Sei sulla pagina 1di 5

VERDE URBANO

CONTROLLO E GESTIONE

86

87

FUNGHI E MICRORGANISMI UTILI NEL CONTROLLO/PREVENZIONE


DELLE MALATTIE FUNGINE PRESENTI NEL SUOLO E NELLA ZONA
DELLAPPARATO RADICALE

fungo /microrganismo
utile

funghi patogeni controllati

Gliocladium virens
(Clonostachys))

Rhizoctonia solani, Bo- Alberi, arbusti latifoglie


trytis cinerea, Pythium e conifere
d.
Tappeti erbosi

Tricoderma harzianum Pythium spp., Botrytis


e Tricoderma viride
cinerea, Rhizoctonia
solani, Fusarium o.,
Phytophtora, Armillaria,
Verticillium, Sclerotinia,
Rosellinia,

Streptomyces griseovi- Alternaria, Fusarium,


ridis
Phomopsis,
Pseudomonas fluorescens
Bacillus subtilis

Piante sensibili
Alberi, arbusti latifoglie
e conifere
Piante erbacee
Tappeti erbosi

mine foliari

Alberi, arbusti latifoglie


e conifere

ALBERATURE

LATIFOGLIE

Thielaviopsis basicola, Alberi, arbusti latifoglie


Pythium, Erwinia
e conifere
(colpo di fuoco batte- Tappeti erbosi
rico)
Pythium

Tappeti erbosi

Bibliografia :
Testi:
Natural enemies Handbook, Flint M.L.m, Dreistadt S.H., 1998. University
of California, UC Division of Agriculture and Natural Resources, University
of California Press
Integrated Pest Management for floriculture and Nurseries, 2001. University of California, UC Division of Agriculture and Natural Resources, Publication 3402
Knowing and recognizing, 2003. Malais, M.H., Ravensberg,W.J.Koppert
B.V., Reed Business Information

oidio quercia

Articoli
Arajo F.F., et al., 2005, Phytohormones and antibiotics produced by Bacillus subtilis and their effects on seed pathogenic fungi and on soybean
root development, World Journal of microbiology and Biotechnology,
Springer Nederlands, Vol 21, n.8-9, dec : pagg 1639-1645
Ann. Ev. Phytopathol. 2005. 43:141-169
Harman G.E., et al, 2004. Tricoderma species opportunistic, avirulent
plant symbionts. Nature reviews, vol. 2 Jan.:44-56
Ongena M:m et al., 2005 Bacillus subtilis M4 decreases plant susceptibility towards fungal pathogens by increasing host resistence associated
with differential gene expression. Applied microbiology and Biotechnology, Springer Berlin, Vol 67, n.5, june: pagg 692-698
Rispoli M., Nicoletti R., 1999.Antagonisti fungini di Rhizoctonia solani.II.
Gliocladium virens. Il Tabacco, 782):1-7

trappola

ACER
CAMPESTRE

88

Nome botanico: Acer Campestre


Famiglia: Aceraceae
Area di distribuzione: Europa, America settentrionale

Caratteristiche particolari dellalbero


Albero indigeno dellareale europeo, di taglia media e di buona adattabilit. Forma
una chioma ordinata di medie dimensioni con fogliame caduco e di colore verde
scuro, che diviene di un color giallo oro in autunno: Richiede una esposizione soleggiata, ma sopporta bene anche le zone particolarmente ombreggiate o sottochioma. Sviluppa una radice primaria importanter ed un buon accestimento di radici
secondarie di media profondit. Albero multifunzionale, sia per aree verdi urbane,
per uso pesaggistico e di ricostruzione ambientale di pianura e collina che per giardini ed aree verdi pensili. Sopporta le potature ed resistente alle patologie delle alberature. Specie cher si presta a bene a futuri sviluppi e selezioni per i cambiamenti
climatici e di inquinamento.

