Sei sulla pagina 1di 24

INDICE SOMMARIO

Introduzione
Vincenzo Roppo
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

Il diritto dei contratti: linee di evoluzione . . . . . . . . . . . . . . . . .


I nuovi contratti: problemi di qualificazione e trattamento . . . . . . .
(Segue): metodo concettuale e metodo tipologico . . . . . . . . . . . .
La scomposizione della categoria del contratto . . . . . . . . . . . . . .
Il contratto del consumatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Parte generale o parte speciale del contratto nel codice del consumo?
Il codice del consumo ricodifica, o insiste nel decodificare? . . . . . .
Dal contratto del consumatore al contratto asimmetrico ? . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

Pag.

1
4
5
8
9
10
11
15

1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Linadempimento classico: il rifiuto di concludere il definitivo . . . . . . . .
3. Inadempimento, preliminare puro e preliminare ad effetti anticipati: le ipotesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. (Segue): i rifiuti legittimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. I rimedi allinadempimento: la risoluzione per inadempimento . . . . . . . .
6. (Segue): gli inadempimenti che generano la risoluzione . . . . . . . . . . . . .
7. Le conseguenze della risoluzione per inadempimento . . . . . . . . . . . . . .
8. In particolare, il privilegio ex art. 2775-bis c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. Lesecuzione in forma specifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10. In particolare: la rimozione dei vizi del bene da trasferire . . . . . . . . . . .
11. (Segue): lofferta del prezzo e linadempimento successivo alla sentenza . . .
12. La prescrizione dei diritti nascenti dal preliminare . . . . . . . . . . . . . . . .
13. La revoca del preliminare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
14. La responsabilit nella doppia alienazione immobiliare . . . . . . . . . . . . .

Pag.

17
19

22
24
27
29
33
36
39
42
43
46
48
49

Capitolo Primo
IL CONTRATTO PRELIMINARE
Gianluca Sicchiero

VI

INDICE SOMMARIO

Sezione Prima

I contratti di scambio
Capitolo Secondo
LA VENDITA
Lucia Delogu
Considerazioni introduttive
1. La vendita nel diritto dei contratti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. I caratteri speciali della vendita nella definizione dellart. 1470 e il consenso
traslativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. (Segue): il modello tipico e il differimento delleffetto traslativo nella cosiddetta vendita obbligatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. (Segue): il prezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag.

54

59

63
68

Pag.

75
75
82
88

95
102
112

117
120

127
131
134

143

156
161
165
177
186
198

I. LA POSIZIONE DEL VENDITORE


Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Lobbligazione di consegnare la cosa al compratore . . . . . . . . . . . . . . .
2. Lobbligazione di consegnare accessori, pertinenze, titoli e documenti . . . .
3. (Segue): la consegna di cosa diversa da quella pattuita . . . . . . . . . . . . . .
4. Lobbligazione di far acquistare al compratore la propriet della cosa o il diritto: a) nella vendita di cosa futura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. (Segue): b) nella vendita di cosa altrui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. (Segue): c) nella vendita di cosa generica e vendita alternativa . . . . . . . . .
7. Lobbligazione di garantire il compratore dallevizione e dai vizi della cosa:
caratteri generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8. Levizione: nozione e requisiti; i fatti evizionali . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. I rimedi: risoluzione del contratto; riduzione del prezzo; risarcimento del
danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10. Vendita di cosa gravata da garanzie reali o altri vincoli; i rimedi . . . . . . . .
11. Vendita di cosa gravata da oneri e diritti di godimento di terzi; i rimedi . . .
12. La modificazione delle garanzie per levizione e le limitazioni derivanti da
vincoli, oneri e diritti reali e personali di terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13. (Segue): la vendita a rischio e pericolo del compratore e la garanzia per fatto
proprio del venditore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
14. La responsabilit del venditore nella doppia alienazione di beni immobili (*) .
15. I vizi e la mancanza di qualit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
16. I rimedi: risoluzione del contratto; riduzione del prezzo; risarcimento del danno
17. La modificazione della garanzia per i vizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
18. Il problema dellesclusione di ogni responsabilit del venditore . . . . . . . .

(*) Gabriella Scaliti autore del par. 14 della Parte Prima.

VII

INDICE SOMMARIO

II. LA POSIZIONE DEL COMPRATORE


Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Il dovere di correttezza e i divieti speciali di acquistare beni . . . . . . . . . . .
2. (Segue): le situazioni disciplinate dallart. 1471 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . .
3. (Segue): il divieto di rendersi cessionari di crediti. Le situazioni disciplinate
dallart. 1261 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. (Segue): le conseguenze della violazione dei divieti . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Il pagamento del prezzo e le altre obbligazioni pecuniarie . . . . . . . . . . . .
6. Il dovere di correttezza; lobbligazione di ricevere la consegna della cosa e di
favorire il trasferimento del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7. Vendita di beni mobili e rimedi speciali contro linadempimento del compratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 200

201

205

209
211
214

219

223

Pag.

229

231
234
240

Pag.

254

260
264

Capitolo Terzo
LA LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI
(Regole di responsabilit)
Vincenzo Cuffaro
1. Obblighi che derivano dalla locazione e responsabilit dei contraenti . . . . .
2. Responsabilit per il pagamento del canone e per la restituzione del bene nella
legislazione speciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La responsabilit del conduttore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. La responsabilit del locatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Sezione Seconda

I contratti di prestazione dopera e servizi


Capitolo Quarto
APPALTO
I. LA NORMATIVA SPECIALE RELATIVA
ALLINADEMPIMENTO DELLAPPALTATORE
Emanuele Lucchini Guastalla
1. Le norme sullinadempimento in generale applicabili allappalto dopera e di
servizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Le norme speciali applicabili allappalto dopera: la risoluzione in corso
dopera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. (Segue): la garanzia per vizi e difformit dellopera . . . . . . . . . . . . . . . .

VIII

INDICE SOMMARIO

4. (Segue): la responsabilit per rovina e difetti di cose immobili . . . . . . . . .


5. La responsabilit per inadempimento nei contratti dopera di beni di consumo

Pag.

