Sei sulla pagina 1di 32

Universit degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica


A.A. 20013/2014 I Periodo di lezione

Corso di:
Sperimentazione e Collaudi
Docente: Ing. Carlo Alberto Rinaldini

Le Misure di Velocit e Portata dei fluidi


A cura di:
Ing. Carlo Alberto Rinaldini e Prof. Enrico Mattarelli
Le Misure di Velocit e Portata

GENERALIT SULLE MISURE DI VELOCITA

La distribuzione spazio-temporale
della velocit del fluido operatore
allinterno di una macchina (motore
a combustione interna, turbina,
pompa, ecc.) ha uninfluenza spesso
fondamentale sulle sue prestazioni.

Le misure non devono introdurre


alterazioni significative nel campo di
moto.

Per la ricostruzione precisa del


campo di moto inoltre importante
la risoluzione spazio-temporale
(misure ad intervalli ravvicinati)

Campo di moto nel cilindro di un


motore a 2 tempi.

Le misure di Velocit e Portata

Misure di portata e di velocit

Per misurare la portata un volume o la velocit di un fluido (sono strettamente legate) si possono usare
numerosi strumenti con principi di funzionamento diversi, ognuno ha differenti applicazioni a seconda
dei casi:
a) Tubo di pitot misura la pressione dinamica che legata alla velocit del fluido.
b) dispositivi a strozzamento (misura della caduta di pressione Dp attraverso unostruzione): per flusso
laminare, Q=cost*Dp, per flusso turbolento Q=cost*Dp0.5
b) dispositivi con misura della velocit media v normale alla sezione A: Q=A*v
c) turbine o mulinelli (misura della velocit di rotazione di una turbina, n): Q=cost*n (lineare) per flusso
turbolento
d) contatori volumetrici (nota la cilindrata V si misura il numero di cicli n nellunit di tempo): Q=V*n
e) dispositivi elettromagnetici (basati sul principio dellinduzione magnetica)
f) flussometri ad area variabile, Dp costante: Q proporzionale alla posizione di un galleggiante
g) flussometri a vortici: Q proporzionale alla frequenza dei vortici in scia ad un ostacolo
h) Flussimetro a forza resistente (Q proporzionale alla radice della forza agente su un ostacolo immerso
nel flusso)
i) Anemometro a filo caldo (lo scambio di calore del filo caldo nel tempo proprorzionale alla portata)
l) Trasduttore di Coriolis sfrutta laccelerazione di coriolis che legata alla portata di fluido che sto
deviando nello strumento
m)..ecc.

Le misure di Velocit e Portata

11

Tubo di Pitot

Le misure di Velocit e Portata

Tubo di Pitot
Alcuni esempi applicativi del tubo di pitot

Le misure di Velocit e Portata

Tubo di Pitot

Questo strumento effettua una misura indiretta della


velocit,misurando una differenza di
pressione.Lenergia cinetica del fluido che entra
dentro al pitot dal foro centrale viene trasformata in
aumento di pressione.
Laumento di pressione detto PRESSIONE DI
RISTAGNO, mentre il fluido che lambisce il foro
esterno trasferisce la PRESSIONE STATICA.
La differenza fra le due pressioni detta PRESSIONE
DINAMICA
Per poter calcolare la velocit del fluido partendo
dalla misura della pressione dinamica necessario
scrivere un bilancio energetico.
IPOTESI

Fluido INCOMPRIMIBILE

Fluido IDEAL (viscosit nulla)

N.B.: uno strumento assoluto !!


Le misure di Velocit e Portata

Tubo di Pitot
Dimostrazione: scriviamo lequazione di bilancio tra i punti 1 e 2 dellimmagine sottostante:

V dv v dp 0
In cui V la velocita del fluido v il volume specifico
e p la pressione.
Integrando lequazione del bilancio energetico tra 1 e
2 si ottiene che:
2

V dv v dp
1

1
1 0.25M 2

2 k M

24

Considerando che :

dp p2 p1 pr ps pd

V2 0
Sostituendo all integrale otteniamo che:

1 2
( p p1 )
V1 v ( p2 p1 ) 2
2

Le misure di Velocit e Portata

Tubo di Pitot
Si pu cosi facilmente calcolare la velocit del fluido nella sezione uno che risulta pari a :

V1

2 ( p2 p1

2 dp

Per i fluidi COMPRIMIBILI reali le ipotesi sono diverse (il fluido si comprime e la viscosit NON NULLA e
vengono calcolati per coefficienti (< 1) che tengono conto di questi fattori :

