Sei sulla pagina 1di 23

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

Nel quinto turno del gruppo H per la qualificazione agli Euro 2016, lItalia non va oltre
il pareggio a Sofia contro la Bulgaria. Nei primi minuti di gioco, la squadra di Conte
sfodera un gran calcio mettendo sempre in difficolt la difesa avversaria e dopo varie
occasioni sprecate, trova il gol con lautorete di Minev, disturbato da Zaza su un cross
di Bertolacci. A met del primo tempo, per, la Bulgaria si sveglia e trova prima la rete
del pareggio con Popov, poi, va in vantaggio con Micanski. Nel secondo tempo, lItalia
gioca in modo superficiale e poco produttivo. Il ct. azzurro opera dei cambi per
rivitalizzare la squadra, inserendo Gabbiadini, Soriano ed il 43 oriundo della
nazionale, Eder; proprio con questultimo, dopo vari tentativi, lItalia trova il pareggio
con un gol stupendo. Nel finale di partita gli Azzurri cercano di vincere la partita, ma i
padroni di casa si chiudono, evitando cos il gol-vittoria. La Bulgaria in casa si conferma
un avversario ostico per chiunque, soprattutto per lItalia che a Sofia non ha mai vinto.
Dopo vari attacchi e contrattacchi tra Mancini e Conte per la questione oriundi, lex
allenatore juventino ha avuto la meglio, dato che ha trovato il 2-2 proprio con il
brasiliano Eder naturalizzato italiano. Un pari appunto, che permette allItalia di
arrivare a quota 11 punti, avvicinandosi alla Croazia che a Sofia ha vinto 1-0 ed anche
se solo a +2, inizia a far paura

LORENZO CASTALDO

Continua a sorprendere il gruppo A. Lunica vittoria


della giornata quella dellIslanda che batte 3-0
fuori casa il Kazakhstan e vola incredibilmente al
secondo posto a meno uno dalla Repubblica Ceca. La
squadra di Cech non va oltre il pari con la Lettonia,
grazie a un gol di Pilar al novantesimo. Male
malissimo lOlanda che si salva allultimo minuto in
casa contro la Turchia grazie al gol di Wesley Snejder.
Adesso per il secondo posto dista cinque punti, e gli
Orange rischiano di perdere il treno che porta in
Francia!

Classifica:
Rep. Ceca 13
Islanda 12
Olanda 7
Turchia 5
Lettonia 3
Kazakhstan 1

R.Agnello

EURO 2016 GIRONE B: VITTORIE NETTE PER BELGIO,


BOSNIA E GALLES
SCONFITTE PER ISRAELE, ANDORRA E CIPRO.
La quinta giornata del girone B per le qualificazioni ad Euro
2016 si conclusa con le mette vittorie di Belgio, Bosnia e
Galles. Il Galles di Bale, autore di una doppietta, e Ramsey
s'impone in Israele per 0-3 e si prendono il primato del
girone salendo a 11 punti superando proprio l'Israele
fermo a quota 9. Grazie a questa doppietta Bale (in foto)
diventa il miglior goleador gallese nelle qualificazioni con 8
goal. Al terzo posto stabile il Belgio che asfalta Cipro per 50. In goal due volte Fellaini, Benteke, Hazard e il baby
Batshuayi. L'ultima gara quella della Bosnia vittoria ad
Andorra per 3-0. Finalmente arriva la vittoria per la Bosnia
dopo due pari e due sconfitte, a decidere la sfida con
Andorra la tripletta di Dzeko.
Le prossime gare a giugno e vedranno scontrarsi AndorraCipro, Bosnia-Isrlaele e il big match Galles-Belgio.

Su:Belgio dopo goal


Gi: Dzeko festeggia dopo
goal

Dario Vezzo

GIRONE C
Venerd, 27 Marzo - 20:45
MACEDONIA - BIELORUSSIA
SLOVACCHIA LUSSEMBURGO
SPAGNA UCRAINA
CLASSIFICA: SLOVACCHIA

1-2 (9 Trajkovski, 44 Kalachev (B), 82 Bordachev)


3-0 (10 Nemec, 21 Weiss, 39 Pekarik)
1-0 (28 Morata)

