Sei sulla pagina 1di 37

EMULSIOLIPOLISI

di Vincenzo Varlaro
docente di Medicina Estetica nel Master Internazionale Biennale di II livello di Medicina
Estetica e Terapia Estetica dell'Universit degli Studi di Camerino

Lemulsiolipolisi un trattamento lipolitico che prevede la somministrazione per via


intradiposa di fosfolipidi ipotalamici, carnitina, aminofillina, lidocaina 2%, soluzione
fisiologica (NaCl allo 0.9%) (Fig. 1).
Si pu parlare anche di intradipoterapia lipolitica o di intraipodermoterapia lipolitica
mediante fosfolipidi ipotalamici, carnitina, aminofillina, lidocaina 2%, soluzione
fisiologica (NaCl allo 0.9%).

Figura 1 Intradipoterapia lipolitica o intraipodermoterapia lipolitica

Lindicazione clinica principale rappresentata dalla cellulite, da quelle situazioni


cliniche in cui laspetto istologico dominante quello delladiposit localizzata in
eccesso di tipo ipertrofico.
FOSFOLIPIDI IPOTALAMICI
I fosfolipidi ipotalamici si utilizzano allo scopo di realizzare una emulsione dei
trigliceridi del tessuto adiposo sottocutaneo (Figg. 2, 3).

Figura 2 Adipocita uniloculare

Figura 3 Adipocita uniloculare emulsionato

Riuscire a realizzare una emulsione


mulsione dei trigliceridi del tessuto adiposo sottocutaneo un
momento cardine ai fini dellattivazione della lipasi intradipocitaria: enzima preposto
alla idrolisi dei trigliceridi intradipocitari (Fig. 4).

Figura 4 Modello molecolare dellemulsione dei trigliceridi intradipocitari

I grassi pi comuni che vengono assunti con la dieta sono i trigliceridi: sono costituiti da
un nucleo di glicerolo e da tre acidi grassi (Fig. 5).

Figura 5 Modello molecolare di un trigliceride (da Wikipedia)

La digestione dei grassi assunti con la dieta inizia nello stomaco per poi proseguire
nellintestino tenue.

La digestione dei grassi assunti con la dieta operata da enzimi specifici: le lipasi. Nello
stomaco viene digerita solo una piccola quantit dei grassi assunti con la dieta, meno del
10% della quota complessiva dei grassi introdotti con la dieta. La digestione dei grassi
assunti con la dieta che avviene nello stomaco si realizza per lintervento di una lipasi
linguale che viene prodotta dalle ghiandole linguali della bocca e che viene ingurgitata
nello stomaco con la saliva.
Giunti nel duodeno insieme allacido cloridrico, i grassi stimolano la secrezione della
colecistochinina e della secretina, due ormoni che inducono la colecisti e il pancreas
esocrino a riversare nel duodeno rispettivamente la bile e il succo pancreatico.
Nel tenue viene digerito il 90% della quota lipidica introdotta con la dieta.
La digestione nel tenue si realizza rapidamente grazie alla lipasi pancreatica che
presente in grandi quantit e, in minor misura, grazie alla lipasi enterica prodotta dalla
mucosa intestinale.
Gli effetti della lipasi enterica sono assolutamente trascurabili.
I lipidi assunti con la dieta sono principalmente trigliceridi che vengono idrolizzati dalle
lipasi in 2-monogliceridi, acidi grassi liberi, piccole quantit di digliceridi.
La digestione nellintestino tenue prosegue normalmente per lintervento di un elemento
fondamentale: la bile.
La bile viene prodotta dal fegato ed costituita da acqua, sali biliari, bilirubina,
colesterolo, acidi grassi, lecitina, ioni sodio, ioni potassio, ioni calcio, ioni cloro, ioni
bicarbonato.
Esiste una bile epatica e una bile colecistica che ha subito il processo di concentrazione
nella colecisti con il riassorbimento da parte della mucosa della colecisti di acqua e di
elettroliti: ad eccezione degli ioni calcio.
I sali biliari, la lecitina, il colesterolo, la bilirubina non vengono riassorbiti e, pertanto,
vengono fortemente concentrati nella colecisti.
La bile esplica funzioni essenziali per la digestione dei grassi assunti con la dieta in
virt dei sali biliari e della lecitina: due fosfolipidi (Fig. 6).

AMINOACIDI

COLINA
VALINA
SERINA
INOSITOLO

G LIC E R O L O

CATENE DI ACIDI GRASSI

GRUPPO POLARE
Figura 6 Modello strutturale di un fosfolipide

H H H H H H H H H H H H
- C - C - C -- C - C - C - C -- C - C - C - C -- C -H
H H H H H H H H H H H H
H H H H H H H H H H H H
- C - C - C - C - C - C - C -- C - C - C - C - C -H
H H H H H H H H H H H H

GRUPPO APOLARE

I sali biliari e la lecitina sono dei fosfolipidi che esplicano principalmente due funzioni:
Determinano una emulsione dei grassi assunti con la dieta;
Determinano una micellizzazione dei globuli di grasso emulsionati.
Lemulsione dei grassi assunti con la dieta si realizza per la riduzione della tensione
superficiale operata dai sali biliari e dalla lecitina e per le sollecitazioni meccaniche che
si verificano sui grassi stessi nel lume intestinale per opera dellattivit peristaltica
gastrointestinale.
Il risultato la frammentazione del globulo del grasso in minuti globuli di grasso e la
loro dispersione in una soluzione instabile.
I sali biliari e la lecitina sono molecole bipolari: hanno una porzione polare altamente
solubile nellacqua (idrofila) e una porzione apolare (idrofoba), sterolica, fortemente
liposolubile (lipofila) (Fig. 7).

Figura 7 Modello strutturale di una molecola bipolare

La porzione lipofila (apolare) si solubilizza nello strato superficiale della particella di


grasso mentre la porzione idrofila (polare) si proietta verso lesterno (Fig. 8).

Figura 8 Modello molecolare di micella

Questo effetto riduce fortemente la tensione superficiale del grasso.


Le superfici di contatto liquido-liquido,
liquido liquido, quando uno dei due liquidi non miscibile,
hanno la tendenzaa a separarsi e il liquido non miscibile tende a diminuire di estensione
come se fosse composto da lamine elastiche in tensione. Questa propriet caratterizza la
cosiddetta tensione superficiale.
Una riduzione della tensione superficiale del grasso rappresenta
rappresenta un fatto fisico
importante perch contribuisce al verificarsi dellemulsione del grasso, cio alla
frantumazione del grasso in piccoli globuli di grasso e alla loro dispersione in una
soluzione instabile.
Si tratta dello stesso principio di azione di molti detersivi tensioattivi usati per uso
domestico per rimuovere lunto e il grasso dalle stoviglie.
Non basta soltanto la riduzione della tensione superficiale del grasso per potersi
verificare la sua frantumazione in piccoli globuli e la loro dispersione
dispersione in una soluzione
instabile.
importante anche un altro elemento: la sollecitazione meccanica operata dallattivit
peristaltica gastrointestinale.
I sali biliari e la lecitina, con la complicit dellattivit peristaltica gastrointestinale
determinano nellintestino tenue la frammentazione del grasso assunto con la dieta in
piccoli globuli di grasso e la loro dispersione in una soluzione instabile.
I grassi assunti con la dieta una volta emulsionati in una soluzione instabile, finita
lattivit peristaltica
taltica gastrointestinale dovrebbero ricomporsi a formare una fase
continua. Durante la digestione i globuli di grasso emulsionati e dispersi in una
soluzione instabile normalmente non si ricompongono a formare una fase continua per
lintervento dei sali biliari.
I sali biliari agiscono micellizzando i globuli del grasso dispersi nella soluzione
instabile. Insomma i sali biliari stabilizzano lemulsione che da instabile diventa stabile.
I sali biliari hanno una porzione polare altamente solubile nellacqua costituita da gruppi
OH (idrofila) e una porzione apolare sterolica costituita da gruppi CH3 fortemente
liposolubile (lipofila) (Fig. 9).

