Sei sulla pagina 1di 2

Donna e Immigrazione

Centro Italiano Femminile


Presidenza Prov.le di Agrigento

Sguardi - Parole - Frontiere

Il Centro Italiano Femminile un'associazione di donne, senza fini di lucro, costituita ai


sensi degli artt.36 e ss. del codice civile. Opera in campo civile, sociale e culturale per contribuire alla costruzione di una democrazia solidale e di una convivenza fondata sul rispetto dei diritti umani e della dignit della persona secondo lo spirito e i principi cristiani, la
Costituzione e le leggi italiane, le norme del diritto comunitario e internazionale...
(Statuto, art. 1)
Come operiamo
Promuoviamo incontri, dibattiti, cicli di conferenze per informare e sensibilizzare lopinione pubblica su questioni rilevanti.
Collaboriamo con le istituzioni e partecipiamo a commissioni, comitati, consulte nei diversi ambiti territoriali.
Organizziamo servizi di sostegno alla famiglia, consultori, scuole, case per anziani, centri
di ascolto, telefoni per i giovani e per linfanzia, soggiorni di vacanza, centri per minori e
per disabili, accoglienza degli immigrati
Promuoviamo iniziative culturali.

IO NON TRATTO
Io Non Tratto una campagna di sensibilizzazione contro la Tratta di esseri umani,
realizzata nellambito del progetto ROOT dallONG Cooperazione Internazionale Sud
Sud; La campagna ha finora visto la collaborazione e il coinvolgimento attivo di studenti,
operatori sociali, rappresentanti istituzionali, dirigenti scolastici e insegnanti. Per contrastare la tratta necessaria una battaglia di conoscenza, per svelare le dinamiche di mercificazione e ricatto basate sulla vulnerabilit delle vittime e legate alla crisi di modelli di sviluppo, povert, richiesta di mano dopera a buon mercato e di prestazioni sessuali, leggi
migratorie restrittive, che hanno nella violazione dei diritti umani e della giustizia il fondamento. La campagna di sensibilizzazione "Io Non Tratto" vuole essere un piccolo passo
in questa direzione.
Cooperazione Internazionale Sud Sud - CISS unassociazione senza fini di lucro fondata
a Palermo nel 1985; il CISS opera su attivit di cooperazione internazionale, sviluppo
locale, campagne di sensibilizzazione, formazione. In ambito internazionale in oltre 20
paesi su tematiche quali lo sviluppo rurale integrato, i diritti delle donne, dei minori e delle
minoranza, le migrazioni e la tratta di esseri umani, luso sostenibile delle risorse e la protezione dellambiente. il CISS membro del Coordinamento anti tratta Favour e Loveth.
In collaborazione con le associazioni partner Il Pellegrino della Terra ed il CESIE, il CISS
sta realizzando il progetto ROOT; il CISS promotore inoltre di un progetto di scambio europeo tra operatori pubblici e privati che operano nel campo del contrasto, della
prevenzione e della tutela delle vittime della tratta in Italia, Portogallo e Romania.
Per Informazioni:
CISS Via Marconi 2/a, 90141 Palermo Tel: 091 6262694
info@cissong.org; ionontratto@cissong.orgwww.cissong.org

23 Febbraio 2015 Sciacca


Promosso da
I.I.S.S. Don Michele Arena (Sciacca)
con la partecipazione di
Centro Italiano Femminile Presidenza Provinciale di Agrigento
Coordinamento anti tratta Favour e Loveth
Cooperazione Internazionale Sud Sud

UN LAVORO DI RETE PER PREVENIRE


TRATTA E VIOLENZA DI GENERE

La rete
Nel dicembre 2014, il Centro Italiano Femminile Regionale e le sedi provinciali e comunali
di competenza, insieme al Coordinamento anti tratta Favour e Loveth di Palermo si sono
fatti promotori di una rete di collaborazione tra le due realt per sostenere quanti si trovano
in difficolt e predisporre percorsi di formazione/informazione sul progetto La Scuola
Non Tratta, la campagna di sensibilizzazione del CISS Cooperazione Internazionale Sud
Sud Io Non Tratto e sullannoso problema della violenza di genere.
La Tratta di Esseri Umani un tema che investe drammaticamente il territorio siciliano,
anche se molto spesso non visibile. Il tema interconnesso con i fenomeni migratori, il
radicamento del crimine organizzato a livello transnazionale, la violenza contro le donne, la
persistenza di nuove forme di riduzione in schiavit nel mondo contemporaneo.
Il fenomeno produce la molteplice e ripetuta violazione dei diritti umani, nei paesi di origine, di transito e di destinazione. Le vittime sono i soggetti pi vulnerabili, molto spesso
donne e bambini, ma non solo.
A partire dalla fine degli anni 80, lItalia diventata uno dei principali paesi di transito e
destinazione della tratta di persone a scopo di sfruttamento sessuale. Consultando i dati al
momento disponibili si evince che il maggior numero di vittime di tratta proveniente da
paesi extraeuropei presenti sul nostro territorio di nazionalit nigeriana, mentre il pi alto
numero di vittime di tratta proveniente da paesi comunitari di nazionalit rumena. Altri
contesti di provenienza sono il Brasile, il Marocco e la Cina; si registrato il ritorno dellAlbania tra i paesi di origine delle vittime. Tra le nazioni prevalenti figurano anche vittime
provenienti da Egitto, Bangladesh, Ghana, Tunisia, Senegal e Moldavia.
Guardando agli ultimi anni, nel report stilato dal Gruppo di Esperti del Consiglio dEuropa
per lazione contro il traffico degli esseri umani si sostiene che in Italia nel 2013 il numero di
vittime assistite sia stato di 925 (di cui 650 donne, 230 uomini e 45 minori). Molte vittime
per non sono riconosciute come tali e rimangono invisibili.

