Sei sulla pagina 1di 70

9 Meeting dei Responsabili Tecnici di Laboratorio

del settore Lattiero-Caseario


ing. Giorgio Ficco
Universit degli Studi di Cassino

Misure di temperatura ed umidit nei laboratori di prova:


tipi di sensori e riferibilit metrologica
Montegrotto Terme 04 dicembre 2008

Misure di temperatura ed umidit

Principi di Misura della Temperatura

Misure di temperatura ed umidit

Leggi fondamentali: temperatura termodinamica


La temperatura stata storicamente definita sulla base della
dilatazione termica di un fluido tra due punti fissi scelti
arbitrariamente.
La pi diffusa scala Celsius sceglie:
come punti fissi il punto di solidificazione (0C) e di ebollizione
dellacqua (100C) alla pressione di 101325 Pa
come fluido termometrico il mercurio
come legge di dilatazione termometrica una relazione lineare

In un sistema chiuso in equilibrio la termodinamica classica


definisce la temperatura termodinamica come il divisore integrale
dellenergia interna rispetto allentropia (a volume costante):

U
T =

S V

Misure di temperatura ed umidit


Punti fissi

La Scala Internazionale
delle Temperature:
Le evoluzioni successive

p.t. idrogeno
l.v. idrogeno
p.e. idrogeno
p.t. neon
p.e. neon
p.t. ossigeno
p.t. argon
p.e. ossigeno
p.t. mercurio
p.s. acqua
p.t. acqua
p.e. acqua
p.f. gallio
p.s. indio
p.s. stagno
p.s. zinco
p.e. zolfo
p.s. alluminio
p.s. argento
p.s. oro
p.s. rame

ITS-27 [C] ITS-48 [C]

IPTS-48
[C]

IPTS-68
[C]
-259,34
-256,108
-252,87
-246,048
-218,789

-182,97

-182,970

0,000

-182,97

ITS-90 [C]
-259,3467
-256,15
-252,85
-248,5939
-218,7916
-189,3442

-182,962
- 38,8344

100,000

100

0,01
100

0,01
100

419,58
444,60
960,5
1063,0

444,600
960,8
1063,0

0,01
29,7646
156,5985
231,928
419,527

444,6
960,8
1063

alcuni punti fissi secondari


231,9
231,91
327,3
327,3
419,5
419,505

961,93
1063,43

660,323
961,78
1064,18
1084,62

231,9681
p.s. stagno
327,502
p.s. piombo
p.s. zinco
444,674
p.s. zolfo
630,5
630,5
630,74
p.s.antimonio
660,1
660,1
660,37
p.s.alluminio
p.t. = punto triplo; l.v.= equilibrio liquido- vapore (p= 333606 Pa)
p.e.*= punto di eboillizione; p.f.*= punto di fusione; p.f.*= punto di solidificazione;
* (p=101325 Pa)

Misure di temperatura ed umidit

La scala di temperatura internazionale (ITS International Temperature Scale)

Ha subito successive revisioni nel corso di


conferenze internazionali (1948, 1954,
,1990) ed lo standard che:
fissa i punti di riferimento per la
taratura (punto di congelamento,
punto triplo, ecc.)
definisce le equazioni ed i metodi da
utilizzare per calcolare le temperature
intermedie (interpolazione)
definisce gli strumenti da usare per la
realizzazione della scala di
temperatura

Misure di temperatura ed umidit

Altre Scale di Temperatura

Misure di temperatura ed umidit

Leggi fondamentali della trasmissione del calore

La misura della temperatura un problema


di trasmissione del calore.
Il sensore non legge mai la temperatura da
misurare, ma la propria temperatura.
Per poter valutare la differenza tra la
temperatura del sensore e quella che si
vuole misurare necessario valutare gli
scambi termici esistenti (conduzione,
convezione, irraggiamento)
Ad esempio, se il fluido presenta una
notevole velocit rispetto alla sonda
termometrica la trasformazione
termodinamica imposta al fluido dalla
presenza della sonda stessa determina una
variazione della temperatura
Temperatura di ristagno

Misure di temperatura ed umidit

Come misurare la grandezza temperatura?


La temperatura viene solitamente misurata mediante elementi elettrici
(TC, termistori, TRP) e successivamente attraverso un elemento di
condizionamento (trasmettitore) il segnale in uscita viene amplificato
e condizionato in un segnale standard (3..15 psi, 010V, 4..20 mA,
fieldbus)

Elemento
termometrico

Elemento di
condizionamento

Misure di temperatura ed umidit

Tecniche e strumenti di misura della temperatura


TIPO
Termometro a liquido

PRINCIPIO FISICO

GRANDEZZA
TRASDOTTA

SENSORE

STRUMENTO
ASSOCIATO

dilatazione termica

spostamento del liquido

mercurio, toluene o
alcool bulbo

capillare graduato

Termometro a gas

legge dei gas perfetti

pressione gas

gas in bulbo e capillare

manometro

Termometro a vapore

variazione della pvs

tensione vapore

bulbo metallico e
capillare

manometro

Termometro bimetallico

differente dilatazione
termica

differente dilatazione
metalli

due placchette avvolte a


spirale o elica

amplificatore meccanico

Termometro a resistenza

variazione resistenza
dei conduttori

resitenza elettrica

fili di platino, rame,


nickel, etc.

