Sei sulla pagina 1di 12

Vladimir M.

Zatziorsky

BASI BIOMECCANICHE DELL'ALLENAMENTO DELLA FORZA

The Pennsylvania State University, USA


Istituto Centrale di Cultura Fisica, Mosca, Russia
( Traduzione di Luciano Bagoli, tecnico specialista nazionale, collaboratore presso il Centro di
Bioingegneria del Politecnico di Milano - Fondazione Pro Juventute )

Relazione tenuta dall'autore al Simposio Internazionale di Biomeccanica dello Sport; Milano,


15 - 19 giugno 1992.
________________________________________________________________________________

L'obiettivo della presente relazione di sistematizzare e diffondere le conoscenze biomeccaniche


ai praticanti l'atletica, specificatamente allenatori.

Per definizione, la forza, o forza muscolare, l'abilit di esercitare la massima forza esterna.
Per gli atleti di alta qualificazione esistono tre problemi principali per l'allenamento della
forza:
1 - Selezione degli esercizi; vale a dire quali esercitazioni dovrebbero essere usati dagli atleti;
2 - Carico di allenamento, in particolare intensit e volume dell'allenamento;
3 - Periodizzazione dell'allenamento: ci la distribuzione degli esercizi e del carico nei vari
periodi.
In questa relazione sar trattato solo il problema della selezione degli esercizi, in particolare
il suo aspetto biomeccanico.

Specificit dell'esercizio. Gli esercizi impiegati nell'allenamento necessitano di correlazione


con il gesto sportivo principale, poich gli effetti di adattamento sono specifici. Il grado di
questa correlazione, o somiglianza, chiamata specificit dell'esercizio di allenamento. La spe-

cificit dell'allenamento risulta immediatamente nella sua efficienza e merita un'attenzione


particolare da parte dell'allenatore. Un'importante tendenza nell'allenamento moderno degli
atleti di alto livello l'incremento percentuale degli esercizi specifici. L'allenamento sportivo
attuale , in generale, piu' specifico che nel passato.
La specificit degli esercizi, nei diversi sport, determinata da differenti fattori. La coordinazione motoria, nel senso ampio del termine, analizzata attentamente negli sport di forza e
di potenza.

Principali esercizi sportivi con resistenza aggiuntiva


I requisiti di specificit degli esercizi sono raggiunti meglio quando il movimento sportivo
principale, con incremento (aggiunta) di resistenza, viene utilizzato nell'allenamento.
Nel gesto atletico la resistenza pu essere incrementata in diversi modi.
a - Con peso addizionale. Possono essere indossati attrezzi per l'incremento del peso, quali
giubbini zavorrati, cinture, polsiere, cavigliere, ecc. Bench questo metodo appaia semplice,
dovrebbe essere osservato che con i pesi supplementari viene incrementata principalmente la
richiesta di forza verticale (agente contro la gravit). Gli esercizi con pesi addizionali richiedono che la forza sia esercitata in una direzione inappropriata, ad esempio troppo verticale.
b - Spostamenti in salita ( corsa, marcia, sci, ecc. ). Questa pratica limitata dai possibili cambiamenti nella tecnica.

c - Rallentamento dell'avanzamento dell'atleta. Ad esempio, corsa con imbrigliatura, traino di


una slitta, spinta di una macchina con un carico di pesi. Questi metodi sono ingombranti poich l'equipaggiamento voluminoso e pesante.

d - Incremento della resistenza aerodinamica. Questo metodo molto popolare tra gli atleti
delite in sport quali pattinaggio veloce, corsa e altri. Piccoli paracadute sono utilizzati per
questo metodo. Quando l'atleta corre, il paracadute si gonfia creando una forza resistente. Pi
elevata la velocit della corsa, maggiore sar la resistenza.

Contributo degli esercizi

Una variet di esercizi, oltre il principale esercizio sportivo, viene impiegata negli allenamenti
degli atleti. La selezione degli esercizi di forza per atleti di qualificazione sostanzialmente
pi complessa che per i principianti. L'idea generale semplice: Gli esercizi di forza devono
essere specifici. Ci significa che le esercitazioni di allenamento devono essere pertinenti alle
richieste della specialit per la quale un atleta si sta allenando. Comunque, la realizzazione
pratica di questidea generale non facile. I principali requisiti di tale compito sono descritti
come segue.

