Sei sulla pagina 1di 6

Entanglement

Ing Silvano DOnofrio

Sommario
Entanglement .................................................................................................................................................... 1
Entanglement parte prima ............................................................................................................................ 2
Entanglement parte seconda: risonanza interpersonale ........................................................................... 5

Entanglement parte prima

Quella che vedete la equazione di Paul Adrien Maurice Dirac, una delle pi belle equazioni della
fisica, che descrive il fenomeno dellentanglement.
(dove m la massa del sistema considerato, una variabile di Feynman e la funzione
donda che descrive lo stato fisico del sistema).
Il quadrato di questa funzione donda () indica la
massima probabilit che levento si verifichi in un
determinato spazio.
Fermi, non scappate via. Non vi mangio mica. Spiego tutto.
La funzione donda (x,t), non altro che una equazione usata in meccanica quantistica per
determinare la posizione di un oggetto nello spazio (x) e nel tempo (t). Visto che non complicato?
Avevo gi letto qualcosa sullentanglement, attribuendoci poca importanza dal momento che la
consideravo una teoria strampalata. Ma, in realt, sbagliavo e ammetto che non avevo capito
proprio un bel niente.
Grave! direbbe il mio cane.
Certo. E cos colgo loccasione per correre ai ripari.
Loccasione arrivata leggendo un articolo su Galileo di Sandro Iannacone che mi ha incuriosito.
Siccome sono tenace, testardamente alla ricerca di sapere, allora mi sono dato da fare per capirci
qualcosa.
Vi assicuro che non roba nemmeno per il mio sapientone astrofisico del mio cane.
E che sar mai ? mi domanda il mio amico a quattro zampe, un po risentito.
Tanto per cominciare mi rivolgo gentilmente al mio fedele cane sdraiato sul tappeto ti dico che
qualcosa che riguarda la meccanica quantistica. Una sorta di mistero che non ha fatto dormire gente
come Niels Bohr, Albert Einstein.
Faccio una premessa (tanto per entrare piano piano nel discorso).
Lentanglement un termine quasi intraducibile in italiano, possiamo chiamarlo intreccio
(dallinglese to entangle impigliare, intricare).
Ma possiamo definirla anche come correlazione e rappresenta il paradosso pi difficile da
accettare della teoria dei quanti, poich implica unazione fantasmatica a distanza, cio senza
nessuna intermediazione, violando anche il principio per cui nessuna informazione pu superare la
velocit della luce.
Fu proprio Einstein a usare quelle irridenti parole: azione fantasmatica a distanza ormai entrate
nella storia per definire lentanglement.
Ok, detta in poche parole lentanglement quantistico il fenomeno in cui due o pi particelle che
si sono trovate in interazione reciproca per un certo periodo, anche se separate spazialmente,
rimangono in qualche modo legate indissolubilmente (entangled), nel senso che quello che accade
ad una di esse, si ripercuote istantaneamente anche sullaltra, indipendentemente dalla distanza
che le separa.