Figura 9 Acido colico (da Wikipedia)

La porzione lipofila, apolare, si solubilizza nello strato superficiale del globulo


g
del
grasso emulsionato mentre la porzione idrofila, polare si proietta verso lesterno, si
formano le cosiddette micelle che hanno laspetto di goccioline sferiche di circa 3
nanometri di diametro.
Le micelle sono costituite da 20 - 40 sali biliari che circondano un core lipidico
costituito da trigliceridi e prodotti della digestione dei trigliceridi: 2-monogliceridi,
2 monogliceridi, acidi
grassi liberi, piccole quote di digliceridi (Fig. 10).
Poich i gruppi polari dei sali biliari hanno la carica elettrica negativa
negativa allesterno, essi
consentono allintera micella di passare in soluzione nellacqua dei succhi digestivi e di
mantenersi in tale stato come una soluzione stabile (Fig. 11).

Figura 10 Modello molecolare di micella

Figura 11 Modello molecolare di emulsione stabile

La micellizzazione dei globuli di grasso ottenuti con lemulsione operata dai sali biliari,
dalla lecitina e dallattivit peristaltica gastrointestinale trasforma una soluzione
instabile (emulsione instabile) in una soluzione stabile (emulsione stabile).
Le micelle hanno una carica elettrica negativa esterna per cui si respingono luna con
laltra.
Le micelle respingendosi luna con laltra impediscono al loro core lipidico di confluire
a formare una fase continua.
Se vengono impediti lemulsione dei grassi assunti con la dieta e la micellizzazione dei
globuli di grasso ottenuti con lemulsione non aumenta la superficie del grasso per cui
lattivit della lipasi minima. In tal caso, il materiale lipidico assunto con la dieta,
viene perduto con le feci fino al 40% e si potrebbero instaurare fenomeni di carenza
nutrizionale, soprattutto fenomeni di carenza di vitamine liposolubili: A, D, E, K, F.
La lipasi un enzima. Gli enzimi formano un complesso con le molecole del substrato
definito complesso enzima-substrato (ES) (Fig. 12).

EE

Figura 12 Modello molecolare di formazione del complesso ES e del prodotto

La formazione del complesso ES essenziale per il verificarsi dellattivit dellenzima.


Lazione catalitica di un enzima consiste fondamentalmente in un ciclo di quattro fasi
che per lo stesso enzima si ripete migliaia di volte in tempi molto brevi: dellordine di
secondi o di frazioni di secondi.
Lenzima, poich si ritrova inalterato al termine di ogni ciclo pu iniziare
immediatamente un ciclo successivo.
Le fasi del ciclo si possono schematizzare:
Il substrato si combina con eventuali cofattori e con i residui aminoacidici presenti
nella zona del sito attivo dellenzima, nota come sito di legame del substrato, formando
un intermedio denominato complesso ES (fase a).
La combinazione con lenzima attiva il substrato rendendo pi reattivi alcuni legami
chimici del substrato stesso.
Si verifica un intervento di specifici raggruppamenti chimici presenti nella zona del
sito attivo nota come sito catalitico posta in prossimit del substrato e si verifica la
trasformazione del substrato nel prodotto della reazione.
I prodotti della reazione si dissociano dallenzima (o alla rinfusa o in modo
sequenziale) che pu, cos, andare incontro nuovamente alla fase a.

Gli enzimi sono proteine costituite da una catena polipeptidica che si ripiega nelle tre
dimensioni.
A causa di tale ripiegamento tridimensionale della catena polipeptidica, una molecola
enzimatica presenta una superficie percorsa da solchi, depressioni.
Queste caratteristiche topografiche sono specifiche e costanti per ogni tipo di molecola
enzimatica.
Almeno una delle cavit o depressioni presenti sulla superficie di un enzima ha una
forma complementare a quella della molecola del substrato o di una parte di questa
contenente specifici raggruppamenti chimici (Fig. 13).
Questa cavit detta sito attivo e, pi propriamente, sito di legame per il substrato.
Emil Fisher, nel 1894, formul una teoria secondo cui il substrato si combina con il sito
attivo dellenzima con lo stesso grado di specificit con cui una chiave entra nella
propria serratura (Fig. 14).
Molti enzimi, oltre alla cavit specifica per la combinazione del substrato, possono
presentare altre cavit in cui si possono adattare altre molecole che possono partecipare
alla reazione catalizzata come i coenzimi, come i cofattori: ad esempio, gli ioni metallici
Ca, Mg, Mn, Zn, Cu.
I coenzimi e i cofattori possono partecipare allattivit di numerosi enzimi rivestendo un
ruolo di primo piano.
La lipasi presenta una cavit specifica per la combinazione con il substrato e unaltra
cavit specifica in cui si pu adattare un coenzima: la colipasi.
Lattivit degli enzimi viene influenzata da diversi fattori: il pH, la temperatura, la
concentrazione del substrato.
Per la maggior parte degli enzimi esiste un intervallo di valori di pH, in genere
abbastanza ristretto, in cui la reazione viene catalizzata con la massima efficienza.

Figura 13 Il substrato (S) satura lenzima interagendo con specifici raggruppamenti chimici (sito attivo)

Figura 14 Modello molecolare della teoria della chiave e della serratura di Emil Fischer

Il valore del pH cui un enzima presenta la massima efficienza catalitica viene detto pH
ottimale. Questo valore varia da enzima a enzima.
La temperatura fa aumentare lattivit enzimatica purch la stessa non superi quella
corporea (37 C).
Gli enzimi sono proteine. Dopo i 37 C inizia la denaturazione proteica.
Se si superano i 37 C di temperatura, il danno enzimatico pu diventare irreversibile.
La dipendenza dellattivit enzimatica dalla temperatura ha la forma di una curva a
campana.
La maggior parte del potere catalitico di un enzima dovuto al legame del substrato con
lenzima. Insomma la formazione di un complesso ES la prima tappa della catalisi
enzimatica e da questa tappa dipende la velocit di una reazione catalizzata.
A concentrazioni costanti di enzima la velocit della reazione catalizzata aumenta in
modo proporzionale allaumento della concentrazione del substrato.
Insomma esiste un rapporto di dipendenza tra la velocit della reazione catalizzata e la
concentrazione del substrato e tale rapporto di dipendenza viene descritto
dallequazione di Michaelis-Menten (Fig. 15).

