Sei sulla pagina 1di 28

Erich Zenger (ed.

Introduzione
allAntico
Testamento
Erich Zenger, Christian Frevel, Heinz-Josef Fabry,
Georg Braulik, Georg Hentschel, Georg Steins,
Helmut Engel, Ludger Schwienhorst-Schnberger,
Silvia Schroer, Johannes Marbck,
Hans-Winfried Jngling, Franz-Josef Backhaus,
Ivo Meyer, Frank-Lothar Hossfeld, Herbert Niehr
Nuova edizione
a cura di Christian Frevel
Edizione italiana
a cura di Flavio Dalla Vecchia

Nuova edizione
interamente aggiornata
e aumentata

Queriniana

Indice generale

Prefazione alla prima edizione (1995) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Prefazione allottava edizione (2011) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

A. La sacra Scrittura degli ebrei e dei cristiani


(Erich Zenger) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
I. Limportanza della Bibbia dIsraele
per lidentit cristiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
13
1. Fondamento del cristianesimo
13
2. Orizzonte interpretativo del Nuovo Testamento
15
3. Antico Testamento o Primo Testamento?
17
4. Modalit problematiche di lettura
e comprensione nel cristianesimo
20
4.1 Il modello della sostituzione 21
4.2 Il modello della relativizzazione 21
4.3 Il modello della selezione 22
5. Ermeneutica biblica ebraico-cristiana
24
II.

Tanakh: la sacra Scrittura degli Ebrei . . . . . . . . . . . . .


27
1. La struttura tripartita del Tanakh 27
2. La disposizione ermeneutica del Tanakh 30
2.1 I testi conclusivi (epiloghi/colophon) programmatici
delle tre parti 30
2.2 La concatenazione delle tre parti
tramite la ripresa di temi e di parole-gancio 33

1206

Indice generale

III. Il Primo Testamento: sacra Scrittura dei cristiani . . .


35
1. Origine del canone cristiano pi ampio
35
2. La struttura quadripartita del Primo Testamento
37
2.1 Diversit nella struttura rispetto al Tanakh 38
2.2 Lidea-guida per la strutturazione
del cosiddetto canone dei Settanta 40

3. La prima parte dellunica Bibbia cristiana in due parti


B.

44

Il testo e la sua storia (Heinz-Josef Fabry) . . . . . . . . . . 47

I. Le basi testuali delle edizioni della Bibbia ebraica . . .


54
1. Le edizioni moderne del testo
e il problema masoretico
54
2. Origine e peculiarit del testo masoretico
56
2.1 Le prime liste 56
2.2 La salvaguardia del testo nel periodo pre-masoretico 57
2.3 Lopera dei Masoreti 60
3. La storia del testo della Bibbia ebraica
alla luce dei testi del deserto giudaico
e della geniza del Cairo
62
3.1 I manoscritti ebraici 63
3.2 I manoscritti in scrittura paleo-ebraica 63
3.3 I manoscritti aramaici 64
3.4 I manoscritti greci 65
3.5 La situazione dei testi biblici di Qumran 65
3.6 Commentari a testi biblici 66
3.7 La cosiddetta rewritten Bible/Scripture:
parafrasi del Pentateuco e Rotolo del tempio 67
3.8 La raccolta degli scritti normativi di Qumran 68
3.9 I testi di Masada, Naal ever e Murabbaat 71
3.10 I manoscritti della geniza del Cairo 72

II. Teorie sulla storia del testo della Bibbia ebraica . . .


73
1. La teoria del testo originale di P. de Lagarde
74
2. La teoria del testo volgare di P. Kahle
74
3. La teoria delle famiglie testuali locali
di W.F. Albright e F.M. Cross
74
3.1 La famiglia testuale palestinese 75

Indice generale

1207

3.2 La famiglia testuale babilonese 76


3.3 La famiglia testuale egiziana 76

4. Nuovi approcci per una storia del testo


della Bibbia ebraica
77
4.1 La teoria dei testi dei gruppi 77
4.2 La teoria della molteplicit delle tradizioni testuali
(textual variety) 78
4.3 Gli elementi principali
dellattuale formulazione della teoria 78

III. Le antiche traduzioni (versioni) . . . . . . . . . . . . . . . . . .


83
1. La Septuaginta (LXX, G)
83
1.1 Origine, caratteristiche e significato 83
1.2 Le revisioni/recensioni dei Settanta 87
1.3 Testimoni testuali importanti 88
1.4 Le edizioni 88
2. I Targmm (Tg)
89
90
3. La Peit (Syr)
4. La Vetus Latina (L) e la Vulgata (Vg)
91
C.

I libri della Trah (del Pentateuco) . . . . . . . . . . . . . . . 93

I. La Trah/il Pentateuco nel suo insieme


(Erich Zenger/Christian Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
95
1. Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio
98
1.1 Linsieme dei libri: Pentateuco, Esateuco, Enneateuco 98
1.2 Il profilo di Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio 100
2. Il progetto della composizione del Pentateuco
111
2.1 Il contesto complessivo 111
2.2 Il Pentateuco come mito fondatore
o carta costituzionale di Israele (R. Rendtorff) 115
2.3 Il Pentateuco come Trah, oltre che come storia e legge 118

II. Teorie sullorigine del Pentateuco


e sviluppi della ricerca

(Erich Zenger/Christian Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


1. Indizi di unorigine complessa e stratificata
del Pentateuco

121
125

1208

Indice generale
1.1 Mutamento nel nome, nella designazione
e nei titoli attribuiti a Dio 126
1.2 Doppioni e (insieme) tensioni fra racconti successivi 127
1.3 Doppioni e (insieme) tensioni allinterno
di un medesimo complesso narrativo 131
1.4 La duplice tradizione del cosiddetto decalogo etico
in Es 20 e Dt 5 e la sua relazione non chiarita
con il cosiddetto decalogo cultuale in Es 34 133
1.5 La compresenza dei tre corpi di leggi:
codice dellalleanza (Es 20,2223,33), legge di santit
(Lv 1726) e codice deuteronomico (Dt 1226) 136
1.6 Concezioni e immagini teologiche concorrenti 138
1.7 Il problema letterario fondamentale 140

