consente a tutte le cose e persone di essere come sono. Non esist
e
un catalizzatore della trasformazione pi grande.
Se mettiamo in pratica tutto questo,
la persona amata non potr stare con noi e allo stesso tempo
rimanere inconsapevole.
Impariamo a dare espressione a ci che proviamo e questo senza biasimare.
Impariamo ad ascoltare la persona amata in maniera aperta e non difensiva.
Lasciamole lo spazio perch si esprima. Dobbiamo essere presenti. Accusare,
difendere, attaccare serve solo a rafforzare l'io. Lasciare spazio agli altri e
a se
stessi vitale. L'amore non pu prosperare senza spazio.
Quando abbiamo trasformato il corpo di dolore e non ci identifichiamo pi con
la mente, e se la persona amata ha fatto la stessa cosa, avremo esperienza della
beatitudine della fioritura del rapporto. Invece di rifletterci reciprocamente
dolore e inconsapevolezza, rifletteremo vicendevolmente l'amore che proviamo
in profondit dentro di noi, l'amore che accompagna la realizzazione dell'unione
con tutto ci che esiste.
Se non vi emanazione di amore e gioia, presenza completa e
larghezza di vedute nei confronti di tutti gli esseri,
allora non vi illuminazione.

70
Se la persona amata inconsapevole, non dobbiamo disperare. Se noi siamo
presenti nel nostro rapporto, questo sar la pi grande minaccia per la persona
amata. Non potr tollerare la nostra presenza a lungo rimanendo inconsapevole.
Se pronta, attraverser quella porta che abbiamo aperto e si unir a noi in
quella condizione. Se non lo , ci separeremo come olio e acqua.
La luce troppo dolorosa per chi vuole rimanere al buio.
Perch le donne sono pi vicine all'illuminazione
In genere pi facile per una donna percepire ed essere nel proprio corpo, per
cui una donna per natura pi vicina all'Essere e potenzialmente pi vicina
all'illuminazione rispetto all'uomo. Ecco perch molte culture antiche
sceglievano istintivamente figure o analogie femminili per rappresentare o
descrivere la realt informe e trascendente. Nel Tao Te Ching, il Tao (l'Essere)
descritto come "infinito, eternamente presente, madre dell'universo".
Per natura le donne vi sono pi vicine perch "incarnano" il Non Manifestato.
Poich tutte le cose nascono nel Tao e svaniscono in esso, solo il Tao perdura, la
Dea o madre Divina ha quindi due aspetti: d la vita e la toglie.
La frequenza di energia della mente appare essere essenzialmente maschile. La
mente oppone resistenza, lotta per prevalere, utilizza, manipola, attacca, cerca
di
afferrare e possedere. Per andare al di l della mente e tornare in sintonia con l
a
realt profonda dell'Essere, sono necessarie qualit molto diverse: abbandono,
assenza di giudizio, larghezza di vedute che consentano alla vita di esistere
anzich opporvi resistenza, capacit di racchiudere tutte le cose nell'abbraccio
affettuoso del proprio sapere.
Tutte queste qualit sono molto pi in relazione con il principio femminile.
Mentre l'energia mentale dura e rigida, l'energia dell'Essere morbida e
cedevole eppure infinitamente pi potente della mente. La mente gestisce la
nostra civilt, mentre l'Essere comanda tutta la vita sul nostro pianeta e altrove
.
Sebbene le donne siano potenzialmente pi vicine all'Essere, anche gli uomini
possono accedervi interiormente. Di regola, l'ostacolo pi grande per gli uomini
tende a essere la mente pensante, l'ostacolo principale per le donne il corpo d
i
dolore.

Dissolvere il corpo di dolore collettivo femminile

71
Il corpo di dolore ha un aspetto collettivo oltre a uno personale. L'aspetto
personale il residuo accumulato emotivo sofferto nel proprio passato
(l'infanzia). Quello collettivo il dolore accumulato nella psiche umana colletti
va
nell'arco di migliaia di anni attraverso malattie, torture, guerre, omicidi,
crudelt, pazzia eccetera.
Il corpo di dolore personale di ognuno partecipa anche di questo corpo di
dolore collettivo. A parte il corpo di dolore personale, ogni donna ha la propri
a
parte di quello che potremmo definire il corpo di dolore collettivo femminile.
Tale corpo consiste di dolore accumulato sofferto dalle donne a causa del loro
assoggettamento da parte dell'uomo, attraverso schiavit, sfruttamento, stupro,
parto, perdita figli, eccetera, nell'arco di migliaia di anni. Il dolore emotivo
o
fisico che per molte donne precede e coincide con il flusso mestruale il corpo d
i
dolore nel suo aspetto collettivo che si risveglia dal suo stato latente in quel
momento ma che pu essere innescato in altri momenti.
Le donne stanno riguadagnando la funzione che un loro diritto innato: essere
un ponte fra il mondo manifestato e il Non Manifestato, fra fisicit e spirito (ve
di
Dante). Il compito principale delle donne ora quello di trasformare il corpo di
dolore in modo che non s'interponga pi tra la donna e il suo vero s, l'essenza
della sua identit.
Naturalmente la donna dovr affrontare anche l'altro ostacolo alla
illuminazione, che la mente pensante, ma l'intensa presenza che la donna
genera quando affronta il corpo di dolore la libera anche dalla identificazione
con la mente.
L'unico potere che esiste
contenuto all'interno di questo momento:
il potere della nostra presenza.
Quando lo sappiamo, ci rendiamo anche conto che noi siamo i soli responsabili
del nostro spazio interiore adesso e che il passato non pu prevalere sul potere d
i
adesso.
Attraverso l'attenzione e l'accettazione, arriva la trasformazione, consentend
o
al corpo di dolore di trasformarsi in consapevolezza radiosa. Allora la
mestruazione diventer non soltanto un'espressione gioiosa e appagante della
propria femminilit ma anche un momento sacro di trasformazione, quando si
d alla luce una nuova consapevolezza.
La propria vera natura allora risplende nel suo aspetto femminile di Dea, sia
nel suo aspetto trascendente come Essere divino che tutti noi siamo al di l della
dualit maschile e femminile. Se il compagno maschile sufficientemente

