Sei sulla pagina 1di 40

Universit degli studi di Trieste

Facolt di Economia

I fenomeni di migrazione rumena

Studenti: Bordea Radu


Necula Paula
Zonti Mihaela

Professoressa:....
- Trieste,maggio 2012 -

Contenuto

1.Introduzzione.............................................................................................3
1.1.Romania-presentazione generale................................................3
1.2. Romania, un nuovo E.U. stato con una forte dinamica....................9
1.3 Politica, istituzioni formali e informali per la migrazione...............14
2. Rumeni, emmigranti nel contesto della libera circolazione...........................17
3. Stranieri, gli immigrati in un paese nel processo di sviluppo........................23
4.Caso di studio:Rumeni in Italia.........................................................................31
4.1. La collettivit romena: prima in Italia per numero di immigrati..31
4.2. Lapporto dei romeni al sistema produttivo italiano......................32
4.3. Un inserimento negato? La doppia faccia della questione.............33
4.4. Nel futuro, Romania e Italia paesi di immigrazione.......................34

5.Limpatto di emmigrazione...................................................................36
6.Conclusioni...............................................................................................38
Bibliografia.............................................................................................39

La migrazione internazionale una questione politica cruciale nei paesi del mundo
intero. Recenti sviluppi dei movimenti migratori e le politiche adottate in Romania sono
analizzate in questo lavoro. Mettiamo laccento sulla crescente importanza dellafflusso di
lavoratori qualificati, lavoratori temporanei e studenti, e sull'incremento dei flussi di
migrazione nelle aree di libero movimento, principalmente in Europa. Si esamina inoltre i
principali cambiamenti introdotti nelle politiche di migrazione, quali le nuove leggi che
regolano lingresso degli immigrati, la permanenza e laccesso al mercato del lavoro. Tra gli
aspetti trattati vi sono inoltre il reclutamento selettivo degli immigrati in base alle esigenze del
mercato del lavoro e le misure intese a facilitare lintegrazione degli immigrati. Vediamo
nello stesso tiempo la cooperazione internazionale per migliorare il controllo della frontiere e
lottare contro limmigrazione illegale.

1.Introduzione
1.1.Romania-Presentazione generale

La Romania un paese situato al crocevia dell'Europa centrale e sud-orientale, sul


Danubio inferiore, dentro e fuori l'arco dei Carpazi, al confine sul Mar Nero.. La Romania e
un paese a met strada tra l'equatore e il Polo Nord ed equidistanti dalla parte pi occidentale
d'Europa: la costa atlantica e il pi orientale dei Monti Urali. La Romania ha 3.195 chilometri
di confine. Repubblica di Moldova si trova ad est, la Bulgaria si trova a sud, la Serbia a sudovest, e l'Ungheria a ovest. Nel sud-est, 245 chilometri di costa del Mar Nero di fornire un
importante sbocco al Mar Mediterraneo e l'Atlantico Ocean.Traditionalmente Romania
divisa in diverse regioni storiche che non svolgono pi alcuna funzione amministrativa:
Dobrogea la regione pi orientale, si estende dal nord corso del Danubio fino alle
coste del Mar Nero.
Moldavia si estende dal Carpazi orientali al fiume Prut sul confine ucraino e moldavo.
Valacchia raggiunge a sud dai Carpazi al confine con la Bulgaria ed divisa dal fiume
Olt in Oltenia a ovest
e ad est Muntenia. Il
Danubio costituisce
il confine naturale
tra

Muntenia

Dobrogea.
Il centro-occidentale
della

regione,

conosciuta

come

Transilvania,
delimitata

dall'arco

dei Carpazi, che lo


separa dalla regione Maramure nel nord-ovest, dalla zona Criana, che confina con
l'Ungheria a ovest, e dalla regione del Banato del sud-ovest , che confina con Ungheria
e Serbia.
Sono queste le zone ad ovest dei Carpazi che contengono le pi alte concentrazioni di
pi grande etnica della nazione-minoranze ungheresi, tedeschi e serbi.

Romania confini esterni sono il risultato di eventi relativamente recenti. Allo scoppio
della Prima Guerra Mondiale, il territorio del paese incluso solo le province di Valacchia,
Moldavia e Dobrogea. Questa zona, conosciuta come la Regat o l'Antico Regno, entrato in
essere con la disintegrazione dell'impero ottomano nella met del XIX secolo. Alla fine della
Prima Guerra Mondiale, la Romania ha acquisito la Transilvania e del Banato. Alcune di
questo territorio stato perso durante la Seconda Guerra Mondiale, ma le trattative tornata
in Romania. Le controversie tra l'Ungheria e la Romania per quanto riguarda questo territorio
sarebbe emersa regolarmente, in quanto sia considerata la regione parte della loro eredit
nazionale, perch l'Ungheria ha avuto per un lungo periodo di tempo questo teritorio rumeno.
Questioni sono state sollevate anche periodicamente la validit storica del confine Sovietorumeno. Bessarabia e Bucovina, ex province rumene dove le percentuali significative della
popolazione di lingua rumena, facevano parte dell'Unione Sovietica a partire dalla fine della
seconda guerra mondiale alla sua dissoluzione, e successivamente parte della (ex sovietico)
gli stati di Ucraina e Moldova. Nonostante le controversie in atto e potenziali, tuttavia, era
improbabile che la Romania nel 1989, le frontiere sarebbe ridisegnato nel prossimo futuro.
Paesaggio naturale della Romania quasi equamente diviso tra montagna (31 per
cento), dolci (33 per cento), e le pianure (36 per cento). Queste forme varie di soccorso si
diffuse piuttosto simmetricamente dai Carpazi, che raggiungono altezze di oltre 2.500 metri,
al Delta del Danubio, che solo pochi metri sul mare level.The arco dei Carpazi si estende per
1.000 chilometri attraverso il centro del paese, che copre un'area di 71.000 chilometri
quadrati. Queste montagne sono di bassa a media quota e non sono pi largo 100 chilometri.
Essi sono profondamente frammentata da valli longitudinali e trasversali e attraversata da
numerosi grandi fiumi. Queste caratteristiche e il fatto che ci sono molti passagi transitori,
alcuni ad altitudini fino a 2.256 metri, hanno fatto i Carpazi meno di una barriera al
movimento rispetto ad altri campi europei. Un'altra caratteristica distintiva sono le molte
piattaforme erose che forniscono altopiano a quote relativamente elevate. Ci sono
insediamenti permanenti qui al di sopra del 1.200 metri.
I Carpazi di Romania sono differenziati in tre gamme: i Carpazi orientali, Carpazi
meridionali o Alpi della Transilvania e Carpazi occidentali. Ognuno di questi campi ha
importanti caratteristiche distintive. Il Carpazi orientali sono composti da tre creste parallele
che corrono da nord-ovest a sud-est. La cresta occidentale una gamma vulcanico estinto con
molti coni conservati e crateri. Essi contengono anche importanti giacimenti minerari, tra cui
oro e argento, e le loro sorgenti di acque minerali alimentano numerosi salute resorts.The
Carpazi meridionali offrire i pi alti picchi a Moldoveanu Peak (2544 m) e Negoiu (2535 m) e
4

pi di 150 laghi glaciali. Hanno grandi zone di pascolo e di alcuni boschi, ma pochi grandi
depressioni e le risorse del sottosuolo. I Carpazi Occidentali sono i pi bassi dei tre gamme e
sono frammentati da molti profonde depressioni strutturali. Essi hanno storicamente
funzionato come "porte", che permettono il passaggio facile, ma pu essere facilmente difeso.
Il pi famoso di questi la Porta di Ferro sul Danubio. I Carpazi occidentali sono le pi
densamente popolata, e si trova nella zona settentrionale di questa gamma, i Monti Apuseni,
che gli insediamenti permanenti si trovano ad altitudini pi elevate.
Racchiusa all'interno del grande arco dei Carpazi si trovano le pianure ondulate e
basse colline della Transilvania Plateau-il pi grande altopiano del paese e il centro della
Romania. Questa importante regione agricola contiene anche grandi depositi di gas metano e
sale. A sud e ad est dei Carpazi, i Sub-Carpazi formare una frangia di terreno ondulato che
vanno da 396 a 1.006 metri di altitudine. Questo terreno abbinato ad ovest dai Colli
leggermente inferiore occidentali. La simmetria di sollievo Romania continua con la
Tableland so energetico a sud del SubCarpathians, il Tableland moldavo a est tra il
SubCarpathians e il fiume Prut e il Tableland Dobrogea nel sud-est tra il Danubio e il Mar
Nero. Il Sub-Carpazi e le aree di altopiano garantire buone condizioni per l'insediamento
umano e sono importanti aree per la coltivazione di frutta, la viticoltura, ed altre attivit
agricole. Essi contengono anche grandi depositi di carbone marrone e gas. Ai piedi dei
Carpazi e altipiani, le pianure si diffuse a sud ea ovest. Nelle parti meridionali del paese, la
pianura del Danubio inferiore divisa dal fiume Olt, ad est del fiume si trova la pianura della
Valacchia, e ad ovest si trova la pianura Oltenian o occidentale.
La terra qui ricca di terreni chernozemic e forme regione agricola pi importante
della Romania. L'irrigazione ampiamente usato, e delle zone paludose in pianura alluvionale
del Danubio sono state arginate e scolati per fornire ulteriore terreno coltivabile pi basso
land. Romania si trova sul bordo settentrionale della regione di Dobrogea nel Delta del
Danubio. Il delta una zona paludosa triangolare delle paludi, isole galleggianti canna, e
banchi di sabbia, dove il Danubio conclude il suo percorso di quasi 3.000 chilometri e si
divide in tre rami sfilacciati prima di sfociare nel Mar Nero.. Il Delta del Danubio offre una
gran parte della produzione ittica del paese, e le sue canne sono utilizzati nella fabbricazione
cellulose.Delta del Danubio rientra nell'ambito dell'ecosistema steppe ad est europeo, con
influenze mediterranee. Come una regione giovane in piena fase di consolidamento, il Delta
del Danubio rappresenta un luogo molto favorevole per lo sviluppo di flora e fauna molto
diversi, unici in Europa, con numerose specie rare. Ospita 23 ecosistemi naturali, ma a causa
della estensione delle zone umide per l'ambiente acquatico prevalente, l'ambiente terrestre
5