2. I tre modelli-base delle ipotesi


sulla formazione del Pentateuco

142

2.1 Lipotesi dello scritto fondamentale/ipotesi


dellintegrazione (modello della riscrittura) 142
2.2 Lipotesi delle fonti /ipotesi documentaria (modello degli strati) 143
2.3 Lipotesi dei cicli narrativi/ipotesi dei frammenti
(modello dei blocchi) 144

3. Le tappe principali nellindagine critica sul Pentateuco 145


3.1 Critica al contenuto del Pentateuco e alla paternit di Mos 145
3.2 Gli inizi della critica moderna del Pentateuco 145

3.3 La nascita delle ipotesi classiche sul Pentateuco


nel XVIII e XIX secolo 147
3.4 Due constatazioni fondamentali per la datazione delle fonti
o tradizioni (W.M.L. de Wette e J. Wellhausen) 148
3.5 Le nuove prospettive aperte dai metodi
della storia delle forme e della storia delle tradizioni
(H. Gunkel, M. Noth e G. von Rad) 149

4. Il modello delle quattro fonti


della recente ipotesi documentaria
e la sua attuale messa in discussione

151

5. Esempi di modelli di Pentateuco attuali

166

4.1 Il modello delle quattro fonti secondo W.H. Schmidt 151


4.2 La critica del modello tradizionale delle quattro fonti 157
4.3 Le linee convergenti nellattuale dibattito sul Pentateuco 161
5.1 Lorigine del Pentateuco
secondo il modello di Pentateuco di Mnster 167

Indice generale

1209

5.2 Lorigine del Pentateuco secondo Erhard Blum 181


5.3 Lorigine del Pentateuco secondo Eckart Otto 188
5.4 Lorigine del Pentateuco secondo Reinhard G. Kratz 196

III. Il processo della redazione del Pentateuco


(Erich Zenger/Christian Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
205
1. Il problema letterario
206
2. Prospettive teologiche delle redazioni
208
3. Il contesto storico delle redazioni
che hanno dato forma alla Trah 211
3.1 La promulgazione della Trah
nel contesto della politica persiana 211
3.2 Il Pentateuco come documento di compromesso
e come Trah di Mos 217

4. La Trah come libro canonico

221

IV. Il libro del Deuteronomio (Georg Braulik) . . . . . . . . .


1. La struttura
2. Lorigine

225
227
233
2.1 Criteri e modelli per unanalisi diacronica del Deuteronomio 233
2.2. La lingua del libro e lambiente dei suoi autori 235
2.3 Presupposti del Deuteronomio
reperibili allinterno della Bibbia 236
2.4 Abbozzo di una storia letteraria del Deuteronomio
(secondo G. Braulik e altri) 238
2.5 Lermeneutica deuteronomica del diritto nel Pentateuco 244
2.6 Storia del testo e della sua pi antica ricezione 246
2.7 Il contesto storico-teologico 246

3. La teologia

251

3.1 Dal culto santo al popolo santo 252


3.2 La metaforizzazione della teologia della guerra 255
3.3 La nascita del monoteismo 257
3.4 Limportanza 258

V. Lopera (scritta) sacerdotale (P)


(Erich Zenger/Christian Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Caratteristiche della letteratura sacerdotale

262
263

1.1 La predilezione per formule,


formulazioni stereotipate e ripetizioni 264

1210

Indice generale
1.2 Gli elementi plastici nellevolvere dellazione
e nella caratterizzazione dei personaggi
passano in secondo piano 265
1.3 La predilezione per elementi
che fanno pensare a un ordinamento del mondo,
della storia e della vita 265
1.4 Linteresse per fenomeni cultuali e rituali 266
1.5 Lo schema ordine-esecuzione o annuncio-compimento 266
1.6 La predilezione per il linguaggio teologico tecnico 267

2. Lo scritto fondamentale sacerdotale (Pg) 267


2.1 Il dibattito recente sulle caratteristiche letterarie dei testi P 267
2.2 Il dibattito sulla conclusione originaria di Pg 271
2.3 Il contesto teologico e storico 280
2.4 La teologia 282
3. Gli ampliamenti di Pg ad opera di Ps 289
4. La legge di santit (Lv 1726: Ph) 290
5. Limportanza della teologia (dello scritto) sacerdotale 294
VI. Lopera (scritta) pre-sacerdotale
(Erich Zenger/Christian Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Strati letterari nei testi pre-sacerdotali
2. Il contesto esilico di ispirazione deuteronomistica
(Gen 2,4b 2 Re 25*)

296
297
299

2.1 La concezione complessiva:


uneziologia teologica della catastrofe 299
2.2 La teologia sinaitica dellopera storica dellesilio 300
2.3 Lincorporazione del Deuteronomio di Giosia 301
2.4 Problemi relativi allipotesi di un Enneateuco esilico 302

3. Lopera storica gerosolimitana (JG)

303

3.1 Lesistenza di unopera storica pre-esilica 303


3.2 Lestensione 305
3.3 La teologia 307
3.4 La collocazione cronologica 309
3.5. Limportanza 311

4. Cicli narrativi e tradizioni legali


preesistenti a JG e qui accolti
313
5. Il libro del patto di Es 20,2223,33 314

1211

Indice generale

D.

I libri storici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319

I. Peculiarit e significato

delle narrazioni storiche di Israele

(Erich Zenger) . . .

