Sei sulla pagina 1di 35

Regolamento per il funzionamento

del Consiglio Comunale

(approvato con deliberazione n. 17 del 31 marzo 2010)

INDICE
TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI........................................................ 5
Art. 1 - Ambito di applicazione .............................................................................................................................. 5
Art. 2 Sede, ufficio di segreteria e autonomia funzionale e organizzativa del Consiglio Comunale ................... 5
Art. 3 - Entrata in carica dei Consiglieri ................................................................................................................. 5

TITOLO II COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO............................................... 5


CAPO I - Operazioni successive alla proclamazione degli eletti.................................................................................. 5
Art. 4 - Convocazione e presidenza della prima seduta consiliare.......................................................................... 5
Art. 5 - Convalida degli eletti ................................................................................................................................. 6
Art. 6 - Elezione del Presidente del Consiglio ........................................................................................................ 6
Art. 7 - Giuramento del Sindaco e presentazione della Giunta ............................................................................... 6
CAPO II Gruppi e Commissioni Consiliari ............................................................................................................... 7
Sezione I - Gruppi Consiliari .................................................................................................................................... 7
Art. 8 - Organizzazione dei gruppi consiliari.......................................................................................................... 7
Art. 9 - Modifiche alla composizione dei gruppi consiliari .................................................................................... 7
Art. 10 - Conferenza permanente dei Capigruppo .................................................................................................. 7
Art. 11 - Funzionamento della Conferenza ............................................................................................................. 8
Sezione II - Commissioni Consiliari......................................................................................................................... 8
Art. 12 - Istituzione delle Commissioni .................................................................................................................. 8
Art. 13 - Composizione, nomina e durata in carica................................................................................................. 8
Art. 14 - Insediamento ed elezione delle cariche interne ........................................................................................ 9
Art. 15 - Compiti del Presidente ............................................................................................................................. 9
Art. 16 - Attribuzioni delle Commissioni ............................................................................................................... 9
Art. 17 - Convocazione delle Commissioni .......................................................................................................... 10
Art. 18 - Funzionamento delle Commissioni ........................................................................................................ 10
Art. 19 Sostituzione dei Commissari ................................................................................................................. 11
Art. 20 - Intervento di amministratori e tecnici comunali..................................................................................... 11
Art. 21 - Consultazioni esterne ............................................................................................................................. 11
Art. 22 - Votazioni ................................................................................................................................................ 12
Art. 23 - Verbalizzazione delle sedute .................................................................................................................. 12
Sezione III - Commissioni speciali e commissioni speciali dinchiesta ................................................................. 12
Art. 24 - Istituzione, composizione e funzionamento ........................................................................................... 12
TITOLO III DIRITTI E DOVERI DEI CONSIGLIERI.................................................................................... 13
CAPO I Diritti ........................................................................................................................................................... 13
Sezione I - Diritto di informazione e di documentazione ....................................................................................... 13
Art. 25 Diritto di informazione e di accesso agli atti amministrativi ................................................................. 13
Art. 26 Diritto al rilascio di copie di deliberazioni, di determinazioni, di atti e documenti............................... 13
Sezione II - Diritto di iniziativa - Presentazione di interrogazioni e mozioni......................................................... 14
Art. 27 - Contenuti del diritto di iniziativa............................................................................................................ 14
Art. 28 - Presentazione di interrogazioni e mozioni ............................................................................................. 14
Art. 29 - Interrogazioni ......................................................................................................................................... 14
Art. 30 - Mozioni .................................................................................................................................................. 14
Art. 31 - Svolgimento della discussione sulle mozioni......................................................................................... 15
Sezione III - Altri diritti .......................................................................................................................................... 15
Art. 32 - Aspettative, permessi e indennit ........................................................................................................... 15
Art. 33 - Consiglieri lavoratori e militari .............................................................................................................. 15
CAPO II - Doveri ......................................................................................................................................................... 16
Sezione I - Segreto - Astensione............................................................................................................................. 16
Art. 34 - Obbligo del segreto ................................................................................................................................ 16
Art. 35 - Astensione .............................................................................................................................................. 16
Sezione II - Altri doveri .......................................................................................................................................... 16
Art. 36 - Intervento alle riunioni del Consiglio..................................................................................................... 16
2

Art. 37 - Pubblicit della situazione patrimoniale................................................................................................. 16


Art. 38 - Pubblicit delle spese elettorali .............................................................................................................. 17

TITOLO IV - FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE ............. 17


CAPO I - Riunioni consiliari....................................................................................................................................... 17
Art. 39 - Periodo di svolgimento dei lavori .......................................................................................................... 17
Art. 40 - Riunioni per iniziativa dei Consiglieri e del Sindaco ............................................................................. 18
Art. 41 - Riunioni urgenti ..................................................................................................................................... 18
CAPO II - Svolgimento dell'attivit consiliare ........................................................................................................... 18
Sezione I - Convocazione ....................................................................................................................................... 18
Art. 42 - Avvisi di convocazione .......................................................................................................................... 18
Art. 43 - Contenuto dell'avviso di convocazione .................................................................................................. 19
Art. 44 - Sedute successive alla prima .................................................................................................................. 19
Sezione II - Ordine del giorno ................................................................................................................................ 19
Art. 45 - Compilazione dell'ordine del giorno ...................................................................................................... 19
Art. 46 - Deposito e consultazione degli atti......................................................................................................... 20
Art. 47 - Avvisi al pubblico .................................................................................................................................. 20
Sezione III - Sedute consiliari................................................................................................................................. 20
Art. 48 - Operazioni iniziali .................................................................................................................................. 20
Art. 49 - Numero legale ........................................................................................................................................ 20
Sezione IV - Svolgimento delle sedute ................................................................................................................... 20
Art. 50 - Apertura della seduta.............................................................................................................................. 20
Art. 51 - Presidenza del Consiglio ........................................................................................................................ 21
Art. 52 - Attribuzioni del Presidente..................................................................................................................... 21
Art. 53 - Pubblicit e segretezza delle sedute ....................................................................................................... 21
Art. 54 - Nomina degli scrutatori.......................................................................................................................... 21
Art. 55 - Verifica del numero legale in corso di seduta ........................................................................................ 21
Art. 56 - Comunicazioni ed interventi in apertura di seduta ................................................................................. 22
Art. 57 - Argomenti ammessi alla trattazione ....................................................................................................... 22
Art. 58 - Pareri ...................................................................................................................................................... 22
Art. 59 - Ordine di trattazione degli argomenti..................................................................................................... 23
Sezione V - Discussione ......................................................................................................................................... 23
Art. 60 - Apertura della discussione ..................................................................................................................... 23
Art. 61 - Sospensione della discussione................................................................................................................ 23
Art. 62 - Interventi dei Consiglieri........................................................................................................................ 24
Art. 63 - Fatto personale ....................................................................................................................................... 24
Art. 64 - Mozione d'ordine.................................................................................................................................... 24
Art. 65 - Argomenti discussi in Commissione consiliare...................................................................................... 25
Art. 66 - Ordini del giorno ed emendamenti nel corso della discussione ............................................................. 25
Art. 67 - Discussione e votazione di emendamenti e di ordini del giorno ............................................................ 25
Art. 68 - Chiusura della discussione ..................................................................................................................... 26
Sezione VI - Votazione........................................................................................................................................... 26
Art. 69 - Dichiarazioni di voto .............................................................................................................................. 26
Art. 70 - Sistemi di votazione ............................................................................................................................... 27
Art. 71 - Votazione palese .................................................................................................................................... 27
Art. 72 - Votazione segreta ................................................................................................................................... 27
Art. 73 - Votazione per singole parti .................................................................................................................... 28
Art. 74 - Astensione facoltativa e obbligatoria dei Consiglieri............................................................................. 28
Art. 75 - Approvazione delle proposte.................................................................................................................. 28
Art. 76 - Nomina dei rappresentanti del Consiglio ............................................................................................... 28
Sezione VII - Scrutinio e proclamazione dell'esito della votazione........................................................................ 29
Art. 77 - Scrutinio ................................................................................................................................................. 29
Art. 78 - Proclamazione dell'esito della votazione................................................................................................ 29
Sezione VIII - Disciplina delle sedute .................................................................................................................... 29
Art. 79 - Attribuzioni del Presidente..................................................................................................................... 29
Art. 80 - Disciplina dei Consiglieri....................................................................................................................... 30
Art. 81 - Tumulto in aula ...................................................................................................................................... 30
Art. 82 - Disciplina del pubblico........................................................................................................................... 30
Sezione IX - Partecipazione degli Assessori........................................................................................................... 31
Art. 83 - Modalit di partecipazione ..................................................................................................................... 31
3

Sezione X - Partecipazione del Segretario Generale, dei Dirigenti e dei Revisori dei Conti.................................. 31
Art. 84 - Partecipazione del Segretario Generale.................................................................................................. 31
Art. 85 - Esercizio delle funzioni di Segretario..................................................................................................... 31
Art. 86 - Compiti del Segretario ........................................................................................................................... 31
Art. 87 - Partecipazione dei Dirigenti ................................................................................................................... 32
Art. 88 - Partecipazione dei Revisori dei Conti .................................................................................................... 32
Sezione XI - Verbalizzazione ................................................................................................................................. 32
Art. 89 - Processo verbale delle sedute ................................................................................................................. 32
Art. 90 - Contenuto del verbale............................................................................................................................. 32
Art. 91 - Firma dei verbali .................................................................................................................................... 33
Art. 92 - Approvazione dei verbali ....................................................................................................................... 33

TITOLO V - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI ................................. 33


Art. 93 - Modificazioni e abrogazione del presente Regolamento........................................................................ 33
Art. 94 - Entrata in vigore del nuovo Regolamento .............................................................................................. 34

TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI


Art. 1 - Ambito di applicazione
1. L'organizzazione ed il funzionamento del Consiglio Comunale di Varese sono disciplinati
dalle norme di legge, dallo Statuto e dal presente Regolamento.
2. Il Presidente dell'assemblea decide su tutte le questioni che insorgano nel corso delle sedute
consiliari e che non siano specificatamente disciplinate dalle norme di cui al comma precedente.
3. In caso di contestazione motivata della decisione del Presidente, la questione viene rimessa
al Consiglio, che provvede seduta stante con deliberazione assunta a maggioranza dei votanti.

