Sei sulla pagina 1di 5

PAPPAGALLI

Prima rappresentazione occidentale


del Pionus tumultuosus, contenuta
nel III volume dell'Ornithological
Miscellany, 1878, a corredo
dell'articolo di P. L. Sclater, On The
American Parrots of The Genus Pionus t

IL PIOUNS
tumultuosus
Tschudi, 1844

testo avv. Francesco


Saverio Dalba PhD
foto F. S. Dalba

1. Prolegomeni
Il Pionus tumultuosus nel numero dei pappagalli uno tra quelli che portano un nome tanto allitterante da ricordare lepica latina arcaica di Ennio: at tuba terribili tonitu taratantara dixit.
aprile 2013

25

PAPPAGALLI
E non raro che sia il nome a volgere molti allevatori a prediligere una specie, talora poco appariscente (ma non il caso di
specie), rispetto ad altre distinte da un binomio meno evocativo. Al di fuori dellOrdine dei pappagalli, sia consentito citare la
potenza icastica del Paradoxornis atrosuperciliaris o la linearit dorica della Reinwadtoena reinwardtii, Columbiforme della
Nuova Guinea che reca, nella denominazione, testimonio delle esplorazioni tedesche
delle isole del Pacifico.
Siano il nome, la livrea marezzata ovvero la
sua evanescente presenza negli aviari europei ad allettare innumerevoli allevatori
(omne ignotum pro magnifico), nondimeno
le notizie che attengono il Pionus tumultuosus sono ben poche, ed dato vederlo
vivo al di fuori del suo areale - circoscritto
alle foreste dalta quota di Per, Ecuador,
Colombia e Venezuela - in tanto pochi luoghi, che possono enumerarsi per esteso, ed
anzi per nome e cognome: per primi li riprodussero John e Pat Stoodley (1) e ci nel
1977 presso il loro Broadhalfpenny Down
Conservation Sanctuary; John Stoodley fu
poi guida a Sweeney che riusc a fare riprodurre la coppia presente al Loro Parque (v.
infra), infine li hanno allevati il dottor Deon Smith di Prieska (Repubblica sudafricana) e lolandese Anton Spenkelink (2), qualTavola effigiante un esemplare di Reinwardtoena
reinwardtii, eseguita la Winckelmann
da P. de Courcelles a corredo dell'opera
t del Temminck, Les Pigeons, Parigi 1838-1845

che altro esemplare si trova captivo negli


Stati Uniti.

2. Nomenclatura
Il nome gli venne attribuito da Johann Jakob von Tschudi, nellArchiv fr Naturgeschichte. In Verbindung mit mehreren Gelehrten
herausgegeben von Ar. Aug. Wiegmann che
versato in italiano suona: Archivio di storia
naturale edito da Arend [Friedrich] August
Wiegmann in collaborazione con molti studiosi- e segnatamente nel primo fascicolo della
decima annata della pubblicazione, edito nel
1844, quale Psittacus tumultuosus (3). La descrizione del tumultuosus segue immediatamente la altrettanto prima descrizione
scientifica dellAmazona mercenaria.
J. J. von Tschudi fu un ornitologo svizzero
che per una inconsueta circostanza ebbe a
soggiornare per cinque anni in Per: imbarcatosi sullEdmond nel 1838 prese terra nella citt peruviana di Callas, allepoca occupata dalle truppe cilene; per via della guerra la nave rest in porto, cosicch Tschudi
decise di visitare Lima. Le alterne vicende
del conflitto fecero s che mentre lornitologo si trovava nella capitale, la nave venisse
lasciata ripartire ed il capitano non si attard ad attenderlo. Di talch Tschudi, per sopravvivere, dovette esercitare larte medica,
quando nellanno 1839 entr in contatto
con il marinaio Edward Klee ed insieme organizzarono una spedizione sulla cordigliera interna(4), ove soggiornarono lungamente.
Frutto della spedizione (tra laltro) il lunghissimo Avium conspectus quae in Republica Peruana reperiuntur et pleraeque observatae vel collectae sunt in itinere (Elenco degli
uccelli che si trovano nella Repubblica peruviana e che sono stati osservati e raccolti
durante il viaggio) pubblicato appunto nell
Archiv fr Naturgeschichte ove per lautore,
alla pagina 304, non si dilunga oltre a riferire della morfologia dellanimale:
t J. J. Tschudi, estratto dall'Avium conspectus [cit.], p. 304

26

s Le rappresentazioni di J. Smit (in Sclater) e G. Mtzel


(in Reichenow) al paragone

s Johann Jakob Tschudi (1818 -1889)


