Sei sulla pagina 1di 16

UFFI CIA LE

GA Z ZETTA

DEL RE GNO D'ITALIA


ROMA

ANNO 1881

del Parlamento

NUM. 88
INSIlZIONI.

Trim. Sem. Anno

ASSOCIAZIONI.
Compresi i Rendiconti Uffleialf

MERCOLEDI' 27 APRILE

--

Roma ....................L.
( Per tutto il egno
( Roma.......

.......

.......

,,

11
13

21

25

40
48

17

32

,,

Annunzi giudiziari cent. 25; ogni altro avviso cent. 30 per ogni linea di colonna o spazio di linea.
Le Associazioni e le Iriserzioni si ricevono esclusivame>2te
AVVERTENZE.
alla Tipografia EREDl BOTTA, via della Missione. Nelle provincia del Regno
ed alFEstero agli Uffizi Postali.
--

10
19
36
senza Rendiconti...... i Per tutto il gegno....... 9,
Un numero separato, in Roma, cent. 10;
Estero aumento spese postali.
Un numero arretrato costa il doppo.
Le Assoper tutto il Regno cent, 15.
Giornale

--

cinzioni decorrono dal 10 del

DIREZIONE:

mese.

Avvreep
I

signori

che desiderano di

ai quali
rinnovare
che intendono di

useocigtsi

quelli

ade col 30 aprile 1881, e


la foto associazione alla Gastetta coi Rpndiconti ufficiali
del enato e della Camera, sono pre ati di farlo sollecitamente, poi efitare ritardi od interruzioni nella spedizione
del Giornale e degli Atti parlamentari.
Raccomndas di unire la fascia alle lettet di rec1&mo e
di riconferma di associzione, come pure di sprivere chiaramente e firmare in medd intelligibile gli Avvisi di cui si
richiede finserzione.
Le domande di associazione e di inerzione con vaglia
posiae injiogo af ancato o cn Liglietg di Banca in piego
affygneato e rae6thandato od assicurato, debbono essere
indifizzate cluieamente a11*ANIMINISTRAZINE della
Gaspetta fgeiale, in Roma, via della Missione.
'

PAPsLAMENTO NAZIONALE
Senato del Regno
Ordine del

giorno della seduta pubblica di gioved


aprile 1881, alle ore 3 poinefidiane.

X Xumero BMO
dei dereti del

Eegne

della Raccolta ufeiale delle


contine la seguente legge:

UMBERTO
ran

leggi

di farla
Data a

legge dello Stato.


ditite
UMBRTO.

osservare come

Roma,

addi 25

B. CAmou.

Visto, il Guardasigilli:

T.Vn.ra.

DEOLARATION.
Le Gouvernement de Sa

Majest
Serbie,

le Roi d'Italie et le Gouverne-

dsirant prolonger l'arrangeprovisoire existant, en matire commerciale, entre les deux


Pays, pendant la priode de temps ncessaire pour la ngocia
tion et la conclusion d'un trait de commerce, les soussigns,
dment autoriss cet effet, sont convenus des dispositions suiment de S. A. le Prince de
ment

vantes :

GRAzlK DI DIO E PER VOLONTA DELLA

Ordiniamo che la presepte,punita llel sigillo dalleStato,


sia inserta nella Raccolta seiale delle leggi eieidecreti
del Regno d'Italia, mandando chinnque spetti di osservarla

Pautre, jusqu' la conclusion d*n trit de commerce dBnitif, on


jusqu' ce que l'une des deux Parties ne l'ait dnonce.
Les deux Gouvernements s'engagent faire approuver, s'il
le faut, le prsent arrangement par les Corps lgislatifs de leurs

DECRETI

(Serie 2')

47, piano 2.

Gouvernements n'aurait notifi, six niois avant la fin de la dite


priode, son intention d'en faire cesser les effets, elle demeurera
obligatoire pour und autre anne, et ainsi de suite, d'une anne

Comunicazioni del Governo.

LEGGI

n.

Les produits d'origine ou de provenance italienne qui seront


imports en Serbie et les produits d'origine ou do provenance
serbe qui seront imports en Italie, seront respectivement soumis,
giant ani droits d'importation, d'exportation, de transit, quant
la rexportition, au courlage, Pentiept, aux droits locaux,
et quant aux formalits douanires, au meme traitement que les
produits de la nation la plus favorise.
La pfsente dclaration est conelne pour la dure d'une anne
partir d'aujourd'hui. Dans le cas, cependant, o avenn des deux

PARTE UFFICIALE

28

ROMA, via della Serofa,

pays.
En foi de
et y ont

quoi,

appos

Naziour

D'ITALIA
ITSenato e l atnera dei deputati hanno approvato,
Noi abbiamo sanzionato e prdmtilghiamo quanto segue:

Belgrade,

RE

Articolo unico. Piena ed intera esecuzione sar data alla dichiarazione fagnalia la Serbl, firmata a Belgrado addi 28 aprile10 maggio 1880,
per regolare temporaneamente il regime daziario
tra i (uo paeni.

le

les

soussigcs

sceau

le 10 mai

ont dress la

prsente dclaration

de leurschancelleries.

(28 avril)

1880.

Le Prsident du Conseil des Knistres,


Le

d'Italie

Charg d'offaires
(L. S.) A. PANsA.

Ministredesaffaires'rangres
. A. le Prince de Serbie

(L. .)

8. Ibsmen.

de

GAZZETTA UFFICIAIE DEL REGNO D'ITALIA

1746

(erie 8.) della Raccolta ufficiale


Regno contiene il seguente decreia:

delle legg

Il Nurnero 124
dei decreti del

UMBERTO
PER

GRAZIA

DI DIO

VOLONT

E PER

DELLA

NAZIONE

RE D'ITALIA

Visti gli articoli 77, 83, 374, 375, 378, 380


20

legge

Uditi il

882 della

Opere pubbliche;
Consiglio superiofe dei Lavori PubbHei
1865 sulle

marzo

siglio di Stato;
Sulla proposta del Nostro Ministro
Lavori Pubblici
Abbiamo decretato e decretiamo:

Segretario

ed il Con-

di Stato

pei

Artggioggggg Al regolamento per la polizia stradale e per garaatire la Ibertidella circolazione e la materiale sicurezza del
strade, approvato col R. decreto 15 nopassiggio

salgghbliche

vembre 1868, sostituita quello che, firmato Nordine Nostro dal


Ministre Sagretario di Stato pei Lvori Pubblici, va unito al pre-

.senfnittito.
il presente decreto munito del sigillo dello
Stato, sia iriserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei de-

chiunque spetti di

creti del Regno d'Italia, mandando a


servarlo e di farlo osservare.
Dato a Roma, add 10 marzo 1881.

os-

REGOLAMENTO di polizia stradale e per guarentire la libert della circolazione e la materiale sicurezza del pas-

pubblishe.

sulle sprade

SEZIONE I.

vietato

ggrade

chiunque

aggionali

prOVIRlali.

di:

legge).
3. Impedire

il libero deflusso delle acque che si scaricano dalle


strade sui terreni pi bassi (Art. 56 della legge)
4. Condurre a pascolare bestiaate di qualunque sorta lungo i

le searpe ed i fossi stradali (&rt. 63 della legge).


5. Far scendere il bestiame sulle searpe della strada per abbeverarlo in fossi o canali laterali. Qaando occobroseranno praticati
abbeveratoi a carico di chi diragioite sotto le norme

cigli,

competente (Art. 63 della legge).


legnami di qualunque sorta
parte siano sostenuti da ruote (Art. 61

dall'autorit'a

6. Condurre a straseico sulle strade

dimensione, ancorch in

della legge).
7. Usare delle

treggie,
aratorii

degliistrumenti
8. are delle

slitte

salvo in

quanto

servono al solo

trasporto

64 della legge).

(Art.
quando

propriet

stradale

(Art.

13. Piantare terreni

sar di tre

me-

72 della

legge).

bosco

distanza minore di 100 metri dal

le strade

non

siano

coperta

di

ghiaccio o di neve (Ar 64 della legge).


9. Aprire canali, fossi, o fare qualunque escavazione nei terreni
laterali a distanza minore della loro profondit, partendo dal eiglio
esterno del fosso stradale ove questo esiste, oppuro dal piede della
68 della legge).
scarpa se la strada in rilevato (Art.

montagna

mezzo

piantamenti

saranno

metro dal confine della

tollerati fine
stradald.

proprieta

siepi d i boschi ora esistenti al fianco


qualora non rechino un riconosciuto
pregiudizio, ma giungendo a maturit o deperimento non potranno
venir surrogati fuorch alle distanze sovra stabilite (Art. 73 della
legge).
Per i piantamenti presso le citt o comuni ad uso di pubblico
passeggio le distanze saranno stabilite in conformit dei piani approvati dall'autorit competente (Art. 70 della legge).
delle strade

piantaappartengono alla strada stessa, alterarne la forma od


invaderne il suolo (Articoli 55 e 22 della legge).
2. Impedire il libero scolo delle acque nei fossi laterali alla
strada e stabilirvi maceratoi da canapa o lino (&rt. 56 della

misa-

Per le strade di montagna i piantamenti di alberi e siepi satollerati sino alla distanza di mezzo metro dal confine della

Nondimeno le

che

gli opportuni
da prescriversi

un metro

ranno

Per le strade di

1. Far cosa che rechi danno alla strada ed alle opere e

gioni

Per le siepi tenute all'altezza non maggiore di nn metro e


sul terreno, centimetri 50 misurati dal ciglio esterno del
fosso, ove questo esiste, oppure dal piede della scarpa dove la
strada in rilevato;

b)

mezzo

alla distanza di

relative alla conservazione delle strade.


CAPO I.

Art. 1.

ciglio

ciglio della strada.

TITOLO I.

Disposiziam

alberi di alto fasto metri 3 misurati dal

ogni caso la distanza non sar mai minore di


ciglio della strada;
Per
le siepi di maggiore altezza la distanza
c)
tri, misurati pure dal ciglio della strada.

T. VILLA.

Guardasigilli:

saggio

gli

In

A. BACCARINI.

Per

rato dal

UMBERTO.
il

a)

stradale;

Ob che

Visto,

Una tale distnza non potf essere mainunore di 3 metri, quantanque Pescavazione del terreno sia meno profonda.
Per le strade di montagna Papertura dei canali sar tollerata
fino alla distanza di mezzo metro dal confine della propriet stradale (Art. 72 della legge).
10. Costruire case, altre fabbriche o muri di cinta lungo le
strade, fuori degli abitati, a distanza minore di tre metri dal ciglio
stradale (Art. 66 della legge).
Per le strade di montagna la distanza dei fabbricati baster clie
sia tale da impedire ch lo stillicidio cada sul piano stradale o
sulla scarpa del rilevno, ed i muri di cinta saranno toilerati fliio
alla distanza di mezzo metro dal confine della proprieth stradale
(Art. 72 della legge).
11. Costruire forilaci, fucine e fonderie a distanza minore di 50
metri dal ciglio stradale.
12. Piantare alberi e siepi lateralmente alla strada a distanza
minore delle seguenti (Art. 69 della legge) :

piante,

sono

le

to11erati

SEZIONR 11,

Altrade OOmuuaH.

Art. 2. Nelle strade comunali

sono egualmente vietati i fatti


1, 2, 3, 4, 5, 7, 8, 9 delParticolo precedente
(Art. 80 della legge).
vietato altres di far piantamenti di alberi e di siepi di qualunque sorta sul suolo stradale di ragione comunale.
I nuovi piantamenti nei terreni laterali alle strade si faranno
alla distanza di un metro dal ciglio della strada, oppure dal eiglio
esterno del fosso quando questo esista (Art. 81 della legge).
I fabbricati ed i muri di cinta potranno essere stabiliti sul limite della strada comunale, salvo ad osservare la debita distanza
delle acque piovane dei tetti
per lo stillicidio, quando lo scolo
non venga diretto fuori del suolo stradale (Art 82 della legge).

indicati ai numeri

ivietato
legnami

di

inoltre di condurre sulle strade comunali a straseico


qualunque sorta o dimensione, ancorch in parte fos-

sostenuti da ruote, salvo sulle strade di montagna, per le


quali sar provveduto secondo le circostanze locali con appositi
regolamenti, proposti dai Consigli comunali ed approvati dalla
Deputazione prov poiale (Articoli 80 e 64 della legge).
sero

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA


Caro H.

ti pei quali
ed

SEZIONE I.

una
-

occorre ema

preventiva

licenza

del

Consiglio comunale, salva l'approvazione nei diversi casi del


Ministero, del Consiglio provinciale o della Deputazione provia-

concessione delfautorit.

Strade nazionali

Art. 3. Nessuno

pu senza
petente fare opere o depositi
colo 55 della legge).

mandato
anche

e provinciali.
licenza delPantorit

temporanei

sulle strade

com-

(Arti-

Oltre alPosservanza delle condizioni speciali espresse nella licenza, il detentore di essa sar sempre obbligato a disporre le
opere ed i materiali, o ad uso.re le opportune cautele in modo da
mantenere libora la circolazione, e sicuro il passaggio, e partico-

dovrh, durante la notte, apporre gli opportuni ripari e


mantenere accesi i lumi, che possano, a conveniente distanza, avvertire dei lavori o scavi intrapresi, e dei materiali, palchi o steclarmente

cati che comunque occupassero


via (Art. 76 alinea).

qualche porzione

della

(Art. 58 della legge).


pu essere stabilita una diramazione dalla strada,
n un accesso da questa ai fondi e fabbricati laterali senza averne
previamente riportata liconza dalla competente autorit (Art. 57
della legge).
Chi avr ottenuta la predetta licenza dovra uniformarsi alle
prescriziom m essa contenute, ed in ogni caso sar sempre tenuto
a formare e mantenere gli opilortuni ponti sui fossi laterali,
senza alterare la sezione della strada n il suo piano viabile.
Le

della

nuove

diramazioni dovranno, per un tratto di almeno 30


costruite con materiale di buona consistenza e sem-

essere

giorni prima di metter mano all'opera, al prefetto, il qua!e ha facolt d'impedirlo qualora ne possa essere minacciata la sicurezza
della strada dalle valanghe e dalle frane, oppure di prescrivere le
opportune cantele, salva sempre l'osservanza delle leggi e dei regolamenti forestali (Art. 74 della legge).
SozioNE II,

Art. 7. Sono

Sratie OBIBBall.

--

applicabili anche alle strade comunali


precedenti articoli 3, 4 e 5.

le

Belle licenze
eni

OHSSIOni

per le strade

Potra

non

cupazioni che

di

strade nazionali

per le traverse nell'abitato delle

provinciali.
il sindaco nei casi

d'urgenza permettere ocquindici giorni, di porzioni delle


provinciali purch non si rechi pregiudizio alla

meno

non

durino oltre i

circolazione.
Tanto la Giunta

municipale rispetto

alle

traverse, quanto

il

sindaco, dovranno immediatamente informare delle licenze date


Pantorit competente, la quale potr modificarle o revocarle.
Art. 9. Le concessioni per condurre le acque dei privati nei fossi
delle strade nazionali,' per attraversare le strade medesime con
corsi di acqua, o per la costruzione di
sono di com-

abbeveratoi,

petenza

del Ministro.

Art. 11. L'autorit

Le stesse concessioni per le strade comunali

competente,

salle domande, sentito il

muniti delbollo

termini

degli

proprio

ufficio tecnico.

articoli 8

9,

Se si tratta di opere,

depositi o lavori sui tronchi delle strade


provinciali compresi nell'abitato, sar anche inteso il
Consiglio comunale, o la Giunta municipale, secondo i casi.
nazionali

Art. 12. Nelle licenze


condizioni

le

nelle concessioni

saranno

stabilite le

quali saranno assoggettate, tenendo


anche conto dei regolamenti di polizia locale e dei regolamenti
prevedati negli articoli 23 e 24 della legge sui lavori pubblici,
come altresi, secondo i casi, sar stabilito il prezzo delPoccupae

norme

alle

zione

o delPuso concesso o Pannuo canone.