Termistore

variazione resistenza
semiconduttori

resistenza elettrica

semiconduttore

Termocoppia

effetto Seebeck

f.e.m.

coppia termoelettrica

Term. a radiazione
monocromatico

legge di Planck

f.e.m.

fotodiodo,
fotomoltiplicatoro
occhio umano

Term. a radiazione
infrarosso

legge di Planck

f.e.m.

fotodiodo o
fotoconduttore

Term. a radiazione
Totale

legge di StefanBoltzmann

f.e.m.

termopila, bolometro o
sens.piroelettrico

Term. a radiazione
bicolore

legge di Planck (rapp.


radiazioni)

f.e.m.

fotodiodo o
fotomoltiplicatore

ponte in DC o AC,
potenz.,voltmetro
multimetro
potenziometro,
millivoltmetro
ottica, lampada a
filamento, filtro
ottica, filtro ottico, volt.
o potenziometro
ottica, voltmetro o
potenziometro
ottica, filtri, voltmetro

Misure di temperatura ed umidit

Misure di temperatura ed umidit

Misure di temperatura ed umidit

Termometri a liquido
principio: dilatazione liquido
campo: -50400C
(in funzione del liquido)
incertezza: 0.05-2C
uscita: meccanica
norme UNI 6893:1979

Vantaggi
- elevata stabilit
Svantaggi
- elevata costante di tempo
-campo di misura ridotto
-Strumenti delicati

Divieto di vendita per termometri a mercurio!


Proposta di modifica della direttiva 76/769/CEE
per quanto riguarda le restrizioni alla
commercializzazione di alcune apparecchiature
di misura contenenti mercurio

12

Misure di temperatura ed umidit

Termometri bimetallici
principio: dilatazione di solidi
campo: 0600
incertezza: 1-5C
uscita:: meccanica
norme UNI- CTI 9010

Vantaggi
- basso costo
Svantaggi
- scarsa precisione
- non utilizzabili a distanza

I termometri bimetallici sono costituiti da un


tubo in acciaio al cui interno posta una spirale
elicoidale bimetallica (elemento sensibile).
La spirale ha unestremit saldata alla parte
inferiore del tubo e l'altra ad un alberino di
trasmissione alla cui estremit libera viene
montato lindice.
Le variazioni di temperatura causano nel
bimetallo una deformazione che, attraverso la
rotazione dell'alberino, si trasmette alla lancetta
ruotante sul quadrante.

13

Misure di temperatura ed umidit

Termometri a resistenza
principio: variazione resistenza
elettrica di metalli
campo -250850C
incertezza: 0.01-0.1C
uscita: elettrica
norme UNI-7937, IEC 751

Vantaggi
- elevata affidabilit
- linearit
Svantaggi
- elevato costo
- elevata costante di tempo

14

Misure di temperatura ed umidit

Fattori di affidabilit di un Termometro a Resistenza


- resistenza dei fili di collegamento
- autoriscaldamento;
- f.e.m. termiche nel collegamenti;
- resistenza di isolamento;
- deriva della caratteristica;
- tempo di risposta;
- profondit di immersione

Misure di temperatura ed umidit

Termocoppie
principio: effetto Seebeck
campo <350C (T) <900C(E)
incertezza: 0.55C
uscita: elettrica
norme UNI-CTI 7938
IEC 584-1/2/3

Vantaggi
- basso costo
- piccola costante di
tempo
Svantaggi
- non linearit
- bassa sensibilit

16

Misure di temperatura ed umidit

la legge di Seebeck, lega il potenziale (la forza elettromotrice


f.e.m.) Es che si genera ai capi di un giunto di metalli diversi,
alla temperatura T del giunto ed ai due metalli A-B
costituenti il giunto stesso:

dES = A,B dT
dove A,B rappresenta il coefficiente di Seebeck, pi noto
come potere termoelettrico della coppia A,B ed funzione
della sola temperatura T del giunto

Misure di temperatura ed umidit

la legge di Peltier, descrive l'assorbimento o la cessione di calore Qp


che avviene in un giunto di metalli diversi attraversato, in un verso o in
quello opposto (reversibilmente), da una corrente I:
dQP = A,B I d
dove A,B rappresenta il coefficiente di Peltier, il cui valore dipende,
per una determinata coppia A-B, dalla sola temperatura T del giunto.
Il coeficiente A,B pu variare in valore e segno al variare della T, nel
senso che, a parit di verso della corrente I, in uno stesso giunto ci pu
essere assorbimento o cessione di calore Qp a seconda della
temperatura del giunto. Ovviamente esiste una temperatura T alla
quale tale effetto nullo.
Sulla base della fenomenologia ad effetto Peltier descritta sono stati sviluppate sistemi
di raffreddamento di ridotta potenza il cui maggiore pregio, oltre alla sicurezza
intrinseca, quello di non presentare organi in movimento e quindi di non essere
soggetti a fenomeni di usura. Tali dispositivi hanno trovato applicazione nel
raffreddamento di ambienti di ridotte dimensioni e nella termostatazione di elementi
nella strumentazione.