275
279

II. LA RESPONSABILIT PER ROVINA O GRAVI DIFETTI DI IMMOBILI


Giovanna Chiappetta
1. I rimedi per i vizi costruttivi di beni immobili nel codice civile: le azioni dellart. 1669 c.c. I meccanismi di tutela del d. lgs. n. 122/2005 per gli acquirenti
di immobili da costruire: la polizza assicurativa decennale a protezione dei
danni connessi a vizi costruttivi ex art. 1669 c.c. Lambito applicativo generale del sistema di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. I presupposti di applicazione della responsabilit dellappaltatore per rovina
o gravi difetti degli immobili di lunga durata . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La natura extracontrattuale dellazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. La natura contrattuale dellazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. (Segue): le modifiche convenzionali della responsabilit . . . . . . . . . . . .
6. La qualificazione dellazione degli aventi causa del committente. La natura
composita della norma, che si riferisce contemporaneamente ai due tipi di responsabilit contrattuale per i contraenti ed extracontrattuale per gli aventi
causa e gli altri terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7. (Segue): lazione diretta dellavente causa e la concorrente azione del committente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8. Critica delle soluzioni prospettate dalla dottrina e dalla giurisprudenza in ordine alla natura della responsabilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. (Segue): linteresse tutelato dalla norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10. I rapporti tra lart. 1669 e gli artt. 2050 e 2053 c.c. Necessit di indagare
sulla ratio dellazione diretta degli aventi causa e sulla possibile estensione
analogica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11. Il sistema di protezione per gruppi di contratti nelle negoziazioni di immobili da costruire in Francia. Il problema dellindividuazione delle tipologie
contrattuali per lapplicazione dellart. 4 del decreto. Rinvio . . . . . . . . . .
12. Il superamento delle difformit applicative dei rimedi di cui allart. 4 del decreto n. 122/2005 e la responsabilit per rovina o gravi difetti di immobili ex
art. 1669 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag.

285

289
293
295
299

301

303

309
312

315

317

326

Capitolo Quinto
IL DEPOSITO
Fabrizio Pelosi
I. IL DEPOSITO IN GENERALE
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Le obbligazioni del depositario: lobbligazione di custodia . . . . . . . . . . .
2. (Segue): lobbligazione di restituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 333

334

337

IX

INDICE SOMMARIO

3.
4.
5.
6.
7.
8.

Il momento della restituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Il luogo della consegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le obbligazioni accessorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le obbligazioni del depositante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La responsabilit contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le ipotesi pi frequenti nella casistica giurisprudenziale: il furto e la rapina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. Unipotesi particolare di omessa restituzione del bene senza responsabilit:
la vendita del bene da parte del depositario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10. Unulteriore ipotesi di responsabilit contrattuale: lomesso avviso di cui allart. 1780 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11. Onere della prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag.

339
340
341
343
343

349

353

354
355

II. IL DEPOSITO NEI MAGAZZINI GENERALI


1. La natura giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Le obbligazioni delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La responsabilit dei magazzini generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 358

359

360

III. IL DEPOSITO IN ALBERGO


Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. La responsabilit dellalbergatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. La responsabilit dellalbergatore per le cose portate in albergo .
3. La responsabilit dellalbergatore per le cose a lui consegnate . .
4. La responsabilit illimitata dellalbergatore per colpa . . . . . . .
5. La prova liberatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Il danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7. Lambito di applicazione soggettivo della disciplina in esame . .
8. Limitazioni convenzionali della responsabilit . . . . . . . . . . .
9. Onere della prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

Pag.

365
366
367
370
372
373
376
376
378
379

IV. IL CONTRATTO DI PARCHEGGIO


1. La natura giuridica del contratto di parcheggio . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Loggetto dellobbligo di custodia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La responsabilit del posteggiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 380

385

386

INDICE SOMMARIO

Capitolo Sesto
IL TRASPORTO

I. IL TRASPORTO DI COSE
Marianna Garrone
1.
2.
3.
4.

Origini dellistituto ed inquadramento della problematica


Normativa codicistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Orientamenti giurisprudenziali . . . . . . . . . . . . . . . .
Il caso fortuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.1. Il furto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2. La guerra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3. Lincendio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4. Il fatto del mittente e del destinatario . . . . . . . . .
4.5. Limballaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

Pag.

389
390
392
394
394
398
399
399
402
403

II. IL TRASPORTO DI PERSONE


Virginia Busi
1.
2.
3.
4.
5.

Premessa: nozione di trasporto di persone e normativa di riferimento . . . . .


Nozione di viaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Responsabilit del vettore stradale nel trasporto oneroso . . . . . . . . . . . .
Responsabilit del vettore ferroviario nel trasporto oneroso . . . . . . . . . . .
Responsabilit del vettore nel trasporto gratuito e nel trasporto amichevole o
di cortesia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Nullit delle clausole di limitazione della responsabilit e prescrizione . . . .
7. Responsabilit del vettore nei trasporti cumulativi . . . . . . . . . . . . . . . .
8. Concorso di azione contrattuale ed extracontrattuale . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 405

408

413

423

426
432
433
435

Pag.

438

442

446

III. IL SERVIZIO AUTOSTRADALE


E LA RESPONSABILIT DEL GESTORE
Maurizio Flick
1. La responsabilit della p.a. e del gestore di strade e autostrade in caso di insidie stradali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Dallinsidia ex art. 2043 c.c. alla responsabilit per cose in custodia ex art.
2051 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Nuovi orientamenti della giurisprudenza sulla responsabilit del proprietario/
gestore di strade/autostrade . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

XI

INDICE SOMMARIO

Capitolo Settimo
I CONTRATTI DI COOPERAZIONE:
MANDATO, AGENZIA, MEDIAZIONE.
Responsabilit per inadempimento e potenzialit
della clausola generale di buona fede
Mauro Grondona
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La buona fede quale criterio di giudizio delleconomia del contratto
(Segue): giudizio di buona fede e inadempimento contrattuale . . . .
Buona fede e inadempimento nei contratti di cooperazione: casistica
(Segue): inadempimento e buona fede nel contratto di mandato . . .
(Segue): inadempimento e buona fede nel contratto di agenzia . . . .
(Segue): inadempimento e buona fede nel contratto di mediazione . .
Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

Pag.

451
452
456
461
463
470
476
485

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

Pag.