S'intendono in tutti i casi accordate :

a) Senza pregiudizio dei diritti dei terzi;


b) ColPobbligo di riparare tutti i danni derivanti dalle opere
o depositi permessi;
c) Colla facolt alPAmministrazione competente di revocarle
o modificarle o imporvi altre condizioni;
d) Colfobbligo di osservare tutte le prescrizioni della legge,
non che quelle del presente regolamento.
Art. 13. Le licenze

saranno

date per decreto delPantorit

com-

petente.
Nelle concessioni indicate nell'art.
cui all'art. 5 si

potr

garantito
postevi.

con

venga

per le

diramazioni

richiedere che risultino da atto pubblico e


cauzione Padempimento delle condizioni im-

Le concessioni per attraversare le strade nazionali con corsi di


o per condurre le aeque nei fossi delle strade medesime,

per un tempo indeterminato, saranno date per decreto Reale,


provocato dal Ministro del Tesoro, sulla proposta del Ministro dei
Lavori Pubblici, al quale sar trasmesso per la esecuzione ; se vi
sia un prezzo od annuo canone, o si abbia richiesto Patto pubblico di che al precedente capoverso, saranno osservate per la spedizione e Pesecuzione le norme segnate negli articoli 20 a 26 del
regolamento per la concessione di derivazione delle acque pubbliche delP8 sottembre 1867, n. 3952. Le altre concessioni per le

strade nazionali riservate al Governo

e per le traverse
sono di competenza

saranno

date

con

decreto

del Ministro dei Lavori Pubblici.


Sono eccettuati i casi di urgenza nei quali potesse derivare
grave danno dallo attendere gli ordini o decreti delPAmministrazione centrale; in questi casi il prefetto potra, in via provvisionale
le

col parere dell'ufficio tecnico del Genio


od uso richiesto, previo obbligo,

civile, permettere

con atto di sottomissione da parte degli interessati, di osservare le prescrizioni


che emaneranno definitivamente dal Governo sulla loro domanda.

occupazioni

Art. 14. Il

Le suddette concessioni per le strade provinciali sono di


compeLenza del Consiglio provinciale, salva Papprovazione del prefetto o
el Ministero, secondo i casi indicati negli articoli 192 e 195 della
jegge comunale e provinciale.

nell'abitato di strade nazionali o provinciali

essere

se

delle RROrt

spetta lo accordarle.

comunali

documenti relativi devono

acqua

Art. 8. La licenza per gli atti indicati nel presente capo sar
data dal prefetto se si tratta di strade nazionali, dalla Deputazione provinciale per le strade provinciali, e dalla Giunta munici-

strade nazionali

che verr fissata.

competente.

disposi-

zioni contenute nei


SEZIOKE III.

somma

La domanda

autorit

pre mantenute senza fango.


Art. 6. Per procedere alto sradicamento dei boschi laterali alle
strade di montagna, si deve, in previsione, farne denuncia, trenta

pale

provveder se di sua competenza, o le trasmetter al prefetto con


quelle osservazioni che creder del caso.
Le domande saranno corredate dei disegni necessari e conterranno la dichiarazione che qualora occorresse una visita sul
luogo la spesa verr sostenuta dal richiedente, previo deposito

provveder

Art. 5. Non

metri,

ciale.
Art. 10. Le domande per la licenza, qualunqpe sia la classe
della strada, possono essere presentate al sindaco, il quale vi

pubblica

Art. 4. proibito di scaricare nei fossi delle strade e di condarre in essi acque di qualunque natura, salvi i diritti acquisiti
debitamente giustificati, e salve le regolari concessioni della com-

petente

1747

prefetto, la Deputazione provinciale o il sindaeo coproprio ufficio tecnico copia dei decreti o licenze

municheranno al
accordate.

Art. 15. Colui che ha ottenuto la licenza

concessione dovr

presentarla sul luogo del lavoro o del deposito, ad ogni richiesta degli agenti incaricati della esecuzione del presente regolamento.

1748

GA22ETTA UPPICIALE DEL REGNO D'ITALIA

fondi laterali alle strade

d'acqua attraversati le strade.


Art. 16. I proprietari e gli utenti di canali artificiali esistenti
lateralmente od in contatto alla strade sono obbligati ad impedire
la espansione delle aeque sulle medesimo ed ogni guasto al corpo
stradale e sue pertinente (Art. 59 della legge).
Art. 17. Debbono i proprietari mantenere le ripe dei fondi laterali alla strada in istato tale da impedire lo scoscendimento del
terreno od ingombro del fosso o del piano viabile (Art. 60 della
legge).
Art. 18. La irrigazione dei terreni laterali allo strado deve essere regolata in modo che non ne derivi alcun danno alle medesime, formando, secondo il bisogno, un controfosso (Art. 61 drUa
legge).
Art. 19. I proprietari sono obbligati a tenere regolate le siepi
vive in modo da non restringere o danneggiare la strada, ed a far
tagliare i rami delle piante che si protendono oltre il ciglio stradale (Art. 75 della legge).
Quando essi non operino questo taglio entro il termine assagnato loro da un avviso del sindaco, potr PAmministrazione far
reeidere a loro spese i rami sporgenti.
Art. 20. I fabbricati ed i muri di qualunque genere esistenti
lungo le strade devono essere conservati in modo da non compromettere la sicurezza pubblica (Art. 76 della legge).
Se il proprietario a ci non provveda e fabbricati minaccino
rovina, il prefetto, sentito l'aflicio tecnico, pu provocard dal giudice competente la facolt di demolirli a spese dello stesso proprieOno III.

--

.Dcoeri dei possessori di

di corsi

quei4)rovvedimenti

tario, salvo

istantanei che sono nelle attribu-

sioni del sindaco per la


Art. 21.

pubblica sicurezza.
Chi avesse od acquistasse la ragione di
corsi -d'acqua obbligato a stabilire

attraversare le

e mantenere i
strade
il
e la condotta delle
altra
necessarie
passaggio
ed
per
opere
ponti
ai danni che le medesime potessero arrecare
acque, o per ovviare
alla strada (Art. 32 della legge).
con

Queste opere si costruiranno secondo le norme da prescriversi


dalPAmministratione e sotto la sorveglianza delPufficio del Genio
civile.
Art. 22. I
sono

ponti

ed altri edifizi esistenti sopra canali artificiali


e utenti di questi, purch

mantenutiotifatt dai proprietari

provin la preesistenza alle strade, od abbiano titlo o


possess in dentiario (Att; 3&della legge).
I ponti ed edifisf laiegname esistenti sui canali artificiali che
attfaverind una strda dovranno, nel caso di ricostruzione, venon ne

nire rifatti

di tutto

muro o

di muro misto

con

ferro. Sono eccet-

tuate da iguest dispositione le localit soggette a servit militare,


foras diconcerti presi o da prendere col Ministro
per le qualiin
della Guerra; si credesse provvedere diversamente nelPinteresse
della difesa dello Stato (Art. 33 della legge).

Occorrendo il trasporto o l'allargamento di alcuni tratti di


strade attraversate da canali artificiali, spetta ai proprietari posod utenti delle acque la costruzione in muratura o in opere
miste di muro e ferro dei punti ed altri edifizi in legname, come
la successit loro manutenzione; se invece sono di cotto o di pie-

sessri

la spesa di ricostruzione o di allargamento dei medesimi a


carico delld-Stato, della provincia o del comune, e la manutenzine di essi a carico dei proprietari, possessori od utenti delle

tra,

La spesa si divide in ragione d'interesse quando l'opera abbia


scopo promiscuo (Art. 36 della legge).
Art. 24. Il prefetto, sulla proposta dell'ingegnere capo so si
tratta di strade nazionali, della Deputazione provinciale per le
strade

provinciali, del sindaco per le strade comunali, sentiti gli


interessati, ed avuto il parere del Consiglio di Prefettura, pu
rendere obbligatoria l'esecuzione delle opere prevedute agli articoli 21, 22 e 23 ad esclusivo carico dei possessori, come pu rendere esecutivo il riparto delle spese per quelle di interesse promiscuo.

Se i possessori non si prestano entro il termine stabilito nel decreto del prefetto, le opere si compiono d'afficio, e le spese si
ripotono con le forme privilegiate delle pubbliche imposte, salvo a
quelli il diritto di ricorso in via amministrativa e salva pare-in,

ogni

caso

Pazione giudiziaria di rimb:rso

ticolo 36 della

termini di diritto

(Ar,

legge).
TITOLO II.

relative alla libert della circolazione


materiale sicurezza del passaggio
CAvo I.
1)isposizioni diverse.

Disposizioni

alla

SEZTONE I.

Stratie nazionali

Isrovinciali.

Art. 25. Nelle traverse

degli abitati, il.suolo delle strade non


sotto
venir
verun
pu
pretesto
ingombrato, n di giorno, n di
notte, salve temporanee occupazioni per esercizio di commercio od
altro uso a comodo pubblico, dietro permesso delPantorit competente a termini delPart. 8.
Art. 26. Quando per impeto di venti o per qualsiasi altra ragione venissero a cadere sul piano stradale alberi piantatinei terreni laterali, il proprietario di essi sar tenuto a rimuoverli nel
pi breve spazio di tempo possibile.
Art. 27. Pei tiri al bersaglio, stabilimenti od opifizi che interessano la sicurezza e la sajubrit pubblica, ne sar fissata la distanza dalle strade caso per caso dal prefetto, sulla dieiiarazione
della Deputazione provinciale, per quanto riguarda la
salabrit,
il pericolo o Pincomodo degli stabilimenti ed opifizi.
Sar provveduto altres secondo le disposizioni degli articoli 88,
89 e 90 della legge 20 marzo 1865 sulla pubblica sicurezza e dei
relativi regolamenti, pei depositi in vicinanza dello strade nazionali o provinciali di materie insalabri o pericolose e di
polvere da
fuoco ed altre materie esplodibili, e poi fatti indicati nolParticolo 90 suddetto.
Art. 28. Le mandte di animali di
snile strade dovranno

essero

guidate

qualunque specie
da

circolanti

sufficiente di
occupino piil della met

un

nmnero

e regolate per modo che non


larghezza stradale, e che non si arrestino sulle strade mede
sime, sia di giorno che di notte.
Art. 29. Salvo quanto dispesto nel Codice penale e nella legge
e rebrohmenti di sicurezza pubblica per gli animali malefici, fa
roci e pericolosi, vietato altresi di lasciare liberamente
vagare
per le strade qualsiasi animale incomodo al pubblico transito, e
di lasciarvi abbandonate a se stesse le bestie da
tiro, da soma e
da sella senza essere in circostanza di condurli o guidarli.
Gli animali indomiti, compromettenti la sicurezza dei viam
danti, non potranno essere condotti lungo le strade se non isole

conduttori,
della

tamente ed a condizione che siano ben assicurati e che ciascun di


essi abbia uno o pi conduttori, secondo la forza e la selvaticheys

degli

animali.

acqne (Akt. 35 della lgg).


Art. SN IA coskuzione e ripatazione dei muri ed altri simili
sostegni lungo le strade, qualara servano unicamente a difendere
e sostenere i fondi adiacenti, sta a carico dei possessori dei fondi
stessi; se gioiabbinfo per oggetto la stabilit e conservazione della
stradi, sta a calico (Tello Stto, della provincia o del comune, se-

Art. 30. I veicoli a ruote, i cavalli ed altri animali nelle loro


fermate dovranno collocarsi in modo da lasciar libera al passaggi

cogd la cliste della strada medesima.

qualche

'

larghezza stradale.
angusta che la met di essa non basti a
oli, proibita ogni fermata, anche brever

la met almeno della

Ove la strada sia cos

passaggio dei vei,


quando non sia assolutamente
sconcerto,

necessaria

par-riparareaniposto

GAZZETTA UFFICIALE
SEZIONE II.

Art. 31. Sono

degli

articoli

25,

applicabili
26

disposizioni

27.

Per tutte le altre luaterie


provvederanno i regolamenti di polizia stradale locale a termini
degli articoli 87 e 138 della legge

comunale,
Cuo II.

Disposizioni

relative ai veicoli.

Strade muziOHall

O girefluciali.
SEZIONE I.
Art. 32. Nessuno potr per fatto proprio, sia colla disposizione
del carico sopra il veicolo, sia collo stanziamento del veieolo stesso
sul suolo stradale, recare impedimento alla libera circolazione ed
-

alla inateriale sicurezza del passaggio.


Trattandosi del trasporto di pesi o massi straordinari, o di
mezzi eccezionali di locomozione, potr l'autorit competente prescrivere le condizioni o cautele che possono essere necessarie nell'interesse della sicurezza pubblica e della conservazione delle
opere stradali.
Potr pure ordinare che sopra certi ponti che versino in condizioni eccezionali vengano osservate particolari cautele circa il
peso dei veicoli od altro.
Queste prescriziorii dovranno stare costantemente aflisse alle
estremit delle strade e dei ponti ai quali si riferiscono.
Art. 88.
di fissare i cerchioni ai quarti delle ruote

proibito
sporgente dalla superficie del cerchione.
La superficie dei cerchioni suddetti dovr essere regolarmente
cilindrica, senza artificiali smussi di spigoli, sporgenze o discontinuit in qualanque senso.
Art. 34. vietato di applicare ai veicoli o per uso di freno o
per altro motivo, aste od oggetto qualunque che per larghezza o
posizione sporgano lateralmente pi del mozzo delle ruote.
Art. 35. I veieoli non possono essere messi in corso lungo le
strade senza aver affissa sulla parte anteriore esterna del loro
fianco sinistro una lastra metallica che porti in caratteri apparenti, facilmento leggibili e di altezza non minore di un centimetro, il nome e cognome del proprietario, e la indicazione del comune o della provincia in cui stabilito il suo domicilio.
Da questa prescrizione sono eccettuate:
1. Le carrozze private non servienti ad uso pubblico;
2. Le vetture d piazza numerate per ordine delPautorit municipale.
con

chiodi

3. I carri

testa

le

Stato, quando

carrozze

appartenenti

alle Amministrazioni dello

contrassegni distintivi.
dell'agricoltura, quando essi passano dalla case
coloniche ai carnpi, e da questi a quelle, oppure servono al trasporto dei prodotti dai luoghi ove furono raccolti a quelli in cui
per conservarli o manipolarli il coltivatore li deposita o li raduna.
5. I veicoli appartenenti ad una ditta socale od agenzia che,
oltre al numero preseritto dalPantorit municipale, portano visibilmente sritto in qualsiasi parte del veicolo la rispettiva ditta,
societh od agenzia.
Art. 36., Le vetture pubbliche da viaggiatori ed i grandi carri
per trasporti di merci dovranno essere muniti di on meccanismo
ad uso di freno che eserciti la sua azione sulle ruote posteriori e
che sia disposto in modo da poter essere facilmente manovrato.
Le vetture pubbliche dovranno inoltre essere provviste di una
4. I carri ad

abbiano
uso

scarpa da frenare.
Sono per altro dispensate dall'obbligo del fceno e della scarpa
quelle,vetture che porcorrono soltanto strade di pianura.
Art. 37. Nessna
essere

provvist04i

carro
un

potra crcolare

lame

in

tempo

pubblica da viaggiatori sar tirata da non pi


bestie,
quattro
potr essere condotta da un solo postiglione, o
cocchiere ; ma quando le bestie da tiro saranno pi di quattro,
dovr essere condotta almeno da due postiglioni, o da un postiSe

Strade CORIRIInli.

alle strade comunali le

di notte

senza

acceso.

