Sei sulla pagina 1di 225

INDICE

INDICE ...................................................................................................... i
CAPITOLO 1:

INTRODUZIONE

ALLA

PROGETTAZIONE

ANTISISMICA DI EDIFICI IN CEMENTO ARMATO ........................ 1


1.1 PREMESSA ....................................................................................... 1
1.2 ACCELERAZIONI DI PROGETTO E CATEGORIE DI SUOLO DI
FONDAZIONE......................................................................................... 2
1.3 FATTORE DI STRUTTURA............................................................. 6
1.4 GERARCHIA DELLE RESISTENZE............................................. 16
1.4.1 Generalit ..................................................................................16
1.4.2 Materiali: acciaio.......................................................................18
1.4.3 Elementi inflessi: gerarchia flessione/taglio .............................19
1.4.4 Comportamento globale: gerarchia travi/pilastri ......................22
1.5 DUTTILITA .................................................................................... 24
1.5.1 Generalit ..................................................................................24
1.5.2 Materiali ....................................................................................25
1.5.3 Flessione nelle travi: armatura in trazione e compressione ......28
1.5.4 Flessione: armature trasversali..................................................32
1.5.5 Pilastri: armature longitudinali..................................................34
1.5.6 Pilastri: armature trasversali......................................................35
1.5.7 Nodi non interamente confinati.................................................36
1.6 VERIFICA DELLO STATO LIMITE DI DANNO......................... 38

Indice

ii

CAPITOLO 2:

PROGETTO DI UN EDIFICIO INTELAIATO IN

CEMENTO ARMATO IN CLASSE DI DUTTILITA A ................. 40


2.1

INTRODUZIONE ....................................................................... 40

2.2 INDIVIDUAZIONE DELLA ZONA SISMICA ............................. 40


2.3 DEFINIZIONE DEL SISTEMA COSTRUTTIVO ......................... 41
2.4 NORMATIVA DI RIFERIMENTO ................................................ 42
2.5 SCHEMA ARCHITETTONICO E STRUTTURALE .................... 42
2.6 AZIONE SISMICA.......................................................................... 47
2.6.1 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite
ultimo (SLU) ......................................................................................49
2.6.2 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite di
danno (SLD).......................................................................................51
2.7 COMBINAZIONI DI CARICO........................................................ 52
2.8

DIMENSIONI STRUTTURALI E CALCOLO DEI CARICHI

UNITARI ................................................................................................ 54
2.8.1 Solaio.........................................................................................56
2.8.2 Balcone......................................................................................58
2.8.3 Scala ..........................................................................................59
2.8.4 Tamponature .............................................................................60
2.8.5 Travi ..........................................................................................61
2.8.6 Pilastri .......................................................................................62
2.9 CALCOLO DEI PESI SISMICI (SLU) E VERIFICHE DI
REGOLARITA...................................................................................... 62
2.9.1 Incidenza solaio.........................................................................63

Indice

iii

2.9.2 Incidenza balcone......................................................................64


2.9.3 Incidenza scala ..........................................................................65
2.9.4 Incidenza tamponature ..............................................................65
2.9.5 Incidenza travi...........................................................................66
2.9.6 Incidenza pilastri .......................................................................67
2.9.7 Calcolo delle masse...................................................................69
2.9.8 Determinazione del baricentro degli impalcati .........................70
2.9.9 Verifica di regolarit in pianta ..................................................72
2.9.10 Verifica di regolarit in altezza...............................................72
2.10 CALCOLO DEI CARICHI AGENTI SULLE TRAVI.................. 76
2.11 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA .................................. 82
2.12 RISULTATI DELLANALISI DINAMICA MODALE (SLU) .... 84
2.13 VERIFICA DELLO STATO LIMITE ULTIMO........................... 93
2.13.1 TRAVE 1001-1002-1003-1004-1005: Verifica a flessione....94
2.13.2 TRAVE 1001-1002-1003-1004-1005: Verifica a taglio.......102
2.13.3 TRAVE 1048-1049-1050: Verifica a flessione ....................110
2.13.4 TRAVE 1048-1049-1050: Verifica a taglio .........................115
2.13.5 PILASTRATA 1068-2068-3068-4068: Verifica a presso
flessione e verifica della regolarit in altezza della resistenza ........121
2.13.6 PILASTRATA 1068-2068-3068-4068: Verifica a taglio .....138
2.13.7 NODO TRAVE-PILASTRO: Verifica di resistenza ............143
2.13.8 DIAFRAMMI ORIZZONTALI: Verifica di resistenza .......145
2.14 VERIFICA DELLO STATO LIMITE DI DANNO..................... 146
2.15 CALCOLO DEI PESI SISMICI (SLD)........................................ 148

Indice

iv

2.15.1 Incidenza solaio.....................................................................148


2.15.2 Incidenza balcone..................................................................149
2.15.3 Incidenza scala ......................................................................150
2.15.4 Calcolo delle masse...............................................................152
2.16 CALCOLO DEGLI SPOSTAMENTI.......................................... 153
CAPITOLO 3:

PROGETTO DI UN EDIFICIO INTELAIATO IN

CEMENTO ARMATO IN CLASSE DI DUTTILITA B................ 161


3.1 INTRODUZIONE .......................................................................... 161
3.2

AZIONE SISMICA ................................................................... 163


3.2.1 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite
ultimo (SLU) ....................................................................................163
3.2.2 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite di
danno (SLD).....................................................................................165

3.3 COMBINAZIONI DI CARICO..................................................... 166


3.4 DIMENSIONI STRUTTURALI E CALCOLO DEI CARICHI
UNITARI .............................................................................................. 166
3.5 CALCOLO DEI PESI SISMICI .................................................... 168
3.5.1 Incidenza travi.........................................................................168
3.5.2 Calcolo delle masse.................................................................171
3.5.3 Determinazione del baricentro degli impalcati .......................171
3.5.4 Verifica di regolarit in pianta ................................................172
3.5.5 Verifica di regolarit in altezza...............................................172
3.6 CALCOLO DEI CARICHI AGENTI SULLE TRAVI ................. 172

Indice

3.7 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA ................................. 173


3.8 RISULTATI DELLANALISI DINAMICA MODALE ................ 174
3.9 VERIFICA DELLO STATO LIMITE ULTIMO........................... 179
3.9.1 TRAVE 1011-1012-1013-1014-1015: Verifica a flessione....180
3.9.2 TRAVE 1011-1012-1013-1014-1015: Verifica a taglio.........185
3.9.3 TRAVE 1034-1035-1036: Verifica a flessione ......................190
3.9.4 TRAVE 1034-1035-1036: Verifica a taglio ...........................193
3.9.5 PILASTRATA 1082-2082-3082-4082: Verifica a
pressoflessione .................................................................................196
3.9.6 PILASTRATA 1082-2082-3082-4082: Verifica a taglio .......204
3.9.7 NODO TRAVE-PILASTRO: Verifica di resistenza ..............209
3.10 VERIFICA DEI DIAFRAMMI ORIZZONTALI ........................ 210
3.11 VERIFICA DELLO STATO LIMITE DI DANNO..................... 210
3.11.1 Calcolo dei pesi sismici e delle masse (SLD).......................210
3.11.2 Calcolo degli spostamenti .....................................................212
CAPITOLO 4: OSSERVAZIONI CONCLUSIVE...216
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI....................................................... 219

CAPITOLO 1: INTRODUZIONE ALLA


PROGETTAZIONE ANTISISMICA
DI EDIFICI IN CEMENTO ARMATO

1.1

PREMESSA

Nel presente volume si sviluppano esempi applicativi, condotti fino al


dettaglio, relativi ad edifici in cemento armato progettati e verificati
secondo lOrdinanza 3274. In particolare si fa riferimento ad un semplice
edificio costituito da pianterreno e tre piani superiori, pertanto con
quattro solai al di sopra del piano di fondazione, che viene progettato
utilizzando le regole dei capitoli da 1 a 5 dellallegato 2 allOrdinanza,
seguendo due scelte progettuali differenti. Nellordine si utilizzano le
regole relative ai telai in cemento armato di classe di duttilit A
(capitolo 2), le regole relative ai telai in cemento armato di classe di
duttilit B (capitolo 3).
Per favorire la comprensione del volume, nel presente capitolo si
sviluppano preliminarmente alcune limitate considerazioni generali
riferite ai concetti fondamentali della nuova norma per gli edifici in
cemento armato.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

1.2 ACCELERAZIONI DI PROGETTO E CATEGORIE DI


SUOLO DI FONDAZIONE
La filosofia progettuale scelta dalla normativa, coerentemente con molti
moderni codici, prevede due distinte verifiche (punto 2). La prima,
definita Stato Limite Ultimo (punto 2.1), considera un evento sismico che
ha periodo di ritorno elevato rispetto alla vita di servizio della struttura,
in particolare 475 anni, a cui corrisponde una probabilit di superamento
in 50 anni del 10%; per tale evento si ammette che ledificio possa
sostenere danni di grave entit, anche dal punto di vista strutturale,
conservando per la capacit di sopportare i carichi verticali e dunque
senza collassare. La struttura si deve anche verificare allo Stato Limite di
Danno (punto 2.2), relativo ad un periodo di ritorno molto pi piccolo e
paragonabile con la vita di servizio della struttura: probabilit di
superamento del 50% in 50 anni; in tal caso la struttura deve rimanere
agibile dopo levento e ci convenzionalmente si controlla limitando gli
spostamenti relativi di piano (punto 4.11.2).
In particolare gli studi di classificazione hanno suddiviso lItalia in
quattro zone in cui laccelerazione orizzontale massima su suolo rigido,
con periodo di ritorno 475 anni, rispettivamente compresa fra 0,25g e
0,35g, 0,15g e 0,25g, 0,05g e 0,15g, ed infine minore di 0,05g, essendo g
laccelerazione di gravit (9,81 m/sec2); a ciascuna di queste zone stato
cautelativamente assegnato il limite superiore dellintervallo di
accelerazione. Dunque per lo Stato Limite Ultimo si considerano
accelerazioni su suolo rigido a g pari a 0,35g, 0,.25g, 0,15g e 0,05g,

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

rispettivamente nelle zone sismiche 1, 2, 3 e 4. La suddivisione in zone


dellItalia riportata nellAllegato 1 dellordinanza.
Potrebbe sorprendere valori di accelerazioni cos elevate ed, almeno
apparentemente, cos diverse dalle precedenti indicazioni normative
nazionali. Lesperienza di molti eventi sismici degli ultimi anni, con reti
accelerometriche pi fitte ed efficienti, ha dimostrato la piena
verosimiglianza dei valori. Senza arrivare ad accelerazioni dellordine di
1g misurate ad esempio durante il terremoto di Taiwan, 1999, sono
svariate le misurazioni di 0,6-0,7g (si veda ad esempio Paulay e
Priestley, 1997). In Italia, durante il terremoto dellUmbria 1997, sono
state registrate accelerazioni al suolo superiori a 0,5 g a Nocera Umbria e
superiori a 0,4 g a Collefiorito. Dunque i valori della normativa sono
assolutamente realistici.
Le accelerazioni date dalla normativa sono riferite a suolo rigido e
dunque vanno riportate alla quota delle fondazioni, utilizzando le varie
categorie di profilo stratigrafico del suolo definite dalla norma al punto
3.1, e successivamente alla quota delle masse strutturali, considerando il
periodo proprio T della struttura e lo smorzamento viscoso equivalente .
In particolare le categorie di suolo vengono definite mediante la velocit
media di propagazione delle onde di taglio del terreno negli ultimi 30 m
V S30 , oppure in forma semplificata mediante le risultanze di prove
penetrometriche o mediante la valutazione della coesione non drenata. I

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

terreni superficiali esercitano evidentemente una funzione di filtro e


tendono a variare il contenuto in frequenza degli accelerogrammi
generati dai terremoti, modificando pertanto la forma e lintensit dello
spettro di risposta elastico, come definito al punto 3.2.3.
Si osservi che, coerentemente con quanto osservato in tutti i terremoti
rilevati, le amplificazioni sulle strutture in campo elastico, nellambito
dei periodi medi porterebbero a coefficienti di amplificazione pari a
2,5, da moltiplicare per un coefficiente S che vale 1 per la categoria di
suolo A (in pratica su suolo rigido), 1,25 per categorie di suolo B, C ed E
(in pratica terreni superficiali con V S30 compreso fra 180 m/s e 800 m/s)
ed 1,35 per categorie di suolo D (V S30 compreso fra 120 e 180 m/s). A
parte vanno trattati terreni di tipo S1 (V S30 < 120 m/s) e S2 (terreni
potenzialmente suscettibili di liquefazione).
Dunque si verifica che le accelerazioni attese in zona 1 sono comprese,
nellintervallo di periodi medi T B T C del punto 3.2.3, fra 0,875g e
1,18 g; trattasi evidentemente di accelerazioni pressoch insostenibili in
campo elastico e la struttura deve necessariamente andare in campo
plastico. Analogamente per le accelerazioni relative alle altre zone.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

Da ci consegue lintera filosofia normativa:


-

in primo luogo, per il terremoto dello Stato Limite Ultimo (SLU) non
accettabile che ledificio possa resistere elasticamente e dunque i
materiali e le sezioni vanno verificate in campo anelastico. Questo il
motivo per cui si adotta il calcolo allo Stato Limite Ultimo per
flessione, pressoflessione e taglio degli elementi.

In secondo luogo si devono utilizzare metodi che consentano di


tenere in conto la capacit della struttura di dissipare energia in
campo plastico, introducendo il fattore di struttura per ridurre le
accelerazioni elastiche e pervenendo allo spettro di progetto per lo
SLU.

In terzo luogo, per ottenere il previsto fattore di struttura e dunque


unadeguata capacit dissipativa, si deve intervenire con un
complesso di regole, sui materiali, sulla geometria degli elementi e
sui dettagli costruttivi, pi o meno restrittive a seconda che si progetti
in classe di duttilit A o B, che verranno brevemente descritte nel
seguito e che portano alla necessaria duttilit ed al rispetto della
gerarchia delle resistenze.

Infine, per il terremoto ridotto, corrispondente ad una maggiore


probabilit che si verifichi durante la vita della struttura e che

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

definisce lo Stato Limite di Danno, cio facendo riferimento allo


spettro di risposta elastico ridotto del fattore 2,5, si deve verificare
che gli spostamenti relativi di piano siano inferiori ai limiti che
lesperienza ha dimostrato rendere inagibile la struttura.
Nel seguito si descrivono i punti salienti di tale filosofia normativa.

1.3 FATTORE DI STRUTTURA


Il fattore di struttura rappresenta uno dei concetti chiave della normativa.
In particolare, facendo propri i risultati di ingegneria sismica consolidati
da decenni, la norma rileva che una struttura adeguatamente progettata e
che conseguentemente ha capacit di andare in campo non lineare,
dissipando plasticamente energia, pu resistere ad accelerazioni sismiche
ben maggiori di quelle relative alla prima plasticizzazione. Pertanto, da
un punto di vista progettuale, si pu ridurre laccelerazione che la
struttura subirebbe in campo indefinitamente elastico definita dallo
spettro di risposta elastico del punto 3.2.3, mediante lintroduzione del
fattore di struttura e pervenendo cos alle accelerazioni di progetto di
una struttura, che nella realt ha comportamento non lineare dissipativo,
definite al punto 3.2.5.
Le sollecitazioni sulla struttura si possono calcolare ancora in campo
elastico, con gli usuali metodi della dinamica strutturale, ma valutando la

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

resistenza degli elementi in campo non lineare, perch necessario


valutare con precisione la soglia di prima plasticizzazione. Si deve poi
seguire un insieme coordinato di regole sulle propriet dei materiali e
sulla progettazione delle sezioni e degli elementi strutturali (travi,
pilastri, nodi, pareti, elementi cosiddetti non strutturali) per garantire che
la struttura abbia la capacit di dissipazione in campo non lineare che
implicita nelladozione del fattore di struttura di progetto.
Entrando nello specifico, per edifici in cemento armato lespressione del
fattore di struttura q previsto dallOrdinanza 3274 la seguente (punto
5.3.2):
q q0 K D K R

(1.1)

dove
q 0 il valore di base del fattore di struttura e dipende dalla tipologia
strutturale
K D il fattore di duttilit
K R il fattore di regolarit
I valori che assumono i diversi fattori sono i seguenti:
K D =1,0 per classe di duttilit A
K D = 0,7 per classe di duttilit B

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

K R =1,0 per edifici regolari in altezza


K R =0,8 per edifici irregolari in altezza
Per q 0 viene suggerita la seguente valutazione:
Strutture a telaio

q 0 = 4,5 u / 1

Strutture a parete

q 0 = 4,0 u / 1

Strutture miste telaio-parete

q 0 = 4,0 u / 1

Strutture a nucleo

q 0 = 3,0

dove

1 il moltiplicatore della azione sismica orizzontale per il quale il


primo elemento strutturale raggiunge la sua resistenza flessionale;

u il moltiplicatore della azione sismica orizzontale per il quale si


verifica la formazione di un numero di cerniere plastiche tali da rendere
la struttura labile.
Entrando nel merito, il valore di base del fattore di struttura pu essere
valutato con metodologia osservazionale, e cio sullosservazione di
molti decenni relativa ad edifici che hanno resistito ai terremoti, con
metodologia teorico-numerica, analizzando moltissimi studi numerici
con accurate analisi non lineari, e con metodologia sperimentale che la

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

comunit scientifica ha sviluppato tanto su edifici in scala con tavole


vibranti quanto su elementi strutturali e su edifici in scala reale mediante
prove pseudodinamiche. Tutti i metodi confermano che per un telaio
regolare ed adeguatamente progettato in termini di duttilit, si pu
sicuramente fare riferimento a riduzioni dellordine di 4 o 5.
I

concetti

di

base

del

calcolo

sismico

della

struttura

sono

schematicamente illustrati nella Fig. 1.1. Con riferimento ad un telaio


multipiano e multicampate, sullasse delle ascisse riportato lo
spostamento in sommit, mentre sullasse delle ordinate sono riportate,
simultaneamente, il moltiplicatore delle forze orizzontali e la rotazione
plastica pl della sezione critica pi cimentata anelasticamente,
adimensionalizzata rispetto a quella ultima u . Fino al livello 1 il
comportamento allincirca lineare (in realt a meno della fessurazione)
e non vi alcuna sezione in campo plastico. Per valori del moltiplicatore

superiori ad 1 la struttura entra in campo plastico; in un telaio


correttamente progettato ci corrisponde al superamento del momento di
plasticizzazione in una trave e la cerniera plastica corrispondente inizia a
ruotare plasticamente. Poich il telaio fortemente iperstatico, le forze
sismiche possono incrementarsi fino al valore u , plasticizzando altre
sezioni che non sono riportate nel grafico; al valore u corrisponde la
formazione del meccanismo plastico. Si osservi che la rotazione plastica
della sezione pi esposta plasticamente, necessaria per ottenere la

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

10

sovraresistenza u / 1 , si deve sviluppare nelle travi che sono elementi


duttili: in tal caso le strutture conservano un comportamento globale
duttile. La formazione del meccanismo implica invece la formazione di
cerniere plastiche anche nei pilastri, e ci corrisponde al cambio di
pendenza nel diagramma - . Il collasso della struttura corrisponde al
raggiungimento della rotazione plastica di collasso nel pilastro pi
cimentato. Come gi si detto, molte evidenze numeriche e sperimentali
dimostrano che il telaio, se progettato seguendo il complesso di regole
della norma, dettagli costruttivi compresi, pu sviluppare una notevole
duttilit complessiva.

pl/ u
u
1

pl/u della prima cerniera


nelle travi

pl/ u=1
pl/u nei pilastri

*mec

*u

Fig. 1.1 Comportamento non lineare di telaio in cemento armato


adeguatamente progettato

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

11

Da tale analisi scaturiscono le seguenti ulteriori osservazioni:


-

lanalisi strutturale pu condursi in campo elastico lineare purch


il progettista controlli che per effetto dei carichi verticali e
dellazione sismica di progetto la struttura sia ancora in campo
elastico. Dunque sono consentite le analisi lineari, sia quella
statica del punto 4.5.2 sia quella dinamica modale del punto 4.5.3
che il metodo di riferimento. Naturalmente la norma consente
metodi pi dettagliati come lanalisi statica non lineare, che
corrisponde alla procedura descritta nella Fig. 1.1, e lanalisi
dinamica non lineare (punti 4.5.4 e 4.5.5).

E concettualmente poco significativo verificare le strutture in


zona sismica con il metodo delle tensioni ammissibili. E invece
pi corretto adottare unazione sismica di progetto maggiore
(forze orizzontali pi grandi) e verificare le strutture con il metodo
degli stati limite: questa situazione infatti certamente vicina a
quella che corrisponde allentrata in campo non lineare della
struttura. E questo il motivo per cui lOrdinanza impone il
calcolo allo stato limite, per flessione e taglio (travi, pareti),
pressoflessione e taglio (pilastri). Tale calcolo verr descritto nei
capitoli 2, 3.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

12

Se necessario, il fattore di sovraresistenza u / 1 va stimato


conservativamente, come si vedr nel seguito.

Se la struttura snella, e dunque sensibile agli effetti della non


linearit geometrica, il massimo della curva - si raggiunge
prima della formazione del meccanismo ed in particolare quando
gli sforzi normali N agenti eguagliano il carico critico globale sul
telaio reso meno iperstatico dalle cerniere formatesi per
plasticizzazione; dopo il massimo la curva ha un ramo decrescente
come effetto della non linearit geometrica e solo su tale ramo si
forma il meccanismo strutturale. Questo tipo di comportamento
raramente si verifica nei telai in cemento armato, mentre tipico
dei telai in acciaio.

Il fattore di sovraresistenza pu dunque valutarsi numericamente


mediante lanalisi statica non lineare descritta in Fig. 1.1, non potendosi
comunque superare il valore 1,5; per semplicit progettuale la norma
suggerisce direttamente stime conservative con le seguenti regole:
Telaio monopiano:

u / 1 = 1,1

Telaio pluripiano, monocampata:

u / 1 = 1,2

Telaio pluripiano, pluricampata:

u / 1 = 1,3

Pareti non accoppiate:

u / 1 = 1,1

Pareti accoppiate o miste telaio-pareti:

u / 1 = 1,2

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

13

Lirregolarit strutturale, definita al punto 4.3.1, viene penalizzata perch


lesperienza dei terremoti degli ultimi decenni ha chiaramente mostrato
che conduce a eccessiva concentrazione di richiesta di duttilit in alcuni
elementi, diminuendo la capacit dissipativa complessiva. Dunque, per
fare fronte a tale diminuzione di duttilit globale, necessario aumentare
le forze di progetto. In particolare la norma prevede una diminuzione del
fattore di struttura del 20% e dunque un aumento delle forze di progetto
del 25%.
Per quanto concerne il metodo di verifica della regolarit in altezza
suggerito dalla norma al punto 4.3.1, molto semplice verificare la
regolarit in altezza delle masse; pi complessa la verifica della
regolarit in altezza delle rigidezze che per si pu controllare
conoscendo le dimensioni geometriche degli elementi, senza ancora aver
disposto le armature. Infine la regolarit in altezza delle resistenze, che
sicuramente condiziona maggiormente il comportamento strutturale, pu
verificarsi solo a posteriori, una volta che completamente definita
larmatura degli elementi. Le applicazioni che seguono chiariranno tali
concetti.
Mediante la scelta della classe di duttilit, la norma consente al
progettista di puntare pi sulla resistenza o pi sulla duttilit. Nel primo
caso, il progettista sceglie la classe di duttilit B, utilizzando un fattore

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

14

di struttura di base ridotto del 30%, e dunque aumentando le forze che


conducono alla prima plasticizzazione del 43%. Conseguentemente
ledificio ha necessit di una minore capacit di dissipazione plastica e il
progettista pu seguire un livello meno coercitivo di regole di progetto
che forniscono la duttilit.
Se invece il progettista sceglie la classe di duttilit A, ottiene una
riduzione delle forze di progetto maggiore e deve dunque garantire, con
adozione di regole pi severe, unadeguata duttilit strutturale. In
particolare sono molto pi restrittive le regole sulla gerarchia delle
resistenze di cui si dir nel seguito.
Va ben precisato che, ai fini dello Stato Limite Ultimo, le due
progettazioni sono equivalenti e cio conducono, in media, alla stessa
sicurezza strutturale. Naturalmente le strutture sono invece diverse per
terremoti con periodo di ritorno diverso da 475 anni, ed in particolare gi
per lo Stato Limite di Danno si hanno conseguenze progettuali
differenziate.
Ai fini progettuali poi utile osservare che il progetto in classe di
duttilit B viene condotto con modalit di calcolo molto simili a quelle
della preesistente normativa italiana DM 1996, qualora si adotti
lopzione di calcolo agli Stati Limite e i dettagli costruttivi suggeriti dalla

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

15

Circolare n 65 del 10.04.1997 Istruzioni per l'applicazione delle


Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche.
Gli esempi progettuali che seguono chiariranno il rapporto fra le due
modalit di calcolo. In termini generali si osserva che progettando in
classe di duttilit A si adoperano azioni inferiori, conseguentemente gli
elementi hanno dimensioni ridotte e dunque la struttura pu essere
condizionata dalla verifica di deformabilit allo Stato Limite di Danno.
Tale osservazione non per generale, in quanto il rispetto della
gerarchia

delle

resistenze

travi/pilastri

porta

inevitabilmente

sovradimensionare i pilastri; ci pu comportare una riduzione della


deformabilit laterale della struttura.
La classe di duttilit B va invece necessariamente adottata nel caso di
travi a spessore, ed in tal caso si gi detto che le azioni aumentano del
43%; si ha per, contemporaneamente, anche un aumento della
deformabilit complessiva, che pu condurre ad ordinate spettrali minori
specie nei casi di suolo di fondazione A, B, C o E. Ci comporta, a
parziale compensazione, la riduzione delle azioni che in definitiva
possono ridiventare simili a quelle della classe di duttilit A. In tal
caso diviene per decisiva, stante la maggiore deformabilit, la verifica
allo Stato Limite di Danno, che dunque pu fortemente condizionare i
telai di classe B con travi a spessore.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

16

Da quanto detto si rileva che in tutti i casi la progettazione strutturale


completamente basata sulla capacit di dissipazione in campo plastico.
Tale capacit non viene esplicitamente calcolata dalle disposizioni
normative. Dunque la norma deve contenere un complesso di regole che
garantiscano i livelli di dissipazione plastica impliciti nelle verifiche. La
capacit in particolare garantita da regole che da un lato forniscono
adeguata duttilit e dallaltra seguono quanto pi possibile i principi della
gerarchia delle resistenza. Nei due capitoli che seguono si evidenziano
le regole precedentemente introdotte per le due tipologie di problemi
suddetti.

1.4 GERARCHIA DELLE RESISTENZE


1.4.1 Generalit

Il concetto di gerarchia delle resistenze nuovo per il progettista italiano


e va dunque ben espresso. In sintesi, qualora sussista la possibilit di
rotture alternative, deve sempre avvenire prima quella con meccanismo
duttile; in altri termini il progettista deve innalzare opportunamente la
soglia di resistenza delle possibili rotture caratterizzate da meccanismi
fragili. In questo modo il comportamento della struttura governato dal
meccanismo duttile, in quanto il meccanismo fragile, ancora lontano
dalla soglia di resistenza, non si pu attivare. Ci garantisce
complessivamente una comportamento duttile.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

17

Per focalizzare meglio il concetto si consideri una struttura elementare,


in particolare una semplice catena costituita da due anelli, il primo duttile
(e quindi con notevole capacit di escursione in campo plastico) ed il
secondo fragile (e quindi con rottura improvvisa sul ramo elastico). La
catena deve sopportare uno sforzo di trazione crescente, evidentemente
uguale nei due anelli. Se lanello duttile progettato in modo da avere
resistenza inferiore di quello fragile, al crescere dello sforzo di trazione
lanello fragile rimane sul ramo elastico e si ha un comportamento
complessivamente duttile. Se avviene il contrario e cio lanello fragile
meno resistente di quello duttile, il comportamento condizionato
dallanello fragile e dunque al crescere del carico si verifica una rottura
improvvisa della catena.
Nelle strutture la gerarchia delle resistenze va garantita a tutti i livelli
strutturali: dei materiali, delle sezioni, degli elementi e dellintera
struttura; ad ogni livello va verificato quale sia il meccanismo duttile e
quale

quello

fragile,

la

progettazione

deve

condurre

al

sovradimensionamento dei meccanismi fragili.


Naturalmente la severit delle regole di gerarchia delle resistenze deve
essere maggiore per la classe di duttilit A, per la quale richiesta
maggiore capacit dissipativa, e minore per la classe di duttilit B, per
la quale si punta pi sulla resistenza. Nel seguito si esaminano tali diversi
livelli, collegando i problemi concettuali con i singoli punti della norma.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

18

1.4.2 Materiali: acciaio

Il materiale che fornisce duttilit alla struttura lacciaio, e dunque in


generale va garantito che i meccanismi di rottura che coinvolgono tale
materiale, previsti nel calcolo, vengano effettivamente sviluppati. Ci
porta a dover garantire la presenza di acciai di resistenza quanto pi
prossima a quella prevista, essendo leccesso di resistenza negativo al
pari del deficit di resistenza. Ci nella norma conduce alle prescrizioni
del punto 5.2.2. In particolare, con riferimento alla Figura 1.2, lacciaio
non deve avere un rapporto di incrudimento troppo elevato:
(1.2)

f t / f y 1,35

Inoltre lacciaio non deve avere tensione di snervamento effettiva troppo


maggiore di quella nominale:
(1.3)

f y ,eff / f y ,nom 1,25

800

ft
fy
tensione (MPa)

600

legame costitutivo acciaio

400

200

0
0

0.05

0.1

0.15
deformazione

Fig. 1.2 Tipico legame costitutivo dellacciaio

0.2

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

19

Se tali condizioni non sono verificate pu perdersi il controllo dei criteri


di gerarchia.
Il mancato rispetto della (1.2) infatti pu comportare un eccessivo
aumento delle sollecitazioni resistenti al crescere delle deformazioni
plastiche,

mentre

una

tensione

di

snervamento

dellacciaio

eccessivamente superiore a quella dichiarata (nominale) pu comportare


una resistenza maggiore di quella posta alla base delle verifiche.
Naturalmente tali condizioni vanno associate a quelle che garantiscono
la duttilit del materiale, come si vedr al punto 5.2 del presente capitolo
1.
1.4.3 Elementi inflessi: gerarchia flessione/taglio

In un elemento inflesso, la rottura pu avvenire per flessione o per taglio.


Se le armature sono correttamente progettate, la rottura per flessione in
genere duttile, mentre quella per taglio in ogni caso fragile. Tali
caratteristiche sono ad esempio evidenti dal confronto delle immagini di
Figura 1.3, relative a prove su trave continua: nella parte alta di Figura
1.3 ben visibile lo sviluppo della completa plasticizzazione di tutte le
zone critiche, fra laltro pervenendo nella struttura iperstatica ad un
notevole rapporto di sovraresistenza u / 1 ; nella parte bassa della stessa
figura si vede la stessa trave continua, progettata per senza rispettare la
gerarchia

delle

resistenze

flessione/taglio

dunque

senza

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

20

sovradimensionare la resistenza a taglio: la rottura di tipo fragile, senza


alcuna plasticizzazione degli elementi.

Rottura flessionale duttile

Rottura per taglio fragile


Fig. 1.3 Trave continua in c.a. progettata rispettando la gerarchia delle resistenza
taglio/flessione e trave continua in c.a. con rottura precoce per taglio

Pertanto la regola della gerarchia delle resistenze impone che la rottura


per flessione debba avvenire prima di quella per taglio. Tale regola
imposta per la classe di duttilit A nelle travi (punto 5.4.1) e nei pilastri
(punto 5.4.2).