321

II. Teorie sullopera storica deuteronomistica (DtrG)


e sviluppi nella ricerca (Georg Braulik) . . . . . . . . . . . .
326
1. La successione storico-genetica dei libri
e quella canonica
329
2. La distinzione tra lopera storica deuteronomistica
e i Profeti anteriori
330
3. Le linee principali della storia della ricerca
333
3.1 Tre importanti tentativi di chiarificazione prima di M. Noth 333
3.2 Martin Noth (1943) 333
3.3 Lo sviluppo della teoria a partire da M. Noth 335
4. Il materiale delle fonti e la tendenza espositiva
dei Profeti anteriori
347
5. Lopera storica deuteronomistica
come messaggio teologico
349
III. Il libro di Giosu (Georg Hentschel) . . . . . . . . . . . . . . .
352
0. Il testo
353
1. La struttura
353
2. Lorigine
356
2.1 Le tradizioni pre-deuteronomistiche 357
2.2 Le redazioni deuteronomistiche 358
2.3 Le aggiunte sacerdotali 359
2.4 Questioni aperte 360
3. La teologia
361
3.1 La terra come dono di Jhwh 361
3.2 Il modo di unificazione del paese 362
3.3 Libert e responsabilit 365
3.4 La figura di Giosu 365
IV. Il libro dei Giudici (Georg Hentschel) . . . . . . . . . . . . . .
367
0. Il testo
368
1. La struttura
368
1.1 Lintroduzione 369
1.2 Lattivit dei giudici maggiori e minori (2,1116,31) 370

1212

Indice generale
1.3 Il tempo senza re (Gdc 1721) 373

2. Lorigine
2.1
2.2
2.3
2.4
2.5
2.6

374

Osservazioni fondamentali 374


Il Libro deuteronomistico dei liberatori 375
Laggiunta dei racconti su Abimlech e Sansone 376
La cornice del libro 377
Redazioni tardive 378
Questioni aperte 378

3. La teologia
3.1
3.2
3.3
3.4

378
Libert e solidariet 379
Uomini e donne valorosi 379
La libert come dono di Jhwh 380
Libert e potere sovrano 381

V. Il libro di Rut (Erich Zenger) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


382
1. La struttura
383
2. Lorigine
386
2.1 Il problema dellunitariet letteraria 386
2.2 Lepoca di composizione 388
2.3 Lambiente dorigine 389
3. La teologia
389
3.1 Le molteplici letture da parte della ricerca 389
3.2 Il libro di Rut nel contesto canonico 391
3.3 Il libro di Rut nella liturgia ebraica 391
3.4 Il libro di Rut nel Nuovo Testamento 392
3.5 Limportanza per il cristianesimo 393
VI. I libri di Samuele (Georg Hentschel) . . . . . . . . . . . . . . . . .
394
0. Il testo
395
1. La struttura
396
2. Lorigine
399
2.1 Osservazioni fondamentali 400
2.2 Racconti pre-deuteronomistici 400
2.3 Composizione e redazione 404
2.4 Questioni aperte 405
3. La teologia
406
3.1 La critica al regno 406
3.2 Una legittimazione attraverso il successo 406
3.3 Regno e promessa 407

Indice generale

1213

VII. I libri dei Re (Georg Hentschel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


409
0. Il testo
410
1. La struttura
410
1.1 Tre parti 411
1.2 I brani-cornice redazionali 413
2. Lorigine dei libri dei Re
414
2.1 Le redazioni 415
2.2 Le fonti
417
2.3 Questioni aperte 421
3. La teologia
422
3.1 Lo sguardo realistico 422
3.2 Il fallimento cultuale dei re 422
3.3 La fine della promessa? 423
3.4 Le esigenze della monolatria 423
3.5 Vie verso la salvezza 424
VIII. I libri delle Cronache (Georg Steins) . . . . . . . . . . . . . .
425
1. La struttura
427
2. Lorigine
435
2.1 Il problema dellopera storica cronistica 435
2.2 La forma del testo di Samuele Re, alla base di Cronache 436
2.3 Uso di fonti extra-bibliche 437
2.4 La storia dellorigine 438
2.5 La peculiarit letteraria 441
2.6 Il contesto storico 442
3. La teologia
445
3.1 Aspetti fondamentali 445
3.2 Regno e tempio 446
3.3 Inizi di una teoria dellinterpretazione della Trah
447
3.4 Limportanza 448
IX. I libri di Esdra e Neemia (Georg Steins) . . . . . . . . . . . .
450
0. Testo e caratteristiche
453
1. La struttura
453
2. Lorigine
457
2.1 I problemi principali 457
2.2 Le fonti 458
2.3 I modelli di composizione 460
2.4 Un modello basato sulla storia della redazione 463

1214

Indice generale
2.5 Il contesto storico 465
2.6 La datazione 470

3. La teologia

470
3.1 Un programma teologico 470
3.2. Differenti definizioni di Israele 471
3.3 Linterpretazione della Scrittura
al servizio del chiarimento della identit 472
3.4 Lattualit 473

X. Il libro di Tobia (Helmut Engel) . . . . . . . . . . . . . . . . . .


0. Il testo
1. La struttura
2. Lorigine

474
475
477
481

2.1 Un racconto di orientamento giudaico-gerosolimitano


nato nella diaspora 481
2.2 Motivi e modelli letterari mutuati da altrove 483
2.3 Strati di ampliamento nel libro di Tobia? 484
2.4 Il genere letterario 485
2.5 Lepoca di composizione 486

3. La teologia

486

3.1 Virt religiosamente fondate: giustizia, fedelt, misericordia 486


3.2 Una teologia narrativa 489

XI. Il libro di Giuditta (Helmut Engel) . . . . . . . . . . . . . . . .


491
0. Il testo
492
1. La struttura
494
2. Lorigine
499
2.1 Originale aramaico e rielaborazione greca? 499
2.2 Stile narrativo, tradizioni utilizzate e genere letterario 500
2.3 Lepoca di composizione 503
3. La teologia
504
3.1 Chi e come Dio? 504
3.2 Condotta retta e condotta iniqua davanti a Dio 505
3.3 Una spiegazione teologica del presente
attraverso la sacra Scrittura 507
3.4 Rovesciamento delle aspettative legate al gender
508
3.5 Il libro di Giuditta allinterno
del canone della sacra Scrittura 509
3.6 Il fascino ambivalente del libro di Giuditta 509

Indice generale

1215

XII. Il libro di Ester (Erich Zenger) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


511
0. La trasmissione del testo
512
1. La struttura
514
2. Lorigine
517
2.1 Unorigine a pi stadi? 517
2.2 Forma letteraria, epoca e luogo di origine 518
3. La teologia
519
3.1 Rilettura di racconti precedenti 519
3.2 Festa di Pasqua e festa di Prm
521
3.3 Il cosiddetto silenzio di Dio nel libro di Ester ebraico 522
3.4 Il significato per il giudaismo e il cristianesimo 524
XIII. I libri dei Maccabei (Helmut Engel) . . . . . . . . . . . . . . . .
525
La designazione libri dei Maccabei 526
1. Il primo libro dei Maccabei
528
1.0 Il testo 528
1.1 La struttura 528
1.2 Lorigine 533
1.3 La teologia 536
2. Il secondo libro dei Maccabei
538
2.0 Il testo 538
2.1 La struttura 538
2.2 Lorigine 542
2.3 La teologia 546
E.