Ma vediamo di cosa si tratta (anche sollecitato dalla impazienza del mio cane).
Uno dei concetti base della fisica classica che ci viene insegnata a scuola quello di localit
ovvero ci che accade in un determinato luogo dello spazio non pu avere influenza in un altro
luogo dello spazio, a meno che non ci sia un intervento (collegamento) diretto ad esempio, sia
trasmesso un segnale da un luogo allaltro.
Nella meccanica quantistica e quindi nella fisica applicata a livello atomico e subatomico si verifica
qualche cosa che si discosta totalmente dal principio di localit.
Lidea semplice: se due particelle, poniamo due fotoni, chiamati A e B, dopo aver interagito per
un istante si allontanano in direzioni opposte, ciascuna conserver una parte del moto totale delle
due particelle.
La quantit di moto (q=m*v, massa per velocit), secondo le leggi della fisica, viene cio divisa
tra i due fotoni. E fin qui tutto bene.
Una legge fisica dice che la quantit di moto di un sistema isolato resta costante. Ora, se uno
sperimentatore osserva il fotone A e calcola la sua quantit di moto, riuscir a ricostruire facilmente
la quantit di moto di B.
Semplice, vero?
Bene, a questo punto arriva la parte sconvolgente (mi ci voluto un po a capirlo ma ci sono
riuscito). La cosa assume i toni della pura fantascienza.
Se lo sperimentatore misura la quantit di moto del fotone A, istantaneamente da qualsiasi altra
parte delluniverso si trovi il fotone B (anche lontano molti anni-luce) la sua funzione donda
assume la quantit di moto prevista, mentre prima dellosservazione del fotone A si trovava in uno
stato di totale indeterminazione.
Tale legame, implicito nella funzione donda del sistema, si mantiene anche quando le particelle
sono a distanze molto grandi.
Quindi viene a cadere il principio della localit a favore della non-localit, ossia il fatto
incontrovertibile che lentanglement stabilisce una relazione tra le particelle quantistiche, che si
mantiene a prescindere dalla distanza nello spazio e al di l della limitazione relativistica della
velocit della luce.
Vero o falso?
Un esperimento ha dimostrato nel 1982 incontrovertibilmente che lentanglement era reale, e che
per quanto paradossale fosse, il fenomeno era pur tuttavia concreto.
Un altro esperimento che stato condotto, quello su due elettroni che orbitano nello strato pi
esterno di un atomo. Entrambi hanno la caratteristica di mantenere i loro spin sempre in direzione
opposta. Lorientamento deve essere opposto per poter stare simultaneamente in quella stessa zona.
Quello che stato osservato, che qualunque sia il valore dello spin assunto da uno dei due
elettroni, il valore assunto dallaltra particella sicuramente opposto al primo. E questo non accade
solo quando i due elettroni sono vicini, ma accade qualunque sia la distanza tra loro.
E questo quanto afferma il fenomeno dellentanglement
E fantastico e sconvolgente tutto questo esclama il mio cane Quali ripercussioni ci possono
essere?

In questi anni rispondo molti fisici cominciarono a chiedersi quello che probabilmente anche tu
ora ti starai chiedendo: sarebbe possibile utilizzare lentanglement per comunicare a distanze
enormi e, perch no, viaggiare nello spazio superando il limite della velocit della luce?
Lidea non per niente sprovveduta.
Alcuni fisici teorici rispettivamente
dellInstitute for Advanced Study di Princeton e
della Stanford University di Palo Alto, hanno
immaginato di rendere entangled due buchi neri,
quindi poi separarli e tenerli a distanza
(congetture solo matematiche, naturalmente).
Da queste ipotesi venuto fuori che si
formerebbe un vero wormhole tra i due buchi
neri.
Quindi in linea di principio, due buchi neri
separati potrebbero essere connessi, come corni
di una tromba, a costruire una specie di
scorciatoia nello spazio-tempo, il wormhole, per
lappunto.
Ma c dellaltro.
Due quipe indipendenti di scienziati sostengono che sarebbe possibile creare un wormhole anche
tra due particelle quantistiche ordinarie, come i quark.
Non riesco ad immaginare cosa possa significare questo entanglement tra particelle subatomiche.
Ma questo lo scoprir in unaltra occasione.
Quello che invece andr a dirvi in un altro post la connessione dellentanglement
sulluomo chiamata Risonanza interpersonale.

Entanglement parte seconda: risonanza interpersonale

Mi capita spesso, quando esco con il mio cane.


Senza essere visto n sentito, altri cani nei piani bassi degli appartamenti sotto i quali passiamo
abbaiano al suo passaggio. Questione di udito, di fiuto o altro?