presente anche sulla base dei pi alti argini continentali, dove gli ecosistemi hanno sviluppato
xerofile.
Tra gli ambienti acquatici e terrestri, interposta una paludosa, striscia facilmente
inondato originali di flora e fauna, con mezzi di adattamento per l'acqua o nel terreno, a
seconda della stagione o del regime idrologico. Al contatto tra acqua dolce e acqua di mare,
alcuni processi particolari fisici, chimici e biologici hanno luogo, che ha determinato i biologi
a considerare questa zona come un ecosistema molto diverso chiamato beforedelta. Musura
del Golfo, a nord di Sulina, e San Giorgio del Golfo sono considerati i pi rappresentativi per
questo tipo di ecosystem.Situated sulle principali rotte migratorie, e fornendo condizioni
adeguate per la nidificazione e la schiusa delle uova, il Delta del Danubio una calamita per
gli uccelli da sei principali eco- regioni del mondo, compresi la Mongolia e la Siberia artica.
Ci sono oltre 320 specie di uccelli presenti nel delta durante l'estate, di cui 166 sono specie da
cova e 159 sono migratori. Oltre un milione di individui (cigni, anatre selvatiche, folaghe,
ecc) inverno.
Dopo aver inserito il paese nel sud-ovest a Bazias, il Danubio percorre 1.075 km
(quasi il 40% della sua intera lunghezza) lungo il territorio rumeno, formando il confine
meridionale con la Serbia e Bulgaria. Praticamente tutti i fiumi del paese sono affluenti del
Danubio, direttamente o indirettamente, e dalla durata del corso del Danubio finisce nel Mar
Nero, rappresentano quasi il 40 per cento dello scarico totale. I pi importanti di fiumi sono:
il fiume Mure, il fiume Olt, il fiume Prut, il fiume Siret, il fiume Ialomia, il fiume Somes, e
il fiume Arge. Essi sono alimentati da precipitazioni e scioglimento delle nevi, che causa
notevoli fluttuazioni in scarico e inondazioni catastrofiche di tanto in tanto. Nella parte
orientale, le acque del fiume sono raccolte dal Siret e il Prut. Nel sud, i fiumi di flusso
direttamente nel Danubio, ea ovest, le acque vengono raccolte dal Tisa in territorio ungherese.

A causa della sua posizione sulla porzione sud-orientale del continente europeo, la
Romania ha un clima che di transizione tra temperato e continentale. Le condizioni
climatiche sono un po modificato dal rilievo vario del paese. I Carpazi fungere da barriera
per le masse d'aria atlantiche, limitando le loro influenze oceaniche a ovest e nel centro del
paese, dove fanno per inverni pi miti e precipitazioni pi intense. Le montagne anche
bloccare le influenze continentali della vasta pianura a nord in Ucraina, che portano inverni

gelidi e meno pioggia a sud e sud-est. Nel sud-est, le influenze mediterranee offrono uno pi
mite, il clima marittimo.
La temperatura media annuale di 11 C nel sud e 8 C nel nord. Le piogge,
sebbene adeguata in tutto il paese, diminuisce da ovest a est e dalle montagne alla pianura.
Alcune aree montuose ricevono pi di 1.010 millimetri di pioggia ogni anno. Precipitazioni
medie annue circa 635 mm nel centro di Transilvania, 521 mm a Iasi in Moldavia, e solo 381
millimetri a Costanza il clima temperato mare Nero; inverni freddi e frequenti nuvoloso con
neve e nebbia; estati soleggiate con frequenti acquazzoni e temporali . Gli inverni sono
generalmente da novembre a marzo. Le molle sono brevi, a volte girando a destra in estate.
L'estate dura da maggio ad agosto. Hanno un autunno prolungato, da settembre a novembre.
La temperatura media di gennaio 1,1 C e la temperatura media di luglio 20,6 C.

Demografia della Romania

Circa 89,4% della popolazione della Romania sono rumeni etniche, la cui lingua, il
rumeno, una lingua romanza orientale, discende principalmente dal latino con alcuni prestiti
slava, tedesca, greca, ungherese e turco. Rumeni sono di gran lunga il gruppo pi numeroso
dei parlanti di una lingua romanza oggi orientale. E 'stato detto che essi costituiscono "un'isola
di latinit" in Europa orientale, circondata su tutti i lati mediante popoli slavi o ungheresi. La
minoranza ungherese in Romania costituisce la pi grande minoranza del paese, 6,6 per cento
della popolazione.

Fonti fornire stime diverse per la popolazione storica della Romania. L'Istituto
Nazionale per la Ricerca e lo Sviluppo in Informatica (NIRDI) d i seguenti numeri:

Source: data from Romanian Demographic Yearbook, 2006 and Romanian Statistical
Yearbook, 2007; NIS estimations for the year 2007
La popolazione rumena ha avuto nel complesso un trend ascendente di crescita, dal
1866 fino al 2011. La crescita pi significativa della popolazione stato portato alla fine della
Prima guerra mondiale, quando Transilvania divenne finalmente territorio rumeno, dopo un
lungo periodo di occupazione asburgico. Nel 1918 pi di 5 milioni di persone sono stati
ufficialmente aggiunti alle statistiche rumena, ma dopo pochi anni paio di milioni di persone
si trasfer in Ungheria o agli altri paesi vicini, e la seconda guerra mondiale ha avuto un
grande contributo alla diminuzione della popolazione, circa 1948 Romania con quasi 16
milioni di abitanti.
Il periodo successivo stato sicuramente un boom demografico per la Romania, che
ha una popolazione in crescita, soprattutto a causa della strategia politica per aumentare il
numero di popolazione. Il partito comunista ha avuto una politica molto rigorosa sul controllo
della popolazione, per cui l'aborto era totalmente proibito, che ha causato un rapido aumento
della popolazione. Dopo aver abbolito il comunismo nel 1989, la popolazione ha iniziato
lentamente a diminuire di numero, le nascite non erano cos tanti come negli anni precedenti.
Oggi, la popolazione rumena vecchia, con problemi come la migrazione, e un declino
demografico causata dal deficit naturale delle persone.

1.2. La Romania, un nuovo Stato membro U.E dal forte dinamismo


Gli abitanti della Romania sono 21,5 milioni e hanno unet media abbastanza elevata
(37,9 anni). Quattro su dieci (37,9% al Censimento del 2001) hanno completato listruzione
secondaria e un altro 11% listruzione universitaria: tra gli italiani solo il 33% ha una
formazione superiore. Il paese non ricco: il prodotto interno lordo pro capite di 5.639 euro
e lo stipendio medio di 380 euro al mese. forte, per, il tasso di crescita annuale (mai al di
sotto del 5% a partire dal 2000 e pari al 6% nellultimo anno), mentre il tasso di
disoccupazione contenuto (4,3% nel paese e a Bucarest solo il 2%) e abbastanza elevato il
tasso inflazione (4,8%). Non risulta, invece, soddisfacente la situazione dellagricoltura, con
molte terre in stato di abbandono, e ci finisce per alimentare lemigrazione.
La Romania, agevolata dallingresso nellUE, ha beneficiato del fatto di essere un
paese dal lavoro a basso costo. Diverse aziende italiane vi hanno delocalizzato le strutture
produttive, pur mantenendo in patria il centro della direzione commerciale, del disegno dei
prodotti e di alcuni altre fasi a pi alto valore aggiunto. Sono stati elevati, e continuano ad
esserlo, gli investimenti esteri (7,2 miliardi di euro nel 2007), indirizzati specialmente verso
alcuni settori (bancario, costruzioni, telecomunicazioni, reti di distribuzione al dettaglio, auto,
settore energetico e servizi privatizzati). Sono quasi 4 miliardi le rimesse che pervengono
annualmente in Romania, a loro volta di grande aiuto per lo sviluppo del paese e il benessere
delle famiglie. Questi fattori hanno determinato una forte dinamica dei consumi e forti
investimenti in edilizia.
Gli aspetti negativi sono, invece, costituti dalla povert diffusa, dagli appesantimenti
burocratici, dalla corruzione e dal problematico approccio alle minoranze (segnatamente
quella dei rom). Iniziano a farsi sentire gli effetti negativi delleccessivo turnover dei
lavoratori qualificati (maggiormente attratti allestero e disposti a trattenersi solo per
retribuzioni pi elevate) ed insufficiente la stessa manodopera generica, specialmente nelle
costruzioni, dove servirebbero altri 300.000 operai. Non di rado avviene che i romeni si
licenzino in Romania per venire a lavorare in Italia, costringendo talvolta alla chiusura anche
alcune aziende italiane. Seppure non pi conveniente come nel passato, rispetto alle
possibilit offerte da diversi paesi asiatici, la Romania continua a richiamare attenzione non
solo in quanto mercato interno meno saturo, ma anche come base per la penetrazione nellEst
Europa.
Secondo lorganizzazione Unimpresa le aziende italiane operanti in loco sono 20.000,
danno lavoro a 800.000 persone e alimentano un interscambio di 12 miliardi di euro annui (un
obiettivo che con lIndia raggiungeremo tra due anni ), che fanno dellItalia il primo partner
9

commerciale e uno tra i primi paesi investitori. Ad esempio, lEnel il pi grande investitore
energetico del paese con 2,5 milioni di clienti e 5.000 dipendenti. Secondo stime, il fatturato
delle aziende italiane (150 milioni di euro) equivalgono al 7% sul prodotto interno lordo del
paese.
Nel corso del 20 secolo, la Romania era principalmente un paese di emigrazione, la
sua tendenza mantenuto anche nelle condizioni restrittive del sistema comunista. La
migrazione etnica rappresentato in modo permanente un peso importante nei flussi migratori
totali. L'evoluzione a lungo termine di emigrazione permanente (spostando il domicilio
proprio) ha avuto un trend in crescita fino al 1990, quando ha raggiunto l'apice di 96,929
persone, causata dalla modifica della legislazione che disciplina il fenomeno, cos come dal
contesto politico e sociale, e soprattutto diminuendo doppo.In una prima fase, nei primi anni
'90, la motivazione etnica stata la causa principale per mantenere un elevato livello di
mobilit esterna per trasferimento di domicilio.
La partenza di flussi originati dalle regioni ad alta concentrazione etnica, in particolare
dalla Transilvania, soprattutto in Germania e Ungheria. D'altra parte, durante questo periodo,
ci sono stati significativi rimpatrio Ebreo flows.During una seconda fase, dopo l'anno 1994, la
migrazione permanente stata fortemente ridotta, in cui la migrazione temporanea diventata
preponderante, motivato la maggior parte del tempo distinzione professionale e dalla la
possibilit di ottenere reddito pi elevato, ha favorito negli ultimi anni dalla liberalizzazione
della circolazione dei romeni nello spazio Schengen, e poi da l'adesione della Romania
all'Unione europea.
La traiettoria di
permanente immigrazione
legale si oppone a quello
di

