Sei sulla pagina 1di 15

Lingua francese

1 Distribuzione geograca

Il francese (nome nativo franais, in IPA [f 's]) una


lingua appartenente al gruppo delle lingue romanze della
famiglia delle lingue indoeuropee.
Diusa come lingua materna in Francia metropolitana
e d'oltremare, in Canada (principalmente nelle province del Qubec e del Nuovo Brunswick, ma con una
presenza signicativa anche in Ontario e Manitoba), in
Belgio, in Svizzera, presso numerose isole dei Caraibi
(Haiti, Dominica, Santa Lucia) e dell'Oceano indiano
(Mauritius, Comore e Seychelles), in Lussemburgo e nel
Principato di Monaco, lingua uciale di circa 30 stati ripartiti su tutti i continenti (come eredit dell'impero
coloniale francese e, in minor misura, belga), oltre che
di numerose organizzazioni internazionali come l'ONU,
la NATO, il Comitato Olimpico Internazionale e l'Unione
Postale Universale. Costituisce inoltre, insieme all'inglese
e al tedesco, una delle tre lingue di lavoro dell'Unione europea. In Italia parlato e tutelato in Valle d'Aosta, dove
gode di uno status di coucialit[3] con l'italiano.

Sebbene non sia ai primissimi posti tra le lingue pi parlate del mondo per numero di madrelingua (circa 78
milioni[4] ), essa costituisce invece la seconda per diusione, dopo l'inglese, per numero di paesi in cui uciale e per numero di continenti in cui parlata. Le stime
dei locutori totali sono dicili a causa della diusione
maggiore del francese come lingua seconda che come lingua materna e del grosso peso che hanno nella demograa
di questa lingua i vasti territori dell'Africa francofona, in
cui l'avanzare della conoscenza del francese in costante
crescita grazie alla scolarizzazione e per i quali non sono
sempre disponibili statistiche precise o aggiornate. Tuttavia secondo le stime dell'Organizzazione Internazionale
della Francofonia[1] , vi sono nel mondo circa 173 milioni
di francofoni reali, ovvero madrelingua o il cui livello linguistico paragonabile a quello di un madrelingua,
cui si aggiungono circa 110 milioni di francofoni parziali, cio persone che ne hanno una conoscenza pi limitata, per un totale di 283 milioni. A questi si aggiungono,
sempre secondo le stime dell'OIF, almeno 400 milioni
di persone che hanno appreso o stanno apprendendo il
francese come lingua straniera. Il Ministero francese degli esteri[5] invece dichiara 119 milioni di francofoni reali
e 145 milioni di francofoni parziali, per un totale di 263
milioni.

1000 mi

1000 km

L'Africa francofona. In blu sono segnati i paesi in cui il francese


lingua uciale o amministrativa, in azzurro quelli ove riveste
il ruolo di lingua di cultura privilegiata. In verde sono segnati gli
Stati non francofoni facenti parte dell'OIF.

2 Storia della lingua francese


Il francese il risultato delle contaminazioni linguistiche
che il latino volgare ha subito nella Gallia romanizzata,
a partire soprattutto dal V secolo. Tra i principali idiomi che contribuirono a inuenzare la trasformazione della lingua parlata in Gallia durante lepoca tardo antica
ricordiamo:
La lingua celtica, principale idioma preesistente
al latino, la quale ebbe unenorme inuenza nella sedimentazione di alcune particolarit fonetiche tipiche del francese, quali luso delle nasali o delle vocali turbate. Per quanto riguarda il
lessico, linuenza della lingua gallica fu pi limitata: attualmente i termini francesi di origine celtica non sono pi di un centinaio, tra i quali ricordiamo chemise (camicia, da CAMISIAM), cervoise (birra fermentata, da CERVESIAM), baiser (bacio, attestato gi in Catullo come BASIUM) e char (carro, da CARRUM). Molti toponimi di citt francesi risalgono ugualmente al-

Attualmente il francese la seconda lingua pi insegnata


al mondo dopo l'inglese, anche grazie a una capillare rete
di servizi linguistici e culturali incentrati sui CCF (Centres Culturels Franais, dipendenti dalle Ambasciate) e
sulle sedi dell'Alliance Franaise.
1

2 STORIA DELLA LINGUA FRANCESE


no di questi idiomi allinterno di tre grandi famiglie distinte: quella delle lingue dol (parlate a nord della Loira; tra le pi rappresentative ricordiamo il franciano di
Parigi, il vallone del Belgio e l'anglo-normanno), quella
delle lingue doc (parlate a sud della Loira; tra di esse la
pi importante di gran lunga il provenzale) e inne il
francoprovenzale, parlato diusamente nellarea geograca compresa tra la Savoia, la Svizzera romanda, la Valle
d'Aosta e il Piemonte occidentale.

Diusione delle lingue galloromanze nella regione francese. Le


tonalit verdi e gialle indicano gli idiomi appartenenti alla famiglia delle lingue dol; le tonalit rosse indicano le lingue d'oc,
mentre sono segnate in blu le varianti del francoprovenzale.

lepoca celtica (LUTETIA PARISIORUM: Paris;


Una parte del Giuramento
ROTOMAGUS: Rouen; CATOMAGUS: Caen;
BELLOVACI: Beauvais).
L'evoluzione del latino volgare parlato in Gallia attestata da numerosi documenti collocabili tra la ne dell'VIII
Il francone occidentale e altre lingue del ceppo gersecolo e l'inizio del X. Tra i testi pi interessanti possiamanico parlate dai Franchi, che rappresentano i
mo citare il Glossario di Reichnau, prodotto a nord della
principali idiomi di superstrato rispetto al latino volLoira intorno all'anno 750, in cui compaiono alcuni slittagare di Gallia. Tra le lingue romanze, il francese si
menti semantici di termini gi presenti nel latino classico
rivela quella meno conservativa nei confronti delche hanno poi assunto un diverso signicato in francese
la lingua madre, probabilmente anche a causa del(il verbo DONO si sovrappone al pi classico FERO; oglalto indice di germanizzazione. Come in italiano,
gi in francese il verbo donner signica infatti dare e non
molti termini legati al campo semantico della guerdonare"; il termine volgare FORMATICUM, da cui dira (guerre, da WERRA) sono di origine germaniscende il moderno fromage, sostituisce allo stesso modo
ca. Tra i pi comuni ricordiamo pe (spada, da
il classico CASEUM).
SPATHA), blesser e blessure (ferire e ferita, da
BLESSE), o ancora gagner (vincere uno scontro, Gli studiosi tendono tuttavia a identicare nel vero atto
poi divenuto di accezione comune, da WAIDAN- di nascita della lingua francese il Giuramento di StrasburJAN). Numerosi termini astratti indicanti i colori go (842), documento di fondamentale importanza per la
(blanc, bianco, da BLANK), le qualit morali o storia politica e linguistica dell'Europa. Con tale trattato,
caratteriali (riche, ricco"; hardi, coraggioso, ar- infatti, vengono poste le basi per la nascita di quella comdito"; laid, brutto";) e lamministrazione territoria- pagine politica corrispondente all'odierna Francia, menle (ef,"feudo, da FEHU; ban, bando, da BAN; tre appare ormai evidente la presenza di una netta divarialleu, allodio, da AL-OD; marquis, marchese, cazione tra la romana lingua parlata in Gallia e la teotisca
da MARKA) sono di origine germanica. Dal pun- lingua utilizzata nelle province germaniche. Il primo teto di vista morfologico, il francese ha ereditato dal- sto letterario in lingua francese di cui si abbiano notizie
la lingua francona numerosi sussi quali ISK, poi certe invece la Sequenza di Sant'Eulalia (888), caratteevolutosi in ois, -ais come nel caso delleponimo rizzata dall'uso di una prosa ritmata a cadenze regolari
Franais (francese, da FRANKISK, uomo libe- e dallo sviluppo di una forma primitiva di condizionale
ro), o ancora il peggiorativo ARD (in vieillard, romanzo.
vecchio"; btard, bastardo).
La lingua francese esercit una notevole inuenza
sullo sviluppo dellinglese a seguito della conquista
Le lingue romanze sviluppatesi in Francia sulla base di dell'Inghilterra da parte dei Normanni di Guglielmo il
queste inuenze si articolavano in un ramicato siste- Conquistatore (Battaglia di Hastings, 1066). L'angloma di varianti regionali. I linguisti riconducono ciascu- normanno si impose con il suo prestigio come nuo-