I libri sapienziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 549

I. Peculiarit e significato della sapienza dIsraele


(Erich Zenger/Christian Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
551
1. La sapienza come conoscenza pratica della vita
552
2. Contesti e ambiti di riferimento della sapienza dIsraele 555
2.1 La sapienza tribale (sapienza popolare) 555
2.2 La sapienza urbana di corte (sapienza di scuola) 556
2.3 La sapienza teologizzata (sapienza rivelata) 556
2.4 Giustizia e conoscenza, temi fondamentali della sapienza 557
3. Le forme letterarie della sapienza
559
3.1 Il detto 559
3.2 Listruzione 560

1216

Indice generale
3.3 Il poema didattico 561
3.4 Il racconto didattico 561

4. Limportanza

562

II. Il libro di Giobbe (Ludger Schwienhorst-Schnberger)


564
1. La struttura
566
1.1 Il prologo (12) 566
1.2 La parte dialogica (3,142,6) 567
1.3 Lepilogo (42,7-17) 568
1.4 Il flusso dei pensieri nella parte dialogica 568
2. Lorigine
571
2.1 I paralleli letterari del Vicino Oriente antico 571
2.2 La forma pre-letteraria 573
2.3 La storia dello sviluppo letterario 573
2.4 Il contesto storico 578
3. La teologia
579
3.1 La giusta condotta nella sofferenza 579
3.2 Causa e scopo della sofferenza 581
III. Il libro dei Salmi
(Erich Zenger/Frank-Lothar Hossfeld) . . . . . . . . . . . . . .
584
1. Nomi e struttura
586
1.1 Numero e modalit di numerazione dei salmi 586
1.2 I nomi 587
1.3 Gli indizi di una composizione pianificata del libro 588
1.4 La suddivisione in cinque parti del libro dei Salmi 593
1.5 Lorizzonte messianico e teocratico del libro dei Salmi 594
2. Lorigine
597
2.1 Il rapporto dei salmi e del salterio con il culto 597
2.2 Il parallelismus membrorum
come forma fondamentale della poesia dei salmi 600
2.3 I principali generi letterari del salterio 600
2.4 Lorigine di singoli salmi 604
2.5 La formazione di gruppi di salmi e di raccolte parziali 605
2.6 La storia della composizione e della redazione
del libro dei Salmi 605
2.7 Datazione e Sitz im Leben del libro dei Salmi 609

3. La teologia

611

3.1 Libro di preghiera e di vita dIsraele 611

Indice generale

1217

3.2
3.3
3.4
3.5

Risposta dIsraele 612


Lode del Dio dIsraele 613
Trah di Davide 614
I salmi come preghiera cristiana 614

IV. Il libro dei Proverbi


(Ludger Schwienhorst-Schnberger) . . . . . . . . . . . . . . .
617
1. La struttura
620
1.1 Il libro dei Proverbi ebraico (testo masoretico) 620
1.2 Il libro dei Proverbi greco (Settanta) 622
2. Lorigine
624
3. La teologia
627
3.1 Il nesso tra lagire e le sue conseguenze 627
3.2 La Sapienza, mediatrice della creazione 629
3.3 Letica dellamore di Dio e del prossimo 629
3.4 Universalismo e tradizione di Jhwh 630
V. Il libro del Qolet
(Ludger Schwienhorst-Schnberger) . . . . . . . . . . . . . . .
631
1. La struttura
633
2. Lorigine
636
2.1 Modelli interpretativo dellorigine 636
2.2 Gli epiloghi: 12,9-11 e 12,12-14 639
2.3 Lepoca dorigine 640
2.4 Il luogo dorigine 641
2.5 Il nome Qolet 642
3. La teologia
643
VI. Il Cantico dei cantici
(Ludger Schwienhorst-Schnberger) . . . . . . . . . . . . . . .
645
1. La struttura
647
1.1 Modelli interpretativi dellorigine 647
1.2 Una struttura compositiva complessiva 649
1.3 I generi letterari delle singole unit 652
2. Lorigine
652
3. La teologia
654
3.1. Senza Dio? 654
3.2. Ritorno al Paradiso 655
3.3 Lamore pi forte della morte 656

1218

Indice generale
3.4 Amore personale 657
2.5 Mistica delle nozze e dellamore 658

VII. Il libro della Sapienza (Silvia Schroer) . . . . . . . . . . . .


659
0. Il testo
661
1. La struttura
661
2. Lorigine
665
2.1 Il processo letterario dorigine 665
2.2 Il contesto storico 667
3. La teologia
671
3.1 Sapienza e giustizia 671
3.2 Il nesso tra lagire e le sue conseguenze 672
3.3 Morte e immortalit 672
3.4 La sapienza personificata 673
3.5 Lesodo dallEgitto ovvero dallidolatria
e dal culto idolatrico 674
3.6 Limportanza 675

VIII. Il libro del Siracide (Johannes Marbck) . . . . . . . . . . .


677
0. Trasmissione del testo e canonicit
679
1. La struttura
680
1.1 Gli elementi strutturanti 681
1.2 La struttura complessiva 681
1.3. Le caratteristiche delle singole parti 682
2. Lorigine
684
2.1 Il processo letterario di composizione 685
2.2 Il contesto storico 685
2.3 Il contesto storico-spirituale 686
3. La teologia
687
3.1 Accettazione e critica del cambiamento 687
3.2 Sapienza e Trah, creazione e storia:
una summa della tradizione 688
3.3 Il timor di Dio radice e prassi della sapienza 689
3.4 Limportanza 689

Indice generale

F.

