Sei sulla pagina 1di 3

Mauro Madonia 4D

ESPERIENZA DI LABORATORIO : FENOMENI DI OTTICA (RILESSIONE SU


SPECCHIO PIANO E CURVO; RIFRAZIONE SU PLEXIGAS)
MATERIALE:
Lavagna magnetica
Sorgente di luce laser (elettrica)
Goniometri vari
Sbarra di metallo lucida da una parte in modo tale da fungere da specchio
Sbarra curva lucida da tutte e due le parti in modo tale da avere uno specchio sia concavo
che convesso

DESCRIZIONE ESPERIENZA: Verificare le leggi della riflessione e della rifrazione ottica


attraverso la proiezione di un raggio laser su uno specchio osservando l'angolo d'incidenza e
l'angolo riflesso o rifratto con un apposito goniometro. L'esperienza stata sudivisa in tre fasi.
FASE 1: Riflessione su specchio piano (dritto)
Acceso il laser, stato indirizzato un raggio di luce conro lo specchio posto sul goniometro in modo
perpendicolare al raggio incidente.

Dopo una piccola valutazione, si notato che il raggio incidente coincide con il raggio rflesso, che
coincide anche con la normale. Quindi:
i=0
r=0
Per verificare al meglio che i = r, stato ruotato il goniometro di diversi gradi, osservando di volta
in volta che l'angolo incidente e l'angolo riflesso fossero unguali. Infine, sono stati riportati i dati in
una tabella.
i

10

10

20

20

40

40

La legge della riflessione (i = r) stata verificata. Inoltre, si visto che raggio incidente e raggio
riflesso giacciono sullo stesso piano.

FASE 2: Riflessione su specchio curvo (sezione di uno specchio sferico)


1 Caso: specchio concavo
E' stato posto lo specchio come in figura. Dopodich, una volta accesa la fonte di luce, si notato
che se i passa per il centro del goniometro, r viene riflesso su se stesso, cio i = r.

Successivamente, si posizionato il raggio laser parallelo all'asse ottico, mostrando che r viene
riflesso passando per un fuoco del goniometro.
Facendo la controprova, si fatto passare i per il fuoco e, il raggio riflesso, stato riflesso
parallelamente all'asse ottico.

NB: Man mano che ci si allontana dall'asse ottico, la legge perde sempre di pi di validit.
Riassumendo le leggi legate allo specchio concavo:
1) Se i passa per il centro del goniometro, r passa su se stesso, ovvero i = r
2) Se i//all'asse ottico, r passa per un fuoco del goniometro
3) Se i passa per un fuoco del goniometro, r//all'asse ottico.
2Caso: specchio convesso
E' sato posizionato lo specchio come in figura.
E' stato poi mandato il laser nel punto centrale dello specchio, ipotizzando che l'ideale
prolungamente pasasse per il centro. Come risultato, si riscontrato che i = r.

Successivamente, il laser stato puntato parallelamente all'asse ottico (sempre ipotizzando l'ideale
proolungamento), notando che r passa per il fuoco.

Infine, i stato fatto passare per il fuoco, osservando che r passa parallelamente all'asse ottico.

Riassumendo: le leggi legate allo specchio concavo:


1)Se il prolungamento ideale di i passa per il centro, r uguale a i
2)Se il prolungamento ideale di i parallelo all'asse ottico, r passa per il fuoco
3)Se il prolungamento idealedi i passa per il fuoco, r parallelo all'asse ottico
FASE 3: Rifrazione attraverso plexigas
Per verificare la legge della rifrazione seni/senr = N, stato puntato il laser contro il pezzo di
plastica e si fatto ruotare il goniometro di alcuni gradi. Dopodich, il valori sono stati riportati

nella seguente tabella, calcolando il seno di i, il seno di r, e il loro rapposrto.

seni

senr

seni/senr

10

7,5

0,173648 0,130526 1,33

20

14

0,342020 0,241422 1,41

25

16

0,422618 0,275627 1,53

5
3
0,087156 0,052336 1,67
Nb: i dati sono imprecisi a causa del male posizionamento della lavagna magnetica.
Dalle verifiche fatte, si notato che, quando il raggio passa dall'aria al plexigas, minore di i;
mentre, quando passa dal plexigas all'aria, maggiore di i.
Inoltre, si riuscito ad osservare l'angolo limite del plexigas, ovvero il punto in cui r non riesce pi
ad uscire,che, nel plexigas di circa 43. questo fenomeno, viene definito rifrazione totale.