Le vetture Pubbliche o private dovranno essere illuminate


diante almeno un fanale o lanterna.
Art. 88. Ogni carro dovr essere
guidato da na carrettiere.

me-

1749

REGNO D'ITALIA

DEL

una

vettura

di

ed un cocchiere.
Occorrendo bestie da tiro di rinforzo, queste dovranno essere
bestie.
guidate da un conducente almeno per ogni tre
condurre le bestie
debbono
o cocchieri,
Art. 39. I

glione

postiglioni,
o sedile,

stando sulla sella


sto caso

salvo che nelle forti

salite;

ma

in que-

devono abbandonare le redini.


obbligati ad osservare nelle traversate

non

degli abitati i
dei
nell'interno
regolamenti di polizia concernenti la circolazione
Essi

sono

medesimi.
mai
Nelle fermate le bestle attaccate alla vettura non dovranno
restare senza un cocchiere od un postiglione che le custodisea.
o di cambio delle bestie da tiro
Art. 40. Nei
di

luoghi partenza
pubbliche, gli imprenditori od i loro agenti devono
assicurarsi personalmente che la vettura si trovi sotto ogni rapporto in condizione da potere intraprendere o seguitare il viaggio
con piena sicurezza dei viaggiatori.
esArt. 41. Ai punti d'incontro di due strade i veicoli devono
su
il
transito
sere condotti o collocati in modo che rimanga libero
in
si
fermoconvogli
ambedue le strade ; e quando essi procedano
il convoglio
ranno prima del punto d'incontro, o si interromper
delle vetture

dall'altra strada.
per dar pronto passaggio ai veicoli provenienti
o da soma d
Art. 42. proibito ai conduttori di bestie da tiro
a corsa troppo rapida.
Essi dovranno anzi rallentare la velocit ordinaria ed anche fero
marsi quando riesca difficile l'incrociamento con altre vetture

spingarli

bestie da soma, ovvero la strada sia


difficilmente possano seansarsi.
Art. 43. Nel passare sui
saranno guidate al passo.

ingombrata

ponti sospesi

da

pedoni

le bestie da tiro

che

da soma

I vetturali e carettieri non li abbandoneranno mai;i postiglioni


ed i cocchieri resteranno al loro posto.
proibito di staccare alcuna delle bestie da tiro da un veicolo
nel traversare i ponti anzidetti.
Non dovr mai trovarsi sulla
un

numero di

sospeso
stie da tire.

medesimacampata

di

un

ponte

volcoli che abbia in complesso pi di sei be-

oril
aggiunta a queste prescrizioni generali, prefetto potr
sentito
Pincantele
che
e
dinare quelle altre speciali disposizioni
per viemmeglio
gegnere capo governativo, giudicher opportune
su quei ponti sospesi che non
del
transito
la
sicurezza
tutelare
conveniente stabilitpel
di
presentassero totte le guarentigie una
dei
veicoli.
pesanti
passaggio
nel precedente
Art. 44. Le prescrizioni generali e speciali di cui
ai
e viadotti fissi
dal
ponti
estese
prefetto
art. 43 potranno essere
o semitubolare,
sistema
tubolare
di
di
di
ferro
o
legno,
a travato
ed ai ponti di chiatte ogni quala travi reticolate ed altre simili,

In

volta tali

prescrizioni

si rendano necessarie per la sarezza del

passaggio.

di cui
ogni caso le disposizioni generali e speciali
dovranno essere tenute continua44,
articoli
43,
precedenti
o cartelli affissi
mente alla vista del pubblico, col mezzo di avvisi
Art. 45. In

ai

alle due estremit dei ponti.


SEZIONE II.

Strade OORRBRM.

strade comunali le prescriArt. 46. Sono da osservare per lo


zioni degli articoli 32, 35, 36 e 37.
dei locali regoArt. 47. Saranno pure osservate le disposizioni
in quanto riguarurbana
e
rurale,
di
polizia
lamenti municipali
non siano
dano la circolazione e la sicurezza del passaggio, purch
contrarie alla legge ed al presente regolamento.
di locomoArt. 48. Per tutto quanto riguarda la circolazione

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

1750

tive

mosse

sar

provveduto

dal vapore
con

da altra forza fisica sulle strade ordinarie

regolamento speciale.

TITOLO III.
Delle contravvenzioni alle disposizioni sulla

tamaafo sicolto
polizia

stradale.

Caro I.
.Deke pene.
Art. 49. Le contravvenzioni alle disposizioni del titolo I, capo I,
degli articoli 8, 4, 5, 7, 16, 17, 18, 19, 20, 25, 27 e 28 del ti-

tolo

II,

punite

saranno

che poa termini delParticolo 874 della

polizia

500,
pubblici (Art. 374

tranno estendersi fino

legge

pene di

con

sui lavori

lire

della

multe,

con

legge).

Art. 50. Le pene per le altre contravvenzioni saranno le


gnenti (Art. 375 della legge):

a)

Per mon

fatta la denuncia

aver

se-

chiesta la licenza nei

casi indicati all'articolo 6, o per non aver obbedito alle condizioni


impostevi, od allo impedimento ingiunto dall'autorit, la pena
da lire 10 a 50;

qualsiasi delle disposizioni


precedenti articoli 15, 26, 28, 80, 34, 36, 37, 38,
39, 40, 41, 42, 43, 44, 45, 46 e 47, la pena sar di lire 2, estensib)

Per la contravvenzione ad una

contenute nei

bile, secondo le circostanze, fino a lire 100;


c) Per ogni bestia abbandonata o lasciata vagare senza custodia, o condotta con custodia insufficiente, in contravvenzione
dell'articolo 29, la pena sar da lire 1 alle 5. Qualora la bestia
sia riconosciuta come pericolosa, la multa sar dalle lire 10 alle
lire

50;

Qualunque
della

pena non

d)
che

Il

non

sia il

numero

delle bestie, l'ammontare totale

potr eccedere le lire 300.

carrettiere,

il

vetturale,

il conduttore

obbedisca alle intimazioni di arrestarsi

qualunque,

di sottomettersi

alle occorrenti verificazioni degli agenti incaricati dell'accertamento delle contravvenzioni al presente regolamento incorrer
nella pena da lire 5 a 50;
e) Per tutte le altre contravvenzioni alle disposizioni del presente regohmento, agli ordini o diffide delle autorit competenti
e non coinprese in questo articolo, si applicheranno le pene di

polizia.
Arf. 51. La inosservanza delle condizioni o prescrizioni contenate nella licenza o nella concessione rende applicabile al contra etore la pena x eu sarebbe incorso se non avesse la licenza
o

concessione.

Art. 52. Oltre le pene di

polizia

le multe

predette s'intender
dei danni, a ter-

empre riservato alle prti lese 11 risarcimento


mini della

legg'e

comano.

Art. 58. Il

proprietario dei veicoli o delle bestie da tiro, da sella


o da soma responsabile delle ammende, multe, risarcimento dei
danni e spelie di riparazione alle quali, in forza della legge e del
presente regolamento, fosse condannata qualsiasi persona cui egli
avesse commessa la condotta di un veicolo o di bestie di sua pro-

prieta.
Se il veicolo e le bestie non fossero condotte per ordine o per
conto del Ioito proprie%ario, incorrer nell'anzidetta responsabilit
oolui che avr delegato il conuttore o cocchiere.
Art. 54. Le pene par le contravvenzioni alla polizia delle strade
saranno

sempre inflitte

nellk quali

indipendentemente

i trasgressori fossero incorsi

Caro II.

dalle

inaggiori pene
leggi.

termini delle

1)elPaccettamento Relle contravvenzioni


e

della relativa procedura.

Art. 55a Gli uffluiali del Genio

civile, gli ufficiali tecnici delle

provincie

e dei comuni hanno


speciale incarico di rilevare nelle
visite alle alra e tulti i fatti che possono dar luogo a provvedimenti per Pesecuzione delle disposizioni della legge e di questo

regolamento

Qualora questi fatti pssano aver crattere di contravvenzione,


la relazione dovr essere fatticollalorma di Iin verbale di accer-

e di farne relaiione alPantorit amministrativa da


cui immediatamente dipendono.

14 noime qui

digogto

tracciate.

sinfEciali, tuttisgli agenti giurati della pubElica Ainministrazione e dei cmuni; i carabinieri Reali, le guar-
die di pbblica sicurezza, i capi cantonieri e cantonieri hann
Pobbligo di accert re e contravvenzioni ale disposizioni sall poArt. 66. Gli ste

lizia stradale.

capi cantonieri e cantonieri dovrnno prestare


I giurametito innanzi al cap delPflicio tecnico dal quale
dipendono, od innanzi al aindaco; di tale prestazione si rilascier
dalPantorita che ha ricevuto 11 giuramento, diehiarazione, stenPer oodsto fine i

tutti

dendola in calce alPatto di nomina.


Art. 57. NelPatto di accertare la contravvenzione fatta, gli
agenti anzidetti potranno procedere al sequestro degli oggetti

contravvenzione, nonch di queli che hanno servito a


commetteria (Art. 376 dePa legge).
Trattandosi di contravvenzione alle disposizioni contenute nei
capi I e II del titolo I, e negli articoli 2& e 27 del titolo II, intimecolti in

ranno

contemporaneamente

al contravventore di desistere dalla

opera o lavoro; in caso di ostinata persitenza, o di atti fatti,


depositi od inigombri che impediscono il libero transito,so autorizzati ad impedirli colla forza o rimuoverli.
sua

Art. 68. I verbali di accertamento delle contravvenzioni sascritti su catta libera ed

ranno

1 Il

giorno

enumereranno:

ed il luogo in cui sono

stesi;

26 Il nome, cognome, qualit e residenza di chi lo stende;


3 Il luogo e giorno in cui la contravvenzione stata nom.
messa, e le circostanze tutte atte a quali6carla, nonch le prove ed
indizi esistenti

Quando
fu

non

carico del contravventore.

sar

possibile indicare precisamente il giorno

in cui

la contravvenzione, baster accenhare Pepoca in cui


presumibilmente la medesima sar seguita;
4 Il nome, cognome, patria, *professione e domicilio del concommessa

e le dichiarazioni che avr fatte;


5 La indicazione e descrizione degli oggetti colti in contrav-

travventore,

venzione,

sequestrati

scorra;
provvedimenti

ove

6 Le intimazioni fatte ed i

adottati

termini

dell'articolo precedente, ultimo alinea.


II verbale sar firmato da chi avr accertato la contravvenzione,
e se questo non sapesse scrivere sar, sopra sua relazione; steso e
firmato dal

suo

immediato

superiore gerarchico

del comune nel cui territorio fu

dal

gegretario

commessa.

Art. 59. I verbali entro 24 ore dalla loro data saranno rimessi
cogli oggetti sequestrati al sindaco del comune in eni venne ac-

certata la contravvenzione.
Se non vi sieno oggetti sequestrati potranno essere rimessi o
consegnati direttemente alPufficio tecnico.
Art. 60. Il sindaco potr restituire gli oggetti sequestrati al
contravventore che offra sufficiente sicurezza del pagamento delle
pene, danni e spese alle quali potrebbe essere tenuto, o li affider
alla custodia del segretario comunale, e se trattasi di animali ordiner che siano altrimenti custoditi per geralizia delle pene, inenuit e spese a termini della legge di procedura penale.
Se si tratta di strade naonali e provinciali, salvi i, procedimenti contingibili ed urgenti di sua competenza, il sindaco trasnietter gli atti senza ritar&o al prefettes
Art. 61. Il capo delfafficio tecnica trasmetter. parimenti al
prefetto o al sindaco, secondo4: natura dellaestrada, i verbali da

ini o dai suoi agenti redatti o quelli consegnati allostesso ufficio.


Presenter inoltre, secondo i cani, le proposte dei procedimenti
necessari per la riduzione delle cose al priatino stato; ayer riparare od impedire i danni o per rimuovere i pericoli che possono
derivare dalle opere, depositi od altri fatti, o dalla inosservan

GAZZETTA UFFiCIALE DEL REGNO D'ITALIA


prescrizioni della legge e del presente regolamento, o dallo
inadempimento delle condizioni iinpote alla licenzi, aggiunger
un calcolo della
spera occorrente e del valore delle cose esportate

toria dal prefetto

o distrutte.

cedura.

delle

sentito il Genio civile, e se lo crede opportuno, il contravventore, ordineik la riduzione delle cose allo stato
che precedeva le contravvenzioni, e disporr tutti gli altri provvedimenti necassari per l'esecuzione della legge e del presente regolamento, precisando le opere da eseguirsi (Art. 378 della legge).
Nello stesso decreto sar fissato il termine entro il quale, dalla

fattagli intimazione,
zioni, coll'avvertenza

il

contravventoragebba eseguirne le disposimancanza si dar luogo all'esecuzione

che in

d'afficio a di lui spese.


La esecusine d'ufficio

bisogno

senza
se

Il

non

essere

ordinata immediatamente

promuove inoltre l'azione


allorch
lo giudichi necessario ed
sore,

nota,

della esecuzione

facendone riscuotere

d'ufficio,
Pimporto

celle pubbliche imposte (Ait.

urgenia,

penale contro
opportuno.

il

rendendone esecutoria la
nelle forme

coi

legge).

proprietari o possessori di fondi laterali alle strade, in


della persona del contravventore o della sua dimora nel
comune, la copia sar rilasciata ai fattori o custodi, od agli affittuari, coloni o coltivatori dei fondi medeniini.
a

far relaziane della seguita intimazione, indicando la


persona cui fa rilaaeiata la copia od il motivo che non ha permesso di eseguire la intimazione.

L'agente

Art. 66. L'afficio tecnico

sorvegliera per la buona esecuzione


defrotati, ancoreh si facciano dal contravventore o dal
poksessore dei fondi, cnali, ecc.
La esecuzione d'ufeio sar fatta dalPufficio competente, secondo i regolamenti in vigore, e per tutti gli lfetti di legge sar
intimata al contravventore copia del verbale della fatt esecuNicae a del decreto che la ordinava, se non gli fosse stato avanti
di livri

intimato.

L'agento incaricato deL'esecuzione del debreto

in caso di resi-

tenza potr richiederefaiuto della pubblica foria.


Art. 67. Per le contravvenzioni, finch non
sentenza definiiva in ultima
da

parte del

istanza, potra

contravventor

di

pronunziata

la

venire atumessa la

somma, la quale
avr la stessa destnazione che il montare delle pene pecuniarie.
Non s'intenderanno mai comprese le spese degli atti del #rocedimento e ipielle incorse od ocoortanti ger l riduzione delle cose
al primitivo stato e per altri provvedimenti disposti dall'autorit
una

cmpetente.
Appartiene al prefetto od al sindeo, sedndo la nkura dlie
strade, Paccettare o il rifintsre l'oblaziona, col meno di spposito
decreto.
Nel

caso

di

materie alle

sente

province sulle
regolamento, che

avr

piene

provveduto col pregiorno della sua

quali

effetto dal

Visto d'ordine di S. M.
E Ministro

egretario

di tato

pei

Lavori Pubblici

A Num. CIII (Berie 3, parte aupIetnesier) della Raccoffe


ufciale delle leggi e dei decrti del Regno contiene il regnante

decreto:
UMBERTO I
PER GBASIA DI DIO

mancanza

oblazione,

diverse

privilegi

simili notificazioni.
Bar rilasciat copii del decret od altro atto al contravventore
personalmente o alla sua dimora o a chi per lui incaricato delle
opere, lavori, o depositi in contravvenzione; se si tratta di inti-

transitorie.

tive, entro 30 giorni dalla loro intiinazione.


Art. 69. Sono abrogati i regolamenti generali in vigore nelle

378 della legge).

diffide, decreti od altri atti ordiprefetto o dal sindaco, sar fatta dagli agenti del comune
pubblica Ammiistrazione, chiamati per proprio ufficio a

mazione

Disposizioni generali

trasgres-

nati dal
della

atto ulteriore di pro-

ogni

A. BACCAUN.

Art. 65. La intimazione delle


o

resa esecu-

Art. 68. Contro i decreti del prefetto o del sindaco ammesso il


ricorso in via gerarchica, in conformit delle leggi amministra-

Art. 64. Le attribuzioni indicate nei due articoli precedenti sono


esercitate dai sindaci quando si tratta di strade comunali (Articolo 378 della

mediante nota

liquidarsi,

TITOLO IV.

