Sei sulla pagina 1di 9

ARCHEOLOGIAMINERARIAEDARCHEOLOGIADELPAESAGGIO:ILCASODELLE

COLLINEMETALLIFEREGROSSETANE
LuisaDallai(UniversitdiSiena)
CaterinaVatteroni(UniversitdiSiena)
Lastoriadellaricerca
Lindaginearcheologicadeicosiddettidistrettiminerarivaqualificandosinegliultimiannicome
unsettoredistudiodigranderespiroepotenziale,aseguitodelrinnovatointeresseperlarcheologia
minerariaeperleproblematichelegateagliaspettiproduttivietecnologicipreindustriali.Alivello
europeoecomunitariosononumeroseleesperienzediricercachesisonoprefisseunostudio
analiticodelterritorioedeirestidelleattivitminerarie,conlobiettivodicontribuireaduna
migliorecomprensionedelrapportoesistentefraambientenaturaleedattivitantropiche,edhanno
comparatostrategiedistudioevalorizzazionedelpaesaggiostorico,conparticolareriferimentoa
quellominerario(OREJAS2003).
InItaliaedinToscanainparticolare,sindaglianni80siandataconsolidandounarilevante
esperienzadistudiodelpaesaggiominerarioinrelazioneallageografiadelpopolamento,con
specificoriferimentoalperiodomedievale.LenumeroseindaginicondottenellareadelleColline
MetalliferelivornesiegrossetanedallInsegnamentodiArcheologiaMedievaledellUniversitdi
Siena(prof.RiccardoFrancovich)hannoevidenziatoleenormipotenzialitdiquestoterritorioper
lostudiodelledinamicheinsediative,estrattiveeproduttivediepocapreindustriale,elanecessit
diunaaccuratatuteladeirestiditaliattivit,progressivamenteerosidallepirecentiemassicce
attivitestrattiveedallosviluppoinfrastrutturaleedinsediativoinatto.
PertaleragioneleindaginicondottedallUniversitdiSienasulcomprensoriodelleColline
Metalliferehannovolutocontemperarelefinalitdellaricercaconquellenonmenoimportantidella
tutelaedellavalorizzazione,puntandosuunrealecoinvolgimentodellecomunitedegliEnti
locali.LobiettivoraggiuntonellareadelleCollineMetalliferelivornesidiestremarilevanza,
poichdallaricercasipassatiallistituzionediunParcoArcheominerariogipienamente
operativo,chehapermessoditutelareunvastoterritorioriccoditestimonianzediarcheologiapre
industrialeedindustriale,econessoilvillaggiominerariodiRoccaSanSilvestro(FRANCOVICH
1994CASINIZUCCONI2003).
InprovinciadiGrossetostatorecentementeistituitoilParcoTecnologicoedArcheologicodelle
CollineMetaliferegrossetaneladesionedibensettecomunihageneratounambitodiriferimento
vastissimo,allinternodelqualelestrategiedivalorizzazioneetutelamettonoalcentroilterritorio,
conlasuacomplessastratificazioneculturale,entrolaqualegliaspettidellavorominerariodi
epocapreindustrialeedindustrialerivestonounruolodigranderilievo.LascommessadelParco
dunquequelladivalorizzareilpropriovastissimopatrimonioattraversonuoveedoriginali
prospettive,acaratteretematico,diacronicoesovracomunalesoloconunosguardolungoinfatti
possibilecoglierepienamentelacomplessitdellastoriadellelavorazioniminerariechehanno
interessatoquestoterritorionelcorsodeisecoli,dallepocaetruscoromanaalMedioevo,allet
modernaecontemporanea.Quilastoriadelleattivitestrattivefinalizzatealreperimentodi
mineralicupriferi,documentatesindallEneoliticoelargamentesviluppateinepocamedievale,si
intrecciaaquellapipropriamentemetallurgica,chelegaleareecostiereallisoladElbaprimain
epocaetruscoromana,edinuovonelperiodogranducale,quandodallintrapredenzamediceae
loreneseavrannoorigineicentrisiderurgicidiValpianaeAccesa.
RaccontareilterritoriodelParcoelesuepeculiaritminerarieemetallurgichediepocapre
industrialevuoldunquedireattingereaduningentepatrimoniodislocatoinunvastissimoambito
territoriale,cheabbraccialepianurecostiereesiestendefinoalleareecollinaripiinternequila
presenzadifenomeniidrotermaliedipeculiaricondizionigeologichehageneratodepositi
alluminifericonosciutisindallantichit,enuovamentesfruttatiinepocamedievaleegranducale
untemaulteriorediricercaevalorizzazione,dasommareaquellirelativiaimineralimetallici.