487
488
492
496
497

1. Accesso ad Internet e responsabilit contrattuale: profili generali . . . . . . .


2. Le responsabilit del prestatore di servizi (Provider): dallobbligo di sorveglianza allobbligo di informazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Le responsabilit del Provider nellambito della disciplina sul commercio elettronico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. (Segue): il semplice trasporto di informazioni (mere conduit) . . . . . . . . . .
5. (Segue): attivit di memorizzazione temporanea (caching) e di memorizzazione
(hosting) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Le clausole di esonero/limitazione di responsabilit e i c.d. disclaimers . . . .
7. Le responsabilit connesse al commercio elettronico (diretto e indiretto) . . .
8. (Segue): le tutele del consumatore nel contratto telematico . . . . . . . . . . .

Pag.

503

509

511
511

512
514
516
523

Capitolo Ottavo
I CONTRATTI INFORMATICI
Giusella Finocchiaro
1.
2.
3.
4.
5.

Premesse . . . . . . . . . . . . . . . .
Il collegamento negoziale . . . . . .
La clausola as is . . . . . . . . . .
Licenze duso di software da testare
Il risarcimento del danno . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

Capitolo Nono
LA RESPONSABILIT IN INTERNET
E NEL COMMERCIO ELETTRONICO
Salvatore Sica e Nicola Brutti

XII

9.
10.
11.
12.

INDICE SOMMARIO

(Segue): contratti di intermediazione finanziaria . . . . . . . . . . .


(Segue): aste on-line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
(Segue): sistemi di pagamento on-line ed e-banking . . . . . . . . .
Cenni sui limiti territoriali della tutela giurisdizionale e sulle ADR

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

Pag.

527
530
532
535

1. La responsabilit del gestore di impianti sportivi . . . . . . . . . . . . . . . . .


2. La responsabilit degli istruttori sportivi: a) tennis; b) equitazione; c) nuoto;
d) hockey su prato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La responsabilit del gestore dellimpianto sciistico . . . . . . . . . . . . . . .

Pag.

539

541
545

Capitolo Decimo
IMPIANTI SPORTIVI E RESPONSABILIT
Maurizio Flick

Sezione Terza

I contratti dopera professionale


Capitolo Undicesimo
LA RESPONSABILIT IN AMBITO SANITARIO
Raffaella De Matteis
1. Lo stato dellarte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Verso nuovi modelli di responsabilit della struttura sanitaria . . . . . . . . .
3. (Segue): i servizi sanitari come servizi rivolti alla cura della salute della persona: il ruolo dellart. 1681 c.c. nella definizione di un regime uniforme di disciplina per la responsabilit delle strutture sanitarie . . . . . . . . . . . . . .
4. Le conclusioni e le scelte del legislatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 551

558

567
575

Capitolo Dodicesimo
LA RESPONSABILIT DEL NOTAIO
Andrea Fusaro
1. Premessa: le responsabilit del notaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. La responsabilit civile: la casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1. Le visure ipotecarie nella contrattazione immobiliare . . . . . . . . . . .
2.2. Le formalit successive: trascrizioni ed iscrizioni . . . . . . . . . . . . . .
3. Responsabilit fiscale e responsabilit civile per consulenza fiscale. La casistica giurisprudenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Informazioni del notaio e strutturazione dellatto. Il valore di eventuali clausole di esonero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 591

592

593

595

597

602

XIII

INDICE SOMMARIO

5.1. Notaio garante della convenienza fiscale? . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


5.2. Il notaio ha davvero la tasca pi profonda? . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 604

606

609

Capitolo Tredicesimo
RESPONSABILIT DELLAVVOCATO
Giovanna Visintini
1. Responsabilit verso il cliente: casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. La responsabilit disciplinare. Rapporti con la responsabilit processuale a carico delle parti per lite temeraria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La problematica degli abusi processuali e limpatto della giurisprudenza della
Corte europea dei diritti delluomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Verso la legittimazione passiva dello studio legale associato? . . . . . . . . . .

Pag.

611

615

621
622

Pag.

625

626
628

Pag.

633
638

642

648
651
654

Capitolo Quattordicesimo
LA RESPONSABILIT DEL COMMERCIALISTA
Marianna Garrone
1. Il problema della natura giuridica della responsabilit del commercialista . .
2. La rilevanza della distinzione tra obbligazioni di mezzi e obbligazioni di risultato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Orientamenti giurisprudenziali e danno da perdita di chance . . . . . . . . . .

Sezione Quarta

I contratti bancari e degli intermediari finanziari


Capitolo Quindicesimo
IL SISTEMA BANCARIO: ANATOCISMO E USURA
Eugenia Macchiavello
1. Lanatocismo bancario: peculiarit ed evoluzione della problematica . . . . .
2. La questione di fondo in materia di anatocismo . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Strumenti di tutela a disposizione dei clienti per contratti stipulati anteriormente allentrata in vigore della delibera del CICR . . . . . . . . . . . . . . . .
4. (Segue): strumenti di tutela a disposizione dei clienti per contratti stipulati dopo lentrata in vigore della delibera del CICR . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Anatocismo, mutuo bancario e commissione di massimo scoperto (cenni) . .
6. Lusura nel sistema bancario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

XIV

INDICE SOMMARIO

Capitolo Sedicesimo
LEASING
Renato Clarizia
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

Che si intende con il termine leasing ? . . . . . . . . . . . . .


La ripartizione delle responsabilit nella locazione finanziaria
... nel leasing operativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
... nel lease back . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
... nella locazione finanziaria immobiliare . . . . . . . . . . . . .
... nel leasing pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
... e nella locazione finanziaria di veicoli, navi ed aerei . . . . .
Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

Pag.

665
669
673
674
674
675
676
677

Capitolo Diciassettesimo
IL CREDITO AL CONSUMO E I CONTRATTI DI CREDITO
Tomaso Galletto
1. Premessa. Il fenomeno del credito al consumo nella evoluzione dellordinamento: dal recepimento delle Direttive Comunitarie al Codice del consumo .
2. La nozione dei contratti di credito al consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La forma e il contenuto; le informazioni minime al consumatore . . . . . . . .
4. La struttura giuridica delloperazione economica: il rapporto trilaterale (consumatore, fornitore, finanziatore) ed il collegamento negoziale . . . . . . . . .
5. Il problema dellinadempimento del fornitore-venditore: quale tutela per il
consumatore? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Le nuove prospettive: dal riordino delle direttive comunitarie al disegno di
legge del luglio 2007 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7. Un problema sottovalutato: leccessivo indebitamento del consumatore e la
tutela dei creditori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 679

681

682

684

687

688

689
691

Pag.