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

21

Tale regola implica per le travi (punto 5.4.1.1), che il taglio di progetto
non quello che discende dallanalisi strutturale bens il massimo
possibile sulla trave. Questultimo dato dal carico distribuito sulla trave
e dai momenti di plasticizzazione delle sezioni di estremit della trave,
amplificati da un coefficiente Rd =1,20 che copre dalle incertezze
esistenti sui materiali. La Figura 1.4 che segue illustra a titolo di esempio
una delle condizioni di verifica corrispondente al caso delle forze
sismiche agenti da destra (coppie di estremit antiorarie):
V A Rd

M uA
G l
M uB
k trave
l trave
2

(1.4)
Mu+B

Gk

Mu+A

ltrave

Fig. 1.4 Sollecitazioni sulle travi per valutare il taglio,


nel rispetto della gerarchia delle resistenze

La stessa regola deve applicarsi anche per i pilastri (punto 5.4.2.1) non
considerando ovviamente la presenza del carico distribuito.
Nelle pareti la regola definita al punto 5.4.5.1 comporta che il diagramma
degli sforzi di taglio da considerare nel calcolo vada moltiplicato per il
seguente coefficiente :
Rd

M Rd
M Sd

(1.5)

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

22

e cio per il rapporto fra il momento resistente della sezione di base della
parete ed il corrispondente momento ottenuto dallanalisi, amplificato dal
coefficiente Rd = 1,20.
Si osservi che la classe di duttilit B non soggetta ad alcuna delle
restrizioni descritte, essendo sufficienti le regole di dettaglio complessive
per ottenere la duttilit implicita nel calcolo.
1.4.4 Comportamento globale: gerarchia travi/pilastri

Il comportamento globale del telaio in cemento armato pu condurre a


meccanismi molto diversi fra loro. Tipicamente le situazioni limite sono
rappresentate nelle Figg. 1.5.1 e 1.5.2.
m

F4

1
mt

mt

F3

mt

F2
F1

mt
mt
mt
mt
mt

mt

mt

h
Cerniere

h
h
h

plastiche

mc

Fig. 1.5-1 (sinistra), 1.5-2 (destra) Meccanismi di collasso globale e di piano

Nel primo caso (Fig. 1.5-1), in cui sono coinvolte molte zone critiche di
travi, lo spostamento ultimo molto grande. Nel secondo caso (Fig. 1.5-

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

23

2), a parit di rotazione plastica dei pilastri, si ottiene uno spostamento


ultimo globale minimo. Tipici collassi con meccanismo sfavorevole che
si sono avuti in passati terremoti sono rappresentati nella Fig. 1.6.

Fig. 1.6 Meccanismi di piano; terremoti di Nicaragua, 1972 e San Fernando Valley, 1972
(V.V. Bertero, 1997)

Analogamente completamente diversa la capacit dissipativa delle due


strutture, che evidentemente dipende tanto dal numero di zone che si
plasticizzano quanto dalla loro duttilit.
Lesperienza ha insegnato che non semplice fornire regole che portino,
in modo attendibile, al meccanismo di Fig. 1.5-1. In letteratura esistono
diverse disposizioni, pi o meno semplici. La regola suggerita dalla
normativa, valida per la sola classe di duttilit A, data al punto 5.4.2.1
e fornisce il coefficiente:
Rd

M Rt
Mp

(1.6)

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

24

essendovi al numeratore la somma dei momenti resistenti delle travi


convergenti in un nodo aventi verso concorde, ed al denominatore la
somma dei momenti nei pilastri convergenti nello stesso nodo, ottenuti
dallanalisi; al solito, vi il coefficiente amplificativo Rd = 1,20 per
coprire da varie incertezze. Il coefficiente deve amplificare i momenti
flettenti M p ottenuti dallanalisi strutturale. Ci implica che i pilastri non
vanno progettati per le sollecitazioni che discendono dalle analisi, bens
per sopportare le massime sollecitazioni che possono trasmettere le travi,
amplificate ulteriormente dal coefficiente 1,20 che copre una serie di
incertezze come la sovraresistenza dellacciaio. In questo modo,
ragionevolmente, le travi devono plasticizzarsi prima dei pilastri
pervenendo al desiderato meccanismo dissipativo globale.

1.5 DUTTILITA
1.5.1 Generalit

Al punto 4.11.1.3 la normativa sottolinea che dovr essere verificato che


i singoli elementi strutturali e la struttura nel suo insieme possiedano una
duttilit coerente con il fattore di struttura (q) adottato, ed aggiunge che
questa condizione si potr ritenere soddisfatta applicando le regole di
progetto specifiche e di gerarchia delle resistenze indicate per le diverse
tipologie costruttive.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

25

Pertanto tutte le indicazioni relative ai materiali, alle sezioni ed agli


elementi, in termini soprattutto di dettagli costruttivi, sono finalizzate a
migliorare le prestazioni in termini di duttilit.
Come gi detto, la normativa definisce due classi di duttilit; la classe
A, che consente la formazione di un meccanismo con capacit
dissipativa alta, e la classe B che pur dovendo garantire lattivazione di
meccanismi di crisi flessionale prevede una capacit dissipativa pi
bassa.
Un progetto sviluppato con classe di duttilit B richiede una riduzione
del fattore di struttura, e quindi una maggiore entit delle azioni
sismiche. Si gi visto che le due classi garantiscono lo stesso livello di
sicurezza della progettazione allo SLU ma nel caso di classe di duttilit
A si fa affidamento su una minore resistenza ed una maggiore duttilit.
Pertanto chiaro che molte indicazioni e requisiti sono riferiti ad
entrambi le classi, e solo alcune procedure e regole sono specifiche per
ottenere la classe A.
1.5.2 Materiali

Per quanto riguarda i materiali, lacciaio (Fig. 1.2), oltre ai requisiti


necessari per la gerarchia delle resistenze descritti al par. 1.4.2, deve
possedere specifici requisiti di duttilit espressi in termini di

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

26

deformazione ultima su,k (allungamento uniforme al massimo carico,


valore frattile 10% inferiore) e di rapporto di incrudimento f t /f y :
su,k > 8%
(1.7)
f t /f y >1,15

Il primo rappresenta proprio una indicazione diretta sulla duttilit del


materiale, cio sulla sua capacit di deformarsi in campo plastico. La
seconda indicazione invece significativa per la duttilit dellintero
elemento in cemento armato; infatti un elevato rapporto di incrudimento
consente la penetrazione dello snervamento nelle zone di calcestruzzo al
di l della fessura e quindi la diffusione della plasticizzazione. E chiaro
infatti che se lacciaio si snervato in corrispondenza di una sezione
fessurata, procedendo verso linterno del concio non fessurato la tensione
diminuisce a causa del trasferimento dello sforzo dallacciaio al
calcestruzzo; pertanto se il rapporto di incrudimento modesto a breve
distanza dalla fessura la tensione nellacciaio diventa inferiore a quella di
snervamento, con conseguenti piccole deformazioni anelastiche che
pertanto non contribuiscono in maniera significativa alla duttilit. Se
invece il rapporto di incrudimento elevato, vi una pi estesa
penetrazione delle deformazioni plastiche allinterno dellelemento e
conseguentemente un consistente aumento della lunghezza della zona
plasticizzata (cerniera plastica) e quindi della duttilit dellelemento.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

27

Si osservi che, con riferimento al rapporto di incrudimento, le due


esigenze della gerarchia delle resistenze (1.2) e della duttilit (1.7)
forniscono indicazioni opposte: infatti tenendo conto di quanto finora
riportato deve essere verificata la relazione:
1,15 f t / f y 1,35

(1.8)

Ci conferma la delicatezza della problematica: in conclusione


lintervallo indicato dalla (1.8) sembra individuare la condizione pi
ragionevole.
Per quanto riguarda il materiale conglomerato si deve ricordare che
esso non possiede caratteristiche di duttilit soddisfacenti come peraltro
si verifica per tutti i materiali lapidei. Per aumentare la duttilit
necessario introdurre armatura trasversale (staffe) allo scopo di contenere
le deformazioni trasversali: si tratta in sostanza di implementare un
effetto di cerchiatura del conglomerato che si indica notoriamente come
confinamento. Il confinamento pu migliorare in modo significativo la
duttilit del calcestruzzo: la sua efficacia legata al passo ed al diametro
delle staffe ma anche alla disposizione dei ferri longitudinali. In Fig. 1.7
sono riportati alcuni schemi di sezioni in cui sono evidenziate le zone di
conglomerato per le quali il confinamento inefficace. Nel diagramma
- riportato in figura si noti come il confinamento produce un sensibile
aumento della massima deformazione tollerabile dal conglomerato. Le
indicazioni normative finalizzate al confinamento del calcestruzzo

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

28

saranno richiamate nel seguito via via che si esaminano i diversi dettagli
costruttivi.
c

confinato con spirali


non confinato
confinato con staffe

Fig. 1.7 Efficacia delle staffe e delle barre longitudinali ai fini del confinamento (adattata
da Park e Paulay, 1975) e comportamento schematico del calcestruzzo confinato e non

1.5.3 Flessione nelle travi: armatura in trazione e compressione

Per quanto riguarda le travi la prima limitazione indicata al punto 5.5.2.2


si riferisce alla percentuale geometrica di armatura tesa (la stessa
limitazione vale per larmatura al bordo compresso):
1,4
7

f y ,k
f y ,k

(1.9)

essendo la percentuale geometrica di armatura, riferita allintera


sezione. Ad esempio, considerando f y,k = 430 MPa, si ha:
3,3 10 3 1,6 10 2

In particolare con il limite inferiore si vuole evitare la rottura fragile che


potrebbe instaurarsi con la fessurazione della sezione a debolissima
armatura; con il limite superiore si vuole prevenire la rottura fragile
tipica delle sezioni fortemente armate. In sostanza la (1.9) individua un

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

29

intervallo nel quale il comportamento della sezione accettabile sotto


laspetto della capacita rotazionale.
A titolo di esempio nella Figura 1.8 sono mostrate alcune relazioni
momento-curvatura per una sezione rettangolare al variare dellarmatura
tesa. I diagrammi sono stati ottenuti utilizzando per lacciaio un legame
costitutivo tipico sperimentale e per il calcestruzzo quello suggerito dalla
letteratura tecnica con deformazione ultima pari allo 0,5%. Dai grafici
evidente che la duttilit della sezione aumenta al diminuire dellarmatura
in trazione.
500

30cm

400

2 12

50cm

momento (kNm)

rottura calcestruzzo
6 20

rottura bilanciata

300

4 20
4 16

200

4 12

100
rottura acciaio

0
0

0.05

0.1

0.15

curvatura (1/m)
Fig. 1.8 Influenza della percentuale di armatura tesa sulla duttilit

Una ulteriore indicazione finalizzata allincremento di duttilit della


sezione

riguarda

lutilizzazione

di

armatura

in

compressione:

questultima infatti, nelle zone critiche, non deve essere inferiore al 50%

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

30

di quella tesa. Anche questa indicazione pu essere esemplificata da un


grafico momento curvatura per una sezione rettangolare al variare
dellarmatura in compressione (Fig. 1.9) da due tondini di 12 mm a
quattro tondini di 20 mm. Si osserva come larmatura compressa possa
incrementare in modo significativo la duttilit della sezione, riducendo lo
sforzo nel calcestruzzo compresso e dunque riportando la rottura dal lato
dellacciaio teso.
Per garantire lefficacia dellarmatura in compressione anche in
condizioni ultime, quando potrebbero intervenire fenomeni di instabilit
delle barre compresse, la normativa indica di inserire almeno 2 barre di
diametro non inferiore a 12 mm.
500

4 20
2 2

4 2

rottura calcestruzzo

300

30cm
50cm

momento (kNm)

400

rottura acciaio

200

6 20

100
0
0

0.02

0.04

0.06

0.08

curvatura (1/m)

Fig. 1.9 Influenza della variabilit dellarmatura compressa sulla duttilit

Per le armature longitudinali vi sono ancora prescrizioni da rispettare in


corrispondenza dei nodi (punto 5.5.4.2): in particolare in tali zone si

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

31

devono evitare giunzioni, ovvero, qualora non fosse possibile, si devono


prendere provvedimenti specifici. Tali indicazioni sono finalizzate a
garantire lancoraggio delle barre in corrispondenza dei nodi dove le
sollecitazioni sono elevate: infatti landamento ciclico delle sollecitazioni
provoca un rapido degrado delladerenza e pertanto un cattivo
ancoraggio pu provocare lo sfilamento delle armature e determinare una
crisi locale.
Alcune indicazioni specifiche (punto 5.5.2.1) si riferiscono alla geometria
delle travi e sono particolarmente vincolanti per le travi a spessore, che
in genere vanno evitate perch possono produrre il punzonamento da
parte dei pilastri e che non possono garantire un adeguato trasferimento
di sollecitazioni fra trave e pilastri, specie per azioni cicliche. Pertanto le
travi a spessore devono avere una larghezza limitata in relazione alle
dimensioni del pilastro a cui si collegano per garantire un corretto
trasferimento degli sforzi tra i due elementi e garantire la collaborazione
di tutta la larghezza della trave alla resistenza ed alla duttilit.
Analogamente, linterpretazione del punto 5.5.2.1, indica che larmatura
longitudinale superiore alle estremit della trave a spessore deve essere
disposta per almeno il 75% entro una fascia pari alla larghezza del
pilastro sempre per garantire la corretta prestazione della trave (punto
5.5.2.2).

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

32

1.5.4 Flessione: armature trasversali

La disposizione delle staffe in prossimit dei nodi fondamentale poich


garantisce la duttilit delle zone dove la progettazione ha indirizzato la
plasticizzazione.
Le indicazioni normative del punto 5.5.2.3 riguardano quindi un concio di
trave a partire dal filo del pilastro, di maggiore estensione per la classe di
duttilit A (due volte laltezza utile della sezione) e di minore entit
per la classe di duttilit B (una volta laltezza utile).
Il passo delle staffe deve essere stabilito assumendo il minimo tra diverse
prescrizioni:
- un quarto dellaltezza utile della sezione (entrambe le classi di
duttilit)
- 15 cm (entrambe le classi di duttilit)
- sei volte il diametro minimo delle barre longitudinali considerate
nelle verifiche (solo per classe di duttilit A)
Dunque le prime due indicazioni sono comuni ad entrambe le classi di
duttilit e garantiscono un elevato grado di confinamento del
calcestruzzo compresso. Invece la limitazione del passo delle staffe in
funzione del diametro delle barre longitudinali, che si applica solo per la
classe A, finalizzata ad evitare linstabilit delle barre compresse.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

33

Infatti tanto studi sperimentali quanto effetti sismici sulle strutture hanno
chiaramente dimostrato che utilizzando staffe con passo maggiore di 6
volte il diametro delle barre si ottiene linstabilit in compressione,
mentre con passi minori o uguali la ridotta snellezza dellelemento non
consente linstabilit.
Gli effetti della instabilit delle barre sono esemplificati nella Figura
1.10. Nella parte di sinistra sono riportati alcuni dei risultati sperimentali
alla base della prescrizione normativa; in particolare con L indicato il
passo delle staffe e con D il diametro delle barre; sugli assi sono
rappresentate deformazioni e tensioni adimensionalizzate rispetto ai
rispettivi valori allo snervamento. Sono evidenti gli effetti di instabilit
per le barre pi snelle, indipendentemente dal diametro delle stesse.
Nella parte di destra della figura riportato uno dei tanti casi di
instabilit delle barre, particolarmente evidente, che si sono verificati
durante recenti eventi sismici.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

34

Fig. 1.10 Influenza della snellezza delle barre sul comportamento a compressione
(adattata da Nuti e Monti, 1992) ed effetti sismici su colonna circolare poco staffata
(Fischinger e Cerovek, 1997)

1.5.5 Pilastri: armature longitudinali

Nei pilastri larmatura longitudinale complessiva A deve soddisfare la


limitazione seguente:
1%

A
4%
Ac

(1.10)

Inoltre linterasse fra le barre longitudinali non deve essere superiore a


25 cm; ci comporta che nei pilastri, salvo quelli con sezione 30 x 30 cm,
vi siano sempre almeno 8 barre.
Entrambe le limitazioni sono finalizzate ad una maggiore efficacia del
confinamento, in quanto la compressione laterale delle staffe trova
proprio in corrispondenza dei ferri longitudinali i punti di azione effettiva
(vedi parte bassa della Fig. 1.7).

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

35

1.5.6 Pilastri: armature trasversali

Anche nei pilastri nelle zone prossime ai nodi le staffe devono rispettare
un passo minimo per garantire un elevato livello di duttilit. Le
limitazioni date al punto 5.5.3.3 sono pressoch le stesse delle travi, ma
trattandosi di elementi pressoinflessi, dove vi possono essere maggiori
fenomeni di instabilit delle barre compresse, si deve porre attenzione a
vincolare opportunamente le barre con staffe interne o legature (Fig.
1.11); infatti qualora un braccio della staffa fosse molto lungo non
sarebbe efficace a contenere linstabilit delle barre pi lontane dagli
spigoli.

Figura 1. 11 Efficacia delle staffe con legature interne

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

36

1.5.7 Nodi non interamente confinati

Il calcolo dei nodi non trovava in passato alcun riscontro normativo.


Invece lesperienza dei terremoti degli ultimi decenni e sperimentazioni
appositamente sviluppate, come quella riportata in Figura 1.12, hanno
mostrato come i nodi di estremit siano spesso responsabili della crisi di
edifici in cemento armato.
Il confinamento del nodo si considera realizzato interamente quando su
ogni faccia la sezione della trave si sovrappone per almeno i 3/4 della
larghezza del pilastro, e su entrambe le coppie di facce opposte del nodo
le sezioni delle travi si ricoprono per almeno i 3/4 dellaltezza;
conseguentemente sono non interamente confinati i nodi in cui non
convergono travi sulle quattro facce. Ci capita in tutti i nodi terminali
dei telai.
Lassenza del confinamento operato dalle travi deve essere compensata
da una opportuna armatura che garantisca una elevata resistenza del
nodo, che non deve pervenire alla rottura prima della trave e del pilastro:
naturalmente tale armatura trasversale ha anche la funzione di contenere
le armature longitudinali compresse del pilastro. Nelle Figure 1.12 si
osserva come lassenza di confinamento del nodo impedisca la
plasticizzazione delle travi e dei pilastri consentendo fenomeni di
instabilit delle barre compresse.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

37

Figura 1.12 Collassi di nodi non confinati, terremoto di Koaceli, Turchia, 1999
e prove sperimentali (Calvi et al., 2002)

Le formulazioni normative, per garantire unadeguata resistenza e


duttilit del nodo, impongono alle staffe presenti nel nodo, nella
direzione non confinata, una disuguaglianza del tipo:
n st A st
i b

R ck
f yd

(1.11)

nella quale n st il numero di braccia della generica staffa orizzontale, A st


larea di ciascuna barra, i linterasse tra le staffe, b la larghezza
utile del nodo e c un coefficiente numerico che in molti documenti
prenormativi italiani preso pari a 0,15. Con c = 0,15 la (1.11) fornisce
un quantitativo di armatura generalmente largamente conservativo. Nel
seguito si utilizzer un valore pari a 0,05 che sembra pi corretto
progettualmente.

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

38

Si osservi che altre normative, come lEurocodice 8, indicano


formulazioni pi articolate, valutando leffettivo stato di sollecitazione
nel nodo; il quantitativo di armatura che si valuta comunque rilevante.

1.6 VERIFICA DELLO STATO LIMITE DI DANNO


La verifica dello Stato Limite di Danno (SLD) riferita al terremoto che
ha il 50% di probabilit di essere superato in 50 anni (periodo di ritorno
circa 72 anni). La progettazione deve garantire la piena agibilit della
struttura dopo tale tipo di terremoto, limitando i danni alle parti
strutturali ed a quelle non strutturali. In particolare lo spettro di progetto
si ottiene da quello elastico, relativo al periodo di ritorno 475 anni, diviso
per il fattore 2,5 (punto 2.2).
Con tali azioni va calcolato il massimo spostamento relativo di piano d r
(punto 4.11.2) che, nei casi esaminati nei capitoli 2, 3 e 4 che seguono,
considerando edifici con tamponamenti collegati rigidamente alla
struttura e che interferiscono con la deformabilit della stessa, deve
risultare:
d r 0 ,005 h

(1.12)

con h altezza del piano.


Tale verifica pu condizionare la progettazione e cio essere pi
vincolante di quelle dello Stato Limite Ultimo (SLU). In linea di
principio non possibile prevedere a priori quale sia la verifica pi
gravosa; in generale si pu affermare che quanto pi la struttura

Capitolo 1: Introduzione alla progettazione antisismica di edifici in cemento armato

39

deformabile, tanto pi sar penalizzante lo SLD. Ci confermato dai


due casi che si presentano: la verifica dello SLD penalizzante nel caso
presentato nel capitolo 3, in cui la struttura possiede un significativo
numero di travi a spessore.
Si osservi ancora che la verifica allo SLD, per evidenti motivi
probabilistici, viene condotta con masse sismiche diverse da quelle
considerate nello SLU; ci conduce alla necessit di dover sviluppare
due distinte analisi dinamiche delledificio. Gli esempi sviluppati
dimostrano che, in realt, le differenze sono minime. In definitiva in
questo caso rimane nella libert del progettista la decisione di non
effettuare calcoli diversi se ritenuti tecnicamente inessenziali.

CAPITOLO 2: PROGETTO DI UN EDIFICIO


INTELAIATO IN CEMENTO ARMATO
IN CLASSE DI DUTTILITA A

2.1

INTRODUZIONE

Nel capitolo che segue si analizza in dettaglio la progettazione di un


edificio intelaiato in cemento armato, considerando lallegato 2
allOrdinanza 3274 ed in particolare i criteri generali dei capitoli 1-4 e le
regole per gli edifici con struttura in cemento armato del capitolo 5.
Ledificio viene considerato in zona 1 e fondato su suolo di fondazione
di categoria C. Ledificio viene progettato in classe di duttilit A.

2.2 INDIVIDUAZIONE DELLA ZONA SISMICA


Ai fini dellapplicazione delle seguenti norme, il territorio nazionale
stato diviso in quattro zone sismiche, ciascuna contrassegnata da un
diverso valore del parametro a g (accelerazione orizzontale massima).
sufficiente quindi conoscere il comune in cui ubicato ledificio da
progettare per risalire alla categoria sismica di appartenenza (Ord. n.3274
del 20 marzo 2003 Criteri per lindividuazione delle zone sismiche

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

41

individuazione, formazione e aggiornamento degli elenchi nelle medesime


zone).

In particolare nel seguito si far riferimento alla zona 1.

2.3

DEFINIZIONE DEL SISTEMA COSTRUTTIVO

Le prescrizioni di normativa variano a seconda del sistema costruttivo


delledificio da progettare (punto 4.1 - Sistemi costruttivi).
In particolare si fa riferimento ad edifici isolati ed edifici non isolati,
distinguendo nellambito di entrambe le categorie tra:
-

Edifici con struttura in cemento armato;

Edifici con struttura in acciaio;

Edifici con struttura mista in acciaio e calcestruzzo;

Edifici con struttura in muratura;

Edifici con struttura in legno.

Sono altres specificate laltezza massima degli edifici di nuova


costruzione e le distanze da quelli gi esistenti, in funzione del sistema
costruttivo e della zona sismica di appartenenza (punto 4.2 Distanze ed
altezze).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

2.4

42

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Si intende progettare un edificio in cemento armato, destinato a civile


abitazione. Oltre alla normativa sismica di riferimento, la struttura in
esame dovr soddisfare le prescrizioni contenute nella normativa vigente
ed, in particolare, nel D.M. 9 gennaio 1996: Norme per il calcolo,
lesecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato, normale e
precompresso e per le strutture metalliche e nel D.M. 16 gennaio 1996:
Norme tecniche relative ai Criteri generali per la verifica di sicurezza delle
costruzioni e dei carichi e sovraccarichi.

2.5

SCHEMA ARCHITETTONICO E STRUTTURALE

Nella progettazione bisogna seguire quanto pi possibile i criteri di


regolarit (punto 4.3.1 Regolarit).
Infatti, in funzione della regolarit di un edificio saranno richieste scelte
diverse in relazione al metodo di analisi e ad altri parametri di progetto.
Relativamente alla disposizione dei pilastri, inoltre, lesperienza
suggerisce di orientarli, per quanto possibile, per il 50% in una direzione
e per laltro 50% nella direzione ortogonale ed in maniera tale da
centrifugare il pi possibile le rigidezze laterali.

Si riporta di seguito lo schema della pianta del piano terra (Fig. 2.1),
della pianta del piano tipo (Fig. 2.2) e di una sezione delledificio da

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

43

progettare (Fig. 2.3), nonch una visione prospettica dellintelaiatura


(Fig. 2.4).
Ledificio a pianta rettangolare e si sviluppa per quattro piani. Il lato
lungo ha direzione coincidente con quello dellasse X del riferimento
globale e il lato corto diretto come lasse Y di tale riferimento.
Allingresso si ha una scala, realizzata con trave a ginocchio, ad
eccezione del primo rampante costituito da un solettone appoggiato in
testa sulla trave intermedia di pianerottolo e alla base su una parete in
c.a. e sconnesso per spostamenti orizzontali dal resto della struttura.
Dalla scala si accede agli appartamenti, in numero di due per ogni piano.
I due appartamenti sono costituiti entrambi da un ingresso, una cucina,
un soggiorno, due stanze da letto e rispettivamente da uno e da due bagni
e uno studio. Laccesso in copertura avviene mediante una porta
scorrevole in acciaio.
Ledificio strutturalmente simmetrico in direzione Y, mentre si presenta
asimmetrico in direzione X.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

44

Ingresso
Negozio

Negozio

14 m

(+0,80)

Bagno

Bagno
Magazzino

Magazzino
Ufficio

Ufficio
(+0,80)

25,4 m
Fig. 2.1 Pianta piano terra
25,4 m
A

Bagno

Bagno

Soggiorno

Studio

Letto

Soggiorno

14 m

Letto

Ingresso

Ingresso

Letto
Letto

Cucina

Cucina

Fig. 2.2 Pianta piano tipo

Bagno

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

13,6 m

12,0 m

10,4 m

8,80 m

7,20 m

5,60 m

4,00 m

2,40 m

0,80 m

0,00 m

Fig. 2.3 Sezione A-A

Fig. 2.4 Visione prospettica dellintelaiatura

45

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

46

Su ciascun piano sono stati disposti 24 pilastri che vanno a definire


quattro telai paralleli alla direzione X e sei telai paralleli alla direzione Y.
Per quanto concerne i materiali impiegati, si scelto di usare un
conglomerato con R ck =25 N/mm2 e un acciaio in barre FeB44k; si
ricorda che sia il conglomerato che lacciaio devono rispondere a
determinati requisiti di duttilit e gerarchia delle resistenze (punto 5.2
Caratteristiche dei materiali).

Con riferimento al D.M. 9 gennaio 1996, le resistenze di calcolo per i


materiali si valutano:

per il calcestruzzo:
f
R 0 ,83 25 0 ,83
f ' cd ck ck

13,0 N / mm 2 .
1,6
c
c

Di norma la resistenza di calcolo del calcestruzzo, viene ulteriormente


ridotta, adottando il diagramma parabola rettangolo (Fig. 2.5), definito
da un arco di parabola di secondo grado e da un segmento di retta
parallelo allasse delle deformazioni.
c

0,85 f'cd

2%

3,5 %

Fig. 2.5 Diagramma parabola rettangolo

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

47

Lordinata massima del diagramma pari a:


f cd 0 ,85 f ' cd 11,0 N / mm 2 .

Per il modulo elastico E c , si assume in sede di progetto il valore:


Ec 5700 R ck 5700 25 28500 N / mm 2 .

per lacciaio FeB44k si definisce una tensione caratteristica di


snervamento f yk = 430 N/mm2 e quindi una resistenza di calcolo
f sd :
f sd

2.6

f yk

430
374 N / mm 2
1,15

AZIONE SISMICA

La zona sismica di riferimento, quella di tipo 1 (punto 3.2.1 Zone


sismiche). In funzione di detta zona, si definisce un valore del parametro

ag

(accelerazione

orizzontale

massima),

espresso

in

funzione

dellaccelerazione di gravit g:
a g 0 ,35 g

Tale valore costituisce laccelerazione su suolo rigido che, nella zona


considerata, ha periodo di ritorno 475 anni oppure probabilit del 10% di
essere superata in 50 anni.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

48

Ai fini della determinazione dellazione sismica di progetto, sono


definite varie categorie di profilo stratigrafico del suolo di fondazione
(punto 3.1 Categorie di suolo di fondazione).
Lesame di carattere geotecnico permette di stabilire lappartenenza del
suolo alla categoria tipo C ovvero suolo caratterizzato da valori della
velocit media di propagazione entro 30 m di profondit delle onde di
taglio V S30 compresi fra 180 e 360 m/s (depositi di sabbie e ghiaie
mediamente addensate, o di argille di media consistenza, ovvero
resistenza penetrometrica 15<N SPT <50, o coesione non drenata
70<c u <250 kPa).
In base alle caratteristiche del suolo si definisce il fattore S (punto 3.2.3
Spettro di risposta elastico). Per un suolo di categoria C:
S 1,25

Lespressione dello spettro di risposta elastico, in funzione del periodo


fondamentale della struttura nella direzione in esame, riportata al punto
3.2.3 Spettro di risposta elastico. Se ne riporta di seguito il grafico (Fig.

2.6).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

49

2.6.1 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite ultimo


(SLU)

Le strutture sismo-resistenti in cemento armato previste dalle seguenti


norme possono essere classificate nelle seguenti tipologie (punto 5.3.1
Tipologie strutturali):

strutture a telaio,

strutture a pareti,

strutture miste telaio-pareti,

strutture a nucleo.

In funzione della tipologia strutturale, della classe di duttilit, della


regolarit in elevazione e del numero di piani, si determina il fattore di
struttura q (punto 5.3.2 Fattori di struttura):
1.20
1.00

Se [g]

0.80
0.60
0.40
0.20
0.00
0.0

0.5

1.0

1.5

T [s]

2.0

2.5

Fig. 2.6 Spettro di risposta elastico

3.0

3.5

4.0

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

q q0 K D K R

50

(2.1)

ove:
q 0 legato alla tipologia strutturale;
K D un fattore che dipende dalla classe di duttilit;
K R un fattore che dipende dalle caratteristiche di regolarit
delledificio.
Nel caso in esame si decide di progettare in classe di duttilit A (CD
A), per cui risulta:
K D = 1,0

Inoltre, il previsto sviluppo in elevazione delledificio soddisfa i criteri di


regolarit (punto 4.3.1 Regolarit), conseguentemente:
K R = 1,0.

Poich ledificio in esame presenta una struttura intelaiata, risulta:


q 0 4,5

u
1

(2.2)

Non volendo effettuare unanalisi non lineare e considerando che


ledificio da progettare a pi piani e pi campate, si ha:
u 1 1,3

Risulta pertanto:
q 0 4 ,5

u
4 ,5 1,3 5,85
1

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

51

ed in definitiva il fattore di struttura, da utilizzare, dato dalla seguente


espressione:
q q 0 K D K R 5,85 1 1 5,85

Lespressione dello spettro di progetto, riportata al punto 3.2.5 Spettri


di progetto per lo stato limite ultimo. Se ne riporta di seguito il grafico (Fig.

2.7):
0.50
0.45
0.40
0.35
Sd [g]

0.30
0.25
0.20
0.15
0.10
0.05
0.00
0.0

0.5

1.0

1.5

T [s]

2.0

2.5

3.0

3.5

4.0

Fig. 2.7 Spettro di progetto per lo stato limite ultimo

2.6.2 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite di danno


(SLD)

Lo spettro di progetto per lo stato limite di danno, pu essere ottenuto


riducendo lo spettro di risposta elastico secondo un fattore pari a 2,5
(punto 3.2.6 Spettro di progetto per lo stato limite di danno). Si fa cos
riferimento ad eventi sismici che abbiano una probabilit di occorrenza

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

52

pi elevata di quella dellazione sismica di progetto. In pratica,


mediamente, si fa riferimento a probabilit di superamento del 50% in 50
anni a cui corrisponde, allincirca, un periodo di ritorno di 72 anni. Si
riporta di seguito il grafico corrispondente (Fig. 2.8).

2.7

COMBINAZIONI DI CARICO

I carichi da considerare sono quelli relativi alla verifica allo stato limite
ultimo (Circolare 4 luglio 1996 n.156: Istruzioni per lapplicazione delle
Norme tecniche relative ai criteri generali per la verifica di sicurezza delle
costruzioni e dei carichi e sovraccarichi di cui al D.M. 16 Gennaio 1996):
0,50
0,45
0,40
0,35
Sd [g]

0,30
0,25
0,20
0,15
0,10
0,05
0,00
0,0

0,5

1,0

1,5

T [s]

2,0

2,5

3,0

3,5

4,0

Fig. 2.8 Spettro di progetto per lo stato limite di danno

FD g Gk p Pk q Q1k

ove:

q 0 i Q ik

i 2

G k il valore caratteristico delle azioni permanenti;


P k il valore caratteristico della forza di precompressione;

(2.3)

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

53

Q lk il valore caratteristico dellazione di base di ogni


combinazione;
Q ik sono i valori caratteristici delle azioni variabili fra loro
indipendenti;

0i un coefficiente di combinazione allo stato limite ultimo.