Art. 2 Sede, ufficio di segreteria e autonomia funzionale e organizzativa del Consiglio


Comunale
1. Il Consiglio ha sede ordinaria nel Salone Estense del Palazzo Comunale.
2. La sede ordinaria del Consiglio pu essere utilizzata per le sedute del medesimo; un diverso
utilizzo pu essere concesso dal Presidente del Consiglio, su richiesta della Giunta o dei Gruppi
Consiliari, per iniziative di carattere istituzionale.
3. Il Presidente pu stabilire, in presenza di particolari esigenze, che il Consiglio si riunisca in
una sede diversa, ma sempre compresa nel territorio comunale.
4. istituito nellambito della Segreteria Generale un apposito ufficio che assicura il supporto
organizzativo, informativo e giuridico-amministrativo alle attivit dellorgano consiliare e dei
gruppi. Allufficio destinata una figura amministrativa di adeguata professionalit.
5. Un idoneo locale attrezzato e riservato, in uso esclusivo, per le attivit e le esigenze
informative dei Consiglieri Comunali e dei gruppi consiliari. Le modalit di utilizzo sono
stabilite dalla Conferenza dei Capigruppo.
6. Nel bilancio di previsione riservato uno stanziamento economico per garantire le iniziative
promosse dal Consiglio Comunale. La Conferenza dei Capigruppo ne propone lentit alla
Giunta Comunale ai fini della redazione dello schema di bilancio.
7. Lutilizzo del fondo di cui al comma 6 disposto dalla Conferenza dei Capigruppo.

Art. 3 - Entrata in carica dei Consiglieri


I Consiglieri entrano in carica all'atto della proclamazione ovvero, in caso di surrogazione, non
appena adottata la relativa deliberazione consiliare.
1.

TITOLO II COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO


CAPO I - Operazioni successive alla proclamazione degli eletti
Art. 4 - Convocazione e presidenza della prima seduta consiliare
1. La prima seduta consiliare, convocata dal Sindaco entro il termine di dieci giorni dalla
5

proclamazione, presieduta dal Consigliere Anziano.


2. La seduta anzidetta deve tenersi entro il termine di dieci giorni dalla convocazione; uguale
termine vale per le ulteriori ed eventuali convocazioni necessarie per la completa trattazione
degli argomenti iscritti allordine del giorno della prima seduta e non esauriti nel corso della
stessa.

Art. 5 - Convalida degli eletti


1. Nella prima seduta successiva alle elezioni, il Consiglio Comunale, prima di deliberare su
qualsiasi altro oggetto e ancorch non sia stato prodotto alcun reclamo, deve esaminare la
condizione degli eletti a norma delle vigenti disposizioni di legge, dichiarando la ineleggibilit o
la incompatibilit di essi quando sussiste taluna delle cause previste dalla legge.
2. Il Consiglio provvede, a termini di legge, alle sostituzioni dei Consiglieri dichiarati
ineleggibili o incompatibili.
3. Ai fini della rimozione delle cause di ineleggibilit sopravvenute alle elezioni ovvero delle
cause di incompatibilit si applicano le disposizioni degli articoli 56, 57, 68 e 69 del D. Lgs. n.
267/2000.
4. Se nella prima riunione non si esaurisce l'esame della condizione degli eletti o il Consiglio
ritenga necessario acquisire ulteriori elementi di giudizio per decidere su particolari situazioni,
l'esame stesso rinviato ad una successiva seduta, che si considera come prosecuzione della
prima.
5. I Consiglieri possono intervenire alle sedute anche se contro la loro elezione siano stati
proposti reclami, ma non possono partecipare alla votazione con la quale il Consiglio si
pronuncia sugli stessi.
6. Nella prima seduta il Consiglio prende atto delle rinunce presentate dai candidati proclamati
eletti e provvede, seduta stante e con deliberazione da dichiararsi immediatamente eseguibile a
norma di legge, alla convalida dei surroganti. Questi, se presenti in aula, sono ammessi subito a
partecipare agli ulteriori incombenti consiliari.

Art. 6 - Elezione del Presidente del Consiglio


1. Nella prima seduta, immediatamente dopo la convalida degli eletti e degli eventuali
surroganti, viene eletto il Presidente del Consiglio, secondo quanto previsto dallarticolo 29,
comma 2, dello Statuto.

Art. 7 - Giuramento del Sindaco e presentazione della Giunta


1.

Nella prima seduta il Sindaco presta giuramento avanti il Consiglio a termini di legge.

2. Successivamente il Sindaco d comunicazione al Consiglio dellavvenuta nomina dei


componenti della Giunta, tra cui un Vicesindaco, indicando l'ordine di anzianit degli Assessori
agli effetti dell'eventuale sostituzione del Sindaco e del Vicesindaco contemporaneamente
assenti o impediti.
6

CAPO II Gruppi e Commissioni Consiliari


Sezione I - Gruppi Consiliari
Art. 8 - Organizzazione dei gruppi consiliari
1. I gruppi consiliari sono costituiti ai sensi dellarticolo 26 dello Statuto.
2. Entro il termine massimo fissato per la prima convocazione del Consiglio Comunale
successivamente alla proclamazione, ciascun gruppo consiliare designa al proprio interno il
rispettivo Capogruppo, unitamente ad un vice capogruppo che lo sostituisca in caso di assenza o
impedimento, dandone tempestiva comunicazione al Presidente del Consiglio ed al Segretario
Generale. In caso di sostituzione del Capogruppo, la nuova designazione comunicata in sede di
assemblea consiliare.
3. In mancanza di designazione, si considera Capogruppo il Consigliere pi anziano per legge
fra quelli appartenenti al gruppo.

Art. 9 - Modifiche alla composizione dei gruppi consiliari


1. Lesclusione di uno o pi consiglieri dal gruppo consiliare di appartenenza comunicata
allassemblea dal rispettivo Capogruppo, con dichiarazione motivata, nel corso degli interventi
in apertura di seduta. Il relativo intervento, che non pu superare i dieci minuti, non computato
ai fini del limite temporale complessivo di cui allarticolo 56, comma 4, del presente
Regolamento.
2. Il Consigliere che intende variare la propria originaria collocazione, entrando a far parte di
un diverso gruppo consiliare, pu intervenire, con le modalit indicate al comma precedente, per
motivare la relativa decisione.
Art. 10 - Conferenza permanente dei Capigruppo
1. istituita la Conferenza permanente dei Capigruppo, composta dal Presidente del Consiglio,
che la presiede, e dai Capigruppo consiliari o loro delegati.
2. Partecipa alla Conferenza, a titolo consultivo, il Sindaco o un Assessore delegato.
3. Le funzioni di segreteria della Conferenza vengono svolte dal Segretario Generale del
Comune ovvero, su sua delega disposta d'intesa col Presidente, da altro funzionario comunale.
4. La Conferenza ha il compito di:
a) collaborare col Presidente nella stesura dell'ordine del giorno, nella predisposizione del
calendario delle sedute consiliari e nella programmazione dello svolgimento dei lavori
consiliari, anche sulla base delle richieste del Sindaco o degli Assessori;
b) esprimere pareri su questioni inerenti al funzionamento del Consiglio.

Art. 11 - Funzionamento della Conferenza


1. La Conferenza dei Capigruppo di norma convocata dal Presidente, senza particolari
formalit ma con un preavviso di almeno ventiquattro ore ovvero di almeno dodici ore se nella
stessa giornata di riunione del Consiglio Comunale.
2. La convocazione pu aver luogo anche su iniziativa di uno o pi Capigruppo che
rappresentino almeno un quinto dei voti consiliari, con richiesta scritta indirizzata al Presidente
e contenente l'elenco degli argomenti da trattare: in tal caso, il Presidente tenuto a provvedervi
entro cinque giorni.
3. Le sedute della Conferenza, che si svolgono in una sala del Palazzo Comunale, sono valide
quando rappresentata almeno la met dei voti consiliari, con un minimo di tre Capigruppo
presenti. La Conferenza esercita la propria attivit consultiva sulla base dei voti consiliari di cui
sono portatori i Capigruppo presenti e votanti.
4. Ai Capigruppo (o loro delegati) compete per ciascuna seduta della Conferenza il gettone di
presenza nella stessa misura fissata per il Consiglio Comunale. Non dovuto il gettone di
presenza nei casi in cui la seduta sia effettuata immediatamente prima o nel corso della seduta
del Consiglio.

Sezione II - Commissioni Consiliari


Art. 12 - Istituzione delle Commissioni
1. A norma dell'articolo 27 dello Statuto, il Consiglio istituisce nel proprio seno Commissioni
Consiliari permanenti con competenza nei diversi settori di attivit comunale.
2. Successivamente ad ogni rinnovo del Consiglio Comunale e dopo la costituzione dei gruppi
consiliari di cui al precedente articolo 8, il Consiglio provvede a determinare il numero delle
Commissioni e le relative competenze per materia.
3. Alla Commissione competente in materia di partecipazioni societarie viene affidato il
compito di vigilare ed effettuare verifiche sul rispetto degli indirizzi e delle direttive formulate
dai competenti organi comunali nei confronti delle societ, delle istituzioni, dei consorzi, delle
associazioni e delle fondazioni istituite o partecipate dal Comune, cos come sugli enti e le
societ concessionarie dellente pubblico. In particolare, fatti salvi i rispettivi ambiti di
competenza tecnica e gestionale, la Commissione pu chiamare le societ e gli enti ad esporre i
risultati economici e il livello di qualit dei servizi erogati.
4. Con riferimento allattivit sopra specificata, al Vice Presidente della Commissione, la cui
elezione riservata ai rappresentanti dei gruppi di opposizione, viene espressamente attribuita la
competenza a perseguire le finalit indicate, con potere di convocare la Commissione stessa, in
piena autonomia e fino ad un massimo di quattro riunioni per anno solare, per discutere questioni
attinenti alla specifica materia. Il Vice Presidente pu inoltre presentare annualmente al
Consiglio una relazione illustrativa dellattivit svolta.

Art. 13 - Composizione, nomina e durata in carica


1. Ciascuna Commissione composta da tanti Consiglieri Comunali, uno per ogni gruppo,
8

quanti sono i gruppi consiliari costituiti, cui compete la designazione e la revoca del proprio
commissario.
2. La comunicazione del nominativo inoltrata al Presidente del Consiglio Comunale entro 10
giorni dallistituzione delle Commissioni Consiliari.
3. Le Commissioni durano in carica quanto il Consiglio.