693
694
694
695
698
702
706

Capitolo Diciottesimo
IL DEPOSITO IN CASSETTE DI SICUREZZA
Fabrizio Pelosi
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Le obbligazioni del cliente . . . . . . . . . . . .
2. Le obbligazioni della banca . . . . . . . . . . .
3. La natura giuridica del contratto . . . . . . . .
4. La responsabilit della banca . . . . . . . . . .
5. Le clausole di limitazione della responsabilit
6. Lonere della prova . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

XV

INDICE SOMMARIO

Capitolo Diciannovesimo
LE GARANZIE FINANZIARIE E LE CLAUSOLE
DI CLOSE OUT NETTING
Anna Gardella
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.

La Direttiva sui contratti di garanzia finanziaria: aspetti generali . . . . . . . .


Lambito di applicazione soggettivo della Direttiva . . . . . . . . . . . . . . . .
Lambito di applicazione oggettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La semplificazione della costituzione e del contenuto del diritto delle garanzie
finanziarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La semplificazione della realizzazione delle garanzie finanziarie . . . . . . . .
La realizzazione della garanzia e il close-out netting . . . . . . . . . . . . . . . .
Il trattamento delle garanzie finanziarie in caso dinsolvenza . . . . . . . . . .
La legge applicabile alle garanzie finanziarie: il PRIMA comunitario . . . . .
La soluzione internazionalprivatistica adottata dalla Convenzione dellAja . .

Pag. 709

711

712

714
716
717
719
721
723

Capitolo Ventesimo
I CONTRATTI RELATIVI ALLA GESTIONE DI PORTAFOGLI
Michele Sesta
1.
2.
3.
4.

I contratti tra intermediario finanziario e cliente in generale . . . . . . . . . . .


I contratti relativi alla gestione di portafogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La responsabilit dellintermediario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La qualificazione del cliente professionale su richiesta tra normativa attuale e
previgente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 727

732

736

742

Pag.

755
756
758
761
762
764
767
770
771

Capitolo Ventunesimo
LA DIRETTIVA MIFID E LOBBLIGO DI BEST EXECUTION
Guido Ferrarini
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Larmonizzazione comunitaria delle regole di condotta . . . . .
Regole di condotta e responsabilit contrattuale . . . . . . . . . .
Il contenuto dellobbligo di best execution . . . . . . . . . . . . .
(Segue): flessibilit della disciplina e suo impatto concorrenziale
(Segue): il corrispettivo totale come criterio di best execution .
(Segue): il caso dei prodotti finanziari illiquidi . . . . . . . . . .
Ambito soggettivo di applicazione della best execution . . . . . .
Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

XVI

INDICE SOMMARIO

Capitolo Ventiduesimo
LA RESPONSABILIT DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI
Raffaele Viglione
1. Alcune ipotesi peculiari di responsabilit dellintermediario . . . . . . . . . . .
2. La responsabilit per violazione delle regole di condotta . . . . . . . . . . . . .
3. Gli altri rimedi e la pronuncia delle Sezioni Unite . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 775

778

788

Capitolo Ventitreesimo
LA RESPONSABILIT DA PROSPETTO
DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI
Eugenia Macchiavello
1.
2.
3.
4.
5.

La responsabilit da prospetto. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


La discussa natura della responsabilit da prospetto . . . . . . . . . . . . . . .
Le strutture organizzative per il collocamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
(Segue): collocamento, negoziazione, offerta al pubblico e recenti riforme . .
Il nuovo quadro normativo e le prospettive della responsabilit da prospetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Riepilogo e conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 793

795

799

804

813
825

Capitolo Ventiquattresimo
IL CASO ARGENTINO
Ada Kemelmajer de Carlucci
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Il documento di base per unanalisi comparativa della situazione . . . . . . . .
3. Le innovazioni legislative nellambito del diritto bancario. Il diritto dei consumatori e i servizi bancari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Conseguenze in ordine allinterpretazione della legge: la costituzionalizzazione e la visione sistematica della protezione del piccolo investitore . . . . . . .
5. Conseguenze in ordine ai soggetti protetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Conseguenze in ordine ai soggetti legittimati. Laccesso alla giustizia . . . . .
7. Conseguenze in ordine al tipo di responsabilit (azione di nullit pi risarcimento, responsabilit extracontrattuale, contrattuale, precontrattuale, ecc.) .
8. Una sentenza paradigmatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.1. La domanda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.2. La difesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3. La decisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.4. La discussione in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. Una conclusione provvisoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 831

832

832

835
836
837

838
839
839
839
840
842
843

XVII

INDICE SOMMARIO

Sezione Quinta

I contratti di assicurazione
Capitolo Venticinquesimo
OBBLIGHI E ONERI. REGOLE DI RESPONSABILIT
Ilaria Carassale
1. Il contratto di assicurazione: obblighi e oneri nascenti dal contratto . . . . .
2. Limpresa assicuratrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Laccordo delle parti e gli obblighi di informazione a carico dellassicuratore:
la descrizione della polizza. Profili di responsabilit . . . . . . . . . . . . . . .
4. La descrizione del rischio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Gli obblighi di informazione a carico dellassicurato . . . . . . . . . . . . . .
6. La natura giuridica della disciplina degli artt. 1892 e 1893 c.c. . . . . . . . .
7. La violazione dei doveri di informazione da parte dellassicurato . . . . . . .
8. Clausole a delimitazione del rischio e clausole a delimitazione della responsabilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. La clausola di non contestabilit e la clausola di aspettativa o carenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10. La clausola claims made . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 847

850

853
862
865
868
870

874

876
878

Pag.