In zona sismica, in presenza di un solo sovraccarico variabile verticale, si
considerano due combinazioni:

Solo carichi verticali:


Fd g Gk q Q k

(2.4)

essendo Q k il valore caratteristico delle azioni accidentali ed


avendo assunto g = 1,4 e q = 1,5;

Carichi verticali ed azioni sismiche (punto 3.3 Combinazione


dellazione sismica con altre azioni).

Nel caso di stato limite ultimo (SLU) o stato limite di danno (SLD)
deve essere effettuata la seguente combinazione degli effetti della
azione sismica con le altre azioni:
Fd I E Gk j Qk

essendo:

(2.5)

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

I E

54

lazione sismica per lo stato limite in esame, con I =fattore

di importanza;
G k il valore caratteristico delle azioni permanenti;
Q k il valore caratteristico delle azioni accidentali;
ed assumendo:
per lo SLU: j = = 0,30 per la destinazione duso di abitazioni
o uffici e = 0,80 per le scale;
per lo SLD: j = = 0,70 per la destinazione duso di abitazioni
o uffici e = 1,00 per le scale;

I = 1,0 per edifici ordinari (punto 4.7 Fattori di importanza).


A tal proposito si rammenta che le costruzioni devono essere dotate di un
livello di protezione antisismica differenziato in funzione della loro
importanza e del loro uso e, quindi, delle conseguenze pi o meno gravi
di un loro danneggiamento per effetto di un evento sismico (punto 2.5
Livelli di protezione antisismica).

2.8

DIMENSIONI STRUTTURALI E CALCOLO DEI

CARICHI UNITARI
Sulla base di una valutazione di massima delle sollecitazioni, sono state
assegnate delle dimensioni agli elementi strutturali. In particolare per
tutti i pilastri del primo livello, si assunta una sezione 40 x 75 cm,
mentre per le travi una sezione 40 x 60 cm. A tal proposito si osserva
che, rispetto alle tradizionali modalit di predimensionamento dei telai in

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

55

cemento armato, i pilastri devono essere sovradimensionati e non si


devono avere travi eccessivamente resistenti, altrimenti risulter
impossibile rispettare la gerarchia delle resistenze per lo SLU; inoltre i
pilastri vanno sovradimensionati anche per il rispetto della verifica di
deformabilit dello SLD. Sia per ragioni di regolarit in elevazione
(punto 4.3.1 Regolarit) che per motivi pratici si consiglia, per ciascun
pilastro, al massimo una rastremazione della sezione trasversale di 10 cm
per piano. Anche per le travi si esegue una rastremazione di 10 cm. La
rastremazione viene fatta per i pilastri al 3 livello che presentano
pertanto dimensioni 40 x 65 cm e per le travi al 2 livello (40 x 50). Le
travi del 2, 3 e 4 livello sono quindi uguali (40 x 50), mentre risultano
uguali i pilastri del 1 e 2 livello (40 x75) e del 3 e 4 livello (40 x 65).
La rastremazione delle travi viene effettuata per rispettare la gerarchia
delle resistenze travi-colonne (punto 5.1 principi generali) e per tenere
conto delle minori sollecitazioni sismiche nei livelli superiori al primo.
Infine per ridurre leccesso di sollecitazioni sul corpo scala attraverso
leffetto controventante delle travi a ginocchio, si scelto di assegnare
alle due pilastrate centrali appartenenti al telaio di facciata dimensioni
pi contenute, nella misura di 40 x 40 cm.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

56

Fig. 2.9 Visione prospettica dellintelaiatura

2.8.1 Solaio

Laltezza del solaio stata valutata nel rispetto della normativa vigente
(D.M. 9 gennaio 1996) tenendo conto che lo spessore dei solai a portata
unidirezionale e che non siano di semplice copertura non deve essere

5,20 m

3,90 m

4,50 m

minore di 1/25 della luce di calcolo e con una soletta di almeno 4 cm.

5,80 m

5,00 m

3,40 m

5,00 m

Fig. 2.10 Orditura dei solai

5,80 m

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

57

Nello specifico risulta: L max = 5,20 m, pertanto:


H solaio L/25 = 520/25= 20,8 cm

si assume H solaio = 22 cm

Il solaio risulta caratterizzato da travetti in c.a. di larghezza pari a 10 cm


e interasse 50 cm e da laterizi di larghezza pari a 40 cm e di altezza pari a
18 cm (Fig. 2.11). La determinazione dei carichi che gravano sulla
struttura stata effettuata facendo riferimento ad un mq di solaio:

4 cm

22 cm
18 cm

100 cm

10 cm

40 cm

10 cm

Fig. 2.11 Schema del solaio

soletta

0,04 25

1,00 kN/m2

travetti

2 (0,10 0,18 25)

0,90 kN/m2

laterizi

2 (0,40 0,18 8)

1,15 kN/m2
3,05 kN/m2

Totale peso proprio


intonaco

0,02 18

0,36 kN/m2

0,04 15

0,60 kN/m2

pavimento in ceramica (2 cm)

0,40 kN/m2

incidenza tramezzi

1,00 kN/m2

massetto

Totale peso solaio

G solaio = 5,41 kN/m2

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

58

Nel caso del solaio di copertura, laliquota di peso costituita


dallincidenza tramezzi sostituita da quello dello strato di
impermeabilizzazione. Pertanto si pu ritenere di assumere lo stesso
carico unitario, per tutti i solai, compreso quello di copertura.
Il carico accidentale Q k fornito dal D.M. 16 gennaio 1996 nella misura di
2,00 kN/m2 per ambienti non suscettibili di affollamento.
2.8.2 Balcone

Il solaio in corrispondenza del balcone ridotto di 2 cm. Risulta essere


caratterizzato, pertanto, da travetti in c.a. di larghezza pari a 10 cm e
interasse 50 cm e da laterizi di larghezza pari a 40 cm e di altezza pari a
16 cm invece che 18 cm (Fig. 2.12). La determinazione dei carichi che
gravano sulla struttura stata effettuata facendo riferimento ad un mq di
balcone:

100 cm
4 cm

20 cm

10 cm

40 cm

10 cm

Fig. 2.12 Schema del balcone

soletta
travetti

0,04 25
2 (0,10 0,16 25)

1 kN/m2
0,8 kN/m2

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

laterizi

2 (0,40 0,16 8)

59

1,02 kN/m2

intonaco

0,02 18

0,36 kN/m2

massetto

0,04 15

0,60 kN/m2

pavimento in ceramica (2 cm)

0,40 kN/m2
G balconi = 4,18 kN/m2

Il carico accidentale Q k per balconi, ballatoi e scale comuni fornito dal


D.M. 16 gennaio 1996 nella misura di 4,00 kN/m2.
2.8.3 Scala

Lo schema statico adottato per la scala (ad eccezione del primo


rampante) quello di gradini a sbalzo sorretti da trave a ginocchio. Si
definisce per la trave a ginocchio una dimensione di 40 x 40. Per quanto
riguarda il calcolo dei carichi unitari, si considerato sia il peso dei
gradini di alzata 16 cm e pedata 30 cm che quello di una soletta di 4 cm
di spessore, dellintonaco di 2 cm e del marmo che ricopre la scala di
spessore 3 cm (Fig. 2.13).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

60

3 cm

30 cm

16 cm
m
4c

m
2c

Fig. 2.13 Schema della scala

La determinazione dei carichi che gravano sulla struttura stata


effettuata con riferimento al mq. Si ottiene in tal modo:
gradini

[0,5 (0,16 0,30 )] 25 / 0,30

soletta
intonaco

2,00 kN/m2
1,00 kN/m2

0,04 25

0,36 kN/m2

0,02 18

0,80 kN/m2

marmo (3 cm)

G scala = 4,16 kN/m2


Il carico accidentale Q k per balconi, ballatoi e scale comuni fornito dal
D.M. 16 gennaio 1996 nella misura di 4,00 kN/m2.

Approssimativamente si assume il peso dei pianerottoli eguale a quello


delle rampe.
2.8.4 Tamponature

Si intende realizzare una tamponatura in doppia fodera. Pertanto si ha:

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

Fodera interna (10 cm)

0,8 kN/m2

Fodera esterna (15 cm)

1,2 kN/m2

Intonaco (2 cm)

0,36 kN/m2

61

G tamp = 2,36 kN/m2


2.8.5 Travi

Nella valutazione del carico unitario, si considerata anche la fascia


piena del solaio, nella misura di 10 cm, da conteggiarsi da un solo lato
per le travi esterne e da entrambi i lati per le travi interne. Si deve,
quindi, decurtare dal valore del carico unitario cos calcolato laliquota di
peso proprio del solaio (3,05 kN/m2), per evitare di computare due volte
uno stesso carico.
1 livello:
Travi esterne 40 60:
G travi 0,4 0,6 0,10 0,22 25 0,5 3,05 5,03 kN / m

Travi interne 40 60:


G travi 0,4 0,6 0,20 0,22 25 0,6 3,05 5,27 kN / m

2, 3 e 4 livello:
Travi esterne 40 50:
G travi 0,4 0,5 0,10 0,22 25 0,5 3,05 4,03 kN / m

Travi interne 40 50:


G travi 0,4 0,5 0,20 0,22 25 0,6 3,05 4,27 kN / m

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

62

2.8.6 Pilastri

Ricordando che per il primo e secondo livello e per il terzo e quarto


livello la struttura presenta rispettivamente pilastri di dimensione 40 x 75
cm e 40 x 65 cm, si ha:

1 e 2 livello

G pilastri 0,4 0,75 25 7,50 kN / m

3 e 4 livello

G pilastri 0,4 0,65 25 6,50 kN / m

2.9

CALCOLO DEI PESI SISMICI (SLU) E VERIFICHE

DI REGOLARITA
La norma prevede la possibilit di eseguire analisi lineari e non lineari
(punto 4.5 Analisi). Nel caso in esame si far, per, solo riferimento alle
analisi lineari, per cui il modello sar elastico (punto 4.4 Modellazione
della struttura). Inoltre, con riferimento allo stesso punto, non si utilizza

la possibilit di considerare la presenza di fessurazione; per le


conseguenze della fessurazione sul comportamento sismico delledificio.
Il modello caratterizzato da tre gradi di libert per ciascun livello,
essendo valida, nel caso in esame, lipotesi di impalcati infinitamente
rigidi. A ciascuno di questi gradi di libert va associata una massa o,
equivalentemente, un peso sismico, che vanno determinati secondo
quanto previsto dal punto 3.3 Combinazione dellazione sismica con le
altre azioni.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

63

In particolare, la normativa prescrive di determinare i pesi sismici,


sommando ai carichi permanenti G k , le azioni variabili Q k ridotte
mediante il coefficiente di combinazione dellazione variabile E (che
tiene conto della probabilit che tutti i carichi siano presenti sulla
struttura in occasione del sisma) e che si ottiene moltiplicando 2 per
2.9.1 Incidenza solaio

Il peso proprio del solaio, noto dallanalisi dei carichi :


G solaio = 5,41 kN/m2

a cui si deve aggiungere il carico accidentale (Q k = 2,00 kN/m2 per


ambienti non suscettibili di affollamento ridotto attraverso il coefficiente
di combinazione dellazione variabile E , dato dal prodotto del
coefficiente 2 = 0,30 per la destinazione duso di abitazioni e uffici e di

che vale 1,0 per la copertura e 0,5 per gli altri piani. Pertanto:

1, 2 e 3 livello:
w solaio G solaio E Q solaio G solaio 2 Q solaio 5,41 0,30 0,5 2,00 5,71 kN / m 2
Sup solaio B H S scala 14 25 , 4 3 6 ,70 336 m 2

4 livello:

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

64

w solaio G solaio E Q solaio G solaio 2 Q solaio 5,41 0,30 1,0 2,00 6,01 kN / m 2
Sup solaio B H S copertura 14 25,4 4 1, 20 10,4 406 m 2

Si rileva che al quarto livello si assunto il peso sismico della porta di


acciaio coincidente con quello del solaio; inoltre larea del solaio stata
determinata sommando alla superficie di impronta delledificio (B x H)
quella occorrente per coprire i balconi del terzo livello.
2.9.2 Incidenza balcone

Il peso proprio del balcone, noto dallanalisi dei carichi :


G balconi = 4,18 kN/m2

a cui si deve aggiungere il carico accidentale Q k = 4,00 kN/m2, ridotto


attraverso il coefficiente di combinazione dellazione variabile E , dato
dal prodotto del coefficiente 2 = 0,30 per la destinazione duso di
abitazioni e uffici e di che vale 1,0 per la copertura e 0,5 per gli altri
piani. Pertanto:

1, 2, 3 livello:
w balconi G balconi E Q balconi G balconi 2 Q balconi
4 ,18 0,30 0,5 4 ,00 4 ,78 kN / m 2

Sup balconi 4 1, 20 10,40 49,9 m 2

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

65

2.9.3 Incidenza scala

Per la determinazione del peso sismico della scala bisogna aggiungere al


valore G scala = 4,16 kN/m2, noto dallanalisi dei carichi, il carico
accidentale Q k = 4,00 kN/m2, ridotto attraverso il coefficiente di
combinazione dellazione variabile E , dato dal prodotto del coefficiente

2 = 0,80 (Magazzini, Archivi e Scale) e di che vale 0,5. Pertanto:


w scala G scala E Q scala G scala 2 Q scala 4 ,16 0,80 0,5 4 ,00 5,76 kN / m 2
Sup scala 6,70 3,00 3,00 0,40 18,9 m 2

Nella valutazione della superficie della scala, si decurtata larea del


pozzetto.
2.9.4 Incidenza tamponature

Dallanalisi dei carichi si trovato che G tamp = 2,36 kN/m2.


Considerando un 25% in meno di peso per la presenza dei vuoti (porte e
finestre), tenendo presente che linterpiano pari a 4,00 m per il primo
livello e 3,20 m per i successivi e decurtando laltezza delle travi, si ha:
1 liv.:

4,00 3,20

0,60 75% di 7,08 5,31 kN / m


I tamp 75% di 2,36
2

2 liv.:

3,20 3,20
0,50 75% di 6,37 4,78 kN / m
I tamp 75% di 2,36
2

3 liv.:

3,20 3,20
I tamp 75% di 2,36
0,50 75% di 6,37 4,78 kN / m
2

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

4 liv.:

3, 20
0,50 75% di 3,19 2,39 kN / m
I tamp 75% di 2,36
2

Sviluppo tamponature l i 2 25,40 2 14 ,00 78,80 m

2.9.5 Incidenza travi

Dallanalisi dei carichi si trovato che:


- 1 livello (travi 40 60 cm)
Travi esterne I travi 5,03 kN / m
Sviluppo travi 2 25,40 2 14,00 14 0,75 6 0,40 65,90 m

Travi interne I travi 5,27 kN / m


Sviluppo travi 2 25,40 4 14,00 8 0,75 20 0,40 92,80 m

- 2 livello (travi 40 50 cm)


Travi esterne I travi 4,03 kN / m
Sviluppo travi 2 25,40 2 14,00 14 0,75 6 0,40 65,90 m

Travi interne I travi 4,27 kN / m


Sviluppo travi 2 25,40 4 14,00 8 0,75 20 0,40 92,80 m

- 3 e 4 livello (travi 40 50 cm)

66

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

67

Travi esterne I travi 4,03 kN / m


Sviluppo travi 2 25,40 2 14,00 14 0,65 6 0,40 67,30 m

Travi interne I travi 4,27 kN / m


Sviluppo travi 2 25,40 4 14,00 8 0,65 20 0,40 93,60 m

Si osservi che lo sviluppo delle travi stato determinato in modo da


avere la somma delle lunghezze nette delle travi e cio decurtando lo
spazio occupato dai pilastri.

- Trave a ginocchio I travi 0,40 0,40 25 4 kN / m


Sviluppo trave 13,40 m

Si osservi che a rigore andrebbe conteggiato come peso sismico anche il


contributo della tamponatura poggiante sulla trave a ginocchio.
2.9.6 Incidenza pilastri

Dallanalisi dei carichi:


1 e 2 livello (pilastri 40 x 75 cm): I pilastri 0,4 0,75 25 7,50 kN / m
3 e 4 livello (pilastri 40 x 65 cm): I pilastri 0,4 0,65 25 6,50 kN / m

Peso sismico del 1 livello:


Solaio

W solaio = S solaio w solaio =3365,71=1919 kN

1919 kN

Balcone

W balcone = S balconi w balcone =49,94,78=239 kN

239 kN

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

68

Scala

W scala = S scala w scala =18,95,76=109 kN

109 kN

Tampon.

W tamponature = I tamp l i = 5,3178,80=418 kN

418 kN

Travi

W travi =I travi l i =5,0365,90+5,2792,80+413,40=874 kN

874 kN

Pilastri

W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[7,5(4/2+3,2/2)]=648 kN

648 kN
TOT

4207 kN

Peso sismico del 2 livello:


Solaio

W solaio = A solaio w solaio =3365,71=1919 kN

1919 kN

Balcone

W balcone = A balconi w balcone =49,94,78=239 kN

239 kN

Scala

W scala = S scala w scala =18,95,76=109 kN

109 kN

Tampon.

W tamponature = I tamp l i = 4,78 78,80=377 kN

377 kN

Travi

W travi =I travi l i =4,0365,90+4,2792,80+413,40=715 kN

715 kN

Pilastri

W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[7,5(3,2+3,2)/2]=576 kN

576 kN
TOT

3935 kN

Peso sismico del 3 livello:


Solaio

W solaio = A solaio w solaio =3365,71=1919 kN

1919 kN

Balcone

W balcone = A balconi w balcone =49,94,78=239 kN

239 kN

Scala

W scala = S scala w scala =18,95,76=109 kN

109 kN

Tampon.

W tamponature = I tamp l i = 4,78 78,80=377 kN

377 kN

Travi

W travi =I travi l i =4,0367,30+4,2793,60+413,40=724 kN

724 kN

Pilastri

W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[6,5(3,2+3,2)/2]=499 kN

499 kN
TOT

3867 kN

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

69

Peso sismico del 4 livello:


Solaio

W solaio = A solaio w solaio =4066,01=2440 kN

Balcone

W balcone = 0

Scala

W scala = S scala /2 w scala =9,455,76=54 kN

54 kN

Tampon.

W tamponature = I tamp l i = 2,39 78,8=188 kN

188 kN

Travi

W travi =I travi l i =4,0367,30+4,2793,60+413,40/2=698 kN

698 kN

Pilastri

W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[6,53,2/2]=250 kN

250 kN

2440kN
0 kN

TOT

3630 kN

2.9.7 Calcolo delle masse

Per ciascun livello, le masse associate agli spostamenti lungo X ed Y


sono ovviamente uguali. La massa associata al grado di libert
rotazionale data dal prodotto delle masse per il quadrato del raggio di
inerzia 2. Tali quantit sono assegnate direttamente al baricentro del
relativo livello, coerentemente con lipotesi di impalcato infinitamente
rigido; beninteso che le masse possono essere assegnate anche in maniera
differente, come illustrato nel Manuale 1 alla sezione 4.3.2.1. Le masse si
calcolano dai pesi sismici dividendoli per laccelerazione di gravit g =
9,81 m/s2. Il raggio di inerzia calcolato assumendo tutte le masse
spalmate uniformemente sulla superficie delledificio, la quale assunta
rettangolare e di 16,40 x 25,40 m; conseguentemente,accettando tale
lieve approssimazione, risulta:

a 2 b2
12

a 2 b 2 16,4 2 25,4 2

76, 2 m 2
12
12

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

70

con a e b, dimensioni della proiezione verticale delledificio.


W

I p =M2

M= W / g

(kN)

(tm2)

(t)

1 livello

4207

429

32690

2 livello

3935

401

30542

3 livello

3867

394

30023

4 livello

3630

370

28200

2.9.8 Determinazione del baricentro degli impalcati

La pianta delledificio si presenta con buona approssimazione simmetrica


rispetto allasse Y. La determinazione del baricentro, nel quale
concentrare le masse sismiche, si riduce pertanto allindividuazione della
sua posizione sullasse Y (Fig. 2.14).
1,20 m

Y'

14 m

7,30 m

7,00 m

10,4 m

6,70 m

X'

3m
25,4 m

11,2 m

Fig. 2.14 Determinazione del baricentro

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

71

La determinazione della posizione del baricentro fatta con


lapplicazione del teorema di Varignon che presuppone il calcolo dei
momenti statici rispetto allasse X.
Si osserva che, per ragioni di simmetria, sono nulli i momenti statici S x
di balconi, tamponature, pilastri e travi.
- 1, 2, e 3 livello:
momenti statici S x
w solaio =5,71 kN/m2: S x =5,717,303(7,00-7,30/2)= +419 kNm
w scala =5,76 kN/m2: S x =5,7636,70(7,00-6,70/2)= -423 kNm
w trave a ginocchio =4 kN/m: S x =246,70(7,00-6,70/2)=-196 kNm

i S x =

pesi sismici W
1 livello:

W = 4207 kN

2 livello:

W = 3935 kN

3 livello:

W = 3867 kN

La distanza del baricentro dallasse X data da:


1 livello

i S x i Wi 200 4207 0,05 m

2 livello

i S x i Wi 200 3935 0,05 m

3 livello

i S x i Wi 200 3867 0,05 m

-200 kNm

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

72

-4 livello:
momenti statici S x
w scala =5,76 kN/m2 S x =[5,76(36,70)/2](7,00-6,70/2)= -211 kNm
w trave a ginocchio =4 kN/m S x =46,70(7,00-6,70/2)=

-98 kNm
i S x =

-309 kNm

pesi sismici W
4 livello W = 3630 kN
La distanza del baricentro dallasse X data da:
4 livello

i S x i Wi 309 3630 0,09 m

2.9.9 Verifica di regolarit in pianta

La struttura si presenta sicuramente regolare in pianta in quanto sono


rispettate le condizioni enunciate al punto 4.3.1 Regolarit.
Si osservi che anche la distribuzione dei tamponamenti si presenta
regolare, ai sensi di quanto riportato al punto 5.6.2 Irregolarit provocate
dai tamponature.

Conseguentemente, il modello della struttura in esame, pu essere sia


spaziale che costituito da elementi resistenti piani nelle due direzioni
ortogonali (punto 4.4 Modellazione della struttura).
2.9.10 Verifica di regolarit in altezza

La regolarit in elevazione di una costruzione implica la possibilit di


eseguire unanalisi statica lineare, cos come chiarito al punto 4.5.2

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

73

Analisi statica lineare. Le condizioni da rispettare per avere un edificio

regolare in altezza sono richiamate in quattro punti (e, f, g e h) al punto


4.3.1 Regolarit.

Le condizioni dei punti e ed h sono sicuramente soddisfatte, mentre per


la verifica del punto g si rimanda al paragrafo 2.13.5.
In relazione al punto f, il calcolo delle masse o dei pesi sismici mostra
che ledificio regolare in altezza in termini di massa. Infatti sussiste una
riduzione graduale, dalla base alla cima delledificio, che non supera il
20%:
W

(kN)

M= W / g (t)

Riduzione (%)

1 livello

4207

429

2 livello

3935

401

-6,98%

3 livello

3867

394

-1,78%

3630
370
-6,19%
4 livello
La verifica di regolarit in altezza in termini di rigidezza, invece, viene
nel seguito eseguita andando a modellare la struttura ed applicando in
ciascuna delle due direzioni, separatamente, le azioni sismiche, calcolate
secondo quanto detto al punto 4.5.2 Analisi statica lineare, ed agenti
nel baricentro di ciascun impalcato. La rigidezza viene calcolata come il
rapporto fra il taglio complessivamente agente al piano (detto taglio di
piano) e lo spostamento relativo di piano d r , conseguente a tali azioni.
La valutazione delle rigidezze pu essere ovviamente effettuata per un
valore arbitrario dellazione sismica orizzontale complessiva.
La forza da applicare a piano i-esimo data dalla seguente formula:

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

Fi Vbmax

z i W i

z jW j

74

(2.6)

dove:
x
a
m
b

il taglio totale alla base, il cui valore numerico

ininfluente sul risultato finale e si assume pari a 1000 kN.


W i e W j sono i pesi delle masse ai piani i e j rispettivamente;
z i e z j sono le altezze dei piani i e j rispetto alle fondazioni.
Pertanto si ottiene:
F1 Vbmax
F2 Vbmax
F3 Vbmax
F4 Vbmax

z 1 W1

1000

4 4207
125 kN
4 4207 7, 2 3935 10,4 3867 13,6 3630

1000 4 4207 7,2 3935 10,4 3867 13,6 3630 210 kN

z j Wj

z 2 W2
z j Wj

z 3 W3

7, 2 3935

1000

10,4 3867
299 kN
4 4207 7, 2 3935 10,4 3867 13,6 3630

1000 4 4207 7,2 3935 10,4 3867 13,6 3630 366 kN

z j Wj

z 4 W4
z j Wj

13,6 3630

Applicando tali azioni orizzontali in direzione X, si ottengono i risultati


riportati in tabella:
DIR X
1 livello
2 livello
3 livello
4 livello

Taglio di piano
(kN)
F 1 +F 2 +F 3 +F 4 1000
F 2 +F 3 +F 4
875
F 3 +F 4
665
F4
366

dr
(mm)
1,66
1,66
1,58
0,98

K lat
(kN/m)
602000
527000
420000
375000

Riduz.
(%)
-12,4%
-20,3%
-10,8%

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

75

Applicando tali azioni orizzontali in direzione Y, si ottengono i risultati


riportati in tabella:
DIR Y
1 livello
2 livello
3 livello
4 livello

Taglio di piano
(kN)
F 1 +F 2 +F 3 +F 4 1000
F 2 +F 3 +F 4
875
665
F 3 +F 4
366
F4

d r
(mm)
1,65
1,48
1,36
0,84

K lat
(kN/m)
607000
593000
489000
434000

Riduz.
(%)
-2,3%
-17,6%
-11,2%

Pertanto ledificio risulta essere regolare in altezza secondo quanto


richiesto dal punto f del punto 4.3.1 Regolarit.
Si osservi che nel caso in esame non possibile considerare le travi
infinitamente rigide flessionalmente rispetto ai pilastri e dunque risulta
non accettabile la valutazione semplificata della rigidezza di piano
considerando i telai di tipo shear type; tale condizione frequente nei
telai che devono seguire la gerarchia delle resistenze trave-colonna.
Ovviamente

sono

comunque

utilizzabili

modalit

di

calcolo

convenzionale semplificate per valutare la regolarit delle rigidezze in


altezza, ad esempio correggendo le rigidezze valutate con telaio sheartype mediante coefficienti numerici che tengano conto delleffettiva
rigidezza delle travi rispetto ai pilastri. Le verifiche della regolarit in
altezza delle resistenze (punto g) richiede la conoscenza delle armature
dei pilastri; pertanto verr presentata nella sezione 2.13.5.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

76

2.10 CALCOLO DEI CARICHI AGENTI SULLE TRAVI


Per ogni elemento trave di ciascun livello, si determina il valore del
carico accidentale Q k e di quello fisso G k (escluso il peso proprio
dellelemento) tenendo conto dellorditura dei solai. Si specifica che i
carichi accidentali Q k sono nominali, cio non moltiplicati per i

5,20 m

3,90 m

4,50 m

rispettivi coefficienti di combinazione.

5,80 m

5,00 m

3,40 m

5,00 m

Fig. 2.15 Orditura dei solai

1 livello

5,80 m

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

77

Fig. 2.16 Numerazione delle travi del primo livello

Elementi
1001
1002
1003
1004
1005
1006
1007
1008
1009
1010
1011
1012
1013
1014
1015
1016
1017
1018
1019
1020

G k (kN/m) Q k (kN/m)
25,10
25,10
2,85
25,10
25,10
25,70
25,70
1,10
25,70
25,70
23,80
23,80
1,10
23,80
23,80
23,20
23,20
2,85
23,20
23,20

2 livello

10,80
10,80
0
10,80
10,80
9,10
9,10
0
9,10
9,10
8,40
8,40
0
8,40
8,40
10,10
10,10
0
10,10
10,10

Elementi G k (kN/m) Q k (kN/m)


1031
1032
1033
1034
1035
1036
1037-1038
1039
1040
1041-1042
1043
1044
1045
1046
1047
1048
1049
1050

5,15
5,15
5,15
1,10
1,10
1,10
1,10
10,30
10,30
1,10
10,30
10,30
1,10
1,10
1,10
5,15
5,15
5,15

0
0
0
0
0
0
0
3,40
3,40
0
3,40
3,40
0
0
0
0
0
0

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

Fig. 2.17 Numerazione delle travi del secondo livello

Elementi G k (kN/m) Q k (kN/m)


2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
2018
2019
2020

25,10
25,10
2,85
25,10
25,10
25,70
25,70
1,10
25,70
25,70
23,80
23,80
1,10
23,80
23,80
23,20
23,20
2,85
23,20
23,20

3 livello

10,80
10,80
0
10,80
10,80
9,10
9,10
0
9,10
9,10
8,40
8,40
0
8,40
8,40
10,10
10,10
0
10,10
10,10

Elementi G k (kN/m) Q k (kN/m)


2031
2032
2033
2034
2035
2036
2037-2038
2039
2040
2041-2042
2043
2044
2045
2046
2047
2048
2049
2050

5,15
5,15
5,15
1,10
1,10
1,10
1,10
10,30
10,30
1,10
10,30
10,30
1,10
1,10
1,10
5,15
5,15
5,15

0
0
0
0
0
0
0
3,40
3,40
0
3,40
3,40
0
0
0
0
0
0

78

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

Fig. 2.18 Numerazione delle travi del terzo livello

Elementi G k (kN/m) Q k (kN/m)


3001
3002
3003
3004
3005
3006
3007
3008
3009
3010
3011
3012
3013
3014
3015
3016
3017
3018
3019
3020

25,10
25,10
2,85
25,10
25,10
25,70
25,70
1,10
25,70
25,70
23,80
23,80
1,10
23,80
23,80
23,20
23,20
2,85
23,20
23,20

4 livello

10,80
10,80
0
10,80
10,80
9,10
9,10
0
9,10
9,10
8,40
8,40
0
8,40
8,40
10,10
10,10
0
10,10
10,10

Elementi G k (kN/m) Q k (kN/m)


3031
3032
3033
3034
3035
3036
3037-3038
3039
3040
3041-3042
3043
3044
3045
3046
3047
3048
3049
3050

5,15
5,15
5,15
1,10
1,10
1,10
1,10
10,30
10,30
1,10
10,30
10,30
1,10
1,10
1,10
5,15
5,15
5,15

0
0
0
0
0
0
0
3,40
3,40
0
3,40
3,40
0
0
0
0
0
0

79

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

Fig. 2.19 Numerazione delle travi del quarto livello

Elementi G k (kN/m) Q k (kN/m)


4001
4002
4003
4004
4005
4006
4007
4008
4009
4010
4011
4012
4013
4014
4015
4016
4017
4018
4019
4020

22,20
22,20
14,60
22,20
22,20
25,70
25,70
15,17
25,70
25,70
23,80
23,80
1,10
23,80
23,80
20,30
20,30
0,55
20,30
20,30

8,00
8,00
5,20
8,00
8,00
9,10
9,10
5,20
9,10
9,10
8,40
8,40
0
8,40
8,40
7,30
7,30
0
7,30
7,30

Elementi G k (kN/m) Q k (kN/m)


4031
4032
4033
4034
4035
4036
4037
4038
4039
4040-4041
4042
4043
4044
4045
4046
4047
4048
4049

Scala: Trave a ginocchio (sezioni)

0,55
0,55
0,55
1,10
1,10
1,10
1,10
10,30
10,30
1,10
10,30
10,30
1,10
1,10
1,10
0,55
0,55
0,55

0
0
0
0
0
0
0
3,40
3,40
0
3,40
3,40
0
0
0
0
0
0

80

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

81

Fig. 2.20 Numerazione delle travi della scala (sezioni)

Elemento G k (kN/m) Q k (kN/m)


101-110
201-210
301-310
401-410
150
250
350
450

2,8
2,8
2,8
2,8
9,1
9,1
9,1
9,1

0,0
0,0
0,0
0,0
6,0
6,0
6,0
6,0

Elemento G k (kN/m) Q k (kN/m)


111-120
211-220
311-320
200
300
400

2,8
2,8
2,8
9,1
9,1
9,1

0,0
0,0
0,0
6,0
6,0
6,0

Scala: Trave a ginocchio (prospetto)


Elem.
500
1000
2000
3000
4000

Fig. 2.21 Numerazione delle travi della scala (prospetto)

Gk
Qk
(kN/m) (kN/m)
14,84
2,83
2,83
2,83
2,83

11,55
0
0
0
0

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

82

Si osservi che per quanto concerne la scala in G k si trascurata laliquota


dovuta alla tamponatura; inoltre la parte obliqua della trave a ginocchio
non appare caricata dal sovraccarico accidentale dal momento che questo
grava direttamente sui gradini.