QUALITA DELL A PIANTA


CARAT TERISTICHE BOTANICHE
Radici
Fusto
Chioma e rami
Corteccia
Fioritura
Frutti
Foglie - primavera
Colorazione autunnale

mediamente profonde e numerose radici secondarie

Maturit vegetale

40 anni

Monocormico o multi fusto


Chioma semi aperta e rami regolari
Ornamentale liscia grigia
Aprile maggio , bianco crema, non ornamentale
Ornamentali , composti da doppia samara
Verde scuro
Giallo oro

CARAT TERISTICHE AGRONOMICHE ED AMBIENTALI


Suolo
Esposizione
Rusticit
Resistenza al vento
Resistenza al ristagno idrico
Sensibilit al sale
Resistenza allinquinamento urbano
Densit / ombreggiamento
della chioma

Argilloso - calcareo
Soleggiata
Elevata, si adatta a molteplici ambienti
Medio, legno elastico
Media
bassa
Media
60 70 % di ombreggiamento

CRITERI DI SCELTA
DIMENSIONE, MORFOLOGIA E TECNICA DIMPIANTO
Altezza max
Classe dimensionale
Forma e portamento
Velocit di crescita
Misura vivaistica minima di messa
a dimora

Circa 10 metri
2 grandezza
Ovale slanciato
Media-veloce
18 - 20 (circonferenza del tronco ad 1 m. dal colletto) Corrisponde ad albero con zolla, con almeno n 3 trapianti ed altezza di mt. 4,0 - 4,50

Distanza ottimale dimpianto in filare


mt. 8

UTILIZZO
Distanza minima dalle abitazioni
4 m.
Spazio di espansione radicale minimo 2 m. (raggio di mt. 2 dal colletto)
Spazio di espansione radicale normale 4 - 5 mt. (raggio dal colletto)

Sesto dimpianto in parco-giardino 40 mq./ pianta

MANUTENZIONE E CURA
Potature

Molto raramente, di contenimento

Sensibilit a patogeni

Resistente

Concimazione

Di lungo periodo

Controllo della stabilit

Non necessario, solo per impianto pensilo o fuori suolo

Parchi
Filari alberati
Giardini
Aree industriali
Schermi frangivento
Argini fluviali e zone umide
Schermi antirumore
Zone costiere marine
Siepi agrarie e uso paesaggistico

Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo

Parzialmente idoneo (in entroterra)


Idoneo

89
Acer campestre variet Elsrijk
FORMA
ALTEZZA MASSIMA
FOGLIE
COLORE AUTUNNALE
FIORI
UTILIZZO
DISTANZA DIMPIANTO IN FILARE
SESTO DIMPIANTO IN PARCO/GIARDINO
MISURA VIVAISTICA MINIMA DIMPIANTO

DESCRIZIONE SPECIFICA

Acer campestre variet Red shine


FORMA
ALTEZZA MASSIMA
FOGLIE
COLORE AUTUNNALE
FIORI
UTILIZZO
DISTANZA DIMPIANTO IN FILARE
SESTO DIMPIANTO IN PARCO/GIARDINO
MISURA VIVAISTICA MINIMA DIMPIANTO

DESCRIZIONE SPECIFICA

ovoidale slanciata
alt. Max 10 - 12 mt. 2 grandezza
verde scuro
giallo oro
APRILE, bianco crema, non scenografici
verde urbano, parchi, giardini, viali, aree industriali
8 mt.
40 mq. / pianta
16 - 18

ovoidale slanciata
alt. Max 8 - 10 mt. 2 grandezza
rosso amaranto
rosso intenso
APRILE - MAGGIO, non scenografici
verde urbano, parchi, giardini, viali, aree industriali
8 mt.
40 mq. / pianta
16 - 18

ACER
CAMPESTRE

ZELKOVA
SERRATA

200

201

Nome botanico: Zelkova Serrata


Famiglia: Ulmaceae
Area di distribuzione: Asia Orientale, Korea e Giappone

Caratteristiche particolari dellalbero


Albero di media taglia, molto robusto e dal portamento ordinato; h la caratteristica di possedere una corteccia decorativa, sfogliante di colore grigio e poi rosa aranciato. Chioma a
forma di ventaglio aperta, foglie dal colore verde intenso che virano al giallo aranciato in
autunno. Fioritura modesta seguita da piccoli frutti reniformi legnosi. Ottima adattabilit ai
vari tipi di suoli e di ambienti di crescita, compreso il clima urbano. Richiede una esposizione soleggiata, ma tollera le zone parzialmente ombreggiate. Sviluppa una radice di
media profondit nel suolo, con molte radici secondarie; predilige i suoli argillosi e sabbiosi,
ma cresce bene in tutti i tipi di suolo.Albero tipicamente ornamentale, idoneo per aree a
parco, viali urbani di medie e piccole dimensioni, giardini, verde pensile. Resistente ai patogeni e non necessita di tante potature, che devono essere orientate alla mantenimento
della forma nel rispetto dellarchitettura della chioma.

