Sei sulla pagina 1di 5

Microbiota Intestinale

Cosa : comunit di microbi che vivono in simbiosi nellintestino umano con circa 45
mila filotipi di microrganismi (batteri archea) ed il 90% di questi non sono coltivabili
perch anaerobi obbligati, il peso di 1,5kg e nel colon sono presenti 10^14 cellule.
Specie Batteriche caratterizzanti il Microbiota: Firmicutes (65%), Bacteroides (23%),
Proteobacteria (8%) e ActinoBatteria (3%)
Stomaco: ph acido con 10^2 microrganismi tra cui lattobacillus, streptococcus,
candida, elicobacter pilori
Tenue (duodeno, digiuno, ileo prox): ph circa 5 con 10^2-3 microrganismi tra cui
lattobacillus e streptococcus, mentre nellileo distale sono presenti 10^7-8
microrganismi e la composizione simile a quella del colon
Crasso (colon ascendnete,trasverso e discendente): ph circa 7 con 10^11-12
microrganismi tra cui clostridium, bacterioides, bifidobatteri ed eubacterium
Funzioni:Metaboliche (fermentazione residui alimentari, muco cellule esfoliate,
produzione acidi grassi a catena corta, vit b, k ed assorbimento ioni), trofica (controllo
crescita e differenziamento cellulare, sviluppo ed omeostasi sistema immunitario),
protettiva (effetto barriera con protezione da patogeni), aumento velocit transito
intestinale, competizione per i nutrienti e per lo spazio
Unalterazione del microbiota pu portare ad infiammazione cronica (ibd) ed obesit
Descrivi il microbiota normale nella resistenza innata:
Il microbiota linsieme dei microrganismi che vive in simbiosi con il nostro organismo
(intestino).
La relazione tra microbiota normale e la cellula ospite previene la crescita di patogeni
rappresentando unottima linea di difesa. Il ruolo del microbiota normale nella
resistenza innata quello di prevenire la colonizzazione di un determinato patogeno in
una determinata sede del nostro corpo utilizzando i nutrienti di cui necessita anche il
patogeno; quindi vi competizione spazio-tempo-nutrizione. Un altro ruolo quello di
produrre sostanze che sono velenose per il patogeno (batteriocine), infatti l E.Coli
presente nellintestino produce batteriocine in grado di inibire la crescita di scichella e
salmonella.
Probiotici
Cosa sono: microrganismi vivi che ingeriti in adeguate quantit (attraverso alimenti
appositamente arricchiti o sottoforma di integratori) sono in grado di esercitare funzioni benefiche
per lorganismo. Lo scopo di tale somministrazione preventivo e terapeutico. I benefici:
neutralizzano le sostanze tossiche (nitriti e nitrati), sintetizzano vitamine K,b1,b12,acido folico,
biotina, acido pantotenico, sintetizzano acidi grassi a catena corta, riducono lldl, stimolano
limmunit umorale e cellulo mediata e migliorano i processi di digestione e combattono le
allergie alimentari
Caratteristiche: per ottenere una temporanea colonizzazione nellintestino devono essere
somministrati almeno 10^9 di cellule vive, un probiotico buono va da 1 a 3 miliardi, di ottima
qualit oltre i 3 miliardi. Devono essere di provenienza intestinale umana, devono essere
resistenti allHCl ed alla bile, devono essere in grado di persistere almeno temporaneamente
nellintestino per formare UFC (unit formanti colonie)
Meccanismo dazione: creano una barriera epiteliale, aumentano ladesione alla mucosa
intestinale (spiazziano i patogeni), producono sostanze antimicrobiche batteriocine, competono
per i nutrienti, modulano la risposta immunitaria
Probiotici impiegati: lattobacilli, enterococchi, bifidobatteri. I lattobacilli riducono linfiammazione
intestinale associata alle allergie alimentari, aumentano le IgA, combattono la diarrea da
rotavirus,metmn elicobacterpilori, modulano equilibrio tra Th1 e Th2. I bifidobatteri sono i
probiotici pi numerosi nellintestino e producono direttamente vitamine ed enzimi. Gli
enterococchi sono meno importanti perch in numero minore ma producono batteriocine come la
nisina che viene utilizzata negli alimenti per il controllo del botulinum
Saccaromices boulardii: lunico lievito probiotico, si pu associare agli antibiotici per ripristinare
la flora intestinale, consigliato in caso di diarrea acuta
Descrivi le reazioni chimiche e alcuni prodotti della fermentazione
Diversi microrganismi a partire dal piruvato attraverso la fermentazione producono
sottoprodotti diversi, es. propriobacterium produce co2 ed acido propionico e prodotti
alimentari come i formaggi, aspergillus, lattobacillus e streptococcus producono acido
lattico e alimenti quali yogurt e formaggi, saccaromicens produce co2 ed etanolo e da
origine ad alimenti come vino e birra, i clostridium invece danno origine ad acetone ed
isopropanolo e c produzione di solventi, mentre escherichia coli ed acetobacter
formano acido acetico ed aceto.
Descrivi la fermentazione lattica
Esistono 2 tipi di fermentazione lattica e viene fatta dai batteri lattici gram+, 1.
Fermentazione omolattico od omofermetativa, qui viene prodotto un unico prodotto
cio lacido lattico (lattato), con produzione di 2 mol di ATP 2. Fermentazione
eterolattica che invece produce diversi sottoprodotti come acido lattico, etanolo e CO2
con produzione di 1 mol ATP
Descrivi la fermentazione acido-mista e quali sono i microrganismi coinvolti
La fermentazione acido mista rappresenta un tipo di fermentazione dove il
microrganismo da una molecola di glucosio porta alla formazione di una serie di
prodotti tra i quali: acido lattico, acido acetico, acido succinico, acido formico, etanolo,
co2, idrogeno. Questo tipo di fermentazione tipica degli enterobatteri (microbiota)
es escherichia coli. Altri batteri enterici producono meno acidi organici perch
producono il 2,3 butandiolo.
