Sei sulla pagina 1di 10

Darwin Day 2015

Selezione naturale e
Selezione sessuale
A cura di
Luciano Dondero

Charles Darwin

Evoluzione
Nel 1914 uno dei primi traduttori di Darwin in
italiano raccontava questo aneddoto:
Un gentiluomo napoletano, dicesi, ebbe
quattordici duelli per sostenere la
preminenza del Tasso sull'Ariosto. Al
quattordicesimo duello, ferito a morte,
esclam: "E dire che non ho mai letto n
l'Ariosto n il Tasso!"

Conclude MICHELE LESSONA :


Questa un po' la storia degli italiani rispetto a Darwin:
molti che ne dicono male, ed anche taluni che ne dicono
bene, non lo hanno mai letto.
Se volete fare un po di autocoscienza per verificare se capite
davvero Darwin e levoluzione, fate questo esperimento mentale:
C mai stato nella vostra vita un momento cruciale in cui vi siete
resi conto che qualche idea o concezione o fede a voi tanto cara
era stata messa in gioco dalla vostra nuova e pi profonda
comprensione dellevoluzione?
Se non c mai stato quel momento, voi siete come il duellante di
Lessona.

Come si rappresenta l'evoluzione


<- Iimmagine sbagliata!

Questo riquadro giusto: Homo, noi (e antenati estinti);


Pan, scimpanz e bonobo; Gorilla; Pongo, orangutan;
Hylobates, gibboni.

Componenti dell'evoluzione
Variazione
Adattamento
Ereditariet

Tra gli individui di una


popolazione esiste una
variabilit dei caratteri
Alcuni individui hanno
caratteri vantaggiosi per
la sopravvivenza e la
riproduzione
Tali caratteri passano ai
discendenti nei geni
trasmessi tramite la
riproduzione

Aggiornamenti della teoria dell'evoluzione


Sintesi
darwiniana

Negli anni 1930/40: Julian Huxley, Fisher,


Dobzhansky, Haldane, Sewall Wright,
Ernst Mayr, Simpson e Stebbins.

DNA

Darwin non sapeva come si trasmessero i


caratteri.

Gene egoista

Unit di variazione il gene; variazione


espressa negli individui; non esiste una
selezione di gruppo (o di specie):
Hamilton, Williams e Trivers.
Popolarizzato da Richard Dawkins ne "Il
gene egoista" e "Il fenotipo esteso".
Anche Maynard Smith, Helena Cronin e
Daniel Dennett. Ed E.O. Wilson.

Selezione naturale e
Selezione sessuale -1Darwin stato un grande naturalista, uno scienziato che
indaga. Un altro grande scienziato, Einstein, ci ha lasciato
questa descrizione delle attivit proprie degli scienziati: Se
sapessimo cosa stiamo cercando, non si chiamerebbe
ricerca.
O, detto in altri termini, gli scienziati investigano il mondo
naturale, cercano di trarne degli insegnamenti e delle
conclusioni. Ma, a differenza delle religioni e delle ideologie,
la scienza non ha degli obiettivi da raggiungere, n degli
scopi ben definiti.
E Darwin si rese conto che la sua teoria della selezione
naturale lasciava inspiegati una serie di fenomeni da lui e da
altri osservati.

Selezione naturale e selezione sessuale -2-

In particolare, Darwin si rese conto che in moltissime specie


di animali si potevano osservare delle differenze fra i maschi
e le femmine nell'ambito di una stessa specie.
Alcune si spiegano coi meccanismi della selezione naturale:
ad es. il dimorfismo fra maschi e femmine tanto pi
pronunciato quanto pi i maschi sono padroni di un harem
di femmine; mentre dove prevale una quasi-monogamia
oppure l'amore libero c' una tendenza a dimensioni
eguali.
Ma per quale motivo in tantissime specie di uccelli e di
mammiferi (ma anche di pesci) i maschi hanno una livrea
coloratissima e le femmine no?

Selezione naturale e selezione sessuale -2bis-