Sei sulla pagina 1di 111

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?

Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!


Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

LEZIONE 1
ANALISI DELLA VARIANZA: test parametrico che serve per analizzare dei dati raccolti in
esperimenti e che va alla ricerca di differenze tra condizioni, cio tra pi campioni.
Ci sono 3 grossi settori dellanalisi dei dati: il primo va alla ricerca di condizioni, il secondo di
correlazioni1, il terzo va alla ricerca di differenze fra distribuzioni. Si analizzer la varianza
in disegni sperimentali semplici2; nella seconda parte del modulo si vedr lapplicazione ai
disegni fattoriali complessi3, oltre allanalisi dellinterazione.
Esame scritto: 4/5 domande a scelta multipla su questioni generali di metodologia (es.
mediana, moda), un esercizio con situazione sperimentale e risultati, ai cui dati si deve
applicare lanalisi della varianza oltre a rispondere ad una serie di domande.
VARIABILE: caratteristica di oggetti/persone che pu assumere diversi valori. Numero
minimo di valori: due, se ne assume solo uno una costante. La distinzione fondamentale
fra variabile intervenente VI e variabile dipendente VD: gli esperimenti in psicologia servono a
vedere come determinati fattori (VI) influenzano il comportamento di soggetti (VD), cercando
di eliminare il pi possibile leffetto di altri fattori (variabili di disturbo o intervenienti). Per
cercare di eliminare leffetto di queste ultime si usano, nella costruzione di esperimenti, 4
metodi in ordine gerarchico (dal pi semplice al pi complesso):
1. Casualizzazione: si cerca di far ricadere in maniera casuale leffetto di una variabile di
disturbo sui livelli della nostra VI, ad es. attraverso i metodi di campionamento casuale,
cos non ci sono solo individui di un tipo (es. maschi) in un gruppo e solo individui di un
altro tipo(es. femmine) nellaltro gruppo.
2. Fissazione: il disegno sperimentale viene costruito sotto un unico livello della variabile di
disturbo che cerchiamo di eliminare, es. se la variabile genere pu influenzare la
prestazione dei soggetti, si pu decidere di fissare la variabile a un solo livello, testando
quindi o solo maschi o solo femmine anche se le conclusioni tratte dai risultati sono
limitate solo a tale livello.
3. Bilanciamento: i (due) gruppi da confrontare sono costituiti da un numero di soggetti che
presentano la variabile di disturbo e lo stesso numero senza tale variabile, es. met maschi
e met femmine in una condizione e met maschi e met femmine nellaltra condizione.
4. Fattorizzazione: la variabile di disturbo diventa una VI: una volta bilanciata la variabile
genere nei due gruppi da confrontare, pu essere conveniente far entrare nel nostro
disegno sperimentale la variabile interveniente come VI presentando quindi un disegno
con due o pi VI. Questo pu fornirmi pi informazioni, ma devo anche considerare che se
mi trovo con unaltra VI, ci mi rende il disegno ancora pi complesso e di difficile gestione!

Come due VI co-variano, es. allaumentare di una aumenta/diminuisce laltra (peso altezza).
Cio a una sola VI a due o pi livelli (condizioni) es. sonnifero, placebo e gruppo di controllo.
3
Disegni con due o pi VI.
2

1
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

VARIABILE DIPENDENTE
Per misurare il comportamento (ovvero la VD) ci sono della scale di misurazione (nominale,
ordinale, intervallo e rapporto) in ordine gerarchico:
I.
II.

III.
IV.

scala nominale: la pi semplice, una forma di classificazione, di etichettamento dei


soggetti;
scala ordinale: serie ordinata di etichette (simboli) con intervalli non uguali, es. scala
Lickert nei questionari (pienamente daccordo , daccordo, poco daccordo, disaccordo,
pienamente disaccordo);
scala a intervallo: con simboli ordinati in ordine di grandezza, con intervalli omogenei,
con la stessa distanza;
scala a rapporto: con uno 0 assoluto = assenza completa di quella determinata
caratteristica (tempi di reazione e alcuni valori di frequenza/ampiezza dei potenziali
evocati).

Il confine pi importante in questa gerarchia il quello fra le prime e le ultime due4 e i test
statistici sono divisi proprio in base a questo confine: ci sono infatti test parametrici e test non
parametrici.
Per capire la differenza fra i due tipi di test necessario conoscere alcuni concetti:
statistica5: la misura di una determinata caratteristica in un campione;
parametro: la stessa misura ma relativa alla popolazione;
popolazione: linsieme di tutti gli individui che condividono determinate caratteristiche
(es. popolazione italiana, popolazione degli studenti dellUniversit di TS);
campione: un sottogruppo di una popolazione.
Normalmente i disegni sperimentali vengono compiuti su un campione che rappresenta una
determinata popolazione, in quanto le popolazioni hanno unestensione ingovernabile. Quindi
quando si vanno a misurare alcuni elementi (es. altezza, profitto) in un campione si ottiene la
statistica di tale campione, da cui, attraverso metodi statistici, si pu arrivare ad una stima del
parametro nella popolazione. Logicamente, si pu parlare di misurazione per quanto riguarda il
campione (ad es. raccolgo tutti i dati campionari e ne calcolo una media), ma di stima per la
popolazione, in base a una o pi statistiche calcolate su uno o pi campioni.
I test parametrici svolgono il lavoro di stima sui i parametri della popolazione partendo da
delle statistiche su campioni, e soprattutto devono rispondere alle caratteristiche della
popolazione; i test non parametrici sono liberi dalle assunzioni sulla forma della popolazione
da cui vengono tratti i campioni. Inoltre, i test parametrici possono essere usati solo a partire
dalla scala ad intervallo, quelli non parametrici si possono usare su tutte le scale.
Ecco perch lanalisi della varianza, essendo un test parametrico, pu venire usata
4
5

Scale di livello inferiore e superiore (in quanto danno maggiori informazioni).


Qui: non intesa come disciplina ma come oggetto.

2
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

soltanto a partire da dati misurati su scala ad intervallo, in cui gli intervalli fra due punti
contigui sono identici.
VARIABILE INDIPENDENTE
Le VI hanno parecchie caratterizzazioni (quantitative, qualitative, discrete.) di cui una
fondamentale in quanto specifica i disegni sperimentali:

Variabile a casualizzazione completa (tra i soggetti o between): sotto tutti i livelli


della VI considerata si trovano gruppi di soggetti diversi;
variabile a ripetizione completa (allinterno dei soggetti o within): tutti i soggetti
passano sotto tutti i livelli della VI, cosicch ogni soggetto fornisce una prestazione per
tutti i livelli considerati.
Disegni misti: almeno una delle VI di tipo diverso dalle altre.

NB: le variabili vengono indicate con la lettera maiuscola (A, B, C), i diversi livelli di una
variabile vengono indicati con la lettera minuscola (a1, a2, a3)!
Costruire un disegno sperimentale significa rappresentare graficamente le variabili in gioco,
che tipo di variabili sono e quali sono le combinazioni di livelli.
Esempi:
a) Abbiamo un disegno con una variabile A a due livelli, a1 e a2: x11 significa che il
dato relativo al soggetto 1 sotto la condizione 1.
A = genere
a1= maschi
n=10
a2=femmine
n=10
N=20
Si tratta di un disegno a casualizzazione completa, con due gruppi di soggetti diversi.
Bisogner quindi reclutare n maschi e n femmine6 per ogni livello di variabile (n per a1 e n per
a2) 20 persone che mi daranno 20 osservazioni.
b) Se invece il compito si riferisce ai tempi di reazione a degli stimoli da parte della mano
destra e della sinistra, avr:
A = mano
a1= mano destra
n=10
a2= mano sinistra
n=10
E lo stesso soggetto, risponde agli stimoli con entrambe le mani, passa quindi sotto i due livelli
della VI disegno a ripetizione completa. Le persone da reclutare per avere 20
osservazioni sono 107.
Quando abbiamo disegni a ripetizione completa con una sola VI si pu avere una terza
6

n minuscolo indica il numero di soggetti, delle osservazioni sotto ciascun livello o sotto ciascuna combinazione dei livelli di una VI
(nei disegni con due o pi variabili); N maiuscolo indica il numero totale dei soggetti (a*n).
7
NB: da notare la differenza tra persone e osservazioni!

3
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

condizione: le due mani possono rispondere a stimoli presentati in campo destro, sinistro e in
centro. Avremo quindi 3 livelli inerenti la VI:
A = campo di presentazione
a1= destra
a2= sinistra
a3= centro
n= 10
N= 30 osservazioni nel nostro disegno sperimentale con una VI.
La situazione si complica un po quando abbiamo due VI:
in un disegno a casualizzazione completa, sotto tutti i livelli di ognuna delle due VI si
trovano gruppi di soggetti diversi;
in un disegno a ripetizione completa, tutti i soggetti passeranno sotto tutte le combinazioni
dei livelli delle due VI;
in un disegno misto abbiamo una VI a casualizzazione completa, laltra a ripetizione
completa.
Esempi:
1. Disegno a casualizzazione completa, con 4 gruppi di n soggetti diversi (n=10):
A= genere
B=colore dei capelli
a1= maschi
b1= bruni
a2= femmine
b2= biondi
x111= il primo 1 si riferisce al livello di a, il secondo al livello di b, il terzo al primo soggetto;
x12n= il valore del soggetto n sotto a1 e sotto b2 xabn
In questo caso avr N= 40 osservazioni a*b*n soggetti N =2*2*10 = 40 osservazioni,
corrispondenti a 40 soggetti, ognuno dei quali ci d una sola prestazione 8.
2. Disegno con due variabili a ripetizione completa:
A= campo di presentazione stimoli
B= mano di risposta
a1= destro
b1= destra
a2= sinistro
b2= sinistra
Non abbiamo pi gruppi diversi ma sotto sotto tutte le combinazioni (a1b1, a1b2, a2b1, a2b2)
passano tutti i soggetti (x111, x121, x211, x221) ciascun soggetto mi d quattro valori
che sono relativi alla prestazione9. Anche in questo caso N = a*b*n = 40 osservazioni. Il
numero di persone da reclutare fisicamente corrisponde solo a 10, ognuna che ci d 4
osservazioni.
c) L ultima complicazione riguarda il disegno misto. Per vedere se si risponde pi
velocemente con la mano destra o la sinistra e se questo vero per i maschi o per le
femmine, far un disegno sperimentale in cui una VI (mano, A) a casualizzazione
completa, laltra a ripetizione completa (genere, B).
8
9

Cio: 10 maschi biondi, 10 maschi bruni, 10 femmine bionde, 10 femmine brune.


Cio: mano destra in campo destro, mano destra in campo sinistro, mano sinistra in campo destro, mano sinistra in campo sinistro.

4
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

A= genere
B=mano di risposta
a1= maschi
b1= destra
a2= femmine
b2= sinistra
Ogni maschio mi dar due risposte (una con la mano destra, una con la sinistra); lo stesso per
le femmine. NB: Nel disegno misto le variabili entrano nel disegno sperimentale seguendo una
specifica regola: prima entrano le variabili a casualizzazione completa, poi quelle a ripetizione
completa.
Per N = abn = 40, cambia il numero di persone da reclutare, che saranno 10 femmine e 10
maschi, ognuno dei quali ci d due prestazioni.
La situazione si complica ulteriormente quando abbiamo pi VI: A,B,C,D con due o pi
livelli a1b1c1d1, a1b1c1d2..
A= genere (a1: maschio, a2: femmina)
B= mano (b1: destra, b2: sinistra)
C=campo di presentazione (destra/centro/sinistra)
D= colore degli stimoli (rosso/verde)
Interessante nei disegni complessi con pi di una variabile fattoriale (VI) che danno pi
informazioni rispetto ai disegni con una sola variabile. Le informazioni che riguardano gli effetti
delle singole VI sul comportamento sono i cosiddetti effetti principali (Main Effects), da cui
posso calcolare leffetto medio di una determinata VI sulla VD, indipendentemente dai valori
delle altre VI. Quindi: posso trovare leffetto di A, indipendente da B, da C e da D, sul
comportamento del soggetto. In questo caso confronto quindi la media delle medie sotto il
livello a1 e la media delle medie per a2. Metto tutto assieme e quello che guardo solamente
se in quellesperimento maschi e femmine si sono comportati in maniera diversa
indipendentemente dalle altre VI- nel nostro caso, se nei tempi di reazione sono stati pi veloci
i maschi o le femmine in generale. Poi trovo leffetto della VI B, indipendentemente da A, da C
e da D, sapendo cos se la mano destra (indipendentemente dagli altri stimoli: maschio o
femmina, campo di presentazione, colore stimoli) pi veloce della sinistra; quindi riesco ad
avere info su C indipendentemente da A,B e C, ovvero se c una differenza di velocit fra
stimoli presentati in campo destro/centrale/sinistro (indipendentemente dal fatto che chi
risponde sia maschio o femmina, che risponda con la mano destra o sinistra, che lo stimolo sia
rosso o verde). Infine riesco a sapere qualcosa su D, se agli stimoli rossi si risponde pi
velocemente rispetto agli stimoli verdi, indipendentemente dal fatto che chi risponde sia
maschio o femmina, che risponda con la mano destra o sinistra, che gli stimoli siano presentati
sinistra/centro/destra.
Il vantaggio di un disegno complesso poi la possibilit di analizzare le interazioni, cio gli
effetti combinati delle VI. Le interazioni possono essere di primo ordine: AB, AC, AD, BC, BD
e CD, cio fra due variabili soltanto. Se ottengo un risultato significativo da AB, vuol dire che la
variabile A ha un effetto sugli effetti della variabile B = la differenza fra le risposte con la mano
destra e quelle con la mano sinistra significativamente diversa per i maschi e per le femmine,
ad es. i maschi sono pi veloci quando rispondono con la mano sinistra rispetto alla destra e le
femmine sono pi veloci quando rispondono con la mano destra rispetto alla sinistra.
Linterazione AC dice se il genere influenza le differenze fra i tre campi di presentazione; AD se
il genere influenza la risposta a stimoli rossi o verdi; BC se la differenza fra i tre campi di

5
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

presentazione dipende dalla mano di risposta, ad es. se rispondo con la mano destra o con
quella sinistra avr tempi di risposta diversa per gli stimoli presentati a destra, sinistra o al
centro.
Ci sono poi le interazioni di secondo ordine, fra tre variabili: ABC, ABD e BCD. Se mi risulta
significativa una di queste vuol dire che linterazione fra due variabili ulteriormente
modificata dai livelli dellaltra variabile. Ad esempio, se significativa risulta ABC, vuol dire che
la differenza fra i tre campi (B), differenziata dal fatto di rispondere con la mano destra o con
quella sinistra (BC), a sua volta influenzata dallessere maschio o femmina (ABC). Quindi
linterazione fra B e C significativamente diversa sotto a1 (maschi) o sotto a2 (femmine).
Linterazione di terzo ordine riguarda linterazione fra le quattro VI: linterazione fra C e D
modificata dai livelli di B, a sua volta modificata dai valori di A.
Ecco perch meglio evitare la fattorizzazione in maniera indiscriminata: pi VI inserisco in un
disegno sperimentale, vero che mi d pi informazioni, ma anche vero che diventa sempre
pi complicato riuscire a interpretare le interazioni fra 4 o 5 variabili e il loro effetto sul
comportamento!
NB: i disegni di questo modulo saranno con 1 o con 2 VI a 2 o pi livelli. Se ci sono pi livelli,
lanalisi della varianza ci dice se c almeno una coppia di livelli che differisce in modo
significativo senza dirci quali sono e quali non lo sono in quanto si tratta del primo passo per
unanalisi. Bisogner quindi ridurre la situazione a un confronto a coppie: o un confronto
semplice fra livelli, o un confronto fra combinazioni di livelli ad ogni modo, sempre confronti
fra due cose alla volta!
LEZIONE 2
Simbolo di sommatoria di una variabile, con sopra altri indici e sotto:
n
Xi
i=1
i = indice della sommatoria, limite inferiore della sommatoria;
n = numeri da sommare, ovvero limite superiore della sommatoria;
in pratica significa che bisogna sommare tutti gli elementi da 1 a n (da X1 a Xn); se gli
indici cambiano si prendono solo quegli elementi indicati dagli estremi della serie.
Xi = insieme degli elementi da sommare10.
Sommatoria delle sommatorie : dice di sommare tutti gli elementi della serie.
NB: Nel caso di () bisogna prima svolgere la sommatoria allinterno della parentesi, poi
svolgere quella fuori della parentesi sommando i risultati delle sommatorie nella parentesi.

10

NB:

= n in questi appunti.

6
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Noi incontreremo:
a
b
sommatoria in base a, cio a1+a2+a3+a4; sommatoria in base b, cio
b1+b2+b3+b4
n
sommatoria in base n, cio, in una tavola a doppia entrata, n si trova allincrocio fra i
livelli di due variabili A e B, ed la somma di due soggetti, di due n.
a n
bn
sommatoria dei totali delle righe;
sommatoria dei totali delle colonne
(n11+n12)
b1

b2

b3

a1

n11

n12

n13

a2

n12

n22

n32

Totali
delle
righe

Totali
delle
colonne
VARIANZA = la media degli scarti dalla media al quadrato, ossia si sommano tutti gli scarti
dalla media, elevati poi al quadrato per dividere il tutto al numero di elementi sommati:
S = (xi - M)
n
(xi - M) = sommatoria dei quadrati, base delle formule computazionali dellanalisi
della varianza. Questo perch lanalisi della varianza va a scomporre la variabilit totale del
disegno sperimentale in sotto-componenti. Sulla base di tale scomposizione riesce a
determinare se la variabilit dovuta alla manipolazione della VI 11
significativamente maggiore a quella che la variabilit casuale 12- cio se leffetto della
VI superiore alleffetto casuale.
Quello che si ottiene alla fine dellanalisi della varianza si chiama F (o F di Fischer) che il
rapporto tra la variabilit dovuta al trattamento13 e il cosiddetto errore sperimentale, cio la
variabilit casuale dovuta al fatto che ci sono soggetti diversi. La stima della variabilit dovuta
al trattamento non mai pura ma al suo interno contiene anche lerrore sperimentale, perci il
numeratore composto dalla variabilit dovuta alla VI pi errore sperimentale; al
denominatore invece c, idealmente, solo lerrore sperimentale:
F = variabilit dovuta ai vari livelli della VI + errore sperimentale =
varianza fra i campioni__
errore sperimentale
varianza allinterno dei campioni

11

Cio dovuta alla VI considerata.


Dovuta cio al fatto che ci sono soggetti diversi che non si comportano tutti allo stesso modo quindi c una variabilit interna.
13
Cio alla VI manipolata, allassegnazione dei diversi livelli ai soggetti.
12

7
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Da questo deriva che, se non avessimo alcun effetto della nostra VI, ci ritroveremmo con un
rapporto di:
errore sperimentale
errore sperimentale

F=1

Quando vi leffetto della VI, allora, nella situazione ideale, il valore di F > 1. In realt ci sono
dei casi in cui F < 1 perch le due stime dellerrore sperimentale (al numeratore e al
denominatore) vengono fatte con due metodi diversi e quindi non danno sempre lo stesso
valore. Quando F 1 bisogna determinare se leffetto della VI, del trattamento, significativo
o dovuto al caso.
VERIFICA DELLE IPOTESI
Se prendiamo due gruppi di soggetti e una VI a due livelli, misuriamo la caratteristica della VI,
calcoliamo le due medie14 e le confrontiamo, sar pressoch impossibile che le due medie siano
identiche e ci vuole un metodo per poter determinare se tale differenza trovata casuale o
significativa. La verifica delle ipotesi comunque basata sul fatto che la verit assoluta non
esiste e che riusciamo a prendere solo delle decisioni in termini probabilistici, proprio perch
quando prendiamo una decisione e diciamo che leffetto della variabile importante
(significativo), c sempre un margine di errore dato che la verifica delle ipotesi si basa sulla
scelta fra due ipotesi: lipotesi nulla (H0) dice che non esiste alcun effetto della/e VI
considerata/e sulla VD15. Secondo lipotesi alternativa (H1), invece, esiste un effetto della
VI, tanto che ad es. la media della prima condizione diversa da quella della seconda
condizione, quindi la differenza tra le due medie diversa da 016.

H0 :

H1 :

Ipotesi bidirezionale (a due code) vs ipotesi monodirezionale (a una coda), pi forte


perch d gi la direzione della differenza, quindi con maggiori probabilit di essere verificata.
Quello che alla fine bisogna esser in grado di fare applicando test statistici, quello di scegliere
fra le due ipotesi, H0 e H1. La procedura della verifica delle ipotesi parte dallassunzione che
H0 sia vera e quindi si calcola qual la probabilit di trovare il risultato che abbiamo calcolato
sotto lipotesi che H0 sia vera. Il numero che otteniamo alla fine indica la probabilit di
ottenere per caso tale risultato sotto lassunzione che H0 sia vera. Se si ripete molte volte lo
14

La media di ognuno dei due gruppi sottoposti ai due livelli della VI.
Quindi la media della prima condizione uguale alla media della seconda condizione, o la differenza fra le due medie 0.
16
NB: nel caso di due livelli di una variabile, secondo H1 la media della condizione 1 sar, in maniera pi specifica, > o < alla media
della condizione 2. Unipotesi monodirezionale stabilisce che media della condizione 1 > media della condizione 2, oppure - ipotesi
inversa - media della condizione 1< media della condizione 2 e quindi la differenza fra le due medie < 0.
15

H1 :

H1 :

8
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

stesso esperimento, basato ad es. sul confronto fra due medie in un disegno a casualizzazione
completa con una variabile a due livelli, si ottiene una distribuzione normale con il centro di
simmetria in 0, valore previsto da H0, e un andamento normale, con risultati che vanno sia a
sinistra (dove la media della prima condizione superiore alla media della seconda
condizione), che a destra (dove la media della prima condizione superiore alla media della
seconda condizione):

Quando con tale verifica devo scegliere unipotesi, devo calcolare la probabilit associata a un
determinato risultato e poi vedere qual la sua probabilit in tale distribuzione; se la
probabilit associata a tale risultato bassa 17, allora rifiuto H0 perch non vero che il
risultato uno di quelli che appartengono alla distribuzione dellH0 - e accetto H1,
appartenente ad unaltra distribuzione, ad es. spostata verso destra:

Se la probabilit di ottenere per caso il risultato che si ottenuto uguale o inferiore ad ,


allora accetto H1, dicendo che c linfluenza della VI, con una probabilit di commettere un
errore pari o inferiore al livello di significativit , conferito per convenzione al 5%. Quindi
posso accettare H1 se la probabilit che il risultato ottenuto si verifichi per caso sotto
lassunzione che H0 sia vera, uguale o inferiore a 0,05 18.
Quindi legato allaccettazione di H1. In caso di ipotesi bidirezionale va diviso per due, per
distribuire la probabilit su entrambi i rami della distribuzione; 2,5% a destra e 2,5% a
sinistra. Se invece lipotesi monodirezionale, tutta la probabilit viene spostata o a destra o a
sinistra a seconda della direzione.
Errori di primo tipo (o errori ): accettare unH1 falsa;
Errori di secondo tipo (o errori ): accettare unH0 falsa (o: respingere unH1 vera).
Se viene stabilito convenzionalmente, pu essere calcolato e si basa su una serie di

17

Cio tradotto con , il livello di significativit.


Per essere maggiormente sicuri delle conclusioni da trarre, si pu anche scegliere un inferiore, es. 0,001=1% - anche se,
restringendo troppo larea in cui possiamo accettare H1, ampliamo al massimo larea in cui accettiamo H0, ecco perch dobbiamo
cercare di creare un trade off tra errori ed errori .
18

9
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

parametri; alla fine, nel 90% dei casi dei lavori pubblicati, tutti accettano H1, ossia tutti
presentano risultati in cui possono accettarla nessuno presenta dati in cui viene accettata
lH0 e i pochissimi che lo fanno devono calcolare . Ad ogni modo, anche per c un valore
convenzionale che deve essere raggiunto e non superato, pari al 20%.
Ricapitolando: nellesperimento si calcola la probabilit associata ai risultati dellesperimento e
si guarda, sotto lassunzione che H0 sia vero, se la probabilit associata a tali risultati
(uguale o inferiore) al livello di significativit - se s, accetto H1. Se invece il valore della
probabilit associata ai risultati > a (0,05), allora o calcolo il valore di e se tale valore 0
o < al 20% accetto H0 dicendo che non c alcun effetto della VI considerata, oppure sospendo
il giudizio, magari ripensando allesperimento (aumentando il numero dei soggetti, ripensando
le ipotesi).
La probabilit associata al nostro risultato va calcolata in base a dei test statistici: per la
varianza, si calcola F e si confronta con dei valori critici sulla tavola 19 che d il valore legato alla
probabilit pari al livello di significativit.
NB: Se il valore calcolato maggiore o uguale al valore critico trovato nelle tavole, accetto
H1 perch vuol dire che la probabilit di compiere un errore inferiore (o uguale) al 5%.
Lanalisi della varianza analizza prima di tutto la variabilit generale dei numeri derivanti
dalle prestazioni di soggetti in determinate condizioni; poi riesce a tirare fuori leffetto della VI
e il cosiddetto errore sperimentale (= variabilit casuale). Facendo un rapporto tra loro, trova
un indice che permette di accettare o meno H1.
Esempio:
Si ha una VI a due livelli; per ogni livello troviamo due medie diverse:
1 e 220
generale del campione totale, come se tutti i soggetti appartenessero allo stesso
gruppo21.
A1

A2

n1
n2
generale

La variabilit22 di un soggetto quella rispetto alla media generale (variabilit totale); tale
variabilit viene quindi scomposta in due componenti, costituite dalla variabilit del soggetto
rispetto alla media del suo gruppo (variabilit within group) e dalla variabilit tra i gruppi
(variabilit between groups), cio la distanza della media del gruppo di appartenenza
rispetto alla media totale. Queste tre componenti vengono calcolate dallanalisi della varianza
19

La tavola dei valori critici di F.


Media del gruppo 1 e media del gruppo 2.
21
Media delle medie.
22
Per variabilit di una risposta comportamentale X (VD) rilevata su n unit statistiche, sintende l'attitudine di tale risposta a
manifestarsi in diversi modi, ossia con diverse modalit che dipendono da diversi fattori, tra cui dalla VI e i suoi livelli,
dagli stessi soggetti, dalla possibile interazione fra livelli di VI e soggetti.
20

10
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

per arrivare al rapporto F:


variabilit generale: va stimata;
variabilit between group: variabilit del gruppo rispetto alla media generale, ossia il
numeratore nel rapporto F;
variabilit within group: denominatore nel rapporto F.
F = between
within
La somma della variabilit within group e della variabilit between groups uguale alla
variabilit totale se ci non si verifica vuol dire che sono sbagliati i calcoli.
NB:
N = numero totale di osservazioni (a*n)
n = livelli della variabile soggetti, ovvero: numero di osservazioni che si trova sotto ciascun
livello della variabile o sotto ciascuna combinazione fra i livelli della variabile.
1. Disegni a una variabile A (VI), a due livelli (a1 e a2).
a) In un disegno a casualizzazione completa con n=3 (N=6)
n1
n2
n3
x
Media
Variabilit

a1
2
3
1
6
2
2

a2
6
7
5
18
6
2

In base alla formula:

S = (xi - M)
n
1. trover la variabilit (rispetto alla media di ogni gruppo) fra i soggetti allinterno
(within) di ciascun gruppo; poich la sommatoria degli scarti dalla media mi d 0, devo
fare unaltra operazione, elevare cio al quadrato gli scarti dalla media23 per trovare la
varianza ottenendo quindi:
(2-2) + (3-2) + (1-2) = 2 per a1
(6-6) + (7-6) + (5-6) = 2 per a2
2. La stima della variabilit allinterno dei entrambi i gruppi 2, la loro sommatoria24 4, cio
la nostra stima della variabilit allinterno (within) di entrambi i gruppi.
23

Pi precisamente: la somma degli scarti fra ogni singolo dato e la media di ogni gruppo (within) sommati fra loro. Il tutto
elevato al quadrato in quanto usando semplicemente gli scarti otterremmo 0.
24
Quindi: la sommatoria delle sommatorie, scritta anche .