2.11 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA


La norma prevede la possibilit di eseguire analisi lineari e non lineari
(punto 4.5 Analisi). Nel caso in esame si far, per, solo riferimento
alle analisi elastiche, per cui il modello sar elastico (punto 4.4
Modellazione della struttura); , infatti, questo il modo pi agevole di
operare e nel presente Manuale per brevit non si vogliono introdurre
procedure pi complesse.
Nel caso in esame, essendo ledificio regolare in pianta, il modello di
calcolo pu essere piano o spaziale. In ogni caso esso definito dalla
linea dassi degli elementi (si veda anche Manuale 1 sezione 2.5.1) ed
eventualmente pu essere considerata la rigidezza del nodo mediante dei
conci rigidi agli estremi degli elementi (si veda anche Manuale 1 sezione
4.8.3).
Il modello utilizzato nellanalisi strutturale di tipo spaziale, essendo
oggi in commercio programmi in grado di implementare agevolmente
una struttura tridimensionale. Tale modello, da un punto di vista
dinamico, ammettendo valida lipotesi di impalcato infinitamente rigido

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

83

nel proprio piano, caratterizzato da tre gradi di libert per ciascun


livello. Ossia due traslazioni, nelle due direzioni ortogonali, del
baricentro dellimpalcato e la rotazione intorno allasse verticale
passante per esso.
In aggiunta alleccentricit effettiva del baricentro, dovr essere
considerata uneccentricit accidentale, spostando il centro massa di
ogni piano, in ogni direzione considerata, di una distanza pari al 5% della
dimensione massima del piano in direzione perpendicolare allazione
sismica (si veda anche Manuale 1 sezione 4.2.2) (punto 4.4
Modellazione della struttura).

Nel caso specifico questo significa che il centro di massa va spostato in


quattro diversi punti, che hanno le seguenti distanze misurate a partire
dal centro di massa stesso (Fig. 2.22):
B' G B' ' G 5% di 25 m 1,25 m
A' G A' ' G 5% di 13,6 m 0,68 m

84

13,6 m

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

25 m

Fig. 2.22 Posizioni del centro di massa

2.12 RISULTATI DELLANALISI DINAMICA MODALE


(SLU)
Lanalisi modale associata allo spettro di progetto (punto 3.2.5 Spettri di
progetto per lo stato limite ultimo), da considerarsi il metodo normale per

la definizione delle sollecitazioni di progetto ( per questo che stata


adottata nel presente Manuale) e va applicata ad un modello
tridimensionale delledificio oppure a due modelli piani separati, a
condizione che siano rispettati i criteri di regolarit in pianta di cui al
punto 4.3.1 (punto 4.5.3 Analisi dinamica modale). Pertanto a titolo

esemplificativo stato adottato tale metodo di calcolo, nonostante fosse


possibile lanalisi statica.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

85

Lanalisi modale stata effettuata considerando la totalit dei modi di


vibrare del modello (12); dunque il punto 4.5.3, in cui vi sono requisiti
sulla massa partecipante, automaticamente soddisfatto.
Si riportano di seguito alcuni dei modi di vibrazione pi significativi con
i relativi periodi (T) e la percentuale di massa partecipante (o massa
~
~
efficace) associata in direzione X ed Y ( M
% x e M % y ) calcolati con il

baricentro delle masse spostato nel punto A (si veda anche Manuale 1,
sezioni 2.3.2 e 4.3.2).

1 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,511 s; M % x =74,1%; M % y =0%)

4 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,168 s; M % x =9,7%; M % y =0%)

2 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,473 s; M % x =0%; M % y =86,9%)

5 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,156 s; M % x =0%; M % y =10,6%)

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

3 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,411 s; M % x =12,1%; M % y =0,01%)

6 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,133 s; M % x =2,0%; M % y =0%)

Primi sei modi di vibrazione con vista dallalto

1 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,511 s; M % x =74,1%; M % y =0%)

86

4 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,168 s; M % x =9,7%; M % y =0%)

7 modo di vibrazione: Traslazione lungo X


~
~
(T=0,091 s; M % x =2,0%; M % y =0%)
Deformate del telaio posto nel piano y=0 dei primi tre modi con massa
partecipante preponderante in direzione X

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

87

Si riportano di seguito alcuni dei modi di vibrazione pi significativi con


i relativi periodi (T) e la percentuale di massa partecipante (o massa
~
~
efficace) associata in direzione X ed Y ( M
% x e M % y ) calcolati con il

baricentro delle masse spostato nel punto B

1 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,503 s; M % x =57,2%; M % y =17,0%)

4 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,166 s; M % x =6,7%; M % y =2,7%)

2 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,482 s; M % x =24,6%; M % y =57,6%)

5 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,158 s; M % x =4,2%; M % y =6,6%)

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

3 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,409 s; M % x =3,4%; M % y =12,4%)

6 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,133 s; M % x =0,7%; M % y =2,2%)

Primi sei modi di vibrazione con vista dallalto

2 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,482 s; M % x =24,6%; M % y =57,6%)

5 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,158 s; M % x =4,2%; M % y =6,6%)

88

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

89

8 modo di vibrazione: Traslazione lungo Y


~
~
(T=0,086 s; M % x =1,0%; M % y =1,2%)

Deformata del telaio posto nel piano x=25 m dei primi tre modi con massa
partecipante preponderante in direzione Y

Si rileva che la riduzione delle rigidezze flessionali delle membrature


collegata alla fessurazione, consentita dalla norma (punto 4.4) avrebbe
portato allaumento di tutti i periodi propri e quindi la diminuzione delle
azioni sismiche dovuta al ramo discendente dello spettro di progetto.
Peraltro tale scelta avrebbe raddoppiato la deformabilit della struttura,
penalizzando la verifica allo SLD.
La combinazione dei modi, al fine del calcolo di sollecitazioni e
spostamenti stata effettuata attraverso una combinazione quadratica
completa (CQC), in quanto non rispettata la condizione che il periodo
di vibrazione di ciascun modo differisca di almeno il 10% da tutti gli altri
(Analisi dinamica modale).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

90

Lespressione della combinazione CQC la seguente (si veda anche la


sezione 4.3.2.2 del Manuale 1):

E i j ij Ei E j 1 / 2

(2.7)

dove:
E il valore totale della componente di risposta sismica che si sta
considerando;
E i il valore della medesima componente dovuta al modo i;
E j il valore della medesima componente dovuta al modo j;
ij () il coefficiente di correlazione tra il modo i e il modo j;

il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente (posto pari


a 0,05).
Per quanto concerne la combinazione delle componenti dellazione
sismica, si sceglie lopzione normativa secondo cui i valori massimi della
risposta ottenuti da ciascuna delle due azioni orizzontali applicate
separatamente (sollecitazioni) sono combinati sommando ai massimi
ottenuti per lazione applicata in una direzione il 30% dei massimi
ottenuti per lazione applicata nellaltra direzione (punto 4.6
Combinazione delle componenti dellazione sismica). Cos facendo si

ottengono 32 diverse combinazioni, in quanto vi sono 8 coppie di azioni


ortogonali (in particolare + e azione massima nella direzione X
combinata con + e il 30% dellazione massima nella direzione Y;
inoltre + e azione massima nella direzione Y combinata con + e il

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

91

30% dellazione massima nella direzione X, per un totale di 8 casi), da


moltiplicare per le 4 possibili posizioni del centro delle masse.
Ad esempio, con riferimento alla Figura 2.23, considerata unazione
sismica orizzontale applicata lungo una direzione passante per A, i cui
effetti vengono indicati con E x , ed una ad essa ortogonale applicata
secondo la direzione passante per B, i cui effetti vengono indicati con
E y , le 8 combinazioni risultano essere le seguenti:

Fig. 2.23 Combinazione delle componenti delle azioni sismiche

1 : E x 30% E y ; 2 : E x 30% E y ; 3 : E x 30% E y ; 4 : E x 30% E y


5 : 30% E x E y ; 6 : 30% E x E y ; 7 : 30% E x E y ; 8 : 30% E x E y

Si osservi che, trattandosi di verifiche a presso flessione deviata per i


pilastri, a priori non possibile eliminare alcuna delle 32 combinazioni;
nel caso di presenza di un asse di simmetria sarebbe possibile eliminare 8
combinazioni in quanto risulta inutile spostare da entrambi i lati, rispetto

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

92

allasse di simmetria, il centro delle masse. Dunque le combinazioni si


ridurrebbero a 16. Nel caso in esame, per mantenere la generalit, si
deciso di non usufruire di tale possibilit.
A ciascuna combinazione, vanno poi sommati i valori delle sollecitazioni
per effetto dei carichi verticali secondo quanto prescritto al punto 3.3
Combinazione dellazione sismica con le altre azioni. Naturalmente la

semplice sovrapposizione degli effetti consentita dalla linearit del


modello adottato.
Nel caso di stato limite ultimo deve essere effettuata

la seguente

combinazione degli effetti della azione sismica con le altre azioni:


Fd I E Gk 2 Qk

(2.8)

essendo:

I E lazione sismica per lo stato limite in esame, con I = fattore di


importanza;
G k il valore caratteristico delle azioni permanenti;
Q k il valore caratteristico delle azioni accidentali;
ed assumendo:

= 0,30 per la destinazione duso di abitazioni e uffici;


= 0,80 per la destinazione duso di magazzini, archivi e scale;
I = 1,0 per edifici ordinari (punto 4.7 Fattori di importanza).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

93

2.13 VERIFICA DELLO STATO LIMITE ULTIMO


Si procede nel seguito alle verifiche strutturali (travi, pilastri e nodi)
delledificio. In particolare si far riferimento al progetto di due travate
del primo livello (ortogonali tra loro) e ad una pilastrata, intersecante le
due travate stesse.
Le due travate sono quelle indicate con 1001-1002-1003-1004-1005 e
1048-1049-1050, mentre la pilastrata con 1068-2068-3068-4068 (Fig.
2.24).

Fig. 2.24 Travate e pilastrata di progetto

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

94

n1004
40 x 60

40 x 65
40 x 65
40 x 75

n1003
40 x 60

n2068

n1002
40 x 60

40 x 75

n1001
40 x 60

n1068

n3068

n4068

2.13.1 TRAVE 1001-1002-1003-1004-1005: Verifica a flessione

n1005
40 x 60

Fig. 2.25 Travata di progetto

In ogni sezione, il momento resistente, calcolato con gli stessi


coefficienti parziali di sicurezza m applicabili per le situazioni non
sismiche, deve risultare superiore o uguale al momento flettente di
calcolo (punto 5.4.1.2 Verifiche di resistenza - flessione).
I momenti flettenti di calcolo, da utilizzare per il dimensionamento delle
travi, sono quelli ottenuti dallanalisi globale della struttura, tenuto conto
delle combinazioni delle componenti dellazione sismica (punto 4.6) e
delle combinazioni dellazione sismica con le altre azioni (punto 3.3).
Come detto tali combinazioni sono in totale 32, ma le per le travi che si
intende studiare le 8 pi significative sono presumibilmente quelle

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

95

ottenute considerando le due azioni sismiche orizzontali ortogonali, E x


computata considerando il baricentro in A ed E y calcolata considerando
il baricentro in B (Fig. 2.26).

Fig. 2.26 Azioni sismiche pi significative per la travata in oggetto

Si riportano di seguito le 8 combinazioni di cui sopra. Si precisa al


riguardo che:
-

I momenti positivi tendono le fibre inferiori;

I valori forniti nelle colonne E x ed E y rappresentano i risultati


delle due analisi dinamiche modali considerando lo spostamento
del centro di massa di una eccentricit accidentale cos come sopra
definito. Nella realt il programma di calcolo per la valutazione di
sollecitazioni e spostamenti esegue la combinazione dei modi,
attraverso una combinazione quadratica completa (CQC). Questo
comporta in output la perdita del segno, ossia le sollecitazioni

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

96

vengono date in valore assoluto. La questione irrilevante in molti


casi, ma diviene rilevante in presenza di sollecitazioni combinate
sforzo normale momento flettente e per ladozione di alcune
regole progettuali, come nel caso del rispetto della gerarchia delle
resistenze trave-pilastro, in cui servono i segni relativi delle
diverse sollecitazioni convergenti in un nodo. Nel caso in esame il
problema stato risolto dando ai risultati E x ed E y delle due
analisi dinamiche modali i segni del modo principale di vibrazione
relativo a ciascuna delle due analisi, secondo gli andamenti
riportati alla sezione 2.12.
-

Nelle tabelle che seguiranno si terr conto della seguente


simbologia:
+E x +0,3E
E1
y
E 2 +E x -0,3E y
E 3 -E x +0,3E y
E 4 -E x -0,3E y

E5
E6
E7
E8

+0,3E x +E y
+0,3E x -E y
-0,3E x +E y
-0,3E x -E y

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

97

Momento di calcolo :Trave 1001-1002-1003-1004-1005


(solo azioni sismiche)
Trav Lung. Dist.
Ex
Ey
(n) (m)
(m) (kNm) (kNm)
0,00 -201
-57
1001 5,80 2,90
8,3
2,4
5,80 218
61
0,00 -216
-64
1002 5,00 2,50 -32
-9,6
5,00 151
45
0,00 -91
-27
1003 3,40 1,70 -0,1
-2,6
3,40
91
29
0,00 -152
-40
1004 5,00 2,50
32
9,2
5,00 216
58
0,00 -218
-62
1005 5,80 2,90 -8,3
-2,6
5,80 201
57

E1
(kNm)
-218
9,0
236
-236
-35
165
-99
-0,9
100
-164
35
234
-237
-9,1
218

E2
(kNm)
-184
7,6
200
-197
-30
138
-83
0,7
83
-139
30
199
-199
-7,5
184

E3
E4
E5
E6
E7
E8
(kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
184 218 -117 -3,7 3,7 117
-7,6 -9,0 4,9
0,1 -0,1 -4,9
-200 -236 127 3,9 -3,9 -127
197 236 -129 -0,5 0,5 129
30
-19 -0,2 0,2
19
35
-138 -165 91
0,2 -0,2 -91
83
-54 -0,8 0,8
54
99
-0,7 0,9 -2,6 2,6 -2,6 2,6
-83 -100 56 -1,5 1,5 -56
139 164 -86 -5,3 5,3
86
-30 -35
19
0,6 -0,6 -19
-199 -234 123 6,7 -6,7 -123
199 237 -128 -3,2 3,2 128
7,5
9,1 -5,1 0,1 -0,1 5,1
-184 -218 117 3,4 -3,4 -117

Si osservi che la contemporaneit dellazione principale con il 30% di


quella nellaltra direzione, aumenta la sollecitazione flettente nelle travi
di non oltre il 10%. inoltre opportuno notare come, tra le otto, due
siano le combinazioni che forniscono i valori pi elevati e cio E 1 =
(E x + 0,3E y ) ed E 4 = (-E x -0,3E y ). In particolare, poich la trave
allineata parallelamente allasse X, le combinazioni E 5 , E 6 , E 7 ed E 8
nelle quali prevale leffetto del sisma lungo Y, sono poco significative.
Per tale motivo le sollecitazioni prodotte dai carichi verticali (G k +0,3Q k )
saranno sommate solo alle combinazioni E 1 , E 2 , E 3 ed E 4 al fine di
ottenere le sollecitazioni pi utili per le verifiche (punto 3.3
Combinazione dellazione sismica con le altre azioni).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

98

Si riportano di seguito i risultati:

Momento di calcolo: Trave 1001-1002-1003-1004-1005


(Azioni sismiche + Carichi verticali)
Trav Lungh. Dist. V=(G k +0,3Q k )
(kNm)
(n) (m) (m)
0,00
-71
1001 5,80 2,90
57
5,80
-104
0,00
-90
1002 5,00 2,50
40
5,00
-46
0,00
-23
1003 3,40 1,70
-9,6
3,40
-22
0,00
-44
1004 5,00 2,50
40
5,00
-91
0,00
-104
1005 5,80 2,90
57
5,80
-71

V+E 1
(kNm)
-290
66
132
-325
4,4
120
-122
-10
78
-207
75
143
-341
48
147

V+E 2
(kNm)
-256
64
96
-287
10
92
-106
-8,9
61
-183
70
108
-303
49
113

V+E 3
(kNm)
113
49
-303
107
69
-183
60
-10
-104
96
10
-290
95
64
-256

V+E 4 1,4G k +1,5Q k


(kNm)
(kNm)
-124
147
48
99
-181
-340
-158
146
75
69
-77
-211
-38
76
-8,7
-19
-36
-122
-74
120
4,8
70
-160
-324
-181
132
66
99
-124
-290

Al fine di conseguire le desiderate caratteristiche di duttilit locale e


globale, necessario che vengano rispettate delle condizioni sui dettagli
di armatura degli elementi.
In ogni sezione della trave il rapporto darmatura al bordo superiore e
quello al bordo inferiore devono essere compresi tra i seguenti limiti
(punto 5.5.2.2 Armature longitudinali):
1,4
7

f yk
f yk

(2.9)

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

dove: il rapporto geometrico di armatura

99

Ai
As
oppure
;
b h
b h

A s e A i rappresentano larea dellarmatura longitudinale,


rispettivamente superiore e inferiore;
f yk la tensione caratteristica di snervamento dellacciaio (in
N/mm2).
Nel caso in esame, con una sezione 40 x 60 (travi del 1 livello) ed un
acciaio Feb44k, si ricava:
A smin A imin

A smax A imax

1,4
b h 1,4 400 600 7,81 cm 2
f yk
430
7
f yk

b h

7
400 600 39,07 cm 2
430

Tenendo presente anche le limitazioni fornite dal D.M. 9 gennaio 1996


(punto 5.3), il progetto delle armature eseguito facendo in modo che in

ogni sezione il momento resistente risulti superiore o uguale al momento


flettente determinato come sopra specificato.
Nella tabella precedente, per ciascuna delle sezioni significative della
trave, i valori dei momenti flettenti utilizzati per le verifiche sono
evidenziati in grassetto. Si noti che in ciascuna sezione di estremit si
sono ottenuti valori dei momenti flettenti sia positivi che negativi. Nel
seguito si riporta il diagramma del momento resistente allo stato limite

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

100

ultimo e il diagramma inviluppo del momento sollecitante, nonch la


distinta delle armature (Fig. 2.27).
SOLLECITAZIONI DI PROGETTO: Travata 1001-1002-1003-1004-1005
352 kNm

350
309 kNm

300
250

Trave 1001

Trave 1002

Trave 1003

(40 x 60 cm)

(40 x 60 cm)

(40 x 60 cm)
211 kNm

200

180 kNm

180 kNm

161 kNm

Mom (kNm)

150
100
50
0
50
100

Sezione A-A

150

18

14

180 kNm

5 (m)

SEZIONE LONGITUDINALE: Travata 1001-1002-1003-1004-1005

14
A

18
8 ; l tot=1,96 m
35

60 cm

14

staffe 8/8 cm

staffe 8/10 cm

staffe 8/8 cm

staffe 8/8 cm

staffe 8/10 cm

5,20 m

staffe 8/8 cm

staffe 8/8 cm

4,45 m

1,50 m

135
8

A
55

55

DISTINTA DEI FERRI: Travata 1001-1002-1003-1004-1005


218 ; ltot =9,60 m

35

40

50

870

114 ; ltot =9,60 m

40

50

870

118 ; ltot=8,20 m

50

700

218 ; ltot =2,40 m

50

120

70

30

230

70

70

40
40

50

200

114 ; ltot =9,00 m

40

50

ferri di parete 14; l tot=8,80 m

318 ; ltot =9,00 m

40

810
810

114 ; ltot =6,00 m

114+218 ; l tot=3,40 m

810
30

70
630

50

70

410

40

118 ; ltot =7,70 m

70

70

410

114 ; ltot =9,00 m

70

114 ; ltot =2,40 m


120

218 ; ltot=9,00 m
40

40
40

470

ferri di parete 14; l tot=10,20 m


470

114 ; ltot =10,20 m


40
40

470

318 ; ltot =10,20 m


470

Fig. 2.27 (1) Distinta delle armature-travata 1001-1002-1003-1004-1005; parte sinistra

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

101

SOLLECITAZIONI DI PROGETTO: Travata 1001-1002-1003-1004-1005


352 kNm

Trave 1003

Trave 1004

Trave 1005

(40 x 60 cm)

(40 x 60 cm)

(40 x 60 cm)

350
309 kNm

250

211 kNm

200

180 kNm

161 kNm

300

50
0

Mom (kNm)

150
100

50
100
150

180 kNm

Sezione B-B
18

14

5 (m)

SEZIONE LONGITUDINALE: Travata 1001-1002-1003-1004-1005

14

60 cm

14

staffe 8/8 cm

staffe 8/8 cm

1,50 m

staffe 8/10 cm

staffe 8/8 cm

staffe 8/8 cm

staffe 8/10 cm

4,45 m

staffe 8/8 cm

5,20 m

18
8 ; l tot=1,96 m
35

135
8

40

230

40

218 ; ltot =9,70 m

40

114 ; ltot =9,70 m


850

70

118 ; ltot=8,20 m

70

700

114+218 ; l tot=3,40 m

ferri di parete 14; ltot=10,20 m


470

40
40

40
40

120

790

ferri di parete 14; l tot=8,60 m


790

40

114 ; ltot =8,80 m

40

318 ; ltot =8,80 m

50

470

470

40

120

50

114 ; ltot =10,20 m


318 ; ltot =10,20 m

40

70

70

50

470

200

114 ; ltot =2,40 m

70

70

70

218 ; ltot =2,40 m

50

630

50

118 ; ltot =7,70 m

70

35

850

50

114 ; ltot =6,00 m

40

50

410

30 30

410

55

218 ; ltot =9,00 m


114 ; ltot =9,00 m

55

DISTINTA DEI FERRI: Travata 1001-1002-1003-1004-1005

790
790

Fig. 2.27 (2) Distinta delle armature-travata 1001-1002-1003-1004-1005; parte destra

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

102

Si osservi che larmatura al bordo inferiore, oltre che dai minimi, risulta
essere condizionata dalla disposizione di normativa secondo la quale in
ciascuna estremit collegata con i pilastri, per un tratto pari a due volte
laltezza utile della sezione trasversale, la percentuale darmatura
compressa non deve essere minore della met di quella tesa nella stessa
sezione (punto 5.5.2.2 Armature longitudinali).
Si osservi che la forma del diagramma inviluppo dei momenti sollecitanti
condizionata, in alcuni tratti centrali di ciascuna campata, anche
dallandamento del diagramma flettente ottenuto dallazione dei soli
carichi verticali (1,4G k + 1,5Q k ).
2.13.2 TRAVE 1001-1002-1003-1004-1005: Verifica a taglio

Per le strutture in CD A, al fine di escludere la formazione dei


meccanismi di rottura fragili dovuti al taglio, gli sforzi di taglio di
calcolo si ottengono sommando il contributo dovuto ai carichi
gravitazionali agenti sulla trave allo sforzo di taglio prodotto dai
momenti resistenti delle sezioni di estremit, amplificati per il fattore Rd
= 1,20.
I momenti resistenti di estremit sono da calcolare sulla base delle
armature flessionali effettivamente disposte e considerando due valori
dello sforzo di taglio, massimo e minimo, assumendo rispettivamente la
presenza e lassenza dei carichi variabili e momenti di estremit con i

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

103

due possibili segni, da assumere in ogni caso concordi (punto 5.4.1.1


Sollecitazioni di calcolo).

Con riferimento alla trave 1001, si considerano pertanto i seguenti


schemi di calcolo:
-

Primo schema
Mu+B

Gk

Mu+A A

5,80 m

Si indicato con M u + il momento resistente avente verso antiorario. I


valori dei momenti delle sezioni di estremit sono:
M uA 309 kNm
M uB 180 kNm

Il contributo dei carichi gravitazionali agenti sulla trave :


G k 31,1 kN / m

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:
VA Rd

M uA M uB G k l trave
309 180 31,1 5,80

1, 2

191 kN
l trave
2
5,80
2

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

VB Rd

104

M uA M uB G k l trave
309 180 31,1 5,80

1, 2

11 kN
l trave
2
5,80
2

Secondo schema
Mu+B

Gk+0,3 Qk

Mu+A A

5,80 m

Il contributo dei carichi gravitazionali agenti sulle trave :


G k 0,3Q k 31,1 0,3 10,8 34 ,3 kN / m

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:

VA Rd

M uA M uB G k 0,3Q k l trave
309 180 34 ,3 5,80

1, 2

200 kN
l trave
2
5,80
2

VB Rd

M uA M uB G k 0,3Q k l trave
309 180 34 ,3 5,80

1, 2

2 kN
l trave
2
5,80
2

Terzo schema
MuA-

Gk

5,80 m

MuB-

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

105

Si indicato con M u - il momento resistente avente verso orario. I valori


dei momenti delle sezioni di estremit sono:
M uA 180 kNm
M uB 352 kNm

Il contributo dei carichi gravitazionali agenti sulla trave :


G k 31,1 kN / m

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:

VA Rd

M uA M uB G k l trave
352 180 31,1 5,80

1, 2

20 kN
l trave
2
5,80
2

VB Rd

M uA M uB
G l
352 180 31,1 5,80
k trave 1, 2

200 kN
2
5,80
2
l trave

Quarto schema
MuA-

Gk+0,3 Qk

5,80 m

MuB-

Il contributo dei carichi gravitazionali agenti sulla trave :


G k 0,3Q k 31,1 0,3 10,8 34 ,3 kN / m

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

106

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:
VA Rd

M uA M uB G k 0,3Q k l trave
352 180 34 ,3 5,80

1, 2

11 kN
l trave
2
5,80
2

M uA M uB G k 0,3Q k l trave
352 180 34 ,3 5,80

1, 2

209 kN
l trave
2
5,80
2
Risulta quindi che i valori del taglio max e min sono:
VB Rd

A
A
200 kN ; VMIN
20 kN
VMAX

B
B
VMAX
11 kN ; VMIN
209 kN

Si riportano in forma sintetica, nella tabella seguente i valori del taglio,


per tutte le altre travi:

Taglio di progetto : Trave 1001-1002-1003-1004-1005 (kN)


N trave

Lungh. (m)

1001

5.80

1002

5.00

1003

3.40

1004

5.00

1005

5.80

progr. (m)
0.0
5.8
5.8
10.8
10.8
14.2
14.2
19.2
19.2
25.0

Mu+
309
180
352
180
211
180
211
180
352
180

Mu-180
-352
-180
-211
-180
-211
-180
-352
-180
-309

V MAX
200
11
214
50
153
123
180
16
209
20

V MIN
-20
-209
-16
-180
-123
-153
-50
-214
-11
-200

Relativamente al calcolo delle sollecitazioni taglianti, si osservi che oltre


al calcolo sopra presentato stata considerata, come per i momenti

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

107

flettenti, anche la combinazione caratterizzata da soli carichi verticali


(1.4 Gk 1.5 Q k ), che non stata riportata in Tabella risultando sempre
meno gravosa.
Per tutte le travi dellallineamento in esame si considerata la stessa
distribuzione di armatura trasversale; essa stata posta uguale a quella
della trave dellallineamento caratterizzata dalle sollecitazioni taglianti
pi gravose.
Per la verifica a taglio per le strutture in CD A il contributo del
calcestruzzo alla resistenza al taglio viene considerato nullo e si
considera esclusivamente il contributo dellacciaio (punto 5.4.1.2
Verifiche di resistenza-Taglio).

Il calcolo di detto valore viene eseguito cos come indicato dal D.M. 9
gennaio 1996:
V wd A sw f ywd

0 ,9 d
( sen cos )
s

(2.10)

In tal espressione linclinazione dellarmatura trasversale rispetto


allasse della trave, A sw larea dellarmatura trasversale posta ad
interasse s e d laltezza utile della sezione.
Nel caso in esame = 90 (staffe verticali) mentre s = 8 cm in quanto
nelle zone di attacco con i pilastri, per un tratto pari a due volte laltezza
utile della sezione trasversale, devono essere previste staffe di

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

108

contenimento ad un passo non maggiore della pi piccola delle seguenti


grandezze (punto 5.5.2.3 Armature trasversali):
-

un

quarto

dellaltezza

utile

della

sezione

trasversale

( d 4 56 4 14 cm )
-

15 cm

sei volte il diametro minimo delle barre longitudinali considerate


ai fini delle verifiche (614=8,4 cm).

Per staffe di diametro 8 poste ad interasse di 8 cm, si ricava:


Vwd A sw f ywd

0 , 9d
430 0,9 560
2 50,3

237 kN Vsdu 214 kN


s
1,15
80

Nelle rimanenti parti delle travi si dispongono staffe 8/10 cm:


Vwd A sw f ywd

0,9d
430 0,9 560
2 50,3

189 kN Vsdu
s
1,15
100

La disuguaglianza sopra riportata giustificata dal decremento del taglio


allaumentare della distanza dallappoggio a causa della presenza del
carico distribuito, come mostrato in Figura 2.28. Per la travata in esame,
il massimo taglio in corrispondenza di una sezione distante due volte
laltezza utile dallappoggio risulta: Vsdu 162 kN .

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

MuA-

109

Gk+0,3 Qk
5,00 m

MuB-

Mu+B

Gk+0,3 Qk
5,00 m

Mu+A A

=
1,50 m

200

162 kN

100

Vsdu
100
135 kN
1,32 m

200

Fig. 2.28 Andamento del taglio di progetto

altres rispettata la condizione che il pi grande dei valori di taglio


sollecitanti V max e V min inferiore al valore:
VR 1 10 Rd b w d 10

(punto 5.4.1.2 Taglio).

2/3
R ck
25 2 / 3
b w d 10
400 560 684 kN Vsdu
28
28

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

110

40 x 65
40 x 75

40 x 65

n3068
n2068

n4068

2.13.3 TRAVE 1048-1049-1050: Verifica a flessione

n1068

n1048
40 x 60

n1049
40 x 60

n1050
40 x 60

Z
Y
Fig. 2.29 Travata di progetto

Si procede alla verifica delle travata in perfetta analogia con quanto


sviluppato al par. 2.13.1.
Come gi rilevato, le combinazioni sono in totale 32, ma si possono
individuare le 8 pi significative, (per la trave in esame) che sono
evidentemente quelle ottenute considerando le due azioni sismiche
orizzontali ortogonali, E x agente lungo una direzione passante per A ed
E y applicata secondo la direzione passante per B.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

111

Si riportano di seguito le 8 combinazioni di cui sopra. Valgono le


precisazioni gi fatte nel par. 2.13.1
Nelle tabelle che seguono si terr conto della seguente simbologia:
+E x +0,3E
E5
E6
E7
E8

E1
y
E 2 +E x -0,3E y
E 3 -E x +0,3E y
E 4 -E x -0,3E y

+0,3E x +E y
+0,3E x -E y
-0,3E x +E y
-0,3E x -E y

Momento di calcolo :Trave 1048-1049-1050


(solo azioni sismiche)
Trav Lungh. Dist. E x
(kNm
(n) (m) (m)
)
0,00 -140
1048 5,20 2,60 -5,7
5,20 128
0,00 -149
1049 3,90 1,95 0,1
3,90 149
0,00 -124
1050 4,50 2,25 -4,9
4,50 115

Ey
(kNm
)
-287
-12
263
-307
0,1
308
-256
-9,6
237

E1

E2

E3

E4

E5

E6

E7

E8

(kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)


-226
-9,3
207
-241
0,2
242
-201
-7,8
186

-54
-2,2
49
-57
0,1
57
-48
-2,0
44

54
2,2
-49
57
-0,1
-57
48
2,0
-44

226
9,3
-207
241
-0,2
-242
201
7,8
-186

-329
-14
302
-352
0,1
352
-293
-11
271

245
10
-225
263
-0,1
-263
219
8,2
-202

-245
-10
225
-263
0,1
263
-219
-8,2
202

329
14
-302
352
-0,1
-352
293
11
-271

opportuno notare nuovamente che, tra le otto combinazioni, due sono


quelle che forniscono i valori pi elevati e cio E 5 = (0,3 E x + E y ) ed E 8 =
(-0,3 E x -E y ). In particolare poich la trave allineata parallelamente
allasse Y, le combinazioni E 1 , E 2 , E 3 ed E 4 nelle quali prevale leffetto
del sisma lungo X, sono poco significative. Per tale motivo le

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

112

sollecitazioni prodotte dai carichi verticali (G k +0,3Q k ) saranno sommate


solo alle combinazioni E 5 , E 6 , E 7 ed E 8 al fine di ottenere le
sollecitazioni pi utili per le verifiche (punto 3.3 Combinazione
dellazione sismica con le altre azioni).

