Sei sulla pagina 1di 11

DIFFUSIONE

Trasporto di materia
allinterno
del reticolo cristallino:
Atomi in posizione
reticolare che si spostano
in siti occupati da
vacanze
Atomi interstiziale che si
spostano in altri siti
interstiziali

1 meccanismo per movimento di vacanze


reticolari
2 meccanismo per movimento di
Interstiziali (pi veloce)

Serie di salti da un sito


dequilibrio ad un altro adiacente
in modo random. Lunione degli
spostamenti effettuati costituisce
il percorso totale fatto dallatomo
durante diffusione.

xrmsSpostamentp quadratico medio


xrms

2
l
i
i 1

Ma l=a

xrms a N

Si definisce gradiente di una grandezza


(pressione, concentrazione, ecc.), la direzione
lungo la quale massima la variazione di detta
grandezza per unit di percorso. Il trasporto di
materia, energia e quantit di moto si muovono
sempre lungo un gradiente.

Prima legge di Fick


Il flusso molecolare in ogni punto proporzionale alla variazione di
concentrazione per unit di percorso nella direzione in cui tale variazione
massima ed ha verso opposto a quello in cui diminuiscono le concentrazioni.

dC
J D
dx

D = coefficiente di diffusione, funzione


natura dei partecipanti al processo e
dalla temperatura
[D] = [cm]2 [sec]-1

A = sezione interessata al processo


diffusivo
[A] = [cm]2

Per lattivazione dei moti diffusivi necessario che latomo possieda


unenergia sufficiente a superare una barriera energetica, data dalla
rottura dei legami con gli atomi vicini e dalle distorsioni reticolari.

Il processo diffusivo un processo

termicamente attivato

D D0 e

Qd
KT

dove Qd lenergia di attivazione per


lintero processo diffusivo.

Qd 1
ln D ln D0

R T

Dal grafico possiamo risalire ai valori di


D0 e di Ea per la diffusione del carbonio
nel ferro:
C in BCC (fino a 911C):
D0=0.01110-4 m2/s
Ea=87570 J/mol

C in FCC (da 911C)


D0=0.2310-4 m2/s
Ea=137850 J/mol

C in BCC :

D D0 e

a 911 C
C in FCC :

D D0 e

Ea
RT

Ea
RT

0.01110 4 e
0.23 10

87570
8.314( 911 273)

137850
8.314(911 273)

m 2 / s 1.5 10 10 m 2 / s

m 2 / s 1.9 10 11 m 2 / s

A 911C c quindi un salto di un ordine di grandezza nel coefficiente di diffusione


del carbonio nel ferro puro.

Lenergia di attivazione
funzione della forza dei legami
intermolecolari/interatomici.

Nel grafico, lenergia di attivazione per lautodiffusione di vari metalli


riportata in funzione della temperatura di fusione, a sua volta legata
allenergia di legame. Landamento , con ottima approssimazione, lineare.

Seconda Legge di Fick


Consideriamo ora un profilo di concentrazione variabile nel tempo, la
concentrazione funzione sia della variabile spaziale,

x, che di quella

temporale, , cio : C(x,t).

C
2C
D
t
x 2

C ( x, t )

1
2 Dt

x2

e 4 Dt

Considerando diverse condizioni al contorno:


t=0, Cx=C0 per 0<x<
t>0, C= CS per x=0 e C= C0 per x=,
la soluzione di tale equazione assume la forma:
x

erf(x)

erf(x)

0.00

0.0000

0.70

0.6778

0.01

0.0113

0.75

0.7112

0.02

0.0226

0.80

0.7421

0.03

0.0338

0.85

0.7707

0.04

0.0451

0.90

0.7969

0.05

0.0564

0.95

0.8209

0.10

0.1125

1.00

0.8427

0.15

0.1680

1.10

0.8802

0.20

0.2227

1.20

0.9103

0.25

0.2763

1.30

0.9340

0.30

0.3286

1.40

0.9523

0.35

0.3794

1.50

0.9661

0.40

0.4284

1.60

0.9763

0.45

0.4755

1.70

0.9838

0.50

0.5205

1.80

0.9891

0.55

0.5633

1.90

0.9928

0.60

0.6039

2.00

0.9953

0.65

0.6420

CS C x
x
erf
C S C0
2 Dt

erf ( x)

2
exp(

y
)dy

ESEMPIO Cementazione
Trattamento di indurimento superficiale molto utilizzato per la
produzione di ingranaggi meccanici.
Acciaio con una concentrazione iniziale 0,10 C%.
Obiettivo: concentrazione di carbonio ad una profondit di 1mm pari a 0,40%.
Nel caso della cementazione solida, si impiega una miscela cementante
(contenente carbone), in grado di dare una concentrazione di carbonio alla
superficie del pezzo pari a 0,8%. La temperatura del trattamento di circa
900C.
Dai dati di diffusione del carbonio nel ferro, visti precedentemente, si ricava
un coefficiente di diffusione a 900C pari a circa 210-11 m2/s.
La seconda Legge di Fick ci permette di risolvere il problema:
Quanto tempo occorre tenere i pezzi in forno per ottenere le caratteristiche
desiderate?

CS C x
x
0.8 0.4
erf

0.57
C S C0
2 Dt 0.8 0.1

DATI DEL
PROBLEMA:

CS=0,8%
C0=0,1%
Cx=0,40%
x=0.001m

111.8
erf
erf
erf
0.57
2 Dt
t
2 2 10 11 t
x

Dalla tabella
0,5633
per z=0.55
0,6039
per z=0.60

0.001

z 0,55

(0,60 0,55)
(0,57 0,5633) 0,5583
(0,6039 0,5633)

Si pu quindi prendere il valore


z = 0,5583

111,8
x
0,5583
t

111,8
t
40100s 11,1ore
0,5583