7
2
consapevole, pu aiutarla in questa pratica mantenendo la frequenza di presenza
intensa in particolare in questo periodo.
In questo modo nascer tra i due un campo energetico permanente di
frequenza elevata e pura. Nessuna illusione, nessun dolore, nessun conflitto,
niente che non sia la persona stessa e niente che non sia amore, possono
sopravvivere in tale campo. Questo rappresenta lo scopo divino e transpersonale
del rapporto affettivo.
Diventa un vortice di consapevolezza che attirer al suo interno
molte altre persone.
Rinunciare al rapporto con se stessi
Possiamo entrare in relazione profonda soltanto se siamo consapevoli
dell'Essere. Provenendo dall'Essere, siamo in grado di concentrare l'attenzione
al di l del velo della forma. Nell'Essere, maschio e femmina sono uno. La nostra
forma potr continuare ad avere necessit di porsi in relazione col sesso opposto,
ma l'Essere non ha sesso o forma. gi completo e integro.
Se queste necessit vengono soddisfatte bene, altrimenti lo stesso. Pertanto
perfettamente possibile che una persona illuminata, se la necessit della polarit
opposta non viene soddisfatta, avverta un senso di mancanza o incompletezza al
livello esteriore del proprio essere, ma allo stesso tempo sia totalmente
completa, appagata e in pace interiormente.
Se non riusciamo ad essere a nostro agio con noi stessi quando siamo soli,
cercheremo un rapporto affettivo per mascherare il nostro disagio. Ma, se non
saremo presenti, possiamo essere certi che il disagio ricomparir, prima o poi,
all'interno del rapporto e ne daremo la colpa, probabilmente, all'altra persona.
Tutto ci che dobbiamo veramente fare accettare pienamente questo
momento. Allora saremo a nostro agio nel qui e ora e con noi stessi.
Abbiamo davvero bisogno di avere un rapporto con noi stessi?
Perch non possiamo semplicemente essere noi stessi?
Quando abbiamo un rapporto con noi stessi, ci siamo spaccati in due: "io" e
"me stesso", soggetto e oggetto. Questa dualit creata dalla mente la causa
fondamentale di tutti i problemi e i conflitti della nostra vita.
Nello stato di illuminazione noi siamo noi stessi: "io" e "me stesso" si fondo
no
in una cosa sola. Non giudichiamo noi stessi, non ci sentiamo dispiaciuti per no
i

73
stessi, non siamo orgogliosi di noi stessi, non amiamo noi stessi, non odiamo no
i
stessi, eccetera.
La spaccatura causata dalla consapevolezza autoriflessiva viene guarita, la su
a
maledizione allontanata. Non vi pi un "s" che dobbiamo proteggere,
difendere o alimentare. Quando siamo illuminati vi un unico rapporto che non
abbiamo pi: il rapporto con noi stessi. Una volta rinunciato a questo, tutti gli
altri rapporti saranno rapporti d'amore.

74
Oltre la felicit e l'infelicit vi la pace
Al di l del bene e del male
Vi differenza tra felicit e pace interiore? S. La felicit dipende da condizioni
percepite come positive; la pace interiore no!
Se il nostro atteggiamento e il nostro pensiero sono sempre positivi, noi
manifesteremo solo eventi positivi?
Sappiamo veramente che cosa positivo oppure negativo? Abbiamo il quadro
complessivo? Vi sono molte persone per le quali un fatto negativo diventa
l'occasione per compiere un balzo in avanti sul cammino dell'illuminazione.
Quando ci accade qualcosa di negativo, vi una lezione profonda nascosta al suo
interno, anche se sul momento possiamo non vederla.
Se osservate da un punto di vista pi elevato, le condizioni sono sempre
positive. Per essere pi precisi: non sono n positive n negative. Sono come
sono. E quando viviamo in completa accettazione di ci che esiste (unico modo
sano di vivere), nella nostra vita non vi sono pi n bene n male. Vi soltanto
un bene superiore, che include anche il "male".
Consentiamo che tutto sia cos com'.
Perdono
Questo "consentire di essere" ci conduce al di l della mente con i suoi schemi
di resistenza. Questo un aspetto essenziale del perdono. Il perdono del
presente perfino pi importante del perdono del passato. Se perdoniamo ogni
momento (gli consentiamo d'essere cos com'), non vi sar accumulo di
risentimento che debba essere perdonato in un momento successivo.
Rammentiamo che qui non stiamo parlando di felicit. Quando muore una
persona cara, o quando sentiamo avvicinarci la nostra stessa morte, non
possiamo essere felici. impossibile! Possiamo per essere in pace. Potranno
esservi tristezza e lacrime ma, purch abbiamo abbandonato la resistenza, al di
sotto della tristezza avvertiremo una profonda serenit, una quiete, una presenza
sacra.

75
Questa l'emanazione dell'Essere, questa pace interiore, il bene che non ha
contrario. Se nella situazione possiamo fare qualcosa, facciamo quello che c' da
fare. Nel frattempo, accettare ci che esiste. Poich mente e resistenza sono
sinonimi, l'accettazione ci libera immediatamente dal dominio della mente e cos
ci ricollega all'Essere.
"Accetta quello che ti arriva intessuto nella trama del destino; che cosa infat
ti
potrebbe adattarsi meglio ai tuoi bisogni?" (frase di Marco Aurelio, un essere
umano che possedeva potere terreno e saggezza).
Attraverso il perdono (che consiste nel riconoscere l'inconsistenza del passat
o
e consentire al presente d'essere cos com') il miracolo della trasformazione ha
luogo non soltanto interiormente ma anche esteriormente. Si crea, sia in noi sia
attorno a noi, uno spazio silenzioso di presenza intensa.
Chiunque o qualunque cosa entri in tale campo di consapevolezza ne sar
influenzato, talvolta in modo visibile e immediato, talvolta a livelli pi profond
i
con la comparsa di cambiamenti visibili in un momento successivo.
Dissolviamo la discordia, guariamo il dolore,
scacciamo l'inconsapevolezza (senza fare nulla)
semplicemente essendo e
mantenendo quella frequenza di presenza intensa.
La fine del dramma di vita
Gran parte del male che avviene nella vita delle persone dovuto alla
inconsapevolezza. Si crea da solo, o meglio, creato dall'io. Quando siamo
pienamente consapevoli, il dramma non entra pi nella nostra vita. E questo
dramma creato dall'io ed opera suo tramite.
L'io la mente non osservata che gestisce la nostra vita quando non siamo
presenti come consapevolezza testimone, come osservatori. L'io si percepisce
come frammento separato in un universo ostile, senza alcuna connessione
interiore con ogni altro essere, circondato da altri "io" che considera potenzia
li
minacce o che cercher di usare per i propri fini.
Gli schemi fondamentali del dramma sono creati per combattere la sua
radicata paura e il suo senso di mancanza. Si tratta di resistenza, dominio,
potere, avidit, difesa, attacco. Alcune di queste strategie sono estremamente
abili, eppure non risolvono mai alcuno dei suoi problemi,
semplicemente perch l'io stesso il problema.

76
Molti tipi di malattia sono causati dalla resistenza continua dell'io, che cre
a
restrizioni e blocchi nel flusso d'energia attraverso il corpo. Quando ci
ricolleghiamo all'Essere e non siamo pi gestiti dalla mente, smettiamo di creare
queste cose. Non creiamo e non partecipiamo pi al dramma.
Quando ci sentiamo dispiaciuti per noi stessi, questo dramma. Quando ci
sentiamo in colpa o in ansia, questo dramma. Quando lasciamo che il passato o
il futuro oscurino il presente, creiamo il tempo, la sostanza di cui fatto il
dramma. Quando non onoriamo il momento presente, consentendogli d'essere,
creiamo il dramma.
Ma quando viviamo in completa accettazione di ci che esiste,
questa la fine di ogni dramma della nostra vita.
Nessuno pu nemmeno litigare con noi, per quanto ci provi. Non possiamo
litigare con un'altra persona pienamente consapevole.
Il litigio implica l'identificazione con la mente e una posizione mentale, non
ch
resistenza e reazione alla posizione dell'altra persona. Il risultato che le
opposte polarit si forniscono energia reciprocamente.
Questa la meccanica dell'inconsapevolezza.
Nessuno che sia in unione con se stesso pu nemmeno concepire un conflitto.
Questo sia in riferimento ad altre persone sia rispetto al conflitto dentro di n
oi,
che viene meno quando non vi pi alcuno scontro fra le esigenze e le
aspettative della mente e ci che esiste.