11
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

3. Si calcola poi la media generale delle 6 prestazioni date dai 6 soggetti come se non
fossero divisi in due gruppi ma facessero parte di un unico gruppo (dato che sono tutti
soggetti diversi):
2+6=4
2
4. Si pu quindi calcolare la variabilit totale - ovvero la variabilit di ogni soggetto rispetto
alla media generale25:
(2-4) + (3-4) + (1-4) = 14 per a1
(6-4) + (7-4) + (5-4) = 14 per a2
La loro somma - relativa al totale 28, cio la variabilit nellintero disegno
sperimentale.
5. Ci rimane la variabilit dovuta allappartenenza del gruppo 26:
media del dato singolo: 2 in a1, 6 in a2;
media allinterno del gruppo: 4 in entrambi i gruppi;
da calcolare quindi la differenza della media di ciascun soggetto con la media del suo gruppo 27:
(2-4) + (2-4) + (2-4) = 12
(6-4) + (6-4) + (6-4) = 12
trovando in questo modo la variabilit between = 2428

NB: allaltezza di 15,00 da segnare la media generale!

25

Pi precisamente: la somma degli scarti tra ogni dato e la media generale, del gruppo come fosse un tuttuno. Il tutto sempre
elevato al quadrato.
26
Il tratto che va dalla media del gruppo alla media generale. Pi precisamente: la somma degli scarti fra la media dei dati di ogni
gruppo e la media generale.
27
Sempre elevati al quadrato!
28
Cio quanto mediamente sono distanti le medie dei diversi gruppi dalla media generale

12
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Il tutto riportabile nella tabella dellANOVA (=ANalys Of VAriance):


Fonti di
Variabilit
(SV)29
Tra gruppi
(variabile
A)33
Entro
gruppi
(variabile
relativa ad
n,
soggetti)35
Totale

Somma
dei
quadrati
(SS)30
SS(A)
12 (a1)
12 (a2)

Gradi di
libert
(df)31

Media dei
quadrati
(MS)32

Rapporto
F (tra
varianze)

df(A):
a-1
2 - 134= 1

MS(A)
MS(S/A)
24/1

SS(S/A)
2 (a1)
2 (a2)

df(S/A):
a(n36 1)
2 *(3 1)
=4

MS(A):
SS(A)
a-1
24/1=24
MS(S/A):
SS(S/A)

SS(y)
24+4 = 28

a(n-1)
4/4=1

an-137
5

NB: non posso ancora fare F = 24/ 4 in quanto non sto ancora lavorando sulle varianze ma
sulla parte della varianza che sta al di sopra della divisione di n: finora ho infatti ottenuto la
somma dei quadrati.
Nella tavola dellanalisi della varianza trovo una prima colonna indicante le fonti della
variabilit allinterno del disegno sperimentale. Ci sono fonti di variabilit per ciascuna
variabile che in gioco, e nel nostro caso la variabilit provocata da:
o
o
o

A, cio la VI (due livelli diversi, a1 e a2);


dai soggetti n, indicati con S, (che corrispondono al numero di osservazioni sotto ogni
livello di A: n1, n2, n3);
alla fine unultima fonte (riassuntiva) ci dice qual la variabilit totale.

29

Source Variance, ovvero le variabili in gioco nel mio disegno sperimentale (VI, che non entra in gioco direttamente ma che ci viene
fornita dai soggetti e variabile soggetti) + una fonte totale che ci d la stima della variabilit totale ai fini di controllo.
30
Sums Square. E la parte della formula per arrivare alla varianza prima di dividere per il numero dei dati della nostra distribuzione.
31
Degrees of Freedom = il numero minimo di dati sufficienti a valutare la quantit d'informazione contenuta nella statistica. Infatti,
quando un dato non indipendente (v. poi), l'informazione che esso fornisce gi contenuta implicitamente negli altri.
possibile quindi calcolare le statistiche utilizzando soltanto il numero di osservazioni indipendenti.
32
Mean squares, ovvero le stime della varianza dovute alle varie fonti della variabilit media della varianza fra i gruppi e entro i
gruppi.
33
Fonte di A che la mia VI al numeratore.
34
Numero di livelli, di osservazioni (di gruppi) 1.
35
Fonte di S/A (leggi: s dentro a); rappresenta il numero di soggetti ma anche il numero di prestazioni sotto ogni livello della
VI. Si trova al denominatore.
36
A*n = numero di unit sperimentali totali (6, 3 in ognuno dei due gruppi).
37
Ossia: il prodotto dei livelli delle variabili in gioco meno uno; oppure la somma delle variabili precedenti: (a-1)+a(n-1).

13
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

I soggetti in un disegno a casualizzazione completa sono nidificati nei livelli di A, cio sono
diversi in ogni livello di A e ci si indica con: S/A, capendo quindi che la variabile A a
casualizzazione completa.
La colonna successiva quella dei gradi di libert: per A n-1, per S/A a(n-1) e per la
fonte totale an - 1.
I gradi di libert cambiano dunque a seconda delle fonti:
nelle variabili in isolamento, ovvero in qualsiasi effetto principale, i gradi di libert sono
uguali al numero dei livelli della variabile meno 1: a 1; essendo due i livelli di A, abbiamo
1 grado di libert;
per quanto riguarda la fonte totale i gradi di libert sono dati dal numero totale delle
osservazioni totali meno 138:
an 1.
Per la variabile soggetti nidificata nei livelli di A le cose sono leggermente diverse. Il calcolo
dei df deriva infatti da come scritta la formula nella colonna delle fonti: avendo S/A, tutto
quello che sta a destra della barra (A), compare nella formula con i livelli -; tutto ci che
sta a sinistra della barra compare con i gradi di libert che corrispondono a: numero dei
livelli (in questo caso: n) meno 1. In questo caso avremo che da S/A la formula data da:
a (n-1) = 2(3-1).
Somme dei quadrati
Somme dei quadrati di A: calcolate prima, si tratta delle sommatorie delle differenze fra il
singolo dato e le varie medie, elevate al quadrato e sommate fra loro. Si tratta di:
la somma dei quadrati di A:
(2-4) + (2-4) + (2-4) = 12 (per a1)
(6-4) + (6-4) + (6-4) = 12 (per a2);
la somma dei quadrati di S/A
(2-2) + (3-2) + (1-2) = 2 per a1
(6-6) + (7-6) + (5-6) = 2 per a2;
la somma dei quadrati totale
24+4= 28
NB: la somma dei quadrati della fonte totale deve essere uguale alla sommatoria dei quadrati
delle altre fonti (di A e di S/A). Inoltre, i gradi di libert della fonte totale non sono altro che la
somma dei gradi di libert delle altre fonti: n 1 + a (n 1) = 1 + 4 = 5.
A questo punto abbiamo la formula superiore di quella della varianza, la cosiddetta somma dei
quadrati. Per ottenere la stima della varianza dovuta alle singole fonti dividiamo la somma dei
quadrati di A per i gradi di libert di A; la somma dei quadrati di S/A per i relativi gradi di
libert ottenendo cos le medie dei quadrati (Mean Squares)
38

Date cio dal prodotto delle variabili del disegno sperimentale.

14
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

somma dei quadrati di A39


gradi di libert di A

somma dei quadrati di S/A40


gradi di libert di S/A

Abbiamo quindi due stime per la varianza: una dovuta alla VI (la variabile A), laltra dovuta
(idealmente) alla variabilit dei soggetti allinterno di A. Facendo il rapporto fra i due con al
numeratore la fonte fra i campioni e al denominatore la fonte allinterno dei campioni, avr:
F =_Mean Square di A
Mean Square di S/A

F = 24 = 24
1

F con 1 grado di libert al numeratore e 4 al denominatore uguale a 24. Vado quindi a vedere
le tavole e allincrocio fra 1 e 4 trova il valore critico 7, 71. Faccio il confronto con F calcolato:
24>7,71, quindi accetto H1.
LEZIONE 3
b) Nel caso in cui il disegno con una VI a due livelli sia a ripetizione completa i soggetti
compaiono sotto tutti i livelli della VI ed entrano quindi in interazione con la stessa
variabile.
Fonti
della
Variabilit
(SV)
Variabile A

Variabile
relativa ad
n,
(Soggetti)
Interazione
fra A e
soggetti
Fonte
totale

39
40

Somma
dei
quadrati
(SS)
SS(A)
(a1),(a2)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

df(A):
a-1

di A:
SS(a)
a-1

MS A
MS AS

SS(S)
(a1),(a2)

df(S):
n-1

di S:
SS(S)
n-1

SS(AS)

SS(A)+
SS(S) +
+ SS(AS)

df(AS)
(a-1)(n1)

di SA:
SS(AS)
(a-1)(n1)

(a-1)+(n1)+
+[ (a1)(n-1)]
Oppure:
an-1

Oppure: mean square di A MSA.


Oppure: mean square di s dentro A MS S/A.

15
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Le

fonti della variabilit sono quindi:


la nostra VI: A;
la variabile totale;
la variabile soggetti;
linterazione fra VI e variabile soggetti - non pi nidificata in A, bens entra in iterazione con
A;

I gradi di libert:

quelli di A corrispondono al numero di livelli di A meno uno: a 1;


quelli di s, come variabile in isolamento, diventa un effetto principale con i gradi di libert
che sono dati dal numero dei livelli dei soggetti meno uno: n 1;
lunico elemento nuovo linterazione fra soggetti e VI che si comporta come tutte le
interazioni fra VI: i gradi di libert corrispondono al prodotto dei gradi di libert delle fonti
che compongono tale interazione: (a-1)(n-1);
I gradi di libert della fonte totale il numero di osservazioni meno uno: an 1; deve
essere uguale alla somma dei gradi di libert delle due fonti e dellinterazione.

Somma dei quadrati:

di A;
dei soggetti;
di AS (soggetti*A) essendo le due variabili in interazione fra loro;
della fonte totale anche in questo caso la somma dei quadrati della fonte totale
uguale alla sommatoria delle somme dei quadrati delle altre fonti.

Stime della varianza: da calcolare dividendo le somme dei quadrati delle singole fonti con i
gradi di libert relativi:

somma dei quadrati di A/gradi di libert di A (mean square di A);


la stima della varianza dei soggetti non viene pi calcolata in quanto serve solo a togliere
variabilit nel nostro disegno sperimentale: nel caso di un disegno a ripetizione completa
siamo in grado di suddividere la varianza in pi componenti rispetto a uno a casualizzazione
completa;
somma dei quadrati di AS/gradi di libert di AS (mean square di AS).

F = MS A
MS SA
Se il valore calcolato uguale o maggiore del valore critico delle tavole, accettiamo H1 la VI
ha un effetto sulla VD.
Esempio:
A: 3 livelli (a1, a2, a3)

16
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

n = 10 (livelli dei soggetti) ognuno dei 10 soggetti svolge 3 prestazioni (a1, a2, a3), quindi
mi d 3 valori.
Calcolo dei gradi di libert:
- di A a 1 = 3 1 = 2
- dei soggetti: n 1 = 10 1 = 9
- di AS (denominatore): prodotto dei gradi di libert di A e di S: 2*9=18
- della fonte totale: (3*10) 1 = 29; corrispondente a: 18+2=20+9=29
Quindi:
in un disegno a casualizzazione completa con una variabile si hanno 3 fonti della
variabilit: A, S/A e la fonte totale;
in un disegno a ripetizione completa con una variabile si hanno 4 fonti della
variabilit: A, S, AS e la fonte totale.
2) Disegni a due variabili, A e B, ognuna a due livelli (a1 e a2, b1 e b2)
a) In un disegno a casualizzazione completa con due variabili a due livelli, si avranno
4 gruppi diversi di soggetti per le 4 combinazioni dei livelli delle nostre due variabili (un
gruppo di soggetti: a1b1, un altro gruppo: a1b2; un altro: a2b1; e poi: a2b2)
Fonti
della
Variabilit
(SV)
Variabile A

Variabile B

Somma
dei
quadrati
(SS)
SS(A)

SS(B)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

df(A)
a-1

MS(A)
SS(a)
a-1
MS(B)
SS(b)
b-1
MS(AB)
SS(AB)
(a-1)(b1)
MS(S/AB)
SS(S/AB)
ab(n-1)

df(B)
b-1

Interazione
fra A e B
(AB)

SS(AB)

Variabile
relativa ad
n, soggetti,
S/AB41
Fonte
totale

SS(S/AB)

df(S/AB)
ab(n-1)=
abn-ab

SS(A) +
SS(B) +
SS(AB) +
SS(S/AB)

(a-1) + (b1) +
(abn-ab) +
[(a-1)(n1)]

41

df(AB)
(a-1)(b1)

Rapporto
F (tra
varianze)

MS A
MS S/AB
MS B
MS S/AB
MS AB
MS S/AB

Denominatore.

17
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Oppure:
abn-1
Essendoci fonti di variabilit per ciascuna variabile che in gioco, avremo:
una fonte per A;
una fonte per B;
essendo le due variabili in interazione fra loro, bisogna anche considerare linterazione AB;
la fonte totale;
i soggetti sono diversi a seconda della combinazione dei livelli di A e di B (ci sono cio 4
gruppi diversi di soggetti): si dice quindi che i soggetti sono nidificati dentro i livelli di B e a
loro volta dentro i livelli di A. La fonte di variabilit soggetti viene indicata come S/AB.
Gradi di libert:
a1, b-1 (per A e B);
la totale: abn1;
dellinterazione AB: prodotto dei gradi di libert delle fonti che compongono linterazione
(a-1)(b-1);
al denominatore: sappiamo che ci che sta a destra compare nella formula con i livelli,
quello che sta a sinistra compare con i gradi di libert. Nel nostro caso: ab(n-1).
Somma dei quadrati:
di A, di B, di AB, di S/AB, della fonte totale.
Anche qui vale la regola che sia i gradi di libert, sia la somma di quadrati della fonte
totale, sono, ognuna per conto suo, uguali alla sommatoria dei gradi di libert di tutte le
altre fonti e alla sommatoria delle somme dei quadrati di tutte le altre fonti.
Dividendo le somme dei quadrati di ciascuna fonte per i relativi gradi di libert otteniamo i
mean square per A, per B e per AB che ci servono per calcolare F.
A questo punto possiamo calcolare i nostri rapporti F: ne avremo uno per A, uno per B, uno per
AB (per linterazione fra le due VI) e, per calcolare F andremo a dividere i vari mean square di
A, B e AB al numeratore per i mean square della fonte che contiene i soggetti al denominatore.
MS A__ ;
MS di S/AB

MS B___
MS di S/AB

MS AB__
MS di S/AB

Questi tre F avranno come gradi di libert:


al numeratore quelli del relativo numeratore: nel caso di A avr a-1, nel caso di B avr
b-1, nel caso di AB avr (a-1)(b-1);
al denominatore, essendo sempre lo stesso, avr sempre ab(n-1).
I tre F calcolati andranno confrontati con i valori critici delle tavole allincrocio fra gradi di
libert del numeratore e gradi di libert del denominatore. Se i valori saranno maggiori o

18
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

uguali, potremmo accettare H1. In questo caso, se risulter significativo lF di A, sapremo che
c un effetto di A indipendentemente da B; se F di B risulta essere significativo sapremo che
c anche un effetto di B indipendentemente da A; se pure linterazione risulta significativa,
sapremo che c un effetto combinato delle due VI, cio che al variare del livello di una
variabile, cambiano le differenze fra i livelli dellaltra.
Esempio:
A=3 B=4
n=5
gradi di libert di A: 3-1=2
gradi di libert di B: 4-1=3
gradi di libert di AB: (3-1)(4-1)=6
di S/AB: 3*4 (5-1)= 48
gradi di libert della fonte totale: 3*4*5 - 1 = 59 (48+2=50+9=59)
F relativo ad A avr quindi 2 gradi di libert al numeratore e 48 al denominatore;
F relativo a B avr 3 gradi di libert al numeratore e 48 al denominatore;
F relativo ad AB avr 6 gradi di libert al numeratore e 48 al denominatore.
Tale coppia di valori servir per trovare il valore critico da confrontare con la relativa F.
b) Se il nostro disegno a due variabili a ripetizione completa, ogni soggetto ci d un
dato per ogni combinazione di livelli delle variabili. Quindi il soggetto nr. 1 (come pure il
soggetto nr.2, il soggetto nr. 3) mi dar un valore per a1b1, uno per a1b2, uno per
a2b1, uno per a2b2.
Fonti della variabilit:

A, B (effetti principali); AB (interazione);


I soggetti - che qui non sono bloccati dentro la singola combinazione della variabile, bens
si muovono da una allaltra combinazione, comparendo quindi a pieno titolo;
i soggetti entrano in interazione con le variabili: avremo quindi SA, SB, SAB;
la fonte totale .

Fonti della
Variabilit
(SV)
variabile A
Variabile B

Variabile
dell
Interazione

Somma
dei
quadrati
(SS)
SS (A)
SS (B)

SS (AB)

Gradi di
libert
(df)
df (A)
a-1
df (B)
b-1
df (AB)
(a-1)(b1)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

SS (a)
a-1

MS A
MS SA

SS (B)
b-1

MS B
MS SB

SS (AB)
(a-1)(b-

MS AB
MS SAB

19
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

fra A e B
(AB)
variabile
relativa ad
n, soggetti,
S
Variabile
SA
(interazione
soggetti e
VI)
Variabile
SB

1)
SS (S)

df (S)
n-1

SS (SA)

df (SA)
(a-1)(n1)

SS (SB)

Variabile
SAB

SS (SAB)

Fonte totale

SS
SS
SS
SS
SS
SS
SS

(A) +
(B) +
(AB) +
(S) +
(AS) +
(BS) +
(ABS)

df (SB)
(b-1)(n1)
df (SAB)
(a-1)(b1)(n-1)

SS (SA)
(a-1)(n1)
SS (SB)
(b-1)(n1)
SS (SAB)
(a-1)(b1)(n-1)

abn-1

Gradi di libert:

a-1, b-1, n-1 per le fonti principali;


abn-1 per la fonte totale;
prodotti dei gradi di libert che compongono le fonti di interazione per le interazioni: (a1)(b-1) per AB, (a-1)(n-1) per SA, (b-1)(n-1) per SB e (a-1)(b-1)(n-1) per SAB.

Anche in questo caso la somma dei gradi di libert uguale ai gradi di libert della fonte
totale; le somme dei quadrati di A, di B, di AB, di AS, di AS(A), di AS(B), di (AS)(AB) mi d la
somma dei quadrati della fonte totale cio la somma dei quadrati di tutte le altre fonti.
Si andr a dividere per i relativi gradi di libert per trovare numeratori e denominatori per tutti
i nostri rapporti F:
mean square di A: somma dei quadrati di A
gradi di libert di A
mean square di B: somma dei quadrati di B

20
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

gradi di libert di B
mean square di AB: somma dei quadrati di AB
gradi di libert di AB
mean square di SA: somma dei quadrati di SA
gradi di libert di SA
mean square di SB: somma dei quadrati di SB
gradi di libert di SB
mean square di SAB: somma dei quadrati di SAB
gradi di libert di SAB
NB: I soggetti non ci interessano pi.
Non trovandoci come nel disegno a casualizzazione completa con un unico denominatore,
bisogna scegliere quello pi appropriato, cio quello che contiene la fonte di variabilit (leffetto
o fonte principale) e la fonte (variabile) soggetti e possibilmente niente altro. In questo caso
avremo che:
F per A:

MS (A)
MS (SA)

F per B:

MS (B)
MS (SB)

F per AB:

MS (AB)
MS (SAB)

Ci troviamo quindi con tre F con i gradi di libert di A, di B, di AB e nellinterazione con i gradi
di libert di SA, SB e di SAB. Le coppie di gradi di libert le useremo per trovare gli F critici da
confrontare con le tavole al fine di accettare o meno F1.
3) In un disegno misto abbiamo due variabili una a casualizzazione completa e una a
ripetizione completa, ad es. maschi e femmine quando, in un compito di tempi di
reazione, rispondono a stimoli su uno schermo con la mano destra e sinistra.
Qui abbiamo:
A (a1 e a2) e B (b1 e b2);
A=3, B=4, n=5
NB: In base alle convenzioni, in un disegno misto A la variabile a casualizzazione completa, B
quella a ripetizione completa.
Abbiamo due gruppi di soggetti, ognuno dei quali fornisce due prestazioni. La variabilit
provocata da:

A, B e AB
Soggetti, nidificati nei livelli di A quindi non possono comparire da soli ma sono vincolati
ad A e sono indicabili come S/A.

21
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

La variabile dei soggetti entra invece in iterazione con laltra variabile B, avremo quindi B*S
/A;
La fonte totale.

Fonti della
Variabilit
(SV)
Variabile A
Variabile B

Somma
dei
quadrati
(ss)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1

SS(A)
a-1

MS(A)
MS(S/A)

b-1

SS(B)
b-1

MS(B)
MS(BS/A)

SS(AB)
(a-1)(b1)

MS(AB)
MS(BS/A)

SS(A)
SS(B)

Variabile
dellinterazione
fra A e B (AB)

SS(AB)

Variabile
relativa ad n,
soggetti, S/A
Variabile
relativa ad n,
soggetti, BS/A

SS(S/A)

Fonte totale

Somma
delle
precedenti

Gradi

Gradi di
libert
(df)

(a-1)(b1)
a(n-1)

SS(S/A)
a(n-1)

a(b-1)(n1)

SS(BS/A)
(a-1)(n1)

SS(BS/A)

abn-1

di libert (df):
a-1, b-1, (a-1)(b-1) 2 df per A, 3 per B, 6 per linterazione
per S/A a(n-1): 3*4=12
per BS/A a(n-1)(b-1) 3*4*3=36
Per la fonte totale abn-1: 3*4*5 -1=59 (infatti la prova risulta:
36+12=48+2=50+9=59)

Bisogna poi trovare:


Somme dei quadrati di A;
Somme dei quadrati di B;
Somme dei quadrati di AB;

22
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Somme dei quadrati di S/A;


Somme dei quadrati di BS/A;
Somme dei quadrati della fonte totale= sommatoria delle somme dei quadrati di tutte le
fonti.
Ogni somma dei quadrati di ciascuna fonte va divisa per i relativi gradi di libert ai
denominatori e si trova il mean square:
mean square di A: somma dei quadrati di A
gradi di libert di A
mean square di B: somma dei quadrati di B
gradi di libert di B
mean square di AB: somma dei quadrati di AB
gradi di libert di AB
mean square di S/A: somma dei quadrati di S/A
gradi di libert di S/A
mean square di BS/A: somme dei quadrati di BS/A
gradi di libert di BS/A
Ci calcoliamo quindi gli F:
F per A:

MS A
MS S/A

F per B:

MS B__
MS BS/A

F per AB:

MS AB
MS BS/A

Anche in questo caso le tre F ci servono per vedere se vi un effetto indipendente di A o di B


(effetti principali) e/o se vi uninterazione fra le due variabili.
Per F relativo ad A le coppie di gradi di libert sono a-1 e an-1, per B sono b-1 e a(b-1)(n-1)
per AB sono al numeratore (a-1)(b-1) e al denominatore a(b-1)(n-1).
Allincrocio si trovano i valori critici e se quello che abbiamo calcolato maggiore o uguale al
valore critico, accettiamo H1, altrimenti sospendiamo il giudizio.
4) Disegno con 3 VI, a casualizzazione completa:
A: maschi e femmine
B: biondi e castani
C: alti e bassi
8 gruppi individuati dai livelli della variabile A (a1b1, a1b2; a1c1,a1c2; a2b1, a2b2,
a2c1,a2c2).
Fonti della variabilit:
o A, B e C;
o Interazioni di primo ordine AB, AC, BC;
o Interazione di secondo ordine ABC;
o Fonte totale;
o Soggetti ingabbiati dentro le combinazioni dei livelli della variabile quindi sono
dentroA, dentroB e dentroC.

23
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Fonti
della
Variabilit
(SV)
Variabile A
Variabile B

Variabile C

Somma
dei
quadrati
(ss)
SS(A)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(ms)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1

SS(A)
a-1

MS(A)
MS S/ABC

b-1

SS(B)
b-1

MS(B)
MS S/
ABC

c-1

SS(C)

SS(B)

SS(C)

c-1
Variabile
dell
Interazione
fra A e B
(AB)
Variabile
dell
Interazione
fra A e C
(AC)
Variabile
dell
Interazione
fra C e B
(CB)
S/A

SS(AB)

S/B

SS(S/B)

S/C

SS(S/C)

Variabile
dell
Interazione
fra A, B e C
(ABC)
Fonte
totale

SS(ABC)

MS(C)
MS S/
ABC

SS (AB)
(a-1)(b1)

MS(AB)
MS S/
ABC

(a-1)(c-1)

SS (AC)
(a1)(c-1)

MS(AC)
MS S/
ABC

(c-1)(b-1)

SS (BC)
(b1)(c-1)

MS(BC)
MS S/
ABC

(a-1)(b1)
SS(AC)

SS(BC)

SS(S/A)

Somma
delle

(a-1)(b1)(c-1)

MS(ABC)
MS S/
ABC

abcn-1

24
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

precedenti

o
o
o
o

Gradi di libert (df):


a-1, b-1, c-1 essendoci 2 livelli per A,B,C, abbiamo 1 df per A, 1 per B, 1 per C;
per le interazioni di primo grado: prodotto dei gradi di libert delle variabili che lo
compongono: (a-1)(b-1);(a-1)(c-1);(b-1)(c-1) 1 df per AB, AC e BC;
per literazione ABC: (a-1)(b-1)(c-1) = 1;
fonte totale: abcn-1= 2*2*2*5=40-1=39
n=5
abc(n-1)=2*2*2*4= 32+5+27=39
Quindi si trovano:
Somme dei quadrati di ogni fonte;
mean square di ogni fonte;
F di ogni mean square: mean square di A/mean square di S/ABC; mean square di B/mean
square di S/ABC e cos via
Tutti i sette F calcolati avranno come denominatore lunico che contiene i soggetti e le altre
variabili: S/ABC. Ogni F avr i suoi gradi di libert e ci dar informazioni sugli effetti principali,
cio se ci sono effetti indipendenti di A, di B o di C; informazioni su eventuali effetti delle
interazioni fra AB, AC, BC; e se c uninterazione generale.
5) Nei disegni a ripetizione completa non si pi in una situazione di questo genere ma
ogni soggetto mi d otto dati.
o La variabile soggetti (S) entra da sola (ed entra in iterazione con tutte le altre variabili);
o ci sono tutte le interazioni con A, con B, con C, con AB, con AC, con BC e con ABC:
SA,SB, SC, SAB, SAC, SBC, SABC.
o Tutti questi (tranne la fonte S che perderemo per strada) sono dei denominatori, e
ciascuna di queste un denominatore unico per gli F, cio F di A sar dato dal mean
square di A/mean square di SA, F di B sar dato dal rapporto fra mean square di B/
mean square di SB e cos via, fino al F di ABC dato da mean square di ABC/ mean
square di SABC.
o I gradi di libert sono gli stessi: per i soggetti ne abbiamo 4 (n=5);
o gli altri hanno tutti 4 gradi di libert;
o la fonte totale 5*8=40-1=39
o 32 sono suddivisi tra tutti i denominatori, e ciascuna fonte ha un suo denominatore: 4.
LEZIONE 4
6) Se ci troviamo con disegni misti con tre variabili: A (a1, a2), B (b1, b2) e C (c1, c2),
di cui ci sono due possibilit: due variabili a casualizzazione completa e una a
ripetizione completa oppure una variabile a casualizzazione completa e due a
ripetizione completa (v. poi).