15

SPAGNA

12

UCRAINA

BIELORUSSIA

MACEDONIA

LUSSEMBURGO 1

PROSSIMO TURNO: Domenica, 14 Giugno - 18:00


UCRAINA - LUSSEMBURGO
BIELORUSSIA - SPAGNA
SLOVACCHIA MACEDONIA
ALESSANDRO FUSCO

Giornata cruciale quella del


girone D delle qualificazioni agli
Europei 2016 . Le prime tre in
classifica che affrontano le
ultime tre. I campioni del
mondo della Germania fanno
visita alla Georgia e bastano
solamente 5 minuti agli uomini
di Low per sbarazzarsi in fretta
della pratica georgiana. Prima
Reus, poi Muller al termine del
primo tempo, tra il 39 e il 44
chiudono la gara, dominata sin
dai primi istanti. La formazione
caucasica ben poco ha potuto
contro lo strapotere tedesco,
cercando, invano, ripartenze
per poter far male agli avversari
ma in realt non rendendosi
mai pericolosi. La sconfitta in
Polonia
sembra
ormai
archiviata per i campioni
mondiali, i quali ora puntano
decisamente al primo posto nel
girone.
Passer alla storia la sfida di Glasgow non tanto per il risultato finale, che vede i padroni di casa della Scozia
vincere facile con un risultato tennistico, 6 a 1, quanto proprio per quellunico gol realizzato da Gibilterra, che
realizza cos la prima rete ufficiale in gare valide per la qualificazione al campionato europeo per nazioni. Mai
prima dora nessun giocatore della piccola nazione ad estremo sud della Spagna era mai riuscito a realizzare una
rete in gare di qualificazione e nonostante la sonora sconfitta, Gibilterra esce a testa alta dal campo, fieri di quel
gol tanto cercato e trovato solamente in alcune amichevoli. Infine la capolista Polonia, che fa visita allIrlanda: 1
a 1 il risultato finale, con i padroni di casa che riescono a trovare il pareggio solo nel secondo dei 2 minuti di
recupero concessi dal direttore di gara allo scadere del tempo regolamentare. Un punto che permette alla
Polonia di continuare a condurre il girone e allIrlanda di tenere il passo delle 3 di testa.

Carlo Sicignano

EURO 2016: IL PUNTO SUL GIRONE E


Nel girone E prosegue senza intoppi la fuga
inglese verso la qualificazione diretta alla fase
.finale di Euro 2016. La nazionale allenata da
Roy Hodgson batte senza troppe difficolt una
arrendevole
Lituania,
affidandosi
alla
continuit realizzativa di Rooney e Welbeck e
allestro creativo di Sterling ( prima rete con la
maglia dellInghilterra) e vola in classifica a
quota 15 punti. La Svizzera prova a tenere il
passo trascinata da un superbo Shaqiri,autore
di tre assist che permettono alla propria
nazionale di superare agevolmente lostacolo
Estonia e di salire a quota 9 punti. Tutto facile
per la Slovenia a cui basta un tempo ( il
secondo) per mettere in evidenza tutti i limiti
del modesto San Marino e regalare una
spettacolare goleada e il secondo posto nel
girone al proprio pubblico; a segno nel sonoro
6 a 0 anche gli italiani Ilicic e Lazarevic. Al
suono del giro di boa le chiavi del girone E
sembrano saldamente nelle mani inglesi,
mentre resta accesa la lotta per il secondo
posto, un sogno accarezzato da Svizzera,
Slovenia ed Estonia, tre nazionali destinate a
darsi battaglia senza esclusioni di colpi sino
allultima giornata.

Francesco Rosa.

QUALIFICAZIONI EUROPEI
Girone F
Continua la striscia positiva della Romania che vince in casa
con le Isole Faeroerne per 1-0. La rete della vittoria la segna al
21 minuto Keseru, su assist di Maxim. Con questa vittoria la
Romania rimane solitaria in testa al girone con ben 13 punti
conquistati in 5 patite.
LIrlanda del Nord, non sta a guardare e con la vittoria
ottenuta in casa contro la Finlandia per 2-1, mette pressione
alla capolista che ha solo un punto di distacco. Lautore dei
due gol dellIrlanda del Nord Lafferty che gi dopo 38
minuto mette due volte la firma sul tabellino. Nei minuti di
recupero, arriva la rete della bandiera per la Finlandia firmata
da Sadik.
Finisce, invece, con un pareggio senza reti lo scontro tra
Ungheria-Grecia. La squadra di casa perde un enorme
occasione per stare al passo delle prime due, invece la Grecia
rimane solitaria in fondo alla classifica.
CLASSIFICA:
Romania
Ungheria
Irlanda del Nord
Grecia
Ungheria
Nord-Romania
Finlandia
Fareroerne
Grecia

13
12
8

PROSSIME SFIDE:
13/06 Finlandia13/06 Fareroerne13/06 Irlanda del

4
3
2

MARCO SORRENTINO

Classifica:
Austria 13
Svezia 9
Russia 5 *
Montenegro 5 *
Liechtenstein 4
Moldavia 1
*Una partita in meno

R.Agnello

Continua a volare lAustria nel Gruppo G,


valevole per la qualificazione a Euro 2016. Gli
austriaci battono in scioltezza il Liechtenstein
fuori casa, con un secco 0-5, in rete vanno
Alaba e lex interista Arnautovic, completano
la vittoria Harnik, Janko e Junuzovic.
Ibrahimovic batte 2-0 la Moldavia. Lontano
dalle mura amiche, lattaccante del Psg sigla
una doppietta, con un gol di testa e un rigore.
Sospesa invece la partita tra Montenegro e
Russia, i tifosi di casa lanciano un fumogeno
sul portiere russo Akinfeev. Larbitro dopo
aver interrotto due volte il match si visto
costretto a sospenderlo. La Russia chiede la
vittoria a tavolino.