a - Muscoli che lavorano


Il requisito pi evidente e semplice il seguente: lo stesso gruppo muscolare deve lavorare sia
nel gesto di gara che nell'esercizio di allenamento. Per esempio, esercizi con resistenze elevate
per l'incremento del colpo di pagaia nella canoa dovrebbe focalizzarsi sui muscoli e relativi
parametri associati con la pagaiata.
Per identificare i gruppi muscolari che lavorano sono impiegate tre tecniche:
Palpazione del muscolo. I muscoli che diventano tesi sono quelli implicati e che dovrebbero
essere allenati con le resistenze elevate.
Provocazione intenzionale di stanchezza muscolare successiva al lavoro; cio i dolori e indolenzimenti che ricorrono 24 o 48 ore dopo il lavoro allenante. Con tale obiettivo nella
mente, un allenatore eccede intenzionalmente nel carico di allenamento durante il primo
lavoro con le nuove esercitazioni effettuate. I muscoli doloranti sono quelli che hanno lavorato.
Registrazione dell'attivit elettrica muscolare (EMG). Questo metodo superiore, esso per
richiede personale tecnico e apparecchiature speciali.

b - Tempo ( ed entit) dello sviluppo della forza


E' necessario del tempo per sviluppare la forza massima richiesta in un dato movimento (di
rafforzamento). Il tempo impiegato per il raggiungimento del picco di forza (Tm) nello svolgimento di un gesto varia da persona a persona e in relazione al movimento; nella media superiore a 0.3 - 0.4 secondi. Questo tempo per lo sviluppo della massima forza , nella tabella che
segue, viene comparato con i tempi tipici di parecchi gesti effettuati da atleti di vertice:

MOVIMENTI

TEMPO (s)

Stacchi
velocit

0.08-010

salto in lungo

0.11-0.12

salto in alto

0.18

Lanci
giavellotto

0.16-0.18

peso

0.15-0.18

Stacchi con le mani


volteggio

0.18-0.21

E' facile osservare che il tempo di movimento in tutti gli esempi dati inferiore a Tm. A causa
della loro breve durata la massima forza possibile Fmm non pu essere conseguita in questi
movimenti.
La differenza tra Fm (la massima forza richiesta in una data condizione) e Fmm (la pi elevata
tra le forze massimali conseguite nella gamma completa delle condizioni provate) tanto pi
grande quanto pi piccola la resistenza e pi breve il tempo del movimento. La differenza
tra Fmm e Fm appropriatamente definita "DEFICIT DI FORZA ESPLOSIVA" (DFE). Per
definizione:

DFE (%) = 100 * (Fmm - Fm)/Fmm

(1)

Il DFE mostra l'entit della forza potenziale di un atleta che non stata impiegata in un dato
tentativo.
In movimenti quali gli stacchi o le fasi di rilascio di un lancio, il DFE approssimativamente
attorno al 50 %. Ad esempio, tra i migliori lanciatori di peso durante lanci di 21 m, il picco di
forza Fm applicato al peso compreso tra 50-60 kg. I loro migliori risultati nell'estensione del
braccio ( Fmm, estensioni alla panca ) sono tipicamente attorno a 220-240 kg, o 110-120 kg per
ogni arto. Quindi essi possono usare, nei lanci, solamente attorno al 50 % di Fmm.
Quando le prestazioni sportive incrementano, il tempo di movimento diventa pi breve. Pi
elevata la qualificazione dell'atleta, maggiore il ruolo del livello di sviluppo di forza nel
raggiungimento della prestazione di alto livello.

Per definizione, forza esplosiva l'abilit di esercitare la massima forza in un tempo minimo.
Diversi indici sono usati per stimare la forza esplosiva e l'entit dello sviluppo della forza. Ci
sono:

a - Indice di Forza Esplosiva (IFE)


IFE = Fmax/Tmax

(2)

dove: Fmax il picco di forza e Tmax il tempo impiegato a raggiungere Fmax.

b - Coefficiente di Reattivit (CR)


CR = Fmax/Tmax * W

(3)

dove: W il peso di un atleta ( o il peso di un attrezzo ). CR tipicamente molto correlato


con le prestazioni di salto, specialmente con la velocit del corpo dopo lo stacco.

c - Gradiente di forza, detto anche gradiente S ( dove "S" sta per "Start" )
Gradiente S = F0.5/T0.5

(4)

dove: F0.5 la meta' della massima forza Fm e T0.5 il tempo impiegato a raggiungerlo. Il
gradiente S caratterizza il valore di forza sviluppata nella fase iniziale dell'impegno muscolare.

d - Gradiente A ( A sta per accelerazione )


Gradiente A = F0.5/( Tmax-T0.5 )

(5)

Il gradiente A impiegato per qualificare il valore della forza sviluppata nell'ultimo momento dell'impegno muscolare esplosivo.