Descrivi la fermentazione dellacido propionico
Pu avvenire da parte dei clostridi e dei propioni bacterium, nel caso dei primi essi
fermentano gli zuccheri e producono acido butirrico, acetone ed etanolo, laccumulo di
questi composti pu abbassare il ph dellambiente. Per i secondi essi fermentano il
glucosio o il lattato e producono acido propionico intervenendo dopo la fermentazione
dei lattobacilli es nei processi di stagionatura dei formaggi (formano CO2 come le bolle
del formaggio hemmertal)
Metanogeni: microbi appartenenti al regno degli archea (anaerobi) producono metano
attraverso la loro respirazione anaerobica che prevede reazioni redox tra idrogeno
donatore e CO2 accettore
Acetogeni: microbi gram+ come clostridi e acetobacterium, il loro metabolismo
fermentativo prevede la via glicolitica e la via dellacetil coa con formazione di acetato
Disbiosi
Cosa : condizione caratterizzata da uno squilibrio della flora batteriche enterica, essa porta ad
un insieme di disturbi funzionali gastroenterici che possono evolvere in malattia coinvolgendo
organi ed apparati distanti dal colon atttraverso la semina linfogenamicrobica con blocco del MALT
e GALT. Esistono 5 tipi di disbiosi. 1 Deficitaria o Carenziale: lesposizione ai farmaci (antibiotici) o
ad una dieta di fibre solubili pu creare un deficit di flora (lattobacilli e bifidobatteri) 2 Disbiosi
Putrefattiva: dieta ricca di grassi e carne con basse fibre con un aumentata concetrazione di
bifidobatteri ed induzione metabolizzazione degli acidi biliari 3 Disbiosi Fermentativa: condizione
di intolleranza ai carbo indotta da una eccessiva fermentazione batterica 4 Disbiosi da
Sensibilizzazione: risposta immune anomala ai componenti della microflora fisiologica e pu
contribuire alla patogenesi di colite ulcerosa, psoriasi ed acne, per deficit di IgA 5 Disbiosi da
Funghi: dieta ricca in zuccheri elementi raffinati e ridotte fibre con proliferazione di funghi
(candida) 6 Disbiosi da Rotavirus: il rotavirus in natura in 6 forme la pi virulenta il rotavirus A,
ha unincubazione di 2-3gg per poi manifestare i suoi effetti per 8gg (febbre, disturbi gastrici).
Esistono due vaccini, rotateq e rotarix
Infezione da Clostridium Difficile
Cosa : bacillo gram+ anaerobio obbligato, sporigeno, tossigenico ed presente
nellambiente sottoforma di spore, provoca diarree nosocomiali, colite
pseudomembranosa. Linfezione si determina con un incremento di concentrazione di
CD nellintestino determinando cos lesioni infiammatorie a vulcano.
Come si acquisisce in ospedale: da persone o da altri pazienti ed il colonizzatore pu
essere sintomatico o asintomatico (quando il CD non riesce a produrre tossine o il
soggetto produce IgG).
Patogenesi:Il CD produce due tipi di tossine A e B, la prima agisce come enterotossina
aumentando la permeabilizzazione della mucosa intestinale richiamando acqua nel
lume intestinale, la seconda ha unazione citotossica e distrugge le giunzioni
dellepitelio. Le due tossine sono proteine che utilizzano come substrato lUDP
glucosio, sono in grado di monoglicosilare bloccando la funzione delle proteine G della
famiglia delle proteine RHO
Terapia: antibiotici come vancomicina a spettro ristretto (gram+) ma non sempre
giustificata in quanto dipende dal quadro clinico del paziente e trapianto di feci
Differenza tra MALT e GALT, cell dellimmunit e loro distribuzione
Il Malt tessuto linfatico che si trova in varie parti del corpo esso formato da linfociti t cell b
plasmacellule e macrofagi ciascuno dei quali pronto per incontrare gli Ag che entrano in
contatto con la mucosa epiteliale. Per il MALT intestinale sono presenti anche speciali cellule
chiamate cellM che legano lAg nel lume intestinale e lo portano nel tessuto linfoide.
Il Galt il sistema immunitario intestinale, formato dalle placche del peyer e da follicoli linfoidi
isolati. Entrambe sono composte da cellule M, cell dendriche e cell b. La lamina propria contiene
un gran numero di IgA, plasmacellule, cell b, t, macrofagi e cell stromali.
Funzioni e Meccanismi
Controllare lesposizione dei batteri ai tessuti dellospite per evitare conseguenze patologiche.
Avviene su 2 livelli: 1 compartimentalizzazione (proteine antibatteriche sono secrete dallepitelio
intestinale, reg 3 gamma, lectina antibatterica che espressa dalle cellule epiteliali sotto il
controllo dei toll like receptor minimizzando lesposizione dei batteri residenti al sistema

immunitario) 2 stratificazione (le igA legano Ag prevengono la traslocazione microbica attraverso


la barriera epiteliale)
Alterazioni equilibri Th1/Th2 e malattie
Se il SI bilanciato abbiamo equilibrio tra cell Th e cell T regolatrici mentre se prevale il Th1 vi
morbo di Crohn, se prevale Th2 c asma ed ulcere, se prevale Th17 (cicotossiche) ci sono
malattie autoimmuni (artrite reumatoide)
Malattie da alterazione di specie batteriche
Se nel lume prevalgono i batteri segmentati filametosi questo induce uno sviluppo di Th17 che
stimola limmunit del snc/p con infiammazione del snc, se prevalgono i bacteroidi rispetto ai
firmicutes c una diminuta suscettiiobilit al diabete 1 e alle pancreatiti, lesposizione ai
microrganismi in et neonatale diminuisce laccumulo delle cellule nk invarianti dellintestino
quindi questo protegge dalle malattie allergiche dei polmoni
Identifica i principali siti di entrata e di uscita dei microbi:
I siti di entrata del patogeno sono: pelle, mucose, tratto gastro intestinale, via parenterale
(punture, tagli, interventi chirurgici). Il tratto respiratorio quello pi colpito. Siti di uscita sono:
tratto respiratorio (tosse e starnuto), tratto gastrointestinale (feci, saliva), tratto genitourinario
(feci e urina), pelle e sangue.
