Sei sulla pagina 1di 46

Terremoto in Emilia:

lintervento del Dipartimento e del Servizio Nazionale


della Protezione Civile
M. Dolce
Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile

WORKSHOP ReLUIS:
IL SISMA DELL'EMILIA - STRATEGIE PER LA RICOSTRUZIONE
Bologna 11 settembre 2012

Decreto Legge n. 59
del 15 maggio 2012
Il 15 maggio 2012 il Consiglio dei Ministri approva il D.L. 59, che rappresenta un terremoto
nella definizione dei compiti e delle modalit operative della Protezione Civile
La durata della dichiarazione dello stato di emergenza non pu, di regola, superare i
sessanta giorni (+ 40gg)
Le ordinanze sono emanate, acquisita l'intesa delle regioni territorialmente interessate, dal
Capo del Dipartimento della protezione civile che ne cura l'attuazione
Con le ordinanze si dispone esclusivamente in ordine alla organizzazione dei servizi di
soccorso e assistenza ai soggetti colpiti dall'evento, nonche' agli interventi provvisionali
strettamente necessari alle prime necessita' nei limiti delle risorse disponibili, allo scopo
finalizzate.
Le ordinanze emanate entro il ventesimo giorno dalla dichiarazione dello stato di
emergenza sono immediatamente efficaci e sono altresi' trasmesse al Ministero
dell'economia e delle finanze perch comunichi gli esiti della loro verificazione al
Presidente del Consiglio dei Ministri per i conseguenti provvedimenti. Successivamente al
ventesimo giorno dalla dichiarazione dello stato di emergenza le ordinanze sono emanate
previo concerto del Ministero dell'economia e delle finanze, limitatamente ai profili
finanziari.

www.protezionecivile.gov.it

Evento sismico del 20 maggio


Ore 4.04:
4.04 evento sismico di magnitudo (Ml) 5.9
Ore 4.30: convocazione del Comitato Operativo
Ore 6.00: insediamento del Comitato Operativo
(rimarr attivo fino al 23 maggio)

Epicentro: 44.89N, 11.23E


FINALE EMILIA (MO)
Profondit: 6.3 km
Vittime: 7

molte repliche (max 5.1)

Il 22 maggio il Consiglio dei Ministri delibera lo stato di emergenza per i territori delle province
di Ferrara, Modena, Mantova e Bologna fissandone la durata a 60 giorni.
giorni
Il coordinamento degli interventi affidato al Capo del Dipartimento della Protezione Civile.
OCDPC n. 1

primi interventi urgenti di protezione civile per il soccorso,


lassistenza alla popolazione e gli interventi provvisionali
strettamente necessari per le popolazioni colpite dal terremoto.

www.protezionecivile.gov.it

Evento sismico del 29 maggio


Ore 9.00:
9.00 evento sismico di magnitudo (Ml) 5.8
Ore 9.30: convocazione del Comitato Operativo
Ore 10.30: insediamento del Comitato Operativo
(rimarr attivo fino al 2 giugno)

Epicentro: 44.851N, 11.086E


MIRANDOLA(MO)
CAVEZZO (MO)
Profondit: 10.2 km
Vittime: 17

molte repliche (max 5.3)

Il 30 maggio il Consiglio dei Ministri estende lo stato di emergenza deliberato il 22 maggio ai


territori delle province di Reggio-Emilia e Rovigo.

Decreto CD 2 giugno

costituzione della Di.Coma.C. presso la sede dellagenzia


regionale di protezione civile della Regione Emilia-Romagna

Strutture sismogenetiche e
sequenza sismica (20/5 8/6/2012)

www.protezionecivile.gov.it

Interferogramma differenziale
cosismico delle due scosse principali

www.protezionecivile.gov.it

Distribuzione degli epicentri


(fonte INGV)

www.protezionecivile.gov.it

www.protezionecivile.gov.it

www.protezionecivile.gov.it

DPC- RAN Dati accelerometrici

La RAN attualmente costituita da


464 stazioni digitali equipaggiate con
modem Gsm (272) o Gprs (192),
collegati al Centro di acquisizione
RAN di Roma.
In Emilia Romagna sono presenti 25
postazioni permanenti della RAN.
Dopo il terremoto del 20 maggio 2012
sono state installate altre 15 stazioni
mobili.