25
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

A: maschi femmine (casualizzazione completa)


B: alti e basse (casualizzazione completa)
C: mano destra e sinistra (ripetizione completa)
Fonti
della
Variabilit
(SV)
Variabile A

Variabile B

Variabile C

Somma
dei
quadrati
(ss)
SS(A)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(ms)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1

SS(A)
a-1

MS(A)
MS S/AB

b-1

SS(B)
b-1

MS(B)
MS S/AB

c-1

SS(C)

SS(B)

SS(C)

c-1
Variabile
dell
Interazione
fra A e B
(AB)
Variabile
dell
Interazione
fra A e C
(AC)
Variabile
dell
Interazione
fra C e B
(CB)
Variabile
dell
Interazione
fra A, B e C
(ABC)
S/AB

MS(C)
MS CS/AB

SS(AB)
(a-1)(b1)

SS (AB)
(a-1)(b-1)

MS(AB)
MS S/AB

(a-1)(c-1)

SS (AC)
(a1)(c-1)

MS(AC)
MS CS/AB

(c-1)(b-1)

SS (BC)
(b1)(c-1)

MS(BC)
MS CS/AB

SS(ABC)
(a-1)(b1)(c-1)

MS(ABC)
MS CS/AB

SS(AC)

SS(BC)

SS(ABC)

SS(S/AB)

(a-1)(b1)(c-1)

ab(n-1)
SS(S/AB)
ab(n-1)

CS/AB

SS(CS/AB)

ab(n1)(c-1)

SS(CS/AB)

26
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

ab(n-1)(c1)
Fonte
totale

Somma
delle
precedenti

abcn-1

Effetti:
i tre effetti principali, le variabili A, B, C;
gruppi identificati nelle combinazioni delle singole variabili: AB (a1b1, a1b2, a2b1,
a2b2), AC, BC; ABC (interazioni di primo e di secondo ordine);
la fonte totale;
i denominatori che contengono la variabile soggetti. Essendo A e B variabili a
casualizzazione completa, i nostri soggetti sono nidificati in A e B in quanto sia in
soggetti in a1 e a2 (maschi e femmine), sia quelli in b1 e b2 (alti e bassi) sono diversi,
indichiamo come S/AB.
C poi linterazione fra la variabile C e la variabile soggetti nidificata nei livelli AB:
C*S/AB.
Gradi di libert (da elencare in tabella):
livelli 1 per gli effetti principali: a-1, b-1, c-1 1 grado di libert per A,B,C;
prodotto dei gradi di libert delle fonti che compongono linterazione per le interazioni:
(a-1)(b-1), (a-1)(c-1), (b-1)(c-1), (a-1)(b-1)(c-1) per interazioni AB, AC, BC, ABC 1
grado di libert
per la fonte totale: nr osservazioni -1: abcn-1 se n=5 (cio 5 osservazioni per
ciascuna combinazione di variabili), avremo 2*2*2*5 1= 39
per i denominatori (soggetti): prendendo come punto di riferimento la barra, quello che
sta a destra con i livelli, quello che a sinistra sta con i gradi di libert: ab(n-1) per
quanto riguarda S/AB 2*2(5-1)= 16; ab(c-1)(n-1) per quanto riguarda CS/AB (in
quanto C ed S stanno a sinistra della barra) 2*2(2-1)(5-1)= 16.
Si calcolano quindi le somme dei quadrati: di A, di B della fonte totale.
La sommatoria delle somme dei quadrati di tutte le fonti (tranne la totale) danno come
risultato la somma dei quadrati della fonte totale. La somma dei quadrati il numeratore della
formula della varianza.
Per ottenere le stime della varianza si divide per i gradi di libert relativi, quindi per avere il
mean square di A avremo la somma dei quadrati di A/gradi di libert di A e cos via; per avere
il mean square di CS/AB avremo la somma dei quadrati di CS/AB/gradi di libert di CS/AB.
Gli F vanno costruiti con denominatore appropriato, che contiene la variabile soggetti: per A
avremo il mean square di A al numeratore e il denominatore con la fonte A e la fonte soggetti,
cio S/AB. Quindi:

27
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

F di A: mean square di A/mean square di S/AB


F di B: mean square di B/mean square di S/AB
F di C: mean square di C/mean square di CS/AB
Per le interazioni: se ci sono solo le variabili A e B, avremo S/AB:
F di AB: mean square di AB/ mean square di S/AB;
per quelle che contengono C: il denominatore sar mean square di CS/AB
Troviamo quindi sette F identificati dai gradi di libert del numeratore e del denominatore 42;
per ciascuno di essi si andr a cercare il valore critico sulle tavole allincrocio tra numeratore e
denominatore e se il valore calcolato sar superiore a tale valore, accettiamo ciascuna delle H1
(se c un effetto del genere sulla velocit di risposta dei soggetti, indipendente dalla mano di
risposta o di essere alti e bassi; se c un effetto dellaltezza, indipendente dal genere e dalla
mano di risposta; se c un effetto della mano di risposta, indipendente dellaltezza e dal
genere; se ci sono interazioni fra genere e altezza, genere e mano, h e mano; se c
uninterazione a tre con effetto combinato sulla velocit di risposta dei soggetti).
7) Se ho un disegno misto con tre variabili, una a casualizzazione completa e due
a ripetizione completa.
A: maschi e femmine (casualizzazione completa);
B: campo di presentazione (ds/sin) (ripetizione completa);
C: mano di risposta (ds/sin) (ripetizione completa).
I valori di B e C saranno legati fra loro in quanto dati dallo stesso soggetto: lo stesso soggetto
ci d una prestazione per campo ds e sin, per mano ds e sin (campo ds e mano ds, campo ds e
mano sin, campo sin e mano ds, campo sin e mano sin). Sono per bloccati allinterno dei
valori di A.
Fonti
della
Variabilit
(SV)
Variabile A
Variabile B

Variabile C

42

Somma
dei
quadrati
(ss)
SS(A)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
1

SS(A)
a-1

MS(A)
MS S/A

b-1
1

SS(B)
b-1

MS(B)
MS BS/A

c-1
1

SS(C)

SS(B)

SS(C)

c-1

MS(C)
MS CS/A

Sette F diversi costituiti da elementi diversi.

28
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Variabile
dell
Interazione
fra A e B
(AB)
Variabile
dell
Interazione
fra A e C
(AC)
Variabile
dell
Interazione
fra C e B
(CB)
Variabile
dell
Interazione
fra A, B e C
(ABC)
S/A

SS(AB)
(a-1)(b1)
1

SS (AB)
(a-1)(b-1)

MS(AB)
MS BS/A

(a-1)(c-1)
1

SS (AC)
(a1)(c-1)

MS(AC)
MS CS/A

(c-1)(b-1)
1

SS (BC)
(b1)(c-1)

MS(BC)
MS BCS/A

SS(ABC)
(a-1)(b1)(c-1)

MS(ABC)
MS BCS/A

SS(AC)

SS(BC)

SS(ABC)

SS(S/A)

BS/A

SS(BS/A)

CS/A

SS(CS/A)

BCS/A

SS(BCS/A)

Fonte
totale

Somma
delle
precedenti

(a-1)(b1)(c-1)
1
a(n-1)
2(5-1)=8
a(n-1)(b1)
2(5-1)(21)=
8
a(n-1)(c1)
2(5-1)(21)=
8
a(n-1)(b1)(c-1)
2(5-1)(21)(2-1)=
8
abcn-1
2*2*2*5 1=
39

SS(S/A)
a(n-1)
SS(BS/A)
a(n-1)(b1)
SS(CS/A)
a(n-1)(c1)
SS(BCS/A)
a(n-1)(b1)(c-1)

29
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

I numeratori sono gli stessi: effetti principali e le interazioni tra essi A, B, C, AB, AC, BC,
ABC.
Ci che cambia sono invece i denominatori:
totale: abcn -1;
S: nidificati dentro A (unica variabile a casualizzazione completa, tanto da determinare i
due gruppi differenti): S/A;
i soggetti entrano poi in iterazione con le variabili a ripetizione completa: BS/A, CS/A,
BCS/A.
Cio: S/A come se fosse un blocco unico, e come blocco unico entra in iterazione con
le altre variabili. Tali interazioni sono di primo (BS/A, CS/A) e di secondo ordine
(BCS/A).
Gradi di libert (v. tabella)
Somme dei quadrati/relativi gradi di libert = mean square (v. tabella)
Calcolo dei vari F (v. tabella)
Anche qui abbiamo sette F, identificati in questo caso da un grado di libert al numeratore e 8
al denominatore - in quanto tutti i denominatori e tutti i numeratori hanno gli stessi df. Avremo
quindi un unico valore critico allincrocio fra 1 e 8, che useremo per tutti i valori calcolati.
Se avessimo una situazione diversa, come tre campi di presentazione e quattro modi di
risposta (due mani e due piedi), le cose cambierebbero in quanto:
o per il numeratore avremmo per B due df e per C tre df; per le interazioni AB sarebbe 2, per
AC sarebbe 3, BC sarebbero 6 df; ABC 6 df;
o per il denominatore avremmo 8 df per S/A, 2x2x4=16 df per ABS/A; 2x6x4=24 df per
CS/A; 2x2x3x(n-1)=48 df per BCS/A. Il tutto sommato dovrebbe dare 119.
A questo punto non ci sarebbe pi solo un F critico allincrocio tra 1 e 8: esso servirebbe solo
per A. Un altro sarebbe fra 2 e 16, un altro fra 3 e 24, uno fra 2 e 16, uno fra 3 e 24, fra 6 e
48 per BC, fra 6 e 48 (per ABC).
Derivazione delle formule computazionali della varianza dalle formule dei gradi di
libert
Le formule dei gradi di libert sono fondamentali in quanto da esse si derivano le formule
computazionali per le somme dei quadrati.
a)

Il caso pi semplice. Riprendiamo lesempio iniziale: VI con due livelli: A a1 e a2 in


un disegno a casualizzazione completa43 con 3 soggetti, n=3 (N=6)
n1

43

a1
2

a2
6

Sotto tutti i livelli ci sono soggetti diversi.

30
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

n2
n3
Totale

3
1
6=a1

7
5
18=a2

Ci interessa vedere se la VI (manipolata) ha un effetto sulla VD44, per poi alla fine dire se c o
no una differenza fra a1 e a2; se c accettiamo H1, considerando sempre il margine di
errore margine stabilito nella percentuale del 5% o meno.
In questo caso la tavola dellanalisi della varianza avr:
Fonti
della
Variabilit
(SV)
A

Somma dei
quadrati
(SS)
a(nX)
n
- (anx)
an

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(ms)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1

SS(A)
a-1

MS A
MS S/A

SS(S/A)
a(n-1)

45

S/A46

an(x)a(nX)
n

a(n1)=an-a

Fonte
totale

an(x)(anx)
an

an-1

NB: nelle formule si pu trovare il Termine di Correzione (C) al posto del totale della
sommatoria di tutti i dati, elevata al quadrato e divisa per an = (anX)/an
Le formule computazionali (= derivate) delle somme dei quadrati derivano dalle formule dei df,
cio avranno esattamente la loro stessa forma: quindi, se la formula dei gradi di libert a-1,
anche nella formula della somma del quadrato ci sar un primo termine meno un secondo
termine.
Nelle formule delle somme dei quadrati, ai due termini della formula dei df (es. a e 1) si
sostituiscono dei segni di sommatoria tanti quanto sono le variabili presenti nellesperimento;
altri termini, non presenti nella formula dei df, vanno al denominatore. Inoltre, quello che
compare nella formula dei df sta fuori parentesi nella formula della somma dei quadrati; quello
che non compare sta dentro la parentesi, per poi venire elevato al quadrato (infatti entrambi

44

Misurata in qualche modo e che ci d i valori nella tabella.


NB: a/an = (anX); inoltre, le sommatorie in base n, n, non sono altro che la sommatoria della sommatoria in base a1 e della
sommatoria in base a2 n = a1a2
46
Variabile soggetti che sono nidificati entro i livelli di A.
45

31
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

sono somme di quadrati) altrimenti il risultato sarebbe 0 47. Ulteriormente, chi non compare
nella formula dei df, oltre a finire fra parentesi, va anche a finire al denominatore.
Numeratore: nel nostro caso abbiamo due variabili: A (VI) e la variabile soggetti S/A. Quindi
avremo due segni di sommatoria in ognuno dei due termini 48. Le sommatorie riguardano i dati
raccolti rappresentati dalle incognite49.
NB: Per SOMMATORIA di un numero si intende la somma di tutti i valori compresi tra 1 ed il
numero stesso. Ad es. se ho la sommatoria in base n avr:
n
sommatoria dei numeri da 1 a n
i=1
SS, sommatoria dei quadrati50 Varianza tra i gruppi (between, al numeratore)
SS di A:
o essendo df a-1, vuol dire che anche nella formula della SS di A ci saranno due termini.
I termine:
a(nX)
n
essendo nX dentro la parentesi devo prima calcolare la sommatoria di n (dei dati da n1 a n3)
separatamente per a1 e a2 e, dopo aver elevato al quadrato i totali ottenuti da tali
sommatorie, posso compiere la sommatoria in base a, cio sommare le due sommatorie
precedenti tra loro. Il tutto va diviso per n, cio i livelli della variabile soggetti.
Quindi, riassumendo, bisogna sommare in base n, cio prima risolvere la parentesi ed elevare i
risultati al quadrato, e poi solo a quel punto sommare in base a:
sommatorie in base n: 2+3+1= 6
6+7+5= 18 (NB: X rappresenta i singoli dati
raccolti);
elevo i risultati al quadrato: 6=36 (=sommatoria in base n sotto a1) 18=324
(sommatoria in base n sotto a2);
quindi li sommo assieme (a): 360;
e quindi li divido per n: 360/3=120.
NB: due simboli di sommatoria dopo laltro (an) sono sommatorie di sommatorie, NON
moltiplicazioni!

47

Nel nostro caso non compare nulla, per cui tutti vanno in parentesi e al quadrato. Quello che non compare, verr messo con i propri
termini al denominatore
48
Dipendendo dalle variabili, tali sommatorie saranno una su base a (VI), laltra su base n (soggetti): cio si sommer fino ad a, fino
al numero di livelli della VI, e fino ad n, il numero dei livelli della variabile soggetti.
49
Ogni termine della formula rappresenta unincognita.
50
NB: sommatoria dei quadrati vs quadrati della sommatoria!!! nel I caso si sommano i singoli dati elevati al quadrato; nel
secondo sono i totali delle somme a venire elevati al quadrato.

32
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

II termine:
si tratta del termine di correzione C: (anX)/an
che corrisponde al totale delle osservazioni elevato al quadrato diviso il numero totale delle
osservazioni.
La procedura sar:
sommatoria in base n51: 6 (2+3+1) e 18 (6+7+5);
li sommo in base a (sommo le somme dei dati sotto a1 e sotto a2)= 6+18 = 24;
a questo punto elevo il totale al quadrato (24=576) e divido per an (2*3= 6):
[(2+3+1)+(6+7+5)] = (6+18) = 576 = 96
2*3
6
6
I termine II termine: 120-96= 24 (somma dei quadrati relativa ad A)
SS della fonte totale
n(X)- (anX)
an
II termine si tratta del termine di correzione C gi calcolato in precedenza, corrispondente a
96.
I termine:
E la sommatoria dei quadrati di tutti gli n presi singolarmente: 2+3+1 + 6+7+5 = 124
I termine II termine: 124-96= 28 (somma dei quadrati della fonte totale).
SS di S/A (within, al denominatore)
(nX) - a(nX)
n
I termine
n(X) corrisponde, come visto, alla sommatoria dei singoli dati elevati al quadrato = 124;
II termine
corrisponde al primo termine di A (v. sopra) 120
I termine II termine = 124-120=4
Come riprova abbiamo che la somma dei quadrati di S/A (4) sommata alla somma dei quadrati
di A (24) mi d la somma dei quadrati della fonte totale = 28.
Ho quindi i dati per calcolarmi la stima della varianza delle due fonti che mi interessano
(numeratore e denominatore del mio rapporto F) e devo dividere per i gradi di libert:
mean square di A = 24/1

mean square di S/A = 4/2*3 -2= 4/4

F= mean square di A / mean square di S/A = 24/1=24 (con 1 df al numeratore e 4 al


denominatore)
51

Sommo cio n1,n2,n3 sotto A1 e sotto A2 separatamente.

33
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Cerco il valore critico sulle tavole con 0,05, cio 7,71. Poich il valore da me calcolato
maggiore del valore critico sulle tavole (24>7,71), accetto H1, con un livello di probabilit
inferiore a 0,05.
LEZIONE 5
b) Disegno a ripetizione completa. Le fonti della variabilit cambiano e aumentano in
quanto abbiamo la variabile soggetti che compare sotto tutti i livelli della VI ed entra in
interazione con la VI. Ci sar allora un effetto principale di S, una interazione SA, fra
soggetti e la VI, e poi la fonte totale.
Fonti
della
Variabilit
(SV)
A

SA

Somma
dei
quadrati
(ss)
a(n) n
(anX)
52
an
n(a) a
(anX)
an
an(x)
-

a(nX)
n
n(ax)
+C
a
fonte
totale54

an(x)
-C

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(ms)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
1

SS (A)
a-1

MS A
MS SA

n-1
2

(a-1)(n1)=
an-a-n+1
2

SS (SA)
(a-1)(n1)

53

an-1
5

52

Il secondo termine un termine di correzione, ossia il quadrato della somma di tutti i dati diviso il numero di dati.
Da an-a-n+1 ricaviamo: an il primo termine della somma dei quadrati totale; -a il primo termine della somma dei quadrati di
a; -n il primo termine della somma dei quadrati di n; C il termine di correzione derivato dagli 1 (sommatoria di tutti i dati,
elevata al quadrato e divisa per il numero di dati che abbiamo sommato).
54
Sommatoria dei singoli dati elevati al quadrato (sommatoria in base a, sommatoria in base n di X al quadrato, cio bisogna elevare
53

34
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Esempio:
Coppie di dati per lo stesso soggetto:
n1
n2
n3

a1
1
2
3

a2
5
7
6

Somma dei quadrati di A:


Nel primo termine prima svolgiamo le parentesi (sommiamo in base n; I risultati delle
sommatorie in base n vanno elevati al quadrato e solo a quel punto possiamo sommare in base
a). Questo vuol dire che sommiamo n1,n2,n3 sotto a1 e n1,n2,n3 sotto a2. Questi due totali li
eleviamo al quadrato e solo poi li sommiamo. Quindi li dividiamo per 2.
(1+2+3)+(5+7+6) = 6+18 = 36 + 324 = 360 = 120
3
3
3
3
Il secondo termine sar:
(6 + 18) = 576 = 96 (termine di correzione C)
2x3
6
Quindi avr:
120 96 = 24
Somma dei quadrati totale:
an(X) - C
Il primo termine ci dato da: 1+2+3+5+7+6= 1+4+9+25+49+36= 124
Ad esso sottraggo C 124-96= 28
Somma dei quadrati della fonte soggetti:
nella fonte soggetti abbiamo n presente quindi la sommatoria in base n sar fuori della
parentesi; mentre la sommatoria in base a (poi elevata al quadrato) sar nella parentesi.
Nel primo termine prima risolviamo la parentesi, poi eleviamo al quadrato e solo allora
sommiamo in base n. Questo significa che nella sommatoria in base a, sommiamo i due dati di
ogni soggetto ed eleviamo ogni risultato al quadrato:
(1+5)+(2+7) +(3+6) - 96 = 6+9+9 - 96= 99 96 = 3
2
2
Estraiamo quindi la componente di variabilit legata al fatto che i soggetti sono diversi (non

al quadrato i singoli dati e poi sommarli tra di loro); tale risultato finisce al primo termine. Il secondo termine il termine di
correzione (sommatoria in base a, sommatoria in base n di X, sommatoria elevata al quadrato, diviso an= numero di dati sommati
prima di elevare al quadrato).

35
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

legata al fatto di essere allinterno di uno o dellaltro livello della variabile A):
la componente data dalla formula dei df: an-a-n+1
an corrisponde a: an(X) (I termine della fonte totale) 124
a corrisponde a: a(nX) 120
n
n corrisponde a: n(aX) (I termine della somma dei quadrati di S) 99
a
1 corrisponde al nostro termine di correzione 96
124-120-99+96 = 1
Controllo: 24+3+1= 28 (somma dei quadrati della fonte totale)
NB: in questo disegno la variabilit dovuta ai soggetti dovuta in parte al fatto che sono
soggetti diversi, in parte allinterazione con A cio uno stesso soggetto esegue sia la prova
a1, sia la prova a2.
Trovati i df, dobbiamo calcolare i mean square relativi a quello che ci interessa, cio leffetto
principale A e il suo denominatore per poter calcolare F e sapere se c un effetto o meno della
VI.
Media dei quadrati (mean square)
SS (A) = 24 = 24
a-1
1
I soggetti non vengono pi considerati, ci sono solo serviti per estrarre la variabilit ma non
ci interessa sapere se sono molto variabili tra di loro.
La somma dei quadrati di SA, cio 1, va divisa per i gradi di libert di SA, cio 2:
SS(SA)
= 1 = 0,5
(a-1)(n-1)
2
F andr calcolato dividendo il mean square di A (delleffetto principale) per il mean square del
denominatore:
F= 24:0,5 = 48 un grado di libert al numeratore e due df al denominatore.
Siccome 48>18,5 (valore critico di F che troviamo sulle tavole), possiamo accettare H1 (con un
margine del 5% di errore) e concludere che la nostra VI ha un effetto sul comportamento che
stiamo studiando.
c) Disegno sperimentale a casualizzazione completa55 con due variabili indipendenti56
a due livelli ciascuna.

55

Sotto le 4 combinazioni del nostro disegno (variabile A con due livelli e variabile B con due livelli) avremo 4 gruppi di persone
diverse: a1b1,a1b2,a2b1,a2b2.
56
Ad esempio: A genere (M e F), B altezza (alti e bassi).

36
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

b1
b2

a1
n11
n12

a2
n21
n22

In tale disegno si agitano:


o
gli effetti principali (A e B),
o
linterazione tra gli effetti principali (AB),
o
la variabile soggetti, nidificata dentro i livelli di B ma anche dentro i livelli di A, in quanto ci
sono 4 gruppi diversi senza alcuna relazione tra di loro (S/AB 57),
o
il totale della variabilit.
Gradi di libert:
o delle fonti: a-1, b-1
o dellinterazione: (a-1)(b-1)
o del totale: prodotto dei df delle fonti che compongono linterazione meno 1: abn-1
o di S/AB: in base alla regola per derivarlo, quello che sta a destra (ab) va con i livelli, quello
che sta a sinistra va con i df: ab(n-1).
Somma dei quadrati:
o SS di A essendo tre le variabili, anche i simboli di sommatoria saranno tre: a, b, n;
o SS di B
o SS totale
o SS di AB devo sviluppare la formula dei df: abn-1= ab-a-b+1
1 corrisponde al termine di correzione, cio (abnX)/abn;
b corrisponde al primo termine della somma dei quadrati delleffetto principale B:
b(anX)/an;
a corrisponde al primo termine della somma dei quadrati delleffetto principale A:
a(bnX)/bn;
ab lo ricostruiamo: ab(nX)/n sommatoria di tutte le n al quadrato
o del denominatore S/AB anche qui dobbiamo sviluppare la formula dei df: ab(n-1)=abn-ab
dove ab il primo termine dellinterazione AB abn(x)- ab(nX)/n
Esempio
a1b1: 1,2,3
a1b2: 4,6,5
a2b1: 5,7,6
a2b2: 6,5,4
b1
b2

57

a1
1,2,3
4,6,5

a2
5,7,6
6,5,4

I soggetti sono cio nidificati dentro le combinazioni dei vari livelli delle variabili indipendenti.

37
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

df

di A: a-12-1=1
di B: b-12-1=1
di AB: (a-1)(b-1)=1
di S/AB58: ab(n-1)=2x2(3-1)=8
del totale: abn-1=2x2x3-1=11

(8+1+1+1=11)

Somme dei quadrati


SS di A
a(bnX) - (abnX)
bn
abn
II termine:
n: la somma dei totali di n (1+2+3), (4+6+5), (5+7+6), (6+5+4) 6 15 18 15
sommatoria in base n e in base b sotto a2: 33
sommatoria in base n e in base b sotto a1: 21
abnX = 33+21= 54 (cio il totale generale) 54 = 243
2x2x3
I termine:
al denominatore compare bn, cio gli elementi che non comparivano nella formula dei df.
a(*)
* abbiamo visto che: sommatoria in base n e in base b sotto a1 21; sommatoria in base n e
in base b sotto a2 33:
21+33= 441+1089= 1530
1530 = 255
2x3
Risultato: 255-243= 12
SS di B
b(anX) - (abnX)
an
abn
II termine: lo abbiamo gi;
I termine:
sommatoria in base n e in base a sotto b1 24;
sommatoria in base n e in base a sotto b2 3059
sommatoria in base b della sommatoria (al quadrato) in base n sotto b1 e sotto b2:
24+30=576+900=1476
58

Sempre in base alla regola: ci che nella formula compare a destra della barra va con i livelli, ci che compare a sinistra va con i
df. Formula: ab(n-1) n-1 sono i df di S
59
La sommatoria totale , infatti, sempre la stessa: 54.

38
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

1476 = 246
2x3

Risultato: 246-243=3

SS di AB (linterazione)
df: (a-1)(b-1)=ab-a-b+1
1 corrisponde al termine di correzione, cio 243;
b corrisponde al primo termine della somma dei quadrati delleffetto principale B: 246;
a corrisponde al primo termine della somma dei quadrati delleffetto principale A: 255;
ab lo ricostruiamo da (a-1)(b-1): ab(nX)/n
n: 6,15,18,15 tenute separate per b e per a. Al posto del primo termine sar
quindi:6+15+18+15= 810
810/3= 270

270-255-246+243= 12
SS di S/AB
df: ab(n-1)=abn-ab
ab lo abbiamo appena calcolato: 270
abn =abn(X) = 1+2+3+4+6+7+5+7+6+6+5+4= 278
278-270=8
SS del totale
df: abn-1
1 corrisponde al termine di correzione, cio 243;
abn lo abbiamo appena calcolato: 278
278-243=35
(24+3+8=35)
A questo punto bisogna dividere le somme dei quadrati per i df relativi e otteniamo le medie
dei quadrati (mean squares):
MS di A: 12
MS di B: 3
MS di AB: 8
MS di S/AB: 8 (da notare che i df corrispondono alla somma dei quadrati caso
particolare!)
Di conseguenza gli F si otterranno dividendo i mean squares degli effetti principali (A e B) e
dellinterazione (AB) per il mean square unico (trattandosi di un disegno a casualizzazione
completa) che S/AB e che 1.
F di A: 12
F di B: 3
F di AB: 8
F avranno 1 df al numeratore e 8 al denominatore; sulle tavole vediamo che il valore critico
corrispondente 5,52. Confrontando i nostri F vediamo che vi un effetto significativo della VI

39
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

A in quanto 12>5,52; non c un effetto significativo della VI B presa singolarmente ma c


uninterazione significativa AB.
Inseriamo i dati in una tavola a doppia entrata:
a
1

a
2

b1

b2

1
5
2
1

1
8
1
5
3
3

Totali
marginal
i di A

60

Totali
marginal
i di B
24
30
54
Somma
dei totali

Dai calcoli abbiamo rilevato che c una differenza significativa tra a1 e a2 (tra 21 e 33), non
tra b1 e b2 (24 e 30) ma c uninterazione significativa fra i quattro valori 21, 33, 24 e 30,
cio la differenza che c tra a1 e a2 sotto b1 significativamente diversa dalla differenza tra
a1 e a2 sotto b2.
LEZIONE 6
d) Disegno a ripetizione completa con due VI61 a due livelli ciascuna. Ci sono quindi gli
stessi soggetti che hanno risposto alle varie combinazioni di stimoli.
Riprendendo gli stessi dati dellesercizio precedente abbiamo 3 soggetti; lo stesso soggetto ha
compiuto 1 errore nella combinazione a1b1 (ha risposto con la mano destra agli stimoli
presentati nel campo destro), ne ha compiuti 4 nella combinazione a1b2, ne ha compiuti 5
nella combinazione a2b1 e 6 nella combinazione a2b2 e cos via per gli altri due soggetti.
Fonti
della
Variabilit
(SV)
Variabile A

60
61

Somma dei
quadrati
(ss)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a(bnX)
bn
(abnX)

a-1

di A:
ss (A)
a-1

MS A
MS SA

Nelle caselle mettiamo direttamente le n.