3
va lingua di corte, connando il precedente idioma
anglosassone al rango di vernacolo utilizzato dal popolo illetterato. Con il passare del tempo, tuttavia, i legami
politici e culturali tra lInghilterra e la Normandia si afevolirono, determinando la perdita di vigore dellanglonormanno, che n con lessere assorbito dal nativo sassone. Il risultato di tale evoluzione fu la nascita del medio
inglese, una lingua che conservava una struttura morfosintattica tipicamente germanica, ma che presentava un
lessico costituito in gran parte di lemmi dorigine francese
e latina.
In ambito continentale, invece, la precoce aermazione
di Parigi quale centro del potere politico ed economico della Francia contribu a raorzare la posizione del
franciano, variante della lingua dol parlato nella regione dell'le-de-France che cominci lentamente a imporsi
sugli altri dialetti. Per buona parte del Medioevo, tuttavia, la cultura e la letteratura di lingua dol sviluppatasi
a nord della Loira coabitarono con la cultura e letteratura
di lingua doc orite tra il XI e il XIII secolo nella regione del Midi. Tale situazione di equilibrio perdur no alla
crociata albigese bandita nel 1209 dal re Filippo Augusto
contro i catari della citt di Albi. Tale evento traumatico
contribu alla devastazione delle corti provenzali e al declino della cultura occitana, che perse denitivamente il
suo predominio a favore del francese. Nonostante questa
espansione, il latino rimase ancora a lungo la lingua della scuola, della cultura accademica e dei decreti reali. Fu
solo con l'Ordonnance de Villers-Cotterts, promulgata dal
re Francesco I nel 1539, che il francese si impose come
lingua uciale dei decreti reali e degli atti parlamentari.

Francesco I, il sovrano che promulg lOrdonnance de VillersCotterts nel 1539.

Le guerre dItalia (1494-1559) permisero alla Francia di


entrare in contatto con le ranatezze artistiche e letterarie del Rinascimento italiano. Tale incontro ebbe profonde inuenze anche da un punto di vista linguistico,
con la nascita di un petrarchismo francese e ladozione di
molti termini latini di origine colta, spesso accolti nella
loro forma italianizzata. Nel medesimo periodo si assiste alla nascita del movimento poetico della Pliade, i cui
membri spingono in direzione di una codicazione accademica della lingua francese, al ne di ripulirla dalluso
di barbarismi e di esaltarne le intrinseche qualit di clart
e mesure. Nel 1549 il poeta Joachim du Bellay pubblic
il suo trattato Dfense et illustration de la langue franaise, in cui attaccava duramente l'impasto linguistico popolare utilizzata dagli autori della tarda et medievale,
sostenendo la necessit di promuovere una lingua illustre
che potesse allo stesso tempo essere idioma d'uso e di
penna. Nella seconda met del Cinquecento, il francese
parigino cominci ad essere conosciuto (ma non ancora
parlato) in tutto il territorio nazionale, arricchendosi nelle
forme grammaticali e nel lessico tramite l'acquisizione di
termini losoci, politici e scientici attinti direttamente
dal latino letterario.
Il XVII secolo (Grand Sicle) considerato un periodo
d'oro per la diusione della lingua, della letteratura e
della cultura francese in Europa. Nel 1635, il cardinale
Richelieu fond l'Acadmie franaise, l'ente che ancora
oggi sorveglia l'uso della lingua e le sue variazioni, con
lo scopo di rendere il francese la lingua della diplomazia internazionale, nonch l'idioma di riferimento per gli
scambi culturali tra persone di dierente nazionalit. Il
trattato di Westfalia (1648), con cui si conclude la sanguinosa Guerra dei Trent'anni, fu redatto in francese, e
segn l'inizio di un'egemonia politica e culturale della
Francia destinata a durare no al 1815. Nel corso della
seconda met del secolo, inoltre, il prestigio della corte
di Luigi XIV contribu a fare del francese la lingua ufciale delle lite aristocratiche e intellettuali dell'intero
continente. Nel frattempo, continuava l'attivit normativa dell'Acadmie, tramite l'adozione di una riforma ortograca volta a normalizzare alcune oscillazioni risalenti
all'epoca medievale (Roy divenne Roi; franoys divenne franais). Con la pubblicazione del Dictionnaire de
l'Acadmie franaise (1694), inne, il modello di razionalit e chiarezza con cui la lingua francese e la Francia
si identicano ancora oggi si impose in modo denitivo
all'interno dei conni nazionali.
Durante l'et dell'Illuminismo, il francese continu ad
aermarsi come idioma della diplomazia e della cultura. La pubblicazione dell'Encyclopdie contribu inoltre a raorzare la sua posizione di lingua franca per
la divulgazione del sapere tecnico e scientico. Alcuni tra i testi fondamentali per la nascita della moderna teoria dello Stato risalgono proprio a questo periodo; tra i pi importanti, ricordiamo le Lettres persanes
(1721) e l'Esprit des lois (1748) di Montesquieu, oltre al
Dictionnaire philosophique di Voltaire.

VARIANTI DELLA LINGUA FRANCESE NEL MONDO

Quarta edizione in due volumi del Dictionnaire (1768).

Calligramma di Apollinaire

Fu solo con la Rivoluzione che il francese divenne una


lingua autenticamente nazionale e popolare. Se no ad
allora, infatti, la maggior parte della popolazione aveva
continuato ad esprimersi utilizzando i vari dialetti locali,
il Governo repubblicano eman una serie di decreti atti a
trasformare quello che era stato per secoli un idioma di
corte nella lingua della Grande Nation. L'istruzione pubblica e gratuita per tutti permise di raorzare la presenza
del francese sul territorio. L'uso dei patois venne scoraggiato e aspramente combattuto, in quanto ritenuto veicolo
di ignoranza e di corruzione morale. La lingua nazionale,
viceversa, avrebbe dovuto incarnare i valori repubblicani
e patriottici di Libert, Egalit, Fraternit. Nel corso del
XIX secolo, con il perfezionamento del sistema scolastico
nazionale e la progressiva diusione della stampa quotidiana, il francese si aerm denitivamente come lingua
parlata presso la totalit del territorio nazionale.

ni Cinquanta risale un nuovo gergo giovanile noto come


verlan, basato principalmente sull'inversione dell'ordine
delle sillabe all'interno di una parola.
Nonostante la tradizione normativa di carattere accademico sopravviva ancora oggi, la lingua francese dell'inizio
del XXI secolo si caratterizza per la presenza di un certo numero di prestiti linguistici in vari ambiti semantici.
Nell'ambito del lessico sportivo e colloquiale, sono particolarmente frequenti gli anglicismi (challenge al posto di
d per indicare la sda in ambito sportivo; match per
indicare una partita; score per indicare il punteggio"; job
per indicare i lavoretti stagionali), mentre, al contrario di
quanto avviene in Italia, il lessico legato all'informatica o
all'economia tende ad essere maggiormente francesizzato
(ordinateur al posto di computer"; disque dur al posto di
hard disk"; souris al posto di mouse"; pourriel al posto
di spam"; courriel al posto di e-mail"; taux d'obligations
per spread"; agence de notation per agenzia di rating";
pacte bugetaire per scal compact). Nell'ambito del linguaggio giovanile praticato nelle banlieues, alcune espressioni idiomatiche registrano invece la presenza di prestiti
consolidati dalla lingua araba.

Il Romanticismo aveva nel frattempo introdotto alcuni elementi di innovazione nell'ambito dell'uso letterario della lingua. La polemica nei confronti delle regole classiche sfoci nell'adozione di un linguaggio aperto alle inltrazioni delle lingue regionali o dei vari gerghi sociali. Tra gli scrittori romantici, Victor Hugo fu
il primo a condurre, all'interno del suo capolavoro Les
Misrables (1862), una riessione di ampio respiro in- 3 Varianti della lingua francese nel
torno al fenomeno linguistico dell'argot, gergo utilizzamondo
to n dall'inizio dell'Ottocento dalla malavita parigina.
Tale sperimentazione di tipo linguistico, pur contrastata dai parnassiani e dal purismo di illustri scrittori quali Come risultato dell'espansione coloniale della Francia,
Gustave Flaubert, continu a orire nel XX secolo, grazie e in misura minore del Belgio, nel corso dell'et
all'opera di Guillaume Apollinaire e dei futuristi. Agli an- dell'imperialismo, il francese oggi parlato correntemen-

3.1

Il francese in Europa

te in pi di 35 Stati ripartiti su cinque continenti. Bench il francese standard, chiamato anche franais international, sia preso a modello in tutto il mondo per
l'insegnamento della lingua a livello scolastico, esistono
numerose varianti locali che si sono arricchite, nel corso del tempo, di prestiti linguistici, espressioni idiomatiche o inussi tipici delle culture preesistenti presso l'area
geograca in cui si sono sviluppate.
Non bisogna confondere tali varianti del francese con
quelli che molto spesso vengono erroneamente deniti i
dialetti parlati in Francia. Esattamente come nel caso
dell'italiano, infatti, questi ultimi non possono essere considerati semplici varianti del francese. Si tratta in eetti
di lingue autonome che hanno subito una progressiva decadenza socio-culturale di fronte all'avanzare dell'idioma
di Parigi, no a essere relegate all'interno di una dimensione fortemente minoritaria. Tale discorso vale per le
lingue d'ol come il vallone, il piccardo o il normanno e
ancora di pi per la famiglia delle lingue d'oc, come ad
esempio il provenzale, che presentano una logenesi autonoma. In Francia, studiosi e linguisti non parlano infatti
di dialetti, quanto di langues rgionales.