Lestrategiedindagine
Peravviareunarealevalorizzazionedelpatrimonioarcheominerarioedarcheometallurgicodi
questareanecessarioinprimoluogoconoscerlo,equestaconoscenzastatainbuonamisura
acquisitaperimpulsodellericerchecondottedalDipartimentodiArcheologiaeStoriadelleArti
dellUniversitdiSienanelcorsodeglianni.Isurveysarcheologicicondottipercampioni
territorialinelcorsodegliannihannoprodottoadoggiuntotaledi145Km2.Suquestocampione
sonostatiregistratiedescrittipidi2500siti,didiversanaturaedatazionerispettoaltotale347
sonolesegnalazionirelativeapozzi,caveegallerieminerarie,e765sonoquelleriferibilia
presenzadiscartidilavorazionemetallurgica.Ilnumerodelleindicazioniacarattere
archeominerarioedarcheometallurgicoincideperil44%circasulnumerocomplessivodei
rinvenimentitopografici,ariprovaulterioredellasecolarevocazionedelterritorioinesamealla
produzioneelavorazionedelminerale.
Oltrealleindaginiterritorialicondottesucampionirappresentativideipaesaggiminerariantichi,gli
scavidiinsediamentifortificati,primofratuttiRoccaSanSilvestro(FRANCOVICH1991),e
successivamenteRocchettePannocchieschi(BELLIDELUCAGRASSI2003,pp.286292),
CasteldiPietra(CITTER2002,pp.115169),Cugnano(BELLIFRANCOVICHGRASSI
QUIROSCASTILLO2005),leindaginisustruttureproduttive(GUIDERI1996)elaprogettazione
diunapiattaformaGISagevolmenteimplementabile(DALLAIBARDI2002)fornisconoadoggi
unabancadatiestremamentearticolataecospicua,allabasediognifuturaprogrammazionedi
intervento.
Unaaccurataselezionedellecirca2500schedepresentinellabancadatidelprogettodiricerca,
basatasucriteriprioritarichehannovalutatolecondizionidifruibilitdeisiti,lericercheincorso,
ilgradodileggibilitdelleevidenzeelalororilevanzastorica,haasuavoltageneratolasezione
preindustrialedeldatabasedeisitidiarcheologiapreindustrialepredispostoperilParco
ArcheologicoeTecnologicodelleCollineMetalliferegrossetane,checonstadi163schededi
localizzazione.Aciascunadiquesteschedesonoassociateschedeallegato,cioapprofondimentidi
informazione,distintiinAllegatoStorico,AllegatoMetallurgico,AllegatoGrafico,ed
AllegatoInterpretativo.Leschededilocalizzazionegeoreferenzianoilsitooggettodella
descrizionesullabasediunacoppiadicoordinateespressenelsistemaGaussBoaga,chene
permettelavisualizzazionesullabasecartografica.Larchivio,natoperlagestionedeldato
scientifico,divenutocosunostrumentodimonitoraggioepianificazioneperlinteroterritoriodel
Parco.
ItematismidelParco:icastelliminerari
Dalcensimentodelpatrimonioemergonoconevidenzadeitemiforti,checonnotanodioriginalit
lareadelleCollineMetalliferesiagrossetanechelivornesi.Unodiquesti,resoevidentegrazieal
lavorodiscavo,quellolegatoallapresenzadiinsediamentifortificatifortementeorientatial
controlloedallagestionedeigiacimenti,chelaletteraturastoricoarcheologicahadefinitocastelli
minerari.
Intalunicasiquesticastelli,diffusiapartiredallametdelXsecoloevicinissimiaigiacimentidi
piomboerameargentifero,originaronodalconsolidamentodinucleidipopolamentoaccentratogi
esistentiinaltricasiessisorserocomenuovefondazioni,perspecifichecontingenzeeconomicheo
politiche,edorientarononettamentelapropriaeconomiaallaproduzionedelmetallo.Questotipodi
genesicostituisceuntrattoassaiinteressantedellastoriadelpaesaggiolocale(FRANCOVICH
WICKHAM1994FARINELLIFRANCOVICH1994),edinteressaancheilvicinoterritorio
campigliese,perilqualelesempiopinotoemegliostudiatodicastellominerariocostituitodal
sitodiRoccaSanSilvestro(Fig.1).
LoscavodelvillaggiofortificatodiRoccaSanSilvestro,fondatoalliniziodellXIsecoloper
iniziativadellafamigliasignoriledeiDellaGherardesca,haresoevidentecomelinteraeconomia
delsitofossebasatasullosfruttamentodellerisorseminerariepresentinellazona.Idatiraccoltial
terminedelleindaginicondottefrail1984edil1995inrelazioneagliaspettiurbanisticiedalle
struttureproduttivedelsito,lohannoresounpuntodiriferimentoimportanteperlostudiodel

modellodivillaggiosignorileavocazioneminerariaemetallurgicaalivelloeuropeo
(FRANCOVICH1991).