Verso Francia 2016: il punto sul girone H


Per lItalia solo pari in Bulgaria e la Croazia si prende la vetta. Prima vittoria per lAzerbaigian
Stecca lappuntamento con la vittoria lItalia di Conte che in Bulgaria ottiene
solo un pari. Gli azzurri non hanno mai vinto in Bulgaria e nemmeno questa
volta ce lha fatta, anche se inizialmente le cose si erano messe bene. Pronti
via e lItalia va subito vicino al vantaggio con Immobile che manda di poco a
lato. Preludio al goal che arriva al 4' con Minev, che spedisce nella propria
porta nel tentativo di anticipare Zaza. Ottimo inizio ma tutto da rifare perch
la Bulgaria ribalta il risultato andando in rete per 2 volte in 13 minuti: prima
Popov al 11 approfitta di un buco sulla trequarti, si inserisce alla perfezione
e trafigge Sirigu con un diagonale, poi al 17 rapida ripartenza che si
conclude con un gran colpo di testa di Micanski, che insacca il per 2-1.
Rimonta completata. Immobile ha subito loccasione del pari ma di testa
sbaglia da 2 passi, mentre Popov continua a spaventare colpendo una
traversa su calcio piazzato. Nella ripresa Conte inserisce Gabbiadini, Soriano
ed Eder, ed proprio loriundo a salvare i suoi compagni: a 6 dal termine da
fuori area si gira come un fulmine e con un fantastico destro a giro mette il
pallone dove Mihaylov non pu arrivare. Esordio con rete per lattaccante
della Samp. Nel finale Gabbiadini ha loccasione per il goal vittoria, ma il suo
sinistro accarezza il palo e va fuori. La gestione Conte resta senza sconfitte
ma ora siamo secondi nel raggruppamento alle spalle della Croazia, prossima
avversaria, da affrontare il 12 giugno in trasferta n quello che sar un vero e
proprio scontro diretto.
Nazionale biancorossa, che aveva gi fatto bene nel Mondiale, e ora
meritatamente al comando del girone H. Su cinque partite ne ha vinte
quattro e pareggiata una (contro lItalia, a San Siro), segnando 15 gol
e subendone solo due. Nella gara di sabato ha travolto in casa la
Norvegia con un netto 5-1, con reti arrivate quasi tutte nella ripresa.
Ad aprire le marcature stato linterista Brozovic al 30 con un gran
tiro dai 20 metri, poi il raddoppio con Perisic (4 goal in altrettante
gare di qualificazione) al 54 dopo un bel uno-due con Rakitic e il tris
firmato Olic 12 minuti pi tardi. La gara non finita, e cos la
Nazionale di Kovac arrotonda il risultato. Al 69 il croato orluka
commette fallo in area su Elyounoussi, che per calcia il rigore sul
palo. orluka viene poi espulso al 74 per doppia ammonizione e
Tettey accorcia le distanze al 81, ma a 3 dal
termine Schilddenfeld chiude definitivamente i giochi siglando il 4-1.
C poi gloria anche per il 5-1 di Pranjic al 94. Grande soddisfazione
anche per lAzerbaigian che al Tofik Bakhramov si impone contro la
selezione maltese per 2-0 grazie ai gol siglati da Cavid Huseynov (4) e
da Nazarov (91). la prima affermazione nel girone per gli azeri che
salgono cos a 4 punti in classifica, a pi tre dai biancorossi. Malta che
il prossimo 12 Giugno affronter in casa la Bulgaria, mentre per
lAzerbaigian trasferta in Norvegia.

Vincenzo Vitale

Con la Danimarca al riposo, nel


girone I valido per le
qualificazioni al campionato
europeo 2016, il Portogallo
del pallone doro Cristiano
Ronaldo ad approfittarne,
vincendo la delicatissima sfida
contro la Serbia degli italiani
Lijaic e Basta. I gol di Carvalho
al 10 del primo tempo e quello
di Fabio Coentrao al 63esimo
della ripresa, rendono vano il
momentaneo pareggio del
centrocampista del Chelsea,
Matic, che stato grande
protagonista proprio fino a 2
anni fa con la maglia del
Benfica, squadra campione di
Portogallo e che attualmente
allenato dal pi famoso degli
allenatori
portoghesi
in
circolazione, Jos Mourinho.