3.1

Il francese in Europa

La lingua francese si storicamente sviluppata in Europa,


ove parlata da circa 73 milioni di locutori madrelingua.
I principali paesi europei in cui si parla questa lingua sono
la Francia, il Belgio, la Svizzera, il Lussemburgo e la Valle
d'Aosta. Pur rimanendo fondamentalmente simili, queste
variet presentano delle peculiarit lessicali e fonologiche
assai interessanti.

3.1.1

Il francese in Francia

Vista di Parigi a partire da Notre-Dame de Paris.

5
di tale variante esistono tuttavia notevoli discrepanze dettate principalmente da fattori socio-culturali. I banlieusards di origine magrebina o gli studenti del Quartiere
latino, ad esempio, dicilmente si esprimeranno utilizzando un lessico e una struttura sintattica che rispettino
le norme dettate dall'Acadmie franaise. Gi Victor Hugo deniva la parlata di Parigi come un buon compromesso "choisi par les peuples comme intermdiaire entre
l'excs de consonnes du nord et l'excs de voyelles du midi". Dal momento che il francese parigino si identica con
il francese standard, assai dicile individuare dei tratti
dialettali che lo distinguano rispetto alle altre varianti.
possibile invece sottolineare alcuni elementi peculiari
della parlata di Parigi, e per estensione del francese standard, che non sempre emergono nella prassi d'uso di altre
varianti dialettali. Tra le peculiarit pi comuni possiamo
ricordare, dal punto di vista fonologico:
L'uso comune della r uvulare.
Il raorzamento della pronuncia nasale di n preceduta dalla vocale (come in on, mon, bon bon) e corrispettivo indebolimento della pronuncia nasale di n
preceduta da u (come in parfum).
Per quanto concerne la morfologia e la grammatica, il
francese parigino privilegia pi di altre varianti l'uso dei
partitivi per esprimere una quantit indenita (es. Compro il pane = "J'achte du pain"), cos come l'accordo del
participio del verbo avere qualora preceduto da pronomi
relativi o che esprimono il complemento oggetto (Sono
i dolci che ha preparato per la cena di stasera = "Ce sont
les gteaux qu'il a prepars pour le dner de ce soir"). Il
congiuntivo inoltre spesso sostituito dall'indicativo con
i verbi che esprimono un'idea o un'opinione di cui si
ragionevolmente certi (Penso che abbia ragione = "Je
pense qu'il a raison").
Il francese settentrionale Sotto la denizione di franais septentrional si collocano tutte quelle varianti idiomatiche diuse a nord di Parigi che subiscono linuenza di lingue dol diverse dal francese quali il vallone, il
piccardo o il normanno. Le principali dierenze rispetto
alla lingua standard sono di natura fonologica: tutte le nasali vengono pronunciate con unenfasi maggiore, mentre
il fenomeno della liaison presente anche in quei casi in
cui la normativa accademica tende ad ometterlo. Anche
la pronuncia delle vocali chiuse tende a essere particolarmente accentuata. Per quanto riguarda il lessico, prestiti
provenienti dalle lingue regionali coabitano con espressioni mutuate dal bretone, dal ammingo o dal tedesco,
tradizionalmente parlati da minoranze residenti presso le
zone di conne.

Il francese di Parigi La denizione di francese parigino equivale grossomodo con quella di francese standard, Il francese meridionale Le varianti di francese parlaessendo la variante della capitale presa a modello per te a sud della Loira sono inuenzate dalla coesistenza con
l'insegnamento della lingua in tutto il mondo. All'interno l'occitano, che ha continuato a fungere da lingua madre

VARIANTI DELLA LINGUA FRANCESE NEL MONDO

per una buona parte della popolazione rurale almeno no alla prima met del XX secolo. La pronuncia del Midi
caratterizzata da un indebolimento generalizzato della
nasalizzazione, spesso sostituita da una palatalizzazione
di /n/ (come in pain, a volte pronunciato [p] in luogo
di /p/). Allo stesso modo, la pronuncia delle vocali toniche molto pi aperta rispetto a quanto accade nel francese standard; la parlata meridionale pronuncia spesso e
volentieri anche le e muettes in ne di parola.

Oggi, la regione di Bruxelles ucialmente bilingue


francese-olandese, ma l'uso del francese appare di gran
lunga predominante. Lo status di capitale dell'Unione europea che la citt belga ricopre tende infatti a favorire
l'uso del francese e di altre lingue della diplomazia, come ad esempio l'inglese e il tedesco, acuendo il declino
dell'olandese, ormai parlato e compreso da poco meno
del 16% della popolazione residente (contro il 77% per il
francese). Negli ultimi anni, inoltre, il massiccio ausso di immigranti provenienti dall'Africa francofona e dal
Maghreb ha ulteriormente esteso l'uso del francese nella
3.1.2 Il francese belga
Regione di Bruxelles-Capitale e nei comuni amminghi
limitro, determinando la nascita della tache d'huile franIl francese una delle tre lingue uciali del Belgio, as- cophone. Molti politici amminghi denunciano la diusieme all'olandese e al tedesco, ed lingua materna di sione del francese in regioni tradizionalmente di lingua
circa il 43% dell'intera popolazione (4,5 milioni di per- olandese come una violazione ai conni della frontiera
sone). In questo paese, il francese fu storicamente la lin- linguistica ssata con la Costituzione federale del 1970.
gua delle lite culturali ed economiche nelle grandi citLa questione linguistica spesso oggetto, nell'ambito delt, soprattutto a Bruxelles, ove la maggioranza della pola politica belga, di un violento scontro tra valloni e ampolazione parlava tuttavia il ammingo. Con il passare
minghi, divenendo in questo modo la cartina tornasole
del tempo, la vitalit del vallone e delle altre lingue d'ol
delle profonde divisioni economiche e culturali che sepaparlate in Vallonia venne meno, determinando una masrano le due principali comunit del Paese. Negli ultimi
siccia francesizzazione di questa regione, similmente a
anni, il partito indipendentista Alleanza Neo-Fiamminga
quanto accadde nelle Fiandre, ove i dialetti del ammindi Bart de Wever ha sovente utilizzato l'argomento linguigo e del frisone perdevano terreno di fronte all'avanzata
stico per proporre una secessione delle Fiandre dal resto
dell'olandese.
del Belgio.
Quando nel 1830 il Belgio ottenne l'indipendenza dal
Il francese belga perfettamente comprensibile per tutRegno Unito dei Paesi Bassi, le lite cattoliche e francofoti gli altri francofoni, ma presenta alcune peculiarit fone della capitale imposero il francese come unica lingua
nologiche e morfologiche. In primo luogo, si segnala
uciale, mentre all'olandese venne riconosciuto uno staun uso abbondante della liaison e una tendenza a protus di ucialit solo a partire dal 1908. Nel corso del XIX
nunciare le vocali scure in modo chiuso, similmente a
secolo, inoltre, il prestigio del francese come idioma della
quanto accade nel franais septentrional. Le nasali socultura e del commercio internazionale favor un drastico
no raorzate a tal punto che alcuni termini omofoni
mutamento della situazione linguistica di Bruxelles. La
nel francese di Francia sono pronunciati in modo dicapitale, tradizionalmente amminga, divenne una citt a
verso dai Belgi francofoni (brin e brun sono omofomaggioranza francofona a partire dal 1910, consolidando
ni in Francia a causa dell'indebolimento della nasalizuna tendenza destinata a raorzarsi nei successivi cento
zazione di u, mentre in Belgio la dierenza di pronunanni.
cia mantenuta). La lettera w, pronunciata a volte [v]
in Francia, diventa [w] in Belgio, probabilmente a causa
dell'inusso dell'olandese, per cui una parola come wagon
pronunciata dierentemente nei due paesi.
In ambito lessicale, il francese belga conserva alcune forme arcaiche ormai cadute in disuso in Francia. I numerali superiori a 60 (soixante), ad esempio, non adottano
il sistema di numerazione vigesimale, ma un computo su
base decimale simile a quello presente nella lingua italiana. I belgi non dicono dunque soixante-dix per indicare il numero 70, ma septante; invece il numero 80
quatre-vingts e non huitante come in Svizzera; cos come
90 si dice nonante e non quatre-vingt-dix. Allo stesso modo, in Belgio non si usa indicare la colazione come petitdjeuner, ma semplicemente come djeuner, termine che
in Francia denisce il pranzo. Il pasto di mezzogiorno si
chiama per i belgi dner, termine che per i francesi idenI territori di lingua francese sono evidenziati in rosso. Essi comprendono la Regione di Bruxelles-Capitale e la Vallonia, ad ec- tica invece la cena. In Belgio, il pasto serale ancora
cezione dei comuni che costituiscono la Comunit germanofona chiamato souper, termine arcaico con cui in Francia si designava, al tempo dell'Ancien Rgime lo spuntino notturno
del Belgio

3.2

Il francese in America

consumato al ritorno da uno spettacolo teatrale.