Misure di temperatura ed umidit

la legge di Thomson, descrive l'assorbimento o la cessione di


calore QT, che avviene in un conduttore omogeneo lungo il quale
vi un gradiente di temperatura, al passaggio di una corrente I
(anche di tipo termoelettrico):
T2

dQT = ( dT ) Id
T1

dove rappresenta il coefficiente di Thomson, il cui valore


dipende dal materiale del conduttore, dal gradiente di temperatura
e dalla temperatura stessa.
Si noti che il coefficiente di Thomson viene spesso anche definito
"calore specifico elettrico" in quanto rappresenta la quantit di
calore ceduta od assorbita in un singolo conduttore sottoposto ad
un gradiente unitario quando percorso da una corrente unitaria.

Misure di temperatura ed umidit

I tre effetti su descritti sono tutti contemporaneamente presenti in un


circuito termoelettrico a doppio giunto (uno di misura ed uno di
riferimento).

EA ,B
A

QT

QT

QP

QT

T1

E = AB T AB T +
2
1

T0

QP

T2

T2

T2

T1

T1

T1

A dT B dT = AB dT

Misure di temperatura ed umidit

Leggi dei circuiti termoelettrici


Ia legge del circuito omogeneo
In un circuito chiuso costituito da un solo materiale omogeneo non pu
circolare corrente termoelettrica per soli scambi termici. Quindi:
- se in un circuito costituito da un solo materiale circola corrente
termoelettrica ci dovuto ad impurezze del materiale.
- in un circuito termoelettrico con due giunti a temperature diverse,
la fem generata indipendente dalla temperatura lungo i fili
supposti omogenei.
A

EA,B

Q T

Q T

QP

T1

Q T
T0

Q P

Misure di temperatura ed umidit

Leggi dei circuiti termoelettrici


IIa legge dei metalli intermedi
La somma algebrica delle f.e.m. in un circuito costituito da un numero
qualsiasi di metalli diversi nulla se tutto il circuito isotermo.
Quindi se un terzo metallo inserito nel circuito e le estremit di tale
metallo sono tenute isoterme non si verificano variazioni di fem
III legge delle temperature intermedie
La f.e.m. termica di una coppia avente i giunti a temperatura T1 e T2 la
somma algebrica delle f.e.m. delle stesse coppie aventi i giunti
ordinatamente alle temperature T1, T2 e T3, T2
ET1,T2 = ET1,T3 + ET3,T2

Misure di temperatura ed umidit

Giunto di
misura
T1
T1
A

Cu

Cu
f. e. m.

Giunto di
riferimento
Giunto di
misura
B

Voltmetro digitale o
Ponte di precisione
Cu
Cu

B
T2

Giunto di
riferimento

f. e. m.
T3

Collegamenti elettrici delle termocoppie

Misure di temperatura ed umidit

Termocoppie normalizzate
T (C)
2500

Soddisfacente
Soddisfacente (atm. < 0,5 % O2)

2000

Non raccomandato

0
- 200

Chroml
Alumel ( d )

Chromel
Alumel( s )

Fe - Cost.
( doppie )

Cu Cost.

500

Fe - Cost.
( sottili )

1000

Pt Rh - Pt

1500

WRe 3% - WRe
25%

Soddisfacente (atm. < 0,2 % O2)

Misure di temperatura ed umidit

Termografia
La termografia una tecnica di misura della
temperatura a distanza. Determinazione del flusso
termico radiativo emesso da un corpo nella banda
spettrale dellinfrarosso senza contatto con lo stesso.
Con il termine termografia si intende la
visualizzazione bidimensionale della misura di
irraggiamento attraverso un termogramma.
La distribuzione di temperatura della superficie in
esame, rilevata per mezzo di un opportuno sistema di
scansione ottica, visualizzabile mediante la mappa
termica, in cui la variazione della temperatura
valutata in rapporto ad una scala cromatica in falsi
colori che fa corrispondere ad ogni colore una
temperatura.