www.protezionecivile.gov.it

dist = epicentral distance


Td =duration
(Trifumac
Brady, acceleration,
1975)
PGA,
PGV, PGD
= peak& ground
velocity,
displacement
PSA03, PSA10, PSA30 = spectral acceleration at .3, 1., 3. s
Housner = Housner spectral intensity
Arias = Arias intensity
EMS = EMS instrumental intensity (Faccioli & Cauzzi 2006)

DPC- RAN Dati accelerometrici


20 maggio 2012, r = 50 km
5 stazioni nel raggio di 50 km

www.protezionecivile.gov.it

dist = epicentral distance


Td =duration
(Trifumac
Brady, acceleration,
1975)
PGA,
PGV, PGD
= peak& ground
velocity,
displacement
PSA03, PSA10, PSA30 = spectral acceleration at .3, 1., 3. s
Housner = Housner spectral intensity
Arias = Arias intensity
EMS = EMS instrumental intensity (Faccioli & Cauzzi 2006)

Origin time: 20/05/2012 2.03.53 Lat. 44.890 Lon. 11.230 Ml 5.9


Agency: INGV
=================================================================
==========
sta chan dist Td
PGA
PGV
PGD
PSA03 PSA10 PSA30 Housner Arias
km
s
cm/s*s
cm/s
cm
cm/s*s
cm/s*s cm/s*s
cm
cm/s
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------MRN HGZ 17
6
3.0e+02 5.9e+00 2.3e+00 1.9e+02 4.3e+01 1.3e+01 2.4e+01 4.5e+01
MRN HGE 17
6
2.6e+02 3.0e+01 9.2e+00 8.3e+02 2.8e+02 4.9e+01 1.1e+02 6.4e+01
MRN HGN 17
6
2.6e+02 4.7e+01 1.4e+01 7.3e+02 5.5e+02 7.6e+01 1.7e+02 7.8e+01
MDN HGZ 40 23 2.9e+01 1.6e+00 1.2e+00 7.7e+01 2.8e+01 4.5e+00 7.4e+00 1.2e+00
MDN HGN 40 32 3.3e+01 3.8e+00 3.4e+00 7.2e+01 5.4e+01 9.5e+00 1.7e+01 2.4e+00
MDN HGE 40 30 3.6e+01 6.9e+00 4.6e+00 6.9e+01 6.3e+01 1.5e+01 2.0e+01 3.2e+00
NVL HGN 41 16 5.1e+01 2.4e+00 1.4e+00 1.3e+02 2.9e+01 7.3e+00 1.0e+01 2.4e+00
NVL HGE 41 16 4.7e+01 2.8e+00 9.9e-01 9.5e+01 2.8e+01 7.6e+00 1.1e+01 2.5e+00
NVL HGZ 41 20 2.9e+01 1.0e+00 2.7e+00 2.6e+01 4.7e+00 2.7e+00 3.1e+00 8.4e-01
ZPP HGZ 42 49 2.0e+01 2.0e+00 2.2e+00 4.4e+01 1.7e+01 7.4e+00 6.8e+00 8.0e-01
ZPP HGE 42 61 1.6e+01 3.3e+00 5.6e+00 3.2e+01 4.0e+01 1.1e+01 1.2e+01 1.4e+00
ZPP HGN 42 46 2.3e+01 4.3e+00 4.4e+00 5.1e+01 6.0e+01 1.8e+01 2.1e+01 2.6e+00
ISD HGE 49 55 1.3e+01 2.1e+00 2.8e+00 3.6e+01 2.6e+01 1.1e+01 1.0e+01 8.4e-01
ISD HGZ 49 63 9.0e+00 1.2e+00 2.9e+00 1.8e+01 9.2e+00 6.6e+00 3.1e+00 1.9e-01
ISD HGN 49 53 1.6e+01 1.8e+00 1.0e+00 3.3e+01 2.8e+01 9.1e+00 1.0e+01 8.4e-01

