Sei sulla pagina 1di 4

IDE@ZIONE

Periodico di Cronaca, Politica, Attualità, Cultura, Spettacolo e Sport


www.centrostudiideazione.it
Anno I - Numero 11 ISCRITTO NEL REGISTRO DELLE PUBBLICAZIONI PERIODICHE DEL TRIBUNALE DI TRAPANI AL N. 319 DEL 26-1-09 DICEMBRE 2009

Editoriale
Oltre i buoni
Confessione shock
A Marsala una studentessa denuncia in pubblico l’abuso subito
propositi
P iù che fare il bilancio dell’anno
prossimo alla conclusione, poiché
I stituita “La Giornata Contro La Violenze
Alle Donne” e le associazioni, con i soldi
dei Comuni, fanno a gara per trattare l’argo-
toressa di spiegarmi quale fosse, per lei, la
sede idonea. La risposta è che per queste
cose ci sono le forze dell’ordine che raccol-
sonalità di-
sturbata,
mai e poi
sarebbe piuttosto scarso, credo occor- mento. La modalità resta sempre la stessa, gono le denunce, una risposta alla Ponzio mai voltar-
convegni e monologhi, dove si fa un gran Pilato, una psichiatra che non riesce a far- si dall’altra
ra andare oltre. Questo territorio meri-
parlare senza produrre alcunché, l’impor- si carico di una testimonianza, tanto forte parte per
ta ben altro! Ad iniziare da una classe tante è dimostrare di avere aderito. Anche quanto grave. La ragazza, pare abbia detto dimentica-
politica più capace, che riesca a inter- a Marsala non è mancata la passerella di anche il nome del sanitario, che avrebbe re, per non
pretare e realizzare l’interesse della col- quanti hanno trattato il tema e dettato le re- abusato di lei; la dottoressa è rimasta ag- affrontare
lettività amministrata. Dai Comuni alla gole del buon comportamento, salvo resta- ghiacciata, non dal racconto orrendo della il proble-
Provincia, dalla Regione allo Stato, chi re impassibili di fronte alla denuncia di una giovane, bensì, dal fatto che un suo collega ma, per liberarsi dall’angoscia. “La Gior-
ha ricevuto il consenso degli elettori ha giovane studentessa che, in una sala gre- potesse essere oggetto di una diffamazione. nata Contro La Violenze Alle Donne” ha
l’obbligo morale, prima che politico di mita di studenti ed insegnanti, ha raccon- Ciò nonostante, sarebbe stato opportuno ri- un valore civile se è capace di accogliere
tato l’abuso subito. Poche ore e la notizia spondere alla giovane, non lasciarla sola le istanze che arrivano dal territorio e se i
indirizzare la sua attività amministrati-
rimbalza ovunque in città e fuori, un amico con il suo dolore, sarebbe stato utile dire a responsabili dei centri e delle associazioni
va verso traguardi di benessere sempre mi chiama per saperne di più, convinto che tutta la platea che denunciare è un segno di si dimostrano all’altezza del ruolo che in-
maggiori, per un territorio che ha an- fossi anch’io al convegno. Telefono ad una forza e di civiltà, e avere il coraggio di dire tendono ricoprire. Con le chiacchiere non
cora potenzialità inespresse. Il milione responsabile dell’evento per accertarmi la verità anche davanti ai coetanei ed inse- si cambia il mondo e soprattutto non si fa
di passeggeri transitati dall’aeroporto dell’autenticità della notizia appena appre- gnanti è lodevole. Subito dopo, nella “sede prevenzione e non si aiuta chi denuncia a
di Birgi non deve essere considerato un sa, la dottoressa è sconvolta, infastidita da opportuna” sarebbe stato corretto verificare non sentirsi soli, in un mare di miserabile
punto di arrivo, ma l’avvio di una nuova quello che definisce un racconto inoppor- l’attendibilità del racconto e prendere tutti i omertà. Più tardi, grazie ad un amico da
politica di sviluppo di questo territorio. tuno di una studentessa che ha denunciato provvedimenti del caso. La giovane ha det- sempre impegnato nel sociale, ho saputo
una violenza, dalla quale ha preferito pren- to la verità? Ha confidato la profonda ferita che qualcuno si è fatto carico del dramma
Non è più consentito a nessuno, nemme-
dere le distanze; in pratica, secondo l’ope- con la quale convive da dopo l’abuso, al- della giovane prestandole un sostegno psi-
no in nome del più bieco campanilismo, ratrice l’intervento della studentessa è stato lora è grave che quel medico resti al suo cologico. Almeno c’è qualcuno che opera
lavorare per sé. L’imperativo categorico fuori luogo, vista la sede non idonea. A non posto a procurare altri danni. Se invece ha con serietà per un futuro migliore.
per il 2010 dovrà essere “fare sistema”, comprendere sono io, che chiedo alla dot- mentito, bisogna fare i conti con una per- Patrizia Paganelli