1 0.25M 2

4
c 1
Re

2 k M 4
24

La velocit perci corretta risulta:

V1 c

2 dp

Le misure di Velocit e Portata

Errori con il Pitot

Quando non nota la direzione dei filetti


fluidi, si pone a caso il Pitot nella corrente e
lo si ruota attorno al suo asse x-x, fino ad
individuare la posizione per la quale pr
massima. Da questa posizione si ruota
nuovamente attorno allasse normale al
piano di figura (di traccia A): quando la pr
ha un nuovo massimo, lasse y-y coincide
con la direzione dei filetti fluidi.
Questo aspetto di notevole importanza
perch introduce un errore di misura sulla
velocit

Le misure di Velocit e Portata

Errori con il Pitot

Non allineamento della sonda con la direzione del


flusso: diminuisce la pressione di ristagno, aumenta
quella statica occorre allineare lo strumento
prima di ciascuna misura, oppure si usano sonde
particolari auto-compensate
Posizione non corretta dei fori: non troppo vicini al
punto di ristagno (le velocit del fluido sono pi
elevate della media pressioni pi basse), n
troppo vicini al supporto (che ostacola il flusso,
creando un aumento della pressione) geometria
normalizzata
Per M<0.1 si pu trascurare leffetto della
comprimibilit del fluido =1
Per flusso turbolento si pu trascurare la viscosit
(C=1)

Un Pitot installato su un aeromobile: le linee rosse indicano


le posizioni errate delle prese statiche

Le misure di Velocit e Portata

Mulinello

Le misure di Velocit e Portata

Per la misura di velocit di un


fluido incomprimibile si usa
anche il mulinello; la velocit
di rotazione dellasse y-y
(misurata allestremo dellasse
x-x, da esso trascinato,tramite
un accoppiamento di
ingranaggi a coppia conica)
proporzionale alla velocit del
fluido.
Si possono usare anche
sensori effetto hall
(ferromagnetici) per poter
misurare il numero di giri del
mulinello.
Questi dispositivi sono pi
invasivi, in quanto pi
ingombranti

Lo strumento tarato.

Dispositivi a strozzamento (flusso turbolento)

Si possono avere diverse geometrie:


diaframma, boccaglio, Venturi.
Si usano queste configurazioni perch il dp
legato al numero di Reynolds con modelli
tarati sperimentalmente mediante
calibrazione, comodo quindi unificare i
profili ed avere gi la relazione fra questi
ultimi due.
Le perdite fluidodinamiche sono
decrescenti dal primo allultimo (in teoria il
Venturi ha perdite nulle), mentre gli
ingombri e costi seguono il trend opposto.
Gli strumenti utilizzano (il venturi
praticamente no) parte dell energia
contenuta nel fluido, se non dimensionati
adeguatamente possono dar luogo ad una
interferenza con il sistema misurato
relativamente molto incidente.
In sostanza si misura la pressione a valle del
restringimento della sezione e sul punto di
massimo restringimento della vena fluida.

Orifizio

Boccaglio

Tubo di venturi

Le misure di Velocit e Portata

13

Dispositivi a strozzamento (flusso turbolento)


Esempi di misuratori di portata a strozzamento:

Tubo di venturi

Dispositivo a diaframma

Le misure di Velocit e Portata

15

Il diaframma
Ipotesi:
a) flusso incomprimibile (densit costante),
b) flusso isoentropico tra 0 ed 1
c) flusso stazionario Eq continuit: c0 S0 = c1 s1

1 (massimo restringimento
della vena)

Scriviamo lequazione di Bernoulli tra le sezioni 0 ed 1 risulta che:

c02 p1 c12

2 2

p0

Dove c e p sono le pressioni medie sulle sezioni rispettive 1 e 2.

sd

s1

c12 c02
p0 p1
c12 c02 Dp

1 2
2

2 c1
Siccome vale come detto prima nelle ipotesi lEq. di continuit allora:

c02
s12
2 c1
2
c1
S0

1
s12
1 2
S0

Dp

Nota la velocit facile calcolare la portata in massa teorica:

sd
c d sd
G
S0
1 m2

2Dp sd 2Dp

W c1 s1
Le misure di Velocit e Portata

14

Il diaframma
Risulta infine che la portata in massa (kg/s) risulta:

s1

s12
1 2
S0

2 Dp

Nella realt non possibile sapere il punto esatto dove posizionare la presa di pressione nel punto 1 in quanto esso dipende dalla
velocit del fluido.
Inoltre nella trattazione non viene considerata la viscosit del fluido
Si passa cosi al concetto di PORTATA EFFETTIVA, adottando le seguenti correzioni:
s1 non noto si inserisce sd (sezione del diaframma) al posto di s1 nella formula e si introduce un coefficiente correttivo, Cd,
determinabile sperimentalmente chiamato :coefficiente di efflusso
Cd dipende dalla geometria e dal numero di Reynolds, ma, per flussi turbolenti, questultima dipendenza si elimina
Cd si trova tabulato in funzione di Re per diaframmi standard, definiti da apposite normative
Le pressioni vengono misurate in due posizioni STANDARDIZZATE

sd
S0

s1Cd sd
W

C d sd
1 m

2 Dp sd 2 Dp

Il diaframma
Per tener conto della comprimibilit del fluido si inserisce un
coefficiente :
W

cd sd
1 m2

2 Dp sd 2 Dp

Il coefficiente dipende esclusivamente dal fluido e


dal rapporto p1/p0.
Si calcola tramite formule o tabelle.

K=rapporto tra calori specifici a pressione e a volume costante

Le misure di Velocit e Portata

15

Misuratori a strozzamento laminari


Dp

Per un flusso laminare la portata in volume direttamente


proporzionale alla differenza di pressione
(legge di Hagen-Poiseuille)

D 4
Q
Dp
128L

A
Sez. A-A

Dove D il diametro della matrice, L la sua lunghezza, la


viscosit dinamica del fluido

Matrice a nido dape (per rendere


Reynolds basso flusso laminare)
Vantaggi del misuratore laminare rispetto a quelli turbolenti
1) A parit di Dp massimo, range di misura molto pi ampio (1:100 contro 1:4)
2) Minore sensibilit al flusso pulsante, perch smorza le oscillazioni del fluido
3)
4)
5)

Minori perdite di carico meno intrusivi


Funzionamento bi-direzionale
Facilit di elaborazione del segnale

Svantaggi: costo, intasamento della matrice

Le misure di Velocit e Portata

16

Misuratori a strozzamento laminari


Esempio di LFE (laminar flow element)

Le misure di Velocit e Portata

16

Misuratori a turbina

Le misure di Velocit e Portata

17

Flussometri ad area variabile

Il fluido, che scorre


verso lalto nel tubo
conico, sostiene il
galleggiante A, tanto
pi alto quanto
maggiore la portata.
La misura fatta
guardando la posizione
di A attraverso il tubo
trasparente.

Le misure di Velocit e Portata

17

Trasduttore di Coriolis

Sfrutta laccelerazione di Coriolis per determinare la velocit di un fluido che scorre in una
tubazione

Si basa sul deformazione che subisce una tubazione che oscilla se percorsa da un fluido in
movimento

Le misure di Velocit e Portata

Trasduttore di Coriolis

Il fluido percorre una tubazione a forma di U

Il tubo viene fatto vibrare da una forza oscillante esterna perpendicolare allasse di curvatura
della U

A causa della forza di Coriolis si genera una rotazione del tubo (twist) che viene rilevata da
appositi sensori

La fase della rotazione proporzionale alla velocit del fluido, mentre lampiezza delloscillazione
alla sua densit si effettua una misura di portata in massa

E uno strumento tarato

Le misure di Velocit e Portata

Trasduttore di Coriolis
Principali componenti
Installazione

Modelli

Fonte: emerson.com
Le misure di Velocit e Portata

Anemometro a filo caldo (Hot Wire Anemometer, HWA)

Lelemento sensibile costituito da un filo elettrico percorso da una corrente i che viene
immerso in un fluido in movimento

Tipicamente il filo realizzato in tungsteno (Lunghezza 1mm, Diametro 8 m)

Il filo sviluppa per effetto Joule una potenza data da:

T, v

W R i2

Bilancio energetico : si equivalgono la potenza


elettrica con quella scambiata per convezione dal filo

Rw i 2 h(V ) S (Tw T fl )
Dove:
S la superficie di scambio termico (quella del filo)
H(V)Coefficiente di scambio termico
Tw Tfl Sono rispettivamente temperatura di parete del filo e
temperatura del fluido

h(V ) C0 C1 V
Le misure di Velocit e Portata

Anemometro a filo caldo (Hot Wire Anemometer, HWA)


Anemometro a corrente costante

Il filo, percorso da una corrente costante, varia la sua temperatura Tw e quindi la


sua resistenza Rw (Tw ) in funzione della velocit del fluido

La curva Rw = (Tw ) la curva di taratura dello strumento e fornisce il valore di


Tw in funzione della resistenza misurata

Misurando la variazione di resistenza rispetto alla condizione di flusso immobile


mediante un ponte di Wheatstone e nota la corrente i (costante) si determina la
velocit V del fluido - V R2