Misure di temperatura ed umidit

Valgono le tre relazioni fondamentali dellirraggiamento:


equazione di Planck

En (T ) =

c1
c2 T
e
1

equazione di Wien

maxT = C3

En (T)

Potere emissivo emisferico spettrale del corpo nero alla


[W / m2 m]
lunghezza donda in funzione della T

C1

cost = 3,74 108

[W m4/m2]

C2

cost = 1,44 104

[m K]

C3

cost = 2,898 10-3

[m k]

temperatura assoluta del corpo nero

[K]

lunghezza donda

[m]

max

lunghezza donda per cui si ha En (T) massima

[m]

Misure di temperatura ed umidit

Integrando la formula di Planck da = 0 a = , possibile ottenere


lemittanza radiante totale di un corpo nero.

Equazione di Stefan-Boltzmann :

En ( T ) = T 4

En (T)

Potere emissivo emisferico totale di un corpo nero

[W / m2]

costante di Stefan Boltzman= 5,67051 10-8

[W /m2K4]

temperatura assoluta del corpo nero

[K]

lemittanza radiante compresa


nellintervallo = 0 a max
solo il 25% del totale

Misure di temperatura ed umidit

I Corpi Reali
Per il corpo grigio, la formula di Stefan-Boltzmann diventa:

E(T) = T4

Il potere emissivo totale di un corpo grigio identico a quello di un


corpo nero alla stessa temperatura moltiplicato per il valore di
emissivit del corpo in esame

Misure di temperatura ed umidit

Lemissivit di un corpo reale dipende da :


1. natura superficie;
2. tipo di materiale;
3. tipologia di lavorazione superficiale;
4. stato di ossidazione;
5. sporcizia e grasso sulla superficie;
6. temperatura;
7. angolazione target-sensore;
8. lunghezza donda.

I
D
I

R
O
L O
A
V NT
O
E
N
M
SO ERI
ON RIF

Misure di temperatura ed umidit

Campi di Impiego
1.

2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

Misure non intrusive e a distanza, ovvero misure:


di oggetti in movimento: ingranaggi, cuscinetti, nastri,
di oggetti non accessibili,
in ambienti pericolosi,
di oggetti sotto tensione:componenti elettronici, rotaie in tensione,
trasformatori,
di oggetti che non si possono toccare: con vernice fresca, parti sterili, o
sostanze corrosive.
Misure non distruttive: non sussistono alterazioni in seguito alla verifica.
Misure di temperature elevate: generalmente al di sopra dei valori misurabili
con termocoppie e termoresistenze.
Misure di temperature di scarsi conduttori di calore: come ceramica, gomma,
plastica.
Misura della temperatura media di superfici o di distribuzione di temperatura
(mappe termiche).
Misure di transitori termici e di fenomeni termici periodici di elevata frequenza.
Misure di oggetti piccoli con massa ridotta di cui una sonda a contatto
rimuoverebbe troppo calore misurando cos un valore scorretto.
Strumento di diagnostica e controllo e monitoraggio.

Misure di temperatura ed umidit

Vantaggi

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

una tecnica di misura a distanza, non distruttiva e non intrusiva;


Offre la possibilit di ottenere unimmagine termografica in tempo
reale, con possibilit di seguire levoluzione del campo termico in
transitori molto veloci;
Diagnosi predittiva;
Sistema di misura compatto e facilmente trasportabile;
Rilevamento di anomalie spesso invisibili ad occhio nudo;
Ispezione con limpianto in funzionamento;
Utilizzata in fase di progettazione evita linsorgere di difetti successivi
con costose campagne di richiamo;
Utilizzata nellautomazione e nel controllo di processo consente di
migliorare lefficienza produttiva e di ottimizzare il controllo della
qualit.

Misure di temperatura ed umidit

Svantaggi

1.
2.
3.
4.
5.

Misura pi qualitativa che quantitativa;


Incertezza elevata, fino a 2,5C.
Misura fortemente influenzata da fattori quali emissivit,
distanza target piano focale, umidit ambiente,
Utilizzo di software dedicati;
Difficolt interpretative delle immagini termografiche.

Misure di temperatura ed umidit

Sensori per la Misura dellUmidit

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri relativi meccanici


principio di misura
Basato sul fenomeno
dell'elongazione di capelli
umani in funzione dell'umidit.
Elementi sensibili: membrane,
sia animali che sintetiche, carta,
tessuti.
Esistono dispositivi ad uscita
elettrica (potenziometro o
estensimetro)

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri relativi meccanici


cause di incertezza
Deriva di zero (stress meccanici, esposiz. ambienti secchi)
Isteresi
Contaminazione superficiale (ammoniaca, polveri, grassi)
Sensibilit alle vibrazioni
(elevato tempo di risposta)

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri relativi resistivi


principio di misura
Misurano la variazione di
resistenza dellelemento
sensibile.
Si distinguono due tipi di
sensori: a) conduzione di
superficie; b) conduzione di
massa.
La caratteristica del sensore di
tipo non lineare del tipo:
R = exp( )

(Un esempio di substrato


utilizzato il polistirene trattato
con acido solforico).

