Sei sulla pagina 1di 51

COSTRUZIONI IDRAULICHE

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE


a.a. 2012-2013
(6 CFU)

prof. ing. Daniela MALCANGIO


d.malcangio@poliba.it
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di
Chimica (DICATECh)
Orario ricevimento: luned, ore 10:00 12:00

COSTRUZIONI IDRAULICHE a.a. 2012-2013


Programma sintetico della parte di IDRAULICA

Propriet fisiche dei fluidi


Idrostatica
Cinematica
Dinamica
Idraulica applicata alle condotte: moto uniforme e cenni sul moto vario di
correnti in pressione
Idraulica applicata ai canali: moto uniforme e moto permanente di correnti
a superficie libera
Testi consigliati

Appunti di lezione
Citrini, Noseda Idraulica, Seconda edizione - CEAM Milano
Alfonsi, Orsi "Problemi di Idraulica e Meccanica dei Fluidi, CEAM Milano

04/10/2012

COSTRUZIONI IDRAULICHE a.a. 2012-2013


Programma sintetico della parte di COSTRUZIONI IDRAULICHE

Acquedotti
Fognature
Impianti di trattamento (depurazione acque e
trattamento fanghi)
Testi consigliati

Appunti di lezione
G. Ippolito "Appunti di Costruzioni Idrauliche", Liguori Editore
L. Da Deppo, C. Datei "Fognature", Ed. Libreria Cortina, Padova
L. Masotti "Depurazione delle Acque", Ed. Calderini

04/10/2012

UNITA DI MISURA (S.I.)


In IDRAULICA le grandezze fondamentali sono:

Massa
Lunghezza
Tempo
Temperatura

[M]
[L]
[T]
[]

Kg
m
s
K (grado Kelvin); C = K-273.15

Da queste derivano altre grandezze:

Superficie
Volume
Velocit
Accelerazione
Forza
Lavoro
Potenza

04/10/2012

A = L2
W = L3
v = L/T
a = L/T2
F = M*a
F*L
F*L/T

m2
m3
m/s
m/s2
Kg m/s2 = N [Newton] (1Kgf = 9.81 N)
J= Nm = Kg (m/s) 2
Watt [W] = J/s = Nm/s

UNITA DI MISURA (S.I.)

Pressione

P = F/A = FL-2

N/m2 = Pa [Pascal]

Altre unit di misura della pressione:

1 at

= 105 Pa

1 bar = 1 at = 105 Pa
1 at = 10 m di colonna di H2O
1 at

= 0.76 m di colonna di mercurio Hg

04/10/2012

DEFINIZIONI E PROPRIETA

Distinzione tra solido e fluido


SOLIDI:
Hanno forma e volume proprio (solo con le alte
temperature passano allo stato liquido e poi gassoso).
La resistenza dipende dalla deformazione che subisce il
materiale.
FLUIDI:
Possono essere liquidi o aeriformi; elemento che
li contraddistingue il volume occupato: mentre i liquidi
hanno un volume ben definito, gli aeriformi tendono ad
occupare tutto il volume che hanno a disposizione,
essendo estremamente deboli le forze agenti tra le
particelle che li compongono.
Quando sulla superficie di un fluido si applica una forza,
questo si deforma facilmente e la deformazione prodotta
persiste nel tempo. La resistenza dipende dalla
variazione di velocit.

04/10/2012

DEFINIZIONI E PROPRIETA
Propriet caratteristiche dei fluidi
Densit = = Massa/Volume = [M] / [W] = kg/m3
Peso specifico = = Peso/Volume = [F] / [W] = N/m3
legati dalla relazione : = g

W = W (P, )

con g accelerazione di gravit (g = 9.81m/s2)

= ( P , )

= ( P ,

Equazioni di stato in forma funzionale

04/10/2012

DEFINIZIONI E PROPRIETA

= lim

V V *

= lim

V V *

m
V

V *

Se il volume considerato minore di V*

la densit ed il peso

specifico si possono ritenere praticamente costanti nel volume.