Figura 15 Grafico dellequazione di Michaelis - Menten

La dipendenza tra la concentrazione del substrato e la velocit della reazione catalizzata


di tipo iperbolico.
La lipasi un enzima idrosolubile e pu attaccare le particelle di grasso soltanto alla
loro superficie.
La lipasi un enzima, quindi, che ha unattivit superficie del grasso-dipendente. Se
aumenta la superficie del grasso aumenta lattivit della lipasi, altrimenti niente,
lattivit della lipasi rimane al minimo, al di l di quella che la quantit della lipasi
stessa.
La disponibilit del substrato ha un significato determinante per lattivit della lipasi che
aumenta con lincremento della disponibilit della superficie del substrato, con
laumento, cio, della superficie del grasso.
Una volta che il substrato (la superficie del grasso) satura la lipasi, non si potr
verificare un ulteriore incremento dellattivit enzimatica per mancanza di substrato
disponibile.
facilmente comprensibile limportanza dei sali biliari e della lecitina nel processo di
digestione dei grassi assunti con la dieta poich il loro ruolo , appunto, quello di
favorire lemulsione e la micellizzazione di tali grassi.
Per la digestione dei trigliceridi presenti nel lume dellintestino tenue lenzima pi
importante la lipasi pancreatica presente nel succo pancreatico e prodotta in
abbondanza dal pancreas esocrino.
Per le sue elevate quantit la lipasi pancreatica pu digerire in pochi minuti i grassi
assunti con la dieta.
Se non intervenisse la bile, la lipasi pancreatica non riuscirebbe a digerire se non
quantit minime dei grassi assunti con la dieta. Una soluzione stabile dei globuli del
grasso emulsionato ottimizza gli effetti della lipasi che aumenta la sua attivit:
Perch aumenta la superficie del grasso disponibile per la saturazione della lipasi;
Perch aumenta la diffusibilit della lipasi fino nel core del globulo del grasso
emulsionato e micellizzato.

Ogni volta che una particella di grasso si dimezza nel suo diametro per effetto della
sollecitazione meccanica imposta dallattivit peristaltica gastrointestinale, raddoppia la
superficie totale del grasso stesso.
Nel processo di digestione dei grassi assunti con la dieta, poich il diametro delle
goccioline del grasso emulsionato inferiore a 1 micrometro, si pu stabilire che con
lemulsione si verifica un aumento di circa mille volte della superficie totale del grasso
e di conseguenza lattivit della lipasi aumenta di circa mille volte.
Lintervento della bile determinante nel processo di digestione dei grassi. Se non
intervenisse la bile, i grassi assunti con la dieta non potrebbero essere digeriti se non in
quantit minime da parte della lipasi.
Se non intervenisse la bile nel processo di digestione dei grassi assunti con la dieta, la
lipasi avrebbe unattivit minima.
Lemulsione dei grassi assunti con la dieta e la micellizzazione dei globuli di grasso
ottenuti con lemulsione possono essere impedite mediante limpiego di farmaci che
sequestrano i sali biliari: detastrano (Rationale, Dexide, Pulsar), colestiramina
(Questran).
Per la digestione dei grassi assunti con la dieta determinante lemulsione del grasso e
la micellizzazione dei globuli del grasso ottenuti con lemulsione. Anche se la lipasi
pancreatica viene prodotta in abbondanza dal pancreas esocrino la stessa non potrebbe
digerire i grassi se non intervenisse la bile con lemulsione del grasso e la
micellizzazione dei globuli di grasso ottenuti con lemulsione.
Lattivit della lipasi non dipende solo dalla quantit dellenzima, ma anche dalla
superficie del grasso e dalla possibilit dellenzima di potere penetrare allinterno del
globulo del grasso.
La lipasi un enzima idrosolubile per cui non riesce ad addentrarsi nel core del globulo
del grasso salvo che lo stesso non venga emulsionato e i globuli di grasso ottenuti con
lemulsione non vengano micellizzati.
I farmaci che sequestrano i sali biliari inibiscono gli effetti dei sali biliari per cui
impediscono lattivit della lipasi.
Il globulo del grasso non viene emulsionato o viene emulsionato in percentuali minime
e la micellizzazione dei globuli di grasso ottenuti con lemulsione si verifica anchessa
in percentuali minime per cui non aumenta la superficie del grasso in modo importante e
la lipasi non ha la possibilit di penetrare nel core del globulo del grasso rimasto
pressoch integro.
Insomma il grasso assunto con la dieta non viene digerito dalla lipasi se non in quantit
minime per cui viene eliminato in gran parte con le feci: almeno il 40% del grasso
assunto con la dieta viene eliminato con le feci.
Per fare aumentare lattivit della lipasi intradipocitaria e, quindi, la lipolisi
intradipocitaria, determinante fare aumentare la superficie del grasso affinch lo stesso
possa saturare la lipasi intradipocitaria.
Con lincremento della superficie del grasso intradipocitario aumenta, in accordo con
lequazione di Michaelis-Menten, lattivit della lipasi intradipocitaria.
La secrezione della lipasi intradipocitaria viene stimolata di base, normalmente, dagli
ormoni lipolitici come, ad esempio, dagli ormoni tiroidei (FT3, FT4), dal growth
hormone (GH), dalle catecolamine per cui non necessario intervenire
farmacologicamente per fare incrementare la quantit della lipasi intradipocitaria.
Quello che prioritario, quindi, per realizzare un trattamento terapeutico lipolitico,
fare incrementare lattivit della lipasi intradipocitaria e non fare incrementare la
quantit della lipasi intradipocitaria.

Laumento della quantit della lipasi intradipocitaria non corrisponde a un aumento


dellattivit della lipasi intradipocitaria.
Ladipocita deriva da una cellula mesenchimale simile a un fibroblasta: il lipoblasto o
preadipocita.
Il lipoblasto inizia ad accumulare lipidi sotto forma di piccole gocce lipidiche che,
gradualmente, confluiscono a formare una goccia lipidica unica, centrale, che spinge il
nucleo e il citosol verso la periferia (Fig. 16).
Questo tipo istologico definito cellula adiposa uniloculare. il tipo istologico di pi
frequente riscontro.
Oltre al tipo istologico uniloculare, presente un altro tipo istologico: la cellula adiposa
multiloculare.

Figura 16 Adipocita uniloculare

La cellula adiposa multiloculare pi piccola del tipo istologico uniloculare e presenta


numerose piccole gocce lipidiche distribuite nel citosol.
Tali gocce lipidiche rimangono isolate per cui il nucleo, in tale tipo istologico
multiloculare, ha una dislocazione, in genere, centrale e non periferica.
Ladipocita uniloculare , quindi, costituito da una goccia lipidica unica e da un nucleo
e da un citosol dislocati alla periferia. La lipasi intradipocitaria si trova nel poco citosol.
Quindi, confinata alla periferia delladipocita e ha a disposizione solo una piccola
parte della superficie del grasso che caratterizza la cellula adiposa uniloculare.
Un suo ulteriore incremento non significherebbe nulla in termini di aumento dellattivit
lipolitica.
Inoltre la lipasi intradipocitaria idrosolubile per cui non ha la capacit di addentrarsi
nella goccia lipidica unica.

