Sei sulla pagina 1di 3

BIOCHIMICA E SIMBOLISMO IN GEMMOTERAPIA

Dott. Gianfranco Trapani


Gruppo di Studio e Ricerca in Medicina integrate MInt;
Docente di Fitoterapia press il WHO Collaborating Centre for Traditional Medicine, Universit di
Milano
Direttore Didattico della SMB Italia
La Gemmoterapia un sistema di cura ideato nel 1959 dal dott. Pol Henry di Bruxelles. Dal 1970
in poi M. Tetau e C. Bergeret svilupparono laspetto clinico della Gemmoterapia modificando le
prime intuizioni di p. henry. La Fitoembrioterapia un metodo terapeutico che utilizza i macerati
glicerinati delle gemme o di altri tessuti vegetali freschi allo stato embrionale, cio appena iniziano
a svilupparsi (giovani getti, gemme,). I loro principi attivi vengono estratti per mezzo della
macerazione a freddo, utilizzando come solvente lacqua, lalcool e la glicerina.
Entrambe le tecniche si basano sulluso di estratti di tessuti embrionali di piante ed alberi, ovvero
gemme, giovani getti e giovani radici. Ogni singola cellula indifferenziata contiene acidi nucleici,
con informazioni genetiche, minerali , oligoelementi, vitamine enzimi e fattori di crescita. Ogni
pianta rappresenta un ecosistema in equilibrio biologico caratteristico che si pu rappresentare nel
profilo biologico del paziente e delle sue malattie. Le cellule indifferenziate delle gemme vivono
nel punto di incrocio dove la pianta unisce le forze e le energie della terra (Radici) e quelle del
cosmo (rami e foglie)
Il tessuto vegetale embrionale rilancia i meccanismi fisiologici propri della salute
delluomo
e migliora la disfunzioni dellorganismo, contro il meccanismo lesivo
dellinfiammazione. Il gemmoterapico viene considerato come un concentrato di energia
vitale in grado di attivare i processi biologici dellorganismo. In pratica questi vegetali
contengono numerose sostanze chiamate biostimuline tissutali che possono in piccola
concentrazione stimolare il Sistema Reticolo Endoteliale (SRE) dellorganismo.
Questo presente nella milza, nel fegato, nel midollo osseo, nei linfonodi, nei polmoni
e riveste un ruolo importante, con i globuli bianchi, per difendere lorganismo dalle infezioni.
Inoltre il SRE ha unazione fortemente depurativa e disintossicante quindi la gemmoterapia
migliorando questa attivit ottimizza le funzioni dei vari organi.
La gemmoterapia e la fitoembrioterapia raggiungono gli scopi terapeutici attraverso tre tecniche di
applicazione
Il modello terapeutico Biologico Analogico, il Modello clinico, ed il modello di Drenaggio.
Nel modello Biologico Analogico si osserva il parallelismo attraverso levoluzione degli alberi e
degli arbusti nella foresta. Questo metodo consente di analizzare e confrontare i parametri biologici
che si osservano nell'evoluzione di una malattia con l'elettroforesi delle proteine sieriche umane.
Ad esempio durante la fase di infiammazione caratterizzata da iper Alfa globuline, seguita poi da
Iper ed, Iper , ovvero le fasi 1 e 2 dellinfiammazione, troviamo che i gemoterapici adatti sono
quelli che appartengono agli alberi ed arbusti detti i pionieri della foresta gli alberi sono Alnus
Glutinosa, Betulla Pubescens, Populus Nigra, Fraxinus Excelsior, mentre gli arbusti sono Cornus
Sanguinea, Ribes Nigrum, Rosa Canina
Il modello Clinico essenzialmente un modello allopatico con una diagnosi classica ed una terapia
standardizzata.
Come abbiamo gi scritto, i principi attivi contenuti nei meristemi primari e secondari, sono enzimi,
fattori di crescita, auxine, gibberelline, ormoni vegetali, vitamine, proteine, acidi nucleici (DNA,
RNA) , tutte sostanze che rinforzano leffetto terapeutico. Ogni gemma ha un particolare tropismo
d'organo ed prescritta in base a criteri clinici Ribes Nigrun: anti-infiammatorio come il cortisone;
Tilia tomentosa per linsonnia; Crataegus oxycanta pr le anomalie della frequenza cardiaca da
stress.
Infine la Gemmoterapia e la Fitoembrioterapia vengono utilizzate con il metodo del drenaggio
perch le gemme possiedono attivit stimolanti per tutti gli organi emuntori, con azione centrifuga