Il francese belga, soprattutto nella sua variante brussellese, presenta molti prestiti dal ammingo e dalle altre lingue germaniche. Nel campo della pubblica amministrazione, ad esempio, il sindaco (maire in Francia) chiamato bourgmestre, dall'olandese burgemeester, cos come
il comune (mairie per i francesi) diventa la maison communale, calco dall'olandese gemeentehuis. Altri termini
amminghi entrati nell'uso corrente del francese belga sono legati soprattutto all'ambito culinario, come ad esempio gaufre, waterzooi, fritkot, in francese baraque frites (friggitoria), ma anche ad altri ambiti come kot
(camera per studenti) .

7
3.1.5 Il francese in Italia
Il francese valdostano Sebbene per i Valdostani non
di madrelingua italiana, la lingua madre sia nella maggior
parte dei casi il patois francoprovenzale valdostano, ad
essere riconosciuto come lingua co-uciale il francese, in virt dello status uciale di questa lingua in Valle
d'Aosta a partire dal 1536[6] .

La Costituzione italiana protegge e sostiene le minoranze linguistiche, siano o meno esse dotate di un riconoscimento a livello uciale. La Valle d'Aosta, regione a
statuto speciale dal 1948, riconosce il francese come lingua uciale a parit di dignit con l'italiano. In virt di
tali disposizioni, l'apparato amministrativo della regione
perfettamente bilingue, cos come il sistema scolastico
3.1.3 Il francese svizzero
(il monte ore riservato allo studio della lingua francese
identico a quello dedicato all'italiano) e la segnaletica
Il francese , insieme al tedesco, all'italiano e al romancio, stradale. I toponimi delle citt valdostane sono indicati
una delle quattro lingue uciali della Svizzera a livello esclusivamente in francese, ad eccezione di Aosta, il cui
federale. la lingua materna di circa il 20% della po- nome ucialmente bilingue Aosta/Aoste.
polazione (2 milioni di persone), tradizionalmente conTra le peculiarit del francese valdostano, a livello lescentrata nella regione occidentale del paese, nota come
sicale si segnala l'uso di alcuni termini inesistenti o obSvizzera romanda. Il francese inoltre lingua uciale in
soleti nel francese standard, provenienti essenzialmente
sette cantoni: Giura, Vaud, Neuchtel, Ginevra, Berna,
dal patois valdostano o dall'italiano. Alcuni esempi soFriburgo e Vallese. La pi grande citt francofona della
no syndic (= sindaco, presente ugualmente nella Svizzera
Svizzera Ginevra.
romanda) e maison communale (= municipio). Sono preIl francese svizzero, pur inuenzato a livello fonetico senti inoltre delle espressioni idiomatiche tipiche non in
dal preesistente francoprovenzale, si distanzia poco da uso altrove[7] .
quello parlato in Francia. Tra le peculiarit lessicali pi
importanti ricordiamo l'uso delle forme septante, huitante e nonante al posto di soixante-dix, quatre-vingts e 3.1.6 Il francese nelle Isole anglo-normanne
quatre-vingt-dix. Numerosi sono i prestiti dal tedesco,
sia nell'ambito dell'amministrazione (la gi citata maison Le isole del Canale situate al largo della costa francommunale, calco linguistico dal tedesco Rathaus, sosti- cese della Manica sono una dipendenza della Corona
tuisce il termine mairie per indicare il municipio) che in britannica, ultimi resti degli antichi possedimenti inquello della lingua quotidiana (foehn, prestito dal tedesco glesi in Francia, su cui la regina Elisabetta II goveral posto di sche-cheveux, che in francese signica asciu- na in qualit di Duca di Normandia. Bench l'inglese
gacapelli"; natel, parola-macedonia di origine tedesca che si sia con il tempo imposto nell'arcipelago come idioma dell'amministrazione e della comunicazione, l'uso di
sostituisce portable per indicare il telefono cellulare).
alcune varianti dell'antica lingua anglo-normanna rimane ancora vivo, soprattutto sulle due isole principali di
3.1.4 Il francese in Lussemburgo
Jersey e Guernesey. Le varianti di francese note come
jersais e guernensais sono inoltre tutelate e protette dal
La lingua nazionale del Granducato di Lussemburgo il governo come parte integrante del patrimonio culturalussemburghese, ma il francese e il tedesco sono entram- le dell'arcipelago. Tra le principali peculiarit lessicabi riconosciuti come lingue uciali. Grazie alla vicinanza li ricordiamo l'uso di termini di et medievali per la
con la Francia e con il Belgio, oltre che alla presenza di descrizione di realt amministrative proprie delle isole
numerosi lavoratori frontalieri, il francese viene pratica- normanne come baillage, bailli o ancora ef.
to quotidianamente da una grande maggioranza di lussemburghesi. La stampa, sia scritta che televisiva, e la
giurisprudenza sono i due ambiti della vita nazionale in 3.2 Il francese in America
cui il francese svolge il ruolo di lingua uciale de facto,
mentre i dibattiti politici in sede parlamentare avvengo- Il continente americano fu storicamente il secondo in cui
no spesso in tedesco. Il sistema scolastico trilingue e il francese venne introdotto come lingua materna, in seprevede una progressiva sostituzione del lussemburghe- guito alla colonizzazione di vaste aree del Canada, dese, utilizzato alla scuola primaria, con il francese e il tede- gli Stati Uniti e dei Caraibi operata dalla Francia tra il
sco, idiomi usati comunemente nell'ambito dell'istruzione XVII e il XVIII secolo. Oggi in America vivono circa
15 milioni di persone per cui il francese lingua matersuperiore ed universitaria.

VARIANTI DELLA LINGUA FRANCESE NEL MONDO

na, la maggior parte dei quali concentrata nella provincia canadese del Qubec, ma con comunit signicative
anche in Ontario, nel Nuovo Brunswick, in Louisiana e
nelle Antille. A questi vanno aggiunti coloro che hanno
per prima lingua il creolo francese, parlato nei Caraibi da
circa 10 milioni di persone. Sommando questi dati, possiamo ben capire come l'America francofona, con i suoi
25 milioni di parlanti, possa costituire un modello linguistico e culturale in grado di distanziarsi sia da quello proposto dall'America anglosassone, che da quello veicolato
dall'America latina. Il francese risulta altres la quarta lingua pi parlata nell'intero continente americano dopo lo
spagnolo, l'inglese e il portoghese.

pronuncia, per luso di alcuni arcaismi e di molte espressioni idiomatiche. Se per un francofono europeo non sussistono particolari dicolt di comunicazione nellambito di contesti formali in cui si faccia uso di una forma standardizzata del francese canadese, assai pi problematico
risulta il confronto con il joual, variante sociolinguistica
utilizzata in un contesto familiare e giovanile, il cui ruolo
simile a quello dellargot in Francia.

3.2.1

Il francese canadese

Il primo esploratore francese a giungere in Canada fu


Jacques Cartier, che sbarc presso le coste del Bas-SaintLaurent nel 1534. Un reale tentativo di colonizzazione
non avvenne tuttavia prima del 1608, quando Samuel de
Champlain fond la citt di Qubec, che ancora oggi riconosciuta come culla della Francofonia americana, oltre
ad essere lunico centro urbano in tutto il Nord America
provvisto di una cerchia di mura.

1
2
3

La diusione della lingua francese in Canada. In marrone scuro sono evidenziate le zone in cui si concentrano le comunit di
madrelingua francese, mentre in marrone chiaro sono segnalate
le regioni bilingui. In giallo le aree in cui la prima lingua parlata
l'inglese.