LA SCUOLA NON TRATTA


Per introdurre il tema della tratta allinterno dei percorsi educativi, promuovendo il coinvolgimento attivo delle scuole ed in particolar modo dei docenti, a Palermo il Coordinamento
anti tratta Favour e Loveth e la Commissione per le Pari Opportunit dellI.I.S.S, A. Volta di
Palermo, con il patrocinio dellUfficio Scolastico Regionale, stato attivato il percorso di
formazione La Scuola Non Tratta.
Il 4 dicembre del 2012 il Coordinamento ha individuato nelle scuole il luogo principale per la
prevenzione e la lotta contro tali fenomeni e ha proposto a tutte/i le/i docenti delle scuole
secondarie di I e II grado di Palermo un corso gratuito di in-formazione sulla questione
della tratta di esseri umani e la possibilit per tutte/i le/gli studenti di poter incontrare esperte/i operatrici/tori di strada presso le proprie scuole.
Al fine di costruire i percorsi educativi dal basso, a partire dal coinvolgimento fondamentale
dei docenti e con il contributo dei diversi attori che operano sul campo nel territorio, in continuit con le iniziative sostenute dallUSR per la Sicilia nel 2012, il Progetto Root

promosso dal CISS Cooperazione Internazionale Sud Sud con il sostegno della Commissione Europea - Programma ISEC ha riproposto a tutte/i le/i docenti delle scuole di ogni
ordine e grado di Palermo una seconda edizione del corso gratuito di in-formazione sulla
questione tratta di esseri umani. Il corsosi tenuto a Maggio 2013 ed stato anche in questa occasione promosso con il patrocinio dellUSR per la Sicillia ed realizzato in partenariato con lassociazione Il Pellegrino della Terra e il Coordinamento Anti Tratta Favour e
Loveth.
Liniziativa La Scuola Non Tratta sta proseguendo anche nel corso dellanno 2014-2015.
Esito del lavoro fin qui portato avanti il coinvolgimento attivo di un gruppo di docenti
referenti per i diversi istituti scolastici coinvolti nel percorso, lelaborazione, la pubblicazione e sperimentazione di un kit didattico a supporto del lavoro dei docenti, ed inoltre la
partecipazione di un gruppo di studenti dellI.I.S.S. Volta alle attivit di sensibilizzazione
realizzate nellambito della campagna Io Non Tratto, sostenuta dal CISS.
I materiali del corso sono disponibili sul sito dellUSR Sicilia,
http://www.usr.sicilia.it/
Banner: Il Valore della Differenza di Genere
Il COORDINAMENTO ANTI TRATTA FAVOUR E LOVETH
Il Coordinamento Antitratta Favour & Loveth, nasce nel 2012 a seguito di due drammatici episodi, la scomparsa di due giovani donne ventenni (Favour Nike Adekunle morta nel
dicembre 2011 e Loveth Edward morta nel febbraio 2012) di origine nigeriana vittime di
tratta, mercificazione e sfruttamento sessuale.
Il Coordinamento costituito da associazioni, gruppi informali ed enti laici e religiosi che
sono impegnati a diverso titolo nel terzo settore nella tutela e promozione dei diritti dei
soggetti pi svantaggiati, inclusi i migranti e le donne vittime di violenza e che operano nel
territorio della citt di Palermo. Questo gruppo di associazioni hanno espresso la volont
di combattere il fenomeno della tratta, che colpisce numerose giovani donne di diverse
provenienze geografiche sottoposte a una condizione di schiavit fisica o psicologica.
Il Coordinamento fin dallinizio si posto i seguenti obiettivi:
1. Denunciare pubblicamente i diritti violati delle donne sottoposte a condizione di
sfruttamento e tratta, ponendo al centro la dignit e la libert della persona;
2. Richiedere giustizia dinnanzi alle istituzioni e autorit competenti per i casi di violazione dei diritti fondamentali delle vittime della tratta perpetrati sul nostro territorio;
3. Costruire un programma di lavoro e studio per portare avanti percorsi di riflessione e
prevenzione sul fenomeno della tratta.
Il coordinamento ad oggi raccoglie pi di 30 associazioni.
Per Informazioni:
Segreteria Coordinamento antitratta Favour e Loveth tel. 091 6262694Contatto facebook: Coordinamento Favour e Loveth