Fare degli esempi di come i microbi aderiscono alla cellula ospite:
Gran parte dei microorganismi una volta superate le difese dellospite, aderiscono alle cellule
ospiti attraverso i ligandi o adesine (glicoproteine).Le adesine legano si recettori ai recettori della
cellula ospite che generalmente rappresentato dallo zucchero mannosio. Un esempio lo
streptococco mutans che possiede il glicocalice e quindi gli actinomiceti hanno fimbrie che si
legano al glicocalice formando il biofilm dentale.Un ulteriore esempio escherichia coli che
possiede fimbrie al posto del glicocalice, con funzione quindi di recettore.
Come capsule e parete cellulare contribuiscono alla patogenicit:
La patogenicit la capacit da parte di un patogeno nel causare patologie superando le difese
dellospite e lentit/grado della malattia dato dalla virulenza. Questultima dipende dalla
capsula dei batteri che resiste alle difese dellospite impedendo la fagocitosi delle cellule
immunitarie. Nella parete cellulare dei batteri gram negativi presente LPS che il
lipopolisaccaride che costituito da purine. LPS costituito da tre componenti: lipide A, che una
endotossina rilasciata quando il batterio muore, responsabile dei sintomi da infezioni da batteri
gram negativi come la febbre;core polisaccaridico che conferisce rigidit;polisaccaride O che
composto da zuccheri.
Paragona gli effetti di coagulasi, chinasi, ialuronidasi, collagenasi e IgA proteasi:
I batteri penetrano le difese dellospite attraverso capsula, parete cellulare ed enzimi(prodotti dai
batteri). Per quanto riguarda questultimi abbiamo:la coagulasi che un enzima che coagula il
sangue proteggendo il batterio. Chinasi batteriche che digeriscono i coaguli di fibrina.Ialuronidasi
che rompe i legami del tessuto idrolizzando lacido ialuronico. Collagenasi che idrolizzano il
collagene.
Funzione dei siderofori:
Il ferro particolarmente richiesto per la crescita dei microorganismi, i patogeni producono i
siderofori che sono delle proteine. Se il patogeno ha bisogno di ferro rilasciano queste proteine
che sequestrano il ferro delle proteine di trasporto dellospite cos formando il complesso
siderofori ferro. Pertanto si forma un legame con i recettori batterici dei siderofori, in questo modo
il ferro pu essere utilizzato dai batteri.
Fornisci un esempio di danno diretto e paragonalo al danno di una tossina:
Quando il batterio oltrepassa le difese dellospite utilizza i suoi nutrienti creando un danno vicino
alla sua invasione producendo tossine e causando quindi un danno diretto.
La tossina una sostanza velenosa prodotta da microorganismi quali batteri o funghi.
Un esempio di danno causato da una tossina quello prodotto dal clostridium botulinum (tossina
botulinica), la quale una tossina neurotossica di tipo A-B che agisce sulle giunzioni
neuromuscolari inibendo il rilascio di acetilcolina provocando una paralisi facciale con perdita di
tono muscolare.
Un altro esempio la tossina prodotta dal clostidium tetani (tossina tetanica), la quale raggiunge
il SNC e si lega alle cellule nervose controllando cos la contrazione muscolare. In particolare essa
provoca spasmi muscolari continui e dolorosi di tutti i muscoli del corpo.
Differenza tra ESO e ENDOTOSSINE:
Le esotossine sono prodotte per la maggior parte dai batteri gram positivi e in minima parte dai
batteri gram negativi, mentre le endotossine sono prodotte unicamente dai batteri gram negativi
in quanto lendotossina rappresentata dal LPS costituito a sua volta dal lipide A che appunto
lendotossina. Le esotossine sono prodotti metabolici dei gram positivi, mentre le endotossine
sono presenti nella struttura esterna dei gram negativi rilasciate quando il batterio muore o
durante divisione cellulare.
Le esotossine chimicamente sono delle proteine o enzimi mentre le endotossine sono
rappresentate dalla porzione lipidica del LPS.
Le esotossine agiscono sulle funzioni della cellula ospite es. agiscono sui nervi, sullapparato G.I.
non causando febbre e sono altamente tossiche, mentre le endotossine attuano un effetto
generale causando febbre, debolezza e schok; le endotossine sono meno tossiche.
Le esotossine sono instabili e possono essere distrutte tra i 60 e gli 80 gradi mentre le
endotossine sono pi stabili e possono essere degradate solo per sterilizzazione a una
temperatura pari a 121 gradi.
Descrivi immunit innata e acquisita:
Limmunit la capacit di evitare una malattia e ci difendiamo grazie a due tipologie di
immunit:
Innata o non specifica, ci difesa contro ogni patogeno senza risposta di memoria, caratterizzata
da due linee di difesa che son la prima linea rappresentata da pelle e mucose intatte e la seconda
linea rappresentata da cellule del sitema immunitario (fagociti, processo di infiammazione,
febbre e sostanze antimicrobiche) e limmunit acquisita o adattativa ossia difesa verso uno
specifico patogeno con risposta di memoria che rappresenta la terza linea di difesa.