Art. 63. Il prefetto, sentito il trasgressore per mezzo delsindaco


del suo domicilio, provvede al rimborso a di lui carico delle spese
e

da

dal sindaco.

l ndeiuf,.

prefetto

degli atti,

pubblicazione.
potr

di diffida al contravventore nei casi di

il contravventore

quelle

L'accettazione dell'oblazione escla

prefeito,

Art. 62. Il

di

pel pagamento

1751

agoettazionesar obbligato

il contravventore a
pae far atto di obbligo

gare contemporaneamente le spese liquide,

RE

PER

VOLONT

DEI.I.A

NAZIONE

D'ITALIA

Visto Ptto costitutivo e lo stattito della Societ di Previdenza e di mutuo soccorso fra gli Ecclesiastici in Torino ;
Sentito il Corisiglio di Stato;
Sulla proposta del Ministro di Agricoltura, Industria

Commercio,
Abbiamo decretato

decretiamo:

Articolo unico. La Societ di Previdenza

di mutuo soccorso

fra gli Edelegiustici, costituitasi in Torino colPatt6 del 12 novembre 1880, rogato in Torino dal notaio Gasparo Cassinis, autorizzata, e il suo statuto quaPo inserito ne1Patto predetto approvafo colle modifidakioni contemite nello isthimente pubblico di
deposito del 24 febbraio 1881, rogato pure in 'i'orino dallo stesso
notaio.

Ordiniamo che il presente decretp, munit ifgillo ello


Stato, sia inserto nella Raccolt ufciale delle leggi e dei debreti del Regno dStalia, mandindo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Dato

Roma, add

27

marzo

1881.

UMBERTO
L. MICELI.

Visto,

il

Guardagigilli:

T. VILLA.

(erie 3)ella Baccolta sfeiale delle leggi


decreti del Regno contiene il seguente decreto:
UMBERTO I
E Eum.169

PER

e dei

GRASIA DI DIO E PBB VOI.0NT DETAA NAZIOB

RE D'ITALIA
Visto il Reale decreto del d 6 marzo 1881, numero 606
(Serie 36), che approva i nuovi ruoli organici delle Dogane ;

Considerato che il umnero degli impigiti dognali riesce


di Iiocon tal decreto diminuito di 89 e quello dei commessi
gana di 23;
Attesoc11 di mano in mano che si faranno posti vacanti
sia nlle iogane, sia nelle saline occorrer chiamarvi gl'im-

piegati delle Dogane rimasti


Sulla

proposta del

in soprannumero;
Ministro delle Finanze,

1752

GA2ZETTA UFFICIALE DEL RGNO D'IALIA

Abbiamo decretato e decretiamo:


Articolo unico. Sono abrogati i Reali decreti de19 agosto 1874
18 novembre 1880, numeri 2043 e 5735 (Serie 26), nella parte
in cui dispongono che senza obbligo di esame possano essere noe

minati commessi nelle Dogane e nelle saline i gik impiegati provvisori della Regia pontificia dei tabacchi, dell'Amministrazione
del macino, i

computisti, i magazzinieri e tutto il persogiornaliera dell'Amministrazione del macinato,


licenziato o da licenziarsi in conseguenza della legge del di 19 luglio 1880, restando ferme le altre disposizioni degli stessi decreti
che concernono il conferimento agli anzidetti individui di Banchi
di lotto e di rivendita di generi di privativa nei limiti e colle conromana

nale

mercede

dizioni ivi accennate.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello


Stato, sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei
decreti del Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di
osservarlo e di farlo osservare.
Dato

Roma,

add 18

aprile

1881.

Guardasigilli:

EnnATA-conmas.

I libretti di

ricognizione

per averne un altro


l'ultima cedoletta.

sono

bisogna

validi fino alla loro estinzione, e


prima di consegnare

farne richiesta

DIREZIONE GENERALE DEL DEBITO PUBBLICO


RETTIFICA D'INTESTAZIONE
n.

(16 bblicazione).

seguente del consolidato 5


registri della Direzione

225945 d'iserizione sui

per
Ge-

nerale

(corrispondente al n. 48005 della soppressa Direzione di


Napoli), per lire 10, al nome di Mangini Gaetano fa Giuseppe,
domiciliato in Napoli, venne cos intestata per errore occorso nelle

T.VILLA.

Regio deereto n. 168 (Serie 36), pubblicato nel numero 96 (25 corr.) di questa Gazzetta Ufficiale all'alinea 4 dell'art. 20, leggasi: le tasse..... dovranno essere pagate invece di essere passate.
Nel

o.

poste del Regno si rilasciano al prezzo


di lira una libretti chiamati di ricognitione, i quali servono a far
conoscere il titolare dagli aflizi di posta, dispensandolo dal prodarre qualsiasi altro documento per ritirare o far ritirare le proprie lettere raccomandate ed assicurate, e risenotere vaglia.
Per ognuna di queste operazioni basta presentare o far presentare da altri all'uffizio di posta il libretto con una delle dieci cedolette, di cui si compoile, firmata dal destinatario.

cento, cio:
A. MAGLIANI.

il

A vvia
In tutte le Direzioni delle

Si dichiarato che la rendita

UMBERTO.

Visto,

DIREZIONE GENERALE DELLE POSTE

indicazioni date dai richiedenti all'Amministrazione del Debito

Pubblico, mentrech doveva invece intestarsi a Mangini Gaetano


fu Yincenzo, domiciliato in Napoli, vero proprietario della rendita stessa.
A termini delPart. 72 del

regolamento

sul Debito Pubblico si

dilda
Con R. decreto firmato da S. M. in udienza del 6 marzo 1881, e
alla Corte de'conti il 14 aprile corrente, stato rigettato, dietro conforme parere del Consiglio di Stato, il ricorso interposto dal comune di V contro la deliberazione della Deputazione provinciale di Padova del 30 luglio 1880, con la quale veniva stanziata di ufficio nel bilancio del comune la somma complessiva di lire 1299 61 come quota di concorso al mantenimento
della Scuola tecnica di Este.

registrato

chiunque possa avervi interesse che, trascorso un mese


dalla prima pubblicazione di questo avviso, ove non siano state
notificate opposizioni

questa Direzione Generale, si proceder

alla rettifica di detta iscrizione nel modo richiesto.

Roma,

li 23 aprile 1881.
Per il Direttore Generale: FERREBO.

PARTE NON UFFICIALE


IL MINISTRO DELLA ISTRUZIONE PUBBLICA
Vista la
Visto il

approvato

legge 13 novembre 1859, n. 3725;


regolamento sull'istruzione industriale

per gli esami di licenza negli Istituti


nelle Scuole nautiche, approvato col R. decreto

regolamento

nautici

del 31

maggio 1877,
Visti gli altri due

3857 ;
RR. decreti 30
n.

durata dell'anno scolastico

tecnici

gli

gennaio

1881

esami di licenza

riguardanti la
negli Istituti

Decreta:
Art. 1. Gli esami di licenza negli Istituti tecnici
Scuole nautiche del

Regno

avranno

principio

nautici

nel corrente

nelle
anno

scolastico per la sessione estiva il 1 luglio, e per la sessione


tunnale il 1 ottobre, a oro 8 antimeridiane.

governativi

come

guazione

au-

delle sedi di esami cosi per gli Istituti


comunali e privati, e delle

pei quelli provinciali,

materie per le prove scritte, orali o grafiche che dovranno essere


sostenute dai candidati alla licenza sar fatta con altro nostro
decreto.
Art. 8. I candidati alla licenza dovranno iscriversi all'ufficio di
Presidenza dell'Istituto presso cui intendono dar l'esame non pi

tardi del 25 maggio per la sessione estiva,


sessione autunnale.

Rome,

21

L'Observer di Londra, parlando del programma della nuova


sessione parlamentare inglese, esprime Popinione che il gabinetto, avendo per s una grande maggioranza, potr compiere una quantit di lavoro.
I

principali oggetti

che

saranno

sottoposti

Parlamento, oltre il land bill irlandese,

nautici,

Art. 2. La des

DIARIO ESTERO

professionale,

col R. decreto del 18 ottobre 1865;

Visto il
tecnici

aprile

del 25

agosto

per la

1881.

Il Ministro: BACOELLI.

all'esame del
il progetto

saranno

del signor Chamberlain per la rifusione delle leggi relative


ai fallimenti, le quali sono troppo sfavorevoli ai creditori,
indi il progetto che ha per iscopo di combattere la corruzione elettorale, e da ultimo fors'anche un bill avente per
iscopo di estendere il diritto di suffragio.
Scrivono da Costantinopoli alla National Zeitung di Berche gli ambasciatori delle potenze avrebbero deciso

lino

quanto

segue:
1 Una Commissione europea sar incaricata di consegnare
successivamente alla Grecia i territori ceduti; 2 Si determiun giorno ad un'ora fissa
per lo sgombero di ciascuna
localit. La Commissione prender allora possesso del territorio, e una mezz'ora dopo vi si stabiliranno le truppe

ner

greche.

GAZZETTA UFFICIALE 1)EL REGNO UITALIA


IIn dispaccio da Costantinopoli annunzia che quattro persone, altra volta impiegate al palazzo imperiale, vennero acrestate sotto la imputazione di avere assassinato il sultano
Abd-ul-Aziz.
Costoro avrebbero confessato di avere soffocato l'infelice
sultano e di avergli poi aperte le vene del braccio per far
credere ad un suicidio. In questo affare sarebbero implicati
anche due antichi ufficiali del palazzo ed un ex-ministro della

Vi intervennero da Palermo il marchese di Torrearsa, rappredi Appello e di Cassazione, il


il
comandante
la
Giunta comuuale, la Deputaprefetto,
d'armi,

sentante Sua Maest, i presidenti

provinciale, la Magistratura, il corpo consolare ed altri diguitari civili e militari e un grandissimo numero d'invitati. Grande
zione
folla.
Forze assai considerevoli saranno spedite in
Parigi, 26.
Algeria per impedire qualsiasi velleit di rivolta da parte degli
indigeni.
-

guerra.

Parigi, 26.

Il signor Kiepert, geografo tedesco, ha calcolato che l',ultima proposta degli ambasciatori a Costantinopoli accorda
alla Grecia un aumento di territorio di 240 miglia (13,200
chilometri quadrati). La Conferenza di Berlino le accordava
20,075 chilometri qiiadrati. E cos la Grecia ottiene in meno
circa un terzo dei territori primamente assegnatile. Sono
875 chilometri di meno, dei quali 4895 in Epiro e 1980
nella

Tessaglia.

Scrivono da Belgrado, 19 aprile, che la Scupcina ha actolto con grandi applausi la esposizione dei motivi statale
comunicata dall'attuale gabinetto per provare la necessit di
modificazione della Costituzione in senso liberale. La
Scupcina si dichiarata unanimemente favorevole alla
modificazione del Patto fondamentale.
L'Assemblea nazionale sara pertanto convocata nel corso
di quest'anno, probabilmente verso l'autunno, affine di elaborare una nuova Costituzione.
Secondo la esposizione dei motivi, presentata alla Scupeina, le principali disposizioni che verranno proposte alla
ventura Assemblea sarebbero le seguenti:
1 La libert personale ed il diritto di propriet dovranno
essere garantiti dalla Costituzione in modo da metterli al si-

ogni possibile attentato o violazione;


2 L'insegnamento scolastico sar dichiarato obbligatorio
posto sotto la sorveglianza dello Stato;

da

3 Il diritto di riunione

di associazione

saranno

inscritti

nella Costituzione;
4

privati avranno facolt di


gli impiegati pubblici che

stizia
tive funzioni

tradurre davanti alla giunell'esercizio delle rispet-

loro un qualunque pregiudizio ;


5 La sospensione della liberta personale, del diritto di
riunione e della libert di stampa, nonch della inviolabilit
del domicilio, non potra avvenire che in caso di pericolo imminente, e coll'obbligo della immediata convocazione della
Assemblea nazionale, che decider se la sospensione debba o
no

avessero recato

mantenersi;
6 Saranno

garantite efficacemente la indipendenza ed ina-

movibilit dei
7 Le

pliate

giudici;
attgibuzioni delle autorit

comunali

saranno

am-

nettamente determinate.

I ministri della guerra

della marina ricevet-

dispaccio del comandante della urveillante, in data di La


Calle, 25, il quale dice:
Un forte vento e la grande agitazione del mare rendono lle
navi pericoloso l'ancoraggio di Tabarca. La spiaggia) impraticabile. La bandiera tunisina, che non era stata ancora inalberata in
Tabarca, vi sventola da questa mattina.

tero

un

rispose autorizzando il comandante


Tabarca di prendere le misure nocessarie per la sicurezza delle navi, ma ordinandogli di allontanarsi il meno possibile.
Dicesi che un battaglione a Lamia abbia fatto
Atene, 26.
Il ministro della

marma

delle navi ancorate dinanzi

dimostrazione in favore della guerra,


stati arrestati.

una

liew-York, 26.

una

curo

1753

Il Congresso di Colombia respinse la conCamargo, ministro di Colombia a Londra,

venzione conchiusa da
colla Santa Sede,
gere

nomin

che due ufficiali siano

una

Commissione incaricata di redi-

una nuova convenzione.

conservatori, tenuta ieri a


Northoote, approv una moa chiedere che il governo dia un compenso pei propropriet'a fu distrutta o deprezzata, e che comperi

Londra, 26.
Carlton

Club,

zione tendente

prietari

Una riunione di

sotto la

la cui

presidenza

di

i beni da vendersi.

Vienna, 26.
di

guarnigione

Pimperatrice

cavallo,

gi

ambasciatori di Germania

Bulgaria, gli

truppe

Vienna.

Vi assistevano
di

in rivista tutte le

L'imperatore pass

reiduchi, il principe
e

d'Italia

tutti

gli

addetti niilitari delle ambasciate.


Il luogotenente Weindermer,
Algeri, 26.
-

Pufficio arabo di

Gryville,

fu assassinato

con

appartenente alquattro spahi, in

seguito agli eccitamenti del marabutto Ben Amana.


Nello stesso tempo il conduttore del corriere di Saida

Gry-

ville fu pure assassinato e i suoi cavalli furono rubati.


Una colonna composta di quattro battaglioni e di tre squadroni partita per Gryville. Un'altra colonna composta di un
andr verso il sud di Sebdou.
e di tre

squadroni

battaglione

Il bey di Tunisi, parlando col corrispondente


Londra, 26.
del .Times, espresse la propria meraviglia che la sua posizione di
vassallo del sultano sia contestata dalPEuropa. Eglisoggiunse che
-

gli propose costantemente in questi ultimi mesi il protettorato della Francia, ma che egli non poteva accettarlo, non
permettendolo i suoi trattati colle potenze e le sue relazioni colla
Porta. Il bey dichiar che non poteva opporre alla Francia una
Roustan

resistenza armata, ma che protesterebbe sempre e manterrebbe


Pordine pubblico. S. A. fece appello specialmente alle simpatie
dell'Inghilterra e delPItalia.
I francesi occupavano stamane Pisola di TaLa Calla, 26.
che
barca. I tunisini,
occuparono Pisola, erano diggi partiti.
-

TET-EGltAMMI
(AGENZIA STEFANI)

Honaco, 26.
Genova, 26.

Henreale, 26Oggi ebbe luogo la solenne tumulazione dei


Reali di Navarra, Margherita e figli, Ruggero ed Enrico.
--

Dopo

la

ricognizione delle Generi fa cantata dall'arcivescovo la

glese

Il

generale
Nel

Von der Tann morto

pomeriggio

Merano.

arrivata la corazzata in-

exandra.

Tunisi, 26 (via Marsala).

La colonna

Logerot

oggi giunta

breve distanza da Kef e si dispone ad occupare questo punto per


operare contro i Krumiri del Sud.
a

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

1751

La colonna destinata ad operare dal lato Nord avrebbe per base

Tabarca, la cui occupazione sembra imminente.