La transitoriet e i cicli della vita


Fintanto che ci troviamo nella dimensione fisica e siamo legati alla psiche
collettiva umana, il dolore fisico (seppur raro) ancora possibile. Non va per
confuso con la sofferenza, col dolore mentale emotivo. Ogni sofferenza creata
dall'io ed dovuta alla resistenza. Finch ci troviamo nel corpo siamo ancora
soggetti nella natura ciclica e transitoria di tutte le cose, ma non percepiamo
pi
tutto questo come male.
Consentendo l'"esistenza" di tutte le cose, si rivela a noi una nuova dimensio
ne
pi profonda, una presenza costante, quiete profonda e immutabile, gioia senza
causa al di l del bene e del male.
Questa la gioia dell'Essere, la pace di Dio.

77
A livello della forma vi sono nascita e morte, creazione e distruzione, gioia
e
dolore. Vi sono cicli di successo, in cui le cose arrivano a noi e prosperano, e
cicli
di fallimento, in cui avvizziscono e si disintegrano e noi dobbiamo lasciarle
andare per fare spazio alla nascita di cose nuove.
Soffriamo
solo se restiamo aggrappati
e opponiamo resistenza al cambiamento.
Non vero che il ciclo ascendente sia bene e quello discendente sia male, se
non nel giudizio della mente. La dissoluzione necessaria perch avvenga una
nuova crescita. L'una non pu esistere senza l'altra. Il ciclo discendente
assolutamente essenziale per la realizzazione spirituale. Bisogna essere andati
incontro a un fallimento profondo o avere sperimentato qualche perdita o dolore
per essere attratti verso la dimensione spirituale.
Il fallimento nascosto in ogni successo, e il successo in ogni fallimento. In
questo mondo tutti falliscono, prima o poi, e ogni conquista alla fine si riduce
a
zero. Tutte le forme sono transitorie.
Possiamo ancora essere attivi e divertirci a creare nuove forme e situazioni,
ma non ci identificheremo con queste. Non abbiamo bisogno di loro per trarne
un senso del s. Non sono la nostra vita, soltanto la nostra situazione di vita.
Quando una condizione o situazione per cui la mente prova attaccamento e con
cui si identificata cambia o scompare, la mente non pu accettarlo. Si
aggrapper alla condizione che svanisce od opporr resistenza al cambiamento.
quasi come se un arto ci venisse strappato dal corpo.
Il Buddha insegnava che perfino la nostra felicit dukkha (una parola che
significa sofferenza, insoddisfazione). inseparabile dal suo contrario. La nostr
a
felicit e l'infelicit sono in effetti una sola cosa. Soltanto l'illusione del temp
o le
separa. Pi cerchiamo la felicit in questo modo, pi ci sfuggir. Niente nel
mondo materiale ci soddisfer se non in maniera temporanea, ma possiamo
avere bisogno di sperimentare molte delusioni prima di capire questa verit.
Oggetti e condizioni possono darci piacere, ma ci daranno anche dolore; non
possono darci gioia. Niente pu darci gioia.
La gioia priva di causa e nasce dall'interno
come gioia dell'Essere.

78
una parte essenziale dello stato interiore di pace,
lo stato che viene chiamato "pace di Dio".
il nostro stato naturale, non qualcosa che dobbiamo raggiungere attraverso
lo sforzo o tramite una lotta.
Molti non si rendono conto che non vi pu essere "salvezza" in ci che fanno,
possiedono od ottengono. E quando raggiungiamo questa convinzione, siamo ad
un passo dalla disperazione, e a un passo dall'illuminazione.
Non opporre resistenza alla vita significa essere in stato di grazia, serenit e
leggerezza. Sembra quasi paradossale, eppure quando la nostra dipendenza
interiore dalla forma venuta meno, le condizioni generali della nostra vita, le
forme esteriori, tendono a migliorare notevolmente. Cose, persone o condizioni
che ritenevamo necessarie per la nostra felicit ora arrivano a noi senza lotta o
sforzo da parte nostra, e noi siamo liberi di godercele e apprezzarle finch
durano.
Tutte queste cose, naturalmente, verranno meno, i cicli andranno e verranno,
ma senza pi dipendenza non vi pi paura di perderle. La vita trascorre con
serenit.
La felicit che viene tratta da qualche fonte secondaria non mai molto
profonda. soltanto un pallido riflesso della gioia dell'Essere della pace
vibrante che troviamo interiormente quando entriamo nello stato di non
resistenza. L'Essere ci porta al di l dei poli opposti della mente e ci libera da
lla
dipendenza dalla forma. Anche se tutto dovesse crollare e andare a pezzi
attorno a noi, continueremo a percepire un profondo nucleo interiore di pace.
Potremo non essere felici, ma saremo in pace.

Utilizzare e abbandonare la negativit


Ogni resistenza interiore viene percepita come negativit in una forma o
nell'altra. Ogni negativit resistenza. La negativit va dalla irritazione o
dall'impazienza fino alla collera feroce, da uno stato d'animo depresso o da un
risentimento cupo fino alla disperazione suicida.
L'io ritiene di potere, attraverso la negativit,
manipolare la realt
e ottenere ci che vuole.
Ritiene in tal modo di poter attrarre una condizione desiderabile o dissolverne
una indesiderabile. Quando siamo infelici, vi la convinzione inconsapevole che

79
l'infelicit ci compri ci che vogliamo. Se noi (la mente) non ritenessimo che
l'infelicit funzioni, perch la creeremmo? Il fatto , naturalmente, che la
negativit non funziona. Invece di attrarre una condizione desiderabile, le
impedisce di nascere. Mantiene la condizione indesiderabile.
Quando ci identifichiamo con una forma di negativit, non vogliamo lasciarla
andare, non vogliamo un cambiamento positivo. Minaccerebbe il nostro "io", la
nostra immagine. Questo un fenomeno folle ma, purtroppo, comune.
La negativit del tutto innaturale. un inquinante psichico, e vi un
profondo legame tra la distruzione della natura e la vasta negativit che si
accumulata nella psiche umana. Nessun animale mostra di essere soggetto a
qualche forma di negativit, se non quelli a contatto con gli uomini.
Osserviamo qualunque pianta o animale e lasciamo che ci insegni
l'accettazione di ci che esiste, l'abbandono all'adesso. Lasciamo che ci insegni
l'Essere. Lasciamo che ci insegni l'integrit, che cosa significa essere uno, esse
re
se stesi, essere reali.
Lasciamo che ci insegni a vivere e a morire
e a non fare di questo un problema.
Il solo osservare gli animali meditazione. Con quale senso di pace le anatre s
i
spostano sull'acqua, a proprio agio con se stesse, totalmente presenti nell'ades
so,
dignitose e perfette come pu essere soltanto una creatura priva di mente.
Le emozioni negative possono racchiudere un messaggio importante. Se ci
sentiamo spesso depressi, pu essere un segnale che qualcosa non va nella
nostra vita, e questo ci pu costringere a esaminare la nostra situazione di vita
e
ad apportare qualche cambiamento. Si deve quindi diventare maggiormente
presenti.
Impediamo alla negativit di nascere essendo totalmente presenti. Ma non
lasciamoci scoraggiare, solo poche persone sulla terra sono in grado di sostener
e
uno stato di presenza continua. Cos, quando notiamo che qualche forma di
negativit nata dentro di noi, non consideriamola un fallimento, ma un segnale
utile che ci sta dicendo:
Svegliati. Esci dalla mente. Sii presente.
Pertanto, quando percepiamo la negativit nascere dentro di noi, causata da
un fattore esterno, da un pensiero o perfino nulla in particolare di cui siamo
consapevoli, consideriamola una voce che dice:
Attenzione; qui e ora; svegliati.