Anche lAlbania trae vantaggio dal riposo della Danimarca, vincendo in rimonta la sfida contro lArmenia per 2 a
1. Sono per gli ospiti a passare per primi in vantaggio, grazie ad un azione in solitario del giocatore armeno
attualmente pi rappresentativo, il trequartista del Borussia Dortmund, Mikhitaryan, il quale, seminando il
panico nella difesa albanese dopo solamente 4, fa partire un tiro dal vertice destro dellaria piccola, sul quale il
compagno di squadra Movsisyan mette lo zampino, trafiggendo cos il laziale Berisha. LArmenia assapora gi
laria dimpresa, quando la 77 della ripresa prima un colpo di testa di Mavraj e poi all81, sempre un altro colpo
di testa, questa volta ad opera del subentrato Gashi, ribaltano il risultato e portano i tre punti alla squadra
albanese, la quale raggiunge la Danimarca al secondo posto del girone, a meno 2 punti dal Portogallo primo.
Armenia ultima in compagnia della Serbia, entrambe ad 1 punto e oramai quasi escluse dalla lotta per la
qualificazione.

Carlo Sicignano

Il 19 Marzo il Parma Football Club stato dichiarato fallito dopo 102


anni di storia. Un triste epilogo dunque per una delle societ pi
longeve del calcio italiano capace di conquistare durante lepopea
degli anni 90 una serie di titoli a livello nazianale ed europeo. Negli
ultimi anni il Parma avrebbe accumulato debiti per decine di euro (si
parla di circa 78milioni) non riuscendo ormai da mesi a non garantire
pi stipendio a calciatori, staff e collaboratori. Per questi motivi il
tribunale della citt, dopo aver decretato il fallimento ha nominato 2
curatori fallimentari che avranno il compito di gestire i debiti con i
creditori, vendere le propriet della squadra e cercare nuovi
acquirenti. Per permettere ai giallobl di concludere il campionato la
Lega Serie A prester 5 milioni di euro. Ma come si arrivati a tutto
questo? Ripercorriamo insieme la storia moderna dei ducali.

LA PROPRIETA PARMALAT DI CALISTO TANZI


Conquistata la Serie A, nel 1990, la societ diviene propriet della
multinazionale Parmalat di Calisto Tanzi. Sotto la guida del nuovo
patron il Parma raggiunger i picchi pi alti della sua storia calcistica
fino a diventare una big europea.

Lepopea giallo blu: dalla Coppa delle


Coppe ai fenomeni del 1999
Gi al secondo anno di Serie A il Parma si garantita una
partecipazione Uefa e soprattutto la conquista della Coppa Italia
1992 battendo in finale la Juventus. Lanno dopo per i giallobl si
prendono la ribalta Europea vincendo nel mitico Wembley la
Coppa delle Coppe, in pi nella stagione successiva, battendo il
Milan di Sacchi, la squadra conquista la Supercoppa europea. Nel
1995 la squadra conquista uno storico secondo posto in Serie A
alle spalle della Juventus ma dopo poco ottiene una straordinaria
vendetta battendo i bianconeri nella finale della Coppa Uefa. La
stagione successiva vede i ducali affacciarsi per la prima volta sul
palcoscenico della Champions Leaugue sotto la guida di un
giovane Carlo Ancelotti. Nel 1999 c il bis in Coppa Uefa
battendo per 3-0 il Marsiglia. Quella squadra, anzi squadrone,
non sar mai dimenticato da i tifosi giallobl e da tutti gli
appassionati di calcio. Buffon, Thuram, Cannavaro, Veron, Crespo
e tanta nostalgia. Il palmares degli anni90 vanta in tutto: 3
Coppa Italia, 2 Coppa Uefa, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa
Europea e 1 Supercoppa Italiana.
Antonio Greco

I L CRACK PARMALAT E LARRESTO DI TANZI


Il 2004 uno degli anni pi neri della storia del Parma. Il carck Parmalat
porta allarresto del patron Tanzi lasciando cos una societ allo sbando.
Per evitare di ripartire dai dilettanti nasce il Parma Football club che si
assume e mantiene attivi i debiti del Parma AC. La nuova societ guidata
in amministrazione straordinaria e riesce a restare in vita usufruendo della
legge Marzano.

LERA GHIRARDI
Limprenditore Tommaso Ghirardi rileva la societ durante la stagione
2006-2007. La squadra retrocede in Serie B ma torna in A la stagione
successiva.