mettere assieme le risorse di questo an-
golo di Sicilia per concorrere a creare
un benessere diffuso e stabile. Bisognerà
cogliere le opportunità per sviluppare
una politica al servizio della gente, non
dei singoli, ma di tutti i cittadini. Cia-
Quali rimedi al lavoro precario?
scuno deve dare il proprio contributo. Un problema economico, prima ancora che giuridico
I
Basta con le interminabili diatribe fra l problema dei precari nella pubblica strazioni, ivi compreso lo Stato, presenta
rappresentanti delle Istituzioni, poste amministrazione, sia in quella centrale dei problemi non indifferenti, in quanto
solo per moltiplicare i problemi, invece sia in quella locale, ha avuto la propria ori- riduce le professionalità disponibili, senza
di offrire soluzioni. La gente è stanca gine alla fine degli anni ‘90, con la volontà assicurare il ricambio generazionale che è
di elemosinare i propri diritti, come se politica diffusa di sollevare la sempre più utile e necessario a consentire la trasfor-
fossero piaceri, dispensati da una classe forte disoccupazione giovanile, per neu- mazione dei precari in lavoratori stabili.
politica mediocre per perpetuare il pro- tralizzarne la pressione sociale derivante Rende vacanti posti di responsabilità che
dalla mancanza di posti di lavoro. Oggi il vengono concentrati su coloro che sono in
prio consenso. Chi vuole essere legitti-
provvedimento generale utilizzato presen- carica, supportandoli con l’aiuto profes-
mato ad amministrare il territorio, vada ta molti problemi in quanto, non solo non sionalmente non qualificato dal personale
oltre i buoni propositi! Alla politica delle ha risolto il problema della disoccupazio- governo. Oggi in molti enti locali il nume- precario. Ciò rende difficile e farraginosa
parole, sostituisca quella dei fatti, della ne giovanile, ma ha creato una massa di ro dei precari è doppio e forse anche triplo l’azione amministrativa, in quanto un so-
concretezza; solo così la Provincia di sottoccupati che non hanno una stabilità sui dipendenti assunti a tempo indeter- lo lavoratore assume più responsabilità di
Trapani potrà crescere. di lavoro, mal pagata, cioè non secondo minato, che hanno un contratto di lavoro atti elaborati e concepiti da altri che non
Buon Natale e un 2010 di serenità per il trattamento giuridico ed economico di regolare, che svolgono un lavoro inserito possono avere riconosciuto l’onore della
tutti. altri dipendenti, crea false aspettative di in un contesto istituzionale di responsabi- firma (in termine tecnico “ghostwriters”).
regolarizzazione delle posizioni, che in- lità. Il trattamento economico del preca- Segue a pagina 2
ducono o che presuppongono deroghe ai rio è circa il 50% dei dipendenti stabili
direttore@centrostudiideazione.it principi di corretta amministrazione. E’
indubbio che il primo aspetto da esami-
di pari qualifica o profilo professionale,
senza che sia riconosciuto il trattamento
Sommario
nare è quello personale: quello di chi da giuridico riservato agli altri lavoratori. Se CASTELLAMMARE DEL GOLFO
qualche decennio insegue inutilmente una si volesse trasformare il trattamento eco- Salviamo la scuola 2
stabilizzazione del posto di lavoro che non nomico da lavoro precario a stabile, la
arriva, sempre promesso, sempre toccato, spesa per l’ente datore di lavoro raddop-
SALEMI
ma mai raggiunto. La domanda allora che pierebbe oltre ad un ulteriore 20% per gli
ci si pone è, perché se tutti concordano oneri riflessi. Si tenga conto che la situa- Profumo di libertà 2
nella soluzione del problema, non si legi- zione di bilancio di alcuni enti locali, per
fera la stabilizzazione dei precari? Perché la spesa per il personale, ammonta a circa ALCAMO
mancano le risorse economiche per so- il 70% di tutte le entrate; questa uscita è Non tutte le “spine”
stenere un tale impegno finanziario. Se si incomprimibile, mentre l’unico strumento pungono 3
esamina la questione, senza tenere in con- possibile per la riduzione della spesa è il
siderazione le problematiche personali e blocco del “tourn over”, cioè la riduzione CULTURA & SOCIETà
umane, il fenomeno, abusato e provocato dei posti in organico a seguito del colloca-
dalla ricerca di un consenso elettorale, ha mento a riposo dei dipendenti più anziani.
Piccolo Teatro protagonista della
assunto tali dimensioni che è di difficile Questo rimedio, utilizzato da più ammini- cultura 4
Pagina 2 IDE@ZIONE