1219

I libri profetici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 693

I. Peculiarit e significato della profezia dIsraele


(Erich Zenger) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
695
1. I molti aspetti della profezia
696
1.1 Osservazioni sulla terminologia 696
1.2 Tipologia e sociologia dei profeti dIsraele 698
2. Autocoscienza e rivendicazione
della profezia canonica dIsraele
703
2.1 Le forme fondamentali della tradizione profetica 703
2.2 Vera e falsa profezia 704
2.3 La profezia dIsraele a confronto
con la profezia dellambiente circostante 705

3. Il significato della profezia

II. Il libro di Isaia (Hans-Winfried Jngling) . . . . . . . . . . .


1. La struttura

707

711
714

1.1 
Is 1,112,6: parole di giudizio e di salvezza
su Gerusalemme/Sion e Giuda 715
1.2 Is 1323: parole di minaccia su/contro singoli popoli 718
1.3 
Is 2427: la cosiddetta apocalisse di Isaia
(immagini del tempo della fine) 719
1.4 
Is 2835: parole di giudizio e di salvezza
su Israele e su Giuda/Gerusalemme 720
1.5 
Is 3639: racconti sulla salvezza di Sion
e la guarigione di Ezechia 722
1.6 
Is 4055: invito al ritorno da Babilonia
e promessa della restaurazione mirabile di Sion 722
1.7 I testi sul servo di Dio (canti del servo di Jhwh) 724
1.8 
Is 5666: promessa di un rinnovamento interno
della comunit di Sion e del suo rapporto con i popoli 725
1.9 La compattezza del libro 727

2. Lorigine

729

2.1 I dati di fondo e le opzioni metodologiche 729


2.2 Il problema di parti del testo che risalgono
a Isaia stesso (VIII secolo a.C.) 730
2.3 La redazione assira al tempo di Giosia (VII secolo a.C.) 732
2.4 Il dibattito sullorigine dei capp. 4066
e sul loro rapporto con Is 139 734

1220

Indice generale
2.5 Una (accettabile) ipotesi complessiva (M. Sweeney) 736
2.6 Sintesi 737
2.7 I contesti storico-teologici 738

3. La teologia

741
Il Dio santo 741
Antropologia teologica 742
Lazione salvifica del Dio unico come nuova creazione 742
La sofferenza vicaria 743

3.1
3.2
3.3
3.4
3.5 Sion/Gerusalemme come luogo della salvezza divina
e come sposa amata di Jhwh 744
3.6 Limportanza per la tradizione ecclesiale 745

III. Il libro di Geremia


(Franz-Josef Backhaus/Ivo Meyer) . . . . . . . . . . . . . . . . .
747
0. La trasmissione del testo
749
1. La struttura di entrambi i libri di Geremia (H e G)
753
1.1 La struttura del libro di Geremia ebraico 753
1.2. La struttura del libro di Geremia greco 755
1.3 Gli oracoli contro le nazioni 756
1.4 Il capitolo introduttivo (Ger 1)
come programma del libro di Geremia 758
1.5 I testi conflittuali:
il profeta combattente e il profeta combattuto 763

2. Lorigine

768

2.1 Peculiarit del libro di Geremia 769


2.2 Il libro di Geremia:
documento di unincipiente cultura dello scritto 770
2.3 Teorie della ricerca 771
2.4 Lorigine dei brani narrativi 777
2.5 Sulla persona di Geremia 779

3. La teologia

779
3.1 Critica teologica ed etica 780
3.2 Lannuncio della sventura e della salvezza 782
3.3 Limportanza 785

IV. Lamentazioni (Ivo Meyer) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


0. Testo e denominazioni
1. La struttura
2. Lorigine

788
789
790
791

Indice generale

3. La teologia

1221
796

V. Il libro di Baruc e la lettera di Geremia


(Ivo Meyer) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
798
1. Il libro di Baruc
799
1.0 Il testo 799
1.1 La struttura 800
1.2 Lorigine 804
1.3 La teologia 804
2. La lettera di Geremia
805
VI. Il libro di Ezechiele (Frank-Lothar Hossfeld) . . . . . . . .
807
0. La trasmissione del testo
808
1. La struttura
809
1.1 Impressione generale 809
1.2 Il libro di Ezechiele come letteratura esilica 811
1.3 Le forme letterarie preferite 812
1.4 Le strutturazioni pi ampie del libro 814
1.5 La struttura in dettaglio 815
2. Lorigine
822
2.1 Osservazioni diacroniche 822
2.2 Modelli fondamentali dellesegesi di Ezechiele 824
2.3 Il contesto storico-teologico 825
3. La teologia
827
3.1 Gli aspetti fondamentali 827
3.2 Ricezione e importanza 829
VII. Il libro di Daniele (Herbert Niehr) . . . . . . . . . . . . . . . .
831
1. I capp. 112 del libro di Daniele
831
1.0 Il testo 833
1.1 La struttura 833
1.2 Lorigine 836
1.3 La teologia 840
2. Il racconto di Susanna in Dn 13
842
2.0 Il testo 843
2.1 La struttura 843
2.2 Lorigine 843
2.3 La teologia 844
3. Il racconto di Bel e il drago in Dn 14 844

1222

Indice generale
3.0 Il testo 845
3.1 La struttura 845
3.2 Lorigine 846
3.3 La teologia 846

VIII. Il libro dei Dodici profeti (Erich Zenger) . . . . . . . . . . .


848
0. Il libro dei Dodici profeti nel suo complesso
848
0.1 La struttura 849
0.2 Origine e punti chiave della teologia
del libro dei Dodici profeti 852

1. Il libro di Osea
855
1.1 La struttura 856
1.2 Lorigine 860
1.3 La teologia 863
2. Il libro di Gioele
865
2.1 La struttura 866
2.2 Lorigine 868
2.3 La teologia 871
3. Il libro di Amos
872
3.1 La struttura 874
3.2 Lorigine 880
3.3 La teologia 885
4. Il libro di Abdia
886
4.1 La struttura 887
4.2 Lorigine 888
4.3 La teologia 891
5. Il libro di Giona
892
5.1 La peculiarit letteraria e teologica 893
5.2 La struttura 895
5.3 Lorigine 897
5.4 La teologia 898
6. Il libro di Michea
900
6.1 La struttura 901
6.2 Lorigine 904
6.3 La teologia 907
7. Il libro di Naum
908
7.1 La struttura 908
7.2 Lorigine 910
7.3 La teologia 912