Art. 14 - Insediamento ed elezione delle cariche interne


1. Conseguita l'esecutivit della deliberazione di cui allart. 12, il Presidente del Consiglio
provvede alla convocazione delle singole Commissioni, con avviso da recapitare ai singoli
componenti almeno quarantotto ore prima, per:
a) l'insediamento della Commissione;
b) la nomina del Presidente;
c) la nomina del Vice Presidente.
2. Fino alla nomina del Presidente, la seduta di insediamento presieduta dal componente
Anziano della Commissione.
3. Ad avvenuto insediamento, ciascuna Commissione elegge nel proprio seno, con votazione
palese, il Presidente: risulta eletto chi riporta il maggior numero di voti e, a parit di voti, il
Consigliere legalmente anziano.
4. Nella stessa seduta e con le stesse modalit viene eletto il Vice Presidente.

Art. 15 - Compiti del Presidente


1. Il Presidente, o chi ne fa le veci, ha il compito di convocare le sedute e di fissarne l'ordine
del giorno, di dirigere e coordinare i lavori della rispettiva Commissione e di tenere i rapporti
istituzionali con gli altri organi comunali.
2. Il Presidente ha anche la facolt di intervenire in Consiglio Comunale, subito dopo
l'Assessore competente per materia, allo scopo di esporre la posizione assunta dalla
Commissione.

Art. 16 - Attribuzioni delle Commissioni


1. Le Commissioni, nell'ambito delle rispettive competenze per materia, provvedono a:
a) esaminare ed approfondire, in sede preventiva e referente, le proposte oggetto di
deliberazione del Consiglio, esprimendo sulle stesse il proprio parere;
b) esprimere di propria iniziativa pareri e proposte su materie e argomenti che ritengono di
particolare interesse cittadino, segnalandoli al Presidente del Consiglio che decider sulle
ulteriori procedure di competenza assembleare;
c) esprimere, a richiesta del Sindaco o dell'Assessore competente per materia, pareri
9

preliminari di natura non vincolante su questioni di interesse comunale.


d) esaminare, anche ai soli fini conoscitivi o ricognitori, problematiche connesse allattivit e
allorganizzazione dellAmministrazione Comunale, ai suoi rapporti con soggetti terzi, alla
qualit e alla tipologia dei servizi offerti e alla programmazione degli interventi;
e) verificare lo stato di attuazione delle deliberazioni del Consiglio Comunale.
2. La Segreteria Generale trasmette ai Presidenti le proposte di deliberazioni consiliari, ai fini
del loro esame da parte della rispettiva Commissione.
3. Quando la proposta di deliberazione riguarda materia di competenza di pi Commissioni
ovvero ne dubbia o controversa l'attribuzione, il Presidente del Consiglio ne assegna l'esame a
quella Commissione che reputa prevalentemente competente, ovvero a pi Commissioni, ovvero
ne promuove la convocazione congiunta da parte dei rispettivi Presidenti.
4. Le Commissioni esprimono i propri pareri entro il termine di volta in volta concordato con il
Presidente del Consiglio.

Art. 17 - Convocazione delle Commissioni


1. La Commissione convocata dal proprio Presidente con avviso scritto, da recapitarsi ad
ogni componente almeno tre giorni prima della seduta o, a richiesta del consigliere, da
comunicarsi con fac-simile o posta elettronica; in caso di urgenza, il predetto termine ridotto a
ventiquattro ore e della convocazione dato avviso anche a mezzo telefono.
2. L'ordine del giorno dei lavori, nonch il giorno e l'ora della seduta, vengono stabiliti dal
Presidente e vengono comunicati a tutti i componenti della Commissione, al Presidente del
Consiglio, al Sindaco, agli Assessori interessati agli argomenti in discussione, ai Capigruppo
consiliari e alla Segreteria Generale.
3. L'avviso di convocazione pubblicato allalbo del Comune.
4. La convocazione pu altres essere domandata, con richiesta scritta, da un numero di
commissari che rappresenti almeno un quinto dei voti consiliari, oppure dal Presidente del
Consiglio Comunale, dal Sindaco o dall'Assessore competente. In tale caso la riunione tenuta
entro quindici giorni dalla data di deposito al protocollo della domanda e nel relativo ordine del
giorno sono iscritte tutte le questioni proposte dai richiedenti. La violazione di tale obbligo
comporta la decadenza automatica dalla carica di Presidente, che viene accertata e formalizzata
dal Presidente del Consiglio Comunale.
5. Le riunioni delle Commissioni non possono essere convocate in concomitanza con le sedute
del Consiglio Comunale o di altre Commissioni.

Art. 18 - Funzionamento delle Commissioni


1. Il Presidente, accertata la presenza di almeno tre Commissari, titolari nel complesso di
almeno la met dei voti consiliari, dichiara valida e aperta la seduta.
2. Il Presidente del Consiglio, il Sindaco e i Capigruppo consiliari, se presenti alla seduta
secondo quanto previsto dal successivo articolo 20, non concorrono alla formazione del numero
legale, a meno che partecipino alla seduta della Commissione in rappresentanza del proprio
10

gruppo.
3. Alle sedute delle Commissioni si applicano, in quanto compatibili, i principi e le norme
attinenti il funzionamento del Consiglio Comunale, del quale dette Commissioni sono
articolazioni interne e strumenti operativi. consentito al Presidente, anche su richiesta di
singoli Commissari, invitare esperti o persone comunque qualificate per intervenire su specifici
temi, e previa enunciazione nellordine del giorno della presenza e sua motivazione.
4. Le sedute delle Commissioni si svolgono in appositi locali presso il Palazzo Comunale o
altre sedi dell'Amministrazione.
5. In relazione a quanto previsto dall'articolo 27, comma 3, dello Statuto le sedute delle
Commissioni sono pubbliche, tranne quando l'argomento in trattazione riguardi persone o
quando la pubblicit possa compromettere interessi patrimoniali del Comune; in tali casi la
Commissione delibera preventivamente che la trattazione avvenga in seduta segreta.
6. Ai Consiglieri Comunali nominati o delegati nelle Commissioni Consiliari, compete per
ciascuna seduta il gettone di presenza nella medesima misura fissata per il Consiglio Comunale.

Art. 19 Sostituzione dei Commissari


1. In caso di assenza o impedimenti occasionali, ciascun Commissario tenuto a farsi sostituire
da un Consigliere Comunale dello stesso gruppo o dal Capogruppo, oppure da altro delegato
provvisto dei requisiti di eleggibilit e compatibilit alla carica di Consigliere Comunale, che
avr per solo diritto di parola.
2. La delega deve essere comunicata al Presidente della Commissione. Dopo linizio della
seduta, il sostituto vi partecipa per lintera durata della stessa.
3. Qualora il numero delle Commissioni sia superiore al numero dei componenti il gruppo, il
Commissario nominato pu avvalersi della facolt di delega.

Art. 20 - Intervento di amministratori e tecnici comunali


1. Il Presidente del Consiglio, il Sindaco, gli Assessori ed i Capigruppo consiliari hanno facolt
di intervenire alle sedute di tutte le Commissioni, con diritto di parola.
2. A richiesta del Presidente della Commissione, del Presidente del Consiglio, del Sindaco o
dell'Assessore interessato, possono essere chiamati a presenziare alle sedute dirigenti o
funzionari del Comune, con compiti di assistenza tecnica.

Art. 21 - Consultazioni esterne


1. Le Commissioni, quando ne ravvisino l'opportunit, hanno la facolt di promuovere
consultazioni con le rappresentanze di istituzioni, associazioni ed organismi esponenziali della
comunit cittadina.

11

Art. 22 - Votazioni
1. A norma dell'articolo 27, comma 2, dello Statuto, ciascun Commissario esprime un numero
di voti pari a quello di cui dispone il gruppo consiliare che l'ha designato.
2. Le Commissioni esprimono i pareri e le proposte di competenza a maggioranza, con
riferimento al numero dei voti consiliari rappresentati nella seduta.

Art. 23 - Verbalizzazione delle sedute


1. A ciascuna Commissione addetto un Segretario, scelto tra il personale comunale, con la
funzione particolare di verbalizzare in forma sintetica lo svolgimento delle sedute e le
determinazioni finali adottate dalla Commissione stessa. fatta salva la possibilit dei singoli
commissari di richiedere lallegazione a verbale di interventi presentati in forma scritta.
2. Il verbale, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, viene approvato secondo quanto
previsto dallarticolo 92.
3. Copia del verbale inviata, a cura del Segretario della Commissione, a tutti i Commissari, al
Presidente del Consiglio, al Sindaco ed alla Segreteria Generale.

Sezione III - Commissioni speciali e commissioni speciali dinchiesta


Art. 24 - Istituzione, composizione e funzionamento
1. A norma dell'articolo 27, commi 4 e 5, dello Statuto il Consiglio Comunale pu nominare di
volta in volta Commissioni temporanee con i seguenti compiti speciali:
a) esperire indagini conoscitive e in generale esaminare, per successivi riferimenti al Consiglio,
argomenti di particolare interesse ai fini dell'attivit comunale;
b) svolgere inchieste, con facolt di acquisire tutti i dati e le informazioni necessarie dai titolari
degli uffici del Comune nonch degli enti, aziende ed istituzioni da esso dipendenti o
controllati.
2. La deliberazione istitutiva delle predette Commissioni deve essere approvata dalla
maggioranza assoluta dei Consiglieri assegnati.
3. Per quanto concerne la nomina, la composizione e il funzionamento delle Commissioni
speciali si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui alla precedente Sezione II. Per
quanto concerne le Commissioni di cui alla lettera b) del comma 1, il Presidente nominato dai
componenti la Commissione con lastensione dei Commissari dei gruppi di maggioranza.
4. Con il medesimo provvedimento di cui al comma 1 il Consiglio Comunale indica i poteri e i
compiti specifici della Commissione ed i criteri di svolgimento dei lavori; fissa altres il termine
entro il quale la Commissione deve concludere i suoi lavori.
5. Il Presidente della Commissione coordina i lavori e decide in merito ad ogni questione di
carattere organizzativo non altrimenti disciplinata da norme statutarie, dal presente regolamento
o dalla delibera istitutiva.

12

6. Se non diversamente previsto dal provvedimento istitutivo le Commissioni speciali e


dinchiesta, a conclusione della loro attivit, presentano al Consiglio Comunale ununica
relazione generale in cui danno conto di tutte le posizioni emerse nel corso dei lavori.