80
Perfino la pi lieve irritazione indicativa e va riconosciuta e osservata;
altrimenti vi sar un accumulo costante di reazioni inosservate. Possiamo
lasciarla andare quando ci rendiamo conto che non vogliamo avere dentro di noi
questo campo energetico che non serve ad alcuno scopo. Tutte le irritazioni e
depressioni possono essere trasformate in pratica spirituale.
Qualcuno ci dice qualcosa di sgarbato o con l'intento di offendere. Invece di
passare a una reazione inconsapevole e alla negativit, come attacco, difesa o
ritirata, lasciamo che ci attraversi. Non opponiamo resistenza. come se non vi
fosse pi nessuno a offendersi.
Questo perdono.
In questo modo diventiamo invulnerabili.
Se non riesci a ritrovare la pace interiore e la gioia, stai ancora cercando a
l di
fuori, e non puoi uscire dalla modalit della ricerca. In ogni caso, non cercare l
a
pace. Non cercare nessun'altra condizione che quella in cui ti trovi adesso;
altrimenti creerai un conflitto interiore e una resistenza inconsapevole.
Perdonati per non essere in pace. Nel momento in cui accetti completamente la
tua assenza di pace, tale assenza si trasforma in pace. Tutto ci che accetti
pienamente ti far arrivare l, ti porter alla pace.
Questo il miracolo dell'abbandono.
Ogni momento quello giusto per perdonare, per accettare la realt.
Questa l'illuminazione.
La natura della compassione
Avendo superato tutti gli opposti creati dalla mente, diventiamo come un lago
profondo. La situazione esteriore della nostra vita e tutto ci che avviene in ess
a
la superficie del lago. A volte calma, a volte ventosa e agitata, a seconda dei
cicli
e delle stagioni. In profondit, per, il lago sempre indisturbato. Noi siamo
l'intero lago, non soltanto la superficie, e siamo in contatto con il nostro
profondo, che rimane assolutamente calmo.
Non opponiamo resistenza al cambiamento aggrappandoci mentalmente a
qualsiasi situazione. La nostra pace interiore non dipende da questa. Noi
dimoriamo nell'Essere (immutabile, senza tempo, senza morte) e non
dipendiamo pi per l'appagamento o la felicit dal mondo esteriore delle forme
costantemente fluttuanti. Possiamo trarne godimento, giocare con loro, creare

81
forme nuove, apprezzare la bellezza di tutto questo. Ma non vi sar pi bisogno
di provare attaccamento per nessuna di esse.
Ma questo, non significa staccarsi dagli altri esseri umani? No! Solo
l'inconsapevolezza dell'Essere ci impedir di conoscere gli altri. Il vero rapport
o
affettivo diventa possibile solo quando vi una consapevolezza dell'Essere.
Provenendo dall'Essere, interpreteremo il corpo e la mente di un'altra persona
come un semplice schermo, dietro il quale possiamo sentire la loro vera realt,
come percepiamo la nostra. Guardando l'altro saremo cos in grado di
guardare al di l della forma e di percepire l'Essere radioso e puro dell'altra
persona attraverso il nostro.
La Compassione
la Consapevolezza di un legame profondo tra noi e gli altri.
A livello dell'Essere ogni sofferenza riconosciuta come illusione. La
sofferenza dovuta all'identificazione con la forma. Talvolta accadono miracoli
di guarigione attraverso questa constatazione, risvegliando la consapevolezza
dell'Essere in altri, se sono pronti.
questa la compassione?
S!
S. La compassione la consapevolezza di un legame profondo tra noi e tutte le
creature. Vi sono due aspetti della compassione, due aspetti di questo legame.
Condividiamo la vulnerabilit e la mortalit della nostra forma fisica con ogni
altro essere umano e ogni altro essere vivente. Ma a livello dell'Essere
condividiamo la vita radiosa ed eterna. Questi sono i due aspetti della
compassione. In questo senso vi uguaglianza totale tra noi e ogni altra
creatura.

Meditazione:
Una delle pratiche spirituali pi potenti quella di meditare sulla mortalit
delle forme fisiche, compresa la nostra. Questo si chiama: morire prima di
morire. La nostra forma fisica si dissolve, non esiste pi. Poi arriva un momento
in cui muoiono anche tutte le forme mentali o i pensieri. Eppure noi siamo
ancora qui, la presenza divina che siamo noi. Radiosa, completamente desta.
Niente che fosse reale mai morto,
soltanto nomi, forme, illusioni.

82
La constatazione di questa dimensione senza morte, della nostra vera natura,
l'altro aspetto della compassione. La compassione ha una duplice natura, che
consapevolezza di un legame comune di mortalit e immortalit tra tutti gli
esseri. A un livello di percezione profonda noi riconosciamo non soltanto la
nostra immortalit ma attraverso la nostra anche quella di ogni altra creatura. A
livello della forma noi condividiamo la mortalit e la precariet dell'esistenza. A
livello dell'Essere condividiamo la vita radiosa ed eterna. Questi sono i due
aspetti della compassione.
La Compassione la consapevolezza di un legame comune
di mortalit e immortalit tra tutti gli esseri.
Nella compassione i sentimenti apparentemente contrapposti di tristezza
gioia si fondono assieme e si trasformano in una profonda pace interiore.
la pace di Dio. uno dei sentimenti pi nobili di cui siano capaci gli
umani, e ha grande potere di guarigione e di trasformazione. La vera
compassione va al di l dell'immedesimazione o della commiserazione. Non
nasce finch la tristezza non si fonde con la gioia, la gioia dell'Essere
ella
forma, la gioia della vita eterna.

e di
Questa
esseri
al di l d

Questa la pace di Dio.


Il corpo e la morte fanno parte della stessa illusione, creata dalla mente, ch
e
non ha consapevolezza della Fonte di Vita e si vede separata e costantemente
minacciata. Pertanto crea l'illusione che noi siamo un corpo, un veicolo denso e
fisico che costantemente minacciato. Ma la nostra vera natura nascosta da
qualche parte dentro tale illusione, non al di fuori d'essa, per cui il corpo
ancora l'unico punto d'accesso a tale natura.
Solo attraverso il corpo
possiamo entrare nel Non-Manifestato.
La nostra percezione del mondo un riflesso del nostro stato di
consapevolezza. Noi non siamo separati da questo, e non vi alcun mondo
oggettivo l fuori.
In ogni momento la nostra consapevolezza crea
il mondo che noi abitiamo.

