Sei sulla pagina 1di 33

Immanuel KANT

1724 - 1804

9 La ragione deve delimitare i suoi confini e le sue possibilit


(Filosofia Critica)
9 La ragione s, l'organo autonomo ed efficace per la guida
della condotta umana ma non un'attivit infinit ed
onnipotente

Empirismo inglese e Illuminismo segnano e


delimitano il campo della ragione
3 sono i periodi di K. :
a) Interesse per le scienze naturali (fino al 1760)
b) Interesse filosofico verso il criticismo (fino al 1781)
c) Interesse per la filosofia trascendentale (dal 1781 in
poi)

Il 2 periodo:
- scritto "Unico Argomento possibile per una
dimostrazione dell'esistenza di Dio" (1763): K. chiama
la Metafisica un abisso senza fondo, un oceano tenebroso
senza sponde e senza fari.
- scritto " Ricerca sulla chiarezza dei principi della
Teologia naturale e della morale" (1764): K. chiama la
Metafisica Niente altro che una filosofia sui primi
fondamenti della nostra conoscenza
- Scritto importante "Sogni di un visionario chiariti coi
sogni della Metafisica" (1765): K. chiama la Metafisica
Scienza dei limiti della ragione umana; per essa, come
per un piccolo paese importa pi conoscere bene e
mantenere i propri possedimenti anzich andare alla
cieca in cerca di conquiste. I problemi che la metafisica
devono trattare sono quelli che stanno a cuore all'uomo e
che cio si limitano ai confini dell'esperienza".

Nel 2 periodo si colloca anche la Dissertazione


ovvero "Sulla forma e i principi della conoscenza
sensibile e intelligibile" (1770)

Kant distingue:
a) Conoscenza sensibile = Dovuta alla ricettivit (o
passivit) del soggetto. Ha per oggetto il FENOMENO
cio la cosa come appare nella sua relazione al
soggetto [vedi CRPura pag. 90]
b) Conoscenza intellettuale = E' una facolt del
soggetto. Ha per oggetto la cosa cos com'essa ,
nella sua natura intelligibile cio il NOUMENO.

Per la conoscenza sensibile c' bisogno di:


- MATERIA = modificazioni dell'organo di senso
- FORMA = la legge che ordina la materia sensibile

tempo e spazio non derivano dalla sensibilit che li presuppone. Essi


sono intuizioni che precedono ogni conoscenza sensibile e sono
indipendenti da essa, per cui Pure.
Non sono realt oggettive ma soltanto condizioni soggettive e
necessarie alla mente umana per coordinare i dati sensibili.

Il terzo periodo: (il periodo critico)

Cosa vuol dire CRITICA ? [vedi CRPURA p. 7]

Solitamente si ritiene fondato (cio giustificato) un concetto, quando se ne possa


dimostrare la possibilit cio la mancanza di contraddizioni interne. Per K. la
semplice possibilit non basta:
Ogni possibilit cade non solo quando vi si trovi una contraddizione intrinseca,
cio laspetto logico dellimpossibilit, ma anche quando non vi da pensare un
materiale, un dato

LESPERIENZA E ALLORA LASPETTO REALE DI OGNI POSSIBILITA


FONDANTE
Leggi CRP p. 39-40

Da qui la metafisica non la scienza di tutti gli oggetti possibili in quanto


possibili ma piuttosto la scienza dei limiti della ragione umana giacch
essa deve determinare in primo luogo il limite intrinseco del possibile che
lesperienza
Finora tre sono i punti fondamentale:
a) La ragione non pu spingersi al di l dei limiti dellesperienza
b) Lesperienza il mondo delluomo, il mondo di quei problemi che stanno a
cuore alluomo
c) La ragione deve fondare proprio sui suoi limiti, le capacit e i poteri delluomo
( la ragione che fonda e non fedi o dei)

La scienza dei limiti


ANALISI
TRASCENDENTALE

Chiarimento anticipatorio su cosa si intenda


per TRASCENDENTALE:
Trascendentale chiamata da K. la scienza che
si occupa non dei concetti o delle cose in s ma
della legge che determina e rende possibile la
conoscenza. Trascendentale ci che antecede
lesperienza (e che perci a priori) pur non
essendo destinato ad altro che a rendere
possibile la stessa conoscenza empirica.