Location

Mirandola
Mirandola
Mirandola
Modena
Modena
Modena
Novellara
Novellara
Novellara
Zola_Pedrosa_Piana
Zola_Pedrosa_Piana
Zola_Pedrosa_Piana
Isola_Della_Scala
Isola_Della_Scala
Isola_Della_Scala

DPC- RAN Dati accelerometrici


Origin time: 29/05/2012 h:07:00:03 Lat. 44.851 Lon. 11.086 Ml
29 maggio 2012, r = 25 km
5.8 Agency: INGV
===================================================================================================
9 stazioni nel raggio di 25 km

www.protezionecivile.gov.it

=================
cha dis
sta
n
t Td PGA

PGV

PGD

PSA03 PSA10 PSA30

Housne
r
Arias

Location

km s cm/s*s cm/s cm
cm/s*s cm/s*s cm/s*s cm
cm/s
===================================================================================================
=================
2.8e+0
MRN HGZ 2 5 9.0e+02 2.9e+0
1
1.1e+01 3.7e+02 9.1e+01 3.0e+01 5.3e+01 3.0e+02 Mirandola
MRN HGE 2 8 2.2e+02 5.7e+0
1
9.2e+00 5.0e+02 1.7e+02 8.1e+01 1.0e+02 7.2e+01 Mirandola
MRN HGN 2 7 2.9e+02 3.6e+0
1
1.8e+01 7.0e+02 3.7e+02 1.5e+02 1.8e+02 1.2e+02 San_Felice_sul_Panaro_temporan
Mirandola
SAN0 HGN 4 7 2.2e+02 9.0e+0
1
1.2e+01 5.7e+02 2.0e+02 1.1e+02 1.2e+02 5.0e+01 San_Felice_sul_Panaro_temporan
ea
SAN0 HGZ 4 4 3.0e+02 2.1e+0
0
4.9e+00 3.0e+02 4.8e+01 2.1e+01 3.0e+01 4.1e+01 San_Felice_sul_Panaro_temporan
ea
SAN0 HGE 4 7 1.7e+02 1.7e+0
1
1.6e+01 3.6e+02 1.9e+02 8.1e+01 8.2e+01 2.9e+01 ea
RAV0 HGZ 15 9 6.3e+01 6.2e+0
0
1.2e+00 9.2e+01 1.6e+01 3.3e+00 6.7e+00 2.3e+00 Ravarino_temporanea
RAV0 HGE 15 15 5.8e+01 9.7e+0
0
1.4e+00 1.1e+02 7.2e+01 1.3e+01 2.1e+01 2.9e+00 Ravarino_temporanea
RAV0 HGN 15 13 8.2e+01 3.1e+0
0
6.0e+00 2.4e+02 1.5e+02 2.0e+01 3.4e+01 6.5e+00 Ravarino_temporanea
SMS0 HGZ 15 7 1.2e+02 1.3e+0
0
1.2e+00 1.0e+02 1.6e+01 8.2e+00 1.2e+01 1.3e+01 San_Martino_Spino_temporanea