Castellammare del Golfo


Provincia Salemi

Salviamo la scuola Profumo di libertà


Un referendum per il plesso Buccellato Inaugurata la strada in onore degli
studenti di Teheran e dei loro diritti
P er la prima volta nella storia de-
mocratica di questo paese è stata
attivata la procedura di consultazione
nico Comunale? La necessità che il
plesso Buccellato venga al più presto
restituito all’utenza scolastica si impo-
lo di vedere riconosciu-
to un diritto fondamen-
referendaria per restituire la struttura ne per far cessare i disagi cui i bambi- tale e inalienabile non
scolastica ai piccoli scolari. L’inizia- ni sono giornalmente costretti a subire, può lasciarci indiffe-
tiva proviene dal comitato di genitori che costituiscono grave violazione dei renti». Indifferenza che
del plesso Buccellato, in seguito alla lori diritti. Per il comitato dei genitori non appartiene al sinda-
scelta dell’Amministrazione comuna- “ il mantenimento della detta scuola, co Sgarbi in quanto da-
le di destinare l’immobile ad uffici. di cui evidentemente questo sindaco to il legame storico che
La battaglia è iniziata circa un anno non conosce la storia, è necessario per unisce i salemitani agli
fa, quando i bambini sono stati sfrat- il rispetto di un intero quartiere per ebrei a tal proposito ha
tati dalla loro scuola. Adesso, il comi- il quale ha costituito l’unico punto di pensato al festival delle
tato segna al suo attivo la prima vit- riferimento culturale, e per la memo- religioni, già alla fine
toria, dopo che, con atto ufficiale del ria di tutte quelle generazioni che tra del XV secolo a Salemi
20/11/2009, è stato notificato il verba- quelle mura si sono formate divenen- si trovava una radicata
le a mezzo del quale il difensore civi- do, da scolari, gli adulti di oggi”. Per comunità ebraica nel
co e gli altri due esponenti nominati il primo cittadino le somme per il refe- quartiere della Giudec-
hanno dichiarato l’ammissibilità del rendum potrebbero essere destinate ad ca. Infatti le comunità
quesito referendario. Pertanto, a breve altri bisogni. Ma la democrazia non ha ebraiche nel 1493 furo-
i cittadini di Castellammare saranno prezzo! no scacciati dalla Sici-
chiamati ad esprimersi sul seguente lia - e quindi anche da
quesito: Volete voi che la scuola Diego Salemi -, dopo diversi
Galatioto Buccellato sita in via Canale secoli di permanenza,
Vecchio sia destinata ad Ufficio Tec- ma lasciarono diverse
testimonianze della loro
presenza nel quartiere
della Giudecca della
città, il Rabato. Il festi-
val è stato inaugurato al
Assessore Di Benedetto Centro Kim di Salemi
in via Rocco Chinni-