hanno sul corpo ed eliminazione delle scorie metaboliche di fegato, reni, intestino, polmoni, pelle, i
fluidi corporei (sangue e linfa). Ad esempio per una crisi di asma Crataegus Oxycanta migliora, la
forza di contrazione del cuore, Coryllus Avellana Riduce broncospasmo e Lantana Viburnum
Migliora la performance del polmone.
Questi tre metodi di trattamento, modello biologico analogico, modello clinico, Modello di
drenaggio sono complementari e non sono in conflitto tra loro.
La Gemmoterapia si pu definire come appartenente al mondo dellomeopatia, mentre la
Fitoembrioterapia, secondo il metodo originale di P. Henry pi vicina alla Fitoterapia
La Gemmoterapia si basa sui "macerati glicerinati 1DH fatti senza acqua, solo con l'alcol e
glicerina ed diluito 10 volte pi la successione classica.
Con il metodo del Dr Pol Henry il macerato concentrato si prepara con le gemme fresche intere
macerano, e la macerazione dura 20 giorni al 1/20simo in : 33 % d'acqua, 33 % di glicerina,
vegetale (base vegetale Colza bio), 33 % d'alcool a 96 (bio estratto dal grano).
Costantemente agitati lentamente, viene poi la filtrazione mediante gravit. Con il recupero di 12
a13 kg di materia filtrata e lestrazione mediante pressione dolce, per non rompere i tessuti delle
gemme. Alla fine si ha il recupero di 2 a 5 kg di estratto, si miscelano gli estratti delle tappe 3 e 4 e
si conseguono 14-18 litri di macerato concentrato.
Il Dott. Henry voleva che l'acqua fosse essenziale nell'estrazione dell'energia e dei componenti attivi
della pianta. Il fitoembrioestratto pi ricco, pi energetico perch le gemme macerano nell'acqua.
Si usano meno gocce (5 - 15 gocce al giorno contro 50 - 150 gocce al giorno per il macerato
glicerinato 1DH). La gradazione alcolica dei fitoembrioestratti (30%) bassa. Con solo 5 a 15
gocce al giorno, si assume meno alcool
La farmacopea consente lutilizzo di 55 gemmoderivati.
La gemmoterapia, e la fitoembrioterapia contengono minime quantit di alcol, possono essere
utilizzate nei primi tre anni di vita del bambini. Meglio dopo il primo anno, su consiglio del medico
alla dose massima di 10 20 gocce al giorno ed opportunamente diluite in una soluzione di un
cucchiaio di acqua e miele di acacia.
BIBLIOGRAFIA
Andrianne P. : 2002 "La gemmothrapie: mdecine des bourgeons", ditions Amyris
Andrianne P. : 2008 "Guide de Gmmothrapie", ditions Amyris.
Andrianne P. : "Bio Info", ditions Changer d'R. N83, p 29
Brigo B.: 2000 Gemmoterapia dalla A alla Z. Gemme e germogli per la salute Tecniche Nuove edizioni
Milano
Depoers P. Ledoux F. Meurin P. : 2009 "La phytothrapie entre science et tradition", ditions Amyris
Campanini E. : 1996 Manuale Pratico di gemmoterapia Tecniche Nuove edizioni Milano
Greaves M : 2002 "Gemmotherapy and Oligotherapy Regenerators of Dyinig Intoxicated Cells", Xlibris; USA
Goetz P. : 2006 "Quelques lments pratiques de gemmothrapie. Phytothrapie", 2: 83-86
Henry Pol : 1970 "Phytembryothrapie",dition Pol Henry
Henry P. : 1982 "Gemmothrapie: Thrapeutique par les extraits embryonnaires vgtaux", Belgique; St
Norbert Westerlo.
Henry P (1959) : "Conception et pratique de la gemmothrapie". Bulletin d'organothrapie et de grontologie n
7
Henry P (1964) : "Introduction la Gemmothrapie". Cahier de biothrapie 1: 13-16
Henry P (1966) : "Place de la Gemmothrapie dans la mdecine moderne". Cahiers de biothrapie 12: 87-95
Henry P (1966) : "Gemmothrapie et clinique". Cahiers de biothrapie 25: 13-16
Henry P (1967) : "La pratique de la gemmothrapie". Cahiers de Biothrapie 16: 251-255
Henry P (1982) : "Gemmothrapie thrapeutique par les extraits embryonnaires vgtaux". Imprimerie St
Norbert, Westerlo, dpt lgal ND/1982/2322/01. Pol Henry
Henry P (1989) : "Gemmoterapia". Ricchiuto Editore, Verona
Leunis J.C. : 1990 "De l'utilisation mdicale des simples. tude phytosociologique", dition Pitteur
Olivier J.F. et Roux A. : "La phytembryothrapie ou gemmothrapie", dition livre et sant
Leunis JC, Dewit S : 1995 "Trait de phytothrapie cyclique", dition Jollois
Piter F. : "Compendio di Gemmoterapia Clinica sesta edizione"

Mearelli F., Sgrignani M.: 1997 Terapia moderna con tinture madri e gemmo derivati ed
oligoelementiedizioni Planta Medica
Rozencwajg J. : 2008 "Dynamic Gemmotherapy: Integrative Embryonnie Phytothrapie".
Schneider Anny : 2002 "Arbres et arbustes thrapeutique", dition de l'homme, Canada
Ttau M, Scimeca D : 2005 "Rajeunir nos tissus avec les bourgeons", dition Trdaniel, Paris
Ttau M. : "Nouvelles cliniques de gmmothrapie", ditions Similia