SMS0 HGE 15 6 1.8e+02 1.4e+0
1
4.5e+00 6.0e+02 1.4e+02 2.8e+01 6.2e+01 4.3e+01 San_Martino_Spino_temporanea
SMS0 HGN 15 9 1.7e+02 3.0e+0
1
4.2e+00 3.5e+02 1.7e+02 3.7e+01 6.1e+01 3.0e+01 San_Martino_Spino_temporanea
FIN0 HGZ 16 6 2.1e+02 1.8e+0
0
9.8e-01 1.2e+02 2.1e+01 1.3e+01 1.5e+01 3.0e+01 Finale_Emilia_temporanea
FIN0 HGE 16 9 2.1e+02 1.7e+0
1
3.2e+00 3.7e+02 1.5e+02 2.9e+01 5.7e+01 2.8e+01 Finale_Emilia_temporanea
FIN0 HGN 16 9 2.3e+02 2.1e+0
1
2.9e+00 5.1e+02 1.0e+02 2.6e+01 5.3e+01 2.5e+01 Finale_Emilia_temporanea
MOG0 HGN 16 7 1.7e+02 5.1e+0
1
9.2e+00 4.4e+02 2.1e+02 3.1e+01 1.0e+02 3.7e+01 Moglia_temporanea
MOG0 HGZ 16 9 1.3e+02 2.8e+0
0
1.6e+00 2.5e+02 3.1e+01 1.9e+01 2.2e+01 1.5e+01 Moglia_temporanea
MOG0 HGE 16 7 2.4e+02 2.3e+0
1
1.7e+01 5.5e+02 2.3e+02 1.6e+01 9.4e+01 5.0e+01 Moglia_temporanea
CRP HGZ 19 11 8.3e+01 6.8e+0
0
9.9e-01 7.8e+01 1.9e+01 1.2e+01 1.2e+01 7.0e+00 Carpi_temporanea
CRP HGN 19 13 1.7e+02 9.2e+0
0
2.4e+00 2.0e+02 6.6e+01 1.5e+01 3.3e+01 1.9e+01 Carpi_temporanea
CRP HGE 19 13 1.2e+02 2.6e+0
0
2.5e+00 1.9e+02 1.2e+02 1.6e+01 3.8e+01 1.5e+01 Carpi_temporanea
CNT HGZ 21 9 6.4e+01 1.7e+0
0
8.5e-01 2.8e+02 1.7e+01 3.6e+00 9.5e+00 4.6e+00 Cento_temporanea
CNT HGE 21 4 2.2e+02 1.4e+0
1
3.2e+00 7.9e+02 1.9e+02 2.5e+01 8.0e+01 4.2e+01 Cento_temporanea
CNT HGN 21 6 2.9e+02 7.7e+0
1
3.6e+00 1.0e+03 1.2e+02 1.7e+01 5.6e+01 4.0e+01 Cento_temporanea
SAG0 HGE 25 18 7.9e+01 0
6.3e+0 2.0e+00 2.9e+02 5.1e+01 1.7e+01 2.8e+01 8.6e+00 Sant_Agostino_temporanea
SAG0 HGN 25 19 6.6e+01 0
2.2e+0 3.0e+00 1.8e+02 6.3e+01 1.7e+01 2.6e+01 5.5e+00 Sant_Agostino_temporanea
SAG0 HGZ 25 15 6.7e+01 0
1.0e+00 7.6e+01 1.7e+01 1.4e+01 9.8e+00 3.1e+00 Sant_Agostino_temporanea