emigrazione

permanente:
1991,

dopo

l'emigrazione

l'immigrazione

il
e

diminuita costantemente
aumentate, ad eccezione
di

una

riduzione

temporanea
nel

periodo

2004-2005. I due flussi

Total number of emigrants and immigrants


migratori tendono a diventare uguali nel 2007, la perdita permanente della popolazione
Source: data from Romanian Demographic Yearbook, 2006
and Romanian Statistical Yearbook, 2007; NIS estimations for
the year 2007
10

autoctona essere compensata dall'immigrazione permanente trasferimento di domicilio. La


reale portata dei flussi migratori difficile da valutare per la Romania, l'evidenza statistica
che fornisce i dati solo per la migrazione permanente. Le cifre ufficiali riguardanti la
migrazione riflettono solo una piccola parte delle reali dimensioni del fenomeno.
Ad esempio, la Spagna, anche se non tra le prime destinazioni di emigrazione
permanente , insieme con l'Italia, la pi grande destinatario di emigrazione temporanea, la
stima del numero di romeni che vivono in Spagna, pari a pi di mezzo milione di persone,
secondo il funzionario statistiche spagnole, e superare di gran lunga un milione di persone
secondo alcune valutazioni non ufficiali.
Un indicatore rappresentativo della portata dei flussi migratori il tasso migratorio
totale, che il numero cumulato di emigranti e di immigrati ogni 1000 abitanti. In Romania, il
tasso migratorio totale diminuita da quasi due migranti di mille abitanti nel 1991 a 0,84 nel
2007, con molte fluttuazioni durante tale intervallo di tempo. I livelli pi bassi dell'indicatore
sono state registrate su 2002-2005. Dal momento che i flussi migratori hanno prevalso fino al
2006, l'evoluzione del tasso totale migrazione permanente generalmente seguito la loro
evoluzione, la registrazione di due fasi di calo importante: il periodo 1991-1993, dominato dal
rimpatrio di etnia tedesca, ungherese ed ebraica, e il periodo 2000 - 2003, quando la migrazione
permanente, sostituito dal temporanea migrazione della forza lavoro . I flussi migratori
permanenti, che hanno avuto un trend in aumento dopo il 2005, diventata una componente
sempre pi importante dell'indicatore, riuscendo a compensare l'emigrazione dei flussi nel
2007.

Source: data from Romanian Demographic Yearbook, 2006 and Romanian Statistical
Yearbook, 2007; NIS estimations for the year 2007
11

La migrazione negativa aumenta nel 1991-2006 migliorato il trend di riduzione


costante della popolazione totale della Romania, soprattutto causato dalle sempre pi elevati
aumenti annui negativi naturali.

Figure 1 Emigrants, immigrants and total migration rate

Source: data from Romanian Demographic Yearbook, 2006 and Romanian Statistical
Yearbook, 2007; NIS estimations for the year 2007
Figure 2 Decrease of Romanian population due to negative natural increase and net

Source: data from Romanian Demographic Yearbook, 2006 and Romanian Statistical
Yearbook, 2007; NIS estimations for the year 2007
La Strategia nazionale in materia di immigrazione nel periodo 2007-2010,
approvato con la decisione del Governo n. 1122, stabilisce nuovi punti di riferimento per la
politica nazionale nel campo della migrazione, compresi gli obblighi che la Romania deve
intraprendere nella sua qualit di Stato membro dell'UE e le misure necessarie per gestire
efficacemente il fenomeno, in vista della graduale trasformazione del nostro paese da una
zona di transito in un area di destinazione per gli immigrati.

La migrazione della manodopera


Migrazione per lavoro - a differenza di emigrazione / immigrazione, ha un carattere
temporaneo, la sua durata varia entro limiti di grandi dimensioni (da poche settimane / mesi a
pochi

anni)

non

implica

il

cambiamento

di

soggiorno

permanente.

Coloro che fanno parte del movimento di migrazione legale e / o contingente sono solitamente
parte di tre grandi categorie di manodopera:

12

a)alta qualificazione della forza lavoro con competenze convalidati in settori alti della
scienza e della tecnologia, cos come in alcuni servizi, quali l'istruzione e la sanit. Questa
categoria assunto direttamente, spesso gli ultimi anni di studi o da rumeno o corpi estranei, ha
anche avuto pi numerose le possibilit di ottenere contratti a lungo termine e infine il diritto
di residenza permanente nel paese ospitante. In aggiunta a questo, essi rientrano nella fascia di
et 25-40 anni, che considerato il pi creativo e pi produttive;
b) manodopera con un livello medio di qualificazione e specializzazione che copre una
vasta gamma di attivit e professioni, come:
- Constructors17 - categoria di forza lavoro con una lunga tradizione di lavoro all'estero, e
che molto apprezzata sui mercati del lavoro occidentali (Germania, Israele);
- I para-personale medico (infermieri), per i quali la domanda dei datori di lavoro in alcuni
paesi in aumento (Italia, USA, Canada, Svizzera, ecc);
- Personale in settore alberghiero e ristorante, ha anche chiesto su alcuni mercati del
lavoro occidentali;
c) infine, la forza non qualificato o semi-qualificato lavoro per le attivit agricole (durante
i periodi di mietitura), nelle costruzioni, servizi igienici, ecc (Spagna, Portogallo, Grecia).
Vi anche un movimento molto potente per la migrazione incontrollata del lavoro, sia
nel paese d'origine (Romania) e nel paese di destinazione. Una parte importante di queste
persone lavorare temporaneamente, per periodi imprecisati di tempo, pi spesso senza
documenti legali, sul mercato del lavoro nero, del paese di destinazione. Le condizioni di vita
e di lavoro concessi ed accettati non sono tra i migliori, sono di gran lunga inferiori a quelli
concessi alla forza lavoro locale. Le imprese sono appassionato di questo metodo di lavoro a
causa dei costi ridotti del lavoro, mentre il contributo di questi impiegati per l'aumento della
competitivit all'interno dell'azienda significativo.
Nonostante il ravvicinamento inconveniente si stima che ogni anno il numero totale di
rumeni partiti per lavorare all'estero per periodi di tempo specifici all'interno dei paesi membri
dell'Unione europea ammonta a 500-600 mila persone. Se anche tener conto di quelle che
operano nel settore extra-UE, circa allo stesso livello e nel complesso pi di un milione di
romeni lavorano all'estero. Le stime non sono molto precisi, ma rendono evidente la misura in
cui forza lavoro assente dal mercato del lavoro nazionale (circa il 20% dei dipendenti
l'economia). Per breve periodo, queste persone diminuiscono la tensione sul mercato del
lavoro, riducendo le proporzioni della disoccupazione e la creazione di una falsa impressione
di influenza positiva. Gli effetti a medio e lungo termine sono un argomento da discutere, dal
punto di vista dello sviluppo sostenibile dell'economia nazionale e delle risorse umane.
13

La ragione principale per la migrazione della manodopera, come abbiamo gi


sottolineato, di tipo economico: l'ottenimento dei guadagni incomparabilmente superiori a
quelle accolte nel paese per un lavoro con lo stesso valore e, ovviamente, un po 'meno di
quello guadagnato dal nativo di forza lavoro per lo stesso tipo di lavoro. Lo stipendio in
Romania, di circa 175 Euro al mese (importo lordo) un paio di volte inferiore alla media
UE, il sistema fiscale e la precariet sociale piombo assistenza al fatto che i motivi di
migrazione di manodopera sono forti.

1.3.Politiche e istituzioni formali e informali per la migrazione

Analiticamente parlando, si possono distinguere due gruppi di istituzioni che si


occupano di migrazione. Il primo quello di istituzioni formali ed rappresentata da
istituzioni statali e le organizzazioni private e non governative. Ci sono diversi attori
istituzionali che rappresentano lo stato rumeno nel tentativo di controllare e gestire i flussi
delle migrazioni internazionali. Con importanza a livello nazionale, i punti lo stesso autore
indica le seguenti istituzioni: Il Ministero del Lavoro, della Solidariet Sociale, e della
famiglia, incluse le agenzie che si occupano di trattati internazionali e l'occupazione,
Ministero degli Affari Esteri, Ministero della Pubblica Informazione, polizia di frontiera,
Organizzazione internazionale per le migrazioni, e le istituzioni a livello locale - chiesa,
villaggio o il municipio, la scuola. Nella presentazione che ho presente utilizzare alcuni dati
disponibili sulle due agenzie coordinate dal Ministero del Lavoro, della Solidariet Sociale, e
familiari, che hanno dimostrato di recente per essere il pi attivo e visibile. Pi
concretamente, esistano due officii chi si chiama:Ufficio per le migrazioni della forza lavoro
e il Dipartimento per il Lavoro all'Estero. Il primo stato istituito per nulla la decisione del
governo. 1320/2001 e dei suoi compiti principali sono:
a) l'attuazione dei trattati internazionali firmati dalla Romania nel settore della mobilit del
lavoro, nonch degli accordi reciproci tra il governo rumeno e di altri governi statali,
b) il reclutamento e il collocamento di manodopera in paesi stranieri, all'interno degli Stati
con i quali la Romania non ha firmato accordi bilaterali in materia di lavoro,
c)