La lipasi intradipocitaria ha la capacit di agire solo a livello della superficie della


goccia lipidica e ci rappresenta un limite importante allattivit lipolitica di tale
enzima.
La lipolisi intradipocitaria si realizza pi facilmente nella cellula adiposa multiloculare
non solo perch tale tipo istologico possiede un corredo mitocondriale maggiore, ma
anche perch le gocciole dei lipidi distribuite come delle piccole isole nel citosol si
lasciano pi facilmente digerire dalla lipasi intradipocitaria.
Se le gocciole dei lipidi rimangono isolate maggiore la superficie del grasso
disponibile per saturare la lipasi intradipocitaria e il grasso pu essere inoltre meglio
digerito dallenzima (dalla lipasi intradipocitaria) che pu, tranquillamente, addentrarsi
nelle zone centrali della cellula adiposa con un conseguente incremento dellattivit
enzimatica della lipasi intradipocitaria e, quindi, con un conseguente incremento degli
effetti lipolitici.
La lipasi intradipocitaria che si trova nella cellula adiposa uniloculare un enzima
prigioniero dello stato istologico che caratterizza un tipo cellulare adiposo uniloculare
mentre la lipasi intradipocitaria che si trova in una cellula adiposa multiloculare un
enzima libero, che non ha condizionamenti particolari da parte dello stato istologico che
caratterizza un tipo cellulare adiposo multiloculare.
Per favorire la lipolisi bisogna creare lo status istologico e quindi, fisiologico di una
cellula adiposa multiloculare, bisogna liberare la lipasi intradipocitaria dal suo confino
in modo che possa addentrarsi nelle zone centrali della cellula adiposa, bisogna
permettere alla lipasi intradipocitaria di potere agire su una superficie di grasso
maggiore.
Per ottenere tali effetti necessario determinare lemulsione del grasso che costituisce la
massa intracellulare uniloculare e determinare la micellizzazione dei globuli di grasso
ottenuti con lemulsione.
In tal modo aumenta la superficie del grasso disponibile per saturare la lipasi
intradipocitaria e aumenta, di conseguenza lattivit della lipasi intradipocitaria.
Inoltre la lipasi intradipocitaria pu penetrare fino nelle zone centrali del globulo del
grasso.
Insomma bisogna determinare, a livello del tessuto adiposo in eccesso del sottocutaneo,
un effetto sali biliari simile.
quindi importante utilizzare farmaci che possano realizzare, a livello di trigliceridi
intradipocitari, un effetto sali biliari-simile.
Come i sali biliari sono essenziali per digerire i grassi assunti con la dieta cos i farmaci
che determinano un effetto sali biliari-simile sono essenziali per fare digerire alla lipasi
intradipocitaria la goccia lipidica unica che costituisce la cellula adiposa uniloculare del
tessuto adiposo in eccesso del sottocutaneo.
I fosfolipidi ipotalamici hanno la capacit di emulsionare e micellizzare i trigliceridi
intradipocitari, hanno la capacit di realizzare un effetto sali biliari-simile.
Lemulsione dei trigliceridi intradipocitari e la micellizzazione dei trigliceridi
intradipocitari emulsionati favoriscono lattivit della lipasi intradipocitaria. La lipasi
intradipocitaria un enzima che ha unattivit superficie del grasso-dipendente. Se
aumenta la superficie del grasso aumenta lattivit della lipasi intradipocitaria.
Lentit del substrato cio della superficie del grasso, ha un significato determinante per
lattivit della lipasi intradipocitaria che aumenta con lincremento del substrato, con
laumento, cio,
della superficie del grasso disponibile per saturare lenzima stesso: la lipasi
intradipocitaria.
Un enzima per esplicare la sua azione deve potersi combinare con il substrato.
Quindi, esiste un rapporto diretto tra disponibilit del substrato e attivit enzimatica.

Con lemulsione e la micellizzazione dei trigliceridi intradipocitari migliora la


diffusibilit della lipasi intradipocitaria stessa perch tale enzima non sar pi confinato
nel poco citosol di un adipocita uniloculare, ma potr addentrarsi fino nel core del
globulo del grasso emulsionato e micellizzato.
I fosfolipidi ipotalamici sono molecole bipolari: hanno una porzione polare altamente
solubile nellacqua (idrofila) e una porzione apolare (idrofoba), sterolica, fortemente
liposolubile (lipofila).
La porzione lipofila, apolare si solubilizza nello strato superficiale del globulo del
grasso mentre la porzione idrofila, polare si proietta verso lesterno.
Insomma i fosfolipidi ipotalamici hanno la capacit di determinare una emulsione dei
trigliceridi intradipocitari e una micellizzazione dei trigliceridi intradipocitari
emulsionati con effetti simili a quelli dei sali biliari.
La capacit di emulsionare i trigliceridi intradipocitari e di micellizzare i trigliceridi
intradipocitari emulsionati , una caratteristica di tutti i tipi di fosfolipidi
somministrabili per via parenterale.
La propriet dei fosfolipidi ipotalamici di emulsionare e di micellizzare i grassi
possibile dimostrarla con una sperimentazione in vitro.

SPERIMENTAZIONE IN VITRO RELATIVA ALLA CAPACIT DEI


FOSFOLIPIDI IPOTALAMICI DI DETERMINARE UNA EMULSIONE ED UNA
MICELLIZZAZIONE DI UN OLIO (UNA MISCELA DI ACIDI GRASSI).

Scopo dello studio


Dimostrare lefficacia dei fosfolipidi ipotalamici presenti nel preparato commerciale Liposom
forte fiale 28 mg/2ml im ev nel determinare lemulsione e la micellizzazione di un olio (una
miscela di acidi grassi): un liquido con una tensione superficiale elevata non miscibile con una
soluzione fisiologica.
Materiali
Sono stati utilizzati un bicchiere di vetro, 100 ml di soluzione fisiologica, 2 ml di olio, due fiale
di fosfolipidi ipotalamici (Liposom forte fiale 28 mg/2 ml im ev) pari a 56 mg di principio
attivo, un cucchiaino da caff, una siringa da 5 ml.
Una fiala di Liposom forte fiale 28 mg/2ml im ev contiene 28 mg di fosfolipidi ipotalamici ed
eccipienti: mannitolo, sodio fosfato bibasico dodecaidrato, sodio fosfato monobasico diidrato,
esteri dellacido p-idrossi-benzoico, acqua per preparazioni iniettabili q.b. a 2 ml.
Metodo
In un contenitore di vetro sono stati disposti 100 ml di soluzione fisiologica (Fig. 17). Con una
siringa sono stati aggiunti nel contenitore di vetro, ai 100 ml di soluzione fisiologica, 2 ml di
olio (una miscela di acidi grassi) (Fig. 18).
Lolio ha una tensione superficiale elevata per cui non miscibile con la soluzione fisiologica e
poich lolio pi leggero della soluzione fisiologica si disposto in superficie formando una
fase continua (Fig. 19).
Con un cucchiaino da caff, allo scopo di favorire la miscelazione dellolio con la soluzione
fisiologica, si provveduto a mescolare i due liquidi non miscibili: lolio e la soluzione
fisiologica (Fig. 20).
Si verificata una emulsione, una frammentazione della fase continua dellolio e una
dispersione dei frammenti ottenuti in una soluzione instabile (emulsione instabile) (Fig. 21).
Una volta smesso di mescolare, lolio emulsionato si rapidamente, in meno di 30 secondi,
ricomposto a formare nuovamente una fase continua in virt della tensione superficiale elevata
che lo caratterizza (Fig. 22).
Quindi, sono stati aggiunti ai due liquidi non miscibili (ai 2 ml di olio e ai 100 ml di soluzione
fisiologica), con una siringa, 2 fiale di fosfolipidi ipotalamici (Liposom forte fiale 28 mg/2ml
im ev) (Figg. 23, 24).

Figura 17

Figura 18

Figura 19

Figura 20

Figura 21

Figura 22

Figura 23

Figura 24

Figura 25

Figura 26

Con un cucchiaino da caff, allo scopo di favorire la miscelazione dellolio con la soluzione
fisiologica, si provveduto a mescolare i due liquidi non miscibili: lolio e la soluzione
fisiologica (Fig. 25).
Una volta smesso di mescolare lolio emulsionato non si ricomposto a formare una fase
continua, si verificata una micellizzazione dei frammenti dellolio emulsionato, si realizzata
una emulsione stabile (Fig. 26).
Risultato
I fosfolipidi ipotalamici presenti nel preparato commerciale Liposom forte fiale 28 mg/2 ml im
ev hanno determinato lemulsione e la micellizzazione di un olio (una miscela di acidi grassi):
un liquido con una tensione superficiale elevata non miscibile con una soluzione fisiologica.