Nei decenni successivi, la colonizzazione francese port


alla nascita di una comunit linguistica compatta di circa
60.000 abitanti. Quando, nel 1763, la Francia fu costretta
a cedere tutte le sue colonie alla Gran Bretagna, la popolazione francofona del Canada riusc a mantenere vivo luso
della propria lingua, pur dovendo misurarsi con la crescita
demograca degli insediamenti inglesi. Lisolamento nei
confronti dellantica madrepatria e linuenza della lingua
inglese determinarono una profonda trasformazione nelle strutture linguistiche del francese canadese, che oggi
si dierenzia sensibilmente dalle varianti europee per la

Nellambito del francese canadese inoltre possibile distinguere alcune varianti autonome, frutto di uno sviluppo peculiare delle diverse comunit di parlanti a livello
storico e culturale. Non bisogna dimenticare infatti che i
coloni che nel corso del XVII e del XVIII secolo si stabilirono nella Nuova Francia erano soprattutto di origini
bretoni e normanne, e che questo fatto contribu a inuenzare lo sviluppo del francese cos come tuttora parlato
in Canada. Allo stesso tempo, la presenza di legami storici pi o meno consolidati delle varie comunit di coloni
con la madrepatria ha determinato una dierenziazione
territoriale della lingua in numerosi dialetti.
In Canada, il francese oggi parlato da circa 10 milioni di persone (circa il 31% della popolazione canadese).
La variante di gran lunga pi diusa quella del Qubec, unica provincia a forte maggioranza francofona della
confederazione, in cui si concentra la pi grande comunit della francofonia americana (7,5 milioni di parlanti,
circa il 94% della popolazione della provincia). A grande
distanza, seguono la variante franco-ontariana, parlata da
580.000 abitanti dellOntario (5% della popolazione totale), e il dialetto acadiano, parlato da circa 380.000 persone nel Nuovo Brunswick (33% della popolazione totale; il Nuovo Brunswick lunica provincia completamente bilingue del Canada) e nelle altre province marittime.
Comunit minori sono inoltre disseminante nelle province anglofone del Manitoba, dellAlberta e della Columbia
britannica.
Da un punto di vista fonologico, il francese canadese si
contraddistingue per la mancanza della // uvulare, sostituita da una /r/ vibrante simile a quella presente in
italiano, oltre che per una pronuncia fortemente chiusa
delle vocali toniche, per certi aspetti ane a quella del
Belgio e della Francia settentrionale.
Il lessico si caratterizza per la presenza di numerosi arcaismi in uso nel XVII secolo e ormai scomparsi in Europa.
L'automobile viene spesso designata con il termine char,
che in Francia indica esclusivamente il carro. Allo stesso modo la bevanda, boisson nella lingua standard,
denita tramite l'uso dell'antico vocabolo breuvage, che
ha inoltre dato origine al termine equivalente in inglese beverage. Ancora, l'atto del guidare la macchina (fr.
conduire) espresso ricorrendo al verbo chauer (da cui
deriva chaueur, autista), mentre la cena resa con
l'uso del termine souper, risalente come abbiamo gi visto all'epoca dellAncien Rgime. Molti anglicismi presenti nella lingua d'uso comune in Francia sono stati eliminati dal francese del Qubec nel tentativo di difendere la

3.3

Il francese in Africa

purezza della lingua dall'inuenza dell'inglese americano.


Il parcheggio, comunemente chiamato parking in Europa,
diventa in Canada stationnement, mentre nella segnaletica
stradale possibile notare la presenza del termine francese arrt in luogo dell'inglese stop, comune in Francia e
negli altri paesi francofoni. Il lessico del francese canadese presenta inoltre numerosi lemmi in grado di descrivere
realt prettamente nordamericane (raquetter, camminare con le racchette sulla neve"; caribou, carib"; cabane,
bungalow), oltre ad abbondare in prestiti provenienti
dalle lingue dei nativi americani.
3.2.2

Il francese negli Stati Uniti d'America

La lingua francese fu storicamente parlata in due aree ben


distinte degli Stati Uniti, e cio nella parte settentrionale del New England a conne con il Canada, corrispondente agli attuali Stati del Maine e del New Hampshire,
e in Louisiana, che fu colonizzata dai francesi nel periodo compreso tra il 1682 e il 1803. Malgrado la forte anglicizzazione che ha interessato questi territori soprattutto a partire dalla seconda met dell'Ottocento, entrambe
le regioni presentano ancora oggi un legame molto forte
con la lingua e la cultura francesi. Nel Maine e nel New
Hampshire il francese la lingua materna rispettivamente
del 5% e del 6% della popolazione, con percentuali che
sorano il 25% nelle contee pi settentrionali. I motivi
di questa diseguale distribuzione dei francofoni vanno ricercati nella prossimit dei due Stati con le frontiere del
Qubec e del Nuovo Brunswick, circostanza che facilita
il mantenimento della lingua in tali regioni.
Quanto alla Louisiana, la sua identit al tempo stesso
francese, creola e afroamericana costituisce un motivo
d'orgoglio per i cittadini dello Stato del Pellicano. Il
francese riconosciuto come lingua uciale accanto
all'inglese e gode di speciali misure nalizzate alla sua
protezione e promozione come parte del patrimonio culturale della Louisiana. Si stima che circa l'8% dei louisianesi siano di madrelingua francese: la maggioranza di
questi ultimi concentrata nelle regioni meridionali dello Stato, comprendente le 22 parrocchie dell'Acadiana in
cui la tradizionale cultura creola ancora viva. Nella regione dell'Acadiana circa il 33% della popolazione parla
il francese cajun, fortemente inuenzato dal dialetto acadiano del Nuovo Brunswick, dal creolo haitiano, dalle lingue parlate dalla comunit afroamericana, dall'inglese e
dallo spagnolo. Con circa 2 milioni di locutori madrelingua, il francese inoltre dopo l'inglese, lo spagnolo e il
cinese la quarta lingua pi parlata negli Stati Uniti.
3.2.3

Il francese nei Caraibi e in America del Sud

Il francese presente a vario titolo nella regione caraibica, con comunit particolarmente consistenti nelle grandi
e piccole Antille. La Francia colonizz nel corso del XVII
e del XVIII secolo molte di queste isole, allora economicamente strategiche per la loro produzione saccarifera.

9
La maggior parte di tali territori venne ceduta alla Gran
Bretagna al termine della guerra dei sette anni (1763), circostanza che favor la nascita di un bilinguismo franceseinglese in molti di questi arcipelaghi. Nello Stato di Santa
Lucia e nella repubblica di Dominica, ad esempio, la
maggior parte della popolazione ha come lingua materna
il creolo francese, mentre l'inglese resta la lingua dei media e dell'amministrazione. Il pi importante paese francofono dei Caraibi la Repubblica d'Haiti, colonizzata
dai francesi nel Settecento e resasi indipendente dopo la
rivolta di schiavi neri guidata da Toussaint Louverture nel
1803. I suoi 9,5 milioni di abitanti parlano come lingua
materna il creolo haitiano, una lingua pidgin evolutosi a
partire dal francese grazie all'apporto di numerosi elementi della sintassi e del lessico tipici delle lingue africane parlate dagli schiavi. Circa il 40% della popolazione,
appartenente alle classi pi colte, dichiara di poter inoltre esprimersi uentemente in francese. La lingua ufciale nei dipartimenti d'oltremare francesi di Martinica
e Guadalupa, oltre che nel territorio sudamericano della
Guyana francese.

3.3 Il francese in Africa


Nell'ultimo decennio lAfrica ha denitivamente superato lEuropa come continente in cui si concentra il maggior
numero di francofoni. Eredit della colonizzazione operata tra il XIX e il XX secolo dalla Francia e, in minor
misura, dal Belgio, la lingua di Molire oggi parlata da
pi di 146 milioni di africani in ben 25 dei 54 Stati in cui
suddiviso il continente nero. Nella maggior parte dei
casi si tratta di una lingua seconda, utilizzata in contesti lavorativi, economici e culturali da persone che conservano tuttavia luso delle lingue locali, quali ad esempio larabo, il wolof o il sango. Proprio per questo motivo bene ricordare che negli Stati pi poveri dellAfrica
sub-sahariana, ove il grado di scolarizzazione particolarmente basso, non raro che una fetta consistente della
popolazione ignori del tutto o parzialmente il francese,
che pure in molti casi designato come lunica lingua ufciale (si vedano i casi del Niger, del Mali o del Burkina
Faso). Nelle aree pi densamente urbanizzate degli Stati pi progrediti (come ad esempio la Costa dAvorio o
il Gabon) parlato al contrario dalla quasi totalit della
popolazione, e negli ultimi anni sta cominciando a diffondersi come lingua materna per le giovani generazioni
di africani. Il francese attualmente la lingua pi diusa
dellAfrica e la seconda pi parlata, subito dopo larabo.

4 Alfabeto
I principali diacritici sono: .
Ci sono delle cosiddette consonnes muettes ossia consonanti mute che generalmente non si leggono in ne di
parola. Esse sono le seguenti: D, P, S, T, G, X, Z.