fornire

permessi

di

lavoro

agli

stranieri

che

lavorano

in

Romania,

d) cooperazione con le istituzioni che hanno competenze in materia di lavoro in Romania, gli
Stati membri dell'Unione Europea, cos come da altri stati. "
Questa agenzia nuovo stato stato creato come alternativa alle agenzie di
collocamento private. Un gran numero di intermediari di questo tipo avrebbero dovuto tenere
14

un monopolio locale e regionale in materia di reclutamento di manodopera all'estero. Lo stato


intervenuto creando la OLFM ed i suoi uffici locali e regionali. La creazione di questo
nuovo attore istituzionale ha creato malcontento tra gli intermediari privati. Essi sostengono
che lo Stato non dovrebbe intraprendere il posizionamento di lavoro per almeno due ragioni.
Da un lato, si diceva che dalla parte dello stato, la limitata capacit di trattare un gran numero
di clienti diminuir in modo significativo la qualit dei servizi. D'altra parte, hanno affrontato
le accuse di concorrenza nonloyal. Data la formula di nuova gestione, lo stato in diretta
concorrenza con le agenzie private di reclutamento, si crea la regola del gioco ed un oggetto
di proprie regole allo stesso tempo.
Gli intermediari privati sono consapevoli della maggiore attrattiva che lo Stato sar
sempre esercitano sulle persone disposte a trovare un lavoro sicuro all'estero. Secondo
l'Ufficio di (ufficiale) statistiche, fino all'agosto 2004 circa 97.500 persone hanno ottenuto
contratti legali via OLFM. Tra le mete pi richieste intermediati da OLFM sono la Spagna e la
Germania. Perch lo Stato rumeno ha ricevuto numerose denunce relative alla mancanza di
rispetto da molti datori di lavoro stranieri per quanto riguarda lo stipendio medio, il numero di
ore di lavoro e l'accesso alle assicurazioni nazionale, il governo ha deciso che un solo istituto
occorre fare di pi. Pertanto, il Dipartimento del Lavoro all'estero stata costituita nell'agosto
del 2004.
La nuova istituzione coordinata dallo stesso Ministero del Lavoro, della Solidariet
Sociale, e della famiglia e tra i suoi compiti principali sono il miglioramento delle tutele
sociali ed economiche per i cittadini rumeni che lavorano all'estero, la costruzione di una rete
efficace composta da osservatori, le organizzazioni delle comunit rumene e ambasciate
all'estero, e la garanzia di un rapporto permanente tra i migranti e le istituzioni rumene.
Secondo le dichiarazioni ufficiali, DLA saranno coinvolti, insieme alle istituzioni non
governative come Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, Missione Bucarest, in
varie campagne mirate ad accrescere la consapevolezza dei rischi impiegate da accordi illeciti
durante la migrazione. I DLS stato annunciato con entusiasmo da diversi attori politici
rumeni come istituzione indispensabile che sar in misura maggiore sono impegnati nella lotta
violazioni dei diritti umani tra i lavoratori rumeni all'estero.
Insieme con i tentativi compiuti dallo stato rumeno, al fine di dimostrare che si prende
cura dei migranti rumeni, ci sono varie istituzioni informali composti da strutture
organizzative volte a facilitare la migrazione. Anche se la grande diversit di tali istituzioni
in grado di scoraggiare qualsiasi tentativo di sistematizzazione, dobbiamo notare che queste
strutture sono costruite sulla capacit delle persone di partecipare alle reti sociali, la
15

solidariet comunitaria, la debolezza dello stato (la corruzione, la corruzione, il clientelismo ,


vuoti istituzionali) di essere i principali fattori che spingono le persone verso accordi
informali. Al fine di eludere le imperfezioni delle istituzioni dello Stato, la gente ha cercato di
trovare le soluzioni pi idonee ai loro problemi. Fino al 1 gennaio 2002, i visti per turismo
sono stati necessari per consentire alle persone di andare all'estero.
Dal momento che le ambasciate ei consolati hanno procedure molto complesse e le
restrizioni, coloro che sono disposti a lavorare all'estero ricorso a fornitori informali di visti
che apparvero senza indugio nei primi anni 1990. Cos, un altro vantaggio garantito da
accordi informali la flessibilit. Tuttavia, il denaro necessario per "nero" visti per la Spagna,
la Germania o altri paesi lontani rappresentato una notevole quantit di risparmio per una
famiglia media rumena. Il costo per i cosiddetti "neri" Visti era di circa 1.000-1.500 euro. Le
strategie basate su altre soluzioni hanno comportato una grande quantit di assunzione di
rischi. Durante il nostro lavoro sul campo molte persone hanno lamentato di essere stati
imbrogliati, spiegando come stavano pagando i soldi ma non ha ricevuto un visto.
Altre forme di istituzioni che facilitano la migrazione verso i paesi Schengen sono le
reti sociali di prestito di denaro o di usura. Una grande quantit di evidenze di strategie di
prestare denaro ai fini della migrazione stato raccolto dalle zone sia rurali che urbane. Tra i
gruppi sociali coinvolti in queste reti si possono citare la famiglia e gli ambienti di parenti
stretti, vicini, o usurai professionali che raccolgono l'importo prestato la met pi del prestito
come l'usura. Ad esempio, basandosi su questi "contratti" con gli usurai professionali una
strategia generalizzata di partenza in un villaggio della contea di Harghita, dove quasi ogni
adulto ha lavorato in Ungheria negli ultimi 15 anni.
Un altro caso interessante quello degli immigrati in Spagna o in Italia che prestano
denaro ai vicini, parenti e altre persone residenti nello stesso paese o citt che desiderano
migrare. Forse l'istituzione pi visibile informale, riconosciuto come tale anche dagli agenti
dello Stato, quello delle imprese di trasporto. Cercando di raggiungere la loro destinazione il mercato 'nero' del lavoro dei diversi paesi occidentali - coloro che sono interessati sono
aiutati da persone diversamente benevoli, in particolare, il trasporto o aziende turistiche, che
sotto la pressione di alti profitti a breve termine, dare ai passeggeri la quantit di denaro
necessaria presso l'ufficio doganale.

16

2.Rumeni e emmigranti nel contesto della libera circolazione


L'emigrazione rappresenta la classica sotto forma di movimento migratorio della
popolazione, caratterizzato da flussi in entrata-uscita finali che coinvolgono il cambiamento
della residenza o del domicilio. Nel corso dei secoli precedenti ha rappresentato la principale
forma di circolazione esterna, ma al giorno d'oggi e soprattutto in futuro destinata a perdere
la sua intensit e la forma predominante di migrazione sar la migrazione di lavoro
temporanea.
Prima della caduta del muro di Berlino per le migrazioni dalla Romania si sono un
totale di 300.000 persone, per lo pi appartenenti alle minoranze tedesche ed ebraiche, dopo il
1989 i flussi sono aumentati in modo significativo, inizialmente ai paesi vicini e poi a pi
ampio raggio, fino a coinvolgere in maniera massiccia al le donne e gli abitanti del villaggio.
Il ritmo dell'esodo in crescita, sostenuta principalmente da vincoli di parentela e reti di
amicizia, nonostante l'inasprimento dei criteri stabiliti a livello normativo per i viaggi
all'estero (assicurazione medica, biglietto di ritorno, valuta estera) e gli accordi bilaterali
firmati dalla Romania per facilitare il rimpatrio degli immigrati clandestini. Nel 2007, in
coincidenza con l'accesso formale nell'Unione europea di Romania e Bulgaria, le politiche
restrittive di quasi tutti i paesi europei hanno proposto il contenimento di questi flussi.
All'inizio del 2006 erano pi di 1 milione di romeni che lavorano nella UE, con importanti
insediamenti in Spagna e Italia: due anni dopo questi paesi rimangono ancora i poli principali,
mentre il numero di residenti rumeni (e lavoratori) aumentato a circa due milioni. Secondo
la Fondazione Soros Romania ogni tre famiglie e il 23% degli adulti sono stati nel processo di
emigrazione, e vivere, nel 50% dei casi in Italia e un quarto dei casi in Spagna.
La corrente sicuramente una situazione di transizione. Molti emigrati romeni, che
stato chiesto di un possibile ritorno risposto che sarebbero disposti a tornare a casa in certe
condizioni economiche, ed in effetti ci sono quelli che tornano con ulteriori conoscenze
professionali. Tuttavia, coloro che si stabilirono in Europa occidentale e desiderano tornare,
soprattutto per coloro che si sono stabiliti in Italia, dire che questa non una prospettiva a
breve termine, considerando il modo in cui l'economia rumena un problema di migrazione
developing.The, derivare per gli anni passati si un problema, ha anche a che fare con la
etnicity Roma che causa problemi come burgleries, furto, mendicanti o persone senza fissa
dimora che vivono sulle streets.Is anche fonte di confusione per i cittadini stranieri il fatto che
non esiste una chiara delimitazione tra le minoranze rumene e romeni che scelgono di vivere,

17

studiare o lavorare allestero. Molti dei conflitti che sembravano avuto conseguenze per
l'intera comunit della diaspora e anche aiutato i politici locali nella loro campagna elettorale,
perch il messaggio elettorale principale era contro gli immigrati, cosa che ha portato ad una
risposta di sostegno da parte del popolo italiano.
Il numero di emigranti in Romania nel periodo 2001-2002 era vicino a quello degli
anni 1975-1976, ma le ragioni di emigrazione e l'accesso al emigrazione erano diverse.
L'evoluzione di emigrazione in questo periodo di tempo caratterizzato da variazioni di
intensit e direzioni, con modifiche spettacolari di tutto il 1990. Flussi migratori sono eventi
che possono essere classificati in fasi:
- Il declino economico negli anni '80 ha generato un progressivo aumento, ma
piuttosto piccola nel numero di coloro che legalmente hanno lasciato il paese. Allo stesso
tempo il numero delle domande di emigrazione aumentato costantemente, ma il pi delle
volte non sono stati concessi. Allo stesso tempo, i tentativi di attraversare illegalmente il
confine, al fine di emigrare sempre pi numerosi.
- Intorno al 1990 i flussi in uscita sono stati i pi importanti perch comprendeva
anche le persone che, per vari motivi, rinviato la loro emigrazione (volontariamente, ma pi
spesso obbligatoriamente). La motivazione per l'emigrazione stata particolarmente centrata
sul criterio del ricongiungimento familiare, o di appartenenza a un determinato gruppo etnico
o religioso.
- Nel corso degli ultimi 22 anni, come la libert di viaggiare all'estero o la possibilit
di soggiornare all'estero per lavoro, un periodo di tempo sono aumentati, il numero di
emigranti permanenti ha ridotto in modo continuo. Va ricordato che la riduzione
dell'emigrazione associata alla possibilit alternativa di scegliere forme di migrazione
temporanea (una forma pi attraente e facile della migrazione).
L'emigrazione durante il periodo di transizione ha avuto un'evoluzione oscillante con
una tendenza di ridurre progressivamente il numero totale. Le ragioni della migrazione sono
diverse, cos come la distribuzione territoriale dei flussi principali. La tendenza generale
stato quello di conversione da migrazione su motivi etnici con certa origine e destinazione
centri di concentrazione, ad una migrazione pi motivazionale diversificata, di una pi ampia
distribuzione sul territorio, associato con le preferenze destinazione cambiando.