Si passa cos da un sistema discontinuo ad un SISTEMA CONTINUO.

04/10/2012

DEFINIZIONI E PROPRIETA
Valori particolari di riferimento:
per :

= 1 5 C

P = 1 at

acqua

= 1 0 0 0 kg / m 3

e 9 8 0 6 N m 3

a ria

= 1 .2 2 6 kg / m 3

e 1 2 .0 2 2 N m 3

Nei manuali, da consultare sempre per le applicazioni pratiche particolari, vi sono


relazione esplicite che legano la densit alla pressione ed alla temperatura.

04/10/2012

DEFINIZIONI E PROPRIETA
Comprimibilit: esprime quanto facilmente varia il volume in seguito a
variazioni di pressione.
Inizialmente un liquido ad una
pressione P occupa un volume W.
Dopo aver applicato un aumento di
pressione dP, il volume iniziale sar
diminuito di una quantit dW.
Def: modulo di elasticit a
compressione cubica

dP
=
dW
W
Se:

dW 0

04/10/2012

N
[ ] = 2
m

allora il fluido si definisce


INCOMPRIMIBILE
10

DEFINIZIONI E PROPRIETA
Nelle pratiche applicazioni riterremo i liquidi (acqua) incomprimibili.
Eccezione: colpo dariete (fenomeno di moto vario).
Gli aeriformi sono fluidi molto comprimibili, ma possono studiarsi come
fluidi incomprimibili ogni volta in cui non vi sono forti variazioni di
pressione e, quindi, di densit.

acqua

aria

= 2.12 *109 N / m 2 a 20C

= 104 N / m 2

= ( P , )

= ( )
Comprimibilit cresce con la temperatura

04/10/2012

11

Equazione di stato dei liquidi in forma indefinita


Quando al volume W viene applicata la maggiore
pressione dP, la massa si conserva.

dW = W dP /

Tenendo conto che:

Se :
04/10/2012

dP + W d = 0

dP

Equazione di stato dei liquidi in


forma indefinita.

dM = d ( W ) = 0
dW + W d = 0

= 0

ovvero fluido incomprimibile significa


= cost
12

Equazione di stato dei gas in forma indefinita

dP
=

np

Equazione di stato
dei gas in forma
indefinita.

La relazione confrontata con


quella dei liquidi mostra che la
comprimibilit stata sostituita
da nP.

Alla comprimibilit legata la celerit, ossia la velocit con la quale si


trasmette il suono nel fluido:

c =

04/10/2012

Nel caso dellacqua a 20C:

c 1400 m / s

Nel caso dellaria a 20C:

c 275 m / s
13

Interazione forza - fluido

Le forze che entrano in gioco sono suddivise in due grandi categorie:


1) Forze di massa: sono forze che esistono perch esiste una massa (es.
forza peso).
2) Forze di superficie: sono forze che si esercitano sulla superficie di un
liquido, allinterfaccia tra due liquidi o allinterfaccia tra un liquido e un
aeriforme. Di solito vengono introdotte perch le equazioni della dinamica
sono scritte per porzioni di fluido idealmente ottenute tagliandole dal loro
contesto. Esse sono caratterizzate da un verso, una direzione,
unintensit ed un punto di applicazione.

04/10/2012

14

Forza di superficie

= d
A

Tensioni in un fluido
In Idraulica e in generale ogni qualvolta si tratta con sistemi continui, piuttosto
che in termini di forze, ci si esprime in termini di sforzo (o tensione) cos
definito:

d
N
=
[ ] = 2
dA
m
04/10/2012

15

Il teorema del tetraedro di Cauchy

Dato un fluido, in moto oppure


fermo, possibile conoscere lo stato
tensionale in un punto rispetto ad
una qualunque giacitura, purch si
conoscano le tensioni nel medesimo
punto su tre piani perpendicolari tra
loro.