Dati accelerometrici 20.05.2012


Caratteristiche spettrali

www.protezionecivile.gov.it

DPC OSS Registrazioni


accelerometriche e danni
LOSS - Osservatorio Sismico delle
Strutture la rete nazionale realizzata e
gestita dal DPC per il monitoraggio
permanente della risposta ai forti terremoti
di circa 150 strutture tra scuole, ospedali,
municipi, ponti e una diga.
LOSS permette di valutare il danno
causato da un terremoto alle strutture
monitorate e a quelle ad esse simili che
ricadono nellarea colpita, fornendo
informazioni utili a pianificare le attivit
della Protezione Civile dopo un terremoto.
In Emilia Romagna sono nove gli edifici
pubblici monitorati dallOSS, concentrati
nella parte orientale ed appenninica.
Dopo il terremoto del 20 maggio 2012 sono
stati installati due sistemi mobili nelle
Prefetture di Ferrara e Modena.

www.protezionecivile.gov.it

DPC OSS Registrazioni


accelerometriche e danni

www.protezionecivile.gov.it

DPC OSS Registrazioni


accelerometriche e danni

www.protezionecivile.gov.it

Rilievo macrosismico DPC


Scala MCS (195 localit)

www.protezionecivile.gov.it

Mappa della sismicit storica

www.protezionecivile.gov.it

Mappa di pericolosit
dellarea in esame

www.protezionecivile.gov.it

www.protezionecivile.gov.it

EVOLUZIONE DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA

Number of Municipalities
in seismic area

1909

1975

1984

8000
6000
4000
2000
0
1900
1908
Messina

1920

1940

1915
Avezzano

1960 1980

Year

2000

1980
Irpinia

2020
2002
Molise

Variazione No. Comuni in


zona sismica nelle diverse
classificazioni

LIQUEFAZIONE DEI TERRENI

Gruppo di lavoro per la valutazione


degli effetti di liquefazione
a seguito dei terremoti del 20 e 29
maggio 2012
(Regione Emilia-Romagna,
PG.2012.0134978 del 31/5/2012)
Coordinamento DPC - RER

www.protezionecivile.gov.it

www.protezionecivile.gov.it

Gestione dellemergenza
Attraverso la Direzione di Comando e Controllo il Dipartimento della protezione
civile ha coordinato le attivit di assistenza alla popolazione, relative:
a.Alle attivit ed agli interventi finalizzati allassistenza in aree e strutture di
accoglienza e negli alberghi
b.Alle adozioni delle misure volte al monitoraggio ed allerogazione del Contributo
di Autonoma Sistemazione (C.A.S.)
c.Alle attivit finalizzate allallestimento, gestione e dismissione delle aree e delle
strutture di accoglienza
d.Alle attivit tecniche relative al censimento del danno e alle valutazioni di
agibilit degli edifici
e.Alle attivit di istruttoria delle richieste di opere provvisionali urgenti
f.Alle attivit di istruttoria finalizzata al rilascio delle autorizzazioni alla spesa
g.Alle forme di raccordo con i centri di coordinamento istituiti a livello territoriale e
le strutture statuali

www.protezionecivile.gov.it

Gestione dellemergenza
Catena di coordinamento

Di.Coma.C.

C.C.P.
C.C.P.
Moden
Moden
aa

C.C.P.
C.C.P.
Ferrara
Ferrara

C.C.P.
C.C.P.
Reggio
Reggio
E.
E.

C.C.P.
C.C.P.
Bologn
Bologn
aa

15 C.O.C.

7 C.O.C.

13 C.O.C.

3 C.O.C.

Comitato dei
dei
Comitato
Direttori
Direttori

C.C.T.
C.C.T.
Moglia
Moglia

1 C.O.C.

C.C.T.
C.C.T.
Rovigo
Rovigo

0 C.O.C.

www.protezionecivile.gov.it

DI.Coma.C.
12 Funzioni di supporto +
9 rappresentanze di Regioni/Province Autonome, Enti locali e strutture operative nazionali

Funzioni di
supporto

Tecnica di
valutazione

ANCI

Rilievo agibilit

UPI

Sanit

Vigili del Fuoco

Volontariato

Forze armate

Logistica

Arma dei Carabinieri

Assistenza alla
popolazione

Polizia di Stato

Informazione e
Comunicazione

Guardia di Finanza

Supporto
telecomunicazioni

Corpo Forestale
dello Stato

Supporto informatico
Gestione personale e
automezzi DPC
Autorizzazioni di
spesa e supp. ammin.
Segreteria di
coordinamento

Croce Rossa Italiana

Rappresentanze
Regioni/PA, Enti
locali e strutture
operative
nazionali

www.protezionecivile.gov.it

Principali provvedimenti
Deliberazioni e Decreti
22/05/2012 - Deliberazione del CdM del 22 maggio 2012: dichiarato lo stato di emergenza per gli eventi sismici
del 20 maggio 2012
30/05/2012 - Deliberazione del CdM del 30 maggio 2012: estensione dello stato di emergenza per gli eventi
sismici del 20 maggio 2012 alle province di Reggio Emilia e Rovigo
06/06/2012 - Decreto legge 6 giugno 2012, n. 74: interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite
dagli eventi sismici
04/07/2012 - DPCM del 4 luglio 2012: attuazione dell'articolo 2, comma 2, del D.L. 6 giugno 2012, n. 74