Si riportano di seguito i risultati:

Momento di calcolo :Trave 1048-1049-1050


(Azioni sismiche + Carichi verticali)
Trav Lungh. Dist. V=(G k +0,3Q k ) V+E 5
(kNm)
(kNm)
(n) (m) (m)
0,00
-28
-356
1048 5,20 2,60
14
0,2
5,20
-20
282
0,00
-19
-371
1049 3,90 1,95
6,3
6,5
3,90
-11
341
0,00
-23
-316
1050 4,50 2,25
12
0,4
4,50
-10
261

V+E 6
(kNm)
217
24
-245
244
6,3
-274
195
20
-213

V+E 7
(kNm)
-273
3,7
205
-281
6,4
252
-242
3,3
192

V+E 8
(kNm)
301
27
-322
333
6,2
-363
270
23
-281

Si osservi che nel caso in esame le sollecitazioni dovute ai carichi


verticali risultano molto basse; infatti nel modello di calcolo si
ipotizzato che tutto il peso del solaio scarichi sulle travi disposte
ortogonalmente alla direzione dei travetti e, quindi, quelle ad essi
parallele portano unicamente il peso proprio e, se presente, quello della
tamponatura. ancora per questo motivo che in questo caso i momenti
dovuti alla combinazione di carico ( 1,4 Gk 1,5 Qk ), assolutamente
ininfluenti ai fini delle verifiche, non sono stati riportati in Tabella. Si
vuole comunque far notare che il modo qui adottato di ipotizzare la

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

113

distribuzione dei carichi del solaio non lunico adoperato nella prassi,
dal momento che unaliquota degli stessi, anche se piccola, grava sulle
travi parallele allorditura dei travetti.
Al fine di conseguire le desiderate caratteristiche di duttilit locale e
globale, necessario che vengano rispettate delle condizioni sui dettagli
di armatura degli elementi. Anche in questo caso, il rapporto darmatura
al bordo superiore e quello al bordo inferiore devono essere compresi tra
i seguenti limiti (punto 5.5.2.2 Armature longitudinali):
1,4
7

f yk
f yk

dove: il rapporto geometrico di armatura

Ai
As
oppure
.
b h
b h

Poich la sezione trasversale di questa trave ha le stesse dimensioni di


quella precedente, i limiti sono quelli gi visti in precedenza.
Tenendo presente anche le limitazioni fornite dal D.M. 9 gennaio 1996
(punto 5.3) il progetto delle armature eseguito facendo in modo che in

ogni sezione il momento resistente risulti superiore o uguale al momento


flettente determinato come sopra specificato.
Nella tabella precedente, per ciascuna delle sezioni significative della
trave, i valori dei momenti flettenti utilizzati per le verifiche sono
evidenziati in grassetto. Si noti che in ciascuna sezione di estremit si
sono ottenuti valori dei momenti flettenti sia positivi che negativi. Nel
seguito si riporta il diagramma del momento resistente allo stato limite di

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

114

danno e il diagramma inviluppo del momento sollecitante, nonch la


distinta delle armature (Fig. 2.30).
SOLLECITAZIONI DI PROGETTO: Travata 1048-1049-1050
350

377 kNm

Trave 1048

358 kNm

(40 x 60 cm)

300

377 kNm

Trave 1049

Trave 1050

(40 x 60 cm)

(40 x 60 cm)
289 kNm

279 KNm

250

230 kNm

230 kNm

230 kNm

230 kNm
200 kNm

200

180 kNm

180 KNm

150

50
0
50
100
150
180 kNm

200

200 kNm

250
300

240 kNm

260 kNm

279 kNm

260 kNm

260 kNm

309 kNm

350

338 kNm

SEZIONE A-A

358 kNm
0

18

3 (m)

SEZIONE LONGITUDINALE: Travata 1048-1049-1050

14

60 cm

60 cm

staffe 8/7 cm

staffe 8/8 cm

staffe 8/7 cm

staffe 8/7 cm staffe 8/8 cm staffe 8/7 cm

4,30 m

staffe 8/7 cm

staffe 8/8 cm

3,15 m

18
8 ; l tot=1,96 m

staffe 8/7 cm

35

3,90 m

75 cm

75 cm

135
8

75 cm

40 cm

218 ; ltot =8,30 m


740

655

70

1050

50

114; ltot =7,40 m

218 ; l tot=2,90 m

550

40

118 ; ltot =11,20 m

70

1000

70

318; ltot =2,90 m


150

70

70

318 ; ltot =3,00 m


160

118+214 ; ltot=2,20 m

70

70

100

50

50

170

40

70

70

40

40

1065

ferro di parete 14; ltot =4,00 m

1065

50
50
50

114 ; l tot=2,20 m

170

100

40

70

70

70

70

218 ; l tot=6,70 m
550

218 ; ltot=6,85m
545

650

218 ; ltot =8,40 m


70

70

70

100

40

218 ; ltot =7,95 m


675

Fig. 2.30 Distinta delle armature-travata 1048-1049-1050

50

720

214 ; ltot =2,20 m

70

214 ; l tot=7,30 m

40

330

50

218 ; l tot=2,60 m

ferro di parete 14; ltot=4,00 m


40

40

50

118+114 ; l tot=7,20 m
600

ferri di parete 214; ltot=11,35 m

30 30

330
30 30

50

50

100

114 ; ltot=6,70 m
50

50

650

118+114 ; l tot=2,20 m

35

218 ; ltot =7,45 m

40

50

50

40

118 ; ltot =11,70 m

55

55

DISTINTA DEI FERRI: Travata 1048-1049-1050

50

Mom (kNm)

100

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

115

2.13.4 TRAVE 1048-1049-1050: Verifica a taglio

Si procede in analogia con quanto sviluppato nel par. 2.13.2; si rileva


ancora che per le strutture in CD A, al fine di escludere la formazione
di meccanismi inelastici dovuti al taglio (gerarchia delle resistenze), gli
sforzi di taglio di calcolo si ottengono sommando il contributo dovuto ai
carichi gravitazionali agenti sulla trave allo sforzo di taglio prodotto dai
momenti resistenti delle sezioni di estremit, amplificati per il fattore Rd
= 1,20. I momenti resistenti di estremit si calcolano sulla base delle
armature flessionali effettivamente disposte e considerando due valori
dello sforzo di taglio, massimo e minimo, assumendo rispettivamente la
presenza e lassenza dei carichi variabili e momenti di estremit con i
due possibili segni, da assumere in ogni caso concordi (punto 5.4.1.1
Sollecitazioni di calcolo).

Con riferimento alla trave 1048, si considerano pertanto i seguenti 4


schemi di calcolo:
-

Primo schema
Mu+B

Gk

Mu+A A

5,20 m

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

116

Si indicato con M u + il momento resistente avente verso antiorario. I


valori dei momenti delle sezioni di estremit sono:
M uA 358 kNm
M uB 338 kNm

Il contributo dei carichi gravitazionali agenti sulla trave :


G k 11, 2 kN / m

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:

VA Rd

M uA M uB G k l trave
358 338 11, 2 5, 20

1, 2

190 kN
l trave
2
5, 20
2

VB Rd

M uA M uB G k l trave
358 338 11, 2 5, 20

132 kN

1, 2
l trave
2
5, 20
2

Secondo schema
Mu+B

Gk+0,3 Qk

Mu+A A

5,20 m

Il contributo dei carichi gravitazionali agenti sulle trave :


G k 0,3Q k 11, 2 0,3 0 11, 2 kN / m

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

117

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:

VA Rd
VB Rd

G 0,3Q k l trave
M uA M uB
358 338 11, 2 5, 20
k
1, 2

190 kN
l trave
2
5, 20
2

G 0,3Q k l trave
M uA M uB
358 338 11, 2 5, 20
k
1, 2

132 kN
l trave
2
5, 20
2

Terzo schema
MuA-

Gk

5,20 m

MuB-

Si indicato con M u - il momento resistente avente verso orario. I valori


dei momenti delle sezioni di estremit sono:
M uA 309 kNm
M uB 377 kNm

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:
G k 11, 2 kN / m

Il taglio variabile linearmente lungo la trave e pari a:

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

VA Rd

M uB G k l trave
M uA
309 377 11, 2 5, 20

1, 2

129 kN
l trave
2
5, 20
2

VA Rd

M uA M uB G k l trave
309 377 11, 2 5, 20

1, 2

187 kN
l trave
2
5, 20
2

118

Quarto schema
MuA

Gk+0,3 Qk

5,20 m

MuB-

Il contributo dei carichi gravitazionali agenti sulla trave :


G k 0,3Q k 11, 2 0,3 0 11, 2 kN / m

Il taglio varia linearmente lungo la trave e i valori alle due estremit


sono:

VA Rd
VB Rd

G 0,3Q k l trave
M uB
M uA
309 377 11, 2 5, 20
k
1, 2

129 kN
l trave
2
5, 20
2

G 0,3Q k l trave
M uA M uB
309 377 11, 2 5, 20
k
1, 2

187 kN
l trave
2
5, 20
2

Risulta quindi che i valori del taglio max e min sono:


A
A
VMAX
190 kN ; VMIN
129 kN

B
B
VMAX
132 kN ; VMIN
187 kN

Si riportano in forma sintetica, nella tabella sottostante i valori del taglio,


per tutte le altre travi:

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

119

Taglio di progetto : Trave 1048-1049-1050 (kN)


n trave Lungh. (m) progr. (m) Mu+ Mu- V MAX V MIN
0.0
358 -309 190 -129
1048
5.2
5.2
338 -377 132 -187
5.2
377 -338 248 -198
1049
3.9
9.1
358 -377 204 -242
9.1
377 -358 195 -148
1050
4.5
13.6
260 -289 145 -198
Per la verifica a taglio per le strutture in CD A il contributo del
calcestruzzo alla resistenza al taglio viene considerato nullo e si
considera esclusivamente il contributo dellacciaio (punto 5.4.1.2
Verifiche di resistenza-Taglio).

Per tutte le travi dellallineamento in esame si considerata la stessa


distribuzione di armatura trasversale; essa stata posta uguale a quella
della trave dellallineamento caratterizzata dalle sollecitazioni taglianti
pi gravose.
Il calcolo di detto valore viene eseguito cos come indicato dal D.M. 9
gennaio 1996, con la formula 2.10 che per comodit si riporta

nuovamente:
V wd A sw f ywd

0 ,9 d
( sen cos )
s

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

120

Si rammenta che in tal espressione linclinazione dellarmatura


trasversale rispetto allasse della trave, A sw larea dellarmatura
trasversale posta ad interasse s e d laltezza utile della sezione.
Nel caso in esame = 90 (staffe verticali) mentre s = 8 cm per quanto
detto in precedenza.
Pertanto per staffe di diametro 8 poste ad interasse di 8 cm, si ricava:
Vwd A sw f ywd

0,9d
430 0,9 560
2 50,3

237 kN Vsdu 248 kN


s
1,15
80

La verifica non soddisfatta.

Per staffe di diametro 8 poste ad interasse di 7 cm, si ricava:


Vwd A sw f ywd

0,9d
430 0,9 560
2 50,3

271 kN Vsdu 248 kN


s
1,15
70

Nella rimanenti parti delle travi si dispongono staffe 8/8 cm. Infatti, per
la travata in esame, il massimo taglio in corrispondenza di una sezione
distante due volte laltezza utile dallappoggio risulta: V sdu 231 kN .
altres rispettata la condizione che il pi grande dei valori di taglio
sollecitanti V max e V min inferiore al valore:
VR 1 10 Rd b w d 10

(punto 5.4.1.2 Taglio).

2/3
R ck
25 2 / 3
b w d 10
400 560 684 kN Vsdu
28
28

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

121

2.13.5 PILASTRATA 1068-2068-3068-4068: Verifica a presso flessione e


verifica della regolarit in altezza della resistenza

Fig. 2.31 Pilastrata di progetto

Il progetto dei pilastri viene eseguito considerando una sollecitazione di


presso flessione deviata in quanto, per effetto della combinazione delle
azioni sismiche nelle due direzioni orizzontali X e Y, sussiste in ogni
sezione sia M x che M y .
I momenti flettenti di calcolo, da utilizzare per il dimensionamento dei
pilastri, sono quelli ottenuti dallanalisi globale della struttura, tenuto
conto delle combinazioni delle componenti dellazione sismica (punto
4.6) e delle combinazioni dellazioni sismiche con le altre azioni (punto
3.3).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

122

Tali combinazioni sono in totale 32, ma le 8 pi significative, per la


pilastrata dangolo che si intende studiare, sono presumibilmente quelle
ottenute considerando le due azioni sismiche orizzontali ortogonali E x
agente lungo una direzione passante per A ed E y applicata secondo la
direzione passante per B.

Fig. 2.32 Azioni sismiche pi significative per la pilastrata in oggetto

Si riportano di seguito le 8 combinazioni di cui sopra. Si precisa al


riguardo che:
- I valori forniti nelle colonne E x ed E y rappresentano i risultati
delle due analisi dinamiche modali considerando lo spostamento
del centro di massa di una eccentricit accidentale cos come sopra
definito. Nella realt il programma di calcolo per la valutazione di
sollecitazioni e spostamenti esegue la combinazione dei modi,
attraverso una combinazione quadratica completa (CQC). Questo
comporta in output la perdita del segno, ossia le sollecitazioni
vengono date in valore assoluto. Anche in questo caso, come gi
rilevato per le travi, il problema stato risolto dando ai risultati E x

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

123

ed E y delle due analisi dinamiche modali i segni del modo


principale di vibrazione relativo a ciascuna delle due analisi,
secondo gli andamenti riportati alla sezione 2.12.; la questione
rilevante per alcune verifiche come quella relativa al rispetto della
gerarchia delle resistenze trave-pilastro.
-

Con M x ed M y si intendono i momenti agenti intorno al rispettivo


asse, cos come chiarito nella figura sottostante:

My
Mx

B
-

Relativamente al segno, M y positivo indica che il momento


discorde con lasse Y se agisce alla base del pilastro, concorde
se agisce in testa; lopposto nel caso di M x positivo.

Nelle tabelle che seguiranno si terr conto della seguente


simbologia:

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

E1
E2
E3
E4

+E x +0,3E y
+E x -0,3E y
-E x +0,3E y
-E x -0,3E y

E5
E6
E7
E8

124

+0,3E x +E y
+0,3E x -E y
-0,3E x +E y
-0,3E x -E y

Pilastrata 1068-2068-3068-4068: M Y
(solo azioni sismiche)
Pilastr Lungh. Progr. E x
Ey
E1
E2
E3
E4
E5
E6
E7
E8
(n)
(m)
(m) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
0,00 -154
-44
-141 141 168 -90 -2,4 2,4
90
-168
1068 4,00
4,00 103
30
94
-94 -112 60
1,3 -1,3 -60
112
4,00 -101
-30
-93
93
60
-110
110 -60 -0,8 0,8
2068 3,20
7,20 84
25
77
-77 -92
50
0,6 -0,6 -50
92
7,20 -60
-18
-54
54
-35 -0,4 0,4
35
-65
65
3068 3,20
10,40 79
23
72
-72 -86
47
0,8 -0,8 -47
86
10,40 -25
-7,7
-23
23
-15 0,2 -0,2 15
-27
27
4068 3,20
13,60 50
15
45
-45 -54
30
0,1 -0,1 -30
54

Pilastrata 1068-2068-3068-4068: M x
(solo azioni sismiche)
Pilastr Lungh. Progr. E x
Ey
E1
E2
E3
E4
E5
E6
E7
E8
(n)
(m)
(m) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
0,00 -224 -470
-365
-84
84
365 -537 402 -402 537
1068 4,00
4,00 93
198
153
34
-34 -153 226 -170 170 -226
4,00 -58
-106
-90
-27
27
90 -123 88
-88 123
2068 3,20
7,20 55
107
87
23
-23 -87 123 -90
90 -123
7,20 -40
-78
-63
-16
16
63
66
-66
-89
89
3068 3,20
10,40 68
132
107
28
-27 -107 153 -113 113 -153
10,40 13
20
18
6,6
-6,6 -18
-16
16
23
-23
4068 3,20
13,60 35
70
56
14
-14 -56
-59
59
80
-80

opportuno notare, come tra le otto, quattro siano le combinazioni che


forniscono i valori pi elevati dei momenti e cio E 1 = (E x +0,3E y ) ed E 4

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

125

= (-E x -0,3E y ) per il momento M y ed E 5 = (0,3E x +E y ) ed E 8 = (-0,3E x E y ) per il momento M x . A ciascuna combinazione, vanno poi sommati, i
valori delle sollecitazioni per effetto dei carichi verticali secondo quanto
prescritto al punto 3.3 Combinazione dellazione sismica con le altre
azioni.

Si riportano di seguito i risultati:

Pilastrata 1068-2068-3068-4068: M y
(Azioni sismiche + Carichi verticali)
Pilastro Lungh. Progr. V=(G k +Q k ) V+E 1 V+E 2 V+E 3 V+E 4 V+E 5 V+E 6 V+E 7 V+E 8
(kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
(n)
(m)
(m)
(kNm)
0,00
13
10
15
103
-155 -129 154 180 -78
1068
4,00
4,00
-26
68 -119 -137 35
-24 -27
-86
86
4,00
46
45
47
106
-64 -46 138 156 -14
2068
3,20
7,20
-45
32 -122 -136 5,3 -44 -45
-95
47
7,20
38
92
37
38
73
-27 -17
103 2,2
3068
3,20
10,40
-37
35 -109 -123 9,3 -37 -38
-84
49
10,40
47
24
69
31
47
46
62
19
74
4068
3,20
13,60
-57
-87
-2,9 -12 -102 -111 -27 -57 -57

Pilastrata 1068-2068-3068-4068: M x
(Azioni sismiche + Carichi verticali)
Pilastr
V=(G k +Q k ) V+E 1 V+E 2 V+E 3 V+E 4 V+E 5 V+E 6 V+E 7
o
Lungh. Progr.
(kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
(kNm)
(n)
(m)
(m)
0,00
-7,0
-372 -91
77
358 -544 395 -409
1068 4,00
4,00
8,1
161
42
-26 -145 234 -162 178
4,00
-20
-110 -47 6,6
70 -143 69 -108
2068 3,20
7,20
15
102
38 -8,2 -72 138 -75 105
7,20
-12
-75
-29 4,1
51 -102 53
-78
3068 3,20
10,40
13
120
40
-15 -95 166 -100 125
10,40
-15
3,4
-8,3 -22 -33 8,4 -31 0,9
4068 3,20
13,60
17
73
31
2,5 -40
-43
76
97

V+E 8
(kNm)
530
-218
103
-108
77
-140
-38
-64

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

126

In sostanza le condizioni di verifica pi gravose (cio i valori massimi e


minimi delle sollecitazioni per le due direzioni X e Y), ottenute
dallanalisi sono:

V+E 4
V+E 5
V+E 8
V+E 1
(min M y )
(max M y ) (min M x ) (max M x )
(m) Mx My N Mx My N Mx My N Mx My N
0,00 -372-155-526 358 180 -590-544 -78 -746 530 103 -371
4,00 161 86 -496-144-137-560 234 35 -716-218 -86 -341
4,00 -110 -64 -381 70 156 -426-143 -14 -508 103 106 -300
7,20 102 47 -357 -72 -136-402 138 5 -484-108 -95 -276
7,20 -75 -27 -245 51 102 -269-102 2 -312 77 73 -203
10,40 120 49 -225 -94 -123-248 166 9 -291-140 -84 -182
10,40 3 19 -109 -33 74 -117 8 31 -132 -38 62 -94
13,60 73 -3 -88 -39 -111 -96 97 -27 -111 -64 -87 -73

PilastLungh.Prog.
(n)

(m)

1068 4,00
2068 3,20
3068 3,20
4068 3,20

Per le strutture in CD A, i momenti flettenti di verifica devono essere


incrementati per soddisfare il criterio della gerarchia delle resistenze.
Essi si ottengono moltiplicando i momenti derivanti dallanalisi
(sollecitazioni di calcolo) per il fattore di amplificazione. Il fattore di
amplificazione, il cui scopo quello di proteggere i pilastri dalla
plasticizzazione, dato dallespressione:
Rd

M Rt
Mp

(2.11)

nella quale: Rd = 1,20;

M Rt la somma dei momenti resistenti delle travi convergenti in


un nodo secondo una direzione e aventi verso concorde;

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

127

M P la somma dei momenti nei pilastri al di sopra e al di sotto


del medesimo nodo, ottenute dallanalisi.
Il fattore di amplificazione deve essere calcolato per entrambi i versi
dellazione sismica, applicando detto fattore calcolato per ciascun verso
ai momenti calcolati nei pilastri con lazione agente in una direzione,
secondo il medesimo verso.
Si riporta di seguito il calcolo del coefficiente con riferimento al nodo
tra primo e secondo livello (per comodit si utilizza una convenzione sui
segni dei momenti diversa da quella delle precedenti e successive
tabelle):
fattore di amplificazione per My

MRt+

Z
X

MRttrave 1005

1 liv.

trave 1005

Mp,sup

2 liv.

2 liv.

+
Mp,sup

1 liv.

+
Mp,inf

Mp,inf

Nello specifico:
Rd

M Rt
180
1, 2
1,44

86,0 64 ,3
M p ,sup M p, inf

Rd

M Rt
309
1, 2
1, 26

137,1 156,1
M p,sup M p, inf

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

128

fattore di amplificazione per Mx


Mp,sup

MRt+

2 liv.

2 liv.

+
Mp,sup

Trave 1048
1 liv.

1 liv.

Trave 1048

Mp,inf

+
Mp,inf

MRt-

Nello specifico:
Rd

M Rt
309
1, 2
1,15

217,8 103,4
M p ,sup M p, inf

Rd

M Rt
358
1, 2
1,14

234 ,1 143,3
M p,sup M p, inf

Nel caso in cui i momenti nei pilastri abbiano verso discorde, il solo
valore maggiore va posto al denominatore della formula di , mentre il
minore va sommato ai momenti resistenti delle travi.
Non si applicano fattori di amplificazione alle sezioni di sommit dei
pilastri dellultimo piano. Per le sezioni di base dei pilastri del piano terra
si applica il maggiore tra il momento risultante dallanalisi ed il
momento amplificato utilizzato per la sezione di sommit del pilastro.
(punto 5.4.2.1 Pilastri-Sollecitazioni di calcolo).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

129

Si riportano di seguito i valori dei coefficienti di amplificazione


calcolati sinteticamente per tutti i nodi dei diversi livelli tenendo conto
per ciascuna direzione di entrambi i versi dellazione sismica:

Moltiplicatori dei Moltiplicatori dei


momenti M y
momenti M x
Combinaz.

V+E 1

V+E 4

V+E 5

V+E 8

1,44

1,26

1,15

1,14

1,73

1,22

1,21

1,13

3,12

1,23

1,06

1,09

Livello-nodo
1

Si fa notare che il valore elevato del coefficiente calcolato per


amplificare il momento M y e valutato per il nodo del 3 livello motivato
dal fatto che le sollecitazioni sismiche si riducono verso lalto e questa
riduzione tale da dovere armare le travi convergenti nel nodo con i
minimi di armatura che definiscono valori dei momenti resistenti molto
superiori a quelli di calcolo.
Dal prodotto delle sollecitazioni di calcolo per il rispettivo coefficiente di
amplificazione si ottengono le sollecitazioni di verifica.
Al valore dei momenti ottenuti applicando la procedura suddetta, sono
associati i valori dei momenti nella direzione ortogonale (non
amplificati) e quelli degli sforzi normali (della stessa combinazione)
secondo quanto stabilito al punto 5.4.2.1 Pilastri-Sollecitazioni di calcolo.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

130

Si precisa al riguardo che si intende negativo lo sforzo normale di


compressione.
Si ottiene cos la tabella che segue, che viene utilizzata per la verifica a
presso flessione deviata.

V+E 1
V+E 4
V+E 5
V+E 8
PilastLung.Prog.

(n) (m) (m) Mx My N Mx My N MxMy N MxMy N


0,00 -372 -155 -526 358 180 -590 -544 -78 -746 530 103 -371
1068 4,00
4,00 161 124 -496 -144 -173 -560 266 35 -716 -251 -86 -341
4,00 -110 -92 -381 70 197 -426 -163 -14 -508 119 106 -300
2068 3,20
7,20 102 81 -357 -72 -166 -402 156 5,3 -484 -130 -95 -276
7,20 -75 -47 -245 51 125 -269 -115 2 -312 93 73 -203
3068 3,20
10,40 120 152 -225 -94 -152 -248 233 9 -291 -203 -84 -182
10,40 3 60 -109 -33 91 -117 12 31 -132 -56 62 -94
4068 3,20
13,60 73 -3 -88 -39 -111 -96 97 -27 -111 -64 -87 -73
La verifica consiste nel valutare, per ciascuna sezione della pilastrata, il
punto rappresentativo dello stato di sollecitazione (di coordinate M x , M y )
interno oppure meno al dominio di resistenza, costruito in funzione
dellarmatura presente e che si modifica al variare dello sforzo normale.
La verifica va evidentemente eseguita in termini di presso-flessione
deviata, allo Stato Limite Ultimo.
Al fine di conseguire le desiderate caratteristiche di duttilit locale e
globale necessario che vengano rispettate delle condizioni sui dettagli
di armatura degli elementi. Nella sezione corrente del pilastro la
percentuale di armatura longitudinale deve essere compresa tra i seguenti
limiti:

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

1%

A
4%
Ac

131

(2.12)

con A area totale dellarmatura longitudinale e A c area della sezione


lorda del pilastro (punto 5.5.2.2 Armature longitudinali). Nel caso in
esame, con una sezione 40 x 75 (pilastri del 1 e 2 livello) si ricava:
A min 40 75 0,01 30 cm 2
A max 40 75 0,04 120 cm 2

mentre con una sezione 40 x 65 (pilastri del 3 e 4 livello):


A min 40 65 0,01 26 cm 2
A max 40 65 0,04 104 cm 2

Le verifiche a pressoflessione deviata sono state condotte considerando i


valori degli sforzi normali riportati nella tabella. Ovviamente la sezione
deve essere armata in modo che la verifica sia soddisfatta per tutte le
terne presenti in tale tabella. Si riporta di seguito un esempio del dominio
limite con riferimento alla sezione di base della pilastrata e per uno
sforzo normale N = -526 kN. Come si osserva (Fig. 2.33) il punto di
coordinate M x = -372 kNm ed M y = -155 kNm, relativo alle sollecitazioni
derivanti dalla combinazione V+E 1 si trova allinterno del dominio.
Si osservi che lEurocodice 8 consente, in maniera approssimata, di
sostituire la verifica a presso flessione deviata con una verifica a presso

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

132

flessione retta riducendo la resistenza del 30%; in tal caso la


sollecitazione M x = -372 kNm va confrontata con il 70% della resistenza
a presso flessione retta e che risulta pari a -382 kNm. Ovviamente, vanno
confrontati con tale valore tutti i momenti M x che sollecitano tale sezione
derivanti da tutte le combinazioni: se si considera la combinazione
V+E 5 , caratterizzata da un momento M x = -544 kNm, la verifica
semplificata a presso flessione retta non risulta soddisfatta.

Fig. 2.33 Dominio Mx, My costruito per N = -526 kN

Si osservi che nel caso in esame dal progetto a presso-flessione deviata


dei pilastri si evince che per gli ultimi due piani della pilastrata
larmatura occorrente dettata dal rispetto dei minimi di normativa e non
dalle sollecitazioni agenti.
Tenendo presente anche le limitazioni fornite dal D.M. 9 gennaio 1996 e
che per tutta la lunghezza del pilastro linterasse tra le barre non deve

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

133

essere superiore a 25 cm (punto 5.5.2.2 Armature longitudinali) si riporta


la distinta delle armature nella Fig. 2.34. In tale figura le staffe non sono
ancora specificate in quanto in virt della gerarchia delle resistenze esse
vanno calcolate utilizzando i momenti resistenti agli estremi dei pilastri;
poich, come si vedr in seguito, per rispettare la regolarit di resistenza
in elevazione le armature longitudinali nei pilastri saranno modificate,
tali momenti non sono ancora noti. Definita larmatura longitudinale nei
pilastri possibile andare a fare lultima verifica di regolarit in
elevazione. Si ricorda che le condizioni da rispettare per avere un edificio
regolare in altezza sono richiamate in quattro punti (e, f, g e h) al punto
4.3.1 Regolarit. Le condizioni dei punti e ed h sono sicuramente

soddisfatte, mentre, in relazione al punto f, il calcolo delle masse o dei


pesi sismici ha mostrato che ledificio regolare in elevazione in termini
di massa e in termini di rigidezza. Rimane quindi ancora da verificare il
punto g, verifica che consiste nellandare a valutare che il rapporto tra
resistenza effettiva e resistenza richiesta dal calcolo non sia
significativamente diverso per piani diversi (si ammette una variazione
massima di tale rapporto del 20%). La resistenza effettiva e la resistenza
richiesta di ogni piano possono essere valutate in maniera semplificata (e
convenzionale). La resistenza effettiva come il valore del taglio calcolato
in termini di rapporto della somma dei momenti resistenti agenti alla
base e in testa di ciascun pilastro al relativo piano e laltezza di piano; la
resistenza richiesta come il valore del taglio di piano di calcolo. Nello
specifico la verifica verr fatta con riferimento alla sola pilastrata

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

134

dangolo progettata, partendo dal presupposto che se soddisfatta per


ogni singola pilastrata del piano lo anche allintero piano. La verifica di
regolarit andrebbe effettuata sommando i contributi di tutti i pilastri del
piano.

30

A
400

(40 x 75 cm)

22

A tot=36,56 cm2

100

315
320

218+214 ; l tot=4,50 m

418 ; l tot=4,70 m

320

30

30

Trav n1005

pil n1068

400

30

30

400

A
(40 x 75 cm)

60

14

222+214 ; l tot=5,30 m

22

14

100

100

315

418 ; l tot=4,15 m

100
320

222+218 ; l tot=4,80 m

100

100

Sezione A-A

pil n1068

400

422 ; l tot=5,60 m

422 ; l tot=5,60 m

320

22

(40 x 75 cm)

18

A tot=31,52 cm2

pil n2068

100

(40 x 75 cm)

222+214 ; l tot=4,50 m

30

14

60

30

22

14

50 cm

30

100

18

pil n2068

320

222+218 ; l tot=4,80 m

Sezione B-B

320

100

50 cm

50

(40 x 65 cm)

18

A tot=26,48 cm2

pil n3068

(40 x 65 cm)

14

30

218+214 ; l tot=3,75 m

315

50 cm

218+214 ; ltot =4,50 m

100

14

Trav n1048

60

18

pil n3068

320

60

Sezione C-C

pil n4068

50 cm

50

418 ; l tot=4,70 m

50

18

A tot=26,48 cm2

(40 x 65 cm)

100
50

14

(40 x 65 cm)

pil n4068

315

418 ; l tot=4,15 m

14

100

40 cm

218+214 ; l tot=3,75 m

50 cm

18

320

Sezione D-D

222+214 ; l tot=4,50 m

50 cm

65 cm

50

222+214 ; l tot=5,30 m

50

30

Z
Y

Fig. 2.34 Distinta delle armature longitudinali della pilastrata 1068-2068-3068-4068

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

135

Valutando detta sovraresistenza in direzione Y si ha:


Piano Resist. effettivaResist. richiestaRapporto
1 liv.

297

195

Variazione

1,524
121,2% No

2 liv.

297

88

3,372
33,2% No

3 liv.

188

84

2,251
153,7% No

4 liv.

158

28

5,710

Valutando la sovraresistenza in direzione X si ha:


Piano Resist. effettivaResist. richiestaRapporto
1 liv.

111

79

Variazione

1,401
3,3% Si

2 liv.

124

91

1,354
6,0% Si

3 liv.

90

70

1,272
2,2% Si

4 liv.