Abbiamo visto che lentanglement quel fenomeno quantistico che possiamo definire come una
interconnessione reciproca tra due o pi particelle per un certo periodo, anche se separate
spazialmente.
Queste particelle rimangono legate (entangled) nel senso che ci che accade ad una di esse si
ripercuote istantaneamente sulle altre.
Abbiamo spiegato il motivo anche se risulta difficile da capire.
Questo fenomeno tipico della meccanica quantistica che si basa sulla idea di probabilit. Un
elettrone pu essere ovunque nello spazio ed associata in ogni luogo dello spazio una certa
probabilit di trovarlo. In matematica questo concetto si descrive con delle funzioni che sono
chiamate onde e che rispettano certe equazioni. La funzione donda probabilit di trovare
leletrone nello spazio.
Tutto dipende, quindi, dalle loro funzioni donda che rimangono, per cos dire, intrecciate con
mutua influenza una sullaltra.
Anche se vengono separate e tenute in luoghi molto distanti, rimangono entangled. Ovvero
rimangono intrecciate. Il comportamento di una particella dipende dallaltra particella.
Allora la domanda viene spontanea: si pu applicare lentanglement alluomo? E in questo caso
quali sono i suoi effetti?
Per rispondere a questa domanda bisogna fare alcune osservazioni per non arrivare a conclusioni
affrettate.
Quando le particelle vengono esaminate per scoprire le propriet individuali, la funzione donda
perde istantaneamente lintreccio.

I fisici dicono che la funzione donda collassa. Laltra particella perde simultaneamente
lintreccio delle propriet che dipendono dallaltra particella e diventa determinata.
Come pu essere spiegato questo comportamento?
Supponiamo che ci sia una fonte che emetta elettroni a coppia con i rispettivi spin (rotazioni)
dipendenti uno dallaltro ed esattamente opposti.
Nessun elettrone sa in quale stato di spin si trovi, entrambi oscillano avanti e indietro tra valori di
spin verso lalto e verso il basso (credeteci, una propriet fisica). Ma le loro funzioni donda sono
intrecciate ed ogni volta che uno di dei due elettroni viene disturbato laltro assume altri spin. Mi
spiego meglio: se un elettrone va verso lalto, laltro elettrone istantaneamente assume lo spin verso
il basso.
Questo collasso avviene sia che gli elettroni siano luno accanto allaltro o ai lati oppsoti del
pianeta.
Per quanto possa sembrare pazzesco numerose tecnologie moderne iniziano ad esser basate su
questa pazzia.
Linformazione quantistica, la crittografia quantistica, il tele trasporto quantico. Sono alcune di
queste possibili applicazioni.
Gli scienziati hanno sperimentato che questa pazzia un fenomeno reale.
Esperimenti reali di entanglement quantistico sono stati fatti a distanze superiori ai 100 km
dimostrando che la distanza non spezza lintreccio.
Il fenomeno dell entanglement quantistico mostra che non esiste separazione spazio-temporale
perch ogni parte del Tutto rimane indissolubilmente legato ad esso.
Ecco, ritorniamo, ora, alla nostra domanda pensando al mio cane. E possibile che abbia stabilito un
intreccio con un altro cane con il quale aveva avuto un intreccio quantico?
Questo tipo di fenomeni quantici possono rende concreti e spiegabili aspetti come la telepatia?
Un tipico esempio di telepatia nel quotidiano, riguarda, ad esempio, la ricezione di una telefonata da
parte di una persona che non vedevamo da tempo, ed alla quale stavamo pensando proprio in quel
preciso istante, o linatteso incontro fisico con questa.
Questi casi riguardano la casualit, come molti pensano, oppure sono un esempio di entangled tra
persone? Queste persone sono in connessione e il pensiero di una influenza laltra?
Non ci sono elementi concreti per fare affermazioni.
Tuttavia semplici esempi di fenomeni telepatici, si manifestano ovviamente con maggior frequenza
nellambito degli affetti e dei forti vincoli familiari, ad esempio tra gemelli, moglie e marito, o in
una forte amicizia.
Credeteci o meno. Fate voi.
Il mio cane . non so, forse .