Sei sulla pagina 1di 3

LA PRATICA COLLABORATIVA: UNA BREVE GUIDA

ALLA RISOLUZIONE DEI CONFLITTI FAMILIARI


La Pratica Collaborativa, prima nota come diritto collaborativo, costituisce unalternativa al
giudizio contenzioso. un metodo efficace che favorisce la risoluzione dei conflitti familiari e
dei conflitti delle persone in genere.
Nella pratica collaborativa:
i clienti e i loro avvocati lavorano insieme;
tutti i partecipanti al procedimento collaborativo si impegnano alla riservatezza, alla trasparenza e alla buona fede;
lobiettivo raggiungere soluzioni condivise che rispondano ai bisogni e agli interessi delle
parti e dei figli.I professionisti collaborativi, a seguito di una specifica formazione, guidano
i clienti attraverso il procedimento collaborativo per favorire la risoluzione dei conflitti.
I professionisti collaborativi assistono i clienti al fine di:
trovare un accordo in modo rispettoso e leale;
esigere la pi completa trasparenza nelle informazioni e nello scambio dei documenti;
esplorare le diverse ipotesi di soluzione;
ricercare soluzioni creative che possano rispondere al meglio ai bisogni e alle priorit di tutte
le parti;
individuare le soluzioni migliori per le parti e per i figli;
risolvere i conflitti senza far decidere il giudice e senza minacciare di farlo.
La pratica collaborativa un nuovo modo, per una coppia in fase di separazione, divorzio,
affidamento di minori, modifica alle condizioni di separazione e divorzio, nelle divisioni ereditarie, di lavorare in squadra con professionisti qualificati, al fine di risolvere le loro controversie
in modo rispettoso e senza rivolgersi ad un Giudice. Questa definizione racchiude in s tutti i
modelli che si sono sviluppati da quando lavvocato Stu Webb del Minnesota cre nel 1990 il
Modello di Diritto Collaborativo. Questo modello rimane il cuore di ogni Pratica Collaborativa.
Ogni cliente ha il sostegno, lassistenza e la guida del proprio avvocato. Gli avvocati e i clienti
insieme costituiscono la componente legale della Pratica Collaborativa.
prevista, ove richiesto il supporto di specialisti dei bambini, commercialisti o fiscalisti, esperti
nella relazioni familiari.
Anche se la Pratica Collaborativa pu atteggiarsi secondo diversi modelli, si distingue dal tradizionale procedimento contenzioso per alcuni elementi imprescindibili e inviolabili.

STUDIO LEGALE CECATIELLO


Via Carducci, 12 -20123 Milano
T +39 02 72022862 F +39 02 89016054 E-mail studio@cecatiello.it C.F. CCTRND70S12F205P P.IVA 06067090966
www.cecatiello.it
cecatiello@pec.it

Questi elementi sono indicati nellaccordo che lega il cliente con i propri professionisti e sono:
negoziare un accordo condiviso senza demandare al Giudice la risoluzione della controversia
insorta tra le parti, o anche solo di un aspetto della stessa obbligo dei professionisti di non assistere il cliente nelleventuale giudizio contenzioso impegno delle parti e dei professionisti ad
una comunicazione aperta e alla condivisione delle informazioni creare soluzioni condivise che
tengano conto delle pi alte priorit di entrambi i clienti.
La Pratica Collaborativa un procedimento centrato sul cliente e controllato dal cliente, che
inizia con lindividuazione dei bisogni individuali di ciascuna parte. In risposta ai bisogni del
cliente, i professionisti collaborativi scelti dalle parti prestano la loro opera utilizzando un approccio integrato. Questo approccio crea un ambiente improntato al sostegno e alla soluzione
dei problemi, nel quale i clienti sono messi nelle condizioni di negoziare i propri accordi uno di
fronte allaltro, assistiti dai professionisti collaborativi.
La Pratica Collaborativa si sforza di garantire al cliente il sostegno, le informazioni e la struttura
necessari per consentire il raggiungimento di accordi assunti consapevolmente e che tendano al
maggior beneficio reciproco. Per raggiungere questo scopo, la pratica collaborativa inizia con
una fase di preparazione, molto importante, prima ancora di quella di negoziazione, esplora gli
obiettivi comuni al posto delle posizioni contrapposte, crea un ambiente sicuro per una comunicazione costruttiva.
LAccordo di Partecipazione che i clienti e i professionisti sottoscrivono allinizio del procedimento collaborativo impone che tutti i professionisti debbano rinunciare ad assistere e a
rappresentare i rispettivi clienti, se uno di essi inizia un procedimento contenzioso. Questo

STUDIO LEGALE CECATIELLO


Via Carducci, 12 -20123 Milano
T +39 02 72022862 F +39 02 89016054 E-mail studio@cecatiello.it C.F. CCTRND70S12F205P P.IVA 06067090966
www.cecatiello.it
cecatiello@pec.it

requisito corregge limpatto negativo delle procedure, basate sullesercizio del potere, tipiche
del modello contenzioso. Allo stesso tempo, questo requisito incoraggia la ricerca continua di
soluzioni creative nei momenti di impasse nella negoziazione.
Per raggiungere accordi che siano di effettivo reciproco beneficio, e per assicurare lintegrit
del procedimento, i clienti, e i loro professionisti, devono rivelare spontaneamente ogni informazione importante. I professionisti collaborativi aiutano i propri clienti a prendere decisioni
basate sulla piena conoscenza dei fatti, consapevoli e volontarie. Limpegno alla trasparenza
nelle informazioni e limpegno dei professionisti alla rinuncia in caso di fallimento del procedimento collaborativo costituiscono gli elementi essenziali per un procedimento sicuro.
La Pratica Collaborativa rappresenta unopportunit per i clienti di raggiungere la soluzione migliore, in un momento in cui le circostanze spesso inducono ad aver paura di subire la soluzione
peggiore. Attraverso un team di professionisti qualificati che coinvolge i clienti come parte
integrante della squadra stessa, le possibilit per una soluzione positiva sono massimizzate. Ora
possibile anche in Italia beneficiare di questo metodo. Occorre cercare i professionisti formati
alla pratica collaborativa consultando il sito dellassociazione AIADC dove si trova un preciso
elenco degli avvocati e degli altri esperti formati alla pratica collaborativa.

Avvocato Armando Cecatiello, Milano


www.cecatiello.it

Fonti: IACP Principles of Collaborative Practice (January 24, 2005), The Collaborative Way to Divorce: The
Revolutionary Method That Results in Less Stress, LowerCosts, and Happier KidsWithout Going to Court Stuart
G. Webb , Ron Ousky.

STUDIO LEGALE CECATIELLO


Via Carducci, 12 -20123 Milano
T +39 02 72022862 F +39 02 89016054 E-mail studio@cecatiello.it C.F. CCTRND70S12F205P P.IVA 06067090966
www.cecatiello.it
cecatiello@pec.it