Fm e l'entit di sviluppo di forza, in particolare il gradiente S, non sono correlati.


Le persone forti non devono necessariamente possedere la capacit di produrre una forza ad
elevata velocit.
In seguito all'esistenza del deficit di forza esplosiva, la forza massima Fmm non pu essere ottenuta nella zona di tempo del deficit quando il tempo del movimento breve. Se l'obiettivo
dell'allenamento l'incremento della produzione di forza massima, Fmm, non c' ragione di
usare esercizi nella zona di tempo del deficit, dove non pu essere sviluppato Fmm. In sostanza,

esercizi di elevata resistenza non sono un mezzo di allenamento molto utile per incrementare
l'entit di sviluppo della forza in atleti qualificati.
Se l'obiettivo generale dell'allenamento di incrementare la produzione di forza in movimenti di tipo esplosivo, si pu, in linea di principio, prendere una di queste due vie:
a - Incrementare la forza massima Fmm. Questa strategia di allenamento, comunque, porta
buoni risultati solo quando il deficit di forza esplosiva molto inferiore al 50 %.
b - Incrementare l'entit di forza sviluppata nel gesto. Esercizi ad elevata resistenza non sono
la scelta migliore in questo caso, specialmente per atleti di elite. Per tale proposito sono raccomandati esercizi e metodi di allenamento speciali.

c - Tipo di resistenza
La forza la misura dell'azione di un corpo contro un altro, e la sua entit dipende dalle caratteristiche e dai movimenti di ambedue i corpi in azione. La forza esercitata da un atleta su
un corpo esterno (es. un peso libero, un attrezzo di lancio, l'impugnatura di una macchina per
esercizi, l'acqua nel nuoto e nel canottaggio, ecc) dipende non solo dall'atleta, bens anche da
fattori esterni.
Per giudicare il ruolo della resistenza esterna rispetto al suo valore, si immagini un atleta che
eserciti una forza massimale (Fm) in un'estensione delle gambe come nella piegata (squat).
Impieghiamo due esperimenti esemplificativi. Nel primo caso, misurata la massima forza
isometrica (Fm) corrispondente a differenti gradi di estensione. In accordo con i risultati di
molte indagini, la correlazione tra la forza Fm e la lunghezza della gamba (cio la distanza dal
bacino ai piedi) positiva: se la gamba si estende la forza aumenta (fig. 1, curva A). Il Maximum maximorum della forza (Fmm) sar raggiunto quando la posizione della gamba vicina
all'estensione. Ci concorda con le osservazioni di tutti i giorni: il sovraccarico pi elevato pu
essere sollevato in semipiegata, non con la massima piegata.

Comunque, se la forza dell'estensione della gamba registrata in un movimento dinamico,


quale lo stacco nei salti, la relazione esattamente opposta (fig. 1, curva B): la massima forza
raggiunta nella posizione di maggior piegamento. La correlazione di Fm con il grado di estensione, inoltre, negativa. Il comportamento meccanico di una gamba di supporto rassomiglia,
in questo caso, al comportamento di una molla: maggiore la deformazione (es: piegamento
del ginocchio), maggiore la forza. Si noti che in ambedue le condizioni sperimentali, isometrica e stacco del salto, l'impegno dell'atleta per l'ottenimento della migliore prestazione pos-

sibile massimale. Cos, sia l'entit di Fm, sia la correlazione di Fm con la lunghezza dell'arto
(positiva o negativa) sono cambiate in seguito alle alterazioni del tipo di resistenza.
A causa della richiesta di specificit degli esercizi di forza, nell'allenamento importante la
selezione dei mezzi allenanti della classe di resistenza meccanica appropriata. I seguenti tipi
di classe di resistenza sono tipicamente impiegati nei programmi di allenamento con resistenza:
Elasticit - Il valore della forza determinato dall'ampiezza di spostamento.
Massa - Un movimento segue la seconda legge di Newton del movimento: la forza proporzionale alla massa (inerzia) del corpo e all'accelerazione del corpo.
Peso - La formula F = W + ma, dove W il peso del soggetto, m e' la sua massa, e a l'accelerazione.
Viscosit - Con questo tipo di mezzi di allenamento, la forza muscolare esercitata proporzionale alla velocit del movimento, F = kV.
Resistenza idrodinamica - La forza dipende dalla velocit al quadrato: F = kV2, dove V la
velocit relativa all'acqua e k un coefficiente.
Nei movimenti terrestri, il peso o/e la massa di un oggetto (un attrezzo, sbarra, il proprio
corpo) generalmente serve da resistenza.
Negli sport acquatici, come nel nuoto, canottaggio, la resistenza determinata dai principi
idrodinamici. Se la resistenza degli esercizi di allenamento cambiata in relazione alla resistenza del gesto di gara per il quale l'atleta si sta allenando, sia la produzione di forza, sia il
tipo di attivit muscolare sono alterati.