Anchenelterritoriogrossetanoicastelliminerariricoprironounruolochiavenelledinamichedi
controllodelterritorioedellerisorsedapartedellearistocrazielocali,finoallaprogressivae
vincenteespansionecomunaleavviataconlametdelXIIIsecolo.
Nel1992lInsegnamentodiArcheologiaMedivaledellUniversitdiSienahaintrapresoloscavo
archeologicodelcastellodiRocchettePannocchieschi(comunediMassaMarittima)(Fig.2),nel
1997quellodiCasteldiPietra(comunediGavorrano)(Fig.3)edal2003lindagineinteressaanche
ilcastellodiCugnano(comunediMonterotondoMarittimo)(Fig.4).Questisiti,posizionatiinaree
chiaveperlosfruttamentominerarioenotidallefontinonprimadellXIsecolo,hannoevidenziato
fasidioccupazionedellealturemoltopiantiche(BELLIDELUCAGRASSI2003,pp.286291
CITTER2002,pp.129135BELLIFRANCOVICHGRASSIQUIROSCASTILLO2005,pp.83
87),delineandounadinamicadelpopolamentolegataalleareeestrattiveassaipianticadiquanto
nonemergadalladocumentazionescritta.Illegamefraicastellieleareeminerariestatointuttii
casicitatievidenziatodalleindaginitopografichecondotteinparalleloagliscavi,indaginiche
hannodopcumentatolesistenzadiareedianticacoltivazionemineraria,sempreubicateabreve
distanzadaicentrifortificati(DALLAI1999DALLAI2005).
Leareediestrazioneelavorazionedeisolfurimisti(rame,piomboedargento)
LostudioarcheologicodeicampioniterritorialidelleCollineMetallifereprossimiallearee
mineralizzatehaprodottoun censimentopuntualedellecoltivazionidiepocapreindustrialeancora
riconoscibiliinsuperficie.
Inalcunicontestiterritorialispecifici(adesempioinareacampigliese)oltreaquestosonostate
realizzateapprofonditeindaginiinsotterraneoacampionedelleminiereantiche,chehanno
documentatolapresenzadicantieriprofondipidi100m,edallequalisonostatiricavatinumerosi
indicatoriutiliaricostruirelatecnologiacomunementeimpiegataneicantieriminerarimedievalie
piingeneralepreindustriali(CASCONECASINI1997).Nellareagrossetanaalmomentosoloin
pochissimicasisipotutoprocedereconsopralluoghiinsotterraneo,maunprogettofinalizzato
allindagineacampionedelpatrimoniominerarioprevistoapartiredallautunno2006.Lepoche
minieredellareamassetanaadoggiindagateinsotterraneo(inlocalitCastelborelloed
Infernuccio),presentanoaccessoinverticale,ingenereparzialmenteocclusodaidetritidi
franamentoprovenientidallasuperficie,edunaprofonditchepugiungerefinoa15metriil
diamentrointernodelpozzomisuracircam1,5.Ipozziimmettonoinsaledipiccoledimensioni(m
4x4nelcasodimaggioreampiezza)dallequalisidipartonoulteriorigallerieepozziadiversi
livelli,aseguirelavena(NEGRI1996).UnprimosoprallugoneicampiminerariaaNorddiMassa
Marittimahatuttaviarilevatoprofonditdegliaccessiassaielevate,certamentesuperioriagli80m.
Inmancanzadiindaginiinsotterraneosiritenutodipoterstabilirealcunicriterididatazionedelle
miniereapartiredall'osservazionedisuperficiedelleimboccaturedeipozziodellegallerieantiche,
analizzandosingolielementimorfologicietecnicipeculiaridelleescavazioni,comeadesempiola
presenzaelaqualitdirivestimentieregolarizzazioniinpietraancoraconservate,ildiametrodi
imboccaturadeipozzi,lalorodisposizione,laqualitdellediscariche(DALLAIFRANCOVICH
2005)(Fig.5).
Oltreairestidelleanticheescavazioniminerarieilterritoriomassetanopresentaevidentitracce
delleimportantiattivitmetallurgicheperlaproduzionedelrameedelpiomboargentifero,che
furonoalungocollateralieconsequenzialiaquelleestrattive.Talirestiappaionoparticolarmente
significativiperdocumentarelorganizzazionedellaproduzionenelperiodomedievale,sianella
fasesignorile,quandoilcicloproduttivovennegestitoecontrollatoattraversoicastelliminerari,
sianellafaseincuiilcomunediMassa(12251335)esteseilpropriocontrollosulleareeestrattivee
suiluoghiditrasformazione.Dellafonderiacomunalepiimportante,l'Arialla,peril
funzionamentodellaqualeglistatutidellacittavevanoprevistospecifichenorme,siconserva
traccianelladenominazionedellomonimofossoenegliscartifusoriancorabenvisibililungoil
corsodacqua,inbuonaparteasportatinelcorsodelXIXsecoloperessererifusi.