83
Le pi grandi scoperte della fisica moderna sono:
1) Unit tra osservatore e osservato;
2) Un modo diverso di guardare fa s che i fenomeni osservati si comportino
diversamente.
Il mondo che creiamo e vediamo attraverso la mente incentrata sull'io pu
sembrare un luogo molto imperfetto, perfino una valle di lacrime. Ma tutto ci
che percepiamo soltanto una sorta di simbolo, come una immagine in un
sogno. il modo in cui la nostra consapevolezza interpreta e reagisce con la
danza energetica molecolare dell'universo. Tale energia la materia prima della
realt fisica.
Ogni essere un punto focale di consapevolezza,
e ogni punto focale crea il proprio mondo
In effetti esiste un numero infinito d'interpretazioni diverse, di mondi
completamente diversi, tutti dipendenti dalla consapevolezza che li percepisce.
Ogni essere il punto focale di consapevolezza, e ogni punto focale crea il
proprio mondo, sebbene questi mondi siano tutti interconnessi. Esseri
altamente consapevoli che fossero a conoscenza della loro connessione con la
Fonte e con i loro simili abiterebbero un mondo che a noi apparirebbe come un
regno celeste, eppure tutti i mondi in definitiva sono uno solo.
Tutti i mondi sono, in definitiva, uno solo.
Poich tutti i mondi sono interconnessi, quando la consapevolezza collettiva
umana si trasforma, la natura e il regno animale riflettono tale trasformazione.
Noi non siamo separati dal mondo, per cui quando la maggioranza degli esseri
umani si liberer dall'illusione incentrata sull'io, questo cambiamento interiore
influenzer l'intero creato.
Abiteremo letteralmente un mondo nuovo.
Non confondiamo per causa ed effetto. Il nostro compito non cercare la
salvezza con la creazione di un mondo migliore, ma risvegliarci dall'identificazione con la forma. In questo modo possiamo percepire le nostre radici nel
Non- Manifestato e cos siamo liberi dall'attaccamento al mondo della forma.
Possiamo allora godere dei piaceri fuggevoli di questo mondo, ma non vi pi
paura di perderli, per cui non abbiamo pi bisogno di aggrapparci ad essi. Noi
siamo in contatto con qualcosa d'infinitamente maggiore di ogni piacere,
maggiore di ogni cosa manifestata. Allora non abbiamo pi bisogno del mondo
n che sia diverso da com'.

84
Solo chi ha trasceso il mondo
pu far nascere un mondo migliore.
A questo livello profondo, la compassione diventa guarigione nel senso pi
ampio. In questa condizione, il nostro influsso guaritore basato principalmente
non sul fare ma sull'essere. Tutti coloro con cui entriamo in contatto saranno
toccati dalla nostra presenza e influenzati dalla pace che emaniamo, che ne sian
o
consapevoli o no. Quando siamo pienamente presenti e le persone intorno a noi
manifestano un comportamento inconsapevole, noi non proviamo il bisogno di
reagirvi, per cui non vi assegniamo alcuna realt.
Coloro con cui entriamo in contatto
saranno toccati dalla nostra presenza
La nostra pace cos vasta e profonda che tutto quanto non pace scompare in
essa come se non fosse mai esistito. Questo interrompe il ciclo karmico di azion
e
e reazione. Animali, alberi, fiori percepiranno la nostra pace e vi reagiranno.
Noi
insegniamo attraverso l'essere, attraverso la dimostrazione della pace di Dio.
Diventiamo la "luce del mondo", una emanazione di consapevolezza pura, e cos
eliminiamo la sofferenza a livello della causa.
Eliminiamo l'inconsapevolezza dal mondo.
Ci non significa che non possiamo anche insegnare attraverso il fare; per
esempio, indicando come disidentificarsi dalla mente, riconoscere gli schemi
inconsapevoli dentro di s. Ma ci che siamo sempre un insegnamento pi
vitale e un agente di trasformazione del mondo pi potente di ci che diciamo, e
pi essenziale anche di ci che facciamo. Per di pi, riconoscere il primato
dell'Essere e pertanto operare a livello della causa non esclude la possibilit ch
e
la nostra compassione possa contemporaneamente manifestarsi a livello del fare
e dell'effetto, alleviando la sofferenza dovunque la incontriamo.
Ci che siamo un agente di trasformazione del mondo
pi potente di ci che diciamo o facciamo.
Quando un affamato ci chiede del pane e noi ne abbiamo, glielo diamo. Ma nel
dargli il pane, anche se la nostra intenzione pu essere brevissima, ci che
importa realmente questo momento di Essere condiviso, di cui il pane
soltanto un simbolo. Qui ha luogo una profonda guarigione. In questo momento
non vi nessuno che d, nessuno che riceve.
Il vero cambiamento avviene interiormente.

85
Tutti i mali sono effetto dell'inconsapevolezza. Possiamo alleviarne gli effet
ti,
ma non eliminarli se non ne eliminiamo la causa. Il vero cambiamento avviene
interiormente, non esteriormente. Senza un cambiamento profondo nella
consapevolezza umana, la sofferenza del mondo un pozzo senza fondo.
Comprendere la natura eterna di ogni forma di vita
e dell'illusione ultima di ogni dolore
L'immedesimazione nel dolore o nella mancanza provata da qualcun altro e il
desiderio di aiutare devono essere controbilanciati da una pi profonda
comprensione della natura eterna di ogni forma di vita e dell'illusione ultima d
i
ogni dolore. Allora lasciamo che la nostra pace fluisca in tutto ci che facciamo
e
cos opereremo a livello della causa e dell'effetto contemporaneamente.
Dobbiamo rimanere vigili e molto, molto presenti.
Il livello causale deve rimanere il nostro obiettivo primario, l'insegnamento
dell'illuminazione il nostro scopo principale, e la pace il dono pi prezioso che
offriamo al mondo.

86
Il significato dell'abbandono
Accettazione dell'Adesso
L'abbandono la saggezza semplice ma profonda di lasciarsi andare anzich
opporsi al flusso della vita. L'unico punto in cui possiamo avere esperienza del
flusso della vita l'adesso, per cui abbandono significa accettare
incondizionatamente e senza riserve il momento presente. Significa
abbandonare la resistenza interiore a ci che esiste. La resistenza interiore dire
di no a ci che esiste, attraverso il giudizio mentale e la negativit emotiva.
Accettare incondizionatamente e senza riserve
il momento presente.
La resistenza diventa forte quando vi divario tra le aspettative della mente e
ci che esiste. Questo il divario del dolore.
Quando le cose vanno storte bisogna praticare l'abbandono se si vuole
eliminare il dolore fisico e morale dalla propria vita. L'accettazione di ci che
esiste ci libera immediatamente dall'identificazione con la mente e ci ricollega
all'Essere.
La resistenza la mente.
L'abbandono un fenomeno puramente interiore. Non significa che a livello
esteriore non possiamo intraprendere azioni e modificare la situazione. Se siamo
impantanati nel fango non diciamo che tutto va bene e ci rassegniamo.
La rassegnazione non abbandono.
Riconosciamo pienamente che vogliamo tirarcene fuori ma non ne facciamo
un dramma. Allora restringiamo la nostra attenzione al momento presente senza
etichettarlo mentalmente. Accettiamo "l'esser cos" di questo momento e
intraprendiamo un'azione facendo di tutto per tirarci fuori. Una simile azione s
i
chiama "azione positiva".
Il mancato abbandona ci separa dal mondo.
Il mancato abbandono indurisce la nostra forma psicologica, l'involucro dell'i
o,
e crea cos un forte senso di separatezza. Il mondo e il prossimo vengono
percepiti come minacciosi facendo nascere l'ineluttabilit inconsapevole di