TITOLO III DIRITTI E DOVERI DEI CONSIGLIERI


CAPO I Diritti
Sezione I - Diritto di informazione e di documentazione
Art. 25 Diritto di informazione e di accesso agli atti amministrativi
1. I Consiglieri comunali hanno diritto di ottenere dagli uffici del Comune, dalle sue aziende,
istituzioni ed enti dipendenti, tutte le informazioni in loro possesso, utili allespletamento del
mandato elettivo.
2. I Consiglieri comunali hanno diritto di accesso e di consultazione di tutti gli atti
dellAmministrazione Comunale, esclusi quelli riservati per espressa indicazione di legge o per
effetto di una temporanea e motivata dichiarazione del Sindaco che ne vieti lesibizione, in quanto
la loro diffusione possa pregiudicare il diritto alla riservatezza delle persone, dei gruppi o delle
imprese.
3. Lesercizio dei diritti di cui al primo e secondo comma effettuato dai Consiglieri richiedendo
senza alcun adempimento procedurale le informazioni e la consultazione degli atti ai dirigenti o ai
dipendenti responsabili preposti ai singoli uffici, servizi, aziende, istituzioni e altri organismi.
4. I Consiglieri comunali sono tenuti al segreto nei casi specificamente determinati dalla legge.

Art. 26 Diritto al rilascio di copie di deliberazioni, di determinazioni, di atti e documenti


1.

I consiglieri comunali hanno diritto al rilascio di copia di:


- tutte le deliberazioni del Consiglio, della Giunta, dei Consigli di Circoscrizione;
- tutte le determinazioni dirigenziali;
- tutti gli atti, documenti e provvedimenti dei quali ammessa la visione ai sensi del secondo
comma dellart. 25.

2. La richiesta delle copie di cui al precedente comma inoltrata dal consigliere allufficio
costituito ai sensi dellarticolo 2, in forma scritta o in formato elettronico, con lindicazione di
ogni riferimento utile per lindividuazione della specifica deliberazione, determinazione, atti,
documenti e provvedimenti.
3. Il rilascio delle copie avviene entro i tre giorni lavorativi successivi a quello della richiesta.
Se la richiesta ha ad oggetto atti particolarmente complessi o voluminosi, entro il termine di cui
sopra comunque precisata, se posteriore, la data del rilascio.
4. Le copie rilasciate ai sensi del presente articolo non sono assoggettabili allimposta di bollo
e ai diritti di segreteria.
5. I Consiglieri comunali possono richiedere copia delle registrazioni delle sedute dei Consigli
Comunali e Circoscrizionali, fornendo idoneo supporto magnetico o rimborsandone il costo.
13

Sezione II - Diritto di iniziativa - Presentazione di interrogazioni e mozioni


Art. 27 - Contenuti del diritto di iniziativa
1. In ordine ad ogni argomento sottoposto alla deliberazione del Consiglio, i Consiglieri hanno
diritto di:
a) chiederne la trattazione urgente, proponendone - ove occorra la discussione immediata;
b) proporre questione sospensiva;
c) presentare emendamenti ed ordini del giorno.

Art. 28 - Presentazione di interrogazioni e mozioni


1. I Consiglieri hanno il diritto di presentare interrogazioni e mozioni, formulandole per
iscritto: di esse pu darsi lettura in aula, in occasione degli interventi in apertura di seduta, di cui
al successivo articolo 56.
2. Ogni Consigliere pu firmare interrogazioni e mozioni presentate da altri; tuttavia, come
interrogante e proponente considerato, ad ogni effetto, il primo firmatario.
3. Copia delle mozioni presentate consegnata, a cura della Segreteria Generale, a ciascun
capogruppo consiliare.

Art. 29 - Interrogazioni
1. L'interrogazione consiste nella domanda rivolta al Sindaco, a un singolo Assessore o alla
Giunta per conoscere:
a) se un determinato fatto sia vero;
b) se dello stesso fatto sia pervenuta qualche informazione e se, nel caso in cui essa sia risultata
fondata, siano stati adottati o stiano per essere adottati provvedimenti in proposito;
c) quali siano i motivi dell'operato dell'Amministrazione o i suoi intendimenti su un
determinato argomento.
2. La risposta scritta all'interrogazione deve essere data dal Sindaco o dall'Assessore delegato
alla specifica materia entro 30 giorni dalla presentazione. In difetto il Presidente del Consiglio,
su richiesta del consigliere interessato e sentita la Conferenza dei Capigruppo, pronuncia, senza
indugio, censura nei confronti del Sindaco o dellAssessore di riferimento.

Art. 30 - Mozioni
1. La mozione consiste in una concreta proposta di deliberazione oppure in una proposta di
voto diretta a promuovere od impegnare, secondo un determinato orientamento, l'attivit
dell'Amministrazione Comunale in ordine ad uno specifico argomento.
14

2. La mozione pu anche consistere in una proposta di giudizio sull'operato


dell'Amministrazione, o su unattivit specifica, senza peraltro comportare le dimissioni del
Sindaco n potersi trasformare nella mozione di sfiducia di cui all'articolo 52 del D. Lgs. n.
267/2000.
3. Nel corso dell'istruttoria, la mozione, ove consista in una proposta di deliberazione, sar
corredata dei pareri prescritti dall'articolo 49 del D. Lgs. n.267/2000.
4. La discussione delle mozioni ha luogo secondo la programmazione dei lavori consiliari
stabilita, ai sensi del precedente articolo 10, dalla Conferenza dei Capigruppo e, in ogni caso,
con cadenza almeno bimestrale; tuttavia ciascuna mozione pu essere discussa, se
tempestivamente presentata ed istruita, nella seduta in cui si svolge un dibattito sulla materia
relativa alla mozione stessa.

Art. 31 - Svolgimento della discussione sulle mozioni


1. Alle mozioni si applicano le disposizioni concernenti la discussione, votazione e
proclamazione delle deliberazioni, di cui al Titolo IV, salvo quanto stabilito ai successivi
commi 3 e 4.
2. Le mozioni su argomenti uguali, analoghi o connessi vengono trattate contemporaneamente.
3. Il proponente o, in caso di assenza, altro firmatario da lui delegato, ha facolt di illustrare la
mozione per una durata non eccedente i cinque minuti; dopo leventuale risposta si apre la
discussione, con interventi di durata singola non eccedente i tre minuti.
4. Gli emendamenti proposti alle mozioni o agli ordini del giorno devono essere accolti dal
proponente o dal suo delegato.
5. Al termine del dibattito e dopo la replica della Giunta, il Consigliere proponente disporr di
un breve intervento per confermare o meno la mozione. La trattazione della mozione
eventualmente ritirata dal proponente pu essere richiesta esclusivamente da un Consigliere che
labbia sottoscritta in sede di presentazione. Successivamente, avr luogo la eventuale votazione
preceduta, se richiesto, da dichiarazioni di voto da parte dei Capigruppo o loro delegati, di
durata non eccedente il minuto.

Sezione III - Altri diritti


Art. 32 - Aspettative, permessi e indennit
1. In materia di aspettative e permessi spettanti ai Consiglieri si applicano le norme di cui al
Titolo III, Capo IV, del D. Lgs. n. 267/2000.
2. I Consiglieri percepiscono un gettone di presenza per la partecipazione alle sedute del
Consiglio Comunale nella misura stabilita ai sensi di legge.

Art. 33 - Consiglieri lavoratori e militari


1. L'Amministrazione assicura ai Consiglieri, che siano lavoratori dipendenti, l'assistenza
15

legale in tutte le sedi competenti per far valere il loro diritto di intrasferibilit durante l'esercizio
del mandato consiliare, come previsto dall'articolo 78, comma 6, del D. Lgs. n. 267/2000.
2. L'Amministrazione assicura ai Consiglieri militari di leva o richiamati alle armi l'assistenza
necessaria per ottenere dalla competente autorit militare la loro destinazione ad una sede che
consenta l'espletamento delle funzioni consiliari e la disponibilit del tempo a ci necessario,
come previsto dalla predetta norma.

CAPO II - Doveri
Sezione I - Segreto - Astensione
Art. 34 - Obbligo del segreto
1. I Consiglieri sono tenuti al segreto nei casi specificatamente determinati dalla legge.
2. Il segreto va in ogni caso mantenuto sugli argomenti trattati nelle sedute consiliari e di
commissione non pubbliche.

Art. 35 - Astensione
1. Oltre ai casi di astensione di cui al successivo articolo 74 del presente Regolamento, i
Consiglieri devono astenersi dal partecipare a sedute di organi collegiali quando versino nelle
condizioni di cui all'articolo 51 del codice di procedura civile.

Sezione II - Altri doveri


Art. 36 - Intervento alle riunioni del Consiglio
1. I Consiglieri regolarmente convocati devono intervenire alle sedute del Consiglio oppure
giustificare le assenze con avviso scritto al Presidente del Consiglio, salvi casi eccezionali.
2. La decadenza dei Consiglieri per la mancata partecipazione alle sedute pronunciata ai sensi
dell'articolo 24 dello Statuto.

Art. 37 - Pubblicit della situazione patrimoniale


1. I Consiglieri devono:
a) entro tre mesi dalla proclamazione, depositare:
- una dichiarazione concernente i diritti reali sui beni immobili e sui beni mobili iscritti in
pubblici registri, le azioni di societ, le quote di partecipazione a societ, l'esercizio di funzioni
di amministratore o sindaco di societ di qualsiasi genere o di cariche remunerate in enti
pubblici, altri beni e/o titoli costituenti il patrimonio, con l'apposizione della formula "sul mio
onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero";
16

- copia dell'ultima dichiarazione dei redditi soggetti all'imposta sui redditi delle persone fisiche.
b) entro un mese dalla scadenza del termine utile per la dichiarazione dei redditi soggetti
all'imposta sui redditi delle persone fisiche, depositare un'attestazione concernente le
variazioni della situazione patrimoniale di cui alla precedente lett. a), intervenute nell'anno
precedente, nonch copia della dichiarazione dei redditi;
c) entro tre mesi successivi alla cessazione dall'ufficio, depositare una dichiarazione
concernente le variazioni della situazione patrimoniale di cui alla lett. a), intervenute dopo
l'ultima attestazione, nonch, entro un mese successivo alla scadenza del relativo termine,
una copia della dichiarazione dei redditi delle persone fisiche.
2. In caso di inadempimento degli obblighi di cui alle lett. a) e b), il Presidente del Consiglio
diffida l'inadempiente a provvedere entro il termine di quindici giorni.
3. Nel caso di inosservanza della diffida, il Presidente del Consiglio ne d notizia
allassemblea consiliare.
4. La pubblicit delle dichiarazioni va attuata mediante affissione all'Albo pretorio in via
riassuntiva, mentre le schede individuali sono tenute a disposizione dei cittadini presso gli uffici
comunali.