OCDPC
22/05/2012 - OCDPC n. 1 del 22 maggio 2012: primi interventi urgenti per gli eventi sismici che hanno colpito
le province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova il 20 maggio 2012
02/06/2012 - OCDPC n. 2 del 2 giugno 2012: procedure per la valutazione della sicurezza e dell'agibilit
degli edifici ad uso produttivo in conseguenza agli eventi sismici
02/06/2012 - OCDPC n. 3 del 2 giugno 2012: interventi urgenti di protezione civile conseguenti agli eventi
sismici del mese di maggio 2012
15/06/2012 - OCDPC n. 9 del 15 giugno 2012: Ulteriori disposizioni urgenti di protezione civile per gli eventi
sismici del mese di maggio 2012
01/08/2012 - OCDPC n. 15 del 1 agosto 2012: Ulteriori disposizioni urgenti di protezione civile per gli eventi
sismici del mese di maggio 2012

www.protezionecivile.gov.it

Il D.L. n. 74/2012
Commissari delegati
D.L. n. 74/2012: Art.1 commi 1 e 2
Per garantire gli interventi per la ricostruzione, l'assistenza alle popolazioni e la
ripresa economica nei territori dei comuni delle province di Bologna, Modena,
Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, interessate dagli eventi sismici dei
giorni 20 e 29 maggio 2012, i Presidenti delle Regioni Emilia-Romagna,
Lombardia e Veneto operano in qualit di Commissari delegati.
Trasferimento delle competenze della DICOMAC
OCDPC n. 15 dell'1 agosto 2012
Art.1 comma 1
Le funzioni e le attivit della Direzione di Comando e Controllo, istituita ai
sensi dell'articolo 1 dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione
civile n. 0003/2012, cessano il 2 agosto 2012.
Art.1 comma 2
A decorrere dal 3 agosto 2012 i Presidenti delle Regioni Emilia-Romagna,
Lombardia e Veneto, Commissari delegati ai sensi dell'articolo 1, del decreto
legge 6 giugno 2012, n. 74, subentrano nelle attivit della Direzione di
Comando e Controllo

www.protezionecivile.gov.it

Assistenza alla popolazione


Nel corso dellemergenza la popolazione stata assistita, nei tre territori regionali,
in aree e strutture di accoglienza, in alberghi o tramite lautonoma sistemazione

Emilia-Romagna
Al 2 agosto sono 4.999 le persone ospitate in 28 aree attendate e 208 in 7
strutture coperte, mentre negli alberghi sono ospitate 1.962 persone.
persone Il dato
massimo raggiunto stato al 7 giugno con 14.871 persone.
persone

Lombardia
Dal 27 luglio le aree e le strutture di accoglienza sono chiuse.
chiuse Non ci sono
persone assistite negli alberghi. Il picco stato di 1.583 persone.
persone
Veneto
Lassistenza solo in strutture attualmente chiuse.
Sono soltanto due le persone ancora ospitate
negli alberghi. Il massimo raggiunto stato di 64
persone.
persone

Emergenza sisma maggio 2012


Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
www.protezionecivile.gov.it
Direzione di Comando e Controllo (Di.Coma.C.)
SITUAZIONE AL 12 GIUGNO 2012

2. Popolazione assistita
REGIONE EMILIA-ROMAGNA
CAMPO DI
ACCOGLIENZA

STRUTTURE
AL COPERTO

ALBERGHI

Modena

8271

871

1388

Bologna

367

288

322

Ferrara

852

817

247

Reggio Emilia

584

48

32

PROVINCIA

Altre province (RA- FC)


Totale Emilia
Romagna

550
10074

2024

Totali
10453
985
1804
691
550

2539

14637

1474

REGIONE LOMBARDIA
Mantova

1235

238
REGIONE VENETO

Rovigo

Totale emergenza

15

11309

2234

15

2540

Emergenza sisma maggio 2012


Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Venetowww.protezionecivile.gov.it
Direzione di Comando e Controllo (Di.Coma.C.)
SITUAZIONE AL 12 GIUGNO 2012