QUALITA DELL A PIANTA


CARAT TERISTICHE BOTANICHE
Radici
Fusto
Chioma e rami
Corteccia
Fioritura
Frutti
Foglie - primavera
Colorazione autunnale

mediamente profonde e numerose radici secondarie

Maturit vegetale

80 anni

Monocormico
Chioma semi aperta e densa, rami ravvicinati e regolari
Ornamentale liscia sfogliante grigio bruno
Aprile maggio , giallo verdi, non ornamentale

CONIFERE

Piccoli reniformi marroni, non ornamentali


Verde chiaro
Giallo, poi rosso aranciato

CARAT TERISTICHE AGRONOMICHE ED AMBIENTALI


Suolo
Esposizione
Rusticit
Resistenza al vento
Resistenza al ristagno idrico
Sensibilit al sale
Resistenza allinquinamento urbano
Densit / ombreggiamento
della chioma

Argilloso e sabbiani
Soleggiata
Media
Media
Media
Elevata
Elevata
70 - 80 % di ombreggiamento

CRITERI DI SCELTA
DIMENSIONE, MORFOLOGIA E TECNICA DIMPIANTO
Altezza max
Classe dimensionale
Forma e portamento
Velocit di crescita
Misura vivaistica minima di messa
a dimora

10 - 12 metri
2 - 3 grandezza
A ventaglio
Media
18 - 20 (circonferenza del tronco ad 1 m. dal colletto) Corrisponde ad albero con zolla, con almeno n 3 trapianti ed altezza di mt. 4,0 - 4,50

Distanza ottimale dimpianto in filare


mt. 8

UTILIZZO
Distanza minima dalle abitazioni
4 m.
Spazio di espansione radicale minimo 6 m. (raggio di mt. 2 dal colletto)
Spazio di espansione radicale normale 8 mt. (raggio dal colletto)

Sesto dimpianto in parco-giardino 50 mq./ pianta

MANUTENZIONE E CURA
Potature

Periodiche di formazione

Sensibilit a patogeni

Resistente

Concimazione

Di lungo periodo

Controllo della stabilit

Non necessario

Parchi
Filari alberati
Giardini
Aree industriali
Schermi frangivento
Argini fluviali e zone umide
Schermi antirumore
Zone costiere marine
Siepi agrarie e uso paesaggistico

Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo

ABIES
NORMANNIANA

202

CEDRUS
ATLANTICA

203

Nome botanico: Abies Normanniana


Famiglia: Pinaceae
Area di distribuzione: Caucaso Occidentale, Europa Orientale

Nome botanico: Cedrus Atlantica


Famiglia: Pinaceae
Area di distribuzione: Nord Africa, Algeria, Maroccco

Caratteristiche particolari dellalbero

Caratteristiche particolari dellalbero

Albero dal magnifico aspetto, di grandi dimensioni e longevo. Portamento slanciato a corona conica
compatta, quasi colonnare, ramificazione ravvicinata con rami semi orizzontali. Foglie verde scuro
con riflessi argentei, fiorisce ad aprile in modo discreto e non molto ornamentale. Corteccia grigia, liscia poi a placche esagonali. Radicazione solida, mediamente profonda e diffusa nel suolo. Molto
rustica e si adatta alle variazioni climatiche, anche nel clima urbano e nei parchi. Ogni altro impianto
in prossimit dell area radicale non ha mai grande successo. Predilige i suoli argillosi e sabbiosi, drenati , ma cresce bene in tutti i tipi di suolo. Specie adatta alle aree verdi paesaggistiche di medie e
grandi dimensioni in forma isolata o piccoli gruppi, parchi, giardini ed anche per la formazioni di alberature in filare sia in parco che in viali stradali, ma applicando una giusta distanza dalle carreggiate.
Una delle poche conifere che si presta ad un uso diffuso e multifunzionale, ornamentale e paesaggistico. Resistente alle patologie, non richiede potature. Non deve mai essere cimato o capitozzato

Albero dalle grandi dimensioni, dal portamento elegante con colorazioni molto ornamentali. Portamento libero con chioma conica aperta . Foglie verde scuro lucente, fioritura non significativa, frutti a
cono di colore verde decorativi. Di buona rusticit ed adattabilit sia ai vari tipi di suoli e di ambienti di
crescita, compreso il clima urbano. Richiede una esposizione soleggiata. Albero robusto che sviluppa
una radice sia in superficie che a media profondit con poche radici secondarie. Ogni altro impianto
in prossimit dell area radicale non ha mai grande successo. Predilige i suoli argillosi e sabbiosi, ma
cresce bene in tutti i tipi di suolo. Albero dalle ottime prestazioni botaniche e funzionali per i vari tipi
di impiego paesaggistico. Albero adatto per aree a parco in forma isolata o piccoli gruppi;
adatto alla formazione di filari in parchi ed aree di medio grandi dimensioni. Non idoneo al verde
pensile. Resistente ai patogeni e non richiede potature. Molto diffusa la variet Glauca con fogliame argenteo grigio, con ottime qualit botaniche e buone prestazioni come laltra.