S icuramente ben pochi iraniani sanno


dove si trova Salemi, ma gli è stata
dedicata una via, “Via degli Studenti“.
ci con l’anteprima di Yossl Rakover si
rivolge a Dio, un monologo scritto da
Kolitz Zvi e portato in scena da Vittorio
All’inaugurazione Vittorio Sgarbi ha Sgarbi. Nell’ambito del “Festival della
spiegato: «Abbiamo deciso di indicare Cultura ebraica e d’Israele”, negli spazi
una via senza nomi, un po’ come avvie- espositivi del Museo Civico, è stata al-
ne con le statue dedicate al Milite Igno- lestita la mostra di Amedeo Modigliani,
to, che non ha un nome, ma indica qual- il più famoso degli artisti di religione
cuno che è morto per degli ideali. Tutto ebraica. La linea del cuore. Disegni e
ciò sta a dimostrare - ha proseguito Sgar- Dipinti 1910-1917», nove opere, poco
bi - che i diritti dell’uomo devono essere conosciute al grande pubblico, del Ma-
il motore della politica a tutti i livelli, da estro Modigliani, resteranno esposti al
quella locale fino ad arrivare a quella in- pubblico fino al 15 febbraio 2010. Dopo
ternazionale; essi devono essere trasfor- Caravaggio, Rubens, Guercino ancora
mati in poteri umani e goduti da tutti. In una volta una grande mostra che hanno
Iran il profumo della libertà non si sente richiamato nella cittadina tanti visitatori.
neanche in lontananza. Eppure la gente
chiede solo quella. L’appello di un popo- Maria Grillo

Segue dalla prima pagina ricade sempre e comunque sui cittadini.


Le pubbliche amministrazioni però hanno Oltre a queste considerazioni, si devono
adottato e adottano questa politica perché rappresentare altre considerazioni di ca-
altrimenti si troverebbero a dovere sce- rattere giuridico. La Carta costituzionale
gliere fra la bancarotta economica per ec- italiana prevede che l’accesso alle cariche
cesso di spesa per il personale o l’aumento pubbliche non elettive deve essere condi-
delle tasse e delle imposte politicamente zionato all’esito favorevole di un concorso
non gradito a nessuno. O ancora a dovere pubblico; norma inderogabile. Si afferma
ridurre all’osso le spese di intervento nel che senza i precari oggi molte amministra-
sociale e nei servizi pubblici. Se poi si ten- zioni non potrebbero assicurare i servizi
ta di spostare il problema, scaricando su pubblici di istituto; affermazione vera, ma
altri enti, Stato o Regione l’onere finanzia- che non contribuisce a risolvere il proble-
rio, il problema non si rimuove in quanto ma che è e rimane un problema economi-
anche questi enti dovranno fare fronte agli co e poi giuridico.
impegni con una maggiore tassazione che Alberto Provenzano
IDE@ZIONE Pagina 3

Provincia Alcamo
Specializzata nella progettazione
e nella realizzazione di prodotti
in metacrilato (plexiglas)
Zona Industriale Fegotto – 91013 Calatafimi Segesta Tp
Tel 0924 500192 - 503580 - fax 507084
www.bizarline.it - e-mail: trade@bizarline.it