ImponentiammassidiscoriesonoinvecelocalizzatinellareapianeggianteaSudOvestdellacitt,
inlocalitPian delleGore.Inquestarealeindaginiarcheologichehannoindividuatotrestrutture
fusorieperlalavorazionedeilocalisolfurimisti,edunimpiantodiadduzionedelleacqueconnesso
alleattivitarcheometallurgiche.
Lastruttura,natapersfruttareleacquedelvicinofiumePecora,compostadaunavascaconun
canalelongitudinaleprofondocirca2m,dellalunghezzadicirca10melargocircacm80,dotatodi
treapertureversol'esterno.Alterminedell'indaginearcheologicasonostatedistintetrefasidi
utilizzodelcomplesso:diquestelaprimaepiantica,conclusasialliniziodelXVsecolo,quella
durantelaqualel'impiantoassolseallasuaoriginariafunzione,efuutilizzatoinrelazionealle
attivitmetallurgichepresentinell'area,finalizzateallaproduzionedirame.Sisupponecheilcanale
ospitasse2ruoteidrauliche,forsedidimensionidiverse,alimentatedall'altoattraversouncanale
adduttorescavatoneltravertinoedicuisiconservanoancoraalcunetracce.Leruoteidrauliche
mettevanoinfunzioneimanticie/oimaglidell'officinametallurgica,chedovevatrovarsiaridosso
delleruote,laddoveloscavohaindividuatoilcrollodiunastrutturacoperta.Ilrinvenimentodel
complessorappresentaunatestimonianzadigrandevaloreperlacomprensionedelletecnichedi
produzionedelrameessosuscitainoltreunparticolareinteressestoricoedarcheologicopoichsi
ritienecheinquestoluogofosseroubicatealcunedellefonderiediramemedievalicitatedagli
Statutimassetani,epiinanticocollegabiliall'esistenzadelcastellodiMarsiliana(GUIDERI
1996).
L.D.
Lasiderurgiamediceaelorenese
Le Colline Metallifere, note per le attivit minerarie sviluppate per tutto il Medioevo, assistono,
durantelepocamodernaecontemporanea,alperduraredellapropriavocazioneestrattiva.Mutano
tuttaviaisettoridiriferimentosiassistecioadunadrasticaselezionedelleattivit,inconseguenza
dirinnovateesigenzedelmercato,deiprogressitecnologiciconseguitinellalavorazionedeimetalli,
dellemutatecondizionipoliticoamministrativedelterritorio.Talecontinuitsitraduceoggiinuna
stratificazioneditestimonianzeascrivibiliadattivitchetoccano,inalcunicasi,lasecondametdel
XXsecolo,fralorolegatedaunasorprendentecontiguitspaziale(Fig.6).
Isitidiepocamodernaindividuatiinquestaprimafasediricercaedocumentazionedelpatrimonio
archeoindustriale riflettono quei settori di attivit in cui, a inizio Cinquecento, confluiscono i
maggiori investimenti. Apartiredaquestomomentoemerge infatti, negli statutidella Repubblica
senese e successivamente nella politica granducale, la volont di perseguire e sostenere attivit e
ricerchelegateaimineralidiferroeallume.
Le origini del centro siderurgico di Valpiana si rintracciano durante la seconda met del XIV
secolo,quandoilcomunediMassaMarittimaconcedeagliAlbizzeschilautorizzazioneacostruire
unedifizioperlalavorazionedelmineralediferroche,incoincidenzadellaguerradiSiena(1557)
passasottoildominiodelGranducatodiToscana.
Il forno fusorio, collocato nellentroterra maremmano, a ridosso delle paludi costiere, vedeva il
combinarsi di una serie di fattori indispensabili alla lavorazione del minerale: risorse idriche e
forestali,facilitdicollegamentoalleprincipalidirettriciditrasporto.Ciacquisivaunparticolare
valoreallinternodellapoliticainauguratadaCosimoIdeiMedici,unapoliticatesaallacreazione,
tramitelistituzionedellaMagonagranducale,diunmonopoliodelferrofunzionaleasuavoltaalle
mire espansionistiche e riunificatrici della Toscana. Nel breve giro di alcuni anni si assiste
allampliamento delle dimensioni produttive locali dellimpianto, che giunge a rivestire una
dimensioneregionale,grazieallacostruzionediulterioriimpiantieladozionedellenuovetecniche
siderurgiche.