Secondo i criteri menzionati, le principali tappe / stadi sub di emigrazione pu essere il


seguente:

18

- 1990-1993, la fase di etnia e di appartenenza religiosa, quando la migrazione si sono


concentrati sul ritorno della popolazione tedesca e ungherese per i paesi dei loro antenati
vicini e lontani e / o il ricongiungimento familiare. I flussi originati dalle aree di interesse
etnico e alla deriva verso la Germania e Ungheria, da un lato e dall'altro il rimpatrio della
popolazione Ebreo luogo. Un "risveglio" dei gruppi religiosi sono verificate anche, sia nei
paesi di origine e in quelli di destinazione. E 'il caso dei protestanti Neo che in tal modo
stimolano i viaggi dei rumeni;
- Dopo il 1994, la fase della prevalenza di rumeni migrazione. Il criterio etnico
dissoluted, da un lato a causa della notevole riduzione del numero di popolazione di etnia e
d'altra parte, poich la migrazione definitiva sostituito dal circolatorio uno, il che significa
che ci sono alcune persone che viaggiano spesso tra la Romania e il paese "materno". La
motivazione per l'emigrazione dei romeni vario-economico, sociale, politico, ma la maggior
parte l'emigrazione giustificata dalla differenza di reddito e di affermazione professionale /
successo.

Figure 3

Source: processing of N.I.S. data

Secondo i gruppi di et, coloro che tendono a lasciare sono le persone con le maggiori
opportunit di affermazione professionale:
- Un rapporto significativo e crescente degli emigranti 26-40 anni , il che significa circa il
48,7% nel 2002 e del 51% nel 2003, persone gi formate, con il pi alto potenziale di
innovazione

di

lavoro,

che

sono

pi

adattabili

pi

mobile.

- Un rapporto di diminuzione fino al 2001 degli emigranti 18-25 anni (25,06% nel 1992,
circa il 16% nel 1995-6, circa il 10% nel periodo 1998-2000, 9,4% nel 2001), seguita negli

19

ultimi 2 anni da un aumento al 12,62% nel 2002 e 13,4% nel 2003, i laureati o frequentare
l'ultimo anno scolastico, con certe prospettive e potenzialit del lavoro e creativo.
- Aggiungiamo anche il fatto che circa l'11% degli emigrati sono tra i 41 ei 50 anni e che
rappresentano una forza lavoro attiva, il cui potenziale produttivo pu essere ancora usato.

Figure 4

Source: based on N.I.S. data


Le mete principali dell'emigrazione legale permanente dopo il 2000 sono stati l'Italia,
Germania, Canada e Stati Uniti. Rispetto al periodo precedente (1990-1999), c' stata una
diminuzione significativa delle preferenze per la Germania e l'Austria, accompagnato da un
aumento importante per l'Italia.

20

La struttura
di

emigranti

al

livello di istruzione
visto cambiamenti
importanti
lungo

sul
termine.

Dopo un climax di
oltre il 49% nel
1990, il peso delle
persone

con
istruzione

elementare

diminuito del 5%
nel 2000 e 9,7%
nel 2005, mentre il
peso delle persone
con

la

scuola

superiore

dell'istruzione
scolastica post alto aumentato in modo allarmante (53,77% nel 2005), cos come quella
delle persone di istruzione superiore (26,38% nel 2005).

21

Il fatto che l'emigrazione in questo momento pi influenzata da criteri di


affermazione professionale e redditi pi vantaggiose, che i fenomeni di fuga dei cervelli sono
validi per i flussi con i paesi aumentato le possibilit di ricerca stata confermata dalle pi
recenti evoluzioni. Cos, al livello del 2002, la maggior parte degli emigranti che andavano in
Canada e negli Stati Uniti erano laureati e la fascia d'et prevalente stata quella di 30-34
anni. Per quanto riguarda le persone che hanno lasciato per la Germania, anche se erano per lo
pi diplomati, la loro et varia in media tra 25-29 anni, fatto che pu essere classificato come
l'emigrazione, con l'obiettivo di realizzare l'istruzione scolastica e / o con l'obiettivo di
l'occupazione in settori ad alta qualificazione (informatica etc), nel qual caso giovane et pu
essere notato.

Figure 5 Emigrants by level of education

Source: Romanian Demographic Yearbook, 2006

22

3.Forestieri, immigrati in un paese nel processo di sviluppo


All'inizio del 1990 la Romania aveva un livello relativamente modesto di
immigrazione. Coloro che emigrare in Romania in questo periodo erano per lo pi
imprenditori, in particolare dalla Turchia, il Medio Oriente (Siria, Giordania) e China.16
Entro il 1996 solo alcune centinaia di stranieri era stato rilasciato permessi di lavoro, entro la
fine del 2000 questo numero era cresciuto fino a 1,580.17 da allora il numero di stranieri con
permessi di lavoro aumentata, da 3.678 nel 2005 a 7.993 al fine del 2006. L'aumento del
numero di lavoratori stranieri attribuita alla ripresa economica della Romania e in parte per
l'apertura del mercato del lavoro della Romania nel contesto di adesione all'UE del Paese.
A partire dal 2004, il mercato rumeno del lavoro ha iniziato a espandersi, e nel 2006
alcuni settori (ad esempio le industrie dell'abbigliamento e delle costruzioni) stavano
affrontando la carenza di manodopera. Fu in queste circostanze che gli imprenditori hanno
iniziato ad importare lavoratori stranieri. Nel 2006 i principali paesi di origine dei lavoratori
stranieri erano la Turchia e la Cina. Un totale di 82% della forza lavoro straniera in Romania
era maschile e il 63% sono stati registrati nella capitale Bucarest e le zone circostanti. Data la
crescita futura prevista della domanda di lavoro (e l'invecchiamento della popolazione
rumeno), si prevede che lo stock di lavoratori stranieri integrati nel mercato rumeno del lavoro
potrebbe raggiungere le 200.000 unit - 300.000 nel periodo 2013-2015.
Per quanto riguarda il futuro, le autorit rumene si aspettano un notevole aumento
dell'immigrazione. stato stimato che tra il 2007 e il 2010, 15.000 a 18.000 gli immigrati
arriveranno in Romania annualmente. Questa previsione sulla base di aumento dello scorso
anno degli stranieri residenti in Romania era parzialmente vero, considerato il numero di
studenti o di lavoratori provenienti dal continente asiatico.

L'immigrazione dalla Repubblica di Moldova


A partire dalla seconda met degli anni 1990, l'immigrazione dalla vicina Repubblica
di Moldova aumentato notevolmente. Basandosi su legami storici, 21 processi di mobilit
tra i due paesi sono stati enormemente potenziati dalla legge 1991 la cittadinanza rumena, che
praticamente definito la migrazione dei cittadini moldavi come una forma di rimpatrio, che
prevede che i discendenti di ex cittadini rumeni in grado di "riacquistare la cittadinanza
rumena da richiedere, anche se hanno un'altra cittadinanza e che non risolvono il loro
domicilio in Romania. "22 si stima che, come conseguenza di questa legge da sola, pi di
250.000 cittadini moldavi potrebbe aver ricevuto la cittadinanza rumena durante il 1990. In

23

queste circostanze, i numeri potrebbero sottorappresentare moldavo immigrazione in


Romania, dal momento che molti moldavi si sono trasferiti in Romania come cittadini rumeni
(e quindi potrebbero non apparire nelle statistiche come parte della popolazione immigrata).
Sembra che l'immigrazione dalla Repubblica di Moldavia non ha raggiunto la sua fine; una
continuazione di questo movimento (o anche un aumento del suo volume) non pu essere
esclusa.
Una delle novit principali introdotte dalla legge del 1991 sulla cittadinanza stata
che ha permesso per la doppia cittadinanza e ha reso per le persone (ei loro figli) che hanno
perso o sono stati costretti a rinunciare alla loro cittadinanza rumena in diverse circostanze
storiche a riacquistare. Questa misura ha spianato la strada per il rimpatrio di una variet di
gruppi, come gli ex emigranti legali e irregolari che hanno volontariamente rinunciato alla
loro cittadinanza e gli ex cittadini rumeni che sono stati privati della cittadinanza a causa della
ridefinizione dei confini. Ci che rende interessante questa procedura non solo il fatto che
chi ne ha diritto possono mantenere la cittadinanza loro possesso prima del rimpatrio, ma che
essi sono esentati dal requisito di residenza permanente che in caso contrario si applica ai
richiedenti la cittadinanza. In altre parole, coloro riacquistare la cittadinanza non sono tenuti
ad essere legalmente residenti in Romania al fine di applicare.
Nel caso di stranieri che vogliono ottenere la cittadinanza rumena per
naturalizzazione, residence sostenuto un requisito fondamentale. Le persone sposate con
cittadini rumeni devono aver risieduto in Romania ininterrottamente per cinque anni prima
dell'applicazione; tutti gli altri devono avere otto anni di rapporti residency.The ultimi
ininterrotte dal Ministero della Giustizia, che si occupa dei problemi connessi con
l'acquisizione e riacquisto cittadinanza rumena , mostrano che il numero di domande di
riacquisto e la naturalizzazione diminuito. Questo particolarmente vero per le domande di
naturalizzazione a partire dal 2000.