Art. 38 - Pubblicit delle spese elettorali


1. I candidati risultati eletti alla carica di Sindaco e di Consigliere sono tenuti a presentare alla
Segreteria Generale, entro tre mesi dalla proclamazione, una dichiarazione concernente le spese
sostenute e le obbligazioni assunte per la propaganda elettorale, ovvero l'attestazione di essersi
avvalsi esclusivamente di materiali e di mezzi propagandistici predisposti e messi a
disposizione dal partito o dalla formazione politica della cui lista hanno fatto parte, con
l'apposizione della formula "sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero".

TITOLO IV - FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE


CAPO I - Riunioni consiliari
Art. 39 - Periodo di svolgimento dei lavori
1. Il Consiglio si riunisce durante lintero anno solare secondo il calendario predisposto dal
Presidente del Consiglio di concerto con la Conferenza dei Capigruppo ai sensi dellarticolo 10.
2. Durante il mese di agosto lordinaria attivit del Consiglio sospesa, fatti salvi i casi di
urgenza.
3. Costituiscono casi di urgenza ai sensi del comma precedente le fattispecie disciplinate dagli
articoli 15, comma 1, lett. b), 41, comma 3, 98, comma 3, 104, comma 2, e 116, comma 5, dello
Statuto Comunale e dagli articoli 40, comma 1, e 41 del presente Regolamento.

17

Art. 40 - Riunioni per iniziativa dei Consiglieri e del Sindaco


1. Ai sensi dell'articolo 30 dello Statuto, il Presidente tenuto a convocare il Consiglio quando
ne facciano richiesta scritta almeno nove Consiglieri o il Sindaco, inserendo all'ordine del giorno
le questioni richieste; la seduta deve avere luogo entro venti giorni dalla presentazione della
richiesta al protocollo.
2. In tali casi la proposta di deliberazione deve essere predisposta dai richiedenti e, prima della
presentazione in Consiglio Comunale, trasmessa, a cura della Segreteria Generale, ai
responsabili dei servizi competenti per lespressione dei pareri tecnici previsti per legge, entro il
termine di cui al comma 1 dellarticolo 46.

Art. 41 - Riunioni urgenti


1. Il Presidente convoca d'urgenza il Consiglio Comunale nei casi di calamit naturali o per
motivi di ordine pubblico o per l'esigenza di osservare termini perentori.
2. Quando la gravit degli eventi calamitosi o dei fatti lo esiga, il Consiglio pu deliberare di
sedere in permanenza.
3. La convocazione per i motivi di cui al comma 2 fatta con qualsiasi mezzo di
comunicazione e non soggetta a formalit.

CAPO II - Svolgimento dell'attivit consiliare


Sezione I - Convocazione
Art. 42 - Avvisi di convocazione
1. La convocazione dei Consiglieri fatta dal Presidente con avviso scritto da recapitarsi al
domicilio eletto nel Comune da ciascun Consigliere; la consegna deve risultare da referto del
messo comunale. Su richiesta del Consigliere la convocazione pu essere comunicata con facsimile o posta elettronica.
2. I Consiglieri residenti in localit fuori del Comune eleggono, ai soli fini del presente
articolo, il proprio domicilio nel Comune di Varese. In mancanza di elezione di domicilio questo
si intende stabilito presso la Segreteria Generale del Comune. I Consiglieri possono indicare
diverse modalit di convocazione, purch idonee a comprovare con certezza la data di
ricevimento.
3. La consegna o la comunicazione dellavviso di convocazione, corredato dall'elenco degli
oggetti da trattare, deve avvenire nel termine di cinque giorni liberi prima di quello stabilito per
la riunione iniziale.
4. Non previsto alcun termine per le riunioni d'urgenza: in questo caso, una o pi
deliberazioni saranno differite al giorno successivo su richiesta di almeno un quinto dei
Consiglieri presenti alla riunione.
5. ammessa la notificazione di elenchi di oggetti da trattare in aggiunta a quelli gi iscritti
all'ordine del giorno purch 48 ore prima dellora fissata per la riunione; in questo caso fatta
salva la facolt di cui al comma precedente, con losservanza delle medesime modalit.
18

Art. 43 - Contenuto dell'avviso di convocazione


1.

L'avviso di convocazione deve contenere le seguenti indicazioni:

a)

il giorno, l'ora ed il luogo della convocazione, con la precisazione del tipo di adunanza
(ordinaria o durgenza);

b) lordine del giorno;


c)

la data e la firma del Presidente.

Art. 44 - Sedute successive alla prima


1. L'avviso di convocazione pu indicare la data e l'ora di pi sedute consecutive, ritenute
necessarie per la trattazione completa degli argomenti iscritti nell'ordine del giorno.
2. Quando ci non sia avvenuto, le sedute successive alla prima possono essere convocate
verbalmente dal Presidente in sede di assemblea e non prima di 48 ore dal termine indicato nella
prima convocazione. In tal caso l'avviso deve comunque essere inviato per iscritto ai Consiglieri
non intervenuti alla prima riunione, ovvero assenti al momento della comunicazione verbale del
Presidente.

Sezione II - Ordine del giorno


Art. 45 - Compilazione dell'ordine del giorno
1. L'ordine del giorno delle riunioni del Consiglio predisposto dal Presidente.
2. L'ordine del giorno deve essere formulato in modo da consentire ai Consiglieri di rendersi
conto dell'oggetto da trattare.
3. Gli oggetti sono iscritti all'ordine del giorno nel seguente ordine di precedenza:
a) questioni attinenti alla composizione del Consiglio Comunale;
b) ratifica delle deliberazioni di variazioni di bilancio adottate d'urgenza dalla Giunta;
c) proposte del Sindaco e della Giunta nell'ambito degli atti fondamentali attribuiti al Consiglio
dalla legge e dallo Statuto;
d) eventuali proposte della quinta parte dei Consiglieri;
e) mozioni, in ordine di presentazione e limitatamente ad una per proponente;
f) ordini del giorno, secondo la data di presentazione e limitatamente ad uno per proponente;
g) verbali delle precedenti sedute;
h) oggetti da trattarsi in seduta segreta.

19

Art. 46 - Deposito e consultazione degli atti


1. Gli atti relativi a ciascun argomento iscritto all'ordine del giorno sono depositati nella
Segreteria Generale per poter essere consultati dai Consiglieri, almeno tre giorni lavorativi
prima della riunione in cui ne prevista la trattazione.
2. Il deposito degli atti relativi al bilancio annuale e pluriennale ed al rendiconto di gestione
disciplinato dal Regolamento di contabilit.

Art. 47 - Avvisi al pubblico


1. L'elenco degli oggetti da trattarsi in ciascuna seduta deve, sotto la responsabilit del
Segretario Generale, essere pubblicato all'Albo pretorio almeno il giorno precedente a quello
stabilito per ladunanza.
2. Copia degli ordini del giorno viene trasmessa alle Circoscrizioni, al Difensore Civico, ai
principali organi di stampa, alle emittenti radiotelevisive locali.

Sezione III - Sedute consiliari


Art. 48 - Operazioni iniziali
1. All'ora stabilita nell'avviso di convocazione per la riunione il Segretario Generale ed il
personale che lo coadiuva prendono nota dei Consiglieri presenti in aula.
2. Appena raggiunto il numero legale, il Segretario ne informa il Presidente e procede
allappello.
3. Trascorsi trenta minuti dallora stabilita nellavviso di convocazione, si procede comunque
allappello nominale dei Consiglieri; se il numero legale non raggiunto, l'adunanza dichiarata
deserta e ne viene steso verbale con l'indicazione dei nomi dei Consiglieri intervenuti.

Art. 49 - Numero legale


1. Il Consiglio non validamente costituito se nel corso dei lavori non presente la met del
numero dei consiglieri assegnati al Comune, arrotondata per eccesso all'unit superiore.

Sezione IV - Svolgimento delle sedute


Art. 50 - Apertura della seduta
1. Il Presidente, accertata in base all'appello la presenza del numero legale, dichiara aperta la
seduta.

20

Art. 51 - Presidenza del Consiglio


1. Il Consiglio presieduto, a norma dell'articolo 29, comma 3, dello Statuto, dal Presidente
eletto dallAssemblea.
2. In caso di assenza o di impedimento del Presidente, si procede ai sensi del comma 6
dellarticolo 29 dello Statuto.

Art. 52 - Attribuzioni del Presidente


1. Il Presidente rappresenta il Consiglio Comunale; dichiara l'apertura delle sedute e ne dirige i
lavori; concede ai Consiglieri la facolt di parlare e la toglie loro nei casi previsti dal presente
Regolamento; precisa i termini delle questioni sulle quali si discute e si vota; dispone per le
votazioni e ne proclama l'esito; mantiene l'ordine e regola l'attivit del Consiglio, osservando e
facendo osservare le norme di legge, dello Statuto e del presente Regolamento tanto da parte dei
consiglieri quanto da parte dei cittadini presenti.
2. Il Presidente, nell'esercizio delle sue funzioni, deve ispirarsi a criteri di imparzialit,
intervenendo a difesa delle prerogative del Consiglio e dei diritti dei Consiglieri.

Art. 53 - Pubblicit e segretezza delle sedute


1.

Le sedute del Consiglio sono di norma pubbliche, eccettuati i seguenti casi:

a) quando il Consiglio stesso, con motivata deliberazione adottata a maggioranza assoluta dei
Consiglieri assegnati, stabilisce che la seduta debba essere segreta;
b) quando si tratti di deliberare su questioni concernenti persone;
c) quando la segretezza della seduta richiesta dalla legge;
d) quando la trattazione palese possa essere pregiudizievole agli interessi del Comune.
2. Gli Assessori partecipano alle sedute pubbliche e, qualora espressamente richiesto dalla
Conferenza dei Capigruppo, anche a quelle segrete.

