Sei sulla pagina 1di 4

PERCHE

NON DOBBIAMO PIU

DIRCI CRISTIANI

(A MENO DI NON ESSERLO)


L osceno termine cristianista e stato coniato in analogia rispetto all ass
olutamente corretto aggettivo francese islamiste, che indica la degenerazione ide
ologica dell Islam
la quale tratta appunto l Islam come un -ismo , un ideologia
ee che
de l idea di quel che siano gli estremisti radicali del mondo musulmano molto megl
io di quanto non faccia il goffo e usurato aggettivo fondamentalista , preso a pres
tito dal protestantesimo statunitense.
I cristianisti che denominano in tal modo se stessi, e che a quel che
pare sono fieri e felici di esserlo, sono coloro che hanno scelto di difendere,
anzi di rivendicare tutto quel che sembra loro l esito della civilta cristiana (e
, almeno nei paesi prevalentemente, storicamente e formalmente cattolici, appunt
o cattolica ) indipendentemente dall adesione o meno alla fede cattolica. Sono quindi
in pari o quanto meno analoga misura cristianisti , e quindi dalla stessa parte de
lla barricata in quello ch e attualmente (o quanto meno in quello ch essi sostengono
essere in atto, e che io credo essi auspichino divenga realta e facciano quanto
e in loro affinche realta divenga) lo scontro di civilta , personaggi dalla storia
personale e dalle origini religiose, storiche, politiche e culturali ben divers
e: tradizionalisti cattolici di varia origine (e divertente ma difficile orienta
rsi in un arcipelago settario e litigioso come il loro, solcato sovente da ostil
ita feroci che hanno origine formale in sottili questioni teologiche, canonistic
he o liturgiche, ma che talvolta celano rivalita di piu modesta e meno nobile mo
tivazione), tradizionalisti di altra matrice (massonica, neopagana, eclettica ), ex
adoratori del Dio Eridano frettolosamente convertiti al culto del crocifisso-app
eso-dappertutto (meno che, naturalmente, a casa propria), cantori (spero per lor
o che siano almeno ben prezzolati) d un bislacco catto-bushismo-berlusconismo ince
ntrato sul primato dell Occidente e sull
antirelativismo (non senza una desolante confu
sione tra relativismo etico e relativismo antropologico, che sono cose del tutto
eterogenee), agnostici e anticlericali storici che adesso riscoprono la differe
nza tra laici e laicisti e se ne fanno strumentale bandiera politica, teocons (per
motivi che i francofoni comprenderanno bene, preferisco scriverlo alla francese
che all inglese) che hanno abbracciato con entusiasmo il liberal-liberismo-libert
arismo e amano teorizzare la differenza tra la Rivoluzione americana e quella fr
ancese opponendo liberal-liberismo a giacobinismo e liberal-liberisti-libertari
conquistati repentinamente all ondeggiar di vessilli e all aroma d incenso del cattoli
cesimo duro-e-puro.
Seguo con attenzione le peripezie ginnico-sportive di questa bizzarra ed eteroge
nea ma non innocente e tanto meno disinteressata fauna: anche se negli ultimi te
mpi me ne sono un po stancato, dal momento che dal loro massmediaticamente ben fo
raggiato fronte non esce mai nulla che non sia desolatamente banale e prevedibil
e. Dal momento che ho difficolta a immaginare che i loro leaders e i loro guru
siano in buona fede il che equivarrebbe a doversi arrendere alla realta d una lor
o completa e irreversibile idiozia -, mi vedo costretto a ritenerli disonesti: e
quindi non ho loro nulla da dire. Ma dal momento che non posso escludere che in
buona fede siano alcuni loro seguaci, e che cio non vuol necessariamente dire c
he siano degli imbecilli (la loro scelta di campo puo ben essere stata motivata
da piu o meno complessi motivi: malinteso senso di fedelta, carenza di senso cri
tico, mancanza di preparazione, difetto di logica, giovanile entusiasmo, pregiud
izi, faziosita), credo non inutile rivolgermi a loro per sottolineare due sempli
ci cose.
Primo: contrariamente a quel che sosteneva don Benedetto Croce, non solo e possi
bile, ma al contrario e necessario e doveroso non dirsi cristiani se non si ader
isce almeno a quanto stabilito dai concili di Nicea, Efeso e Calcedonia (secc.IV
-V): il che automaticamente esclude dalla comunita cristiana gli agnostici e i l
aicisti che oggi pretendono di ergersi a difensori della civilta cristiana .