87
distruggere gli altri attraverso il giudizio, cos come nasce la necessit di
competere e dominare. La paranoia una forma leggermente pi acuta di questo
stato di consapevolezza normale.
E ci spinge a distruggere gli altri attraverso il giudizio.
Non solo la forma psicologica ma anche quella fisica diventa rigida e dura
attraverso la resistenza. Si genera tensione in varie parti del corpo, e il corp
o nel
suo insieme si contrae. Il libero flusso di energia vitale attraverso il corpo v
iene
notevolmente ristretto. Possono essere utili massaggi e certe forme di
fisioterapia, ma se non pratichiamo l'abbandono quotidianamente queste cose
potranno soltanto alleviare temporaneamente i sintomi, perch la causa non
stata dissolta.
La mancanza di abbandono contrae il corpo
e blocca il libero flusso di energia.
Se troviamo insoddisfacente o perfino intollerabile la nostra situazione di vi
ta,
solo mediante l'abbandono che possiamo spezzare lo schema inconsapevole di
resistenza che perpetua tale situazione. L'abbandono ci ricollega all'energia
primaria dell'Essere, e se il nostro fare permeato di Essere, diventa una
celebrazione gioiosa dell'energia vitale che ci porta ancora pi in profondit
nell'adesso.
Se troviamo insoddisfacente la nostra situazione di vita,
sar l'abbandono che risolver ogni problema.
La qualit di ci che stiamo facendo o creando viene incommensurabilmente
accresciuta. I risultati verranno da soli e rifletteranno tale qualit. Potremo
chiamarla "azione dell'abbandono". la qualit della nostra consapevolezza in
questo momento a determinare il tipo di futuro che ci aspetta, per cui
l'abbandono la cosa pi importante che possiamo fare per creare un
cambiamento positivo. L'azione che intraprendiamo secondaria.
Niente di
Se la nostra situazione
separare questo istante e
dalle condizioni esterne.
modificare la situazione,

bene pu venire senz'abbandono.


complessiva insoddisfacente o spiacevole, dobbiamo
abbandonarci a ci che esiste. Non siamo pi dominati
Domandiamoci: "Vi qualcosa che posso fare per
migliorarla o allontanarmene?"

Se s, intraprendiamo l'azione opportuna. Concentrandoci non sulle cento cose


da faremo o dovremo fare in futuro ma sull'unica cosa che possiamo fare adesso.
L'azione che intraprendiamo pu non avere frutti immediati. Finch non li ha,

88
non opponiamo resistenza a ci che esiste. Se non vi alcuna azione che
possiamo intraprendere, e non possiamo nemmeno allontanarci dalla situazione,
allora utilizziamola per entrare pi in profondit nell'adesso, pi in profondit
nell'abbandono.
Solo entrando nel presente
possibile cambiare in meglio la nostra vita.
Quando entriamo nella dimensione senza tempo del presente, spesso il
cambiamento ha luogo in modi strani e senza necessit di grandi azioni da parte
nostra. La vita diventa utile e collaborativa. Se la paura, il senso di colpa,
l'inerzia ci impedivano di intraprendere un'azione, si dissolveranno alla luce
della nostra presenza consapevole.
Nell'abbandono rivolgiamo l'attenzione verso l'interno per controllare se vi
sono tracce residue di resistenza dentro di noi. Dobbiamo essere molto vigili in
questa osservazione; altrimenti una sacca di resistenza potr continuare a
nascondersi in qualche angolo buio sotto forma di pensiero o di emozione non
riconosciuta.

Dall'energia mentale all'energia spirituale


Bisogna cominciare col riconoscere che vi effettivamente resistenza.
Dobbiamo essere l quando accade, quando nasce la resistenza. Osserviamo
come la mente la crea, come etichetta la situazione, noi stessi e gli altri.
Guardiamo il processo di pensiero che ne coinvolto. Percepiamo l'energia
dell'emozione. Essendo testimoni della resistenza, vedremo che non serve ad
alcuno scopo. Concentrandoci nell'adesso, la resistenza inconsapevole viene resa
consapevole, e finisce qui.
Non possiamo essere consapevoli e allo stesso tempo infelici,
consapevoli e allo stesso tempo in negativit.
Se fossimo consapevoli, vale a dire totalmente presenti nell'adesso, ogni
negativit si dissolverebbe quasi istantaneamente. Non potrebbe sopravvivere in
nostra presenza. Pu esservi solo in nostra assenza. Eliminiamo il tempo
attraverso un'intensa consapevolezza del momento presente ed ecco che
l'infelicit muore. Ma vogliamo veramente che muoia? Ne abbiamo davvero
avuto abbastanza? Chi saremmo senza l'infelicit?
Ogni negativit si dissolve
alla luce della nostra Presenza.

89
Finch non pratichiamo l'abbandono, la dimensione spirituale qualcosa di
cui si legge, si parla, ci si entusiasma, su cui si scrivono libri, a cui si pen
sa,
qualcosa a cui si crede oppure no. Ma soltanto quando pratichiamo l'abbandono
essa diviene una realt viva nella nostra vita.
Solo praticando l'abbandono
possibile entrare nella dimensione spirituale.
Mediante l'abbandono viene alla luce l'energia spirituale. Non crea nessuna
sofferenza per noi stessi, per gli altri esseri umani e per nessun'altra forma d
i
vita. Diversamente dall'energia mentale, non inquina la Terra e non soggetta
alla legge della dualit, la quale impone che nulla possa esistere senza il suo
contrario, che non vi pu essere il bene senza il male.
L'energia spirituale appartiene a un diverso ordine di realt
e creer un mondo diverso quando un numero sufficiente d'esseri umani
entrer nello stato d'abbandono e diverr cos totalmente privo di negativit. Se
la Terra sopravvivr, questa sar l'energia di coloro che l'abiteranno.

L'abbandono nei rapporti personali


Le persone che vogliono usarti, manipolarti o controllarti sono tagliate fuori
dall'Essere, per cui inconsapevolmente tentano di ricavare dagli altri energia e
potere. vero che soltanto una persona inconsapevole cercher di usare o
manipolare gli altri, ma altrettanto vero che solo una persona inconsapevole
pu essere usata e manipolata. Se noi opponiamo resistenza o combattiamo il
comportamento inconsapevole degli altri, lo diventiamo a nostra volta.
Abbandono non significa acconsentire a essere usati.
possibile dire di no a una persona o allontanarsi da una situazione e trovarsi
allo stesso tempo in uno stato di completa assenza di resistenza interiore. Deve
essere un "no" non reattivo, un "no" di alta qualit, un "no" che sia libero d'ogn
i
negativit e pertanto non crei ulteriore sofferenza.
Quando non riusciamo a praticare l'abbandono, dobbiamo intraprendere
subito un'azione. Dobbiamo dire chiaramente come la pensiamo o fare qualcosa
per apportare cambiamento nella situazione, o allontanarcene. Dobbiamo
assumerci la responsabilit riguardo alla nostra vita, non dobbiamo inquinare di
negativit il nostro essere interiore splendido e radioso, n la Terra.