DALLIRPEF A I 240 TESSERATI, ECCO I MISTERI


La scorsa stagione il Parma conquista sul campo il diritto di disputare
lEuropa Leaugue ma lUefa esclude la squadra per un mancato
pagamento di Irpef. Inizialmente si pensa ad una nefandezza che
costata cara ma, non cos. Iniziano a spuntar fuori i debiti milionari di
una societ che fino ad allora sembrava in salute. Spunta una societ
Slovena dopo il Parma piazza praticamente tutti i suoi tesserati visto che
incredibilmente ad oggi sono ben 240. Spuntano stipendi incredibili per il
Dg Pietro Leonardi e i suoi collaboratori.

LULTIMO TRISTE EPILOGO, I 5 PRESIDENTI ED


IL FALLIMENTO
La stagione in corso quella della vergogna. Ghirardi ormai non
pu pi nascondere nulla e abbandona la nave che ha portato
ad affondare cedendo la societ ad una cordata albanese
guidati da Taci. La nuova propriet dura nemmeno un mese
aumentando ancor pi il caos dalle parti di Collecchio. Si
susseguono 3 presidenti in questo periodo: Doca, Giordano e
Coda. Il calciatore pi rappresentativo fiuta i problemi e rescinde
il contratto cos come poi faranno in seguito alcuni suoi
compagni. Infine arriva lui, Manenti che rileva la societ al
prezzo simbolico di 1euro (attualmente non pagato) e la porta
alla fine dei giorni. Promesse di bonifici e tante bugie. I calciatori
non giocano e le polemiche si allungano. Manenti viene
arrestato per giri di trasferimenti illeciti infrangendo cos anche
le ultime speranze di salvezza. Il Parma cos muore il 19 Marzo
2015.
Antonio Greco

Focus serie b Girone E


Nel girone E la giornata della terza promozione in A2 per il Bisceglie, che vince 5-3 a Barletta con la Cristian, terza in classifica, e
spegne definitivamente le speranze di rimonta della Virtus Rutigliano, che fa il colpo corsaro sul campo del Venafro (4-8), allunga al
secondo posto ma non pu pi raggiungere la capolista. La Futsal Barletta si porta a meno 5 dai molisani grazie al blitz di
Campobasso (3-5) e consolida il quinto posto, lIsernia per resiste a tre punti di distanza in virt del successo nello spareggio di
Manfredonia. Sentenze anche in coda: il Putignano cede 6-2 sul campo del Conversano e dice addio alla serie cadetta. Il Giovinazzo
allunga sullAlma grazie alla vittoria per 5-4 a Salerno. Il Modugno riposava, ma adesso pu festeggiare la salvezza.
.
Catello Carbone

Foto di Catello Carbone

Nove giornate al termine, la Serie A si avvia verso la conclusione e per le societ del calcio
nostrano cominciano i lavori per sistemare le panchine in vista della prossima stagione, Milan e
Napoli su tutte. Inzaghi un separato in casa, riuscito a far peggio di Seedorf e non sar il
fatto di essere una bandiera del club rossonero a salvarlo. Galliani non ha ancora le idee chiare
ma si guarda intorno, Sarri, autore della favola Empoli, un idea suggestiva ma si sono aggiunti
i nomi di Di Francesco del Sassuolo, Ventura del Torino e soprattutto Sinisa Mihajlovic, sul
quale sembra esserci da tempo anche linteresse del Napoli. Napoli che appunto appesa al
filo del rinnovo/non rinnovo di Benitez che dovrebbe sciogliersi dopo il 16 aprile, ma viste le
voci su un corteggiamento del suo Liverpool, dove la famiglia dello spagnolo continua a
vivere, e gli scarsi risultati in campionato ora come ora pi facile pensare ad un addio.
Insieme allallenatore della Sampdoria e Montella, del quale la Fiorentina non si priverebbe
facilmente, nella mente di ADL avanza prepotentemente la candidatura di Luciano Spalletti. E
mentre, nonostante landamento da incubo e laddio ai pensieri di Champions, il futuro di
Mancini sulla panchina nerazzurra non a rischio, quello di Garcia in giallorosso pare essere in
bilico: landamento negativo pare aver incrinato il suo rapporto con lambiente e il rischio di
poter finire fuori dal podio potrebbero spingerlo a dimettersi. Cos torna in voga il pensiero
Mazzarri, in passato vicinissimo, ma Sabatini studia anche Di Francesco. Lallenatore del
Sassuolo corteggiatissimo e a lui oltre al Milan pensano anche Ferrero, ormai rassegnatosi
dal dover perdere Sinisa, Fiorentina e Torino. Ad Empoli nel caso Sarri dovesse partire sono
pronti a cacciare di nuovo il coniglio dal cilindro con lidea Rastelli.
G. Castellano