Art. 54 - Nomina degli scrutatori


1. Subito dopo aver dichiarata aperta la seduta il Presidente, qualora non siano operativi sistemi
elettronici di rilevamento, sceglie tra i Consiglieri tre scrutatori, con il compito di assisterlo nelle
votazioni sia palesi che segrete e nell'accertamento dei relativi risultati.
2. Almeno uno degli scrutatori deve appartenere alla minoranza, ove questa sia presente in
aula.

Art. 55 - Verifica del numero legale in corso di seduta


1. Il Presidente non tenuto a verificare, nel corso della seduta, se il Consiglio permanga in
numero legale.
21

2. Prima dellinizio della discussione di ogni argomento iscritto allordine del giorno, ciascun
Consigliere pu chiedere che il Presidente proceda alla verifica del numero legale.
3. Nel caso di cui al comma precedente, la verifica eseguita immediatamente dal Presidente
coadiuvato dal Segretario, mediante nuovo appello nominale.
4. Qualora sia accertato che venuto a mancare il numero legale, il Presidente dichiara rinviati
i lavori fissando la nuova seduta a norma dellarticolo 44.

Art. 56 - Comunicazioni ed interventi in apertura di seduta


1. Il Presidente, esaurite le formalit preliminari, pu fare brevi comunicazioni dinteresse del
Consiglio Comunale.
2. Il Presidente, il Sindaco ed i Capigruppo hanno facolt di tenere brevi commemorazioni.
3. Ogni Consigliere pu porre questioni sullordine dei lavori e richiamare lattenzione del
Consiglio su problemi e fatti di preminente interesse locale o di particolare rilevanza nazionale.
4. La trattazione degli argomenti di cui ai commi 2 e 3 non pu avere durata complessiva
superiore a quarantacinque minuti ed i singoli interventi non possono superare i tre minuti
ciascuno.
5. Nessuna risposta dovuta per tali interventi, se non per le questioni inerenti lordine dei
lavori e fatta salva la diversa decisione del Presidente. Il Sindaco ha facolt di dare brevi
risposte, mentre gli Assessori possono intervenire su richiesta del Consiglio o su autorizzazione
del Presidente.
6. Nello svolgimento dei lavori il Presidente, ove ne sia fatta richiesta, garantisce lintervento
di tutti i gruppi.

Art. 57 - Argomenti ammessi alla trattazione


1. Il Consiglio non pu deliberare su alcuna proposta o questione che non sia iscritta all'ordine
del giorno.
2. Qualora un argomento posto all'ordine del giorno venga trattato ma non esaurito nella prima
seduta, riportato in discussione nella seduta successiva.

Art. 58 - Pareri
1. Il Segretario Generale, responsabile dellistruttoria delle deliberazioni, provvede che alle
proposte di deliberazione siano allegati i pareri prescritti da qualsiasi norma avente forza di
legge ai fini della programmazione ed esecuzione di opere pubbliche o di altre attivit del
Comune.
2. Qualora i pareri di cui al comma precedente non siano espressi nel termine di novanta giorni
dalla richiesta o nel termine minore stabilito dalla legge o dal regolamento o in quello prorogato
per un tempo pari a quello del termine originario, il Segretario allega alla proposta di
deliberazione la documentazione che comprovi linfruttuosa decorrenza del termine originario o
22

prorogato: in tal caso il Consiglio assume la deliberazione dando atto di prescindere dal parere ai
sensi dellarticolo 16, comma 2, della legge n. 241/1990.

Art. 59 - Ordine di trattazione degli argomenti


1.

Gli argomenti vengono trattati secondo la priorit prevista nell'ordine del giorno.

2. Tuttavia il Presidente, il Sindaco o ciascun Consigliere pu proporre che l'ordine sia mutato,
indicandone i motivi. Se nessuno si oppone, la proposta si ritiene accettata; diversamente essa
votata, dopo che abbiano parlato non pi di un Consigliere a favore, oltre il proponente, e due
contro.
3. Quando almeno un quinto dei Consiglieri presenti lo richieda, la trattazione di argomenti
iscritti all'ordine del giorno con la procedura d'urgenza di cui al comma 4 del precedente articolo
42, differita al giorno seguente, o ad altro stabilito dal Consiglio.
4.

Per la trattazione dei singoli argomenti si osserva il seguente ordine:

a) relazione illustrativa;
b) discussione con interventi dei Consiglieri;
c) replica del relatore;
d) chiusura della discussione;
e) dichiarazioni di voto;
f) votazione delle proposte;
g) proclamazione dell'esito delle votazioni.

Sezione V - Discussione
Art. 60 - Apertura della discussione
1. La discussione su ciascun argomento preceduta dallenunciazione delloggetto della
proposta da parte del Presidente.
2. La relazione illustrativa di ciascun argomento da trattare svolta dal Sindaco o
dall'Assessore competente. Per esigenze di ordine tecnico o giuridico, la relazione pu essere
svolta dal Segretario Generale o da altro Dirigente del Comune o da un consulente esterno.

Art. 61 - Sospensione della discussione


1. Allinizio della discussione di un argomento o nel corso della medesima, ciascun
Consigliere pu chiedere che venga sospesa la trattazione dellargomento stesso. La richiesta di
sospensione deve essere giustificata da elementi pregiudiziali, da vizi o carenze procedurali o da
valutazioni di opportunit.

23

2. Sulla sospensione decide il Presidente o, in caso di opposizione, il Consiglio con votazione,


senza discussione, fatta salva la semplice richiesta di chiarimenti da parte di ciascun Consigliere.

Art. 62 - Interventi dei Consiglieri


1. Terminato lo svolgimento della relazione di cui all'articolo 60, il Presidente d la parola ai
Consiglieri che ne abbiano fatto richiesta, secondo l'ordine di iscrizione ma dando in ogni caso
la precedenza al Presidente della Commissione Consiliare competente, ove questi ne abbia fatta
richiesta. I Consiglieri non presenti in aula al momento del proprio turno decadono dal diritto
alla parola. tuttavia consentito lo scambio di turno fra i Consiglieri.
2. I Consiglieri intervengono solo dopo aver ottenuto la parola dal Presidente, ma, nella stessa
seduta, non possono prenderla pi di una volta sullo stesso argomento o su singole parti di una
proposta, fatto salvo quanto previsto dagli articoli 63 e 64.
3. Il tempo assegnato per ciascun intervento non pu superare i cinque minuti. Tale limite si
intende raddoppiato per il dibattito sulle dichiarazioni del Sindaco neo-eletto, nonch per la
discussione del bilancio, del rendiconto di gestione e dei piani e programmi urbanistici.
4. Gli interventi devono riguardare unicamente le proposte e gli argomenti in discussione. In
caso contrario il Presidente richiama all'ordine il Consigliere e, qualora questi persista, gli toglie
la parola.
5. Nella ipotesi di cui al comma precedente il Consigliere pu appellarsi al Consiglio, che
decide con immediata votazione, senza discussione.
6. Non permesso ad alcuno di interrompere chi parla, tranne al Presidente per richiamo al
regolamento.
7. Gli oratori parlano dal proprio banco.

Art. 63 - Fatto personale


1. Il "fatto personale" sussiste quando ad un Consigliere siano attribuiti opinioni o
comportamenti che egli non riconosce come propri.
2. In tal caso il Consigliere che chiede la parola deve precisare in che consiste il fatto
personale; il Presidente decide circa la fondatezza della richiesta.
3. Se la decisione del Presidente non accettata dal Consigliere richiedente, decide il Consiglio
con votazione, senza discussione.
4. Ottenuta la parola per fatto personale, il Consigliere esprime i motivi della propria condotta
o precisa le opinioni gi espresse.

Art. 64 - Mozione d'ordine


1. Ogni Consigliere pu presentare, in ogni fase della seduta, una "mozione d'ordine"
consistente in un richiamo all'osservanza di una norma di legge, dello Statuto comunale o del
presente Regolamento, relativa alla procedura delle discussioni e delle votazioni. Tale richiesta
24

ha precedenza su ogni altra.


2. Il Presidente decide motivatamente sull'ammissibilit della mozione d'ordine.
3. In caso di inammissibilit e su richiesta del proponente, sulla mozione d'ordine sono
ammessi a parlare, per non oltre tre minuti ciascuno, un Consigliere a favore e due contro.
Successivamente il Consiglio decide con votazione.

Art. 65 - Argomenti discussi in Commissione consiliare


1. Le proposte di deliberazione sulle quali la competente Commissione abbia espresso parere
favorevole allunanimit dei presenti vengono sottoposte direttamente al voto del Consiglio
Comunale. Lunanimit sintende acquisita qualora il Consigliere assente non abbia fatto
pervenire al Presidente nota scritta di dissenso, prima dellapertura della seduta consiliare.
2. Sono ammesse le dichiarazioni di voto secondo le modalit di cui al successivo articolo 69.

Art. 66 - Ordini del giorno ed emendamenti nel corso della discussione


1. Durante la discussione ciascun Consigliere pu presentare per iscritto al Presidente non pi
di un ordine del giorno sul medesimo oggetto, con facolt, tuttavia, di sostituirlo con altro ordine
del giorno.
2. Ogni Consigliere pu, inoltre, presentare al Presidente, prima della chiusura della
discussione, uno o pi emendamenti alle proposte di deliberazione o agli ordini del giorno. Gli
emendamenti alle proposte di deliberazione relative a regolamenti devono pervenire allUfficio
di Segreteria del Consiglio Comunale, a pena di irricevibilit, entro il giorno precedente quello
previsto per la discussione dellargomento, anche a mezzo fax o posta elettronica; gli
emendamenti cos presentati non possono essere ulteriormente emendati nel corso della seduta.
3. La presentazione degli emendamenti relativi alla proposta del bilancio di previsione ed alle
successive variazioni disciplinata dal Regolamento comunale di contabilit.
4. La presentazione ed il ritiro di ordini del giorno ed emendamenti sono facolt dei soli
firmatari.

Art. 67 - Discussione e votazione di emendamenti e di ordini del giorno


1. Gli emendamenti che non siano stati motivatamente dichiarati inammissibili sono illustrati e
discussi secondo l'ordine di presentazione o secondo l'ordine logico che il Presidente reputi
opportuno. A tal fine, scaduto il termine per la presentazione, lufficio di Presidenza provvede
ad ordinare gli emendamenti stessi secondo la loro natura ed i riferimenti contenuti nei
medesimi ed a consegnarne copia a ciascun gruppo consiliare.
2. Gli emendamenti sono dichiarati inammissibili dal Presidente del Consiglio Comunale, su
conforme parere dei dirigenti competenti e del Segretario Generale, nei seguenti casi:
a) quando sono estranei allo specifico argomento oggetto della proposta in esame;
b) quando non rispettano i principi di bilancio dettati dalla legge e dal Regolamento di
Contabilit, con particolare riferimento allobbligo del pareggio economico e finanziario;
25

c) quando sono manifestamente contrari a norme di legge o dello Statuto Comunale.