d - Velocita' di movimento
La velocit di un movimento decresce con l'incremento della resistenza esterna (carico). Ad
esempio, se un atleta lancia dei pesi di peso diverso, la distanza di lancio (e velocita' iniziale
dell'attrezzo) incrementa col calo del peso della sfera. La forza massima (Fmm) viene conseguita quando la velocit zero, o vicino a zero; e, invece, la massima velocit (Vmm), conseguita
quando la resistenza esterna zero. La resistenza esterna, in questo caso, pure zero.
Analoghi esperimenti, effettuati su singoli muscoli in condizioni di laboratorio, portarono
alla rinomata curva forza-velocit. Le relazioni tra forza e velocit nei movimenti umani non
sono identiche alle analoghe curve dei singoli muscoli, poich esse sono il risultato della sovrapposizione della forza prodotta da parecchi muscoli in possesso di differenti strutture. A
dispetto di ci, la curva forza velocit registrata in movimenti atletici pu essere considerata

come iperbolica. Tale approssimazione non assolutamente accurata, ma l'accuratezza accettabile per i problemi pratici di allenamento sportivo. Il rapporto a/Pmm varia da 0.10 a 0.60.
Atleti di sport di potenza hanno generalmente un rapporto maggiore di 0.30, mentre atleti di
durata e principianti hanno questo rapporto pi basso.
L'effetto dell'esercizio di forza dipende dalla velocit del movimento. Se gli esercizi sono effettuati nella fascia "forza elevata, bassa velocit" della curva forza-velocit, la forza massima
Fm cresce principalmente nella fascia allenata. D'altro canto, se nell'allenamento viene impiegata la fascia "forza bassa, velocit elevata", la prestazione viene incrementata principalmente in questa area ( fig. 2 ).
Queste scoperte servono come base per la raccomandazione a sviluppare la forza con una
velocit che sia prossima a quella del gesto atletico.
Ci particolarmente vero per movimenti relativamente lenti, quali quelli impiegati in allenamenti a secco per sport acquatici, sport di resistenza, ecc. Comunque, se un esercizio effettuato nella fascia di "forza bassa, elevata velocit", il tempo utilizzabile per il movimento potrebbe essere troppo breve per sviluppare la massima forza Fmm. La situazione descritta sopra
si ha o con l'allenamento Fmm, o con lo sviluppo della velocit di produzione della forza (vedi il
capitolo "tempi di sviluppo della forza"). La soluzione pratica basata sulle raccomandazioni che seguono:
Sollevare i pesi con la massima velocit possibile.
Per l'allenamento di Fmm non diminuire troppo la resistenza.
Per allenamento di forza dinamica si scelga la resistenza appropriata al fine di produrre la
velocit di movimento nella stessa fascia di velocit del gesto di gara.

e - Relazione forza - posizione


Esistono delle relazioni tra posizione del corpo (cio angoli articolari) e la massima forza che
pu essere sviluppata con quella determinata posizione (chiamata curva di forza dell'uomo).
La massima forza muscolare varia su tutta l'ampiezza di movimenti dell'articolazione. Quest'effetto determinato dall'azione reciproca dei cambiamenti del braccio di leva muscolare e
della forza muscolare prodotta.
Nell'attuale metodo di allenamento della forza sono usati tre diversi approcci nel considerare
la relazione "forza-angolo" ( la quarta "soluzione" di non considerarla del tutto ). Essi sono:

1 - Principio del picco di contrazione; 2 - Adattamento della resistenza; 3 - Accentuazione.