Il mercato non dorme mai, a maggior ragione adesso. Luglio si avvicina e i ds incominciano a sondare il terreno per
bruciare gli altri sul tempo. LInter ha dovuto abbandonare il sogno Champions e con ogni probabilit dovr cedere un
pezzo grosso per far cassa e i due calciatori con maggior mercato non possono che essere Handanovic e Icardi. Sul
primo, che pare abbia manifestato lintenzione di non voler rinnovare, pare aver messo gli occhi la Roma, sullattaccante
argentino, invece, c sempre vigile lAtletico Madrid ma occhio a Mou. I nerazzurri per non stanno a guardare e
tengono sempre nel mirino il sogno Ezequiel Lavezzi. La Juventus invece dopo gli infortuni di Marchisio e Pogba non
sembra pi essere intenzionata in vista della prossima stagione a correre il rischio di avere gli uomini contati al centro
del campo, trovare un centrocampista di spessore adesso il compito di Marotta e Paratici, ammesso che i bianconeri
resistano agli assalti dei club ester per Pogba, in caso contrario i centrocampisti sarebbero due. I nomi caldi adesso
corrispondono a Kondogbia, oggi in forza al Monaco, e Alex Witsel belga dello Zenit. Anche il Napoli vigile ma molto
del mercato legato alla permanenza di Benitez, ad ogni modo con Rafael non apparso allaltezza un rinforzo tra i pali
appare inevitabile: in caso non rinnovi con la Lazio Marchetti il nome giusto, ma occhio alla concorrenza della
Fiorentina che ha perder Neto e cerca un degno sostituto al quale affiancare Tatarusanu.
G. Castellano

ATP CHALLENGER: TOCCA A NAPOLI

Il grande tennis torna a Napoli con un nuovo ed importante evento, il trofeo Capri Watch che si disputer dal 4 al 12 aprile 2015 sui campi in
terra rossa dello storico Tennis Club Napoli. Dopo la trionfale tre giorni della Coppa Davis dell'anno scorso e i precedenti tornei Challenger
tenutisi dal 1995 al 2013 Napoli torna ad essere il palcoscenico di un importante evento tennistico, un Atp Challenger da 125.000 dollari pi
ospitalit. Sponsor ufficiale il famoso marchio Capri Watch, della famiglia Staiano che dal 1964 rappresenta l'originalit e i colori capresi nel
mondo. Sono tanti i campioni dellera recente che hanno calcato la terra rossa di viale Dohrn: dallo svedese Thomas Johansson (vincitore nel
95), a Juan Carlos Ferrero (campione nel 99), a David Ferrer (trionfatore nel 2002), Gasquet (con laccoppiata 2003-2005), Marat Safin
finalista nel 1998 contro litaliano Davide Sanguinetti. E proprio un azzurro, il campano Potito Starace il recordman del torneo, essendosi
imposto in 4 edizioni: dal 2006 al 2008 e poi nellultima, quella di due anni fa quando super in finale Alessandro Giannessi. Nell edizione di
questanno ci sar il campione kazako Andrey Golubev, che partecip al Ko dell'Italia nell'ultima sfida in Coppa Davis, il 24enne sloveno Blaz
Rola e il 23enne serbo Filip Krajinovi. Ma ancora il 22enne spagnolo, semifinalista dell' Atp di Casablanca nel 2014, Roberto Carballs Baena
e il 23enne ungherese Mrton Fucsovics, vincitore di Wimbledon juniores nel 2010. Tra i rappresentanti italiani ci sar Marco Cecchinato,
Andrea Marcora e il padrone di casa Potito Starace, ex numero 1 d'Italia e italiano della Coppa Davis 2014. Un torneo magico che si colloca a
ridosso del Masters 1000 di Montecarlo e, con questo prize money, diventa pi che appetibile anche per i migliori giocatori, specialisti del
rosso in terra. Dispensa molti punti, si disputa in una location incantata e diventa un naturale trampolino di lancio per chi vuole preparare per
bene la stagione sullargilla. Insomma, gli ingredienti ci sono tutti per assicurare un altra strepitosa avventura tennistica.