Secondo: il cristianesimo e
in se e soprattutto in una sua particolar forma, que
lla della confessione cattolica
qualcosa di molto piu complesso della semplice d
ifesa non dico di una tradizione storica, che sarebbe gia qualcosa, ma anche di
questa o di quella posizione in ordine alla morale sessuale, o alla teologia del
la famiglia, o all etica biologica: tutte cose di assoluta e primaria importanza,
che tuttavia vanno composte nel contesto ben piu ampio e profondo della fede cri
stiana e della sua pratica storicamente vissuta, vale a dire della religione dis
tinta nelle differenti confessioni.
Sento sovente parlare di teologia e di liturgia, in certi ambienti tradizionalis
ti che, avendo rapidamente dimenticato quel Sillabo di Pio IX che pure era stat
o per decenni una delle loro piu orgogliose bandiere, esaltano oggi l inedita con
vergenza tra cattolicesimo forte e liberismo. Non nego l almeno settoriale competen
za di alcuni di tali ambienti in questioni, appunto, teologiche o liturgiche. Mi
chiedo soltanto se essi non abbiano per caso dimenticato che, alla fine dei tem
pi, il Signore non ci chiedera quanta teologia conosciamo o quanto correttamente
abbiamo praticato la vita liturgica, bensi
semplicemente
se abbiamo o no provve
duto a visitarlo quand era infermo o carcerato, a soccorrerlo quand era nudo e affam
ato, a sostenerlo quand era povero e solo. Nella liturgia della XXX Domenica del
tempo Ordinario/A, la lettura dell Esodo, 22, 20-26, recita: Cos dice il Signore: non molesterai il forestiero ne l opprimerai, perche voi siete stati forestieri n
el paese d Egitto. Non maltratterai la vedova o l orfano Altrimenti, quando invochera
da me l aiuto, io ascoltero il suo grido, perche io sono pietoso ; e il Vangelo seco
ndo Matteo, 23, 34-40, richiamando a quel che il Cristo ritiene il piu grande co
mandamento della Legge ( Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta l
a tua anima e tutta la tua mente Amerai il prossimo tuo come te stesso ), obbliga a
chiederci chi sia oggi il nostro prossimo. Rilevo una sconcertante carenza esege
tica, a questo riguardo, nella pur rigogliosa stampa cattolico-tradizionalista,
al gemer dei torchi della quale i quattro anni del governo Berlusconi debbono av
er economicamente molto giovato. Ma, pur dolendomi per il fatto ch essi poco mi so
ccorrano nella mia ricerca, debbo pur proseguirla: e mi sembra di capire che orm
ai, dopo mezzo millennio di globalizzazione, il mio prossimo (che non coincide p
er nulla sic et sempliciter con l umanita: l iumanitarismo e un maleolente ed equi
voco succedaneo laicista e agnostico della carita) e rappresentato essenzialment
e dagli ultimi della terra di oggi, quelli dell ex terzo e quarto mondo.
Mi e stato chiesto spesso, negli ultimi tempi, da che parte io stia: se io sia ( a
ncora ) di destra, o se io sia ( diventato ) di sinistra. Rispondo una volta sola e pe
r tutte: se volete che si faccia la storia del mio iter accomodatevi pure. Da me
non avrete ne una reticenza, ne un no comment, ne un indignazione a comando. Non
ho nulla da rinnegare, nulla di cui vergognarmi. Se volete un mio giudizio sull
a destra e la sinistra contemporanee, vi replichero che le parole pesano come pietre
, ma solo quando sono parole vere, non disarticolati fonemi pronunziati con inte
resse demagogico: e se oggi il senso di quelle due parole e andato scivolando e
perdendosi, e ha mutato profondamente di segno, la colpa non e mia; sono i signi
ficati dei termini che si sono spostati, non io. Io continuo a credere in cio in
cui ho sempre creduto. Essenzialmente, cioe, che sia possibile coniugare Libert
a e Giustizia.
Ma che cos e Liberta? Che cos e Giustizia? Non m illudo di saperlo in senso assoluto e
totale. Credo umilmente di averne intravisto qualche tratto, e che sia necessar
io per me ad esso conformarmi. Sentite come.
Anni fa, durante uno stage in Scozia, fui ospite con alcuni colleghi per un wee
k end in un bel castello non lontano dal Loch Ness. Il padrone di casa ci porto
naturalmente in giro per le stanze in modo da consentirci di ammirare le vecchi
e glorie della sua famiglia. C era tutto: perfino il fantasma, anche se in quell occ
asione non si fece sentire.