10

8 VOCI CORRELATE

Altro tratto caratteristico della lingua francese la liaison, che tradotto in italiano signica collegamento. Essa , infatti, l'unione fonetica di due parole. Si fa la liaison quando ci si trova di fronte a due parole fra cui la
prima nisce con una consonante e la seconda inizia con
una vocale (come nous avons, ils admirent...).

La riforma ortograca del 1990

L'ortograa francese, su proposta del Conseil suprieur


de la langue franaise che riunisce la rappresentanza di
alcuni paesi francofoni, ha proposto una riforma che
stata approvata secondo la quale l'ortograa di meno del
3% del vocabolario variata. L'Accademia insiste nel
dire che tali modiche non sono obbligatorie ma solo
raccomandate.
Queste correzioni hanno l'obiettivo di rendere il francese
pi logico e pi moderno pur rispettando l'etimologia
delle parole, ma vogliono anche inuenzare le norme
per la creazione dei nuovi termini. La maggior parte
dei francesi, tuttavia continua ad aderire all'ortograa
tradizionale[8] .

7 Note
[1] Da francophonie.org
[2] Statistica Ethnologue 2009. URL consultato il 30 giugno
2013.
[3] Statuto speciale della regione autonoma Valle d'Aosta,
titolo VI
[4] http://encarta.msn.com/media_701500404/Languages_
Spoken_by_More_Than_10_Million_People.html
[5] France. Diplomatie-Ministre des Aaires trangres et
europennes
[6] Emmanuele Bollati, Congregazioni dei tre stati della Valle
d'Aosta, Torino : Stamperia reale di G.B. Paravia, 1884.
[7] Jean-Pierre Martin, Description lexicale du franais parl
en Valle d'Aoste, d. Musumeci, Quart, 1984.
[8] cfr. il sito per le nuove regole.

8 Voci correlate
6

Premi Nobel
Acadmie franaise

Hanno vinto il Premio Nobel per la letteratura i seguenti


scrittori di lingua francese:
Sully Prudhomme (1901,

Romain Rolland (1915,

Argot

Francia)

Roger Martin du Gard (1937,

Dictionnaire de l'Acadmie franaise

Francia)

Francia)

Franois Mauriac (1952,

Saint-John Perse (1960,

Antico francese

Francia)

Henri Bergson (1927,

Albert Camus (1957,

America francofona

Belgio)
Francia)

Anatole France (1921,

Andr Gide (1947,

Alfabeto francese

Francia)

Maurice Maeterlinck (1911,

Francese cajun

Francia)

Francese del Qubec

Francia)
Francia, premio riuta-

Samuel Beckett (1969,

Irlanda)

Patrick Modiano (2014,

Francia)

Francofonia
Grammatica francese
Letteratura francese

Francia)

Jean-Marie Gustave Le Clzio (2008,

Fonologia del francese


Franais fondamental

Francia)

Jean-Paul Sartre (1964,


to)

Claude Simon (1985,

Africa francofona

Francia)

Letteratura francofona
Ortograa della lingua francese

10.2

Grammatica

Altri progetti

Wikipedia ha un'edizione in lingua francese

11
Dizionari monolingui: CNRTL, TLFi, OQLF
Dizionari etimologici: CNRTL
Dizionari Synonymes

Wikibooks contiene testi o manuali su


10.2
francese

Wikizionario contiene il lemma di dizionario


francese

Wikiversit contiene informazioni su francese

Commons contiene immagini o altri le su


francese

Wikivoyage contiene informazioni turistiche su


francese

Grammatica

(FR) Le Conjugueur coniugazione dei verbi


(EN) Francese per i viaggiatori Pronuncia, frasi,
collegamenti
(FR) Le Trsor de la Langue Franaise informatis

10

Collegamenti esterni

LAcadmie franaise
Oce qubcois de la langue franaise
Organisation internationale de la Francophonie
Avenir de la langue franaise
Le franais dans les institutions europennes
Dlgation gnrale la langue franaise et aux
langues de France
Rapport au Parlement sur l'emploi de la langue
franaise
Service de la langue franaise
Lingua francese in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento Lingua francese)

(FR) Le Point du FLE Accesso alle pi utili risorse


di lingua francese presenti su Internet
(FR) Fondation Alliance franaise
(FR) Alliance franaise Paris Ile-de-France
Lingua francese in Tesauro del Nuovo soggettario,
BNCF, marzo 2013.

10.1

Dizionari

Dizionari bilingui: Larousse (inglese, spagnolo,


tedesco, italiano, arabo, cinese)
Dizionari bilingui: Garzanti (richiede registrazione)
Zanichelli Compatto

(FR) Tantissimi esercizi di lingua francese (Dr.


Meul Etienne)
FrenchVerbConjugator.com Esercizi per migliorare
la pronuncia francese dei verbi

12

11 FONTI PER TESTO E IMMAGINI; AUTORI; LICENZE

11
11.1

Fonti per testo e immagini; autori; licenze


Testo

Lingua francese Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Lingua%20francese?oldid=71597864 Contributori: Alo, Frieda, Twice25, Snowdog, Sbisolo, Hashar, Suisui, Robbot, Uahlim, Carlo.Ierna, Gac, Leonard Vertighel, Hellis, Goberiko, Enzino, Marcok, M7, Carlomorino,
Fil, Salvatore Ingala, Retaggio, Hill, Lukius, Alobot, Civv, Paul-L, Simone, TierrayLibertad, Cestlogique, ZeroBot, FrAnCiS, Saforrest, Joana, Luki-Bot, Moroboshi, Vichingo, Square87, YurikBot, OrbiliusMagister, Michele Bini, Senza nome.txt, Cloj, Frameme, Vipera, AdBo, Zwobot, Beta16, SunBot, CruccoBot, Senpai, Roccuz, Bukkia, Rutja76, Jalo, Eskimbot, Wiki Wikardo, Zappuddu, Marco
Ciaramella, Chlewbot, Rago, Luciano.comelli, Eumolpo, Bultro, Delio-le-Monegasque, Jethro85, Vermondo, Sannita, Ilafra, Koavf, SashatoBot, Easyboy82, Cryngo, PersOnLine, Aldo Iannotti, Syrio, Maudig, Larry Yuma, Ginosal, Ottaviano II, Nemo bis, Theine, Furyo
Mori, F.chiodo, Vmoscarda, AttoRenato, Raggiante, Neq00, SoloTitano, Thijs!bot, Damiano.46, Fale, .jhc., Escarbot, RoboServien, Wanjan, Giovannigobbin, .anaconda, Mr buick, Sirabder87, DaveBlack, .anacondabot, Olando, Nicoli, JAnDbot, Vituzzu, TekBot, MalafayaBot, Ranma25783, Purodha, Gian-, Artik, Rob-ot, Barbaking, MelancholieBot, Andie, Ploqperq, Mizardellorsa, Toobazbot, RolloBot,
Castagna, Snow Blizzard, Narayan89, Actarux, Fchiamu, Andre86, Justinianus da Perugia, DodekBot, TXiKiBoT, VolkovBot, Gspinoza,
LukeWiller, BetaBot, Nicola Romani, Abbot, Pascar, Veneziano, Idioma-bot, Drepanopulos, Synthebot, AlnoktaBOT, Chemako0606, 2diPikke, YonaBot, BotMultichill, SieBot, Kronin, Mercy, Lucretius, Zygo84, TopoEg2, JdeJ, Phantomas, Asymmetric, Pracchia-78, STBot,
Headclass, Azrael555, Tia solzago, JudeFawley, PipepBot, Rei Momo, Buggia, Haida19, Canestro, -kayac-, Dr Zimbu, Chrysochloa, Ginosbot, Chrono1084, Valerio79, Alexbot, Darkicebot, Mgalex, Ticket 2010081310004741, BOTarate, Turgon, Superzen, MaEr, FixBot,
Dk1919 Franking, CarsracBot, IagaBot, FSosio, Clippo, NjardarBot, SpBot, IncolaBot, LaaknorBot, Jfblanc, HerculeBot, Guidomac,
L'apprendista stregone, Luckas-bot, Aedo89, NuclearBot, MystBot, Nallimbot, FrescoBot, Fpittui, Menelik, Jotterbot, VKokielov, AttoBot, ArthurBot, Marco27Bot, 97Pasquale, DaniDF1995, Xqbot, LucienBOT, Rubinbot, RibotBOT, L736E, MauritsBot, Francescocap96,
Galloramenu, BenzolBot, RCantoroBot, Gean, MaxDel, SynConlanger, Frigotoni, TobeBot, Jeppiz, RedBot, Dega180, Paopp, Horcrux92,
TjBot, Ripchip Bot, GrouchoBot, Tenebroso, EmausBot, SteGrifo27, le ottante, ZroBot, GnuBotmarcoo, Taueres, Distico, Antonio1952,
Shivanarayana, ZimbuBot, WikitanvirBot, Mjbmrbot, TauerBot, Rezabot, MerlIwBot, AvocatoBot, Reo-chan, Adigama, Tn4196, Botcrux,
Ptolemaios, Dimashtuss, Addbot, Wololoo, Ulisse, Euparkeria, Gabriel Haute Maurienne, Walter Massara e Anonimo: 205