F = 0
i

n = nx x + n y y + n z z
04/10/2012

avendo trascurato forze massa


rispetto a quelle superficie
16

Tensore degli sforzi


Per conoscere n= T in un punto bisogna conoscere la matrice quadrata di
ordine tre TENSORE DEGLI SFORZI

uuur
T =

matrice simmetrica: ij = ji

y z

ij componenti TANGENZIALI: x

y z

ii componenti NORMALI:

04/10/2012

x xy xz
uuur
T = yx y yz
zx zy z
17

Tensore degli sforzi


Quando lo sforzo ammette solo componente normale (cio perpendicolare a
quel piano), qualunque sia il piano passante per un punto, tale sforzo ha modulo
costante ed equivale alla pressione in quel punto.

x = y = z = p
x = y = z = 0
Caso di fluidi perfetti e fluidi reali in quiete

n = pn

04/10/2012

T = n =

18

Interazione forza - fluido

TENSIONE SUPERFICIALE
superficie a doppia curvatura

L2

L1

Forza con cui le molecole sulla superficie


di un liquido sono attratte verso l'interno
lo strato superficiale si comporta come
sottile pellicola elastica forma goccia

[s] = [F]/L =Nm-

Pe

Pressione esterna Pe e la

tensione superficiale s
tendono a contrarre la bolla.
Per lequilibrio necessaria
una pressione interna Pi che
deve tendere ad espanderla
Pi > Pe

P = Pi Pe > 0
04/10/2012

19

Interazione forza - fluido

Sulla superficie fluida con due curvature nascono due forze (F1 e F2 orientate
verticalmente verso il basso) che possono essere sommate, dando luogo ad
una F ortogonale alla superficie (pressione).

Dividendo questa forza per la superficie su cui agisce, si ottiene dopo alcuni
passaggi:

F
1
1
P =
= +
L1 L2 s R1 R2

Legge di Laplace

Data una superficie di un liquido con una curvatura, si pu


dimostrare che vi sar un eccesso di pressione p dalla parte
della concavit.

Se:
04/10/2012

R1 = R2 = R

1
2s
P =

R

20

Interazione forza - fluido

CAPILLARITA
Interfaccia
aria acqua vetro

Acqua

Interfaccia
aria mercurio vetro

Mercurio

Il valore dellangolo determinato dal bilancio tra le forze di adesione tra il fluido ed
il capillare e le forze di coesione allinterno delle molecole del fluido.
Se un fluido tende a bagnare una superficie (acqua vetro) allora le forze di
adesione superano quelle di coesione e langolo sar minore di 90. Se al contrario
il fluido non aderisce al capillare (mercurio vetro) allora saranno le forze di coesione
a prevalere su quelle di adesione e langolo risulter maggiore di 90.
04/10/2012

21

Interazione forza - fluido

CAPILLARITA

Se s esprime il valore della tensione superficiale, la


forza totale esercitata allinterfaccia sar pari al

perimetro della circonferenza moltiplicata per il

h
P
P

valore della tensione, ossia d s.


Questa forza, proiettata nella direzione verticale,
dovr bilanciare il peso P della colonna di fluido
sollevata (o abbassata); risulter quindi:

dscos = gd2/4h
Formule semplificate della risalita capillare per
temperature ordinarie e per tubi di vetro:
H2O - aria:

h =

4 g s cos

gd

hd = 30mm2

Legge di Jurin - Borelli


Hg - aria:
04/10/2012

hd = - 10mm2
22

Interazione forza - fluido

VISCOSITA
Indica la resistenza che un fluido oppone allo scorrimento di uno strato
adiacente. Dipende dal tipo di fluido e dalla temperatura. Nei liquidi la viscosit
decresce all'aumentare della temperatura, nei gas invece cresce.
Esperienza del viscosimetro piano - moto alla Couette
uB

Piastra soggetta a forza F che si muove.


Strati di fluido adiacenti si muovono
anchessi. Si osserva sperimentalmente
distribuzione LINEARE della velocit.

uB

Fluido a contatto con parete fissa: u A = 0

Fluido a contatto con piastra mobile:

u
u
uB = u A +
dy =
dy
y
y

per il cosiddetto principio di aderenza o no-slip.