Definisci i recettori Toll-like:
I toll-like sono dei recettori che si trovano sulla membrana plasmatica delle cellule di difesa del
nostro organismo. Il loro legame ai PAMPS (componenti del patogeno come LPS, flagelli,
peptidoglicano, DNA, RNA virale) crea una massiccia produzione di citochine attivando limmunit
innata reclutando macrofagi e cellule dendridiche nel sito dellinfezione.
Differenze tra fattori fisici e chimici, fai qualche esempio:
I fattori fisici sono pelle (cheratina, proteina protettiva), muco, apparato lacrimale, saliva, peli del
naso. Mentre i fattori chimici sono i seguenti: lisozima, succhi gastrici, secrezioni vaginali,
microbiota.
Classifica le cellule fagocitiche e descrivi il ruolo dei granulociti e dei monociti:
La seconda linea di difesa dellimmunit innata caratterizzata dai Leucociti che vengono
classificati in: granulociti (neutrofili, basofili ed eosinofili), agranulociti, monociti (maturano in
macrofagi), cellule dendridiche (iniziano la fagocitosi), linfociti (T, B, NK).
Il ruolo dei granulociti il seguente: i neutrofili sono attivi nella prima fase dellinfezione, i basofili
sono importanti nellinfiammazione e nella risposta allergica, gli eosinofili intervengono nelle
infezioni da parassiti.
I monociti invece maturano in macrofagi quando corrono verso il sito di infezione e una volt
maturi sono in grado di attuare la fagocitosi.
Definisci che cosa sono i fagociti e la fagocitosi:
Dei fagociti fanno parte i macrofagi, le cellule dendridiche e in misura minore i neutrofili che sono
in grado di attuare la fagocitosi la quale si divide in quattro fasi:
Chemiotassi
Attacco
Ingestione
Digestione
Spiega le tre fasi dellinfimmazione:
LPS e flagelli del microorganismo patogeno vengono riconosciuti come non self, questo
riconoscimento avviene attraverso i toll-like della cellula ospite, vengono di conseguenza
rilasciate citochine e TNF alfa
Sono tre fasi:
Vasodilatazione e aumento della permeabilit del vaso sanguigno grazie al rilascio di granuli di
istamina e altre citochine formando ledema.
Migrazione dei fagociti e fagocitosi: marginazione e diapetesi, chemotassi, formazione pus.
Riparazione del tessuto.
Descrivi causa ed effetto della febbre:
Il rilascio di endotossine dai batteri gram negativi pu causare una risposta pirogenica.
I macrofagi riconoscono i batteri gram negativi i quali sono ingeriti e vi la digestione dei
patogeni nei vacuoli. Lendotossina cos viene rilasciata il macrofago di conseguenza produce
citochine (IL-1 e TNF alfa) le quali citochine vengono trasportate nel circolo ematico allipotalamo
e in questa sede vengono rilasciate prostaglandine da parte dellipotalamo che resettano il
termostato dellipotalamo e il corpo aumenta la propria temperatura generando lo stato febbrile.
Questa pu avere un effetto positivo (se bassa) in quanto inibisce la crescita del patogeno
aumentando il metabolismo cellulare (aumento transferrina, aumento IL-1, cellule T e aumento
dei processi di riparazione dei tessuti); pu per avere effetti negativi (se alta >40,7) e nello
specifico pu causare tachicardia, acidosi, disidratazione.
Tra i 44-46 gradi si va in contro a morte.
Descrivi come si attiva il complemento e gli effetti dellattivazione:
Il complemento rappresentato da una serie di 30 proteine prodotte dal fegato che circolano nel
siero del sangue e sono presenti nei tessuti del corpo. Si attiva attraverso due vie:
Classica: un anticorpo attacca lantigene C1 attiva C2 e C4, C3 viene attivata separandosi in due
subunit fino a C9; tutte le attivazioni a cascata portano a tre effetti (infiammazione, lisi cellula
estranea e opsonizzazione).

Alternativa: si attiva dal contatto diretto tra le proteine del complemento e il patogeno.
Opsonizzazione: le proteine del complemento e gli anticorpi (opsonine) vanno a rivestire il
batterio e promuovono lattacco del microorganismo al fagocita.
Metti a confronto le azioni degli interferoni alfa, beta e gamma:
Gli interferoni sono proteine antivirali prodotte dalle cellule solo quando queste ultime sono
infettate, sono cellule specifiche e non virus specifiche.
Esistono tre tipi di interferoni: alfa e beta sono prodotte dalle cellule infettate si legano ai recettori
di cellule vicine non infettate e producono proteine antivirali che proteggono le cellule vicine
dallinfezione dei virus; mentre gli interferoni gamma sono prodotti dai linfociti e inducono
neutrofili e macrofagi ad uccidere il batterio.
Distinzione tra immunit innata e acquisita: immunit umorale e cellulo mediata.
Limmunit acquisita rappresenta difese specifiche contro specifici microorganismi riconoscendo
ci che self da ci che non lo e si divide in:
Umorale: mediata dalle cellule B.
Cellulo mediata: mediata dalle cellule T.
Definire antigene, epitopo e aptene:
Per antigene si intende una sostanza prodotta dal patogeno che induce il corpo a produrre
specifici anticorpi sensibilizzando le cellule.
Per epitopo si intende la regione specifica alla quale si collega lantigene allanticorpo che si pu
chiamare anche determinante antigenico.
Per aptene si intende unantigene con peso molecolare basso il quale si lega ad una molecola
carrier al fine di far avvenire linterazione tra antigene e anticorpo con conseguente risposta
anticorpale.