Ad esempio A campo di presentazione di stimoli (destro e sinistro), B mano di risposta (ds e sin)a1b1 corrisponde a stimoli
presentati in campo destro e risposta con la mano destra, a1b2 corrisponde a stimoli presentati in campo destro e risposta con la
mano sinistra, a2b1 corrisponde a stimoli presentati in campo sinistro e risposta con la mano destra, a 2b2 corrisponde a stimoli
presentati in campo sinistro e risposta con la mano sinistra.

40
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Variabile B

Variabile
dell
Interazione
fra A e B
(AB)

Variabile S

abn
b(anX)
an
(abnX)
abn
ab(nX)
n
a(bnX)
bn
b(anX)
-C
an
n(abX)
-C
ab

b-1

(a-1)(b1)=
ab-a-b-1

(n-1)(a1)=
an-n-a+1

SB

(n-1)(b1)

SAB

(n-1)(a1)(b-1)
abn(x)
-C

di AB:
ss (AB)
(a-1)(b1)

MS B
MS SB

MS AB
MS SAB

n-1

SA

Fonte
totale

Di B
ss (B)
b-1

abn-1

Fonti della variabilit


Ogni soggetto passa sotto tutte le combinazioni dei livelli delle nostre variabili, quindi i soggetti
non sono pi nidificati bens entrano in interazione con le variabili. Avremo quindi la variabile
soggetti come variabile principale per conto suo e poi tutte le interazioni: SA, SB, SAB.
Effetti principali: A, B e S; interazione AB
Siccome la formula dei df la stessa sia per disegni a casualizzazione, sia per disegni a
ripetizione, avremo:

41
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

a-1, b-1, (a-1)(b-1) per A, B, AB


Di conseguenza le formule computazionali che derivano da quelle dei df sono di nuovo le stesse
per A e B e per la fonte totale. Essendo i dati gli stessi, otterremo i medesimi risultati.
Somma dei quadrati:
di A 12
di B 3
di AB 12
del totale 35
Ci che cambia quello relativo ai denominatori e alla fonte soggetti presa isolatamente, con
df: n-1; nella formula della somma dei soggetti il II termine (-1) corrisponde al termine di
correzione C. Il I termine vuole la sommatoria di n fuori della parentesi (in quanto compare
nella formula dei df) e ab al denominatore per lo stesso motivo.
ab corrispondono a tre sommatorie inerenti ciascun soggetto:
a1
1,2,3
4,6,5

b1
b2

a2
5,7,6
6,5,4

1+4+5+6=16 per il I soggetto


2+6+7+5=20 per il II soggetto
3+5+6+4= 18 per il III soggetto.
Ognuna di queste sommatorie va elevata al quadrato in quanto (abX)16 20 18
Dopodich si pu fare la n fuori dalla parentesi 16+20+18
Il tutto diviso per ab (numero di elementi che abbiamo sommato prima di arrivare al
quadrato)2x2
980
4
Il primo termine va sommato al secondo termine che 243 (termine di correzione calcolato
prima, che non altro che la somma totale elevata al quadrato: 54 diviso per 12 che sono
abn, cio gli elementi sommati prima di arrivare al quadrato).
245-243=2 (somma dei quadrati di S).
SS di SA
df: (n-1)(a-1)=an-n-a+1
Nella formula della somma dei quadrati:
- 1 corrisponde a C 243
- n corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di S 245
- a corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di A 255
- an ce lo calcoliamo: an(bX)/b
Prima di elevare al quadrato dobbiamo sommare in base b (cio sommare b1 e b2 tenendo
separati i soggetti e tenendo separati i livelli di A).

42
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

b1
b2

a1
1,2,3
4,6,5

a2
5,7,6
6,5,4

(1+4),(2+6), (3+5); (5+6), (7+5), (6+4) 5 8 8 11 12 10


Tali somme verranno elevate al quadrato e quindi potranno venire sommate tra loro:
5+8+8+11+12+10
Il tutto andr diviso per b=2 (infatti 2 sono gli elementi che ho sommato prima di elevare al
quadrato, b1 e b2).
=259
259-245-255+243=2 (somma dei quadrati per SA)
SS di SB
df: (n-1)(b-1)=bn-n-b+1
- 1 corrisponde a C 243
- n corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di S 245
- b corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di B 246
- bn ce lo calcoliamo: bn(aX)/a
b1
b2

a1
1,2,3
4,6,5

a2
5,7,6
6,5,4

Prima di elevare al quadrato dobbiamo sommare in base a (cio sommare a1 e a2)


sommiamo a1 e a2 (i tre soggetti) sotto b1 (1+5), (2+7), (3+6); quindi sotto b2
(4+6),(6+5),(5+4) 6 9 9 10 11 9
6+9+9+10+11+9 = 500 = 250
2
2
NB: Il denominatore 2 rappresenta i termini che ho sommato prima di elevare al quadrato (a1
e a2).
250-245-246+243= 2 (somma dei quadrati per SB).
Somma dei quadrati di SAB
df: (n-1)(a-1)(b-1)= (n-1)(ab-a-b+1)= abn-an-nb+n-ab+a+b-1
- 1 corrisponde a C 243
- n corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di S 245
- a corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di A 255
- b corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di B 246
- ab corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di AB 270
- an corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di SA 259
- bn corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di SB 250

43
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

- abn lo abbiamo utilizzato per la fonte totale (abn-1) (abn) 278


278-259-250+245-270+255+246-243= 2
Mean square
Gli stessi dellesercizio precedente sono:
MS di A 12
MS di B 3
MS di AB 12
per S, SA, SB e SAB abbiamo lo stesso mean square: 1 (in quanto hanno tutti lo
stesso numeratore e denominatore: 2/2 caso particolare!)
Calcolo degli F
F di A: mean square di A/ mean square di SA = 12/1 = 12
F di B: mean square di B/ mean square di SB = 3/1 = 3
F di AB: mean square di AB/ mean square di SAB = 12/1 = 12
Questi F hanno un grado di libert al numeratore e 2 df al denominatore; lF critico nella
tabella corrisponde a 18,5. Nessun F calcolato a tale valore, per cui non abbiamo alcun
effetto significativo62 e quindi sospendiamo il giudizio.
e) Disegno misto
Ad esempio, maschi e femmine che rispondono con mano destra e sinistra a stimoli, quindi la
variabile a casualizzazione il genere, a ripetizione la mano di risposta. Abbiamo quindi due
gruppi di soggetti (a1 e a2, femmine e maschi) che ci danno due prestazioni a testa (b1 e b2,
mano destra e mano sinistra). I soggetti sono quindi nidificati nei livelli della variabile a
casualizzazione e compaiono come S/A; sono per in interazione con B, indicata con B per S/A.
Gradi di libert
Per A e B: a-1, b-1; per AB: (a-1)(b-1)
Per S/A: quello che compare a destra della formula con i livelli, quello a sinistra con
i df: a(n-1)63 2(3-1)=4;
per BS/A: prodotto dei df di B (1) per i df di S/A (4) a(n-1)(b-1) = 4
per la fonte totale: somma dei df 1+1+1+4+4= 11
Somma dei quadrati
Di S/A
df: a(n-1) = an-a
- a corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di A (v. sopra) 255
- an (v. sopra) an(bX)/b =259
259-255= 4

62
63

Non abbiamo effetto di A, n di B, n si ha interazione o per lo meno gli effetti sono deboli.
Quindi: a compare con i livelli, n-1 con i df di S. ci significa: due livelli per due df per S.

44
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Di BS/A
df: a(n-1)(b-1) = (an-a)(b-1) = abn-an-ab+a
- a corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di A 255
- ab corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di AB 270
- an corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di S/A 259
- abn corrisponde a quello della fonte totale, ossia i singoli dati elevati al quadrato 278
278-259-270+255 = 4
NB: i tre disegni distribuiscono la variabilit che c allinterno del disegno. C una variabilit
fissa che quella di A, B e AB. Quello che cambia la variabilit dovuta ai soggetti che, a
seconda del tipo di disegno viene suddivisa in maniera diversa.
Mean Square
Per A, B, AB sono sempre gli stessi (12, 3, 12) dato che vengono divise le diverse somme dei
quadrati per i loro df (1, 1 e 1).
Calcolo degli F
Per A: 12/ S/A (denominatore che contiene soggetti e fonte relativa) 12/1 = 12
Per B: 3/BS/A (unico denominatore che contiene anche B, oltre alla fonte soggetti)
3/1 = 3
Per AB: 12/ BS/A (unico denominatore che contiene linterazione e la fonte soggetti)
12/1 = 12
Gli F calcolati hanno un df al numeratore e 4 al denominatore; lF critico risulta essere 7,71. Un
effetto significativo si trova in A, che ci fa concludere che vi una differenza tra maschi e
femmine. Non c un effetto significativo della mano di risposta, ma c uninterazione fra
genere e mano di risposta, cio i maschi hanno una differenza fra mano destra e sinistra
significativamente diversa da quella delle femmine.
LEZIONE 7
Disegni con una sola variabile a pi di due livelli:
I) Disegno a casualizzazione completa, una VI a 3 livelli.
soggetti
n1
n2
n3
Totale
Media

a1
1
2
3
6=
a1
2

a2
5
6
7
18=
a2
6

a3
1
3
5
9=
a3
3

45
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Fonti
della
Variabilit
(SV)
Variabile A

Variabile
relativa ad
n, soggetti,
S/A
Fonte
totale

Somma
dei
quadrati
(SS)
a(nX)
n
(anx)
an
an(x)
a(nX)
n

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
2

SS (a)
a-1

MS A
MS S/A

a(n-1) =
an-a
6

SS (S/A)
a(n-1)

an(x)
(anx)
an

an-1
8

Somma dei quadrati


o SS di A: deriva dalla formula dei df, a-1, dove 1 rappresentato da C.
I termine:
calcolo prima la sommatoria in base n di X (nX), sommo cio i totali delle condizioni:
(1+2+3) (5+6+7) (1+3+5)
6 18 9 (= quadrato della sommatoria in base n di a1, di a2, di a3)
Il tutto sommato e diviso n 36+324+81= 441/3=147
II termine:
nella parentesi abbiamo la sommatoria di tutti i dati: somma della sommatoria in base n, il
tutto elevato al quadrato e quindi divisa per 9 (= an 3x3):
(6+18+9) = 33= 121
9
9
I termine II termine: 147-121= 26 (somma dei quadrati delleffetto principale A).
SS di S/A: dai df a(n-1) an-a
a corrisponde al primo termine della somma dei quadrati di A ed 147;
an la calcolo, notando che in essa compaiono tutte le variabili del nostro disegno le cui
sommatorie staranno quindi al di fuori della parentesi: an(X)
Facciamo quindi la sommatoria dei quadrati dei singoli dati: quindi
1+2+3+5+6+7+1+3+5= 159
I termine II termine: 159-147= 12
o
-

46
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

o SS della fonte totale


Da an-1, sappiamo che 1 corrisponde al termine di correzione (121) e an lo abbiamo appena
calcolato (159):
159-121= 38 (stima della variabilit di tutto il nostro disegno sperimentale; che corrisponde
alla somma della somma dei quadrati di A e di S/A).
Mean Square
o
o

MS di A: 26/2 = 13
MS di S/A = 12/6 = 2

F = 13/2= 6,5, con 2 df al numeratore e 6 al denominatore; sulla tavola il valore critico


corrispondente 5,14; poich 6,5>5,14, allora accettiamo H1: c un effetto significativo della
VI.
Nel caso di una VI a tre livelli, H0 dice che tre medie (o i tre totali), cio la media (o il totale)
sotto ciascun livello della VI sono tra loro uguali, senza alcuna differenza: 1=2=3. H1
invece dice che medie o totali sono diversi e in questo disegno ci sono almeno sei ipotesi da
testare64, 12, 13, 23; ma anche
1(2+3)
2

65

e che

2(1+3)
2

e ancora

2(1+3)
2

CONFRONTI ANALITICI A PRIORI E POST HOC


Ci troviamo quindi in un confronto multiplo, con sei H1 (e altrettante H0) e il nostro lavoro
consiste nel verificare queste ipotesi con un determinato metodo. Se noi le verifichiamo tutte
con un livello di significativit del 5% per ciascuna, alla fine dellesperimento non si avr pi
l -livello del 5% di probabilit di commettere un errore di primo tipo in quanto la probabilit
verr inflazionata da tutti i confronti che si va a fare in quanto come se venissero sommati i
livelli di significativit per ognuno dei confronti che si va a fare, tanto da trovarsi con un livello
di significativit finale maggiorato. Il livello di significativit generale viene indicato con ew66
e si approssima a c* pc67, cio l per ciascun singolo contrasto. Quindi, se io faccio i confronti
(o contrasti) per verificare ogni ipotesi al 5%, alla fine mi trovo con un ew (generale,
dellintero esperimento) prossimo a 6x5%=30% - probabilit di aver commesso un errore di
primo tipo piuttosto elevata!
Per ovviare a tale problema ci sono due metodi:
Metodo dei contrasti a priori: siamo in una situazione di confronti a priori quando i
confronti vengono ipotizzati fin dallinizio, al momento in cui viene costruito lesperimento.
In questo caso si autorizzati a testare i contrasti ipotizzati a livello convenzionale (5%).
64

Ad es. 12, ovvero si ha una media di risposte pi veloci quando stimoli vengono presentati in campo sinistro rispetto al campo
destro.
65
Cio: la media del I livello differisce dalla media del II e del III livello; e cos via.
66
Alpha Experiment Wise, cio il livello di significativit di tutto il nostro esperimento.
67
Leggi: c per alfa-pi-ci. pc indica alpha per comparison= di ciascun contrasto, c il numero di contrasti che eseguiamo.

47
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Quindi, se si hanno delle ipotesi iniziali relative non solo alla tesi generale ma a specifici
contrasti, alloro si possono testare normalmente col metodo dei contrasti a priori che lavora
con un livello di significativit pari al 5%, senza turbare a livello concettuale generale.
In questo caso non necessario che sia significativo F generale (F omnibus), in quanto
basta andare a testare direttamente i contrasti che ci interessano. Sempre a patto che
siano state formulate tali ipotesi allinizio, trovandosi quindi in una situazione a priori
contrasti ortogonali (v. poi).
Metodo dei contrasti a posteriori (post hoc): non si hanno ipotesi sulle singole
differenze, per cui, per poter utilizzare dei metodi di confronto a posteriori, la prima
condizione che F omnibus sia significativo. I metodi post hoc controllano il livello generale
di significativit del disegno sperimentale sulla base del risultato ottenuto. In tal caso il
livello convenzionale va diviso per il numero dei contrasti (es. 5%:6).
METODO DEI CONTRASTI A PRIORI
I contrasti fra diverse condizioni nel caso di H0 possono essere scritte utilizzando degli indici,
ovvero delle costanti che moltiplicano i vari termini. Ad esempio se vogliamo confrontare la
prima e la seconda condizione68: 1 - 2 = 0 lo possiamo scrivere: +11 + -12 + 03 la
terza condizione diventa 0 in quanto non viene considerata in tale confronto.
1
Nel caso H0 si avr quindi: [1 -1 0] 2 = 0
3
Lo stesso pu essere fatto per gli altri casi, ossia per indicare il confronto fra prima e terza
condizione (1 3 = 0) scriver:
+11 + 02 + -13
1
Ovvero: [1 0 -1]
2 = 0
3
o ancora, confrontando la media del primo livello con la media del secondo e del terzo:
11 -1/22 -1/23
Tale complicazione necessaria perch quando andremo ad indicare i contrasti con tali indici
che moltiplicano le medie dei livelli della nostra VI:
quando ho 1 -1 e 0 vuol dire che sto confrontando il livello 1 con il livello 2 e il livello 3 viene
eliminato;
con 1 0 -1 sto confrontando i livelli a1 e a3 mentre a2 viene eliminato;
nellultimo caso sto confrontando la media del primo livello con la media del secondo e del
terzo cio 2+ 3.
2
Un contrasto per essere valido deve avere almeno due coefficienti diversi da zero in
68

Sar: media della prima condizione meno media della seconda condizione.

48
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

quanto ci vogliono per lo meno due elementi per fare un confronto. Inoltre, la somma dei
coefficienti devessere uguale a zero.
Per semplificare i calcoli quando la costante una frazione, ad es. , allora tutte le costanti
vengono moltiplicate ad esempio per 2:
1

-1/2

-1/2

/2

2 -1 -1

In tal modo si lavorer con dei numeri interi senza cambiare il risultato.
Se voglio trovare la somma dei quadrati (SS) di un qualsiasi contrasto di una variabile
(Acomp) la formula sar:

ci = coefficienti (+1, -1, 0)


i : indica semplicemente che ci sono tot (i) coefficienti; la i verr quindi sostituita con 1 (I
coefficiente), con 2 (II coefficiente) ecc. al numeratore; prima di sommare i vari coefficienti,
dobbiamo moltiplicarli per i vari totali;
T = totali per condizione (ossia le sommatorie in base n), per ciascun livello ai, ad es. Ta1, il
totale sotto il livello A1, Ta2 il totale sotto il livello A2 e cos via.
n = numero dei soggetti o meglio, numero delle osservazioni per ciascun livello;
fra parentesi troviamo al sommatoria di ciascun coefficiente elevato al quadrato (es. 1+ -1+
0=2).
Esempio
A) Un disegno a casualizzazione completa con una sola variabile a due livelli, pu
anche venire considerato come una forma particolare di contrasto:
n1
n2
n3
Totale

a1
1
2
3
6=
a1

a2
5
7
6
18=
a2

Se calcoliamo la somma dei quadrati di A, sappiamo che tale formula deriva da quella dei df:
a-1
a(nX) - (anX) 6+18 - (1+2+3+5+7+6) = 360 576 = 24
n
an
3
2x3
3
6
NB: n = a1a2
Il confronto fra a1 e a2 posso anche considerarlo un contrasto e, servendomi dei coefficienti,

49
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

posso dire che voglio confrontare 1 con -1. E un contrasto valido, con almeno due coefficienti
diversi da 0 e la cui somma dovrebbe essere uguale a 0, quindi posso applicare la formula della
somma dei quadrati di un contrasto qualsiasi:

[[+1(6) + -1(18)] =
3[(1) + (-1)]

(6-18) = 144 = 24
3(2)
6

LEZIONE 8
B) Contrasto in un disegno a casualizzazione completa con una sola variabile a tre
livelli:
n1
n2
n3
Totale
Media

a1
1
2
3
6=
a1
2

a2
5
6
7
18=
a2
6

a3
1
3
5
9=
a3
3

Ci sono sei contrasti possibili che, indicati con i coefficienti, sono:


1 -1 0
1 0 -1
0 1 -1
2 -1 -1
-1 2 -1
-1 -1 2

(= I livello contro II livello, escludendo il III livello)


(= I livello contro III livello, escludendo il II livello)
(= II livello contro III livello, escludendo il I livello)
(= I livello contro la media del II e del III livello); allorigine: 1 -1/2 -1/2
(=II livello contro la media del I e del III livello); allorigine: -1/2 1 -1/2
(= III livello contro la media del I e del II livello); allorigine: -1/2 -1/2 1

/2
/2
/2

Sono tutti contrasti validi in quanto hanno almeno due coefficienti diversi da 0 e la sommatoria
dei coefficienti uguale a 0. A questo punto possiamo applicare la formula per calcolare le
somme dei quadrati relativi a ciascun contrasto e poter poi calcolare F per ciascun singolo
contrasto.

50
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

I contrasto (fra I e II livello) 1 -1 0

[c1(Ta1)+ c2(Ta2)+ c3(Ta3)]


n[(c1)+(c2)+(c3)]

[1(6)+ -1(18) + 0(9)] = (6-18+0) = 144 = 24


3[(1)+(-1)+ (0)]
3(1+1)
6

somma dei quadrati del primo contrasto (fra I e II livello).


II contrasto (fra I e III livello) 1 0 -1

[1(6)+ 0(18) + -1(9)]


3[(1)+(0)+ (-1)]

(6+0-9) = (-3) =9/6 = 1,5


6
6

somma dei quadrati del secondo contrasto.


III contrasto (fra II e III livello):

[0(6)+ 1(18) + -1(9)]


3[(1)+(0)+ (-1)]

0 1 -1

(0+18-9) = ( 9) =81/6 = 13,5


6
6

somma dei quadrati del terzo contrasto.


IV contrasto (fra la media di a2 e a3 contro a1) 2 -1 -1
[2(6)+ -1(18) + -1(9)]
3[(2)+(-1)+ (-1)]

(12-18-9) =
3(4+1+1)

(-15) = 225/18 = 12,5


18

somma dei quadrati del quarto contrasto.


V contrasto (fra la media di a1 e a3 contro a2) -1 2 -1
[-1(6)+ 2(18) + -1(9)]
3[(-1)+(2)+ (-1)]

(-6+36-9) =
3(1+4+1)

(21) = 441/18 = 24,5


18

somma dei quadrati del quinto contrasto.

51
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

VI contrasto (fra la media di a1 e a2 contro a3) -1 -1 2


[-1(6)+ -1(18) + 2(9)]
3[(-1)+(-1)+ (2)]

(-6-18+18) =
3(1+1+4)

(-6) = 36/18 = 2
18

somma dei quadrati del sesto contrasto.


Ora ci servono i mean square (SS/df) prima di tutto dovr quindi trovare i df. Abbiamo visto
che calcolare F in un disegno con una variabile a due livelli lo stesso che fare un contrasto su
quei due livelli. In tal caso i df delleffetto principale sono a-1= togliendo cio 1 ai livelli che
stiamo confrontando 2-1=1. Ricordiamo che ogni contrasto (anche se coinvolge svariati
livelli) ha sempre 1 grado di libert! - In quanto ci sono sempre due elementi che si
confrontano.
Successivamente, continueremo a fare per i contrasti quello che si fa per gli effetti principali.
Avendo ogni contrasto df=1, di conseguenza, anche i mean square sono identici alle somme
dei quadrati in quanto vanno divisi per i df=1:
24/1; 1,5/1; 13,5/1; 12,5/1; 24,5/1; 2/1.
Per calcolare F bisogna dividere ogni somma dei quadrati per il mean square del disegno
originale. Nel nostro caso il mean square di S/A69 corrisponde a 2:
F=
F=
F=
F=
F=
F=

42/2=12 per il primo contrasto;


1,5/2=0,75 per il secondo contrasto;
13,5/2=6,75 per il terzo contrasto;
12,5/2=6,25 per il quarto contrasto;
24,5/2=12,25 per il quinto contrasto;
2/2=1 per il sesto contrasto.

LF critico da utilizzare quello con 1 df al numeratore e 6 df al denominatore: per il


numeratore, i contrasti hanno sempre 1 df; per il denominatore i 6 df sono quelli del disegno
generale lF critico che ci interessa 5,99, valore per cui dobbiamo confrontare tutti gli F
che abbiamo calcolato. Facendo tale confronto vediamo che primo, terzo, quarto e quinto
contrasto sono significativi; non lo sono il secondo e il sesto.
La somma dei quadrati del disegno generale una stima della variabilit allinterno del disegno
sperimentale. Se si fanno delle ulteriori analisi, ovvero si utilizza il metodo dei contrasti per
fare dei confronti a coppie, bisogna prendere dei pezzi di variabilit che vengono attribuiti a
quel contrasto, mentre il resto non viene considerato. La varianza viene quindi scomposta
ulteriormente. Se per si sommano le somme dei quadrati dei 6 contrasti, si ottiene qualcosa
di diverso dalla stima di variabilit in quanto come se si dicesse che c molta pi variabilit
di quanta ce n in realt nel disegno generale.
Se per si sommano alcune somme dei quadrati: del primo e dellultimo confronto (24+2), del
terzo e quarto (13,5+12,5) e del secondo e quinto (1,5+24,5), si ottiene la somma dei
69

Che in questo disegno corrisponde al denominatore e che, lavorando con disegni a casualizzazione completa, uso in tutti i
contrasti.

52
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

quadrati del disegno generale. Queste tre coppie di contrasti sono definite ciascuna un set
ortogonale di contrasti in quanto si spartiscono la variabilit del disegno sperimentale (26)
in parti che non sono sovrapponibili, ossia ognuno se ne prende un pezzo la cui somma ci d
nuovamente la variabilit generale.
Per ricercare lortogonalit, ovvero cercare le coppie di contrasti70 la cui somma delle
relative somme dei quadrati d la somma dei quadrati del disegno generale, ci si pu
basare sui coefficienti. Se si moltiplicano i coefficienti livello per livello e poi si sommano fra di
loro, nel caso di set di contrasto ortogonali il risultato di questa sommatoria 0 negli altri
casi non lo .
Vediamo ad es. la coppia di contrasti 0 1 -1 e 2 -1 -1 (III e IV contrasto):
2
[0 1 -1]
-1
0x2= 0 1x-1=-1 -1x-1=1 0-1+1=0
-1
tali contrasti sono ortogonali fra di loro in quanto la sommatoria dei prodotti dei coefficienti
livello per livello uguale a 0.
Lo stesso vale anche per il I e lultimo contrasto 1 -1 0 e -1 -1 2:
-1
[1 -1 0]
-1
1x-1=-1 -1x-1=1 0x2=0
-1+1+0=0
2
e per il II e V contrasto 1 0 -1 e -1 2 -1:
-1
[1 0 -1]
2
1x-1=-1 0x2=0
-1x-1=1
-1

-1+0+1=0

I set ortogonali non sono sempre composti da coppie ma possono essere pi ampi: il numero
di contrasti che compone un set ortogonale pari al numero di livelli della variabile
che stiamo considerando meno 1 corrisponde quindi ai df di quella variabile. Se ho una VI
con 3 livelli, il set ortogonale composto da 2 contrasti (poich a-13-1); se la VI ha 7 livelli,
il set ortogonale composto da 6 contrasti (a-17-1). In un set ortogonale la sommatoria
delle somme dei quadrati di ciascun singolo contrasto uguale alla somma dei quadrati del
disegno generale.
Ci sono scuole differenti sul problema dellortogonalit: una sostiene che, anche nel caso di
contrasti a priori71, si autorizzati ad affrontare lortogonalit solo se si analizzano contrasti tra
loro ortogonali. Unaltra scuola ritiene che basta unipotesi relativa ai contrasti che tali contrasti
possono essere verificati a livello del disegno generale.
Per lesame: bisogner verificare lortogonalit di un set di contrasti moltiplicando i singoli
livelli e vedendo se la sommatoria di tali prodotti uguale a 0 e se tutti i contrasti allinterno di
un set sono ortogonali - perch soltanto se tutti i contrasti sono tra di loro ortogonali, allora
lintero set ortogonale. Ci possono essere dei trabocchetti: ad es. se c una variabile a 6
70
71

Le coppie ci sono se abbiamo 2 livelli; con pi livelli i set ortogonali sono pi ampi!
Come quelli che stiamo guardando, per cui abbiamo delle ipotesi e per cui possono essere testati a livello di significativit che si
utilizza per il disegno generale.