Letimologia presto detta: Psittacus sta per
pappagallo, Pionus deriva invece dallaggettivo greco grasso e tumultuosus evidentemente tumultuante. Lattribuzione del
nome si deve sicuramente allosservazione
dellanimale in libert: Tschudi annotava le
caratteristiche degli uccelli sul campo, chiedeva informazioni agli indigeni ed proprio
per questo che lAmazona mercenaria porta
tale nome: tali uccelli infatti partono al mattino presto per raggiungere i boschi di alta
quota e a sera ritornano puntuali ai propri
soggiorni, cosicch i montanari delle Ande li
chiamano jornaleros, ossia braccianti,
donde il latino mercenaria.
Per rinvenire qualche informazione sul comportamento del Pionus, occorre rivolgersi alla
piacevole lettura dei Peru. Reiseskizzen aus
den Jahren 1838 1842 (Per. Appunti di
viaggio degli anni 1838 1842), vol. I, p.
344, laddove Tschudi descrive le coste del Per a sud di Lima; vi si legge: Tre specie di pappagalli arrivano numerose nelle vallate costiere e cagionano ingenti danni ai campi di mais.
Il pi grosso (Conurus tumultuosus Tsch.)
completamente verde, con la fronte rossa ed
alcune piumette rosse sparse sul corpo.

aprile 2013

PAPPAGALLI

Lattribuzione del nome della specie dunque dovuta sicuramente allosservazione dellanimale in libert, con tutta verosimiglianza a cagione delle emissioni
vocali, notevolmente pi aspre di quelle
dei pappagalli congeneri, questi ultimi
invece particolarmente silenziosi. possibile effettuare una comparazione sul sito: http://www.xeno-canto.org/
Nel volume dellornitologo svizzero non
si trova alcuna illustrazione dellanimale
e per vederlo la prima volta in Europa,
occorrer attendere lo Sclater, il quale,
nel 1877, correder il suo articolo On the
American Parrots of the Genus Pionus,
pubblicato in Rowl. Orn. Misc. III, pt. IX,
pp. 5-10 con due tavole; di queste quella recante il numero LXXXI rappresenta il
Pionus tumultuosus e va detto che tanto
poche sono state le raffigurazioni scientifiche dellanimale, che anche oggi ci si
imbatte di frequente nella illustrazione
del litografo Smit, incaricato da Sclater.
Successivamente si ritrova rappresentato
nellopera del Reichenow dallillustratore G.
Mtzel, nellopera Vogelbilder aus fernen Zo-

nen; Abbildungen und Beschreibungen der


Papageien. Aquarelle von G. Mtzel del 1878
- 1883 (Immagini di uccelli di luoghi lontani; illustrazioni e descrizioni dei pappagalli. Acquarelli di Gustav Mtzel. I Pionus vengono raffigurati molto pi grassi di quanto
in realt siano (ci spesso si deve al fatto
che i modelli degli illustratori sono impagliati) tuttavia la rappresentazione di uccelli pi rotondi di quanto siano in realt pare
un tratto del Mtzel (vezzo pittorico che si
ritrova parimenti nelleccellente trattato di
avicoltura Encyclopedia of aviculture di Rutger e Norris, quantomeno per le tavole a colori dei pappagalli). Il tumultuosus (qui rappresentato anche con la sottospecie seniloides) comunque copiato dallo Sclater (specularmente; si osservi la identica postura, la
colorazione innaturale in entrambi i casidella zona subgulare e le bordature gialle
sul sottocoda). Lillustratore sar tuttavia
noto ai pi in quanto ha curato lapparato
iconografico della seconda edizione del Tierleben di Brehm. Lopera del Reichenow fu
inizialmente architettata quale quadro
completo ed esaustivo degli uccelli esotici
allevati in Europa, ma termin per divenire
una completa raccolta in trentatr tavole
dellordine dei pappagalli.
Sotto un punto di vista tassonomico, il Pionus tumultuosus uno degli uccelli che ha
ricevuto il minore numero di sinonimi: oltre