LA CRITICA DELLA RAGION PURA


Secondo K. che conoscenze indipendenti dallesperienza ci siano un fatto.
Indipendenti per non sta a significare che precedono lesperienza. Ogni nostra
conoscenza deve cominciare con lesperienza ma pu non derivare tutta
dallesperienza ma anche dalla facolt di pensare.

MATERIA =
impressioni
sensibili
CONOSCENZA
FORMA = lordine e
lunit che la
nostra facolt di
pensare dona alla
materia.

Kant riconosce due tipi di giudizi:


a) GIUDIZIO ANALITICO (che a priori) = afferma
nel predicato qualche propriet gi contenuta nel
soggetto.
Es: Il triangolo ha tre angoli.
Il giudizio analitico ha il compito non di aumentare il
sapere ma di scomporlo.
b) GIUDIZIO SINTETICO (che a posteriori) =
afferma qualche propriet non inclusa nel soggetto.
Es: I corpi sono pesanti.
La pesantezza non fa parte del concetto di corpo.
Bisogna dunque sperimentare e per questo motivo i
giudizi sintetici sono a posteriori.
Il giudizio sintetico ha il compito di estendere il
sapere.

Leggi CRP pag. 46-47

La domanda che si fa Kant a questo punto questa:


Esistono Giudizi sintetici a priori?

Che aggiugnono
qualche cosa al
soggetto
La risposta di K. s
9 Nella Matematica [CRP p. 51]
9 Nella Filosofia [CRP p. 43]

Validi
necessariamente e
sganciati
dallesperienza
-Bisogna trovare gli elementi o
funzioni a priori o puri della
conoscenza e tale ricerca si
chiamer Critica della Ragion Pura
[crp P. 57-58]
-In secondo luogo bisogner
determinare luso possibile degli
elementi a priori

Dottrina trascendentale degli elementi

CRITICA
RAGION

Trascendentale perch una conoscenza che


non riguarda gli oggetti ma il modo di conoscerli

PURA
Dottrina trascendentale del metodo

Dovrebbe esser diventato pi chiaro anche lo schema visto in precedenza:

MATERIA =
impressioni
sensibili
CONOSCENZA
FORMA = lordine e
lunit che la
nostra facolt di
pensare dona alla
materia.

K. Si propone di cercare la base dei giudizi universali e necessari riguardanti


il mondo della natura NON in una presunta realt trascendente ma nello
stesso processo conoscitivo.
Conoscere NON significa solo ricevere, MA elaborare, sintetizzare,
ordinare dei dati secondo forme a priori proprie di ogni soggetto
pensante.

RIVOLUZIONE
COPERNICANA
k. invece di ammettere che lesperienza umana si modelli sugli oggetti (nel qual
caso la sua validit sarebbe impossibile) suppone che gli oggetti stessi, in quanto
fenomeni, si modellino sulle condizioni trascendentali dellesperienza.

soggetto
soggetto

soggetto
soggetto

Allora lindagine verter sulle forme a priori dellesperienza

Forme sensibili (SPAZIO E TEMPO)

Estetica trascendentale

Forme intellettuali (CATEGORIE)

Analitica trascendentale

Leggere:
Lettura T 71 pag. 528

Per il termine trascendentale vedi libro di testo pag. 310 Dizionario


Un esercizio insieme : qui

STRUTTURA DELLA PRIMA CRITICA

CRITICA DELLA RAGION PURA

DOTTRINA DEGLI ELEMENTI

ESTETICA TRASCENDENTALE

DOTTRINA DEL METODO

LOGICA TRASCENDENTALE

ANALITICA

DIALETTICA

Le forme della sensibilit


Le forme a priori della sensibilit sono lo spazio e il tempo
Vedi libro di testo lettura T 72 pag. 532

Spazio e Tempo non sono n concetti n qualit delle


cose MA condizioni della nostra intuizione di esse. Sono
perci a priori perch stanno prima e a fondamento di
tutte le intuizioni
Vedi qui parole di Kant a proposito
Anche la poesia di Pascoli Il Bove sulla stessa
lunghezza donda