90
I rapporti personali saranno modificati profondamente
dall'abbandono.
Se non possiamo accettare ci che esiste non saremo nemmeno in grado di
accettare nessuno cos com'. Giudicheremo, criticheremo, etichetteremo,
rifiuteremo o cercheremo di cambiare gli altri. Non facciamo dell'adesso un
mezzo rivolto a un fine situato nel futuro, faremo lo stesso anche di ogni perso
na
con cui entriamo in relazione.
Il litigio possibile solo quando non siamo Presenti.
Quando siamo coinvolti in un litigio, magari con la persona amata o qualcuno
che ci sta vicino, cominciamo con l'osservare come assumiamo un atteggiamento
difensivo quando la nostra posizione viene attaccata, o col percepire la forza
della nostra aggressione quando attacchiamo la posizione dell'altra persona.
Osserviamo l'attaccamento ai nostri punti di vista e alle nostre opinioni.
Percepiamo l'energia mentale-emotiva dietro il nostro bisogno di aver ragione.
Questa l'energia della mente incentrata sull'io. La rendiamo consapevole
riconoscendola e percependola quanto pi pienamente possibile.
Possiamo sempre scegliere tra scontro e accettazione.
Poi un giorno ci rendiamo conto all'improvviso che possiamo scegliere e
possiamo decidere di lasciar perdere la nostra reazione. Se ora ci sentiamo molt
o
leggeri, limpidi e profondamente in pace, questo un segno inconfondibile del
vero abbandono. Assenza di resistenza non significa non fare nulla bens che
qualunque "fare" diventa non reattivo.
Il potere del Non-fare.
"Non fare nulla" quando si in uno stato d'intensa presenza un potente
agente di trasformazione e di guarigione di situazioni e persone. Nel Taoismo vi
un termine chiamato "wu wei", che si traduce "attivit senza azione" o "stare
seduti in tranquillit senza agire". Il vero "non agire" implica un'assenza di
resistenza interiore e una grande vigilanza.

Trasformare la malattia in illuminazione


L'abbandono accettazione interiore di
Stiamo parlando della nostra vita (questo
situazione di vita". La malattia fa parte
anto
tale ha un passato e un futuro. Passato e

ci che esiste, senza alcuna riserva.


istante), non di ci che io chiamo "la
della nostra situazione di vita. In qu
futuro formano un continuum

91
ininterrotto, a meno che la potenza redentrice dell'adesso non venga attivata
attraverso la nostra presenza consapevole.
La Presenza interrompe il legame tra passato e futuro.
Al di sotto delle varie condizioni che costituiscono la nostra situazione di v
ita,
vi qualcosa di pi profondo, di essenziale: la nostra Vita, il nostro Essere
nell'adesso senza tempo. Poich nell'adesso non vi sono problemi, non vi
nemmeno malattia. Mediante la concentrazione su questo istante e l'astensione
dall'etichettarlo mentalmente, la malattia viene ridotta a uno o pi di questi
fattori: dolore fisico, debolezza, sconforto o invalidit.
Nell'Adesso non vi sono problemi n malattie.
Ecco a cosa ci abbandoniamo, adesso. Non ci abbandoniamo all'idea di
"malattia". Lasciamo che la sofferenza ci costringa a entrare nel momento
presente, in uno stato di intensa presenza consapevole. Utilizziamola per
l'illuminazione.
L'abbandono trasforma noi.
Abbandono non significa trasformare ci che esiste, almeno non subito.
L'abbandono trasforma noi. Quando noi ci trasformiamo, tutto il nostro mondo
viene trasformato, perch il mondo soltanto un riflesso.
E, trasformandoci, creiamo un mondo nuovo.
Se ci guardiamo allo specchio e non ci piace quello che vediamo, non
risolviamo nulla rompendo lo specchio. Ed proprio quello che facciamo
quando siamo in uno stato di non-accettazione. Naturalmente, se attacchiamo
l'immagine, questa ci attacca a sua volta. Se accettiamo l'immagine, quale che
sia, se ci dimostriamo amichevoli nei suoi confronti, essa si far amichevole
verso di noi. cos che cambia il mondo.
La malattia non il problema.
Il problema siamo noi, perch significa che la mente ci sta dominando. Non
diamo la colpa alla vita per averci trattato male, ma non diamo la colpa
nemmeno a noi stessi. Tutto questo resistenza.
Lasciamo che ogni ostacolo ci faccia diventare pi Consapevoli.
Qualunque cosa di "male" ci capiti, utilizziamola per l'illuminazione.
Eliminiamo il tempo dalla malattia. Non diamole n passato n futuro. Lasciamo

9
2
che ci costringa a entrare in un'intensa consapevolezza del momento presente, e
vediamo cosa succede.

Trasformare la sofferenza in pace


In certe situazioni estreme pu essere impossibile accettare l'adesso, ma
abbiamo sempre la possibilit di usare l'abbandono. Sapendo che ci che esiste
non pu essere disfatto (perch gi esiste) diciamo di s a ci che esiste o
accettiamo ci che non esiste.
Se dimoriamo in questo stato di accettazione
non creiamo pi negativit, n sofferenza, n infelicit.
Allora viviamo in uno stato di non-resistenza, uno stato di grazia e leggerezz
a,
liberi dalla lotta. Quando non siamo in grado di farlo, quando perdiamo questa
occasione, allora creiamo qualche forma di dolore, qualche forma di sofferenza.
Pu sembrare che la situazione stia creando la sofferenza, ma in definitiva non
cos: la resistenza che la crea.
Solo la resistenza crea sofferenza.
Se non possiamo accettare ci che esiste esteriormente, accettiamo ci che
esiste interiormente. Se non possiamo accettare la condizione esterna,
accettiamo la condizione interna. Ci significa: non opponiamo resistenza al
dolore. Consentiamogli di esistere. Abbandoniamoci all'afflizione, alla
disperazione, alla paura, alla solitudine o a qualunque forma assuma la
sofferenza.
Abbracciamo la sofferenza.
Siamone testimoni senza etichettarla mentalmente. Allora vedremo come il
miracolo dell'abbandono trasformi la sofferenza profonda in pace profonda.
Questa la nostra crocifissione. Facciamo in modo che diventi la nostra
resurrezione e la nostra ascensione. Quando il dolore profondo, ogni discorso
sull'abbandono apparir futile e insensato. Quando il dolore grande avremo
l'impulso a sfuggire piuttosto che ad abbandonarci a questo. Ma non vi via di
fuga, non vi via di uscita.
Quando neghiamo il dolore emotivo
Ogni cosa che facciamo o pensiamo ne risulta contaminata
e la trasmettiamo agli altri.