Spiegare la funzione degli anticorpi e descrivere le loro caratteristiche, nomina una funzione per
ognuna delle cinque classi di anticorpi:
La funzione degli anticorpi quella di rispondere alla presenza di un antigene, gli anticorpi o
globuline (a forma di Y) sono costituite da una regione variabile che possiede i siti per legare gli
epitopi con legami disolfurici e possiede una regione FC che si lega al complemento quando c
interazione antigene-anticorpo con reazione di infiammazione, citolisi e opsonizzazione.
Esistono cinque tipi di immunglobuline :
IgG: reagiscono contro virus, batteri e tossine, aumentando il numero dei fagociti quando si
legano allantigene.
IgM: agisce in seguito alla risposta degli antigeni dei globuli rossi ed il primo anticorpo prodotto
in risposta ad uninfezione.
IgA: sono presenti nelle secrezioni e hanno due importanti funzioni ossia immunit a livello delle
mucose (MALT) e immunit neonatale.
IgD: si trovano sulle cellule B (sintetizzati dalle cellule B) e promuovono lattivazione degli stessi.
IgE: si legano ai basofili facendo rilasciare istamina causando una risposta allinfezione.
Confrontare e contrapporre gli antigeni T dipendenti da quelli T indipendenti:
Descrivi la selezione clonale:
Quando una cellula B viene a contatto con lantigene quest ultimo viene processato allinterno
della cellula B e i frammenti dellantigene si legano al complesso maggiore di istocompatibilit
MHC e poi esposti sulla superficie delle cellule B, in questo modo possono essere riconosciuti dai
recettori delle cellule T helper con conseguente rilascio di citochine che attivano lespansione
clonale producendo plasmacellule e cellule di memoria.
La risposta T-indipendente non prevede lintervento dei T-hepler in quanto vi soltanto il legame
anticorpo-antigene (IgM presente sulla cellula B e antigene) con risposta pi debole senza
proliferazione delle cellule di memoria.
Distingui le cellule del plasma da quelle di memoria:
Le plasmacellule producono anticorpi, mentre le cellule di memoria sono responsabili di una
risposta secondaria (pi veloce ed efficace) a uno stesso antigene.
Descrivi come luomo pu produrre i diversi anticorpi:
La diversit delle immunoglobuline generata da diversi meccanismi. La ricombinazione
somatica permette il rimescolamento dei vari segmenti genici delle Ig. Il riassorbimento casuale
dei geni delle catene pesanti e leggere, la non precisa giunzione dei segmenti genici VDJ e VJ e i
meccanismi di ipermutazione contribuiscono alla quasi illimitata diversit delle immunoglobuline.
Descrivi i 4 esiti di una reazione antigene-anticorpo:
I cinque esiti di una reazione Ag-Ab sono :
Agglutinazione: gli anticorpi inducono gli antigeni ad aggregarsi facilitando la fagocitosi
Opsonizzazione: lantigene viene rivestito dallanticorpo di opsonina favorendo quindi la fagocitosi
e la lisi da parte dei fagociti.
Citotossicit cellulo mediata Ab anticorpo dipendente: simile allopsonizzazione, lantigene viene
rivestito dagli anticorpi e quindi viene ucciso grazio alle cellule del sistema immunitario esterne
alla cellula bersaglio.
Neutralizzazione: le IgG inattivano i microbi e tossine bloccando il loro attacco alla cellula ospite.
Attivazione del complemento a mante di tutti gli altri fenomeni in quanto si attiva non appena si
viene a creare il complesso Ag-Ab.
Distingui T-helper dai T-citotossici:
Le cellule T intervengono quando le cellule B non possono farlo, maturano nel timo a partire dalle
cellule staminali prodotte dal midollo rosso, migrando nei tessuti linfoidi attraverso il circolo
ematico; esse si suddividono in due grandi popolazioni: T-helper e T citotossiche.
Le cellule T non sono in grado di riconoscere lantigene libero infatti hanno bisogno del supporto
delle cellule presentanti lantigene che processano lantigene e lo presentano in associazione al
MHC.
Le cellule T-helper hanno recettore (glicoproteine) CD4+ che riconosce lantigene processato con
MHC2, frammentato e presentato sulla superficie delle APC; in seguito a ci vi produzione di
citochine e differenziazione in TH1 e TH2. Le prime attivano i macrofagi, producendo interferon
gamma, le seconde producono IgE ed eosinofili soprattutto per infezioni da parassiti e risposta
allergica.
I T-citotossici possiedono recettore CD8+ e riconoscono antigeni endogeni presenti sulla
superficie delle cellule bersaglio (cellule nucleate). Quando Cd8+ riconosce lantigene e si lega a
MCH1 rilascia una perforina in grado di forare la cellula bersaglio con fuoriuscita di liquido, oppure
rilascia Granzyme ossia enzimi che inducono apoptosi. (morte cellulare programmata).
Definisci le cellule presentanti lantigene:
Le APC digeriscono lantigene, presentano frammenti di Ag sulla superficie con le molecole di
MHC2 e sono: macrofagi, cellule dendridiche e cellule B.
Descrivere il ruolo degli anticorpi e delle cellule NK nella citotossicit dipendente dallanticorpo e
cellulo mediata:
Limmunit cellulo mediata pu essere attivata anche dalle cellule NK (leucociti granulari) e sono
in grado di lisare cellule rivestite di anticorpo, cellule infettate da virus o cellule tumorali, il tutto
anche in assenza di MHC1. Nelle infezioni da parassiti questi sono troppo grandi per essere
fagocitati dai fagociti, quindi sono attaccati dallesterno da eosinofili e macrofagi che legano la
regione variabile dellanticorpo agli epitopi del parassita cosi da scaturire il rilascio di citochine
citotossiche che portano alla morte del parassita.
Quattro tipi di immunit acquisita:
Immunit acquisita naturalmente attiva: persone esposte ad antigene, si ammalano e svluppando
anticorpi recuperano.
Immunit acquisita naturalmente passiva: anticorpi da madre a neonato attraverso la placenta.