Marco Sebastiano Zotti

NOLE, APPUNTAMENTO COL GRANDE SLAM


DJOKOVIC TENTA LASSALTO: ROLAND GARROS DECISIVO
Nel tennis, fare il Grande Slam significa vincere nello stesso anno i 4 tornei pi importanti (Australian Open, Roland
Garros, Wimbledon, US Open).
Unimpresa titanica, ma anche una chimera. In passato, era quasi impossibile riuscirci a causa dellestrema diversit
delle superfici (e della conseguente maggiore attitudine degli specialisti per una di esse rispetto alle altre), al giorno
doggi, quando terra rossa ed erba sono molto pi simili di quanto non possa sembrare, le motivazioni che ostacolano
un simile risultato sono pi di carattere fisico. I ritmi del tennis odierno sono diventati ormai infernali, ed molto
difficile garantire una continuit di prestazioni a questi livelli, anche per i Campioni.
Ma limportanza del Grande Slam sottolineata anche dalla sua rarit: soltanto 2 giocatori sono riusciti a compierlo, in
tutta la Storia del tennis maschile: Don Budge nel 1938 e, per ben due volte, il leggendario Rod Laver, nel 1962 e 1969.

Ben 46 anni fa lultima volta, dunque, ed in queste 4 decadi e mezzo, solo in pochi sono stati ritenuti capaci di ripetere
limpresa, ancora meno ci sono andati vicini: Borg nellepoca del suo dominio a Parigi e Londra (quando gli Australian
Open si giocavano a fine anno), Wilander che nel 1988 ne vinse 3 su 4, Jim Courier che nel 1992 vinse in Australia e
Francia, ed ovviamente Roger Federer, per ben 3 volte dominatore di 3/4 di Slam, due delle quali in cui si fermato
letteralmente ad un passo dalla gloria, quando a frapporsi tra lui e limpresa vi fu, altrettanto ovviamente, Rafa Nadal,
che gli ha negato il Roland Garros nel 2006 e 2007.
Ma se adesso quel treno per Roger definitivamente passato, sembra esserci un altro uomo pronto a raccogliere la
sfida: Novak Djokovic.
Il serbo tornato a dominare il circuito come nel 2011, suo anno migliore (anche per lui 3 Slam su 4), ha gi vinto Indian
Wells e, soprattutto, gli Australian Open, che gli consentiranno ancora lassalto al Grande Slam. Ma stavolta potrebbe
essere quella buona.
Federer pu tenergli testa solo in determinate condizioni, non certo al Roland Garros, che senza ombra di dubbio il
crocevia della stagione. E lunico Slam che manca a Djokovic, ma qui che entra in gioco il terzo incomodo. Rafa
Nadal sta ancora cercando di ritrovarsi dopo gli ennesimi infortuni, ha gi battuto Nole in 2 finali a Parigi (pi
lincredibile semifinale del 2013), quindi ora la domanda : eventualmente, sar in grado di fermarlo ancora una volta?
Ad oggi rappresenta lunica minaccia per il serbo in Francia. Ma se Djokovic dovesse capovolgere le gerarchie e portarsi
a casa anche il Roland Garros, con 2 Slam su 2 in bacheca, tutto il mondo del tennis comincerebbe a tremare
Alessandro Testa

Che la 24/a giornata della Lega A di basket, sarebbe stata particolare lo si era capito
gi alla vigilia. Ma andiamo con ordine e partiamo dai due anticipi, apre le danze
Reggio Emilia che batte lUpea 67-73, ma tutti gli occhi sono puntati per Varese il club
dei 10 scudetti che in campo contro il Brindisi festeggia, anzi avrebbe voluto
festeggiare le 2000 gare in A, purtroppo per in linea con una stagione disastrosa cade
in casa 82-93 lasciando solo molto amaro ai propri tifosi accorsi numerosi al
PalaWhirlpool. La domenica invece si vivono le gare della giornata in attesa del big
match della sera Milano vs Sassari e nel pomeriggio succede di tutto, torna alla
vittoria lAvellino 96-79 con il Bologna, il Trento sovrasta il Caserta 73-66; la Roma
supera di misura il Cremona 71-74 confermando la propria crisi (4 sconfitte nelle
ultime 5 partite). Venezia capisce limportanza dellincontro al vertice e mette in
campo tutta la sua bravura e contro Pesaro non commette lo stesso errore della
settimana scorsa e vince 84-72. Si arriva cos al posticipo serale, Milano deve
difendere i 6 punti di vantaggio ma soprattutto vendicare la sconfitta in finale di
coppa. A scendere in campo sembrano essere due squadre diverse lArmani appare
una corazzata i sardi degli esordienti che vengono asfaltati 97-80 risultato viziato
dallultimo quarto in cui i padroni di casa lasciano giocare gli avversari che cos
rendono meno imbarazzante il divario. Lultima emozione arriver con la partita che
chiude questo turno di campionato: Pistoia-Cant. Gli ospiti infatti faranno debuttare
lex cestista dei Lakers e Chicago Bulls, Metta World Peace per il quale si sono
registrate code chilometriche ai botteghini