3. La votazione degli emendamenti deve precedere quella del testo della proposta originale ed
avviene secondo lordine di presentazione.
4. Gli emendamenti proposti agli emendamenti, se accettati dal proponente, sono votati prima
di quello principale.
5. Gli ordini del giorno sono illustrati secondo l'ordine di presentazione dopo la discussione
della proposta nel suo complesso.
6. Gli interventi sugli emendamenti e sugli ordini del giorno non devono superare i tre minuti.
7. L'approvazione di un emendamento o di un ordine del giorno comporta la decadenza degli
altri emendamenti o ordini del giorno il cui contenuto sia dal primo assorbito, superato o con
esso in contrasto.
8. L'approvazione di un emendamento che implichi un aumento di spesa o una diminuzione di
entrata pu comportare il rinvio della votazione della proposta ad altra seduta per acquisire agli
atti il parere di regolarit contabile da parte del Responsabile di ragioneria ai sensi e per gli
effetti di cui all'articolo 49 del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.
9. Nelle sedute dedicate alla discussione del bilancio preventivo, gli emendamenti vengono
illustrati dal proponente nel tempo massimo di tre minuti e, dopo lespressione del parere della
Giunta, vengono votati senza ulteriori interventi, potendosi esprimere unicamente le
dichiarazioni di voto.

Art. 68 - Chiusura della discussione


1. Quando tutti i Consiglieri iscritti hanno parlato, il relatore pu replicare agli interventi.
Conclusa la replica, il Presidente dichiara chiusa la discussione.
2. Successivamente nessun Consigliere pu ottenere la parola, se non sugli emendamenti e
sugli ordini del giorno ai sensi del precedente articolo 67.
3. Il Sindaco o lAssessore competente esprimono il parere della Giunta. I relatori
intervengono per confermare o ritirare gli emendamenti o gli ordini del giorno presentati.

Sezione VI - Votazione
Art. 69 - Dichiarazioni di voto
1. Chiusa la discussione non consentito alcun altro intervento sul merito della proposta.
2. Pu prendere la parola per dichiarazione di voto un solo Consigliere in rappresentanza del
gruppo.
3. consentito agli altri Consiglieri di prendere la parola soltanto per dissociarsi dalla
dichiarazione di voto del gruppo di appartenenza, indicandone i motivi.
4. Le dichiarazioni di voto devono essere espresse nel tempo massimo di un minuto.

26

Art. 70 - Sistemi di votazione


1. Le votazioni sono palesi o segrete e si svolgono secondo le disposizioni degli articoli
seguenti, con facolt di ricorrere ad appropriati sistemi elettronici.

Art. 71 - Votazione palese


1. La votazione palese quando si svolge in modo tale che il contenuto del voto di ciascun
Consigliere possa essere conosciuto direttamente da tutti gli altri Consiglieri presenti; pu essere
effettuata mediante l'uso di apparecchiature elettroniche, o per alzata di mano, o per appello
nominale.
2. Il Presidente precisa preventivamente con quale forma si proceder alla votazione palese ed
ha facolt di controllare la votazione stessa mediante controprova.
3. Nella votazione per appello nominale il Presidente fa eseguire dal Segretario l'appello dei
Consiglieri; questi rispondono: "si", oppure "no", oppure dichiarano di astenersi.
4. Nella votazione palese elettronica i Consiglieri votano utilizzando le apparecchiature in
dotazione, con la garanzia che queste consentano di evidenziare il voto personale di ogni singolo
Consigliere.
5. Nella votazione per alzata di mano i Consiglieri esprimono nellordine il loro voto
favorevole, contrario o di astensione.

Art. 72 - Votazione segreta


1. La votazione segreta quando si svolge in modo tale che il contenuto del voto di ciascun
Consigliere non possa essere riconosciuto da altri.
2. La votazione segreta ha carattere eccezionale e deve effettuarsi soltanto per le deliberazioni
concernenti persone.
3. La votazione segreta ha luogo con il sistema delle schede, in base al quale:
a) se si tratta di approvare o di respingere una proposta, il voto sar dato scrivendo "si" oppure
"no" sulla scheda;
b) se si tratta di nominare persone, il voto sar dato scrivendo sulla scheda i nominativi di
coloro in favore dei quali si intende votare;
c) chi intende astenersi vota scheda bianca;
d) le schede, debitamente piegate, vengono poste in un'urna; il loro spoglio fatto dagli
scrutatori con l'assistenza del Segretario comunale.
4. Le schede scrutinate vengono distrutte subito dopo la proclamazione dei risultati della
votazione.

27

Art. 73 - Votazione per singole parti


1. Il Presidente pu disporre, di sua iniziativa o a richiesta di almeno un quinto dei Consiglieri,
che si proceda a votazione delle singole parti di un ordine del giorno, di un emendamento o di
una proposta di deliberazione.
2. In ogni caso, su ogni ordine del giorno, emendamento o proposta di deliberazione il
Consiglio deve esprimersi con votazione finale.

Art. 74 - Astensione facoltativa e obbligatoria dei Consiglieri


1. I Consiglieri hanno facolt di astenersi dal votare e la esercitano facendone espressa
dichiarazione. Sono, altres, considerati astenuti i Consiglieri presenti che, invitati a votare, non
partecipano alla votazione, n dichiarano di astenersi.
2. I Consiglieri astenuti di cui al comma precedente concorrono alla formazione del numero
legale (quorum strutturale) dei presenti per la validit della seduta, ma non si computano nel
numero dei votanti.
3. I Consiglieri non possono partecipare alla trattazione e alla votazione delle deliberazioni
riguardanti liti e contabilit loro proprie, verso il Comune e verso le aziende o istituzioni
comunali dal medesimo amministrate o soggette alla sua vigilanza, come pure quando si tratta di
interessi propri o di interessi, liti o contabilit dei loro parenti o affini fino al quarto grado civile
o di conferire impieghi ai medesimi.
4. I Consiglieri di cui al comma 3 devono allontanarsi dall'aula avvertendone il Segretario
comunale per la registrazione a verbale.
5. L'obbligo di cui ai commi 3 e 4 non ricorre nei casi di provvedimenti normativi o di carattere
generale.

Art. 75 - Approvazione delle proposte


1. Le proposte si intendono approvate quando i voti favorevoli prevalgono sui contrari, salvo
che la legge, lo Statuto o i regolamenti prevedano per determinati atti maggioranze qualificate.
2. Per le nomine dei rappresentanti del Consiglio di cui all'articolo 42, lettera m), del D. Lgs.
18 agosto 2000, n. 267, si applica, ai sensi dell'articolo 33, comma 2, dello Statuto, il principio
della "maggioranza relativa", secondo il quale sufficiente la semplice prevalenza di voti.
3. Con esito di parit di voti favorevoli e contrari qualsiasi proposta si considera respinta.

Art. 76 - Nomina dei rappresentanti del Consiglio


1. Quando si devono nominare rappresentanti della minoranza consiliare, si intendono eletti i
Consiglieri appartenenti alla minoranza stessa che, nella votazione di cui al comma 2 del
precedente articolo 75, hanno riportato il maggior numero dei voti.

28

Sezione VII - Scrutinio e proclamazione dell'esito della votazione


Art. 77 - Scrutinio
1. L'accertamento dei risultati della votazione compete al Presidente con l'assistenza degli
scrutatori nominati a norma del precedente articolo 54.
2. Gli scrutatori provvedono ad accertare il numero dei voti favorevoli, contrari e di astensione.
3. La votazione per alzata di mano deve ripetersi quando gli scrutatori non concordano sulle
risultanze della votazione.
4. Nelle votazioni per schede segrete gli scrutatori procedono allo spoglio secondo il disposto
del precedente articolo 72, comma 3, lett. d). Essi:
a) accertano il numero delle schede immesse nell'urna. Tale numero deve corrispondere a
quello dei presenti detratti gli astenuti non votanti;
b) accertano il numero delle schede bianche;
c) dichiarano nulle le schede non leggibili, quelle recanti segni che consentano il
riconoscimento del votante e quelle che non consentono di individuare il voto espresso.
5. L'esito dello spoglio delle schede viene comunicato subito al Presidente per la
proclamazione di cui al seguente articolo.
6. L'assistenza degli scrutatori allo spoglio delle schede fatta risultare dal verbale della
seduta.

Art. 78 - Proclamazione dell'esito della votazione


1. Ultimate le operazioni di scrutinio, il Presidente proclama il risultato della votazione.

Sezione VIII - Disciplina delle sedute


Art. 79 - Attribuzioni del Presidente
1. Chi presiede la seduta ha facolt:
a) di sospendere e sciogliere la seduta nei casi previsti nella presente sezione;
b) di richiamare all'ordine nominativamente ciascun Consigliere nei casi di cui al successivo
articolo 80 e di proporne l'espulsione dall'aula;
c) di ordinare, nelle sedute pubbliche, l'espulsione di coloro che, ad eccezione dei Consiglieri,
siano causa di disordini.
2. Il Presidente, durante le sedute, si avvale degli agenti municipali per il servizio di polizia
nellaula consiliare.

29

Art. 80 - Disciplina dei Consiglieri


1. I Consiglieri devono osservare nelle sedute un comportamento dignitoso e corretto nel
rispetto della manifestazione delle altrui opinioni e libert.
2. Se un Consigliere pronuncia parole sconvenienti oppure turba con il suo contegno la libert
delle discussioni o l'ordine delle sedute, il Presidente lo richiama nominativamente.
3. Il Consigliere richiamato all'ordine pu dare immediatamente spiegazioni del suo atto o delle
sue parole.
4. Se il Consigliere gi richiamato persiste nel suo atteggiamento, il Presidente pu sospendere
la seduta.
5. Quando la sospensione della seduta pregiudichi l'adozione di provvedimenti entro termini
perentori di imminente scadenza, il Presidente propone l'espulsione del Consigliere dall'aula per
il resto della seduta. Il Consiglio, sentite le giustificazioni del Consigliere, decide a scrutinio
segreto, senza discussione.