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri relativi capacitivi


principio di misura

La variazione dellumidit
relativa provoca una variazione
della capacit del sensore
Generalmente uno degli
elettrodi permeabile al vapor
dacqua.
La caratteristica del sensore di
tipo non lineare del tipo:

[ (

A
1/ 3
1/ 3
1/ 3 3
o
C = w f + f
L

(Un esempio di substrato


utilizzato lacetato di cellulosa
e la poliammide)

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri relativi elettrici


cause di incertezza

temperatura dellaria
contaminazione dellelemento sensibile
fenomeni di condensazione
tensioni meccaniche indotte sullelemento
irraggiamento diretto
tensione di alimentazione
impedenza di carico

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri a condensazione
principio di misura

1
3
4
2
6
5
7
Sorgente di luce (1),
specchio riflettente (2),
rilevatore di condensa (3),
sistema di controllo (4),
sensore di temperatura (5),
sistema di raffreddamento/riscaldamento (6)
scambiatore (7)

Basato sulla progressiva


diminuzione della temperatura
superficiale di un elemento
sensibile e conseguente
raggiungimento della condizione
di saturazione
La trasformazione
termodinamica corrisponde ad
un raffreddamento isotitolo a
pressione costante (fino a Tr o
Tb) tale che:
pv = pvs ( Tr )

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri a condensazione
cause di incertezza

incertezza sensore di temperatura


gradienti di temperatura: i) aria-condensato; ii) condensato-superficie
raffreddata; ii) superficie raffreddata-sensore di temperatura;
effetto Kelvin (grado di finitura specchio)
effetto Raoult (presenza di contaminanti solubili)
attenuazione del segnale di trigger (la presenza di particolato sulla
superficie dello specchio)
tipo e consistenza del film di condensa (liquido o solido)
fenomeni di condensazione, adsorbimento, desorbimento e perdite di
carico (lungo la linea di campionamento)
portate di campionamento inadeguata (portata pulsante, troppo bassa o
elevata 30-100 dm3/h)

Misure di temperatura ed umidit

Psicrometri
principio di misura

Basato sulla misura della differenza di


temperatura tra la temperatura dellaria e
la temperatura di bulbo umido
(temperatura alla quale si porta un
termometro mantenuto costantemente
bagnato mediante una garza ed investito
dalla corrente daria umida)
Il funzionamento dello psicrometro
descritto dalla relazione di Ferrel :

x = x s ,Tu A ( t s t u )

Misure di temperatura ed umidit

Psicrometri
cause di incertezza

Incertezza dei sensori di temperatura


Variazioni del flusso conduttivo: i) garza e sensore di temperatura; ii)
sensore di temperatura e serbatoio di alimento
Variazioni del flusso convettivo (velocit dellaria): i) aria umida e film
saturo; ii) film saturo e garza
Variazioni del flusso radiativo tra sensore e lambiente
Eccessivo essiccamento della garza
Sporcamento della garza
Intrusivit in ambienti di dimensioni ridotte

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri a sali saturi


principio di misura

Basato sul principio che la


pressione di vapore di una
soluzione salina aumenta al
crescere della temperatura e
diminuisce all'aumentare della
concentrazione del sale
disciolto.
La soluzione salina viene
riscaldata, la pressione di vapore
della soluzione aumenta fino ad
eguagliare quella del vapore
dacqua:
pv = pvs ,LiCl ( Ts )

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri a sali saturi


cause di incertezza

incertezza sensore di temperatura


variazione del flusso radiativo
variazione del flusso convettivo (velocit dellaria)
variazione del flusso conduttivo (differenza di temperatura e
lunghezza stelo)
contaminazione superficiale (sostanze solubili)

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri elettrolitici
principio di misura

Basato sullessiccazione in una


cella sensibile al P2O5 ed una
successiva elettrolisi dell'acqua
adsorbita dal film di in ossigeno
ed idrogeno
La misura della corrente
richiesta proporzionale al
numero di molecole d'acqua
dissociate (due elettroni per ogni
molecola d'acqua)

Misure di temperatura ed umidit

Igrometri elettrolitici
cause di incertezza

incertezza sensore di corrente


ricombinazione di idrogeno ed ossigeno
fenomeni di occlusione
variazioni della portata
presenza di idrogeno e di ossigeno nel campione
presenza contaminanti che possono reagire con il P2O5 (ammina,
ammoniaca, alcool, ecc.)

Misure di temperatura ed umidit

Misure di temperatura ed umidit

Taratura di sensori di Temperatura, Forni e


Camere Climatiche

Misure di temperatura ed umidit

Taratura (VIM 6.13)

Insieme
Insieme delle
delle operazioni
operazioni che
che stabiliscono,
stabiliscono,
sotto
sotto condizioni
condizioni specificate,
specificate, la
la relazione
relazione tra
tra
ii valori
valori indicati
indicati da
da uno
uno strumento
strumento oo da
da un
un
sistema
sistema per
per misurazione,
misurazione, oo ii valori
valori
rappresentati
rappresentati da
da un
un campione
campione materiale,
materiale,
ed
ed ii corrispondenti
corrispondenti valori
valori noti
noti di
di un
un
misurando.
misurando.

