Sei sulla pagina 1di 24

Cosac chenonsiatossico?

Tuttele
sostanze sono tossiche e nessuna
priva di tossicit. Solo la dose
determina se una sostanza non
tossica.
Paracelso14931541

PRINCIPIODIPRECAUZIONE
Quando ci si propone di introdurre nuove
sostanzeonuovetecnologienellusoquotidiano,
bisogna partire dalla presunzione che esse
possano avere un effetto nocivo sulluomo;
perci,primadicommercializzarleeutilizzarlesu
larga scala, bisogna sottoporle a unanalisi
preventiva dei danni e dei benefici che possono
procurare alla salute delluomo e dellambiente
incuiluomovive.

PERICOLO: la propriet posseduta da una


determinata entit capace di causare danni
perlasalutee/olasicurezza
RISCHIO: la probabilit delloccorrenza,
entrounpredefinitointervalloditempo,di
un evento sfavorevole (per la salute e/o la
sicurezza) conseguente allesistenza di un
pericolo

FATTORIDI RISCHIO
Componentigeneticheoereditarie
Componentiambientali
Fattorinocivipresentineiluoghidilavoro
Abitudiniindividuali

RISCHIO
1.RISCHIOASSOLUTO
Incidenzadellamalattiatragliespostialfattore

2.RISCHIORELATIVO(RR)
Rapportotraincidenzanegliespostieneinonesposti
RR= IE+/IE

RISCHIO
1. RISCHIO ATTRIBUIBILE INDIVIDUALE (RA)
quantit di rischio supplementare attribuibile al fattore di
rischio considerato, ossia la quota di malati che
eviterebbero la malattia se fosse rimosso il fattore di rischio
RA= IE+ - IE-

2. RISCHIO ATTRIBUIBILE DI POPOLAZIONE


(RAP)
O prevalenza nella popolazione in studio, cio la
proporzione di casi rispetto allintera popolazione che non
ammalerebbe se venisse rimosso il fattore di rischio
considerato
RAP= RA x P (prevalenza)= ITOT IE-

Effettodeterministico

prevedibile
doseetempodipendente
presentenellamaggiorpartedegliesposti
riproducibilesperimentalmente

Effettoprobabilistico(stocastico)

nonprevedibile
indipendentedalladoseedaltempo
sporadico
nonriproducibilesperimentalmente

Toxicity Classes: Hodge and Sterner Scale


Routes of Administration
Oral LD50

Inhalation LC50

Dermal LD50

Toxicity Rating

Commonly Used
Term

(single dose to
rats) mg/kg

(exposure of
rats for 4 hours)
ppm

(single
application to
skin of rabbits)
mg/kg

Probable Lethal
Dose for Man

Extremely Toxic

1 or less

10 or less

5 or less

1 grain (a taste,
a drop)

Highly Toxic

1-50

10-100

5-43

4 ml (1 tsp)

Moderately
Toxic

50-500

100-1000

44-340

30 ml (1 fl. oz.)

Slightly Toxic

500-5000

1000-10,000

350-2810

600 ml (1 pint)

Practically Nontoxic

5000-15,000

10,000100,000

2820-22,590

1 litre (or 1
quart)

Relatively
Harmless

15,000 or more

100,000

22,600 or more

1 litre (or 1
quart)

grain= 1/7000 lb= 65 mg; tsp= 4.9 ml; fl. oz= 29,6 ml; 1pint= 473 ml; 1 quart= 946.4 ml

DOSERISPOSTA
1. Formadellacurvadoserisposta
2. Rispostaabassilivellidiesposizione
3. Naturadeglieffettiadaltilivelli
4. Pendenzadellapartelineare(indicalordinedi
tossicit)dellacurva:
ripida altatossicit
pocoripida tossicit relativamente
modesta

beneficio

tossicit
risposta

dose

Nel 1946 vince il Premio Nobel per la Fisiologia e la


Medina Hermann Joseph Muller "per la scoperta
dell'induzionedimutazionidapartedeiraggiX"

BENCHMARKDOSE (dosediriferimento):
il limite di confidenza inferiore di una dose
corrispondente ad uno specifico livello di rischio. In
altre parole, lesposizione che corrisponde ad una
determinatavariazionenellarisposta(diunindicatore)
rispettoalbackgroundodosechecorrispondeaduno
specificolivellodiincrementodellarisposta.Inpratica,
definita come lesposizione che corrisponde ad uno
specifico incremento (BMR) della probabilit di un
effetto avverso quando messa a confronto con un
background0.Ilpi bassolivellodiconfidenzadel95%
legato alla BMD stato suggerito per rimpiazzare il
NOAEL.

Si fitta la curva doserisposta in base ai dati


sperimentali.
Si estrapola la dose associata ad un effetto in una
determinatapercentualedianimali(1,5o10%) (oad
uneffettoparial1,5o10%delleffettomassimo).Si
calcolalintervallodiconfidenzadiquestadose.
Il limite inferiore dellintervallo di confidenza la
benchmarkdose (BMDoBMDL).
Questa dose viene poi divisa per un fattore di
incertezza (pu essere minore rispetto a quello
utilizzatoconNOAEL).

E anchedefinitocome:
Dosediriferimentodirischio(RfD)
NOAELcritical effects
RfD =
UFinterspecies xUFintraspecies xMF
10:
4:tossicocinetica
2,5:tossicodinamica

10:suscettibilit

MODELLOASOGLIA(contaminantinoncancerogeni)

HI(hazard index)=dose/RfD

MODELLOLINEARE(contaminanticancerogeni)

CR(cancerrisk)=dosexSF

oveSF loslope factororischiounitario,definitopernumerosesostanze


PerlalegislazioneItaliana(D.Lgs 152/2006)
HI<1 accettabile
R<105 definiscelaconcentrazionesogliadirischio

MONITORAGGIO BIOLOGICO
CONCENTRAZIONE CRITICA:
concentrazione media di una sostanza xenobiotica in un
organo nel momento in cui le cellule raggiungono una
concentrazione alla quale intervengono in esse modificazioni
funzionali sfavorevoli o irreversibili.
ORGANO CRITICO:
quel particolare organo in cui per primo viene raggiunta la
concentrazione critica sotto specifiche circostanze di
esposizione e per una determinata popolazione.

MONITORAGGIO BIOLOGICO
TEST DI DOSE (O ESPOSIZIONE)
TEST DI EFFETTO (O RISPOSTA)
TEST DI SUSCETTIBILIT

RISKFACTORSFOREXPOSURESTHATCONTRIBUTETOCHRONICDISEASEMORTALITY

Lim etal.2012,Lancet380:22242260

EXPOSOME
Reactive electrophiles
Metals
Endocrine disrupters
Immune modulators
Receptor-binding proteins

radiation

stress

External environment

life-style

infections

drugs

Internal chemical
environment
Xenobiotics
Inflammation
Preexisting disease
Lipid peroxidation
Oxidative stress
Gut flora

diet

pollution

Rappaport & Smith, Science 330: 460-461, 2010

Rappaport etal,2014EHP122:769774