75

58

1,300

Dunque la verifica di regolarit delle resistenze in elevazione non


soddisfatta nella direzione Y. Bisogna pertanto opportunamente operare
delle modifiche allarmatura della pilastrata al fine di rientrare nei limiti

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

136

di norma che giustificano la regolarit in altezza che, si ricorda, ha


notevole influenza sulla valutazione delle azioni di calcolo. Queste
modifiche vengono proposte nella fig. 2.35.
I nuovi valori della sovraresistenza sono:

Direzione Y
Piano Resist. effettivaResist. richiestaRapporto
1 liv.

364

195

Variazione

1,869
18,3% Si

2 liv.

194

88

2,210
12,5% Si

3 liv.

162

84

1,933
145,2% No

4 liv.

131

28

4,739

Direzione X
Piano Resist. effettivaResist. richiestaRapporto
1 liv.

148

79

Variazione

1,864
20,2% si

2 liv.

136

91

1,487
7,6% si

3 liv.

113

70

1,600
6,0% si

4 liv.

98

58

1,696

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

18
14

14

quarto livello

137

18

14
14

18

18

Atot=26,48 cm2
18
14

14

Atot=28,64 cm2

terzo livello

18

14
14

18

Atot=26,48 cm2
18

secondo livello

22

14

18

Atot=28,64 cm2
14
14

14

14
18

14

22

Atot=30,80 cm2

Atot=31,52 cm2

primo livello

22
14

22
14

14

14
22

Atot=36,56 cm2

22

Atot=59,56 cm2

Fig. 2.35 Modifiche dellarmatura, per la regolarit in elevazione

Considerando di trascurare lultimo livello (il quarto), anche il requisito


sulla resistenza in elevazione soddisfatto. Si osservi che la modifica
consiste sostanzialmente nellaumento dellarmatura dei pilastri al I
livello, il che comporta un modesto aumento del costo strutturale; la
conseguenza, sicuramente positiva, laumento della sovraresistenza
strutturale.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

138

Generalizzando il risultato a tutte le pilastrate, ledificio si pu quindi


dire regolare in elevazione in quanto sono rispettati i quattro punti e, f, g
e h richiamati al punto 4.3.1 Regolarit.
Si riporta nella figura 2.36 la nuova distinta delle armature.
2.13.6 PILASTRATA 1068-2068-3068-4068: Verifica a taglio

Per le strutture in CD A, al fine di escludere la formazione di


meccanismi inelastici dovuti al taglio, gli sforzi di taglio nei pilastri da
utilizzare per le verifiche e per il dimensionamento delle armature si
ottengono dalla condizione di equilibrio del pilastro soggetto allazione
dei momenti resistenti nelle sezioni di estremit superiore (Ms Rp ) ed
inferire (Mi Rp ) secondo lespressione:
V Rd

s
i
M Rp
M Rp

(2.13)

lp

nella quale Rd = 1,20 ed l p laltezza del pilastro (punto 5.4.2.1 PilastriSollecitazioni di calcolo). Nel caso in esame risulta:

1 livello:
V Rd

i
M sRp M Rp

lp

1, 2

730 724
436 kN
4

2 livello:
V Rd

i
M sRp M Rp

lp

1, 2

314 308
233 kN
3, 2

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

139

La resistenza al taglio si valuta secondo le espressioni applicabili alle


situazioni non sismiche (punto 5.4.2.2 Verifiche di resistenza).

st. 8/8 cm
st.8/20 cm

315

218+214 ; l tot=4,15 m

st.8/8 cm
st.8/20 cm

320

218+214 ; l tot=4,70 m

st.8/8 cm
st.8/20 cm

320

320

414 ; l tot=4,80 m

100

100

B
(40 x 75 cm)

60

522+114 ; l tot=5,60 m

60

st.8/8 cm

A
(40 x 75 cm)

60

A
pil n1068

400

522+114 ; l tot=5,60 m

Trav n1048

400

218 ; l tot=3,10 m

50 cm

pil n2068

100

100

414 ; l tot=4,80 m

60

60

60

(40 x 65 cm)

50

50

(40 x 65 cm)

pil n3068

100

100

50

50 cm

50

218+214 ; l tot=4,70 m

320
100

100

218 ; l tot=3,10 m

50

pil n4068

315

218+214 ; l tot=4,15 m

100

50

50 cm

65 cm

50

100

50

Z
Y

Fig. 2.36 (1) Distinta delle armature della pilastrata 1068-2068-3068-4068; piano Y-Z

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

8
8

14

A tot=30,80 cm

35

135

Sezione A-A
22

30

staffa 8; l tot =2,26 m


8
135 legature
8

35
8

14

14

35

A
400

(40 x 75 cm)

A tot=59,56 cm 2

135

pil n1068

35

30

222+614 ; l tot=5,30 m

70

70

70

320

100

315

218+414 ; l tot=3,75 m

30

Trav n1005

135

22

100

(40 x 75 cm)

18

pil n2068

35

135

320

70

70

70

14

30

400

14

30

814 ; l tot=4,50 m

8
135 legature
8

35

30

100

50 cm

staffa 8; l tot =2,26 m

st.8/8 cm

14

320

135

Sezione B-B
18

(40 x 65 cm)

35

18

35

pil n3068

70

60
8

135

30

100

st.8/8 cm

60

14

st.8/20 cm

st.8/20 cm

135

35

14

legature 8

100

staffa 8; l tot =2,06 m

218+4 14 ; l tot=4,50 m

50 cm

18

A tot=28,64 cm

st. 8/8 cm

100

Sezione C-C

30

320

135

st. 8/8 cm

A tot=28,64 cm

315

135
35

18

35

(40 x 65 cm)

pil n4068

70

60

60

14

30

st.8/20 cm

14

218+414 ; l tot=4,50 m

40 cm

legature 8

135

35

814 ; l tot=4,50 m

50 cm
staffa 8; l tot =2,06 m

218+414 ; l tot=3,75 m

18

222+614 ; l tot=5,30 m

Sezione D-D

140

30

Z
X

Fig. 2.36 (2) Distinta delle armature della pilastrata 1068-2068-3068-4068; piano X-Z

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

141

Il calcolo di detto valore viene eseguito cos come indicato dal D.M. 9
gennaio 1996, sommando il contributo di resistenza dellarmatura

trasversale:
V wd A sw f ywd

0 ,9 d
( sen cos )
s

(2.14)

quello di resistenza del calcestruzzo


Vcd 0 ,6 f ctd b w d

(2.15)

In tali espressioni linclinazione dellarmatura trasversale rispetto


allasse della trave, A sw larea dellarmatura trasversale posta ad
interasse s, d laltezza utile della sezione e f ctd la resistenza a trazione di
calcolo
( f ctd f ctk 1,6 0,7f ctm 1,6

2
0,7 0, 27 3 R ck

2
1,6 1 N / mm ).

Nel caso in esame = 90 (staffe verticali) mentre s = 8 cm in quanto


alle due estremit del pilastro si devono disporre staffe di contenimento e
legature per una lunghezza pari al lato maggiore della sezione trasversale
(75 cm) e ad un passo non maggiore della pi piccola delle seguenti
grandezze (punto 5.5.3.3 Pilastri-Armature trasversali):
-

un

quarto

del

( b 4 40 4 10 cm );
-

15 cm;

lato

minore

della

sezione

trasversale

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

142

sei volte il diametro minimo delle barre longitudinali che


collegano (614 = 8,4 cm).

Per staffe di diametro 8 poste ad interasse di 8 cm, si ricava:


Vwd A sw f ywd

0,9d
sen cos 2 50 430 0,9 710 300 kN
1,15
80
s

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 710 400 170 kN

Pertanto risulta:
Vcd Vwd 170 300 470 kN V 436 kN

Nella rimanenti parti del pilastro si dispongono:


Per il 1 livello le stesse staffe e cio 8/8 cm, mentre per il 2, 3 e 4
livello staffe 8/20 cm, tenendo conto della limitazione di normativa
(D.M. 9 gennaio 1996) che prevede una staffatura ad interasse non
maggiore di 15 volte il diametro minimo delle barre longitudinali
(1514 = 21 cm):
Vwd A sw f ywd

0,9d
sen cos 2 50 430 0,9 710 119 kN
1,15
200
s

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 710 400 170 kN

Pertanto risulta:
Vcd Vwd 170 119 289 kN Vsdu 233 kN

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

143

In ciascuna delle due zone di estremit del pilastro le barre disposte sugli
angoli della sezione devono essere contenute da staffe. Inoltre almeno
una barra ogni due, di quelle disposte sui lati, dovr essere trattenuta da
staffe interne o legature con le barre non fissate che devono trovarsi a
meno di 15 cm da una barra fissata. Il diametro delle staffe di
contenimento o legature non deve essere inferiore di 8 cm (punto 5.5.3.3
Pilastri-Armature trasversali).

Come osservazione conclusiva si rilevi che anche per la verifica al taglio


andrebbe considerata la presenza contemporanea delle azioni nelle due
direzioni, che comportano la presenza di taglio obliquo rispetto agli
assi della sezione rettangolare del pilastro. Il problema, piuttosto
complesso da studiare, viene per coperto dalla notevole sovraresistenza
a taglio fornita nel pilastro dal rispetto della gerarchia delle resistenze e
dai minimi di staffe forniti dalla normativa.
Le armature trasversali calcolate sono state riportate nella figura 2.36.
Queste non tengono conto della verifica del nodo che riportata al punto
seguente.
2.13.7 NODO TRAVE-PILASTRO: Verifica di resistenza

Si definisce nodo la zona del pilastro che si incrocia con le travi ad esso
concorrenti. Quando non si innesta in tutte e quattro le facce del nodo
una trave si parla di nodo non interamente confinato (punto 5.4.3.1 Nodi
trave pilastro-Definizioni).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

144

Per i nodi non confinati (Fig. 2.37) appartenenti a strutture in CD A si


considera la

seguente formula di verifica per le staffe orizzontali

presenti nel nodo:


n st A st
R
0 ,05 ck
i b
f yd

(2.16)

nella quale n st il numero di braccia, A st larea di ciascuna barra, i


linterasse tra le staffe e b la larghezza utile del nodo che pari a:
min b colonna ; b trave 0 ,5 h colonna se b colonna b trave oppure
min b trave ; b colonna 0 ,5 h colonna se b colonna b trave .
direzione X : b colonna 75 cm ; b trave 40 cm b 60 cm
direzione Y : b colonna 40 cm ; b trave 40 cm b 40 cm

Nel caso in esame:


-

Direzione X:
Per staffe 10 a due braccia, poste ad interasse di 7 cm:
n st A
ib

R
2 78,5
25
3,74 10 3 0,05 ck 0,05
3,34 10 3
70 600
f yd
374

La verifica di resistenza del nodo quindi soddisfatta.


-

Direzione Y:
Per staffe 10 a due braccia, poste ad interasse di 7 cm:
n st A
ib

R
25
2 78,5
5,61 10 3 0,05 ck 0,05
3,34 10 3
347
70 400
f yd

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

145

La verifica di resistenza del nodo quindi soddisfatta.

Sezione A-A
22

staffa 10; l tot=2,30 m


8
135 legature
8

35
10

14

70

70

70

14

8
35

22

Sezione B-B

18

14

14

0,75 m

0,40 m
0,60 m

35

135

135

Sezione C-C
18

st.8/8 cm

st.8/8 cm

14

14
18
8 ; l tot=1,96 m
35

st.10/7 cm

AA

st.10/7 cm

A
staffe 8/7 cm

staffe 8/8 cm
st.8/8 cm

135

8 ; l tot=1,96 m

st.8/8 cm

35

0,60 m

55

55

55

55

35

135
8

18

35

Fig. 2.37 Particolare del nodo non confinato

2.13.8 DIAFRAMMI ORIZZONTALI: Verifica di resistenza

Si ritiene che tale verifica risulti soddisfatta. Infatti, la verifica di


resistenza degli impalcati nel proprio piano ha pi signifato in una
struttura mista pareti-telaio, vale a dire nel caso in cui gli elementi
resistenti alle azioni orizzontali sono pareti in cemento armato. Bisogna
sottolineare che il soddisfacimento della verifica in tale caso implica il

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

146

soddisfacimento della stessa anche per ledificio ora calcolato: infatti, la


presenza di poche pareti implica unelevata concentrazione di
sollecitazioni taglianti in poche sezioni dellimpalcato, sollecitazioni che,
invece, sono meglio distribuite in sistemi caratterizzati da pi telai.

2.14 VERIFICA DELLO STATO LIMITE DI DANNO


Le costruzioni nel loro complesso, includendo gli elementi strutturali e
quelli non strutturali, ivi compreso le apparecchiature rilevanti alla
funzione delledificio, non devono subire gravi danni ed interruzione
duso, in conseguenza di eventi sismici che abbiano una probabilit di
occorrenza pi elevata di quella dellazione sismica di progetto (punto
2.2 Protezione nei confronti del danno (stato limite di danno-SLD)).

Lo spettro di progetto per lo stato limite di danno pu essere ottenuto


riducendo lo spettro di risposta elastica secondo un fattore pari a 2,5
(punto 3.2.6 Spettro di progetto per lo stato limite di danno). (Fig. 2.38):
0,50
0,45
0,40

Sd [g]

0,35
0,30
0,25
0,20
0,15
0,10
0,05
0,00
0,0

0,5

1,0

1,5

T [s]

2,0

2,5

3,0

3,5

Fig. 2.38 Spettro di progetto per lo stato limite di danno

4,0

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

147

La verifica allo stato limite di danno (punto 3.3 Combinazione


dellazione sismica con le altre azioni) deve essere effettuata per la

seguente combinazione degli effetti della azione sismica con le altre


azioni:
Fd I E Gk

i 0 i Q ki

(2.17)

essendo:

I E

lazione sismica per lo stato limite in esame, con I =fattore

di importanza;
Gk

il valore caratteristico delle azioni permanenti;

Q ki

il valore caratteristico della azione variabile Q i ;

ed assumendo:

0i = 0,70

per la destinazione duso di abitazioni e uffici;

0i = 1,00

per la destinazione duso di magazzini, archivi e scale;

I = 1,0

per edifici ordinari.

Gli effetti dellazione sismica saranno valutati tenendo conto delle masse
associate ai seguenti carichi gravitazionali (pesi sismici):
Gk

i Ei Q ki

(2.18)

dove Ei un coefficiente di combinazione dellazione variabile Q i


(punto 3.3 Combinazione dellazione sismica con le altre azioni).

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

148

2.15 CALCOLO DEI PESI SISMICI (SLD)


2.15.1 Incidenza solaio

Il peso proprio del solaio, noto dallanalisi dei carichi :


G solaio = 5,41 kN/m2

a cui si deve aggiungere il carico accidentale (Q k = 2,00 kN/m2 per


ambienti non suscettibili di affollamento) ridotto attraverso il coefficiente
di combinazione dellazione variabile E , dato dal prodotto del
coefficiente 0 = 0,70 per la destinazione duso di abitazioni e uffici e di

che vale 1,0 per la copertura e 0,5 per gli altri piani. Pertanto:
1, 2 e 3 livello:
w solaio G solaio E Q solaio G solaio 0 Q solaio 5,41 0,70 0,5 2,00 6,11 kN / m 2
S solaio B H S scala 14 25,4 3 6,70 336 m 2

4 livello:
w solaio G solaio E Q solaio G solaio 0 Q solaio 5,41 0,70 1,0 2,0 6,81 kN / m 2
S solaio B H S copertura 14 25,4 4 1, 20 10,4 406 m 2

Si osservi che al quarto livello si assunto il peso sismico della porta di


acciaio coincidente con quello del solaio; inoltre larea del solaio stata

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

149

determinata sommando alla superficie di impronta delledificio (B x H)


quella occorrente per coprire i balconi del terzo livello.
2.15.2 Incidenza balcone

Il peso proprio del solaio, noto dallanalisi dei carichi :


G balconi = 4,18 kN/m2

a cui si deve aggiungere il carico accidentale Q k = 4,00 kN/m2 (D.M. 16


gennaio 1996), ridotto attraverso il coefficiente di combinazione

dellazione variabile E , dato dal prodotto del coefficiente 0 = 0,70 per


la destinazione duso di abitazioni e uffici e di che vale 1,0 per la
copertura e 0,5 per gli atri piani. Pertanto:
1, 2, 3 livello:
w balcone G balconi E Q balconi G balconi 0 Q balconi
4 ,18 0,70 0,5 4 ,00 5,58 kN / m 2
Superficie balconi: S balconi 4 1, 20 10,40 49,9 m 2

Lincidenza relativa alle tamponature, alle travi ed ai pilastri non si


riportano perch sono identiche a quelle calcolate per la verifica allo
SLU.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

150

2.15.3 Incidenza scala

Per la determinazione del peso sismico della scala bisogna aggiungere al


valore G scala = 4,16 kN/m2, noto dallanalisi dei carichi, il carico
accidentale Q k = 4,00 kN/m2, ridotto attraverso il coefficiente di
combinazione dellazione variabile E , dato dal prodotto del coefficiente

2 = 1,00 (Magazzini, Archivi e Scale) e di che vale 0,5. Pertanto:


w scala G scala E Q scala G scala 2 Q scala
4 ,16 1,00 0,5 4 ,00 6,16 kN / m 2
Superficie scale: S scala 6,70 3,00 3,00 0,40 18,9 m 2

Nella valutazione della superficie della scala si decurtata larea del


pozzetto.
Peso sismico del 1 livello:
Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio = S solaio w solaio =3366,11=2053 kN


W balcone = S balconi w balcone =49,95,58=278 kN
W scala = S scala w scala =18,96,16=116 kN
W tamponature = I tamp l i = 5,3178,80=418 kN
W travi =I travi l i =5,0365,90+5,2792,10+413,40=870
kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[7,5(4/2+3,2/2)]=648 kN

2053 kN
278 kN
116 kN
418 kN

870 kN
648 kN
4383
TOT
kN

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

151

Peso sismico del 2 livello:


Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio = S solaio w solaio =3366,11=2053 kN


W balcone = S balconi w balcone =49,95,58=278 kN
W scala = S scala w scala =18,96,16=116 kN
W tamponature = I tamp l i = 4,78 78,80=377 kN
W travi =I travi l i =4,0365,90+4,2792,80+413,40=715
kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[7,5(3,2+3,2)/2]=576 kN
TOT

2053 kN
278 kN
116 kN
377 kN
715 kN
576 kN
4115 kN

Peso sismico del 3 livello:


Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio = A solaio w solaio =3366,11=2053 kN


W balcone = A balconi w balcone =49,95,58=278 kN
W scala = S scala w scala =18,96,16=116 kN
W tamponature = I tamp l i = 4,78 78,80=377 kN
W travi =I travi l i =4,0367,30+4,2793,60+413,40=724
kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[6,5(3,2+3,2)/2]=499 kN

2053
kN
278 kN
116 kN
377 kN

724 kN
499 kN
4047
TOT
kN

Peso sismico del 4 livello:


Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio = A solaio w solaio =4066,81=2765 kN


W balcone = 0
W scala = S scala /2 w scala =9,456,16=58 kN
W tamponature = I tamp l i = 2,39 78,8=188 kN
W travi =I travi l i =4,0367,30+4,2793,60+413,40/2=698 kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[6,53,2/2]=250 kN
TOT

2765 kN
0 kN
58 kN
188 kN
698 kN
250 kN
3959 kN

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

152

2.15.4 Calcolo delle masse

Per ciascun livello, le masse associate al grado di libert lungo X ed al


grado di libert lungo Y sono ovviamente uguali. La massa associata al
grado di libert rotazionale data dal prodotto delle masse per 2. Le
masse si calcolano dai pesi sismici dividendoli per laccelerazione di
gravit g = 9,81 m/s2. Il raggio di inezia calcolato assumendo tutte le
masse spalmate uniformemente sulla superficie delledificio, la quale
assunta

rettangolare

comprensiva

dellarea

degli

aggetti;

conseguentemente risulta:

a 2 b2
12

a 2 b 2 16,4 2 25,4 2

76, 2 m 2
12
12

con a e b, dimensioni della proiezione verticale delledificio.

1 livello
2 livello
3 livello
4 livello

M= W / g

(kN)

(t)

4383
4115
4047
3959

447
419
412
404

I p =M2
(tm2)

34061
31928
31394
30750

Si osservi che le masse sono poco diverse da quelle valutate per lo Stato
Limite Ultimo (differenze dellordine del 4%). Ancora inferiori sono le
variazioni dei periodi di vibrazione. Pertanto la nuova valutazione delle
caratteristiche dinamiche delledificio poteva, in questo edificio, essere

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

153

evitata; la decisione di non effettuare la valutazione sicuramente fra le


prerogative del progettista.

2.16 CALCOLO DEGLI SPOSTAMENTI


Per lazione sismica di progetto dovr essere verificato che gli
spostamenti

strutturali

non

producano

danni

tali

da

rendere

temporaneamente inagibile ledificio. Questa condizione si potr ritenere


soddisfatta quando gli spostamenti di interpiano (d r ) ottenuti dallanalisi
siano inferiori ai limiti indicati (punto 4.11.2 Stato limite di danno).
Nel caso in esame, per edifici con tamponamenti collegati rigidamente
alla struttura e che interferiscono con la deformabilit della stessa, deve
risultare:
d r 0 ,005 h

(2.19)

con h altezza del piano.


Gli spostamenti indotti dallazione sismica relativa allo stato limite di
danno

vengono

valutati

moltiplicando

gli

spostamenti

ottenuti

utilizzando unanalisi dinamica modale associata allo spettro di progetto


corrispondente, per il fattore di importanza utilizzato (punto 4.8
Valutazione degli spostamenti).

Per il modello di calcolo e la combinazione degli effetti relativi ai singoli


modi si fa riferimento a quanto gi detto per lo stato limite ultimo.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

13,6 m

154

25 m

Fig. 2.39 Posizioni del centro di massa

Anche per lo SLD si scelto che i valori massimi della risposta ottenuti
da ciascuna delle due azioni orizzontali applicate separatamente
(spostamenti) siano combinati sommando ai massimi ottenuti per
lazione applicata in una direzione il 30% dei massimi ottenuti per
lazione nellaltra direzione (punto 4.6 Combinazione delle componenti
dellazione sismica).

A questi vanno poi sommati, come gi detto, per ciascuna combinazione,


i valori delle sollecitazioni per effetto delle altre azioni secondo quanto
prescritto al punto 3.3 Combinazione dellazione sismica con le altre
azioni:
Fd I E Gk i 0 i Q ki

(2.20)

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

155

Nel caso in esame, essendo valida lipotesi di impalcato infinitamente


rigido, i massimi spostamenti si verificheranno in corrispondenza dei
telai esterni delledificio; conseguentemente, per la verifica allo SLD, si
valuteranno i massimi spostamenti di interpiano in corrispondenza di 2
spigoli opposti della struttura (P 1 e P 2 ) nelle 2 direzioni ortogonali.
Dallanalisi effettuata risulta:
-

Livello

I
II
III
IV

Centro di massa in A e in B

Ex
Ey
(m)
(m)
0,0108 0,0035
0,0105 0,0033
0,0098 0,0031
0,0060 0,0019

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2
d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey di piano h
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
0,0118
0,0095 0,0038
0,0106
4,0
0,0115
0,0098 0,0041
0,0110
3,2
0,0107
0,0094 0,0041
0,0107
3,2
0,0065
0,0059 0,0026
0,0066
3,2

(d r /h) max

0,00296
0,00358
0,00336
0,00208

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2
Livello Ex
Ey d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex di piano h (d r /h) max
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
I
0,0014 0,0129
0,0133
0,0014 0,0071
0,0075
4,0
0,00334

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

II
III
IV

0,0009 0,0121
0,0006 0,0113
0,0003 0,0070

0,0124
0,0115
0,0071

0,0009 0,0063
0,0007 0,0058
0,0003 0,0036

0,0066
0,0060
0,0037

3,2
3,2
3,2

156

0,00386
0,00359
0,00221

Centro di massa in A e in B

Livell
o

I
II
III
IV

Livell
o

I
II
III
IV

Ex
Ey
(m)
(m)
0,0108 0,0033
0,0105 0,0032
0,0098 0,0030
0,0060 0,0018

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2
d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey di piano h
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
0,0118
0,0095 0,0037
0,0106
4,0
0,0114
0,0098 0,0040
0,0110
3,2
0,0107
0,0094 0,0040
0,0106
3,2
0,0065
0,0059 0,0025
0,0066
3,2

Ex
Ey
(m)
(m)
0,0014 0,0072
0,0009 0,0064
0,0006 0,0058
0,0003 0,0036

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2
d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex di piano h
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
0,0077
0,0014 0,0128
0,0132
4,0
0,0066
0,0009 0,0120
0,0123
3,2
0,0060
0,0007 0,0113
0,0115
3,2
0,0037
0,0003 0,0070
0,0071
3,2

(d r /h) max

0,00295
0,00357
0,00335
0,00207

(d r /h) max

0,00330
0,00385
0,00359
0,00220

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

Livell
o

I
II
III
IV

Livell
o

I
II
III
IV

157

Centro di massa in A e in B

Ex
Ey
(m)
(m)
0,0118 0,0033
0,0114 0,0032
0,0107 0,0030
0,0065 0,0018

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2
d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey di piano h
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
0,0128
0,0070 0,0037
0,0081
4,0
0,0124
0,0071 0,0040
0,0083
3,2
0,0116
0,0068 0,0040
0,0080
3,2
0,0070
0,0042 0,0025
0,0050
3,2

Ex
Ey
(m)
(m)
0,0061 0,0072
0,0058 0,0064
0,0054 0,0058
0,0033 0,0036

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2
d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex di piano h
(m)
(m)
(m)
(m)
(m)
0,0091
0,0060 0,0128
0,0146
4,0
0,0081
0,0058 0,0120
0,0138
3,2
0,0074
0,0054 0,0113
0,0129
3,2
0,0046
0,0033 0,0070
0,0079
3,2

(d r /h) max

0,00319
0,00387
0,00362
0,00219

(d r /h) max

0,00364
0,00431
0,00404
0,00248

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

158

Centro di massa in A e in B

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2
Livello Ex
Ey d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,01180,0035
0,0128
0,00700,0038
0,0081
4,0
0,00320
II 0,01140,0033
0,0124
0,00710,0041
0,0083
5,0
0,00388
III 0,01070,0031
0,0116
0,00680,0041
0,0081
6,0
0,00363
IV 0,00650,0019
0,0070
0,00420,0026
0,0050
7,0
0,00220

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2
Livello Ex
Ey d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,00610,0129
0,0147
0,00600,0071
0,0089
4,0
0,00369
II 0,00580,0121
0,0138
0,00580,0063
0,0081
3,2
0,00433
III 0,00540,0113
0,0129
0,00540,0058
0,0074
3,2
0,00404
IV 0,00330,0070
0,0080
0,00330,0036
0,0046
3,2
0,00249

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

159

Per lazione sismica di progetto risulta, pertanto, verificato che gli


spostamenti

strutturali

non

producono

danni

tali

da

rendere

temporaneamente inagibile ledificio, infatti:

d r , max 0,00433 h 0,005 h

per edifici con tamponamenti collegati rigidamente alla struttura e che


interferiscono con la deformabilit della stessa (punto 4.11.2 Stato
limite di danno).

Si osservi che se si fossero ridotte le rigidezze flessionale delle


membrature, come consentito al punto 4.4, si sarebbero ridotte le azioni
sismiche di calcolo allo SLU e, quindi, le armature di progetto; infatti, i
principali periodi di oscillazione della struttura sarebbero aumentati e,
trovandosi nella zona dello spettro decrescente, le ordinate spettrali
sarebbero diminuite. Con tale riduzione della rigidezza, per, la verifica
allo SLD non sarebbe stata soddisfatta.

Capitolo 2: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit A

160

CAPITOLO 3: PROGETTO DI UN EDIFICIO


INTELAIATO IN CEMENTO ARMATO
IN CLASSE DI DUTTILITA B

3.1

INTRODUZIONE

Ledificio da progettare dal punto di vista architettonico identico a


quello dellesempio precedente (alta duttilit). Tuttavia questa volta la
struttura viene progettata per la classe di Duttilit B in quanto presenta
alcuni telai resistenti allazione sismica, composti con travi a spessore
(punto 5.3.2 Fattori di struttura). Le travi a spessore, pur essendo il loro
impiego scoraggiato dalle limitazioni geometriche che lOrdinanza 3274
(punto 5.5.2.1. Travi-Limiti geometrici) impone, vengono talvolta
realizzate laddove, per motivi architettonici, non possibile disporre
travi emergenti. Sussistono problemi sismici, in quanto possono essere
punzonate dai pilastri, soprattutto sotto azioni cicliche, e dunque da un
lato vanno penalizzate in termini di duttilit e dallaltra devono seguire le
regole progettuali che verranno specificate nel seguito.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

162

Per lo schema della pianta del piano terra e della pianta del piano tipo si
fa riferimento alle Fig. 2.1 e Fig. 2.2 dellesempio precedente. Si riporta
di seguito una visione prospettica dellintelaiatura (Fig. 3.1).

Fig. 3.1 Visione prospettica dellintelaiatura

Si ricorda che ledificio a pianta rettangolare e si sviluppa per quattro


piani. Il lato lungo ha direzione coincidente con lasse X del riferimento
globale e il lato corto diretto secondo lasse Y di tale riferimento.
Ledificio leggermente asimmetrico rispetto ad entrambi gli assi. Su
ciascun piano sono stati disposti 24 pilastri che vanno a definire quattro
telai paralleli alla direzione X e sei telai paralleli alla direzione Y.
I materiali impiegati sono gli stessi dellesempio precedente (alta
duttilit).

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

3.2

163

AZIONE SISMICA

La zona sismica di riferimento quella di tipo 1 (punto 3.2.1 Zone


sismiche).

In relazione a detta zona, si definisce un valore del parametro a g


(accelerazione

orizzontale

massima),

espresso

in

funzione

dellaccelerazione di gravit g:
a g 0 ,35 g

In base alle caratteristiche del suolo si definisce il fattore S (punto 3.2.3


Spettro di risposta elastico). Per un suolo di categoria C:
S 1,25

Lespressione dello spettro di risposta elastico, in funzione del periodo


fondamentale della struttura nella direzione in esame, riportata al punto
3.2.3 Spettro di risposta elastico. Il grafico quello riportato

nellesempio precedente (Fig. 2.6).


3.2.1 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite ultimo
(SLU)

In funzione della tipologia strutturale, della classe di duttilit, della


regolarit in elevazione e del numero di piani si determina il fattore di
struttura q (punto 5.3.2 Fattori di struttura):
q qo K D K R

(3.1)

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

164

dove: q o legato alla tipologia strutturale;


K D un fattore che dipende dalla classe di duttilit;
K R un fattore che dipende dalle caratteristiche di regolarit
delledificio.
Nel caso in esame (presenza di travi a spessore) si deve progettare in
classe di duttilit B (CD B), per cui risulta:
K D = 0,7

Inoltre, il previsto sviluppo in elevazione delledificio potrebbe non


soddisfare i criteri di regolarit in elevazione (punto 4.3.1 Regolarit),
per cui cautelativamente si assume:
K R = 0,8

Poich ledificio in esame presenta una struttura intelaiata, risulta:

q o 4,5 u

Non volendo effettuare unanalisi non lineare e considerando che


ledificio da progettare a pi piani e pi campate, si ha:
u 1 1,3

Pertanto:
q o 4 ,5

u
4 ,5 1,3 5,85
1

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

165

ed, in definitiva, il fattore di struttura da utilizzare dato dalla seguente


espressione:
q q o K D K R 5,85 0,7 0,8 3, 28

Lespressione dello spettro di progetto, riportata al punto 3.2.5 Spettro


di progetto per lo stato limite ultimo. Se ne riporta di seguito il grafico (Fig.

3.2):

Sd [g]

0,50
0,45
0,40
0,35
0,30
0,25
0,20
0,15
0,10
0,05
0,00
0,0

0,5

1,0

1,5 T [s] 2,0

2,5

3,0

3,5

4,0

Fig. 3.2 Spettro di progetto per lo stato limite ultimo

3.2.2 Determinazione dello spettro di progetto per lo stato limite di danno


(SLD)

Lo spettro di progetto per lo stato limite di danno pu essere ottenuto


riducendo lo spettro di risposta elastico secondo un fattore pari a 2,5

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

166

(punto 3.2.6 Spettri di progetto per lo stato limite di danno). Il grafico


quello riportato nellesempio precedente (Fig. 2.8).

3.3

COMBINAZIONI DI CARICO

Valgono le stesse considerazioni e gli stessi coefficienti di combinazione


( 0i ) dellesempio precedente (alta duttilit).