Successivamente il granduca Ferdinando II ottenne dalla Mensa Vescovile di Massa la cessione
della ferriera dellAccesa e dei diritti per lo sfruttamento dei boschi della Marsiliana. Tale
acquisizione equivalse alla riorganizzazione, compiuta entro gli anni trenta del XVIII secolo,
dellinterosistemaproduttivo.

Durante la seconda met del secolo, con il governo lorenese, vengono portate a compimento le
opere di risanamento e regimazione delle acque inserite nel pi ampio progetto di bonifica delle
paludidelmassetano,nonchlareteviariadicollegamentoallacosta.
Nel1835 il passaggio degli impianti, insieme alle fonderie di Follonica, sotto la nuova
amministrazione delle regie miniere del ferro, ed il conseguente impulso dato a queste ultime,
poseroinsecondoordinegliimpiantidiValpianaeAccesa(QUATTRUCCI 1995).
Ladocumentazionedeicentrisiderurgicistatainaugurataconunacampagnadiricognizioneaerea
che ha prodotto una serie di immagini prospettiche multiscalari estremamente dettagliate. Tale
strumentohainquestocasopermessodisuperare i limiti impostidallaproprieteprincipalmente
dallinaccessibilitai luoghiedallestrutture,ilcui statodiconservazioneappareoggi seriamente
compromesso(fig.7).
Lanalisidelleimmaginiaeree,confrontatequandodisponibiliconripresedalbassoeconfotografie
storiche, ha permesso di evidenziare quanto andato perduto della strutturaoriginaria, talvolta in
conseguenzaalladismissioneelabbandonodegliimpianti,inaltricasiperlemodifichesubitedalle
struttureaseguitodivariazioniduso(fig.8).
Il carattere multiscalare delle riprese ha altres permesso di cogliere, con maggiore efficacia di
quanto possibile da terra, le relazioni esistenti fra le diverse componenti degli insediamenti
siderurgiciefraquestieglielementisignificatividellarea.Ilpuntodivistaprivilegiatodenunciaed
evidenzia nel caso di Valpiana il perdurare dellassetto sei settecentesco sul quale, seguendo il
rettifilodisegnatodallassettoviarioprincipale,silocalizzanoalcentrodellattualeabitatolachiesa,
ilpalazzodeiMinistri,ilfornodiimpiantotrecentescocongliedificidiservizioeindirezioneSO
laFerrieradelCanneto,laFerrieradiMezzo,laFerrieradiFondo.
In questa prospettiva gli impianti, le canalizzazioni, la sorgente di derivazione delle acque, e
lassetto viario di collegamento allo scalo marittimo costituiscono un sistema organico che a
tuttoggimantieneinalterataeleggibilelapropriadistribuzionefunzionale.
Lallume
IlmonopoliodellallumeistituitodalloStatoPontificioapartiredal1461poseunnettolimitealla
ricerca nonch alla creazione di ulteriori centri di estrazione e produzione. I pi recenti sviluppi
della ricerca iniziano tuttavia a confutare, almeno per larea toscana, il quadro proposto di una
produzione circoscritta e limitata: i documenti relativi alle concessioni ottenute dalle societ
lascianoemergerelimportanzaattribuitaallaricerca,allalavorazione,alcommerciodellallumein
areamassetanaapartiredallametdelXVsecolo,quandocioisettoriproduttivisucuisibasava
leconomiaprecedente,soprattuttoilrame,entranoincrisielallumedivenneelementoessenziale
perleindustrietessilieconciarie(TOGNARINI 1984,p.10).
Dal1470vennerocreatesetteallumiere,cinquediquesteapparseinmenodiunquindicennio:nel
1470 Sasso Marittima [Sasso Pisano], nel 1471 Pietra (Castel di Pietra), nel 1473 Accesa e
Montioni, nel1483CampigliaMarittimae,pitardi,nel1502 Monterotondo.Larea indagata
ben pi estesa di quella dei monti della Tolfa, ed i giacimenti pi numerosi. Lo Stato Pontificio
aveva ineffettiprecedentementealXVIsecolouna solaallumiera inattivit,quelladellaBianca.
Uno sfruttamento che sembra, per lepoca, il pi diffuso ed esteso di quelli presenti in Italia,
essenzialmenteconcentratointornoaMassa.(BOISSEUIL c.s.).