3. Strutture di accoglienza
REGIONE EMILIA-ROMAGNA
PROVINCIA

N. CAMPI DI
ACCOGLIENZA

N. STRUTTURE
AL COPERTO

Totali

Modena

29

19

48

Bologna

Ferrara

17

20

Reggio Emilia

10

12

Totale Emilia
Romagna

36

53

89

REGIONE LOMBARDIA
Mantova

10

11

21

REGIONE VENETO
Rovigo

Totale emergenza

46

65

111

www.protezionecivile.gov.it

Verifiche di agibilit
Le attivit tecniche di verifica di agibilit degli edifici sono state condotte:
in forma speditiva dai Vigili del fuoco,
fuoco volte a definire la fruibilit o meno degli
edifici, concluse in data 27 luglio 2012, con circa 63.000 verifiche effettuate;
effettuate
con lutilizzo della scheda AEDES,
AEDES ai sensi del DPCM 5 maggio 2011, da parte di
tecnici formati appartenenti alle strutture regionali, agli ordini professionali e, in
minima parte, anche al CNVVF ed allEI.
Il totale delle verifiche svolte nelle tre regioni al 2 agosto di 39.899.
Sopralluoghi regione Emilia Romagna:
esiti agibilit
A: Edificio AGIBILE 36.6%
B: Edificio TEMPORANEAMENTE INAGIBILE 17.3%
C: Edificio PARZIALMENTE INAGIBILE 4.5%
D: Edifico TEMPORANEAMENTE INAGIBILE da rivedere 0.6%
E: Edificio INAGIBILE 35.5%
F: Edificio INAGIBILE per rischio esterno 5.5%
agg. al 2 agosto 2012

www.protezionecivile.gov.it

Autorizzazioni alla spesa (1)


Sono state istruite migliaia di richieste riguardanti le opere provvisionali
urgenti e le attivit di assistenza alla popolazione
Sono stati ricondotti ai Direttori regionali le attivit di rendicontazione delle spese
sostenute dalle strutture non statuali nelle prime 72 ore dai due eventi sismici, per le
quali lOCDPC 1/2012 non prevede la preventiva autorizzazione.
In considerazione della particolarit di alcune voci di costo, sono stati forniti indirizzi
specifici per le richieste di rimborso degli oneri relativi allimpiego dei tecnici
rilevatori, per la copertura assicurativa delle popolazioni ospitate nei campi, per
laccoglienza in strutture sociosanitarie di anziani e disabili non autosufficienti.

Ordinanza del CDPC 02.06.12

www.protezionecivile.gov.it

www.protezionecivile.gov.it

Art. 3, c.7

Mappa dei 52 comuni


in un raggio di 10 km da epicentri M>3.5

www.protezionecivile.gov.it

www.protezionecivile.gov.it

Procedura secondo il D.L. n. 74


Le due fasi trovano riscontro nel quadro normativo
generale definito per le costruzioni esistenti dal capitolo 8
delle NTC 2008, e in particolare dal par. 8.4, nelle due
categorie di interventi:
riparazioni o interventi locali che interessino elementi
isolati, e che comunque comportino un miglioramento delle
condizioni di sicurezza preesistenti Fase 1;
interventi di miglioramento (globali) atti ad aumentare la
sicurezza strutturale esistente Fase 2.

Art.3 c. 10 nella conversione L.122

www.protezionecivile.gov.it

Semplificazioni per le
verifiche sui capannoni

www.protezionecivile.gov.it

Art.3 c. 10 nella conversione L.122

www.protezionecivile.gov.it

www.protezionecivile.gov.it

Comunicato CGR del 7 giugno

www.protezionecivile.gov.it

Iniziative volte al potenziamento delle misure di prevenzione, al rafforzamento del sistema


nazionale di risposta allemergenza, alla verifica dei sistemi locali di gestione dellemergenza e
allinformazione ai cittadini.
I CCP sono stati invitati ad avviare una ricognizione dei piani di emergenza
comunale, e, tramite i Sindaci, ad una verifica speditiva della vulnerabilit delle
strutture finalizzate a garantire, anche in emergenza, la funzionalit dei servizi essenziali.
Ai Vigili del Fuoco e alle Forze Armate stata richiesta la predisposizione di un piano speditivo
di rapido afflusso dei soccorsi in caso di ulteriore emergenza, con una programmazione
dellincremento del rispettivo personale nellarea.
Per una puntuale e corretta informazione alla popolazione si provveduto a:
- la pubblicazione sul sito web del DPC degli esiti della CGR con FAQ sul tema;
- larricchimento sul sito web della sezione dedicata alle norme di comportamento;
- il potenziamento del contact center del DPC;
- liniziativa Terremoti, parliamone insieme, cicli di incontri con la popolazione dei comuni
dellarea interessata, promossa da DPC, RER e INGV, in collaborazione con Reluis, il SSR
dellEmilia Romagna e le organizzazioni di volontariato di protezione civile.
stata intrapresa unattivit di rilievo nel centro storico di Ferrara mediante
schedatura speditiva, a fini di prevenzione e miglioramento del piano di emergenza.