All'interno della nostra valutazione, all'inizio faremo riferimento alla immigrazione


permanente. Nel 1991 (primo anno in cui le statistiche nazionali hanno registrato tali dati) il
numero degli immigrati permanenti pari a 1602 persone, e la tendenza successiva stata
quella di aumentare, con alcune variazioni da un anno all'altro. Tra il 1991-2002, il pi alto
numero di immigrati stato registrato nel 1998 (11907 persone, cio la gente 80,4% in pi
rispetto all'anno precedente e 7,4 volte il valore del 1991). Tra il 1999-2001, l'immigrazione
stata regolata ad una quota approssimativa annua di 10000-11000 persone, nel 2002 una
nuova riduzione del numero di immigrati stata istituita (una differenza di 36,4 punti
24

percentuali in meno rispetto all'anno precedente), fino a 6582 persone, un numero che rimane
ad una quota decisamente superiore a quella dell'anno in cui la registrazione statistica di
questo fenomeno stato avviato (4,1 volte pi grande).
La struttura del genere immigrazione permanente era soggetto a variazioni importanti
da un anno all'altro, durante l'intervallo analizzato. Anche se inizialmente (nel 1991) il
numero delle donne stata schiacciante (63,7%, rispetto al 36,3%, la percentuale
corrispondente al numero degli uomini), questa caratteristica era 49 poi non pi valido, e
l'immigrazione maschio diventato e continua a essere di maggioranza durante tutti gli altri
anni dell'intervallo 1991-2002. La pi bassa percentuale di donne a partire dal numero totale
degli immigrati stato registrato nel 1996 (35,7%), quando gli uomini rappresentavano il
64,3% del totale. Ma si pu apprezzare che la distribuzione dei flussi genere immigrati era
generalmente ben equilibrata, come durante le donne intero periodo rappresentato 46,7% del
totale e uomini rappresentato 53,3%.

Figure 6 Immigrants distribution by gender

Source: N.I.S. data

La struttura degli immigrati, secondo il loro livello di istruzione visto piccole


modifiche rispetto a quella degli emigrati. Il cambiamento pi importante l'aumento di oltre

25

il 12% del peso degli immigrati con il liceo e la scuola post alto, che ha raggiunto quasi il
44% del totale nel 2005.
Gli stranieri che
hanno ottenuto residenza
temporanea

permanente in Romania
preferito

le

contee

economicamente
sviluppati,
centri
maggior

cos

come

universitari.
parte

La
degli

alieni erano, nel 2007,


nel comune di Bucarest
(17.132), seguita dalle

Figure 7 Immigrants by education

contee di Timis (3403),


Cluj (3332) e Iai (3158).

Source: Romanian Demographic Yearbook, 2006


Anche

negli

anni

precedenti, la regione di
Bucarest-Ilfov sicuramente
dominato la gerarchia delle
preferenze

di

immigrati

lontano dalle altre regioni


del paese.

Secondo
disponibili,
origine
sono

degli

i
paesi

di

immigrati

principalmente

continente

dati

dal

europeo.

Rispetto al numero totale di


coloro che sono arrivati nel
1994, la maggior parte di

26

loro erano nativi della Germania (228 persone, rispettivamente il 26%), Austria (12151
persone, rispettivamente, 13,8%), Francia e Stati Uniti (79-80 persone provenienti da ciascuno
dei loro, rispettivamente al 9%), Moldova (62 persone, 7,1%), Ungheria (60 persone, 6,8%) e
Israele (31 persone, 3,5%). Quell'anno, gli immigrati provenienti da altri paesi
rappresentavano il 24,7% del totale. A partire dal 1995, la Repubblica di Moldova il paese
principale fonte di immigrazione rumena, e successive al 1997, la sua quota ha rappresentato
pi del 75% del numero totale.
Fatta eccezione per questo paese, durante la prima met dell'intervallo preso in
discussione, parti rilevanti (oltre il 10%) erano quelli di Germania, Francia e Austria nel 1995
e nel 1996, e nel 1997 solo la Francia rimasta in questa categoria. Dopo il 1998, nessun altro
paese hanno portato un importante contributo alla fornitura di immigrazione verso la
Romania. Durante tutto l'intervallo 1994-2006, il 69,2% degli immigrati provenivano dalla
Repubblica di Moldova, 5,1% dalla Germania, il 4,3% dalla Francia, tra il 3,1% 2,9% dagli
Stati Uniti, Austria e Ungheria, 1,4% da Israele, e il 10,9% da altri paesi.

Bucarest stata la principale destinazione degli immigrati. In ciascuno degli anni presi
in considerazione, almeno il 28% (1997) e massimo 53% (1999) di loro andato nella
27

capitale (in tutto il periodo 1992-2002, oltre il 41% degli immigrati). La regione nordorientale viene al secondo posto come destinazione preferita, dal momento che il 18,2% del
numero totale di immigrati che sono arrivati durante lo stesso periodo hanno scelto quella
zona. Nel 2001, questa regione occupava il primo posto (36,3%), outrunning Bucarest. La
regione nord-occidentale il terzo posto come area preferita (11,04% di coloro che sono
arrivati durante il 1992-2002). Inizialmente, la seconda posizione stata occupata dalla
regione occidentale, che era riuscito ad attirare pi di un quarto del totale nel 1994 ma, come
le caratteristiche dell'immigrazione cambiato, (per il fatto che il numero e la proporzione dei
nuovi arrivati dalla paesi di ovest Europa ridotto e l'immigrazione dalla Repubblica di
Moldova aumentato in misura maggiore), questa regione venuto ad occupare l'ultima
posizione, ma uno nel 2002 (5,58%). Durante l'intero intervallo questa regione si immesso sul
quarta posizione (10,07%). La quinta posizione occupata dalla regione sud-orientale, che ha
ricevuto 6,71% del totale cumulata degli emigranti, la sua quota presenta una leggera
tendenza di crescita verso la fine dell'intervallo. Il sud e sud-occidentali regioni sono state
meno colpite dai flussi di immigrati che sono venuti in Romania.
importante sottolineare il fatto che immigrati permanenti come viene indicato dalle
statistiche nazionali rappresentano solo una parte dei flussi di popolazione che hanno come
obiettivo un determinato paese. Un completo, immagine esauriente e preciso il fenomeno
migrazione in un paese, dovrebbe essere il caso sia di entrate o uscite, un desideratum
ideale, impossibile da realizzare, sia dagli analisti e dalle persone con il potere politico di
decisione. Gli studi riguardanti questo dominio operare con una moltitudine di indicatori
statici e dinamici, che molte volte si sovrappongono o parzialmente / totalmente convergono
verso la stessa categoria concettuale, ma non esiste la possibilit di stabilire una coincidenza
totale. Come l'attuale fase di sviluppo delle statistiche nazionali (anche nei paesi pi
sviluppati) non consente la quantificazione di tutti gli aspetti di reale interesse in questo
campo, di solito diventato comune l'uso di una serie di indicatori e fonti di informazione,
anche diverse. Abbiamo anche ritenuto utile ricorrere ai dati del censimento, che, anche se
solo fornendo una immagine statica, prende il vantaggio di fornire grafici di altissima
credibilit. (Ma va detto che anche questo metodo statistico considerato all'unanimit come il
pi vitale, non offre la garanzia di misurare una componente fondamentale della migrazione,
cio il illegale).
Se in generale il numero di cittadini stranieri in Romania varia in modo inversamente
proporzionale alla distanza tra il nostro paese e il paese di cittadinanza, la durata del
soggiorno sembra aumentare con il nuovo arrivato deve passare una distanza maggiore per
28

viaggiare dal paese nativo quello corrente. Cos, a seconda della durata del soggiorno, i
contingenti pi stabili sono stati rappresentati dai cittadini dei paesi asiatici, che, ad un tasso
del 92,5%, erano stati sul territorio della Romania per un periodo di tempo superiore a 12
mesi. Dallo stesso punto di vista, la seconda posizione stata occupata dai cittadini che erano
nativi di altri continenti che Europa e Asia. Brevi periodi di soggiorno (fino a tre mesi)
tendono a caratterizzare gli stranieri che sono nativi dei paesi che aderiranno all'UE nel 2004
(40,8%), quelli dagli attuali 15 (29,9%) e, in generale, gli europei. Eppure, valida per il totale
degli stranieri, un soggiorno pi lungo di 12 mesi pu essere notato per circa tre quarti di loro,
fatto che rappresenta un segnale possibile che l'intenzione di rimanere definitivamente nel
territorio del paese rappresenta una variante da adottare in considerazione, almeno per una
parte di essi.
Per quanto riguarda la localizzazione per zona (rurale / urbana) interessato, la
grande maggioranza degli stranieri concentrata nell'area urbana, indipendentemente dal loro
paese / zona di origine, il sesso o la durata del soggiorno. Nel complesso, 91,8% erano
nell'area urbana e 8,2 solo in quella rurale. Il numero pi basso nelle zone rurali quella di
cittadini provenienti da Asia (3%), da altri continenti Europa e Asia (5,3%) e l'Unione
europea (8,8%). Una preferenza superiore alla media per l'ambiente rurale (ma ancora di poca
importanza), si manifesta da parte dei cittadini stranieri provenienti da paesi europei che non
sono membri dell'UE (17%) e dagli altri 10 paesi che hanno recentemente aderito all'UE
(14,4% ). La pi alta percentuale di cittadini che si sono stabiliti in villaggi dimostrato nel
caso di quelli provenienti dai nuovi 10 Stati membri dell'UE ammessi i paesi, che dovrebbero
rimanere per 3-11 mesi (36,5%), cos come nel caso dei cittadini dei paesi europei al di fuori
della zona di allargamento dell'Unione europea e che risiedono in Romania per pi di 12 mesi
(20,3%).
A livello mondiale, si stima che nel corso dei prossimi 15 anni i flussi migratori
principali seguir tre direzioni principali:
- La migrazione verso gli Stati Uniti d'America e Canada, soprattutto da America
Latina, America Centrale e Asia;
- La migrazione verso l'Europa, con la sua fonte principale nel Nord Africa, Medio
Oriente, Asia, i paesi ex-comunisti dell'Europa orientale e Eurasia;
- Flussi migratori tra i paesi in via di sviluppo (di solito da meno a quelli pi
sviluppati), nelle aree del Sud America, Africa sub-sahariana, Medio Oriente, Asia, l'area del
Pacifico, gli ex-paesi comunisti.