Immunit acquisita artificialmente attiva: vaccino di antigene attenuato o tossina inattivata.
Immunit acquisita artificialmente passiva: vaccino di anticorpi.
Confronta cellula eucariotica da cellula procariotica:
La cellula procariotica pi piccola e pi semplice, non possiede membrana nucleare, ne
organelli, possiede una parete cellulare pi complessa delle cellule eucariotiche, presente una
membrana plasmatica, ma questa non ha carboidrati e steroli che conferiscono rigidit,
possiedono ribosomi pi piccoli la divisione per fissione binaria.
Un esempio di cellula eucariotica : funghi protozoi e alghe
Un esempio di cellula procariotica: batteri, archea.
Identifica le tre forme di batteri:
essi possono avere struttura a sfera (cocco) ed in base alla distribuzione tridimensionale possono
prendere il nome di diplococchi, tetradi, sarcine, staphylo e streptococchi.
Possono avere forma a bastoncello (bacillo) e anche qui in base alla struttura 3 D pu assumere la
forma di un diplobacillo, coccobacillo e streptobacillo.
Lultima forma a spirale (vibriobatteri).
Glicocalice: struttura e funzione
costituito da zuccheri polisaccaridi, se esso completo ovvero avvolge tutta la parete cellulare
prende il nome di capsula, al contrario se non completo definito strato denso. La capsula
conferisce virulenza dal momento che evita la fagocitosi (pi spessa e maggiore la virulenza).
Un altro elemento strutturale del glicocalice il biofilm che protegge la cellula e la ancora a
diverse superfici.
Flagelli:
I flagelli strutturalmente sono costituiti da tre parti (dallesterno allinterno) abbiamo il filamento,
luncino e il corpo basale; questultimo nei gram negativi costituito da due paia di anelli pi
esterni, nei gram positivi da una coppia di anelli pi interni.
La funzione quella di permettere la motilit in senso orario ed antiorario in base allo stimo che
pu essere chimico o fisico (chemiotattico e fototattico).
Filamenti assiali:
Struttura: costituiti dalla proteina pilina a forma di elica e la funzione quella di ruotare e far
muovere la cellula, attaccarsi alle superfici e trasferire il DNA batterico.
Esistono due principali tipologie di filamenti assiali: Fimbrie e Pili, le prime sono presenti o ai poli o
su tutta la superficie cellulare, hanno funzione di attacco ad una superficie e formano il biofilm.

Pili: hanno funzione di traferire il DNA conferendo anche resistenza agli antibiotici e possono
essere utilizzati anche per la motilit.
Confronta e contrapponi le pareti cellulari dei batteri gram positivi, gram negativi e micoplasmi:
Nei gram positivi la parete cellulare costituita da uno strato spesso di peptitoglicano, vi unalta
concentrazione di acidi teicoici.
Nei gram negativi vi uno strato sottile di peptidoglicano ed costituito da LPS che
caratterizzato dal lipide A (endotossina), core polisaccaridico (resistenza) e polisaccaride O
(composto da zuccheri).
Il micoplasma un batterio senza parete cellulare.
Struttura e funzione della membrana plasmatica dei procarioti:
A livello della struttura costituita da un doppio strato fosfolipidico con teste idrofile e code
idrofobiche e proteine, non presente il colesterolo. Per quanto riguarda le proteine si ritrovano le
glicoproteine, glicolipedi che proteggono la cellula; si ritrovano enzimi e proteine transmembrana.
Identifica le funzioni della zono nucleare dei ribosomi e delle inclusioni:
presente il nucleoide che la regione che contiene il DNA, poi sono presenti i plasmidi che
contengono DNA indipendente, i ribosomi che rappresentano il 40 % del peso netto e poi sono
presenti i corpi di inclusione che sono granuli contenenti nutrienti, monomeri e composti di ferro.
Endospore, sporulazione e germinazione dellendospora:
Quando viene a mancare il nutriente i batteri Gram positivi che sono chiamati anche sporigeni
formano cellule chiamate endospore attraverso il processo di sporulazione.
Queste endospore sono resistenti e disidratate, si formano allinterno della membrana cellulare.
Se rilasciate sono resistenti ad alte temperature, resistenti ai raggi UV e agenti tossici.
Fasi della sporogenesi:
Mancanza di nutrienti: formazione setto per divisione del nuovo DNA
Formazione del peptidoglicano e del doppio strato fosfolipidico della spora con formazione del
cortex che protegge lo strato di peptidoglicano.
Disidratazione del citoplasma sporale
Lisi cellula batterica e fuoriuscita della spora.
Le endospore sono pericolose dal momento che possono rimanere latenti anche per 100 anni e
possono riattivarsi quando vi sono le condizioni. Non un processo di reclicazione
Distingui tra anabolismo e catabolismo
Per metabolismo si intende la somma di tutte le reazioni chimiche che avvengono nellorganismo;
esso si compone di reazioni anaboliche e cataboliche. Catabolismo: insieme dei proicessi
metabolici che ahnno come prodotti sostanze strutturalmente pi semplici e poveri di energia,
liberando quella in eccesso sotto forma di energia chimica (atp) ed energia termica. Anabolismo:
usa lenergia per la sintesi o bioformazione delle molecole organiche pi complesse da quelle pi
semplici o dalle sostanze nutritive.
Confronto tra respirazione aerobica e fermentazione
La respirazione cellulare avviene in presenza di ossigeno perch attraverso la glicoslisi aerobica,
ciclo di krebs e fosforilazione ossidativa si produce una grande quantit di atp, mentre in
condizioni di anaerobiosi, i microrganismi fermentanti, utilizzano la fermentazione per produrre
atp ma la quantit minore e vi produzione di sottoprodotti come etanolo, lattato e CO2
Fermentazione saccarolitica
I principali prodotti della fermentazione dei carboidrati son gli acidi grassi a catena corta: acetato,
propionato e butirrato e si produce anche lattato etanolo gas (co2, idrogeno e metano) e calore.