3.4

DIMENSIONI STRUTTURALI E CALCOLO DEI

CARICHI UNITARI
Le dimensioni e i criteri di rastremazione dei pilastri e delle travi
emergenti sono gli stessi di quelli dellesempio precedente (alta
duttilit). Le dimensioni delle travi a spessore vengono invece assegnate
tenendo conto dei limiti geometrici di normativa definiti al punto 5.5.2.1
Travi-Limiti geometrici. In particolare, per tutte le travi a spessore del

primo e secondo livello si assunta una sezione 115 x 22 cm (essendo 22


cm laltezza del solaio), mentre per quelle del terzo e quarto livello 105 x
22 cm; dunque sono rispettate le limitazioni sulla larghezza (non
maggiore della larghezza del pilastro, aumentata da ogni lato di met
dellaltezza della sezione trasversale del pilastro stesso) essendo i pilastri
di dimensioni 40 x 75 cm al primo e secondo livello e 40 x 65 cm al
terzo e quarto livello.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

167

Anche in questo caso, per ridurre leffetto controventante delle travi a


ginocchio, si scelto di assegnare alle due pilastrate centrali appartenenti
al telaio di facciata dimensioni pi contenute, nella misura di 40 x 40 cm.

40 x 60

40 x 60

115 x 22

40 x 60

115 x 22

40 x 60

40 x 60

40 x 60

115 x 22

40 x 60

115 x 22

115 x 22

40 x 60

40 x 60

115 x 22

40 x 60

40 x 60

115 x 22
40 x 60

40 x 60

115 x 22

40 x 60
40 x 60

40 x 60

115 x 22

115 x 22

40 x 60

40 x 60

40 x 60

115 x 22

40 x 60

115 x 22

40 x 60

40 x 60

115 x 22

40 x 60

40 x 60

40 x 60

Fig. 3.3 Carpenteria del primo livello

Le modalit di calcolo dei carichi unitari per ciascuna tipologia


strutturale sono le stesse di quelle dellesempio precedente (alta
duttilit). Nel seguito, per brevit, se ne riportano solo i risultati.
I valori dei carichi unitari afferenti alle tipologie strutturali di solaio,
balcone, scala, tamponature e pilastri sono gli stessi di quelli
dellesempio precedente. Per le travi si ha invece:
Travi emergenti 40 60 (esterne):
G travi 0,4 0,6 0,10 0,22 25 0,5 3,05 5,03 kN / m

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

168

Travi emergenti 40 60 (interne):


G travi 0,4 0,6 0,20 0,22 25 0,6 3,05 5,27 kN / m

Travi a spessore 115 22:


G travi 1,15 0,22 0,20 0,22 25 1,35 3,05 3,31 kN / m

Travi emergenti 40 50 (esterne):


G travi 0,4 0,5 0,10 0,22 25 0,5 3,05 4,03 kN / m

Travi emergenti 40 50 (interne):


G travi 0,4 0,5 0,20 0,22 25 0,6 3,05 4,27 kN / m

Travi a spessore 105 22:


G travi 1,05 0,22 0,20 0,22 25 1,25 3,05 3,06 kN / m

3.5

CALCOLO DEI PESI SISMICI

Le modalit di calcolo sono identiche a quanto spiegato nellesempio


precedente (alta duttilit). Pertanto si riportano solo i risultati.
I valori dei pesi sismici afferenti alle tipologie strutturali di solaio,
balcone, scala, tamponamenti e pilastri sono gli stessi di quelli
dellesempio precedente.
3.5.1 Incidenza travi

Dallanalisi dei carichi si trovato che:


1 livello:
Travi emergenti (esterne)

I travi 5,03 kN / m

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

Sviluppo travi 2 25,40 2 14,00 14 0,75 6 0,40 65,90 m

Travi emergenti (interne) I travi 5,27 kN / m


Sviluppo travi 19,60 2 14,00 2 0,75 11 0,40 41,7 m

Travi a spessore

I travi 3,31 kN / m

Sviluppo travi 25,40 5,80 2 14,00 59,2 m

2 livello:
Travi emergenti (esterne)

I travi 4,03 kN / m

Sviluppo travi 2 25,40 2 14,00 14 0,75 6 0,40 65,90 m

Travi emergenti (interne) I travi 4,27 kN / m


Sviluppo travi 19,60 2 14,00 2 0,75 11 0,40 41,7 m

Travi a spessore

I travi 3,31 kN / m

Sviluppo travi 25,40 5,80 2 14,00 59,2 m

3 e 4 livello:
Travi emergenti (esterne)

I travi 4,03 kN / m

Sviluppo travi 2 25,40 2 14,00 14 0,65 6 0,40 67,30 m

Travi emergenti (interne) I travi 4,27 kN / m


Sviluppo travi 19,60 2 14,00 2 0,65 11 0,40 41,9 m

Travi a spessore

I travi 3,06 kN / m

Sviluppo travi 25,40 5,80 2 14,00 59,2 m

169

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

170

Trave a ginocchio:
I travi 0,40 0,40 25 4 kN / m
Sviluppo trave 13,40 m

Peso sismico del 1 livello:


Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio = S solaio w solaio =3365,71=1919 kN


W balcone = S balconi w balcone =49,94,78=239 kN
W scala = S scala w scala =18,95,76=109 kN
W tamponamenti = I tampon l i = 5,3178,80=418 kN
W travi =I travi l i =5,0365,9+5,2742+3,3159,2+413,4=801 kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[7,5(4/2+3,2/2)]=648 kN
TOT

1919 kN
239 kN
109 kN
418 kN
801 kN
648 kN
4134 kN

Peso sismico del 2 livello:


Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio =A solaio w solaio =3365,71=1919 kN


W balcone = A balconi w balcone =49,94,78=239 kN
W scala = S scala w scala =18,95,76=109 kN
W tamponamenti = I tamp. l i = 4,78 78,80=377 kN
W travi =I travi l i =4,0365,9+4,2742+3,3159,2+413,4=693 kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[7,5(3,2+3,2)/2]=576 kN
TOT

1919 kN
239 kN
109 kN
377 kN
693 kN
576 kN
3913 kN

Peso sismico del 3 livello:


Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio = A solaio w solaio =3365,71=1919 kN


W balcone = A balconi w balcone =49,94,78=239 kN
W scala =S scala w scala =18,95,76=109 kN
W tamponamenti = I tamp l i = 4,78 78,80=377 kN
W travi =I travi l i =4,0367,3+4,2741,9+3,0659,2+413,4=685 kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[6,5(3,2+3,2)/2]=499 kN
TOT

1919 kN
239 kN
109 kN
377 kN
685 kN
499 kN
3828 kN

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

171

Peso sismico del 4 livello:


Solaio
Balcone
Scala
Tampon.
Travi
Pilastri

W solaio = A solaio w solaio =4066,01=2240 kN


W balcone = 0
W scala = S scala /2 w scala =9,455,76=54 kN
W tamponamenti = I tamp l i = 2,39 78,8=188 kN
W travi =I travi l i =4,0367,3+4,2741,9+3,0659,2+46,7=658 kN
W pilastri =n pil I pilastri h pil =24[6,53,2/2]=250 kN
TOT

2240 kN
0 kN
54 kN
188 kN
658 kN
250 kN
3590 kN

3.5.2 Calcolo delle masse

I p = M2

M = W/g

(kN)

(t)

1 livello

4134

421

32080

2 livello

3913

399

30404

3 livello

3828

390

29718

4 livello

3590

366

27889

(tm2)

3.5.3 Determinazione del baricentro degli impalcati

Si ritiene con buona approssimazione che la posizione del baricentro


degli impalcati ai vari livelli sia la stessa di quella calcolata nellesempio
precedente (alta duttilit). Pertanto, leccentricit rispetto al baricentro
geometrico di ogni impalcato si assume nulla lungo lasse X e pari ai
seguenti valori lungo lasse Y:
1 livello
2 livello
3 livello
4 livello

0,05 m
0,05 m
0,05 m
0,09 m

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

172

3.5.4 Verifica di regolarit in pianta

La struttura si presenta sicuramente regolare in pianta in quanto sono


rispettate le condizioni enunciate al punto 4.3.1 Regolarit.
Si osservi che anche la distribuzione dei tamponamenti si presenta
regolare, ai sensi di quanto riportato al punto 5.6.2 Irregolarit provocate
dai tamponamenti.

Conseguentemente, il modello della struttura in esame pu essere sia


spaziale che costituito da elementi resistenti piani, rappresentati dai telai
presenti in ciascuna delle due direzioni ortogonali.
3.5.5 Verifica di regolarit in altezza

Come gi detto ledificio si considera irregolare in elevazione.

3.6

CALCOLO DEI CARICHI AGENTI SULLE TRAVI

Per ogni elemento trave di ciascun livello, si determina il valore del


carico accidentale Q k e di quello fisso G k (escluso il peso proprio
dellelemento) tenendo conto dellorditura dei solai.
Si specifica che i carichi accidentali Q k sono nominali, cio non
moltiplicati per i rispettivi coefficienti di combinazione. Lo schema
dellorditura dei solai quello di Fig. 2.15. I valori dei carichi, in cui non

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

173

sono compresi i pesi propri degli elementi, sono identici a quelli gi


calcolati nellesempio precedente (alta duttilit).

3.7

MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA

Valgono le stesse possibilit di calcolo dellesempio precedente (alta


duttilit). Anche in questo caso non si utilizza la possibilit di
considerare la presenza di fessurazione; per le conseguenze della
fessurazione sul comportamento sismico delledificio si rimanda al
Manuale 1 sui Criteri di progettazione antisismica.
Inoltre, si ricorda che in aggiunta alleccentricit effettiva del baricentro,
dovr essere considerata uneccentricit accidentale, spostando il centro
massa di ogni piano, in ogni direzione considerata, di una distanza pari al
5% della dimensione massima del piano in direzione perpendicolare
allazione sismica (punto 4.4 Modellazione della struttura).
Nel caso specifico questo significa che il centro di massa va spostato in
quattro diversi punti, che hanno le seguenti distanze misurate a partire
dal centro di massa stesso (Fig. 3.4).
B' G B' ' G 5% di 25 m 1,25 m
A ' G A' ' G 5% di 13,6 m 0,68 m

174

13,6 m

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

25 m

Fig. 3.4 Posizioni del centro di massa

3.8

RISULTATI DELLANALISI DINAMICA MODALE

Lanalisi modale stata effettuata considerando la totalit dei modi di vibrare del modello
(12); dunque, il punto 4.5.3, in cui si richiede una percentuale minima di massa
partecipante totale, automaticamente soddisfatto.
Si riportano di seguito alcuni dei modi di vibrazione pi significativi con i relativi periodi
(T) e la percentuale di massa partecipante (o massa efficace) associata in direzione X ed Y
~
~
( M % x e M % y ) calcolati con il baricentro delle masse spostato nel punto A.

1 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,548 s; M % x =84,1%; M % y =0%)

4 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,173 s; M % x =12,0%; M % y =0%)

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

2 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,509 s; M % x =0%; M % y =86,2%)

5 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,165 s; M % x =0%; M % y =10,8%)

3 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,443 s; M % x =0%; M % y =0%)

6 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,143 s; M % x =0%; M % y =0%)

Primi sei modi di vibrazione con vista dallalto

1 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,548 s; M % x =84,1%; M % y =0%)

4 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,173 s; M % x =12,0%; M % y =0%)

175

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

176

7 modo di vibrazione: Traslazione lungo X


~
~
(T=0,091 s; M % x =3,0%; M % y =0%)

Deformate del telaio posto nel piano y=0 dei primi tre modi con massa
partecipante preponderante in direzione X

Si riportano di seguito alcuni dei modi di vibrazione pi significativi con i relativi periodi
(T) e la percentuale di massa partecipante (o massa efficace) associata in direzione X ed Y
~
~
( M % x e M % y ) calcolati con il baricentro delle masse spostato nel punto B.

1 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,552 s; M % x =79,2%; M % y =2,7%)

4 modo di vibrazione: Trasl. lungo X


~
~
(T=0,176 s; M % x =9,7%; M % y =1,2%)

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

2 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,522 s; M % x =4,2%; M % y =73,6%)

5 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


~
~
(T=0,169 s; M % x =1,9%; M % y =8,5%)

3 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,429 s; M % x =0,9%; M % y =9,9%)

6 modo di vibrazione: Torsione


~
~
(T=0,138 s; M % x =0,3%; M % y =1,1%)

177

Primi sei modi di vibrazione con vista dallalto

2 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y


5 modo di vibrazione: Trasl. lungo Y
~
~
~
~
(T=0,522 s; M % x =4,2%; M % y =73,6%)
(T=0,169 s; M % x =1,9%; M % y =8,5%)

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

178

8 modo di vibrazione: Traslazione lungo Y


~
~
(T=0,089 s; M % x =1,0%; M % y =1,6%)
Deformate del telaio poste nel piano x=25 m dei primi tre modi con massa
partecipante preponderante in direzione Y

La combinazione dei modi, al fine del calcolo di sollecitazioni e


spostamenti, stata effettuata attraverso una combinazione quadratica
completa (CQC), in quanto non rispettata la condizione che il periodo
di vibrazione di ciascun modo differisca di almeno il 10% da tutti gli
altri. (punto 4.5.3 Analisi dinamica modale).
I valori massimi della risposta ottenuti da ciascuna delle due azioni
orizzontali applicate separatamente (sollecitazioni) sono combinati
sommando ai massimi ottenuti per lazione applicata in una direzione, il
30% dei massimi ottenuti per lazione applicata nellaltra direzione
(punto 4.6 Combinazione delle componenti dellazione sismica). Cos
facendo si ottengono 32 diverse combinazioni, in quanto per ogni coppia

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

179

di azioni sismiche ortogonali (le coppie in totale sono 4), si ricavano 8


combinazioni.
A ciascuna combinazione vanno poi sommati i valori delle sollecitazioni
per effetto dei carichi verticali secondo quanto prescritto al punto 3.3
Combinazione dellazione sismica con le altre azioni.

3.9 VERIFICA DELLO STATO LIMITE ULTIMO


Si procede a questo punto al progetto dellarmatura nelle travi e nei
pilastri delledificio. Nel particolare si far riferimento al progetto di due
travate del primo livello (ortogonali tra loro) e ad una pilastrata, posta
allintersezione delle due stesse travate.
Le due travate sono quelle indicate con 1011-1012-1013-1014-1015 e

1036

1034-1035-1036.

1012

1013

1014

1034

1035

1011

Fig. 3.5 Travate progettate

1015

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

180

3.9.1 TRAVE 1011-1012-1013-1014-1015: Verifica a flessione

I momenti flettenti di calcolo da utilizzare per il dimensionamento delle


travi sono quelli ottenuti dallanalisi globale della struttura, tenuto conto
delle combinazioni delle componenti dellazione sismica (punto 4.6) e
delle combinazioni dellazioni sismiche con le altre azioni (punto 3.3).
Come detto, tali combinazioni sono in totale 32, ma le 8 pi significative,
per le travi che si intende studiare, sono presumibilmente quelle ottenute
considerando le due azioni sismiche orizzontali ortogonali, E x computata
considerando il baricentro in A ed E y calcolata considerando il
baricentro in B (Fig. 3.6).

Fig. 3.6 Azioni sismiche pi significative

Si riportano di seguito le otto combinazioni di cui sopra. Si precisa al


riguardo che:
-

I momenti positivi tendono le fibre inferiori;

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

181

I valori forniti nelle colonne E x ed E y rappresentano i risultati


delle due analisi dinamiche modali considerando lo spostamento
del centro di massa di una eccentricit accidentale cos come sopra
definito. Il programma di calcolo per la valutazione di
sollecitazioni e spostamenti esegue la combinazione dei modi
attraverso una combinazione quadratica completa (CQC). Come
gi detto, questo comporta in output la perdita del segno, ossia le
sollecitazioni vengono date in valore assoluto. La questione
irrilevante in molti casi, ma diviene rilevante in presenza di
sollecitazioni combinate sforzo normale momento flettente e per
ladozione di alcune regole progettuali, come nel caso del rispetto
della gerarchia delle resistenze trave-pilastro, in cui servono i
segni relativi delle diverse sollecitazioni convergenti in un nodo.
Nel caso in esame il problema stato risolto dando ai risultati E x
ed E y delle due analisi dinamiche modali i segni del modo
principale di vibrazione relativo a ciascuna delle due analisi,
secondo gli andamenti riportati alla sezione 3.8.

Nelle tabelle che seguiranno si terr conto della seguente


simbologia:
+E x +0,3E
E1
y
E 2 +E x -0,3E y
E 3 -E x +0,3E y
E 4 -E x -0,3E y

E5
E6
E7
E8

+0,3E x +E y
+0,3E x -E y
-0,3E x +E y
-0,3E x -E y

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

182

Momento di calcolo :Travata 1011-1012-1013-1014-1015


(solo azioni sismiche)
Trave Lungh. Dist. E x
Ey
E1
E2
E3
E4
E5
E6
E7
E8
(n)
(m) (m) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
0,00 -75 -14 -79 -71
71
-36
-9
9
36
79
1011 5,80 2,90 0,6
0,1
0,5 -0,5 -0,6 0,3
0,1 -0,1 -0,3
0,6
-72 -80
37
9
-9
-37
5,80 76
14
72
80
0,00 -89 -16 -93 -84
84
-42 -11
11
42
93
1012 5,00 2,50 0,4
0,1
0,4 -0,4 -0,4 0,2
0,0
0,0
-0,2
0,4
-83 -93
42
11
-11
-42
5,00 88
16
83
93
0,00 -125 -23 -132 -119 119 132 -60 -15
15
60
1013 3,40 1,70 0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
15
-15
-60
3,40 125
23 132 119 -119 -132 60
0,00 -88 -16 -93 -83
83
-42 -10
10
42
93
1014 5,00 2,50 0,4
0,1
0,4 -0,4 -0,4 0,2
0,1 -0,1 -0,2
0,4
-84 -94
43
10
-10
-43
5,00 89
16
84
94
0,00 -76 -14 -81 -72
72
-37
-9
9
37
81
1015 5,80 2,90 0,3
0,1
0,
3
-0
,3
0,2
0
,0
0,0
-0,2
0,3
-0,3
-72 -80
36
9
-9
-36
5,80 76
14
72
80

opportuno notare come, tra le otto, due siano le combinazioni che


forniscono i valori pi elevati dei momenti e cio E 1 =(E x +0,3E y ) ed
E 4 =(-E x -0,3E y ). In particolare, poich la trave allineata parallelamente
allasse X, le combinazioni E 5 , E 6 , E 7 ed E 8 nelle quali prevale leffetto
del sisma lungo Y, sono poco significative. Per tale motivo le
sollecitazioni prodotte dai carichi verticali (G k +0,3Q k ) saranno sommate
solo alle combinazioni E 1 , E 2 , E 3 ed E 4 al fine di ottenere le
sollecitazioni pi utili per le verifiche (punto 3.3 Combinazione
dellazione sismica con le altre azioni).

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

183

Si riportano di seguito i risultati:

Momento di calcolo :Trave 1011-1012-1013-1014-1015


(Azioni sismiche + Carichi verticali)
Trave Lungh. Dist. V=(G k +0,3Q k )
(kNm)
(n)
(m)
(m)
0,00
-87
1011 5,80 2,90
47
5,80
-93
0,00
-69
1012 5,00 2,50
34
5,00
-67
0,00
-8
1013 3,40 1,70
3
3,40
-8
0,00
-67
1014 5,00 2,50
34
5,00
-69
0,00
-93
1015 5,80 2,90
47
5,80
-87

V+E 1
(kNm)
-166
48
-13
-162
35
26
-141
3
124
-160
35
25
-174
48
-7

V+E 2
(kNm)
-158
48
-21
-153
35
16
-127
3
111
-150
35
15
-166
48
-15

V+E 3
(kNm)
-17
47
-165
15
34
-150
110
3
-127
16
34
-153
-21
47
-159

V+E 4 1,4G k +1,5Q k


(kNm)
(kNm)
-8
-146
47
79
-156
-173
-116
25
34
57
-112
-159
-12
124
3
3
-11
-140
-112
26
34
57
-115
-162
-13
-156
47
79
-146
-167

In ogni sezione della trave, il rapporto darmatura al bordo superiore e


quello al bordo inferiore devono essere compresi tra i seguenti limiti
(punto 5.5.2.2 Armature longitudinali):
1,4
7

f yk
f yk

dove: il rapporto geometrico di armatura

(3.2)

As
Ai
oppure
;
b h
b h

A s e A i rappresentano larea dellarmatura longitudinale,


rispettivamente superiore e inferiore;

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

184

f yk la tensione caratteristica di snervamento dellacciaio (in


N/mm2).
Nel caso in esame, con una sezione 115 x 22 (travi a spessore del 1
livello) ed un acciaio Feb44k, si ricava:
A smin A min

A smax A max

1,4
b h 1,4 1150 220 8,24 cm 2
f yk
430
7
f yk

b h

7
1150 220 41,19 cm 2
430

Per rispettare alla lettera le indicazioni del punto 5.5.2.1, almeno il 75%
dellarmatura longitudinale della trave a spessore deve essere allinterno
della dimensione del pilastro, per usufruire delleffetto benefico
sulladerenza della compressione, come richiamato nellEurocodice 8.
Il progetto delle armature eseguito facendo in modo che in ogni sezione
il momento resistente risulti superiore o uguale al momento flettente
determinato come sopra specificato e tenendo presente anche i minimi
imposti dal D.M. 9 gennaio 1996 (punto 5.3).
Nella tabella precedente, per ciascuna delle sezioni significative della
trave, i valori dei momenti flettenti utilizzati per le verifiche sono
evidenziati in grassetto.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

185

Nel seguito si riporta il diagramma del momento resistente e il


diagramma inviluppo del momento sollecitante, nonch la distinta delle
armature (Fig. 3.7).
Si osservi che la forma del diagramma inviluppo dei momenti sollecitanti
condizionata, in alcuni tratti, anche dallandamento del momento
flettente ottenuto dallazione dei soli carichi verticali (1,4G k + 1,5Q k ).
3.9.2 TRAVE 1011-1012-1013-1014-1015: Verifica a taglio

Per le strutture in CD B, gli sforzi di taglio, da utilizzare per il relativo


dimensionamento o verifica, si ottengono sommando il contributo dovuto
ai carichi gravitazionali agenti sulla trave allo sforzo di taglio prodotto
dai momenti flettenti di calcolo delle sezioni di estremit (punto 5.4.1.1
Sollecitazioni di calcolo) cio quelli ricavati dallanalisi strutturale. Si

riportano in forma sintetica, nella tabella sottostante, i valori dei tagli


minimi e massimi ottenuti:
TraveLungh. (m)distanze (m)V max (kN)V min (kN)
0,0
157
66
1011
5,80
5,2
-68
-161
0,0
138
45
1012
5,00
5,0
-44
-136
0,0
90
-65
1013
3,40
3,4
65
-90
0,0
136
44
1014
5,00
5,0
-45
-137
0,0
68
161
1015
5,80
5,8
-66
-157

Per le strutture in CD B, le verifiche a taglio e il calcolo delle armature


trasversali si eseguono come per le situazioni non sismiche (punto 5.4.1.2

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

186

Verifiche di resistenza-Taglio). Il calcolo di detto valore viene eseguito

cos come indicato dal D.M. 9 gennaio 1996, sommando al contributo di


resistenza dellarmatura trasversale:

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

187

SOLLECITAZIONI DI PROGETTO: Travata 1011-1012-1013-1014-1015


200

Trave 1011

Trave 1012

Trave 1013

(115 x 22 cm)

(115 x 22 cm)

(115 x 22 cm)

177 kNm

177 kNm

166 kNm

Mom (kNm)

150
118 kNm

118 kNm

100

118 kNm

58 kNm

50

126 kNm

63 kNm

58 kNm

0
50

58 kNm

100
86 kNm

150
0

86 kNm

5 (m)

SEZIONE LONGITUDINALE: Travata 1011-1012-1013-1014-1015

22 cm

staffe 8/14 cm
5,20 m

staffe 8/14 cm
4,25 m

15
15

155

90

240

90

90

90

322 ; ltot =3,00 m


120

660

270

222 ; ltot =6,40 m

90

90

614 ; ltot =5,65 m

322 ; ltot =7,20 m

90

90

322 ; ltot =7,65 m

15

15

322 ; ltot =2,10 m

410

40

322 ; ltot =4,20 m

90

714 ; ltot =9,00 m

40

870

322 ; ltot =2,60 m

15

1,35 m

DISTINTA DEI FERRI: Travata 1011-1012-1013-1014-1015


614 ; ltot =9,25 m

105

staffe 8/14 cm

230

322+1 14 ; ltot=6,40 m
230

90

614 ; ltot =8,40 m

40

760

40

40

510

SEZIONE A-A
22

8 ; l tot=1,86 m

14

22 cm
22

115 cm

70

70

8 ; l tot=1,86 m
135

14

70

70

15

14

15

15

135

15

14

Fig. 3.7 (1) Distinta delle armature travata 1011-1012-1013-1014-1015; parte sinistra

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

188

SOLLECITAZIONI DI PROGETTO: Travata 1011-1012-1013-1014-1015


Trave 1013

Trave 1014

Trave 1015

(115 x 22 cm)

(115 x 22 cm)

(115 x 22 cm)
177 kNm

166 kNm
126 kNm

177 kNm
118 kNm

118 kNm
63 kNm

118 kNm
58 kNm

58 kNm

58 kNm
86 kNm

86 kNm
0

5 (m)

SEZIONE LONGITUDINALE:
Travata 1011-1012-1013-1014-1015
B
22 cm

staffe 8/14 cm
4,25 m

staffe 8/14 cm

1,35 m

staffe 8/14 cm
5,20 m

DISTINTA DEI FERRI: Travata 1011-1012-1013-1014-1015


714 ; ltot =9,00 m

614 ; ltot =9,05 m

40

410

40
270

90

850

322 ; ltot =4,00 m

90

220

90

90

322 ; ltot =2,20 m

15

322 ; ltot =7,20 m

125

15

222 ; ltot =6,40 m


230

90

322 ; ltot =3,00 m

90

120

322 ; ltot =1,80 m

90

90

75

15

322+1 14 ; ltot=6,40 m

90

322; l tot=7,65 m

90

660

614 ; ltot =5,65 m

40

760

510

15

614 ; ltot =8,40 m

40

15

230

40

SEZIONE B-B
22

8 ; l tot=1,86 m

14

22 cm
22

70

70

8 ; l tot=1,86 m
135

14

70

70

15

14

115 cm

15

15

135

15

14

Fig. 3.7 (2) Distinta delle armature travata 1011-1012-1013-1014-1015; parte destra

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

V wd A sw f ywd

0 ,9 d
sen cos
s

189

(3.3)

quello di resistenza del calcestruzzo:


Vcd 0 ,6 f ctd b w d

(3.4)

In tali espressioni linclinazione dellarmatura trasversale rispetto


allasse della trave, A sw larea dellarmatura trasversale posta ad
interasse s, d laltezza utile della sezione e f ctd la resistenza a trazione di
calcolo
( f ctd f ctk 1,6 0,7f ctm 1,6

2
0,7 0, 27 3 R ck

2
1,6 1 N / mm ).

Nel caso in esame = 90 (staffe verticali) mentre s = 5 cm in quanto


nelle zone di attacco con i pilastri, per un tratto pari a una volta laltezza
utile della sezione trasversale (18 cm) devono essere previste staffe di
contenimento ad un passo non maggiore della pi piccola delle seguenti
grandezze (punto 5.5.2.3 Armature trasversali):
-

un

quarto

dellaltezza

utile

della

sezione

trasversale

( d 4 18 4 5 cm )
-

15 cm

Per staffe di diametro 8 a quattro braccia e poste ad interasse di 5 cm,


si ricava:

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

Vwd A sw f ywd

190

0,9d
sen cos 4 50 430 0,9 180 242 kN
s
1,15
50

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 1150 180 124 kN

Pertanto risulta:
Vcd Vwd 242 124 366 kN Vsdu 161 kN

Nella rimanenti parti delle travi si dispongono staffe a 4 braccia 8/14


cm per rispettare la limitazione di normativa (D.M. 9 gennaio 1996) che
prevede per le travi staffe ad un passo non superiore a 0,8 volte laltezza
utile della sezione:
Vwd A sw f ywd

0 , 9d
sen cos 4 50 430 0,9 180 87 kN
s
1,15
140

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 1150 180 124 kN

Pertanto risulta:
Vcd Vwd 87 124 211 kN Vsdu

3.9.3 TRAVE 1034-1035-1036: Verifica a flessione

La verifica si effettua in maniera del tutto analoga a quanto fatto nella


sezione 3.9.1.
In maniera duale a quanto gi fatto nelle tabelle che seguiranno si terr
conto della seguente simbologia:

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

E 1 +E x +0,3E y
E 2 +E x -0,3E y
E 3 -E x +0,3E y
E 4 -E x -0,3E y

191

E 5 +0,3E x +E y
E 6 +0,3E x -E y
E 7 -0,3E x +E y
E 8 -0,3E x -E y

Momento di calcolo :Travata 1034-1035-1036


(solo azioni sismiche)
Trave Lungh. Dist. E x
(n)
(m)
(m) (kNm)
0,0 -18
1034 5,20 2,6 0,1
5,2 19
5,2 -23
1035 3,90 7,2 -0,7
9,1 23
9,1 -19
1036 4,50 11,4 0,4
13,6 20

Ey
(kNm)
-86
0,9
88
-112
-3
106
-90
2
93

E1
(kNm)
-44
0,4
45
-58
-2
54
-46
0,9
48

E2
(kNm)
8
-0,1
-8
10
0,3
-9
8
-0,2
-8

E3
(kNm)
-8
0,1
8
-10
-0,3
9
-8
0,2
8

E4
(kNm)
44
-0,4
-45
58
2
-54
46
-0,9
-48

E5
(kNm)
-92
0,9
94
-120
-4
112
-95
2
99

E6
(kNm)
81
-0,9
-82
105
3
-99
84
-2
-87

E7
E8
(kNm) (kNm)
-81
92
0,9
-0,9
82
-94
-105
120
-3
4
99
-112
-84
95
2
-2
87
-99

Anche in questo caso le due combinazioni che forniscono i valori pi


elevati dei momenti sono E 5 = (0,3E x + E y ) ed E 8 =(-0,3E x - E y ). In
particolare poich la trave allineata parallelamente allasse Y, le
combinazioni E 1 , E 2 , E 3 ed E 4 nelle quali prevale leffetto del sisma
lungo X, sono poco significative. Per tale motivo le sollecitazioni
prodotte dai carichi verticali (G k + 0,3Q k ) saranno sommate solo alle
combinazioni E 5 , E 6 , E 7 ed E 8 al fine di ottenere le sollecitazioni pi
utili per le verifiche (punto 3.3 Combinazione dellazione sismica con le
altre azioni).