1 - Principio del picco di contrazione. Esso , storicamente l'approccio pi vecchio. L'idea di


focalizzare il lavoro dell'incremento della forza muscolare principalmente sul punto pi debole della "curva di forza dell'uomo". Il principio del picco di contrazione viene realizzato se,
nel peggiore dei casi, la resistenza esterna ( momento di forza di gravit ) massima nel punto
in cui la forza muscolare minima. In pratica, il principio del picco di contrazione si ottiene in
uno dei seguenti tre modi:
Selezionando un'appropriata posizione del corpo;
Facendo uso di mezzi speciali di allenamento;
Iniziando lentamente il movimento negli esercizi di forza.
2 - Adattamento della resistenza. L'idea di base di sviluppare una massima tensione lungo
tutto l'arco di movimento (range), piuttosto che a un determinato punto (cio il pi debole).
Ci pu essere raggiunto in due modi:
Offrendo resistenze elevate senza un "feedback" meccanico. In questo caso, la velocit di
movimento costante, indipendentemente da quanta forza viene sviluppata. Questo principio si ha con le apparecchiature isocinetiche.
L'allenamento isocinetico, molto popolare in fisioterapia, usato raramente da atleti di alto
livello. Oltre all'alto costo della strumentazione, che potrebbe essere proibitivo, esso ha un
difetto in pi. La velocit angolare tipicamente inferiore ai 300 gradi/sec (in un gesto atletico
essa pu essere superiore ai 5000 gradi/sec). La maggior parte delle apparecchiature d'allenamento atta a produrre solo movimenti monoarticolari che sono impiegati solo sporadicamente nell'allenamento atletico.
Offrendo una resistenza variabile che viene adattata o alla curva di forza dell'uomo (*), o
alla velocit del movimento (**).

3 - Accentuazione. L'idea fondamentale di allenare la forza proprio nell'ambito del gesto


sportivo fondamentale, nel quale sia massimale la richiesta di produzione di una forza elevata.

f - Direzione del movimento

1 - AZIONE ECCENTRICA DEL MUSCOLO. La forza nella fase di produzione di un movimento, in


condizione di allungamento muscolare imposto (azione eccentrica o pliometrica del muscolo),
pu essere ben superiore alla massima forza isometrica di un atleta (dal 50 al 100%). Questo
essenzialmente vero per atleti qualificati e in movimenti multiarticolari, quali l'estensione della gamba (in persone non allenate, la massima coppia volontaria, prodotta durante l'estensione o flessione eccentrica del ginocchio, indipendente dalla velocit del movimento e rimane a
un livello isometrico). Lo stesso vale per il muscolo isolato: la forza eccentrica per un singolo
muscolo pu raggiungere un livello superiore al doppio della forza prodotta a velocit zero
(isometrica).
Poich l'esercizio con azione eccentrica del muscolo necessariamente implica un elevato sviluppo di forza, vi un elevato rischio di trauma; un rischio che l'allenatore dovrebbe conoscere. Anche se la forza eccentrica non massimale, taluni esercizi (cio corsa in discesa) possono
facilmente indurre dolori muscolari ritardati, specialmente in atleti non preparati. La causa
dei dolori muscolari si deve alle fibre muscolari danneggiate. Questo danno spesso considerato un normale precursore dell'adattamento muscolare all'incremento di attivit. Il condizionamento del muscolo riduce il numero di incidenti.

2 -AZIONE MUSCOLARE REVERSIBILE. Molti movimenti consistono di fasi eccentriche (stiramento) e concentriche (accorciamento). Questo ciclo di stiramento-accorciamento un elemento di
molti gesti tecnici sportivi ed conosciuto come azione reversibile del muscolo.
Se il muscolo si accorcia immediatamente dopo uno stiramento:
a - incrementa la forza e la potenza prodotta, e
b - la spesa energetica diminuisce.
Cos, i muscoli possono produrre una maggiore forza e potenza muscolare utilizzando meno
energia muscolare. Il prestiramento del muscolo attivo in generale usato per aumentare la
forza prodotta (potenza, velocit) nel movimento sportivo. La torsione nei lanci serve ad
esempio.
L'incremento forza, esercitata nella fase di accorciamento del ciclo di stiramentoaccorciamento, dipende da diversi fattori. Al picco del ciclo, vale a dire nel momento di transizione dall'allungamento all'accorciamento, la forza sviluppata in condizioni isometriche,
cos evitata l'influenza dell'alta velocit, e viene esercitata Fmm piuttosto che Fm. Dal momento che la forza comincia a crescere nella fase eccentrica, il tempo per lo sviluppo della forza
maggiore; i salti in contromovimento (non il drop jump) sono l'evidenza di tale situazione.