891

895

898
901

906

913

Sezione Sesta

I contratti di lavoro
Capitolo Ventiseiesimo
LE RESPONSABILIT DEL DATORE DI LAVORO
E DEL LAVORATORE SUBORDINATO
Enrica Minale
1. Diritti fondamentali della persona e obbligo di sicurezza nel rapporto di lavoro subordinato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Lart. 2087 c.c. norma cardine della responsabilit civile del datore di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Il concorso tra responsabilit contrattuale e responsabilit extracontrattuale
del datore di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Gli estesi confini dellobbligo di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Oneri di allegazione e prova nellazione risarcitoria per violazione dellobbligo di sicurezza ex art. 2087 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Alcuni recenti aspetti della responsabilit del datore di lavoro alla luce dellart. 2087 c.c. e della normativa in materia di sicurezza sul lavoro . . . . . .
7. Tipologie di condotte imputabili alla responsabilit del datore di lavoro in
costanza di rapporto nellorientamento della giurisprudenza. a) La malattia
del dipendente: la non computabilit nel periodo di comporto dei giorni di

XVIII

INDICE SOMMARIO

assenza dal lavoro dovuti a responsabilit del datore di lavoro; b) la responsabilit del datore di lavoro e la preesistenza di una malattia o la predisposizione ad essa; c) lomessa assunzione del soggetto invalido avviato obbligatoriamente al lavoro; d) la responsabilit del datore di lavoro per usura psicofisica del dipendente derivante dal mancato godimento del riposo settimanale; e) assegnazione temporanea di mansioni e omessa informazione sui rischi;
f) la responsabilit del datore di lavoro per forzata inattivit del dipendente;
g) la responsabilit del datore di lavoro per i fatti illeciti del dipendente . . .
8. Concorso di colpa e responsabilit civile del lavoratore subordinato . . . . .

Pag.

920
926

Pag.

939
943
946
949
951
953
954
958
960
963
967
969
971
972
973

Pag.

979

983

Sezione Settima

I contratti societari
Capitolo Ventisettesimo
LA RESPONSABILIT DEGLI AMMINISTRATORI
VERSO LA SOCIET PER AZIONI
Massimo Franzoni
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.

Le responsabilit degli amministratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


La diligenza nella gestione ossia l amministrazione corretta . . . . . . . .
(Segue): la diligenza e la perizia nella gestione sociale . . . . . . . . . . . . . .
La vigilanza degli amministratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lamministrazione delegata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La prova liberatoria per lamministratore dissenziente . . . . . . . . . . . . .
La delibera assembleare per esercitare lazione di responsabilit . . . . . . .
Chi pu esperire lazione sociale di responsabilit contro gli amministratori .
Il giudice competente della controversia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La rinuncia o la transazione sullazione sociale di responsabilit . . . . . . .
Lazione sociale di responsabilit da parte dei soci di minoranza . . . . . . .
Il procedimento per promuovere lazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
(Segue): le spese di lite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La rinuncia e la transazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La responsabilit degli amministratori di fatto . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Capitolo Ventottesimo
LA RESPONSABILIT DEI SINDACI
Stefano Ambrosini
1. Ladempimento dei doveri sindacali secondo la professionalit e la diligenza
richieste dalla natura dellincarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Responsabilit esclusiva e responsabilit concorrente: il nodo della solidariet con lobbligazione risarcitoria degli amministratori e il problema della
quantificazione del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

XIX

INDICE SOMMARIO

3. La disciplina delle azioni di responsabilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


4. (Segue): il termine per lesercizio delle azioni: prescrizione o decadenza? . . .

Pag. 994

997

Sezione Ottava

I contratti marittimi
Capitolo Ventinovesimo
COSTRUZIONE DI NAVE
Francesco Berlingieri
1. Premessa - Natura giuridica del contratto di costruzione . . . . . . . . . . . . .
2. Le obbligazioni del costruttore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1. Costruzione della nave a regola darte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2. Comunicazioni al committente nel corso della costruzione . . . . . . . .
2.3. Le variazioni del progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4. I collaudi e le prove in mare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.5. La consegna della nave al committente e il trasferimento della propriet .
2.6. Il termine di consegna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.7. La garanzia contro vizi e difformit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Le obbligazioni del committente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1. Cooperazione con il costruttore durante la costruzione . . . . . . . . . .
3.2. Pagamento del prezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.3. Variazione del prezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.4. Accettazione della nave quando pronta per la consegna . . . . . . . . .
4. Prescrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Applicabilit al contratto di costruzione di nave delle altre norme che regolano il contratto di appalto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag.

1007
1009
1009
1009
1009
1010
1010
1011
1011
1014
1014
1014
1014
1015
1015

1015

Pag.

1019
1021
1022
1023
1025
1026
1028
1029
1032

Capitolo Trentesimo
LOCAZIONE E LEASING
Monica Brignardello
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.

Nozione, finalit e caratteristiche del contratto di locazione di nave


La disciplina legale e contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le prestazioni delle parti allinizio del contratto . . . . . . . . . . . .
Le prestazioni delle parti durante lesecuzione del contratto . . . .
Le prestazioni delle parti al termine del contratto . . . . . . . . . . .
Le responsabilit reciproche delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . .
La responsabilit del conduttore e del locatore verso terzi . . . . . .
Il leasing di nave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La locazione ed il leasing di unit da diporto . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

XX

INDICE SOMMARIO

Capitolo Trentunesimo
NOLEGGIO A TEMPO E NOLEGGIO A VIAGGIO
Francesco Berlingieri
I. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
II. Noleggio a tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Le obbligazioni dei contraenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.1. Le obbligazioni del noleggiante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2. Le obbligazioni del noleggiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. La disciplina dellinadempimento delle obbligazioni dei contraenti . . . . .
2.1. Gli inadempimenti del noleggiante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2. Gli inadempimenti del noleggiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III. Noleggio a viaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. La natura giuridica del contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Le obbligazioni dei contraenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1. Le obbligazioni del noleggiante. a) Navigabilit della nave. b) Presentazione della nave al luogo di caricazione. c) Emissione delle polizze di carico. d) Trasporto e consegna del carico. e) Pagamento del premio per
accelerata discarica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2. Le obbligazioni del noleggiatore. a) Pagamento del nolo. b) Imbarco e
sbarco del carico. c) Scelta di ormeggi sicuri . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La disciplina dellinadempimento delle obbligazioni dei contraenti . . . . .
3.1. Linadempimento delle obbligazioni del noleggiante . . . . . . . . . . .
3.2. Linadempimento delle obbligazioni del noleggiatore . . . . . . . . . . .

Pag.

1035
1037
1037
1037
1039
1040
1040
1042
1043
1043
1044

1044

1046
1047
1047
1047

Pag.