QUALITA DELL A PIANTA

QUALITA DELLA PIANTA

CARAT TERISTICHE BOTANICHE

CARAT TERISTICHE BOTANICHE

Radici
Fusto
Chioma e rami
Corteccia
Fioritura
Frutti
Foglie - primavera
Colorazione autunnale

Mediamente profonde e diffuse


Monocormico

Maturit vegetale

100 anni

Chioma fitta, rami regolari e ravvicinati


Ornamentale, liscia grigia, poi a placche
Aprile , giallo, non ornamentale
Coni di 10 - 12 cm. ornamentali
Verde scuro con riflessi argentei lucente

Radici
Fusto
Chioma e rami
Corteccia
Fioritura
Frutti
Foglie - primavera
Colorazione autunnale

Mediamente profonde con poche radici secondarie

Maturit vegetale

100 anni

CARAT TERISTICHE AGRONOMICHE ED AMBIENTALI


Suolo
Esposizione
Rusticit
Resistenza al vento
Resistenza al ristagno idrico
Sensibilit al sale
Resistenza allinquinamento urbano
Densit / ombreggiamento
della chioma

Monocormico
Chioma mediamente fitta, rami regolari e distanziati
Ornamentale liscia grigia
luglio - agosto giallo, non ornamentale
Coni verdi ornamentali
Verde smeraldo lucente

CARAT TERISTICHE AGRONOMICHE ED AMBIENTALI

Tutti i tipi di suolo

Suolo
Esposizione
Rusticit
Resistenza al vento
Resistenza al ristagno idrico
Sensibilit al sale
Resistenza allinquinamento urbano
Densit / ombreggiamento
della chioma

Soleggiata
Ottima per molti ambienti
Elevata
Media
Elevata
Elevata
80 - 90 % di ombreggiamento

Tutti i tipi di suolo


Soleggiata
Ottima per molti ambienti
Elevata
Media
Elevata
Elevata
80 % di ombreggiamento

CRITERI DI SCELTA

CRITERI DI SCELTA

DIMENSIONE, MORFOLOGIA E TECNICA DIMPIANTO


Altezza max
Classe dimensionale
Forma e portamento
Velocit di crescita
Misura vivaistica minima di messa
a dimora

DIMENSIONE, MORFOLOGIA E TECNICA DIMPIANTO

30 metri e oltre

Altezza max
Classe dimensionale
Forma e portamento
Velocit di crescita
Misura vivaistica minima di messa
a dimora

1 grandezza
Conica piramidale colonnare
Lenta
20 - 25 (circonferenza del tronco ad 1 m. dal colletto) Corrisponde ad albero con zolla, con almeno n 4 trapianti ed altezza di mt. 6 - 7

Distanza ottimale dimpianto in filare

20 - 30 metri
1 grandezza
Conica piramidale espansa
Lenta
20 - 25 (circonferenza del tronco ad 1 m. dal colletto) Corrisponde ad albero con zolla, con almeno n 4 trapianti ed altezza di mt. 6 - 7

Distanza ottimale dimpianto in filare


mt. 10

mt. 10

UTILIZ ZO
Distanza minima dalle abitazioni
4 m.
Spazio di espansione radicale minimo 6 m. (raggio di mt. 6 dal colletto)
Spazio di espansione radicale normale 8 mt. (raggio dal colletto)

Sesto dimpianto in parco-giardino 60 mq./ pianta

MANUTENZIONE E CURA
Potature

Non richiede interventi

Sensibilit a patogeni

Resistente

Concimazione

Di lungo periodo

Controllo della stabilit

Necessario oltre i 15 metri di altezza ed a maturit

Parchi
Filari alberati
Giardini
Aree industriali
Schermi frangivento
Argini fluviali e zone umide
Schermi antirumore
Zone costiere marine
Siepi agrarie e uso paesaggistico

Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Non idoneo

UTILIZ ZO
Parchi
Filari alberati
Giardini
Aree industriali
Schermi frangivento
Argini fluviali e zone umide
Schermi antirumore
Zone costiere marine
Siepi agrarie e uso paesaggistico