Le vicende legateallallumieradi Montioni,seppurscarsamenteconosciute,si leganodallaprima
met del XVI secolo, agli interessi della Camera Apostolica, decisa ad ostacolarne la gestione
mantenendocosilmonopoliosulmercatoeuropeo.LostessoCosimoIneinizialosfruttamentoa
partire dal 1550, insieme ai giacimenti dellAccesa e di Campiglia Marittima. Successivamente
lattivit torna a suscitare linteresse, allinterno della politica di potenziamento delleconomia
toscana, della reggenza lorenese, che nel 1742 affida al naturalista Targioni Tozzetti lincarico di
riportareleosservazionifattesulleminieredelGranducato.
Ai periodi di ripresa ed intensa attivit, coincidenti con il governo di Francesco III di Lorena, di
Elisa Bonaparte Baciocchi, a cui si deve la costruzione del villaggio minerario, e pi tardi di
FerdinandoIII,sialternaronotuttaviafrequentimomentidiinattivitcausadellarovinadiimpianti
egallerie.Lultimafasediproduzioneinizianel1827conlagestionedelleallumiereconcessadal

Granducato alla societ costituita da Kleiber e Le Blanc, e termina nel 1838 (RIPARBELLI 1984,
115) con lamministrazione delle regie miniere del ferro di Follonica, alle quali si deve la
realizzazionedelcollegamentoviariofraMontionieloscalomarittimo.Laproduzionesiesaurisce
probabilmente alcuni anni dopo, con il passaggio di propriet, avvenuto nel 1851, alla
SoprintendenzaGeneraleallePossessionidelloStato.
Ladocumentazionedelleareeestrattiveedi produzionedellallumefinalizzataallindividuazionedi
aree ed impianti produttivi di epoca moderna ha previsto una prima consultazione dei carteggi
conservati presso lArchivio di Stato di Grosseto. Da qui stata tratta la pianta relativa
allAllumiera del Cavone dellAcqua, strumento decisivo per una prima interpretazione
dellorganizzazione del ciclo di produzione. Datata 1788, la pianta rappresenta in scala larea
estrattiva,lasorgentediapprovvigionamentoidricoelosviluppodellastradadicollegamentocon
larea di produzione. Questultima articolata su due fronti da un lato sono ubicate le aree di
serviziodestinateallamacerazionedelmineraleelefornaciperlacalcinazionedellallumementre,
sul fronte opposto, si evidenziano in sequenza la caldaia ed il maglio, una serie di cassoni per la
cristallizzazionedellapastaeper laconservazionedelleacquedirisultadelprocessodi bollitura,
unasecondacaldaiaperilrecuperointegraledelcontenutoalluminoso(fig.9).
ContemporaneamentestatopresoinesameilManoscrittoPalatinoconleRelazionidiViaggiodel
naturalistaTargioniTozzettirelativealleallumierediMonterotondo.
LericognizionieffettuateaMontionihannoprodottounaaccuratadocumentazionefotograficadelle
principali evidenze strutturali e lelaborazione di una planimetria di massima degli edifici e delle
strutture conservatesi. Nellarea di produzione sono stati individuati una sorgente di
approvvigionamentoidricodacuisisviluppailtracciatodellecanalizzazioni,realizzateinlaterizio,
chepercorronointegralmenteilperimetrodellazonaantistantelefornaci.Queste,suddiviseindue
serie di tre elementi ciascuna, presentano una struttura in laterizio su cui si evidenziano tracce di
combustione, e camere a pianta circolare. Pi a valle stata identificata una vasca a sezione
rettangolare, con parziali rivestimenti a vernice idraulica, ed una imponente struttura muraria in
pietraelaterizio.Sulfronteprospicientelaviabilitprincipaleledificiopresentadueimboccature
cheportanoacameredicombustionediformacircolaresopraunadiquestepresenteunvanodi
servizio.Partedellazonaretrostanteoccupatadaunampiovanoconcoperturaavoltaeparte
interessatadacrolliche,allostatoattuale,nonneconsentonolalettura.
La sovrapposizione dei dati derivanti dalle fonti tecniche e archivistiche, la tavola relativa alle
allumieredelCavoneelaricognizionesulsitohannofornitoglielementiperindividuarelestrutture
principali dellimpianto:ilsistemadiconduzionedelleacque,ladoppiasequenzadifornaci,learee
destinateallamacerazione,ledificiodellacaldaia,perilqualedovrannoessereverificateprobabili
trasformazioni e utilizzi successivi. Successivamente, individuata la sequenza distributiva delle
strutture,statoeffettuatounulterioreconfrontocon linsediamentoproduttivodi Monterotondo,
per verificare lipotesi di un possibile modello di occupazione ed organizzazione dello spazio
relativamentealleattivitdiestrazioneefabbricazionedellallume.
