Sei sulla pagina 1di 59
Domenico Gatti dste-s80y GRAN METODO TEORICO PRATICO PROGRESSIVO per Cornetta a cilindri e congeneri Riordinato ¢ rinnovato da ALAMIRO GIAMPIERI PARTE PRIMA NATURA DELLA CORNETTA Nella, famiglia delle Trombe,cui appartiene,la Cornette a eflindri & lo strumento pil perfetto e pit complet ‘sia per sonorita © chiavezza, di timbro,come per estensione.I] meccanismo 8 composto di tre eilindri, dalla 1 Pressione possono ottenersi sette Trombe naturali di diversa tonalita e ool medesimo numéro di suoni. ESEMPI l Senza il soccorso dei cilindri Gol 22 cilindro bo = oe 2 1. 2. ° 7 Vv ol 42 cilindro C01 89 cilindro saves |g aes! ea 1 Col 22 82 cilindro ie I o 2 | bi = trey 5.6 Sis i 6% —— =} a be I Col 42¢ 32 cilindro Gol 42,28¢ 82 cilindro — # 1& ee 8. sent] 7 oT" fe Aleune note risultano crescent o oalanti;si oerchi fin da principio di accomodarle colle labbra,poich®, tra. sourate,potrebbero poi divenire ribelli ad ogui vorrezione. 7 La musiea per Cornetéa si serive in chiave di Violino; ma, essendo lo strumento costruito nella tonalita ff Sib, emeite i suoni un tono sotto di quelli scritti, Volendo uniformare la lettura. delle note scritte eon Vetfet- to tonale che ne risulta,bisogna valasi della chiave di Tenor e del necessario spostamento d’accidenti sig alParmatura della chiave sia. durante il brano musicale da eseguire, Quando nel corso di questo Metodo si trovano indicate contemporancamente due diverse tonalita,.e-prima si riferisee a quella con rispondente alle note soritte; la seconda, fra parentesi,a quella risultante dall’effetto ony G. RIGORDE & 6, Editor, MILANO, ‘Tutt divitts riservati, Tous droits réservés ALL rights reserved REGOLE GENERALI La Cornetta si tiene accostata alla bocca, sostenendola, colla mano sinistra, in posizione un po’ inclinata. ‘La mano destra, situata a livello dei cilindri, sosterrA col pollice la canna inferiore, o avrd il 28,82 ¢ 48 dito su i tasti rispettivi dei oilindri per poterli comprimere. Nel sostenere Jo strumento, si mantenga dit. to il corpo. Il boochino va posto 2 meté della bocca ¢ portato di pia sul labbro superiore. Suonando non bisogna. gon. fiare le guanole, ne far sortire aria’ da qualche parte del bocchino. Tl bocchino deve essere proporzionato alPistrumento per foro, cavitd. e pianosun obtimo bocchino per Cor. netta in Sib é difettosissimo per una Tromba in Mib,e viceversa. Per evitare qualungue inconveniente,@ necessario servirsi di un boechino largo di piano,di cavité regola, re, a piramide, col foro proporsionato circa alla terza, parte ealibrica dell imbocoatura del?’istrumento, PRATICA, Per ottenere il suono oocorre allungare impereettibilmente Vorlo delle labbra nella, cavita, del boschino, € nello stesso tempo, colle punta, della lingua, si facela vibrare Paria, promunciandovi la sillaba Tu, B erro rea Yopinione di chi sostiene doversi sprazzare dolla saliva nelPistrumento, per ottenere il suona.La se. liva, mista oon Paria vibrata, nelPistrumento, renderebbe il suozo gracchionte, tremulo ed imperfetio,e seh. tene non si possa interamente evitarlo,non bisogns tralesciare nalle per diminuimne la quanti. Tnfine si procuri di non perdere Ja. posizione del bocchino, quando si devranno aprir le labbra per oie. nere i suoni gravi o stringerle per ottenere gli acuti. DELLA RESPIRAZIONE Uno dei fatti pill importanti per il suonatore,é il modo di dirigere la sua respirazione; ed ammesso fi- sialogicamente che un uomo di buona, salute (termine medio) inspirl una certa quantith di aria dicielto volte per mimuto, ed espiri quest?aria lo stesso