Finalmente la Banda larga


Il Governo ha deciso di finanziare internet veloce sul territorio
F inalmente il Governo ha deciso di mettere
mani al portafoglio e finanziare la realiz-
zazione della così detta “banda larga”, cioè il
e parecchio soddisfatto del programma che si
stava attuando e che prevede l’investimento
già operativo di 1485 milioni di euro. Tutto ciò
sarà qualcuno che non mancherà di rilevare che
nella legge finanziaria che il Governo si accinge
a varare, non c’è alcuna traccia di stanziamenti
sono assicu-
rare perché
non hanno i
sistema che consente un rapido collegamento consentirà di impiegare 60mila unità lavorative economici per la ricerca scientifica. Pazienza, mezzi a di-
alla rete internet e la possibilità di coprire con fra ingegneri, tecnici, operai specializzati e ope- vorrà dire che i nostri ricercatori continueranno sposizione, né
tale servizio quelle zone che attualmente ne so- rai comuni e, finalmente, concludeva sospiran- ad emigrare all’estero e poi importeremo le loro la benzina per
no prive e, come tale, soddisfare tanti cittadini do il parlamentare, anche lui, nato e residente in invenzioni! Ci sarà qualche altro che non man- fare muovere
che non hanno la possibilità di potere usufruire un paesino sulle Alpi, nelle giornate di freddo cherà di rilevare che, per percorrere in treno il i predetti mez-
di questa innovativa conquista della tecnologia. e neve, avrebbe potuto restarsene tranquillo a tratto che separa Catania da Palermo, ci voglio- zi. Pazienza, vuol dire che la gente resterà a ca-
La realizzazione della banda larga non poteva casa e collegarsi rapidamente a Internet e Face- no più di quattro ore, e che si poteva intervenire sa a distrarsi con internet veloce! Qualche altro
ritardare ancora la sua attuazione, perché in un book, senza doversi esasperare per la lentezza per la realizzazione di una nuova ferrovia, con ancora potrebbe lamentarsi perché, per fare una
paese civile e tecnicamente evoluto come l’Ita- del collegamento o per l’impossibilità di farlo. l’impiego di tante migliaia di ingegneri, tecnici, TAC, deve aspettare un turno di oltre sei mesi,
lia, sapere che a tanta gente è preclusa la navi- Giusto dal punto di vista dello sviluppo del Pae- operai specializzati, operai generici, e via di- considerato che le strutture pubbliche non sono
gazione, o che tanti altri arrivano a disperarsi se, e soddisfacente dal punto di vista dell’utente cendo. Pazienza, vuol dire che i viaggiatori non dotate di macchinario sufficiente e quelle pri-
perché la navigazione è lenta e perché il col- che non andrà più incontro a possibili scatti di mancheranno di dotarsi di un computer porta- vate costano parecchio. Pazienza, nel frattempo
legamento certe volte è parecchio difficoltoso, nervi ed esasperazioni varie. Come succede, tile e così, durante il tragitto, avranno la pos- potranno stare in casa e distrarsi con internet
certamente non è congeniale al grado di evoluta però, in qualsiasi parte del mondo, c’è sempre sibilità di collegarsi ad internet veloce e assi- veloce. Anche perché, non è colpa del Governo
tecnologia raggiunto. Nel corso di una trasmis- chi trova da ridire su qualsiasi decisione pren- curarsi un viaggio meno noioso! Qualche altro se la gente si ammala, ma è suo dovere preoc-
sione radiofonica, un parlamentare che illustra- da il Governo (indipendentemente dal colore non mancherà di invocare il diritto di sicurezza cuparsi dello sviluppo del Paese!
va la politica del Governo, si mostrava euforico politico di chi comanda). Così, per esempio, ci nelle strade, che le forze dell’ordine non pos- Enzo Arduino