1049

1053
1057
1060
1061
1063

1065

Capitolo Trentaduesimo
TRASPORTO DI PERSONE
Mauro Casanova
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. La responsabilit del vettore marittimo per i danni ai passeggeri nel codice
della navigazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. (Segue): nella Convenzione di Atene 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. I limiti temporali della responsabilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. La responsabilit del vettore marittimo per inadempimento o ritardo . . . . .
6. La responsabilit del vettore marittimo per i danni ai bagagli . . . . . . . . . .
7. La responsabilit del vettore marittimo per i danni al veicolo al seguito del
passeggero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

XXI

INDICE SOMMARIO

Capitolo Trentatreesimo
TRASPORTO DI COSE
Francesco Berlingieri
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Lambito di applicazione della Convenzione del 1924 sulla polizza di carico .
2.1. La delimitazione documentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2. La delimitazione geografica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3. La delimitazione temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4. La delimitazione basata sulle caratteristiche delle cose trasportate . . . .
2.5. La delimitazione basata sulle modalit di caricazione . . . . . . . . . . . .
2.6. La delimitazione basata sul tipo di danni: i danni economici da ritardo .
2.7. Lapplicazione della Convenzione nel caso di trasporto multimodale . .
2.8. Lapplicazione della Convenzione in base alla volont delle parti . . . . .
3. Lambito residuale di applicazione del Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1. Contratti non regolati dalla Convenzione e soggetti alla legge italiana . .
3.2. Contratti regolati dalla Convenzione e soggetti alla legge italiana . . . . .
4. La disciplina delle obbligazioni del vettore secondo la Convenzione e secondo
il Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.1. Emissione della polizza di carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2. Obbligazioni allinizio del viaggio relative alla nave . . . . . . . . . . . . .
4.3. Obbligazioni continuative relative alla merce . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.1. Natura delle obbligazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.2. Contenuto delle obbligazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.3. Modalit di esecuzione dellobbligazione . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.4. Durata dellobbligazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.5. Non delegabilit dellobbligazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.6. Obbligazione di riconsegna della merce . . . . . . . . . . . . . . . .
5. La disciplina delle obbligazioni del caricatore secondo la Convenzione e secondo il Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.1. Il pagamento del nolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2. Ritiro della merce alla fine del trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. Responsabilit del vettore per inadempimento delle proprie obbligazioni . . .
6.1. La distribuzione dellonere della prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.2. Limite del risarcimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3. Termine per la denuncia della perdita, danno o ritardo . . . . . . . . . .
6.4. Prescrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.4.1. Natura giuridica del termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.4.2. Decorrenza del termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.4.3. Consegna a persona diversa dallavente diritto . . . . . . . . . . . .
6.4.4. Decorrenza nel caso di azione in garanzia . . . . . . . . . . . . . . .
7. Responsabilit del caricatore e del ricevitore per inadempimento delle loro
obbligazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.1. Mancato pagamento del nolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.2. Omessa o erronea descrizione della merce . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.3. Responsabilit generale del caricatore per inadempimento . . . . . . . .

Pag.

1067
1068
1068
1070
1071
1072
1072
1073
1074
1075
1076
1076
1076

1079
1079
1080
1084
1084
1084
1086
1088
1088
1088

1088
1089
1089
1089
1089
1091
1092
1094
1094
1098
1099
1100

1100
1100
1101
1101

XXII

INDICE SOMMARIO

7.4. Responsabilit inerente alla caricazione di merci pericolose . . . . . . . .


7.5. Mancata consegna o mancato ritiro della merce . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 1102
1104

Capitolo Trentaquattresimo
RIMORCHIO
Giorgio Berlingieri
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Rimorchio portuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1. La stipulazione del contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2. Le obbligazioni del rimorchiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3. Le obbligazioni della nave rimorchiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4. La disciplina della responsabilit per danni ai rimorchiatori e alla nave .
3. Rimorchio di altura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1. Le diverse caratteristiche che il rimorchio pu presentare . . . . . . . . .
3.2. Le obbligazioni del rimorchiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2.1. Le obbligazioni del rimorchiatore quando non avviene la consegna degli elementi rimorchiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2.2. Le obbligazioni del rimorchiatore quando avviene la consegna degli elementi rimorchiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.3. Le obbligazioni del proprietario degli elementi rimorchiati . . . . . . . .
3.3.1. Quando non fatta consegna degli elementi rimorchiati al rimorchiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.3.2. Quando fatta consegna degli elementi rimorchiati al rimorchiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. La disciplina della responsabilit per danni a terzi . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag.

1105
1107
1107
1107
1108
1108
1109
1109
1110

1110

1111
1112

1112

1113
1113

Pag.

1115
1116
1117
1118
1119

Capitolo Trentacinquesimo
PILOTAGGIO
Giorgio Berlingieri
1.
2.
3.
4.
5.

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La stipulazione del contratto di pilotaggio . .
Le obbligazioni del pilota . . . . . . . . . . . .
Responsabilit del pilota e della corporazione
Obbligazioni dellarmatore . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

Capitolo Trentaseiesimo
OPERAZIONI PORTUALI
Mauro Casanova
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 1121

XXIII

INDICE SOMMARIO

2. Lespletamento delle operazioni portuali da parte del terminalista su incarico


del vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1. Lazione di risarcimento danni intentata dallavente diritto al carico nei
confronti del vettore marittimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2. Lazione di risarcimento danni intentata dallavente diritto al carico nei
confronti del terminalista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3. Lazione di rivalsa del vettore marittimo nei confronti del terminalista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Lespletamento delle operazioni portuali da parte del terminalista su incarico
del caricatore o del destinatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Lespletamento delle operazioni portuali da parte di un vettore/terminalista o
di un vettore multimodale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 1124

1125

1128

1129

1131

1133

Pag.