Idoneo

Distanza minima dalle abitazioni


4 m.
Spazio di espansione radicale minimo 6 m. (raggio di mt. 6 dal colletto)

Parzialmente idoneo

Spazio di espansione radicale normale 8 mt. (raggio dal colletto)

Idoneo

Sesto dimpianto in parco-giardino 60 mq./ pianta

Idoneo

MANUTENZIONE E CURA

Idoneo
Parzialmente idoneo

Potature

Non richiede interventi, mai capitozzare

Idoneo

Sensibilit a patogeni

Resistente

Idoneo

Concimazione

Di lungo periodo

Non Idoneo

Controllo della stabilit

Necessario oltre i 15 metri di altezza ed a maturit

THUJA
PLICATA

216

217

Nome botanico: Thuja Plicata


Famiglia: Cuopressaceae
Area di distribuzione: America del Nord

Caratteristiche particolari dellalbero


Albero di medie e grandi dimensioni, dal legno aromatico e dalla forma gradevole. Portamento
slanciato con chioma conica compatta, quasi colonnare, con ramificazione ravvicinata. Foglie
squamiformi, verde lucente con riflessi dorati, fiorisce in primavera in modo discreto e non molto
ornamentale. Corteccia bruno rossastra che si sfoglia a strisce. Radicazione solida, mediamente profonda e diffusa nel suolo. Molto rustica e si adatta alle variazioni climatiche, anche
nel clima urbano e nei parchi. Predilige i suoli argillosi e sabbiosi, drenati , ma cresce bene in
tutti i tipi di suolo. Albero utilizzato nelle aree verdi in forma isolata o piccoli gruppi, per parchi, giardini ed anche per la formazioni di alberature in filare, sia in parco che in viali stradali, ma
applicando una giusta distanza dalle carreggiate. Appartiene al gruppo di conifere che si presta ad un uso diffuso e multifunzionale, ornamentale e paesaggistico. Resistente alle patologie,
non richiede potature. Non deve mai essere cimato o capitozzato.

QUALITA DELL A PIANTA


CARAT TERISTICHE BOTANICHE
Radici
Fusto
Chioma e rami
Corteccia
Fioritura
Frutti
Foglie - primavera
Colorazione autunnale

Media profondit e con diffuse radici secondarie

Maturit vegetale

60 anni

Monocormico
Chioma mediamente fitta, rami regolari e ravvicinati
Ornamentale bruno rossastra, sfogliante, ornamentale
Aprile, prima rosso e poi giallo, non molto ornamentale

PALME

Strobili non ornamentali


Verde intenso con riflessi dorati

CARAT TERISTICHE AGRONOMICHE ED AMBIENTALI


Suolo
Esposizione
Rusticit
Resistenza al vento
Resistenza al ristagno idrico
Sensibilit al sale
Resistenza allinquinamento urbano
Densit / ombreggiamento
della chioma

Tutti i tipi di suolo


Soleggiata
Ottima per molti ambienti
Elevata
Media
Media
Elevata
70 - 80 % di ombreggiamento

CRITERI DI SCELTA
DIMENSIONE, MORFOLOGIA E TECNICA DIMPIANTO
Altezza max
Classe dimensionale
Forma e portamento
Velocit di crescita
Misura vivaistica minima di messa
a dimora

15 - 20 metri
1 grandezza
Conica piramidale, successivamente pi espansa
Lenta
20 - 25 (circonferenza del tronco ad 1 m. dal colletto) Corrisponde ad albero con zolla, con almeno n 3 trapianti ed altezza di mt. 6 - 7

Distanza ottimale dimpianto in filare


mt. 8

UTILIZ ZO
Distanza minima dalle abitazioni
4 m.
Spazio di espansione radicale minimo 6 m. (raggio di mt. 6 dal colletto)
Spazio di espansione radicale normale 8 mt. (raggio dal colletto)

Sesto dimpianto in parco-giardino 60 mq./ pianta

MANUTENZIONE E CURA
Potature

Non richiede interventi

Sensibilit a patogeni

Resistente

Concimazione

Di lungo periodo

Controllo della stabilit

Necessario oltre i 15 metri di altezza ed a maturit

Parchi
Filari alberati
Giardini
Aree industriali
Schermi frangivento
Argini fluviali e zone umide
Schermi antirumore
Zone costiere marine
Siepi agrarie e uso paesaggistico

Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Idoneo
Non Idoneo