Anemometro a temperatura costante


Il filo mantenuto a temperatura costante mediante un controllo in
retroazione che varia la corrente di alimentazione
Non misuro pi la resistenza
Misurando la corrente di alimentazione si determina la velocit del
fluido - V i4
Le misure di Velocit e Portata

Anemometro a filo caldo (Hot Wire Anemometer, HWA)

E possibile avere una risoluzione molto buona

Misura diretta della portata in massa senza necessit di avere informazioni su


pressione e temperatura

Il sensore pu essere miniaturizzato, molto poco invasivo allinterno del sistema

Si possono misurare velocit variabili nel tempo fino a frequenze di 100 kHz

Le misure di Velocit e Portata

Tecniche con luce Laser


Il laser consente di concentrare un fascio di luce monocromatica (composta da
un unica radiazione di lunghezza donda caratteristica) su una regione
puntiforme o su un piano.
Queste tecniche richiedono la presenza di particelle microscopiche nel fluido
(tracciante) e un accesso ottico.
P.I.V.: Particle Image Velocimetry
L.D.A. (L.D.V.): Laser Doppler Anemometry (Laser Doppler Velocimetry)
CARATTERISTICHE TRACCIANTI
Particle

Fluid

Diameter (m)
f = 1 kHz

f = 10 kHz

Silicone oil

atmospheric air

2.6

0.8

TiO2

atmospheric air

1.3

0.4

MgO

methane-air flame
(1800 K)

2.6

0.8

TiO2

oxygen plasma
(2800 K)

3.2

0.8

Motore con accesso ottico per


misure LDV

Le misure di Velocit e Portata

P.I.V.

FASCIO D
LUCE LASER

Fotocamera CCD

Utilizzando fotocamere digitali CCD (Charge Coupled Device, dispositivo ad


accoppiamento di carica) ad altissima risoluzione e frequenza di campionamento
delle immagini si possono determinare (tramite software di elaborazione delle
immagini) gli spostamenti Dx e Dy di ciascuna particella di tracciante, nella regione
illuminata dal fascio di luce Laser, nellintervallo Dt tra 2 fotogrammi consecutivi
u=Dx/Dt; v=Dy/Dt
Si possono ottenere mappe di campo di moto su un piano, anche per flussi non
stazionari
Le misure di Velocit e Portata

L.D.A. (L.D.V.)

Volume di
controllo con
frange di
interferenza

I due raggi laser si incrociano formando un volume di controllo, caratterizzato da


unalternanza di strisce luminose e scure (frange di interferenza) generate dalla
coincidenza dei massimi e dei minimi delle due onde.
La distanza fra le frange Df dipende

dallangolo tra i raggi e


Df

sen
dalla lunghezza donda
2
Le misure di Velocit e Portata

L.D.A. (L.D.V.)

Volume di
controllo con
frange di
interferenza

Le particelle di tracciante che passano nel volume riflettono la luce in maniera


intermittente
Il segnale luminoso viene captato da un fotodiodo (photodetector) che lo trasforma
in segnale di tensione, sempre intermittente.

Le misure di Velocit e Portata

L.D.A. (L.D.V.)
Luscita delloscilloscopio presenta una
curva in cui le ordinate sono proporzionali
allintensit e le ascisse al tempo di
attraversamento delle particelle

Nota la distanza tra due frange Df ed il tempo impiegato ad attraversarle Tp dalla


particella possibile calcolare la velocit:

1
Vp

2 sen( / 2) Tp
Per un tipico raggio laser e con un angolo tra i raggi di 30 si ha:

5 10
30

5 107 1
1
7
Vp
9.652 10
2 0.259 Tp
Tp
Le misure di Velocit e Portata

Confronto tra diversi sistemi di misura della velocit

LDA
Intrusivit

PIV

HWA

Pitot

Minima (*)

Minima (*)

Bassa

Medio-alta

Alta

Alta

Media

Bassa

Elevati

Elevati

Bassi

Bassi

Limitazioni
range

Nessuna

Nessuna

Nessuna

No basse
velocit

Risposta
Dinamica

Buona
(3 kHz)

Buona
(3 kHz)

Ottima
(100 kHz)

Scarsa

Risoluzione
Complessit e
Costo

(*) per necessit di accesso ottico e tracciante !


Le misure di Velocit e Portata

10