Arrivammo cosi, in una lunga sala, dinanzi a un bel quadro in una cornice dell Ott
ocento. Era un grande ritratto che rappresentava, con straordinario realismo, un
a splendida signora dagli occhi versi e dai capelli tra l oro e il rame, abbigliat
a con la veste e l ampio mantello nero del Saint John Order, l equivalente anglicano
dell Ordine di Malta. La bisnonna del Lord locale, com egli stesso ci disse: ne and
ava fiero. E ne aveva ragione. Sua Grazia Lady Ann Margareth era andata in India
, negli anni Ottanta del XIX secolo, a curare i lebbrosi: e ci era morta.
Il bisnipote di Sua Grazia raccontava commosso di come i poveri indigeni del Lah
ore baciassero quelle mani nobilissime e benedette. Davvero un eroina, Lady Ann Ma
rgareth.
Eppure, i poveri lebbrosi indiani oggi non le avrebbero forse tributato altretta
nta gratitudine. E avrebbero fatto male: essa ne aveva ogni diritto. Ma e cosi c
he va il mondo: e il mondo cambia. Milady lascio il suo castello e il suo patrim
onio per amor dei diseredati. Anche oggi molti lo fanno, e sia reso loro onore:
sono dei santi e egli eroi, come Teresa di Calcutta.
Ma ai tempi di Lady Ann Margareth, i disgraziati che alcuni eroici europei veniv
ano a soccorrere, magari a costo delle loro stesse vite, non avevano neppur lont
anamente idea di quanto di solito la vitaa del nostro Occidente fosse distante d
alla loro; ne sapevano che i nostri immensi vantaggi riposavano e riposano, in g
ran parte, sul fatto che per secoli noi li abbiamo sfruttati; che abbiamo rubato
loro (o acquistato sottocosto) materie prime e forza-lavoro per poi rivender lo
ro prodotti finiti ai prezzi che volevamo noi; che abbiamo seminato guerre e car
estie nei loro paesi perche questo ci avvantaggiava. Ora lo sanno: ed e per q
uesto che ci amano meno, che sono meno disposti a baciarci le mani. Anche a quan
ti di noi (e sono molti) lo meritano.
Badate, questo non e il solito piagnisteo del solito pacifista di sinistra. Io s
ono di destra, e fiero di essere occidentale. Ma le responsabilita del coloniali
smo, i frutti dei quali sono ancor oggi la base della nostra superiorita socioec
onomica (e della loro miseria, della loro arretratezza, sovente anche della loro
schiavitu perche noi sosteniamo i regimi tirannici dell ex terzo e quarto mondo q
uando ci fanno comodo: faccio un caso tipico di oggi, la Guinea Equatoriale), so
no ormai dinanzi non solo ai nostri occhi, ma anche ai loro. Lady Ann Margareth
sapeva bene tutto questo, i suoi lebbrosi indiani no; ma ora sappiamo tutto, com
preso i miserabili che dall America latina all Asia all Africa e perfino all interno del
l Australia muoiono di fame, di mancanza di cure, di aids e d altro, ma che possiedo
no le paraboliche e vedono come viviamo e come sprechiamo.
E allora, ormai non ci sono piu scuse. E la campagna dell ONU No Excuse 2015, gia a
vviata fin dal 2002 e molto arretrata nei suoi scopi. Che comunque sono otto: el
iminare la poverta esterna, la fame e la sete; raggiungere l istruzione elementare
universale; promuovere la parita della donna; diminuire la mortalita infantile;
migliorare la salute materna; combattere aids, malaria e tutte le malattie ad a
lta pericolosita infettiva; assicurare la sostenibilita ambientale; sviluppare l
a collaborazione globale per la difesa della vivibilita del mondo e della dignit
a umana.
Perche questi non sono traguardi di liberta e di uguaglianza, ma qualcosa di mol
to piu profondo ed essenziale: sono traguardi di dignita. E la dignita che costit
uisce la base di un autentica e non retorica liberta, che sia non solo liberta di (p
arola, pensiero, proprieta ecc.), ma anche e anzitutto liberta da (dalla fame, dal
la miseria, dal bisogno, dalla paura, dalla violenza, dallo sfruttamento). I qua
ttro quinti del mondo, cioe quasi cinque miliardi di persone, non dispongono di
questa piena liberta da e non hanno piu voglia di aspettare, hanno perso la pazien
za. E la dignita che costituisce la base di un autentica e non astratta uguaglianza
: un uguaglianza possibile e concreta, dal momento che quella assoluta e perfetta
non esiste e se esistesse sarebbe orribile. Non la uguaglianza dinanzi alla legge ,

ch e una ridicola beffa quando non sia accompagnata da altre forme di uguaglianza
. Ma appunto, e semplicemente, uguaglianza o almeno equita nelle opportunita, ne
lle condizioni di base.
Questa sara la vera, unica e sacrosanta battaglia del XXI secolo. Se la vincerem
o, l avremo vinta tutti: noi occidentali riducendo senza dubbio (di cio bisogna es
ser coscienti) il nostro benessere e i nostri privilegi, ma in cambio guadagnand
o in sicurezza; gli altri accettando una crescita e un miglioramento solo gradua
li, e in cambio rinunziando al risentimento e all aggressivita. Perche il terroris
mo nasce da questa profonda ingiustizia: e chi lo nega sta soltanto facendo (lo
sappia o no) il gioco dei privilegiati. E sta lavorando alle tragedie future, ch
e cadranno senza dubbio sull umanita intera se un minimo di giustizia non sara ris
tabilita. Ormai, non abbiamo piu scuse. Non possiamo piu dire ne che non sapevam
o, ne che non credevamo che gli altri sapessero.
Questa, oggi, e la mia battaglia. Tutto il resto e un equivoco che non m interessa
. E credo fermamente che il primato sostanziale di questa battaglia, il suo sens
o intimo, sia metafisico e metastorico, non storico ne politico.
Franco
Cardini