53
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

livelli e bisogna fare i vari contrasti richiesti, alla fine viene chiesto se il set composto da 6
contrasti ortogonale, si pu subito dire di no in quanto un set, per essere ortogonale,
devessere composto da un numero pari ai df della variabile. Se invece il numero corrisponde
(5 contrasti per una variabile a 6 livelli), allora bisogna vedere se la sommatoria dei prodotti
dei singoli livelli d 0. Nel momento in cui si trovano 2 contrasti non ortogonali, allora
lesercizio ultimato in quanto viene dimostrato che non sussiste ortogonalit nel set.
Esempio (simile esame)
Disegno a casualizzazione completa con una VI a 4 livelli (a=4) e con 4 soggetti (n=4).
Vengono date le medie per ogni condizione ma non i singoli dati: si potr svolgere lesercizio,
verificando se vi un effetto generale? Vediamo:
n1
n2
n3
n4
Totale
Media

a1

a2

a3

a4

10
2,5

7
1,75

6
1,5

14
3,5

Se allinizio ho solo i dati delle medie, in base alle formule viste abbiamo bisogno dei totali. Ci
possibile attraverso il procedimento inverso al calcolo della media: media x nr. soggetti =
totale
2,5x4=10; 1,75x4=7; 1,5x4=6; 3,5x4=14.
Fonti
della
Variabilit
(SV)

Somma dei
quadrati
(SS)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a(nX)
n
- (ax)
an

a-1
3

ss (a)
a-1

MS A
MS S/A

S/A

an(x)a(nX)
n

a(n1)=an-a
12

ss di S/A
a(n-1)

Fonte
totale

an(x)(anx)
an

an-1
15

54
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Somme dei quadrati


SS di A72:
10+7+6+14 - (10+7+6+14) = 381 - 37 = 95,25- 85,56 = 9,69
4
4x4
4
16
SS di S/A (denominatore):
a questo punto abbiamo a (95,25 calcolato prima); serve la sommatoria dei singoli dati elevati
al quadrato nX - che non c in quanto lesercizio non ha fornito i singoli dati. Oppure serve il
risultato finale di tale sommatoria: 102.
102-95,25=6,75
SS della fonte totale:
102-85,56= 16,44

( 9,69+6,75=16,44)

Mean square
9,69/3= 3,23 (MS A)
6,75/12= 0,56 (MS S/A)
F=3,23/0,56= 5,77
Da cercare sulle tavole il valore critico con 3 df al numeratore e 12 al denominatore lF
critico 3,49<5,77, accettiamo H1: c un effetto generale.
Possibile inghippo: nellesercizio pu non essere scritto di verificare se vi un effetto generale
ma subito dopo si pu trovare una serie di contrasti da verificare. Se si tratta di contrasti a
priori ci si pu permettere di non fare lanalisi generale o per lo meno calcolare solo il
denominatore che necessario per calcolare gli F dei vari contrasti. Se dopo viene anche
richiesto di fare dei confronti post hoc, allora bisogna verificare se F generale significativo!
Ritornando al nostro esercizio, ci viene detto che lo sperimentatore ha avanzato alcune ipotesi
specifiche producendo quindi un set di contrasti:
1) Secondo il ricercatore c una differenza significativa tra due gruppi (a1 e a2). Da
verificare a priori se tale differenza significativa con =5% - se cio i livelli a1 e a2
differiscono in maniera significativa indipendentemente dagli altri livelli.
Bisogna innanzitutto costruirsi il contrasto: 1 -1 0 0 (confronto fra I e II livello, gli altri
non centrano, sono 0).
Quindi si calcola la somma dei quadrati per il primo contrasto:

72

n corrisponde ai totali nei vari livelli da elevare al quadrato e quindi da sommare in base a.

55
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

[1(10) + -1(7)] = (10-7) = 9/8 = 1,12 73


4(1+ -1)
8
Sappiamo che per i mean square, avendo ogni contrasto 1 df, otteniamo 1,12/1= sempre
1,12.
Il denominatore per tutti gli F di questo disegno 0,56: 1,12/0,56= 2,01 (F calcolato per il
contrasto fra primo e secondo livello della nostra variabile).
Dobbiamo cercare il valore critico di F sulle tavole a cui confrontare lF calcolato F con 1
df al numeratore (contrasto) e 12 df al denominatore (S/A) 4,75.
Poich lF calcolato inferiore allF critico, la significativit non viene significativamente
verificata = non c una differenza significativa fra i livelli a1 e a2.
2) Lesercizio richiede poi di verificare se la media dei primi due livelli differisce
significativamente dal III livello (a1, a2 vs a3).
Il contrasto : -1 0 /2 1 1 -2 0 (un livello contro la media degli altri due
livelli).

[1(10) + 1(7)+ -2(6)] = (10+7-12) = 25/24 = 1,04


4(1+1+ -2)
24
Mean square: 1,04/1= 1,04
F= 1,04/0,56 = 1,86
1,86 da confrontare con 4,75
Poich lF calcolato inferiore allF critico trovato sulle tavole, la significativit non viene
significativamente verificata, ovvero non c una differenza significativa tra il livello a3 e la
media di a1 e a2.
LEZIONE 9
3) Viene quindi richiesto di confrontare a4 contro la media degli altri tre: a1+a2+a3 a4
3
Il contrasto quindi: 1/3 1/3 1/3 -1 /3 1 1 1 -3

73

Arrotondamenti: 1,1251,12 (perch il secondo decimale pari); 1,1351,14 (perch il secondo decimale dispari).

56
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

[1(10) + 1(7)+ 1(6)+ -3(14)] = (10+7+6-42) = 361/48 = 7,52


4(1+1+ 1+ -3)
48
Mean square: 7,52/1= 7,52
F= 7,52/0,56= 13,43
13,43 da confrontare con il valore critico sulla tavola e quindi trarne le conclusioni.
4) Ulteriore contrasto da verificare: se la media dei primi due (a1 e a2) diversa dalla
media degli ultimi due (a3 e a4).
Contrasto: - - /2 1 1 -1 -1

[1(10) + 1(7)+ -1(6)+ -1(14)] = (10+7-6-14) = 9/16 = 0,56


4(1+1+ -1+ -1)
16
Mean square: 0,56/1= 0,56
F= 0,56/0,56= 1 le due varianze sono identiche quindi non c alcun effetto della VI
che dovrebbe aggiungere variabilit (varianza) al numeratore.
5) Viene poi chiesto se la media del primo e del terzo (a1 e a3) differisce
significativamente dalla media del secondo e del quarto (a2 e a4).
Contrasto: 1 -1 1 -1

[1(10) + -1(7)+ 1(6)+ -1(14)] = (10-7+6-14) = 25/16 = 1,56


4(1+ -1+ 1+ -1)
16
Mean square: 1,56/1= 1,56
F= 1,56/0,56= 2,78
6) Ultimo contrasto da verificare: viene chiesto se la media della prima e dellultima
condizione (a1 e a4) differiscono dalla media della seconda e della terza condizione (a2
e a3).

57
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Contrasto: 1 -1 -1 1

[1(10) + -1(7)+ -1(6)+ 1(14)] = (10-7-6+14) = 121/16 = 7,56


4(1+ -1+ -1+ 1)
16
Mean square: 7,56/1=7,56
F= 7,56/0,56= 13,5
Di tutti i contrasti effettuati soltanto due risultano significativi: il terzo (differenza tra il quarto
livello e la media dei primi tre in quanto 13,42>4,75) e il sesto (differenza fra media del primo
e ultimo e del secondo e terzo in quanto 13,5>4,75).
A questo punto pu venire richiesto di verificare se questo set di contrasti un set
ortogonale.
La prima cosa da verificare se il numero di contrasti che compongono un set pari ai df della
variabile (oppure: al numero di livelli della variabile - 1): il nostro set non pu quindi essere
ortogonale in quanto composto da sei contrasti e non da tre come dovrebbe!
Pu venire richiesto di individuare un set ortogonale allinterno del nostro set di
contrasti74.
Bisogna verificare quindi se vi un insieme di tre contrasti ortogonali tra loro, ovverossia con
la propriet che la sommatoria dei prodotti dei coefficienti a coppie uguale a 0 in tutte le
coppie possibili di contrasti.
Vediamo ad es. il primo e il secondo:
1
[1 -1 0 0]
1 1 -1 0 0 1+ -1= 0
-2
0
I primi due sono tra loro ortogonali quindi potrebbero far parte di un set ortogonale.
Vediamo ora il primo e il terzo:
1
[1 -1 0 0]
1 1 -1 0 0 1+ -1=0
1
-3
Anche questi due sono tra loro ortogonali in quanto la sommatoria uguale a 0.
Lultima verifica potrebbe essere fra il secondo e il terzo in quanto, per poter dire che il set
ortogonale, tutti e tre i contrasti devono essere ortogonali fra loro.

74

Domanda noiosa non presente allesame.

58
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

[1

1 -2 0]

1
1
1
-3

1 -2 0 1+1-2=0

I primi tre contrasti formano quindi un set ortogonale: si spartiscono in parti non sovrapponibili
la varianza, ovvero, la sommatoria delle somme dei quadrati dei contrasti che formano il set
ortogonale uguale alla somma dei quadrati della fonte generale:
1,12+1,04+7,53= 9,69
Questi sono i contrasti in un disegno a casualizzazione completa tutti con un solo grado di
libert75 - in cui F viene calcolato utilizzando il denominatore unico del disegno (S/A con una
sola variabile, S/ AB se le variabili sono due, S/ABC con tre variabili ecc.).
C) Quando abbiamo un disegno a ripetizione completa, con una sola variabile a pi
livelli e facciamo unanalisi a priori con la possibilit di saltare eventualmente lanalisi
generale in quanto non si tenuti ad avere un F significativo generale per poter passare
ai contrasti le cose diventano pi complicate. Il calcolo della somma dei quadrati dei
contrasti identico a quello dei contrasti per un disegno a casualizzazione completa: la
formula per calcolare la somma dei quadrati per il numeratore dellF relativo ad un
contrasto sempre quella. Ci che cambia il denominatore dellF, interazione della
variabile soggetti e la variabile effetto principale che si analizza. Se ci sono pi variabili
si ha un denominatore dedicato a ciascuna variabile nel caso dei contrasti si ha un
denominatore dedicato a ciascun contrasto da calcolare con la formula.
La formula della somma dei quadrati dellinterazione fra un qualsiasi contrasto e la variabile
soggetti in un disegno a ripetizione completa sar:

SS Acomp x S = interazione fra qualsiasi contrasto e la variabile soggetti, cio il denominatore


che ci serve per poter costruire lF di quel determinato contrasto.
Il II termine non altro che la formula della somma dei quadrati per un qualsiasi contrasto e
viene sottratto al I termine, cio la sommatoria dei quadrati dei prodotti dei coefficienti per i
singoli dati (x) di quel determinato soggetto, diviso per la sommatoria dei coefficienti al
quadrato.
x = i singoli dati per ciascun soggetto bisogna andare a moltiplicare il coefficiente per il
75

NB: tutti i contrasti, in qualsiasi disegno sono con 1 solo df in quanto vengono confrontate due cose e i due livelli che vengono
contrastati sono quelli che danno origine ai df la cui formula il nr. dei livelli 1.

59
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

singolo dato e fare la sommatoria in base a (a1+a2+a3+a4) ed elevare al quadrato il totale;


dopodich si fa la sommatoria in base n, cio tutte queste componenti soggetto per soggetto
vengono messe assieme ottenendo il denominatore.
Esempio

n1
n2
n3

a1
1
2
3
6

a2
5
7
6
18

76

Fonti
della
Variabilit
(SV)
A

SA

fonte
totale77
76
77

Somma
dei
quadrati
(SS)
a(n) n
(anx)
an
n(a) a
(anx)
an
an(x)a(nX)
n
n(aX)
+C
a

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(ms)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
1

SS (A)
a-1

MS A
MS S/A

an(x)-

an-1
5

n-1
2

(a-1)(n1)=
an-a-n+1
2

SS(SA)
(a-1)(n1)

Si tratta dei totali per ogni condizione.


Sommatoria dei singoli dati elevati al quadrato (sommatoria in base a, sommatoria in base n di X al quadrato, cio bisogna elevare
al quadrato i singoli dati e poi sommarli tra di loro); tale risultato finisce al primo termine. Il secondo termine il termine di
correzione (sommatoria in base a, sommatoria in base n di X, sommatoria elevata al quadrato, diviso an= numero di dati sommati
prima di elevare al quadrato).

60
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

(anx)
an
Sommatorie dei quadrati:
SS di A
a(n) - (x) [(1+2+3)+(5+7+6)] - (6+18) = 36+324 576 = 120-96 = 24
n
an
3
6
3
6
SS di S
n(a) - (x) [(5+1)(7+2)(6+3)] 96 = 36+81+81 96 = 99 96 = 3
a
an
2
2
SS di SA
(x)-a(nX) -n(aX) + C 1+2+3+6+5+7-120-99+96 = 124-120-99+96= 1
n
a
SS della fonte totale
124-96=28
Ora facciamo la stessa cosa ma servendoci della formula dei contrasti. Il nostro un caso
particolare di contrasto, con una variabile a due livelli che pu essere trattata come un
contrasto in quanto i livelli di tale variabile potrebbero essere molti di pi, ma trattandone solo
due, essi possono venire considerati come un contrasto.
Il nostro contrasto : 1

-1

II termine: (1x6+ -1x18) = (6-18) = 144 = 24


3(1 -1)
3x2
6
Il risultato corrisponde al fatto che la somma dei quadrati di un contrasto corrisponde alla
somma dei quadrati di un disegno sperimentale con una variabile a due livelli con la formula
che corrisponde alla seconda parte della formula richiesta in un disegno a ripetizione completa.
I termine78:
[1(1)+ -1(5)] + [1(2)+ -1(7)] + [1(3)+ -1(6)] = (-4)+ (-5)+ (-3) = 16+25+9 = 25
1 + -1
2
2
I termine II termine 25-24= 1
La somma dei quadrati del denominatore la medesima!

78

Ci serve per calcolare la somma dei quadrati dellinterazione fra il nostro contrasto e la variabile soggetti ovverosia per calcolarci
quello che sar il denominatore dellF del contrasto analizzato.

61
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

F 24/1=24

1:2=0,5 24:0,5= 48 (F)

df: del contrasto 1, dei soggetti 2 (n-1).


LEZIONE 10 (12)
D) Disegno a ripetizione completa con una variabile a pi livelli.

Il disegno a ripetizione completa ha la variabile a 3 livelli e 3 soggetti.


n1
n2
n3
Totale
totale

a1
1
3
5
9
81

a2
8
7
9
24
576

a3
4
2
6
12
144

totali79
13
12
20
45

totali
169
144
400

Sommatoria dei singoli dati al quadrato80: 1+3+5+8+7+9+4+2+6= 285


Fonti
della
Variabilit
(SV)
A

79

80

Somma
dei
quadrati
(ss)
a(n) n
(anx)
an
n(a) a
(anx)
an

Sommatoria in base n,
an(x)

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(ms)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
2

SS (A)
a-1

MS A
MS SA

n-1
2

- ovvero i totali per soggetto.

62
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

SA

Fonte
totale

an(x)
a(nX)
n
n(aX)
+C
a
an(x)(anx)
an

(a-1)(n1)=
an-a-n+1
4

SS (SA)
(a-1)(n1)

an-1
8

Somma dei quadrati


SS di A
81+576+144 - 45 = 801 -2025 = 267-225= 42
3
3x3
3
9
SS di S
169+144+400 - 45 = 713 -2025 = 237,67- 225= 12,67
3
3x3
3
9
SS di SA
285-267-237,67+225=5,33
SS della fonte totale
285-225=60

(42+12,67+5,33=60)

Mean square
Di A: 42/2=21
Di SA: 5,33/4=1,33
F=21/1,33=15,79
Ora calcoliamo tutti i contrasti:
1 -1 0
1 0 -1
0 1 -1
2 -1 -1
-1 2 -1
-1 -1 2

(= I livello contro II livello, escludendo il III livello)


(= I livello contro III livello, escludendo il II livello)
(= II livello contro III livello, escludendo il I livello)
(= I livello contro la media del II e del III livello); allorigine: 1 -1/2 -1/2
(=II livello contro la media del I e del III livello)
(= III livello contro la media del I e del II livello)

Somme dei quadrati


Del primo contrasto 1 -1 0
II termine: (9-24) = 37,5
3x2

63
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

I termine: (1x1 + -1x8 +0x4)+(1x3 + -1x7 + 0x2)+(1x5 + -1x9 + 0x6) = 40,5


2
40,5-37,5= 3 (df: 1 e 2) mean square: 3/2=1,5 F= 37,5/1,5= 25
Del secondo contrasto 1 0 -1
II termine : (9-12) = 1,5
3x2
I termine: (1x1 + 0x8 +-1x4)+(1x3 + 0x7 + -1x2)+(1x5 + 0x9 + -1x6) = 5,5
2
5,5-1,5= 4 (df: 1 e 2) mean square: 4/2=2 F= 1,5/2= 0,75
Del terzo contrasto 0 1 -1
II termine: (24-12) = 24
3x2
I termine: (0x1 + 1x8 + -1x4)+(0x3 + 1x7 + -1x2)+(0x5 + 1x9 + -1x6) = 25
2
25-24= 1 (df: 1 e 2) mean square: 1/2=0,5 F= 24/0,5= 48
Del quarto contrasto 2 -1 -1
II termine: (18-24-12) = 18
3x6
I termine: (2x1 + -1x8 + -1x4)+(2x3 + -1x7 + -1x2)+(2x5 + -1x9 + -1x6) = 22,33
6
22,33-18= 4,33 (df: 1 e 2) mean square: 4,33/2=2,17 F= 18/2,17= 8,29
Del quinto contrasto -1 2 -1
II termine: (-9+48-12) = 40,5
3x6
I termine: (-1x1 + 2x8 + -1x4)+(-1x3 + 2x7 + -1x2)+(-1x5 + 2x9 + -1x6) = 41,83
6
41,83-40,5= 1,33 (df: 1 e 2) mean square: 1,33/2=0,67 F= 40,5/0,67= 60,44

64
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Del sesto contrasto -1 -1

II termine: (-9-24+24) = 4,5


3x6
I termine: (-1x1 + -1x8 + 2x4)+(-1x3 + -1x7 + 2x2)+(-1x5 + -1x9 + 2x6) = 6,83
6
6,83-4,5= 2,33 (df: 1 e 2) mean square: 2,33/2=1,17 F= 4,5/1,17= 3,85
F critico per lanalisi generale: essendoci 3 livelli, si hanno 2 df al numeratore e un
denominatore SA con 4 df. A tale incrocio troviamo il valore critico 6,94.
F critici per i contrasti: hanno tutti 1 df al numeratore e un denominatore che la variabile
soggetti con 2 df. A tale incrocio troviamo il valore critico 18,5 valore critico di F per tutti i
contrasti.
Lanalisi omnibus ha dato un risultato significativo in quanto 15,79>6,94. Per quanto riguarda i
contrasti, si rilevato un effetto significativo fra I e II livello (I contrasto, 25>18,5), fra II e III
livello (III contrasto, 48>18,5) e fra II livello e la media dei livelli I e III ( V contrasto,
60,44>18,5). Gli altri risultati non sono significativi in quanto tutti <18,5.
Da notare che la somma dei quadrati delleffetto principale 42; allinterno del nostro set ci
sono tre contrasti ortogonali, con le somme dei quadrati di ciascun membro che ci danno la
somma dei quadrati delleffetto principale:
o
o
o

il primo contrasto ortogonale rispetto allultimo -1 1 0 -1+1=0


37,5+4,5=42
il secondo contrasto ortogonale rispetto al penultimo -1 0 1 -1+1=0
1,5+40,5=42
il terzo contrasto ortogonale rispetto al quarto 0 -1 1 -1+1=0 18+24=42.

Abbiamo confermato che ci sono set ortogonali anche in un disegno a ripetizione completa;
come pure ci sono in un disegno misto (troppo complicato da dimostrare).
LEZIONE 11 (XIII)
ANALISI DEI TREND
Il set -1 0 1 ortogonale; ma, andando a rappresentare sugli assi cartesiani i coefficienti, ci
che otteniamo ci permette di fare unulteriore analisi: lanalisi dei trend (o degli andamenti).
A determinate condizioni di un disegno sperimentale:
la VI deve essere di tipo quantitativo;
i suoi livelli devono essere intervallati in maniera uniforme (es. intervallo da 1 a 2
devessere uguale allintervallo fra 2 a 3) intervalli equivalenti;

65
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

i suoi livelli devono essere messi in ordine ascendente o discendente ordine di


grandezza.
In tal caso, si pu vedere se nella VI c un andamento lineare cio
allaumentare/diminuire del valore della VI, aumenta/diminuisce linearmente il valore della VD.
In un andamento quadratico vi invece uninversione di direzione, ad es. se aumenta la VI
diminuisce la VD o viceversa.
I trend derivano da un set ortogonale composto da un numero di contrasti pari ai df. Se c
una variabile con 3 livelli, si possono estrarre la componente lineare e la componente
quadratica. Se la variabile ha 4 livelli, con 3 df delleffetto principale, si possono estrarre 3
contrasti che compongono i set ortogonali e 3 contrasti che compongono i set estraibili: ad
andamento lineare, ad andamento quadratico e il terzo ad andamento cubico, in cui si hanno
due cambi di direzione, ad esempio una crescita, una decrescita e di nuovo una crescita. Nel
caso in cui la variabile ha 5 livelli, con un set ortogonale composto da 4 contrasti, si possono
estrarre 4 andamenti: uno lineare, uno quadratico, uno cubico e un andamento quartico
caratterizzato da 3 cambi. Con la variabile a 6 livelli si riesce ad estrarre 5 componenti: lineare,
quadratica, cubica, quartica e quintica caratterizzata da 4 cambiamenti di direzione.
Estrarre componenti di trend (o di andamento) da unanalisi significa vedere se il calcolo dell F
per un contrasto definisce gli andamenti e vedere poi se lF calcolato maggiore o minore
dellF critico riscontrando quindi se vi un andamento lineare o quadratico o cubico ecc.
significativo.
Esempio: disegno sperimentale a casualizzazione completa con una variabile a 3 livelli
n1
n2
n3
Totale
Media

a1
1
2
3
6
2

Fonti
della
Variabilit
(SV)
A

S/A

a2
5
6
7
18
6

a3
1
3
5
9
3

Somma
dei
quadrati
(SS)
a(nX)
n
(anx)
an
(anx)a(nX)
n

totali
7
11
15
33

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
2

SS (A)
a-1

MS A
MS S/A

a(n1)=an-a

SS di S/A
a(n-1)

66
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

6
Fonte
totale

an(x)(anx)
an

an-1
8

Somma dei quadrati


SS per A
6+18+9 - (7+11+15) = 147-121=26
3
9
SS per S/A
159 147 = 12
SS per la fonte totale
159 121 = 38 (26+12=38)
Mean square
26/2= 13
12/6= 2
F=13/2= 6,5

F critico ha 2 e 6 df 5,14 6,5>5,14.

A questo punto, ammettendo che VI sia quantitativa, che a1, a2, a3 siano messi in ordine di
grandezza, che la distanza fra a1 e a2 sia la stessa della distanza fra a2 e a3, si cercano
eventuali complementi di trend. Ci possibile nella tavola dei coefficienti dei polinomi
ortogonali. Essa parte da 3 livelli della VI che si analizzano; quindi si trovano i coefficienti per
i contrasti che ci servono per estrarre le componenti di trend. Avendo 3 livelli, possiamo
estrarre 2 componenti (una lineare e una quadratica) e i coefficienti che servono per estrarre
tali componenti risultano essere:
-1 0 1
1 -2 1
Nelle tavole troviamo anche la sommatoria dei coefficienti al quadrato: 2 per landamento
lineare (-1+1) e 6 per quello quadratico (1+ -2+1).
Ora necessario calcolare gli F dei due contrasti che sono individuati dai coefficienti.
Somma dei quadrati
SS della componente lineare
(-1x6+0x18+1x9) = (-6+9) = 1,5 mean square: 1,5/1= 1,5
3(-1+0+1)
6

81

F= 1,5/2= 0,75 (non si


significativo

81

Ovvero: nel nostro disegno non c un andamento lineare significativo!

67
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

SS della componente quadratica


(1x6+-2x18+1x9) = (6-36+9) = 24,5 mean square: 24,5/1= 24,5
3(1+ -2+1)
18

F= 24,5/2= 12,25

F critico con 1 e 6 df: 5,99. Siccome il valore calcolato 12,25>5,99, accettiamo H1 e diciamo
che vi una componente quadratica significativa in questo disegno.
Rappresentando i totali (o le medie) graficamente sugli assi cartesiani, vediamo che
landamento ha uninversione netta senza andamento lineare significativo, cio senza
differenza significativa fra primo e ultimo82. Per avere entrambi gli andamenti bisogna infatti
che ci sia una differenza significativa fra il primo e lultimo, oltre ad esserci pure un cambio di
direzione a met.
Esempio 1
Se viene presentato un cue (= suggerimento) prima del target (= stimolo a cui si deve
rispondere), il soggetto ha una maggiore velocit di risposta. Il tempo che intercorre tra la
comparsa del cue e la comparsa del target si chiama SOA83, che viene spesso variato negli
esperimenti in termini di ms al fine di cercare il SOA ottimale, ovverossia il tempo che deve
intercorrere fra la comparsa del cue e la comparsa dello stimolo perch la risposta sia pi
veloce possibile.
In un disegno sperimentale vengono usati 3 SOA diversi per poter poi vedere la forma
dellandamento della distribuzione di SOA, al fine di vedere se, aumentando lentit dellSOA si
ottiene un miglioramento continuo del tempo di reazione o se vi unaltra forma di andamento
(a U o a U rovesciata).
Per estrarre delle componenti di trend bisogna quindi che la VI sia quantitativa (SOA) e
vogliamo vedere il suo effetto (VD) sui tempi di risposta (misurati attraverso i tempi di
reazione).
I 3 livelli della VI sono: 150 (a1), 450 (a2) e 750 (a3) ms .
n= 5 soggetti
I tempi medi di risposta dei soggetti: 321,78 per a1; 280,05 per a2; 332,19 per a3.
soggetti
n1
n2
n3
n4
n5
Totale84
Media

a1

a2

a3

321,78

280,05

332,19

totali

Secondo lipotesi del ricercatore, landamento sar quadratico, con andamento a U (o a U


82

Essendoci 3 livelli: fra primo e terzo livello.