29

In relazione alle ultime due direzioni, si pu menzionare che sicuramente implicano


anche Romania, ma sar molto pi difficile stimare la loro ampiezza, direzione e l'intensit.
Come paese di immigrazione, nel corso della sua storia della Romania stata sogetto all
arrivo di diversi flussi di popolazione straniera. Naturalmente, questi processi non hanno
manca nei momenti critici. Ma alla fine, nella misura in cui i nuovi arrivati non ha lasciato per
destinazioni pi lontane, sono stati relativamente ben integrati nel contesto sociale ed
economico locale, senza creare dissensi gravi e portando il proprio contributo alla cultura
nazionale. In generale, durante la seconda met del secolo XX tali eventi erano quasi
inesistente, e le poche eccezioni erano di ampiezza poco, principalmente come conseguenza
della politica di stato restrittivi, ma anche come conseguenza del contesto internazionale del
tempo. Ma dopo il 1990, i flussi migratori hanno (ri) iniziato a considerare un paese di
destinazione Romania. E 'vero che, a causa della loro ampiezza, sicuramente inferiore a quella
dell'emigrazione, non costituisce un motivo di preoccupazione.

30

4.Caso di studio:Rumeni in Italia


4.1.La collettivit romena: prima in Italia per numero di immigrati
I romeni, che in Italia erano appena 8.000 nel 1990, sono andati continuamente
aumentando, fino a diventare un milione circa allinizio del 2008: cento volte di pi nel
volgere di 17 anni. Essi si collocano al di sopra delle gi consistenti collettivit di albanesi e
marocchini e i loro flussi hanno per cos dire anticipato la formale adesione allUE: 150.000
su 700.000 domande presentate in occasione della regolarizzazione del 2002, 130.000 su
500.000 in occasione del Decreto Flussi del 2006.
Lunificazione del territorio comunitario e lo sganciamento dal sistema delle quote ha
reso pi agevoli i loro trasferimenti, senza che per questo regime giuridico pi favorevole li
abbia liberati dallo sfruttamento (lavoro nero, caporalato, discriminazione). Allinizio del
2007, su un totale di 3.690.000 stranieri regolari i romeni sono risultati 556.000 secondo la
stima del Dossier Caritas/Migrantes, per il 53,4% costituiti da donne. Aggiornata allinizio del
2008, la stima, basata sullutilizzo incrociato di tutti gli archivi disponibili, ipotizza la
presenza di 1.016.000 romeni (stima di massima), inegualmente ripartiti tra motivi di lavoro,
di famiglia e altre ragioni. Trattandosi di una stima di massima, non esclusa per motivi di
prudenza una diminuzione del risultato finale tra il 10% e il 15%. Bisogna, infatti, tenere
conto che nel corso del 2007 parte degli occupati pu essere rimpatriata, che i disoccupati in
parte possono sovrapporsi a quelli dellarea informale, che un certo numero di familiari
soggetto a essere conteggiato come occupato o anche in altre situazioni lavorative.
Anche se si trattasse di 850 mila persone, i romeni rimarrebbero di gran lunga la
prima collettivit, per giunta con una crescente tendenza alla stabilizzazione attestata
dallinsediamento familiare. Con circa 200.000 unit di romeni presenti troviamo il Lazio (la
provincia di Roma supera da sola le 100.000 presenze), con 160.000 la Lombardia, con
130.000 il Piemonte, con 120.000 il Veneto, con 80.000 lEmilia Romagna e la Toscana e, nel
Meridione, con 20.000 Abruzzo, Campania, Puglia e Sicilia. Al Sud laumento dei romeni (sia
maschi che femmine) stato in percentuale pi consistente, anche perch partiva da numeri
pi bassi rispetto ai contesti del Centro-Nord. Una presenza cos consistente e diffusa, come
gi avvenne per il Marocco e lAlbania, ha generato una sorta di sindrome da invasione, una
eventualit improbabile trattandosi di un paese caratterizzato dallinvecchiamento della
popolazione, dal buon andamento economico e dal forte bisogno di trattenere forza lavoro. Si

31

, invece, trascurato di riflettere sufficientemente sullapporto che i romeni assicurano al


Sistema Italia.

Source: data from Romanian Demographic Yearbook, 2006 and Romanian Statistical
Yearbook, 2007; NIS estimations for the year 2007
4.2.Lapporto dei romeni al sistema produttivo italiano
In Italia gli immigrati, allincirca 1 ogni 10 occupati, sono diventati una componente
strutturale e sempre pi rilevante del mercato occupazionale, in cui il tasso di disoccupazione
da anni in costante diminuzione: ormai sono gli immigrati a coprire i due terzi del
fabbisogno di nuova forza lavoro e i romeni stanno in prima fila. In effetti, ogni 6 nuovi
assunti stranieri 1 romeno: secondo stime, i romeni garantiscono l1,2% del PIL italiano
32

(Avvenire, 25.5.2008). Nonostante lalto livello di preparazione, essi trovano sbocco nei posti
meno garantiti e, perci, sottoscrivono in media 1,5 contratti lanno. Linserimento avviene
per un terzo nellindustria (notoriamente in edilizia), per la met nel terziario (assistenza
familiare, alberghi e ristoranti, informatica e servizi alle imprese) e per il 6,6% in agricoltura.
Laumento degli occupati registrati dallInail tra il 2006 e il 2007 stato eccezionale,
passando da 263.200 a 557.000, anche se solo in parte si trattato di nuovi venuti e in larga
misura di persone gi presenti in Italia ed emerse grazie alla normativa pi favorevole
derivante dalladesione allUnione Europea. Sono aumentati specialmente gli uomini (dal
51,7% al 54,1%), avendo molti di loro (70.000) fruito delle misure di emersione nel settore
edile (la legge 4 agosto 2006, n. 248, il cosiddetto pacchetto Bersani in edilizia); purtroppo,
contemporaneamente diminuito il numero di ore lavorate e sono aumentati i rapporti parttime, spia della maggiore diffusione del lavoro grigio.
La retribuzione loro corrisposta leggermente inferiore a quella media percepita dalla
totalit degli immigrati (10.042 euro nel 2004, secondo lINPS): le donne percepiscono il 40%
in meno rispetto agli uomini. Un buon numero di donne romene (pi di 1 ogni 4) lavora nel
settore dellassistenza alle famiglie ed tuttaltro che scontato che i loro rapporti di lavoro
siano del tutto emersi dopo lampliamento dellUE. vero, tuttavia, che le donne romene, in
misura ben pi consistente rispetto a quelle filippine o di alcune collettivit latino-americane,
sono inserite anche in diversi altri settori (come quello infermieristico, ad esempio).
Quanto al loro rapporto con il sistema previdenziale , bisogna riconoscere che i
romeni sono al momento marginali fruitori non solo delle prestazioni pensionistiche ma anche
delle prestazioni temporanee erogate dallInps. Invece, per quanto riguarda le prestazioni
assistenziali, un certo numero di accertamenti ha motivato il sospetto che parte dei lavoratori
neocomunitari (essi stessi o i loro familiari), complice la vicinanza dei paesi di origine,
possono incorrere in un indebito turismo sociale e fruire delle prestazioni assistenziali
(assegno sociale) sulla base di una residenza formalmente dichiarata ma non effettiva.

4.3.Un inserimento negato? La doppia faccia della questione


LUfficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR), che collabora con
lomologo romeno (CNCD) e con le associazioni dei romeni, sulla base delle segnalazioni
ricevute, ha tracciato un quadro delle pi ricorrenti situazioni di discriminazione e di disparit
che caratterizzano i romeni, i quali appaiono in realt pi vittime che untori:
- Diffusione di uninformazione tendenziosa sui fatti nei quali sono coinvolti i romeni;
- Mancanza di informazione, di assistenza legale e di formazione a beneficio dei romeni che
33

arrivano in Italia;
- Sfruttamento sul luogo di lavoro, specialmente nel settore edile, primato dei romeni negli
infortuni mortali e molestie sessuali subite dalle donne durante laccudimento;
- Perseguimento della sicurezza pubblica con atteggiamenti spesso intimidatori, come emerso
durante i controlli effettuati sul territorio;
- Riscontro di difficolt burocratiche e di atteggiamenti ostili tra gli operatori pubblici con
conseguente ostacolo ai romeni nella fruizione dei servizi sociali;
- Persistenza di specifiche difficolt al momento di procedere alle iscrizioni anagrafiche;
- Segnalazione di impedimenti che hanno ostacolato lesercizio del diritto di voto nelle
elezioni amministrative italiane del 2007 (qualche comune ha addirittura preteso una
traduzione legalizzata della parola Bucaresti, nome romeno della capitale).
Contrariamente a quanto spesso si pensa, la vita quotidiana dei romeni non facile e
numerosi sono gli aspetti problematici. Secondo gli studi del CNEL sullintegrazione, e gli
approfondimenti in corso tramite lutilizzo di indici differenziali per misurare il trattamento
riservato agli immigrati, questi ultimi, nei contesti regionali pi sensibili, arrivano al massimo
al 60% degli standard di inserimento socio-lavorativo rilevati tra gli italiani, per cui si ben
lontani dallassicurare pari opportunit. Merita anche ricordare che, al momento dellentrata
in vigore della legge 40/1998, le spese per lintegrazione erano pari a quelle per la
repressione, mentre gi nel 2004 il rapporto era diventato di 1 a 4 e ultimamente lapposita
Fondo per linclusione sociale andato ulteriormente depotenziandosi. Questo trattamento
differenziato, unito ad atteggiamenti di ostilit (si pensi alle difficolt che si incontrano per
ottenere una casa in affitto con regolare contratto), pu portare i romeni a chiudersi
nellambito delle reti familiari o dei connazionali.
Per giunta, molto spesso si tratta di famiglie smembrate, e quindi in maggiore
situazione di disagio. Secondo unindagine della Fondazione Soros sarebbero ben 170.000 i
bambini romeni che hanno almeno un genitore allestero: si tratta, in un caso su due, del
padre, in un caso su tre della madre e in un caso su cinque di entrambi i genitori. I figli, per
poter rivedere i propri genitori, devono aspettare fino a quattro anni con gli inconvenienti
affettivi facilmente immaginabili: migliaia di madri sottratte alle loro famiglie, figli affidati ai
nonni, altri ragazzi messi in orfanotrofi. Sono costi umani non trascurabili che gli immigrati
romeni pagano.
4.4.Nel futuro, Romania e Italia paesi di immigrazione
Nel futuro lItalia senzaltro continuer ad essere un grande paese di immigrazione, ma
tutto lascia intendere che anche la Romania subir una profonda trasformazione in tal senso.
34