93
Trasmettiamo energia negativa agli altri che, se sono inconsapevoli, possono
benissimo sentirsi obbligati ad attaccarci o ferirci in qualche modo, oppure
possiamo ferirli con una proiezione inconsapevole del nostro dolore.
Noi attiriamo e manifestiamo
ci che corrisponde al nostro stato interiore.
Quando non c' via d'uscita, vi pur sempre una via di attraversamento. Allora
non dobbiamo allontanarci dal dolore, ma affrontarlo. Percepirlo, non pensarci!
Esprimerlo se necessario ma non creare un copione nella nostra mente.
Dedichiamo attenzione alla sensazione ma non alla persona, all'evento o alla
situazione che sembrano averla causata.
Non lasciamo che la mente utilizzi il dolore per crearne un'identit di vittima
per noi stessi. Sentirci dispiaciuti per noi stessi e raccontare ad altri la nos
tra
storia ci manterr invischiati nella sofferenza. Essendo impossibile sfuggire alla
sensazione, l'unica possibilit di cambiamento entrarvi dentro; altrimenti non
cambier nulla. Allora dedichiamo la nostra completa attenzione a ci che
proviamo e asteniamoci da etichettarlo mentalmente.
Mentre entriamo nella sensazione, dobbiamo essere intensamente vigili.
Inizialmente potr sembrare un luogo buio e terrificante, e quando arriva
l'impulso ad allontanarcene dobbiamo osservarlo senza seguirlo. Rivolgiamo
ancora l'attenzione al dolore, continuiamo a provare paura, afflizione, terrore,
solitudine o altro. Rimaniamo vigili, presenti con tutto il nostro Essere, con o
gni
cellula del corpo.
Cos facendo apportiamo luce in quel buio.
Questa la fiamma della consapevolezza.
Non preoccupiamoci dell'abbandono. gi avvenuto. Come? L'attenzione
piena accettazione e abbandono. Dedicando la nostra piena attenzione usiamo
il potere di adesso, che la potenza della nostra presenza. Nessuna sacca
nascosta di resistenza pu sopravvivere in essa. La presenza elimina il tempo.
Senza il tempo non pu sopravvivere alcuna sofferenza, nessuna negativit.
L'accettazione della sofferenza un viaggio nella morte. Affrontare il dolore
profondo, rivolgervi la nostra attenzione, significa entrare consapevolmente
nella morte. E quando siamo morti di questa morte, ci rendiamo conto che non
vi morte, e non vi nulla da temere. La morte dell'illusione di separazione
incredibilmente liberatoria.

94
Vogliamo una morte facile? Senza dolore? Allora moriamo per il passato in
ogni momento, e lasciamo che la luce della nostra presenza scacci il s pesante e
legato al tempo che pensavamo essere "noi".

La via della croce


possibile trovare Dio attraverso la propria sofferenza? Questo no! Ma
possibile arrivarci attraverso l'abbandono e l'accettazione totale di ci che esis
te.
Si pu utilizzare la propria sofferenza come strumento per accedere
all'abbandono.
L'abbandono la fine della mente come nostro padrone.
Poich la resistenza inseparabile dalla mente, la rinuncia alla resistenza
(abbandono) la fine della mente come nostro padrone, come impostore che
finge d'essere "noi".
Il regno dell'Essere che era stato oscurato dalla mente si dischiude.
All'improvviso nasce dentro di noi una grande quiete, un insondabile senso di
pace. E all'interno di questa pace vi grande gioia. E all'interno di questa gioi
a vi
amore. E nel nucleo pi interno vi il sacro, l'incommensurabile. Ci che non
pu essere nominato.
All'improvviso nasce dentro di noi una grande quiete.
Questo non significa "trovare Dio" perch non si pu trovare ci che non mai
andato perduto, la vita stessa che siamo noi. Il termine "Dio" limitante ed
erroneo poich implica un'entit diversa da noi. Dio l'Essere stesso, non un
essere. Non vi pu essere un rapporto soggetto-oggetto, n dualit, n noi
separatamente da Dio.
La realizzazione di Dio la cosa pi naturale che ci sia. Il fatto sorprendente e
incomprensibile non che non possiamo diventare consapevoli di Dio ma che
non siamo consapevoli di Dio. La via della croce un'inversione completa. La
cosa peggiore della vita, la nostra croce, si trasforma nella cosa migliore che
ci
sia mai capitata, che ci costringe all'abbandono, alla morte; ci costringe a
diventare nulla, a diventare Dio, perch Dio non nessuna cosa, nulla.
Ma questa non l'unica via. Vi un numero crescente d'esseri umani la cui
consapevolezza sufficientemente evoluta da non richiedere altra sofferenza
prima dell'illuminazione.
Noi possiamo essere questi. L'illuminazione scelta consapevolmente significa
eliminare l'attaccamento al passato e al futuro e fare dell'adesso il fulcro

95
principale della nostra vita. Significa scegliere di dimorare nello stato di
presenza anzich nel tempo. Significa dire s a ci che esiste.
Allora non abbiamo pi bisogno del dolore.
Il potere di scegliere
Perch molte persone scelgono il dolore? Questo non vero! La scelta implica
consapevolezza, un elevato grado di consapevolezza. Senza questa non c' scelta.
La scelta comincia nel momento in cui ci disidentifichiamo dalla mente e dai
suoi schemi condizionati, nel momento in cui diventiamo presenti. Finch non
raggiungiamo questo livello, siamo obbligati a pensare, sentire e agire in certi
modi a seconda del condizionamento della nostra mente. Ecco perch Ges
disse: "Perdona loro, perch non sanno quello che fanno".
Finch non siamo presenti non vi scelta.
La mente, condizionata dal passato, cerca sempre di ricreare ci che conosce e
con cui ha familiarit, anche se doloroso. La mente aderisce sempre a ci che
noto. L'ignoto pericoloso perch la mente non vi esercita alcun dominio. Ecco
perch la mente non ama e ignora il momento presente.
La consapevolezza del momento presente crea un intervallo non solo nel flusso
della mente ma anche nel continuum passato-futuro. Niente di veramente nuovo
e creativo pu venire a questo mondo se non attraverso questo intervallo, questo
spazio vuoto di possibilit infinite.
Solo la Presenza cambier il mondo.
Non vero che chi soffre si scelto da solo la propria situazione. La negativit
creata da se stessa. uno schema mentale che viene dal passato e che cerca di
riprodursi. Nessuno sceglie il conflitto, la disfunzione, il dolore. Nessuno sce
glie
la follia perch noi non siamo il nostro passato. Queste negativit si verificano
perch in noi non vi abbastanza presenza da dissolvere il passato, non
abbastanza luce da scacciare le tenebre.
Esiste il peccato ma non il peccatore.
Non dobbiamo incolpare nessuno per quanto ci accaduto o ci accade,
neanche noi stessi, perch ognuno si comporta secondo la propria
consapevolezza. Se non siamo completamente qui, allora non ci siamo risvegliati
del tutto. La mente condizionata gestisce ancora la nostra vita. Solo accedendo
al
potere di adesso, che la nostra presenza, pu esservi vero perdono e la salvezza.

96
Il solo peccato l'inconsapevolezza.
Ci rende impotente il passato, e noi comprendiamo profondamente che nulla
di ci che abbiamo fatto o di ci che stato fatto potrebbe toccare minimamente
l'essenza radiosa di ci che siamo. Il perdono diventa quindi superfluo. Quando
ci abbandoniamo a ci che esiste e cos diventiamo presenti, il passato smette di
avere alcun potere. Non ci serve pi.
La chiave la presenza. La chiave adesso.