Stimolous Onset Asynchrony= asincronia tra stimolo e inizio, suggerimento.
84
Lesercizio non li d, bisogna calcolarli moltiplicando le medie per il nr di soggetti (v. poi).
83

68
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

rovesciata), cio al primo aumento dellSOA ci sia un miglioramento della prestazione, ai


successivi aumenti si riscontri un decadimento della prestazione.
Fonti
della
Variabilit
(SV)
A

variabile
relativa ad
n, soggetti,
S/A
Fonte
totale

Somma
dei
quadrati
(SS)
a(nX)
n
(anx)
an

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
2

SS (a)
a-1

MS A
MS S/A

an(x)
a(nX)
n

a(n-1) =
an-a
12 85

SS (S/A)
a(n-1)

an(x)
(anx)
an

an-1
14

Somme dei quadrati: 27.408,50 per A


25.879,72 per S/A
Mean square: 27.408,50/2= 13.704,25
25.879,72/12= 2.156,65

F= 13.704,25/2.156,65= 6,35

Per verificare il trend quadratico per quel che riguarda una variabile con 3 livelli, si consultano
le tavole da cui si rilevano i coefficienti:
-1 0 1
1 -2 1
La somma dei quadrati di Aquad - ovvero della componente quadratica, si utilizza la formula
della somma dei quadrati di qualsiasi contrasto:

Prima di passare ai calcoli, bisogna considerare che tale formula lavora sui totali, mentre noi
abbiamo i dati riferiti alle medie: si deve quindi calcolare i totali moltiplicando le medie per il nr
di soggetti:
85

Cio: i 3 livelli di A moltiplicati per la fonte soggetti S (n-1), cio 4.

69
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

321,78 x 5= 1608,9
280,05 x 5 = 1400,25
332,19 x 5 = 1660,95
[1(1608,9)+ -2(1400,25)+ 1(1660,95)] =
5(1+ -2+1)
= (1608,9-2800,50+1660,95) =
5x6
= 469,35 = 220289,42/30 = 26433,05

30
Mean square: 26433,05/1= 26433,05

F= 26433,05/2156,65= 12,26

F critico con 1 e 12 df: 4,75<12,26 accettiamo H1, vi un andamento quadratico


significativo. Cio, limitatamente ai livelli considerati, se si aumenta lSOA di 300 ms (da 150 a
450), otteniamo un miglioramento nei tempi di reazione dei soggetti; se per viene aumentato
di altri 300 secondi, i soggetti tornano grosso modo alle prestazioni che avevano allinizio, con
150 ms. La curva quindi a forma di U rovesciata.
Limitazioni: abbiamo pochi livelli, quindi lanalisi non molto raffinata!
Esempio 2
Disegno a casualizzazione completa con VI a 4 livelli: sotto ciascun livello abbiamo gruppi di
soggetti diversi.
n1
n2
n3
n4
Totale

a1
2
1
1
1
5

a2
2
2
3
4
11

a3
1
2
1
1
5

a4
5
3
4
2
14

totale

35
x86

Media
(x) = 101

86

x = anx

70
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Fonti
della
Variabilit
(SV)
variabile A

variabile
relativa ad
n, soggetti,
S/A
Fonte
totale

Somma
dei
quadrati
(ss)
a(nX)
n
(anx)
an

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
3

SS (A)
a-1

MS A
MS S/A

an(x)
a(nX)
n

a(n-1) =
an-a
12

SS (S/A)
a(n-1)

an(x)
(anx)
an

an-1
15

Somme dei quadrati


SS per A
5+11+5+14 - 35 = 367 1225 = 91,75-76,56 = 15,19
4
16
4
16
SS per S/A
101 91,75 = 9,25
Per la fonte totale
101-76,56= 24,44

(15,19+9,25=24,44)

Mean square di A: 15,19/3= 5,06


Mean square di S/A: 9,25/12= 0,77
F= 5,06/0,77= 6,57
F critico (allincrocio fra 3 e 12): 3,49
lanalisi generale ci fornisce un F significativo.
Ora andremo ad estrarre tutte le componenti possibili di andamento: avendo la VI 4 livelli,
saranno 3 le componenti (= i contrasti che compongono il set ortogonale), pari al numero di df.
Un set ortogonale particolare quello che ci permette di tirare fuori le varie componenti di
andamento. I coefficienti rilevati dalle tavole, dati per tirare fuori tali componenti (lineare,
quadratica e cubica) sono:
-3 -1 1
1 -1 -1
-1 3 -3

3
1
1

71
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Sommatorie dei coefficienti al quadrato


Della componente lineare: 20
Della componente quadratica: 4
Della componente cubica: 20
Somme dei quadrati

SS della componente lineare


-> [-3(5)+ -1(11)+1(5)+3(14)] =
4x20
= (-15-11+5+42) = 21/80= 5,51 (con 1 df perch trattasi di un contrasto)
80
SS della componente quadratica
-> [1(5)+ -1(11)+-1(5)+1(14)] =
4x4
= (5-11-5+14) = 3/16= 0,56
16

(con 1 df perch trattasi di un contrasto)

SS della componente cubica


-> [-1(5)+ 3(11)+-3(5)+1(14)] =
4x20
= (-5+33-15+14) = 27/80 = 9,11
80

(con 1 df perch trattasi di un contrasto)

NB: la sommatoria di tutte queste somme dei quadrati uguale alla sommatoria dei quadrati
di A:
5,51+0,56+9,11= 15,18
Mean square
Dovendo dividere per 1 df, rimangono le stesse delle somme dei quadrati:
componente lineare: 5,51/1= 5,51
componente quadratica: 0,56/1= 0,56
componente cubica: 9,11/1= 9,11

72
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

F della componente lineare: 5,51/0,77 = 7,16


F della componente quadratica: 0,56/0,77 = 0,72
F della componente cubica: 9,11/0,77 = 11,83
F critico (con df 1 e 12): 4,75
La componente lineare e quella cubica (ma non quella quadratica) sono significative. Se
rappresentiamo graficamente i totali (o le medie: landamento lo stesso!) vediamo due cambi
di rotta significativi per landamento cubico. Landamento lineare deriva invece dal fatto che, se
disegniamo una retta, vedremmo che c un andamento non parallelo in modo significativo
allasse delle ascisse.

n1

n2

n3

n4

LEZIONE 12 (XIII)
METODO DEI CONTRASTI POST HOC
Per quanto riguarda i confronti analitici abbiamo finora visto quelli a priori (metodo dei
contrasti a priori, analisi dei trend nella parte a priori).
Procediamo ora con i contrasti post hoc, i metodi che ci consentono di mantenere il livello di
significativit senza inflazionarlo facendo pi contrasti. La situazione post hoc si ha quando non
ci sono una o pi ipotesi relative ai confronti analitici, ma unesplorazione dei risultati
ottenuti.
Come primo requisito, bisogna ottenere un F generale significativo per poi procedere e vedere
cosa successo nel nostro disegno sperimentale.
Sostanzialmente ci sono 4 tipi di contrasti, 4 situazioni:
1. contrasti fra singoli livelli o singole medie, cio tutti i CONTRASTI possibili FRA COPPIE
DI LIVELLI SINGOLI in disegni a casualizzazione completa 5 differenti metodi per tale
situazione;

73
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

2. CONTRASTI FRA COMBINAZIONI DI LIVELLI, ad es. medie di due o pi livelli


confrontate con un singolo livello oppure medie di combinazioni di livelli confrontate con
medie di combinazioni di altri livelli 2 metodi per tale situazione;
3. CONFRONTI ALLINTERNO DI UN SET RIDOTTO DI CONTRASTI: invece di tener
conto di tutti i possibili contrasti (fra singoli livelli o fra combinazioni di livelli) ci si focalizza
su un insieme ristretto di contrasti;
4. CONFRONTI FRA UNA CONDIZIONE DI CONTROLLO E CIASCUNA SINGOLA
CONDIZIONE SPERIMENTALE.
NB: quanti pi confronti analitici si fanno, tanto pi il livello di significativit dellesperimento
aumenta. Tale livello87 (chiamato Alpha Experiment Wise) si approssima a C x c prodotto
fra il numero dei contrasti (C) che si vanno ad operare e il livello di significativit per cui
abbiamo verificato ogni singolo contrasto. Ad esempio, se vengono effettuati 4 contrasti con
= 0,5, ew diventa il 20% - nel disegno generale vi un livello di significativit del 20%,
ovvero una probabilit del 20% di commettere un errore del I tipo (di accettare una H1 falsa)!
1. Nella prima situazione previsto un CONFRONTO FRA COPPIE DI LIVELLI SINGOLI,
consistente in 5 metodi che lavorano su disegni a casualizzazione completa, con una
VI a pi livelli:
1.1. metodo LSD (List Significative Difference, differenza significativa minima), serve come
termine di paragone per vedere quanto restrittivi sono gli altri metodi, quanto cio si
perde in potenza usando dei metodi post hoc.
1.2. Metodo di Duncan;
1.3. Metodo Newman-Keuls;
1.4. Metodo di Tuckey;
1.5. Metodo di Teddy Scheff.
Tutti questi metodi tranne il primo operano un controllo sullinflazione dei livelli di significativit
sulla base di tutti i contrasti possibili fra i singoli livelli; in pratica come se dividessero lew
per il numero massimo possibile di contrasti e testassero i singoli contrasti al livello di
significativit ottenuto. Ad es. se il livello di significativit dellesperimento dello 0.5 e ci
sono 10 contrasti possibili tra i singoli livelli, i suddetti metodi testano i singoli contrasti ad un
livello pari al 0,05 (0,5/10) in modo da rientrare ad un livello generale del 5%. LSD non opera
invece alcun controllo sul livello di significativit generale.
I 5 metodi operano secondo il principio dellLSD: calcolano la differenza minima significativa
(critica) tra due livelli e poi la confrontano con la differenza reale calcolata che, se maggiore
o uguale a quella critica trovata con il test, si pu accettare H1 altrimenti si rifiuta.

87

Ovvero: la probabilit derrore di Tipo I per tutto lesperimento.

74
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Formule
Per la differenza critica di LSD:

Il metodo LSD calcola il prodotto fra 2 termini:


I termine
radice di F con gradi di libert: 1 e i df di S dentro A in pratica, i df del denominatore del
nostro disegno. Il termine F va quindi ricercato nelle tavole con tali df.
II termine
radice di 2 per S per i mean square di S dentro A.
2 una costante;
n= livelli della variabile soggetti (nr di osservazioni sotto ciascun livello della VI);
mean square di S dentro A= il valore del denominatore del rapporto F dellanalisi generale.
Differenza critica di Duncan:

q primo: valore da cercare su una tavola, individuato da r e dai gradi di libert di S/A.
dfS/A = gradi di libert di S/A, ovvero df del denominatore del rapporto F dellanalisi generale.
2: costante
NB: il secondo termine sempre uguale!
Differenza critica di Newman-Keuls:

q: valore da cercare su unaltra tavola rispetto alla precedente.


Differenza critica di Tuckey:

rmax = r massimo

75
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Differenza critica di Scheff:

a-1 = gradi di libert della nostra VI


F critico: utilizzato per verificare la significativit generale; esso ha:
dfA = df di A
dfS/A = df di S/A (cio i gradi di libert del denominatore).
I metodi Duncan e Newman-Keul operano un controllo sul livello di significativit generale
definito come stratificato; Tuckey e Scheff operano un controllo sul livello di significativit
generale definito come generalizzato. Questo vuol dire che Tuckey e Scheff trattano tutti i
possibili contrasti fra singoli livelli della VI allo stesso modo, ovverossia il valore critico
sempre lo stesso per tutti. Duncan e Newman-Keul invece operano un controllo stratificato,
trattando i diversi confronti a seconde della distanza nella serie ordinata per grandezza dei
totali, con valori critici diversi a seconda del contrasto preso in considerazione (che pu essere
fra livelli contigui o fra livelli con maggiore distanza). Consideriamo, ad es. di avere 5 totali
(37,21,49,60,71) per ognuno dei 5 livelli (a1,a2,a3,a4,a5). In un controllo stratificato,
mettendo in ordine crescente (o decrescente) tali dati (21,37,49,60,71), i due test prevedono
sia pi facile che risulti significativo il contrasto fra i due valori estremi della distribuzione (il
pi piccolo e il pi grande), piuttosto che i contrasti fra livelli contigui. Sar quindi pi facile
che 21 sia significativamente diverso da 71, rispetto a a1-a2 (21 e 37), a1-a3 (21 e 49), a3-a4
(49 e 60)e a4-a5 (60 e 71), con una differenza pi piccola, essendo valori contigui nella loro
progressione. Ad ogni modo, la differenza fra a2 e a5 avr maggiori probabilit di risultare
maggiormente significativa rispetto ad a1 e a4 o a2 e a4 - e cos via.
In Duncan e Newman-Keul r e rmax indicano la distanza fra livelli quando i totali sono ordinati
in ordine crescente.
o Nel caso di livelli contigui, r = 2 in quanto ci sono solo 2 livelli, senza nulla in mezzo;
o nel confronto fra i livelli estremi (a1 e a5) si contano 5 livelli, r = 5;
o r = 3 nei contrasti a2 e a3 (perch in mezzo c a1), a1 e a4 (perch in mezzo c a3) e a3
e a5 (in mezzo c a4) sono sempre 3 i livelli coinvolti;
o r=4 caratterizza i contrasti a2 e a4, a1 e a5.
Avremo quindi 4 diversi valori critici corrispondenti a r e rmax, con i quali si dovranno
confrontare le differenze fra i totali calcolati. Ad esempio, con r=2 (tutti confronti fra livelli
contigui), si avr un valore critico da confrontare con a2-a1, a2-a3, a3-a4, a4-a5.
Quando Tuckey fa i controlli, considerando tutti i contrasti allo stesso modo (controllo
generalizzato), rmax nella formula indica che tutti i contrasti vengono confrontati con un
valore calcolato utilizzando r = 5, ossia il valore massimo di r.

76
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Esempio
a. Disegno a casualizzazione completa con una variabile a 5 livelli, n=9 (9 soggetti diversi,
indipendenti per ciascun livello di A):
1
2
3
4
5
6
7
8
9
Totali

a1

a2

a3

a4

a5

Totali

115

71

64

79

103

432
(x)
39212

Totali

I livelli possono essere, ad esempio, i gradi in cui viene presentato uno stimolo e i valori di
a1,a2,a3,a4 e a5 corrispondono ad es. a: 0 gradi, -10, -20, +10 e +20 i valori dei livelli
della variabile. I 9 soggetti hanno visto 1/5 degli stimoli presentati in campo centrale, 1/5 a 10
gradi a sinistra, 1/5 a 20 gradi a sinistra, 1/5 a 10 gradi a destra, 1/5 a 20 gradi a destra. 9
soggetti hanno visto 100 stimoli a 10 gradi a sinistra, altri 9 soggetti hanno visto 100 stimoli a
20 gradi a sinistra. e i totali possono corrispondere agli errori commessi dai soggetti in ogni
posizione.
Fonti
della
Variabilit
A

S/A

Sommatoria
dei quadrati
(di x)
a(n) n
- a(nX)
an
(anx)a(nX)
n

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)88

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
4

SS (A)
a-1

MS A
MS S/A

a(n 1)
40

SS S/A
a(n-1)

Fonte
88

an(x) (anx)

an-1

Mean squares, ovvero le stime della varianza dovute alle varie fonti della variabilit media della varianza fra i gruppi e entro i
gruppi.

77
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

totale

an

44

Sommatoria di x (sommatoria dei singoli dati elevati ognuno al quadrato)= 4885,69


a(n) _ (anX) = 115+71+64+79+103 - 432 = 209,69 (somma dei quadrati di A)
n
an
9
45
(anx)- a(nX) = 4885,69 - 4356,89 = 528,80 (somma dei quadrati di S/A)
n
an(x) - (anx) = 4885,69 432 = 738,49
an
45
MS A = 209,69/4 = 52,42
MS S/A = 528,80/40 = 13,22
F = 52,42/13,22 = 3,97
3,97 risulta essere significativo (= vi un effetto generale significativo della VI A) in quanto
> 2,61, il valore critico della tabella (allincrocio fra 4 e 40).
A questo punto si pu procedere post hoc andando a vedere cosa succede utilizzando i citati
metodi per i confronti fra singoli livelli.
A) Differenza critica di LSD (che ci servir come termine di paragone):

F (1, df S/A) F (1, 40) = 4,08


2n = 18
MS S/A = 13,22
4,08 18x13,22 = 2,02 x 15,42 = 31,15 differenza minima significativa
Ora bisogna calcolare tutte le differenze fra i singoli livelli in valore assoluto (senza tener conto
del segno) e confrontarle con 31,15. Le differenze che (in valore assoluto) sono maggiori o
uguali a 31,15 sono differenze significative; quelle minori non lo sono.
B) Differenza critica secondo il metodo Duncan (in relazione ai diversi valori di r):

2n(MS S/A)= 15,42


df S/A = 40
q = valori da cercare sulle tavole; con r=2 2,86; con r=3 3,01; con r=43,10; con
r=53,17
r = prima 2, poi 3, poi 4, poi 5
NB: non ci sono le tavole con i valori di q di Duncan per cui allesame non ci sar!
Bisogna innanzitutto riordinare i livelli in termini di grandezza (crescente):

78
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

64
a3

71 79 103 115
a2 a4
a5
a1

La differenza critica di Duncan con r=2 quella da usare per i confronti fra a3- a2, a2- a4, a4a5, a5- a1 che sono confronti fra livelli contigui nella serie ordinata e che coinvolgono solo due
livelli.
Con r=2 2,86/2 * 15,42 = 2,02 * 15,42 = 31,15 (identico a LSD: i confronti fra livelli
contigui nella serie ordinata
saranno testati con lo stesso valore per tutti).
Le differenze caratterizzate con r=3 sono: a3-a4, a2-a5, a4-a1
Con r=3 3,01/2 * 15,42 = 2,13 * 15,42 = 32,84
Le differenze caratterizzate con r=4 sono: a3-a5 e a2-a1
Con r=4 3,10/2 * 15,42 = 2,19 * 15,42 = 33,77
Infine, la differenza caratterizzata con r=5 : a3-a1.
Con r=5 3,17/2 * 15,42 = 2,24 * 15,42 = 34,54, da confrontare con il valore assoluto
della differenza: 64-115= -51
NB: man mano che r aumenta, e quindi aumenta la differenza fra il valore pi basso e quello
pi alto, aumenta anche il valore della differenza ecco perch il controllo del livello di
significativit stratificato in quanto le differenze pi estreme hanno maggiori probabilit di
essere significative e vanno quindi confrontate con valori pi alti.
LEZIONE 13 (XIV)
C) Differenza critica secondo il metodo di Newman-Keul

2n(MS S/A)= 15,42


q= valore da ricercare sulla tavola inerente i valori critici della Studentized Range Statistic.
Come intestazione delle colonne di tale tavola si trova il numero di medie o di numero di passi
fra le medie ordinate. Se il numero di medie da confrontare sono contigue, allora il numero di
passi semplicemente 2 (I e II media immediatamente vicina); se invece il confronto
inframezzato da un altro livello, sempre della serie ordinata, allora r=3 e cos via fino ad r=5
nel confronto fra primo e ultimo valore della serie ordinata.
Con r=2 e i 40 df del denominatore, q=2,86 valore da sostituire al numeratore del primo
termine nella formula:
2,86/2 * 15,42 = 31,15 la stessa differenza che si era calcolata con il test di Duncan e con
il test dellLSD.
Con r=3, q=3,44

79
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

3,44/2 * 15,42 = 37,47 > 32,84, il valore per Duncan in quanto il test di Newman-Keul
pi restrittivo.
Con r=4, q=3,79
3,79/2 * 15,42 = 41,32
Con r=5
4,04/2 * 15,42 = 44,10
D) Differenza critica secondo il metodo di Tuckey
2n(MS S/A)= 15,42
q= valore da ricercare nelle tavole della Studentized Range Statistic con r= valore massimo,
quindi 5: il valore della differenza statistica con il test di Tuckey sar quindi uguale a 44,10
gi calcolato con il metodo di Newman-Keul:
4,04/2 * 15,42 = 44,10
E) Differenza critica secondo il metodo Scheff

2n(MS S/A)= 15,42


a-1= 5-1= 4
F (df A e df S/A) (4, 40) 2,61
4*2,61 * 15,42= 49,81
Visualizziamo e riassumiamo ci che abbiamo trovato 89:
a3
(64)
a3
(64)
a2
(71)
a4
(79)
a5
(103)

a2
(71)

a4
(79)

a5
(103)

a1
(115)

15

39

51

32

44

24

36
12

a1
(115)

89

Allincrocio viene scritta la differenza fra i vari livelli in termini assoluti.

80
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

N r=2
N r=3
N r=4
N r=5
Valori critici dei diversi metodi:
LSD

Duncan

NewmanKeuls

Tuckey

Scheff

r=
2

31,15

31,15

31,15

44,10

49,81

r=
3

31,15

32,84

37,47

44,10

49,81

r=
4

31,15

33,77

41,32

44,10

49,81

r=
5

31,15

34,54

44,10

44,10

49,81

Confrontiamo ora le differenze dei i valori assoluti tra i livelli con i valori critici: se la differenza
uguale o maggiore di quella critica, allora tale differenza significativa altrimenti no.
Differenze significative attraverso il test LSD, che non fa alcun tipo di correzione sullinflazione
del livello di significativit generale (experiment wise). Significative risultano essere le
differenze:
a3-a1, perch 51>31,15
a3-a5, con 39>31,15
a2-a1, con 44>31,15
a2-a5, con 32>31,15
a4-a5, con 36>31,15
5 differenze fra singoli livelli significative. Tale risultato corrisponde al test a priori (metodo
dei contrasti).
Differenze significative attraverso il test Duncan che fa un controllo stratificato:
a3-a1, perch 51>34,54
a3-a5, perch 39>33,77
a2-a1, perch 44>33,77
a4-a1, perch 36>33,84
Differenze significative attraverso il test Newman-Keuls:
a3-a1, perch 51>44,10
a2-a1, con 44>41,32
Differenza significativa attraverso il test Tuckey che utilizza un solo valore (il valore massimo
ritrovato nel test di Newman-Keuls):

81
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

a3-a1, perch 51>44,10


Differenza significativa attraverso il test Scheff
a3-a1, perch 51>49,81
si passa da una situazione in cui, se si lavorasse a priori, si avrebbero 5 differenze
significative, ad una situazione estrema in cui vi solo una differenza significativa.
Il test di Duncan non viene quasi pi utilizzato perch troppo liberale - ci sono cio molte
possibilit di trovare differenze significative - e ritenuto non appropriato. Newman-Keuls
maggiormente usato, anche se non sempre accettato, ma Tuckey e Scheff sono pi utilizzati
degli altri. Fra i due il pi conservativo Scheff, il quale offre minori possibilit di trovare
differenze significative rispetto a Tuckey per quanto riguarda i confronti fra singoli livelli.
2. CONTRASTI FRA COMBINAZIONI DI LIVELLI, ad es. medie di due o pi livelli
confrontate con un singolo livello oppure medie di combinazioni di livelli confrontate con
medie di combinazioni di altri livelli. Per tali confronti si utilizzano solo due test: Tuckey
critical sum e Scheff.
2.1.

q= valore critico estratto dalla tavola dei valori critici della Studentized Range Statistic
n= nr dei soggetti
MS S/A = Mean square del denominatore con cui si calcola F
lcil = sommatoria dei coefficienti (ll = nei valori assoluti) utilizzati per mettere insieme i
vari livelli
2.2.
In questo caso bisogner calcolare lF del contrasto e confrontarlo con F modificato.
Riprendiamo lesempio gi citato:
Alla fine dellesperimento viene posta lipotesi che i livelli estremi a1 e a5 differiscono
significativamente dai 3 livelli centrali. Nel nostro disegno, lo sperimentatore ha ipotizzato che
nei suoi soggetti strabici la prestazione peggiore si sarebbe ottenuta quando gli stimoli
venivano presentati al centro quindi il maggior numero di errori sarebbe stato in a3. Alla fine
dellesperimento, invece, si visto che in questa posizione stato rilevato il numero pi basso
di errori. Guardando i dati, infatti, si pu notare che il numero pi elevato di dati si trova alle
posizioni estreme. Potr quindi ipotizzare che la prestazione per le posizioni estreme
significativamente diversa dalla prestazione nelle posizioni intermedie.
Post hoc si vuol quindi vedere se tale differenza significativa, costruendo il contrasto che
permette di verificare la differenza fra la media di a1 e a5 contro la media di a2, a3 e a4:

82
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

a1+a5 - a2+a3+a4 a1 - 1/3a2 -1/3a3 -1/3a4 + a5


2
3
I coefficienti sono quindi:

-1/3

-1/3

-1/3

/6

-2

-2

-2

Calcoliamo quindi il valore F critico con la Tuckey Critical sum, utilizzando il q con rmax e df
S/A 5 e 40: 4,04;
MS S/A = 13,22
4,04 * 9(13,22) * (3+ -2 +-2+ -2+ 3) = 264,46 valore critico che la differenza tra la
media di a1 e a5 e la media di a2, a3 e a4 deve raggiungere o superare perch possa venire
definita significativa, differenza da trovare servendosi dei coefficienti 3, -2, -2, -2, 3:
(3*115) + (-2*71) + (-2*64) + (-2*79) + (3*103) = 226
Confrontando i due valori, si riscontra che 226<264,46, quindi questa differenza non
significativa per il test di Tuckey.
Calcoliamo ora il valore critico con Scheff. Ci serve prima di tutto lF del contrasto e poi
confrontarlo con lF di Scheff. LF del contrasto si calcola con il metodo dei contrasti con la
somma dei contrasti che ci d un qualsiasi contrasto per A:

= 226- = 189,17
9*30
Ci troviamo con un Acomp df= 1, una somma dei quadrati di 189,17, una media dei quadrati
(MS) di 189,17/1=189,17 e un F= 189,17/13,22= 14,31
F di Scheff: 5-1 * 2,61 = 10,44
Confrontando i due valori, si riscontra che 14,31> 10,44, quindi questa differenza risulta
essere significativa per il test di Scheff.
risultanti contrastanti per i due test. Ci vuol dire che quando si fanno post hoc soltanto dei
confronti singoli, ci si serve del test di Tuckey che meno restrittivo (penalizza di meno); nei
confronti fra combinazioni complesse di livelli ci si serve invece del test di Scheff, in questo
caso meno restrittivo, conservativo rispetto allaltro.
LEZIONE 14 (XV)
3. CONFRONTI ALLINTERNO DI UN SET RIDOTTO DI CONTRASTI: invece di tener
conto di tutti i possibili contrasti (fra singoli livelli o fra combinazioni di livelli) ci si focalizza
su un insieme ristretto di contrasti, testati dal test dii Dunn ad un livello di significativit
pari al livello generale diviso il numero di contrasti che vengono testati mentre nelle

83
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

prime due situazioni il livello di significativit viene diviso per tutti i possibili contrasti,
anche quelli che non interessano. Quanto grande pu essere il set di contrasti preso in
considerazione? C una regola per cui il numero di contrasti devessere inferiore o uguale
al numero di livelli della variabile che moltiplica i df con la stessa variabile il tutto diviso
2:
c < A(a-1)
2
Se ad es. si ha una VI a 4 livelli, il numero di contrasti per poter utilizzare il test di Dunn sar
inferiore o uguale a:
4(4-1) = 6
2
NB: in questo caso non c distinzione fra confronti singoli o complessi.
La formula relativa ad una differenza critica che ciascun contrasto deve raggiungere per poter
essere definito significativo, :

d= valore che si trova nelle tavole relative ai valori critici di Dunn e che viene identificato dai df
del denominatore dfS/A e da c, il numero di contrasti che compone il nostro set.
Riprendendo lesempio gi analizzato
Totali:
a1=115, a2=71, a3=64, a4= 79 e a5=103
a1 stimoli presentati in campo sinistro -20;
a2 stimoli presentati in campo sinistro -10;
a3 stimoli presentati in campo centrale 0;
a4 stimoli presentati in campo destro +1 0;
a5 stimoli presentati in campo destro +20;
A df=4; SS= 209,69; MS A= 52,44
S/A df=40; SS= 528,80; MS S/A= 13,22
F= 3,97>2,61 (valore critico sulle tavole) F generale significativo
A questo punto del disegno lo sperimentatore (magari dopo aver trovato un trend
significativo, in quanto gli errori agli estremi si riducono man mano che ci si avvicina al centro
andamento a U) ritiene di fare ancora 3 contrasti situazione in cui si pu utilizzare il test di
Dunn, dato che il massimo numero di contrasti da poter analizzare 9 (nr inferiore a:
5*4/2=10). Di questi 3 contrasti, ognuno verr valutato con un livello di significativit pari ad
/3 = 0,05/3 = 0,017. I contrasti sono: la differenza fra a3-a5 (se tale differenza trai valori
estremi significativa); fra a1-a3 (se il centro differisce significativamente da allestremit
sinistra) e fra a3 (stimoli presentati al centro) e la media90 di a2 e a4a2+a4/2 cio la
combinazione delle due presentazioni a 10 gradi (a sinistra e a destra).
90

Cio se gli stimoli presentati al centro differiscono significativamente dalla media delle due posizioni -10 e +10.