Quadro d'insieme dei Pionus (ad eccezione


del Senilis, effigiato in altra tavola) nei Vogelbilder
t di Reichenow

Un'ulteriore illustrazione del Mtzel all'opera


di Reichenow, donde emergono chiaramente le forme
t alterate in larghezza dei loriculi e dello Pisttinus

s J. J. Tschudi, estratto da Peru. Reiseskizzen [cit.], vol. I, p. 344

aprile 2013

a Psittacus tumultuosus stato denominato


Pionias tumultuosus e Crysotis tumultuosus.
P. L. Sclater ed O. Salvin nel Nomenclator
Avium Neotropicalium, sive avium qu in regione neotropica hucusque repert sunt nomina systematice disposita adjecta sua cuique speciei patria accedunt Generum ed Specierum novarum diagnoses, Londra, 1873
differenziano ancora tra tumultuosus e seniloides, quali sottospecie distinte (a pagina
114 elencano nove differenti specie di Pionus; lasterisco avanti al tumultuosus significa che nessun esemplare era presente presso lornitoteca dello Sclater medesimo, n
presso la collezione Salvin Godman oggi
nel British Museum, nondimeno gli autori ne
avevano presa conoscenza aliunde).

s P. L. Sclater, O. Salvin, estratto dal Nomenclator


Avium Neotropicalium [cit.], p. 114

Il Salvadori, alla pagina 330 del XX volume del Catalogue of the Birds of the
British Museum, 1891, gli dedica uno
spazio ridotto rispetto agli altri pappagalli congeneri, descrivendone
laspetto esteriore e registrando la
provenienza dei tre esemplari conservati presso il Museo londinese da Tilotilo Bolivia.
Il Bonaparte lo colloca nel Genus Chrysotis, dunque tra le amazzoni (Crysotis
sinonimo di Amazona, che lo precedette, in quanto utilizzato dal Lesson nel
1831) e ne verte al femminile lattributo di specie, cos Chrysotis tumultuosa;
il nome della specie significa: Dalle
orecchie dorate e viene cos spiegato
dallo Swainson: In ragione del colore
giallo sulle orecchie o sulla faccia di
quasi tutte le specie in una nota a pagina 300 del piacevole saggio On the Natural History and Classification of Birds,
Volume 2, in The Cabinet Cyclopdia di
D. Lardner, 1837; ove chrysos sta per oro
ed otis per orecchio.

27

PAPPAGALLI

s W. Swainson, estratto da On the Natural Hostory and


Classification of Birds [cit.], p. 300

3. Lallevamento in cattivit
Nellormai lontano 1991 la statunitense Pionus Breeders Association affidava alla rivista
1991 PsittaScene, vol. 3, n. 1 linvito a volere
mettere a disposizione esemplari (soprattutto femmine) di Pionus tumultuosus per un
programma di riproduzione; nella stessa sede
viene anche menzionato il successo riproduttivo da parte di un non meglio specificato Paris risalente ad un paio di anni prima.
Rosemary Low riporta di avere visto un
esemplare isolato in una gabbia dello zoo di
santa Cruz, in Colombia (R. Low: Focus on
endangered macaws in Bolivia, in PsittaScene, 2004, vol. 16, n. 1).
Lo zoo di La Merced (altrimenti detta Chanchamayo), in Per, 700 s.l.m., ha posseduto
una coppia di esemplari, da tale allevamento proviene una fotografia abbastanza sfocata tra le poche che effigiano Pionus tumultuosus in cattivit. Tutte le immagini
che si reperiscono per via telematica di tumultuosus posti su una grossa gomena o su
di uno spesso ramo di legno provengono dal
t sul Genus Pionus, 1984

Copertina della monografia degli Stoodley

28

Loro Parque, spesso si tratta di una coppia,


la femmina di provenienza sudafricana.
Per lappunto presso il parco insulare spagnolo si avuta nel 1997, sotto la supervisione dello Sweeney, con il patrocino dello
Studley, una riproduzione, donde sopravvissuto un esemplare. I dettagli sono narrati dal R.G. Sweeney, First Steps Forward in
the Breeding of the Plum-Crowned Pionus(5)
Pionus tumultuosus at Loro Parque (I primi
passi avanti nella riproduzione del Pionus
tumultuosus presso il Loro Parque), edito
nellAvicultural Magazine, vol. 104, n. 3,
1998. Si tratta di uno dei soli due articoli
dedicati al tumultuosus dalla prestigiosa rivista inglese, laltro, di due pagine, lannuncio della riproduzione da parte degli
Stoodley e data al 1978. Il resoconto si trova anche in lingua tedesca, in Papageien,
1998, unannata della rivista veramente meritevolissima: vi si legge infatti della prima
riproduzione in cattivit di Touit batavicus
e di Pyrilia pyrilia in Venezuela, del mantenimento in cattivit di Touit purpurata in
Brasile, della spedizione del Pittman nei
musei di oltremare per rinvenire esemplari
impagliati di Anodorhynchus glaucus et sim.
Il problema maggiore che incontrano gli allevatori consiste nella proclivit dei pulli a soccombere allaspergillosi; inoltre i genitori non
sempre portano a compimento la cova. Questultimo problema fu superato dallo Sweeney
ponendo le uova di tumultuosus sotto una
coppia di Pionus maximiliani; tutte e due le
uova si schiusero. Piace incidentalmente notare che il gi citato pavese rag. F. Gatti mi
ha personalmente data dimostrazione che il
Cyanoramphus novaezelandiae unottima
balia: egli ha allevato e portato allo svezzamento un gran numero di specie di pappagalli per mezzo di tale sistema, non ultime varie specie di Poicephalus e fino ad un certo
grado di sviluppo Psittacus erithacus.
Anche lesperienza degli Stoodley con i tumultuosus (che si ritrova principalmente riferita da Sweeney, nel suo volume Pionus
Parrots: A Complete Guide e non in Pionus
Parrots di Stoodley) consisteva in una certa difficolt nel fare portare a compimento
le cove dai genitori naturali, nel frequente
riscontro di patologie fungine allapparato
respiratorio, mentre lallevamento artificiale dava buoni esiti. Anche il dottor Deon