MIRKO MAZZOLA

Rossi c! La prima gara del motomondiale 2015 segna linesorabile


ritorno del dottore alla vittoria, una delle migliori della sua carriera,
come dichiarato dallo stesso Valentino a fine gara. Eh si, perch il pilota di
Tavullia era partito dallottava posizione in griglia ed iniziato la gara in
maniera non del tutto brillante (come suo solito) e dunque ritrovatosi a
rimontare addirittura dal decimo posto. Il grande talento di Rossa ci ha
per abituato a tutto, perch con lui alla guida della sua Yamaha, ieri
perfetta in ogni dettaglio, nulla impossibile. Tuttavia la molla scattata
da un episodio determinante: Marquez finisce dritto gi alla prima curva e
si vede costretto a rimontare dallultima posizione: lo spagnolo campione
del mondo in carica agguanter comunque un buon quinto posto. Li
davanti intanto cominciano a farsi strada le Ducati degli Andrea: Dovizioso
accarezza a lungo il sogno della vittoria (infranto da Rossi che lo supera
durante lultimo giro), mentre Iannone riesce ad aggiudicarsi il suo primo
podio in MotoGP. Gi dai tre gradini laltra Yamaha di Jorge Lorenzo (4) e
le due Honda di Marquez e Pedrosa, rispettivamente quinto e sesto
allarrivo. Un inizio a dir poco incredibile che almeno per oggi in grado di
farci esclamare: viva lItalia! Dopo la notturna del Qatar sar la volta degli
Stati Uniti il prossimo 12 Aprile.
Fabio De Martino

GP Malesia: prima gioia Vettel!


Danke Seb! Cos lintero popolo ferrarista si sente di ringraziare nella sua
lingua il pilota tedesco Sebastian Vettel, per aver riportato al successo il
cavallino dopo quasi due anni di assenza dal gradino pi alto del podio.
Lex pilota Red Bull nonch quattro volte campione del mondo, stato
protagonista di una gara straordinaria sul circuito di Sepang,,
interrompendo il dominio Mercedes formato dalla coppia Hamilton
Rosberg, stavolta dovutosi accontentare rispettivamente del secondo e
terzo posto. Ottima anche la prestazione dellaltra Ferrari guidata da Kimi
Raikkonen: il finlandese dopo un inizio tribolato causato da un contatto
con la Sauber di Nasr, autore di una incredibile rimonta dallultima alla
quarta posizione. Dietro laccoppata Williams Bottas Massa in quinta e
sesta posizione, mentre disastrosa la gara delle McLaren con i ritiri di
Button e Alonso, questultimo al rientro in pista dopo lincidente che gli
era costato addirittura la perdita della memoria. Un inizio di stagione
sfavillante che fa ben sperare la casa di Maranello e tutti i suoi tifosi, i
quali attendono la riconferma gi a partire dal prossimo appuntamento
previsto per il 12 Aprile nel GP della Cina.
Fabio De Martino

Osvaldo il bomber : calcio e donne


Pablo Daniel Osvaldo fa parlare molto di s.
Non solo sul prato verde, ma anche in terre
ricche damore. Durante larco della sua vita
da calciatore infatti, ha fatto breccia nel cuore
di molte. partito in Argentina con Nina Ana
Oertlinger dalla quale ha avuto il primo figlio
Gianluca, per poi fare un grande salto in
Toscana dove conosce Elena Braccini, e i due
fortemente innamorati, decidono di sposarsi e
di mettere su famiglia. Il bomber diventa cos
padre di altre 2 bimbe, ma il matrimonio non
andato a buon fine. Si innamora
improvvisamente e perdutamente della bella
attrice e cantante Jimenia Barn, dichiarando
su twitter lei lamore della mia vita, ma
non solo aggiunge anche che

la sua bella in dolce attesa, e lui ne


felicissimo. Non lo sono molto le sue ex mogli
per, che esprimono giudizi alquanto velenosi
sullaccaduto. Speriamo sia la volta giusta
quella dellex Romanista.. O forse nei suoi
progetti futuri c quella di essere allenatore
di una squadra di calcio creata da lui??

Corinne
Crescenzo

I NOSTRI SETTIMANALI ON LINE DEI CORSI DI GIORNALISMO


INVESTIGATIBO E SPORTIVO DELLATENEO PARTHENOPE DI NAPOLI

Direttore: Cristiana Barone


Editore: Antonella Castaldo
Capo Redattore: Luigi Liguori
Coordinatore di Redazione: Ferruccio Montesarchio
Editing Grafica: Catello Carbone
Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo - Universit
Parthenope di Napoli
FDC e FDS by Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008
del 28/02/2008
Info line: fattodisport@gmail.com
Seguici anche su Facebook : FATTO DI SPORT
FATTO CRONACA
SPYNEWS24