84
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Si procede quindi calcolando la differenza critica di Dunn e quindi le differenze da testare, per
vedere poi se raggiungono o meno la differenza critica.
Differenza critica di Dunn:
d (3, 40) 2,50
MS S/A= 13,22
2,5 2*9*13,22 = 38,55 da confrontare con le differenze in valore assoluto indicate come i
3 contrasti.
Differenze da testare:
a3-a5 64-103= (-)39
a3-a1 64-115= (-)51
a3 - a2+a4/2 64-75= (-)11
Confronti fra differenze:
39>38,55 la differenza fra nr errori con stimoli presentati al centro e a 20 gradi a destra
significativa;
51>38,55 la differenza fra nr errori con stimoli presentati al centro e a 20 gradi a sinistra
significativa;
11<38,55 tale differenza non significativa: i soggetti non sono pi accurati al centro
rispetto alle due posizioni il degrado dellaccuratezza del soggetto sono verso i 20 gradi, non
verso i 10 gradi.
Nel caso in cui c sia maggiore a 3: un altro esperimento (con gli stessi dati) con 6 contrasti da
testare. Se allinizio si voleva valutare lesistenza di un andamento lineare da sinistra a destra
che poi si rilevato un fallimento in quanto risultato esserci un andamento quadratico, si
ritiene di fare 6 confronti ritenuti interessanti c=6.
Confronto fra la posizione centrale e le due estreme (la media delle due estreme) 1/2
0 -1 0 1/2
a2-a5 0 1 0 0 -1
a1-a4 1 0 0 -1 0
se la media delle prime 3 posizioni91 differisce significativamente dalla media delle ultime
due92 1/3 1/3 1/3 -1/2 -1/2
se le tre posizioni centrali differiscono dalla media delle due posizioni estreme 1/2 -1/3
-1/3 -1/3 1/2
se le posizioni a 10 gradi differiscono significativamente dalle posizioni a 20 gradi 1/2 1/2 0 -1/2 1/2
Differenza critica di Dunn:
d (6, 40) 2*9*13,22 = 78*15,42= 42,86
NB: se aumenta il numero dei contrasti diventa maggiore il valore critico (controllo di
91
92

Cio: -20, -10 e 0.


Cio: 10 e 20.

85
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

generale); se un contrasto con c=3 risultava significativo, non detto che lo sia con c=6!
Differenze dei vari contrasti:
(115)+ -1(64)+ (103)= 45 significativa in quanto 45>42,86
1(71)+ -1(103) = (-)32 non significativa poich 32<42,86
115-79 = 36 non significativa poich 36<42,86

115+71+64 79+103 = 7,68 non significativa poich 7,68<42,86


3
2

57,5 23,66 21,33 26,33 + 51,5 = 37,68 non significativa poich 37,68<42,86
57,5 35,5 39,5 + 51,5 = 34 non significativa poich 34<42,86

Lunica differenza significativa quella tra la posizione centrale e la medie delle posizioni
estreme; gli altri contrasti sono tutti non significativi.
NB: il test di Dunn analizza sia confronti fra singoli livelli, sia fra combinazioni complesse
ideale quando si fanno confronti misti in un disegno!
5. Per i confronti fra UNA CONDIZIONE DI CONTROLLO E CIASCUN SINGOLO LIVELLO
SPERIMENTALE ci si serve del test di Dunnet.

Ad esempio, se si valutano gli effetti del dosaggio di un farmaco, come punto di riferimento c
la condizione di controllo con i soggetti che non assumono alcun farmaco, bens un placebo
senza principi attivi. In questo caso, per confrontare post hoc i singoli livelli sperimentali con
tale gruppo di controllo c il test di Dunnet con confronti che sono sempre uno a uno, cio il
controllo con singoli livelli.
Esempio
A 4 livelli, (a1,a2,a3,a4), 3 sperimentali (a2,a3,a4) e 1 di controllo (a1);
n= 16 per ciascuna condizione;
Totali: a1161, a279 ,a352, a4142 (tot: 434);
SS dei singoli dati elevati al quadrato (x): 4015
Somma dei quadrati di A
161+79+52+142 - 434 = 496,32
16
64
Somma dei quadrati di S/A
4015-(161+79+52+142)= 575,62
16
Fonte totale
4015 - 434 = 1071,94
64

86
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

MS A: 496,32/3 = 165,44
MS S/A: 575,62/60 = 9,59
F= 165,44/9,59 = 17,25 da confrontare con f critico con df (3, 60): 2,76
17,25>2,76 F generale (omnibus) significativo, quindi si pu procedere con confronti post
hoc.
LEZIONE 15 (XVI)
Fonti
della
Variabilit
A

S/A

Sommatoria
dei quadrati
(di x)
a(n) n
- a(nX)
an
(anx)a(nX)
n

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)93

a-1
3

SS (A)
a-1
165,44

a(n 1)
60

SS S/A

Rapporto
F (tra
varianze)
MS A
Ms S/A
17,25

a(n-1)
9,59
Fonte
totale

an(x) (anx)
an

an-1
63

Per confrontare la condizione di controllo e ogni singola condizione sperimentale ci si serve


della suddetta formula di Dunnet:

qD = indice che troviamo sulle tavole di Dunnet, individuato da k = nr delle condizioni


sperimentali + la condizione di controllo (= nr dei livelli della VI) e dai df di S/A df del
denominatore.
2,41* 2*16 (9,59) = 42,22 differenza critica da confrontare con le singole differenze da
calcolare e che dovranno risultare maggiori o uguali alla differenza critica per risultare
significative.
Calcolo delle differenze (fra condizione di controllo e singoli livelli):
161-79= 82
161-52= 108
161-142= 19
Confronto con i valori assoluti di ogni differenza e la differenza critica:
a1-a2 significativo in quanto 82>42,22
93

Mean squares, ovvero le stime della varianza dovute alle varie fonti della variabilit media della varianza fra i gruppi e entro i
gruppi.

87
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

a1-a3 significativo in quanto 108>42,22


a1-a4 non significativo in quanto 19<42,22
Riepilogo:
quando abbiamo dei confronti analitici oltre al primo livello (=analisi della varianza generale),
bisogna innanzitutto stabilire il livello di significativit , poi seguire due strade:
in una situazione a priori, ci sono i confronti pianificati - con delle ipotesi su determinati
confronti analitici e su questi si usa il metodo dei contrasti con relativi coefficienti per
confrontare lF calcolato per ogni singolo contrasto in ipotesi e lF con 1 df e i df del
denominatore senza alcun controllo dellF generale.
In una situazione post hoc, senza ipotesi sui confronti analitici, bisogna innanzitutto
calcolare lF generale, verificare che sia significativo, e valutare se operare una correzione
sui livelli di significativit generale o meno.
o Se non si vuole operare alcuna correzione, lunico test quello dellLSD
corrispondente ad un test a priori.
o Se invece si vuole effettuare una correzione su generale, vi sono metodi diversificati:
quello dei metodi stratificati;
quello che tiene conto di tutti i possibili contrasti e quindi fa un controllo
generalizzato dell - lew;
quello che tiene conto dei contrasti fra condizione di controllo e singoli livelli.
Se si sceglie il metodo stratificato ci sono due test: Tuckey e Scheff. Newman-Keuls, a
seconda della distanza di due livelli che si confrontano nella serie ordinata dei totali, pi
restrittivo per i confronti estremi e meno restrittivo per gli altri.
Se si sceglie il metodo generalizzato vi sono due alternative: con un set di contrasti abbastanza
piccolo, minore di A(a-1 /2), si pu utilizzare il test di Dunn; se invece il numero di contrasti
maggiore, bisogna vedere se ci sono due o pi medie coinvolte nel contrasto, se si confrontano
cio coppie di singoli livelli o combinazioni di livelli. Se non ci sono pi di due livelli coinvolti nel
contrasto, si utilizza Tuckey meno restrittivo rispetto a Scheuff; se ci sono pi di due livelli
nel contrasto, ci si serve del test di Scheuff, in questo caso meno restrittivo di Tuckey.
Se si sceglie il contrasto fra la condizione di controllo e le singole condizioni si usa il test di
Dunn.
NB: Tale riassunto riguarda esclusivamente i disegni a casualizzazione completa con una VI.
Nel caso di un disegno con due VI bisogna individuare i contrasti analitici possibili, sulle fonti
principali (A e B) e sullinterazione. Prima di affrontare tali argomenti, affrontiamo un esercizio
da esame:
Si vuole verificare leffetto della localizzazione spaziale della fonte sonora sulla capacit di
discriminare tra le consonanti b e d. A tale scopo viene progettato un esperimento in cui un
soggetto circondato da 7 altoparlanti posti sulla circonferenza di raggio pari a 2 m e
posizionati sullasse mediano del soggetto nel seguente modo: 0 gradi (di fronte), +51,5, 51,5, +103, -103, +154,5, -154,5 gradi. Ogni soggetto discrimina stimoli provenienti da una
sola localizzazione. Vengono testati 49 soggetti che vengono distribuiti in maniera omogenea

88
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

fra le 7 condizioni sperimentali. I risultati ottenuti il numero medio di discriminazioni errate sono i seguenti: 15, 14, 7, 4, 6, 12, 19.
1. Sapendo che la sommatoria di x quadro = 8944, verificare la significativit dei seguenti
contrasti:
- 0 gradi contro la media di tutte le altre localizzazioni,
- 0 gradi contro la media delle localizzazioni + o 51,5,
- 0 gradi contro la media delle localizzazioni + o 103,
- 0 gradi contro la media delle localizzazioni + o 154,5,
- la media delle localizzazioni 0 e 51,5 contro la media di tutte le altre localizzazioni,
- la media delle due posizioni posteriori + o 154,5 contro la media di tutte le altre
localizzazioni.
2. Verificare lortogonalit del set di contrasti costruito.
3. Considerando che la condizione 0 gradi di fatto una condizione di controllo, verificare con
il test di post hoc adeguato la sua differenza da ciascuna condizione sperimentale.
4. Verificare la significativit delle differenze fra le localizzazioni della fonte sonora mediante il
test post hoc di Newman-Keuls.
5. Verificare se le differenze trovate al punto precedente risultano significative anche
utilizzando il test di Turkey e il test di Scheff.
6. Verificare post hoc mediante i test di Tuckey e di Scheff la significativit della differenza
fra la media delle posizioni anteriori 0 e + o 51,5 e la media delle posizioni posteriori + o
154,5.
VI: gradi di localizzazione
n (soggetti in ogni condizione): 7 soggetti sotto ogni livello della variabile
Avendo la media degli errori e sapendo che le formule sono basate sui totali, bisogna
ricalcolare i totali moltiplicando ogni media *7.
(x)= an(x) = 8944
a1
154,5

a2
103

a3
51,5

a4
0

a5
51,5

a6
103

a7
154,5

n1
n2
n3
n4
n5
n6
n7

x=8944

89
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Media

15

14

12

19

Totali

105

98

49

28

42

84

133

x=539

Si comincia con lanalisi generale:


Fonti
della
Variabilit
A

S/A

Fonte
totale

Sommatoria
dei quadrati
(di x)
a(n) n
- anx
an
(anx)a(nX)
n
(anx)anx
an

Gradi di
libert
(df)

Media dei
quadrati
(MS)94

a-1
6

SS (A)
a-1

a(n
1)=an-a
42

SS S/A

Rapporto
F (tra
varianze)
MS A
MS S/A

a(n-1)

an-1
48

SS di A:
105+98+49+28+42+84+133 - 539 = 7189 5929 = 1260
7
49
SS di S/A:
8944 - 7189 = 1755
Fonte totale:
8944 5929 = 3015
MS A: 1260/6 = 210
MS S/A: 1755/42 = 41,78

F=210/41,78 = 5,03 > 2,34 (valore critico in tavola: F


generale significativo)

Essendo F generale significativo, poi possiamo fare il post hoc.


Cominciamo quindi a verificare i vari punti:
1. Bisogna innanzitutto valutare la significativit dei contrasti elencati che debbono
innanzitutto venire costruiti. Si pu quindi verificarne lortogonalit e quindi la
significativit.

94

Mean squares, ovvero le stime della varianza dovute alle varie fonti della variabilit media della varianza fra i gruppi e entro i
gruppi.

90
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Contrasto fra 0 gradi (posizione centrale) contro la media di tutte le altre localizzazioni
a4 contro la media degli altri sei: a1+a2+a3+a5+a6+a7 /6 1 1 1 -6 1 1 1
6
Contrasto fra 0 gradi contro la media delle localizzazioni + o - 51,5 (a3 e a5)
0 0 - 1 - 0 0 /2 0 0 -1 2 -1 0 0
0 gradi contro la media delle localizzazioni + o 103 (a2 e a6) 0 - 0 1 0 - 0
/2 0 1 0 -2 0 1 0
0 gradi contro la media delle localizzazioni + o 154,5 (a1 e a7) - 0 0 1 0 0 -
/2 1 0 0 -2 0 0 1
la media delle localizzazioni 0 e 51,5 contro la media di tutte le altre localizzazioni
a3, a4, a5 vs a1, a2, a6, a7
a3+a4+a5 vs a1+a2+a6+a7 /12 -3 -3 4 4 4 -3 -3
3
4
la media delle due posizioni posteriori + o 154,5 contro la media di tutte le altre
localizzazioni
a1, a7 vs a2, a3, a4, a5, a6
a1+a7 vs a2+a3+a4+a5+a6 /10 -5 2 2 2 2 2 -5
2
5

2. Ortogonalit dei contrasti: bisogna vedere se il numero dei contrasti compatibile con il
numero di contrasti di un set ortogonale = pari ai gradi di libert (df) della variabile presa
in considerazione: a-1. I set ortogonali per una variabile a 7 livelli sono quindi composti da
6 contrasti e in questo caso i contrasti sono proprio 6. Il nostro set quindi compatibile
con un set ortogonale anche se ancora non sappiamo se tale set effettivamente
ortogonale. Lo verifichiamo vedendo se la sommatoria dei prodotti dei coefficienti per
ciascun livello uguale a 0, cio se tutti i contrasti sono fra loro ortogonali.
0
0
1
[1 1 1 -6 1 1 1]

-2
1

set di prodotti fra i coefficienti di ogni livello: 0 0 1 12


1 0 0 sommatoria: 14 (contrasti non ortogonali
fra loro)

0
0
gi i primi due contrasti non sono ortogonali fra loro; poich un set, per essere ortogonale,
deve avere tutti i contrasti ortogonali fra di loro, questo set non ortogonale.
Torniamo ora al punto 1., a verificare la significativit dei singoli contrasti.

91
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

I contrasto: 1 1 1 -6 1 1 1
(105+98+49-168+42+84+133) = 400,17 (somma dei quadrati)
7(1+1+1+-6+1+1+1)
Tale contrasto ha 1 df; 400,17/1= 400,17 (MS)
II contrasto: 0 0 -1 2 -1 0 0
(-49+56-42) = 29,17
7(-1+2-1)

29,17/1= 29,17 (MS)

III contrasto: 0 1 0 -2 0 1 0
(98-56+84) = 378
7*6

378/1= 378 (MS)

IV contrasto: 1 0 0 -2 0 0 1
(105-56+133) = 788,67 788,67/1= 788,67 (MS)
7*6
V contrasto: -3 -3 4 4 4 -3 -3
(-315-294+196+112+168-252-399) = 614656 = 1045,33 1045,33/1= 1045,33 (MS)
7(9+9+16+16+16+9+9)
588
VI contrasto: -5 2 2 2 2 2 -5
(-525+196+98+56+84+168-665) = 705,6 705,6/1 = 705,6 (MS)
7(25+4+4+4+4+4+25)
F = MS di ogni contrasto/41,78 (MS del denominatore)
400,17 = 9,58; 29,17 = 0,70; 378 = 9,05; 788,67 = 18,87; 1045,33 = 25,02; 705,6 = 16,89
41,78
41,78
41,78
41,78
41,78
41,78
Il valore critico di F da confrontare con gli F calcolati avr df 1 e 42: 4,08;

92
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

tutti i contrasti calcolati (tranne il secondo) sono significativi in quanto maggiori a F critico.
Abbiamo in tal modo terminato la parte a priori, riscontrando la significativit generale della
localizzazione degli stimoli sonori; andando a rivedere uno a uno, si vede se c una differenza
tra i singoli contesti. Nel primo caso, essendo significativo il contrasto fra la posizione centrale
e la media di tutte le altre localizzazioni, vuol dire che quando lo stimolo veicolato in
posizione centrale, si commette una media di errori inferiore rispetto alla media di tutte le altre
posizioni. Non vera la differenza fra la posizione centrale e le due frontali, ma vera per le
altre posizioni: le tre centrali rispetto alle altre e le due posteriori rispetto a quelle laterali o
centrali.
LEZIONE 16 (XVII)
3. Considerando che la condizione 0 gradi di fatto una condizione di controllo (a4), verificare
mediante il test di post hoc adeguato la sua differenza da ciascuna condizione
sperimentale.
Il test post hoc che permette di confrontare una singola condizione di controllo contro singole
condizioni sperimentali quello di Dunnet calcolo della differenza critica di Dunnet e delle
differenze fra 0 gradi e ciascuna delle altre 6 localizzazioni, da prendere in valore assoluto e
confrontarle con la differenza di Dunnet.

k= 7
df S/A = 42

qD= 2,68

MS S/A = 41,78

2,68* 2*7*41,78 = 64,8 ( differenza critica di Dunnet che ogni differenza fra la
condizione di controllo e singole condizioni sperimentali deve
raggiungere/superare per essere considerate significativa)
a4-a1 28-105= (-)77
a4-a5 28-42= (-)14

a4-a2 28-98= (-)70


a4-a6 28-84= (-)56

a4-a3 28-49= (-)21


a4-a7 28-133= (-)105

Solo la prima, la terza (localizzazioni posteriori sinistre) e lultima (presentazione posteriore


destra) condizione risultano essere significative.
4. Verificare la significativit delle differenze fra le localizzazioni della fonte sonora mediante il
test post hoc di Newman-Keuls.
Bisogna quindi calcolare le differenze fra tutte le singole condizioni e poi, attraverso il test di
Newman-Keuls, verificare se sono significative. Il test di Newman-Keuls fa un controllo
stratificato sul livello di significativit e tratta in maniera diversa le differenze tra livelli contigui

93
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

e lontani nella serie ordinata dei totali:


28 42 49 84 98 105 133 (a4 a5 a3 a6 a2 a1 a7)

r=2
r=3
r=4
r=5
r=6
r=7

a4-a5,
a4-a3,
a4-a6,
a4-a2,
a4-a1,
a4-a7

a5-a3,
a5-a6,
a5-a2,
a5-a1,
a5-a7

a3-a6, a6-a2, a2-a1, a1-a7


a3-a2, a6-a1, a2-a7
a3-a1, a6-a7
a3-a7

df S/A = 42
MS S/A = 41,78

r=2 q=2,86
2,86 2*7 *41,78 = 48,91 (differenza critica di N-C con r=2)
2
r=3 q=3,44
2,86 2*7 *41,78= 58,83
2
r=4 q=3,79
3,79 2*7 *41,78= 64,82
2
r=5 q=4,04
4,04 2*7 *41,78= 69,09
2
r=6 q=4,23
4,23 2*7 *41,78= 72,34
2
r=7 q=4,39
4,39 2*7 *41,78= 75,08
2
Rappresentazione grafica delle differenze (valori assoluti):
a4
a4
a5
a3
a6
a2
a1
a7

a5
14

a3
21
7

a6
56
42
35

a2
70
56
49
14

a1
77
63
56
21
7

a7
105
91
84
49
35
28

94
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

r=7 a4-a7 105 > 75,08 differenza


significativa
r=6 a4-a1, a5-a7
a4-a1 77 > 72,34 differenza
significativa
a5-a7 91 > 72,34 differenza
significativa
r=5 a4-a2, a5-a1, a3-a7
a4-a2 70 > 69,09 differenza
significativa
a5-a1 63 < 69,09 differenza non
significativa
a3-a7 84 > 69,09 differenza
significativa
r=4 a4-a6, a5-a2, a3-a1, a6-a7
a4-a6 56 < 64,82 differenza non
significativa
a5-a2 56 < 64,82 differenza non
significativa
a3-a1 56 < 64,82 differenza non
significativa
a6-a7 49 < 64,82 differenza non
significativa

r=3 a4-a3, a5-a6, a3-a2, a6-a1, a2-a7


a4-a3 21 < 58,83 differenza non
significativa
a5-a6 42 < 58,83 differenza non
significativa
a3-a2 49 < 58,83 differenza non
significativa
a6-a1 21 < 58,83 differenza non
significativa
a2-a7 35 < 58,83 differenza non
significativa
r=2 a4-a5, a5-a3, a3-a6, a6-a2, a2-a1,
a1-a7
a4-a5 14 < 48,91 differenza non
significativa
a5-a3 7 < 48,91 differenza non
significativa
a3-a6 35 < 48,91 differenza non
significativa
a6-a2 14 < 48,91 differenza non
significativa
a2-a1 7 < 48,91 differenza non
significativa
a1-a7 28 < 48,91 differenza non
significativa

5. Verificare se le differenze rilevate significative al punto precedente risultano significative


anche utilizzando il test di Tukey e il test di Scheff.
Le differenze significative al punto 4. sono: a4-a7, a4-a1, a5-a7, a4-a2, a3-a7.

Rmax= 7
df S/A = 42

q=4,39
4,39 2*7 *41,78= 75,08 (differenza critica da raggiungere per Tuckey)
2
a4-a7 105 > 75,08 differenza significativa
a4-a1 77 > 75,08 differenza significativa
a5-a7 91 > 75,08 differenza significativa
a4-a2 70 > 75,08 differenza non significativa
a3-a7 84 > 75,08 differenza significativa
si persa una differenza significativa.

95
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

a-1=6
dfA= 6 df S/A= 42
6*2,34* 2*7 *41,78 = 90,63 (differenza critica di Scheff)
a4-a7 105 > 90,63 differenza significativa
a4-a1 77 < 90,63 differenza non significativa
a5-a7 91 > 90,63 differenza significativa
a4-a2 70 < 90,63 differenza non significativa
a3-a7 84 < 90,63 differenza non significativa
si sono perse altre due differenze significative con Scheff che pi conservatore.
6. Verificare post hoc mediante i test di Tuckey e di Scheff la significativit della differenza
fra la media delle posizioni anteriori 0 e + o 51,5 gradi (a5 e a3) e la media delle
posizioni posteriori + o 154,5 gradi (a7 e a1)
a4+a3+a5 e a1+a7
3
2
Il set di coefficienti che ci serve per confrontare queste posizioni : 0 -1/3 -1/3 -1/3 0
-
/6
3 0 -2 -2 -2 0 3

4,39*7*41,78 * [(3+2+2+2+3)] = 450 (valore critico per Tuckey per questo tipo di
contrasti; devo calcolare tale contrasto e vedere
se uguale o superiore al valore critico).
3*105 + -2*49 + -2*28 + -2*42 + 3*133 = 476
476>450 per il test di Tuckey tale contrasto (fra la media delle posizioni posteriori e la
media di quelle anteriori) risulta significativo.

F(6 42) 2,34


6*2,34 = 14,04 (F di Scheff)
Somma dei quadrati di tale contrasto:

= 3*105 + -2*49 + -2*28 + -2*42 + 3*133 = 476 = 1078,93, con 1 df


7(9+4+4+4+9)
7*30
MS= 1078,93/1= 1078,93

96
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

F= 1078,93/41,78= 25,82
25,82>14,04 anche con il test di Scheff questo contrasto significativo.
DISEGNI FATTORIALI CON DUE VARIABILI INDIPENDENTI
Si gi affrontato largomento inerente gli effetti generali di disegni a casualizzazione
completa, a ripetizione completa e disegni misti (con una VI a casualizzazione e una a
ripetizione) per calcolare F indicando le fonti della variabilit, calcolando i df e ricordando le
regole per scrivere le formule dei df, da cui si tirano fuori le formule computazionali per le
somme dei quadrati.
Da conoscere come procedere quando le fonti principali A e B hanno pi di due livelli,
lavorando a priori (metodo dei contrasti) o post hoc (Turkey e Scheff) con formule
leggermente diverse.
Per quanto riguarda linterazione sar pi complicato in quanto bisogna vedere se ci sono dei
contrasti particolari (interaction effects)95 per una variabile sotto ogni livello dellaltra variabile,
poich leffetto dinterazione dice proprio che le differenze fra i livelli di una variabile sono
influenzate dai livelli dellaltra variabile. Altri aspetti pi complicati sono il vedere come un
contrasto entra in interazione con unaltra variabile, o come un contrasto entra in interazione
con un altro contrasto.
LEZIONE 17 (XVIII)
I vantaggi nellesaminare disegni a pi variabili sono quelli di ricavare pi informazioni da un
disegno, oltre a vedere se vi uninterazione fra di esse, cio se una variabile influisce
sullaltra se cio i livelli di una variabile sono influenzati dai livelli dellaltra variabile, ad es. il
genere dei soggetti ha una reazione diversa sulleffetto dosaggio di un farmaco.
Esempio a 2 VI
Un esempio (anche se assurdo) potrebbe essere dato da:
A = kg di panettone mangiati durante le feste natalizie 5, 10, 15, 20 kg
B = l di spumante bevuto 10, 15, 20 l
variabili quantitative, poste in ordine crescente, la distanza fra i singoli livelli costante (5
kg e 5 l)
VD = voto allesame.
Variabile A 4 livelli
Variabile B 3 livelli
Essendo un disegno a casualizzazione completa, vuol dire che si avranno 12 gruppi di soggetti
diversi dati dalle combinazioni dei livelli. In ogni combinazione di livelli delle due variabili ci
sono 2 soggetti.

95

A one-way (one factor) ANOVA has only a single main effect; In a design with more than one factor (e.g., a two-way design with
two factors) we can also look at interaction effects.