Il prodotto commerciale utilizzato per l'emulsiolipolisi, il Liposom forte fiale, non crea
i problemi causati dal Lipostabil fiale e da altri prodotti galenici a base di
fosfatidilcolina e desossicolato sodico per una composizione chimica diversa.
Mentre nel Liposom forte fiale sono presenti esclusivamente fosfolipidi ipotalamici,
negli altri prodotti commerciali (Lipostabil fiale) o galenici sono presenti degli
eccipienti come il desossicolato di sodio.
stato proprio il desossicolato di sodio a creare i problemi di ordine necrotico a carico
del tessuto adiposo infiltrato che hanno costretto la classe medica ad abbandonare un
tale tipo di soluzione terapeutica (Fig. 27).

Figura 27 Necrosi tessutale della regione periombelicale superiore sinistra dopo somministrazione
intradiposa di fosfatidilcolina e desossicolato di sodio

Una fiala da 5 ml di Lipostabil, infatti, contiene: 250 mg di fosfatidilcolina e


eccipienti: sodio diidrossicolanato (solubilizzante), alcool benzilico (conservante),
sodio cloruro, -tocoferil acetato (antiossidante), acqua per preparazioni iniettabili.
Per gli effetti tossici del desossicolato di sodio si fatta una cattiva nomea la
fosfatidilcolina che, se utilizzata pura, non crea se non effetti collaterali minimi: prurito
o eritema della durata di qualche giorno quando iniettata troppo superficialmente..
CARNITINA
La carnitina una proteina che viene sintetizzata dagli esseri umani e da altri vertebrati
a partire dalla lisina nel fegato e nei reni (Fig. 28).

Figura 28 Struttura della carnitina (da Wikipedia)

Il patrimonio complessivo in carnitina viene acquisito dalluomo nella misura del 25%
per sintesi epatica e renale e nella misura del 75% per introito con la dieta: dalla carne,
dalle uova, dal latte.
La carnitina un carrier degli acidi grassi a catena lunga.
Nelluomo la carnitina presente soprattutto nelle fibrocellule muscolari, nei neuroni,
negli epatociti ma anche negli adipociti e in altri tipi istologici.
Alcuni organismi inferiori come il tenebrio molitor non sono in grado di sintetizzarla
per cui necessitano di una dieta che la contenga gi formata.
La carnitina una proteina idrosolubile per cui per attraversare le membrane cellulari ha
bisogno di un trasportatore. Sono stati individuati un trasportatore a bassa affinit per i
cationi (OCTN1) che trasporta la carnitina attraverso la membrana cellulare allinterno
della cellula e un trasportatore sodio-dipendente ad alta affinit (OCTN2) che trasporta
la carnitina attraverso la membrana cellulare allesterno della cellula. Nelluomo sono
possibili carenze primarie e carenze secondarie di carnitina.
Mentre le carenze primarie sono di ordine congenito le carenze secondarie di carnitina
sono da relazionare alla insufficienza renale cronica grave.
I pazienti affetti da insufficienza renale cronica grave poich effettuano diete aproteiche
vanno incontro ad una contrazione importante dellintroito alimentare in proteine e di
conseguenza, a una riduzione della biodisponibilit aminoacidica per i processi
metabolici di ordine anabolico come la biosintesi della carnitina.
I pazienti affetti da insufficienza renale cronica grave non assumendo proteine non
introitano carnitina: il patrimonio complessivo in carnitina viene, infatti, acquisito
dalluomo nella misura del 75% con le proteine alimentari. Il glicerolo che si ottiene
dalla idrolisi dei trigliceridi pu riversarsi in circolo o essere inserito nello shunt dei
monofosfati. Il glicerolo non pu essere utilizzato nell'adipocita per la biosintesi dei
trigliceridi perch l'attivit dell'enzima glicerolchinasi bassa nel citosol adipocitario
mentre elevata nel citosol dell'epatocita dove sono possibili entrambe le vie
metaboliche per la biosintesi dei trigliceridi: quella a partire dal glicerolo e quella a
partire dall'acil-CoA. Gli acidi grassi ottenuti dalla idrolisi dei trigliceridi intradipocitari
possono andare incontro principalmente a due destini:
Passare in circolo come acidi grassi non esterificati (NEFA);
Essere attivati (esterificazione con il CoA-SH endogeno).
Gli acidi grassi attivati (acil-CoA) possono essere:
Ossidati;
Utilizzati per la biosintesi dei trigliceridi.

Nel 1948-49 Eugene Kennedy e Albert Lehninger dimostrarono che l'ossidazione degli
acidi grassi avviene esclusivamente nei mitocondri. Il successivo passo in avanti fu
merito di Lynen e collaboratori che scoprirono che l'attivazione degli acidi grassi
dipendente da ATP implica la loro esterificazione con il gruppo tiolico del CoA-SH e
che tutte le tappe
enzimatiche
che si susseguono nell'ossidazione degli acidi
grassi hanno luogo nella forma dei loro esteri con il CoA-SH.Per essere demolito,
quindi, l'acido grasso deve spostarsi dal citosol nei mitocondri (Fig. 29).

Figura 29 Modello molecolare di un mitocondrio

I mitocondri sono degli organuli presenti nel citosol dove esplicano importanti funzioni
come quella di produrre ATP.
I mitocondri sono delle fabbriche di ATP, di quellenergia che essenziale per la vita.
Le cellule adipose uniloculari del tessuto adiposo bianco hanno meno mitocondri di
quanti ne hanno le cellule adipose multiloculari del tessuto adiposo bruno. A livello
della membrana mitocondriale esterna avviene l'esterificazione enzimatica dell'acido
grasso con il CoA-SH del pool citosolico, a spese dell'ATP. Gli enzimi che catalizzano
la formazione degli esteri acil-CoA sono dislocati nella membrana mitocondriale esterna
e sono denominati acil-CoA sintetasi o acido grasso tiochinasi o acido grasso CoA
ligasi. Gli esteri acil-CoA non riescono ad attraversare la membrana mitocondriale
interna perch la membrana mitocondriale interna impermeabile ad un tale tipo di
molecola. A questo punto, se non intervenisse un carrier fisiologico, gli acidi grassi
esterificati potrebbero essere utilizzati esclusivamente nel citosol per la biosintesi dei
trigliceridi.
L'ingresso degli acil-CoA nei mitocondri favorito dalla carnitina (Fig. 30).

SPAZIO
INTERM EMBRANA

ACIL-CoA
ACIL-CoA

ACILCARNITINA

CARNITINA

+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

T
R
A
S
L
O
C
A
S
I

MATRICE
M ITOCO NDRIALE

ACIL-CoA

CARNITINA

Figura 30 Modello molecolare del trasporto degli acidi grassi da parte della carnitina attraverso la
membrana mitocondriale interna

L'enzima carnitina aciltransferasi I o carnitina acido grasso transferasi citoplasmatica


presente sulla faccia esterna della membrana mitocondriale interna catalizza il trasporto
del gruppo acilico dal suo legame tio-estereo con il CoA-SH del pool citosolico ad un
legame ossigeno-estereo con il gruppo ossidrilico della carnitina dando luogo alla
formazione di acil-carnitina. Lacil-carnitina passa facilmente attraverso la membrana
mitocondriale interna grazie ad una traslocasi (Fig. 31).