1137
1138
1138
1139
1139
1140
1140

1142
1144
1145

1145
1146

1146
1147

1147

1148

1148

1149
1150

Capitolo Trentasettesimo
SALVATAGGIO
Francesco Berlingieri
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Applicabilit della Convenzione quale lex fori . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1. Le definizioni di salvage operation, di vessel e di property . . . . . . . . .
2.2. Le esclusioni dallambito di applicazione della normativa uniforme . . .
3. Il rapporto tra Convenzione e Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. Le obbligazioni del soccorritore e le conseguenze del loro inadempimento . .
4.1. Le obbligazioni previste dallart. 8 della Convenzione . . . . . . . . . . .
4.2. Le obbligazioni del soccorritore nel caso di operazioni disposte dalle autorit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3. Il divieto di provvedere alla attuazione del privilegio . . . . . . . . . . . .
4.4. La ripartizione del compenso tra vari soccorritori . . . . . . . . . . . . . .
4.5. Le obbligazioni del soccorritore nei confronti dellequipaggio della nave
impiegata nelle operazioni di salvataggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Le obbligazioni dei proprietari dei beni salvati . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.1. Le obbligazioni previste dallart. 8 della Convenzione e le conseguenze
del loro inadempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2. Lobbligazione di fornire una garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.3. Lobbligazione del proprietario della nave salvata di fare quanto possibile (use his best endeavours) perch i proprietari del carico forniscano una
sufficiente garanzia dei crediti nei loro confronti . . . . . . . . . . . . . .
5.4. Lobbligazione del proprietario della nave salvata e dei proprietari del carico di non rimuovere i loro beni dal luogo del loro arrivo dopo il termine
delle operazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.5. Lobbligazione di pagamento del compenso di salvataggio ex art. 13 della
Convenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.6. Lobbligazione di pagamento del compenso speciale ex art. 14 della Convenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6. La prescrizione delle azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

XXIV

INDICE SOMMARIO

Capitolo Trentottesimo
ASSICURAZIONI MARITTIME
Alfredo Dani
1.
2.
3.
4.
5.
6.

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Polizze italiane e clausolari inglesi. Coordinamento e legge regolatrice . . . .
Utmost good faith . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Warranties . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Mancato o ritardato pagamento del premio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Obblighi (oneri) dellassicurato in caso di sinistro - Sue and Labour clause .

Pag.

1151
1153
1154
1156
1157
1158

Pag.

1163
1166
1169
1175
1182

1188

1195
1198
1204
1207
1207

1209
1211
1213

1214

Sezione Nona

I contratti di distribuzione
Capitolo Trentanovesimo
I PRINCIPALI CONTRATTI DI DISTRIBUZIONE
NELLORDINAMENTO ITALIANO
Chiara Poggi Ferrero
I.
II.1.
II.2.
II.3.
III.1.
III.2.
IV.1.
IV.2.
V.
VI.1.
VI.2.
VI.3.
VI.4.
VI.5.
VI.6.

La distribuzione e i contratti di distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . .


Il contratto di concessione di vendita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La natura giuridica del contratto di concessione di vendita . . . . . . . . .
Il contenuto del contratto e linadempimento . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il contratto di franchising . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La l. 6 maggio 2004, n. 29; Norme sulla disciplina dellaffiliazione commerciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Contratti di distribuzione e norme comunitarie in materia di tutela della
concorrenza: le clausole che incidono sulla validit dei contratti . . . . . .
Il Regolamento 2790 del 22 dicembre 1999 e le Linee Direttrici del 2000 .
I contratti di distribuzione selettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I contratti internazionali di distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La legge applicabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La Convenzione dellAja del 15 giugno 1955 e la Convenzione di Vienna
dell11 aprile 1980 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La Convenzione di Roma del 19 giugno 1980 . . . . . . . . . . . . . . . . .
I contratti internazionali di distribuzione nella giurisprudenza . . . . . . .
Il Regolamento comunitario n. 593/2008 del 17 giugno 2008, Regolamento Roma I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

XXV

INDICE SOMMARIO

Sezione Decima

I contratti fiduciari
Capitolo Quarantesimo
I CONTRATTI FIDUCIARI E I RIMEDI ALLINADEMPIMENTO
Stefano Cavanna
1. La nozione di contratto fiduciario ed il problema dei rimedi in caso di inadempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Fiducia e simulazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. La fiducia statica: pronutiatio contra se ed abuso del fiduciario . . . . . . . .
4. La tutela del fiduciante e del beneficiario: il problema della prova della forma del pactum fiduciae . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. La tutela del fiduciante e del beneficiario: la prescrizione . . . . . . . . . . .
6. I rimedi in caso di abuso: lesecuzione in forma specifica e lazione revocatoria
7. Labuso del fiduciante: la configurabilit dei reati di appropriazione indebita
e di furto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8. La fiducia opponibile ai terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. Ipotesi di fiducia germanistica nellintestazione fiduciaria di partecipazioni
sociali: le societ fiduciarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10. Ipotesi di fiducia germanistica: le societ di intermediazione mobiliare e le
societ fiduciarie dopo la l. 2 gennaio 1991, n. 1 . . . . . . . . . . . . . . . . .
11. Il c.d. decreto Eurosim e la c.d. legge Draghi . . . . . . . . . . . . . .
12. Altre ipotesi di fiducia opponibile ai terzi: il deposito fiduciario . . . . . . .
13. Nuove forme di patrimonio separato: i patrimoni ed i finanziamenti destinati
ad uno specifico affare in materia societaria. Cenni . . . . . . . . . . . . . . .
14. Nuove forme di patrimoni separati: gli specifici conti separati dellintermediario di assicurazione. Cenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 1223
1231
1237

1240
1244
1246

1249
1252

1253

1268
1274
1278

1281

1285

Pag.

1291
1293
1294
1294
1295

Sezione Undicesima

I contratti dei consumatori


Capitolo Quarantunesimo
LA CODIFICAZIONE DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE
A FRONTE DELLE INIZIATIVE COMUNITARIE
Guido Alpa
1. Premessa. I diritti dei consumatori nella Carta dei diritti fondamentali dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. Il consumatore come uno dei protagonisti sulla scena del diritto . . . . .
3. La Comunit economica europea e lincidenza del diritto comunitario . . . .
4. La menzione del consumatore nel codice civile . . . . . . . . . . . . . . .
5. La legge sui diritti fondamentali dei consumatori . . . . . . . . . . . . . . . .

XXVI

6.
7.
8.
9.
10.

INDICE SOMMARIO

I codici di settore e il Codice del Consumo . . . . . . . . . . . . . .


Il Codice del Consumo nel sistema delle fonti . . . . . . . . . . . . . .
Il progetto di direttiva comunitaria sui contratti . . . . . . . . . . . . .
Diritto dei consumatori , diritti della persona e tutela del mercato
Il dibattito attuale sul diritto dei consumatori . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

Pag.