04/10/2012

23

Interazione forza - fluido


u

Per effetto della diversa distribuzione della velocit lungo la verticale, si verifica
una deformazione angolare, di un angolo d, del fluido ABCD, ossia la porzione
di fluido ABCD, dopo lintervallo di tempo dt, si porta in ABCD.

04/10/2012

24

Interazione forza - fluido

Sperimentalmente si osserva che F proporzionale allarea A di contatto tra


piastra e fluido e al gradiente di velocit in direzione ortogonale al moto.
Il coefficiente di proporzionalit si indica con e prende il nome di viscosit
dinamica, ottenendo, cos

du
F=A
dy

Dividendo la forza F per larea su cui essa agisce, si ottiene lo sforzo:

du
=
dy
Con alcuni passaggi si ottiene

du d
=
= &
dy
dt

= &
04/10/2012

legge di Newton

e quindi:

Equazione reologica
del fluido
25

Interazione forza - fluido

d
= &
dt

[ ] =

la velocit di deformazione angolare

N s
m2
La viscosit cinematica rappresenta il rapporto tra la
viscosit dinamica e la densit

] m2
[
[ ] = = s
[ ]

05/10/2012

per lacqua:: = 106 m2/s

26

arctg

tende a solidificare

disfacimento

&

Fluidi newtoniani: legame tra sforzo tangenziale e


velocit di deformazione angolare LINEARE

= &

Fluidi non newtoniani:

fluidi a comportamento indipendente dal tempo;

fluidi a comportamento dipendente dal tempo;

fluidi elastoviscosi.
05/10/2012

27

Numero indice legato alla viscosit


Dato un fluido in moto con:
V = velocit

[V] = m/s

= densit

[] = kg/m3

d = dimensione caratteristica del moto


= viscosit dinamica

[d] = m

[] = Ns/m2

Si definisce il numero di Reynolds (grandezza adimensionale):

R e

05/10/2012

V d

V d

R e

V
d

[E

V d

n e rg ia

V d

c in e tic a
[S fo rz o

p e r u n ita

d i v o lu m e

v is c o s o ]

Re = Energia viscosa per unit di volume

28

Assorbimento dei gas


I liquidi possono assorbire quantit di gas con cui vengono a contatto.
Vale la legge di Henry, secondo cui costante il rapporto tra il volume dei gas
che pu essere assorbito da un liquido e il volume del liquido stesso, al variare
della pressione:

Wgas

Wliquido
Secondo la legge di stato dei gas:

= cost

P0

= c o st

Dunque la massa di gas che pu essere assorbita direttamente proporzionale


alla pressione dove si riduce la pressione, deve liberarsi del gas.

Se W = W0

p0
p
=
M M0

(M; M0 massa di aria/gas)

p > p0 M > M 0

Lacqua assorbe aria / gas

p < p0 M < M 0

Lacqua libera aria / gas

05/10/2012

29

Assorbimento dei gas


Applicazione pratica
Inserimentosfiati

Inserimentoscarichidi
fondopersvuotarela
condotta

Diminuzionedipressione:
siliberaaria/gas

30

Assorbimento dei gas


La pressione di vapore la pressione alla quale il liquido passa allo stato
di vapore (acqua a 20C pv = 0,02atm 0,02*105 Pa).
Se un liquido alla pressione di vapore si libera gas (vapore) e si ha il
fenomeno della CAVITAZIONE
Indice di cavitazione

p pv
iv =
V 2

Effetti:
liberazione di gas (tra cui ossigeno allo stato atomico (O));
effetti elettrochimici (che determinano la corrosione dei materiale);
fluttuazione di pressione e, quindi, sollecitazioni dinamiche sul contenitore
del liquido.
05/10/2012

31

IDROSTATICA
Calcola le spinte, cio le forze che un fluido in quiete esercita su superfici.