Il bey ha diretto oggi al primo ministro del sultano
telegramma:
Il comandante in
capo delle nostre truppe, come

Krumiri

sono
e

seguente

pure 1 godi Kef, mi hanno informato che le truppe


penetrate sul territorio tunisino dalla parte dei

vernatori di Tabarca
francesi

il

dalla

parte

di

minacciando

Kef,

quest'ultima

fortezza.

Sei navi da guerra manovrano pure per occupare Tabarca.


Prego Vostra Altezza di prendere in considerazione questa si-

tuazione
guire.

di indicarmi senza

indugio

la linea di condotta da

se-

REALE ACCADEMIA DEI LINCEI


CLASSR DI SCIENZE MO$ALI, STORICHE E FILOLOGICHE
Seduta del 94 aprile 1883, presieduta
da nt TEEifzIO HHIANI.

Doy l ttt l vbaie,

la cortiunicazione del oarteglibri


dei
gio
presentazione
giunti in dolid, il
CARUTTI presenta pure iii nome de1Pautore, prof. Lutal
PALMA, il terzo YOunie de rs0 $ $rifl0 0S$ili0MGIO,
e

col

segretri

la

termina quest'opera importante.


GEFFROY presenta i due primi fascicoli di una
nuovapubblicazioneperiodica della Scuola francese di Roma,
intitolata: Mlanges d'archologie et d'histoire. Presenta
pure il fascicolo 21 della Bibliothque des Ecoles franaises
d'Athnes, et de Rome, e comunica da ultimo che la Scuola

quale

Il socio

dei registri di papa Innocenzo IV, che riuscir di tre volumiin 4,


e restituir alla scienza storica seimila bolle inedite di quel
solo pontefice.
Sono quindi presentate le seguenti Memorie per essere notteposte al giudizio di Commissioni:
francese

di Roma ha incominciato la

pubblicazione

1. RAGNISCO P. La teologia nella filosofia greca e moderna.


2. GEROSA G. G. ulla calOricit ell'acqua alld fmpera-

densit, e d'alcun po' superiori.


equazioni binomie.
Vengono poscia presentate le seguenti Note e Memore per
la inserzione negli Atti :
1. PIGORINI L. Di alcuni oggetti etnologici dell'Ecuador,
posseduti dal Museo preistorico ed etnografico di Roma.
Gli oggetti illustrati appartengono a naturali viventi
presso le rive del Maragnone, di taluni de' quali si conosce
pure il nome, cio, dei Murati, degli Uramiri, e degli Ichiti.
E giova notare che, particolarmente dei Murati, nessun altro
Museo etnografico d'Europa, per quanto se ne sa, possiede
ture prossime al massinio di
3. TAN0 F. Intorno alle

alcuna.
Tali oggetti furono inviati nel 1757 e nel 1758 ad Antonio
Vallisnieri juniore, di Padova, dal gesuita Gian Domenico
Coleti, missionario in Quito, e nel 1877 furono regalati al
cosa

Museo preistorico ed etnografico di


sit di Padova che li posiedeva.

Roma,

dalla R. Univer-

Rimangono ancoi I ltteie originali, coll quali il Coleti


accompagn il dono fitto al Vallisnieri. Il professore Pigorini le riprodusse nella sua Memoria, corredandola di note, e
premettendovi quanto era necessario di richiamare alla memoria sul Coleti, sugl'indigeni che fabbricarono gli oggetti

illustrati

e sul nome e l'uso di questi. Le figure poi delle due


tavole mostrano quale sia la forma delle armi, degli utensili
e degli ornmenti descritti nella Memoria.
2. CANTONI G. Presenta alcune osservazioni riuardo alla
teoria dell'elettroforo.
3. GUIDI J. La lettera di imeone vescotto di Bth Arsm,
sopra i martiri Omeriti.
Questa Memoria contiene la detta lettera secondo due Codici di Londra, ed uno di Roma; e nella recensione origi-

nale e genuina, mentre il testo conosciuto in molti luoghi


assai abbreviato.
4. GovI G. cuni brani de' manoscritti di Leonardo da
Yinci.
Essi sono relativi a un inonumento da efigrsi al maresciallo Giov. Giconto Trivulzio; a un racoonti liorno alPArmenia ed al Mont a o, forse trascritto a Lenardo,
forse inventato da esso ; e inalinente intiho in alcune
girt della Loinbardia, d eso probabet iistate e descritte.
5. Il socio corrispondente NAltouccI legge una sua proper la compilazione di un catalogo generale degli scrittori contenuti in tutte le raccolte periodiche scientifiche e
letterarie, non esclusi gli Atti accademici che videro la luce
in Italia fino al 1880.
6. FIORELLI G. Notizie sulle scoperte di antichit, delle

posta

quali giunsero informazioni

al Ministero nello

di

seguenti luoghi, pei ritrovamenti

marzo.

Esse riguardano i

scorso

mese

rispettivamente

accennati.
bissola uperiore. Avanzi di antico edificio termale.
erona. Tombe
Montorfano Comasco. Sepolcreto romano.
antiche.
Cellore d'lllasi. Necropoli barbarica.
Ca di
David e Buttapietra. Scoperte lungo il canale Giuliari.
-

--

Iscrizione latina.
Castelgeffredo. Marmo egizio
con iscrizione geroglifica, attribliita alla XVIII dinastia, e
Ferrara. Antichi
propriamente al regno di Amenofi IV.
sepolcri nella localit denominata Franchino.
.Bologna.
Scavi della necropoli felsinea.
Ravenna. Colonne rimesse
in luce presso la vetusta chiesa di San Severo, nella regione

Ostiglia.

--

classense.--Orvieto. Nuove scoperte del territorio voltiniese.


--

Corneto

Tarquinia.

Scavi della

necropoli di Tarquinia.

lumiere, Tomba arcaica scoperta sui monti della Tolfa.


Genzano Romano. Bollo di anfora.
Roma. Scoperte avvenute in suolo urbano e nel suburbio durante febbraio e

marzo.

Tirano,

anta Naria di Capua Vetere. Scavi nel fondo


dove ritornarono in luce tombe della necropoli ca-

--

.Torre del Greco. Scavi nel territorio Rivienio,


puana.
i
resti
di un'antica terma.
Pompei. Scavi nell'ipresso
sola 7, reg. IX.
Canosa. Vaso dipinto.
Genosa. Altro
Oria. Altri
vaso dipinto, rappresentante Edipo e la Sfinge.
vasi dipinti e terrecotte colorate, provenienti dalla necropoli
di questa citt.
Strongoli. Scavi in contrada Planette, re-

sede dell'antica Petelia.


Taornyina. Rilievo marmoreo rinvenuto dietro la chiesa di San Giuseppe.
SiraTermini
cusa. Anello con rappresentanze di stile egizio.
Enerese. Nuove scoperte epigrafiche latine.
Terranova
Pausania. Mattoni con bolli latini.

putata

L'Accademico egretario
ARUTTI.

GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA


stema di ferrovia per
cesi nel 1880.

1\TOTIZIE DIVERSE
Regia

La R. corazzata Castelgdardo giunta


Portoferraio il 25 corrente. Lo stesso giorno approdava e partiva
da Messina il piroscafo Dora, ed il R. avviso taffetta partiva da
-

Pozzuoli per Livorno.

del

signor

L'Esercito Italiano

an-

30 del corrente mese, dietro autorizzazione


comandante generale il 1 corpo d'armata, avr luogo

alla Venaria Reale la solenne inaugurazione del busto ad


ranza del generale Alfonso La Marmora.
opera

del

egregia

comm.

ono-

stato fuso in

Dini,

Hovisnento navale det Dardanelli.


Dal 6 al 12
corrente passarono i Dardanelli 28 bastiinenti. i questi 7 erano
diretti per Marsiglia, 3 Iier Miilta, 1 per Anversa, 8 per Londra,
-

1 per Falmouth, 1 per Adalia, 1 per Smirne,


Rotterdam, 8 per Gibilterra, 1 per Dedeagh,
Trieste, 1 per l'Inghilterra, 1 per Venezia, 1

1 per
1 per
per

linovi francobollt gostali tedeschi;


Journal des Dbats che l'Amministrazione delle

Livorno,
Spagna,
Liverpcol.

mese

loro il colore

II telefono in California.

si rendono
-

una somma

fissa al

di Bari, 1868. Citt di Torino, 1860. Citt di Sassari, 1875. Oitt


di Belluno, 1871. Citt di Mondovi, 1870.
Situazione del Banco di

lectrique

di

10 centesimi per

BTAslom

Assemblea degli azionisti


anglo-romana del gas
dell'acqua Pia (antica Marcia)
Assemblea degli
azionisti della Societ per la condotta dell'icqua potabile in Torino
Assemblea degli azionisti della Banca di Livorno
Il
Credito agrario
La Conferenza monetaria
Finanze inglesi.
Parte ferroviaria.
Ferrovia Bologna-Verona
Ferrovia Ge-

3 4

sereno

nova-Piacouza
L'orario estivo delle ferrovie dell'Alta Italia
Opere ferroviarie approvate a tutto il 18 aprile
Nuovo si-

calmo

Parma........
Modena.......

nebbioso

Genova.......

nebbioso

agitato

Pesaro........

114 coperto
tutto coperto
14 coperto
112 coperto

calmo

Torino........

P. Maurizio..
Firenze.......
Urbino........

......

0. di Castello
Camerino....

Aquila........
Roma.........

Potenza......
Lecce

.........

......

Cagliari......
Catanzaro

...

Reggio Cal...

tutto

sereno

tutto

coperto
34 coperto
114 coperto
114 coperto
2[10 coperto

mosso
-

tranquillo
calmo
-

tranquillo

3(4
114
114
314
114
112

coperto
coperto
coperto
coperto
coperto
coperto

sereno

Caltanissetta

sereno

P.

sereno

Empedoele

sereno

Palermo......

Siracusa......

sereno

3;4 coperto
coperto
tutto coperto

Venezia ......

Cosenza

7 ant.

Milano........

Parte nanziaria.
Rassegna settimanale delle Borse
Note
ed appunti sugli Istituti di credito e industriali
Banca NazioBanco di Sicilia
nale
Banca Romana
Banca Nazionale
Toscana
Banea Toscana di Credito
Assemblea degli azionisti

del mare

7 ant.

Domodossola

Foggia........
Napoli........

Borse.

10,

sei mesi lire 6 ;

oro.

del cielo

coperto
tutto coperto

Bellano.......

Bollettino delle Finanze, Ferrovie eIndustrie.


Il n.17 del .Bollettino delle Finanze, Ferrovie e
Industrie, che si
pubblica in Roma tutte le domeniche, contiene le seguenti materie:

Il 26

di vivere il

della Societ
della Societ

lire

Roma, 26 aprile.

Ancona.......

Annunzi
anno

BOLLETTINO METEORICO

corrente, dopo lunga e penosa malattia,


maggior generale eav. Placido Balegno di Carpeneto, comandante la brigata di cavalleria.
Domenica scorsa, scrive la Gassetta di Parma del
26, nella
nostra citt moriva Angelo Zinelli, uno dei Mille di Marsala.

Decess1.

Estero anno lire 13, sei mesi lire 7 in

Livorno

cessava

Napoli

Condizioni d'abbonamento: Italia

di Germa-

poste

dispaccio.
-

LI?UFFCIO CEN''L ''i

quindi inservibili.

mese e

nel

Parigi scrivono da San Francisco di California, che il telefono


ora adoperato regolarmente a Chicago per chiamare alla Corte di
giustizia i legali quando havvi un affare che li concerne. In allora
viene accordata una sospensione di 10 minuti, allo
scopo di dar
tempo a ricevere il dispaccio e giungere alPudienza.
Un impiegato ed uno stromento sono specialmente destinati a
questo servizio in Tribunale e gli associati a questo sistema di
trasmissione pagano

I tabacchi in Avana.

corrispondenze
Napoli.
Memoriale dei commercianti,
particolari informazioni
emorale degli appaltatori
industriali e spedizionieri
Memoriale degli azionisti
Estrazioni: Citt di Napoli, 1875. Oitt

1 per

Lggiamo

Alla Lumire

1 per

cancellato per mzo d un processo chimico.


I nuovi francobolli rendono impossibile una frode di tal fatta,
ma ci impedisce in pari tempo di scollare i francobolli, poich,

toglie

marzo

Nostre

nia pose test in vendita dei francobolli postali stampati mediante


colori che si cancellano con Paequa. Quest innovazione stata
introdotta all po di evitar oho si mittessero di nuovo in difcolazine dei frncobolli usati, in eni il marchio postale era stato

si

di

Nostre

bronzo nell'arsenale di Torino.

bagnandoli,

giorno

Questo busto,

Monumento La Harmora.
nunzia che il

Prodotti delle ferrovie fran-

adstrl.
Appalto delle miniere dell'isola d'Elba
premiati italiani alPEsposizione universale di Melbourne
Nuovo sistema di telegrafia elettro-autografica.
Parte commerciale.
La nuova SoRassegna dei mercati
olet anima di navigazione Rubattino e Florio
Le importazioni italiane all'Epiro
Movimento portuario di Genova nel
Parte

Marina.

montagna

1755

1[4 coperto

calmo
-

legg. mosso
agitato
-

tranquillo
tranquillo

Massima

16,3
16,4
18,6
17,4
17,2
17,9
18,0

17;8
15,0
17,1
19A
12,8
15;3
17,1
17,0
12,7
13,1
17,4
15,0

17,5
9
16,4
16,0
21,0

15,2
15,8
17,0
15,0
-

15,9

Minima

6,2
8,9
Egl
10,1

7,7
.9,5
4,9
12,0
9,2
9,6
7,0

7,0
10,0
10,8
3,1

5,0
2,6
6,7
2,2
9,3
3,2
5,5

?,2
10,0
8,2
12,4

9;2
6,0
-

10,4

175

GAZZETTA UFFICIALRDEL REGNO D'ITALIA


TELEGRA31AA MTE0IIICO

DELL'UFFICIO

CENTRALE

Osser

forio

METEOROLOGIA

DI

del

Collegio tomatio

ALTEZZA DELLA STAZIONE

Roma, li 26 aprile 1881.


depressione giunta ieri sulla Norvegia senza rinforzare
estende la sua influenza sulla Germania; alte pressioni al SW di
Europa. Christiansund 743 mm., Amburgo 750, Biarrits 769.

26 apr
65.

1881.

7 ant.

Mezzodi

3 pom.

9 pom.

Barometro ridotto
a 0 e al mare

765,2

763,7

761,6

760,5

Termomet.esterno

8,9

15,8

15,3

13,0

La

In Italia il barometro abbassato al Ne salito al S. Pressioni:


7(il mm. Domodossola; 762 Torino, Parma, Venezia; 765 Mar-

siglia, Roma,

Catanzaro

767 Palermo.

Cagliari, Siracusa;

766

Ieri venti moderati fra SW

(centigrado)

NW in diverse stazioni.

Umiditrelativa....

80

59

13

88

Umidit assoluta...

6,80

7,89

9,50

9,85

Anemoscoploe vel.

Calma

SSW. 24

SSW. 21

SSW. 8

2. eumuli
str. orizz.

10. coperto

10. coperto

2. nebbioso
orizz.

orar.mediainkil,

Stamane cielo

quasi coperto sull'Italia superiore; misto algeneralmente deboli del 3 e 4 quadrante. Temperatura alquanto alzata.
Mare agitato nel golfo di Genova ed a Palermo ; mosso in ge-

Stato del cielo........

trove. Venti

OSSERVAZIONI DIVERSE

(Dalla mezzanotte del giorno precedente alla mezzagotte del corrente).


Termometro: Massimo
17,2 C.
13,8 R. | Minimo = 6,7 0. = 5,4 R.

nerale altrove.

Continuano venti intorno al

ponente, per

freschi,

Pioggia

in 24 ore:

mm.0,7.

LISTINO UFFICIALE DELLA BORSA DI COMMERCIO DI ROMA


del d 27

GODIRENTo

Valore

DAL

10BilI3$

VALORI

aprile

1881.