Misure di temperatura ed umidit

Riferibilit:
propriet del risultato di una misurazione consistente
nel poterlo riferire a campioni appropriati,
generalmente nazionali od internazionali, attraverso
una catena ininterrotta di confronti, tutti con
incertezza dichiarata.
[VIM, 6.10]

Misure di temperatura ed umidit

Scelta del processo di taratura


Taratura della
strumentazione di misura
controllo e collaudo

Si

Si

Si

Strumento
tarabile per
confronto?

Esiste
riferibilit naz./
internaz.?

Misure
critiche ?

No

No

Si

Strumento
tarabile per
confronto?

No

No
Si

Centro di
taratura
accreditato
dal SIT o in
ambito EA

Laboratorio
di taratura
interno alla
azienda

Taratura per
grandezze e
incertezze
accreditate

Taratura con
strumenti
riferiti a
campioni
nazionali o
internaz.

Laboratorio
di taratura
interno alla
azienda

Utilizzo di
materiali di
riferimento
certificati

Si possono
usare materiali
di riferim.?

No

Laboratorio
interno alla
azienda

Laboratorio
di taratura
interno/ester
no alla
azienda

Laboratorio
interno alla
azienda

Laboratorio
interno alla
azienda o
laboratorio
del cliente

Effettuazione
di confronti
tra laboratori
con procedure
A.Q.
(Proficiency
testing)

Taratura o
verifica con
strumento
avente
caratteristich
e adeguate

Utilizzo di
materiali di
riferimento
adeguati

Effettuazione
di confronti
concordati

Misure di temperatura ed umidit

TABELLA I:

Elaborazione matriciale
della curva di taratura di una Bilancia

Coefficienti del polinomio e matrice di varianza-covarianza

Coefficienti

Grado

0
1
2
3

0,013349909
-2,3713E-06
8,11351E-09
-1,9032E-13
Gradi di Libert

3
2,5
2
1,5
1
0,5
0
-0,5 0
-1

Esempio di Curva e Tabella di Taratura di


un igrometro a punto di rugiada

Xrv
[C]

X
[C]

E
[C]

SX
[C]

20.16
13.20
7.02
2.09
-4.64
-10.29
-17.99

19.96
13.36
7.16
2.33
-4.34
-10.16
-18.65

-0.20
0.16
0.14
0.24
0.30
0.14
-0.66

0.01
0.01
0.02
0.01
0.03
0.02
0.01

1.50

E=X-Xrv [C]

1.00

0.50
X[C]

0.00
-25

-20

-15

-10

-5

0
-0.50

-1.00

-1.50

10

15

20

25

Incertezza
Uc( i)
0,312327293
9,34404E-05
7,4774E-09
1,63216E-13

Matrice di Varianza-covarianza
9,75E-02
-2,12E-05
1,27E-09
-2,24E-14

-2,12E-05
8,73E-09
-6,66E-13
1,35E-17

1,27E-09
-6,66E-13
5,59E-17
-1,20E-21

-2,24E-14
1,35E-17
-1,20E-21
2,66E-26

18

5000

10000

15000

20000

25000

30000

35000

Misure di temperatura ed umidit

Curva caratteristica
di funzionamento

Y i + ui
Yi
Y i - ui
curva di
taratura

Ii

Curva caratteristica di funzionamento


nominale e reale

Misure di temperatura ed umidit

Metodo di taratura ai punti fissi

Un punto fisso in temperatura di norma un particolare stato


termodinamico di una sostanza pura in cui coesistono pi fasi e nel
quale gli scambi termici, dovuti alla non perfetta adiabaticit dei
sistemi reali, vengono compensati dai termini di accumulo dovuti
al calore latente di evaporazione o solidificazione, realizzando cosi
un ambiente isotermo ad un valore di temperatura noto.
Il metodo di taratura ai punti fissi consiste nel realizzare in
laboratorio i punti fissi necessari all'interpolazione delle relazioni
di funzionamento degli strumenti di misura nell'intervallo di
temperatura di interesse.