Gli acidi grassi a catena corta impediscono la proliferazione di patogeni come salmonella
Fermentazione Proteolitica
La fermentazione delle proteine porta alla formazione di acidi grassi a catena corta, ma anche di
numerosi metaboliti potenzialmente tossici quali: composti fenolici (indolo, cresolo, scatolo),
ammine, ammoniaca, idrogeno solforato. Sono sostanze tossiche
Metabolismo Idrogeno
A seguito dellintroduzione di carboidrati attraverso la dieta e loro catabolismo in monosaccaridi,
si ottiene glucosio che poi verr scisso in Piruvato e anidride carbonica; lintervento dei
Ruminococchi e clostridi, in collaborazione con lenzima NADHFerodossinaOssidoRiduttasi, porta
alla formazione di idrogeno molecolare.
In seguito, con lazione degli enterobatteri e della formiatoliasi, si ha formazione di anidride
carbonica e idrogeno molecolare ed il Piruvato viene scisso in Acetil-Coa.
Con lazione dei Clostridi e della PiruvatoFerodossinaOssidoRiduttasi, dallAcetil-Coa vengono
prodotti acidi grassi a catena corta (acetato e butirrato) con formazione di idrogeno molecolare.
Il tutto avviene in una situazione di bilancio tra specie batteriche, Idrogenenogeni e idrogenotrofi,
questultimi, come i metanogeni associati allidrogeno molecolare formeranno Metano oppure
come gli acetogeni riduttivi associati allidrogeno molecolare formeranno acetato o come i batteri
riduttivi il solfato in associazione con lidrogeno molecolare formeranno una sostanza molto
tossica come lidrogeno solforato e questultimo, se il microbiota intestinale alterato, subisce un
aumento di concentrazione e pu portare ad uno stato proinfiammatorio del tratto
gastrointestinale
Come il microbiota ci protegge
Meccanismo diretto: competizione diretta per i nutrienti infatti e.coli compete con il ceppo
patogeno e.coli enteroemorragico per gli aa degli altri nutrienti
Meccanismo indiretto: i commensali possono catabolizzare i polisaccaridi e produrre gli acidi
grassi a catena corta che aumentano le funzioni della barriera cellulare dellepitelio intestinale
Come i patogeni superano le difese del microbiota
I patogeni per evitare le difese immunutarie associate allintestino hanno sviluppato particolari
meccanismi come e.coli enteroemorragico riesce a metabolizzare anche zuccheri che non sono
metabolizzati dai commensali, digerisce etanolammina, hanno delle adesine che lo fanno aderire
alla tonaca intima dellepitelio, riescono a nutrirsi anche di nitrati. Mentre salmonella ha un
sideroforo chiamato salmochilina, che non bloccato dalla lipocalina2, riesce a convertire il
tiosolfano in tetrationato nutrendosi
Ruolo microbiota nelle infezioni virali
Il microbiota ci protegge dallinfluenza attivando linflammosoma che fa migrare le cell
dendritiche dai polmoni ai linfonodi attivando la risposta immunitaria nei contronti del virus
influenzale
Dieta e Microbiota: fibre alimentari
La fermentabilit e la solubilit delle fibre dipende dalla loro composizione, esse sono classificate
in: carbo a catena corta (FOS, GOS) che sono altamente fermentabili e carbo a catena lunga (4
tipi, 1 solubili altamente fermentabili amidoresistente, 2 intermedio solubili e fermentabili lavena,
3insolubili lentamente fermentabili frutta e verdura, 4 insolubili non fermentabili cellulosa)
Prebiotici
Cosa sono: sostanze di origine animale non digeribili presenti in frutta e verdura e dovrebbero
essere presenti nella dieta in quantit edeguata (5g/die), essi favoriscono la crescita dei
commensali
Caratteristiche: resistenza ai succhi gastrici, fermentazione da parte della flora intestinale, 3g di
sostanza prebiotica. La sua trasformazione deve produrre acetato butirrato e propionato e
provocare un calo di ph nel crasso. I pi conosciuti sono i FOS e i GOS.