A Monte Leo sono stati individuati e ricogniti i resti relativi alla produzione di allume (DALLAI
FINESCHI c.s.) dei quali fornisce una puntuale descrizione Targioni Tozzetti, incaricato dalla
reggenzalorenesedivalutarelaproduttivitdellecavenel1745(RIPARBELLI 1984,pp.6774).
La ricognizione ha rintracciato due ampi fronti di cava: il primo situato sul pendio del poggio
MacchiadeiBurelli,esiestendepercirca70mindirezioneNS,perun'altezzamediadicirca20
m.Nellapartemeridionaledellacavasonovisibilichiarisegnidilavorazionelasciatidaipuntellie
dallecaricheesplosive(isegnisonotuttiorientatinellastessadirezioneehannolunghezzedi7080
cm). Il secondo fronte di cava situato a N del botro La Dirota , lungo circa 2530 metri, e
presenta numerosi segni di lavorazione dalla descrizione di Targioni sappiamo che in questa
allumiera il minerale veniva cavato a cielo aperto, con lausilio di lunghi pali di ferro detti
gucchieoagucchie(RIPARBELLI 1984,pp.6768).
In prossimit della cava sono state riconosciute tre batterie di forni di struttura diversa, poste a
poche centinaia di metri dalle due sponde del fosso Risecco (Fig. 10). La prima batteria, quella
collocataallaquotapielevataedinterpretabilecomestrutturadiarrostimentodelmineralecavato,

presenta tre imboccature a forma di "bocca di lupo", realizzate in laterizio, distanti tra loro circa
2,53 m. All'interno delle imboccature sono visibili camere di forma circolare, al momento
completamenteinvasedallavegetazioneedalcrollodellevoltedelleoriginariecoperture.
La seconda batteria, forse la meglio conservata, composta da una struttura muraria di ampie
dimensioni(12mx3mcirca),cuisiappoggianotrestrutturecircolariconunaperturaa"boccadi
lupo, che terminano con una volta in laterizi, la cui sommit ormai crollata. Sull'imboccatura
dell'ambiente posto pi a N visibile la traccia di una cappa di tiraggio realizzata in laterizio, di
30x60cmcirca.Lastrutturafusoria,probabilmenteusatacomecaldaiaperlafasedilisciviazione
del materiale alluminoso, affiancata da alcune opere idrauliche: sono visibili tratti di
canalizzazionirealizzateinlaterizio,cheinteressanoilfossoRisecco.
Laterzabatteriadifornisituatalungoillatodestrodellastradaprovinciale398Corniainquesto
casosonoriconoscibilidueimboccatureanaloghealleprimestrutturefusoriegidescrittelaprima,
totalmente interrata, risulta visibile solo in parte, mentre l'altra, posta pi a N, presenta un
paramentocostituitodapietrenonregolarizzate,legatedamaltaelaterizi.
Al momento la rocognizione non ha ancora potuto localizzare le allumiere di Castel di Pietra e
Accesa,perlequalilefontiindicanocomeepocadiimpiantorispettivamenteglianni1471e1473.
La ricerca sta procedendo con la verifica da fotografia aerea verticale di eventuali tracce o
discontinuit presenti nel paesaggio, per permettere la localizzazione delle aree estrattive ed
orientarericognizionidisuperficiemirate.
C.V.
BIBLIOGRAFIA
BELLI,DE LUCA,GRASSI 2003=M.BELLI,D.DE LUCA,F.GRASSI,Dalvillaggioallaformazione
del castello: il caso di Rocchette Pannocchieschi, in R. FIORILLO, P. PEDUTO (a cura di), III
CongressoNazionalediArcheologiaMedievale(Salerno,25Ottobre2003),Firenze,pp.286292
BELLI,GRASSI,FRANCOVICH,QUIROS CASTILLO 2005=M.BELLI,F.GRASSI,R.FRANCOVICH,J.
A. QUIROS CASTILLO, (a cura di), Archeologia di un castello minerario: il sito di Cugnano
(MonterotondoM.mo,Gr ,Firenze
BOISSEUIL c.s. =D.BOISSEUIL,LalunenToscanelafinduMoyenge :unpremiereapproche,in
LalundeMditerrane,AttidelConvegno(Napoli48giugno2003),Napoli
CASCONE, CASINI 1997 = G. CASCONE, A. CASINI, Metodologia per lo studio delle attivit
minerarieanticheneiMontidiCampigliaM.ma .,in A.ZANINI (acuradi),DalBronzoalFerro.IlII
millennioa.C.nellaToscanacentrooccidentale, Pisa,pp.2123
CASINI, ZUCCONI 2003 = A. CASINI, M. ZUCCONI (a cura di), Unimpresa per sei parchi. Come
gestireinmodoimprenditorialeeinnovativoilpatrimonioculturaleeambientalepubblico,Milano
CITTER 2002 = C. CITTER (a cura di), Castel di Pietra (Gavorrano GR): relazione preliminare
della campagna 2001 e revisione dei dati delle precedenti, Archeologia Medievale, XXIX, pp.