Le categorie
Un brano
La logica per Kant la scienza dellintelletto in generale. Tuttavia, la logica
che Kant prender in esame non la logica generale, la logica formale di
Aristotele, che, prescindendo dal contenuto, bada esclusivamente
allaccordo della verit con se stessa, ma la logica trascendentale, che
considera ci che si afferma degli oggetti, ossia non prescinde dai contenuti.
Per Aristotele le categorie erano leges entis
Per Kant le categorie sono leges mentis
Vedi testo pag. 311 - 312

Per ricapitolare : La metafora del lago

Eccola qui
Si pu trovare il materiale
www.liceomorin.it/pietro

L IO PENSO

Ora il problema che si presenta il seguente:


Come si giustifica lunit essenziale del molteplice delle
rappresentazioni?
Come mai il mondo fenomenico mi si presenta come unitario cio come
costituente ununica esperienza?
La risposta data dallIO PENSO (o appercezione pura o originaria)
[CRP p. 132-133]

Che cosa significa la parola Appercezione?


Per Leibniz (1646 - 1716) lA. la consapevolezza delle proprie percezioni.
Leibniz: La percezione della luce o del colore di cui abbiamo lA.,
composta di molte piccole percezioni di cui non abbiamo lA.; e un rumore
che noi percepiamo ma a cui non facciamo attenzione diviene appercettibile
se subisce un piccolo aumento.
Lappercezione quindi propria degli uomini e non degli animali.

Per Wolf (1679 1754) lA. lattivit per la quale noi percepiamo noi stessi
come soggetti percipienti e ci distinguiamo perci dalla cosa percepita.

Appercezione Empirica (stessa di Wolff)


Secondo
Kant c

Appercezione Pura: per la quale compongo


le varie percezioni e sono consapevole della
loro sintesi

La caratteristica fondamentale dellappercezione pura quella


delloggettivit: essa il fondamento della costituzione unitaria degli oggetti
e dei loro rapporti (ad es. Il corpo pesante.)
La caratteristica dellAppercezione empirica la soggettivit. (ad es. Ogni
volta che sollevo un corpo sento unimpressione di peso.)
Per Kant dunque il principio supremo di tutta la conoscenza umana (lIo
penso) una possibilit insieme soggettiva ed oggettiva: giacch insieme
la possibilit delluomo di determinarsi come determinante nei confronti di un
materiale determinabile in generale (io sono), e la possibilit di questo
materiale di determinarsi in conformit della capacit determinante
delluomo.

Per concludere sullio penso:


LIo Penso dunque la FORMA suprema e originaria dellattivit
sintetizzatrice:
Non nulla di individuale
Non la psiche o lanima di questa o quella persona
E FUNZIONE; non pu essere distinto dallatto del pensare.

IL NOUMENO
C differenza con la Dissertazione

Fenomeno:
mondo sensibile
Conoscenza

Ci che pensato sensibilmente la


rappresentazione delle cose come
appaiono, ci che pensato
intellettualmente la rappresentazione
delle cose come sono (Diss. Paragr. 4)

Noumeno: mondo
intelligibile

Nella CRP le Categorie hanno un uso Trascendentale. Il loro uso solo empirico.
Problemi:
1) Come mai c lillusione per la quale si tende ad estendere luso delle
categorie al di l dei limiti dellesperienza cio alle cose in se stesse?
2) Spiegare la funzione del Noumeno nei confronti dellesperienza cio della
conoscenza umana.
Prima della risoluzione
Lintelletto nella tinozza di Bubi
Vedi Podcast in www.liceomorin.it/pietro/podcast/pgava.xml