Il programma del
sindaco Giacomo Scala
con tutto ciò che doveva
realizzare.
Lo ha fatto?
La parola ai lettori
redazione@centrostudiideazione.it

Non tutte le “spine” pungono


Ridurre i rifiuti è un dovere sociale per rispettare l’ambiente
I n Italia si produce ogni anno 2milioni di ton-
nellate di plastica, in gran parte usa e getta
dalla vita breve o brevissima in quanto alcuni
legumi, ecc. In alcune città esistono addirittura
gli erogatori dell’acqua, da cui è emessa acqua
naturale e frizzante a pochi centesimi al litro. In
sarebbe sicuramente un ottimo investimento,
la vendita alla spina di una più vasta gamma di
articoli. In questo modo possiamo imparare a
risparmiare, tagliando il superfluo, e ad apprez-
zare di più ciò che compriamo rispettando anche
l’ambiente. Ivana Varvaro
involucri transitano nelle nostre casa per pochi questo modo, poiché la confezione costa pressa-
secondi e finiscono subito tra i rifiuti. Un modo poco più del contenuto, è possibile risparmiare
nuovo ed efficace per ridurre l’impatto ambien- circa il 40% sul prezzo del prodotto equivalente
tale è quello di utilizzare i prodotti alla spina, da supermercato, oltre ovviamente al consisten-
che non solo consentono di spendere meno, ma te risparmio di plastica, carta e cartone. Solo in
contribuiscono a far ri- Piemonte, per esempio, grazie all’iniziativa del-
spettare l’ambiente, cre- la vendita dei prodotti alla spina si è evitata la
ando meno rifiuti. Or- produzione di 6 tonnellate di plastica e 3 tonnel-
mai in gran parte delle late di cartone, e si è ridotto il consumo di acqua
città italiane possiamo di 26milioni di litri. Ad Alcamo, l’idea di tali
trovare degli erogatori erogatori non si è ancora diffusa abbastanza, in
alla spina di molti pro- quanto, i pochi punti vendita che in questi ultimi
dotti, quali ad esempio: anni sono stati aperti, si limitano semplicemen-
detersivi, cereali, pasta, te alla vendita di saponi. Piuttosto che fermarci
latte, caffè, zucchero, alla vendita di un limitato genere di prodotto,
Pagina 4 IDE@ZIONE

APPETISSANT
Bar - Gelateria Cultura
&Società
Pizzeria - Tavola Calda
Gastronomia con specialità tipiche siciliane
Cibi d’asporto
Contrada Valle Nuccio - ALCAMO (TP)
C.da Gemma D’Oro - Tel. 0924.31520 - Cell. 339.4412760 Tel. 092426638
Castellammare del Golfo (TP) www.losperone.it - info@losperone.it

Piccolo Teatro di Alcamo, protagonista della cultura


H a preso il via la nuova Ras-
segna della Prosa e dello
Spettacolo (18 Dicembre - 30
Aprile 2010) a cura della Com-
pagnia Piccolo Teatro di Al-
camo che, quest’anno, offre al
a quelle in lingua e nutrito inte-
resse nei riguardi del musical, al
fine di costruire stagioni teatrali
esigenze del pubblico. “Il Piccolo
oggi è un’azienda sana - conclude
Regina - con uno sguardo volto
ratterizzazioni, non tralasciando
musiche ad hoc”. Oggi la “porta
d’ingresso” del Piccolo Teatro non
pubblico anche una a misura di spettatore, per spro- alle giovani generazioni, ricambio è più nella sede storica di Piazza

34 Piccolo
Teatro
Rassegna Amatoriale, vincializzare il prodotto da offrire indispensabile, perché anche nel della Repubblica, ma in via Te-
Regione Siciliana - Ass.to Beni
Culturali, Ambientali e P.I.