Art. 81 - Tumulto in aula


1. Qualora sorga tumulto in aula e risultino vani i richiami del Presidente, questi sospende la
discussione. Se il tumulto continua, il Presidente sospende la seduta.
2. Se alla ripresa della seduta il tumulto continua, il Presidente pu sospenderla nuovamente
per un tempo determinato oppure, secondo la sua valutazione, scioglierla. In quest'ultimo caso il
Consiglio convocato nelle forme previste dal presente Regolamento.

Art. 82 - Disciplina del pubblico


1. Nessuna persona estranea al Consiglio pu, sotto alcun pretesto, introdursi nel perimetro ove
siedono il Presidente, i Consiglieri e gli Assessori, fatta eccezione per il personale di servizio,
per gli agenti di polizia locale e per i rappresentanti della stampa e degli altri mezzi di
informazione.
2. Durante la seduta le persone presenti nello spazio riservato al pubblico non devono
disturbare il lavoro dellAssemblea.
3. Ove persone del pubblico turbino l'ordine, il Presidente, dopo opportuni richiami, ordina agli
agenti della Polizia municipale (o ad altro personale di servizio) di espellere gli autori del
disordine. Ove questi non siano individuabili o il pubblico non si attenga ai richiami, il
Presidente pu sospendere la seduta, oppure proporre che il Consiglio deliberi per alzata di mano
che la seduta stessa prosegua senza la presenza del pubblico, che sar fatto uscire per mezzo
degli agenti della Polizia municipale.
4. In caso di oltraggio al Presidente, al Sindaco, agli Assessori, ai Consiglieri, agli agenti della
Polizia municipale o ad altri rappresentanti dellAmministrazione comunale, gli autori saranno
denunciati allautorit giudiziaria.

30

Sezione IX - Partecipazione degli Assessori


Art. 83 - Modalit di partecipazione
1. Le disposizioni del presente Regolamento relative ai Consiglieri sono estese agli Assessori,
in quanto applicabili.
2. L'avviso di convocazione dei Consiglieri spedito anche agli Assessori che in aula prendono
posto, unitamente al Sindaco, al tavolo della Giunta.
3. Gli Assessori non concorrono in alcun caso alla formazione del numero legale e non
partecipano alle votazioni.

Sezione X - Partecipazione del Segretario Generale, dei Dirigenti e dei Revisori dei Conti
Art. 84 - Partecipazione del Segretario Generale
1. Il Segretario Generale del Comune, ai sensi dell'art. 97, comma 4, del D. Lgs. 18 agosto
2000, n. 267, partecipa alle riunioni del Consiglio.
2. In caso di vacanza, assenza o impedimento, lo sostituisce il Vicesegretario secondo le norme
di legge e dello Statuto.
3. Qualora si verifichi contemporaneamente lassenza o limpedimento del Segretario e del
Vicesegretario, pu essere nominato a svolgere le funzioni di verbalizzazione un Consigliere
comunale.

Art. 85 - Esercizio delle funzioni di Segretario


1. Il Consiglio pu designare uno dei suoi membri a svolgere le funzioni di segretario, allo
scopo di deliberare in seduta segreta sopra un determinato oggetto, e con l'obbligo di farne
espressa menzione nel verbale, specificandone i motivi. In tal caso il Segretario Generale ed il
personale comunale devono ritirarsi dalla adunanza durante la discussione e la deliberazione.
2. L'esclusione del Segretario comunale obbligatoria, quando egli si trovi nelle condizioni di
cui al comma 3 dell'articolo 74 del presente Regolamento.

Art. 86 - Compiti del Segretario


1. Il Segretario Generale, in esecuzione dell'articolo 66 dello Statuto, fa l'appello nominale dei
Consiglieri, assiste allo spoglio delle schede nelle votazioni segrete, collabora al regolare
andamento dei lavori e provvede alla redazione dei processi verbali delle sedute.
2. Il Segretario tenuto ad intervenire per evidenziare eventuali profili di illegittimit degli
emendamenti alle proposte di deliberazione ma, qualora per il parere ritenga necessari ulteriori
accertamenti, deve informarne il Presidente, che proporr il rinvio dell'argomento ad altra seduta.
3. Il Segretario pu prendere la parola, d'intesa col Presidente, per lesplicazione delle funzioni
attribuitegli e per fornire chiarimenti di natura tecnica.

31

Art. 87 - Partecipazione dei Dirigenti


1. I Dirigenti responsabili dei servizi possono partecipare alle sedute del Consiglio Comunale e
ne sono obbligati, a richiesta del Presidente del Consiglio, del Sindaco o degli Assessori, quando
la loro presenza sia ritenuta necessaria per esigenze di supporto tecnico.
2. Alle sedute nelle quali si discute e si delibera il bilancio preventivo, il rendiconto di gestione
o le variazioni di bilancio deve in ogni caso partecipare il Dirigente responsabile della ragioneria,
in particolare per esprimere il prescritto parere contabile circa la compatibilit degli
emendamenti proposti in aula con le norme che regolano la struttura del bilancio o del
rendiconto.
3. Il Consiglio Comunale non pu adottare deliberazioni comportanti impegni di spesa senza
previsione della relativa copertura finanziaria.

Art. 88 - Partecipazione dei Revisori dei Conti


1. A norma dell'articolo 86 dello Statuto, il Collegio dei Revisori dei Conti collabora con il
Consiglio Comunale nella sua funzione di indirizzo e controllo, per gli aspetti che attengono alla
attivit di gestione economico-finanziaria.
2. A tale fine, il Collegio ha diritto di ricevere nei termini previsti dallarticolo 42 tutti gli
ordini del giorno relativi alle sedute consiliari.
3. Il Collegio pu essere chiamato a presenziare alle sedute consiliari e a riferire oralmente su
determinati aspetti dell'attivit d'istituto, su iniziativa del Presidente o su richiesta di un
consigliere approvata dallAssemblea.

Sezione XI - Verbalizzazione
Art. 89 - Processo verbale delle sedute
1. Il Segretario, coadiuvato dal personale della Segreteria, redige il processo verbale della
seduta.
2. I verbali vengono annualmente raccolti in apposito registro.
3. Alle deliberazioni dato un numero progressivo che si rinnova annualmente.

Art. 90 - Contenuto del verbale


1. Il processo verbale l'attestazione dei fatti avvenuti e delle dichiarazioni rese dai Consiglieri
e dagli altri partecipanti alla seduta alla presenza del Segretario verbalizzante; con esso si d atto
del senso in cui si manifestata la volont del Consiglio con la maggioranza prescritta.
2. Il processo verbale deve:
a) indicare il giorno e l'ora di inizio della seduta, i nomi dei Consiglieri presenti all'appello di
32

apertura e l'annotazione dei Consiglieri giunti posteriormente e di quelli che si sono


allontanati;
b) riportare il resoconto dell'andamento della seduta consiliare;
c) riportare i punti principali degli interventi e delle dichiarazioni di voto;
d) indicare, per ogni proposta, il numero dei voti favorevoli, di quelli contrari e delle astensioni,
precisando i relativi gruppi consiliari di appartenenza;
e) indicare coloro che si sono allontanati dall'aula ai sensi del precedente articolo 74;
f) far constare se le deliberazioni siano avvenute in seduta pubblica o segreta e la forma di
votazione adottata.
3. I Consiglieri, che nel corso della seduta abbiano presentato al Segretario il testo scritto delle
dichiarazioni e degli interventi svolti, possono chiedere che il testo stesso sia riportato
integralmente nel verbale.
4. Nel verbale delle sedute segrete si deve tutelare l'esigenza della riservatezza.

Art. 91 - Firma dei verbali


1. I verbali delle sedute consiliari sono sottoscritti dal Presidente e dal Segretario che vi hanno
partecipato.

Art. 92 - Approvazione dei verbali


1. I verbali vengono trasmessi ai Consiglieri nella forma da loro richiesta entro novanta giorni
dalla data della seduta cui si riferiscono e la relativa proposta di approvazione viene subito dopo
iscritta all'o.d.g. dei lavori consiliari.
2. Eventuali richieste di rettifica avanzate, vengono decise dal Consiglio, con votazione palese.
3. Se le proposte di rettifica risultano approvate, il Segretario le annota a margine del verbale
cui le medesime si riferiscono.
4. Il Consiglio procede alla approvazione dei verbali con votazione palese.

TITOLO V - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI


Art. 93 - Modificazioni e abrogazione del presente Regolamento
1. Le modifiche al presente Regolamento sono proposte dai Consiglieri, anche singolarmente, e
deliberate dal Consiglio Comunale previo parere della competente Commissione Consiliare.
2. La proposta di abrogazione totale del presente Regolamento deve essere accompagnata dalla
proposta di deliberazione di un nuovo Regolamento.

33

Art. 94 - Entrata in vigore del nuovo Regolamento


1. Il presente Regolamento entra in vigore ai sensi dellarticolo 90 dello Statuto.
2. Il Segretario Generale riporta in calce all'originale del presente Regolamento gli estremi
dell'avvenuta pubblicazione di cui al comma precedente, certificandone la data di entrata in
vigore.
3. Una copia del regolamento viene trasmessa a ciascun Consigliere.

34

Il sottoscritto Segretario Generale del Comune di Varese certifica che il presente Regolamento
stato approvato dal Consiglio Comunale con deliberazioni n. 127 del 26.6.1995 e n. 169 del
25.9.1995, pubblicate allalbo pretorio rispettivamente dal 14.7.1995 al 28.7.1995 e dal 29.9.1995 al
13.10.1995 senza opposizioni ed esaminate senza rilievi dal Comitato Regionale di Controllo nella
seduta del 17.10.1995 ai progressivi nn. 50512 e 50511.

Certifica altres che il Regolamento stato ripubblicato allalbo pretorio dal 24.10.1995 al
7.11.1995 ed entrato in vigore l8.11.1995.

Le nuove modifiche, approvate con deliberazione consiliare n. 3 del 14.1.2002 sono state pubblicate
allalbo pretorio dal 18.1.2002 al 1.2.2002 ed il Regolamento entrato in vigore il 17.2.2002.

Ulteriori modifiche, approvate con deliberazione consiliare n. 17 del 31.3.2010 sono state
pubblicate allalbo pretorio dal 7.4.2010 al 21.4.2010 ed il Regolamento entrato in vigore il
22.4.2010.

IL SEGRETARIO GENERALE
Avv. Filippo Ciminelli

Varese, 22 aprile 2010

35