Misure di temperatura ed umidit

Metodo di taratura per confronto


Il metodo di taratura per confronto consente, a differenza di quello ai punti
fissi, di costruire la caratteristica reale dello strumento per punti.
La taratura consiste infatti nell'associare ad una serie di misure effettuate con lo
strumento campione, una serie effettuata con il trasduttore in prova; entrambi
gli strumenti vengono mantenuti virtualmente alla stessa temperatura.
Il sistema di taratura consiste quindi di:
un ambiente termostatato a temperatura regolabile di elevata stabilit ed
uniformit
uno strumento di misura campione
un sistema di lettura ed elaborazione

Misure di temperatura ed umidit

L'ambiente termostatato, differente a seconda dei campi di temperatura, viene


di volta in volta denominato:
criostato
bagno termostatico a liquido o a miscela di sali fusi
forno a letto fluidizzato
fornetto a blocco metallico equalizzatore

Misure di temperatura ed umidit

Bagno termostatato
E costituito da un bagno di fluido mantenuto ad una determinata temperatura mediante
un sistema di riscaldamento o raffreddamento. L'uniformit del bagno garantita da
appositi fluidi di scambio, caratterizzati da una elevata diffusivit e mantenuti
continuamente in agitazione tramite appositi mescolatori.
I Fluidi termostatici sono generalmente rappresentati da:
acqua deionizzata (t < temperatura di ebollizione)
olii sintetici non conduttivi (t < temperatura di flash, temperatura alla quale i
vapori del fluido si infiammano circa 260C)
miscele di sali fusi o metalli a basso punto di fusione (ad es. lo stagno), per
elevate temperature (fino a 500-600C)
soluzioni di acqua e liquidi anticongelanti (fino a -30C)
sostanze con bassa temperatura di solidificazione: alcool denaturato (-70C),
metanolo (-100C), pentano o isopentano (-160C)
Il fluido deve inoltre soddisfare in tutto l'intervallo di funzionamento del bagno altre
propriet quali quella di essere un isolante elettrico e di mantenere nel campo duso
queste propriet inalterate.

Misure di temperatura ed umidit

Bagno termostatato

Misure di temperatura ed umidit

Incertezza di taratura
L'incertezza di taratura, nel caso del metodo ai punti fissi, dipende
fondamentalmente dalla riproducibilit dei punti fissi (che nei dispositivi
commerciali risulta circa pari a 0,05C).
Nel metodo per confronto, l'incertezza dipende essenzialmente dalla stabilit
ed uniformit del sistema di taratura, oltre che dalla incertezza sulla grandezza
di riferimento (campione di misura) e dall'incertezza del sistema di lettura.
Le incertezze del metodo per confronto sono sicuramente superiori a quelle del
metodo ai punti fissi, ma soddisfano la gran parte delle richieste e in molti casi
raggiungono i limiti intrinseci dei trasduttori in esame.

Per realizzare la condizione di isotermia nello spazio in cui sono sistemati gli
elementi sensibili e nel tempo necessario alle operazioni di misura necessario
che il bagno soddisfi le su citate condizioni di uniformit e stabilit.

Misure di temperatura ed umidit

Uniformit
Per migliorare l'uniformit del bagno necessario prevedere, non solo pareti
isolanti in modo da ridurre i gradienti termici, ma utilizzare appropriati fluidi
con una elevata diffusivit, e mantenerli in moto all'interno del bagno in modo
da massimizzare gli scambi termici interni.
E' necessario inoltre tenere in debito conto l'effetto aletta che lo stesso sensore
provoca; inconveniente che pu essere minimizzato mantenendo una adeguata
profondit di immersione. Risulta conveniente mantenere nelle operazioni di
taratura la stessa profondit di immersione che il sensore deve avere nelle
condizioni di impiego, ma specie per i sensori elettrici di elevato diametro
buona norma posizionare il sensore in modo che non risenta della temperatura
ambiente. Nel campo -100-260C possibile comunque limitare questa
incertezza sistematica posizionando i sensori ad una profondit di circa 20-30
volte il diametro esterno della guaina e verificando la misura ripetendola ad
una profondit di immersione superiore. Eventuali differenze di temperatura tra
sensore ed ambiente di misura possono essere imputabili, oltre che alle
disuniformit del bagno, alle perturbazioni derivanti dallo stesso sensore; ad
esempio nel caso delle termoresistenze e nei termistori pu essere rilevante il
fenomeno di autoriscaldamento.

Misure di temperatura ed umidit

Stabilit
E fondamentalmente delegata al sistema di regolazione e quindi alla
sensibilit e alla prontezza del sensore e dell'intera catena di regolazione.
Per ciascun punto sperimentale opportuno effettuare un minimo di 5
letture calcolando poi direttamente il valore medio.
E possibile migliorare la stabilit mantenendo una predeterminata
sequenza nelle serie di misura.
Per esempio misurare la temperatura mediante lo standard di riferimento
all'inizio e alla fine di una serie di acquisizione sul sensore sotto test e cio:
campione, termometro in prova,..., termometro in prova, campione oppure,
in sequenza alternata: campione, termometro in prova, campione,
termometro in prova, ...

61

Misure di temperatura ed umidit

Incertezza sulla grandezza di riferimento


E caratteristica del campione utilizzato ed deducibile dal certificato di
taratura del campione stesso, oltre che da possibili contributi dovuti alla
deriva a lungo termine.
Ulteriori incertezze possono derivare dalla misura della grandezza trasdotta
dal campione di misura (resistenza, fem, dilatazione termica), dalle
grandezze di influenza (umidit, pressione atmosferica, livelli di disturbo
meccanici e magnetici).
Bisogna considerare che il metodo di interpolazione inevitabilmente porta
con se una incertezza tanto maggiore quanto pi piccolo il numero dei
punti di taratura utilizzati. Una stima di questa pu essere ad esempio fatta
a partire dal calcolo dei residui.