Provincia Regionale

1976
2010
Alcamo comprendente 5 spetta- di Trapani

Comune di Alcamo
allo stesso. Dal 1989 al 1997, il Piccolo cresce il talento di nuovi nente Paolo Lucchese 13, giusto a
coli. “L’intento è quello CineTeatro Euro, palcoscenico artisti. Il Piccolo è diventato meno fianco del Teatro Euro, oggi Cielo,
Assessorato alla Cultura

XXVII Rassegna della - asserisce Franco Re- teatrale alcamese, è rimasto chiu- piccolo, con uno spirito di gruppo anche se, nella memoria degli al-
Prosa e Spettacolo gina, direttore artistico so per ristrutturazione e adegua- che intende superarsi, ottimizzan- camesi, rimarrà sempre Euro!
2009-2010 Teatro Cielo D’Alcamo e cofondatore del Pic- mento dei locali alle normative do le scenografie, con costumi e
TEATRO STABILE NISSENO ENRICO GUARNERI
colo Teatro - di riuscire di sicurezza, ma l’attività teatrale trucchi accurati per esaltare le ca- Paola Lombardo
a lanciare la Rassegna del Piccolo non è stata interrotta,
Amatoriale, negli an- svolgendo spettacoli nei picco-
QUARANTA
MA NON
M ASSIMO SALVINA GIOVANNI
SPATA FAM A SPECIALE
LI DIMOSTRA
ni, a livello regionale, Commedia brillante di Peppino De Filippo
regia di Antonello Capodici
li teatri cittadini, parrocchiali e
naturalmente tenendo spazi estivi della provincia. “Il
LA COSA GIUSTA
Commedia brillante di Antonello Capodici
regia di Antonello Capodici

conto dell’impatto con Piccolo vanta, negli anni, anche


Venerdì 18 dicembre 2009 - Ore 21,30 Venerdì 8 gennaio 2010 - Ore 21,30

AMANDA SANDRELLI
BLAS ROCA REY
ELEONORA IVONE il pubblico. D’altronde una collaborazione con gli istitu-
SIMONE COLOMBARI

COL PIEDE GIUSTO


- continua Regina - da ti scolastici alcamesi, sono stati
Commedia di Angelo Longoni quando la Cooperativa approntati laboratori teatrali, al-
Artistica Compagnia lestiti spettacoli musicali, mentre
regia di Angelo Longoni

Venerdì 22 gennaio 2010 - Ore 21,30

GIOBBE
COVATTA
Cooperativa
PICCOLO TE ATRO Piccolo Teatro è stata oggi - prosegue Franco Regina
TRENTA NAPOLI fondata, nel 1976, ad - la collaborazione con le scuo-
MILIONARIA
opera di un gruppo di
Scritto e diretto
da Giobbe Covatta
commedia di Eduardo De Filippo le, nel senso di offerta teatrale
giovani con la passione mattutina è, in special modo ri-
con il patrocinio di regia di Nato Stabile
Amnesty International

per il teatro e un’espe- volta alle scuole medie, perché i


Venerdì 26 febbraio 2010 - Ore 21,30
Venerdì 5 febbraio 2010 Replica: Sabato 27 febbraio 2010 - Ore 21,30
Ore 21,30 Domenica 28 febbraio 2010 - Ore 18,30

GIANFRANCO
D’ANGELO
IVANA
MONTI
Cooperativa PICCOLO TEATRO
rienza nelle Filodram- giovani delle superiori sembrano
GIARDINO
DI ARANCI
GATTA CI COVA matiche parrocchiali essere meno sensibili alla cultura
FATTO
IN CASA di un tempo, è stato il Commedia brillante
di Russo Giusti
regia di Franco Regina
teatrale e al piacere dello spetta-
positivo rapporto con colo”. Nel dicembre del 1997,
Commedia di Neil Simon
regia di Patrick Rossi Gastaldi
Venerdì 16 aprile 2010 - Ore 21,30
Replica:

il pubblico che ha per- la riapertura del Teatro Euro ha


Sabato 17 aprile 2010 - Ore 21,30
Venerdì 19 marzo 2010 - ore 21,30 Domenica 18 aprile 2010 - Ore 18,30