Equazione indefinita della statica dei fluidi


z

dz

dx
dy

y
05/10/2012

Elemento di volume parallelepipedo di


una massa fluida in quiete, soggetto a
forze di massa e di superficie
x
Fluido in quiete:

xy = xz = yz = 0

uuur
r
T = P .I
uuur r uuur r r
n = n . T = n .PI

32

x)

P
P

P dy dz P +
dx dy dz =
dx dy d z
x
x

y)

P
P
P dx dz P +
dy dx dz =
d x dy d z

Forze di superficie

dz
P +
z

P
z)

P
P

P dx dy P +
dz dx dy =
dx dy d z
z
z

P +
dx

dx

dz
y

05/10/2012

dy

P
dy
P +
y

33

Sia

ur
f

Forze di massa
la forza che agisce sullunit di massa.

Allora, la forza di massa che agisce su tutto il parallelepipedo :

Dovendo essere:

massa

f dxdydz

+ Fsuperficie = 0

p
p
p
f = i + j+ k
x
y
z

f = grad ( p ) = p
Equazione indefinita della statica dei fluidi
05/10/2012

34

Se siamo nel campo gravitazionale:

g = grad p

f =g

Se: asse z diretto verso lalto;


fluido incomprimibile, ovvero = cost

z+

05/10/2012

= cost

p
grad z +
=0

LEGGE DI STEVINO o della statica


dei fluidi pesanti incomprimibili

35

pA
pB

zA +

pA

= zB +

pB

pB = pA + ( z A - z B)
La pressione aumenta linearmente al diminuire della quota geodetica, con
fattore di proporzionalit pari al peso specifico del liquido.
Si parla di distribuzione idrostatica delle pressioni.
OSSERVAZIONE:
Se: z = cost

05/10/2012

p = cost

Superfici ISOBARICHE orizzontali

36

Serbatoio collegato ad un tubo piezometrico


Applico Stevino ai punti
A e B:

zA +

pA

= zB +

pB

zC

pA

p A = pB

pB

(infatti il piano per AB isobarico)

pA = patm = 1 atm = 105 Pa


05/10/2012

37

Applico Stevino ai punti B e C:

zB +
pB

pB

= zC

pC

=z

pC

zB

hB

=h

zC

pC = pvuoto= 0

pB

= hB
=

05/10/2012

qualunque sia B
dove h
laffondamento
rispetto al piano su
cui la pressione
assoluta zero =
piano dei carichi
idrostatici assoluti

piano dei carichi idrostatici


relativi:
il piano su cui la pressione
pari a quella atmosferica
distanza tra i due piani per
lacqua :

hB =

105 Pa
9806 N / m

10.33 m
38

hB =

105 Pa
136000 N / m

760 mm

mercurio

Quindi si pu anche scrivere:


pA = patm = 1 atm = 105 Pa 10.33 m(H2O) 760 mm(Hg)
Queste pressioni di cui abbiamo parlato finora sono pressioni ASSOLUTE:
p = 0 nel vuoto e patmosferica = 1atm
In idraulica si preferisce usare sistema di riferimento pressioni RELATIVO:
patmosferica = 0
Si definisce pressione relativa la differenza tra la pressione assoluta e la
pressione atmosferica assoluta:
prel = pass 105 Pa
Quindi:
05/10/2012

patmosferica rel = patmosferica ass 105 Pa = 0


39

Manometri differenziali

pP = pQ

pP = 1h = pQ = 2 (h ) + m

=
05/10/2012

m 2

+h 2 1
2
2

che si semplifica se

m 2
=
2

1 = 2 =

40

Equazione globale della statica

r
n

z
x

r
n

r
fdw =

Forze di massa

ur
r
fdw = G

grad ( P )dw

Forze di superficie

Peso del volume

grad ( P )dw = ... =

r
P n dA =

Spinta della
superficie A sul
volume W

ur uur
G+ =0
05/10/2012

41

Applicazione immediata: principio di Archimede

ur uur
condizione di equilibrio
G+ =0
uur
= Spinta che la superficie di contorno esercita sul volume
Secondo il principio di Archimede, un corpo immerso in un fluido sottoposto ad una
spinta verticale diretta verso l'alto, pari al peso G del volume del fluido che ha spostato.