Indice generale

1223

8. Il libro di Abacuc
914
8.1 La struttura 914
8.2 Lorigine 915
8.3 La teologia 918
9. Il libro di Sofonia
918
9.1 La struttura 919
9.2 Lorigine 923
9.3 La teologia 925
10. Il libro di Aggeo
927
10.1 La struttura 927
10.2 Lorigine 930
10.3 La teologia 932
11. Il libro di Zaccaria
933
11.1 La struttura 934
11.2 Lorigine 939
11.3 La teologia 941
12. Il libro di Malachia
942
12.1 La struttura 943
12.2 Lorigine 944
12.3 La teologia 947
G. Compendio della storia dIsraele
(Christian Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 949
I. Osservazioni preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Storiografia tra passato, presente e futuro
2. Minimalisti e massimalisti
3. Quando comincia una storia dIsraele?
4. Che cosa indica Israele nella storia dIsraele?
5. Lo spazio della storia dIsraele
e le denominazioni del paese
6. Storia dIsraele e suo rapporto con altre storie
II.

953
953
954
955
956
957
959

Preistoria dIsraele . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
960
1. Sulla storicit dei patriarchi
961
1.1 Lipotesi del Dio dei padri di Albrecht Alt 961
1.2 Abramo come persona storica e fittizia 962
1.3 Migrazioni di popoli nellet dei patriarchi 962

1224

Indice generale

2. La cultura statale urbana


della tarda et del bronzo in Palestina

964

2.1 Nascita e sviluppo delle citt-stato nel II millennio a.C. 964


2.2 Religione e societ nelle citt della tarda et del bronzo 964
2.3 Formazione della classe superiore egiziana nel Nuovo Regno 965
2.4 Israele come parte della provincia egiziana del Canaan 967
2.5 La corrispondenza di Amarna e gli Apiru/H
_ abiru 968
2.6 Due esempi dello sviluppo regionale della cultura urbana 969
2.7 Gli Apiru/H
_ abiru e la loro connessione con gli ebrei 970
2.8 I contadini w come parte della societ
della tarda et del bronzo 971

3. Israele in Egitto e la sua pi antica menzione


sulla stele di Merenptah
972
4. Esodo
974
4.1 Lesodo dal punto di vista storico 974
4.2 Sulla plausibilit della supposizione di un esodo
come evento storico 975

III. La nascita dIsraele in Palestina . . . . . . . . . . . . . . . . .


979
1. Osservazione preliminare
980
2. Un movimento migratorio
come causa della conquista del paese?
981
3. Il tramonto della cultura urbana cananea
981
3.1 Un evento complesso 981
3.2 Cause del tramonto della cultura urbana
della tarda et del bronzo 983

4. La cosiddetta conquista del paese

984
4.1 La descrizione biblica della conquista del paese 984
4.2 Modelli della conquista 986
4.3 Valutazione riassuntiva 990
5. La nascita della nuova cultura dei villaggi
nella regione montuosa
991
5.1 Continuit e discontinuit con la cultura delle citt-stato 991
5.2 La cultura dei nuovi abitanti dei villaggi
e il dibattito sulletnicit 992
5.3 Due esempi dello sviluppo regionale della cultura dei villaggi 993
5.4 Israele nasce nel e dal Canaan Sintesi 995

6. La cosiddetta conquista del paese


nella regione a est del Giordano

996

Indice generale

1225

6.1 Il passaggio dalla tarda et del bronzo alla prima et del ferro
nella regione a est del Giordano 996
6.2 La nascita dei regni di Ammon, Moab e Edom 997
6.3 Lo sviluppo degli insediamenti
nella regione a est del Giordano 998

7. Il cosiddetto periodo dei giudici


e il sistema delle dodici trib dIsraele
998
7.1 La contrapposizione Israele Canaan 999
7.2 Struttura sociale dei villaggi della prima et del ferro 999
7.3 Ancora una volta:
Israele e la cultura dei villaggi della prima et del ferro 1000
7.4 Il sistema della dodici trib dIsraele 1001

IV. La nascita della monarchia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1004


1. Osservazioni preliminari Forme di governo
1006
1.1 Gdc 9 e la resistenza contro la monarchia 1006
1.2 Sullimpiego di modelli sociologici nella discussione 1006
1.3 Documenti scritti come criterio per la statualit 1007
1.4 Israele come stato embrionale
e il progressivo passaggio alla statualit 1007

2. I filistei nella pianura costiera


1008
3. Gli ammoniti e la prima monarchia israelitica
1010
4. Saul
1010
4.1 Il territorio governato da Saul 1011
4.2 Organizzazione del governo carismatico di Saul 1011
4.3 Lelevazione di Saul a re 1012
4.4 Saul e i conflitti con i filistei 1012
4.5 Tentativo di stabilire un regno dinastico
dopo la morte di Saul 1013

5 La monarchia di Davide

1014

5.1 Grande regno, monarchia unita o chiefdom?


Il territorio governato da Davide 1014
5.2 Messa in discussione della storicit di Davide
e liscrizione bytdwd di Dan 1015
5.3 Linizio del regno di Davide e linflusso dei filistei 1016
5.4 La monarchia di Davide dopo la morte di Saul 1017
5.5 Gerusalemme come citt di Davide 1018
5.6 Estensione del regno di Davide verso il nord 1020

6. La monarchia di Salomone

1021

1226

Indice generale
6.1 Salomone come successore di Davide
e il territorio del suo regno 1021
6.2 Lelenco delle circoscrizioni amministrative di Salomone
(1 Re 4,7-20) 1022
6.3 Misure edilizie di Salomone 1023