Simbiontici
Esistono alimenti che contengono sia pre che probiotici i pi diffusi sono bifido+fos, lattobacilli
+gos
Infezione da Helicobacter Pilori
Cosa : gram- che causa ulcera peptica ed in grado di vivere in ambiente totalmente acido, ha
struttura elicoidale e vibroide, nella forma di resistenza coccoide, mentre in coltura
pleiomorfo, possiede da 2 a 7 flagelli terminali, ha uno strato di glicocalice che riveste tutto il
soma ed microaerofilo, si moltiplica meglio in presenza di tracce di ossigeno. Esistono 20 specie
tra cui una specie responsabile del carcinoma altre specie colonizzano il retto, HP esiste in 2 tipi
per quanto riguarda la patogenicit, tipo I con produzione di tossina VAC a+, CAGa+ con
maggiore patogenicit, tipo II dove la colonizzazione asintomatica
Colonizzazione: luomo una risorsa primaria per HP che risiede nello stomaco, produce elevate
concetrazione di ureasi che converte lHCl in ammoniaca in modo tale da abbassare il ph nello
stomaco e sulla superficie del batterio
Trasmissione: 1 orofecale (scarsa igiene ambientale ed acquatica) 2 oroorale (placca dentaria e
reflusso gastroesofageo) 3 materiali sanitari (sondini, endoscopi) 4 zoonosi (pastori, mattatoi)
Meccanismo dazione: HP attiva una risposta immune, se alta la concentrazione di Th1 si ha
ulcera peptica da HP, se alta la concentrazione di Th0 si ha rilascio di citochine, interferoni
gamma e IL-4 con gastrite cronica asintomatica
HP Asintomatica: in circa l80% della popoazione hp presente ma silente in quanto la frazione
dellLPS dellHP ha una forte somiglianza allantigene di lewis presente sulle cellule umane quindi
HP mima le cellule umane e non evoca una risposta infiammatoria, viene riconosciuto come SELF,
inoltre lattobacilli e bifidobatteri inattivano lureasi
Patogenicit: HP produce tossina VACa che forma dei canali nelle menbrane cellulari nelle cell
dellepitelio gastrico inducendo apoptosi, HP produce anche tossina CAGa con produzione di IL-8
da parte delle cellule della mucosa gastrica
Fattori inducenti infezione: dieta povera di frutta, verdura, ricca in composti nitrosilati, dieta ad
elevato consumo di sale, correlato a situazioni socioeconomiche
Diagnosi: test del respiro che valuta la concentrazione di ureasi e test invasivo prelevando
campioni bioptici di mucosa gastrica e si mette in coltura
Terapia: antibiotica
Infezione da Candida Albicans
Cosa : un fungo dimorfico a parete sottile, si pu trovare come lievito unicellulare (innocuo) e
come muffa (patogeno). E composto per il 90% da carbo (mannani e glucani), 10% da pro

(chitina). E un aerobico stretto, commensale nellintestino, nei genitali e nei polmoni, preferisce
superfici umide e vive bene a 37C e ph neutrale
Patogenesi: le sue adesine attivano una risposta immunitaria ma vi una certa resistenza ad
essere uccisa dai macrofagi ed attua switch fenotipico (da lievito a muffa)
Forme di candidiasi invasiva: candidemia secondaria a catetere, candidisasi disseminata acuta su
uno o pi organi, candidiasi disseminata cronica (epatosplenica x disfunzioni a midollo), candidiasi
sistemica neutropenia (infezioni in pi organi)
Meccanismo dazione: macrofagi e cell dellimmunit cell mediata riconoscono CA attraverso il
suo recettore (dectin-1), il riconoscimento attiva linfociti Th17 i quali produrrano IL-17,22 ed altre
citochine che indurrano le cell epiteliali a produrre un antifungineo chiamato beta defensis che ci
protegge da CA ma daltro canto CA possiede delle proteinkinasi che bloccano lattivit di beta
defensis
Condizioni Favorenti infezione da CA: farmaci, abuso di antibiotici, alterazione del sistema
immunitario (HIV e diabete scompensato), dieta ricca di zuccheri. Cibi da evitare zuccheri, lieviti e
proteine delle muffe, cibi consigliati carne, pesce, uova, pollo
Differenze tra Virus e Batteri, Virus nudo e rivestito
I virus sono dei parassiti intracellulari obbligati perch sfruttano la cell ospite per replicarsi al di
fuori sono inerti, contengono DNA o RNA mai entrambi, hanno un rivestimento proteico
caratterizzato da proteine (capsomeri) che formano il capside, alcuni possiede un rivestimento di
glicoproteine chiamato Envelope e questa caratteristica determina la differenza la differenza tra
virus nudi e virus con rivestimenti. Molti virus al di fuori del capside hanno spikes costituiti da
glicoproteine con funzione antigenica. I batteri sono vere e proprie cellule: La cellula procariotica
pi piccola e pi semplice, non possiede membrana nucleare, ne organelli, possiede una parete
cellulare pi complessa delle cellule eucariotiche, presente una membrana plasmatica, ma
questa non ha carboidrati e steroli che conferiscono rigidit, possiedono ribosomi pi piccoli in
quanto la divisione per fissione binaria.
Definisci le specie virali
Esistono virus a DNA (erpes virus), a RNA (3tipi), a RNA Retrovirus (HIV). I virus ad RNA sono di 3
tipi, singolo filamento a polarit positiva, a singolo filamento a polarit negativa, a doppio
filamento a polarit positiva e negativa. I retrovirus invece possiede oltre allRNA a doppio
filamento anche un enzima virale (trascrittasi inversa con proteasi)
Coltivazione batteriofagi e virus animali
I batteriofagi vengono coltivati grazie al metodo delle placche, si utilizza una piastra petri dove
presente dellagar con dentro la sospensione batterica, vengono introdotti di batteriofagi che
invadono le cellule batteriche per replicare, arrivati ad un certo numero di replicazione si formano
dei puntini visibili ad occhio nudo (placche). Alla fine del saggio si contano le placche e si arriva
alle unit formanti placche che serve per il titolo della coltura.
I virus animali vengono invece coltivati in laboratorio tramite le colture cellulari, le uova
embrionati o gli animali. Le pi utilizzate sono le colture cellulari suddivide in adesione
(aderiscono al recipiente utilizzato) e sospensione (in sospensione al terreno di coltura)
Differenze tra virale latente e persistente
Le tipologie di infezioni virali possono essere: acuta, persistente e latente. La prima il classico
virus influenzale che dura pochi giorni ed caratterizzato da un gran numero di virioni, la seconda
rappresentato da epatite B e C, dura mesi ed i virioni sono pochi infine la terza, il virus erpetico
asitomatico nella cell ospite per lunghi periodi e si manifesta quando ci sono le condizioni
(calore e UV)
Definisci il virobiota e la relazione con il sistema immutario
Il virobiota si trova nel tratto respiratorio, GI, oro-nasale e pelle. Quando un virus (HIV) infetta e da
immunodeficienza (con decremento linfociti cd4) diminuisce lattivit del SI dando enteropatia con
distruzione delle cellule epiteliali intestinali con diffusione sia di specie batteriche epiteliali che dei
virus del virobiota pertanto questi diffondono nel lume intestinale dando infezione sistemica e
quindi infiammazione.