numero di volte durante Io stesso tempo, la durata media di un movimento respiratorio completo, nel’uomo, & dunque di poco pid di tre secondi. Bisogna notare an. core che il tempo delPespirazione ¢ quello dellinspirazione non sono egualt.Lespirazione & sempre un poco pi Iunga dell'inspiraaione. Osservando con attenzione si verifica che Vespirazione pod deoompors! in due tempi.Nella prima meti, dellespirazione, il movimento di ritorno & multo spiccato, Nella. second me- 4a, Pespirazione & appena sensibilo,e sembra. che vi sia un tempo di riposo. Questo movimento di quasi riposo di alfespirazione una durata un po" pit longa dell inspirazione. Am- messa dunque questa legge fisiologica, pud spiegarsi perché il suonatore pud reggere per pit battute sen na prendere fialo,e se dalPaltro canto, la, natura, accords, questo vanteggio, surebbe errato pretendere dal prinsipiante una lunge espirazione, ma oseorre avvezzarlo poco 2 poco @ progressivamente. Tl suonatore deve essere oelere e prodigo nell’inspirazione,¢ modico ed avaro nell’espiraziono.Deve far. si sempre sopravanzare Vespirazione, anziché ricorrere 2 continue inspirazioni . PRODUZIONE DEL SUONO L’allievo cominciera dalla nota So? (Fa) in seconda linea: che si ottiene senza cilindri, producendone il suono mediante Pemissione del fiato che dovra essere sostennto per dare alla nota un valore abbastanza pro. Iungato.Questa nota dovra essere ripetuta molte volte, avendo cura che, tanto la prima volta quanto ad 0. gni ripetizione,Vemissione del fiato sia unita ad un movimento rapido della. lingua. Quando Vallievo avra acquistato fermezza e chiarezza ne] suono,procedera. allo studio del seguente eser. cizio le cui note si ottengono tutte senza cilindri, cio’ a vuoto. fiato fisto fiato fate luce ttato ato Ingo breve breve breve breve a isto fisto flato fisio Inge tiato finto Ingo a breve breve ESERCIZI A SQUILLO Gli zeri sopra Je note indicano le posizioni a vnoto. I mumeri, pure sopra le note, indicano i eilindri da abbassare. La vingoletta 0) indica 1a ripresa del fiato. Ogni nota dovri essere attaccata col colpo di lingua e sostenuta per lintero suo valore. = ll ESERCIZI SCALEGGIATI SALTI SALTIDI 3: , : fi : : SALTI DI 5%, 4, SAUTT DI 6 Y saunt Div 4 SALT DI 8¢ iy ESERCIZI A SQUILLO ESERCIZI SUI SALTI eR. 2398 STUDIETTI RICREATIVI ER. 2393, ESERCIZI A SQUILLO 19 ep A (== ee sede ed o 20 DELLO STACCATO os otlenere lo staccato occorre far vibrare Varia nel cavo del boechino per mezzo del colpo di lingua dato ad ogni nota, sopratntio quando la nota trovas! eontrassegnata con mn puntinn che Je togle una, quantfth minima ai valore. Tl puntino aggiunto alle note del N24, €& loro fl valore seguente: sorta GE 5 i ces Bffetto Questo modo di esecuzione pud definirsi staccato vibrato. Gli esereizi seguenti si eseguiranno dapprima lent, ¢ s'an saranno perfezionati. ir gradatamente accelerandoli man mano che este r= oe oS 18. #2 o 28 STUDIETTI RICREATIVI rae epee pe ee Rags as =a = ai Ss Spe tr Hy ra Seer pee f= e Eke ie =m me == a> petty Fa Hou SS 5 is 2 eR 2903 25 SCALA CROMATICA O SEMITONATA ER, 2093 26 DEL LEGATO Per oltonere il legato bisogna battere Ia prima di due o pit note legate; ,sostenendo il fiste,raggiangere le alire,covando insiome di diminuire o aumentare insensibilmente di forza sesondo che si discenda 0 si ascent. Esempi: a) delle due note eS legate insieme,si batterd la prima,e, sostenendo il fiato,si ragginngeré Ja seconda,diminuendo insensibilmente ai forza, dy delle quattro note es legate insiome,si batter’ le. prima,e, sostenendo il fiato,si rag. giungeranno gradatamente le altre, aumentando insensibilmente di forza. Nello stesso modo si otterra il legato fra note disposte a salto. 