s Il Pionus fuscus era noto e venne rappresentato in


epoca precedente al tumultuosus: qui una tavola
di J. M. Seligmann che lo rappresenta, tratta
da Sammlung verschiedener auslandischer
und seltener Vgel, Norimberga 1749-1776

Smith ha dovuto adeguare la sua struttura


alle esigenze del pappagallo di alta montagna: sia in quanto il clima di Prieska molto mutevole, sia per evitare le micosi.
Successivamente le riproduzioni presso il
Loro Parque si sono ripetute: nel 2009 si sono avute cinque schiuse, le fonti riportano
che i piccoli fanno di tutto per non venirci
incontro, ma gli addetti sta compiendo un
ottimo lavoro nellalimentarli ed essi stanno
crescendo bene; nel 2010 ne sono nati tre
(anche se le foto a corredo delle notizie raffigurano quattro piccoli in incubatrice, uno
probabilmente non sopravvissuto), nel
2011 altri tre. A detta di Juniper Parr, Parrots, il numero di uova per ogni deposizione ammonta solitamente a quattro.
Nellanno 2001 International Zoo News riportava che presso la struttura delle canarie la coppia di tumultuosus aveva prodotto un piccolo in marzo ed altri due in giugno. Sempre in International Zoo News del
2002, con riferimento alla stagione 2001
del Loro Parque, si legge: Cinque delle nostre specie di Pionus ha prodotto ventinove
juvenes in totale, sei dei quail sono Pionus
tumultuosus e dieci Pionus sordidus corallinus. Lanno successivo, nella stessa rivista,
viene riportato che la coppia di tumultuosus ha deposto a marzo e poich una specie alquanto non comune in cattivit la Lo-

aprile 2013

PAPPAGALLI
ro Parque Foundation molto interessata a
scambiare i novelli con altri allevatori, per
potere introdurre nuove linee di sangue.
Nella medesima struttura ora presente una
coppia di Pionus tumultuosus seniloides, di
provenienza messicana, in precedenza (negli anni 70-80) essi potevano vedersi unicamente presso Vogelpark Walsrode. Attualmente presente un esemplare di tale sottospecie presso il giardino zoologico di Mosca. Nella mia ultima visita presso tale struttura non mi pare che fosse esibito al pubblico (vi era invece un gran numero di Cyanoliseus patagonus, unAmazona farinosa apparentemente appaiata con unAratinga acuticaudata, tutti questi animali si trovavano
in una voliera interna (con arredi analoghi a
quelli che fanno da sfondo alle attuali immagini del tumultuosus seniloides) mentre allesterno vi erano alcuni esemplari di Ara.
Quanto agli uccelli non erano presenti legende; la voliera interna era divisa dal pubblico
da una vetrata, gli alberi erano ricostruiti in
cemento, cera anche una sorta di ripa fluviale, ove i Cyanoliseus nidificavano. Era anche presente un pinguinario di dimensioni
notevolissime, parimenti separato dal pubblico da una grande vetrata; lo zoo di Mosca
tuttavia abbastanza ridotto quanto a dimensioni, poich si trova nel centro di una
citt ove le aree edificabili hanno un valore
pressoch inestimabile.
Presso il giardino zoologico boliviano Vesty
Pakos Zoo, sito nella capitale (recte nel villaggio di Mallasa poco a sud di La Paz),
presente una voliera esterna e sulla legenda riportato il tumultuosus, non tuttavia accertato se sia presente o meno. In
Germania risulta che il Vogelpark Walsrode