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

192

Si riportano di seguito i risultati:

Momento di calcolo: Travata 1034-1035-1036


Trave Lungh. Dist. V=(G k +0,3Q k ) V+E 5 V+E 6 V+E 7 V+E 8 1,4G k +1,5Q k
(kNm)
(kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
(kNm)
(n) (m) (m)
0,0
-17
-98
-24
-109 64
75
1034 5,20 2,6
9
10
8
10
8
12
-99
66 -110
-22
5,2
-16
78
5,2
-10
-15
-130 95 -116 109
1035 3,90 7,2
5
1
8
1
8
6
-12
9,1
-9
104 -108 90 -121
9,1
-13
-97
-19
-109 71
82
1036 4,50 11,4
7
9
5
8
5
9
-99
76 -110
-15
13,6
-11
88

Con riferimento al rapporto darmatura al bordo superiore e quello al


bordo inferiore, che deve essere compreso nei limiti suggeriti al punto
5.5.2.2 Armature longitudinali, valgono le limitazioni gi indicate al
punto 3.9.1.
Nella tabella precedente, per ciascuna delle sezioni significative della
trave, i valori dei momenti flettenti utilizzati per le verifiche sono
evidenziati in grassetto. Si noti che in ciascuna sezione di estremit si
sono ottenuti valori dei momenti flettenti sia positivi che negativi.
Nel seguito si riporta il diagramma del momento resistente e il
diagramma inviluppo del momento sollecitante, nonch la distinta delle
armature (Fig. 3.8). Anche in questo caso si sono rispettate le indicazioni

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

193

del punto 5.5.2.1, relative alla dispostone dellarmatura allinterno del


pilastro.
3.9.4 TRAVE 1034-1035-1036: Verifica a taglio

Si ribadisce che per le strutture in CD B, gli sforzi di taglio, da


utilizzare per il relativo dimensionamento o verifica, si ottengono
sommando il contributo dovuto ai carichi gravitazionali agenti sulla trave
allo sforzo di taglio prodotto dai momenti flettenti di calcolo delle
sezioni di estremit (punto 5.4.1.1 Sollecitazioni di calcolo). Si riportano
in forma sintetica i valori del taglio:

Trave

Lungh.
(m)

1011

5,80

1012

5,00

1013

3,40

distanze
(m)
V max (kN) V min (kN)
0,0
55
-16
5,2
16
-55
0,0
-45
74
5,0
45
-74
0,0
60
-26
3,4
27
-59

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

194

SOLLECITAZIONI DI PROGETTO: Travata 1034-1035-1036


Trave 1049

Trave 1048
(115 x 22 cm)

150

Mom (kNm)

100

Trave 1050

(115 x 22 cm)

(115 x 22 cm)

138 kNm
118 kNm
98 kNm

98 kNm

118 kNm
98 kNm

98 kNm
58 kNm

58 kNm

50
0
50

58 kNm

100

98 kNm

98 kNm

118 kNm

150

3 (m)

SEZIONE LONGITUDINALE: Travata 1034-1035-1036


A

22 cm

staffe 8/14 cm
4,60 m

staffe 8/14 cm
3,35 m

40 cm

staffe 8/14 cm
4,10 m

75 cm

40 cm

40 cm

DISTINTA DEI FERRI: Travata 1034-1035-1036


614; l tot=7,95 m
15

740

15
15

120

70

120

70

222; l tot=7,50 m

70

122 ; ltot=1,55 m

90

610

70

70

122 ; l tot=2,05 m

70

70

70

70

120

322; l tot=7,50 m
610

70

614 ; l tot=7,75 m
720

40

675

Sezione A-A
22

8 ; l tot=1,86 m
14

135 8

8 ; l tot=1,86 m
135 8

14

70

70

15

115 cm
14
22

70

15

22 cm

70

15

15

14

120

614 ; l tot=7,30 m
15

40

222 ; l tot=2,05 m
15

222 ; ltot =2,05 m

655

510

15

15

222 ; ltot =2,05 m

90

15

15

70

222; l tot=6,90 m

15

70

614 ; ltot =7,10 m

40

40

122 ; ltot =1,55 m

Fig. 3.8 Distinta delle armature travata 1048-1049-1050

Per le strutture in CD B, le verifiche a taglio e il calcolo delle armature


trasversali si eseguono come per le situazioni non sismiche (punto 5.4.1.2
Verifiche di resistenza-Taglio).

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

195

Anche in tal caso il calcolo di detto valore viene eseguito cos come
indicato dal D.M. 9 gennaio 1996, sommando al contributo di resistenza
dellarmatura trasversale:
V wd A sw f ywd

0 ,9 d
sen cos
s

(3.5)

quello di resistenza del calcestruzzo


Vcd 0 ,6 f ctd b w d

(3.6)

Nel caso in esame = 90 (staffe verticali) mentre s = 5 cm, in quanto


nelle zone di attacco con i pilastri, per un tratto pari a una volta laltezza
utile della sezione trasversale (18 cm) devono essere previste staffe di
contenimento ad un passo non maggiore della pi piccola delle seguenti
grandezze (punto 5.5.2.3 Armature trasversali):
-

un

quarto

dellaltezza

utile

della

sezione

trasversale

( d 4 18 4 5 cm )
-

15 cm

Per staffe di diametro 8, a quattro braccia e poste ad interasse di 5 cm,


si ricava:
Vwd A sw f ywd

0,9d
sen cos 4 50 430 0,9 180 242 kN
s
1,15
50

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 1150 180 124 kN

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

196

Pertanto risulta:
Vcd Vwd 242 124 366 kN Vsdu 74 kN

Nella rimanenti parti delle travi si dispongono staffe a 4 braccia 8/14


cm per rispettare la limitazione di normativa (D.M. 16 gennaio 1996) che
prevede per le travi, staffe ad un passo non superiore a 0,8 volte laltezza
utile della sezione:
Vwd A sw f ywd

0 , 9d
sen cos 4 50 430 0,9 180 87 kN
s
1,15
140

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 1150 180 124 kN

Quindi:

Vcd Vwd 87 124 211 kN Vsdu

3.9.5 PILASTRATA 1082-2082-3082-4082: Verifica a pressoflessione

1082

Fig. 3.9 Pilastrata di progetto

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

197

Il progetto dei pilastri viene eseguito considerando una sollecitazione di


presso flessione deviata, in quanto, per effetto della combinazione delle
azioni sismiche nelle due direzioni orizzontali X e Y, sono presenti in
ogni sezione sia M x che M y .
I momenti flettenti di calcolo, da utilizzare per il dimensionamento delle
travi, sono quelli ottenuti dallanalisi globale della struttura, tenuto conto
delle combinazioni delle componenti dellazione sismica (punto 4.6) e
delle combinazioni delle azioni sismiche con le altre azioni (punto 3.3).
Le 8 combinazioni pi significative per la pilastrata in esame sono
presumibilmente quelle ottenute considerando le due azioni sismiche
orizzontali ortogonali, E x computata considerando il baricentro in A ed
E y calcolata considerando il baricentro in B (Fig. 3.10).

Fig. 3.10 Azioni sismiche pi significative

Si riportano di seguito le 8 combinazioni di cui sopra. Anche in questo


caso si precisa che:

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

198

- I valori forniti nelle colonne E x ed E y rappresentano i risultati


delle due analisi dinamiche modali considerando lo spostamento
del centro di massa di una eccentricit accidentale cos come sopra
definito. Nella realt il programma di calcolo per la valutazione di
sollecitazioni e spostamenti esegue la combinazione dei modi,
attraverso una combinazione quadratica completa (CQC). Questo
comporta in output la perdita del segno, ossia le sollecitazioni
vengono date in valore assoluto. Anche in questo caso, come gi
rilevato per le travi, il problema stato risolto dando ai risultati E x
ed E y delle due analisi dinamiche modali i segni del modo
principale di vibrazione relativo a ciascuna delle due analisi,
secondo gli andamenti riportati alla sezione 3.8; la questione
rilevante per alcune verifiche come quella relativa al rispetto della
gerarchia delle resistenze trave-pilastro ed, inoltre, importante
che sforzo normale e momento flettente agenti sulla stessa sezione
siano abbinati con i loro segni corretti.
-

Con M x ed M y si intendono i momenti agenti intorno al rispettivo


asse, cos come chiarito nella Fig. 3.11:
Y
My
Mx

Fig. 3.11 Direzione di M x ed M y

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

199

Relativamente al segno, M y positivo indica che il momento


discorde con lasse Y se agisce alla base del pilastro, concorde
se agisce in testa; lopposto nel caso di M x positivo.

Nelle tabelle che seguiranno si terr conto della seguente


simbologia:
+E x +0,3E
E1
y
E 2 +E x -0,3E y
E 3 -E x +0,3E y
E 4 -E x -0,3E y

E5
E6
E7
E8

+0,3E x +E y
+0,3E x -E y
-0,3E x +E y
-0,3E x -E y

Pilastrata 1082-2082-3082-4082: M y
(solo azioni sismiche)
Ey
Pilastro Lungh. Progr. E x
E1
E2
E3
E4
E5
E6
E7
E8
(n)
(m)
(m) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
0,00 -619 -104 -651 -588 588 651 -290 -82
82
290
1082
4,00
4,00 112 16 117 108 -108 -117 50
18
-18
-50
4,00 -97 -24 -104 -90
90 104 -53
-5
5
53
2082
3,20
7,20 105 18 110 99
-99 -110 49
14
-14
-49
7,20 -90 -20 -96 -84
84
-47
-7
7
47
96
3082
3,20
10,40 173 33 183 163 -163 -183 85
19
-19
-85
10,40 53
10
50
-50 -56
26
6
-6
-26
56
4082
3,20
13,60 81
17
76
-76 -86
41
8
-8
-41
86

Pilastrata 1082-2082-3082-4082: M x
(solo azioni sismiche)
Ey
Pilastro Lungh. Progr. E x
E1
E2
E3
E4
E5
E6
E7
E8
(n)
(m)
(m) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm)
0,00
7
242 80
-65
65
-80 245 -240 240 -245
1082
4,00
4,00 -6 -115 -41
28
-28
41 -117 113 -113 117
4,00 -5
96
24
-34
34
-24
-98
98
95
-95
2082
3,20
7,20
1
-106 -31
33
-33
31 -106 106 -106 106
7,20 -4
83
21
-29
29
-21
-84
84
82
-82
3082
3,20
10,40 3
-111 -30
36
-36
30 -110 112 -112 110
4082
3,20 10,40 -3
27
5
-11
11
-5
-28
28
26
-26

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

13,60

-73

-18

26

-26

18

-72

74

-74

200

72

Tra le otto, quattro sono le combinazioni che forniscono i valori pi


elevati e cio E 1 = (E x + 0,3E y ) ed E 4 = (-E x -0,3E y ) per il momento M y
ed E 5 = (0,3E x + E y ) ed E 8 = (0,3E x -E y ) per il momento M x . A ciascuna
combinazione vanno, quindi, sommati i valori delle sollecitazioni per
effetto dei carichi verticali. Si riportano di seguito i risultati:

M y : (Azioni sismiche + Carichi verticali)


Pilast. Lungh. Progr.
V=(G k +0,3Q k )
(n)
(m)
(m)
0,00
4
1082 4,00
4,00
-9
4,00
15
2082 3,20
7,20
-14
7,20
9
3082 3,20
10,40
-9
10,40
14
4082 3,20
13,60
-22

V+E 1 V+E 2 V+E 3 V+E 4 V+E 5 V+E 6 V+E 7 V+E 8


-647
108
-89
96
-87
174
70
64

-585
99
-74
85
-75
154
64
54

592
-117
105
-114
93
-172
-36
-98

654 -287 -78


8
-126 41
119 -38 11
-1
-125 35
2
105 -38
10
-192 76
20
-42 40
-107 19 -14

85
-27
20
-28
16
-28
8
-29

294
-59
69
-64
56
-94
-12
-62

M x : (Azioni sismiche + Carichi verticali)


Pilast. Lungh. Progr.
V=(G k +0,3Q k ) V+E 1 V+E 2 V+E 3 V+E 4 V+E 5 V+E 6 V+E 7 V+E 8
(n)
(m)
(m)
0,00
-1
79 -67 64 -82 243 -242 239 -246
1082 4,00
4,00
1
-40 29 -28 42 -116 114 -112 118
4,00
-4
20 -38 30 -28 91 -102 94
-99
2082 3,20
7,20
3
-28 36 -30 33 -103 109 -104 108
7,20
-3
18 -32 26 -24 79 -87 82
-85
3082 3,20
10,40
2
-28 39 -34 33 -108 114 -110 112
10,40
-3
3
-14
8
-8
23 -30 25
-29
4082 3,20
13,60
4
-14 30 -21 22 -68 78 -70
76

In sostanza le condizioni di verifica pi gravose (cio i valori massimi e


minimi delle sollecitazioni per le due direzioni X e Y), considerato anche
il

valore

dello

combinazione, sono:

sforzo

normale

associato

alla

corrispondente

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

V+E 1
Pilastro Lungh Progr.
(min M y )
(n)
(m)
(m) Mx My N

1082

4,00

2082

3,20

3082

3,20

4082

3,20

V+E 4
(max M y )
Mx My N

V+E 5
(min M x )
Mx My N

201

V+E 8
(max M x )
Mx My N

0,00

79

-647 -951 -82 654 -869 243 -287 -959 -246 294 -861

4,00

-40

108 -921 42 -126 -839 -116 41 -929 118 -59 -831

4,00

20

-89 -698 -28 119 -644 91

7,20

-28

96

7,20

18

-87 -453 -24 105 -424 79

10,40

-28

174 -433 33 -192 -403 -108 76 -435 112 -94 -401

-38 -702 -99 69 -639

-674 33 -125 -620 -103 35 -678 108 -64 -615


-38 -455 -85 56 -422

10,40

70

-221 -8

-42 -210 23

40 -222 -29 -12 -209

13,60

-14

64

-200 22 -107 -189 -68

19 -201 76 -62 -188

Si precisa al riguardo che si intende negativo lo sforzo normale di


compressione.
La verifica a pressoflessione deviata consiste nellandare a valutare se,
per ciascuna sezione della pilastrata, il punto rappresentativo dello stato
di sollecitazione (di coordinate M x , M y ) interno oppure meno al
dominio di resistenza, costruito in funzione dellarmatura presente e che
si modifica al variare dello sforzo normale. La verifica va evidentemente
eseguita in termini di presso-flessione deviata, allo stato Limite Ultimo.
Al fine di conseguire le desiderate caratteristiche di duttilit locale e
globale, necessario che vengano rispettate delle condizioni sui dettagli
di armatura degli elementi. Nella sezione corrente del pilastro la
percentuale di armatura longitudinale deve essere compresa tra i seguenti
limiti:

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

1%

A
4%
Ac

202

(3.7)

con A area totale dellarmatura longitudinale e A c area della sezione


lorda del pilastro (punto 5.5.2.2 Armature longitudinali). Nel caso in
esame, con una sezione 40 x 75 (pilastri del 1 e 2 livello) si ricava:
A min 40 75 0,01 30 cm 2
A max 40 75 0,04 120 cm 2

mentre con una sezione 40 x 65 (pilastri del 3 e 4 livello):


A min 40 65 0,01 26 cm 2
A max 40 65 0,04 104 cm 2

Le verifiche sono state condotte considerando i valori degli sforzi


normali riportati nella tabella. Si riporta di seguito un esempio di tale
dominio con riferimento alla sezione di base della pilastrata e per uno
sforzo normale N = -951 kN. Come si osserva, il punto di coordinate M x
= 79 kNm ed M y = -647 kNm, relativo alle sollecitazioni derivanti dalla
combinazione V+E 1 , si trova allinterno del dominio.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

203

Fig. 3.12 Dominio di resistenza M x , M y

Si osservi che lEurocodice 8 consente, in maniera approssimata, di


effettuare la verifica a flessione semplice riducendo la resistenza del
30%; in tal caso la sollecitazione M y = -647 kNm andrebbe confrontata
con il 70% della resistenza a flessione semplice e che risulta pari a -487
kNm. Dunque in questo caso la verifica semplificata non sarebbe
soddisfatta.
Si osservi che nel caso in esame dal progetto a presso-flessione deviata
dei pilastri si evince che, tranne che per il primo livello, lungo tutta
laltezza della pilastrata larmatura occorrente sempre dettata dal
rispetto dei minimi di normativa e non dalle sollecitazioni agenti.
Tenendo presente anche le limitazioni fornite dal D.M. 9 gennaio 1996 e
ricordando che per tutta la lunghezza del pilastro linterasse tra le barre
non deve essere superiore a 25 cm (punto 5.5.2.2 Armature longitudinali)
si riporta la distinta delle armature in Fig. 3.13.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

204

3.9.6 PILASTRATA 1082-2082-3082-4082: Verifica a taglio

La resistenza al taglio si valuta secondo le espressioni applicabili alle


situazioni non sismiche (punto 5.4.2.2 Verifiche di resistenza).
Anche in questo caso il calcolo viene eseguito cos come indicato dal
D.M. 9 gennaio 1996, sommando il contributo di resistenza dellarmatura
trasversale:
V wd A sw f ywd

0 ,9 d
sen cos
s

(3.3)

quello di resistenza del calcestruzzo


Vcd 0 ,6 f ctd b w d

(3.4)

In tali espressioni linclinazione dellarmatura trasversale rispetto


allasse della trave, A sw larea dellarmatura trasversale posta ad
interasse s, d laltezza utile della sezione e f ctd la resistenza a trazione di
calcolo pari a 1 N/mm2.
Nel caso in esame = 90 (staffe verticali) mentre s = 10 cm in quanto
alle due estremit del pilastro per unaltezza pari al lato maggiore della
sezione trasversale (75 cm) si devono disporre staffe di contenimento e
legature ad un passo non maggiore della pi piccola delle seguenti
grandezze (punto 5.5.3.3 Pilastri-Armature trasversali):

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

un

quarto

del

lato

minore

della

sezione

205

trasversale

( b 4 40 4 10 cm );
-

15 cm.

I valori massimi del taglio sollecitante di calcolo V sdu nelle due direzioni
X e Y sono:

Pilastro

Lungh. Progr.

(n)

(m)

1082

4,00

2082

3,20

3082

3,20

4082

3,20

T x (kN) T y (kN)

V+E 1 V+E 4 V+E 5


(m)
0,00 -187 194
90
90
4,00 -187 194
4,00 -53
72
60
7,20 -53
72
60
7,20 -79
91
58
10,40 -79
91
58
10,40 -7
29
28
13,60 -7
29
28

V+E 8

-91
-91
-65
-65
-61
-61
-32
-32

In direzione X, per staffe di diametro 8 poste ad interasse di 10 cm, si


ricava:
Vwd A sw f ywd

0,9d
sen cos 2 50 430 0,9 710 239 kN
s
1,15
100

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 710 400 170 kN

Pertanto risulta:
Vcd Vwd 170 239 409 kN Vsdu 194 kN

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

206

Nella rimanenti zone si dispongono staffe 8/20 cm, in quanto il D.M. 9


gennaio 1996 dispone che deve essere prevista una staffatura posta ad

interasse non maggiore di 15 volte il diametro minimo delle barre


impiegate per larmatura longitudinale (15 x 14=21 cm):
Vwd A sw f ywd

0 , 9d
sen cos 2 50 430 0,9 710 120 kN
s
1,15
200

Vcd 0,6 f ctd b w d 0,6 1 710 400 170 kN

Quindi:
Vcd Vwd 170 120 290 kN Vsdu

Essendo in direzione Y il taglio sollecitante inferiore, dai risultati ottenuti


si evince che anche in tale direzione la sezione risulta verificata.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

st.8/10 cm
st.8/20 cm

320

100

14
22

Atot=27,52 cm2

Sezione B-B

st.8/10 cm

422+118 ; l tot=5,60 m

Trav n1011

st.8/10 cm

st.8/20 cm

320
100

14

22

14

Trav n1012

18

22

Sezione A-A
22

18

A
18
st.8/20 cm

14
22

Atot=41,64 cm2

8/10 cm

(40 x 75 cm)

pil n1082

400

14

Atot=31,52 cm2

14

18

B
(40 x 75 cm)

222+218 ; l tot=4,80 m

22

pil n2082

400

422+118 ; l tot=5,60 m

60

22

Atot=27,52 cm2

14

Sezione C-C

50

60

(40 x 65 cm)

100

222+218 ; l tot=4,80 m

320

60

14

pil n3082

100

50

st. 8/10 cm
st.8/20 cm

100

214+222 ; l tot=4,70 m

50

22

(40 x 65 cm)

315

Sezione D-D

pil n4082

214+222 ; l tot=4,15 m

315
320

214+222 ; l tot=4,70 m

100

50

65 cm

50

214+222 ; ltot=4,15 m

50

207

60

Z
X
Fig. 3.13 (1) Distinta delle armature della pilastrata 1082-2082-3082-4082, piano X-Z

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

8
70

35

35

legature 8
8

Trav n1035

135
8

35

Trav n1036

8/10 cm

st.8/20 cm

400

(40 x 75 cm)

pil n1082

135
35

30

222+214 ; ltot=4,50 m

100

315
320

30

222+214 ; l tot=5,30 m

70

70

70

135

100

(40 x 75 cm)

135
35

8; l tot=2,26 m

pil n2082

320

70

70

30

100

135

30

st.8/10 cm

legature 8

135

st.8/20 cm

35

222+214 ; l tot=4,50 m

8; l tot=2,26 m

pil n3082

135

35

C
(40 x 65 cm)

60

320

70

35

30

30

400

60

135

30

100

st.8/10 cm

135

st.8/10 cm

35

st.8/20 cm

100

legature 8

222+214 ; ltot =4,50 m

100

8; l tot=2,06 m

222+214 ; l tot=3,75 m

D
315

pil n4082

(40 x 65 cm)

60

135

35

320

70

35

30

222+214 ; l tot=4,50 m

st. 8/10 cm

60

135

st.8/20 cm

135

222+214 ; l tot=3,75 m

35

30

legature 8

222+214 ; l tot=5,30 m

40 cm
8; l tot=2,06 m

208

30

Z
Y
Fig. 3.13 (2) Distinta delle armature della pilastrata 1082-2082-3082-4082, piano Y-Z

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

209

In ciascuna delle due zone di estremit del pilastro le barre disposte sugli
angoli della sezione devono essere contenute da staffe. Inoltre almeno
una barra ogni due, di quelle disposte sui lati, dovr essere trattenuta da
staffe interne o legature con le barre non fissate che devono trovarsi a
meno di 15 cm da una barra fissata. Il diametro delle staffe di
contenimento o legature non deve essere inferiore di 8 cm (punto 5.5.3.3
Pilastri-Armature trasversali).

Come osservazione conclusiva si rilevi che anche per la verifica al taglio


andrebbe considerata la presenza contemporanea delle azioni nelle due
direzioni, che comportano la presenza di taglio obliquo rispetto agli
assi della sezione rettangolare del pilastro. Il problema, piuttosto
complesso da studiare, viene per coperto dalla notevole sovraresistenza
a taglio fornita nel pilastro dal rispetto della gerarchia delle resistenze e
dai minimi di staffe forniti dalla normativa.
3.9.7 NODO TRAVE-PILASTRO: Verifica di resistenza

Si definisce nodo la zona del pilastro che si incrocia con le travi ad esso
concorrenti. Quando nelle quattro facce del nodo si innesta in tutte una
trave si parla di nodo interamente confinato (punto 5.4.3.1 Nodi trave
pilastro-Definizioni). Per i nodi confinati (Fig. 3.14), la verifica di

resistenza si assume automaticamente soddisfatta (punto 5.4.3.2 Nodi


trave pilastro-Verifiche di resistenza). Si ricorda che anche in CD B i

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

210

nodi non interamente confinati devono possedere staffe orizzontali come


indicato al punto 5.4.3.2 Nodi trave pilastro-Verifiche di resistenza.

3.10 VERIFICA DEI DIAFRAMMI ORIZZONTALI


Come gi detto nel cap. 2, la verifica di resistenza degli impalcati nel
proprio piano si ritiene soddisfatta in quanto si ritiene pi giusto eseguire
questo tipo di verifica solo in presenza di strutture miste telaio-pareti. Il
soddisfacimento della verifica in tale caso, infatti, implica il
soddisfacimento della stessa anche per ledificio ora calcolato: infatti, la
presenza di poche pareti implica unelevata concentrazione di
sollecitazioni taglianti in poche sezioni dellimpalcato, sollecitazioni che,
invece, sono meglio distribuite in sistemi caratterizzati da pi telai.

3.11 VERIFICA DELLO STATO LIMITE DI DANNO


La verifica allo stato limite di danno viene effettuata con le stesse
modalit dellesempio precedente (alta duttilit). Si rimanda pertanto a
tale esempio.
3.11.1 Calcolo dei pesi sismici e delle masse (SLD)

In base a quanto osservato nel capitolo 2.15 si assumono con buona


approssimazione gli stessi pesi sismici e quindi le stesse masse calcolate
nella condizione di Stato Limite Ultimo (SLU):

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

1 livello
2 livello
3 livello
4 livello

M= W / g

(kN)

(t)

4134
3913
3828
3590

421
399
390
366

211

I p =M2
(tm2)

32080
30404
29718
27889
Sezione A-A

22
18

14

14

18

22
8 ; l tot=2,26 m
35

legature 8
8

135
8

70

70

70

35

135
8

135

35

Sezione E-E

Sezione B-B

15

15

70

70

14

14

8 ; l tot=1,86 m
15

15

15

15

Sezione F-F

14

70

70

70

Fig. 3.14 Particolare di un nodo confinato

22

14

22

14

70

70

8 ; l tot=1,86 m
135 8

70

70

15

8 ; l tot=1,86 m
135 8

70

15

15

70

135 8

70

14

14

8 ; l tot=1,86 m

135 8

A
E

Z
22

0,22 m

22

8 ; l tot=1,86 m
15

st.8/10 cm

15

22

14

70

15

15

70

14

70

135 8

70

Sezione C-C
14

8 ; l tot=1,86 m
135 8

0,22 m

8 ; l tot=1,86 m
135 8

14

0,40 m

22

15

135 8

0,75 m

14

8 ; l tot=1,86 m

15

22

14

15

14

14

st.8/10 cm

14

22

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

212

3.11.2 Calcolo degli spostamenti

Per lazione sismica di progetto dovr essere verificato che gli


spostamenti

strutturali

non

producano

danni

tali

da

rendere

temporaneamente inagibile ledificio. Questa condizione si potr ritenere


soddisfatta quando gli spostamenti di interpiano (d r ) ottenuti dallanalisi
siano inferiori ai limiti indicati (punto 4.11.2 Stato limite di danno).
Nel caso in esame, per edifici con tamponamenti collegati rigidamente
alla struttura e che interferiscono con la deformabilit della stessa, deve
risultare:
d r 0 ,005 h

(3.6)

con h altezza del piano. Gli spostamenti indotti dallazione sismica


relativa allo stato limite di danno devono essere valutati secondo le stesse
modalit dellesempio precedente. Le considerazioni riguardo alla
combinazione dei modi, allaggiunta di una eccentricit accidentale, alla
combinazione delle azioni orizzontali ed alla combinazione dellazione
sismica con le altre azioni sono le stesse di quelle viste nellesempio in

13,6 m

alta duttilit (cio con tutte travi emergenti).

25 m

Fig. 3.15 Posizioni del centro di massa

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

213

Dallanalisi effettuata risulta:


Centro di massa in A e in B

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,01050,0026
0,0113
0,01000,0033
0,0110
4,0
0,00283
II 0,01110,0026
0,0119
0,01130,0038
0,0125
3,2
0,00390
III 0,0102 0,0023
0,0109
0,0108 0,0037
0,0119
3,2
0,00373
IV 0,00650,0014
0,0069
0,0071 0,0024
0,0078
3,2
0,00244

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,00050,0134
0,0136
0,00050,0071
0,0073
4,0
0,00339
II 0,00010,0132
0,0133
0,00000,0067
0,0067
3,2
0,00414
III 0,00100,0121
0,0124
0,00110,0060
0,0063
3,2
0,00389
IV 0,00040,0077
0,0078
0,00050,0038
0,0039
3,2
0,00243

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

214

Centro di massa in A e in B

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,01050,0025
0,0113
0,01000,0031
0,0110
4,0
0,00282
II 0,01110,0024
0,0119
0,01130,0036
0,0124
3,2
0,00389
III 0,01020,0022
0,0109
0,01080,0036
0,0119
3,2
0,00372
IV 0,00650,0013
0,0069
0,00710,0024
0,0078
3,2
0,00243

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,00050,0073
0,0074
0,00050,0133
0,0134
4,0
0,00335
II 0,00010,0068
0,0068
0,00000,0132
0,0132
3,2
0,00412
III 0,00100,0060
0,0063
0,00110,0121
0,0124
3,2
0,00389
IV 0,00040,0038
0,0039
0,00050,0076
0,0078
3,2
0,00243

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

215

Centro di massa in A e in B

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,01200,0025
0,0127
0,00800,0031
0,0089
4,0
0,00319
II 0,01250,0024
0,0133
0,00900,0036
0,0101
3,2
0,00414
III 0,01150,0022
0,0122
0,00850,0036
0,0096
3,2
0,00381
IV 0,00720,0013
0,0076
0,00550,0024
0,0062
3,2
0,00238

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,00460,0073
0,0087
0,00450,0133
0,0146
4,0
0,00365
II 0,00430,0068
0,0081
0,00430,0132
0,0145
3,2
0,00452
III 0,00390,0060
0,0071
0,00380,0121
0,0133
3,2
0,00415
IV 0,00230,0038
0,0045
0,00230,0076
0,0083
3,2
0,00260

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

216

Centro di massa in A e in B

Spostamenti di interpiano secondo X


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ex+30% Ey Ex
Ey d r =Ex+30% Ey Di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,01200,0026
0,0128
0,00800,0033
0,0090
4,0
0,00320
II 0,01250,0026
0,0133
0,00900,0038
0,0101
3,2
0,00415
III 0,01150,0023
0,0122
0,00850,0037
0,0096
3,2
0,00382
IV 0,00720,0014
0,0076
0,00550,0024
0,0063
3,2
0,00239

Spostamenti di interpiano secondo Y


Altezza
P1
P2

Livello Ex
Ey d r =Ey+30% Ex Ex
Ey d r =Ey+30% Ex Di piano h (d r /h) max
(m) (m)
(m)
(m) (m)
(m)
(m)
I 0,00460,0134
0,0148
0,00450,0071
0,0085
4,0
0,00369
II 0,00430,0132
0,0145
0,00430,0067
0,0080
3,2
0,00454
III 0,00390,0121
0,0133
0,00380,0060
0,0071
3,2
0,00416
IV 0,00230,0077
0,0083
0,00230,0038
0,0044
3,2
0,00261

Per lazione sismica di progetto risulta, pertanto, verificato che gli


spostamenti

strutturali

non

producono

danni

tali

da

rendere

temporaneamente inagibile ledificio, in quanto gli spostamenti


interpiano (d r ) ottenuti dallanalisi sono inferiori al limite:
d r , max 0,00454 h 0,005 h

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

217

per edifici con tamponamenti collegati rigidamente alla struttura e che


interferiscono con la deformabilit della stessa (punto 4.11.2 Stato limite
di danno).

Si osservi che la verifica soddisfatta con un margine molto esiguo ed


stata, dunque, determinante la scelta di non ridurre la rigidezza
flessionale degli elementi, come consentito dalla norma (punto 4.4
Modellazione della struttura). Dimezzando la rigidezza si sarebbe avuto

un decremento delle forze orizzontali, dal momento che i principali


periodi di oscillazione della struttura sarebbero aumentati e, trovandosi
nella zona dello spettro decrescente, le ordinate spettrali sarebbero
diminuite; contestualmente, per, sarebbero aumentati gli spostamenti e,
quindi,

la

verifica

allo

SLD

non

sarebbe

stata

soddisfatta.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

218

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
B

Bertero V.V., Earthquake Engineering, Structural Engineering Slide Library,


W.G.

Godden

Editor.

Disponibile

da

URL:

http://nisee.berkley.edu/bertero/
HTU

UT

Calvi G.M., Magenes G. e Pampanin S. [2002], Experimental test on a three


storey R.C. frame designed for gravity only, 12th European Conference on
P

Earthquake Engineering, Elsevier Science Edt., London.


Circolare Min. LL.PP. 4 luglio 1996, n.156AA.GG./STC., Istruzioni per
lapplicazione delle Norme tecniche relative ai criteri generali per la verifica di
sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi di cui al D.M. 16 gennaio
1996.
D.M. Min. LL.PP. 9 gennaio 1996, Norme tecniche per il calcolo, lesecuzione ed il
collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture
metalliche.
D.M. Min. LL.PP. 16 gennaio 1996, Norme tecniche per le costruzioni in zone
sismiche.
D.M. Min. LL.PP. 16 gennaio 1996, Norme tecniche relative ai Criteri generali
per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi.
EUROCODE 8 [2003], Design for structures for earthquakes resistance
Part 1 General rules, seismic actions and rules for buildings, Final
Draft prEN 1998-1, December.

Capitolo 3: Progetto di un edificio intelaiato in cemento armato in classe di duttilit B

220

Fishinger M. e Cerovek T. [1997], EASY Earthquake Engineering Slide


Information System.
Monti G. e Nuti C. [1992], Nonlinear Cyclic Behavior of Reinforcing Bars Including
Buckling, Journal of Structural Engineering, vol. 118, No. 12, December.
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo
2003, Norme tecniche per il progetto, la valutazione e ladeguamento sismico degli
edifici.
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3316 del 2 ottobre
2003, Modifiche ed integrazioni allordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003.
Park R. e Paulay T. [1975], Reinforced Concrete Structures, John Wiley & Sons
Inc., New York.
Paulay T. e Priestley M.J.N. [1992], Seismic Design of Reinforced Concrete and
Mesonry Buildings, John Wiley & Sons Inc., New York.
Petrini L., Pinho R. e Calvi G.M. [2004], Criteri di Progettazione Antisismica
degli Edifici, RELUIS, Collana di manuali di progettazione antisismica,
Manuale 1, IUSS Press, Pavia.