GIANFELICE IMPARATO ERNESTO M ARIA PONTE Nella foto di repertorio i poeti Tarallo, Cecchi, Perosino e De Mas
VALERIO SANTORO
LOREDANA GIORDANO
messo un cammino di consentito alla Cooperativa una
successo, rilevandosi programmazione delle stagioni

Calliope e le altre
LUIGI MONTINI
con la partecipazione di
ERICA BLANC
un termometro della con una ricerca di generi teatra-
NIENTE SESSO SIAMO INGLESI PUOI SEDURRE MIO MARITO
Commedia di Anthony Marriot e Alistair Foot
Regia di Renato Giordano
storia del Piccolo Tea- Commedia brillante di Maria Teresa Augugliaro
regia di Antonello Capodici
li più variegati, impegnando la
Venerdì 23 aprile 2010 - Ore 21,30
tro”. La Compagnia ha
INFORMAZIONI E PREVENDITA PRESSO I LOCALI DELLA
Venerdì 30 aprile 2010 - Ore 21,30

direzione artistica in un attento


COOPERATIVA PICCOLO TEATRO
alternato opere brillan-
Via Ten. F.P. Lucchese, 13 Alcamo - Tel. 0924 27299 - 0924 529899 lavoro di scelta tra le compagnie
Undicesima edizione del Premio
tutti i giorni dalle ore 11,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00
PREZZO ABBONAMENTO
ti a commedie impe-
Sala € 130,00 - Galleria € 75,00 - Ridotto studenti e anziani galleria € 65,00
del circuito nazionale, spaziando
gnate, opere dialettali
www.piccoloteatro.it - e-mail: piccoloteatro@tin.it
tra i vari filoni, per soddisfare le
di Poesia “Nicola Mirto”

C alliope, Tersicore, Eu-


terpe… e le altre celebri
Muse dell’Olimpo sono sicu-
ne alla quale possono parteci-
pare poeti italiani e stranieri che
abbiano compiuto il diciottesi-
ramente soddisfatte dell’opera mo anno di età ma anche gio-
svolta dall’Equipe del Centro vani autori che compiranno la
d’Arte Coreografica “Agla- maggiore età nell’anno 2010. Il
ia” di Alcamo, organizzatrice termine di presentazione degli
del Premio di Poesia artistico elaborati scade il 19 dicembre
letterario “Nicola Mirto”. Il 2009. La Cerimonia di Premia-
Concorso è una vera e propria zione è prevista per la prossima
passerella di splendide poesie, primavera. Per eventuali infor-
caratterizzata da una armonio- mazioni è possibile contattare
sa simbiosi fra Poesia, Danza, la Segreteria del Concorso al-
Musica, Recitazione e Pittura. la mail premionicolamirto@
I risultati eccellenti avviano il yahoo.it oppure telefonare allo
Premio all’undicesima edizio- 0924/502775. (gn)

IDE@ZIONE
Direzione, Redazione ed Amministrazione
Corso Garibaldi, 367 - 91014 Castellammare del Golfo
Editore: Centro Studi Ideazione
Presidente: Rosario Di Maria
Direttore responsabile: Piero Rotolo
Redazione: Alberto Provenzano, Salvatore Drago, Nino D’Angelo
Collaboratori: Franco Navarra, Liberio Lombardo, Castrenze Arduino,
Baldo Savonari, Nicola Voluti, Maria Grillo, Paola Lombardo, Enzo
Coppola, Sabrina Voluti, Mimma Asaro, Luigi Fundarò, Francesca Zizzi,
Massimiliano Savona, Patrizia Paganelli, Peppe De Blasi, Ivana Varvaro
Stampa: Arti Grafiche Campo - Alcamo
redazione@centrostudiideazione.it
Chiuso il 17/12/09