Figura 31 Modello molecolare del trasporto degli acidi grassi da parte della carnitina attraverso la
membrana mitocondriale interna e della funzione della traslocasi

Una volta pervenuta a livello della membrana mitocondriale interna il gruppo acilico
ac
dellacil-carnitina
carnitina viene trasferito sul CoA-SH
CoA SH intramitocondriale. Questa reazione
catalizzata dallenzima carnitina aciltransferasi II o carnitina acido grasso transferasi
intramitocondriale.
A livello intramitocondriale il gruppo acilico viene trasferito
t
dalla acil-carnitina
carnitina al CoACoA
SH del pool mitocondriale in virt dell'enzima carnitina aciltransferasi II o carnitina
acido grasso transferasi intramitocondriale localizzato sulla superficie interna della
membrana mitocondriale interna.
L'acil-CoA
A , a questo punto, pronto per l'ossidazione della sua componente acido
grasso ad opera di tutta una serie di enzimi specifici presenti nella matrice
mitocondriale. Tale ossidazione avviene in due fasi principali.
Nella prima fase gli acidi grassi subiscono
subiscono la rimozione ossidativa di successive unit a
due atomi di carbonio definite acetil-CoA.
acetil CoA. La frammentazione dellacido grasso inizia
dall'estremit carbossilica della catena dell'acido grasso stesso con tutta una serie
ripetitiva di passaggi operati da un insieme di enzimi. Si verifica la -ossidazione.
ossidazione.
Il risultato finale la trasformazione dell'acido grasso in frammenti a due atomi di
carbonio, cio in frammenti di acetil-CoA.
acetil CoA. La formazione di ognuna delle molecole di
acetil-CoA
CoA richiede la rimozione, per azione di deidrogenasi specifiche,
specifiche, di quattro atomi
di idrogeno dall'acido grasso. Nella seconda fase della ossidazione le molecole di acetilacetil
CoA vengono inserite nel ciclo dell'acido citrico (o ciclo di Krebs o ciclo degli acidi
tricarbossilici) per essere ossidate a CO2 e H2O.
Entrambee le fasi dell'ossidazione degli acidi grassi hanno come risultato un flusso di
atomi di idrogeno verso la catena respiratoria dove, con una ionizzazione degli atomi di
idrogeno, inizia un flusso di elettroni che caratterizza, lungo la catena respiratoria,
respiratoria tutta
una serie di reazioni di ossido-riduzione
ossido
(Fig. 32).

Figura 32 Catena degli elettroni (da Wikipedia)

Al flusso di elettroni accoppiata la fosforilazione ossidativa dell'ADP ad ATP.


L'energia fornita da entrambe le fasi dell'ossidazione degli acidi grassi viene, quindi,
conservata sotto forma di ATP (Fig. 33).

Con l'impiego della carnitina si deviano gli acidi grassi attivati (acil-CoA)
(acil CoA) non verso la
biosintesi dei trigliceridi ma verso la loro ossidazione. stato dimostrato in vitro e in
animali
imali da esperimento che la velocit del trasporto dei gruppi acilici dal citosol nei
mitocondri aumenta quanto maggiore il gradiente citosol-matrice
citosol matrice in acil-carnitina
acil
e
che tale gradiente citosol-matrice
citosol
in acil-carnitina
carnitina aumenta in seguito a
supplementazioni
tazioni con carnitina esogena.

Figura 33 ATP (da Wikipedia)

La carnitina svolge un ruolo chiave nel processo catabolico degli acidi grassi.
La carnitina un anello da cui non si pu prescindere se si vuole favorire un processo
lipolitico.
Un aumento del trasporto dei gruppi acilici da parte della carnitina favorisce, oltre che
lossidazione degli acidi grassi, anche linibizione della biosintesi dei trigliceridi.
Infatti, la respirazione mitocondriale condizionata dalla maggiore disponibilit di acidi
grassi favorita dalla L-carnitina
carnitina rende elevato il rapporto ATP/ADP.
L'ATP pu inibire la glicolisi mediante l'inattivazione della fosfofruttochinasi (enzima
allosterico che catalizza la fosforilazione del F-6-P
F
a F-1-6-difosfato)
difosfato) e, cos, anche il
citrato prodotto in eccesso.
Il citrato prodotto in eccesso dal ciclo di Krebs pu uscire dai mitocondri tramite il
sistema del trasporto del citrato presente nella membrana mitocondriale interna e
realizzare una inibizione della fosfofruttochinasi.
Il citratoo prodotto in eccesso agisce da inibitore della fosfofruttochinasi e, di
conseguenza, da rallentatore della velocit della glicolisi con, quindi, riduzione del
rifornimento in acetil-CoA
CoA da parte della glicolisi per il ciclo di Krebs e aumentata
stimolazione
ne della idrolisi dei trigliceridi intradipocitari in acidi grassi e glicerolo.
Insomma la produzione energetica viene, in tal modo, deviata sul metabolismo lipidico.
Un altro meccanismo che contribuisce a inibire la velocit delle reazioni glicolitiche la
competizione per l'ADP fra i mitocondri e quegli enzimi della sequenza glicolitica che
richiedono ADP come la fosfogliceratochinasi e la piruvatochinasi. Poich i mitocondri
hanno per l'ADP maggiori affinit che non gli enzimi glicolitici, la glicolisi viene
rallentata per mancanza di accettore di fosfato. Con il rallentamento della glicolisi viene
ridotta la produzione di un metabolita intermedio della sequenza glicolitica: il
diidrossiaceton fosfato che il precursore dellL-glicerol-3-fosfato.
dellL
Il diidrossiaceton
idrossiaceton fosfato che si forma nel corso della demolizione del glucosio per
opera di un enzima aldolasi dal F1-6-difosfato,
F1 difosfato, invece che essere isomerizzato a
gliceraldeide-3-fosfato
fosfato viene ridotto a L-glicerol-3-fosfato
L
fosfato dall'enzima glicerol fosfato
deidrogenasi
ogenasi in presenza di NADH come donatore di idrogeno.

Oltre che del diidrossiaceton fosfato (e, di conseguenza, dellL-glicerol


dellL glicerol-3-fosfato) vi
anche una ridotta biodisponibilit, nel citosol, di acil-CoA:
acil CoA: la carnitina ne stimola il
trasporto nei mitocondri.
dri. Lacil-CoA
Lacil CoA un altro precursore principale della biosintesi dei
trigliceridi che inizia con l'acilazione dei gruppi ossidrilici liberi dellL-glicerol-3dellL
fosfato da parte, appunto, di due molecole
di acil-CoA
acil CoA (reazione catalizzata
dall'enzima acil-CoA-glicerol
glicerol-3-fosfato-aciltransferasi).
Quindi, viene inibita anche la biosintesi dei trigliceridi intradipocitari perch si riduce la
biodisponibilit nel citosol dei due precursori principali: gli acil-CoA
acil CoA e lL-glicerol-3lL
fosfato.
AMINOFILLINA
Aminofillina il nome di una miscela combinata di due principi attivi:
attivi la teofillina e
letilendiamina (Fig. 34). Tale miscela migliora la solubilit del farmaco. Limpiego
dellaminofillina (Aminomal fiale 240 mg iv, Tefamin fiale 240 mg iv) nel
trattamento della cellulite affonda
affonda le radici nella storia della mesoterapia lipolitica, della
Medicina Estetica.
Mediante laminofillina si realizza unattivit lipolitica agendo a livello delle membrane
cellulari degli adipociti. Laminofillina interferisce con il sistema adenilciclasi/cAMP
adenilciclasi/
(AMP ciclico).