Detto

Rothschild
Obbligazioni Beni Ecclesiastici 5 0|0
Obbligazioni Municipio di Roma
Azioni Regla Cointeressata de'Tabacchi
Obbligazioni dette 6 0/0
Rendita Austriaca
Banca Nazionale Italiana.
BancaRomana ................
Banca Generale
;
Banca Nazionale Toscana
Societ Gen. di Cred. Mobiliare Italiano
Societ Immobiliare
Banco di Roma
Banca Tiberiria
Cart. Cred. Fond. Banco Santo Spirito
Fondiaria (Incendi)
laem
(Vita) ...............
Societ Acqua Pia antica Karcia
Obbligazioni detta
Societ italiana per condotte d'acqua.
Anglo-Romana per l'illuminas, a Gas
Compagnia Fondiaria Italiana
Strade Ferrate Romane
Obbligazioni dette
Strade Ferrate Meridionali.
Obbligazioni dette
Buoni Meridionali8 per cento (oro)
Obbl. Alta Italia Ferr. Pontebba
Obbl. Ferrovie Sarde nuova emiss. 3 0/0
Az. Str.Ferr.Palermo-Marsala-Trapani
Obbligazioni dette
Societ Romana delle Miniere di ferro.
Gas di Civitavecchia
Pio Ostienee
.

1e luglio 1881
16 ottobre 1881
1 aprile 1881

dice1bre

1880
aprile 1881
1 gennaio 1881
16
1e

1 gennaio 1881

aprile 1881
gennaio 1881

april

1831
10 gennaio 1880

1e

gennaio 1881

1 gennaio 1881
-

1 ottobre 1880
.

0BRB$

C A MB I

500
350

90 05

93

96 50

537 50
500 ,
430 ,

537 50
500 ,
430 ,

750 .
1000 m
250 m
700 ,
400 ,
500 ,
250 m
125 ,
500 ,
100 oro
125 oro
500 ,
500 ,
150 oro
500 ,
250 ,
500 ,
500 ,
500 ,,
500 ,
500 ,
500 ,
500 ,,
500 ,

DANARO

1000 ,
1000 ,,
500 ,
1000 ,
500 ,
500 ,
500 ,
250 ,
500 ,
500 oro
250 oro
500 ,
600 ,
500 oro
500
250 ,
500 ,
500 ,,
500 ,
500 ,
500 ,
500 ,
500 ,
500 ,

LETTERA

DANARO

LETTERA

DANARO

500
500
500

90 10

FINE PROSSIMO

CORBENTE

657

...

...

610

...

972

970

GIORNI

LETTERA DANARO

glia
.

Augusta
Vienna
Trieste

90

.
.

.............
...............
................
............

Oro, pezzi da 20 lire


conto di Banca

90
90
90
90

101 55

101 80

2575

2570

...

...

OS SE RV A E IO NI

Londra breve 25 71.


Banca Generale 658 50 fine.

20 53

20 51

873

-.

$0milII6

90)

Prezzi fatti:

470

Oro 20 50,
Lione
Londra

1105

612

656 50

FINE

Vergat
LETTERA

Rendita Italiana 5 0/0


Detta
detta 8 0|0
Cartificati sul Tesoro Emise. 1860/64
Prestito Romano, Blount

CONTANTI

Valore

Il indaco: A. PIERI.

--

...

478

284

177

INSERZIONI DELLA GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO IYITALIA

INTEREEl i HENZA DELLA PROVIEIA Ill ROMA


per la vendita dei beni

pervenuti

AVVISO FANTA (li. 1693)


Demanio
al
per effetto delle leggi 7 luglio 1866, n 3036,

15

agosto 1867,

n 3848.

dieci antim; del giorno 7 maggio oEerente la cui offerta sia per lo meno eguale al prezzo prestabilito per lo
Si fa moto al pubblico
di uno incanto.
1881, nell'ufficio della R. Sottoprefettura di Velletri, alla presenza
6. Saranno ammesse anche le offerte per procura nelmodo prescritto dagli
dei membri della Commissione provinciale di sorveglianza, coll'interai articoli 96, 97 e 98 del regolamento 22 agosto 1867, n 2852.
vento diun rappresentante dell'Amministrapione finapziaria, si proceder
7. Entro dieci giorni dalla seguita aggiudicazione, l'aggiudicatario dovr
dell'ultimo miglioreoferente
pubblici incanti per l'aggiudicazione a favore
la somma sottoindicata nella colonna 9 in conto delle spese e
dei beni infradescritti, rimasti invenduti ai precedenti incanti sottoindicati. depositare
tasse relative, salva la successiva liquidazione.
CONDIZIONI I RINCIPALI.
Le spese di stampa staranno a carico dei deliberatari per i lotti loro rischede segrete e separatamente per
1. L'incanto sark tenuto mediante
spottivamente aggmdicatt; avvertendo che la spesa d'insersione nella gazciascun lotto.
od a chi zetta provmetale e solamente obbligatoria per quel lotti il cui prezzo
2. Ciascun offerente rimettr a chi deve presiedere l'incanto,
d'asta raggmnga o superi le lire 8000,
dovr
offerta
in
la
quale
la
sua
piego suggellato,
sar da esso lui delegato,
8. La voudita inoltre vincolata alla osservanza delle condizioni contelmte
lira,
una
da
essere stesa in carta da bollo
nei capitolati generale e speciale del rispettivi lotti; quali capitolati, non
certificato
del
deposito
essere
accompagnata,dal
3. Ciascuna offerta dovr
che gli estratti delle tabelle e i documenti relativi, saranno visibili tutti i
nella Cassa del
del decimo del prezzo pel quale aperto l'incanto, da farsi
giorni dalle ore 10 antirneridiane alle 4.pomerld. nell'ufficio del registro
eccede
la
di
lire
della
somma
2000,
ricevitore demaniale; e quando l'importo
di Velletri.
all'asta.
caso
presso chi.preaiede
Tesoreria provinciale, in ogni
9. Non saranno ammessisuccessiviaumenti stil prezzo dell'aggitidicazione.
Pubblico
al
di
corso
del
Debito
anche
in
titoli
Il deposito potr essere fatto
10. Le passivit ipotecarie gravanti gli stabili rimangono a carico del Dei
del
a
del
Regno
giorno precedente
Borsa pubblicato nella Gazzetta Ufciale
manio, e per quelle dipendenti da canoni, censi, livelli, ecc., e stata fatta
valor
nominale.
di
creazione
al
nuova
nello del deposito, od in titoli
la deduzione del corrispondente capitale nel determinare
che avr fatta la mi- preventivamente
& L'a giudicazione avr luogo a favore di quello
il prezzo d'asta.
il
di
due
caso
Verificandosi
d'incanto
gliore o erta in aumento del prezzo
ATVERT2Nza. Si proceder ai termini degli articoli 402, 403, 404 e 405 del
non vi siano offerte migliori, si
o pi oferte di un prezzo eguale, qualora
Ove non consentissero gli offerenti di ve- Codice penale italiano contro coloro che tentassero impedire la libert dek
terr una gara tra gli offerenti
si avr Pasta od allontansso gli accorrenti con promesse di danaro o con altri
nire alla gara, le due offerte eguali saranno inibussolate, e l'estratta
mezzi s violenti che di frode, quando non si trattasse di fatti colpiti da pi
la
sola
efficace,
per
solo gravi sanzioni del Godice stesso.
5. Si proceder per l'aggiudicazione quand'anche si presentasse un
che

alle

ore

DEPOSITO

SUPERFICIE

DESOB

I E I ONE

DE I

in mianra

legale

DENOMINAZIONE E NATURA

Provenienza dal Capitolo della Caitedrale


di Valmontone
Terreno seminativo in voc. Osteria Bianca o Valle Folcara, confinante coi beni del principe Doria, col fiume Sacco e con la
stra3a romana, in mappa sez. VIf, n. 9 (sub. 1, 2), con Peatimo di
scudi 899 70. Dato a colonia dall'Ente morale a Purello Antonio, Milani Francesco, Colaiacomo Lorenzo ed altri

3718 4087 Nel

di

comune

Segni

le

prese
e

ultimo
incanto

tasse

:a

Roma, add 18 aprile

1881.

AVVISO DI VENTESIMO.
Il sindaco del comune di Pate n rende di pubblica ragione che allo appalto dei dazi consumo governativi e comunali, preparatoriamente aggiudicato sotto il giorno 3 aprila corrente al signor Mario Ponte per persona nominanda nel termine di legge, per lo stato di lire 132,000 annuali, si fatta
offerta col ventesimo di pi dal signor Vincenzo Pagliesi Ardizzone fu Giufu
seppe e consorti, colla fideiussione solidale del signor Salvatore Catone
Biagia. Epper lo stato dei dazi consumo anzidetti per quest'ultima oferta
col ventesimo di aumento viene a stabilirsi per lire 138,00 annuali.
Dovendo quindi procedersi alla diffinitiva subastazione di tale oferta di
ventesimo, il sindaco anzidetto ha fissato il giorno 3 maggio pressimo venturo, alle ore dieci antimeridiane, nella sala di questo palazzo comunale, invitando all'uopo attendenti per migliorare lo stato.
Chiunque vorr presentare eKerta verbale o acritta per l'aggiudicazione
dell'appalto cui sopra, dovr depositare al segretario la somma di lire 3000
per acconto di spese e guarentigia dell'cKerta.
I capitolati d'oneri ed altre carte attinenti alla pratica sono depositati in
rendersi ostensibili a chiunque ne faccia richiesta nelle ore d
segreteria
per

afficio.

Paterno, li 18 aprile 1881.

2285

cauzi ne
delle
offerte

2193

locale

ineanto

5678910

123

PftBIllTI

PREZZO

EN I

Il funzionante da indaco: DOMENICO PULVIRENTI.

INTENDEMA DI FINAHA DELLA Pil0TINCIA 01 R0BA.

7 54

75 40

16,292

26

1629 23

850

>

L'Interufente: TARCHETTI,

AIIBINISTRAZIONE PROVINCIALE DI TERIll DI IAV0If0


Avviso d'Asta.
Essendo tornati deserti gli incanti che furono banditi pel giorno 20 volgente,
onde dare in appalto 11 mantenimento della strada di Capua {2 tratto) dagli
Archi di Capua fluo all'incontio deHa strada di Roma, della lunghezza di metri 2578 70,
Si dillida 11 pubblico
Che il mattino di sabato 14 entrante maggio, alle ore 10 antimeridiane,
con la continuszione, sar proceduto ad un secondo esperimento di pubblici
incanti in ribasso dell'annuo canone di lire 8902 92, ed in conformit di na
apposito capitolato che ostensibile a chiunque in ciascun giorno, meno i festivi, da cggi al di della subasta.
Per essere amineasi a far partito i concorrenti dovranno esibire un certificato d'idoneit a firma di un ingegnere capo d'un ufficio tecnico provinciale
a mesi sei.
o governativo, di data non anteriore
La canzione provvisoria, da darsi nell'atto dell'offerta, fissata in lire 800,
e non sar altrimenti accettata che in numerario; la definitiva, da darsi nell'atto della stipula del contratto, sar pari ad 11n'annata di estaglio, e potr
fornirsi anche con rendita pubblica italiana al portatore a corso di Borsa.
L'appalto avr la durata di un Bessennio, con facolt all'Amministrazione
di proregarla di un altro anno.
Il termine utile per le uiteriori offerte di ribasse, non inferiori al ventesimo del prezzo di provvisoria aggiudicazione, scade al mezzodi di lunedi 30
dell'entraate mese di maggio.
Non appena divenuta definitiva l'aggiudicazione l'aggiudiestario avr il perentorio di giorni 8 per la stipula del contratto, a far tempo dalla data della
notineazione dell'approvazione, anche in semplice forma amministrativa, e qualora non si presenti a sottoscriverlo perder la cauzione provvisoria; e sar
responsab?Ie di tutti i danni ed interessi che potranno all'Amministrazione

pensionario Landi Domenico, gi caporale di finanza, ha dichiarato


di avere smarrito il proprio certificato d'inscrizione portante il numero103375,
della serie 26, per l'annuo assegno di lire 348 30, e si obbligato di tenere
indehne lo Stato da qualunque danno che potesse derivare al medsimo in segaito alla spedizione di un nuovo certificato.
11 pensionario stesso ha inoltre fatto istanza per ottenere il nuovo certificato d'inserizione.
Si rende consapevole perci chinnque vi possa avere interesse che, in seguito alla dichiarazione ed alla obbligazione surriferite, il nuovo certifleato provenirne.
d'inserizione verr al suddetto pensionario rilaseisto quando, trascorso um
11 de iberamento subordinato all'approvazione della Deputazione provinmese dal giorno della pubblicazione del presente avviso, non sia stata presentata opposizione legale a questa Intendenza 9 al Ministero delle Finanze. ciale.
Caserta, 20 aprile 1881.
A Roma, il 23 aprile 1881.
2177
Fer I"Intendente di finanza: ROSALBA. 2260
D Segretario capo: FABROCINI.
Il

INSERZIONI DELLA GAZ3ETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

1758
N. 119.

Minister o dei

Lavori Pubblici

SOCIET DELL'A CQUA PIA (ANTICA AIAuc1A)


RILANCIO al 31 dicembre 1880

Approvato nell'Assemblea generale del 21 aprile 1881.


ATTIVO.
DIREZIONE GENERALE DEI PONTI E STRADE
Acqua di patrimonio sociale
L. 5,776,839 17
Costruzioni secondo sifone e relativa csaalizzazione
1,959,583 16
,,
d'Asta.
Saldo azioni e obbligazioni:
Alle ore 10 antimeridiane di martedi 17 maggio p. v., in una delle sale di
Azioni seconda emissione
L.
500,075 ,,
Obbligazioni
1,137,500 ,,
questo Ministero, dinanzi 11 direttore generale dei ponti e strade, e presso la
,
Regia Prefettura di Belluno, avanti il prefetto, si addiverr simultaneamente,
,,
1,727,576 ,
col metodo dei partiti segreti, recanti il ribasso di un tanto per cento, allo in- Cauzione governativa
85,905 63
,,
eanto per lo
Conti correnti
422,065 50
.

Avviso

,,

,,

Caponi obbligazioni
Tasse ed imposizioni.

Debitori diversi

Perci coloro i quali vorranno attendere a detto appalto dovranno, negli


indicati giorno ed ora, presentare in uno dei suddesignati uffizi le loro offerte,
emeluse Inolle per persona da dichiarare, estese ou carta bollata (da
una lira), debitamente sottoscritte e suggellate. L'impresa sar quindi deliberata a quegli che risulter il migliore offerente, e cio a pluralit di offerte,
purch sia stato superato o raggiunto il limite minimo di ribasso stabilito
dalla scheda Ministeriale.
L'impresa resta vincolata all'osservanza del capitolato d'appalto generale
approvato col decreto Ministeriale 31 agosto 1870, e di quello speciale in data
20 luglio 1880, visibili assieme alle altre carte del progetto nei suddetti uffici di Roma e Bellano.
La manutenzione decorrer dal giorno della regolare consegna e durer fino
al 31 marzo 1890.
Per essere ammessi all'asta i concorrenti dovranno presentare il certifleato
di aver versato in una Cassa di Tesoreria provinciale il deposito richiesto per
adire all'incanto, avvertendo ch0 BOR BarBBRO 8000ttate O SitO COR depO8iti
in contanti od in altro modo.
Dovranno inoltre i concorrenti esibire:
a) Un certificato di moralit rilasciato in tempo prossimo all'incanto dalla
autorit del luogo di domicilio del concorrente;
b) Un attestato di un ingegnere, confermato dal prefetto o sottopref6tto,
il quale sia stato rilaselato da non pi di sei mesi, ed assienri che il conoortente, o la persona che sar incaricata di dirigere sotto la sua responsabilit ed in sua vece i lavori, ha le cognizioni e capacit necessarie per Peseguimento e la direzione dei lavori di cui nel presente avviso.
La cauzione provvisoria fissata in lire 6500 in numerario od in cartelle
al portatore del Deb'to Pubblica dello Stato al valore di Borsa nel giorno
del deposito, e quella definitiva alla met dell'annuo canone di deliberamento,
in numerario od in cartelle come avanti.
Il deliberatario dovr nel termine di giorni 10 successivi a quello dell'aggiudicazione stipulare il relativo contratto.
Il termine utile per presentare in uno dei suddesignati uffizi offerte di ribasso sul prezzo deliberato, non inferiori al ventesimo, resta stabilito a giorni
quindici successivi alla data dello avviso di seguito deliberamento.
Le spese tutte inerenti all'appalto e quelle di registro sono a carloo del-

delle opere e provviste accorrenti alla novennale manuten- Contanti in Cassa


Credito Liegese conto corrente
elone del tronco de:la strada nazionale Bellunese n. 48, scorrente in provincia di Belluno, compreso fra Belluno e Primolano, Effetti
a ricevere
escluse le traverse di Santa Giustina, Formegan, Feltre, Arten Valori diversi
ed Arsi, della lunghezza di metri 48180, per la presunta annua Anticipazioni:
Caponi interessi azioni primo
somma, soggetta a ribasso d'asta, di lire 17,310.