11.2

Immagini

File:01_vue_Paris_depuis_Notre-Dame.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/97/01_vue_Paris_depuis_


Notre-Dame.jpg Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: Myrabella
File:BelgieGemeenschappenkaart.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/1e/BelgieGemeenschappenkaart.svg
Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: Vascer, Knorck
File:Belgium_stub.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/ae/Belgium_stub.svg Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: Map shape is from Image:Flag and map of Belgium.svg, colors and dimensions are from Image:Flag of Belgium.svg Artista originale:
PavelD
File:Bilinguisme_au_Canada-fr.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/69/Bilinguisme_au_Canada-fr.svg Licenza: GFDL Contributori: Questo le deriva da: Kanadako mapa linguistikoa.png
Artista originale: Originale: Zorion
Opera derivata: Ewan ar Born
File:Blank.gif Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c0/Blank.gif Licenza: Public domain Contributori: ? Artista
originale: ?
File:Canada_flag_map.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8d/Canada_flag_map.svg Licenza: Public domain
Contributori: Based upon Image:Canadian_postal_district_map.svg and Image:Flag_of_Canada.svg both PD Artista originale: User:Pmx
File:Commons-logo.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4a/Commons-logo.svg Licenza: Public domain Contributori: This version created by Pumbaa, using a proper partial circle and SVG geometry features. (Former versions used to be slightly
warped.) Artista originale: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by
Reidab.
File:Dictionnaire_de_l'Acadmie_franaise.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/74/Dictionnaire_de_l%
27Acad%C3%A9mie_fran%C3%A7aise.jpg Licenza: GFDL Contributori: Opera propria Artista originale: heurtelions
File:Emblem_of_the_United_Nations.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/52/Emblem_of_the_United_
Nations.svg Licenza: Public domain Contributori: Based on File:Flag_of_the_United_Nations.svg Artista originale: Spi
File:Exquisite-kfind.png Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f1/Exquisite-kfind.png Licenza: GPL Contributori:
www.kde-look.org Artista originale: Guppetto
File:Flag-map_of_Madagascar.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/7c/Flag-map_of_Madagascar.svg Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: Darwinek
File:Flag-map_of_Morocco.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d8/Flag-map_of_Morocco.svg Licenza: CC
BY-SA 3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: Darwinek
File:Flag_map_of_Andorra.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/af/Flag_map_of_Andorra.svg Licenza: Public domain Contributori: Map shape is from cs:Soubor:AD-mapa.png, colors and CoA are from Image:Flag of Andorra.svg Artista originale:
PavelD
File:Flag_of_Algeria.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/77/Flag_of_Algeria.svg Licenza: Public domain
Contributori: SVG implementation of the 63-145 Algerian law "on Characteristics of the Algerian national emblem" ("Caractristiques
du Drapeau Algrien", in English). Artista originale: This graphic was originaly drawn by User:SKopp.
File:Flag_of_Andorra.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/19/Flag_of_Andorra.svg Licenza: Public domain
Contributori: Llibre de normes grques per a la reproducci i aplicaci dels signes d'Estat per als quals el Govern s autoritat competent
(Aprovat pel Govern en la sessi del dia 5 de maig de 1999) Artista originale: HansenBCN

11.2

Immagini

13

File:Flag_of_Belgium_(civil).svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/92/Flag_of_Belgium_%28civil%29.svg


Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Benin.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/0a/Flag_of_Benin.svg Licenza: Public domain Contributori: Opera propria Artista originale: Drawn by User:SKopp, rewritten by User:Gabbe
File:Flag_of_Burkina_Faso.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/31/Flag_of_Burkina_Faso.svg Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Burundi.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/50/Flag_of_Burundi.svg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Cambodia.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/83/Flag_of_Cambodia.svg Licenza: CC0 Contributori: File:Flag_of_Cambodia.svg Artista originale: Draw new ag by User:
_
File:Flag_of_Cameroon.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4f/Flag_of_Cameroon.svg Licenza: Public domain Contributori: Drawn by User:SKopp Artista originale: (of code) cs:User:-xfi File:Flag_of_Canada.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/cf/Flag_of_Canada.svg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Chad.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4b/Flag_of_Chad.svg Licenza: Public domain Contributori: Quelle Fonto: http://www.crwflags.com/fotw/flags/td.html Artista originale: SKopp & others (see upload log)
File:Flag_of_Cte_d'Ivoire.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fe/Flag_of_C%C3%B4te_d%27Ivoire.svg
Licenza: Public domain Contributori: Opera propria Artista originale: Jon Harald Sby
File:Flag_of_Djibouti.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/34/Flag_of_Djibouti.svg Licenza: CC0 Contributori: From the Open Clip Art website. Artista originale: ?
File:Flag_of_Dominica.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c4/Flag_of_Dominica.svg Licenza: CC0 Contributori: Opera propria: Flag of Dominica originally from the Open Clip Art website. Redrawn by User:Vzb83 except for the parrot. Colours
are adapted from FOTW Flags Of The World website because of the currentness (refreshed 2001). The colour sceme is found at the
government website of the Commonwealth of Dominica and THE WORLD FACTBOOK of the CIA. Artista originale: User:Nightstallion
File:Flag_of_Egypt.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fe/Flag_of_Egypt.svg Licenza: CC0 Contributori:
From the Open Clip Art website. Artista originale: Open Clip Art
File:Flag_of_Equatorial_Guinea.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/31/Flag_of_Equatorial_Guinea.svg Licenza: CC0 Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Europe.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b7/Flag_of_Europe.svg Licenza: Public domain
Contributori:
File based on the specication given at [1]. Artista originale: User:Verdy p, User:-x-, User:Paddu, User:Nightstallion, User:Funakoshi,
User:Jeltz, User:Dbenbenn, User:Zscout370
File:Flag_of_France.svg
Fonte:
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c3/Flag_of_France.svg
Licenza:
Public
domain
Contributori:
http://www.diplomatie.gouv.fr/de/frankreich_3/frankreich-entdecken_244/portrat-frankreichs_247/
die-symbole-der-franzosischen-republik_260/trikolore-die-nationalfahne_114.html Artista originale: This graphic was drawn by
SKopp.
File:Flag_of_Gabon.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/04/Flag_of_Gabon.svg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Guinea.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/ed/Flag_of_Guinea.svg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Haiti.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/56/Flag_of_Haiti.svg Licenza: Public domain Contributori: Coat of arms from: Coat of arms of Haiti.svg by Lokal_Prol and Myriam Thyes Artista originale: (colours and size changes of the
now deletied versions) Madden, Vzb83, Denelson83, Chanheigeorge, Zscout370 and Nightstallion
File:Flag_of_India.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/41/Flag_of_India.svg Licenza: Public domain Contributori: <a href='//commons.wikimedia.org/wiki/File:FIAV_111000.svg' class='image'><img alt='FIAV 111000.svg'
src='//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/6f/FIAV_111000.svg/23px-FIAV_111000.svg.png' width='23' height='15'
class='thumbborder' srcset='//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/6f/FIAV_111000.svg/35px-FIAV_111000.svg.png
1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/6f/FIAV_111000.svg/46px-FIAV_111000.svg.png 2x' data-le-width='320'
data-le-height='210' /></a> Artista originale: User:SKopp
File:Flag_of_Ireland.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/45/Flag_of_Ireland.svg Licenza: Public domain
Contributori: Drawn by User:SKopp Artista originale: ?
File:Flag_of_Israel.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d4/Flag_of_Israel.svg Licenza: Public domain Contributori: http://www.mfa.gov.il/MFA/History/Modern%20History/Israel%20at%2050/The%20Flag%20and%20the%20Emblem Artista
originale:
File:Flag_of_Italy.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/03/Flag_of_Italy.svg Licenza: Public domain Contributori: There has been a long discussion on the colors of this ag. Please read the talk page before editing or reverting this image. Pantone to
RGB performed by http://www.pantone.com/pages/pantone/colorfinder.aspx Artista originale: see below
File:Flag_of_Jersey.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/1c/Flag_of_Jersey.svg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Laos.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/56/Flag_of_Laos.svg Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?