115169
DALLAI, BARDI 2002 = L. DALLAI, A. BARDI, La diocesi di Massa e Populonia: obiettivi e
strumenti della creazione di un SIT con approfondimenti ed analisi GIS ,Geostorie, 10, 12,
2002,pp.2830
DALLAI, FRANCOVICH 2003 = L. DALLAI, R. FRANCOVICH Les projet "Collines Mtallifres": la
zonedeMassaMarittima(Toscane),inA.OREJAS (acuradi),AtlasHistoriquedesZonesMinires
d'Europe,II,Bruxelles,pp.110

OREJAS2003= A.OREJAS(acuradi),AtlasHistoriquedesZonesMiniresd'Europe,II,Bruxelles
DALLAI 2005=L.DALLAI AttivitminerarienelterritoriodiCugnano,inM.BELLI,F.GRASSI,R.
FRANCOVICH,J.A.QUIROS CASTILLO,(acuradi),Archeologiadiuncastellominerario:ilsitodi
Cugnano(MonterotondoM.mo,Gr),Firenze,pp.1726
DALLAI, FINESCHI c.s. = L. DALLAI, S. FINESCHI, La topografia dei paesaggi minerari: metodo,
strumenti, acquisizioni. Il caso di Monterotondo Marittimo, in Atti IV Congresso Nazionale
SAMI
DALLAI,FRANCOVICH2005= L.DALLAI,R.FRANCOVICH Archeologiadiminieraedinsediamenti
mineraridelleCollineMetalliferegrossetanenelMedioevo,inM.CIARDI,R.CATALDI(acuradi),Il
caloredellaterra.ContributoallastoriadellageotermiainItalia ,Pisa,pp.126143
FARINELLI, FRANCOVICH 1994 = R. FARINELLI, R. FRANCOVICH,Potere e attivit minerarie nella
Toscana altomedievale, in R. FRANCOVICH , G. NOY (a cura di), La storia dellalto medioevo
italiano(VIXsecolo)allalucedellarcheologia ,Firenze,pp.443467
FRANCOVICH, WICKHAM 1994 = R. FRANCOVICH, C. WICKHAM, Uno scavo archeologico ed il

problemadellosviluppodellasignoriaterritoriale:RoccaSanSilvestroeirapportidiproduzione
minerari,ArcheologiaMedievale,XXI,pp.731
FRANCOVICH1994=R.FRANCOVICH (acuradi),Leragionidiunparcoalleradicidellarcheologia
mineraria. Le miniere di Campiglia nelle pagine dei naturalisti e dei geologi dellOttocento,
Venezia
FRANCOVICH 1991=R.FRANCOVICH (acuradi),RoccaSanSilvestro,Roma
FRANCOVICH, GUIDERI, CASINI 2003 = R. FRANCOVICH, S. GUIDERI, A. CASINI, Les Collines
MetallifresdeCampiglia(Toscane),inA.OREJAS (acuradi),AtlasHistoriquedesZonesMinires
d'Europe,I,Bruxelles,pp.114
GUIDERI 1996=S.GUIDERI,Ilcontributodellarcheometallurgiaperlostudiodiunterritorioa
vocazionemineraria:leCollineMetalliferenellaToscanamedievale,TesidiDottorato,XIIciclo,
FirenzePisaSiena
NEGRI1996=M.NEGRI, AttivitnelComunediMassaMarittimaperlanno1996:relazione
preliminare,UnioneSpeleologicaPratese,Prato,1996
QUATTRUCCI 1994 = A. QUATTRUCCI,La Magona del ferro. Gestione aziendale e Provvidenze
sociali nellevoluzione delle fabbriche del Granducato di Toscana (XVIIIXIX secolo), Nuove
RicerchediStoria,13,Napoli
RIPARBELLI 1984 = A. RIPARBELLI Le miniere del massetano dal 1700 al 1860 fra storia e
archeologiaindustriale.Strumenti,metodidicoltivazioneeimpianti, inI.TOGNARINI (acuradi),
SiderurgiaeminiereinMaremmatra500e900.Archeologiaindustrialeestoriadelmovimento
operaio,Firenzepp.65120
TARGIONI TOZZETTI 17681769=G.TARGIONITOZZETTI,Relazionidialcuniviaggifattiindiverse
partidellaToscana ,Firenze

TOGNARINI 1984 = I. TOGNARINI (a cura di), Siderurgia e miniere in Maremma tra 500 e 900.
Archeologiaindustrialeestoriadelmovimentooperaio,Firenze.