7 29 (Q : Hf q : tt : ih a | ; i i ; , Th 34 DELLO STACCATO-LEGATO Lo staccato legato, suono portato, si oltiene con ealpo di Lingua. doleissimo ad ogni nota, sostenendone perd i va. Tovefin quest al evitere la pouse impercetiile necesariaalfertcslaaion fr Tune e Pliro stone, STUDIETTI RICREATIVI 38 Allegro moderato Andantino Allegro marziale HF ae 3 Andante maestoso 84 5. Allegro maraiale staceato Andantino 85 ESERCIZI A SQUILLO Lallievo giunto re il suono. Onde riuscire nello so sivamente i segni dinami STUDIO DELL’ ESPRESSIONE (SUONT FILATL) a. questo ponto potr’ iniiare lo studio del'espressione consistente nel erescere ¢ dimint. indicati sotto alla prima nota: studiord giornalmente la seala a note Iunghe,avendo cura di osservare progres. 37 DUETTINI FACILI 1 duethini cho sequone hanno lo seopo di fare aequstare 1a conoscenze dei principli tompl,Js pretoa di suona. re unt Pesprossine e la perfetia. iionazione.Si reccomanda perl esatezzae ln pretson reli loro essmuion. “Jullire summer la parte del primo rigo,il maestro quella del secondo rigo-In an secondo tempo potranno essere invertite le parti. in DO maggiove (stb mse) ‘Moderato ae a ou 1. ——| —=| => a, 2303, 38 in LA minore (500 min. Andante affettvoso pe —| ——— in DO maggiore (s7b meee) Allegro giusto of —==| in ZA minore (soz min) Molto moderato qe | S| 39 10 in 20 maggiore (sr mes) Molto moderato = in LA minore ($0% win.) ‘Allegro giusto tf n 2968 cn 42 in DO maggiove (srb mage) Moderato in DO maggiore (s7b mage) Allegro marziale : i PP) schersandy sohersando 8 4a 10. in DO maggiore (s7} mee.) Allegretto in DO maggiore (s1b mes.) Andante PP Poco meno 46 in DO maggiore (srb mess! Moderato Po) | en affeett. a poco a poco © Orese. in ZA minore (300 min) Andante espressivo allare. OFeSC. a POCO 4 POCO. LTempo SCALE DIATONICHE, ARPEGGI E STUDIETTI IN DIVERSE TONALITA DO maggiove (srb mage: BD da Mariani —= ft da Dussek Allegro maestoso 49 ZA minore ($01 min.) 2 eS i nl da Mariani Andante P da Mariani Allegro molto moderato = 50, FA mnggiore lr} mess) ———_—O —_— = Moderato cantabile = ?__— > - 1 Allegretto P da Deminitz da Rossari ot BE minore (0 min) OS SS ES SESE SS SE a a eH ee EL ae aaa Andante = eo —=_ »— an, \ da Mariani Tompo ai Polacen moderato. , Foon stancio "* "py orese. ef x ——— stentate ’ = Poco rall. 52 SOL maggiore (FA mage) 3 al eee ee da Haydn Andantino grazioso — , — Fae = oe ‘orese, =? ‘poo rall. , da Rossari* Allegretto >. 10. 4 é 7 ee ee ee ee ee ee ee ee ee ee ee ee ee AME wiinore (25 mind a [Sos “Asani ameeeeee eee dang da Rossari —————- SF" Ee z ae e ee ue 3 a S ye = aint 7 : ean Stes T Allegretto moderato da Rossari 12. D leggero e staccato 54 ST b maggiove (244 mee) 4 Adagio cantabile 43. dolce da Rossari Allegro marziale > cere ze aa 14. Saar I —_—— Sieciso 7 B. 2 _—_———— Pree oe Te e a da Mozart =~ —=—~. Larghetto cantabile 15. e ——— 56 da Mariani ‘Allegro non tanto RE maggiore (00 mage) SO eee See OST a 44? aha 13 da Haydn “ Andantino = = oS p—__— Se ———— # 2 , = a ee Sus SS ( a P A ee « 2% cae SE # BP a atl. atempo Eee ae SE poco atl. a SS ‘Tempo di Polonese ? 58 da Mariani Allegretto tranquillo 19. Pe cantadile a tempo poy — a Rossari Moderato z A 2 a BER EERE RE RER Ee 7] — Se da Mozart — Andante cantabile as = = da Rossari 60 ZA mageiore ($02 wage) Bo 2 B33 3 ee OS oS Om SS" Tt tf —S —=== da Mendelssohn | Andante espressivo, 23. tae —_ ==" I ee P <= da Do-Vasini Allegro moderato P => oe Fine dela T Parte