aprile 2013

abbia detenuto anche degli esemplari della


sottospecie nominale, ma attualmente non
pi; neppure il giardino zoologico di Praga
e quello di Brno (nellultima visita resa nellanno 2006) ne esibivano, si tratta comunque di strutture che meritano una visita per
via di numero e specie di animali presenti.
Russ Shade nella sua ottima ed utile opera
The Practical Pionus: Volume 1: Pet Pionus
Parrots, pp. 53 e s. lo definisce virtualmente inesistente in avicoltura (ricorda gli
esemplari del Loro Parque e menziona una
piccola colonia privata negli Stati Uniti
senza per ulteriori dettagli, colonia presso la quale ultima verosimilmente ha scattato le sue fotografie).
Tutto ci premesso e considerato, non si
pu che auspicare il radicamento di solidi
ceppi riproduttivi di questo animale, senza
obliterare che lintero Genus Pionus forse
uno dei pi desiderabili da allevare nel suo
complesso: si tratta di pappagalli di grossa
taglia, dotati di vivo intelletto, per nulla
rumorosi e piacevolissimi, che si affezionano a chi se ne prende cura pur senza che
siano stati allevati allo stecco (pratica da
disapprovarsi). francamente poco comprensibile che animali quali il Pionus maximiliani stentino a trovare ammiratori per
una presunta uniformit di piumaggio
(quando in realt hanno una variet cromatica superiore allAmazona vinacea) o che il
Pionus chalcopterus, paragonabile ad un vitello doro, rimanga un animale di nicchia
per via della colorazione a tinte cupe. Stoodley riporta laneddoto di un Pionus che
pronunciava il suo nome, seguto dalle frasi: Non mangiare il cibo del gatto, Non infastidire il cane e lascia stare i fiori e non

riusciva a tacere mentre compiva le azioni


che menzionava, inducendo cos la padrona
ad entrare nella stanza e ad interromperlo
mentre faceva ci che stava profferendo.

NOTE
(1)

(2)

(3)

(4)

(5)

John and Pat Stoodley, Pionus Parrots, Portsmouth, 1984, p. 27: Prima riproduzione in
cattivit di J & P Stoodley. Il volume degli Stoodley contiene un foglio di risguardo degno di
ammirazione: su di una conifera sono posati due
Pionus chalcopterus, un senilis, un sordidus e
due tumultuosus. Alla pagina 94 dato vedere
tre pulli di tumultuosus completamente impiumati ed intenti a nutrirsi di legumi ammollati
Cos Cyril Laubscher,The Plum-crowned PionusSpotlighting an avicultural rarity, in Parrots magazine, fasc. 128, settembre 2008. Si ringrazia il pavese rag. F. Gatti per la segnalazione.
In verit la questione d adito a dubbi: infatti lo
Tschudi inizia la descrizione con un A puntata.
Ebbene, in tutto il conspectus lautore utilizza liniziale del nome Genus delluccello, che nel caso di
specie dunque Psittacus nel titolo, ma Amazona
nel corpo del testo, nonostante sia conservato negli aggettivi il genere maschile. Nel successivo volume Untersuchungen ber die Fauna Peruana (Ricerche sulla fauna peruviana) a pagina 270 infatti
si corregge e vi si legge infatti Ps. Tumultuosus.
Ampi dettagli sulla vita di Tschudi e sulla sua
spedizione si trovano in L. Lepperhoff, Johann
Jakob von Tschudi und seine Verdienste in der Papageienkunde, in Papageien 1998, fasc. 8, pp.
270-274; a p. 270 dato vedere un esemplare di
Pionus tumultuosus raccolto dallo stesso Tschudi nellentroterra peruviano, col piumaggio del
capo abbastanza sbiadito, la descrizione riporta
il nome Pionus tumultuosus; a pagina 274 si apprende che il typus del tumultuosus conservato presso il Muse dhistoire naturelle di Neuchtel, MHNN 92.2654 (Per) (pelle).
Per chi volesse leggerlo, esso si trova ripubblicato sul sito dellAvicultural Society, al seguente
indirizzo: http://www.avisoc.co.uk/table-of-contents/first-steps-forward-in-the-breeding-of-theplum-crowned-pionus-pionus-tumultuosus-at-loro-parque/ ove anche dato vedere unimmagine del Pullus ricoperto dal caratteristico fitto
piumino.

29