62

Misure di temperatura ed umidit

Forni, frigoriferi, congelatori:


esecuzione di trattamenti termici (settore
industriale)
finalit di conservazione e stoccaggio
controllo solo sulla temperatura
range di temperatura anche molto elevati
(da T ambiente fino a 1100 C)

Generalmente i requisiti metrologici sono contenuti (accuratezza di circa 10


C, solo per i forni dedicati a trattamenti speciali si pu scendere a 5 C)
Se lo strumento non possiede un indicatore di T non possibile effettuare la
taratura. Eventualmente si pu effettuare una prova di cut-off che consiste nel
determinare la temperatura alla quale le resistenze (nel caso di forni) o il
compressore (nel caso di frigoriferi) si riporta in posizione OFF

Misure di temperatura ed umidit

Camere climatiche
Prove ambientali (direttiva MID, shock
termici, tropical test, caldo umido, caldo
secco, freddo umido, freddo secco)
Tarature (taratura di sensori di umidit
relativa, igrometri, psicrometri)
strumento campione per la temperatura:
termoresistenza o termocoppia a metallo
nobile (tipo N o S)
strumento campione per lumidit
relativa: psicrometro campione (a
specchio condensante)
sensore in taratura: regolatore di T,
registratore di T (ove presente)
regolatore di U.R, registratore di U.R.
(ove presente)
ulteriori verifiche: gradiente in salita
termica, gradiente in discesa termica,

Misure di temperatura ed umidit

Riferimenti tecnici non presenti a livello nazionale


IEC 60068-3-6 Ed. 1.0 (agosto 2001),
Environmental testing Confirmation of the
performances of temperature/humidity chambers

Misure di temperatura ed umidit

Verifica del Sensore di Temperatura


La verifica viene effettuata almeno su 3 punti di temperatura il pi
possibile equidistanziati nel campo di funzionamento dello
strumento in taratura salvo diverse indicazioni fornite dal cliente.
Per ogni punto la misura deve durare almeno 60 minuti (frequenza
di campionamento almeno pari ad 1 min)
Il numero di termocoppie ed il loro posizionamento allinterno
dello strumento in taratura stabilito generalmente in base alle
dimensioni della camera

Tipologia di
strumento

Volume utile
Strumento /
m3

Numero
TC

Posizione

Forno a muffola

Centrale

Frigoriferi, congelatori

Centrale

fino a 0,3

Centrale

da 0,3 a 1,0

1 centrale e 4 al centro
delle superfici laterali

oltre 1,0

1 centrale e 8 in
prossimit degli spigoli

Forni, stufe e camere


climatiche a
ventilazione forzata

Misure di temperatura ed umidit

Verifica del Sensore di Umidit relativa


Posizionare all'interno della camera climatica attraverso l'apposito foro la
sonda psicrometrica campione;
Controllare lumidit relativa della camera climatica su almeno 3 valori
(30-50-70 %UR), dopo aver impostato un valore di temperatura
(generalmente) compreso nellintervallo 201 C (tale valore di
temperatura deve essere mantenuto costante durante tutto il tempo di
rilevazione dei valori di umidit relativa)
Eventuali ulteriori punti di temperatura dovranno essere verificati sempre
con almeno tre punti di UR.
NOTA:
normalmente la funzione di errore dellumidit relativa si distribuisce in
modo uniforme per cui sufficiente effettuare la verifica in un solo punto
della camera climatica

Misure di temperatura ed umidit

Determinazione contributi di incertezza


Temperatura
incertezza associata ai campioni utilizzati per le misure
incertezza associata alla risoluzione dello strumento in taratura
incertezza associata alla stabilit: viene calcolata come la massima
deviazione di ogni singolo canale durante tutto il campionamento e si
valuta per esso un intervallo di probabilit di tipo rettangolare;
incertezza associata alluniformit: viene determinata come lo
scostamento massimo tra i vari canali campionati nel medesimo istante
e si valuta per esso un intervallo di probabilit di tipo rettangolare (nel
caso di misure a singola termocoppia il contributo viene trascurato)
Umidit Relativa
incertezza associata al campione utilizzato per le misure
incertezza associata alla risoluzione dello strumento in taratura
Incertezza associata alla stabilit:
viene calcolata come la deviazione standard delle 10 misure effettuate
e si valuta per esso un intervallo di probabilit di tipo normale;

Misure di temperatura ed umidit

Valutazione Incertezza grandezza Temperatura

Misure di temperatura ed umidit

Valutazione Incertezza grandezza Umidit Relativa