A parte il meccanismo sopra menzionato, potrebbero essere citati due gruppi di fattori che
influenzano la produzione dei movimenti con azione reversibile dei muscoli: elasticit periferica di muscoli e tendini e azione riflessa centrale (neuronale).
Se vengono stirati un tendine o un muscolo attivo, viene immagazzinata energia elastica in
queste strutture biologiche. Tale energia di deformazione riutilizzata per accrescere la produzione motoria nella fase concentrica del ciclo stiramento-accorciamento. In accordo con i
principi fisici, l'ampiezza dell'energia accumulata proporzionale alla forza applicata e alla
deformazione indotta. Poich il muscolo e il tendine sono disposti in serie, essi sono ambedue
soggetti alla stessa forza, e la distribuzione tra loro dell'energia accumulata , in questi casi,
solo una funzione della loro deformazione. La deformazione, in definitiva, una funzione della rigidit muscolare o tendinea (o del loro valore inverso - cedevolezza).
La rigidit di un tendine costante, mentre la rigidit di un muscolo variabile e dipende
dalla forza esercitata. Il muscolo passivo cedevole: esso pu essere facilmente allungato. Il
muscolo attivo rigido: deve essere applicata una grande forza per stirarlo. Maggiore la
tensione muscolare, maggiore la sua rigidezza. Gli atleti di qualit superiore possono sviluppare forze elevate. La rigidit dei loro muscoli, mentre sono attivi, supera la rigidit dei tendini. Questo perch l'energia elastica negli atleti d'elite, per esempio durante gli stacchi, viene
accumulata principalmente nei tendini piuttosto che nei muscoli. L'elasticit tendinea e l'abilit specifica ad usare questa elasticit nei movimenti sportivi (stacchi, lanci, ecc.) importante
per atleti d'elite.
Consideriamo i meccanismi neuronici che governano l'azione reversibile dell'azione del muscolo durante l'atterraggio nel drop jump.
Dopo l'appoggio del piede, c' un rapido cambiamento sia nella lunghezza dei muscoli attivi,
sia nella forza che essi sviluppano. I muscoli sono stirati forzatamente e, allo stesso tempo, c'
un brusco aumento nella tensione muscolare. Questi cambiamenti sono controllati e parzialmente controbilanciati dall'azione combinata di due riflessi motori: riflesso miotattico (o di
stiramento) e riflesso tendineo di Golgi.
Questi riflessi costituiscono il sistema di feedback che opera come segue:
a - a tenere il muscolo vicino a una lunghezza prefissata ( riflesso miotattico; feedback di lunghezza );
b - a prevenire una tensione muscolare insolitamente elevata e potenzialmente pericolosa (riflesso tendineo di Golgi; feedback di forza).

La scarica efferente al muscolo durante la fase di stiramento del ciclo stiramentoallungamento, modificata da un effetto di sovrapposizione dei due riflessi sopra menzionati:
positivo (eccitatorio) dal riflesso miotattico e negativo (inibitorio) dal riflesso tendineo di Golgi. Durante l'atterraggio, uno stiramento applicato ad un estensore della gamba produce (via
riflesso miotattico) una contrazione in quel muscolo; simultaneamente, unelevata tensione
muscolare provoca un riflesso tendineo di Golgi nello stesso muscolo, inibendo cos la sua attivit.
Se gli atleti, sebbene forti, non sono abituati a questo esercizio, l'attivit dei muscoli estensori
durante lo stacco inibita dal riflesso tendineo di Golgi. A causa di ci, persino i sollevatori di
pesi di classe mondiale non possano competere con i saltatori di triplo nel drop jump. Quale
risultato di uno specifico allenamento, il riflesso tendineo di Golgi viene inibito, e l'atleta sopporta forze di atterraggio molto elevate senza un calo della forza muscolare esercitata. L'altezza di caduta poi pu essere incrementata.
Per i principianti, la prestazione negli esercizi con azione reversibile pu essere incrementata
come risultato di altri esercizi quali sollevamento di pesi elevati. In atleti qualificati, questa
abilit molto specifica. Le prestazioni nel drop jump, ad esempio, non vengono migliorate in
seguito ai soliti esercizi di forza, seppure con pesi elevati. La massima forza muscolare (Fmm) e
la forza prodotta nell'azione muscolare della veloce azione reversibile del muscolo (Fm) non
sono correlate negli atleti di valore. Esse dovrebbero essere trattate e allenate come abilit
motorie separate.