Figura 34 Aminofillina

La cellula dialoga attraverso dei recettori di membrana con il mondo extracellulare


come ad esempio con gli ormoni e con i farmaci. Questi recettori di membrana sono
accoppiati a delle proteine specifiche definite G che hanno la funzione di trasdurre il
segnale recepito dal recettore.
I recettori accoppiati alle proteine G (o GPCR) sono una famiglia di recettori biologici: i
recettori colinergici muscarinici
arinici, i recettori dopaminergici, i recettori serotoninergici,
serotoninergici i
recettori cannabinoidi,, i recettori oppiacei, i recettori delle purine.. I GPCR sono
costituiti da una singola catena polipeptidica formata anche da 1100 residui.
La caratteristica strutturale rappresentata
rappresenta da 7 -eliche
eliche transmembrana, simili a quelle
che si trovano nei canali ionici,
ionici con un dominio extracellulare N-terminale
terminale di lunghezza
variabile e un dominio intracellulare C-terminale
C
(Fig. 35).

E1
NH3

E2

E3

E4

H1

H2

H3

H4

H5

H6

H7

COO-

CITOSOL

C1

C2

C3

C4

Figura 35 Struttura dei recettori accoppiati alle proteine G (GPCR)

I GPCR vengono divisi in tre distinte famiglie che condividono la stessa struttura
eptaelicale, ma differiscono per vari aspetti, principalmente per la lunghezza della
sequenza N-terminale e la localizzazione del sito di legame per l'agonista.
La famiglia A, a cui appartiene la rodopsina, di gran lunga la pi numerosa e
comprende la maggior parte dei recettori per le monoamine e i neuropeptidi.

La famiglia B costituita dai recettori della secretina, del glucagone e della calcitonina.
La famiglia C costituita principalmente dai recettori del glutammato e dai recettori
sensibili al Ca2 + . Il terzo lungo loop citoplasmatico dei recettori corrisponde alla
regione della molecola che si accoppia alla proteina G. Modifiche di questa porzione
della proteina determinano la formazione di recettori ancora in grado di legare i propri
ligandi, ma incapaci di accoppiarsi alle proteine G e di determinare i conseguenti effetti.
Attraverso l'attivazione di vari meccanismi di trasduzione del segnale, i GPCR
controllano diversi aspetti della funzione cellulare. Il collegamento tra il recettore e il
primo stadio della trasduzione del segnale viene stabilito attraverso le proteine G. Le
proteine G rappresentano il livello intermedio nella gerarchia organizzativa di gestione
della comunicazione tra recettori ed enzimi effettori o canali ionici. Le proteine G
consistono di tre subunit , e . I nucleotidi guaninici si legano alla subunit , che
provvista di attivit enzimatica, catalizzando la conversione del GTP in GDP. Le
subunit e rimangono associate a formare un unico complesso . Tutte e tre le
subunit sono ancorate alla membrana plasmatica mediante la catena di un acido grasso,
legata alle proteine G per mezzo di una reazione chiamata prenilazione. Allo stato di
riposo, la proteina G si trova libera nella forma di trimero e con il GDP legato al
sito specifico della subunit . L'occupazione di un GPCR da parte di una molecola di
agonista attiva un cambiamento conformazionale, che coinvolge il dominio
citoplasmatico del recettore con l'acquisizione di uno stato di alta affinit per il trimero
. L'associazione del trimero con il recettore determina il rilascio del GDP legato
e la sua sostituzione con il GTP; questa modificazione, a sua volta causa la
dissociazione del trimero dalla proteina G con il rilascio di -GTP e delle subunit .
Queste sono le forme attive della proteina G, che diffondono nella membrana e possono
legarsi con enzimi e canali ionici, causando, a seconda dei casi, l'attivazione o
l'inattivazione. Il processo termina con l'idrolisi del GTP a GDP da parte della subunit
, che possiede attivit GTP-asica. La -GDP che cos si forma, si dissocia dall'effettore
e si combina con , completando, in tal modo, il ciclo. Poich l'idrolisi del GTP il
passaggio che pone fine alla capacit della subunit di determinare il suo effetto, la
regolazione della sua attivit GTP-asica da parte dell'effettore implica che l'attivazione
di quest'ultimo tende a essere autolimitante.
Il meccanismo porta a un'amplificazione del segnale, in quanto un singolo complesso
agonista-recettore pu attivare parecchie proteine G per volta e ognuna di queste pu
rimanere associata con l'enzima effettore per tempi sufficientemente lunghi da
determinare la formazione di molte molecole di prodotto.
Quest'ultimo solitamente un secondo messaggero, per cui si verifica un'ulteriore
amplificazione prima che sia evidente la risposta cellulare finale.
Ci sono differenze molecolari tra le varie proteine G: queste differenze danno origine a
tre principali classi di proteine (Gs, Gi, Gq), che sono selettive sia per i recettori, sia per
gli effettori con i quali si accoppiano.
Le proteine Gs e Gi promuovono rispettivamente la stimolazione e l'inibizione
dell'enzima adenilciclasi e un simile controllo bidirezionale attivo su altri effettori,
come la fosfolipasi C.
I principali bersagli delle proteine G, attraverso i quali i GPCR controllano diversi
aspetti delle funzioni cellulari, sono i seguenti:
Adenilciclasi: l'enzima responsabile della formazione del cAMP;
Fosfolipasi C: l'enzima responsabile della formazione dell'inositolo fosfato e del
diacilglicerolo;
Canali ionici: in particolare i canali del calcio e del potassio.

Il cAMP un nucleotide sintetizzato all'interno della cellula a partire dall ATP e con
l'intervento di un enzima legato alla membrana, l'adenilciclasi.
Il cAMP viene prodotto continuamente e inattivato per idrolisi a 5'-AMP attraverso
l'azione di una famiglia di enzimi noti come fosfodiesterasi.
Molti farmaci, ormoni e neurotrasmettitori agiscono sui GPCR e producono i loro effetti
aumentando o diminuendo l'azione catalitica dell'adenilciclasi, determinando in tal
modo un incremento o una riduzione della concentrazione intracellulare di cAMP.
Gli effetti regolatori del cAMP che si realizzano sulle funzioni cellulari sono
molteplici.
Tutti gli effetti del cAMP sono provocati da un meccanismo unico e precisamente
dall'attivazione di proteine chinasi.
Le proteine chinasi determinano una regolazione funzionale di molte proteine cellulari
attraverso la fosforilazione dei loro residui serinici e treoninici, utilizzando ATP come
fonte di gruppi fosfato.
La fosforilazione pu attivare o inibire gli enzimi bersaglio o i canali ionici. Le proteine
chinasi sono costituite da quattro subunit: due regolatorie e due catalitiche.
Quando due molecole di cAMP si legano alle subunit regolatorie come se venisse
tolto una sorta di freno per cui le subunit catalitiche possono attivare degli enzimi
bersaglio come la lipasi intradipocitaria.
Il cAMP viene idrolizzato, all'interno delle cellule, dalla fosfodiesterasi, un enzima che
inibito da alcuni farmaci come le metilxantine: laminofillina, la teofillina, la caffeina
(Fig. 36).