1296
1298
1299
1301
1302

Capitolo Quarantaduesimo
LA VENDITA DI BENI DI CONSUMO
Luciana Cabella Pisu
1. Garanzia per vizi della cosa venduta e responsabilit per inadempimento: la disciplina del codice civile italiano e le scelte applicative della giurisprudenza .
2. La responsabilit per mancanza di conformit nella vendita internazionale di
cose mobili e nella direttiva europea sulla vendita di beni di consumo . . . .
3. Lattuazione della direttiva 99/44 CE in Italia e i problemi di coordinamento
con la disciplina del codice civile. Linadempimento dellobbligo di consegna
e il passaggio dei rischi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. (Segue): il significato della responsabilit per difetto di conformit e i rimedi a disposizione del compratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Le garanzie convenzionali e linderogabilit della disciplina . . . . . . . . . .

Pag. 1307

1311

1316

1322
1327

Pag.

1329
1335
1342
1348

1357

1364
1365

1369
1371

1373

Capitolo Quarantatreesimo
LA TUTELA PROCESSUALE DEI CONSUMATORI
Vincenzo Zeno-Zencovich e Maria Cecilia Paglietti
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La tutela sostanziale e processuale del consumatore accomunate dalla ratio .
Le tipologie: la fase della risoluzione stragiudiziale e organi deputati . . . . .
(Segue): il reclamo e la conciliazione diretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il momento contenzioso: la dimensione collettiva del processo e i provvedimenti ottenibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
(Segue): la tutela processuale dellinvestitore, del risparmiatore e del cliente
della banca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La competenza territoriale (il foro esclusivo e foro inderogabile del consumatore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La nullit e i poteri officiosi del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Conclusioni: la forza espansiva del diritto dei consumi e la gestione del contenzioso come parte del rapporto di consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . .

XXVII

INDICE SOMMARIO

Sezione Dodicesima

I contratti della pubblica amministrazione


Capitolo Quarantaquattresimo
LATTIVIT CONTRATTUALE DELLA P.A.
NEL QUADRO DEI PRINCIPI DI DIRITTO PRIVATO
Daniela Memmo
1. Laffermazione del diritto privato comune nella disciplina dellattivit contrattuale della p.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. La nuova configurazione soggettiva della p.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Il principio di sussidiariet nellerogazione dei servizi pubblici. Il rapporto di
utenza nel codice del consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. La disciplina del contratto della p.a. tra codice civile e leggi speciali . . . . .
5. I principi di diritto comune: lautonomia privata della p.a. . . . . . . . . . . .
6. La determinazione unilaterale del contenuto contrattuale . . . . . . . . . . .
7. (Segue): clausole vessatorie ed erogazione di pubblici servizi. Il codice del
consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8. Il principio di buona fede: trattative e responsabilit precontrattuale della
p.a. La categoria del contatto sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9. Deliberazione a contrarre e stipulazione del contratto nel dibattito giurisprudenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
10. Aggiudicazione e stipulazione del contratto. Il requisito della forma ad substantiam. Invalidit dellaggiudicazione e dissenso . . . . . . . . . . . . . . . .
11. (Segue): nullit del contratto per difetto di forma e responsabilit precontrattuale della p.a. ex art. 1338 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
12. Di una deroga alla forma vincolata: la conclusione per mezzo di corrispondenza nei contratti a distanza con le imprese commerciali . . . . . . . . . . .
13. La dichiarazione di volont del falso rappresentante. La ratifica dellente
pubblico. Inefficacia del contratto e responsabilit nei confronti del terzo in
buona fede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
14. Approvazione e controlli. Il parere del Consiglio di Stato sul progetto di contratto. Il caso del parere tardivo: limiti di ammissibilit. Approvazione ed effetto traslativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15. Informatica e pubblica amministrazione. Le-government . . . . . . . . . . .
16. I contratti telematici della p.a. E-procurement e razionalizzazione della spesa
pubblica: la Consip s.p.a. nella evoluzione normativa. La responsabilit per
la stipulazione dei contratti c.d. fuori Consip . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
17. Gli acquisti on-line della p.a.: gli acquisti in convenzione . . . . . . . . . . . .
18. (Segue): le gare telematiche ed il mercato elettronico . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 1381
1383

1384
1385
1386
1388

1389

1391

1394

1395

1399

1401

1402

1405
1407

1409
1411
1414

XXVIII

INDICE SOMMARIO

Sezione Tredicesima

I contratti collegati
Capitolo Quarantacinquesimo
IL COLLEGAMENTO CONTRATTUALE: NOZIONE E PRASSI
Franco Vigotti
1. Nozione di collegamento contrattuale e sua ricostruzione in dottrina . . . . .
2. Il collegamento contrattuale nella giurisprudenza. Lestensione ai contratti
collegati dellinadempimento di una parte ad uno di essi e di altre patologie .
3. I contratti collegati come schema alternativo, rispetto ad un unico contratto,
per il regolamento delle operazioni economiche . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4. I contratti collegati come schema per il regolamento di operazioni economiche complesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. Cenni sui problemi di redazione dei contratti collegati . . . . . . . . . . . . . .

Pag. 1419

1422

1426

1430
1432

Sezione Quattordicesima

I contratti internazionali
Capitolo Quarantaseiesimo
LE NORME APPLICABILI ALLA RESPONSABILIT
CONTRATTUALE: IL RUOLO DELLAUTONOMIA PRIVATA
Sergio M. Carbone
1. Lunitaria funzione dellautonomia privata al fine di garantire la coerenza della disciplina del rapporto contrattuale in presenza di varie normative ad esso
applicabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2. La libert di scelta della legge o delle leggi applicabili al contratto ed a verificarne la regolare formazione e validit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3. Il riconoscimento degli effetti prodotti nellordinamento giuridico voluto dalle parti nellinteresse materiale di entrambi i contraenti . . . . . . . . . . . . .
4. (Segue): la rilevanza dellinteresse meritevole di tutela e la funzione di decentramento normativo nellesercizio dellautonomia privata anche ai fini di verificare la regolare formazione del contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5. I limiti delle teorie rivolte a legittimare il c.d. contrat sans loi . . . . . . . . . .
6. Il depeage ed i limiti alla determinazione della disciplina contrattuale: le norme di applicazione necessaria e lordine pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . .
7. (Segue): le caratteristiche delle norme di applicazione necessaria e la loro rilevanza sulla valutazione delladempimento delle obbligazioni contrattuali. La
conferma della funzione unitaria dellautonomia privata . . . . . . . . . . . . .

Pag. 1439

1442

1443

1445
1447

1448

1450