Appalto

40,787 14
928,826 58

,,

,,
.

,,

,,

semestre 1880
.

117,881 65
43,400 ,,
22,728 80

,,
,,
,,

,,
.

1,477,094 85
78,795 10
146,232 84

,,

184,010 45
132,520 08

Totale L. 11,477,640 66

PASSIVO.
Capitale sociale azioni
L. 7,500,000 ,,
Obbligazioni
-.-.............,,2,000,000,,
F6ndo di riserva manutenzione
10,651 18
,,
Effetti a pagare
930,846 57
,,
Creditori diversi
182,618 98
,,
Creditori per cuponi arretrati
50,986 52
,,
Creditori dividendo 1879
4,276 22
,,
Creditori-interesse versamenti seconda emissione
15,712 50
,,
Residuo attivo al 31 dicembre 1879
153,185 30
,,
.

Saldo bilancio attivo

,,

629.363 40

L. 11,477,840 65
Il Direttore
Il Presidente del Consiglio d'amministrazions
ELUMENSTHIL.
GIUSTINI&NI-BANDINI.
2271
I Sindaci: GIUSEPPE PERSIANI
FRANCESCo VASSALLT.
-

MUNICIPIO

DI

PROCIDA

Avviso d'Asta.

Si fa noto al pubblico che nel giorno 16 maggio prossimo, alle


ore 10 antimeridiane, sul palazzo municipale, dinanzi al sindaco di questo comune si
proceder all'appalto dei lavorl occorrenti per completare le riparazioni alla
banchina di levante del Porto di Procida, in base al progetto d'arte redatt
dall'ingegnere signor Michele Ancone, ed a ribasso sulla somma di lire 52,000.
I lavori suddetti debbono essere ultimati nel periodo di anni quattro decorribili dal giorno della consegna, che avr luogo dopo la stipula ed approvazione dell'atto di sottomissione, e lo importo dei medesimi verr pagato dalla
Amministrazione in quattro rate anche uguali, nel modi e forme prescritte
dal capitolato di appalto, in base ai prezzi risultanti dalla tariffa
l'appaltatore.
annessa al
detto capitolato; di quali progetto d'arte e capitolato ognuno potr prendere
Roma, 25 aprile 1881.
B
M.
FRIGEllI.
Caposezione:
2256
visione nella segreteria municipale dalle ore 8 antimeridiane all'ana pomeriJiaua di ciascun giorno.
Gli aspiranti allo appalto suddetto per essere ammessi all'asta dovranno
esibire un certifleato d'idoneita, rilasefato a data corrente da un ingegnere,
contenente la dichiarazione delle opere marittime nelle quali ciascuno di essi
ha preso parte, ed un certifleato di buona condotta del sindaco del rispettivo
l'autorit che presiede all'asta la
somma di lire
A seguito degli incanti tenutisi 11 23 corrente mese In questa Prefettura, domicilio; depositare presso
dovr dare un garante solidale idoneo e solvibile e di soddisfaa
2600,
oppure
coriformemente all'avviso d'asta del 30 p. p. marzo, lo
zione del sindaco, ed antielpare a mani del segretario municipale la somina
di trasporto delle
e la di lire 500 per importo degli atti di appalto, tasse di
tra
registro, ecc. Tali somme
a tutti dopo seguito l'appalto,
tranne a colui che sar restazione
di
in transito per Villanova Monte- saranno restituite
stato deliberatario, il quale invece avr l'obbligo di aumentare la cauzione
e Cossoine,
leone, Mara,
sino a lire 5200 per raggiungere il decimo del prezzo di aPpalto, ovvero di
venne deliberato per la presunta annua somma di lire 15,66 63, dietro l'ot- presentare un garante solidale idoneo, solvibile e di soddisfazione della Giunta
municipale.
tenuto ribasso di lire 2 per ogni cento lire.
Il termine utile (fatalli per rassegnare efferte in diminuzione della detta
Si fa noto inoltre che l'asta seguir ad estinzione di candela Vergine; che
presunta annua somma di deliberamento, le quali non potranno essere infe- vietato di cedere o subappaltare in tutto o in parte l'opera assunta; che 11
riori al ventesimo e dovranno essere accompagnate dal deposito e certificati termine utile per la produzione del ribasso del ventesimo stabilito a giorni
prescritti, scade col mezzogiorno del 9 p. v. mese di maggio, conforme si era sedici, i quali scadranno alle ore dodici meridiane del giorno 16 giugno prosstabilito colPavviso d'asta del 30 U. s. marzo.
simo; e che nel rincontro saranno seguite tutte le formalit prescritte dalla
Tali offerte saranno ricevute in questa Prefettura, ed Ove pi d'una fosse legge 22 aprile 1869, n. 5026, sull'Amministrazione del patrimonio dello Stato
presentata; sar preferita la migliore, e se uguali, quella rassegnata prima. e dal relativo regolamento.
Procida, li 27 aprile 1881.
Sassari, il 23 aprile 1881.
Il indaco: G. COSTAGLIOLA.
Per detto Wilicio di Prefettura
2219
2281
Il egretario incariato: L. DELORENZO.
li Begretario: G. ESCOBEDO.

PREFETTURA DELLA PROVNCIA DI SASSARI


Avviso di

Appalto

seguito deliberamento.

corrispondenze postali
ferroviaria
Giave,
Padria, Pozzomaggiore

Alghero

INSERZIONI DELLA GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

1759

CONS[GLIO D'AMMINISTRAZIONE
RENIOILITARE
DIREZIONE TERRITORIALE
DELL& SOUOLA HILITARE
Avviso di deliberamento tappalto.
--

Avviso
per reincanto in seguito

Avviso di

kRI

A termini dell'articolo 98 de regolamento 4 settembre 1870, n. 5852, si nod'Asta


tifica che l'appalto di cui negli avvisi d'asta del 13 aprile 1881, per
all'offerta del ventesimo.
Lavori di ultimazione delle coperture della caserma nuova Santo
delPart. 99 del regolamento approvato
consistenti in costruzione
di tetti

Si fa di pubblica ragione, a termini


Regio decreto 4 settembre 1870, che venne presentata in tempo utile la
offerta di ribasso del 5 25 per cento superiore al ventesimo sui prezzi al quali
nell'incanto dell'otto aprile 1881 risult deliberato Pappalto, come fu annunciato nelPavviso d'asta dello stesso giorno otto, per la somministrazione di
legna, pel biennio 1882-83 (da 4800 a 6000 quintali slPanno), da introdursi nei
magazzini della Seuola dal 15 agosto al 30 settembre, al prezzo di lire 2 75
al quintale, per cui, dedotto il ribasso suddetto del 5 25 por cento superiore
al ventesimo, residuasi il suo importare (eliminando la terza cifra decimale)
a lire 2 61 al quintale.
Si proceder perci presso l'allicio del Consiglio suddetto, sito in Modens,
nel palazzo Reale, al nuovo iricanto di tale provvista col mezzo di partiti
suggellati, scritti su carta col bollo ordinario da una lira, alle ore 10 antimeridiane del giorno nove maggio 1881, sulla base del sovraindicato prezzo di
lire 2 61 al quintale per eseguirse il deliberamento definitivo a favore del
migliore offerente, quand'anche slavi una sola offerta che migliori il prezzo
sul quale si apre l'incanto.
Le condizioni d'appalto sono visibili presso il Consiglio d'amministrazione
predetto, nel locale suindicato.
Alle offerte per questo incanto sono applicabili le clausole di nullit staba
lite dalPavviso di primo incanto in data 20 marzo 1881.
Gli aspiranti all'asta per essere ammessi a presentare iloro partiti dovranno
fare presso il detto Consiglio un deposito di lire 2400, od in contanti od in
rendita del Debito Pubblico al portatore al valore di Borsa della giornate
antecedente a quella in cui il deposito viene fatto.
Dato in Modena, add 23 aprile 1881.
2258
N Direttore dei conti: C. ANSALDO
con

DI

seguita aggiudicazione.

In relazione al precedente avviso d'asta 26 marzo scorso, si rende noto che


con verbale d'in6anto in data d'oggi, l'appalto della costruzione della nuova
inalveazione della Roggia Pontile o dei Cugnoni in territorio del comune di
Albiano d'Ivrea, venne aggiudicato, mediante l'offerto ribasso del 3 per cento
sulla somma di lire 39,351 34 e noa 38,201 97, come per abaglio si indic nell'avviso d'asta, per la somma di Iire 48,170 79, oltre a lire 11,160 93 non soggette a ribasse, e cos in complesso lire 49,331 72, e che durante il termine
di quindici giorni, scadenti al mezzodi del giorna otto prossimo maggio, potr
essere fatta in quest'uffieto l'offerta di diminuzione non inferiore al ventesimo
del suddetto prezzo di aggiudicazione.
Ivrea, addi 23 aprile 1881.
Il Segretario: A. MARCO.
2259

ANNINISTRAZI0M PROVIKIAI DI TERRA DI WOR0


Ak.VViso (l'A Sta.

Antonio,

di nuove

coperture

riformazione di altre secondo il sistema adottato nella pang


occidentale, e demolizione di una baracca in piazza delPAtene ,
in Bari, per lire 63,000,
e

stato in incanto d'oggi deliberato mediante il ribasso di Iire 1 50 per cento.


Si avverte che il termine utile (fatali) per presentare le offerte di ribasso
non inferiori al ventesimo dell'ammontare netto, risultante in lire 62,055, scade
alle ore 11 antimeridiane (tempo medio diRoma) del giorno 29 aprile corrente.
Chianque intenda fare la suindicata diminaziorie dovr compilare apposita
dichiarazione d'offerta, stesa nei modi prescritti dal saceitato avviso d'asta,
ed accompagnarla coi documenti ivi stati indicati, cio:
1. Il certificato di moralit;
2. L'attestato d'idoneit gi confermato da un direttore del Gentomilitare;
3. La ricevuta di Tesoreria, dalla quale consti che Paspirante abbia fatto
presso uno degli ufEci indicati nelPavviso d'asta 11 deposito prescritto in lire
6300 in contanti, od in rendita del Debito Pubblico al' portatore al valore di
Borsa.
Dette offerte coal accompagnate dovranno essere presentate o trasmesse
come quelle per l'avvenuto ptimo incanto, in modo per che trovinsi a mant
della Commissione appaltante in Bari per l'ora precisa dlla scadenza dei fatali.
Dato a Bari, add 28 aprile 1881.
2280
Per la Direzione: IL SEGRETARIO.

OORUNE

DI

VICOVARO

Il sottoscritto sindaco annuncia al pubblico:

pubblicata all'albo pretorio ;


2 Che la medesima ha par iscopo di far dichiarare opera di pubblica ut!lit la conduzione in Roma, e sulla sommit del Monte Mario, di un volume
di metro cubo uno e mezzo al minuto secondo di aequa Marcia, o Claudia, con
acquedotto parte di muro e parte di ferro, a traverso i territori di Tlvoli, San
Polo, Vicovaro, Mandela, Scarpa e Roviano, traeridola dalle forgenti del territorio di Arsoli, nella contrada Parsno ed appi del monte La Progna; da
servire per gli usi domestici e rustici e da poter valere anche come forza
motrice per la produzione di qualunque eftto;
36 Annunzia finalmente che da oggi, e per quindici giorni consecutivi, la relazione e piano di massima si troveranno depositati nell'unield della Regia
Prefettura, divisione 2a, ove chiunque potr recarsi dalle ore 9 alle 12 meridiane,e dalle 2 alle 4 pomeridiane, per prnderne visione e presentare le sue
osservazioni.
Vicovaro, li 24 aprile 1881.
E Bindaco: CARLO SCHIAVETTI.
2286
It searitario: A. MEUCCI,

Essendo tomall dedetti eli incanti LS fareas handiti l glom 20 volgence,


onde dare in appalto il mantenimento della strada di Capua (1* tratto) dallo
ANONIMA
stipite occidentale del portone centrale della Reggia di Caserta al principio
la
dei
di
Santa
Maria
in
Capua Vetere, e propriamente
direzione della per
dell'abitato
lapide ov' scritto Ciuk di Santa Maria Capua Vetere, della lunghezza di meSi porta a pubblica notizia che, a termini delPart. 41 del regolamento 4
tri 5880 90,
Si dimda il pubblico
giugno 1869 per l'esecuzione della Convenzione 25 luglio 1868, nel giorno.11
Che il mattino di sabato 14 entrante maggio, alle ore 10 antimeridiane, con maggio prossimo, alle ore 9 antimeridiane, sar proceduto in Roma, in luogo
la continuazione, sar proceduto ad nu secondo esperimento di pubblici in- aperto al pubblico, e precisamente nella officina del Gasometro, posta fuori
canti in ribasso dell'annuo canone di l're 6207 30, ed in conformit di tm ap- della Porta del Popolo, al n. 93, all'abbraciamento delle Obbligazioni del Tapoisito capitolato che ostensibile a chiunque in ciascun giorno, meno i festivi, bacchi rimborsate, appartenenti alle Serie U, H, lD, E, e residui delle Serie
da oggi al di della subasta.
N, V, I, EE, Q, G, F, 0, T, D, 00, II, O, FF, PO Li gi nella massima giarte
Per essere ammessi a for partito i concorrenti dovranno esibire un cert=fi- distrutte.
cato d'idoneit a firma di un ingegnere capo d'un unicio tecnico provinciale
Detto abbruciamento sar eseguito coll'intervento dei rappresentanti della
Delegatione governativa e di questa Amministrazione.
o governativo, di data non anteriore a mest set.
La canzione provvisoria, da darsi nelPatto delPofferta, fissata in lire 600,
Roma, li 25 aprile 1881.
e non sar altrimenti accettata che in numerario; la definitiva, da darsi nelIl Consigliere d'amministrazione
Il Direuore generale
Patto della stipula del contratto, sar Pari ad un'annata di estaglio, e potr
A. BERETTA.
2283
E. GOPIL.
forairai anche con rendits pubblica italiana al portatore a corso di Borsa.
un sessennio con facolt alPAmministrazione di
pr oga a d
Il termine utile per le ulteriori efferte di ribasso, non inferiori al ventesimo
del prezzo di provvisoria aggiudicazione, scade al mezzodi di luned 80 dello
(29 pubblicadene)
entrante mese di maggio.
aperto un concorso alla cattedra di lingua e letteratura itanana rimasta
lion.appena divenuta definitiva l'aggiudicazione l'aggiudicatario avr il pe- Vacante per la dimissione del suo titolare.
rentorio di giorni 8 per la stipula del contratto, a far tempo dalla data della
Le persone che vi aspirassero sono pregate di rivolgersi al sottoscritto sino
notificazione delPapprovazione, anche in semplice forma amministrativa,
e
fine di maggio, inviando in pari tempo i loro titoli, requisiti, pubblicaqualora non si presenti a sottoseriverlo perder la cannone provvisorza, e alla
a
Bar responsabile di tutti i danni ed interessi che potranno alPAmministra- zlon: letterarie, insieme al Curriculum vitae.
zione provenirne.
Il sottoscritto dar loro tiltte le indicazioni opportune, tanto sulle incoml deliberamento anbordinato
all'approvazione della Deputazione provin- benze, quanto sui vantaggi inerenti al professorato.
ciale.
I
Zurigo, il 19 aprile 1881.