14

11 FONTI PER TESTO E IMMAGINI; AUTORI; LICENZE

File:Flag_of_Lebanon.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/59/Flag_of_Lebanon.svg Licenza: Public domain


Contributori: ? Artista originale: Traced based on the CIA World Factbook with some modication done to the colours based on information
at Vexilla mundi.
File:Flag_of_Luxembourg.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/da/Flag_of_Luxembourg.svg Licenza: Public
domain Contributori: Opera propria http://www.legilux.public.lu/leg/a/archives/1972/0051/a051.pdf#page=2, colors from http://www.
legilux.public.lu/leg/a/archives/1993/0731609/0731609.pdf Artista originale: Drawn by User:SKopp
File:Flag_of_Madagascar.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bc/Flag_of_Madagascar.svg Licenza: Public
domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Mali.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/92/Flag_of_Mali.svg Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Mauritania.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/43/Flag_of_Mauritania.svg Licenza: Public
domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Mauritius.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/77/Flag_of_Mauritius.svg Licenza: Public domain Contributori: Opera propria Artista originale: Zscout370
File:Flag_of_Monaco.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/ea/Flag_of_Monaco.svg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Morocco.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/2c/Flag_of_Morocco.svg Licenza: Public domain
Contributori: adala.justice.gov.ma (Ar) Artista originale: Denelson83, Zscout370
File:Flag_of_Niger.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f4/Flag_of_Niger.svg Licenza: Public domain Contributori:
The burnt orange color in the top band and circle is Pantone(166), i.e. RGB(224,82,6) = #E05206 on sRGB CRT screen, or
CMYK(0,65%,100%,0) for process coated print, BUT NOT light orange #FF7000 which is somewhere between Pantone(130C) and Pantone(151), and is even lighter than X11 orange! See http://www.seoconsultants.com/css/colors/conversion/100/ The central white band is
plain D65 reference white = RGB(255,255,255) = #FFFFFF.
Artista originale: Made by: Philippe Verdy User:verdy_p, see also fr:Utilisateur:verdy_p.
File:Flag_of_Romania.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/73/Flag_of_Romania.svg Licenza: Public domain
Contributori: Opera propria Artista originale: AdiJapan
File:Flag_of_Saint_Lucia.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9f/Flag_of_Saint_Lucia.svg Licenza: Public
domain Contributori: Opera propria, Government of Saint Lucia Artista originale: SKopp
File:Flag_of_Senegal.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fd/Flag_of_Senegal.svg Licenza: Public domain
Contributori: Original upload from Openclipart : Senegal. However, the current source code for this SVG le has almost nothing in common
with the original upload. Artista originale: Original upload by Nightstallion
File:Flag_of_Switzerland.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f3/Flag_of_Switzerland.svg Licenza: Public
domain Contributori: PDF Colors Construction sheet Artista originale: User:Marc Mongenet
Credits:
File:Flag_of_Togo.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/68/Flag_of_Togo.svg Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Tunisia.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/ce/Flag_of_Tunisia.svg Licenza: Public domain
Contributori: http://www.w3.org/ Artista originale: entraneur: BEN KHALIFA WISSAM
File:Flag_of_Vanuatu.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bc/Flag_of_Vanuatu.svg Licenza: Public domain
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_Vietnam.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/21/Flag_of_Vietnam.svg Licenza: Public domain Contributori: http://vbqppl.moj.gov.vn/law/vi/1951_to_1960/1955/195511/195511300001 http://vbqppl.moj.gov.vn/vbpq/Lists/
Vn%20bn%20php%20lut/View_Detail.aspx?ItemID=820 Artista originale: Lu Ly v li theo ngun trn
File:Flag_of_the_Central_African_Republic.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6f/Flag_of_the_Central_
African_Republic.svg Licenza: Public domain Contributori: Opera propria Artista originale: User:Nightstallion
File:Flag_of_the_Comoros.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/94/Flag_of_the_Comoros.svg Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_the_Democratic_Republic_of_the_Congo.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6f/Flag_of_
the_Democratic_Republic_of_the_Congo.svg Licenza: Public domain Contributori: Opera propria Artista originale: Nightstallion
File:Flag_of_the_Republic_of_the_Congo.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/92/Flag_of_the_Republic_
of_the_Congo.svg Licenza: Public domain Contributori: ? Artista originale: ?
File:Flag_of_the_Seychelles.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fc/Flag_of_Seychelles.svg Licenza: Public
domain Contributori: [1], for the RGB approximations [2] Artista originale: User:Vxb83
File:Flag_of_the_United_Nations.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/2f/Flag_of_the_United_Nations.svg
Licenza: Public domain Contributori: Flag of the United Nations from the Open Clip Art website. Modications by Denelson83, Zscout370
and Madden. Ocial construction sheet here.
United Nations (1962) The United Nations ag code and regulations, as amended November 11, 1952, New York OCLC: 7548838. Artista
originale: Wilfried Huss / Anonymous
File:Flag_of_the_United_States.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a4/Flag_of_the_United_States.svg Licenza: Public domain Contributori: SVG implementation of U. S. Code: Title 4, Chapter 1, Section 1 [1] (the United States Federal Flag
Law). Artista originale: Dbenbenn, Zscout370, Jacobolus, Indolences, Technion.

11.3

Licenza dell'opera

15

File:France_Flag_Map.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e4/France_Flag_Map.svg Licenza: Public domain


Contributori:
Map from Blank France map, no Departments.svg Artista originale: Lokal_Prol
File:Francis1-1.jpg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/73/Francis1-1.jpg Licenza: Public domain Contributori:
wartburg.edu Artista originale: Ignoto
File:Francophone_Africa.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/ce/Francophone_Africa.svg Licenza: CC-BYSA-3.0 Contributori: self-made - based upon: Image:Francophone Africa.png Artista originale: CrazyPhunk
File:Guillaume_Apollinaire_Calligramme.JPG Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fc/Guillaume_Apollinaire_
Calligramme.JPG Licenza: Public domain Contributori: http://www.mcah.columbia.edu/dbcourses/krauss/large/jss_031302_apollinaire_
01.jpg Artista originale: Guillaume Apollinaire (1880-1918)
File:Langues_de_la_France1.gif Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/53/Langues_de_la_France1.gif Licenza:
Attribution Contributori: Taken from Lexilogos.com with permission from the copyright holder: oui pour wikipedia! je vous demanderais
de prciser la source en plaant un lien vers cette page Artista originale: Xavier Ngre
File:Map-Francophone_World.png Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/26/Map-Francophone_World.png Licenza: Public domain Contributori: Questo le deriva da: BlankMap-World.png: <a href='//commons.wikimedia.org/wiki/File:
BlankMap-World.png' class='image'><img alt='BlankMap-World.png' src='//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/c3/
BlankMap-World.png/50px-BlankMap-World.png' width='50' height='25' srcset='//upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/
c3/BlankMap-World.png/75px-BlankMap-World.png 1.5x, //upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/c/c3/BlankMap-World.
png/100px-BlankMap-World.png 2x' data-le-width='1500' data-le-height='740' /></a>
Artista originale: BlankMap-World.png: Made by User:Vardion and adapted by User:E Pluribus Anthony
File:Nuvola_apps_bookcase.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a5/Nuvola_apps_bookcase.svg Licenza: LGPL Contributori: Il codice sorgente di questo le SVG valido. Artista originale: Peter Kemp
File:Nuvola_apps_kmessedwords.png Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9a/Nuvola_apps_kmessedwords.png
Licenza: LGPL Contributori: http://icon-king.com Artista originale: David Vignoni / ICON KING
File:Sacramenta_Argentariae_(pars_brevis).png
Fonte:
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b4/Sacramenta_
Argentariae_%28pars_brevis%29.png Licenza: Public domain Contributori:
http://www.staff.hum.ku.dk/hp/apercu/apercu1_00(1)-filer/image007.jpg Artista originale: Nithard
File:Schweiz_mit_Kreuz.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a5/Schweiz_mit_Kreuz.svg Licenza: CC-BYSA-3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: Sandro Senn
File:Valle_d'Aosta-Stemma.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f6/Valle_d%27Aosta-Stemma.svg Licenza:
CC BY-SA 3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: F l a n k e r
File:Wikibooks-logo.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fa/Wikibooks-logo.svg Licenza: CC BY-SA 3.0
Contributori: Opera propria Artista originale: User:Bastique, User:Ramac et al.
File:Wikipedia-logo.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/80/Wikipedia-logo-v2.svg Licenza: CC BY-SA 3.0
Contributori: File:Wikipedia-logo.svg as of 2010-05-14T23:16:42 Artista originale: version 1 by Nohat (concept by Paullusmagnus);
Wikimedia.
File:Wikiversity-logo-It.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b5/Wikiversity-logo-it.svg Licenza: CC BY-SA
3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: Skyluke
File:Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/dd/Wikivoyage-Logo-v3-icon.svg Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: AleXXw
File:Wiktionary_small.svg Fonte: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f9/Wiktionary_small.svg Licenza: CC BY-SA 3.0
Contributori: ? Artista originale: ?

11.3

Licenza dell'opera

Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0

Potrebbero piacerti anche