Excursus: Il dibattito sulla cronologia nellarcheologia


1027
6.4 Relazioni commerciali di Salomone 1030
7. La cosiddetta divisione del regno, nel 926 a.C.
1033
7.1 Lelevazione di Geroboamo a re 1033
7.2 Le residenze di Geroboamo 1034
7.3 La costruzione di santuari del regno a Bet-El e Dan 1035
8. La spedizione militare del faraone Sisak
1036
8.1 Problemi nella datazione della spedizione 1036
8.2 La politica estera di Roboamo e Geroboamo
e loccasione della spedizione militare 1036
8.3 Un frammento di stele a Meghiddo 1037
8.4 Il predominio egiziano in Palestina nel X e IX secolo a.C. 1038

V. Storia dIsraele e di Giuda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1039


1. Panoramica della storia del grande regno neoassiro
1042
2. Stato delle fonti e sviluppo regionale
1044
2.1 Il ricorso a elenchi nellesposizione biblica 1044
2.2 Elenco sincronistico dei re dIsraele e di Giuda 1045
2.3 Attendibilit delle indicazioni bibliche 1046
2.4 Menzioni extrabibliche dei re dIsraele e di Giuda 1046
2.5 Lo sviluppo di Giuda rispetto a Israele 1047
2.6 Lo sviluppo dIsraele e gli aramei 1048
3. Israele e Giuda sotto gli Omridi
1049
3.1 La monarchia in Israele da Geroboamo fino a Omri 1049
3.2 Contrasti con Giuda e consolidamento della monarchia al nord 1050
3.3 Politica estera e politica interna degli Omridi 1050
3.4 La coalizione antiassira sotto Acab 1052
3.5 La dipendenza di Giuda da Israele 1053
4. Il putsch di Ieu e il predominio di Aram-Damasco
nel IX-VIII secolo a.C.
1055
4.1 Contrasti fra Israele e gli aramei, e la rivoluzione di Ieu 1056
4.2 La tesi di un vassallaggio di Ieu
e liscrizione di Dan 1056
4.3 Ieu come vassallo assiro 1057

Indice generale

1227

4.4 Predominio aramaico e recessione economica


nellVIII secolo a.C. 1058
4.5 Amazia di Giuda e la dipendenza da Israele 1058
4.6 Lo sviluppo economico sotto Geroboamo II 1059

5 Giuda sotto linflusso assiro


e la scomparsa dIsraele nel 720 a.C.
1060
5.1 Sviluppo di Giuda nellVIII secolo a.C. 1060
5.2 La politica espansionistica assira e le sue conseguenze 1061
5.3 Acaz come vassallo neoassiro 1062
5.4 Il tentativo di una riedizione della coalizione antiassira 1063
5.5 Spedizione punitiva di Tiglat Pileser III
e linsediamento di Osea 1063
5.6 La caduta di Osea e lassedio di Samaria 1064
5.7 Inserimento nel sistema delle province neoassire 1065

6. Giuda dopo la caduta dIsraele


sotto Ezechia fino al 701 a.C.

1065
6.1 Deportazione della popolazione al nord 1065
6.2 Sviluppo di Gerusalemme nellVIII secolo a.C. 1066
6.3 Aumento delle testimonianze scritte
e formazione dellamministrazione 1068
6.4 Indizi archeologici
di una riforma del culto di Ezechia 1070
6.5 Politica estera di Ezechia verso la fine dellVIII secolo a.C. 1070
6.6 La ritirata di Sennacherib da Gerusalemme nel 701 a.C. 1072

7. Giuda nel VII secolo a.C., sotto Manasse

1072

7.1 La politica estera di Manasse


e lattacco degli assiri allEgitto 1073
7.2 La discrepanza fra limmagine biblica
e limmagine storica di Manasse 1073
7.3 Manasse come fedele vassallo di Assur 1074
7.4 Ledificazione economica del regno sotto Manasse 1075
7.5 Pressione culturale assira e sviluppo religioso
sotto Manasse 1076

8. Giuda nel gioco di forze tra Assur,


Babilonia ed Egitto Giosia

1077

8.1 Resistenze in politica interna contro Assur


e linsediamento di Giosia 1077
8.2 La scomparsa del grande regno assiro e i neobabilonesi 1077
8.3 Giuda sotto controllo egiziano 1078

1228

Indice generale
8.4 Nessuna estensione significativa
dei confini del regno sotto Giosia 1079
8.5 La riforma del culto di Giosia 1080
8.6 La morte di Giosia e la deposizione di Ioacaz 1081

9. Giuda come provincia babilonese


e la fine dello stato di Giuda nel 587/86 a.C.

1082

9.1 Ioiakim come vassallo neobabilonese


e la caduta di Babilonia nel 601 a.C. 1082
9.2 La prima conquista di Gerusalemme nel 597/96 a.C. 1083
9.3 Deportazione della popolazione giudaica 1084
9.4 Sedecia e la fallace speranza nellEgitto 1085
9.5 La seconda conquista di Gerusalemme nel 588/87 a.C. 1086

10. Giuda dopo la scomparsa dello stato


e sino alla fine dellesilio

1089

10.1 Continuit e discontinuit dopo la conquista di Gerusalemme 1089


10.2 Godolia come funzionario amministrativo babilonese 1089
10.3 Una terza deportazione dopo lassassinio di Godolia? 1091

11. La diaspora babilonese ed egiziana


1091
11.1 Lo sviluppo della diaspora babilonese 1091

11.2 Giudei in Egitto, e la colonia militare


sullisola di Elefantina nel Nilo 1092

VI. Storia dIsraele nel periodo persiano . . . . . . . . . . . . . . 1094


1. Panoramica della storia del grande regno persiano
1096
1.1 Ciro il Grande e il tramonto del regno babilonese 1096
1.2 Cambise, rivolte a Persepoli
e la presa del potere da parte di Dario I 1097
1.3 Linstabilit del regno dopo la secessione dellEgitto 1098