Risoluzione
1) Le forme a priori dellintelletto NON dipendono dalla sensibilit e questo le fa
apparire applicabili al di l della stessa sensibilit.
Le forme dellintelletto sono solo la facolt logica di unificare il molteplice della
sensibilit e dove questultima manca, la loro funzione impossibile.
2) Se ci sono oggetti nellesperienza (fenomeni) si tende a contrapporre loro
oggetti non-fenomeni. Questi ultimi SONO possibili MA restano ignoti (come
una x).
Perci il senso del noumeno un senso negativo ( = ci che non pu essere
oggetto dindagine)
Ci che da noi stato chiamato noumeno devessere inteso soltanto in
senso negativo, come ci che non oggetto della nostra intuizione sensibile
(CRP. pag. 256).
Il concetto di Noumeno quindi soltanto un concetto limite per circoscrivere le
pretese della sensibilit. Cos facendo il Noumeno rende possibile la
conoscenza empirica delluomo e la filosofia trascendentale che ne analizza le
condizioni.

Dialettica Trascendentale
Si vedano le prime pagine
della CRP. Pag. 8-9

Kant non si occupa di


tutte queste
apparenze ma solo
delle tre fondamentali
che nascono da una
illusione naturale e
inevitabile della
ragione umana:
ANIMA, MONDO,
DIO

E la critica alla Dialettica cio della


logica assunta come organo di
conoscenza.

La logica da sola (cio senza


lesperienza) non pu produrre
conoscenze e produce solo
nozioni apparenti che si
scambiano per conoscenze

Anima:

Mondo:

Dio:

Idea del soggetto


completo (sostanziale)
in rapporto al
soggetto.

Idea della serie completa


delle condizioni in
rapporto agli oggetti
fenomenici.

Idea di un insieme perfetto


di tutti i concetti possibili in
rapporto a tutti gli oggetti
fenomenici e non.

Rappresenta la totalit
dellesperienza

Rappresenta la totalit
dellesperienza

Rappresenta la totalit
dellesperienza

Ciascuno rappresenta la totalit dellespoerienza. MA poich la totalit


dellesperienza non mai unesperienza nessuna di queste Idee ha un valore
oggettivo.
Kant per critica questi tre concetti metafisici in modo pi dettagliato.

ANIMA
Per quanto riguarda lanima a volte si tentati di pensarla come uguale allIo
Penso cio si applica allIo Penso la categoria della sostanza:
MA
La categoria della sostanza come tutte le categorie si pu applicare solo ad
oggetti empirici. LIo penso non un oggetto empirico ma solo la funzione logica
del soggetto pensante nei confronti di un molteplice empirico. LIo Penso non pu
sussistere senza il molteplice.
In altri termini si cade in un Paralogisma

Paralogisma = sillogismi difettosi. Ragionamenti sbagliati.

MONDO
K. Pensa a quattro antinomie della Ragion Pura:
1) Tra finit e infinit del mondo nei rispetti dello spazio e del tempo
2) Divisibilit e Indivisibilit del mondo
3) Dipendenza o Indipendenza da un essere necessario
4) Ammettere o non ammettere la causalit libera
Poich non si pu scegliere lIdea del Mondo illegittima.

Antinomia = dal geco anti-nomos cio contraddizione della


legge con se stessa. E in generale una contraddizione
insanabile tra due proposizioni che siano state entrambe
validamente dimostrate o comunque appaiono logicamente
sostenibili.

DIO
K. Studia le prove fornite in precedenza:
1) La prova ontologica.
Questa prova impossibile. Se nel concetto si ritiene ci sia lesistenza non
pi un semplice concetto. E lesistenza che si aggiunge al concetto dovr
esser fatta per esperienza, che non possibile.
2) La prova cosmologica.
Contingenza del mondo Necessit di Dio.
Ma poich lessere necessario deve essere prima di essere necessario, si
ritorna alla prova Ontologica.
3) La prova fisico-teleologica.
Dio come ordinatore del mondo (causa prima).
Non dato alluomo stabilire un rapporto adeguato tra lordine accertato del
mondo e il grado di perfezione divina (vedi prova 1 e 2) che dovrebbe
spiegare questordine.

Tuttavia queste tre idee pur cessando di valere dogmaticamente come


realt, varranno problematicamente come condizioni che impegnano
luomo nella ricerca naturale e lo sollecinano di evento in evento, di causa in
causa, nel tentativo incessante di estendere quanto pi possibile il
dominio della propria esperienza e di dare a questo dominio la massima
unit.