Sia P il peso del corpo:


Corpo

P>G: corpo affonda


P=G: equilibrio indifferente

uur
G

uur

05/10/2012

Acqua

P<G: galleggiante

42

SPINTE su superfici PIANE

S
x0

S = dS =
A

pndA = p0 An

A
43

La spinta diretta perpendicolarmente alla superficie piana e passa per il


CENTRO DI SPINTA C, che ha coordinate:

xc =

yc =

Jy
My
J xy
My

dove
coordinataxC (distanzadarettasponda)

J y = x 2 dA
A

J xy = xydA
A

coordinatayC delcentrodispinta

M y = xdA
A

Osservazioni:
C ha profondit maggiore o uguale di quella del baricentro della piastra piana G,
ovvero xCx0
C coincide con il baricentro del diagramma delle pressioni
se piastra ha asse verticale di simmetria, allora C si trova su tale asse

44

Applicazioni
A

Spinta su parete piana verticale

p.c.i.r

S = p G A = p G hL =
hG

h
hG hL = hL =
2
1
h2L
2

G
C

hG

h
y

x1
L
x2

dx
XC

Asse simmetria
yc = 0

G
C

dA = Ldx

Centro di spinta nel caso


pi generico:

(
(

3
3
I
2 x2 x1
xC =
=
M 3 x2 2 x12

)
)

nel nostro caso:

2 h3 2
xC =
= h
2
3h
3

45

Ragionando sul diagramma delle pressioni

Spinta

p.c.i.r

1
S = hhL
2

xC
Centro di spinta

C coincide col baricentro diagramma


pressioni, che per un triangolo si
trova a 1/3 dalla base:

2
xC = h
3
46

Spinta su parete piana obliqua


Diagramma delle pressioni in
questo caso trapezio, perch la
base superiore della piastra non
coincide col p.c.i.r.

h1

h0

CS

ur
S

h0

h1

( h0 + h1 ) ( h0 h1 )
S =
.
.L =
2
sen ( )

( h0 2 h1 2 )
2 sen ( )

.L

Centro di spinta
Applico la formula:

xC =

I
M

Oppure risulta che: C coincide col baricentro del diagramma delle pressioni, che in
questo caso un trapezio
47

SPINTE su superfici CURVE


1. Concavit
verso liquido

uur uur uuur


ur uur
= 1 + 0
G+ =0
ur uur uuur
G + 1 + 0 = 0
ur
uuur
S = 0
ur ur uur
S = G + 1
Calcolo spinta su superficie piana
e peso !!!

48

2. Convessit
verso liquido

ur uur
G+ =0
uur uur uuur
= 1 + 2
G

ur uur uuur
G + 1 + 2 = 0

2
1
G

ur uuur
S = 2
ur
ur uur
S = G 1

49

Formula di Mariotte
Calcolo dello spessore di una tubazione
p.c.i.r

Se h0 >> D, allora:

la variazione di pressione nella


condotta molto piccola, cio:
h0
z
D

( P) 0
z

uur
r
P ndA = = 0

ur uur
ed essendo: G + = 0
ur
G 0

trascurabile dentro la condotta


50

Calcolo spinta S sul semicilindro:

ur uur uuur
G + 1 + 0 = 0
ma:

uuur
0 = P 2rL

uur
1

P
ur
T

S
r

uuur
0

ur
T

e quindi:

uur uuur
S = 1 = 0 = P 2rL

Questa spinta del fluido S deve essere equilibrata dalle forze di taglio T:

2T = P 2rL

T = PrL

T
T
PLr PD
T = =
=
=
2
A L.
L
[ T ] =

N
m2

carico di sicurezza a trazione

PD
=
2 T
51