2. Organizzazione e amministrazione del regno persiano 1099


2.1 Politica persiana di tolleranza 1099
2.2 Il sistema amministrativo del regno persiano 1100
2.3 Tasse e tributi 1101
1102
3. La provincia di Jehdh e il suo status politico
3.1 Confini della provincia di Jehdh 1103
3.2 Sviluppo economico nel V secolo a.C. 1104
3.3 Status politico della provincia di Jehdh 1105
4. Leditto di Ciro e il ritorno dallesilio
1106
4.1 Sulla tradizione delleditto di Ciro 1106
4.2 Sulla messa in discussione delleditto di Ciro 1106

1229

Indice generale

4.3 Plausibilit del rientro delle suppellettili del tempio


a Gerusalemme 1107
4.4. Il ritorno degli esuli e lo sviluppo demografico in Jehd 1108

5. Restaurazione di Gerusalemme
e costruzione del tempio

1109

6. La riorganizzazione della comunit sotto Neemia

1113

5.1 Condizioni di Gerusalemme verso la met del VI secolo a.C. 1109


5.2 Sesbassr e la datazione
dellinizio della costruzione del secondo tempio 1110
5.3 Zorobabele e la ricostruzione del tempio 1111
5.4 Opposizione alla costruzione del tempio 1112
5.5 Dedicazione del secondo tempio nel 515 a.C. 1113
6.1
6.2
6.3
6.4

Il racconto di Neemia e la questione della sua autenticit 1113


Neemia come governatore e la datazione della sua azione 1114
La restaurazione del sistema delle mura di Gerusalemme 1115
Altre misure di Neemia 1116

7. La missione di Esdra
1117
7.1 Il racconto biblico 1117
7.2 Problemi dellattivit contemporanea di Esdra e Neemia 1118
7.3 Datazione della missione di Esdra 1119
7.4 Sulla questione della storicit delle misure di Esdra 1119
8. Samaria, i samariani e i samaritani
1121
8.1 Lo sviluppo della provincia persiana di Samaria 1121
8.2 Il cosiddetto scisma samaritano 1122
1123
9. Santuari di Jhwh nel periodo persiano
10. Il periodo persiano come ora della nascita
del giudaismo Sintesi
1125
VII. Storia dIsraele nel periodo ellenistico . . . . . . . . . . . . 1126
1. Panoramica della storia del periodo ellenistico
1127
1.1 La fine del regno persiano e lascesa di Alessandro 1127
1.2 La morte di Alessandro e le lotte dei Diadochi 1128
1.3 Lotte di potere fra Tolomei e Seleucidi 1129
1.4 Sviluppi nel II secolo a.C. 1132
2 Ellenismo
1133
2.1 Il termine ellenismo 1133
2.2 Ellenizzazione 1134
2.3 I Settanta, Filone e Flavio Giuseppe
come esempi di cultura ellenistica 1135

1230

Indice generale
2.4 Gymnsion ed ephbion
come espressione dellellenizzazione 1135

3. Economia, amministrazione e organizzazione


dei regni ellenistici
1136
3.1 Le iparchie e lo status di provincia della Giudea 1136
3.2 Economia e sistema fiscale nella provincia della Giudea
e le conseguenze sociali 1137

4. Tobiadi, Oniadi e i retroterra


della rivolta dei Maccabei

1138

4.1 La famiglia dei Tobiadi e la sua preistoria 1138


4.2 Gli sviluppi sotto Onia II 1138
4.3 La fuga di Ircano nella regione a est del Giordano 1139
4.4 Conflitti fra partigiani dei Seleucidi e partigiani dei Tolomei 1140
4.5 Laffare Eliodoro 1141
4.6 La destituzione di Onia III 1141
4.7 Il tempio in Egitto (Leontopoli/Eliopoli) 1142
4.8 Lellenizzazione di Gerusalemme sotto Giasone 1143
4.9 La destituzione di Giasone da sommo sacerdote 1143

5. La crisi sotto Antioco IV e la rivolta dei Maccabei


1145
5.1 La politica di Antioco IV verso lEgitto 1145
5.2 Giasone prende di nuovo il potere a Gerusalemme 1145
5.3 Inquadramento e valutazione
delle misure di Antioco IV 1146
5.4 La rivolta dei Maccabei 1148

6. Gli Asmonei

1150

6.1 Un governo parallelo a Micmas 1150


6.2 Gionata come sommo sacerdote a Gerusalemme 1151
6.3 Lalleanza con i Seleucidi
e laumento del potere sotto Gionata 1151
6.4 Giuda come stato parzialmente autonomo sotto Simone 1152
6.5 Giovanni Ircano I 1153
6.6 Lo stato degli Asmonei
sotto Aristobulo I e Alessandro Ianneo 1153
6.7 Alessandra Salom e la lotta per il potere dopo la sua morte 1155
6.8 Lintervento dei romani e la fine dello stato asmoneo 1155

Indice generale

1231

VIII. Storia dIsraele nel periodo romano


Uno sguardo panoramico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1157
1. Nuovo ordinamento della Palestina
sotto il dominio romano
1158
2. Le rivolte di Alessandro e di Antigono
1158
3. La Giudea dopo la vittoria di Cesare
1159
4. Erode il Grande
1160
4.1 La caricatura del despota Erode 1160
4.2 La politica edilizia di Erode 1160
4.3 Il tempio erodiano di Gerusalemme 1161
4.4 Conflitti per leredit politica di Erode 1161
5. I successori di Erode
1162
5.1 Lincapacit di Archelao
e la nuova organizzazione in Giudea 1162
5.2 Erode Agrippa I e i conflitti per il culto dellimperatore 1163

6. La guerra giudaica (66-70 d.C.)

1164
6.1 Retroterra e inizio della rivolta giudaica 1164
6.2 La resistenza militare degli zeloti dilaga 1165
6.3 Lintervento di Roma per mano di Tito
e la distruzione del tempio 1165
6.4 Masada 1166
6.5 La nuova formazione del giudaismo
dopo la distruzione del tempio 1166

7. La rivolta di Bar Kochba (132-135 d.C.)

1167

Appendici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1171
IX. Carte geografiche relative alla storia dIsraele . . . . . . . . . . 1173
Fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1185
Spiegazione dei termini tecnici della scienza biblica
(Erich Zenger/Ch. Frevel) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1187
Opere fondamentali di introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1195
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1197