Gi nel passato la Romania stata un paese di immigrazione. Tra la fine dell800 e la


seconda guerra mondiale vi si trasferirono 130.000 italiani, in varie ondate per lo pi a
carattere temporaneo: molti di questi lavoratori venivano chiamati le rondini (in friulano
golondrinas) perch, per evitare le pause morte, facevano la spola seguendo lavvicendarsi
delle stagioni e cos potevano curare anche le proprie terre e mantenere i legami con la
famiglia. Oltre che di friulani (in prevalenza), si trattava anche di veneti e di trentini.
Erano lavoratori della pietra o del legno (segherie), tagliaboschi, piccoli impresari edili
(Baumeister), agricoltori, muratori, scalpellini, tagliapietre e minatori. Nel complesso, gli
italiani diedero un grande contributo allindustrializzazione della grande Romania ed erano
cos apprezzati da ottenere salari pi vantaggiosi e riuscire a mettere da parte risparmi
consistenti. I nostri impresari riuscirono ad aggiudicarsi numerose commesse in vari settori e
specialmente nella costruzione della Transiberiana: nel 1845 erano italiani 23 dei 116
ingegneri occupati presso la Compagnia ferroviaria romena, mentre furono 2.000 gli operai
italiani impiegati per la costruzione del ponte ferroviario di Cernavoda.
Alla fine del secondo conflitto mondiale rimasero in Romania soltanto 8.000 italiani; poi con
il regime comunista, il cambio della moneta e la nazionalizzazione, le loro fatiche vennero
vanificate e per legge dovettero diventare cittadini romeni, privati dellassistenza religiosa
(solo nel 1967 stata riaperta la chiesa italiana di Bucarest). La nuova Costituzione ha
riconosciuto agli attuali emigrati italiani (3.288 secondo il Censimento romeno e circa il
doppio secondo gli studiosi) lo status di minoranza etnica e il diritto di eleggere un proprio
parlamentare. Ad essi si sono aggiunti i nuovi imprenditori. In questa fase la Romania sta
conoscendo unevoluzione per molti aspetti simile a quella italiana dei decenni scorsi e, pur
continuando a essere paese di consistente emigrazione e dopo essere gi divenuta area di
passaggio, si sta trasformando in area di immigrazione e quindi anche di insediamento stabile.
Attualmente sono circa 130.000 le persone nate allestero che vivono in Romania,
concentrate nelle citt e, in particolare, a Bucarest; altre 300.000 ne sono previste entro il
2013. La penuria di manodopera sta portando a reclutare non solo i lavoratori dei paesi vicini
(ucraini, moldavi, serbi), ma anche quelli di lontani paesi asiatici (bengalesi, pakistani,
indiani) come anche immigrati della Cina, con la quale c una linea area diretta. LItalia e la
Romania sono, gi attualmente e ancor di pi in prospettiva, due paesi meno distanti di quanto
si creda, tanto pi che una significativa presenza lavorativa romena insediata in Italia e una
ignificativa presenza imprenditoriale italiana opera in Romania. La collettivit romena in
Italia ha vuto anche i suoi aspetti problematici, ma tempo di considerarla nella ua sostanza
pi valida, e cio di sostegno al sviluppo e di legame tra i due paesi.
35

5. L 'impatto di emmigrazzione
L'impatto economico della migrazione di manodopera sulla Romania non ancora
stato valutato in termini globali. E 'solo certo che il volume delle rimesse aumentato
costantemente fino al 2007. Nel 2002, il volume delle rimesse stato stimato in circa USD
1,5-2000000000, 40, Romania 23 posti nella lista dei primi 30 paesi in via di sviluppo con il
pi alto volume di rimesse ricevute in quel periodo. Recenti rapporti indicano che, da allora, il
volume delle rimesse quasi triplicato: la Banca Nazionale di Romania ha riferito l'importo
record di EUR 2.006,42 per 4,8-5300000000 Sembra che gran parte di questo denaro va verso
l'aumento del tenore di vita complessivi di famiglie migranti, e solo una piccola parte viene
investita in attivit imprenditoriali. Al di l degli aspetti economici positivi per le famiglie, il
coinvolgimento diffuso dei rumeni in migrazione della manodopera ha diverse conseguenze
negative, in particolare sulla vita delle famiglie colpite.
Forse la questione pi problematica l'abbandono temporaneo dei minori dai loro
genitori lavoratori migranti. All'inizio degli anni 1990, solo un membro della famiglia tende a
migrare, il che significa che solo un membro della famiglia (di solito il padre) era assente. Da
allora il numero di donne impegnate in migrazione della manodopera aumentato. Ora
comune per le coppie di migrare, lasciando i figli minori alle spalle, senza la diretta
supervisione dei genitori. Questi bambini non sono necessariamente abbandonati, anzi, i ruoli
genitoriali siano assunti da parenti, vicini o amici. Tuttavia, la mancanza di diretta
supervisione dei genitori ha portato ad un aumento dei problemi sociali tra i bambini e gli
adolescenti, e le autorit incaricate della protezione dei bambini sono stati costretti a
formulare politiche per monitorare la situazione. Alla fine del 2006, circa 60.000 bambini
sono stati identificati dall'Autorit nazionale per la tutela dei diritti dei bambini come a
rischio, perch uno o entrambi i genitori lavoravano all'estero, in un terzo (21.400) di questi
casi, i bambini erano stati privati di entrambi i loro genitori.
Ultimamente la diaspora rumena diventato un problema sempre pi importante
nell'agenda politica. Dal momento che i voti e gli invii di diversi milioni di conteggio persone,
i politici e le autorit hanno iniziato ad affrontare il problema di come influenzare e rafforzare
la diaspora rumena. L'enfasi principale di queste azioni politiche sull'identit e la
riproduzione culturale (compreso il supporto per l'insegnamento delle lingue rumena all'estero
e le sovvenzioni per attivit culturali e pubblicazioni).

36

Un reparto specializzato dell'amministrazione centrale (attualmente chiamato il


Dipartimento per le relazioni con i rumeni all'estero) stato operativo dal 1998, e nel 2006
una legge che preveda le condizioni alle quali l'organizzazione e le attivit della diaspora sono
da finanziare stata approvata. Nel 2006 il reparto ha offerto sostegno finanziario a 145
progetti, l'equivalente di 3,2 milioni di euro.
Tra gli ultimi sviluppi nel campo delle politiche della diaspora, va notato che i rumeni
che lavorano all'estero sono ora viste non solo come elettori o potenziali promotori della
cultura rumena, ma come una offerta di lavoro che pu aiutare a superare le carenze di
crescita nei settori del rumeno mercato del lavoro. All'inizio del 2007 una speciale
commissione interministeriale dell'amministrazione centrale, presieduto dal Primo Ministro,
stato istituito con lo scopo di redigere una serie di misure per favorire il ritorno dei migranti
del lavoro rumeno abroad.Since allora, il processo emmigration proseguito anche in un ritmo
pi vigile.

37

6.Conclusioni
La Romania stata, ed tuttora, principalmente un paese di origine (e in qualche
misura un paese di transito) per la migrazione irregolare. Pratiche irregolari (che attraversa la
frontiera verde, residenza in vari paesi, senza adeguati forme giuridiche, ecc) diventato
popolare sotto il regime comunista, quando vie di migrazione legale erano piuttosto limitate,
sia per i rumeni e per la maggior parte dei cittadini stranieri che viaggiano attraverso la
Romania. Tuttavia, anche dopo la caduta del comunismo, l'immigrazione dalla Romania era
nettamente irregolare, come la maggior parte dei paesi occidentali europei hanno imposto i
visti di ingresso per i cittadini rumeni, rendendo l'accesso legale a questi paesi piuttosto
difficile. Questo nel frattempo ha cambiato, e programmi di regolarizzazione, come quelli in
Italia, hanno dato molti lavoratori migranti con lo status di cittadinanza rumena di residenza
legale e l'accesso al mondo del lavoro in alcuni paesi di destinazione. Tuttavia, si stima che un
numero considerevole di lavoratori migranti irregolari rumeni erano ancora nel 2011, forse
incoraggiati dalla prospettiva di periodiche campagne di regolarizzazione.

38

Bibliografia

Arbore Popescu, Grigore, DallAdriatico al Mar Nero: veneziani e romeni,


tracciati di storie comuni, CNR, Roma, 2003

Biagini,Antonello, Storia della Romania contemporanea, Milano, Bompiani, 2004

Gaspari ,Oscar, Una comunit veneta tra Romania e Italia (1879-1940), in Studi
Emigrazione, n89/1988

Lazaroiu, Sebastian ,European Commission Project, Migration trends in selected


applicant countries. Vol. IV Romania: more out than in at the crossroads between
Europe and Balkans, 2003

Ricci, Antonio, Emigranti italiani in Romania in: Studi Emigrazione n159/2005

Ricci, Antonio,I flussi migratori tra Romania e Italia nel nuovo scenario europeo,
Studi emigrazione n147/2002

Sartori, Paolo, A che serve la Romania 2006- Limes, n2/2006

Vlase, Ionela, Les femmes roumaines migrantes et le travail domestique en Italie


(testo francese, pubblicato in : Studi Emigrazione, n3/2006 (in lingua italiana)

www.caritasitaliana.it

www.insse.ro

www.stranieriinitalia.it

http://epp.eurostat.ec.europa.eu

39