Caserta, 20 aprile 1881.


D Presidente del Consiglio superiore del Politecnico
2261
B egretario capo: FABROCINI,
2241
C. KAPPELEII.

SOCIET

ITALIANA

Regla cointerepata

urn

trdwannoili

Tabacchi

POLITECNIC0 FEDERALE SVIZZER0 IN ZURIG0

INSERZIONI DELLA GAZZETTA UFFICIALE DEL REGNO D'ITALIA

1760

=) Terreno olivato

Avviso per aumento di sesto.

toSedDeell

te

ennaa

avviso.
(1

one

Vi narelle
la strada della Torre
lo atradello che conduce al M ute e le
et Conti ed altri salvi eee
pr
detti fondi furono'vendutiin due
lotti alls signora Luisa Sartoriin Quattrocehl per i seguenti premit, e etc:
Il 16 letto formato col fondo descritto
L
er.
7,000
al n. 1,
11 26 i tto formato con tutti gl
fondi
di
comune
post nel
altri
8,000
,,
Monterosi, per
coli

___

y,"g

emettern
qufa
ndi
quindier
agene
al

fraternita del Sacramento, salvi ecc.,


distinto nel catasto di Civita Castel~
lans, sezione 66, coi riumeri di mappa
83 sub 1, 2, 3 e 84
2. Utile dominio perpetua dei seguenti
fondi, posti nella terra e territorio di
Monterosi, gravati dell'annuo perpetuo
canone Ill scudi 28, pari a lira 145 34 8
favore dell'Abbazia delle Tre Fontane:
a) Casa composta di due camere,
una a pianterreno, l'altra superiore, in
contrada Borgo Roniano, distinta col
somero civico 170, e nel catasto di
Bracciano, comune di Montecni, col
numero catastale gi 116, ora 604, conSnante col beni della Mensa abbaziale,
la Locanda degli Angeli, salvi ee
b) OBEa in via della Torre, incontro
alla Madonnella, distinta coi numeri
eivici 27 e 28. e coi numeri catastali
10 sub. 3 e 602, confinante colle proIsidori, Lorenzini ed alprie

avvertenza che l'offerente dovr


oniformarsi alle diaposizioni contenute
nell'art. 680 Procedura etfe.
Roma, li 25 aprile 1881
Il viceezne. Pio Angelelli.
Per copia semplice conforme all'ortginale, che si rilascia per uso d'insercon

zione,
Roma, dalla cancelleria del Tribunale civile, li 25 aprile 1881.
2282

Il vicecano. C. PAGNONCELLI.
AVVISO.

(14 pubblicazione)
Nel giorno 30 maggio 1881, tananzl
la prima sezione del Tribunale elvde
di Roma, si proceder alla vendita giu.

aencal,

aane deLele

esp

lati

Francesco, ad istanza del signor cae) Fabbr cato ed ares detto II Te- valiere Emidio Renassi fu Paole, erede
e
ad
di
tinello,
uso
grotta
stseeto,
e
t.
ar
ic a
gra_asro, in contrada Borgo Aldobrandini distiati in mappa col civici un- Roma, la via dei Delfini, anm. 36, e
cata102
103
coi
numeri
e
e
mett 100,
elettivamente presso il procuratoresistali 524 1/2, confinante con la pro- gaor Achille Saraiva, in via Monte
sal
strada
maestra,
la
priet Porri,
Giordano, n. 34, del medesimo rappre..
vi ece.;
sentato.
d) Stalia e cascina ed area an"
1. Utile dominio di due granai, une
stessa o piazzale in contrada Borgo al planterreno e l'altro al piano aunumera
dist
col
cvco
n'e
Romane,
situati nel rione Borgo, ai ci,
coi numeri periore,
visi un. 2 e 3.
270, gi 271, e nel catasto
198 e 568, confinante con is propriet
2. Utile dominto della casa da cielp
Tamantini da un lato, da due latt con a terra in via Borgo Nuovo, distints
la strada' coi civici en. 173 e 114, con ingresso a
la vigna Quattrocchi e
salvi eee.;
piazza Pia, n. 48, e rivolta al vicolo
e) Vigna con sodo in contrada Il del Villano, al civici un. 49 e 50.
voca
3. Casa da cielo a terra in via del
Lago e Cava della Pozzolana,
bolo Giardinetto, distinta nella mappa Quirinale, numeri 6, 7 e 8, e vicolo e
408
407
e
coi
numeri
400,
catastale
piazza della Cordonata ove ha altro
etnnante col beni della hiensa abba' ingresso con i civlei un. 125 al 129,
ziale, la strada corriera, beni Giovan- composta di cantine nel lato della
Beri, salvi ece.
piazza della Cord0nata, locali terreni
f) Terreno gi a canneto, ora se" cinque piani sup riori sulla piazza Ap!\a
minativo, in contrada Il Lago, voca Cordonate, tre interi ed 11 4 e be par.
bolo La Casetta del Pescatori o Gian- siali sulla via del Quirinale e soffitte,
ditto, distinto ia catasto coi numeri segnata in mappa rione II, n. 517.
405 e 400, confinante con le Acqpe del
La vendita sar eseguita in tre dilago, i bent della Mensa abbaziale atinti lotti, e l'incanto sar aperto sul
del
Sagramento, prezzo di stima fusato dal perito, ekO
della Compagnia
,041 26
II 16 lotto sul prezzo di L.
eglvi ece.;
id.
15,578 70
,
p) Terreno prativo, vocabolo La 11 26 lotto
cadhtinto
la
li
3e
lotto
id.
167,980 ,,
,,
Fontana o Giardimetto,
Itoina, 2 aprile 1881.
tasto coi numeri 382 anb. 1 e 2, confiSARA1VA ACHILLE AVV.
mante con le propriet Manni, Parias 2275
hiensa abbaziale, ece ssIri ecc.

subMicaziln ).innanzi

Nel gio
la
T ibunale civile di
prima sezione
si
alla
vendita
Rome,
proceder
gindiziaria del seguente fondo, espropri to
in danno della signora Marini Adelaide
fu Andrea, tanto in proprio nome che
come esereente la patria poteat sopra
i miacranni
Nic<ila, Lubia e Romolo
Antonini, nonch della signora Conti
Giuseppins, assistita dal di lei rearito
Paolucci Gioacchino, debitori espropriati, nonche del argnor avv. Attilio
Bedini, quale curatore speciale depuE cos in tutti
L. 15,000 tato at minorenni sudeetti, ad istanza
del signor Gulmarelli Achille del viChe ora sugli indicati prezzi pu farsi vente Nicola, possidente, domiciliato
l'aumento non minore del sesto, con
n
dicit
zione da
questa
r
de po
9 1
ci.
ria
on
a giorn
signor avv. Carlo Patriarca, da cui

a
R
a fn
egon
venti aprile corrente mese, innanzi la
prima sezione di questo Tribunale, al
fasta pubblica ed a primo esperimento
ebbe luogo la vendita dei seguenti fondi
in due distinti letti espropriati ad
istanzt di Alessandro Rhrteh in datmo
dei signori Domenica e Marco Quattrocchi e di Sofia Posi, vedova del fu
Gioacchino Quattrocebi, nel noine ecc>
e di Enrico Quattrocchi, e cio:
1. Terreno a minativo ed in parte
Nepi,
pascolivo, posto nel territorioe diCroeieIn vocabolo Valle di Tadea
chi nella Bandita Nuova, detta volgar
Inente La Superiora, confinante colle

ep

lavorativo in

onda arptre,

Agli

lea

e)

stpadizo

rappresentato:
Terreno vignato

cannetato,

urda orr
pasco-

AVVISO.
Giacomo e Francesco Formarchese
Candido e conte Giroquet,
lamo Giueso, domiciliati per elezione
presso l'avv. signor Gaetano Marasco,
strada Montoliveto, in Napoli. 12, per
decreto della Corte d'appello 9 marzo
ultimo, e per gli al ticoH 382 e 474 Codice proc civile, citano di nuovo per
pubblici proclami tutti i creditorf e
condomini del fallimento fu Enrico Mnervino, a comparire ai 23 prossimo
maggio alla udienza del Tribunale di
comroercio di Napoli, nell'ex-casa dei
Gesuiti al Largo Trinit Maggiore,
perch al seguita di sentenza 2 luglio
si proceda alla lie 22 dicembre 1880
quidazione del fallimer:to, dopo che earanno consegnate le macchine e quant'altro vi ha relazione per vendersiad
incanto od a trattative, invertendosi 11
prezzo per le spese liquidate per lire
4685 90, e pel credito degli attori in
lire 21,480 57, oltre gli interessi dal26
fuglio 1863, salvo ad avere dagli eredi
Clarelli il supplemento, ee con sentenza con clausola nonostante
appello
e col
rimborso di spese e compensi,
procedendo per gli attori il sottoseritto,
domiciliato con suo padre signor Gaetano. E, non comparende, sar proceduto in loro coatumacia a norma di
legge.
226
DOMERCO ARASCO.
I

signori

lativo e seminativo, posto nel suburbic


di Roma, foori la porta del Popolo, in
prossimit del ponte Milvio, in via
Porta di Prima Porta, via Flaminia e
Via della Storta, con i suoi fabbricati
ed ancessi, nella quantit superficiale
di tavole 52 e centiare 11 circa; a corpo
e non a misura, controdistinto nel catasto alla mappa 167, numeri prineipa't 476, 256, 485, 486, 257, 258, 26 e
subalterni 1rata, 2 rata, 3 rata, 4 rata,
6 rata, 6 rata, 7 rate, e al numeri prm-DICHIARAZIONE D'ASSENZA.
etuall 490 rate, 491 rats, 498 rata, 494
rata, 491 rata, 267 rata, 266 rata,
(16 pubblicazione)
269, 314.
Si rende noto che il Tribunale OIVile
La vendita avr luogo sul prezzo of- e correzionale di Milano
con aantenza
ferto di lire 4000.
22 marzo 1881, sull'istanza di Isabella
26
1881.
Roma,
aprile
Isbane Oseulati, maritata Maggioni e
2276
PATaunca CARLO SVV.
di lei figli Antonio, Ermellada e Paola
blaggioni, ha dichiarato l'assenza di
(1 pubblicazione)
Gerolamo Maggioni fu Giovanni, riA
D1
B
A
ESTR
TTO
NDO
spettivamente marito e padre di essi
istanti, da ultimo domiciliato in Tr6:zo
Iser vendita all'asta.
sull'Adda.
Con decreto del Guardasigilli MiniMilano, li 22 aprile 1881.
stro Segretario di Stato del 12 aprile
Avv. CANILLo CRESSIA prC.
1881, l'Archleonfraternita di San Leo- 2240
nardo di Viterbo fa autorizzata a vendere sli'asta pubblica un terreno seAV VISO.
minativo nudo, posto nel territorio di
(la pubblicazione)
Viterbo in contrada Petrignano, diA richiesta degli eredi del fu syvestinto in catasto coi un. di mappa 29,
cato Giulio Bignami si rende noto al
230, 231, sez. 24, della superficie di ettari 6, ar e 22 e cent. 25, confinante il pubblico qualmente con ricorso sporto
al & Tribunale civile e correzionale
fosso, Propaganda Fide e cav. Clemente di Milano essi eredi
hanno fatto istanza
Carletti, salvi eee.
Si rende noto petanto che il giorno accio la cauzioe d'esercizio notarile
16 maggio 1881, alle ere 10 ant., nello prestata dal dott. Pietro Bignami, restudio del sottoscritto rotares site al sidente in Milano, mediante Vincold del
Corso Vittorio Emanuale, num. 117, si certifleato di rendita di lire 950, numerl
53251, 169881, intestato al detto
proceder mediante asta pubblica ed defunto
avv. Giulio Bignami, sis rfaccensionedi candela alla vendita dello dotto
a
lre 500 di rendita, mediante
stabile suddescritto, e 6on quelle ceuemissione
di nuovo certificato di tale
dizioni che si rilevano oste:sibili nel
importo, da vincolarsi a cauzione come
bando presso lo stasso notaro.
sopra, e di una cartella al portatore
Viterbo, 24 aprile 1881.
per la rimanente rendita di 1:re 450.
2257
DOMENICO ANSELMI BOtgro,
Lo che; per deereto 8 aprile 1881, il
sullodato Tribunale ordinava recarsi a
CON 8 I GL I ONOT A R I LE
pubblica notizia nei modi di legge, een
del distretto di Viterbo.
dichiarazione che aeorsi sei mesi dalAvviso or conconso.
l'esaurimento di detta pratica, sopra
sot
toscri
Il
tto dichiara aperto il con- nuova domanda dei ricorrenti, sarprocorso al vacante ufBelo di notaro in nunciata la riduzione.
i retto, col residenza nel co- 2265
Avv. P. Orammt.
MMUA
m
Come anche, in seguito di autorizzaAVVISO.
Il presidente del Consiglio notarile
di Lucera,
Vista la tabella delle residenze t1ei

guestod

notari;

Visti gli articoli 10 e 135 della legge


presentare le riordinatrice del
Notariato, testo unico,
a partire dale 5 del relativo regolamento,
del presente
Rende noto
Che in questo distretto di Capita1881.
vacante n officio di notaio con
nata
C. BonaAsst,
residenza stel comune di Penni.
Si invitano i notari e gli
AVVISO.
aspiranti
notari che volessero concorrervi a pre11 sottoscritto procuratore fa noto sentare demanda
nei modi e nel terinteressati
che

stato
rescisso
il
agli
mina mdicati dall'art. 27 del citato recontrato di locatione stipolato regegolamento.
larirente tra la signora Francesca TaLucera, 18 aprile 1881.
vani vedova Narducci ed i signori Anna
2258
11 pres. Umut SANTORO.
Narducci, relatiVO al cas
Livv. e proc. G. PALEnvo
e Filippo
abb
della
Mensa
col
beni
da capo
* E non Andriccolo come fa per er- mento posto in Albano, Borgo della
le
stradello
Flamini,
lo
piedi
da
CAMER&NO
ziale,
NATALE, Gerente.
Taddel ed Tore stampato tells 14 pubblica;cione Stella, n, 139.
pro riet Comparidifani,
38
AVV. Opsus Visua proe.
nella Gazzetta del 16 aprile.
ROMA
Tip. Exxvi Borer,
eee., salvi 90e,

Essendofindal29dicembre1868trabaziale,la
passato 11 r.otaio D. Oronzio Albanese
v
del
comune di Tclve, i suoi eredi teigna detta della Cascina, actto
stamentari, signori Giuseppe, Isabella
l'ars dell'Abbazia o Campo delle Grotte
e Carmela Andriuolo*, figli di Pasquale
distinta nel catasto coi numeri 199, 203'
Maria Piazze, per mezzo del sottoee
coi
muri
dello
stazzo
confina
204,
scritto, domandano alla giustizia delle
strada da piedi, la strada di Trevi- SS. LL ill.me che si degamo di ordidi Mongaano i beni dell'Arciaretera
lo svincolo della canzione preterosi,' le propriet Ciccolini, Cesta. nare
stata in garanzia della carica notaril",
r g]If, salvi ecc,
dell'articolo 38 della vigente
ai
termini
;) Vigna in contrada Santa Maria legge.
distinta in ca
e Monte delle Conehe,
Potenza, li 6 aprile 1881.
tanto coi nunieri 279 e 283, confinante
propriet Gestaretti

sal-

ec)

11 termine utile per


domande di giorm 40
i nituna pubblicazione
avviso.
Viterbo, li 11 aprile
11 presidente
223

altr$,