Attivit di prevenzione nel centro storico di Ferrara mediante


www.protezionecivile.gov.it
www.protezionecivile.gov.it
schedatura speditiva delledilizia ordinaria

Finalit delle attivit nel Ferrarese


La crisi sismica tuttora in atto nella Regione Emilia Romagna, e le
recenti dichiarazioni della Commissione Grandi Rischi relativamente
alla zona del Ferrarese, rendono necessaria da parte del
Dipartimento della Protezione Civile unazione di prevenzione
specifica.
Le attivit si sono concentrate nella
citt di Ferrara e particolarmente nel
centro storico;

Le attivit sono consistite in una raccolta dati speditiva delle


caratteristiche costruttive e strutturali degli edifici ordinari.

www.protezionecivile.gov.it
www.protezionecivile.gov.it

Finalit delle attivit nel Ferrarese


La raccolta dati speditiva che si prefigge due finalit fondamentali:
1. Migliorare la risposta operativa in caso di reale
emergenza per quanto riguarda lattivit di censimento del
danno, mediante pre-compilazione parziale delle schede di
rilievo dellagibilit post sismica;
2. Acquisire dati ed informazioni sulla qualit del costruito
ordinario in modo da poterle rielaborare su base statistica
e pervenire ad una valutazione di sintesi sulle eventuali
precariet diffuse;

42

www.protezionecivile.gov.it
www.protezionecivile.gov.it

Finalit delle attivit nel Ferrarese


2 strumenti di raccolta dati
previsti
Scheda Aggregato strutturale

Scheda AeDES

43

Risultati del rilievo

www.protezionecivile.gov.it
www.protezionecivile.gov.it

AGGREGATI (AS)

settimana 1
settimana 2
settimana 3
settimana 4
settimana 5
settimana 6

20-23 giu12
26-30 giu12
2-6 lug12
9-13 lug12
16-20 lug12
24-26 lug12

Aggregati
rilevati (AS)
50
58
64
135
110
22
439

Unit
strutturali muratura
individuate
502
659
744
834
636
302
3677

491
627
702
679
610
272
3381

c.a.
10
31
26
116
17
18
218

US
Unit
strutturali
rilevate
altre
strutture (AeDES)
1
500
1
651
1
611
1
746
3
616
0
292
7
3416

www.protezionecivile.gov.it

. dal 3 agosto
OCDPC 15 del 1 agosto
Art.1 comma 2
Presidente della Regione
Emilia Romagna
Commissario Delegato
ai sensi art. 1, comma 2, del
D.L. 74/2012
Dott. Vasco Errani

Presidente della Regione


Lombardia
Commissario Delegato
ai sensi art. 1, comma 2, del
D.L. 74/2012
Dott. Roberto Formigoni

Presidente della Regione


Veneto
Commissario Delegato
ai sensi art. 1, comma 2, del
D.L. 74/2012
Dott. Luca Zaia

Direttore dellAgenzia regionale


di protezione Civile dellEmilia
Romagna

Direttore generale della


Direzione generale di
protezione civile, polizia locale e
sicurezza della Regione
Lombardia

Dirigente Regionale dellUnit di


progetto protezione civile della
Regione Veneto

www.protezionecivile.gov.it

GRAZIE PER LATTENZIONE

WORKSHOP ReLUIS:
IL SISMA DELL'EMILIA - STRATEGIE PER LA RICOSTRUZIONE
Bologna 11 settembre 2012