97
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

b1
10
l
b2
15
l
b3
20
l
Totali
marginali

a1
5
kg
43

a2
10
kg
35

a3
15
kg
29

a4
20
kg
39

Totali
marginali

47

39

33

33

152

51

43

37

27

158

141

117

99

99

456 (totale
generale)96

146

NB: allinterno di ogni incrocio nella matrice ci sono i totali dei punteggi di ogni singola
combinazione (sommatorie in base n che sommano due dati) nel nostro caso la somma dei
voti dellesame; per i totali marginali di riga ci sono quelli di B; di colonna quelli di A. Il totale
generale corrisponde a sommatoria in base A sommatoria in base B, sommatoria in base n di x
(= sommatoria di tutti i singoli dati).
La sommatoria dei singoli dati elevati al quadrato : 8956 abn

Fonti

Principale
A

Principale
B
Interazione
AB

96

Somma dei
quadrati
(ss)
a(bn)bn
(abnX)
abn
b(an)an
(abnX)
abn
ab(n)
n
a(bn)
bn
b(an)

Gradi di
libert (df)

Media
dei
quadrati
(MS)

Rapporto
F (tra
varianze)

a-1
3

SS (A)
a-1
66

MS A
MS S/AB
79,52

b-1
2

SS (B)
b1
4,5

(a-1)(b1)=ab-ab+1
6

SS (AB)
ab-a-b+1
12,5

MS B
MS S/AB
5,42
MS AB
MS S/AB
15,06

Cio: abnX ovvero la somma dei totali marginali.

98
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

+
an
(abnX)
abn
abnX ab

S/AB

Totale

ab(n
1)=abn-ab
12

SS
(S/AB)
abn-ab
0,83

abn-1
23

SS di A
141+117+99+99 - 456_ = 8862 8664 = 198
3*2
4*3*2
SS di B
146+152+158 - 456_ = 8673 8664 = 9
4*2
4*3*2
SS di AB
43+35+29+39+37+39+33+33+51+43+37+27 - 8862 8673 + 8664 =
2
= 8946- 8862 8673 + 8664 = 75
SS di S/AB
8956 - 8946 = 10
SS del totale
8956- 8664 = 292
MS
MS
MS
MS

di
di
di
di

A: 198/3= 66
B: 9/2= 4,5
AB: 75/6= 12,5
S/AB= 10/12=0,83 (MS del denominatore)

F di A= 66/0,83= 79,52
F di B= 4,5/0,83= 5,42
F di AB= 12,5/0,83= 15,06
Sulla tavola si trova che i valori critici con 12 df al denominatore e 3, 2 e 6 al numeratore
sono:
3,49 per A, 3,89 per B e 3 per linterazione AB. Significativi risultano quindi essere sia leffetto
principale di A, sia leffetto principale di B, sia linterazione = c almeno una differenza
significativa fra i 4 livelli di A, c almeno una differenza significativa fra i 3 livelli di B e al
variare dei livelli della variabile cambiano le relazioni tra i livelli dellaltra variabile.
Successivamente, nei confronti analitici e/o alternativi allanalisi generale, si passa agli effetti

99
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

marginali (o effetti principali semplici, simple main effects) relativi alle due variabili prese
singolarmente.
Alla fine si valuter linterazione che riguarda, per quanto concerne la tavola della varianza, la
fonte AB, per vedere se e come i livelli di una variabile influiscono sui livelli dellaltra variabile
(effetto combinato).
Per quanto riguarda gli effetti principali semplici, ossia gli effetti per una variabile (A o B) presa
in isolamento si possono fare le stesse cose che si fanno in un disegno ad una sola variabile: i
confronti analitici in due modalit:
a priori, con il metodo dei coefficienti/dei contrasti, verificando lortogonalit di alcuni set di
contrasti. Non c bisogno di aver calcolato lF significativo, in quanto le ipotesi specifiche
su un determinato disegno possono venire verificate direttamente con il metodo dei
contrasti, senza preoccuparsi della significativit dellF generale;
post hoc, modalit di esplorazione di quelle che possono essere le differenze significative in
un disegno, non guidata da delle ipotesi, che prevede 4 situazioni: confronti fra singoli
livelli, fra combinazioni (= medie) di livelli, fra una condizione di controllo con le singole
condizioni sperimentali.
Cominciando con una situazione a priori, vediamo cosa succede avendo delle ipotesi sui livelli
di A e cosa succede avendo delle ipotesi sui livelli di B.
La formula per calcolare la somma dei quadrati per ogni singolo contrasto tiene conto della
presenza dellaltra variabile ma soprattutto ci sono due formule leggermente diverse a seconda
che si lavori sui totali di A (per vedere dei contrasti sulla variabile A) o che si lavori sui totali di
B (per vedere dei contrasti sulla variabile B).
Una somma dei quadrati in un qualsiasi contrasto di A presenta la formula:

Analogamente, una somma dei quadrati in un qualsiasi contrasto di B presenta la formula:

Cominciamo a lavorare su A: i suoi totali sono 141, 117, 99 e 99 e analizziamo i vari


contrasti: a1 contro a2, a1 contro la media degli altri tre.

a1 contro a2 dobbiamo servirci di coefficienti che ci consentono di togliere dal contrasto i


livelli a3 e a4: 1 -1 0 0;
(141 + -117) = 576 = 48 (con 1 df)
MS: 48/1=48
F=48/0,83= 57,83
3*2(1+ -1)
12

100
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

a1 contro la media degli altri tre 1 -1/3 -1/3 -1/3 /3 3 -1 -1 -1


(3*141 117 99 99) = 11664 = 162
MS: 162/1=162
F= 162/0,83=195,18
3*2(9+1+1+1)
72
I due F calcolati vanno confrontati con lF critico da cercare sulle tavole con 1 df al numeratore
e 12 df al denominatore, cio: 4,75. Concludiamo che entrambi i contrasti sulleffetto principale
A sono significativi in quanto gli F calcolati sono di gran lunga superiori allF critico delle tavole.

Lavoriamo ora su B: i suoi totali sono 146, 152 e 158 e analizziamo sulle ipotesi inerenti i
contrasti fra b1 e b3 e fra b1 e la media degli altri due.

b1 contro b3 1 0 -1
(146 - 158) = 144 = 9
4*2(1+1)
16
b1 contro la media di b2 e b3 1 -1/2 -1/2
(146*2 152 158) = 324 = 6,75
4*2(4+1+1)
48

MS: 9/1=1
/2 2 -1 -1
MS: 6,75/1=6,75

F=9/0,83=10,84

F= 6,75/0,83=8,13

Entrambi gli F calcolati vanno confrontati con lo stesso F critico con 1 e 12 df: 4,75
giungendo alla conclusione che anche in questo caso entrambi i contrasti sono significativi.
Anche sui contrasti che si faranno su A e su B ci pu essere la questione dellortogonalit: ci
pu essere un set di contrasti ortogonali nel caso di A tale set sar composto da 3 contrasti,
nel caso di B da 2 contrasti.
Lavorando sulle variabili singole si possono anche qui usare dei coefficienti specializzati per
analizzare i trend ammesso che A o B siano delle variabili quantitative i cui livelli vengono
posti in ordine di grandezza e siano spaziati in maniera omogenea.
Nel caso del trend post hoc bisogner seguire la medesima procedura inerente la verifica di
tutti i trend estraibili partendo dal lineare, e ogni volta andare a verificare se lF residuo risulta
significativo.
Analogamente, su marginali (= sugli effetti principali) si pu lavorare post hoc non solo
nellanalisi dei trend ma anche nelle diverse situazioni viste per la singola variabile, cio
confronto fra singoli livelli (con Newman-Keul, Tuckey e Scheff97) e situazioni complesse fra
livelli (con Tuckey e Scheff98 + Dunnet se vi la condizione di controllo confrontata con le
singole condizioni sperimentali e test di Dunn se il numero di confronti da testare inferiore a
un determinato numero).
Ci che cambia nei disegni fattoriali con due variabile sono le formule, le quali contengono non
solo una variabile, ma entrambe.
Ad esempio, per lavorare con Tuckey e Scheff sui marginali post hoc vale la regola che F
97

Con una preferenza per Tuckey nel caso in cui si utilizzi un controllo generalizzato in quanto in questo caso Tuckey meno
restrittivo di Scheff.
98
In questo caso verr preferito Scheff che in questo tipo di confronti risulta meno conservativo.

101
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

generale deve essere significativo. Nellesercizio precedente, F generale risulta essere


significativo sia per A che per B; nel caso in cui A fosse stato significativo e B non significativo,
allora si sarebbe potuto lavorare post hoc solo su A e non su B viceversa se B fosse stato
significativo e A non significativo.
Confrontiamo le formule per quanto riguarda la differenza critica di Tuckey:

La prima parte sempre la stessa; la seconda parte cambia leggermente se si lavora sui totali
di A o di B. Quello che cambia saranno anche i df (di A o di B) nella ricerca di F nelle tavole.
Nel caso della differenza critica di Scheff le formule sono:

Ci che cambia sono i dati inerenti A o B, a seconda di quello su cui si sta lavorando.
Calcoliamo ora le differenze critiche con Tuckey:
di A
q (4, 12) 4,20
4,20 * 2*3*2*0,83 = 9,35
2
Se prendiamo le differenze fra i livelli di A:
a1 a2 141 117= 24
a1 a3 141 99 = 42
a1 a4 141 99 = 42
a2 a3 117 99 = 18
a2 a4 117 99 = 18
a3 a4 99 99 = 0
e le confrontiamo con il valore critico della differenza calcolato con Tuckey per A: 9,35. Si vede
che tutte le differenze sono significative tranne quella tra a3 e a4 che sono lo stesso valore.
di B
q (3, 12) 3,77
3,77 * 2*4*2*0,83 = 9,68
2
Dopodich le i valori assoluti delle differenze fra i livelli di B:
b1 b2 146-152 = (-)6
b1 b3 146-158 = (-)12
b2 b3 152-158 = (-)6

102
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

vengono confrontate con la differenza critica calcolata per leffetto principale B: 9,68. In tal
caso solo la differenza tra b1 e b3 risulta essere significativa.
Calcoliamo ora le differenze critiche con Scheff:
di A
3*3,49 * 2*3*2*0,83 = 10,24 (usato per le differenze di A)
di B
2*3,89 *2*4*2*0,83 = 10,16 (usato per le differenze di B)
NB: il test di Scheff pi conservativo di quello di Tuckey e ci si vede dal fatto che i valori
sono pi alti!
LEZIONE 18 (XIX)
Calcolo del trend post hoc:
Riprendiamo lesempio di pag. 66:
A = kg di panettone mangiati durante le feste natalizie 5, 10, 15, 20 kg
B = l di spumante bevuto 10, 15, 20 l
variabili quantitative, poste in ordine crescente, la distanza fra i singoli livelli costante (5
kg e 5 l)
VD = voto allesame
Se vogliamo lavorare sulle singole variabili iniziando con la variabile A e vederne le
componenti di trend (se vi cio un effetto di A sotto un qualsiasi livello di B), si lavora con la
formula inerente qualsiasi contrasto sulla variabile A in un disegno con due variabili:

Lavorando a priori non necessario trovare lF significativo. Poich un set ortogonale


composto da un numero di contrasti pari ai df, le componenti di trend estratte dal set
ortogonale di A sono 3: la componente lineare - per scoprire se, per i kg di panettone
mangiato c un andamento lineare crescente/decrescente, ossia quanto pi panettone si
mangiato, tanto pi alto/basso il voto preso; la componente quadratica per vedere se c
una quantit ottimale di panettone al centro e quantit pessime ai margini (non va bene n se
si mangia poco, n se si mangia tanto panettone, ma c una quantit giusta centrale per
ottenere il maggior successo allesame); e la componente cubica se c un andamento pi
variegato: mangiandone poco vi poca energia, che cresce allaumentare delle dosi di
panettone ma se se ne mangia un po di pi, ci appesantisce il cervello
Per quanto riguarda B si possono estrarre solo due componenti, con un set ortogonale formato
dalle componenti di trend (da due set di contrasti): lineare per vedere se allaumentare del
tasso alcolico c un aumento/diminuzione dellefficienza allesame; e quadratica per vedere
se c una quantit ottimale, con una prestazione scarsa/buona se si beve poco, che

103
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

migliora/peggiora se si beve un po di pi e che peggiora/migliora se si beve ancora.


I coefficienti che ci servono per estrarre le componenti di trend si trovano nella tavola dei
coefficienti dei polinomi ortogonali per A:
componente lineare
-3 -1 1 3 (andamento crescente)
componente quadratica 1 -1 -1 1 (andamento a U oppure U rovesciata)
componente cubica
-1 3 -3 1
(andamento con due cambiamenti di direzione)
Somma dei quadrati della componente (trend) lineare:
(-3*141+ -1*117+ 99+3*99) = 172,8 con 1df
3*2*20
MS=172,8/1=172,8

F=172,8/0,83= 208,19

Somma dei quadrati della componente (trend) quadratica:


(1*141+ -1*117+ -1*99+99) = 24 con 1df
3*2*4

F= 24/0,83= 28,92

MS=24/1=24

Somma dei quadrati della componente (trend) cubica:


(-1*141+ 3*117+ -3*99+99) = 1,2 con 1df
3*2*20

MS=1,2/1=1,2

F= 1,2/0,83= 1,44

Confrontando gli F calcolati con quello trovato sulle tavole con df 1 al numeratore e 12 al
denominatore: 4,75, si vede che solo le componenti lineare e quadratica sono significative. In
linea di massima, vi un andamento lineare: pi panettone si mangiato, pi bassa la
performance allesame.
Coefficienti per estrarre le componenti di trend per B (inerenti solo quanto si bevuto):
componente lineare
-1 0 1
(andamento crescente)
componente quadratica 1 -2 1
(andamento a U)
La formula per B :

Somma dei quadrati della componente (trend) lineare di B:


(-1*146+ 0*152+1*158) = 9 con 1 df
4*2*2

MS= 9/1= 9

F=9/0,83=10,84 (significativo)

104
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Somma dei quadrati della componente (trend) quadratica (Bquad):


(1*146+ -2*152+1*158) = 0
4*2*6
Una propriet interessante dei set ortogonali che si dividono la variabilit delleffetto
principale in parti che non sono sovrapponibili parti indipendenti o ortogonali. Vuol dire che la
sommatoria delle somme dei quadrati dei singoli contrasti che compongono un set ortogonale
uguale alla somma dei quadrati della fonte originale. Infatti: 172,8+24+1,2=198 (SS di A) e
9+0=9 (SS di B). La componente lineare di B spiega dunque tutta la variabilit della fonte B,
tutta concentrata in essa. Ci vuol dire che lo spumante ha un effetto meraviglioso: pi se ne
beve, meglio va lesame! (aumenta la media degli esami: 146152158)
LEZIONE 19 (XX)
ANALISI DELLINTERAZIONE
Dopo aver individuato i simple main effects delle due variabili prese singolarmente, c da
trovare linteraction effect fra A e B, con le formule:

Taibj: indica i totali relativi ai singoli livelli utilizzati soltanto per ciascun livello di B. Ad es.
quando j diventa 1, si avranno i totali di ai (a1, a2, a3 e a4) ma sempre con b1 fisso
prenderemo 43, 45, 29 e 39; a questo totale di b1 sostituiremo il totale di riga 146;
quando j diventa 2 avremo il totale di ai (a1, a2, a3 e a4) ma stavolta con b2 fisso 47, 39,
33 e 33 e il totale per b2 (totale del livello 2 di b) 152; in ultimo, quando j diventa 3
avremo 51, 43, 37 e 27 che sono i totali per a1b3, a2b3, a3b3 e a4b3 mantenendo
cio sempre b3 fisso, con il totale b3 = 158.
Ottenendo le tre F per i simple main effects, si vedr che sono tutti significativi.
Lo stesso si fa con B:

Taibj: qui indica i totali relativi ai singoli livelli utilizzati soltanto per ciascun livello di A (le
colonne).
Se a i sostituiamo 1, vuol dire che lavoriamo sotto a1 e avremo quindi la sommatoria dei
quadrati dei totali sotto a1 per i tre livelli di B: 43+47+51 - da dividere per n, cio 2;

105
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

(Tai):
bn

termine di correzione corrispondente alla sommatoria sotto a1(141) elevato


al quadrato e diviso per 3*2.

43+47+51 - 141 = 16 somma dei quadrati di B sotto A1, con 2 df (come la variabile)
2
6
MS= 16/2= 8

F=8/0,83=9,64

Se a i sostituiamo 2 e lavoriamo sotto a2, avremo la sommatoria dei quadrati dei totali sotto
a2 per i tre livelli di B: 35+39+43 - da dividere per n, cio 2;
(Tai):
bn

termine di correzione corrispondente alla sommatoria sotto a1(141) elevato


al quadrato e diviso per 3*2.

35+39+43 - 117 = 16 somma dei quadrati di B sotto A2, con 2 df


2
6
MS= 16/2= 8

F=8/0,83=9,64

Se a i sostituiamo 3 e lavoriamo sotto a3, avremo la sommatoria dei quadrati dei totali sotto
la colonna a3 per i tre livelli di B: 29+33+37 - da dividere per n, cio 2;
(Tai):
bn

termine di correzione corrispondente alla sommatoria sotto a1(141) elevato


al quadrato e diviso per 3*2.

29+33+37 - 99 = 16 somma dei quadrati di B sotto A3, con 2 df


2
6
MS= 16/2= 8

F=8/0,83=9,64

Se a i sostituiamo 4, cio il quarto livello di A, lavoriamo quindi sotto a4, avremo la


sommatoria dei quadrati dei totali sotto la colonna a4 per i tre livelli di B: 39+33+27 - da
dividere per n, cio 2;
(Tai):
bn

termine di correzione corrispondente alla sommatoria sotto a1(141) elevato


al quadrato e diviso per 3*2.

106
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

39+33+27 - 99 = 36 somma dei quadrati di B sotto A4, con 2 df


2
6
MS= 36/2= 18

F=18/0,83=21,69

Ognuno dei quattro F fa confrontato con il calore critico con df: 2 al numeratore e 12 al
denominatore: 3,89 tutti i simple main effects sono significativi.
Il perch tale interazione risulti significativa non ancora chiaro. Prima di calcolarlo, vediamo
di rappresentare graficamente i risultati ottenuti:
Andamento di A sotto b1:
50
45

a1b1

40

a4b1

35

a2b1

30

a3b1

25
a1

a2

a3

a4

Andamento di A sotto b2:


50

a1b2

45
40

a2b2

35

a3b2

a4b2

a3

a4

30
25
a1

a2

107
www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Andamento di A sotto b3:


50

a1b3

45

a2b3

40
35

a3b3

30
25

a4b3
a1

a2

a3

a4

Fino ad a3 gli andamenti sono uguali, scendono parallelamente; poi fra a3 e a4 succede
qualcosa di diverso E quindi presumibile che la significativit delloperazione sia dovuta a
quello che succede in questo punto. Se a priori vengono formulate delle ipotesi si pu andare a
vedere dei contrasti sotto i diversi livelli di B. Come per i simple main effects, si vede se vi un
F significativo generale e a questo punto si possono fare i contrasti allinterno dei singoli ad
esempio vedere se landamento (trend) lineare di A significativo per tutti e 3 i livelli di B (b1,
b2, b3). Se si trovasse un trend significativo sotto b2 e b3 ma non sotto b1, allora si potrebbe
gi cominciare a dire qualcosa, intuendo che bevendo di pi c un trend continuo di
peggioramento della prestazione (voti esame) man mano che si mangia di pi; per b1 invece
cio chi ha bevuto di meno, c un peggioramento finch mangiano 15 kg di panettone (!), se
ne mangiano ancora di pi hanno un miglioramento.
Serve quindi una formula che consenta di calcolare un determinato contrasto (ad es. un
contrasto di A) sotto un qualsiasi livello dellaltra variabile (la variabile B):

Tale formula ci d la somma dei quadrati di un contrasto fra i livelli di A sotto qualsiasi livello
della variabile B.
Taibj: come prima, quando sostituiamo bjb1 si tratter dei totali di a1,a2,a3,a4 di b1 fisso.
Esempio
Cerchiamo quindi la componente lineare di A sotto b1, b2, b3. Bisogna prendere i coefficienti
che ci permettono di estrarre la componente lineare da una variabile con 4 livelli (da cui
possiamo estrarre soltanto 3 componenti: lineare, quadratica e cubica) e sulla tavola dei

www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

polinomi ortogonali troviamo:


componente lineare
componente quadratica
componente cubica

-3 -1 1 3
1 -1 -1 1
-1 3 -3 1

(ci) = 20

A noi interessa la componente lineare e, considerando i valori di A sotto b1 (Taib1), avremo:


(-3*43+ -1*35+ 1*29+ 3*39) =
2*20
= 8,1 (somma dei quadrati relativa alla componente lineare al livello b1)
valuta cio quanto i valori di a1,a2,a3,a4 per b1 sono disposti su una retta.
La componente lineare di A sotto b1 ha 1 df (come tutti i contrasti) e ha 8,1 come somma dei
quadrati e anche come media dei quadrati.
Analogamente, per la componente lineare di A sotto b2 (Taib2) abbiamo:
(-3*47+ -1*39+ 1*33+ 3*33) = 57,6
2*20

MS=57,6/1= 57,6

E per la componente lineare di A sotto b3 (Taib3):


(-3*51+ -1*43+ 1*37+ 3*27) = 152,1
2*20

MS=152,1/1= 152,1

Per verificare la significativit delle componenti lineari sotto b1, sotto b2 e sotto b3 cerchiamo
la F di ogni livello di B: 8,1/0,83= 9,76 (F per componente lineare sotto b1)
57,6/0,83= 69,40 (F per componente lineare sotto b2)
152,1/0,83= 183,25 (F per componente lineare sotto b3)
Confrontando questi F con il valore critico con df 1 (numeratore) e 12 (denominatore): 4,75, si
vede che tutti e tre gli F sono significativi.
A questo punto si pu vedere il confronto di a3 e a4 sotto b1, sotto b2 e sotto b3 servendosi
della stessa formula. I coefficienti saranno: 0 0 1 -1
Somma dei quadrati del contrasto a3 - a4 sotto b1:
(0*43 + 0*45 + 1*29 +-1*39) = 25 con 1 df MS=25/1=25
2*(1+-1)
Somma dei quadrati del contrasto a3 - a4 sotto b2:
(0*47 + 0*39 + 1*33 +-1*33) = 0
2*(1+-1)
Somma dei quadrati del contrasto a3 - a4 sotto b3:
(0*51 + 0*43 + 1*37 +-1*27) = 25 con 1 df MS=25/1=25
2*(1+-1)
25/0,83= 30,12 (F per componente sotto b1)
0/0,83= 0 (F per componente sotto b2)

www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

25/0,83= 30,12 (F per componente sotto b3)


Confrontando le F con 4,75, il contrasto sotto b2 nullo, quelli sotto b1 e b3 risultano
significativi. Vedendo il grafico si trova che uno in crescita, laltro in decrescita possiamo
quindi cominciare a vedere che linterazione ha luogo in tale zona critica.
Ci sono poi i post hoc su uninterazione.
In tal caso ci sono due metodi di controllo del livello di significativit:
uno prevede di fare qualsiasi confronto es. fra a1b1 con a3b2 o a1b1 con a4b3 tutte le
possibili combinazioni fra totali/medie. Se il numero di totali/medie elevato (nel ns caso 12),
nel controllo che viene effettuato quasi nulla risulta essere significativo a meno a che non ci
siano delle differenze gigantesche questo perch, se si divide il livello di significativit, es.
0,05, per il numero di contrasti, alla fine ogni contrasto viene verificato a un livello di
significativit bassissimo.
Una soluzione alternativa non va a verificare tutti i possibili contrasti ma si limita a lavorare o
solo su righe, o solo su colonne cio lavorare su una variabile sotto i vari livelli dellaltra e
viceversa, tanto che il controllo della significativit pi blando e viene effettuato sui possibili
confronti allinterno di ciascun livello della variabile. Questo per lo meno a livello concettuale.
Nella pratica, quando si lavora facendo i confronti fra i livelli di una variabile allinterno dei
livelli di unaltra variabile, si ha sempre il test di Tuckey e quello di Scheff nelle loro varianti
per confronti singoli e confronti complessi 99.
Vediamo i contrasti analizzati in precedenza a priori e trasformiamoli in contrasti post hoc. La
formula del test di Tuckey sempre la stessa:

Si tratta di una formula da utilizzare sia per i confronti fra i livelli di B sotto i singoli livelli di A,
sia per i confronti fra i livelli di A sotto i singoli livelli di B. Quello che cambia rmax che per i
valori di A 4, per i valori di B 3.
Se lavoriamo su A, nella tavola sincrociano r massimo (=4 livelli per A) e df di S /AB = 12
4,20
4,20 * 2*2*0,83= 5,43 (differenza critica di Tuckey fra a3 e a4 sotto i singoli livelli di B da
2
raggiungere per poter essere definita significativa)
Le differenze che abbiamo in valori assoluti sono:
(-)10 (a3 - a4 sotto b1)
0 (a3 - a4 sotto b2)
10 (a3 - a4 sotto b3)
le differenze per b1 e per b3 anche post hoc risultano significative in quanto > a 5,43;
quella sotto b2, essendo 0, non significativa.

99

Ricordando che Scheff preferito per i confronti complessi (quando si mettono assieme pi livelli) e Tuckey quando si guardano
livelli singoli.

www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma

Vuoi scaricare appunti, articoli, temi per lEsame di Stato senza pi vincolo dei crediti?
Attiva subito Liberamente lesclusivo abbonamento per Psicologi e studenti di Psicologia!
Scopri tutti vantaggi di Liberamente su http://liberamente.opsonline.it/

Se avessimo confrontato i livelli di B sotto i livelli di A, allora avremmo cercato nelle tavole q (3
12) 3,77.
Per quanto riguarda Scheff, la formula per A :

2*2*0,83= 1,82
3* 3,49= 3,24
3,24*1,82= 5,89 (differenza critica di Scheff)
Tale differenza va confrontata con le differenze fra a3 e a4 sotto b1, sotto b2 e sotto b3:
(-)10 (a3 - a4 sotto b1)
0 (a3 - a4 sotto b2)
10 (a3 - a4 sotto b3)
le differenze per b1 e per b3 anche post hoc con Scheff risultano significative in quanto > a
5,89; quella sotto b2, essendo 0, non significativa.
Se si dovessero fare dei confronti allinterno dei livelli di B non pi fra singoli livelli ma fra
combinazioni di livelli, ad es. fra al media di a1 e a2 e la media di a3 e a4, allora per lavorare
post hoc bisognerebbe calcolare lF per ciascun livello di B per tale contrasto:

Con Bj = B1 avremo quindi:


(43+35-29-39) = 100 = 12,5
MS= 12,5/1=12,5
F=12,5/0,83=15,06
2*4
8
F relativo al contrasto fra la media di a1e a2 e la media di a3 e a4 sotto b1. Tali F vanno poi
confrontati post hoc con lF di Scheff dato da:

3* 3,49= 3,24 (F di Scheff da confrontare con lF calcolato)


15,06>3,24, quindi il contrasto tra la media di a1e a2 e la media di a3 e a4 sotto b1
significativo.
Lo stesso verrebbe fatto con i valori sotto b2 e con i valori sotto b3, al fine di vedere se anche i
contrasti fra la media di a1e a2 e la media di a3 e a4 significativo sotto ogni livello di B.
ESERCITAZIONI 1
ESERCITAZIONI 2
ESERCITAZIONI 3

www.opsonline.it la principale web community italiana per studenti e professionisti della Psicologia
Appunti desame, Tesi di laurea, Temi per lEsame di Stato, Articoli, Forum di discussione, Agenda Eventi, Annunci di
lavoro, E-book e tante altre risorse. info@opsonline.it
Opsonline.it gestito da Obiettivo Psicologia srl, via Castel Colonna 34, 00179, Roma