Figura 36 Modello molecolare di formazione del cAMP

La somiglianza tra alcune delle azioni di questi farmaci e quelle delle catecolamine
riflette probabilmente la loro propriet comune di aumentare la concentrazione
intracellulare del cAMP.
La maggiore attivazione della proteinachinasi legata allincremento della
concentrazione intracellulare del cAMP si traduce in una ottimizzazione dell'attivazione
della lipasi intradipocitaria.
PROTOCOLLO TERAPEUTICO
Si utilizzano aghi monouso 27 gauche (27 G), della lunghezza di 6-13 mm, 1
multiniettore monouso lineare a 5 ugelli, 1 siringa da 20 ml, disinfettante cutaneo non
alcolico, cotone idrofilo.
Si prepara una soluzione a base di fosfolipidi ipotalamici, carnitina, aminofillina,
soluzione fisiologica (Fig. 37).

FOSFOLIPIDI IPOTALAMICI
(LIPOSOM FORTE FIALE 2ml / 28 mg)
2 FIALE (4 ml, 56 mg)

CARNITINA
(CARNITENE F. 1 gr im 5 ml)
(1 FIALA)

AMINOFILLINA
(AMINOMAL F. EV 240 MG)
2 ml (48 mg)

SOLUZIONE FISIOLOGICA
(SODIO CLORURO 0.9% FIALE 10 ml)
9 ml

Figura 37 Soluzione composta per emulsiolipolisi

FOSFOLIPIDI IPOTALAMICI
(LIPOSOM FORTE FIALE 2ml / 28 mg)
2 FIALE (4 ml, 56 mg)

CARNITINA
(CARNITENE F. 1 gr im ev 5 ml)
(1 FIALA)

AMINOFILLINA
(AMINOMAL F. EV 240 MG)
2 ml (48 mg)

SOLUZIONE FISIOLOGICA
(SODIO CLORURO 0.9% FIALE 10 ml)
7 ml

LIDOCAINA 2%
(Lidocaina 2% fiale 10 ml)
(1-2 ml)

Figura 38 Soluzione composta per emulsiolipolisi con anestetico locale

Il tessuto adiposo un tessuto asfittico, povero di acqua. Perch si verifichi una


emulsione dei trigliceridi intradipocitari e una micellizzazione dei trigliceridi
intradipocitari emulsionati necessario che il tessuto adiposo venga adeguatamente
idratato.
Per tale ragione, oltre ai fosfolipidi ipotalamici, alla carnitina, all'aminofillina bene
infiltrare, nellarea da trattare, soluzione fisiologica (NaCl allo 0,9%). Per fare
aumentare il grado di compliance del paziente necessario, il pi delle volte aggiungere
alla soluzione composta dell'anestetico locale: 1-2 ml di lidocaina 2% (Fig. 38).
I fosfolipidi ipotalamici presenti nel preparato commerciale Liposom forte fiale hanno
un aspetto lievemente lattescente, aspetto che viene fornito a tutta la soluzione che
assume, cos, oltre che un aspetto lievemente lattescente anche lievi sfumature
giallognole.
Dopo la preparazione si inietta la soluzione composta nellarea da trattare
preliminarmente sterilizzata mediante un disinfettante cutaneo analcolico.
Le infiltrazioni devono essere effettuate perpendicolarmente al piano cutaneo in modo
da disporre la soluzione nel tessuto sottocutaneo, cio nel tessuto adiposo
(intradipoterapia, intraipodermoterapia) (Fig. 39).

Figura 39 Iniezione intradiposa

Si iniettano 1,5-2 ml per volta distribuendo le infiltrazioni su tutta larea da trattare (Fig.
40).

Figura 40 Iniezioni intradipose in tutta larea cellulitica

Dopo avere effettuato un tale tipo di infiltrazioni bene disinfettare accuratamente


larea trattata. Subito dopo si procede a un massaggio dei tessuti infiltrati (Fig. 41).
Questa operazione serve per favorire lemulsione e la micellizzazione dei trigliceridi
intradipocitari (Figg. 43, 44).
Nella digestione dei grassi assunti con la dieta lemulsione dei grassi e la
micellizzazione dei globuli di grasso ottenuti con lemulsione operate dai sali biliari e
dalla lecitina si verificano per il contributo in sollecitazioni meccaniche operato
dallattivit peristaltica gastrointestinale.
Nel caso di una situazione di cellulite lemulsione e la micellizzazione dei trigliceridi
intradipocitari operate dai fosfolipidi ipotalamici si realizzano con il contributo di un
massaggio dei tessuti dellarea infiltrata.

Figura 41 Massaggio dellarea infiltrata con la soluzione composta per emulsiolipolisi allo scopo di
favorire lemulsione e la micellizzazione dei trigliceridi intradipocitari

Sempre allo scopo di favorire e mantenere il pi possibile lemulsione e la


micellizzazione dei trigliceridi intradipocitari bene, dopo una seduta di emulsiolipolisi
consigliare una passeggiata della durata di almeno 60 minuti.
Lo scopo di rendere pi fine la micellizzazione dei trigliceridi intradipocitari per
favorire un incremento ulteriore dellattivit della lipasi intradipocitaria.
Infine, necessario ricordare che l'effetto lipolitico della emulsiolipolisi pu essere
limitato da una terapia estroprogestinica (un trattamento anticoncezionale, una TOS), da
una terapia insulinica (DM di tipo 1), da una terapia cronica a base di corticosteroidi e
da tutti quei farmaci che stimolano la liposintesi e inibiscono la lipolisi.
Gli effetti della emulsiolipolisi sono stati documentati mediante studi ecografici e
mediante immagini (Fig. 42).

Figura 42 A sx situazione clinica di cellulite pre-trattamento di emulsiolipolisi, a dx


post-trattamento mediante 10 sedute di emulsiolipolisi

FREQUENZA DEI TRATTAMENTI


La frequenza dei trattamenti settimanale nel primo e secondo mese, quindicinale nel
terzo mese, mensile dal quarto mese in poi. Questo lo schema terapeutico classico che
si pu, comunque, modificare secondo le situazioni cliniche variabili. Infatti, i
trattamenti a frequenza settimanale si possono protrarre per periodi pi lunghi: 3-5 mesi.

Figura 43 Somministrazione intradiposa dei principi attivi

Figura 44 Emulsione dei trigliceridi del tessuto adiposo sottocutaneo dopo


il massaggio dei tessuti infiltrati

CONTROINDICAZIONI
Lemulsiolipolisi a base di fosfolipidi ipotalamici, carnitina, aminofillina, lidocaina 2%
controindicata nei soggetti con accertata ipersensibilit ai fosfolipidi ipotalamici, alla
carnitina, allaminofillina, alla lidocaina, agli eccipienti presenti nei vari preparati
commerciali.
EFFETTI COLLATERALI
Fenomeni di ipersensibilit ai fosfolipidi ipotalamici, alla carnitina, allaminofillina, alla
lidocaina, agli eccipienti presenti nei preparati commerciali.
Si pu verificare un eritema transitorio o del prurito subito dopo oppure 3 - 4 giorni
dopo la somministrazione dei farmaci.
La frequenza di tali eritemi e del prurito si riduce con la somministrazione delle
soluzioni a base di fosfolipidi ipotalamici, carnitina, aminofillina negli strati pi
profondi del tessuto adiposo. Molti Autori hanno notato che lincidenza degli eritemi e
del prurito aumenta se si utilizzano aghi della lunghezza di 4 mm, 30 gauche (30 G)
mentre diminuisce se si utilizzano aghi della lunghezza di 6 13 mm, 27 gauche (27
G).
Il prurito e leritema possono essere trattati mediante cortisonici topici: beclometasone
(Menaderm simplex crema), fluocortolone (Ultralan crema), mometasone (Elocon
crema), clobetasolo (Clobesol crema).